di concerto con IL h'entstro DELL.'ilRIBIENTE E DELLA TUTELA DEL TERRITORIO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "di concerto con IL h'entstro DELL.'ilRIBIENTE E DELLA TUTELA DEL TERRITORIO"

Transcript

1 m M.A.P - 47 di concerto con IL h'entstro DELL.'ilRIBIENTE E DELLA TUTELA DEL TERRITORIO PREMESSO &e l'artiticolo 7, coma l, del decl-eto legislativo 29 dice.mb1-e 2003, n. 557, rec.auii: attuazione della direttirra iCE relativa alle pro~nozione dell'energia elettttrica prodotta da fonti energetiche rinnovabili nel mercato interno dell'dettricità, stabilisce che il IVIinistro delle attività produitive, dl conceflo con il Llinisho dell'ambiente e della tute!a del territorio, d'intesa con la Conferenza uoificata, adotta uno o piii decreti cot? i quali sono defiiti i criteui per I'incentivazione della produzione di energia elemica daj!a fonte solare; PREMESSO che l'iuticolo 7. coma 2: lettera d), del dec1-eto legislativo 29 dicembre. 2003, n. 38'7, stabilisce che per l'elettricità prodotta mediante conwersioae fotovoltaica della fonte solare i criteri per l'incentiuazione prevedono una specifica tariffa incentivante, di importo decrescente e di &rata taii da garantire una equa remunerzzione dei costi di inx&mento e di esercizio; VISTO l'articolo 15 della legge 18 apr-il2.2005, n. 62, che delega. il Govemo ad attuare la &rettiva iCE del Parlamento europeo e del Consiglio, del 26 giugao 2003, relativa a nome comuni per il mercato interno dell'energia elettlica e che abroga la direttiya 96i921CE, e in particolare il coma I, lettera f); VISTO il decreto legislativo 16 marzo 1999, n. 79, di attuazione della direttiva 96i92iCE recante norme comui?i pe1- il mercato interno dell'energia elettrica, e. successive modificaziorli e aggiornamenti; VISTO l'aticolo 6 del decreto legislativo 29 dicembre 2003, n. 387, recante disposizioni specifiche per gli impianti di potenza non superiore a 20 kw; VISTO l'articolo 12 del decreto legislativo 25 dicembl-e 2003, n. 387, recante razionaiizzazione e semplificazione delle procedure autorizzative; VISTA la deliberazione del Comitato intettrministeriale pel- la progrmazioneconomica 6 agosto 1999, n. 125: di approvazione del libro bianco per la valorizzazione eiergetica delle fontj rinnovabili: VISTA la deliberazione del Comitato intelmioisteriale per- la prograrmazione economica l9 dicembre 2003, n. 123, d~ reyisione delle linee guida per le politich e misure nazionali di riduzione delle ~ : i &i ~ p ~ ce;^^ i (Lgg~ ~ ~ 2..!2c,Q!jQ?!;

2 WSTA la deliberazione ddi'autorit& per-!'energia elettrica e ii gas 6 dice.mbre 3003_ n ,.:.lidiscip!iua le condizioni tecnico-economiche del scrvizio di scambio sul posto dell'energia elettricz prodotta da impianti fotovnltzici con pottenzanomll.de non su~periore a 20 kw; CONSIDER4TA l'intesa della Conferenza uaific.aata, di cui all!a~tic.olo 8 del decreto legisialivo ZS agosto!9473 n. 28 I, resa. n& sdum del xx~.~zxx FJTENIJTO oppork~oo defh-e cxitel-i e misure p: l'lucenti-jazione della produzione di energia elettrica dalla fmte solare mediante conversione fotovo1taic.a; RITENWTO opportuno def~xe tariffe incentitnmti, valorizzmdo la disciplina dello scambio SJ! posto dell'energia elett1ica prodotta da impiaxti~ zlimentati da fonti rinncvabili con potenza nominale non supetiore a 20 kw, di cui all'arti.colo 6 del decreto legislativo 2? dicembre 2003, n. 387: RTTENJTO oppoltuno defiuirz taiffe inc.entivauti pe~. l'energia e1ettric.a prodotta da impianti di potenza superiore a 20 kw e non superiore a 50 1;'vV; PJTENUTO necessario, ai sensi dell'ariicolo!5> c.oma 1; lettera f)> ddla legge. 18 qrile 2005, n. 62, introduxe meccauismi di gza per l'incentitivazione della produzione di energia elettrica dalla fonte solare mediante conversione fotovoltaica. limitatamente agli impianti dipotenza nominale superiore a 50 ktv E&24NA il seguente decreto Articolo 1 (Finalità) l. Con il presente decreto sono defsti i criteri per 1~'iucentivazione della produzione di energia elettrica da impianti fotovoltaici in attuazione dell'articolo 7 del decl-eto le_eislativo 29 dicembre 2003, n. 385, tenuto conto dell'aticolo 15, coma 1. lettera f), della legge. 18 aprile 2005, n. 67. Articolo 2 (Dejinizionf) 1, Ai fini del presente decreto valgono le defaizioni riportate all'articolo 2 dei decreto legislativo 16 marzo 1999, a. 79, escluso il coma 15, nonché le definizioni riportate all'xtic.olo 7 del decreto legislativo 29 dicembre 2003, n. 387, edinoltre le seguenti: a) impianto o sistema fotovoltaico i: un impianto di produzione di energia elettrica mediante conversione diretta della radiazione solare: hamite l'effetto fotovoltaico; esso è composto principalmente da un insieme di aoduli fotovoltaici. uno o più convmtitorj della cone1lte c.z+iiquc c.zc*;p $ ~Ly~fa : 21p; c~ii1"'z'"'; I' "i".;."y. i b) potenza nominale (o massima, o di picc.0, o di targa) dell'iqiauto fotovoltaicc i: la potema elettl-ica dell'impianto. deteminata dalla somma delle singole potalze nominali (o massime. o di picco, o di targa) di c.iascun rnoddo fotovolknico facente parte del medesimo inpianto. misurate alle condizioni nominali, come defie alla lettera 6); 7

3 c'j energia elettrica prodotta da UG impialto Cotovoltaico k l'energia eletttica. misurata all'uscitz del gluppo di ccnversjione della corrente continua in coxente alternata, resa disponibile alle utenze elettriche del soggctto resprjnsabile do inmessa xlla rete elettrica; $1) condizioni nominali so110 le condizioni di temperatura e di inaggiamento solare, ud!e quali sono rilevate le prestazioni dei moduli fotovoltaici, come defiuite nelle nome CE1 EN di cui all'a!legato 1; 6) punto di connessione & il punto d~ella rete elethiea: di competenza del gestol-e di rete> nel quale l'impianto fotomltaico vime col!!e.gato alla rete elettrica; t) data di entrata In esercizio di u11 impianta fotovoltaic,o è la data, coln?unicata, dal soggetto responsabile, di cui alla lettera g), al gestol-e di rete e al soggetto attuatore, di cui alla le.tter2. h), da cui decone il 1iconoscimento delle ta-iffe incentivanti di cui zll'xticolo 7, conrma 5;,E) soggetto responsabile è il soggetto, avente i requisiti di cui all'aticolo 3; responsabile. della realizzazione e de1l'esercizi.o dell'impianto: nel lispetto delle disposizioni del pmeuk decreto, e che ha diritto a richedere e ottenere le tar-iffe incentivanti di cui all'articolo 7, coma 7; h) soggetto attuatore è il soggetto di cui all'aticulo 9> c oma 2; i) potenzimento P l'interento tecnologico eseguito su un impianto entrato in esercizio da. almeno cinque auni. tale da consentire una. produzione aggiuntiva dell'lmpiaato medesime, come d ef~tallalettera j); j) produzione aggiuntii-a di un impianto i: I'aurnmto? ottenuto a seguito di un potenzi.amento ed espresso in kwh, dell'amgia elettrica prodotta annualmente, di cui alla lettera C), rispetto alla produzione aunua media prima dell'intewento, come def~ta alla lettel-a L); k) produzione annua media di un impianto i: la media aritmetica, espressa in kwh, dei valori dell'energia elettrica effettivmente prodotta, di cui alla lettera C)? negli ultimi cinque ami solari, al netto di eventuali pe1-io& di farnata dell'impianto eccedenti le ordinaie esigenze manutentive; 1) rifacimento totale è l'intelvento impiantistico-tecnologico eseguita su un hpiaxto entrato in esercizio da almeno venti ami che comporta la sostituzione con componenti nuovi almeno di tutti i moduli fotovoltaici e del g~uppo di convelsione della conente continua in conente alternata. Articolo 3 (Reqllisiti dei soggetti chepnsmwo henejiciare dellb7.cei~t~~a~~one) 1. Beneficiano dell'incentivazione alla produzione di energia elettrica, ottenuta dagli impianti di cui all'articolo 5, le persone fisiche e giuridiche, ivi inclusi i soggetti pubblici e i condomini di edifici, responsabili dei medesimi impianti, progettati, realizzati ed eserciti in confolmità alle disposizioni del presente decreto, che presentano richiesta di scambio sul. posto dell'energia elettrica prodotta dai medesimi impianti fotovoltaici. 2. Beneficiano dell'incentivazione alla produzione di energia elettrica ottenuta dagli impianti di cui all'articolo 6, le persone fisiche e giuridiche, ivi inclusi i soggetti pubblici e i condomini di ebfici, responsabili dei medesimi impianti; progettati., realizzati ed esexiti in conformità dle disposizioni del presente decreto. (Requisiri temici nzinir:~i dei compo?~erlti e defli inlaianii,) +4 i, Possono accedere ai.!'incentntivazione alla produziou.e di mzrgia elettrica mediante conversime fotovoltaica dell'energia solare, di cui al presente dec.reto; gti impianti fotovoltaici di potenza

4 numinale inferiore. a 1 kw e no^. superior: a 1000 kw coilegari alla rets e!ettrica, ivi inclcx!e piccole rei:i isolale di cui all artico1.o 2, co1111na 17; del decreto legislativo 16 mazo entrati inesercizio; a seg~~ito di nucm cost~uzione o rifacinjentc totale. il? data successiva ai 30 settenlbrs 2005, i cui soggetti responsabili inoltrano la domanda di accesso alle tariffi incentivanti in confonnità all a~tic.alo i. 2. Possono accedere all inc,entiva~;ioi~e ali?. produzione di energia eletttr-ica mediante sonversiox fotoaoltaica dell eoergia solare, di cui al pmenie de.creto, gli impianti fotovoltaici c.ollcga.ti alla rete elettrica? ivi incluse le piccole reti isolate di cui all articolo 2, conma 15: del decret? legislativo l6 marzo 1999, n. 79: entrati inesertiziq E seguito di potenziamento, in dats successiva 30 settembre 2005, limitatan~snte alla prodwione aggiuntiva. ottenuta a seguito dell intervento di potenziamento, i cui soggetti responsabili inoltrano la domanda di accesso alle tariffe incectivanti in conformità all articolo Ai fini dell accesso all jncnltivazione al!a produzione di energia elettrica mediante sonversionc fotovoltaica dell mergia solare, di cui 21 p~sente decreto, gli impianti fotovoltaici e i relativi componenti devono essere realizzati nel rispetto delle norme tecniche richiamate in allegalo Gli impianti di c.ui all articoio 6, conma 3> devono essere realizzati con componenti che assicurino l osservanza delle due seguenti condizioni: a) Pcc > 0,85 * Pnom * I i Istc, dove: O Pc.c i la potenza incorrente continuz mikurata all uscita del generators foiovoltaico, con precisione migliore del *2%; o Pnom è la potenza nominale del generatore fctovo1taic.o; o I è l irraggiamento [W/m2] misurato sul piano d-i moduli, con precisione migliore del +3 o ; o Istc, pari a 1000 W/rn2> è I irraggiamenlo incondizioni di prova standard; Tale condizione deve essere verificata per I >. 600 W/m. b) Pca > 0.9 i Pcc, dove: o Pca P la potenza attiva in corrente alternata I?.Iisurata all uscita del gruppo di conversione della corrente continua incorrmte alternata con prec.isione migliore del 2%; Tale condizione deve essere verificata per Pca > 90% della potenza di targa del gruppo di conversione della corrente continua incorrente altel-nata. 5. Gli impianti di cui all articolo 5 devono essere collegati alla rete elettrica in bassa o media tensione. Aiticolo 5 {Critcriper la deteminazio~~ dell entità dell i:icer7til:a~ionepe1 &li irr~~i~nlti,fotooi~oi~~ic~ &potenza rrornir7ule sz,!perioi-e a 20 krfq 1. L energia elettrica prodotta da impianti fotovoltaict di potenza nominale no11 superioi-e. a 20 k\v be.neficia della disciplina di cui all articolo 6 del decreto legislativo 29 dicembre 2003, n L energia elettrica prodotta da impianti fotovoltaici di potenza nominale non superiore. a 20 k\v> ~nuniti di idonei sistemi per la misurazione ddl energia prodotta, ha diritto, nel rispetto delle disposizioni dell articolo 6 del decreto legislativo 29 dicembre 2003, n. 327, e del presente decreto, ad una tariffa incentivante il cui valore P stabilito come segue: a) impianti per i quali la domanda di cui all articolo 7, comma 1% i stata inoltrata nei 2005 e nel 2006: 0;445 euroilcvjh per un periodo di venti anni: b) impianti per i quali la domanda di cui all artic,olo 7: connna 1, è stata inoltrata negli anni successivi al 2006: il valore della tariffa incentivante di cui alia lettera a) i decurtaio 0e.i i %, con arrotondamento aiia terza cifra decimale. per ciascuno degli anni successiri al 2006, fermo restando il periodo di venti anni^ 4

5 3. Le tariffe di cui al co~mna. 2 sono riconosciute 114 limite mmsinlc di pote.;lza nominale cu:nu!aia di cui all alticolo l?, ;o~n~na 2. Taie iiimite if?c!ude ia potenza nominale c.~~:nuiata degli impianti di c.ui all articolo 6, co~nma termine del periodo di diritto alla tzriffa incentivante, di cui al ~omma 2, continua. a? applicarsi la disciplina richiamata a! coinmn Fino alla data di entrata invigore della disciplina richiamata al conma 1 si applica la disciplina di cui alla delibe.razicne dell AutoritA per l energia elettrica e il gas 6 dic.ernbre 2000: n Intale ambito. i1 sogge.tto ~-esponsabile, di cui ali artico!o 2, comm l i lettera E), c.einc.ide 5011 il richiedente, di cui all articolo I, lettera l<], della predetta deliberszione. dell Aulorila 13. l energia elettrica 5 il gas 6 dicembre 2000; I?. 224:OO. Arkicolo 6 I.. (Criteriper la defer1nhxzim2 &[l htif2 n%!i.~cent~ll.c;;ioneper p;;: l i ~ ~ ~ J i ~ 7 Z dipotsxx ~ ~ ~ ~ t ~ l ~ ~ ; n01~1imzle.rvpcrjore C: 20 kkj 1. L energia elettric,a prodotta da impianti fcicvoltaici di potenza nominale superiore a 20 kiv> innnessa nella rete elettrica; & ritirata con le umdalità e alle condizinni fissate dall Autoriti per l energiaelettrica e. il gas ai sensi dell a.lticolo 13, connna 3, del decreto legislativo 29 dicembre 2003, n In aggiunta al ric.onoscimento delle condizisui di cui al conma i; i eneryia elettrica prodotta da impianti fotovoltaici di potenm nominale superiore a 20 kw e non superiore a 50 kw, imnesse in tutto o in parte nelia v-ete elettrica: ha diritto, nel rispetto delle disposizioni del presente decreto, a una tariffa incentiyante i cui valori sono stabiliti come. segue: a) impianti per i quali la domanda di cui all articolo 7, conma 1, e stata inoltrata nel 2005 e nel ,460.euro/lcWh per un periodo di venti anni; b) impianti per i quali la domanda di cui all avticolo 7, conuna 1. è stata inoltrata uegli anni successivi al 2006: il valore della tariffa incentivante di cui alla lettera a) & decurtato del con arrotondamento alla terza cifra decimale, per ciascuno desli anni successivi al 2006: fermo restando il periodo di \.enti anni. 3. In aggiunta al riconosc.i~ne~~to delle condizioni. cui al comma l? l energia elettrica prodotta da impianti fotovoltaici di potenza nominale superiore a 50 kw ed inferiore a 1000 kw, inmessa in tutto o in parte nella rete elettrica, ha diritto, nel rispetto delle disposizioni del presente decreto, a una tariffa incentivante i cui valori n~assimi sono stabiliti come segue: a) impianti per i quali la domanda di cui all articolo 7, comma 1, è stata inoltrata nel 2005 e nel 2006: 0,490 eurolkwh per UI periodo di venti ami; b) impianti per i quali la domanda di cui all articolo 7, cornn~a 1: è stata inoltrata negli anni successivi al 2006: il valore della tariffa incentivante di cui alla lettera a) è decurtato del 2. %, con motondamento alla terza cifia decimale, per ciascuno d.egli anni successivi al 2006, femo Testando il periodo di venti anni. L entità della tariffa incentivanteffettivamente riconosciuta è deternvinata con le modalità di cui all articolo 7; nel limite massimo di potenza nominale cumulata di cui all articolo 12. connna termine del periodo di diritto alla tariffa incentivante, di cui ai conmi 2 e 3, I energia elettrica prodotta, ivnmessa nella rete elettrica> continua ad essere ritirata con le modalità e alle condizioni di cui al comna Sono fatti salvi gii obblighi previsti dalla normativa fiscale in materia di prodnzione di energia elettrica. 6. L. aggiornamento delle tariffe incentivanti di cui all a~-ticolo 55 colnma 2, e all aliicolo 6> conmi 2 e 3; viene effettuato a decorrere dal primo gennaio di ogni anno sulla base del tasso di wriazione annuo, riferito ai dodici mesi precedenti, dei prezzi al consumo per!e femig!k di uperai e impiegati rilevati dal1 ~lstat.

6 .Articolo 7 (Criteri dipr;o~itci per I ~~~ccesu so ai1 incerziivaziione e modnlitciper in u cte~mir~.c~io~ze ~ell i1zcerzti va~-io/7e &sttfvavler~te riconascitrta) ~~ 1. Entro il 31 marzo; il 30 giugno, il 30 settembre e i! 31 dic.e.mbre di ciasc.un anno, il soggetto responsabile che intende realizzare u11. inpianto fotovoltaico e accedere alle taiffe incentivanti di cui al presente decreto inoltra apposita domanda al soggetto attuatore. Alla domalda 6 allegato il progetto preliminare dell impianto. Nel c.aso di impianti di cui all adcdo 6!, com~na 3: alla domanda i: allegata anche 1.a cauzione denitiva di cui al coma Il progetto pr-eliminare & cui al coma. l include uua scheda tecnica che riporta I ubicazione e la potenza nominale dell impianto, la tensione. in carente continua in ingresso al g1xppo di con-msione della corrente continua in qcmentt alternata. la tensione in colrente alternata. in uscita dal gruppo di conversione della corrente continua in conente altanata, le caratte1istiche dei moduli fotovoltaici, del gmppo di conversione della corrente continua in comnte altanata; la produzione annua attesa di energia elett1ic.a; le modalità con le quali viene assicurato il rispetto dei requisiti tecnici di cui all aticolo Nel caso di impianti di cui all aticolo 6? conma 3, alla domanda di cui al comma 1 6 allegata una busta chiusa sigillata, nella quale il soggetto responsabile, con riferimento alla potenza nominale dell impianto e ai valori massimi delle tariffe incentivmti vigenti nell anno. di cui all aticolo 6, coma 3: ripolta il valore della tariffa incentivante richiesta. 4. Entro i 60 giorni successi>-i alle scadenze previste per l inoltro delle domande di cui al comma 1, il soggetto attuatore, previa verifica di amnissibilità delle domande r-icevute, redige 1 elenc.o delle domande afferenti agli impianti di cui all aticolo 5 e all articolo 6, coma 2, aventi diritto alla tariffa incentivante; ordinandole sulla base della data di ricevimento della domanda medesima: fmo al limite massimo di potenzanominale cumulata di cui all articolo 12, comna Entro i 60 giomi successivi alle scadenze pr-miste per l inoltro delle domande di cui al coma 1, il soggetto attuator-e, previa verifica di missibilità delle domande ricevute? redige una graduatoria delle domande afferenti agli impianti di cui all articolo 6, comma 3, ordinandole sulla base del valore della tariffa incentivante lichiesta. Le tariffe incentivanti effettivamente riconosciute sono determinate attribuendo priorità alle domande con più basso valore della tariffa incentivante richiesta, nel limite massimo di potenza nominale cumulata di cui all articolo 12, coma 3. In caso di domande che presentano pari.valore della tariffa incentivante richiesta, la priorità tra le domande è attribuita sulla base della data di inoltro della domanda di cui al coma l. 6. Le domande la cui inclusione nell elenco di cui al c,omma 4, ovvero nella graduatoria di cui al coma 5, comporta il superamento dei limiti di potenza nominale cumulata di cui all a~?icol.o 12, commi 2 e 3, non hanno diritto al riconoscimento della tariffa incentivante. 7. Entro i 90 giorni successivi alle scadenze previste per l inoltro delle domande di cui ai coma 1; il soggetto attuatore comunica l esito di cui ai comi 4 e 5 ai soggetti responsabili che hmm inoltrato la domanda di cui al coma 1. Il soggetto attuatore comunica inoltre ai soggetti aventi diritto, sulla base di qumto disposto al coma 5, all aticolo 5> e all aticolo 6, comma 2, l entità della tariffa incentiwnte effettivamente viconosciuta per un peliodo di venti amia decorrere dalla data di entrata in esercizio dell impianto. 8. Alla tariffa riconosciuta ai sensi del comma 7 si applicano le eventua!h riduzioni di cui & &C& 12, I1 soggetto responsabile degli impianti di cui all articolo 6, coma 3; 6 tenuto a costituire una cauzione definitiva nella misura di eur-o pa ogni kw di potenza nmninale dell impi.anto, da prestarsi sotto forma di fideiussione banca-ia o polizza assicuratiua. rilasciata da istituti bancari o assicurativi o da intermedizi fiianziai iscritti nell elenco spec,iali: di cui aall aticolo G

7 107 del decreto Isgislatkro 1 settembre 1995, n. 395, che smlgnno in-via. esclmim. o prevalente attivitil di rilascio di garauzie. La cauzione 6 costituita a favore del soggetto attuatore. La. cauzione non 6 dovuta. se il soggetto respi;nsabi.le è tenuto a prestare analoga fmna di garanzia in attuazione di leggi speciali o normative di settore. La cauzione è costituita a titolo di peuale in*caso di mancata realizzazione dell'impiautn nei mmini conclusivi di cui all'articclo 8; comma 3, noncbi di mancato rispetto clsi termini per l'entrata in ese.rc.izio dell'unpianto medesimo, di cui all'ariicolo 8, comna 4. La bcauzione cosi prestata deve essere incondizionata ed a pima richiesta e deve quindi espressamente contenere: a) la rinuncia del beneficio alla preventiva escussione del debitore principale; b) la linuncia alla possibilità del fideiussore difar valere il decorso del temine di sei mesi entro il quale. nell'ipotesi di scadeilza dcll'obbligazione principale, il creditore 2 tenuto a proporre le proprie istanze avaerso il debitore, ai sensi dell'articolo 1957 del codice civile; C) la sua operatività entro 30 gioie a semplice richiesta del soggetto attuatore. 10. La mancata costituzione della cauzione nei temini di cui al coma 9 indicati cr,mpor?a l'inaurmissibilitli della domanda di cui. a! comxta 1. Axtico!o 8 (Obblighi corznessi alla realizzazione del:'inlpiarl.to) 1. Entro i 30 giomi succ.essivi alla data di licesimento de!la comunicazione di cui all'articolo 7; comma 7, il soggetto responsabile inoltral gestore di rete il progetto preliminare dell'inpianto, di cui all'ruticolo 7. comma 1, e lichie.de al medesimo gestore la connessione alla 1-ete ai sensi dell'articolo 9, comma 1: del decreto legislativo 16 marzo 1999, n. 79, e di quanto previsto dall'articolo 14 del decreto legislativo 29 dicembre 2003, n Nel caso di impianti di cui all'articolo 5, il soggetto precisa che intende usufruire del servizio di scambio sul posto pe.r l'energia elettrica prodotta, in maniera conforme alla disciplina di cui al comma 1, owero al comma 5, del medesimo a1ticolo Entro i successivi 30 giomi, il gestore di rete comunica al soggetto responsabile. il punto di consegna. 3. In ogni caso, entro sei mesi ovve1-o, per i soli impiantidi cui all'articolo 6, entro dodici mesi, dalla data della comunicazione d~ cui all'artizolo 7, comma 7, il soggetto responsabile dà iuizio ai lavori di realizzazione dell'impianto, in confomittt al progetto inoltrato al gestore di rete e al soggetto attuatore, nel rispetto di quanto disposto all'articolo 4, dandone comunicazione ai medesimi soggetti. Entro dodici mesi ovvero, per i soli impianti di cui all'aticolo 6, entro ventiquattro mesi, dalla data della comunicazione di cui all'ariicoto 7, comma 7, il soggetto responsabile conclude la realizzazione dell'impianto, in conformità al progetto inoltrato al gestore di rete e al soggetto attuatore, nel rispetto di quanto disposto all'atticolo 4, dandone comuuicazione ai rned~esiuli soggetti. A tale ultima comunicazione i: allegato il certificato di collaudo dell'impianto. Il gestore di rete e tenuto ad effettuare la couuessione dell'impianto alla rete elettrica entro trenta giomi dalla data di licevimento della predetta comunicazione di conclusione dei lavoii. 4. Il soggetto responsabile ètenuto a com1unic.xe al soggetto attuatore, nonché al gestore di rete, la data di mirata in esercizio del1 >impianto. In tuti i casi, tale data non può cssere successiva a sei mesi la data di conclusione dei lavori di realizzazione dell'impianio, di cui al comma All'atto della comullic.uione di entrata in esercizio dell'impianto, di cui al coma 4, il soggetto rps"n!l.c.?h$p & $?LZt$ 2 ~ ~~.~~.~:-.: 5 m*-'-;,o sggg&:u al;ualwie &ckx&uflt con la r quale sono forniti gli elementi pe1- l'applicazione di quanto disposto all'articolo 10; commi da 1 a S.

8 Fatte salve!e altre c.onseguenze diisposte dalla legge, la fdsa dicbiaraziune compottlrta. la decadenza dal diritto alla tariffa incentij-ante sull'intera produzione e pel- l'&tro periodo di diritto alla stessa. al12 tariffaiucentitijante. 6. n mancato rispetto dei tennini per l'iaizio dei 1aT;ori di realizzazione e di conclusime dei lavoli di realizzazione. dell'impianto, di cui al coma 3, comporta la decadenza dal dirltto alla txiffa Illcenrivante, acquisito ai sensi dell'at-ticoh 7, comma 7. Comporta altresi Ia decadenza da! diritto alla medesima tariffa incentivante il manc.ato rispetto dei temini per I'entrata in eserr,izi.o dell'impimto: di cui al conma 4. hrticolo 9 (Modalitùper i'erogazione dei1 'incentivnziorze) 1. Con propri provvedimenti l'autorità per i'energia elettrica e il gas determina le mgdalità con le quali le risorse per l'erogazione delle tariffe incentivanti & cui all'articolo 7 trovano copntura nel gettito della componente tariffaia M, per la copertu-a degli oneri sostenuti dal Gestore della rete ai sensi dell'aticolo 3, c.oma 12, del decreto legislativo 16 mano 1,055, n. 79, di cui all'articolo 52, comma 52.2, lettera b), dell'allegato alla deliberazione 30 gennaio 2004, n. 5; recante "testo integrato delle disposizioni dell'htorità per l'energia elettrica e il gas per l'erogazione dei sem-izi di trasmissione, distribuzione, misura e vendita dell'energia elettrica per il periodo di regolazione e disposizioni in mateiia di contributi di allac.cianento e diritti fissi". 2. L'Autorità per l'energia elettrica e il gas individua il soggetto che eroga le tariffe incentivanti ai sensi all'articolo 7, le modalità e le condizioni per I'erogazione, ivi inclusa la ve1ific.a del rispetto delle disposizioni degii articoli 4 e 10, tenuto 'conio di quanto disposto agli atic.oli 12 e 13. Ariicolo 10 (Corrdizimipw li: cm?ulabi!ti2 dell'incer?iivai.ione con altri incentivi) 1. Le tariffe incentivanti ri~conosciute ai sensi deli'a1ticclo 7, colnma 7, sono ridotte del 30% qualora il soggetto che realizza l'impianto benefici della detrazione fiscale richiamata all'aaicolo 2, comma. 5, della. legge 27 dicenbre 2002, n. 259, anche nel caso di proroghe e modificazioni della medesima detl-azione. 2. Le tariffe incentivanti di cui al presente deci-rto non sono applicabili all'elettlicità prodotia da impianti fotovoltaici per la cui realizzazione siano o siano stati concessi incentivi pubblici iu c.onto capitale, e.ccedenti il 20% del costo dell'investimento. & h particolare, le tariffe incentivanti di cui al presente decreto, non sono applicabili all'elettttlicità prodotta da impianti fotovoltaici pe1- la cui realizzazione siano stati concessi gli incentivi erogati dal Ministero dell'ambiente e della tutela del temitono e dalle regioni e province autonome? nell'ambito dei programma "Tetti fotovoltaici" del Ministero dell'imbiente e della tutela del tenitorio, come definito dai decreti del Direttore del sewizio inquinamento a+mosferico e lischi industriali dello stesso Ministero 22 dic.embre 2000, n. 111iSIAFU2003~ e 16 marzo 2001, n. 106iSIAW Le tariffe incentivanti di cui al presente decreto 110a sono Compatibili con i cerrtrtificati verdi di rx; ~;'&+;co~o 2, CO;-.-;:-.-.a 1- &((i& &t &CCi~CtU Icgislaiivo iy " Ulcemure.. iuu~, i n, 3x7, 5. Le tariffe incentivanti di cui al presente decreto non sono compatibili con i titoli derivant.i dalla,. applicazione delle disposizioni attuative dell'articolo 9, coma 1, del decreto legislativo 16 marzo 1999, n. 79, ni: con i titoli derivxati dall~'app1icazione delle disposizioni attuative dell'articolo 16, comma 4, del decreto IegislatFvo 23 maggio 2000, n. 164.

9 5. Resta fermo i! diritto al beneficio Mln riddzione dzll'inposta sul valore aggiuuto pm gli impianti fzcenri uso di energia solare per laproduzione di calore o eriergia, di cui al decreto del Presidentc della. Repabblica 26 ottobre 1972: n. 653, e al decrem del Ministro delle finauze 29 dicembre Articoio 12 (Li!i?ife!7msri77io cie!!opotei;n eleiivjccti cumtiazi1'n n? futiigli inlyimti ci;cpossom o~'tene~.e 1'incenth:ozione e c7,iteri &,primità per I acce.sso aii'ir~cenii~?uzio7~e) 1. Le tariffe inc.entivanti di cui al presente decreto sono riconosciute fino a quando!a potenza nominale cumulativa di tutti gli impianti che ottengono le medesime tariffe incenti-~anti raggiunge il valore di 100 MW. 2. La potenza nominale cumulativa di tutti gli ilnpia~lfi: di cui all'a!ticolo i e all'articolo 6, comma 2, che possono ottenere le tariffe incentivanti è fissata in 60 MW. 3. La potenza nominale cu~uulativa di tutti gli impianti, di cui all'articolo 6, comna 3, che possono ottenere le tariffe incentivanti è fissata in 40 dw. 4. Entro i medesimi termini di c.ui a!l'artic.olo 7: co~nma 7; il soggetto attuatore rende noto: a solo scopo informativo. il valore della potenza nominale cumulativa di tutti gli impianti che possono ottenere le tariffe incentivanti, di cui ai comini 2 e 3, al netto della potenza nominale cumulativa di tutti gli impianti ai quali sono state riconosciute le tariffe incentivanti ai semi dell'articolo 7, comma 7, tenuto conto di quanto disposto all'articolo 7; con~lna 10: e all'articolo 8, cnnlmi 5 e Al fine di favorire lo sviluppo di tecnologie innovative per la conversione fotovoltaica che pennettano anche l'aumento dell'ee~cienza di conversioni dei co~nponenti e degli impianti, il Ministro delle attivita produttive, di concerto c.on il Ministro dell'ambiente e della tute.la del territorio, d'intesa con la Conferenza unificzt3 adotta gli atti necessari per pronmovere, anche mediante ~neccanismi di gara, lo sviluppo delle predette temologie e delle imprese. fino al limite massimo di patema cumulata installata di cui all'articolo 11, Articolo 13 (Arrivit2 di moniio~aggio e dilsposizionifinnli/ 1. E.ntro il 31 ottobre di ogni anno, il sogge.tto attuatore trasmette al Ministero delle attivita produttive, al hlinistero dell'ambiente e della tutela del telxitorio. alle regioni e province autonome: all'4utorità per I'enersia elettrica e il gas e all'osscrvatorio di cui all'articolo 16 del decreto legislativo 29 dicembre 2003, I?. 387: UI 1-apporto sulle donlande ricevute e sugli elenchi e le graduatoria redatte% ai sensi dell'a1ticolo Con il medesimo rapporto di cui al connna 1 sono forniti, per riasc.n!?z vegi911e e ~:.c:~:cc:; autonoma e per ciascuna tipologia di impianto di cui agli articoli 5 e 6, I'ubicazione degli

10 .. impianti foto;;oltaici jlu costruzione e h esemno,!apotenza arrmahente wtrara iu esercizio, 1.a relativa produzione energetica; il dorei ovvero il valore medio, delle tariffe incentivanti erogate, l'entità cumulata delle ta.ciffe iucentivanti erogate i.n ciascuno degli ami precedenti e ogni - altro dato utile, in particolare. all'attuazione di quanto disposto agli articoli 11 e Qualora: entro i 30 giomi successivi alla data di trasmissione, il soggetto attuatore non ric,eva osser?iazioni del Ministero delle'attività produrtive C, del Ministero de11'ambmite e deea tutele del teiritolio, il rapporto di cui al qzoma, 1 &reso pubblico. h: Sulla base del 1-appoflo d~ cui al coma l, il Ministero delle attività produttive. e il hlinisterr, dell'ambiente e della tutela del teniiorio, anche su sollecitzione delle regioni, delle prwince autonome e degli enti locali, individuamo!e c2.denze e le nlodzliti per l'attuazione di qxmto previsto all'uticolo 12, comma p1-esente decreto entra in vigore a deconere dal ~ ~ O Xsl;cc.essiw O alla data" di pubblicazione nella Gazzetta xfficiale della Repubblica italima. Il Ministro delle attiv Claudi

11 ~ CE1 ~ CE1 ~ CEI81-1: Parte 64-5: impianti elettrici utilizzatori CI tmsiorze?zomi;zale non s:i;jeriore a 1000 V in corrente alternata e a 1500 Pin corrente continua - CE : Imyianri di produzione di energia eiettricri e gruppi i cor:.iinuità colle~11i a reci di I e 3 categoria - CE1 EN ,: Dispositivi folo1iollt;ici - - c~-fe 1: d fisura dek cnratlel-fsticiie fotovoltciche tensione-corrente - CE1 EN : Disposiril:i.:otova!taicl ~ 2: Prescrisioneper le cehjbro?dtt7iche di nyerinlento - CE1 Eh : Dispositivi ~btovoltaici - Pavte 3: Principi di n7isura per sistemi solari fotovoltaicipe7- uso terrestre e iri-aggianzento spettrale di vijèrinzento - CE1 EN Sistenzi fotovoltaici (,i- Caratteristiche del1 intecfcccia di raccordo 0-3:.~ UNI 10349: - CEIEN61724: - IEC C071 lfl l t?&? - CEIEN65215: ~tfoduiuli fotovoltaici in silicio crista~~ino per appll cazioni lerrestl-i. QualiJica delprogetto e onzologaziorze del tipo - CE1 EN : Cony~atibilità eiettronzagnericc (EhfCj - Parte 3: Limiti,Sezione 2: Lirnici per le elnissioni di corrente armonica (apparecchiature con corren.ie di ingresso = I4 A per fa-.?) - CEIEN : Disturbi nelle reti di aiimeniazione prodotti da apparecch.i elettrodonlestici e da equipaggiamenti elettrici sinlili-parle i: Dejinizio-iolzi - CE1 EN :.4pparecchiature assienmie diprotezione e manovraper bassa temione - CE1 EN 60445: Irrdividuasione dei n~orsetti e degli apparecchi e delle estrenlità dei conduttori designati e regole generali per MA sistema - CE1 EN 60529: - CE1 EN CE : ~ Gradi diprotezione degli involucri (codice IP) Scaricato7-i Cavi isolati con gonma con tensione non:.ilzale non superiore a V - CE : Cavi isolati con yolivinilclorz~ro e077 tensione non1.inale non superiore a 450/750 V Protezione delle stntttu7-e contro i fulmini - CEIX1-3: Valori medi del numero di fulmini a terra per anno e per clzilornetr-o quadrato - CEI81-4: Valutazione del rischio dovuto al fulnline - CE1 0-2: Guida per la de$nizione della documentazione di progetto per iinpiarzti elettrici Guida per la compilazione della docullze7ltnsio1zepe1. la legge n. 46/90 Riscaldanlelzto e raffrescarnento degli edifici. Dati clin7atici. Rilievo delle prestazioni dei sistemi fotovoliaici. Linee guida per- la misura, lo scambio e l a?zalisi dei dati Electrical installatior~s of buildirzgs - Part 7-712: Requirements fo? special installotiorls or iocations - Solar.photovo1iaic (PPJ p o sup~(~ ~ ~ systerns Qualora le sopxa dencate nonne tecniche siano modificate.--,.-m ~uu u~. o aggiornate, si applicano le norme piir Si applicano inoltre, pe1- quanto mraptibili con le nolme sopra elencate, i doclmenti tecnici emanati dalle società di distribuzione di energia elettrica riporianti dikposizioni app1i~c.a:ii.e per la connessione di impianti fotovoltaici collegati alla rete elettrica. 11

Gazzetta Ufficiale N. 181 del 5 Agosto 2005

Gazzetta Ufficiale N. 181 del 5 Agosto 2005 Gazzetta Ufficiale N. 181 del 5 Agosto 2005 MINISTERO DELLE ATTIVITÀ PRODUTTIVE DECRETO 28 luglio 2005 Criteri per l'incentivazione della produzione di energia elettrica mediante conversione fotovoltaica

Dettagli

Criteri per l'incentivazione della produzione di energia elettrica mediante conversione fotovoltaica della fonte solare.

Criteri per l'incentivazione della produzione di energia elettrica mediante conversione fotovoltaica della fonte solare. MINISTERO DELLE ATTIVITA' PRODUTTIVE DECRETO 28 luglio 2005 Criteri per l'incentivazione della produzione di energia elettrica mediante conversione fotovoltaica della fonte solare. Il Ministro delle Attività

Dettagli

Incentivazione della produzione di energia elettrica mediante conversione fotovoltaica della fonte solare. (2) IL MINISTRO DELLO SVILUPPO ECONOMICO

Incentivazione della produzione di energia elettrica mediante conversione fotovoltaica della fonte solare. (2) IL MINISTRO DELLO SVILUPPO ECONOMICO D.M. 6 agosto 2010 (1). Incentivazione della produzione di energia elettrica mediante conversione fotovoltaica della fonte solare. (2) (1) Pubblicato nella Gazz. Uff. 24 agosto 2010, n. 197. (2) Emanato

Dettagli

Allegato A E DICHIARA ALTRESÌ CHE

Allegato A E DICHIARA ALTRESÌ CHE DOMANDA DI AMMISSIONE ALLE TARIFFE INCENTIVANTI PREVISTE DAL DECRETO MINISTERIALE 28 LUGLIO 2005 PER L IMPIANTO FOTOVOLTAICO DENOMINATO, DI POTENZA NOMINALE (O MASSIMA, O DI PICCO, O DI TARGA) PARI A.

Dettagli

IL MINISTRO DELLO SVILUPPO ECONOMICO IL MINISTRO DELL AMBIENTE E DELLA TUTELA DEL TERRITORIO E DEL MARE

IL MINISTRO DELLO SVILUPPO ECONOMICO IL MINISTRO DELL AMBIENTE E DELLA TUTELA DEL TERRITORIO E DEL MARE DECRETO 6 agosto 2010. Incentivazione della produzione di energia elettrica mediante conversione fotovoltaica della fonte solare. IL MINISTRO DELLO SVILUPPO ECONOMICO DI CONCERTO CON IL MINISTRO DELL AMBIENTE

Dettagli

FAQ. Si precisa che nel seguito non vengono fornite risposte alle domande che riguardano i criteri per la valutazione delle domande di ammissione.

FAQ. Si precisa che nel seguito non vengono fornite risposte alle domande che riguardano i criteri per la valutazione delle domande di ammissione. Studio RUSSORESEARCH FAQ QUESITI FREQUENTI SULLA PROCEDURA DI AMMISSIONE ALLE TARIFFE INCENTIVANTI PER GLI IMPIANTI FOTOVOLTAICI DI CUI AL DM 28.7.2005 E ALLA DELIBERA AEEG N. 188/05 Aggiornamento al 23

Dettagli

D.M. 19 febbraio 2007 (1).

D.M. 19 febbraio 2007 (1). D.M. 19-2-2007 Criteri e modalità per incentivare la produzione di energia elettrica mediante conversione fotovoltaica della fonte solare, in attuazione dell'articolo 7 del D.Lgs. 29 dicembre 2003, n.

Dettagli

Il Ministro dello Sviluppo Economico

Il Ministro dello Sviluppo Economico Il Ministro dello Sviluppo Economico di concerto con IL MINISTRO DELL'AMBIENTE E DELLA TUTELA DEL TERRITORIO E DEL MARE PREMESSO che l'articolo 7, comma 1, del decreto legislativo 29 dicembre 2003, n.

Dettagli

SPECIFICA TECNICA DI FORNITURA PER LA REALIZZAZIONE DI IMPIANTI FOTOVOLTAICI CONNESSI ALLA RETE DI POTENZA NOMINALE COMPRESA TRA 1 E 20 kwp

SPECIFICA TECNICA DI FORNITURA PER LA REALIZZAZIONE DI IMPIANTI FOTOVOLTAICI CONNESSI ALLA RETE DI POTENZA NOMINALE COMPRESA TRA 1 E 20 kwp SPECIFICA TECNICA DI FORNITURA PER LA REALIZZAZIONE DI IMPIANTI FOTOVOLTAICI CONNESSI ALLA RETE DI POTENZA NOMINALE COMPRESA TRA 1 E 20 kwp SCOPO Lo scopo della presente specifica è quello di fornire le

Dettagli

CONFERENZA DELLE REGIONI E DELLE PROVINCE AUTONOME 11/48/CU1/C5

CONFERENZA DELLE REGIONI E DELLE PROVINCE AUTONOME 11/48/CU1/C5 CONFERENZA DELLE REGIONI E DELLE PROVINCE AUTONOME 11/48/CU1/C5 PARERE SULLO SCHEMA DI DECRETO DEL MINISTRO DELLO SVILUPPO ECONOMICO, DI CONCERTO CON IL MINISTRO DELL'AMBIENTE E DELLA TUTELA DEL MARE DI

Dettagli

IL MINISTRO DELLO SVILUPPO ECONOMICO, DI CONCERTO CON IL MINISTRO DELL'AMBIENTE E DELLA TUTELA DEL TERRITORIO E DEL MARE

IL MINISTRO DELLO SVILUPPO ECONOMICO, DI CONCERTO CON IL MINISTRO DELL'AMBIENTE E DELLA TUTELA DEL TERRITORIO E DEL MARE Decreto 6 agosto 2010 Incentivazione della produzione di energia elettrica mediante conversione fotovoltaica della fonte solare - (Gu 24 agosto 2010, n. 197) IL MINISTRO DELLO SVILUPPO ECONOMICO, DI CONCERTO

Dettagli

L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA E IL GAS

L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA E IL GAS Pubblicata sul sito www.autorità.energia.it il 24 febbraio 2006 Delibera n. 40/06 Modificazione e integrazione alla deliberazione dell Autorità per l energia elettrica e il gas 14 settembre 2005, n. 188/05,

Dettagli

IL MINISTRO DELLO SVILUPPO ECONOMICO di concerto con IL MINISTRO DELL AMBIENTE E DELLA TUTELA DEL TERRITORIO E DEL MARE emana il seguente decreto

IL MINISTRO DELLO SVILUPPO ECONOMICO di concerto con IL MINISTRO DELL AMBIENTE E DELLA TUTELA DEL TERRITORIO E DEL MARE emana il seguente decreto Ministero dello sviluppo economico Decreto Ministeriale 6 agosto 2010 Incentivazione della produzione di energia elettrica mediante conversione fotovoltaica della fonte solare (G.U. 24 agosto 2010, n.

Dettagli

LE NUOVE TARIFFE INCENTIVANTI (C.D. CONTO ENERGIA ) PER GLI IMPIANTI FOTOVOLTAICI

LE NUOVE TARIFFE INCENTIVANTI (C.D. CONTO ENERGIA ) PER GLI IMPIANTI FOTOVOLTAICI LE NUOVE TARIFFE INCENTIVANTI (C.D. CONTO ENERGIA ) PER GLI IMPIANTI FOTOVOLTAICI Il Ministero dello Sviluppo Economico di concerto con il Ministero dell Ambiente e della Tutela del territorio e del mare

Dettagli

Delibera Autorità Energia n. 188/05. Mezzocorona 06.12.2005 1. Presentazione a cura di Loris Selmo

Delibera Autorità Energia n. 188/05. Mezzocorona 06.12.2005 1. Presentazione a cura di Loris Selmo D.M. 28 luglio 2005 Gazzetta Ufficiale n. 181 del 05 Agosto 2005 Conto Energia Criteri per l'incentivazione della produzione di energia elettrica mediante conversione fotovoltaica della fonte solare Delibera

Dettagli

Conto Energia (D.M. 28 luglio 2005)

Conto Energia (D.M. 28 luglio 2005) Conto Energia (D.M. 28 luglio 2005) lo sviluppo che consente alla generazione presente di soddisfare i propri bisogni senza compromettere la capacità delle future generazioni di soddisfare i loro propri

Dettagli

Il Ministro dello Sviluppo Economico

Il Ministro dello Sviluppo Economico Il Ministro dello Sviluppo Economico di concerto con IL MINISTRO DELL'AMBIENTE E DELLA TUTELA DEL TERRITORIO E DEL MARE VISTO il decreto legislativo 3 marzo 2011, n. 28, recante attuazione della direttiva

Dettagli

3.1.1 Distributore Persona fisica o giuridica responsabile dello svolgimento di attività e procedure che determinano il funzionamento e la

3.1.1 Distributore Persona fisica o giuridica responsabile dello svolgimento di attività e procedure che determinano il funzionamento e la Deffiiniiziionii ttrratttte dallll arrtt.. 3 dalllla Guiida alllla rrealliizzaziione dii ssiissttemii dii generraziione ffottovollttaiica collllegattii alllle rrettii ellettttrriiche dii Mediia e Bassssa

Dettagli

MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO

MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO DECRETO 19 febbraio 2007 Criteri e modalita' per incentivare la produzione di energia elettrica mediante conversione fotovoltaica della fonte solare, in attuazione dell'articolo

Dettagli

IL MINISTRO DELLO SVILUPPO ECONOMICO di concerto con IL MINISTRO DELL AMBIENTE E DELLA TUTELA DEL TERRITORIO E DEL MARE

IL MINISTRO DELLO SVILUPPO ECONOMICO di concerto con IL MINISTRO DELL AMBIENTE E DELLA TUTELA DEL TERRITORIO E DEL MARE Decreto del Ministero dello sviluppo economico 6 agosto 2010 Incentivazione della produzione di energia elettrica mediante conversione fotovoltaica della fonte solare. (pubblicato nella G.U. n. 197 del

Dettagli

IL MINISTRO DELLO SVILUPPO ECONOMICO di concerto con IL MINISTRO DELL AMBIENTE E DELLA TUTELA DEL TERRITORIO E DEL MARE

IL MINISTRO DELLO SVILUPPO ECONOMICO di concerto con IL MINISTRO DELL AMBIENTE E DELLA TUTELA DEL TERRITORIO E DEL MARE Decreto del Ministero dello sviluppo economico 5 maggio 2011 Incentivazione della produzione di energia elettrica da impianti solari fotovoltaici. (pubblicato nella G.U. n. 109 del 12/05/2011 - in vigore

Dettagli

Chiarimenti in merito alle modalità di transizione dalla delibera n. 224/00 alla delibera n. 28/06 Comunicato stampa

Chiarimenti in merito alle modalità di transizione dalla delibera n. 224/00 alla delibera n. 28/06 Comunicato stampa Pagina 1 di 13 Documenti collegati Chiarimenti in merito alle modalità di transizione dalla delibera n. 224/00 alla delibera n. 28/06 Comunicato stampa Pubblicata sul sito www.autorita.energia.it in data

Dettagli

ALLEGATO 1. a ) Pcc > (1 - Ptpv - 0,08) * Pnom * I / Istc

ALLEGATO 1. a ) Pcc > (1 - Ptpv - 0,08) * Pnom * I / Istc ALLEGATO 1 I moduli fotovoltaici devono essere provati e verificati da laboratori accreditati, per le specifiche prove necessarie alla verifica dei moduli, in conformità alla norma UNI CEI EN ISO/IEC 17025.

Dettagli

Delibera n. 28/06 L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA E IL GAS. Documenti collegati

Delibera n. 28/06 L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA E IL GAS. Documenti collegati Documenti collegati Comunicato stampa Pubblicata sul sito www.autorita.energia.it in data 13 febbraio 2006 Delibera n. 28/06 CONDIZIONI TECNICO-ECONOMICHE DEL SERVIZIO DI SCAMBIO SUL POSTO DELL ENERGIA

Dettagli

Forme di incentivazione e finanziamento degli impianti fotovoltaici

Forme di incentivazione e finanziamento degli impianti fotovoltaici Dipartimento di Ingegneria Elettrica, Elettronica e delle Telecomunicazioni Università degli Studi di Palermo Forme di incentivazione e finanziamento degli impianti fotovoltaici Ing. Salvatore Favuzza

Dettagli

Il Ministro dello Sviluppo Economico

Il Ministro dello Sviluppo Economico Il Ministro dello Sviluppo Economico di concerto con IL MINISTRO DELL'AMBIENTE E DELLA TUTELA DEL TERRITORIO E DEL MARE VISTO l'art. 7, comma 1, del decreto legislativo 29 dicembre 2003, n. 387, recante

Dettagli

Il Ministro dello Sviluppo Economico

Il Ministro dello Sviluppo Economico Il Ministro dello Sviluppo Economico di concerto con IL MINISTRO DELL'AMBIENTE E DELLA TUTELA DEL TERRITORIO E DEL MARE VISTO il decreto legislativo 3 marzo 2011, n. 28 ed, in particolare, gli articoli

Dettagli

INFORMATIVA 02/2010. Il terzo Conto Energia: 2011-2013

INFORMATIVA 02/2010. Il terzo Conto Energia: 2011-2013 INFORMATIVA 02/2010 Il terzo Conto Energia: 2011-2013 Realizzato da: TIS Area Energia & Ambiente Data: Bolzano, 08/10/2010 TIS AREA ENERGIA & AMBIENTE 2 Indice 1 L attuale Conto Energia... 4 1.1 Introduzione...

Dettagli

ISTITUTO AUTONOMO CASE POPOLARI

ISTITUTO AUTONOMO CASE POPOLARI ISTITUTO AUTONOMO CASE POPOLARI DELLA PROVINCIA DI LECCE Programmi Integrati di Riqualificazione delle Periferie LAVORI DI MANUTENZIONE STRAORDINARIA DEGLI IMMOBILI ERP, SITI IN CASARANO IN CONTRADA BOTTE

Dettagli

Il Quinto Conto Energia

Il Quinto Conto Energia Nota di approfondimento Il Quinto Conto Energia E stato pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale del 10 luglio 2012, n. 159, il decreto 5 luglio 2012, cosiddetto Quinto Conto Energia, che ridefinisce le modalità

Dettagli

1 GENERALITA pag. 3 2 PREMESSE pag. 3 3 IRRADIAZIONE GIORNALIERA MEDIA MENSILE SUL PIANO ORIZZONTALE pag. 3 4 CRITERIO GENERALE DI PROGETTO pag.

1 GENERALITA pag. 3 2 PREMESSE pag. 3 3 IRRADIAZIONE GIORNALIERA MEDIA MENSILE SUL PIANO ORIZZONTALE pag. 3 4 CRITERIO GENERALE DI PROGETTO pag. INDICE 1 GENERALITA pag. 3 2 PREMESSE pag. 3 3 IRRADIAZIONE GIORNALIERA MEDIA MENSILE SUL PIANO ORIZZONTALE pag. 3 4 CRITERIO GENERALE DI PROGETTO pag. 4 4.1 Criterio di stima dell energia prodotta pag.

Dettagli

TERZO CONTO ENERGIA: www.riabitalia.it. infonord@riabitalia.it 02 47950601 infocentro@riabitalia.it 06 91712093 infosud@riabitalia.

TERZO CONTO ENERGIA: www.riabitalia.it. infonord@riabitalia.it 02 47950601 infocentro@riabitalia.it 06 91712093 infosud@riabitalia. TERZO CONTO ENERGIA: Possono usufruire degli incentivi definiti nel Decreto tutti gli impianti che entrano in esercizio dopo il 31/12/2010 a seguito di interventi di nuova costruzione, rifacimento totale

Dettagli

La produzione di elettricità

La produzione di elettricità UTILIZZO FONTI RINNOVABILI IL SOLARE Parma 19.02.2008 La produzione di elettricità 2. Modello centrale linee AAT-AT-MT-BT derivazione 3. Modello produzione consumo nelle stesso sito Fotovoltaico Autoproduzione

Dettagli

Il Ministro dello Sviluppo Economico

Il Ministro dello Sviluppo Economico Il Ministro dello Sviluppo Economico di concerto con IL MINISTRO DELL'AMBIENTE E DELLA TUTELA DEL TERRITORIO E DEL MARE VISTO il decreto legislativo n. 28 del 2011; CONSIDERATO che l Italia ha pienamente

Dettagli

Delibera n. 188/05 L AUTORITA' PER L ENERGIA ELETTRICA E IL GAS. pubblicata sul sito www.autorita.energia.it in data 14 settembre 2005

Delibera n. 188/05 L AUTORITA' PER L ENERGIA ELETTRICA E IL GAS. pubblicata sul sito www.autorita.energia.it in data 14 settembre 2005 pubblicata sul sito www.autorita.energia.it in data 14 settembre 2005 Delibera n. 188/05 DEFINIZIONE DEL SOGGETTO ATTUATORE E DELLE MODALITÀ PER L EROGAZIONE DELLE TARIFFE INCENTIVANTI DEGLI IMPIANTI FOTOVOLTAICI,

Dettagli

Agevolazioni tributarie per la riqualificazione energetica degli edifici

Agevolazioni tributarie per la riqualificazione energetica degli edifici AGEVOLAZIONI TRIBUTARIE 16-03-2007 15:37 Pagina 13 La Finanziaria per il risparmio energetico Agevolazioni tributarie per la riqualificazione energetica degli edifici to C, n. 1), Tabella 1, annesso al

Dettagli

I PRIMI TRE CONTI ENERGIA

I PRIMI TRE CONTI ENERGIA I PRIMI TRE CONTI ENERGIA Camera dei deputati Servizio studi, 11 marzo 2013 Il Primo Conto energia (D.M. 28 luglio 2005, modificato dal D.M. 6 febbraio 2006) In sostituzione del precedente sistema di incentivazione

Dettagli

Impianti Fotovoltaici. Opportunità offerte dal Conto Energia. ing. Piergabriele Andreoli ing Gian Carlo Picotti

Impianti Fotovoltaici. Opportunità offerte dal Conto Energia. ing. Piergabriele Andreoli ing Gian Carlo Picotti Impianti Fotovoltaici Opportunità offerte dal Conto Energia ing. Piergabriele Andreoli ing Gian Carlo Picotti Il Conto Energia Viene introdotto dal Dm 28/07/2005 (Ministero dell'ambiente e delle Attività

Dettagli

Il Ministro dello Sviluppo Economico

Il Ministro dello Sviluppo Economico Il Ministro dello Sviluppo Economico di concerto con IL MINISTRO DELL AMBIENTE E DELLA TUTELA DEL TERRITORIO E DEL MARE VISTO l articolo 1 del decreto legge n. 145 del 23 dicembre 2013, convertito, con

Dettagli

V Conto Energia. Sintesi e novità

V Conto Energia. Sintesi e novità V Conto Energia Una sintesi del Decreto Ministeriale (c.d. V Conto Energia) che indica quali sono e potranno essere i criteri e le modalità di incentivazione attuali e futuri della produzione di energia

Dettagli

DECRETO MINISTERIALE N. 5 LUGLIO 2012. detto anche Quinto conto energia. Guida alla lettura

DECRETO MINISTERIALE N. 5 LUGLIO 2012. detto anche Quinto conto energia. Guida alla lettura DECRETO MINISTERIALE N. 5 LUGLIO 2012 detto anche Quinto conto energia Guida alla lettura Premessa Il V Conto Energia aggiorna lo schema di incentivi previsti per incentivare la produzione di energia elettrica

Dettagli

COMMENTARIO V CONTO ENERGIA

COMMENTARIO V CONTO ENERGIA COMMENTARIO V CONTO ENERGIA Premesse a) Incremento del costo indicativo cumulato annuo a 6.700 milioni di euro (il V C.E. termina 30 gg dopo il raggiungimento); b) Il V C.E. parte dopo 45 giorni dalla

Dettagli

1RUPDWLYDHSURVSHWWLYH. Serrenti - Casa Corda - 31 Ottobre 2007. Aspetti tecnici economici ed ambientali Nuovo Conto Energia Finanziamenti Regionali

1RUPDWLYDHSURVSHWWLYH. Serrenti - Casa Corda - 31 Ottobre 2007. Aspetti tecnici economici ed ambientali Nuovo Conto Energia Finanziamenti Regionali ,/)27292/7$,&22**, 1RUPDWLYDHSURVSHWWLYH Serrenti - Casa Corda - 31 Ottobre 2007 Aspetti tecnici economici ed ambientali Nuovo Conto Energia Finanziamenti Regionali 6FRPSRVL]LRQHGHOOD UDGLD]LRQHVRODUH

Dettagli

MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO

MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO 1 di 5 27/05/2015 18:52 MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO DECRETO 19 maggio 2015 Approvazione del modello unico per la realizzazione, la connessione e l'esercizio di piccoli impianti fotovoltaici integrati

Dettagli

Conto Energia per il fotovoltaico: Il ruolo del GSE e modalità per l accesso agli incentivi

Conto Energia per il fotovoltaico: Il ruolo del GSE e modalità per l accesso agli incentivi Conto Energia per il fotovoltaico: Il ruolo del GSE e modalità per l accesso agli incentivi Francesco Trezza GSE - Direzione Operativa - Unità Ingegneria Seminario Assolombarda Milano, 20-02- 2007 www.gsel.it

Dettagli

Il Nuovo Conto Energia e la connessione alla rete elettrica

Il Nuovo Conto Energia e la connessione alla rete elettrica Il Nuovo Conto Energia e la connessione alla rete elettrica Tipologie di finanziamento: passato e presente Il passato: Finanziamento a fondo perduto, mediante il programma nazionale 10.000 Tetti Fotovoltaici,

Dettagli

IL MINISTRO DELLO SVILUPPO ECONOMICO

IL MINISTRO DELLO SVILUPPO ECONOMICO MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO DECRETO 24 dicembre 2014 Approvazione delle tariffe per la copertura dei costi sostenuti dal Gestore servizi energetici GSE S.p.A. per le attivita' di gestione, verifica

Dettagli

MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO

MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO DECRETO 5 maggio 2011 Incentivazione della produzione di energia elettrica da impianti solari fotovoltaici. (11A06083) (GU n. 109 del 12-5-2011 ) IL MINISTRO DELLO SVILUPPO

Dettagli

Arriva il V Conto Energia

Arriva il V Conto Energia Arriva il V Conto Energia ecco le risposte alle domande più frequenti BibLus-net 11 luglio 2012 Decreto 5 luglio 2012 V Conto Energia Pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale del 10 luglio 2012 il Decreto Ministeriale

Dettagli

IL NUOVO CONTO ENERGIA Presentazione del 27/02/2007

IL NUOVO CONTO ENERGIA Presentazione del 27/02/2007 IL NUOVO CONTO ENERGIA Presentazione del 27/02/2007 AUTOMAZIONE 2000 Prendi il controllo! www.automazione2000.it 1 Chi può beneficiare del Conto Energia? Persone fisiche Persone giuridiche Soggetti pubblici

Dettagli

4 CONTO ENERGIA: INCENTIVI PER IMPIANTI SU SERRE, PENSILINE, ETC.

4 CONTO ENERGIA: INCENTIVI PER IMPIANTI SU SERRE, PENSILINE, ETC. 1) INCENTIVI 2011-2012 PER GLI Anche il "Quarto Conto Energia" per gli impianti fotovoltaici su serre, pensiline, tettoie o pergole stabilisce degli incentivi riconosciuti e costanti per 20 anni, a decorrere

Dettagli

Contenuto del decreto ministeriale 28 luglio 2005 e della delibera n.188/05 dell Autorità per l Energia

Contenuto del decreto ministeriale 28 luglio 2005 e della delibera n.188/05 dell Autorità per l Energia Contenuto del decreto ministeriale 28 luglio 2005 e della delibera n.188/05 dell Autorità per l Energia In sintesi i contenuti del decreto e della delibera dell Autority L incentivazione per la produzione

Dettagli

DM 24 aprile 2001 (GU n. 117 del 22 5 2001)

DM 24 aprile 2001 (GU n. 117 del 22 5 2001) DM 24 aprile 2001 (GU n. 117 del 22 5 2001) Individuazione degli obiettivi quantitativi nazionali di risparmio energetico e sviluppo delle fonti rinnovabili di cui all'art. 16, comma 4, del decreto legislativo

Dettagli

Installazione di un impianto fotovoltaico oggi in Italia: dall autorizzazione al conto economico

Installazione di un impianto fotovoltaico oggi in Italia: dall autorizzazione al conto economico Installazione di un impianto fotovoltaico oggi in Italia: dall autorizzazione al conto economico Stefano Ristuccia Ravenna, 8 Ottobre 2008 Percorso 3 Energia Lab meeting M: Conto Energia e dintorni Prospettive

Dettagli

Testo integrato delle modalità e delle condizioni tecnico-economiche per lo scambio sul posto (TISP) L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA E IL GAS

Testo integrato delle modalità e delle condizioni tecnico-economiche per lo scambio sul posto (TISP) L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA E IL GAS Deliberazione 3 giugno 2008 - ARG/elt 74/08 Testo integrato delle modalità e delle condizioni tecnico-economiche per lo scambio sul posto (TISP) L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA E IL GAS Nella riunione

Dettagli

Incontro di aggiornamento professionale su. Conto Energia. aspetti tecnici ed evoluzione normativa

Incontro di aggiornamento professionale su. Conto Energia. aspetti tecnici ed evoluzione normativa Incontro di aggiornamento professionale su Conto Energia aspetti tecnici ed evoluzione normativa sintesi a cura di Novembre 2014 Giuseppe Caggegi Conto energia - sintesi a cura di Giuseppe Caggegi 1 Conto

Dettagli

LINEE GUIDA SUL CONTO ENERGIA PER IMPIANTI SOLARI -FOTOVOLTAICI -

LINEE GUIDA SUL CONTO ENERGIA PER IMPIANTI SOLARI -FOTOVOLTAICI - SOCIETA PROGETTAZIONE COSTRUZIONE MONTAGGI IMPIANTI ELETTRICI MT/BT E TECNOLOGICI SISTEMI ENERGIA RINNOVABILI SEDE LEGALE - OFFICINA - UFFICI AMMINISTRATIVI 03100 FROSINONE - Via Armando Fabi, 327 Tel.

Dettagli

Il Ministro dello Sviluppo Economico

Il Ministro dello Sviluppo Economico Il Ministro dello Sviluppo Economico di concerto con IL MINISTRO DELL'AMBIENTE E DELLA TUTELA DEL TERRITORIO E DEL MARE VISTO il decreto legislativo 3 marzo 2011, n. 28 e, in particolare, gli articoli

Dettagli

IMPIANTI FOTOVOLTAICI PER LA PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA INSTALLATI SU EDIFICI

IMPIANTI FOTOVOLTAICI PER LA PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA INSTALLATI SU EDIFICI IMPIANTI FOTOVOLTAICI PER LA PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA INSTALLATI SU EDIFICI LINEE D INDIRIZZO PER LA VALUTAZIONE DEI RISCHI CORRELATI ALL INSTALLAZIONE DI IMPIANTI FOTOVOTAICI SU EDIFICI DESTINATI

Dettagli

MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO

MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO DECRETO 19 maggio 2015 Approvazione del modello unico per la realizzazione, la connessione e l'esercizio di piccoli impianti fotovoltaici integrati sui tetti degli edifici.

Dettagli

5. LE NORME CHE REGOLANO LA PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA MEDIANTE CONVERSIONE FOTOVOLTAICA DELLA FONTE SOLARE

5. LE NORME CHE REGOLANO LA PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA MEDIANTE CONVERSIONE FOTOVOLTAICA DELLA FONTE SOLARE 5. LE NORME CHE REGOLANO LA PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA MEDIANTE CONVERSIONE FOTOVOLTAICA DELLA FONTE SOLARE La normativa nazionale relativa all energia prodotta da sistemi solari fotovoltaici riguarda

Dettagli

IL MINISTRO DELLO SVILUPPO ECONOMICO

IL MINISTRO DELLO SVILUPPO ECONOMICO MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO DECRETO 24 dicembre 2014 Approvazione delle tariffe per la copertura dei costi sostenuti dal Gestore servizi energetici GSE S.p.A. per le attivita' di gestione, verifica

Dettagli

TECNOLOGIA FOTOVOLTAICA

TECNOLOGIA FOTOVOLTAICA TECNOLOGIA FOTOVOLTAICA - Che cosa è un impianto fotovoltaico? Un impianto fotovoltaico trasforma direttamente l energia solare in energia elettrica. Esso è composto essenzialmente da: moduli o pannelli

Dettagli

TESTO COORDINATO DEL DECRETO-LEGGE

TESTO COORDINATO DEL DECRETO-LEGGE TESTO COORDINATO DEL DECRETO-LEGGE 18 Giugno 2007, n. 73 Testo del decreto-legge 18 giugno 2007, n. 73 (in Gazzetta Ufficiale - serie generale - n. 139 del 18 giugno 2007), coordinato con la legge di conversione

Dettagli

SCHEMA DI DECRETO V CONTO ENERGIA Testo elaborato in esito alla Commissione Politica congiunta energia-ambiente-agricoltura

SCHEMA DI DECRETO V CONTO ENERGIA Testo elaborato in esito alla Commissione Politica congiunta energia-ambiente-agricoltura SCHEMA DI DECRETO V CONTO ENERGIA Testo elaborato in esito alla Commissione Politica congiunta energia-ambiente-agricoltura Il Ministro dello Sviluppo Economico di concerto con IL MINISTRO DELL'AMBIENTE

Dettagli

N OTE T ECNICHE DI S ETTORE

N OTE T ECNICHE DI S ETTORE N OTE T ECNICHE DI S ETTORE ESTRATTO D.M. 5 maggio 2011 IV CONTO ENERGIA Aggiornamento: giugno 2011 Note: il presente documento rappresenta una sintesi delle valutazioni espresse dall Ufficio Tecnico C.L.L.A.T.

Dettagli

SETTORE 8 "TERRITORIO - AMBIENTE - RISERVE NATURALI - PROTEZIONE CIVILE - PROGRAMMAZIONE TURISTICA - GRANDI EVENTI"

SETTORE 8 TERRITORIO - AMBIENTE - RISERVE NATURALI - PROTEZIONE CIVILE - PROGRAMMAZIONE TURISTICA - GRANDI EVENTI Allegato alla determinazione dirigenziale n del Prot. n del SETTORE 8 "TERRITORIO - AMBIENTE - RISERVE NATURALI - PROTEZIONE CIVILE - PROGRAMMAZIONE TURISTICA - GRANDI EVENTI" Avviso pubblico per l accesso

Dettagli

Guida alla lettura del V Conto Energia

Guida alla lettura del V Conto Energia Guida alla lettura del V Conto Energia Manuale pratico per l applicazione del decreto ministeriale 5 luglio 2012 (aggiornata al 5/9/2012) Sommario Finalità del decreto... 3 Disciplina transitoria... 4

Dettagli

Incentivazione della produzione di energia elettrica da impianti solari fotovoltaici. (2) (1) Pubblicato nella Gazz. Uff. 12 maggio 2011, n. 109.

Incentivazione della produzione di energia elettrica da impianti solari fotovoltaici. (2) (1) Pubblicato nella Gazz. Uff. 12 maggio 2011, n. 109. Ministero dello sviluppo economico D.M. 5-5-2011 Incentivazione della produzione di energia elettrica da impianti solari fotovoltaici. Pubblicato nella Gazz. Uff. 12 maggio 2011, n. 109. Epigrafe Premessa

Dettagli

: I dispositivi fotovoltaici trasformano l energia associata alla

: I dispositivi fotovoltaici trasformano l energia associata alla EuSService e un impresa italiana con sede in Acireale,che opera nel settore dell energia rinnovabile, in particolare nel fotovoltaico. EuSService si pone come punto di riferimento per il mercato fotovoltaico,

Dettagli

Delibera n. 50/02. L Autorità per l energia elettrica e il gas. Nella riunione del 26 marzo 2002, Premesso che:

Delibera n. 50/02. L Autorità per l energia elettrica e il gas. Nella riunione del 26 marzo 2002, Premesso che: Delibera n. 50/02 Condizioni per l erogazione del servizio di connessione alle reti elettriche con tensione nominale superiore ad 1 kv i cui gestori hanno obbligo di connessione di terzi. (pubblicata sul

Dettagli

http://www.gazzettaufficiale.it/atto/serie_generale/caricaarticolo?art.progressivo=0&...

http://www.gazzettaufficiale.it/atto/serie_generale/caricaarticolo?art.progressivo=0&... Pagina 1 di 7 Art. 9 Misurazione e fatturazione dei consumi energetici 1. Fatto salvo quanto previsto dal comma 6-quater dell'articolo 1 del decreto-legge 23 dicembre 2013, n. 145, convertito, con modificazioni,

Dettagli

SPECIFICA TECNICA DI FORNITURA. PER LA REALIZZAZIONE DI IMPIANTI FOTOVOLTAICI DI POTENZA NOMINALE NON SUPERIORE A 20 kw CONNESSI ALLA RETE

SPECIFICA TECNICA DI FORNITURA. PER LA REALIZZAZIONE DI IMPIANTI FOTOVOLTAICI DI POTENZA NOMINALE NON SUPERIORE A 20 kw CONNESSI ALLA RETE SPECIFICA TECNICA DI FORNITURA PER LA REALIZZAZIONE DI IMPIANTI FOTOVOLTAICI DI POTENZA NOMINALE NON SUPERIORE A 20 kw CONNESSI ALLA RETE SCOPO Lo scopo della presente specifica è quello di fornire le

Dettagli

Molino Scarcia Snc - Relazione tecnica - Pag. 1

Molino Scarcia Snc - Relazione tecnica - Pag. 1 Molino Scarcia Snc - Relazione tecnica - Pag. 1 La presente relazione tecnica riguarda l installazione di un impianto fotovoltaico a servizio di una struttura, sito nel Comune di Specchia Provincia di

Dettagli

IL FOTOVOLTAICO IN ITALIA NORMATIVE E TARIFFE INCENTIVANTI - IL CONTO ENERGIA

IL FOTOVOLTAICO IN ITALIA NORMATIVE E TARIFFE INCENTIVANTI - IL CONTO ENERGIA IL FOTOVOLTAICO IN ITALIA NORMATIVE E TARIFFE INCENTIVANTI - IL CONTO ENERGIA Norma CEI 11-20 e il documento ENEL DK 5940 In Italia la norma CEI 11-20 definisce i criteri per l installazione di impianti

Dettagli

del commercio e dell'artigianato di concerto con il Ministro dell'ambiente

del commercio e dell'artigianato di concerto con il Ministro dell'ambiente Decreto 20.07.2004 Efficienza Energetica 1-5 MINISTERO DELLE ATTIVITÀ PRODUTTIVE DECRETO 20 luglio 2004 Nuova individuazione degli obiettivi quantitativi per l'incremento dell'efficienza energetica negli

Dettagli

MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO

MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO DECRETO 6 novembre 2014 Rimodulazione degli incentivi per la produzione di elettricita' da fonti rinnovabili diverse dal fotovoltaico spettanti ai soggetti che aderiscono

Dettagli

REN Solution ENgineering Excellence for RENewable ENergy

REN Solution ENgineering Excellence for RENewable ENergy REN Solution ENgineering Excellence for RENewable ENergy Divisione per le energie rinnovabili di Mech srl Via Pasteur, 16 42100 Reggio Emilia - Italy Ph.+39 0522 332903 Ph.+39 0522 333957 Fax +39 0522

Dettagli

Link GSE per approfondimenti : QUINTO CONTO ENERGIA PER IL FOTOVOLTAICO 2012-2016

Link GSE per approfondimenti : QUINTO CONTO ENERGIA PER IL FOTOVOLTAICO 2012-2016 Link GSE per approfondimenti : QUINTO CONTO ENERGIA PER IL FOTOVOLTAICO 2012-2016 Il DM 5 luglio 2012, cosiddetto Quinto Conto Energia, ridefinisce le modalità di incentivazione per la produzione di energia

Dettagli

L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA E IL GAS

L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA E IL GAS Autorità per l energia elettrica e il gas Deliberazione n. 224 del 13/12/2000 Disciplina delle condizioni tecnico-economiche del servizio di scambio sul posto dell energia elettrica prodotta da impianti

Dettagli

Articolo 1. (Detassazione degli investimenti in impianti e macchinari)

Articolo 1. (Detassazione degli investimenti in impianti e macchinari) Articolo 1 (Detassazione degli investimenti in impianti e macchinari) 1. E escluso dall'imposizione sul reddito di impresa il 50 per cento del valore degli investimenti in nuovi macchinari e in nuove apparecchiature

Dettagli

(2) Convertito in legge, con modificazioni, dall'art. 1, comma 1, L. 13 agosto 2010, n. 129.

(2) Convertito in legge, con modificazioni, dall'art. 1, comma 1, L. 13 agosto 2010, n. 129. D.L. 8-7-2010 n. 105 Misure urgenti in materia di energia. Pubblicato nella Gazz. Uff. 9 luglio 2010, n. 158. Epigrafe Premessa Art. 1 Misure urgenti in materia di energia Art. 1-bis Sistema informatico

Dettagli

Impianti Solari Fotovoltaici

Impianti Solari Fotovoltaici Impianti Solari Fotovoltaici Sono da considerarsi energie rinnovabili quelle forme di energia generate da fonti che per loro caratteristica intrinseca si rigenerano o non sono "esauribili" nella scala

Dettagli

IL NUOVO CONTO ENERGIA PER IL FOVOLTAICO. Maurizio Cuppone

IL NUOVO CONTO ENERGIA PER IL FOVOLTAICO. Maurizio Cuppone IL NUOVO CONTO ENERGIA PER IL FOVOLTAICO Maurizio Cuppone I risultati del Conto Energia Numerosità e potenza degli impianti in esercizio 45.000 40.000 35.000 30.000 25.000 20.000 15.000 10.000 5.000 -

Dettagli

ASSESSORATO ALLE ATTIVITA PRODUTTIVE SPECIFICA TECNICA DI FORNITURA

ASSESSORATO ALLE ATTIVITA PRODUTTIVE SPECIFICA TECNICA DI FORNITURA ALLEAGATO A1 SPECIFICA TECNICA DI FORNITURA PER LA REALIZZAZIONE DI IMPIANTI FOTOVOLTAICI DI POTENZA NOMINALE NON SUPERIORE A 20 kw CONNESSI ALLA RETE SCOPO Lo scopo della presente specifica è quello di

Dettagli

ALLEGATO B SPECIFICA TECNICA DI FORNITURA. PER LA REALIZZAZIONE DI IMPIANTI EOLICI CONNESSI ALLA RETE DI POTENZA NOMINALE COMPRESA TRA 20 E 100 kw p

ALLEGATO B SPECIFICA TECNICA DI FORNITURA. PER LA REALIZZAZIONE DI IMPIANTI EOLICI CONNESSI ALLA RETE DI POTENZA NOMINALE COMPRESA TRA 20 E 100 kw p ALLEGATO B SPECIFICA TECNICA DI FORNITURA PER LA REALIZZAZIONE DI IMPIANTI EOLICI CONNESSI ALLA RETE DI POTENZA NOMINALE COMPRESA TRA 20 E 100 kw p SCOPO Lo scopo della presente specifica è quello di fornire

Dettagli

Risoluzione del 20/05/2008 n. 207 - Agenzia delle Entrate - Direzione Centrale Normativa

Risoluzione del 20/05/2008 n. 207 - Agenzia delle Entrate - Direzione Centrale Normativa Risoluzione del 20/05/2008 n. 207 - Agenzia delle Entrate - Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Istanza di interpello - Articolo 11 della legge n. 212 del 2000 - Detrazione del 55% prevista per

Dettagli

L incentivazione del Fotovoltaico e il ruolo del GSE. www.gsel.it

L incentivazione del Fotovoltaico e il ruolo del GSE. www.gsel.it L incentivazione del Fotovoltaico e il ruolo del GSE www.gsel.it 2 Indice II GSE Gestore dei Servizi Elettrici L incentivazione del Fotovoltaico: : il conto energia Il Decreto 19 febbraio 2007 3 Il GSE

Dettagli

Il Ministro dello Sviluppo Economico

Il Ministro dello Sviluppo Economico Il Ministro dello Sviluppo Economico di concerto con IL MINISTRO DELL ECONOMIA E DELLE FINANZE Visto l articolo 1, della legge 27 dicembre 2006, n. 296, (di seguito: legge finanziaria 2007) ed in particolare:

Dettagli

FOTOVOLTAICO E CONTO ENERGIA II DM 19/02/2007. Plebani per. Ind. Federico

FOTOVOLTAICO E CONTO ENERGIA II DM 19/02/2007. Plebani per. Ind. Federico FOTOVOLTAICO E CONTO ENERGIA II DM 19/02/2007 Plebani per. Ind. Federico 1 IL FOTOVOLTAICO Il solare fotovoltaico è la trasformazione diretta di luce in corrente mediante celle solari. Quando vengono irradiate

Dettagli

DM 19.2.2007- CONTO ENERGIA - benefici economici dei nuovi incentivi e procedura normativa per la produzione e vendita di energia fotovoltaica

DM 19.2.2007- CONTO ENERGIA - benefici economici dei nuovi incentivi e procedura normativa per la produzione e vendita di energia fotovoltaica DM 19.2.2007- CONTO ENERGIA - benefici economici dei nuovi incentivi e procedura normativa per la produzione e vendita di energia fotovoltaica Di Luisa Capicotto Avvocato foro di Roma Specializzato in

Dettagli