Funded by the Progress Programme of the European Union TOOLKIT FOR THE PROMOTION OF GENDER BALANCE ON COMPANY BOARDS

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Funded by the Progress Programme of the European Union TOOLKIT FOR THE PROMOTION OF GENDER BALANCE ON COMPANY BOARDS"

Transcript

1 Funded by the Progress Programme of the European Union TOOLKIT FOR THE PROMOTION OF GENDER BALANCE ON COMPANY BOARDS

2 IL PROGETTO "WOMEN MEAN BUSINESS AND ECONOMIC GROWTH - PROMOTING GENDER BALANCE ON COMPANY BOARDS", CO-FINANZIATO DALLA COMMISSIONE EUROPEA NELL AMBITO DEL PROGRAMMA PROGRESS E COORDINATO DAL DIPARTIMENTO PER LE PARI OPPORTUNITÀ DELLA PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI IN COLLABORAZIONE CON IL CENTRO DI RICERCA SULLE DINAMICHE SOCIALI DONDENA DELL UNIVERSITÀ BOCCONI, HA LO SCOPO DI PROMUOVERE LA PRESENZA EQUILIBRATA DELLE DONNE E DEGLI UOMINI NEI PROCESSI DECISIONALI ECONOMICI. CONTESTO Global Gender Gap Index, 2014 La sottorappresentazione delle donne nei processi decisionali economici è un fenomeno diffuso in tutta Europa, ma l Italia figura tra i Paesi con situazioni maggiormente critiche, registrando ampi divari di genere nell occupazione, nei salari e nell ambito delle carriere professionali. Secondo il Global Gender Gap ITALIA Indice globale Partecipazione economica e opportunità Parità nell istruzione Classifica Index, stilato dal World Economic Forum, nel 2014 l Italia Salute e durata della vita 70 è al 69esimo posto su 142 paesi, e al 114esimo posto per opportunità economiche. Potere politico 37 Per quanto riguarda il tasso di occupazione femminile, l Italia presenta un livello tra i più bassi in Europa Fonte: World Economic Forum (seguita solo da Grecia e Malta), con una percentuale inferiore al 50% e pari al 30% nel Sud. Il "soffitto di cristallo - l insieme di ostacoli che impediscono alle donne di raggiungere posizioni di top management - rappresenta un problema rilevante in tutti i paesi europei, ma in alcuni di questi è particolarmente difficile da superare. In questo contesto, l'italia sta vivendo una rivoluzione importante nella leadership femminile. Una legge di recente approvazione ha incrementato la presenza delle donne nei consigli di amministrazione e nei Collegi sindacali sia delle società pubbliche che di quelle quotate. La legge 120/2011 (cosiddetta legge Golfo-Mosca) stabilisce l'obbligo per le società quotate e per quelle a controllo pubblico di nominare i componenti dei propri CdA e Collegi sindacali in modo che sia garantita la presenza di almeno il 20% del genere meno rappresentato al primo rinnovo e di almeno il 33% entro il In caso di mancato rispetto delle disposizioni normative è previsto un meccanismo progressivo di richiamo e multe che può culminare nello scioglimento dell organo.

3 In Italia, prima dell introduzione della legge sulle quote di genere, la percentuale di donne nei CdA delle società quotate era pari soltanto al 6%. Grazie alla legge, invece, l Italia è oggi tra i paesi che stanno registrando un maggiore incremento, ed ha raggiunto a giugno 2015, la soglia del 27,4%. Il soffitto di cristallo è presente in maniera evidente anche osservando la percentuale di manager donne e considerando i diversi settori (mondo accademico, per esempio). PREMESSA Le aziende hanno un ruolo importante nel promuovere l'empowerment delle donne. Le best practices per la promozione della leadership femminile includono programmi di formazione e tutoraggio, networking, consulenza, ricerca, e sono strettamente inter-connessi con misure volte a sostenere l'equilibrio vita-lavoro, come i servizi di time-saving, asili aziendali, modalità di lavoro flessibili, e i benefits di maternità. Tutte le misure promosse dalle imprese, insieme agli strumenti politici introdotti dai governi, sono importanti perché la parità di genere e l'empowerment femminile hanno dimostrato di essere fattore di sviluppo per le attività economiche: le donne rappresentano un valore positivo fondamentale per l'economia e contribuiscono in modo sostanziale al business e alla crescita economica (si veda anche il concetto di womenomics) La relazione tra presenza femminile e performance delle imprese rappresenta un tema cruciale nel dibattito sugli effetti della quote di genere. Le evidenze relative a questa relazione non sono univoche; esse non supportano l ipotesi che le quote di genere siano un fattore determinante per il rendimento aziendale, né forniscono elementi contro la loro introduzione. Studi sulla Norvegia, paese pioniere nell'introduzione delle quote di genere (nel 2003 ha stabilito al 40% il minimo di presenza femminile negli organi di governance delle società quotate in borsa), rivelano che la legge è stata efficace per aumentare il numero delle donne nei CdA. Tuttavia, gli effetti delle quote sulla riduzione dei divari di genere (soprattutto sul mercato del lavoro) e sulle prestazioni dell'azienda non sono chiari. In questo scenario, l Italia, paese con una persistente condizione di forte disparità economica tra uomini e donne, con l introduzione della legge bipartisan 120/2011 sulle quote di genere, risalente ad ormai tre anni fa, costituisce un caso di studio particolarmente interessante. Il ricco patrimonio informativo a disposizione potrà contribuire tra l altro a confrontare gli effetti delle quote con i diversi outcomes aziendali ed economici, fornendo elementi che potranno supportare i decisori politici nella progettazione di politiche che favoriscano il raggiungimento degli obiettivi desiderati. La nuova legge sulle quote di genere ha le potenzialità di rendere l Italia un esempio da seguire per il resto dell Europa. I RISULTATI DEL PROGETTO Donne nei CdA delle società quotate italiane, Fonte: Eurostat e Consob LE DONNE NEI PROCESSI DECISIONALI ECONOMICI: RICOMPORRE LO SCENARIO. Il primo Work Package del progetto include i seguenti risultati: Un documento di ricerca che presenta una panoramica della presenza delle donne nelle professioni, nelle carriere e nelle posizioni di vertice nel mondo del business in Italia, nonché un confronto con gli altri paesi europei. Un documento di discussione che presenta le migliori pratiche a livello nazionale ed europeo, sviluppate dalle grandi aziende per promuovere la leadership femminile, comprese le politiche e i piani per la parità, la promozione di "modelli", coaching, networking e mentoring. Un documento di ricerca contenente l analisi della rassegna, che delinea il ruolo positivo dell occupazione femminile e della leadership per la crescita economica e lo sviluppo (womenomics), gli effetti benefici della gestione della diversità per l'organizzazione, e i risultati all'interno di aziende e istituzioni ,9 6,3 6,8 7,4 11,6 17,8 22,

4 DATABASE DI DONNE NEI CDA E ANALISI DEI LORO PROFILI. È stata costruita una banca dati delle donne presenti negli organi di amministrazione e controllo che contiene le principali informazioni socio-demografiche sui membri dei consigli di amministrazione e dei collegi sindacali, sia uomini che donne, delle 241 società quotate in borsa. In particolare, al 30 giugno, 2014 sono stati individuati 3 gruppi di società: i) quelle in cui l'ultimo rinnovo dei board si è verificato dopo agosto 2012, ossia dopo l entrata in vigore della legge sulle quote (post-riforma); (ii) quelle in cui l'ultimo rinnovo dei board si è verificato tra luglio 2011 e luglio 2012, ovvero quando la legge sulle quote è stata approvata, ma non ancora applicata (in corso) e (iii) quelle in cui l'ultimo rinnovo dei board si è verificato prima di luglio 2011, ovvero quando la legge sulle quote non è stata né approvata né attuata (pre-riforma). Le donne sono sempre più rappresentate nei board, in particolare nei cda, la percentuale di donne è passata dal 12,6% (gruppo i) al 15% (gruppo ii) al 24,9% (gruppo iii), e un aumento analogo è stato osservato anche per i collegi sindacali. Inoltre, dal confronto tra i 3 gruppi di società sono emersi i seguenti risultati, associati alla presenze di quote: Maggiore presenza di donne più giovani e maggiore presenza di presidenti donne, ma non di CEO Un aumento di membri più istruiti, soprattutto perché le società che hanno rinnovato i loro boards con la legge sulle quote hanno più membri uomini con un istruzione post-secondaria Con le quote diminuiscono i membri appartenenti a più boards e diminuisce il numero di membri di sesso femminile legati da una relazione di parentela Questi risultati suggeriscono che le quote non sono state associate con una diminuzione della qualità dei rappresentanti (una preoccupazione comune per l'introduzione delle quote), piuttosto testimoniano che è accaduto il contrario. ANALISI DEI PROCESSI DI SELEZIONE. È stato realizzato uno studio innovativo sui processi di selezione e il loro ruolo nel promuovere la leadership femminile, che include uno studio teorico sulla base della letteratura sull economia di genere e la discriminazione statistica, nonché un'analisi sperimentale sulle modalità con cui i curricula delle donne sono selezionati dalle commissioni con differenti composizioni di genere dei loro membri. Il meccanismo è incentrato sul ruolo della segnalazione, vale a dire come le caratteristiche degli individui vengono trasmessi e catturati dai valutatori, e sull'esistenza di differenze di genere nella segnalazione. I risultati dell analisi realizzata rilevano che, in media, le donne non sono svantaggiate rispetto agli uomini nella probabilità di essere assunte in quanto tali. Tuttavia, i selezionatori danno importanza diversa alle caratteristiche fornite dai candidati nei loro CV per uomini e donne, sulla base dell esperienza di lavoro, la posizione attuale e per altri motivi, con uno svantaggio sistematico per le donne. Inoltre, i risultati dello studio mostrano che le donne tendono a essere svantaggiate anche in termini di retribuzione offerta. Questi effetti sono più forti se il valutatore è un maschio. In tale contesto, il modello mostra che l'introduzione delle quote di genere può costituire una politica efficace. In realtà, le quote possono migliorare la decisione delle donne di investire nello sforzo legato alla propria carriera, aumentare la produttività e migliorare la precisione della segnalazione che inviano in relazione alle proprie caratteristiche alla commissione di selezione. ANALISI DELL IMPATTO DELLA LEGGE ITALIANA SULLE QUOTE DI GENERE NEI CDA E COLLEGI SINDACALI DELLE SOCIETÀ QUOTATE E CONTROLLATE PUBBLICHE. A livello empirico è stato indagato se il caso italiano delle quote di genere è in grado di fornire ulteriori e nuove tendenze sulla relazione tra l'empowerment delle donne e la performance delle imprese. Osservando la differenza tra i risultati, in presenza di quote e in loro assenza, siamo in grado di identificare gli effetti causali della presenza di donne sulla performance. I risultati mostrano che tutti gli esiti considerati non sono significativamente influenzati dalla proporzione delle donne nei consigli, con una sola eccezione: la legge che impone una maggiore percentuale di donne nei consigli in media ha diminuito i debiti a breve termine. Questo generalmente significa un aumento del reddito e un miglioramento del bilancio, o un aumento della capacità della società di essere pagata dai propri clienti, vale a dire un potenziale miglioramento delle performance aziendali.

5 Proporzione di donne e outocomes d impresa. Coefficienti di regressione 0,8 0,7 0,6 0,5 0,4 0,3 0,2 0,1 0,0 Debiti a breve termine Pre-riforma Post-riforma causalità (***) Post-riforma causalità (n.s.) Post-riforma correlazione (***) Post-riforma correlazione (n.s.) Fonte: Università Bocconi NETWORKING, DISSEMINAZIONE E COMUNICAZIONE PUBBLICA. Il Dipartimento per le Pari Opportunità ha dato particolare priorità alla strategia di comunicazione, all attività di networking e di disseminazione dei risultati, a livello sia nazionale sia europeo. L obiettivo è stato quello di attuare attraverso un costante processo di sensibilizzazione sul tema un mutamento principalmente culturale che possa condurre ad un cambiamento duraturo e effettivo all interno delle postazioni decisionali economiche anche dopo la fine del periodo di durata della legge sulle quote di genere. In particolare, nell ambito del progetto sono state incluse una serie di attività volte alla comunicazione dei risultati ottenuti, alla raccolta di suggerimenti da vari stakeholders e ad agevolare le attività di intermediazione e conoscenze attraverso la rete. I principali mezzi utilizzati sono i seguenti: Sito web Social Networks (Twitter e Facebook) Conferenze (il 28 ottobre 2013 Project kick-off Meeting per il lancio del progetto, il 9 luglio 2014 la Conferenza europea Promoting gender balance in decision making e il 23 Ottobre 2015, l evento di chiusura per la presentazione dei risultati del progetto) Campagne pubbliche Documenti e Report

6 Questo documento è stato pubblicato nell'ambito del Programma PROGRESS dell'unione europea a sostegno alle azioni nazionali per la parità tra uomini e donne, in particolare, nei processi decisionali economici - No. JUST/2012/PROG/AG/4115/GE. Il contenuto della pubblicazione è di esclusiva competenza del Dipartimento per le Pari Opportunità e dell'università Bocconi, e in nessun modo riflette le opinioni della Commissione Women Mean Business Project

Quale governance nei CDA? Il ruolo della Gender Diversity. Il contesto: Facts and Figures

Quale governance nei CDA? Il ruolo della Gender Diversity. Il contesto: Facts and Figures Quale governance nei CDA? Il ruolo della Gender Diversity Il contesto: Facts and Figures Paola Profeta Università Bocconi 8 Marzo 2016 I differenziali di genere Le donne sono sotto rappresentate nelle

Dettagli

Women Mean Business and Economic Growth Promoting Gender Balance on Company Boards

Women Mean Business and Economic Growth Promoting Gender Balance on Company Boards europeo Women Mean Business and Economic Growth Promoting Gender Balance on Company Boards Cons. Monica Parrella Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per le Pari Opportunità Dirigente generale

Dettagli

Il principio di democrazia partecipativa nella società per azioni: modello italiano e dimensione comunitaria

Il principio di democrazia partecipativa nella società per azioni: modello italiano e dimensione comunitaria Roma, 16 Dicembre 2014 CONVEGNO Democrazia partecipativa, equilibrio di genere e composizione degli interessi (nella società per azioni) Il principio di democrazia partecipativa nella società per azioni:

Dettagli

La legge n. 120 del 2011: le quote di genere nei consigli di amministrazione delle società

La legge n. 120 del 2011: le quote di genere nei consigli di amministrazione delle società La legge n. 120 del 2011: le quote di genere nei consigli di amministrazione delle società Sull esempio di molti altri Paesi europei, anche in Italia è stata recentemente introdotta una normativa in materia

Dettagli

La disciplina sull equilibrio di genere a due anni dall introduzione: numeri, bilanci e prospettive

La disciplina sull equilibrio di genere a due anni dall introduzione: numeri, bilanci e prospettive Convegno di apertura del Corso Avanzato di Alta Formazione Corporate governance e parità di genere. Prima applicazione e prospettive 11 GIUGNO 2014 ROMA La disciplina sull equilibrio di genere a due anni

Dettagli

Presenza e ruolo delle donne nelle società quotate Italiane. Ostacoli, Iniziative, Riflessioni

Presenza e ruolo delle donne nelle società quotate Italiane. Ostacoli, Iniziative, Riflessioni Presenza e ruolo delle donne nelle società quotate Italiane Ostacoli, Iniziative, Riflessioni Livia Aliberti Amidani livia.aliberti@alibertiga.com Settembre 2010 Obiettivi del documento Contribuire al

Dettagli

Professionista e donna: Il modello Torino

Professionista e donna: Il modello Torino Professionista e donna: Il modello Torino a cura di Dott.ssa Stefania Telesca per il Comitato Pari Opportunità dell ODCEC di Torino Biella, 18 marzo 2013 Comitato Pari Opportunità Gruppo di Lavoro L. 120/2011

Dettagli

CdA in Italia: presenza femminile nelle società pubbliche. Le potenzialità di una valutazione in chiave di genere della Legge 120/2011

CdA in Italia: presenza femminile nelle società pubbliche. Le potenzialità di una valutazione in chiave di genere della Legge 120/2011 LA PRESENZA DELLE DONNE NEI CDA Misurazioni Qualiquantitative 26 marzo 2015 Torino Consiglio Regionale del Piemonte CdA in Italia: presenza femminile nelle società pubbliche. Le potenzialità di una valutazione

Dettagli

Paola Profeta Università Bocconi 28 October 2013

Paola Profeta Università Bocconi 28 October 2013 Paola Profeta Università Bocconi 28 October 2013 Il contesto Le donne sono sotto-rappresentate nei processi decisionali in Europa. In Italia il fenomeno è particolarmente accentuato Nonostante ciò, l Italia

Dettagli

Lunedì 19 Aprile 2010 ore Camera dei Deputati, Sala della Mercede Via della Mercede 55, Roma

Lunedì 19 Aprile 2010 ore Camera dei Deputati, Sala della Mercede Via della Mercede 55, Roma Corrente Rosa organizza un dibattito sul tema: Donne al vertice: proposte di legge per favorire la presenza delle donne nei Consigli di Amministrazione Lunedì 19 Aprile 2010 ore 18.00 Camera dei Deputati,

Dettagli

Convegno 10 maggio 2012 Legge Golfo Mosca una rivoluzione per l equilibrio di genere. L Europa si auspica : piu quote rosa e l Italia?

Convegno 10 maggio 2012 Legge Golfo Mosca una rivoluzione per l equilibrio di genere. L Europa si auspica : piu quote rosa e l Italia? Convegno 10 maggio 2012 Legge Golfo Mosca una rivoluzione per l equilibrio di genere L Europa si auspica : piu quote rosa e l Italia? Filippo Annunziata Unione Commercianti Corso Venezia 47/49 - Milano

Dettagli

Donne e lavoro: una marcia in più per l economia italiana

Donne e lavoro: una marcia in più per l economia italiana Conferenza stampa Donne e lavoro: una marcia in più per l economia italiana Roma, 5 febbraio 2008 Gli obiettivi di Lisbona e il ritardo italiano Secondo la strategia di Lisbona, una maggiore e migliore

Dettagli

COMUNE DI CASOREZZO PIANO DI AZIONI POSITIVE DEL COMUNE DI CASOREZZO TRIENNIO

COMUNE DI CASOREZZO PIANO DI AZIONI POSITIVE DEL COMUNE DI CASOREZZO TRIENNIO COMUNE DI CASOREZZO Provincia di Milano PIANO DI AZIONI POSITIVE DEL COMUNE DI CASOREZZO TRIENNIO 2015 2017 Approvato con deliberazione G.C. n. 36 del 12/03/2015 PIANO DI AZIONI POSITIVE TRIENNIO 2015-2017

Dettagli

MANIFESTO. il per l occupazione femminile

MANIFESTO. il per l occupazione femminile MANIFESTO il per l occupazione femminile COME NASCE L IDEA DEL MANIFESTO Valore D è la prima associazione italiana di imprese che promuove la diversità, il talento e la leadership femminile. Ad oggi l

Dettagli

Il voto alle donne: fattori e implicazioni Un analisi economica di lungo periodo Graziella Bertocchi Dipartimento di Economia Marco Biagi e RECent

Il voto alle donne: fattori e implicazioni Un analisi economica di lungo periodo Graziella Bertocchi Dipartimento di Economia Marco Biagi e RECent Il voto alle donne: fattori e implicazioni Un analisi economica di lungo periodo Graziella Bertocchi Dipartimento di Economia Marco Biagi e RECent Il 2 Giugno 1946: 70 Anniversario della nascita della

Dettagli

La presenza delle donne nelle società controllate dalle Pubbliche Amministrazioni

La presenza delle donne nelle società controllate dalle Pubbliche Amministrazioni La presenza delle donne nelle società controllate dalle Pubbliche Amministrazioni Dati elaborati da Maggio 2014 Sintesi dei risultati Dal 12 Febbraio del 2013 è entrata in vigore per le società controllate

Dettagli

L aumento dei differenziali salariali di genere in Italia durante la crisi economica

L aumento dei differenziali salariali di genere in Italia durante la crisi economica L aumento dei differenziali salariali di genere in Italia durante la crisi economica 2008-2012 Maria Laura Di Tommaso Daniela Piazzalunga Dipartimento di Economia e Statistica Cognetti de Martiis Collegio

Dettagli

I RISULTATI DEL MCKINSEY GLOBAL INSTIUTE. Avv. Alessandra Rovescalli

I RISULTATI DEL MCKINSEY GLOBAL INSTIUTE. Avv. Alessandra Rovescalli I RISULTATI DEL MCKINSEY GLOBAL INSTIUTE Avv. Alessandra Rovescalli COME È STATA CONDOTTA LA RICERCA? Il report con i risultati è stato pubblicato nel mese di settembre 2015 e sicuramente questa ricerca

Dettagli

CODICE DELLE PARI OPPORTUNITÀ TRA UOMO E DONNA

CODICE DELLE PARI OPPORTUNITÀ TRA UOMO E DONNA Città di Ozieri Provincia di Sassari PIANO AZIONI POSITIVE TRIENNIO 2013-2015 Ex art. 48 D.Lgs. n. 198/2006 CODICE DELLE PARI OPPORTUNITÀ TRA UOMO E DONNA Allegato alla deliberazione della Giunta Comunale

Dettagli

Donne, Politica e istituzioni. Laura Leonardi

Donne, Politica e istituzioni. Laura Leonardi Donne, Politica e istituzioni Alcune questioni fondamentali Il ruolo attivo delle donne nello sviluppo (Amartya Sen) Perché è importante il lavoro per le donne (e anche per tutti gli altri?) Perché il

Dettagli

Mara Gualandi APRE Punto di Contatto Nazionale Scienza nella Società

Mara Gualandi APRE Punto di Contatto Nazionale Scienza nella Società Mara Gualandi APRE Punto di Contatto Nazionale Scienza nella Società Disuguaglianza di genere nel settore R&D dell UE scarsa presenza di donne in posizione manageriali nei settori scientifici, poche opportunità

Dettagli

un osservatorio sulle carriere scientifiche da «donne e scienza» a «donne, formazione, lavoro, discriminazioni» maria luigia paciello

un osservatorio sulle carriere scientifiche da «donne e scienza» a «donne, formazione, lavoro, discriminazioni» maria luigia paciello un osservatorio sulle carriere scientifiche da «donne e scienza» a «donne, formazione, lavoro, discriminazioni» maria luigia paciello istituto nazionale di fisica nucleare sezione di Roma 1 un osservatorio

Dettagli

COMUNE DI CALTANISSETTA

COMUNE DI CALTANISSETTA ALL. A COMUNE DI CALTANISSETTA PIANO TRIENNALE DELLE AZIONI POSITIVE TRIENNIO 2016/2018 Descrizione introduttiva Premesso che il D. Lgs. 11/04/2006 n. 198 e s.m.i., recante Codice delle pari opportunità

Dettagli

Le donne nella crisi - Roma 21 giugno 2012

Le donne nella crisi - Roma 21 giugno 2012 IL MERCATO DEL LAVORO FEMMINILE IN ITALIA Linda Laura Sabbadini Capo Dipartimento per le statistiche sociali ed ambientali ISTAT Le donne nella crisi - Roma 21 giugno 2012 Dalla metà degli anni 90 al 2008

Dettagli

Economia del Lavoro 2010

Economia del Lavoro 2010 Economia del Lavoro 2010 Capitolo 6-1 Il capitale umano - Introduzione -L istruzione nel mercato del lavoro: alcuni fatti stilizzati 1 Introduzione Ognuno di noi porta nel mercato del lavoro abilità innate

Dettagli

Lineamenti di Corporate Governance

Lineamenti di Corporate Governance UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO Dipartimento di Scienze aziendali, economiche e metodi quantitativi Audit & Governance cod. 87101 16 aprile 2014 Lineamenti di Corporate Governance l Prof. Daniele Gervasio

Dettagli

Piano di Eguaglianza di Genere (GEP) PLOTINA (Horizon 2020 GA: ) Coordinatricescientifica: Tullia Gallina Toschi, Università di Bologna

Piano di Eguaglianza di Genere (GEP) PLOTINA (Horizon 2020 GA: ) Coordinatricescientifica: Tullia Gallina Toschi, Università di Bologna Piano di Eguaglianza di Genere (GEP) PLOTINA (Horizon 2020 GA: 666008) Coordinatricescientifica: Tullia Gallina Toschi, Università di Bologna Plotina has Plotina received has funding received from the

Dettagli

Donne ai vertici delle società europee: quali gli impatti sulla performance aziendale e oltre? Federica Origo Università degli studi di Bergamo

Donne ai vertici delle società europee: quali gli impatti sulla performance aziendale e oltre? Federica Origo Università degli studi di Bergamo Donne ai vertici delle società europee: quali gli impatti sulla performance aziendale e oltre? Federica Origo Università degli studi di Bergamo Outline Qualche ragionamento sul legame tra quote rosa e

Dettagli

BANCA D ITALIA. Le donne e l economia italiana

BANCA D ITALIA. Le donne e l economia italiana BANCA D ITALIA E U R O S I S T E M A Le donne e l economia italiana Magda Bianco, Francesca Lotti, Roberta Zizza Roma, 7 marzo 2012 Alcune parole per dare una chiave di lettura del percorso che verrà seguito

Dettagli

COMUNE DI SELARGIUS Provincia di Cagliari

COMUNE DI SELARGIUS Provincia di Cagliari ALLEGATO A ALLA Deliberazione di G.C. n. del COMUNE DI SELARGIUS Provincia di Cagliari Area 4 RISORSE UMANE - DEMOGRAFICI/ELETTORALE/STATISTICI Servizio Amministrazione Personale PIANO TRIENNALE DI AZIONI

Dettagli

SINTESI DELLA RICERCA VALORE D McKINSEY&COMPANY Donne ai vertici: un acceleratore della performance aziendale

SINTESI DELLA RICERCA VALORE D McKINSEY&COMPANY Donne ai vertici: un acceleratore della performance aziendale SINTESI DELLA RICERCA VALORE D McKINSEY&COMPANY Donne ai vertici: un acceleratore della performance aziendale L Italia soffre di una profonda arretratezza sotto il profilo della rappresentanza femminile,

Dettagli

COMUNE DI SALERNO PIANO DI AZIONI POSITIVE ( 2015/2018 )

COMUNE DI SALERNO PIANO DI AZIONI POSITIVE ( 2015/2018 ) COMUNE DI SALERNO PIANO DI AZIONI POSITIVE ( 2015/2018 ) È vietata qualsiasi forma di discriminazione fondata, in particolare, sul sesso, la razza, il colore della pelle o l'origine etnica o sociale, le

Dettagli

Carta di Ottawa per la promozione della salute

Carta di Ottawa per la promozione della salute Carta di Ottawa per la promozione della salute 1 Conferenza Internazionale sulla Promozione della Salute del 1986 per stimolare l azione l a favore della Salute per Tutti per l anno l 2000 e oltre Promozione

Dettagli

guarantee Situazione dell EPC in Italia e in Europa Numero di contratto: Horizon Durata del progetto: Aprile 2016 Marzo 2019

guarantee Situazione dell EPC in Italia e in Europa Numero di contratto: Horizon Durata del progetto: Aprile 2016 Marzo 2019 Situazione dell EPC in Italia e in Europa guarantee Numero di contratto: Horizon2020 696040 Durata del progetto: Aprile 2016 Marzo 2019 Roma, 18.01.2017 Un indagine condotta in tutta Europa Circa 50 domande,

Dettagli

PIANO DELLE AZIONI POSITIVE (P.A.P.) PER IL TRIENNIO

PIANO DELLE AZIONI POSITIVE (P.A.P.) PER IL TRIENNIO COMUNE DI SUMMONTE Provincia di Avellino PIANO DELLE AZIONI POSITIVE (P.A.P.) PER IL TRIENNIO 2017-2019 ai sensi dell art. 48 del D. Lgs. n. 198/2006 Codice delle pari opportunità tra uomo e donna, a norma

Dettagli

Comunità, ossia un elevato livello di occupazione e una crescita sostenibile e non inflazionistica.

Comunità, ossia un elevato livello di occupazione e una crescita sostenibile e non inflazionistica. Il Trattato di Maastricht attribuisce la responsabilità per la politica monetaria unica alla BCE, affidandole un obiettivo primario, il mantenimento della stabilità dei prezzi. Senza pregiudicare tale

Dettagli

La parità tra uomo e donna è alla base della costruzione dell Unione Europea

La parità tra uomo e donna è alla base della costruzione dell Unione Europea La parità tra uomo e donna è alla base della costruzione dell Unione Europea - Un obiettivo (art. 3 TUE). - Un diritto (art.23 Carta dei Diritti fondamentali). - E al centro della cittadinanza europea.

Dettagli

DIVERSITY FRA LEGISLAZIONE EUROPEA E INTERNA: A CHE PUNTO SIAMO? Giulietta Bergamaschi, partner Lexellent

DIVERSITY FRA LEGISLAZIONE EUROPEA E INTERNA: A CHE PUNTO SIAMO? Giulietta Bergamaschi, partner Lexellent DIVERSITY FRA LEGISLAZIONE EUROPEA E INTERNA: A CHE PUNTO SIAMO? Giulietta Bergamaschi, partner Lexellent SIAMO? L IMPEGNO DI LEXELLENT NEL DIVERSITY MANAGEMENT Convegno annuale sulle pari opportunità

Dettagli

Associazione Bancaria Italiana (ABI) Donne, banche e sviluppo Roma, 26 settembre Intervento di MONICA PARRELLA

Associazione Bancaria Italiana (ABI) Donne, banche e sviluppo Roma, 26 settembre Intervento di MONICA PARRELLA Associazione Bancaria Italiana (ABI) Donne, banche e sviluppo Roma, 26 settembre 2012 Intervento di MONICA PARRELLA SEGRETARIO GENERALE Associazione classi dirigenti della pubblica amministrazione (AGDP)

Dettagli

Risultati del questionario 2013 sull evoluzione dell occupazione femminile nel settore ferroviario in Europa. Traduzione a cura di FILT CGIL

Risultati del questionario 2013 sull evoluzione dell occupazione femminile nel settore ferroviario in Europa. Traduzione a cura di FILT CGIL Risultati del questionario 2013 sull evoluzione dell occupazione femminile nel settore ferroviario in Europa Traduzione a cura di FILT CGIL 1 Contenuti 1. 2. 3. 4. 5. 6. 7. Sintesi dell indagine Contesto

Dettagli

MANIFESTO. il per l occupazione femminile

MANIFESTO. il per l occupazione femminile MANIFESTO il per l occupazione femminile ilmanifesto per l occupazione femminile Come nasce l idea del manifesto Valore D è la prima associazione italiana di imprese che promuove la diversità, il talento

Dettagli

La vision di Fairtrade

La vision di Fairtrade La vision di Fairtrade Un mondo in cui i tutti i piccoli produttori possano godere di condizioni di vita e mezzi di sussistenza stabili e sostenibili, realizzare le proprie potenzialità, decidere del proprio

Dettagli

La Carta di Bangkok per la Promozione della Salute in un mondo globalizzato

La Carta di Bangkok per la Promozione della Salute in un mondo globalizzato La Carta di Bangkok per la Promozione della Salute in un mondo globalizzato Scopo La Carta di Bangkok identifica le azioni, gli affidamenti e gli impegni richiesti per affrontare i determinanti di salute

Dettagli

La vocazione professionale e la carriera accademica. Report della prima fase di ricerca

La vocazione professionale e la carriera accademica. Report della prima fase di ricerca La vocazione professionale e la carriera accademica Report della prima fase di ricerca 1 Obiettivi dell indagine Il focus della nostra ricerca è la vocazione professionale: l esperienza di una passione

Dettagli

IRES INFORMA OTTOBRE 2016 NUMERO UNO In questo secondo numero, successivo a quello di Settembre, Ires Informa vi presenta uno studio di Lorenzo Testa

IRES INFORMA OTTOBRE 2016 NUMERO UNO In questo secondo numero, successivo a quello di Settembre, Ires Informa vi presenta uno studio di Lorenzo Testa IRES INFORMA OTTOBRE 2016 NUMERO UNO In questo secondo numero, successivo a quello di Settembre, Ires Informa vi presenta uno studio di Lorenzo Testa sul mercato del lavoro umbro visto dalla prospettiva

Dettagli

Progetto Pari opportunità: studi e confronti

Progetto Pari opportunità: studi e confronti Progetto Pari opportunità: studi e confronti PROGETTAZIONE E SVILUPPO DI MODULI DIDATTICI SULLE DIFFERENZE DI GENERE Tutti sono eguali dinanzi alla legge e hanno diritto, senza alcuna discriminazione,

Dettagli

12 Il mercato del lavoro dei politici

12 Il mercato del lavoro dei politici INTroDUzIoNE La figura del politico e quella dell elettore sono alla base del concetto di democrazia rappresentativa. Ma chi è il politico? Ed è giusto considerare quella del politico una professione come

Dettagli

DISEGNO DI LEGGE. Senato della Repubblica XVI LEGISLATURA N. 2143

DISEGNO DI LEGGE. Senato della Repubblica XVI LEGISLATURA N. 2143 Senato della Repubblica XVI LEGISLATURA N. 2143 DISEGNO DI LEGGE d iniziativa delle senatrici CARLINO e BUGNANO COMUNICATO ALLA PRESIDENZA IL 29 APRILE 2010 Nuove disposizioni in materia di parità e di

Dettagli

I divari di genere ai vertici delle imprese Determinanti e possibili effetti

I divari di genere ai vertici delle imprese Determinanti e possibili effetti I divari di genere ai vertici delle imprese Determinanti e possibili effetti Silvia Del Prete Banca d Italia* Donne protagoniste della vita economica e politica: dalla conoscenza alla partecipazione Pavia,

Dettagli

MONITORAGGIO E VIGILANZA SULLE QUOTE DI GENERE NELLE SOCIETA PUBBLICHE. PRIMI DATI

MONITORAGGIO E VIGILANZA SULLE QUOTE DI GENERE NELLE SOCIETA PUBBLICHE. PRIMI DATI L equilibrio di genere nelle giunte e nei consigli di amministrazione 29 maggio 2014 ROMA, Senato della Repubblica, Palazzo Giustiniani MONITORAGGIO E VIGILANZA SULLE QUOTE DI GENERE NELLE SOCIETA PUBBLICHE.

Dettagli

DISEGNO DI LEGGE. Senato della Repubblica XVI LEGISLATURA N Misure per il sostegno dell imprenditoria femminile

DISEGNO DI LEGGE. Senato della Repubblica XVI LEGISLATURA N Misure per il sostegno dell imprenditoria femminile Senato della Repubblica XVI LEGISLATURA N. 3101 DISEGNO DI LEGGE d iniziativa della senatrice MARAVENTANO COMUNICATO ALLA PRESIDENZA IL 18 GENNAIO 2012 Misure per il sostegno dell imprenditoria femminile

Dettagli

BENCHMARK LE DIMENSIONI DEL QUESTIONARIO: Cultura e prassi per il diversity. Struttura e composizione della forza lavoro POPOLAZIONE AZIENDALE

BENCHMARK LE DIMENSIONI DEL QUESTIONARIO: Cultura e prassi per il diversity. Struttura e composizione della forza lavoro POPOLAZIONE AZIENDALE BENCHMARK Il benchmark è uno strumento scientifico e validato per ottenere informazioni comparative sulla gestione delle diversità. Il benchmark si basa sulla compilazione del questionario di raccolta

Dettagli

Istruzione e Cultura LEONARDO DA VINCI SI.SI.FO.

Istruzione e Cultura LEONARDO DA VINCI SI.SI.FO. Istruzione e Cultura LEONARDO DA VINCI Programma d azione comunitario in materia di formazione professionale Seconda fase: 2000-2006 SI.SI.FO. PROGRAMMA LEONARDO DA VINCI Il Programma Leonardo da Vinci

Dettagli

Il Capitale Umano. Adam Smith, 1776

Il Capitale Umano. Adam Smith, 1776 Il Capitale Umano L acquisizione di queste capacità mantenendo chi le acquisisce durante la sua educazione, studio o apprendistato, comporta sempre una spesa reale che è un capitale fisso e investito,

Dettagli

COMUNE DI PEDRENGO Provincia di Bergamo

COMUNE DI PEDRENGO Provincia di Bergamo PIANO DELLE AZIONI POSITIVE Triennio 2016-2018 PREMESSA Il presente Piano di Azioni Positive si pone quale strumento semplice ed operativo per l applicazione concreta delle pari opportunità, con riguardo

Dettagli

Crescita economica, produttività e tenore di vita

Crescita economica, produttività e tenore di vita Crescita economica, produttività e tenore di vita Introduzione Negli ultimi due secoli ci sono stati ingenti cambiamenti nel benessere della popolazione i fattori alla base del tenore di vita di una nazione

Dettagli

Approfondimenti sulle politiche di genere: l esperienza italiana

Approfondimenti sulle politiche di genere: l esperienza italiana Pari opportunità e non discriminazione C.so d Italia, 33 00198 Roma Approfondimenti sulle politiche di genere: l esperienza italiana Roma, Isfol 30 gennaio 2014 Elena Murtas e Valeria Viale Normativa nazionale:

Dettagli

STANDARD DI RIFERIMENTO PARTE I:

STANDARD DI RIFERIMENTO PARTE I: GRI CONTENT INDEX Il Bilancio Sociale 2012 è stato redatto secondo le Sustainability Reporting Guidelines versione 3.1, predisposte da Global Reporting Initiatives (GRI). La tabella che segue ha la finalità

Dettagli

Le professioni digitali nelle strutture ICT delle Regioni italiane

Le professioni digitali nelle strutture ICT delle Regioni italiane 04/11/2014 Le professioni digitali nelle strutture ICT delle Regioni italiane Silvia Barbieri Affari regolatori e Relazioni istituzionali Assinter Italia: l Associazione Nata nel 2008, Assinter Italia

Dettagli

Partecipazione femminile al mercato del lavoro in Abruzzo: caratteri e dinamiche

Partecipazione femminile al mercato del lavoro in Abruzzo: caratteri e dinamiche PARTECIPAZIONE FEMMINILE al MERCATO del LAVORO in ABRUZZO Partecipazione femminile al mercato del lavoro in Abruzzo: caratteri e dinamiche Marcella Mulino Francesca Tironi Facoltà di Economia Università

Dettagli

PIANO TRIENNALE delle AZIONI POSITIVE 2013 / 2015

PIANO TRIENNALE delle AZIONI POSITIVE 2013 / 2015 PIANO TRIENNALE delle AZIONI POSITIVE 2013 / 2015 1 Piano triennale di Azioni Positive 2013 / 2015 Premessa Le azioni positive sono misure temporanee speciali che, in deroga al principio di uguaglianza

Dettagli

GAP&CIAK ANNO 1 I DIVARI DI GENERE NEL LAVORO E NELL INDUSTRIA AUDIOVISIVA: LO STATO DELL ARTE

GAP&CIAK ANNO 1 I DIVARI DI GENERE NEL LAVORO E NELL INDUSTRIA AUDIOVISIVA: LO STATO DELL ARTE ANNO 1 GAP&CIAK I DIVARI DI GENERE NEL LAVORO E NELL INDUSTRIA AUDIOVISIVA: LO STATO DELL ARTE 2016 un progetto di: sponsorizzato da: CNR Istituto di Ricerche sulla Popolazione e le Politiche Sociali [EXECUTIVE

Dettagli

PERCHÈ QUESTA BROCHURE

PERCHÈ QUESTA BROCHURE PERCHÈ QUESTA BROCHURE OBIETTIVI DELLA PUBBLICAZIONE: Informare Informare; Formare; Diffondere. Per fornire le informazioni corrette su un fenomeno, che non è solo questione di genere, ma è soprattutto

Dettagli

Progetto di intervento post-valutazione stress lavoro-correlato Gli strumenti della Yale University per il Comune di Scandicci

Progetto di intervento post-valutazione stress lavoro-correlato Gli strumenti della Yale University per il Comune di Scandicci Progetto di intervento post-valutazione stress lavoro-correlato Gli strumenti della Yale University per il Comune di Scandicci In considerazione dei risultati emersi dalla Valutazione del Rischio Stress

Dettagli

tavola Rotonda Governo Italiano Tavola Rotonda con il Governo Italiano tavola Rotonda con iltavola Rotonda con il Governo Italiano

tavola Rotonda Governo Italiano Tavola Rotonda con il Governo Italiano tavola Rotonda con iltavola Rotonda con il Governo Italiano The Executive Network Roma 13 novembre 2013 tavola Rotonda tavola Rotonda con il tavola Rotonda con iltavola Rotonda con il Tavola Rotonda con il Aziende e Governo a confronto - 20 Government e Corporate

Dettagli

I laureati che lavorano. Bologna, 10 marzo 2014 S. Binassi (AlmaLaurea), G. Gasperoni (Univ. di Bologna, AlmaLaurea)

I laureati che lavorano. Bologna, 10 marzo 2014 S. Binassi (AlmaLaurea), G. Gasperoni (Univ. di Bologna, AlmaLaurea) I laureati che lavorano all estero Bologna, 10 marzo 2014 S. Binassi (AlmaLaurea), G. Gasperoni (Univ. di Bologna, AlmaLaurea) Indice Contesto di riferimento Le migrazioni internazionali dei laureati italiani

Dettagli

Ecco il motore del Volontariato: il report delle attività dei CSV 2014 Venerdì 08 Aprile :51

Ecco il motore del Volontariato: il report delle attività dei CSV 2014 Venerdì 08 Aprile :51 Ogni anno CSVnet realizza un rapporto annuale (Report) per dare informazioni complete e strutturate sulla composizione e sulle attività dei Centri di Servizio per il Volontariato (CSV), previsti dalla

Dettagli

AUMENTA IL DIVARIO ECONOMICO E SOCIALE TRA IL NORD E IL SUD. NEL MEZZOGIORNO QUASI 1 PERSONA SU 2 E A RISCHIO POVERTA

AUMENTA IL DIVARIO ECONOMICO E SOCIALE TRA IL NORD E IL SUD. NEL MEZZOGIORNO QUASI 1 PERSONA SU 2 E A RISCHIO POVERTA Ufficio Studi CGIa 24 giugno 2017 AUMENTA IL DIVARIO ECONOMICO E SOCIALE TRA IL NORD E IL SUD. NEL MEZZOGIORNO QUASI 1 PERSONA SU 2 E A RISCHIO POVERTA In questi ultimi anni di crisi, il divario economico

Dettagli

La Consigliera di Parità della Provincia di Piacenza Avv. Rosarita Mannina. I Piani triennali di azioni positive

La Consigliera di Parità della Provincia di Piacenza Avv. Rosarita Mannina. I Piani triennali di azioni positive I Piani triennali di azioni positive Fonti normative: Artt. D.Lgs. n. 165/2001, recante Norme generali sull ordinamento del lavoro alle dipendenze delle Pubbliche Amministrazioni, come modificato da ultimo

Dettagli

Ad Alta Quota- Percorso di leadership al femminile Presentazione dell azione positiva

Ad Alta Quota- Percorso di leadership al femminile Presentazione dell azione positiva Ad Alta Quota- Percorso di leadership al femminile Presentazione dell azione positiva Gorizia, 08 luglio 2016 Perché questo progetto? Fenomeni come il soffitto di cristallo, ovvero la scarsa presenza femminile

Dettagli

VALORIZZARE LE DIFFERENZE COLTIVARE TALENTI FRASCATI, 4 5 DICEMBRE 2014 BENEDETTA MAGRI, ITCILO

VALORIZZARE LE DIFFERENZE COLTIVARE TALENTI FRASCATI, 4 5 DICEMBRE 2014 BENEDETTA MAGRI, ITCILO VALORIZZARE LE DIFFERENZE COLTIVARE TALENTI FRASCATI, 4 5 DICEMBRE 2014 BENEDETTA MAGRI, ITCILO STRUTTURA 1. La disparità di genere. Oggi? 2. Quali le cause? 1. Che fare? 1903, FISICA 1911, CHIMICA 1963,

Dettagli

Servizi HR. Servizi personalizzati per la crescita delle organizzazioni e delle persone che le compongono

Servizi HR. Servizi personalizzati per la crescita delle organizzazioni e delle persone che le compongono Servizi personalizzati per la crescita delle organizzazioni e delle persone che le compongono Soluzioni concrete per lo sviluppo delle imprese. Le vostre domande Il dinamismo dei mercati e i continui mutamenti

Dettagli

IL POTENZIALE FEMMINILE NELLE IMPRESE COOPERATIVE Bologna 23 marzo 2010 La ricerca in pillole di Maria Scinicariello

IL POTENZIALE FEMMINILE NELLE IMPRESE COOPERATIVE Bologna 23 marzo 2010 La ricerca in pillole di Maria Scinicariello Commissione Pari Opportunità Legacoop IL POTENZIALE FEMMINILE NELLE IMPRESE COOPERATIVE 23 marzo 2010 La ricerca in pillole di Maria Scinicariello Tutti i cittadini hanno pari dignità sociale e sono eguali

Dettagli

RAPPORTO IMPRESAINGENERE

RAPPORTO IMPRESAINGENERE ! RAPPORTO IMPRESAINGENERE La crisi non ha fermato le donne: 35mila imprese femminili in più tra 2010 e 2015 Anche a Trieste il trend è positivo Sono 1 milione e 312mila, danno lavoro a 3 milioni di persone

Dettagli

Sessione 1: La governance e le risorse umane

Sessione 1: La governance e le risorse umane La riforma dell Università: come vincere la sfida? Ciclo I grandi temi di attualità per il Paese Roma 15 Aprile 2009 Sessione 1: La governance e le risorse umane Intervento di Lorenzo Marrucci Le domande:

Dettagli

Descrizione del campione aziendale

Descrizione del campione aziendale Descrizione del campione aziendale La popolazione in studio è costituita da oltre 386.000 residenti di 18-69 anni iscritti nelle liste delle anagrafi sanitarie della ASL 8 di Cagliari. La ASL 8 di Cagliari

Dettagli

Le quote rosa in Italia

Le quote rosa in Italia 1 Il 12 agosto 2011, con l entrata in vigore della legge 120/2011, approvata grazie all impegno delle On.li Lella Golfo e Alessia Mosca, è stata stabilita una importante novità nell ambito del diritto

Dettagli

Il mercato del lavoro in Veneto tra vecchie e nuove disuguaglianze

Il mercato del lavoro in Veneto tra vecchie e nuove disuguaglianze Venezia-Mestre, 16 marzo 2016 Il mercato del lavoro in Veneto tra vecchie e nuove disuguaglianze Letizia Bertazzon Veneto Lavoro, Osservatorio & Ricerca Una proposta di lettura Forte intreccio tra disuguaglianze

Dettagli

acquisti sostenibili

acquisti sostenibili SILVANO FALOCCO SIMONE RICOTTA acquisti sostenibili PROMUOVERE LA GREEN ECONOMY NELLE IMPRESE E NELLE AMMINISTRAZIONI PUBBLICHE prefazione per Acquisti Sostenibili La domanda pubblica di lavori, beni e

Dettagli

Valore e performance dell Impresa Famigliare in Italia e in Europa

Valore e performance dell Impresa Famigliare in Italia e in Europa Valore e performance dell Impresa Famigliare in Italia e in Europa A cura di Alessandro Amadori, Maurizio Pessato, Paola Simonetta e Martina Magli Si ringrazia lo Sponsor: Definizione di impresa familiare

Dettagli

Networking with Women s Networks

Networking with Women s Networks member of ha il piacere di invitarti allo speciale aperitivo Networking with Women s Networks mercoledì 11 giugno ore 19-21.30 Hotel Dei Cavalieri, Piazza Missori 1 MM Missori organizzato con Cogli l opportunità

Dettagli

Il Comitato Unico di Garanzia

Il Comitato Unico di Garanzia Il Comitato Unico di Garanzia per le pari opportunità, la valorizzazione del benessere di chi lavora e contro le discriminazioni Sensibilizzazione e prevenzione per il benessere lavorativo: IL PIANO TRIENNALE

Dettagli

L n Equilibrio tra generi nella composizione degli organi delle società quotate. Dott. ssa Silvia Latorraca

L n Equilibrio tra generi nella composizione degli organi delle società quotate. Dott. ssa Silvia Latorraca L. 12.7.2011 n. 120 Equilibrio tra generi nella composizione degli organi delle società quotate Dott. ssa Silvia Latorraca a cura del Comitato Pari Opportunità Gruppo di Lavoro L. 120/2011 Quadro normativo

Dettagli

DELLA DIVERSITÀ. Roberta Bortolucci. 24 aprile 2015 APCO. 1

DELLA DIVERSITÀ. Roberta Bortolucci. 24 aprile 2015 APCO.  1 IL VALORE NELLA GESTIONE DELLA DIVERSITÀ di Roberta Bortolucci 24 aprile 2015 APCO www.progettodonna.net 1 CENTRO STUDI PROGETTO DONNA E DIVERSITY MGMT Associazione non Profit. Nasce a Bologna nel 1989.

Dettagli

CoRIn - Coordinamento delle Politiche Regionali del Settore Primario per la Promozione dell Innovazione

CoRIn - Coordinamento delle Politiche Regionali del Settore Primario per la Promozione dell Innovazione CoRIn - Coordinamento delle Politiche Regionali del Settore Primario per la Promozione dell Innovazione Background e bisogni La premessa fondamentale per l azione Regioni della Conoscenza 2 nell ambito

Dettagli

Piano Azioni Positive Triennio

Piano Azioni Positive Triennio Piano Azioni Positive Triennio 2010-2012 Comune di Modena PG 112901/2010 Assessorato Pari Opportunità del 21/09/2010 Comitato Pari Opportunità Fonti normative: - Legge n. 125 del 10 aprile 1991 Azioni

Dettagli

Le statistiche e gli studi di genere

Le statistiche e gli studi di genere Le statistiche e gli studi di genere I dati disaggregati per sesso e le analisi statistiche sono strumenti essenziali per il mainstreaming e la valutazione rispetto al genere. Gli indicatori e gli studi

Dettagli

DECISIONE N.536 ORDINE DEL GIORNO, CALENDARIO E ALTRE MODALITÀ ORGANIZZATIVE DEL SEMINARIO NEL QUADRO DELLA DIMENSIONE UMANA 2003

DECISIONE N.536 ORDINE DEL GIORNO, CALENDARIO E ALTRE MODALITÀ ORGANIZZATIVE DEL SEMINARIO NEL QUADRO DELLA DIMENSIONE UMANA 2003 PC.DEC/536 Organizzazione per la Sicurezza e la Cooperazione in Europa Consiglio Permanente ITALIANO Originale: INGLESE 443 a Seduta Plenaria PC Giornale N.443, punto 3 dell'ordine del giorno DECISIONE

Dettagli

Swisscom Dialog Arena Ticino

Swisscom Dialog Arena Ticino La Svizzera e il Ticino verso la digitalizzazione 12 ottobre 2017 LAC Lugano Arte e Cultura Christian Vitta Consigliere di Stato e Direttore del Dipartimento delle finanze e dell economia Repubblica e

Dettagli

ISTAT: UN ITALIA POCO PRODUTTIVA, DI POVERI E DI SOTTOCCUPATI

ISTAT: UN ITALIA POCO PRODUTTIVA, DI POVERI E DI SOTTOCCUPATI a cura del Gruppo Parlamentare della Camera dei Deputati Il Popolo della Libertà Berlusconi Presidente Forza Italia 1300 ISTAT: UN ITALIA POCO PRODUTTIVA, DI POVERI E DI SOTTOCCUPATI 15 aprile 2017 EXECUTIVE

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI ROMA FORO ITALICO. Ufficio Stampa. Rassegna Stampa. Roma 7 marzo 2017

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI ROMA FORO ITALICO. Ufficio Stampa. Rassegna Stampa. Roma 7 marzo 2017 UNIVERSITA DEGLI STUDI DI ROMA Ufficio Stampa Rassegna Stampa Roma 7 marzo 2017 Argomento Testata Titolo Pag. Università Gazzetta del Mezzogiorno Palese: Meno fondi alle Università del Sud il governo di

Dettagli

NOTIZIE STATISTICHE. La condizione lavorativa in Lombardia nel 2005 (Rilevazione sulle Forze di lavoro media 2005)

NOTIZIE STATISTICHE. La condizione lavorativa in Lombardia nel 2005 (Rilevazione sulle Forze di lavoro media 2005) NOTIZIE STATISTICHE S t a t i s t i c a e O s s e r v a t o r i N u m e r o 21 m a g g io 2006 La condizione lavorativa in nel 2005 (Rilevazione sulle Forze di lavoro media 2005) La partecipazione al mercato

Dettagli

1) PREMESSA...3 2) PREVIDENZA...5 Incremento delle pensioni basse...5 Accesso al pensionamento anticipato...8 Lavori usuranti...9 Razionalizzazione

1) PREMESSA...3 2) PREVIDENZA...5 Incremento delle pensioni basse...5 Accesso al pensionamento anticipato...8 Lavori usuranti...9 Razionalizzazione 1 1) PREMESSA...3 2) PREVIDENZA...5 Incremento delle pensioni basse...5 Accesso al pensionamento anticipato...8 Lavori usuranti...9 Razionalizzazione Enti...10 Finestre pensionistiche...12 Coefficienti

Dettagli

Misurare la Coesione Sociale Regioni italiane a confronto. Giulia Venturini (OCIS) Paolo R. Graziano (OCIS e Università di Padova)

Misurare la Coesione Sociale Regioni italiane a confronto. Giulia Venturini (OCIS) Paolo R. Graziano (OCIS e Università di Padova) Misurare la Coesione Sociale Regioni italiane a confronto Giulia Venturini (OCIS) Paolo R. Graziano (OCIS e Università di Padova) Introduzione Crescente attenzione verso il tema della coesione sociale,

Dettagli

Fondi europei per l agricoltura: tipologia di finanziamento, priorità europee, nazionali e regionali

Fondi europei per l agricoltura: tipologia di finanziamento, priorità europee, nazionali e regionali Fondi europei per l agricoltura: tipologia di finanziamento, priorità europee, nazionali e regionali Cascina (PI), 29 aprile 2016 Grosseto, 30 aprile 2016 Agricoltura L agricoltura europea fino al 2020:

Dettagli

KA 3 Support for policy reform

KA 3 Support for policy reform KA 3 Support for policy reform Seminario di formazione Torino 10/11 giugno 2014 KA 3 Supporto per la riforma di politiche Conoscenza nei settori di istruzione, formazione, gioventù Iniziative di prospettiva

Dettagli

FARENAIT: Fare Rete per Natura 2000 in Italia LIFE10 INF/IT/ Kick-off Meeting 1dicembre 2011 Roma. Panoramica delle attività di progetto

FARENAIT: Fare Rete per Natura 2000 in Italia LIFE10 INF/IT/ Kick-off Meeting 1dicembre 2011 Roma. Panoramica delle attività di progetto FARENAIT: Fare Rete per Natura 2000 in Italia LIFE10 INF/IT/000272 Kick-off Meeting 1dicembre 2011 Roma Panoramica delle attività di progetto Francesco Paglino Staff di Coordinamento del progetto Progetto:

Dettagli

Customer satisfaction 2014 SINTESI DEI RISULTATI

Customer satisfaction 2014 SINTESI DEI RISULTATI Customer satisfaction 2014 SINTESI DEI RISULTATI 1.Introduzione A partire dal 2010 il delle corruzione è stato incaricato dalla Direzione Generale di svolgere rilevazioni di Customer Satisfaction per alcuni

Dettagli

PIANO PERFORMANCE

PIANO PERFORMANCE PIANO PERFORMANCE 2013-2015 PIANO DEGLI OBIETTIVI DEL COMITATO UNICO DI GARANZIA (CUG) ALLEGATO E Marzo 2013 INDICE Premessa... 3 1. Obiettivi operativi ed azioni 2013... 4 1.3 Equa rappresentatività e

Dettagli