Le leggi della Genetica

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Le leggi della Genetica"

Transcript

1 Le leggi della Genetica La genetica studia le caratteristiche ereditarie e come esse si trasmettono attraverso le generazioni. Si tratta di un campo di indagine scientifica vastissimo che, sulla base di studi fondamentali eseguiti da Gregor Mendel negli anni cinquanta e sessanta del secolo XIX, ha avuto un grandissimo sviluppo nel nostro secolo. Mendel crebbe in una piccola fattoria, dove imparò le tecniche della riproduzione controllata delle piante per migliorarne la qualità. Inoltre studiò scienze naturali e matematica per due anni all università di Vienna. Mendel fu monaco e visse in un monastero, dove insegnava matematica e dove si occupava dei suoi studi di genetica. Qui accoppiò sperimentalmente le piante di pisello con caratteristiche diverse (usò le piante di pisello perché erano facilmente controllabili). Mendel scelse sette caratteri nei piselli facilmente identificabili, ognuno dei quali poteva presentarsi in due diverse forme (dominante e recessiva). Selezionò le linee pure per un certo tratto genetico. Egli incrocio due individui di due linee pure aventi caratteristiche opposte (per esempio semi lisci una e semi corrugati l altra), cioè un incrocio monoibrido. Tramite questi esperimenti Mendel dedusse le Leggi di Mendel : I legge di Mendel (o legge della dominanza): dice che incrociando due individui di linea pura (o omozigoti = hanno due fattori uguali per un dato carattere) che differiscono per un carattere, tutti i figli presentano nel fenotipo (= stesso aspetto fisico) la forma dominante di quel carattere, mentre la forma recessiva resta nascosta (è presente solo nel genotipo = diversa combinazione di alleli; alleli = due forme alternative di uno stesso gene). I figli di omozigoti sono eterozigoti, cioè hanno alleli diversi per un dato carattere. Non tutti i caratteri si comportano in modo così netto da poter individuare un fattore recessivo e uno dominante. Infatti molti caratteri sono tali che i figli manifestano un carattere intermedio. Per esempio: se si incrocia un fiore con corolla rossa (carattere puro) con uno con corolla bianca (carattere puro), la prima generazione avrà una pigmentazione intermedia, cioè rosa. II legge di Mendel (o della segregazione dei caratteri): afferma che nell incrocio della prima generazione i fattori che determinano un carattere si separano nella formazione dei gameti. Nella seconda generazione compare così di nuovo il fattore recessivo, nella percentuale del 25%. Perciò la seconda generazione avrà il 25% di fattore dominante, il 50% di eterozigoti e il 25% di fattore recessivo. III legge di Mendel (o dell indipendenza dei caratteri): consiste nell incrociare due individui di linea pura che differiscono fra loro per più di un carattere, le coppie di fattori che determinano i vari caratteri si comportano indipendentemente le une dalle altre. La legge dell indipendenza dei caratteri è valida solo quando i geni in esame si trovano su cromosomi diversi. Se fossero sullo stesso cromosoma non sarebbero mai trasmissibili l uno dall altro. Gli incroci monoibridi (incrocio di due linee pure aventi caratteristiche opposte): Mendel fece degli incroci in cui seguiva l eredità di un singolo carattere in due generazioni successive. Nell esperimento qui rappresentato tutte le piante della generazione F 1 formano semi lisci, mentre le piante della generazione F 2 hanno semi sia lisci sia corrugati nel rapporto 3:1. Mendel concluse che vi sono coppie di fattori genetici, uno per ognuna delle due forme alternative in cui un carattere si presenta (per esempio L e l).

2 Il metodo del quadrato di Punnet: è un facile modo per fare previsioni sui possibili genotipi e fenotipi (e sul loro rapporto quantitativo) in un incrocio in cui tutti gli alleli abbiano la stessa probabilità di essere ereditati. Nel quadrato di Punnet si riportano in alto tutti i possibili tipi di gameti maschili e sul lato tutti i possibili gameti femminili. Nei riquadri si scrivono le possibili combinazioni prodotte dalla fecondazione; ogni riquadro contiene perciò un genotipo formato dalla combinazione di due alleli. Generazione F 2 : L l Gameti maschili L LL Ll l Ll ll Gameti femminili I rapporti tra genotipi sono 1:2:1 (LL:Ll:ll). I rapporti tra fenotipi saranno invece di 3:1, cioè il carattere recessivo ricompare in un quarto della generazione F 2 degli incroci di Mendel, dopo essere scomparso nella generazione F 1. I principi della predominanza e della segregazione degli alleli non valgono soltanto per le piante di pisello, ma anche per tutti gli organismi diploidi che si riproducono sessualmente, le scoperte di Mendel possono aiutarci a spiegare l eredità dei caratteri negli esseri umani. Gli incroci diibridi: quando si incrocia una pianta di linea pura per i caratteri seme liscio e seme giallo (LLGG) con una pianta di linea pura per i caratteri seme corrugato e seme verde (llgg), i discendenti della generazione F 1 sono tutti eterozigoti (= alleli diversi per un dato carattere) (LlGg) per entrambi i caratteri. L autofecondazione di una pianta F 1 produce, nella generazione F 2, nove genotipi e quattro fenotipi. Mendel ottene il rapporto 9:3:3:1. Trovò anche che la generazione F 2 era formata da piante con i nove possibili genotipi, approssimativamente nei rapporti previsti di 1:2:1:2:4:2:1:2:1. I cromosomi: I caratteri ereditari sono portati dai cromosomi, contenuti nel nucleo delle cellule che costituiscono gli organismi viventi. Ogni organismo appartiene a una determinata specie e porta in ciascuna sua cellula lo stesso numero di cromosomi, ossia il medesimo corredo cromosomico o cariotipo. I cromosomi sono associati in coppia: i cromosomi di una singola coppia, detti omologhi, derivano uno dal padre e uno dalla madre. Una situazione di questo tipo viene detta diploide e simboleggiata con 2n. Ogni umano a 23 coppie di cromosomi: 22 coppie sono formate da cromosomi a due a due identici per forma, mentre la 23 coppia è formata: nella donna da due cromosomi uguali a forma di X, mentre nell uomo da un cromosoma a forma di X e da uno a forma di Y, detti appunto cromosomi X e Y. Però le cellule sessuali hanno solo 23 cromosomi (perciò non sono diploidi) e sono dette aploidi. Le istruzioni relative ai caratteri ereditari sono trasmesse da una generazione alla successiva proprio per mezzo dei cromosomi, o meglio, attraverso la lunga molecola di DNA in essi contenuta: a ogni carattere corrisponde un tratto di DNA caratterizzato da una precisa sequenza di nucleotidi. Nelle cellule che non sono impegnate nella divisione i cromosomi sono dispersi nel nucleo, formando nell insieme la cromatina, ma, con l inizio della divisione, queste lunghissime fibre di DNA e proteine si avvolgono, assumendo una forma compatta, quella dei cromosomi mitotici, strutture adatte al processo di separazione. La formazione del cromosoma facilita in modo notevole la divisione cellulare. Quando la condensazione della cromatina è quasi completa, appare evidente che ogni cromosoma è formato da due porzioni identiche, dette cromatidi, unite tra loro nel centromero. I due cromatidi che formano un cromosoma

3 mitotico generalmente sono identici nel loro contenuto genetico e sono una testimonianza visibile della replicazione dei cromosomi avvenuta in una fase che precede l inizio della mitosi. L esatta separazione dei due cromosomi richiede l intervento di un apparato cellulare chiamato apparato del fuso, costituito principalmente da fibre formate da fascetti di microtuboli. Queste fibre del fuso si estendono tra due poli, formando un canestro che costituisce un impalcatura di sostegno dei cromosomi e agisce anche come una macchina in grado di spostarli. Mitosi Profase: è la prima fase della mitosi, è la più lunga e comprende una serie di attività, tra cui la condensazione dei cromosomi, la formazione del fuso mitotico e il doppiaggio di tutte gli organelli presenti nella cellula. Metafase: durante la metafase i cromosomi della cellula in divisione si trovano allineati su un piano a metà strada tra i due poli del fuso che corrisponde all equatore della cellula. I cromosomi sono tenuti in questa posizione dalle fibre del fuso che si estendono dal loro sito di adesione sui centromeri dei cromosomi ad uno dei due poli. Anafase: l anafase comincia con la separazione dei due cromatidi di ogni cromosoma. I due cromatidi (che una volta avvenuta la separazione vengono chiamati cromosomi) si allontanano in direzione opposte, ognuno verso un polo. In questo modo ogni cellula figlia riceverà una copia di tutti i cromosomi e sarà quindi geneticamente identica all altra, nonché alla cellula madre. Telofase: comicia quando i cromosomi raggiungono i rispettivi poli del fuso. Praticamente nella telofase avviene l inverso di quanto visto nella profase: i cromosomi si decondensano, l apparato del fuso viene dissemblato, ricompaiono i nucleoli e attorno ad ogni gruppo di cromosomi, si forma un involucro nucleare. Nella telofase avviene anche la citocinesi, cioè la separazione dei due nuovi nuclei e del citoplasma in due cellule figlie uguali identiche tra loro e alla cellula madre. Anemia mediterranea (malattia genetica): L anemia mediterranea (o talassemia) è una grave malattia che prende il nome dall essere molto diffusa nel bacino del Mediterraneo, principalmente causata dalla dieta; nelle persone colpite i globuli rossi hanno una forma alterata e trasportano male l ossigeno. I malati necessitano così di continue trasfusioni di sangue per avere dei globuli rossi normali. Questa anemia dei globuli rossi è dovuta a una alterazione nella sequenza degli amminoacidi che formano la parte proteica dell emoglobina (a cui è affidato il compito di approvvigionare i tessuti di ossigeno), sequenza che è determinata da un gene. L allele che serve a formare l emoglobina sana è dominante, e si può simboleggiare con E. L allele dell anemia è recessivo e si può simboleggiare con e. Perciò un individuo è malato se è omozigote ee, mentre è sano se è EE. Se è eterozigote Ee, è sano, ma portatore dell allele e; i suoi globuli rossi sono un po più piccoli del normale. La possibilità di riconoscere le situazioni eterozigote, di portatore sano, attraverso esami del sangue, permette di valutare il rischio di avere figli malati: da due individui Ee, cioè portatori sani, c è il 25% di probabilità che nasca un figlio. Tramite il reincrocio si può svelare la presenza di alleli recessivi negli eterozigoti. Questo reincrocio (o incrocio di prova o test-cross) permette di rivelare la presenza di un allele nascosto negli individui eterozigoti. Questo perché l aspetto esteriore (il fenotipo) non rivela se un individuo è eterozigote o omozigote per il carattere considerato. Questa prova si effettua incrociando l individuo sotto esame con un partner con il fenotipo recessivo (però deve essere omozigote). Dopo alcuni test se si nota che il nuovo individuo presenta il carattere recessivo si deve ritenere che l individuo in esame è eterozigote. Meiosi: La riproduzione sessuale richiede la formazione di gameti. Queste cellule riproduttive sono destinate alla fecondazione, un processo in cui un gamete maschile mobile, lo spermatozoo, si fonde con un gamete femminile immobile, l uovo, formando uno zigote, che si divide più e più volte per mitosi, sviluppandosi in un nuovo individuo. La formazione dei gameti, che hanno un contenuto cromosomico diverso dalle altre cellule, richiede un particolare tipo di divisione, la meiosi.

4 La meiosi e la fecondazione sono due processi che rimescolano i caratteri ereditari negli individui e nelle popolazioni, per cui i discendenti generati per via sessuale non sono identici ai genitori. La diversità prodotta dalla riproduzione sessuale permette la sopravvivenza e l evoluzione delle specie viventi. La meiosi è una divisione cellulare che riduce il numero di cromosomi generando quattro cellule aploidi. La meiosi può aver luogo solo in cellule diploidi e genera quattro nuclei figli, ognuno contenente un numero aploide di cromosomi. Questa riduzione del corredo cromosomico è possibile perché una cellula che effettua la meiosi duplica i propri cromosomi e poi va incontro a due successive divisioni cellulari: la meiosi I e la meiosi II. Entrambe le divisioni del nucleo sono accompagnate dalla divisione del citoplasma e formano quindi quattro cellule apolidi che possono maturare trasformandosi in gameti (spermatozoi o uova). Quando due gameti apolidi si uniscono nella fecondazione, si forma un uovo fecondato (zigote), in cui si ripristina il numero diploide di cromosomi. Quindi come detto sopra la meiosi comporta due successive fasi di divisione cellulare. Nella prima divisione della cellula diploide se ne originano due aploidi: questa prima parte della meiosi si chiama riduzionale (poiché il nucleo di ogni cellula figlia contiene la metà del numero dei cromosomi del numero della cellula madre). La corretta separazione dei due omologhi di ogni coppia, che garantisce che ogni cellula figlia abbia una copia di ogni cromosoma, è dovuta a un elaborato processo di appaiamento dei cromosomi tipico della meiosi. Durante il periodo in cui i cromosomi omologhi restano appaiati si verificano importanti riarrangiamenti dei cromosomi che incrementano la variabilità genetica. Profase I: i membri di ogni coppia di cromosomi (non ancora con il processo di condensazione completato) omologhi si riconoscono e si allineano per tutta la loro lunghezza, in un processo chiamato sinapsi. I complessi formati tramite la sinapsi sono detti tetradi (perché composti da quattro cromatidi). Durante questa interazione avviene uno scambio di pezzi tra i cromatidi della tetrade: questo scambio è chiamato crossing over. I cromosomi omologhi sono caratterizzati dalla medesima successione di geni, anche se i geni corrispondenti sui due cromosomi omologhi possono determinare aspetti diversi di uno stesso carattere. Lo scambio di segmenti corrispondenti dei cromosomi omologhi può produrre quindi nuove combinazioni di geni, differenti da quelle inizialmente presenti sui due cromatidi che si scambiano. Lo scambio di parti di cromatidi omologhi riassorbe i geni producendo una ricombinazione genetica. Questa ricombinazione genetica aumenta notevolmente la variabilità della discendenza e concorre quindi alla diversità delle forme di vita che abitano il nostro pianeta. Spiegazione del crossing over: immaginiamo i cromatidi come delle collane di perline di diversa forma e diverso colore. Le perline sono i geni, cioè le parti che determinano un certo carattere. Perline in uguale posizione determinano lo stesso carattere, ma in modo diverso se sono di diverso colore. Immaginiamo che la sesta perlina di una collana sia responsabile del gruppo sanguigno e che il diverso colore della perlina determini il gruppo A o B o 0. Nel crossing over, le due collane (cromatidi) omologhe si possono scambiare delle perline (i geni): ogni collana manterrà lo stesso aspetto generale, con lo stesso numero di perline della stessa forma e nella stessa successione, ma il colore delle perline può risultare assortito in modo nuovo. Per esempio un cromatidio che prima era portatore del gene per il carattere gruppo sanguigno B dopo il crossing over può essere portatore del gene per il carattere gruppo sanguigno A. Alla fine della prima divisione meiotica i due cromosomi omologhi, ciascuno costituito da due cromatidi, si separano (=segregazione), migrando ai poli opposti della cellula, che infine si divide nelle due cellule figlie, aploidi. Avviene un assortimento indipendente dei cromosomi (materni e paterni) che genera gameti con nuove combinazioni di cromosomi; la varietà di gameti possibili è considerevole e dipende, comunque, dal numero di cromosomi che formano il corredo. I 23 cromosomi di una cellula germinale umana possono dar luogo a più di 8 milioni di gameti diversi (= 2 23 tipi possibili di uova, per la donna, o spermatozoi, per l uomo). La seconda divisione meiotica produce, in modo molto simile alla mitosi, quattro cellule aploidi, i cui cromosomi contengono un solo cromatidio e che diventeranno nell uomo spermatozoi e nella donna cellule

5 uovo. Queste nuove cellule presentano un numero di cromosomi dimezzato confronto alla cellula entrata in meiosi, ma presentano una composizione di geni modificata a causa della ricombinazione. Nelle piante avviene una meiosi e in seguito una mitosi. Infatti le cellule aploidi che derivano dalla meiosi non si trasformano in gameti, ma in spore che, tramite successive mitosi, danno origine a un organismo pluricellulare aploide (nelle piante superiori un granulo di polline e un sacco embrionale) in cui si formano i gameti maschili maschili e femminili. Lo zigote generato dalla fecondazione dei gameti si sviluppa in una pianta pluricellulare diploide nei cui tessuti germinali la meiosi delle cellule genera le spore, completando il ciclo. Mutazioni genetiche: mutazione significa che il DNA contenuto in un cromosoma ha subito una trasformazione, cioè uno o più caratteri risultano alterati. Le mutazioni (che avvengono in tutte le cellule del corpo, ma solo se la cellula è un gamete il nuovo carattere verrà trasmesso ai figli), essendo casuali, possono risultare incompatibili con la vita, negative, indifferenti, o talvolta positive. Le mutazioni, per quanto rare, sono fondamentali per l evoluzione dei viventi e per la formazione di nuove specie. Queste possono avvenire spontaneamente, per errori di duplicazione del DNA, o indotte da agenti fisici e chimici, che vengono perciò chiamati mutageni. Una delle conseguenze della radioattività è quella di indurre mutazioni nelle cellule. Se si tratta di cellule somatiche possono portare alla formazione di tumori; mentre se sono colpite le cellule sessuali esse possono portare alla nascita di figli con malformazioni o patologie anche gravissime (vedi Cernobill). Altre mutazioni interessano l intero cromosoma e vengono chiamate aberrazioni cromosomiche: vi possono essere trasferimenti errati o perdite di frammenti di cromosoma durante il crossing-over; moltiplicazioni eccessive dei cromosomi; migrazione anomala dei cromosomi omologhi durante la meiosi, così una cellula si trova priva di un intero cromosoma. Questo può provocare corredi cromosomici con 24 o 22 cromosomi; questi fecondati con corredi normali daranno vita a corredi diploidi anomali. Per esempio si può dare vita a un corredo con 47 cromosomi, in cui un certo cromosoma è presente in triplice copia (trisomia) anziché in doppio. Malattie genetiche: - Alterazioni genetiche: Alcune malattie sono trasmesse attraverso i cromosomi sessuali. Poiché i cromosomi X e Y sono morfologicamente e strutturalmente diversi, in essi molti alleli non corrispondono, essendo presenti solo in uno o solo nell altro, con particolari conseguenze sulla discendenza dei caratteri che essi determinano. Una malattia del genere è il daltonismo. È una malattia che provoca l incapacità di distinguere il rosso e il verde (colori visti come grigi). Nelle donne è raro, ma molto frequente negli uomini. Il gene del daltonismo è recessivo. Esso si trova sul cromosoma X: una donna quindi è daltonica solo se omozigote, cioè se ha l allele del daltonismo su entrambi i cromosomi X. Se è eterozigote non è daltonica. Nel caso dei maschi, invece, poiché non è presente l allele responsabile di questo aspetto della visione nel cromosoma Y, è sufficiente che venga ereditato il cromosoma X con il gene recessivo del daltonismo, perché si manifesti questa anomalia della vista. Un comportamento ereditario simile è quello dell emofilia, malattia molto grave che provoca l impossibilità del sangue a coagulare. Il gene dell emofilia si trova sul cromosoma X. Le donne quindi possono trasmetterlo come portatrici sane (eterozigote) ai figli maschi. Un altro esempio di malattia genetica è l albinismo (mancanza di pigmentazione). - Alterazione cromosomiche: Queste malattie sono collegate ad anomalie di numero dei cromosomi. Piuttosto diffusa (1 persona su 700) è una grave malattia, che colpisce in egual misura maschi e femmine, chiamata sindrome di Dawn (o mongolismo o trisomia 21, perché troviamo 3 cromosomi invece di 2 nella copia 21). Questi individui hanno uno sviluppo mentale ritardato, sviluppo osseo e muscolare debole e in genere muoiono giovani. Tutto ciò è causato dal fatto che essi hanno 47 cromosomi: infatti nella copia 21 invece di avere due cromosomi ne hanno tre: perciò si parla di trisomia 21. Il rischio di avere figli affetti dalla sindrome di Dawn è molto più frequente nelle donne che partoriscono in età avanzata, ed è tanto più alto quanto maggiore è l età.

6 Un altra malattia provocata dall avere 47 cromosomi è la sindrome di Klinefelter: in essa si hanno due cromosomi X e uno Y. Gli individui con cariotipo 44A+XXY sono maschi, con scarso sviluppo degli organismi sessuali, sterili, alti, magri, spesso con ritardi mentali. Hanno invece un cromosoma sessuale in meno le persone affette dalla sindrome di Turner, con cariotipo 44A+X. Sono tutte femmine, di bassa statura, collo corto e tozzo, con organi riproduttivi poco sviluppati, sterili e con un intelligenza poco sviluppata. Tutte queste gravi malattie portate da anomalie del cariotipo sono individuabili già al quarto mese di gravidanza, mediante prelievo di liquido amniotico (amniocentesi) o dei villi coriali della placenta, e successiva analisi dei cromosomi delle cellule fetali in essi contenute. Tale diagnosi precoce consente di valutare l opportunità di portare a termine una gravidanza, quando lo studio del cariotipo dia per certa la presenza di una anomalia che comporterebbe un sicuro e grave handicap nel figlio. I cromosomi possono avere anche delle aberrazioni. Queste sono modificazioni grosse subite durante la divisione cellulare. Pezzi di cromosomi possono andar persi o essere scambiati tra cromosomi non omologhi, oppure possono comparire parti aggiuntive. Molte aberrazioni avvengono durante la meiosi, specialmente come un crossing-over anomalo, e vengono quindi trasmesse alla generazioni successive dove, possono comportare delle malformazioni o un carattere vantaggioso. Queste modificazioni possono far fare all evoluzione passi da giganti. Nella seguente tabella vediamo le possibili aberrazioni cromosomiche: Deriva genetica: la deriva genetica acquista particolare importanza nelle popolazioni numericamente ridotte, in ci gli eventi fortuiti possono turbare maggiormente la composizione dell insieme genetico; è il caso dei piccoli gruppi di individui che vanno a colonizzare un nuovo habitat. Nelle piccole popolazioni, i fondatori non possiedono tutti gli alleli presenti nella popolazione d origine, per cui la popolazione nuova sarà soggetta a una forte deriva genetica, fenomeno noto come effetto del fondatore. L effetto del fondatore è stato osservato frequentemente in luoghi isolati dal resto del mondo. Come per esempio (nel 1770) un esiguo numero di svizzeri appartenenti alla setta religiosa Amish emigrarono negli stati uniti e da allora rimasero separati sposandosi fra di loro. Pare che uno dei membri fosse portatore di un allele recessivo per una rara forma di nanismo associato a polidattilia (aumento del numero di dita nelle mani e nei piedi). Uno studio dimostrò che molti anni dopo in quella popolazione si trovavano 43 individui omozigoti recessivi per questo allele, quindi malati. La forte incidenza di una malattia altrimenti rarissima dimostra quanto possa essere importante l effetto del fondatore.

La divisione cellulare e la riproduzione degli organismi Parte II: Meiosi

La divisione cellulare e la riproduzione degli organismi Parte II: Meiosi La divisione cellulare e la riproduzione degli organismi Parte II: Meiosi 1 Cromosomi omologhi I cromosomi in un corredo cromosomico diploide sono presenti come coppie di omologhi Negli animali le cellule

Dettagli

GENETICA MENDELIANA. Per i suoi studi, Mendel utilizzò piante di pisello odoroso (Pisum sativum) Facilità di coltivazione. Disponibilità di varietà

GENETICA MENDELIANA. Per i suoi studi, Mendel utilizzò piante di pisello odoroso (Pisum sativum) Facilità di coltivazione. Disponibilità di varietà GENETICA: è la scienza che studia i caratteri ereditari degli organismi viventi, i meccanismi attraverso i quali si trasmettono ai discendenti e le modalità con cui si manifestano. La genetica moderna

Dettagli

Gaetano Graziano M E I O S I. La via per la diversità e l irripetibilità PREMESSA SIGNIFICATO PROCEDURA IMPORTANZA

Gaetano Graziano M E I O S I. La via per la diversità e l irripetibilità PREMESSA SIGNIFICATO PROCEDURA IMPORTANZA Gaetano Graziano M E I O S I La via per la diversità e l irripetibilità PREMESSA SIGNIFICATO PROCEDURA IMPORTANZA 1 P r e m e s s e DNA Cromosomi Aploidia e diploidia Geni 2 DNA E la sostanza chimica con

Dettagli

La riproduzione cellulare

La riproduzione cellulare La riproduzione cellulare La riproduzione è una proprietà fondamentale dei viventi, che si manifesta a partire dalle singole cellule. Attraverso la riproduzione viene assicurata la continuità della vita.

Dettagli

www.fisiokinesiterapia.biz LE LEGGI DI MENDEL

www.fisiokinesiterapia.biz LE LEGGI DI MENDEL www.fisiokinesiterapia.biz LE LEGGI DI MENDEL Gregor Johann Mendel (1822-1884) Comprese i principi che regolano la trasmissione dei caratteri ereditari alla progenie senza conoscere - l esistenza dei geni

Dettagli

Alberto Viale I CROMOSOMI

Alberto Viale I CROMOSOMI Alberto Viale I CROMOSOMI DA MENDEL ALLA GENETICA AL DNA ALLE MUTAZIONI I cromosomi sono dei particolari bastoncelli colorati situati nel nucleo delle cellule. Sono presenti nelle cellule di ogni organismo

Dettagli

OMOZIGOTE Dominante. OMOZIGOTE Recessivo ETEROZIGOTE

OMOZIGOTE Dominante. OMOZIGOTE Recessivo ETEROZIGOTE GENI E CARATTERI EREDITARI I caratteri ereditari corrispondono a precisi tratti di DNA, i geni, che contengono le informazioni per la sintesi delle proteine. Ciascun gene occupa nel cromosoma una determinata

Dettagli

LA GENETICA. Dott.ssa Valentina Terio

LA GENETICA. Dott.ssa Valentina Terio LA GENETICA Dott.ssa Valentina Terio LLA GENETCA SCIENZA NATA CIRCA 150 ANNI FA GRAZIE AD UN STUDIOSO AUSTRIACO DI NOME MENDEL Pisello da giardino per la facilità di crescita e la possibilità di una impollinazione

Dettagli

Genetica. Mendel e la genetica

Genetica. Mendel e la genetica Genetica Le leggi dell ereditarietà di Mendel Ereditarietà e cromosomi Estensioni della genetica mendeliana Applicazioni della genetica Genoma umano Mendel e la genetica Mendel 81822-1884), un monaco di

Dettagli

I.7.1 Malattie genetiche legate al sesso

I.7.1 Malattie genetiche legate al sesso verificare tutti i possibili risultati della fecondazione tra cellula uovo e spermatozoi e constatare come le probabilità che nasca una femmina o un maschio sono entrambe pari al 50%. Figura 7 - Ad ogni

Dettagli

MITOSI. Fasi della mitosi

MITOSI. Fasi della mitosi MITOSI La mitosi è un processo legato alla divisione cellulare. Attraverso la mitosi una cellula si divide in due cellule figlie che risultano geneticamente e morfologicamente identiche tra loro e alla

Dettagli

Prima Legge di Mendel LEGGE DELLA SEGREGAZIONE IN PROPORZIONI UGUALI:

Prima Legge di Mendel LEGGE DELLA SEGREGAZIONE IN PROPORZIONI UGUALI: Prima Legge di Mendel LEGGE DELLA SEGREGAZIONE IN PROPORZIONI UGUALI: Durante la meiosi, i membri di una coppia allelica si separano in modo simmetrico nelle uova e negli spermatozoi. Questa separazione

Dettagli

La trasmissione dei caratteri ereditari. Le leggi di Mendel (1882-1884)

La trasmissione dei caratteri ereditari. Le leggi di Mendel (1882-1884) La trasmissione dei caratteri ereditari Le leggi di Mendel (1882-1884) Le leggi di Mendel studiano la trasmissione di caratteri qualitativi prodotti da un singolo gene Procedimento sperimentale di Mendel

Dettagli

La Genetica. Le leggi di Mendel

La Genetica. Le leggi di Mendel La Genetica Le leggi di Mendel La Genetica Il monaco Gregor Mendel (1822-1884) fu il primo a studiare in modo rigoroso il fenomeno della trasmissione dei caratteri ereditari. Per questo, pur non avendo

Dettagli

Trasmissione del materiale ereditario

Trasmissione del materiale ereditario Trasmissione del materiale ereditario Confronto tra mitosi e meiosi: La mitosi consiste in una duplicazione dei cromosomi seguita da una regolare separazione Ciascun cromosoma si comporta indipendentemente

Dettagli

GENETICA... lessico. Genetica: studio dei geni e dell'ereditarietà

GENETICA... lessico. Genetica: studio dei geni e dell'ereditarietà GENETICA... lessico Genetica: studio dei geni e dell'ereditarietà Geni: porzioni di DNA contenenti un'informazione che permette di decodificare una certa proteina. Es: gene che determina il colore dei

Dettagli

Il nucleo e la riproduzione cellulare: mitosi e meiosi 1

Il nucleo e la riproduzione cellulare: mitosi e meiosi 1 Il nucleo e la riproduzione cellulare: mitosi e meiosi 1 IL NUCLEO Il nucleo è la porzione di protoplasma racchiusa all interno della membrana nucleare. Il nucleo rappresenta il cervello della cellula,

Dettagli

Meiosi Genetica. Riproduzione sessuale Basi molecolari dell ereditarietà dei caratteri Variabilità genetica

Meiosi Genetica. Riproduzione sessuale Basi molecolari dell ereditarietà dei caratteri Variabilità genetica Meiosi Genetica Riproduzione sessuale Basi molecolari dell ereditarietà dei caratteri Variabilità genetica Batteri e altri organismi unicellulari si riproducono mediante divisione cellulare (riproduzione

Dettagli

Le strategie mendeliane

Le strategie mendeliane Le strategie mendeliane Il punto di partenza: il rompicapo sull eredità e come l approccio sperimentale innovativo di Mendel aiutò a risolverlo. Il lavoro vero e proprio: l analisi genetica secondo Mendel,compresa

Dettagli

LA GENETICA scienza che studia i caratteri ereditari e i meccanismi che ne regolano la trasmissione.

LA GENETICA scienza che studia i caratteri ereditari e i meccanismi che ne regolano la trasmissione. LA GENETICA scienza che studia i caratteri ereditari e i meccanismi che ne regolano la trasmissione. Gregor Jhoann Mendel (1822-1884) Mendel viveva nel monastero di Brum, a Brno in Repubblica Ceca, studiò

Dettagli

Delezione. Duplicazione. Variazioni della struttura. Inversione. Traslocazione. Mutazioni cromosomiche. Nullisomia Monosomia Trisomia Tetrasomia

Delezione. Duplicazione. Variazioni della struttura. Inversione. Traslocazione. Mutazioni cromosomiche. Nullisomia Monosomia Trisomia Tetrasomia Delezione Variazioni della struttura Duplicazione Inversione Mutazioni cromosomiche Variazioni del numero Traslocazione Aneuploidie Nullisomia Monosomia Trisomia Tetrasomia Variazioni del numero di assetti

Dettagli

LA GENETICA MENDELIANA

LA GENETICA MENDELIANA LA GENETICA MENDELIANA A partire dal 1856, Johann Gregor Mendel (1822 1884) iniziò una lunga serie di esperimenti sulle piante di pisello (Pisum sativum), con le quali era facile effettuare incroci ed

Dettagli

VARIAZIONI DELLA STRUTTURA DEI CROMOSOMI

VARIAZIONI DELLA STRUTTURA DEI CROMOSOMI VARIAZIONI DELLA STRUTTURA DEI CROMOSOMI Le alterazioni strutturali implicano cambiamenti di parti di cromosomi. Esistono 4 tipi di tali mutazioni: Delezione Duplicazione inversione Traslocazione Determinano

Dettagli

SCAMBI tra due coppie di cromosomi NON omologhi

SCAMBI tra due coppie di cromosomi NON omologhi TRASLOCAZIONI RECIPROCHE SCAMBI tra due coppie di cromosomi NON omologhi La traslocazione tra i cromosomi X e 21 può interrompere la sequenza del gene DMD e causare la manifestazione della DISTROFIA MUSCOLARE

Dettagli

LE MALATTIE GENETICHE CLASSE 3 C

LE MALATTIE GENETICHE CLASSE 3 C LE MALATTIE GENETICHE CLASSE 3 C Malattia causata da allele dominante Il nanismo acondroplastico è una malattia causata da un allele dominante; gli individui che ne sono affetti sono di statura molto bassa,

Dettagli

= femmina. = maschio. = fenotipo banda bianca. = fenotipo pezzato. =fenotipo colore uniforme

= femmina. = maschio. = fenotipo banda bianca. = fenotipo pezzato. =fenotipo colore uniforme Test n.8 Dalle Olimpiadi delle Scienze Naturali 2002 PARTE TERZA Le 5 domande di questa parte riguardano il medesimo argomento e sono introdotte da un breve testo e da uno schema. In una razza bovina il

Dettagli

GENETICA seconda parte

GENETICA seconda parte GENETICA seconda parte I cromosomi sono lunghe molecole di una sostanza l acido desossiribonucleico. DNA Il DNA è una lunga catena fatta da due lunghi fili avvolti su se stessi a doppia elica. Sembra una

Dettagli

Le leggi di Mendel esposte in modo ragionato e critico di Luciano Porta

Le leggi di Mendel esposte in modo ragionato e critico di Luciano Porta Le leggi di Mendel esposte in modo ragionato e critico di Luciano Porta Le tre leggi di Mendel, che descrivono la trasmissione dei caratteri ereditari da una generazione all altra, segnano l inizio della

Dettagli

CORSO INTEGRATO DI GENETICA

CORSO INTEGRATO DI GENETICA CORSO INTEGRATO DI GENETICA a.a.2011-2012 11.10.2011 Lezioni N. 7 e 8 Ereditarietà Mendeliana Segregazione alleli, indipendenza geni, associazione, ricombinazione Dott.ssa Elisabetta Trabetti UN GENE =

Dettagli

LA COSTRUZIONE DEL PEDIGREE NELLA GENETICA UMANA

LA COSTRUZIONE DEL PEDIGREE NELLA GENETICA UMANA LA COSTRUZIONE DEL PEDIGREE NELLA GENETICA UMANA Un metodo di base di analisi genetica negli esseri umani è la costruzione di una storia familiare per seguire la trasmissione ereditaria di un carattere.

Dettagli

11 Meiosi: le basi cellulari della riproduzione sessuale PERCHÉ È IMPORTANTE

11 Meiosi: le basi cellulari della riproduzione sessuale PERCHÉ È IMPORTANTE Cromosomi appaiati durante la metafase della prima divisione meiotica, il meccanismo che produce i gameti, quali uova e spermatozoi (SEM colorata). Adrian T. Sumner/Science Photo Library/Photo Researchers,

Dettagli

Mutazioni cromosomiche

Mutazioni cromosomiche Mutazioni cromosomiche Quadro d insieme delle mutazioni cromosomiche Cambiamenti nel numero di cromosomi Uno più corredi cromosomici: euploidia (monoploidia n, diploidia 2n, triploidia 3n, tetraploidia

Dettagli

Anomalie cromosomiche

Anomalie cromosomiche Anomalie cromosomiche Alterazioni che interessano il DNA genomico determinando la perdita o l acquisizione di interi cromosomi o segmenti di essi. Se l alterazione è tale da poter essere visibile al microscopio

Dettagli

La divisione cellulare e la riproduzione degli organismi Parte I: Mitosi

La divisione cellulare e la riproduzione degli organismi Parte I: Mitosi La divisione cellulare e la riproduzione degli organismi Parte I: Mitosi 1 La divisione cellulare Permette agli organismi di accrescersi e sostituire le cellule morte ed è alla base della riproduzione.

Dettagli

Bioinformatica e Biologia Computazionale per la Medicina Molecolare

Bioinformatica e Biologia Computazionale per la Medicina Molecolare V Scuola di Ingegneria dell Informazione Laurea Magistrale in Ingegneria Informatica II Scuola di Ingegneria dei Sistemi Laurea Magistrale in Ingegneria Biomedica Dipartimento di Elettronica e Informazione

Dettagli

GENETICA GENERALE GENETICA UMANA E MOLECOLARE

GENETICA GENERALE GENETICA UMANA E MOLECOLARE GENETICA GENERALE GENETICA UMANA E MOLECOLARE Come si studiano i geni 1. Trasmissione genetica, studia i fenomeni del passaggio dei caratteri da generazione a generazione (sperimentale: in modelli animali

Dettagli

Determinazione del sesso Cromosomi sessuali

Determinazione del sesso Cromosomi sessuali Determinazione del sesso Cromosomi sessuali Negli Eucarioti un cromosoma del sesso è un cromosoma presente in forme diverse nei due sessi. Uno è un cromosoma "X", l'altro strutturalmente e funzionalmente

Dettagli

-malattie monogeniche o mendeliane:

-malattie monogeniche o mendeliane: Martedì 16 Febbraio è venuta nella nostra classe la dr.ssa Petrelli Maria a spiegarci le malattie sessualmente trasmissibili e ereditarie, sessualità e affettività. Ci ha spiegato la divisione delle cellule

Dettagli

La Genetica. Le leggi di Mendel

La Genetica. Le leggi di Mendel La Genetica Le leggi di Mendel Genetica: scienza che studia la trasmissione dei caratteri ereditari (che si trasmettono di generazione in generazione) Carattere: caratteristica esterna, interna o comportamentale

Dettagli

TEORIA CROMOSOMICA : ALLEGATI

TEORIA CROMOSOMICA : ALLEGATI TEORIA CROMOSOMICA : ALLEGATI FIG. 2 a pag. 1 FIG. 5 a pag. 3 FIG. 7 a pag. 5 FIG. 9 a pag. 7 FIG. 3 e 4 a pag. 2 FIG. 6 a pag. 4 FIG. 8 a pag. 6 FIG. 10 e 11 a pag. 8 1 FIGURA 2 Perché sono tutti maschi

Dettagli

SOLUZIONI AI PROBLEMI DEL CAPITOLO 8

SOLUZIONI AI PROBLEMI DEL CAPITOLO 8 SOLUZIONI AI PROBLEMI DEL CAPITOLO 8 Domande Concettuali C1. Le duplicazioni e le deficienze causano un cambiamento nella quantità totale del materiale genetico: le duplicazioni comportano la ripetizione

Dettagli

IL GENOMA UMANO. Ogni cromosoma è suddiviso in regioni d informazione dette GENI. L informazione espressa da ciascun gene è detta CARATTERE.

IL GENOMA UMANO. Ogni cromosoma è suddiviso in regioni d informazione dette GENI. L informazione espressa da ciascun gene è detta CARATTERE. IL GENOMA UMANO Ogni cellula contiene nel nucleo una molecola chiamata DNA (acido desossiribonucleico) Tale molecola ha la forma di una lunghissima scala a chiocciola. I gradini che compongono la scala

Dettagli

GENOMA. c varia da pochi kb nei virus a milioni di kb in piante e animali

GENOMA. c varia da pochi kb nei virus a milioni di kb in piante e animali GENOMA Insieme del materiale genetico presente in una cellula (DNA nucleare, plastidiale e mitocondriale) Contiene tutte le informazioni necessarie per consentire la vita alla cellula e all individuo Nei

Dettagli

Capitolo 3 Riproduzione e trasmissione dei cromosomi

Capitolo 3 Riproduzione e trasmissione dei cromosomi Capitolo 3 Riproduzione e trasmissione dei cromosomi 3.1 Nelle cellule somatiche del topolino domestico vi sono 40 cromosomi. a. Quanti cromosomi riceve dal padre? b. Quanti autosomi sono presenti nel

Dettagli

GENETICA MENDELIANA NELL UOMO

GENETICA MENDELIANA NELL UOMO GENETICA MENDELIANA NELL UOMO GENETICA FORMALE o GENETICA CLASSICA basata unicamente su risultati visibili di atti riproduttivi. È la parte più antica della genetica, risalendo agli esperimenti di Mendel

Dettagli

I caratteri legati ai cromosomi. sessuali sono un eccezione rispetto alle leggi di Mendel

I caratteri legati ai cromosomi. sessuali sono un eccezione rispetto alle leggi di Mendel I caratteri legati ai cromosomi sessuali sono un eccezione rispetto alle leggi di Mendel I caratteri legati ai cromosomi sessuali sono un eccezione rispetto alle leggi di Mendel il sesso di un individuo

Dettagli

Mendeliana Autosomica Dominante (AD) Autosomica Recessiva (AR) X-linked Recessiva (X-linked R) X-linked Dominante (X-linked D) Y-linked

Mendeliana Autosomica Dominante (AD) Autosomica Recessiva (AR) X-linked Recessiva (X-linked R) X-linked Dominante (X-linked D) Y-linked Trasmissione ereditaria di un singolo gene (eredità monofattoriale) Mendeliana Autosomica Dominante (AD) Autosomica Recessiva (AR) X-linked Recessiva (X-linked R) X-linked Dominante (X-linked D) Y-linked

Dettagli

DIAGNOSI PRENATALE GUIDA INFORMATIVA DNA, GENI E CROMOSOMI

DIAGNOSI PRENATALE GUIDA INFORMATIVA DNA, GENI E CROMOSOMI DIAGNOSI PRENATALE GUIDA INFORMATIVA DNA, GENI E CROMOSOMI Ogni individuo possiede un proprio patrimonio genetico che lo rende unico e diverso da tutti gli altri. Il patrimonio genetico è costituito da

Dettagli

I MOTORI DELL EVOLUZIONE PT1. POMERIGGIO DI AGGIORNAMENTO 23.03.2011 PROF. M.A. ZORDAN, Ph.D UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA

I MOTORI DELL EVOLUZIONE PT1. POMERIGGIO DI AGGIORNAMENTO 23.03.2011 PROF. M.A. ZORDAN, Ph.D UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA I MOTORI DELL EVOLUZIONE PT1 POMERIGGIO DI AGGIORNAMENTO 23.03.2011 PROF. M.A. ZORDAN, Ph.D UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA 1 GREGOR MENDEL 1822-1884 2 2 Grandi navigatori 3 3 Rotte commerciali per le

Dettagli

La riproduzione cellulare - Ciclo cellulare, mitosi e meiosi

La riproduzione cellulare - Ciclo cellulare, mitosi e meiosi La riproduzione cellulare - Ciclo cellulare, mitosi e meiosi Henrietta Lacks e le cellule HeLa Henrietta Lacks morì nel 1951 per un tumore al collo dell utero. Nella vita Henrietta non uscì mai dal Maryland

Dettagli

EREDITA MENDELIANA IL CARATTERE E TRASMESSO CON GLI AUTOSOMI O E ASSOCIATO AI CROMOSOMI SESSUALI?

EREDITA MENDELIANA IL CARATTERE E TRASMESSO CON GLI AUTOSOMI O E ASSOCIATO AI CROMOSOMI SESSUALI? EREDITA MENDELIANA IL CARATTERE E TRASMESSO CON GLI AUTOSOMI O E ASSOCIATO AI CROMOSOMI SESSUALI? CARATTERE AUTOSOMICO -codificato da geni su cromosomi non sessuali -non ci sono differenze di trasmissione

Dettagli

generazione filiale ibridi

generazione filiale ibridi La Genetica Mendel, una volta che si fu assicurato di aver piante pure per un determinato carattere iniziò la fecondazione incrociata: ad esempio, prelevò del polline da una varietà dal fiore bianco e

Dettagli

Prove associate al percorso UGUALI EPPUR DIVERSI

Prove associate al percorso UGUALI EPPUR DIVERSI Titolo: Prove associate al percorso UGUALI EPPUR DIVERSI Autore: Laura Cassata Percorsi didattici associati: A- Uguali eppur diversi AVVERTENZA: Le domande che seguono si ispirano al percorso o ai percorsi

Dettagli

Meiosi. Meiosi 16/01/2013. Biotecnologie 2012

Meiosi. Meiosi 16/01/2013. Biotecnologie 2012 Meiosi Meiosi Biotecnologie 2012 La meiosiè un tipo specializzato di ciclo cellulare che dimezza il numero di cromosomi, dando origine alla produzione di cellule figlie aploidi. Mentre le cellule somatiche

Dettagli

MUTAZIONI ED EVOLUZIONE

MUTAZIONI ED EVOLUZIONE MUTAZIONI ED EVOLUZIONE Durante la duplicazione del DNA possono verificarsi errori di copiatura se ad esempio al posto di una base azotata ne viene inserita un altra. In questo caso può succedere che cambi

Dettagli

LA GENETICA MENDELIANA NELLA SPECIE UMANA!

LA GENETICA MENDELIANA NELLA SPECIE UMANA! LA GENETICA MENDELIANA NELLA SPECIE UMANA! ALBERI GENEALOGICI ACCOPPIAMENTO PROGENIE in ordine di nascita (da sx a dx) EREDITA AUTOSOMICA DOMINANTE AUTOSOMICA: il locus genico che controlla il carattere

Dettagli

SOLUZIONI AI PROBLEMI DEL CAPITOLO 2. Domande concettuali

SOLUZIONI AI PROBLEMI DEL CAPITOLO 2. Domande concettuali SOLUZIONI AI PROBLEMI DEL CAPITOLO 2 Domande concettuali C1. Il lavoro di Mendel dimostrò che i determinanti genetici vengono ereditati con modalità dominante/recessiva. Questo era evidente in molti dei

Dettagli

La durata del ciclo cellulare varia col variare della specie, del tipo di cellula e delle condizioni di crescita.

La durata del ciclo cellulare varia col variare della specie, del tipo di cellula e delle condizioni di crescita. IL CICLO CELLULARE Il ciclo cellulare, o ciclo di divisione cellulare (CDC), è la serie di eventi che avvengono in una cellula tra una divisione cellulare e quella successiva. La durata del ciclo cellulare

Dettagli

Ereditarietà biologica: le leggi di Mendel, e le eccezioni alla ereditarietà mendeliana.

Ereditarietà biologica: le leggi di Mendel, e le eccezioni alla ereditarietà mendeliana. Ereditarietà biologica: le leggi di Mendel, e le eccezioni alla ereditarietà mendeliana. la scienza dell ereditarietà Le radici storiche della genetica, la scienza dell ereditarietà, risalgono agli antichi

Dettagli

I CARATTERI EREDITARI

I CARATTERI EREDITARI I CARATTERI EREDITARI I primi passi per comprendere come si trasmettono le caratteristiche attraverso le generazioni furono lenti e difficili. I caratteri di un individuo sono spesso molto simili a quelli

Dettagli

LA MEIOSI E LA RIPRODUZIONE

LA MEIOSI E LA RIPRODUZIONE LA MEIOSI E LA RIPRODUZIONE Gli organismi eucarioti si riproducono asessualmente o sessualmente. Nella riproduzione asessuata (o agamica o vegetativa), un singolo individuo si riproduce mediante mitosi

Dettagli

5 modulo didattico - Patologia cromosomica.

5 modulo didattico - Patologia cromosomica. 5 modulo didattico - Patologia cromosomica. G0 IL CICLO CELLULARE DI UNA CELLULA DI MAMMIFERO Avviene ogni volta che la cellula si divide Le tappe fondamentali del processo sono: Separazione dei due filamenti

Dettagli

- Markers di anomalie cromosomiche. - Trisomia 21 (sindrome di Down) - Trisomia 13 (sindrome di Patau) - Trisomia 18 (sindrome di Edwards)

- Markers di anomalie cromosomiche. - Trisomia 21 (sindrome di Down) - Trisomia 13 (sindrome di Patau) - Trisomia 18 (sindrome di Edwards) - Markers di anomalie cromosomiche - Trisomia 21 (sindrome di Down) - Trisomia 13 (sindrome di Patau) - Trisomia 18 (sindrome di Edwards) - Sindrome di Turner - Sindrome di Williams - Sindrome di Angelman

Dettagli

Le mutazioni Quando le informazioni sono errate

Le mutazioni Quando le informazioni sono errate Le mutazioni Quando le informazioni sono errate Lic. Scientifico A. Meucci Aprilia Prof. Rolando Neri Storia delle mutazioni Dal 1927 viene usato il concetto di mutazione così come è inteso oggi Il primo

Dettagli

La divisione cellulare

La divisione cellulare Per lo più le cellule hanno vita limitata nel tempo, in quanto cessano di essere un individualità quando si dividono in due cellule figlie dotate delle stesse caratteristiche della cellula madre. Tutte

Dettagli

1761-1766 Ereditarietà per mescolamento: il materiale genetico dei genitori si mescola nel momento in cui viene trasmesso alla progenie Fine 1700

1761-1766 Ereditarietà per mescolamento: il materiale genetico dei genitori si mescola nel momento in cui viene trasmesso alla progenie Fine 1700 1761-1766 Ereditarietà per mescolamento: il materiale genetico dei genitori si mescola nel momento in cui viene trasmesso alla progenie Fine 1700 Lamark: i cambiamenti comportamentali modificano i caratteri

Dettagli

Aneuploidie: il numero dei cromosomi non è un multiplo esatto del normale assetto aploide

Aneuploidie: il numero dei cromosomi non è un multiplo esatto del normale assetto aploide Aneuploidie: il numero dei cromosomi non è un multiplo esatto del normale assetto aploide Aneuploidie Nullisomia: 2n-2 (morte preimpianto) Monosomia: : 2n-1 (generalmente morte embrionale) Trisomia: :

Dettagli

CICLO E DIVISIONE CELLULARE GENETICA MENDELIANA LINFOCITI B E T

CICLO E DIVISIONE CELLULARE GENETICA MENDELIANA LINFOCITI B E T PON di Scienze a.s. 2013/14 Esperto prof. C. Formica CICLO E DIVISIONE CELLULARE GENETICA MENDELIANA LINFOCITI B E T Immagini e testi tratti dai website di: genome.wellcome.ac.uk, dnaftb.org, unipv.it,

Dettagli

La trasmissione delle malattie genetiche. Anna Onofri

La trasmissione delle malattie genetiche. Anna Onofri La trasmissione delle malattie genetiche Gli alberi genealogici Anna Onofri I simboli maggiormente utilizzati Le malattie genetiche Molte malattie genetiche sono legate ad un singolo gene e possono verificarsi

Dettagli

Il ciclo cellulare La divisione cellulare

Il ciclo cellulare La divisione cellulare Il ciclo cellulare La divisione cellulare Il ciclo cellulare Meccanismo con cui si riproducono tutti gli organismi viventi La durata del ciclo varia moltissimo a seconda del tipo cellulare Cellule che

Dettagli

1 a LEGGE DI MENDEL Legge della Segregazione

1 a LEGGE DI MENDEL Legge della Segregazione IMPRINTING 1 a LEGGE DI MENDEL Legge della Segregazione I due membri di una coppia di alleli, durante la formazione dei gameti segregano in maniera indipendente, cioè in modo che metà dei gameti porti

Dettagli

SOLUZIONI AI PROBLEMI DEL CAPITOLO 5. Domande concettuali

SOLUZIONI AI PROBLEMI DEL CAPITOLO 5. Domande concettuali SOLUZIONI AI PROBLEMI DEL CAPITOLO 5 Domande concettuali C1. Ricombinazione genetica è un termine che si riferisce alla presenza di una nuova combinazione di alleli in un individuo della progenie. Il crossing-over

Dettagli

SEZIONE I - LA GENETICA MENDELIANA di Stefania Giannoni e Mauro Festa Larel

SEZIONE I - LA GENETICA MENDELIANA di Stefania Giannoni e Mauro Festa Larel SEZIONE I - LA GENETICA MENDELIANA di Stefania Giannoni e Mauro Festa Larel SEZIONE I - LA GENETICA MENDELIANA I.1 INTRODUZIONE. Tutti gli individui (batteri, piante, esseri umani) sono simili agli organismi

Dettagli

Tecniche di bandeggio

Tecniche di bandeggio Tecniche di bandeggio sono sistemi di colorazione che conferiscono ai cromosomi caratteristici pattern di bande più o meno intense ogni cromosoma umano presenta un bandeggio (ossia una sequenza di bande)

Dettagli

Anomalie cromosomiche

Anomalie cromosomiche Anomalie cromosomiche costituzionali acquisite nelle cellule germinali nelle cellule somatiche Le alterazioni che avvengono nelle cellule germinali se compatibili con la vita porteranno alla nascita di

Dettagli

ESTENSIONI DELLE LEGGI DI MENDEL

ESTENSIONI DELLE LEGGI DI MENDEL ESTENSIONI DELLE LEGGI DI MENDEL Mendel rinuncia alle sue ricerche Mendel proseguì le sue ricerche su altre piante per ottenere conferme alle sue leggi, ma trovò tante e tali contraddizioni che (si dice)

Dettagli

LA SINDROME DI DOWN LA STORIA

LA SINDROME DI DOWN LA STORIA LA SINDROME DI DOWN LA STORIA La sindrome di Down, che è detta anche trisomia 21 o mongoloidismo, è una malattia causata dalla presenza di una terza copia del cromosoma 21; è la più comune anomalia cromosomica

Dettagli

Cellule e DNA. Per saperne di più. Nella terra e nello spazio

Cellule e DNA. Per saperne di più. Nella terra e nello spazio Nella terra e nello spazio ellule e DN utti i viventi sono fatti di cellule. Nelle cellule ci sono dei corpuscoli che hanno compiti diversi: nutrire la cellula, farla respirare, trasmettere informazioni,

Dettagli

Invito alla biologia.blu

Invito alla biologia.blu 1 H. Curtis, N. S. Barnes, A. Schnek, G. Flores Invito alla biologia.blu Dagli organismi alle cellule 2 Capitolo A8 La divisione cellulare: mitosi e meiosi 3 La divisione delle cellule Nei procarioti e

Dettagli

GENETICA GENERALE ED UMANA LA GENETICA E LA SCIENZA DELL EREDITARIETA, CIOE STUDIA LA TRASMISSIONE DELLE CARATTERISTICHE EREDITARIE, CHE DISTINGUONO UN SOGGETTO DALL ALTRO. NEGLI ULTIMI DECENNI LA GENETICA,

Dettagli

Seminario di BIOLOGIA APPLICATA Zannotti maria

Seminario di BIOLOGIA APPLICATA Zannotti maria Seminario di BIOLOGIA APPLICATA Zannotti maria Testi Quelli dello scorso anno Programma 1 LA RIPRODUZIONE DEI VIVENTI Cellule (mitosi) Organismi (meiosi) Gametogenesi fecondazione: barbieri carinci. Cap

Dettagli

La terza legge: l'indipendenza dei caratteri

La terza legge: l'indipendenza dei caratteri La terza legge: l'indipendenza dei caratteri Formulazione semplificata della terza legge, supportata da immagine e filmato TERZA LEGGE DI MENDEL ANIMAZIONE a cura di Gigliola Merante 1 Verifichiamo la

Dettagli

(es.: AA, aa, BB, bb ) 2 Alleli: si tratta di geni che si trovano su cromosomi omologhi e che controllano lo stesso carattere in modo eguale (alleli

(es.: AA, aa, BB, bb ) 2 Alleli: si tratta di geni che si trovano su cromosomi omologhi e che controllano lo stesso carattere in modo eguale (alleli 1 ELEMENTI DI GENETICA LA GENETICA È: LA DISCIPLINA (= LA SCIENZA) CHE INDAGA SUI MECCANISMI DELLA TRASMISSIONE DEI CARATTERI DA UNA GENERAZIONE ALL ALTRA. RICORDIAMO 2 CONCETTI FONDAMENTALI: A) GENOTIPO:

Dettagli

Figura 1 : organizzazione del materiale genetico nel nucleo delle cellule.

Figura 1 : organizzazione del materiale genetico nel nucleo delle cellule. Il patrimonio genetico, base della vita Il patrimonio genetico (genoma) è l insieme di tutte le informazioni necessarie per costruire ogni embrione, attraverso complessi meccanismi di moltiplicazione delle

Dettagli

Mitosi e meiosi: duplicazione cellulare

Mitosi e meiosi: duplicazione cellulare Mitosi e meiosi: duplicazione cellulare Mitosi: 4 fasi Profase Metafase Anafase Telofase Profase: i cromosomi si compattano e l involucro nucleare inizia a scomparire. I cromosomi si accorciano e si inspessiscono.

Dettagli

Scienza che studia la

Scienza che studia la Genetica Scienza che studia la trasmissione delle caratteristiche degli individui alla propria discendenza Genetica: termini Fenotipo:aspetto di una caratteristica per una determinata specie Linea pura:

Dettagli

Mutazioni cromosomiche. Le mutazioni cromosomiche sono la causa più frequente di aborto precoce e una importante causa di ritardo mentale nell uomo

Mutazioni cromosomiche. Le mutazioni cromosomiche sono la causa più frequente di aborto precoce e una importante causa di ritardo mentale nell uomo Mutazioni cromosomiche Le mutazioni cromosomiche sono la causa più frequente di aborto precoce e una importante causa di ritardo mentale nell uomo Mutazioni cromosomiche Variazioni della struttura Variazioni

Dettagli

Qualche cenno di genetica.

Qualche cenno di genetica. Qualche cenno di genetica. Il numero dei cromosomi è tipico per ogni specie. Specie umana: 46 cromosomi OGNI COPPIA DI CROMOSOMI CONTIENE UN CROMOSOMA DI ORIGINE PATERNA E UN CROMOSOMA DI ORIGINE MATERNA

Dettagli

unità C3. Le cellule crescono e si riproducono

unità C3. Le cellule crescono e si riproducono unità 3. Le cellule crescono e si riproducono Durante l interfase la cellula aumenta di dimensioni sintetizza nuove proteine e nuovi organuli duplica il DN al termine di questi processi la cellula compie

Dettagli

INFORMATIVA ALLA DIAGNOSI CITOGENETICA PRENATALE MOLECOLARE (ARRAY-CGH) SU CELLULE DEL LIQUIDO AMNIOTICO O VILLI CORIALI

INFORMATIVA ALLA DIAGNOSI CITOGENETICA PRENATALE MOLECOLARE (ARRAY-CGH) SU CELLULE DEL LIQUIDO AMNIOTICO O VILLI CORIALI INFORMATIVA ALLA DIAGNOSI CITOGENETICA PRENATALE MOLECOLARE (ARRAY-CGH) SU CELLULE DEL LIQUIDO AMNIOTICO O VILLI CORIALI A. Finalità L indagine citogenetica fetale (o cariotipo) viene eseguita su cellule

Dettagli

4 modulo didattico - Modalità di trasmissione delle malattie

4 modulo didattico - Modalità di trasmissione delle malattie 4 modulo didattico - Modalità di trasmissione delle malattie monogeniche. L analisi dell albero genealogico: uno strumento indispensabile della genetica medica I SIMBOLI DELL ALBERO GENEALOGICO L ANEMIA

Dettagli

Mitosi e Meiosi. Dipartimento di Scienze Agronomiche e Genetica Vegetale Agraria Giovanna Attene

Mitosi e Meiosi. Dipartimento di Scienze Agronomiche e Genetica Vegetale Agraria Giovanna Attene Mitosi e Meiosi Dipartimento di Scienze Agronomiche e Genetica Vegetale Agraria Giovanna Attene Trasmissione del materiale ereditario negli eucarioti Negli eucarioti si distinguono: Cellule somatiche n.

Dettagli

GENETICA PRETEST 2014. Studenti Per

GENETICA PRETEST 2014. Studenti Per GENETICA PRETEST 2014 Studenti Per LA GENETICA è la scienza che studia i caratteri ereditari degli organismi viventi, i meccanismi attraverso i quali si trasmettono ai discendenti e le modalità con cui

Dettagli

Il DNA: la molecola della vita

Il DNA: la molecola della vita Il DNA: la molecola della vita Gli acidi nucleici comprendono il DNA (acido desossiribonucleico) e l RNA (acido ribonucleico). Sono costituiti da molecole molto grandi, formate da unità dette nucleotidi,

Dettagli

APPARATO SESSUALE MASCHILE E FEMMINILE

APPARATO SESSUALE MASCHILE E FEMMINILE APPARATO SESSUALE MASCHILE E FEMMINILE ANATOMIA 2 Il corpo umano è costituito da organi ed apparati uguali tra maschi e femmine ad esclusione dell apparato riproduttivo. L apparato riproduttivo è composto

Dettagli

SOMIGLIANZA TRA INDIVIDUI

SOMIGLIANZA TRA INDIVIDUI SOMIGLIANZA TRA INDIVIDUI Si riferisce alla possibilità di riconoscere delle caratteristiche fenotipiche comuni tra animali diversi, dovute alla loro parentela. PARENTELA Due individui si dicono parenti

Dettagli

LO STUDIO DEI CROMOSOMI: CITOGENETICA

LO STUDIO DEI CROMOSOMI: CITOGENETICA LO STUDIO DEI CROMOSOMI: CITOGENETICA 0.5% DEI NEONATI: MALATTIE CROMOSOMICHE SINDROME DI DOWN, X-FRAGILE ANOMALIE CROMOSOMICHE IN CELLULE SOMATICHE: TUMORI TECNICHE PER LO STUDIO DEI CROMOSOMI A PARTIRE

Dettagli

Esempi di trasmissione di caratteri ereditari legati al sesso e indipendenti dal sesso

Esempi di trasmissione di caratteri ereditari legati al sesso e indipendenti dal sesso Esempi di trasmissione di caratteri ereditari legati al sesso e indipendenti dal sesso Nel DNA dei cromosomi sono codificati i caratteri specifici per ogni individuo, in settori detti geni un carattere

Dettagli

Collega ciascun termine con la sua definizione A. Fenotipo B. B. Genotipo C. C. Carattere D. D. Omozigote E. E. Eterozigote 1.

Collega ciascun termine con la sua definizione A. Fenotipo B. B. Genotipo C. C. Carattere D. D. Omozigote E. E. Eterozigote 1. Collega ciascun termine con la sua definizione A. Fenotipo B. B. Genotipo C. C. Carattere D. D. Omozigote E. E. Eterozigote 1. Insieme delle caratteristiche contenute nei geni, sia quelle manifeste, sia

Dettagli

Corso integrato di Biologia e Genetica

Corso integrato di Biologia e Genetica Corso integrato di Biologia e Genetica Coordinatore: Prof.ssa Giovanna Bianchi Scarrà Genetica Generale e Molecolare (testo: vedi Biologia) Genetica Medica (testo: Genetica Medica Essenziale, Dalla Piccola,

Dettagli