Per trasporto internazionale di cose s intende lo spostamento, a carico o a vuoto, del veicolo fra due o più Stati.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Per trasporto internazionale di cose s intende lo spostamento, a carico o a vuoto, del veicolo fra due o più Stati."

Transcript

1 I TRASPORTI INTERNAZIONALI Per trasporto internazionale di cose s intende lo spostamento, a carico o a vuoto, del veicolo fra due o più Stati. Per effettuare trasporti internazionali di merci su strada occorre essere muniti di un idoneo titolo autorizzativo, cioè di un permesso specifico, che si deve trovare a bordo del mezzo durante l esecuzione del servizio. Questa è la regola fondamentale dei trasporti internazionali, prevista anche se con formulazione piuttosto burocratica - dall art. 44 della legge 298/74, cioè dall unica disposizione della legislazione italiana che, ad eccezione delle leggi di ratifica degli accordi bilaterali o multilaterali, risulta disciplinare i trasporti internazionali. Detta disposizione prevede difatti che: Le imprese aventi sede in Italia possono essere ammesse ad effettuare trasporti internazionali alle condizioni e nei limiti previsti dagli accordi bilaterali o multilaterali in materia e purché siano in possesso degli speciali requisiti a tale scopo previsti dalle relative disposizioni. Le imprese aventi sede all estero sono ammesse ad effettuare sul territorio italiano i trasporti internazionali consentiti dalle norme vigenti nel Paese d origine ed a condizione che siano fornite del titolo valido per effettuare il trasporto internazionale richiesto dagli accordi bilaterali o multilaterali. La mancanza, l inefficacia o l indebito uso del titolo richiesto sono soggetti alle sanzioni stabilite dalle disposizioni in materia. Costituisce comunque violazione ai sensi dell art. 46 la circolazione di veicoli immatricolati all estero sprovvisti della prescritta autorizzazione al trasporto internazionale. Da tale disposizione, tuttora vigente, discende peraltro che oltre al titolo autorizzativo che in seguito vedremo essere previsto o da normativa comunitaria o da specifici accordi bilaterali o multilaterali l impresa italiana può svolgere trasporti internazionali se è in possesso di uno speciale requisito. Questo non essendo mai stata attuata la prevista abilitazione speciale, di cui all art. 16 della legge è oggi rappresentato dall idoneità professionale per esercitare

2 l autotrasporto anche in ambito internazionale, di cui alla direttiva CE 98/76 sull accesso alla professione. Per cui, le imprese che in passato hanno ottenuto l attestato di capacità professionale per soli trasporti nazionali e quelle il cui preposto dopo l entrata in vigore del regolamento di attuazione della nuova disciplina per l accesso alla professione (DM 161/2005) ha chiesto di sostenere l esame d idoneità con limitazione ai trasporti nazionali, non sono ritenute in possesso dello speciale requisito abilitativo e non possono quindi essere titolari di alcun permesso per effettuare trasporti fuori dal territorio nazionale. Come anticipato nella premessa, i trasporti internazionali di merci su strada sono disciplinati sia da normativa comunitaria, sia da accordi bilaterali (conclusi fra due Stati o dalla UE a altro Stato, come la Svizzera) o da accordi multilaterali (conclusi fra tre o più Stati) stipulati dall Italia. La normativa comunitaria, obbligatoria per il nostro Stato, disciplina soltanto i trasporti effettuati nell ambito dei Paesi aderenti all Unione Europea, mentre la disciplina derivante dagli accordi regola i trasporti diretti verso Paesi extra-comunitari. Relativamente agli accordi in materia di trasporto internazionale di merci su strada (elencati al capitolo 3, paragrafo 5), si evidenzia: - che la regolamentazione da questi recata è di natura prettamente pattizia; - che questi sono costituiti dall insieme delle norme derivanti dalle intese diplomatiche o dai negoziati stipulati dai vari Stati; - che la disciplina da essi prevista vige esclusivamente fra gli Stati che li hanno sottoscritti o che vi hanno in seguito aderito. Da ultimo, va segnalato che nell effettuazione di un trasporto internazionale di cose, il vettore italiano è soggetto al rispetto delle norme vigenti nel Paese nel quale il trasporto viene effettuato, quanto ad esempio al codice della strada (limiti di velocità, divieti notturni o festivi di circolazione, funzionamento particolare dei semafori, ecc ). I trasporti in ambito U.E. e la Licenza Comunitaria I trasporti internazionali effettuati tra Paesi aderenti all Unione Europea ed all interno di questi sono regolati dalla normativa comunitaria. Al riguardo, si prende a modello la definizione comunitaria secondo cui devono essere considerati trasporti intracomunitari : gli spostamenti dei veicoli i cui punti di partenza e di arrivo siano situati in due Stati membri diversi dell unione Europea, con o senza transito in uno o più stati membri o Paesi terzi; gli spostamenti dei veicoli da uno Stato membro ad un Paese terzo o viceversa, con o senza transito in uno o più Stati membri o Paesi terzi ;

3 gli spostamenti a vuoto relativi a tali trasporti. Questi tipi di trasporti sono disciplinati dal regolamento CEE 26 marzo 1992, n. 881, che stabilisce che dal 1 gennaio 1993 ciascuna impresa di autotrasporto residente in uno Stato membro dell'unione Europea può liberamente effettuare, senza alcuna limitazione quantitativa, qualsiasi trasporto internazionale all interno della stessa U.E., a condizione che l impresa sia titolare di Licenza Comunitaria. La Licenza Comunitaria (fig. 1) è rilasciata dallo Stato membro di stabilimento (lo Stato in cui risiede l impresa richiedente) al trasportatore di merci su strada per conto terzi che sia in esso abilitato a svolgere trasporti anche in ambito internazionale. L Unione Europea, nata con il Trattato di Roma del 25 marzo 1957, è oggi costituita da 27 Stati membri (meglio elencati al capitolo 3, paragrafo 4). In definitiva, il territorio dell'u.e. viene considerato come un unico territorio nel quale, o attraverso il quale, ciascun vettore stabilito in uno Stato membro può circolare senza incontrare ostacoli di sorta. I trasporti all interno dell Unione Europea vengono disciplinati mediante regolamenti. Per poter accedere ai trasporti internazionali in ambito U.E. ( trasporti intracomunitari ), l'impresa deve ottenere, ai sensi dell'articolo 3 del Regolamento CEE n. 881/92, apposita licenza, che viene accordata esclusivamente alle imprese che siano stabilite in uno Stato membro, secondo la legislazione del medesimo, e siano abilitate, in conformità con la normativa comunitaria e con la legislazione di detto Stato in materia di accesso alla professione di trasportatore, ad effettuare trasporti internazionali di merci su strada. La licenza è rilasciata dallo Stato membro di stabilimento in un unico originale per l impresa, con validità di cinque anni non cedibile a terzi, e tante copie conformi quanti sono gli autoveicoli (veicoli a motore) in disponibilità della stessa impresa, compresi quelli presi a noleggio, di massa complessiva a 6 tonnellate o portata superiore a 3,5 tonnellate (gli autoveicoli inferiori a detti limiti sono esenti dalla licenza). La licenza comunitaria viene assegnata esclusivamente per i veicoli a motore, siano questi trattori stradali o autocarri e vale anche per i semirimorchi e rimorchi da questi trainati; non viene quindi rilasciata esclusivamente per i rimorchi o semirimorchi. Nel trasporto di merci in ambito comunitario, quindi, per veicolo si intende un veicolo a motore o un complesso di veicoli accoppiati di cui almeno il veicolo a motore sia immatricolato in uno Stato membro. La licenza comunitaria consente, dunque, anche il traino di veicoli rimorchiati (rimorchi o semirimorchi), immatricolati in Stati U.E. diversi rispetto a quello del veicolo a motore su cui insiste (aggancio misto in ambito UE). Non tutti i trasporti internazionali sono, tuttavia, assoggettati alla Licenza Comunitaria. Sono difatti esenti da questa : 1) i trasporti postali effettuati nell'ambito di un servizio pubblico; 2) i trasporti di veicoli danneggiati o da riparare; 3) i trasporti di merci con autoveicoli il cui peso totale a carico autorizzato, compreso quello dei rimorchi, non superi 6 tonnellate, o il cui carico autorizzato non superi 3,5 tonnellate;

4 4) i trasporti in conto proprio: a tale proposito occorre dire che la normativa comunitaria fissa dettagliatamente le condizioni e le caratteristiche dei trasporti in conto proprio, e precisamente: a. le merci trasportate devono appartenere all'impresa o devono essere state da essa vendute, acquistate, date o prese in affitto, prodotte, estratte, trasformate o riparate; b. il trasporto deve servire a far affluire le merci all'impresa, o a spedirle dall'impresa stessa, oppure a spostarle all'interno di questa, o, per esigenze aziendali al suo esterno; c. gli autoveicoli adibiti a tale trasporto devono essere guidati dal personale dell' impresa; d. i veicoli che trasportano le merci debbono essere di proprietà dell'impresa o essere stati da questa acquistati a credito o noleggiati, a condizione che in quest'ultimo caso essi soddisfino le condizioni previste dalla direttiva n. 84/647 relativa all'utilizzazione di veicoli noleggiati senza conducente per il trasporto di merci su strada; e. il trasporto deve costituire un' attività accessoria nell' ambito di tutte le attività dell'impresa. Un impresa italiana che ha disponibilità di veicoli muniti di licenza per trasporto delle merci in conto proprio è pertanto ammessa al trasporto internazionale delle merci in ambito comunitario a condizione che trasporti cose proprie; 5) i trasporti di medicinali, apparecchi e attrezzature mediche, nonché altri articoli necessari in caso di soccorsi urgenti, soprattutto in presenza di calamità naturali. Per queste tipologie di trasporto appena elencate, il trasporto di cose in ambito comunitario è liberalizzato, mentre per tutte le altre è soggetto al possesso della Licenza Comunitaria La normativa italiana In Italia, l'originale della licenza comunitaria viene rilasciato dalla Direzione Generale Autotrasporto Persone e Cose (APC) del Dipartimento Trasporti Terrestri, a Roma; mentre le copie conformi vengono rilasciate dall'ufficio Provinciale Motorizzazione (D.T.T.) in cui ha sede l'impresa richiedente. Tali copie conformi devono essere tenute a bordo dei veicoli impegnati nei trasporti internazionali ed esibite agli organi di controllo ad ogni loro richiesta. L originale della licenza deve essere invece custodito presso la sede dell'impresa. La licenza comunitaria ha validità quinquennale e può essere rinnovata. In Italia, anche in base a quanto disposto dal menzionato regolamento CEE 881/92, viene posta come condizione, per il rilascio della licenza comunitaria, che l'impresa sia in possesso dell'abilitazione all'esercizio dei trasporti internazionali. Condizione necessaria e sufficiente, quindi, per poter ottenere la licenza è che l'impresa residente dimostri il possesso dei requisiti richiesti di onorabilità, capacità finanziaria e idoneità professionale (con attestato completo).

5 Pertanto, una volta ottenuta l'iscrizione all'albo anche per i trasporti internazionali, l'impresa dovrebbe poter ottenere la licenza comunitaria e poter immatricolare tutti i veicoli, che ritiene necessari per l'esercizio di tali trasporti. Invece la normativa nazionale richiede, per il rilascio della licenza comunitaria, che l'impresa possa immatricolare liberamente veicoli adibiti al trasporto internazionale di cose, che si ottiene da parte delle imprese nuove che effettuino l accesso al mercato in una delle tre forme previste dal nuovo regime introdotto dalla legge finanziaria 2008: cioè subentrando per cessione di azienda ad una vecchia impresa di autotrasporto avente iscrizione all albo completa, che cessi l attività e si cancelli; per cessione dell intero parco di una vecchia impresa di autotrasporto avente iscrizione completa, che cessi l attività e si cancelli, purché il parco ceduto sia composto da veicoli di categoria almeno euro 3 o, infine, per ingresso diretto, acquisendo ed immatricolando, singolarmente o in forma associata, veicoli adibiti al trasporto di cose di categoria non inferiore a euro 3 e aventi massa complessiva a pieno carico non inferiore a 80 tonnellate. In pratica, esiste ancora una limitazione ad effettuare trasporti internazionali derivante all'attuale sistema di accesso al mercato delle nuove ditte. Per il rinnovo della Licenza Comunitaria è sufficiente una semplice domanda alla Direzione Generale APC del Ministero dei Trasporti, dimostrando il mantenimento degli stessi requisiti necessari per il primo rilascio. Revoca della licenza Comunitaria Disposizioni particolari regolano la revoca della licenza comunitaria durante i cinque anni della sua validità. La licenza comunitaria viene revocata quando: il titolare non soddisfi più le condizioni richieste per l' accesso alla professione per i trasporti internazionali; abbia fornito informazioni inesatte circa i dati richiesti per il rilascio della stessa licenza. Inoltre, in caso di gravi infrazioni, o d infrazioni lievi ripetute alle norme sui trasporti, lo Stato in cui il trasportatore ha commesso la violazione può procedere al ritiro temporaneo delle copie conformi della licenza comunitaria, che potrà essere totale o parziale. Estensione della validità della licenza Comunitaria ai Paesi EFTA e alla Svizzera. In base all accordo SEE (Spazio Economico Europeo), firmato il 13/12/1993, le licenze comunitarie rilasciate dagli stati membri dell'u.e. sono riconosciute anche nei Paesi aderenti all'efta (European Free Trade Association) e sono quindi valide per esercitare l'autotrasporto di cose anche

6 sui territori di tali Paesi, alle stesse condizioni stabilite dal Regolamento CEE 881/92. La validità della licenza comunitaria è pertanto estesa all'islanda, al Liechtenstein e alla Norvegia. Ugualmente anche la Svizzera, a seguito dell accordo sottoscritto con l Unione Europea il 21/6/1999 ed entrato in vigore nel 2002 (dopo la pubblicazione sulla Gazzetta Ufficiale delle Comunità Europee del ), ha accettato l'estensione di validità delle licenze comunitarie. Ovviamente e reciprocamente, gli Stati membri dell'u.e. riconoscono le licenze comunitarie rilasciate da tali Stati ai propri vettori. Il cabotaggio terrestre La licenza comunitaria consente anche, ai sensi del regolamento CE 3118/93, lo svolgimento dei trasporti di cabotaggio all interno dei Paesi aderenti all Unione Europea. Autorizza cioè il vettore comunitario non residente in uno Stato ad effettuare a titolo temporaneo trasporti nazionali di merce su strada sul territorio di un altro Stato comunitario, senza che in tale Stato disponga di una propria sede. Per cabotaggio terrestre si intende infatti il trasporto interno in un Paese UE dove il vettore comunitario non è residente. Questo tipo di trasporto è completamente libero dal 1 luglio 1998 fra i vecchi Stati membri della UE (i 15 che ne facevano parte prima del 1 maggio 2004). Per tre dei nuovi membri della UE non state previste restrizioni al cabotaggio terrestre e più precisamente per Cipro, Malta e Slovenia. Per gli altri 7 nuovi Paesi membri vi sono delle misure transitorie sul cabotaggio, in base alle quali sino al 1 maggio 2009 detti Paesi non possono svolgere cabotaggio terrestre nel territorio degli altri 18 Paesi comunitari e, reciprocamente, i vettori degli altri 18 Paesi non potranno effettuare cabotaggio stradale nel territorio degli Stati aventi la limitazione (il vettore italiano quindi non potrà effettuare trasporti di cabotaggio in Rep. Ceca, almeno sino al 1 maggio 2009). Quanto sopra per evitare invasioni ai traffici domestici dei Paesi comunitari, da parte dei vettori che risultano avere costi di esercizio più bassi degli altri. Stesse limitazioni sono state adottate nei confronti dei vettori degli ultimi due Stati che sono entrati nell Unione Europea il 1 gennaio 2007: Bulgaria e Romania, con tre anni sicuri di divieto (fino al 1 gennaio 2010), suscettibili di un ulteriore biennio di divieto. Il regime transitorio di limitazione al cabotaggio terrestre viene quindi applicato all Estonia, Lettonia, Lituania, Polonia, Repubblica Ceca, Repubblica Slovacca e all Ungheria (fino al 30 aprile 2009) e in Bulgaria e Romania (sino al 31 dicembre 2009). Nello svolgimento dei servizi di cabotaggio, il vettore comunitario deve osservare le disposizioni interne dello Stato in cui opera in materia di: codice della strada, normativa civilistica, contrattuale e fiscale: per cui il vettore francese che effettua cabotaggio in Italia deve osservare il codice della strada italiano (con ad es. i nostri limiti di velocità), applicare al servizio il nostro tipo di contratto di trasporto ed assoggettare il corrispettivo alla aliquota IVA ordinaria (del 20%).

7 Lo svolgimento dei servizi di cabotaggio è infine consentito, ai sensi del citato Reg. CE 3118/93, a titolo temporaneo. Per cui il vettore comunitario non può svolgere detti servizi su territorio di altro Stato in maniera permanete e costante, ad es. per tutto l anno, alla pari del vettore residente in quello Stato. Pochi Paesi comunitari hanno peraltro emanato disposizioni per definire e delimitare la temporaneità della prestazione di cabotaggio. Tra questi vi sono la Francia (ove il cabotaggio è ammesso con uno stesso autoveicolo per un periodo non superiore a 30 giorni consecutivi o a 45 non consecutivi nell arco temporale di un anno), la Grecia (con dieci giorni per ciascun mese) e l Italia, ove i vettori comunitari possono svolgere servizi di cabotaggio con uno stesso autoveicolo per massimo 30 giorni, anche non consecutivi, in un periodo di 60 giorni consecutivi, con obbligo di uscire dal territorio italiano almeno una volta in ciascun mese di calendario ed annotando tutti i servizi svolti su uno specifico libretto dei resoconti. Detto libretto costituisce un documento integrativo della Licenza Comunitaria ed il suo possesso è indispensabile per il trasporto di cabotaggio (che si ricorda sono svolti sotto il regime della Licenza Comunitaria). Il libretto dei resoconti deve essere tenuto a bordo durante l esecuzione di un trasporto di cabotaggio e regolarmente compilato prima dell inizio dello stesso. Esso deve riportare il numero progressivo di individuazione, la sigla dello Stato del vettore, la targa del veicolo, il nome e l indirizzo dell impresa di trasporto, data e luogo di rilascio ed il timbro dell autorità amministrativa di rilascio. L informazione sull ingresso o l uscita dal territorio italiano dovrà essere apposta contestualmente all evento, direttamente dal conducente secondo le istruzioni riportate sul libretto. Il libretto dei resoconti viene rilasciato dalla Direzione Generale APC del Ministero dei Trasporti, previa specifica domanda del vettore comunitario o del SEE ammesso al cabotaggio, al costo di 9 euro cadauno più il versamento della relativa imposta di bollo, L attestato del conducente Sempre al fine di evitare un ingiustificata disparità di costo tra imprese comunitarie, e consentire inoltre un controllo sulla regolarità della posizione lavorativa dei conducenti extra-comunitari, il regolamento CE 484/2002 di integrazione del citato Reg. CE 881/92 ha stabilito che qualora un autoveicolo appartenente ad un vettore comunitario sia guidato da un conducente extra-comunitario, la licenza comunitaria deve essere accompagnata da un attestato del conducente. Per fare un esempio, possiamo quindi affermare che un conducente ucraino alla guida di un autoarticolato svizzero che effettua un trasporto in ambito UE deve, per la regolarità del trasporto, avere a bordo del veicolo una copia certificata conforme della licenza comunitaria (svizzera) e il proprio attestato del conducente. Stessi documenti deve avere il conducente svizzero alla guida dello stesso autoarticolato. L impresa di trasporto che quindi impiega come conducente un cittadino di un Paese terzo nei trasporti intracomunitari deve chiedere per detto autista l attestato del conducente, presso la competente Direzione Provinciale del Lavoro. L attestato viene pertanto rilasciato all impresa di

8 autotrasporto, nella persona del titolare dell impresa individuale ovvero all amministratore della società. Detto attestato certifica che l autista in esso indicato (cui l attestato viene rilasciato), sia esso dipendente con rapporto di lavoro subordinato, soggetto messo a disposizione in esecuzione di un contratto di fornitura di lavoro temporaneo, socio di società di persone o collaboratore familiare, è stato regolarmente assunto dall impresa, conformemente alla propria legislazione. L attestato del conducente è valido finché sussistono le condizioni in base alle quali è stato rilasciato e comunque per un periodo non superiore a cinque anni, come la licenza comunitaria, e viene emesso in due esemplari: uno da conservare presso l impresa e l altro, con marca da bollo, per il conducente. Quest ultimo attestato deve trovarsi a bordo del mezzo condotto dall autista extracomunitario. Altrimenti, l impresa da cui dipende il conducente viene invitata a fornire la prova del rapporto che la lega al conducente, entro 30 giorni dal ricevimento dell invito. Al venir meno del rapporto lavorativo tra l autista e l azienda, l attestato va immediatamente restituito alla Direzione Provinciale del Ministero del Lavoro che la ha rilasciata. I trasporti con Paesi terzi (extracomunitari) Per poter effettuare trasporti internazionali verso Paesi extra-comunitari occorre ottenere un'autorizzazione a viaggio, prevista dagli Accordi con i singoli Stati. Queste autorizzazioni possono essere: - di tipo bilaterale", che consentono di effettuare trasporti da uno Stato all'altro, anche attraverso il territorio dell'altro Stato, e vengono istituite a seguito di accordi bilaterali fra gli stessi (al momento l Italia scambia autorizzazioni bilaterali con circa 21 Stati extracomunitari); - di tipo trilaterale, che prevedono la possibilità di svolgere trasporti internazionali toccando tre Paesi, che tra loro abbiano pattuito la possibilità di questo tipo di traffici triangolari (attualmente solo alcuni Paesi ex URSS prevedono questa possibilità con l Italia); - di tipo multilaterale, frutto di accordo fra più Paesi e che consentono ad un trasportatore di compiere trasporti nei territori dei Paesi che hanno sottoscritto o vi hanno aderito. Attualmente le autorizzazioni bilaterali sono istituite a seguito di accordi fra singoli Stati membri della U.E. e singoli Paesi terzi. In futuro questi contingenti sono destinati a scomparire, per essere sostituiti da accordi conclusi direttamente fra la U.E. ed i Paesi terzi. Autorizzazioni bilaterali e trilaterali La dottrina prevede quattro tipi di autorizzazioni internazionali:

9 autorizzazioni bilaterali (in senso stretto) o autorizzazioni a destino: consentono di effettuare trasporti fra i due Stati firmatari dell'accordo; autorizzazioni di transito: consentono al vettore di uno dei due Stati firmatari di attraversare il territorio dell altro Stato senza che venga caricata o scaricata merce in questo paese di attraversamento. autorizzazioni triangolari: consentono al vettore di uno dei due Stati firmatari dell'accordo, di fare trasporti fra l'altro Stato ed un Paese terzo, purché tale trasporto venga effettuato con l'attraversamento del territorio dello Stato di immatricolazione del veicolo (ad es. un vettore bielorusso può caricare merce in Italia, con destinazione in Russia, purché ri-attraversi la Bielorussia); autorizzazioni Paesi terzi: consentono al vettore di uno Stato firmatario dell'accordo di effettuare trasporti tra l'altro Stato ed un Paese terzo, senza necessità di attraversare il territorio dello Stato di immatricolazione del veicolo. Il trasporto in questi casi viene definito paese terzo, in quanto le cose cono caricate in un Paese (ad es. Bielorussia), per essere portate in un altro (ad es. Russia) con un veicolo immatricolato in un Paese diverso da quello in cui il trasporto comincia o termina (ad es. Italia, se il trasporto è svolto da vettore italiano). Alcune autorizzazioni possono essere utilizzate indifferentemente per effettuare sia trasporti di transito che trasporti a destino: dette autorizzazioni vengono per questo definite generali. Le autorizzazioni bilaterali hanno validità dal 1 gennaio al 31 dicembre (o al 31 gennaio dell'anno seguente) e possono essere utilizzate una sola volta. Esse vengono rilasciate alle imprese aventi i requisiti (iscrizione all albo con attestato valido anche per trasporti internazionali) a titolo precario: cioè ad ogni richiesta effettuata nel corso dell anno, in rapporto al parco veicolare in disponibilità dell impresa richiedente e nei limiti numerici del contingente accordato all Italia. L impresa che ottiene ed utilizza almeno 11 autorizzazioni internazionali l anno, a titolo precario, per lo stesso Paese, può chiedere al Ministero dei Trasporti, per l anno successivo, la loro conversione in assegnazione fissa, così da poter contare su un certo quantitativo di permessi necessari a svolgere i viaggi programmati su quella relazione di traffico. Una volta ottenuta l assegnazione fissa di autorizzazioni internazionali, l impresa in questione può rinnovarla ogni anno, dimostrando sempre di aver utilizzato almeno 11 permessi (cioè almeno uno al mese) Le autorizzazioni internazionali, sia a titolo precario che in assegnazione fissa, vengono rilasciate in via esclusiva dal Ministero dei Trasporti Dipartimento dei Trasporti Terrestri Direzione Generale Autotrasporto di Persone e Cose (APC) di Roma. Le domande per la conversione o il rinnovo delle assegnazioni fisse di autorizzazioni bilaterali vanno presentate, ai sensi del Decreto Dirigenziale 12 luglio 2006, entro il termine perentorio del 30 settembre di ogni anno (per l anno successivo). Le autorizzazioni a titolo precario possono invece essere richieste in qualunque giorno dell anno. Si fa infine notare che le autorizzazioni internazionali per trasporti extra-ue vengono assegnate a titolo personale alle imprese aventi diritto, in forza dei requisiti da esse possedute, delle domande da queste avanzate e dell utilizzo fatto registrare. Per cui non è ammesso il trasferimento di una o più autorizzazioni spettanti all impresa, per vendita di uno o più veicoli ad altra impresa, ma solo

10 per cessione totale di azienda. Le autorizzazioni internazionali possono quindi essere trasferite solo in caso di trasferimento d azienda. Autorizzazioni Multilaterali CEMT La CEMT (Conferenza Europea dei Ministri dei Trasporti) è un organizzazione intergovernativa creata nel All accordo aderiscono anche numerosi Paesi non appartenenti all Unione Europea. In Italia il trattato CEMT è stato ratificato con legge 9 marzo 1955, n In base a tale accordo è stabilito dal Consiglio dei Ministri dei trasporti aderenti alla CEMT, un regime contingentato di autorizzazioni multilaterali, le quali consentono l autotrasporto internazionale di merci, da parte delle imprese stabilite in un Paese membro della CEMT, tra Paesi membri della CEMT e/o in transito nel territorio di uno o più Paesi membri, con veicoli immatricolati in uno dei Paesi CEMT, compresi i tragitti a vuoto correlati a tali trasporti. La merce caricata può avere anche un origine diversa rispetto al Paese di carico. L autorizzazione CEMT è inidonea all effettuazione dei trasporti da e per Paesi terzi rispetto alla CEMT stessa. Un vettore italiano pertanto, in possesso d autorizzazione CEMT, non può caricare merce in Algeria (Stato non appartenente alla CEMT) per trasportarla in Italia, né può caricare merce in Italia destinata all Egitto (altro Stato non appartenente alla CEMT). Le autorizzazioni CEMT, inoltre, non consentono di effettuare trasporti di cabotaggio. Le autorizzazioni sono rilasciate all impresa dall autorità competente del suo Paese di stabilimento, secondo le modalità e i criteri fissati dal Paese stesso e senza riferimento al numero d immatricolazione del veicolo. Quando si esegue un trasporto con un complesso di veicoli, l autorizzazione è rilasciata dal Paese nel quale è immatricolato il veicolo a motore. Tale autorizzazione copre l intero complesso, anche se il rimorchio o il semirimorchio non sono stati immatricolati o messi in circolazione nello stesso Paese del veicolo a motore, ma in un altro dei 42 Stati aderenti alla CEMT. Le autorizzazioni CEMT possono essere di due tipi: - annuali, valide per l intero anno di contingentamento; - a breve durata, valide per trenta giorni dall inizio del viaggio. Dette autorizzazioni di breve durata non sono valide, ai sensi della Convenzione, per la circolazione del territorio austriaco. L autorizzazione può essere usata per un solo veicolo alla volta e deve trovarsi a bordo dello stesso tra il luogo di carico e quello di scarico, nonché durante tutto il percorso, in caso di viaggio a vuoto.

11 Il rilascio delle autorizzazioni CEMT è condizionato alla verifica che i veicoli cui esse si riferiscono 1 siano rispondenti alle Direttive CE sull inquinamento acustico ed ambientale (Euro 1, Euro 2 ed Euro 3) e possano essere, pertanto, definiti, utilizzando le espressioni tipiche dell ambito CEMT, camion verde, camion verde più sicuro e camion Euro 3 sicuro. La Convenzione CEMT, al fine di agevolare l accertamento del possesso di detti requisiti ad opera delle Autorità competenti ad eseguire i controlli su strada, prevede i seguenti incombenti: - l apposizione su ogni autorizzazione CEMT di un timbro verde, differente a secondo della classe ecologica cui appartiene il veicolo: per l esattezza raffigurante un autocarro per i veicoli camion verde, un autocarro sovrastato dalla lettera S per i veicoli camion più verde e sicuro, un autocarro sovrastato dal numero 3 per quelli camion Euro 3 sicuro ; - la conservazione a bordo del veicolo trattore dei seguenti documenti: a) certificato di conformità alle norme tecniche sulle emissioni e sulla sicurezza, stampato su carta verde per il camion verde e per il camion Euro 3 sicuro, su carta verde barrato da una banda diagonale per il camion più verde e sicuro ; b) certificato di conformità per il rimorchio e semirimorchio, stampato su carta gialla e certificato di controllo tecnico del trattore e del rimorchio o semirimorchio, stampato su carta bianca e con validità annuale, nel caso di trasporto con camion più verde e sicuro e con camion Euro 3 sicuro ; I certificati tecnici di conformità e sicurezza dell automezzo hanno la funzione di comprovare che il veicolo utilizzato corrisponde al meno alla categoria euro prevista per l autorizzazione CEMT che sta scortando il trasporto. Detti certificati hanno validità illimitata, purché non cambino le caratteristiche certificate, salvo quelli concernenti il controllo periodico, che valgono 12 mesi. Essi devono essere compilati e rilasciati dalla casa costruttrice o dal suo rappresentante tecnico autorizzato, in una delle quatto lingue della Convenzione (inglese, francese e tedesco e la lingua del Paese d immatricolazione) e numerati dall autorità nazionale, accompagnati dalla copia in bianco nelle altre lingue, al fine di agevolare le attività di controllo. L autorizzazione CEMT è accompagnata, altresì, da un libretto di viaggio, detto anche libretto statistico dei viaggi CEMT, che l autotrasportatore deve compilare prima dell inizio del viaggio, annotandovi in ordine cronologico tutti i tragitti, dal luogo di carico a quello di scarico, nonché quelli eseguiti con veicolo vuoto. 1 1 L area geografica della C.E.M.T. comprende, oltre ai 27 Stati membri dell Unione Europea, anche altri 16 Stati non comunitari. Si riporta l elenco completo di detti Stati: Albania, Armenia, Austria, Azerbaigian, Bielorussia, Belgio, Bosnia-Erzegovina, Bulgaria, Croazia, Danimarca, ERYM (ex Macedonia), Estonia, Finlandia, Francia, Georgia, Germania, Grecia, ex Yugoslavia (adesso divisa tra Serbia e Montenegro), Irlanda, Islanda, Italia, Lettonia, Liechtenstein, Lituania, Lussemburgo, Malta, Moldavia, Norvegia, Paesi Bassi, Polonia, Portogallo, Repubblica Ceca, Repubblica Slovacca, Romania, Regno Unito, Russia, Slovenia, Spagna, Svezia, Svizzera, Turchia, Ucraina, Ungheria

12 La compilazione del libretto è molto importante poiché è da esso che è possibile verificare il rispetto del limite massimo di trasporti eseguibile consecutivamente fuori dal Paese di stabilimento. Secondo la Convenzione CEMT, difatti, l impresa titolare del permesso ha l obbligo di rientrare con il veicolo utilizzato nel proprio Paese di appartenenza dopo un gruppo di 3 viaggi a carico eseguiti al di fuori di questo. Sono quindi previste restrizioni di carattere temporale e territoriale sul numero massimo dei viaggi che coinvolgono il Paese di stabilimento dell impresa. Il libretto è intestato al titolare dell autorizzazione, non è trasferibile ad altro soggetto e deve recare lo stesso numero dell autorizzazione. In caso di discordanza dei numeri, infatti, l autorizzazione è invalida. E composto di 52 fogli numerati (ognuno con un originale e due copie nel modello italiano) da compilare con i seguenti dati: - data di partenza e d arrivo; - luogo di carico e scarico; - Paesi di carico e scarico; - targa del veicolo; - peso lordo del carico in tonnellate; - km alla partenza e all arrivo. I fogli in originale vanno mantenuti nel libretto fino alla scadenza di validità, mentre le copie vanno restituite al Ministero dei Trasporti Direzione Generale autotrasporto entro due settimane dall ultimo giorno del mese di calendario del loro utilizzo, in ipotesi di autorizzazioni annuali e dalla scadenza in ipotesi di autorizzazione di breve durata. I libretti vanno, in ogni caso, restituiti al Ministero alla scadenza dell autorizzazione. Sono state previste, anche per le autorizzazioni CEMT, alcune tipologie di trasporto liberalizzato, quali : - trasporti di merci effettuate con veicoli il cui peso totale autorizzato a pieno carico, compreso quello del rimorchio, non supera 6 t. o il cui carico utile autorizzato, compreso quello del rimorchio, non supera 3,5 t. (i c.d. autoveicoli leggeri). L Italia, tuttavia, ha formulato, al riguardo, apposita riserva, sicché nel nostro Paese continua ad essere obbligatoria la licenza CEMT anche per il trasporto internazionale effettuato con questi veicoli; - trasporti occasionali di merci con destinazione o in provenienza da aeroporti; - trasporti di veicoli danneggiati o da riparare e il movimento dei veicoli destinati alla riparazione; - spostamenti a vuoto di un veicolo destinato al trasporto di merci o destinato a sostituire un veicolo fuori uso all estero e ritorno del veicolo danneggiato dopo la riparazione. - trasporto di animali vivi con veicoli costruiti o attrezzati in modo permanente per il trasporto di animali vivi ed autorizzati, in quanto tali dalle autorità competenti dei Paesi membri (non nel caso dell Italia, che, anche in questo caso, ha formulato apposita riserva);

13 - trasporto di pezzi di ricambio e di prodotti destinati al rifornimento di navi ed aerei; - trasporto di articoli necessari per cure mediche in caso di soccorso di urgenza; - trasporto di oggetti ed opere d arte destinati ad esposizioni e fiere a fini non commerciali; - trasporto a fini non di lucro di materiali, accessori e animali con destinazione o provenienza da manifestazioni teatrali, musicali, cinematografiche, sportive, circhi, fiere, feste popolari o destinati a registrazioni radiofoniche o riprese cinematografiche o televisive; - trasporti di cose in conto proprio (non nel caso dell Italia che ha formulato apposita riserva); - trasporti funebri; - trasporti postali effettuati nel quadro di un regime di servizio pubblico. Dette liberalizzazioni valgono a condizione che il Paese aderente alla CEMT non abbia fatto su di esse o alcuna di esse una espressa riserva, in fase di adesione alla Convenzione o successivamente. In tal caso la riserva opposta da un Paese aderente alla CEMT in materia di trasporti liberalizzati non consente ai vettori degli altri paesi aderenti di effettuare quel determinato tipo di trasporto in regime di liberalizzazione sul proprio territorio (cioè sul territorio del Paese che ha posto la riserva). Domanda di rilascio dell autorizzazione CEMT Come già anticipato, le Autorizzazioni CEMT sono contingentate per ogni Stato e vengono rilasciate all impresa che ha titolo per ottenerle (fuori contingente vengono rilasciate autorizzazioni CEMT valide per i traslochi, purché la ditta richiedente abbia il requisito dell idoneità per trasporti internazionali e un veicolo adeguato: un impresa italiana specializzata in traslochi, che intende effettuare un servizio in un Paese membro della CEMT, può quindi chiedere il rilascio di un autorizzazione CEMT fuori contingente denominata CEMT Traslochi ): - sia iscritta all Albo nazionale degli autotrasportatori di cose per conto di terzi; - sia abilitata al trasporto internazionale (titolare quindi di attestato d idoneità completo). La disciplina vigente in Italia (Decreto dirigenziale 12 luglio 2006) prevede che ai fini del primo rilascio di un CEMT, un impresa avente titolo deve fare richiesta di partecipare alla Graduatoria per l ottenimento della citata autorizzazione: a) presentando una specifica domanda entro il 31 ottobre dell anno precedente a quello del rilascio; b) dimostrando di avere la disponibilità di veicoli adeguati (di massa superiore a 6 tonn. o di portata utile superiore a 3,5 tonn. ) a titolo di proprietà, leasing, usufrutto o vendita con riserva di proprietà; c) comprovando di aver svolto, con autorizzazioni bilaterali, almeno 11 viaggi nell'area CEMT, al di fuori della zona UE/SEE, nel periodo che decorre dal 1 gennaio al 30 novembre dell'anno di

14 presentazione della domanda (dimostrando tali utilizzi con la restituzione delle autorizzazioni entro due settimane dall utilizzo e per l ultimo mese di novembre entro il 14 dicembre successivo). Le autorizzazioni che si rendono disponibili ogni anno vengono, pertanto, rilasciate dalla Direzione Generale Autotrasporto Persone e Cose (APC) del Ministero dei Trasporti, in base alla conclusione della citata graduatoria (basata anche sul numero dei veicoli in disponibilità dell azienda e sul numero dei viaggi extra-ue fatti), alle imprese che si classificano nei posti utili della medesima. Ottenuta in tal modo la prima autorizzazione CEMT, l impresa aggiudicataria ha l onere di utilizzarla in modo corretto, effettuando almeno 11 viaggi nell'area CEMT, al di fuori della zona UE/SEE, nel periodo che decorre dal 1 gennaio al 30 novembre dell'anno del primo ottenimento (da dimostrare con copia dei fogli di utilizzo dei libretti di resoconti dei viaggi prima citati) ai fini del suo rinnovo per l anno successivo. Anche la domanda per il rinnovo dell autorizzazione CEMT va presentata entro il termine perentorio del 31 ottobre dell anno predente a quello di rinnovo. L autorizzazione CEMT (fig. 2) è l unico documento che legittima l impresa intestataria ad effettuare trasporti fra gli Stati membri della citata Area. Essa deve trovarsi a bordo del veicolo dal luogo di carico a quello di scarico della merce ed anche durante i percorsi a vuoto dei viaggi indicati nel libretto dei resoconti. La CEMT consente anche l effettuazione di trasporti di tipo bilaterale, di transito, fra Stati diversi da quello dell immatricolazione del veicolo, compresi i relativi percorsi a vuoto. I modelli di lista di controllo nel trasporto delle merci Il ministero delle infrastrutture e dei trasporti con il decreto dirigenziale 22 febbraio 2006 in G.U. n. 50 del dal titolo Determinazione di un modello di lista di controllo per uniformare le procedure dei controlli sugli autoveicoli adibiti al trasporto delle merci, in attuazione dell'articolo Il decreto prescrive un modello tipo (anzi quattro) di lista di controllo per verificare la regolarità dell autotrasporto. In altre parole il decreto vuol favorire i controlli predisponendo un percorso da seguire da parte degli organi di controllo. Mentre è chiaro che a fronte di un normale controllo su strada gli organi di polizia stradale effettuano un controllo, come dire, a memoria, chiedendo, in primis, la carta di circolazione del veicolo e la patente di guida del conducente per poi spaziare, sempre, comunque, a memoria, sugli altri controlli generali o particolari ma sempre con la possibilità, non trascurabile, di non effettuare un controllo completo, questa lista ha il pregio di prevedere, a tavolino, tutti i controlli possibili. Si tratta, quindi, per l organo di portarsi al seguito la lista e, con quella procedere al controllo che ovviamente può essere ancora più esaustivo di quelli previsti dalla lista in quanto il decreto stesso precisa che Le liste di controlli indicate negli allegati di cui ai precedenti commi non sono da intendersi come esaustive e l'attività di controllo può riguardare ulteriori documenti, atti a consentire la verifica della regolarità amministrativa di circolazione La lista è suddivisa in quattro modelli che fanno riferimento all' autotrasporto;

15 nazionale fra Paesi appartenenti all'unione europea, della Svizzera e dello Spazio economico europeo tra Paesi aderenti alla Conferenza Europea dei Ministri dei Trasporti (CEMT) interessante Paesi non appartenenti all'unione europea. Si ritiene che poichè alcuni Stati sono aderenti alla UE e alla C.E.M.T. in questi casi di debba applicare il modello allegato II e non III, così come, per paesi extracomunitari ma appartenenti alla C.E.M. T. si debba applicare il modello allegato III e non il modello allegato IV. Il decreto si chiude con l impegno, anche in questo caso, encomiabile, di individuare con successivi decreti dirigenziali ulteriori modelli di liste di controllo, ovvero integrare quelle allegate al presente decreto. Forse è il caso di prendere spunto da questa iniziativa per produrre modelli validi per controlli diversi da quello dell autotrasporto. Per comodità di lettura si riportano, in parallelo, i modelli allegati, cosa che ci permette anche di verificare le differenze fra i quattro allegati. AUTOTRASPORTO NAZIONALE AUTOTRASPORTO COMUNITARIO AUTOTRASPORTO IN AMBITO C.E.M.T. (CONFERENZA ECONOMICA MINISTRI DEI TRASPORTI) AUTOTRASPOR TO EXTRA- COMUNITARIO Albania, Armenia, UE Australia, Azerbajdjan, Italia (Austria, Belgio, Cipro, Danimarca, Estonia, Francia, Finlandia,Germania, Gran Bretagna, Grecia, Irlanda,Lettonia, Lituania, Lussemburgo,Malta, Olanda,Polonia,Portogallo, Bosnia Erzegovina, Bulgaria, Canada, Corea, Croazia, Estonia, Georgia, Giappone, Macedonia, Repubblica ceca,slovacchia, Ungheria, Slovenia, Spagna, Marocco,Mexico, Svezia.) Nuova Zelanda, SEE Repubblica Ceca, (Islanda,Liechtenstein, Norvegia) Romania, Russia, Serbia e Montenegro SVIZZERA Stati Uniti,Turchia, Ucraina. Allegato I Allegato II Allegato III Allegato IV 1) DOCUMENTI DEL VEICOLO Immatricolazione 1) DOCUMENTI DEL VEICOLO Immatricolazione 1) DOCUMENTI DEL VEICOLO Immatricolazione 1) DOCUMENTI DEL VEICOLO Immatricolazione

16 Documenti di circolazione del veicolo [1] Contrassegno assicurativo Certificato assicurativo Regolare disponibilità del veicolo[2] Contratto di noleggio[3] Regolarità agganciamento [4] Cronotachigrafo e fogli di registrazione [5] 2) DOCUMENTI DEL CONDUCENTE Documento di identità Patente di guida ed eventuali abilitazioni (se necessarie) Documentazione del rapporto di lavoro [6] Carta del conducente (se munito di cronotachigrafo digitale) Carta di qualificazione del conducente (dalla data di entrata in vigore) Certificato di formazione professionale ADR [7] 3) CONTRATTO DI TRASPORTO [8] Elementi Documenti di circolazione del veicolo [1] Certificato assicurativo o documentazione equivalente Regolare disponibilità del veicolo [2] [3] Contratto di noleggio Regolarità agganciamento[4] Cronotachigrafo e fogli di registrazione[5] 2) DOCUMENTI DEL CONDUCENTE Documento di identità Patente di guida ed eventuali abilitazioni (se necessarie) Attestato di conducente (se conducente extracomunitario) Carta del conducente (se munito di cronotachigrafo digitale) Carta di qualificazione del conducente (dalla data di entrata in vigore) Certificato di formazione professionale ADR[6] 3) CONTRATTO DI TRASPORTO INTERNAZIONALE (CMR) [7] 4) REGIME TIR [8] 5) CONTROLLO DELLA MERCE [9] Natura e qualità Documenti di circolazione del veicolo[1] Certificato assicurativo o documentazione equivalente Regolare disponibilità del veicolo [2] Contratto di noleggio[3] Regolarità agganciamento [4] Cronotachigrafo e fogli di registrazione [5] 2) DOCUMENTI DEL CONDUCENTE Documento di identità Patente di guida ed eventuali abilitazioni (se necessarie) Documentazione del rapporto di lavoro in caso di noleggio Carta del conducente (se munito di cronotachigrafo digitale) Certificato di formazione professionale ADR[6] 3) CONTRATTO DI TRASPORTO INTERNAZIONALE (CMR)[7] 4) REGIME TIR [8] 5) CONTROLLO DELLA Documenti di circolazione del veicolo[1] Certificato assicurativo o documentazione equivalente Regolare disponibilità del veicolo[2] Regolarità agganciamento [3] Cronotachigrafo e fogli di registrazione [4] 2) DOCUMENTI DEL CONDUCENTE Documento di identità Patente di guida ed eventuali abilitazioni (se necessarie) Documentazione del rapporto di lavoro in caso di noleggio Carta del conducente (se munito di cronotachigrafo digitale) Certificato di formazione professionale ADR [5] 3) CONTRATTO DI TRASPORTO INTERNAZIONALE (CMR) [6] 4) REGIME TIR[7] 5) CONTROLLO DELLA MERCE [8] Natura e qualità Luogo di partenza

17 essenziali a) nome e sede del vettore e del committente, o del caricatore; b) numero di iscrizione del vettore all'albo degli autotrasportatori; c) tipologia e quantità della merce trasportata; d) corrispettivo del servizio di trasporto e modalità di pagamento; e) luoghi di presa in consegna e di riconsegna della merce. Elementi eventuali[9] a) i termini temporali per la riconsegna della merce; b) le istruzioni aggiuntive del committente e/o del caricatore. 4) CONTROLLO DELLA MERCE[10] a) Natura e qualità b) Luogo di partenza e destinazione del carico ed eventuali luoghi di carico/scarico intermedi c) Mittente e destinatario d) Speditore (se diverso dal mittente) 5) DOCUMENTI DI Luogo di partenza e destinazione del carico ed eventuali luoghi di carico/scarico intermedi Mittente e destinatario Speditore (se diverso dal mittente) 6) CONTROLLO REGIME AUTORIZZATIVO DELL'ATTIVITA' DI TRASPORTO a) Conto proprio Verifica delle sussistenza delle condizioni[10] b) Conto terzi Licenza Comunitaria c) Autorizzazioni particolari[11] per i trasporti eccezionali Attestato ATP Documento per il trasporto delle Merci Pericolose (ADR) Documento per il trasporto combinato [12] Dichiarazione di provenienza nel trasporto di animali vivi sanitaria di idoneità per i veicoli adibiti al trasporto di alimenti sfusi sanitaria di idoneità per i veicoli adibiti al trasporto di alimenti surgelati sanitaria di idoneità per i veicoli adibiti al trasporto di carni sanitaria di idoneità per i veicoli adibiti al trasporto di prodotti ittici MERCE [9] Natura e qualità Luogo di partenza e destinazione del carico ed eventuali luoghi di carico/scarico intermedi Mittente e destinatario Speditore (se diverso dal mittente) 6) DOCUMENTI DI CONTROL LO DEL REGIME AUTORIZZATIVO DELL'ATTIVITA' DI TRASPORTO C.E.M.T. Libretto di viaggio Autorizzazioni particolari [10] - per i trasporti eccezionali - Attestato ATP - Documento per il trasporto delle Merci Pericolose (ADR) - Dichiarazione di provenienza nel trasporto di animali vivi - sanitaria di idoneità per i veicoli adibiti al trasporto di alimenti sfusi - sanitaria di idoneità per i veicoli adibiti al trasporto di alimenti surgelati - sanitaria di idoneità per i veicoli adibiti al trasporto di carni - e destinazione del carico ed eventuali luoghi di carico/scarico intermedi Mittente e destinatario Speditore (se diverso dal mittente) 6) CONTROLLO REGIME AUTORIZZATI VO DELL'ATTIVITA' DI TRASPORTO Bilaterale o autorizzazione Comunitaria di Transito Autorizzazioni particolari [9] - per i trasporti eccezionali - Attestato ATP - Documento per il trasporto delle Merci Pericolose (ADR) - Dichiarazione di provenienza nel trasporto di animali vivi - sanitaria di idoneità per i veicoli adibiti al trasporto di alimenti sfusi - sanitaria di idoneità per i veicoli adibiti al trasporto di alimenti surgelati - sanitaria di idoneità per i veicoli adibiti al trasporto di carni -

18 CONTROLLO DEL REGIME AUTORIZZATIVO DELL'ATTIVITA' DI TRASPORTO a) Conto proprio Licenza per l'autotrasporto di cose per conto proprio Documento di trasporto di cose in conto proprio [11] Documento di trasporto occasionale [12] b) Conto terzi Iscrizione all'albo degli autotrasportatori di cose per conto di terzi anche mediante autocertificazione con l'indicazione delle eventuali limitazioni c) Autorizzazioni particolari [13] per i trasporti eccezionali Attestato ATP Documento per il trasporto delle Merci Pericoloso (ADR) Libretto di cabotaggio [14] Dichiarazione di provenienza nel trasporto di animali vivi sanitaria di idoneità per i veicoli adibiti al trasporto di alimenti sfusi sanitaria di idoneità per i veicoli adibiti al trasporto di alimenti surgelati sanitaria di sanitaria di idoneità per i veicoli adibiti al trasporto di prodotti ittici sanitaria di idoneità per i veicoli adibiti al trasporto di prodotti ittici

19 idoneità per i veicoli adibiti al trasporto di carni sanitaria di idoneità per i veicoli adibiti al trasporto di prodotti ittici Note all allegato I (1) Carta di circolazione e altra documentazione obbligatoria secondo la tipologia del trasporto. [2] Qualora non emerga dai documenti di circolazione. [3] Ove ne ricorra il caso. [4] Qualora non emerga dai documenti di circolazione. [5] Nel caso il veicolo sia equipaggiato con cronotachigrafo digitale, estrazione dei dati sui tempi di guida e di riposo. [6] Conforme alla delibera del Comitato Centrale per l'albo degli Autotrasportatori del 27 gennaio [7] Nel caso di trasporto di merci pericolose assoggettate a regime ADR. [8] Se a bordo del veicolo. [9] Da rilevare se indicati. [10] Da effettuarsi nel caso in cui tali dati non siano desumibili dal Contratto di trasporto o il

20 contratto stesso non sia stato redatto in forma scritta o non si trovi a bordo. [11] Conforme all'allegato n. 1 del D.P.R. 783/77, contenente l'elencazione delle cose trasportate e la dichiarazione contestuale che esse sono di proprietà del titolare della licenza o che ricorre una delle condizioni previste dalla lettera c) dell'art. 31 della legge n. 298/74. [12] Conforme all'allegato n. 2 del D.P.R. 783/77. [13] Ove ne ricorrano le condizioni secondo la tipologia del trasporto. [14] Da esibirsi unitamente alle Licenza Comunitaria dalle imprese dell'unione Europea che effettuano trasporti di cabotaggio sul territorio Italiano Note all allegato II (1) Carta di circolazione e altra documentazione obbligatoria secondo la tipologia del trasporto. [2] Qualora non emerga dai documenti di circolazione. [3] Ove ne ricorra il caso. [4] Qualora non emerga dai documenti di circolazione. [5] Nel caso il veicolo sia equipaggiato con cronotachigrafo digitale, estrazione dei dati sui tempi di guida e di riposo. [6] Nel caso di trasporto di merci pericolose assoggettate a regime ADR. [7] Se a bordo del veicolo. [8] Qualora ricorra. [9] Da effettuarsi nei casi in cui tali dati non siano desumibili dal C.M.R. o il CMR stesso non sia stato. redatto in forma scritta o non si trovi a bordo [10] Come definite dall'allegato II, punto 4, del Regolamento 881/92/CE. [11] Ove ne ricorrano le condizioni secondo la tipologia del trasporto. [12] Documento (o integrazione di altro documento di trasporto) redatto a cura delle imprese che effettuano il trasporto combinato ai sensi della Direttiva 92/106/CE Note all allegato III (1) Carta di circolazione e altra documentazione obbligatoria secondo la tipologia del trasporto. [2] Qualora non emerga dai documenti di circolazione. [3] Ove ne ricorra il caso. [4] Qualora non emerga dai documenti di circolazione. [5] Nel caso il veicolo sia equipaggiato con cronotachigrafo digitale, estrazione dei dati sui tempi di guida e di riposo. [6] Nel caso di trasporto di merci pericolose assoggettate a regime ADR. [7] Se a bordo del veicolo. [8] Qualora ricorra. [9] Da effettuarsi nel caso in cui tali dati non siano desumibili dal C.M.R. o il CMR stesso non sia stato redatto in forma scritta o non si trovi a bordo. [10] Ove ne ricorrano le condizioni secondo la tipologia del trasporto. Note all allegato IV 1] Carta di circolazione e altra documentazione obbligatoria secondo la tipologia del trasporto. [2] Qualora non emerga dai documenti di circolazione. [3] Qualora non emerga dai documenti di circolazione. [4] Nel caso il veicolo sia equipaggiato con cronotachigrafo digitale, estrazione dei dati sui tempi di guida e di riposo. [5] Nel caso di trasporto di merci pericolose assoggettate a regime ADR. [6] Se a bordo del veicolo. [7] Qualora ricorra. [8] Da effettuarsi nel caso in cui tali dati non siano desumibili dal C.M.R. o il CMR stesso non sia stato redatto in forma scritta o non si trovi a bordo. [9] Ove ne ricorrano le condizioni secondo la tipologia del trasporto.

PROVINCIA ROMA LEGGE 08/08/1991 N.264 COMMISSIONE D ESAME- SESSIONE 2006 DISCIPLINA: TRASPORTO MERCI

PROVINCIA ROMA LEGGE 08/08/1991 N.264 COMMISSIONE D ESAME- SESSIONE 2006 DISCIPLINA: TRASPORTO MERCI PROVINCIA ROMA LEGGE 08/08/1991 N.264 COMMISSIONE D ESAME- SESSIONE 2006 DISCIPLINA: TRASPORTO MERCI 1 - LE IMPRESE DI TRASPORTO ESTERE POSSONO ESSERE ISCRITTE ALL ALBO? A - qualsiasi impresa estera puo

Dettagli

CERTIFICATO RIGUARDANTE L AGGREGAZIONE DEI PERIODI DI ASSICURAZIONE, OCCUPAZIONE O RESIDENZA. Malattia maternità decesso (assegno) invalidità

CERTIFICATO RIGUARDANTE L AGGREGAZIONE DEI PERIODI DI ASSICURAZIONE, OCCUPAZIONE O RESIDENZA. Malattia maternità decesso (assegno) invalidità COMMISSIONE AMMINISTRATIVA PER LA SICUREZZA SOCIALE DEI LAVORATORI MIGRANTI E 104 CH (1) CERTIFICATO RIGUARDANTE L AGGREGAZIONE DEI PERIODI DI ASSICURAZIONE, OCCUPAZIONE O RESIDENZA Malattia maternità

Dettagli

Il regime fiscale degli interessi sui Titoli di Stato

Il regime fiscale degli interessi sui Titoli di Stato Il regime fiscale degli interessi sui Titoli di Stato Fonti normative Il principale testo normativo che disciplina il regime fiscale degli interessi sui Titoli di Stato è il decreto legislativo 1 aprile

Dettagli

Prot. n. 505 Verona, 11/02/2015 LA FONDAZIONE ARENA DI VERONA

Prot. n. 505 Verona, 11/02/2015 LA FONDAZIONE ARENA DI VERONA LA FONDAZIONE ARENA DI VERONA procede alla raccolta di domande al fine di effettuare selezioni per eventuali assunzioni con contratto subordinato, a tempo determinato, relativamente al Festival Areniano

Dettagli

OPERAZIONI DI PAGAMENTO NON RIENTRANTI IN UN CONTRATTO QUADRO PSD ED ALTRE OPERAZIONI NON REGOLATE IN CONTO CORRENTE

OPERAZIONI DI PAGAMENTO NON RIENTRANTI IN UN CONTRATTO QUADRO PSD ED ALTRE OPERAZIONI NON REGOLATE IN CONTO CORRENTE FOGLIO INFORMATIVO OPERAZIONI DI PAGAMENTO NON RIENTRANTI IN UN CONTRATTO QUADRO PSD ED ALTRE OPERAZIONI NON REGOLATE IN CONTO CORRENTE INFORMAZIONI SULLA BANCA Denominazione e forma giuridica Cassa di

Dettagli

Immatricolazione dei veicoli provenienti dall estero

Immatricolazione dei veicoli provenienti dall estero Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti Dipartimento Per I Trasporti Terrestri E Per I Sistemi Informativi E Statistici Ufficio di Coordinamento per la Lombardia Circolare interna n. 1 Milano 18/04/2004

Dettagli

Foglio Informativo Conto Deposito Pronti contro Termine

Foglio Informativo Conto Deposito Pronti contro Termine Foglio Informativo Conto Deposito Pronti contro Termine Informazioni su CheBanca! Denominazione Legale: CheBanca! S.p.A. Capitale Sociale: Euro 220.000.000 i.v. Sede Legale: Via Aldo Manuzio, 7-20124 MILANO

Dettagli

ECC-Net: Travel App2.0

ECC-Net: Travel App2.0 ECC-Net: Travel App2.0 In occasione del 10 anniversario dell ECC- Net, la rete dei centri europei per i consumatori lancia la nuova versione dell ECC- Net Travel App. Quando utilizzare questa applicazione?

Dettagli

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA. Visto l'articolo 20 della legge 15 marzo 1997, n. 59, allegato 1, numeri 94, 97 e 98, e successive modificazioni;

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA. Visto l'articolo 20 della legge 15 marzo 1997, n. 59, allegato 1, numeri 94, 97 e 98, e successive modificazioni; D.P.R. 14-12-1999 n. 558 Regolamento recante norme per la semplificazione della disciplina in materia di registro delle imprese, nonché per la semplificazione dei procedimenti relativi alla denuncia di

Dettagli

1. Quali sono gli estremi per l iscrizione all Albo Nazionale Gestori Ambientali?

1. Quali sono gli estremi per l iscrizione all Albo Nazionale Gestori Ambientali? Domanda: Risposta (a cura di Maurizio Santoloci): Oggi un impresa edile che trasporta in proprio i rifiuti non pericolosi con proprio mezzo al contrario di quanto accadeva nella previdente disciplina deve

Dettagli

DECRETO 26 ottobre 2011

DECRETO 26 ottobre 2011 DECRETO 26 ottobre 2011 Modalita' di iscrizione nel registro delle imprese e nel REA, dei soggetti esercitanti l'attivita' di mediatore disciplinata dalla legge 3 febbraio 1989, n. 39, in attuazione degli

Dettagli

GLI ATTI E DOCUMENTI STRANIERI Procedure per la legalizzazione di documenti e di firme.

GLI ATTI E DOCUMENTI STRANIERI Procedure per la legalizzazione di documenti e di firme. GLI ATTI E DOCUMENTI STRANIERI Procedure per la legalizzazione di documenti e di firme. 1. Normativa di riferimento Legge 20 dicembre 1966, n. 1253 Ratifica ed esecuzione della Convenzione firmata a l

Dettagli

Aiuto alle vittime in caso di reati all estero. secondo la legge federale del 23 marzo 2007 concernente l aiuto alle vittime di reati

Aiuto alle vittime in caso di reati all estero. secondo la legge federale del 23 marzo 2007 concernente l aiuto alle vittime di reati Dipartimento federale di giustizia e polizia DFGP Ufficio federale di giustizia UFG Ambito direzionale Diritto pubblico Settore di competenza Progetti e metodologia legislativi 1 gennaio 2015 Aiuto alle

Dettagli

Quadro di valutazione "L'Unione dell'innovazione" 2014

Quadro di valutazione L'Unione dell'innovazione 2014 Quadro di valutazione "L'Unione dell'innovazione" 2014 Quadro di valutazione dei risultati dell'unione dell'innovazione per la ricerca e l'innovazione Sintesi Versione IT Imprese e industria Sintesi Quadro

Dettagli

4.01 Prestazioni dell AI Prestazioni dell assicurazione invalidità (AI)

4.01 Prestazioni dell AI Prestazioni dell assicurazione invalidità (AI) 4.01 Prestazioni dell AI Prestazioni dell assicurazione invalidità (AI) Stato al 1 gennaio 2015 1 In breve Tutte le persone che abitano o esercitano un attività lucrativa in Svizzera sono per principio

Dettagli

REGOLAMENTO IN MATERIA DI TITOLI ABILITATIVI PER L OFFERTA AL PUBBLICO DI SERVIZI POSTALI CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI

REGOLAMENTO IN MATERIA DI TITOLI ABILITATIVI PER L OFFERTA AL PUBBLICO DI SERVIZI POSTALI CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI Allegato A alla delibera n. 129/15/CONS REGOLAMENTO IN MATERIA DI TITOLI ABILITATIVI PER L OFFERTA AL PUBBLICO DI SERVIZI POSTALI CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI Articolo 1 Definizioni 1. Ai fini del presente

Dettagli

studio dei titolari di protezione internazionale

studio dei titolari di protezione internazionale Il riconoscimento dei titoli di studio dei titolari di protezione internazionale IL RICONOSCIMENTO DEI TITOLI DI STUDIO LA NORMATIVA L art 170 del RD 1592 del 3/ 31/08/33 /33di approvazione del Testo Unico

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO 150 BONIFICI ITALIA ED ESTERO (import/export) Aggiornamento al 03 novembre 2014

FOGLIO INFORMATIVO 150 BONIFICI ITALIA ED ESTERO (import/export) Aggiornamento al 03 novembre 2014 INFORMAZIONI SU CREDIVENETO Denominazione e forma giuridica CREDITO COOPERATIVO INTERPROVINCIALE VENETO Società Cooperativa Società Cooperativa per Azioni a Resp. Limitata Sede Legale e amministrativa:

Dettagli

FISCALI. con il cd. decreto «salva Italia» (D.L. 6

FISCALI. con il cd. decreto «salva Italia» (D.L. 6 Guida ai NOVITÀ CIRCOLAZIONE del CONTANTE: LIMITAZIONI NAZIONALI e COMUNITARIE Analisi della circolazione del contante alla luce degli interventi chiarificatori offerti dal Mef, dall Agenzia delle Entrate,

Dettagli

L UNIONE EUROPEA. L Unione europea, invece, è una grande famiglia di 27 Stati 1 europei con più di 450 milioni di abitanti

L UNIONE EUROPEA. L Unione europea, invece, è una grande famiglia di 27 Stati 1 europei con più di 450 milioni di abitanti L UNIONE EUROPEA Prima di iniziare è importante capire la differenza tra Europa e Unione europea. L Europa è uno dei cinque continenti, insieme all Africa, all America, all Asia e all Oceania. Esso si

Dettagli

ORARIO DI LAVORO DEI LAVORATORI MOBILI NEL SETTORE TRASPORTI

ORARIO DI LAVORO DEI LAVORATORI MOBILI NEL SETTORE TRASPORTI ORARIO DI LAVORO DEI LAVORATORI MOBILI NEL SETTORE TRASPORTI Sommario: 5064.0 QUADRO GENERALE 5064.1 ORARIO DI LAVORO 5064.1.1 Durata dell'orario di lavoro settimanale 5064.1.2 Riposi intermedi 5064.1.3

Dettagli

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Ai Gentili Clienti Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Con i co. da 324 a 335 dell unico articolo della L. 24.12.2012 n. 228 (Legge di Stabilità 2013), l ordinamento

Dettagli

CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA

CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA 1. Definizioni La vendita dei prodotti offerti sul nostro sito web www.prada.com (di seguito indicato come il Sito") è disciplinata dalle seguenti Condizioni Generali di

Dettagli

Tavola 1 Incidenti stradali, morti e feriti

Tavola 1 Incidenti stradali, morti e feriti PRINCIPALI EVIDENZE DELL INCIDENTALITÀ STRADALE IN ITALIA I numeri dell incidentalità stradale italiana Nel 2011, in Italia si sono registrati 205.638 incidenti stradali, che hanno causato 3.860 morti

Dettagli

FIAMP ANALISI IMPORT EXPORT DEI SETTORI ADERENTI A FIAMP

FIAMP ANALISI IMPORT EXPORT DEI SETTORI ADERENTI A FIAMP FIAMP FEDERAZIONE ITALIANA DELL ACCESSORIO MODA E PERSONA AIMPES ASSOCIAZIONE ITALIANA MANIFATTURIERI PELLI E SUCCEDANEI ANCI ASSOCIAZIONE NAZIONALE CALZATURIFICI ITALIANI ANFAO ASSOCIAZIONE NAZIONALE

Dettagli

CONTRIBUTO AGLI AUTOTRASPORTATORI PER L ACQUISTO DI VEICOLI NUOVI

CONTRIBUTO AGLI AUTOTRASPORTATORI PER L ACQUISTO DI VEICOLI NUOVI CONTRIBUTO AGLI AUTOTRASPORTATORI PER L ACQUISTO DI VEICOLI NUOVI Art. 1, comma 89, Legge n. 147/2013 DM n. 307/2014 Circolare MIT 22.9.2014, n. 18358 Modena, 07 ottobre 2014 La Finanziaria 2014 ha previsto

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACCESSO ALL AREA PEDONALE DEL COMUNE DI COURMAYEUR

REGOLAMENTO PER L ACCESSO ALL AREA PEDONALE DEL COMUNE DI COURMAYEUR REGOLAMENTO PER L ACCESSO ALL AREA PEDONALE DEL COMUNE DI COURMAYEUR Indice degli articoli Art. 1 Definizioni...2 Art. 2 Oggetto ed ambito di applicazione...2 Art. 3 Deroghe al divieto di circolazione

Dettagli

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA Società Consortile di Informatica delle Camere di Commercio Italiane per azioni di CONDUCENTE Cognome Nome 1 a EMISSIONE RINNOVO Per scadenza

Dettagli

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA Società Consortile di Informatica delle Camere di Commercio Italiane per azioni ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA di CONDUCENTE Cognome Nome 1 a EMISSIONE RINNOVO Per scadenza

Dettagli

RISOLUZIONE N. 42/E QUESITO

RISOLUZIONE N. 42/E QUESITO RISOLUZIONE N. 42/E Direzione Centrale Normativa Roma, 27 aprile 2012 OGGETTO: Interpello (art. 11, legge 27 luglio 2000, n. 212) - Chiarimenti in merito alla qualificazione giuridica delle operazioni

Dettagli

Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti

Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti DECRETO n. 429 del 15 dicembre 2011 Direttive e calendario per le limitazioni alla circolazione stradale fuori dai centri abitati per l anno 2012 IL MINISTRO

Dettagli

5)- COME VIENE DEFINITA LA FORMALITÀ PRESSO IL P.R.A. RELATIVA AD UN IPOTECA? A - Annotazione B - Iscrizione C Trascrizione

5)- COME VIENE DEFINITA LA FORMALITÀ PRESSO IL P.R.A. RELATIVA AD UN IPOTECA? A - Annotazione B - Iscrizione C Trascrizione 1)- PER UN VEICOLO ESPORTATO ALL'ESTERO E SUCCESSIVAMENTE REISCRITTO IN ITALIA DALLO STESSO INTESTATARIO QUALE IPT PAGA?: A - L'IPT si paga in misura proporzionale B - Non si paga IPT C - L'IPT si paga

Dettagli

I NUOVI SERVIZI SEPA: BONIFICI E ADDEBITI DIRETTI.

I NUOVI SERVIZI SEPA: BONIFICI E ADDEBITI DIRETTI. I NUOVI SERVIZI SEPA: BONIFICI E ADDEBITI DIRETTI. BancoPosta www.bancoposta.it numero gratuito: 800 00 33 22 COME CAMBIANO INCASSI E PAGAMENTI CON LA SEPA PER I TITOLARI DI CONTI CORRENTI BANCOPOSTA DEDICATI

Dettagli

Il Documento è diviso in tre parti e dotato di un indice per agevolare la consultazione.

Il Documento è diviso in tre parti e dotato di un indice per agevolare la consultazione. L erogazione dell assistenza in favore dei cittadini stranieri non può prescindere dalla conoscenza, da parte degli operatori, dei diritti e dei doveri dei cittadini stranieri, in relazione alla loro condizione

Dettagli

Modalità di iscrizione nel registro delle imprese e nel REA dei soggetti esercitanti l attività di mediatore disciplinata dalla legge 3 febbraio

Modalità di iscrizione nel registro delle imprese e nel REA dei soggetti esercitanti l attività di mediatore disciplinata dalla legge 3 febbraio Modalità di iscrizione nel registro delle imprese e nel REA dei soggetti esercitanti l attività di mediatore disciplinata dalla legge 3 febbraio 1989, n. 39, in attuazione degli articoli 73 e 80 del decreto

Dettagli

Bonifici provenienti dall estero. Il servizio consente di incassare i propri crediti attraverso bonifici provenienti da banca estere.

Bonifici provenienti dall estero. Il servizio consente di incassare i propri crediti attraverso bonifici provenienti da banca estere. 18/05/2009 FOGLIO INFORMATIVO ai sensi della delibera CICR 4.3.2003 e istruzioni di vigilanza di Banca d Italia in materia di trasparenza delle operazioni e dei servizi bancari Bonifici provenienti dall

Dettagli

Le nuove fonti di energia

Le nuove fonti di energia Le nuove fonti di energia Da questo numero della Newsletter verranno proposti alcuni approfondimenti sui temi dell energia e dell ambiente e sul loro impatto sul commercio mondiale osservandone, in particolare,

Dettagli

Modulo BPS : Art. 23 Lavoro subordinato: assunzione di lavoratori inseriti nei progetti speciali. Informazioni generali

Modulo BPS : Art. 23 Lavoro subordinato: assunzione di lavoratori inseriti nei progetti speciali. Informazioni generali Modulo BPS : Art. 23 Lavoro subordinato: assunzione di lavoratori inseriti nei progetti speciali Informazioni generali Il Ministero dell'interno, Dipartimento per le Libertà Civili e l Immigrazione, ha

Dettagli

g) prescrivere orari e riservare spazi per i veicoli utilizzati per il carico e lo scarico di cose;

g) prescrivere orari e riservare spazi per i veicoli utilizzati per il carico e lo scarico di cose; articolo 7: Regolamentazione della circolazione nei centri abitati 1. Nei centri abitati i comuni possono, con ordinanza del sindaco: a) adottare i provvedimenti indicati nell'art. 6, commi 1, 2 e 4; b)

Dettagli

Scheda 2.4 Imprese di pulizia, disinfezione, disinfestazione, derattizzazione e sanificazione

Scheda 2.4 Imprese di pulizia, disinfezione, disinfestazione, derattizzazione e sanificazione Scheda 2.4 Imprese di, disinfezione, disinfestazione, derattizzazione e sanificazione SOGGETTI RICHIEDENTI/AMBITO DI APPLICAZIONE La presente scheda riguarda unicamente soggetti ricadenti nella qualifica

Dettagli

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA Società Consortile di Informatica delle Camere di Commercio Italiane per azioni 1 a EMISSIONE RINNOVO Per scadenza Per modifica dati SOSTITUZIONE Smarrimento Furto Malfunzionamento/Danneggiamento CARTA

Dettagli

DECRETO 28 maggio 2001, n.295. Regolamento recante criteri e modalità di concessione degli incentivi a favore dell autoimpiego

DECRETO 28 maggio 2001, n.295. Regolamento recante criteri e modalità di concessione degli incentivi a favore dell autoimpiego DECRETO 28 maggio 2001, n.295 Regolamento recante criteri e modalità di concessione degli incentivi a favore dell autoimpiego Capo I Art. 1 Definizioni 1. Nel presente regolamento l'espressione: a)

Dettagli

PER IMPRESE/SOCIETA. Presentata dall Impresa

PER IMPRESE/SOCIETA. Presentata dall Impresa PER IMPRESE/SOCIETA DOMANDA DI PARTECIPAZIONE ALL AUTORITÀ NAZIONALE ANTICORRUZIONE Via M.Minghetti 10 00187 Roma CIG 6253408B85 GARA EUROPEA A PROCEDURA APERTA PER L AFFIDAMENTO DEI SERVIZI CONCERNENTI

Dettagli

PROVINCIA DI REGGIO EMILIA

PROVINCIA DI REGGIO EMILIA PROVINCIA DI REGGIO EMILIA REGOLAMENTO PER IL CONSEGUIMENTO DELL IDONEITA PROFESSIONALE PER L ESERCIZIO DELL ATTIVITA DI CONSULENZA PER LA CIRCOLAZIONE DEI MEZZI DI TRASPORTO - Approvato con deliberazione

Dettagli

Modalità di iscrizione nel registro delle imprese e nel REA dei soggetti esercitanti le attività di agente e rappresentante di commercio disciplinate

Modalità di iscrizione nel registro delle imprese e nel REA dei soggetti esercitanti le attività di agente e rappresentante di commercio disciplinate Modalità di iscrizione nel registro delle imprese e nel REA dei soggetti esercitanti le attività di agente e rappresentante di commercio disciplinate dalla legge 3 maggio 1985, n. 204, in attuazione degli

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER I SERVIZI DI NOLEGGIO CON CONDUCENTE SVOLTI MEDIANTE AUTOVETTURA CAPO I

REGOLAMENTO COMUNALE PER I SERVIZI DI NOLEGGIO CON CONDUCENTE SVOLTI MEDIANTE AUTOVETTURA CAPO I REGOLAMENTO COMUNALE PER I SERVIZI DI NOLEGGIO CON CONDUCENTE SVOLTI MEDIANTE AUTOVETTURA CAPO I SERVIZIO DI NOLEGGIO CON CONDUCENTE SVOLTI MEDIANTE AUTOVETTURA ART.1 - DEFINIZIONE DEL SERVIZIO Sono definiti

Dettagli

ntrate genzia Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003 Finalità del

ntrate genzia Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003 Finalità del genzia ntrate BENI CONCESSI IN GODIMENTO A SOCI O FAMILIARI E FINANZIAMENTI, CAPITALIZZAZIONI E APPORTI EFFETTUATI DAI SOCI O FAMILIARI DELL'IMPRENDITORE NEI CONFRONTI DELL'IMPRESA (ai sensi dell articolo,

Dettagli

PROCEDURALE RELATIVO ALLA CONCESSIONE DEI BENEFICI FISCALI SUL GASOLIO PER USO AUTOTRAZIONE UTILIZZATO NEL SETTORE DEL TRASPORTO * * * * *

PROCEDURALE RELATIVO ALLA CONCESSIONE DEI BENEFICI FISCALI SUL GASOLIO PER USO AUTOTRAZIONE UTILIZZATO NEL SETTORE DEL TRASPORTO * * * * * PROCEDURALE RELATIVO ALLA CONCESSIONE DEI BENEFICI FISCALI SUL GASOLIO PER USO AUTOTRAZIONE UTILIZZATO NEL SETTORE DEL TRASPORTO * * * * * Al fine di fornire un pratico vademecum sugli adempimenti necessari

Dettagli

GUIDA PER L UTENTE. Direttiva 2005/36/CE. Tutto quello che vorreste sapere sul riconoscimento delle qualifiche professionali 66 DOMANDE 66 RISPOSTE

GUIDA PER L UTENTE. Direttiva 2005/36/CE. Tutto quello che vorreste sapere sul riconoscimento delle qualifiche professionali 66 DOMANDE 66 RISPOSTE GUIDA PER L UTENTE Direttiva 2005/36/CE Tutto quello che vorreste sapere sul riconoscimento delle qualifiche professionali 66 DOMANDE 66 RISPOSTE Il presente documento è stato elaborato a fini informativi.

Dettagli

I dati Import-Export. 1 semestre 2014

I dati Import-Export. 1 semestre 2014 I dati Import-Export 1 semestre 2014 Import, Export e bilancia commerciale (valori in euro) Provincia di Mantova, Lombardia e Italia, 1 semestre 2014 (dati provvisori) import 2014 provvisorio export saldo

Dettagli

Le patenti sono 15, ciascuna con una sua autonomia, senza categorie e sottocategorie.

Le patenti sono 15, ciascuna con una sua autonomia, senza categorie e sottocategorie. ENTRA IN VIGORE LA PATENTE UNICA EUROPEA (parte generale) 19 gennaio 2013: entra in vigore la patente dell Unione Europea, unica ed uguale per tutti i cittadini europei, in formato card, con la foto digitale

Dettagli

CONVENZIONE DELL'AJA DEL 25.10.1980 SUGLI ASPETTI CIVILI DELLA SOTTRAZIONE INTERNAZIONALE DI MINORI

CONVENZIONE DELL'AJA DEL 25.10.1980 SUGLI ASPETTI CIVILI DELLA SOTTRAZIONE INTERNAZIONALE DI MINORI CONVENZIONE DELL'AJA DEL 25.10.1980 SUGLI ASPETTI CIVILI DELLA SOTTRAZIONE INTERNAZIONALE DI MINORI Gli Stati firmatari della presente Convenzione, Profondamente convinti che l'interesse del minore sia

Dettagli

Tuttocamere L. n. 82/1994 Pag. 1/5

Tuttocamere L. n. 82/1994 Pag. 1/5 L. 25 gennaio 1994, n. 82 (G.U. n. 27 del 3 febbraio 1994): Disciplina delle attività di pulizia, di disinfezione, di disinfestazione, di derattizzazione e di sanificazione. Art. 1 (Iscrizione delle imprese

Dettagli

Il numero dei parlamentari: dati e comparazioni (AA.SS. 1178, 1633, 2821, 2848, 2891 e 2893)

Il numero dei parlamentari: dati e comparazioni (AA.SS. 1178, 1633, 2821, 2848, 2891 e 2893) N. 26 - Il numero dei parlamentari: dati e comparazioni (AA.SS. 1178, 1633, 2821, 2848, 2891 e 2893) 1. IL NUMERO DEI PARLAMENTARI NELLE DIVERSE COSTITUZIONI La scelta del numero dei parlamentari è un

Dettagli

Perché andare a votare? Quando? Con quali regole? Qual è la posta in gioco?

Perché andare a votare? Quando? Con quali regole? Qual è la posta in gioco? Perché andare a votare? Quando? Con quali regole? Qual è la posta in gioco? Le elezioni per il prossimo Parlamento europeo sono state fissate per il 22-25 maggio 2014. Fra pochi mesi quindi i popoli europei

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE BRATTI, BRAGA, TINO IANNUZZI, MARIANI

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE BRATTI, BRAGA, TINO IANNUZZI, MARIANI Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 111 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEI DEPUTATI BRATTI, BRAGA, TINO IANNUZZI, MARIANI Modifiche al codice della strada, di cui al decreto

Dettagli

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE Comune di Castel San Pietro Terme Provincia di Bologna SERVIZIO RISORSE UMANE DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE APPROVATO CON DELIBERAZIONE GC. N. 159 IN DATA 4/11/2008 ART. 1 Oggetto Dipendenti

Dettagli

REGOLAMENTO N. 9 DEL 19 MAGGIO 2015

REGOLAMENTO N. 9 DEL 19 MAGGIO 2015 REGOLAMENTO N. 9 DEL 19 MAGGIO 2015 REGOLAMENTO RECANTE LA DISCIPLINA DELLA BANCA DATI ATTESTATI DI RISCHIO E DELL ATTESTAZIONE SULLO STATO DEL RISCHIO DI CUI ALL ART. 134 DEL DECRETO LEGISLATIVO 7 SETTEMBRE

Dettagli

L anno, il giorno del mese di in, con la presente scrittura privata valida a tutti gli effetti di legge TRA

L anno, il giorno del mese di in, con la presente scrittura privata valida a tutti gli effetti di legge TRA Allegato n.3 Schema di contratto per il comodato d uso gratuito di n. 3 autoveicoli appositamente attrezzati per il trasporto di persone con disabilità e n. 2 autoveicoli per le attività istituzionali

Dettagli

Bonifico e RID lasciano il posto ai nuovi strumenti di pagamento SEPA. Informati, ti riguarda!

Bonifico e RID lasciano il posto ai nuovi strumenti di pagamento SEPA. Informati, ti riguarda! Bonifico e RID lasciano il posto ai nuovi strumenti di pagamento SEPA Informati, ti riguarda! 3 La SEPA (Single Euro Payments Area, l Area unica dei pagamenti in euro) include 33 Paesi: 18 Paesi della

Dettagli

GLI OPERATORI DELLA COOPERAZIONE INTERNAZIONALE. Anno 2011

GLI OPERATORI DELLA COOPERAZIONE INTERNAZIONALE. Anno 2011 GLI OPERATORI DELLA COOPERAZIONE INTERNAZIONALE Anno 2011 La rilevazione riguarda gli operatori della cooperazione internazionale che hanno usufruito dell assistenza assicurativa della Siscos. Definizione

Dettagli

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. Dispone:

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. Dispone: Prot. n. 2014/159941 Modalità operative per l inclusione nella banca dati dei soggetti passivi che effettuano operazioni intracomunitarie, di cui all art. 17 del Regolamento (UE) n. 904/2010 del Consiglio

Dettagli

Del RTI costituito dalle seguenti società: 1. 2. 3. 4. 5. 6. 7.

Del RTI costituito dalle seguenti società: 1. 2. 3. 4. 5. 6. 7. MARCA DA BOLLO DA 14,62 Per RAGGRUPPAMENTO TEMPORANEO D IMPRESA DOMANDA DI PARTECIPAZIONE ALL AUTORITA PER LA VIGILANZA SUI CONTRATTI PUBBLICI DI LAVORI, SERVIZI E FORNITURE Via di Ripetta, 246 00186 Roma

Dettagli

ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI DELLA GIUNTA CAPITOLINA (SEDUTA DEL 30 DICEMBRE 2014)

ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI DELLA GIUNTA CAPITOLINA (SEDUTA DEL 30 DICEMBRE 2014) Protocollo RC n. 28105/14 ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI DELLA GIUNTA CAPITOLINA (SEDUTA DEL 30 DICEMBRE 2014) L anno duemilaquattordici, il giorno di martedì trenta del mese di dicembre, alle

Dettagli

(Testo rilevante ai fini del SEE)

(Testo rilevante ai fini del SEE) 25.6.2015 L 159/27 REGOLAMENTO DI ESECUZIONE (UE) 2015/983 DELLA COMMISSIONE del 24 giugno 2015 sulla procedura di rilascio della tessera professionale europea e sull'applicazione del meccanismo di allerta

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELL ATTIVITA DI ALLIETAMENTO, DI TRATTENIMENTO E DI PUBBLICO SPETTACOLO

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELL ATTIVITA DI ALLIETAMENTO, DI TRATTENIMENTO E DI PUBBLICO SPETTACOLO COMUNE DI SOCCHIEVE Prov. Udine REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELL ATTIVITA DI ALLIETAMENTO, DI TRATTENIMENTO E DI PUBBLICO SPETTACOLO Approvato con deliberazione Del C.C. n 29 del 24/8/2007 REGOLAMENTO

Dettagli

Cons. autom. Serie A CIRCOLAZIONE STRADALE

Cons. autom. Serie A CIRCOLAZIONE STRADALE PROINCIA DI TARANTO Cons. autom. Serie A CIRCOLAZIONE STRADALE A0001 A0002 A0003 A0004 A0005 A0006 Sono classificati veicoli secondo il CDS 1 le macchine uso bambini 2 i ciclomotori 3 le macchine uso disabili

Dettagli

COMMERCIO ELETTRONICO: ANALISI DELLA DISCIPLINA

COMMERCIO ELETTRONICO: ANALISI DELLA DISCIPLINA Periodico quindicinale FE n. 02 7 marzo 2012 COMMERCIO ELETTRONICO: ANALISI DELLA DISCIPLINA ABSTRACT Il crescente utilizzo del web ha contribuito alla diffusione dell e-commerce quale mezzo alternativo

Dettagli

Package di Conto Corrente Conto Genius First Non Residenti

Package di Conto Corrente Conto Genius First Non Residenti LG00000NEW.bmp Foglio Informativo n. CC90 Aggiornamento n. 035 Data ultimo aggiornamento 01.10.2014 Norme per la trasparenza delle operazioni e dei servizi bancari e finanziari ai sensi degli artt. 115

Dettagli

Quadro legislativo: Quali sono le leggi che regolamentano gli appalti pubblici?

Quadro legislativo: Quali sono le leggi che regolamentano gli appalti pubblici? Quadro legislativo: Quali sono le leggi che regolamentano gli appalti pubblici? Quali regolamenti si applicano per gli appalti sopra soglia? Il decreto legislativo n. 163 del 12 aprile 2006, Codice dei

Dettagli

REGOLAMENTO DI ATENEO SUL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO

REGOLAMENTO DI ATENEO SUL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI REGOLAMENTO DI ATENEO SUL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO Testo approvato definitivamente dal Senato Accademico e dal Consiglio di Amministrazione rispettivamente

Dettagli

LA LEGGE QUADRO 447/95 E I DECRETI ATTUATIVI

LA LEGGE QUADRO 447/95 E I DECRETI ATTUATIVI LA LEGGE QUADRO 447/95 E I DECRETI ATTUATIVI Luca Menini, ARPAV Dipartimento di Vicenza via Spalato, 14-36100 VICENZA e-mail: fisica.arpav.vi@altavista.net 1. INTRODUZIONE La legge 447 del 26/10/95 Legge

Dettagli

CONTRATTO DI COLLABORAZIONE A PROGETTO

CONTRATTO DI COLLABORAZIONE A PROGETTO CONTRATTO DI COLLABORAZIONE A PROGETTO AVVERTENZE PER LA REDAZIONE 1. La bozza di contratto proposta è da utilizzare come linea guida, potrà essere integrata e/o ridotta in funzione alle specifiche necessità.

Dettagli

Oltre 2.800 Addetti Più di 1.100 Partner Oltre 100.000 Clienti

Oltre 2.800 Addetti Più di 1.100 Partner Oltre 100.000 Clienti Oltre 2.800 Addetti Più di 1.100 Partner Oltre 100.000 Clienti QUELLI CHE CONDIVIDONO INNOVAZIONE QUALITÀ ECCELLENZA LAVORO PASSIONE SUCCESSO SODDISFAZIONE ESPERIENZA COMPETENZA LEADERSHIP BUSINESS IL

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO N. 38/006 Relativo a: Operazioni di pagamento non rientranti in un contratto quadro ai sensi del D.LGS. N.

FOGLIO INFORMATIVO N. 38/006 Relativo a: Operazioni di pagamento non rientranti in un contratto quadro ai sensi del D.LGS. N. INFORMAZIONI SULLA BANCA Banca di Credito Cooperativo di BUCCINO Società Cooperativa fondata nel 1982 Sede legale in Buccino, Piazza Mercato Loc. Borgo, cap. 84021 Tel.: 0828-752200 Fax: 0828-952377 [e-mail

Dettagli

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA Società Consortile di Informatica delle Camere di Commercio Italiane per azioni DOMANDA DI CARTA DELL AZIENDA ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA di DATI DELL AZIENDA Denominazione

Dettagli

Per IMPRESE/SOCIETA. Presentata dalla Impresa

Per IMPRESE/SOCIETA. Presentata dalla Impresa MARCA DA BOLLO DA 14,62 Per IMPRESE/SOCIETA DOMANDA DI PARTECIPAZIONE ALL AUTORITA PER LA VIGILANZA SUI CONTRATTI PUBBLICI DI LAVORI, SERVIZI E FORNITURE Via di Ripetta, 246 00186 - Roma CIG 03506093B2

Dettagli

Documento redatto ai sensi dell art. 46 comma 1 e dell art. 48 comma 3 del Regolamento Intermediari adottato dalla CONSOB con delibera n.

Documento redatto ai sensi dell art. 46 comma 1 e dell art. 48 comma 3 del Regolamento Intermediari adottato dalla CONSOB con delibera n. Iccrea Banca S.p.A. Istituto Centrale del Credito Cooperativo STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI SU STRUMENTI FINANZIARI Documento redatto ai sensi dell art. 46 comma 1 e dell art. 48

Dettagli

CODICE DELLE LEGGI ANTIMAFIA

CODICE DELLE LEGGI ANTIMAFIA CODICE DELLE LEGGI ANTIMAFIA [D.Lgs. 6 settembre 2011, n. 159 e ss.mm.ii. (di seguito Codice)] Entrata in vigore delle ultime modifiche (D.Lgs. n. 153/2014): 26 novembre 2014 D.P.C.M. n. 193/2014 Regolamento

Dettagli

ORDINANZA N. 324 / 2008 DISCIPLINA ACCESSO E SOSTA Z.T.L. DELIBERAZIONE G.C. N. 124 DEL 13/05/2008. IL DIRIGENTE

ORDINANZA N. 324 / 2008 DISCIPLINA ACCESSO E SOSTA Z.T.L. DELIBERAZIONE G.C. N. 124 DEL 13/05/2008. IL DIRIGENTE COMANDO POLIZIA MUNICIPALE ORDINANZA N. 324 / 2008 Oggetto : DISCIPLINA ACCESSO E SOSTA Z.T.L. DELIBERAZIONE G.C. N. 124 DEL 13/05/2008. IL DIRIGENTE Visto l atto deliberativo del Consiglio Comunale n

Dettagli

LA TERRITORALITÀ IVA DEI SERVIZI RIFERITI AGLI IMMOBILI

LA TERRITORALITÀ IVA DEI SERVIZI RIFERITI AGLI IMMOBILI INFORMATIVA N. 204 14 SETTEMBRE 2011 IVA LA TERRITORALITÀ IVA DEI SERVIZI RIFERITI AGLI IMMOBILI Artt. 7-ter, 7-quater e 7-sexies, DPR n. 633/72 Regolamento UE 15.3.2011, n. 282 Circolare Agenzia Entrate

Dettagli

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI 24.12.2013 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 352/1 II (Atti non legislativi) REGOLAMENTI REGOLAMENTO (UE) N. 1407/2013 DELLA COMMISSIONE del 18 dicembre 2013 relativo all applicazione degli articoli

Dettagli

ed attesta numero iscrizione del forma giuridica

ed attesta numero iscrizione del forma giuridica . (FAC-SIMILE ISTANZA DI PARTEZIPAZIONE) AL COMUNE DI PIANA DEGLI ALBANESI DIREZIONE A.E.S. LAVORI PUBBLICI E PROGETTAZIONE VIA P. TOGLIATTI, 2 90037 PIANA DEGLI ALBANESI (PA) Il sottoscritto.... nato

Dettagli

Scadenza 26/05/2015 Domanda n

Scadenza 26/05/2015 Domanda n Scadenza 26/05/2015 Domanda n Spazio riservato al Protocollo AL COMUNE DI PESCARA Settore Manutenzioni Servizio Politiche della Casa Il/La sottoscritto/a (Cognome) (Nome) nato/a a prov. il / / cittadinanza

Dettagli

in relazione all'emergenza smog, dichiarata a seguito dell'incontro a Milano di

in relazione all'emergenza smog, dichiarata a seguito dell'incontro a Milano di Rubano, 24 febbraio 2010 Prot. 455 Sez. 0801 C. 13 Alle sigg.re Sindache ed ai sigg.ri Sindaci dei Comuni del Veneto Loro indirizzi Cari colleghi, in relazione all'emergenza smog, dichiarata a seguito

Dettagli

CIRCOLARE N. 37/E. Roma, 29 dicembre 2006

CIRCOLARE N. 37/E. Roma, 29 dicembre 2006 CIRCOLARE N. 37/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 29 dicembre 2006 OGGETTO: IVA Applicazione del sistema del reverse-charge nel settore dell edilizia. Articolo 1, comma 44, della legge

Dettagli

JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE

JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE Lavoro Modena, 02 agosto 2014 JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE Legge n. 78 del 16 maggio 2014 di conversione, con modificazioni, del DL n. 34/2014 Ministero del Lavoro, Circolare n. 18

Dettagli

PROVINCIA DI BOLOGNA SETTORE VIABILITA Servizio Manutenzione Strade Ufficio Trasporti Eccezionali

PROVINCIA DI BOLOGNA SETTORE VIABILITA Servizio Manutenzione Strade Ufficio Trasporti Eccezionali PROVINCIA DI BOLOGNA SETTORE VIABILITA Servizio Manutenzione Strade Ufficio Trasporti Eccezionali LA CIRCOLAZIONE DEI MEZZI D OPERA NEL TERRITORIO DELLA PROVINCIA DI BOLOGNA LE DISPOSIZIONI DI LEGGE NAZIONALI

Dettagli

Ultimo aggiornamento: luglio 2008. TAXUD/1619/08 rev. 2.1 ORIENTAMENTI DAU. Pagina 1

Ultimo aggiornamento: luglio 2008. TAXUD/1619/08 rev. 2.1 ORIENTAMENTI DAU. Pagina 1 TAXUD/1619/08 rev. 2.1 ORIENTAMENTI DAU Pagina 1 ELENCO DELLE ABBREVIAZIONI E DEGLI ACRONIMI UTILIZZATI NEGLI ORIENTAMENTI DAU ACP CDC CCIP NC DG TAXUD CE UE EUR.1 Gruppo di Stati dell Africa, dei Caraibi

Dettagli

STUDIO DELLA DIFFUSIONE DI INTERNET IN ITALIA ATTRAVERSO

STUDIO DELLA DIFFUSIONE DI INTERNET IN ITALIA ATTRAVERSO STUDIO DELLA DIFFUSIONE DI INTERNET IN ITALIA ATTRAVERSO L USO DEI NOMI A DOMINIO di Maurizio Martinelli Responsabile dell Unità sistemi del Registro del cctld.it e Michela Serrecchia assegnista di ricerca

Dettagli

CIRCOLARE N. 45/E. Roma, 12 ottobre 2011

CIRCOLARE N. 45/E. Roma, 12 ottobre 2011 CIRCOLARE N. 45/E Roma, 12 ottobre 2011 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Aumento dell aliquota IVA ordinaria dal 20 al 21 per cento - Articolo 2, commi da 2-bis a 2-quater, decreto legge 13 agosto

Dettagli

REGOLAMENTO (CE) N. 1998/2006 DELLA COMMISSIONE

REGOLAMENTO (CE) N. 1998/2006 DELLA COMMISSIONE 28.12.2006 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 379/5 REGOLAMENTO (CE) N. 1998/2006 DELLA COMMISSIONE del 15 dicembre 2006 relativo all applicazione degli articoli 87 e 88 del trattato agli aiuti d

Dettagli

SETTORE LAVORI PUBBLICI e PATRIMONIO Lecco, 20 marzo 2012 Servizio Viabilità N 71 R.O. SR.gf

SETTORE LAVORI PUBBLICI e PATRIMONIO Lecco, 20 marzo 2012 Servizio Viabilità N 71 R.O. SR.gf SETTORE LAVORI PUBBLICI e PATRIMONIO Lecco, 20 marzo 2012 Servizio Viabilità N 71 R.O. SR.gf OGGETTO: Organizzazione Zona a Traffico Limitato Centro storico IL SINDACO Premesso che, per fronteggiare le

Dettagli

LETTERA DI PRESENTAZIONE E MANIFESTAZIONE DI INTERESSE ALL ESPLETAMENTO DEL SERVIZIO SOPRA ELENCATO. Il sottoscritto nato a il

LETTERA DI PRESENTAZIONE E MANIFESTAZIONE DI INTERESSE ALL ESPLETAMENTO DEL SERVIZIO SOPRA ELENCATO. Il sottoscritto nato a il SCHEMA DI MANIFESTAZIONE D INTERESSE Spett.le COMUNE DI SANTA LUCIA DI PIAVE Ufficio Lavori Pubblici Piazza 28 ottobre 1918, n. 1 31025 Santa Lucia di Piave (TV) comune.santaluciadipiave.tv@pecveneto.it.

Dettagli

CONSIGLIO NAZIONALE DELL ORDINE DEI CONSULENTI DEL LAVORO

CONSIGLIO NAZIONALE DELL ORDINE DEI CONSULENTI DEL LAVORO CONSIGLIO NAZIONALE DELL ORDINE DEI CONSULENTI DEL LAVORO Norme attuative del Regolamento per la Formazione Continua della professione di Consulente del Lavoro. Premessa 1. Le presenti norme attuative

Dettagli

REGOLAMENTO PER L'EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ALLE PICCOLE IMPRESE

REGOLAMENTO PER L'EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ALLE PICCOLE IMPRESE REGOLAMENTO PER L'EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ALLE PICCOLE IMPRESE INDICE Art. 1 - Oggetto e finalità del regolamento Art. 2 - Requisiti di ammissibilità al contributo Art. 3 - Tipologie di spese ammissibili

Dettagli

REGIONE TOSCANA. AZIENDA U.S.L. N. 12 di VIAREGGIO (LU)

REGIONE TOSCANA. AZIENDA U.S.L. N. 12 di VIAREGGIO (LU) REGIONE TOSCANA AZIENDA U.S.L. N. 12 di VIAREGGIO (LU) AVVISO DI SELEZIONE PUBBLICA PER IL CONFERIMENTO DI UN INCARICO DI LAVORO AUTONOMO LIBERO PROFESSIONALE A T. D. PER L'ACQUISIZIONE DI PRESTAZIONI

Dettagli

Tabella dei punti decurtati dalla "patente a punti" secondo il nuovo codice della strada

Tabella dei punti decurtati dalla patente a punti secondo il nuovo codice della strada Tabella dei punti decurtati dalla "patente a punti" secondo il nuovo codice della strada Descrizione Punti Articolo sottratti Art. 141 Comma 9, 2 periodo Gare di velocità con veicoli a motore decise di

Dettagli

BUONI-ACQUISTO STUPEFACENTI

BUONI-ACQUISTO STUPEFACENTI GUIDA PRATICA PER IL FARMACISTA BUONI-ACQUISTO STUPEFACENTI La vendita o cessione, a qualsiasi titolo, anche gratuito, delle sostanze e dei medicinali compresi nelle tabelle I e II, sezioni A, B e C, è

Dettagli