ESTIMO: LE ESPROPRIAZIONI

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "ESTIMO: LE ESPROPRIAZIONI"

Transcript

1 Stefano Verna Classe 5 A Progetto Cinque I.T.S. Elio Vittorini Sezione C. e A. di Castellamonte ESTIMO: LE ESPROPRIAZIONI L'espropriazione è la privazione forzata del diritto di proprietà, fatta per motivi di pubblico e generale interesse. Il diritto di proprietà privata, pur essendo tutelato nel nostro ordinamento giuridico, e posto in subordine agli interessi della collettività, e l'istituto dell'espropriazione è legittimato dalla Carta costituzionale. Infatti, il secondo comma dell'art. 42 della Costituzione della Repubblica Italiana recita: La proprietà privata è riconosciuta dalla legge, che ne determina i modi d'acquisto, di godimento e i limiti allo scopo di assicurarne Ia funzione sociale e di renderla accessibile a tutti". Il terzo comma però aggiunge: La proprietà privata può essere, nei limiti previsti dalla legge, e salvo indennizzo, espropriata per motivi d'interesse generale. Tali concetti sono ripresi dal codice civile, che all art. 832 recita: "Il proprietario ha diritto di godere e disporre delle cose in modo pieno ed esclusivo, entro i limiti e con l'osservanza degli obblighi stabiliti dell'ordinamento giuridico'', e all'art. 834 aggiunge: "Nessuno può essere privato in tutto o in parte dei beni di sua proprietà, se non per cause di pubblico interesse, legalmente dichiarate, e contro il pagamento di una giusta indennità. Le norme relative all'espropriazione per causa di pubblico interesse sono determinate da leggi speciali". Sintesi storica delle disposizioni di legge Le leggi speciali in materia di espropriazione emanate dall'unità d'italia ad oggi sono numerosissime: fra le tante ricordiamo, per la loro importanza storica e per l'influenza che hanno avuto nella regolamentazione attuale, la legge 25/6/1865 n. 2359, nota come "legge fondamentale", la legge 15/1/1885 n. 2892, denominata "legge Napoli" e la legge 22/10/1971 n. 865, nota come "legge per la casa" con le successive integrazioni e modificazioni. Oltre a leggi specifiche, disposizioni particolari riguardanti le espropriazioni erano contenute in articoli di leggi di portata più generale: ricordiamo l'art. 5 bis della legge 8/8/1992 n Tutte queste leggi o disposizioni particolari hanno dato luogo, in un tempo protrattosi per più di un secolo, a interpretazioni contrastanti, ad un enorme contenzioso, a pronunciamenti della Corte costituzionale e persino ad interpellanze rivolte alla Corte Europea dei diritti dell'uomo. La recente emanazione del decreto del Presidente della Repubblica dell 8/6/2001 n. 327, intitolato "Testo unico delle disposizioni legislative e regolamentari in materia di espropriazione per pubblica utilità", ha dato una nuova sistemazione giuridica alla materia, abrogando tutte le precedenti leggi e norme particolari. 1

2 Le fasi del procedimento espropriativo Il procedimento espropriativo di un bene si svolge per fasi, ciascuna disciplinata da norme precise. La prima è la sottoposizione del bene al vincolo preordinato all'esproprio; la seconda è la dichiarazione di pubblica utilità dell'opera per la quale è richiesta l'acquisizione del bene; la terza è l'emanazione del decreto di esproprio. Un bene è sottoposto a vincolo preordinato all'esproprio quando un piano urbanistico generale (o una sua variante), approvato e divenuto efficace, preveda la realizzazione di u- n'opera pubblica o di pubblica utilità. Il vincolo ha la durata di cinque anni, entro i quali deve essere emanato il provvedimento che comporta la dichiarazione di pubblica utilità. Nel corso dei cinque anni, il Consiglio comunale può disporre che sul bene vincolato siano realizzate opere anche diverse da quelle originariamente previste, e, se non vi è dissenso della Regione, tale disposizione si intende approvata e può essere resa efficace. Dopo la sua decadenza, il vincolo può essere reiterato con la rinnovazione dei procedimenti previsti per la sua applicazione (artt. 9 e 10). La pubblica utilità di un'opera si intende automaticamente dichiarata quando è approvato il progetto definitivo dell'opera medesima o lo strumento urbanistico (o una sua variante) che la prevede (art 12). Il provvedimento che dispone la pubblica utilità può indicare il termine entro il quale il decreto di esproprio dovrà essere eseguito;, se manca tale indicazione, il termine generale è di cinque anni. Per giustificate ragioni e prima della sua scadenza, il termine può essere prorogato per un tempo non superiore a due anni. Se entro la scadenza ultima il decreto di esproprio non viene emanato, la dichiarazione di pubblica utilità decade e diviene inefficace (art. 13). Nella fase di redazione del progetto di un'opera pubblica o di pubblica utilità è data facoltà ai proprietari dei beni espropriandi di formulare osservazioni al responsabile del procedimento espropriativo, e di chiedere eventualmente che l'espropriazione riguardi anche frazioni residue dei beni per i quali risulti disagevole un futuro utilizzo. L'amministrazione può accogliere in tutto o in parte le osservazioni e modificare di conseguenza lo schema del progetto (art. 16). Divenuto efficace l'atto che dichiara la pubblica utilità, il promotore dell'espropriazione compila l'elenco dei beni da espropriare e dei relativi proprietari, ai quali vengono notificate le somme offerte. Per determinare il valore dei beni ai fini della liquidazione dell'indennità (art. 17, comma 3) si può invitare i proprietari a precisare quale sia il valore da attribuire ai beni da espropriare ai fini della determinazione delle indennità (art. 20, commi 1 e 2), fornendo ogni utile elemento alla determinazione dell indennità. Gli interessati possono presentare osservazioni scritte e depositare documenti entro trenta giorni. Valutate le osservazioni, l'autorità espropriante, anche avvalendosi degli uffici degli enti locali, dell'ufficio provinciale dell'agenzia del Territorio e della Commissione provinciale incaricata di definire annualmente i valori agricoli medi dei terreni, determina in via provvisoria l'indennità di espropriazione e la notifica agli interessati. Se il proprietario comunica entro trenta giorni che condivide la determinazione dell'indennità, questa gli viene corrisposta entro sessanta giorni (oltre i quali sono dovuti anche gli interessi legali). 2

3 Il proprietario e il beneficiario dell'esproprio sono allora tenuti a concludere un accordo di cessione volontaria, che va trascritto entro quindici giorni all'ufficio dei registri immobiliari (art 20, commi dal 3 al 9). In caso di non accettazione la somma dell'indennità provvisoria, ridotta del 40% se il bene espropriato è un'area edificabile, viene depositata presso la Cassa depositi e prestiti, e il proprietario è invitato a comunicare se intende avvalersi, per la determinazione definitiva dell indennità, di un collegio peritale costituito da tre tecnici: uno designato da lui stesso, uno dal beneficiario dell'espropriazione e il terzo nominato del presidente del tribunale civile competente per territorio. Se il proprietario non comunica di volersi avvalere del collegio peritale, l'autorità espropriante affida la determinazione dell'indennità alla Commissione provinciale. Avvenuto il pagamento dell'indennità provvisoria condivisa, o il suo deposito presso la Cassa depositi e prestiti in caso di non accettazione, il decreto di esproprio può essere e- manato e dovrà avere esecuzione entro il termine di due anni. La prevista partecipazione degli interessati (e in particolare dei proprietari) tanto nella fase di redazione del progetto di un'opera quanto in quella di attribuzione di valore ai beni da espropriarsi, per giungere ad una determinazione corretta delle indennità, manifesta l'intento del legislatore di evitare al massimo il contenzioso e di favorire gli accordi di cessione volontaria. Per tali accordi la legge prevede particolari vantaggi a favore dei proprietari, come sarà illustrato più avanti. L indennità di espropriazione La stima del valore dei beni da espropriare e la determinazione dell'indennità di espropriazione o del corrispettivo per la cessione volontaria devono farsi osservando le disposizioni contenute negli articoli dal 32 al 42 del Testo Unico. Determinazione del valore di un bene soggetto a espropriazione totale Fatte salve le disposizioni relative ai casi particolari di cui si dirà, il dato basilare per la determinazione dell'indennità di espropriazione è il valore di mercato del bene espropriato. Tale valore è quello che dipende dalle caratteristiche del bene al momento dell'accordo di cessione volontaria o alla data di emanazione del decreto di esproprio, stimato senza tener conto degli effetti del vincolo preordinato all'esproprio né degli effetti che potrà avere l'opera di pubblica utilità, e senza tener conto nemmeno delle costruzioni, delle piantagioni e delle migliorie realizzate dopo l'avvio del procedimento allo scopo di conseguire una maggiore indennità (art. 32). 3

4 Valore della parte espropriata nel caso di espropriazione parziale Di questo caso si occupa l'art. 33 del testo unico, la cui formulazione richiede di essere interpretata. Il comma 1 recita testualmente: "Nel caso di esproprio parziale di un bene unitario, il valore della parte espropriata è determinato tenendo conto della relativa diminuzione di valore". Di tale disposizione è chiaro il senso: la diminuzione del valore è quella che subisce la parte non espropriata. La parte espropriata va perciò stimata per differenza fra il valore di mercato del bene integro e il valore di mercato della parte residua dopo l'esproprio: differenza che, come è noto, rappresenta il valore complementare della parte espropriata. Se dall'esecuzione dell'opera deriva un vantaggio immediato e speciale alla parte non espropriata del bene, dal valore della parte espropriata va detratto l'importo corrispondente al vantaggio (comma 2). Se la detrazione risulta superiore ad un quarto dell'indennità dovuta, il proprietario può abbandonare all'espropriante l'intero bene (dietro pagamento, ovviamente dell'indennità di espropriazione totale). L'espropriante può non accettare l'abbandono, pagando una somma non inferiore ai tre quarti dell'indennità dovuta. In ogni caso, l'indennità dovuta dall'espropriante non può essere inferiore alla metà di quella che spetterebbe al proprietario ai sensi del comma 1 (comma 3). L'indennità di espropriazione per opere private di pubblica utilità L'art. 36 del testo unico recita: Se l'espropriazione è finalizzata alla realizzazione di opere private di pubblica utilità, che non rientrino nell'ambito dell edilizia residenziale pubblica, convenzionata, agevolata o comunque denominata, l'indennità di esproprio è determinata nella misura corrispondente al valor venale del bene. Si ravvisa nel denominato valor venale il valore di mercato di un bene totalmente espropriato o il valore complementare della parte espropriata in caso di espropriazione parziale, stimati rispettivamente come stabilito dagli artt. 32 e 33. In sostanza, se l espropriante è un soggetto privato, l indennità viene fatta pienamente corrispondere al giusto ristoro del pregiudizio sofferto dall espropriato per la perdita totale parziale del bene, secondo un principio di equità al quale si uniformava già la legge fondamentale. Esproprio da parte di un soggetto pubblico di un area edificabile o legittimamente edificata Le modalità di determinazione dell'indennità di esproprio di un'area edificabile sono stabilite dall'art. 37, unitamente all'indicazione dei criteri di distinzione fra aree edificabili e non edificabili. 4

5 L'indennità è data dalla media, ridotta del 40%, fra il valore venale dell'area (V0) e una somma pari al suo reddito dominicale rivalutato e moltiplicato per dieci (comma 1). In simboli si avrà quindi: Ind V = ! R. D.! 0,6 2 La riduzione del 40% non si applica se il proprietario acconsente alla cessione volontaria, o se l'accordo di cessione non è stato concluso per fatto non imputabile all'espropriato, oppure perché a questo sia stata offerta un'indennità provvisoria che, attualizzata, risulti inferiore agli atto decimi di quella determinata in via definitiva (comma 2). L'indennità viene ridotta all'eventuale minor valore indicato nell'ultima dichiarazione ai fini dell'ici presentata dall'espropriato prima della determinazione formale dell'indennità provvisoria (comma 7). Nel caso invece che il valore indicato ai fini dell'ici risulti superiore all'indennità determinata secondo il comma 1, l'espropriante corrisponderà all'espropriato una somma aggiuntiva pari alla differenza fra le maggiori imposte pagate negli ultimi cinque anni rispetto a quelle che sarebbero risultate sulla base di un valore pari all'indennità (comma 8). Qualora l'area edificabile sia utilizzata a scopi agricoli, al proprietario coltivatore diretto spetta un'indennità aggiuntiva pari al valore agricolo medio corrispondente al tipo di coltura effettivamente praticato. La stessa indennità spetta invece al fittavolo (o mezzadro o compartecipante) che coltivi direttamente il fondo da almeno un anno e sia costretto ad abbandonarlo in tutto o in parte (comma 9). Ai fini del riconoscimento dell'edificabilità di un'area valgono le seguenti disposizioni: le possibilità legali od effettive di edificazione sono quelle esistenti al momento dell'emanazione del decreto di esproprio o dell'accordo di cessione volontaria (comma 3); le possibilità legali di edificazione non sussistono quando l'area è sottoposta, in base alla normativa statale o regionale o a qualsiasi atto di pianificazione del territorio, ad un vincolo di inedificabilità assoluta o ad un provvedimento che abbia e- scluso la realizzazione di edifici o manufatti di natura privata (comma 4); i criteri e i requisiti per valutare l'edificabilità di fatto di un'area sono definiti con regolamento da emanare con decreto del Ministro dei Lavori pubblici (comma 5); fino all'entrata in vigore del regolamento suddetto, le possibilità effettive di edificazione sono da verificare valutando le caratteristiche oggettive dell'area (comma 6): esistenza di strade pubbliche di collegamento con il nucleo urbano, presenza di servizi pubblici necessari alla vita cittadina, esistenza di una domanda a scopo edificatorio congiunta ad un'edificazione già iniziata e non abusiva. Se l'espropriazione riguarda un costruzione legittimamente edificata, l'indennità è pari al suo valore di mercato, che deve intendersi comprensivo di area e di fabbricato. Se la costruzione risulta realizzata in assenza della concessione edilizia o in difformità, l'indennità è determinata tenendo conto della sola area, secondo le disposizioni dell'art. 37 (art. 38). Le disposizioni degli artt. 37 e 38 si possono così riassumere: l'indennità di espropriazione per un'area edificabile è pari alla media, ridotta del 40%, fra il suo valore venale e dieci volte il suo reddito dominicale rivalutato; 5

6 la riduzione del 40% non si applica in caso di cessione volontaria, o anche quando questa non c'è stata per cause non imputabili al proprietario o perché l'indennità provvisoria era inferiore agli otto decimi di quella definitiva; l'indennità viene ridotta all'eventuale minor valore denunciato ai fini dell'ici; l'indennità viene aumentata delle imposte pagate in più negli ultimi cinque anni rispetto a quelle che sarebbero risultate sulla base di un imponibile pari all'indennità; se l'area edificabile è utilizzata a scopo agricolo, al proprietario coltivatore diretto spetta un'indennità aggiuntiva pari al valore agricolo medio delle colture effettivamente praticate; in alternativa al proprietario, tale indennità spetta al fittavolo ( mezzadro o compartecipante) che coltivi direttamente il fondo da almeno un anno; se l'area è legittimamente edificata, l'indennità è pari al valore di mercato del fabbricato; se il fabbricato è abusivo o irregolare, l'indennità è quella che compete alla sola area. Esproprio da parte di un soggetto pubblico di un area non edificabile Il comma 1 dell'art. 40 del testo unico recita testualmente: Nel caso di esproprio di un'area non edificabile, l'indennità è determinata in base al criterio del valore agricolo, tenendo conto delle colture effettivamente praticate sul fondo e del valore dei manufatti edilizi legittimamente realizzati, anche in relazione all'esercizio dell'azienda agricola, senza valutare la possibile o l'effettiva utilizzazione diversa da quella agricola". Tale disposto richiede una spiegazione e un'interpretazione, che può essere data alla luce della dottrina estimativa e per analogia con le vecchie disposizioni di legge. Il principio di basare l'indennità di esproprio sui valori agricoli medi dei terreni è stato ripreso dalla legge n. 865/1971. Tali valori sono determinati, entro il 31 gennaio di ogni anno, da un'apposita Commissione provinciale, e si riferiscono, per ogni regione agraria in cui viene suddiviso il territorio della provincia, ai terreni delle diverse qualità di coltura considerati liberi da vincoli di contratti agrari. Quale sia il valore da attribuire ai terreni effettivamente coltivati appare così chiarito. Rimangono da fare precisazioni circa il valore dei manufatti edilizi legittimamente realizzati. Poiché i fabbricati rurali non hanno mercato, per "valore dei manufatti edilizi" non può che intendersi il loro valor di costo di ricostruzione, stimato tenendo conto del relativo stato di conservazione. Tale valore riguarda però i soli manufatti e non l'area di sedime, il cui valore, come quello di tutte le aree non effettivamente coltivate (aie, strade, ecc.) va commisurato al valore agricolo medio della coltura prevalente nella zona, secondo il disposto del comma 2 dell'art. 40. Al proprietario coltivatore diretto o imprenditore agricolo a titolo principale spetta u- n'indennità aggiuntiva pari al valore agricolo medio dei terreni effettivamente coltivati (comma 4 dell'art. 40). Un'indennità pari a quella aggiuntiva per il proprietario spetta al fittavolo (o mezzadro o compartecipante) che sia costretto ad abbandonare in tutto o in parte 6

7 il fondo direttamente coltivato da almeno un anno prima della data in cui è stata dichiarata la pubblica utilità (art. 42, comma 1). In ogni caso, l'indennità per il proprietario è aumentata delle somme da lui pagate per qualsiasi imposta relativa all'ultimo trasferimento dell'immobile (comma 5 dell'ari. 40). Si possono così riassumere le disposizioni degli artt. 40 e 42: al proprietario di un'area non edificabile spetta un'indennità che comprende il valore agricolo medio delle colture effettivamente praticate, più il valore dei terreni non coltivati commisurato al valore agricolo medio della coltura prevalente nella zona, più il valore di ricostruzione dei fabbricati legittimamente realizzati; al proprietario coltivatore diretto o imprenditore agricolo a titolo principale spetta un'indennità aggiuntiva pari al valore agricolo delle colture effettivamente praticate; l'indennità per il proprietario è aumentata delle somme da lui pagate per imposte relative all'ultimo trasferimento dell'immobile; al fittavolo (o mezzadro o compartecipante), che coltivi i terreni espropriati da almeno un anno prima della dichiarazione di pubblica utilità, spetta un'indennità pari al valore agricolo delle colture effettivamente praticate. La cessione volontaria L'accordo di cessione volontaria, che può essere concluso in qualsiasi momento prima che sia eseguito il decreto di esproprio, rappresenta la soluzione più auspicabile dell'iter di acquisizione di un bene per l'esecuzione di un'opera pubblica o di pubblica utilità. La legge cerca di favorirlo disponendo corrispettivi di cessione maggiori di quelle che sarebbero le indennità di esproprio in caso di mancato accordo. Le maggiorazioni concesse, stabilite dall'art. 45 del testo unico, sono le seguenti: se la cessione riguarda un'area edificabile, il corrispettivo calcolato ai sensi dell'art. 37 (media fra il valore venale e il R.D. moltiplicato per 10) non subisce la riduzione del 40%; se la cessione riguarda un'area non edificabile, il corrispettivo è calcolato aumentando del 50% l'indennità determinata come stabilito dai commi 1 e 2 dell'art 40 (valore agricolo delle colture effettivamente praticate e valore agricolo della coltura prevalente nella zona per le aree non coltivate), con esclusione del valore dei manufatti; se la cessione riguarda un'area non edificabile coltivata direttamente dal proprietario, il corrispettivo è calcolato moltiplicando per tre l'indennità determinata come stabilito dal comma 1 dell'art. 40 (valore agricolo delle colture effettivamente praticate). 7

Gli aspetti procedurali ed estimativi

Gli aspetti procedurali ed estimativi L espropriazione per pubblica utilità. Gli aspetti procedurali ed estimativi 10.XII.2013 La definizione dell espropriazione Lo scopo dell'espropriazione è quello di trasferire coattivamente la proprietà

Dettagli

ESPROPRIAZIONE PER PUBBLICA UTILITA

ESPROPRIAZIONE PER PUBBLICA UTILITA ESPROPRIAZIONE PER PUBBLICA UTILITA RIFERIMENTI NORMATIVI GENERALI ART. 42 COSTITUZIONE (1948) La proprietà è riconosciuta e garantita dalla legge, che ne determina i modi di acquisto, di godimento ed

Dettagli

ESPROPRIAZIONE PER PUBBLICA UTILITA

ESPROPRIAZIONE PER PUBBLICA UTILITA ESPROPRIAZIONE PER PUBBLICA UTILITA 1) Che cosa stabilisce la costituzione e il codice civile in materia di diritto alla proprietà privata e di esproprio. L art. 42 della costituzione stabilisce che la

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE MODALITA' DI CALCOLO DELL'INDENNITA' PREVISTA DALL'ART.15 DELLA LEGGE 29/6/39 N.1497.

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE MODALITA' DI CALCOLO DELL'INDENNITA' PREVISTA DALL'ART.15 DELLA LEGGE 29/6/39 N.1497. REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE MODALITA' DI CALCOLO DELL'INDENNITA' PREVISTA DALL'ART.15 DELLA LEGGE 29/6/39 N.1497. Art. 1 - L'indennità risarcitoria di cui all'art.15 L. 29 giugno 1939 n.1497 si

Dettagli

Note di aggiornamento Luglio 2008

Note di aggiornamento Luglio 2008 G. Zagrebelsky - G. Oberto - G. Stalla - C. Trucco COMPENDIO DI DIRITTO Note di aggiornamento Luglio 2008 1. Modifiche al codice civile in materia di patto di famiglia 2. Indennità di espropriazione delle

Dettagli

COMUNE DI CASTROFILIPPO PROV. DI AGRIGENTO

COMUNE DI CASTROFILIPPO PROV. DI AGRIGENTO COMUNE DI CASTROFILIPPO PROV. DI AGRIGENTO REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA Anno 2012 1 INDICE Art. 1 Oggetto Art. 2 Abitazione posseduta a titolo di proprietà o di usufrutto

Dettagli

MINISTERO DELLE INFRASTRUTTURE E DEI TRASPORTI

MINISTERO DELLE INFRASTRUTTURE E DEI TRASPORTI MINISTERO DELLE INFRASTRUTTURE E DEI TRASPORTI DECRETO 8 settembre 2015 Modalita' di attuazione e procedure di verifica ai sensi dell'articolo 21, comma 6, del decreto legge 12 settembre 2014, n. 133,

Dettagli

Indice generale. Premessa...1. Individuazione delle aree oggetto di esproprio...2. Individuazione delle aree oggetto di servitù...

Indice generale. Premessa...1. Individuazione delle aree oggetto di esproprio...2. Individuazione delle aree oggetto di servitù... Indice generale Premessa...1 Individuazione delle aree oggetto di esproprio...2 Individuazione delle aree oggetto di servitù...3 Individuazione delle aree oggetto di occupazione temporanea...4 Valori base

Dettagli

OGGETTO: disegno di legge in materia di riforma del mercato del lavoro

OGGETTO: disegno di legge in materia di riforma del mercato del lavoro LINEA DI PRODOTTO PREVIDENZA PA OGGETTO: disegno di legge in materia di riforma del mercato del lavoro Nei giorni scorsi è stato varato dal Governo il disegno di legge recante disposizioni in materia di

Dettagli

ITG A. POZZO LEZIONI DI ESTIMO. Stima delle espropriazioni. Classi 5^ LB-LC-SA Anno scolastico 2009/10. Prof. Romano Oss

ITG A. POZZO LEZIONI DI ESTIMO. Stima delle espropriazioni. Classi 5^ LB-LC-SA Anno scolastico 2009/10. Prof. Romano Oss ITG A. POZZO LEZIONI DI ESTIMO Stima delle espropriazioni Classi 5^ LB-LC-SA Anno scolastico 2009/10 Prof. Romano Oss La sovranità del privato cittadino viene limitata a vantaggio della sovranità della

Dettagli

REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELL IMPOSTA COMUNALE. 1. Il presente Regolamento integra le norme di legge che disciplinano l'imposta

REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELL IMPOSTA COMUNALE. 1. Il presente Regolamento integra le norme di legge che disciplinano l'imposta REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELL IMPOSTA COMUNALE SUGLI IMMOBILI CAPO I NORME GENERALI ART. 1 - OGGETTO E SCOPO DEL REGOLAMENTO 1. Il presente Regolamento integra le norme di legge che disciplinano

Dettagli

COMUNE DI CASTELNUOVO BERARDENGA. (Provincia di Siena) REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA

COMUNE DI CASTELNUOVO BERARDENGA. (Provincia di Siena) REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA COMUNE DI CASTELNUOVO BERARDENGA (Provincia di Siena) REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA Approvato con delibera del Consiglio Comunale n. 86 del 19.10.2015 INDICE Art. 1 Oggetto

Dettagli

C O M U N E D I S O V E R E PROVINCIA DI BERGAMO SCHEMA REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA I.M.U.

C O M U N E D I S O V E R E PROVINCIA DI BERGAMO SCHEMA REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA I.M.U. C O M U N E D I S O V E R E PROVINCIA DI BERGAMO SCHEMA REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA I.M.U. INDICE Art. 1 - Oggetto 3 Art. 2 Definizione abitazione principale - pertinenze

Dettagli

COMUNE DI CARMIGNANO DI BRENTA REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA

COMUNE DI CARMIGNANO DI BRENTA REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA COMUNE DI CARMIGNANO DI BRENTA REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA Approvato con delibera del Consiglio Comunale n. 21 del 31/07/2012 INDICE Art. 1 - Oggetto del regolamento Pag.

Dettagli

Quesito: modifica destinazione uso in zona agricola

Quesito: modifica destinazione uso in zona agricola Quesito: modifica destinazione uso in zona agricola Un vecchio fabbricato edificato nella prima metà del secolo scorso nel territorio rurale, ad uso abitativo, non legato ad alcuna azienda agricola o coltivatore

Dettagli

COMUNE DI SANTO STEFANO DEL SOLE Provincia di Avellino REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA IMU

COMUNE DI SANTO STEFANO DEL SOLE Provincia di Avellino REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA IMU COMUNE DI SANTO STEFANO DEL SOLE Provincia di Avellino REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA IMU (approvato con Delibera di Consiglio Comunale n.22/2012) (modificato ed integrato

Dettagli

INDICE. Articolo 2 SANZIONI AMMINISTRATIVE PREVISTE DALL ART. 24, COMMA 3, E DALL ART. 25, COMMA 1, DEL D.P.R. 380/2001

INDICE. Articolo 2 SANZIONI AMMINISTRATIVE PREVISTE DALL ART. 24, COMMA 3, E DALL ART. 25, COMMA 1, DEL D.P.R. 380/2001 COMUNE DI AGUGLIANO PROVINCIA DI ANCONA CRITERI E MODALITÀ DI CALCOLO DELLE SANZIONI AMMINISTRATIVE PECUNIARIE E DELLE SOMME DA CORRISPONDERE A TITOLO DI OBLAZIONE PREVISTE DAGLI ARTT. 24, 25 E 37 DEL

Dettagli

COMUNE DI CASTELLEONE IMU REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA

COMUNE DI CASTELLEONE IMU REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA COMUNE DI CASTELLEONE IMU REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA INDICE Art. 1 - Oggetto 3 Art.2 Abitazione principale 3 Art. 3 Pertinenze 3 Art. 4 Detrazioni figli 3 Art. 5 Abitazione

Dettagli

Comune di Pian di Scò Provincia di Arezzo. REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA Anno 2012

Comune di Pian di Scò Provincia di Arezzo. REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA Anno 2012 REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA Anno 2012 INDICE Art. 1 - Oggetto 3 Art. 2 Aliquota di base 3 Art. 3 Aliquota ridotta 3 Art. 4 - Immobili a disposizione 4 Art. 5 - Determinazione

Dettagli

Allegato a delibera c.c. n. 14 del 30.03.2012. Comune di Bagnolo Cremasco REGOLAMENTO PER LA

Allegato a delibera c.c. n. 14 del 30.03.2012. Comune di Bagnolo Cremasco REGOLAMENTO PER LA Allegato a delibera c.c. n. 14 del 30.03.2012 Comune di Bagnolo Cremasco REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL IMPOSTA MUNICIPALE Anno 2012 PROPRIA 9 INDICE Art. 1 - Oggetto 11 Art. 2 Abitazione principale

Dettagli

Titolo I - OGGETTO ED AMBITO DI APPLICAZIONE DEL TESTO UNICO. Art. 1. Oggetto (L)

Titolo I - OGGETTO ED AMBITO DI APPLICAZIONE DEL TESTO UNICO. Art. 1. Oggetto (L) Decreto del Presidente della Repubblica 8 giugno 2001, n. 327 Testo unico delle disposizioni legislative e regolamentari in materia di espropriazione per pubblica utilità (G.U. 16 agosto 2001, n. 189,

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA INDICE Art. 1 - Oggetto 2 Art. 2 Abitazione posseduta a titolo di proprietà o di usufrutto da anziani o disabili che acquisiscono la residenza

Dettagli

COMUNE DI PINASCA Provincia di TORINO

COMUNE DI PINASCA Provincia di TORINO COMUNE DI PINASCA Provincia di TORINO REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA I.M.U. (Approvato con Deliberazione Consiliare n. 10 del 15.05.2012) 1 Art. 1 - OGGETTO 1. Il presente

Dettagli

Comune di. Ala dei Sardi. Prov. Olbia tempio. Regolamento per la disciplina dell imposta comunale propria

Comune di. Ala dei Sardi. Prov. Olbia tempio. Regolamento per la disciplina dell imposta comunale propria Comune di Ala dei Sardi Prov. Olbia tempio Regolamento per la disciplina dell imposta comunale propria Art.1 : Oggetto 1. Il presente Regolamento, adottato nell'ambito della potestà prevista dagli articoli

Dettagli

APPROVATO CON DELIBERA DI C.C. N.76 DEL 28/12/01 COMUNE DI RIETI REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE ENTRATE

APPROVATO CON DELIBERA DI C.C. N.76 DEL 28/12/01 COMUNE DI RIETI REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE ENTRATE APPROVATO CON DELIBERA DI C.C. N.76 DEL 28/12/01 COMUNE DI RIETI REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE ENTRATE INDICE Art. 1 - Oggetto e finalità del regolamento Art. 2 - Definizione delle entrate Art. 3

Dettagli

CITTÀ DI BORGARO TORINESE PROVINCIA di TORINO C.A.P. 10071

CITTÀ DI BORGARO TORINESE PROVINCIA di TORINO C.A.P. 10071 CITTÀ DI BORGARO TORINESE PROVINCIA di TORINO C.A.P. 10071 www.comune.borgaro-torinese.to.it REGOLAMENTO GENERALE PER LA DISCIPLINA DELLE ENTRATE COMUNALI INDICE Articolo D E S C R I Z I O N E 1 2 3 4

Dettagli

Legge del 22/10/1971 n.865 ( Gazz. Uff., 30 ottobre 1971, n. 276 )

Legge del 22/10/1971 n.865 ( Gazz. Uff., 30 ottobre 1971, n. 276 ) Legge del 22/10/1971 n.865 ( Gazz. Uff., 30 ottobre 1971, n. 276 ) Programmi e coordinamento dell'edilizia residenziale pubblica; norme sulla espropriazione per pubblica utilità; modifiche ed integrazioni

Dettagli

Legge 15 luglio 1966 n. 604 Norme sui licenziamenti individuali. pubblicata nella G.U. n. 195 del 6 agosto 1966. con le modifiche della

Legge 15 luglio 1966 n. 604 Norme sui licenziamenti individuali. pubblicata nella G.U. n. 195 del 6 agosto 1966. con le modifiche della Legge 15 luglio 1966 n. 604 Norme sui licenziamenti individuali pubblicata nella G.U. n. 195 del 6 agosto 1966 con le modifiche della legge 4 novembre 2010, n. 183 (c.d. Collegato Lavoro) Legge 28 giugno

Dettagli

ORDINANZA RESPONSABILE DI SERVIZIO N. 8 del 05.02.2009

ORDINANZA RESPONSABILE DI SERVIZIO N. 8 del 05.02.2009 Comune di RIO MARINA Provincia di Livorno ORDINANZA RESPONSABILE DI SERVIZIO N. 8 del 05.02.2009 Oggetto: ingiunzione alla demolizione opere abusive Servizio: SERVIZIO 3 - ASSETTO DEL TERRITORIO / Ufficio

Dettagli

LEGGE 29 settembre 1964, n. 847 (1)

LEGGE 29 settembre 1964, n. 847 (1) LEGGE 29 settembre 1964, n. 847 (1) (1) In G.U. 8 ottobre 1964, n. 248 Autorizzazione ai Comuni e loro Consorzi a contrarre mutui per l'acquisizione delle aree ai sensi della L. 18 aprile 1962, n. 167

Dettagli

Università Roma Tre CdLM Architettura - Progettazione urbana

Università Roma Tre CdLM Architettura - Progettazione urbana Università Roma Tre CdLM Architettura - Progettazione urbana Laboratorio di Urbanistica 1 Titolarità del Laboratorio: Simone Ombuen Anno accademico 2012-2013 secondo semestre Modulo Diritto (4 cfu) Docente:

Dettagli

Guida pratica sulle principali fasi della procedura espropriativa per l esecuzione di opere di pubblica utilità.

Guida pratica sulle principali fasi della procedura espropriativa per l esecuzione di opere di pubblica utilità. Guida pratica sulle principali fasi della procedura espropriativa per l esecuzione di opere di pubblica utilità. CAP.1: Presupposti per l avvio della procedura espropriativa. La presente guida si riferisce

Dettagli

INDICE Art. 1 - Oggetto 3 Art. 2 Abitazione posseduta a titolo di proprietà o di usufrutto da anziani o disabili che acquisiscono la residenza in

INDICE Art. 1 - Oggetto 3 Art. 2 Abitazione posseduta a titolo di proprietà o di usufrutto da anziani o disabili che acquisiscono la residenza in Allegato alla deliberazione di C.C. n. 4 del 12.03.2012 COMUNE DI VENTOTENE Provincia di Latina Regolamento Comunale per la disciplina dell Imposta Municipale Propria I.M.U. 1 INDICE Art. 1 - Oggetto 3

Dettagli

AZIENDA TERRITORIALE PER L EDILIZIA RESIDENZIALE DELLA PROVINCIA DI VENEZIA *** COMUNE DI SPINEA ***

AZIENDA TERRITORIALE PER L EDILIZIA RESIDENZIALE DELLA PROVINCIA DI VENEZIA *** COMUNE DI SPINEA *** AZIENDA TERRITORIALE PER L EDILIZIA RESIDENZIALE DELLA PROVINCIA DI VENEZIA *** COMUNE DI SPINEA *** ATTO DI MODIFICA DELL ACCORDO DI PROGRAMMA 6.10.2005 Il giorno del mese di dell anno 2014 nel Comune

Dettagli

VIA PALINURO RELAZIONE DI STIMA E QUANTIFICAZIONE DELL'INDENNITÀ DI ESPROPRIAZIONE

VIA PALINURO RELAZIONE DI STIMA E QUANTIFICAZIONE DELL'INDENNITÀ DI ESPROPRIAZIONE VIA PALINURO RELAZIONE DI STIMA E QUANTIFICAZIONE DELL'INDENNITÀ DI ESPROPRIAZIONE 1 Premessa. La costituzione in ordine alla proprietà si esprime come di seguito (Costituzione - Art. 42 - secondo e terzo

Dettagli

COMUNE DI LARI Provincia di Pisa

COMUNE DI LARI Provincia di Pisa COMUNE DI LARI Provincia di Pisa DETERMINAZIONE N. 519 Numerazione servizio 201 Data di registrazione 17/12/2009 COPIA Oggetto : DECRETO DI ESPROPRIO RELATIVO A PROCEDIMENTO ESPROPRIATIVO PER PUBBLICA

Dettagli

Decreto Legislativo 18 agosto 2000, n. 267. "Testo unico delle leggi sull'ordinamento degli enti locali"

Decreto Legislativo 18 agosto 2000, n. 267. Testo unico delle leggi sull'ordinamento degli enti locali Decreto Legislativo 18 agosto 2000, n. 267 "Testo unico delle leggi sull'ordinamento degli enti locali" pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n. 227 del 28 settembre 2000 - Supplemento Ordinario n. 162 TITOLO

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA (REGOLAMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO COMUNALE IN DATA 30.10.2012 CON DELIBERAZIONE N. 60/121562) INDICE Art. 1 Oggetto..pag. 3 Art. 2 Abitazione

Dettagli

Definizione, quantificazione e trasferimento dei «crediti edilizi»

Definizione, quantificazione e trasferimento dei «crediti edilizi» Ordine degli Architetti, Pianificatori, Paesaggisti e Conservatori di Bologna INU Istituto Nazionale di Urbanistica - Sezione Emilia Romagna Ordine degli Ingegneri della Provincia di Bologna Definizione,

Dettagli

DECRETO DI ESPROPRIO DECRETO DI ESPROPRIO ESECUZIONE DECRETO DI ESPROPRIO PRESUPPOSTI

DECRETO DI ESPROPRIO DECRETO DI ESPROPRIO ESECUZIONE DECRETO DI ESPROPRIO PRESUPPOSTI DECRETO DI ESPROPRIO GENERALITÀ - La procedura espropriativa, non interrotta dalla cessione volontaria del bene da parte dell'espropriato, si conclude con l'emissione del decreto di espropriazione, con

Dettagli

REGOLAMENTO PER L IMPIEGO E L EROGAZIONE DEL SOVRACANONE

REGOLAMENTO PER L IMPIEGO E L EROGAZIONE DEL SOVRACANONE REGOLAMENTO PER L IMPIEGO E L EROGAZIONE DEL SOVRACANONE Art. 1 Il Presente Regolamento provvede a disciplinare l'uso e l'erogazione delle somme attribuite al Consorzio dei Comuni della provincia di Udine

Dettagli

Parere n. 55/2010 Vincolo convenzionale del prezzo di cessione di alloggi di edilizia economica popolare. Caducazione

Parere n. 55/2010 Vincolo convenzionale del prezzo di cessione di alloggi di edilizia economica popolare. Caducazione Parere n. 55/2010 Vincolo convenzionale del prezzo di cessione di alloggi di edilizia economica popolare. Caducazione Vengono posti al Servizio scrivente diversi quesiti in ordine alla caducazione del

Dettagli

Comune di Ossona GUIDA AL CALCOLO ACCONTO IMU E TASI 2015

Comune di Ossona GUIDA AL CALCOLO ACCONTO IMU E TASI 2015 Comune di Ossona GUIDA AL CALCOLO ACCONTO IMU E TASI 2015 SI AVVISA CHE I PAGAMENTI IN ACCONTO (50% DELL IMPOSTA DOVUTA) CON SCADENZA 16 GIUGNO 2015 DI IMU E TASI DOVRANNO ESSERE EFFETTUATI UTILIZZANDO

Dettagli

VALUTAZIONE AUTOMATICA DEI FABBRICATI AI FINI INVIM: DIFFERENZE NELLA CONSISTENZA DELLE UNITA IMMOBILIARI ALLA DATA DELL ATTO RISPETTO AL 31 DICEMBRE

VALUTAZIONE AUTOMATICA DEI FABBRICATI AI FINI INVIM: DIFFERENZE NELLA CONSISTENZA DELLE UNITA IMMOBILIARI ALLA DATA DELL ATTO RISPETTO AL 31 DICEMBRE VALUTAZIONE AUTOMATICA DEI FABBRICATI AI FINI INVIM: DIFFERENZE NELLA CONSISTENZA DELLE UNITA IMMOBILIARI ALLA DATA DELL ATTO RISPETTO AL 31 DICEMBRE 1992 Si chiede di conoscere quali siano le conseguenze

Dettagli

COMUNE DI MELAZZO PROVINCIA DI ALESSANDRIA REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELL IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA

COMUNE DI MELAZZO PROVINCIA DI ALESSANDRIA REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELL IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA COMUNE DI MELAZZO PROVINCIA DI ALESSANDRIA REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELL IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA Approvato con Deliberazione del Consiglio Comunale n. 09 del 01 Ottobre 2012 ARTICOLO N. 1 OGGETTO

Dettagli

CONTRIBUTI RELATIVI AGLI ONERI DI URBANIZZAZIONE E COSTO DI COSTRUZIONE

CONTRIBUTI RELATIVI AGLI ONERI DI URBANIZZAZIONE E COSTO DI COSTRUZIONE Urbanistica Edilizia privata Comune di Fauglia Provincia di Pisa CONTRIBUTI RELATIVI AGLI ONERI DI URBANIZZAZIONE E COSTO DI COSTRUZIONE DISCIPLINA IN MATERIA DI SANZIONI AMMINISTRATIVE DI CUI L ART. 140

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DEFINIZIONE AGEVOLATA DELL IMPOSTA COMUNALE SUGLI IMMOBILI (I.C.I.) PER LE AREE FABBRICABILI

REGOLAMENTO PER LA DEFINIZIONE AGEVOLATA DELL IMPOSTA COMUNALE SUGLI IMMOBILI (I.C.I.) PER LE AREE FABBRICABILI REGOLAMENTO PER LA DEFINIZIONE AGEVOLATA DELL IMPOSTA COMUNALE SUGLI IMMOBILI (I.C.I.) PER LE AREE FABBRICABILI Art. 1 Oggetto 1. Il presente regolamento, adottato in applicazione delle disposizioni dell

Dettagli

ANTICIPATA VIA FAX. All Avvocatura Regionale SEDE. All Assessore alle Politiche dei Lavori Pubblici e Sport Massimo Giorgetti SEDE

ANTICIPATA VIA FAX. All Avvocatura Regionale SEDE. All Assessore alle Politiche dei Lavori Pubblici e Sport Massimo Giorgetti SEDE Ministero delle infrastrutture e dei trasporti Circolare 5 agosto 2009 (in G.U. n. 187 del 13 agosto 2009) Nuove norme tecniche per le costruzioni approvate con decreto del Ministro delle infrastrutture

Dettagli

PIANO PARTICELLARE DI ESPROPRIO

PIANO PARTICELLARE DI ESPROPRIO STAZIONE DI CAPODICHINO PIANO PARTICELLARE DI ESPROPRIO 1. PREMESSA 2. MAPPA CATASTALE 3. LA GEOREFERENZIAZIONE 4. LE TAVOLE GRAFICHE DEL PIANO PARTICELLARE 4.1. LA SIMBOLOGIA DEI TITOLI DI OCCUPAZIONE

Dettagli

Studio Campasso Associati Corso Marconi 38, 10125 Torino Telefono 0116698083 Fax 0116698132 e-mail

Studio Campasso Associati Corso Marconi 38, 10125 Torino Telefono 0116698083 Fax 0116698132 e-mail Studio Campasso Associati Corso Marconi 38, 10125 Torino Telefono 0116698083 Fax 0116698132 e-mail info@studiocampasso.it www.studiocampasso.it Informativa n. 22 del 27 luglio 2011 DL 13.5.2011 n. 70 convertito

Dettagli

RISOLUZIONE N. 74/E ESPOSIZIONE DEL QUESITO

RISOLUZIONE N. 74/E ESPOSIZIONE DEL QUESITO RISOLUZIONE N. 74/E Direzione Centrale Normativa Roma, 27 agosto 2015 OGGETTO: Interpello art. 11, legge 27 luglio 2000, n. 212 - Condominio minimo - Detrazione spese per interventi edilizi - art. 16-bis

Dettagli

Roma, 14/03/2013. e, per conoscenza, Circolare n. 37

Roma, 14/03/2013. e, per conoscenza, Circolare n. 37 Direzione Centrale Prestazioni a Sostegno del Reddito Direzione Centrale Sistemi Informativi e Tecnologici Direzione Centrale Bilanci e Servizi Fiscali Roma, 14/03/2013 Circolare n. 37 Ai Dirigenti centrali

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA Provincia di Pordenone. SETTORE VIABILITA' STRADALE Espropriazione

REPUBBLICA ITALIANA Provincia di Pordenone. SETTORE VIABILITA' STRADALE Espropriazione REPUBBLICA ITALIANA Provincia di Pordenone SETTORE VIABILITA' STRADALE Espropriazione Proposta nr. 91 del 19/08/2014 - Determinazione nr. 2223 del 19/08/2014 OGGETTO: Lavori di realizzazione della Circonvallazione

Dettagli

Comune di Venzone Provincia di Udine

Comune di Venzone Provincia di Udine Medaglia d'oro al merito civile Comune di Venzone Provincia di Udine Piazza Municipio, n 1-33010 Ufficio Tributi - Primo piano REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL'IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA Approvato con

Dettagli

Titolo I OGGETTO ED AMBITO DI APPLICAZIONE DEL TESTO UNICO

Titolo I OGGETTO ED AMBITO DI APPLICAZIONE DEL TESTO UNICO Decreto del Presidente della Repubblica 8 giugno 2001, n. 327 Testo unico delle disposizioni legislative e regolamentari in materia di espropriazione per pubblica utilità (testo A). (pubblicato nella G.U.

Dettagli

Il Decreto del Fare : le novità per il settore privato

Il Decreto del Fare : le novità per il settore privato Direzione Legislazione Mercato Privato Il Decreto del Fare : le novità per il settore privato CAGLIARI, 27 settembre 2013 Semplificazioni in materia edilizia Art. 30 Semplificazioni per la ristrutturazione

Dettagli

Comune di Suni Provincia di Oristano

Comune di Suni Provincia di Oristano Comune di Suni Provincia di Oristano REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA DEL COMUNE DI SUNI Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 06 del 02.04.2012 Il Sindaco

Dettagli

REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELL IMPOSTA COMUNALE SUGLI IMMOBILI

REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELL IMPOSTA COMUNALE SUGLI IMMOBILI COMUNE DI ISOLA VICENTINA Provincia di Vicenza REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELL IMPOSTA COMUNALE SUGLI IMMOBILI Approvato con Delibera di Consiglio Comunale n. 12 del 28.02.2000 1 INDICE TITOLO I DISPOSIZIONI

Dettagli

Risoluzione n. 78/E. Quesito

Risoluzione n. 78/E. Quesito Risoluzione n. 78/E Normativa e Contenzioso Direzione Centrale Roma, 31 marzo 2003 Oggetto: Determinazione della plusvalenza derivante dalla cessione di immobili acquistati per usucapione IRPEF DPR 22

Dettagli

Legge 21 novembre 2000, n. 342. Misure in materia fiscale

Legge 21 novembre 2000, n. 342. Misure in materia fiscale Legge 21 novembre 2000, n. 342 Misure in materia fiscale Pubblicata nella Gazzetta Ufficiale n. 276 del 25 novembre 2000 - Supplemento Ordinario Capo I DISPOSIZIONI IN MATERIA DI IMPOSTE SUI REDDITI Art.

Dettagli

Il bonus arredi per il 2015

Il bonus arredi per il 2015 Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 132 23.04.2015 Il bonus arredi per il 2015 Categoria: Irpef Sottocategoria: Detrazione 36% Come noto la Legge di Stabilità 2015 ha prorogato fino

Dettagli

REGOLAMENTO I.M.P. Imposta Municipale Propria

REGOLAMENTO I.M.P. Imposta Municipale Propria REGOLAMENTO I.M.P. Imposta Municipale Propria ex art. 52 del D.Lgs. 15 dicembre 1997 n. 446 (delibera C.C. n 03 del 13/03/2012) (delibera C.C. n 22 del 14/06/2012) (delibera C.C. n. 22 del 27/06/2013)

Dettagli

INDENNITA DIS-COLL. Articolo 15, Decreto legislativo 4 marzo 2015, n. 22

INDENNITA DIS-COLL. Articolo 15, Decreto legislativo 4 marzo 2015, n. 22 INDENNITA DIS-COLL Articolo 15, Decreto legislativo 4 marzo 2015, n. 22 1 DESTINATARI Dal 1 gennaio 2015 è stata istituita, in via sperimentale, in relazione agli eventi di cessazione dal lavoro verificatisi

Dettagli

ACCORDO TIPO DI SEGRETEZZA 1. Con la presente scrittura privata, da valere ad ogni effetto di legge, tra

ACCORDO TIPO DI SEGRETEZZA 1. Con la presente scrittura privata, da valere ad ogni effetto di legge, tra ACCORDO TIPO DI SEGRETEZZA 1 Con la presente scrittura privata, da valere ad ogni effetto di legge, tra XY, società di diritto italiano, con sede in via n iscritta al Registro delle Imprese di n Partita

Dettagli

Gazzetta Ufficiale N. 32 dell'8 Febbraio 2007

Gazzetta Ufficiale N. 32 dell'8 Febbraio 2007 Gazzetta Ufficiale N. 32 dell'8 Febbraio 2007 MINISTERO DELL'ECONOMIA E DELLE FINANZE DECRETO 27 dicembre 2006, n.313 Regolamento di attuazione dell'articolo 13-bis del decreto-legge 14 marzo 2005, n.

Dettagli

LEGGE REGIONALE 12 febbraio 2014, n. 4

LEGGE REGIONALE 12 febbraio 2014, n. 4 6232 LEGGE REGIONALE 12 febbraio 2014, n. 4 Semplificazioni del procedimento amministrativo. Modifiche e integrazioni alla legge regionale 12 aprile 2001, n. 11 (Norme sulla valutazione dell impatto ambientale),

Dettagli

LEGGE REGIONALE N. 33 DEL 24-04-1980 REGIONE PUGLIA

LEGGE REGIONALE N. 33 DEL 24-04-1980 REGIONE PUGLIA Legge 1980033 Pagina 1 di 9 LEGGE REGIONALE N. 33 DEL 24-04-1980 REGIONE PUGLIA

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA COMUNE DI CARLOFORTE Provincia di Carbonia Iglesias Approvato con delibera del Consiglio Comunale n. del REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA INDICE Art. 1 Art. 2 Art. 3 Art. 4

Dettagli

RISOLUZIONE N. 41/E. Roma, 23 aprile 2015

RISOLUZIONE N. 41/E. Roma, 23 aprile 2015 RISOLUZIONE N. 41/E Direzione Centrale Affari Legali e Contenzioso Roma, 23 aprile 2015 OGGETTO: Piani urbanistici particolareggiati - Art. 33, comma 3, della legge n. 388 del 2000 Applicabilità regime

Dettagli

Il Consiglio regionale Assemblea legislativa della Liguria ha approvato. IL PRESIDENTE DELLA GIUNTA promulga

Il Consiglio regionale Assemblea legislativa della Liguria ha approvato. IL PRESIDENTE DELLA GIUNTA promulga REGIONE LIGURIA ----------- LEGGE REGIONALE 12 NOVEMBRE 2014 N. 30 MODIFICHE ALLA LEGGE REGIONALE 6 AGOSTO 2001, N. 24 (RECUPERO AI FINI ABITATIVI DEI SOTTOTETTI ESISTENTI) E ALLA LEGGE REGIONALE 6 GIUGNO

Dettagli

COMUNE DI SAN GIORGIO DI PIANO Provincia di Bologna

COMUNE DI SAN GIORGIO DI PIANO Provincia di Bologna 1 COMUNE DI SAN GIORGIO DI PIANO Provincia di Bologna Area Programmazione e Gestione del Territorio ALLEGATO 1 DETERMINAZIONE VALORI DI RIFERIMENTO DELLE AREE INSERITE NEL P.R.G., NEL P.S.C. E NEL R.U.E.

Dettagli

COMUNE DI CAGLI (PU) - Imposta Municipale Propria IMU

COMUNE DI CAGLI (PU) - Imposta Municipale Propria IMU COMUNE DI CAGLI (PU) - Imposta Municipale Propria IMU ALIQUOTE E DETRAZIONI ANNO 2012 (DELIBERAZIONE DI C.C. N.28 DEL 29/09/2012) ALIQUOTA DI BASE 0,90 (9,00 PER MILLE) Da applicare a tutti gli immobili

Dettagli

RISOLUZIONE N. 207 /E

RISOLUZIONE N. 207 /E RISOLUZIONE N. 207 /E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 6 agosto 2009 OGGETTO: Consulenza giuridica - imposta sulle successioni e donazioni - trattamento applicabile ai fabbricati rurali

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER L'INCENTIVAZIONE DI OPERE CHE CONCORRONO ALLA VALORIZZAZIONE ESTETICA DEI CENTRI ABITATI

REGOLAMENTO COMUNALE PER L'INCENTIVAZIONE DI OPERE CHE CONCORRONO ALLA VALORIZZAZIONE ESTETICA DEI CENTRI ABITATI COMUNE DI CASTELLO - MOLINA DI FIEMME Provincia di Trento REGOLAMENTO COMUNALE PER L'INCENTIVAZIONE DI OPERE CHE CONCORRONO ALLA VALORIZZAZIONE ESTETICA DEI CENTRI ABITATI Approvato con deliberazione del

Dettagli

RISOLUZIONE N. 328/E. Roma, 30 luglio 2008. Direzione Centrale Normativa e Contenzioso

RISOLUZIONE N. 328/E. Roma, 30 luglio 2008. Direzione Centrale Normativa e Contenzioso RISOLUZIONE N. 328/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 30 luglio 2008 OGGETTO: Istanza di interpello -Credito su acconti per ritenute su interessi bancari Richiesta di utilizzo in compensazione

Dettagli

HEALTH MANAGEMENT ISTITUTO DI MANAGEMENT SANITARIO FIRENZE www.health-management.it

HEALTH MANAGEMENT ISTITUTO DI MANAGEMENT SANITARIO FIRENZE www.health-management.it 1 OGGETTO RIPOSO BIOLOGICO PER RISCHIO DA RADIAZIONI QUESITO (posto in data 1 novembre 2014) Nel mese di aprile scorso è stato riconosciuto agli ortopedici da parte dell'asp di Caltanissetta il rischio

Dettagli

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento, Dispone

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento, Dispone Prot. 2011/55394 Modalità di esercizio dell opzione per l applicazione del regime della cedolare secca, modalità di versamento dell imposta e altre disposizioni di attuazione dell articolo 3 del decreto

Dettagli

Legge 22 ottobre 1971, n. 865*

Legge 22 ottobre 1971, n. 865* Legge 22 ottobre 1971, n. 865* Programmi e coordinamento dell'edilizia residenziale pubblica - Norme sull'espropriazione per pubblica utilità - Modifiche ed integrazioni alle leggi 17 agosto 1942, n. 1150;

Dettagli

AGEVOLAZIONI FISCALI SULLE RISTRUTTURAZIONI EDILIZIE. a cura di Paola Martina

AGEVOLAZIONI FISCALI SULLE RISTRUTTURAZIONI EDILIZIE. a cura di Paola Martina AGEVOLAZIONI FISCALI SULLE RISTRUTTURAZIONI EDILIZIE a cura di Paola Martina RIFERIMENTI NORMATIVI Art. 1 co, 87 Legge di stabilità 2014 D.L. 4 giugno 2013 n. 63, convertito, con modifiche, dalla L. 3

Dettagli

C O M U N E D I D E R U T A

C O M U N E D I D E R U T A C O M U N E D I D E R U T A P R O V I N C I A D I P E R U G I A REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA Approvato con deliberazione del C.C. n. 10 del 06.03.2012 1 INDICE Art. 1 Oggetto

Dettagli

DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 19 giugno 2003, n. 0205/Pres.

DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 19 giugno 2003, n. 0205/Pres. L.R. 13/2002, art. 7, c. 15 e 16 B.U.R. 23/7/2003, n. 30 DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 19 giugno 2003, n. 0205/Pres. Regolamento recante criteri e modalità applicabili nella concessione degli aiuti

Dettagli

CIRCOLARE N.24/E. Roma,30 aprile 2003. Direzione Centrale Normativa e Contenzioso

CIRCOLARE N.24/E. Roma,30 aprile 2003. Direzione Centrale Normativa e Contenzioso CIRCOLARE N.24/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma,30 aprile 2003 OGGETTO: Legge 27 dicembre 2002, n. 289 - Sanatorie fiscali Associazioni sportive dilettantistiche, associazioni senza fini

Dettagli

COMUNE DI CAVEZZO PROVINCIA DI MODENA

COMUNE DI CAVEZZO PROVINCIA DI MODENA REGOLAMENTO ART.31 COMMI 45 E SSG. LEGGE 23.12.1998 N.448 ART.11 LEGGE 12.12.2002 N. 273 CRITERI PER LA TRASFORMAZIONE DEL DIRITTO DI SUPERFICIE IN PROPRIETA E PER LA SOSTITUZIONE DELLE CONVENZIONI SUGLI

Dettagli

COMUNE DI NOVENTA DI PIAVE (Provincia di Venezia)

COMUNE DI NOVENTA DI PIAVE (Provincia di Venezia) COMUNE DI NOVENTA DI PIAVE (Provincia di Venezia) REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA Testo in vigore dal 01 gennaio 2012 Approvato con deliberazione di Consiglio Comunale n.

Dettagli

Oggetto: DL 13.05.2011 n. 70 convertito nella L. 12.7.2011 n. 106 (c.d. decreto sviluppo ) - Novità in materia di imposte dirette

Oggetto: DL 13.05.2011 n. 70 convertito nella L. 12.7.2011 n. 106 (c.d. decreto sviluppo ) - Novità in materia di imposte dirette PIAZZA DELLA VITTORIA, 8/20 16121 GENOVA TEL: 010 553241 FAX: 010 5532460 E-MAIL: studio.genova@stsnet.it C. F. E P. IVA: 03022160109 Ai Signori Clienti Loro Sedi Genova, 2 settembre 2011 CIRCOLARE N.

Dettagli

(2) La presente legge è stata abrogata dall'art. 9, D.P.R. 15 dicembre 2001, n. 482, ad eccezione dell'art. 5.

(2) La presente legge è stata abrogata dall'art. 9, D.P.R. 15 dicembre 2001, n. 482, ad eccezione dell'art. 5. Leggi d'italia L. 3-3-1951 n. 193 Norme relative al servizio del Portafoglio dello Stato. Pubblicata nella Gazz. Uff. 4 aprile 1951, n. 77. Epigrafe 1. 2. 3. 4. 5. 6. 7. 8. 9. 10. 11. L. 3 marzo 1951,

Dettagli

Repertorio n. CONVENZIONE PER LA CESSIONE IN PROPRIETA DI AREA P.E.E.P. GIA CONCESSA IN DIRITTO DI SUPERFICIE REPUBBLICA ITALIANA COMUNE DI ROCCASTRADA (Provincia di Grosseto) L anno duemila il giorno

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE A TERZI DI TERRENI DI USO CIVICO

REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE A TERZI DI TERRENI DI USO CIVICO COMUNE DI VIGOLO VATTARO (Provincia di Trento) REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE A TERZI DI TERRENI DI USO CIVICO Approvato con delibera del Consiglio Comunale n. 35 del 29.12.1999 Modificato con delibera

Dettagli

C O M U N E D I P R O S E R P I O. Prov. di Como REGOLAMENTO COMUNALE PER L APPLICAZIONE DELL IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA I.M.U.

C O M U N E D I P R O S E R P I O. Prov. di Como REGOLAMENTO COMUNALE PER L APPLICAZIONE DELL IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA I.M.U. C O M U N E D I P R O S E R P I O Prov. di Como REGOLAMENTO COMUNALE PER L APPLICAZIONE DELL IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA I.M.U. INDICE Art. 1 OGGETTO Art. 2 - PRESUPPOSTO DELL'IMPOSTA Art. 3 - SOGGETTI

Dettagli

Comune di Grado Provincia di Gorizia

Comune di Grado Provincia di Gorizia Comune di Grado Provincia di Gorizia REGOLAMENTO PER LA VENDITA DEGLI IMMOBILI DI PROPRIETA COMUNALE Adottato con deliberazione consiliare n.22 dd. 4 maggio 1998. Modificato con deliberazione consiliare

Dettagli

Allegato al D.R. n.1482/04 del 1 dicembre 2004 REGOLAMENTO PER L ESECUZIONE DEI LAVORI IN ECONOMIA E DELLE FORNITURE AD ESSI CONNESSE

Allegato al D.R. n.1482/04 del 1 dicembre 2004 REGOLAMENTO PER L ESECUZIONE DEI LAVORI IN ECONOMIA E DELLE FORNITURE AD ESSI CONNESSE REGOLAMENTO PER L ESECUZIONE DEI LAVORI IN ECONOMIA E DELLE FORNITURE AD ESSI CONNESSE INDICE Art.1 - Oggetto del Regolamento Art.2 - Responsabile del procedimento dei lavori in economia Art.3 - Forma

Dettagli

Le fasi iniziali del processo esecutivo

Le fasi iniziali del processo esecutivo Capitolo 4 Le fasi iniziali del processo esecutivo Caso 4.1 Come si procede alla stima dei beni pignorati? A norma dell art. 569, comma 1, c.p.c. il giudice nomina l esperto per procedere alla stima del

Dettagli

Comune di Rubiera. Provincia di Reggio Emilia REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA

Comune di Rubiera. Provincia di Reggio Emilia REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA Comune di Rubiera Provincia di Reggio Emilia REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA Approvato con Delibera di C.C. n. 6 del 28/03/2012 INDICE Art. 1 - Oggetto 3 Art. 2 Abitazione

Dettagli

L.R. n.27 del 28. 12.2006 Legge finanziaria regionale per l esercizio 2007 (estratto degli articoli riguardanti l Edilizia Residenziale Pubblica)

L.R. n.27 del 28. 12.2006 Legge finanziaria regionale per l esercizio 2007 (estratto degli articoli riguardanti l Edilizia Residenziale Pubblica) L.R. n.27 del 28. 12.2006 Legge finanziaria regionale per l esercizio 2007 (estratto degli articoli riguardanti l Edilizia Residenziale Pubblica) CAPO III Edilizia residenziale pubblica Art. 48 (Alienazione

Dettagli

COMUNE DI GONZAGA. Provincia di Mantova REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL IMPOSTA COMUNALE SUGLI IMMOBILI

COMUNE DI GONZAGA. Provincia di Mantova REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL IMPOSTA COMUNALE SUGLI IMMOBILI COMUNE DI GONZAGA Provincia di Mantova REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL IMPOSTA COMUNALE SUGLI IMMOBILI Testo coordinato con delibere del Consiglio Comunale: n. 26 del 26/04/2007 n.5 del 12/02/2008 n.

Dettagli

Art.1. Art.2. Art.3. Art.4

Art.1. Art.2. Art.3. Art.4 Legge 15 luglio 1966, n. 604 - Norme sui licenziamenti individuali TESTO VIGENTE Art.1 Nel rapporto di lavoro a tempo indeterminato, intercedente con datori di lavoro privati o con enti pubblici, ove la

Dettagli

Università Roma Tre CdLM Architettura - Progettazione urbana

Università Roma Tre CdLM Architettura - Progettazione urbana Università Roma Tre CdLM Architettura - Progettazione urbana Laboratorio di Urbanistica 1 Titolarità del Laboratorio: Simone Ombuen Anno accademico 2012-2013 secondo semestre Modulo Diritto (4 cfu) Docente:

Dettagli

RISOLUZIONEN. 442/E QUESITO

RISOLUZIONEN. 442/E QUESITO RISOLUZIONEN. 442/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 17 novembre 2008 OGGETTO: Interpello ai sensi dell art. 11 della legge n. 212 del 2000 Ristrutturazioni edilizie. Demolizione e conseguente

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA RACCOLTA DEL PRESTITO SOCIALE. Art. 1) Il presente Regolamento disciplina la raccolta di prestiti dai soci (sia persone fisiche

REGOLAMENTO PER LA RACCOLTA DEL PRESTITO SOCIALE. Art. 1) Il presente Regolamento disciplina la raccolta di prestiti dai soci (sia persone fisiche REGOLAMENTO PER LA RACCOLTA DEL PRESTITO SOCIALE Art. 1) Il presente Regolamento disciplina la raccolta di prestiti dai soci (sia persone fisiche che giuridiche) in conformità all'art. 18 lettera 4 dello

Dettagli

COMUNE DI ORATINO Provincia di Campobasso

COMUNE DI ORATINO Provincia di Campobasso Repubblica Italiana COMUNE DI ORATINO Provincia di Campobasso DELIBERAZIONE di GIUNTA MUNICIPALE ORIGINALE n. 47 del 24-06-2013 OGGETTO: DETERMINAZIONE DELLA MISURA DELL INDENNITA DI CARICA SPETTANTE AL

Dettagli