Abstract Costruire una visione condivisa per concretizzare la città futura: tecniche e metodi per una pianificazione partecipata.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Abstract Costruire una visione condivisa per concretizzare la città futura: tecniche e metodi per una pianificazione partecipata."

Transcript

1 Abstract Costruire una visione condivisa per concretizzare la città futura: tecniche e metodi per una pianificazione partecipata. Ambito Tematico: Definizione di una visione condivisa della città futura: metodologie e strumenti per la definizione di scenari di sviluppo e tecniche di coinvolgimento di cittadini, esperti, organizzazioni locali e aziende nella definizione di visioni condivise riguardo al futuro della città; di Amalia Cancelliere, Architetto; Dottoranda in Metodi di valutazione per la conservazione integrata, recupero, manutenzione e gestione del patrimonio architettonico, urbano ed ambientale; Dipartimento di Architettura, Università di Napoli Federico II; Intervenire sulla città risulta, oggi, estremamente complesso: individuare, progettare e costruire azioni dirette alla sua rigenerazione, richiede un forte impegno e reclama, soprattutto, la realizzazione di politiche cooperative. Il processo di pianificazione, attraverso queste ultime, deve tradursi, per essere effettivamente efficace, in azioni capaci di garantire e promuovere la crescita della città facilitando l accessibilità, sia in termini di collegamento e di percorrenza, sia di servizi e comunicazione, deve prevedere interventi adeguati a creare nuove connessioni territoriali che inseriscano i centri urbani in rete, deve potenziare il patrimonio territoriale come sistema complesso di valori, di quei valori che fanno della città, luogo inimitabile, irripetibile, unico. E la partecipazione consapevole ed attiva, in definitiva, la chiave per la promozione dei centri urbani in direzione identitaria, l unica direzione capace di rendere attrattivi e competitivi i luoghi e di garantire uno sviluppo concreto e duraturo della città sostenibile. Tuttavia, anche se i processi decisionali inclusivi sono oramai all ordine del giorno nella pianificazione dei centri urbani e del territorio, il più delle volte non si conoscono le dinamiche e le tecniche necessarie a scongiurare il loro fallimento. Il presente contributo, nella consapevolezza che solo se la vision della città è condivisa è possibile costruire una autentica progettualità, espone alcune fra le più note procedure partecipative e concertative al fine di suggerire metodologie idonee, sperimentate a livello nazionale ed internazionale, che consentono di attuare interventi di pianificazione efficace per la città futura desiderata. Report Aspetti e caratteristiche di un approccio condiviso. La pianificazione della città deve occuparsi, dei problemi del presente proiettati verso azioni future, come risultato di attività collettive che mirano alla costruzione di una vision condivisa. Solo se il modello di sviluppo è partecipato, se la vision è comune, se si riesce ad aggregare il territorio, si potrà costruire una vera progettualità. E l inclusione sociale, la partecipazione intesa come capability building, la capacità di essere parte attiva nei processi creativi che determina lo sviluppo e la crescita urbana. E necessario, quindi, modificare il modo di affrontare i problemi relativi alla pianificazione delle nostre città e ragionare su politiche di qualità urbana e sociale nelle quali la partecipazione diventi l elemento fondamentale di una cittadinanza attiva. La città futura per configurarsi come città intelligente deve fondarsi, quindi, su un progetto integrato e globale dove approcci basati sul territorio si intersecano ad approcci basati sulle persone. A tale scopo risulta necessario affiancare alle strutture formali di governance strutture più flessibili e informali capaci di garantire il raggiungimento di una vision comune del contesto urbano e di conciliare obiettivi contrastanti fra loro e modelli di sviluppo divergenti. Elaborare una vision del futuro per la città reclama, tuttavia, il supporto di conoscenze in grado di sorreggere un idea comune delle potenzialità di sviluppo nell interesse generale tenendo conto delle diversità tra le città in termini di: percorsi di crescita, dimensioni, contesto demografico e sociale, attività culturali ed economiche che vanno sfruttate come fonti d'innovazione poiché, sono proprio tali differenze, che rappresentano il motore dello sviluppo della città. Appare, pertanto, evidente quanto la capacità di fare previsioni, nell ambito dei processi di pianificazione sia

2 un elemento determinante per valorizzare le potenzialità della città e per il superamento dei conflitti e delle contraddizioni. Il sistema urbano, tuttavia, sia esso un quartiere o una città, è troppo complesso per poter elaborare previsioni su specifici modelli e ciò porta alla costruzione di possibili scenari piuttosto che a modelli di sviluppo. Comporre uno scenario significa costruire una visione di ciò che la città vuole diventare attraverso la realizzazione di quelli che i soggetti pubblici e privati ritengono gli obiettivi prioritari. Così la visione strategica diviene un patto, un contratto sociale risultato di un processo che parte dal dialogo e ragiona per valori. Pensare per valori favorisce la comunicazione sociale, assicura l uso di un linguaggio semplice, consente di creare differenti prospettive più desiderabili di quelle già tracciate. La pianificazione di una visione strategica implica, pertanto, un impegno organizzativo per regolamentare la partecipazione di tutti i soggetti (pubblici, privati, terzo settore) a livello più decentralizzato possibile; è chiaro, però, quanto sia determinante, per una corretta azione di pianificazione della città una governance a più livelli. Il principio di sussidiarietà, ribadito nel Trattato di Lisbona, non prevede la sola sostituzione di un livello di governance superiore con uno inferiore, ma la relazione tra livelli diversi in un ottica che suggerisce di operare in un quadro di governance multilivello. Fig. 1 - L approccio per valori- Fonte Keeney (1992) Fonte : Le valutazioni per lo sviluppo sostenibile di L. Fusco Girard P. Njikamp Ed. F. Angeli, 2003, p. 63 Procedure partecipative e concertative per la concretizzazione della città futura. Nell ambito della pianificazione, al modello gerarchico-piramidale, si sono via via affiancati, nel corso degli ultimi anni, altri due modelli di pianificazione: il modello bottom-up o dal basso, e il modello reticolare. Nel modello bottom-up, valido in un ristretto ambito di intervento: un quartiere, una piazza, la comunità locale promuove l iniziativa del processo pianificatorio, sviluppato e poi attuato attraverso la cooperazione pubblico-privata, la concertazione e la partecipazione. Il modello reticolare, basato sulla mobilitazione della rete di relazioni esistente tra gli attori ed i portatori di interessi, permette di mobilitare sia

3 le risorse economico-finanziarie pubbliche e private di tali soggetti sia il loro potenziale conoscitivo, innovativo e creativo: risorse umane, informazioni, know how, capacità di trovare soluzioni innovative ai problemi, superando, in tal modo, la ben nota mancanza di mezzi e la rigidità procedimentale degli enti pubblici che svolgono le funzioni di governo del territorio. Il processo pianificatorio reticolare si fonda sul coinvolgimento degli attori sociali, sulla realizzazione di azioni e politiche condivise, sulla negoziazione e sulla partecipazione attiva della cittadinanza in una visione di definizione di progetti condivisi per la città. Uno dei maggiori aspetti che contraddistingue la progettazione dello sviluppo locale è, pertanto, l alto tasso di attività relazionali: gran parte del lavoro viene svolto in una dimensione collettiva in cui project manager, animatori, tecnici ed attori del territorio interagiscono. Favorire, quindi, le interazioni e stimolare la condivisione, è fra le più importanti capacità richieste a chi deve occuparsi della gestione del progetto e richiede l utilizzo di strategie adeguate ad affrontare la repentinità del cambiamento e l imprevedibilità degli scenari. A tale scopo, diverse sono le metodologie partecipative che consentono di operare per la gestione dei processi partecipativi. Esse si distinguono in tecniche tradizionali come il Metaplan, e nuove tendenze. Fra quelle tradizionali il Metaplan nato in Germania negli anni 70 si connota come una tecnica di facilitazione attenta alla gestione dei processi di comunicazione nei gruppi di lavoro. Metodo di discussione visualizzato, esso si articola in differenti fasi che vanno dalla raccolta delle opinioni dei partecipanti, alla organizzazione delle stesse in blocchi logici, alla ideazione e pianificazione di azioni in cui sono evidenziate problematiche e possibili soluzioni. Tra le nuove tendenze l Open Space Technology (OST), ideata nella metà degli anni 80 da Harrison Owen, è una tecnica di gestione di workshop. Essa si basa sull autorganizzazione e consente di far collaborare gruppi con un numero variabile di partecipanti da 5 a 1000 persone. Non sono necessari relatori e programmi predefiniti, tutto è affidato ai partecipanti che propongono e gestiscono in completa autonomia il programma di lavoro attraverso la proposta di temi e problematiche reali che suscitano in loro un reale interesse. L assenza di procedure prestabilite, tuttavia, è solo apparente in quanto l OST utilizza dinamiche congeniali alla persona ed al suo modo di lavorare da non essere nemmeno notate. L European Awarness Scenario Workshop (EASW), ideata in Danimarca all inizio degli anni 90, adottata, promossa e diffusa dal programma Innovazione della Commissione Europea nel 1994 è anch essa una metodologia partecipativa appartenente alle nuove tendenze. L EASW si articola in tre fasi fondamentali: lo sviluppo di scenari; la mappatura degli stakeholder e l organizzazione locale; il workshop per lo sviluppo di visioni e l elaborazione di idee. Le prime due fasi sono di preparazione al workshop, gestito da facilitatori e vi partecipano per lo più tecnici ed esperti sul tema oggetto di indagine. L elaborazione di visioni future e lo sviluppo di idee e azioni rappresentano le fasi fondamentali del lavoro. Nella prima fase, viene richiesto ai partecipanti di ipotizzare visioni relative ad un futuro possibile nell arco di dieci anni. In seduta plenaria poi, ci si confronta al fine di valutare i differenti scenari; si individuano poi quattro gruppi tematici composti da persone appartenenti a diverse categorie di attori e, attraverso le tecniche del brainstorming e di negoziazione, vengono proposte idee e modalità di realizzazione delle visioni. In sede di discussione assembleare, con una votazione, si individuano le cinque idee migliori e le modalità di realizzazione delle stesse. L Appreciative Inquiry, nato in America, è anche esso un approccio nuovo in base al quale si tenta di leggere i processi di cambiamento che interessano le organizzazioni e le comunità attraverso le motivazioni, le impressioni delle persone e dei diversi attori. Tale processo può essere organizzato in forma di intervista o di manifestazione strutturata come grande evento. Aspetto fondamentale dell Appreciative Inquiry è sicuramente l intervista di valutazione, che si articola in più fasi con lo scopo di definire le finalità e le misure necessarie al raggiungimento della visione desiderata. Le tecniche fin qui esposte, rappresentano solo alcune delle metodologie che consentono di attuare processi partecipati di pianificazione territoriale ed urbana e suggeriscono a pianificatori, urbanisti, amministratori possibili direzioni di intervento capaci di creare il clima adeguato di scambio e collaborazione orientato al raggiungimento di una idea comune e partecipata di città futura.

4 Conclusioni Nei processi di pianificazione della città le amministrazioni sono alla ricerca di nuove prospettive e nuovi strumenti, strutturati e non, per affrontare e gestire i percorsi decisionali partecipativi ossia le scelte che vengono fatte coinvolgendo associazioni, soggetti privati, comuni cittadini. I processi inclusivi sono, oramai, all ordine del giorno nell azione di pianificazione e per riferirsi ad essi di solito si utilizzano termini come concertazione, partenariato, partecipazione, consultazione, negoziazione, intesa, accordi. Da molti anni, infatti, le leggi prevedono forme di decisione inclusiva e la stessa Unione Europea ha incentivato le politiche di partecipazione tanto che in ogni programma comunitario il coinvolgimento dei cittadini assume notevole rilievo. Possiamo, quindi, affermare che la nascita e lo sviluppo dei processi decisionali inclusivi rappresentano la maggiore innovazione in campo amministrativo e la maggiore sfida nell ambito della progettazione dell intera città. Che siano imposti da leggi nazionali o europee, o che partano dall iniziativa di amministratori appare chiaro che il problema, ai fini di una corretta pianificazione, consiste nel far funzionare tali processi. Essi sono carichi di difficoltà, di insidie e bisogna conoscerli in modo appropriato per scongiurare il loro fallimento. Tuttavia il più delle volte amministratori pubblici e operatori del settore ignorano le dinamiche dei processi inclusivi e non hanno, quindi, le necessarie competenze per affrontarli. Per fortuna in tale materia non siamo all anno zero e Sono state progettate e sperimentate varie famiglie di tecniche e di strumenti per affrontare e gestire questi processi: per scegliere i partecipanti, per indurli a ascoltarsi reciprocamente, per mettere i profani in condizione di interloquire con gli specialisti, per risolvere i conflitti, per predisporre accordi in grado di reggere nel futuro (1). Osservare e comprendere i processi avviati e gli interventi realizzati in altre aree, le best practices, attuare un idonea azione di benchmarking alla ricerca delle strategie partecipative più efficaci e competitive risulta, pertanto, indispensabile per apprendere a risolvere i propri problemi, quelli che abitualmente sorgono nella concertazione e che compromettono la scelta di decisioni adeguate alle esigenze del territorio. In conclusione, il progetto della città futura, per connotarsi come progetto efficace deve porsi come principale e prioritario obiettivo quello di mobilitare competenze, risorse, conoscenze, confronto di esperienze attraverso processi di cooperazione e condivisione, poiché, oggi, più che mai, sono questi i fattori determinanti per uno sviluppo urbano e territoriale di qualità, per una crescita in chiave autenticamente sostenibile. Note: (1) Bobbio L. (2004), A più voci. Amministrazioni pubbliche, imprese, associazioni e cittadini nei processi decisionali inclusivi, Cantieri Analisi e strumenti per l innovazione, Edizioni Scientifiche Italiane, Napoli. Pag. 11 Bibliografia Amodio R.; Luzenberger G., (2004), Breve guida all uso della metodologia European Awarness Scenario Workshop (EASW), Quaderni di facilitazione scuola superiore di facilitazione. Adair, A.; Berry, J.; Mc Greal, S.; Poon, J.; Hutchison, N.; Watkins, C.; Gibb, K., (2000), Benchmarking Urban Regeneration. RICS Foundation: London. Balducci A.,( 1996), Progettazione partecipata in urbanistica: le ragioni di un ritorno ai soggetti sociali e il caso del Piano Frazioni di Vicenza Pubblicato in: B. Secchi (a cura di), Laboratorio Prato PRG, Alinea editrice, Firenze. Balducci A. (2004), Attori e luoghi delle decisioni in urbanistica,in Impresa e Stato n 31- Rivista della camera di Commercio di Milano disponibile in Bobbio L. (2004), A più voci. Amministrazioni pubbliche, imprese, associazioni e cittadini nei processi decisionali inclusivi, Cantieri Analisi e strumenti per l innovazione, Edizioni Scientifiche Italiane, Napoli. Bocchino U. (1995), Manuale di Benchmarking. Come innovare per competere. Aspetti operativi, casi pratici e problemi, Giuffre Editore, Milano.

5 Bussi F. (2001), Progettare in partenariato. Guida alla conduzione di gruppi di lavoro con il metodo GOPP, Franco Angeli, Milano. Censis (a cura di), (2004), Condividere la conoscenza per progettare l innovazione. Il modello Competenze per lo sviluppo locale, Franco Angeli, Milano. Dematteis G., Governa F. (A cura di) (2001), Contesti locali e grandi infrastrutture, Milano, Franco Angeli. Fareri P. (1995), La costruzione dell Urban Center nella prospettiva della pianificazione strategica, IRS. Fusco Girard L., Nijkamp P., (2004), Energia, bellezza, partecipazione: la sfida della sostenibilità. Valutazioni integrate tra conservazione e sviluppo, Franco Angeli. Fusco Girard L., Nijkamp P., (2006), Le valutazioni per lo sviluppo sostenibile della città e del territorio Franco Angeli. Fusco Girard L., You N. (2006), Città attrattori di speranza, dalle buone pratiche alle buone politiche, Franco Angeli. Fusco Girard L., Forte B., (2006), Città sostenibile e sviluppo umano, Franco Angeli. J. Jacobs, (1971), L economia della città, Garzanti. Harrison Owen, (2005), E brief user s guide to Open Space Technology, Traduzione ed adattamento italiano a cura di G. de Luzenberger. Laniado E., Cellina F., (2006), Comunicazione/ informazione in materia ambientale: metodi e strumenti a supporto dei processi partecipativi, Rivista Valutazione Ambientale, n. 7 anno 2005, Edicomv Edizioni. Lynch K., (2006), L immagine della città, Marsilio Editore. Mattia S. (2007), Costruzione e valutazione della sostenibilità dei progetti (Vol. 1), Franco Angeli. Tommarchi E., (2008), Dalla pianificazione tradizionale alla pianificazione strategica urbana, Università IUAV di Venezia reperibile in Andriello V., (1998,) Caratteri e prospettive di sviluppo della Casa della Città di Napoli. Sitologia - territoriale - nell economia - della

6 Profilo Amalia Cancelliere, architetto, nata a Lecco, il 18/02/67, laureata presso la facoltà di Architettura, Federico II di Napoli con la votazione di 110/110 e lode attualmente frequenta il terzo anno del Dottorato di ricerca in Metodi di valutazione per la conservazione integrata, recupero, manutenzione e gestione del patrimonio architettonico, urbano ed ambientale; Dipartimento di Architettura, Università di Napoli Federico II dove si occupa di pianificazione integrata e sviluppo locale. Ha redatto, in quest ultimo periodo, un progetto in risposta al Bando Avviso pubblico per la rilevazione di fabbisogni di innovazione all interno del settore pubblico nelle regioni convergenza Decreto Direttoriale n. 437 del 13 marzo 2013 bandito dai Ministeri MIUR e MiSE, per il comune di Ariano Irpino (Av) contesto operativo pilota e altri dieci comuni irpini, progetto in attesa di valutazione. Ha avuto diverse esperienze lavorative come progettista, collaudatore e consulente presso il Tribunale di Sant Angelo dei Lombardi (Av). In possesso di certificazioni relative all uso del computer e alla conoscenza della lingua inglese è vincitrice di concorsi a cattedra per l insegnamento nella scuola primaria e secondaria di primo e secondo grado. Ricopre, il ruolo di docente di ruolo in Storia dell Arte nella scuola secondaria di secondo grado dal 2002 con cattedra, presso il Liceo Artistico G. Dorso di Ariano Irpino (Av).

La pianificazione strategica per lo sviluppo dei territori

La pianificazione strategica per lo sviluppo dei territori La pianificazione strategica per lo sviluppo dei territori ANALISI E STRUMENTI PER L INNOVAZIONE I MANUALI Rubbettino La pianificazione strategica per lo sviluppo dei territori è uno dei temi su cui le

Dettagli

IL MARKETING TERRITORIALE: UNA LEVA PER LO SVILUPPO?

IL MARKETING TERRITORIALE: UNA LEVA PER LO SVILUPPO? Liuc Papers, n. 214, Serie Economia e Istituzioni 21, marzo 2008 IL MARKETING TERRITORIALE: UNA LEVA PER LO SVILUPPO? Sergio Zucchetti Indice Premessa pag. 1 Introduzione pag. 4 1. Sviluppo storico del

Dettagli

ISTITUTI PROFESSIONALI

ISTITUTI PROFESSIONALI ISTITUTI PROFESSIONALI LINEE GUIDA PER IL PASSAGGIO AL NUOVO ORDINAMENTO (d.p.r. 15 marzo 2010, n. 87, articolo 8, comma 6) 1 INDICE Premessa 1. Azioni per il passaggio al nuovo ordinamento 1.1.Rendere

Dettagli

Gestire un progetto. Costruire il partneriato, governare la spesa, valorizzare i risultati

Gestire un progetto. Costruire il partneriato, governare la spesa, valorizzare i risultati Manuale a dispense sulla sicurezza urbana / dispensa n 4 / ottobre 2012 1 23 4 56 7 8910 Gestire un progetto Costruire il partneriato, governare la spesa, valorizzare i risultati Collana a cura di: Stefano

Dettagli

ISTITUTI TECNICI LINEE GUIDA PER IL PASSAGGIO AL NUOVO ORDINAMENTO. (d.p.r. 15 marzo 2010, articolo 8, comma 3)

ISTITUTI TECNICI LINEE GUIDA PER IL PASSAGGIO AL NUOVO ORDINAMENTO. (d.p.r. 15 marzo 2010, articolo 8, comma 3) ISTITUTI TECNICI LINEE GUIDA PER IL PASSAGGIO AL NUOVO ORDINAMENTO (d.p.r. 15 marzo 2010, articolo 8, comma 3) 1 INDICE Premessa 1. Azioni per il passaggio al nuovo ordinamento 1.1.Rendere riconoscibile

Dettagli

CONTRATTI di FIUME e di LAGO

CONTRATTI di FIUME e di LAGO Direzione Ambiente LINEE GUIDA REGIONALI per l attuazione dei CONTRATTI di FIUME e di LAGO Direzione Ambiente LINEE GUIDA REGIONALI per l attuazione dei CONTRATTI di FIUME e di LAGO DGR n 16-2610 del

Dettagli

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento della Funzione Pubblica. Formez PROJECT CYCLE MANAGEMENT MANUALE PER LA FORMAZIONE

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento della Funzione Pubblica. Formez PROJECT CYCLE MANAGEMENT MANUALE PER LA FORMAZIONE Formez Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento della Funzione Pubblica PROJECT CYCLE MANAGEMENT MANUALE PER LA FORMAZIONE S T R U M E N T I 4 STRUMENTI FORMEZ S T R U M E N T I I l Formez -

Dettagli

PIANO NAZIONALE PER IL SUD LE PRIORITA PER LA STRATEGIA DI RIPRESA SVILUPPO DEL MEZZOGIORNO

PIANO NAZIONALE PER IL SUD LE PRIORITA PER LA STRATEGIA DI RIPRESA SVILUPPO DEL MEZZOGIORNO PIANO NAZIONALE PER IL SUD LE PRIORITA PER LA STRATEGIA DI RIPRESA SVILUPPO DEL MEZZOGIORNO 1. Il Piano Nazionale per il Sud e il futuro della politica di coesione Il Piano nazionale per il Sud interviene

Dettagli

Lo sviluppo locale e la costruzione di reti transnazionali tra sistemi territoriali complessi

Lo sviluppo locale e la costruzione di reti transnazionali tra sistemi territoriali complessi X MASTER MLD 2002/03 Lo sviluppo locale e la costruzione di reti transnazionali tra sistemi territoriali complessi GRUPPO A Fulvio Capurso Alessandra De Lerma Francesco Gombia Valentina Iorio Ilaria Molino

Dettagli

IPOTESI PER UN PROGETTO DI RIORGANIZZAZIONE DEL COMPARTO EDUCATIVO E FORMATIVO DELLA PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO

IPOTESI PER UN PROGETTO DI RIORGANIZZAZIONE DEL COMPARTO EDUCATIVO E FORMATIVO DELLA PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO IPOTESI PER UN PROGETTO DI RIORGANIZZAZIONE DEL COMPARTO EDUCATIVO E FORMATIVO DELLA PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO L opera del maestro non deve consistere nel riempire un sacco ma nell accendere una fiamma

Dettagli

ANALISI E STRUMENTI PER L INNOVAZIONE

ANALISI E STRUMENTI PER L INNOVAZIONE Customer satisfaction: a che punto siamo Indagine sullo stato di attuazione della direttiva del Ministro per la Funzione pubblica del 24 marzo 2004 sulle rilevazioni della qualità dei servizi percepita

Dettagli

Roma, aprile 2012 L EVOLUZIONE NEI RAPPORTI TRA UNIVERSITÀ,

Roma, aprile 2012 L EVOLUZIONE NEI RAPPORTI TRA UNIVERSITÀ, Roma, aprile 2012 L EVOLUZIONE NEI RAPPORTI TRA UNIVERSITÀ, TERRITORIO E MONDO DEL LAVORO IN ITALIA: Un riepilogo delle principali trasformazioni degli ultimi venti anni di Cristiana Rita Alfonsi e Patrizia

Dettagli

LINEE GUIDA PER L ANALISI DEGLI EFFETTI SULL OCCUPAZIONE DEGLI INTERVENTI (*)

LINEE GUIDA PER L ANALISI DEGLI EFFETTI SULL OCCUPAZIONE DEGLI INTERVENTI (*) LINEE GUIDA PER L ANALISI DEGLI EFFETTI SULL OCCUPAZIONE DEGLI INTERVENTI (*) settembre 2001 INDICE 1 Contenuti generali e finalità del criterio Qualità del sistema di valutazione degli effetti sull occupazione

Dettagli

Ministro per l innovazione e le tecnologie. Linee guida del Governo per lo sviluppo della Società dell Informazione nella legislatura

Ministro per l innovazione e le tecnologie. Linee guida del Governo per lo sviluppo della Società dell Informazione nella legislatura Ministro per l innovazione e le tecnologie Linee guida del Governo per lo sviluppo della Società dell Informazione nella legislatura Roma, giugno 2002 1 2 Presentazione La modernizzazione del Paese attraverso

Dettagli

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE LINEE DI INDIRIZZO PER UNA NUOVA PROGRAMMAZIONE CONCERTATA TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO IN MATERIA IN.F.E.A. (INFORMAZIONE-FORMAZIONE-EDUCAZIONE AMBIENTALE) VERSO

Dettagli

MODUS LA VALUTAZIONE DELLE SCUOLE. Una proposta di modello valutativo per le scuole. Le scuole e associazioni professionali della rete MODUS

MODUS LA VALUTAZIONE DELLE SCUOLE. Una proposta di modello valutativo per le scuole. Le scuole e associazioni professionali della rete MODUS LA VALUTAZIONE DELLE SCUOLE MODUS Una proposta di modello valutativo per le scuole Le scuole e associazioni professionali della rete MODUS ITCG Gabriele Manthonè Pescara (scuola capofila) Direzione Didattica

Dettagli

I Centri di Servizio per il Volontariato della Regione Lombardia I Centri di servizio per il volontariato nascono con l obiettivo di supportare,

I Centri di Servizio per il Volontariato della Regione Lombardia I Centri di servizio per il volontariato nascono con l obiettivo di supportare, I Centri di Servizio per il Volontariato della Regione Lombardia I Centri di servizio per il volontariato nascono con l obiettivo di supportare, sostenere e qualificare le organizzazioni di volontariato

Dettagli

L introduzione dell ottica di genere nei processi di sviluppo locale

L introduzione dell ottica di genere nei processi di sviluppo locale L introduzione dell ottica di genere nei processi di sviluppo locale Modello Europeo e Linee Guida per il progetto internazionale W. In D. Women in Development Davide Barbieri Barbara Bittarelli Flavia

Dettagli

Spunti metodologici per l'orientamento scolastico e professionale. Materiali di lavoro per i docenti delle scuole medie inferiori PIEMONTE LAVORO

Spunti metodologici per l'orientamento scolastico e professionale. Materiali di lavoro per i docenti delle scuole medie inferiori PIEMONTE LAVORO Educare alla scelta Spunti metodologici per l'orientamento scolastico e professionale. Materiali di lavoro per i docenti delle scuole medie inferiori PIEMONTE LAVORO Formazione Professionale 2004 GUIDE

Dettagli

La scuola. che verrà. Idee per una riforma tra continuità e innovazione

La scuola. che verrà. Idee per una riforma tra continuità e innovazione La scuola che verrà Idee per una riforma tra continuità e innovazione Indice Prefazione 3 Introduzione 4 1. Gestire l eterogeneità 10 Personalizzazione 13 Le forme didattiche 13 La griglia oraria 17 Le

Dettagli

PROJECT MANAGEMENT PER LO SVILUPPO SOSTENIBILE EUROPEO

PROJECT MANAGEMENT PER LO SVILUPPO SOSTENIBILE EUROPEO PROJECT MANAGEMENT PER LO SVILUPPO SOSTENIBILE EUROPEO Gestire il turismo con successo Project Management per lo sviluppo sostenibile europeo Project Management per lo Sviluppo Sostenibile Europeo Prima

Dettagli

Una Guida ai PPP. Manuale di buone prassi

Una Guida ai PPP. Manuale di buone prassi European PPP Expertise Centre European PPP Expertise Centre European PPP Expertise Centre European PPP Expertise Centre Manuale di buone prassi rifi Unità Tecnica Finanza di Progetto Manuale di buone

Dettagli

ORIENTAMENTO: STRUMENTO CHIAVE PER EDUCARE ALLE SCELTE Strategie per un servizio alla e nella scuola

ORIENTAMENTO: STRUMENTO CHIAVE PER EDUCARE ALLE SCELTE Strategie per un servizio alla e nella scuola ORIENTAMENTO: STRUMENTO CHIAVE PER EDUCARE ALLE SCELTE Strategie per un servizio alla e nella scuola Pina Del Core Qualche premessa Tema centrale, anzi cruciale nella scuola è quello dell orientamento

Dettagli

Analizzare le partnership: un ipotesi di lavoro

Analizzare le partnership: un ipotesi di lavoro Master in Politiche della cittadinanza e welfare locale Anno 2005-2006 Analizzare le partnership: un ipotesi di lavoro Dott.a Monica Ruffa Relatore: Chiar.mo Prof. Giovanni Moro Indice Introduzione 3 Cap.

Dettagli

Il lavoro a Verona in tempo di crisi

Il lavoro a Verona in tempo di crisi Lavoro & Società COSP Verona - Comitato Provinciale per l Orientamento Scolastico e Professionale MAG Servizi Società Cooperativa Verona Innovazione Azienda Speciale C.C.I.A.A. VR Il lavoro a Verona in

Dettagli

Mappatura e miglioramento dei processi di selezione nei bandi di ricerca industriale e sviluppo pre-competitivo

Mappatura e miglioramento dei processi di selezione nei bandi di ricerca industriale e sviluppo pre-competitivo Presidenza del Consiglio dei Ministri Agenzia per la diffusione delle tecnologie per l innovazione COLLANA DEL Progetto Sostegno alle Politiche di Ricerca e Innovazione delle Regioni QI07CP03 Mappatura

Dettagli

Indice I. INTRODUZIONE...5 II. IL MODELLO CAF & EDUCATION...10. II. I criteri relativi ai fattori abilitanti... 11

Indice I. INTRODUZIONE...5 II. IL MODELLO CAF & EDUCATION...10. II. I criteri relativi ai fattori abilitanti... 11 1 Indice I. INTRODUZIONE...5 II. IL MODELLO CAF & EDUCATION...10 II. I criteri relativi ai fattori abilitanti... 11 II.2 I criteri relativi ai risultati... 30 II.3 Sistemi di valutazione e di assegnazione

Dettagli

Commissione di studio e di indirizzo sul futuro della formazione in Italia RAPPORTO SUL FUTURO DELLA FORMAZIONE IN ITALIA

Commissione di studio e di indirizzo sul futuro della formazione in Italia RAPPORTO SUL FUTURO DELLA FORMAZIONE IN ITALIA Commissione di studio e di indirizzo sul futuro della formazione in Italia RAPPORTO SUL FUTURO DELLA FORMAZIONE IN ITALIA Roma, 10 novembre 2009 La Commissione, istituita con Decreto del Ministro del Lavoro

Dettagli

Linee Guida per la Ricerca Attiva del Lavoro

Linee Guida per la Ricerca Attiva del Lavoro Linee Guida per la Ricerca Attiva del Lavoro Indice Premessa... 3 PARTE PRIMA Io chi sono e cosa voglio diventare... 4 1.1 Il portafoglio delle competenze... 5 1.2. Il bilancio delle competenze... 6 Cosa

Dettagli

Provincia Autonoma di Trento

Provincia Autonoma di Trento Provincia Autonoma di Trento E-Society: Linee Guida per lo Sviluppo della Società dell Informazione in Trentino Approvato dalla Giunta provinciale con deliberazione n. 2605 del 17 ottobre 2003 Indice 1

Dettagli