Tipo intero. Esempio. Tipo intero: operatori. Programma PortaMonete.java. Tipi base o primitivi

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Tipo intero. Esempio. Tipo intero: operatori. Programma PortaMonete.java. Tipi base o primitivi"

Transcript

1 Tipo intero Tipi base o primitivi Tipi interi: int, byte, short, long Tipi float: float, double Caratteri: char Tipo booleano: boolean Operatori numerici e logici La parola chiave int definisce una variabile di tipo intero esempio: int a; Un int permette di memorizzare un intero di 4 byte (32 bit) con la tecnica del complemento a 2. Costanti di tipo intero sono sequenze di caratteri numerici senza il punto decimale. Se la prima cifra è 0 il numero è interpretato come scritto secondo la notazione ottale. Se la prima cifra è 0 seguito da x (X) il numero è considerato esadecimale. 127 può perciò anche essere scritto sia come 0177 che 0x7f. Tipi base 1 Tipi base 2 Espressioni di tipo intero utilizzano: Tipo intero: operatori operatori unari (che richiedono cioè un solo operando) +, - esempio: -5, -a operatori di tipo aritmetico binari (che richiedono cioè due operandi) +, -, *, /, % (resto della divisione) esempi: 28 / 5 --> 5 (la divisione tra interi restituisce un risultato intero) 28 % 5 --> 3 Esempio /* * Somma di due valori interi */ public class SommaInteri { public static void main(string[] args) { int a, b; int somma; a = 5; b = -3; somma = a + b; System.out.println("a + b = " + somma); Tipi base 3 Tipi base 4 Programma PortaMonete.java Programma PortaMonete.java 1.public class PortaMonete { 2. public static void main(string[] args) { // il portamonete contiene 3. int uncent = 8; // 8 monete da 1 cent, 4. int diecicent = 4; // quattro da 10 cent, 5. int venticent = 3; // e tre da // calcola il valore totale della moneta 8. int totale = uncent*1 + diecicent*10 + venticent*20; // stampa il risultato 11. System.out.print( Valore totale = ); 12. System.out.print(totale); 13. System.out.println( centesimi ); Ho definito 4 variabili di tipo int E:\Java\esempi> java PortaMonete Valore totale = 108 centesimi E:\Java\esempi> Valore totale = 108 centesimi Tipi base 5 Tipi base 6

2 Altri tipi interi La dimensione di un dato intero (numero di bit con cui viene rappresentato) ne determina il range di valori rappresentabili. byte intero di 8 bit short intero di 16 bit long intero di 64 bit costanti di tipo long hanno come ultimo carattere L (l) Tipi floating point float precisione semplice (4 byte = 32 bit) double precisione doppia (8 byte = 64 bit) La dimensione di un dato floating point ne determina il range di valori rappresentabili (numero di bit utilizzati per l esponente); la precisione (numero di bit utilizzati per la mantissa) con cui il valore viene rappresentato (numero di cifre significative). Tipo byte short int Memoria 8 bit 16 bit 32 bit Valore minimo Valore Massimo Tipo double float Memoria 64 bit 32 bit Esponente 10 bit 8 bit Valore Massimo maggiore di maggiore di long 64 bit minore di maggiore di Tipi base 7 Tipi base 8 Costanti floating point Costanti floating point double e-5 sono caratterizzate o dal punto decimale o dall'esponente float 133.3f 78e-5F sono caratterizzate dal suffisso f(f) Tipi floating point : operatori Sono gli stessi operatori visti per i tipi interi Non sono definiti gli operatori relativi alla gestione dei bit La divisione ovviamente produce decimali 28.0 / > 5.6 (il risultato è ancora un double) Esiste l operatore % definito come a%b = a ( (int)(a/b) ) * b 28.0 % > 2.5 (il risultato è ancora un double) Tipi base 9 Tipi base 10 Dichiarazione di costanti con nome: final Una costante è un valore che non cambierà nel corso dell esecuzione del programma. Dichiarazione di una costante con nome: final int N_RIGHE = 80; Per convenzione i nomi di costante sono maiuscoli. Uso delle costanti: è possibile accedere al valore di una costante come a un altra variabile qualsiasi; a parte il valore iniziale, non è possibile modificare il valore della costante nel programma (il compilatore effettua il controllo). Utilità dell uso di costanti con nome: il programma che fa uso di costanti con nome è più facilmente modificabile. Inizializzazione e assegnazione di variabili Una variabile può essere inizializzata nella medesima istruzione che la dichiara: double raggio = 3.1; // corretto Il valore con cui è possibile inizializzare una variabile deve essere consistente con il tipo della variabile. float diametro = 3.2; // errato: 3.2 costante double Si cerca di assegnare un valore con range di valori rappresentabili più ampio (double) ad una variabile con un range di valori rappresentabili più ristretto (float). Rischio di perdita in precisione o di non poter rappresentare il medesimo valore. float diametro = 3.2f; // corretto: 3.2f costante float Tipi base 11 Tipi base 12

3 Conversioni esplicite E possibile forzare la conversione di una valore da un tipo con range di valori rappresentabili più ampio ad un altro con range di valori rappresentabili più ristretto (ad esempio da int a short) con l operatore di conversione esplicita (cast). La conversione esplicita si specifica scrivendo: il nome del tipo a cui si vuole convertire, racchiuso tra parentesi, seguito dalla espressione di cui si deve convertire il valore. Esempi: short InteroPiccolo; // intero a 2 byte int Intero; // intero a 4 byte Intero = 5; InteroPiccolo = (short)intero; // senza cast si verifica un errore di compilazione float raggio = (float)3.2; int b; double a = b / (double)2; oppure double a = (double)b / 2; oppure double a = b / 2.; Programma ConvertiEuro.java 1.public class ConvertiEuro { public static void main(string[] args) { 4. final double VAL_EURO = ; 5. double valoreinlire = , valoreineuro; valoreineuro = valoreinlire / VAL_EURO; 8. System.out.print(valoreInLire + " lire valgono " + valoreineuro + " euro."); lire valgono euro. Tipi base 13 Tipi base 14 Valutazione delle espressioni Le espressioni vengono valutate calcolando il valore di ciascun operando e applicando gli operatori uno alla volta secondo un ordine che dipende: dalla precedenza (priorità) degli operatori che vi occorrono normalmente gli operatori moltiplicativi (* / %) vengono applicati prima degli additivi (+ -) a parità di precedenza, dalla associatività degli operatori normalmente gli operatori a parità di precedenza, vengono valutati da sinistra verso destra dalle parentesi le parentesi hanno la priorità massima rispetto ad ogni altro operatore, per cui si possono utilizzare per alterare l ordine di valutazione delle esepressioni, superando le regole di precedenza e associatività In caso di dubbi usare sempre le parentesi. In genere i programmi diventano anche più leggibili In generale la leggibilità aumenta spezzando espressioni complesse in più istruzioni semplici Tipi base 15 12/3 + 4 vale 8 Valutazione delle espressioni e conversioni: esempi 2(3+4) errata, perché? (1/2) + (1/2) quanto vale? (1./2) + (1/2.) quanto vale? (1./2) + (1/2) quanto vale? int intero = 10; double razionale; razionale = intero; int intero; double razionale = 10.3; intero = razionale; // errore Tipi base 16 Regole di conversione Operatori: precedenza e associatività Risultato di un espressione Tipo di dato degli operandi Operatore ( ) ++ (postfisso) -- (postfisso) Associatività da sinistra a destra double Almeno un operando e double. + (unario) (unario) ++ (prefisso) -- (prefisso) da destra a sinistra float long Almeno un operando e float e nessun operando e double. Non ci sono operandi float o double; e almeno un operando e long. new (tipo)espressione * / % + - da destra a sinistra da sinistra a destra da sinistra a destra int Non ci sono operandi float o double e nessun operando e long. = += -= *= /= da destra a sinistra Tipi base 17 Tipi base 18

4 Tutti gli operatori: priorità Funzioni matematiche postfix operators unary operators creation or cast multiplicative additive shift Relational equality bitwise AND bitwise inclusive OR bitwise exclusive OR logical AND logical OR Conditional Assignment []. (params) expr++ expr-- ++expr --expr +expr -expr ~! new (type)expr * / % + - << >> >>> < > <= >= instanceof ==!= & ^ &&? : = += -= *= /= %= &= ^= = <<= >>= >>= La classe Math mette a disposizione una serie di metodi statici che implementano le più note funzioni matematiche. Attenzione ogni volta che si utilizza uno di questi metodi occorre sempre specificare anche il nome della classe. Ad esempio: double Math.sqrt(x) calcola la radice quadrata di x double Math.pow(x, y) calcola x elevato alla y La classe Math contiene anche la definizione di alcune costanti matematiche con la migliore approssimazione possibile: Math.E Math.PI Quando operatori con la medesima priorita sono presenti in un espressione si deve seguire una regola che stabilisca l ordine di valutazione. Tutti gli operatori, ad esclusione degli operatori di assegnazione, vengono valutati da sinistra verso destra. Gli operatori di assegnamento vengono valutati da destra a sinistra. Tipi base 19 Tipi base 20 Funzioni matematiche Il tipo restituito dipende dagli argomenti abs(x) Restituisce il valore assoluto max(a, b) Restituisce il maggiore dei due valori min(a, b) Restituisce il minore dei due valori Il tipo restituito è un double (escluso round che restituisce un long) ceil(x) Restituisce l intero più piccolo maggiore o uguale all'argomento floor(x) Restituisce l intero più grande minore o uguale all'argomento rint(x) Restituisce l intero più vicino a x round(x) Restituisce l intero più vicino a x sqrt(x) Restituisce la radice quadrata pow(a, b) Operazione di elevamento a potenza a b exp(x) Funzione esponenziale ((Math.E) x ) log(x) Restituisce il logaritmo naturale (in base e) Funzioni trigonometriche sin(x) Restituisce il seno dell'angolo cos(x) Restituisce il coseno dell'angolo tan(x) Restituisce la tangente dell'angolo acos(x) Funzione inversa di cos asin(x) Funzione inversa di sin atan(x) Funzione inversa di tan atan2(y, x) Restituisce la componente θ del punto (r, θ) in coordinate polari che corrisponde a (x, y) in coordinate Cartesiane per x positivo atan2(y,x)= atan(y/x) Per riferirsi a π si può utilizzare la costante Math.PI random() Restituisce un numero "a caso" compreso fra 0.0 e 1.0 escluso Tipi base 21 Tipi base 22 FunzioniTrigonometriche.java 1. public class FunzioniTrigonometriche { 2. public static void main(string[] args) { 3. int ang = 45; 4. double seno = Math.sin(Math.toRadians(ang)); 5. double pi = Math.asin(seno)*4; 6. System.out.print("sen(45 )="); 7. System.out.println(seno); 8. System.out.print("pi greco="); 9. System.out.println(pi); 10. System.out.print("Math.PI= "); 11. System.out.println(Math.PI); E:\Java\esempi\Math> java FunzioniTrigonometriche sen(45 )= pi greco= Math.PI= E:\Java\esempi\Math> Tipo boolean Un tipo di dato molto utile nella programmazione è il tipo delle espressioni logiche (utilizzate nei blocchi di decisione): questo tipo di dato è rappresentato in java dal tipo primitivo boolean (dal nome del matematico irlandese George Boole [ ] che ne ha formulato un algebra). L algebre di Boole si basa sui seguenti elementi: un dominio composto dai due valori vero e falso che si denotano con i valori e ; tre operatori (detti booleani) l operatore not di negazione o complementazione (!) l operatore or di disgiunzione ( ) l operatore and di congiunzione (&) Tipi base 23 Tipi base 24

5 Tipo boolean Espressioni boolean possono assumere solo i due valori corrispondenti alle costanti predefinite (vero) e (falso), variabili booleane assumono per default il valore Operatori booleani &,, ^,!, &&, And & Or Xor ^ Not! && e si comportano come i corrispondenti & e, terminando la valutazione dell espressione non appena questa è definita Tipi base 25 Operatore! di negazione! vale! vale Operatore && di congiunzione condizionale Operatore di disgiunzione condizionale Operatori logici a && b vale se a e b valgono (l operando b viene valutato solo se a vale ); && e && valgono && vale a b vale se almeno uno tra a e b vale (l operando b viene valutato solo se a vale ); e valgono vale Tipi base 26 Valutazione di!, &, &&,, Nella valutazione di espressioni di tipo boolean (che coinvolgono cioè operatori logici) l operatore di negazione! ha la precedenza maggiore tra tutti gli operatori logici e non; l operatore and ha precedenza sull or; Esercizio: si valutino le seguenti espressioni booleane! &&!( && ) ( && )!( && ) Tipi base 27 Tipo boolean Operatori relazionali (permettono di confrontare fra di loro due valori): == uguale!= diverso > maggiore < minore >= maggiore o uguale <= minore o uguale 1. public class Confronti { + è l operatore di concatenazione fra stringhe, se un operando non è una stringa, viene automaticamente convertito in maniera opportuna 2. public static void main(string[] args) { 3. int a=0, c=5; 4. boolean b=(c>3) (a++>0); 5. System.out.println("(c>3) (a++>0): "+b+" a="+a); 6. b=(c>3) (a++>0); 7. System.out.println("(c>3) (a++>0): "+b+" a="+a); (c>3) (a++>0): a=0 (c>3) (a++>0): a=1 Tipi base 28 Esercizi Predicati 10 > < > >= >= == 5 10 == 10 10!= 5 10!= 10 Le espressioni di tipo boolean sono chiamate anche predicati (o condizioni) i predicati sono espressioni in cui possono apparire sia operatori relazionali che operatori logici definire un predicato che sia vero se n è compreso tra 0 e 10 (estremi inclusi) (n>=0)&&(n<=10) vale se (e solo se) il valore di n è compreso tra 0 e 10 Tipi base 29 Tipi base 30

6 È possibile dichiarare variabili di tipo boolean Variabili boolean boolean npari; // n è pari boolean npositivo; // n è positivo boolean npariepositivo; // n è pari e positivo È possibile assegnare a una variabile boolean il valore (della valutazione) di un predicato /* n è pari se * il resto della divisione per due vale zero */ npari = (n%2) == 0; npositivo = n>0; Esercizi Qual è il valore stampato dal seguente frammento di codice? Perché? boolean a, b, c; a = ; b = ; c = a &&!b; b = (b && c) (!b &&!c); a = (b && c) (!b &&!c); c =!(a && b); Nei predicati è possibile usare anche variabili boolean npariepositivo = npari && npositivo; Tipi base 31 Tipi base 32 Esercizio Concatenazione di stringhe (cenni) Dati tre numeri a, b, c forniti da tastiera in ordine crescente, verificare che esista un triangolo avente come misura dei lati tali numeri e stabilire di che tipo e' il triangolo. Si effettuino opportuni controlli per verificare che i numeri siano stati forniti da tastiera in ordine crescente. (Si ricorda che, dati tre numeri a, b, c ordinati in modo crescente, esiste un triangolo avente come misura dei lati tali numeri se c<a+b). 1. public class Concatenazione { public static void main(string[] args) { 4. int a=1, b=2; 5. System.out.println("a+b="+a+b); a+b=12 6. System.out.println("a+b="+a+b); L operatore + viene valutato da sinistra verso destra perciò a+b +a concatena la stringa a+b= con la stringa 1, il risultato di questa operazione viene quindi concatenato alla stringa 2 Si doveva scrivere: 6. System.out.println("a+b="+(a+b)); a+b=3 Tipi base 33 Tipi base 34 Tipo char Il tipo char permette di memorizzare lettere, cifre, caratteri di punteggiatura, operatori, caratteri speciali. Il tipo char è un tipo numerico. A ciascun valore di tipo char è associato un codice numerico (numero naturale) stabilito dal sistema di codifica chiamata Unicode (16 bit = 2 byte). Con un char è possibile trattare cifre e caratteri di alfabeti diversi (cirillico, ebraico, arabo, ). Una costante di tipo char viene rappresentata dal carattere (o dalla corrispondente sequenza di escape) tra apici singoli. char c = a ; // ho memorizzato in c il codice del carattere a char d = \n ; // ho memorizzato in d il codice del carattere newline Tipi base 35 Aritmetica dei char Gli operatori aritmetici possono essere applicati anche ai char (in quanto i char sono interi memorizzati con 16 bit). Inoltre: i codici assegnati ai caratteri alfabetici minuscoli sono consecutivi; i codici assegnati ai caratteri alfabetici maiuscoli sono consecutivi; i codici numerici dei caratteri minuscoli sono maggiori dei codici numerici dei caratteri maiuscoli; i codici assegnati ai caratteri numerici (cifre da 0 a 9 ) sono consecutivi. Quindi: viene garantito il normale ordinamento alfabetico: a < b, ma B < a (le lettere maiuscole precedono le minuscole); sono lecite anche le operazioni di incremento e decremento. (int)( 3-0 ) vale 3 (char)( 0 +3) vale 3 char c1 = a, c2; c2 = ++c1; // c2 vale b Tipi base 36

7 Caratteri unicode I caratteri estesi (unicode) sono rappresentati dalla sequenza \uxxxx (X cifra esadecimale) char digit = \u0f23 ; // è la cifra 3 secondo l alfabeto tibetano I codici minori di 0x7F corrispondono ai codici ASCII \u0033 è il codice della cifra 3 In linea di principio qualunque carattere unicode riconosciuto come lettera o cifra potrebbe essere utilizzato in un identificatore (ammesso di avere un editor adatto) Variabili locali Per ora stiamo considerando solo variabili dichiarate nel metodo main(). Le variabili dichiarate nell ambito di un metodo si chiamano variabili locali (sono utilizzabili e visibili solo all interno del metodo, ossia nel suo corpo). E possibile dichiarare variabili locali a livello di blocco utilizzando una coppia di { che delimiti il blocco. Tali variabili non saranno visibili e quindi utilizzabili al di fuori del blocco. Esempio: public class SommaInteri { public static void main(string[] args) { int a, b; { // inizio del blocco int somma; // somma visibile solo all interno del blocco a = 5; b = -3; somma = a + b; System.out.println("a + b = " + somma); // fine del blocco System.out.println(a + " + " + b + " = " + somma); // errore: somma non è visibile Tipi base 37 Tipi base 38

Tipi di dato-prima parte

Tipi di dato-prima parte Corso di Fondamenti di Informatica Corso di Laurea in Ingegneria Meccanica (A-K) Tipi di dato-prima parte Ing. Agnese Pinto 1 di 15 Tipi di dato Sommario Tipi di dato Classificazione dei tipi di dato Tipi

Dettagli

Tipi elementari, costanti. Tipi di dati. VALORI: un insieme dei valori del tipo OPERAZIONI: per operare su tali valori. Tipi. intero reale carattere

Tipi elementari, costanti. Tipi di dati. VALORI: un insieme dei valori del tipo OPERAZIONI: per operare su tali valori. Tipi. intero reale carattere Tipi elementari, costanti 1 Tipi di dati VALORI: un insieme dei valori del tipo OPERAZIONI: per operare su tali valori Tipi Semplici intero reale carattere Strutturati 2 1 Tipo intero Gli interi servono

Dettagli

Le variabili. Olga Scotti

Le variabili. Olga Scotti Le variabili Olga Scotti Cos è una variabile Le variabili, in un linguaggio di programmazione, sono dei contenitori. Possono essere riempiti con un valore che poi può essere riletto oppure sostituito.

Dettagli

Variabili e tipi di dato

Variabili e tipi di dato Variabili e tipi di dato Tutte le variabili devono essere dichiarate, specificandone il tipo La dichiarazione deve precedere l uso Il tipo è un concetto astratto che esprime: L allocazione di spazio per

Dettagli

Rappresentazione dell informazione Codifica Binaria

Rappresentazione dell informazione Codifica Binaria Fondamenti di Informatica Rappresentazione dell informazione Codifica Binaria Fondamenti di Informatica - D. Talia - UNICAL 1 Rappresentazione dell informazione Tutta l'informazione in un calcolatore è

Dettagli

Rappresentazione delle informazioni

Rappresentazione delle informazioni Rappresentazione delle informazioni Rappresentazione delle informazioni L informatica si occupa di rappresentare ed elaborare informazioni diverse: numeri caratteri audio immagini video I caratteri: ASCII

Dettagli

Nascita di Java. Che cos e Java? Caratteristiche di Java. Java: linguaggio a oggetti

Nascita di Java. Che cos e Java? Caratteristiche di Java. Java: linguaggio a oggetti Nascita di Java L uscita di Java, verso la metà degli anni novanta, fu accolta con molto entusiasmo dalla comunità dei programmatori e dei provider di servizi internet perché permetteva agli utenti del

Dettagli

3. La sintassi di Java

3. La sintassi di Java pag.9 3. La sintassi di Java 3.1 I tipi di dati statici In Java, come in Pascal, esistono tipi di dati statici predefiniti e sono i seguenti: byte 8 bit da -128 a 127 short 16 bit coincide con l integer

Dettagli

Corso di Laurea Ingegneria Informatica Fondamenti di Informatica

Corso di Laurea Ingegneria Informatica Fondamenti di Informatica Corso di Laurea Ingegneria Informatica Fondamenti di Informatica Dispensa 05 La rappresentazione dell informazione Carla Limongelli Ottobre 2011 http://www.dia.uniroma3.it/~java/fondinf/ La rappresentazione

Dettagli

LA RAPPRESENTAZIONE DELLE INFORMAZIONI

LA RAPPRESENTAZIONE DELLE INFORMAZIONI ISTITUTO TECNICO E LICEO SCIENTIFICO TECNOLOGICO ANGIOY LA RAPPRESENTAZIONE DELLE INFORMAZIONI Prof. G. Ciaschetti DATI E INFORMAZIONI Sappiamo che il computer è una macchina stupida, capace di eseguire

Dettagli

Appunti del corso di Informatica 1 (IN110 Fondamenti) 6 Introduzione al linguaggio C

Appunti del corso di Informatica 1 (IN110 Fondamenti) 6 Introduzione al linguaggio C Università di Roma Tre Facoltà di Scienze M.F.N. Corso di Laurea in Matematica Appunti del corso di Informatica 1 (IN110 Fondamenti) 6 Introduzione al linguaggio C Marco Liverani (liverani@mat.uniroma3.it)

Dettagli

Appunti del corso di Informatica 1. 6 Introduzione al linguaggio C

Appunti del corso di Informatica 1. 6 Introduzione al linguaggio C Università di Roma Tre Dipartimento di Matematica e Fisica Corso di Laurea in Matematica Appunti del corso di Informatica 1 (IN110 Fondamenti) 6 Introduzione al linguaggio C Marco Liverani (liverani@mat.uniroma3.it)

Dettagli

La velocità di una carovana

La velocità di una carovana Programmazione A.A. 2002-03 I linguaggio Java ( Lezione X, Parte I ) Il primo programma Prof. Giovanni Gallo Dr. Gianluca Cincotti Dipartimento di Matematica e Informatica Università di Catania e-mail

Dettagli

CODIFICA BINARIA. ... sono rappresentati ricorrendo a simboli che sintezzano il concetto di numerosità.

CODIFICA BINARIA. ... sono rappresentati ricorrendo a simboli che sintezzano il concetto di numerosità. I METODI DI NUMERAZIONE I numeri naturali... sono rappresentati ricorrendo a simboli che sintezzano il concetto di numerosità. Il numero dei simboli usati per valutare la numerosità costituisce la base

Dettagli

Laboratorio di Informatica

Laboratorio di Informatica per chimica industriale e chimica applicata e ambientale LEZIONE 2 Rappresentazione delle informazioni: numeri e caratteri 1 Codice La relazione che associa ad ogni successione ben formata di simboli di

Dettagli

Algebra di Boole: Concetti di base. Fondamenti di Informatica - D. Talia - UNICAL 1. Fondamenti di Informatica

Algebra di Boole: Concetti di base. Fondamenti di Informatica - D. Talia - UNICAL 1. Fondamenti di Informatica Fondamenti di Informatica Algebra di Boole: Concetti di base Fondamenti di Informatica - D. Talia - UNICAL 1 Algebra di Boole E un algebra basata su tre operazioni logiche OR AND NOT Ed operandi che possono

Dettagli

Algebra Booleana ed Espressioni Booleane

Algebra Booleana ed Espressioni Booleane Algebra Booleana ed Espressioni Booleane Che cosa è un Algebra? Dato un insieme E di elementi (qualsiasi, non necessariamente numerico) ed una o più operazioni definite sugli elementi appartenenti a tale

Dettagli

Introduzione allo Scilab Parte 1: numeri, variabili ed operatori elementari

Introduzione allo Scilab Parte 1: numeri, variabili ed operatori elementari Introduzione allo Scilab Parte 1: numeri, variabili ed operatori elementari Felice Iavernaro Dipartimento di Matematica Università di Bari http://dm.uniba.it/ iavernaro 6 Giugno 2007 Felice Iavernaro (Univ.

Dettagli

Programmazione in Java (I modulo) Lezione 3: Prime nozioni

Programmazione in Java (I modulo) Lezione 3: Prime nozioni Programmazione in Java (I modulo) Lezione 3: Prime nozioni La volta scorsa Abbiamo avuto un primo assaggio! Abbiamo visto come usare l editor per scrivere un programma Java. Abbiamo analizzato riga per

Dettagli

Corso Base. Liceo Norberto Rosa Bussoleno Prof. Angelo GIORGIO

Corso Base. Liceo Norberto Rosa Bussoleno Prof. Angelo GIORGIO Corso Base Liceo Norberto Rosa Bussoleno Prof. Angelo GIORGIO Java Java è un Linguaggio di Programmazione orientato agli oggetti. Un Linguaggio di Programmazione è un linguaggio ad alto livello, dotato

Dettagli

INFORMATICA - I puntatori Roberta Gerboni

INFORMATICA - I puntatori Roberta Gerboni 1 2 I puntatori in C++ Il puntatore un tipo di dato scalare, che consente di rappresentare gli indirizzi delle variabili allocate in memoria. Dominio: Il dominio di una variabile di tipo puntatore è un

Dettagli

7 : I DATI E LA LORO STRUTTURA NELLA PROGRAMMAZIONE

7 : I DATI E LA LORO STRUTTURA NELLA PROGRAMMAZIONE 7 : I DATI E LA LORO STRUTTURA NELLA PROGRAMMAZIONE TIPO DI DATO Un tipo di dato è una entità caratterizzata dai seguenti elementi: un insieme X di valori che raprresenta il dominio del tipo di dato; un

Dettagli

Rappresentazione di informazioni con un alfabeto finito

Rappresentazione di informazioni con un alfabeto finito Rappresentazione di informazioni con un alfabeto finito Sia A = { a 1,, a k } un insieme (alfabeto) di k simboli, detti anche lettere. Quante sono le sequenze composte da n simboli (anche ripetuti) di

Dettagli

Alfabeto ed elementi lessicali del linguaggio C

Alfabeto ed elementi lessicali del linguaggio C Programmazione M-Z Ingegneria e Scienze Informatiche - Cesena A.A. 2015-2016 Alfabeto ed elementi lessicali del linguaggio C Pietro Di Lena - pietro.dilena@unibo.it s t a t i c s h o r t l e g s ; i n

Dettagli

Informatica. Rappresentazione dei numeri Numerazione binaria

Informatica. Rappresentazione dei numeri Numerazione binaria Informatica Rappresentazione dei numeri Numerazione binaria Sistemi di numerazione Non posizionali: numerazione romana Posizionali: viene associato un peso a ciascuna posizione all interno della rappresentazione

Dettagli

Java:Struttura di Programma. Fabio Scanu a.s. 2014/2015

Java:Struttura di Programma. Fabio Scanu a.s. 2014/2015 Java:Struttura di Programma Fabio Scanu a.s. 2014/2015 Altre Attenzioni da riservare Java è Case Sensitive: La variabile «a» e la variabile «A» sono diverse Java ha alcune regole di scrittura: I nomi delle

Dettagli

Codifica binaria e algebra di Boole

Codifica binaria e algebra di Boole Codifica binaria e algebra di Boole Corso di Programmazione A.A. 2008/09 G. Cibinetto Contenuti della lezione Codifica binaria dell informazione Numeri naturali, interi, frazionari, in virgola mobile Base

Dettagli

2. Codifica dell informazione

2. Codifica dell informazione 2. Codifica dell informazione Codifica Una codifica è una regola per associare in modo univoco i valori di un dato da codificare con sequenze di simboli. La corrispondenza definita dalla codifica è arbitraria,

Dettagli

Informatica Generale 02 - Rappresentazione numeri razionali

Informatica Generale 02 - Rappresentazione numeri razionali Informatica Generale 02 - Rappresentazione numeri razionali Cosa vedremo: Rappresentazione binaria dei numeri razionali Rappresentazione in virgola fissa Rappresentazione in virgola mobile La rappresentazione

Dettagli

Libreria standard Java possiede un enorme libreria di classi standard organizzata in vari package che raccolgono le classi secondo un organizzazione

Libreria standard Java possiede un enorme libreria di classi standard organizzata in vari package che raccolgono le classi secondo un organizzazione Libreria standard Java possiede un enorme libreria di classi standard organizzata in vari package che raccolgono le classi secondo un organizzazione basata sul campo d utilizzo. I principali package sono:

Dettagli

Richiesta pagina PHP (es: index.php)

Richiesta pagina PHP (es: index.php) PHP PHP = personal home page SERVER Richiesta pagina PHP (es: index.php) Server Web (Apache) in ascolto sulla porta 80, si accorge che la pagina richiesta è una pagina PHP in base all'estensione o con

Dettagli

Architettura degli Elaboratori I Esercitazione 1 - Rappresentazione dei numeri

Architettura degli Elaboratori I Esercitazione 1 - Rappresentazione dei numeri Architettura degli Elaboratori I Esercitazione 1 - Rappresentazione dei numeri 1 Da base 2 a base 10 I seguenti esercizi richiedono di convertire in base 10 la medesima stringa binaria codificata rispettivamente

Dettagli

Gli array. Gli array. Gli array. Classi di memorizzazione per array. Inizializzazione esplicita degli array. Array e puntatori

Gli array. Gli array. Gli array. Classi di memorizzazione per array. Inizializzazione esplicita degli array. Array e puntatori Gli array Array e puntatori Laboratorio di Informatica I un array è un insieme di elementi (valori) avente le seguenti caratteristiche: - un array è ordinato: agli elementi dell array è assegnato un ordine

Dettagli

Struttura di un programma Java

Struttura di un programma Java Struttura di un programma Java Un programma in Java è un insieme di dichiarazioni di classi. Una classe non può contenere direttamente delle istruzioni, ma può contenere la dichiarazione di metodi, che

Dettagli

Indice. Introduzione. I tipi aritmetici. Variabili e Tipi Fondamentali in C++ (CAP 2, parte I) Alberto Garfagnini e Marco Mazzocco A.A.

Indice. Introduzione. I tipi aritmetici. Variabili e Tipi Fondamentali in C++ (CAP 2, parte I) Alberto Garfagnini e Marco Mazzocco A.A. Variabili e Tipi Fondamentali in C++ (CAP 2, parte I) Alberto Garfagnini e Marco Mazzocco Università degli studi di Padova A.A. 2014/2015 Indice Tipi semplici propri del linguaggio Variabili Tipi composti

Dettagli

Appunti di informatica. Lezione 2 anno accademico 2015-2016 Mario Verdicchio

Appunti di informatica. Lezione 2 anno accademico 2015-2016 Mario Verdicchio Appunti di informatica Lezione 2 anno accademico 2015-2016 Mario Verdicchio Sistema binario e logica C è un legame tra i numeri binari (0,1) e la logica, ossia la disciplina che si occupa del ragionamento

Dettagli

Corso di Laurea Ingegneria Informatica Fondamenti di Informatica

Corso di Laurea Ingegneria Informatica Fondamenti di Informatica Corso di Laurea Ingegneria Informatica Fondamenti di Informatica Dispensa E04 Esempi di algoritmi e programmi C. Limongelli - A. Miola Novembre 2011 1 Contenuti q Somma di una sequenza di numeri interi

Dettagli

Alcune regole di base per scrivere un programma in linguaggio C

Alcune regole di base per scrivere un programma in linguaggio C Alcune regole di base per scrivere un programma in linguaggio C Un programma il linguaggio C (listato) viene scritto in formato testo ed archiviato in un file: *.c Per scrivere un listato C si utilizza

Dettagli

Sistemi di Numerazione Binaria NB.1

Sistemi di Numerazione Binaria NB.1 Sistemi di Numerazione Binaria NB.1 Numeri e numerali Numero: entità astratta Numerale : stringa di caratteri che rappresenta un numero in un dato sistema di numerazione Lo stesso numero è rappresentato

Dettagli

Esercizi di programmazione in C

Esercizi di programmazione in C Esercizi di programmazione in C Esercizio 1 Scrivere un programma in linguaggio C che legga da tastiera una sequenza di lunghezza ignota a priori di numeri interi positivi. Il programma, a partire dal

Dettagli

Esercitazione Informatica I AA 2012-2013. Nicola Paoletti

Esercitazione Informatica I AA 2012-2013. Nicola Paoletti Esercitazione Informatica I AA 2012-2013 Nicola Paoletti 4 Gigno 2013 2 Conversioni Effettuare le seguenti conversioni, tenendo conto del numero di bit con cui si rappresenta il numero da convertire/convertito.

Dettagli

Dall Algoritmo al Programma. Prof. Francesco Accarino IIS Altiero Spinelli Sesto San Giovanni

Dall Algoritmo al Programma. Prof. Francesco Accarino IIS Altiero Spinelli Sesto San Giovanni Dall Algoritmo al Programma Prof. Francesco Accarino IIS Altiero Spinelli Sesto San Giovanni IL PROGRAMMA Gli algoritmi sono modelli di descrizione astratti e per controllarne il funzionamento devono essere

Dettagli

ALGEBRA BOOLEANA FONDAMENTI DI INFORMATICA 1. Algebra di Boole. Definizione NOT, AND, OR

ALGEBRA BOOLEANA FONDAMENTI DI INFORMATICA 1. Algebra di Boole. Definizione NOT, AND, OR Università degli Studi di Cagliari Corso di Laurea in Ingegneria Biomedica, Chimica, Elettrica e Meccanica FONDAMENTI DI INFORMATICA 1 http://www.diee.unica.it/~marcialis/fi1 A.A. 2010/2011 Docente: Gian

Dettagli

Università di Torino Facoltà di Scienze MFN Corso di Studi in Informatica. Programmazione I - corso B a.a. 2009-10. prof.

Università di Torino Facoltà di Scienze MFN Corso di Studi in Informatica. Programmazione I - corso B a.a. 2009-10. prof. Università di Torino Facoltà di Scienze MFN Corso di Studi in Informatica Programmazione I - corso B a.a. 009-10 prof. Viviana Bono Blocco 9 Metodi statici: passaggio parametri, variabili locali, record

Dettagli

R. Focardi 2002 Laboratorio di Ingegneria del Software Slide 1. Applicazioni = programmi stand-alone

R. Focardi 2002 Laboratorio di Ingegneria del Software Slide 1. Applicazioni = programmi stand-alone Il linguaggio Java Nato nel maggio 95 (James Gosling & al.) Orientato ad oggetti, basato sulle classi, concorrente Fortemente tipato: distinzione chiara tra errori statici ed errori dinamici Ad alto livello:

Dettagli

LINGUAGGI DI PROGRAMMAZIONE

LINGUAGGI DI PROGRAMMAZIONE LINGUAGGI DI PROGRAMMAZIONE Il potere espressivo di un linguaggio è caratterizzato da: quali tipi di dati consente di rappresentare (direttamente o tramite definizione dell utente) quali istruzioni di

Dettagli

(71,1), (35,1), (17,1), (8,1), (4,0), (2,0), (1,0), (0,1) 0, 7155 2 = 1, 431 0, 431 2 = 0, 862 0, 896 2 = 1, 792 0, 724 2 = 1, 448 0, 448 2 = 0, 896

(71,1), (35,1), (17,1), (8,1), (4,0), (2,0), (1,0), (0,1) 0, 7155 2 = 1, 431 0, 431 2 = 0, 862 0, 896 2 = 1, 792 0, 724 2 = 1, 448 0, 448 2 = 0, 896 2 Esercizio 2.2 La rappresentazione esadecimale prevede 16 configurazioni corrispondenti a 4 bit. Il contenuto di una parola di 16 bit può essere rappresentato direttamente con 4 digit esadecimali, sostituendo

Dettagli

3 - Variabili. Programmazione e analisi di dati Modulo A: Programmazione in Java. Paolo Milazzo

3 - Variabili. Programmazione e analisi di dati Modulo A: Programmazione in Java. Paolo Milazzo 3 - Variabili Programmazione e analisi di dati Modulo A: Programmazione in Java Paolo Milazzo Dipartimento di Informatica, Università di Pisa http://www.di.unipi.it/ milazzo milazzo di.unipi.it Corso di

Dettagli

Logica e codifica binaria dell informazione

Logica e codifica binaria dell informazione Politecnico di Milano Corsi di Laurea in Ingegneria Matematica e Ingegneria Fisica Dipartimento di Elettronica ed Informazione Logica e codifica binaria dell informazione Anno Accademico 2002 2003 L. Muttoni

Dettagli

4 3 4 = 4 x 10 2 + 3 x 10 1 + 4 x 10 0 aaa 10 2 10 1 10 0

4 3 4 = 4 x 10 2 + 3 x 10 1 + 4 x 10 0 aaa 10 2 10 1 10 0 Rappresentazione dei numeri I numeri che siamo abituati ad utilizzare sono espressi utilizzando il sistema di numerazione decimale, che si chiama così perché utilizza 0 cifre (0,,2,3,4,5,6,7,8,9). Si dice

Dettagli

I sistemi di numerazione

I sistemi di numerazione I sistemi di numerazione 01-INFORMAZIONE E SUA RAPPRESENTAZIONE Sia dato un insieme finito di caratteri distinti, che chiameremo alfabeto. Utilizzando anche ripetutamente caratteri di un alfabeto, si possono

Dettagli

Elementi di Informatica. ( Lezione II, parte I ) Sistemi di numerazione: binario, ottale ed esadecimale

Elementi di Informatica. ( Lezione II, parte I ) Sistemi di numerazione: binario, ottale ed esadecimale Elementi di Informatica ( Lezione II, parte I ) Sistemi di numerazione: binario, ottale ed esadecimale Il sistema di numerazione posizionale decimale Nella numerazione posizionale ogni cifra del numero

Dettagli

int a = 4; int b = 5; int c = a + b;

int a = 4; int b = 5; int c = a + b; Lezione 5 Operatori ed espressioni Caricare i dati in memoria non è l'unica operazione necessaria per trattare le informazioni. Bisogna intervenire sui valori conservati, esaminandoli, combinandoli e rendendoli

Dettagli

Fondamenti di Informatica Ingegneria Clinica Lezione 19/11/2009. Prof. Raffaele Nicolussi

Fondamenti di Informatica Ingegneria Clinica Lezione 19/11/2009. Prof. Raffaele Nicolussi Fondamenti di Informatica Ingegneria Clinica Lezione 19/11/2009 Prof. Raffaele Nicolussi FUB - Fondazione Ugo Bordoni Via B. Castiglione 59-00142 Roma Docente Raffaele Nicolussi rnicolussi@fub.it Lezioni

Dettagli

2.12 Esercizi risolti

2.12 Esercizi risolti Codifica dell'informazione 55 Lo standard IEEE prevede cinque cause di eccezione aritmetica: underflow, overflow, divisione per zero, eccezione per inesattezza, e eccezione di invalidità. Le eccezioni

Dettagli

Obiettivi dell Analisi Numerica. Avviso. Risoluzione numerica di un modello. Analisi Numerica e Calcolo Scientifico

Obiettivi dell Analisi Numerica. Avviso. Risoluzione numerica di un modello. Analisi Numerica e Calcolo Scientifico M. Annunziato, DIPMAT Università di Salerno - Queste note non sono esaustive ai fini del corso p. 3/43 M. Annunziato, DIPMAT Università di Salerno - Queste note non sono esaustive ai fini del corso p.

Dettagli

Informatica 1. Riepilogo

Informatica 1. Riepilogo Informatica 1 Hardware e Software ing. Luigi Puzone 1 Riepilogo Nella lezione scorsa abbiamo visto i seguenti concetti di base Dati e informazioni e loro ciclo di elaborazione Hardware e Software Tipologie

Dettagli

Corso di Fondamenti di Informatica

Corso di Fondamenti di Informatica Corso di Fondamenti di Informatica L uso delle funzioni in C++ Claudio De Stefano - Corso di Fondamenti di Informatica 1 Funzioni Nel C++ è possibile scomporre problemi complessi in moduli più semplici

Dettagli

Lezione 2 OPERAZIONI ARITMETICHE E LOGICHE ARCHITETTURA DI UN ELABORATORE. Lez2 Informatica Sc. Giuridiche Op. aritmetiche/logiche arch.

Lezione 2 OPERAZIONI ARITMETICHE E LOGICHE ARCHITETTURA DI UN ELABORATORE. Lez2 Informatica Sc. Giuridiche Op. aritmetiche/logiche arch. Lezione 2 OPERAZIONI ARITMETICHE E LOGICHE ARCHITETTURA DI UN ELABORATORE Comunicazione importante dalla prossima settimana, la lezione del venerdì si terrà: dalle 15:00 alle 17.15 in aula 311 l orario

Dettagli

Corso Programmazione 1 Capitolo 01: Concetti Elementari

Corso Programmazione 1 Capitolo 01: Concetti Elementari Corso Programmazione 1 Capitolo 01: Concetti Elementari Docente: Roberto Sebastiani - roberto.sebastiani@unitn.it Esercitatori: Mario Passamani - mario.passamani@unitn.it Alessandro Tomasi - alessandro.tomasi@unitn.it

Dettagli

La codifica dell informazione

La codifica dell informazione La codifica dell informazione Parte I Sui testi di approfondimento: leggere dal Cap. del testo C (Console, Ribaudo):.,. fino a pg.6 La codifica delle informazioni Un calcolatore memorizza ed elabora informazioni

Dettagli

Esempio. Esempio. Linguaggio di Programmazione. Linguaggi di programmazione. Linguaggio di computazione. Linguaggi di programmazione

Esempio. Esempio. Linguaggio di Programmazione. Linguaggi di programmazione. Linguaggio di computazione. Linguaggi di programmazione Dipartimento di Ingegneria dell Informazione Università degli Studi di Parma Fondamenti di Informatica Problema e metodologie di progetto Linguaggio C: Introduzione Monica Mordonini Problema e Algoritmo

Dettagli

APPUNTI DI ELETTRONICA DIGITALE

APPUNTI DI ELETTRONICA DIGITALE APPUNTI DI ELETTRONICA DIGITALE ITIS MARCONI-GORGONZOLA docente :dott.ing. Paolo Beghelli pag.1/24 Indice 1.ELETTRONICA DIGITALE 4 1.1 Generalità 4 1.2 Sistema di numerazione binario 4 1.3 Operazioni con

Dettagli

LABORATORIO DI PROGRAMMAZIONE 2012 2013 EDIZIONE 1, TURNO B

LABORATORIO DI PROGRAMMAZIONE 2012 2013 EDIZIONE 1, TURNO B LABORATORIO DI PROGRAMMAZIONE 2012 2013 EDIZIONE 1, TURNO B 23.XI.2012 VINCENZO MARRA Indice Esercizio 1 1 Menu 1 Tempo: 35 min. 2 Commento 1 2 Esercizio 2 2 Ordinamento e ricerca binaria con la classe

Dettagli

Sistemi di numerazione: generalità

Sistemi di numerazione: generalità Sistemi di numerazione: generalità Nel corso della storia sono stati introdotti diversi sistemi di numerazione, dettati di volta in volta dalle specifiche esigenze dei vari popoli. Poiché ogni numero maggiore

Dettagli

Unità B3 Strutture di controllo

Unità B3 Strutture di controllo (A) CONOSCENZA TERMINOLOGICA Dare una breve descrizione dei termini introdotti: I/O su console Package Blocco di controllo Oggetto System.out Oggetto System.in Oggetto Tastiera Metodo readline() Strutture

Dettagli

ARRAY E STRINGHE. G. Frosini Slide 1

ARRAY E STRINGHE. G. Frosini Slide 1 ARRAY E STRINGHE G. Frosini Slide 1 Array: VARIABILI ARRAY struttura dati costituita da elementi (anche nessuno, array vuoto) dello stesso tipo; tipo array: tipo degli elementi, non numero degli elementi;

Dettagli

10 - Programmare con gli Array

10 - Programmare con gli Array 10 - Programmare con gli Array Programmazione e analisi di dati Modulo A: Programmazione in Java Paolo Milazzo Dipartimento di Informatica, Università di Pisa http://www.di.unipi.it/ milazzo milazzo di.unipi.it

Dettagli

+ / operatori di confronto (espressioni logiche/predicati) / + 5 3 9 = > < Pseudo codice. Pseudo codice

+ / operatori di confronto (espressioni logiche/predicati) / + 5 3 9 = > < Pseudo codice. Pseudo codice Pseudo codice Pseudo codice Paolo Bison Fondamenti di Informatica A.A. 2006/07 Università di Padova linguaggio testuale mix di linguaggio naturale ed elementi linguistici con sintassi ben definita e semantica

Dettagli

Corso di Programmazione I dati nei linguaggi di programmazione Tipi Semplici. I dati nei linguaggi di programmazione. Dati. Dott.

Corso di Programmazione I dati nei linguaggi di programmazione Tipi Semplici. I dati nei linguaggi di programmazione. Dati. Dott. Materiale didattico preparato dal dott. Stefano Ferilli Corso di Programmazione I dati nei linguaggi di programmazione Tipi Semplici Dott. Pasquale Lops lops@di.uniba.it Corso di Programmazione - DIB 1/49

Dettagli

Corso di Laurea Ingegneria Informatica Fondamenti di Informatica

Corso di Laurea Ingegneria Informatica Fondamenti di Informatica Corso di Laurea Ingegneria Informatica Fondamenti di Informatica Dispensa E01 Esempi di programmi A. Miola Ottobre 2011 1 Contenuti Vediamo in questa lezione alcuni primi semplici esempi di applicazioni

Dettagli

Breve riepilogo della puntata precedente:

Breve riepilogo della puntata precedente: Breve riepilogo della puntata precedente: 1. In C, il passaggio dei parametri alle funzioni avviene sempre per copia, ovvero il valore del parametro viene copiato all'interno della variabile che rappresenta

Dettagli

La gestione dell input/output da tastiera La gestione dell input/output da file La gestione delle eccezioni

La gestione dell input/output da tastiera La gestione dell input/output da file La gestione delle eccezioni La gestione dell input/output da tastiera La gestione dell input/output da file La gestione delle eccezioni Autore: Prof. Agostino Sorbara ITIS "M. M. Milano" Autore: Prof. Agostino Sorbara ITIS "M. M.

Dettagli

Indice. 1 Rappresentazione dei dati... 3

Indice. 1 Rappresentazione dei dati... 3 INSEGNAMENTO DI INFORMATICA DI BASE LEZIONE II CODIFICA DELL'INFORMAZIONE PROF. GIOVANNI ACAMPORA Indice 1 Rappresentazione dei dati... 3 1.1. Rappresentazione dei numeri... 3 1.1.1 Rappresentazione del

Dettagli

Il potere espressivo di un linguaggio è caratterizzato da: PROGRAMMA = DATI + CONTROLLO

Il potere espressivo di un linguaggio è caratterizzato da: PROGRAMMA = DATI + CONTROLLO LINGUAGGI DI PROGRAMMAZIONE Il potere espressivo di un linguaggio è caratterizzato da: quali tipi di dati consente di rappresentare (direttamente o tramite definizione dell utente) quali istruzioni di

Dettagli

Codici Numerici. Modifica dell'informazione. Rappresentazione dei numeri.

Codici Numerici. Modifica dell'informazione. Rappresentazione dei numeri. Codici Numerici. Modifica dell'informazione. Rappresentazione dei numeri. A partire da questa lezione, ci occuperemo di come si riescono a codificare con sequenze binarie, quindi con sequenze di 0 e 1,

Dettagli

MATLAB. Caratteristiche. Dati. Esempio di programma MATLAB. a = [1 2 3; 4 5 6; 7 8 9]; b = [1 2 3] ; c = a*b; c

MATLAB. Caratteristiche. Dati. Esempio di programma MATLAB. a = [1 2 3; 4 5 6; 7 8 9]; b = [1 2 3] ; c = a*b; c Caratteristiche MATLAB Linguaggio di programmazione orientato all elaborazione di matrici (MATLAB=MATrix LABoratory) Le variabili sono matrici (una variabile scalare equivale ad una matrice di dimensione

Dettagli

Elementi di Informatica e Programmazione

Elementi di Informatica e Programmazione Elementi di Informatica e Programmazione La Codifica dell informazione (parte 1) Corsi di Laurea in: Ingegneria Civile Ingegneria per l Ambiente e il Territorio Università degli Studi di Brescia Docente:

Dettagli

Appunti di Informatica 1. Gianluca Rossi

Appunti di Informatica 1. Gianluca Rossi Appunti di Informatica 1 Gianluca Rossi Versione maggio 2011 Indice 1 Algoritmi, macchine e linguaggi di programmazione 3 1.1 La macchina di Von Neumann........................ 5 1.2 Dal linguaggio macchina

Dettagli

Linguaggio Java. Robusto. Orientato agli oggetti. Protegge e gestisce dagli errori. Non permette costrutti pericolosi

Linguaggio Java. Robusto. Orientato agli oggetti. Protegge e gestisce dagli errori. Non permette costrutti pericolosi Linguaggio Java Robusto Non permette costrutti pericolosi Eredità Multipla Gestione della Memoria Orientato agli oggetti Ogni cosa ha un tipo Ogni tipo è un oggetto (quasi) Protegge e gestisce dagli errori

Dettagli

LINGUAGGI DI PROGRAMMAZIONE!

LINGUAGGI DI PROGRAMMAZIONE! LINGUAGGI DI PROGRAMMAZIONE! Il potere espressivo di un linguaggio è! caratterizzato da:! quali tipi di dati consente di rappresentare (direttamente o tramite definizione dell utente)! quali istruzioni

Dettagli

Codifica binaria dei numeri relativi

Codifica binaria dei numeri relativi Codifica binaria dei numeri relativi Introduzione All interno di un calcolatore, è possibile utilizzare solo 0 e 1 per codificare qualsiasi informazione. Nel caso dei numeri, non solo il modulo ma anche

Dettagli

Codifica binaria dei numeri

Codifica binaria dei numeri Codifica binaria dei numeri Caso più semplice: in modo posizionale (spesso detto codifica binaria tout court) Esempio con numero naturale: con 8 bit 39 = Codifica in virgola fissa dei numeri float: si

Dettagli

Rappresentazione e Memorizzazione dei Dati

Rappresentazione e Memorizzazione dei Dati Rappresentazione e Memorizzazione dei Dati Giuseppe Nicosia CdL in Matematica (Laurea Triennale) Facoltà di Scienze MM.FF.NN. Università di Catania Bit e loro Memorizzazione Definizioni Algoritmo: una

Dettagli

Esercitazioni su rappresentazione dei numeri e aritmetica dei calcolatori"

Esercitazioni su rappresentazione dei numeri e aritmetica dei calcolatori Esercitazioni su rappresentazione dei numeri e aritmetica dei calcolatori" slide a cura di Salvatore Orlando & Marta Simeoni " Architettura degli Elaboratori 1 Interi unsigned in base 2" Si utilizza un

Dettagli

Rappresentazione binaria

Rappresentazione binaria Rappresentazione binaria DOTT. ING. LEONARDO RIGUTINI RICERCATORE ASSOCIATO DIPARTIMENTO INGEGNERIA DELL INFORMAZIONE UNIVERSITÀ DI SIENA VIA ROMA 56 53100 SIENA UFF. 0577234850-7102 RIGUTINI@DII.UNISI.IT

Dettagli

Corso basilare di programmazione «

Corso basilare di programmazione « Parte iv Corso basilare di programmazione Introduzione................................................................... 601 Programma didattico.......................................................

Dettagli

Corso basilare di programmazione

Corso basilare di programmazione Parte vi Corso basilare di programmazione Introduzione............................................ 947 Programma didattico.................................. 947 Strumenti per la compilazione..........................

Dettagli

La selezione binaria

La selezione binaria Andrea Marin Università Ca Foscari Venezia Laurea in Informatica Corso di Programmazione part-time a.a. 2011/2012 Introduzione L esecuzione di tutte le istruzioni in sequenza può non è sufficiente per

Dettagli

Introduzione a MATLAB. Il Laboratorio. MATLAB Cos è? Oltre alle lezioni. Octave ( www.octave.org ) Scilab ( www.scilab.org )

Introduzione a MATLAB. Il Laboratorio. MATLAB Cos è? Oltre alle lezioni. Octave ( www.octave.org ) Scilab ( www.scilab.org ) Introduzione a MATLAB! Informazioni sul laboratorio! MATLAB! Operazioni di base! Variabili ed assegnamento! Comandi utili! Utilizzo dell Help! Formato dei numeri! Numeri complessi Il Laboratorio! Openlab

Dettagli

PROVA INTRACORSO TRACCIA A Pagina 1 di 6

PROVA INTRACORSO TRACCIA A Pagina 1 di 6 PROVA INTRACORSO DI ELEMENTI DI INFORMATICA MATRICOLA COGNOME E NOME TRACCIA A DOMANDA 1 Calcolare il risultato delle seguenti operazioni binarie tra numeri interi con segno rappresentati in complemento

Dettagli

Operazioni Aritmetiche e Codici in Binario Giuseppe Talarico 23/01/2013

Operazioni Aritmetiche e Codici in Binario Giuseppe Talarico 23/01/2013 Operazioni Aritmetiche e Codici in Binario Giuseppe Talarico 23/01/2013 In questo documento vengono illustrate brevemente le operazioni aritmetiche salienti e quelle logiche ad esse strettamente collegate.

Dettagli

Cenni di logica & algebra booleana

Cenni di logica & algebra booleana Cenni di algebra booleana e dei sistemi di numerazione Dr. Carlo Sansotta - 25 2 Parte Cenni di logica & algebra booleana 3 introduzione L elaboratore elettronico funziona secondo una logica a 2 stati:

Dettagli

Aritmetica. Progetto dei programmi

Aritmetica. Progetto dei programmi Aritmetica Un approccio metodologico alla costruzione dei programmi. Tipi di dati primitivi. int, float, double Variabili, dichiarazioni e operazioni Progetto dei programmi 2 Definizione del problema Scenario

Dettagli

Appunti sulla rappresentazione dell informazione

Appunti sulla rappresentazione dell informazione Appunti sulla rappresentazione dell informazione Roberto Beraldi DISPENSA PER IL CORSO DI FONDAMENTI DI INFORMATICA CORSI DI LAUREA IN INGEGNERIA CHIMICA, DEI MATERIALI,NUCLEARE (vecchi ordinamenti) Anno

Dettagli

Programma precorso di matematica

Programma precorso di matematica Programma precorso di matematica a.a. 015/16 Quello che segue è il programma dettagliato del precorso. Si fa riferimento al testo [MPB] E. Acerbi, G. Buttazzo: Matematica Preuniversitaria di Base, Pitagora

Dettagli

Algoritmi di Ricerca. Esempi di programmi Java

Algoritmi di Ricerca. Esempi di programmi Java Fondamenti di Informatica Algoritmi di Ricerca Esempi di programmi Java Fondamenti di Informatica - D. Talia - UNICAL 1 Ricerca in una sequenza di elementi Data una sequenza di elementi, occorre verificare

Dettagli

Base generica: B A = {... }, con A = B, sequenze di n simboli (cifre) c n

Base generica: B A = {... }, con A = B, sequenze di n simboli (cifre) c n Rappresentare le informazioni con un insieme limitato di simboli (detto alfabeto A) in modo non ambiguo (algoritmi di traduzione tra codifiche) Esempio: numeri interi assoluti Codifica decimale (in base

Dettagli

EXCEL FINESTRA DI EXCEL BARRE PRINCIPALI CARTELLA DI LAVORO BARRE DI SPOSTAMENTO

EXCEL FINESTRA DI EXCEL BARRE PRINCIPALI CARTELLA DI LAVORO BARRE DI SPOSTAMENTO EXCEL FINESTRA DI EXCEL BARRE PRINCIPALI CARTELLA DI LAVORO BARRE DI SPOSTAMENTO BARRE PRINCIPALI GESTIONE FILE BARRA DEI MENU BARRA STANDARD Nuovo: si crea un nuovo foglio Apri: si carica un foglio da

Dettagli

La codifica delle informazioni

La codifica delle informazioni La codifica delle informazioni Bit e byte Come già visto l elaboratore è in grado di rappresentare informazioni al proprio interno solo utilizzando cifre binarie (bit) che solitamente vengono manipolate

Dettagli