IMPIANTISTICA DI BORDO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "IMPIANTISTICA DI BORDO"

Transcript

1 IMPIANTISTICA DI BORDO 1 ELEMENTI DI ELETTROTECNICA 2 MAGNETISMO ED ELETTROMAGNETISMO 3 PRODUZIONE,TRASFORMAZIONE E DISTRIBUZIONE DELL ENERGIA ELETTRICA A BORDO 4 ALTERNATORI E MOTORI SINCRONI 5 MOTORI ASINCRONI 6 DINAMO E MOTORI A CORRENTE CONTINUA 7 DIODO, TRANSISTOR E STRUMENTI DI MISURA 8 CAVI ELETTRICI, ISOLAMENTI E GUASTI 9 SISTEMI ED APPARECCHIATURE DI PROTEZIONE 10 SISTEMA GENERALE DEGLI IMPIANTI ELETTRICI DI BORDO CENTRALE ELETTRICA PRINCIPALE E DI EMERGENZA 2

2 1- ELEMENTI DI ELETTROTECNICA Struttura elettrica della materia Ogni corpo in natura è formato da particelle elementari detti atomi la cui struttura si diversifica per i vari elementi. Nella sua schematizzazione più generale, un atomo, alla stregua di un sistema solare, è formato da una parte centrale detta nucleo e da un insieme di elettroni orbitanti attorno ad esso. Il nucleo, a sua volta, è formato da protoni e neutroni. I protoni hanno carica elettrica positiva, gli elettroni carica elettrica negativa, mentre i neutroni hanno carica elettrica nulla. Si deduce, da quanto detto sopra, che il nucleo ha, nel suo complesso, carica elettrica positiva ed attrae a sé gli elettroni in quanto dotati, come si è detto, di carica elettrica negativa. Infatti, cariche elettriche dello stesso segno si respingono mentre cariche elettriche di segno contrario si attraggono. La carica elettrica complessiva degli elettroni è uguale a quella dei protoni per cui l atomo è elettricamente neutro. Gli elettroni sono distribuiti intorno al nucleo su diversi strati ognuno dei quali può contenerne un numero massimo ben determinato. Se il numero degli elettroni è minore o superiore al numero dei protoni, l atomo non è più elettricamente neutro e si chiama ione. Uno ione può essere quindi positivo (elettroni in numero inferiore ai protoni) o negativo (elettroni in numero superiore a quello dei protoni). La fig. 1 rappresenta schematicamente la struttura di un atomo. Fig. 1 - Struttura schematica di un atomo Gli ioni possono quindi essere sia positivi che negativi e si comportano quindi come cariche elettriche. Una carica elettrica, sia positiva che negativa, genera un campo elettrico che si definisce come la forza alla quale è soggetta la carica positiva di un coulomb posta nel punto considerato. E = newton/coulomb La differenza di potenziale Ponendo una carica positiva q in un campo elettrico generato da una carica Q, pure essa positiva, la carica q viene respinta fino ai limiti del campo. Ciò comporta un certo lavoro che evidentemente viene fatto dalle forze del campo. 3

3 In conclusione, una carica elettrica, posta in un campo elettrico, possiede una certa energia di posizione la quale viene detta energia potenziale elettrica. E evidente l analogia con l energia potenziale gravitazionale. Per sollevare un corpo dal suolo fino ad una certa altezza si spende una certa energia la quale però si ritrova nel corpo sotto forma di energia gravitazionale e viene restituita quando il corpo, se lasciato libero, torna al suolo sotto l azione delle forze del campo gravitazionale. I1 lavoro che si compie quando una carica si sposta tra due punti del campo non dipende dalla traiettoria seguita, ma esclusivamente dai valori dell energia di posizione che la carica possiede nei due punti considerati. I1 potenziale elettrico in un punto di un campo elettrico misura il lavoro necessario per portare la carica positiva di un coulomb da tale punto ai limiti del campo. Si misura in volt. Un volt si definisce quindi colme il lavoro di 1 joule per portare la carica di 1C da tale punto fino ai limiti del campo. I1 potenziale elettrico assume il segno, positivo o negativo della carica che l ha generato. Si definisce differenza di potenziale tra due punti A e B di un campo elettrico generato da una carica Q il lavoro per portare la carica di 1C dal punto A al punto B. Q(VA -VB) LAB La differenza di potenziale tra due punti A e B è pari a 1 volt se per spostare la carica di 1C da A a B è necessario il lavoro di 1 joule. Definita l unità di misura del potenziale, il campo elettrico può essere misurato anche con il rapporto E - V/d (volt/m) Esercizio In un punto posto a d = 2.5m da una carica elettrica positiva vi è il potenziale di 20V. Trovare l intensità del campo in tale punto. E = V/d = 20/2.5 8 V/m Il condensatore I1 condensatore è un dispositivo costituito da due conduttori (armature) A e B separati da un materiale isolante (dielettrico).una delle armature, ad esempio la A, viene elettrizzata mentre l altra, collegata a terra, si elettrizza di segno contrario. Si definisce capacità del condensatore il rapporto tra la carica fornita ad A e la differenza di potenziale tra A e B. Dato che l armatura B è collegata a terra allora il potenziale VB = 0 e quindi tale differenza di potenziale è uguale a VA. In formule si ha C = Q/V La capacità si misura in coulomb/volt cioè in farad (F) 4

4 Un conduttore ha la capacità elettrica di un Farad se dandogli una carica elettrica di un coloumb assume il potenziale di un volt. Se d è la distanza tra le armature di un condensatore ed la costante dielettrica del mezzo interposto, la capacità si calcola con la seguente formula: C = e S/d Poiché il farad è una unità di misura enorme, in pratica si usano sempre i suoi sottomultipli, i più comuni dei quali sono: I condensatori possono essere collegati il millifarad, il microfarad, il millimicrofarad, il picofarad a) in parallelo. In tal caso, la capacità dell intero sistema è pari alla somma delle capacità dei singoli condensatori. C = C1 + C2 + C3 + + Cn b) in serie. In tal caso, l inverso della capacità dell intero sistema è pari alla somma degli inversi della capacità dei singoli condensatori. I/C = l/c1 + 1/C2 + 1/C3 + l/cn Se i condensatori sono tutti di uguale capacità CO allora l/c = n/co e quindi C = Co/n Generatore elettrico Se si congiungono due punti a diverso potenziale allora nel filo che li collega si ha il passaggio di una corrente. Se si vuole che il flusso delle cariche elettriche abbia una durata ragionevole, tale cioè da consentirne l utilizzazione pratica (illuminazione, riscaldamento ecc.) è necessario realizzare dei dispositivi (generatori elettrici) capaci di pompare continuamente le cariche da un polo all altro, in modo da mantenere costantemente tra di essi una differenza di potenziale. Facciamo le seguenti considerazioni: a) un conduttore A possiede elettroni in eccesso e costituisce quindi un polo negativo. Come polo positivo si assume il conduttore B. b) collegando i due poli mediante un conduttore metallico C, gli elettroni fluiscono attraverso di esso da A verso B (corrente elettrica). c) ad un certo punto, i due conduttori A e B raggiungono l equilibrio elettrico: la differenza di potenziale tra di essi si annulla ed attraverso C non passa più corrente. d) l inserimento di un generatore cioè di un dispositivo capace di pompare elettroni travasandoli da B ad A attraverso dei conduttori interni al generatore stesso consente di ristabilire una certa differenza di potenziale tra A e B. e) il generatore, funzionando con continuità, ripristina ad ogni istante la differenza di potenziale la quale altrimenti tenderebbe ad annullarsi. Il generatore garantisce quindi un flusso ininterrotto di 5

5 - Disposizione degli elementi in accumulatore per autoveicoli. 1 - Piastra positiva 2 - Separatori. 3 - Piastra negativa. elettroni da A verso B attraverso C (circuito esterno) pompando ininterrottamente elettroni da B verso A attraverso propri conduttori (circuito interno). Un generatore di tensione continua è l accumulatore, spesso usato come gruppo di continuità di emergenza il cui compito è quindi quello di intervenire in caso di mancanza di alimentazione primaria. I tipi di accumulatori più diffusi nelle piccole imbarcazioni sono quelli al piombo. Questi danno tensioni di circa 2 volt per coppia di elettrodi. Essenzialmente un accumulatore consta di: una vasca (cella elettrolitica) contenente una soluzione di acido solforico (30%) e acqua distillata. una serie di piastre che fungono da separatori. due elettrodi. L uno è realizzato in minio (biossido di piombo) che costituisce il polo positivo. l altro in piombo grigio scuro che costituisce l elettrodo negativo. L acido si dissocia in acqua formando ioni H++ ed SO4. In seguito a fenomeni elettrochimici le cariche positive tendono a separarsi da quelle negative. Le prime si dirigono verso il polo (+) le altre al polo (-) generando una tensione agli elettrodi. Nel caso di accumulatori al piombo la tensione per cella è di circa 2 volt. Pertanto, per avere 12V si devono mettere 6 celle elettrolitiche in serie. I dati caratteristici di targa sono: la capacità, espressa in ampere.ora (Ah). Essa rappresenta la quantità di carica prelevabile da una batteria, come corrente. Ad esempio, se la targhetta dell accumulatore indica 45Ah significa che esso è in grado di erogare 45A per un ora. La sua durata sarà tanto più elevata, quanto minore sarà la corrente richiesta. 6

6 corrente massima erogabile che esprime il numero massimo di ampere prelevabili pena la rottura dei collegamenti interni della batteria. Gli accumulatori devono essere posti in locali aerati in quanto, durante la carica oppure in condizioni di non utilizzazione liberano idrogeno, gas nocivo ed infiammabile. Esistono particolari tipi di accumulatori al nichel-cadmio che sono ermetici, non sviluppano gas, non necessitano di manutenzione e trovano applicazione sempre crescente. Durante la scarica dell accumulatore si verificano fenomeni elettrochimici per cui entrambe le piastre risultano rivestite di solfato di piombo. L acido è combinato nelle piastre e il liquido diventa meno denso. Risulta quindi opportuno eseguire un frequente controllo sia della densità (con un densimetro) che del livello dell elettrolita, facendo in modo che esso superi di almeno 5 mm i separatori. Lo stato di ossido sui morsetti funge da isolante nei collegamenti. Bisogna quindi provvedere alla sua rimozione e al successivo ricoprimento con vaselina non grassa. La ricarica deve essere regolare e va interrotta quando: - la temperatura degli elementi supera 45 - si osserva lo sviluppo di bollicine - la misura densimetrica è costante - la corrente dell amperometro segna una corrente costante, la minima. All atto pratico, gli accumulatori sono protetti da relé in fase di carica e scarica e vengono disinseriti automaticamente dall impianto La corrente Se agli estremi A e B di un filo metallico si stabilisce una differenza di potenziale, il conduttore sarà allora percorso da una corrente, che va dal punto a potenziale maggiore a quello a potenziale minore, la cui intensità [i] è data dal rapporto tra la quantità di carica [q] e il tempo [t]: i = q/t L unità di misura dell intensità di corrente è l ampere che si definisce come l intensità di una corrente che trasporta la carica di un coulomb in un secondo. Per misurare l intensità di corrente che percorre un conduttore si usano strumenti detti amperometri. Il circuito della corrente è sempre chiuso. Si ha perfetta analogia tra un circuito elettrico ed un circuito idraulico nel quale una pompa, grazie alla differenza di pressione che genera agli orifizi di entrata e uscita, genera una corrente liquida continua. L intensità della corrente che percorre un conduttore metallico è direttamente proporzionale alla differenza di potenziale applicata ai suoi estremi. VA = VB = R.i La quantità R è una costante di proporzionalità che prende il nome di resistenza elettrica del conduttore. La resistenza elettrica si misura in Ohm, che è quindi la resistenza R di un filo che viene percorso dalla corrente di un ampere A quando ai suoi capi è applicata la differenza di potenziale pari a 1 volt V 7

7 La resistenza elettrica di un filo conduttore è direttamente proporzionale alla sua lunghezza e inversamente proporzionale alla sua sezione. Essa dipende inoltre anche dalla sostanza di cui è costituito il filo e dalla sua temperatura. R - r l/s ρ è la resistività o resistenza specifica ed è uguale alla resistenza eletticca di un conduttore il quale abbia lunghezza [l] e sezione [s] pari all unità. Si dice che due o più conduttori sono collegati in serie quando la corrente li percorre uno dopo l altro ossia quando il secondo estremo del primo conduttore è collegato al primo estremo del secondo, il secondo estremo del secondo con il primo estremo del terzo e così via E facile dimostrare che la resistenza di un conduttore formato da più conduttori posti in serie è uguale alla somma delle resistenze dei singoli conduttori. R = R 1 +R 2 +R Si dice che due o più conduttori sono collegati in parallelo quando essi hanno in comune sia il primo che il secondo estremo; in tali condizioni, la corrente che giunge al loro primo estremo comune si suddivide fra di essi e, dopo averli percorsi, si riunisce nuovamente in un unica corrente; agli estremi dei vari conduttori è applicata evidentemente la stessa differenza di potenziale. In questo caso si ha: i = i 1 + i 2 + i

8 E facile dimostrare che se si hanno più conduttori disposti in parallelo, l inverso della loro resistenza complessiva è uguale alla somma degli inversi delle resistenze dei singoli conduttori. 1/R = 1/R 1 + 1/R 2 + 1/R 3 + Se i conduttori hanno tutti la stessa resistenza R allora si ha: R R /n cioè se si pongono in parallelo n conduttori aventi tutti la stessa resistenza, la resistenza complessiva si riduce a un ennesimo della resistenza di un singolo conduttore. Il passaggio di corrente attraverso un conduttore si accompagna a un riscaldamento del conduttore stesso. Il lavoro compiuto nel tempo t risulta dato da: W = Ri 2 t [joule] e il calore sviluppato, tenendo conto che 1 joule = 0,24 calorie: Q = 0,24 Ri 2 t [calorie] La quantità di calore che si sviluppa in un circuito percorso dalla corrente elettrica è proporzionale alla resistenza del circuito, al quadrato dell intensità di corrente che lo percorre e al tempo. La potenza P dissipata in calore per effetto Joule è data da: P = Ri 2 = (VA-VB) 2 /R La potenza si misura in Watt quando la differenza di potenziale è misurata in volt e la resistenza in ohm. 9

9 2. MAGNETISMO ED ELETTROMAGNETISMO Alcuni corpi, come la magnetite, hanno la proprietà di attirare la limatura di ferro e si dicono magneti o calamite. Una calamita di forma parallelepipeda attira la limatura soprattutto verso gli estremi che si dicono poli: i due poli non sono identici e si distinguono in nord e sud. Campo generato da una carica puntiforme + q Campo generato da una carica puntiforme - q Campo generato da due cariche puntiformi uguali + q e +q Campo generato da due cariche puntiformi opposte + q e - q In vicinanza di un conduttore sferico elettrizzato il Campo è radiale 10

10 I poli di due magneti dello stesso nome si respingono e di segno contrario si attraggono Le forze che si esercitano tra due poli sono dovute al magnetismo. Un filo percorso da corrente elettrica genera un campo magnetico Tra due conduttori percorsi da corrente elettrica si esercitano delle forze di attrazione o di repulsione a seconda che le correnti siano concordi o discordi. Un solenoide percorso da corrente e un ago magnetico si comportano alla stessa maniera. Elettrocalamita è un dispositivo costituito da ferro dolce attorno al quale sono avvolte delle spire conduttrici, ricoperte da materiale isolante, nelle quali circola una corrente elettrica. Ogni spira percorsa da corrente, immersa in un campo magnetico è soggetta a forze elettromagnetiche che tendono a farla ruotare. Su questo principio sono fondati i motori elettrici. Viceversa, agli estremi di un conduttore in movimento in un campo magnetico si desta una differenza di potenziale. Su questo principio si fondano i generatori di corrente. Ogni variazione di flusso d induzione abbracciato da un circuito genera in esso una f.e.m. indotta. La corrente indotta generata in un circuito chiuso tende ad opporsi con i suoi effetti magnetici alle cause che la producono. 11

11 3. PRODUZIONE, TRASFORMAZIONE E DISTRIBUZIONE DELL ENERGIA ELET- TRICA Produzione dell energia elettrica a bordo Dagli inizi del secolo, gli impianti elettrici navali hanno avuto uno sviluppo notevolissimo ed oggi tutte le funzioni vitali di una moderna nave dipendono dell energia elettrica. Di queste si ricordano le principali: - il governo e la navigazione - i macchinari ausiliari di macchina, di scafo e di coperta - gli apparati di telecomunicazione e di comunicazione interna - l illuminazione - la ventilazione e il condizionamento. Un impianto elettrico navale deve essere caratterizzato da: - affidabilità cioè sicurezza di funzionamento di ciascuna delle appareccchiature elettriche, anche nelle condizioni più sfavorevoli dovute al particolare ambiente marino, caratterizzato da salinità, umidità, temperature elevate e vibrazioni. Le vibrazioni richiedono in particolare che le apparecchiature siano collegate allo scafo con sistemi smorzanti. - -continuità di servizio che consiste nella possibilità di garantire anche e soprattutto in condizioni di emergenza, l alimentazione elettrica e quindi il funzionamento delle apparecchiature elettriche o almeno di quelle essenziali alla sicurezza della nave. La continuità di servizio dipende essenzialmente dalle protezioni scelte per l impianto. - semplicità dì condotta e di manutenzione Produzione dell energia A bordo, l energia viene prodotta da un impianto ausiliario che risulta composto da: - un sistema di produzione che comprende le centrali termiche (principali, di porto e di emergenza) con gli elettrogeni e i quadri elettrici principali - un sistema di distribuzione che comprende una rete che collega i quadri di centrale alle sottostazioni e ai sottoquadri, una rete per la distribuzione agli utenti luce e forza; una rete per il controllo, il comando e la regolazione della distribuzione. La produzione di energia elettrica a bordo avviene associando a motori primi (motori diesel o turbine) delle macchine elettriche in grado di trasformare l energia meccanica ricevuta in energia elettrica (generatori). I motori diesel nei confronti con le turbine presentano i seguenti: 12

12 Le macchine elettriche producono corrente continua o alternata (sia monofase che trifase) a seconda della loro costituzione. In entrambi i casi si ha a che fare con macchine rotanti in quanto una delle parti costitutive ruota attorno al proprio asse. La tabella riassume le considerazioni appena fatte. Confronto tra corrente alternata e corrente continua Vediamo quali sono i motivi fondamentali che hanno favorito l affermarsi a bordo della corrente alternata. - maggiore semplicità nella costruzione e manutenzione delle macchine sia generatrici che motrici ( mancanza del collettore a lamelle) - maggiore semplicità nelle apparecchiature (assenza del reostato di avviamento) - minore ingombro, peso (-30%) e costo (anche dei cavi) - possibilità di avere una vasta gamma di tensioni mediante trasformatori - maggiore sicurezza dei generatori contro i cortocircuiti Frequenza e tensione negli impianti navali Oggi la corrente alternata ha praticamente soppiantato la corrente continua su tutte le navi di nuova 13

13 costruzione perché, rispetto ad essa, presenta i seguenti vantaggi: - maggiore affidabilità dell impianto - assoluta superiorità del motore a corrente alternata rispetto a quelli in corrente continua - possibilità di ottenere, tramite trasformatori, qualsiasi valore di tensione - minor costo, peso e ingombro dell impianto. Gli impianti elettrici di bordo sono per la maggior parte a 60 Hz. La tensione di produzione negli impianti a corrente alternata è a 440 V, trifase. 14

14 15

15 3.2 - Trasformazione dell energia elettrica - I Trasformatori Applicata agli estremi di un conduttore. una differenza di potenziale V, esso sarà percorso da una corrente i; la potenza P sviluppata da questa corrente sarà data dal prodotto della tensione V per l intensità di corrente i cioè: P = V * i E chiaro che possiamo avere un altra corrente che sviluppi la stessa potenza P della precedente pur avendo intensità e tensione diverse. Molte volte si presenta il problema di trasformare una corrente alternata di alta intensità e di bassa tensione in una corrente di bassa intensità e di alta tensione conservando possibilmente inalterata la potenza disponibile. Questo problema si risolve con i trasformatori statici, apparecchi che non hanno organi in movimento. Un trasformatore statico è essenzialmente costituito da un nucleo di materiale magnetico, di forma generalmente rettangolare, sul quale sono avvolti due circuiti costituiti da diversi numeri di spire: sia n1 il numero delle spire del primo circuito (primario) ed n2 il numero di spire del secondo (secondario). Se colleghiamo i due morsetti del primario con i poli di un alternatore esso sarà percorso da una corrente alternata che genera un campo magnetico la cui intensità varia nel tempo come la corrente che lo genera. Le linee di forza di tale campo magnetico si concatenano con il secondario dove si genera una forza elettromotrice alternata della stessa frequenza della corrente che percorre il circuito primario. Risulta verificata la seguente relazione: V 2 = n 2 V 1 n 1 la quale dice che la differenza di potenziale fra i morsetti del secondario sta alla differenza di potenziale applicata ai morsetti del primario come il numero delle spire del secondario sta al numero di spire del primario. Il rapporto n 2 /n l si chiama rapporto di trasformazione. La potenza sviluppata al secondario è uguale alla potenza spesa nel primario. 16

16 Riassumendo, un trasformatore è una macchina capace di trasformare l energia elettrica di bassa tensione e alta intensità in energia elettrica di alta tensione e bassa intensità in modo tale che la potenza rimanga costante. E inoltre evidente che un trasformatore statico funziona soltanto con corrente alternata. Ciò rende in molti casi necessario l uso della corrente alternata al posto della corrente continua. I trasformatori trifasi hanno lo stesso principio di funzionamento del monofase ma dovendo trasformare tre tensioni ha bisogno di 6 avvolgimenti disposti come in figura. 17

17 Un applicazione interessante di trasformatore è costituita dal dispositivo di accensione del motore a benzina. Quando le puntine del ruttore sono a contatto tra loro, il circuito primario si chiude ed in esso circola corrente che genera un flusso di campo magnetico nella bobina primaria. All apertura delle puntine, mediante l alberino a camme, si ha una rapida interruzione della corrente primaria e di conseguenza una variazione rapidissima di flusso di campo magnetico nella bobina secondaria. Si determina pertanto ai suoi capi una tensione elevata ( )V che, mediante un contatto rotante, è trasportata alle varie candele secondo un ordine di accensione stabilito. Le puntine sono soggette a deterioramento dovuto: - alle scariche elettriche di interruzione della corrente e per questo motivo sono coperte di platino, materiale molto resistente all usura per scariche elettriche. - ai depositi di materiale che sporcano i contatti e riducono la conducibilità. - al fenomeno distruttivo della scarica che viene ottenuta con un condensatore in parallelo alle puntine. Per questi motivi sono state sostituite nei motori attuali con un transistor elettronico che ha la stessa funzione di interrompere il circuito primario (transistor EBC). Viene comandato mediante una corrente che entra alla base del transistor. Interrompendo tale corrente si interrompe anche la corrente del circuito primario. L apertura della corrente di base può essere effettuata o con puntine come nello schema 2 o con un impulsore magnetico. Anche se il sistema a puntine potrebbe riproporre i problemi dello schema iniziale, in realtà esse devono interrompere la corrente di base cioè la corrente di pilotaggio del transistor che, essendo dell ordine di qualche mma dà luogo a scariche praticamente inesistenti. 1) Generatore di tensione ( es. accumulatore); 2) Bobbina primaria di bassa tensione; 3) Ruttore; 4) Condensatore; 5) Bobbina secondaria per elevate tensioni; 6) Distributore tensione alle candele; 7) Candela 18

18 3.3 - Distribuzione dell energia elettrica L energia elettrica di solito non viene prodotta negli stessi luoghi in cui è consumata. Sorge quindi il problema di trasportarla. Ricordiamo che il passaggio di corrente nei conduttori è accompagnato da sviluppo di calore che è proporzionale al quadrato dell intensità di corrente qualunque sia la tensione applicata alla linea. P = Ri 2 = (VA-VB) 2 /R Quindi, per ridurre al minimo l energia dissipata lungo la linea, conviene mandare lungo di essa, a parità di potenza, una corrente che abbia una intensità molto bassa e una tensione molto alta. I poli dell alternatore della centrale che produce la corrente alternata sono perciò collegati ai morsetti del primario di un trasformatore statico, il quale alza la tensione e abbassa corrispondentemente l intensità della corrente; i due morsetti del secondario del trasformatore sono collegati agli estremi di due conduttori filiformi che costituiscono la cosiddetta linea ad alta tensione. Tale linea giunge fino al luogo di utilizzazione e, attraverso un altro trasformatore, alimenta gli utenti. Impulsore magnetico Consiste in una bobina collegata ad un circuito elettronico che agisce sulla corrente di base del transistor di accensione, ed un rotore a denti magnetizzato, ciò è un magnete con delle sporgenze denti, in numero uguale al numero di candele. E portato in rotazione dall albero a camme. Quando un dente magnetizzato passa davanti alla bobinetta genera nella stessa, a causa della rapida variazione di flusso magnetico, una tensione impulsiva che provoca l interruzione della corrente di base nel transistor e di conseguenza la corrente nel circuito primario. Impulsore 19

19 4 - ALTERNATORI E MOTORI SINCRONI Per esaminare il principio su cui si basa un alternatore si consideri il circuito [1] entro il quale si vuole produrre la corrente alternata. Dinanzi alla spira che ne fa parte si faccia girare una ruota R sui cui raggi siano disposte tante calamite i cui poli, rivolti verso l esterno, siano alternativamente un polo nord e un polo sud. Quando un polo nord si avvicina alla spira, in questa nasce una corrente indotta la quale cambia verso quando questo polo se ne allontana; anzi, questa seconda corrente indotta viene rinforza dal fatto che, continuando la ruota a girare, c è un polo: sud in arrivo e che si avvicina ad essa. Quando questo polo sud oltrepassa il punto P, la corrente indotta si inverte di nuovo, rinforzata dall avanzare di un nuovo nolo nord e così di seguito. Nella spira si genera. quindi una corrente indotta alternata la cui intensità ha andamento sinusoidale, caratterizzata da una frequenza e da Fig 4/1 una ampiezza. Gli alternatori monofase usati nell industria e di cui si è appena mostrato il principio di funzionamento, hanno, invece di una semplice spira, molte spire disposte tutte intorno alla ruota, con gli avvolgimenti collegati in serie in un unico circuito. Questa parte fissa della macchina costituisce lo statore dell alternatore. La parte rotante, che si chiama rotore, porta, invece dei magneti permanenti, degli elettromagneti percorsi da una corrente continua che viene generata a parte. Il rotore, che può avere anche il diametro di qualche metro e che gira alla velocità di molti giri al secondo. è tenuto in movimento da una turbina o da un motore a scoppio o da una macchina a vapore. Fig 4/3 Fig 4/2 Oltre alle correnti alternate monofase si usano molto spesso nell industria le correnti alternate trifasi, le quali sono prodotte da alternatori trifasi. Supponiamo ora che lo statore sia formato da tre circuiti indipendenti, costituiti da tre bobine identiche. La distanza tra due di queste bobine sia uguale ad un terzo della distanza che c è tra due poli nord successivi del rotore. Quando ora il rotore gira, in ogni bobina si genera una corrente indotta identica a quella che si produceva nel caso dell alternatore monofase. Quindi le tre correnti hanno lo stesso periodo però, dato che il polo nord non passa contemporaneamente davanti alle tre bobine, l intensità delle tre correnti indotte non assumerà contemporaneamente il valore zero. Rappresentando sullo stesso diagramma queste intensità in funzione del tempo, si vede che le tre correnti hanno lo stesso periodo ma ognuna passa per il valore zero con un ritardo, rispetto alla precedente, di un terzo di periodo. 20

20 L insieme di queste tre correnti alternate, eguali ma sfasate di un terzo di periodo si chiama corrente trifase. Per trasmettere una corrente alternata trifase sarebbero quindi necessari sei conduttori, dato che per ogni bobina si ha un conduttore di andata e uno di ritorno. Se però si esamina la fig. 4/3 si può riconoscere che in ogni istante la somma delle intensità delle tre correnti alternate costituenti la corrente trifase è uguale a zero. Se quindi i tre fili di ritorno della fig. 4/2 sono uniti in modo da diventare uno solo, in questo passerà una corrente nulla. Per questa ragione un alternatore trifase ha solo 4 morsetti: tre sono collegati ad altrettanti estremi delle bobine mentre il quarto, detto neutro, raggruppa gli altri tre estremi delle tre bobine. Una corrente trifase può quindi essere trasportata a distanza con solo 4 fili invece che 6. Nella fig. 4/4a è rappresentato il modo con cui Fig 4/4a vengono inseriti i tre utilizzatori A,B,C nel circuito alimentato da un alternatore, di cui 1, 2, 3 sono i tre avvolgimenti; dato che la corrente che passa nel neutro è nulla, esso può anche essere soppresso. Una disposizione di questo tipo si chiama a stella. Talvolta si usa anche la disposizione detta a triangolo (fig. 4/4b). La frequenza f nelle macchine bipolari coincide con il numero di giri n al secondo dell induttore (perché nella spira considerata si ha un alternanza di flusso dopo un intero giro della ruota polare); nelle macchine con p paia di poli il periodo Fig 4/4b elettromagnetico si compie dopo che l induttore ha ruotato di l/p di giro. Ne consegue che nella macchina multipolare si verificano p alternanze di flusso ad ogni giro per cui si ha f = p.n Lo schema di fig. 4/3 rappresenta il principio costruttivo dell alternatore, costituito dalle sue due parti essenziali, cioè: l induttore, cui spetta la produzione del campo magnetico l indotto, provvisto di spire che, opportunamente collegate fra di loro, formano l avvolgimento indotto che diventa sede di f.e.m. se si varia il flusso induttore con esse concatenato. La variazione di flusso è ottenuta dalla rotazione dell induttore (rotore) che, calettato sull albero, porta i poli. La variazione di flusso è ottenuta dalla rotazione dell induttore (rotore) che, calettato sull albero, porta i poli. Nel suo funzionamento pratico il rotore di un alternatore viene mosso da un motore primo che può essere un diesel o una turbina. Si evita il motore a benzina perché i vapori di questo tipo di combustibile sono altamente infiammabili. L accoppiamento diretto tra il diesel e l alternatore avviene tramite giunto elastico. Se il motore primo è 21

Inizia presentazione

Inizia presentazione Inizia presentazione Che si misura in ampère può essere generata In simboli A da pile dal movimento di spire conduttrici all interno di campi magnetici come per esempio nelle dinamo e negli alternatori

Dettagli

FONDAMENTI TEORICI DEL MOTORE IN CORRENTE CONTINUA AD ECCITAZIONE INDIPENDENTE. a cura di G. SIMONELLI

FONDAMENTI TEORICI DEL MOTORE IN CORRENTE CONTINUA AD ECCITAZIONE INDIPENDENTE. a cura di G. SIMONELLI FONDAMENTI TEORICI DEL MOTORE IN CORRENTE CONTINUA AD ECCITAZIONE INDIPENDENTE a cura di G. SIMONELLI Nel motore a corrente continua si distinguono un sistema di eccitazione o sistema induttore che è fisicamente

Dettagli

Un'analogia con il circuito idraulico

Un'analogia con il circuito idraulico Pompa Generatore di tensione (pila) Flusso d acqua PUNTI DI DOMANDA Differenza di potenziale Rubinetto Mulinello Lampadina Corrente elettrica 1. Che cos è l energia elettrica? E la corrente elettrica?

Dettagli

U.D. 6.2 CONTROLLO DI VELOCITÀ DI UN MOTORE IN CORRENTE ALTERNATA

U.D. 6.2 CONTROLLO DI VELOCITÀ DI UN MOTORE IN CORRENTE ALTERNATA U.D. 6.2 CONTROLLO DI VELOCITÀ DI UN MOTORE IN CORRENTE ALTERNATA Mod. 6 Applicazioni dei sistemi di controllo 6.2.1 - Generalità 6.2.2 - Scelta del convertitore di frequenza (Inverter) 6.2.3 - Confronto

Dettagli

I motori elettrici più diffusi

I motori elettrici più diffusi I motori elettrici più diffusi Corrente continua Trifase ad induzione Altri Motori: Monofase Rotore avvolto (Collettore) Sincroni AC Servomotori Passo Passo Motore in Corrente Continua Gli avvolgimenti

Dettagli

Unità 12. La corrente elettrica

Unità 12. La corrente elettrica Unità 12 La corrente elettrica L elettricità risiede nell atomo Modello dell atomo: al centro c è il nucleo formato da protoni e neutroni ben legati tra di loro; in orbita intorno al nucleo si trovano

Dettagli

La corrente elettrica

La corrente elettrica La corrente elettrica La corrente elettrica è un movimento di cariche elettriche che hanno tutte lo stesso segno e si muovono nello stesso verso. Si ha corrente quando: 1. Ci sono cariche elettriche; 2.

Dettagli

CAPITOLO I CORRENTE ELETTRICA. Copyright ISHTAR - Ottobre 2003 1

CAPITOLO I CORRENTE ELETTRICA. Copyright ISHTAR - Ottobre 2003 1 CAPITOLO I CORRENTE ELETTRICA Copyright ISHTAR - Ottobre 2003 1 INDICE CORRENTE ELETTRICA...3 INTENSITÀ DI CORRENTE...4 Carica elettrica...4 LE CORRENTI CONTINUE O STAZIONARIE...5 CARICA ELETTRICA ELEMENTARE...6

Dettagli

L ENERGIA DAGLI ELETTRONI. La struttura dell atomo

L ENERGIA DAGLI ELETTRONI. La struttura dell atomo L ENERGIA DAGLI ELETTRONI La struttura dell atomo Ogni materia è formata da particelle elementari dette atomi. Gli atomi sono formati da una parte centrale, il nucleo (composto da due tipi di particelle,

Dettagli

2. FONDAMENTI DELLA TECNOLOGIA

2. FONDAMENTI DELLA TECNOLOGIA 2. FONDAMENTI DELLA TECNOLOGIA 2.1 Principio del processo La saldatura a resistenza a pressione si fonda sulla produzione di una giunzione intima, per effetto dell energia termica e meccanica. L energia

Dettagli

IMPIANTI ELETTRICI CIVILI

IMPIANTI ELETTRICI CIVILI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI FIRENZE Facoltà di Architettura Corso di Fisica Tecnica Ambientale Prof. F. Sciurpi - Prof. S. Secchi A.A. A 2011-20122012 IMPIANTI ELETTRICI CIVILI Per. Ind. Luca Baglioni Dott.

Dettagli

Esercizi su elettrostatica, magnetismo, circuiti elettrici, interferenza e diffrazione

Esercizi su elettrostatica, magnetismo, circuiti elettrici, interferenza e diffrazione Esercizi su elettrostatica, magnetismo, circuiti elettrici, interferenza e diffrazione 1. L elettrone ha una massa di 9.1 10-31 kg ed una carica elettrica di -1.6 10-19 C. Ricordando che la forza gravitazionale

Dettagli

LA CORRENTE ELETTRICA CONTINUA

LA CORRENTE ELETTRICA CONTINUA LA CORRENTE ELETTRICA CONTINUA (Fenomeno, indipendente dal tempo, che si osserva nei corpi conduttori quando le cariche elettriche fluiscono in essi.) Un conduttore metallico è in equilibrio elettrostatico

Dettagli

La corrente elettrica

La corrente elettrica Unità didattica 8 La corrente elettrica Competenze Costruire semplici circuiti elettrici e spiegare il modello di spostamento delle cariche elettriche. Definire l intensità di corrente, la resistenza e

Dettagli

Macchine rotanti. Premessa

Macchine rotanti. Premessa Macchine rotanti Premessa Sincrono, asincrono, a corrente continua, brushless sono parecchi i tipi di motori elettrici. Per ognuno teoria e formule diverse. Eppure la loro matrice fisica è comune. Unificare

Dettagli

Circuiti Elettrici. Schema riassuntivo. Assumendo positive le correnti uscenti da un nodo e negative quelle entranti si formula l importante

Circuiti Elettrici. Schema riassuntivo. Assumendo positive le correnti uscenti da un nodo e negative quelle entranti si formula l importante Circuiti Elettrici Schema riassuntivo Leggi fondamentali dei circuiti elettrici lineari Assumendo positive le correnti uscenti da un nodo e negative quelle entranti si formula l importante La conseguenza

Dettagli

LA CORRENTE ELETTRICA Prof. Erasmo Modica erasmo@galois.it

LA CORRENTE ELETTRICA Prof. Erasmo Modica erasmo@galois.it LA CORRENTE ELETTRICA Prof. Erasmo Modica erasmo@galois.it L INTENSITÀ DELLA CORRENTE ELETTRICA Consideriamo una lampadina inserita in un circuito elettrico costituito da fili metallici ed un interruttore.

Dettagli

Istituto Superiore Vincenzo Cardarelli Istituto Tecnico per Geometri Liceo Artistico A.S. 2014 2015

Istituto Superiore Vincenzo Cardarelli Istituto Tecnico per Geometri Liceo Artistico A.S. 2014 2015 Istituto Superiore Vincenzo Cardarelli Istituto Tecnico per Geometri Liceo Artistico A.S. 2014 2015 Piano di lavoro annuale Materia : Fisica Classi Quinte Blocchi tematici Competenze Traguardi formativi

Dettagli

La corrente elettrica La resistenza elettrica La seconda legge di Ohm Resistività e temperatura L effetto termico della corrente

La corrente elettrica La resistenza elettrica La seconda legge di Ohm Resistività e temperatura L effetto termico della corrente Unità G16 - La corrente elettrica continua La corrente elettrica La resistenza elettrica La seconda legge di Ohm Resistività e temperatura L effetto termico della corrente 1 Lezione 1 - La corrente elettrica

Dettagli

INVERTER per MOTORI ASINCRONI TRIFASI

INVERTER per MOTORI ASINCRONI TRIFASI APPUNTI DI ELETTROTECNICA INVERTER per MOTORI ASINCRONI TRIFASI A cosa servono e come funzionano A cura di Marco Dal Prà www.marcodalpra.it Versione n. 3.3 - Marzo 2013 Inverter Guida Tecnica Ver 3.3 Pag.

Dettagli

Analogia tra il circuito elettrico e il circuito idraulico

Analogia tra il circuito elettrico e il circuito idraulico UNIVERSITÁ DEGLI STUDI DELL AQUILA Scuola di Specializzazione per la Formazione degli Insegnanti nella Scuola Secondaria Analogia tra il circuito elettrico e il circuito idraulico Prof. Umberto Buontempo

Dettagli

SEGNI GRAFICI PER SCHEMI

SEGNI GRAFICI PER SCHEMI Corrente e Tensioni Corrente continua Trasformatore a due avvolgimenti con schermo trasformatore di isolamento CEI 14-6 Trasformatore di sicurezza CEI 14-6 Polarità positiva e negativa Convertitori di

Dettagli

LA CORRENTE ELETTRICA

LA CORRENTE ELETTRICA L CORRENTE ELETTRIC H P h Prima che si raggiunga l equilibrio c è un intervallo di tempo dove il livello del fluido non è uguale. Il verso del movimento del fluido va dal vaso a livello maggiore () verso

Dettagli

funzionamento degli accumulatori al piombo/acido.

funzionamento degli accumulatori al piombo/acido. Il triangolo dell Incendio Possibili cause d incendio: I carrelli elevatori Particolare attenzione nella individuazione delle cause di un incendio va posta ai carrelli elevatori, normalmente presenti nelle

Dettagli

Correnti e circuiti a corrente continua. La corrente elettrica

Correnti e circuiti a corrente continua. La corrente elettrica Correnti e circuiti a corrente continua La corrente elettrica Corrente elettrica: carica che fluisce attraverso la sezione di un conduttore in una unità di tempo Q t Q lim t 0 t ntensità di corrente media

Dettagli

La corrente elettrica

La corrente elettrica PROGRAMMA OPERATIVO NAZIONALE Fondo Sociale Europeo "Competenze per lo Sviluppo" Obiettivo C-Azione C1: Dall esperienza alla legge: la Fisica in Laboratorio La corrente elettrica Sommario 1) Corrente elettrica

Dettagli

Classe 3 D Bucci Arianna Evangelista Andrea Palombo Leonardo Ricci Alessia Progetto di Scienze a.s. 2013/2014. Prof.ssa Piacentini Veronica

Classe 3 D Bucci Arianna Evangelista Andrea Palombo Leonardo Ricci Alessia Progetto di Scienze a.s. 2013/2014. Prof.ssa Piacentini Veronica Classe 3 D Bucci Arianna Evangelista Andrea Palombo Leonardo Ricci Alessia Progetto di Scienze a.s. 2013/2014 Prof.ssa Piacentini Veronica La corrente elettrica La corrente elettrica è un flusso di elettroni

Dettagli

dove Q è la carica che attraversa la sezione S del conduttore nel tempo t;

dove Q è la carica che attraversa la sezione S del conduttore nel tempo t; CAPITOLO CIRCUITI IN CORRENTE CONTINUA Definizioni Dato un conduttore filiforme ed una sua sezione normale S si definisce: Corrente elettrica i Q = (1) t dove Q è la carica che attraversa la sezione S

Dettagli

Il motore a corrente continua, chiamato così perché per. funzionare deve essere alimentato con tensione e corrente

Il motore a corrente continua, chiamato così perché per. funzionare deve essere alimentato con tensione e corrente 1.1 Il motore a corrente continua Il motore a corrente continua, chiamato così perché per funzionare deve essere alimentato con tensione e corrente costante, è costituito, come gli altri motori da due

Dettagli

Protezione dai contatti indiretti

Protezione dai contatti indiretti Protezione dai contatti indiretti Se una persona entra in contatto contemporaneamente con due parti di un impianto a potenziale diverso si trova sottoposto ad una tensione che può essere pericolosa. l

Dettagli

U.D.: LABORATORIO ELETTRICITA

U.D.: LABORATORIO ELETTRICITA U.D.: LABORATORIO ELETTRICITA 1 ATTREZZI MATERIALI 2 Tavoletta compensato Misure: 30cmx20-30 cm spellafili punteruolo cacciavite Nastro isolante Metro da falegname e matita Lampadine da 4,5V o 1,5V pinza

Dettagli

Guida alla scelta di motori a corrente continua

Guida alla scelta di motori a corrente continua Motori Motori in in corrente corrente continua continua 5 Guida alla scelta di motori a corrente continua Riddutore Coppia massima (Nm)! Tipo di riduttore!,5, 8 8 8 Potenza utile (W) Motore diretto (Nm)

Dettagli

PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA COME E PERCHÉ

PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA COME E PERCHÉ PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA COME E PERCHÉ Perché produrre energia elettrica Tutta la società moderna si basa sul consumo di energia, per fare qualsiasi attività necessitiamo di qualche forma di energia.

Dettagli

PROTEZIONE DAI CONTATTI DIRETTI ED INDIRETTI

PROTEZIONE DAI CONTATTI DIRETTI ED INDIRETTI PROTEZIONE DAI CONTATTI DIRETTI ED INDIRETTI Appunti a cura dell Ing. Emanuela Pazzola Tutore del corso di Elettrotecnica per meccanici, chimici e biomedici A.A. 2005/2006 Facoltà d Ingegneria dell Università

Dettagli

Statiche se la trasformazione dell energia avviene senza organi in movimento (es. Trasformatori.)

Statiche se la trasformazione dell energia avviene senza organi in movimento (es. Trasformatori.) Macchine elettriche parte Macchine elettriche Generalità Definizioni Molto spesso le forme di energia in natura non sono direttamente utilizzabili, ma occorre fare delle conversioni. Un qualunque sistema

Dettagli

Motori Elettrici. Principi fisici. Legge di Lenz: se in un circuito elettrico il flusso concatenato varia nel tempo si genera una tensione

Motori Elettrici. Principi fisici. Legge di Lenz: se in un circuito elettrico il flusso concatenato varia nel tempo si genera una tensione Motori Elettrici Principi fisici Legge di Lenz: se in un circuito elettrico il flusso concatenato varia nel tempo si genera una tensione Legge di Biot-Savart: un conduttore percorso da corrente di intensità

Dettagli

SEGNI GRAFICI E SIMBOLI ELETTRICI PER SCHEMI DI IMPIANTO

SEGNI GRAFICI E SIMBOLI ELETTRICI PER SCHEMI DI IMPIANTO LA PROTEZIONE DELLE CONDUTTURE CONTRO LE SOVRACORRENTI DEFINIZIONI NORMA CEI 64-8/2 TIPOLOGIE DI SOVRACORRENTI + ESEMPI SEGNI GRAFICI E SIMBOLI ELETTRICI PER SCHEMI DI IMPIANTO DISPOSITIVI DI PROTEZIONE

Dettagli

CLASSE IV- Opzione 2 Corsi supplementari di scienze naturali L ENERGIA ELETTRICA

CLASSE IV- Opzione 2 Corsi supplementari di scienze naturali L ENERGIA ELETTRICA CLASSE IV- Opzione 2 Corsi supplementari di scienze naturali L ENERGIA ELETTRICA L energia elettrica 1. Il magnetismo E 2.1. Calamite e poli magnetici. E 2.2. Poli magnetici e magnetismo terrestre. E 2.3.

Dettagli

2capitolo. Alimentazione elettrica

2capitolo. Alimentazione elettrica 2capitolo Alimentazione elettrica Regole fondamentali, norme e condotte da seguire per gestire l'interfaccia tra la distribuzione elettrica e la macchina. Presentazione delle funzioni di alimentazione,

Dettagli

Gli attuatori. Breve rassegna di alcuni modelli o dispositivi di attuatori nel processo di controllo

Gli attuatori. Breve rassegna di alcuni modelli o dispositivi di attuatori nel processo di controllo Gli attuatori Breve rassegna di alcuni modelli o dispositivi di attuatori nel processo di controllo ATTUATORI Definizione: in una catena di controllo automatico l attuatore è il dispositivo che riceve

Dettagli

Circuiti Elettrici. Elementi di circuito: resistori, generatori di differenza di potenziale

Circuiti Elettrici. Elementi di circuito: resistori, generatori di differenza di potenziale Circuiti Elettrici Corrente elettrica Legge di Ohm Elementi di circuito: resistori, generatori di differenza di potenziale Leggi di Kirchhoff Elementi di circuito: voltmetri, amperometri, condensatori

Dettagli

CAPITOLO 1. Motore a corrente continua ad eccitazione indipendente

CAPITOLO 1. Motore a corrente continua ad eccitazione indipendente CAPITOLO Motore a corrente continua ad eccitazione indipendente. - Struttura e principio di funzionamento Una rappresentazione schematica della struttura di un motore a corrente continua a due poli è mostrata

Dettagli

IMPIANTI ELETTTRICI parte II

IMPIANTI ELETTTRICI parte II IMPIANTI ELETTTRICI parte II di Delucca Ing. Diego PROTEZIONE DI UN IMPIANTO DAI SOVRACCARICHI E DAI CORTO CIRCUITI Una corrente I che passa in un cavo di sezione S, di portata IZ è chiamata di sovracorrente

Dettagli

I.T.I. A. MALIGNANI UDINE CLASSI 3 e ELT MATERIA: ELETTROTECNICA PROGRAMMA PREVENTIVO

I.T.I. A. MALIGNANI UDINE CLASSI 3 e ELT MATERIA: ELETTROTECNICA PROGRAMMA PREVENTIVO CORRENTE CONTINUA: FENOMENI FISICI E PRINCIPI FONDAMENTALI - Richiami sulle unità di misura e sui sistemi di unità di misura. - Cenni sulla struttura e sulle proprietà elettriche della materia. - Le cariche

Dettagli

Ing Guido Picci Ing Silvano Compagnoni

Ing Guido Picci Ing Silvano Compagnoni Condensatori per rifasamento industriale in Bassa Tensione: tecnologia e caratteristiche. Ing Guido Picci Ing Silvano Compagnoni 1 Tecnologia dei condensatori Costruzione Com è noto, il principio costruttivo

Dettagli

MODELLIZZAZIONE, CONTROLLO E MISURA DI UN MOTORE A CORRENTE CONTINUA

MODELLIZZAZIONE, CONTROLLO E MISURA DI UN MOTORE A CORRENTE CONTINUA MODELLIZZAZIONE, CONTROLLO E MISURA DI UN MOTORE A CORRENTE CONTINUA ANDREA USAI Dipartimento di Informatica e Sistemistica Antonio Ruberti Andrea Usai (D.I.S. Antonio Ruberti ) Laboratorio di Automatica

Dettagli

Concetti di base sulla CORRENTE ELETTRICA

Concetti di base sulla CORRENTE ELETTRICA Concetti di base sulla CORRENTE ELETTRICA Argomenti principali Concetti fondamentali sull'atomo, conduttori elettrici, campo elettrico, generatore elettrico Concetto di circuito elettrico (generatore-carico)

Dettagli

APPUNTI DI MACCHINE ELETTRICHE versione 0.7

APPUNTI DI MACCHINE ELETTRICHE versione 0.7 APPUNTI DI MACCHINE ELETTRICHE versione 0.7 11 settembre 2007 2 Indice 1 ASPETTI GENERALI 7 1.1 Introduzione........................................ 7 1.2 Classificazione delle macchine elettriche........................

Dettagli

Programmazione Modulare

Programmazione Modulare Indirizzo: BIENNIO Programmazione Modulare Disciplina: FISICA Classe: 2 a D Ore settimanali previste: (2 ore Teoria 1 ora Laboratorio) Prerequisiti per l'accesso alla PARTE D: Effetti delle forze. Scomposizione

Dettagli

IL TRASFORMATORE Prof. S. Giannitto Il trasformatore è una macchina in grado di operare solo in corrente alternata, perché sfrutta i principi dell'elettromagnetismo legati ai flussi variabili. Il trasformatore

Dettagli

Le misure di energia elettrica

Le misure di energia elettrica Le misure di energia elettrica Ing. Marco Laracca Dipartimento di Ingegneria Elettrica e dell Informazione Università degli Studi di Cassino e del Lazio Meridionale Misure di energia elettrica La misura

Dettagli

ELEMENTI DI ELETTROTECNICA

ELEMENTI DI ELETTROTECNICA ELEMENTI DI ELETTROTECNICA 1. TENSIONE E CORRENTE La storia dell elettricità prende avvio dalla particolare proprietà di una sostanza, l ambra, che strofinata con altra sostanza in grado di riscaldarsi,

Dettagli

Compressori serie P Dispositivi elettrici (PA-05-02-I)

Compressori serie P Dispositivi elettrici (PA-05-02-I) Compressori serie P Dispositivi elettrici (PA-05-02-I) 5. MOTORE ELETTRICO 2 Generalità 2 CONFIGURAZIONE PART-WINDING 2 CONFIGURAZIONE STELLA-TRIANGOLO 3 Isolamento del motore elettrico 5 Dispositivi di

Dettagli

Le Armoniche INTRODUZIONE RIFASAMENTO DEI TRASFORMATORI - MT / BT

Le Armoniche INTRODUZIONE RIFASAMENTO DEI TRASFORMATORI - MT / BT Le Armoniche INTRODUZIONE Data una grandezza sinusoidale (fondamentale) si definisce armonica una grandezza sinusoidale di frequenza multipla. L ordine dell armonica è il rapporto tra la sua frequenza

Dettagli

r.berardi PRINCIPI DI ELETTROTECNICA ELEMENTARE

r.berardi PRINCIPI DI ELETTROTECNICA ELEMENTARE r.berardi PRINCIPI DI ELETTROTECNICA ELEMENTARE Principi elementari di elettrotecnica Teoria elettronica della materia Pag. 2 La dinamo Pag. 13 Schema teoria Pag.. 3 L alternatore Pag. 14 elettronica Elettricita

Dettagli

MACCHINA SINCRONA TRIFASE

MACCHINA SINCRONA TRIFASE MACCHIA SICROA TRIFASE + + + + + + + + + + + + + + + + + + L avvolgimento di eccitazione, percorso dalla corrente continua i e, crea una f.m.m. al traferro e quindi un campo magnetico in modo tale che

Dettagli

Circuiti in Corrente Continua (direct current=dc) RIASSUNTO: La carica elettrica La corrente elettrica Il Potenziale Elettrico La legge di Ohm Il

Circuiti in Corrente Continua (direct current=dc) RIASSUNTO: La carica elettrica La corrente elettrica Il Potenziale Elettrico La legge di Ohm Il Circuiti in Corrente Continua direct currentdc ASSUNTO: La carica elettrica La corrente elettrica l Potenziale Elettrico La legge di Ohm l resistore codice dei colori esistenze in serie ed in parallelo

Dettagli

Capitolo 1. Generalità sulle macchine elettriche

Capitolo 1. Generalità sulle macchine elettriche Capitolo 1 Generalità sulle macchine elettriche Scopo di questo capitolo è capire come funziona un motore elettrico, quali i princìpi generali che consentono la trasformazione di energia meccanica in energia

Dettagli

nica Cagliari ) m Viene detto (1) Dal sistema dell energia Un possibile

nica Cagliari ) m Viene detto (1) Dal sistema dell energia Un possibile Viene detto sistema polifase un sistema costituito da più tensioni o da più correnti sinusoidali, sfasate l una rispetto all altra. Un sistema polifase è simmetrico quando le grandezze sinusoidali hanno

Dettagli

L=F x s lavoro motore massimo

L=F x s lavoro motore massimo 1 IL LAVORO Nel linguaggio scientifico la parola lavoro indica una grandezza fisica ben determinata. Un uomo che sposta un libro da uno scaffale basso ad uno più alto è un fenomeno in cui c è una forza

Dettagli

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO 2006 Indirizzo Scientifico Tecnologico Progetto Brocca

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO 2006 Indirizzo Scientifico Tecnologico Progetto Brocca ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO 2006 Indirizzo Scientifico Tecnologico Progetto Brocca Trascrizione del testo e redazione delle soluzioni di Paolo Cavallo. La prova Il candidato svolga una relazione

Dettagli

1 LA CORRENTE ELETTRICA CONTINUA

1 LA CORRENTE ELETTRICA CONTINUA 1 LA CORRENTE ELETTRICA CONTINUA Un conduttore ideale all equilibrio elettrostatico ha un campo elettrico nullo al suo interno. Cosa succede se viene generato un campo elettrico diverso da zero al suo

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO G. LEOPARDI A.S. 2010-2011 FENOMENI MAGNETICI FONDAMENTALI

LICEO SCIENTIFICO G. LEOPARDI A.S. 2010-2011 FENOMENI MAGNETICI FONDAMENTALI LICEO SCIENTIFICO G. LEOPARDI A.S. 2010-2011 FENOMENI MAGNETICI FONDAMENTALI Prof. Euro Sampaolesi IL CAMPO MAGNETICO TERRESTRE Le linee del magnete-terra escono dal Polo geomagnetico Nord ed entrano nel

Dettagli

Capitolo 4 Protezione dai contatti indiretti.

Capitolo 4 Protezione dai contatti indiretti. Capitolo 4 Protezione dai contatti indiretti. La protezione contro i contatti indiretti consiste nel prendere le misure intese a proteggere le persone contro i pericoli risultanti dal contatto con parti

Dettagli

IMPIANTI FOTOVOLTAICI PER LA PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA INSTALLATI SU EDIFICI

IMPIANTI FOTOVOLTAICI PER LA PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA INSTALLATI SU EDIFICI IMPIANTI FOTOVOLTAICI PER LA PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA INSTALLATI SU EDIFICI LINEE D INDIRIZZO PER LA VALUTAZIONE DEI RISCHI CORRELATI ALL INSTALLAZIONE DI IMPIANTI FOTOVOTAICI SU EDIFICI DESTINATI

Dettagli

LABORATORIO I-A. Cenni sui circuiti elettrici in corrente continua

LABORATORIO I-A. Cenni sui circuiti elettrici in corrente continua 1 UNIVERSITÀ DIGENOVA FACOLTÀDISCIENZEM.F.N. LABORATORIO IA Cenni sui circuiti elettrici in corrente continua Anno Accademico 2001 2002 2 Capitolo 1 Richiami sui fenomeni elettrici Esperienze elementari

Dettagli

Storia dei generatori di tensione e della corrente elettrica

Storia dei generatori di tensione e della corrente elettrica Storia dei generatori di tensione e della corrente elettrica Prof. Daniele Ippolito Liceo Scientifico Amedeo di Savoia di Pistoia 1778 Alessandro Volta, in analogia al potenziale gravitazionale definito

Dettagli

Introduzione all elettronica

Introduzione all elettronica Introduzione all elettronica L elettronica nacque agli inizi del 1900 con l invenzione del primo componente elettronico, il diodo (1904) seguito poi dal triodo (1906) i cosiddetti tubi a vuoto. Questa

Dettagli

Il motore asincrono trifase

Il motore asincrono trifase 7 Giugno 2008 1SDC007106G0901 Quaderni di Applicazione Tecnica Il motore asincrono trifase Generalità ed offerta ABB per il coordinamento delle protezioni Quaderni di Applicazione Tecnica Il motore asincrono

Dettagli

LAVORO, ENERGIA E POTENZA

LAVORO, ENERGIA E POTENZA LAVORO, ENERGIA E POTENZA Nel linguaggio comune, la parola lavoro è applicata a qualsiasi forma di attività, fisica o mentale, che sia in grado di produrre un risultato. In fisica la parola lavoro ha un

Dettagli

GRUPPO DI CONTINUITA' 12 V - BATTERIA BACKUP

GRUPPO DI CONTINUITA' 12 V - BATTERIA BACKUP GRUPPO DI CONTINUITA' 12 V - BATTERIA BACKUP Salve, questo circuito nasce dall'esigenza pratica di garantire continuità di funzionamento in caso di blackout (accidentale o provocato da malintenzionati)

Dettagli

INDICE Raccomandazioni Norme di sicurezza Attenzione Avvertenze per i genitori

INDICE Raccomandazioni Norme di sicurezza Attenzione Avvertenze per i genitori INDICE DISTINTA DEI PEZZI Pag. 4 ISTRUZIONI DI MONTAGGIO Pag. 5 L ELETTRICITÀ NELLA VITA QUOTIDIANA Pag. 6 LA CORRENTE ELETTRICA E RELATIVI ESPERIMENTI Pag. 9 IL MAGNETISMO E RELATIVI ESPERIMENTI Pag.

Dettagli

Strumenti Elettronici Analogici/Numerici

Strumenti Elettronici Analogici/Numerici Facoltà di Ingegneria Università degli Studi di Firenze Dipartimento di Elettronica e Telecomunicazioni Strumenti Elettronici Analogici/Numerici Ing. Andrea Zanobini Dipartimento di Elettronica e Telecomunicazioni

Dettagli

M A G N E T I C I G E N E R A L I T A'

M A G N E T I C I G E N E R A L I T A' S C H E R M I M A G N E T I C I G E N E R A L I T A' Gli schermi magnetici hanno la funzione di proteggere oggetti sensibili dall'aggressione magnetica esterna. Questi schermi possono essere suddivisi

Dettagli

Cognome... Nome... LE CORRENTI MARINE

Cognome... Nome... LE CORRENTI MARINE Cognome... Nome... LE CORRENTI MARINE Le correnti marine sono masse d acqua che si spostano in superficie o in profondità negli oceani: sono paragonabili a enormi fiumi che scorrono lentamente (in media

Dettagli

63- Nel Sistema Internazionale SI, l unità di misura del calore latente di fusione è A) J / kg B) kcal / m 2 C) kcal / ( C) D) kcal * ( C) E) kj

63- Nel Sistema Internazionale SI, l unità di misura del calore latente di fusione è A) J / kg B) kcal / m 2 C) kcal / ( C) D) kcal * ( C) E) kj 61- Quand è che volumi uguali di gas perfetti diversi possono contenere lo stesso numero di molecole? A) Quando hanno uguale pressione e temperatura diversa B) Quando hanno uguale temperatura e pressione

Dettagli

PRINCIPI BASILARI DI ELETTROTECNICA

PRINCIPI BASILARI DI ELETTROTECNICA PRINCIPI BASILARI DI ELETTROTECNICA Prerequisiti - Impiego di Multipli e Sottomultipli nelle equazioni - Equazioni lineari di primo grado e capacità di ricavare le formule inverse - nozioni base di fisica

Dettagli

Rischio Elettrico nei laboratori dei

Rischio Elettrico nei laboratori dei UNIVERSITÁ DEGLI STUDI DI TERAMO Rischio Elettrico nei laboratori dei Dipartimenti Scientifici Dott. Giuseppe Mazziotti di Celso Università degli Studi di Teramo 16 Novembre 2010, Teramo LA CORRENTE ELETTRICA

Dettagli

PROGRAMMA SVOLTO. a.s. 2012/2013

PROGRAMMA SVOLTO. a.s. 2012/2013 Liceo Scientifico Statale LEONARDO DA VINCI Via Cavour, 6 Casalecchio di Reno (BO) - Tel. 051/591868 051/574124 - Fax 051/6130834 C. F. 92022940370 E-mail: LSLVINCI@IPERBOLE.BOLOGNA.IT PROGRAMMA SVOLTO

Dettagli

P od o u d z u io i n o e n e d e d l e l l a l a c o c r o ren e t n e e a l a t l er e na n t a a alternatori. gruppi elettrogeni

P od o u d z u io i n o e n e d e d l e l l a l a c o c r o ren e t n e e a l a t l er e na n t a a alternatori. gruppi elettrogeni Produzione della corrente alternata La generazione di corrente alternata viene ottenuta con macchine elettriche dette alternatori. Per piccole potenze si usano i gruppi elettrogeni. Nelle centrali elettriche

Dettagli

MOTORI ECCITAZIONE SERIE DERIVATA COMPOSTA 2-3-4-5-6 MORSETTI MOTORI ECCITAZIONE SEPARATA 24-48

MOTORI ECCITAZIONE SERIE DERIVATA COMPOSTA 2-3-4-5-6 MORSETTI MOTORI ECCITAZIONE SEPARATA 24-48 Motori elettrici in corrente continua dal 1954 Elettropompe oleodinamiche sollevamento e idroguida 1200 modelli diversi da 200W a 50kW MOTORI ECCITAZIONE SERIE DERIVATA COMPOSTA 2-3-4-5-6 MORSETTI MOTORI

Dettagli

FISICA/MENTE ALCUNE QUESTIONI CONNESSE CON LA PRODUZIONE E DISTRIBUZIONE DELL'ENERGIA ELETTRICA. Roberto Renzetti (2004)

FISICA/MENTE ALCUNE QUESTIONI CONNESSE CON LA PRODUZIONE E DISTRIBUZIONE DELL'ENERGIA ELETTRICA. Roberto Renzetti (2004) FISICA/MENTE ALCUNE QUESTIONI CONNESSE CON LA PRODUZIONE E DISTRIBUZIONE DELL'ENERGIA ELETTRICA Roberto Renzetti (2004) PREMESSA L'idea di scrivere queste pagine e di riprendere, ripescandovi, un mio vecchio

Dettagli

Elettronica Circuiti nel dominio del tempo

Elettronica Circuiti nel dominio del tempo Elettronica Circuiti nel dominio del tempo Valentino Liberali Dipartimento di Fisica Università degli Studi di Milano valentino.liberali@unimi.it Elettronica Circuiti nel dominio del tempo 14 aprile 211

Dettagli

CONDIZIONATORI DI PRECISIONE AD ESPANSIONE DIRETTA E ACQUA REFRIGERATA PER CENTRALI TELEFONICHE CON SISTEMA FREE-COOLING

CONDIZIONATORI DI PRECISIONE AD ESPANSIONE DIRETTA E ACQUA REFRIGERATA PER CENTRALI TELEFONICHE CON SISTEMA FREE-COOLING CONDIZIONATORI DI PRECISIONE AD ESPANSIONE DIRETTA E ACQUA REFRIGERATA PER CENTRALI TELEFONICHE CON SISTEMA FREE-COOLING POTENZA FRIGORIFERA DA 4 A 26,8 kw ED.P 161 SF E K 98 FC La gamma di condizionatori

Dettagli

Effetti fisiopatologici della corrente elettrica sul corpo umano

Effetti fisiopatologici della corrente elettrica sul corpo umano Effetti fisiopatologici della corrente elettrica sul corpo umano La vita è regolata a livello cerebrale, muscolare e biologico da impulsi di natura elettrica. Il cervello è collegato ai muscoli ed a tutti

Dettagli

ESERCITAZIONE Rispondi a ciascuna delle seguenti domande in 10 righe

ESERCITAZIONE Rispondi a ciascuna delle seguenti domande in 10 righe ESERCITAZIONE Rispondi a ciascuna delle seguenti domande in 10 righe CAPITOLO 1 La carica elettrica e la legge di Coulomb La carica elettrica e la legge di Coulomb: conduttori ed isolanti. Vari tipi di

Dettagli

ELEMENTI DI RISCHIO ELETTRICO. Ing. Guido Saule

ELEMENTI DI RISCHIO ELETTRICO. Ing. Guido Saule 1 ELEMENTI DI RISCHIO ELETTRICO Ing. Guido Saule Valori delle tensioni nominali di esercizio delle macchine ed impianti elettrici 2 - sistemi di Categoria 0 (zero), chiamati anche a bassissima tensione,

Dettagli

Esercizi e considerazioni pratiche sulla legge di ohm e la potenza

Esercizi e considerazioni pratiche sulla legge di ohm e la potenza Esercizi e considerazioni pratiche sulla legge di ohm e la potenza Come detto precedentemente la legge di ohm lega la tensione e la corrente con un altro parametro detto "resistenza". Di seguito sono presenti

Dettagli

APPUNTI DI ELETTROTECNICA GENERALE versione 0.0

APPUNTI DI ELETTROTECNICA GENERALE versione 0.0 APPUNTI DI ELETTROTECNICA GENERALE versione 0.0 9 settembre 2006 2 Indice 1 STRUTTURA DELLA MATERIA E FENOMENI ELETTRICI 7 1.1 Cos é l elettricità?.................................... 7 1.2 Fenomeni elettrostatici.................................

Dettagli

Camera di combustione Struttura chiusa dentro cui un combustibile viene bruciato per riscaldare aria o altro.

Camera di combustione Struttura chiusa dentro cui un combustibile viene bruciato per riscaldare aria o altro. C Caldaia L'unità centrale scambiatore termico-bruciatore destinata a trasmettere all'acqua il calore prodotto dalla combustione. v. Camera di combustione, Centrali termiche, Efficienza di un impianto

Dettagli

Manuale d uso. Per abitazioni, baite, camper, caravan, barche

Manuale d uso. Per abitazioni, baite, camper, caravan, barche Manuale d uso Regolatore di carica EP5 con crepuscolare Per abitazioni, baite, camper, caravan, barche ITALIANO IMPORTANTI INFORMAZIONI SULLA SICUREZZA Questo manuale contiene importanti informazioni sulla

Dettagli

Prima carica (formazione della batteria)

Prima carica (formazione della batteria) Come è fatta Di batterie ne esistono di una grande varietà di tipi. Nel presente documento parleremo solo delle batterie al piombo. Iniziamo con una precisazione su i termini impropri usati. Il termine

Dettagli

Sensori di Posizione, Velocità, Accelerazione

Sensori di Posizione, Velocità, Accelerazione Sensori di Posizione, Velocità, Accelerazione POSIZIONE: Sensori di posizione/velocità Potenziometro Trasformatore Lineare Differenziale (LDT) Encoder VELOCITA Dinamo tachimetrica ACCELERAZIONE Dinamo

Dettagli

CABLAGGI ED ISTRUZIONI DI UTILIZZO

CABLAGGI ED ISTRUZIONI DI UTILIZZO VALIDO PER MOD. DTCHARGE E 1000 CABLAGGI ED ISTRUZIONI DI UTILIZZO LEGGERE CON CURA IN OGNI SUA PARTE PRIMA DI ALIMENTARE TOGLIAMO IL COPERCHIO, COSA FARE?? Il DTWind monta alternatori tri fase. Ne consegue

Dettagli

Andiamo più a fondo nella conoscenza del Sistema Solare

Andiamo più a fondo nella conoscenza del Sistema Solare Andiamo più a fondo nella conoscenza del Sistema Solare Come abbiamo visto nelle pagine precedenti il Sistema Solare è un insieme di molti corpi celesti, diversi fra loro. La sua forma complessiva è quella

Dettagli

MINI-ESCAVATORE. ViO20-4. 2230/2335 kg. Call for Yanmar solutions

MINI-ESCAVATORE. ViO20-4. 2230/2335 kg. Call for Yanmar solutions MINI-ESCAVATORE 2230/2335 kg Call for Yanmar solutions COMPATTEZZA Il è un mini-escavatore con sporgenza posteriore realmente nulla. Il contrappeso e la parte posteriore del telaio superiore della macchina

Dettagli

ALPHA MED Quadri per applicazioni medicali

ALPHA MED Quadri per applicazioni medicali ALPHA MED Quadri per applicazioni medicali /2 Introduzione /5 Norme di riferimento e interruttori magnetotermici /6 Trasformatore d isolamento e di sicurezza / Controllore d isolamento e pannelli di controllo

Dettagli

Interruttori ABB per applicazioni in corrente continua

Interruttori ABB per applicazioni in corrente continua Settembre 2007 1SDC007104G0901 Interruttori ABB per applicazioni in corrente continua Interruttori ABB per applicazioni in corrente continua Indice 1 Introduzione... 2 2 Generalità sulla corrente continua...

Dettagli

Potenziale Elettrico. r A. Superfici Equipotenziali. independenza dal cammino. 4pe 0 r. Fisica II CdL Chimica

Potenziale Elettrico. r A. Superfici Equipotenziali. independenza dal cammino. 4pe 0 r. Fisica II CdL Chimica Potenziale Elettrico Q V 4pe 0 R Q 4pe 0 r C R R R r r B q B r A A independenza dal cammino Superfici Equipotenziali Due modi per analizzare i problemi Con le forze o i campi (vettori) per determinare

Dettagli