UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI UDINE

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI UDINE"

Transcript

1 UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI UDINE CORSO «LA GESTIONE DEI RIFIUTI IN ATENEO» Modulo SPECIALISTICO 2 a PARTE dott. Deborah GORI SERVIZI INTEGRATI DI PREVENZIONE E PROTEZIONE D8/2015 DISPENSE Servizi Integrati di Prevenzione e Protezione UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI UDINE

2 Corso "La gestione dei rifiuti in Ateneo Programma formativo «ABC-Ambiente» LA GESTIONE DEI RIFIUTI IN ATENEO Modulo specialistico -2 a parte Deborah Gori Servizi Integrati di Prevenzione e Protezione Servizio di Tutela Ambientale 4 giugno SERVIZIO DI PREVENZIONE E PROTEZIONE D ATENEO Il programma del corso 2 CORSO: «La GESTIONE dei RIFIUTI in ATENEO» Modulo SPECIALISTICO seconda parte Gli adempimenti in materia di gestione rifiuti Gli obblighi di legge: dal deposito allo smaltimento Registro di carico e scarico Sistema di tracciabilità SISTRI Smaltimento dei rifiuti chimici e sanitari Formulario di Identificazione Rifiuto Dichiarazione Ambientale MUD Accordo ADR (dott. Marco Righini CATAS) Obblighi per lo "Speditore" e per l "Imballatore" Confezionamento e trasporto dei rifiuti pericolosi Dispense ad uso didattico interno - a cura di Deborah Gori Servizio di prevenzione e protezione d Ateneo 1

3 Corso "La gestione dei rifiuti in Ateneo Gli adempimenti di legge sui RIFIUTI SPECIALI 3 Rivediamo il flusso delle attività di gestione dei rifiuti speciali DIPARTIMENTO con laboratori Addetto Locale (funzioni operative) PRODUZIONE RIFIUTO SERVIZIO TUTELA AMBIENTALE CARICHI DB e SISTRI RACCOLTA FINALIZZATA GESTIONE LIMITI/SCADENZE deposito ETICHETTATURA TRASPORTO AL DEPOSITO DEPOSITO TEMPORANEO SMALTIMENTI: Modulistica smaltitore Schede SISTRI Redazione FIR ed eventuale DdT Supervisione operazioni asporto SCARICHI REGISTRI, DB, SISTRI REGISTRAZIONE CARICO DEPOSITO RIFIUTI GESTIONE QUARTE COPIE FIR INVIO DATI al SERVIZIO PRESENTAZIONE ANNUALE MUD Gli adempimenti di legge sui RIFIUTI SPECIALI Modulo SPECIALISTICO 1 4 Ripartiamo dal DEPOSITO TEMPORANEO Dispense ad uso didattico interno - a cura di Deborah Gori Servizio di prevenzione e protezione d Ateneo 2

4 Corso "La gestione dei rifiuti in Ateneo Gli adempimenti di legge sui RIFIUTI SPECIALI 5 Il sito di deposito temporaneo può essere paragonato ad un magazzino. Per annotare i movimenti delle merci in ingresso e in uscita e calcolare le giacenze c è un REGISTRO DI CARICO E SCARICO. CARICO: i rifiuti in ingresso SCARICO: i rifiuti in uscita ( smaltimento) R DEPOSITO RIFIUTI CARICO SCARICO Gli adempimenti di legge sui RIFIUTI SPECIALI 6 UNITÀ LOCALE INDIRIZZO RIZZI via delle Scienze, 208 CHIMICA via delle Scienze, 99 PRODUZIONE DI RIFIUTI SPECIALI PERICOLOSI Per ogni unità locale in cui si producono rifiuti pericolosi: Tenuta di un REGISTRO DI CARICO E SCARICO KOLBE piazzale Kolbe, 4 BASKET via Sondrio, 2/A ISCRIZIONE SISTRI e gestione dati relativi a carichi e smaltimenti AZIENDA AGRARIA via Pozzuolo, 324 MODULI via Sondrio, 2/10 Presentazione annuale MUD PAGNACCO via S. Mauro (Rustici) Dispense ad uso didattico interno - a cura di Deborah Gori Servizio di prevenzione e protezione d Ateneo 3

5 Corso "La gestione dei rifiuti in Ateneo REGISTRO DI CARICO E SCARICO RIFUTI 7 Art. 190 D.lgs. 152/2006 (soggetti obbligati e modalità di tenuta) DM n. 148 del 01/04/1998 (modello conforme) Circolare Min.Ambiente 04/08/1998 (istruzioni compilazione) SOGGETTI OBBLIGATI alla tenuta del registro: PRODUTTORI di rifiuti speciali pericolosi di rifiuti speciali non pericolosi da lavorazioni industriali, artigianali, di recupero/smaltimento rifiuti, depurazione acque, abbattimento fumi Il registro è composto da 100 fogli numerati. Prima dell utilizzo deve essere vidimato presso gli uffici della Camera di Commercio. Deve essere conservato, insieme ai formulari di identificazione rifiuti, presso la sede di produzione (unità locale). Una volta compilate le 300 operazioni, il registro va conservato per 5 anni dalla data dell ultima registrazione. REGISTRO DI CARICO E SCARICO RIFUTI 8 Movimenti dei rifiuti: CARICO = deposito del rifiuto nel sito di stoccaggio SCARICO = conferimento del rifiuto allo smaltitore autorizzato Le operazioni sul registro devono essere compilate al massimo entro 10 giorni lavorativi dall effettivo movimento del rifiuto Le registrazioni devono essere leggibili e scritte a penna. Per eventuali correzioni barrare il dato errato, in modo che questo risulti comunque leggibile, e scrivere accanto il dato esatto Dispense ad uso didattico interno - a cura di Deborah Gori Servizio di prevenzione e protezione d Ateneo 4

6 Corso "La gestione dei rifiuti in Ateneo Compilazione del Registro - CARICO 9 Registriamo il carico di 3 ipotetici contenitori di rifiuti liquidi (soluzioni saline di lavaggio, CER ) che abbiamo portato in stoccaggio: 2 taniche da 5 litri di tamponi con etidio bromuro e soluzioni saline 1 tanica da 10 litri di tensioattivi in soluzione acquosa Stato fisico del rifiuto: 1.solido pulverulento 2.solido non pulverulento 3.fangoso palabile 4. liquido X / Soluzioni acquose di lavaggio liquido (4) HP ,02 Corso «La Gestione dei Rifiuti Speciali» Compilazione del Registro - CARICO 10 LA REGISTRAZIONE DEL PESO DEI RIFIUTI Perché non dobbiamo riportare subito sul registro anche il peso in kg dei rifiuti caricati? Il peso ufficiale e definitivo di un rifiuto è quello riscontrato dal destinatario finale, che lo riporta sul formulario (sulla nostra 4 a ). Il peso del rifiuto - in kg, arrotondati all unità - è il dato che verrà dichiarato nel MUD da tutti i soggetti coinvolti nella sua gestione: produttore, trasportatore e smaltitore. Il dato deve quindi coincidere in tutti i documenti. D.M. 148/98: sul registro dobbiamo riportare la QUANTITÀ di rifiuto prodotto, specificando obbligatoriamente: LITRI oppure KG METRI CUBI La nostra prassi consolidata è di riportare SEMPRE i litri e i metri cubi (il volume del rifiuto, a noi noto) e lasciare in sospeso il dato specifico dei kg, fino a quando non avremo la conferma del peso verificato a destino dallo smaltitore (dato ufficiale). Corso «La Gestione dei Rifiuti Speciali» Dispense ad uso didattico interno - a cura di Deborah Gori Servizio di prevenzione e protezione d Ateneo 5

7 Corso "La gestione dei rifiuti in Ateneo Caratteristiche di pericolosità dei rifiuti 11 HP1 HP2 HP3 "Esplosivo": rifiuto che può, per reazione chimica, sviluppare gas a una temperatura, una pressione e una velocità tali da causare danni nell'area circostante. Sono inclusi i rifiuti pirotecnici, i rifiuti di perossidi organici esplosivi e i rifiuti autoreattivi esplosivi. "Comburente": rifiuto capace, in genere per apporto di ossigeno, di provocare o favorire la combustione di altre materie. «Infiammabile": rifiuto liquido infiammabile: rifiuto liquido il cui punto di infiammabilità è inferiore a 60 C oppure rifiuto di gasolio, carburanti diesel e oli da riscaldamento leggeri il cui punto di infiammabilità è superiore a 55 C e inferiore o pari a 75 C; rifiuto solido e liquido piroforico infiammabile: rifiuto solido o liquido che, anche in piccole quantità, può infiammarsi in meno di cinque minuti quando entra in contatto con l'aria; rifiuto solido infiammabile: rifiuto solido facilmente infiammabile o che può provocare o favorire un incendio per sfregamento; rifiuto gassoso infiammabile: rifiuto gassoso che si infiamma a contatto con l'aria a 20 C e a pressione normale di 101,3 kpa; rifiuto idroreattivo: rifiuto che, a contatto con l'acqua, sviluppa gas infiammabili in quantità pericolose; altri rifiuti infiammabili: aerosol infiammabili, rifiuti autoriscaldanti infiammabili, perossidi organici infiammabili e rifiuti autoreattivi infiammabili. Caratteristiche di pericolosità dei rifiuti 12 HP4 HP5 "Irritante Irritazione cutanea e lesioni oculari": rifiuto la cui applicazione può provocare irritazione cutanea o lesioni oculari. "Tossicità specifica per organi bersaglio (STOT)/Tossicità in caso di aspirazione": rifiuto che può causare tossicità specifica per organi bersaglio con un'esposizione singola o ripetuta, oppure può provocare effetti tossici acuti in seguito all'aspirazione. HP6 "Tossicità acuta": rifiuto che può provocare effetti tossici acuti in seguito alla somministrazione per via orale o cutanea, o in seguito all'esposizione per inalazione. HP7 "Cancerogeno": rifiuto che causa il cancro o ne aumenta l'incidenza HP8 "Corrosivo": rifiuto la cui applicazione può provocare corrosione cutanea HP9 "Infettivo": rifiuto contenente microrganismi vitali o loro tossine che sono cause note, o a ragion veduta ritenuti tali, di malattie nell'uomo o in altri organismi viventi. Dispense ad uso didattico interno - a cura di Deborah Gori Servizio di prevenzione e protezione d Ateneo 6

8 Corso "La gestione dei rifiuti in Ateneo Caratteristiche di pericolosità dei rifiuti 13 HP10 HP11 HP12 HP13 HP14 "Tossico per la riproduzione": rifiuto che ha effetti nocivi sulla funzione sessuale e sulla fertilità degli uomini e delle donne adulti, nonché sullo sviluppo della progenie. "Mutageno": rifiuto che può causare una mutazione, ossia una variazione permanente della quantità o della struttura del materiale genetico di una cellula. "Liberazione di gas a tossicità acuta" rifiuto che libera gas a tossicità acuta (Acute Tox. 1, 2 o 3) a contatto con l'acqua o con un acido. "Sensibilizzante": rifiuto che contiene una o più sostanze note per essere all'origine di effetti di sensibilizzazione per la pelle o gli organi respiratori. "Ecotossico": rifiuto che presenta o può presentare rischi immediati o differiti per uno o più comparti ambientali. HP15 Rifiuto che non possiede direttamente una delle caratteristiche di pericolo summenzionate ma può manifestarla successivamente. Il SISTRI Decreto Ministeriale 18 febbraio 2011 n. 52 Istituzione del 14 SIStema di controllo della Tracciabilità dei RIfiuti (SISTRI) PRODUTTORI: per ogni unità locale viene attivato un dispositivo USB, contenente i certificati di firma elettronica degli «addetti SISTRI», che accederanno al portale web per la gestione dei dati. Finalità: informatizzare tutti gli adempimenti volti alla tracciabilità del rifiuto (registri di carico e scarico, formulari e MUD). Trasportatori: sistema di controllo GPS ( black box ) sui mezzi adibiti al trasporto dei rifiuti speciali. Situazione attuale: il c.d. «doppio binario» SISTRI è operativo da ottobre 2013 rimangono obbligatori registri, formulari e MUD le sanzioni sono sospese fino al 31/12/2015 Dispense ad uso didattico interno - a cura di Deborah Gori Servizio di prevenzione e protezione d Ateneo 7

9 Corso "La gestione dei rifiuti in Ateneo Il SISTRI - Operatività 15 UNIUD: data iscrizione 26/02/2010 Codice pratica: WEB_UD_ Unità Locali (+ 1 occasionale solo 2015) 7 USB 2 «Addetti SISTRI» Utilizzando di volta in volta le chiavette USB della sede interessata, l Addetto SISTRI accede al portale web previa autenticazione personale (PIN, UserID e password), immette i dati relativi alle movimentazioni dei rifiuti e firma digitalmente le operazioni. Area registro cronologico: equivalente al registro cartaceo CARICHI: entro 10 giorni dalla produzione del rifiuto; si possono riportare solo i kg del rifiuto problema peso a destino: sistema rigido SCARICHI: si generano collegando al registro la «scheda SISTRI» del rifiuto smaltito. Area movimentazione: riguarda gli smaltimenti «Scheda SISTRI», analoga al FIR; è collegata ai carichi effettuati. Deve essere predisposta almeno 4 ore prima dello smaltimento. La stessa scheda sarà compilata on line da trasportatore e destinatario. Area gestione azienda: si immettono e si aggiornano i dati dell Ateneo e delle unità locali, i dati relativi ai pagamenti del contributo annuale ecc. Fasi della gestione dei rifiuti di laboratorio - 3 LE FASI 16 RACCOLTA DEPOSITO TEMPORANEO DEPOSITO RIFIUTI SMALTIMENTO Dispense ad uso didattico interno - a cura di Deborah Gori Servizio di prevenzione e protezione d Ateneo 8

10 Corso "La gestione dei rifiuti in Ateneo SMALTIMENTO dei rifiuti speciali 17 «SMALTIMENTO» dei rifiuti speciali = il prelievo dei nostri rifiuti da parte di un trasportatore iscritto all Albo Gestori Ambientali e il successivo trasporto all impianto autorizzato. Il Servizio programma, organizza e coordina tutti gli interventi di smaltimento che interessano l Ateneo. Grazie al nostro sistema interno di gestione dei rifiuti, il Servizio può organizzare al meglio gli smaltimenti, in quanto dispone dei dati su: Quantitativi precisi (litri, kg, colli) delle diverse tipologie di rifiuto (CER) in giacenza NORMATIVA RIFIUTI Invio dati al Trasportatore Modulo di richiesta Tabelle dati «Scheda di omologa» Compilazione Formulario (FIR) Compilazione Scheda Sistri Composizione dettagliata del rifiuto, per ogni contenitore ACCORDO ADR Etichettatura ADR dei colli Redazione documento di trasporto Invio dati al trasportatore per redazione istruzioni di sicurezza SMALTIMENTO dei rifiuti speciali 18 Programmazione degli smaltimenti È necessario programmare lo smaltimento dei rifiuti in giacenza: per raggiunti limiti di capienza dello stoccaggio per scadenza temporale del deposito (1 anno) per esigenze diverse (es. lavori negli stoccaggi ) Particolarità operative: lo SMALTIMENTO DI RIFIUTI SANITARI Differenze con lo smaltimento di rifiuti chimici: frequenza asporti tipicamente quindicinale i carichi si chiudono il giorno che precede lo smaltimento: gli Addetti locali coinvolti inviano al Servizio i dettagli sui quantitativi entro le ore per consentire la compilazione dei documenti solitamente 1 solo CER per sede ( o ) 1 o 2 Formulari per sede (di solito sono 2 se abbiamo in giacenza sia rifiuti solidi che liquidi) ADR: numero UN 3291 unico per tutti i rifiuti sanitari Dispense ad uso didattico interno - a cura di Deborah Gori Servizio di prevenzione e protezione d Ateneo 9

11 Corso "La gestione dei rifiuti in Ateneo SMALTIMENTO dei rifiuti speciali 19 FASI OPERATIVE 1) ARRIVO IN SEDE: Il giorno dello smaltimento, all orario convenuto, il personale del Servizio, gli Addetti locali e il Trasportatore si trovano presso la sede interessata, con la documentazione già compilata: Formulari di Identificazione Rifiuto (uno per CER da smaltire) Documento cumulativo di trasporto ADR (rifiuti chimici) Tabelle con i dati, per le verifiche dei quantitativi Schede SISTRI cartacee (le porta il conducente del mezzo) 2) CARICO DEI RIFIUTI SUL MEZZO: deve essere fatto dal conducente (responsabilità ADR) i rifiuti devono essere imballati tenendo separati i diversi CER se il trasportatore utilizza dei cassapallet (colli non a vista), su questi devono essere apposti i pannelli ADR e i contrassegni di pericolo dei rifiuti contenuti SMALTIMENTO dei rifiuti speciali 20 FASI OPERATIVE 3) COMPLETAMENTO e FIRMA di FORMULARI e SCHEDE SISTRI: Sui formulari precompilati vengono aggiunti i dati mancanti: Targa del mezzo e nominativo del conducente Eventuale percorso, se diverso dal più breve, che il mezzo seguirà prima di arrivare dallo smaltitore Data e ora della partenza Firma dell Addetto Locale (o personale Servizio) e del conducente Sulle schede SISTRI cartacee vengono aggiunti i dati mancanti: Data e ora della partenza Firma dell Addetto Locale (o personale Servizio) e del conducente EVENTUALI CORREZIONI SUI DOCUMENTI VANNO EFFETTUATE PRIMA DELLA PARTENZA, con relativa annotazione La prima del FIR, dopo il completamento e le firme, rimane nell unità locale. Verrà conservata insieme al registro di carico e scarico. Le altre 3 copie del FIR seguiranno il rifiuto fino a destinazione. Dispense ad uso didattico interno - a cura di Deborah Gori Servizio di prevenzione e protezione d Ateneo 10

12 Corso "La gestione dei rifiuti in Ateneo SMALTIMENTO Gestione FORMULARIO 21 UNIUD Trasportatore Conducente Destinatario FIR FIR 4a FIR 3a FIR 2a 1a Il Servizio compila il FORMULARIO (in 4 copie) Prima della partenza: completamento e firma FORMULARIO (su 4 copie) CARICO RIFIUTO Il conducente firma il FORMULARIO (su 4 copie) TRASPORTO RIFIUTO FIR FIR 4a 3a 2a CONSEGNA RIFIUTO AL DESTINATARIO ACCETTAZIONE E PESATURA DEL RIFIUTO FIR 1a FIR 4a Archiviazione 1a e 4a FORMULARIO insieme al Registro c/s FIR 2a Invio entro 3 mesi della 4a FORMULARIO a UNIUD FIR 4a FIR FIR 3a 2a Timbro, firma e PESO A DESTINO sul FORMULARIO (su 3 copie) FIR 3a SMALTIMENTO Operatività SISTRI 22 UNIUD Trasportatore Conducente Destinatario Compilazione e firma CARICO su Registro Cronologico Compilazione e firma SCHEDA SISTRI PROCEDURA SEMPLIFICATA DI MOVIMENTAZIONE con utilizzo non contestuale dei dispositivi USB Compilazione e firma SCHEDA SISTRI Scheda SISTRI Cartacea Data, ora di partenza e firma SCHEDA SISTRI cartacea Scheda Scheda SISTRI Scheda SISTRI Cartacea SISTRI Cartacea Cartacea CARICO RIFIUTO Firma conducente SCHEDA SISTRI cartacea TRASPORTO RIFIUTO Associazione della SCHEDA SISTRI al Registro Cronologico. Si genera l'operazione di SCARICO Scheda SISTRI Cartacea Aggiornamento e firma SCHEDA SISTRI con dati del trasporto CONSEGNA RIFIUTO AL DESTINATARIO Data e ora di arrivo su SCHEDA SISTRI cartacea ACCETTAZIONE E PESATURA DEL RIFIUTO Compilazione e firma SCHEDA SISTRI con PESO A DESTINO del rifiuto Scheda SISTRI Cartacea Dispense ad uso didattico interno - a cura di Deborah Gori Servizio di prevenzione e protezione d Ateneo 11

13 Corso "La gestione dei rifiuti in Ateneo FORMULARIO di Identificazione del Rifiuto 23 Il trasporto di ciascuna tipologia (CER) di rifiuto dalla sede di produzione allo smaltitore autorizzato deve sempre essere accompagnato dal FORMULARIO DI IDENTIFICAZIONE DEL RIFIUTO (FIR) Il documento riporta nel dettaglio: informazioni sul Produttore informazioni sul Trasportatore informazioni sul Destinatario caratteristiche del rifiuto: tipologia, quantità, pericolosità dati relativi al trasporto (targa automezzo, nome conducente, data e ora di partenza e di arrivo, eventuale percorso) Compilazione del Formulario 24 27/ UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI UDINE Via Sondrio, 2/A Udine FRIUL JULIA APPALTI srl Via Pier Paolo Pasolini, 35 int Pradamano (UD) Decr FRIUL JULIA APPALTI srl Via G.B. Maddalena, Povoletto (UD) TS mc 0,035 UN 3082 Materia pericolosa per l ambiente, liquida n.a.s. 6.2 II ADR Dispense ad uso didattico interno - a cura di Deborah Gori Servizio di prevenzione e protezione d Ateneo 12

14 Corso "La gestione dei rifiuti in Ateneo Compilazione del Formulario 25 SOLUZIONI ACQUOSE DI LAVAGGIO LIQUIDO X HP14 5 X X 35 X R13 X AB 123 CD ROSSI MARIO X X 37 2a 3a e 4a FIR Documento di Trasporto ADR 26 Il Documento di Trasporto ADR viene redatto dallo «speditore» (UNIUD) e consegnato al trasportatore. Il documento accompagnerà i rifiuti fino a destinazione. Ai fini ADR contiene informazioni su: l identificazione dei rifiuti trasportati: denominazione, numero UN, classe di pericolosità, gruppo di imballaggio quantità di rifiuti trasportata (litri e kg) descrizione e numero dei contenitori, loro caratteristiche e omologazione ONU nome e indirizzo dello speditore nome e indirizzo del destinatario nome e indirizzo del vettore Dispense ad uso didattico interno - a cura di Deborah Gori Servizio di prevenzione e protezione d Ateneo 13

15 Corso "La gestione dei rifiuti in Ateneo Compilazione del Registro - SCARICO 27 Il movimento dei rifiuti in uscita va annotato sul Registro di c/s della sede. ESEMPIO PRATICO Vediamo nel dettaglio la compilazione di una ipotetica operazione di scarico delle soluzioni di lavaggio (CER ) caricate con l operazione 23/2015, già vista + precedente operazione da 15 litri Nelle ANNOTAZIONI si possono aggiungere eventuali informazioni supplementari X /2015 PRK637680/ Soluzioni acquose di lavaggio liquido (4) HP / /2015 X R13 0,035 Compilazione del Registro - SCARICO 28 Peculiarità dell operazione di SCARICO Nell operazione di scarico, rispetto a quella di carico, si compila anche la parte relativa al formulario, il documento che accompagna il rifiuto durante il trasporto: Numero del formulario Data di emissione del FIR esiste un rapporto di reciproca integrazione dei dati riportati sul registro con quelli riportati sul formulario Si compila poi la casella che si riferisce alle operazioni di carico con cui il rifiuto conferito è stato annotato sul registro: bisogna riportare il numero di ogni operazione. collegamento tra operazioni di carico e scarico Altro dato necessario è il codice della destinazione del rifiuto, indicato anche sul formulario: Smaltimento: D1 (discarica), D15 (deposito preliminare) D8 (trattamento biologico) Recupero: R1 (incenerimento con recupero di energia) R13 (messa in riserva) Dispense ad uso didattico interno - a cura di Deborah Gori Servizio di prevenzione e protezione d Ateneo 14

16 Corso "La gestione dei rifiuti in Ateneo La gestione dei dati 29 ALLINEAMENTO DATI ELABORAZIONE DATI MODULISTICA INVIO DATI allo SMATITORE FIR SCHEDA SISTRI Area Movimentazione Documento di trasporto ADR Il MUD 30 Legge 25 gennaio 1994, n.70 MUD - Modello Unico di Dichiarazione ambientale Il produttore di rifiuti speciali obbligato a tenere un registro di carico e scarico, ha anche l obbligo - per ogni unità locale - di dichiarare annualmente: i dati anagrafici dell unità locale: codice ISTAT dell attività indirizzo numero di addetti i quantitativi, distinti per CER ed espressi in kg, di ogni rifiuto speciale prodotto e smaltito nell Unità locale i soggetti a cui sono stati conferiti i rifiuti e le relative quantità le giacenze al 31 dicembre dell anno di riferimento Dispense ad uso didattico interno - a cura di Deborah Gori Servizio di prevenzione e protezione d Ateneo 15

17 Corso "La gestione dei rifiuti in Ateneo Il MUD 31 CER Stato fisico Kg in giacenza al 31/12/ Liquido Liquido Liquido Liquido Solido 75 CER Stato Kg prodotti fisico nel Liquido Liquido Liquido Liquido Solido Liquido 7350 Elaborazione dati per la presentazione MUD Unità Locale: via delle Scienze 99 Dati relativi all anno 2014 Giacenze al 31/12/2013 Produzione 2014 Conferimenti 2014 Giacenze al 31/12/2014 CER Stato Kg smaltiti fisico nel 2014 Destinatario CF Destinatario Trasportatore CF Trasportatore Liquido 259 FriulEnergy srl Friul Julia Appalti srl Liquido 581 FriulEnergy srl Friul Julia Appalti srl Liquido 558 FriulEnergy srl Friul Julia Appalti srl Liquido 480 FriulEnergy srl Friul Julia Appalti srl Solido 191 FriulEnergy srl Friul Julia Appalti srl Liquido 7350 Depura srl C Comp.Comm.Combustibili srl CER Stato fisico Kg in giacenza al 31/12/ Liquido Liquido Liquido Liquido Solido 83 Il MUD 32 La presentazione «telematica» della denuncia annuale MUD - Modello Unico di Dichiarazione ambientale Tramite un software specifico la referente UNIUD compila una dichiarazione per ogni unità locale dell Ateneo. Le dichiarazioni, oltre alla sezione anagrafica, sono composte da tante «schede» quanti sono i CER prodotti in quell unità locale. Alla fine della procedura viene generato un unico file per l Ateneo, che deve essere firmato digitalmente dal compilatore (referente UNIUD). Il file viene caricato sul sito web del «MUD telematico» Tramite carta di credito si pagano i diritti di segreteria e si chiude la procedura. Il sistema rilascia l attestato di avvenuta presentazione. La presentazione del MUD va fatta entro il 30 aprile di ogni anno. I dati si riferiscono all anno solare precedente. Dispense ad uso didattico interno - a cura di Deborah Gori Servizio di prevenzione e protezione d Ateneo 16

18 Corso "La gestione dei rifiuti in Ateneo Ricapitolando 33 Le cose importanti da ricordare: ADEMPIMENTI e OBBLIGHI di legge relativi ai RIFIUTI SPECIALI PRODUZIONE di RIFIUTI SPECIALI PERICOLOSI: registro di carico e scarico SISTRI dichiarazione annuale MUD DEPOSITO TEMPORANEO: all interno della sede di produzione; norme tecniche max 30 mc, di cui non più di 10 mc di rifiuti pericolosi durata mai superiore a 1 anno TRASPORTO di RIFIUTI SPECIALI: affidato solo a trasportatori iscritti all Albo Gestori Ambientali sempre con FORMULARIO (+ scheda SISTRI se rifiuti pericolosi) il destinatario deve essere sempre autorizzato rifiuti pericolosi: il trasporto può essere soggetto alle norme ADR e concludendo 34 GRAZIE per l attenzione Dispense ad uso didattico interno - a cura di Deborah Gori Servizio di prevenzione e protezione d Ateneo 17

NEWSLETTER SICUREZZA E AMBIENTE GIUGNO 2015

NEWSLETTER SICUREZZA E AMBIENTE GIUGNO 2015 NEWSLETTER SICUREZZA E AMBIENTE GIUGNO 2015 LA FORMAZIONE NEI LUOGHI DI LAVORO PRESSO LA VOSTRA CITTÀ L Biella, alla luce dei recenti cambiamenti che hanno coinvolto la formazione in materia di salute

Dettagli

Sino ad oggi occorreva basarsi sulle frasi di rischio R desumibili dalle SDS (Schede di sicurezza) a corredo delle sostanze pericolose.

Sino ad oggi occorreva basarsi sulle frasi di rischio R desumibili dalle SDS (Schede di sicurezza) a corredo delle sostanze pericolose. Franco CIOCE Esperto Qualificato di Radioprotezione - II grado n 1275 dell elenco nazionale Consulente ADR/RID/ADN Trasporto Merci pericolose Tecnico Competente in Acustica Ambientale Membership of Via

Dettagli

TABELLA DI COMPARAZIONE CRITERI CLASSIFICAZIONE RIFIUTI PERICOLOSI

TABELLA DI COMPARAZIONE CRITERI CLASSIFICAZIONE RIFIUTI PERICOLOSI TABELLA DI COMPARAZIONE CRITERI CLASSIFICAZIONE RIFIUTI SI DESCRIZIONE LIMITI CE DESCRIZIONE LIMITI CE 1 Esplosivo sostanze e preparati che possono esplodere per effetto della fiamma o che sono sensibili

Dettagli

APPLICABILE DAL 1 GIUGNO 2015

APPLICABILE DAL 1 GIUGNO 2015 CLASSIFICAZIONE E CARATTERISTICHE DEI RIFIUTI A PARTIRE DAL 1 GIUGNO 2015 Guida alla classificazione dei rifiuti Se un rifiuto è classificato con codice CER pericoloso assoluto, esso è pericoloso senza

Dettagli

Linee guida compilazione formulario di identificazione rifiuti

Linee guida compilazione formulario di identificazione rifiuti Gestione e consulenza rifiuti elettronici e da ufficio v.2.0 del 06/09/2011 Linee guida compilazione formulario di identificazione rifiuti LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE DEL FORMULARIO 2 Le presenti linee

Dettagli

NUOVE MODALITA DI DI CLASSIFICAZIONE DEI RIFIUTI

NUOVE MODALITA DI DI CLASSIFICAZIONE DEI RIFIUTI NUOVE MODALITA DI DI CLASSIFICAZIONE DEI RIFIUTI Regolamento UE 1357/2014 Decisione 2014/955/UE Regolamento UE 1342/2014 www.labanalysis.it/?/servizi/ambiente/rifiuti/ Cosa cambia? Il Reg. UE 1357/2014

Dettagli

I Codici CER e le nuove caratteristiche di pericolo dei rifiuti pericolosi ANDREA GIACOMINELLI

I Codici CER e le nuove caratteristiche di pericolo dei rifiuti pericolosi ANDREA GIACOMINELLI 1 I Codici CER e le nuove caratteristiche di pericolo dei rifiuti pericolosi ANDREA GIACOMINELLI I Codici CER e le nuove caratteristiche di pericolo dei rifiuti pericolosi Il 1 giugno entreranno in vigore

Dettagli

(Testo rilevante ai fini del SEE)

(Testo rilevante ai fini del SEE) 19.12.2014 L 365/89 REGOLAMENTO (UE) N. 1357/2014 DELLA COMMISSIONE del 18 dicembre 2014 che sostituisce l'allegato III della direttiva 2008/98/CE del Parlamento europeo e del Consiglio rela tiva ai rifiuti

Dettagli

GESTIONE DEI RIFIUTI DI LABORATORIO 2

GESTIONE DEI RIFIUTI DI LABORATORIO 2 Corso di Formazione sulla Sicurezza e Salute sul Lavoro Facoltà di Bioscienze e Tecnologie Agro-Alimentari e Ambientali Terzo Anno 12-24 febbraio 2015 GESTIONE DEI RIFIUTI DI LABORATORIO 2 Lorella Di Giuseppe

Dettagli

SISTRI. Gestione rifiuti,

SISTRI. Gestione rifiuti, SISTRI Gestione rifiuti, Il Decreto Ministeriale del 17 dicembre 2009 [ Ambiente ], pubblicato sulla GU del 13 gennaio 2010 [ in vigore dal 14/01/2010 ], che istituisce il SISTRI, il Sistema informatico

Dettagli

Istruzioni per la compilazione del registro di carico e scarico dei rifiuti speciali

Istruzioni per la compilazione del registro di carico e scarico dei rifiuti speciali Istruzioni per la compilazione del registro di carico e scarico dei rifiuti speciali (istruzioni per la compilazione del movimento di CARICO) Scarico Carico X del..11.1.2012 N...1. Caratteristiche del

Dettagli

Procedura per l'accesso al SISTRI e compilazione telematica degli appositi modelli per la dichiarazione MUD 2010

Procedura per l'accesso al SISTRI e compilazione telematica degli appositi modelli per la dichiarazione MUD 2010 1 Procedura per l'accesso al SISTRI e compilazione telematica degli appositi modelli per la dichiarazione MUD 2010 Relatore: Dario Trevisiol Camera di Commercio Industria Artigianato Agricoltura Pordenone

Dettagli

Ministero dell'ambiente Decreto 1 aprile 1998, n. 145 (Gu 13 maggio 1998 n. 109)

Ministero dell'ambiente Decreto 1 aprile 1998, n. 145 (Gu 13 maggio 1998 n. 109) Ministero dell'ambiente Decreto 1 aprile 1998, n. 145 (Gu 13 maggio 1998 n. 109) Regolamento recante la definizione del modello e dei contenuti del formulario di accompagnamento dei rifiuti ai sensi degli

Dettagli

Comunicazione 02/2010

Comunicazione 02/2010 Carpi, 17/02/ Comunicazione 02/ Oggetto: Nuovo sistema di gestione rifiuti - SISTRI. Il Decreto del Ministero dell Ambiente del 17 dicembre 2009 ha introdotto una rivoluzione nelle modalità di gestione

Dettagli

NORMATIVA DI RIFERIMENTO DEL SETTORE C&D E PROCEDURE PER UNA CORRETTA GESTIONE

NORMATIVA DI RIFERIMENTO DEL SETTORE C&D E PROCEDURE PER UNA CORRETTA GESTIONE 23 Aprile 2015 NORMATIVA DI RIFERIMENTO DEL SETTORE C&D E PROCEDURE PER UNA CORRETTA GESTIONE dott. Roberto Spaggiari Reggio Emilia I RIFIUTI DA COSTRUZIONE E DEMOLIZIONE La norma di riferimento per la

Dettagli

Circolare n. 20 del 15/04/2014 FC-fa. Ambiente MUD 2014. Approvato il modello di dichiarazione ambientale per l anno 2013.

Circolare n. 20 del 15/04/2014 FC-fa. Ambiente MUD 2014. Approvato il modello di dichiarazione ambientale per l anno 2013. 33 Circolare n. 20 del 15/04/2014 FC-fa Ambiente MUD 2014 Approvato il modello di dichiarazione ambientale per l anno 2013. E stato pubblicato sulla G.U. del 27/12/2013 n. 302, Supplemento Ordinario n.

Dettagli

Gestione dei Rifiuti

Gestione dei Rifiuti Gestione dei Rifiuti Copia n. In Consegna a: Funzione: Data Distribuzione: 0 08.07.09 Prima emissione Previte Grazia Maria Previte Grazia Maria Rev Data Causale Emissione RGA Approvazione DG Pagina 1 di

Dettagli

Reati Ambientali D.Lgs 231/2001

Reati Ambientali D.Lgs 231/2001 14 dicembre 2011 1 Indice Modalità commissione reati 03 Mappatura dei rischi ambientali 04 Produzione 06 Deposito Temporaneo 07 Stoccaggio 08 Trasporto 09 Riutilizzo 11 Destinatari 12 2 MODALITA DI COMMISSIONE

Dettagli

SISTRI. Nuovo servizio Tekneco: Consulenza Rifiuti

SISTRI. Nuovo servizio Tekneco: Consulenza Rifiuti SISTRI Nuovo servizio Tekneco: Consulenza Rifiuti Con l entrata in vigore del Decreto ministeriale 17 dicembre 2009 (SISTRI) molti aspetti riguardanti i rifiuti hanno subito una modifica. Il servizio da

Dettagli

SISTEMA DI CONTROLLO DELLA TRACCIABILITA DEI RIFIUTI

SISTEMA DI CONTROLLO DELLA TRACCIABILITA DEI RIFIUTI SISTEMA DI CONTROLLO DELLA TRACCIABILITA DEI RIFIUTI COSA E' IL SISTRI Il SISTRI è il Sistema di controllo della tracciabilità dei rifiuti che permette l'informatizzazione dell'intera filiera dei rifiuti

Dettagli

Il SISTRI ed i rifiuti nel settore minerario ed energetico

Il SISTRI ed i rifiuti nel settore minerario ed energetico DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA CHIMICA MATERIALI AMBIENTE Associazione Italiana Di Ingegneria Chimica Sezione Centro Il SISTRI ed i rifiuti nel settore minerario ed energetico CONOSCERE IL SISTRI SISTEMA DI

Dettagli

Etichettatura delle sostanze chimiche e miscele

Etichettatura delle sostanze chimiche e miscele Etichettatura delle sostanze chimiche e miscele Il regolamento CLP introduce le modalità di Comunicazione dei pericoli per mezzo dell etichettatura che assieme alla Scheda di dati di sicurezza, così come

Dettagli

Il SISTRI e la gestione dei rifiuti: ultimi sviluppi e obblighi per le aziende. Alessandra Pellegrini Direzione Tecnico Scientifica Federchimica

Il SISTRI e la gestione dei rifiuti: ultimi sviluppi e obblighi per le aziende. Alessandra Pellegrini Direzione Tecnico Scientifica Federchimica Il SISTRI e la gestione dei rifiuti: ultimi sviluppi e obblighi per le aziende Alessandra Pellegrini Direzione Tecnico Scientifica Federchimica Lube day 28 marzo 2014 Il quadro normativo Norme e documenti

Dettagli

Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia

Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia SCHEDA REGISTRO DI CARICO/SCARICO E FORMULARIO DI IDENTIFICAZIONE DEI RIFIUTI TRASPORTATI Ogni singola Struttura, per poter smaltire correttamente i propri Rifiuti Speciali, si dovrà dotare degli strumenti

Dettagli

NUOVE REGOLE IN VIGORE A PARTIRE DAL 1 GIUGNO 2015 PER UTENZE CON PARTITA IVA PRONTUARIO

NUOVE REGOLE IN VIGORE A PARTIRE DAL 1 GIUGNO 2015 PER UTENZE CON PARTITA IVA PRONTUARIO CEM TRASPORTO E CONFERIMENTO DEI RIFIUTI ASSIMILATI AGLI URBANI PRESSO LA PIATTAFORMA ECOLOGICA COMUNALE NUOVE REGOLE IN VIGORE A PARTIRE DAL 1 GIUGNO 2015 PER UTENZE CON PARTITA IVA PRONTUARIO NUMERO

Dettagli

COSA FARE FINO AL 31 DICEMBRE 2010?

COSA FARE FINO AL 31 DICEMBRE 2010? COSA FARE FINO AL 31 DICEMBRE 2010? rifiuti prodotti dopo il 1 ottobre carico/scarico sul Registro cronologico SISTRI Scheda movimentazione SISTRI compilazione registro e formulario cartacei Produttori

Dettagli

SISTRI. Il punto della situazione, ad un mese dalla partenza per i produttori di rifiuti. I consigli per le Imprese.

SISTRI. Il punto della situazione, ad un mese dalla partenza per i produttori di rifiuti. I consigli per le Imprese. SISTRI Il punto della situazione, ad un mese dalla partenza per i produttori di rifiuti. I consigli per le Imprese. Roberto Pulejo Nieves Estrada Direzione Tecnico Scientifica Federchimica Le tre sezioni

Dettagli

Come ogni anno, la scadenza per la presentazione del MUD è il 30 aprile 2016. PRINCIPALI NOVITA DEL MUD 2016

Come ogni anno, la scadenza per la presentazione del MUD è il 30 aprile 2016. PRINCIPALI NOVITA DEL MUD 2016 CIRCOLARE N. 010 15.01.2016 ALLE IMPRESE ASSOCIATE LORO SEDI Oggetto: Modello Unico di Dichiarazione ambientale scadenza del 30 aprile 2016. Servizio di ANCE Bergamo per la compilazione e presentazione

Dettagli

GESTIONE RIFIUTI: SISTRI CATEGORIA PRODUTTORI

GESTIONE RIFIUTI: SISTRI CATEGORIA PRODUTTORI GESTIONE RIFIUTI: - - Normativa di Settore collegata: D.Lgs. 152/2006 e smi Parte IV DM, Manuale e Circolari SISTRI - Destinatari: Servizio HSE aziendale - Consulenti - Revisione Documento Informativo:

Dettagli

GESTIONE DEI RIFIUTI DI LABORATORIO

GESTIONE DEI RIFIUTI DI LABORATORIO Corso di Formazione sulla Sicurezza e Salute sul Lavoro Facoltà di Bioscienze e Tecnologie Agro-Alimentari e Ambientali Primo Anno 12-24 febbraio 2015 GESTIONE DEI RIFIUTI DI LABORATORIO Lorella Di Giuseppe

Dettagli

Aggiornamento delle etichette e delle schede di sicurezza per i produttori di sostanze e a cascata per tutti gli utilizzatori a valle.

Aggiornamento delle etichette e delle schede di sicurezza per i produttori di sostanze e a cascata per tutti gli utilizzatori a valle. Aggiornamento delle etichette e delle schede di sicurezza per i produttori di sostanze e a cascata per tutti gli utilizzatori a valle. Salve,Dottore/ssa il mese di dicembre vede l entrata in vigore del

Dettagli

SPAZIO RISERVATO AL DESTINARIO DEL RIFIUTO.

SPAZIO RISERVATO AL DESTINARIO DEL RIFIUTO. ABC 123456/14 FORMULARIO RIFIUTI D.Lgs. del 5 febbraio 1997, n.22 (art. 15 e successive modifiche e integrazioni) D.M. del 1 aprile 1998, n 145 Direttiva Ministero Ambiente 9 aprile 2002 D.Lgs 3 aprile

Dettagli

Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia

Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia RIFIUTI SPECIALI PRINCIPALE NORMATIVA DI RIFERIMENTO DECRETO LEGISLATIVO 3 APRILE 2006, N. 152. - Norme in materia ambientale e successive modifiche ed integrazioni CLASSIFICAZIONE DEI RIFIUTI SPECIALI

Dettagli

www.leverup.it info@leverup.it

www.leverup.it info@leverup.it 1. Raccolta e confezionamento in laboratorio. 2. trasferimento al deposito temporaneo. 3. gestione del deposito temporaneo compilazione del registro di carico e scarico rapporto con le diverse ditte incaricate

Dettagli

Sistri, sistema di tracciabilità dei rifiuti: un opportunità a servizio dell ambiente

Sistri, sistema di tracciabilità dei rifiuti: un opportunità a servizio dell ambiente Sistri, sistema di tracciabilità dei rifiuti: un opportunità a servizio dell ambiente Bari, 15 settembre 2010 Fiera del Levante IV Giornata dell Energia Pulita Cos è il SISTRI? 2 Sistri è il nuovo sistema

Dettagli

FINI DELL APPLICAZIONE DELL ARTICOLO 11 DEL DECRETO LEGGE 31 AGOSTO 2013, N

FINI DELL APPLICAZIONE DELL ARTICOLO 11 DEL DECRETO LEGGE 31 AGOSTO 2013, N NOTA ESPLICATIVA AI FINI DELL APPLICAZIONE DELL ARTICOLO 11 DEL DECRETO LEGGE 31 AGOSTO 2013, N. 101, SEMPLIFICAZIONE E RAZIONALIZZAZIONE DEL SISTEMA DI CONTROLLO DELLA TRACCIABILITA DEI RIFIUTI SISTRI

Dettagli

Spett. li. CLIENTI Loro sedi. Porcia, 02 marzo 2015 OGGETTO: ATTIVITA FORMATIVA SULLA GESTIONE RIFIUTI

Spett. li. CLIENTI Loro sedi. Porcia, 02 marzo 2015 OGGETTO: ATTIVITA FORMATIVA SULLA GESTIONE RIFIUTI Spett. li CLIENTI Loro sedi Porcia, 02 marzo 2015 OGGETTO: ATTIVITA FORMATIVA SULLA GESTIONE RIFIUTI A seguito delle numerose richieste di chiarimento pervenute ai nostri uffici in merito alle novità normative

Dettagli

I fanghi di depurazione nell'autolavaggio: aspetti normativi e gestionali

I fanghi di depurazione nell'autolavaggio: aspetti normativi e gestionali ModenaFiere, 9-10-11 Maggio 2010 I fanghi di depurazione nell'autolavaggio: aspetti normativi e gestionali Edoardo Martignoni UNA DEFINIZIONE... I FANGHI ORIGINATI DAL LAVAGGIO SUPERFICIALE DEI VEICOLI

Dettagli

Scheda descrittiva del rifiuto Discarica D1 Amianto

Scheda descrittiva del rifiuto Discarica D1 Amianto Rev. 8 Pag. 1 di 5 SCHEDA DESCRITTIVA DEL RIFIUTO Produttore: Numero di OMOLOGA N. del Sede legale: P.IVA: Cod.Fisc.: Sede dello stabilimento ove il rifiuto viene prodotto: Via Comune di Provincia di Codice

Dettagli

Oggetto: SISTRI - Riepilogo delle ultime modifiche normative relative al sistema SISTRI

Oggetto: SISTRI - Riepilogo delle ultime modifiche normative relative al sistema SISTRI Pordenone lì 29/07/2014 CIRCOLARE INFORMATIVA N 10/2014 Oggetto: SISTRI - Riepilogo delle ultime modifiche normative relative al sistema SISTRI Fonte: Manuale Ambiente 2014, Unione Industriali Pordenone

Dettagli

SISTRI SEMINARIO SISTRI. TRENTO -29 gennaio 2014 VERONA -30 gennaio 2014. Corso preparato e gestito da SEA spa

SISTRI SEMINARIO SISTRI. TRENTO -29 gennaio 2014 VERONA -30 gennaio 2014. Corso preparato e gestito da SEA spa SISTRI SEMINARIO SISTRI TRENTO -29 gennaio 2014 VERONA -30 gennaio 2014 Corso preparato e gestito da SEA spa SISTRI: riferimenti normativi Decreto ministeriale del 17 dicembre 2009 (Istituzione del sistema

Dettagli

Sintetica descrizione delle principali novità introdotte nella classificazione dei rifiuti pericolosi. Club Ambiente 12/05/15

Sintetica descrizione delle principali novità introdotte nella classificazione dei rifiuti pericolosi. Club Ambiente 12/05/15 Sintetica descrizione delle principali novità introdotte nella classificazione dei rifiuti pericolosi Club Ambiente 12/05/15 L individuazione dei rifiuti pericolosi D.Lgs.152/2006, art. 184 4. Sono rifiuti

Dettagli

GUIDA RAPIDA PRODUTTORI PRODUTTORI INTERMEDIARI TRASPORTATORI RECUPERATORI SMALTITORI. 21 aprile 2015 www.sistri.it

GUIDA RAPIDA PRODUTTORI PRODUTTORI INTERMEDIARI TRASPORTATORI RECUPERATORI SMALTITORI. 21 aprile 2015 www.sistri.it GUIDA RAPIDA PRODUTTORI PRODUTTORI INTERMEDIARI TRASPORTATORI RECUPERATORI SMALTITORI 21 aprile 2015 www.sistri.it DISCLAIMER Il presente documento intende fornire agli Utenti SISTRI informazioni di supporto

Dettagli

SISTRI. ASSAGO, 25 settembre 2013

SISTRI. ASSAGO, 25 settembre 2013 SISTRI ASSAGO, 25 settembre 2013 SISTRI fonti normative Dlgs 152/2006 TUA articoli 188-189-190-193 (ex 205/2010) 188 bis e 188 ter Dm Ambiente 18 febbraio 2011, n. 52 TU Sistri Dm 20 marzo 2013, n 96 Termini

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEI RIFIUTI SPECIALI PRODOTTI DALLE STRUTTURE DELL UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DELL INSUBRIA

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEI RIFIUTI SPECIALI PRODOTTI DALLE STRUTTURE DELL UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DELL INSUBRIA REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEI RIFIUTI SPECIALI PRODOTTI DALLE STRUTTURE DELL UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DELL INSUBRIA Emanato con Decreto 9 marzo 2015, n. 166 Entrato in vigore il 27 marzo 2015 UFFICIO PREVENZIONE

Dettagli

GUIDA ALLA GESTIONE AMMINISTRATIVA DEI RIFIUTI REGISTRO DI CARICO E SCARICO FORMULARI DI IDENTIFICAZIONE

GUIDA ALLA GESTIONE AMMINISTRATIVA DEI RIFIUTI REGISTRO DI CARICO E SCARICO FORMULARI DI IDENTIFICAZIONE GUIDA ALLA GESTIONE AMMINISTRATIVA DEI RIFIUTI REGISTRO DI CARICO E SCARICO FORMULARI DI IDENTIFICAZIONE 1 INTRODUZIONE Il sistema registro di carico e scarico e formulari di identificazione dei rifiuti

Dettagli

D.M. 25 maggio 2012, n. 141 Modifiche ed integrazioni al decreto del Ministro dell'ambiente e della tutela del territorio e del mare 18 febbraio 2011, n. 52, avente ad oggetto il Regolamento recante istituzione

Dettagli

INFORMAZIONI GENERALI PER LA GESTIONE RAEE (Rifiuti da Apparecchiature Elettriche ed Elettroniche)

INFORMAZIONI GENERALI PER LA GESTIONE RAEE (Rifiuti da Apparecchiature Elettriche ed Elettroniche) INFORMAZIONI GENERALI PER LA GESTIONE RAEE (Rifiuti da Apparecchiature Elettriche ed Elettroniche) RIG.ECO srl via dell artigianato 14 1di 9 INDICE 1. PREMESSA...1 2. DEFINIZIONI...3 3. SCOPO DEL DOCUMENTO...4

Dettagli

Gestione dei rifiuti per le PMI Aggiornamento normativo Sistri e simulazione

Gestione dei rifiuti per le PMI Aggiornamento normativo Sistri e simulazione Gestione dei rifiuti per le PMI Aggiornamento normativo Sistri e simulazione mercoledì 8 luglio 2015 dalle ore 14,30 alle 17,00 presso Hotel Congress Centre "Al Mulino di San Michele (Alessandria), in

Dettagli

SISTRI COSA FARE PRIMA DELL AVVIO AL 3 MARZO 2014

SISTRI COSA FARE PRIMA DELL AVVIO AL 3 MARZO 2014 SISTRI COSA FARE PRIMA DELL AVVIO AL 3 MARZO 2014 Che cos è SISTRI??? Sistri è il Sistema informatico di Controllo per la Tracciabilità dei rifiuti che il Ministero dell Ambiente ha istituito e che cambia

Dettagli

Scheda Trasporto Intermodale

Scheda Trasporto Intermodale Scheda Trasporto Intermodale TRASPORTO INTERMODALE Di seguito vengono forniti gli specifici dati che devono essere inseriti nelle schede SISTRI per la gestione del trasporto intermodale. Per gli aspetti

Dettagli

Comunicazione Rifiuti. Gabriella Aragona Servizio Rifiuti - ISPRA

Comunicazione Rifiuti. Gabriella Aragona Servizio Rifiuti - ISPRA Comunicazione Rifiuti Gabriella Aragona Servizio Rifiuti - ISPRA Soggetti obbligati / 1 I soggetti tenuti alla presentazione del MUD Sezione Rifiuti sono individuati dalla normativa seguente: dall articolo

Dettagli

RIFIUTO URBANO RIFIUTO SPECIALE

RIFIUTO URBANO RIFIUTO SPECIALE 1 RIFIUTO URBANO RIFIUTO SPECIALE RIFIUTO PERICOLOSO (* asterisco) RIFIUTO NON PERICOLOSO 2 MANUTENZIONE RIFIUTI SPECIALI IN OFFICINA Rifiuti prodotti all interno dell azienda Ricambi vari Derivati dalla

Dettagli

VADEMECUM PER LA GESTIONE DEI RIFIUTI DA MANUTENZIONE

VADEMECUM PER LA GESTIONE DEI RIFIUTI DA MANUTENZIONE VADEMECUM PER LA GESTIONE DEI RIFIUTI DA MANUTENZIONE Per fare in modo che le aziende che fanno attività di manutenzione, attuino in modo corretto la gestione dei rifiuti provenienti appunto dalla loro

Dettagli

Principali adempimenti amministrativi connessi alla gestione dei rifiuti speciali

Principali adempimenti amministrativi connessi alla gestione dei rifiuti speciali MODULO 3 Gestione dei rifiuti speciali Principali adempimenti amministrativi connessi alla gestione dei rifiuti speciali Dott. Michele Santoro I principali adempimenti amministrativi connessi alla produzione

Dettagli

Funzione Commessa Tipo Rev. 00 Numero Progressivo

Funzione Commessa Tipo Rev. 00 Numero Progressivo Il sistema informatico prevede la firma elettronica pertanto l'indicazione delle strutture e dei nominativi delle persone associate certifica l'avvenuto controllo. Elaborato del 29/09/2015 Pag. 1 di 6

Dettagli

Criticità connesse alla nuova classificazione dei rifiuti e prime indicazioni operative 29 ottobre 2015

Criticità connesse alla nuova classificazione dei rifiuti e prime indicazioni operative 29 ottobre 2015 Criticità connesse alla nuova classificazione dei rifiuti e prime indicazioni operative 29 ottobre 2015 CRAB Medicina Ambiente S.r.l. QUADRO NORMATIVO D.Lgs. 152/06 - Parte IV Norme in materia di rifiuti

Dettagli

Sistri: criticità e prospettive

Sistri: criticità e prospettive Sistri: criticità e prospettive Via, Aia & Rifiuti dal D. Lgs. 128/10 al D. Lgs. 205/10 Roma, 21.03.2011 Avv.to Chiara Scardaci Indice Illustrazione Normativa I tratti salienti del sistema Soggetti Adempimenti

Dettagli

SISTRI 2014 Roma, 12 febbraio 2014

SISTRI 2014 Roma, 12 febbraio 2014 SISTRI 2014 Roma, 12 febbraio 2014 La presentazione è stata curata da Confindustria Venezia, in collaborazione con Assolombarda e gli esperti del sistema associativo Ogni riferimento ai rifiuti presente

Dettagli

Decreto Ministeriale 1 aprile 1998 n. 148

Decreto Ministeriale 1 aprile 1998 n. 148 Decreto Ministeriale 1 aprile 1998 n. 148 Regolamento recante approvazione del modello dei registri di carico e scarico dei rifiuti ai sensi degli articoli 12, 18, comma 2, lettera m), e 18, comma 4, del

Dettagli

Guida rapida utente. Indice generale. AmaAmbiente. Mud 2013. di Francesco Sgaravatti. Ultimo aggiornamento: 18 marzo 2013

Guida rapida utente. Indice generale. AmaAmbiente. Mud 2013. di Francesco Sgaravatti. Ultimo aggiornamento: 18 marzo 2013 AmaAmbiente Mud 2013 Guida rapida utente di Francesco Sgaravatti Ultimo aggiornamento: 18 marzo 2013 Indice generale 1. Introduzione...2 2. Unità locale del dichiarante...3 3. Registri...4 4. Causali...5

Dettagli

Domanda: Cosa fare se il dispositivo USB dell'azienda di trasporto non funziona? Risposta:

Domanda: Cosa fare se il dispositivo USB dell'azienda di trasporto non funziona? Risposta: FAQ AGGIORNAMENTO SITO SISTRI novembre 2013 Entro quanto tempo devono essere riportati a Sistema i dati relativi alla presa in carico e alla consegna dei rifiuti? Il trasportatore è tenuto a firmare le

Dettagli

I rifiuti speciali e pericolosi nel contesto universitario: principali aspetti legati alla corretta gestione

I rifiuti speciali e pericolosi nel contesto universitario: principali aspetti legati alla corretta gestione I rifiuti speciali e pericolosi nel contesto universitario: principali aspetti legati alla corretta gestione I rifiuti derivanti dalle attività didattiche, sperimentali e di ricerca Università degli Studi

Dettagli

SISTRI Sistema di controllo della tracciabilità dei rifiuti previsto dal DM N. 52 del 18/02/2011

SISTRI Sistema di controllo della tracciabilità dei rifiuti previsto dal DM N. 52 del 18/02/2011 SORVEGLIANZA E CERTIFICAZIONI SISTRI Sistema di controllo della tracciabilità dei rifiuti previsto dal DM N. 52 del 18/02/2011 Pagina 1 di 11 INTRODUZIONE Il SISTRI (Sistema di controllo della tracciabilità

Dettagli

Sistema di Gestione Ambientale P.G. N. 3736/08

Sistema di Gestione Ambientale P.G. N. 3736/08 (RAEE): pc, server, video e altre periferiche. Pag. 1/8 Indice 1 Scopo e campo di applicazione... 2 2 Riferimenti... 2 3 Definizioni... 2 4 Modalità operative... 4 4.1 Diagramma di flusso gestione... 4

Dettagli

SISTRI. Istruzioni per l uso

SISTRI. Istruzioni per l uso SISTRI SISTRI Istruzioni per l uso 24 maggio TRENTO 25 maggio RIVA DEL GARDA Corso preparato e gestito da SEA spa Cos è il SISTRI Sistema di Controllo della Tracciabilità dei Rifiuti Nasce nel 2009 su

Dettagli

Circolare n. 33 del 29/04/2011 SC-fa

Circolare n. 33 del 29/04/2011 SC-fa 65 Circolare n. 33 del 29/04/2011 SC-fa Ambiente SISTRI - Decreto Ministeriale unificato D.M. 18 febbraio 2011 Riepilogo e coordinamento di tutte le disposizioni normative emanate in materia dai precedenti

Dettagli

Impianto di recupero rifiuti speciali non pericolosi Via Astico, 1 36066 Sandrigo (VI)

Impianto di recupero rifiuti speciali non pericolosi Via Astico, 1 36066 Sandrigo (VI) PROCEDURA DI ACCETTAZIONE RIFIUTI IN ENTRATA n. 11042438 PROVINCIA DI VICENZA COMUNE DI SANDRIGO Impianto di recupero rifiuti speciali non pericolosi Via Astico, 1 36066 Sandrigo (VI) Partnership Ambientale

Dettagli

Il crescente utilizzo di stampanti, fax e fotocopiatrici implica un consumo in costante aumento di cartucce toner, cartucce a getto d inchiostro,

Il crescente utilizzo di stampanti, fax e fotocopiatrici implica un consumo in costante aumento di cartucce toner, cartucce a getto d inchiostro, Come si possono smaltire le cartucce di stampa esauste?? Il crescente utilizzo di stampanti, fax e fotocopiatrici implica un consumo in costante aumento di cartucce toner, cartucce a getto d inchiostro,

Dettagli

GESTIONE RIFIUTI SPECIALI

GESTIONE RIFIUTI SPECIALI Corso di Formazione sulla Sicurezza e Salute sul Lavoro Facoltà di Medicina Veterinaria Secondo Anno 15-19 febbraio 2016 GESTIONE RIFIUTI SPECIALI Lorella Di Giuseppe 1 RIFIUTO QUALSIASI SOSTANZA OD OGGETTO

Dettagli

SISTRI sospeso fino al 30 giugno 2013

SISTRI sospeso fino al 30 giugno 2013 CIRCOLARE A.F. N. 177 14 Dicembre del Ai gentili clienti Loro sedi SISTRI sospeso fino al 30 giugno 2013 Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che l art. 52 del DL n. 83/2012 ha sospeso

Dettagli

Ambiente. Mud 2013. Approfondimenti.

Ambiente. Mud 2013. Approfondimenti. 11 Circolare n. 04 del 29/01/2013 FC-fa Ambiente Mud 2013 Approfondimenti. Il DPCM 20 dicembre 2012 Approvazione del modello unico di dichiarazione ambientale per l'anno 2013 ha abrogato e sostituito il

Dettagli

Aggiornamenti sul SISTRI. Unione Industriale di Asti 20 aprile 2011

Aggiornamenti sul SISTRI. Unione Industriale di Asti 20 aprile 2011 Aggiornamenti sul SISTRI Unione Industriale di Asti 20 aprile 2011 D.M. 22 settembre 2010 2 Il termine della fase di verifica della funzionalità del sistema di tracciabilità dei rifiuti SISTRI, fissato

Dettagli

LA GESTIONE DEI RIFIUTI INDUSTRIALI

LA GESTIONE DEI RIFIUTI INDUSTRIALI LA GESTIONE DEI RIFIUTI INDUSTRIALI L iter amministrativo e pratico per lo smaltimento dei rifiuti industriali Cosa deve fare un PRODUTTORE quando deve smaltire un RIFIUTO generato dalla sua attività?

Dettagli

UFFICIO DEL SERVIZIO PREVENZIONE E SICUREZZA SUL LAVORO

UFFICIO DEL SERVIZIO PREVENZIONE E SICUREZZA SUL LAVORO ART. 1 Destinatari 1. Il presente Regolamento si applica a tutte le strutture dell Università degli Studi di Milano, nonché alle seguenti categorie di personale: 1) personale docente, ricercatore, tecnico

Dettagli

Roma, 26/10/2011 Prot. N. 255 Pos. AAGG11 Al personale del DICMA LORO SEDI

Roma, 26/10/2011 Prot. N. 255 Pos. AAGG11 Al personale del DICMA LORO SEDI Roma, 26/10/2011 Prot. N. 255 Pos. AAGG11 Al personale del DICMA LORO SEDI INFORMAZIONI E PROCEDURE PER LO STOCCAGGIO E SMALTIMENTO DEI RIFIUTI SPECIALI PERICOLOSI A seguito dell informatizzazione del

Dettagli

www.lavoripubblici.it

www.lavoripubblici.it FAQ SISTRI AGGIORNATE AL 22 NOVEMBRE 2013 dispositivo USB Azienda di trasporto non funzionante [rif. FAQ-101]

Dettagli

1 luglio 2009 Area Ambiente, Sicurezza, Energia, Qualità Ambiente. La gestione dei rifiuti Suggerimenti e indicazioni operative

1 luglio 2009 Area Ambiente, Sicurezza, Energia, Qualità Ambiente. La gestione dei rifiuti Suggerimenti e indicazioni operative Chiarimenti 1 luglio 2009 Area Ambiente, Sicurezza, Energia, Qualità Ambiente La gestione dei rifiuti Suggerimenti e indicazioni operative A distanza di tre anni dalla data di entrata in vigore del D.Lgs

Dettagli

Sistema di Gestione Ambientale P.G. N. 4096/08

Sistema di Gestione Ambientale P.G. N. 4096/08 30.11.07 ag. 1/9 Indice 1 Scopo e campo di applicazione... 2 2 Riferimenti... 2 3 Definizioni... 2 4. Modalità operative... 3 4.1 Gestione rifiuti Regole Generali per lo stoccaggio dei rifiuti... 3 4.2

Dettagli

DOUGLAS ECOLOGY S.R.L. Via Podgora 10-20122 Milano Via G.Fantoli 28/12-20138 Milano TEL 02 58018373 FAX 02 55400532

DOUGLAS ECOLOGY S.R.L. Via Podgora 10-20122 Milano Via G.Fantoli 28/12-20138 Milano TEL 02 58018373 FAX 02 55400532 DOUGLAS ECOLOGY S.R.L. Via Podgora 10-20122 Milano Via G.Fantoli 28/12-20138 Milano TEL 02 58018373 FAX 02 55400532 OFFERTA / CONVENZIONE LA FIRST N / md del. PER IL SERVIZIO DI TRASPORTO E SMALTIMENTO

Dettagli

IL TRASPORTO DEI E L A.D.R. D.ssa Paola Siciliano Flashpoint s.r.l.

IL TRASPORTO DEI E L A.D.R. D.ssa Paola Siciliano Flashpoint s.r.l. IL TRASPORTO DEI RIFIUTI PERICOLOSI E L A.D.R. D.ssa Paola Siciliano Flashpoint s.r.l. ARGOMENTI TRATTATI Classificazione di un rifiuto ai fini della normativa A.D.R. Prescrizioni applicabili al trasporto

Dettagli

SISTRI quesiti ricorrenti Aggiornato al 9 ottobre 2013

SISTRI quesiti ricorrenti Aggiornato al 9 ottobre 2013 SISTRI quesiti ricorrenti Aggiornato al 9 ottobre 2013 Quesito Primo avvio di SISTRI 1 Come devono essere gestiti i rifiuti in giacenza presso l impianto (di produzione o di trattamento) al momento di

Dettagli

MANUALE OPERATIVO SISTRI

MANUALE OPERATIVO SISTRI A N A L I S I D I R I S C H I O ADEMPIMENTI TECNICI E NORMATIVI I N M A T E R I A D I P R E V E N Z I O N E INQUINAMENTO, SICUREZZA SUL LAVORO R A P P O R T O D I S I C U R E Z Z A w w w. s a f e t y e

Dettagli

MINISTERO DELL AMBIENTE E DELLA TUTELA DEL TERRITORIO E DEL MARE

MINISTERO DELL AMBIENTE E DELLA TUTELA DEL TERRITORIO E DEL MARE MINISTERO DELL AMBIENTE E DELLA TUTELA DEL TERRITORIO E DEL MARE DECRETO 15 febbraio 2010. Modi che ed integrazioni al decreto 17 dicembre 2009, recante: «Istituzione del sistema di controllo della tracciabilità

Dettagli

Sistema di Gestione Ambientale P.G. N. 77753/07

Sistema di Gestione Ambientale P.G. N. 77753/07 Pag. 1/16 Indice 1 Scopo e campo di applicazione... 2 2 Riferimenti... 2 3 Definizioni... 2 4 Modalità operative... 3 4.1 Premessa... 3 4.2 Regole Generali per lo stoccaggio dei rifiuti... 6 4.3 Smaltimento

Dettagli

La gestione dei rifiuti da costruzione e demolizione: adempimenti gestionali, amministrativi e autorizzativi

La gestione dei rifiuti da costruzione e demolizione: adempimenti gestionali, amministrativi e autorizzativi LA GESTIONE DELLE TERRE E ROCCE DA SCAVO e DEI RIFIUTI DA COSTRUZIONE E DEMOLIZIONE Vercelli, 12 dicembre 2011 La gestione dei rifiuti da costruzione e demolizione: adempimenti gestionali, amministrativi

Dettagli

ARPA FVG. Gestione dei rifiuti agricoli

ARPA FVG. Gestione dei rifiuti agricoli ARPA FVG Gestione dei rifiuti agricoli SOC Dipartimento Provinciale di Pordenone ARPA FVG Palmanova - Italy dott. Elena Della Donna Deposito temporaneo Sommario: Raccolta e smaltimento dei contenitori

Dettagli

SISTRI. Andrea Annori. RIG.ECO srl via dell artigianato 14 15055 PONTECURONE (AL) tel.: 0131.887174 fax: 0131.887268 e.mail: info@rigeco.

SISTRI. Andrea Annori. RIG.ECO srl via dell artigianato 14 15055 PONTECURONE (AL) tel.: 0131.887174 fax: 0131.887268 e.mail: info@rigeco. SISTRI Sistema di controllo della tracciabilità dei rifiuti, ai sensi dell art. 189 del D.lg. 152/06 e dell articolo 14-bis del decreto legge n. 78 del 2009 Andrea Annori RIG.ECO srl via dell artigianato

Dettagli

GESTIONE DEI RIFIUTI 1/24

GESTIONE DEI RIFIUTI 1/24 GESTIONE DEI RIFIUTI DI LABORATORIO Lorella Di Giuseppe 1/24 2/24 PER RIFIUTO SI INTENDE QUALSIASI SOSTANZA DI CUI IL DETENTORE O IL PRODUTTORE SI DISFI O ABBIA L OBBLIGO DI DISFARSI D. Lgs. 152/2006 3/24

Dettagli

MODULO 4 LA GESTIONE DEI RIFIUTI

MODULO 4 LA GESTIONE DEI RIFIUTI MODULO 4 LA GESTIONE DEI RIFIUTI CLASSIFICAZIONE DEI RIFIUTI Progetto TESSI RELATORE dott. Marco Francese ITST J.F. KENNEDY PORDENONE 31 OTTOBRE 2014 1 NORME: GENERALITA 2 A livello europeo la legge quadro

Dettagli

I CONTENUTI DEL DM 65/2010

I CONTENUTI DEL DM 65/2010 I CONTENUTI DEL DM 65/2010 INTRODUZIONE Questo regolamento entrerà in vigore il giorno 19/05/2010. Sinteticamente, gli adempimenti documentali e burocratici a cui sono soggette le imprese sono i seguenti:

Dettagli

IL MINISTRO DELL AMBIENTE E DELLA TUTELA DEL TERRITORIO E DEL MARE SENTITO IL MINISTRO DELLO SVILUPPO ECONOMICO

IL MINISTRO DELL AMBIENTE E DELLA TUTELA DEL TERRITORIO E DEL MARE SENTITO IL MINISTRO DELLO SVILUPPO ECONOMICO IL MINISTRO DELL AMBIENTE E DELLA TUTELA DEL TERRITORIO E DEL MARE SENTITO IL MINISTRO DELLO SVILUPPO ECONOMICO ED IL MINISTRO DELLE INFRASTRUTTURE E DEI TRASPORTI VISTO il decreto-legge 31 agosto 2013,

Dettagli

GUIDA RAPIDA PRODUTTORI

GUIDA RAPIDA PRODUTTORI GUIDA RAPIDA PRODUTTORI PRODUTTORI INTERMEDIARI TRASPORTATORI RECUPERATORI SMALTITORI 21 dicembre 2011 www.sistri.it SEMPLIFICAZIONI Nell attuale versione vengono introdotte le seguenti semplificazioni:

Dettagli

Elementi dell etichetta del regolamento CLP

Elementi dell etichetta del regolamento CLP Elementi dell etichetta del regolamento CLP Il regolamento CLP (Classification, Labelling and Packaging of substances and mixtures) introduce nuovi simboli, indicazione e nuove regole di classificazione

Dettagli

D.M. 1 aprile 1998, n. 145

D.M. 1 aprile 1998, n. 145 D.M. 1 aprile 1998, n. 145 D.M. n.145-01/04/1998: Regolamento recante la definizione del modello e dei contenuti del formulario di accompagnamento dei rifiuti ai sensi degli articoli 15, 18, comma 2, lettera

Dettagli

SISTRI. Tracciabilità dei Rifiuti. Indicazioni operative

SISTRI. Tracciabilità dei Rifiuti. Indicazioni operative SISTRI SIStema di controllo della Tracciabilità dei Rifiuti Indicazioni operative Ing. Fabrizio Vitale Santa Croce Sull Arno, 24 settembre 2010 1 SISTRI è l informatizzazione degli adempimenti amministrativo/documentali

Dettagli

B-B WASTEMAN. I vantaggi. Le caratteristiche

B-B WASTEMAN. I vantaggi. Le caratteristiche B-B WASTEMAN Le aziende che hanno a che fare con la produzione, il trattamento, lo stoccaggio, lo smaltimento di rifiuti, devono poter contare su una gestione accurata che permetta loro da un lato, di

Dettagli

Soggetti obbligati e modalità di tenuta dei registri di carico e scarico e formulari di identificazione

Soggetti obbligati e modalità di tenuta dei registri di carico e scarico e formulari di identificazione Soggetti obbligati e modalità di tenuta dei registri di carico e scarico e formulari di identificazione A cosa servono i registri, formulari TRACCIABILITA DEI RIFIUTI Il registro di carico e scarico integrato

Dettagli

WIN-TOOLIP www.wintoolip.it

WIN-TOOLIP www.wintoolip.it GUIDA AL PRODOTTO WIN-TOOLIP www.wintoolip.it BYTE elaborazioni s.r.l. Via Romana 129/131 52100 Arezzo Tel. 0575 904934 r.a. Fax 0575 904935 informazioni commerciali info@byte-elaborazioni.com www.bytenet.it

Dettagli