ESPROPRIAZIONE PER PUBBLICA UTILITA

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "ESPROPRIAZIONE PER PUBBLICA UTILITA"

Transcript

1 ESPROPRIAZIONE PER PUBBLICA UTILITA 1) Che cosa stabilisce la costituzione e il codice civile in materia di diritto alla proprietà privata e di esproprio. L art. 42 della costituzione stabilisce che la proprietà privata è riconosciuta e garantita dalla legge, tuttavia, qualora ci siano esigenze di pubblico interesse, il diritto di proprietà viene a cadere e il bene ( terreno o fabbricato) viene espropriato. L esproprio è quindi una limitazione del diritto di proprietà, previsto dalla costituzione per cause di pubblica utilità, quindi condizionata ad esigenze di interesse pubblico. L art. 834 del codice civile inoltre stabilisce che Il soggetto passivo del procedimento espropriativo ha il diritto di ricevere un equo indennizzo, per il danno arrecato al fine di ripagare il sacrificio economico imposto al singolo in nome del pubblico interesse, secondo i criteri stabiliti dalla legge. Il codice civile quindi sancisce solo i principi generali, rimandando a norme di legge per gli aspetti relativo alla procedura espropriativa e al calcolo dell indennizzo. 2) Quali sono stati principali atti normativi che hanno preceduto il testo unico in materia di espropri emanato nel 2001 ( DPR 327/201)? La prima legge emanata risale al 1865 ( legge fondamentale n del 25 giugno 1865) che stabilisce che l indennizzo da corrispondere al proprietario espropriato, deve essere uguale al valore venale del bene ( valore di mercato). Gli articoli più importanti sono quattro, l art. 39, l art. 40, l art. 41 che e l art. 63. L art. 39 dice che in caso di esproprio totale, al soggetto espropriato spetta un indennizzo pari al valore venale del bene, ovvero al prezzo che avrebbe avuto l immobile in una libera contrattazione di mercato. L art. 40 stabilisce che in caso di esproprio parziale, l indennità consiste nel giusto prezzo che avrebbe avuto l intero immobile prima dell sproprio e il prezzo della parte residua. Si procedeva pertanto ad una doppia stima ( valore ex-ante e valore ex-post) per trovare il più probabile valore complementare. L art. 41 stabiliva che se a seguito dell esproprio, qualora derivi un vantaggio alla parte residua del fondo, questo va determinato e sottratto all indennizzo corrisposto. L art. 63 stabiliva che in caso di occupazione temporanea, l indennità doveva tenere conto dei frutti,della eventuale perdita di valore del fondo e di ogni altra circostanza tenendo conto della durata della occupazione. Vent anni dopo nel 1885 per risanare le condizioni igieniche di Napoli in preda ad una epidemia di colera, viene emanata la cosiddetta legge di Napoli ( legge 15 gennaio 2892) che prevedeva per i proprietari degli immobili espropriati ( si trattava di abitazioni da abbattere ) la corresponsione di un indennizzo pari alla media fra il valore venale dell area e 10 imponibili catastali o canoni di affitto, legge che consentiva il pagamento di indennità basse. Come vedremo, malgrado l iniquità di tale legge, le nuove disposizioni normative si rifanno ai principi della legge di Napoli per il calcolo dell indennità sulle aree edificabili. La Legge 865/71 ( legge Bucalossi) successivamente modificata dalla Legge 10/77, introduce nuovi criteri per il calcolo della indennità di espropriazione. Non si fa più riferimento per la determinazione dell indennizzo sui terreni agricoli al valore venale ma a valori agricoli medi, stabiliti da una apposita commissione provinciale, mentre per le aree edificabili l indennizzo è sempre rapportato al VAM con però l applicazione di coefficienti maggiorativi. Nel 1980 la corte costituzionale dichiara incostituzionali i criteri previsti dalla legge Bucalossi per le aree edificabili, creando così un vuoto normativo, che è stato colmato solo a distanza di 12 anni, nell agosto del 1992 con la legge 359 ( legge finanziaria 1993) con cui fu stabilito che i criteri per il calcolo dell indennità per le aree edificabili dovevano riferirsi a quelli contenuti nella legge di Napoli ( Indennizzo = media fra valore venale dell area edificabile e 10 redditi catastali). Il vuoto normativo dovuto alla sentenza della corte costituzionale, colmato con una legge finanziaria, poneva la necessità di un testo unico che facesse un po ordine.

2 Si arriva pertanto nel 2001 alla approvazione di un testo unico in materia di espropriazione che consente di azzerare tutte le norme preesistenti., che entra però in vigore nel ) Quali sono le fasi del procedimento espropriativo contenute nelle norme antecedenti al DPR 327/2001? Le fasi canoniche del procedimento espropriativo, contenute nelle leggi precedenti a quella emanata nel 2001, erano tre : dichiarazione di pubblica utilità determinazione della indennità di espropriazione decreto di esproprio In sostanza la conditio sine qua non per avviare la procedura espropriativa era la dichiarazione di pubblica utilità. Prima della legge Bucalossi ( L. 865/71 ) la dichiarazione di pubblica utilità ( così come l occupazione d urgenza) veniva rilasciata dal Prefetto, dopo la Legge 865/71 la dichiarazione di pubblica utilità, indifferibilità ed urgenza veniva rilasciata dal Presidente della Giunta Regionale. Il DPR 327/2001 aggiunge una fase preliminare che precede la dichiarazione di pubblica utilità data dalla imposizione del vincolo preordinato all esproprio attraverso lo strumento urbanistico ( Piano Regolatore Generale ). 4) Quali sono i soggetti indicati nel DPR 327/2201 che intervengono nell iter espropriativo? I soggetti che intervengono nell iter espropriativi sono quattro: l espropriato ovvero il soggetto passivo del procedimento l autorità espropriante che rilascia il decreto di esproprio il beneficiario dell espropriazione, soggetto a favore del quale è emesso il decreto il promotore dell espropriazione ovvero il soggetto pubblico o privato che chiede l espropriazione L emanazione di tutti gli atti del procedimento espropriativi compete alla autorità competente ( amministrazione dello stato, regione, province, comuni). 5) Qual è l iter espropriativo ( le fasi dell espropriazione ) previsto dal DPR 327/2001? Il DPR 327/2001, introduce una fase preliminare costituita dalla istituzione del vincolo preordinato all esproprio, che deve essere contenuta nel piano regolatore. In altri termini un area per poter essere espropriabile, deve essere individuata nel piano regolatore, ci deve essere cioè una previsione. Non è detto che l apposizione del vincolo preordinato all esproprio comporti automaticamente una procedura espropriativa, tant è vero che la durata del vincolo è di cinque anni. Perché l apposizione di un vincolo dia corso alla procedura espropriativa, è necessaria l approvazione del progetto dell opera che si intende realizzare, con la quale l opera viene dichiarata di pubblica utilità. C è quindi una procedura con la quale il cittadino viene informato dell avvio della procedura di apposizione del vincolo preordinato all esproprio ( procedura preliminare ), con la possibilità di presentare eventuali osservazioni. Una volta che il progetto relativo all opera da realizzare è approvato dalla autorità competente, l opera viene dichiarata di pubblica utilità ; da quel momento in poi ha inizio la seconda parte della procedura espropriativa, che consiste : 1. Nella predisposizione, entro 30 gg dalla dichiarazione di pubblica utilità, del piano particellare con l identificazione del beni oggetto di esproprio 2. Nell invio ai singoli proprietari dello stralcio del piano con la identificazione del bene da espropriare che possono inviare entro i 30 giorni successivi, osservazioni scritte e

3 depositare documenti nonché se l autorità espropriante lo ritiene necessario per accelerare l iter, la valutazione del valore da attribuire al bene oggetto di esproprio. 3. Nella determinazione dell indennità 6) Che cosa succede dopo che sono stati inviati ai proprietari dei beni oggetto di esproprio gli stralci del piano particellare? Trascorsi i trenta giorni dall invio del piano stralcio, l autorità espropriante, valutate le eventuali osservazioni e proposte della proprietà, dopo avere effettuato lo stato di consistenza attraverso tecnici incaricati, atto ad accertare lo stato di fatto e di diritto dei beni oggetto di esproprio, trasmette la proposta di indennità provvisoria di esproprio. 7) Dopo che è stata inviata la proposta di indennità provvisoria, quali sono le possibili opzioni riservate al proprietario del bene? Il proprietario del bene ha facoltà di accettare o meno l indennità provvisoria proposta. L accettazione deve sempre avvenire in forma scritta entro 30 giorni dal ricevimento della proposta. Se l indennità viene accettata in forma scritta ( assenso scritto) viene concluso un accordo di cessione volontaria, con il quale al proprietario viene riconosciuto un indennizzo secondo quanto stabilito dalla legge, il cui ammontare è diverso a seconda del soggetto. Il beneficiario dell indennizzo può essere il solo proprietario del fondo se esercita direttamente l attività di coltivazione ( proprietario coltivatore diretto o proprietario imprenditore agricolo professionale) nel qual caso riceve un indennizzo complessivo pari a 3 volte il Valore agricolo medio, oppure oltre al proprietario anche coloro che conducono a diverso titolo il terreno ( affittuari, usufruttuari) ai quali spetta un indennizzo pari a una volta il VAM, mentre al solo proprietario l indennizzo è pari a 1,5 volte il VAM. All accordo di cessione volontaria corrisponde ad un contratto di compravendita, tant è vero che va trascritto, a spese del soggetto espropriante, presso l ufficio dei registri immobiliari, senza la necessità di emanare decreto di esproprio, procedura non prevista dalle precedenti disposizioni normative. Con la sottoscrizione dell accordo di cessione volontaria, la proprietà del bene viene assegnata all ente espropriante che può pertanto entrarne in possesso. 8) Cosa succede se il soggetto che viene espropriato non accetta formalmente l indennità provvisoria proposta? In caso di rifiuto scritto o di silenzio rifiuto, l autorità competente dispone il deposito della somma presso la cassa depositi e prestiti e si procede quindi alla determinazione dell indennità definitiva ricorrendo alla procedura arbitrale, se il proprietario intende avvalersi di un tecnico di fiducia, o alla Commissione Provinciale Espropri se non intende ricorrere al collegio arbitrale. La procedura arbitrale consiste nella nomina di periti di parte ( arbitri) da parte dell ente espropriante e del proprietario che di comune accordo devono nominare un terzo perito oppure ricorrere al tribunale per la nomina dello stesso da parte del giudice. Per dare corso alla procedura arbitrale il proprietario deve nominare il tecnico di fiducia entro 20 giorni dalla notifica dell ente espropriante, decorsi i quali ( silenzio-diniego) la determinazione dell indennità viene affidata alla Commissione Provinciale Espropri ( la stessa che è preposta alla determinazione dei VAM). Il collegio arbitrale ha un tempo massimo di 120 giorni per stendere la relazione peritale, ma in genere i tempi entro i quali va formulato il lodo arbitrale sono stabiliti dall ente espropriante. Nel caso di ricorso alla procedura arbitrale o alla commissione espropri, non essendoci un accordo di cessione volontaria, per il passaggio del diritto di proprietà è necessario il decreto di esproprio rilasciato dalla autorità competente ( amministrazione statale, regione, provincia, comune) che consente l occupazione dell immobile, decreto che deve essere emanato entro due anni dalla dichiarazione di pubblica utilità.

4 L ente espropriante può però chiedere all autorità espropriante l occupazione d urgenza che consente la immissione nel possesso dei beni da espropriare per iniziare i lavori necessari alla realizzazione delle opere. In sostanza tre sono le situazioni che consentono alla autorità espropriante di disporre del bene e quindi di procedere alla esecuzione dei lavori : cessione volontaria con trascrizione dell atto di compravendita nel registro dei beni immobiliari occupazione d urgenza decreto di esproprio. 9) Chi paga le spese per la prestazione del collegio arbitrale Le spese per la prestazione professionale del collegio arbitrale, sono a carico del proprietario se la stima è inferiore all indennità provvisoria, sono compensate ( metà per ciascuna delle parti) se la differenza non supera il 10%, negli altri casi sono a carico dell autorità espropriante. 10) Che cosa succede se dopo la determinazione dell indennità da parte del collegio arbitrale o della commissione espropri, il proprietario rifiuta l indennità definitiva? Il proprietario del bene qualora ritenga che l indennità definitiva determinata dal collegio arbitrale o dalla commissione espropri sia inferiore alla sue aspettative, può tramite una azione legale rifiutare la proposta presentando una opposizione alla stima in Corte d appello. Il giudice della corte d appello tramite un consulente tecnico stabilisce in via definitiva l ammontare dell indennità attraverso una stipa giudiziaria. 11) Come viene determinata l indennità di espropriazione? La misura dell indennità è diversa a seconda che si tratti di aree edificabili (l area deve essere edificabile al momento del vincolo preordinato all esproprio ) o aree non edificabili. Aree edificabili Per le aree edificabili l indennità provvisoria è pari alla media fra il valore venale dell area ( ovvero il più probabile valore di mercato) e il Reddito Dominicale aggiornato moltiplicato per 10, il tutto decurtato del 40 %. Nel caso in cui l espropriato accetta l offerta provvisoria e viene pertanto concluso l accordo di cessione del bene, la misura dell indennità definitiva è pari a quella provvisoria senza la decurtazione del 40 %. Se l area edificabile è utilizzata a fini agricoli, al proprietario coltivatore diretto spetta una indennità pari a quella prevista per le aree non edificabili. Aree non edificabili Nel caso di aree non edificabili ( aree agricole) l indennità provvisoria è pari al valore agricolo medio, tenendo conto delle colture praticate sul fondo o del VAM della coltura prevalente in assenza di coltivazione. Nel caso in cui l espropriato accetta l offerta provvisoria, e viene quindi concluso l accordo di cessione del bene, ha diritto : 1. ad un aumento del 50 % se non coltiva direttamente il terreno (art. 45 TU) 2. alla triplicazione nel caso in cui l area viene coltivata direttamente dal proprietario ; in questo caso viene quindi equiparata la figura del coltivatore diretto con quella dell imprenditore agricolo professionale ( art. 45 TU ) 3. Al fittavolo mezzadro, enfiteuta o compartecipante che per effetto della procedura sia costretto ad abbandonare in tutto o in parte il fondo direttamente coltivato da almeno un anno, spetta una indennità pari al Valore Agricolo medio corrispondente alla coltura effettivamente praticata.( art. 42 TU) Oltre all indennità di esproprio, viene corrisposta la somma pagata dall espropriato per qualsiasi imposta relativa all ultimo trasferimento del bene.

5 12) Come sono valutati e fabbricati? Per i fabbricati l indennità corrisposta è pari al valore venale del bene, ovvero al più probabile valore di mercato, sempreché il fabbricato sia stato costruito con tutte le autorizzazioni previste dalla legge ; in caso di fabbricato abusivo viene riconosciuto il solo valore dell area di sedime. 13) In caso di esproprio parziale, come può essere determinato l indennizzo? In caso di esproprio parziale, il testo unico richiama quanto già previsto dalla legge fondamentale all art. 40 e 41 del RD 1775/23. Nel caso di esproprio parziale nella determinazione dell indennizzo è necessario tenere presente anche la diminuzione di valore della parte non espropriata. Si applica quindi l aspetto economico del valore complementare. Se però dalla esecuzione dell opera deriva un vantaggio immediato e speciale alla parte non espropriata, l importo corrispondente al vantaggio va sottratto. Se tale vantaggio è superiore a ¼ dell indennità ( ovvero ¼ del valore complementare) il proprietario ha facoltà di cedere l intero bene, sempreché l ente espropriante sia d accordo. 14) Indicare la scansione temporale della procedura di esproprio.? Il testo unico prevede un termine entro cui deve concludersi il procedimento espropriativo, dal momento della dichiarazione di pubblica utilità o della imposizione del vincolo preordinato all esproprio nel piano regolatore. Il tutto deve concludersi entro 2 anni dalla dichiarazione di pubblica utilità o dalla data di approvazione del piano regolatore contenente il vincolo preordinato all esproprio. Nel caso in cui le opere pubbliche non vengono realizzate entro 10 anni dal decreto di esproprio, può darsi corso alla retrocessione del bene, su richiesta dell interessato. La scansione temporale della procedura può essere così sintetizzata. 1. Divenuto efficace l atto che dichiara la pubblica utilità, entro i successivi trenta giorni il promotore dell espropriazione compila l elenco dei beni da espropriare.( piano particellare ) e manda a tutto gli interessati uno stralcio del piano, con la indicazione dell area interessata. 2. Successivamente, il soggetto espropriante, provvede alla presenza del proprietario o di un suo delegato a redigere lo stato di consistenza, dopodichè, una volta effettuati i necessari rilievi sul posto, notifica a mezzo lettera raccomandata al proprietario e ad altri beneficiari aventi diritto, la proposta di indennità provvisoria. 3. Entro i successivi trenta giorni dal ricevimento della notifica, il proprietario e il beneficiario dell esproprio, ha facoltà di concludere l accordo di cessione volontaria del bene, firmando la lettera di accettazione dell indennità proposta; la dichiarazione di accettazione è irrevocabile. 4. Qualora il proprietario abbia condiviso la determinazione della indennità di espropriazione e abbia dichiarato l assenza di diritti da parte di terzi ( dichiarazione liberatoria o manleva ) entro i successivi 60 giorni dalla presentazione della detta documentazione, il soggetto espropriante deve versare la indennità definitiva ( con le maggiorazioni previste sopra richiamate) ; se non lo da entro i 60 giorni, da quel momento devono essere corrisposti anche gli interessi. 5. Nel caso in cui il proprietario non condivida la determinazione provvisoria dell indennità, ( quindi non appone la firma di accettazione entro i 30 giorni dalla notifica o non risponde ), l autorità espropriante invita il proprietario interessato, con atto notificato a mezzo ufficiale giudiziario, a comunicare entro i successivi venti giorni, se intenda avvalersi dell arbitrato con ricorso a perizia di stima, con indicazione del perito di parte. Nel caso di comunicazione positiva del proprietario entro i termini stabiliti, ( entro 20 giorni dalla notifica) l autorità espropriante nomina i tecnici ( uno indicato dalla proprietà, l altro

6 incaricato dall autorità espropriante e eventualmente un terzo nominato dal presidente del tribunale) e stabilisce un termine entro cui va presentata la relazione peritale. In caso contrario ( ovvero nel caso in cui il proprietario non da alcuna comunicazione ) la determinazione dell indennità viene fatta tramite il ricorso alla Commissione Provinciale Espropri. L indennità stabilita dal collegio arbitrale o dalla commissione provinciale viene corrisposta al proprietario o versata presso la Cassa depositi e prestiti, per conto del proprietario, nel caso in cui quest ultimo intenda impugnare la perizia davanti al giudice. 15) Che cosa prevede il testo unico sugli espropri in caso di occupazione temporanea L occupazione temporanea si ha quando aree non soggette a esproprio dovranno essere occupate temporaneamente per la formazione dei cantieri necessari all esecuzione delle opere da realizzare. In questo caso il proprietario viene informato del procedimento a suo carico, con un avviso dove viene indicato il giorno e l ora in cui è prevista l esecuzione dell ordinanza che dispone l occupazione temporanea. La procedura prevede le seguenti fasi : A) Al momento della immissione in possesso viene redatto in contraddittorio, il verbale sullo stato di consistenza. B) L ente espropriante notifica al proprietario la proposta di indennità ; questa è calcolata, per ogni anno di occupazione, in misura pari a 1/12 dell indennità provvisoria prevista in caso di esproprio. 1 Per le aree agricole pertanto Ind = VAM 12 Vvenale + 10RD 1 Per le aree edificabili Ind = x60% x 2 12 C) In caso di mancato accordo fra le parti, è previsto il ricorso alla Commissione provinciale espropri, con possibilità di opporre opposizione alla stima con la nomina del collegio peritale. 16) Che cosa succede se l opera pubblica non viene realizzata o cominciata entro 10 anni dal decreto di esproprio? Se l opera pubblica non viene realizzata o cominciata entro il termine di 10 anni dal Decreto di esproprio, l espropriato può richiedere la decadenza della dichiarazione di pubblica utilità e che sia disposta la restituzione del bene espropriato ( retrocessione) dietro pagamento di un corrispettivo, concordato dalle parti o in caso di mancato accordo stabilito dalla Agenzia del territorio o dalla Commissione Espropri, sulla base dei criteri stabiliti per la indennità di esproprio. La proposta di prezzo ( prezzo di retrocessione) può essere impugnata dall ente espropriante presentando ricorso in corte d appello. Il comune può comunque esercitare su tali aree il diritto di prelazione.

ESPROPRIAZIONE PER PUBBLICA UTILITA

ESPROPRIAZIONE PER PUBBLICA UTILITA ESPROPRIAZIONE PER PUBBLICA UTILITA RIFERIMENTI NORMATIVI GENERALI ART. 42 COSTITUZIONE (1948) La proprietà è riconosciuta e garantita dalla legge, che ne determina i modi di acquisto, di godimento ed

Dettagli

Gli aspetti procedurali ed estimativi

Gli aspetti procedurali ed estimativi L espropriazione per pubblica utilità. Gli aspetti procedurali ed estimativi 10.XII.2013 La definizione dell espropriazione Lo scopo dell'espropriazione è quello di trasferire coattivamente la proprietà

Dettagli

Guida pratica sulle principali fasi della procedura espropriativa per l esecuzione di opere di pubblica utilità.

Guida pratica sulle principali fasi della procedura espropriativa per l esecuzione di opere di pubblica utilità. Guida pratica sulle principali fasi della procedura espropriativa per l esecuzione di opere di pubblica utilità. CAP.1: Presupposti per l avvio della procedura espropriativa. La presente guida si riferisce

Dettagli

COMUNE DI LARI Provincia di Pisa

COMUNE DI LARI Provincia di Pisa COMUNE DI LARI Provincia di Pisa DETERMINAZIONE N. 519 Numerazione servizio 201 Data di registrazione 17/12/2009 COPIA Oggetto : DECRETO DI ESPROPRIO RELATIVO A PROCEDIMENTO ESPROPRIATIVO PER PUBBLICA

Dettagli

Le fasi iniziali del processo esecutivo

Le fasi iniziali del processo esecutivo Capitolo 4 Le fasi iniziali del processo esecutivo Caso 4.1 Come si procede alla stima dei beni pignorati? A norma dell art. 569, comma 1, c.p.c. il giudice nomina l esperto per procedere alla stima del

Dettagli

ESTIMO: LE ESPROPRIAZIONI

ESTIMO: LE ESPROPRIAZIONI Stefano Verna Classe 5 A Progetto Cinque I.T.S. Elio Vittorini Sezione C. e A. di Castellamonte ESTIMO: LE ESPROPRIAZIONI L'espropriazione è la privazione forzata del diritto di proprietà, fatta per motivi

Dettagli

CARATTERISTICHE GENERALI

CARATTERISTICHE GENERALI ESPROPRI È un applicativo software per la gestione delle pratiche espr priative. In linea con i principi di modernizzazione della Pubblica Amministrazione, è uno strumento di supporto alle iniziative di

Dettagli

REGOLAMENTO DI VENDITA DEI BENI IMMOBILI PROVINCIALI TRASFERITI ALLA SOC. TERRA DI BRINDISI SRL

REGOLAMENTO DI VENDITA DEI BENI IMMOBILI PROVINCIALI TRASFERITI ALLA SOC. TERRA DI BRINDISI SRL REGOLAMENTO DI VENDITA DEI BENI IMMOBILI PROVINCIALI TRASFERITI ALLA SOC. TERRA DI BRINDISI SRL ART 1 OGGETTO Le disposizioni del presente regolamento disciplinano l alienazione a terzi dei beni immobili

Dettagli

CODICE DI COMPORTAMENTO DEI MEDIATORI IMMOBILIARI

CODICE DI COMPORTAMENTO DEI MEDIATORI IMMOBILIARI Art. 1 - Finalità CODICE DI COMPORTAMENTO DEI MEDIATORI IMMOBILIARI Il presente Codice di Comportamento contiene norme finalizzate a qualificare le imprese di mediazione immobiliare secondo principi di

Dettagli

Comune di Nuoro Regolamento per l alienazione del patrimonio immobiliare del Comune di Nuoro

Comune di Nuoro Regolamento per l alienazione del patrimonio immobiliare del Comune di Nuoro Comune di Nuoro Regolamento per l alienazione del patrimonio immobiliare del Comune di Nuoro Pubblicato a cura dei Servizi Assistenza Organi Istituzionali, Ufficio di Presidenza del Consiglio e Innovazione

Dettagli

PROPOSTA DI LOCAZIONE IMMOBILIARE. Il sottoscritto/a nato/a a il residente a Via tel. C.F. in qualità di

PROPOSTA DI LOCAZIONE IMMOBILIARE. Il sottoscritto/a nato/a a il residente a Via tel. C.F. in qualità di Modulo 6 PROPOSTA DI LOCAZIONE IMMOBILIARE Il sottoscritto/a nato/a a il residente a Via tel. C.F. in qualità di della società con sede a P. IVA, di seguito denominato/a proponente, tramite l'agenzia/studio

Dettagli

Lessico poco familiare

Lessico poco familiare STUDI NOTARILI APERTI Consulenze per acquistare casa in sicurezza Comprare casa senza rischi Lessico poco familiare Termine AGENTE o AGENZIA IMMOBILIARE AMMORTAMENTO CANCELLAZIONE DI IPOTECA CAPITALE CAPITOLATO

Dettagli

ITG A. POZZO LEZIONI DI ESTIMO. Stima delle espropriazioni. Classi 5^ LB-LC-SA Anno scolastico 2009/10. Prof. Romano Oss

ITG A. POZZO LEZIONI DI ESTIMO. Stima delle espropriazioni. Classi 5^ LB-LC-SA Anno scolastico 2009/10. Prof. Romano Oss ITG A. POZZO LEZIONI DI ESTIMO Stima delle espropriazioni Classi 5^ LB-LC-SA Anno scolastico 2009/10 Prof. Romano Oss La sovranità del privato cittadino viene limitata a vantaggio della sovranità della

Dettagli

COMUNE DI BRESCIA REGOLAMENTO PER L ALIENAZIONE DEL PATRIMONIO IMMOBILIARE DEL COMU- NE DI BRESCIA

COMUNE DI BRESCIA REGOLAMENTO PER L ALIENAZIONE DEL PATRIMONIO IMMOBILIARE DEL COMU- NE DI BRESCIA COMUNE DI BRESCIA REGOLAMENTO PER L ALIENAZIONE DEL PATRIMONIO IMMOBILIARE DEL COMU- NE DI BRESCIA Adottato dal Consiglio comunale nella seduta del 16.2.1998 con provvedimento n. 20 ART. 1 Oggetto del

Dettagli

tutto ciò premesso, che costituisce parte integrante della presente.

tutto ciò premesso, che costituisce parte integrante della presente. Spettabile Monte Titoli S.p.A Piazza degli Affari, 6 20131 MILANO Raccomandata A/R Anticipata via fax n. 02 33635 558 Richiesta di gestione della sollecitazione di deleghe per l assemblea della società

Dettagli

SCROVEGNI PARTNERS S.R.L.

SCROVEGNI PARTNERS S.R.L. CIRCOLARE Spettabili Padova, 21 dicembre 2012 CLIENTI LORO SEDI Oggetto: Vendita e locazione di immobili nuovi adempimenti fiscali. VENDITA Con la presente Vi informiamo che si applica il meccanismo dell

Dettagli

PIANO PARTICELLARE DI ESPROPRIO

PIANO PARTICELLARE DI ESPROPRIO STAZIONE DI CAPODICHINO PIANO PARTICELLARE DI ESPROPRIO 1. PREMESSA 2. MAPPA CATASTALE 3. LA GEOREFERENZIAZIONE 4. LE TAVOLE GRAFICHE DEL PIANO PARTICELLARE 4.1. LA SIMBOLOGIA DEI TITOLI DI OCCUPAZIONE

Dettagli

CITTÀ DI BORGARO TORINESE PROVINCIA di TORINO C.A.P. 10071

CITTÀ DI BORGARO TORINESE PROVINCIA di TORINO C.A.P. 10071 CITTÀ DI BORGARO TORINESE PROVINCIA di TORINO C.A.P. 10071 www.comune.borgaro-torinese.to.it REGOLAMENTO GENERALE PER LA DISCIPLINA DELLE ENTRATE COMUNALI INDICE Articolo D E S C R I Z I O N E 1 2 3 4

Dettagli

CIRCOLARE N. 2/DF. Ai Comuni

CIRCOLARE N. 2/DF. Ai Comuni CIRCOLARE N. 2/DF MINISTERO DELL ECONOMIA E DELLE FINANZE DIPARTIMENTO DELLE FINANZE Roma, 11 maggio 2010 DIREZIONE FEDERALISMO FISCALE PROT. 10968/2010 Ai Comuni Alle Regioni Friuli-Venezia Giulia e Valle

Dettagli

COMUNE DI BARIANO Provincia di Bergamo REGOLAMENTO COMUNALE PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO

COMUNE DI BARIANO Provincia di Bergamo REGOLAMENTO COMUNALE PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO COMUNE DI BARIANO Provincia di Bergamo REGOLAMENTO COMUNALE PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO Approvato con delibera C.C. n. 2 del 04.04.2012 Sommario: Titolo I - Economato Art. 1 - Il servizio di economato

Dettagli

DIREZIONE PATRIMONIO IMMOBILIARE Via Pietrapiana n. 53 FIRENZE AVVISO PUBBLICO

DIREZIONE PATRIMONIO IMMOBILIARE Via Pietrapiana n. 53 FIRENZE AVVISO PUBBLICO DIREZIONE PATRIMONIO IMMOBILIARE Via Pietrapiana n. 53 FIRENZE AVVISO PUBBLICO per la concessione di spazi dei locali destinati alla somministrazione di alimenti e bevande posti all interno del Nuovo Palazzo

Dettagli

Titolo I OGGETTO ED AMBITO DI APPLICAZIONE DEL TESTO UNICO

Titolo I OGGETTO ED AMBITO DI APPLICAZIONE DEL TESTO UNICO Decreto del Presidente della Repubblica 8 giugno 2001, n. 327 Testo unico delle disposizioni legislative e regolamentari in materia di espropriazione per pubblica utilità (testo A). (pubblicato nella G.U.

Dettagli

Le multe per infrazioni al Codice della Strada

Le multe per infrazioni al Codice della Strada Le multe per infrazioni al Codice della Strada Riferimenti normativi Nuovo codice della strada (D.lgs. 30 aprile 1992, n. 285 e successive modificazioni); Regolamento di esecuzione e di attuazione del

Dettagli

COMUNE DI COLONNA Provincia di Roma REGOLAMENTO PER LA CESSIONE DI IMMOBILI AD USO RESIDENZIALE DEL COMUNE DI COLONNA

COMUNE DI COLONNA Provincia di Roma REGOLAMENTO PER LA CESSIONE DI IMMOBILI AD USO RESIDENZIALE DEL COMUNE DI COLONNA COMUNE DI COLONNA Provincia di Roma REGOLAMENTO PER LA CESSIONE DI IMMOBILI AD USO RESIDENZIALE DEL COMUNE DI COLONNA Approvato con deliberazione di C.C. n. 13 del 15.03.2011 1 ARTICOLO 1 - OGGETTO DEL

Dettagli

Note di aggiornamento Luglio 2008

Note di aggiornamento Luglio 2008 G. Zagrebelsky - G. Oberto - G. Stalla - C. Trucco COMPENDIO DI DIRITTO Note di aggiornamento Luglio 2008 1. Modifiche al codice civile in materia di patto di famiglia 2. Indennità di espropriazione delle

Dettagli

APPROVATO CON DELIBERA DI C.C. N.76 DEL 28/12/01 COMUNE DI RIETI REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE ENTRATE

APPROVATO CON DELIBERA DI C.C. N.76 DEL 28/12/01 COMUNE DI RIETI REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE ENTRATE APPROVATO CON DELIBERA DI C.C. N.76 DEL 28/12/01 COMUNE DI RIETI REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE ENTRATE INDICE Art. 1 - Oggetto e finalità del regolamento Art. 2 - Definizione delle entrate Art. 3

Dettagli

COMUNE DI SALICE SALENTINO Provincia di LECCE *****

COMUNE DI SALICE SALENTINO Provincia di LECCE ***** ORIGINALE Pubblicata sul sito istituzionale il 18/01/2012 - N. 56 del Reg. DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE DEL SERVIZIO COMUNE DI SALICE SALENTINO Provincia di LECCE ***** 5 SETTORE - ASSETTO DEL TERRITORIO

Dettagli

CIRCOLARE A) IVA E IMPOSTE INDIRETTE SULLA LOCAZIONE

CIRCOLARE A) IVA E IMPOSTE INDIRETTE SULLA LOCAZIONE CIRCOLARE Padova, 1^ ottobre 2007 SPETT.LI CLIENTI LORO SEDI Oggetto: Locazione di immobili e altre problematiche fiscali. Con la presente Vi informiamo che è stata pubblicata la Legge 448/2006, che ha

Dettagli

REGOLAMENTO ITER PROVVEDIMENTI AMMINISTRATIVI

REGOLAMENTO ITER PROVVEDIMENTI AMMINISTRATIVI REGOLAMENTO ITER PROVVEDIMENTI AMMINISTRATIVI Art. 1 Oggetto 1. Il presente Regolamento disciplina l iter dei procedimenti amministrativi dell Agenzia Forestale Regionale dell Umbria. 2. In particolare

Dettagli

PR. SCADENZA ADEMPIMENTO NOTE COMMISSIONE PROCEDURE ADEMPIMENTI FISCALI INIZIALI DEL CURATORE

PR. SCADENZA ADEMPIMENTO NOTE COMMISSIONE PROCEDURE ADEMPIMENTI FISCALI INIZIALI DEL CURATORE ADEMPIMENTI FISCALI INIZIALI DEL CURATORE 1 Entro 30 gg. dalla Comunicare all Agenzia delle Entrate la dichiarazione di fallimento sentenza di con modello di variazione dati (art. 35 Dpr 633/72). fallimento

Dettagli

Finanziaria 2006 (l. 23 dicembre 2005, n. 266) (commi 495-498) Plusvalenze sugli immobili e cessioni a titolo oneroso di immobili e terreni

Finanziaria 2006 (l. 23 dicembre 2005, n. 266) (commi 495-498) Plusvalenze sugli immobili e cessioni a titolo oneroso di immobili e terreni Finanziaria 2006 (l. 23 dicembre 2005, n. 266) (commi 495-498) Plusvalenze sugli immobili e cessioni a titolo oneroso di immobili e terreni In un contesto normativo volto al raggiungimento di una maggiore

Dettagli

Ufficio Tecnico REGOLAMENTO

Ufficio Tecnico REGOLAMENTO Comune di Cabras Provincia di Oristano Comuni de Crabas Provìncia de Aristanis Ufficio Tecnico S e r v i z i o l l. p p. - U r b a n i s t i c a - P a t r i m o n i o REGOLAMENTO PER LA VENDITA DA PARTE

Dettagli

SCHEMA DI CONTRATTO ESTIMATORIO PER CONTO DEPOSITO. Articolo 1 Oggetto del contratto

SCHEMA DI CONTRATTO ESTIMATORIO PER CONTO DEPOSITO. Articolo 1 Oggetto del contratto SCHEMA DI CONTRATTO ESTIMATORIO PER CONTO DEPOSITO Articolo 1 Oggetto del contratto Il presente contratto ha per oggetto la fornitura secondo lo schema del contratto estimatorio, con relativa consegna

Dettagli

Art. 1 Oggetto. Art. 2 Ambito di applicazione

Art. 1 Oggetto. Art. 2 Ambito di applicazione Regolamento per l affidamento degli appalti di lavori, servizi e forniture di importo inferiore alla soglia di rilevanza comunitaria, ai sensi dell articolo 238, comma 7 del d.lgs. 12 aprile 2006, n. 163.

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA Provincia di Pordenone. SETTORE VIABILITA' STRADALE Espropriazione

REPUBBLICA ITALIANA Provincia di Pordenone. SETTORE VIABILITA' STRADALE Espropriazione REPUBBLICA ITALIANA Provincia di Pordenone SETTORE VIABILITA' STRADALE Espropriazione Proposta nr. 91 del 19/08/2014 - Determinazione nr. 2223 del 19/08/2014 OGGETTO: Lavori di realizzazione della Circonvallazione

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CONCESSIONE DI LOCULI CIMITERIALI

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CONCESSIONE DI LOCULI CIMITERIALI REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CONCESSIONE DI LOCULI CIMITERIALI Adottato con Delibera di Consiglio Comunale N 60 del 30 luglio 2008 Articolo 1 Oggetto del Regolamento Il presente Regolamento disciplina i

Dettagli

REGIONE EMILIA ROMAGNA LEGISLATURA

REGIONE EMILIA ROMAGNA LEGISLATURA REGIONE EMILIA ROMAGNA LEGISLATURA VIII Al presidente dell Assemblea Legislativa Progetto di legge di iniziativa del Consigliere Leonardo Masella avente ad oggetto: "Norme dirette a favorire l inserimento

Dettagli

Plusvalenze immobiliari tassazione sostitutiva al 20 percento - COMPRAVENDITE - Studio Immobiliare Ba

Plusvalenze immobiliari tassazione sostitutiva al 20 percento - COMPRAVENDITE - Studio Immobiliare Ba Plusvalenze immobiliari tassazione sostitutiva al 20 percento - COMPRAVENDITE - Studio Immobiliare Ba Elevata al 20 percento la tassazione sostitutiva sulle plusvalenze immobiliari per i contratti stipulati

Dettagli

La mediazione civile e commerciale

La mediazione civile e commerciale D Lvo 4mar2010 n 28 presentazione La mediazione civile e commerciale Il decreto legislativo 4 marzo 2010, n.28 (pubblicato nella G.U. n.53 del 5 marzo 2010) sulla mediazione in materia civile e commerciale

Dettagli

PROTOCOLLO PER L AFFIDAMENTO IN GESTIONE AGLI AMBITI TERRITORIALI DI CACCIA DELLE ZONE DI RIPOPOLAMENTO E CATTURA DELLA PROVINCIA DI FIRENZE

PROTOCOLLO PER L AFFIDAMENTO IN GESTIONE AGLI AMBITI TERRITORIALI DI CACCIA DELLE ZONE DI RIPOPOLAMENTO E CATTURA DELLA PROVINCIA DI FIRENZE Allegato A alla Deliberazione della Giunta Provinciale n. 513 del 19.12.2002 PROTOCOLLO PER L AFFIDAMENTO IN GESTIONE AGLI AMBITI TERRITORIALI DI CACCIA DELLE ZONE DI RIPOPOLAMENTO E CATTURA DELLA PROVINCIA

Dettagli

Regolamento per la definizione agevolata delle entrate tributarie e patrimoniali del Comune

Regolamento per la definizione agevolata delle entrate tributarie e patrimoniali del Comune Regolamento per la definizione agevolata delle entrate tributarie e patrimoniali del Comune Art. 1 Oggetto 1. Il presente regolamento, in forza delle disposizioni contenute nell art. 13 L. 27 dicembre

Dettagli

Comune di Palagianello Provincia di Taranto

Comune di Palagianello Provincia di Taranto Comune di Palagianello Provincia di Taranto REGOLAMENTO PER LA DEFINIZIONE AGEVOLATA DELL IMPOSTA COMUNALE SUGLI IMMOBILI (I.C.I.) RELATIVAMENTE ALLE AREE EDIFICABILI ai sensi dell articolo 13 della legge

Dettagli

Regolamento per l applicazione dell imposta municipale propria

Regolamento per l applicazione dell imposta municipale propria ALLEGATO A) Comune di Rossano Veneto Provincia di Vicenza Regolamento per l applicazione dell imposta municipale propria Approvato con deliberazione di C.C: n. 38 del 05/07/2012. INDICE Art. 1 Oggetto

Dettagli

PROPOSTA DI ACQUISTO IMMOBILIARE

PROPOSTA DI ACQUISTO IMMOBILIARE PROPOSTA DI ACQUISTO IMMOBILIARE Destinata a divenire contratto PRELIMINARE DI COMPRAVENDITA in caso di accettazione del venditore Agenzia Immobiliare : STUDIO IMMOBILIARE RICCIO di RICCIO ENRICO Sede

Dettagli

COMUNE DI LACONI. Provincia di Oristano

COMUNE DI LACONI. Provincia di Oristano COMUNE DI LACONI Provincia di Oristano SETTORE : Responsabile: UFFICIO TECNICO COMUNALE Dott. Ing. Massimo Dessanai COPIA DETERMINAZIONE N. 65 DEL 11/02/2013 PROPOSTA DETERMINAZIONE N. 73 DEL 11/02/2013

Dettagli

CONSORZIO PER LO SVILUPPO INDUSTRIALE L'AQUILA

CONSORZIO PER LO SVILUPPO INDUSTRIALE L'AQUILA CONSORZIO PER LO SVILUPPO INDUSTRIALE L'AQUILA Regolamento per l assegnazione e per la gestione delle aree ubicate nel Piano Regolatore Territoriale del Consorzio. SOMMARIO ART. 1 Assegnazione Aree Regime

Dettagli

COMUNE DI CAMPOFELICE DI ROCCELLA (Prov. Palermo) Regolamento per l alienazione del patrimonio immobiliare residenziale di proprietà del Comune.

COMUNE DI CAMPOFELICE DI ROCCELLA (Prov. Palermo) Regolamento per l alienazione del patrimonio immobiliare residenziale di proprietà del Comune. COMUNE DI CAMPOFELICE DI ROCCELLA (Prov. Palermo) Regolamento per l alienazione del patrimonio immobiliare residenziale di proprietà del Comune. 1 PARTE I REGOLAMENTO PER L ALIENAZIONE TITOLO I - DISPOSIZIONI

Dettagli

La fiscalità dei contratti di locazione. Milano, 29 gennaio 2013

La fiscalità dei contratti di locazione. Milano, 29 gennaio 2013 La fiscalità dei contratti di locazione Milano, 29 gennaio 2013 1 Fiscalità connessa ai contratti di locazione Imposte dirette Per il locatore non imprenditore, ai fini della determinazione del reddito

Dettagli

SALERNO, 14 GENNAIO 2014 CONSIGLIO NOTARILE DI SALERNO

SALERNO, 14 GENNAIO 2014 CONSIGLIO NOTARILE DI SALERNO SALERNO, 14 GENNAIO 2014 CONSIGLIO NOTARILE DI SALERNO INCONTRO DI STUDIO "TASSAZIONE DELLE CONVENZIONI CON PIU' OGGETTI/SOGGETTI E DI UN ATTO CONTENENTE PIU' CONVENZIONI" A CURA DI LUCA RESTAINO Ai fini

Dettagli

COMUNE DI SASSARI. Settore Politiche della Casa REGOLAMENTO

COMUNE DI SASSARI. Settore Politiche della Casa REGOLAMENTO COMUNE DI SASSARI Settore Politiche della Casa REGOLAMENTO SULLA GESTIONE DELLA PERDITA E DELLA MANCANZA DI REQUISITI PER LA CONDUZIONE DEGLI ALLOGGI DI EDILIZIA RESIDENZIALE PUBBLICA (E.R.P.) DI PROPRIETA

Dettagli

COMUNE DI PONTEDERA Provincia di Pisa REGOLAMENTO PER L ALIENAZIONE DEI BENI IMMOBILI

COMUNE DI PONTEDERA Provincia di Pisa REGOLAMENTO PER L ALIENAZIONE DEI BENI IMMOBILI COMUNE DI PONTEDERA Provincia di Pisa REGOLAMENTO PER L ALIENAZIONE DEI BENI IMMOBILI Art. 1 - OGGETTO 3 Art. 2 - CARATTERISTICHE DEI BENI DA ALIENARE 3 Art. 3 - STIMA SOMMARIA 3 Art. 4 - CLASSIFICAZIONE

Dettagli

Consiglio Nazionale del Notariato

Consiglio Nazionale del Notariato Consiglio Nazionale del Notariato REGOLAMENTO DEL FONDO DI GARANZIA DI CUI AGLI ARTT. 21 E 22 DELLA LEGGE 16 FEBBRAIO 1913, N. 89 E SUCCESSIVE MODIFICAZIONI Capo I Istituzione e finalità del Fondo di garanzia

Dettagli

SCHEMA DI SINTESI SULLA NORMATIVA DELLA PREVIDENZA COMPLEMENTARE *

SCHEMA DI SINTESI SULLA NORMATIVA DELLA PREVIDENZA COMPLEMENTARE * SCHEMA DI SINTESI SULLA NORMATIVA DELLA PREVIDENZA COMPLEMENTARE * Chi è interessato dalla Riforma Sono interessati alla riforma della previdenza complementare attuata con il decreto legislativo n. 252/2005

Dettagli

COMUNE DI ASOLO PROVINCIA DI TREVISO

COMUNE DI ASOLO PROVINCIA DI TREVISO COMUNE DI ASOLO PROVINCIA DI TREVISO REGOLAMENTO PER ALIENAZIONE DEL PATRIMONIO IMMOBILIARE E MOBILIARE REGISTRATO DEL COMUNE DI ASOLO (in attuazione del 2 comma dell art.12 della L. 127/97 Approvato con

Dettagli

Registro Imprese IL MODELLO S

Registro Imprese IL MODELLO S Registro Imprese IL MODELLO S Schede sintetiche degli adempimenti riguardanti le quote di s.r.l. Indice Atto costitutivo di S.r.l... 3 Atto di trasformazione di S.r.l. da società di persone... 4 Variazione

Dettagli

ITALCEMENTI S.P.A. PIANO DI STOCK OPTION PER AMMINISTRATORI - 2007 REGOLAMENTO

ITALCEMENTI S.P.A. PIANO DI STOCK OPTION PER AMMINISTRATORI - 2007 REGOLAMENTO ITALCEMENTI S.P.A. PIANO DI STOCK OPTION PER AMMINISTRATORI - 2007 REGOLAMENTO INDICE 1. PREMESSA 3 2. SCOPI DEL PIANO 3 3. OGGETTO DEL PIANO 3 4. GESTIONE DEL PIANO 4 5. PARTECIPAZIONE ELEGGIBILITÀ 4

Dettagli

REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELLE SANZIONI AMMINISTRATIVE Approvato con deliberazione di Consiglio Comunale n. 4 del 23/01/2009 INDICE PREMESSA

REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELLE SANZIONI AMMINISTRATIVE Approvato con deliberazione di Consiglio Comunale n. 4 del 23/01/2009 INDICE PREMESSA REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELLE SANZIONI AMMINISTRATIVE Approvato con deliberazione di Consiglio Comunale n. 4 del 23/01/2009 INDICE PREMESSA Art.1 Oggetto del regolamento Art.2 Funzionario Responsabile

Dettagli

L.R. n.27 del 28. 12.2006 Legge finanziaria regionale per l esercizio 2007 (estratto degli articoli riguardanti l Edilizia Residenziale Pubblica)

L.R. n.27 del 28. 12.2006 Legge finanziaria regionale per l esercizio 2007 (estratto degli articoli riguardanti l Edilizia Residenziale Pubblica) L.R. n.27 del 28. 12.2006 Legge finanziaria regionale per l esercizio 2007 (estratto degli articoli riguardanti l Edilizia Residenziale Pubblica) CAPO III Edilizia residenziale pubblica Art. 48 (Alienazione

Dettagli

IL CONTRATTO DI LEASING IMMOBILIARE

IL CONTRATTO DI LEASING IMMOBILIARE IL CONTRATTO DI LEASING IMMOBILIARE 1. Introduzione Il contratto di leasing costituisce un negozio a titolo oneroso concluso con la presenza di tre soggetti ognuno con un diverso interesse economico, ossia

Dettagli

Cassa NazioNale del Notariato

Cassa NazioNale del Notariato Il regolamento è stato deliberato ed è operativo essendo stato approvato dai Ministeri vigilanti il piano triennale di investimento. Cassa NazioNale del Notariato Principi generali di offerta in vendita

Dettagli

INCARICO DI MEDIAZIONE PER VENDITA IMMOBILIARE - IN ESCLUSIVA - a...il...c.f......e residente. a...via......n..., tel..., C.F./P.IVA.

INCARICO DI MEDIAZIONE PER VENDITA IMMOBILIARE - IN ESCLUSIVA - a...il...c.f......e residente. a...via......n..., tel..., C.F./P.IVA. INCARICO DI MEDIAZIONE PER VENDITA IMMOBILIARE - IN ESCLUSIVA - ART. 1 - CONFERIMENTO DI INCARICO Con il presente contratto TRA,...nato a...il...c.f......e residente a...via......n..., tel..., oppure Società.,

Dettagli

95 00146 1.750,00 07456230585 620609 R.E.A. C.F.

95 00146 1.750,00 07456230585 620609 R.E.A. C.F. REGOLAMENTO INTERNO della FUTURHAUS Società Cooperativa Edilizia a r.l. Sede in Roma Lungotevere di Pietra Papa, 95 00146 Capitale Sociale versato e sottoscritto Euro 1.750,00 Iscritta al n. 07456230585

Dettagli

Comune di Padova REGOLAMENTO PER LE ALIENAZIONI DEL PATRIMONIO IMMOBILIARE DEL COMUNE DI PADOVA

Comune di Padova REGOLAMENTO PER LE ALIENAZIONI DEL PATRIMONIO IMMOBILIARE DEL COMUNE DI PADOVA Comune di Padova REGOLAMENTO PER LE ALIENAZIONI DEL PATRIMONIO IMMOBILIARE DEL COMUNE DI PADOVA Approvato con deliberazione consiliare n. 35 del 3 aprile 2001 INDICE DEGLI ARTICOLI: ART.1 FINALITA ED OGGETTO

Dettagli

COMUNE DI PAGLIETA ( Prov. di Chieti) REGOLAMENTO PER LA LOCAZIONE E CONCESSIONE IN USO DI LOCALI ED IMMOBILI COMUNALI

COMUNE DI PAGLIETA ( Prov. di Chieti) REGOLAMENTO PER LA LOCAZIONE E CONCESSIONE IN USO DI LOCALI ED IMMOBILI COMUNALI COMUNE DI PAGLIETA ( Prov. di Chieti) REGOLAMENTO PER LA LOCAZIONE E CONCESSIONE IN USO DI LOCALI ED IMMOBILI COMUNALI Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 20 del 09/05/2011 Capo I Disposizioni

Dettagli

INDICE. Articolo 2 SANZIONI AMMINISTRATIVE PREVISTE DALL ART. 24, COMMA 3, E DALL ART. 25, COMMA 1, DEL D.P.R. 380/2001

INDICE. Articolo 2 SANZIONI AMMINISTRATIVE PREVISTE DALL ART. 24, COMMA 3, E DALL ART. 25, COMMA 1, DEL D.P.R. 380/2001 COMUNE DI AGUGLIANO PROVINCIA DI ANCONA CRITERI E MODALITÀ DI CALCOLO DELLE SANZIONI AMMINISTRATIVE PECUNIARIE E DELLE SOMME DA CORRISPONDERE A TITOLO DI OBLAZIONE PREVISTE DAGLI ARTT. 24, 25 E 37 DEL

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ALIENAZIONE DEI BENI IMMOBILI COMUNALI

REGOLAMENTO PER L ALIENAZIONE DEI BENI IMMOBILI COMUNALI REGOLAMENTO PER L ALIENAZIONE DEI BENI IMMOBILI COMUNALI Approvato con delibera di Consiglio Comunale n.37 del 25/06/2002. Art. 1 Campo di applicazione 1. Le norme che seguono disciplinano, ai sensi dell

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL TRIBUTO SUI SERVIZI INDIVISIBILI (TASI)

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL TRIBUTO SUI SERVIZI INDIVISIBILI (TASI) Allegato 1) COMUNE DI ROGENO (Prov. LECCO) IMPOSTA UNICA COMUNALE - IUC REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL TRIBUTO SUI SERVIZI INDIVISIBILI (TASI) (art. 1, comma 682, legge 27 dicembre 2013, n. 147) (approvato

Dettagli

REGOLAMENTO DELLE GUARDIE GIURATE VOLONTARIE

REGOLAMENTO DELLE GUARDIE GIURATE VOLONTARIE REGOLAMENTO DELLE GUARDIE GIURATE VOLONTARIE Approvato con delibera di C.P. n. 27 del 20.04.2009 ART. 1 PRINCIPI GENERALI 1. La Provincia riconosce l attività delle Guardie giurate volontarie; promuove

Dettagli

IL PROCESSO AMMINISTRATIVO (aggiornato alla L. 205/2000)

IL PROCESSO AMMINISTRATIVO (aggiornato alla L. 205/2000) IL PROCESSO AMMINISTRATIVO (aggiornato alla L. 205/2000) LA GIURISDIZIONE CFR. CORTE COSTITUZIONALE, 6 LUGLIO 2004, N. 204 (reperibile su www.cortecostituzionale.it ): illegittimità costituzionale dell

Dettagli

SCHEMA DI CONTRATTO-TIPO

SCHEMA DI CONTRATTO-TIPO SCHEMA DI CONTRATTO-TIPO CONTRATTO DI APPALTO PRIVATO PER OPERE RELATIVE A IMMOBILI CIVILI Tra... d ora in avanti denominato il committente residente in. C.F... P. IVA - da una parte e.. d ora in avanti

Dettagli

CITTA DI CASTELPLANIO Provincia di Ancona Ufficio Tecnico

CITTA DI CASTELPLANIO Provincia di Ancona Ufficio Tecnico CITTA DI CASTELPLANIO Provincia di Ancona Ufficio Tecnico REGOLAMENTO PER L ALIENAZIONE E L ACQUISTO DI BENI IMMOBILI APPROVATO CON DELIBERAZIONE DI CONSIGLIO COMUNALE N. 9 DEL 21/04/2012 ART. 1 FINALITA

Dettagli

Le recenti modifiche al Codice della Strada: patente a punti e altre implicazioni operative per le imprese

Le recenti modifiche al Codice della Strada: patente a punti e altre implicazioni operative per le imprese Assolombarda - CdS slides 3 1 Le recenti modifiche al Codice della Strada: patente a punti e altre implicazioni operative per le imprese VITO DATTOLICO Coordinatore Giudici di Pace di Milano Milano, 7

Dettagli

DISCIPLINARE DI AFFIDAMENTO PER L USO DELLA PALESTRA, DEL CAMPO SPORTIVO E DEI LOCALI SCOLASTICI.

DISCIPLINARE DI AFFIDAMENTO PER L USO DELLA PALESTRA, DEL CAMPO SPORTIVO E DEI LOCALI SCOLASTICI. DISCIPLINARE DI AFFIDAMENTO PER L USO DELLA PALESTRA, DEL CAMPO SPORTIVO E DEI LOCALI SCOLASTICI. A.S. 2012/2013 L Istituto scolastico ISTITUTO COMPRENSIVO VIA LUIGI RIZZO, 1 di seguito chiamato scuola,

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA COMUNE DI COLLAGNA PROVINCIA DI REGGIO EMILIA REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA 1 Anno 2012 Approvato con deliberazione di Consiglio Comunale n. 6 del 27.04.2012 IL SINDACO

Dettagli

Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale

Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 329 14.12.2015 Locazione immobili: agevolazioni fiscali Categoria: Finanziaria Sottocategoria: Sblocca Italia L art. 21, D.L. n. 133/2014 prevede

Dettagli

Comune di Prato. Concorso di progettazione in fase unica: Parco Cimiteriale e Tempio Crematorio a Chiesanuova, nel Comune di Prato

Comune di Prato. Concorso di progettazione in fase unica: Parco Cimiteriale e Tempio Crematorio a Chiesanuova, nel Comune di Prato Comune di Prato Servizio Edilizia Pubblica e Cimiteri Concorso di progettazione in fase unica: Parco Cimiteriale e Tempio Crematorio a Chiesanuova, nel Comune di Prato Allegato 11 - Schema disciplinare

Dettagli

COMUNE DI URBINO SETTORE AFFARI INTERNI, CULTURA E TURISMO SERVIZIO FINANZIARIO UFFICIO TRIBUTI REGOLAMENTO GENERALE

COMUNE DI URBINO SETTORE AFFARI INTERNI, CULTURA E TURISMO SERVIZIO FINANZIARIO UFFICIO TRIBUTI REGOLAMENTO GENERALE COMUNE DI URBINO SETTORE AFFARI INTERNI, CULTURA E TURISMO SERVIZIO FINANZIARIO UFFICIO TRIBUTI REGOLAMENTO GENERALE PER LA GESTIONE DELLE ENTRATE COMUNALI APPROVATO con delibera di C.C. n. 19 del 28 Febbraio

Dettagli

MODELLO DI FIDEIUSSIONE BANCARIA [SU CARTA INTESTATA DELLA BANCA]

MODELLO DI FIDEIUSSIONE BANCARIA [SU CARTA INTESTATA DELLA BANCA] MODELLO DI FIDEIUSSIONE BANCARIA [SU CARTA INTESTATA DELLA BANCA] Spett.le Ministero dell ambiente e della tutela del territorio e del mare Direzione Generale per lo Sviluppo Sostenibile, il Clima e l

Dettagli

I LEASING MOBILIARE FINANZIARIO

I LEASING MOBILIARE FINANZIARIO LEASING Sommario Capo I LEASING MOBILIARE FINANZIARIO Definizione Art. 1 Scelta del fornitore e del bene» 2 Forma del contratto» 3 Ordine al fornitore» 4 Consegna» 5 Pagamento del corrispettivo» 6 Assicurazione»

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE DELLE ENTRATE TRIBUTARIE E PATRIMONIALI

REGOLAMENTO COMUNALE DELLE ENTRATE TRIBUTARIE E PATRIMONIALI COMUNE DI FAETO (Prov. di Foggia) REGOLAMENTO COMUNALE DELLE ENTRATE TRIBUTARIE E PATRIMONIALI 1 TITOLO I NORME GENERALI Articolo 1 (Oggetto e finalità del regolamento) 1. Il presente Regolamento ha per

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL TRIBUTO SUI SERVIZI INDIVISIBILI (TASI)

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL TRIBUTO SUI SERVIZI INDIVISIBILI (TASI) COMUNE DI TREPUZZI. (Prov. LECCE) IMPOSTA UNICA COMUNALE - IUC REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL TRIBUTO SUI SERVIZI INDIVISIBILI (TASI) (art. 1, comma 682, legge 27 dicembre 2013, n. 147) (approvato con

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA XIV LEGISLATURA

SENATO DELLA REPUBBLICA XIV LEGISLATURA SENATO DELLA REPUBBLICA XIV LEGISLATURA N. 2714 DISEGNO DI LEGGE presentato dal Presidente del Consiglio dei ministri (BERLUSCONI) e dal Ministro delle attività produttive (MARZANO) di concerto col Ministro

Dettagli

COMUNICATO STAMPA FABBRICATI RURALI: DOMANDE DI VARIAZIONE DELLA CATEGORIA CATASTALE ENTRO IL 30

COMUNICATO STAMPA FABBRICATI RURALI: DOMANDE DI VARIAZIONE DELLA CATEGORIA CATASTALE ENTRO IL 30 COMUNICATO STAMPA FABBRICATI RURALI: DOMANDE DI VARIAZIONE DELLA CATEGORIA CATASTALE ENTRO IL 30 SETTEMBRE 2011 Il decreto del Ministro dell Economia e delle Finanze 14 settembre 2011, pubblicato in data

Dettagli

PRESTAZIONI PROFESSIONALI

PRESTAZIONI PROFESSIONALI PRESTAZIONI PROFESSIONALI fascicolo di supporto alla valutazione delle tariffe dei Revisori Contabili Iscritti all Istituto Nazionale Revisori Contabili Presentazione La prima formazione del Registro dei

Dettagli

LA DIFESA DEL CITTADINO NELL ESPROPRIAZIONE PER P.U.

LA DIFESA DEL CITTADINO NELL ESPROPRIAZIONE PER P.U. LA DIFESA DEL CITTADINO NELL ESPROPRIAZIONE PER P.U. 1 APPOSIZIONE DEL VINCOLO PREORDINATO ALL ESPROPRIO E COMUNICAZIONE DI AVVIO DEL PROCEDIMENTO La questione... 1 Analisi dello scenario... 2 Inquadramento

Dettagli

---------------------------------------. =. ADR NOTARIATO SRL. =. ---------------------------------------

---------------------------------------. =. ADR NOTARIATO SRL. =. --------------------------------------- ---------------------------------------. =. ADR NOTARIATO SRL. =. --------------------------------------- REGOLAMENTO DELLA CAMERA DI CONCILIAZIONE NOTARILE -.-.- I - Definizione 1) La Camera di Conciliazione

Dettagli

IL DIRIGENTE. VISTO il decreto legislativo 1 agosto 2003, n. 259, recante il Codice delle comunicazioni elettroniche, e in particolare l art.

IL DIRIGENTE. VISTO il decreto legislativo 1 agosto 2003, n. 259, recante il Codice delle comunicazioni elettroniche, e in particolare l art. Determinazione n. 4/2012 Oggetto: definizione della controversia XXX/Sky Italia XXX IL DIRIGENTE VISTA la legge 31 luglio 1997, n. 249 Istituzione dell Autorità per le garanzie nelle comunicazioni e norme

Dettagli

FONDAZIONE FORENSE DI PESARO

FONDAZIONE FORENSE DI PESARO FONDAZIONE FORENSE DI PESARO Palazzo di Giustizia, Piazzale Carducci n. 12 GUIDA PRATICA ALL ACQUISTO DI IMMOBILI ALL ASTA Perché acquistare un immobile all asta? Acquistare all asta è spesso più conveniente.

Dettagli

LE NOVITÀ DEL PERIODO (FISCO, BILANCIO E SOCIETÀ) DAL 14 AL 20 FEBBRAIO 2009. Sintesi della legislazione, della prassi e della giurisprudenza

LE NOVITÀ DEL PERIODO (FISCO, BILANCIO E SOCIETÀ) DAL 14 AL 20 FEBBRAIO 2009. Sintesi della legislazione, della prassi e della giurisprudenza LE NOVITÀ DEL PERIODO (FISCO, BILANCIO E SOCIETÀ) DAL 14 AL 20 FEBBRAIO 2009 Sintesi della legislazione, della prassi e della giurisprudenza PRASSI L Agenzia delle entrate ha emanato la circolare n. 4/E

Dettagli

ADEMPIMENTI FISCALI DEL CURATORE FALLIMENTARE. A cura di Alessandro TORCINI. Consultabile su www.fallimento.it (Ultima revisione 6 ottobre 2014)

ADEMPIMENTI FISCALI DEL CURATORE FALLIMENTARE. A cura di Alessandro TORCINI. Consultabile su www.fallimento.it (Ultima revisione 6 ottobre 2014) n.b. data la continua evoluzione della normativa fiscale il curatore è invitato a verificare l attualità degli adempimenti e delle scadenze ADEMPIMENTI FISCALI DEL CURATORE FALLIMENTARE A cura di Alessandro

Dettagli

TITOLO I CRITERI APPLICATIVI DELLE SANZIONI

TITOLO I CRITERI APPLICATIVI DELLE SANZIONI REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELLE SANZIONI AMMINISTRATIVE PREMESSA Art. 1 Oggetto del Regolamento II presente regolamento disciplina i criteri di applicazione delle sanzioni amministrative previste

Dettagli

TRIBUTO PER I SERVIZI INDIVISIBILI (TASI)

TRIBUTO PER I SERVIZI INDIVISIBILI (TASI) COMUNE NONANTOLA (Provincia di Modena) REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DEL TRIBUTO PER I SERVIZI INDIVISIBILI (TASI) Approvato con delibera di C.C. n. 47 del 20/05/2014 1 Indice Art. 1 - Oggetto

Dettagli

MODIFICA REGOLAMENTO DEFINIZIONE AGEVOLATA TRIBUTI COMUNALI

MODIFICA REGOLAMENTO DEFINIZIONE AGEVOLATA TRIBUTI COMUNALI MODIFICA REGOLAMENTO DEFINIZIONE AGEVOLATA TRIBUTI COMUNALI Il presente Regolamento composto da n. 44 articoli, è stato approvato dal Consiglio Comunale nella seduta del 27/07/2003 con atto n. 34. IL SEGRETARIO

Dettagli

Comune di Rubiera. Provincia di Reggio Emilia REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA

Comune di Rubiera. Provincia di Reggio Emilia REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA Comune di Rubiera Provincia di Reggio Emilia REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA Approvato con Delibera di C.C. n. 6 del 28/03/2012 INDICE Art. 1 - Oggetto 3 Art. 2 Abitazione

Dettagli

CITTÀ DI DESENZANO DEL GARDA PROVINCIA DI BRESCIA SETTORE TRIBUTI. Tel. 030 9994230 E-mail: tributi@comune.desenzano.brescia.it. Mini-guida IMU 2012

CITTÀ DI DESENZANO DEL GARDA PROVINCIA DI BRESCIA SETTORE TRIBUTI. Tel. 030 9994230 E-mail: tributi@comune.desenzano.brescia.it. Mini-guida IMU 2012 mod-tribici-015-06.doc5 rev. 6 del 31/05/12 CITTÀ DI DESENZANO DEL GARDA PROVINCIA DI BRESCIA SETTORE TRIBUTI Tel. 030 9994230 E-mail: tributi@comune.desenzano.brescia.it Mini-guida IMU 2012 NOVITA RILEVANTI:

Dettagli

Il catasto. Corso di Estimo - CLA - Prof. E. Micelli

Il catasto. Corso di Estimo - CLA - Prof. E. Micelli Il catasto Cos è il catasto Il Catasto rappresenta l inventario dei beni immobili esistenti sul territorio nazionale è la base per le imposizioni fiscali conserva le informazioni relative a: individuazione

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELLE PROCEDURE DI ALIENAZIONE DEL PATRIMONIO DEL COMUNE

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELLE PROCEDURE DI ALIENAZIONE DEL PATRIMONIO DEL COMUNE REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELLE PROCEDURE DI ALIENAZIONE DEL PATRIMONIO DEL COMUNE Approvato con Delibera del Consiglio Comunale n 53 del 14 settembre 1998 - ART. 1 - OGGETTO E FINALITA DEL

Dettagli

Contratto internazionale di Agenzia

Contratto internazionale di Agenzia Contratto internazionale di Agenzia Tra:.... con sede in (in seguito denominato "il Fabbricante") e: con sede in (in seguito denominato "l'agente") SI CONVIENE QUANTO SEGUE: Art. 1: Territorio e Prodotti

Dettagli

Il catasto 13.XII.2005. Corso di Estimo CLA - Prof. E. Micelli - Aa 2005.06. Cos è il Catasto

Il catasto 13.XII.2005. Corso di Estimo CLA - Prof. E. Micelli - Aa 2005.06. Cos è il Catasto Il catasto 13.XII.2005 Cos è il Catasto Il Catasto rappresenta l inventario dei beni immobili esistenti sul territorio nazionale; è la base per le imposizioni fiscali; conserva le informazioni relative

Dettagli

COMUNE DI CASTEL SANT ELIA (Provincia di Viterbo)

COMUNE DI CASTEL SANT ELIA (Provincia di Viterbo) titolari di incarichi politici ex art. 14 del D.Lgs. n. 33/2013 - Pagina 1 di 9 COMUNE DI CASTEL SANT ELIA (Provincia di Viterbo) Regolamento per l attuazione degli obblighi di trasparenza e di pubblicazione

Dettagli