Modulo pratico: Presentazione delle principali tipologie di impianti idrici e aeraulici Punti critici degli impianti idrici e aeraulici

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Modulo pratico: Presentazione delle principali tipologie di impianti idrici e aeraulici Punti critici degli impianti idrici e aeraulici"

Transcript

1 Modulo pratico: Presentazione delle principali tipologie di impianti idrici e aeraulici Punti critici degli impianti idrici e aeraulici Ing. Sergio La Mura Direttore Tecnico - Ricerca & Innovazione CORSO DI FORMAZIONE Il ruolo dei Servizi di Igiene e Sanità Pubblica nel controllo della legionellosi Presidio ospedaliero Santi Antonio e Biagio e Cesare Arrigo Via S. Caterina 30 (p.t.) Alessandria 28 febbraio marzo 2013

2 LA PREVENZIONE IN AZIONE Quattro punti fondamentali: 1. analisi della concezione degli impiantied eventuale correzione degli elementi che favoriscono la proliferazione delle legionelle. Si tratta, per esempio, di eliminare i bracci morti o i serbatoi di stoccaggio non ispezionabili; 2. integrazione, nei contratti di manutenzione, di misure complementari, come l aumento della frequenza di alcune prestazioni(pulizia di serbatoi, analisi ricerca legionelle ); 3. eventuale modifica di talune impostazioni degli impianti, relative in particolare ad un innalzamento della temperatura dell acqua; 4. esecuzione di controlli regolari: misura del tasso di legionelle in certi punti degli impianti, sorveglianza delle temperatura di partenza e di ritorno. 2

3 Installazionia rischio Identificazione Fattori di rischio Sviluppo batterico Acquastagnante Temperatura C Elementi nutritivi Diffusione Produzione di micro-gocce diffuse in aerosol Installationi coinvolte Acqua Calda Sanitaria(ACS) Bagni con idromassaggi Fontane decorative Balneoterapia... Torri aerorefrigeranti Sistemi umidicazione dell aria ad acqua Stationi di lavaggio... 3

4 Installazionia rischio Acqua calda sanitairia Diffusione d aerosols sviluppo batterico sviluppo batterico sviluppo batterico AF sviluppo batterico Apparecchiature di produzione Reti di distribuzione orizzontale e verticale Elementi terminali 4

5 Installazionia rischio Torri aerorefrigeranti umide Torre a circuito aperto Diffusione d aerosol Torre a circuito chiuso sviluppo batterico Process da raffrreddare Acqua da raffreddare Acqua raffreddata Superfici di scambio Aria esterna Circuit d'eau de refroidissement par évaporation Process da raffrreddare circa 30 C Acqua da raffreddare Acqua raffreddata Superfici di scambio Aria esterna Crescita batterica in nella bacinella 5

6 Installazionia rischio Impianti AERAULICI.di Condizionamento aria 6

7 Installazionia rischio Impianti AERAULICI di Condizionamento aria 7

8 IMPIANTI CRITICI ORDINE DI RILEVANZA DEI RISCHI 1 IMPIANTI IDROSANITARI (ACS e AFS, reti idriche di emergenza) 2 PISCINE, IDROMASSAGGI, IMPIANTI TERMALI, FONTANE ORNAMENTALI, ECC. 3 TORRI RAFFREDDAMENTO 4 IMPIANTI DI CONDIZ. ARIA (solo se adottano la umidificazione) 8

9 ..assenza LEGIONELLA Nei ventilconvettori, nelle batterie fredde delle unità di trattamento aria e nei condizionatori split, all interno dell acqua di condensa non ci sono problemi legati al batterio della legionella poiché questa deriva dalla condensazione del vapor acqueo. 9

10 Valori limite (UFC/L) Nazionali & Regionali 10

11 Valori limite (UFC/L) Regione Piemonte 11

12 Valori limite (UFC/L) Nazionali & Regionali 12

13 IMPIANTI CRITICI IMPIANTI IDROSANITARI ACS: Acqua Calda Sanitaria (Boiller, distribuzione e terminali) AFS: Acqua Fredda Sanitaria (Serbatoi e reti distribuzione) Reti idriche di emergenza

14 LIMITI DI COMPETENZE La catena delle responsabilità CATENA SVILUPPO LEGIONELLA Trattamento H2O Terminali Accumulo Calda Accumulo Fredda Acquedotto 14

15 LIMITI DI COMPETENZE La catena delle responsabilità 1 caso Trattamento H2O Terminali Accumulo Fredda Accumulo Calda Acquedotto 15

16 LIMITI DI COMPETENZE La catena delle responsabilità 1 caso Trattamento H2O Terminali Accumulo Fredda Accumulo Calda Acquedotto 16

17 LIMITI DI COMPETENZE La catena delle responsabilità 2 caso Trattamento H2O Terminali Accumulo Fredda Accumulo Calda Acquedotto 17

18 LIMITI DI COMPETENZE La catena delle responsabilità 3 caso Trattamento H2O Terminali Accumulo Fredda Accumulo Calda Acquedotto 18

19 FATTORI DETERMINANTI ACS: Acqua Calda Sanitaria (Boiler, distribuzione e terminali) 1. Temperatura di produzione ACS < 60 C 2. Temperatura nelle reti di distribuzione < 50 C 3. Circolazione permanente nel circuito 4. Lunghezza reti di distribuzione notevoli 5. Tratti ciechi o inutilizzati 6. Isolamento insufficiente o non presente 7. Valvole di sfogo dell aria nei punti alti della rete 8. Produzione istantanea di ACS 9. Serbatoio di stoccaggio inferiore a 24 h di consumo 10. Assenza di rame a monte delle tubazioni di acciaio zincato 11. Impianto trattamento acqua 19

20 ACCORGIMENTI TECNICI LE ESIGENZE DI UNA BUONA PROGETTAZIONE ED ISTALLAZIONE BOLLITORI / ACCUMULATORI DI CALORE Materiali di qualità e buon isolamento. T esercizio 60 C con possibilità di raggiungere C. Circuito di circolazione per evitare la stratificazione termica e la stagnazione. Facilità di accesso per controlli, pulizia e disinfezione. Potenza dello scambiatore il più simile ad uno istantaneo. Evitare accumulatori che lavorano tra C. Accurato controllo T min. nel caso di serbatoi in parallelo. Considerare uno stoccaggio < a 24 h di consumo. 20

21 ACCORGIMENTI TECNICI LE ESIGENZE DI UNA BUONA PROGETTAZIONE ED ISTALLAZIONE ACQUA FREDDA SANITARIA Materiali di buona qualità. Facile possibilità di accesso per permettere la pulizia e la disinfezione annuale. Prevedere l isolamento dei componenti. Accumulo non superiore alle 24 h. Preferire serbatoi con entrata opposta all uscita. Prevedere doppio accumulo ma con l accortezza di evitare la stagnazione dell acqua in quello inutilizzato. Dove presente la valvola di respirazione, prevedere adeguato sistema di filtrazione. Evitare T>20 C con opportuno isolamento e particolare attenzione per passaggi in luoghi surriscaldati o soleggiati. 21

22 LA PRODUZIONE DI ACQUA CALDA SANITARIA PUNTI DI VERIFICA PER LIMITARE LO SVILUPPO - Progettazione Installazione, se necessario, di sistemi di trattamento acqua per lottare contro il calcare e la corrosione; verifica del buon dimensionamento dei serbatoi in rapporto al consumo e della loro accessibilità a fini di manutenzione; posadivalvoledisciacquosulfondodeiserbatoi. - Manutenzione Scarico del fondo dei serbatoi(almeno mensile); pulizia, disincrostazione e disinfestazione annuale di serbatoi e scambiatori. 22

23 LA PRODUZIONE DI ACQUA CALDA SANITARIA PUNTI DI VERIFICA PER LIMITARE LO SVILUPPO - Controllo/regolazione mantenimento continuo della temperatura in uscita di produzione tra 55 C e 60 C; verifica del livello di temperatura in uscita di produzione tra 55 C e 60 C in continuo nelle strutture sanitarie, tramite rilevamento periodico nelle altre strutture; ricerca di legionelle due volte l anno in tre punti (partenza e ritorno del circuito, luogo di stoccaggio); tenuta di un libretto specifico indicante tutti gli interventi e le misure per garantire la tracciabilità delle prestazioni eseguite. 23

24 RETI IDRICHE da RACCOMANDAZIONI da RACCOMANDAZIONI Reg PIEMONTE 1. ACQUA FREDDA SANITARIA Attenzione al.. contatto con il circuito dell acqua calda o a causa del passaggio in locali particolarmente caldi o per miscelazione di acqua calda con acqua fredda. Per i serbatoi invece esiste il rischio di colonizzazione sia a causa della stagnazione sia per la possibilità di raggiungere temperature critiche. a. Pulizia, disinfezione e azioni preventive: Ispezionare i serbatoi di acqua fredda almeno una volta all anno, disinfettando con prodotti di provata efficacia (come ad esempio 50mg/l di cloro) e pulendo accuratamente nel caso fosse presente sedimento. b. Verifiche: Controllare il mantenimento in continuo di una temperatura in uscita dal serbatoio inferiore ai 20 C 24

25 RETI IDRICHE da RACCOMANDAZIONI da RACCOMANDAZIONI Reg PIEMONTE 2. ACQUA CALDA SANITARIA Il circuito dell acqua calda è particolarmente a rischio per la crescita della Legionella presentando spesso una temperatura (tra i 20 e i 50 C) a essa idonea; il mantenimento di una temperatura superiore ai 50 implica un rischio di scottature nei confronti degli utenti. Al fine di limitare la proliferazione batterica bisogna: installare, dove necessario, sistemi per il trattamento dell acqua contro il calcare e la corrosione; privilegiare la produzione istantanea di acqua calda; verificare il buon dimensionamento dei serbatoi in rapporto al consumo e alla loro accessibilità ai fini della manutenzione; privilegiare il posizionamento di serbatoi di accumulo di tipo verticale rispetto a quelli di tipo orizzontale; 25

26 RETI IDRICHE da RACCOMANDAZIONI da RACCOMANDAZIONI Reg PIEMONTE 2. ACQUA CALDA SANITARIA - predisporre per i serbatoi d accumulo un dispositivo per lo svuotamento posto nel punto più basso; permettere l autodrenaggio nel tratto di tubazione dell acqua calda compreso tra la valvola di miscelazione ed il terminale della doccia; rendere la lunghezza dei tragitti delle tubazioni il più ridotta possibile al fine di evitare la dispersione del calore; separare e coibentare adeguatamente le tubature dell acqua calda e fredda; limitare la aerosolizzazione dell acqua ai punti terminali; utilizzare terminali (ad esempio doccette) smontabili e sanificabili; rinunciare, se possibile, all installazione dei rompigetto. rete e deve essere il più breve possibile. 26

27 RETI IDRICHE da RACCOMANDAZIONI da RACCOMANDAZIONI Reg PIEMONTE 2. ACQUA CALDA SANITARIA a. Pulizia, disinfezione e azioni preventive: Svuotare, pulire, disincrostare e scaricare il fondo dei serbatoi; eseguire la pulizia e la disincrostazione dei rubinetti, dei rompigetto e dei soffioni delle docce. In tal senso eseguire una decalcificazione degli elementi meno usurati e una loro disinfezione Se necessario sostituire gli elementi; disinfettare l impianto con prodotti di provata efficacia alla riapertura di una struttura o di un reparto dopo un periodo di chiusura maggiore di 2 settimane o dopo aver fatto modifiche strutturali importanti all impianto per scongiurare possibili inquinamenti esterni; sottoporre a flussaggio tutti i punti non utilizzati o utilizzati saltuariamente (compresi docce, lavaocchi d emergenza, bocchette antincendio); ispezionare gli impianti per verificare il corretto funzionamento dei termostati e dei termometri. 27

28 RETI IDRICHE da RACCOMANDAZIONI da RACCOMANDAZIONI Reg PIEMONTE 2. ACQUA CALDA SANITARIA b. Verifiche: Temperatura Mantenimento di un temperatura in uscita dal serbatoio non inferiore a 60 C; se l impianto è dotato di ricircolo la temperatura di ritorno non deve essere inferiore a 51 C; il tempo di stabilizzazione della temperatura dell acqua è indicativo della lunghezza della rete e deve essere il più breve possibile. Batterio Ricerca di Legionella negli impianti secondo le indicazioni dell allegato VII. Elementi chimici Alcuni sistemi di disinfezione chimica in continuo possono compromettere la potabilità dell acqua. Tale eventualità va segnalata prontamente all utenza. 28

29 IMPIANTI CRITICI IMPIANTI CONDIZIONAMENTO Torri Evaporative (T.E.) Unità Trattamento Aria (U.T.A.) 29

30 ACCORGIMENTI TECNICI LE ESIGENZE DI UNA BUONA PROGETTAZIONE ED ISTALLAZIONE TORRI AEROREFRIGERANTI Adottare separatori ad alta efficienza. Prevedere efficaci protezioni atte a evitare la fuoriuscita di gocce dal bacino. Facilitare l accesso alle zone soggette ad ispezione e manutenzione. Considerare eventuali trattamenti delle acque. Garantire il drenaggio completo del bacino. Garantire la circolazione del fluido nella tubazione di bilanciamento. Impiegare materiali che minimizzano la corrosione e che favoriscono la proliferazione. Istallare accuratamente l unità scegliendo con attenzione la posizione in cui collocarla. 30

31 Le TORRI di Raffreddamento - Progettazione Installazione di sistemi di deconcentrazione automatica dell acqua che consentano l eliminazione e l evacuazione delle sostanze dissolte o in sospensione nell acqua (funghi, sedimenti, alghe, ecc.) la cui concentrazione favorisce la proliferazione dei batteri; Realizzazione di sistemi di trattamento acqua con iniezione di prodotti battericidi. - Manutenzione Intervento bimestrale per assicurare una buona circolazione dell acqua nei circuiti di equilibratura; Per le torri a funzionamento stagionale, disinfezione sistematica all inizio della campagna e lavori di preparazione alla stagione invernale prima dell arresto. 31

32 Le TORRI di Raffreddamento PUNTI DI VERIFICA PER LIMITARE LO SVILUPPO - Controllo Fisico-chimico:periodico ; Batteriologico: almeno due volte l anno per assicurarsi che il tasso di legionelle sia inferiore alla soglia regolamentare, e una volta al mese in certe configurazioni. 32

33 SISTEMI DI RAFFREDDAMENTO EVAPORATIVI (TORRI E CONDENSATORI) RETI IDRICHE da RACCOMANDAZIONI Reg PIEMONTE Al fine di ridurre il rischio è opportuno: Inserire separatori di gocce ad alta efficienza Chiudere lateralmente la torre per evitare fuoriuscite Ridurre la formazione di aerosol mediante impiego di pacco di riempimento (torri a circuito aperto) anziché diffusione mediante ugelli Impiegare materiali facilmente disinfettabili Utilizzare apparecchi atti a misurare la quantità d acqua di reintegro, per poter dosare di conseguenza gli agenti chimici Installare le torri il più lontano possibile dalle finestre apribili e dalle aree occupate I componenti dell impianto che durante il funzionamento vengono a contatto con l acqua devono essere facilmente accessibili per la pulizia e la decontaminazione, e possibilmente schermati dalla luce per evitare la proliferazione di alghe. Pulizia, disinfezione e azioni preventive: Ispezione, pulizia e scarico periodico e ogniqualvolta si riavvii il sistema dopo un fermo dell impianto 33

34 ACCORGIMENTI TECNICI LE ESIGENZE DI UNA BUONA PROGETTAZIONE ED ISTALLAZIONE U.T.A. Eliminare possibilmente gli umidificatori adiabatici e preferire gli umidificatori a vapore. Associare un trattamento dell acqua dove presente l umidificazione adiabatica. Evitare la formazione di acqua stagnante. Utilizzare macchine con superfici interne in materiali pulibili e resistenti alla corrosione Garantire la possibilità di ispezione l interno per permettere un adeguata manutenzione. 34

35 SISTEMI DI UMIDIFICAZIONE da RACCOMANDAZIONI Reg PIEMONTE 1. SISTEMA DI UMIDIFICAZIONE DIRETTA Questi sistemi di umidificazione lavano l aria dai contaminanti trascinandoli nella vaschetta di accumulo creando l habitat adatto per la proliferazione della Legionella. In questi sistemi i componenti più a rischio di contaminazione se l acqua è ricircolata sono: le vaschette di raccolta dell acqua; i separatori di gocce; i collettori; serbatoi; tubazioni. Pulizia, disinfezione e azioni preventive: Ispezionare ed eseguire la manutenzione in modo periodico. La calendarizzazione può essere più serrata in base alle caratteristiche dell acqua (durezza). Evitare il ristagno di acqua nelle vaschette di raccolta nei circuiti del tipo a perdere Provvedere agli spurghi e allo svuotamento della vaschetta di raccolta almeno una volta al mese in caso di fermo dei ventilatori (se il sistema è del tipo a ricircolo ) Pulire e sostituire secondo quanto definito dal manuale di manutenzione della ditta fabbricante i sistemi bagnanti. 35

36 SISTEMI DI UMIDIFICAZIONE da RACCOMANDAZIONI Reg PIEMONTE 2. SISTEMA DI UMIDIFICAZIONE A VAPORE Questi sistemi rappresentano dei punti di rischio solo se l umidità fornita mediante vapore dà luogo a condensazione nei canali e se il sistema, in caso di periodi di non utilizzo, non viene svuotato. Di per sé i sistemi di umidificazione a vapore sono i più sicuri e al momento dell installazione andrebbero preferiti agli umidificatori diretti. Pulizia, disinfezione e azioni preventive: o L umidità può dar luogo a condensazione nei canali, pertanto è buona norma nei periodi di non utilizzo, svuotare gli apparati. 36

37 BONIFICHE da LG

38 Considerazioni BASE L acqua calda sanitaria DEVE ESSERE POTABILE Ogni intervento deve tenere in considerazione tutti gli aspetti necessari a garantire i requisiti di sicurezza Bisogna valutare sempre gli aspetti di rischio connesso ad ogni intervento per evitare che il rimedio sia peggio del male 38

39 Il Presidio ospedaliero Santi Antonio e Biagio e Cesare Arrigo Alessandria 39

40 Presidio ospedaliero Santi Antonio e Biagio e Cesare Arrigo Alessandria IMPIANTO DI PRODUZIONE ACQUA CALDA SANITARIA ESEMPIO E SPIEGAZIONE IMPIANTO SOTTOCENTRALE IDRICA 40

41 SCHEMA GENERALE Acqua 41

42 SCHEMA GENERALE Acqua Calda Sanitaria 42 42

43 Serbatoio di accumulo N. 1 in acciaio da l, con mantello coibente. Sistema di telecontrollo che verifica la temperatura di mandata dell acqua direttamente dal presidio fisso 43

44 Scambiatori a vapore - ASC Potenza termica elevata e fluido (vapore) ad altissima temperatura Pastorizzazione quasi istantanea 44

45 Addolcitori a doppia colonna Doppia colonna per consentire l uso alternato Verificare i tini per il sale. 45

46 Esempio ANALISI ACS un corretto certificato 46

47 Libretto /Registro di Manutenzione 47

48 Libretto /Registro di Manutenzione 48

49 FOCUS su PUNTI DI CONTROLLO ACS: SOTTOCENTRALE PRODUZIONE ACS Verifica temperatura di accumulo >= 60 C (regolazione permettendo) e comunque temperatura di distribuzione >= 50 C; Verifica Registro manutenzione; Effettivo funzionamento ricircolo; Analisi batteriologiche dal fondo del serbatoio e/o tubazione di ricircolo e/o tubazione di mandata. 49

50 Procedure di Shock Termici 50

51 IMPIANTO DIPRODUZIONE ACQUA REFRIGERATA sezione RAFFREDDAMENTO ACQUA DICONDENSAZIONE MEDIANTE TORRI DIRAFFREDDAMENTO ESEMPIO E SPIEGAZIONE IMPIANTO 51

52 SCHEMA Tipicoo TORRI 52

53 TORRE EVAPORTIVA a funzionamento annuale Torre evaporativa da collegate al gruppi frigo a servizio dell impianto della palazzina 53

54 Registro di Manutenzione 54

55 FOCUS su PUNTI DI CONTROLLO TORRI: Verifica buono stato separatore di gocce; Verifica condizioni di pulizia del bacino di raccolta; Verifica Registro manutenzione torre; Prelievi di campionamento direttamente dal bacino oppure in alternativa dal rubinetto di scarico facendo prima scorrere abbondantemente. 55

56 IMPIANTO DICONDIZIONAMENTO sezione PRODUZIONE ARIA TRAMITE UNITA DITRATTAMENTO ARIA (U.T.A. U.T.A.) ESEMPIO E SPIEGAZIONE IMPIANTO 56

57 Schema Generale -UTA 57

58 Unità di Trattamento Aria 58

59 Unità di Trattamento Aria 59

60 Unità di Trattamento Aria 60

61 Schema UTA 61

62 UTA CARDIALITICO CARDIALITICO daria agli uffici (piani rialzato 1 2, 3 )

63 UTA Registro di Manutenzione 63

64 FOCUS su PUNTI DI CONTROLLO UTA: Verifica assenza ristagni d acqua nelle bacinelle degli umidificatori adiabatici (a spruzzo d acqua); Analisi su acqua umidificazione (solo se umidificatori adiabatici); Verifica Registro manutenzione 64

65 CONCLUSIONI È importante preferire interventi preventivi attraverso l applicazione di tutti gli accorgimenti tecnici ad oggi conosciuti piuttosto che dover intervenire poi con metodi di bonifica. È raccomandato un controllo periodico attraverso analisi specifiche per Legionella (2 volte l anno) in tutti gli ambienti dove possono essere presenti possibili fonti di contagio anche se non è da considerarsi come unico metodo di controllo. Infatti risultati d analisi con valori al di sotto delle soglie d allarme non esimono dalla conduzione di un adeguata manutenzione, a volte supportata da semplici modifiche impiantistiche. 65

66 Grazie dell attenzione Sergio LA MURA

SCHEDA CONOSCITIVA DELLA STRUTTURA E DELLA VALUTAZIONE DEL RISCHIO LEGIONELLOSI

SCHEDA CONOSCITIVA DELLA STRUTTURA E DELLA VALUTAZIONE DEL RISCHIO LEGIONELLOSI Scheda n.6 SCHEDA CONOSCITIVA DELLA STRUTTURA E DELLA VALUTAZIONE DEL RISCHIO LEGIONELLOSI TIPOLOGIA DELLA STRUTTURA DENOMINAZIONE STRUTTURA INDIRIZZO COMUNE PROVINCIA TELEFONO FAX E-MAIL @ TIPO DI STRUTTURA

Dettagli

La Progettazione, la gestione e la bonifica degli impianti a rischio Legionella. -l esperienza

La Progettazione, la gestione e la bonifica degli impianti a rischio Legionella. -l esperienza Corso di AGGIORNAMENTO MODENA 27 settembre 2005 La Progettazione, la gestione e la bonifica degli impianti a rischio Legionella -l esperienza Ing. Sergio La Mura: Direttore Supporto Tecnico Grandi Progetti

Dettagli

DATI GENERALI DELL AZIENDA

DATI GENERALI DELL AZIENDA Dipartimento di Sanità Pubblica Area Dipartimentale Sanità Pubblica DOCUMENTO DI ANALISI E GESTIONE DEL RISCHIO LEGIONELLOSI IN STRUTTURE RESIDENZIALI E SEMIRESIDENZIALI PER ANZIANI Redatto sulla base

Dettagli

ASPETTI NORMATIVI DEL FENOMENO LEGIONELLA: LE LINEE GUIDA NAZIONALI GLI OBBLIGHI DELLE STRUTTURE RICETTIVE. Dott.ssa Laura Origone

ASPETTI NORMATIVI DEL FENOMENO LEGIONELLA: LE LINEE GUIDA NAZIONALI GLI OBBLIGHI DELLE STRUTTURE RICETTIVE. Dott.ssa Laura Origone ASPETTI NORMATIVI DEL FENOMENO LEGIONELLA: LE LINEE GUIDA NAZIONALI GLI OBBLIGHI DELLE STRUTTURE RICETTIVE Dott.ssa Laura Origone 1 Introduzione COSA DEVO FARE PER PREVENIRE, CONTROLLARE O ELIMINARE LA

Dettagli

CHECK LIST GENERALE OSPEDALE DI REQUISITI GENERALI

CHECK LIST GENERALE OSPEDALE DI REQUISITI GENERALI CHECK LIST GENERALE OSPEDALE DI Denominazione struttura Indirizzo Gestita da Direttore sanitario Autorizzazione rilasciata dal Comune di in data atto n. REQUISITI GENERALI REQUISITI STRUTTURALI SICUREZZA

Dettagli

Ragione Sociale. Titolare/Legale Rappresentante. Sede della struttura. Attività esercitata. Data di costruzione immobile

Ragione Sociale. Titolare/Legale Rappresentante. Sede della struttura. Attività esercitata. Data di costruzione immobile Ragione Sociale Titolare/Legale Rappresentante Sede della struttura Attività esercitata Data di costruzione immobile Data ultime modifiche impianto idrico Nome e Cognome Formazione Responsabile dell identificazione

Dettagli

Rischio Legionellosi Esperienze

Rischio Legionellosi Esperienze Rischio Legionellosi Esperienze Cesenatico Ing. Simona Boschetti U.O. Tecnico Patrimoniale Ausl di Cesena Resp. Impianti Termotecnici Rischio Legionellosi Linee Guida di riferimento (Delibera Regione Emilia

Dettagli

Uso dell acqua potabile Prevenzione nelle attività pubbliche e private

Uso dell acqua potabile Prevenzione nelle attività pubbliche e private Uso dell acqua potabile Prevenzione nelle attività pubbliche e private LA PREVENZIONE DALLA LEGIONELLOSI Acqua destinata al consumo umano Decreto legislativo 2 feb. 2001, n 31 Attuazione della direttiva

Dettagli

Regolatore di acqua calda sanitaria C-2000

Regolatore di acqua calda sanitaria C-2000 Introduzione Cos è la legionellosi? È un infezione che non si distingue nettamente da altre infezioni batteriche causa di polmonite. Si manifesta dopo un periodo di incubazione fino a dieci giorni con

Dettagli

Verifiche e controlli degli impianti idrici all interno degli edifici

Verifiche e controlli degli impianti idrici all interno degli edifici Verifiche e controlli degli impianti idrici all interno degli edifici Pulizia, manutenzione e collaudo delle reti idiriche Gli impianti idraulici prima di essere consegnati all utente devono essere ripuliti

Dettagli

Legionella pneumophila: impianti e punti a maggior rischio di colonizzazione e tecniche di prevenzione

Legionella pneumophila: impianti e punti a maggior rischio di colonizzazione e tecniche di prevenzione «Ispezione tecnica: l analisi degli impianti aeraulici» Legionella pneumophila: impianti e punti a maggior rischio di colonizzazione e tecniche di prevenzione Cillichemie Italiana Dott. Marco D Ambrosio

Dettagli

DOCUMENTO DI ANALISI E GESTIONE DEL RISCHIO LEGIONELLOSI E REGISTRO DEGLI INTERVENTI MANUTENTIVI

DOCUMENTO DI ANALISI E GESTIONE DEL RISCHIO LEGIONELLOSI E REGISTRO DEGLI INTERVENTI MANUTENTIVI DOCUMENTO DI ANALISI E GESTIONE DEL RISCHIO LEGIONELLOSI E REGISTRO DEGLI INTERVENTI MANUTENTIVI Redatto sulla base delle Linee Giuda per la sorveglianza e il controllo della legionellosi, approvate con

Dettagli

LEGIONELLA: PROFILASSI E MISURE DI PREVENZIONE

LEGIONELLA: PROFILASSI E MISURE DI PREVENZIONE INCONTRO 4 CHIACCHERE SUL LAGO UFFICIO IGIENE BARDOLINO (VR) MERCOLEDI 04/03/2015 LEGIONELLA: PROFILASSI E MISURE DI PREVENZIONE FATTORI DI RISCHIO Il rischio di acquisizione della Legionellosi dipende

Dettagli

1. LA LEGIONELLA: PERCHE?

1. LA LEGIONELLA: PERCHE? 1. LA LEGIONELLA: PERCHE? L infezione da legionella da luogo a due distinti quadri clinici: 1. La Febbre di Pontiac, simile all influenza, (periodo di incubazione di 24-48 ore) si manifesta in forma acuta

Dettagli

V PLUS. bollitore verticale in acciaio vetrificato LE NUOVE ENERGIE PER IL CLIMA

V PLUS. bollitore verticale in acciaio vetrificato LE NUOVE ENERGIE PER IL CLIMA BOLLITORI 3.12 1.2009 V PLUS bollitore verticale in acciaio vetrificato Bollitori ad accumulo verticali in acciaio, protetti da doppia vetrificazione, dotati di serpentina di scambio ad elevata superficie

Dettagli

Capitolo III Impianti di raffreddamento industriali: installazione e manutenzione preventiva. Ing. Vera Ianiro - ARPA Molise

Capitolo III Impianti di raffreddamento industriali: installazione e manutenzione preventiva. Ing. Vera Ianiro - ARPA Molise Capitolo III Impianti di raffreddamento industriali: installazione e manutenzione preventiva Ing. Vera Ianiro - ARPA Molise Sistemi a basse temperature (< Tambiente) Sistemi ad alte temperature (T ambiente)

Dettagli

LINEE GUIDA NAZIONALI PER LA PREVENZIONE DELLA LEGIONELLOSI

LINEE GUIDA NAZIONALI PER LA PREVENZIONE DELLA LEGIONELLOSI LINEE GUIDA NAZIONALI PER LA PREVENZIONE DELLA LEGIONELLOSI Maria Cristina Rota Istituto Superiore di Sanita Centro Nazionale di Epidemiologia, Sorveglianza e Promozione della Salute LINEE GUIDA In Italia,

Dettagli

A N T I L E G I O N E L L A

A N T I L E G I O N E L L A ACCORGIMENTI IMPIANTISTICI A N T I L E G I O N E L L A Pagina 1 di 7 PREMESSA L impiantistica progettata e realizzata al servizio del Monoblocco Mellino Mellini in Chiari (BS) è stata condotta nel rispetto

Dettagli

Legionellosi e piscine Massimo D Angelo Definizione Affezione Respiratoria Acuta determinata da un bacillo della famiglia Legionellaceae, genere Legionella, specie più diffusa Pneumofila (90% delle infezioni)

Dettagli

I grandi impianti e gli impianti domestici: caratteristiche impiantistiche, criticità, possibili soluzioni

I grandi impianti e gli impianti domestici: caratteristiche impiantistiche, criticità, possibili soluzioni I grandi impianti e gli impianti domestici: caratteristiche impiantistiche, criticità, possibili soluzioni Ing. Paolo Bianco 2010 Ing. Paolo Bianco 1/41 Legionella: caratteristiche Batterio Acquatico Ubiquitario

Dettagli

SEMINARIO SANITA PAVIA 2001 PREVENZIONE E CONTROLLO LEGIONELLOSI

SEMINARIO SANITA PAVIA 2001 PREVENZIONE E CONTROLLO LEGIONELLOSI SEMINARIO SANITA PAVIA 2001 PREVENZIONE E CONTROLLO LEGIONELLOSI INTERVENTI TECNICO PROGETTUALI SUI CIRCUITI IDRO-AERAULICI CESARE TADDIA - PROGETTISTI ASSOCIATI S.P.A. MILANO FATTORI DI TRASMISSIONE E

Dettagli

OBIETTIVO LEGIONELLA: PROGETTAZIONE DEGLI IMPIANTI, STRATEGIE DI MANUTENZIONE, DI CONTROLLO E DI BONIFICA

OBIETTIVO LEGIONELLA: PROGETTAZIONE DEGLI IMPIANTI, STRATEGIE DI MANUTENZIONE, DI CONTROLLO E DI BONIFICA OBIETTIVO LEGIONELLA: PROGETTAZIONE DEGLI IMPIANTI, STRATEGIE DI MANUTENZIONE, DI CONTROLLO E DI BONIFICA Mercoledì 13 novembre 2013 Ordine degli Ingegneri della Provincia di Roma RISCHIO LEGIONELLA AUTOCONTROLLO

Dettagli

La presente per portare a conoscenza la nostra azienda in qualità di manutentore di sistemi per la

La presente per portare a conoscenza la nostra azienda in qualità di manutentore di sistemi per la Spett. CLIENTE Marsala, La presente per portare a conoscenza la nostra azienda in qualità di manutentore di sistemi per la dissipazione di calore in particolare di: - Torri di condensazione a circuito

Dettagli

PROTOCOLLO RISCHIO LEGIONELLA

PROTOCOLLO RISCHIO LEGIONELLA Azienda Ospedaliera Istituti Clinici di Perfezionamento Ospedale di rilievo nazionale e di alta specializzazione convenzionato con l Università degli Studi di Milano APPALTO PER L ESECUZIONE DEL SERVIZIO

Dettagli

AZIENDA USL ROMA H. Borgo Garibaldi, n 12 - Albano Laziale (Roma) 06 / 93275330 fax 93275317

AZIENDA USL ROMA H. Borgo Garibaldi, n 12 - Albano Laziale (Roma) 06 / 93275330 fax 93275317 VERBALE DI SOPRALLUOGO PER LA VERIFICA DELLE ATTIVITA DEL SETTORE ALIMENTARE SOGGETTE A REGISTRAZIONE AI SENSI DEL REGOLAMENTO (CE) N. 852/2004 FARMACIE ATTIVITA : Reg. n DATI IDENTIFICATIVI : DITTA RAGIONE

Dettagli

CDP - Studio Tecnico Casetta & Del Piano Ingegneri Associati

CDP - Studio Tecnico Casetta & Del Piano Ingegneri Associati IMPIANTO TERMICO 1. Impianto termico La presente relazione riguarda il dimensionamento dell impianto termico a servizio dell edificio in progetto da adibire struttura a servizio del Comune di Orbassano

Dettagli

Procedure di minimizzazione del rischio della contaminazione da Legionella

Procedure di minimizzazione del rischio della contaminazione da Legionella Procedure di minimizzazione del rischio della contaminazione da Legionella Relatori Resp. Settore Civile Adriano Stecher Resp. Ufficio Tecnico Francesco Repetto La legionellosi è una grave forma di polmonite

Dettagli

Cos è una. pompa di calore?

Cos è una. pompa di calore? Cos è una pompa di calore? !? La pompa di calore aria/acqua La pompa di calore (PDC) aria-acqua è una macchina in grado di trasferire energia termica (calore) dall aria esterna all acqua dell impianto

Dettagli

IL DIMENSIONAMENTO DEGLI IMPIANTI IDROSANITARI Miscelatori e riduttori di pressione

IL DIMENSIONAMENTO DEGLI IMPIANTI IDROSANITARI Miscelatori e riduttori di pressione FOCUS TECNICO IL DEGLI IMPIANTI IDROSANITARI Miscelatori e riduttori di pressione CRITERI DI CALCOLO DELLA PORTATA DI PROGETTO Lo scopo principale del dimensionamento di una rete idrica è quello di assicurare

Dettagli

Criticità e potenzialità nella creazione di un progetto di efficientamento per i CAS.

Criticità e potenzialità nella creazione di un progetto di efficientamento per i CAS. Criticità e potenzialità nella creazione di un progetto di efficientamento per i CAS. Pavia, 18 dicembre 2014 Tavola rotonda su Efficienza Energetica e certificati bianchi per interventi nell ambito del

Dettagli

GUIDA ALL INSTALLAZIONE DI UN SISTEMA FISSO AUTOMATICO DI RIVELAZIONE E ALLARME D INCENDIO

GUIDA ALL INSTALLAZIONE DI UN SISTEMA FISSO AUTOMATICO DI RIVELAZIONE E ALLARME D INCENDIO GUIDA ALL INSTALLAZIONE DI UN SISTEMA FISSO AUTOMATICO DI RIVELAZIONE E ALLARME D INCENDIO La presente guida mette in risalto solo alcuni punti salienti estrapolati dalla specifica norma UNI 9795 con l

Dettagli

INDICE. 1 PREMESSA 2 DESCRIZIONE IMPIANTO 2.1 Dimensionamento della rete... 3 IMPIANTO SMALTIMENTO ACQEU 4 VERIFICHE, COLLAUDO E CERTIFICAZIONI...

INDICE. 1 PREMESSA 2 DESCRIZIONE IMPIANTO 2.1 Dimensionamento della rete... 3 IMPIANTO SMALTIMENTO ACQEU 4 VERIFICHE, COLLAUDO E CERTIFICAZIONI... INDICE 1 PREMESSA 2 DESCRIZIONE IMPIANTO 2.1 Dimensionamento della rete... 3 IMPIANTO SMALTIMENTO ACQEU 4 VERIFICHE, COLLAUDO E CERTIFICAZIONI... Pagina 1 di 6 1. PREMESSA La presente relazione intende

Dettagli

Ruolo e competenze di Arpa e ASL

Ruolo e competenze di Arpa e ASL IL RUOLO DEI SERVIZI DI IGIENE E SANITA PUBBLICA NEL CONTROLLO DELLA LEGIONELLOSI Ruolo e competenze di Arpa e ASL Luciana Ropolo Torino, 21 febbraio 2013 1 La cronistoria Anno 2000: Documento di linee-guida

Dettagli

FACSIMILE. LIBRETTO di USO e MANUTENZIONE dell impianto di climatizzazione. inclusivo del Registro F-gas ed Ozono lesivi

FACSIMILE. LIBRETTO di USO e MANUTENZIONE dell impianto di climatizzazione. inclusivo del Registro F-gas ed Ozono lesivi LIBRETTO di USO e MANUTENZIONE dell impianto di climatizzazione inclusivo del Registro F-gas ed Ozono lesivi Per impianti di climatizzazione composti da dispositivi ad espansione diretta, di tipo monoblocco

Dettagli

INDICE. 1- DESIGNAZIONE DELLE OPERE pag. 3 2- DESCRIZIONE DELLE OPERE. 2.1 centrale termica, frigorifera e sottocentrali pag. 4

INDICE. 1- DESIGNAZIONE DELLE OPERE pag. 3 2- DESCRIZIONE DELLE OPERE. 2.1 centrale termica, frigorifera e sottocentrali pag. 4 INDICE 1- DESIGNAZIONE DELLE OPERE pag. 3 2- DESCRIZIONE DELLE OPERE 2.1 centrale termica, frigorifera e sottocentrali pag. 4 2.2 - trattamento acqua di consumo e produzione acqua calda sanitaria pag.

Dettagli

Normative per i costruttori ed installatori di canali che renderebbero più agevoli le opere di bonifica e sanitizzazione

Normative per i costruttori ed installatori di canali che renderebbero più agevoli le opere di bonifica e sanitizzazione Normative per i costruttori ed installatori di canali che renderebbero più agevoli le opere di bonifica e sanitizzazione Gli enti di controllo italiani fanno generalmente riferimento alla norma UNI 10339,

Dettagli

Il Tecnico Ing. Renato Borrini

Il Tecnico Ing. Renato Borrini COMUNE DI DESENZANO DEL GARDA PROVINCIA DI BRESCIA RELAZIONE TECNICA DELL IMPIANTO DI CONDIZIONAMENTO E DI RICAMBIO DELL ARIA E DELL IMPIANTO IDRICO- SANITARIO A SERVIZIO DELLA DISCOTECA SESTO SENSO SITA

Dettagli

solare termico e pannelli fotovoltaici

solare termico e pannelli fotovoltaici Palestra scolastica, Odenwald, Germania Progettista: Martin Grün solare termico e pannelli fotovoltaici I parte: solare termico 1 IMPIANTI SOLARI TERMICI i sistemi solari termici convertono l energia solare

Dettagli

Gli impianti di scarico Indicazioni, vincoli e requisiti di progettazione

Gli impianti di scarico Indicazioni, vincoli e requisiti di progettazione Gli impianti di scarico Indicazioni, vincoli e requisiti di progettazione Riferimento normativo Per la progettazione degli impianti di scarico si fa riferimento alla normativa europea composta da 5 parti.

Dettagli

BESST C.O.P. ~ 4,6 SERIE PECULIARITÀ. - Funzionamento invernale garantito fino a -15 C. con gas refrigerante ecologico R410A

BESST C.O.P. ~ 4,6 SERIE PECULIARITÀ. - Funzionamento invernale garantito fino a -15 C. con gas refrigerante ecologico R410A PECULIARITÀ - Funzionamento invernale garantito fino a -15 C. - Gas refrigerante ecologico R410A. - Rendimento C.O.P. 4,6. - Frequenza ridotta dei cicli di sbrinamento. - Regolazione automatica della velocità

Dettagli

SOTTO CENTRALI TELERISCALDAMENTO

SOTTO CENTRALI TELERISCALDAMENTO Presidio Azzolini SOTTO CENTRALI TELERISCALDAMENTO gennaio febbraio marzo libreti di impianto e registrazione al CURIT agosto lavaggio chimico scambiatori di calore controllo dispositivi di regolazione

Dettagli

Legionella Pneumophila

Legionella Pneumophila Legionella Pneumophila Introduzione, caratteristiche microbiologiche, epidemiologia effetti sulla salute, livelli di rischio e tecniche di risanamento. Stefano Bonfanti Quello che non ci si aspetta 1600

Dettagli

RAPPORTI DI CONTROLLO

RAPPORTI DI CONTROLLO RAPPORTI DI CONTROLLO Allegato II (Art.2) RAPPORTO DI CONTROLLO DI EFFICIENZA ENERGETICA TIPO 1 ( gruppitermici ) RAPPORTO DI CONTROLLO DI EFFICIENZA ENERGETICA TIPO 1 (gruppi termici)... Cognome... me...

Dettagli

Piano di manutenzione della struttura dell opera 1. Premessa manuale d uso manuale di manutenzione programma di manutenzione delle strutture

Piano di manutenzione della struttura dell opera 1. Premessa manuale d uso manuale di manutenzione programma di manutenzione delle strutture Piano di manutenzione della struttura dell opera.- Cap.10 delle Norme Tecniche per le Costruzioni (D.M. 14 gennaio 2008) e Circolare Esplicativa 2 febbraio 2009, 617 1. Premessa Il piano di manutenzione

Dettagli

IMPIANTI RISCALDAMENTO Descrizione

IMPIANTI RISCALDAMENTO Descrizione Corso di IMPIANTI TECNICI per l EDILIZIA IMPIANTI RISCALDAMENTO Descrizione Prof. Paolo ZAZZINI Dipartimento INGEO Università G. D Annunzio Pescara www.lft.unich.it Impianto termico : Impianto tecnologico

Dettagli

ELAB. F01 - RELAZIONE TECNICA SPECIALISTICA

ELAB. F01 - RELAZIONE TECNICA SPECIALISTICA Il presente documento riguarda il progetto esecutivo per la sostituzione della centrale termica a servizio della Villa Andrea facente parte del complesso Ville Ponti in Varese. E inoltre compresa l installazione

Dettagli

air protection technology Regenerative Thermal Oxidizer for alogenated compound

air protection technology Regenerative Thermal Oxidizer for alogenated compound RTO per SOV alogenate Regenerative Thermal Oxidizer for alogenated compound Sede Legale e Unità Operativa: p.zza Vittorio Veneto 8 20013 MAGENTA (MI) ITALY tel. 02 9790466 02 9790364 fax 02 97297483 E-mail:

Dettagli

RIFERIMENTI LEGISLATIVI

RIFERIMENTI LEGISLATIVI LEGIONELLA RIFERIMENTI LEGISLATIVI Linee Guida per la prevenzione e il controllo della Legionellosi del 05/05/2000 della Conferenza permanente per i rapporti fra Stato e Regioni e Province autonome di

Dettagli

sistemi solari soluzioni solari

sistemi solari soluzioni solari sistemi solari soluzioni solari per pompe SOLUZIONI INNOATIE PER ABITAZIONI A BASSO CONSUMO CON ENERGIA SOLARE E POMPE DI CALORE Lo scopo di questo catalogo è di fornire una serie di suggerimenti e soluzioni

Dettagli

CHECK LIST A SOSTENIBILITA DELLA VAS Art. 5.10 del Rapporto Ambientale

CHECK LIST A SOSTENIBILITA DELLA VAS Art. 5.10 del Rapporto Ambientale CHECK LIST A SOSTENIBILITA DELLA VAS Art. 5.10 del Rapporto Ambientale CRITERI EDILIZI 1. Involucro Componenti dell involucro dotati di caratteristiche atte alla limitazione degli apporti solari estivi

Dettagli

PROGRAMMA DI MANUTENZIONE

PROGRAMMA DI MANUTENZIONE Comune di Biella Provincia di Biella PIANO DI MANUTENZIONE PROGRAMMA DI MANUTENZIONE SOTTOPROGRAMMA DELLE PRESTAZIONI OGGETTO: Messa in sicurezza ristrutturazione manutenzione straordinaria della Scuola

Dettagli

CONTROLLO DELLA LEGIONELLA PNEUMOPHILA: TRATTAMENTO CHIMICO CONFORME ALLE LINEE GUIDA REDATTE DAL COOLING TECHNOLOGY INSTITUTE

CONTROLLO DELLA LEGIONELLA PNEUMOPHILA: TRATTAMENTO CHIMICO CONFORME ALLE LINEE GUIDA REDATTE DAL COOLING TECHNOLOGY INSTITUTE Il COOLING ha redatto le linee guida per il controllo della Legionella Pneumophila nei sistemi di raffreddamento ricircolati. Tali linee guida si basano sulle norme: OSHA - USA CDC - USA ASHRAE - USA UK

Dettagli

La norma ISO 7218:2007

La norma ISO 7218:2007 La norma ISO 7218:2007 Novità ed implicazioni nella gestione del laboratorio Dr. Angelo Viti ROMA ISS 19-20- Dicembre 2009 Angelo Viti 1/22 Angelo Viti 2/22 Organizzazione generale di un laboratorio di

Dettagli

Gruppi frigoriferi HF/TH/ZH

Gruppi frigoriferi HF/TH/ZH Gruppi frigoriferi HF/TH/ZH HF Generatore d'acqua refrigerata monoblocco E' un dispositivo refrigeratore d'acqua con condensatore ad acqua. La macchina è monoblocco e pronta a funzionare, una volta eseguiti

Dettagli

I collettori solari termici

I collettori solari termici I collettori solari termici a cura di Flavio CONTI, ing. LUVINATE (Varese) Tel. 0332 821398 Collettori solari a BASSA temperatura I collettori solari a bassa temperatura utilizzati normalmente negli impianti

Dettagli

Sistema ECOLOGICO per il recupero di energia da generatori termici

Sistema ECOLOGICO per il recupero di energia da generatori termici Sistema ECOLOGICO per il recupero di energia da generatori termici Una grande innovazione per l ambiente e il risparmio energetico per impianti industriali. Dalla rivoluzionaria tecnologia Thermo Recovery,

Dettagli

Co.ma. S.p.a. COILS MANUFACTURER BATTERIE RADIANTI MANUALE DI MONTAGGIO, AVVIAMENTO E MANUTENZIONE BATTERIE ALETTATE

Co.ma. S.p.a. COILS MANUFACTURER BATTERIE RADIANTI MANUALE DI MONTAGGIO, AVVIAMENTO E MANUTENZIONE BATTERIE ALETTATE Co.ma. S.p.a. COILS MANUFACTURER BATTERIE RADIANTI MANUALE DI MONTAGGIO, AVVIAMENTO E MANUTENZIONE BATTERIE ALETTATE Sommario Premessa Movimentazione Installazione Manutenzione Avvertenze 2 Premessa 3

Dettagli

Dichiarazione di conformità per caldaie a carica manuale

Dichiarazione di conformità per caldaie a carica manuale Ufficio di contatto marchio di qualità: Moritz Dreher Neugasse 6 CH-8005 Zürich Tel.: +41 (0)44 250 88 16 Fax.: +41 (0)44 250 88 22 Email: dreher@holzenergie.ch Marchio di qualità Energia leg Svizzera

Dettagli

IL TRATTAMENTO DELL ACQUA per il miglioramento dell efficienza energetica negli impianti termici. Cillichemie Italiana Srl Stefano Bonfanti

IL TRATTAMENTO DELL ACQUA per il miglioramento dell efficienza energetica negli impianti termici. Cillichemie Italiana Srl Stefano Bonfanti IL TRATTAMENTO DELL ACQUA per il miglioramento dell efficienza energetica negli impianti termici Cillichemie Italiana Srl Stefano Bonfanti gli utilizzi tecnici dell acqua in un edificio ACQUA FREDDA SANITARIA

Dettagli

VANTAGGI PER L INSTALLAZIONE E MANUTENZIONE

VANTAGGI PER L INSTALLAZIONE E MANUTENZIONE SOLARE TERMICO Accumulo con produzione istantanea di acqua calda sanitaria Riello 7200 KombiSolar 3S è un accumulo integrato per la produzione di acqua calda sanitaria istantanea e l integrazione riscaldamento

Dettagli

PANNELLI SOLARI LSK JC

PANNELLI SOLARI LSK JC DESCRIZIONE PER CAPITOLATO Scatola portante costituita da un pezzo unico stampato in alluminio ed opportunamente nervato per dare consistenza meccanica all insieme. Il materiale ha caratteristiche di resistenza

Dettagli

Sicurezza microbiologica in impianti produttori di Prosciutto di Parma. Gestione del rischio

Sicurezza microbiologica in impianti produttori di Prosciutto di Parma. Gestione del rischio Sicurezza microbiologica in impianti produttori di Prosciutto di Parma Gestione del rischio IL DIAGRAMMA DI FLUSSO Tipicamente riporta le seguenti fasi: Fase fredda: ricevimento, salagione, riposo, lavaggio

Dettagli

2.7 RELAZIONE IMPIANTI TRATTAMENTO ACQUE DI PISCINA

2.7 RELAZIONE IMPIANTI TRATTAMENTO ACQUE DI PISCINA DEFINITIVO di cui al punto10.1.c) del disciplinare di gara 2. RELAZIONI TECNICHE SPECIALISTICHE 2.7 RELAZIONE IMPIANTI TRATTAMENTO ACQUE DI PISCINA Pagina 1 DEFINITIVO di cui al punto10.1.c) del disciplinare

Dettagli

SEZIONI ACQUE INDUSTRIALI IMPIANTISTICA LEGIONELLA EVAPCO SERVICE CENTER

SEZIONI ACQUE INDUSTRIALI IMPIANTISTICA LEGIONELLA EVAPCO SERVICE CENTER SEZIONI ACQUE INDUSTRIALI IMPIANTISTICA LEGIONELLA EVAPCO SERVICE CENTER MISSION S I Diventare il partner aziendale riconosciuto, competente e qualificato in grado di individuare e risolvere le problematiche

Dettagli

ESPERTO IN APPARECCHIATURE FISSE DI REFRIGERAZIONE, CONDIZIONAMENTO D ARIA E POMPE DI CALORE

ESPERTO IN APPARECCHIATURE FISSE DI REFRIGERAZIONE, CONDIZIONAMENTO D ARIA E POMPE DI CALORE ESPERTO IN APPARECCHIATURE FISSE DI REFRIGERAZIONE, CONDIZIONAMENTO D ARIA E POMPE DI CALORE Figura L Esperto in apparecchiature fisse di refrigerazione, condizionamento d aria e pompe di calore è quella

Dettagli

LE LEGIONELLE INFORMAZIONI E CONSIGLI SULLA PREVENZIONE E CONTROLLO DELLE LEGIONELLE

LE LEGIONELLE INFORMAZIONI E CONSIGLI SULLA PREVENZIONE E CONTROLLO DELLE LEGIONELLE LE LEGIONELLE INFORMAZIONI E CONSIGLI INFORMAZIONI E CONSIGLI : Editore: Assessorato alla sanitá e alle politiche sociali della Provincia Autonoma di Bolzano - Alto Adige Ufficio igiene e salute pubblica

Dettagli

NORME ORDINATE PER ARGOMENTO

NORME ORDINATE PER ARGOMENTO UNI EN 230:1997 31/10/1997 Bruciatori monoblocco di olio combustibile a polverizzazione. Dispositivi di sicurezza, di comando e di regolazione. Tempi di sicurezza. UNI EN 247:2001 31/05/2001 Scambiatori

Dettagli

Impianti di propulsione navale

Impianti di propulsione navale Il circuito acqua di raffreddamento deve asportare e dissipare il calore generato dalle tre fonti principali, precisamente: Cilindri motore; Olio lubrificante; Aria di sovralimentazione. Il circuito è

Dettagli

Tecniche di risanamento e sistemi di trattamento anti-legionella

Tecniche di risanamento e sistemi di trattamento anti-legionella CONVEGNO Mercoledì 9 marzo 2011 TRATTAMENTI ANTILEGIONELLA I recenti sviluppi normativi, le soluzioni, le tecnologie e la manutenzione degli impianti idrico sanitari Tecniche di risanamento e sistemi di

Dettagli

IMPIANTO DI TELERISCALDAMENTO COMPRENSORIO PEEP GAIOFANA

IMPIANTO DI TELERISCALDAMENTO COMPRENSORIO PEEP GAIOFANA IMPIANTO DI TELERISCALDAMENTO COMPRENSORIO PEEP GAIOFANA CHE COS È IL TELERISCALDAMENTO Gruppo Società Gas Rimini - SGR Servizi S.p.A. 47924 Rimini Via Chiabrera 34 b Tel. 0541 303030 Fax 0541 380344 e-mail

Dettagli

Fotovoltaico Solare Termico

Fotovoltaico Solare Termico PascaleCave e Costruzioni S.r.l. Fotovoltaico Solare Termico Fotovoltaico Un impianto fotovoltaico è un impianto per la produzione di energia elettrica. La tecnologia fotovoltaica permette di trasformare

Dettagli

GUIDA ALLA COMPILAZIONE DELL AUTODIAGNOSI

GUIDA ALLA COMPILAZIONE DELL AUTODIAGNOSI GUIDA ALLA COMPILAZIONE DELL AUTODIAGNOSI Il foglio Excel AUTODIAGNOSI CONDOMINI E VILLETTE è uno strumento che consente, attraverso le risposte date ad alcune domande relative all impianto di riscaldamento,

Dettagli

COMUNE DI RAGUSA OGGETTO: PROGETTO PER LA "RISTRUTTURAZIONE DEL COMPENDIO IMPIANTO DI CLIMATIZZAZIONE RELAZIONE TECNICA DESCRITTIVA

COMUNE DI RAGUSA OGGETTO: PROGETTO PER LA RISTRUTTURAZIONE DEL COMPENDIO IMPIANTO DI CLIMATIZZAZIONE RELAZIONE TECNICA DESCRITTIVA COMUNE DI RAGUSA OGGETTO: PROGETTO PER LA "RISTRUTTURAZIONE DEL COMPENDIO EDILIZIO EX CPTA DI VIA NAPOLEONE COLAJANNI IN RAGUSA, DA ADIBIRE A CENTRO POLIFUNZIONALE PER L'INSERIMENTO SOCIALE E LAVORATIVO

Dettagli

Impianti di termoventilazione per alberghi

Impianti di termoventilazione per alberghi Impianti di termoventilazione per alberghi Riteniamo che quello dell impianto di riscaldamento e condizionamento, sia uno dei punti più importanti da prendere in considerazione al momento della costruzione

Dettagli

5. Impianti solari Drain-back ad alta efficienza

5. Impianti solari Drain-back ad alta efficienza 5. Impianti solari Drain-back ad alta efficienza 5.1 Caratteristiche e condizioni di installazione Nessun utilizzo di sostanze chimiche nel circuito solare (maggiori prestazioni) Nessun rischio di congelamento

Dettagli

COMUNE DI CAMPELLO SUL CLITUNNO PROVINCIA DI PERUGIA

COMUNE DI CAMPELLO SUL CLITUNNO PROVINCIA DI PERUGIA ISO 9001:2008 COMUNE DI CAMPELLO SUL CLITUNNO PROVINCIA DI PERUGIA D.G.R. 1136/2012 - PROGETTO PER LA RISTRUTTURAZIONE EDILIZIA CON CAMBIO DI DESTINAZIONE D'USO E DI RIQUALIFICAZIONE DELL'AREA EX CENTRALE

Dettagli

SEZIONE 8 Bollitori a doppio serpentino TANK BV 200-300-430-550-750-1000

SEZIONE 8 Bollitori a doppio serpentino TANK BV 200-300-430-550-750-1000 SEZIONE 8 Bollitori a doppio serpentino TANK BV 200-300-30-550-750-1000 8.1 Guida al capitolato bollitore ad accumulo verticale in acciaio vetrificato (doppia vetrificazione) accumulo con scambiatore di

Dettagli

IL COLLEGAMENTO IDRAULICO RACCOMANDAZIONI ED ESEMPI DI IMPIANTO

IL COLLEGAMENTO IDRAULICO RACCOMANDAZIONI ED ESEMPI DI IMPIANTO IL COLLEGAMENTO IDRAULICO RACCOMANDAZIONI ED ESEMPI DI IMPIANTO RACCOMANDAZIONI E consigliabile applicare schemi semplici e di provata efficacia e dotare il sistema di elementi utili a verificare il buon

Dettagli

Produzione del caldo e del freddo: energia dal sole e dalla terra

Produzione del caldo e del freddo: energia dal sole e dalla terra Produzione del caldo e del freddo: energia dal sole e dalla terra Impianto fotovoltaico L impianto fotovoltaico, posto sulla copertura dell edificio, permette di trasformare l energia solare in energia

Dettagli

Dimensionamento dei riscaldamenti a legna a carica manuale

Dimensionamento dei riscaldamenti a legna a carica manuale Dimensionamento dei riscaldamenti a legna a carica manuale www.pentaproject.ch Claudio Caccia ing. el. STS, consulente energetico dipl. fed. AELSI - Associazione per l energia del legno della Svizzera

Dettagli

MANUALE DI CONDUZIONE E MANUTENZIONE

MANUALE DI CONDUZIONE E MANUTENZIONE Rev. 07 del 03/02/2015 Pag. 1 di 5 Impianto di produzione e distribuzione Acqua alta Qualità FONTANELLO ACQUA CR-ISTAL MANUALE DI CONDUZIONE E MANUTENZIONE Rev. 07 del 03/02/2015 Pag. 2 di 5 1. INTRODUZIONE

Dettagli

RELAZIONE DESCRITTIVA IMPIANTO RECUPERATORE DI CALORE E RAFFRESCAMENTO ESTIVO. Nuovo complesso edilizio. Via Selva Residence Quinzano.

RELAZIONE DESCRITTIVA IMPIANTO RECUPERATORE DI CALORE E RAFFRESCAMENTO ESTIVO. Nuovo complesso edilizio. Via Selva Residence Quinzano. RELAZIONE DESCRITTIVA IMPIANTO RECUPERATORE DI CALORE E RAFFRESCAMENTO ESTIVO Nuovo complesso edilizio Via Selva Residence Quinzano Verona IMMOBILIARE EUREKA SRL Il tecnico: Ing. Riccardo Tisato Maggio

Dettagli

ARES Condensing 32 Caldaia a basamento, a condensazione, per solo riscaldamento

ARES Condensing 32 Caldaia a basamento, a condensazione, per solo riscaldamento 66 ARES Condensing 32 Caldaia a basamento, a condensazione, per solo riscaldamento VANTAGGI E CARATTERISTICHE GENERALI PREDISPOSTA PER FUNZIONAMENTO INDIPENDENTE O IN CASCATA ARES Condensing 32 può essere

Dettagli

ENERGiA. Sistema ECOLOGICO per il recupero di energia da generatori termici

ENERGiA. Sistema ECOLOGICO per il recupero di energia da generatori termici ENERGiA Sistema ECOLOGICO per il recupero di energia da generatori termici Una grande innovazione per l ambiente e il risparmio energetico per impianti industriali. ASB ENERGIA presenta I-TA: Industrial

Dettagli

Legionella, impianti idrici e di condizionamento. Cesare Maria Joppolo - Luca Molinaroli Dipartimento di Energetica - Politecnico di Milano

Legionella, impianti idrici e di condizionamento. Cesare Maria Joppolo - Luca Molinaroli Dipartimento di Energetica - Politecnico di Milano Legionella, impianti idrici e di condizionamento Cesare Maria Joppolo - Luca Molinaroli Dipartimento di Energetica - Politecnico di Milano Sommario 2 Introduzione Legionella ed Impianti Idrici Legionella

Dettagli

Descrizione del funzionamento

Descrizione del funzionamento Descrizione del funzionamento Laddomat 21 ha la funzione di......all accensione, fare raggiungere velocemente alla caldaia una temperatura di funzionamento elevata....durante il riempimento, preriscaldare

Dettagli

02 Componenti per impianti solari pag.

02 Componenti per impianti solari pag. 02 02 Componenti per impianti solari pag. Miscelatore termostatico - Valvola di zona deviatrice - Raccordo 3 Pezzi 8 Gruppo solare 9 Valvola sfogo aria - Valvola di sicurezza - Disaeratore 62 Raccorderia

Dettagli

La ventilazione meccanica controllata [VMC]

La ventilazione meccanica controllata [VMC] La ventilazione meccanica controllata [VMC] Sistemi di riscaldamento e di raffrescamento - Principio di funzionamento: immissione forzata di aria in specifici ambienti. - Peculiarità: garantisce il controllo

Dettagli

Da sempre MITA sviluppa i propri prodotti ponendo particolare attenzione ai consumi energetici e ai costi di gestione.

Da sempre MITA sviluppa i propri prodotti ponendo particolare attenzione ai consumi energetici e ai costi di gestione. Da sempre MITA sviluppa i propri prodotti ponendo particolare attenzione ai consumi energetici e ai costi di gestione. La scelta di utilizzare per tutta la gamma motori direttamente accoppiati a ventole

Dettagli

ALLEGATO - C ATTIVITA' DI CONDUZIONE IMPIANTI

ALLEGATO - C ATTIVITA' DI CONDUZIONE IMPIANTI CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO DELLA GARA A PROCEDURA APERTA PER L AFFIDAMENTO DELLA CONDUZIONE E DELLA MANUTENZIONE DEL MAXXI - MUSEO NAZIONALE DELLE ARTI DEL XXI SECOLO ALLEGATO - C Generatore di acqua

Dettagli

Waterclean Protegge dal rischio legionella, pseudomona e altri batteri. system. trattamento dell acqua calda e fredda. Produzione e.

Waterclean Protegge dal rischio legionella, pseudomona e altri batteri. system. trattamento dell acqua calda e fredda. Produzione e. Produzione e trattamento dell acqua calda e fredda per uso sanitario u n i v e r s a l p e r f o r m a n c e Waterclean Protegge dal rischio legionella, pseudomona e altri batteri system NI08.149A Acqua

Dettagli

IMPIANTI SOLARI. Manuale installazione impianti solari a Circolazione forzata

IMPIANTI SOLARI. Manuale installazione impianti solari a Circolazione forzata IMPIANTI SOLARI Manuale installazione impianti solari a Circolazione forzata 1 IMPIANTI SOLARI 1. Schema Generale combinazioni impiantistiche per Sistemi Solari Tecnosolar Pannelli Solari Energia Solare

Dettagli

CALEFFI. Valvola di scarico termico con reintegro incorporato. serie 544 01058/09. sostituisce dp 01058/07. Funzione

CALEFFI. Valvola di scarico termico con reintegro incorporato. serie 544 01058/09. sostituisce dp 01058/07. Funzione Valvola di scarico termico con reintegro incorporato serie 544 R EGI STERED BS EN ISO 9001:2000 Cert. n FM 21654 UNI EN ISO 9001:2000 Cert. n 0003 CALEFFI 01058/09 sostituisce dp 01058/07 Funzione La valvola

Dettagli

LA SICUREZZA DELLE APPARECCHIATURE ELETTRICHE

LA SICUREZZA DELLE APPARECCHIATURE ELETTRICHE LA SICUREZZA DELLE APPARECCHIATURE ELETTRICHE Torino 21-23 marzo 2006 ABAG SRL http:// www.abag.it 1 CONSIDERAZIONI GENERALI E DEFINIZIONI cos'è la marcatura ce chi ne va soggetto e quali direttive occorre

Dettagli

Percorso n 3 Convalide e controlli sulle apparecchiature

Percorso n 3 Convalide e controlli sulle apparecchiature Percorso n 3 Convalide e controlli sulle apparecchiature Convalida delle LAVAENDOSCOPI 1 Fulvio Toresani CONVALIDA Convalide e controlli sulle attrezzature Prove di Tipo / Prove di Fabbrica Prerequisiti

Dettagli

Per gli impianti in servizio alla data di pubblicazione del presente libretto di impianto, questo

Per gli impianti in servizio alla data di pubblicazione del presente libretto di impianto, questo In collaborazione con : TRATTAMENTO DELL ACQUA Filtrazione, addolcimento, dosaggio prodotti chimici Problematiche e metodi risolutivi per acqua sanitaria e circuiti chiusi Con riferimento al :NUOVO LIBRETTO

Dettagli

PRODOTTI CHIMICI CONDIZIONANTI

PRODOTTI CHIMICI CONDIZIONANTI PRODOTTI CHIMICI CONDIZIONANTI 50 IL TRATTAMENTO CHIMICO Il trattamento chimico dell acqua è spesso un indispensabile sistema per molteplici applicazioni a cui essa è destinata. Il trattamento chimico

Dettagli

Gli impianti per la climatizzazione

Gli impianti per la climatizzazione Università IUAV di Venezia Gli impianti per la climatizzazione 1 Tipologie secondo il fluido termovettore Componenti elementi costruttivi Produzione del calore/ frigorifera Dimensioni dei canali d aria

Dettagli

Potenziamento acquedotto con captazione sorgente presso Alpe sulla Selva e vasca di carico Alpe Coste 10.03.2008 12.06.2013 DATA 30.01.

Potenziamento acquedotto con captazione sorgente presso Alpe sulla Selva e vasca di carico Alpe Coste 10.03.2008 12.06.2013 DATA 30.01. Regione Piemonte Provincia di Vercelli Committente Comune di Carcoforo Oggetto Potenziamento acquedotto con captazione sorgente presso Alpe sulla Selva e vasca di carico Alpe Coste L.R. n. 13/97 - art.

Dettagli

Consigli per la sua piscina: Preparazione per la nuova stagione

Consigli per la sua piscina: Preparazione per la nuova stagione Consigli per la sua piscina: Preparazione per la nuova stagione Perdite Evaporazione Illuminazione Filtrazione Disinfezione e Manutenzione Svernaggio 1 La messa in funzione all inizio della stagione All

Dettagli