SISTRI. Tracciabilità dei Rifiuti. Indicazioni operative

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "SISTRI. Tracciabilità dei Rifiuti. Indicazioni operative"

Transcript

1 SISTRI SIStema di controllo della Tracciabilità dei Rifiuti Indicazioni operative Ing. Fabrizio Vitale Santa Croce Sull Arno, 24 settembre SISTRI è l informatizzazione degli adempimenti amministrativo/documentali D.Lgs. 152/2006, art. 189, comma 3 bis:... a partire dall istituzione [operativa] di un sistema informatico di controllo della tracciabilità dei rifiuti, ai fini della trasmissione e raccolta di informazioni su produzione, detenzione, trasporto e smaltimento di rifiuti e la realizzazione in formato elettronico del formulario di identificazione dei rifiuti, dei registri di carico e scarico e dlmud del M.U.D., da stabilirsi i con apposito decreto del dl Ministro dell'ambiente e della tutela del territorio e del mare, le categorie di soggetti di cui al comma precedente sono assoggettati all obbligo di installazione e utilizzo delle apparecchiature elettroniche. 2 Santa Croce sull'arno, 24 settembre

2 Chi deve utilizzare il SISTRI? Chi deve iscriversi al SISTRI? Tutti coloro che sono (erano) tenuti allapresentazione della comunicazione annuale MUD: imprese ed enti che effettuano a titolo professionale attività di raccolta e di trasporto di rifiuti; commercianti e gli intermediari di rifiuti senza detenzione; imprese ed enti che svolgono operazioni di recupero e di smaltimento dei rifiuti; imprese ed enti che producono rifiuti pericolosi (produttori iniziali); imprese ed enti che producono rifiuti non pericolosi derivanti da lavorazioni industriali, artigianali [e da attività di recupero e smaltimento di rifiuti], fanghi da potabilizzazione, da depurazione delle acque e da abbattimento fumi e che occupano più di 10 dipendenti (produttori iniziali). 3 Chi deve iscriversi al SISTRI? Debbono iscriversi anche i seguenti soggetti (che non erano tenuti al MUD): terminalisti concessionari dell'area portuale; imprese portuali cui sono affidati i rifiuti in attesa dell'imbarco o allo sbarco; responsabili degli uffici di gestione merci e gli operatori logistici presso le stazioni ferroviarie, gli interporti, ti gli impianti i tidi terminalizzazione i e gli scali merci; raccomandatari marittimi delegati dall'armatore o dal noleggiatore di navi che trasportano rifiuti. 4 Santa Croce sull'arno, 24 settembre

3 Cosa sostituirà il SISTRI? Per tutti i soggetti che erano tenuti alla presentazione del dlmud, il SISTRI sostituirà: i il registro di carico e scarico (art. 190); il formulario di identificazione per il trasporto (art. 193); la comunicazione annuale al catasto rifiuti, ovvero il MUD (art. 189). 5 PRODUTTORE TRASPORTATORE SMALTITORE RECUPERATORE Santa Croce sull'arno, 24 settembre

4 PRODUTTORE TRASPORTATORE SMALTITORE RECUPERATORE PRODUTTORE TRASPORTATORE SMALTITORE RECUPERATORE Santa Croce sull'arno, 24 settembre

5 PRODUTTORE TRASPORTATORE SMALTITORE RECUPERATORE Registro c/s Registro c/s Registro c/s PRODUTTORE TRASPORTATORE SMALTITORE RECUPERATORE Registro c/s Registro c/s Registro c/s MUD MUD MUD Santa Croce sull'arno, 24 settembre

6 PRODUTTORE TRASPORTATORE SMALTITORE RECUPERATORE Registro c/s Registro c/s Registro c/s MUD MUD MUD CATASTO NAZIONALE DEI RIFIUTI PRODUTTORE TRASPORTATORE SMALTITORE RECUPERATORE BANCA DATI NAZIONALE DEI RIFIUTI E DELLE MOVIMENTAZIONI Santa Croce sull'arno, 24 settembre

7 Dispositivi per operare col SISTRI Tramite l iscrizione, i soggetti obbligati ad utilizzare il SISTRI (e quelli che lo vorranno utilizzare) richiedono i necessari strumenti informatici: i i Il dispositivo USB, per l accesso al sistema; la black box, per la localizzazione dei veicoli ed il tracciamento dei trasporti. Ogni black box è associata ad una specifica (e particolare) chiavetta USB. Ogni chiavetta USB (eccettuate quelle associate alle black box) è accompagnata da una, due o tre (quanti sono i delegati al suo utilizzo) buste chiuse contenenti PIN, PUK e PWD del delegato. 13 PRODUTTORE TRASPORTATORE SMALTITORE RECUPERATORE black box USB USB USB BANCA DATI NAZIONALE DEI RIFIUTI E DELLE MOVIMENTAZIONI Santa Croce sull'arno, 24 settembre

8 Cosa fare se: Malfunzionamento dispositivo USB Malfunzionamento Black Box Numero VERDE SISTRI Variazioni dati anagrafici azienda Numero VERDE SISTRI Variazioni i i idldl del delegato E mail SISTRI Numero VERDE SISTRI Cosa fare nel caso di temporanea interruzione del SISTRI Annotare le movimentazioni dei rifiuti su apposita scheda hd SISTRI stampata t in bianco Inserire i dati relativi alla scheda SISTRI cartacea entro 24 ore dalla ripresa del funzionamento del sistema. Raccomandazione: stampare numero sufficiente di schede SISTRI in bianco 16 Santa Croce sull'arno, 24 settembre

9 Primo accesso Autenticazione Con il dispositivo USB viene consegnata una busta chiusa per ogni dl delegato: PIN: xxxxxxxx Puk: xxxxxxxx PWD: xxxxxxxxxx UID: (nome.cognomexxxx) TEL_(provincia)_(n. di pratica) (nome azienda) (nome e cognome del delegato) CCIAA: (provincia) (comune dell unità locale) (via) xxxxxxxxxxxxxxxxxxxxx 17 Primo accesso Autenticazione Inserimento del dispositivo USB nel PC Se il software non si attiva automaticamente: risorse del computer/disco rimovibile; 18 Santa Croce sull'arno, 24 settembre

10 Primo accesso Autenticazione 19 Primo accesso Autenticazione 20 Santa Croce sull'arno, 24 settembre

11 Primo accesso Autenticazione 21 Primo accesso Autenticazione 22 Santa Croce sull'arno, 24 settembre

12 Primo accesso Autenticazione ATTENZIONE La versione definitiva di SISTRI non dovrebbe avere tale problema (certificato digitale). 23 Primo accesso Autenticazione 24 Santa Croce sull'arno, 24 settembre

13 Primo accesso Autenticazione 25 Primo accesso Autenticazione 26 Santa Croce sull'arno, 24 settembre

14 Aree di accesso al SISTRI Gli utilizzatori inseriscono i loro dati nel SISTRI in due sezioni io aree: Sezione Area Registro Cronologico ; Sezione Area Movimentazione. 27 Sezione Registro cronologico L area registro cronologico sostituisce il registro di carico e scarico art. 190 D.Lgs. 152/2006, è compilata solo dal produttore/detentore (e da comm./int. e consorzi), è compilata solo per la presa in carico (e per le intermediazioni). Le altre operazioni sul registro di carico e scarico vengono eseguite automaticamente (dal SISTRI) con la compilazione, da parte dei vari soggetti, dell area movimentazione. scarico dal registro del produttore, carico e scarico nel registro del trasportatore (e del commerciante o intermediario), carico nel registro del destinatario 28 Santa Croce sull'arno, 24 settembre

15 Sezione Registro cronologico I dati da inserire nell area Registro cronologico sono: codice CER e denominazione del rifiuto (menu a tendina); Descrizione (testo libero); quantità (sempre e solo in Kg) (numero libero); stato fisico (menu a tendina); eventuali caratteristiche di pericolo (scelta da lista); Eventuale testo libero nelle annotazioni. 29 Sezione Registro cronologico Scarico Caratteristiche Quantità: Luogo di produzione e A Carico del... n.... Kg... Formulario n.... del... Rif. operaz. di carico n.... del rifiuto: a) CER... b) Descrizione... c) Stato fisico... d) Classi di pericolosità... e) Rifiuto dest. a ( ) smaltimento ( ) recupero Litri... Metri cubi... attività di provenienza del rifiuto: Intermediario/Comm. Denominazione... Sede... C.F.:... Iscrizione Albo N.... n n o t a z i o n i 30 Santa Croce sull'arno, 24 settembre

16 Produttore Trasportatore Sezione Registro cronologico Terminologia Produttore/Trasportatore Gestore produttore/detentore di rifiuti speciali impresa che effettua trasportodi rifiuti ai sensi dell art. 212, c. 5, del D.Lgs. n. 152/2006 e s.m.i. produttore che effettua il trasporto dei propri rifiuti ai sensi dell art. 212, c. 8, del D.Lgs. n. 152/2006 e s.m.i. gestore di un impianto di recupero o smaltimento di rifiuti 31 Sezione Registro cronologico I registri cronologici sono assegnatidal sistema Sistri: Produttori: 1 per ogni u.l. o per ogni u.o. Trasportatori: 1 per la sede legale e 1 per ogni ul u.l. iscritta. Gestori: 1 per ogni impianto o attività secondo le categorie di iscrizione. ATTUALE SISTEMA CARTACEO Produttori Trasportatori Gestori: 1 registro di c/s rifiuti per ogni u.l. obbligata. 32 Santa Croce sull'arno, 24 settembre

17 Sezione Registro cronologico Tempistica SISTRI Produttori: entro 10 gg. lavorativi dalla produzione e comunque prima della movimentazione Commercianti e intermediari: entro 10 gg. dalla transazione Imprese/enti che effettuano recupero/smaltimento: entro 2 gg. lavorativi per i rifiuti ricevuti dall estero. In automatico negli altri casi ATTUALE SISTEMA CARTACEO Produttori: entro 10 gg. lavorativi dalla produzione del rifiuto e dallo scarico del medesimo Commercianti e intermediari: entro 10 gg. dalla transazione Imprese/enti che effettuano recupero/smaltimento: entro 2 gg. lavorativi dalla presa in carico dei rifiuti 33 Sezione Registro cronologico Tempistica SISTRI Trasportatori: in automatico ATTUALE SISTEMA CARTACEO Trasportatori: entro 10 gg lavorativi dall effettuazione del trasporto Associazioni imprenditoriali delegate: cadenza mensile e comunque prima della movimentazione cadenza trimestrale, e comunque prima della movimentazione, in caso di produttori di rifiuti pericolosi fino a 200 Kg/anno Associazioni imprenditoriali delegate: cadenza mensile 34 Santa Croce sull'arno, 24 settembre

18 Sezione Registro cronologico PC Dispositivo USB Stampante Collegamento internet Scanner (?) Registro c/s rifiuti Il dispositivo USB: Effettua l accesso al sistema; firma le schede (del registro cronologico). Chi compila il registro: I delegati della sede legale o delle unità locali iscritte. 35 Sezione Registro cronologico Procedura di carico del rifiuto 1/2 1)Accesso al Sistema tramite internet 2) Scegliere nell Area Registro Cronologico Visualizza Registri 3) Selezionare opzione Cerca nei registri i 4) Scegliere il registro (in caso ce ne sia più di 1) 5) Cliccare su Nuovo Carico 6) il Sistema propone una finestra per ricercare il CER (o per codice o per parte del nome codificato) 7) apparirà la lista dei CER risultante dalla ricerca inserita 8) dopo la scelta del CER appare un ulteriore finestra dove inserire le informazioni relative a: descrizione del rifiuto quantità di rifiuto caricato (in Kg) stato fisico caratteristiche di pericolo eventuale testo libero nelle Annotazioni 36 Santa Croce sull'arno, 24 settembre

19 Sezione Registro cronologico Procedura di carico del rifiuto 2/2 9) Cliccare su Salva per salvare i dati immessi 10) A questo punto compare una finestra di riepilogo con possibilità di: firmare l operazione di carico; tornare indietro per fare modifiche (tutto eccetto CER); eliminare l operazione; tornare all elenco delle registrazioni. 11) Il sistema fornisce anche un Codice Operazione (es. TEMP 8409) 12) Se si sceglie di firmare, il sistema presenta un ulteriore richiesta di conferma 13) Se siaccetta, la registrazione è definitiva, previa richiesta del PIN 14) Al termine il Sistema ripresenta una schermata di riepilogo dell operazione di carico e fornirà un Codice Operazione definitivo ATTENZIONE: Potrebbero esserci alcune incongruenze fra manuale e SISTRI 37 Sezione Registro cronologico Procedura di carico del rifiuto 1) Accesso al Sistema 2) Scegliere nell Area Registro Cronologico Visualizza Registri 38 Santa Croce sull'arno, 24 settembre

20 Sezione Registro cronologico Procedura di carico del rifiuto 3) Selezionare opzione Cerca nei registri 4) Scegliere il registro (in caso ce ne sia più di 1) 39 Sezione Registro cronologico Procedura di carico del rifiuto 5) Cliccare su Nuovo Carico 40 Santa Croce sull'arno, 24 settembre

21 Sezione Registro cronologico Procedura di carico del rifiuto 6) il Sistema propone una finestra per ricercare il CER (o per codice o per parte del nome codificato) 41 Sezione Registro cronologico Procedura di carico del rifiuto 7) apparirà la lista dei CER risultante dalla ricerca inserita 42 Santa Croce sull'arno, 24 settembre

22 Sezione Registro cronologico Procedura di carico del rifiuto 8) dopo la scelta del CER appare un ulteriore finestra dove inserire le informazioni relative a: descrizione del rifiuto (testo libero) quantità di rifiuto caricato (in Kg) (numero libero) stato fisico (menu a tendina) caratteristiche di pericolo (lista solo se il rifiuto corrisponde a CER pericoloso) eventuale testo libero nelle Annotazioni 43 Sezione Registro cronologico Procedura di carico del rifiuto (non pericoloso) 44 Santa Croce sull'arno, 24 settembre

23 Sezione Registro cronologico Procedura di carico del rifiuto (pericoloso) 45 Sezione Registro cronologico Procedura di carico del rifiuto 9) Cliccare su Salva per salvare i dati immessi 46 Santa Croce sull'arno, 24 settembre

24 Sezione Registro cronologico Procedura di carico del rifiuto 10) A questo punto compare una finestra di riepilogo con possibilità di: firmare l operazione di carico tornare indietro per fare modifiche (tutto eccetto CER) eliminare l operazione loperazione tornare all elenco delle registrazioni 11) Il sistema fornisce anche un Codice Operazione (es. TEMP 8409) 47 Sezione Registro cronologico Procedura di carico del rifiuto 48 Santa Croce sull'arno, 24 settembre

25 Sezione Registro cronologico Procedura di carico del rifiuto 12)Se si sceglie di firmare, il sistema presenta un ulteriore ulteriore richiesta di conferma 49 Sezione Registro cronologico Procedura di carico del rifiuto 13) Se si accetta, la registrazione è definitiva, previa richiesta del PIN 50 Santa Croce sull'arno, 24 settembre

26 Sezione Registro cronologico Procedura di carico del rifiuto 14) Al termine il Sistema ripresenta una schermata di riepilogo dell operazione di carico e fornirà un Codice Operazione definitivo 51 Sezione Registro cronologico Procedura di carico del rifiuto 52 Santa Croce sull'arno, 24 settembre

27 Sezione Registro cronologico Procedura di carico del rifiuto Attenzione: non è il totale residuo ma solo di quel carico 53 Sezione Registro cronologico Annullamento manuale delle registrazioni E prevista una procedura per l annullamento manuale delle registrazioni in caso di: errore nella compilazione del registro cronologico; esito negativo della verifica analitica. 54 Santa Croce sull'arno, 24 settembre

28 Sezione Registro cronologico Annullamento manuale delle registrazioni 55 L area movimentazione sostituisce il formulario di identificazione per il trasporto, è compilata, per le rispettive parti, dal produttore/detentore, dal trasportatore (impresa), dal trasportatore (conducente del mezzo di trasporto,) dal destinatario. 56 Santa Croce sull'arno, 24 settembre

29 PRODUTTORE SMALTITORE RECUPERATORE FORMULARIO DI IDENTIFICAZIONE RIFIUTO Serie e Numero:.. del./.../. (D.LGS. 3 aprile 2006, n. 152, art. 193) Numero registro:.. (1) Produttore/Detentore: unità locale:.... C. fisc.:. N. Aut/Albo:... del././. (2) Destinatario: Luogo di destinazione:..... C. fisc.:. N. Aut/Albo:... del..././. (3) Trasportatore del rifiuto:..... C. fisc.:. N. Aut/Albo:... del..././. Trasporto di rifiuti non pericolosi prodotti nel proprio stabilimento (..) di..... Annotazioni:..... (4) Caratteristiche del rifiuto: Descrizione:... Codice Europeo: /... Stato fisico:... [1] [2] [3] [4] Caratteristiche di pericolo: N. Colli/contenitori:. (5) Rifiuto destinato a:.. [recupero/smaltimento] Caratteristiche chimico/fisiche: (6) Quantità: (-) Kg o litri (P. Lordo:..... Tara:...) (-) Peso da verificarsi a destino. (7) Percorso (se diverso dal più breve):.... (8) Trasporto sottoposto a normativa ADR/RID: (SÌ) (NO) (9) Firme: FIRMA DEL PRODUTTORE/DETENTORE:.. FIRMA DEL TRASPORTATORE:.... (10) Cognome e nome del conducente Targa automezzo: Targa rimorchio:.. Data/ora inizio trasporto:.... del././... (11) Riservato al destinatario Si dichiara che il carico è stato: (-) accettato per intero (-) accettato per la seguente quantità (Kg o litri): (-) respinto per le seguenti motivazioni: Data. FIRMA DEL DESTINATARIO: inizio trasporto 57 SCHEDA SISTRI AREA MOVIMENTAZIONE PRODUTTORE TRASPORTATORE SMALTITORE RECUPERATORE inizio trasporto 58 Santa Croce sull'arno, 24 settembre

30 Produttore Il produttore, prima di avviare a smaltimento/recupero un rifiuto già precedentemente registrato nell'area registro cronologico (l (almeno 4 ore prima, se si tratta di rifiuti i pericolosi), dovrà: selezionare il CER che intende avviare a smaltimento; selezionare le relative righe di carico dell area registro cronologico; compilare con l indicazione di: numero colli; tipo di imballaggio; operazione cui è destinato il rifiuto (R/D); (eventuale classe ADR e numero ONU); trasportatore; destinatario; (eventuale intermediario o consorzio); allegando, se necessario, il certificato analitico in formato pdf. 59 Produttore 60 Santa Croce sull'arno, 24 settembre

31 Produttore 61 Produttore 62 Santa Croce sull'arno, 24 settembre

32 Produttore 63 Produttore 64 Santa Croce sull'arno, 24 settembre

33 Produttore 65 Produttore 66 Santa Croce sull'arno, 24 settembre

34 Produttore 67 Produttore 68 Santa Croce sull'arno, 24 settembre

35 Produttore ALCUNE RACCOMANDAZIONI Scelta del rifiuto da scaricare: Il sistema permette di smaltire anche parte del rifiuto caricato per ogni singola operazione. Assicurarsi di smaltire sempre prima i carichi più vecchi. Tipo di imballaggio: Il codice assegnato è un codice proprio del SISTRI. Verifica del peso a destino: Raccomandabile selezionarlo sempre (correzione automatica in caso di incongruenze) Operazione impianto: Possibile 1 sola scelta (correzione automatica dopo scelta destinatario) Trasporto ADR: La scelta della classe ADR e del numero ONU appaiono solo se si seleziona il relativo flag. Allegati: E possibile allegare 1 solo file. Autorizzazione del trasportatore: In attesa dell elenco da parte di ISPRA (art. 10 D.M ) il sistema non ha capacità di controllo sulla autorizzazioni. Firma della scheda: E possibile solo con il dispositivo USB inserito 69 Produttore 70 Santa Croce sull'arno, 24 settembre

36 Produttore 71 Produttore 72 Santa Croce sull'arno, 24 settembre

37 Produttore 73 Produttore 74 Santa Croce sull'arno, 24 settembre

38 Produttore 75 Produttore 76 Santa Croce sull'arno, 24 settembre

39 Produttore 77 Produttore 78 Santa Croce sull'arno, 24 settembre

40 Produttore 79 Produttore 80 Santa Croce sull'arno, 24 settembre

41 Produttore 81 Produttore 82 Santa Croce sull'arno, 24 settembre

42 Trasportatore Il trasportatore, prima di effettuare il trasporto (almeno 2 ore prima, se si tratta di rifiuti pericolosi), dovrà compilare la sezione Area movimentazione i già predisposta dal dl produttore indicando: targa del mezzo di trasporto da utilizzare; nome del conducente; pianificazione del viaggio data della movimentazione; Il conducente avrà sul veicolo: la black box ed il dispositivo USB relativo. Terminata il caricamento dei rifiuti il conducente inserirà il suo dispositivo USB nel computer del produttore e darà così il via al tracciamento dei rifiuti. 83 Trasportatore 84 Santa Croce sull'arno, 24 settembre

43 Trasportatore 85 Trasportatore 86 Santa Croce sull'arno, 24 settembre

44 Trasportatore 87 Trasportatore 88 Santa Croce sull'arno, 24 settembre

45 Trasportatore 89 Trasportatore 90 Santa Croce sull'arno, 24 settembre

46 Trasportatore 91 Trasportatore Attenzione: A questo punto il trasportatore firma la scheda ed inizia il viaggio. 92 Santa Croce sull'arno, 24 settembre

47 Conducente (presso produttore) 93 Conducente (presso produttore) 94 Santa Croce sull'arno, 24 settembre

48 Conducente (presso produttore) e si stampa la scheda SISTRI 95 Impianti gestione rifiuti PRIMO ACCESSO Verrà richiesto di associare ad ogni impianto gli estremi delle autorizzazioni in loro possesso e specificare attività di trattamento autorizzate: estremi autorizzazioni vigenti (campo libero) ente emittente data inizio validità autorizzazione data fine validità autorizzazione attività autorizzate nell impianto N.B. Se ci sono più impianti nella stessa unità locale per cui l indicazione del CER e dell operazione di trattamento a cui è destinato il rifiuto non consentono di individuare unicamente l impianto, il produttore dovrà scegliere una delle autorizzazioni degli impianti che afferiscono all unità locale del destinatario 96 Santa Croce sull'arno, 24 settembre

49 Destinatario Dopo aver verificato tipologia e quantità di rifiuti in entrata, il delegato dell'impianto di destinazione accederà alla sezione Area movimentazione relativa al carico ricevuto e compilerà: attività/linea cui è destinato il rifiuto; quantità accettata; o accettata parzialmente; o rifiutata. Il conducente del veicolo che ha consegnato i rifiuti inserirà il proprio dispositivo USB nel computer del destinatario per l'invio a SISTRI dei dati memorizzati dalla black box durante il percorso. 97 Destinatario Da manuale SISTRI Versione test 1.1 Il Delegato deve selezionare la scheda SISTRI Area Movimentazione corrispondente alla spedizione oggetto di valutazione Click su link Compila schede SISTRI Apertura schermata schede in arrivo dai vari produttori Selezionando ciascuna delle schede si visualizza anagrafica impianto sulla base delle informazioni inserite dal produttore nella scheda SISTRI 98 Santa Croce sull'arno, 24 settembre

50 Destinatario 99 Destinatario 100 Santa Croce sull'arno, 24 settembre

51 Destinatario 101 Destinatario 102 Santa Croce sull'arno, 24 settembre

52 Destinatario 103 Destinatario Attenzione: Verificare sempre la capacità autorizzata massima dell impianto. 104 Santa Croce sull'arno, 24 settembre

53 Destinatario (da Gazzetta Ufficiale) Nell ultima casella vi sono alcune voci la cui compilazione è a carico del gestore dell impianto: Impianto di Discarica 105 Destinatario Impianto Recupero/Smaltimento anche mobile 106 Santa Croce sull'arno, 24 settembre

54 Destinatario Impianto Incenerimento 107 Destinatario 108 Santa Croce sull'arno, 24 settembre

55 Destinatario VERIFICA ANALITICA esito positivo esito negativo In attesa del responso della verifica analitica, il Gestore accede alla Scheda Sistri Area movimentazione ed imposta lo stato della spedizione a In attesa di verifica analitica. Nel momento in cui il delegato dl dell impianto effettua questa scelta: viene eseguita la registrazione di scarico sul registro del trasportatore; viene effettuata la registrazione di carico sul registro del destinatario. 109 Destinatario ESITO POSITIVO VERIFICA ANALITICA ACCETTAZIONE RIFIUTO Il delegato accede alla scheda Sistri Area Movimentazione ed imposta lo stato del rifiuto accettato e firma la scheda Il sistema automaticamente: Invia alla casella di posta elettronica attribuita dal sistema al produttore, la comunicazione di accettazione dei rifiuti, a seguito della quale risulta esclusa la responsabilità del produttore per il corretto smaltimento dei rifiuti. Effettua la registrazione di scarico dal registro cronologico del trasportatore Effettua la registrazione di carico sul registro cronologico del gestore 110 Santa Croce sull'arno, 24 settembre

56 Destinatario 111 Destinatario 112 Santa Croce sull'arno, 24 settembre

57 Destinatario 113 Conducente (presso destinatario) 114 Santa Croce sull'arno, 24 settembre

58 Conducente (presso destinatario) 115 Conducente (presso destinatario) 116 Santa Croce sull'arno, 24 settembre

59 Conclusione positiva dell iter A seguito della firma del delegato dell impianto, il sistema genera automaticamente una registrazione di una registrazione di carico sul registro cronologico dell impianto e una registrazione di scarico nel registro cronologico del trasportatore. il sistema invia, inoltre, la comunicazione di accettazione dei rifiuti da parte dell'impianto alla casella di posta elettronica del produttore. La responsabilità bl per il corretto recupero o smaltimento è esclusa a seguito dell'invio da parte del SISTRI, via mail, della comunicazione di accettazione dei rifiuti da parte dell'impianto di recupero o smaltimento (Art. 5 co. 14 DM 17/12/2009). 117 Esito negativo verifica analitica Respingimento rifiuto Nel caso in cui il gestore, a valle della caratterizzazione analitica del rifiuto o in seguito ad esame visivo, stabilisca che il rifiuto non possa essere accettato, accede al sistema, apre la scheda Sistri area di movimentazione e: imposta lo stato della spedizione a Respinta ; annulla manualmente l operazione di carico relativa al rifiuto respinto; Il sistema provvede ad inviare una notifica via al trasportatore ed al produttore con l indicazione che il rifiuto è stato respinto. 118 Santa Croce sull'arno, 24 settembre

60 Rifiuto respinto Trasportatore Compiti del trasportatore nel caso di non accettazione del rifiuto da parte del ldestinatario i E compito del trasportatore annullare manualmente le registrazioni relative al rifiuto respinto inserendo le opportune informazioni nel campo annotazioni. 119 Rifiuto respinto Produttore Compiti del produttore nel caso di non accettazione del rifiuto da parte del destinatario E compito del produttore annullare manualmente le registrazioni di carico e scarico e procedere ad una nuova registrazione di carico dei rifiuti respinti. Nella nuova registrazione di carico deve essere inserito il codice della precedente scheda SISTRI e, nel campo annotazioni deve essere inserita la locazione fisica del rifiuto, che coinciderà con quella del destinatario che ha respinto il rifiuto. 120 Santa Croce sull'arno, 24 settembre

61 Si possono verificare 2 fattispecie: Gestione rifiuto respinto 1) Movimentazione del rifiuto respinto verso un secondo impianto Nel caso in cui il produttore intenda movimentare il rifiuto respinto dal primo impianto ad un altro impianto di destinazione, compila una nuova scheda Sistri Area Movimentazione inserendo i riferimenti del nuovo destinatario, ed indicando dca donel campo annotazioni o che il rifiuto e depositato presso lڈimpianto che lo ha respinto. Il trasportatore stampa la scheda Sistri firmata dal produttore e si reca presso lڈimpianto dove è allocato il rifiuto respinto per la presa in carico e lo movimenta presso il nuovo impianto di destinazione. 121 Gestione rifiuto respinto 2) Movimentazione del rifiuto respinto verso il produttore Nel caso in cui il produttore intenda riprendere il rifiuto respinto, apre la scheda relativa ai rifiuti respinti da riportare al sito di produzione ed indica il trasportatore (nuovo o vecchio). Il trasportatore t t stampa la scheda hd e si reca presso l impianto dove è allocato il rifiuto respinto. Effettuato il carico il trasportatore torna dal produttore ed effettua lo scarico. 122 Santa Croce sull'arno, 24 settembre

62 Intermediari/commercianti e Consorzi Inseriscono nell area registro cronologico le informazioni relative alle transazioni effettuate entro 10 giorni lavorativi. A valle del completamento delle operazioni di gestione, il sistema segnala nel registro cronologico che la transazione è andata a buon fine. A quel punto l intermediario potrà firmare. 123 Casi particolari PRODUTTORE TRASPORTATORE SMALTITORE RECUPERATORE 124 Santa Croce sull'arno, 24 settembre

63 Produttori non iscritti PRODUTTORE TRASPORTATORE SMALTITORE RECUPERATORE i produttori iniziali di rifiuti pericolosi e non che non sono né enti, né imprese; i produttori iniziali di rifiuti non pericolosi di cui all art. 184, comma 3, lett. c), d) e g), del d.lgs. n. 152/2006, che non hanno più di dieci dipendenti; gli imprenditori agricoli che producono rifiuti non pericolosi e i produttori iniziali di rifiuti non pericolosi diversi da quelli di cui all art. 184, comma 3, lett. c), d) e g), del d.lgs. n. 152/ Produttori non iscritti comunicano i propri dati, necessari per la compilazione della scheda Area movimentazione, al delegato dell impresa di trasporto, il qualepoi compila anche la sezione del produttore; il conducente, prima di recarsi dal produttore, inserisce la USB della black box nel PC del trasportatore; il trasportatore stampa due copie della scheda area movimentazione; una copia della scheda rimane presso il produttore, che è tenuto a conservarla per cinque anni; una copia della scheda, firmata dal produttore, viene riconsegnata al conducente del dlmezzo di trasporto; t il gestore dell impianto di destinazione dei rifiuti stampa e trasmette al produttore copia della scheda completata. il trasportatore, entro 2 giorni, inserisce nella scheda movimentazione data ed ora della presa in carico dei rifiuti. 126 Santa Croce sull'arno, 24 settembre

64 Produttori non iscritti Compilazione da parte del trasportatore 127 Produttori non iscritti Compilazione da parte del trasportatore 128 Santa Croce sull'arno, 24 settembre

65 Produttori non iscritti Registri e formulari i produttori iniziali di rifiuti pericolosi che non sono né enti, né imprese adempiono all obbligo dll della tenuta dl del registro di carico e scarico attraverso la conservazione, in ordine cronologico, delle copie delle schede (vedi art. 11, comma 1, legge n. 29/2006); i produttori iniziali di rifiuti non pericolosi di cui all art. 184, comma 3, lett. c), d) e g), del d.lgs. n. 152/2006, che non hanno più di dieci dipendenti rimangono tenuti all obbligo di cui all articolo 190 del decreto legislativo 3 aprile 2006, n gli imprenditori i agricoli che producono rifiuti non pericolosi ie i produttori iniziali di rifiuti non pericolosi diversi da quelli di cui all art. 184, comma 3, lett. c), d) e g), del d.lgs. n. 152/2006 devono comunque conservare le schede per 5 anni. 129 Trasportatori non iscritti PRODUTTORE TRASPORTATORE SMALTITORE RECUPERATORE trasportatori in conto proprio di rifiuti non pericolosi. 130 Santa Croce sull'arno, 24 settembre

66 Trasportatori non iscritti il trasporto si effettua con formulario; il conducente del mezzo consegna al destinatario le tre copie del formulario; il destinatario: apre la scheda registro cronologico e la compila con le informazioni contenute nel FIR; inseriscenelcampo nel campo delleannotazioni i riferimentidel FIR; firma la scheda ed i FIR; riconsegna due copie del FIR al conducente. 131 Casi particolari black out informatico temporanea indisponibilità degli strumenti informatici necessari per compilare la scheda area movimentazione (furto, perdita, distruzione o danneggiamento dei dispositivi): la compilazione della scheda è effettuata, per conto del soggetto impossibilitato e su sua dichiarazione, da sottoscriversi su copia stampata della scheda, dal soggetto tenuto alla compilazione della parte precedente o successiva della scheda medesima; interruzione temporanea del sistema: la movimentazione va annotata su scheda SISTRI in bianco scaricata dal sistema; i dati vanno inseriti nel sistema entro 24 ore dalla ripresa del funzionamento. 132 Santa Croce sull'arno, 24 settembre

67 SISTRI = I sistri sono sonagli muniti di dischi di metallo infilati su una o più bacchette. Con il sistro viene sovente raffigurata Hathor, dea della musica, della danza e dell amore. Il suono del sistro aveva il potere di scacciare il male e le forze negative. 133 GRAZIE PER L'ATTENZIONE 134 Santa Croce sull'arno, 24 settembre

Priolo Gargallo 3 dicembre 2011 Provincia Regionale di Siracusa SISTEMA TRACCIABILITÀ RIFIUTI (SISTRI) STATO DELL ARTE

Priolo Gargallo 3 dicembre 2011 Provincia Regionale di Siracusa SISTEMA TRACCIABILITÀ RIFIUTI (SISTRI) STATO DELL ARTE Priolo Gargallo 3 dicembre 2011 Provincia Regionale di Siracusa SISTEMA TRACCIABILITÀ RIFIUTI (SISTRI) STATO DELL ARTE Ing. Domenico Sole Greco Responsabile Servizio Rifiuti e Bonifiche X Settore Territorio

Dettagli

Procedura per l'accesso al SISTRI e compilazione telematica degli appositi modelli per la dichiarazione MUD 2010

Procedura per l'accesso al SISTRI e compilazione telematica degli appositi modelli per la dichiarazione MUD 2010 1 Procedura per l'accesso al SISTRI e compilazione telematica degli appositi modelli per la dichiarazione MUD 2010 Relatore: Dario Trevisiol Camera di Commercio Industria Artigianato Agricoltura Pordenone

Dettagli

INTEROPERABILITA' E SIS. Casi particolari

INTEROPERABILITA' E SIS. Casi particolari INTEROPERABILITA' E SIS Casi particolari Rifiuti respinti in seguito ad esito negativo verifica analitica Il sistema comunica l esito negativo al produttore, al trasportatore ed all eventuale intermediario.

Dettagli

Sistri, sistema di tracciabilità dei rifiuti: un opportunità a servizio dell ambiente

Sistri, sistema di tracciabilità dei rifiuti: un opportunità a servizio dell ambiente Sistri, sistema di tracciabilità dei rifiuti: un opportunità a servizio dell ambiente Bari, 15 settembre 2010 Fiera del Levante IV Giornata dell Energia Pulita Cos è il SISTRI? 2 Sistri è il nuovo sistema

Dettagli

GESTIONE RIFIUTI: SISTRI CATEGORIA PRODUTTORI

GESTIONE RIFIUTI: SISTRI CATEGORIA PRODUTTORI GESTIONE RIFIUTI: - - Normativa di Settore collegata: D.Lgs. 152/2006 e smi Parte IV DM, Manuale e Circolari SISTRI - Destinatari: Servizio HSE aziendale - Consulenti - Revisione Documento Informativo:

Dettagli

Circolare n. 33 del 29/04/2011 SC-fa

Circolare n. 33 del 29/04/2011 SC-fa 65 Circolare n. 33 del 29/04/2011 SC-fa Ambiente SISTRI - Decreto Ministeriale unificato D.M. 18 febbraio 2011 Riepilogo e coordinamento di tutte le disposizioni normative emanate in materia dai precedenti

Dettagli

CASO D USO: TRASPORTO TRANSFRONTALIERO

CASO D USO: TRASPORTO TRANSFRONTALIERO CASO D USO: TRASPORTO TRANSFRONTALIERO 18 novembre 2011 www.sistri.it SEMPLIFICAZIONI Nell attuale versione vengono introdotte le seguenti semplificazioni: a) Possibilità, per il Trasportatore, di firmare

Dettagli

SISTRI Sistema di controllo della tracciabilità dei rifiuti previsto dal DM N. 52 del 18/02/2011

SISTRI Sistema di controllo della tracciabilità dei rifiuti previsto dal DM N. 52 del 18/02/2011 SORVEGLIANZA E CERTIFICAZIONI SISTRI Sistema di controllo della tracciabilità dei rifiuti previsto dal DM N. 52 del 18/02/2011 Pagina 1 di 11 INTRODUZIONE Il SISTRI (Sistema di controllo della tracciabilità

Dettagli

SISTEMA DI CONTROLLO DELLA TRACCIABILITA DEI RIFIUTI

SISTEMA DI CONTROLLO DELLA TRACCIABILITA DEI RIFIUTI SISTEMA DI CONTROLLO DELLA TRACCIABILITA DEI RIFIUTI COSA E' IL SISTRI Il SISTRI è il Sistema di controllo della tracciabilità dei rifiuti che permette l'informatizzazione dell'intera filiera dei rifiuti

Dettagli

CASO D USO: TRASPORTO TRANSFRONTALIERO

CASO D USO: TRASPORTO TRANSFRONTALIERO CASO D USO: TRASPORTO TRANSFRONTALIERO 21 dicembre 2011 www.sistri.it SEMPLIFICAZIONI Nell attuale versione vengono introdotte le seguenti semplificazioni: ü ü ü ü ü ü Nuova funzionalità di ricerca delle

Dettagli

COSA FARE FINO AL 31 DICEMBRE 2010?

COSA FARE FINO AL 31 DICEMBRE 2010? COSA FARE FINO AL 31 DICEMBRE 2010? rifiuti prodotti dopo il 1 ottobre carico/scarico sul Registro cronologico SISTRI Scheda movimentazione SISTRI compilazione registro e formulario cartacei Produttori

Dettagli

CASO D USO: GESTIONE ARRIVI

CASO D USO: GESTIONE ARRIVI CASO D USO: GESTIONE ARRIVI 18 novembre 2011 www.sistri.it GESTIONE ARRIVI SEMPLIFICAZIONI Nell attuale versione vengono introdotte le seguenti semplificazioni: a) Possibilità, per il Trasportatore, di

Dettagli

GUIDA RAPIDA PRODUTTORI PRODUTTORI INTERMEDIARI TRASPORTATORI RECUPERATORI SMALTITORI. 21 aprile 2015 www.sistri.it

GUIDA RAPIDA PRODUTTORI PRODUTTORI INTERMEDIARI TRASPORTATORI RECUPERATORI SMALTITORI. 21 aprile 2015 www.sistri.it GUIDA RAPIDA PRODUTTORI PRODUTTORI INTERMEDIARI TRASPORTATORI RECUPERATORI SMALTITORI 21 aprile 2015 www.sistri.it DISCLAIMER Il presente documento intende fornire agli Utenti SISTRI informazioni di supporto

Dettagli

Il SISTRI e la gestione dei rifiuti: ultimi sviluppi e obblighi per le aziende. Alessandra Pellegrini Direzione Tecnico Scientifica Federchimica

Il SISTRI e la gestione dei rifiuti: ultimi sviluppi e obblighi per le aziende. Alessandra Pellegrini Direzione Tecnico Scientifica Federchimica Il SISTRI e la gestione dei rifiuti: ultimi sviluppi e obblighi per le aziende Alessandra Pellegrini Direzione Tecnico Scientifica Federchimica Lube day 28 marzo 2014 Il quadro normativo Norme e documenti

Dettagli

SISTRI. Gestione rifiuti,

SISTRI. Gestione rifiuti, SISTRI Gestione rifiuti, Il Decreto Ministeriale del 17 dicembre 2009 [ Ambiente ], pubblicato sulla GU del 13 gennaio 2010 [ in vigore dal 14/01/2010 ], che istituisce il SISTRI, il Sistema informatico

Dettagli

Il SISTRI ed i rifiuti nel settore minerario ed energetico

Il SISTRI ed i rifiuti nel settore minerario ed energetico DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA CHIMICA MATERIALI AMBIENTE Associazione Italiana Di Ingegneria Chimica Sezione Centro Il SISTRI ed i rifiuti nel settore minerario ed energetico CONOSCERE IL SISTRI SISTEMA DI

Dettagli

GUIDA RAPIDA PRODUTTORI

GUIDA RAPIDA PRODUTTORI GUIDA RAPIDA PRODUTTORI PRODUTTORI INTERMEDIARI TRASPORTATORI RECUPERATORI SMALTITORI 21 dicembre 2011 www.sistri.it SEMPLIFICAZIONI Nell attuale versione vengono introdotte le seguenti semplificazioni:

Dettagli

SISTRI. Istruzioni per l uso

SISTRI. Istruzioni per l uso SISTRI SISTRI Istruzioni per l uso 24 maggio TRENTO 25 maggio RIVA DEL GARDA Corso preparato e gestito da SEA spa Cos è il SISTRI Sistema di Controllo della Tracciabilità dei Rifiuti Nasce nel 2009 su

Dettagli

SISTRI 2014 Roma, 12 febbraio 2014

SISTRI 2014 Roma, 12 febbraio 2014 SISTRI 2014 Roma, 12 febbraio 2014 La presentazione è stata curata da Confindustria Venezia, in collaborazione con Assolombarda e gli esperti del sistema associativo Ogni riferimento ai rifiuti presente

Dettagli

CASO D USO: TRASPORTO TRANSFRONTALIERO

CASO D USO: TRASPORTO TRANSFRONTALIERO CASO D USO: TRASPORTO TRANSFRONTALIERO 21 aprile 2015 www.sistri.it DISCLAIMER Il presente documento intende fornire agli Utenti SISTRI informazioni di supporto per poter utilizzare agevolmente ed in maniera

Dettagli

La Gestione dei Rifiuti Dott.ssa Alessia Sozio

La Gestione dei Rifiuti Dott.ssa Alessia Sozio La Gestione dei Rifiuti Dott.ssa Alessia Sozio Il Legale Rappresentante di una società di capitali che abbia delegato ad altri soggetti di sua fiducia attività in tema di gestione dei rifiuti diviene responsabile

Dettagli

SISTRI. Andrea Annori. RIG.ECO srl via dell artigianato 14 15055 PONTECURONE (AL) tel.: 0131.887174 fax: 0131.887268 e.mail: info@rigeco.

SISTRI. Andrea Annori. RIG.ECO srl via dell artigianato 14 15055 PONTECURONE (AL) tel.: 0131.887174 fax: 0131.887268 e.mail: info@rigeco. SISTRI Sistema di controllo della tracciabilità dei rifiuti, ai sensi dell art. 189 del D.lg. 152/06 e dell articolo 14-bis del decreto legge n. 78 del 2009 Andrea Annori RIG.ECO srl via dell artigianato

Dettagli

FONDAZIONE PER LO SVILUPPO SOSTENIBILE Il sistema SISTRI: problemi attuativi e normativi Sala della Pace - Palazzo Valentini Provincia di Roma 26 aprile 2010 1 Il sistema SISTRI: problemi attuativi e normativi

Dettagli

MANUALE OPERATIVO SISTRI

MANUALE OPERATIVO SISTRI A N A L I S I D I R I S C H I O ADEMPIMENTI TECNICI E NORMATIVI I N M A T E R I A D I P R E V E N Z I O N E INQUINAMENTO, SICUREZZA SUL LAVORO R A P P O R T O D I S I C U R E Z Z A w w w. s a f e t y e

Dettagli

Sommario. Guida Rapida - PRODUTTORI Pagina 2 di 17

Sommario. Guida Rapida - PRODUTTORI Pagina 2 di 17 1 luglio 2011 Sommario 1 CREARE UNA NUOVA REGISTRAZIONE CRONOLOGICA (CARICO RIFIUTI)... 3 2 COMPILARE UNA SCHEDA SISTRI... 6 3 ASSOCIAZIONE DELLA SCHEDA AL REGISTRO (SCARICO RIFIUTI)...11 4 ANNULLARE UNA

Dettagli

Scheda Trasporto Intermodale

Scheda Trasporto Intermodale Scheda Trasporto Intermodale TRASPORTO INTERMODALE Di seguito vengono forniti gli specifici dati che devono essere inseriti nelle schede SISTRI per la gestione del trasporto intermodale. Per gli aspetti

Dettagli

GUIDA RAPIDA INTERMEDIARI INTERMEDIARI PRODUTTORI TRASPORTATORI RECUPERATORI SMALTITORI. 21 aprile 2015 www.sistri.it

GUIDA RAPIDA INTERMEDIARI INTERMEDIARI PRODUTTORI TRASPORTATORI RECUPERATORI SMALTITORI. 21 aprile 2015 www.sistri.it GUIDA RAPIDA INTERMEDIARI PRODUTTORI INTERMEDIARI TRASPORTATORI RECUPERATORI SMALTITORI 21 aprile 2015 www.sistri.it DISCLAIMER Il presente documento intende fornire agli Utenti SISTRI informazioni di

Dettagli

Domanda: Cosa fare se il dispositivo USB dell'azienda di trasporto non funziona? Risposta:

Domanda: Cosa fare se il dispositivo USB dell'azienda di trasporto non funziona? Risposta: FAQ AGGIORNAMENTO SITO SISTRI novembre 2013 Entro quanto tempo devono essere riportati a Sistema i dati relativi alla presa in carico e alla consegna dei rifiuti? Il trasportatore è tenuto a firmare le

Dettagli

SISTRI. Sistema di controllo della Tracciabilità dei Rifiuti. SEMINARIO di formazione e approfondimento Carrara, 19 marzo 2010

SISTRI. Sistema di controllo della Tracciabilità dei Rifiuti. SEMINARIO di formazione e approfondimento Carrara, 19 marzo 2010 SEMINARIO di formazione e approfondimento Carrara, 19 marzo 2010 Sistema di controllo della Tracciabilità dei Rifiuti SISTRI INTRODUZIONE ED APPLICAZIONE Elisa Stabellini 1 Il sistema di tracciabilità

Dettagli

Manuale dell Utente Versione test 1.0

Manuale dell Utente Versione test 1.0 Manuale dell Utente Versione test 1.0 02/08/2010 Sommario 1. Limitazioni di responsabilità ed uso del manuale... 5 2. Guida all utilizzo del sistema SISTRI... 5 2.1. Descrizione generale del sistema di

Dettagli

www.lavoripubblici.it

www.lavoripubblici.it FAQ SISTRI AGGIORNATE AL 22 NOVEMBRE 2013 dispositivo USB Azienda di trasporto non funzionante [rif. FAQ-101]

Dettagli

SISTRI SISTEMA DI CONTROLLO DELLA TRACCIABILITÀ DEI RIFIUTI

SISTRI SISTEMA DI CONTROLLO DELLA TRACCIABILITÀ DEI RIFIUTI SISTRI SISTEMA DI CONTROLLO DELLA TRACCIABILITÀ DEI RIFIUTI PERCHÈ NASCE IL SISTRI - Per garantire una maggiore efficacia all azione di contrasto dei fenomeni di illegalità e nei confronti dei comportamenti

Dettagli

1. Limitazioni di responsabilità e uso del manuale...4. 1.1. Regole per l attribuzione del numero di versione...4

1. Limitazioni di responsabilità e uso del manuale...4. 1.1. Regole per l attribuzione del numero di versione...4 30 novembre 2010 Sommario 1. Limitazioni di responsabilità e uso del manuale...4 1.1. Regole per l attribuzione del numero di versione...4 1.2 Cronologia degli aggiornamenti...5 2. Guida all utilizzo del

Dettagli

NUOVE REGOLE IN VIGORE A PARTIRE DAL 1 GIUGNO 2015 PER UTENZE CON PARTITA IVA PRONTUARIO

NUOVE REGOLE IN VIGORE A PARTIRE DAL 1 GIUGNO 2015 PER UTENZE CON PARTITA IVA PRONTUARIO CEM TRASPORTO E CONFERIMENTO DEI RIFIUTI ASSIMILATI AGLI URBANI PRESSO LA PIATTAFORMA ECOLOGICA COMUNALE NUOVE REGOLE IN VIGORE A PARTIRE DAL 1 GIUGNO 2015 PER UTENZE CON PARTITA IVA PRONTUARIO NUMERO

Dettagli

Aggiornamenti sul SISTRI. Unione Industriale di Asti 20 aprile 2011

Aggiornamenti sul SISTRI. Unione Industriale di Asti 20 aprile 2011 Aggiornamenti sul SISTRI Unione Industriale di Asti 20 aprile 2011 D.M. 22 settembre 2010 2 Il termine della fase di verifica della funzionalità del sistema di tracciabilità dei rifiuti SISTRI, fissato

Dettagli

(D.M. 17/12/2009 e successive modifiche ed integrazioni) Pavia. 20 maggio 2014

(D.M. 17/12/2009 e successive modifiche ed integrazioni) Pavia. 20 maggio 2014 TRACCIABILITA DEI RIFIUTI con SISTRI (D.M. 17/12/2009 e successive modifiche ed integrazioni) Pavia 20 maggio 2014 *ATTENZIONE* Le informazioni riportate sono da ritenersi valide alla data di svolgimento

Dettagli

1. Limitazioni di responsabilità e uso del manuale...4. 1.1. Regole per l attribuzione del numero di versione...4

1. Limitazioni di responsabilità e uso del manuale...4. 1.1. Regole per l attribuzione del numero di versione...4 30 settembre 2010 Sommario 1. Limitazioni di responsabilità e uso del manuale...4 1.1. Regole per l attribuzione del numero di versione...4 1.2 Cronologia degli aggiornamenti...5 2. Guida all utilizzo

Dettagli

Categorie di soggetti obbligati ad iscriversi

Categorie di soggetti obbligati ad iscriversi Newsletter n. 01/2010 - SPECIALE AMBIENTE - ISTITUZIONE DEL SISTRI SISTEMA DI CONTROLLO DELLA TRACCIABILITA' DEI RIFIUTI In data 14 gennaio 2010 è entrato in vigore il D.M. 17 dicembre 2009 che istituisce

Dettagli

SISTRI SEMINARIO SISTRI. TRENTO -29 gennaio 2014 VERONA -30 gennaio 2014. Corso preparato e gestito da SEA spa

SISTRI SEMINARIO SISTRI. TRENTO -29 gennaio 2014 VERONA -30 gennaio 2014. Corso preparato e gestito da SEA spa SISTRI SEMINARIO SISTRI TRENTO -29 gennaio 2014 VERONA -30 gennaio 2014 Corso preparato e gestito da SEA spa SISTRI: riferimenti normativi Decreto ministeriale del 17 dicembre 2009 (Istituzione del sistema

Dettagli

Queste in sintesi sono le disposizioni che compongono il quadro normativo di riferimento della nuova disciplina sul SISTRI.

Queste in sintesi sono le disposizioni che compongono il quadro normativo di riferimento della nuova disciplina sul SISTRI. SISTRI Il SISTRI nasce nel 2009 (D.M. 17 dicembre 2009) su iniziativa del Ministero dell'ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare (MATTM) il quale muovendosi nell ambito del più ampio quadro di

Dettagli

CASO D USO: MICRORACCOLTA. 21 aprile 2015 www.sistri.it

CASO D USO: MICRORACCOLTA. 21 aprile 2015 www.sistri.it CASO D USO: MICRORACCOLTA 21 aprile 2015 www.sistri.it DISCLAIMER Il presente documento intende fornire agli Utenti SISTRI informazioni di supporto per poter utilizzare agevolmente ed in maniera efficace

Dettagli

SISTRI COSA FARE PRIMA DELL AVVIO AL 3 MARZO 2014

SISTRI COSA FARE PRIMA DELL AVVIO AL 3 MARZO 2014 SISTRI COSA FARE PRIMA DELL AVVIO AL 3 MARZO 2014 Che cos è SISTRI??? Sistri è il Sistema informatico di Controllo per la Tracciabilità dei rifiuti che il Ministero dell Ambiente ha istituito e che cambia

Dettagli

D.M. 25 maggio 2012, n. 141 Modifiche ed integrazioni al decreto del Ministro dell'ambiente e della tutela del territorio e del mare 18 febbraio 2011, n. 52, avente ad oggetto il Regolamento recante istituzione

Dettagli

GUIDA RAPIDA INTERMEDIARI

GUIDA RAPIDA INTERMEDIARI GUIDA RAPIDA PRODUTTORI TRASPORTATORI RECUPERATORI SMALTITORI 18 novembre 2011 www.sistri.it SEMPLIFICAZIONI Nell attuale versione vengono introdotte le seguenti semplificazioni: a) Possibilità, per il

Dettagli

Comunicazione 02/2010

Comunicazione 02/2010 Carpi, 17/02/ Comunicazione 02/ Oggetto: Nuovo sistema di gestione rifiuti - SISTRI. Il Decreto del Ministero dell Ambiente del 17 dicembre 2009 ha introdotto una rivoluzione nelle modalità di gestione

Dettagli

SISTRI SISTRI 19/11/2015. L obbligo dell uso del SISTRI per le pubbliche amministrazioni

SISTRI SISTRI 19/11/2015. L obbligo dell uso del SISTRI per le pubbliche amministrazioni L obbligo dell uso del SISTRI per le pubbliche amministrazioni Paolo Pipere Responsabile Servizio Ambiente e Ecosostenibilità Camera di Commercio di Milano 30 ottobre 2015 Camera di Commercio di Milano

Dettagli

Comunicazione Rifiuti. Gabriella Aragona Servizio Rifiuti - ISPRA

Comunicazione Rifiuti. Gabriella Aragona Servizio Rifiuti - ISPRA Comunicazione Rifiuti Gabriella Aragona Servizio Rifiuti - ISPRA Soggetti obbligati / 1 I soggetti tenuti alla presentazione del MUD Sezione Rifiuti sono individuati dalla normativa seguente: dall articolo

Dettagli

Linee guida compilazione formulario di identificazione rifiuti

Linee guida compilazione formulario di identificazione rifiuti Gestione e consulenza rifiuti elettronici e da ufficio v.2.0 del 06/09/2011 Linee guida compilazione formulario di identificazione rifiuti LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE DEL FORMULARIO 2 Le presenti linee

Dettagli

La normativa di riferimento: il Codice dell Ambiente. D.M. 17 dicembre 2009 SISTRI s.m.i.

La normativa di riferimento: il Codice dell Ambiente. D.M. 17 dicembre 2009 SISTRI s.m.i. 13/04/2011 SISTRI nuovo sistema elettronico di tracciabilità dei rifiuti Analisi delle principali novità per il settore delle costruzioni Conferenza illustrativa sugli adempimenti normativi e le indicazioni

Dettagli

SISTRI sospeso fino al 30 giugno 2013

SISTRI sospeso fino al 30 giugno 2013 CIRCOLARE A.F. N. 177 14 Dicembre del Ai gentili clienti Loro sedi SISTRI sospeso fino al 30 giugno 2013 Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che l art. 52 del DL n. 83/2012 ha sospeso

Dettagli

Ministero dell'ambiente e della tutela del territorio e del mare Decreto 17 dicembre 2009 (So n. 10 alla Gu 13 gennaio 2010 n. 9) Istituzione del

Ministero dell'ambiente e della tutela del territorio e del mare Decreto 17 dicembre 2009 (So n. 10 alla Gu 13 gennaio 2010 n. 9) Istituzione del Ministero dell'ambiente e della tutela del territorio e del mare Decreto 17 dicembre 2009 (So n. 10 alla Gu 13 gennaio 2010 n. 9) Istituzione del sistema di controllo della tracciabilità dei rifiuti, ai

Dettagli

SPAZIO RISERVATO AL DESTINARIO DEL RIFIUTO.

SPAZIO RISERVATO AL DESTINARIO DEL RIFIUTO. ABC 123456/14 FORMULARIO RIFIUTI D.Lgs. del 5 febbraio 1997, n.22 (art. 15 e successive modifiche e integrazioni) D.M. del 1 aprile 1998, n 145 Direttiva Ministero Ambiente 9 aprile 2002 D.Lgs 3 aprile

Dettagli

PERCHÉ SISTRI?...3. Qual è la procedura di iscrizione?...3. Come posso richiedere il dispositivo USB?...4 COME SI ACCEDE AL SISTEMA?...

PERCHÉ SISTRI?...3. Qual è la procedura di iscrizione?...3. Come posso richiedere il dispositivo USB?...4 COME SI ACCEDE AL SISTEMA?... 8 marzo 2011 Sommario PERCHÉ SISTRI?...3 Qual è la procedura di iscrizione?...3 Come posso richiedere il dispositivo USB?...4 COME SI ACCEDE AL SISTEMA?...5 Funzionalità standard...5 Accesso al sito...14

Dettagli

SISTRI (SIStema Tracciabilità RIfiuti)

SISTRI (SIStema Tracciabilità RIfiuti) SISTRI (SIStema Tracciabilità RIfiuti) dr.ssa Federica Alimede Treviso Tecnologia c/o Sportello CSR e Ambiente CCIAA Treviso Normativa di riferimento D.Lgs. 205/2010: modifiche al Titolo IV D.Lgs. 152/2006

Dettagli

D.M. 1 aprile 1998, n. 145

D.M. 1 aprile 1998, n. 145 D.M. 1 aprile 1998, n. 145 D.M. n.145-01/04/1998: Regolamento recante la definizione del modello e dei contenuti del formulario di accompagnamento dei rifiuti ai sensi degli articoli 15, 18, comma 2, lettera

Dettagli

SISTRI. Il punto della situazione, ad un mese dalla partenza per i produttori di rifiuti. I consigli per le Imprese.

SISTRI. Il punto della situazione, ad un mese dalla partenza per i produttori di rifiuti. I consigli per le Imprese. SISTRI Il punto della situazione, ad un mese dalla partenza per i produttori di rifiuti. I consigli per le Imprese. Roberto Pulejo Nieves Estrada Direzione Tecnico Scientifica Federchimica Le tre sezioni

Dettagli

GUIDA ALLA GESTIONE AMMINISTRATIVA DEI RIFIUTI REGISTRO DI CARICO E SCARICO FORMULARI DI IDENTIFICAZIONE

GUIDA ALLA GESTIONE AMMINISTRATIVA DEI RIFIUTI REGISTRO DI CARICO E SCARICO FORMULARI DI IDENTIFICAZIONE GUIDA ALLA GESTIONE AMMINISTRATIVA DEI RIFIUTI REGISTRO DI CARICO E SCARICO FORMULARI DI IDENTIFICAZIONE 1 INTRODUZIONE Il sistema registro di carico e scarico e formulari di identificazione dei rifiuti

Dettagli

GUIDA RAPIDA TRASPORTATORI TRASPORTATORI PRODUTTORI INTERMEDIARI RECUPERATORI SMALTITORI. 21 aprile 2015 www.sistri.it

GUIDA RAPIDA TRASPORTATORI TRASPORTATORI PRODUTTORI INTERMEDIARI RECUPERATORI SMALTITORI. 21 aprile 2015 www.sistri.it GUIDA RAPIDA TRASPORTATORI PRODUTTORI INTERMEDIARI TRASPORTATORI RECUPERATORI SMALTITORI 21 aprile 2015 www.sistri.it DISCLAIMER Il presente documento intende fornire agli Utenti SISTRI informazioni di

Dettagli

I fanghi di depurazione nell'autolavaggio: aspetti normativi e gestionali

I fanghi di depurazione nell'autolavaggio: aspetti normativi e gestionali ModenaFiere, 9-10-11 Maggio 2010 I fanghi di depurazione nell'autolavaggio: aspetti normativi e gestionali Edoardo Martignoni UNA DEFINIZIONE... I FANGHI ORIGINATI DAL LAVAGGIO SUPERFICIALE DEI VEICOLI

Dettagli

SISTRI. Nuovo servizio Tekneco: Consulenza Rifiuti

SISTRI. Nuovo servizio Tekneco: Consulenza Rifiuti SISTRI Nuovo servizio Tekneco: Consulenza Rifiuti Con l entrata in vigore del Decreto ministeriale 17 dicembre 2009 (SISTRI) molti aspetti riguardanti i rifiuti hanno subito una modifica. Il servizio da

Dettagli

LA TRACCIABILITÀ DEI RIFIUTI

LA TRACCIABILITÀ DEI RIFIUTI LA TRACCIABILITÀ DEI RIFIUTI Schemi e analisi del d.m.18 febbraio 2011, n.52 (Regolamento recante istituzione del sistema di controllo della tracciabilità dei rifiuti) SISTRI DOCUMENTO AGGIORNATO AL 5

Dettagli

ISTRUZIONI OPERATIVE MUD 2015

ISTRUZIONI OPERATIVE MUD 2015 Comunicazione Rifiuti speciali ISTRUZIONI OPERATIVE MUD 2015 I soggetti obbligati a presentare il MUD 2014 sono: chiunque effettua a titolo professionale attività di raccolta e trasporto di rifiuti; commercianti

Dettagli

Alessandro Biondi Mobilità per la gestione del territorio

Alessandro Biondi Mobilità per la gestione del territorio IL TRASPORTO DEI RIFIUTI NELL'AMBITO DELL'ATTIVITÀ DI "GESTIONE ALLA LUCE DELLE MODIFICHE APPORTATE AL DECRETO LEGISLATIVO N. 152/2006 PER L'INTRODUZIONE DEL NUOVO SISTEMA SIS.T.R.I. SISTRI - Cos è Il

Dettagli

IL MINISTRO DELL AMBIENTE E DELLA TUTELA DEL TERRITORIO E DEL MARE SENTITO IL MINISTRO DELLO SVILUPPO ECONOMICO

IL MINISTRO DELL AMBIENTE E DELLA TUTELA DEL TERRITORIO E DEL MARE SENTITO IL MINISTRO DELLO SVILUPPO ECONOMICO IL MINISTRO DELL AMBIENTE E DELLA TUTELA DEL TERRITORIO E DEL MARE SENTITO IL MINISTRO DELLO SVILUPPO ECONOMICO ED IL MINISTRO DELLE INFRASTRUTTURE E DEI TRASPORTI VISTO il decreto-legge 31 agosto 2013,

Dettagli

MANUALE INTEROPERABILITA ESTARWEB-SISTRI

MANUALE INTEROPERABILITA ESTARWEB-SISTRI INDICE MANUALE ESTARWEB-SISTRI 1. Presentazione 2. Sistri menù generale ESTARweb 2.1. Inserimento dei certificati di interoperabilità 2.2. Inserimento nuovo dispositivo (chiavetta SISTRI) 2.3. Visualizzazione

Dettagli

SISTRI. Nozioni di base a supporto delle imprese in vista del 3 marzo 2014

SISTRI. Nozioni di base a supporto delle imprese in vista del 3 marzo 2014 SISTRI Nozioni di base a supporto delle imprese in vista del 3 marzo 2014 Accesso al Sistema e Gestione Azienda A cura dell UI Torino Servizio Ambiente Confindustria, 6 febbraio 2014 Principali documenti

Dettagli

Come ogni anno, la scadenza per la presentazione del MUD è il 30 aprile 2016. PRINCIPALI NOVITA DEL MUD 2016

Come ogni anno, la scadenza per la presentazione del MUD è il 30 aprile 2016. PRINCIPALI NOVITA DEL MUD 2016 CIRCOLARE N. 010 15.01.2016 ALLE IMPRESE ASSOCIATE LORO SEDI Oggetto: Modello Unico di Dichiarazione ambientale scadenza del 30 aprile 2016. Servizio di ANCE Bergamo per la compilazione e presentazione

Dettagli

Sistri: criticità e prospettive

Sistri: criticità e prospettive Sistri: criticità e prospettive Via, Aia & Rifiuti dal D. Lgs. 128/10 al D. Lgs. 205/10 Roma, 21.03.2011 Avv.to Chiara Scardaci Indice Illustrazione Normativa I tratti salienti del sistema Soggetti Adempimenti

Dettagli

DECRETI, DELIBERE E ORDINANZE MINISTERIALI

DECRETI, DELIBERE E ORDINANZE MINISTERIALI DECRETI, DELIBERE E ORDINANZE MINISTERIALI DECRETO 17 dicembre 2009. MINISTERO DELL AMBIENTE E DELLA TUTELA DEL TERRITORIO E DEL MARE Istituzione del sistema di controllo della tracciabilità dei rifiuti,

Dettagli

COS E E PERCHE NASCE IL SISTEMA SISTRI

COS E E PERCHE NASCE IL SISTEMA SISTRI Bologna 29 gennaio 2010 CIRCOLARE 33 - AREA AMBIENTE SISTRI Sistema informatico di controllo della tracciabilità dei Rifiuti COS E E PERCHE NASCE IL SISTEMA SISTRI Con il Decreto del 17 dicembre 2010 il

Dettagli

1. Limitazioni di responsabilità e uso del manuale...6. 1.1. Regole per l attribuzione del numero di versione...6

1. Limitazioni di responsabilità e uso del manuale...6. 1.1. Regole per l attribuzione del numero di versione...6 26 aprile 2011 Sommario 1. Limitazioni di responsabilità e uso del manuale...6 1.1. Regole per l attribuzione del numero di versione...6 1.2. Cronologia degli aggiornamenti...7 2. Guida all utilizzo del

Dettagli

Oggetto: SISTRI - Riepilogo delle ultime modifiche normative relative al sistema SISTRI

Oggetto: SISTRI - Riepilogo delle ultime modifiche normative relative al sistema SISTRI Pordenone lì 29/07/2014 CIRCOLARE INFORMATIVA N 10/2014 Oggetto: SISTRI - Riepilogo delle ultime modifiche normative relative al sistema SISTRI Fonte: Manuale Ambiente 2014, Unione Industriali Pordenone

Dettagli

Procedura di Gestione delle Utenze MANUALE OPERATIVO PER LE AMMINISTRAZIONI

Procedura di Gestione delle Utenze MANUALE OPERATIVO PER LE AMMINISTRAZIONI MANUALE OPERATIVO PER LE AMMINISTRAZIONI Versione 1.2 del 19/05/2006 Storia delle Versioni Versione Data di emissione Sommario delle modifiche 1.0 12/11/2004 Prima stesura Sono stati modificati i seguenti

Dettagli

Circolare n. 20 del 15/04/2014 FC-fa. Ambiente MUD 2014. Approvato il modello di dichiarazione ambientale per l anno 2013.

Circolare n. 20 del 15/04/2014 FC-fa. Ambiente MUD 2014. Approvato il modello di dichiarazione ambientale per l anno 2013. 33 Circolare n. 20 del 15/04/2014 FC-fa Ambiente MUD 2014 Approvato il modello di dichiarazione ambientale per l anno 2013. E stato pubblicato sulla G.U. del 27/12/2013 n. 302, Supplemento Ordinario n.

Dettagli

MUD 2015. Confindustria Ravenna 27 marzo 2015. Servizio QSAE Confindustria Ravenna

MUD 2015. Confindustria Ravenna 27 marzo 2015. Servizio QSAE Confindustria Ravenna MUD 2015 Confindustria Ravenna 27 marzo 2015 Servizio QSAE Confindustria Ravenna Riferimenti normativi Sulla Gazzetta Ufficiale n. 299 del 27 dicembre 2014 è stato pubblicato il Decreto del Presidente

Dettagli

OGGETTO: La presentazione del MUD entro il 30 aprile

OGGETTO: La presentazione del MUD entro il 30 aprile Informativa per Comuni Consorziati Ai Responsabili Settore Ambiente Loro sedi OGGETTO: La presentazione del MUD entro il 30 aprile Spett.le Comune, con la stesura del presente documento informativo intendiamo

Dettagli

UNIONE INDUSTRIALE PISANA

UNIONE INDUSTRIALE PISANA UNIONE INDUSTRIALE PISANA SISTRI 2014 Sintesi normativa in vista dell operatività del sistema Ing. Fabrizio Vitale UNIONE INDUSTRIALE PISANA LA BASE LEGALE Il SISTRI nasce ufficialmente nel 2009 con il

Dettagli

PERCHÉ SISTRI?...3. Qual è la procedura di iscrizione?...3. Come posso richiedere il dispositivo USB?...4 COME SI ACCEDE AL SISTEMA...

PERCHÉ SISTRI?...3. Qual è la procedura di iscrizione?...3. Come posso richiedere il dispositivo USB?...4 COME SI ACCEDE AL SISTEMA... 30 settembre 2010 Sommario PERCHÉ SISTRI?...3 Qual è la procedura di iscrizione?...3 Come posso richiedere il dispositivo USB?...4 COME SI ACCEDE AL SISTEMA...5 Funzionalità standard...5 Accesso al sito...11

Dettagli

GUIDA RAPIDA SOFTWARE GESTIONE RIFIUTI CONTROL WASTE 15.06. Revisione OO del 01/06/2015

GUIDA RAPIDA SOFTWARE GESTIONE RIFIUTI CONTROL WASTE 15.06. Revisione OO del 01/06/2015 SOFTWARE GESTIONE RIFIUTI CONTROL WASTE 15.06 Revisione OO del 01/06/2015 Copyright 2015 by Maggioli S.p.A. Maggioli Editore è un marchio di Maggioli S.p.A. Azienda con sistema qualità certificato ISO

Dettagli

Procedura Operativa Guida GESTIONE AZIENDA

Procedura Operativa Guida GESTIONE AZIENDA Procedura Operativa Guida GESTIONE AZIENDA 23/06/2014 Guida GESTIONE AZIENDA Pagina 1 di 21 Sommario 1. Introduzione... 3 2. Accesso Gestione Azienda... 3 3. Visualizzazione anagrafica azienda... 4 3.1

Dettagli

AZIENDA Loro Sede SOGGETTI OBBLIGATI ALLA COMUNICAZIONE RIFIUTI SPECIALI

AZIENDA Loro Sede SOGGETTI OBBLIGATI ALLA COMUNICAZIONE RIFIUTI SPECIALI Spett.le AZIENDA Loro Sede Trento, 01/02/2016 Oggetto: MUD 2016 - modello unico di dichiarazione ambientale per l anno 2016. Termine per aderire al servizio: 11/03/2016. È stato pubblicato nella Gazzetta

Dettagli

1. Limitazioni di responsabilità e uso del manuale...6. 1.1. Regole per l attribuzione del numero di versione...6

1. Limitazioni di responsabilità e uso del manuale...6. 1.1. Regole per l attribuzione del numero di versione...6 14 aprile 2011 Sommario 1. Limitazioni di responsabilità e uso del manuale...6 1.1. Regole per l attribuzione del numero di versione...6 1.2. Cronologia degli aggiornamenti...7 2. Guida all utilizzo del

Dettagli

GESTIONE DEI RIFIUTI DI LABORATORIO 2

GESTIONE DEI RIFIUTI DI LABORATORIO 2 Corso di Formazione sulla Sicurezza e Salute sul Lavoro Facoltà di Bioscienze e Tecnologie Agro-Alimentari e Ambientali Terzo Anno 12-24 febbraio 2015 GESTIONE DEI RIFIUTI DI LABORATORIO 2 Lorella Di Giuseppe

Dettagli

Destinatari Autorizzati

Destinatari Autorizzati Destinatari Autorizzati Guida all utilizzo dell applicazione Desktop Dogane Versione 1.0 1. Avvio e configurazione dell applicazione... 3 2. Casi d uso... 11 2.1 Transito conforme... 11 2.2 Notifica di

Dettagli

L ALBO NAZIONALE GESTORI AMBIENTALI ALLA LUCE DEL DECRETO LEGISLATIVO 205/10, DI RECEPIMENTO DELLA DIRETTIVA 2008/98/CE

L ALBO NAZIONALE GESTORI AMBIENTALI ALLA LUCE DEL DECRETO LEGISLATIVO 205/10, DI RECEPIMENTO DELLA DIRETTIVA 2008/98/CE L ALBO NAZIONALE GESTORI AMBIENTALI ALLA LUCE DEL DECRETO LEGISLATIVO 205/10, DI RECEPIMENTO DELLA DIRETTIVA 2008/98/CE Eugenio Onori Presidente dell Albo Nazionale Gestori Ambientali Modifiche all art.212

Dettagli

DISPOSITIVO USB Giornata SISTRI Seminario Informativo Inserimento Dispositivo USB Rimozione sicura Dispositivo USB Accesso al sistema Reset credenziali Ripristino Dispositivo USB Aggiornamento automatico

Dettagli

Il Sistema di Tracciabilità dei Rifiuti SISTRI

Il Sistema di Tracciabilità dei Rifiuti SISTRI Il Sistema di Tracciabilità dei Rifiuti SISTRI Classificazione ambiente > rifiuti > rifiuti gestione > adempimenti connessi alla gestione dei rifiuti Sommario Campo di applicazione Definizioni Adesione

Dettagli

Nuova Piattaforma Intercent-ER: manuali per gli Operatori Economici

Nuova Piattaforma Intercent-ER: manuali per gli Operatori Economici TMintercent-TMintercent-TMintercent-TMintercent Agenzia per lo sviluppo dei mercati elettronici Nuova Piattaforma Intercent-ER: manuali per gli Operatori Economici Referente Convenzioni - Responsabile

Dettagli

MINISTERO DELL AMBIENTE E DELLA TUTELA DEL TERRITORIO E DEL MARE

MINISTERO DELL AMBIENTE E DELLA TUTELA DEL TERRITORIO E DEL MARE MINISTERO DELL AMBIENTE E DELLA TUTELA DEL TERRITORIO E DEL MARE DECRETO 15 febbraio 2010. Modi che ed integrazioni al decreto 17 dicembre 2009, recante: «Istituzione del sistema di controllo della tracciabilità

Dettagli

VADEMECUM PER LA GESTIONE DEI RIFIUTI DA MANUTENZIONE

VADEMECUM PER LA GESTIONE DEI RIFIUTI DA MANUTENZIONE VADEMECUM PER LA GESTIONE DEI RIFIUTI DA MANUTENZIONE Per fare in modo che le aziende che fanno attività di manutenzione, attuino in modo corretto la gestione dei rifiuti provenienti appunto dalla loro

Dettagli

Manuale Utente ServizioFatturaNoProblem

Manuale Utente ServizioFatturaNoProblem Manuale Utente ServizioFatturaNoProblem Versione 5.1 29/10/2015 1 Sommario 1. Accesso all applicazione web... 4 1.1 Autenticazione... 4 1.2 Schermata principale... 6 2. Profilo utente... 8 2.1 Visualizzazione

Dettagli

REGISTRO DI CARICO E SCARICO

REGISTRO DI CARICO E SCARICO REGISTRO DI CARICO E SCARICO Il registro di carico e scarico è un documento di tipo formale che deve contenere tutte le informazioni relative alle caratteristiche qualitative e quantitative dei rifiuti

Dettagli

La gestione dei rifiuti La teoria

La gestione dei rifiuti La teoria La gestione dei rifiuti La teoria Destinatario Formulario Registro C/S Sostanza od oggetto di cui il detentore si disfi o abbia deciso o abbia l obbligo di disfarsi. I rifiuti vengono classificati in relazione

Dettagli

MODELLO UNICO DI DICHIARAZIONE 2008 PER LE ATTIVITA' SVOLTE NELL'ANNO 2007

MODELLO UNICO DI DICHIARAZIONE 2008 PER LE ATTIVITA' SVOLTE NELL'ANNO 2007 MODELLO UNICO DI DICHIARAZIONE 2008 PER LE ATTIVITA' SVOLTE NELL'ANNO 2007 Imprese, enti, soggetti istituzionali responsabili del servizio di gestione integrata dei rifiuti urbani ed assimilati Premessa

Dettagli

Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia

Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia SCHEDA REGISTRO DI CARICO/SCARICO E FORMULARIO DI IDENTIFICAZIONE DEI RIFIUTI TRASPORTATI Ogni singola Struttura, per poter smaltire correttamente i propri Rifiuti Speciali, si dovrà dotare degli strumenti

Dettagli

FINI DELL APPLICAZIONE DELL ARTICOLO 11 DEL DECRETO LEGGE 31 AGOSTO 2013, N

FINI DELL APPLICAZIONE DELL ARTICOLO 11 DEL DECRETO LEGGE 31 AGOSTO 2013, N NOTA ESPLICATIVA AI FINI DELL APPLICAZIONE DELL ARTICOLO 11 DEL DECRETO LEGGE 31 AGOSTO 2013, N. 101, SEMPLIFICAZIONE E RAZIONALIZZAZIONE DEL SISTEMA DI CONTROLLO DELLA TRACCIABILITA DEI RIFIUTI SISTRI

Dettagli

PROCEDURA DI ISCRIZIONE AL SISTRI

PROCEDURA DI ISCRIZIONE AL SISTRI ALLEGATO IA PROCEDURA DI ISCRIZIONE AL SISTRI (articolo 3, comma 3) Per essere abilitati ad accedere al sistema di controllo della tracciabilità dei rifiuti, i soggetti di cui agli articoli 1 e 2 del decreto

Dettagli

CIRCOLARE CLIENTI - N 07/2007

CIRCOLARE CLIENTI - N 07/2007 Tecnolario CIRCOLARE CLIENTI - N 07/2007 DATA: 12/02/2007 A/TO CA: Titolare dell attività / Responsabile Ambiente - Rifiuti DA/FROM: TECNOLARIO S.r.l. TEL/FAX N : 0341.494.210 # 0341.250.007 N PAG.: 2

Dettagli

Reati Ambientali D.Lgs 231/2001

Reati Ambientali D.Lgs 231/2001 14 dicembre 2011 1 Indice Modalità commissione reati 03 Mappatura dei rischi ambientali 04 Produzione 06 Deposito Temporaneo 07 Stoccaggio 08 Trasporto 09 Riutilizzo 11 Destinatari 12 2 MODALITA DI COMMISSIONE

Dettagli

Oggetto: Gestione Rifiuti prodotti durante l attività di manutenzione degli impianti

Oggetto: Gestione Rifiuti prodotti durante l attività di manutenzione degli impianti CIRCOLARE n. 01/11 Prot. GN/19/11 UNAE Emilia - Romagna (già AIEER) Albo delle Imprese Installatrici Elettriche Qualificate dell Emilia Romagna c/o ENEL S.p.A. - Via C. Darwin,4-40131 Bologna Tel. 051

Dettagli