TEMA DI DISCIPLINE TURISTICHE E AZIENDALI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "TEMA DI DISCIPLINE TURISTICHE E AZIENDALI"

Transcript

1 ATTIVITÀ DIDATTICHE 1 Tema in preparazione all esame di Stato PACCHETTO TURISTICO (PUNTO DI PAREGGIO E MARGINE DI CONTRIBUZIONE), CALCOLO DELLA TARIFFA CON IL FULL COSTING, SCELTA DEL PACCHETTO TURISTICO PIÚ CONVENIENTE, ANALISI DEGLI SCOSTAMENTI DEI RICAVI MATERIA: DISCIPLINE TURISTICHE E AZIENDALI (Classe quinta Istituto Tecnico Indirizzo Turismo) Proponiamo una simulazione della seconda prova dell esame di Stato rivolta agli studenti della classe quinta degli IT Indirizzo turismo. di Giorgio CAMPAGNA e Vito LOCONSOLE TEMA DI DISCIPLINE TURISTICHE E AZIENDALI Il candidato svolga la prima parte della prova e risponda a due tra i quesiti proposti nella seconda parte. PRIMA PARTE Il tour operator incoming Alfa Tour srl, in occasione di un evento internazionale di golf a Roma, decide di produrre un pacchetto turistico, della durata di cinque giorni, destinato ad appassionati golfisti provenienti dalla Spagna. Per tale motivo: - conclude un contratto vuoto per pieno con una compagnia aerea per n. 200 posti per ,00 euro a tratta; - conclude un contratto di allotment con un hotel, categoria cinque stelle, al prezzo di 250,00 euro al giorno per persona con trattamento di pensione completa, al lordo di commissione del 15%. Sapendo che il tour operator, sulla base dei prezzi di mercato, fissa un prezzo di vendita di 1.600,00 euro per persona, il candidato: determini il numero di potenziali acquirenti per ottenere il pareggio tra costi e ricavi; rappresenti graficamente il punto di pareggio; determini il margine di contribuzione e l utile lordo ipotizzando un grado di occupazione pari all 80%.

2 ATTIVITÀ DIDATTICHE 2 SECONDA PARTE Il candidato scelga due dei seguenti quesiti e presenti le linee operative, le motivazioni delle soluzioni prospettate e i relativi documenti, secondo le richieste. 1. Il tour operator Alfa Tour srl desidera organizzare una escursione di un intera giornata a Tivoli, da tariffare a parte con il metodo del full costing, ipotizzando la partecipazione di n. 150 persone. Determinare il prezzo dell escursione e predisporre l itinerario sintetico. 2. Il tour operator Beta Tour srl, che produce due pacchetti turistici, riceve da un impresa la richiesta di acquistare n. 80 pacchetti turistici da offrire ai dipendenti come viaggio incentive, senza indicazione di un prodotto specifico. Individuare il pacchetto turistico che il tour operator Beta Tour srl ha interesse a promuovere e la variazione del risultato economico derivante dalla richiesta. 3. Il tour operator Gamma Tour srl, che produce un unica tipologia di pacchetto turistico, adotta il sistema di pianificazione, programmazione e controllo per raccogliere dati da utilizzare per compiere le scelte aziendali. Presentare l analisi degli scostamenti dei ricavi di vendita, da cui risulti una diminuzione del volume della produzione. Dati mancanti opportunamente scelti.

3 Svolgimento del Tema in preparazione all esame di Stato ATTIVITÀ DIDATTICHE 3 PACCHETTO TURISTICO (PUNTO DI PAREGGIO E MARGINE DI CONTRIBUZIONE), CALCOLO DELLA TARIFFA CON IL FULL COSTING, SCELTA DEL PACCHETTO TURISTICO PIÚ CONVENIENTE, ANALISI DEGLI SCOSTAMENTI DEI RICAVI PRIMA PARTE Per la determinazione del numero di potenziali acquirenti che consente di ottenere il pareggio tra costi e ricavi è necessario individuare i costi di produzione, distinguendo i costi fissi dai costi variabili. Si ipotizzano i seguenti costi: - servizio di trasporto aereo per n. 200 posti per ,00 euro a tratta (contratto vuoto per pieno); - servizio di vitto e alloggio in un hotel, categoria cinque stelle, al prezzo di 250,00 euro al giorno per persona con trattamento di pensione completa, al lordo di commissione del 15% (contratto allotment); - servizio di autopullman da n. 50 posti, dal giorno di arrivo al giorno di partenza, a tariffa confidenziale di 500,00 euro per ciascuno per giorno; - biglietti di ingresso per assistere alle gare pari a 90,00 euro per persona; - servizio di accompagnatore/interprete al prezzo di 150,00 euro al giorno per gruppi di n. 50 persone; - visita guidata della città di Roma di un intera giornata divisa in gruppi da n. 25 persone al prezzo di 250,00 euro per ciascun gruppo; - costi di promo-commercializzazione e generali pari a ,00 euro. I costi fissi sono i seguenti: Trasporto aereo euro ,00 n. 2 tratte ,00 Autopullman euro 500,00 n. 4 pullman n. 5 giorni ,00 Accompagnatori - interpreti euro 150,00 n. 4 accompagnatori n ,00 giorni Visita guidata euro 250,00 n. 8 gruppi 2.000,00 Costi di promo-commercializzazione e generali ,00 Totale costi fissi ,00

4 Il costo netto dell albergo è pari a: costo lordo albergo: costo netto albergo: I costi variabili sono i seguenti: costo netto albergo: 850,00 biglietti d ingresso 90,00 Totale costi variabili 940,00 euro 250,00 n. 4 notti = 1.000,00 euro 1.000,00 (100 15) = 850,00 euro 100 ATTIVITÀ DIDATTICHE 4 Il numero di potenziali acquirenti per ottenere il pareggio tra costi e ricavi è dato da: q: ,00 = ,00 940,00 CF CT RT Il grafico del punto di pareggio è il seguente: RT CT , ,00 CF O q Essendo il grado di occupazione pari all 80%, il numero di pacchetti venduti è uguale a: n. 200 pacchetti 80% = 160 pacchetti venduti. Il margine di contribuzione e l utile lordo sono i seguenti:

5 ATTIVITÀ DIDATTICHE 5 Ricavi totali euro 1.600,00 n. 160 pacchetti ,00 Costi variabili euro 940,00 n. 160 pacchetti ,00 Margine di contribuzione ,00 Costi fissi ,00 Utile lordo ,00 SECONDA PARTE Quesito 1 Per tariffare l escursione, il tour operator Sardella utilizza il metodo del full costing, applicando il mark-up al costo primo. Si ipotizzano i seguenti costi: - servizio di autopullman da n. 50 posti a tariffa confidenziale di 300,00 euro al giorno; - servizio di accompagnatore/interprete al prezzo di 100,00 euro al giorno per gruppi di n. 50 persone; - visite guidate a villa Adriana e villa d Este pari a 18,00 euro per persona; - pranzo pari a 30,00 per persona. Il prezzo totale è il seguente: Autopullman euro 300,00 n. 3 pullman 900,00 Accompagnatori - interpreti euro 100,00 n. 3 accompagnatori 300,00 Visite guidate euro 18,00 n. 150 pax 2.700,00 Pranzo euro 30,00 n. 150 pax 4.500,00 Costo primo 8.400,00 Mark-up 30% di euro 8.400, ,00 Prezzo totale ,00 Il prezzo a persona dell escursione è pari a: prezzo per persona = ,00 = 72,80 arrotondato a 75,00 euro. 150 Itinerario Tivoli: Villa d Este e Villa Adriana Escursione di un intera giornata all insegna della storia, dell arte e della bellezza a due delle Ville più celebri del mondo, entrambe a Tivoli, ridente cittadina sulla via Tiburtina, distante circa 30 km da Roma. Nei giardini della rinascimentale Villa d Este sarà possibile scoprire le fantasiose fontane volute dal Cardinale Ippolito d Este e i loro significati simbolici, oltre agli straordinari affreschi del piano nobile. A Villa Adriana, l antica Villa dell Imperatore Adriano, tra edifici residenziali, terme, ninfei, padiglioni e giardini sarà possibile scoprire l amore per l architettura e la cultura dell imperatore. Ore 08:00 Partenza dal piazzale antistante l hotel con autopullman Gran Turismo Ore 09:00 Arrivo a Tivoli. Visita guidata di Villa d Este (circa due ore)

6 Ore 12:00 Passeggiata per la città di Tivoli Ore 13:15 Pranzo presso il ristorante La Sibilla Ore 15:00 Partenza per Villa Adriana. ATTIVITÀ DIDATTICHE 6 Ore 15:15 Arrivo a Villa Adriana. Visita guidata di Villa Adriana (circa due ore) Ore 17:30 Partenza per Roma Ore 18:30 Arrivo al piazzale antistante dell hotel Quota di partecipazione: 75,00 euro La quota comprende: - trasporto in autopullman Gran Turismo; - visite guidate come da programma; - pasti come da programma; - assistenza per tutta l escursione. La quota non comprende: - bevande ai pasti; - facchinaggi e mance di ogni genere; - tutto quanto non espressamente indicato ne la quota comprende. Quesito 2 Per individuare il pacchetto turistico da promuovere il tour operator Beta Tour srl deve, accanto a valutazioni di marketing, valutare il contributo economico che i singoli prodotti danno alla redditività aziendale. A tal fine, ipotizzando che la richiesta non determini un aumento della capacità produttiva del tour operator, è necessario considerare il margine di contribuzione di primo livello unitario, dato che la quantità richiesta per entrambi i prodotti è uguale. I pacchetti turistici offerti dal tour operator sono Arte e Mare. I dati relativi al prezzo di vendita e ai costi variabili diretti dei due prodotti sono i seguenti: Arte Mare Prezzo di vendita 650,00 520,00 Costo unitario per trasporti 175,00 95,00 Costo unitario per servizi turistici 117,00 104,00 Costo unitario per servizi accessori 98,00 35,00

7 Il margine di contribuzione di primo livello unitario dei prodotti è il seguente: ATTIVITÀ DIDATTICHE 7 Arte Mare Prezzo di vendita 650,00 520,00 Costo unitario per trasporti 175,00 95,00 Costo unitario per servizi turistici 117,00 104,00 Costo unitario per servizi accessori 98,00 35,00 Margine di primo livello unitario 260,00 286,00 Al tour operator Beta Tour srl conviene promuovere il pacchetto turistico Mare che presenta il margine di contribuzione di primo livello unitario più elevato. La variazione del risultato economico derivante dalla vendita di n.80 pacchetti turistici Mare è pari a: variazione risultato economico = 286,00 80 = ,00 euro. Quesito 3 Nel caso di aziende monoprodotto, l analisi degli scostamenti individua, oltre allo scostamento globale, due scostamenti elementari: scostamento di volume e scostamento di prezzo. Si ipotizzano i seguenti dati: Budget Consuntivo Quantità venduta 650,00 580,00 Prezzo di vendita 1.240, ,00 Lo scostamento globale è pari a: Scostamento globale = , ,00 = 6.000,00 euro. Pertanto il tour operator Gamma Tour srl ha realizzato ricavi di vendita maggiori di quelli indicati nel budget. Lo scostamento di volume è pari a: Scostamento di volume = 1.240,00 ( ) = ,00 euro Pertanto il minor numero di pacchetti turistici prodotti e venduti dal tour operator Gamma Tour srl ha determinato una diminuzione dei ricavi di vendita. Lo scostamento di prezzo è pari a: Scostamento di prezzo = 580 (1.240, ,00) = ,00 euro Pertanto il maggior prezzo di vendita dei pacchetti turistici prodotti e venduti dal tour operator Gamma Tour srl ha determinato un aumento dei ricavi di vendita.

FULL COSTING E DIRECT COSTING NELLE IMPRESE TURISTICHE

FULL COSTING E DIRECT COSTING NELLE IMPRESE TURISTICHE ATTIVITÀ DIDATTICHE 1 Prova di verifica FULL COSTING E DIRECT COSTING NELLE IMPRESE TURISTICHE di Anna BORRA MATERIE: ECONOMIA AZIENDALE (Classe 5 a IT Indirizzo Turismo) La prova consente di verificare

Dettagli

Il candidato, ipotizzando, dove necessario, un criterio di riparto adeguato, determini:

Il candidato, ipotizzando, dove necessario, un criterio di riparto adeguato, determini: Le informazioni desunte dall analisi dei costi pieni e da quella dei costi diretti portano a conclusioni e decisioni differenti. Lo studente, dopo aver descritto i sistemi di contabilità a costi pieni

Dettagli

Budget. Budget flessibile. Ricavi di vendita ( )

Budget. Budget flessibile. Ricavi di vendita ( ) Esercizio 12.1 Deepsea Il primo passo da effettuare consiste nell elaborazione del budget flessibile, che ci porta a determinare il margine di contribuzione che avremmo dovuto ottenere dai volumi effettivamente

Dettagli

CONTABILITÀ GESTIONALE: METODI DI CALCOLO DEI COSTI

CONTABILITÀ GESTIONALE: METODI DI CALCOLO DEI COSTI Prova di verifica CONTABILITÀ GESTIONALE: METODI DI CALCOLO DEI COSTI di Rossana MANELLI ATTIVITÀ DIDATTICHE 1 MATERIE: ECONOMIA AZIENDALE (Classe 5 a IT Indirizzo AFM; Articolazione SIA; Articolazione

Dettagli

FITNESS. Costi fissi di commercializzazione e vendita ( ) Ore MOD disponibili in un trimestre

FITNESS. Costi fissi di commercializzazione e vendita ( ) Ore MOD disponibili in un trimestre FITNESS Fitness S.p.A. è un azienda produttrice di abbigliamento per il fitness operante sul mercato europeo. Nel maggio del 2008, il controller stava raccogliendo le informazioni necessarie per elaborare

Dettagli

6.1. Lo schema di conto economico a direct costing

6.1. Lo schema di conto economico a direct costing 6.1. Lo schema di conto economico a direct costing Ricavi Costo del venduto variabile Rimanenze iniziali di prodotti finiti (+) Costo dei beni prodotti (+) Rimanenze finali di prodotti finiti (-) Costi

Dettagli

La produzione turistica

La produzione turistica La produzione turistica 1. Esercizio Un T.O. deve immettere nel mercato un pacchetto turistico che si caratterizza per i seguenti costi: costi fissi: 5.000 costo variabile unitario = 350 prezzo unitario

Dettagli

Il margine di contribuzione di primo livello rapportato alla quantità venduta è il seguente:

Il margine di contribuzione di primo livello rapportato alla quantità venduta è il seguente: 4. METODI DI CALCOLO DEI COSTI Classe 5^A A RIM - I.I.S. Capriotti - San Benedetto del Tronto (AP) 4.1 margine di contribuzione ( ) X11 X19 Totale Ricavi di vendita 360.000 360.000 720.000 Costi variabili

Dettagli

CONTABILITA DEI COSTI

CONTABILITA DEI COSTI CONTABILITA DEI COSTI IL SISTEMA DI PIANIFICAZIONE E CONTROLLO Pianificazione strategica Definizione degli obiettivi e delle linee guida aziendali Controllo direzionale Definizione e perseguimento delle

Dettagli

Pricing & Costing Cost Based Pricing: Il metodo a full costing

Pricing & Costing Cost Based Pricing: Il metodo a full costing Pricing & Costing Cost Based Pricing: Il metodo a full costing G.TOSCANO e A.VINCI Corso: Pricing & Costing LIUC Università di Castellanza Ottobre 2010 Anno accademico 2010/11 1 Il prezzo viene determinato

Dettagli

Punto di Indifferenza e Punto di Fuga

Punto di Indifferenza e Punto di Fuga Punto di Indifferenza e Punto di Fuga Obiettivi: Punto di Pareggio o Indifferenza Punto di Fuga 2 Il Punto di Pareggio o Indifferenza Il punto di Pareggio, cui corrisponde il livello di produzione necessario

Dettagli

ROMA e RAINBOW MAGICLAND. Quota di partecipazione 395 ROMA CITTA DEL VATICANO RAINBOW MAGICLAND CASTELLI ROMANI. Partenze AGOSTO 13

ROMA e RAINBOW MAGICLAND. Quota di partecipazione 395 ROMA CITTA DEL VATICANO RAINBOW MAGICLAND CASTELLI ROMANI. Partenze AGOSTO 13 ROMA e RAINBOW MAGICLAND ROMA CITTA DEL VATICANO RAINBOW MAGICLAND CASTELLI ROMANI 1 GIORNO: SEDE ROMA Mattina ritrovo dei partecipanti, sistemazione in pullman e partenza per Roma. Pranzo libero lungo

Dettagli

Pricing & Costing Cost Based Pricing: il metodo a Direct Costing

Pricing & Costing Cost Based Pricing: il metodo a Direct Costing Pricing & Costing Cost Based Pricing: il metodo a Direct Costing G. TOSCANO e A. VINCI Corso: Pricing & Costing LIUC Università di Castellanza Ottobre 2010 Anno accademico 2010/11 1 Cost- Based Pricing

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO - Facoltà di Ingegneria CORSO SISTEMI DI CONTROLLO DI GESTIONE Ingegneria Informatica Prof. Sergio Mascheretti

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO - Facoltà di Ingegneria CORSO SISTEMI DI CONTROLLO DI GESTIONE Ingegneria Informatica Prof. Sergio Mascheretti ESAME DEL 02/04/09 DOMANDA 1 Indicare cosa si intende per costi indiretti e descrivere quali sono i principali approcci all imputazione dei costi indiretti. DOMANDA 2 Descrivere il sistema di reporting

Dettagli

ESERCITAZIONE ANALISI DEI COSTI 15 MAGGIO Caterina Ferrone

ESERCITAZIONE ANALISI DEI COSTI 15 MAGGIO Caterina Ferrone ESERCITAZIONE ANALISI DEI COSTI 15 MAGGIO 2015 Caterina Ferrone caterina.ferrone@unina.it Esercizio N.1 Sistema a costi pieni e variabili La LOVITO Spa presenta i dati di costo e di ricavo relativi al

Dettagli

Commento al tema di Economia aziendale 2007

Commento al tema di Economia aziendale 2007 Commento al tema di Economia aziendale 2007 Il tema proposto per la prova di Economia aziendale negli Istituti Tecnici Commerciali è incentrato sul sistema di reporting ed è articolato in una prima parte

Dettagli

CONTROLLO E CONTABILITA

CONTROLLO E CONTABILITA CONTROLLO E CONTABILITA DEI COSTI Agenda Classificazione dei costi Costi variabili e fissi -Modello costo volume profitto Costi diretti e indirietti -La contabilità per centri di costo Analisi degli scostamenti

Dettagli

Il calcolo economico. Le relazioni tra costi e prezzi.

Il calcolo economico. Le relazioni tra costi e prezzi. UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PAVIA FACOLTÀ DI ECONOMIA Il calcolo economico. Le relazioni tra costi e prezzi. Capitolo 6 Chiara Demartini cdemartini@eco.unipv.it 1 RELAZIONI TRA COSTI E PREZZI Nel cap. 5

Dettagli

La traccia assegnata come seconda prova di Economia aziendale, nell Indirizzo Amministrazione, Finanza e Marketing è strutturata in due parti.

La traccia assegnata come seconda prova di Economia aziendale, nell Indirizzo Amministrazione, Finanza e Marketing è strutturata in due parti. Istituto Tecnico - Settore economico Indirizzo: Amministrazione, Finanza e Marketing Esame di Stato anno scolastico 2015/2016 Svolgimento seconda prova di Economia aziendale La traccia assegnata come seconda

Dettagli

DIRECT COSTING CONTABILITA' A COSTI DIRETTI

DIRECT COSTING CONTABILITA' A COSTI DIRETTI DIRECT COSTING CONTABILITA' A COSTI DIRETTI Esercizio n. 1 La ditta artigiana Fulghesu produce due modelli di box doccia, in plastica e in cristallo. I dati di produzione e vendita dell anno appena concluso

Dettagli

ANALISI DEGLI SCOSTAMENTI. Definizione e obiettivi. Cause degli scostamenti SISTEMI DI PROGRAMMAZIONE E CONTROLLO. Prof.ssa Monia Castellini

ANALISI DEGLI SCOSTAMENTI. Definizione e obiettivi. Cause degli scostamenti SISTEMI DI PROGRAMMAZIONE E CONTROLLO. Prof.ssa Monia Castellini SISTEMI DI PROGRAMMAZIONE E CONTROLLO ANALISI DEGLI SCOSTAMENTI Prof.ssa Monia Castellini Copyright Sistemi di programmazione e controllo 1 Definizione e obiettivi L analisi degli scostamenti o analisi

Dettagli

Esercitazione Sul Budget

Esercitazione Sul Budget Esercitazione Sul Budget Traccia La Garofalo spa, produce e commercializza pasta. Il responsabile amministrativo, con l ausilio dei responsabili delle altre funzioni aziendali, si accinge all elaborazione

Dettagli

IL PRICING DI PRODOTTO. Dott. Claudio Orsini Studio Cauli, Marmocchi, Orsini & Associati Bologna

IL PRICING DI PRODOTTO. Dott. Claudio Orsini Studio Cauli, Marmocchi, Orsini & Associati Bologna IL PRICING DI PRODOTTO Dott. Claudio Orsini Studio Cauli, Marmocchi, Orsini & Associati Bologna LA DEFINIZIONE DEI PREZZI DI VENDITA La definizione dei prezzi di vendita costituisce una delle operazioni

Dettagli

Individuare le risposte corrette per ciascun quesito (anche più di una)

Individuare le risposte corrette per ciascun quesito (anche più di una) F. GIUNTA ECONOMIA AZIENDALE QUESITI DI AUTOVALUTAZIONE CAPITOLO IX Individuare le risposte corrette per ciascun quesito (anche più di una) 1. Si ha equilibrio economico quando: a. i ricavi sono uguali

Dettagli

Relazioni prezzi-volumi-risultati

Relazioni prezzi-volumi-risultati Relazioni prezzi-volumi-risultati 1 Variabili dipendenti Variabile indipendente Costi Volume di produzione e vendita Ricavi 2 1 L equazione del reddito RE = Reddito di esercizio Q = Quantità di produzione

Dettagli

Margine di contribuzione Criteri di allocazione. Costi diretti e indiretti Prodotto equivalente. - Facoltà di Ingegneria -

Margine di contribuzione Criteri di allocazione. Costi diretti e indiretti Prodotto equivalente. - Facoltà di Ingegneria - Margine di contribuzione Criteri di allocazione Costi diretti e indiretti Prodotto equivalente Petrolium SpA Petrolium SpA può raffinare ogni anno 500.000 tonnellate di greggio, producendo benzina. I costi

Dettagli

MATERIA: DIRITTO E TECNICHE AMMINISTRATIVE DELLA STRUTTURA RICETTIVA

MATERIA: DIRITTO E TECNICHE AMMINISTRATIVE DELLA STRUTTURA RICETTIVA MATERIA: DIRITTO E TECNICHE AMMINISTRATIVE DELLA STRUTTURA RICETTIVA CLASSE: V - Servizi per l Enogastronomia, Sala e Vendita e l Ospitalità alberghiera Opzione Prodotti dolciari artigianali e industriali

Dettagli

Costi fissi, costi variabili, punto di pareggio e diagramma di redditività

Costi fissi, costi variabili, punto di pareggio e diagramma di redditività Cognome... Nome... Classe... Data... Costi fissi, costi variabili, punto di pareggio e diagramma di redditività Correlazione 1 Associa ciascun costo alla relativa tipologia. 1. Costo delle lavorazioni

Dettagli

Analisi dei costi-volumi-risultati e decisioni aziendali. A cura di Laura Coggiola

Analisi dei costi-volumi-risultati e decisioni aziendali. A cura di Laura Coggiola Analisi dei costi-volumi-risultati e decisioni aziendali A cura di Laura Coggiola Il Direct Costing MARGINALITA REDDITIVITA RICAVI? PROFITTO COSTI CONTO ECONOMICO GESTIONALE AREA OPERATIVA O CARATTERISTICA

Dettagli

Conto economico con separazione dei conti fissi dai costi variabili, diagrammi monometrici di redditività e confronti spazio-temporali

Conto economico con separazione dei conti fissi dai costi variabili, diagrammi monometrici di redditività e confronti spazio-temporali 62 S&A Strumenti 12/97 ESERCIZIO 7 INDIRIZZO Amministrativi Ragioneria Programmatori Ragioneria ed Economia aziendale Igea Mercurio Economia aziendale Progetto 92 Economia aziendale Conto economico con

Dettagli

Classe V^ A RIM Esercitazione di Economia Aziendale Contabilità Gestionale

Classe V^ A RIM Esercitazione di Economia Aziendale Contabilità Gestionale Classe V^ A RIM Esercitazione di Economia Aziendale Contabilità Gestionale La Amadio spa ha in produzione due prodotti, X1 e Y2. Nel periodo sono state eseguite le seguenti produzioni: 1. Produzione X1:

Dettagli

ANALISI DEGLI SCOSTAMENTI Prof.ssa Monia Castellini. Gli scostamenti dei costi diretti di produzione. Gli scostamenti dei costi diretti di produzione

ANALISI DEGLI SCOSTAMENTI Prof.ssa Monia Castellini. Gli scostamenti dei costi diretti di produzione. Gli scostamenti dei costi diretti di produzione SISTEMI DI PROGRAMMAZIONE E CONTROLLO ANALISI DEGLI SCOSTAMENTI Prof.ssa Monia Castellini Copyright Sistemi di programmazione e controllo 1 Gli scostamenti dei costi diretti di produzione Lo scostamento

Dettagli

Per accettazione tour: Tel: 0766/ Fax: 0766/ TOUR PRAGA

Per accettazione tour:  Tel: 0766/ Fax: 0766/ TOUR PRAGA TOUR PRAGA 1 giorno: Roma / Praga 2 giorno: Praga 3 giorno: Praga 4 giorno: Terezin / Praga 5 giorno: Karlstejn / Praga 6 giorno: Praga / Roma Dettagli volo: Wizzair: FIUMICINO PRAGA Partenza 07:45 arrivo

Dettagli

Il Break Even Point (b.e.p.)

Il Break Even Point (b.e.p.) Prof. Sartirana Il Break Even Point (b.e.p.) E un analisi grafica e matematica della redditività della produzione aziendale E un analisi che riguarda il breve periodo Prevede che l azienda abbia la possibilità

Dettagli

ripartizione dei costi e dei ricavi comunanza dei costi e dei ricavi

ripartizione dei costi e dei ricavi comunanza dei costi e dei ricavi ripartizione dei costi e dei ricavi nel tempo e nello spazio costi e ricavi di competenza di un periodo costi e ricavi riferiti: - ad aree produttive - a singoli prodotti - a processi produttivi comunanza

Dettagli

Programmazione e Controllo

Programmazione e Controllo Programmazione e Controllo A.A. 2013-2014 Dott.ssa Alessandra Stefanoni 2 Pianificazione La PIANIFICAZIONE è il processo mediante il quale l azienda determina gli obiettivi di medio lungo termine, stabilisce

Dettagli

Determinare il giusto mix di vendite con excel. di Luca Vanzulli

Determinare il giusto mix di vendite con excel. di Luca Vanzulli Determinare il giusto mix di vendite con excel di Luca Vanzulli La scelta del Mix di vendita Il più delle volte un azienda manifatturiera canalizza sul mercato diverse linee di prodotto con annesse offerte:

Dettagli

DISHES Srl (Direct costing evoluto, bea, equiconvenienza, make or buy)

DISHES Srl (Direct costing evoluto, bea, equiconvenienza, make or buy) La Dishes Srl, specializzata nella produzione di stoviglie, possiede una divisione che si occupa esclusivamente di realizzare servizi di piatti. Nello stabilimento di Modena tale divisione realizza due

Dettagli

G. Damiani Almeyda-F. Crispi

G. Damiani Almeyda-F. Crispi ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE STATALE G. Damiani Almeyda-F. Crispi L.go Mario Mineo,4 (già Via G. Campolo,110) - 90145 PALERMO C.F. 97291560825 0916822774 0916829442 pais03200d@istruzione.it pais03200d@pec.istruzione.it

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO - Facoltà di Ingegneria CORSO SISTEMI DI CONTROLLO DI GESTIONE Ingegneria Informatica Prof. Sergio Mascheretti

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO - Facoltà di Ingegneria CORSO SISTEMI DI CONTROLLO DI GESTIONE Ingegneria Informatica Prof. Sergio Mascheretti ESAME DEL 12-07-11 DOMANDA 1 Definire ed illustrare graficamente il concetto di Break Even Point ESERCIZIO 1 Il direttore generale della società Salumificio Rossi srl, leader nel mercato europeo degli

Dettagli

Dal costo del prodotto al prezzo di vendita.

Dal costo del prodotto al prezzo di vendita. Newsletter Phedro settembre 2006 Dal costo del prodotto al prezzo di vendita. La logica tradizionale di calcolo del costo di prodotto. Il calcolo del costo del prodotto è nella prassi operativa uno dei

Dettagli

TOUR CASTELLI DELLA LOIRA 21/25 APRILE 2017

TOUR CASTELLI DELLA LOIRA 21/25 APRILE 2017 TOUR CASTELLI DELLA LOIRA 21/25 APRILE 2017 5 giorni / 4 notti Partecipanti: minimo 25 massimo 45 Termine di adesione: 28 Febbraio 2017 Con accompagnatore BoscoloTours dall Italia CASTELLI DELLA LOIRA

Dettagli

Analisi caso: dal budget delle vendite al budget economico

Analisi caso: dal budget delle vendite al budget economico Analisi caso: dal budget delle vendite al budget economico Esempio La società Alfa produce due tipi di prodotti denominati Red e Black. Le vendite previste per l anno n+1 sono di: 320.000 unità di Red

Dettagli

I modelli di analisi reddituale con il direct costing e con il full costing.

I modelli di analisi reddituale con il direct costing e con il full costing. I modelli di analisi reddituale con il direct costing e con il full costing. 1 La metodologia direct costing imputa ai prodotti i soli costi variabili ed esclude i costi fissi. Poiché i costi fissi non

Dettagli

Pellegrinaggi a San Giovanni Rotondo da Cagliari Calendario Partenze per il Pellegrinaggio a San Giovanni Rotondo da Cagliari

Pellegrinaggi a San Giovanni Rotondo da Cagliari Calendario Partenze per il Pellegrinaggio a San Giovanni Rotondo da Cagliari Pellegrinaggi a San Giovanni Rotondo da Calendario Partenze per il Pellegrinaggio a San Giovanni Rotondo da Offerte Pellegrinaggi a San Giovanni Rotondo dalla Sardegna Pacchetti Pellegrinaggi viaggi organizzati

Dettagli

Le fonti di economie. 1

Le fonti di economie. 1 Le fonti di economie paola.dubini@uni-bocconi.it 1 Contenuto le economie di apprendimento (o di esperienza) le economie di raggio d azione le economie di transazione il punto di pareggio la valutazione

Dettagli

La fattibilità dei progetti

La fattibilità dei progetti La fattibilità dei progetti 12.XII.2005 La fattibilità dei progetti La fattibilità di un progetto dipende dalla capacità che quest ultimo ha di determinare condizioni per un effettiva cooperazione fra

Dettagli

Tracce esercitazione analisi e contabilità dei cos1. 15 maggio 2015 Caterina Ferrone

Tracce esercitazione analisi e contabilità dei cos1. 15 maggio 2015 Caterina Ferrone Tracce esercitazione analisi e contabilità dei cos1 15 maggio 2015 Caterina Ferrone Esercizio N.1 Sistema a cos1 pieni e variabili La LOVITO Spa presenta i da1 di costo e di ricavo rela1vi al primo mese

Dettagli

CL Produzioni Animali

CL Produzioni Animali CL Produzioni Animali Anno Accademico 2013-14 Beak Even Point l analisi del punto di pareggio: introduzione - è una delle più significative applicazioni della contabilità analitica* - analisi dei costi-ricavi

Dettagli

Calcolo dei costi unitari

Calcolo dei costi unitari 1-1 Calcolo dei costi unitari Harvey Co. produce un unico prodotto, con le seguenti informazioni disponibili: Numero di unità prodotte annualmente 25.000 Costi variabili per unità: Materiali diretti, manodopera

Dettagli

Il diagramma del profitto e il punto di pareggio

Il diagramma del profitto e il punto di pareggio Il diagramma del profitto e il punto di pareggio Costi Ricavi Ricavi totali area di profitto 5.000 Costi totali CFT area di perdita Volume di pareggio Dati: Costi fissi = 2.000 Costo variabile u. = 120

Dettagli

Un esercizio sulle configurazioni di costo

Un esercizio sulle configurazioni di costo Un esercizio sulle configurazioni di costo La Bike Srl è un azienda operante nel settore della produzione di biciclette sportive e per il tempo libero. Attualmente l azienda realizza tre prodotti: ALFA

Dettagli

Indice. Prefazione alla seconda edizione Autori Ringraziamenti dell Editore In questo volume... XV XXI XXIII XXV

Indice. Prefazione alla seconda edizione Autori Ringraziamenti dell Editore In questo volume... XV XXI XXIII XXV Indice Prefazione alla seconda edizione Autori Ringraziamenti dell Editore In questo volume... XV XXI XXIII XXV Introduzione Origini ed evoluzione del controllo direzionale nella letteratura italiana e

Dettagli

IL BUSINESS PLANNING L ANALISI DELLA FATTIBILITA ECONOMICO-FINANZIARIA. 1. Il calcolo del Break-even. Ing. Ferdinando Dandini de Sylva

IL BUSINESS PLANNING L ANALISI DELLA FATTIBILITA ECONOMICO-FINANZIARIA. 1. Il calcolo del Break-even. Ing. Ferdinando Dandini de Sylva L ANALISI DELLA FATTIBILITA ECONOMICO-FINANZIARIA 1. Il calcolo del Break-even L analisi della fattibilità economico-finanziaria A questo punto dovete avere tutti gli elementi necessari per poter verificare

Dettagli

TEMA DI TECNICHE PROFESSIONALI DEI SERVIZI COMMERCIALI AMBITO TURISTICO

TEMA DI TECNICHE PROFESSIONALI DEI SERVIZI COMMERCIALI AMBITO TURISTICO ATTIVITÀ DIDATTICHE 1 Tema in preparazione all esame di Stato IL PACCHETTO TURISTICO (ITINERARIO SINTETICO E DETERMINAZIONE DEL PREZZO CON IL CALCOLO DEL MARK-UP), LA BREAK EVEN ANALYSIS, L ANALISI SWOT,

Dettagli

DIRECT E FULL COSTING

DIRECT E FULL COSTING DIRECT E FULL COSTING Esercizio 1 Un azienda produce due modelli di prodotti A e B. La contabilità analitica ha elaborato i seguenti dati economici unitari di produzione: A B Materiali diretti 10 14 Manodopera

Dettagli

BROCHURE - PASQUA UN VIAGGIO NELLA BELLEZZA

BROCHURE - PASQUA UN VIAGGIO NELLA BELLEZZA BROCHURE - PASQUA UN VIAGGIO NELLA BELLEZZA PASQUA DAL 15 AL 17 APRILE 2017 Lago Maggiore e Orta San Giulio PAGINA 02 Trenino rosso del Bernina, Livigno e St. Moritz PAGINA 03 Pasqua a scoppio di carro

Dettagli

ESERCIZIO N 2 Sulla base della programmazione quinquennale ( ) dell impresa DELTA S.p.A. sono disponibili i seguenti dati:

ESERCIZIO N 2 Sulla base della programmazione quinquennale ( ) dell impresa DELTA S.p.A. sono disponibili i seguenti dati: ESERCIZIO N 1 Nel corso del 2010, primo anno di vita dell impresa, la ASTRA S.p.A. acquista 600 unità di merci: 150 q. nel mese di marzo al prezzo unitario di 15 ( costo complessivo: 2.225); 200 q. nel

Dettagli

Capitolo 7 Organizzazione e comportamento dell impresa

Capitolo 7 Organizzazione e comportamento dell impresa Capitolo 7 Organizzazione e comportamento dell impresa Trasparenti tratti, con modifiche e integrazioni, da: David Begg, Stanley Fischer e Rudiger Dornbusch, Economia, cap.7 McGraw-Hill, 2001 La teoria

Dettagli

I.I.S. "PAOLO FRISI"

I.I.S. PAOLO FRISI I.I.S. "PAOLO FRISI" Via Otranto angolo Cittadini, 1-20157 - MILANO www.ipsfrisi.it PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINARE DI Laboratorio di Accoglienza Turistica Anno Scolastico: 2015-2016 CLASSI 3 - Servizi

Dettagli

Modelli di autovalutazione della sostenibilità economica AREZZO

Modelli di autovalutazione della sostenibilità economica AREZZO Modelli di autovalutazione della sostenibilità economica AGRI@TOUR AREZZO 12.11.2016 INQUADRAMENTO Le scelte aziendali Diversificare le attività delle imprese agricole, nel segno della multifunzionalità

Dettagli

CASI ED ESERCIZI DI CONTABILITA ANALITICA SOLUZIONI

CASI ED ESERCIZI DI CONTABILITA ANALITICA SOLUZIONI CASI ED ESERCIZI DI CONTABILITA ANALITICA SOLUZIONI Esercizio 1: variabilità dei costi Costi fissi = 1.200 (assicurazione) + 320 (bollo) + 3.000 (ammortamento) = 4.520 Costi variabili unitari = 0,21 (carburante)

Dettagli

OSSERVATORIO TURISTICO DELLA REGIONE PUGLIA. 1

OSSERVATORIO TURISTICO DELLA REGIONE PUGLIA.  1 OSSERVATORIO TURISTICO DELLA REGIONE PUGLIA www.isnart.it 1 ISNART S.c.p.A Chi è Clienti Istituto Nazionale Ricerche Turistiche - S.c.p.A. Costituito a Roma il 16.12.1992 CCIAA ed aziende partecipate;

Dettagli

IL VOSTRO PREVENTIVO: In favore di: EAATA Data: 25/08/2015 Ns. Rif: 2015/0449 Operatore: Fabrizio Telefono: 06/36210371 @: balconi@kingholidays.

IL VOSTRO PREVENTIVO: In favore di: EAATA Data: 25/08/2015 Ns. Rif: 2015/0449 Operatore: Fabrizio Telefono: 06/36210371 @: balconi@kingholidays. IL VOSTRO PREVENTIVO: In favore di: EAATA Data: 25/08/2015 Ns. Rif: 2015/0449 Operatore: Fabrizio Telefono: 06/36210371 @: balconi@kingholidays.it Dove vuoi andare oggi? Viaggiare significa ignorare i

Dettagli

Strumenti e Materiali - Economia Aziendale

Strumenti e Materiali - Economia Aziendale Strumenti e Materiali - Economia Aziendale Esercitazioni in preparazione all Esame di Stato ESERCITAZIONE 7 Sottosistema dei budget operativi e analisi degli scostamenti dei ricavi e dei costi diretti

Dettagli

ANALISI E GESTIONE DEI COSTI

ANALISI E GESTIONE DEI COSTI ANALISI E GESTIONE DEI COSTI Dott.ssa Francesca Mandanici Le valutazioni di convenienza economica di breve periodo: l'analisi differenziale 18 NOVEMBRE 2010 Le applicazioni dell analisi della variabilità

Dettagli

Metriche di marketing di natura economicofinanziaria

Metriche di marketing di natura economicofinanziaria Corso di Tecniche della Promozione A.A. 2016-2017 Metriche di marketing di natura economicofinanziaria Simona D Amico simona.damico@uniroma1.it 1 Indice Le metriche di marketing: una definizione La classificazione

Dettagli

UD15. Il punto di equilibrio e la redditività aziendale. a che cosa serve l, analisi del punto di equilibrio. obiettivi. Il punto di equilibrio 15.

UD15. Il punto di equilibrio e la redditività aziendale. a che cosa serve l, analisi del punto di equilibrio. obiettivi. Il punto di equilibrio 15. UD15 Il punto di equilibrio e la redditività aziendale obiettivi Analizzeremo un semplice ma utilissimo strumento per valutare, in qualsiasi momento della vita dell impresa, la sua capacità di produrre

Dettagli

ECONOMIA E GESTIONE DELLE IMPRESE. ECONOMIA E GESTIONE DELLE IMPRESE Università LUMSA - A.A Prof.ssa Laura Michelini

ECONOMIA E GESTIONE DELLE IMPRESE. ECONOMIA E GESTIONE DELLE IMPRESE Università LUMSA - A.A Prof.ssa Laura Michelini ECONOMIA E GESTIONE DELLE IMPRESE Università LUMSA - A.A. 2013-2014 Prof.ssa Laura Michelini Università LUMSA - A.A. 2013-2014 Contenuti: - Capitolo 13 Punto di partenza Focus Mezzi Obiettivi Produzione

Dettagli

COME AUMENTARE IL FATTURATO CON LE NUOVE STRATEGIE DI REVENUE MANAGEMENT

COME AUMENTARE IL FATTURATO CON LE NUOVE STRATEGIE DI REVENUE MANAGEMENT COME AUMENTARE IL FATTURATO CON LE NUOVE STRATEGIE DI REVENUE MANAGEMENT Relatore: Paolo Catoni 30 gennaio 2017 ore 10:00 Pricing, Revenue Management e OTA Applicazioni nel ricettivo alberghiero ed extra

Dettagli

Nuovo Domani in azienda 3 Tomo 2

Nuovo Domani in azienda 3 Tomo 2 RiViSTA PIANO DI LAVORO Eugenio Astolfi, Lucia Barale & Giovanna Ricci Nuovo Domani in azienda 3 Tomo 2 Tramontana Di seguito presentiamo il Piano di lavoro tratto dai materiali digitali per il docente

Dettagli

Lezione Tour Operator a.a. 2012/13

Lezione Tour Operator a.a. 2012/13 Università degli Studi di Roma Tor Vergata Facoltà di Lettere e Filosofia Lezione Tour Operator a.a. 2012/13 Prof.ssa Claudia M. Golinelli Definizioni di premessa I Tour Operator (T.O.) sono imprese in

Dettagli

Il sistema di controllo. L analisi degli scostamenti (ricavi)

Il sistema di controllo. L analisi degli scostamenti (ricavi) Il sistema di controllo L analisi degli scostamenti (ricavi) SCOPO n Comprendere l andamento della gestione e cosa non ha funzionato rispetto a quanto preventivato n Correggere la gestione n Correggere

Dettagli

COSTO DI PRODUZIONE I COSTI DI PRODUZIONE CLASSIFICAZIONE COSTI

COSTO DI PRODUZIONE I COSTI DI PRODUZIONE CLASSIFICAZIONE COSTI COSTO DI PRODUZIONE I COSTI DI PRODUZIONE INSIEME DEI COSTI DI UTILIZZAZIONE DEI FATTORI IMPIEGATI IN UN DATO PROCESSO PRODUTTIVO O PER ALLESTIRE UN DATO PRODOTTO Economia Aziendale Milena Serra Corso

Dettagli

ANALISI E GESTIONE DEI COSTI

ANALISI E GESTIONE DEI COSTI ANALISI E GESTIONE DEI COSTI Dott.ssa Francesca Mandanici IL REPORTING: L analisi degli scostamenti 17-20 DICEMBRE 2010 Gli scopi conoscitivi dell analisi degli scostamenti SCOPI TRADIZIONALI SCOPI EMERGENTI

Dettagli

A A. Bep, reddito atteso? Paola DE BERNARDI

A A. Bep, reddito atteso? Paola DE BERNARDI A A Bep, reddito atteso? Paola DE BERNARDI Torino, 26 febbraio 2009 1 percorso della lezione... Bea: le le simulazioni Costi fissi e variabili La BEA: il il contesto 2 IL CONTROLLO DI GESTIONE E : 3 E

Dettagli

METODI E TECNICHE PER LA DETERMINAZIONE DEL PREZZO DI VENDITA

METODI E TECNICHE PER LA DETERMINAZIONE DEL PREZZO DI VENDITA METODI E TECNICHE PER L DETERMINZIONE DEL PREZZO DI VENDIT Orientamento ai Costi Orientamento alla Concorrenza Orientamento alla Domanda Mark up pricing Cost plus pricing reak Even nalysis Prezzo differenziale

Dettagli

Viaggio a ISTANBUL. Dal 30 Maggio al 02 Giugno giorni/ 3 notti

Viaggio a ISTANBUL. Dal 30 Maggio al 02 Giugno giorni/ 3 notti Viaggio a ISTANBUL Dal 30 Maggio al 02 Giugno 2015 4 giorni/ 3 notti Programma 1 GIORNO: Sabato 30 Maggio Italia - Istanbul Ritrovo dei Sig.ri partecipanti in aeroporto e partenza per Istanbul con volo

Dettagli

Leva operativa e leva finanziaria

Leva operativa e leva finanziaria Leva operativa e leva finanziaria Datemi una leva e sollevero il mondo, diceva Archimede; la leva operativa e la leva finanziaria non sollevano il mondo ma i profitti. I profitti ma anche le perdite. Se

Dettagli

ITALIA SPAGNA. PleaseGiveWay Milano, via Fieno 1 tel.02/ Torino, Corso Inghilterra 17 tel. 011/

ITALIA SPAGNA. PleaseGiveWay Milano, via Fieno 1 tel.02/ Torino, Corso Inghilterra 17 tel. 011/ ITALIA SPAGNA PleaseGiveWay Milano, via Fieno 1 tel.02/879031 -prenotazioni@pgw.it Torino, Corso Inghilterra 17 tel. 011/5096000 torino@pgw.it SICILIA / ISPICA IGV CLUB MARISPICA Quote individuali di partecipazione

Dettagli

Esame di Stato di Istituto Tecnico Commerciale

Esame di Stato di Istituto Tecnico Commerciale Esame di Stato di Istituto Tecnico Commerciale Indirizzo: GIURIDICO ECONOMICO AZIENDALE CORSO DI ORDINAMENTO Tema di: Economia Aziendale Sessione ordinaria 2003 19 giugno 2003 Il candidato, dopo aver brevemente

Dettagli

16/05/2011. PROGRAMMAZIONE E CONTROLLO Prof. Luca Fornaciari

16/05/2011. PROGRAMMAZIONE E CONTROLLO Prof. Luca Fornaciari PROGRAMMAZIONE E CONTROLLO Prof. Luca Fornaciari Budget flessibili ed analisi dei costi generali Riferimenti bibliografici: libro di testo capitolo 11 di BREWER P.C., GARRISON R.H., NOREEN E.W., Programmazione

Dettagli

itinerari d arte de laformadelviaggio marzo 2016 Grecia classica

itinerari d arte de laformadelviaggio marzo 2016 Grecia classica itinerari d arte de laformadelviaggio 25 29 marzo 2016 Grecia classica Un immersione nel bacino di civiltà da cui sono nate la cultura e le arti d Europa. Due giornate dedicate ad Atene, con l Acropoli

Dettagli

PELLEGRINAGGIO A PRAGA PELLEGRINAGGIO A PRAGA

PELLEGRINAGGIO A PRAGA PELLEGRINAGGIO A PRAGA PELLEGRINAGGIO A PRAGA 1 / 8 Dal 02 al 06 maggio 2014 in occasione della FESTA DI GESU' BAMBINO 5 giorni con pullman: partenza da Arenzano 1 giorno venerdì 02 maggio 2014: ARENZANO LINZ Ritrovo ad Arenzano

Dettagli

soci AGOAL 295 PRAGA Dicembre 2017 Speciale Ponte Immacolata

soci AGOAL 295 PRAGA Dicembre 2017 Speciale Ponte Immacolata PRAGA soci AGOAL 295 07-10 Dicembre 2017 Speciale Ponte Immacolata Praga / Ponte dell Immacolata 07-10 Dicembre 2017 PROGRAMMA Voli da Milano Malpensa (compagnia aerea Czech Airlines) 07/12/17 Milano Malpensa

Dettagli

Strategie, programmazione e controllo di gestione

Strategie, programmazione e controllo di gestione Modulo 4 Strategie, programmazione e controllo di gestione 4 I destinatari del Modulo sono gli studenti che, avendo già acquisito le necessarie conoscenze in merito alle caratteristiche fondamentali delle

Dettagli

Grecia classica e Meteore da Atene a Capodanno

Grecia classica e Meteore da Atene a Capodanno Grecia classica e Meteore da Atene a Capodanno 1 Italia / Atene Partenza individuale con voli di linea. Arrivo e trasferimento in albergo.(polis Grand 4*, o similare Cena e pernottamento) 2 Atene Prima

Dettagli

BAMBINI IN MISSIONE DI PACE 2015 PRAGA 9/13 LUGLIO 2015

BAMBINI IN MISSIONE DI PACE 2015 PRAGA 9/13 LUGLIO 2015 BAMBINI IN MISSIONE DI PACE 2015 PRAGA 9/13 LUGLIO 2015 AEREI 9/13 LUGLIO 1 volo da Catania/Palermo 170 posti 1 volo da Roma 170 posti 1 volo da Pescara 170 posti 1 volo da Milano Mxp 170 posti Totale

Dettagli

Corso: TURISMO PROGRAMMA DI DISCIPLINE TURISTICHE E AZIENDALI

Corso: TURISMO PROGRAMMA DI DISCIPLINE TURISTICHE E AZIENDALI 1 Corso: TURISMO PROGRAMMA DI DISCIPLINE TURISTICHE E AZIENDALI SECONDO BIENNIO E QUINTO ANNO CLASSI 3^, 4^, 5^ SEZIONI E - F Obiettivi minimi: L alunno dovrà: Conoscere e descrivere approfonditamente

Dettagli

Analisi della Potenzialità Economico-Strutturale

Analisi della Potenzialità Economico-Strutturale Esercitazione Analisi della Potenzialità Economico-Strutturale ANALISI POTENZIALITA ECONOMICO- STRUTTURALE Obiettivi: Misurare la capacità dell impresa di ottenere un profitto data una certa composizione

Dettagli

BARCELLONA, ANDORRA E LA COSTA BRAVA aprile 2017

BARCELLONA, ANDORRA E LA COSTA BRAVA aprile 2017 SENZA CONFINI T.O. S.R.L. Piazza Leon Battista Alberti, 8 50136 FIRENZE Tel. 0039-055-661625 e-mail: ag.senzaconfini@iol.it Codice Fiscale, partita I.V.A. e numero registro Imprese di Firenze 06542230484

Dettagli

6.5. Sistemi a costi variabili e sistemi a costi pieni: costi di prodotto e costi di periodo

6.5. Sistemi a costi variabili e sistemi a costi pieni: costi di prodotto e costi di periodo 6.5. Sistemi a costi variabili e sistemi a costi pieni: costi di prodotto e costi di periodo Sistema a costi variabili Sistema a costi pieni Costi di prodotto Costi variabili diretti di fabbricazione Costi

Dettagli

IL COSTO DI PRODOTTO E IL COSTO MONETARIO INERENTE UNA DATA QUANTITA DI PRODOTTO

IL COSTO DI PRODOTTO E IL COSTO MONETARIO INERENTE UNA DATA QUANTITA DI PRODOTTO IL COSTO DI PRODOTTO E IL COSTO MONETARIO INERENTE UNA DATA QUANTITA DI PRODOTTO PER POTER ATTRIBUIRE I COSTI A SINGOLE UNITA DI PRODOTTO E NECESSARIO STABILIRE RELAZIONI TRA I FATTORI E I PRODOTTI STESSI

Dettagli

Andamento economico del settore turistico in Italia nel 2014

Andamento economico del settore turistico in Italia nel 2014 Andamento economico del settore turistico in Italia nel 2014 Mauro Politi ISTAT XV Conferenza CISET- Banca d Italia L'ITALIA E IL TURISMO INTERNAZIONALE Risultati e tendenze per incoming e outgoing nel

Dettagli

1.130,00. Tour S. Pietroburgo & Mosca Programma Betulla. Dal 12 al 19 Luglio 2014

1.130,00. Tour S. Pietroburgo & Mosca Programma Betulla. Dal 12 al 19 Luglio 2014 Tour S. Pietroburgo & Mosca Programma Betulla E il classico itinerario di Entour T.O. che permette di conoscere queste due fantastiche città in modo approfondito in quanto comprende tutte le visite principali,

Dettagli

INDICE. Problemi presenti sul sito

INDICE. Problemi presenti sul sito I-XIV_Romane_Analisi 2-03-2005 11:03 Pagina V INDICE Problemi presenti sul sito Prefazione XI XIII Introduzione Natura e scopo dei sistemi contabili 1 La necessità di informazioni 1 Le informazioni operative

Dettagli

L Associazione IL GAROFANO ROSSO Organizza VIAGGIO AD HAMMAMET PER NON DIMENTICARE XI ANNIVERSARIO DELLA SCOMPARSA DI

L Associazione IL GAROFANO ROSSO Organizza VIAGGIO AD HAMMAMET PER NON DIMENTICARE XI ANNIVERSARIO DELLA SCOMPARSA DI L Associazione IL GAROFANO ROSSO Organizza VIAGGIO AD HAMMAMET PER NON DIMENTICARE XI ANNIVERSARIO DELLA SCOMPARSA DI BETTINO CRAXI 15-20 GENNAIO 2011 6 GIORNI 5 NOTTI HOTEL EL MOURANDI HAMMAMET- 5*****

Dettagli

M637 ESAME DI STATO DI ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE. Indirizzo: IP08 SERVIZI COMMERCIALI Tema di: TECNICHE PROFESSIONALI SERVIZI COMMERCIALI

M637 ESAME DI STATO DI ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE. Indirizzo: IP08 SERVIZI COMMERCIALI Tema di: TECNICHE PROFESSIONALI SERVIZI COMMERCIALI Pag. 1/7 Sessione suppletiva 2015 M637 ESAME DI STATO DI ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE Indirizzo: IP08 SERVIZI COMMERCIALI A T T E N Z I O N E La presente prova è costituita dalle seguenti tracce relative

Dettagli

29/04/2011. PROGRAMMAZIONE E CONTROLLO Prof. Luca Fornaciari

29/04/2011. PROGRAMMAZIONE E CONTROLLO Prof. Luca Fornaciari PROGRAMMAZIONE E CONTROLLO Prof. Luca Fornaciari Il comportamento dei costi Riferimenti bibliografici: libro di testo capitoli 5 e 7 di BREWER P.C., GARRISON R.H., NOREEN E.W., Programmazione e controllo

Dettagli

Capitolo 7 Sistemi a costi variabili: uno strumento per il management

Capitolo 7 Sistemi a costi variabili: uno strumento per il management Programmazione e controllo - Ray H. Garrison, Eric W. Noreen, Peter C. Brewer Capitolo 7 Sistemi a costi variabili: uno strumento per il management Esercizio 7.1 (30 minuti) 1. a. Il costo di prodotto

Dettagli