CONTRIBUTO AGLI AUTOTRASPORTATORI PER L ACQUISTO DI VEICOLI NUOVI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "CONTRIBUTO AGLI AUTOTRASPORTATORI PER L ACQUISTO DI VEICOLI NUOVI"

Transcript

1 CONTRIBUTO AGLI AUTOTRASPORTATORI PER L ACQUISTO DI VEICOLI NUOVI Art. 1, comma 89, Legge n. 147/2013 DM n. 307/2014 Circolare MIT , n Modena, 07 ottobre 2014 La Finanziaria 2014 ha previsto uno specifico contributo usufruibile dalle imprese di autotrasporto merci per il rinnovo del parco veicoli. Il Ministero delle Infrastrutture dei Trasporti (MIT), con uno specifico Decreto, ha dato attuazione alla predetta disposizione. Lo stesso MIT con un recente intervento ne ha illustrato l ambito applicativo anche alla luce della normativa comunitaria in materia. In particolare, al fine di usufruire del predetto contributo, le imprese interessate devono presentare al MIT entro il una domanda compilando uno specifico modello. Il contributo, d importo massimo pari a , è riconosciuto per gli acquisti di veicoli nuovi a basso impatto ambientale, effettuati tra il e il L art. 1, comma 89, Finanziaria 2014 ha autorizzato, per il 2014 una spesa pari a 330 milioni per interventi in favore del settore dell'autotrasporto, demandando per il relativo riparto ad un successivo Decreto del Ministero delle Infrastrutture dei Trasporti (MIT) emanato in concerto con il Ministero dell Economia e delle Finanze (MEF). Con il Decreto Interministeriale , n. 224 sono quindi state ripartite le predette risorse a favore del settore dell autotrasporto, in particolare destinando una quota ( 15 milioni) ad investimenti finalizzati alla modernizzazione del parco veicolare in chiave maggiormente ecocompatibile, e all apertura del settore verso forme più evolute di logistica applicata al trasporto e alla movimentazione delle merci. Il Ministero delle Infrastrutture dei Trasporti (MIT) con il DM , n. 307 (pubblicato sulla G.U , n. 218) ha dato attuazione alle disposizioni in esame disciplinando le modalità di fruizione della specifica agevolazione / contributo a favore delle imprese di autotrasporto merci per l acquisto di veicoli nuovi a basso impatto ambientale che utilizzino motori tecnologicamente innovativi conformemente agli orientamenti della stessa Commissione europea, anche attesa l utilizzazione nelle aree urbane. In seguito lo stesso MIT, con la Circolare , n , ha fornito le attese istruzioni operative unitamente ai modelli utilizzabili per l ammissione al predetto contributo. SOGGETTI BENEFICIARI DELL AGEVOLAZIONE Possono beneficiare dell agevolazione le imprese di qualsiasi dimensione esercenti attività di autotrasporto di merci: attive sul territorio italiano comprese quelle comunitarie aventi una sede secondaria in Italia ; iscritte regolarmente nel Registro elettronico nazionale (REN) e nell Albo degli autotrasportatori di cose per conto terzi. Per le imprese che utilizzano veicoli di massa complessiva a pieno carico inferiore a 1,5 t è sufficiente la sola iscrizione all Albo. Sono quindi ammesse a richiedere il contributo in esame anche le imprese che svolgono l attività di trasporto in conto terzi anche in via non esclusiva (imprese di logistica, spedizione o trasloco).

2 STRUTTURE SOCIETARIE Tra i soggetti beneficiari il comma 1 dell art. 3 del citato DM n. 307/2014 ricomprende anche le strutture societarie risultanti dall aggregazione delle suddette imprese, ovvero soggetti autonomi, aventi un proprio patrimonio e amministratori (ad esempio, società cooperative, consorzi con attività esterna, società consortili). SPESE AGEVOLABILI Sono agevolabili le spese: per l acquisto, anche mediante leasing, dei seguenti mezzi nuovi: veicoli, a gas naturale / biometano, adibiti al trasporto di merci di massa complessiva a pieno carico: compresa tra 3,5 e 7 t; pari o superiore a 16 t; semirimorchi per il trasporto combinato ferroviario (normativa UIC 596-5) e per il trasporto combinato marittimo dotati di ganci nave (normativa IMO). Non sono agevolabili i veicoli acquisiti all estero ed ivi immatricolati anche se successivamente reimmatricolati in Italia a chilometri zero ; effettuate tra il (data di entrata in vigore del DM in esame) e il Per i veicoli non dotati di omologazione al il termine di conclusione degli investimenti è il ; fino ad un massimo di calcolato sull ammontare complessivo degli investimenti effettuati. È espressamente previsto che i veicoli agevolati non siano ceduti fino al e rimangano comunque nella disponibilità del beneficiario del contributo. AMMONTARE DEL CONTRIBUTO RICONOSCIUTO Innanzitutto, con riguardo al calcolo dell ammontare del contributo riconosciuto, il MIT ha chiarito che va fatto riferimento ai costi espressamente considerati dalla base giuridica nazionale e comunitaria al netto dell IVA, applicando la relativa percentuale dell intensità di aiuto con riguardo al valore del sovra-costo rispetto alla produzione di veicoli ad alimentazione diesel. Inoltre il contributo è modulato in base alla tipologia di veicolo acquistato per cui con riguardo ai: veicoli di massa complessiva a pieno carico da 3,5 a 7 t è pari a (calcolato nella misura di circa il 40% del valore del sovra-costo rispetto alla produzione di veicoli diesel); veicoli di massa complessiva a pari o superiore a 16 t è pari a (calcolato nella misura di circa il 40% del valore del sovra-costo rispetto alla produzione di veicoli diesel); semirimorchi è determinato al 20% dell intero costo di acquisizione, con un tetto massimo pari a La predetta percentuale è aumentata al 25%, con tetto massimo pari a 6.000, se sussiste 1 delle seguenti 2 condizioni: il nuovo veicolo sia dotato di pneumatici di classe C3 con coefficiente di resistenza al rotolamento inferiore a 8,0 kg/g (classe efficienza energetica da A ad E), dotati di TPMS (Tyre Pressure Monitoring System); contestualmente all acquisto vi sia la radiazione (o la dichiarazione del demolitore di richiederla) successiva al di un rimorchio / semirimorchio di più di 10 anni. Spetta al costruttore l attestazione delle predette caratteristiche tecniche fermo restando che sarà il beneficiario a dover provare la sussistenza delle condizioni per la maggiorazione. I predetti contributi sono maggiorati del 10% a favore delle PMI, così come definite nel settore degli aiuti di stato. Si rammenta che, in base alla normativa comunitaria, sono definite: medie imprese, le imprese che impiegano meno di 250 dipendenti e registrano un fatturato annuo non superiore a 50 milioni e/o un totale di bilancio non superiore a 43 milioni; piccole imprese, le imprese che impiegano meno di 50 dipendenti e registrano un fatturato annuo e/o un totale di bilancio non superiore a 10 milioni; micro imprese, le imprese che impiegano meno di 10 dipendenti e registrano un fatturato annuo e/o un totale di bilancio non superiore a 2 milioni.

3 PRESENTAZIONE DELLA DOMANDA Ai sensi dell art. 3 la domanda deve contenere a pena di inammissibilità i seguenti dati dell impresa / raggruppamento d imprese interessate all agevolazione in esame: ragione sociale; sede; legale rappresentante (nominativo, indirizzo, firma); codice fiscale; numero iscrizione al Registro elettronico nazionale (REN); numero di iscrizione alla CCIAA. Ogni impresa anche se associata ad un consorzio o a una cooperativa, può presentare una sola domanda di contribuito. TERMINI DI PRESENTAZIONE La domanda in esame va presentata ad avvenuto avvio dell investimento: dal 19.9 al MODALITÀ DI PRESENTAZIONE La domanda in esame va presentata: utilizzando esclusivamente il modulo allegato al citato DM ovvero disponibile in formato word sul sito Internet sezione autotrasporto/contributi ed incentivi (Allegato 2); a mezzo raccomandata A/R o consegna a mano al seguente indirizzo: Ministero delle infrastrutture e dei trasporti Dipartimento dei trasporti terrestri Direzione Generale per il trasporto stradale e per l intermodalità Via Giuseppe Caraci, Roma Alla domanda va allegata a pena di inammissibilità copia del contratto di acquisto dei veicoli agevolabili dal quale risulti il prezzo. ATTIVITÀ DEL RICHIEDENTE SUCCESSIVA ALL ISTANZA Come precisato dal MIT, ai fini del perfezionamento dell investimento (trasformazione da mera aspettativa di fatto connessa con l effetto prenotativo ad aspettativa giuridicamente fondata ) i soggetti interessati devono provare: il pagamento del corrispettivo (dimostrabile con la trasmissione della fattura); la prova dell avvenuta immatricolazione (o di averla richiesta alla Motorizzazione nei termini). La documentazione deve essere trasmessa: entro il (termine di conclusione degli investimenti) ovvero entro il (per i veicoli non dotati di omologazione al ); tramite raccomandata A/R ovvero consegna a mano all indirizzo sopra riportato. ATTIVITÀ ISTRUTTORIA DELL AMMINISTRAZIONE Un apposita Commissione, istituita nell ambito del MIT, si occuperà di analizzare le domande presentate e la correlata documentazione. Sul punto l art. 4 del citato DM dispone che: se la documentazione allegata risulta incompleta o se sono presenti lacune comunque sanabili la Commissione provvederà a richiedere al soggetto interessato le necessarie integrazioni fissando un termine non superiore a 15 giorni; in mancanza dei requisiti (sopra analizzati) il soggetto interessato sarà escluso dall agevolazione con provvedimento motivato; in presenza dei requisiti le istanze saranno inserite in un apposito elenco secondo l ordine di spedizione. EFFETTO PRENOTATIVO DELLA DOMANDA Come precisato dal MIT nella citata Circolare n , la presentazione della domanda ha un effetto prenotativo. Infatti: I contributi vengono riconosciuti, previa verifica della sussistenza dei requisiti previsti dalla misura, sulla base dell inserimento degli aspiranti beneficiari in un apposito elenco redatto

4 sulla base dell ordine di presentazione delle domande e fino ad esaurimento delle risorse finanziarie. In sostanza gli incentivi in esame sono erogati senza alcuna graduatoria (rileva solo il momento di presentazione della domanda) e comunque fino ad esaurimento delle risorse. Non verranno esaminate le domande presentate o spedite a seguito dell accertato esaurimento delle risorse destinate al presente regime d aiuto. Tale meccanismo è preordinato a: garantire la copertura economica ai fini dell erogazione del contributo e non già a riconoscere al soggetto proponente un aspettativa giuridicamente tutelata all ammissione al contributo. In sostanza l Amministrazione, ricevuta la domanda, accantona l importo presunto del contributo (sottraendolo all ammontare delle risorse disponibili), senza che ciò determini per l istante un implicita ammissione al contributo, sia con riguardo all an sia al quantum dello stesso. EROGAZIONE DEL CONTRIBUTO Il contributo in esame è erogato a conclusione della predetta attività istruttoria e verifica dell avvenuto investimento (dimostrazione pagamento del corrispettivo e avvenuta immatricolazione nei termini previsti). CUMULO CON ALTRE AGEVOLAZIONI Ai sensi dell art. 4 del citato DM sono escluse dall agevolazione in esame le imprese che nel 2014 e 2015 beneficiano di contributi per le medesime tipologie di investimenti da parte di altre Amministrazioni dello Stato, Regioni ed Enti locali. Inoltre nessuna ipotesi di cumulo è configurabile con i contributi eventualmente ricevuti sulla base del DM 118/2013, concernente i contributi per investimenti effettuati nell anno AIUTI DI STATO L incentivo in esame, come evidenziato dal MIT nella citata Circolare n rientra nella categoria degli aiuti di stato e come tale risulta soggetto alla normativa comunitaria. La predetta agevolazione è stata quindi armonizzata con le disposizioni contenute nel nuovo Regolamento UE n. 651/2014 che, tra le varie fattispecie di esenzione, compatibili con il mercato comune in applicazione degli artt. 107 e 108 del Trattato UE, comprende: l esenzione per aiuti anche all acquisto di veicoli nuovi per trasporto su strada intesi al superamento delle norme comunitarie o all innalzamento del livello di tutela ambientale in assenza di norme comunitarie. In virtù di tale esenzione, gli incentivi in esame saranno erogati senza necessità di richiedere la relativa autorizzazione alla Commissione UE. Invio domanda al Ministero delle infrastrutture e dei trasporti (raccomandata A/R o consegna diretta) tramite specifico modello ad avvenuto avvio dell investimento dal 19.9 al per le imprese di autotrasporto merci attive sul territorio italiano iscritte regolarmente nel REN e nell Albo degli autotrasportatori di cose per conto terzi per l acquisto (anche mediante leasing) di nuovi veicoli dal al ( per i veicoli senza omologazione al ) Contributo rinnovo parco veicoli Importo massimo contributo spettante Il soggetto istante, inserito tra i beneficiari dell agevolazione in esame, è tenuto a comprovare a pena di esclusione mediante dichiarazione sostitutiva di atto di notorietà, ex art. 47, DPR n. 45/2000, resa utilizzando il modello allegato al DM in esame (Allegato 1) di non rientrare tra coloro che hanno ricevuto e, successivamente non rimborsato, ovvero depositato in un conto bloccato, gli aiuti individuati quali illegali o incompatibili dalla Commissione europea.

5 Tipologia veicolo Misura del contributo (*) Veicoli per il trasporto merci a gas naturale / biometano di massa complessiva a pieno carico da 3,5 a 7 t Veicoli per il trasporto merci a gas naturale / biometano di massa complessiva a pieno carico 16 t Semirimorchi per il trasporto combinato ferroviario / marittimo 20% del costo di acquisto, per un importo massimo di 4.500; 25% del costo di acquisto, per un importo massimo di in presenza di 1 delle seguenti 2 condizioni: il nuovo veicolo è dotato di pneumatici di classe C3 con coefficiente di resistenza al rotolamento inferiore a 8,0 kg/g (classe efficienza energetica da A ad E) e TPMS (Tyre Pressure Monitoring System); radiazione successiva al di un rimorchio / semirimorchio di più di 10 anni. (*) Le PMI possono usufruire di una maggiorazione del 10%. Allegato 1 Dichiarazione sostitutiva aiuti di Stato Dichiarazione sostitutiva resa ai sensi dell articolo 47 del DPR 28 dicembre 2000, n. 445 Dati del richiedente Il sottoscritto nato a (prov. ) il residente in (prov. ) via n. c.a.p. Codice fiscale Partita IVA nella qualità di legale rappresentante dell impresa con sede in (prov. ) via n. c.a.p. recapito telefonico al fine di usufruire degli incentivi dichiarati ammissibili nel corso dell esercizio finanziario 2014; consapevole delle responsabilità, anche penali, derivanti dal rilascio di dichiarazioni mendaci e della conseguente decadenza dai benefici concessi sulla base di una dichiarazione non veritiera, ai sensi degli articoli 75 e 76 del decreto del Presidente della Repubblica del 28 dicembre 2000, n. 445; DICHIARA ai sensi dell art. 6 della legge 25 febbraio 2008, n. 34, recante Disposizioni per l adempimento di obblighi derivanti dall appartenenza dell Italia alle Comunità europee ( Legge comunitaria 2007 ), che ha modificato l art. 1, comma 1223, della legge 27 dicembre 2006, n. 296 ( Legge finanziaria 2007 ), e conformemente al Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri 23 maggio 2007, con cui è stata emanata la Disciplina delle modalità con cui è effettuata la dichiarazione sostitutiva dell atto di notorietà concernente determinati aiuti di Stato dichiarati incompatibili dalla Commissione europea, di non rientrare tra coloro che hanno ricevuto e, successivamente, non rimborsato, o depositato in un conto bloccato, anche in forma rateale, gli aiuti individuati quali illegali o incompatibili dalla Commissione europea. FIRMA del legale rappresentante 1 1 Allegare copia di un documento d identità in corso di validità

6 Allegato 2 Modello di domanda da compilare in stampatello, e da recapitare tramite raccomandata A.R., ovvero mediante consegna a mano, entro il DOMANDA DI AMMISSIONE AI CONTRIBUTI di cui al D.M. 03 luglio 2014 n. 307 (incentivi a favore degli investimenti nel settore dell autotrasporto di merci) Al Ministero delle infrastrutture e dei trasporti Dipartimento dei trasporti, la navigazione, gli affari generali e il personale Direzione Generale per il trasporto stradale e per l intermodalità - Via Giuseppe Caraci, Roma. DOMANDA PER L AMMISSIONE A CONTRIBUTO Sezione 1 Dati del richiedente Il sottoscritto nato a (Prov. ) in data / / e residente in (Prov. ) Via n. c.a.p. nella qualità di legale rappresentante dell Impresa di autotrasporto con sede in (Prov. ) Via n. c.a.p. recapito telefonico / Fax. / PEC iscritta all Albo degli autotrasportatori di cose per conto di terzi della Provincia di al num. dal / / alla data odierna; iscritta al Registro Elettronico Nazionale di cui al Regolamento (CE) 1071/2009, al n. partita IVA Cod. Fisc. iscritta alla C.C.I.A.A. di con num. dal / / codice attività Coordinate bancarie del soggetto cui erogare il contributo Presso l istituto di credito Agenzia codice ABI codice CAB codice IBAN Sezione 2 CHIEDE che l impresa di cui sopra, venga ammessa alla concessione dei benefici di cui al D.M. 03 luglio 2014 n A tal fine: DICHIARA - di essere a conoscenza che sono incentivabili esclusivamente i progetti avviati e posti in essere successivamente alla data di pubblicazione del D.M. 03 luglio 2014 n. 307; - di essere a conoscenza che, in caso di accertamento di irregolarità o violazioni della vigente normativa o del presente decreto, il contributo sarà revocato con obbligo di restituzione degli importi erogati e dei relativi interessi; - di avere attivato le iniziative e gli investimenti di seguito specificati con i relativi costi sostenuti: ( barrare la casella che interessa ed indicare i valori richiesti nei relativi campi ) a) Acquisizione, anche mediante locazione finanziaria, di autoveicoli nuovi di fabbrica adibiti al trasporto di merci di massa complessiva, a pieno carico, superiori a 3,5 tonnellate e fino a 7 tonnellate a trazione alternativa a gas naturale o biometano Numero dei veicoli acquisiti: b) Acquisizione, anche mediante locazione finanziaria, di autoveicoli nuovi di fabbrica adibiti al trasporto di merci di massa complessiva, a pieno carico, superiori a 16 tonnellate a trazione alternativa a gas naturale o biometano.

7 Numero dei veicoli acquisiti: c) Acquisizione, anche mediante locazione finanziaria, di semirimorchi nuovi di fabbrica per il trasporto combinato ferroviario, rispondenti alla normativa UIC e per il trasporto combinato marittimo dotati di ganci nave, rispondenti alla normativa IMO; Costo sostenuto : che intende avvalersi delle maggiorazioni a favore delle PMI di essere, inoltre, consapevole che fatta salva la facoltà dell Amministrazione di procedere con ulteriori accertamenti in data successiva all erogazione del contributo, e di procedere, in via di autotutela, all annullamento della concessione del contributo, ove, in esito alle verifiche effettuate, emergano gravi irregolarità nelle dichiarazioni sostitutive rese dall acquirente, fatte salve le ulteriori conseguenze previste dalla legge penale. Sezione 3 Documentazione allegata Si allega la documentazione di seguito specificata, per il prodursi dell effetto prenotativo della domanda: copia del/dei contratti di acquisto o di leasing da cui risulti l importo del prezzo pattuito; Nel caso di investimenti, di cui alla lettera C, ed ai fini del riconoscimento della maggiorazione del 25%, dichiarazione di impegno ad ottemperare ad una delle relative condizioni ivi previste; dichiarazione sostitutiva dell atto di notorietà concernente il numero dei dipendenti occupati nell impresa ed il volume del fatturato ai fini del riconoscimento della maggiorazione del 10% in caso di PMI; Rimane fermo che, ai fini dell ammissibilità del contributo, il richiedente ha l onere di fornire, entro i termini fissati dal Decreto Ministeriale, la dimostrazione dell avvenuto perfezionamento dell investimento attraverso i seguenti documenti: prova del pagamento del prezzo di acquisizione; prova dell avvenuta immatricolazione ( ovvero della presentazione della relativa istanza, debitamente protocollata presso l Ufficio Motorizzazione competente ) entro i termini stabiliti dall art. 2, commi 2,3 e 4 del D.M. 307/2014; dichiarazione del costruttore su carta intestata attestante la conformità del bene acquisito con quanto previsto dalla base giuridica della misura; dichiarazione resa ai sensi e per gli effetti dell art. 46 del D.P.R. 445/2000 attestante che l impresa richiedente l incentivo, nel corso del biennio non ha già beneficiato o beneficia di contributi finanziari di veicoli aventi le medesime caratteristiche di cui all art. 1, comma 1, lettere a, b e c del D.M. disciplinante la presente misura di aiuto; dichiarazione di non rientrare fra coloro che hanno ricevuto e successivamente non rimborsato o depositato in un conto bloccato gli aiuti individuati quali illegali o incompatibili dalla Commissione europea. Nel caso di investimenti di cui alla lettera C, ai fini del riconoscimento della maggiorazione del 25% ed a corredo di quanto dichiarato in sede di domanda, alternativamente: dichiarazione corredata da idonea documentazione dimostrante la dotazione di pneumatici di classe C/3 con coefficiente di resistenza al rotolamento inferiore ad 8,0 Kg/g ( classe di efficienza energetica da A ad E di rolling resistance ), dotati di tyre pressare monitorino system ( TPMS ); dichiarazione, con indicazione del numero di targa, con la quale il demolitore si impegna a provvedere direttamente alla restituzione della targa ed alla cancellazione del veicolo dal Pubblico Registro Automobilistico ( art. 46 D.lgs. 22/97 ), ovvero dichiarazione sostitutiva resa ai sensi dell art. 46 del D.P.R. 445/2000 con la quale l acquirente attesta l avvenuta radiazione presso il PRA per rottamazione o esportazione. SI IMPEGNA a comunicare tempestivamente alla Direzione Generale per il trasporto stradale e per l intermodalità, ogni variazione che dovesse intervenire nell indirizzo dell impresa, al fine di rendere

8 possibile il recapito della corrispondenza concernente il presente regime d aiuto; è consapevole che le conseguenze connesse all omissione di tale adempimento non potranno imputarsi all Amministrazione. FIRMA del legale rappresentante dell impresa di autotrasporto

DOMANDA DI AMMISSIONE AI CONTRIBUTI A FAVORE DEGLI INVESTIMENTI NEL SETTORE DELL AUTOTRASPORTO DI MERCI PER L ANNO 2015

DOMANDA DI AMMISSIONE AI CONTRIBUTI A FAVORE DEGLI INVESTIMENTI NEL SETTORE DELL AUTOTRASPORTO DI MERCI PER L ANNO 2015 ALLEGATO 1 Modello di domanda da compilare in stampatello, e da recapitare tramite raccomandata A.R., ovvero mediante consegna a mano. DOMANDA DI AMMISSIONE AI CONTRIBUTI A FAVORE DEGLI INVESTIMENTI NEL

Dettagli

DOMANDA IN FORMA ORDINARIA. Il sottoscritto

DOMANDA IN FORMA ORDINARIA. Il sottoscritto ALLEGATO 1 Modello di domanda da compilare in stampatello, e da recapitare tramite raccomandata A.R., ovvero mediante consegna a mano, entro il 31 gennaio 2014. DOMANDA DI AMMISSIONE AI CONTRIBUTI di cui

Dettagli

News per i Clienti dello studio

News per i Clienti dello studio News per i Clienti dello studio N. 118 del 16 settembre 2014 Ai gentili clienti Loro sedi Autotrasporto merci: attivati gli incentivi per il rinnovo del parco circolante (Decreto 03.07.2014 del Ministero

Dettagli

Dott.ssa Federica Terzi INFORMAZIONE FISCALE OTTOBRE 2014. Loro Sedi

Dott.ssa Federica Terzi INFORMAZIONE FISCALE OTTOBRE 2014. Loro Sedi INFORMAZIONE FISCALE OTTOBRE 2014 Ai Sig.ri Clienti Loro Sedi OGGETTO: CONTRIBUTO PER GLI AUTOTRASPORTATORI DI MERCI PER L ACQUISTO DI VEICOLI NUOVI Gli autotrasportatori di merci che decidono di rinnovare

Dettagli

Incentivi ministeriali per l'acquisto di camion a metano e semirimorchi

Incentivi ministeriali per l'acquisto di camion a metano e semirimorchi Incentivi ministeriali per l'acquisto di camion a metano e semirimorchi E stato pubblicato nella G.U. n. 218 del 19-09-2014 il decreto del Ministero dei Trasporti che definisce le modalità operative per

Dettagli

Oggetto: Autotrasporto Finanziamenti per l aggregazione delle PMI Scadenza del 21 febbraio 2010 D.M. 6.11.2009 su G.U. n.273 del 23.11.2009.

Oggetto: Autotrasporto Finanziamenti per l aggregazione delle PMI Scadenza del 21 febbraio 2010 D.M. 6.11.2009 su G.U. n.273 del 23.11.2009. Confederazione Generale Italiana dei Trasporti e della Logistica 00198 Roma - via Panama 62 tel.068559151-3337909556 - fax 068415576 e-mail: confetra@confetra.com - http://www.confetra.com Roma, 1 dicembre

Dettagli

MINISTERO DELLE INFRASTRUTTURE E DEI TRASPORTI

MINISTERO DELLE INFRASTRUTTURE E DEI TRASPORTI Pagina 1 di 8 MINISTERO DELLE INFRASTRUTTURE E DEI TRASPORTI DECRETO 3 luglio 2014 Modalita' operative di erogazione dei contributi finanziari a favore dell'ammodernamento delle dotazioni capitali delle

Dettagli

MINISTERO DELLE INFRASTRUTTURE E DEI TRASPORTI

MINISTERO DELLE INFRASTRUTTURE E DEI TRASPORTI MINISTERO DELLE INFRASTRUTTURE E DEI TRASPORTI DECRETO 21 ottobre 2015 Disposizioni di attuazione del decreto 29 settembre 2015, recante modalita' di ripartizione e di erogazione delle risorse finanziarie

Dettagli

Circolare N. 144 del 20 Ottobre 2015

Circolare N. 144 del 20 Ottobre 2015 Circolare N. 144 del 20 Ottobre 2015 In arrivo incentivi per le imprese di autotrasporto che rinnovano il proprio parco veicolare Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che, è in corso

Dettagli

News per i Clienti dello studio

News per i Clienti dello studio News per i Clienti dello studio Ai gentili clienti Loro sedi In arrivo incentivi per le imprese di autotrasporto che rinnovano il proprio parco veicolare Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla

Dettagli

In arrivo incentivi per le imprese di autotrasporto che rinnovano il proprio parco veicolare

In arrivo incentivi per le imprese di autotrasporto che rinnovano il proprio parco veicolare CIRCOLARE A.F. N.144 del 20 Ottobre 2015 Ai gentili clienti Loro sedi In arrivo incentivi per le imprese di autotrasporto che rinnovano il proprio parco veicolare Gentile cliente, con la presente desideriamo

Dettagli

Daniela Dringoli Responsabile di Area

Daniela Dringoli Responsabile di Area Confederazione Generale Italiana dei Trasporti e della Logistica 00198 Roma - via Panama 62 tel.068559151-3337909556 - fax 068415576 e-mail: confetra@confetra.com - http://www.confetra.com Roma, 23 settembre

Dettagli

MINISTERO DELLE INFRASTRUTTURE E DEI TRASPORTI

MINISTERO DELLE INFRASTRUTTURE E DEI TRASPORTI MINISTERO DELLE INFRASTRUTTURE E DEI TRASPORTI DECRETO 29 settembre 2015 Modalita' di ripartizione e di erogazione delle risorse finanziarie destinate agli investimenti nel settore dell'autotrasporto.

Dettagli

MINISTERO DELLE INFRASTRUTTURE E DEI TRASPORTI

MINISTERO DELLE INFRASTRUTTURE E DEI TRASPORTI 1 di 6 11/06/2013 16.48 MINISTERO DELLE INFRASTRUTTURE E DEI TRASPORTI DECRETO 21 marzo 2013 Modalita' di ripartizione e di erogazione delle risorse finanziarie di cui all'articolo 1, comma 1, lettera

Dettagli

Al Comitato di Presidenza Al Consiglio Direttivo Alla Commissione Legale Alla Commissione Sindacale Alle Associazioni Territoriali

Al Comitato di Presidenza Al Consiglio Direttivo Alla Commissione Legale Alla Commissione Sindacale Alle Associazioni Territoriali Roma, 09 ottobre 2015 Al Comitato di Presidenza Al Consiglio Direttivo Alla Commissione Legale Alla Commissione Sindacale Alle Associazioni Territoriali Circolare n. 132/2015 Oggetto: Incentivi agli investimenti

Dettagli

BANDO PER CONTRIBUTI ALLE IMPRESE DANNEGGIATE DAL SISMA. Disposizioni generali

BANDO PER CONTRIBUTI ALLE IMPRESE DANNEGGIATE DAL SISMA. Disposizioni generali BANDO PER CONTRIBUTI ALLE IMPRESE DANNEGGIATE DAL SISMA Disposizioni generali Art. 1 Finalità e destinatari A seguito degli eccezionali eventi sismici che hanno colpito, nel mese di maggio 2012, alcune

Dettagli

Al Comitato di Presidenza Al Consiglio Direttivo Alla Commissione Legale Alla Commissione Sindacale Alle Associazioni Territoriali

Al Comitato di Presidenza Al Consiglio Direttivo Alla Commissione Legale Alla Commissione Sindacale Alle Associazioni Territoriali Roma, 05 novembre 2015 Al Comitato di Presidenza Al Consiglio Direttivo Alla Commissione Legale Alla Commissione Sindacale Alle Associazioni Territoriali Circolare n. 143/2015 Oggetto: Incentivi agli investimenti

Dettagli

http://www.gazzettaufficiale.it/guridb//dispatcher?task=attocompleto&service=1&dat...

http://www.gazzettaufficiale.it/guridb//dispatcher?task=attocompleto&service=1&dat... Pagina 1 di 5 MINISTERO DELLE INFRASTRUTTURE E DEI TRASPORTI DECRETO 24 settembre 2008 Modalita' operative per l'erogazione di contributi a sostegno delle imprese di autotrasporto di merci per conto di

Dettagli

BANDO PER LA CREAZIONE DI NUOVE IMPRESE GIOVANILI - ANNO 2014. Disposizioni generali

BANDO PER LA CREAZIONE DI NUOVE IMPRESE GIOVANILI - ANNO 2014. Disposizioni generali BANDO PER LA CREAZIONE DI NUOVE IMPRESE GIOVANILI - ANNO 2014 Disposizioni generali Art. 1 Finalità e destinatari Nell ambito delle iniziative promozionali volte a favorire lo sviluppo del sistema economico

Dettagli

AREA ATTIVITÀ PRODUTTIVE E SVILUPPO DEL TERRITORIO Funzione Trasporti ed Infrastrutture

AREA ATTIVITÀ PRODUTTIVE E SVILUPPO DEL TERRITORIO Funzione Trasporti ed Infrastrutture AREA ATTIVITÀ PRODUTTIVE E SVILUPPO DEL TERRITORIO Funzione Trasporti ed Infrastrutture REGOLAMENTO PROVINCIALE PER LA DISCIPLINA DEI CRITERI E DELLE MODALITÀ DI CONCESSIONE DI CONTRIBUTI IN CONTO CAPITALE

Dettagli

Contributi alle imprese della provincia di Siena per l analisi dei costi sostenuti per l acquisto di energia elettrica

Contributi alle imprese della provincia di Siena per l analisi dei costi sostenuti per l acquisto di energia elettrica Contributi alle imprese della provincia di Siena per l analisi dei costi sostenuti per l acquisto di energia elettrica 1. PREMESSA Nell ambito delle iniziative promozionali volte a favorire lo sviluppo

Dettagli

BANDO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI ALLE IMPRESE PER L ADOZIONE DI SISTEMI DI GESTIONE CERTIFICATI - EDIZIONE 2014

BANDO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI ALLE IMPRESE PER L ADOZIONE DI SISTEMI DI GESTIONE CERTIFICATI - EDIZIONE 2014 BANDO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI ALLE IMPRESE PER L ADOZIONE DI SISTEMI DI GESTIONE CERTIFICATI - EDIZIONE 2014 Bando aperto dal 18/02/2014 Stanziamento: 144.000,00 TITOLO I CARATTERISTICHE DEL CONTRIBUTO

Dettagli

DOMANDA PER LA CONCESSIONE DI AGEVOLAZIONI ALLE IMPRESE PER LA VALORIZZAZIONE DEI DISEGNI E MODELLI

DOMANDA PER LA CONCESSIONE DI AGEVOLAZIONI ALLE IMPRESE PER LA VALORIZZAZIONE DEI DISEGNI E MODELLI ALLEGATO 1 - DOMANDA (I dati riportati nella domanda devono corrispondere a quelli inseriti nel form on line per l assegnazione del numero di protocollo) PROT. N.. DEL.. (Inserire numero e data del protocollo

Dettagli

BANDO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI ALLE IMPRESE PER LA REALIZZAZIONE DEL PRIMO SITO INTERNET

BANDO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI ALLE IMPRESE PER LA REALIZZAZIONE DEL PRIMO SITO INTERNET PAG. 1 1 trimestre 2012 BANDO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI ALLE IMPRESE PER LA REALIZZAZIONE DEL PRIMO SITO INTERNET Il presente bando è adottato con determinazione del Segretario Generale n. 355 del

Dettagli

ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE DELLA RICHIESTA DI AGEVOLAZIONI L.R. 51/93 PROCEDURA A SPORTELLO ANNUALITA 2009

ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE DELLA RICHIESTA DI AGEVOLAZIONI L.R. 51/93 PROCEDURA A SPORTELLO ANNUALITA 2009 ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE DELLA RICHIESTA DI AGEVOLAZIONI L.R. 51/93 PROCEDURA A SPORTELLO ANNUALITA 2009 Normativa di riferimento. - Legge 8 agosto 1985, n. 443; - Legge regionale 19.10.1993, n.

Dettagli

DOMANDA PER LA CONCESSIONE DI AGEVOLAZIONI ALLE IMPRESE PER FAVORIRE LA REGISTRAZIONE DI MARCHI COMUNITARI E INTERNAZIONALI

DOMANDA PER LA CONCESSIONE DI AGEVOLAZIONI ALLE IMPRESE PER FAVORIRE LA REGISTRAZIONE DI MARCHI COMUNITARI E INTERNAZIONALI ALLEGATO 2 - DOMANDA (i dati anagrafici riportati nella domanda devono corrispondere a quelli inseriti nel form on line per l assegnazione del numero di protocollo) PROT. N.. DEL.. (Inserire numero e data

Dettagli

Bando formazione autotrasporto merci: prorogato il termine di presentazione delle domande al 15.10.2014

Bando formazione autotrasporto merci: prorogato il termine di presentazione delle domande al 15.10.2014 Ai gentili clienti Loro sedi Bando formazione autotrasporto merci: prorogato il termine di presentazione delle domande al 15.10.2014 (Decreto ministeriale 19.06.2014 e 07.07.2014) Premessa Con il decreto

Dettagli

BANDO DI CONTRIBUTI PER INTERVENTI INNOVATIVI SULLE TEMATICHE SICUREZZA SUL LAVORO, ENERGIA ED AMBIENTE

BANDO DI CONTRIBUTI PER INTERVENTI INNOVATIVI SULLE TEMATICHE SICUREZZA SUL LAVORO, ENERGIA ED AMBIENTE BANDO DI CONTRIBUTI PER INTERVENTI INNOVATIVI SULLE TEMATICHE SICUREZZA SUL LAVORO, ENERGIA ED AMBIENTE Art. 1- DESCRIZIONE E FINALITA DELL INIZIATIVA La Camera di Commercio di Avellino con il presente

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PER LA REALIZZAZIONE DI IMPIANTI VOLTI ALLA PRODUZIONE DI ENERGIA RINNOVABILE

REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PER LA REALIZZAZIONE DI IMPIANTI VOLTI ALLA PRODUZIONE DI ENERGIA RINNOVABILE REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PER LA REALIZZAZIONE DI IMPIANTI VOLTI ALLA PRODUZIONE DI ENERGIA RINNOVABILE (Deliberazione della Giunta della Camera di Commercio di Roma n. 59 del 21/04/2008)

Dettagli

BANDO PER LA PARTECIPAZIONE A MOSTRE E FIERE ANNO 2015

BANDO PER LA PARTECIPAZIONE A MOSTRE E FIERE ANNO 2015 BANDO PER LA PARTECIPAZIONE A MOSTRE E FIERE ANNO 2015 TITOLO I CARATTERISTICHE DEL CONTRIBUTO Art. 1 Finalità La Camera di Commercio di Livorno, nel quadro delle proprie iniziative istituzionali per promuovere

Dettagli

Il Ministro dello Sviluppo Economico. Il Ministro dell Economia e delle Finanze. di concerto con

Il Ministro dello Sviluppo Economico. Il Ministro dell Economia e delle Finanze. di concerto con Il Ministro dello Sviluppo Economico di concerto con Il Ministro dell Economia e delle Finanze Visto il decreto-legge 23 dicembre 2013, n. 145, convertito, con modificazioni, dalla legge 21 febbraio 2014,

Dettagli

4, 1 13 2015, 273 COMMERCIO ELETTRONICO

4, 1 13 2015, 273 COMMERCIO ELETTRONICO Circolare recante le modalità di presentazione delle domande per l attribuzione del credito d imposta per la realizzazione e l ampliamento di infrastrutture informatiche di cui all articolo 4, comma 1

Dettagli

Prot. 10278 Santa Lucia di Piave, 13.10.2009

Prot. 10278 Santa Lucia di Piave, 13.10.2009 Prot. 10278 Santa Lucia di Piave, 13.10.2009 BANDO PER L ASSEGNAZIONE DI CONTRIBUTI ECONOMICI PER LA CONVERSIONE A GAS METANO O GPL DEI VEICOLI PRIVATI DEI RESIDENTI NEL COMUNE DI SANTA LUCIA DI PIAVE

Dettagli

SCHEMA DI DOMANDA (Allegato1)

SCHEMA DI DOMANDA (Allegato1) CONTRIBUTI PER L ACQUISTO DI MACCHINARI, MEZZI E ATTREZZATURE TESTO DEL REGOLAMENTO(in vigore dal 1 ottobre 2001) SCHEMA DI DOMANDA (Allegato1) SCHEMA DELLA RELAZIONE SUGLI INVESTIMENTI EFFETTUATI (Allegato2)

Dettagli

L.R. 20/2015, art. 4, c. 16, 17, 18, 19 B.U.R. 12/10/2015, S.O. n. 38. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 6 ottobre 2015, n. 0207/Pres.

L.R. 20/2015, art. 4, c. 16, 17, 18, 19 B.U.R. 12/10/2015, S.O. n. 38. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 6 ottobre 2015, n. 0207/Pres. L.R. 20/2015, art. 4, c. 16, 17, 18, 19 B.U.R. 12/10/2015, S.O. n. 38 DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 6 ottobre 2015, n. 0207/Pres. Regolamento recante i criteri e le modalità per la concessione dei

Dettagli

Decreto Legge 248 / 2007 (Milleproroghe) Proroga Incentivi Rottamazione 2008

Decreto Legge 248 / 2007 (Milleproroghe) Proroga Incentivi Rottamazione 2008 Roma, 10 gennaio 2008 Decreto Legge 248 / 2007 (Milleproroghe) - Proroga Incentivi Rottamazione 2008 Introduzione Nel Consiglio dei Ministri del 28 dicembre scorso, è stato approvato il cosiddetto Milleproroghe

Dettagli

DOMANDA PER LA CONCESSIONE DI AGEVOLAZIONI ALLE IMPRESE PER LA VALORIZZAZIONE DEI DISEGNI E MODELLI - DISEGNI+3

DOMANDA PER LA CONCESSIONE DI AGEVOLAZIONI ALLE IMPRESE PER LA VALORIZZAZIONE DEI DISEGNI E MODELLI - DISEGNI+3 ALLEGATO 2 DOMANDA PER IMPRESE CONTITOLARI DI DISEGNO/MODELLO (I dati riportati nella domanda devono corrispondere a quelli inseriti nel form on line per l assegnazione del numero di protocollo) PROT.

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico DIREZIONE GENERALE PER GLI INCENTIVI ALLE IMPRESE IL DIRETTORE GENERALE Visto l articolo 1, commi 56 e 57, della legge 27 dicembre 2013, n. 147 (legge di stabilità 2014),

Dettagli

Articolo 1 (Finalità ed ambito di applicazione)

Articolo 1 (Finalità ed ambito di applicazione) Regolamento contenente criteri e modalità per la concessione di contributi a favore degli apicoltori, singoli o associati che risiedono sul territorio della Provincia e ivi esercitano l'attività apistica,

Dettagli

Data di ri-pubblicazione bando: 25/01/2008

Data di ri-pubblicazione bando: 25/01/2008 Data di ri-pubblicazione bando: 25/01/2008 BANDO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PER L ACQUISTO DI AUTOVEICOLI A BASSO IMPATTO AMBIENTALE E PER LA CONVERSIONE DEI SISTEMI DI ALIMENTAZIONE. 1 Oggetto e

Dettagli

L.R. 21/2013, art. 84, c. 4 B.U.R. 7/5/2014, n. 19. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 22 aprile 2014, n. 073/Pres.

L.R. 21/2013, art. 84, c. 4 B.U.R. 7/5/2014, n. 19. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 22 aprile 2014, n. 073/Pres. L.R. 21/2013, art. 84, c. 4 B.U.R. 7/5/2014, n. 19 DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 22 aprile 2014, n. 073/Pres. Regolamento per la concessione dei contributi di cui all articolo 84 della legge regionale

Dettagli

DOMANDA PER LA CONCESSIONE DI AGEVOLAZIONI ALLE IMPRESE PER FAVORIRE LA REGISTRAZIONE DI MARCHI COMUNITARI E INTERNAZIONALI - MARCHI+2

DOMANDA PER LA CONCESSIONE DI AGEVOLAZIONI ALLE IMPRESE PER FAVORIRE LA REGISTRAZIONE DI MARCHI COMUNITARI E INTERNAZIONALI - MARCHI+2 ALLEGATO 2 DOMANDA PER IMPRESE CONTITOLARI DI MARCHIO (i dati anagrafici riportati nella domanda devono corrispondere a quelli inseriti nel form on line per l assegnazione del numero di protocollo) PROT.

Dettagli

COMUNE DI MALALBERGO PROVINCIA DI BOLOGNA

COMUNE DI MALALBERGO PROVINCIA DI BOLOGNA COMUNE DI MALALBERGO PROVINCIA DI BOLOGNA Medaglia al Valore Civile IV SETTORE Pianificazione e Gestione Territoriale BANDO PUBBLICO PER L ASSEGNAZIONE DI INCENTIVI PER LA CONVERSIONE A METANO/GPL DI AUTOVEICOLI

Dettagli

INTERVENTI PER LA NASCITA E LO SVILUPPO DEL LAVORO AUTONOMO

INTERVENTI PER LA NASCITA E LO SVILUPPO DEL LAVORO AUTONOMO ALLEGATO C INTERVENTI PER LA NASCITA E LO SVILUPPO DEL LAVORO AUTONOMO 1. BENEFICIARI Possono presentare domanda di agevolazione i soggetti, di cui all articolo 29 della l.r. 34/2008 e s.m.i., che abbiano

Dettagli

MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO DIREZIONE GENERALE PER GLI INCENTIVI ALLE IMPRESE

MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO DIREZIONE GENERALE PER GLI INCENTIVI ALLE IMPRESE MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO DIREZIONE GENERALE PER GLI INCENTIVI ALLE IMPRESE MODULO PER LA RICHIESTA DEL FINANZIAMENTO SU PROVVISTA CDP S.p.A. E DEL CONTRIBUTO DEL MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO

Dettagli

REGIONE MARCHE GIUNTA REGIONALE Servizio Territorio e Ambiente Posizione di Funzione Tutela delle risorse ambientali

REGIONE MARCHE GIUNTA REGIONALE Servizio Territorio e Ambiente Posizione di Funzione Tutela delle risorse ambientali ALLEGATO 2/conterzi (trasporto stradale merci conto terzi) (26) Sono indicati tra parentesi i riferimenti alle note che sono contenute nell All. 3 ad esempio (4.1) DICHIARAZIONI E SPECIFICAZIONI SUI CONTRIBUTI

Dettagli

REGIONE MARCHE GIUNTA REGIONALE Servizio Territorio e Ambiente Posizione di Funzione Tutela delle risorse ambientali

REGIONE MARCHE GIUNTA REGIONALE Servizio Territorio e Ambiente Posizione di Funzione Tutela delle risorse ambientali ALLEGATO 2/trastrad (trasporto stradale in genere escluso merci conto terzi) (26) Sono indicati tra parentesi i riferimenti alle note che sono contenute nell All. 3 ad esempio (4.1) DICHIARAZIONI E SPECIFICAZIONI

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico DIPARTIMENTO PER LO SVILUPPO E LA COESIONE ECONOMICA DIREZIONE GENERALE PER L INCENTIVAZIONE DELLE ATTIVITA IMPRENDITORIALI IL DIRETTORE GENERALE Vista la legge 27 dicembre

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico DIREZIONE GENERALE PER GLI INCENTIVI ALLE IMPRESE IL DIRETTORE GENERALE Vista la legge 27 dicembre 2006, n. 296 e successive modificazioni e integrazioni, recante Disposizioni

Dettagli

MODULO PER LA DOMANDA DELLE AGEVOLAZIONI A VALERE SULLE RISORSE PREVISTE DAL DECRETO DEL MINISTRO DELLO SVILUPPO ECONOMICO 24 APRILE 2015

MODULO PER LA DOMANDA DELLE AGEVOLAZIONI A VALERE SULLE RISORSE PREVISTE DAL DECRETO DEL MINISTRO DELLO SVILUPPO ECONOMICO 24 APRILE 2015 Allegato 1 MODULO PER LA DOMANDA DELLE AGEVOLAZIONI A VALERE SULLE RISORSE PREVISTE DAL DECRETO DEL MINISTRO DELLO SVILUPPO ECONOMICO 24 APRILE 2015 1. DATI IDENTIFICATIVI DELL IMPRESA RICHIEDENTE C.F

Dettagli

BANDO RETI DI IMPRESE PER L INTERNAZIONALIZZAZIONE ANNO 2014

BANDO RETI DI IMPRESE PER L INTERNAZIONALIZZAZIONE ANNO 2014 BANDO RETI DI IMPRESE PER L INTERNAZIONALIZZAZIONE ANNO 2014 Allegato 1) 1. FINALITA E RISORSE FINANZIARIE 1.1. Finalità La Regione Umbria, nell ambito delle proprie iniziative istituzionali, intende promuovere

Dettagli

INTERVENTI REGIONALI PER LO SVILUPPO DEL CINEMA E DELL AUDIOVISIVO. (Legge regionale 13 Aprile 2012, n.2 e s.m.i.)

INTERVENTI REGIONALI PER LO SVILUPPO DEL CINEMA E DELL AUDIOVISIVO. (Legge regionale 13 Aprile 2012, n.2 e s.m.i.) ALLEGATO B/1 INTERVENTI REGIONALI PER LO SVILUPPO DEL CINEMA E DELL AUDIOVISIVO (Legge regionale 13 Aprile 2012, n.2 e s.m.i.) MODALITA E CRITERI PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PER LE INIZIATIVE PER

Dettagli

REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA ASSESSORATO DEL TURISMO, ARTIGIANATO E COMMERCIO

REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA ASSESSORATO DEL TURISMO, ARTIGIANATO E COMMERCIO REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA ASSESSORATO DEL TURISMO, ARTIGIANATO E COMMERCIO ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE DELLA RICHIESTA DI AGEVOLAZIONI L.R. 51/93 PROCEDURA A SPORTELLO ANNUALITA 2008 Normativa

Dettagli

COMUNE DI VENTOTENE DISCIPLINARE TECNICO BANDO 2011 EROGAZIONE DI INCENTIVI PER L ACQUISTO DI MEZZI ELETTRICI/IBRIDI E BICICLETTE ELETTRICHE

COMUNE DI VENTOTENE DISCIPLINARE TECNICO BANDO 2011 EROGAZIONE DI INCENTIVI PER L ACQUISTO DI MEZZI ELETTRICI/IBRIDI E BICICLETTE ELETTRICHE COMUNE DI VENTOTENE DISCIPLINARE TECNICO BANDO 011 EROGAZIONE DI INCENTIVI PER L ACQUISTO DI MEZZI ELETTRICI/IBRIDI E BICICLETTE ELETTRICHE CUP: B65C11000590005 CIG: 13064A9 1. Finalità e dotazione finanziaria

Dettagli

Premessa. Art. 1 Oggetto, importo e spese ammissibili al contributo camerale

Premessa. Art. 1 Oggetto, importo e spese ammissibili al contributo camerale Bando per la concessione di contributi alle imprese per interventi relativi alla progettazione in materia di efficienza energetica con elevati standard di qualità (es. CasaClima, Leed e simili) superiori

Dettagli

BANDO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI IN CONTO INTERESSI SU MICRO FINANZIAMENTI CONCESSI DA BANCHE CONVENZIONATE 2015. Art.

BANDO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI IN CONTO INTERESSI SU MICRO FINANZIAMENTI CONCESSI DA BANCHE CONVENZIONATE 2015. Art. BANDO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI IN CONTO INTERESSI SU MICRO FINANZIAMENTI CONCESSI DA BANCHE CONVENZIONATE 2015 Bando aperto dal 2/3/2015 Disponibilità di bilancio: 45.000 Art. 1 Finalità La Camera

Dettagli

Provincia di Ravenna

Provincia di Ravenna Provincia di Ravenna Bando per l assegnazione ai datori di lavoro pubblici e privati di contributi all assunzione di persone in situazione di disagio sociale e di donne prive di lavoro e per l assegnazione

Dettagli

Ai fini dell ammissibilità al contributo, le spese rendicontate dovranno: a) essere pagate a mezzo di bonifico bancario;

Ai fini dell ammissibilità al contributo, le spese rendicontate dovranno: a) essere pagate a mezzo di bonifico bancario; BANDO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PER LA PREVENZIONE ANTISISMICA, LA SICUREZZA E LA TUTELA DELLA SALUTE NEGLI AMBIENTI DI LAVORO. Periodo di apertura per la presentazione delle domande telematiche:

Dettagli

Dipartimento per i trasporti terrestri Direzione Generale del trasporto ferroviario

Dipartimento per i trasporti terrestri Direzione Generale del trasporto ferroviario Dipartimento per i trasporti terrestri Direzione Generale del trasporto ferroviario Prot. n. DGTF/707/div3 Roma, 22 luglio 2005 OGGETTO: CIRCOLARE ESPLICATIVA - INCENTIVI AL TRASPORTO DI MERCI PER FERROVIA

Dettagli

BANDO PER SOSTEGNO AI PROCESSI DI BREVETTAZIONE PER LE MICRO, PICCOLE E MEDIE IMPRESE PISANE 1. Il presente regolamento vige in regime de minimis

BANDO PER SOSTEGNO AI PROCESSI DI BREVETTAZIONE PER LE MICRO, PICCOLE E MEDIE IMPRESE PISANE 1. Il presente regolamento vige in regime de minimis BANDO PER SOSTEGNO AI PROCESSI DI BREVETTAZIONE PER LE MICRO, PICCOLE E MEDIE IMPRESE PISANE 1 Il presente regolamento vige in regime de minimis TITOLO I INFORMAZIONI GENERALI Articolo 1 Finalità 1. La

Dettagli

Comune di Borgonovo Val Tidone Provincia di Piacenza

Comune di Borgonovo Val Tidone Provincia di Piacenza Comune di Borgonovo Val Tidone Provincia di Piacenza BANDO DIRETTO ALLA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PER LA REALIZZAZIONE DI IMPIANTI FOTOVOLTAICI E/O SOLARI TERMICI - 2010 Art.1 (Finalità) Il presente bando

Dettagli

MACROAREA B Intervento g1 PROGETTI SPERIMENTALI

MACROAREA B Intervento g1 PROGETTI SPERIMENTALI FONDO PROVINCIALE PER L OCCUPAZIONE DEI DISABILI DOMANDA DI CONTRIBUTO MACROAREA B Intervento g1 PROGETTI SPERIMENTALI Marca da bollo da 14,62 (esclusi enti pubblici, ONLUS, Federazioni sportive, Enti

Dettagli

ALLEGATO 2/trastrad (trasporto stradale in genere escluso merci conto terzi) (26)

ALLEGATO 2/trastrad (trasporto stradale in genere escluso merci conto terzi) (26) REGIONE MARCHE GIUNTA REGIONALE Servizio Territorio e Ambiente Posizione di Funzione Tutela delle risorse ambientali ALLEGATO 2/trastrad (trasporto stradale in genere escluso merci conto terzi) (26) Sono

Dettagli

Bando. Riqualificazione Ed Innovazione Energetica Nei Processi Produttivi E Nei Servizi Ausiliari delle Imprese

Bando. Riqualificazione Ed Innovazione Energetica Nei Processi Produttivi E Nei Servizi Ausiliari delle Imprese Bando Riqualificazione Ed Innovazione Energetica Nei Processi Produttivi E Nei Servizi Ausiliari delle Imprese Approvato con deliberazione della Giunta regionale n. 944 del 29/07/2011 Pubblicato sul Supplemento

Dettagli

10 Bollettino Ufficiale. Serie Ordinaria n. 48 - Lunedì 25 novembre 2013

10 Bollettino Ufficiale. Serie Ordinaria n. 48 - Lunedì 25 novembre 2013 10 Bollettino Ufficiale D.G. Infrastrutture e mobilità D.d.s. 22 novembre 2013 - n. 10793 Bando di assegnazione dei contributi per il rinnovo del parco taxi con vetture ecologiche a bassi livelli di emissioni

Dettagli

CIRCOLARE INFORMATIVA N. 10 - OTTOBRE 2014

CIRCOLARE INFORMATIVA N. 10 - OTTOBRE 2014 CIRCOLARE INFORMATIVA N. 10 - OTTOBRE 2014 A TUTTI I CLIENTI LORO SEDI Di seguito evidenziamo i principali adempimenti del mese di ottobre. Versamenti Iva mensili Scade il 16 ottobre il termine di versamento

Dettagli

ASSESSORADU DE S INDÚSTRIA ASSESSORATO DELL INDUSTRIA

ASSESSORADU DE S INDÚSTRIA ASSESSORATO DELL INDUSTRIA BANDO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI A FAVORE DI PERSONE FISICHE E SOGGETTI GIURIDICI PRIVATI DIVERSI DALLE IMPRESE PER L INSTALLAZIONE DI IMPIANTI FOTOVOLTAICI ART. 4 COMMA 21 L.R. 15.03.2012, N. 6

Dettagli

PROVINCIA DI TRIESTE AREA ATTIVITÀ PRODUTTIVE E SVILUPPO DEL TERRITORIO Funzione Trasporti ed Infrastrutture

PROVINCIA DI TRIESTE AREA ATTIVITÀ PRODUTTIVE E SVILUPPO DEL TERRITORIO Funzione Trasporti ed Infrastrutture PROVINCIA DI TRIESTE AREA ATTIVITÀ PRODUTTIVE E SVILUPPO DEL TERRITORIO Funzione Trasporti ed Infrastrutture REGOLAMENTO PROVINCIALE PER LA DISCIPLINA DEI CRITERI E DELLE MODALITÀ DI CONCESSIONE DI CONTRIBUTI

Dettagli

(Testo unico delle disposizioni legislative e regolamentari in materia di documentazione amministrativa) Nome e cognome nata/o il nel Comune di Prov

(Testo unico delle disposizioni legislative e regolamentari in materia di documentazione amministrativa) Nome e cognome nata/o il nel Comune di Prov Richiesta agevolazione per versamenti cumulativi della tassa automobilistica con riduzione del 10% previsti all art. 4,. Dichiarazione sostitutiva per la concessione di aiuti in «de minimis», ai sensi

Dettagli

DOMANDA BANDO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PER IMPRESE CREATE NEGLI ULTIMI TRE ANNI

DOMANDA BANDO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PER IMPRESE CREATE NEGLI ULTIMI TRE ANNI ALLA CAMERA DI COMMERCIO DI VIBO VALENTIA Piazza San Leoluca 89900 VIBO VALENTIA Il/la sottoscritto/a (cognome e nome) codice Fiscale in qualità di titolare/legale rappresentante della ditta/società con

Dettagli

Art. 1 Oggetto, importo e spese ammissibili al contributo camerale

Art. 1 Oggetto, importo e spese ammissibili al contributo camerale Bando per la concessione di contributi alle imprese per la realizzazione o integrazione di siti web con sistemi di gestione completa della transazione e pagamento elettronico (e-commerce) 1. La Camera

Dettagli

BANDO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI ALLE IMPRESE SITE NEI CENTRI URBANI PER L ACQUISTO E L INSTALLAZIONE DI SISTEMI DI SICUREZZA.

BANDO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI ALLE IMPRESE SITE NEI CENTRI URBANI PER L ACQUISTO E L INSTALLAZIONE DI SISTEMI DI SICUREZZA. BANDO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI ALLE IMPRESE SITE NEI CENTRI URBANI PER L ACQUISTO E L INSTALLAZIONE DI SISTEMI DI SICUREZZA. Art. 1 - DESCRIZIONE E FINALITA DELL INIZIATIVA La Camera di Commercio

Dettagli

ALLEGATO 2/pesca (pesca e acquacoltura) (26)

ALLEGATO 2/pesca (pesca e acquacoltura) (26) REGIONE MARCHE GIUNTA REGIONALE Servizio Territorio e Ambiente Posizione di Funzione Tutela delle risorse ambientali ALLEGATO 2/pesca (pesca e acquacoltura) (26) Sono indicati tra parentesi i riferimenti

Dettagli

Dr.ssa Anna Maria Scuderi

Dr.ssa Anna Maria Scuderi D.M. MAP 593/2000 E SS.MM.II.: MODALITÀ PROCEDURALI PER LA CONCESSIONE DELLE AGEVOLAZIONI PREVISTE DAL DECRETO LEGISLATIVO DEL 27 LUGLIO 1999, N. 297 (ARTT. DA 5 A 16) Tale decreto riunisce in un unico

Dettagli

La deduzione spetta una sola volta per ogni giorno di effettuazione del trasporto, indipendentemente dal numero di viaggi.

La deduzione spetta una sola volta per ogni giorno di effettuazione del trasporto, indipendentemente dal numero di viaggi. AGEVOLAZIONI SETTORE AUTOTRASPORTO IMPOSTE SUI REDDITI Deduzione forfettarie (Art. 66 comma 5 TUIR) Alle imprese autorizzate all autotrasporto di merci per conto terzi spetta una deduzione forfettaria

Dettagli

Veneto: L. R. 5/2001 Fondo di Rotazione per i finanziamenti agevolati alle piccole e medie imprese (PMI) Sezione A, Sezione B

Veneto: L. R. 5/2001 Fondo di Rotazione per i finanziamenti agevolati alle piccole e medie imprese (PMI) Sezione A, Sezione B Veneto: L. R. 5/2001 Fondo di Rotazione per i finanziamenti agevolati alle piccole e medie imprese (PMI) Sezione A, Sezione B Scadenze Fino ad esaurimento fondi. In breve La SEZIONE A del Fondo di rotazione

Dettagli

BANDO PER LE IMPRESE

BANDO PER LE IMPRESE BANDO PER LE IMPRESE - Interventi a sostegno dell occupazione erogazione di bonus assunzionali - lavoratori/lavoratrici in Cigs della A. Merloni in A.S. 1. FINALITA Con il presente bando, in attuazione

Dettagli

Bando a favore delle PMI piemontesi per lo smobilizzo dei crediti verso gli Enti locali del Piemonte

Bando a favore delle PMI piemontesi per lo smobilizzo dei crediti verso gli Enti locali del Piemonte P.O.R. 2007 2013 Programma Operativo Regionale Competitività regionale e occupazione Asse 1 Innovazione e transizione produttiva Attività F.E.S.R. 2007/2013 I.4.1 Accesso al credito delle PMI Bando a favore

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL RILASCIO DELLA LICENZA PER IL TRASPORTO MERCI IN CONTO PROPRIO

REGOLAMENTO PER IL RILASCIO DELLA LICENZA PER IL TRASPORTO MERCI IN CONTO PROPRIO PROVINCIA DI LECCE SERVIZIO TRASPORTI E MOBILITÀ REGOLAMENTO PER IL RILASCIO DELLA LICENZA PER IL TRASPORTO MERCI IN CONTO PROPRIO Approvato con Delibera del Consiglio Provinciale n. del / / Articolo 1

Dettagli

MODULO DI DOMANDA. Codice fiscale Tipo Documento di riconoscimento n. rilasciato da in data con scadenza in data

MODULO DI DOMANDA. Codice fiscale Tipo Documento di riconoscimento n. rilasciato da in data con scadenza in data (Marca da bollo) Allegato 1 BANDO DIRETTO ALLA CONCESSIONE DI PRESTITI AGEVOLATI MEDIANTE FONDO ROTATIVO PER LA REALIZZAZIONE DI IMPIANTI FOTOVOLTAICI DI PICCOLA TAGLIA (da 1 a 5 kwp) COLLEGATI ALLA RETE

Dettagli

Norme per la concessione di contributi in conto interesse su finanziamenti concessi alle imprese della provincia di Campobasso

Norme per la concessione di contributi in conto interesse su finanziamenti concessi alle imprese della provincia di Campobasso Norme per la concessione di contributi in conto interesse su finanziamenti concessi alle imprese della provincia di Campobasso Art. 1 Finalità e risorse La Camera di Commercio Industria Artigianato e Agricoltura

Dettagli

4, 1 13 2015, 272 RETI D IMPRESA

4, 1 13 2015, 272 RETI D IMPRESA Circolare recante le modalità di presentazione delle domande per l attribuzione del credito d imposta per incentivare la creazione di nuove reti di imprese ovvero lo svolgimento di nuove attività da parte

Dettagli

BANDO PER L ATTRIBUZIONE DI CONTRIBUTI FINALIZZATI ALLA REALIZZAZIONE DI SITI WEB ED ALLA PROMOZIONE DELL E-COMMERCE 2016

BANDO PER L ATTRIBUZIONE DI CONTRIBUTI FINALIZZATI ALLA REALIZZAZIONE DI SITI WEB ED ALLA PROMOZIONE DELL E-COMMERCE 2016 Allegato alla determinazione del Segretario Generale n. 48 del 9.03.2016 BANDO PER L ATTRIBUZIONE DI CONTRIBUTI FINALIZZATI ALLA REALIZZAZIONE DI SITI WEB ED ALLA PROMOZIONE DELL E-COMMERCE 2016 Art 1-

Dettagli

BANDO PER LA COSTITUZIONE DI RETI D'IMPRESA ANNO 2014

BANDO PER LA COSTITUZIONE DI RETI D'IMPRESA ANNO 2014 BANDO PER LA COSTITUZIONE DI RETI D'IMPRESA ANNO 2014 TITOLO I CARATTERISTICHE DEL BANDO Art. 1 - Finalità La Camera di Commercio di Livorno, riconoscendo la Rete di Impresa quale strumento innovativo

Dettagli

REGOLAMENTO DELLE OPERAZIONI DI LOCAZIONE FINANZIARIA AGEVOLATA A FAVORE DELLE IMPRESE ARTIGIANE DELLA LIGURIA

REGOLAMENTO DELLE OPERAZIONI DI LOCAZIONE FINANZIARIA AGEVOLATA A FAVORE DELLE IMPRESE ARTIGIANE DELLA LIGURIA Allegato n. 2 REGIONE LIGURIA DIPARTIMENTO SVILUPPO ECONOMICO REGOLAMENTO DELLE OPERAZIONI DI LOCAZIONE FINANZIARIA AGEVOLATA A FAVORE DELLE IMPRESE ARTIGIANE DELLA LIGURIA PREMESSA 1. Operazioni di locazione

Dettagli

COMUNE DI MONZA ASSESSORATO ATTIVITA PRODUTTIVE

COMUNE DI MONZA ASSESSORATO ATTIVITA PRODUTTIVE COMUNE DI MONZA ASSESSORATO ATTIVITA PRODUTTIVE Direzione Sviluppo Economico e Valorizzazione Asset Patrimoniali e Territoriali Servizio SUAP e Polizia Amministrativa INTERVENTI PER ATTIVITA COMMERCIALI

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico DIREZIONE GENERALE PER LE POLITICHE DI INTERNAZIONALIZZAZIONE E LA PROMOZIONE DEGLI SCAMBI IL DIRETTORE GENERALE Visto l articolo 30 del Decreto Legge 12 settembre 2014,

Dettagli

INTERVENTI DI RIASSICURAZIONE AGEVOLATA

INTERVENTI DI RIASSICURAZIONE AGEVOLATA INTERVENTI DI RIASSICURAZIONE AGEVOLATA RICHIEDENTE (denominazione / ragione sociale del Garante): BENEFICIARIO FINALE (denominazione / ragione sociale PMI beneficiaria): LINEA D INTERVENTO PRESCELTA Linea

Dettagli

Roma, 27 marzo 2014. Alle Direzioni regionali ed interregionali delle dogane. Alla Direzione interprovinciale delle dogane di Bolzano e Trento

Roma, 27 marzo 2014. Alle Direzioni regionali ed interregionali delle dogane. Alla Direzione interprovinciale delle dogane di Bolzano e Trento Roma, 27 marzo 2014 Protocollo: RU 35204 Rif.: Allegati: Alle Direzioni regionali ed interregionali delle dogane Alla Direzione interprovinciale delle dogane di Bolzano e Trento Agli Uffici delle Dogane

Dettagli

BANDO 2011 PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI ALLE P.M.I. PER L ACQUISTO E L INSTALLAZIONE DI SISTEMI DI VIDEOALLARME VIDEOSORVEGLIANZA ANTIRAPINA

BANDO 2011 PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI ALLE P.M.I. PER L ACQUISTO E L INSTALLAZIONE DI SISTEMI DI VIDEOALLARME VIDEOSORVEGLIANZA ANTIRAPINA BANDO 2011 PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI ALLE P.M.I. PER L ACQUISTO E L INSTALLAZIONE DI SISTEMI DI VIDEOALLARME VIDEOSORVEGLIANZA ANTIRAPINA Art. 1 Finalità 1. La Camera di Commercio di Lecce, al fine

Dettagli

Bando per la concessione di contributi alle imprese per l innovazione tecnologica anno 2013

Bando per la concessione di contributi alle imprese per l innovazione tecnologica anno 2013 Bando per la concessione di contributi alle imprese per l innovazione tecnologica anno 2013 La Camera di Commercio, Industria, Artigianato e Agricoltura di Padova nell ambito delle iniziative promozionali

Dettagli

Il Ministro dello Sviluppo Economico

Il Ministro dello Sviluppo Economico Il Ministro dello Sviluppo Economico Visto l articolo 1, comma 845, della legge 27 dicembre 2006, n. 296 (legge finanziaria 2007) e successive modificazioni e integrazioni, che prevede che il Ministro

Dettagli

BANDO PUBBLICO PER L'EROGAZIONE DI INCENTIVI PER L'INSTALLAZIONE DI PANNELLI SOLARI FOTOVOLTAICI

BANDO PUBBLICO PER L'EROGAZIONE DI INCENTIVI PER L'INSTALLAZIONE DI PANNELLI SOLARI FOTOVOLTAICI BANDO PUBBLICO PER L'EROGAZIONE DI INCENTIVI PER L'INSTALLAZIONE DI PANNELLI SOLARI FOTOVOLTAICI Premessa Per raggiungere le finalità dello sviluppo e della diffusione di fonti energetiche rinnovabili,

Dettagli

Il Ministro dello Sviluppo Economico. Il Ministro dell Economia e delle Finanze. di concerto con

Il Ministro dello Sviluppo Economico. Il Ministro dell Economia e delle Finanze. di concerto con Il Ministro dello Sviluppo Economico di concerto con Il Ministro dell Economia e delle Finanze Visto l articolo 252-bis del decreto legislativo 3 aprile 2006, n. 152, come sostituito dall articolo 4, comma

Dettagli

art. 1 art. 2 art. 3 art. 4 art. 5 art. 6 art. 7 art. 8 art. 9 art. 10 art. 11 art. 12 art. 13 art. 14 art. 15 art. 16

art. 1 art. 2 art. 3 art. 4 art. 5 art. 6 art. 7 art. 8 art. 9 art. 10 art. 11 art. 12 art. 13 art. 14 art. 15 art. 16 Regolamento recante i criteri e le modalità per la concessione dei contributi per i lavori in territorio montano di miglioramento della viabilità e delle infrastrutture comunali, di ristrutturazione e

Dettagli

Contributi per l'acquisto di autoambulanze e di beni strumentali

Contributi per l'acquisto di autoambulanze e di beni strumentali Via Battuti Rossi, 6/A 47121 Forlì Via dell Arrigoni, 308 47522 Cesena Contributi per l'acquisto di autoambulanze e di beni strumentali Sul sito internet del Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali

Dettagli