Incendi e Fotovoltaico

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Incendi e Fotovoltaico"

Transcript

1 Incendi e Fotovoltaico 1/129

2 Indice generale Introduzione Tecnologia Fotovoltaica Effetto Fotovoltaico Impianti Fotovoltaici Evoluzione Impianti Fotovoltaici Celle Fotovoltaiche Moduli Fotovoltaici Moduli Fotovoltaici Silicio Mono Poli/Cristallini Moduli Fotovoltaici Silicio Amorfo Moduli Fotovoltaici CIS Film sottile Moduli Fotovoltaici CIGS Film sottile Moduli Fotovoltaici CdTe Scatola di Giunzione (Junction Box) Connettori Solari Cavi Solari Quadri di Parallelo String Box Inverter Strutture Materiali impiegati: Geometrie impiegate Problematiche Criticità connettori Mismating (Accoppiamento errato) Esposizione Umidità e UV Criticità Pannelli Criticità Stesura cavi DC Umidità e UV Accumulo Cavi in canalette Accumulo Cavi in canalette Rendimento di trasformazione Energia Mismatching Problema Mismatching Intrinseco ENDOGENO Effetti del Mismatching Arco Elettrico PID Potential Induced Degradation, degradazione indotta da potenziale Normativa Normativa Italiana Normativa Tedesca DIN VDE VDE AR E Misure per l area in CC di un impianto fotovoltaico per il mantenimento della sicurezza elettrica in caso di lotta contro gli incendi o per la manutenzione Campo di applicazione Identificazione dell impianto e dei itinerario del CC del PV Misure di Installazione Generale Posa protetta contro gli incendi dei conduttori in CC nell edificio Posa del campo in CC dell impianto PV fuori dall edificio Posa resistente al fuoco e protetto contro il contatto dei conduttori CC del PV nell edificio Misure di Installazione Tecniche Impostazioni per interruttori, sezionatori o cortocircuitatori nel campo in CC di impianti fv Funzioni di base Funzione del segnale di autorizzazione /129

3 Dispositivi di interruzione di stringa o del generatore PV Dispositivi di cortocircuitazione di stringa o del generatore PV Dispositivi di scollegamento dei moduli PV Dispositivi di scollegamento dei moduli PV Impianti su superfici libere e parchi solari Utilizzo di un Inverter centrale (struttura centrale) Impiego di inverter di stringa (impianto distribuito) Sistemi di captazione impiego di inverter di stringa (impianto distribuito) Collegamento equipotenziale protezione fulmini e funzionale Impianti sui tetti Impianti su tetto: Edifici senza LPS esterno Impianti su tetto: Edifici con LPS esterno e sufficiente distanza di sicurezza Impianti su tetto: Edifici con LPS esterno senza sufficiente distanza di sicurezza Procedure di Intervento Linee Guida Comando VVFF di Trento Approfondimento Linee Guida PROTEM 622/ Rischio di caduta Rischio di crollo della struttura e di caduta dei pannelli Rischio di propagazione dell'incendio Rischio di inalazione di prodotti chimici pericolosi Rischio elettrici Osservazioni Foto Incendi Esperienza e Studio VVFF Monaco di Baviera Lab.BMU Esperimento 1: Misura delle correnti di dispersione attraverso il getto d'acqua Esperimento 2: Proprietà elettriche di indumenti protettivi Esperimento 3:: Linea di tensione conduttrice in acqua Rischio Elettrico Tetanizzazione Arresto della respirazione Fibrillazione ventricolare Ustioni Corrente elettrica e passaggio nel corpo umano: CEI Definizioni di carattere generale Impedenza elettrica del corpo umano Impedenza della pelle (Zs) Impedenza totale del corpo umano (ZT) Fattori che influenzano la resistenza iniziale del corpo umano (R0) Effetti della corrente continua Soglia di percezione e soglia di reazione Soglia di rilascio Soglia di fibrillazione ventricolare Altri effetti della corrente continua Valore della resistenza del corpo umano con corrente continua Valori di resistenza del corpo umano utilizzata per le prove Esperienza Modi estinzione incendi Comando VVFF Trento Prove con schiuma in uso per incendi di Classe A (CAFS) Prove con i Cartoni Prove con Gel Coprente Valori elettrotecnici con poca luminosità Prove in Notturna con APS Prove con ottimizzatori che cortocircuitano i pannelli ANALISI DELLA REAZIONE AL FUOCO DI PANNELLI FOTOVOLTAICI Bibliografia /129

4 Introduzione Questa dispensa nasce quale ausilio al WorkShop conoscenza degli aspetti costruttivi impiantistici e di rischio delle installazioni antincendio tenutosi al Comando dei Vigili del Fuoco di Parma il 30 e 31 Gennaio Il WorkShop si è articolato in due sessioni 1. Interna per i Vigili del Fuoco : focalizzata sulla conoscenza dell'impiantistica fotovoltaica e delle sue problematiche in caso di estinzione di incendio sia che sia causato dall'impianto sia che scaturisca da altre cause 2. Aperta agli Ordini Professionali: focalizzata sulla progettazione antincendio in presenza di impianti fotovoltaici, con strategie di progettazione innovative al fine non solo di ottemperare a norme e circolari, ma a maggior tutela della sicurezza del cliente, delle norme della sicurezza in luoghi di lavoro, di facilitazione intervento delle squadre di soccorso La dispensa ha avuto vari aggiornamenti a seguito della interazione con altri Comandi dei Vigili del Fuoco e della Fondazione Bottazzi. I 15 GWp installati in Italia in una fase speculativa dal 2006 al 2011, e soprattutto quelli nel primo periodo , non hanno avuto particolare attenzione per le problematiche di sicurezza e manutenzione, oltre ai materiali impiegati che, a causa della difficile reperibilità sul mercato per troppa domanda, non sempre si sono rivelati affidabili e sicuri. In questo momento storico, gli operatori del fotovoltaico in Italia sono concentrati su O&M degli impianti esistenti, dovendo intervenire anche pesantemente sugli iimpianti. Molte aziende con attività soggette al controllo dei Vigili del Fuoco debbono rinnovare il CPI ora SCIA con una complicazione in più, l'impianto fotovoltaico sul tetto. Alessandro Caraglio, Ingegnere, venticinquennale esperienza nei settori elettronico, automazione industriale, software di controllo di processo, energie rinnovabili, vincitore di vari premi dell innovazione, ha lavorato per grandi gruppi industriali e di servizio in ruoli di responsabilità. Divulgatore scientifico e tecnologico 4/129

5 1 Tecnologia Fotovoltaica 1.1 Effetto Fotovoltaico Nel 1839 il fisico francese Alexandre Edmond Becquerel osservò mentre effettuava esperimenti con le celle elettrolitiche che con maggiore esposizione alla luce aumentava la corrente fra anodo e catodo Illustrazione 1:Celle Elettrolitiche Nel 1873 L'ingegnere Inglese Willoughby Smith scoprì che un semiconduttore,il Selenio, era fotoconduttivo produceva cioè una corrente elettrica se esposto al sole, grazie a ciò nel 1883 l'inventore USA Charles Fritts realizzò la prima cella fotovoltaica. Nel 1887 lo scienziato tedesco Heinrich Hertz studiando la fotoconducibilità del materiali sottoposti a raggi ultravioletti osservò l'effetto fotoelettrico, fenomeno fisico caratterizzato dall'emissione di elettroni da una superficie (solidi metallici e non, liquid e gas) investita da una radiazione elettromagnetica (p.es. dal sole) di lunghezza d'onda corta ed ad alta frequenza (p.es. le radiazioni ultraviolette). Radiazione Elettromagnetica Elettroni Effetto Fotoelettrico Illustrazione 2: Effetto Fotoelettrico Nel 1905 Albert Einstein formalizza la teoria dell effetto fotoelettrico che gli valse il premio nobel del 1921 L'effetto fotovoltaico è una sottocategoria dell' effetto fotoelettrico, gli elettroni liberati restano all'interno del materiale è quindi un effetto fotoelettrico interno. 5/129

6 Alexandre Edmond Willoughby Charles Heinrich Becquerel Smith Fritts Hertz Albert Einstein Vari studi e brevetti si susseguono nel tempo, la prima applicazione di celle fotovoltaiche si ha con l'avvento dei satelliti, negli anni 50 del secolo scorso nei laboratori Bell in USA si producono le prime celle per attività spaziali. Nel 1963 Sharp inizia la commercializzazione dei primi pannelli fotovoltaici. Le celle fotovoltaiche sono composte da Semiconduttori, p.es. Silicio, i semiconduttori hanno proprietà intermedie fra i conduttori, p.es. I metalli, e gli isolanti. Per far condurre i semiconduttori occorre che l'energia delle radiazioni elettromagnetiche, p.es. dal sole, superi una soglia caratteristica detta GAP. Il semiconduttore è racchiuso da due strati di metallo a contatto che formano i due contatti uno positivo, contatto inferiore, ed uno negativo, contatto superiore uno fatto a griglia per consentire che le radiazioni elettromagnetiche incidano sul semiconduttore Radiazione Elettromagnetica Metallo Semiconduttore Metallo Elettroni Illustrazione 3: Effetto Fotovoltaico Solo una minima parte dell'energia dal sole viene trasformata in energia elettrica, Perdite Ottiche i fotoni (sono i pacchetti elementari di energia che formano la radiazione elettromagnetica) non contribuiscono tutti all'energia elettrica 24% fotoni sotto la soglia GAP e si disperdono 32% fotoni sopra la soglia GAP non producono elettricità ma dissipazione in calore 1% dei fotoni si riflette Perdite Elettriche 7% dell'enegia elettrica viene cortocircuitata all'interno della cella 5% degli elettroni si ricombina e non contribuisce alla generazione di elettricità 1% perdite resistive 14% solo una parte dell'energia acquisita dall'elettrone viene trasformata in elettricità 6/129

7 L'energia elettrica utile è del 16% Illustrazione 4: Spettro radiazione solare 1.2 Impianti Fotovoltaici Gli impianti fotovoltaici trasformano la luce del sole in energia elettrica, basandosi sull effetto fotovoltaico, cioè sulla capacità dei materiali semiconduttori (ad esempio il silicio) di produrre energia elettrica quando colpiti da radiazione luminosa. Illustrazione 5: Campo Fotovolatico I moduli fotovoltaici, un insieme di celle di materiale semiconduttore collegate tra loro per ottenere una unita' capace di generare energia elettrica quando e' colpita dalla luce solare. Il loro insieme costituisce il campo fotovoltaico. I componenti di un impianto Sono i seguenti: moduli fotovoltaici: costituiscono il generatore di energia elettrica vero e proprio, che converte la luce del sole in corrente elettrica continua. Possono essere disposti su un tetto piano o al suolo con una struttura di sostegno, su tetto a falda, oppure su strutture motorizzate che "inseguono" il sole per raccogliere piu' energia solare. 7/129

8 quadro di campo (in continua): alloggiamento gli organi di protezione e di sezionamento del lato in continua dell impianto. Esso puo' anche alimentare direttamente carichi in continua (ad esempio, una pompa elettrica). regolatore di carica: presente in caso di impianti stand alone, si occupa della carica delle batterie di accumulo dell'energia. batterie: accumulano l'energia da utilizzare per l'alimentazione dell'utenza isolata. Le batterie ricevono energia dal generatore fotovoltaico attraverso il regolatore di carica, ed inviano corrente continua all'inverter per la produzione di corrente alternata per il funzionamento dei consueti utilizzatori elettrici. inverter (convertitore DC/AC): e il convertitore da corrente continua ad alternata. Nel caso di sistemi grid connected si "aggancia" alla tensione della rete elettrica, in modo da poter collegare la sua uscita alla tensione della rete elettrica. contatore dell energia prodotta: i sistemi che aderiscono al conto energia devono avere il contatore che segnala quanta energia e prodotta dall impianto, la quale e remunerata interamente con la tariffa incentivante. quadro in alternata: contiene gli organi di manovra e protezione sul lato in alternata e l eventuale interfaccia con la rete elettrica (se non integrata nell inverter). contatore bi direzionale per il net metering: viene conteggiata l energia ceduta alla rete e quella assorbita dall utenza, in modo da poter eseguire l'opportuno rimborso della bolletta elettrica nel caso di contratto di Scambio sul Posto. quadro elettrico dell utenza e il classico quadro elettrico gia presente a valle del contatore dell energia elettrica in tutti gli impianti esistenti. Tipologie di impianto Le due tipologie di impianto normalmente utilizzate sono le seguenti: alimentazione diretta dell impianto elettrico dell utenza: Esso e' isolato dalla rete di distribuzione dell energia elettrica; in questo caso si parla di sistema "isolato" o "stand alone" ed e' presente un sistema di accumulo dell energia elettrica (batterie, per capirci) in modo da conservare l energia non consumata immediatamente ed usarla quando i moduli fotovoltaici non producono elettricità (di notte o quando piove). L impianto elettrico dell utenza può funzionare in parte in corrente continua, ma per la parte dell impianto che funziona normalmente in corrente alternata è necessario porre un interfaccia di conversione all uscita dei moduli fotovoltaici, detta "inverter". I sistemi "stand alone" non hanno partecipato all incentivo del "Conto Energia". 8/129

9 Illustrazione 6: Stand alone alimentazione dell impianto elettrico dell utenza in parallelo alla rete elettrica: in questo caso non ci sono batterie e l uscita dell inverter va collegata alla rete elettrica: l eccesso di energia prodotta istantaneamente dall'impianto fotovoltaico viene ceduta alla rete elettrica del distributore; in caso contrario, quando la potenza richiesta dall'utenza e' superiore alla produzione istantanea dell'impianto fotovoltaico, l impianto elettrico dell utente preleva energia dalla normale rete elettrica. I sistemi connessi alla rete o "grid connected" possono usufruire del "Conto Energia". Gli impianti possono avere uno schema monofase o trifase. La normativa permette un impianto monofase se il contratto di fornitura e' fino ai 6kW di potenza di picco. Al di sopra e' necessario un allacciamento trifase. Illustrazione 7: Grid Connected 9/129

10 Illustrazione 8: Grid Connected Monofase Illustrazione 9: Grid Connected Trifase Illustrazione 10: Stand Alone 10/129

11 1.3 Evoluzione Impianti Fotovoltaici pulsante di sgangio: la circolare ministeriale attualmente in essere prevede un pulsante di sgancio che seziona il compartimento edificio dai generatori fotovoltaici. Esso serve per mettere in sicurezza con una sola manovra l'intero impianto o una sua parte, ad es., un compartimento antincendio. Il comando di emergenza mette fuori tensione tutti i circuiti all'interno del compartimento antincendio compresi quelli alimentati dal generatore fotovoltaico. E' bene ricordare che: - 1. ogni inverter deve avere un dispositivo di sezionamento sotto carico sul lato c.c il generatore fotovoltaico rimane in tensione dopo l'apertura del dispositivo generale lato c.c quando manca la tensione di rete, si apre il dispositivo interfaccia e l'inverter va in stand bay Illustrazione 11: Pulsante di sgancio Come si nota dalla figura nella sezione a il comando di emergenza agisce sull'interruttore generale e toglie tensione all'inverter con conseguente apertura del dispositivo interfaccia. Nella sezione b il comando agisce sull'interruttore generale del compartimento antincendio e quindi tutti gli altri circuiti non interessati possono continuare a funzionare. 11/129

12 Illustrazione 12: Pulsante di sgancio Come si nota dalla figura, parte dell'impianto trovasi all'interno del compartimento controllato dal comando di emergenza.nella sezione a il comando interviene sull'interruttore generale dell'impianto con conseguente apertura del dispositivo interfaccia e la linea a valle dell'inverter è senza tensione.nella sezione b l'inverter è interno al compartimento per cui è necessario che il comando di emergenza agisca non solo sull'interruttore generale ma anche su un dispositivo di sezionamento a monte dell'inverter (lato c.c.) esterno al compartimento antincendio. Quindi oltre ai pulsanti di sgancio di altri impianti Illustrazione 13: Pulsanti di sgancio sarà presente anche un pulsante di sgancio per l'impianto fotovoltaico. 12/129

13 Illustrazione 14: Pulsante di sgancio Illustrazione 15: Pulsante di sgancio Dispositivo e protezione di interfaccia Esso può essere: a) un interruttore automatico idoneo al sezionamento b) un contattore con fusibili conforme alla norma EN idoneo al sezionamento Esso si deve aprire in caso di mancanza di tensione di rete oppure in seguito all'apertura dell'interruttore generale dell'impianto utilizzatore. Per questo motivo deve essere comandato da una bobina di sgancio a 13/129

14 mancanza di tensione che determina l'apertura del dispositivo sia in caso di intervento o guasto interno alle protezioni sia per mancanza dell'alimentazione au siliaria. Per potenze <= 6 kwp in monofase e <= 20 kwp in trifase è ammesso che la protezione interfaccia sia costituita dal sistema di controllo interno dell'inverter. Il dispositivo interfaccia deve essere unico anche in impianti con più inverter (per impianti fino a 20 kwp sono ammessi sino a tre DDI coincidenti con DG). In questi casi l'enel ammette che il DDI sia interno all'inverter, in caso contrario all'esterno. Illustrazione 16: Protezione Interfaccia PRESCRIZIONI La connessione degli impianti fotovoltaici alla rete pubblica : 1. può essere monofase fino a 6 kw 2. deve essere trifase per potenze superiori a 6 kw; se i generatori sono monofasi, la massima differenza di potenza tra le fasi non deve superare i 6 kw. Tra l'impianto fotovoltaico e la rete elettrica pubblica è richiesto un trasformatore a 50 Hz al fine di impedire l'immissione in rete di componenti continue della corrente. Questo trasformatore può essere interno o esterno all'inverter. Negli impianti con potenza fino a 20 kw, il trasformatore può essere sostituito da una protezione che apra il DDI per valori di componente continua >= 0.5% della massima corrente degli inverter dell'impianto fotovoltaico. L'ENEL richiede che l'inverter, la protezione di interfaccia e il DDI (se interno all'inverter) siano verificati e certificati da un organismo in possesso di certificazioni EN oppure EN/ISO/IEC in base alle prove eseguite da un laboratorio accreditato EA. ottimizzatori di potenza: si sta affermando una nuova tecnologia che consiste di convertitori DC/DC da frapporre fra Inverter e Pannello, per mediare le problematiche degli impianti di cui si tratterà di seguito, i pannelli non sono più in serie fra loro ma sono collegati ad un ottimizzatore che accoglie la corrente che normalmente andrebbe in dissipazione di calore. 14/129

15 Inoltre protegge da disturbi proveniente dagli inverter, con gli ottimizzatori si recupera energia che andrebbe dissipata in calore cambia l'architettura della stringa, per alcuni ottimizzatori se ne monta uno per pannello in altri uno ogni due pannelli 15/129

16 Illustrazione 17: Ottimizzatori microinverter: Il microinverter affronta le stesse problematiche che vengono risolte dall'ottimizatore di potenza. Ogni microinverter è collegato a uno o due moduli fotovoltaici inseguendo del punto di massima potenza (MPPT) controlla ciascun modulo fotovoltaico, quindi non è presente un inverter di stringa o centralizzato. I limiti del microinverter sono minor rendimento rispetto a inverter di stringa maggiore temperatura di esercizio troppi punti di immissione in rete (infatti una volta uscita la CEI 0 21 il mercato dei microinverter si è bloccato) troppi MPPT con rendimenti diversi funzionamento solo monofase 16/129

17 Illustrazione 18: Microinverter 1.4. Celle Fotovoltaiche Il Silicio è il materiale semiconduttore più utilizzato viene classificato in base a 1. Grado di purezza: Silicio di grado elettronico una parte di impurità per ogni 10 7 e oltre parti di Silicio Silicio di grado solare una parte di impurità per ogni parti di Silicio Silicio metallurgico una parte di impurità per ogni 10 4 parti di Silicio Il silicio di grado solare ha purezza minore di quello utilizzato nell'elettronica per cui l'industria delle celle solari utilizza silicio non utilizzabile delle industrie elettroniche. 2. Struttura molecolare: Monocristallina Policristallina Amorfa Le celle fotovoltaiche sono classificate secondo il tipo di struttura molecolare Celle fotovoltaiche: Monocristallina 17/129

18 Illustrazione 19: Cella Monocristallina Realizzate utilizzando un unico grande monocristallino, gli atomi hanno orientamento e legami uniformi. Le dimensioni tipiche sono 10 x 10 cm ed hanno hanno un rendimento tra il 15% e il 17%. Per avere la resa massima debbono essere in condizioni di orientamento ideale rispetto al sole. Policristallina Illustrazione 20: Cella Policristallina Realizzate con vari cristalli di silicio, gli atomi sono aggregati in piccoli monocristalli. Meno efficienti delle celle monocristalline hanno un rendimentoe tra il 12% e il 14%. Il colore tipico è il blu. In un orientamento non ottimale ma ancora buono le celle policristalline si comportano meglio delle monocristalline. Amorfa Illustrazione 21: Cella Amorfa Amorfo significa struttura non cristallina degli atomi di silicio. Gli atomi si comportano come in un fluido, hanno un orientamento casuale. Il rendimento è inferiore a quello del silicio cristallino e, tipicamente, varia tra 5% e 10%. L energia prodotta è maggiore in zone di zone con bassa insolazione e/o in presenza di pessimo orientamento rispetto alle celle basate su cristalli di silicio. 18/129

19 Celle non basate sul Silicio ma su leghe I moduli a film sottile CIS (Copper (=Rame), Indium (=Indio), Selenium (=Selenio) CuInSe2) sono composti da pellicole di una lega compatta di rame, indio e diselenide. moduli a film sottile CIGS (Copper (=Rame), Indium (=Indio), Selenium (=Selenio), Gallium (=Gallio)) sono composti da pellicole di una lega compatta di rame Indio Selenio e Gallio Le celle fotovoltaiche si caratterizzano con la curva I/V, la cui area sottesa rappresenta la potenza elettrica prodotta Illustrazione 22: Curva Pannello I/V Irradianza a T costante Punto di MPPT La massima potenza è l'area massima sottesa della curva La potenza di una cella fotovoltaica dipende da 1. Temperatura, maggiore è la temperatura minore è la produzione a parità di radiazione solare 2. Radiazione Solare, maggiore è la radiazione solare maggiore è la produzione a parità di temperatura 19/129

20 Illustrazione 23: Curva Pannello I/V T a Irradianza costante llustrazione 24: Curva Pannello I/V Irradianza a T costante 20/129

21 1.5. Moduli Fotovoltaici I moduli fotovoltaici sono il risultato dell'assemblaggio delle celle fotovoltaiche in serie e/o parallelo, se in serie la corrente uguale per tutte e tensione pari alla somma delle tensioni. llustrazione 25: Serie Celle Spesso un modulo è composto dal parallelo di 2 o 3 serie di celle, le tensioni del parallelo sono uguali mentre la corrente risultante è la somma delle correnti dalle serie di celle. 21/129

22 llustrazione 26: Parallelo/Serie Celle I moduli hanno un numero di celle che varia in base alla potenza di picco richiesta si va da 16 a 80 celle. Il modulo è composto dai collegamenti e da diodi di bypass, che hanno la funzione di proteggere il pannello/celle dalle correnti inverse. Infatti l'ombra o la copertura di un cella provoca che questa non produca più e la sua corrente si avvicini allo zero per cui la cella diventa un carico, si scalda ed assorbe insieme al carico la corrente prodotta dal modulo, mettendo in parallelo un diodo la cella viene esclusa dalla serie. I diodi di bypass non sono presenti uno per cella ma uno per serie di celle tipicamente uno ogni celle 22/129

23 llustrazione 27: Diodo di Bypass 23/129

24 1.6. Moduli Fotovoltaici Silicio Mono-Poli/Cristallini Nei pannelli mono e policristallini, quelli cioè più diffusi, le celle vengono assemblate fra uno strato superiore di vetro, un primo strato di EVA, (Acetato Vinil Etilenico),ed un secondo strato di EVA ed uno inferiore di materiale plastico (Tedlar)il tutto racchiuso in una cornice di alluminio. Illustrazione 28: Sezione Pannello Cristallino Illustrazione 29: Pannello Monocristallino llustrazione 30: Pannello Policristallino I 24/129

25 1.7. Moduli Fotovoltaici Silicio Amorfo Nei moduli in silicio amorfo il silicio, di tipo (a Si) appunto amorfo, infatti viene deposto uniformemente e in piccolissime quantità su superfici plastiche o vetrate, formando un unico film sottile o thin film dello spessore di qualche millesimo di millimetro. La colorazione è omogenea, nera o comunque scura, i moduli amorfi sono flessibili e leggeri, oltre ad avere uno spessore, telaio compreso, di pochi millimetri. Molto usati per la loro adattabilità architettonica vista la resa estetica molto interessante. Hanno un'efficienza ridotta rispetto ai pannelli mono/poli cristallini 5 8%, ed hanno un invecchiamento molto più veloce e significativo Illustrazione 31: Pannello Amorfo Illustrazione 32: Moduli a film sottile 1.8. Moduli Fotovoltaici CIS Film sottile I moduli a film sottile CIS (Copper (=Rame), Indium (=Indio), Selenium (=Selenio) CuInSe2) sono composti da pellicole di una lega compatta di rame, indio e diselenide. Le celle sono molto più grandi di quelle basate su silicio, ricoperte da un vetro trasparente temprato che oltre a far avere maggior potenza, aumenta la resistenza all'impatto e dai fenomeni atmosferici quali grandine, neve e ghiaccio. Con poca radiazione solare hanno ottime prestazioni e hanno tolleranza minima alle alte temperature. La particolare disposizione delle celle lunghe e molto sottili dei moduli CIS li rende più vantaggiosi dei moduli in silicio cristallino in situazioni di ombreggiamento parziale (nuvole, fogliame, guano, ecc).contrariamente ai moduli in silicio, i moduli CIS sono privi di saldature. La corrente viene prelevata attraverso 2 o 3 nastri conduttori e convogliata direttamente nella scatola di collegamento. Già durante il processo di fabbricazione le celle vengono collegate tra di loro in un blocco monolitico. I moduli fotovoltaici CIS di ultima generazione hanno un'efficienza che può arrivare al 12 13%, paragonabile a quella del silicio policristallino. Grazie alla particolare configurazione del materiale, la tecnologia Thin Film consente di ottenere pannelli CIS flessibili.per quanto riguarda le prestazioni nel tempo, il decremento di produzione negli anni di un modulo CIS è analogo a quello di un modulo cristallino, e cioè dopo 20 anni produce l'80% della potenza nominale 25/129

26 Illustrazione 33: Cella CIS Illustrazi one 34: Pannello CIS 1.9. Moduli Fotovoltaici CIGS Film sottile I moduli a film sottile CIGS (Copper (=Rame), Indium (=Indio), Selenium (=Selenio), Gallium (=Gallio)) sono composti da pellicole di una lega compatta di rame Indio Selenio e Gallio. Questi quattro materiali rendono le potenziali prestazioni delle CIGS molto più alte di ogni altro film sottile. Rispetto al CIS si aggiunge una piccola quantità di Gallio al CulnSe2 così che si copre l'intero spettro solare, che lo avvicina al massimo possibile di assorbimento delle radiazioni solari, aumentando di conseguenza la tensione e l'efficienza della cella fotovoltaica. Illustrazione 35: Strati cella CIGS 26/129

27 Illustrazione 36: Modulo CIGS Moduli Fotovoltaici CdTe I moduli CdTe (Telloruro di Cadmio) è capace di mutare l'energia solare in elettrica con una efficienza molto vicina a quella ottenibile dalle tecnologie basate sul silicio cristallino, ma sfruttando in questo caso solo l'1% del materiale richiesto dall'uso del Si. Altra caratteristica del CdTe è che questo risulti essere un semiconduttore a gap diretto, ovvero, nei moduli CdTe avviene un'assorbimento molto più efficiente di quanto non avvenga nel silicio. Inoltre l'elevato coefficiente di assorbimento per la luce visibile fa si che in una porzione piccolissima (si parla in termini di pochi milionesimi in metro) di spessore vengano assorbiti più del 90% dei fotoni incidenti.il CdTe assorbe l'energia della radiazione solare anche a bassa intensità e in condizioni di luce diffusa, e pertanto produce elettricità più efficientemente in situazioni di nuvolosità e nelle ore di alba e il tramonto, casi in cui di solito le celle tradizionali mostrano una netta riduzione di efficienza. Illustrazione 38: Cella a CdTe Illustrazione 37: Pannello CdTe 27/129

28 1.11. Scatola di Giunzione (Junction Box) La serie/parallelo delle celle confluisce in una scatola di giunzione o junction box da cui escono due cavi di tipo solare con due connettori di tipo solare uno per il positivo ed uno per il negativo. Nella junction box sono posizionati i diodi di bypass. La junction box è fissata al retro del pannello tramite silicone o biadesivo strutturale, sono ispezionabili. Esistono olte case costruttrici e molte versioni, Illustrazione 39: Scatola di Giunzione Illustrazione 40: Retro pannello con scatola di Giunzione 28/129

29 1.12. Connettori Solari I connettori fotovoltaici sono costituiti da connettore maschio connettore femmina su cui sono crimpati i cavi solari tipicamente de 4 o 6 mmq I connettori sono protetti ed isolati da protezione maschio protezione femmina possono essere montabili/smontabili o sono già stampati p.es. nel caso delle scatole di giunzione La norma europea EN (CEI 82 31) Connettori per sistemi fotovoltaici prescrizioni di sicurezza e prove,si applica ai connettori di classe II per tensioni comprese tra 120 V e 1000 V. L'arco elettrico in continua non può essere interrotto facilmente per cui i connettori non hanno potere di interruzione Secondo la norma EN non possono essere disinseriti sotto carico. Possono tuttavia essere manovrati sotto tensione (senza carico). 29/129

PROBLEMATICHE ESTINZIONE INCENDIO IN PRESENZA IMPIANTO FOTOVOLTAICO

PROBLEMATICHE ESTINZIONE INCENDIO IN PRESENZA IMPIANTO FOTOVOLTAICO PROBLEMATICHE ESTINZIONE INCENDIO IN PRESENZA IMPIANTO FOTOVOLTAICO 1. Introduzione Gli incendi in presenza di impianti fotovoltaici per la presenza di alte tensioni in continua, creano notevoli problematiche

Dettagli

IMPIANTI FOTOVOLTAICI PER LA PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA INSTALLATI SU EDIFICI

IMPIANTI FOTOVOLTAICI PER LA PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA INSTALLATI SU EDIFICI IMPIANTI FOTOVOLTAICI PER LA PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA INSTALLATI SU EDIFICI LINEE D INDIRIZZO PER LA VALUTAZIONE DEI RISCHI CORRELATI ALL INSTALLAZIONE DI IMPIANTI FOTOVOTAICI SU EDIFICI DESTINATI

Dettagli

Gli impianti fotovoltaici

Gli impianti fotovoltaici Gli impianti fotovoltaici 1. Principio di funzionamento Il principio di funzionamento dei pannelli fotovoltaici è detto "effetto fotovoltaico". L' effetto fotovoltaico si manifesta nel momento in cui una

Dettagli

INDICE. 1. Premessa e riferimenti legislativi e normativi pag. 2. 2. Descrizione dei sistemi pag. 3 2.1 Sistema edificio B2 pag. 3

INDICE. 1. Premessa e riferimenti legislativi e normativi pag. 2. 2. Descrizione dei sistemi pag. 3 2.1 Sistema edificio B2 pag. 3 INDICE 1. Premessa e riferimenti legislativi e normativi pag. 2 2. Descrizione dei sistemi pag. 3 2.1 Sistema edificio B2 pag. 3 2.1.1 Campo fotovoltaico pag. 3 2.1.2 Sezionatore pag. 4 2.1.3 Inverter

Dettagli

Gli impianti fotovoltaici

Gli impianti fotovoltaici Gli impianti fotovoltaici 1. Principio di funzionamento degli impianti fotovoltaici La tecnologia fotovoltaica permette di trasformare direttamente l energia solare incidente sulla superficie terrestre

Dettagli

Impianto fotovoltaico

Impianto fotovoltaico 16 16 Impianto fotovoltaico totalmente integrato kw Fornitura materiale per un sistema fotovoltaico trifase, completo di ogni accessorio, con potenza di picco pari a 15,96kWp. Costruito con numero 12 stringhe

Dettagli

Impianto fotovoltaico non integrato 1,5

Impianto fotovoltaico non integrato 1,5 Impianto fotovoltaico non integrato 1,5 kw Fornitura materiale per un sistema fotovoltaico monofase, completo di ogni accessorio, con potenza di picco pari a 1,52kWp. Costruito con numero 1 stringa di

Dettagli

Il pannello FV. Esempi di pannelli al. silicio amorfo di facile integrazione. Esempi di pannelli al. silicio cristallino 41

Il pannello FV. Esempi di pannelli al. silicio amorfo di facile integrazione. Esempi di pannelli al. silicio cristallino 41 Il pannello FV Esempi di pannelli al silicio amorfo di facile integrazione Esempi di pannelli al silicio cristallino 41 IL PANNELLO FV 42 Cassetta di terminazione posta sul retro del modulo tenuta stagna

Dettagli

Dati tecnici Technical data

Dati tecnici Technical data Dati tecnici Technical data i CAVI PER ENERGIA E SEGNALAMENTO SIGLE DI DESIGNAZIONE CEIUNEL 35011 SIMBOLI SIMBOLI RELATIVI ALLA NATURA E AL GRADO DI FLESSIBILITA' DEI CONDUTTORI A EF F FF R S SU U nessun

Dettagli

Introduzione ai sistemi fotovoltaici

Introduzione ai sistemi fotovoltaici Introduzione ai sistemi fotovoltaici Effetto fotovoltaico La conversione dell energia elettromagnetica proveniente dal sole in energia elettrica tramite l effetto fotovoltaico si basa sulle proprietà dei

Dettagli

ETA PROGETTI STUDIO ASSOCIATO

ETA PROGETTI STUDIO ASSOCIATO INDICE PREMESSA... 3 1 - DOCUMENTAZIONE DI PROGETTO... 3 2 - IMPIANTI PREVISTI... 3 3 DESCRIZIONE DELL IMPIANTO DI PRODUZIONE... 4 4 MODALITA DI ESECUZIONE DELL IMPIANTO ELETTRICO... 4 4.1) Tensione di

Dettagli

S.r.l. Commercio Ingrosso Cavi Elettrici. Cavi bassa tensione

S.r.l. Commercio Ingrosso Cavi Elettrici. Cavi bassa tensione S.r.l. Commercio Ingrosso Cavi Elettrici Cavi bassa tensione Cavo FG7R / FG7OR 0,6/1kV Cavi per energia e segnalazioni flessibili per posa fissa, isolati in HEPR di qualità G7, non propaganti l incendio

Dettagli

Criteri di progettazione elettrica di impianti gridconnected

Criteri di progettazione elettrica di impianti gridconnected Criteri di progettazione elettrica di impianti gridconnected Per quanto attiene gli impianti connessi alla rete elettrica, vengono qui presentati i criteri di progettazione elettrica dei principali componenti,

Dettagli

La radiazione solare che raggiunge il pianeta Terra può essere convertita in energia elettrica mediante:

La radiazione solare che raggiunge il pianeta Terra può essere convertita in energia elettrica mediante: La radiazione solare che raggiunge il pianeta Terra può essere convertita in energia elettrica mediante: - la conversione fotovoltaica, che permette la trasformazione diretta dell energia solare in elettricità

Dettagli

IL TRASPORTO E LA DISTRIBUZIONE DELL ENERGIA ELETTRICA. Livelli di tensione, linee elettriche cabine di trasformazione MT/BT cavi elettrici

IL TRASPORTO E LA DISTRIBUZIONE DELL ENERGIA ELETTRICA. Livelli di tensione, linee elettriche cabine di trasformazione MT/BT cavi elettrici IL TRASPORTO E LA DISTRIBUZIONE DELL ENERGIA ELETTRICA Livelli di tensione, linee elettriche cabine di trasformazione MT/BT cavi elettrici www.webalice.it/s.pollini 2 www.webalice.it/s.pollini 3 Componenti

Dettagli

Chilowattora (kwh) Unità di misura dell energia elettrica. Un chilowattora è l energia consumata in un ora da un apparecchio utilizzatore da 1 kw.

Chilowattora (kwh) Unità di misura dell energia elettrica. Un chilowattora è l energia consumata in un ora da un apparecchio utilizzatore da 1 kw. Acquirente unico (AU) Acquirente Unico è la società per azioni del gruppo Gestore dei Servizi Energetici GSE Spa, alla quale è affidato per legge il ruolo di garante della fornitura di energia elettrica

Dettagli

NUOVA COPERTURA DELL EDIFICIO BARATTA

NUOVA COPERTURA DELL EDIFICIO BARATTA NUOVA COPERTURA DELL EDIFICIO BARATTA Per individuare una soluzione alla copertura in eternit dell edificio in data 4 febbraio 2009 abbiamo potuto partecipare alla fiera made expo di Milano sull architettura

Dettagli

NOVITA GUIDA CEI 82-25 Relatore: Massimo Gamba Membro CEI CT 82

NOVITA GUIDA CEI 82-25 Relatore: Massimo Gamba Membro CEI CT 82 NOVITA GUIDA CEI 82-25 Relatore: Massimo Gamba Membro CEI CT 82 1 NOVITA GUIDA CEI 82-25 1. Novità normative: guida CEI 82-25 edizione settembre 2010 2. Novità tecniche: impianti fotovoltaici a concentrazione

Dettagli

COMUNE di SAN BASILE (Prov. di CS)

COMUNE di SAN BASILE (Prov. di CS) COMUNE di SAN BASILE (Prov. di CS) PROGETTO ESECUTIVO IMPIANTO FOTOVOLTAICO - A SERVIZIO della SEDE della SCUOLA ELEMENTARE CENTRO di Via CAVOUR - Progetto Cofinanziato dalla Linea di Intervento 2.1.1.1

Dettagli

Il sistema nervoso dell impianto elettrico. Scelta dei cavi negli impianti elettrici del residenziale e del terziario

Il sistema nervoso dell impianto elettrico. Scelta dei cavi negli impianti elettrici del residenziale e del terziario Il sistema nervoso dell impianto elettrico Scelta dei cavi negli impianti elettrici del residenziale e del terziario Il compito principale di un cavo è quello di trasportare l energia all interno di un

Dettagli

FAQ Conto Energia di GSE

FAQ Conto Energia di GSE FAQ CONTO ENERGIA Per Impianti fotovoltaici Come funziona praticamente il Conto Energia? Come già in altri paesi Europei, anche in Italia il Governo ha attua il piano di incentivi per favorire la realizzazione

Dettagli

MAZZA OSVALDO. Via Roma, 26/a 35010 Campo San Martino (PD) IMPIANTO FOTOVOLTAICO POTENZA 3,375 KWP GRID CONNECTED

MAZZA OSVALDO. Via Roma, 26/a 35010 Campo San Martino (PD) IMPIANTO FOTOVOLTAICO POTENZA 3,375 KWP GRID CONNECTED MAZZA OSVALDO Installazione e manutenzione impianti elettrici civili ed industriali Via Roma, 26/a 35010 Campo San Martino (PD) IMPIANTO FOTOVOLTAICO POTENZA 3,375 KWP GRID CONNECTED RELAZIONE TECNICA

Dettagli

Impianti fotovoltaici

Impianti fotovoltaici Impianti fotovoltaici Prof. Arch. Gianfranco Cellai Gli obblighi di legge A decorrere dal 1 gennaio 2009, nel regolamento edilizio, ai fini del rilascio del permesso di costruire, deve essere prevista,

Dettagli

Impianti fotovoltaici

Impianti fotovoltaici Impianti fotovoltaici Prof. Arch. Gianfranco Cellai Corso Fondazione Architetti di Firenze Gli obblighi di legge A decorrere dal 1 gennaio 2009, nel regolamento edilizio, ai fini del rilascio del permesso

Dettagli

ENERGIA SOLARE FOTOVOLTAICA MODULI MONOCRISTALLINI - SI-ESF-M-M156-60

ENERGIA SOLARE FOTOVOLTAICA MODULI MONOCRISTALLINI - SI-ESF-M-M156-60 Solar Innova utilizza materiali di ultima generazione per la fabbricazione dei suoi moduli fotovoltaici. I nostri moduli sono ideali per qualsiasi applicazione che utilizzi l'effetto fotoelettrico come

Dettagli

PRINCIPIO DI FUNZIONAMENTO DI UNA CELLA FOTOVOLTAICA

PRINCIPIO DI FUNZIONAMENTO DI UNA CELLA FOTOVOLTAICA PRINCIPIO DI FUNZIONAMENTO DI UNA CELLA FOTOVOLTAICA Una cella fotovoltaica è costituita da materiale semiconduttore opportunamente trattato in relazione alla struttura atomica e alla relativa conduzione

Dettagli

SPECIFICHE TECNICHE Moduli fotovoltaici. gruppo di conversione

SPECIFICHE TECNICHE Moduli fotovoltaici. gruppo di conversione GENERALITA Gli impianti previsti nel presente progetto dovranno complessivamente essere in grado di produrre non meno 200.000 kwh/anno. I siti individuati, in cui si prevede di installare i moduli, risultano

Dettagli

I cavi in media tensione

I cavi in media tensione I cavi in media tensione di Gianluigi Saveri Pubblicato il 22/03/2010 Aggiornato al: 01/03/2010 1 Generalità Un cavo elettrico (fig. 1) è essenzialmente costituito da uno o più conduttori isolati con continuità,

Dettagli

Come produrre energia elettrica

Come produrre energia elettrica Come produrre energia elettrica Il Solare Fotovoltaico e' una tecnologia che permette di utilizzazione l'energia dal sole per la produzione di energia elettrica. Un dispositivo fotovoltaico è, infatti,

Dettagli

L ENERGIA SOLARE PER LA SOSTENIBILITA DELL AMBIENTE

L ENERGIA SOLARE PER LA SOSTENIBILITA DELL AMBIENTE UNA SCELTA RAZIONALE PER RIDURRE I CONSUMI DI ENERGIA DA FONTE FOSSILE E ABBATTERE LE EMISSIONI INQUINANTI DEI GAS SERRA CO2 E NOX. L ENERGIA SOLARE PER LA SOSTENIBILITA DELL AMBIENTE A CURA DI ANTONIO

Dettagli

CORSO PROGETTISTI/INSTALLATORI

CORSO PROGETTISTI/INSTALLATORI CORSO PROGETTISTI/INSTALLATORI PARTE SECONDA POTENZA CONSUMATA E POTENZA IMMESSA IN RETE Impianti ad isola Impianti connessi in rete PARALLELO CON RETE ELETTRICA Potenza consumata e potenza immessa in

Dettagli

PROGETTO Relazione descrittiva

PROGETTO Relazione descrittiva PARCHEGGI PISCINA E CIMITERO COMUNE DI PEGOGNAGA PROVINCIA DI MANTOVA REGIONE LOMBARDIA PROGETTO Relazione descrittiva PER LA REALIZZAZIONE DI DUE IMPIANTI FOTOVOLTAICI DA 97,92 kwp CADAUNO DATA 12 aprile

Dettagli

PRIMO PREMIO Iniziative di sostenibilità

PRIMO PREMIO Iniziative di sostenibilità PRIMO PREMIO Iniziative di sostenibilità 1 2 3 Inclinazione ed esposizione: Molto importante sono pertanto l esposizione e l inclinazione del tetto rispetto all orizzontale dei moduli fotovoltaici: nella

Dettagli

IL FOTOVOLTAICO. Gualtieri Francesco Malinverno Christian Mazzi Matteo

IL FOTOVOLTAICO. Gualtieri Francesco Malinverno Christian Mazzi Matteo IL FOTOVOLTAICO di Gualtieri Francesco Malinverno Christian Mazzi Matteo Cos è il fotovoltaico? Il termine fotovoltaico è composto dalla parola greca phos (cioè luce ) e Volt, che è l unità di misura della

Dettagli

IMPIANTI FOTOVOLTAICI: Dal fotone alla realizzazione pratica

IMPIANTI FOTOVOLTAICI: Dal fotone alla realizzazione pratica IMPIANTI FOTOVOLTAICI: Dal fotone alla realizzazione pratica Per Ubisol srl: Ing. Mattia Fantini Ing. Matteo Sarti 14 Marzo 2012 Facoltà di Ingegneria di Cesena Sommario L energia Solare Modello a bande

Dettagli

CARATTERISTICHE INNOVATIVE ED ESCLUSIVE DEL MODULO DAY4 MC60 I, Intelligence:

CARATTERISTICHE INNOVATIVE ED ESCLUSIVE DEL MODULO DAY4 MC60 I, Intelligence: CARATTERISTICHE INNOVATIVE ED ESCLUSIVE DEL MODULO DAY4 MC60 I, Intelligence: ELECTRODE: trasferisce al modulo più elettricità rispetto alle celle tradizionali Le celle Day4 non hanno i bus- bar: infatti

Dettagli

Manuale installazione

Manuale installazione Manuale installazione Istruzioni per la sicurezza e l installazione dei Moduli Fotovoltaici AZM I moduli fotovoltaici di Azimut sono progettati per la produzione di energia elettrica continua dalla radiazione

Dettagli

PANNELLO FOTOVOLTAICO

PANNELLO FOTOVOLTAICO PANNELLO FOTOVOLTAICO 12.1 7.2007 Il pannello fotovoltaico Riello MFV è di tipo monocristallino, adatto alle applicazioni in cui si richieda in poco spazio elevata potenza. Cornice con 10 fori asolati,

Dettagli

Impianti Fotovoltaici

Impianti Fotovoltaici Impianti Fotovoltaici Indice Cos'è un impianto fotovoltaico... 2 Dove puo' essere installato... 5 Quanta elettricità produce... 6 Quanti anni puo funzionare... 7 Autorizzazioni per l installazione... 7

Dettagli

Cavi Tecsun INTEGRATED CABLING SOLUTIONS

Cavi Tecsun INTEGRATED CABLING SOLUTIONS Cavi Tecsun technergy INTEGRATED CABLING SOLUTIONS TM TECSUN Chi siamo Tecsun µ Il gruppo Prysmian è tra i leader mondiali nel settore dei cavi per l energia e per le telecomunicazioni e vanta un forte

Dettagli

a cura per. ind. Cesare de Oliva

a cura per. ind. Cesare de Oliva Federazione dei Corpi dei Vigili del Fuoco Volontari della Provincia Autonoma di Trento Trento, 15 APRILE 2011 L IMPIANTO FOTOVOLTAICO Collegio dei Periti Industriali e dei Periti Industriali Laureati

Dettagli

Ferrania Solis Srl Albenga 18 Dicembre 2009

Ferrania Solis Srl Albenga 18 Dicembre 2009 Ferrania Solis Srl Albenga 18 Dicembre 2009 Centro Regionale di Sperimentazione e Assistenza Agricola (CeRSSA) Energia solare Moduli fotovoltaici Impianti Stand alone Grid connected Le tecnoligie Silicio

Dettagli

REALIZZAZIONE DI UN IMPIANTO FOTOVOLTAICO CONNESSO ALLA RETE ELETTRICA DI DISTRIBUZIONE - POTENZA 7.35 KWp

REALIZZAZIONE DI UN IMPIANTO FOTOVOLTAICO CONNESSO ALLA RETE ELETTRICA DI DISTRIBUZIONE - POTENZA 7.35 KWp REALIZZAZIONE DI UN IMPIANTO FOTOVOLTAICO CONNESSO ALLA RETE ELETTRICA DI DISTRIBUZIONE - POTENZA 7.35 KWp 1. Premessa La presente relazione è allegata al progetto esecutivo di un impianto fotovoltaico

Dettagli

I SISTEMI SOLARI FOTOVOLTAICI

I SISTEMI SOLARI FOTOVOLTAICI QuickTime e un decompressore sono necessari per visualizzare quest'immagine. I SISTEMI SOLARI FOTOVOLTAICI CORSO INTRODUTTIVO IL SOLE FONTE DI ENERGIA Nel nucleo del sole avvengono incessantemente reazioni

Dettagli

fotovoltaico faq schede di consultazione

fotovoltaico faq schede di consultazione fotovoltaico faq schede di consultazione f o t o v o l t a i c o Cos è un impianto fotovoltaico? Un impianto fotovoltaico è un impianto che consente la produzione di energia elettrica attraverso l energia

Dettagli

COS'E' UN IMPIANTO FOTOVOLTAICO E COME FUNZIONA

COS'E' UN IMPIANTO FOTOVOLTAICO E COME FUNZIONA COS'E' UN IMPIANTO FOTOVOLTAICO E COME FUNZIONA Il principio di funzionamento: la cella fotovoltaica Le celle fotovoltaiche consentono di trasformare direttamente la radiazione solare in energia elettrica,

Dettagli

Tegola voltaik. Il tetto del futuro PREFA trasforma l energia pulita del sole in corrente elettrica per la tua casa

Tegola voltaik. Il tetto del futuro PREFA trasforma l energia pulita del sole in corrente elettrica per la tua casa Tegola voltaik NEW Il tetto del futuro PREFA trasforma l energia pulita del sole in corrente elettrica per la tua casa TEGOLA PREFA VOLTAIK PREFA, produttore di sistemi di coperture e facciate in alluminio,

Dettagli

IMPIANTI DI PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA MEDIANTE L USO DI PANNELLI FOTOVOLTAICI

IMPIANTI DI PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA MEDIANTE L USO DI PANNELLI FOTOVOLTAICI SELITECH IMPIANTI DI PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA MEDIANTE L USO DI PANNELLI FOTOVOLTAICI Agosto 2012 L energia prodotta da un impianto fotovoltaico dipende dalla quantità di energia solare che incide

Dettagli

Moduli Fotovoltaici. Conergy PowerPlus serie P

Moduli Fotovoltaici. Conergy PowerPlus serie P Moduli Fotovoltaici Conergy PowerPlus serie P Modulo fotovoltaico di dimensioni 1.651 986 46 mm costituito da 60 celle in silicio policristallino ciascuna collegata in serie alla successiva tramite 3 contatti

Dettagli

Cavi energia e segnalamento Cables for energy transmission and signaling

Cavi energia e segnalamento Cables for energy transmission and signaling Cavi energia e segnalamento Cables for energy transmission and signaling CAVI CMANDI E SEGNALAMENT F-300/500V CAVI PE CMANDI E SEGNALAMENT ISLATI E GUAINATI IN PVC NPI 2x0,50 5,8 2x1,00 6,6 3x0,50 6 3x1,00

Dettagli

2. TIPOLOGIA DI ALLACCIO DELL IMPIANTO FV ALLA UTENZA

2. TIPOLOGIA DI ALLACCIO DELL IMPIANTO FV ALLA UTENZA 1. OGGETTO La presente relazione tecnica ha per oggetto il progetto relativo alla realizzazione di un impianto fotovoltaico. Tale impianto ha lo scopo di generare energia elettrica mediante la conversione

Dettagli

ILLUMINAZIONE ZONA TECNICA RELAZIONE TECNICO DESCRITTIVA 1. PREMESSA

ILLUMINAZIONE ZONA TECNICA RELAZIONE TECNICO DESCRITTIVA 1. PREMESSA ILLUMINAZIONE ZONA TECNICA RELAZIONE TECNICO DESCRITTIVA 1. PREMESSA Oggetto della presente relazione è la progettazione relativa all illuminazione di servizio e di emergenza della zona tecnica della piscina

Dettagli

Scelta dei cavi per il fotovoltaico

Scelta dei cavi per il fotovoltaico Scelta dei cavi per il fotovoltaico Pubblicato il 23/01/2012 Aggiornato al: 23/01/2012 di Gianluigi Saveri 1 Introduzione Le condizioni ambientali particolarmente gravose, tipiche dei luoghi di installazione

Dettagli

ASSESSORATO ALLE ATTIVITA PRODUTTIVE SPECIFICA TECNICA DI FORNITURA

ASSESSORATO ALLE ATTIVITA PRODUTTIVE SPECIFICA TECNICA DI FORNITURA ALLEAGATO A1 SPECIFICA TECNICA DI FORNITURA PER LA REALIZZAZIONE DI IMPIANTI FOTOVOLTAICI DI POTENZA NOMINALE NON SUPERIORE A 20 kw CONNESSI ALLA RETE SCOPO Lo scopo della presente specifica è quello di

Dettagli

IL FOTOVOLTAICO COME FONTE ALTERNATIVA DI ENERGIA ELETTRICA

IL FOTOVOLTAICO COME FONTE ALTERNATIVA DI ENERGIA ELETTRICA IL FOTOVOLTAICO COME FONTE ALTERNATIVA DI ENERGIA ELETTRICA L Unione Europea si sta impegnando per stimolare la penetrazione delle tecnologie di energia rinnovabile e di efficienza energetica. In questi

Dettagli

Il solare fotovoltaico

Il solare fotovoltaico Il solare fotovoltaico Energia dal Sole L'energia solare è pulita non solo l'energia solare si può convertire in altre forme senza produrre inquinanti ma, anche la fabbricazione dei materiali che costituiscono

Dettagli

ASPETTI NORMATIVI E DI PROGETTAZIONE

ASPETTI NORMATIVI E DI PROGETTAZIONE Seminario Tecnico GLI IMPIANTI FOTOVOLTAICI Novità legislative (nuovo conto energia), problematiche tecniche, problematiche di installazione, rapporti con gli Enti ASPETTI NORMATIVI E DI PROGETTAZIONE

Dettagli

Glossario per impianti fotovoltaici

Glossario per impianti fotovoltaici Glossario per impianti fotovoltaici A ALBEDO: Rifrazione della luce solare prodotta dall ambiente circostante. L'albedo massima è 1, quando tutta la luce incidente viene riflessa. L'albedo minima è 0,

Dettagli

Sistemi di protezione per impianti fotovoltaici.... per portare energia

Sistemi di protezione per impianti fotovoltaici.... per portare energia Sistemi di protezione per impianti fotovoltaici... per portare energia Introduzione alla protezione del fotovoltaico Soluzioni di protezione da sovratensioni Arnocanali Ai terminali degli organi elettromeccanici

Dettagli

1. PREMESSA 2. NORMATIVA DI RIFERIMENTO

1. PREMESSA 2. NORMATIVA DI RIFERIMENTO 1. PREMESSA Il presente progetto prevede la realizzazione di un impianto fotovoltaico connesso in rete della potenza di 19.68 kwp da installare sulla copertura del CIMITERO Comunale di Misano Gera D Adda.

Dettagli

Provincia di Olbia Tempio Attività di formazione inerenti le energie rinnovabili e l efficienza energetica. Marcello Antinucci antinucci@ecuba.

Provincia di Olbia Tempio Attività di formazione inerenti le energie rinnovabili e l efficienza energetica. Marcello Antinucci antinucci@ecuba. Provincia di Olbia Tempio Attività di formazione inerenti le energie rinnovabili e l efficienza energetica Marcello Antinucci antinucci@ecuba.it www.ecuba.it Decreto Legislativo 29 dicembre 2003, n. 387

Dettagli

IMPIANTO FOTOVOLTAICO INDICE

IMPIANTO FOTOVOLTAICO INDICE IMPIANTO FOTOVOLTAICO INDICE Documentazione fotografica Inquadramento urbanistico Relazione tecnica Pianta copertura Analisi dei prezzi Computo metrico estimativo Elenco prezzi Incidenza della manodopera

Dettagli

FOTOVOLTAICO FOTOVOLTAICO

FOTOVOLTAICO FOTOVOLTAICO 284 KIT 3 kw 285 KIT 6 kw 286 KIT 10 kw 287 KIT 20 kw KIT 280 Il fotovoltaico Fondital propone oggi gli strumenti per contribuire, con una energia amica della natura, a raggiungere gli ambiziosi obiettivi

Dettagli

Foglio dati tecnici VITOVOLT VITOVOLT. Vitovolt 100 Tipo RA1, RB1. Vitovolt 200 Tipo RE2, RF2. Vitovolt 200 Tipo SC2, SD2, SE2, SF2

Foglio dati tecnici VITOVOLT VITOVOLT. Vitovolt 100 Tipo RA1, RB1. Vitovolt 200 Tipo RE2, RF2. Vitovolt 200 Tipo SC2, SD2, SE2, SF2 VITOVOLT Sistemi fotovoltaici Foglio dati tecnici VITOVOLT Vitovolt 100 Tipo RA1, RB1 Vitovolt 200 Tipo RE2, RF2 Vitovolt 200 Tipo SC2, SD2, SE2, SF2 Moduli fotovoltaici per la produzione di energia elettrica

Dettagli

Energenia sponsorizza eventi a favore della bioagricoltura e dello sport per ragazzi

Energenia sponsorizza eventi a favore della bioagricoltura e dello sport per ragazzi Energenia sponsorizza eventi a favore della bioagricoltura e dello sport per ragazzi Via Positano 21, 70014 Conversano (BA) Tel.080 2141618 Fax 080 4952302 WWW.ENERGENIA.NET www.energenia.net 1 EDUCARSI

Dettagli

Si compongono di : Lato DC

Si compongono di : Lato DC Centralini di Campo precablati per DC e AC Monofase e Trifase Quadro di campo comprensivo di cablaggio lato DC e lato AC verso inverter e contatore ENEL. CENTRALINO ISL - CABUR DC Inverter Monofase / Trifase

Dettagli

ENERGIA SOLARE FOTOVOLTAICA MODULI POLICRISTALLINI - SI-ESF-M-P210-260W

ENERGIA SOLARE FOTOVOLTAICA MODULI POLICRISTALLINI - SI-ESF-M-P210-260W Solar Innova utilizza materiali di ultima generazione per la fabbricazione dei suoi moduli fotovoltaici. I nostri moduli sono ideali per qualsiasi applicazione che utilizzi l'effetto fotoelettrico come

Dettagli

Comune di: Provincia di: Oggetto:

Comune di: Provincia di: Oggetto: Manuale d'uso Comune di: Provincia di: Oggetto: Corigliano Calabro Cosenza LAVORI DI RIPRISTINO E DI ADEGUAMENTO NORMATIVO DELL'IMPIANTO D'ILLUMINAZIONE AREE PORTUALI E DI ALIMENTAZIONE SEGNALAMENTI MARITTIMI

Dettagli

Room 2005 Zhongshang Building No.100 HongKong Middle Road Qingdao China code 266071 tel 008653285891039 e-mail: fazio@cinaservizi.

Room 2005 Zhongshang Building No.100 HongKong Middle Road Qingdao China code 266071 tel 008653285891039 e-mail: fazio@cinaservizi. Qingdao VERSOEST International MODULI FOTOVOLTAICI FLESSIBILI a- Si 2012 Intensità relativa Qingdao VERSOEST International Nel settore del fotovoltaico oggi il costo di acquisto del sistema si aggira intorno

Dettagli

Guida per l installazione degli impianti fotovoltaici

Guida per l installazione degli impianti fotovoltaici Prescrizioni di prevenzione incendi per attività ove sono installati pannelli fotovoltaici 1 CONTENUTI DELLA GUIDA PREMESSA CAMPO DI APPLICAZIONE REQUISITI TECNICI CARATTERISTICHE DOCUMENTAZIONE VERIFICHE

Dettagli

PALAZZETTO DELLO SPORT

PALAZZETTO DELLO SPORT 95 Grand Street, third floor, New York 10013 NY - USA Phone +1 (212) 334 3062 - Fax +1 (212) 334 3898 Via Ripamonti 44, 20141 Milano (MI) - ITALIA Tel. +39.02.36520482 - Fax +39.02.36643432 PALAZZETTO

Dettagli

Fotovoltaico. Tutto quello che devi sapere sul fotovoltaico

Fotovoltaico. Tutto quello che devi sapere sul fotovoltaico Fotovoltaico Tutto quello che devi sapere sul fotovoltaico La superficie del sole,( con un volume di 1.300.000 volte quello della terra), ha una temperatura intorno ai 5500 C, e irradia nello spazio energia

Dettagli

Energia Solare Fotovoltaica Sezione 4 Gli organi di manovra

Energia Solare Fotovoltaica Sezione 4 Gli organi di manovra Energia Solare Fotovoltaica Sezione 4 Gli organi di manovra Corso di ENERGETICA A.A. 2014/2015 Docente: Prof. Renato Ricci Dipartimento di Ingegneria Industriale e Scienze Matematiche Definizioni (2) Gli

Dettagli

Il futuro dell Energia è nel sole e nelle fonti rinnovabili. Energ-etica trasforma l energia del sole in risparmio sicuro

Il futuro dell Energia è nel sole e nelle fonti rinnovabili. Energ-etica trasforma l energia del sole in risparmio sicuro Che cos è un impianto fotovoltaico? Un impianto fotovoltaico è un impianto che utilizza l energia solare per produrre energia elettrica attraverso un principio fisico chiamato effetto fotovoltaico. L effetto

Dettagli

ALLEGATO C MODULO SISTEMI FOTOVOLTAICI ORE 80. Descrizione analitica degli obiettivi specifici

ALLEGATO C MODULO SISTEMI FOTOVOLTAICI ORE 80. Descrizione analitica degli obiettivi specifici ALLEGATO C ASSESSORATO DEL LAVORO, FORMAZIONE PROFESSIONALE, COOP. E SIC. SOCIALE MODULO SISTEMI FOTOVOLTAICI ORE 80 Descrizione analitica degli obiettivi specifici Conoscere il panorama energetico generale

Dettagli

L installazione delle insegne luminose e delle lampade a scarica con tensione superiore a 1 kv

L installazione delle insegne luminose e delle lampade a scarica con tensione superiore a 1 kv 1 L installazione delle insegne luminose e delle lampade a scarica con tensione superiore a 1 kv La Norma CEI EN 50107 ( entrata in vigore nel settembre del 1999 e classificata come 34-86) fornisce i criteri

Dettagli

ALLEGATO A: La tecnologica fotovoltaica

ALLEGATO A: La tecnologica fotovoltaica ALLEGATO A: La tecnologica fotovoltaica A. 1 La radiazione solare La radiazione solare è definita come l energia elettromagnetica emessa dal sole. All'interno del sole, a temperature di alcuni milioni

Dettagli

Leggi e Decreti D.P.R. 27 aprile 1955, n. 547 Norme per la prevenzione degli infortuni sul lavoro

Leggi e Decreti D.P.R. 27 aprile 1955, n. 547 Norme per la prevenzione degli infortuni sul lavoro Leggi, Deliberazioni e Norme per la progettazione elettrica di impianti fotovoltaici Leggi e Decreti D.P.R. 27 aprile 1955, n. 547 Norme per la prevenzione degli infortuni sul lavoro Legge 1 marzo 1968,

Dettagli

DATI GENERALI DELL IMPIANTO SITO DI INSTALLAZIONE

DATI GENERALI DELL IMPIANTO SITO DI INSTALLAZIONE DATI GENERALI DELL IMPIANTO L impianto fotovoltaico risulta esistente e funzionante, dovranno solo essere tolti i pannelli come indicato nei documenti planimetrici, le strutture di sostegno dei pannelli

Dettagli

Guida al fotovoltaico

Guida al fotovoltaico Guida al fotovoltaico MEDIOCREDITO ITALIANO PRESIDIO SETTORI SPECIALISTICI Desk Energy SOMMARIO 1. LE TECNOLOGIE DEL FOTOVOLTAICO... 3 GLI IMPIANTI FOTOVOLTAICI... 3 IL DIMENSIONAMENTO DI UN IMPIANTO...

Dettagli

PROGETTO SCUOLA. IMPIANTO FOTOVOLTAICO DA 85,10 KWp RELAZIONE TECNICA

PROGETTO SCUOLA. IMPIANTO FOTOVOLTAICO DA 85,10 KWp RELAZIONE TECNICA 1 PROGETTO SCUOLA IMPIANTO FOTOVOLTAICO DA 85,10 KWp RELAZIONE TECNICA COMMITTENTE : COMUNE DI BOBBIO PIAZZA SANTA CHIARA, 2 29022 BOBBIO (PC) 1 GRAZIA MARIACONCETTA PERAZZO (Ingegnere civile,idraulico,sanitario,geometra)

Dettagli

I supporti dei sistemi fotovoltaici

I supporti dei sistemi fotovoltaici I supporti per il montaggio dei moduli Su tetto a falda: retrofit e integrazione A terra o su tetti piani: vasche, supporti metallici, Girasole, Gazebo A parete: frangisole, in verticale Sistemi retrofit

Dettagli

Impianti Fotovoltaici

Impianti Fotovoltaici Impianti Fotovoltaici Gianluca Gatto Università degli Studi di Cagliari Dipartimento di ingegneria Elettrica ed Elettronica 1 INDICE Impiego dell energia solare Effetto fotovoltaico Tipologie Impianti

Dettagli

Energia Solare Fotovoltaica

Energia Solare Fotovoltaica Energia Solare Fotovoltaica Sezione 5 Il Progetto di un impianto fotovoltaico Corso di ENERGETICA A.A. 011/01 Docente: Prof. Renato Ricci Dipartimento di Ingegneria Industriale e Scienze Matematiche Dati

Dettagli

PROGETTO PRELIMINARE IMPIANTO FOTOVOLTAICO, MASSANO 3, RELAZIONE TECNICA

PROGETTO PRELIMINARE IMPIANTO FOTOVOLTAICO, MASSANO 3, RELAZIONE TECNICA REGIONE PIEMONTE PROVINCIA DI CUNEO COMUNE DI PIANFEI PROGETTO PRELIMINARE IMPIANTO FOTOVOLTAICO, MASSANO 3, RELAZIONE TECNICA Committente: Massano srl Via Circonvallazione, 3-12040 Montanera (CN) Italy

Dettagli

Ecoroof Solar. Speciale tecnico

Ecoroof Solar. Speciale tecnico Circa la metà dell energia dell intero pianeta è prodotta con fonti combustibili fossili non rinnovabili e causa principale delle emissioni di CO2 in atmosfera. L accordo di Kyoto ha stabilito che almeno

Dettagli

Modello generico di un impianto fotovoltaico

Modello generico di un impianto fotovoltaico Dr. Fabio Belluomo Modello generico di un impianto fotovoltaico IL FOTOVOLTAICO Produzione di energia elettrica pulita attraverso fonte rinnovabile (Sole) disponibile in abbondanza nella nostra Sicilia.

Dettagli

IMPIANTI FOTOVOLTAICI IN CONTO ENERGIA

IMPIANTI FOTOVOLTAICI IN CONTO ENERGIA IMPIANTI FOTOVOLTAICI IN CONTO ENERGIA Un impianto solare fotovoltaico consente di trasformare l energia solare in energia elettrica. Non va confuso con un impianto solare termico, che è sostanzialmente

Dettagli

Giunta Regionale della Campania

Giunta Regionale della Campania Decreto Dirigenziale n. 460 del 17 ottobre 2005 Giunta Regionale della Campania Programma tetti fotovoltaici. Approvazione ed emanazione del secondo bando regionale. Affidamento dell'attuazione alle amministrazioni

Dettagli

SPECIFICA TECNICA DI FORNITURA

SPECIFICA TECNICA DI FORNITURA Allegato 6 SPECIFICA TECNICA DI FORNITURA PER LA REALIZZAZIONE DI SISTEMI FOTOVOLTAICI DI POTENZA NOMINALE NON SUPERIORE A 20 kw CONNESSI ALLA RETE PREMESA Ai fini della corretta interpretazione della

Dettagli

LA PROGETTAZIONE DI IMPIANTI FOTOVOLTAICI DI PICCOLA TAGLIA

LA PROGETTAZIONE DI IMPIANTI FOTOVOLTAICI DI PICCOLA TAGLIA ENERGIA LA PROGETTAZIONE DI IMPIANTI FOTOVOLTAICI DI PICCOLA TAGLIA Ing. Andrea Cantoro Ordine degli Ingegneri della Provincia di Bologna 28 settembre 2006 Definizione La progettazione di un impianto fotovoltaico

Dettagli

DESIGNAZIONE DEI LAVORI. LAVORI A MISURA IMPIANTO FOTOVOLTAICO VILLETTA 2 Campo 1 LAVORI E FORNITURE SITO

DESIGNAZIONE DEI LAVORI. LAVORI A MISURA IMPIANTO FOTOVOLTAICO VILLETTA 2 Campo 1 LAVORI E FORNITURE SITO RIPORTO 1 FV.001a LAVORI A MISURA IMPIANTO FOTOVOLTAICO VILLETTA 2 Campo 1 LAVORI E FORNITURE SITO OPERE EDILI DI SCAVI E STRADE - Realizzazione di scavi per il livellamento, la sistemazione del terreno,

Dettagli

SPECIFICA TECNICA DI FORNITURA. PER LA REALIZZAZIONE DI IMPIANTI FOTOVOLTAICI DI POTENZA NOMINALE NON SUPERIORE A 20 kw CONNESSI ALLA RETE

SPECIFICA TECNICA DI FORNITURA. PER LA REALIZZAZIONE DI IMPIANTI FOTOVOLTAICI DI POTENZA NOMINALE NON SUPERIORE A 20 kw CONNESSI ALLA RETE SPECIFICA TECNICA DI FORNITURA PER LA REALIZZAZIONE DI IMPIANTI FOTOVOLTAICI DI POTENZA NOMINALE NON SUPERIORE A 20 kw CONNESSI ALLA RETE SCOPO Lo scopo della presente specifica è quello di fornire le

Dettagli

Il presente documento ha lo scopo di fornire una panoramica di queste due applicazioni. Pagina 1 di 7

Il presente documento ha lo scopo di fornire una panoramica di queste due applicazioni. Pagina 1 di 7 IMPIANTI FOTOVOLTAICI Un impianto fotovoltaico è un impianto per la produzione di energia elettrica. La tecnologia fotovoltaica permette di trasformare direttamente l energia solare incidente sulla superficie

Dettagli

Quanto dura un impianto? La durata di un impianto è di 25 anni.

Quanto dura un impianto? La durata di un impianto è di 25 anni. f o t o v o l t a i c o Cos è un impianto fotovoltaico? Un impianto fotovoltaico è un impianto che consente la produzione di energia elettrica attraverso l energia solare, sfruttando le proprietà di materiali

Dettagli

00 AB-SOLAR GROUP 01 FOTOVOLTAICO - COMPONENTI 02 FOTOVOLTAICO - REALIZZAZIONI 03 FOTOVOLTAICO - GLI INCENTIVI 04 FOTOVOLTAICO - MANUTENZIONE 05

00 AB-SOLAR GROUP 01 FOTOVOLTAICO - COMPONENTI 02 FOTOVOLTAICO - REALIZZAZIONI 03 FOTOVOLTAICO - GLI INCENTIVI 04 FOTOVOLTAICO - MANUTENZIONE 05 00 AB-SOLAR GROUP 01 FOTOVOLTAICO - COMPONENTI 02 FOTOVOLTAICO - REALIZZAZIONI 03 FOTOVOLTAICO - GLI INCENTIVI 04 FOTOVOLTAICO - MANUTENZIONE 05 RISPARMIO ENERGETICO: a) DOMOTICA b) ILLUMINAZIONE A LED

Dettagli

IMPIANTI SOLARI TERMICI E FOTOVOLTAICI PER GRUPPI D ACQUISTO ED IMPIANTI A

IMPIANTI SOLARI TERMICI E FOTOVOLTAICI PER GRUPPI D ACQUISTO ED IMPIANTI A IMPIANTI SOLARI TERMICI E FOTOVOLTAICI PER GRUPPI D ACQUISTO ED IMPIANTI A COSTO ZEROPERENTILOCALI ENTI LOCALI, INDUSTRIA E AGRICOLTURA Relatore: Lara Tredici, System Tollinger Italia Srl IMPIANTI SOLARI

Dettagli