Classe seconda sezione

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Classe seconda sezione"

Transcript

1 I.T.I.S. E. MATTEI - SONDIO Area di progetto Classe seconda sezione Alunni: Bardea Fabio, Bertolini affaele, Branchini Carlo, Camer Pesci Alessandro, Cicuto Davide, Colombini Gabriele, Credaro Davide, Cuturic Gabriel, De Giambattista oberta, De Giovanetti Gloria, De Maron Margherita, Della Bona Davide, Faitelli Massimo, Fanchi Maikl, Fiorese Davide, Folladori Simona., Parolini Mara, Parolo Simone, Patané Lorenzo, Pedrazzi Paolo, icetti Matteo, oncaioli Davide, Simonini Alex, Simonini Davide Insegnanti: Dioli Paola, Fasani Marco, Giudes Fabio, Pezzoli enata, Quadrio Giacomo Anno Scolastico

2 SOMMAIO SOMMAIO... 2 IASSUNTO...3 ABSTACT...5 CENNI TEOICI... 6 Circuito elettrico...6 Carica elettrica...7 Intensità di corrente...8 Differenza di potenziale...8 Potenza...9 endimento...9 La prima legge di Ohm...0 La seconda legge di Ohm...2 Collegamenti in serie...6 Collegamenti in parallelo...7 IL CICUITO DELLA VILLETTA...9 Descrizione...9 Schema elettrico...22 Misure elettriche...23 isoluzione teorica del circuito...26 VALUTAZIONE FINALE

3 IASSUNTO Durante la classe seconda del corso di studi dell istituto tecnico industriale, nell ambito della materia Fisica e laboratorio si affronta lo studio delle leggi elementari che riguardano semplici circuiti elettrici: prima e seconda legge di Ohm, leggi dei collegamenti in serie ed in parallelo, legge di Joule. In particolare vengono trattati circuiti in corrente continua contenenti utilizzatori di tipo ohmico, quali lampadine ad incandescenza e resistori impiegati in apparecchi per la produzione di acqua calda. Questi dispositivi sono utilizzati anche nelle nostre abitazioni civili, anche se vengono normalmente alimentati con corrente alternata. In questa area di progetto è stata costruito un modellino di villetta in scala :0 in cui è stato installato un semplice impianto elettrico per l illuminazione dei locali e la produzione di acqua calda. 3

4 In questa area di progetto è stata costruito un modellino di villetta in scala :0 in cui è stato installato un semplice impianto elettrico per l illuminazione dei locali e la produzione di acqua calda. Gli utilizzatori sono tutti stati collegati in parallelo. È stato anche inserita una luminaria natalizia in modo da mostrare un esempio di collegamento in serie. Il circuito è alimentato in corrente continua e bassa tensione in modo da non presentare alcun problema di sicurezza. Essendo di natura esclusivamente didattica, non ha la pretesa di riprodurre un reale impianto civile, ma consente di individuarne alcuni elementi essenziali, di comprendere le loro caratteristiche ed il loro funzionamento. Attraverso il circuito sono inoltre state eseguite alcune misurazioni di grandezze fisiche ed il loro valore è stato confrontato con quelli ricavabile mediante un analisi teorica. Il risultato di questo confronto ha evidenziato differenze generalmente inferiori al 3%, molto basse per misure effettuate in un laboratorio didattico, probabilmente determinate dall imprecisione delle misure. 4

5 ABSTACT All school year round at I.T.I.S. Mattei, during phisics classes, students study the elementary laws about simple circuits, the first and second law of Ohm, the laws of connections in series and in parallel and the law of Joule. In particular direct current circuits containing Ohm type users are treated; for example incandescent bulbs (lamps) and resistors used in water heaters. These devices are also used in our houses even if they are usually fed by an alternating current. In the project carried out by the class 2ª E, a model of a small house in scale :0 was developed and there a simple electric system was placed to light the rooms and heat water. The users were all connected in parallel. Christmas illumination were placed to show one series connection. The circuit is fed by direct current and at a low voltage so that there is no security problems. The work doesn t want to reproduce a real system but it lets the students identify some of the main elements with their features and understand how the equipment work. The testing of phisical quantities has been done by the students of the class and their values have been compared with the theoritical ones. The risult of the comparison has shown differences generally less than 3%, very low considering that the measurement has been done in a didactic lab and with not very accurate measuring. 5

6 CENNI TEOICI CICUITO ELETTICO Il circuito base è costituito soltanto da un generatore di tensione, un utilizzatore e alcuni cavetti di connessione. Ciascuno di questi elementi viene convenzionalmente rappresentato con un simbolo: GENEATOE: (ad esempio pila, dinamo, alternatore) che ha il compito di produrre energia elettrica convertendola da un altra forma di energia (chimica per la pila, cinetica per gli altri due). Generatore di tensione continua: Generatore di tensione continua dotato di potenziometro per la regolazione UTILIZZATOE: (lampadina, resistore di uno scaldaacqua e di una stufetta elettrica) elemento che trasforma l energia elettrica in altre forme (termica e radiante) FILI CONDUTTOI: hanno il compito di mettere in contatto il generatore e gli utilizzatori. Dopo aver realizzato un circuito elettrico la lampadina si accende e resta accesa. Se gli elementi del circuito costituiscono una catena che disegna un percorso chiuso il circuito è detto chiuso e la corrente circola. Se stacchiamo un filo conduttore da un polo del generatore la corrente si interrompe il circuito è detto aperto. Per aprire e chiudere un circuito possiamo utilizzare un INTEUTTOE. Interruttore chiuso Interruttore aperto 6

7 Nell impianto del nostro modellino, per accendere e spegnere la lampadina di una camera da letto, abbiamo anche posizionato due DEVIATOI. Questi consentono di agire sulla lampada in due punti diversi della stanza. Il loro funzionamento è spiegato nello schema illustrativo. Deviatore chiuso Deviatore aperto Nel caso di deviatore chiuso agendo su un qualunque pulsante si ottiene l apertura del circuito. Viceversa nel caso di deviatore aperto si ottiene la chiusura. CAICA ELETTICA Gli atomi sono costituiti da un nucleo formato da protoni e neutroni attorno al quale ruotano gli elettroni disposti su strati detti orbitali. In alcuni atomi tutti gli elettroni sono fortemente legati al nucleo; gli elettroni di questi atomi possono essere spostati dal loro nucleo solo con grande spesa di energia. I materiali costituiti da atomi di questo tipo sono detti isolanti. In altri atomi ci sono uno o due elettroni debolmente legati al nucleo. Già alla temperatura ambiente, l agitazione molecolare fa sì che questi elettroni si stacchino dal loro nucleo e vaghino per il reticolo cristallino. Questi elettroni possono essere condotti, spendendo poca energia, da un punto ad un altro dell oggetto. I materiali formati da atomi di questo tipo sono detti conduttori metallici. Normalmente un conduttore metallico si presenta quindi come un aggregato di ioni positivi, immersi in una nube di elettroni di conduzione negativi che vagano disordinatamente nel materiale. Mentre gli ioni positivi del reticolo cristallino continua ad oscillare attorno ad una posizione di equilibrio, fornendo adeguatamente una qualche forma di energia è possibile creare un punto di attrazione e uno di repulsione per gli elettroni di conduzione, cosicché essi si muovano tutti in una direzione privilegiata. Un flusso ordinato di cariche elettriche è detto corrente elettrica. L energia elettrica viene fornita agli elettroni da un generatore di tensione. Esso è un dispositivo provvisto di due poli uno negativo e uno positivo che attraggono e respingono le 7

8 cariche. Si dice anche che un generatore di tensione crea un campo elettrico cioè una zona in cui le cariche elettriche sono soggette all azione di forze elettriche. Una corrente elettrica può essere instaurato all interno di un metallo, ma anche in una soluzione salina. Mettendo un qualunque sale in acqua, esso si dissocia in ioni positivi e negativi (ad esempio il sale da cucina si dissocia in ioni positivi Na + e ioni negativi Cl ). In questo caso inserendo i due poli di un generatore si ha una migrazione di cariche positive verso il polo negativo e una di cariche negative verso il polo positivo. Per ragioni storiche il verso della corrente si assume dal polo positivo a quello negativo del generatore. Nei conduttori metallici, le cariche in moto sono elettroni di conduzione che quindi fanno un percorso inverso. INTENSITÀ DI COENTE Un conduttore percorso da corrente tende sempre a riscaldarsi(effetto termico della corrente). Ci sono però altri modi per rilevare una corrente, ad esempio: un ago magnetico posto vicino a una bobina percorsa da corrente subisce una deviazione come se fosse posto vicino a una calamita(effetto magnetico della corrente). Inoltre facendo passare corrente in una soluzione salina si può innescare una reazione chimica(effetto chimico della corrente).i diversi effetti della corrente possono essere usati per interpretarne il comportamento. Essi ci suggeriscono l idea che la corrente possa essere più o meno intensa. Per misurare la corrente che attraversa un circuito la luminosità di una lampadina è un criterio poco efficace.è meglio quindi ricorrere agli altri effetti della corrente. Oggi l unità di misura dell intensità di corrente è definita per mezzo dell effetto magnetico. L unità di misura così definita si chiama Ampere.Nel sistema internazionale l intensità di corrente è considerata una grandezza fondamentale. Lo strumento che,sfruttando l effetto magnetico, misura l intensità di corrente che lo attraversa è l amperometro. DIFFEENZA DI POTENZIALE Per creare punti di attrazione e di repulsione atti a creare una corrente elettrica è necessario fornire energia. Ciò viene fatto solitamente tramite un generatore di tensione o di differenza di potenziale (d.d.p.). La d.d.p. misura l energia che una carica di valore unitario assorbe dal generatore o cede ad un utilizzatore. 8

9 In un conduttore circola corrente solo se la tensione ai suoi capi non è nulla. Il compito del generatore è quello di mantenere la d.d.p. agli estremi del circuito, in modo che la corrente possa circolare continuamente, realizzando così un processo stazionario e non solo transitorio. L unità di misura della d.d.p. è il VOLT [V]; si ha l unità di Volt quando ogni carica di COULOMB [C] trasferisce un JOULE [J] di energia. Il generatore mantiene la d.d.p. ai capi del circuito, provocando un aumento del potenziale. Gli utilizzatori, che assorbono ognuno una determinata energia, provocando una caduta di potenziale tra i loro estremi: V E q Possiamo pensare di equiparare il generatore ad un ascensore che solleva degli oggetti. Mentre però l ascensore fornisce energia potenziale gravitazionale ad una massa, il generatore di tensione fornisce energia potenziale elettrica ad una carica elettrica. Il potenziale corrisponde alla quota raggiunta dall oggetto sollevato, mentre la tensione o differenza di potenziale corrisponde al dislivello compiuto dall oggetto sollevato. POTENZA La potenza è la quantità di lavoro fornito in un unità di tempo. L unità di misura della potenza è il Watt [W], determinata dal rapporto tra l energia utile [J] e il tempo [s]. P = E t Naturalmente il generatore fornisce potenza alle cariche elettriche, mentre un utilizzatore assorbe dalla linea elettrica l energia e quindi la potenza e la converte in forma utile. Per un generatore si avrà quindi la potenza prodotta P p, mentre per un utilizzatore si parlerà di potenza assorbita P a e di potenza resa in forma utile P u. ENDIMENTO In ogni circuito sono presenti dispersioni di potenza dovuti alla trasformazione dell energia elettrica in energia termica. 9

10 Si definisce quindi rendimento di un circuito il rapporto tra l energia assorbita E a e quella utile E u. Eu E a Esprimendo l energia come prodotto della potenza per il tempo di utilizzo, la formula del rendimento può anche essere scritta per la potenza: Pu t Pu P t P a a Essendo un rapporto tra grandezze omogenee il rendimento è un numero che non ha unità di misura. Nessun circuito può avere rendimento maggiore di (00%). Lo scopo di una stufetta elettrica è quello di riscaldare l ambiente e quindi l energia assorbita anche se dispersa verrà comunque computata tra l energia utilizzata. Il rendimento di una stufetta elettrica si avvicina quindi a uno. Come sappiamo le lampadine ad incandescenza si scaldano molto, ma questo non è lo scopo per cui sono utilizzate. Una lampadina invece riesce a convertire in energia luminosa solo il 3% circa dell energia assorbita da un generatore; essa ha pertanto un rendimento del 3%. In uno scalda acqua il rendimento può essere vicino all ottanta per cento. LA PIMA LEGGE DI OHM Questa legge descrive la relazione esistente tra la tensione applicata ai cavi dell utilizzatore e l intensità di corrente che lo attraversa. La nostra classe ha realizzato un esperienza pratica per ricavare questa legge sperimentalmente. Come si procede Per cominciare bisogna montare un circuito dove si distinguono un generatore di corrente, un utilizzatore chiamato resistenza (anche se questa è una sua proprietà) un interruttore, un amperometro e un voltmetro. Schema elettrico 0

11 Con il voltmetro(v) si misura la tensione agli estremi dell utilizzatore. L amperometro misura l intensità di corrente che attraversa l utilizzatore. Chiudiamo il circuito e gli elettroni si mettono in movimento, si spingono l uno contro l altro come avviene nel gioco del domino. La corrente arriva fino ai capi dell utilizzatore, e va quasi tutta nell utilizzatore, perché il voltmetro ha un basso assorbimento di corrente. La piccola corrente assorbita dal voltmetro non è misurabile, dunque ciò introduce un piccolo errore sistematico in questa esperienza. Schema di montaggio dell attrezzatura = Generatore di corrente 2 = Amperometro 3 = Base per connessioni 4 = Voltmetro Simboli V = tensione ai capi dell utilizzatore

12 I = intensità di corrente da cui è attraversato l utilizzatore Dati n V(V) I(A) V/I V/I 2 V. I Grafico 6 5 d.d.p. (V) , 0,2 0,3 0,4 0,5 0,6 I (A) Conclusioni Tra intensità e corrente c è una proporzionalità diretta =V/I. viene chiamata la resistenza dell utilizzatore, in quanto si può osservare che al crescere di questo paramentro e a parità di tensione si ha una corrente più piccola, quindi una maggiore resistenza all avanzamento delle cariche elettriche; si misura in V/A = OHM. L espressione trovata può essere riscritta in questo modo V = I che prende il nome di PIMA LEGGE DI OHM. La resistenza è dovuta agli urti degli elettroni contro il reticolo cristallino della resistenza. LA SECONDA LEGGE DI OHM Per studiare la seconda legge di Ohm abbiamo eseguito un esperienza pratica i cui scopi consistevano nello studiare alcune grandezze che influenzano il valore della resistenza di un conduttore. La resistenza è una proprietà caratteristica di un conduttore, dovuta agli urti che le cariche subiscono contro gli ioni del reticolo cristallino dello stesso conduttore che attraversano. Abbiamo ipotizzato che la resistenza dipenda: 2

13 - dalla lunghezza del conduttore, (aumentando la lunghezza del conduttore infatti aumentano gli urti degli elettroni contro il reticolo ionico); - dalla sezione del conduttore, (collegando due fili uguali ai poli di un generatore si fornisce la possibilità di transito al doppio degli elettroni e quindi la resistenza si dimezza); - dal materiale costituente il conduttore (materiali differenti hanno reticoli cristallini differenti e quindi si possono verificare rallentamenti dovuti agli urti differenti). Abbiamo montato un circuito come indicato nel seguente schema elettrico: Sono riconoscibili un generatore di corrente variabile, una resistenza costituita da un filo metallico su cui può scorrere una pinza a coccodrillo, un amperometro, un voltmetro e una resistenza z aggiuntiva il cui scopo è di limitare l intensità di corrente nel circuito. ª IPOTESI: la lunghezza del conduttore influenza il valore della sua resistenza. Sono state eseguite le seguenti misurazioni: n L V I /L L /L 2 (m) (V) (A) () (/m) ( m) (/m 2 ),00 2,3 0, ,75,80 0, , ,50,2 0,20 6, 2 3, 2,4 4 0,25 0,704 0,23 3, 2 0,8 50 Osservando i risultati si nota che tra resistenza e lunghezza di un conduttore vi è proporzionalità diretta, descritta dalla formula: = K L Per analizzare la 2ª IPOTESI è stata apportata una variante al circuito iniziale: sono stati collegati due fili ai morsetti ed eseguite le seguenti misurazioni su un filo di lunghezza metro, in modo che il valore di e K risultino numericamente uguali: n S (m 2 ) V (V) I (A) K (/m) K/S (/m mm 2 ) K S ( mm 2 /m) K/S 2 (K/mmm 2 ) 3

14 0,6 2,39 0, ,9 0,47 2 0,32 2,40 0,40 6 9,9 0,06 Attraverso i dati raccolti si è verificato che tra resistenza e sezione vi è una proporzionalità inversa, descritta dalla formula: K S = costante Tale costante prende il nome di resistività ed è solitamente indicata dalla lettera : rappresenta la resistenza di un materiale conduttore di lunghezza e sezione unitarie. L unità di misura della resistività è mm 2 /m. Si ricava quindi K = /S. Inserendo questo risultato nella formula determinata precedentemente si ricava la seconda legge di Ohm: Se viene raddoppiata la sezione il valore della resistenza diventa la metà di quello iniziale, mentre se viene raddoppiato il diametro del filo conduttore (supposto a sezione circolare), la sezione risulta quadruplicata e la resistenza divisa per quattro. Infine è stata dimostrata la 3ª IPOTESI: il materiale di un conduttore influenza la sua resistenza. Ecco i risultati ottenuti con due fili di lunghezza un metro. L S Materiale S V I K K S (m 2 ) (V) (A) (/m) ( mm 2 /m) Nichel Cromo 0,20 2,6 0,40 5,4, Costantana 0,20,20 0,46 2,6 0,52 Ecco, per esempio, la resistività di alcuni materiali ricavata dai manuali: MATEIALE ( mm 2 /m) Costantana (Nichel + rame) 0,49 Nichel cromo,0 Argento 0,06 ame 0,07 Alluminio 0,028 Platino 0,0 4

15 Ferro 0,3 Acciaio 0,8 Confrontando i valori trovati nel nostro laboratorio con quelli ricavabili dai manuali si nota una certa verosimiglianza. 5

16 COLLEGAMENTI IN SEIE Due o più utilizzatori sono collegati in serie se attraversati dalla stessa intensità di corrente: I = I = I 2 In un circuito con una pila e più lampadine collegate in serie tutti gli elementi sono attraversati dalla stessa corrente, poiché essa può percorrere un unica strada. Quindi se svitiamo una lampadina si spegne anche l altra perché il circuito si apre. La d.d.p. ai capi del generatore si ripartisce tra gli utilizzatori. V = V V 2 È ora possibile ricavare la resistenza equivalente dell intero collegamento: eq I = I + 2 I 2 eq I = ( + 2 ) I eq = + 2 La resistenza equivalente di più conduttori in serie è uguale alla somma delle resistenze dei singoli conduttori. Ogni conduttore, quindi, contribuisce con la sua resistenza a ostacolare il cammino della corrente: la resistenza totale tende ad aumentare al crescere del numero dei conduttori collegati in serie. Prendiamo in considerazione un circuito composto da due lampadine collegate in serie ad una pila. L energia fornita dalla pila deve essere suddivisa tra le due lampadine. È per questo che la luminosità di due lampadine collegate in serie è minore di quella dell unica lampadina del circuito base. Se colleghiamo in serie due pile, invece, la luminosità della lampadina aumenta fino a quasi raddoppiare. 6

17 COLLEGAMENTI IN PAALLELO Due o più utilizzatori sono collegati in parallelo se alimentati dalla stessa tensione. Proprietà dei collegamenti in parallelo V = V V 2 L energia per unità di carica trasferita a due o più utilizzatori collegati in parallelo è uguale ed equivale a quella trasferita dal generatore. Osservando lo schema risulta evidente che la corrente che attraversa l intero collegamento è pari alla somma delle correnti circolanti in ciascun utilizzare: I = I + I 2 In un circuito con una pila e più lampadine collegate in parallelo l intensità di corrente si suddivide negli utilizzatori: la somma delle intensità di corrente che attraversano ciascun utilizzatore nell unità di tempo è uguale all intensità di corrente che attraversa il generatore. I due rami del collegamento sono indipendenti. Se svitiamo una lampadina l altra rimane accesa perché la corrente ha ancora la possibilità di percorrere un circuito chiuso. È ora possibile ricavare la resistenza equivalente dell intero collegamento: V eq V V 2 2 eq 2 Si ha quindi che la resistenza di un sistema di conduttori in parallelo è il reciproco della somma dei reciproci delle resistenze dei singoli conduttori. La formula mostra come la resistenza equivalente sia sempre minore della più piccola delle resistenze dei singoli conduttori collegati in parallelo. Prendiamo in considerazione un circuito composto da due lampadine collegate in parallelo ad una pila. 7

18 La corrente si suddivide tra le due lampadine mentre l energia fornita dal generatore è fra loro condivisa: la loro luminosità appare uguale a quella della lampadina del circuito base. Anche se colleghiamo due pile in parallelo la luminosità della lampadina rimane più o meno la stessa di quella che la stessa lampadina avrebbe nel circuito base. 8

19 IL CICUITO DELLA VILLETTA DESCIZIONE Il modellino della villetta è stato costruito su indicazioni degli insegnanti grazie alla collaborazione degli aiutanti tecnici dell istituto. Come si può osservare sulla pianta allegata a fondo testo è costituita da un ingresso comunicante con la sala, una cucina, un disimpegno notte, due camere, un bagno. Il modellino della villetta è stato costruito su indicazioni degli insegnanti grazie alla collaborazione degli aiutanti tecnici dell istituto. In ogni locale è stata collocata una lampadina per l illuminazione, comandata da un interruttore. Nella camera grande abbiamo collocato due deviatori, dispositivi che consentono di accendere o spegnere una lampadina da due punti diversi. In bagno è stato disposto uno scaldaacqua elettrico. In sala è stato disposta una presa di corrente cui è stato collegato un albero di Natale con le luci. Tutti gli utilizzatori sono 9

20 collegati in parallelo come in una normale abitazione in modo da potere funzionare autonomamente. La villetta è costituita da un ingresso comunicante con la sala, una cucina, un disimpegno notte, due camere, un bagno. Le luci dell albero di Natale, come nelle realtà, sono invece collegate in serie; nella realtà ciò permette di usare lampade funzionanti a tensioni più basse e di avere consumi ridotti. Ai capi di ogni utilizzatore sono state poste due boccole in modo da poter misurare la tensione alle estremità dell utilizzatore stesso mediante un voltmetro inserito in parallelo. 20

21 Si è inoltre interrotto uno dei due fili di collegamento di un utilizzatore e i due capi scoperti sono stati dotati di boccole in modo da potere inserire un amperometro in serie con l utilizzatore e misurare l intensità di corrente assorbita. Il circuito è stato alimentato con tensione continua di valore 2 V. La bassa tensione è stata utilizzata per ragioni di sicurezza. La bassa tensione è stata utilizzata per ragioni di sicurezza. 2

22 SCHEMA ELETTICO 6 7 G CUCINA 2-CAMEA PICCOLA 3-BAGNO 4-CAMEA GANDE (con deviatore) 5-SALA 6-0 ALBEO DI NATALE I collegamenti in parallelo consentono di fare uso degli utilizzatori singolarmente. Se anche una lampadina viene tolta le altre possono funzionare ugualmente. Nei collegamenti in serie invece quando una lampadina viene tolta, oppure si brucia, le altre smettono di funzionare. Tale collegamento non consente di usare gli utilizzatori singolarmente, ma solamente tutti insieme. Esso è usato nelle luminarie degli alberi di Natale perché è richiesto che le lampadine funzionino simultaneamente, assorbendo però poca energia, in quanto la tensione totale di alimentazione si suddivide tra tutte le lampade della luminaria. 22

23 MISUE ELETTICHE Albero di Natale Per ogni lampadina dell albero di Natale sono state misurate la tensione e l intensità di corrente. Ciò ha permesso di determinare la resistenza di ogni lampada e la potenza assorbita. Sono state inoltre misurati i valori ai capi dell albero intero e riportati nella riga relativa all utilizzatore equivalente. I valori misurati sono stati confrontati con quelli che derivano dal calcolo teorico: In sala è stato disposta una presa di corrente cui è stato collegato un albero di Natale con le luci. 23

24 I 6 = I 7 = I 8 = I 9 = I 0 = I eq V eq = V 6 + V 7 + V 8 + V 9 + V 0 eq = LAMPADINA I (A) V (V) () P(W) ,2 0,2 0,2 0,2 0,2 2,3 2,3 2,5 2,5 2, ,28 0,28 0,30 0,30 0,29 UTILIZZATOE EQUIVALENTE 0,2 2, 00,50 VALOE MISUATO UTILIZZATOE EQUIVALENTE 0,2 2,0 00,45 VALOE TEOICO DIFFEENZA 0% 0,8% 0% 3% Conclusioni Come ci si aspettava la tensione totale si divide in parti uguali sui vari utilizzatori. Ogni utilizzatore assorbe una potenza uguale a quella degli altri. La resistenza equivalente misurata corrisponde a quella teorica. Le lampade fanno poca luce perché ricevono una bassa potenza di circa 0,3 W. 24

25 Circuito della villetta Anche per ogni utilizzatore sono state misurate la tensione e l intensità di corrente. Ciò ha permesso di determinare la resistenza di ogni lampada e la potenza assorbita. L albero di Natale è stato questa volta trattato come un unico utilizzatore. Sono state inoltre misurati i valori ai capi dell intero circuito e riportati nella riga relativa all utilizzatore equivalente. I valori misurati sono stati confrontati con quelli che derivano dal calcolo teorico: V = V 2 = V 3 = V 4 = V 5 = V albero = V eq eq = albero eq albero N DESCIZIONE I (A) V(V) () P (W) CUCINA CAMEA P. BAGNO CAMEA G. SALA ALBEO 0,30 0,3,67 0,30 0,30 0,2 2 2, , , ,6 3,6 9,7 3,6 3,6,45 UTILIZZATOE EQUIVALENTE 2,99 2 4, 35,9 VALOE MISUATO UTILIZZATOE EQUIVALENTE 3,0 2 4,0 35,7 VALOE TEOICO DIFFEENZA 0,3% 0% 2,5% 0,6% Conclusioni: I valori misurati e quelli teorici corrispondono. Le lampadine sono più luminose perché assorbono una potenza molto maggiore, in quanto tensione e corrente sono maggiori. Si è notato che tutte le lampade utilizzate (per l illuminazione e per l albero di Natale) sono uguali all apparenza. In effetti lo sono anche se la loro resistenza misurata non è la stessa. Il fatto è che ove passa più corrente (illuminazione) le lampade si scaldano di più. La resistenza delle lampadine dipende dalla temperatura a cui esse si trovano. 25

26 ISOLUZIONE TEOICA DEL CICUITO La soluzione teorica inizia con la semplificazione del circuito sostituendo gli utilizzatori in serie ed in parallelo con i loro equivalenti. 26

27 Dati: = 2 V =40 =7 2 =20 Soluzione: eq eq 2eq eqtot eq eq 2eq eqtot 4, 0 Le correnti circolanti negli utilizzatori hanno intensità: I eq I I I 2 3 eqtot, 2, 7 0, 2 2 Le tensioni ai capi degli utilizzatori valgono: V tot I 40 0,3 2V V tot 7,7, 9V V tot 00 0,2 2V V 2 V n 2 2tot lampadinaalbero 2, 4 lampadine 5 I valori teorici ricavati corrispondono a quelli misurati. V 27

28 VALUTAZIONE FINALE Con un area di progetto si costruisce qualcosa insieme. Ciò che si realizza è a mio avviso non sempre fondamentale, soprattutto quando lo scopo principale è quello di condividere percorsi, fatiche e soddisfazioni con la consapevolezza di avere contribuito, il grado non è mia intenzione valutarlo, a costruire il futuro. Chissà se qualcuno di questi giovani mi inviterà un giorno a prendere il te in una villa come questa, magari col tetto Giacomo Quadrio Studio di inserimento ambientale della villetta Se faccio capisco. Con questo tipo d esperienza si è potuto capire una serie di cose mirate a fare raggiungere la maturazione degli studenti. Gli aspetti teorici delle discipline didattiche sembrano sotto un certo punto di vista astratti e difficili d'apprendere, ma nel momento in cui si può verificare con le varie esperienze pratiche la loro validità e applicabilità, quegli stessi concetti appaiono alla mente più chiari e più facili da ricordare. 28

29 Inoltre è importante capire che in ambito scientifico si devono rispettare rigorosamente tutte le fasi di un processo, fare massima attenzione agli strumenti, saperli leggere con precisione, avere una certa dimestichezza in questi campi. Per raggiungere questi scopi è stato basilare per il lavoro degli alunni un particolare spirito di gruppo : esso ha permesso, infatti, una crescita anche dal punto di vista sociale ed umano. Il lavoro d equipe è stato caratterizzato dalla costante partecipazione di tutti, alimentata dall entusiasmo di una classe produttiva e creativa. SI INGAZIANO PE LA LIMITATA COLLABOAZIONE I DOCENTI QUADIO GIACOMO E GIUDES FABIO. Classe 2 E - I.T.I.S. E. Mattei - Sondrio - a.s

LA CORRENTE ELETTRICA Prof. Erasmo Modica erasmo@galois.it

LA CORRENTE ELETTRICA Prof. Erasmo Modica erasmo@galois.it LA CORRENTE ELETTRICA Prof. Erasmo Modica erasmo@galois.it L INTENSITÀ DELLA CORRENTE ELETTRICA Consideriamo una lampadina inserita in un circuito elettrico costituito da fili metallici ed un interruttore.

Dettagli

Unità 12. La corrente elettrica

Unità 12. La corrente elettrica Unità 12 La corrente elettrica L elettricità risiede nell atomo Modello dell atomo: al centro c è il nucleo formato da protoni e neutroni ben legati tra di loro; in orbita intorno al nucleo si trovano

Dettagli

Corrente elettrica. Esempio LA CORRENTE ELETTRICA CONTINUA. Cos è la corrente elettrica? Definizione di intensità di corrente elettrica

Corrente elettrica. Esempio LA CORRENTE ELETTRICA CONTINUA. Cos è la corrente elettrica? Definizione di intensità di corrente elettrica Corrente elettrica LA CORRENTE ELETTRICA CONTINUA Cos è la corrente elettrica? La corrente elettrica è un flusso di elettroni che si spostano dentro un conduttore dal polo negativo verso il polo positivo

Dettagli

Inizia presentazione

Inizia presentazione Inizia presentazione Che si misura in ampère può essere generata In simboli A da pile dal movimento di spire conduttrici all interno di campi magnetici come per esempio nelle dinamo e negli alternatori

Dettagli

Visione d insieme DOMANDE E RISPOSTE SULL UNITÀ

Visione d insieme DOMANDE E RISPOSTE SULL UNITÀ Visione d insieme DOMANDE E RISPOSTE SULL UNITÀ Che cos è la corrente elettrica? Nei conduttori metallici la corrente è un flusso di elettroni. L intensità della corrente è il rapporto tra la quantità

Dettagli

Correnti e circuiti a corrente continua. La corrente elettrica

Correnti e circuiti a corrente continua. La corrente elettrica Correnti e circuiti a corrente continua La corrente elettrica Corrente elettrica: carica che fluisce attraverso la sezione di un conduttore in una unità di tempo Q t Q lim t 0 t ntensità di corrente media

Dettagli

Correnti e circuiti a corrente continua. La corrente elettrica

Correnti e circuiti a corrente continua. La corrente elettrica Correnti e circuiti a corrente continua La corrente elettrica Corrente elettrica: carica che fluisce attraverso la sezione di un conduttore in una unità di tempo Q t Q lim t 0 t ntensità di corrente media

Dettagli

1. Presentazione del problema. 2.Ipotesi di soluzione

1. Presentazione del problema. 2.Ipotesi di soluzione 1. Presentazione del problema Al fine di sollecitare gli alunni a progettare, realizzare e verificare esperienze operative inerenti all Energia elettrica, l insegnante di Ed. Tecnica propone alla classe,

Dettagli

Carica positiva e carica negativa

Carica positiva e carica negativa Elettrostatica Fin dal 600 a.c. si erano studiati alcuni effetti prodotti dallo sfregamento di una resina fossile, l ambra (dal cui nome in greco electron deriva il termine elettricità) con alcuni tipi

Dettagli

LA CORRENTE ELETTRICA CONTINUA

LA CORRENTE ELETTRICA CONTINUA LA CORRENTE ELETTRICA CONTINUA (Fenomeno, indipendente dal tempo, che si osserva nei corpi conduttori quando le cariche elettriche fluiscono in essi.) Un conduttore metallico è in equilibrio elettrostatico

Dettagli

La corrente elettrica La resistenza elettrica La seconda legge di Ohm Resistività e temperatura L effetto termico della corrente

La corrente elettrica La resistenza elettrica La seconda legge di Ohm Resistività e temperatura L effetto termico della corrente Unità G16 - La corrente elettrica continua La corrente elettrica La resistenza elettrica La seconda legge di Ohm Resistività e temperatura L effetto termico della corrente 1 Lezione 1 - La corrente elettrica

Dettagli

Struttura dell atomo

Struttura dell atomo Proprietà elettriche dei materiali Attrazione e repulsione delle cariche Se si sfregano due bacchette di plastica con un panno di lana e poi le bacchette vengono avvicinate, si vede che esse tendono a

Dettagli

LA CORRENTE ELETTRICA

LA CORRENTE ELETTRICA L CORRENTE ELETTRIC H P h Prima che si raggiunga l equilibrio c è un intervallo di tempo dove il livello del fluido non è uguale. Il verso del movimento del fluido va dal vaso a livello maggiore () verso

Dettagli

CAPITOLO I CORRENTE ELETTRICA. Copyright ISHTAR - Ottobre 2003 1

CAPITOLO I CORRENTE ELETTRICA. Copyright ISHTAR - Ottobre 2003 1 CAPITOLO I CORRENTE ELETTRICA Copyright ISHTAR - Ottobre 2003 1 INDICE CORRENTE ELETTRICA...3 INTENSITÀ DI CORRENTE...4 Carica elettrica...4 LE CORRENTI CONTINUE O STAZIONARIE...5 CARICA ELETTRICA ELEMENTARE...6

Dettagli

L'energia elettrica e le altre grandezze elettriche

L'energia elettrica e le altre grandezze elettriche 1. Circuito elettrico elementare L'energia elettrica e le altre grandezze elettriche Cominciamo ad analizzare i fenomeni elettrici con una descrizione dei componenti fondamentali di un circuito elettrico,

Dettagli

In un collegamento in parallelo ogni lampadina ha. sorgente di energia (pile) del circuito. i elettrici casalinghi, dove tutti gli utilizzatori sono

In un collegamento in parallelo ogni lampadina ha. sorgente di energia (pile) del circuito. i elettrici casalinghi, dove tutti gli utilizzatori sono I CIRCUITI ELETTRICI di CHIARA FORCELLINI Materiale Usato: 5 lampadine Mammut 4 pile da 1,5 volt (6Volt)+Portabatteria Tester (amperometro e voltmetro) I circuiti in Parallelo In un collegamento in parallelo

Dettagli

Esercizi e considerazioni pratiche sulla legge di ohm e la potenza

Esercizi e considerazioni pratiche sulla legge di ohm e la potenza Esercizi e considerazioni pratiche sulla legge di ohm e la potenza Come detto precedentemente la legge di ohm lega la tensione e la corrente con un altro parametro detto "resistenza". Di seguito sono presenti

Dettagli

RIASSUNTO DI FISICA 3 a LICEO

RIASSUNTO DI FISICA 3 a LICEO RIASSUNTO DI FISICA 3 a LICEO ELETTROLOGIA 1) CONCETTI FONDAMENTALI Cariche elettriche: cariche elettriche dello stesso segno si respingono e cariche elettriche di segno opposto si attraggono. Conduttore:

Dettagli

CORRENTE ELETTRICA. La grandezza fisica che descrive la corrente elettrica è l intensità di corrente.

CORRENTE ELETTRICA. La grandezza fisica che descrive la corrente elettrica è l intensità di corrente. CORRENTE ELETTRICA Si definisce CORRENTE ELETTRICA un moto ordinato di cariche elettriche. Il moto ordinato è distinto dal moto termico, che è invece disordinato, ed è sovrapposto a questo. Il moto ordinato

Dettagli

Elettricità e magnetismo

Elettricità e magnetismo E1 Cos'è l'elettricità La carica elettrica è una proprietà delle particelle elementari (protoni e elettroni) che formano l'atomo. I protoni hanno carica elettrica positiva. Gli elettroni hanno carica elettrica

Dettagli

Corrente elettrica stazionaria

Corrente elettrica stazionaria Corrente elettrica stazionaria Negli atomi di un metallo gli elettroni periferici non si legano ai singoli atomi, ma sono liberi di muoversi nel reticolo formato dagli ioni positivi e sono detti elettroni

Dettagli

1. La corrente elettrica

1. La corrente elettrica . Elettrodinamica. La corrente elettrica Finora abbiamo studiato situazioni in cui le cariche elettriche erano ferme. Nell elettrodinamica si studia il moto delle cariche elettriche. Una corrente elettrica

Dettagli

Tesina di scienze. L Elettricità. Le forze elettriche

Tesina di scienze. L Elettricità. Le forze elettriche Tesina di scienze L Elettricità Le forze elettriche In natura esistono due forme di elettricità: quella negativa e quella positiva. Queste due energie si attraggono fra loro, mentre gli stessi tipi di

Dettagli

Generatore di Forza Elettromotrice

Generatore di Forza Elettromotrice CIRCUITI ELETTRICI Corrente Elettrica 1. La corrente elettrica è un flusso ordinato di carica elettrica. 2. L intensità di corrente elettrica (i) è definita come la quantità di carica che attraversa una

Dettagli

CORRENTE ELETTRICA Corso di Fisica per la Facoltà di Farmacia, Università G. D Annunzio, Cosimo Del Gratta 2007

CORRENTE ELETTRICA Corso di Fisica per la Facoltà di Farmacia, Università G. D Annunzio, Cosimo Del Gratta 2007 CORRENTE ELETTRICA INTRODUZIONE Dopo lo studio dell elettrostatica, nella quale abbiamo descritto distribuzioni e sistemi di cariche elettriche in quiete, passiamo allo studio di fenomeni nei quali le

Dettagli

CORRENTE ELETTRICA Intensità e densità di corrente sistema formato da due conduttori carichi a potenziali V 1 e V 2 isolati tra loro V 2 > V 1 V 2

CORRENTE ELETTRICA Intensità e densità di corrente sistema formato da due conduttori carichi a potenziali V 1 e V 2 isolati tra loro V 2 > V 1 V 2 COENTE ELETTICA Intensità e densità di corrente sistema formato da due conduttori carichi a potenziali V 1 e V isolati tra loro V > V 1 V V 1 Li colleghiamo mediante un conduttore Fase transitoria: sotto

Dettagli

V= R*I. LEGGE DI OHM Dopo aver illustrato le principali grandezze elettriche è necessario analizzare i legami che vi sono tra di loro.

V= R*I. LEGGE DI OHM Dopo aver illustrato le principali grandezze elettriche è necessario analizzare i legami che vi sono tra di loro. LEGGE DI OHM Dopo aver illustrato le principali grandezze elettriche è necessario analizzare i legami che vi sono tra di loro. PREMESSA: Anche intuitivamente dovrebbe a questo punto essere ormai chiaro

Dettagli

U.D.: LABORATORIO ELETTRICITA

U.D.: LABORATORIO ELETTRICITA U.D.: LABORATORIO ELETTRICITA 1 ATTREZZI MATERIALI 2 Tavoletta compensato Misure: 30cmx20-30 cm spellafili punteruolo cacciavite Nastro isolante Metro da falegname e matita Lampadine da 4,5V o 1,5V pinza

Dettagli

dove Q è la carica che attraversa la sezione S del conduttore nel tempo t;

dove Q è la carica che attraversa la sezione S del conduttore nel tempo t; CAPITOLO CIRCUITI IN CORRENTE CONTINUA Definizioni Dato un conduttore filiforme ed una sua sezione normale S si definisce: Corrente elettrica i Q = (1) t dove Q è la carica che attraversa la sezione S

Dettagli

Corrente elettrica. Daniel Gessuti

Corrente elettrica. Daniel Gessuti Corrente elettrica Daniel Gessuti indice 1 Definizioni 1 Definizione di corrente 1 Definizione di resistenza 2 2 Effetto Joule 3 Circuiti in parallelo 4 3 Circuiti in serie 5 4 Il campo magnetico 5 Fenomeni

Dettagli

TERZA LEZIONE (4 ore): INTERAZIONE MAGNETICA

TERZA LEZIONE (4 ore): INTERAZIONE MAGNETICA TERZA LEZIONE (4 ore): INTERAZIONE MAGNETICA Evidenza dell interazione magnetica; sorgenti delle azioni magnetiche; forze tra poli magnetici, il campo magnetico Forza magnetica su una carica in moto; particella

Dettagli

GRANDEZZE ELETTRICHE E COMPONENTI

GRANDEZZE ELETTRICHE E COMPONENTI Capitolo3:Layout 1 17-10-2012 15:33 Pagina 73 CAPITOLO 3 GRANDEZZE ELETTRICHE E COMPONENTI OBIETTIVI Conoscere le grandezze fisiche necessarie alla trattazione dei circuiti elettrici Comprendere la necessità

Dettagli

Classe 3 D Bucci Arianna Evangelista Andrea Palombo Leonardo Ricci Alessia Progetto di Scienze a.s. 2013/2014. Prof.ssa Piacentini Veronica

Classe 3 D Bucci Arianna Evangelista Andrea Palombo Leonardo Ricci Alessia Progetto di Scienze a.s. 2013/2014. Prof.ssa Piacentini Veronica Classe 3 D Bucci Arianna Evangelista Andrea Palombo Leonardo Ricci Alessia Progetto di Scienze a.s. 2013/2014 Prof.ssa Piacentini Veronica La corrente elettrica La corrente elettrica è un flusso di elettroni

Dettagli

La corrente elettrica

La corrente elettrica Unità didattica 8 La corrente elettrica Competenze Costruire semplici circuiti elettrici e spiegare il modello di spostamento delle cariche elettriche. Definire l intensità di corrente, la resistenza e

Dettagli

La corrente elettrica

La corrente elettrica Lampadina Ferro da stiro Altoparlante Moto di cariche elettrice Nei metalli i portatori di carica sono gli elettroni Agitazione termica - moto caotico velocità media 10 5 m/s Non costituiscono una corrente

Dettagli

Soluzione: 2 ) Cosa si intende per calore?

Soluzione: 2 ) Cosa si intende per calore? 1 ) Volendo calcolare di quanto è aumentata la temperatura di un corpo al quale è stata somministrata una certa quantità di calore, è necessario conoscere: A. Il calore specifico e la massa del corpo.

Dettagli

Generatore di forza elettromotrice f.e.m.

Generatore di forza elettromotrice f.e.m. Generatore di forza elettromotrice f.e.m. Un dispositivo che mantiene una differenza di potenziale tra una coppia di terminali batterie generatori elettrici celle solari termopile celle a combustibile

Dettagli

Il Corso di Fisica per Scienze Biologiche

Il Corso di Fisica per Scienze Biologiche Il Corso di Fisica per Scienze Biologiche Ø Prof. Attilio Santocchia Ø Ufficio presso il Dipartimento di Fisica (Quinto Piano) Tel. 075-585 2708 Ø E-mail: attilio.santocchia@pg.infn.it Ø Web: http://www.fisica.unipg.it/~attilio.santocchia

Dettagli

TRASFORMAZIONE DELL ENERGIA PRIMO PRINCIPIO DELLA TERMODINAMICA

TRASFORMAZIONE DELL ENERGIA PRIMO PRINCIPIO DELLA TERMODINAMICA TRASFORMAZIONE DELL ENERGIA PRIMO PRINCIPIO DELLA TERMODINAMICA L ENERGIA e IL LAVORO Non è facile dare una definizione semplice e precisa della parola energia, perché è un concetto molto astratto che

Dettagli

Corrente Elettrica. dq dt

Corrente Elettrica. dq dt Corrente Elettrica Finora abbiamo considerato le cariche elettriche fisse: Elettrostatica Consideriamole adesso in movimento! La carica in moto forma una corrente elettrica. L intensità di corrente è uguale

Dettagli

Tre grandezze importanti

Tre grandezze importanti Tre grandezze importanti In un circuito elettrico sono presenti tre grandezze principali, meglio conosciute con le rispettive unità di misura: gli ampere (A), i volt (V), gli ohm (D). Queste grandezze

Dettagli

Il campo magnetico. 1. Fenomeni magnetici 2. Calcolo del campo magnetico 3. Forze su conduttori percorsi da corrente 4. La forza di Lorentz

Il campo magnetico. 1. Fenomeni magnetici 2. Calcolo del campo magnetico 3. Forze su conduttori percorsi da corrente 4. La forza di Lorentz Il campo magnetico 1. Fenomeni magnetici 2. Calcolo del campo magnetico 3. Forze su conduttori percorsi da corrente 4. La forza di Lorentz 1 Lezione 1 - Fenomeni magnetici I campi magnetici possono essere

Dettagli

Circuiti in Corrente Continua (direct current=dc) RIASSUNTO: La carica elettrica La corrente elettrica Il Potenziale Elettrico La legge di Ohm Il

Circuiti in Corrente Continua (direct current=dc) RIASSUNTO: La carica elettrica La corrente elettrica Il Potenziale Elettrico La legge di Ohm Il Circuiti in Corrente Continua direct currentdc ASSUNTO: La carica elettrica La corrente elettrica l Potenziale Elettrico La legge di Ohm l resistore codice dei colori esistenze in serie ed in parallelo

Dettagli

1 di 3 07/06/2010 14.04

1 di 3 07/06/2010 14.04 Principi 1 http://digilander.libero.it/emmepi347/la%20pagina%20di%20elettronic... 1 di 3 07/06/2010 14.04 Community emmepi347 Profilo Blog Video Sito Foto Amici Esplora L'atomo Ogni materiale conosciuto

Dettagli

Analogia tra il circuito elettrico e il circuito idraulico

Analogia tra il circuito elettrico e il circuito idraulico UNIVERSITÁ DEGLI STUDI DELL AQUILA Scuola di Specializzazione per la Formazione degli Insegnanti nella Scuola Secondaria Analogia tra il circuito elettrico e il circuito idraulico Prof. Umberto Buontempo

Dettagli

approfondimento Corrente elettrica e circuiti in corrente continua

approfondimento Corrente elettrica e circuiti in corrente continua approfondimento Corrente elettrica e circuiti in corrente continua Corrente elettrica e forza elettromotrice La conduzione nei metalli: Resistenza e legge di Ohm Energia e potenza nei circuiti elettrici

Dettagli

La corrente e le leggi di Ohm

La corrente e le leggi di Ohm La corrente e le leggi di Ohm Elettroni di conduzione La conduzione elettrica, che definiremo successivamente, consiste nel passaggio di cariche elettriche da un punto ad un altro di un corpo conduttore.

Dettagli

Esercitazione N. 1 Misurazione di resistenza con metodo volt-amperometrico

Esercitazione N. 1 Misurazione di resistenza con metodo volt-amperometrico Esercitazione N. 1 Misurazione di resistenza con metodo volt-amperometrico 1.1 Lo schema di misurazione Le principali grandezze elettriche che caratterizzano un bipolo in corrente continua, quali per esempio

Dettagli

Studio d ingegneria Dott.Ing.Piero Arona

Studio d ingegneria Dott.Ing.Piero Arona STRUTTURA DELLA MATERIA E noto da tempo che la materia è costituita da un aggregato di molecole e come queste sono a loro volta costituite da atomi, essendo l atomo la più piccola particella che entra

Dettagli

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO 2006 Indirizzo Scientifico Tecnologico Progetto Brocca

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO 2006 Indirizzo Scientifico Tecnologico Progetto Brocca ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO 2006 Indirizzo Scientifico Tecnologico Progetto Brocca Trascrizione del testo e redazione delle soluzioni di Paolo Cavallo. La prova Il candidato svolga una relazione

Dettagli

funziona meglio con FIREFOX! FENOMENI ELETTROSTATICI mappa 1 mappa 2 mappa 3 mappa 4 http://cmap.ihmc.us/

funziona meglio con FIREFOX! FENOMENI ELETTROSTATICI mappa 1 mappa 2 mappa 3 mappa 4 http://cmap.ihmc.us/ mappa 1 mappa 2 mappa 3 mappa 4 http://cmap.ihmc.us/ funziona meglio con FIREFOX! FENOMENI ELETTROSTATICI Struttura dell'atomo (nucleo, protoni, neutroni, elettroni); cariche elettriche elementari (elettrone,

Dettagli

MISURE DI GRANDEZZE ELETTRICHE

MISURE DI GRANDEZZE ELETTRICHE MISURE DI GRANDEZZE ELETTRICHE La tecnologia oggi permette di effettuare misure di grandezze elettriche molto accurate: precisioni dell ordine dello 0,1 0,2% sono piuttosto facilmente raggiungibili. corrente:

Dettagli

PRIMA LEGGE DI OHM OBIETTIVO: NOTE TEORICHE: Differenza di potenziale Generatore di tensione Corrente elettrica

PRIMA LEGGE DI OHM OBIETTIVO: NOTE TEORICHE: Differenza di potenziale Generatore di tensione Corrente elettrica Liceo Scientifico G. TARANTINO ALUNNO: Pellicciari Girolamo VG PRIMA LEGGE DI OHM OBIETTIVO: Verificare la Prima leggi di Ohm in un circuito ohmico (o resistore) cioè verificare che l intensità di corrente

Dettagli

Concetti fondamentali

Concetti fondamentali Università degli Studi di Pavia Facoltà di Ingegneria Corso di Elettrotecnica Teoria dei Circuiti Concetti fondamentali UNITÀ DI MISURA Standard per la misurazione di grandezze fisiche MKSA (Giorgi) Sistema

Dettagli

Circuiti Elettrici. Elementi di circuito: resistori, generatori di differenza di potenziale

Circuiti Elettrici. Elementi di circuito: resistori, generatori di differenza di potenziale Circuiti Elettrici Corrente elettrica Legge di Ohm Elementi di circuito: resistori, generatori di differenza di potenziale Leggi di Kirchhoff Elementi di circuito: voltmetri, amperometri, condensatori

Dettagli

Corso di fisica generale con elementi di fisica tecnica

Corso di fisica generale con elementi di fisica tecnica Corso di fisica generale con elementi di fisica tecnica Aniello (Daniele) Mennella Dipartimento di Fisica Secondo modulo Parte prima (fondamenti di elettromagnetismo) Lezione 1 Carica elettrica, legge

Dettagli

SSL: Laboratorio di fisica

SSL: Laboratorio di fisica Scuola universitaria professionale della Svizzera italiana Dipartimento Tecnologie Innovative SSL SSL: Laboratorio di fisica Resistenza nel vuoto Massimo Maiolo & Stefano Camozzi Giugno 2006 (Doc. SSL-060618

Dettagli

Programmazione Modulare

Programmazione Modulare Indirizzo: BIENNIO Programmazione Modulare Disciplina: FISICA Classe: 2 a D Ore settimanali previste: (2 ore Teoria 1 ora Laboratorio) Prerequisiti per l'accesso alla PARTE D: Effetti delle forze. Scomposizione

Dettagli

I.I.S. N. BOBBIO DI CARIGNANO - PROGRAMMAZIONE PER L A. S. 2014-15

I.I.S. N. BOBBIO DI CARIGNANO - PROGRAMMAZIONE PER L A. S. 2014-15 I.I.S. N. BOBBIO DI CARIGNANO - PROGRAMMAZIONE PER L A. S. 2014-15 DISCIPLINA: FISICA (Indirizzi scientifico e scientifico sportivo) CLASSE: QUARTA (tutte le sezioni) COMPETENZE DISCIPLINARI ABILITA CONTENUTI

Dettagli

Corrente elettrica. La disputa Galvani - Volta

Corrente elettrica. La disputa Galvani - Volta Corrente elettrica La disputa Galvani - Volta Galvani scopre che due bastoncini di metalli diversi, in una rana, ne fanno contrarre i muscoli Lo interpreta come energia vitale Volta attribuisce il fenomeno

Dettagli

Il diodo emettitore di luce e la costante di Planck

Il diodo emettitore di luce e la costante di Planck Progetto A1e Un esperimento in prestito di Lauree Scientifiche G. Rinaudo Dicembre 2005 Il diodo emettitore di luce e la costante di Planck Scopo dell esperimento Indagare il doppio comportamento corpuscolare

Dettagli

Q t CORRENTI ELETTRICHE

Q t CORRENTI ELETTRICHE CORRENTI ELETTRICHE La corrente elettrica è un flusso di particelle cariche. L intensità di una corrente è definita come la quantità di carica netta che attraversa nell unità di tempo una superficie: I

Dettagli

CORRENTE E TENSIONE ELETTRICA LA CORRENTE ELETTRICA

CORRENTE E TENSIONE ELETTRICA LA CORRENTE ELETTRICA CORRENTE E TENSIONE ELETTRICA La conoscenza delle grandezze elettriche fondamentali (corrente e tensione) è indispensabile per definire lo stato di un circuito elettrico. LA CORRENTE ELETTRICA DEFINIZIONE:

Dettagli

Come ottengo la CORRENTE ELETTRICA

Come ottengo la CORRENTE ELETTRICA COS È L ELETTRICITÀ Come ottengo la CORRENTE ELETTRICA si produce con i generatori di corrente che possono essere chimici, meccanici oppure utilizzare l'energia del sole Generatori meccanici che producono

Dettagli

Universita Degli Studi Di Roma La Sapienza Corso di Laurea Magistrale in Scienze e Tecnologie per la conservazione dei Beni Culturali A.A.

Universita Degli Studi Di Roma La Sapienza Corso di Laurea Magistrale in Scienze e Tecnologie per la conservazione dei Beni Culturali A.A. Universita Degli Studi Di Roma La Sapienza Corso di Laurea Magistrale in Scienze e Tecnologie per la conservazione dei Beni Culturali A.A. 2011-2012 Esame di: Laboratorio di Chimica del Restauro PhD M.P.

Dettagli

LAVORO ESTIVO RECUPERO DEBITO I H a.s. 2013-2014 SCALA DELL AMPERE 1MA 1KA. 1gradino=

LAVORO ESTIVO RECUPERO DEBITO I H a.s. 2013-2014 SCALA DELL AMPERE 1MA 1KA. 1gradino= LAVORO ESTIVO RECUPERO DEBITO I H a.s. 2013-2014 MULTIPLI E SOTTOMULTIPLI DELLE UNITÁ DI MISURA L AMPERE É L UNITÁ DI MISURA DELLA INTENSITÁ DI CORRENTE LA CORRENTE SI INDICA CON LA LETTERA I L AMPERE

Dettagli

La corrente elettrica

La corrente elettrica PROGRAMMA OPERATIVO NAZIONALE Fondo Sociale Europeo "Competenze per lo Sviluppo" Obiettivo C-Azione C1: Dall esperienza alla legge: la Fisica in Laboratorio La corrente elettrica Sommario 1) Corrente elettrica

Dettagli

SENSORI E TRASDUTTORI

SENSORI E TRASDUTTORI SENSORI E TRASDUTTORI Il controllo di processo moderno utilizza tecnologie sempre più sofisticate, per minimizzare i costi e contenere le dimensioni dei dispositivi utilizzati. Qualsiasi controllo di processo

Dettagli

La resistenza elettrica e il resistore

La resistenza elettrica e il resistore La resistenza elettrica e il resistore Gli antichi greci erano rimasti colpiti dalle proprietà di una resina fossile, l ambra, che se strofinata con un panno di lana riusciva ad attirare, senza toccarli,

Dettagli

ELETTROSTATICA + Carica Elettrica + Campi Elettrici + Legge di Gauss + Potenziale Elettrico + Capacita Elettrica

ELETTROSTATICA + Carica Elettrica + Campi Elettrici + Legge di Gauss + Potenziale Elettrico + Capacita Elettrica ELETTROSTATICA + Carica Elettrica + Campi Elettrici + Legge di Gauss + Potenziale Elettrico + Capacita Elettrica ELETTRODINAMICA + Correnti + Campi Magnetici + Induzione e Induttanza + Equazioni di Maxwell

Dettagli

L ENERGIA. L energia si trasforma. L energia compie lavoro. A cura di M. Aliberti

L ENERGIA. L energia si trasforma. L energia compie lavoro. A cura di M. Aliberti A cura di M. Aliberti L ENERGIA Spunti per la ricerca Che cos è l energia? Come si manifesta concretamente l energia? Quali forme può assumere? E possibile passare da una forma di energia all altra? Con

Dettagli

RICHIAMI DI MISURE ELETTRICHE

RICHIAMI DI MISURE ELETTRICHE RICHIAMI DI MISURE ELETTRICHE PREMESSA STRUMENTI PER MISURE ELETTRICHE Come si è già avuto modo di comprendere ogni grandezza fisica ha bisogno, per essere quantificata, di un adeguato metro di misura.

Dettagli

Temperatura e Calore

Temperatura e Calore Temperatura e Calore 1 Temperatura e Calore Stati di Aggregazione Temperatura Scale Termometriche Dilatazione Termica Il Calore L Equilibrio Termico La Propagazione del Calore I Passaggi di Stato 2 Gli

Dettagli

Fisica Generale - Modulo Fisica II Esercitazione 5 Ingegneria Gestionale-Informatica CARICA E SCARICA DEL CONDENSATORE

Fisica Generale - Modulo Fisica II Esercitazione 5 Ingegneria Gestionale-Informatica CARICA E SCARICA DEL CONDENSATORE AIA E SAIA DEL ONDENSATOE a. Studiare la scarica del condensatore della figura che è connesso I(t) alla resistenza al tempo t=0 quando porta una carica Q(0) = Q 0. Soluzione. Per la relazione di maglia,

Dettagli

Conduzione e Corrente Elettrica

Conduzione e Corrente Elettrica Conduzione e Corrente Elettrica I conduttori (metallici) sono solidi costituiti da atomi disposti in maniera ordinata nello spazio, che hanno perso uno o più elettroni (negativi) che sono liberi dimuoversinello

Dettagli

Corso di Elettrotecnica Generale

Corso di Elettrotecnica Generale Corso di Elettrotecnica Generale Capitolo 1 - I circuiti elettrici 1 - Costituzione della materia ed origine dei fenomeni elettrici 2 - Interazioni tra cariche elettriche; Legge di Coulomb 3 - Generatore

Dettagli

GARA NAZIONALE OPERATORI ELETTRICI Prova teorica di Elettrotecnica ed Applicazioni

GARA NAZIONALE OPERATORI ELETTRICI Prova teorica di Elettrotecnica ed Applicazioni ISTITUTO PROFESSIONALE DI STATO PER L INDUSTRIA E L ARTIGIANATO PIER ANGELO FIOCCHI Via Belfiore n.4-23900 LECCO - Tel. 0341-363310 - Fax.0341-286545 Sito web: www.istitutofiocchi.it E-mail: segreteriafiocchi@genie.it

Dettagli

Elettrostatica e fenomeni elettrici

Elettrostatica e fenomeni elettrici Elettrostatica e fenomeni elettrici Introduzione all'elettricità La parola elettricità deriva dal greco élecktron che significa ambra. La ragione di questa etimologia è presto spiegata: la proprietà dell'ambra

Dettagli

La corrente e le leggi di Ohm

La corrente e le leggi di Ohm La corrente e le leggi di Ohm Elettroni di conduzione La conduzione elettrica, che definiremo successivamente, consiste nel passaggio di cariche elettriche da un punto ad un altro di un corpo conduttore.

Dettagli

ISTITUTO ISTRUZIONE SUPERIORE "L. EINAUDI" ALBA ANNO SCOLASTICO 2014/2015

ISTITUTO ISTRUZIONE SUPERIORE L. EINAUDI ALBA ANNO SCOLASTICO 2014/2015 ISTITUTO ISTRUZIONE SUPERIORE "L. EINAUDI" ALBA ANNO SCOLASTICO 2014/2015 CLASSE 2 I Disciplina: Scienze e tecnologie applicate PROGETTAZIONE DIDATTICA ANNUALE Elaborata e sottoscritta dal docente: cognome

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINARE

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINARE Pag 1 di 7 PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINARE Disciplina a.s.2015/2016 Classe: II Sez. R INDIRIZZO: Elettronica ed Elettrotecnica Docente : Prof. Roberto Manovella Pag 2 di 7 ANALISI DELLA SITUAZIONE

Dettagli

Le macchine come sistemi tecnici

Le macchine come sistemi tecnici Le macchine come sistemi tecnici L industrializzazione dell Europa e iniziata grazie alla comparsa di macchine capaci di trasformare energia termica in energia meccanica. Un motore a vapore e un esempio

Dettagli

Istituto Superiore Vincenzo Cardarelli Istituto Tecnico per Geometri Liceo Artistico A.S. 2014 2015

Istituto Superiore Vincenzo Cardarelli Istituto Tecnico per Geometri Liceo Artistico A.S. 2014 2015 Istituto Superiore Vincenzo Cardarelli Istituto Tecnico per Geometri Liceo Artistico A.S. 2014 2015 Piano di lavoro annuale Materia : Fisica Classi Quinte Blocchi tematici Competenze Traguardi formativi

Dettagli

20) Ricalcolare la resistenza ad una temperatura di 70 C.

20) Ricalcolare la resistenza ad una temperatura di 70 C. ISTITUTO TECNICO AERONAUTICO G.P. CHIRONI NUORO Anno Sc. 2010/2011 Docente: Fadda Andrea Antonio RACCOLTA DI TEST ED ESERCIZI CLASSE 3^ 1) Quali particelle compongono un atomo? A) elettroni, protoni, neutroni

Dettagli

L avviamento dei motori asincroni

L avviamento dei motori asincroni L avviamento dei motori asincroni Un problema rilevante è quello dell avviamento dei motori. Nei motori asincroni infatti, durante l avviamento, circolano nel motore correnti notevoli sia perché la resistenza

Dettagli

I CIRCUITI ELETTRICI. Prima di tutto occorre mettersi d accordo anche sui nomi di alcune parti dei circuiti stessi.

I CIRCUITI ELETTRICI. Prima di tutto occorre mettersi d accordo anche sui nomi di alcune parti dei circuiti stessi. I CIRCUITI ELETTRICI Prima di tutto occorre mettersi d accordo anche sui nomi di alcune parti dei circuiti stessi. Definiamo ramo un tratto di circuito senza diramazioni (tratto evidenziato in rosso nella

Dettagli

CARICA ELETTRICA. La carica elettrica può essere di segno positivo, che indichiamo con +;- o di segno negativo, che indichiamo con il -.

CARICA ELETTRICA. La carica elettrica può essere di segno positivo, che indichiamo con +;- o di segno negativo, che indichiamo con il -. CARICA ELETTRICA Si dimostra sperimentalmente che se strofiniamo una bacchetta di plastica o di vetro su di un panno essa è in grado di attrarre dei pezzettini di carta. Questo fatto noi lo giustifichiamo

Dettagli

Corrente ele)rica. Cariche in movimento e legge di Ohm

Corrente ele)rica. Cariche in movimento e legge di Ohm Corrente ele)rica Cariche in movimento e legge di Ohm Corrente ele)rica Nei metalli si possono avere elettroni che si muovono anche velocemente fra un estremo e l altro del metallo, ma la risultante istante

Dettagli

ESERCIZI DI ELETTROTECNICA

ESERCIZI DI ELETTROTECNICA 1 esercizi in corrente continua completamente svolti ESERCIZI DI ELETTROTECNICA IN CORRENTE CONTINUA ( completamente svolti ) a cura del Prof. Michele ZIMOTTI 1 2 esercizi in corrente continua completamente

Dettagli

IL TRASFORMATORE REALE

IL TRASFORMATORE REALE Il trasformatore ideale è tale poiché: IL TRASFORMATORE REALE si ritengono nulle le resistenze R 1 e R 2 degli avvolgimenti; il flusso magnetico è interamente concatenato con i due avvolgimenti (non vi

Dettagli

CdL Professioni Sanitarie A.A. 2012/2013. Unità 7: Forze elettriche e magnetiche

CdL Professioni Sanitarie A.A. 2012/2013. Unità 7: Forze elettriche e magnetiche L. Zampieri Fisica per CdL Professioni Sanitarie A.A. 12/13 CdL Professioni Sanitarie A.A. 2012/2013 Unità 7: Forze elettriche e magnetiche Forza elettrica e corrente Carica elettrica e legge di Coulomb

Dettagli

LABORATORIO I-A. Cenni sui circuiti elettrici in corrente continua

LABORATORIO I-A. Cenni sui circuiti elettrici in corrente continua 1 UNIVERSITÀ DIGENOVA FACOLTÀDISCIENZEM.F.N. LABORATORIO IA Cenni sui circuiti elettrici in corrente continua Anno Accademico 2001 2002 2 Capitolo 1 Richiami sui fenomeni elettrici Esperienze elementari

Dettagli

quale agisce una forza e viceversa. situazioni. applicate a due corpi che interagiscono. Determinare la forza centripeta di un

quale agisce una forza e viceversa. situazioni. applicate a due corpi che interagiscono. Determinare la forza centripeta di un CLASSE Seconda DISCIPLINA Fisica ORE SETTIMANALI 3 TIPO DI PROVA PER GIUDIZIO SOSPESO Test a risposta multipla MODULO U.D Conoscenze Abilità Competenze Enunciato del primo principio della Calcolare l accelerazione

Dettagli

Due cariche positive si respingono, due cariche negative si respingono, una carica positiva e una negativa si attraggono.

Due cariche positive si respingono, due cariche negative si respingono, una carica positiva e una negativa si attraggono. 2012 11 08 pagina 1 Carica elettrica Esistono cariche elettriche di due tipi: positiva e negativa. Due cariche positive si respingono, due cariche negative si respingono, una carica positiva e una negativa

Dettagli

PROGRAMMA PREVENTIVO PREMESSA DISCIPLINARE

PROGRAMMA PREVENTIVO PREMESSA DISCIPLINARE COD. Progr.Prev. PAGINA: 1 PROGRAMMA PREVENTIVO A.S. 2014/15 SCUOLA LICEO LINGUISTICO A. MANZONI DOCENTE: CRISTINA FRESCURA MATERIA: FISICA Classe 5 Sezione B FINALITÀ DELLA DISCIPLINA PREMESSA DISCIPLINARE

Dettagli

Induzione elettromagnetica

Induzione elettromagnetica Induzione elettromagnetica 1. Induzione elettromagnetica 2. Esperienze di Faraday 3. Legge di Faraday Neumann Lenz Induzione elettromagnetica (1) La rivoluzione determinata dall'utilizzo dell'energia elettrica

Dettagli

Prevenzione della Corrosione

Prevenzione della Corrosione DL MK1 BANCO DI LAVORO PER LA PROTEZIONE CATODICA La Protezione Catodica è una tecnica di controllo della corrosione di una superficie metallica facendola funzionare come il catodo di una cella elettrochimica.

Dettagli

1 LA CORRENTE ELETTRICA CONTINUA

1 LA CORRENTE ELETTRICA CONTINUA 1 LA CORRENTE ELETTRICA CONTINUA Un conduttore ideale all equilibrio elettrostatico ha un campo elettrico nullo al suo interno. Cosa succede se viene generato un campo elettrico diverso da zero al suo

Dettagli

Capitolo n. 4 - Metodi elettrochimici

Capitolo n. 4 - Metodi elettrochimici Capitolo n. 4 - Metodi elettrochimici 4.3.1 - Conducibilità elettrica delle soluzioni La conduttimetria è una tecnica analitica basata sulla misura della conducibilità elettrica delle soluzioni elettrolitiche

Dettagli