SUPPLY CHAIN MANAGEMENT

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "SUPPLY CHAIN MANAGEMENT"

Transcript

1 Esperienza e Innovazione SUPPLY CHAIN MANAGEMENT L approccio proposto da M&IT per il miglioramento degli Acquisti e per l integrazione dei Fornitori Consulenza di Direzione Risorse Umane Sistemi Normati Information Technology

2 1. PREMESSA Sia nell industria che nei servizi, nessuna azienda, pur grande che sia, è in grado di competere e di sopravvivere sul mercato contando solo sulle proprie forze interne. Il successo della aziende eccellenti dipende sostanzialmente dalla capacità di integrare e gestire le "risorse esterne" (fornitori) esistenti sul mercato. Il rapporto con i propri fornitori deve pertanto andare oltre il semplice rapporto di scambio mercedenaro ma deve essere impostato in ottica di collaborazione intesa come integrazione di informazioni, di esperienze e di conoscenze in modo da generare valore lungo l intera catena di fornitura. Questo tipo di filosofia, e quindi di strategia operativa, la cui validità è stata ampiamente dimostrata dai leader di mercato, vale in generale per tutte le aziende di ogni tipo e dimensione. Ormai non si parla più se è giusto o sbagliato l'approccio all integrazione ed alla partnership dei fornitori, ma piuttosto di come realizzarlo. La sfida che i Managers hanno di fronte consiste nella capacità di realizzare l'integrazione nel modo più corretto, efficace e rapido per le realtà aziendali che devono gestire, sapendo che le strategie di acquisto non condizionano le strategie di mercato, ma condizionano in modo determinante il successo delle aziende. 2. SCENARIO Le strategie di acquisto aziendali, in questi ultimi anni, hanno dovuto confrontarsi con la presenza d tre fenomeni importanti - OUTSOURCING: Le aziende operanti nei settori industriali ad alta complessità logistica hanno in questi anni adottato politiche di focalizzazione sul core-business, esternalizzando sia le attività produttive che interi processi di supporto. Nelle aziende di produzione i costi esterni rappresentano ormai una voce determinate, con punte intorno al 75-80% dei costi industriali. Nei servizi non hanno sempre un valore cosi elevato ma, spesso, rappresentano la voce prioritaria su cui poter intervenire. - GLOBAL SOURCING: La globalizzazione dei mercati di fornitura è sicuramente il fenomeno che più ha stravolto la strategia di molte aziende. Il processo di globalizzazione è stato sicuramente molto rapido anche perché facilitato da alcuni fattori, quali: l integrazione dei sistemi di comunicazione e di trasporto, la crescita in quantità e qualità dell'offerta dei paesi emergenti, la nascita di "reti commerciali internazionali edizione 11/2008 pagina 2 di 17

3 che hanno consentito anche alle medio-piccole aziende di avere un' ampia visibilità sul mercato globale. - SUPPLIER INVOLVEMENT: Nelle aziende, soprattutto quelle di medio-grandi dimensioni, si è assistito ad un fenomeno di concentrazione del fatturato di acquisto su un numero più ristretto di fornitori. La strategia less suppliers, best suppliers è stata perseguita dalle aziende attraverso lo sviluppo di programmi di riduzione del numero di fornitori, di integrazione dei fornitori ritenuti più competitivi a costi totali, di sviluppo di accordi quadro di fornitura. In questo scenario gli acquisti devono essere fortemente essere integrati nelle strategie di sviluppo aziendali e passare da funzione amministrativa e di servizio alla produzione a funzione strategica capace di contribuire contemporaneamente sui quattro fattori della competitività aziendale: qualità, servizio, costi ed innovazione. In tutti i settori diventa perciò determinante potenziare le capacità di gestione degli acquisti e dei fornitori, attraverso l'utilizzo integrato di tutte le competenze e conoscenze esistenti in azienda, non limitandosi ad una pura gestione del prezzo, ma affrontando in modo serio e consapevole un progetto di riduzione dei Costi Totali di Acquisto. 3. CARATTERISTICHE DELL APPROCCIO M&IT CONSULTING L approccio proposto dalla M&IT Consulting prevede due linee direttrici tra loro sinergiche e con obiettivi specifici: A. Sviluppo dell organizzazione interna degli acquisti (attività interne): L obiettivo di quest area di intervento è quello di riorganizzare e potenziare la struttura degli acquisti, anche introducendo nuove metodologie e tecniche di supporto alla gestione degli acquisti e dei fornitori. B. Integrazione dei fornitori e miglioramento delle loro prestazioni (attività esterne): L obiettivo di quest area di intervento è quello di impostare e realizzare un programma di sviluppo organizzativo e di miglioramento continuo delle prestazioni dei principali fornitori. edizione 11/2008 pagina 3 di 17

4 4. PROGRAMMA PROPOSTO Il programma complessivo da noi proposto, articolato su un orizzonte di mesi, prevede la realizzazione di 5 fasi operative, di seguito schematizzate nel nostro modello di intervento: A) SURVEY INIZIALE analisi organizzativa del processo acquisti e valutazione del parco fornitori attuali B) PROGETTAZIONE DEL CAMBIAMENTO definizione del modello organizzativo e del piano di sviluppo delle attività interne/esterne C) PROGETTI INTERNI avvio dei progetti relativi al piano di sviluppo organizzativo interno del processo acquisti e gestione fornitori D) PROGETTI ESTERNI avvio di un percorso di integrazione e realizzazione di progetti di miglioramento con alcuni fornitori pilota E) FORMAZIONE realizzazione di interventi formativi di supporto allo sviluppo del processo acquisti e gestione fornitori Di seguito, per ciascuna fase del nostro modello di intervento, sono descritti obiettivi, attività e output/risultati attesi. edizione 11/2008 pagina 4 di 17

5 A. SURVEY INIZIALE In questa fase preliminare del programma, dovranno essere raccolte tutte le informazioni necessarie per impostare in modo efficace lo sviluppo organizzativo degli acquisti ed il miglioramento dei rapporti con i fornitori. In particolare si prevede di raccogliere le seguenti informazioni: Informazioni generali: - fatturato acquisti diretti/indiretti e numero dei fornitori attivi - organizzazione generale dell azienda e organizzazione specifica degli acquisti e relazioni interfunzionali - strategie e obiettivi aziendali in relazione alla gestione dei fornitori - politiche per classe merceologica di acquisto (esempio: razionalizzazione del numero di fornitori, miglioramento di prestazioni, riduzione di costi di fornitura e di gestione dei fornitori, ecc.) Informazioni sul processo acquisti: - procedure operative collegate al processo acquisti e relative responsabilità/modalità di svolgimento (sviluppo nuovi prodotti, gestione ordini, programmazione consegne, valutazione fornitori, ecc.) - principali criticità gestionali/operative presenti nell organizzazione attuale degli acquisti - sistemi di supporto alla gestione dei fornitori (sistemi di qualifica/valutazione, forme contrattuali, sistemi di programmazione delle forniture, sistemi di misura delle prestazioni/vendor rating, sistemi di reporting, sistemi di incentivazione al miglioramento ed alla riduzione costi, ecc.) - capacità e competenze del personale interno (competenze tecniche, gestionali ed economiche, con particolare riferimento alle capacità di analisi e valutazione dei costi di acquisto di particolari meccanici e gruppi di assieme) Informazioni sull attuale parco fornitori: - distribuzione del fatturato di acquisto (fatturato per fornitore e per classe merceologica) - copertura/disponibilità (numero di fornitori per classe merceologica) - incidenza del fatturato sui principali fornitori (al fine di comprendere il potere contrattuale) - prestazioni dei fornitori (livello di qualità/servizio) Saranno inoltre approfondite con particolare attenzione le classi merceologiche ritenute più importanti/critiche per l azienda ed i relativi rapporti con i fornitori. Le informazioni sopradescritte verranno raccolte attraverso: - interviste con le Direzioni e con i responsabili operativi più coinvolti dal processo acquisti (Acquisti, Qualità, Progettazione, Produzione/Logistica, ecc.) tendenti a rilevare edizione 11/2008 pagina 5 di 17

6 le criticità percepite all interno dell azienda sia in termini di risultati che di modalità di gestione ed a focalizzare le strategie e gli obiettivi da raggiungere; - interviste con le persone interne alla Funzione Acquisti, al fine di valutare l attuale organizzazione operativa (attività, responsabilità, output per attività, impegni/tempi per attività, criticità, ecc.); - visite sul campo finalizzate a valutare i sistemi di supporto utilizzati nella gestione delle attività collegate al processo acquisti. - visite presso alcuni fornitori ritenuti rappresentativi al fine di valutare il rapporto di fornitura instaurato (si ipotizzano 2-3 fornitori) Al termine di questa fase verrà predisposta a cura della M&IT Consulting una relazione di survey, contenente i risultati dell analisi del processo acquisti e del parco fornitori attuale. Questa relazione sarà presentata alla Direzione aziendale in uno specifico incontro finalizzato a condividere gli aspetti emersi dall analisi iniziale. B. PROGETTAZIONE DEL CAMBIAMENTO In questa seconda fase del programma, partendo dalle informazioni raccolte nel survey iniziale, i consulenti della M&IT Consulting definiranno e proporranno alla Direzione le linee di sviluppo organizzativo del processo acquisti e di gestione dei fornitori, al fine di raggiungere una gestione integrata della rete di fornitura (Supply Chain Management). Per questo ci si avvarrà di un modello di riferimento, messo a punto dalla M&IT Consulting, che individua i sette principali ingredienti di una organizzazione degli acquisti orientata alla gestione integrata della Supply Chain: le cosiddette 7 S: 1. Supplier 2. Strategy 3. Scorecard 4. Structure & Procedures 5. Style 6. Skill 7. System & Tools Tale modello si è dimostrato molto efficace come percorso guidato (road map) di un piano di sviluppo organizzativo complesso, come è quello del processo acquisti. edizione 11/2008 pagina 6 di 17

7 Il modello 7S della M&IT Consulting è di seguito riportato: 1. Suppliers (parco fornitori) 2. Strategy (strategie e politiche) 7. Systems& Tools (sistemi e strumenti operativi) 3. Scorecard (indicatori prestazionali interni ed esterni) SupplyChain Management 6. Skill (sviluppo delle competenze) 4. Structure & Procedures (struttura organizzativa) 5. Style (stile ed etica) In particolare per ciascuna S di questo modello si possono prendere in considerazione le seguenti attività: 1. Supplier: organizzare la rete di fornitura Analizzare criticamente l attuale rete dei fornitori, i livelli di integrazione ed i relativi modelli di relazione adottati Valutare come ridisegnare la rete dei fornitori (individuazione di fornitori capofila e costruzione di reti a gerarchia distribuita) Ridefinire il modello di relazione ed integrazione con i fornitori (integrazione operativa, integrazione di know-how/codesign, ecc.) Ridefinire la struttura delle Classi Merceologiche di acquisto in modo coerente con la struttura della catena di fornitura edizione 11/2008 pagina 7 di 17

8 2. Strategy: definire strategie e politiche di sviluppo Definire le strategie generali degli acquisti orientate alla gestione integrata della rete dei fornitori (incluse le strategie di outsourcing e di make or buy) Definire e condividere con i buyers gli obiettivi e le politiche operative per classe merceologica orientate al miglioramento delle prestazioni dei fornitori ed alla riduzione dei costi totali di acquisto (partendo da matrice importanza/reperibilità) Instaurare un sistema di monitoraggio periodico di come questi obiettivi e politiche vengono effettivamente perseguiti e realizzati 3. Scorecard: definire il sistema di misura delle prestazioni del processo Definire il cruscotto degli indicatori chiave con cui monitorare le prestazioni del processo acquisti e gli indicatori con cui monitorare le prestazioni globali dei fornitori Definire il reporting interno per la Direzione e per le funzioni interne coinvolte nella gestione della Supply Chain Definire il reporting da inviare periodicamente ai fornitori chiave (quelli su cui puntare in ottica di integrazione/partnership) 4. Structure & Procedures: rivedere ruoli, responsabilità e procedure Rivedere la struttura organizzativa interna agli acquisti e le interfacce con le altre funzioni aziendali (chiarendo i ruoli e le responsabilità) Rivedere procedure gestionali/operative relative al processo acquisti e gestione fornitori Pianificare ed attuare audit periodici per verificare l adeguata ed efficace introduzione delle nuove procedure 5. Style: definire principi di etica e comportamento negli acquisti Definire i principi etici e comportamentali richiesti al buyer (ed a chiunque in azienda svolga attività di acquisto) Diffondere i principi etici e comportamentali (memorandum del buyer) Definire le modalità con cui verificare periodicamente il rispetto delle politiche e dei principi di etica e comportamentali 6. Skill: mappare e sviluppare le competenze Mappare le competenze necessarie per lo svolgimento dei ruoli assegnati all interno dell organizzazione degli acquisti Definire ed attuare un piano di sviluppo delle competenze (formazione, percorsi di affiancamento, team working) Definire e/o rivedere il sistema incentivante/premiante (in coerenza con gli obiettivi assegnati alle persone ed al livello di competenza raggiunto) Instaurare un sistema di valutazione dell efficacia dell azione formativa in generale ed una valutazione periodica delle posizioni edizione 11/2008 pagina 8 di 17

9 7. Systems & Tools: potenziare gli strumenti di supporto Definire gli strumenti e le tecniche da potenziare all interno del processo acquisti (strumenti per il marketing di acquisto, supporti contrattuali, sistemi di valutazione fornitore, sistemi informativi e di comunicazione, ecc.) Definire, condividere ed attuare un piano di sviluppo di questi sistemi e strumenti di supporto al processo acquisti Rivedere le procedure ed effettuare la formazione interna necessaria per supportare lo sviluppo degli strumenti e tecniche (vedi anche punti 4 e 6) Sulla base di questo modello complessivo verranno individuate le attività ed i relativi progetti interni da avviare in azienda. Verranno inoltre individuati i fornitori pilota su cui avviare un percorso di integrazione e di miglioramento delle loro prestazioni. Sia per i progetti interni (orientati allo sviluppo del processo acquisti e gestione fornitori) che per i progetti esterni (orientati al miglioramento dei rapporti di fornitura) saranno definiti gruppi di lavoro interfunzionali da coinvolgere e le modalità con cui tali gruppi dovranno operare (organizzazione operativa dei progetti). Al termine di questa fase impostativa verrà predisposta a cura della M&IT Consulting una relazione di avvio dei progetti, contenente il modello ed il piano di sviluppo organizzativo dell area acquisti, i progetti da realizzare, i relativi obiettivi e la loro organizzazione operativa. Tale relazione verrà presentata e condivisa con la Direzione aziendale e successivamente presentata alla struttura aziendale in uno specifico kick-off meeting. C. PROGETTI INTERNI In questa fase del programma, sulla base del piano di sviluppo approvato dalla Direzione aziendale, si procederà a realizzare i progetti interni di potenziamento e sviluppo dell organizzazione del processo acquisti e di gestione fornitori. I progetti interni, verranno suddivisi in due tipologie: a) progetti che potranno essere svolti in piena autonomia dalla vostra struttura e su cui M&IT Consulting può svolgere un semplice ruolo di supervisione e coordinamento delle attività b) progetti che dovranno essere seguiti direttamente da un capo progetto della M&IT Consulting, nel caso in cui non vi sia internamente capacità o competenza specifica In particolare si prevede di avviare dei progetti interni, costituendo per ciascuno di questi un gruppo di lavoro coordinato dai consulenti M&IT. Esempi di possibili progetti su cui M&IT Consulting può fornire un contributo diretto, possono essere: edizione 11/2008 pagina 9 di 17

10 - sviluppo della documentazione contrattuale di acquisto (sviluppo di accordi quadro) - sviluppo di sistemi di valutazione globale dei fornitori (vendor rating/ranking) - introduzione di sistemi di value/cost analysis in fase di assegnazione di nuove forniture - miglioramento dei sistemi di controllo qualità delle forniture (razionalizzazione di piani di controllo) - revisione del sistema di pianificazione e di programmazione delle consegne, al fine di ottenere una maggiore sincronizzazione delle consegne (in ottica JIT) - ecc. In ogni caso M&IT Consulting svolgerà il coordinamento e la supervisione dell intero programma. D. PROGETTI ESTERNI In questa fase del programma si intende avviare, su alcuni Fornitori pilota dei progetti finalizzati allo sviluppo dell integrazione ed al miglioramento delle loro prestazioni (qualità del prodotto e servizio): un vero e proprio percorso di integrazione dei principali Fornitori dell azienda. I fornitori pilota saranno scelti dalla Direzione aziendale in relazione alla loro importanza e/o criticità del rapporto di fornitura da instaurare. In particolare si prevede di avviare dei progetti esterni, costituendo specifici gruppi di lavoro integrati cliente-fornitore; tali gruppi prevedono la partecipazione attiva delle funzioni aziendali coinvolte nel processo acquisti (Acquisti, Qualità, Logistica e Progettazione, ecc.). I consulenti della M&IT Consulting, al fine di trasferire una metodologia di gestione di questi progetti esterni, potranno seguire almeno 1 fornitore pilota, lasciando la gestione degli altri fornitori alla vostra struttura. Al fine di completare il programma di integrazione dei fornitori, potranno essere individuate inoltre delle attività formative comuni, finalizzate a migliorare la conoscenza dei sistemi di gestione ed integrazione cliente-fornitore ed a potenziare l utilizzo di tecniche idonee per il controllo ed il miglioramento dei processi aziendali. Un esempio di pacchetto formativo da proporre ai fornitori, è di seguito riportato: - Il modello di integrazione dei fornitori - Il sistema di valutazione e miglioramento dei fornitori - Il sistema di programmazione delle consegne: lead time e lotti di consegna - L avvio di nuovi prodotti e la gestione delle modifiche tecniche - Le 5S e la gestione a vista nei reparti produttivi - La riduzione degli sprechi nei processi produttivi - La gestione dei progetti di miglioramento: tecniche e strumenti per il problem solving Nel caso di presenza di attività di formazione comune, può inoltre essere studiato un sistema di copartecipazione economica al progetto da parte dei Fornitori coinvolti. Questo aspetto sicuramente edizione 11/2008 pagina 10 di 17

11 responsabilizza e rende più impegnato il fornitore anche nei relativi progetti di miglioramento avviati. Il nostro impegno per questa fase del programma potrà essere meglio definito al termine delle due fasi precedenti di survey iniziale e di progettazione del cambiamento, anche in funzione della scelta adottata dall azienda sull ipotesi di coinvolgere economicamente alcuni fornitori nei progetto di sviluppo, miglioramento ed integrazione. E. FORMAZIONE Nel programma proposto assume poi un ruolo importante la formazione, intesa come attività mirata di sviluppo delle conoscenze e competenze del personale coinvolto nel processo acquisti e di affiancamento nel percorso di cambiamento organizzativo. In particolare si sono individuati 5 temi formativi tipici di seguito elencati ed il cui programma di dettaglio è riportato in allegato 1: - Il ruolo del buyer nella riduzione dei costi totali di acquisto - Lo sviluppo delle capacità relazionali e negoziali del buyer - La valutazione globale dei fornitori: come impostare un programma di miglioramento del rapporto di fornitura - La gestione economica e contrattuale dei fornitori - L integrazione operativa dei fornitori: JIT e Free Pass In occasione del kick off meeting previsto dopo la fase B di progettazione del cambiamento, sarà anche definito con maggior dettaglio il programma di formazione da realizzare. Nel corso del programma potranno inoltre essere individuati dei temi formativi da proporre ai fornitori, finalizzati a migliorare il loro livello di integrazione con il cliente (vedi quanto riportato a riguardo nel precedente punto D) 5. RUOLO DELLA M&IT CONSULTING L assistenza che la M&IT Consulting può fornire ai Clienti che desiderano sviluppare progetti di miglioramento del processo d acquisto e di potenziamento del proprio sistema fornitori (supply chain management) è il frutto di numerose esperienze acquisite presso aziende di medie e grandi dimensioni e di un know-how specifico di consulenti che hanno vissuto esperienze aziendali significative. In ogni caso la M&IT Consulting assisterà i propri Clienti mediante una stretta collaborazione con la direzione con cui condividerà obiettivi e sforzi fino al raggiungimento dei risultati concordati in un reale rapporto di partnership. edizione 11/2008 pagina 11 di 17

12 Il tipo di assistenza suggerita per questi progetti si articola su due livelli: Assistenza all impostazione e supervisione dei progetti: - survey iniziale - supporto alla direzione per la formulazione delle strategie d acquisto e la costruzione della catena dei fornitori - analisi del mercato - analisi organizzativa macro e micro e la riprogettazione del processo - scelta delle priorità e l impostazione dei progetti - supervisione degli stessi e il reporting direzionale - progettazione ed erogazione della formazione - ecc. Assistenza operativa ai progetti: - affiancamento ai buyers nelle fasi chiave dei progetti - analisi economiche della fornitura - sviluppo operativo dei sistemi gestionali/informativi e operativi - valutazione e ricerca di nuovi fornitori - stesura delle procedure e metodologie d acquisto - ecc. L entità e la durata dell assistenza M&IT Consulting saranno stabilite di comune accordo con le direzioni aziendali a seguito della fase di survey conoscitivo e della scelta del percorso che si intende seguire. edizione 11/2008 pagina 12 di 17

13 Allegato 1: Programma di formazione tipo TITOLO: Il ruolo del buyer nella riduzione dei costi totali di acquisto OBIETTIVI DEL CORSO Comprendere la necessità di valutare globalmente il processo acquisti attraverso la misura dei costi totali di acquisto Illustrare come definire le politiche di acquisto orientate alla riduzione dei costi totali di fornitura per classe merceologica Inquadrare il nuovo ruolo del buyer e le competenze richieste per le diverse classi merceologiche PROGRAMMA DEL CORSO Il processo acquisti Definizioni e caratteristiche La funzione acquisti ed il suo ruolo nell ambito del processo acquisti Le classi merceologiche d acquisto Acquisti operativi e acquisti generali Il costo totale di acquisto Costi diretti e costi gestionali La rilevazione dei costi totali d acquisto L attribuzione dei costi per classe merceologica Le politiche operative per la riduzione dei costi totali di acquisto Acquisti commerciali e acquisti su specifica interna La matrice importanza-reperibilità Le leve di riduzione dei costi totali Il ruolo del buyer e lo sviluppo delle competenze Il ruolo del buyer: i five rights Le competenze del buyer in relazione alla classe merceologica L equilibrio tra competenze tecniche e relazionali edizione 11/2008 pagina 13 di 17

14 TITOLO: Lo sviluppo delle capacità relazionali e negoziali del buyer OBIETTIVI DEL CORSO Far comprendere ai buyers le modalità con cui approcciare le relazioni interne ed esterne Potenziare le capacità di negoziazione del buyer PROGRAMMA DEL CORSO Il processo di comunicazione Le differenze tra informazione e comunicazione La comunicazione come processo circolare Le distorsioni nella comunicazione: la coerenza tra comunicazione verbale e non verbale Ascolto attivo, feed back ed empatia: gli aspetti chiave per una comunicazione efficace La negoziazione interna: le relazioni con le funzioni aziendali Saper valutare le esigenze del cliente interno Il metodo SPIN applicato agli acquisti: il buyer come consulente La negoziazione esterna: le relazioni con i fornitori Il processo negoziale I modelli di negoziazione con i fornitori La negoziazione di posizione La negoziazione di principi Le leggi della persuasione edizione 11/2008 pagina 14 di 17

15 TITOLO: La valutazione globale dei fornitori: come impostare un programma di miglioramento del rapporto di fornitura OBIETTIVI DEL CORSO Illustrare le metodologie per svolgere in maniera oggettiva la selezione e la valutazione di un nuovo fornitore Illustrare come impostare e gestire efficacemente un sistema di valutazione delle prestazioni dei fornitori (vendor rating e vendor ranking) Comprendere come impostare un programma di miglioramento delle prestazioni dei fornitori durante il rapporto di fornitura PROGRAMMA DEL CORSO L analisi del parco fornitori L analisi ABC dei fornitori La piramide dei fornitori: i 3 livelli di integrazione I modelli di relazione con i fornitori modello di scambio merce-denaro (commerciale) modello di relazioni (integrazione operativa) modello di partnership (integrazione strategica) Il modello di valutazione dei fornitori La valutazione iniziale: l inserimento nella vendor list La valutazione delle prestazioni: il vendor rating La classificazione dei fornitori: il vendor ranking La valutazione iniziale del fornitore: l inserimento nella vendor list Il questionario preliminare di valutazione Le visite di valutazione presso il fornitore La gestione della vendor list La valutazione delle prestazioni: il vendor rating Fornitori normali e fornitori partner Gli indici di prestazione: sulle forniture e sul rapporto di fornitura La costruzione di un dashboard La classificazione dei fornitori: il vendor ranking I punteggi globali di valutazione dei fornitori I livelli di classificazione Il ranking per classe merceologica Il programma di miglioramento con i fornitori La gestione delle non conformità/azioni correttive Il reporting ai fornitori Il miglioramento continuo integrato edizione 11/2008 pagina 15 di 17

16 TITOLO: La gestione economica e contrattuale dei fornitori OBIETTIVI DEL CORSO Illustrare come effettuare una adeguata scomposizione ed analisi dei costi Individuare le forme contrattuali più idonee alla gestione del rapporto di fornitura PROGRAMMA DEL CORSO La scomposizione e l analisi dei costi di acquisto Le tecniche di scomposizione dei costi L analisi critica dei costi dei fornitori La tabulazione delle offerte La documentazione contrattuale di acquisto Ordini chiusi Ordini aperti Contratti/Accordi quadro Contatti di sviluppo/partnership Contratti di outsourcing La trattativa d acquisto Preparazione della trattativa Gli aspetti chiave della trattativa edizione 11/2008 pagina 16 di 17

17 TITOLO: L integrazione operativa dei fornitori: JIT e Free Pass OBIETTIVI DEL CORSO Comprendere i principi per organizzare un efficace logistica in entrata ed illustrare le tecniche di pianificazione e gestione dei materiali di acquisizione esterna finalizzate a sincronizzare le forniture (in ottica JIT) Comprendere i principi per organizzare un efficace sistema di controllo della qualità dei materiali di acquisizione esterna e le tecniche sviluppare una vera garanzia di qualità delle forniture (in ottica free pass) PROGRAMMA DEL CORSO Lead time di approvvigionamento e posizionamento delle scorte La catena di alimentazione e la struttura del prodotto Il lead time cliente ed il lead time cumulato Il punto di disaccoppiamento La gestione su ordine e su previsione La riduzione del lead time Il sistema di pianificazione e controllo dei materiali MRP e sistemi di pianificazione dei fabbisogni La programmazione rolling delle consegna: i sistemi pull/kanban l lotti di consegna Le unità di carico/movimentazione Gli indici di rotazione/copertura delle scorte Il costo di mantenimento delle scorte I sistemi di controllo qualità delle forniture Il controllo sul prodotto (controlli d'accettazione, source inspection, ecc.) Il controllo del processo del fornitore La gestione della process capability del fornitore La gestione delle NC/AC Lo sviluppo di un programma free-pass in azienda I vantaggi reciproci Le fasi del programma Modalità realizzative (ruoli, responsabilità, interfacce) edizione 11/2008 pagina 17 di 17

L ECCELLENZA NEGLI ACQUISTI Sei moduli efficaci per migliorare il processo di acquisto e accrescere le competenze dei buyers

L ECCELLENZA NEGLI ACQUISTI Sei moduli efficaci per migliorare il processo di acquisto e accrescere le competenze dei buyers L ECCELLENZA NEGLI ACQUISTI Sei moduli efficaci per migliorare il processo di acquisto e accrescere le competenze dei buyers MODULO 2 MODULO 1 L'organizzazione degli acquisti e il ruolo del Buyer Firenze,

Dettagli

La riorganizzazione della Supply Chain secondo i principi lean :

La riorganizzazione della Supply Chain secondo i principi lean : Consulenza di Direzione Management Consulting Formazione Manageriale HR & Training Esperienza e Innovazione La riorganizzazione della Supply Chain secondo i principi lean : un passo chiave nel percorso

Dettagli

PEOPLE CARE. Un equipe di professionisti che si prendono cura dello sviluppo delle RISORSE UMANE della vostra organizzazione.

PEOPLE CARE. Un equipe di professionisti che si prendono cura dello sviluppo delle RISORSE UMANE della vostra organizzazione. La Compagnia Della Rinascita PEOPLE CARE Un equipe di professionisti che si prendono cura dello sviluppo delle RISORSE UMANE della vostra organizzazione. PEOPLE CARE Un equipe di professionisti che si

Dettagli

AFTER SALES MANAGEMENT

AFTER SALES MANAGEMENT Esperienza e Innovazione AFTER SALES MANAGEMENT L approccio proposto da M&IT per trasformare il post-vendita in un Service Eccellente Consulenza di Direzione Risorse Umane Sistemi Normati Information Technology

Dettagli

La gestione dei rapporti con i fornitori è un tema cruciale per le grandi Aziende nello scenario attuale del mercato e delle sue logiche di sviluppo.

La gestione dei rapporti con i fornitori è un tema cruciale per le grandi Aziende nello scenario attuale del mercato e delle sue logiche di sviluppo. La gestione dei rapporti con i fornitori è un tema cruciale per le grandi Aziende nello scenario attuale del mercato e delle sue logiche di sviluppo. Il perfezionamento delle relazioni operative tra grandi

Dettagli

Cost_. Quality_. Delivery_. L eccellenza della tua SuppLy chain parte da qui

Cost_. Quality_. Delivery_. L eccellenza della tua SuppLy chain parte da qui Quality_ Cost_ L eccellenza della tua SuppLy chain parte da qui Delivery_ Training for Excellence 2 FORMAZIONE INNOVAZIONE ESPERIENZA In un mercato competitivo come quello odierno, per gestire al meglio

Dettagli

GEPRIM Snc. Consulenza, Formazione e Coaching per il Settore Creditizio. www.geprim.it

GEPRIM Snc. Consulenza, Formazione e Coaching per il Settore Creditizio. www.geprim.it GEPRIM Snc Consulenza, Formazione e Coaching per il Settore Creditizio Geprim per il Settore Creditizio Il settore del credito e la figura del mediatore creditizio hanno subito notevoli cambiamenti nel

Dettagli

Come passare dal budget tradizionale al piano d azione annuale: il caso GDO

Come passare dal budget tradizionale al piano d azione annuale: il caso GDO Come passare dal budget tradizionale al piano d azione annuale: il caso GDO di Massimo Lazzari e Davide Mondaini (*) L evoluzione rapida e irreversibile dei contesti di riferimento in cui le aziende si

Dettagli

I N D I C E LE PERSONE SONO L ELEMENTO CHIAVE PER RAGGIUNGERE I RISULTATI

I N D I C E LE PERSONE SONO L ELEMENTO CHIAVE PER RAGGIUNGERE I RISULTATI COACHING LE PERSONE SONO L ELEMENTO CHIAVE PER RAGGIUNGERE I RISULTATI I N D I C E 1 [CHE COSA E IL COACHING] 2 [UN OPPORTUNITA DI CRESCITA PER L AZIENDA] 3 [ COME SI SVOLGE UN INTERVENTO DI COACHING ]

Dettagli

Preaudit Sicurezza / Ambiente. General Risk Assessment

Preaudit Sicurezza / Ambiente. General Risk Assessment General Risk Assessment Conduzione di un General Risk Assessment in coerenza con i requisiti ISO 9001:2015. nel 2015 verrà pubblicata la nuova UNI EN ISO 9001 che avrà sempre più un orientamento alla gestione

Dettagli

Proposte formative offerte da Trevi S.p.A. in collaborazione con Fraunhofer IML

Proposte formative offerte da Trevi S.p.A. in collaborazione con Fraunhofer IML Proposte formative offerte da Trevi S.p.A. in collaborazione con Fraunhofer IML Corsi internazionali, corsi in house, master e convegni: la qualità dell insegnamento è sempre garantita da docenti selezionati,

Dettagli

Il catalogo MANAGEMENT Si rivolge a: Imprenditori con responsabilità diretta. Quadri sulla gestione

Il catalogo MANAGEMENT Si rivolge a: Imprenditori con responsabilità diretta. Quadri sulla gestione 6 Il catalogo MANAGEMENT Si rivolge a: Imprenditori con responsabilità diretta Quadri sulla gestione Impiegati con responsabilità direttive Dirigenti di imprese private e organizzazioni pubbliche, interessati

Dettagli

LA FUNZIONE APPROVVIGIONAMENTI E IL RUOLO IN AZIENDA DEGLI APPROVVIGIONATORI

LA FUNZIONE APPROVVIGIONAMENTI E IL RUOLO IN AZIENDA DEGLI APPROVVIGIONATORI Edizione fuori commercio - Vietata la riproduzione anche parziale www.adaci adaci.itit A JOB RIGHT NOW! Anno accademico 2008-2009 2009 LA FUNZIONE APPROVVIGIONAMENTI E IL RUOLO IN AZIENDA DEGLI APPROVVIGIONATORI

Dettagli

Creatori di Eccellenza nella Supply Chain

Creatori di Eccellenza nella Supply Chain Creatori di Eccellenza nella Supply Chain Chi siamo Essere innovativi ma concreti, scommettere assieme sui risultati. Fare le cose che servono per creare valore nel miglior modo possibile. Questa è Makeitalia.

Dettagli

Il Sistema Qualità come modello organizzativo per valorizzare e gestire le Risorse Umane Dalla Conformità al Sistema di Gestione Tab.

Il Sistema Qualità come modello organizzativo per valorizzare e gestire le Risorse Umane Dalla Conformità al Sistema di Gestione Tab. Il Sistema Qualità come modello organizzativo per valorizzare e gestire le Risorse Umane Gli elementi che caratterizzano il Sistema Qualità e promuovono ed influenzano le politiche di gestione delle risorse

Dettagli

Sellers Ln. Buyers Rd. M e d i c a l L o g i c B u y e r. Logisan

Sellers Ln. Buyers Rd. M e d i c a l L o g i c B u y e r. Logisan Logisan Buyers Rd. Sellers Ln. Non riuscivo a trovare l'auto sportiva dei miei sogni, così l'ho costruita da solo... Ferdinand Porsche Mission Ottimizziamo i processi aziendali che da sempre affliggono

Dettagli

TECNICA E TECNICO DEGLI ACQUISTI

TECNICA E TECNICO DEGLI ACQUISTI TECNICA E TECNICO DEGLI ACQUISTI 1. CARTA D IDENTITÀ... 2 2. CHE COSA FA... 3 3. DOVE LAVORA... 4 4. CONDIZIONI DI LAVORO... 5 5. COMPETENZE... 6 Quali competenze sono necessarie?... 6 Conoscenze... 9

Dettagli

INTERVENTI MODULARI DI FORMAZIONE LA QUALITÁ NELLA GESTIONE DELLE RISORSE UMANE

INTERVENTI MODULARI DI FORMAZIONE LA QUALITÁ NELLA GESTIONE DELLE RISORSE UMANE INTERVENTI MODULARI DI FORMAZIONE LA QUALITÁ NELLA GESTIONE DELLE RISORSE UMANE INDICE Premessa 3 Obiettivi e strumenti metodologici dell intervento di formazione 4 Moduli e contenuti dell intervento di

Dettagli

Programma di Export Temporary Management

Programma di Export Temporary Management Programma di Export Temporary Management Aree di intervento Business Strategies, grazie ad una solida esperienza acquisita negli anni, eroga servizi nell ambito dell Export Temporary Management finalizzati

Dettagli

Il catalogo MARKET. Mk6 Il sell out e il trade marketing: tecniche, logiche e strumenti

Il catalogo MARKET. Mk6 Il sell out e il trade marketing: tecniche, logiche e strumenti Si rivolge a: Forza vendita diretta Agenti Responsabili vendite Il catalogo MARKET Responsabili commerciali Imprenditori con responsabilità diretta sulle vendite 34 di imprese private e organizzazioni

Dettagli

IMPOSTAZIONE E ORGANIZZAZIONE DEL PROGETTO

IMPOSTAZIONE E ORGANIZZAZIONE DEL PROGETTO Minimaster in PROJECT MANAGEMENT IMPOSTAZIONE E ORGANIZZAZIONE DEL PROGETTO Giovanni Francesco Salamone Corso Professionale di Project Management secondo la metodologia IPMA (Ipma Competence Baseline)

Dettagli

LA VALUTAZIONE DEL PERSONALE NEGLI ENTI LOCALI

LA VALUTAZIONE DEL PERSONALE NEGLI ENTI LOCALI LA VALUTAZIONE DEL PERSONALE NEGLI ENTI LOCALI Premesse e riferimenti normativi La valutazione del personale, che costituisce un processo centrale nell ambito del management pubblico, ha registrato negli

Dettagli

Indagine sull HR Transformation nelle Banche Italiane

Indagine sull HR Transformation nelle Banche Italiane Indagine sull HR Transformation nelle Banche Italiane integrazione con il business e le strategie eccellenza dei servizi hr HR Transformation efficienza e le tecnologie sourcing Premessa La profonda complessità

Dettagli

Liberare Soluzioni per lo Sviluppo del Business

Liberare Soluzioni per lo Sviluppo del Business Liberare Soluzioni per lo Sviluppo del Business Consulenza Formazione Coaching Chi siamo Kairòs Solutions è una società di consulenza, formazione e coaching, protagonista in Italia nell applicazione del

Dettagli

NOTE DI PRESENTAZIONE DELLA MALAVOLTA CONSULTING S.a.s.

NOTE DI PRESENTAZIONE DELLA MALAVOLTA CONSULTING S.a.s. NOTE DI PRESENTAZIONE DELLA MALAVOLTA CONSULTING S.a.s. Malavolta Consulting S.A.S. del Dott. Roberto Malavolta & C. 63016 Campofilone (AP) Via Borgo San Patrizio, 112 tel 0734 937058 - fax 0734 935084

Dettagli

Il Piano di comunicazione

Il Piano di comunicazione Il Piano di comunicazione 23 lezione 11 novembre 2011 Cosa è un piano di comunicazione Il piano di comunicazione è uno strumento utilizzato da un organizzazione per programmare le proprie azioni di comunicazione

Dettagli

Quando soffia il vento del cambiamento, gli uni costruiscono muri, gli altri mulini a vento. Proverbio cinese

Quando soffia il vento del cambiamento, gli uni costruiscono muri, gli altri mulini a vento. Proverbio cinese Quando soffia il vento del cambiamento, gli uni costruiscono muri, gli altri mulini a vento Proverbio cinese Cogito ERGO sum Cartesio solutions s.r.l. è una società che vuole essere al servizio delle Aziende

Dettagli

TECNICO SUPERIORE PER L APPROVVIGIONAMENTO

TECNICO SUPERIORE PER L APPROVVIGIONAMENTO ISTRUZIONE E FORMAZIONE TECNICA SUPERIORE SETTORE INDUSTRIA E ARTIGIANATO TECNICO SUPERIORE PER L APPROVVIGIONAMENTO STANDARD MINIMI DELLE COMPETENZE TECNICO PROFESSIONALI DESCRIZIONE DELLA FIGURA PROFESSIONALE

Dettagli

Il management cooperativo e l innovazione

Il management cooperativo e l innovazione AZIENDE IN RETE NELLA FORMAZIONE CONTINUA Strumenti per la competitività delle imprese venete Il management cooperativo e l innovazione DGR n. 784 del 14/05/2015 - Fondo Sociale Europeo in sinergia con

Dettagli

Rev. 03 del 28/11/2010. Company profile. Pag. 1 di 6

Rev. 03 del 28/11/2010. Company profile. Pag. 1 di 6 Pag. 1 di 6 L Informedica è una giovane società fondata nel 2004 che opera nel settore dell'information Technology per il settore medicale. Negli ultimi anni attraverso il continuo monitoraggio delle tecnologie

Dettagli

Obiettivi conoscitivi

Obiettivi conoscitivi Corso di International Accounting Università degli Studi di Parma - Facoltà di Economia (Modulo 1 e Modulo 2) LAMIB Strumenti avanzati di management accounting. Profili internazionali. Anno Accademico

Dettagli

Internazionalizzazione & efficienza

Internazionalizzazione & efficienza LAB INTEGRATO DI FORMAZIONE E INFORMAZIONE PER IMPRESE ORIENTATE ALLA RAZIONALIZZAZIONE DEL BUSINESS Internazionalizzazione & efficienza OBIETTIVO Trasmettere un approccio metodologico che aiuti l imprenditore

Dettagli

Agenzia ICE. Monitoraggio di primo livello di avvio del ciclo della performance per l anno 2014

Agenzia ICE. Monitoraggio di primo livello di avvio del ciclo della performance per l anno 2014 Agenzia ICE Monitoraggio di primo livello di avvio del ciclo della performance per l anno 2014 Allegati: 1 Scheda standard di monitoraggio 2 Informazioni di sintesi 1 Allegato 1: Scheda standard di monitoraggio

Dettagli

MANUALE DELLA QUALITÀ Pag. 1 di 10

MANUALE DELLA QUALITÀ Pag. 1 di 10 MANUALE DELLA QUALITÀ Pag. 1 di 10 INDICE IL SISTEMA DI GESTIONE DELLA QUALITÀ Requisiti generali Responsabilità Struttura del sistema documentale e requisiti relativi alla documentazione Struttura dei

Dettagli

Il nostro concetto di business

Il nostro concetto di business Il nostro concetto di business Il concetto di business GOANDPLY ruota attorno a tre elementi principali: la volontà di mettere a disposizione delle aziende le proprie idee, creatività, knowledge ed esperienza

Dettagli

Independent Market Energy Saving Consulting

Independent Market Energy Saving Consulting Independent Market ALENS è ESCo certificata UNI CEI 11352 da TÜV SUD Una nuova realtà nel settore della consulenza in campo energetico, nata dall esperienza pluriennale dei soci. Independent Market Chi

Dettagli

CHI SIAMO. BeOn è una società di consulenza italiana ad alta specializzazione in ambito di valutazione, sviluppo e formazione delle risorse umane.

CHI SIAMO. BeOn è una società di consulenza italiana ad alta specializzazione in ambito di valutazione, sviluppo e formazione delle risorse umane. www.beon-dp.com Operiamo in ambito di: Sviluppo Assessment e development Center Valutazione e feedback a 360 Formazione Coaching CHI SIAMO BeOn è una società di consulenza italiana ad alta specializzazione

Dettagli

METODOLOGIA DIDATTICA PRESENTAZIONE DEL PROGETTO FORMATIVO OBIETTIVI FORMATIVI PERCORSO FORMATIVO DESTINATARI

METODOLOGIA DIDATTICA PRESENTAZIONE DEL PROGETTO FORMATIVO OBIETTIVI FORMATIVI PERCORSO FORMATIVO DESTINATARI OPEN YOUR MIND 2.0 Programma di formazione per lo sviluppo delle capacità manageriali e della competitività aziendale delle Piccole e Medie Imprese della Regione Autonoma della Sardegna PRESENTAZIONE DEL

Dettagli

profilo dna team clienti

profilo dna team clienti CONSULENZA Organizzativa e Direzionale MS Consulting è una società di consulenza organizzativa e direzionale che, dal 1985, fornisce servizi legati alla valutazione dell efficienza aziendale e allo sviluppo

Dettagli

non accontentarti dell orizzonte, cerca L INFINITO.

non accontentarti dell orizzonte, cerca L INFINITO. non accontentarti dell orizzonte, cerca L INFINITO. Jim Morrison Società Algol Consulting: il partner per i progetti ERP Fin dall inizio della sua attività, l obiettivo di Algol Consulting è stato quello

Dettagli

L esperienza dell Università di Bologna

L esperienza dell Università di Bologna PON GOVERNANCE E AZIONI DI SISTEMA ASSE E Capacità Istituzionale Obiettivo specifico 5.1 Performance PA Linea 2 WEBINAR Ciclo delle Performance nelle Università: La programmazione della formazione e il

Dettagli

Sistemi di Gestione: cosa ci riserva il futuro? Novità Normative e Prospettive

Sistemi di Gestione: cosa ci riserva il futuro? Novità Normative e Prospettive Comitato SGQ Comitato Ambiente Sistemi di Gestione: cosa ci riserva il futuro? Novità Normative e Prospettive Mercoledì, 23 febbraio 2005 - Palazzo FAST (Aula Morandi) Piazzale Morandi, 2 - Milano E' una

Dettagli

Addetti agli approvvigionamenti

Addetti agli approvvigionamenti M generali Fornire le conoscenze di base per gli addetti agli approvvigionamenti, in relazione a tutto il processo relativo Consolidare conoscenze e metodiche di gestione che risultino le più consone allo

Dettagli

Dall ascolto organizzativo alla motivazione professionale: L Audit organizzativo

Dall ascolto organizzativo alla motivazione professionale: L Audit organizzativo Dall ascolto organizzativo alla motivazione professionale: L Audit organizzativo Premessa L Audit organizzativo si fonda sull ascolto organizzativo che presenta come obiettivo primario la valorizzazione

Dettagli

STRATEGIE DI SOURCING E PROCUREMENT

STRATEGIE DI SOURCING E PROCUREMENT STRATEGIE DI SOURCING E PROCUREMENT CICLO BUYER Date e Sedi Milano, sede da definire 20/02/2014 dalle ore 10:30 alle ore 17:30 21/02/2014 dalle ore 09:30 alle ore 16:30 Roma, sede da definire 06/03/2014

Dettagli

Commento ai grafici: l analisi viene condotta su un totale di 215 imprenditori e manager d azienda.

Commento ai grafici: l analisi viene condotta su un totale di 215 imprenditori e manager d azienda. RISULTATI SURVEY INTERNATIONAL MANAGEMENT Luglio 2013 Premessa: l Area Executive Education della Fondazione CUOA ha lanciato un indagine per analizzare i fabbisogni formativi di imprenditori, manager e

Dettagli

Analizzare e gestire CAMBIAMENTO. tramite lo strumento e la metodologia

Analizzare e gestire CAMBIAMENTO. tramite lo strumento e la metodologia Analizzare e gestire il CAMBIAMENTO tramite lo strumento e la metodologia LA GESTIONE DEL CAMBIAMENTO Le aziende sono sempre più di frequente poste di fronte al cambiamento. Oggi ai manager si richiede

Dettagli

PROGETTO DISTRIBUZIONE SELETTIVA. Accordi verticali e pratiche concordate

PROGETTO DISTRIBUZIONE SELETTIVA. Accordi verticali e pratiche concordate PROGETTO DISTRIBUZIONE SELETTIVA Accordi verticali e pratiche concordate SVILUPPO PROGETTO DISTRIBUZIONE SELETTIVA Il progetto nasce da una valutazione strategica circa l esigenza di approfondire la tematica

Dettagli

CEREF Soc. Coop. a r.l. Viale Monza, 12 20127 Milano www.ceref.net - Catalogo corsi di Formazione per la Distribuzione Commerciale -

CEREF Soc. Coop. a r.l. Viale Monza, 12 20127 Milano www.ceref.net - Catalogo corsi di Formazione per la Distribuzione Commerciale - 3333 CATALOGO CORSI DI FORMAZIONE PER LA DISTRIBUZIONE COMMERCIALE INDICE AREA COMMERCIALE E GESTIONALE Lo scenario e gli sviluppi della GD in Italia e in Europa pag. 2 Le leve commerciali della distribuzione

Dettagli

Mappare e pesare le posizioni Valutare le prestazioni Analizzare il grado di copertura del ruolo

Mappare e pesare le posizioni Valutare le prestazioni Analizzare il grado di copertura del ruolo Mappare e pesare le posizioni Valutare le prestazioni Analizzare il grado di copertura del ruolo LA METODOLOGIA La metodologia OD&M per valutare le risorse umane La metodologia OD&M per valutare le risorse

Dettagli

Ambiti Contestuale, Tecnico e Comportamentale

Ambiti Contestuale, Tecnico e Comportamentale Ambiti Contestuale, Tecnico e Comportamentale 1 Premessa Il Project Management da alcuni anni rappresenta uno dei temi all attenzione e in significativa espansione all interno delle organizzazioni complesse

Dettagli

CORSO LA GESTIONE DEL MARKETING AZIENDALE AI TEMPI DEL WEB 3.0 12 ore

CORSO LA GESTIONE DEL MARKETING AZIENDALE AI TEMPI DEL WEB 3.0 12 ore CORSO LA GESTIONE DEL MARKETING AZIENDALE AI TEMPI DEL WEB 3.0 12 ore OBIETTIVI DEL CORSO: Il corso consente al partecipante di venire a conoscenza delle opportunità che la gestione del web marketing moderno

Dettagli

ECCELLERE NELLA LOGISTICA. Generare opportunità con la logistica

ECCELLERE NELLA LOGISTICA. Generare opportunità con la logistica ECCELLERE NELLA LOGISTICA Generare opportunità con la logistica INTRODUZIONE Il settore della logistica rappresenta una risorsa strategica per la competitività delle imprese e del territorio ed è attualmente

Dettagli

Questionario per l Innovazione

Questionario per l Innovazione Questionario per l Innovazione Confindustria, con il progetto IxI - Imprese per l Innovazione - intende offrire un significativo contributo al processo di diffusione della cultura dell innovazione e dell

Dettagli

Competere con la logistica Esperienze innovative nella Supply Chain alimentare

Competere con la logistica Esperienze innovative nella Supply Chain alimentare Competere con la logistica Esperienze innovative nella Supply Chain alimentare M. Bettucci R. Secchi V. Veronesi Unit Produzione e Tecnologia Il libro è frutto del lavoro di ricerca svolto con il Gruppo

Dettagli

TECNICO SUPERIORE PER L AMBIENTE, L ENERGIA E LA SICUREZZA IN AZIENDA

TECNICO SUPERIORE PER L AMBIENTE, L ENERGIA E LA SICUREZZA IN AZIENDA ISTRUZIONE E FORMAZIONE TECNICA SUPERIORE SETTORE INDUSTRIA E ARTIGIANATO TECNICO SUPERIORE PER L AMBIENTE, L ENERGIA E LA SICUREZZA IN AZIENDA STANDARD MINIMI DELLE COMPETENZE TECNICO PROFESSIONALI DESCRIZIONE

Dettagli

a.a 2012/2013 III MODULO Pianificazione, gestione e controllo della spesa Area Aziendale

a.a 2012/2013 III MODULO Pianificazione, gestione e controllo della spesa Area Aziendale a.a 2012/2013 III MODULO Pianificazione, gestione e controllo della spesa Area Aziendale Perché formazione sul Procurement? I sistemi di Procurement stanno subendo profonde modificazioni sia nelle grandi

Dettagli

figure professionali software

figure professionali software Responsabilità del Program Manager Valuta la fattibilità tecnica delle opportunità di mercato connesse al programma; organizza la realizzazione del software in forma di progetti ed accorpa più progetti

Dettagli

CAP04 Gestione del Processo di Consulenza Tecnica

CAP04 Gestione del Processo di Consulenza Tecnica CAP04 Gestione del Processo di Consulenza Tecnica 1 di 7 INDICE 1 Pianificazione della realizzazione del prodotto... 2 2 Processi relativi al cliente... 2 2.1 Analisi dei bisogni, determinazione dei requisiti

Dettagli

Fabbrica Futuro. Idee e strumenti per l impresa manifatturiera del domani LA RISPOSTA EVOLUTA DELLA CONSULENZA ALLA DINAMICITÀ DEL MERCATO.

Fabbrica Futuro. Idee e strumenti per l impresa manifatturiera del domani LA RISPOSTA EVOLUTA DELLA CONSULENZA ALLA DINAMICITÀ DEL MERCATO. Fabbrica Futuro Idee e strumenti per l impresa manifatturiera del domani 27 giugno 2013 WEGE LA RISPOSTA EVOLUTA DELLA CONSULENZA ALLA DINAMICITÀ DEL MERCATO. MCS, Q&O e PTM tre società di consulenza che,

Dettagli

Produrre in sicurezza e nel rispetto dell ambiente

Produrre in sicurezza e nel rispetto dell ambiente Produrre in sicurezza e nel rispetto dell ambiente ISO 14001 e OHSAS 18001 nuovi traguardi per una raffineria ogni giorno più compatibile, innovativa, responsabile api raffineria di ancona S.p.A. DUE TRAGUARDI

Dettagli

Human Capital. Conoscere Ideamanagement

Human Capital. Conoscere Ideamanagement Human Capital Conoscere Ideamanagement MISSION & VISION Offrire servizi e soluzioni per aumentare il valore e il rendimento del Capitale Umano. Sviluppare metodologie tra loro coerenti per supportare i

Dettagli

COMUNE DI GIOVINAZZO. Regolamento di disciplina della misurazione e

COMUNE DI GIOVINAZZO. Regolamento di disciplina della misurazione e COMUNE DI GIOVINAZZO Regolamento di disciplina della misurazione e valutazione della performance Approvato dalla Giunta Comunale con deliberazione n. del 1 Articolo 1 Oggetto e finalità 1. Le disposizioni

Dettagli

costruire dei percorsi mirati e una programmazione centrata sui bisogni emersi dall analisi;

costruire dei percorsi mirati e una programmazione centrata sui bisogni emersi dall analisi; SERVIZI FORMAZIONE SU MISURA La formazione su misura ha l obiettivo di affiancare i Clienti nello sviluppo professionale del proprio capitale umano e di sostenere l attuazione di programmi di miglioramento

Dettagli

Ingegnere Giuseppe Baldo

Ingegnere Giuseppe Baldo AATO Venezia Ambiente Viale Ancona, 24 30170 Venezia - Mestre Tel. +39 041 5322078 - Fax +39 041 2597151 mail: info@veneziaambiente.it Programma dettagliato della comunicazione per la redazione del rapporto

Dettagli

persone impresa Servizi di Consulenza Direzionale Gestione delle Risorse Umane e Organizzazione di Impresa

persone impresa Servizi di Consulenza Direzionale Gestione delle Risorse Umane e Organizzazione di Impresa Servizi di Consulenza Direzionale Gestione delle Risorse Umane e Organizzazione di Impresa perché PersoneImpresa Persone e Impresa è il consulente direzionale cui imprenditori e direttori si rivolgono

Dettagli

PROFILO FORMATIVO Profilo professionale e percorso formativo

PROFILO FORMATIVO Profilo professionale e percorso formativo Agenzia del Lavoro Provincia Autonoma di Trento PROFILO FORMATIVO Profilo professionale e percorso formativo DENOMINAZIONE FIGURA PROFESSIONALE - ADDETTO ALLA SEGRETERIA - DESCRIZIONE PROFILO PROFESSIONALE

Dettagli

Regolamento di organizzazione delle strutture amministrative dell Università degli Studi di Teramo

Regolamento di organizzazione delle strutture amministrative dell Università degli Studi di Teramo Regolamento di organizzazione delle strutture amministrative dell Università degli Studi di Teramo Articolo 1 Finalità ed obiettivi 1. Il presente regolamento definisce le linee fondamentali di organizzazione

Dettagli

FORMAZIONE Vendite & Marketing B2B

FORMAZIONE Vendite & Marketing B2B FORMAZIONE Vendite & Marketing B2B Fornire ai partecipanti elementi di Marketing, applicati alla realtà Business to Business. MARKETING B2B Il corso si rivolge a tutti coloro che si occupano di vendite

Dettagli

COGENIAapprofondimenti. Il progetto di quotazione in borsa. Pagina 1 di 7

COGENIAapprofondimenti. Il progetto di quotazione in borsa. Pagina 1 di 7 Il progetto di quotazione in borsa Pagina 1 di 7 PREMESSA Il documento che segue è stato realizzato avendo quali destinatari privilegiati la Direzione Generale o il responsabile Amministrazione e Finanza.

Dettagli

Le prestazioni della Supply Chain

Le prestazioni della Supply Chain Le prestazioni della Supply Chain L ottenimento dell adattamento strategico e la sua portata Le prestazioni della Supply Chain 1 Linea guida Le strategie Competitiva e della supply chain L ottenimento

Dettagli

La certificazione ISO/IEC 20000-1:2005: casi pratici

La certificazione ISO/IEC 20000-1:2005: casi pratici La certificazione ISO/IEC 20000-1:2005: casi pratici L esperienza DNV come Ente di Certificazione ISO 20000 di Cesare Gallotti e Fabrizio Monteleone La ISO/IEC 20000-1:2005 (che recepisce la BS 15000-1:2002

Dettagli

FORUM P.A. SANITA' 2001

FORUM P.A. SANITA' 2001 FORUM P.A. SANITA' 2001 ASL Provincia di Varese Servizio Controllo di Gestione e Reporting Pianificare per gestire Parte 1: Anagrafica Titolo del Progetto: Pianificare per gestire Amministrazione proponente:

Dettagli

Francesco Calì. Value Purchasing. Strumenti e Tecniche per ridurre il Costo Totale d Acquisto. MANAGEMENT FrancoAngeli

Francesco Calì. Value Purchasing. Strumenti e Tecniche per ridurre il Costo Totale d Acquisto. MANAGEMENT FrancoAngeli Francesco Calì Value Purchasing Strumenti e Tecniche per ridurre il Costo Totale d Acquisto MANAGEMENT FrancoAngeli MANAGEMENT Visioni, esperienze, metodologie per potenziare competenze e capacità: proprie

Dettagli

L offerta per il mondo Automotive. gennaio 2008

L offerta per il mondo Automotive. gennaio 2008 L offerta per il mondo Automotive gennaio 2008 Chi siamo :: Una knowledge company, specializzata in strategie, marketing e organizzazione, che in partnership con i suoi clienti e fornitori, realizza progetti

Dettagli

a management consulting company

a management consulting company a management consulting company a management consulting company La società BF Partners S.r.l., fondata dall Ing. Alessandro Bosio e dall Ing. Federico Franchelli, è specializzata nella gestione di progetti

Dettagli

Consulenza e formazione dal 1967

Consulenza e formazione dal 1967 Consulenza e formazione dal 1967 PROFILO SOCIETARIO CIAgroup è un azienda che da 40 anni opera nella consulenza e formazione manageriale e tecnica. La sua strategia è fare squadra con i clienti e diventare

Dettagli

Riorganizzazione del sistema aziendale (ORG)

Riorganizzazione del sistema aziendale (ORG) PROGETTO DI CONSULENZA DIREZIONALE Obiettivo principale: Riorganizzazione del sistema aziendale (ORG) Data / / Nome azienda Sede Legale Premessa: In relazione agli obiettivi emersi nel corso dell incontro

Dettagli

Facciamo funzionare il tuo Business. Semplicemente.

Facciamo funzionare il tuo Business. Semplicemente. La Natura è fatta di forme meravigliosamente semplici che nascondono meccanismi di funzionamento incredibilmente articolati. Solo quando si è in grado di trasformare la complessità dei processi tecnologici

Dettagli

LE COMPETENZE DI FUNDRAISING (CF) INSEGNATE AL MASTER

LE COMPETENZE DI FUNDRAISING (CF) INSEGNATE AL MASTER LE COMPETENZE DI FUNDRAISING (CF) INSEGNATE AL MASTER Indice INTRODUZIONE... 3 CF1 - SVILUPPARE IL CASO PER IL FUNDRAISING... 4 CF 1.1 : INDIVIDUARE LE NECESSITÀ DI FUNDRAISING DI UN ORGANIZZAZIONE NONPROFIT;...

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DELLA PRODUZIONE 24 ore

PROGRAMMAZIONE DELLA PRODUZIONE 24 ore PROGRAMMAZIONE DELLA PRODUZIONE 24 ore OBIETTIVI DEL CORSO: Il programma si propone di fornire alle aziende indicazioni che possano essere di supporto al miglioramento delle prestazioni del loro processo

Dettagli

AREA TEMATICA INNOVAZIONE NEL RAPPORTO CON IL MERCATO

AREA TEMATICA INNOVAZIONE NEL RAPPORTO CON IL MERCATO AREA TEMATICA INNOVAZIONE NEL RAPPORTO CON IL MERCATO Gestire la relazione di vendita con efficacia 1 Corso base in commercio estero 2 L efficacia commerciale: corso per operatori al servizio vendita 3

Dettagli

Bavutti Paolo Consulting Come ridurre le scorte al minimo

Bavutti Paolo Consulting Come ridurre le scorte al minimo Bavutti Paolo Consulting Come ridurre le scorte al minimo Presentiamo una soluzione totalmente diversa da altre offerte sul mercato. Un vero e proprio strumento operativo capace di far ridurre in modo

Dettagli

Ridurre i costi logistici attraverso il team working: il caso GD

Ridurre i costi logistici attraverso il team working: il caso GD Ridurre i costi logistici attraverso il team working: il caso GD di Davide Mondaini e Violante Battistella (*) I costi logistici rappresentano una voce rilevante all interno del Conto Economico aziendale.

Dettagli

La consulenza nel campo assicurativo

La consulenza nel campo assicurativo La consulenza nel campo assicurativo inizio Perché i delfini? Perché ci somigliano: intelligenti, abili, veloci, si muovono esperti nel loro vasto blu. Su di loro si può sempre contare. inizio Studi recenti

Dettagli

La gestione della Forza vendita Come ottenere di più dall attività di vendita

La gestione della Forza vendita Come ottenere di più dall attività di vendita La gestione della Forza vendita Come ottenere di più dall attività di vendita Se cercate: 1. un metodo per ricercare, valutare e selezionare i migliori venditori; 2. informazioni su come addestrare, formare

Dettagli

Formazione e sviluppo per la Pubblica Amministrazione

Formazione e sviluppo per la Pubblica Amministrazione Formazione e sviluppo per la Pubblica Amministrazione area La gestione delle risorse umane come strumento generatore di valore L Agenzia per la Formazione, l Orientamento e il Lavoro del Nord Milano nasce

Dettagli

CORSO DI AGGIORNAMENTO PER SEGRETARIE

CORSO DI AGGIORNAMENTO PER SEGRETARIE CORSO DI AGGIORNAMENTO PER SEGRETARIE DI DIREZIONE: ASSISTANT MANAGER 2ªedizione Al termine del percorso di sviluppo delle competenze, ogni partecipante sarà in grado di allenare le qualità manageriali

Dettagli

DISPORRE DEL CAPITALE UMANO ADEGUATO PER COGLIERE GLI OBIETTIVI DELL AZIENDA

DISPORRE DEL CAPITALE UMANO ADEGUATO PER COGLIERE GLI OBIETTIVI DELL AZIENDA DISPORRE DEL CAPITALE UMANO ADEGUATO PER COGLIERE GLI OBIETTIVI DELL AZIENDA LA FORMAZIONE MANAGERIALE 1. [ GLI OBIETTIVI ] PERCHÉ PROGETTARE E REALIZZARE PERCORSI DI CRESCITA MANAGERIALE E PROFESSIONALE?

Dettagli

Corso EQDL 2013 soluzioni delle domande sui lucidi Modulo 1

Corso EQDL 2013 soluzioni delle domande sui lucidi Modulo 1 Modulo 1 Parte 1 Corso EQDL 2013 soluzioni delle domande sui lucidi Modulo 1 1.1.1.1 pag. 21 Quale, tra le affermazioni che seguono relative al concetto di qualità, è la più corretta? A. Il termine qualità

Dettagli

Educando nella Provincia di Varese 2012

Educando nella Provincia di Varese 2012 Scheda progetto Educando nella Provincia di Varese 2012 ANCI Lombardia coordina e organizza le azioni degli enti associati in materia di servizio civile definendo una precisa strategia metodologica comune

Dettagli

Vuole rappresentare un punto di riferimento affidabile in quei delicati momenti di cambiamento e di sviluppo del nuovo.

Vuole rappresentare un punto di riferimento affidabile in quei delicati momenti di cambiamento e di sviluppo del nuovo. MASTER si propone come facilitatore nella costruzione e pianificazione di strategie di medio e lungo termine necessarie ad interagire con gli scenari economici e sociali ad elevato dinamismo. Vuole rappresentare

Dettagli

Azienda ULSS n. 1 Belluno Ing. Alberto Vielmo

Azienda ULSS n. 1 Belluno Ing. Alberto Vielmo Azienda ULSS n. 1 Belluno Ing. Alberto Vielmo 1 2 3 4 5 6 7 8 Perché l accreditamento di eccellenza? Gli 8 concetti fondamentali dell eccellenza eccellenza orientamento ai risultati centralità dell utente

Dettagli

Il Programma di razionalizzazione della spesa per beni e servizi della P.A.

Il Programma di razionalizzazione della spesa per beni e servizi della P.A. Il Programma di razionalizzazione della spesa per beni e servizi della P.A. Seminario sulle Convenzioni CONSIP in ambito ICT 28 Novembre 2003 Palazzo del Consiglio Regionale Sala Sinni Agenda 1. Apertura

Dettagli

Studio Staff R.U. S.r.l. Consulenti di Direzione REFERENZE AREA FORMAZIONE Nell ambito della propria strategia di crescita, lo Studio Staff R.U. ha da sempre riservato un ruolo importante alle attivitàdi

Dettagli

Parte I Strategie di Supply Chain Management, Processi e Prestazioni 1. 1 Supply Chain Management: definizioni e concetti introduttivi

Parte I Strategie di Supply Chain Management, Processi e Prestazioni 1. 1 Supply Chain Management: definizioni e concetti introduttivi Indice Prefazione Premessa Introduzione XI XV XIX Parte I Strategie di Supply Chain Management, Processi e Prestazioni 1 1 Supply Chain Management: definizioni e concetti introduttivi 5 1.1 L evoluzione

Dettagli

ASL TERAMO. (Circ.ne Ragusa,1 0861/4291) REGOLAMENTO SULL ORGANIZZAZIONE DEI SERVIZI DI COMUNICAZIONE

ASL TERAMO. (Circ.ne Ragusa,1 0861/4291) REGOLAMENTO SULL ORGANIZZAZIONE DEI SERVIZI DI COMUNICAZIONE ASL TERAMO (Circ.ne Ragusa,1 0861/4291) REGOLAMENTO SULL ORGANIZZAZIONE DEI SERVIZI DI COMUNICAZIONE (ai sensi della legge 150/2000, del DPR 422/2001, e della Direttiva della Presidenza del Consiglio dei

Dettagli

Consulenza Direzionale www.kvalue.net. Presentazione Società. Key Value for high performance business

Consulenza Direzionale www.kvalue.net. Presentazione Società. Key Value for high performance business Key Value for high performance business Consulenza Direzionale www.kvalue.net KValue Srl Via E. Fermi 11-36100 Vicenza Tel/Fax 0444 149 67 11 info@kvalue.net Presentazione Società L approccio KValue KValue

Dettagli

6.A.1 Logistica interna ed esterna

6.A.1 Logistica interna ed esterna 6.A.1 Logistica interna ed esterna Il corso si propone di fornire un quadro chiaro di inquadramento della logistica e delle sue principali funzioni in azienda. Si vogliono altresì fornire gli strumenti

Dettagli

Capitolato per la selezione di una cooperativa sociale di tipo b per la realizzazione di attività relative all ambito disabilità e protezione civile

Capitolato per la selezione di una cooperativa sociale di tipo b per la realizzazione di attività relative all ambito disabilità e protezione civile Capitolato per la selezione di una cooperativa sociale di tipo b per la realizzazione di attività relative all ambito disabilità e protezione civile Obiettivi specifici Per il generale, si individuano

Dettagli