RASSEGNA STAMPA WEB 10/09/2013

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "RASSEGNA STAMPA WEB 10/09/2013"

Transcript

1 NOTE SU LINK DA PDF In caso di link (in blu sottolineato) non esattamente identificato dalla versione di Acrobat Reader installata sul PC (generalmente perché lo stesso link è disposto su due o più righe a causa della lunghezza) si consiglia di copiarlo (tasto destro mouse) e quindi di incollarlo nella barra degli indirizzi del browser web data 10/09/13 Pagina web Le novità di oggi in Gazzetta Ufficiale Sulla Gazzetta Ufficiale n. 153 del 6 settembre 2013 è pubblicata l'ordinanza urgente contenente misure per la tutela dell'incolumità pubblica dall'aggressione dei cani. L'Aifa pubblica inoltre un comunicato di sospensione dell'autorizzazione a produrre medicinali rilasciata alla Logistic Vercesi Srl (Vignate). Sulla Gazzetta Ufficiale n. 154 del 7 settembre 2013 c'è la proroga dell'ordinanza del 4 agosto 2011 contro la West Nile e l'aifa pubblica 14 revoche dell'autorizzazione all'immissione in commercio di altrettanti farmaci. Le novità di oggi in Gazzetta Ufficiale Sulla Gazzetta Ufficiale n. 211 del 9 settembre 2013 il ministero della Salute pubblica l'ordinanza 4 settembre 2013 «Proroga e modifica dell'ordinanza 21 luglio 2011, recante "Ordinanza contingibile ed urgente che sostituisce l'ordinanza ministeriale 21 luglio 2009 concernente la disciplina di manifestazioni popolari pubbliche o private nelle quali vengono impiegati equidi, al di fuori degli impianti e dei percorsi ufficialmente autorizzati".» L'Agenzia del farmaco pubblica sei determine e undici comunicati su specialità medicinali per uso umano. Via libera al decreto scuola: graduatoria unica per gli specializzandi Il bonus maturità non vedrà mai la luce. A cancellarne l'introduzione, che sarebbe dovuta scattare per quest'anno accademico tra mille polemiche, è il decreto legge "Misure urgenti in materia di istruzione, università e ricerca" che porta la firma del ministro Maria Chiara Carrozza. Il testo è stato approvato oggi dal Consiglio dei ministri (leggi la sintesi delle novità nel comunicato di Palazzo Chigi) proprio in concomitanza con i test di ammissione a Medicina e Odontoiatria, prima tornata delle selezioni per l'accesso alle facoltà per cui si prevede il numero chiuso. Lo stesso decreto prevede, come anticipato su questo sito giovedì scorso, l'istituzione della graduatoria unica nazionale per i medici che vogliono accedere alle scuole di specializzazione e la rivisitazione triennale, non più annuale, degli importi dei contratti di formazione specialistica. Soddisfatta l'associazione nazionale giovani medici (Sigm). «Ringraziamo il ministro Carrozza per aver prestato fede all'impegno assunto», dice il presidente Walter Mazzucco. «L'adozione di una graduatoria unica nazionale e di criteri di valutazione non più discrezionali consentirà di rilanciare e di rendere più competitivo il sistema formativo professionalizzante post laurea di medicina». Nel provvedimento è finito poi l'altolà alle sigarette elettroniche nelle scuole inizialmente previsto nel Ddl Lorenzin approvato a fine luglio dal Consiglio dei ministri: è stato inserito nel nuovo Dl per consentire l'entrata in vigore in concomitanza con l'inizio dell'anno scolastico. Novità, inoltre, sul fronte della ricerca: la quota premiale del fondo di finanziamento degli enti di ricerca (almeno il 7% del Fondo totale) sarà erogata, in misura prevalente, in base ai risultati ottenuti nel procedimento di valutazione della qualità della ricerca (Vqr). «Ci interessa ricominciare a investire sull'educazione e l'istruzione dopo anni di tagli», ha esordito il premier Enrico Letta illustrando il decreto al termine della riunione del Governo. «L'istruzione è il centro per il rilancio del Paese. Queste sono solo le prime risposte, perché le risorse sono limitate, ma ne verranno altre. E finalmente ritorna l'impegno per il diritto allo studio, uno dei temi più complessi, controversi e purtroppo più tagliati».

2 Per il 2014 il Dl investe sul «welfare dello studente» con 100 milioni per aumentare il Fondo per le borse di studio a partire dal 2014, con altri 15 milioni per garantire ai capaci e meritevoli ma privi di mezzi il raggiungimento dei più alti livelli di istruzione (contributi e benefici saranno erogati in base a tre parametri: l'esigenza di alleggerire la spesa delle famiglie per pasti e trasporti; le condizioni economiche dello studente sulla base dell'isee; il merito negli studi in base alla valutazione scolastica); con altri 15 milioni (3,6 per il 2013 e 11,4 per il 2014) per la lotta alla dispersione scolastica. Ma l'investimento complessivo è molto più consistente. «Il decreto prevede interventi totali da 13 milioni nel 2013, 305 milioni nel 2014 e, a regime, 400 milioni nel 2015», ha spiegato la ministra Carrozza, aggiungendo che la copertura (su cui c'era stato qualche malumore dell'economia) arriva per lo più dalle accise sugli alcolici. Il pezzo forte del provvedimento resta comunque la parte su docenti e personale. «Ci saranno 27mila immissioni in ruolo di insegnanti di sostegno - ha continuato Carrozza - e c'è un piano triennale che prevede l'assunzione complessiva di 69mila insegnanti. In un momento di crisi come questo, il Governo dà un segnale importante». Cifre importanti, che includerebbero la stabilizzazione dei posti attualmente ricoperti da supplenti (oltre 26mila nel triennio ). In più il provvedimento prevede l'assunzione entro il 2016 di 16mila Ata (ausiliari tecnici e amministrativi). Ecco il nuovo Consiglio superiore di sanità: 40 componenti, solo tre donne Dal 13 settembre si insedierà ufficialmente il nuovo Consiglio superiore di sanità, organo consultivo del ministero della Salute. Il decreto di nomina dei componenti, che resteranno in carica per tre anni, è stato firmato dalla ministra Beatrice Lorenzin. «Mi sono basata - dice - su requisiti di altissima professionalità e sulle competenze maturate nelle diverse discipline di interesse per la sanità pubblica italiana». I membri non di diritto sono scesi da 47 a 40, in applicazione del Dpr 44/2013 sul riordino degli organi collegiali operanti presso la Salute. Diciassette le conferme, tra cui Andrea Lenzi, Walter Ricciardi, Silvio Garattini, l'attuale presidente Enrico Garaci, Alberto Zangrillo e Roberto Iadicicco, ex Aifa e ora direttore dell'agenzia giornalistica Agi. Ventitré i nuovi ingressi: spiccano i nomi dell'ex sottosegretario alla Salute Adelfio Elio Cardinale, del genetista Giuseppe Novelli, del presidente della Lega Tumori Francesco Schittulli, e del neuropsichiatra infantile Gabriel Levi. Pochissime le donne, appena tre: Maria Cristina Messa, Eleonora Porcu (confermata) e Anna Teresa Palamara. Ecco la lista dei componenti in ordine alfabetico: BANDERALI GIUSEPPE (Docente presso la Scuola di specializzazione in Pediatria dell'università degli Studi di Milano BELLANTONE ROCCO (Professore Ordinario di Chirurgia generale presso l'università Cattolica del Sacro Cuore di Roma; Preside della Facoltà di Medicina e Chirurgia dell'università Cattolica del Sacro Cuore di Roma) BERNABEI ROBERTO (Professore Ordinario di Medicina interna presso l' Università Cattolica "Sacro Cuore" di Roma; Direttore del Dipartimento di Scienze Gerontologiche, Geriatriche e Fisiatriche, del Policlinico "A. Gemelli" di Roma) BOVE FRANCESCO (Docente di Anatomia Umana e Clinica dell'apparato Muscolo-Osteoarticolare presso la Sapienza -Università di Roma) BRAMANTI PLACIDO (Professore Ordinario di Scienze Tecniche Mediche Applicate presso il Dipartimento di Scienze Biomediche e delle Immagini Morfologiche e Funzionali dell'università degli Studi di Messina) CANDIANI MASSIMO (Professore Associato di Ostetricia e Ginecologia presso Università Vita-Salute San Raffaele di Milano; Docente Coordinatore del Corso di Laurea in Ostetricia e Ginecologia) CARDINALE ADELFIO ELIO (Professore emerito di Radiologia) CASTAGNARO MASSIMO (Professore Ordinario di Patologia generale Veterinaria e di Anatomia Patologica Veterinaria presso l'università degli Studi di Padova) CHIARELLO LUIGI (Professore Ordinario di Cardiochirurgia presso l'università degli Studi di Roma Tor Vergata; Direttore della Cattedra di Cardiochirurgia e Scuola di Specializzazione in Cardiochirurgia, Università di Roma Tor Vergata; Presidente Corso di Laurea in tecniche della Fisiopatologia Cardiocircolatoria e perfusione cardiovascolare, Università di Roma Tor Vergata) DALLAPICCOLA BRUNO (Direttore scientifico dell'ospedale Pediatrico Bambino Gesù IRCSS) FINI MASSIMO (Direttore Scientifico dell'irccs San Raffaele Pisana di Roma) GARACI ENRICO (Professore di Microbiologia presso l'università degli Studi 2

3 di Roma Tor Vergata) GARATTINI SILVIO (Direttore dell'istituto di Ricerche Farmacologiche "Mario Negri" di Milano) GENSINI GIANFRANCO (Professore Ordinario di Medicina Interna presso l'università degli Studi di Firenze; Preside della Facoltà di Medicina e Chirurgia dell'università degli Studi di Firenze) IADICICCO ROBERTO (Giornalista professionista; Direttore Agenzia Giornalistica Italia) LENZI ANDREA (Professore Ordinario di Endocrinologia presso la Sapienza - Università di Roma; Presidente del Consiglio Universitario Nazionale (CUN)) LEVI GABRIEL (Professore Ordinario di Neuropsichiatria infantile presso la Sapienza Università di Roma) MAIRA GIULIO (Professore Ordinario di Neurochirurgia presso l'università "Cattolica del Sacro Cuore" Roma) MARCHIONNI MAURO (Professore Emerito di Ostetricia e Ginecologia) PROF.SSA MESSA MARIA CRISTINA (Professore Ordinario di Diagnostica per Immagini presso l'università "Bicocca" di Milano MUTO GIOVANNI (Direttore S.C. Urologia ASL TO2 -Ospedale San Giovanni Bosco di Torino) MUZZIO PIER CARLO (Direttore Generale dell'irccs - Istituto Oncologico Veneto) NOVELLI GIUSEPPE (Professore Ordinario di Genetica Medica presso l'università Tor Vergata di Roma; Preside della Facoltà di Medicina e Chirurgia dell'università di Roma "Tor Vergata"; Direttore della Scuola di Specializzazione in Genetica Medica dell'università di Roma "Tor Vergata" e delle Scuole Aggregate Sapienza, Chieti e Bari) PALAMARA ANNA TERESA (Professore Ordinario di Microbiologia presso la "Sapienza" Università di Roma) PAOLISSO GIUSEPPE (Professore Ordinario Medicina Interna e Geriatria presso la II Università degli Studi di Napoli; Preside della Facoltà di Medicina e Chirurgia della II Università degli Studi di Napoli) PERRICONE CORRADO (Docente di Immunologia presso la Scuola di Specializzazione Biochimica Clinica della Università Federico II di Napoli) PIGOZZI FABIO (Professore Ordinario Medicina Interna presso Università degli Studi di Roma "Foro Italico"; Docente presso le Scuole di Specializzazione in Medicina dello Sport delle Università di Roma "Tor Vergata" e de L'Aquila; Pro Rettore Vicario dell'università degli Studi di Roma "Foro Italico") PORCU ELEONORA (Docente di Fisiopatologia della Riproduzione Umana presso il Dipartimento di Scienze Mediche e Chirurgiche dell'università degli Studi di Bologna corso di Laurea in Medicina e chirurgia) PROSDOCIMO GIOVANNI (Direttore UOC di Oculistica presso l'ospedale De Gironcoli ULSS 7 Veneto) REDLER ADRIANO (Professore Ordinario di Chirurgia Generale presso La Sapienza -Università di Roma; Preside della Facoltà di Medicina e di Odontoiatria de La Sapienza, Università di Roma; Direttore della Scuola di Specializzazione in Chirurgia Vascolare I de La Sapienza, Università di Roma; Presidente del Corso di Laurea in Infermieristica sede di Bracciano de La Sapienza, Università di Roma) RICCIARDI GUALTIERO WALTER (Professore Ordinario di Igiene presso l'università Cattolica del Sacro Cuore di Roma; Direttore Istituto di Igiene e della Scuola di Specializzazione in Igiene e Medicina Preventiva dell'università Cattolica del Sacro Cuore di Roma) ROMEO FRANCESCO (Professore Ordinario di Cardiologia presso l'università degli Studi di Roma Tor Vergata; Direttore della Scuola di Specializzazione di Cardiologia dell'università degli Studi di Roma Tor Vergata) ROSSI FRANCESCO (Professore Ordinario di Farmacologia presso la II Università degli Studi di Napoli;Rettore della II Università degli Studi di Napoli) SANTORO EUGENIO (Libero Docente di Patologia Clinica presso La Sapienza Università di Roma; Direttore Scientifico del Centro Trapianti Multiorgano Azienda Ospedaliera Ospedale San Camillo-Forlanini di Roma) SCAMBIA GIOVANNI (Professore Ordinario di Ginecologia e Ostetricia presso l'università Cattolica del Sacro Cuore di Roma) SCHITTULLI FRANCESCO (Presidente della Lega italiana per la lotta contro i tumori (LILT)) SEGRETO GIUSEPPE (Medico di Medicina Generale) SIMONETTI GIOVANNI (Professore Ordinario di Radiologia e Direttore della Cattedra di Radiologia presso l'università degli Studi di Roma Tor Vergata; Direttore del Dipartimento Diagnostica per Immagini e Radiologia Interventistica Policlinico Universitario Tor Vergata) STIRPE MARIO (Presidente IRCCS "Fondazione G.B. Bietti" Roma per lo studio e la ricerca in Oftalmologia - Istituto di Ricovero e Cura a Carattere Scientifico) ZANGRILLO ALBERTO (Docente presso la Scuola di Specializzazione in Anestesia e Rianimazione dell'università Vita e Salute San Raffaele di Milano;Direttore dell'uo di Anestesia e Rianimazione Cardio-Toraco-Vascolare presso l'istituto Scientifico Universitario San Raffaele di Milano) Test Medicina ad alta tensione. Per l'anaao sono un'«ipocrita lotteria» Facoltà presidiate e alta tensione per i test di ammissione alla facoltà di medicina in corso oggi in tutta Italia per oltre 84 mila candidati (il 25% in più dello scorso anno) a fronte di una disponibilità di appena 10mila posti. Per l'anaao Assomed il test rappresenta solo «una ipocrita lotteria». Per i Giovani medici la selezione dei candidato è l'«unica strada percorribile», ma presenta delle criticità che vanno affrontate. E il Codacons avverte: «Faremo degli esposti in caso di irregolarità». «Al di là del successo e del fascino che la laurea continua ad esercitare il problema rimane quello denunciato da anni, e da più parti, di una formula di selezione assolutamente inadeguata - sottolinea in una nota il Segretario Nazionale Anaao Assomed, Costantino Troise - Il nostro giudizio negativo nasce non solo dalla perdurante assenza di una graduatoria nazionale, il che consente una estrema variabilità del punteggio richiesto per la ammissione da una sede all'altra: studenti esclusi in una Facoltà sarebbero stati largamente ammessi con lo stesso punteggio in diverse altre. Ma anche dai contenuti di test tanto astrusi quanto lontani da una misurazione di capacità e vocazioni». 3

4 La formazione professionale ed umana del medico di domani rappresenta per Troise «un tema troppo importante per essere lasciato in via esclusiva nelle mani dell'università con un Ssn che si chiama fuori abdicando ad un ruolo professionalizzante sancito da leggi e non surrogabile». «Se non distratti dalla definizione del patto della salute conclude la nota - Salute e Regioni battano un colpo per rivendicare ed esercitare un ruolo attivo nella sperimentazione di nuove modalità di selezione che tengano conto delle attitudini e delle capacità dei singoli, da valutare, non con bizzarri e cervellotici quesiti in una ipocrita lotteria, dopo l'acquisizione di specifici crediti formativi. «L'attuale sistema di selezione a quiz e di accesso programmato a Medicina presenta delle criticità, ma al momento è l'unica strada percorribile», affermano dal Segretariato italiano giovani medici (Sigm). «Non bisogna dimenticare - aggiunge la Sigm - che quello medico è l'unico ambito in cui il diritto allo studio trova un limite naturale nel diritto alla salute dei cittadini, nella misura in cui per formare un medico occorre un ottimale rapporto tra discenti, casistica clinica e discenti. In altri Paesi, ad esempio, sono già in adozione dei modelli che consentono l'accesso libero al primo anno di corso preservando quindi il diritto allo studio, per procedere a una successiva rigorosa selezione sui contenuti delle materie studiate e in base all'esito degli esami sostenuti, coniugando quindi la restrizione a imbuto del numero programmato con una valutazione di merito». Sullo svolgimento dei test a Medicina è intanto intervenuto anche il Codacons sollecitando gli studenti studenti a segnalare eventuali errori e irregolarità: «Invitiamo i candidati a segnalarci errori, problemi o anomalie rilevate durante le prove d'esame, inviandoci una mail all'indirizzo spiega l'associazione- in caso di irregolarità, ci faremo portavoce degli interessi degli studenti, presentando esposti in procura e chiedendo la ripetizione dei test d'ammissione». Nella nota il Codacons conferma la propria contrarietà al numero chiuso definita «una distorsione del mondo dell'istruzione che, in campo sanitario, crea un danno non solo agli studenti, il cui diritto allo studio viene ingiustamente limitato, ma anche ai cittadini, considerato che il fabbisogno di medici e personale sanitario nel nostro paese é ancora molto elevato».. Per tale motivo il Codacons ha promosso un ricorso collettivo al tar del lazio contro il sistema del numero chiuso, al quale possono aderire (attraverso il sito tutti gli studenti che oggi sostengono le prove d'ingresso. Eurozona: l'occupazione nella sanità cresce del 2% l'anno Nell'Eurozona record diinvecchiamento della popolazione, progressi tecnologici e scientifici, maggiore attenzione alla qualità e alla prevenzione hanno fatto il "miracolo": negli ultimi 4 anni l'occupazione nel settore sanitario è cresciuta di quasi il 2% l'anno e nel 2012 è stato sfiorato il milione di nuove assunzioni. Il dato emerge dallo European Vacancy Monitor pubblicato oggi dalla Commissione europea. Dai dati contenuti nello studio emerge che tra i Paesi in cui la domanda di lavoro in questo settore è più elevata c'è anche l'italia, insieme a Francia, Germania e Gran Bretagna. Tra i lavori con un tasso occupazionale maggiormente in crescita tra il 2011 e il 2012 in Europa, al primo posto assoluto ci sono quelli riguardanti le cure personali. Molto richiesti anche gli infermieri, le ostetriche, i tecnici medici e farmaceutici e altre professioni associate alla sanità, come i dentisti, i farmacisti e i fisioterapisti. In Europa, attualmente, un lavoratore su dieci é impiegato nelsettore sanitario, con tassi ancora più elevati di occupazione in Germania e Gran Bretagna. Nel prossimo futuro si prevede una richiesta ancora più forte di infermieri e ostetrici, anche a causa di una età media degli addetti ai lavori elevata,specialmente in Paesi come la Bulgaria, dove quasi la metà dei lavoratori del settore ha tra i 50 e i 64 anni. Secondo il commissario Ue all'occupazione, Làszlò Andor «il report conferma che la sanità è uno dei settori con le maggiori potenzialità per la creazione di posti di lavoro in Europa e sono quindi sono quindi più che mai urgenti nuovi investimenti nella formazione». di Barbara Gobbi Disuguaglianze di salute, cala il divario tra i Paesi Ue. Italia prima per «privazioni materiali» Negli ultimi 5 anni le disparità in termini di aspettativa di vita e di mortalità infantile tra i Paesi dell'ue si sono significativamente ridotte. Ma in un report sulle disuguaglianze di salute pubblicato oggi la Commissione europea punta l'indice contro i principali nemici - in gran parte figli della crisi - all'origine delle disparità di salute: reddito, disoccupazione e bassi tassi di istruzione. E riconosce all'italia un triste primato: quello di essere l'unico grande Paese della vecchia Europa in cui l'11% della popolazione è soggetta a «gravi privazioni materiali», ad esempio il riscaldamento o il consumo di carne. Nel 2011 il numero di cittadini italiani colpiti era il doppio rispetto a Francia, Germania e Regno Unito. 4

5 Però siamo anche il Paese che in dieci anni è riuscito a ridurre ancora - rispetto a Francia, Germania e Regno Unito - la mortalità infantile, portandola da una media nel 2001di 4,4 decessi per mille nati vivi, a 3,2 nel Calo che pure si registra a livello europeo dove nello stesso periodo si è passati in media da 5,7 a 3,9 decessi. Il gap tra i maggiori e i minori livelli di aspettativa di vita nell'europa a 27 si è ridotto per gli uomini del 17% tra il 2007 e il 2011 e per le donne del 4% tra il 2006 e il La disparità nella mortalità infantile tra i Paesi dell'ue si è dimezzata - dal 15,2 al 7,3 per mille nati vivi tra il 2011 e il Tassi analoghi per la mortalità infantile media, passata dal 5,7 al 3,9 per mille nati vivi. Eppure, sottolineano dalla Commissione Ue nel report, la strategia "Solidarity in health" va ulteriormente implementata. «Il nostro impegno prioritario - ha spiegato il commissario europeo Tonio Borg - dovrà continuare a contrastare i gap di salute tra i differenti gruppi della società e tra regioni e Stati membri». Qualche dato aiuta a inquadrare il fenomeno: tra la Svezia, Paese con la più alta aspettativa di vita per gli uomini (79,9 anni) e le realtà dove l'indicatore è al contrario più basso (68,1 anni), si registra un gap di ben 12 anni. Ancora: nel 2010, in sette regioni europee la mortalità infantile superava il dato di 10 per mille nati vivi. Mentre nello stesso anno il gap stimato nell'aspettativa di vita maschile a 30 anni variava tra i 3 e i 17 anni, sulla base del livello di istruzione. Numeri che la dicono lunga sulla necessità di agire sui determinanti socio-economici della popolazione per disinnescare la boma a orologeria delle disuguaglianze di salute dovute a povertà e ignoranza. Il report della Commissione Ue Mondo/report_healthinequalities_swd_2013_328_en.pdf?uuid=154af36e e3-833e-a61c363c38c8 The Lancet: «Sigarette elettroniche efficaci quanto i cerotti per dare l'addio alla nicotina» Le sigarette elettroniche sono efficaci tanto quanto i cerotti alla nicotina come metodo per aiutare i fumatori a dire addio al pacchetto. E' quanto rivela il primo studio organizzato per confrontare questi due sistemi "anti-bionde", i cui risultati sono stati presentati al congresso della European Respiratory Society (Ers) in corso a Barcellona e pubblicati su "The Lancet". Si tratta del secondo trial controllato di valutazione delle e-cig e conferma che con questo dispositivo o con il patch si ottengono tassi di successo simili: i tabagisti sono riusciti a non fumare per 6 mesi in entrambi i casi, dopo 13 settimane di utilizzo dei due diversi metodi. L'indagine è stata guidata da Chris Bullen, direttore del National Institute for Health Innovation dell'università di Auckland in Nuova Zelanda: il team di ricercatori ha reclutato 657 fumatori attraverso annunci pubblicati sui giornali locali. I partecipanti erano tutte persone che volevano smettere di fumare e sono stati divisi in tre gruppi: poco meno di 300 hanno ricevuto una sigaretta elettronica e un kit per l'uso di 13 settimane, inclusi liquidi con un contenuto di nicotina pari a 16 mg. Altrettanti hanno ricevuto una fornitura di cerotti alla nicotina, mentre un minor numero di partecipanti (73) ha ricevuto uno speciale placebo, ossia una 'e-cig' che non conteneva nicotina. Al termine delle 13 settimane di uso dei dispositivi e dopo 3 mesi di follow-up, i partecipanti sono stati sottoposti a test per stabilire se erano riusciti a rimanere lontani dal pacchetto. Al termine del periodo di studio di 6 mesi, circa uno su 20 partecipanti allo studio (complessivamente il 5,7%) era riuscito a rimanere in totale astinenza da fumo. La percentuale di partecipanti che hanno smesso di fumare con successo è risultata più alta nel gruppo delle e-cig (7,3% contro 5,8 % nel gruppo dei cerotti alla nicotina e 4,1 % nel gruppo placebo), ma queste differenze non sono risultate statisticamente significative. I risultati suggeriscono dunque un'efficacia paragonabile fra le sigarette elettroniche e i cerotti alla nicotina per aiutare le persone a smettere per almeno 6 mesi. Inoltre, non è stata rilevata alcuna differenza statisticamente significativa nei cambiamenti negativi per la salute riferiti dai partecipanti dei due gruppi. Infine, coloro che non erano riusciti a smettere di fumare dopo 6 mesi hanno comunque ridotto maggiormente il consumo di sigarette nel gruppo e-cig rispetto a quello del cerotto e al placebo: oltre la metà (57%) di coloro che hanno usato la sigaretta elettronica ha ridotto il consumo giornaliero di sigarette di almeno la metà dopo 6 mesi, rispetto al 41% dei volontari che hanno utilizzato patch o del gruppo placebo. 5

6 «Il nostro studio - dice Bullen - rappresenta un punto di riferimento fondamentale per la valutazione delle prestazioni della e-cig rispetto al cerotto alla nicotina. Ma c'è ancora molto da sapere sugli effetti e l'efficacia a lungo termine di questi dispositivi. Data la loro crescente popolarità in molti Paesi, l'inconsistenza e l'incertezza normativa di accompagnamento, sono urgenti studi più grandi e più a lungo termine». «L'introduzione delle e-cig sul mercato ha causato un certo dibattito tra i professionisti sanitari - commenta il presidente dell'ers Francesco Blasi -. La nostra posizione è chiara: abbiamo bisogno di ulteriori ricerche sugli effetti positivi o negativi di questi prodotti. Questo studio rappresenta un passo avanti, ma abbiamo ancora bisogno di studi clinici indipendenti, a lungo termine e studi comportamentali. E' essenziale anche che ci si concentri sulla sicurezza di questi dispositivi. Finché non saranno disponibili questi dati, i decisori politici devono procedere con cautela su come regolare l'uso di questi dispositivi». Cani: in Gazzetta ordinanza su guinzagli e patentini Guinzaglio corto (max 1,5 metri), museruola a portata di mano e il giusto mix di fermezza e coccole. Le precauzioni per garantire la civile, sicura e soddisfacente convivenza tra uomini e cani sono contenute nell'ordinanza della Salute pubblicata nella Gazzetta Ufficiale n. 209 di venerdì 6 settembre. Tra le novità i corsi per educare i padroni alla corretta gestione degli animali da compagnia riducendo gli incidenti. Proprio con questo obiettivo l'ordinanza - efficace per 12 mesi - stabilisce che nelle aree urbane e i luoghi aperti al pubblico il proprietario/detentore di un cane deve utilizzare sempre un guinzaglio di misura non superiore a mt. 1,50 durante la conduzione dell'animalenelle aree urbane e nei luoghi aperti al e portare con sé una museruola, rigida o morbida, da applicare al cane in caso di rischio per l'incolumità di persone o animali o su richiesta delle autorità competenti. Proprietari e detentori sono comunque a qualsiasi titolo responsabili penalmente e civilmente dei danni provocati dall'animale: per questo l'ordinanza raccomanda in caso di necessità di affidare il cane a persone in grado di gestirlo correttamente. Il documento istituisce inoltre percorsi formativi per i proprietari di cani, con spese a carico del prprietario e rilascio di un apposito patentino: i corsi saranno organizzati dai Comuni assieme ai servizi veterinari delle aziende sanitarie locali,anche in collaborazione con ordini e facoltà di veterinaria e associazioni di protezione animale. Il responsabile scientifico dovrà essere scelto traveterinari i esperti in comportamento animale o appositamente formati dal dall'izs sperimentale della Lombardia e dell'emilia Romagna. Lazio, il monito dell'antitrust: rivedere il sistema di smaltimento rifiuti Il sistema laziale di smaltimento dei rifiuti, di fatto, incentiva il conferimento in discarica invece di far privilegiare raccolta differenziata e inceneritori. Le regoli, poi, favoriscono «distorsioni concorrenziali». L'esortazione a cambiare rotta arriva dall'autorità garante della concorrenza e del mercato, che ha indirizzato una segnalazione alla Regione guidata da Nicola Zingaretti, al ministro dell'ambiente, al Sindaco e al Commissario delegato per l'emergenza ambientale nel territorio di Roma e Provincia. Secondo l'antitrust l'attuale assetto regolatorio ha di fatto favorito lo smaltimento in discarica, che, anche dal punto di vista della concorrenza, rappresenta il modello di gestione di rifiuti meno auspicabile: non consente alcun tipo di valorizzazione economica del rifiuto e costituisce dunque un costo sociale sia sotto il profilo ambientale sia sotto quello economico. Al contrario la raccolta differenziata è in grado di attivare numerose filiere a valle, consentendo l'espansione di altrettanti mercati e l'ingresso di operatori che altrimenti rimarrebbero esclusi. Anche il recupero di energia, che attiva un'unica filiera, quella appunto della produzione di energia (e/o calore), può avere un effetto positivo su quel mercato. L'attuale regolamentazione ha invece portato, nel Lazio, a un ricorso eccessivo allo smaltimento in discarica, destinazione finale del 71% dei rifiuti urbani (secondo dati Ispra). La raccolta differenziata non è stata adeguatamente promossa, ed è stato al contrario avallato un assetto impiantistico caratterizzato da una grande capacità di lavorazione di rifiuti indifferenziati (impianti di trattamento meccanico biologico). Al tempo stesso, il sistema di autorizzazioni dei termovalorizzatori, che non consente di bruciare direttamente i rifiuti indifferenziati, non ha permesso a tali impianti di svolgere 6

7 nel Lazio il ruolo di vincolo concorrenziale all'attività di smaltimento in discarica, come è avvenuto in altre Regioni italiane. Non solo: sia gli impianti in grado di trasformare i rifiuti indifferenziati in combustibile da rifiuto sia gli stessi impianti di termovalorizzazione vengono utilizzati a tassi ridotti, favorendo ulteriormente lo smaltimento in discarica dei rifiuti indifferenziati. Sotto accusa il sistema nel suo complesso: lo smaltimento in discarica dell'indifferenziato e l'invio dei rifiuti negli impianti di trattamento meccanico-biologico avviene dietro pagamento, da parte dei Comuni conferitori, di una tariffa definita dalla Regione, sulla base della dichiarazione dei costi (a preventivo e a consuntivo) presentata dalla società che gestisce l'impianto. Una regolamentazione che non convince. Ad esempio, denuncia l'antitrust, non esistono determinazioni tariffarie regionali relative agli impianti di trattamento meccanico-biologico di proprietà di Ama, con possibili conseguenze negative, quantomeno in termini di carenza di controlli, sui costi di trattamento e successivo smaltimento, che Ama ribalta sui cittadini. Insomma: il Lazio non ha costruito «un assetto integrato di gestione dei rifiuti urbani efficiente», ostacolando la possibile concorrenza tra le diverse modalità di gestione. Una delle conseguenze ricade sulle spalle dei cittadini di Roma: la tariffa a loro carico è tra le più alte di Italia e seconda, fra le grandi città, solo a quella di Napoli. 10/09/13 Pagina Web Approvato il disegno di legge di superamento delle Federazioni La Giunta regionale, su proposta dell Assessore alla Sanità, Ugo Cavallera, ha approvato il disegno di legge di superamento delle Federazioni sanitarie, istituite con la legge regionale nr. 3 del 28 marzo La decisione è stata adottata sia a seguito della scelta di potenziare e sviluppare la centralizzazione degli acquisti in campo sanitario da parte di SCR, società di committenza regionale- così come stabilito dalla legge 8 del 7 maggio sia per corrispondere alle osservazioni pervenute dal Tavolo tecnico inter-ministeriale per la verifica degli adempimenti delle Regioni sottoposte a Piano di rientro. Per quanto riguarda le altre funzioni tecnico-amministrative, logistiche, informative e di supporto la cui gestione non sarà in capo a SCR, fermo restando un forte e più incisivo coordinamento della Direzione regionale Sanità, la Giunta regionale individuerà, per ciascuna area di programmazione, sulla base degli ambiti territoriali definiti, l Azienda sanitaria con funzioni di capofila. La scelta di centralizzare determinate funzioni rimane. La modifica organizzativa, che sarà a regime dal 1 gennaio 2014, tiene conto sia delle indicazioni ministeriali che delle scelte regionali in materia di centralizzazione degli acquisti: lavoreremo affinché l esperienza e l operatività delle Federazioni non venga dispersa e sia utilizzata nel contesto della nuova configurazione - sottolinea l Assessore Cavallera. Torino: attivato il Servizio di assistenza odontoiatrica low cost ASL TO4 - Dal 2 settembre scorso sono attive le prenotazioni presso le sedi CUP (Centro Unificato Prenotazioni) dell ASL TO4 per usufruire del Servizio di assistenza odontoiatrica ambulatoriale low cost. Servizio previsto da una Delibera della Direzione Generale dello scorso 5 luglio, che è disponibile ai cittadini a partire dalla prossima settimana. Per evitare confusioni, è necessario distinguere tra l assistenza odontoiatrica garantita dal Servizio Sanitario Nazionale soltanto ai soggetti in età evolutiva e a coloro che si trovano in condizione di particolare vulnerabilità e l assistenza odontoiatrica low cost. Quest ultima non è dovuta dall ASL, ma è stata una scelta della Direzione aziendale per venire incontro alle esigenze dei cittadini che non possono usufruire dell assistenza odontoiatrica ambulatoriale di tipo privato. Per quanto riguarda l assistenza odontoiatrica garantita dal Servizio Sanitario Nazionale, in assenza di specifiche indicazioni normative su quali fossero i soggetti in condizione di particolare vulnerabilità, l ASL aveva già a suo tempo individuato in forma estensiva quali beneficiari dell assistenza odontoiatrica ambulatoriale gli ultrasessantacinquenni esenti per reddito, i bambini e i ragazzi fino a 14 anni, gli invalidi civili, gli esenti per patologia con codice 048 (limitatamente alle visite e all eventuale bonifica dentaria su richiesta del medico oncologo, ematologo o radioterapista per specifici trattamenti) e gli indigenti (definiti a livello comunale). Tutte queste categorie, come previsto dalla normativa vigente in materia, sono esenti dal ticket, con l eccezione dei bambini e dei ragazzi con meno di 14 anni. Per quest ultima fascia, l esenzione è prevista dalla norma soltanto per i bimbi con meno di 6 anni appartenenti a un nucleo familiare con reddito complessivo non superiore a ,98 euro; ma i bimbi e i ragazzi che non possono usufruire dell esenzione pagano esclusivamente il ticket. L assistenza odontoiatrica low cost, invece, non è prevista dalla normativa, ma è un iniziativa della Direzione aziendale per supportare i cittadini che non possono usufruire dell assistenza odontoiatrica ambulatoriale di tipo privato. L aver identificato negli scorsi mesi, nel rispetto della normativa sui LEA, le categorie di cittadini in condizione di fragilità che possono usufruire dell assistenza odontoiatrica ambulatoriale a carico del Servizio Sanitario Nazionale spiega il Direttore Generale dell ASL TO4 dottor Flavio Boraso ha determinato la legittima esclusione di una parte della popolazione che potrebbe trovare difficoltà a effettuare le cure dentarie privatamente per motivi di reddito, soprattutto in questo momento di particolari difficoltà economiche. Con spirito di servizio aggiunge il dottor Boraso abbiamo ritenuto importante porre attenzione anche a queste persone, attivando un 7

8 Servizio «low cost» sulla base di tariffe derivanti unicamente dal prezzo di costo delle prestazioni. Ecco alcuni esempi: la ricostruzione di un dente mediante otturazione costerà al cittadino da 80 a 90 euro; la terapia canalare di un dente da 90 a 150 euro; l estrazione di un dente 65 euro; la radiografia dentaria 20 euro; la detartrasi 50 euro. L apertura di questo nuovo Servizio conclude il dottor Boraso è frutto dell impegno dedicato dall Azienda per ottimizzare l utilizzo delle risorse umane e strumentali nel settore dell odontoiatria. Le prestazioni low cost sono erogate senza impegnativa del medico curante e garantite da parte degli specialisti ambulatoriali dell ASL nelle seguenti sedi aziendali: Lanzo (ospedale); Chivasso (via Po 11); San Mauro (poliambulatorio di via Speranza 31); Settimo Torinese (poliambulatorio di via Leinì 70); Ivrea (poliambulatorio di corso Nigra 37); Rivarolo (poliambulatorio di via Piave 13). Ufficio stampa Asl To4 Cuneo: concluso con successo il trekking riabilitativo organizzato dalla Psichiatria dell'asl Cn1 ASL CN1 - Da martedì 3 a venerdì 6 settembre, nell ambito delle attività riabilitative della montagnaterapia a cura della Psichiatria Territoriale Asl CN1, si è svolto il trekking intervallivo someggiato in compagnia di asini, muli e cavalli, con la partecipazione di cinque gruppi di montagnaterapia del Piemonte, utenti, operatori e volontari del CAI, impegnati insieme in una traversata a piedi su sentieri in quota da Aisone (Valle Stura) a S. Anna di Valdieri (Valle Gesso). Assieme ai Montanari di Racconigi hanno partecipato all escursione i Gruppi Montagna del Centro Diurno di Cuneo, dell associazione L Ancora di Torino, del Centro Diurno di Collegno e della Comunità di Ceva. Il trekking in 4 giornate, con partenza dalla piazza di Aisone, attraverso un percorso su vecchi sentieri al passo lento della carovana con gli animali dell azienda agricola Lungaserra di Chiusa Pesio, ha fatto tappa al rifugio Olmo Bianco di Bergemolo, a Madonna del Colletto, a S. Bernardo di Desertetto e si è concluso venerdi 6 settembre con l arrivo alla ex Colonia Alpina di S. Anna di Valdieri. Spiegano gli organizzatori: L iniziativa denominata La Montagna è Salute Carovana della Mente è stata il frutto di una lunga collaborazione a livello regionale con tutte la realtà che si occupano di promuovere la salute psichica attraverso il territorio e la montagna in particolare, che aiuta a superare differenze, pregiudizi e luoghi comuni. Anna Maria, Giovanna, Maria Luisa, Maria Rosa, Claudio, Piera, Dino, Carla, Bruno, Primaldo e Domenico hanno condiviso con tanti altri partecipanti (oltre 50) la fatica della camminata ma soprattutto la gioia di stare assieme e assieme raggiungere il traguardo prefissato. Alcune sere, dimenticato l indolenzimento della gambe, i balli occitani con courente e balet, invitavano a fare ancora 4 salti al suono di organetto e ghironda. Prima del meritato riposo e per concludere in bellezza la giornata, l intero gruppo si impegnava infine nell esecuzione, a più voci stonate dell emozionante Se Chanto, inno ufficiale occitano, sotto la direzione dell inesauribile Seba. Ufficio stampa Asl Cn1 DIARIO 10/09/13 Pagina Web Le decisioni della Giunta regionale Cessazione delle Federazioni sanitarie, superamento degli ospedali psichiatrici giudiziari e bonus pendolari sono i principali argomenti esaminati il 9 settembre dalla Giunta regionale. La riunione è stata coordinata dal presidente Roberto Cota. Federazioni sanitarie. Un disegno di legge presentato dall assessore Ugo Cavallera e che passa ora all esame del Consiglio stabilisce la cessazione dal 1 gennaio 2014 delle funzioni delle sei Federazioni sanitarie sovrazonali, alle quali il piano sanitario destinava la gestione di servizi amministrativi, tecnici e logistici di supporto svolti singolarmente da ciascuna azienda sanitaria, e l affidamento della centralizzazione degli acquisti alla Società di committenza regionale (SCR-Piemonte). Viene così assicurato il rispetto di alcuni adempimenti richiesti dal tavolo tecnico ministeriale e continua nel contempo il perseguimento degli obiettivi che avevano a suo tempo portato a costituire le Federazioni. Per le altre funzioni tecnico-amministrative, logistiche, informative e di supporto la cui gestione non sarà in capo a SCR, fermo restando un forte e più incisivo coordinamento della Direzione regionale Sanità, la Giunta individuerà per ciascuna area di programmazione l azienda sanitaria con funzioni di capofila. Si farà comunque in modo che l esperienza e l operatività delle Federazioni non venga dispersa e sia utilizzata nel contesto della nuova configurazione. 8

9 Ospedali psichiatrici giudiziari. Il programma per il superamento degli ospedali psichiatrici giudiziari, proposto dall assessore Ugo Cavallera, prevede uno stanziamento di 12,5 milioni di euro, al 95% a carico dello Stato, per l apertura di due strutture sanitarie extraospedaliere nell ex residenza sanitaria Madonna Dorotea di Bioglio (Biella) e nella Cascina Spandonara di Alessandria. La delibera viene ora sottoposta all approvazione del Consiglio regionale. Bonus pendolari. Come proposto dall assessore Barbara Bonino, viene disposta l applicazione del bonus pendolari 2012, per riconoscere ai clienti abbonati al servizio ferroviario gestito da Trenitalia un adeguato risarcimento per i disagi subiti. La presentazione delle domande avverrà dal 24 settembre al 31 dicembre Per il pagamento saranno utilizzati euro impegnati a favore di Trenitalia ma non erogabili all azienda in quanto corrispondenti a detrazioni per servizi non resi. Sono stati inoltre approvati: - su proposta dell assessore Ugo Cavallera, la definizione del budget 2013 dei volumi di attività e dei tetti di spesa degli erogatori privati o equiparati a quelli pubblici, i criteri per fissare gli importi a consuntivo che le azienda sanitarie devono erogare alle strutture private per gli anni 2011 e 2012, la validazione dei corsi per le gestione dei defibrillatori automatici esterni in ambito extraospedaliero effettuati dal 24 settembre 2012, le linee guida per la prescrizione degli apparecchi acustici; - su proposta dell assessore Gilberto Pichetto, l autorizzazione ad intervenire nel giudizio avanti alla Corte Costituzionale nei confronti del ricorso presentato dalla Presidenza del Consiglio dei ministri per la dichiarazione di illegittimità costituzionale della norma della l.r. 11/2013 che consente ai cacciatori l esercizio venatorio nelle aree contigue alle aree protette, nonché la proroga al 31 dicembre 2014 della validità dell accordo di programma tra Regione Piemonte e Provincia di Alessandria per la realizzazione di una rete di belvedere attrezzati nell ambito della valorizzazione del territorio interessato dalla candidatura Unesco; - su proposta dell assessore Giovanna Quaglia, la variante al piano regolatore generaale di Busca (Cn).. ggennaro 09 settembre 2013 Comunicati della Giunta Regionale 09 Settembre :32 SANITA' APPROVATO IL DISEGNO DI LEGGE DI SUPERAMENTO DELLE FEDERAZIONI Torino, 9 settembre 2013 La Giunta regionale, su proposta dell assessore alla Sanità, Ugo Cavallera, ha approvato il disegno di legge di superamento delle Federazioni sanitarie, istituite con la legge regionale nr. 3 del 28 marzo La decisione è stata adottata sia a seguito della scelta di potenziare e sviluppare la centralizzazione degli acquisti in campo sanitario da parte di SCR, società di committenza regionale- così come stabilito dalla legge 8 del 7 maggio sia per corrispondere alle osservazioni pervenute dal Tavolo tecnico inter-ministeriale per la verifica degli adempimenti delle Regioni sottoposte a Piano di rientro. Per quanto riguarda le altre funzioni tecnico-amministrative, logistiche, informative e di supporto la cui gestione non sarà in capo a SCR, fermo restando un forte e più incisivo coordinamento della Direzione regionale Sanità, la Giunta regionale individuerà, per ciascuna area di programmazione, sulla base degli ambiti territoriali definiti, l Azienda sanitaria con funzioni di capofila. La scelta di centralizzare determinate funzioni rimane. La modifica organizzativa, che sarà a regime dal 1 gennaio 2014, tiene conto sia delle indicazioni ministeriali che delle scelte regionali in materia di centralizzazione degli acquisti: lavoreremo affinché l esperienza e l operatività delle Federazioni non venga dispersa e sia utilizzata nel contesto della nuova configurazione - sottolinea l assessore Cavallera. 9

10 10/09/13 Pagina Web I Montanari del Germoglio alla Carovana della Mente Cuneo. Da martedì 3 a venerdì 6 settembre, nell ambito delle attività riabilitative della montagnaterapia a cura della Psichiatria Territoriale Asl CN1, si è svolto il trekking intervallivo someggiato in compagnia di asini, muli e cavalli, con la partecipazione di cinque gruppi di montagnaterapia del Piemonte, utenti, operatori e volontari del CAI, impegnati insieme in una traversata a piedi su sentieri in quota da Aisone (Valle Stura) a S. Anna di Valdieri (Valle Gesso). Assieme ai Montanari di Racconigi hanno partecipato all escursione i Gruppi Montagna del Centro Diurno di Cuneo, dell associazione L Ancora di Torino, del Centro Diurno di Collegno e della Comunità di Ceva. Il trekking in 4 giornate, con partenza dalla piazza di Aisone, attraverso un percorso su vecchi sentieri al passo lento della carovana con gli animali dell azienda agricola Lungaserra di Chiusa Pesio, ha fatto tappa al rifugio Olmo Bianco di Bergemolo, a Madonna del Colletto, a S. Bernardo di Desertetto e si è concluso venerdi 6 settembre con l arrivo alla ex Colonia Alpina di S. Anna di Valdieri. Spiegano gli organizzatori: L iniziativa denominata La Montagna è Salute Carovana della Mente è stata il frutto di una lunga collaborazione a livello regionale con tutte la realtà che si occupano di promuovere la salute psichica attraverso il territorio e la montagna in particolare, che aiuta a superare differenze, pregiudizi e luoghi comuni. Anna Maria, Giovanna, Maria Luisa, Maria Rosa, Claudio, Piera, Dino, Carla, Bruno, Primaldo e Domenico hanno condiviso con tanti altri partecipanti (oltre 50) la fatica della camminata ma soprattutto la gioia di stare assieme e assieme raggiungere il traguardo prefissato. Alcune sere, dimenticato l indolenzimento della gambe, i balli occitani con courente e balet, invitavano a fare ancora 4 salti al suono di organetto e ghironda. Prima del meritato riposo e per concludere in bellezza la giornata, l intero gruppo si impegnava infine nell esecuzione, a più voci stonate dell emozionante Se Chanto, inno ufficiale occitano, sotto la direzione dell inesauribile Seba. ASL CN1 notizie tratte dal giornaleradio pagina web Trasfermento degli Uffici Giudiziari ad Alessandria: i provvedimenti viabili in vigore da questo martedi' Tempo di trasloco per alcuni dei tribunali della provincia travolti dalla riforma della geografia giudiziaria. Il Palazzo di Giustizia di Alessandria si prepara infatti a ricevere faldoni e pratiche in arrivo dagli Uffici Giudiziari di Acqui Terme e Tortona. Il trasloco comincerà questo martedì e proseguirà fino a venerdì 13 settembre. Per consentire le operazioni di carico e scarico, il Comune di Alessandria ha quindi disposto un divieto di sosta, con rimozione forzata, nel tratto di strada di fronte al Tribunale, in corso Crimea. Sarà in particolare vietato parcheggiare durante tutti i giorni del trasloco, dalle 8 alle 18. Il trasloco potrebbe inoltre creare rallentamenti e per questo gli agenti della Polizia Municipale potrebbero adottare ulteriori provvedimenti temporanei per favorire la circolazione. Redazione I sindaci del Monferrato fanno quadrato per salvare la Casale-Vercelli I sindaci del monferrato sono determinati a fare quadrato per evitare lo smantellamento della linea ferroviaria Casale-Vercelli. Dopo la notizia del mantenimento della tratta Novara-Varallo da parte della Regione e il silenzio, invece, sul destino dei pendolari casalesi, i sindaci del monferrato, venerdì, hanno deciso di chiedere un incontro urgente a Torino per avere risposte e, soprattutto, per cercare di salvare la tratta ferroviaria. Nei prossimi giorni, ha spiegato ai microfoni di Radio Gold il sindaco di Occimiano, Ernesto Berra, tutte le Giunte e i Consigli comunali dell'area monferrina delibereranno un ordine del giorno per rimarcare l'importanza della linea Casale- Vercelli. Parallellamente, le amministrazioni avvieranno una petizione da consegnare a Torino per testimoniare 'a colpi di firme' il grande disagio che rischia di creare l'eliminazione della tratta ferroviaria. "Stiamo andando incontro a un isolamento complessivo dell'area casalese - ha puntualizzato il sindaco Berra - La Casale-Vercelli è un collegamento fondamentale per raggiungere tutte le altre città italiane. Eliminarla significa tagliare i collegamenti con il Frecciarossa, e quindi con Milano, Bologna e Roma, penalizzare tutti i pendolari e ledere il diritto allo studio dei ragazzi. Spostare la Casale-Vercelli su gomma, ipotizzando un servizio bus in tutti i paesi, allungherebbe di molto i tempi di percorrenza della tratta. Una soluzione davvero inaccettabile, ormai quasi nel 2014". Il prossimo 16 settembre, intanto, il sindaco di Casale, Giorgio Demezzi, parteciperà a un incontro all assessorato regionale ai Trasporti della Lombardia per discutere del possibile prolungamento della linea Mortara Casale. Una alternativa alla Casale-Vercelli che, secondo il sindaco Berra, 10

11 non rappresenterebbe però una adeguata compensazione per i disagi a cui dovranno far fronte i cittadini del Monferrato. "Questo è un progetto su cui si sta ragionando con Treninord Milano. Questo nuovo collegamento è però legato a un progetto di più ampio respiro per lo sviluppo territoriale e industriale. Non sarà così semplice riadattare una linea ferroviaria oggi in stato di dismissione da parte di Rfi. E' certamente un progetto interessante, ma non una soluzione immediata. Ecco perchè rimane fondamentale salvare la tratta Casale- Vercelli" Redazione Conclusi i lavori di bonifica del Parco Eternot di Casale E' terminata la bonifica dell'area dove sorgerà il Parco Eternot di Casale Monferrato. I lavori, ha spiegato il sindaco Giorgio Demezzi, sono proseguiti per tutto il mese di agosto e hanno interessato in particolar modo la discesa e l'area di confine lungo il canale Lanza dove era stata riscontrata la presenza di amianto nel terreno. Come promesso dall'amministrazione casalese, la bonifica si è quindi conclusa prima della riapertura della vicina scuola per l'infanzia Luisa Minazzi. Nello specifico, gli interventi hanno riguardato l incapsulamento e la ricopertura con teli plastici delle superifici interessate, in modo che gli operai della Consortile Eternot (consorzio creato tra le ditte esecutrici dei lavori, con Allara Spa come capogruppo) possano agire in totale sicurezza.la zona è stata inoltre continuamente oggetto di monitoraggi dell aria a cura dei tecnici dell Arpa Piemonte Polo Regionale Amianto, senza che i dati raccolti destassero preoccupazioni. Il monitoraggio finale è stato eseguito il 2 settembre e anch esso ha riscontrato concentrazioni di fibre di amianto ampiamente inferiori ad 1 fibra/litro. Tutto è pronto quindi per la prosecuzione dei lavori, che prevedono l edificazione di un muro di contenimento lungo tutto il perimetro del canale realizzato in pannelli prefabbricati con fondazione di cemento armato poggiante su micropali. Infine, si procederà con il riempimento tramite materiali terrosi, per fornire così la base sulla quale saranno effettuate le piantumazioni e realizzate le varie strutture di arredo urbano. Il parco vedrà infatti la presenza di un arena per eventi (come manifestazioni musicali, culturali, lezioni all aperto delle scolaresche e pattinaggio), un percorso ciclopedonale, la sistemazione con panchine nella zona panoramica e l allestimento di un area giochi per bambini di oltre 900 metri quadrati. Questo progetto ha una fortissima valenza simbolica ha concluso Demezzi poiché rappresenta la voglia di rivalsa dell intera città, che si riappropria così di questo spazio traformandolo in un emblema della lotta contro l amianto. Redazione 11

12 L'Ance su polemiche Terzo Valico: troppa propaganda e poca chiarezza politica AGGIORNAMENTO ORE 16.10: Sulla questione Terzo Valico interviene anche l'associazione nazionale costruttori edili di Alessandria. In una nota a margine l'ance ha voluto esprimere il proprio smarrimento rispetto alle recenti posizioni degli amministratori locali. Il riferimento è alla Provincia, al Comune capoluogo, e agli esponenti politici: "le questioni circa le garanzie di sicurezza (lato sensu) per il territorio, suscitano perplessità non tanto sulla giustezza o meno delle preoccupazioni evidenziate, quanto per il continuo stillicidio di posizioni e dichiarazioni che, francamente, evidenziano e contribuiscono ad alimentare, più che un confronto, una grande confusione. Concordiamo che in più di dieci anni di tempo avuto si sarebbe potuto fare di meglio per verificare, proporre ed eventualmente correggere. Sarebbe più utile lo diciamo come parte sociale di categoria che se sussistono i gravi rischi paventati si assuma, corrispondentemente, la responsabilità di mettere in atto le conseguenti necessarie azioni, senza tanti giri di parole e abusi lessicali, che consentiranno a tutti, tra l altro, di farsi almeno un opinione chiara circa la presenza di azioni amministrative veramente dovute o solamente di posizionamenti tattici, magari elettoralistici". NOTIZIA: A Voltaggio prosegue l'allestimento del cantiere da cui dovrebbero partire i lavori di realizzazione del Terzo Valico dei Giovi. Non sarà questo martedì, però, la data che segnerà l'avvio degli scavi. Slittato l'inizio dei lavori, proprio domani, a Torino, si terrà la Conferenza dei servizi sul piano cave. Un incontro preceduto dal confronto in programma questo pomeriggio al Ministero dell'ambiente a cui prenderanno parte anche il sindaco di Alessandria, Rita Rossa, il primo cittadino di Novi, Lorenzo Robbiano e il sindaco di Voltaggio, Lorenzo Repetto. Convocato anche il sindaco di Serravalle, Giampiero Carbone, che rimarrà però in città per impegni di Giunta. Negli ultimi giorni in provincia si è registrata una levata di scudi rispetto all'annunciato avvio degli scavi a partire da martedì. Ferma la richiesta di fermare i lavori arrivata, ad esempio, dal capoluogo. "Stanno avvenendo cose inaccetabili - ha tuonato il sindaco di Alessandria, Rita Rossa - Il Ministero ha prodotto una determina direttoriale con cui ha permesso di considerare il materiale di scavo come rifiuto inerte, pur mancando ancora tutta una serie di accertamenti relativi ai rischi ambientali". Prima richiesta avanzata nell'incontro di questo lunedì al Ministero dell'ambiente, ha anticipato il primo cittadino di Alessandria, sarà quindi l'annullamento della determina "che di fatto consente al Cociv di decidere quantità e modalità di smaltimento dei rifiuti". "Si sono tagliati fuori gli Enti locali e chi prende le decisioni ha dimostrato, ancora una volta, di non avere la minima conoscenza del territorio" ha aggiunto poi il sindaco Rossa. Ad oggi, come rimarcato anche dalla delibera adotta venerdì dalla Giunta della Provincia, manca ancora il piano del traffico e nulla si sa dei lavori di allargamento delle strade e della galleria in Val Lemme, interessate dal passaggio di mezzi pesanti. "Durante la riunione che si è tenuta la scorsa settimana in Comune ad Alessandria - ha raccontato ancora il sindaco Rossa - diversi sindaci hanno giustamente ricordato le ordinanze emesse per vietare il transito dei camion lungo le strade comunali per le cattive condizioni del manto stradale. E' assurdo che il Cociv, invece, abbia proprio individuato quei tratti per far passare i camion al lavoro nei cantieri del Terzo Valico". A preoccupare gli amministratori locali non è però solo l'aumento di traffico ma anche, e soprattutto, il rischio legato alla presenza di amianto nello smarino trasportato dai camion. "Il mio obiettivo, come sindaco - ha aggiunto Rita Rossa - è garantire la sicurezza dei cittadini. Se il Cociv vuole esibirsi in prove di forza, io sono pronta a fare altrettanto, vietando il passaggio dei mezzi sul territorio del Comune di Alessandria. La mia non è una minaccia, è una conseguenza logica. Alla vigilia della conferenza dei servizi di Torino non abbiamo ancora notizie neppure su una serie di misure che abbiamo richiesto, come la predisposizione delle colonnine di rilevazione in combinato disposto con quelle di Arpa. Qui non si tratta di valutazioni di merito sull'utilità o meno dell'opera. Stiamo parlando di sicurezza rispetto al tema della salute. Vogliamo sapere cosa passerà lungo le strade dei Comuni della provincia, oltretutto considerando che si punta a far transitare tutto su gomma quando Rfi è proprietaria dei binari". 12

13 data 10/09/13 pagina web Conclusa la bonifica del parco Eternot Demezzi: 'Un progetto di grande valenza simbolica nella lotta contro l'amianto' Si sono conclusi i lavori di bonifica del sito di costruzione del Parco Eternot, che sorgerà sulle ceneri dell ex stabilimento Eternit. «I lavori, che si sono protratti per tutto il mese di agosto spiega il sindaco Giorgio Demezzi, hanno interessato in particolar modo la discesa e l area di confine lungo il canale Lanza, dove durante gli scavi era stata riscontrata la presenza di amianto nel terreno. Come promesso, la bonifica si è conclusa entro il 9 settembre, prima della riapertura della vicina scuola per l infanzia Luisa Minazzi». Nello specifico, gli interventi hanno riguardato l incapsulamento e la ricopertura con teli plastici delle superfici interessate, in modo che gli operai della Consortile Eternot (consorzio creato tra le ditte esecutrici dei lavori, con Allara Spa come capogruppo) possano agire in totale sicurezza. La zona è stata inoltre continuamente oggetto di monitoraggi dell aria a cura dei tecnici dell Arpa Piemonte Polo Regionale Amianto, senza che i dati raccolti destassero preoccupazioni. Il monitoraggio finale è stato eseguito il 2 settembre e anch esso ha riscontrato concentrazioni di fibre di amianto ampiamente inferiori ad 1 fibra/litro. Tutto è pronto quindi per la prosecuzione dei lavori, che prevedono l edificazione di un muro di contenimento lungo tutto il perimetro del canale realizzato in pannelli prefabbricati con fondazione di cemento armato poggiante su micropali. Infine, si procederà con il riempimento tramite materiali terrosi, per fornire così la base sulla quale saranno effettuate le piantumazioni e realizzate le varie strutture di arredo urbano. Il parco vedrà infatti la presenza di un arena per eventi (come manifestazioni musicali, culturali, lezioni all aperto delle scolaresche e pattinaggio), un percorso ciclopedonale, la sistemazione con panchine nella zona panoramica e l allestimento di un area giochi per bambini di oltre 900 metri quadrati. «Questo progetto ha una fortissima valenza simbolica conclude poi Demezzi poiché rappresenta la voglia di rivalsa dell intera città, che si riappropria così di questo spazio trasformandolo in un emblema della lotta contro l amianto». Redazione On Line Tribunale, la Lega Nord difende Cota: 'Ingiusti gli attacchi contro di lui, Roma ci ha fregato un'altra volta' Dopo la accuse degli ordini degli avvocati prende posizione il vicesegretario Riccardo Molinari Le critiche a Cota per la soppressione dei tribunali piemontesi? Ingiuste... lui si è battuto contro questa soppressione, la colpa è dei partiti di governo romani. La Lega Nord difende il suo presidente della Regione con questa nota diffusa dal vicesegretario nazionale Riccardo Molinari: Alla luce - scrive della posizione presa dai presidenti degli ordini degli avvocati di Acqui Terme, Casale Monferrato, Mondovì, Saluzzo e Tortona, riportata su diverse testate, risulta chiaro il modo in cui anche questa volta Roma sia riuscita a fregarci approvando questa sciagurata riforma. La Lega Nord è l'unica forza politica che si è opposta sia al Governo Monti che ha avviato l'iter di soppressione dei tribunali definiti minori, sia a questo governo Pd Pdl Scelta Civica. Alla Camera e al Senato prosegue Molinari la Lega ha fatto dura opposizione al provvedimento, da sola, e ha da subito evidenziato come anche in questo caso ci sia stata da parte di Roma una disparità di trattamento fra Nord e Sud, salvando per risibili motivazioni diversi tribunali del meridione dalla soppressione. Roberto Cota ha sempre preso posizione contro questa riforma, sia come Presidente della Regione che come esponente della Lega, lascia sbigottiti che si punti il dito contro chi non ha competenze dirette su questa materia (è Roma che decide sui tribunali, non la Regione), e si faccia il plauso a parlamentari che sostengono invece questo Governo che ha attuato il provvedimento di soppressione... Dividi et Impera, vecchia strategia che purtroppo continua a vincere: Roma ringrazia. Redazione On Line 13

14 data 10/09/13 pagina web Test medicina, la prova senza bonus maturità. Anaao: ipocrita lotteria Niente più bonus maturità. È questa la principale novità per i quasi 80mila aspiranti medici iscritti ai test di medicina di ieri per contendersi i posti disponibili per l anno accademico (inclusi i posti riservati agli studenti stranieri). Una novità arrivata in corso d opera visto che la decisione è stata presa dal Consiglio dei ministri di ieri, ancora prima di essere sperimentato, perché, come sottolineato dallo stesso presidente del Consiglio Enrico Letta, «crea disparità». Ma non è solo il bonus maturità a far discutere. Anaao-Assomed, per esempio, parla di «ipocrita lotteria». Il problema, sottolinea una nota stampa del sindacato è che «solo potranno accedere al corso di studi con una sproporzione cresciuta nel tempo fra domande di ammissione e offerta di posti, malgrado il loro aumento degli ultimi anni. Aumento che, tra l'altro, sganciato da una programmazione attenta dei fabbisogni e da una riforma della formazione post-laurea, crea le premesse per una nuova fabbrica di disoccupati». Resta dunque il problema, rileva il segretario nazionale Costantino Troise, di una «formula di selezione assolutamente inadeguata: il nostro giudizio negativo - spiega - nasce non solo dalla perdurante assenza di una graduatoria nazionale, il che consente una estrema variabilità del punteggio richiesto per la ammissione da una sede all'altra, ma anche dai contenuti di test tanto astrusi quanto lontani da una misurazione di capacità e vocazioni. Sorvolando sulla pioggia di errori che aprono la strada ad infiniti contenziosi legali». I Giovani medici del Sigm dal canto loro pur ritenendo che «l attuale sistema di selezione a quiz e di accesso programmato a medicina presenta delle criticità», lo considerano «al momento l unica strada percorribile». Ciò premesso il Sigm ritiene opportuno avviare «una seria riflessione su una modalità di selezione degli aspiranti medici che avvenga sul campo, tale da differire alla fine del della frequenza del primo anno di corso o del primo biennio l applicazione del numero programmato. In altri Paesi» continua la nota Sigm «ad esempio, sono già in adozione dei modelli che consentono l accesso libero al primo anno di corso preservando quindi il diritto allo studio, per procedere ad una successiva rigorosa selezione sui contenuti delle materie studiate e in base all esito degli esami sostenuti, coniugando quindi la restrizione ad imbuto del numero programmato con una valutazione di merito. Inoltre, per quanti non superano lo scoglio della selezione, è prevista la possibilità di spendere i Cfu acquisiti in altri corsi di laurea nei quali insistono insegnamenti congruenti. Ma tale sistema richiederebbe uno sforzo organizzativo che al momento non tutte le Università Italiane potrebbero permettersi». Marco Malagutti Campania, al via indagine commissione Sanità sui rifiuti tossici Si estende dal Vesuvio fino alla provincia di Caserta ed è un ampia fascia di territorio chiamata terra dei fuochi. Dietro il nome suggestivo c è una realtà drammatica, perché i fuochi sono quelli dei roghi di immondizia e rifiuti tossici smaltiti illegalmente dalla criminalità organizzata. Da oggi se ne parlerà alla commissione Sanità del Senato, con un inchiesta che vedrà la collaborazione di medici per l ambiente, istituti oncologici, la Regione Campania e diverse associazioni ambientalistiche. Ad allarmare sono in particolare le conseguenze sulla salute della popolazione. Secondo un rapporto dell'istituto Pascale di Napoli, si è verificato un aumento dei casi di tumore che in alcune zone arriva fino al 47% e le donne sono le più colpite. Anche il ministero della Salute indica per la Campania, e in particolare per le provincie di Napoli e di Caserta, una mortalità per tumori superiore al resto del Paese. Non esiste, secondo il ministero, la dimostrazione di un nesso causale tra la presenza di rifiuti tossici e l aumento della mortalità per malattie neoplastiche; tuttavia i dati sono drammatici e sotto gli occhi di tutti e si aggiungono al fatto che in Campania l aspettativa di vita per chi si ammala di tumore è inferiore rispetto alle altre regioni d Italia. L indagine disposta dal Senato comprenderà sopralluoghi diretti nelle zone più a rischio e una raccolta di informazioni che si spera si possano poi tradurre in azioni di contrasto al fenomeno. Sono del resto recenti le dichiarazioni televisive di Carmine Schiavone, camorrista pentito del clan del Casalesi, riguardo al ruolo rilevante dello smaltimento illegale dei rifiuti tra gli affari della criminalità organizzata. I rifiuti tossici provengono a tonnellate dalle regioni settentrionali e vengono sepolti in terreni adiacenti alle coltivazioni, inquinando le falde acquifere e avvelenando i prodotti dell agricoltura che finiscono poi sulle tavole dei consumatori. 14

15 Il suicidio si può prevenire, oggi Giornata mondiale Quella di oggi è la Giornata mondiale per la prevenzione del suicidio; organizzata dall Oms e dalla International association for suicide prevention (Iasp), è volta a promuovere e mettere in atto azioni su scala mondiale per cercare di porre un freno a un fenomeno dalle dimensioni impressionanti. Tra le molte iniziative, una di rilievo si svolge, oggi e domani, presso l Azienda ospedaliera Sant Andrea di Roma, dove alcuni tra i principali esperti italiani sul tema si riuniscono in un convegno dal titolo Stigma: un grande ostacolo nella prevenzione del suicidio. Psichiatri, psicologi, farmacisti, educatori, infermieri faranno il punto sulle terapie farmacologiche, gli interventi di psicoterapia, il risk management, la gestione dei costi e le strategie di prevenzione. Tra gli obiettivi dichiarati, c è lo sviluppo di una consapevolezza globale che il suicidio è una delle cause di morte che più di ogni altra può essere prevenuta. Nel convegno si intende poi descrivere l'organizzazione a livello politico e i punti chiave per una strategia preventiva del suicidio, tenendo conto di una linea guida a livello nazionale. Infine, in modo pragmatico, si indicheranno le modalità con cui svolgere programmi di prevenzione. Le cifre fornite dall Oms sul suicidio sono impressionanti: sono circa un milione ogni anno le persone che decidono di mettere fine ai propri giorni, con un tasso mondiale di mortalità di 14,5 su e due suicidi ogni minuto; inoltre, a fronte di 3000 persone decedute ogni giorno, si stima che siano venti volte più numerosi i tentativi non riusciti. Anche in Italia, i suicidi sono in aumento (+12% negli ultimi sette anni) e, come spiega il responsabile del Servizio per la prevenzione del suicidio del Sant Andrea Maurizio Pompili, «la causa in molti casi è la crisi economica che sta rendendo sempre più difficili le condizioni di vita». Un altra, sorprendente, categoria a rischio sono i bambini sotto i 14 anni: spesso in questi casi i suicidi sono legati a separazioni familiari. Ambulatori aperti di notte, Bianco: centrale sicurezza operatori In Veneto gli ospedali aprono gli ambulatori ospedalieri per le visite fino alle 24; in Lombardia ci si pensa; in alcune Asl del Sud si è fatto già ma le risorse limitate non hanno permesso di proseguire. La pur gradita (ai pazienti) misura per abbattere le liste d'attesa fa a pugni con l'obbligo sancito dall Unione Europea per i medici di avere un adeguato riposo. I sindacati, pur perplessi, danno l ok a patto vi siano risorse di personale ed economiche. Ma il tema è ordinistico: dove finisce il diritto del paziente a un assistenza tempestiva e inizia il diritto/dovere del medico a curare bene? Per il presidente Fnomceo Amedeo Bianco, «occorre che le aziende propongano misure equilibrate. Un medico ospedaliero che si programma di lavorare 12 ore al giorno è per molti aspetti un operatore a maggior rischio di errore. È per certi aspetti doveroso organizzare i fattori produttivi per fargli dare di più, ma siamo in settori che chiedono un attenzione massima e costante, e nel fattore umano la diligenza diminuisce al crescere dell usura e della stanchezza». Cosa raccomandare alle parti (azienda e medico) che vogliano contrattare compensi per prestazioni ambulatoriali extraorarie fino a notte? «Nel contratto ci vogliono elementi di sicurezza e rispetto del lavoro dei sanitari; il Ssn è andato avanti in questi anni perché i medici, com è nel Dna della professione, e tutti i professionisti della sanità si alzano e vanno via quando è ultimato il lavoro, non quand è finita l ora. Le misure di ottimizzazione di certe regioni non sono dunque che un colpo d acceleratore; ben vengano, ma se accompagnate da attenzione alla qualità dei processi e alla sicurezza degli operatori» anno zero per contratto assistenti di studio Mmg Potrebbe partire con l inizio del 2014 la formazione che porterà i 14 mila collaboratori dei medici di famiglia ad avere un profilo professionale. Lo afferma Dario Grisillo presidente di Fimmgmatica, società che cura la formazione del personale di studio per la Federazione Italiana medici di medicina generale. «Dal 2014 il nostro assistente sarà inquadrato al IV livello super del contratto dipendenza degli studi professionali», dice Grisillo. «Saranno stabilizzati prima i già attivi; per i nuovi è previsto un percorso di apprendistato. Non ci sarà più il rischio di commistioni con altre figure (assistente del dentista o del notaio) e si potrà partire con la medicina d iniziativa negli studi dei medici associati». Grisillo sgombra poi il campo da un equivoco. Il sistema d invio della ricetta elettronica, prevede che il medico ponga la firma digitale (con chiave nota solo a lui) all atto della compilazione online. Ciò per alcuni mette a rischio il posto dei collaboratori. «Chi dice queste cose non ha il collaboratore: il profilo di assistente dello studio del mmg nasce con mansioni segretariali (accoglienza e gestione di aspetti dello studio), e socio-assistenziali, di orientamento dei pazienti nell offerta sanitaria. Può inoltre predisporre le attrezzature per effettuare esami, fare misurazioni sul paziente, somministrare questionari. Se però si vuol ridurre tutto alla gestione delle ricette, ieri il medico doveva compilare le ripetizioni una per una di fronte al paziente, ora può valutarle in blocco già compilate in un tempo dedicato, firmarle e inviarle. Due terzi delle ricette sono per ripetizioni ai cronici: con l assistente il risparmio di tempo per noi è assicurato». Pianeta Farmaco Sclerosi multipla: entro 2014 due nuovi farmaci Due nuove opzioni terapeutiche per il trattamento della sclerosi multipla recidivante remittente (Rrms) hanno ottenuto un riscontro positivo dalle autorità regolatorie europee. La Commissione europea ha autorizzato la commercializzazione nei paesi membri del 15

16 farmaco orale a monosomministrazione giornaliera, teriflunomide, mentre il Comitato per i prodotti medicinali per uso umano (Chmp) dell Agenzia europea del farmaco, ha espresso parere positivo sull anticorpo monoclonale iniettivo, alemtuzumab. I due farmaci, ha annunciato in conferenza stampa, Genzyme azienda che li ha sviluppati, saranno disponibili in Italia entro il 2014, anche se il teriflunomide, avendo già superato gli step di approvazione, potrà arrivare anche prima, ma senza rimborsabilità. I dati a supporto dell approvazione di teriflunomide nel dosaggio 14 mg, provengono dagli studi di fase III Temso e Tower in cui, ha spiegato Giancarlo Comi, neurologo dell Università Via-salute del San Raffaele di Milano, «ha dimostrato di ridurre del 30% il tasso di recidive e di rallentare la progressione della disabilità a due anni rispetto al placebo». Il parere positivo su alemtuzumab, si basa invece sui dati raccolti dagli studi Care-Ms I e II che hanno riscontrato un efficacia maggiore dell interferone beta 1a, la terapia attualmente in uso nelle forme più aggressive, sia sulle recidive (-55% vs 35%) e della progressione della disabilità (30% vs 20%). «Entrambi i farmaci» ha aggiunto Comi «agiscono sul sistema immunitario ma con una capacità selettiva diversa. Mentre il primo blocca la proliferazione solo dei linfociti più reattivi, attraverso un meccanismo di azione su un enzima, l anticorpo monoclonale fa una tabula rasa che offre il vantaggio di proteggere il paziente a lungo, permettendo così un solo ciclo di trattamento ripetuto per due anni consecutivi. Dunque» ha concluso Comi «farmaci complementari che trovano indicazione in popolazioni di pazienti diversi: teriflunomide per forme più moderate, alemtuzumab nei casi che mostrano segni di potenziale aggressività e rapidità di evoluzione». Rene policistico, tolvaptan promettente ma Fda vuole altri dati Si profilano buone speranze di avere presto un rimedio farmacologico per il rene policistico (o malattia policistica autosomica dominante, Adpkd), la più frequente nefropatia genetica per cui gli unici interventi mirati sono oggi dialisi e trapianto d organo. Se ne è parlato ieri in un incontro a Milano. Riccardo Magistroni dell A.O.U. Policlinico di Modena, ha ricordato che l Adpkd «è una patologia sistemica: le cisti possono interessare anche altri organi come il fegato e il pancreas. Una conseguenza diretta è poi l ipertensione arteriosa, oltre alla formazione di aneurismi cerebrali. Altre possibili anomalie extrarenali: diverticolosi del colon e prolasso mitralico». Con l aumento volumetrico dei reni e la sostituzione del normale tessuto dalle cisti si hanno insufficienza renale, problemi cardiaci, difetto di concentrazione delle urine, lombalgia, nefrolitiasi. «Pur non essendoci ancora una terapia eziologica» ha puntualizzato Francesco Scolari dell università di Brescia «la prognosi è molto migliorata perché si è perfezionato il trattamento delle complicanze. Fondamentale è il trattamento dell ipertensione e l adozione di un corretto stile di vita, basato su dieta iposodica, moderato consumo di caffè, adeguato apporto idrico, astensione dal fumo e moderata attività fisica». Ultimamente c è stato un fiorire di ricerche in questo settore. «Una molecola antiproliferativa già impiegata nei trapianti d organo, la rapamicina, purtroppo non ha dato risultati soddisfacenti. Per la somatostatina, con azione sia antiproliferativa sia di riduzione della secrezione di liquido nelle cisti, i dati non sono conclusivi ma promettenti». Oltre al filone degli inibitori della mtor (proteina target della rapamicina) dagli esiti discordanti, ha sottolineato il clinico, vi è l inibitore del recettore della vasopressina, tolvaptan, con risultati incoraggianti sotto il profilo della riduzione volumetrica dei reni, ma ora sotto osservazione dell Fda che richiede ulteriori dati sulla funzionalità renale. Da notare che il farmaco, che agisce aumentando la liberazione d acqua ma non di soluti e attraverso l inibizione della sintesi di Amp-ciclico frena la proliferazione cellulare, è già disponibile in Italia e in Europa per un altra indicazione, iponatriemia secondaria a Siadh (sindrome da inappropriata secrezione di ormone antidiuretico). Diritto Sanitario Emotrasfusi: quando si prescrive il diritto al risarcimento Il fatto I giudici della Corte d'appello hanno confermato una sentenza di primo grado con la quale veniva respinta la richiesta di risarcimento danni avanzata da una paziente nei confronti di una struttura ospedaliera, poiché a seguito di una trasfusione di sangue aveva contratto l'epatite Hvc cronica. Profili giuridici La Corte d'appello ha ritenuto che il diritto al risarcimento del danno doveva considerarsi estinto per prescrizione, essendo trascorsi oltre dieci anni dall'inizio della decorrenza del termine prescrizionale senza alcun atto interruttivo. I giudici della Cassazione hanno ribadito che il termine iniziale per il computo della prescrizione per il paziente che assume di aver contratto per contagio una malattia per fatto doloso o colposo di un terzo non decorre dal giorno in cui si determina la modificazione causativa del danno o dal momento in cui la malattia si manifesta all'esterno, ma da quello in cui la patologia viene percepita o può essere percepita, quale danno ingiusto conseguente al comportamento del terzo, usando l'ordinaria diligenza e tenendo conto della diffusione delle conoscenze scientifiche. [Avv. Ennio Grassini 16

Ecco la lista dei componenti del Consiglio Superiore di Sanità nominato dal Ministro della Salute per il triennio 2013-2016:

Ecco la lista dei componenti del Consiglio Superiore di Sanità nominato dal Ministro della Salute per il triennio 2013-2016: Ecco la lista dei componenti del Consiglio Superiore di Sanità nominato dal Ministro della Salute per il triennio 2013-2016: 1. DOTT. BANDERALI GIUSEPPE (Docente presso la Scuola di specializzazione in

Dettagli

I documenti di: quotidianosanità.it. Quotidiano online di informazione sanitaria

I documenti di: quotidianosanità.it. Quotidiano online di informazione sanitaria I documenti di: quotidianosanità.it Quotidiano online di informazione sanitaria Dossier Documentazione legislativa Studi e ricerche Interventi e relazioni Il nuovo Consiglio Superiore di Sanità Elenco

Dettagli

Enrico Garaci - presidente (Presidente dell Istituto Superiore di Sanità)

Enrico Garaci - presidente (Presidente dell Istituto Superiore di Sanità) Si è insediato l 8 febbraio, alla presenza del ministro della Salute Ferruccio Fazio, il nuovo Consiglio Superiore di Sanità. A presiederlo sarà Enrico Garaci (presidente dell Istituto Superiore di Sanità)

Dettagli

Aogoi su ginecologa uccisa a Bergamo: "Dovere medico sempre più vincolato a pesan...

Aogoi su ginecologa uccisa a Bergamo: Dovere medico sempre più vincolato a pesan... Aogoi su ginecologa uccisa a Bergamo: "Dovere medico sempre più vincolato a pesan... http://www.quotidianosanita.it/stampa_articolo.php?articolo_id=16827 Page 1 of 1 11/09/2013 quotidianosanità.it Mercoledì

Dettagli

RASSEGNA STAMPA AZIENDA OSPEDALIERO UNIVERSITARIA DI CAGLIARI. Sommario. 5 febbraio 2015

RASSEGNA STAMPA AZIENDA OSPEDALIERO UNIVERSITARIA DI CAGLIARI. Sommario. 5 febbraio 2015 Sommario «Allontanato dall ospedale con mia madre morente»... 2 Al Businco più donazioni e trapianti... 3 Un centro cura il gioco d azzardo... 4 Ticket sanitario, esentati anche gli inoccupati... 5 Agus

Dettagli

DELIBERAZIONE N. 39/36 DEL 10.10.2014

DELIBERAZIONE N. 39/36 DEL 10.10.2014 Oggetto: Contratti di Formazione Specialistica per la frequenza delle Scuole di Specializzazione in discipline mediche delle Facoltà di Medicina e Chirurgia delle Università degli Studi di Cagliari e di

Dettagli

Ministero della Salute

Ministero della Salute Ministero della Salute n. 103 25 luglio 2014 Di seguito la nuova composizione del Consiglio superiore di sanità: 1) Prof.ssa Maria Pia AMATO Professore associato in Neurologia- Dipartimento NEUROFARBA,

Dettagli

Università, Gelmini e Fazio presentano le novità del percorso di studi di Medicina

Università, Gelmini e Fazio presentano le novità del percorso di studi di Medicina Università, Gelmini e Fazio presentano le novità del percorso di studi di Medicina Sono state presentate oggi dal ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Mariastella Gelmini e dal ministro

Dettagli

Criteri irrinunciabili nella ridefinizione dei

Criteri irrinunciabili nella ridefinizione dei Commissione Nazionale Corsi di Laurea in Infermieristica Milano 10 giugno 2011 Criteri irrinunciabili nella ridefinizione dei protocolli d intesa d Università - Regioni Valerio Dimonte Legge 30 DICEMBRE

Dettagli

Allegato 1. Regione Abruzzo. Programma Operativo 2010

Allegato 1. Regione Abruzzo. Programma Operativo 2010 Allegato 1 Regione Abruzzo Programma Operativo 2010 Intervento 6: Razionalizzazione della rete di assistenza ospedaliera Azione 3: Razionalizzazione delle Unità Operative Complesse Determinazione delle

Dettagli

LA REGIONE del Veneto

LA REGIONE del Veneto SANE SINERGIE Al via in Veneto un tavolo tecnico con proposte concrete per integrare i servizi erogati dai fondi contrattuali con quelli del Ssn. Due le linee guida: efficienza e complementarietà Pietro

Dettagli

IL RETTORE D E C R E T A

IL RETTORE D E C R E T A 678 Ufficio Esami di Stato e Scuole di Specializzazione IL RETTORE VISTO il D.Lgs. n. 368 del 17/08/1999, pubblicato in G.U. n. 250 del 23/10/1999 di attuazione della direttiva n. 93/16/CEE in materia

Dettagli

INTERROGAZIONE. con risposta scritta

INTERROGAZIONE. con risposta scritta INTERROGAZIONE con risposta scritta Al Signor Presidente del Consiglio regionale OGGETTO: SITUAZIONE DELLA RETE OSPEDALIERA DELLA PROVINCIA DI SONDRIO - PRESIDIO OSPEDALIERO E.MORELLI DI SONDALO CARENZA

Dettagli

La sanità nella Legge Finanziaria 2008 Il Patto per la salute si consolida

La sanità nella Legge Finanziaria 2008 Il Patto per la salute si consolida La sanità nella Legge Finanziaria 2008 La sanità nella Legge Finanziaria 2008/1 Per la sanità prosegue la politica di potenziamento dei servizi e dei livelli di assistenza Cresce ancora il fondo sanitario

Dettagli

MINISTERO DELLA SALUTE

MINISTERO DELLA SALUTE MINISTERO DELLA SALUTE ORDINANZA 3 agosto 2015 Proroga, con modifica, dell'ordinanza contingibile e urgente 6 agosto 2013 concernente la tutela dell'incolumita' pubblica dall'aggressione dei cani. (15A06718)

Dettagli

RASSEGNA STAMPA GLI ANESTESISTI RIANIMATORI BOCCIANO I TEST A MEDICINA

RASSEGNA STAMPA GLI ANESTESISTI RIANIMATORI BOCCIANO I TEST A MEDICINA RASSEGNA STAMPA GLI ANESTESISTI RIANIMATORI BOCCIANO I TEST A MEDICINA Carpino: «Facoltà aperta a tutti per i primi due anni. E dopo vanno avanti solo i migliori» Roma, 12 settembre 2007 AGENZIE 12/09/2007

Dettagli

È un sistema composto di interessi generali e di interessi di parte e di tanto altro ancora.

È un sistema composto di interessi generali e di interessi di parte e di tanto altro ancora. Dieci anni di sanità in Puglia 19 maggio 2011 Brindisi di Emilio Gianicolo È arduo il compito di mostrare in poche righe punti di forza e punti di debolezza di un sistema sanitario in confronto ai sistemi

Dettagli

dott. VINCENZO LUCIANI

dott. VINCENZO LUCIANI FNOMCeO Federazione Nazionale Ordini Medici Chirurghi e Odontoiatri dott. VINCENZO LUCIANI Bozen Bolzano 17.09.10 FONTI NORMATIVE Decreto Legislativo n. 368 del 17 agosto 1999 (G.U. n. 250 del 23/10/99)

Dettagli

PARERE CRUI SULLO SCHEMA DEL DECRETO DI RIPARTO DEL FONDO DI FINANZIAMENTO ORDINARIO PER L ANNO 2015

PARERE CRUI SULLO SCHEMA DEL DECRETO DI RIPARTO DEL FONDO DI FINANZIAMENTO ORDINARIO PER L ANNO 2015 PARERE CRUI SULLO SCHEMA DEL DECRETO DI RIPARTO DEL FONDO DI FINANZIAMENTO ORDINARIO PER L ANNO 2015 L Assemblea della CRUI, riunitasi il giorno 7.5.2015, preso atto della nota MIUR del 6.5.2015, esprime,

Dettagli

CONSIGLIO REGIONALE DEL VENETO

CONSIGLIO REGIONALE DEL VENETO CONSIGLIO REGIONALE DEL VENETO NONA LEGISLATURA INTERROGAZIONE A RISPOSTA IMMEDIATA N. 105 ANCORA DISCRIMINAZIONI ANTI VENETE NEI POSTI DISPONIBILI PER LE PROFESSIONI SANITARIE. PADOVA E VERONA UNIVERSITÀ

Dettagli

Il/La sottoscritto/a. Nato a il residente a in Via domicilio tel. E-Mail

Il/La sottoscritto/a. Nato a il residente a in Via domicilio tel. E-Mail RICHIESTA PUBBLICITA SANITARIA Strutture complesse Marca da Bollo (Solo Regione) AL SIGNOR DIRIGENTE REGIONALE DIREZIONE PER I SERVIZI SOCIO-SANITARI DORSODURO 3493 30123 VENEZIA AL SIG. PRESIDENTE DELL

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI ROMA FORO ITALICO. Ufficio Stampa. Rassegna Stampa. Roma 3 dicembre 2015

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI ROMA FORO ITALICO. Ufficio Stampa. Rassegna Stampa. Roma 3 dicembre 2015 UNIVERSITA DEGLI STUDI DI ROMA Ufficio Stampa Rassegna Stampa Roma 3 dicembre 2015 Argomento Testata Titolo Pag. Università Scuola24 Dalle imprese alla PA fino alla scuola: i dottori di ricerca vanno valorizzati

Dettagli

4 Convegno di Primavera

4 Convegno di Primavera Essere medico oggi: Le sfide della medicina 4 Convegno di Primavera Sabato 12 maggio 2007 sotto l alto patronato del Capo dello Stato con il patrocinio di: Senato della Repubblica Camera dei Deputati Teatro

Dettagli

Rettore: Prof. Alessandro Del Maschio Presidente: Dott. Roberto Mazzotta

Rettore: Prof. Alessandro Del Maschio Presidente: Dott. Roberto Mazzotta Rettore: Prof. Alessandro Del Maschio Presidente: Dott. Roberto Mazzotta Sede: via Olgettina 58, 20132 Milano Sito internet: www.unisr.it Numero Iscritti : 2.480 circa (pre e post lauream) Numero verde

Dettagli

La sanità nella manovra Finanziaria 2008 Il Patto per la salute si consolida

La sanità nella manovra Finanziaria 2008 Il Patto per la salute si consolida La sanità nella manovra Finanziaria 2008 La sanità nella manovra Finanziaria 2008/1 Più risorse per i livelli essenziali di assistenza e cresce il Fondo per i non autosufficienti Potenziato il piano pluriennale

Dettagli

PARTE PRIMA. Leggi e regolamenti regionali IL CONSIGLIO REGIONALE HA APPROVATO IL PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE PROMULGA LA SEGUENTE LEGGE:

PARTE PRIMA. Leggi e regolamenti regionali IL CONSIGLIO REGIONALE HA APPROVATO IL PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE PROMULGA LA SEGUENTE LEGGE: 15656 PARTE PRIMA Leggi e regolamenti regionali LEGGE REGIONALE 29 marzo 2016, n. 4 Consiglio sanitario regionale. IL CONSIGLIO REGIONALE HA APPROVATO IL PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE PROMULGA LA SEGUENTE

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Riduzione della durata delle scuole di specializzazione di area sanitaria La direttiva 93/16/CE, al fine di agevolare la libera circolazione dei medici, ha introdotto alcune disposizioni in materia di

Dettagli

L università che cambia. Una nuova università. Come funziona l università Accesso all università RIFORMA UNIVERSITARIA

L università che cambia. Una nuova università. Come funziona l università Accesso all università RIFORMA UNIVERSITARIA L università che cambia Il volto e l organizzazione degli atenei in Italia è in continua trasformazione. Nell anno accademico 2001/2002, infatti, è stata applicata in tutti gli atenei la riforma universitaria

Dettagli

Verbale incontro XV^ Consulta Sport Sala riunioni ANCI PIEMONTE - Piazza Palazzo di Città n. 1 Torino 17 maggio 2010 ore 10.00

Verbale incontro XV^ Consulta Sport Sala riunioni ANCI PIEMONTE - Piazza Palazzo di Città n. 1 Torino 17 maggio 2010 ore 10.00 Verbale incontro XV^ Consulta Sport Sala riunioni ANCI PIEMONTE - Piazza Palazzo di Città n. 1 Torino 17 maggio 2010 ore 10.00 Si veda foglio firme PRESENTI ORDINE DEL GIORNO 1) Insediamento della Consulta

Dettagli

Toscana: la Regione che ha la spesa più alta di farmaci generici. Ma resta la Regione che consuma più antidepressivi

Toscana: la Regione che ha la spesa più alta di farmaci generici. Ma resta la Regione che consuma più antidepressivi COMUNICATO STAMPA ROMA, APRILE 2013 Toscana: la Regione che ha la spesa più alta di farmaci generici Ma resta la Regione che consuma più antidepressivi La Toscana è la Regione che ha la spesa più elevata

Dettagli

IL DIRITTO ALLO STUDIO CI RIGUARDA TUTTI. COSTRUIAMO L ALTROBANDO.

IL DIRITTO ALLO STUDIO CI RIGUARDA TUTTI. COSTRUIAMO L ALTROBANDO. Tel. Fax 06/6783559 IL DIRITTO ALLO STUDIO CI RIGUARDA TUTTI. COSTRUIAMO L ALTROBANDO. L esigenza di porre il tema del diritto allo studio al centro del dibattito non è più rimandabile: la condizione catastrofica

Dettagli

DECRETI, DELIBERE E ORDINANZE MINISTERIALI

DECRETI, DELIBERE E ORDINANZE MINISTERIALI GAZZETTA UFFICIALE DELLA REPUBBLICA ITALIANA DECRETI, DELIBERE E ORDINANZE MINISTERIALI MINISTERO DELLISTRUZIONE, DELLUNIVERSITÀ E DELLA RICERCA DECRETO 2 luglio 2013. De nizione dei posti disponibili

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa della deputata VEZZALI. Istituzione della figura professionale

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa della deputata VEZZALI. Istituzione della figura professionale Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati XVII LEGISLATURA DISEGNI DI LEGGE E RELAZIONI DOCUMENTI CAMERA DEI DEPUTATI N. 3319 PROPOSTA DI LEGGE d iniziativa della deputata VEZZALI Istituzione della figura

Dettagli

Ministero della Salute

Ministero della Salute Ministero della Salute Decreto Ministeriale: Disposizioni in materia di medicinali per terapie avanzate preparati su base non ripetitiva IL MINISTRO Visto il decreto legislativo 24 aprile 2006, n. 219,

Dettagli

I TRASFERIMENTI REGIONALI ALLE PROVINCE PIEMONTESI L ANALISI DEI DATI DELL ANNO 2009 IN RAPPORTO A QUELLI DEGLI ANNI PRECEDENTI

I TRASFERIMENTI REGIONALI ALLE PROVINCE PIEMONTESI L ANALISI DEI DATI DELL ANNO 2009 IN RAPPORTO A QUELLI DEGLI ANNI PRECEDENTI I TRASFERIMENTI REGIONALI ALLE PROVINCE PIEMONTESI L ANALISI DEI DATI DELL ANNO 2009 IN RAPPORTO A QUELLI DEGLI ANNI PRECEDENTI Dall anno 2003 l Unione Province Piemontesi raccoglie, con la collaborazione

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE d iniziativa dei deputati: Quartiani, De Biasi, Giachetti ISTITUZIONE DELLA FIGURA DELL ODONTOIATRA DI FAMIGLIA ONOREVOLI COLLEGHI - la presente proposta di legge

Dettagli

MINISTERO DELL'ISTRUZIONE, DELL'UNIVERSITA' E DELLA RICERCA

MINISTERO DELL'ISTRUZIONE, DELL'UNIVERSITA' E DELLA RICERCA MINISTERO DELL'ISTRUZIONE, DELL'UNIVERSITA' E DELLA RICERCA DECRETO aprile Assegnazione alle universita' di contratti di formazione specialistica per l'ammissione di medici alle scuole di specializzazione,

Dettagli

DATI ANAGRAFICI DELLE STRUTTURE SANITARIE

DATI ANAGRAFICI DELLE STRUTTURE SANITARIE DATI ANAGRAFICI DELLE STRUTTURE SANITARIE Con il modello si intende costituire, al 1 gennaio 2007, l anagrafe delle strutture sanitarie pubbliche e private accreditate e delle strutture sociosanitarie

Dettagli

CONCORSI PUBBLICI ==================

CONCORSI PUBBLICI ================== 1 Direzione Amministrativa Direttore: dott. Salvatore Gioia Tel.: 031-585.5214 Telefax: 031-585.5384 e-mail: personale.concorsi @hsacomo.org CONCORSI PUBBLICI ================== Art. 1 In esecuzione della

Dettagli

ACCORDI di PROGRAMMA

ACCORDI di PROGRAMMA ACCORDI di PROGRAMMA (Decreto del Ministro della salute di concerto con il Ministro dell economia e delle finanze dell 08 maggio 2007 G.U. n.254 del 31/10/2007) Bando destinato alle aziende farmaceutiche

Dettagli

Si inverte la rotta TRA LE MISURE PREVISTE:

Si inverte la rotta TRA LE MISURE PREVISTE: RIPARTE LA SCUOLA, RIPARTE IL FUTURO Dopo la mortificazione dei tagli di risorse finanziarie e professionali degli ultimi anni, Si inverte la rotta A regime il decreto restituisce a istruzione università

Dettagli

Nota metodologica. Avvertenze

Nota metodologica. Avvertenze 1 Nota metodologica Le informazioni sulla struttura e l attività degli istituti di cura sono elaborate dall Istat a partire dai dati rilevati dal Ministero del lavoro, della salute e delle politiche sociali.

Dettagli

Terapia Occupazionale (abilitante alla professione sanitaria in Terapista

Terapia Occupazionale (abilitante alla professione sanitaria in Terapista Scheda informativa Università Classe Universita' degli Studi di PADOVA Nome del corso Data del DM di approvazione del ordinamento 04/05/2004 didattico Data del DR di emanazione del ordinamento 05/05/2004

Dettagli

LAUREE TRIENNALI DELLE PROFESSIONI SANITARIE

LAUREE TRIENNALI DELLE PROFESSIONI SANITARIE LAUREE TRIENNALI DELLE PROFESSIONI SANITARIE Dati sull accesso ai corsi e modalità di iscrizione nell a.a. 2004-05 Angelo Mastrillo Segretario aggiunto della Conferenza Nazionale Corsi di Laurea delle

Dettagli

Lo stato della ricerca e dell Università: alcuni dati

Lo stato della ricerca e dell Università: alcuni dati Lo stato della ricerca e dell Università: alcuni dati L'Italia spende in ricerca l'1,1% del PIL; siamo lontani dai primi della classe (la Finlandia, che investe in ricerca e innovazione il 3,5% della ricchezza

Dettagli

Il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca VISTO il decreto legge 16 maggio 2008 n. 85, convertito con modificazioni dalla legge 14 luglio 2008, n. 121 e, in particolare, l art. 1, commi 1 e 5, con il quale è stato, rispettivamente, istituito il

Dettagli

Disposizioni urgenti in materia di finanza locale, nonché misure volte a garantire la funzionalità di enti locali decreto legge

Disposizioni urgenti in materia di finanza locale, nonché misure volte a garantire la funzionalità di enti locali decreto legge Disposizioni urgenti in materia di finanza locale, nonché misure volte a garantire la funzionalità di enti locali decreto legge Il Consiglio dei Ministri ha approvato, su proposta del Presidente, Matteo

Dettagli

L AZIENDA OSPEDALIERA DI REGGIO EMILIA Istituto in tecnologie avanzate e modelli assistenziali in oncologia

L AZIENDA OSPEDALIERA DI REGGIO EMILIA Istituto in tecnologie avanzate e modelli assistenziali in oncologia L AZIENDA OSPEDALIERA DI REGGIO EMILIA Istituto in tecnologie avanzate e modelli assistenziali in oncologia ISTITUTO DI RICOVERO E CURA A CARATTERE SCIENTIFICO intende procedere all assegnazione delle

Dettagli

Allergologia e immunologia clinica

Allergologia e immunologia clinica Allergologia e immunologia clinica 1 Politecnica delle Marche 3 3 1 Modena Parma 2 Bari 2 1 Puglia 3 1 Foggia 3 Cagliari 1 2 Sardegna 3 4 Firenze 3 3 Pisa Siena 5 Genova 2 2 Torino 6 L'Aquila 2 2 Chieti

Dettagli

GIUNTA REGIONALE DEL LAZIO

GIUNTA REGIONALE DEL LAZIO GIUNTA REGIONALE DEL LAZIO DELIBERAZIONE N 1614 DEL 30 OTTOBRE 2001 Pubblicata sul Bollettino Ufficiale della Regione Lazio n. 35 del 20/12/2001 OGGETTO. Disposizioni normative per i soggetti affetti da

Dettagli

Pensioni delle donne: un analisi di genere

Pensioni delle donne: un analisi di genere Argomento A cura dello Spi-Cgil dell Emilia-Romagna n. 1 gennaio 2015 Pensioni delle donne: un analisi di genere Questo numero è a cura di Roberto Battaglia e Gabriella Dionigi con la collaborazione di

Dettagli

DISPOSIZIONI IN MATERIA SANITARIA

DISPOSIZIONI IN MATERIA SANITARIA FEDERAZIONE ORDINI FARMACISTI ITALIANI Roma, 29/12/2007 Ufficio: DRE/MDT Protocollo: 20060011058/A.G. Oggetto: Legge 296/2006 - Finanziaria 2007 Circolare n. 6911 SS AI PRESIDENTI DEGLI ORDINI DEI FARMACISTI

Dettagli

ANNO ACCADEMICO 2011/2012 IL RETTORE. la legge 29.12.2000 n. 401 (norme sull organizzazione e sul personale del settore sanitario);

ANNO ACCADEMICO 2011/2012 IL RETTORE. la legge 29.12.2000 n. 401 (norme sull organizzazione e sul personale del settore sanitario); BANDO DI CONCORSO PER L AMMISSIONE AL PRIMO ANNO DELLE SCUOLE DI SPECIALIZZAZIONE DELL AREA SANITARIA (non medici) ADEGUATE AL D.M. N. 176 DEL 1.8.2005 ANNO ACCADEMICO 2011/2012 IL RETTORE VISTO D.P.R.

Dettagli

SCUOLA DELL'OBBLIGO DIPLOMI VARI

SCUOLA DELL'OBBLIGO DIPLOMI VARI SCUOLA DELL'OBBLIGO Provincia di Brescia Commesso Cat. B1 (tempo indeterminato e parziale) Pre-selezione riservato alle categorie protette Scuola dell obbligo SCADENZA 02/03/09 DIPLOMI VARI Comune di Salò

Dettagli

Ruolo e prospettive delle società scientifiche

Ruolo e prospettive delle società scientifiche Ruolo e prospettive delle società scientifiche Dott. Nino Basaglia PastPresidentSIMFER Gorgo al Monticano (TV), 18 settembre 2015 RUOLO E PROSPETTIVE DELLE SOCIETÀ SCIENTIFICHE Motta di Livenza, 18 settembre

Dettagli

Personale laureato del ruolo sanitario

Personale laureato del ruolo sanitario TABELLA DI SUPPORTO per la compilazione della Sezione 3: Professionalità e Tipologia di rapporto della Scheda anagrafica Personale laureato del ruolo sanitario 1. MEDICI 1.01. Odontoiatria 1.02. Allergologia

Dettagli

COMUNE DI MONTAZZOLI Provincia di Chieti REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE ED IL FUNZIONAMENTO DEL CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI

COMUNE DI MONTAZZOLI Provincia di Chieti REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE ED IL FUNZIONAMENTO DEL CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI COMUNE DI MONTAZZOLI Provincia di Chieti REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE ED IL FUNZIONAMENTO DEL CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI Approvato dal Consiglio Comunale con deliberazione n 17 del 30 marzo 2007 NORME

Dettagli

Il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca ALLEGATO 2 - Voto ottenuto negli esami fondamentali e caratterizzanti la singola scuola Punteggio massimo 5 punti. STUDENTI LAUREATI (DM 509/99 o DM 270/04) Ai fini dell attribuzione del punteggio, il

Dettagli

Allergologia e immunologia clinica

Allergologia e immunologia clinica Allergologia e immunologia clinica regionali altri pubblici e/o 1 Bari 2 0 2 1 *Puglia 3 Foggia 2 Cagliari 1 1 2 2 3 Firenze 3 1 4 4 Pisa Siena 4 Genova 2 1 3 3 2 Torino 5 L'Aquila 2 0 2 2 Chieti 6 Messina

Dettagli

Master Universitario di II Livello in

Master Universitario di II Livello in Master Universitario di II Livello in Health Technology Assessment & Management (Valutazione e gestione delle tecnologie sanitarie) Anno Accademico 2009-2010 Master Universitario di II Livello 1 Presentazione

Dettagli

INCENTIVARE L USO APPROPRIATO DEL RICETTARIO SSR DA PARTE DEGLI SPECIALISTI OSPEDALIERI

INCENTIVARE L USO APPROPRIATO DEL RICETTARIO SSR DA PARTE DEGLI SPECIALISTI OSPEDALIERI Modalità da seguire da parte dei Medici Specialisti per il corretto uso del ricettario SSR definite fra ASL Città di Milano e le seguenti strutture di ricovero e cura pubbliche e private accreditate: (versione

Dettagli

TUTTO CIÒ PREMESSO CONCORDANO SU QUANTO SEGUE

TUTTO CIÒ PREMESSO CONCORDANO SU QUANTO SEGUE Accordo di collaborazione interuniversitaria tra l Università degli Studi di Cagliari e l Università degli Studi di Sassari per l aggregazione di Scuole di specializzazione mediche della stessa tipologia

Dettagli

ELEZIONI AMMINISTRATIVE 31 MAGGIO 2015 PROGRAMMA AMMINISTRATIVO DEL CANDIDATO LORENZA OREFICE

ELEZIONI AMMINISTRATIVE 31 MAGGIO 2015 PROGRAMMA AMMINISTRATIVO DEL CANDIDATO LORENZA OREFICE ELEZIONI AMMINISTRATIVE 31 MAGGIO 2015 PROGRAMMA AMMINISTRATIVO DEL CANDIDATO LORENZA OREFICE PREMESSA La nostra città ha bisogno di normalità. Dopo tanti anni di proclami e di promesse credo che sia giunto

Dettagli

AZIENDA OSPEDALIERA SAN CAMILLO FORLANINI

AZIENDA OSPEDALIERA SAN CAMILLO FORLANINI AZIENDA OSPEDALIERA SAN CAMILLO FORLANINI Sede Legale Piazza Carlo Forlanini, 1 00151 Roma Azienda con ospedali di rilievo nazionale e di alta specializzazione COMITATO ETICO STATUTO COMITATO ETICO AZIENDA

Dettagli

Come recuperare efficienza

Come recuperare efficienza Dopo la presentazione del modello lombardo di Cota e Ferrero Come recuperare efficienza La proposta del Partito Democratico per la sanità piemontese 1 Quattro premesse 1. Qui non parliamo di come migliorare

Dettagli

P R O M U L G O REGOLAMENTO SUI CRITERI E LE MODALITA PER L ISCRIZIONE DEI BAMBINI ALLA SCUOLA MATERNA L AQUILONE

P R O M U L G O REGOLAMENTO SUI CRITERI E LE MODALITA PER L ISCRIZIONE DEI BAMBINI ALLA SCUOLA MATERNA L AQUILONE OBČINA IZOLA COMUNE DI ISOLA I l S i n d a c o In virtu' dell art. 56 dello Statuto del Comune di Isola (B.U. nn. 15/99, 8/2000 e 8/05) P R O M U L G O il REGOLAMENTO SUI CRITERI E LE MODALITA PER L ISCRIZIONE

Dettagli

COMUNE DI SESTU PROVINCIA DI CAGLIARI

COMUNE DI SESTU PROVINCIA DI CAGLIARI COMUNE DI SESTU PROVINCIA DI CAGLIARI REGOLAMENTO COMUNALE PER L'ISTITUZIONE E LA CONCESSIONE DI ASSEGNI DI STUDIO NEL SETTORE DELL'ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE ED ARTISTICA, SCUOLA MEDIA INFERIORE,

Dettagli

Iscrizione partecipante (ECM)

Iscrizione partecipante (ECM) Promosso da Iscrizione partecipante (ECM) AUDITORIUM SALA TESTORI palazzo lombardia MILANO 1-3 LUGLIO 2015 Dati Generali Azienda/Ente Uff./Dip. Nome* Cognome* Via* N * CAP* Comune* Provincia* Email* Tel.*

Dettagli

Il REPORT GARANZIA GIOVANI IN ITALIA E IN EUROPA. Roma, 26 Marzo 2015

Il REPORT GARANZIA GIOVANI IN ITALIA E IN EUROPA. Roma, 26 Marzo 2015 Roma, 26 Marzo 2015 I giovani avviati ad una misura prevista dal Programma Garanzia Giovani sono 49.190, un valore in crescita, nell ultimo mese, del 43,1%. Con la Toscana e la Basilicata continua la presentazione

Dettagli

F.A.Q. IMMATRICOLAZIONI 2013

F.A.Q. IMMATRICOLAZIONI 2013 INDICE OFFERTA FORMATIVA... 2 CORSI AD ACCESSO PROGRAMMATO... 3 VERIFICA DELLA PREPARAZIONE INIZIALE... 7 INIZIO DELLE LEZIONI... 8 1 OFFERTA FORMATIVA 1) Mi sono appena diplomato. A quali corsi potrei

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DI BORSE DI STUDIO EDUCATORIO DUCHESSA ISABELLA (55 ma EDIZIONE) e BORSE BARBARA DAVIERO (1 a EDIZIONE)

REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DI BORSE DI STUDIO EDUCATORIO DUCHESSA ISABELLA (55 ma EDIZIONE) e BORSE BARBARA DAVIERO (1 a EDIZIONE) MA REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DI BORSE DI STUDIO EDUCATORIO DUCHESSA ISABELLA (55 ma EDIZIONE) e BORSE BARBARA DAVIERO (1 a EDIZIONE) LA BORSA DI STUDIO EDUCATORIO DUCHESSA ISABELLA La Fondazione

Dettagli

SERVIZIO RESOCONTI BOZZA NON CORRETTA

SERVIZIO RESOCONTI BOZZA NON CORRETTA 1/6 MISSIONE IN CALABRIA 11 marzo 2010 PRESIDENZA DEL PRESIDENTE GAETANO PECORELLA La seduta inizia alle 15.00. PRESIDENTE. Buongiorno. La Commissione la ringrazia. Ci scusiamo, ma come sempre siamo in

Dettagli

in commercio rilasciata dal Ministero della Sanità.

in commercio rilasciata dal Ministero della Sanità. 3614 quantità o la giacenza di magazzino oltre la quale si rende necessario ordinare le voci di interesse. La definizione di entrambi i parametri dovrà essere curata da farmacisti che integreranno nelle

Dettagli

DISCIPLINA DELL ASSETTO ISTITUZIONALE, ORGANIZZATIVO E GESTIONALE DEGLI IRCCS BURLO GAROFOLO DI TRIESTE E C.R.O. DI AVIANO

DISCIPLINA DELL ASSETTO ISTITUZIONALE, ORGANIZZATIVO E GESTIONALE DEGLI IRCCS BURLO GAROFOLO DI TRIESTE E C.R.O. DI AVIANO DISCIPLINA DELL ASSETTO ISTITUZIONALE, ORGANIZZATIVO E GESTIONALE DEGLI IRCCS BURLO GAROFOLO DI TRIESTE E C.R.O. DI AVIANO TITOLO I - DISPOSIZIONI GENERALI Art.1 (Oggetto) 1. La presente legge riordina

Dettagli

Guida a cura di Marilena Mellone e Roberto Scipioni - Inca Nazionale

Guida a cura di Marilena Mellone e Roberto Scipioni - Inca Nazionale Guida a cura di Marilena Mellone e Roberto Scipioni - Inca Nazionale Ultimo aggiornamento gennaio 2016 I diritti del malato oncologico Tutela previdenziale, assistenziale e sociale La cura e l assistenza

Dettagli

UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI VERONA

UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI VERONA UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI VERONA GV/MLDB/ALF ALLEGATO "A" AL BANDO DI AMMISSIONE ALLE SCUOLE DI SPECIALIZZAZIONE MEDICHE EMANATO CON DECRETO RETTORALE REP. N. 3528-2007 PROT. N. 59007 DEL 10/12/2007 DENOMINAZIONE

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Stampa

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Stampa Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Stampa La Riforma dell Università Le linee ispiratrici E il primo provvedimento organico che riforma l intero sistema universitario. Il

Dettagli

CRITERI PER LA VALUTAZIONE E IL FINANZIAMENTO DEI PIANI PERSONALIZZATI

CRITERI PER LA VALUTAZIONE E IL FINANZIAMENTO DEI PIANI PERSONALIZZATI Allegato A alla Delib.G.R. n. 45/18 del 21.12.2010 CRITERI PER LA VALUTAZIONE E IL FINANZIAMENTO DEI PIANI PERSONALIZZATI Per la predisposizione e valutazione dei Piani Personalizzati di sostegno relativi

Dettagli

Il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Oggetto: schema di decreto recante linee guida in materia di semplificazione e promozione dell istruzione tecnico professionale a norma dell articolo 52 del decreto legge 9 febbraio 2012, n.5, convertito

Dettagli

Roma 29 marzo 2011. L'applicazione del DM 270 del 2004 nella formazione universitaria dell'infermiere: sviluppi, criticità e aspettative

Roma 29 marzo 2011. L'applicazione del DM 270 del 2004 nella formazione universitaria dell'infermiere: sviluppi, criticità e aspettative Roma 29 marzo 2011 L'applicazione del DM 270 del 2004 nella formazione universitaria dell'infermiere: sviluppi, criticità e aspettative Prof. ROSARIA ALVARO Associato Scienze Infermieristiche Università

Dettagli

a cura della Segreteria della Conferenza delle Regioni e delle Province Autonome Settore Sanità e Politiche sociali OPG

a cura della Segreteria della Conferenza delle Regioni e delle Province Autonome Settore Sanità e Politiche sociali OPG Legge 23 maggio 2013, n. 57 Conversione in legge, con modificazioni, del decreto-legge 25 marzo 2013, n. 24, recante disposizioni urgenti in materia sanitaria. Pubblicata nella G.U. 25 maggio 2013, n.

Dettagli

ART. 1. Il numero massimo degli iscrivibili per ciascuna scuola è determinato dalla normativa specifica. ART. 2

ART. 1. Il numero massimo degli iscrivibili per ciascuna scuola è determinato dalla normativa specifica. ART. 2 DISPOSIZIONI GENERALI ART. 1 Sono ammessi alle scuole dirette a fini speciali i diplomati degli Istituti di istruzione secondaria di secondo grado in conformità con le disposizioni vigenti per l ammissione

Dettagli

Ordinanza contingibile ed urgente concernente la tutela dell'incolumità pubblica dall'aggressione dei cani

Ordinanza contingibile ed urgente concernente la tutela dell'incolumità pubblica dall'aggressione dei cani Pagina 1 di 5 Stampa Chiudi questa finestra Ordinanza contingibile ed urgente concernente la tutela dell'incolumità pubblica dall'aggressione dei cani Estremi Min. Salute - Ord. 06/08/2013 MINISTERO DELLA

Dettagli

PROROGA DEI TERMINI D. L. 115/2005

PROROGA DEI TERMINI D. L. 115/2005 DECRETO LEGGE 30 GIUGNO 2005 n. 115 CONVERTITO IN LEGGE CON MODIFICAZIONI DALLA L. 17 AGOSTO 2005 n. 168 NOTE INTERPRETATIVE ALL ART. 11, COMMI 1 e 1-bis SMALTIMENTO DEI RIFIUTI CLASSIFICATI CON IL CODICE

Dettagli

tipologie: 1 Ogni prestazione ha una tariffa omnicomprensiva e predeterminata. Ne esistono, normativamente, tre

tipologie: 1 Ogni prestazione ha una tariffa omnicomprensiva e predeterminata. Ne esistono, normativamente, tre La procreazione medicalmente assistita nei Livelli essenziali di assistenza per garantire prestazioni uniformi e trasparenti nel servizio sanitario nazionale a cura dell avv. Maria Paola Costantini (referente

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO DI II LIVELLO IN ECONOMIA E DIRITTO DELLA PREVIDENZA COMPLEMENTARE. (Master PrevComp)

MASTER UNIVERSITARIO DI II LIVELLO IN ECONOMIA E DIRITTO DELLA PREVIDENZA COMPLEMENTARE. (Master PrevComp) BANDO DI AMMISSIONE AL MASTER UNIVERSITARIO DI II LIVELLO IN ECONOMIA E DIRITTO DELLA PREVIDENZA COMPLEMENTARE (Master PrevComp) Università degli Studi della Tuscia Facoltà di Economia Anno Accademico

Dettagli

RASSEGNA STAMPA - mercoledì 19 marzo 2014

RASSEGNA STAMPA - mercoledì 19 marzo 2014 RASSEGNA STAMPA - mercoledì 19 marzo 2014 SPENDING REVIEW Spending review: nel pubblico 85mila esuberi e la sfida della mobilità. Dipedenti pubblici. Sugli stipendi Pa spunta il taglio oltre i 60mila euro.

Dettagli

REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE DI SUSSIDI PER INTERVENTI ASSISTENZIALI

REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE DI SUSSIDI PER INTERVENTI ASSISTENZIALI REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE DI SUSSIDI PER INTERVENTI ASSISTENZIALI A FAVORE DEL PERSONALE TECNICO, AMMINISTRATIVO E DI BIBLIOTECA DELL UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TERAMO Articolo 1 - Ambito di applicazione

Dettagli

ATTIVITA SPECIALISTICA

ATTIVITA SPECIALISTICA Allegato A) Profilo di Ruolo del Direttore di Struttura complessa ATTIVITA SPECIALISTICA DISTRETTO SOCIO-SANITARIO SUD Titolo dell incarico Direttore di struttura complessa di Attività Specialistica Luogo

Dettagli

ALLEGATO A Dgr n. del pag. 1/5

ALLEGATO A Dgr n. del pag. 1/5 giunta regionale 9^ legislatura ALLEGATO A Dgr n. del pag. 1/5 BANDO DI CONCORSO PUBBLICO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI PLURIENNALI DI RICERCA SANITARIA FINALIZZATA PER L ANNO 2012. ART. 1 La Ricerca

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE FORME DI COLLABORAZIONE DEGLI STUDENTI ALLE ATTIVITA' CONNESSE AI SERVIZI RESI

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE FORME DI COLLABORAZIONE DEGLI STUDENTI ALLE ATTIVITA' CONNESSE AI SERVIZI RESI Senato Accademico 27 Aprile 2010 Consiglio di Amministrazione 18 Maggio 2010 Decreto Rettorale Rep. n. 811/2010 Prot. n 13531 del 29 Giugno 2010 Ufficio Competente Ufficio Agevolazioni allo studio e disabilità

Dettagli

Schema di riferimento per la dotazione di personale minimo per le attività ospedaliere e le case di cura

Schema di riferimento per la dotazione di personale minimo per le attività ospedaliere e le case di cura Allegato 3 requisiti organizzativi di personale minimi per le attività ospedaliere Schema di riferimento per la dotazione di personale minimo per le attività ospedaliere e le case di cura 1 Gli schemi

Dettagli

IL PRESIDE DELLA FACOLTÀ DI MEDICINA E PSICOLOGIA

IL PRESIDE DELLA FACOLTÀ DI MEDICINA E PSICOLOGIA BANDO PER L ASSEGNAZIONE DI BORSE DI STUDIO PER TESI DI LAUREA ALL ESTERO ANNO ACCADEMICO 2014-2015 IL PRESIDE DELLA FACOLTÀ DI MEDICINA E PSICOLOGIA VISTO VISTA PRESO PRESO il Regolamento per l attribuzione

Dettagli

Febbraio Agosto 2011. Facoltà di MEDICINA E CHIRURGIA (Roma)

Febbraio Agosto 2011. Facoltà di MEDICINA E CHIRURGIA (Roma) Febbraio Agosto 2011 Facoltà di MEDICINA E CHIRURGIA (Roma) Universita` Cattolica del Sacro Cuore Facolta` di Medicina e Chirurgia A. Gemelli Sede di Brescia CORSO DI LAUREA TRIENNALE IN INFERMIERISTICA

Dettagli

Infrastrutture e legge urbanistica, le novità preparate dal governo 06-04 - 2014

Infrastrutture e legge urbanistica, le novità preparate dal governo 06-04 - 2014 Segreteria Ordine Architetti L'Aquila Da: Segreteria Ordine Architetti L'Aquila [infolaquila@archiworld.it] Inviato: lunedì 7 aprile 2014 10:21 A: 'arch.m.bruno@virgilio.it' Oggetto: I: [Inu - Istituto

Dettagli

REGOLAMENTO DEL MASTER UNIVERSITARIO DI PRIMO LIVELLO PER LE FUNZIONI DI COORDINAMENTO DELLE PROFESSIONI SANITARIE (ROMA)

REGOLAMENTO DEL MASTER UNIVERSITARIO DI PRIMO LIVELLO PER LE FUNZIONI DI COORDINAMENTO DELLE PROFESSIONI SANITARIE (ROMA) REGOLAMENTO DEL MASTER UNIVERSITARIO DI PRIMO LIVELLO PER LE FUNZIONI DI COORDINAMENTO DELLE PROFESSIONI SANITARIE (ROMA) Art. 1 Istituzione del Master di primo livello per le funzioni di coordinamento

Dettagli

PAOLA FOSSATI. Università degli Studi di Milano ASPETTI GIURIDICI E REGOLAMENTAZIONE EUROPEA DELLA SPERIMENTAZIONE ANIMALE

PAOLA FOSSATI. Università degli Studi di Milano ASPETTI GIURIDICI E REGOLAMENTAZIONE EUROPEA DELLA SPERIMENTAZIONE ANIMALE PAOLA FOSSATI Università degli Studi di Milano ASPETTI GIURIDICI E REGOLAMENTAZIONE EUROPEA DELLA SPERIMENTAZIONE ANIMALE La nuova sensibilità nei confronti degli animali non umani e il progredire delle

Dettagli

Il tumore al seno fa meno paura: decisiva la diagnosi precoce

Il tumore al seno fa meno paura: decisiva la diagnosi precoce 25-07-2014 www.tmnews.it Il tumore al seno fa meno paura: decisiva la diagnosi precoce Nel 2014 si stima che saranno 48.000 i casi in Italia Roma, 25 ott. (TMNews) - Oggi il tumore al seno fa sempre meno

Dettagli

Il dlgs 81/08 affida al medico competente una duplice funzione: 1 preventiva e collaborativa, da svolgere insieme al dl, il servizio di prevenzione

Il dlgs 81/08 affida al medico competente una duplice funzione: 1 preventiva e collaborativa, da svolgere insieme al dl, il servizio di prevenzione 1 2 Il dlgs 81/08 affida al medico competente una duplice funzione: 1 preventiva e collaborativa, da svolgere insieme al dl, il servizio di prevenzione protezione,rls e lavoratori, consistente nello svolgimento

Dettagli

RASSEGNA STAMPA. rassegna stampa. 10/11/12 Ottobre 2015

RASSEGNA STAMPA. rassegna stampa. 10/11/12 Ottobre 2015 Pagina 1 di 5 rassegna stampa 10/11/12 Ottobre 2015 IL CITTADINO Lodi Indagini sul concorsone, i carabinieri anche al Ced (10/10/2015) Ospedali, Rossi venga in audizione in consiglio (10/10/2015) Lettere

Dettagli