QUADERNO RAEE 1. Aprile 2012 PREMI DI EFFICIENZA, PENALI E SANZIONI

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "QUADERNO RAEE 1. Aprile 2012 PREMI DI EFFICIENZA, PENALI E SANZIONI"

Transcript

1 QUADERNO RAEE 1 PREMI DI EFFICIENZA, PENALI E SANZIONI Ai sensi dell Accordo di Programma tra ANCI e CdC RAEE del 28 marzo 2012 per la definizione delle condizioni generali di raccolta e gestione dei rifiuti da apparecchiature elettriche ed elettroniche (RAEE) Aprile 2012 a cura di

2 INDICE PREMESSA I PREMI DI EFFICIENZA Che cosa è il Premio di Efficienza I prerequisiti per il riconoscimento del Premio di Efficienza Modalità di determinazione e ammontare dei Premi di Efficienza Maggiorazione dei Premi di Efficienza Modalità di comunicazione e incasso dei Premi di Efficienza Premi per la gestione di R5 (sorgenti luminose)... 7 LE PENALI A CARICO DEI SISTEMI COLLETTIVI Penali per ritardo Penali qualitative LE SANZIONI A CARICO DEL SOTTOSCRITTORE Pagina 2 di 12

3 PREMESSA Questo documento illustra le disposizioni in materia di premi di efficienza, sanzioni e penali previste dal nuovo Accordo di Programma (AdP) per la definizione delle condizioni generali di raccolta e gestione dei rifiuti da apparecchiature elettriche ed elettroniche (RAEE), sottoscritto da ANCI e Centro di Coordinamento RAEE il 28 marzo Le modifiche apportate all Accordo sono orientate a promuovere l incremento della quantità e della qualità della raccolta dei RAEE e a migliorare l efficienza dell intero sistema di gestione dei rifiuti da apparecchiature elettriche ed elettroniche. 1. I PREMI DI EFFICIENZA 1.1 Che cosa è il Premio di Efficienza Il Premio di Efficienza (par. 8 e 9 dell Accordo di Programma del 28 marzo 2012) indica il premio in denaro messo a disposizione dai Sistemi Collettivi (SC) a favore dei Sottoscrittori ( Soggetti beneficiari ) che abbiano iscritto al Centro di Coordinamento RAEE i propri Centri di Raccolta (CdR). Tali premialità sono finalizzate a favorire scelte organizzative e operative che assicurino una elevata efficienza complessiva del sistema di gestione dei RAEE perseguendo le finalità di protezione ambientale previste dalla normativa vigente (D.Lgs. 151/05 e D.Lgs. 152/06), nonché per incentivare e massimizzare la ricezione, da parte dei CdR, dei RAEE raccolti dalla Distribuzione attraverso il ritiro in modalità uno contro uno secondo le modalità previste dal DM 65/2010. L importo base del Premio di Efficienza è pari a 40 Euro per tonnellata di RAEE ritirati dai Sistemi Collettivi e sarà erogato ai Soggetti beneficiari (Sottoscrittori) per i Centri di Raccolta aperti alla distribuzione (almeno 1 per Comune) che soddisfano determinati requisiti quali-quantitativi, illustrati in dettaglio nel prosieguo del presente documento. L importo del Premio di efficienza sarà tuttavia ridotto del 33% qualora il calendario del CdR reso disponibile tramite l area riservata del portale web del CdC RAEE ( preveda meno di 3 giorni a settimana di apertura per il ritiro dei Sistemi Collettivi (art. 9.1 AdP del 28 marzo 2012); non avranno accesso ai Premi di Efficienza i CdR per i quali non sia stato comunicato dal Sottoscrittore alcun valido calendario di apertura per i ritiri dei SC. Avranno invece accesso ad un Premio di Efficienza maggiorato - fino a 55 Euro per tonnellata (art AdP del 28 marzo 2012) - i CdR dei Sottoscrittori che assicurano la disponibilità al conferimento dei RAEE ritirati da Distributori / Installatori / Centri di Assistenza Tecnica siti fuori dal territorio comunale o da quello dei Comuni convenzionati (conferitori extra bacino ), nel rispetto delle normative vigenti. I CdR muniti di un sistema di pesatura attivo e funzionante per i rifiuti in uscita, infine, potranno accedere ad un Premio di Efficienza maggiorato di ulteriori 5 Euro per tonnellata di RAEE ritirati. Con il presente Accordo è stato anche introdotto uno specifico Premio di Efficienza per la gestione del Raggruppamento R5 (sorgenti luminose). I SC riconosceranno ai Sottoscrittori un Premio annuale variabile in funzione del quantitativo totale di R5 raccolto durante l anno. la nuova disciplina dei Premi di Efficienza sarà applicata a partire dal 1 Aprile la registrazione di sanzioni a carico del CdR comporta una riduzione dell ammontare dei Premi di Efficienza eventualmente maturati e presenti nell Estratto Conto, emesso trimestralmente dai Sistemi Collettivi e reso disponibile nell area riservata ai Sottoscrittori del portale entro la fine del mese seguente la fine del trimestre di riferimento. Pagina 3 di 12

4 1.2 I prerequisiti per il riconoscimento del Premio di Efficienza Il nuovo Accordo di Programma sottoscritto da ANCI e CdC RAEE il 28 marzo 2012 prevede una importante revisione delle condizioni per l accesso ai premi di efficienza; esse sono infatti le seguenti: A. Apertura di almeno 1 CdR nel Comune alla ricezione dei RAEE provenienti dai Distributori / Installatori / Centri di assistenza presenti sul proprio territorio; B. Gestione effettiva dei Raggruppamenti R2 e R4 presso il CdR, valutata in base ai quantitativi raccolti ( tasso di raccolta minimo); C. Saturazione dell Unità di Carico (UdC) pari almeno alla soglia di buona operatività in peso definita per il raggruppamento. In dettaglio: A. Obbligo apertura alla Distribuzione (par. 8.5 AdP del 28 marzo 2012). Ai fini dell accesso ai Premi di Efficienza, il nuovo AdP prevede come prerequisito indispensabile l apertura, da parte dei Sottoscrittori, di almeno 1 (uno) Centro di Raccolta ubicato nel Comune alla ricezione dei RAEE provenienti dalla Distribuzione/ Centri di assistenza tecnica/ Installatori presenti sul territorio (intesi come i piccoli conferitori e i grandi conferitori del bacino; vedi Protocollo di Intesa ANCI - CdCRAEE - Distribuzione del 24/06/2010). Nel nuovo AdP la soglia di 50 tonnellate di RAEE raccolte in un anno ( flusso di raccolta annuo ) non costituisce più un prerequisito indispensabile per l accesso ai Premi di Efficienza; B. Gestione effettiva dei Raggruppamenti R2 e R4 presso il CdR ( tasso di raccolta minimo; par. 8.5 AdP del 28 marzo 2012) Saranno premiabili solo i CdR che raggiungono un tasso di raccolta annuo (ovvero una quantità di R2 e R4 cumulativamente considerata) non inferiore a 20 punti percentuali in meno rispetto al tasso medio di raccolta in Italia dei medesimi raggruppamenti. Se, per es., in Italia la raccolta di R2+R4 è pari al 47% del totale dei RAEE raccolti, per accedere ai Premi di Efficienza un CdR dovrà raccogliere una quantità di R2 + R4 pari almeno al 27% della sua raccolta complessiva. Il valore medio italiano sarà calcolato sulla base dei dati relativi all anno precedente, mentre il dato relativo a ogni CdR sarà aggiornato trimestralmente. Il Premio di Efficienza, quindi, viene considerato come un riconoscimento per l impegno del Sottoscrittore a consegnare ai Sistemi Collettivi tutti i RAEE raccolti. Questo nuovo prerequisito per l accesso ai Premi è stato introdotto per cercare di aumentare la raccolta dei raggruppamenti R2 e R4, che in alcune aree non raggiunge quantitativi soddisfacenti. C. Saturazione della Unità di Carico soglia di buona operatività (valori in peso di buona pratica dei ritiri) (par. 3.9 delle Condizioni Generali di Ritiro allegate all Adp del 28 marzo 2012) Saranno premiati i ritiri da parte dei Sistemi Collettivi il cui peso netto in una singola missione ( peso a destino ) sia pari almeno alle soglie di buona operatività di seguito riportate: Pagina 4 di 12

5 Raggruppamento R1 R2 R3 R4 Peso minimo per singolo ritiro ( soglia di buona operatività in kg) kg a presa kg a presa kg a presa Kg a presa Tabella 1 Soglie di buona operatività in peso per il riconoscimento dei Premi di Efficienza nessun premio di efficienza verrà riconosciuto dai Sistemi Collettivi per quei ritiri di RAEE il cui peso rilevato a destino sia inferiore alle soglie di buona operatività sopra riportate. Se le condizioni di cui alle lettere A e B sono soddisfatte, il Premio sarà riconosciuto per tutti i carichi di RAEE superiori alle soglie di buona operatività in peso ritirati da tutti i CdR presenti nel Comune. Il premio cioè sarà riconosciuto anche ai CdR eventualmente non aperti alla distribuzione, se nello stesso Comune il Sottoscrittore avrà aperto alla distribuzione almeno un altro CdR il cui tasso di raccolta di R2 + R4 sia superiore alla soglia minima prevista. 1.3 Modalità di determinazione e ammontare dei Premi di Efficienza L importo base dei Premi di Efficienza è di 40 Euro per tonnellata di RAEE ritirata dai Sistemi Collettivi (par. 9.1 AdP del 28 marzo 2012); il Premio viene riconosciuto dai Sistemi Collettivi ai Sottoscrittori che hanno formalmente comunicato tramite l area riservata del portale la disponibilità alla ricezione dei RAEE ritirati dalla Distribuzione/ Installatori/ Centri di assistenza presenti sul proprio territorio e che rispondono ai requisiti descritti nel paragrafo precedente. L importo unitario del Premio di Efficienza viene calcolato in base alle quantità raccolte nel singolo ritiro, ovvero sulla base del peso riscontrato a destino e varia in relazione alla fascia, ovvero alla tipologia di apertura del CdR alla distribuzione, come di seguito riportato: Fascia Tipologia di apertura alla distribuzione Importo in Euro / tonnellata FASCIA I FASCIA II Disponibilità a ricevere la distribuzione del proprio territorio Disponibilità a ricevere la distribuzione anche sita fuori dal proprio territorio Tabella 2 Importo del Premio di efficienza per fascia (tipologia di apertura alla distribuzione) ai fini del Premio di Efficienza, i Sottoscrittori che abbiano indicato una disponibilità del CdR a ricevere i RAEE anche da distributori provenienti da fuori del proprio territorio, ma che non abbiano attivato alcuna convenzione con i Distributori / Centri di assistenza tecnica / Installatori, saranno considerati come appartenenti alla FASCIA I; qualora il servizio di ritiro venga effettuato in base a giri periodici (ovvero secondo un calendario programmato e non a chiamata ), il Premio di Efficienza sarà riconosciuto in base alla sola disponibilità a ricevere i RAEE della distribuzione comunicata nell area riservata al Sottoscrittore sul portale e al rispetto del requisito del tasso di raccolta per R2 + R4. Pagina 5 di 12

6 1.4 Maggiorazione dei Premi di Efficienza Dal 1 Aprile 2012, secondo quanto stabilito all art. 9.1 dell Accordo di Programma sottoscritto da ANCI e CdC RAEE il 28 marzo 2012, saranno applicate delle maggiorazioni (pari a 5 /tonnellata) ai Premi di Efficienza per i Centri di Raccolta dotati di un sistema di pesatura attivo e funzionante. Per attestare il corretto funzionamento del sistema di pesatura presente presso il CdR, il Sottoscrittore dovrà caricarne, nell area a lui riservata sul portale la scansione di un valido certificato di taratura. Fascia Importo / tonnellata I - Disponibilità a ricevere la distribuzione del proprio territorio 40 I a - Disponibilità a ricevere la distribuzione del proprio territorio + sistema di pesatura 45 II - Disponibilità a ricevere la distribuzione anche sita fuori dal proprio territorio 55 II a - Disponibilità a ricevere la distribuzione anche sita fuori dal proprio territorio + sistema di pesatura 60 Tabella 3 Importo dei Premi di Efficienza con maggiorazione della pesa per proprio territorio - così come riportato nel par. 9.1 del Protocollo di intesa per la regolazione dei rapporti fra i Distributori ed i Gestori dei Centri di Raccolta dei RAEE domestici sottoscritto il 24 giugno 2010 da ANCI, CdC RAEE e Organizzazioni di categoria della Distribuzione si intende il Comune in cui è localizzato il CdR e il territorio di tutti i Comuni che sono stati indicati come conferenti al portale del CdC RAEE; l eventuale riduzione del 33% del Premio di Efficienza per i CdR il cui calendario per i ritiri da parte dei Sistemi Collettivi sia pari a 1 o 2 giorni lavorativi (ovvero se il CdR è aperto meno di 3 giorni a settimana) si applica anche ai Premi di Efficienza maggiorati previsti per i CdR dotati di un sistema di pesatura attivo e funzionante. 1.5 Modalità di comunicazione e incasso dei Premi di Efficienza Senza alcune modifica rispetto al passato, i Premi di Efficienza vengono comunicati al Soggetto Beneficiario (ovvero al Sottoscrittore del Centro di Raccolta iscritto al CdC RAEE) - unitamente a Penali e Sanzioni - in un apposito rapporto: l Estratto Conto. L Estratto Conto viene emesso dai Sistemi Collettivi con cadenza trimestrale ed è reso disponibile dal CdC RAEE nell area riservata ai Sottoscrittori del portale il CdC RAEE dà comunicazione al Soggetto Beneficiario della pubblicazione dell Estratto Conto tramite . Ai fini dell erogazione dei Premi di Efficienza, il Soggetto Beneficiario dovrà provvedere ad emettere i documenti contabili previsti dalla normativa vigente e dovrà comunicare nella propria anagrafica l aliquota IVA da applicare; il mancato inserimento di tale dato impedirà la generazione dell Estratto Conto (par. 9.2 AdP del 28 marzo 2012); solo a seguito dell inserimento dell Aliquota IVA nella propria anagrafica da parte del Sottoscrittore sarà possibile visualizzare l Estratto conto mancante, contestualmente alla pubblicazione di quello successivo; Pagina 6 di 12

7 l invio dei documenti contabili per l incasso da parte del Soggetto Beneficiario dovrà avvenire entro 12 mesi dalla data di pubblicazione dell Estratto Conto nell area riservata del portale del Centro di Coordinamento RAEE; il mancato invio dei documenti contabili nel termine di 12 mesi dalla pubblicazione dell Estratto Conto, così come l invio della documentazione oltre tale termine, comporta la perdita per il Soggetto Beneficiario del diritto di riscuotere il Premio. Il tempo di emissione dei documenti contabili risulta ridotto proporzionalmente al ritardo di inserimento del dato di aliquota IVA applicabile. 1.6 Premi per la gestione di R5 (sorgenti luminose) Nel nuovo AdP ANCI-CdC RAEE sono state introdotte apposite premialità per la raccolta dei RAEE derivanti da sorgenti luminose (R5). Dal 1 Aprile 2012 i Sistemi Collettivi riconosceranno ai Sottoscrittori un Premio di Efficienza annuale per la gestione e la raccolta di R5; l importo di tale premio varia in funzione della quantità di R5 complessivamente raccolta nell anno precedente, come di seguito riportato: Fascia Importo erogato > Kg / anno 500 / anno > Kg / anno / anno > Kg / anno / anno > Kg / anno / anno Tabella 4 Importo dei Premi di Efficienza per R5 Pagina 7 di 12

8 2. LE PENALI A CARICO DEI SISTEMI COLLETTIVI Le Penali (par e delle Condizioni Generali di Ritiro allegate all AdP del 28 marzo 2012) applicabili nei confronti dei Sistemi Collettivi sono di 2 tipi: Penali per ritardo e Penali qualitative. 2.1 Penali per ritardo Le Penali vengono riconosciute al Sottoscrittore qualora il ritiro dell Unità di Carico (UdC) da parte del Sistema Collettivo non avvenga entro il TMI (Tempo Massimo di Intervento; si veda al riguardo il par. 4 delle Condizioni Generali di Ritiro) previsto, oppure nel rispetto della diversa tempistica concordata tra il Sistema Collettivo e il Sottoscrittore. Le Penali per ritardo sono le seguenti: Giorni lavorativi di ritardo nell effettuazione del servizio Quantificazione Penale (EURO per ogni giorno di ritardo) Tabella 5 Penali per ritardo 1 100, , , , ,00 Nel caso di servizio a giro le penali per ritardo non sono applicabili Tali penali sono satisfattive, cumulative e sono applicate fino ad un ritardo massimo pari al 50% del TMI previsto (par delle Condizioni Generali di Ritiro), arrotondato per eccesso all intero superiore. Qualora il servizio di ritiro non sia effettuato dal Sistema Collettivo incaricato entro il suddetto TMI, il Sottoscrittore avrà il diritto di gestire in proprio il carico, previa notifica al Sistema Collettivo di riferimento e dandone comunicazione al CdC RAEE. In tal caso il Sottoscrittore addebiterà al Sistema Collettivo interessato dal ritardo tutti i costi sostenuti - purché essi siano documentati e allineati ai valori di mercato - a seguito dell emissione di regolare di fattura. Il CdC RAEE mette a disposizione l elenco degli impianti accreditati, dei quali il Sottoscrittore potrà avvalersi per la gestione dei RAEE non ritirati dai Sistemi Collettivi nei tempi sopra riportati. Pagina 8 di 12

9 2.2 Penali qualitative Le Penali qualitative (par delle Condizioni Generali di Ritiro) nei confronti dei Sistemi Collettivi si applicano qualora: la consegna di tutte le Unità di Carico previste non avvenga contestualmente all intervento (ritiro); l eventuale sostituzione dei contenitori di cui sia stata accertata la non idoneità per la gestione del servizio non avvenga entro 5 giorni lavorativi dalla notifica/richiesta scritta al Sistema Collettivo di riferimento; si verifichino le altre criticità / inadempienze riportate nella tabella successiva unitamente alle modalità di calcolo degli importi delle Penali. Tipo di anomalia Mancato ricambio U.d.C. / mancata consegna U.d.C. vuota (nella giornata di intervento) Mancata sostituzione U.d.C. non idonee (entro 5 giorni lavorativi) Mancata comunicazione dell avvicendamento di operatori logistici / impianti di prima destinazione (*) Mancato servizio decorsi x giorni dai tempi previsti per l iscrizione dei nuovi CdR (*) Mancato ritiro di tutte le unità di Carico indicate nella richiesta di ritiro Quantificazione Penale (EURO per singolo giorno di ritardo) 100g + 40 (g-1) g = giorni di ritardo 100g + 40 (g-1) g = giorni di ritardo g + 40 (g-1) g = giorni di ritardo Riconoscimento del Premio di Efficienza Tabella 6 Penali qualitative Nel caso di danneggiamento o di rottura di beni e attrezzature di proprietà dei Sottoscrittori dei CdR è inoltre previsto che i Sistemi Collettivi provvedano al risarcimento dei danni provocati. nei casi di applicazioni di penali per il ritardo o di penali qualitative, sarà onere dei Sistemi Collettivi farsi carico delle opportune misure affinché sia ripristinata la normalità all interno del CdR; ad es. sarà onere dei SC caricare l eventuale rifiuto depositato all esterno delle Unità di Carico o in altri contenitori dal Gestore del CdR a causa delle criticità verificatesi (par delle Condizioni Generali di Ritiro allegate all AdP del 28 marzo 2012); l anomalia Mancato ritiro di tutte le Unità di Carico indicate nella Richiesta di Ritiro non darà origine a una sanzione, ma al riconoscimento del premio relativo alle quantità effettivamente ritirate Tale condizione dovrà essere segnalata dal Sottoscrittore indicando l anomalia nell apposito campo dell MSA online. Pagina 9 di 12

10 3. LE SANZIONI A CARICO DEL SOTTOSCRITTORE Le Sanzioni (par. 5.2 delle Condizioni Generali di Ritiro allegate all AdP del 28 marzo 2012) vengono applicate dai Sistemi Collettivi nei confronti dei Sottoscrittori qualora vengano riscontrate determinate anomalie. Anche su questo punto sono state apportate modifiche all Accordo di Programma, al fine di semplificarne la gestione. Segnaliamo, in particolare, che la sanzione per RAEE danneggiati è ora considerata congiuntamente a quella per i RAEE cannibalizzati ; la soglia oltre cui scatta la sanzione è stata inoltre elevata al 30% del carico in pezzi (l AdP di luglio 2010 prevedeva, invece, una soglia pari al 15%); sono state, infine, escluse le eccezioni che in precedenza potevano determinare l annullamento della sanzione (effrazioni al CdR, raccolte straordinarie sul territorio, etc.,) per tale anomalia. L ammontare della sanzione varia a seconda del Raggruppamento in relazione al quale si è manifestata l anomalia; gli importi delle sanzioni economiche sono i seguenti: Raggruppamento Importo in EURO R1 116 R2 185 R3 125 R4 125 R5 50 Tabella 7 Importo delle sanzioni economiche a carico del Sottoscrittore l importo delle sanzioni irrogate sarà sottratto dall ammontare dell Estratto Contro trimestrale per il Sottoscrittore e potrà eventualmente fare da credito per gli Estratti Conto successivi; i valori delle sanzioni corrispondono al valore medio del Premio di Efficienza moltiplicato per il carico medio premiato nell ultimo anno per ciascun Raggruppamento; l importo delle sanzioni sarà rivisto annualmente in base alle analisi condotte dal Tavolo Tecnico di Monitoraggio; i valori delle Sanzioni non sono assoggettati ad imposizione fiscale; per i Sottoscrittori che non sono Soggetti Beneficiari del Premio di Efficienza, non potendosi azzerare alcun premio verrà creato un credito a favore del Sistema Collettivo, che servirà ad azzerare eventuali future penali a carico del Sistema Collettivo stesso utilizzando il metodo della compensazione. Nella tabella seguente si riportano le sanzioni previste per le diverse tipologie di anomalia (par. 5.2 delle Condizioni Generali di Ritiro allegate all AdP del 28 marzo 2012). Pagina 10 di 12

11 Tipo di anomalia Non adeguata separazione Raggruppamenti RAEE ai sensi del D.M. 185/2007 (presenza di rifiuto estraneo al Raggruppamento) RAEE danneggiati o RAEE privi di componenti, in quota superiore al 30% del carico (secondo le linee guida definite dall apposito documento predisposto dal Tavolo Tecnico di Monitoraggio)* Mancato rispetto dell orario di apertura per il ritiro PdP che non generano RAEE PdP che non raggiungono la soglia minima di saturazione (ad eccezione del caso di termine temporale di deposito previsto dal DM 8 Aprile e s.m.i. e nel rispetto delle prescrizioni autorizzative/regolamentari del CdR) ** Danneggiamento dell Unità di Carico Azioni conseguenti e sanzioni Se l anomalia è evidente al momento dell intervento = Il servizio verrà eseguito quando il Centro di Raccolta avrà effettuato la separazione prevista, a seguito di ulteriore Richiesta di Intervento; Applicazione sanzione economica (se R1: 116 ; se R2: 185 ; se R3: 125 ; se R4: 125 ) Nel caso di ritiri di R1 e R2 con pezzi a terra, la rilevazione dell anomalia dovrà essere effettuata al momento dell intervento Applicazione sanzione economica (se R1: 116 ; se R2: 185 ; se R3: 125 ; se R4: 125 ) Annullamento Richiesta di Intervento (RdI) con comunicazione di riapertura di una RdI; Applicazione sanzione economica (se R1: 116 ; se R2: 185 ; se R3: 125 ; se R4: 125 ) Se un PdP in sei mesi di operatività non ha generato alcuna Richiesta di Ritiro (ovvero se per un Raggruppamento non viene effettuata alcuna RdR in se mesi), il Sistema Collettivo interessato potrà procedere al ritiro della propria Unità di Carico e il CdR dovrà dotarsi autonomamente di una nuova UdC. Non sarà possibile ottenere una UdC in comodato gratuito per i successivi sei mesi Applicazione sanzione economica (se R1: 116 ; se R2: 185 ; se R3: 125 ; se R4: 125 ) Rimborso dei danni; Applicazione sanzione economica (se R1: 116 ; se R2: 185 ; se R3: 125 ; se R4: 125 ). Tabella 8 Sanzioni a carico del Sottoscrittore (*) E stato altresì specificato quali condizioni debbano sussistere perché i RAEE siano considerati danneggiati: per i R1 e R2 quando gli apparecchi sono ragnati, per R3 quando gli apparecchi presentano il tubo catodico rotto. Saranno segnalati casi anomali su R4. Tutte le regole inerenti l applicazione e la modalità di contraddittorio relative a tale anomalia sono contenute nello specifico documento Chiarimento sull applicazione della sanzione per Presenza di RAEE danneggiati o privi di componenti essenziali oltre il 30% del carico. (**) Le soglie minime di saturazione (par delle Condizioni Generali di Ritiro allegate all AdP del 28 marzo 2012) sono applicate a partire dal 1 Aprile 2012; esse sono le seguenti: Raggruppamento R1 R2 R3 R4 R5 contenitore grande R5 contenitore piccolo Soglia di saturazione (peso minimo per singolo ritiro) 400 kg a presa a terra / 800 kg scarrabile 400 kg a presa a terra / 800 kg scarrabile 300 kg a ritiro 300 kg a ritiro 50 kg a ritiro 25 kg a ritiro Tabella 9 Soglie minime di saturazione (peso minimo del singolo ritiro per Raggruppamento) Pagina 11 di 12

12 in relazione alle soglie minime di saturazione è opportuno specificare che: a) indipendentemente dal raggiungimento delle soglie di saturazione (peso minimo per singolo ritiro) riportate nella tab. 9, i Sistemi Collettivi eseguiranno comunque il servizio di ritiro e il successivo trasporto dei RAEE dai Centri di Raccolta; qualora tuttavia il peso dei RAEE ritirati non sia pari o superiore alla soglia di saturazione saranno applicate le sanzioni riportate nella tab. 7; b) è fatta salva la possibilità di derogare ai valori delle soglie minime di saturazione sopra ricordati a fronte di specifici limiti autorizzativi e qualora le Unità di Carico fornite dai Sistemi Collettivi non siano idonee a contenere le quantità corrispondenti ai pesi minimi riportati in tab. 9; c) qualora sia necessario procedere ad un ritiro trimestrale secondo quanto previsto dal DM 8 aprile 2008 e s.m.i. per quanto concerne il deposito temporaneo o comunque con la frequenza definita dalle prescrizioni regolamentari o autorizzative del CdR, indipendentemente dal quantitativo di RAEE raccolti ciò non comporterà l applicazione delle sanzioni economiche previste dalle Condizioni Generali di Ritiro; d) nei casi di intervento sulle Unità di Carico inserite nei giri programmati non si applicano i pesi minimi per singolo ritiro ( soglie minime di saturazione ) riportate in tab. 9. Si specifica, infine, che i Centri di Raccolta che dichiareranno di essere provvisti di un sistema di pesatura potranno ricevere una segnalazione di anomalia se non dovessero allegare al Formulario la documentazione di avvenuta pesatura. Tale segnalazione, che potrà essere indicata nel campo D3 Altre Anomalie del Modulo Segnalazione Anomalie (MSA) da parte del Sistema Collettivo, non darà origine a una sanzione, ma alla disapplicazione della maggiorazione del Premio di Efficienza sul carico segnalato. Pagina 12 di 12

QUADERNO RAEE 1. Luglio 2010 PREMI DI EFFICIENZA, PENALI E SANZIONI. (BOZZA rev 2)

QUADERNO RAEE 1. Luglio 2010 PREMI DI EFFICIENZA, PENALI E SANZIONI. (BOZZA rev 2) QUADERNO RAEE 1 PREMI DI EFFICIENZA, PENALI E SANZIONI (BOZZA rev 2) Ai sensi dell Accordo di Programma tra ANCI e CdC RAEE del 18 luglio 2008 per la definizione delle condizioni generali di raccolta e

Dettagli

QUADERNO RAEE 1. Giugno 2013 PREMI DI EFFICIENZA, PENALI E SANZIONI

QUADERNO RAEE 1. Giugno 2013 PREMI DI EFFICIENZA, PENALI E SANZIONI QUADERNO RAEE 1 PREMI DI EFFICIENZA, PENALI E SANZIONI Ai sensi dell Accordo di Programma tra ANCI e CdC RAEE del 28 marzo 2012 per la definizione delle condizioni generali di raccolta e gestione dei rifiuti

Dettagli

IL NUOVO ACCORDO DI PROGRAMMA ANCI CENTRO DI COORDINAMENTO RAEE

IL NUOVO ACCORDO DI PROGRAMMA ANCI CENTRO DI COORDINAMENTO RAEE IL NUOVO ACCORDO DI PROGRAMMA ANCI CENTRO DI COORDINAMENTO RAEE (28 marzo 2012) Cosa cambia per i Sottoscrittori a livello tecnico, operativo ed economico IL NUOVO ACCORDO DI PROGRAMMA ANCI CdC RAEE 1

Dettagli

ACCORDO DI PROGRAMMA ANCI CENTRO DI COORDINAMENTO RAEE

ACCORDO DI PROGRAMMA ANCI CENTRO DI COORDINAMENTO RAEE ACCORDO DI PROGRAMMA ANCI CENTRO DI COORDINAMENTO RAEE REVISIONE DEL COMITATO GUIDA DEL 13 SETTEMBRE 2012. Cosa cambia per i Sottoscrittori a livello tecnico, operativo ed economico REVISIONE IL NUOVO

Dettagli

CONFERME E NOVITÀ INTRODOTTE DAL NUOVO ACCORDO NEL SISTEMA DI GESTIONE DEI RAEE. Centro di Coordinamento RAEE Vincenzo Chiera

CONFERME E NOVITÀ INTRODOTTE DAL NUOVO ACCORDO NEL SISTEMA DI GESTIONE DEI RAEE. Centro di Coordinamento RAEE Vincenzo Chiera CONFERME E NOVITÀ INTRODOTTE DAL NUOVO ACCORDO NEL SISTEMA DI GESTIONE DEI RAEE Centro di Coordinamento RAEE Vincenzo Chiera Riferimenti normativi 2 Le associazioni di categoria rappresentative dei produttori

Dettagli

QUADERNO RAEE 3. Settembre 2010 TEMPO MASSIMO DI INTERVENTO

QUADERNO RAEE 3. Settembre 2010 TEMPO MASSIMO DI INTERVENTO QUADERNO RAEE 3 TEMPO MASSIMO DI INTERVENTO Ai sensi dell Accordo di Programma tra ANCI e CdC RAEE del 18 luglio 2008 per la definizione delle condizioni generali di raccolta e gestione dei rifiuti da

Dettagli

CONDIZIONI GENERALI DI RITIRO DEI RIFIUTI DI APPARECCHIATURE ELETTRICHE ED ELETTRONICHE RAEE PRESSO I CENTRI DI RACCOLTA

CONDIZIONI GENERALI DI RITIRO DEI RIFIUTI DI APPARECCHIATURE ELETTRICHE ED ELETTRONICHE RAEE PRESSO I CENTRI DI RACCOLTA CONDIZIONI GENERALI DI RITIRO DEI RIFIUTI DI APPARECCHIATURE ELETTRICHE ED ELETTRONICHE RAEE PRESSO I CENTRI DI RACCOLTA (modificate dal Comitato Guida ANCI CdC RAEE il 13 settembre 2012) 1. Oggetto e

Dettagli

QUADERNO RAEE 3. Ottobre 2012 TEMPO MASSIMO DI INTERVENTO

QUADERNO RAEE 3. Ottobre 2012 TEMPO MASSIMO DI INTERVENTO QUADERNO RAEE 3 TEMPO MASSIMO DI INTERVENTO Ai sensi dell Accordo di Programma tra ANCI e CdC RAEE del 28 marzo 2012 per la definizione delle condizioni generali di raccolta e gestione dei rifiuti da apparecchiature

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA PER LA REGOLAZIONE DEI RAPPORTI FRA I DISTRIBUTORI ED I GESTORI DEI CENTRI DI RACCOLTA DEI RAEE DOMESTICI

PROTOCOLLO D INTESA PER LA REGOLAZIONE DEI RAPPORTI FRA I DISTRIBUTORI ED I GESTORI DEI CENTRI DI RACCOLTA DEI RAEE DOMESTICI PROTOCOLLO D INTESA PER LA REGOLAZIONE DEI RAPPORTI FRA I DISTRIBUTORI ED I GESTORI DEI CENTRI DI RACCOLTA DEI RAEE DOMESTICI ------------------------------------ Premesso che: - l aumento della raccolta

Dettagli

CONDIZIONI GENERALI DI RITIRO DEI RIFIUTI DI APPARECCHIATURE ELETTRICHE ED ELETTRONICHE RAEE PRESSO I CENTRI DI RACCOLTA

CONDIZIONI GENERALI DI RITIRO DEI RIFIUTI DI APPARECCHIATURE ELETTRICHE ED ELETTRONICHE RAEE PRESSO I CENTRI DI RACCOLTA CONDIZIONI GENERALI DI RITIRO DEI RIFIUTI DI APPARECCHIATURE ELETTRICHE ED ELETTRONICHE RAEE PRESSO I CENTRI DI RACCOLTA 1. Oggetto e ambito applicativo 1.1 Le presenti prescrizioni ( Condizioni di Ritiro

Dettagli

7 OTTOBRE 2009 BOLOGNA

7 OTTOBRE 2009 BOLOGNA CONVEGNO NAZIONALE RAEE 7 OTTOBRE 2009 BOLOGNA Centro di Coordinamento RAEE CdC RAEE Fabrizio Longoni Sistemi Collettivi: raggruppano Produttori Produttore x Produttore y Produttore Z Produttore A Produttore

Dettagli

Manuale Operativo. Richieste di Ritiro Sottoscrittore. Versione: 1.3 Sottoscrittore

Manuale Operativo. Richieste di Ritiro Sottoscrittore. Versione: 1.3 Sottoscrittore Sottoscrittore Versione: 1.3 Sottoscrittore Sommario Sommario...2 1 Introduzione...4 1.1 IL PROCESSO RICHIESTA DI RITIRO...4 1.2 SCOPO DELLA PROCEDURA...5 1.3 ATTORI COINVOLTI...5 2 Dettaglio del processo...6

Dettagli

CONVENZIONE OPERATIVA IN FORMA DI CONTRATTO PER ADESIONE REGOLANTE I SERVIZI DI GESTIONE DEI RAEE AI SENSI DEL D.Lgs 151/05

CONVENZIONE OPERATIVA IN FORMA DI CONTRATTO PER ADESIONE REGOLANTE I SERVIZI DI GESTIONE DEI RAEE AI SENSI DEL D.Lgs 151/05 CONVENZIONE OPERATIVA IN FORMA DI CONTRATTO PER ADESIONE REGOLANTE I SERVIZI DI GESTIONE DEI RAEE AI SENSI DEL D.Lgs 151/05 TRA Il Centro di Coordinamento RAEE, consorzio con attività esterna, con sede

Dettagli

PRINCIPALI ATTIVITA TECNICHE PER LA MISURA DEL GAS

PRINCIPALI ATTIVITA TECNICHE PER LA MISURA DEL GAS ALLEGATO 10/A PRINCIPALI ATTIVITA TECNICHE PER LA MISURA DEL GAS Il presente allegato fornisce una descrizione sintetica delle principali attività tecniche relative alla misura del gas; tali attività coinvolgono

Dettagli

ACCORDO DI PROGRAMMA ART. 16 COMMA 2 DEL DECRETO LEGISLATIVO 14 MARZO 2014 N. 49 E NEL RISPETTO DEL DECRETO MINISTERIALE 8 MARZO 2010 N.

ACCORDO DI PROGRAMMA ART. 16 COMMA 2 DEL DECRETO LEGISLATIVO 14 MARZO 2014 N. 49 E NEL RISPETTO DEL DECRETO MINISTERIALE 8 MARZO 2010 N. ACCORDO DI PROGRAMMA ART. 16 COMMA 2 DEL DECRETO LEGISLATIVO 14 MARZO 2014 N. 49 E NEL RISPETTO DEL DECRETO MINISTERIALE 8 MARZO 2010 N. 65, TRA LE ASSOCIAZIONI DI CATEGORIA MAGGIORMENTE RAPPRESENTATIVE

Dettagli

Registrazione Sottoscrittore. Manuale Operativo. CdC RAEE Versione 7.0

Registrazione Sottoscrittore. Manuale Operativo. CdC RAEE Versione 7.0 Registrazione Manuale Operativo CdC RAEE Versione 7.0 Sommario Sommario... 1 1 Introduzione... 3 2 Il Processo di Iscrizione... 4 2.1 PRE-REQUISITI PER IL PROCESSO DI ISCRIZIONE... 4 2.2 DETTAGLIO DEL

Dettagli

SCHEDA SINTETICA INFORMAZIONI SPECIFICHE

SCHEDA SINTETICA INFORMAZIONI SPECIFICHE SCHEDA SINTETICA INFORMAZIONI SPECIFICHE La parte Informazioni Specifiche, da consegnare obbligatoriamente all investitore-contraente prima della sottoscrizione, è volta ad illustrare le principali caratteristiche

Dettagli

MODELLO DI DOMANDA MISURA

MODELLO DI DOMANDA MISURA Fondo 5 Euro/tonnellata premiata Programma per l erogazione di contributi per il potenziamento e l adeguamento dei Centri di Raccolta dei RAEE Bando del 19 Novembre 2015 MODELLO DI DOMANDA MISURA 1 No.

Dettagli

Deliberazione 11 febbraio 2009 EEN 1/09

Deliberazione 11 febbraio 2009 EEN 1/09 Deliberazione 11 febbraio 2009 EEN 1/09 Adeguamento delle deliberazioni dell Autorità per l'energia elettrica e il gas 18 settembre 2003 n. 103/03, 16 dicembre 2004 n. 219/04 e 23 maggio 2006 n. 98/06,

Dettagli

CLUB DEI COMUNI ECOCAMPIONI DI CAMPANIA, PUGLIA, SARDEGNA

CLUB DEI COMUNI ECOCAMPIONI DI CAMPANIA, PUGLIA, SARDEGNA CLUB DEI COMUNI ECOCAMPIONI DI CAMPANIA, PUGLIA, SARDEGNA BANDO PER L ASSEGNAZIONE DI 3 FINANZIAMENTI DI 10.000 EURO CAD. A SOSTEGNO DI ATTIVITA DI COMUNICAZIONE LOCALE A) PREMESSA Nell ambito delle attività

Dettagli

DISCIPLINARE PER LA GESTIONE DELLE AGEVOLAZIONI A PARZIALE COPERTURA DEI MAGGIORI CONSUMI IN CASO DI PERDITE D ACQUA OCCULTE DA PUBBLICO ACQUEDOTTO

DISCIPLINARE PER LA GESTIONE DELLE AGEVOLAZIONI A PARZIALE COPERTURA DEI MAGGIORI CONSUMI IN CASO DI PERDITE D ACQUA OCCULTE DA PUBBLICO ACQUEDOTTO DISCIPLINARE PER LA GESTIONE DELLE AGEVOLAZIONI A PARZIALE COPERTURA DEI MAGGIORI CONSUMI IN CASO DI PERDITE D ACQUA OCCULTE DA PUBBLICO ACQUEDOTTO Premessa A partire dal 1 gennaio 2016 viene ripristinata

Dettagli

Lo stato dell arte nella gestione dei RAEE in Piemonte. Torino, 16 dicembre 2010

Lo stato dell arte nella gestione dei RAEE in Piemonte. Torino, 16 dicembre 2010 Lo stato dell arte nella gestione dei RAEE in Piemonte Torino, 16 dicembre 2010 INQUADRAMENTO GENERALE Normativa di riferimento: Decreto Legislativo 151 del 25 luglio 2005 Decreto Ministeriale attuativo

Dettagli

MODIFICAZIONI DEL TIV, DELLA DELIBERAZIONE ARG/ELT 4/08

MODIFICAZIONI DEL TIV, DELLA DELIBERAZIONE ARG/ELT 4/08 MODIFICAZIONI DEL TIV, DELLA DELIBERAZIONE ARG/ELT 4/08 E DELLA DELIBERAZIONE ARG/ ELT 42/08. Articolo 1 Modifiche al TIV 1.1 Il TIV è modificato nei termini indicati nel presente articolo. 1.2 All articolo

Dettagli

PROCEDURA, PER I DESTINATARI PER I QUALI NON SONO STATE ATTIVATE DOTI PIL NEL PRECEDENTE AVVISO DOTE UNICA LAVORO

PROCEDURA, PER I DESTINATARI PER I QUALI NON SONO STATE ATTIVATE DOTI PIL NEL PRECEDENTE AVVISO DOTE UNICA LAVORO PROCEDURA, PER I DESTINATARI PER I QUALI NON SONO STATE ATTIVATE DOTI PIL NEL PRECEDENTE AVVISO DOTE UNICA LAVORO 2007-2013. La procedura per la richiesta di rimborso del Pil dovrà essere attivata dall

Dettagli

Regolamento per la MOBILI COMUNALI

Regolamento per la MOBILI COMUNALI COMUNE DI CAVA MANARA Provincia di Pavia Via L. Manara, 7 27051 Cava Manara (PV) Tel. 0382/5575 Fax 0382/554110 Partita IVA 00467120184 e- mail info@comune.cavamanara.pv.it - PEC protocollo@cert.comune.cavamanara.pv.it

Dettagli

ALLEGATO TECNICO IMBALLAGGI DI LEGNO (ACCORDO ANCI - RILEGNO)

ALLEGATO TECNICO IMBALLAGGI DI LEGNO (ACCORDO ANCI - RILEGNO) ALLEGATO TECNICO IMBALLAGGI DI LEGNO (ACCORDO ANCI - RILEGNO) 1. OGGETTO DELL'ALLEGATO L allegato si riferisce ai rifiuti di imballaggio di legno di provenienza domestica o comunque conferiti al gestore

Dettagli

DISCIPLINARE TECNICO. Fornitura di Arredi Tecnici ed Apparecchiature da Laboratorio

DISCIPLINARE TECNICO. Fornitura di Arredi Tecnici ed Apparecchiature da Laboratorio DISCIPLINARE TECNICO Acea Elabori S.p.A. Edizione Gennaio 2016 Fornitura di Arredi Tecnici ed Apparecchiature da Laboratorio INDICE 1 OGGETTO DEL CONTRATTO... 3 2 LUOGO DI ESECUZIONE... 3 3 DURATA DEL

Dettagli

MODELLO DI DOMANDA MISURA

MODELLO DI DOMANDA MISURA Fondo 13 Euro/tonnellata premiata Programma per l erogazione di contributi per il potenziamento e l adeguamento dei Centri di Raccolta dei RAEE Bando del 15 dicembre 2016 MODELLO DI DOMANDA MISURA 3 0000

Dettagli

Finanziamenti alle Banche per PMI Convenzione del 17/02/2010 SCHEDA PRODOTTO

Finanziamenti alle Banche per PMI Convenzione del 17/02/2010 SCHEDA PRODOTTO Finanziamenti alle Banche per PMI Convenzione del 17/02/2010 SCHEDA PRODOTTO Contraenti il Finanziamento Le Banche italiane e le succursali di Banche estere comunitarie ed extracomunitarie operanti in

Dettagli

ADDENDUM AL VADEMECUM PARTE I DICHIARAZIONE, RIPARTIZIONE E VERSAMENTO E DEI CONTRIBUTI

ADDENDUM AL VADEMECUM PARTE I DICHIARAZIONE, RIPARTIZIONE E VERSAMENTO E DEI CONTRIBUTI ADDENDUM AL VADEMECUM PARTE I DICHIARAZIONE, RIPARTIZIONE E VERSAMENTO E DEI CONTRIBUTI 1. DICHIARAZIONE DEI CONTRIBUTI Il contributo dovuto a Forma.Temp dalle ApL previsto dall art. 12, comma 2, del D.

Dettagli

Proposte di modifica al Testo Integrato della Disciplina del Mercato Elettrico - Mercato dei certificati verdi

Proposte di modifica al Testo Integrato della Disciplina del Mercato Elettrico - Mercato dei certificati verdi Proposte di modifica al Testo Integrato della Disciplina del Mercato Elettrico - Mercato dei certificati verdi L introduzione di una struttura di mercato improntata sul principio di indifferenza di controparte

Dettagli

MODIFICHE ALLE ISTRUZIONE DEL SERVIZIO DI GESTIONE ACCENTRATA

MODIFICHE ALLE ISTRUZIONE DEL SERVIZIO DI GESTIONE ACCENTRATA MODIFICHE ALLE ISTRUZIONE DEL SERVIZIO DI GESTIONE ACCENTRATA Si modificano le Istruzioni del Servizio di Gestione Accentrata per chiarire alcuni aspetti operativi del servizio. In particolare si specificano:

Dettagli

Fondo 5 Euro/tonnellata premiata Programma per l erogazione di contributi per il potenziamento e l adeguamento dei Centri di Raccolta dei RAEE

Fondo 5 Euro/tonnellata premiata Programma per l erogazione di contributi per il potenziamento e l adeguamento dei Centri di Raccolta dei RAEE In merito all attestazione che un Comune è conferente presso il CdR oggetto di Domanda di contributo, è necessario inviare la dichiarazione del Comune conferente tramite il facsimile di cui all'allegato

Dettagli

Conai Accordo Quadro ANCI-CONAI Allegato Tecnico imballaggi di legno (Accordo ANCI-Rilegno)

Conai Accordo Quadro ANCI-CONAI Allegato Tecnico imballaggi di legno (Accordo ANCI-Rilegno) Conai Accordo Quadro ANCI-CONAI 2009-2013 Allegato Tecnico imballaggi di legno (Accordo ANCI-Rilegno) Allegato Tecnico imballaggi di legno 87 1. Oggetto dell Allegato L Allegato si riferisce ai rifiuti

Dettagli

DEFINIZIONE DELLE CARATTERISTICHE MINIME DELLE UNITÀ DI CARICO

DEFINIZIONE DELLE CARATTERISTICHE MINIME DELLE UNITÀ DI CARICO DEFINIZIONE DELLE CARATTERISTICHE MINIME DELLE UNITÀ DI CARICO Pagina 1 PREMESSA Nel sistema integrato di raccolta differenziata dei RAEE, le Unità di Carico (di seguito abbreviate in UdC), rappresentano

Dettagli

N. 1 IMPIANTO BI-OSMOSI INVERSA PER IL NUOVO REPARTO DI EMODIALISI PRESSO IL PIANO 9 DELL OSP. LA COLLETTA

N. 1 IMPIANTO BI-OSMOSI INVERSA PER IL NUOVO REPARTO DI EMODIALISI PRESSO IL PIANO 9 DELL OSP. LA COLLETTA N. 1 IMPIANTO BI-OSMOSI INVERSA PER IL NUOVO REPARTO DI EMODIALISI PRESSO IL PIANO 9 DELL OSP. LA COLLETTA CONDIZIONI CONTRATTUALI PER L ASSISTENZA TECNICA DURANTE IL PERIODO DI GARANZIA PARAMETRO QUESTIONARIO

Dettagli

7. Piano economico tecnico area SII Triennio 2007/2009

7. Piano economico tecnico area SII Triennio 2007/2009 Allegato Sub B) alla deliberazione della Conferenza dell'autorità d'ambito n. 2" n 234 del 13 maggio 2008 IL SEGRETARIO DELLA CONFERENZA (Dott. Piero Gaetano VANTAGGIATO) 7. Piano economico tecnico area

Dettagli

Prestito Obbligazionario 133^ emissione 01/02/08 01/02/13 STEP UP (Codice ISIN IT )

Prestito Obbligazionario 133^ emissione 01/02/08 01/02/13 STEP UP (Codice ISIN IT ) MODELLO DI CONDIZIONI DEFINITIVE relative alla Nota Informativa sul Programma di Offerta di Prestiti Obbligazionari denominati Obbligazioni Cassa di Risparmio di Ravenna SPA Step Up Il seguente modello

Dettagli

SERVIZIO DI RACCOLTA E SMALTIMENTO RIFIUTI IN AUTOSTRADA E RELATIVE PERTINENZE LOTTO 3 RIFIUTI PROVENIENTI DALL ESERCIZIO AUTOSTRADALE

SERVIZIO DI RACCOLTA E SMALTIMENTO RIFIUTI IN AUTOSTRADA E RELATIVE PERTINENZE LOTTO 3 RIFIUTI PROVENIENTI DALL ESERCIZIO AUTOSTRADALE ARTT. 1. MESSA A DISPOSIZIONE CONTENITORI SCARRABILI PRESSO LE PERTINENZE AUTOSTRADALI (Posti Manutenzione, Centri Servizi, Laboratorio Ronchis, altre pertinenze) 1. La presente scheda tecnica si applica

Dettagli

per il ritiro di pile accumulatori industriali e per veicoli dai Centri di Raccolta Comunali

per il ritiro di pile accumulatori industriali e per veicoli dai Centri di Raccolta Comunali Condizioni Generali per il ritiro di pile accumulatori industriali e per veicoli dai Centri di Raccolta Comunali 1 Oggetto ed ambito applicativo Le presenti prescrizioni costituiscono condizioni uniformi

Dettagli

QUADERNO RAEE 4. Marzo 2013 GUIDA ALLA LETTURA DELL ESTRATTO CONTO

QUADERNO RAEE 4. Marzo 2013 GUIDA ALLA LETTURA DELL ESTRATTO CONTO QUADERNO RAEE 4 GUIDA ALLA LETTURA DELL ESTRATTO CONTO Ai sensi dell Accordo di Programma tra ANCI e CdC RAEE del 28 marzo 2012, modificato il 13 settembre 2012 e il 25 marzo 2013, per la definizione delle

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE IN USO DELLE ATTREZZATURE DI PROPRIETA COMUNALE

REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE IN USO DELLE ATTREZZATURE DI PROPRIETA COMUNALE Allegato A alla delibera di C.C. n. 25 del 30/04/2014 Il Segretario generale F.to dott.ssa Adriana Salini REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE IN USO DELLE ATTREZZATURE DI PROPRIETA COMUNALE Approvato con deliberazione

Dettagli

Verbale di Deliberazione della Giunta Comunale

Verbale di Deliberazione della Giunta Comunale ORIGINALE COMUNE DI MONTERIGGIONI PROVINCIA DI SIENA Verbale di Deliberazione della Giunta Comunale DELIBERAZIONE N. 143 DEL 05/10/2016 OGGETTO: LAVORI DI ADEGUAMENTO DEL CENTRO DI RACCOLTA COMUNALE DI

Dettagli

Allegato A Punto 4: Organizzazione delle procedure concorsuali

Allegato A Punto 4: Organizzazione delle procedure concorsuali Definizione di procedure concorsuali per l aggiudicazione del servizio di salvaguardia per aree territoriali ai sensi dell articolo 1, comma 4, del decreto legge 18 giugno 2007, n. 73/07. Punto 1: Oggetto

Dettagli

I chiarimenti dell Agenzia sull aumento dell aliquota IVA ordinaria al 22%

I chiarimenti dell Agenzia sull aumento dell aliquota IVA ordinaria al 22% Fiscal Flash La notizia in breve N. 279 06.11.2013 I chiarimenti dell Agenzia sull aumento dell aliquota IVA ordinaria al 22% L Agenzia con Circolare n.32/e del 5 novembre 2013 fornisce dei chiarimenti

Dettagli

GUIDA ALLA LETTURA DELL ESTRATTO CONTO DICHIARAZIONI REDDITUALI NON PRESENTATE

GUIDA ALLA LETTURA DELL ESTRATTO CONTO DICHIARAZIONI REDDITUALI NON PRESENTATE GUIDA ALLA LETTURA DELL ESTRATTO CONTO DICHIARAZIONI REDDITUALI NON PRESENTATE Scheda A: ESTRATTO CONTO ATTIVITÀ PROFESSIONALE La scheda A dell estratto conto riporta le seguenti informazioni: annualità

Dettagli

DISPOSIZIONI IN MATERIA DI PRESTITI CONTRATTI DAI PENSIONATI ESTINGUIBILI CON CESSIONE FINO AD UN QUINTO DELLE PENSIONI

DISPOSIZIONI IN MATERIA DI PRESTITI CONTRATTI DAI PENSIONATI ESTINGUIBILI CON CESSIONE FINO AD UN QUINTO DELLE PENSIONI DISPOSIZIONI IN MATERIA DI PRESTITI CONTRATTI DAI PENSIONATI ESTINGUIBILI CON CESSIONE FINO AD UN QUINTO DELLE PENSIONI ART.1 AMBITO DI APPLICAZIONE Con la presente procedura si definiscono le modalità

Dettagli

Regolamento particolare per la certificazione dei sistemi di gestione ambientale

Regolamento particolare per la certificazione dei sistemi di gestione ambientale Regolamento particolare per la certificazione dei sistemi di gestione ambientale In vigore dal 20/02/2016 GLOBE S.R.L. Via Governolo 34 10128 TORINO Tel 011/59/5863 Fax 011/ 5681344 www.byglobe.it email:

Dettagli

Prestito Obbligazionario 20/09/07 20/09/12 191^ emissione TV Media Mensile Codice ISIN IT

Prestito Obbligazionario 20/09/07 20/09/12 191^ emissione TV Media Mensile Codice ISIN IT MODELLO DI CONDIZIONI DEFINITIVE relative alla Nota Informativa sul Programma di Offerta di Prestiti Obbligazionari denominati Obbligazioni Banca di Imola SPA a Tasso Variabile Media Mensile Il seguente

Dettagli

CIRCOLARE MENSILE - GIUGNO 2017

CIRCOLARE MENSILE - GIUGNO 2017 Thiene, 12 giugno 2017 CIRCOLARE MENSILE - GIUGNO 2017 Indice Termini dei versamenti delle imposte... 2 Nuove sanzioni per il meccanismo del Reverse Charge... 2 Compensazioni F24: precisazioni dall Agenzia

Dettagli

WORKSHOP Centri di Raccolta e Sistema RAEE. Pineto, 14 giugno 2013

WORKSHOP Centri di Raccolta e Sistema RAEE. Pineto, 14 giugno 2013 WORKSHOP Centri di Raccolta e Sistema RAEE Pineto, 14 giugno 2013 La gestione dei RAEE IL NUOVO e l Accordo ACCORDO di Programma DI PROGRAMMA ANCI Centro ANCI CdC di Coordinamento RAEE RAEE 111 INTRODUZIONE

Dettagli

PRESTITO PERSONALE Il presente documento non è personalizzato ed ha la funzione di render note le condizioni dell offerta alla potenziale Clientela

PRESTITO PERSONALE Il presente documento non è personalizzato ed ha la funzione di render note le condizioni dell offerta alla potenziale Clientela PRESTITO PERSONALE Il presente documento non è personalizzato ed ha la funzione di render note le condizioni dell offerta alla potenziale Clientela 1. IDENTITA E CONTATTI DEL FINANZIATORE/INTERMEDIARIO

Dettagli

Progetto Internet Social Point della Regione Basilicata

Progetto Internet Social Point della Regione Basilicata SAX Progetto Internet Social Point della ACCORDO PER LE ATTIVITA DEGLI INTERNET SOCIAL POINT REALIZZATI CON IL FINANZIAMENTO DELLA REGIONE BASILICATA PRESSO LE AMMINISTRAZIONI COMUNALI Il progetto Internet

Dettagli

Prestito Obbligazionario Cassa di Risparmio di Ravenna SpA 144^ Emissione 02/05/ /05/2011 TV%- Media Mensile (Codice ISIN IT )

Prestito Obbligazionario Cassa di Risparmio di Ravenna SpA 144^ Emissione 02/05/ /05/2011 TV%- Media Mensile (Codice ISIN IT ) MODELLO DI CONDIZIONI DEFINITIVE relative alla Nota Informativa sul Programma di Offerta di Prestiti Obbligazionari denominati Obbligazioni Cassa di Risparmio di Ravenna SPA a Tasso Variabile Media Mensile

Dettagli

Sintesi della Policy di valutazione e pricing delle obbligazioni emesse dalla Banca di Credito Cooperativo Masiano

Sintesi della Policy di valutazione e pricing delle obbligazioni emesse dalla Banca di Credito Cooperativo Masiano Sintesi della Policy di valutazione e pricing delle obbligazioni emesse dalla Banca di Credito Cooperativo Masiano ********** Delibera 22/12/2014 Policy di Pricing Banca di Credito Cooperativo di Masiano

Dettagli

PRESTITO PERSONALE Il presente documento non è personalizzato ed ha la funzione di render note le condizioni dell offerta alla potenziale Clientela

PRESTITO PERSONALE Il presente documento non è personalizzato ed ha la funzione di render note le condizioni dell offerta alla potenziale Clientela PRESTITO PERSONALE Il presente documento non è personalizzato ed ha la funzione di render note le condizioni dell offerta alla potenziale Clientela 1. IDENTITA E CONTATTI DEL FINANZIATORE/INTERMEDIARIO

Dettagli

GUIDA ALLA LETTURA DELL ESTRATTO CONTO - DICHIARAZIONI REDDITUALI PRESENTATE

GUIDA ALLA LETTURA DELL ESTRATTO CONTO - DICHIARAZIONI REDDITUALI PRESENTATE GUIDA ALLA LETTURA DELL ESTRATTO CONTO - DICHIARAZIONI REDDITUALI PRESENTATE Scheda A: ESTRATTO CONTO ATTIVITÀ PROFESSIONALE La scheda A dell estratto conto riporta le seguenti informazioni: annualità

Dettagli

Accordo di Programma tra ANCI, ORGANIZZAZIONI DELLA DISTRIBUZIONE e CENTRO di COORDINAMENTO RAEE

Accordo di Programma tra ANCI, ORGANIZZAZIONI DELLA DISTRIBUZIONE e CENTRO di COORDINAMENTO RAEE ACCORDO DI PROGRAMMA TRA ANCI, LE ORGANIZZAZIONI NAZIONALI DI CATEGORIA DELLA DISTRIBUZIONE E IL CENTRO DI COORDINAMENTO RAEE PER LA RACCOLTA E LA GESTIONE DEI RIFIUTI DA APPARECCHIATURE ELETTRICHE ED

Dettagli

MANUALE UTENTEPER L UTILIZZO DELLA PIATTAFORMA WEEENMODELS

MANUALE UTENTEPER L UTILIZZO DELLA PIATTAFORMA WEEENMODELS icsolutionswnewmmanuale UTENTEPER L UTILIZZO DELLA PIATTAFORMA WEEENMODELS TRASPORTATORI Il Manuale è stato predisposto per fornire agli utilizzatori della piattaforma Weeenmodels le istruzioni per lo

Dettagli

Domande Frequenti Verifiche Comunicazione delle emissioni 2009

Domande Frequenti Verifiche Comunicazione delle emissioni 2009 Domande Frequenti Verifiche Comunicazione delle emissioni 2009 Versione del 12-03-2010 - Comunicazione delle emissioni... 1 Monitoraggio delle emissioni... 2 Per i gestori che, per mezzo della dichiarazione

Dettagli

Revisione decorrenza 01/01/ Elenco prezzi servizi al punto di riconsegna PREZZIARIO STANDARD DI TEA S.E.I. S.r.l.

Revisione decorrenza 01/01/ Elenco prezzi servizi al punto di riconsegna PREZZIARIO STANDARD DI TEA S.E.I. S.r.l. Le attività sono svolte da personale interno della Società o da imprese esterne, e sono regolamentate dalle normative tecniche, procedure, istruzioni in vigore e svolte secondo le prescrizioni di sicurezza

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca ALLEGATO AL CAPITOLATO TECNICO PER L AFFIDAMENTO DEI SERVIZI DI MONITORAGGIO SUI CONTRATTI DI SVILUPPO E GESTIONE DEL SISTEMA INFORMATIVO DEL MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA

Dettagli

Le modifiche all ordinanza 57 apportate con l Ordinanza 42/2013 riguardano: Art. 4

Le modifiche all ordinanza 57 apportate con l Ordinanza 42/2013 riguardano: Art. 4 IN CHE COSA CONSISTONO LE MODIFICHE APPORTATE CON L ORDINANZA 42/2013 ALL ORDINANZA 57/2012? Le modifiche all ordinanza 57 apportate con l Ordinanza 42/2013 riguardano: Art. 4 - comma 7: Si tratta di una

Dettagli

Prestito Obbligazionario Cassa di Risparmio di Ravenna SpA 113^ Emissione 12/04/ /04/2010 TV%- Media Mensile (Codice ISIN IT )

Prestito Obbligazionario Cassa di Risparmio di Ravenna SpA 113^ Emissione 12/04/ /04/2010 TV%- Media Mensile (Codice ISIN IT ) MODELLO DI CONDIZIONI DEFINITIVE relative alla Nota Informativa sul Programma di Offerta di Prestiti Obbligazionari denominati Obbligazioni Cassa di Risparmio di Ravenna SPA a Tasso Variabile Media Mensile

Dettagli

INCENTIVI INAIL ALLE IMPRESE PER LA SICUREZZA SUL LAVORO AVVISO REGIONALE (art. 11 c. 1 e 5 del decreto 81/2008 e s.m.i)

INCENTIVI INAIL ALLE IMPRESE PER LA SICUREZZA SUL LAVORO AVVISO REGIONALE (art. 11 c. 1 e 5 del decreto 81/2008 e s.m.i) INCENTIVI INAIL ALLE IMPRESE PER LA SICUREZZA SUL LAVORO AVVISO REGIONALE 2013 (art. 11 c. 1 e 5 del decreto 81/2008 e s.m.i) Entità del finanziamento A livello nazionale: 307 milioni di euro circa Per

Dettagli

1 Premessa Accesso al sistema Calcolo del contributo da versare per il Comunicazione dell avvenuto versamento...

1 Premessa Accesso al sistema Calcolo del contributo da versare per il Comunicazione dell avvenuto versamento... Manuale d uso del sistema Contributo per il funzionamento dell Autorità 1 Premessa... 2 2 Accesso al sistema... 2 3 Calcolo del contributo da versare per il 2013... 4 4 Comunicazione dell avvenuto versamento...6

Dettagli

LIMITI ALLA COMPENSAZIONE DEL CREDITO IVA: I CHIARIMENTI DEFINITIVI

LIMITI ALLA COMPENSAZIONE DEL CREDITO IVA: I CHIARIMENTI DEFINITIVI Circolare N. 05 Area: TAX & LAW Periodico plurisettimanale 22 gennaio 2010 LIMITI ALLA COMPENSAZIONE DEL CREDITO IVA: I CHIARIMENTI DEFINITIVI Come noto, dal 1 gennaio 2010 l utilizzo in compensazione

Dettagli

Gruppo Buffetti S.p.A. Direzione e coordinamento Dylog Italia S.p.A. Via Francesco Antolisei, Roma

Gruppo Buffetti S.p.A. Direzione e coordinamento Dylog Italia S.p.A. Via Francesco Antolisei, Roma Gruppo Buffetti S.p.A. Direzione e coordinamento Dylog Italia S.p.A. Via Francesco Antolisei, 10-00173 Roma CONTRIBUENTI MINIMI. Possono accedere al nuovo regime dei contribuenti minimi introdotto dall

Dettagli

L.R. 1/2004, art. 5. cc. 1 e 2 B.U.R. 11/05/2011, n. 19. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 27 aprile 2011, n. 092/Pres.

L.R. 1/2004, art. 5. cc. 1 e 2 B.U.R. 11/05/2011, n. 19. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 27 aprile 2011, n. 092/Pres. L.R. 1/2004, art. 5. cc. 1 e 2 B.U.R. 11/05/2011, n. 19 DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 27 aprile 2011, n. 092/Pres. Regolamento recante criteri e modalità per la concessione di contributi destinati

Dettagli

INDICAZIONI REGIONALI PER ISCRIZIONI AI PERCORSI DI ISTRUZIONE E FORMAZIONE PROFESSIONALE

INDICAZIONI REGIONALI PER ISCRIZIONI AI PERCORSI DI ISTRUZIONE E FORMAZIONE PROFESSIONALE Prot. N. MO5075 Monza, 22/01/14 Ai Dirigenti delle Istituzioni scolastiche secondarie di primo e secondo grado OGGETTO: INDICAZIONI REGIONALI PER ISCRIZIONI AI PERCORSI DI ISTRUZIONE E FORMAZIONE PROFESSIONALE

Dettagli

DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE

DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE Redatto ai sensi dell articolo 5 del Regolamento approvato dalla Consob con Delibera 117221 del 12 marzo 2010, e successive

Dettagli

Provincia di Chieti. Articolo 1

Provincia di Chieti. Articolo 1 Provincia di Chieti CONTRIBUTI A FAVORE DEI CONFIDI PER AGEVOLARE L'ACCESSO AL CREDITO ALLE IMPRESE ARTIGIANE, PICCOLA INDUSTRIA, COMMERCIALI, TURISTICHE, DEI SERVIZI ED AGRICOLE Articolo 1 Il presente

Dettagli

LA NUOVA DISCIPLINA DELLO SCAMBIO SUL POSTO

LA NUOVA DISCIPLINA DELLO SCAMBIO SUL POSTO REGIONE AUTONOMA VALLE D AOSTA ASSESSORATO AGRICOLTURA E RISORSE NATURALI DIREZIONE POLITICHE COMUNITARIE E MIGLIORAMENTI FONDIARI LA NUOVA DISCIPLINA DELLO SCAMBIO SUL POSTO delibera arg/elt 74/08 Con

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DEI CONTRIBUTI ALLE ORGANIZZAZIONI DI VOLONTARIATO

REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DEI CONTRIBUTI ALLE ORGANIZZAZIONI DI VOLONTARIATO Pagina 1 di 6 REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DEI MATRICE DELLE REVISIONI REVISIONE DATA DESCRIZIONE / TIPO MODIFICA REDATTA DA VERIFICATA DA APPROVATA DA 00 15/06/2016 Prima emissione F. TOGNI B. MAIOLI

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ILLUMINAZIONE VOTIVA NEL CIMITERO COMUNALE Approvato con delibera 8/2010

REGOLAMENTO PER L ILLUMINAZIONE VOTIVA NEL CIMITERO COMUNALE Approvato con delibera 8/2010 COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Provincia di Padova REGOLAMENTO PER L ILLUMINAZIONE VOTIVA NEL CIMITERO COMUNALE Approvato con delibera 8/2010 ART. 1 Oggetto del regolamento Il presente regolamento disciplina

Dettagli

CONDIZIONI GENERALI DI UTILIZZO DEI BUONI REGALO Decorrenza dal 01/01/2017

CONDIZIONI GENERALI DI UTILIZZO DEI BUONI REGALO Decorrenza dal 01/01/2017 CONDIZIONI GENERALI DI UTILIZZO DEI BUONI REGALO Decorrenza dal 01/01/2017 1.1. Il buono regalo (nel seguito, i Buono Regalo PD ) è una buono acquisto prepagato, non nominativo, creata da Press-di Abbonamenti

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL RECUPERO CREDITI INSOLUTI ASL TO 4

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL RECUPERO CREDITI INSOLUTI ASL TO 4 REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL RECUPERO CREDITI INSOLUTI ASL TO 4 Pagina 1 di 11 SOMMARIO ART. 1 FINALITÀ 3 Art. 2 RECUPERO DEI CREDITI DOVUTI AI TICKETS NON PAGATI, REFERTI NON RITIRATI E PRESTAZIONI

Dettagli

Le criticità dell emanando decreto

Le criticità dell emanando decreto Le criticità dell emanando decreto Il Decreto Ministeriale sui rimborsi della tariffa di depurazione: Criticità, soluzioni e prospettive per il futuro Roma, 11 dicembre 2009 Sommario Le disposizioni della

Dettagli

Supplemento di Aggiornamento

Supplemento di Aggiornamento Supplemento di Aggiornamento Al Prospetto relativo all Offerta al pubblico di quote dei fondi comuni di investimento mobiliare aperti di diritto italiano rientranti nell ambito di applicazione della Direttiva

Dettagli

SPECIALE SPESOMETRO NORMATIVA Normativa transitoria... 2 LA COMUNICAZIONE... 3

SPECIALE SPESOMETRO NORMATIVA Normativa transitoria... 2 LA COMUNICAZIONE... 3 I N D I C E NORMATIVA... 2 Normativa transitoria... 2 LA COMUNICAZIONE... 3 Le operazioni rilevanti... 3 Le operazioni escluse... 3 Verifica della soglia... 4 Contratti d appalto e con corrispettivi periodici...

Dettagli

NOTA OPERATIVA N. 5 /2017. OGGETTO: Il criterio del costo ammortizzato nella valutazione di crediti, debiti e titoli di debito

NOTA OPERATIVA N. 5 /2017. OGGETTO: Il criterio del costo ammortizzato nella valutazione di crediti, debiti e titoli di debito NOTA OPERATIVA N. 5 /2017 OGGETTO: Il criterio del costo ammortizzato nella valutazione di crediti, debiti e titoli di debito 1. INTRODUZIONE Il Decreto Legislativo n. 139 del 18 agosto 2015 ha recepito

Dettagli

INFORMAZIONI EUROPEE SUL CREDITO AI CONSUMATORI per aperture di credito in conto corrente

INFORMAZIONI EUROPEE SUL CREDITO AI CONSUMATORI per aperture di credito in conto corrente Cassa Lombarda S.p.A. Pagina 1 di 5 INFORMAZIONI EUROPEE SUL CREDITO AI CONSUMATORI per aperture di credito in conto corrente 1. Identità e contatti del finanziatore/intermediario del credito Finanziatore

Dettagli

SCHEDA TECNICA. A. Testo Integrato in tema di fatturazione (TIF)

SCHEDA TECNICA. A. Testo Integrato in tema di fatturazione (TIF) SCHEDA TECNICA Disposizioni relative alla fatturazione di periodo, indennizzi a carico dei venditori e delle imprese di distribuzione e ulteriori obblighi in capo alle suddette imprese in tema di misura

Dettagli

TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI. Articolo 1 Definizioni

TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI. Articolo 1 Definizioni Attuazione del decreto del Ministro dello Sviluppo Economico, di concerto con il Ministro dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare 11 aprile 2008, ai fini dell incentivazione della produzione

Dettagli

AGENZIA REGIONALE PER L EROGAZIONI IN AGRICOLTURA,

AGENZIA REGIONALE PER L EROGAZIONI IN AGRICOLTURA, (ALLEGATO B) CONVENZIONE TRA LA REGIONE TOSCANA E ARTEA PER LA GESTIONE DEL FONDO PER L INTEGRAZIONE AL REDDITO DEI LAVORATORI DIPENDENTI DA AZIENDE CHE HANNO SOTTOSCRITTO CONTRATTI DI SOLIDARIETA DI CUI

Dettagli

Accordo di Programma tra ANCI, ORGANIZZAZIONI DELLA DISTRIBUZIONE e CENTRO di COORDINAMENTO RAEE

Accordo di Programma tra ANCI, ORGANIZZAZIONI DELLA DISTRIBUZIONE e CENTRO di COORDINAMENTO RAEE ACCORDO DI PROGRAMMA TRA ANCI, LE ORGANIZZAZIONI NAZIONALI DI CATEGORIA DELLA DISTRIBUZIONE E IL CENTRO DI COORDINAMENTO RAEE PER LA RACCOLTA E LA GESTIONE DEI RIFIUTI DA APPARECCHIATURE ELETTRICHE ED

Dettagli

COMUNE DI CAMPIGLIA DEI BERICI

COMUNE DI CAMPIGLIA DEI BERICI COMUNE DI CAMPIGLIA DEI BERICI PROVINCIA DI VICENZA Regolamento per il Servizio di Illuminazione Votiva Cimitero Comunale Approvato con deliberazione di C.C. n 21 del 30.04.2010 Modificato con deliberazione

Dettagli

L accreditamento dei corsi di dottorato del XXXI ciclo

L accreditamento dei corsi di dottorato del XXXI ciclo L accreditamento dei corsi di dottorato del XXXI ciclo Il MIUR ha accreditato, su parere conforme dell ANVUR, i corsi di dottorato del XXX ciclo. Il DM n. 45 dell 8 febbraio 2013, Regolamento recante modalità

Dettagli

Rimborsi come ottenerli

Rimborsi come ottenerli Rimborsi come ottenerli I rimborsi saranno riconosciuti solo per quei Colleghi che applicano il Contratto Collettivo di Lavoro firmato da ConfProfessioni, ed ANDI, ed sono iscritti ad Ebipro e Fondoprofessioni

Dettagli

per il ritiro di pile e accumulatori portatili esausti dai Centri di Raccolta

per il ritiro di pile e accumulatori portatili esausti dai Centri di Raccolta Condizioni Generali per il ritiro di pile e accumulatori portatili esausti dai Centri di Raccolta 1 Oggetto ed ambito applicativo Le presenti prescrizioni ( Condizioni Generali di Ritiro ) costituiscono

Dettagli

CIRCOLARE N 415. OGGETTO: Applicazione agli Ordini Regionali delle disposizioni IVA in materia di split payment PREMESSA

CIRCOLARE N 415. OGGETTO: Applicazione agli Ordini Regionali delle disposizioni IVA in materia di split payment PREMESSA A tutti gli Ordini Regionali dei Geologi Roma, 25 luglio 2017 Rif. P/CR.c LORO SEDI Consiglio Nazionale dei Geologi Cod.Ente: cnodg Cod.Registro: OUT UO: Consiglio Nazionale dei Geologi Prot.N. 0002806

Dettagli

PRIMO SUPPLEMENTO AL PROSPETTO DI BASE

PRIMO SUPPLEMENTO AL PROSPETTO DI BASE Sede Legale: Corso della Repubblica, 2/4 Forlì Capitale Sociale e Riserve al 11 maggio 2014 Euro 102.462.022,95 Partita IVA 00124950403 Iscritta al registro delle Imprese Forlì-Cesena al numero 132929

Dettagli

Sintesi della Policy di valutazione pricing delle obbligazioni emesse dalla Banca di Credito Cooperativo di Pontassieve

Sintesi della Policy di valutazione pricing delle obbligazioni emesse dalla Banca di Credito Cooperativo di Pontassieve Sintesi della Policy di valutazione pricing delle obbligazioni emesse dalla Banca di Credito Cooperativo di Pontassieve Dicembre 2011 Aggiornata nel Gennaio 2013 Aggiornata nel Novembre 2014 Aggiornata

Dettagli

GESTIONE AGENZIE VIAGGIO ART. 74 TER

GESTIONE AGENZIE VIAGGIO ART. 74 TER GESTIONE AGENZIE VIAGGIO ART. 74 TER Di seguito verrà riportata la gestione contabile e fiscale delle Agenzie di viaggio regolata dall articolo 74 ter del DPR 633/1972. In questo regime la base imponibile

Dettagli

FAQ AGGIORNATE AL 15 DICEMBRE

FAQ AGGIORNATE AL 15 DICEMBRE Quali sono i possibili motivi che possono determinare l esclusione della domanda di ammissione presentata per il Bando? I possibili motivi che possono determinare l esclusione della domanda presentata

Dettagli

Circolare N. 95 del 26 Giugno 2015

Circolare N. 95 del 26 Giugno 2015 Circolare N. 95 del 26 Giugno 2015 Premi di secondo livello 2014: decontribuzione più leggera nel limite dell'1,6% della retribuzione del lavoratore Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla

Dettagli

Delibera n. 8/2012 Carta dei Servizi della Direzione Politiche delle Entrate e Tributi ICI Anno 2012 PREMESSE GENERALI

Delibera n. 8/2012 Carta dei Servizi della Direzione Politiche delle Entrate e Tributi ICI Anno 2012 PREMESSE GENERALI Delibera n. 8/2012 Carta dei Servizi della Direzione Politiche delle Entrate e Tributi ICI Anno 2012 PREMESSE GENERALI La Direzione Politiche delle Entrate e Tributi gestisce le entrate tributarie comunali

Dettagli

REGOLAMENTO SULLA CONTRIBUZIONE

REGOLAMENTO SULLA CONTRIBUZIONE Approvato il 29 novembre 2013 Depositato presso la Covip dal Consiglio di Amministrazione il 10 dicembre 2013 Pag. 2 a 7 ARTICOLO 1 DISPOSIZIONI GENERALI 1.1 Il presente Regolamento norma, in esecuzione

Dettagli

I suddetti documenti devono essere sottoscritti dal legale rappresentante del Fornitore richiedente.

I suddetti documenti devono essere sottoscritti dal legale rappresentante del Fornitore richiedente. BANDO PER L ABILITAZIONE DI FORNITORI E PRODOTTI (MACCHINE PER UFFICIO ED ELABORATORI ELETTRONICI, ATTREZZATURE E FORNITURE CPV 30000000-9) PER LA PARTECIPAZIONE IN VIA SPERIMENTALE AL MERCATO ELETTRONICO

Dettagli