L AUTO ELETTRICA IACONA DARIO. 4 Liceo Scientifico. Istituto Alberto Moravia a.s. 2011/2012

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "L AUTO ELETTRICA IACONA DARIO. 4 Liceo Scientifico. Istituto Alberto Moravia a.s. 2011/2012"

Transcript

1 L AUTOELETTRICA IACONA DARIO Istituto AlbertoMoravia a.s.2011/ Liceo Scientifico 0

2 Indice Introduzione 2 Storiadell automobileelettrica 3 Glianniruggenti 10 L automobileelettrica 12 Ilmotoreasincronotrifase 14 Ilfuturismoel automobile 24 1

3 Introduzione L'argomentodellamiatesinariguardal automobileelettrica.hocercatoditrattareiltemadal puntodivistainterdisciplinare,toccandodiversemateriedistudio:inparticolareelettrotecnica, maanchearteeletteratura. Sullasceltadiquestoargomentohapesatomoltolamiapassioneperilmondodeimotorielamia sceltauniversitaria,chemipotràportareinfuturoalavorarenelsettoreautomobilistico. HointenzioneinfattidicoltivareilmiointeresseiscrivendomiallaFacoltàdiIngegneria dell AutoveicoloalPolitecnicodiTorino,conl intentodiraggiungerel obiettivochetutti desidererebbero: fareciòchepiace. 2

4 Storiadell automobileelettrica Leautoelettricheabatteriafuronotraleprimeautomobiliadessereinventate,sperimentatee commercializzate.laprimacarrozzaelettricafurealizzatatrail1832edil1839(l'annoesattoè pococerto). Seallafinedel1800,invecedigrandigiacimentidipetroliosifossescopertounmodoefficientedi immagazzinarel elettricità,oggiforseviaggeremmotuttisuveicolielettriciemagarisiparlerebbe delmotoreacombustioneinternacomepossibile,madifficilealternativa. All inizioilmotoreacombustioneerasporco,rumorosoedifficiledafarfunzionare.nonpuò dunquestupireilfattochelatrazioneelettricasiastatacompetitivaalmenofinoaiprimiannidel 1900.Infattiprimadellapreponderanzadelpotentemainquinantemotoreacombustione interna,leautoelettrichedetenevanomoltirecorddivelocitàedidistanzepercorseconuna carica. Iveicolielettriciabatteriaperuncertotempovendetterodipiùrispettoaiveicoliabenzina.A causaperòdeilimititecnologicidellebatterie,edellamancanzadiunaqualsiasitecnologiadi controllodellacaricaedellatrazione,lavelocitàmassimadiquestiprimiveicolielettriciera limitataacirca30km/h.inseguitoquestiveicolivennerovenduticonsuccessocome towncar (veicolidiquartiereodipaese)allepersonedelleclassiagiate.venivanospessocommercializzati comeveicoliappropriatialsessofemminile,acausadellalorooperativitàsemplice,pulitaepoco rumorosaechenonnecessitavadifrequentemanutenzione. LatecnologiadifineOttocentopermisealbelgaCamilleJenatzydisuperareperprimoiltraguardo deicentokm/hconunveicoloelettrico. Maormaierastatoraggiuntounlimiteallosviluppo:lacapacitàenergeticadellebatterie.Tantoè verochelesuccessivesperimentazionidiveicolielettricistradali,continuatefinoaglianniventi, nondiederoifruttisperatiperquantoriguardaleautomobiliprivate. Tuttavia,latrazioneelettricaconalimentazioneadaccumulatorièstatautilizzataladdovenon interessanoautonomiaevelocità,masilenziositàedassenzadigasdiscarico.ovveroperimpieghi particolari,comeicarrelliperilmovimentonellestazioniferroviarie,icarrellielevatori,lepiccole autopericampidagolfediveicoliperiserviziportaaporta. 3

5 Ultimamenteilsaltotecnologicodell elettronicahapermessodimigliorareleprestazioniinfatto divelocitàeautonomia.manoninsieme,perchéilproblemairrisoltoèquellodiavereuna batteriaconlacapacitàdiimmagazzinareenergiainquantitàsimileaquelladeicombustibili liquidi. All iniziodel1996sonosolodueitipidibatteriautilizzabilisulleautoelettriche:ilclassicotipoal piombo acidoequelloalnichel cadmio.altridispositividiaccumulochimicodienergiasonoallo studio,cosìcomel accumulomeccanicoequelloconsupercondensatori. Lasoluzionecuisitendesembraesserequelladellapropulsioneibrida:inmodalitàelettricaoffre unaridottaautonomiaazeroemissioni,mentreutilizzailmotoreacombustioneperlelunghe percorrenzeavelocitàelevate.sitrattadiuncompromesso,maforsel unicopraticabilealmeno finoaquandositrovilabatteriaideale.ilsistemaibridoapreuncapitolocompletamentenuovo, anchesenellastoriadellalocomozionestradalenonsonomancatiesperimenticonveicolidotati diquestisistemi. Inquestiultimianninumerosecasecostruttricisisonocimentatenellarealizzazionediprototipi ibridi,tuttimoltointeressantisebbeneinevitabilmentepenalizzatidall altocostoderivantedalla presenzadiunsistemaamotoretermicoediunoelettrico. ThomasEdisonedun'autoelettricanel1913 4

6 Cronologiadell automobileelettrica 1799.AlessandroVoltainventalapila Unamericano,ThomasDavenport,brevetta(eforsecostruisce)unveicoloelettrico funzionanteconunrudimentalemotorecostituitodaunaelettrocalamitaedunarpionismo Unoscozzese,RobertDavidson,costruisceunveicoloelettrico,chesecondoaltrefonti risalirebbeal IlfranceseGustaveTrouvégiraaParigiconuntricicloelettricodotatodiduemotoriperle ruoteposteriori Il29aprileaBerlinosisperimentaunautobuselettricosullaKurfürstendammtraHalenseee Charlottenburg ThomasEdisonsperimentaunveicoloelettricospintodallebatteriealcalinedisua invenzione GiuseppeCarli,diCastelnuovodiGarfagnana,costruisceuntricicloelettricoadueposti,con motoreda1cveche,completodibatteriepesavaappena140kg IlfranceseJeantaudproduceevendevettureelettricheconautonomiadi30kmevelocità massimadi20km/h ServizioditaxielettricidellaLondonElectricalCabCompanycon15vetture;ancheaNew Yorkiniziaunservizioanalogocon100vetturedellaElectricVehicleCompany Il29aprileadAchères,ilbelgaCamilleJenatzyconlasuavetturaelettricaspecialeJamais Contente,stabilisceilrecorddivelocitàperautoveicoliallamediadi105,88km/h LavetturaelettricaTorpedodiWalterBakertentadibattereilrecorddivelocitàil30maggio astatenislandpressonewyork:nonciriesceacausadiunincident pilotaedilmeccanicosi salvanograzieall uso,perlaprimavoltanellastoriadell auto,dellecinturedisicurezza NegliStatiUnitivieneeffettuataunaprovadiautonomiaperveicolielettrici,unodeiquali percorreicirca200kmtraatlanticcityenewyorkallamediadi33km/h CessalaproduzionedellaDetroitElectric,ultimaautomobileelettricaprodottainserienegli StatiUniti L Inghilterraèl unicopaesedoveprosperaun industriaproduttricediveicolielettrici industriali,conunadecinadifabbriche.leproveeseguiteconveicoliperconsegneportaaporta 5

7 mostranounsensibilevantaggiodeiveicolielettricirispettoaquelliabenzinaoatrazione animale ApartiredaglianniSessantaricomincianoaproliferareleproposte,glistudiei prototipiperlaproduzionediautoelettriche,sottolaspintadelpericolodiinquinamentocausato daigasdiscarico.tuttelegrandicaseautomobilistichepresentanoiloroprototipi,senzacontare gliinventorilacuipresenzasiinserisceinconcomitanzaconlericorrenticrisienergetiche. Ildecennioècaratterizzatodaunasempremaggiorepresenzadiprototipicostruitidallegrandi caseautomobilistiche,siaspontaneamentechesusollecitazionedellesocietàproduttricidi energiaelettrica,alloscopodivalutareilcomportamentodeiveicolielettrici,inquantoleuniche batteriedisponibilisonoquellealpiomboconunamodestacapacitàdiaccumulo.lafiat costruisceunprimoprototiponel1963sullabasedella600multipla,poinel1965unaltrosulla basedella1100d,enel1967unterzosullabasedella850.cisonoancheprototipigiapponesi (ToyotaCorona),dellaFord,dellaWestinghouse(laMarkette,forselapiùbruttaautomaivista). LaGhiadiTorinocostruisceunbellissimoprototipoperlaRowan,ungruppostatunitenseche avrebbedovutosviluppareunabatteriadalleprestazionimirabolanti.purtroppomaivista.nel 1968unamonopostodarecordcostruitadallaFord Autoliteportailrecordsulchilometrolanciato perautoelettrichea223km/h PiaggiometteinvenditalaprimaserieApecarelettrica;costruiticirca300esemplariper amministrazionipubblicheconelevatasensibilitàecologica 1990.laFiat,primagrandemarcaalmondo,metteinvenditalaPandaElettraregolarmentea catalogo LaFIATrealizzaadAreseunpolodiprogettazionediveicoliaminimoimpattoambientale, tracuila600elettra,diffusaincentinaiadiesemplariintuttaeuropa,eunaversioneibridadella Multiplacheperònonverràmaiprodottainquantitativisignificativi.Prototipiassaiinteressantie avanzativengonomessiapuntoanchedalcentroricerchefiatdiorbassano,siacontecnologia ibridaametano,siaconcelledicombustibile. Ilcrescenteinteresseperiveicoliacelledicombustibile,chealtrononsonocheveicolielettrici cheoltreallabatteria(piccola)posseggonounageneratoreelettrochimicoalimentatodaun combustibile(idrogenooaltro),assicuratuttaviaunruolocertodelmezzoelettriconellamobilità stradaledidomani.edanzi,unafortevalenzadell'attualediffusionedimezziabatteriaresta proprioquelladifarentrarenella"culturatecnica"diffusaquell'assiemediconoscenze,abitudini, 6

8 infrastrutture,chesarannoessenzialipersupportareladiffusionedidomanideimezziacelledi combustibile. LaJamaisContente CamilleJenatzye"LaJamaisContente"inparatadopoilrecord LaJamaisContenteèunaconceptcaratrazioneelettrica,costruitanel1899.E entratanellastoria peresserestatalaprimaautomobileasuperarelavelocitàdi100km/h. Allafinedel1800lamigliortipologiaditrazionepergliautoveicolieraancoramoltodibattutatrai sostenitoridelmotoreascoppioequellicheritenevanopiùadattelatrazioneelettricaoavapore. Alloscopodimettereallaprovalevarietecnologie,ilgiornale"LaFranceAutomobile"aveva decisodiindirealcunemanifestazionivelocistichesustrada,ovevenivamisuratalavelocitàdelle vetturesulladistanzadiunchilometro. Moltiipartecipanti,maduediquestisidiederobattagliaadognigara,abordodeiloroveicolia trazioneelettrica:furonoilfrancesegastondechasseloup LaubatedilbelgaCamilleJenatzy. Èil1 maggio1899quandojenatzyscendeincampoperdimostrarelasuperioritàtecnicadella suavetturaaformadisiluro.dopoillanciodi500metri,lajamaiscontentepercorreilchilometro allavelocitàmediadi105,88km/h,fermandoilcronometrosui34secondinetti.perottenere questorisultatoiduemotori,unoperciascunaruotaposteriore,vennerosurvoltatiiltempo necessarioastabilireilprimato. 7

9 LaTeslaRoadster LaTeslaRoadsterMY2008 LaTeslaRoadsterèun'autoelettrica,invenditadal2008,realizzatadallacasaautomobilistica californianateslamotors. Sitrattadiun'autovetturaroadster,ovverosiaun'automobilesportivaadueposti,munitadiun motoreelettricoasincronoatrefasicontrasmissionemonomarciaborgwarneracoppiacontinua funzionantea14.000girialminutoamassimocarico,capacediraggiungereunavelocitàmassima dipiùdi200km/h(limitataelettronicamente)edisviluppareunaaccelerazioneda0a100km/hin 3,9secondi.Ilcomputerdibordopermettedisceglieretracinquemodalitàoperative Maximum Performance,MaximumRange,Standard,Storage,Valet egovernailsistemadiricaricadelle batterieagliionidilitioindotazione.questebatteriefornisconoall'autoelettricaun'autonomia 8

10 finoa392kilometri(deltuttosimileaquelladellenormaliautoabenzina)elalororicarica completa,attraversoleappositecolonninedirifornimento,duracircatreoreemezzo,mentreper unaricaricaall'ottantapercentosonosufficientidueorecirca.l'eventualericaricaattraversoil normaleimpiantoelettricodicasanecessitainvecedi10/15ore.lateslaroadsterèunadelle primeautomobiliamontarefreniarigenerazioneelettrica.lacarrozzeriainfibradicarbonioè statarealizzataincollaborazioneconlalotuscarsesinotanolesomiglianzeconildesigndella LotusElisesecondaserie. Ilprogettoèstatoincantiereperpiùdicinqueanniperpoiessereufficialmentepresentatocome prototipoil19giugno2006.leversionisuccessivesonostatequindiesposteduranteipiù importantisaloniautomobilisticiinternazionali.l'avviodellaproduzioneèavvenutonelfebbraio IlmotoredellaTeslaRoadster Nelmarzo2008lasocietàhainiziatolaconsegnadelleprimeautomobili.NelmesediFebbraio 2009laproduzionehasuperatolaquotadicentoveicolialmese.Nonostanteilcostoelevato (attornoai dollari)lateslamotorshadichiaratodiavergiàricevutoprenotazioniper tuttalaproduzioneprevistaperil2008eperilprimosemestredel2009(circa1000pezzi);finoa Marzo2009sonostateconsegnate320vetture. L'immissionesulmercatoeuropeoèiniziatanelmaggio2009.L'ufficiocommercialeTeslain EuropaèaLondramentrel'assistenzahabasenelPrincipatodiMonaco. [1] LaTeslaMotorsha riservatoperl'italia25roadsterperil2009e90peril

11 Glianniruggenti Lacrescitadellaproduzioneedeiconsumi Trail1922eil1928gliStatiUnitisubironounanotevolecrescitaeconomicanellaqualela produzioneindustrialesalìdioltreil60%. Sitrattavadiunatrasformazionedovutaprincipalmentealdiffondersidella2^rivoluzione industriale.questosviluppodell industria,deiprocessidirazionalizzazionedellavoroe dell introduzionedinuovetecnologieriducevanoilfabbisognodimanodoperaindustrialeeportò allaproduzionedimassaintuttiisettori. Perfarfronteaquestaproduzionedimassaoccorrevacreareconsumatoridimassa,ossia occorrevachetuttiicittadiniacquistasseroiprodotti.afavorirequestofenomenoprovviderola diffusionedelleinnovativetecnichepubblicitarieeilsuccessodinuoveformedidistribuzione,tra cuiigrandimagazzinielapossibilitàdipagamentirateali,iqualirendevanol acquistodiprodotti accessibileatutti. AllafinedeglianniVenti,negliStatiUniticircolava1automobileogni5abitanti. Inoltresulmercatoapprodarononuoviprodotti,comeilcellofanelagommapiuma. Digrandeimportanzafuladiffusionedellaradio. Nel1929il63%dellapopolazioneusufruivadell energiaelettrica. Quindi,lapresenzadiquestobenesserediffondevaunentusiasmonellanazioni,infattigliStati Unitivolevanodimenticareisacrificidiguerra,desideravanodivertimentiedistrazioni,enona casotrionfaronoiljazzeinightclub.questisonoiruggentianniventi. L isolazionismo Dopolaguerra,gliStatiUnitieranodiventatilaprimapotenzamondialeequindiavevano raggiuntolivellidiricchezzamoltopiùaltidell Europa.Pertantotraicittadinicrebbeilrifiutodiun 10

12 interventopoliticoafavoredell Europa. IlrepubblicanoWarrenHardingvinseleelezionipresidenzialidel1920conunprogrammache ampliavaquesterichieste. IlSenatoavevagiàdecisodiapprovareilTrattatodiVersailles,egliStatiUnitinonentraronoafar partedellasocietàdellenazionidiwilson.pertantoilpresidentedemocraticoavevavistofallireil suoprogettodiunapresenzacostantedeglistatiunitisullascenapoliticamondiale. Successivamenteconlavittoriarepubblicana,siaffermòl isolazionismo,cheeraunmovimento secondocuiilpaesedovevabadaresoloaquestionidipoliticainternaodiaffaricheriguardavano l aeradelpacifico. Laxenofobia Glistatunitensiavevanounagrandevolontàdidifendereilbenessereraggiunto,epertantocrebbe inlorol intolleranzaneiconfrontideldiversoedeglistranieri. Tragliimmigratic eranomoltidisperatidispostiafarequalsiasicosapurdiarricchirsi,eglieuropei sbarcatineglistatiunitiavevanomoltospessoideerivoluzionarieoprogressiste.ilpregiudizio portòmoltiamericaniadidentificareglieuropeicomesovversivi. Cosìaumentòl ostilitàneiconfrontidegliimmigratienel1924unaleggestabilìchesarebberostati ammessinelpaesesolo3800italianicontroi42000dell annoprecedente. FuperòrappresentativoilcasoSaccoeVanzetti,dueanarchiciitaliani,chevennerocondannatia mortenel1921perunarapinachesiconcluseconunomicidio.leprovedimostravanolaloro innocenza,mavennerocomunquegiustiziatinel1927. AumentaronoancheiconsensidelfamigeratoKuKluxKlancheriguardòtuttigliStatiUniti. Ilproibizionismo Inquestoambitodisentimentidiintolleranzaneiconfrontidellostraniero,nérisentìanchela leggecheneglistatiunitiaprìlastagionedelproibizionismo,cioèildivietodivenderee consumarealcolici.grandibevitorieranoinfattigliirlandesieitedeschi. Ilprovvedimentofuresoesecutivodel1921dairepubblicani. Questaleggesirivelòcontroproducente,infattil alcolismononfusconfitto,maaumentòla criminalitàorganizzata,icuicapi,effettuavanoproduzioneclandestinadialcolici.traigangster 11

13 ricordiamol immigratoitalianoalcapone. Nel1933laleggevenneabolitaperchéloStatosiresecontodeidisastrosirisultatiottenuti. L automobileelettrica L'Automobileelettricaèdotatadiunmotoreelettricoalimentatodaunsistemadibatterie ricaricabili.leautomobilielettrichesonomeccanicamentepiùsempliciedurevolidiquelle alimentateabenzina,enoncontribuisconoall inquinamentoatmosferico. Comefunzionano Un automobileelettricaèdotatadiunabatteria,diuncaricabatteriadacollegarsiaunapresadi correnteediun controller,collegatoalpedaledell acceleratore,chegestisceilflussodi elettricitàfrabatterieemotore. Ilmotoreelettricoconvertel energiafornitadallabatteriainenergiacinetica.ilconducentenon devefaraltrocheaccenderel auto,selezionareilsensodimarciaconunappositoselettoree premereilpedaledell acceleratore. Comenelmotoreacombustioneinternadiun automobileconvenzionale,anchenelmotore elettricoilmovimentodiunelementorotantevienetrasmessoalleruotedaunapparato riduttore. Inoltrenonèpresentealcunsistemadifrizioneodicambioautomatico.Laretromarciasiottiene invertendoilflussodell elettricitàcircolantenelmotore:intalmodosiinverteilversodirotazione delmotorestessoequindidelriduttore,ilqualeasuavoltainvertequellodelleruote.tuttaviala velocitàmassimadelmotorenelcasodirotazionecontrariavienelimitataelettronicamenteper ovvimotivi. Leautomobilielettrichesonoinoltredotatediunsistemafrenantearecupero,notocome Re Gen.Sitrattadiunsistemacheagiscecontemporaneamenteanchedacaricabatteria:quandoil conducentetoglieilpiededall acceleratore,ilmotorediventaungeneratoreelettrico,che riconvertel energiacineticadelveicoloinelettricitàelaimmagazzinanellabatteria.la conversionedell energiacineticainenergiaelettricacausailrallentamentodell automobile.e 12

14 comunquepresenteancheunpedaledelfrenoeunsistemafrenantetradizionale,daazionarenel casoincuisianecessarioarrestareilveicoloinspaziristretti. Considerazioni L'energianecessariapercaricarelabatteriadiunavetturaelettricavienegeneralmenteprodotta nellecentralielettricheattraversolacombustionedipetrolio,gasmetanoocarbone,elabatteria permetteilfunzionamentodell automobilesenzaemettereprodottidirifiutiinquinanticome quellidiunmotoreacombustioneinternainoltresihaminoreinquinamentoacusticorispettoai motoriacombustioneinternasenzalaproduzionedifuminocivi. Quantoagliscarichidellacentraleelettrica,èpiùfacilecontrollareleemissionidisostanze inquinantidiununicoimpiantochenonquelledeltubodiscappamentodimilionidiautomobili alimentateabenzinamabisognaricordareche,sel'automobileelettricavienerifornitacon energiaprodottadafontirinnovabili,produceuninquinamentopraticamentenullo. Inquestomodo,riducendoladipendenzadalpetrolio,sipotrebberallentareilriscaldamento globale(attenuandol'effettoserra). Leautomobilielettricheodierne,ancorainfasediperfezionamento,sonoprobabilmente destinateasostituirequelleacombustioneinterna.sonoinfatticonsiderateunasoluzioneefficace persfruttarelerisorseenergetichedisponibili,dalmomentochemolteformedienergiapuò essereconvertitainelettricità. Inoltre,ladiffusionediquestotipodiautomobilinonrichiederebbenuovisistemididistribuzione delcombustibile:l elettricitàègiàdistribuitainmodocapillarepraticamenteovunque. Ilsolonuovosistemarichiestopergarantireilfunzionamentodelleautomobilielettrichesarebbe quellonecessarioperilcaricamentodellebatterie. Iveicolielettrici,nonessendodotatidimotorechebruciacombustibileliquidoedeiconseguenti apparatinecessarialsuofunzionamento,sonoenormementepiùaffidabilierichiedonouna manutenzioneestremamenteminima. 13

15 Attualmenteladiffusionedelleautomobilielettricheèancoramoltolimitata,soprattuttoacausa dellascarsapraticitàdelsistemadiricaricadellebatterie,chegarantisceun autonomia insufficiente. Eventualiaccessori,qualiunimpiantodiclimatizzazioneolaradio,causanotral altroun esaurimentoancorpiùrapidodellabatteria. Ilmotoreasincronotrifase Introduzione Imotoriasincronitrifasepossonoessereconsideratitralemacchineelettrichepiùaffidabili.Essi svolgonolafunzionediconvertirel energiaelettricainenergiameccanicapermoltiannicon interventidimanutenzioneridottiesiadattanoaprestazionidiverseinbasealleesigenze, coprendosiaapplicazionidiproduzionesiadiserviziotrovandoquindiimpiegoneisettori industrialipiùsvariati. Leapplicazioniriguardanoquellemacchineconorganiinmovimentoavelocitàfissaovariabile qualiadesempioisistemidisollevamentocomeascensoriomontacarichi,ditrasportocome nastritrasportatori,isistemidiventilazioneeclimatizzazione,senzadimenticareforseilpiù comuneimpiegocomepompeecompressori. IlMotoreAsincronoTrifase,notoanchecomeMAT,venneperlaprimavoltarealizzatodaGalileo Ferrarisnel1885.Essovienealimentatodirettamentedallaretedidistribuzione,atensionee frequenzacostanti,edèilmotoreelettricopiùsemplice,economico,robustoedaffidabilechela tecnicaconosca.èadelevatorendimento,nonrichiedelubrificazione,némanutenzione,non presentaalcunadifficoltàoparticolaritàperl avviamentoe,pertanto,èildispositivopiùdiffuso nell utilizzazionedell energiaelettricacome forzamotrice. IlMATè,generalmente,sottol aspettoelettrico,unutilizzatoretrifasecheprovvedeaconvertire energiaelettricainmeccanicaperazionaremeccanismisempliciedeconomici,vienealimentato direttamentedallarete,atensioneefrequenzacostanti,elasuavelocitàdirotazioneècostante. 14

16 Imotoriasincronipossonoesserealimentaticonunsistemapolifasesimmetricoqualunquedi tensioni,ma,poichéladistribuzionedell energiaelettricavienefattaesclusivamenteconsistemi trifasi,nellapraticavengonorealizzatisolomat. IlMATavendounfunzionamentoreversibile,cometuttelemacchineelettriche,puòfunzionare anchedageneratore,matuttaviaèpocousatoperquestoscopo. Strutturadelmotoreasincronotrifase Permegliocomprenderecomeèstrutturatounmotoreasincronotrifase,diseguitoforniamouna brevedescrizionedelleprincipalipartichecompongonolamacchinarotanteenellequalisi generanoifenomenielettricidacuinescaturisceilfunzionamento. Ilprimoelementochedescriviamoèlostatorechepuòesseredefinitocomel insiemedelleparti fissechesvolgelafunzionedisostenerealmenoparzialmentelamacchina,mafondamentalmente costituiscelapartedelcircuitomagneticochecontienegliavvolgimentiinduttorialloggiatiin appositecaveinessoricavateincorrispondenzadellasuasuperficieinterna. Lostatoreècostituitodalamieriniinlegad acciaio siliciooinacciaiomassiccio,isolatitradiloro. Dallasuastrutturadipendequantosiainteressatodaflussimagneticivariabilineltempoche provocanoperditeperisteresiepercorrentiindotteparassite. Nellecavericavatenellastrutturadeilamierinisonoinserititreavvolgimentiprimari(ognuno costituitodapiùbobinediversamentecollegatetraloro),aiqualivieneapplicatalatensionedi alimentazioneechegeneranoilcampomagnetico. Gliavvolgimentistatoricitrifasepossonoesserecollegatiastellaoppureatriangolo,lacosaè possibileconmotoridotatidimorsettieracon6morsetti,permettendodialimentarelostesso motorecontensionitrifasediretedifferenti. Ilsecondoelementoèilrotorechevieneposizionatoall internodellostatore,ecostituisceil circuitoindottodellamacchina.perunmotoreagabbiadiscoiattoloilrotoreècostituitodaun sistemadisbarreconduttrici(rameoalluminio)coassialiall assedirotazione,epressofuse direttamentenellecavericavatelungotuttalaperiferiaesternadelnucleoferromagnetico. 15

17 Lesbarrevengonochiuseincortocircuitodadueanelliconduttoripostiagliestremiche costituisconoancheunfissaggiomeccanicoperlesbarrestesse.siottienecosìunrotore estremamentecompattoerobusto,alqualesifissaanchel alberodelmotore. Ilcampomagneticoindottochecostituisceilprincipiodifunzionamentodelmotore,portaquindi inrotazionel alberodelmotoreconvertendocosìenergiaelettricainmeccanica. Sonopresentialtricomponentimeccanicichecostituisconoilmotore,iprincipalisono: iduecuscinettimontatisullostatoreconlafunzionedisorreggerel alberodelmotore; lacarcassa,checonlealettesmaltisceilcaloreprodottosoprattuttodallostatoreecontiene anchelamorsettieradiconnessione; laventola,cheprovvedealraffreddamento. Statorediunmotoreasincronotrifase 16

18 Rotorediunmotoreasincronotrifase Rappresentazioned insiemeedinsezionediunmotoreasincrono 17

19 Idatinominalielettriciemeccanicidelmotoresonoriportatisullatarghettadatimacchina,detta anchetarghettadiidentificazione. 18

20 L'allacciamentoelettricodelmotoreasincronotrifasevienerealizzatodinormamedianteuna morsettieraconseibullonidicollegamento,comesipuòvederenellapartealtadella rappresentazionegraficadelmotore. Ilmotoreasincronopresentaiseguentivantaggi: bassocostoefacilerealizzazione; bassorapportopeso potenza(aparitàdipotenzaunmotoreasincronotrifasepesacircala metàdiunoincorrentecontinua); ampiadisponibilitàdipotenzechenedeterminal'impiegoindiversicampi(dalsemplice elettrodomesticoaimacchinariutilizzatinell'industria). Percontro,ilmotoreasincronopresentaanchealcunisvantaggi: lecorrentiassorbitenellafasediavviodellamacchinarisultanomoltoelevate(spunto iniziale)tantodadeterminareinalcunicasisbalziditensionesull'interalineadi distribuzionedell'energiaelettrica; lapotenzameccanicainizialmentedisponibilerisultabassa(avolteancheinferioreaquella nominale)tantodarenderedifficoltosol'avviosottocarico; impossibilitàdiregolarelavelocitàdirotazioneintervenendosullasolatensionedi alimentazioneolimitandolacorrentenegliavvolgimenti. 19

21 Comefunziona Ilmotoreasincronoèuntipodimotoreelettricoincorrentealternataincuilavelocitàdirotazionedell' alberoèminoredellavelocitàdirotazionedelcampomagneticogeneratodagliavvolgimentidistatore, ovverononc'èsincronismotraleduevelocità;perquestosidistinguedaimotorisincroni. Lostatorecontieneingenereunnumeroparidiavvolgimentiinquanto,normalmente,cenesono 2perciascunafasedialimentazione.Unmotoreatrefasi,otrifase,avràdinormaseiavvolgimenti ovverotrecoppiepolari. Nelmotoretrifasesonodispostitreavvolgimentidifase,sfasatidi120 /p(p=numerodicoppiedi poli)l'unorispettoall'altro.applicandounatensionealternatatrifase,sfasatadi120,sigeneraun camporotantenelmotore. Larotazionedelcampomagneticodistatoreavvieneadunavelocitàfissan s legataallafrequenza dialimentazionef,dettavelocitàdisincronismo.lavelocitàdirotazionedelrotoren r saràsempre minorediquelladisincronismo.questadifferenzafasìchesulrotoreagiscauncampomagnetico cheruotaadunavelocitàn s n r,pertantoessosaràsedediforzeelettromotriciequindicorrenti indotte(perquestomotivosiparladimotoreadinduzione). Evidentementelecorrentidirotoreprodurrannoalorovoltauncampomagneticocheruotaa velocitàn s n r rispettoalrotore,ilqualeruotaavelocitàn r rispettoallostatore;ilrisultatoècheil campodirotoreruotaavelocitàn s rispettoallostatoreedèdunquesincronoconilcampodi statore. Attraversol'effettodiinduzionevengonogeneratiilcamporotanteelacoppianell'avvolgimento rotorico.ilnumerodigiridelmotoredipendedalnumerodicoppiedipoliedallafrequenzadella 20

22 tensionedialimentazione.ilsensodirotazionepuòessereinvertitocambiandoduefasidel collegamento. Illegametravelocitàdisincronismo,frequenzafdialimentazioneedilnumerodicoppiepolaripè espressodallarelazione: n s =girialminuto f=frequenzadellatensioneinhz p=numerodicoppiedipoli Dallaformulachedefinisceloscorrimentoèpossibileesprimerelavelocitàdirotazioneeffettiva delrotore(n ) : Ilvaloreeffettivodelloscorrimentodipendedalcaricoeffettivosulrotore.Ilcaricononèmainullo perchésonosemprepresentiifenomenidiattritotralepartimobilieconl'ariacheimpediscono almotorediruotareallavelocitàdisincronismo,vincendoquestacoppiameccanica. Gliavvolgimentistatoricisonoingenereinglobatiinresinechegarantisconoun'ottimaprotezione dall'acquaedagliagentiatmosferici.questimotorisonofrequentementealimentatipermezzodi inverterelettronicichepossonovariarnelavelocitàvariandoinmodocoordinatolafrequenzaela 21

23 tensionedialimentazione.l'usodiinverterpermettediazionareilmotoreancheapartiredauna correntecontinua. Gliavvolgimentistatoricitrifasepossonoesserecollegatiastellaoppureatriangolo.Inalcuni grossimotorisipreferisceavviareastellaepoicommutareatriangolo,alfinedilimitarele correntidispunto,quandononsonoutilizzatigliinverter.l'allacciamentoelettricodelmotore asincronotrifasevienerealizzatodinormamedianteseibullonidicollegamento. Esistonomotoriasincronidipotenzausualmenteinferiorea3kWalimentatianchecontensioni monofase.talimotoripossonoesseredotatidiordinariavvolgimentiaduefasi,doveper alimentarelasecondafasesiusailritardoditempointrodottodauncondensatore. Imotoriasincronioperanonormalmentecongliavvolgimentidirotorechiusiincortocircuitomail rotorepuòessereeseguitoincostruzionidifferenti. CollegamentoastellaCollegamentoatriangolo U LN = 3 U W I LN =I W U LN =U W I LN = 3 I W 22

24 Funzionamento Alimentandogliavvolgimentistatoriciconunsistemaditensionetrifasesimmetrico,siproduce,nel traferro,uncampomagneticorotante,connumerodigiri n0=(60*f)/p Dovenèespressainrpm(rotazioniperminuto)edfèespressainHertz.Peresempio,unmotorecontre coppiepolari(6politotali),alimentatoa50hzhaunavelocitàangolaredisincronismodi1000girial minuto. Lespiredell'avvolgimentorotoricosiconcatenanopertantoconunflussovariabileneltempo,generando delletensioniindottecheprovocherannolacircolazionedicorrenti. PerlaleggediLenz,ilversodellacorrenteètaledaopporsiallacausachehageneratolacorrentestessa. Lacorrenteavràunversotaledaprodurredelleforzechemettonoinmovimentoilrotoreconverso concordeaquellodirotazionedelcampomagnetico. Lavelocitàdelrotoreincondizioninominalièsempreminorediun3% 6%;èilfenomenodelloscorrimento (slip)checonsentelaproduzionedellacoppia.dallaformuladelloscorrimentopossoesprimerelavelocità dirotazioneeffettivadelrotore: S=(n0 n)/n0 Dovesrappresentaloscorrimento,n0lavelocitàdisincronismoednlavelocitàeffettiva. Ilvaloreeffettivodelloscorrimentodipendedalcaricoeffettivosulrotore.Ilcaricononèmainulloperché sonosemprepresentiifenomenidiattritotralepartimobilieconl'ariacheimpedisconoalmotoredi ruotareallavelocitàdisincronismo,vincendoquestacoppiameccanica. Lavelocitàdirotazionedelcampomagneticorotantegeneratoalimentandogliavvolgimentidellostatore conunatensionealternatadipendedalnumerodicoppiepolaripresentiedallafrequenzadellatensione dialimentazione. 23

25 Lafrequenzaelatensionedialimentazionesipossonovariareinmodocoordinatomediantel'utilizzodi alimentatoriafrequenzavariabile(inverter). TipidiM.A.T. Ilmotoreasincronotrifasepuòessereconrotoreavvoltochiamatoancheadanelli,oppure conrotoreincortocircuitoopiùcomunementedefinitocomerotoreagabbiadiscoiattolo. Laprincipaledifferenzatraiduetipirisiedenellastrutturadelrotoreepiùprecisamenteperil primotipoilrotoreècostituitodaavvolgimentiveriepropricomequellidellostatore,presenta unastrutturapiùcomplessaedelicata(spazzolechestriscianosulrotore,conpossibile interposizionediresistenzeperilcontrollodellafasediavviamento)connecessitàdi manutenzioneperiodicaedimensionid ingombroelevate,mentreilsecondotipohaunrotore costituitodasbarrechiuseincortocircuito,quindigrazieadunamaggioresemplicitàcostruttivadà origineaduntipodimotoremoltosemplice,robustoedeconomico. Grazieallosviluppodell elettronicadicontrollochepermettelaregolazionedellavelocitàinmodo moltosempliceedefficace,tuttequelleapplicazionichevedevanol impiegodimotoripiù facilmentesoggettiadaverenelpropriocomportamentointrinsecolapossibilitàdiuna regolazionedellavelocità(motoriincorrentecontinuaomotoriadanello)hannolasciatoilposto aimotoriasincroni,inparticolareaquelliagabbiadiscoiattolo. RotoreagabbiadiscoiattoloIlcircuito rotoricoècostituitodabarredialluminiopressofusedirettamentenellecavecollegatetralorodadue anellidialluminio.sitrattaquindidiuncircuitoincuiilnumerodifasièparialnumerodibarreecheèper costruzioneincortocircuito. Questotipodimotoreèanchedettomotoreconrotoreincortocircuitoedèindubbiamenteiltipodi motoreasincronopiùsempliceedaffidabile:nonpresentaspazzoleocontattistriscianti,èadattoatuttigli ambientiedoffreun'ampiagammadipotenzatantodarisultareiltipopiùutilizzatoinassoluto. Purtroppoquestotipodiavvolgimentononpermetteunelevatospuntoinizialeedassorbepercontroun' elevatacorrenteinfasediavviamentochepotrebbeprodurredeibruschiabbassamentiditensione. RotoreavvoltoIlmotorecon rotoreavvoltopresentamaggioridifficoltàcostruttive,magarantisceunmaggiorespuntoinizialeela possibilitàdiregolarelacorrentesiainfasediavviamentochedurantelamarcia. 24

O 2^ Meccanica sez. O 2^ Elettronica sez. O 3^ Elettronica O 3^ Meccanica O 4^ Elettronica O 4^ Meccanica O 5^ Elettronica O 5^ Meccanica

O 2^ Meccanica sez. O 2^ Elettronica sez. O 3^ Elettronica O 3^ Meccanica O 4^ Elettronica O 4^ Meccanica O 5^ Elettronica O 5^ Meccanica Alunno /a classe sez. A.S. 2010/2011 Domanda di iscrizione Anno Scolastico 2011/2012 - Liceo Scientifico O 2^ O 3^ O 4^ O 5^ Istituto Tecnico O 2^ Meccanica sez. O 2^ Elettronica sez. O 3^ Elettronica

Dettagli

Prospetto analitico organico di diritto a.s. 2015/16

Prospetto analitico organico di diritto a.s. 2015/16 UFFICIO SCOLASTICO PROVINCIALE DI MILANO MOD. A1 I LICEO LINGUISTICO LI04 1^ A 26 3 26 26 26 LICEO LINGUISTICO LI04 1^ B 26 3 26 26 26 LICEO SCIENTIFICO LI02 1^ A 30 30 LICEO SCIENTIFICO LI02 1^ B 30 30

Dettagli

CURRICOLO DISCIPLINARE DI SCIENZE

CURRICOLO DISCIPLINARE DI SCIENZE A.S. 2014/2015 MINISTERO DELL ISTRUZIONE DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA Istituto Comprensivo Palena-Torricella Peligna Scuola dell Infanzia, Primaria e Secondaria di 1 grado Palena (CH) SCUOLA PRIMARIA

Dettagli

Liceo Città di Piero. I nuovi indirizzi: Liceo Scientifico. Liceo Linguistico. Tecnico Commerciale

Liceo Città di Piero. I nuovi indirizzi: Liceo Scientifico. Liceo Linguistico. Tecnico Commerciale Liceo Città di Piero I nuovi indirizzi: Liceo Scientifico Liceo Linguistico Tecnico Commerciale Liceo Scientifico Liceo scientifico con una sola lingua straniera Si tratta dell indirizzo proposto dal ministero

Dettagli

CRITERI DI PRIORITA DA ADOTTARE IN CASO DI STUDENTI IN SOPRANNUMERO (DELIBERATI DAL CONSIGLIO DI ISTITUTO IN DATA 12-01-2015)

CRITERI DI PRIORITA DA ADOTTARE IN CASO DI STUDENTI IN SOPRANNUMERO (DELIBERATI DAL CONSIGLIO DI ISTITUTO IN DATA 12-01-2015) CRITERI DI PRIORITA DA ADOTTARE IN CASO DI STUDENTI IN SOPRANNUMERO (DELIBERATI DAL CONSIGLIO DI ISTITUTO IN DATA 1-01-015) - residenza in Comune del bacino di ricavabile dai dati in possesso della ; -

Dettagli

PIANO DI LAVORO DEL PROFESSORE

PIANO DI LAVORO DEL PROFESSORE ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE STATALE IRIS VERSARI - Cesano Maderno (MB) PIANO DI LAVORO DEL PROFESSORE Indirizzo LICEO SCIENTIFICO MATERIA: LATINO PROF. SANTOMAURO TERESA ANNO SCOLASTICO 2014-2015

Dettagli

ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE Antonio Stradivari

ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE Antonio Stradivari Circolare n. 148/15-a Cremona, 02 gennaio 2015 Ai fini dell iscrizione all a.s. 2015/2016 si consegna, ai signori studenti della sezione LICEO MUSICALE il seguente materiale: 1. per merito: se si presume

Dettagli

Definizione di Limite di esposizione professionale (Threshold Limit Value o TLV): Concentrazione della sostanza alla quale

Definizione di Limite di esposizione professionale (Threshold Limit Value o TLV): Concentrazione della sostanza alla quale Definizione di Limite di esposizione professionale (Threshold Limit Value o TLV): Concentrazione della sostanza alla quale si ritiene che la maggior parte dei lavoratori possa rimanere esposta ripetutamente

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO STATALE G.GALILEI CATANIA A.S. 2006/2007 SIMULAZIONE DI II PROVA - A

LICEO SCIENTIFICO STATALE G.GALILEI CATANIA A.S. 2006/2007 SIMULAZIONE DI II PROVA - A LICEO SCIENTIFICO STATALE G.GALILEI CATANIA A.S. 6/7 SIMULAZIONE DI II PROVA - A Tempo a disposizione: cinque ore E consentito l uso della calcolatrice non programmabile. Non è consentito uscire dall aula

Dettagli

A.S. 2012/13 Materia: Tecnologie meccaniche di prodotto e processo

A.S. 2012/13 Materia: Tecnologie meccaniche di prodotto e processo ISTITUTO ISTRUZIONE SUPERIORE G. NATTA - G.V. DEAMBROSIS LICEO SCIENTIFICO : OPZIONE SCIENZE APPLICATE ISTITUTO TECNICO Settore Tecnologico: INDIRIZZO ELETTRONICA ED ELETTROTECNICA - INDIRIZZO MECCANICA,

Dettagli

Smart Grid. La nuova rete elettrica e le abitudini del consumatore. M illumino di meno ENEA - Bologna 12 Febbraio 2010

Smart Grid. La nuova rete elettrica e le abitudini del consumatore. M illumino di meno ENEA - Bologna 12 Febbraio 2010 Smart Grid La nuova rete elettrica e le abitudini del consumatore Angelo Frascella ENEA, angelo.frascella@enea.it M illumino di meno ENEA - Bologna 12 Febbraio 2010 Sommario Perché le Smart Grid? Le Smart

Dettagli

CLIL 2014/15 CLIL AL LICEO LES MAMOLI. EMERGENZA e OPPORTUNITA'

CLIL 2014/15 CLIL AL LICEO LES MAMOLI. EMERGENZA e OPPORTUNITA' CLIL 2014/15 CLIL AL LICEO LES MAMOLI EMERGENZA e OPPORTUNITA' Obbligo di attivazione dell'insegnamento CLIL "Fatto salvo quanto stabilito specificamente per il percorso del liceo linguistico, nel quinto

Dettagli

BOCCIATI *Alunni privi di cittadinanza italiana

BOCCIATI *Alunni privi di cittadinanza italiana Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per le Marche-Direzione Generale UFFICIO SCOLASTICO PROVINCIALE DI PESARO E URBINO Indagine sulla valutazione scolastica

Dettagli

Le ricadute dell auto elettrica sulla domanda elettrica e sul sistema di generazione

Le ricadute dell auto elettrica sulla domanda elettrica e sul sistema di generazione Le ricadute dell auto elettrica sulla domanda elettrica e sul sistema di generazione Edgardo Curcio Presidente AIEE Roma, 26 ottobre 2010 Nell ambito di uno studio condotto per Assoelettrica lo scorso

Dettagli

EMOZIONI IN MUSICA AL DIRIGENTE SCOLASTICO. 1 C.D. N. Fornelli. Via Repubblica, Bitonto. Premessa

EMOZIONI IN MUSICA AL DIRIGENTE SCOLASTICO. 1 C.D. N. Fornelli. Via Repubblica, Bitonto. Premessa EMOZIONI IN MUSICA AL DIRIGENTE SCOLASTICO 1 C.D. N. Fornelli Via Repubblica, Bitonto Premessa Al momento della nascita, il neonato entra nel mondo con tutti gli organi sensoriali aperti e vigili, pronti

Dettagli

inmusica Associazione no-profit PER I BAMBINI DELLE CLASSI PRIME, PRIMO BIENNIO E SECONDO BIENNIO

inmusica Associazione no-profit PER I BAMBINI DELLE CLASSI PRIME, PRIMO BIENNIO E SECONDO BIENNIO PER I BAMBINI DELLE CLASSI PRIME, PRIMO BIENNIO E SECONDO BIENNIO E fondamentale educare all ascolto e familiarizzare con il pianeta dei suoni fin dalla più tenera età. E ampiamente dimostrato quanto una

Dettagli

Montecchio Emilia, 03/09/2015. Comunicato n. 02. Ai docenti indirizzo AFM. Oggetto: convocazione collegio di indirizzo

Montecchio Emilia, 03/09/2015. Comunicato n. 02. Ai docenti indirizzo AFM. Oggetto: convocazione collegio di indirizzo a a ISTITUTO SUPERIORE STA TALE Siivio D A rzo Liceo Scienl(flco, Tecnico Co,nmerciale, Tecnico Industriale, Tecnico Grafico, Professionale Elettronico, Professionale Grafico Øede Centrale - Strada S.Ilaho,

Dettagli

La scelta scolastica: fattori cognitivi e motivazionali

La scelta scolastica: fattori cognitivi e motivazionali Assessorato alle Politiche attive del Lavoro, Formazione Professionale e Politiche Educative Dipartimento di Psicologia Gaetano Kanizsa Laboratorio di Psicologia Cognitiva Applicata La scelta scolastica:

Dettagli

L inquinamento radioattivo

L inquinamento radioattivo L inquinamento radioattivo È un alterazione dell ambiente prodotta da materiali radioattivi, liberati da malfunzionamento degli impianti nucleari errato stoccaggio delle scorie La radioattività È la tendenza

Dettagli

LAUREA TRIENNALE. Classe: L-26 Scienze e Tecnologie Alimentari Dipartimento di Scienze, Roma Tre. in collaborazione con:

LAUREA TRIENNALE. Classe: L-26 Scienze e Tecnologie Alimentari Dipartimento di Scienze, Roma Tre. in collaborazione con: LAUREA TRIENNALE Classe: L-26 Scienze e Tecnologie Alimentari Dipartimento di Scienze, Roma Tre in collaborazione con: Per Lavorare nella grande produzione e distribuzione di alimenti, nella ristorazione,

Dettagli

Fonte: Ufficio scolastico territoriale di Rimini per le scuole statali e Segreterie scolastiche per le scuole ed enti non statali Elaborazione :

Fonte: Ufficio scolastico territoriale di Rimini per le scuole statali e Segreterie scolastiche per le scuole ed enti non statali Elaborazione : 1 Fonte: Ufficio scolastico territoriale di Rimini per le scuole statali e Segreterie scolastiche per le scuole ed enti non statali Elaborazione : Provincia di Rimini / Ufficio Scuola 2 LA SCUOLA RIMINESE:

Dettagli

Consumi amici del clima: capire i cambiamenti climatici facendo di conto

Consumi amici del clima: capire i cambiamenti climatici facendo di conto Consumi amici del clima: capire i cambiamenti climatici facendo di conto Giovanna Ranci Ortigosa*, Giorgio Guariso*, Antonio Bossi** * Dipartimento di Elettronica e Informazione, Politecnico di Milano,

Dettagli

PIANO DI LAVORO ANNUALE DELLA DISCIPLINA di MATEMATICA Classi QUINTE PROFESSIONALI A.S. 2015/2016

PIANO DI LAVORO ANNUALE DELLA DISCIPLINA di MATEMATICA Classi QUINTE PROFESSIONALI A.S. 2015/2016 Note Il presente documento va inviato in formato elettronico all indirizzo piani.lavoro@majorana.org a cura del Coordinatore della Riunione Disciplinare. Il Registro Elettronico SigmaSchool è il canale

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca MIUR.AOODRSA.REGISTRO UFFICIALE(U).0002781.13-03-2015 Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Cagliari, 13 marzo 2015 IL DIRETTORE GENERALE la l. 15.03.97, n. 59 e successive modificazioni;

Dettagli

Il rischio cancerogeno e mutageno

Il rischio cancerogeno e mutageno Il rischio cancerogeno e mutageno Le sostanze cancerogene Un cancerogeno è un agente capace di provocare l insorgenza del cancro o di aumentarne la frequenza in una popolazione esposta. Il cancro è caratterizzato

Dettagli

PIANO DEGLI SPOSTAMENTI CASA SCUOLA LICEO SCIENTIFICO E ARTISTICO A. SERPIERI ISTITUTO PROFESSIONALE L.EINAUDI

PIANO DEGLI SPOSTAMENTI CASA SCUOLA LICEO SCIENTIFICO E ARTISTICO A. SERPIERI ISTITUTO PROFESSIONALE L.EINAUDI Il Progetto Il progetto nasce dalla necessità di riflettere e stimolare la coscienza dei ragazzi più giovani, sulle problematiche ambientali: l ambiente naturale e materiale (cioè modificato dai bisogni

Dettagli

Assegnazione docenti alle classi Scuola Secondaria di II grado A.S. 2014/2015

Assegnazione docenti alle classi Scuola Secondaria di II grado A.S. 2014/2015 Allegato n. 4 Assegnazione docenti alle classi Scuola Secondaria di II grado A.S. 2014/2015 LICEO SCIENTIFICO - Geografia Storia Classe I A Liceo Scientifico Brischetto Irene Sala Carmelina - Geografia

Dettagli

Attività didattica: ANNO ACCADEMICO 2009/2010 ANNO ACCADEMICO 2008/2009 ANNO ACCADEMICO 2007/2008

Attività didattica: ANNO ACCADEMICO 2009/2010 ANNO ACCADEMICO 2008/2009 ANNO ACCADEMICO 2007/2008 - Attività didattica: ANNO ACCADEMICO 2009/2010 - Affidamento interno di Geografia del Turismo (5 CFU) presso la Facoltà di Scienze della Comunicazione e dello Spettacolo, Corso di Laurea in Turismo, Cultura

Dettagli

Circ. n 156. Oggetto: corsi di recupero del debito formativo verifiche orali e variazione calendari delle verifiche e degli scrutini finali.

Circ. n 156. Oggetto: corsi di recupero del debito formativo verifiche orali e variazione calendari delle verifiche e degli scrutini finali. LICEO SCIENTIFICO STATALE G.C.VANINI Via Reno, 34 73042 CASARANO Tel.: 0833-502219 Fax: 0833-512005 E-mail: leps03000x@istruzione.it Cod. Ist.: LEPS03000X - C. F.: 81001410752 MIUR Al Personale Docente

Dettagli

AGENZIA REG DIRITTO STUDI SUPERIORI

AGENZIA REG DIRITTO STUDI SUPERIORI AGENZIA REG DIRITTO STUDI SUPERIORI Stampa : Nome file : /home2/ascotweb/tmp/ascotweb/epa61523.ist Eseguito da : MARASGR Data della stampa : 21/04/2016 +----------------------------------------------------------+

Dettagli

ESTRATTO DAL COLLEGIO DEL 12 NOVEMBRE 2012

ESTRATTO DAL COLLEGIO DEL 12 NOVEMBRE 2012 ESTRATTO DAL COLLEGIO DEL 12 NOVEMBRE 2012 IL COLLEGIO DOCENTI VISTO IL d.p.r. n.122 del 22 giugno 2009 avente come oggetto Regolamento recante coordinamento delle norme vigenti per la valutazione degli

Dettagli

3. l siti per il medico di medicina generale e per la "evidencebased

3. l siti per il medico di medicina generale e per la evidencebased Indice PARTE PRIMA. I SITI GENERALI 1. Le risorse generali Siti istituzionali Database Siti istituzionali Congressi Servizi di traduzione e dizionari medici Medline Varie Cataloghi e motori di ricerca

Dettagli

CORSI DI RECUPERO ESTIVI a.s. 2013/2014

CORSI DI RECUPERO ESTIVI a.s. 2013/2014 CORSI DI RECUPERO ESTIVI as 2013/2014 CORSI DI RECUPERO DI INGLESE PROFssa SPILA MARIA GRAZIA ORARIO 24 giugno 25 giugno 26 giugno 27 giugno 28 giugno 1 liceo linguistico C 1 liceo linguistico C 1 liceo

Dettagli

Maio Fanca Antonietta. Insegnante di sostegno.

Maio Fanca Antonietta. Insegnante di sostegno. Curriculum vitae INFORMAZIONI PERSONALI Maio Fanca Antonietta via magenta 21, 88100 catanzaro (Italia) +39 3206574216 0961 33611 franca.maio59@libero.it Sesso Femminile Data di nascita 09/08/1959 Nazionalità

Dettagli

EDUCAZIONE SOCIALE ED EMOTIVA

EDUCAZIONE SOCIALE ED EMOTIVA EDUCAZIONE SOCIALE ED EMOTIVA Progetto ASVA as 2011-12 PROSPETTIVA DI AMPIO ORIZZONTE FINALITA Elaborare e realizzare un curriculum e un modello multidimensionale di educazione emotiva ed affettiva dalla

Dettagli

ISTITUTO: liceo scienze applicate liceo classico Itc X I. Enogastronomia/ospitalità Liceo artistico Scuola media annessa

ISTITUTO: liceo scienze applicate liceo classico Itc X I. Enogastronomia/ospitalità Liceo artistico Scuola media annessa PIANO DI LAVORO ANNUALE ISTITUTO: liceo scienze applicate liceo classico Itc X I. Enogastronomia/ospitalità Liceo artistico Scuola media annessa INSEGNANTE: ELENA GASPARI MATERIA DI INSEGNAMENTO: MATEMATICA

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI BOLOGNA - FACOLTA DI SCIENZE POLITICHE

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI BOLOGNA - FACOLTA DI SCIENZE POLITICHE N. di matricola Voto 1. 305972 23 2. 313224 25 3. 313799 (?) 22 4. 342980 20 5. 344615 Insufficiente 6. 346941 30 7. 349447 26 8. 351583 21 9. 352226 25 10. 352495 28 11. 352535 23 12. 352547 26 13. 353055

Dettagli

Profilo compilatore Tutti gli istituti ENTRAMBI; 105. Madre; 207. Padre; 86. Età compilatore tutti gli Istituti ETA' 25-35; 16 ETA' >50; 43

Profilo compilatore Tutti gli istituti ENTRAMBI; 105. Madre; 207. Padre; 86. Età compilatore tutti gli Istituti ETA' 25-35; 16 ETA' >50; 43 Grafici riassuntivi Profilo compilatore Istituti comprensivi Profilo compilatore Istituti Superiori Profilo compilatore Tutti gli istituti ; 86 ; 19 ; 31 ; ; 8 ; 176 ; 28 ; 86 ; 27 Età compilatore Istituti

Dettagli

Introduzione alle macchine termiche

Introduzione alle macchine termiche Capitolo 1 Introduzione alle macchine termiche In questa nota 1 introduciamo il concetto di macchina termica che opera con trasformazioni cicliche per trasformare calore in lavoro. In generale questo argomento

Dettagli

Prot.n 800/C7 Assisi, 21/03/2014 BANDO PER IL REPERIMENTO DI DOCENTI ESPERTI PER LO SVOLGIMENTO DI CORSI DI RECUPERO ESTIVO

Prot.n 800/C7 Assisi, 21/03/2014 BANDO PER IL REPERIMENTO DI DOCENTI ESPERTI PER LO SVOLGIMENTO DI CORSI DI RECUPERO ESTIVO LICEO CLASSICO PROPERZIO ASSISI Indirizzi: CLASSICO, LINGUISTICO, SOCIALE Via Padre L. da Casoria 3 06081 ASSISI e-mail: liceoclassicoassisi@tin.it (segreteria) liceoproperzioassisi@tin.it (presidenza)

Dettagli

Via del Pigneto 176, 00176 Roma Telefono +39 329 8264708 Fax E-mail decesare.francesca@gmail.com

Via del Pigneto 176, 00176 Roma Telefono +39 329 8264708 Fax E-mail decesare.francesca@gmail.com F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo DE CESARE MARIA FRANCESCA Via del Pigneto 176, 00176 Roma Telefono +39 329 8264708 Fax E-mail decesare.francesca@gmail.com

Dettagli

Provincia Regionale di Trapani

Provincia Regionale di Trapani Provincia Regionale di Trapani 5 Settore Lavori Pubblici ISTITUTO D'ISTRUZIONE SUPERIORE "F. D'AGUIRRE" LICEO CLASSICO E I.T.C. SALEMI - I.P.S.I.A. DI S. NINFA Programma Operativo FERS Sicilia 2007/2013

Dettagli

RELAZIONI FINALE FUNZIONE STRUMENTALE AL P.O.F. 2012/2013 AREA 5: GESTIONE TECNOLOGIE DIDATTICHE

RELAZIONI FINALE FUNZIONE STRUMENTALE AL P.O.F. 2012/2013 AREA 5: GESTIONE TECNOLOGIE DIDATTICHE Prof. Carmelo La Porta Al Dirigente Scolastico Liceo Scientifico E. Fermi RAGUSA RELAZIONI FINALE FUNZIONE STRUMENTALE AL P.O.F. 2012/2013 AREA 5: GESTIONE TECNOLOGIE DIDATTICHE Gli interventi effettuati

Dettagli

La grandezza dell uomo si misura in base a quel che cerca e all insistenza con cui egli resta alla ricerca. (Heidegger)

La grandezza dell uomo si misura in base a quel che cerca e all insistenza con cui egli resta alla ricerca. (Heidegger) La grandezza dell uomo si misura in base a quel che cerca e all insistenza con cui egli resta alla ricerca. (Heidegger) MASTER-HPT La nuova linea di pastiglie freno Remsa è l emblema di un azienda che

Dettagli

ESERCIZIARIO DI MACROECONOMIA E POLITICA MACROECONOMICA

ESERCIZIARIO DI MACROECONOMIA E POLITICA MACROECONOMICA Stefania Spaziani ESERCIZIARIO DI MACROECONOMIA E POLITICA MACROECONOMICA Collana Didattica 14 Stefania Spaziani, Eserciziario di Macroeconomia e Politica Macroeconomica Copyright 2015 Tangram Edizioni

Dettagli

PIANO DI LAVORO ANNUALE DELLA DISCIPLINA SCIENZE INTEGRATE FISICA Classi 1AP (L. Stroppa S. Bani) 1BP (L. Buono P. Ramundo) A.S.

PIANO DI LAVORO ANNUALE DELLA DISCIPLINA SCIENZE INTEGRATE FISICA Classi 1AP (L. Stroppa S. Bani) 1BP (L. Buono P. Ramundo) A.S. !" #$%&'((&) #$%&!*(& #+#,-$%./$$011 e-mail: 23$4$23$&$/& sito: 555&$23$&$/& pec: 6*47(&*08$& Note Il presente documento va inviato in formato elettronico all indirizzo piani.lavoro@majorana.org a cura

Dettagli

Indicazioni per la progettazione

Indicazioni per la progettazione HoriCell VertiCell Da inserire nel: Catalogo tecnica del riscaldamento 1, indice 15 Catalogo tecnica del riscaldamento 2, indice 25 Indicazioni per la progettazione HoriCell VertiCell senza apertura flangiata

Dettagli

www.mantovacollections.it info@mantovacollections.it mantova tra illuminismo e positivismo un percorso inedito tra arti, scienze, luoghi e collezioni

www.mantovacollections.it info@mantovacollections.it mantova tra illuminismo e positivismo un percorso inedito tra arti, scienze, luoghi e collezioni www.mantovacollections.it info@mantovacollections.it mantova tra illuminismo e positivismo un percorso inedito tra arti, scienze, luoghi e collezioni il progetto La città di Mantova custodisce nei suoi

Dettagli

IL MONDO DELLA COMUNICAZIONE

IL MONDO DELLA COMUNICAZIONE ISTITUTO SCOLASTICO MARIA IMMACOLATA LICEO DELLA COMUNICAZIONE - GORGONZOLA IL MONDO DELLA COMUNICAZIONE PROGETTO ALTERNANZA SCUOLA LAVORO CHI SIAMO ISTITUTO MARIA IMMACOLATA Liceo della comunicazione

Dettagli

IMPIANTO PREVENZIONE INCENDI

IMPIANTO PREVENZIONE INCENDI 21% 19% 17% 15% 13% IMPIANTO PREVENZIONE INCENDI FIREFIGHTER Oggi finalmente la tecnologia ci permette di realizzare impianti, che consentono di non doversi più preoccupare del rischio di incendio. Un

Dettagli

ISTITUTO CAMILLO FINOCCHIARO APRILE PALERMO

ISTITUTO CAMILLO FINOCCHIARO APRILE PALERMO POF: contenuti essenziali per una consultazione rapida ISTITUTO CAMILLO FINOCCHIARO APRILE PALERMO ANNO SCOLASTICO 2014-2015 Il POF o Piano dell Offerta Formativa è il documento con cui l Istituto definisce

Dettagli

Modulo 1. Introduzione alla Contabilità Nazionale

Modulo 1. Introduzione alla Contabilità Nazionale Modulo 1 Introduzione alla Contabilità Nazionale 2 Esercizio 1. Si consideri un sistema economico che produce solo pane. Esso è costituito da tre imprese: una agricola, una di trasformazione (un mulino)

Dettagli

Indagine preliminare sul contenuto di piombo e cadmio presente nelle granelle di frumento duro di produzione nazionale (Raccolto 2001)

Indagine preliminare sul contenuto di piombo e cadmio presente nelle granelle di frumento duro di produzione nazionale (Raccolto 2001) Indagine preliminare sul contenuto di piombo e cadmio presente nelle granelle di frumento duro di produzione nazionale (Raccolto 2001) R. A c q u i s t u c c i 1,F. J. Comendador 2, D. Cardarilli 1, G.

Dettagli

Tasso di copertura della rilevazione. Numero di scuole che hanno risposto

Tasso di copertura della rilevazione. Numero di scuole che hanno risposto MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL VENETO DIREZIONE GENERALE Riva de Biasio S. Croce 1299-30135 VENEZIA Ufficio IV - Ordinamenti scolastici -

Dettagli

Provincia di Palermo. DETERMINAZIONI Struttura Proponente: DIR. CULTURA TURISMO E SPORT 10.5.0.0.0.0/3/2009 1063/2014 8.8.1.0.0.

Provincia di Palermo. DETERMINAZIONI Struttura Proponente: DIR. CULTURA TURISMO E SPORT 10.5.0.0.0.0/3/2009 1063/2014 8.8.1.0.0. 06/05/2014-15:04:50 Pag. 1 di 5 46/01-04-2014 P.O. F.E.S.R. SICILIA 2007/2013 ASSE III OBIETTIVO OPERATIVO 3.1.3. LINEA D' INTERVENTO 3. - PROGETTO MOSTRA TEMPORANEA F. CLEMENTE - LIQUIDAZIONE E PAGAMENTO

Dettagli

L alternanza scuola lavoro nel Liceo Economico Sociale Baveno,2-3 aprile 2014

L alternanza scuola lavoro nel Liceo Economico Sociale Baveno,2-3 aprile 2014 Liceo Polivalente «Don Q. Punzi» Cisternino (BR) Scuola Capofila Regionale LES- PUGLIA Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca Ufficio Scolastico Regionale per la Puglia Direzione Generale

Dettagli

Progetto Co-meta Istituto comprensivo «E. De Amicis» di Tremestieri settore scientifico

Progetto Co-meta Istituto comprensivo «E. De Amicis» di Tremestieri settore scientifico Progetto Co-meta Istituto comprensivo «E. De Amicis» di Tremestieri settore scientifico Attività laboratoriali di matematica, fisica e scienze Federico Francesco Placenti Salvatore Alex Cordovana Giorgio

Dettagli

Corsi di recupero a.s. 2014/15

Corsi di recupero a.s. 2014/15 LICEO SCIENTIFICO STATALE GIUSEPPE PEANO Corsi di recupero a.s. 2014/15 Mercoledì 24 giugno 8,30 10,30 Matematica Ronconi Prime scientifico + Prime Matematica Rossi Seconde scientifico + Seconde Sportello

Dettagli

VERBALE CONSIGLIO D ISTITUTO DEL 18 SETTEMBRE 2014

VERBALE CONSIGLIO D ISTITUTO DEL 18 SETTEMBRE 2014 LICEO STATALE"MOSCATI" - SCIENTIFICO - ordinario e con opzione scienze applicate - CLASSICO - LINGUISTICO - DELLE SCIENZE UMANE Via Ennio, 181-74023 GROTTAGLIE (TA) / C.F. 80017240732 www.liceomoscati.gov.it

Dettagli

Percorso di facilitazione e semplificazione di testi italiani per studenti stranieri nella scuola secondaria al livello A2 del QCER.

Percorso di facilitazione e semplificazione di testi italiani per studenti stranieri nella scuola secondaria al livello A2 del QCER. Percorso di facilitazione e semplificazione di testi italiani per studenti stranieri nella scuola secondaria al livello A2 del QCER. dott. Giovanni Cerretti Pianificazione e realizzazione dell intervento

Dettagli

Edifici con facciate doppie

Edifici con facciate doppie Vereinigung Kantonaler Feuerversicherungen Association des établissements cantonaux d assurance incendie Associazione degli istituti cantonali di assicurazione antincendio NOTA ESPLICATIVA ANTINCENDIO

Dettagli

Liceo Classico e Linguistico Statale G. Pico Obiettivi del progetto per l anno scolastico 2012/13

Liceo Classico e Linguistico Statale G. Pico Obiettivi del progetto per l anno scolastico 2012/13 Liceo Classico e Linguistico Statale G. Pico Obiettivi del progetto per l anno scolastico 2012/13 Liceo classico Il percorso del liceo classico è indirizzato allo studio della civiltà classica e della

Dettagli

Gentili Dirigenti scolastici, gentili Delegati per l orientamento in uscita. sperando di fare cosa gradita vi inviamo due comunicazioni:

Gentili Dirigenti scolastici, gentili Delegati per l orientamento in uscita. sperando di fare cosa gradita vi inviamo due comunicazioni: Gentili Dirigenti scolastici, gentili Delegati per l orientamento in uscita sperando di fare cosa gradita vi inviamo due comunicazioni: 1. la prima riguarda la promozione di un nuovo Corso di Laurea, Scienze

Dettagli

Scienze Fisiche, Chimiche e Naturali

Scienze Fisiche, Chimiche e Naturali Scienze Fisiche, Chimiche e Naturali Finalità: 1. Sviluppare un metodo di lavoro scientifico 2. Favorire lo sviluppo di capacità critiche e di autonomia di pensiero 3. Maturare il proprio senso di responsabilità

Dettagli

PROGETTO PER L APPLICAZIONE AD UN FORNO PER PIZZERIA

PROGETTO PER L APPLICAZIONE AD UN FORNO PER PIZZERIA Depurazione - Refrigerazione - Riscaldamento Via DOSSO FAITI, 50 59100 PRATO Tel. 0574 815410 - Fax. 0574 816823 E-mail: info@mastertechnology.it Sito web: www.mastertechnology.it PROPRIETARIA DEL BREVETTO

Dettagli

Liceo Scientifico Statale Giovanni Marinelli Viale Leonardo da Vinci, 4-33100 UDINE tel. 0432/46938 - fax 0432/471803 C.F.

Liceo Scientifico Statale Giovanni Marinelli Viale Leonardo da Vinci, 4-33100 UDINE tel. 0432/46938 - fax 0432/471803 C.F. Liceo Scientifico Statale Giovanni Marinelli Prot.n 4996/C27 Udine, 05/10/2015 ANNO SCOLASTICO 2015/2016 Agli allievi interessati OGGETTO: riunione della redazione del Giornale Preludio Si comunica che

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO E. FERMI SUCCESSO SCOLASTICO- CONTINUITA - ACCOGLIENZA. Anno scolastico 2010-2011

LICEO SCIENTIFICO E. FERMI SUCCESSO SCOLASTICO- CONTINUITA - ACCOGLIENZA. Anno scolastico 2010-2011 LICEO SCIENTIFICO E. FERMI RELAZIONE FINALE FUNZIONE STRUMENTALE AREA ALUNNI SUCCESSO SCOLASTICO- CONTINUITA - ACCOGLIENZA Anno scolastico 2010-2011 Prof.ssa Anna Di Pietro Docenti Prof. Gianni Dosi Collegio

Dettagli

CURRICOLO DI TECNOLOGIA Scuola Primaria CLASSE 1^ (MONOENNIO) COMPETENZE CONOSCENZE ABILITÀ

CURRICOLO DI TECNOLOGIA Scuola Primaria CLASSE 1^ (MONOENNIO) COMPETENZE CONOSCENZE ABILITÀ CURRICOLO DI TECNOLOGIA Scuola Primaria CLASSE 1^ (MONOENNIO) COMPETENZE CONOSCENZE ABILITÀ RICONOSCERE E DESCRIVERE FENOMENI FONDAMENTALI DEL MONDO TECNOLOGICO - I bisogni primari dell uomo: gli oggetti,

Dettagli

Attività laboratoriali per i nuovi curricoli di matematica

Attività laboratoriali per i nuovi curricoli di matematica Attività laboratoriali per i nuovi curricoli di matematica Ricerca Azione a.s. 2010/2011 U.S.P. Bergamo - Centro MatNet Università di Bergamo Relazioni e funzioni Docenti che hanno collaborato all elaborazione

Dettagli

Via Luigi Pianciani, 32 00185 Roma - _ 0677392609- _ 0677392611 www.atpromaistruzione.it e-mail : ata.rm@istruzione.it

Via Luigi Pianciani, 32 00185 Roma - _ 0677392609- _ 0677392611 www.atpromaistruzione.it e-mail : ata.rm@istruzione.it Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per il Lazio Ufficio VI - Ambito territoriale per la provincia di Roma IV^ Unità Operativa Personale A.T.A. ed Educativo

Dettagli

Liceo linguistico P. E. Imbriani Documento 15 Maggio anno scolastico 2010/2011 classe V sez. D linguistico Pagina 1

Liceo linguistico P. E. Imbriani Documento 15 Maggio anno scolastico 2010/2011 classe V sez. D linguistico Pagina 1 Liceo linguistico P. E. Imbriani Documento 15 Maggio anno scolastico 2010/2011 classe V sez. D linguistico Pagina 1 Liceo linguistico P. E. Imbriani Documento 15 Maggio anno scolastico 2010/2011 classe

Dettagli

1 - CATALOGO KBD PERIODICI Id 31018 AREA UNICA TESTATA/SERIE/EDIZIONE. 3 - CATALOGO KBD PERIODICI Id 31032. Rinascita. settimanale ('62/'88)

1 - CATALOGO KBD PERIODICI Id 31018 AREA UNICA TESTATA/SERIE/EDIZIONE. 3 - CATALOGO KBD PERIODICI Id 31032. Rinascita. settimanale ('62/'88) Redazione automatica da KosmosDOC.org del 2014-12-23: elenco gerarchico dei sottonodi autorizzati per utente Elio a partire dal record inventariale --- Ente: Istituto della Memoria in Scena --- Fondo:

Dettagli

Offerta Didattica 2015/2016. Arese - Milano October 16th, 2015

Offerta Didattica 2015/2016. Arese - Milano October 16th, 2015 Offerta Didattica 2015/2016 Arese - Milano October 16th, 2015 Index Benvenuti Il Museo: sicurezza, flessibilità, cultura Offerta Formativa Personale Docente La tua visita Contatti ed informazioni 2 BENVENUTI

Dettagli

Dal 2009, in corso Studi: - Abbiategrasso (Mi), Viale Sforza 67 - San Martino Siccomario (Pv), Via Case Nuove 33 - Senago (Mi), Via xxv Aprile 4/b

Dal 2009, in corso Studi: - Abbiategrasso (Mi), Viale Sforza 67 - San Martino Siccomario (Pv), Via Case Nuove 33 - Senago (Mi), Via xxv Aprile 4/b CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome Qualifica Professionale Igor Guidotti Psicologo clinico e Psicologo dello sport Recapito telefonico 333.5444749 E-mail / siti igor.guidotti@tiscali.it Nazionalità

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca PIANO DI LAVORO

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca PIANO DI LAVORO LICEO ARTISTICO P.GOBETTI Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Istituto d Istruzione Secondaria Superiore di II^ Grado LICEO ARTISTICO P.GOBETTI OMEGNA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ANNO

Dettagli

UDINE I.S.I.S. ARTURO MALIGNANI

UDINE I.S.I.S. ARTURO MALIGNANI 000 UDINE I.S.I.S. ARTURO MALIGNANI competenze scientifi che e multidisciplinari oltre ciò che fornisce il percorso didattico. Corposo il programma di alternanza scuola lavoro con il Gruppo Danieli:

Dettagli

IL TRASFORMATORE Prof. S. Giannitto Il trasformatore è una macchina in grado di operare solo in corrente alternata, perché sfrutta i principi dell'elettromagnetismo legati ai flussi variabili. Il trasformatore

Dettagli

[Organisation of the education system in Italy]

[Organisation of the education system in Italy] [Organisation of the education system in Italy] a cura di Lino Milita e Annalisa Ribecco Educazione prescolare Istruzione obbligatoria Istruzione secondaria superiore e istruzione postsecondaria [Educazione

Dettagli

REGIONE TOSCANA Consiglio Regionale

REGIONE TOSCANA Consiglio Regionale MARIA LAURA PICCININI 1. Dati Anagrafici Data di nascita 25 12 1963 Anzianità in regione 1 4 1990 Incarico attuale organizzativa Complessa - Assistenza e consulenza giuridica in materia di personale, sicurezza

Dettagli

Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca

Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca 700 LECCE - Viale dell Università n. Tel. e Fax Pres.: 08.777 - Segr.: 08.09 Codice Istituto: LEPC0000R Web. www.liceopalmieri.it E-mail: palmieripres@tin.it

Dettagli

ORARIO CLASSI. CORSI DI RECUPERO giugno - luglio a.s. 2014-15

ORARIO CLASSI. CORSI DI RECUPERO giugno - luglio a.s. 2014-15 ORARIO CLASSI CORSI DI RECUPERO giugno - luglio a.s. 2014-15 CLASSI PRIME LICEO SCIENTIFICO aula 1 B porta n 104-1 semipiano nucleo 1 - Carrieri Berti Carrieri Berti Carrieri Carrieri Berti Berti : studenti

Dettagli

ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE J.C. MAXWELL Data: _ 09/ 09, /_2014- Pag. di

ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE J.C. MAXWELL Data: _ 09/ 09, /_2014- Pag. di INDIRIZZO SCOLASTICO DISCIPLINA PROGRAMMAZIONE ANNUALE A.S. 2015/2016 MECCANICA e MECCATRONICA ELETTRONICA LOGISTICA e TRASPORTI LICEO SCIENTIFICO Scienze motorie MANUTENZIONE e ASSISTENZA TECNICA DOCENTE

Dettagli

Prof.ssa: R. M. Dierna. Materia: Scienze naturali. Classe: IV Corso: Liceo Scientifico a.s.: 2015/2016

Prof.ssa: R. M. Dierna. Materia: Scienze naturali. Classe: IV Corso: Liceo Scientifico a.s.: 2015/2016 Prof.ssa: R. M. Dierna Materia: Scienze naturali Classe: IV Corso: Liceo Scientifico a.s.: 2015/2016 All inizio dell anno scolastico si è verificato lo stato delle conoscenze e l accertamento dei prerequisiti,

Dettagli

Cristiano Giorda I GIS per insegnare la geografia

Cristiano Giorda I GIS per insegnare la geografia Cristiano Giorda I GIS per insegnare la geografia Le indicazioni Nazionali richiedono in tutti i gradi di scuola l inserimento dei GIS nella didattica della geografia: primo ciclo di istruzione Il raffronto

Dettagli

Rifasamento elettrico per limitare i consumi elettrici

Rifasamento elettrico per limitare i consumi elettrici Rifasamento elettrico per limitare i consumi elettrici Ing. Davide Roncon Sotto Gruppo Condensatori Roadshow 29 aprile Modena INDICE Introduzione La delibera AEEG 180_13 TEE: scheda tecnica 33E Rifasamento

Dettagli

PIANO DELLE ATTIVITA A.S. 2015-16

PIANO DELLE ATTIVITA A.S. 2015-16 PIANO DELLE ATTIVITA A.S. 2015-16 Riepilogo ore impegni collegiali: COLLEGIO : 01/09/15-1 ora; 18/09/15 3 ore; 30/09/15 3 ore; 30/10/15 3 ore; 20/11/2015 3 ore; 19/01/16 2 ore; 11/03/16 2 ore; 11/05/16

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO STATALE Enrico FERMI Brindisi

LICEO SCIENTIFICO STATALE Enrico FERMI Brindisi Corsista Studente Nome Cognome SESSO : uomo donna CITTADINANZA Italia Altri paesi UE Paesi europei non UE Paesi non UE del Mediterraneo Paesi africani non del Mediterraneo Paesi asiatici non del Mediterraneo

Dettagli

RILEVAZIONE COMPETENZE LINGUISTICHE ITALIANO L2 ALUNNI STRANIERI I.C. Leonardo da Vinci

RILEVAZIONE COMPETENZE LINGUISTICHE ITALIANO L2 ALUNNI STRANIERI I.C. Leonardo da Vinci RILEVAZIONE COMPETENZE LINGUISTICHE ITALIANO L2 ALUNNI STRANIERI I.C. Leonardo da Vinci di Sorbolo-Mezzani a.s. 2013-2014 PREMESSA Essere alfabetizzati nella nostra lingua costituisce un buon indicatore,

Dettagli

Capitolo 5. Strutture formative. 5.1 Istituti Numero di unità scolastiche per tipologia di istituti medi superiori

Capitolo 5. Strutture formative. 5.1 Istituti Numero di unità scolastiche per tipologia di istituti medi superiori Capitolo 5 Strutture formative Variabili e indicatori utilizzati: Numero di unità scolastiche degli istituti medi superiori Numero di istituti per 10.000 giovani in età scolare Numero di iscritti agli

Dettagli

La caratteristica meccanica rappresenta l'andamento della coppia motrice C in

La caratteristica meccanica rappresenta l'andamento della coppia motrice C in MOTORI CORRENTE ALTERNATA: CARATTERISTICA MECCANICA La caratteristica meccanica rappresenta l'andamento della coppia motrice C in funzione della velocità di rotazione del rotore n r Alla partenza la C

Dettagli

DOC C/25 Rev.00 del 04.11.08 ORARIO SETTIMANALE DEGLI INTERVENTI DI RECUPERO INTERMEDI 2014 2015 DAL 19 GENNAIO AL 13 FEBBRAIO 2015

DOC C/25 Rev.00 del 04.11.08 ORARIO SETTIMANALE DEGLI INTERVENTI DI RECUPERO INTERMEDI 2014 2015 DAL 19 GENNAIO AL 13 FEBBRAIO 2015 ORARIO SETTIMANALE DEGLI INTERVENTI DI RECUPERO INTERMEDI 2014 2015 DAL 19 GENNAIO AL 13 FEBBRAIO 2015 LICEO SCIENTIFICO Classi Venerdì 1A ROSI 1B 1C 1D 1E 1F 2A 2B 2C ROSI ROSI 13:15-14:45 CURRADI 14-15.30

Dettagli

Liceo Scientifico, Classico, Socio-Psico-Pedagogico Leonardo da Vinci di Terracina (LT) Ricerca a cura di: Prof.ssa Emma Filomena Livoli

Liceo Scientifico, Classico, Socio-Psico-Pedagogico Leonardo da Vinci di Terracina (LT) Ricerca a cura di: Prof.ssa Emma Filomena Livoli Liceo Scientifico, Classico, Socio-Psico-Pedagogico Leonardo da Vinci di Terracina (LT) Ricerca a cura di: Prof.ssa Emma Filomena Livoli 70 anni... portati bene! Il Liceo scientifico di Terracina è nato

Dettagli

LA RADIOATTIVITA. Nel caso degli isotopi dell idrogeno: Nel caso degli isotopi del Carbonio:

LA RADIOATTIVITA. Nel caso degli isotopi dell idrogeno: Nel caso degli isotopi del Carbonio: LA RADIOATTIVITA Gli atomi di un elemento non sono in realtà tutti uguali, una piccola percentuale di essi ha un numero di neutroni differente, questi atomi si chiamano isotopi di quell elemento. Il 99,9%

Dettagli

I motori elettrici più diffusi

I motori elettrici più diffusi I motori elettrici più diffusi Corrente continua Trifase ad induzione Altri Motori: Monofase Rotore avvolto (Collettore) Sincroni AC Servomotori Passo Passo Motore in Corrente Continua Gli avvolgimenti

Dettagli

Prova di ammissione alla SSIS - Indirizzo Matematico - Scientifico PROVA 011 - Comune

Prova di ammissione alla SSIS - Indirizzo Matematico - Scientifico PROVA 011 - Comune Prova di ammissione alla SSIS - Indirizzo Matematico - Scientifico PROVA 011 - Comune 1. Qual è la negazione della frase Se 1000001 è primo, allora 2 1000001 1 è primo? A) Se 1000001 non è primo, allora

Dettagli

LETTERE. ex ravasi LETTERE. sost4cer_alvino MATEMATICA. sost4cer_alvino E. MUSICA. BARZAGHI. E.FISICA CIONI CE Palestra RELIG CAVALLINI

LETTERE. ex ravasi LETTERE. sost4cer_alvino MATEMATICA. sost4cer_alvino E. MUSICA. BARZAGHI. E.FISICA CIONI CE Palestra RELIG CAVALLINI ISTITUTO COMPRENSIVO C. BATTISTI COGLIATE 23/09/2014 09:09 - Pagina 1 1E 1F ISTITUTO COMPRENSIVO C. BATTISTI COGLIATE 23/09/2014 09:09 - Pagina 2 1G,,,, 1H,,, ISTITUTO COMPRENSIVO C. BATTISTI COGLIATE

Dettagli

Stage di Ricerca Operativa in università

Stage di Ricerca Operativa in università Stage di Ricerca Operativa in università Ottimizziamo! Progetto Lauree Scientifiche Ufficio Scolastico Regionale Lombardia Università degli Studi di Milano Quando? Lunedì 8 Giugno e Martedì 9 Giugno 2009,

Dettagli

Corso serale ITET BENEDETTI PORCARI Istruzione adulti a.s. 2015-16 - UDA. Periodi di svolgimento periodo I II III IV.

Corso serale ITET BENEDETTI PORCARI Istruzione adulti a.s. 2015-16 - UDA. Periodi di svolgimento periodo I II III IV. PIANO DELLE UNITA DI APPRENDIMENTO ISTITUTO TECNICO SETTORE TECNOLOGICO Indirizzo COSTRUZIONI AMBIENTE TERRITORIO Classe V secondo livello terzo periodo didattico Disciplina: STORIA Periodi di svolgimento

Dettagli