Relazione sullo stato di. realizzazione dell attività. programmata nell anno 2010

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Relazione sullo stato di. realizzazione dell attività. programmata nell anno 2010"

Transcript

1 COMUNE DI CALATAFIMI SEGESTA (TRAPANI) Relazione sullo stato di realizzazione dell attività programmata nell anno LA LETTURA DEI RISULTATI DELLA GESTIONE

2 1.1 - Il risultato della gestione di competenza Prima di procedere alla analisi ed alla lettura del bilancio secondo l articolazione libera proposta da ciascun ente in sede di predisposizione della Relazione Previsionale e Programmatica, è interessante, ai fini dell indagine che stiamo conducendo, richiamare le risultanze contabili così come determinate nel conto del bilancio. Si precisa che il riferimento e esclusivamente alle voci del bilancio di competenza e, di conseguenza, anche il risultato riportato in fondo al paragrafo si riferisce alla parte della gestione definita nel bilancio di previsione. In altri termini, sono esclusi tutti gli effetti che il fondo di cassa, la gestione residui, oltre che l applicazione dell avanzo di amministrazione possono produrre sul risultato complessivo. Inoltre, il risultato evidenziato (avanzo o disavanzo della gestione di competenza) non necessariamente coincide con quello che verrà proposto successivamente confrontando le entrate e le spese per programmi in quanto, non tutte le spese sono necessariamente oggetto di attribuzione a specifici programmi nella costruzione della Relazione Previsionale e programmatica (si pensi ad esempio ai servizi per conto di terzi). Entrate 2010 Stanziamenti Accertamenti TITOLO I - ENTRATE TRIBUTARIE , ,60 TITOLO Il ENTRATE DERIVANTI DA CONTRIBUTI E TRASFERIM. CORRENTI DELLO STATO, DELLA REGIONE E DI ALTRI ENTI PUBBLICI ANCHE IN RAPPORTO ALL ESERCIZIO DI FUNZ. DELEGATE DALLA REGIONE , ,89 TITOLO III - ENTRATE EXTRATRIBUTARIE , ,19 TITOLO IV - ENTRATE DERIVANTI DA ALIENAZIONI, DA TRASFERIMENTI DI CAPITALE E DA RISCOSSIONI DI CREDITI , ,87 TITOLO V ENTRATE DERIVANTI DA ACCENSIONE DI PRESTITI ,53 0,00 TITOLO VI - ENTRATE DA SERVIZI PER CONTO DI TERZI , ,73 TOTALE , ,28 Spese 2010 Stanziamenti Impegni 2

3 TITOLO I SPESE CORRENTI , ,21 TITOLO Il SPESE IN CONTO CAPITALE , ,08 TITOLO III SPESE PER RIMBORSO DI PRESTITI , ,03 TITOLO IV SPESE PER SERVIZI PER CONTO TERZI , TOTALE , ,05 Entrata / Spesa Stanziamenti Accertamenti o Impegni Scostamento Totale entrate di competenza , , ,61 Totale spese di competenza , , ,52 Gestione di competenza : Avanzo(+) o Disavanzo(-) , , LA PROGRAMMAZIONE E GESTIONE DELLE ENTRATE Sintesi delle risorse utilizzate nei programmi Nel precedente paragrafo si e illustrata l importanza della programmazione sia nella fase della sua costruzione sia in quella consuntiva in cui si valutano i risultati conseguiti. L esecutivo, nel porre in essere i suoi obiettivi, deve operare delle scelte in merito alle risorse da destinare ai programmi e ai progetti proposti dai responsabili dei Servizi. I principi di redazione del bilancio dettano norme che indicano la necessità di redigere in equilibrio il documento di previsione conseguendo sempre il pareggio tra le entrate e le spese. Gli stessi principi stabiliscono che ogni entrata può finanziare qualunque programma, e pertanto, la scelta a riguardo è lasciata agli organi dell ente. Ciascun comune decide se un programma è finanziato, ad esempio, con trasferimenti erariali, dandogli di conseguenza una ragionevole certezza in considerazione del grado di attendibilità delle previsioni, oppure con altre entrate la cui quantificazione iniziale può risultare difficoltosa o aleatoria. Di conseguenza anche il giudizio che si vuole esprimere su un programma, pertanto, non può prescindere dall analisi delle risorse nel loro complesso e dei singoli titoli di entrata Proprio ad essi intendiamo riferire la prima parte della relazione. La tabella sottostante mette a confronto le previsioni definitive e gli accertamenti per titoli dell entrata. Non è presente il titolo VI e, cioè, la voce volta a rilevare i servizi per conto terzi che, per la natura di 3

4 partita di giro non vengono presi in considerazione né in sede previsionale né, tanto meno, nel momento della rendicontazione. Stanziamenti Accertamenti Riscossioni Entrate 2010 competenza TITOLO I ENTRATE TRIBUTARIE , , ,94 TITOLO Il - ENTRATE DERIVANTI DA CONTRIBUTI E TRASFERIM. CORRENTI DELLO STATO, DELLA REGIONE E DI ALTRI ENTI PUBBLICI ANCHE IN RAPPORTO ALL ESERCIZIO DI FUNZ. DELEGATE DALLA REGIONE , , ,70 TITOLO III - ENTRATE EXTRATRIBUTARIE , , ,97 TITOLO IV - ENTRATE DERIVANTI DA ALIENAZIONI, DA TRASFERIMENTI DI CAPITALE E DA RISCOSSIONI DI CREDITI , , ,38 TITOLO V - ENTRATE DERIVANTI DA ACCENSIONE DI PRESTITI , TOTALE , , , Analisi delle risorse di entrata La tabella del paragrafo precedente propone l intera politica di acquisizione delle risorse posta in essere dall amministrazione nell anno Questa, se certamente utile per una visione aggregata, necessita di ulteriori approfondimenti al fine di comprendere la reale capacità dell ente di fronteggiare, attraverso le risorse acquisite, i programmi di spesa finanziati. L analisi che segue sarà rivolta ad analizzare le singole categorie di entrata raffrontando, in ciascuna di esse, non solo la previsione con gli accertamenti, ma anche questi ultimi con le riscossioni. In tal modo si potrà sia verificare ex post il rispetto degli equilibri di bilancio già verificati in sede preventiva, sia valutare il grado di monetizzazione delle entrate e cioè la capacità, in particolare per quanto concerne le entrate proprie, di giungere in tempi brevi alla fase della riscossione. L analisi condotta confrontando i titoli di entrata costituisce, dunque, un primo livello di verifica che permette di determinare la capacità dell ente di acquisire risorse da destinare, poi, nella realizzazione dei 4

5 programmi proposti. Un secondo livello di verifica può essere ottenuto confrontando tra loro le categorie di entrata e cercando di trarre conclusioni più approfondite sulla dinamica delle entrate all interno di ciascun titolo. A riguardo, al pari di quanto visto nella lettura aggregata, verranno riproposte per ciascuna categoria: a) gli stanziamenti definitivi, in grado di evidenziare la previsione finale per ciascuna tipologia di entrata al 30 novembre dell anno. Eventuali scostamenti significativi possono essere giustificati solo da eventi eccezionali e non prevedibili, verificatisi nell ultimo mese dell anno. b) gli accertamenti di competenza, che rilevano tutte le operazioni di entrata in grado di evidenziare situazioni per le quali entro il termine dell esercizio sia sorto il diritto alla riscossione da parte dell ente. c) le riscossioni di competenza, che misurano, sempre con riferimento alla gestione di competenza, la capacità di trasformare gli accertamenti in liquidità, portando a conclusione nel corso dello stesso esercizio tutte le fasi dell entrata. Trattando delle varie entrate verranno, comunque, evidenziate le differenze riscontrabili tra ciascuna di esse ed il diverso significato segnaletico della capacità di riscossione e di accertamento. Entrate Competenza 2010 Stanziamenti Accertamenti % Accertato TITOLO I - ENTRATE TRIBUTARIE , ,60 104,38% TITOLO Il - ENTRATE DERIVANTI DA CONTRIBUTI E TRASFERIM. CORRENTI DELLO STATO, DELLA REGIONE E DI ALTRI ENTI PUBBLICI ANCHE IN RAPPORTO ALL ESERCIZIO DI FUNZ. DELEGATE DALLA REGIONE , ,89 100,67% TITOLO III - ENTRATE EXTRATRIBUTARIE , ,19 96,27% TITOLO IV - ENTRATE DERIVANTI DA ALIENAZIONI, DA TRASFERIMENTI DI CAPITALE E DA RISCOSSIONI DI CREDITI , ,87 77,98% TITOLO V - ENTRATE DERIVANTI DA ACCENSIONE DI PRESTITI ,53 0 0% TOTALE , ,55 80,37% Stanziamenti Riscossioni 5

6 Entrate competenza 2010 % Riscosso TITOLO I - ENTRATE TRIBUTARIE , ,94 50,63% TITOLO Il - ENTRATE DERIVANTI DA CONTRIBUTI E TRASFERIM. CORRENTI DELLO STATO, DELLA REGIONE E DI ALTRI ENTI PUBBLICI ANCHE IN RAPPORTO ALL ESERCIZIO DI FUNZ. DELEGATE DALLA REGIONE , ,70 75,83% TITOLO III - ENTRATE EXTRATRIBUTARIE , ,97 16,62% TITOLO IV - ENTRATE DERIVANTI DA ALIENAZIONI, DA TRASFERIMENTI DI CAPITALE E DA RISCOSSIONI DI CREDITI , ,38 10,78% TITOLO V - ENTRATE DERIVANTI DA ACCENSIONE DI PRESTITI ,53 0 0% TOTALE , ,99 36,14% Le entrate tributarie Seguendo una impostazione del tutto analoga a quella prevista nel bilancio di previsione in questa parte riproporremo le informazioni presenti nella relazione previsionale e programmatica non più, però, in una ottica preventiva pluriennale, quanto, piuttosto, cercando di rappresentare, attraverso lo stato di accertamento e di riscossione, la capacita dell ente di rispettare gli impegni politico-amministrativi presi ad inizio esercizio. La categoria 01 Imposte comprende tutte le forme di prelievo tributario poste in essere dall ente nel rispetto dei limiti legislativi propri della normativa vigente in materia. In particolare, in essa vengono iscritte, accertate e riscosse le entrate direttamente riferibili all imposta comunale sugli immobili (ICI), all imposta sulla pubblicità, all addizionale sul consumo dell energia elettrica, all addizionale comunale sull imposta sul reddito delle persone fisiche. E interessante evidenziare come per la maggior parte di queste imposte i tempi e le modalità di riscossione sono definite dalla legislazione vigente in materia e, pertanto, anche le considerazioni connesse sono in gran parte da correlare ad esse. La categoria 02, Tasse, propone i corrispettivi versati dai cittadini contribuenti a fronte di specifici servizi o controprestazioni dell ente, anche se in alcuni casi non direttamente richiesti (si pensi alla Tassa di smaltimento dei rifiuti solidi urbani). La categoria 03 Tributi speciali costituisce una posta residuale in cui sono gestite tutte quelle forme 6

7 impositive dell ente non direttamente comprese nelle precedenti. Le tabelle riportate in fondo al paragrafo sintetizzano la capacità di accertamento e di riscossione rispetto a ciascuna di esse. Per una lettura più completa dei dati aggregati, però, sono necessarie ulteriori indicazioni in merito alle modalità con cui l ente procede all accertamento ed alla loro riscossione. Occorre a tal proposito precisare che per le entrate tributarie le modalità di incasso non sono sempre autonome ma, in molti casi, come meglio specificato in seguito trattando delle singole imposte, dipendono da disposizione di legge e da soggetti terzi che possono ritardare la velocità di riscossione della categoria rispetto al valore aggregato riportato nella tabella in fondo al paragrafo. A tal fine può essere opportuno effettuare alcune precisazioni sulle principali imposte che nel complesso determinano l intero programma di entrate dell ente. In particolare: I.C.I. L imposta Comunale sugli Immobili è tra le risorse di natura tributaria più consistenti per l Ente. Le aliquote applicate sono state quelle approvate ad inizio esercizio con apposita deliberazione allegata al bilancio di previsione e precisamente: aliquota ordinaria aliquota seconda casa 6,50.. Riguardo detta imposta si specifica che il versamento da parte dei contribuenti, in ossequio di specifiche norme regolamentari da parte dell ente, viene effettuato direttamente nelle casse comunali ed è disciplinato dalla legge che prevede un frazionamento dell importo annuale in due rate: una prima da effettuare entro il 16 giugno ed una seconda entro il 16 dicembre. Proprio su quest ultima scadenza, prossima al termine dell esercizio, intendiamo soffermarci per far notare come gran parte degli scostamenti tra somme accertate e riscosse relative alla categoria 01 sono da imputare al mancato introito di queste somme nella tesoreria dell ente entro il 31 dicembre. Per approfondimenti sulla composizione della risorsa si rinvia agli indicatori specifici richiesti dal legislatore quali allegati al conto del bilancio. Con decorrenza dal 1 gennaio 2005 l imposta è riscossa direttamente dal Comune mediante versamento. Da parte dei soggetti passivi, sul c/c postale intestato Comune di Calatafimi Segesta Servizio ICI. L ADDIZIONALE SU CONSUMO DI ENERGIA ELETTRICA 7

8 L Addizionale sul consumo di energia elettrica si applica per ogni Kwh di consumo di energia elettrica. Le riscossioni sono state effettuate direttamente dall ENEL che ha provveduto a trasferire l imposta al Comune. TOSAP Sono state assoggettate alla tassa le occupazioni dei beni appartenenti al demanio o al patrimonio indisponibile, le occupazioni di spazi soprastanti il suolo pubblico con esclusione di verande e balconi, le occupazioni di spazi sottostanti il suolo pubblico. Per quanto concerne detta imposta, il gettito della risorsa ha avuto nel 2010 un andamento costante rispetto agli anni precedenti. La differenza tra le somme accertate e quelle riscosse sono da imputare ai seguenti motivi: versamenti in c/c p. di novembre e dicembre prelevati nel corso del mese di gennaio IMPOSTA DI PUBBLICITA E DIRITTI SULLE PUBBLICHE AFFISSIONI L imposta di pubblicità è stata applicata alle attività di diffusione di messaggi pubblicitari effettuata nelle varie forme acustiche e visive nel rispetto della normativa vigente. Anche per questa voce di entrata le previsioni appaiono in linea con gli andamenti storici. TARSU Si tratta della tassa per il servizio relativo allo smaltimento dei rifiuti solidi urbani. Il gettito della risorsa è risultato crescente rispetto a quello degli anni precedenti per l aumento delle tariffe approvate all inizio dell esercizio con apposita deliberazione allegata al bilancio di previsione. Per quanto riguarda le modalità di riscossione delle somme si precisa che le stesse vengono riscosse a mezzo ruolo tramite la Concessionaria delle Imposte della Provincia di Trapani. ADDIZIONALE IRPEF L addizionale comunale sull imposta sul reddito delle persone fisiche è stata istituita, a decorrere dal l 8

9 gennaio 1999, dal D.Lgs.360/1998 prevedendo il pagamento dell imposta per tutti i contribuenti su una base imponibile costituita dai redditi soggetti a Irpef. L aliquota applicata per l anno 2010 è stata dello 0,8 %, misura massima consentita dalla legge. La previsione di entrata per detta voce di bilancio relativa all anno 2010 è stata disposta sulla base di informazioni e stime fornite da parte degli organi competenti. Categorie del Titolo I Stanziamenti Accertamenti % Accertato CATEGORIA 1^ - IMPOSTE , ,98 107,70% CATEGORIA 2^ - TASSE , ,62 100,12% CATEGORIA 3^ - TRIBUTI SPECIALI ED ALTRE ENTRATE TRIBUTARIE PROPRIE 6.050, ,00 75,06% TOTALE , ,60 104,38% Entrate tributarie 2010: Analisi della capacità di accertamento Categorie del Titolo I Stanziamenti Riscossioni % Riscosso CATEGORIA 1^ - IMPOSTE , ,32 85,58% CATEGORIA 2^ - TASSE , ,62 3,53% CATEGORIA 3^ - TRIBUTI SPECIALI ED ALTRE ENTRATE TRIBUTARIE PROPRIE 6.050, ,00 63,45% TOTALE , ,94 50,63% Entrate tributarie 2010: Analisi della capacità di riscossione Le entrate da trasferimenti dello stato, della regione e di altri enti I trasferimenti di parte corrente, secondo la volontà del legislatore, devono garantire i servizi locali indispensabili e concorrono, insieme con le altre entrate proprie, a garantire la copertura delle spese correnti. Tra esse un ruolo fino ad oggi particolarmente importante hanno assunto i trasferimenti erariali i quali sono ripartiti tra gli enti in base a criteri basati sulla popolazione, sul territorio e sulle condizioni socioeconomiche, nonché di una adeguata perequazione che faciliti la distribuzione delle risorse tenendo conto anche degli squilibri di fiscalità locale. Essi trovano iscrizione nella categoria 01, dove troviamo sia i trasferimenti a carattere generale e precisamente il fondo ordinario, il fondo consolidato, il fondo sviluppo investimenti, il fondo perequativo, 9

10 che quelli finalizzati. I valori riportati nella tabella sottostante sono stati accertati sulla base delle certificazioni ministeriali pubblicate sul sito internet dal Ministero dell interno. Questi, infatti, trovano immediato accertamento da parte dell ente risultando certi nel quantum. Non altrettanto potremmo dire, invece, sui tempi di riscossione essendo gli stessi collegati al raggiungimento di un limite minimo di liquidità che risulta influenzato anche dalle altre entrate dell ente. Ne consegue che la capacita di riscossione della categoria dipende in primo luogo da disposizioni legislative estranee alla volontà dell ente. Relativamente alle altre categorie, queste rilevano le somme erogate da altri soggetti pubblici o privati finalizzate alla realizzazione di specifiche iniziative. Il mancato accertamento delle somme trova immediato riflesso nei minori impegni di spesa corrente e, pertanto, quantunque sintomatico di una previsione non corretta, non produce effetti sul bilancio dei programmi. Gli scostamenti tra accertamenti e riscossioni, invece, sono imputabili generalmente alla non ancora avvenuta rendicontazione delle somme o alla mancata conclusione del programma correlato. Categorie del titolo II Stanziamenti Accertamenti % Accertato CATEGORIA 1^ - CONTRIBUTI E TRASFERIMENTI CORRENTI DALLO STATO , ,34 104,66% CATEGORIA 2^ - CONTRIBUTI E TRASFERIMENTI CORRENTI DELLA REGIONE , ,08 98,27% CATEGORIA 3^ - CONTRIBUTI E TRASFERIMENTI DALLA REGIONE PER FUNZIONI DELEGATE 0 0 0,00% CATEGORIA 4^ - CONTRIBUTI E TRASFERIMENTI DA PARTE DI ORGANISMI COMUNITARI ED INTERNAZIONALI 0 0 0,00% CATEGORIA 5^ - CONTRIBUTI E TRASFERIMENTI CORRENTI DA ALTRI ENTI DEL SETTORE PUBBLICO , ,47 115,00% TOTALE , ,89 100,67% Entrate da trasferimenti correnti 2010: Analisi della capacità di accertamento Categorie del titolo II Stanziamenti Riscossioni % Riscosso 10

11 CATEGORIA 1^ - CONTRIBUTI E TRASFERIMENTI CORRENTI DALLO STATO , ,93 101,01% CATEGORIA 2^ - CONTRIBUTI E TRASFERIMENTI CORRENTI DELLA REGIONE , ,85 62,01% CATEGORIA 3^ - CONTRIBUTI E TRASFERIMENTI DALLA REGIONE PER FUNZIONI DELEGATE 0 0 0,00% CATEGORIA 4^ - CONTRIBUTI E TRASFERIMENTI DA PARTE DI ORGANISMI COMUNITARI ED INTERNAZIONALI 0 0 0,00% CATEGORIA 5^ - CONTRIBUTI E TRASFERIMENTI CORRENTI DA ALTRI ENTI DEL SETTORE PUBBLICO , ,92 95,62% TOTALE , ,70 75,83% Entrate da trasferimenti correnti 2010: Analisi della capacità di riscossione Le entrate extratributarie Le entrate riportate nel titolo terzo evidenziano le risorse proprie dell ente determinate, come indicato nella stessa descrizione della categoria, dai proventi dell ente per servizi pubblici e per utilizzo di beni, oltre che da interessi attivi, utili ed entrate diverse. In particolare nella categoria I sono state accertate e riscosse le somme dei servizi pubblici nel rispetto delle tariffe approvate con apposita deliberazione allegata al bilancio di previsione. La voce Proventi dei beni dell ente, (categoria 02) comprende tutte le entrate accertate derivanti dalla gestione del patrimonio disponibile ed indisponibile dell Ente locale; in particolare vi trovano allocazione le entrate relative alla gestione dei fabbricati, dei terreni, canoni, ecc. Per queste categorie, di norma, la capacità di accertamento e quelle di riscossione dovrebbero essere particolarmente elevate misurando servizi e prestazioni a corrispettivo anticipato o, al massimo, con scadenza molto prossima. Gli interessi attivi, se presenti, sono supportati da adeguata documentazione. Categorie del titolo III Stanziamenti Accertamenti % Accertato CATEGORIA 1^ - PROVENTI DEI SERVIZI PUBBLICI , ,03 101,56% 11

12 CATEGORIA 2^ - PROVENTI DEI BENI DELL ENTE , ,87 91,94% CATEGORIA 3^ - INTERESSI SU ANTICIPAZIONI E CREDITI , ,00 73,02% CATEGORIA 4^ - UTILI NETTI AZIENDE SPECIALI E PARTECIPATE, DIVIDENDI DI SOCIETÀ 0 0 0,00% CATEGORIA 5^ - PROVENTI DIVERSI , ,29 59,63% TOTALE , ,19 96,27% Entrate extratributarie 2010: Analisi della capacità di accertamento Categorie del titolo III Stanziamenti Riscossioni % Riscosso CATEGORIA 1^ - PROVENTI DEI SERVIZI PUBBLICI , ,52 12,96% CATEGORIA 2^ - PROVENTI DEI BENI DELL ENTE , ,45 69,16% CATEGORIA 3^ - INTERESSI SU ANTICIPAZIONI E CREDITI , ,02% CATEGORIA 4^ - UTILI NETTI AZIENDE SPECIALI E 0 PARTECIPATE, DIVIDENDI DI SOCIETÀ 0 0,00% CATEGORIA 5^ - PROVENTI DIVERSI ,00 0 0,00% TOTALE , ,97 16,62% Entrate extratributarie 2010: Analisi della capacità di riscossione I trasferimenti in conto capitale Nei titolo IV l ente ha provveduto ad accertare le somme relative a tipologie di entrata quali le alienazioni di beni ed i contributi e trasferimenti in c/capitale distinti a seconda del soggetto erogante. Nella voce Alienazione di beni patrimoniali vengono esposti accertamenti e riscossioni di competenza derivanti da alienazioni di beni immobili, mobili patrimoniali e relativi diritti reali, alla concessione di beni demaniali e l alienazione di beni patrimoniali diversi quali: l affrancazione di censi, canoni, livelli, ecc. La voce Trasferimenti di capitale dallo Stato (categoria 02) comprende i trasferimenti ordinari e straordinari da parte dello Stato in conto capitale. Per quanto concerne le riscossioni di dette somme si rimanda a quanto già detto trattando dei trasferimenti di parte corrente da parte dello Stato. Le categorie Trasferimenti di capitale dalla Regione e quella da altri enti del settore pubblico riportano i trasferimenti concessi in conto capitale per la realizzazione di investimenti sia ordinari che straordinari da 12

13 parte della regione, di altri comuni e della provincia. Anche per essi l accertamento è stato possibile a seguito di comunicazione dell ente erogante. Infine nei Trasferimenti di capitale da altri soggetti hanno trovato accertamento le erogazioni di somme quali contributi in conto capitale da parte di soggetti non classificabili quali enti pubblici. In particolare, rientrano in questa voce i proventi delle concessioni edilizie, le sanzioni urbanistiche nonché i trasferimenti straordinari di capitali da altri soggetti. Il loro accertamento non è in linea con le previsioni contenute nella relazione previsionale e programmatica. Per quanto concerne le differenze tra accertamenti e riscossioni si fa presente che esse sono imputabili in modo particolare a rateizzazioni dei pagamenti come previsto dalla normativa vigente. Categorie del titolo IV Stanziamenti Accertamenti % Accertato CATEGORIA 1^ - ALIENAZIONE DI BENI PATRIMONIALI , ,00 10,56% CATEGORIA 2^ - TRASFERIMENTI DI CAPITALE DALLO STATO , ,31 92,17% CATEGORIA 3^ -TRASFERIMENTI DI CAPITALE DALLA REGIONE , ,44 100,00% CATEGORIA 4^ - TRASFERIMENTI DI CAPITALE DA ALTRI ENTI DEL SETTORE PUBBLICO 0 0 0,00% CATEGORIA 5^ - TRASFERIMENTI DI CAPITALE DA ALTRI SOGGETTI , ,12 51,50% CATEGORIA 6^ - RISCOSSIONE DI CREDITI 0 0 0,00% TOTALE , ,87 77,98% Entrate da trasferimenti di capitale 2010: Analisi della capacità di accertamento Categorie del titolo IV Stanziamenti Riscossioni % Riscosso 13

14 CATEGORIA 1^ - ALIENAZIONE DI BENI PATRIMONIALI , ,00 5,23% CATEGORIA 2^ - TRASFERIMENTI DI CAPITALE DALLO STATO , ,86 89,87% CATEGORIA 3^ -TRASFERIMENTI DI CAPITALE DALLA REGIONE ,44 0,00 0,00% CATEGORIA 4^ - TRASFERIMENTI DI CAPITALE DA ALTRI ENTI DEL SETTORE PUBBLICO 0 0 0,00% CATEGORIA 5^ - TRASFERIMENTI DI CAPITALE DA ALTRI SOGGETTI , ,52 44,54% CATEGORIA 6^ - RISCOSSIONE DI CREDITI 0 0 0,00% TOTALE , ,38 10,78% Entrate da trasferimenti di capitale 2010: Analisi della capacità di riscossione Le accensioni di prestiti Il titolo V dell entrata è quello che, in termini aggregati, sintetizza l attivazione del programma annuale degli investimenti dell ente. La realizzazione degli investimenti, iscritti nel titolo II della spesa, necessita di adeguate risorse di entrata in grado di assicurare un equilibrio finanziario tra fonti ed impegni. Il legislatore propone dette somme raggruppate per categorie, la cui distinzione si basa sulla durata temporale del prestito oltre che sul soggetto finanziatore. Nella tabella posta in fondo al paragrafo troviamo una distinzione tra anticipazioni di cassa, finanziamenti a breve, assunzione di mutui e prestiti ed emissione di prestiti obbligazionari. La lettura della stessa evidenzia che nel corso dell anno 2010 non si è proceduto ad attivare mutui per opere pubbliche. Categorie del titolo V Stanziamenti Accertamenti % Accertato CATEGORIA 1^ - ANTICIPAZIONI DI CASSA ,53 0 0,00% CATEGORIA 2^ - FINANZIAMENTI A BREVE TERMINE 0 0 0,00% CATEGORIA 3^ -ASSUNZIONE DI MUTUI E PRESTITI ,00 0 0,00% CATEGORIA 4^ - EMISSIONE DI PRESTITI OBBLIGAZIONARI 0 0 0,00% TOTALE ,53 0 0,00% Categorie del titolo V Stanziamenti Riscossioni % Riscosso 14

15 CATEGORIA 1^ - ANTICIPAZIONI DI CASSA ,53 0 0,00% CATEGORIA 2^ - FINANZIAMENTI A BREVE TERMINE 0 0 0,00% CATEGORIA 3^ -ASSUNZIONE DI MUTUI E PRESTITI ,00 0,00% CATEGORIA 4^ - EMISSIONE DI PRESTITI OBBLIGAZIONARI 0 0 0,00% TOTALE ,53 0 0,00% Entrate da accensione di prestiti 2010: Analisi della capacità di riscossione 3 L ANALISI DEI PROGRAMMI 3.1 Analisi generale delle somme impiegate La lettura per programmi e, cioè, secondo le modalità con cui si e proceduto alla ripartizione delle spese correlate alle risorse di entrata acquisite nel corso della gestione, non può prescindere da una valutazione complessiva rivolta ai principali aggregati di spesa che, ripartiti opportunamente secondo le modalità decise dall ente, determinano, poi, la percentuale di realizzazione di ciascuno di essi. La lettura per ciascun titolo delle previsioni definitive, degli impegni e dei pagamenti di competenza, di concerto con l analisi delle entrate vista in precedenza, fornisce ulteriori informazioni sull attività posta in essere dall ente, utili per comprendere lo stato di realizzazione dei singoli programmi. Spese 2010 Stanziamenti Impegni Pagamenti TITOLO I SPESE CORRENTI , , ,62 TITOLO II SPESE IN CONTO CAPITALE , , ,30 TITOLO III SPESE PER RIMBORSO DI PRESTITI , , ,03 TOTALE , , ,95 Spesa: riepilogo competenza 2010 LA GIUNTA MUNICIPALE 15

16 INDICE Pag. 1 LA LETTURA DEI RISULTATI DELLA GESTIONE Il risultato della gestione di competenza 2 2 LA PROGRAMMAZIONE E GESTIONE DELLE ENTRATE Sintesi delle risorse utilizzate nei programmi Analisi delle risorse di entrata Le entrate tributarie Le entrate da trasferimenti dello Stato, della regione e di altri enti Le entrate extratributarie I trasferimenti in conto capitale Le accensioni di prestiti L ANALISI DEI PROGRAMMI Analisi generale delle somme impiegate 15 16

XX COMUNITA MONTANA DEI MONTI SABINI - 02037 POGGIO MOIANO RELAZIONE AL CONTO CONSUNTIVO DELL ESERCIZIO FINANZIARIO

XX COMUNITA MONTANA DEI MONTI SABINI - 02037 POGGIO MOIANO RELAZIONE AL CONTO CONSUNTIVO DELL ESERCIZIO FINANZIARIO XX COMUNITA MONTANA DEI MONTI SABINI - 02037 POGGIO MOIANO RELAZIONE AL CONTO CONSUNTIVO DELL ESERCIZIO FINANZIARIO ANNO 2014 RELAZIONE DELL ORGANO ESECUTIVO AL RENDICONTO DI GESTIONE 2014 Articolo 231

Dettagli

COMUNE DI ROVIGO. Presentazione

COMUNE DI ROVIGO. Presentazione Presentazione Rendiconto della Gestione 2007 1 IL RENDICONTO DELLA GESTIONE 2007 Come sono stati spesi i soldi dei cittadini di Rovigo nel 2007 1. La popolazione* nell ultimo triennio Abitanti al 31.12.2005

Dettagli

BILANCIO DI PREVISIONE 2014

BILANCIO DI PREVISIONE 2014 COMUNE DI _MOLINO DEI TORTI Provincia di _Alessandria PARERE DEL REVISORE DEI CONTI SULLA PROPOSTA DI: riapprovazione BILANCIO DI PREVISIONE 2014 E DOCUMENTI ALLEGATI Espresso il _07/07/2014 Richiesta

Dettagli

BILANCIO PLURIENNALE 2014-2016

BILANCIO PLURIENNALE 2014-2016 BILANCIO PLURIENNALE 2014 - Pagina 1 di 201 PREVISIONI DEL BILANCIO PLURIENNALE 2014 - AVANZO DI AMMINISTRAZIONE di cui: Avanzo vincolato Avanzo finanziamento investimenti Avanzo fondo ammortamento Avanzo

Dettagli

Relazione della GIUNTA COMUNALE. sul

Relazione della GIUNTA COMUNALE. sul C O M U N E D I F U C E C C H I O (Provincia di Firenze) Relazione della GIUNTA COMUNALE sul R E N D I C O N T O D E L L A G E S T I O N E 2 0 0 8 Premessa Come ogni anno, al termine dell esercizio finanziario

Dettagli

COMUNE DI MODOLO Provincia di Oristano

COMUNE DI MODOLO Provincia di Oristano COMUNE DI MODOLO Provincia di Oristano RELAZIONE AL RENDICONTO DELLA GESTIONE ANNO Relazione Al Rendiconto Comune Di Modolo 1 Premessa La relazione al rendiconto della gestione costituisce il documento

Dettagli

C O M U N E DI C A S T R O Provincia di Lecce

C O M U N E DI C A S T R O Provincia di Lecce C O M U N E DI C A S T R O Provincia di Lecce Ufficio: RAGIONERIA SETTORE PROPONENTE: PROPOSTA DI DELIBERA DEL CONSIGLIO COMUNALE DEL 11-11-2013 N.51 Oggetto: APPROVAZIONE DELLA RELAZIONE PREVISIONALE

Dettagli

BILANCIO PLURIENNALE 2011-2013

BILANCIO PLURIENNALE 2011-2013 Pagina 1 AVANZO DI AMMINISTRAZIONE 825.833,33 282.28 282.28 di cui: AVANZO DI AMMINISTRAZIONE: VINCOLATO 288.951,87 80.28 80.28 AVANZO DI AMMINISTRAZIONE: FINANZIAMENTO INVESTIMENTI AVANZO DI AMMINISTRAZIONE:F.AMMORTAMENTO

Dettagli

Comune di Santa Lucia di Piave (TV) BILANCIO 2011

Comune di Santa Lucia di Piave (TV) BILANCIO 2011 ENTRATE: PREVISIONE 2011 Quota avanzo dell'anno precedente (Titolo 0) 150.000,00 Entrate Tributarie (Titolo 1) 2.152.100,00 Entrate derivanti da contributi e trasferim. correnti dello Stato (Titolo 2)

Dettagli

87083 -Amministrazione e controllo delle aziende pubbliche

87083 -Amministrazione e controllo delle aziende pubbliche 87083 -Amministrazione e controllo delle aziende pubbliche Sistema di bilancio delle Regioni Bilancio delle Regioni D.lgs. 28 marzo 2000, n.76: Stabilisce il concorso della finanza regionale al perseguimento

Dettagli

Relazione della GIUNTA COMUNALE. sul

Relazione della GIUNTA COMUNALE. sul C O M U N E D I F U C E C C H I O ( P r o v i n c i a d i F i r e n z e ) Relazione della GIUNTA COMUNALE sul R E N D I C O N T O D E L L A G E S T I O N E 2 0 0 9 Premessa Come ogni anno, al termine dell

Dettagli

Agenzia Speciale APOF- IL

Agenzia Speciale APOF- IL Agenzia Speciale APOF- IL Provincia di Potenza Relazione dell organo di revisione sulle proposte di bilancio di previsione 2012 e di bilancio pluriennale 2012_2014 con i relativi documenti allegati L organo

Dettagli

Comune di Mendicino Esercizio: 2012 CONTO DEL BILANCIO - GESTIONE DELLE ENTRATE Data: 21-01-2014 Pag. 1

Comune di Mendicino Esercizio: 2012 CONTO DEL BILANCIO - GESTIONE DELLE ENTRATE Data: 21-01-2014 Pag. 1 Comune di Mendicino Esercizio: 2012 CONTO DEL BILANCIO - GESTIONE DELLE ENTRATE Data: 21-01-2014 Pag. 1 1 - ENTRATE TRIBUTARIE 01 - IMPOSTE 1.01.0010 - I.M.U. RS 0,30 1 0,00 0,00 0,00-0,30 INS CP 1.097.859,00

Dettagli

Comune di TARANTO (TA)

Comune di TARANTO (TA) R E L A Z I O N E SUL R E N D I C O N T O D E L L A G E S T I O N E 2 0 1 4 Premessa Come ogni anno, al termine dell esercizio finanziario e nel rispetto delle vigenti disposizioni normative, questa Giunta

Dettagli

SEZIONE 2 ANALISI DELLE RISORSE

SEZIONE 2 ANALISI DELLE RISORSE SEZIONE 2 ANALISI DELLE RISORSE 2.1 - FONTI DI FINANZIAMENTO 2.1.1 - Quadro Riassuntivo Tributarie 9084443,36 8502962,92 8155504,77 8112844,23 7982265,23 8084026,13 0,52- Contributi e trasferimenti correnti

Dettagli

ENTRATE CORRENTI Di seguito si riportano le risorse e gli andamenti relativi alle Entrate correnti dell ultimo triennio.

ENTRATE CORRENTI Di seguito si riportano le risorse e gli andamenti relativi alle Entrate correnti dell ultimo triennio. 1 LE RISORSE ECONOMICO FINANZIARIE Obiettivi Riduzione indebitamento Ente. Mantenimento parametri Patto Stabilità. Miglioramento tempi di pagamento alle imprese e attivazione procedure di cui al D.L. 35/2013.

Dettagli

COMUNE DI SALUGGIA RELAZIONE AL RENDICONTO DI GESTIONE ESERCIZIO FINANZIARIO

COMUNE DI SALUGGIA RELAZIONE AL RENDICONTO DI GESTIONE ESERCIZIO FINANZIARIO 1 REGIONE PIEMONTE PROVINCIA DI VERCELLI COMUNE DI SALUGGIA RELAZIONE AL RENDICONTO DI GESTIONE ESERCIZIO FINANZIARIO 2011 2 Introduzione all analisi dei dati del Rendiconto della Gestione La presentazione

Dettagli

BILANCIO DI PREVISIONE 2012 COMUNE DI SOLZA

BILANCIO DI PREVISIONE 2012 COMUNE DI SOLZA BILANCIO DI PREVISIONE 2012 COMUNE DI SOLZA BILANCIO, - STRUMENTO di GESTIONE - STRUMENTO di PROGRAMMAZIONE delle RISORSE di una ORGANIZZAZIONE Bilancio preventivo 1) Strumento per determinare bisogni

Dettagli

C.O.VE.VA.R. PARERE DEL REVISORE SULLA PROPOSTA DI BILANCIO DI PREVISIONE 2015 E DOCUMENTI ALLEGATI IL REVISORE. Dr. Tino Candeli

C.O.VE.VA.R. PARERE DEL REVISORE SULLA PROPOSTA DI BILANCIO DI PREVISIONE 2015 E DOCUMENTI ALLEGATI IL REVISORE. Dr. Tino Candeli C.O.VE.VA.R. Consorzio Obbligatorio Comuni del Vercellese e della Valsesia per la gestione dei rifiuti urbani della Provincia di Vercelli PARERE DEL REVISORE SULLA PROPOSTA DI BILANCIO DI PREVISIONE 2015

Dettagli

2. Esercizi di contabilità finanziaria

2. Esercizi di contabilità finanziaria 2. Esercizi di contabilità finanziaria di Carmela Barbera e Silvia Rota La lettura del bilancio preventivo 1. Il caso del Comune di Avalonia Viene fornito un estratto semplificato del bilancio di previsione

Dettagli

Parere dell Organo di Revisione sul bilancio di previsione 2009 del Comune di Corinaldo 1

Parere dell Organo di Revisione sul bilancio di previsione 2009 del Comune di Corinaldo 1 Parere dell Organo di Revisione sul bilancio di previsione 2009 del Comune di Corinaldo 1 ! "!#!!$!%"!&!"'()*)! " # $%!&# '()( * " ( +,-.# '(((+"(/#! 01 %2!& # 0 2 ' #! '! 2 3! 2" % 2!( ) Parere dell Organo

Dettagli

BILANCIO DI PREVISIONE ENTRATE - Anno 2013 Sintetico

BILANCIO DI PREVISIONE ENTRATE - Anno 2013 Sintetico COMUNE DI BASTIA UMBRA Prov. (PG) BILANCIO DI PREVISIONE ENTRATE - Anno 2013 Sintetico AVANZO DI AMMINISTRAZIONE 170.096,84 170.096,84 di cui: - Vincolato - Finaziamento Investimenti - Fondo Ammortamento

Dettagli

Comune di Villa Guardia. Bilancio preventivo 2004

Comune di Villa Guardia. Bilancio preventivo 2004 Comune di Villa Guardia Bilancio preventivo Entrate Quadro generale riassuntivo Spese Titolo I: Entrate tributarie 2.345.977,46 Titolo I: Spese correnti 3.626.368,07 Titolo II: Entrate da contributi e

Dettagli

2.7 DINAMICA E COSTO DELL INDEBITAMENTO, STRUMENTI FINANZIARI DERIVATI

2.7 DINAMICA E COSTO DELL INDEBITAMENTO, STRUMENTI FINANZIARI DERIVATI 2.7 DINAMICA E COSTO DELL INDEBITAMENTO, STRUMENTI FINANZIARI DERIVATI La tabella sottostante riporta l indebitamento globale del Comune, suddiviso per soggetto finanziatore e tipologia di contratto, con

Dettagli

COMUNE DI CORCIANO. Provincia di Perugia

COMUNE DI CORCIANO. Provincia di Perugia Oggetto: Parere del Responsabile dell Area Economico-Finanziaria ai sensi dell art. 153 del D.Lgs 267/2000. Bilancio di previsione anno 2014. Bilancio Pluriennale 2014/2016. Il sottoscritto Stefano Baldoni,

Dettagli

Comune di Capannoli (PI) R E L A Z I O N E SUL R E N D I C O N T O D E L L A G E S T I O N E 2 0 0 8 Comune di Capannoli (PI) Premessa Come ogni anno, al termine dell esercizio finanziario e nel rispetto

Dettagli

BILANCIO DI PREVISIONE ESERCIZIO: 2013

BILANCIO DI PREVISIONE ESERCIZIO: 2013 BILANCIO DI PREVISIONE ESERCIZIO: 0 AVANZO AVANZO DI AMMINISTRAZIONE 0,00 98.80,00 0,00 98.80,00 0,00 Totale Avanzo di Amministrazione 0,00 98.80,00 0,00 98.80,00 0,00 Pagina di BILANCIO DI PREVISIONE

Dettagli

Quadro generale riassuntivo

Quadro generale riassuntivo BILANCIO DI PREVISIONE 2005 Entrate Quadro generale riassuntivo Spese Titolo I: Entrate tributarie 31.047.465,00 Titolo I: Spese correnti 51.822.716,00 Titolo II: Entrate da contributi e trasferimenti

Dettagli

SEZIONE 2 ANALISI DELLE RISORSE

SEZIONE 2 ANALISI DELLE RISORSE SEZIONE 2 ANALISI DELLE RISORSE 2.1 - FONTI DI FINANZIAMENTO 2.1.1 - Quadro Riassuntivo Tributarie 299445,52 894198,75 878007,23 880610,48 827698,76 798342,36 0,30 Contributi e trasferimenti correnti 1121378,08

Dettagli

GESTIONE FINANZIARIA

GESTIONE FINANZIARIA GESTIONE FINANZIARIA SCELTE QUALIFICANTI Considerato che il bilancio di un Ente locale deve garantire equilibrio tra il rigore dei numeri e i bisogni dei cittadini, tra la necessità del raggiungimento

Dettagli

Osservatorio sui Bilanci delle Autonomie Locali

Osservatorio sui Bilanci delle Autonomie Locali Osservatorio sui Bilanci delle Autonomie Locali GUIDA ALLA LETTURA DEI BILANCI COMUNALI L esame dei bilanci dei Comuni può costituire un utile strumento di analisi e di supporto all elaborazione di linee

Dettagli

RELAZIONE TECNICA AL BILANCIO DI PREVISIONE 2015

RELAZIONE TECNICA AL BILANCIO DI PREVISIONE 2015 RELAZIONE TECNICA AL BILANCIO DI PREVISIONE 2015 Introduzione In base all art. 162 comma 7 del T.U.E.L. 167/2000: Gli enti assicurano ai cittadini ed agli organismi di partecipazione, di cui all'art. 8,

Dettagli

COMUNE DI BUSTO GAROLFO PROVINCIA DI MILANO BILANCIO DI PREVISIONE - PARTE ENTRATA ANNO 2014. Stampa per Codice di Bilancio

COMUNE DI BUSTO GAROLFO PROVINCIA DI MILANO BILANCIO DI PREVISIONE - PARTE ENTRATA ANNO 2014. Stampa per Codice di Bilancio Stampa per Codice di Bilancio 1 0 AVANZO DI AMMINISTRAZIONE 0.00.0000 1 1 AVANZO AMMINISTRAZIONE: VINCOLATO 0,00 682.808,90 92.602,01 0,00 775.410,91 0.00.0000 1 2 AVANZO DI AMMINISTRAZIONE FINANZIAMENTO

Dettagli

BILANCIO DI PREVISIONE 2010

BILANCIO DI PREVISIONE 2010 CITTÁ DI CONEGLIANO Provincia di Treviso BILANCIO DI PREVISIONE 2010 Approvato con deliberazione Consiglio Comunale n. 55-315 del 28 aprile 2010 ENTRATA COMUNE DI CONEGLIANO Pagina 1 Parte Entrata - Anno

Dettagli

SEZIONE 2 ANALISI DELLE RISORSE

SEZIONE 2 ANALISI DELLE RISORSE SEZIONE 2 ANALISI DELLE RISORSE 2.1 - FONTI DI FINANZIAMENTO 2.1.1 - Quadro Riassuntivo Tributarie 4882257,22 7796539,38 9231139,44 8414080,00 8731772,96 8840675,26 8,85- Contributi e trasferimenti correnti

Dettagli

Certificati. untivo. Novembre 2015

Certificati. untivo. Novembre 2015 Certificati di conto consu untivo 2013 Dati relativi ai comuni italiani con più di 200.000 abitanti Novembre 2015 I dati presenti nella pubblicazione sono tratti dal sito del Ministero dell'interno Dipartimento

Dettagli

Ente 20553 - Comune di Massarosa CONTO DEL BILANCIO - Esercizio 2011 - GESTIONE DELLE ENTRATE. Conto del tesoriere. N di riferimento allo svolgimento

Ente 20553 - Comune di Massarosa CONTO DEL BILANCIO - Esercizio 2011 - GESTIONE DELLE ENTRATE. Conto del tesoriere. N di riferimento allo svolgimento CONO DEL BILANCIO - Esercizio 2011 - GESIONE DELLE ENRAE Pag.1 conservati e da riportare otale otale al 31 dicembre Avanzo di amministrazione 1.130.134,24 di cui: avanzo di amministrazione 1.130.134,24

Dettagli

Comune di Brivio. Bilancio di Previsione 2012

Comune di Brivio. Bilancio di Previsione 2012 Comune di Brivio Bilancio di Previsione 2012 Comune di Brivio Linee generali Il bilancio di previsione 2012 si caratterizza proprio per un forte elemento «previsionale», legato ai recenti interventi legislativi

Dettagli

COMUNE DI DOLIANOVA Provincia di Cagliari. Il Servizio Finanziario

COMUNE DI DOLIANOVA Provincia di Cagliari. Il Servizio Finanziario COMUNE DI DOLIANOVA Provincia di Cagliari Il Servizio Finanziario ESERCIZIO 2011 Relazione tecnica predisposta dal Responsabile del Servizio Finanziario. Ricognizione sullo stato di attuazione dei programmi

Dettagli

COMUNE DI BRESCIA BILANCIO SPERIMENTALE DI PREVISIONE FINANZIARIO 2014/2016 EMENDATO

COMUNE DI BRESCIA BILANCIO SPERIMENTALE DI PREVISIONE FINANZIARIO 2014/2016 EMENDATO COMUNE DI BRESCIA BILANCIO SPERIMENTALE DI PREVISIONE FINANZIARIO /2016 EMENDATO BILANCIO SPERIMENTALE DI PREVISIONE INDICE Nota tecnica introduttiva pag. 3 Bilancio di Previsione Entrata pag. 5 Bilancio

Dettagli

Copyright Esselibri S.p.A.

Copyright Esselibri S.p.A. CAPITOLO QUARTO PRINCIPI GENERALI SULL AMMINISTRAZIONE E LA CONTABILITÀ 1. L AMMINISTRAZIONE E LA CONTABILITÀ In quanto ente pubblico istituzionale l INPS è regolato dai principi della L. 70/1975 che ha

Dettagli

COMUNE DI PARABIAGO. Provincia di Milano RELAZIONE TECNICA AL CONTO DEL BILANCIO ANNO 2013

COMUNE DI PARABIAGO. Provincia di Milano RELAZIONE TECNICA AL CONTO DEL BILANCIO ANNO 2013 COMUNE DI PARABIAGO Provincia di Milano RELAZIONE TECNICA AL CONTO DEL BILANCIO ANNO 2013 Relazione al Rendiconto della Gestione - anno 2013 Pagina 137 di 195 Relazione Tecnica al Conto del Bilancio -

Dettagli

28/07/2014. In collaborazione con. www.risorsecomuni.it 7 novembre 2013 / MILANO, Palazzo delle Stelline

28/07/2014. In collaborazione con. www.risorsecomuni.it 7 novembre 2013 / MILANO, Palazzo delle Stelline il BILANCIO dell Ente Locale e i vincoli del PATTO di STABILITA interno In collaborazione con 26 luglio 2014 / MILANO MILANO, Palazzo delle Stelline www.risorsecomuni.it 7 novembre 2013 / MILANO, Palazzo

Dettagli

SEZIONE 2 ANALISI DELLE RISORSE

SEZIONE 2 ANALISI DELLE RISORSE SEZIONE 2 ANALISI DELLE RISORSE 2.1 - FONTI DI FINANZIAMENTO 2.1.1 - Quadro Riassuntivo Tributarie 3098076,08 2818461,43 2850432,00 2921771,00 2771771,00 2771771,00 2,50 Contributi e trasferimenti correnti

Dettagli

CITTÁ DI CONEGLIANO Provincia di Treviso BILANCIO DI PREVISIONE 2008

CITTÁ DI CONEGLIANO Provincia di Treviso BILANCIO DI PREVISIONE 2008 CITTÁ DI CONEGLIANO Provincia di Treviso BILANCIO DI PREVISIONE 2008 ENTRATA COMUNE DI CONEGLIANO Pagina 1 Parte Entrata - Anno 2008 Risorsa Accertamenti Previsioni Avanzo di Amministrazione 1.326.30 376.60

Dettagli

Istituto Superiore per la Protezione e la Ricerca Ambientale (ISPRA) Sezione Voce Codice voce Competenza Cassa

Istituto Superiore per la Protezione e la Ricerca Ambientale (ISPRA) Sezione Voce Codice voce Competenza Cassa Bilancio Preventivo per l esercizio finanziario 2015 RIEPILOGO DELLE ENTRATE E DELLE SPESE SECONDO NOVO PIANO DEI CONTI INTEGRATO (art. 6 DPCM 22 settembre 2014) Istituto Superiore per la Protezione e

Dettagli

CITTÁ DI CONEGLIANO Provincia di Treviso BILANCIO DI PREVISIONE 2009

CITTÁ DI CONEGLIANO Provincia di Treviso BILANCIO DI PREVISIONE 2009 CITTÁ DI CONEGLIANO Provincia di Treviso BILANCIO DI PREVISIONE 2009 ENTRATA COMUNE DI CONEGLIANO Pagina 1 Parte Entrata - Anno 2009 Risorsa Accertamenti Previsioni Avanzo di Amministrazione 376.60 875.00

Dettagli

Bilancio di Previsione esercizio finanziario 2014

Bilancio di Previsione esercizio finanziario 2014 Bilancio di Previsione esercizio finanziario 2014 La scadenza ordinaria per l approvazione del bilancio di previsione è stabilita al 31 dicembre di ogni anno (art. 151 del D. Lgs. n. 267/2000). Entro tale

Dettagli

BILANCIO DI PREVISIONE 2006

BILANCIO DI PREVISIONE 2006 COMUNE DI MONTE SANT ANGELO Provincia di Foggia PARERE DELL ORGANO DI REVISIONE SULLA PROPOSTA DI BILANCIO DI PREVISIONE 2006 E DOCUMENTI ALLEGATI L organo di revisione Dott. Matteo Frattaruolo Dott. Rosario

Dettagli

PREVISIONI DEFINITIVE DELL'ANNO PRECEDENTE QUELLO CUI SI RIFERISCE IL BILANCIO (3) previsione di competenza. previsione di competenza

PREVISIONI DEFINITIVE DELL'ANNO PRECEDENTE QUELLO CUI SI RIFERISCE IL BILANCIO (3) previsione di competenza. previsione di competenza DI PREVISIONE 2015 - ISTITUZIONE CENTRO OLIMPIA COMUNALE Allegato n.9 - Bilancio di previsione al D.Lgs 118/2011 DI PREVISIONE ENTRATE TITOLO TIPOLOGIA RESIDUI PRESUNTI AL TERMINE DELL'ESERCIZIO PRECEDENTE

Dettagli

BILANCIO DI PREVISIONE 2012

BILANCIO DI PREVISIONE 2012 COMUNE DI MESERO Provincia di Milano PARERE DELL ORGANO DI REVISIONE SULLA PROPOSTA DI BILANCIO DI PREVISIONE 2012 E DOCUMENTI ALLEGATI Parere dell Organo di Revisione sul bilancio di previsione 2012 del

Dettagli

Comune di Lessona BILANCIO PLURIENNALE (2014-2015 - 2016) PREVISIONI DEFINITIVE. esercizio in corso 876,40 1.000,00 300,00 300,00 300,00 900,00

Comune di Lessona BILANCIO PLURIENNALE (2014-2015 - 2016) PREVISIONI DEFINITIVE. esercizio in corso 876,40 1.000,00 300,00 300,00 300,00 900,00 Avanzo di Amministrazione 68.500,00 di cui Fondi Vincolati Finanziamento Investimenti Fondo Ammortamento Fondi Non Vincolati 68.500,00 TITOLO I Entrate Tributarie CATEGORIA 1 Imposte 1.01.1001 imu - imposta

Dettagli

COMUNE DI FRANCAVILLA IN SINNI CONTO DEL BILANCIO - Esercizio 2014 GESTIONE DELLE ENTRATE 22/04/2015 11:13 Pag. 1

COMUNE DI FRANCAVILLA IN SINNI CONTO DEL BILANCIO - Esercizio 2014 GESTIONE DELLE ENTRATE 22/04/2015 11:13 Pag. 1 GESTIONE DELLE ENTRATE 22/04/2015 11:13 Pag. 1 Residui conservati N. di Conto del tesoriere Determinazione dei Maggiori o e stanziamenti riferimento residui minori CODICE DESCRIZIONE definitivi allo Riscossioni

Dettagli

SEZIONE 2 ANALISI DELLE RISORSE

SEZIONE 2 ANALISI DELLE RISORSE SEZIONE 2 ANALISI DELLE RISORSE 2.1 - FONTI DI FINANZIAMENTO 2.1.1 - Quadro Riassuntivo Tributarie 811917,70 854363,11 854263,00 860612,04 861122,00 861622,00 0,74 Contributi e trasferimenti correnti 143783,44

Dettagli

STAMPA CONTO CONSUNTIVO

STAMPA CONTO CONSUNTIVO C O M U N E D I A R Z I G N A N O CONTO CONSUNTIVO Esercizio finanziario CONTO CONSUNTIVO - ENTRATE COMUNE DI ARZIGNANO Pagina 1 STAMPA CONTO CONSUNTIVO GESTIONE DELLE ENTRATE- ANNO 1000000 conservati

Dettagli

STAMPA CONTO CONSUNTIVO

STAMPA CONTO CONSUNTIVO C O M U N E D I A R Z I G N A N O CONTO CONSUNTIVO Esercizio finanziario CONTO CONSUNTIVO - ENTRATE COMUNE DI ARZIGNANO Pagina 1 STAMPA CONTO CONSUNTIVO GESTIONE DELLE ENTRATE- ANNO 1000000 Residui conservati

Dettagli

Legge regionale 24 dicembre 2008, n. 32

Legge regionale 24 dicembre 2008, n. 32 Legge regionale 24 dicembre 2008, n. 32 Bilancio di Previsione 2009 e Pluriennale Triennio 2009 2011 (B. U. Regione Basilicata N. 60 del 29 dicembre 2008) Articolo 1 Stato di Previsione dell Entrata 1.

Dettagli

C O M U N E D I P O N T E C A G N A N O F A I A N O PROVINCIA DI SALERNO

C O M U N E D I P O N T E C A G N A N O F A I A N O PROVINCIA DI SALERNO Albo Pretorio online n. Registro Pubblicazione pubblicato il C O M U N E D I P O N T E C A G N A N O F A I A N O PROVINCIA DI SALERNO DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE O G G E T T O ORIGINALE N. Approvazione

Dettagli

Comune di Corneliano d'alba

Comune di Corneliano d'alba Comune di Corneliano d'alba Tipo: ENTRATA Avanzo di Amministrazione + Fondo Pluriennale Vincolato iscritto in Entrata di cui: - Fondi Vincolati - Finanziamento Investimenti - Fondo Ammortamento 18.912,00

Dettagli

Relazione al bilancio di previsione Comune di Spilamberto (MO)

Relazione al bilancio di previsione Comune di Spilamberto (MO) febbraio 9 Relazione al bilancio di previsione 2015 Comune di Spilamberto (MO) 1. Il bilancio Il Bilancio di Previsione è il documento di programmazione e controllo dell'ente; deve assolvere contemporaneamente

Dettagli

8 ASPETTI PATRIMONIALI ED ECONOMICO-REDDITUALI

8 ASPETTI PATRIMONIALI ED ECONOMICO-REDDITUALI 8 ASPETTI PATRIMONIALI ED ECONOMICO-REDDITUALI 8.1 IL PROSPETTO DI CONCILIAZIONE Il prospetto di conciliazione dimostra l avvenuta trasposizione delle rilevazioni di sintesi della contabilità finanziaria

Dettagli

ALLEGATO 4 ALTRI ENTI IN CONTABILITA' FINANZIARIA

ALLEGATO 4 ALTRI ENTI IN CONTABILITA' FINANZIARIA Prospetto di cui all'art. 8, comma 1,D.L. 66/2014 (enti in contabilità finanziaria) Bilancio di Previsione 2015 E I Entrate correnti di natura tributaria, contributiva e perequativa 0 0 E II Tributi 0

Dettagli

Comune di Serravalle Pistoiese (PT)

Comune di Serravalle Pistoiese (PT) Comune di Serravalle Pistoiese (PT) R E L A Z I O N E SUL R E N D I C O N T O D E L L A G E S T I O N E 2 0 0 2 Indice Premessa 3 1 LO STATO DI REALIZZAZIONE DELL'ATTIVITA' PROGRAMMATA 4 2 I RISULTATI

Dettagli

Fondo di cassa al 1 gennaio 2014 1.011.260,72 RISCOSSIONI 1.683.690,95 6.906.050,22 8.589.741,17 PAGAMENTI 1.460.826,64 6.853.212,88 8.314.

Fondo di cassa al 1 gennaio 2014 1.011.260,72 RISCOSSIONI 1.683.690,95 6.906.050,22 8.589.741,17 PAGAMENTI 1.460.826,64 6.853.212,88 8.314. RENDICONTO ANNO 2014 DATI RIEPILOGATIVI: RESIDUI In conto COMPETENZA Fondo di cassa al 1 gennaio 2014 1.011.260,72 RISCOSSIONI 1.683.690,95 6.906.050,22 8.589.741,17 PAGAMENTI 1.460.826,64 6.853.212,88

Dettagli

Legge Regionale 30 dicembre 2010 n.34

Legge Regionale 30 dicembre 2010 n.34 CONSIGLIO REGIONALE DELLA BASILICATA Legge Regionale 30 dicembre 2010 n.34 Bilancio di Previsione per l Esercizio Finanziario 2011 e Bilancio Pluriennale per il Triennio 2011 2013. * * * * * * * * * *

Dettagli

VERIFICA SALVAGUARDIA EQUILIBRI DI BILANCIO E STATO DI ATTUAZIONE DEI PROGRAMMI ESERCIZIO FINANZIARIO 2015 (art. 193 dlgs 267/2000)

VERIFICA SALVAGUARDIA EQUILIBRI DI BILANCIO E STATO DI ATTUAZIONE DEI PROGRAMMI ESERCIZIO FINANZIARIO 2015 (art. 193 dlgs 267/2000) VERIFICA SALVAGUARDIA EQUILIBRI DI BILANCIO E STATO DI ATTUAZIONE DEI PROGRAMMI ESERCIZIO FINANZIARIO 2015 (art. 193 dlgs 267/2000) SALVAGUARDIA DEGLI EQUILIBRI DI BILANCIO 2015 La corretta ed economica

Dettagli

COMUNE DI CRESPINO PROVINCIA DI ROVIGO BILANCIO DI PREVISIONE - PARTE ENTRATA ANNO 2013. Stampa per Codice di Bilancio. Accertamenti ult. eser.

COMUNE DI CRESPINO PROVINCIA DI ROVIGO BILANCIO DI PREVISIONE - PARTE ENTRATA ANNO 2013. Stampa per Codice di Bilancio. Accertamenti ult. eser. BILANCIO DI PREVISIONE - PARTE ENTRATA ANNO 2013 Stampa per Codice di Bilancio R I S O R S A Accertamenti ult. eser. chiuso 1 1 AVANZO DI AMMINISTRAZIONE VINCOLATO 0,00 33.001,17 0,00-33.001,17 0,00 0.00.0000

Dettagli

COMUNE DI TERTENIA Provincia dell'ogliastra QUADRO GENERALE RIASSUNTIVO TRIENNIO 2015-2017

COMUNE DI TERTENIA Provincia dell'ogliastra QUADRO GENERALE RIASSUNTIVO TRIENNIO 2015-2017 QUADRO GENERALE RIASSUNTIVO TRIENNIO - CASSA ANNO DI RIFERIMENTO DEL BILANCIO COMPETENZA ANNO DI RIFERIMENTO DEL BILANCIO SPESE CASSA ANNO DI RIFERIMENTO DEL BILANCIO COMPETENZA ANNO DI RIFERIMENTO DEL

Dettagli

Comune di Bagno a Ripoli. Città metropolitana di Firenze

Comune di Bagno a Ripoli. Città metropolitana di Firenze Comune di Bagno a Ripoli Città metropolitana di Firenze R E N D I C O N T O D E L L A G E S T I O N E A R M O N I Z Z A T O D. L G S. 1 1 8 / 2 0 1 1 2 0 1 5 Entrate Quadro gestione delle entrate Quadro

Dettagli

BILANCIO DI PREVISIONE ENTRATE - Anno 2015 Sintetico

BILANCIO DI PREVISIONE ENTRATE - Anno 2015 Sintetico COMUNE DI ALBIANO Prov. (TN) BILANCIO DI PREVISIONE ENTRATE - Anno 2015 Sintetico AVANZO DI AMMINISTRAZIONE 426.343,00 92.068,00 518.411,00 di cui: - Vincolato - Finaziamento Investimenti 518.411,00 -

Dettagli

Dopo l approvazione del bilancio sono state apportate allo stesso variazioni con i seguenti atti deliberativi:

Dopo l approvazione del bilancio sono state apportate allo stesso variazioni con i seguenti atti deliberativi: COMUNE DI CAVAGNOLO PROVINCIA DI TORINO RELAZIONE AL CONTO CONSUNTIVO 2 0 1 2 La presentazione del conto consuntivo è uno dei momenti più importanti della vita amministrativa di un Comune; è l atto di

Dettagli

Sezione Seconda Il nuovo ordinamento contabile

Sezione Seconda Il nuovo ordinamento contabile Capitolo 3: La programmazione 111 soggiace ai limiti degli stanziamenti indicati nell ultimo bilancio approvato, ove esistano. L ultimo comma dell art. 163 disciplina l ipotesi in cui la scadenza del termine

Dettagli

STAMPA CONTO CONSUNTIVO

STAMPA CONTO CONSUNTIVO C O M U N E D I A R Z I G N A N O CONTO CONSUNTIVO Esercizio finanziario CONTO CONSUNTIVO - ENTRATE COMUNE DI ARZIGNANO Pagina 1 STAMPA CONTO CONSUNTIVO GESTIONE DELLE ENTRATE- ANNO conservati Conto del

Dettagli

Comune di CINISI Collegio dei Revisori

Comune di CINISI Collegio dei Revisori Comune di CINISI Collegio dei Revisori Verbale n 18 del 13122013 PARERE SUL BILANCIO DI PREVISIONE 2013 Il Collegio dei Revisori Premesso che l'organo di revisione nelle riunioni in data 11-12-13 del mese

Dettagli

CONFRONTO CON LE REGIONI SPERIMENTATRICI SULL ARMONIZZAZIONE CONTABILE DELLE REGIONI

CONFRONTO CON LE REGIONI SPERIMENTATRICI SULL ARMONIZZAZIONE CONTABILE DELLE REGIONI CONFRONTO CON LE REGIONI SPERIMENTATRICI SULL ARMONIZZAZIONE CONTABILE DELLE REGIONI IL RISULTATO DI AMMINISTRAZIONE (SECONDO L ATTUALE PRINCIPIO APPLICATO) E costituito dal fondo di cassa esistente al

Dettagli

NOTA INTEGRATIVA AL BILANCIO 2015 2017

NOTA INTEGRATIVA AL BILANCIO 2015 2017 NOTA INTEGRATIVA AL BILANCIO 2015 2017 (PRINCIPIO CONTABILE APPLICATO CONCERNENTE LA PROGRAMMAZIONE DI BILANCIO art. 9.3 lettera m) La nota integrativa è un documento allegato al Bilancio di Previsione

Dettagli

COMUNE DI MOLFETTA Provincia di Bari

COMUNE DI MOLFETTA Provincia di Bari COMUNE DI MOLFETTA Provincia di Bari RELAZIONE SUL RENDICONTO DELLA GESTIONE Premessa Come ogni anno, al termine dell esercizio finanziario e nel rispetto delle vigenti disposizioni normative, si dovrebbe

Dettagli

BILANCIO DI PREVISIONE 2012

BILANCIO DI PREVISIONE 2012 COMUNITA MONTANA ESINO-FRASASSI Provincia di Ancona PARERE DELL ORGANO DI REVISIONE SULLA PROPOSTA DI BILANCIO DI PREVISIONE 2012 E DOCUMENTI ALLEGATI L ORGANO DI REVISIONE Rag.Floriano Flori Parere dell

Dettagli

Voce Entrate correnti di natura tributaria,contributiva e perequativa Tributi imposte, tasse e proventi assimilati tributi destinati al finanziamento

Voce Entrate correnti di natura tributaria,contributiva e perequativa Tributi imposte, tasse e proventi assimilati tributi destinati al finanziamento Voce Entrate correnti di natura tributaria,contributiva e perequativa Tributi imposte, tasse e proventi assimilati tributi destinati al finanziamento della sanità tributi devoluti e regolati alle autonomie

Dettagli

COMUNE DI CISLIANO PROVINCIA DI MILANO BILANCIO DI PREVISIONE - PARTE ENTRATA ANNO 2012. Stampa per Codice di Bilancio. Accertamenti ult. eser.

COMUNE DI CISLIANO PROVINCIA DI MILANO BILANCIO DI PREVISIONE - PARTE ENTRATA ANNO 2012. Stampa per Codice di Bilancio. Accertamenti ult. eser. Stampa per Codice di Bilancio 1 0 AVANZO DI AMMINISTRAZIONE 0.00.0000 1 1 AVANZO DI AMMINISTRAZIONE - FONDO INVESTIMENTO 0,00 38.560,00 0,00-38.560,00 0,00 0.00.0000 1 2 AVANZO DI AMMINISTRAZIONE - FONDO

Dettagli

VERIFICHE PRELIMINARI

VERIFICHE PRELIMINARI COMUNE DI TAGGIA PROVINCIA DI IMPERIA **** PARERE DEL REVISORE SULLA PROPOSTA DI BILANCIO DI PREVISIONE 2013 E DOCUMENTI ALLEGATI **** REVISORE UNICO Marco Rossi Commercialista Revisore Contabile Pubblicista

Dettagli

COMUNE DI POGGIOMARINO PROVINCIA DI NAPOLI * SETTORE RAGIONERIA - FINANZE - TRIBUTI - ECONOMATO *

COMUNE DI POGGIOMARINO PROVINCIA DI NAPOLI * SETTORE RAGIONERIA - FINANZE - TRIBUTI - ECONOMATO * COMUNE DI POGGIOMARINO PROVINCIA DI NAPOLI * SETTORE RAGIONERIA - FINANZE - TRIBUTI - ECONOMATO * SCHEMA PROPOSTA DI DELIBERAZIONE * PROT. N 21051 DEL 15/06/2010 UFFICIO ISTRUTTORE: RAGIONERIA * CAPO SETTORE:

Dettagli

COMUNE DI BAGNO A RIPOLI (PROVINCIA DI FIRENZE)

COMUNE DI BAGNO A RIPOLI (PROVINCIA DI FIRENZE) COMUNE DI BAGNO A RIPOLI (PROVINCIA DI FIRENZE) RENDICONTO dell esercizio finanziario 2014 Comune di Bagno a Ripoli Esercizio: 2014 CONTO DEL BILANCIO - GESTIONE DELLE ENTRATE Data: 31-12-2014 Pag. 1 DESCRIZIONE

Dettagli

Contabilizzazione dei mutui a cura di Mauro Bellesia - Dirigente Comune di Vicenza - Pubblicista

Contabilizzazione dei mutui a cura di Mauro Bellesia - Dirigente Comune di Vicenza - Pubblicista Contabilizzazione dei mutui a cura di Mauro Bellesia - Dirigente Comune di Vicenza - Pubblicista Rilevazioni contabili: vecchia e nuova contabilità a confronto Premessa La Rubrica Rilevazioni contabili:

Dettagli

Comune di Cagliari BILANCIO DI PREVISIONE. Triennio: 2015-2017

Comune di Cagliari BILANCIO DI PREVISIONE. Triennio: 2015-2017 Delibera: 14 / 25 del 31/03/25 Comune di Cagliari BILANCIO DI PREVISIONE Triennio: 25-27 Delibera: 14 / 25 del 31/03/25 ENTRATE Cassa Anno 25 Competenza 25 26 27 SPESE Cassa Anno 25 Competenza 25 26 27

Dettagli

LE RISORSE FINANZIARIE E LA DOTAZIONE PATRIMONIALE. Il Rendiconto della Gestione 2007 Gli Indicatori Il patrimonio del Comune

LE RISORSE FINANZIARIE E LA DOTAZIONE PATRIMONIALE. Il Rendiconto della Gestione 2007 Gli Indicatori Il patrimonio del Comune LE RISORSE FINANZIARIE E LA DOTAZIONE Il Rendiconto della Gestione 2007 Gli Indicatori Il patrimonio del Comune LE RISORSE FINANZIARIE E DOTAZIONE L elevata varietà e complessità di servizi e funzioni

Dettagli

BILANCIO DELL'ANNO 2007 - ENTRATE

BILANCIO DELL'ANNO 2007 - ENTRATE BILANCIO DELL'ANNO 2007 - ENTRATE Avanzo di amministrazione 1.000.00 Entrate tributarie (titolo I) 63.778.705,00 Entrate da trasferimenti (titolo II) 15.725.005,58 Entrate extratributarie (titolo III)

Dettagli

COMUNE DI REGGIOLO. Provincia di REGGIO EMILIA

COMUNE DI REGGIOLO. Provincia di REGGIO EMILIA COMUNE DI REGGIOLO Provincia di REGGIO EMILIA PARERE DELL ORGANO DI REVISIONE SULLO SCHEMA DI RENDICONTO PER L ESERCIZIO FINANZIARIO 2010 E DOCUMENTI ALLEGATI IL REVISORE Dott. Valerio Fantini Comune di

Dettagli

LA RELAZIONE CONTABILE

LA RELAZIONE CONTABILE LA RELAZIONE CONTABILE Struttura del Bilancio di Previsione Il bilancio di previsione comunale è il documento di indirizzo politicofinanziario con il quale il Consiglio Comunale, su proposta della Giunta,

Dettagli

ALLEGATI INDICATI DAL PUNTO 9.3 DEL PRINCIPIO CONTABILE CONCERNENTE LA PROGRAMMAZIONE DI BILANCIO

ALLEGATI INDICATI DAL PUNTO 9.3 DEL PRINCIPIO CONTABILE CONCERNENTE LA PROGRAMMAZIONE DI BILANCIO NOTA INTEGRATIVA AL BILANCIO ARMONIZZATO Il Comune di Sesto San Giovanni ha aderito, con deliberazione di Giunta n. 291 del 24 settembre 2013, ai sensi dell art.36 del D.Lgs.n.118/2011, come modificato

Dettagli

Comune di Cermenate. Relazione al Rendiconto esercizio 2013

Comune di Cermenate. Relazione al Rendiconto esercizio 2013 Comune di Cermenate Relazione al Rendiconto esercizio 2013 1 Gestione finanziaria RESIDUI In conto COMPETENZA Totale Fondo di cassa al 1 gennaio 2013 651.836,65 Riscossioni 1.988.202,33 6.567.464,69 8.555.667,02

Dettagli

- ALLEGATO 5 - CONTO CONSUNTIVO IN TERMINI DI CASSA ESERCIZIO 2014 ENTRATE (ENTRATE) Livello Descrizione codice economico Totale entrate I Entrate

- ALLEGATO 5 - CONTO CONSUNTIVO IN TERMINI DI CASSA ESERCIZIO 2014 ENTRATE (ENTRATE) Livello Descrizione codice economico Totale entrate I Entrate - ALLEGATO 5 - CONTO CONSUNTIVO IN TERMINI DI CASSA ESERCIZIO 2014 ENTRATE (ENTRATE) Livello Descrizione codice economico Totale entrate I Entrate correnti di natura tributaria, contributiva e perequativa

Dettagli

Le entrate sulle quali la Provincia può contare per il proprio funzionamento sono costituite da contributi e trasferimenti; imposte e tasse; proventi

Le entrate sulle quali la Provincia può contare per il proprio funzionamento sono costituite da contributi e trasferimenti; imposte e tasse; proventi Le entrate sulle quali la Provincia può contare per il proprio funzionamento sono costituite da contributi e trasferimenti; imposte e tasse; proventi dei servizi. Quelle per gli investimenti derivano da

Dettagli

BILANCIO TRIENNALE 2015 2017

BILANCIO TRIENNALE 2015 2017 BILANCIO TRIENNALE 2015 2017 Bilancio di previsione triennale 2015 2017 - entrata pag 1 Riepilogo generale per missione - spesa pag 51 Bilancio di previsione triennale 2015 2017 - spesa pag 13 Quadro generale

Dettagli

BILANCIO DI PREVISIONE ANNI 2016-2018

BILANCIO DI PREVISIONE ANNI 2016-2018 Allegato sub A) alla proposta di deliberazione DCS2 n. 15/25 UNIONE DEI COMUNI PRATIARCATI FRA ALBIGNASEGO E CASALSERUGO (Provincia di Padova) BILANCIO DI PREVISIONE ANNI 26-28 DL 23/11/21 n. 118 Quadro

Dettagli

* * * * * * * * * * * *

* * * * * * * * * * * * CONSIGLIO REGIONALE DELLA BASILICATA Legge Regionale: Bilancio di Previsione per l Esercizio Finanziario 2009 e Bilancio Pluriennale per il Triennio 2009 2011. * * * * * * * * * * * * Articolo 1 Stato

Dettagli

COMUNE DI DONORI Provincia di Cagliari

COMUNE DI DONORI Provincia di Cagliari COMUNE DI DONORI Provincia di Cagliari - 4 COPIA- VERBALE DI ADUNANZA DEL CONSIGLIO COMUNALE Sessione Ordinaria Seduta Pubblica N. 4 Del 21.01.2010 OGGETTO: APPROVAZIONE DEL BILANCIO DI PREVISIONE ANNO

Dettagli

8 ASPETTI PATRIMONIALI ED ECONOMICO-REDDITUALI

8 ASPETTI PATRIMONIALI ED ECONOMICO-REDDITUALI 8 ASPETTI PATRIMONIALI ED ECONOMICO-REDDITUALI 8.1 IL PROSPETTO DI CONCILIAZIONE Il prospetto di conciliazione dimostra l avvenuta trasposizione delle rilevazioni di sintesi della contabilità finanziaria

Dettagli

Allegato n. 10 al DL

Allegato n. 10 al DL Allegato n. 10 al DL Allegato 13/2 al D.Lgs 118/2011 (previsto dell art. 15, comma 2) ELENCO DEI TITOLI, TIPOGIE E CATEGORIE DI ENTRATA DEGLI ENTI LOCALI Il prospetto sotto descritto riguarda l elenco

Dettagli

COMUNE DI GATTATICO PROVINCIA DI REGGIO EMILIA

COMUNE DI GATTATICO PROVINCIA DI REGGIO EMILIA COMUNE DI GATTATICO PROVINCIA DI REGGIO EMILIA NOTA INTEGRATIVA AL BILANCIO DI PREVISIONE 2015-2017 (punto 9.3 del principio della programmazione, allegato al DPCM 23/12/2011) CRITERI DI VALUTAZIONE ADOTTATI

Dettagli