Sezione M Elettrotecnica

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Sezione M Elettrotecnica"

Transcript

1 Sezione M Elettrotecnica 1 ELETTROTECNICA GENERALE (E. Bottani) 1.1 Unità di misura elettriche magnetiche Sistemi coerenti di unità. Sistema Internazionale Sistemi classici di unità elettromagnetiche Correnti costanti Correnti «continue» della pratica Senso delle correnti elettriche nei circuiti Potenze e forze elettromotrici in un generico bipolo Legge di Ohm Reti di bipoli. Leggi di Kirchhoff Campi di corrente Formule per la resistenza ohmica Portata delle condutture Condensatori e campo elettrico nei dielettrici Condensatori Campo elettrico nei dielettrici Formule per la capacità Tensione massima applicabile ad un condensatore. Rigidità dielettrica Induttori e campo magnetico Generalità Induttori Campi magnetici Formule per la permeanza, induttanza e mutua induttanza Proprietà dei materiali magnetici Correnti varianti comunque Generalità Forze elettromotrici d induzione magnetica Equazioni per le correnti variabili comunque Corrente alternata Generalità Grandezze alternative Diagrammi vettoriali e uso dei numeri complessi Bipoli elementari in corrente alternata Circuiti con più elementi Circuiti equivalenti Relazioni energetiche Circuiti trifasi SISTEMI ELETTRICI PER L ENERGIA 2.1 Generalità (A. Silvestri) Premessa Normalizzazione e unificazione Definizione CEI di impianto elettrico Funzioni e struttura di un sistema elettrico per l energia (A. Silvestri) Produzione, trasporto, utilizzazione Trasformazione... 43

2 2.2.3 Distribuzione primaria e secondaria Trasmissione e subtrasmissione Struttura di un sistema elettrico per l energia Conversione e trasmissione in corrente continua Regolazione Calcoli di rete (A. Silvestri) Classificazione Scopi Le norme sui cortocircuiti Calcoli di load flow (A. Silvestri) Equazioni alle ammettenze e alle impedenze nodali Impostazione del problema di load flow Metodi di Gauss e di Gauss-Seidel Metodo di Newton-Raphson Metodo di Ward-Hale Metodo di Carpentier Metodo di Stott Metodo in corrente continua Analisi della sicurezza statica Ripartizione ottima del carico Il mercato dell energia elettrica (A. Berizzi, A. Silvestri) Premessa La Direttiva Europea 96/92/CE La situazione italiana Modalità di fornitura L Acquirente Unico (AU) Il Gestore della Rete di Trasmissione Nazionale (GRTN) Il Gestore del Mercato Elettrico (GME) Gli impianti di produzione La distribuzione La qualità dell alimentazione L importazione I servizi ancillari Il Mercato elettrico Calcoli di cortocircuito (A. Silvestri) Premessa Teorema di Thévenin per il calcolo delle correnti di cortocircuito trifase simmetrico Trasformazione di Fortescue dei componenti simmetrici Cortocircuiti dissimmetrici Considerazioni qualitative sui valori delle impedenze di sequenza dei vari elementi Caso più gravoso tra i cortocircuiti considerati Guasti dissimmetrici in serie Impiego della norma IEC 909 (e della corrispondente CEI 11-25) per il calcolo delle correnti di cortocircuito e loro effetti (V. Cavallotti) Definizioni Tipi di cortocircuito possibili Generatore di tensione equivalente Impedenza di cortocircuito nel punto di guasto Impedenze di cortocircuito dei vari elementi di un impianto Conversione di impedenze, tensioni e correnti Calcolo delle correnti di cortocircuito senza l apporto dei motori Corrente minima di cortocircuito Contributo dei motori asincroni

3 Esempio di calcolo delle correnti di cortocircuito in una rete trifase in BT Rete a MT e BT di uno stabilimento industriale. Esempio di calcolo Effetti termici, elettrodinamici ed effetto arco delle correnti di cortocircuito (V. Cavallotti) Effetti termici Effetti elettrodinamici Arco tra parti in tensione o verso terra MISURE ELETTRICHE (P. Regoliosi) 3.1 Generalità Definizioni Classificazione Strumenti di laboratorio Tipi e caratteristiche Strumenti industriali Tipi e caratteristiche Errori degli strumenti industriali indicatori Amperometri e voltmetri Wattmetri Varmetri Ohmmetri Fasometri Frequenziometri (o frequenzimetri) Registratori Contatori (integratori) Indicatori di medio-massimo Derivatori e resistori addizionali Trasformatori di misura (riduttori) Metodi di laboratorio Generalità Metodi industriali Generalità Circuiti a corrente continua Circuiti a corrente alternata, monofasi (frequenza industriale) Circuiti trifasi a tre fili, simmetrici (nelle tensioni) ed equilibrati (nelle correnti) o ritenuti tali convenzionalmente Circuiti trifasi a tre fili, simmetrici (nelle tensioni) ma squilibrati (nelle correnti) Sistemi trifasi a tre fili, dissimmetrici e squilibrati Potenze piccolissime con cos ϕ di valore normale (> 0,5) Potenze con cos ϕ piccolissimo (< 0,2) Sistemi trifasi a quattro fili (con neutro) Energia elettrica e sua tariffazione Misurazione dell energia MACCHINE ELETTRICHE (P. De Pol, V. Gorio) 4.1 Generalità Definizioni Macchine elettriche a corrente alternata Generatori e motori sincroni Motori asincroni trifasi Macchine elettriche a corrente continua Generatori e motori a corrente continua Trasformatori Generalità

4 5 LINEE ELETTRICHE 5.1 Linee aeree Sistemi, tensione e frequenze (G. Corbellini, P. De Pol) Criteri per la scelta del tipo di conduttore e della sezione (G. Corbellini, P. De Pol) Materiali per conduttori (G. Corbellini, P. De Pol) Norme di legge (G. Corbellini, P. De Pol) Sezioni e formazioni normali dei conduttori (G. Corbellini, P. De Pol) Calcolo dei parametri specifici (G. Corbellini, P. De Pol) Calcolo delle perdite e delle cadute di tensione (G. Corbellini, P. De Pol) Determinazione di sezione e massa del conduttore (G. Corbellini, P. De Pol) Calcoli meccanici (M. Comolo, M. Finzi) Linee elettriche sotterranee (F. Marocchi, A. Morello) Costruzione dei cavi elettrici isolati Accessori e posa Scelta delle tensioni d isolamento dei cavi Scelta delle sezioni dei cavi in relazione alle intensità di corrente da trasmettere Proprietà elettriche CONVERTITORI ELETTRONICI DI POTENZA (G. Parigi) 6.1 Generalità Definizioni Cicli di carico dei convertitori elettronici Sistemi di commutazione Convertitori omogenei e convertitori misti Parzializzazione e frazionamento Caratteristiche Raddrizzatori Fattore di potenza della conversione e armoniche Guasti Rendimento Calcolo di massima dei gruppi raddrizzatori Applicazioni Invertitori Generalità e classificazione Funzionamento Guasti Applicazioni Convertitori di frequenza Generalità e classificazione Convertitori di corrente continua Generalità Frazionatore (d.c. chopper converter) Applicazioni Dispositivi a valvola elettronica di potenza Ampolle o cilindri a vapore di Hg Celle o dispositivi a semiconduttore. Generalità Valori nominali e valori caratteristici dei diodi e tiristori Dimensionamento dei complessi riguardo alla corrente e protezioni relative Dimensionamento dei complessi riguardo alla tensione e protezioni relative Rendimento dei convertitori a semiconduttori STRUMENTI ELETTRONICI DI MISURA (I. Gorini) 7.1 Introduzione Generalità

5 7.1.2 Informazioni fornite dai costruttori Misure di tensione Voltmetri Voltmetri per tensioni costanti Voltmetri di tipo analogico Voltmetri di tipo digitale Voltmetri di tipo digitale a campionamento Voltmetri digitali a potenziometro con servomotore Voltmetri digitali a rampa continua Voltmetri digitali a gradinata Voltmetri digitali ad approssimazioni successive Voltmetri di tipo digitale a integrazione Voltmetri digitali a conversione di tensione in tempo Voltmetri digitali a conversione di tensione in frequenza Voltmetri per tensioni alternate Voltmetri per tensioni alternate a valor medio Voltmetri per tensioni alternate a valore efficace Misure di intensità di corrente Generalità Amperometri per correnti costanti Amperometri per correnti costanti con resistore campione come derivatore Amperometri per correnti costanti con amplificatore corrente/tensione Amperometro a pinza Amperometri per correnti alternate Misure di resistenza in corrente continua Generalità Ohmmetro a tensione imposta Ohmmetro a corrente impressa Misure di impedenza in corrente alternata Generalità Strumenti di tipo volt-amperometrico Strumenti a ponte Strumenti a risonanza Misure di potenza Wattmetri per misure a frequenza industriale e a frequenze elevate Misure di tempo e frequenza Generalità Misure di frequenza Misure di periodo Misure di intervalli di tempo Misure di rapporti di frequenze Il contatore universale AZIONAMENTI ELETTRICI A VELOCITÀ VARIABILE (G. Petrecca) 8.1 Generalità Definizioni La regolazione di velocità delle macchine elettriche Definizioni Regolazione delle macchine in c.c Macchina in c.c. con eccitazione tipo serie Macchina in c.c. con eccitazione indipendente Macchina asincrona trifase a gabbia Macchina sincrone Macchina a collettore in c.a

6 8.3 Classificazione degli azionamenti Generalità Azionamenti con macchine in c.a Generalità Azionamento con macchina asincrona in c.a. con controllo di tensione e frequenza di alimentazione di statore Azionamento con macchina asincrona in c.a. con controllo della tensione di alimentazione di statore Azionamento con macchina asincrona ad alimentazione monofase con condensatore e con controllo della tensione d alimentazione Azionamento con macchina asincrona ad anelli e reostato sul rotore Scherbius con macchine rotanti Scherbius totalmente statico (cascata iposincrona) Kraemer con macchine rotanti Kraemer statico Azionamenti con motore a collettore in c.a Motore Schrage Giunto elettromagnetico a scorrimento Azionamento con macchina sincrona con controllo di tensione e frequenza di alimentazione di statore Macchina sincrona con cicloconverter Macchina sincrona autopilotata Azionamenti con macchine in c.c Generalità Azionamenti unidirezionali da linee in c.a Azionamenti bidirezionali da linea in c.a. con inversione sull armatura Azionamenti bidirezionali da linea in c.a. con inversione sul campo Azionamento con macchina a commutazione elettronica ACCUMULATORI E PILE (G. Clerici) 9.1 Accumulatori Accumulatori al piombo Accumulatori al nichel-cadmio Accumulatori al nichel-idruri metallici Accumulatori al litio Pile Pile industriali Pile campione Pile a combustibile SISTEMI DI PROTEZIONE (G. Pratesi, M. Delfanti) 10.1 Definizioni Premessa Definizione di sistema di protezione Guasti e funzionamenti anomali di un sistema elettrico Protezione principale e di riserva Tempo di eliminazione di un guasto Requisiti dei sistemi di protezione Trasformatori di corrente e di tensione per le protezioni Generalità Trasformatori di corrente (TA) Trasformatori di tensione (TV) I relè elettrici Generalità

7 Classificazione dei relè: tipologia costruttiva Classificazione dei relè: caratteristica di intervento Equazione generale di equilibrio dei relè Relè a una sola grandezza agente: relè di corrente e di tensione Relè differenziale semplice Relè differenziale compensato Relè direzionali Protezioni a impedenza Selezione e tempo di eliminazione dei guasti Generalità Selettività in base al tempo di intervento Selettività in base alla grandezza agente Selettività energetica Selettività logica Protezione dei generatori Generalità Possibili guasti e malfunzionamenti Protezione contro i guasti interni Protezione contro i guasti esterni Protezioni contro i funzionamenti anomali Esempio di protezione di riserva: protezione MAIG Protezione dei trasformatori Generalità Protezione dei trasformatori alimentati su due lati Protezione dei trasformatori di distribuzione AT/MT Protezione dei trasformatori di distribuzione MT/BT Linee elettriche: protezioni e dispositivi complementari Generalità Linee di trasmissione Linee di distribuzione MT Protezione delle linee di distribuzione BT Dispositivi complementari: la richiusura automatica delle linee - codice Protezione dei motori in corrente alternata Generalità Protezione di massima corrente contro il cortocircuito (codice 50) Protezione differenziale (codice 87 M) Protezione contro il sovraccarico termico (codice 51, 49) Protezione per rotore bloccato e per avviamento prolungato (codice 51LR) Protezione per guasto a terra (codice 64) Protezione di minima tensione (codice 27) Funzionamento con tensioni di alimentazione dissimmetriche (codice 46-49) Protezione contro avviamenti ripetuti (codice 66)

8

9 Sezione N Elettronica, Informatica, Telecomunicazioni (L. Mezzalira) 1 COMPONENTI ELETTRONICI (M. Carminati) 1.1 Generalità Assemblaggio e packaging dei componenti Il rumore nei dispositivi elettronici Componenti passivi Resistori Condensatori ed induttori Diodi Transistori Bipolari JFET MOSFET Circuiti integrati analogici Amplificatori operazionali e per strumentazione Amplificatori programmabili e filtri attivi Circuiti integrati digitali Porte logiche Memorie Microcontrollori, DSP e FPGA Circuiti integrati misti Convertitori ADC e DAC Interruttori analogici Potenziometri digitali Oscillatori e DDS Dispositivi di potenza Regolatori di tensione Interruttori di potenza Dispositivi optoelettronici e mems Dispositivi optoelettronici Dispositivi MEMS ELETTRONICA ANALOGICA (T. Besana) 2.1 Amplificatori operazionali Caratteristiche generali di un amplificatore operazionale Costituzione circuitale interna di un AO... 19

10 2.1.3 Parametri di un amplificatore operazionale ideale Altri parametri interessanti un AO reale Risposta di un AO a grandi segnali Comportamento in frequenza di un AO e sfasamento del segnale d uscita La retroazione Applicazioni degli AO Amplificatore invertente Amplificatore non invertente Sommatore analogico Amplificatore di corrente Amplificatore corrente-tensione Amplificatore tensione-corrente Amplificatore invertente accoppiato in alternata Amplificatore differenziale Amplificatore logaritmico/antilogaritmico Integratore Differenziatore Amplificatore selettivo con rete a doppio «T» LA SINTESI DEI FILTRI ANALOGICI (A. Liberatore, A. Luchetta) 3.1 Generalità sui filtri elettrici Tipi di funzioni filtranti I diagrammi di Bode Metodi di approssimazione Normalizzazione e denormalizzazione Trasformazione in frequenza Uso delle tabelle I filtri passivi Procedimenti di sintesi di bipolo Sintesi di filtri LC doppiamente caricati Sintesi di filtri LC semplicemente caricati I parametri immagine I filtri attivi La sensibilità Sintesi mediante strutture in cascata Sintesi mediante simulazione di strutture passive Amplificatori operazionali a transconduttanza Blocchi base Filtri OTA in cascata Filtri OTA a scala ELETTRONICA DIGITALE (L. Mezzalira) 4.1 Algebra di Boole Caratteristiche generali Operazioni logiche fondamentali Proprietà dell algebra di Boole Sintesi di una funzione logica Circuiti logici Famiglie Logiche Famiglie Bipolari Circuiti MOS Circuiti CMOS Circuiti combinatori SSI... 90

11 4.2.6 Logiche sequenziali Circuiti logici MSI Circuiti integrati LSI e VLSI SISTEMI DI ACQUISIZIONE DATI (M. Carminati) 5.1 Generalità Sensori ed attuatori Architetture Campionamento dei segnali Teorema del campionamento Finestratura Circuiti di sample and hold Conversione digitale-analogica Proprietà generali Architetture interne Conversione analogico-digitale Proprietà generali Architetture classiche Convertitori sigma-delta Dimensionamento della catena di acquisizione Criteri di dimensionamento Circuiti di lettura e condizionamento Accorgimenti realizzativi CALCOLATORI DIGITALI (C. Bolchini, C. Pilato) 6.1 Cenni storici Architettura del calcolatore Unità centrale di elaborazione Memoria centrale Il formato delle istruzioni e i modi di indirizzamento L insieme di istruzioni (Instruction set) Interfaccia di ingresso/uscita I microprocessori Architetture dei processori moderni Le memorie Organizzazione interna La gerarchia di memoria Periferiche LA CODIFICA DELLE INFORMAZIONI 7.1 Rappresentazione posizionale dei numeri (F. Salice) Numeri interi Numeri con parte frazionaria Codici alfanumerici (F. Salice) ASCII Altre codifiche (F. Salice) Codici numerici Codici correttori e rilevatori Codici rilevatori d errore singolo Codici correttori di singolo errore Altri codici Sicurezza e crittografia (L.O. Breveglieri) Premessa

12 7.4.2 Sicurezza Cenno storico Concetti e modelli di base Crittosistema simmetrico Crittosistema asimmetrico Firma digitale Crittosistemi avanzati e innovativi IL BUS DI SISTEMA (L. Milani) 8.1 Generalità Struttura a bus Considerazioni generali Funzionalità logica del bus Standard di bus di sistema Bus VME (Versa Module European) Multibus II Altri bus PROBLEMATICHE DI INTERFACCIAMENTO (L. Mezzalira) 9.1 Introduzione Segnali Segnali analogici Segnali digitali Campionamento di segnali digitali Temporizzazione e sincronizzazione di acquisizione ed emissione di informazioni Tecniche di sincronizzazione dei trasferimenti di informazione Interfacce circuitali Circuiti di supporto al microprocessore Interfacciamento parallelo Interfacciamento seriale Controllo dell interrupt Accesso diretto in memoria (DMA) Timer, counter CRT controller COMUNICAZIONE TRA ELABORATORI 10.1 Generalità (D. Ciminaghi) Tipi di connessione Sincronizzazione Caratteristiche fisiche del canale trasmissivo Standard elettrici e tecniche di trasmissione Rilevazione e correzione degli errori di trasmissione Collegamenti simplex, half duplex e full duplex Collegamenti punto a punto e reti di calcolatori Caratteristiche e problematiche fondamentali delle reti IEEE 488 (D. Ciminaghi) Generalità Descrizione delle linee Trasferimenti di messaggi Alcuni comandi Specifiche elettriche e meccaniche Implementazione Centronics (D. Ciminaghi) Trasferimento di dati

13 10.4 Modello ISO/OSI (D. Ciminaghi) Generalità Termini fondamentali e convenzioni Servizi e protocolli Modalità operative dei livelli Primitive Dialoghi Protocolli Livelli Standard di livello fisico per comunicazioni seriali (D. Ciminaghi) EIA RS232-C/CCITT V EIA RS423-A/CCITT V EIA RS422-A/CCITT V EIA RS EIA RS449, CCITT X.21, X.21 bis HDLC (D. Ciminaghi) Generalità Struttura del frame Tipi di frame Correzione degli errori Rete ISDN (D. Ciminaghi) Generalità Modalità di accesso e specifiche di Livello Fisico Connettori Caratteristiche elettriche e codifica di canale Livello Data Link Livello Network Livelli superiori Reti locali (D. Ciminaghi) Generalità Livello Physical Topologie Livello Data Link Ethernet (D. Ciminaghi) Generalità Livello Physical Livello Data Link Livello Network Livello Transport Livello Session Bus di campo (D. Ciminaghi) Bus di campo e sistemi di controllo distribuito Requisiti dei bus di campo Standard per bus di campo WORLDFIP (D. Ciminaghi) Livello Physical Livello Data Link Livello Application Profibus (D. Ciminaghi) Livello Physical Livello Data Link PROFIBUS FMS - Livello Application Modalità d implementazione del bus

14 10.13 Protocolli Internet (D. Ciminaghi, G. Verticale) Analogie con il modello ISO/OSI Riferimenti normativi Livello Fisico/Data link Livello Network Livello Transport Livello Application WPAN (Wireless Personal Area Network) (S. Maggi) Introduzione alle WPAN IEEE e Bluetooth IEEE e Zigbee INGEGNERIA DEL SOFTWARE (S. Rizzo) 11.1 Generalità Prodotto software e progetto software L ingegneria del software Users Requirements Il ciclo di vita Definizione dei software requirements Una possibile classificazione Caratteristiche Progetto Una premessa Scomposizione in moduli Strutture dati Strumenti e risorse Progetto di dettaglio Scomposizione dei moduli Codifica e debug La qualità del software Verifica e validazione Test Integrazione e testing Unit testing Integrazione software Integrazione di sistema La manutenzione del software Linguaggi di programmazione Sintassi del linguaggio Assembly Direttive di assegnamento Linguaggi evoluti Sistemi di sviluppo e programmi di supporto Generalità Programmi di supporto LA GESTIONE INFORMATICA DEI DATI (S. Ceri) 12.1 Definizioni Breve illustrazione del linguaggio SQL La gestione dei dati nel mondo del web SISTEMI INFORMATIVI (C. Batini, B. Pernici) 13.1 L informazione e i sistemi informativi Struttura di un sistema informativo e informatico Tipologie di sistemi informativi

15 13.4 Le qualità di un sistema informativo Il ciclo di vita del sistema informativo Conclusioni INTRODUZIONE AGLI IMPIANTI INFORMATICI (M. Gribaudo) 14.1 Generalità Sistemi di storage Dischi tradizionali e SSD Sistemi RAID Virtualizzazione e Cloud Computing IL WORLD WIDE WEB (WWW) (P. Fraternali) 15.1 Il Web e la rete Internet Breve storia del Web Il protocollo HTTP Il linguaggio di descrizione dei contenuti HTML I motori di ricerca Il Web come piattaforma di sviluppo delle applicazioni Il linguaggio Javascript e i componenti client-side Il Web come piattaforma di servizi Le direzioni di sviluppo del Web GRAFICA COMPUTERIZZATA (M. Gribaudo) 16.1 Codifica dell informazione grafica Introduzione Immagini vettoriali Immagini raster Spazi di colore Compressioni delle immagini Formati misti Introduzione alla grafica tridimensionale Generalità La proiezione delle coordinate La codifica delle superfici La rasterizzazione I modelli d illuminazione Le sorgenti luminose Le normali alle superfici I modelli d illuminazione Lambert e Phong Texture, materiali e shader SOFTWARE DI CALCOLO (P. Rugarli) 17.1 Premessa Sviluppo software Modelli teorici Struttura del software Programmazione a oggetti Validazione, test e certificazione del software Errori nel software Validazione Certificazione Criteri per la scelta di un software Normativa e software Prassi e prospettive

16 18 TEORIA DEI CONTROLLI AUTOMATICI (G. Biondo, E. Sacchi) 18.1 Introduzione Sistemi e controllo Sistema orientato Definizioni e rappresentazioni di un sistema Problematica dei sistemi Funzione di trasferimento Modellizzazione Simulazione Schemi a blocchi Tipi di controllo Analisi e sintesi del controllo a retroazione Strumenti matematici per l analisi dei sistemi Trasformata di Fourier Trasformata di Laplace Scomposizione in frazioni parziali Trasformata di Laplace di equazioni differenziali Algebra delle matrici Equazioni alle differenze finite Trasformata-Z Metodi d inversione Equazioni alle differenze finite e trasformata-z Convoluzione Analisi nel dominio del tempo Risposta transitoria Criterio di stabilità di Routh Precisione e tipo di sistema Sensibilità in regime permanente Analisi nel dominio della frequenza Risposta armonica Diagrammi di Bode Diagrammi polari Criteri di stabilità di Nyquist e Bode Precisione e sensibilità con i diagrammi di Nyquist Cerchi M ed N Diagrammi di Nichols Sintesi dei sistemi di controllo a retroazione Generalità Reti correttrici Compensazione con reti correttrici Regolatori standard RADIOCOMUNICAZIONI 19.1 Generalità (G.B. Stracca, G. Filiberti) Sistemi di radiocomunicazioni Collegamenti direzionali a microonde tra punti fissi (ponti radio) (G.B. Stracca, G. Filiberti) Considerazioni generali Qualità di tramissione e fattori che la determinano Tecniche particolari Progetto di un ponte radio analogico FM-FDM Progetto di ponti radio per segnali numerici Sistemi di comunicazione nella gamma VHF e sistemi radiomobili (G.B. Stracca, G. Filiberti) Gamma VHF ( MHz) e relativi sistemi radiomobili

ALLEGATO al verbale della riunione del 3 Settembre 2010, del Dipartimento di Elettrotecnica e Automazione.

ALLEGATO al verbale della riunione del 3 Settembre 2010, del Dipartimento di Elettrotecnica e Automazione. ALLEGATO al verbale della riunione del 3 Settembre 2010, del Dipartimento di Elettrotecnica e Automazione. COMPETENZE MINIME- INDIRIZZO : ELETTROTECNICA ED AUTOMAZIONE 1) CORSO ORDINARIO Disciplina: ELETTROTECNICA

Dettagli

I.T.I. A. MALIGNANI UDINE CLASSI 3 e ELT MATERIA: ELETTROTECNICA PROGRAMMA PREVENTIVO

I.T.I. A. MALIGNANI UDINE CLASSI 3 e ELT MATERIA: ELETTROTECNICA PROGRAMMA PREVENTIVO CORRENTE CONTINUA: FENOMENI FISICI E PRINCIPI FONDAMENTALI - Richiami sulle unità di misura e sui sistemi di unità di misura. - Cenni sulla struttura e sulle proprietà elettriche della materia. - Le cariche

Dettagli

Le Armoniche INTRODUZIONE RIFASAMENTO DEI TRASFORMATORI - MT / BT

Le Armoniche INTRODUZIONE RIFASAMENTO DEI TRASFORMATORI - MT / BT Le Armoniche INTRODUZIONE Data una grandezza sinusoidale (fondamentale) si definisce armonica una grandezza sinusoidale di frequenza multipla. L ordine dell armonica è il rapporto tra la sua frequenza

Dettagli

U.D. 6.2 CONTROLLO DI VELOCITÀ DI UN MOTORE IN CORRENTE ALTERNATA

U.D. 6.2 CONTROLLO DI VELOCITÀ DI UN MOTORE IN CORRENTE ALTERNATA U.D. 6.2 CONTROLLO DI VELOCITÀ DI UN MOTORE IN CORRENTE ALTERNATA Mod. 6 Applicazioni dei sistemi di controllo 6.2.1 - Generalità 6.2.2 - Scelta del convertitore di frequenza (Inverter) 6.2.3 - Confronto

Dettagli

I motori elettrici più diffusi

I motori elettrici più diffusi I motori elettrici più diffusi Corrente continua Trifase ad induzione Altri Motori: Monofase Rotore avvolto (Collettore) Sincroni AC Servomotori Passo Passo Motore in Corrente Continua Gli avvolgimenti

Dettagli

IMPIANTI ELETTRICI CIVILI

IMPIANTI ELETTRICI CIVILI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI FIRENZE Facoltà di Architettura Corso di Fisica Tecnica Ambientale Prof. F. Sciurpi - Prof. S. Secchi A.A. A 2011-20122012 IMPIANTI ELETTRICI CIVILI Per. Ind. Luca Baglioni Dott.

Dettagli

Le misure di energia elettrica

Le misure di energia elettrica Le misure di energia elettrica Ing. Marco Laracca Dipartimento di Ingegneria Elettrica e dell Informazione Università degli Studi di Cassino e del Lazio Meridionale Misure di energia elettrica La misura

Dettagli

Strumenti Elettronici Analogici/Numerici

Strumenti Elettronici Analogici/Numerici Facoltà di Ingegneria Università degli Studi di Firenze Dipartimento di Elettronica e Telecomunicazioni Strumenti Elettronici Analogici/Numerici Ing. Andrea Zanobini Dipartimento di Elettronica e Telecomunicazioni

Dettagli

COORDINAMENTO PER MATERIE SETTEMBRE 2013 MATERIA DI NUOVA INTRODUZIONE PER EFFETTO DELLA RIFORMA

COORDINAMENTO PER MATERIE SETTEMBRE 2013 MATERIA DI NUOVA INTRODUZIONE PER EFFETTO DELLA RIFORMA Pagina 1 di 5 COORDINAMENTO PER MATERIE SETTEMBRE 2013 MATERIA DI NUOVA INTRODUZIONE PER EFFETTO DELLA RIFORMA AREA DISCIPLINARE : Indirizzo Informatica e Telecomunicazioni, articolazione Informatica.

Dettagli

Circuiti Elettrici. Schema riassuntivo. Assumendo positive le correnti uscenti da un nodo e negative quelle entranti si formula l importante

Circuiti Elettrici. Schema riassuntivo. Assumendo positive le correnti uscenti da un nodo e negative quelle entranti si formula l importante Circuiti Elettrici Schema riassuntivo Leggi fondamentali dei circuiti elettrici lineari Assumendo positive le correnti uscenti da un nodo e negative quelle entranti si formula l importante La conseguenza

Dettagli

IMPIANTI FOTOVOLTAICI PER LA PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA INSTALLATI SU EDIFICI

IMPIANTI FOTOVOLTAICI PER LA PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA INSTALLATI SU EDIFICI IMPIANTI FOTOVOLTAICI PER LA PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA INSTALLATI SU EDIFICI LINEE D INDIRIZZO PER LA VALUTAZIONE DEI RISCHI CORRELATI ALL INSTALLAZIONE DI IMPIANTI FOTOVOTAICI SU EDIFICI DESTINATI

Dettagli

elettrotecnico/elettrotecnica

elettrotecnico/elettrotecnica Delibera n. 748 del 24.06.2014 ordinamento formativo per la professione oggetto di apprendistato di elettrotecnico/elettrotecnica 1. Il profilo professionale 2. Durata e titolo conseguibile 3. Referenziazioni

Dettagli

2capitolo. Alimentazione elettrica

2capitolo. Alimentazione elettrica 2capitolo Alimentazione elettrica Regole fondamentali, norme e condotte da seguire per gestire l'interfaccia tra la distribuzione elettrica e la macchina. Presentazione delle funzioni di alimentazione,

Dettagli

Trasmissione Seriale e Parallela. Interfacce di Comunicazione. Esempio di Decodifica del Segnale. Ricezione e Decodifica. Prof.

Trasmissione Seriale e Parallela. Interfacce di Comunicazione. Esempio di Decodifica del Segnale. Ricezione e Decodifica. Prof. Interfacce di Comunicazione Università degli studi di Salerno Laurea in Informatica I semestre 03/04 Prof. Vincenzo Auletta auletta@dia.unisa.it http://www.dia.unisa.it/professori/auletta/ 2 Trasmissione

Dettagli

PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA COME E PERCHÉ

PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA COME E PERCHÉ PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA COME E PERCHÉ Perché produrre energia elettrica Tutta la società moderna si basa sul consumo di energia, per fare qualsiasi attività necessitiamo di qualche forma di energia.

Dettagli

PROTEZIONE DAI CONTATTI DIRETTI ED INDIRETTI

PROTEZIONE DAI CONTATTI DIRETTI ED INDIRETTI PROTEZIONE DAI CONTATTI DIRETTI ED INDIRETTI Appunti a cura dell Ing. Emanuela Pazzola Tutore del corso di Elettrotecnica per meccanici, chimici e biomedici A.A. 2005/2006 Facoltà d Ingegneria dell Università

Dettagli

INVERTER per MOTORI ASINCRONI TRIFASI

INVERTER per MOTORI ASINCRONI TRIFASI APPUNTI DI ELETTROTECNICA INVERTER per MOTORI ASINCRONI TRIFASI A cosa servono e come funzionano A cura di Marco Dal Prà www.marcodalpra.it Versione n. 3.3 - Marzo 2013 Inverter Guida Tecnica Ver 3.3 Pag.

Dettagli

SEGNI GRAFICI PER SCHEMI

SEGNI GRAFICI PER SCHEMI Corrente e Tensioni Corrente continua Trasformatore a due avvolgimenti con schermo trasformatore di isolamento CEI 14-6 Trasformatore di sicurezza CEI 14-6 Polarità positiva e negativa Convertitori di

Dettagli

CERTIFICATO ACUSTICO DI PROGETTO (D.P.C.M. 5 dicembre 1997)

CERTIFICATO ACUSTICO DI PROGETTO (D.P.C.M. 5 dicembre 1997) CERTIFICATO ACUSTICO DI PROGETTO (D.P.C.M. 5 dicembre 1997) Progetto per la realizzazione di: Edificio residenziale Località: Ancona Indirizzo: via Menicucci, 3 Il tecnico competente Ancona, 20/09/2011

Dettagli

Sensori di Posizione, Velocità, Accelerazione

Sensori di Posizione, Velocità, Accelerazione Sensori di Posizione, Velocità, Accelerazione POSIZIONE: Sensori di posizione/velocità Potenziometro Trasformatore Lineare Differenziale (LDT) Encoder VELOCITA Dinamo tachimetrica ACCELERAZIONE Dinamo

Dettagli

ISTITUTI PROFESSIONALI

ISTITUTI PROFESSIONALI ISTITUTI PROFESSIONALI Settore Industria e Artigianato Indirizzo Manutenzione e assistenza tecnica Nell indirizzo Manutenzione e assistenza tecnica sono confluiti gli indirizzi del previgente ordinamento

Dettagli

MODELLIZZAZIONE, CONTROLLO E MISURA DI UN MOTORE A CORRENTE CONTINUA

MODELLIZZAZIONE, CONTROLLO E MISURA DI UN MOTORE A CORRENTE CONTINUA MODELLIZZAZIONE, CONTROLLO E MISURA DI UN MOTORE A CORRENTE CONTINUA ANDREA USAI Dipartimento di Informatica e Sistemistica Antonio Ruberti Andrea Usai (D.I.S. Antonio Ruberti ) Laboratorio di Automatica

Dettagli

SISTEMA DI CONTROLLO DISTRIBUITO DI UN IMPIANTO DI PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA DA RIFIUTI NON PERICOLOSI

SISTEMA DI CONTROLLO DISTRIBUITO DI UN IMPIANTO DI PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA DA RIFIUTI NON PERICOLOSI SISTEMA DI CONTROLLO DISTRIBUITO DI UN IMPIANTO DI PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA DA RIFIUTI NON PERICOLOSI s.d.i. automazione industriale ha fornito e messo in servizio nell anno 2003 il sistema di controllo

Dettagli

Trattamenti delle acque di scarico per piccole comunità Pretrattamento di acque reflue domestiche: FOSSE SETTICHE O FOSSE IMHOFF?

Trattamenti delle acque di scarico per piccole comunità Pretrattamento di acque reflue domestiche: FOSSE SETTICHE O FOSSE IMHOFF? Seminario tecnico Monitoraggio degli scarichi civili non in pubblica fognatura: Protocollo di intesa per la realizzazione di trattamenti individuali di depurazione delle acque reflue domestiche Trattamenti

Dettagli

Impianti di depurazione delle acque reflue: Cicli di trattamento appropriati e criteri di dimensionamento. Dr. Ing. Luigi Petta ENVIS Srl

Impianti di depurazione delle acque reflue: Cicli di trattamento appropriati e criteri di dimensionamento. Dr. Ing. Luigi Petta ENVIS Srl Impianti di depurazione delle acque reflue: Cicli di trattamento appropriati e criteri di dimensionamento Dr. Ing. Luigi Petta ENVIS Srl Via Fanin,, 48 40127 Bologna Tel. 051 4200324 luigi.petta petta@envis.itit

Dettagli

FONDAMENTI TEORICI DEL MOTORE IN CORRENTE CONTINUA AD ECCITAZIONE INDIPENDENTE. a cura di G. SIMONELLI

FONDAMENTI TEORICI DEL MOTORE IN CORRENTE CONTINUA AD ECCITAZIONE INDIPENDENTE. a cura di G. SIMONELLI FONDAMENTI TEORICI DEL MOTORE IN CORRENTE CONTINUA AD ECCITAZIONE INDIPENDENTE a cura di G. SIMONELLI Nel motore a corrente continua si distinguono un sistema di eccitazione o sistema induttore che è fisicamente

Dettagli

Istituto Superiore Vincenzo Cardarelli Istituto Tecnico per Geometri Liceo Artistico A.S. 2014 2015

Istituto Superiore Vincenzo Cardarelli Istituto Tecnico per Geometri Liceo Artistico A.S. 2014 2015 Istituto Superiore Vincenzo Cardarelli Istituto Tecnico per Geometri Liceo Artistico A.S. 2014 2015 Piano di lavoro annuale Materia : Fisica Classi Quinte Blocchi tematici Competenze Traguardi formativi

Dettagli

GUIDA ALLE SOLUZIONI

GUIDA ALLE SOLUZIONI La caratteristica delle trasmissioni digitali è " tutto o niente ": o il segnale è sufficiente, e quindi si riceve l'immagine, oppure è insufficiente, e allora l'immagine non c'è affatto. Non c'è quel

Dettagli

Istituto Istruzione Superiore Liceo Scientifico Ghilarza Anno Scolastico 2013/2014 PROGRAMMA DI MATEMATICA E FISICA

Istituto Istruzione Superiore Liceo Scientifico Ghilarza Anno Scolastico 2013/2014 PROGRAMMA DI MATEMATICA E FISICA PROGRAMMA DI MATEMATICA E FISICA Classe VA scientifico MATEMATICA MODULO 1 ESPONENZIALI E LOGARITMI 1. Potenze con esponente reale; 2. La funzione esponenziale: proprietà e grafico; 3. Definizione di logaritmo;

Dettagli

Cos'è e come funziona una discarica.

Cos'è e come funziona una discarica. Cos'è e come funziona una discarica. La discarica di rifiuti è un luogo dove vengono depositati in modo non differenziato i rifiuti solidi urbani e tutti i rifiuti provenienti dalle attività umane. La

Dettagli

Metodi e Strumenti per la Caratterizzazione e la Diagnostica di Trasmettitori Digitali RF ing. Gianfranco Miele g.miele@unicas.it

Metodi e Strumenti per la Caratterizzazione e la Diagnostica di Trasmettitori Digitali RF ing. Gianfranco Miele g.miele@unicas.it Corso di laurea magistrale in Ingegneria delle Telecomunicazioni Metodi e Strumenti per la Caratterizzazione e la Diagnostica di Trasmettitori Digitali RF ing. Gianfranco Miele g.miele@unicas.it Trasmettitore

Dettagli

Introduzione agli oscilloscopi

Introduzione agli oscilloscopi o s c i l l o s c o p i Indice Introduzione...3 Integrità del segnale Significato dell integrità del segnale..................................4 Perché l integrità del segnale è un problema?...........................4

Dettagli

Azionamenti elettrici per la trazione ferroviaria

Azionamenti elettrici per la trazione ferroviaria Azionamenti elettrici per la trazione ferroviaria Ing. Antonino Oscar Di Tommaso Università degli Studi di Palermo DIEET (Dipartimento di Ingegneria Elettrica, Elettronica e delle Telecomunicazioni) Ing.

Dettagli

Programmazione Modulare

Programmazione Modulare Indirizzo: BIENNIO Programmazione Modulare Disciplina: FISICA Classe: 2 a D Ore settimanali previste: (2 ore Teoria 1 ora Laboratorio) Prerequisiti per l'accesso alla PARTE D: Effetti delle forze. Scomposizione

Dettagli

RESISTIVITA ELETTRICA DELLE POLVERI: MISURA E SIGNIFICATO PER LA SICUREZZA

RESISTIVITA ELETTRICA DELLE POLVERI: MISURA E SIGNIFICATO PER LA SICUREZZA RESISTIVITA ELETTRICA DELLE POLVERI: MISURA E SIGNIFICATO PER LA SICUREZZA Nicola Mazzei - Antonella Mazzei Stazione sperimentale per i Combustibili - Viale A. De Gasperi, 3-20097 San Donato Milanese Tel.:

Dettagli

IL SAMPLE AND HOLD UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO. Progetto di Fondamenti di Automatica. PROF.: M. Lazzaroni

IL SAMPLE AND HOLD UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO. Progetto di Fondamenti di Automatica. PROF.: M. Lazzaroni UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO FACOLTÀ DI SCIENZE MATEMATICHE, FISICHE E NATURALI Corso di Laurea in Informatica IL SAMPLE AND HOLD Progetto di Fondamenti di Automatica PROF.: M. Lazzaroni Anno Accademico

Dettagli

2. FONDAMENTI DELLA TECNOLOGIA

2. FONDAMENTI DELLA TECNOLOGIA 2. FONDAMENTI DELLA TECNOLOGIA 2.1 Principio del processo La saldatura a resistenza a pressione si fonda sulla produzione di una giunzione intima, per effetto dell energia termica e meccanica. L energia

Dettagli

Motori Elettrici. Principi fisici. Legge di Lenz: se in un circuito elettrico il flusso concatenato varia nel tempo si genera una tensione

Motori Elettrici. Principi fisici. Legge di Lenz: se in un circuito elettrico il flusso concatenato varia nel tempo si genera una tensione Motori Elettrici Principi fisici Legge di Lenz: se in un circuito elettrico il flusso concatenato varia nel tempo si genera una tensione Legge di Biot-Savart: un conduttore percorso da corrente di intensità

Dettagli

Camera di combustione Struttura chiusa dentro cui un combustibile viene bruciato per riscaldare aria o altro.

Camera di combustione Struttura chiusa dentro cui un combustibile viene bruciato per riscaldare aria o altro. C Caldaia L'unità centrale scambiatore termico-bruciatore destinata a trasmettere all'acqua il calore prodotto dalla combustione. v. Camera di combustione, Centrali termiche, Efficienza di un impianto

Dettagli

RELAZIONE DI IMPATTO AMBIENTALE

RELAZIONE DI IMPATTO AMBIENTALE RELAZIONE DI IMPATTO AMBIENTALE Fattori di impatto ambientale Un sistema fotovoltaico non crea un impatto ambientale importante, visto che tale tecnologia è utilizzata per il risparmio energetico. I fattori

Dettagli

ISTITUTI TECNICI SETTORE TECNOLOGICO. Indirizzo Meccanica, Meccatronica ed Energia

ISTITUTI TECNICI SETTORE TECNOLOGICO. Indirizzo Meccanica, Meccatronica ed Energia ISTITUTI TECNICI SETTORE TECNOLOGICO Indirizzo Meccanica, Meccatronica ed Energia L indirizzo Meccanica, meccatronica ed energia ha lo scopo di far acquisire allo studente, a conclusione del percorso quinquennale,

Dettagli

Unità 12. La corrente elettrica

Unità 12. La corrente elettrica Unità 12 La corrente elettrica L elettricità risiede nell atomo Modello dell atomo: al centro c è il nucleo formato da protoni e neutroni ben legati tra di loro; in orbita intorno al nucleo si trovano

Dettagli

Radioastronomia. Come costruirsi un radiotelescopio

Radioastronomia. Come costruirsi un radiotelescopio Radioastronomia Come costruirsi un radiotelescopio Come posso costruire un radiotelescopio? Non esiste un unica risposta a tale domanda, molti sono i progetti che si possono fare in base al tipo di ricerca

Dettagli

Impianto di compostaggio e di produzione di energia rinnovabile

Impianto di compostaggio e di produzione di energia rinnovabile Impianto di compostaggio e di produzione di energia rinnovabile Come ottenere energia rinnovabile e compost dai rifiuti organici Un percorso di educazione ambientale alla scoperta dell impianto di compostaggio

Dettagli

Riferimenti Normativi. D. Lgs. 152/06 (Testo Unico) Delib. Int. 04/02/1977 Leggi e Regolamenti locali D.M. 185/03 (riutilizzo acq.

Riferimenti Normativi. D. Lgs. 152/06 (Testo Unico) Delib. Int. 04/02/1977 Leggi e Regolamenti locali D.M. 185/03 (riutilizzo acq. Riferimenti Normativi - D. Lgs. 152/06 (Testo Unico) Delib. Int. 04/02/1977 Leggi e Regolamenti locali D.M. 185/03 (riutilizzo acq. reflue) Acque reflue domestiche: acque reflue provenienti da insediamenti

Dettagli

La corrente elettrica La resistenza elettrica La seconda legge di Ohm Resistività e temperatura L effetto termico della corrente

La corrente elettrica La resistenza elettrica La seconda legge di Ohm Resistività e temperatura L effetto termico della corrente Unità G16 - La corrente elettrica continua La corrente elettrica La resistenza elettrica La seconda legge di Ohm Resistività e temperatura L effetto termico della corrente 1 Lezione 1 - La corrente elettrica

Dettagli

European Energy Manager

European Energy Manager Diventare Energy Manager in Europa oggi EUREM NET V: programma di formazione e specializzazione per European Energy Manager Durata del corso: 110 ore in 14 giorni, di cui 38 ore di workshop ed esame di

Dettagli

FAC SIMILE PER LA NOTIFICA AI SENSI ART.67 DEL D.LGS.R DEL 09/04/2008 N. 81

FAC SIMILE PER LA NOTIFICA AI SENSI ART.67 DEL D.LGS.R DEL 09/04/2008 N. 81 CARTA SEMPLICE FAC SIMILE PER LA NOTIFICA AI SENSI ART.67 DEL D.LGS.R DEL 09/04/2008 N. 81 ALL A.S.L. N. CN2 ALBA BRA DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE Servizio Prevenzione Sicurezza Ambienti di Lavoro Via Vida

Dettagli

nica Cagliari ) m Viene detto (1) Dal sistema dell energia Un possibile

nica Cagliari ) m Viene detto (1) Dal sistema dell energia Un possibile Viene detto sistema polifase un sistema costituito da più tensioni o da più correnti sinusoidali, sfasate l una rispetto all altra. Un sistema polifase è simmetrico quando le grandezze sinusoidali hanno

Dettagli

Il lavoro effettuato dalla pompa di calore non produce calore, ma lo muove

Il lavoro effettuato dalla pompa di calore non produce calore, ma lo muove La pompa di calore Definizioni La pompa di calore è una macchina in grado di trasferire energia da una sorgente a temperatura più bassa ad un utilizzatore a temperatura più alta, tramite la fornitura di

Dettagli

Bus di sistema. Bus di sistema

Bus di sistema. Bus di sistema Bus di sistema Permette la comunicazione (scambio di dati) tra i diversi dispositivi che costituiscono il calcolatore E costituito da un insieme di fili metallici che danno luogo ad un collegamento aperto

Dettagli

Filtri attivi del primo ordine

Filtri attivi del primo ordine Filtri attivi del primo ordine Una sintesi non esaustiva degli aspetti essenziali (*) per gli allievi della 4 A A T.I.E. 08-09 (pillole per il ripasso dell argomento, da assumere in forti dosi) (*) La

Dettagli

TRASMISSIONE DATI SU RETE TELEFONICA. 1 Fondamenti Segnali e Trasmissione

TRASMISSIONE DATI SU RETE TELEFONICA. 1 Fondamenti Segnali e Trasmissione TRASMISSIONE DATI SU RETE TELEFONICA Fondamenti Segnali e Trasmissione Trasmissione dati su rete telefonica rete telefonica analogica ISP (Internet Service Provider) connesso alla WWW (World Wide Web)

Dettagli

v in v out x c1 (t) Molt. di N.L. H(f) n

v in v out x c1 (t) Molt. di N.L. H(f) n Comunicazioni elettriche A - Prof. Giulio Colavolpe Compito n. 3 3.1 Lo schema di Fig. 1 è un modulatore FM (a banda larga). L oscillatore che genera la portante per il modulatore FM e per la conversione

Dettagli

Macchine rotanti. Premessa

Macchine rotanti. Premessa Macchine rotanti Premessa Sincrono, asincrono, a corrente continua, brushless sono parecchi i tipi di motori elettrici. Per ognuno teoria e formule diverse. Eppure la loro matrice fisica è comune. Unificare

Dettagli

PROGRAMMA DI FISICA ( CLASSE I SEZ. E) ( anno scol. 2013/2014)

PROGRAMMA DI FISICA ( CLASSE I SEZ. E) ( anno scol. 2013/2014) PROGRAMMA DI FISICA ( CLASSE I SEZ. E) ( anno scol. 2013/2014) Le grandezze fisiche. Metodo sperimentale di Galilei. Concetto di grandezza fisica e della sua misura. Il Sistema internazionale di Unità

Dettagli

Statiche se la trasformazione dell energia avviene senza organi in movimento (es. Trasformatori.)

Statiche se la trasformazione dell energia avviene senza organi in movimento (es. Trasformatori.) Macchine elettriche parte Macchine elettriche Generalità Definizioni Molto spesso le forme di energia in natura non sono direttamente utilizzabili, ma occorre fare delle conversioni. Un qualunque sistema

Dettagli

REGIONE ABRUZZO ARAEN ENERGIOCHI

REGIONE ABRUZZO ARAEN ENERGIOCHI REGIONE ABRUZZO ARAEN ENERGIOCHI Presentazione per le scuole primarie A cura di Enrico Forcucci, Paola Di Giacomo e Alessandra Santini ni Promuovere la conoscenza e la diffusione delle energie provenienti

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINARE

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINARE MOD PROGRAMMAZIONEDISCIPLINARE REV.00del27.09.13 Pag1di5 PROGRAMMAZIONEDIDATTICADISCIPLINARE Disciplina:_SISTEMIELETTRONICIAUTOMATICIa.s.2013/2014 Classe:5 Sez.A INDIRIZZO:ELETTRONICAPERTELECOMUNICAZIONI

Dettagli

SEGNI GRAFICI E SIMBOLI ELETTRICI PER SCHEMI DI IMPIANTO

SEGNI GRAFICI E SIMBOLI ELETTRICI PER SCHEMI DI IMPIANTO LA PROTEZIONE DELLE CONDUTTURE CONTRO LE SOVRACORRENTI DEFINIZIONI NORMA CEI 64-8/2 TIPOLOGIE DI SOVRACORRENTI + ESEMPI SEGNI GRAFICI E SIMBOLI ELETTRICI PER SCHEMI DI IMPIANTO DISPOSITIVI DI PROTEZIONE

Dettagli

Introduzione all elettronica

Introduzione all elettronica Introduzione all elettronica L elettronica nacque agli inizi del 1900 con l invenzione del primo componente elettronico, il diodo (1904) seguito poi dal triodo (1906) i cosiddetti tubi a vuoto. Questa

Dettagli

PULIZIA IN-SITU PULIZIA DIFFUSORI MODALITÀ DI FUNZIONAMENTO DEL MODULO KUBOTA ESTRAZIONE PERMEATO PER ASPIRAZIONE ESTRAZIONE PERMEATO PER GRAVITÀ

PULIZIA IN-SITU PULIZIA DIFFUSORI MODALITÀ DI FUNZIONAMENTO DEL MODULO KUBOTA ESTRAZIONE PERMEATO PER ASPIRAZIONE ESTRAZIONE PERMEATO PER GRAVITÀ MODALITÀ DI FUNZIONAMENTO DEL MODULO KUBOTA Il modulo a membrana piana Kubota utilizza la tecnologia di microfiltrazione detta cross flow. Insufflando aria sul fondo del modulo, si crea un flusso ascensionale

Dettagli

Elettronica Circuiti nel dominio del tempo

Elettronica Circuiti nel dominio del tempo Elettronica Circuiti nel dominio del tempo Valentino Liberali Dipartimento di Fisica Università degli Studi di Milano valentino.liberali@unimi.it Elettronica Circuiti nel dominio del tempo 14 aprile 211

Dettagli

riguardante: AMBIENTE -Inquinamento da radiazioni -Radiofrequenze e campi magnetici

riguardante: AMBIENTE -Inquinamento da radiazioni -Radiofrequenze e campi magnetici Decreto Ministeriale del 18/05/1999 Norme armonizzate in materia di compatibilita' elettromagnetica. Doc. 499H18MG.900 di Origine Nazionale emanato/a da : Ministro per l'industria, il Commercio e l'artigianato

Dettagli

PERICOLI DERIVANTI DALLA CORRENTE ELETTRICA

PERICOLI DERIVANTI DALLA CORRENTE ELETTRICA PERICOLI DERIVANTI DALLA CORRENTE ELETTRICA CONTATTI DIRETTI contatti con elementi attivi dell impianto elettrico che normalmente sono in tensione CONTATTI INDIRETTI contatti con masse che possono trovarsi

Dettagli

Scheda n 1. Tecnologie ambientali per le Apea SISTEMI MODULARI DI TRATTAMENTO ACQUE DI PIOGGIA. Aspetti ambientali interessati dalla tecnologia

Scheda n 1. Tecnologie ambientali per le Apea SISTEMI MODULARI DI TRATTAMENTO ACQUE DI PIOGGIA. Aspetti ambientali interessati dalla tecnologia LIFE+ PROJECT ACRONYM ETA-BETA LIFE09 ENV IT 000105 Scheda n 1 Tecnologie ambientali per le Apea SISTEMI MODULARI DI TRATTAMENTO ACQUE DI PIOGGIA Aspetti ambientali interessati dalla tecnologia emissioni

Dettagli

GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI E PIATTAFORME ELEVATRICI

GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI E PIATTAFORME ELEVATRICI GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI E PIATTAFORME ELEVATRICI Introduzione Le dimensioni delle cabine degli ascensori debbono rispettare valori minimi stabiliti dalle normative vigenti,

Dettagli

REGOLE TECNICHE PER LA CONNESSIONE DI IMPIANTI DI PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA

REGOLE TECNICHE PER LA CONNESSIONE DI IMPIANTI DI PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA RTC REGOLE TECNICHE PER LA CONNESSIONE DI IMPIANTI DI PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA ALLA RETE DI DISTRIBUZIONE IN BASSA TENSIONE DELL AZIENDA PUBBLISERVIZI BRUNICO INDICE 1. Scopo 3 2. Campo di applicazione

Dettagli

06/09/2013. Gianfranco Tripi. Deroghe

06/09/2013. Gianfranco Tripi. Deroghe CORSO BASE DI SPECIALIZZAZIONE DI PREVENZIONE INCENDI Analisi di rischio e individuazione delle misure di sicurezza equivalenti. Individuazione delle misure di prevenzione e/o di protezione che permettono

Dettagli

Sistema AirLINE per il pilotaggio ed il Controllo Remoto del Processo WAGO INGRESSI/USCITE remoti e Fieldbus

Sistema AirLINE per il pilotaggio ed il Controllo Remoto del Processo WAGO INGRESSI/USCITE remoti e Fieldbus Sistema AirLINE per il pilotaggio ed il Controllo Remoto del Processo 86-W Sistema integrato compatto di valvole con I/O elettronici Sistemi personalizzati premontati e collaudati per il pilotaggio del

Dettagli

Il motore asincrono trifase

Il motore asincrono trifase 7 Giugno 2008 1SDC007106G0901 Quaderni di Applicazione Tecnica Il motore asincrono trifase Generalità ed offerta ABB per il coordinamento delle protezioni Quaderni di Applicazione Tecnica Il motore asincrono

Dettagli

CONDIZIONATORI DI PRECISIONE AD ESPANSIONE DIRETTA E ACQUA REFRIGERATA PER CENTRALI TELEFONICHE CON SISTEMA FREE-COOLING

CONDIZIONATORI DI PRECISIONE AD ESPANSIONE DIRETTA E ACQUA REFRIGERATA PER CENTRALI TELEFONICHE CON SISTEMA FREE-COOLING CONDIZIONATORI DI PRECISIONE AD ESPANSIONE DIRETTA E ACQUA REFRIGERATA PER CENTRALI TELEFONICHE CON SISTEMA FREE-COOLING POTENZA FRIGORIFERA DA 4 A 26,8 kw ED.P 161 SF E K 98 FC La gamma di condizionatori

Dettagli

ISTRUZIONI PER LA PROGETTAZIONE DEI SISTEMI DI PROTEZIONE CONTRO LE CADUTE DALL ALTO

ISTRUZIONI PER LA PROGETTAZIONE DEI SISTEMI DI PROTEZIONE CONTRO LE CADUTE DALL ALTO Dipartimento di Prevenzione SERVIZIO SPISAL Via S. Andrea, 8 32100 Belluno Tel. 0437 516927 Fax 0437 516923 e-mail: serv.spisal.bl@ulss.belluno.it Dipartimento di Prevenzione SERVIZIO SPISAL Via Borgo

Dettagli

Milliamp Process Clamp Meter

Milliamp Process Clamp Meter 771 Milliamp Process Clamp Meter Foglio di istruzioni Introduzione La pinza amperometrica di processo Fluke 771 ( la pinza ) è uno strumento palmare, alimentato a pile, che serve a misurare valori da 4

Dettagli

ELABORAZIONE DEL VALORE MEDIO NELLE MISURE ELETTRONICHE

ELABORAZIONE DEL VALORE MEDIO NELLE MISURE ELETTRONICHE NOTE PER IL TECNICO ELABORAZIONE DEL VALORE MEDIO NELLE MISURE ELETTRONICHE da BRUEL & KJAER Le cosiddette «application notes» pubblicate a cura della Bruel & Kjaer, nota Fabbrica danese specializzata

Dettagli

ENERGIA. Massimo Telesca ARPA FVG Indirizzo tecnicoscientifico. e coordinamento dei Dipartimenti provinciali

ENERGIA. Massimo Telesca ARPA FVG Indirizzo tecnicoscientifico. e coordinamento dei Dipartimenti provinciali ENERGIA 269 ENERGIA Il ricorso all utilizzo di fonti rinnovabili sovvenzionate comporta dei potenziali impatti ambientali. Fra questi, vi sono l alterazione dei corsi d acqua a causa delle derivazioni

Dettagli

RISORSE ENERGETICHE AREA 9 FONTI DI ENERGIA DA DOVE PROVIENE L ENERGIA? 10/12/2013 COME SFRUTTIAMO L ENERGIA DEL SOLE?

RISORSE ENERGETICHE AREA 9 FONTI DI ENERGIA DA DOVE PROVIENE L ENERGIA? 10/12/2013 COME SFRUTTIAMO L ENERGIA DEL SOLE? RISORSE ENERGETICHE ENERGIA 2 AREA 9 FONTI DI ENERGIA E INDISPENSABILE ALLA VITA SULLA TERRA ELEMENTO INDISPENSABILE PER SVILUPPO SOCIALE ED ECONOMICO FINO AD ORA: CONTINUO INCREMENTO DI PRODUZIONE E CONSUMO

Dettagli

PROFESSIONALITÀ AFFIDABILITÀ RESPONSABILITÀ

PROFESSIONALITÀ AFFIDABILITÀ RESPONSABILITÀ PROFESSIONALITÀ AFFIDABILITÀ RESPONSABILITÀ LE SOLUZIONI AMBIENTALI INTEGRATE DI UN GRUPPO LEADER SOLYECO GROUP ha reso concreto un obiettivo prezioso: conciliare Sviluppo e Ambiente. Questa è la mission

Dettagli

ANNO SCOLASTICO 2014/2015 I.I.S. ITCG L. EINAUDI SEZ.ASSOCIATA LICEO SCIENTIFICO G. BRUNO PROGRAMMA DI FISICA. CLASSE: V A Corso Ordinario

ANNO SCOLASTICO 2014/2015 I.I.S. ITCG L. EINAUDI SEZ.ASSOCIATA LICEO SCIENTIFICO G. BRUNO PROGRAMMA DI FISICA. CLASSE: V A Corso Ordinario ANNO SCOLASTICO 2014/2015 I.I.S. ITCG L. EINAUDI SEZ.ASSOCIATA LICEO SCIENTIFICO G. BRUNO PROGRAMMA DI FISICA CLASSE: V A Corso Ordinario DOCENTE: STEFANO GARIAZZO ( Paola Frau dal 6/02/2015) La corrente

Dettagli

APPUNTI DI MACCHINE ELETTRICHE versione 0.7

APPUNTI DI MACCHINE ELETTRICHE versione 0.7 APPUNTI DI MACCHINE ELETTRICHE versione 0.7 11 settembre 2007 2 Indice 1 ASPETTI GENERALI 7 1.1 Introduzione........................................ 7 1.2 Classificazione delle macchine elettriche........................

Dettagli

GENERALITA SUI CONVERTITORI DAC E ADC CONVERTITORI DIGITALE-ANALOGICO DAC

GENERALITA SUI CONVERTITORI DAC E ADC CONVERTITORI DIGITALE-ANALOGICO DAC I.T.I. Modesto PANETTI A R I ia Re David, 86-8-54.54. - 75 ARI Fax 8-54.64.3 Internet http://www.itispanetti.it email : ATF5C@istruzione.it Tesina sviluppata dall alunno Antonio Gonnella della classe 5

Dettagli

Corso di Informatica Industriale

Corso di Informatica Industriale Corso di Informatica Industriale Prof. Giorgio Buttazzo Dipartimento di Informatica e Sistemistica Università di Pavia E-mail: buttazzo@unipv.it Informazioni varie Telefono: 0382-505.755 Email: Dispense:

Dettagli

CAPITOLO I CORRENTE ELETTRICA. Copyright ISHTAR - Ottobre 2003 1

CAPITOLO I CORRENTE ELETTRICA. Copyright ISHTAR - Ottobre 2003 1 CAPITOLO I CORRENTE ELETTRICA Copyright ISHTAR - Ottobre 2003 1 INDICE CORRENTE ELETTRICA...3 INTENSITÀ DI CORRENTE...4 Carica elettrica...4 LE CORRENTI CONTINUE O STAZIONARIE...5 CARICA ELETTRICA ELEMENTARE...6

Dettagli

1. I GUASTI NEI CAVI ELETTRICI, SISTEMI DI LOCALIZZAZIONE

1. I GUASTI NEI CAVI ELETTRICI, SISTEMI DI LOCALIZZAZIONE 1. I GUASTI NEI CAVI ELETTRICI, SISTEMI DI LOCALIZZAZIONE 1.1 Introduzione I cavi elettrici, utilizzati per il trasporto dell energia elettrica, sono l elemento più vulnerabile del sistema di distribuzione

Dettagli

Digestato da rifiuti e da matrici agricole

Digestato da rifiuti e da matrici agricole Ravenna 2012 Workshop I CIC Consorzio Italiano Compostatori Ravenna, 27 settembre 2012 Digestato da rifiuti e da matrici agricole Lorella ROSSI C.R.P.A. - Reggio Emilia, Comitato Tecnico CIC DIGESTIONE

Dettagli

LE FONTI ENERGETICHE.

LE FONTI ENERGETICHE. LE FONTI ENERGETICHE. Il problema La maggior parte dell'energia delle fonti non rinnovabili è costituita dai combustibili fossili quali carbone, petrolio e gas naturale che ricoprono l'80% del fabbisogno

Dettagli

Una scuola vuole monitorare la potenza elettrica continua di un pannello fotovoltaico

Una scuola vuole monitorare la potenza elettrica continua di un pannello fotovoltaico ESAME DI STATO PER ISTITUTI PROFESSIONALI Corso di Ordinamento Indirizzo: Tecnico delle industrie elettroniche Tema di: Elettronica, telecomunicazioni ed applicazioni Gaetano D Antona Il tema proposto

Dettagli

Soluzioni complete e innovative per l Habitat del futuro

Soluzioni complete e innovative per l Habitat del futuro Soluzioni complete e innovative per l Habitat del futuro Saint-Gobain, attraverso i suoi marchi, sviluppa e produce nuove generazioni di materiali con un approccio moderno e completo al mercato delle costruzioni:

Dettagli

Interruttori di posizione precablati serie FA

Interruttori di posizione precablati serie FA Interruttori di posizione precablati serie FA Diagramma di selezione 01 08 10 11 1 15 1 0 guarnizione guarnizione esterna in esterna in gomma gomma AZIONATORI 1 51 5 54 55 56 5 leva leva regolabile di

Dettagli

SOCCORRITORE IN CORRENTE CONTINUA Rev. 1 Serie SE

SOCCORRITORE IN CORRENTE CONTINUA Rev. 1 Serie SE Le apparecchiature di questa serie, sono frutto di una lunga esperienza maturata nel settore dei gruppi di continuità oltre che in questo specifico. La tecnologia on-line doppia conversione, assicura la

Dettagli

SVILUPPO IN SERIE DI FOURIER

SVILUPPO IN SERIE DI FOURIER SVILUPPO IN SERIE DI FOURIER Cenni Storici (Wikipedia) Jean Baptiste Joseph Fourier ( nato a Auxerre il 21 marzo 1768 e morto a Parigi il 16 maggio 1830 ) è stato un matematico e fisico, ma è conosciuto

Dettagli

Guida alla compilazione della DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE INTEGRATA AMBIENTALE

Guida alla compilazione della DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE INTEGRATA AMBIENTALE Guida alla compilazione della DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE INTEGRATA AMBIENTALE Indice INTRODUZIONE ------------------------------------------------------------------------------------------------------------

Dettagli

RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA DI EDIFICIO PER CIVILE ABITAZIONE ANNI '50

RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA DI EDIFICIO PER CIVILE ABITAZIONE ANNI '50 RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA DI EDIFICIO PER CIVILE ABITAZIONE ANNI '50 L'edificio oggetto dell'intervento, si trova a Bolzano in via Dalmazia ai numeri 60, 60A e 62 E' stato costruito nei primi anni '50

Dettagli

Istituto per l Energia Rinnovabile. Autori: David Moser, PhD; Daniele Vettorato, PhD. Bolzano, Gennaio 2013

Istituto per l Energia Rinnovabile. Autori: David Moser, PhD; Daniele Vettorato, PhD. Bolzano, Gennaio 2013 Istituto per l Energia Rinnovabile Catasto Solare Alta Val di Non Relazione Versione: 2.0 Autori: David Moser, PhD; Daniele Vettorato, PhD. Coordinamento e Revisione: dott. Daniele Vettorato, PhD (daniele.vettorato@eurac.edu)

Dettagli

Lo schema a blocchi di uno spettrofotometro

Lo schema a blocchi di uno spettrofotometro Prof.ssa Grazia Maria La Torre è il seguente: Lo schema a blocchi di uno spettrofotometro SORGENTE SISTEMA DISPERSIVO CELLA PORTACAMPIONI RIVELATORE REGISTRATORE LA SORGENTE delle radiazioni elettromagnetiche

Dettagli

Contenuti dello studio di impatto ambientale (SIA)

Contenuti dello studio di impatto ambientale (SIA) Contenuti dello studio di impatto ambientale (SIA) Ai progetti sottoposti alla procedura di impatto ambientale ai sensi degli articoli 52 e seguenti, è allegato uno studio di impatto ambientale, redatto

Dettagli

TELECOMUNICAZIONI (TLC) Generico sistema di telecomunicazione (TLC) Trasduttore. Attuatore CENNI DI TEORIA (MATEMATICA) DELL INFORMAZIONE

TELECOMUNICAZIONI (TLC) Generico sistema di telecomunicazione (TLC) Trasduttore. Attuatore CENNI DI TEORIA (MATEMATICA) DELL INFORMAZIONE TELECOMUNICAZIONI (TLC) Tele (lontano) Comunicare (inviare informazioni) Comunicare a distanza Generico sistema di telecomunicazione (TLC) Segnale non elettrico Segnale elettrico TRASMESSO s x (t) Sorgente

Dettagli

Inverter e connessione alla rete alla rete elettrica

Inverter e connessione alla rete alla rete elettrica SPECIALE TECNICO Inverter e connessione alla rete alla rete elettrica Francesco Groppi Comitato Elettrotecnico Italiano (CEI, CT82, Working Group 2 Inverter) SPONSOR www.fronius.com www.mastervoltsolar.it

Dettagli

Incentivazione dell energia elettrica da altre fonti rinnovabili

Incentivazione dell energia elettrica da altre fonti rinnovabili Incentivazione dell energia elettrica da altre fonti rinnovabili Beneficiari Riferimenti normativi Finalità dello strumento Regime transitorio Impianti, alimentati da fonti rinnovabili diverse da quella

Dettagli

IL MINISTRO DELL INTERNO

IL MINISTRO DELL INTERNO D.M. 16 maggio 1987, n. 246 (G.U. n. 148 del 27 giugno 1987) NORME DI SICUREZZA ANTINCENDI PER GLI EDIFICI DI CIVILE ABITAZIONE IL MINISTRO DELL INTERNO Vista la legge 27 dicembre 1941, n. 1570: Vista

Dettagli