PUBBLICHIAMO LA SEGUENTE DOCUMENTAZIONE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "PUBBLICHIAMO LA SEGUENTE DOCUMENTAZIONE"

Transcript

1 Servizi di Informazione Assistenza - Consulenza legale Diritti - Banca dati - Convenzioni CHI SIAMO E COSA FACCIAMO SIDEWEB è una società di servizi nata dall entusiasmo e dall esperienza pluriennale di coloro che hanno operato per anni nelle organizzazioni di tutela individuale e collettiva, contribuendo con la propria professionalità ed il proprio impegno anche alla crescita di importanti portali web quali, ad esempio, SIDEWEB fornisce informazione, assistenza e consulenza legale al fine di offrire a tutti i cittadini, militari inclusi, un punto di riferimento solido e sicuro in merito a tali attività. In particolare, si occupa di studio e approfondimento della legislazione nazionale e comparata relativa agli appartenenti alle forze armate e forze di polizia, ed opera su tutto il territorio nazionale. SIDEWEB garantisce agli abbonati, oltre a tutti gli altri servizi previsti, un qualificato centro di consulenza telefonica giornaliera e gratuita. ABBONATI, sostieni anche tu queste importanti attivita nell interesse di tutti. Costo dell abbonamento annuale: 30 euro per l utente time; 60 euro per l utente flash, da versare sul conto corrente postale nr Intestato a: Sideweb s.r.l. - Via Terraglio, Preganziol (TV). Durata dell abbonamento: 12 mesi dal momento del versamento. Approfondisci l argomento Sideweb s.r.l. Sede nazionale Via Terraglio, Preganziol (TV) Tel Fax Sideweb è presente su: Aggiornamenti giornalieri PUBBLICHIAMO LA SEGUENTE DOCUMENTAZIONE

2 NORMATIVE DISPOSIZIONI PROCEDURE STANDARDIZZATE DEGLI ORGANISMI DI COOPERAZIONE INTERNAZIONALE

3 INDICE 1. PREMESSA pag ELENCO FONTI NORMATIVE ED ALLEGATI pag TRATTAMENTO ECONOMICO 1.1 Generalità pag Assegno di lungo servizio all estero pag Indennità speciale (I.S.) pag Trattamento economico durante l assenza dal servizio all estero pag TRASPORTO MOBILI E MASSERIZIE IN OCCASIONI DI MOVIMENTI DA E PER L ESTERO 4.1 Generalità pag Indennità di 1^ Sistemazione (L.836/73 come modificato da L.417/78) pag Rimborso spese sostenute per trasporto bagaglio personale pag Diritto al ricongiungimento del nucleo familiare e rimborso spese pag Imballaggio, presa e resa a domicilio nonché scarico e carico lungo l itinerario del bagaglio pag Rimborso delle spese sostenute per il trasporto mobili e delle masserizie. Tabelle di tramutamento pag a. Il Limite di peso ammesso a rimborso nel trasporto dei mobili e delle masserizie pag b. Accertamento del peso: pesa pubblica pag c. Dichiarazione di distanza tra le sedi pag d. Anticipazione pag e. Fatturazione pag f. Elenco dei documenti da produrre per avere diritto al rimborso spese relative al trasporto di Mobili e delle masserizie pag VIAGGI DI SERVIZIO 5.1 Generalità pag Rimborso delle spese di viaggio pag Missioni nel Paese estero di residenza pag Missioni da Paese estero ad altro Paese estero pag Missioni dal Paese estero in Italia e viceversa pag Spese connesse alle missioni effettuate in valuta diversa dall euro pag Titoli di viaggio 5.7.a. Furto smarrimento pag b. Mezzo proprio pag c. Biglietti elettronici pag d. Tasse di Agenzia pag e. Autonolo ed uso del taxi pag f. Uso del mezzo: aereo nave treno mezzo privato e rimborso spese pag g. Estensibilità del rimborso forfetario pag Missioni connesse a licenze di fine-settimana gg.di viaggio per licenze pag Ritenute fiscali e previdenziali Addizionale Regionale e Comunale pag GESTIONE DEL DENARO

4 6.1 Cariche amministrative e responsabilità pag Pagamenti e riscossioni pag Spese richieste da altri Enti pag Atti autorizzativi e dispositivi pag Spese la cui entità non può essere riconosciuta prima pag La cassa ed il conto corrente bancario pag La richiesta fondi ed il finanziamento pag La resa del conto pag Note di osservazioni pag Passaggio di consegne pag Registri da tenersi presso il Distaccamento pag SPESE IN ECONOMIA 7.1 Generalità pag Normativa applicabile pag Poteri di spesa dei Comandanti pag Limiti oltre i quali la procedura non è ammissibile pag Acquisti di beni e servizi e lavori infrastrutturali pag Procedure per commissionare i lavori pag Casi nei quali si può prescindere da un indagine di mercato pag Modalità della scelta del contraente e collaudo dei materiali pag Frazionamento della spesa pag Procedure negoziali mediante ricorso ad agenzie Internazionali (NAMSA, ecc ) 8.10.a. Supporto normativo della procedura pag b. Procedure pag GESTIONE DEI MATERIALI 8.1 Generalità pag Procedure per l assunzione in carico e per lo scarico pag a. Procedure da adottare dagli Organismi per i quali è stata disposta la chiusura del conto Amministrativo pag b. Procedure da adottare dagli Organismi per i quali è stato disposto il decentramento gestionale pag Procedure per il passaggio gratuito tra consegnatari pag a. Procedure da adottare per il passaggio tra Organismi sprovvisti di autonomia ammin.va pag b. Procedure da adottare per il passaggio tra Organismi dotati di autonomia amministrativa pag Procedure per il fuori uso pag a. Procedure da adottare dagli Organismi sprovvisti di autonomia amministrativa pag b. Procedure da adottare per il fuori uso per gli Organismi dotati di autonomia ammin.va pag Procedura per denuncia di danni erariali (furti, ammanchi, etc.). pag a Generalità pag b. Danni fino ad un ammontare presunto di 300,00 pag c. Danni superiori ad 300,00 ma inferiori ad 2.500,00 pag d. Danni superiori ad 2.500,00 pag e. Notifica dell addebito Impugnazione Procedimento giurisdizionale pag CONSERVAZIONE CARTEGGIO pag. 62

5 1. PREMESSA Le norme legislative che regolano il trattamento economico all estero a favore del personale militare impiegato presso Rappresentanze e/o Delegazioni internazionali sono contenute nella Legge n. 642/61. Gli Organismi di Cooperazione Internazionale sono costituiti, previa approvazione del Ministro della Difesa, di volta in volta a mezzo di Decreto emanato dello Stato Maggiore Difesa su proposta degli Stati Maggiori di Forza Armata. Qualora venga loro riconosciuta autonomia amministrativa, assumono la configurazione di Distaccamenti Minori dell U.A.S. 2. ELENCO FONTI NORMATIVE ED ALLEGATI - R.D. 03 Giugno 1926 n 941 concernente Indennità al personale dell Amministrazione dello Stato, incaricato di missione all estero ; - Legge 08 Luglio 1961 n 642 e successive modificazioni sul Trattamento economico del personale dell Esercito, della Marina Militare, dell Aeronautica Militare e dell Arma dei Carabinieri destinato isolatamente all estero presso Organismi Internazionali ; - D.P.R. 31 Marzo 1971 n 286 concernente Semplificazioni delle procedure previste dagli artt. 2 e 3 del Decreto Luogotenenziale n 540, riguardante le indennità al personale dell Amministrazione dello Stato incaricato di missione all estero; - Circolare del Ministero del Tesoro n 51 del riguardante Il Trattamento economico di missione all estero in vigore dal 1 Luglio 1990 ; - Legge 18 Dicembre 1973 n 836 Trattamento economico di missione e trasferimento dei dipendenti statali ; - Legge 26 Luglio 1978 n 417 Adeguamento del Trattamento economico di missione e di trasferimento dei dipendenti statali; - Legge del 23 Gennaio 1991 n 21 in merito alla estensibilità al personale comandato al seguito ed in collaborazione dei dirigenti delle agevolazioni previste per il dipendente di qualifica o grado più elevato; - Legge 29 Marzo 2001 n 86 Disposizioni in materie di Forze Armate e delle Forze di Polizia in merito all indennità di trasferimento da corrispondersi per i rientri in Patria;

6 - Legge 30 Aprile 1969 n 153 in merito da trattenute previdenziali del trattamento economico estero; - Legge 23 Dicembre 2005 n 266 (Finanziaria 2006) in merito alla soppressione dell indennità di trasferta e della differenziazione dei rimborsi di biglietti aerei nelle varie classi. - T.U.I.R. in merito all imposizione fiscale del trattamento economico estero; - D.P.R. 163/2002 e D.P.R. 164/2002 in merito all introduzione del rimborso forfetario del trattamento di missione nazionale; - D.P.R. 255/1999 in merito all uso del mezzo privato; - D.P.R. 5 Giugno 1976 n 1076 (R.A.U.); - D.P.R. 384/2001 in merito alle Spese in economia per l acquisizione di beni e servizi ; - D.P.R. 170/2005 in merito ai lavori del genio militare in economia ed in forma pubblicoamministrativa; - D.P.R n 286 in merito alla lordizzazione del trattamento economico estero; - Circolare di Segredifesa-DNA n 927/200/02 del in merito all applicazione del D.P.R. 384/2001; - D.Lgs. 15 dicembre 1997 n 446 in merito all introduzione dell I.R.A.P. e dell Addizionale regionale all I.R.Pe.F.; - D.Lgs. 28 Settembre 1998 n 360 in merito all introduzione dell Addizionale Comunale all I.R.P.E.F.; - D.Lgs. 2 Settembre 1997 n 314 in tema di armonizzazione, razionalizzazione e semplificazione delle disposizioni fiscali e previdenziali concernenti i redditi di lavoro dipendente e dei relativi adempimenti da parte dei datori di lavoro. - D.M abrogativo del D.M in merito ai servizi in economia; - Circolare dell Ufficio Centrale del Bilancio n. BL/16144 del e successive varianti : Missioni e destinazione all estero ai sensi del R.D. 941/1926 e della Legge 642/61 : procedura, trattamento economico, adempimenti amministrativi connessi ; - Circolare dell Ufficio Centrale del Bilancio n BL/16669/M.3.1 del in merito ai procedimenti di lordizzazione del trattamento economico estero; - Delibera della corte dei Conti n 1385 del in merito alle categorie di alberghi ammessi a rimborso; - Nota di Bilandife BL/II/2/ del in merito al titolo di spesa da ammettersi al rimborso per il viaggio ; - D.M n 660 in merito alla diaria da riconoscersi a soste intermedie estere;

7 - Nota di Bilandife n BL/II/2/17239 del in merito riconoscimento di A.L.S.E. e I.S. per missioni compiute in Patria ma ordinate da Autorità sopranazionali; - Nota del Ministero del Tesoro n del in merito alla rimborsabilità di biglietti di viaggio smarrimenti o rubati; - Nota del Ministero dell Economia e delle Finanze n del in merito alle indennità e rimborsi connessi al trasporto di mobili e masserizie con mezzo diverso dalle ferrovie incidenza sulle tabelle di tramutamento; - Nota di Bilandife n BL/II/2/12253 del in merito al rimborso di biglietti elettronici; - Nota di D.G.P.M. n DGPM/IV/12/10/D in merito alla estensibilità del rimborso forfetario alle missioni svolte in Patria; - Direttiva D.G.P.M. n DGPM/IV/2/158214/10/C-43 del in merito al rimborso delle spese di viaggio per missioni connesse a licenze e/o fine-settimana; - Direttiva n BL/3/10430/a.9.10 del dell Ufficio Centrale del Bilancio in merito alle bollette di pesa pubblica; - Nota del II Reparto di Segredifesa n M_D/GSGDNA/2062 del in merito al tasso di cambio per le spese in valuta estera; - Direttiva n DGPM/IV/12^/049364/A.3 del in merito all uso del mezzo di trasporto per il trasferimento di mobili e masserizie; 3. TRATTAMENTO ECONOMICO ESTERO 3.1. Generalità Il personale militare destinato isolatamente all estero presso Delegazioni o Organismi Internazionali per un periodo non inferiore a 6 mesi ha diritto, in aggiunta allo stipendio o alla paga o agli altri assegni a carattere fisso e continuativo, previsti all interno del territorio nazionale, al trattamento economico configurato dalla Legge 642 del Inoltre, ha diritto al rimborso delle spese di viaggio secondo le modalità appresso indicate, all indennità di 1^ sistemazione ed al trasloco delle masserizie e delle spese di viaggio dei componenti del proprio nucleo familiare, in caso di destinazione isolata all estero non inferiore ai 12 mesi. Il trattamento economico è costituito da : a) Assegno di Lungo Servizio all Estero; b) Indennità Speciale;

8 3.2. Assegno di Lungo Servizio all Estero (A.L.S.E.) L assegno di lungo servizio costituisce il trattamento economico riconosciuto ai sensi della Legge n 642 del al personale militare destinato isolatamente all estero presso Delegazioni o Organismi Internazionali per un periodo non inferiore a sei mesi. In particolare esso è contemplato alla lettera b) art.1 ed all art.2 della succitata Legge. Tale assegno viene ragguagliato a 30 diarie giornaliere intere relative al Paese di destinazione (art.1) e compete dal giorno successivo a quello di arrivo nella sede di servizio all estero e cessa il giorno della cessazione dalla destinazione (art.2). L A.L.S.E. viene ridotto nella misura del 50% nei giorni di fruizione di licenza ordinaria (comma 4 art. 5 - L. 642/61). Al riguardo si cita la lettera C punto 1 del foglio prot. 9760/132/97 del di Segredifesa I^ Reparto che sancisce che, ai fini del computo della riduzione dell A.L.S.E. per motivi di licenza ordinaria, vanno presi in considerazione solo i giorni lavorativi, mentre per converso la riduzione non può essere operante nei giorni di licenza usufruiti in giorni non lavorativi, uniformando con ciò il computo della licenza ordinaria con la vigente normativa in campo nazionale. L assegno in parola non è dovuto, altresì, in caso di licenza straordinaria (comma 6, art. 5 L.642/61). Rientra, in tale ottica la licenza di convalescenza, anche se usufruita nel luogo di missione (foglio DGPM/IV/12/118770/10 del della Direzione Generale del Personale Militare). Dal suddetto assegno vanno detratte eventuali indennità o contributi qualora direttamente corrisposti ai singoli interessati da Enti, Comandi o Organismi Internazionali. Inoltre, il trattamento economico complessivo è soggetto, ai sensi dell art 4 della L. 642/61, in caso di uso di alloggio di servizio a titolo gratuito, ove previsto, a ritenute che vanno da ¼ a nel caso di alloggio ammobiliato, ovvero 1/12 in caso di alloggio non ammobiliato. La misura della riduzione è, in ogni caso, stabilita con Decreto del Ministro della Difesa. L art.6 della Legge 642/61 precisa che in caso di temporaneo richiamo in Patria da parte degli Organi Nazionali o di trattenimento allo scadere della licenza ordinaria, sono conservati, in relazione al periodo di permanenza in Italia, l A.L.S.E. e l I.S. in misura intera per i primi 10 giorni e, limitatamente, al personale militare non di truppa, ridotti del 50% per i giorni successivi sino ad un massimo di 50 giorni. Il personale di truppa decorsi i 10 giorni è aggregato a tutti gli effetti all Ente presso cui deve compiere il servizio. Ai militari di qualunque ordine e grado che, per motivi di servizio, venissero richiamati, temporaneamente, in Italia da parte degli Organi Nazionali, viene riconosciuto l A.L.S.E. e l I.S.

9 nei giorni strettamente necessari ai viaggi di andata e ritorno, oltre quelli di permanenza, secondo il computo delineato nel precedente capoverso. Il militare cedente l incarico, ma, eventualmente, trattenuto per un limitato periodo di affiancamento e passaggio di consegne, conserva il trattamento economico previsto dalla L.642/61, per un periodo massimo non superiore a 20 giorni. Qualora decorso tale periodo si dovesse rendere necessario un ulteriore periodo, il militare cedente, su richiesta del Capo Delegazione, da inoltrarsi al Superiore Organo di Comando per la relativa autorizzazione, passerà, per un periodo massimo di 10 giorni, dalla posizione di destinazione all estero, ai sensi della L.642/61, a quella di missione all estero, ai sensi del R.D n Indennità Speciale (I.S.) L art. 3 della Legge 642/61 prevede la corresponsione, al personale che ha diritto ad usufruire del trattamento economico previsto dalla L.642/61, di una indennità speciale mensile, qualora l A.L.S.E. non fosse ritenuta sufficiente, in relazione, in linea di massima, alle particolari condizioni di servizio, alla situazione familiare ed al costo della vita. Valgono, anche per l I.S., le ipotesi di riduzione configurate per l A.L.S.E., in caso di uso di alloggio gratuito di servizio(art. 4 L. 642/61) ed al richiamo in Italia per servizio o trattenimento in Patria al termine della licenza ordinaria (art. 6 della L. 642/61) secondo le modalità già enunciate nel paragrafo precedente; tuttavia in caso di licenza ordinaria o straordinaria, l I.S. continua ad essere corrisposta per intero (art.5 L. 642/61). Occorre precisare che la Legge n.266 del , al Capo V art.14 comma 3, ha soppresso la corresponsione del contributo per spese di vestiario originariamente previsto dalla Legge n 698 del Trattamento economico durante l assenza all estero L assenza all estero può essere determinata da diverse motivazioni: a) licenza ordinaria; b) licenza straordinaria; c) richiamo temporaneo in Patria per esigenze di servizio; d) trattenimento in Patria oltre il periodo di decorrenza della licenza ordinaria; e) missione in altro Paese estero rispetto a quello di assegnazione;

10 Per quanto attiene la licenza ordinaria occorre precisare che dopo un anno di permanenza e per ogni anno successivo al primo, gli ufficiali ed i sottufficiali hanno diritto a 30 giorni di licenza ordinaria, oltre i giorni di viaggio strettamente necessari per il viaggio di andata e ritorno. Per i militari di truppa i giorni di licenza ordinaria sono ridotti a 20, oltre i citati giorni di viaggio, sempre che sia trascorso un anno di permanenza all estero e per ogni anno successivo al primo. I militari di truppa hanno diritto, altresì, al rimborso delle spese di viaggio di andata e ritorno in occasione della licenza ordinaria, con riferimento ai mezzi di trasporto e alle classi previste per le missioni all estero (vedasi Circ. DGPM IV Rep. prot. M_D/GMIL_05/IV/12/1/14013 del ). Oltre ai giorni di licenza ordinaria, il personale ha diritto ai 4 giorni previsti dalla Legge 937/77, mentre le ulteriori due giornate di riposo, previste dalla menzionata legge, sono state assorbite nel computo dei trenta e/o dei venti giorni di licenza, spettanti rispettivamente agli Ufficiali e Sottufficiali ed al personale di truppa, ai sensi del comma 3 dell art.12 del D.P.R. 394/95 (parere di Segredifesa n.2609 del 20 Luglio 2000). Il computo dei giorni di licenza avviene non con riferimento agli anni solari, bensì relativamente al periodo di permanenza effettiva all estero (come meglio precisato dal foglio prot. 9760/132/97 del di Segredifesa I^ Reparto), significando che essa può essere fruita anche frazionatamente ed in proporzione al periodo di servizio prestato. La licenza ordinaria, per imprescindibili esigenze di servizio, può essere cumulata, al massimo, con la licenza ordinaria dell anno successivo (comma 3, art.5 della L.642/61). In casi assolutamente straordinari, dettati da precise, imprescindibili e documentate esigenze di servizio, in cui non dovesse essere possibile fruire di giorni di licenza durante il periodo di servizio prestato all estero, il Capo Delegazione/Rappresentanza può inoltrare, al Comando gerarchicamente sovraordinato, una richiesta di autorizzazione alla liquidazione di una indennità sostitutiva dei giorni di licenza non fruiti dall interessato. La procedura autorizzatoria dovrà essere puntuale e preventiva alla materiale elargizione della liquidazione. Durante il periodo di fruizione della licenza ordinaria e/o dei 4 giorni di cui alla L.937/77 equiparati a congedo ordinario e per i soli giorni lavorativi, viene corrisposta all interessato l A.L.S.E. ridotta del 50% e l I.S. per intero. L A.L.S.E. e l I.S. vengono corrisposte per intero anche nei giorni strettamente necessari al viaggio di andata e ritorno senza che tali giorni siano computati nei 10 giorni sopra detti, escludendo sempre i giorni non lavorativi. In caso di licenza straordinaria, includendo i casi di licenza di convalescenza fruita all interno del Paese estero di destinazione e/o in Patria, viene sospesa interamente la corresponsione dell A.L.S.E., mentre resta vigente il percepimento dell I.S.

11 In caso di fruizione di licenza straordinaria, al raggiungimento del 46 giorno si renderà necessaria la sospensione del trattamento economico previsto dalla 642/ Trasporto Mobili e masserizie in occasioni di movimenti da e per l estero 4.1. Generalità Destinatari dei rimborsi e delle indennità previste dalle L. 836/73 e L. 417/78 sono le seguenti categorie di persone: - personale militare trasferito d autorità ai sensi della L. 642/61 purché il dipendente scelga di stabilirsi o nella medesima località della nuova sede di servizio e/o in un comune viciniore sito entro un raggio di 90 chilometri (cd. limite di tolleranza ) dalla nuova sede di servizio; - personale comandato all estero ai sensi del R.D. 941/26 per un periodo inizialmente previsto di durata non inferiore ai 15 mesi semprechè il dipendente decida di risiedere o nella medesima località della nuova sede di servizio e/o in un comune viciniore sito entro un raggio di 90 km dalla nuova sede di servizio. Al personale suddetto competono i seguenti emolumenti: - rimborso spese per il trasporto del bagaglio e relativa indennità fissa per le spese di imballaggio, presa e resa a domicilio nonché di carico e scarico lungo l itinerario, previsti dall art. 9 della L. 642/61. La Direzione Generale per il Personale Militare, con circolare n. DGPM/IV/ l8/10/A.3, emessa in data , ha precisato che l Ufficio Amministrazioni Speciali è competente alla corresponsione del predetto rimborso/indennità, indipendentemente dal fatto che il personale militare venga inviato all estero o rientri

12 dall estero. Risulta, a tal riguardo, destinatario del rimborso in questione espressamente il personale militare che opera in ambito missioni O.N.U.; - rimborso spese sostenute per il trasferimento del militare, dei familiari, dei mobili, delle masserizie e degli effetti personali nonché il rimborso forfetario previsto per le spese di imballaggio, presa e resa a domicilio, disciplinati dalla L. 836/73, integrata e/o modificata dalla L. 417/78; - indennità di 1^ sistemazione, prevista ai sensi dell art. 21 Legge 836/73, come modificata dalla Legge 417/78 a titolo di ristoro per le spese di impianto, personali e della famiglia al seguito, nella nuova residenza di servizio o di elezione. 4.2 Indennità di 1^ Sistemazione (L.836/73 come modificato da L.417/78). L indennità di 1^ sistemazione è ristoratrice delle spese di impianto nella nuova residenza di servizio o di elezione. Essa trova regolamentazione nell art. 21 della L.836/73, rivisitata dalla L.417/78 (art. 12), che ha rideterminato i parametri di liquidazione senza però modificarne i requisiti oggettivi e soggettivi degli aventi diritto. Tale indennità è costituita da una quota fissa e da una quota variabile. La quota fissa è pari a 103,29 (Lire ) per i Generali di Corpo d Armata e di Divisione ed a 87,80 (Lire ) per il rimanente personale. La quota variabile è pari a tre mensilità dell indennità integrativa speciale vigente all atto della movimentazione. La suddetta indennità, (accomunate ad eventuale indennità di trasferimento ed equipollenti per i rientri dall estero) ai sensi dell art.51 comma 7 del D.P.R n 917, non concorre a formare reddito nella misura del 50%, fino ad un importo complessivo annuo non superiore a 4.648,11 (Lire ) relativamente ai trasferimenti al di fuori del territorio nazionale. Se le indennità in questione, con riferimento allo stesso trasferimento, venissero corrisposte per più anni, la presente disposizione si applica solo per le indennità corrisposte per il primo anno. Al riguardo va precisato che una volta fissato l importo delle indennità e la relativa quota esente, la materiale erogazione può anche avvenire in più periodi d imposta se ciò più agevole per le parti. L emolumento, nella misura in cui concorre a formare reddito fiscale (50%), costituisce, altresì, imponibile ai fini contributivi, secondo quanto dettato dal d.lgs. n 314/97 che ai fini dell unificazione delle basi imponibili fiscali e contributive, all art.6 così recita Costituiscono redditi di lavoro dipendente ai fini contributivi quelli di cui all art.46 comma 1 (attuale art.49), del

13 t., approvato con d.p.r , n 917, maturati nel periodo di riferimento. Lo stesso articolo elenca a seguire gli emolumenti che devono essere esclusi dalla base imponibile contributiva, tra i quali non rientrano le sopraccitate indennità. L indennità così come descritta costituisce la c.d. misura intera ed è riconosciuta al personale trasferito con famiglia al seguito, purché la famiglia sia a carico e convivente alla data di decorrenza del provvedimento di trasferimento. Inoltre, affinché il personale percepisca la misura intera è necessario che nella nuova residenza, non fruisca di alloggio gratuito di servizio o di indennità di alloggio, in quest'ultimo caso per coloro che rientrano dall estero. E il caso di precisare i concetti di convivenza abituale e di familiare a carico : il primo si realizza con l effettiva coabitazione e con la comunanza di vita, escludendo, pertanto, quelle situazioni in cui la medesima ha carattere saltuario e/o ha prolungate interruzioni. La definizione di familiare a carico è supportata dalla lettera della Direzione Generale del Personale Militare prot. DGPM/IV/12/100087/10 del che ha precisato, sulla base di quanto previsto dall art. 12, comma 3 del D.P.R n.917 (Testo Unico delle Imposte sui Redditi ) e delle Istruzioni impartite dal Ministero dell Economia e delle Finanze, che personale a carico sono da considerarsi i componenti del nucleo familiare destinatari dell indennità e dei rimborsi connessi con il trasferimento, a condizione che abbiano percepito redditi che concorrono alla formazione del reddito complessivo per un ammontare non superiore a 2.840,51 (Lire ) al lordo degli oneri deducibili e risultano conviventi con il capo famiglia. L indennità è ridotta : - al 50 % per il dipendente senza persone di famiglia conviventi ed a carico, alla data decorrenza del provvedimento di trasferimento. - Al 50 % per il dipendente che pur avendo famiglia convivente ed a carico, non movimenta la propria famiglia contestualmente al proprio trasferimento. In tal caso, qualora, si provvedesse al ricongiungimento del nucleo familiare nella sede estera entro il triennio successivo alla movimentazione dell interessato, si maturerà il diritto alla corresponsione della seconda metà della suddetta indennità. - L indennità, al netto delle eventuale riduzione sopra menzionata, sarà soggetta ad una ulteriore riduzione ad un terzo qualora, il personale, nella nuova sede di rientro, fruisca di alloggio gratuito di servizio ovvero sia provvisto di indennità di alloggio, (pertanto, ad es. in caso di trasferimento di personale celibe ed in alloggio gratuito di servizio, maturerà il diritto alla corresponsione dell indennità di prima sistemazione ridotta ad 1/6). In merito si riporta il parere del Consiglio di Stato n.702/94 che ha chiarito che gli alloggi ASI non sono considerati gratuiti in quanto per essi viene corrisposto un canone ancorché

14 minimo, per cui è estensibile al personale che usufruisce di alloggio di servizio (ad. Es. ITALDELEGA SHAPE). Ai fini della corresponsione della misura intera ovvero della seconda metà dell indennità di prima sistemazione, il personale percettore ha l onere di rilasciare agli organi deputati alla liquidazione, un autocertificazione da cui si evincano i componenti del nucleo familiare fiscalmente a carico (riportandone quindi i relativi redditi complessivi che non possono essere superiori a 2.840,51), la abituale convivenza con essi alla data di decorrenza del provvedimento di trasferimento all estero e la ricongiunzione del nucleo medesimo entro il triennio. In merito alla individuazione degli organi competenti alla liquidazione si precisa che per il viaggio di andata, la suddetta indennità è liquidata direttamente dall Organismo di Cooperazione Internazionale di assegnazione se provvisto di ufficio amministrativo, altrimenti sarà cura diretta dell Ufficio Amministrazioni Speciali. Per quanto attiene invece il viaggio di rientro, la 1^ sistemazione sarà liquidata ed erogata direttamente dall Ente nazionale di rassegnazione. 4.3 Rimborso spese sostenute per trasporto bagaglio personale. Il bagaglio (o effetti personali) è costituito da quell insieme di oggetti personali che il militare reca al proprio seguito in occasione dei mutamenti di sede di servizio. Si chiamerà bagaglio a mano, quando in funzione dei limiti di peso consentiti dal vettore, viaggia gratuitamente nello stesso compartimento ferroviario, cabina della nave o dell aereo in cui ha preso posto il dipendente. Per tale bagaglio, essendo per l appunto gratuito, non è previsto alcun rimborso spese. Si chiamerà invece bagaglio registrato, quando o per motivi di superamento dei limiti consentiti o di ingombro, esso viaggia con lo stesso mezzo usato dal dipendente ma in bagagliaio o in stiva e comporta per il personale il sostenimento di un costo. L art.9, comma 2 lett. a) della L.642/61, quindi a tutto il personale militare destinato isolatamente presso Delegazioni o Rappresentanze per un periodo di tempo non inferiore ai sei mesi, prevede il rimborso delle spese effettivamente sostenute dal personale sino ad un peso massimo di 300 Kg per gli Ufficiali, Kg.150 per i Sottufficiali e Kg.100 per i militari di truppa e riconosce al personale militare indipendentemente dal grado- nei casi in cui l Amministrazione autorizzi per ragioni di servizio il viaggio in aereo, il diritto ad ottenere il rimborso delle spese del trasporto aereo di una quota di bagaglio di peso non superiore a kg. 50. Tale quota sarà considerata in detrazione ai limiti sopra descritti per i restanti bagagli trasportati con altro mezzo. Analoga tipologia di trasporto è riconosciuta al personale comandato in missione all estero per un periodo non inferiore ai sei mesi, L.316/70, art.1 comma 1.

15 4.4 Diritto al ricongiungimento del nucleo familiare e rimborso spese. Qualora, il periodo di permanenza all estero dovesse superare la previsione di un periodo minimo di 1 anno, il 3 comma del succitato art.9 della L.642/61 prevede altresì il diritto riconosciuto al personale di trasferire all estero il proprio nucleo familiare, con diritto al rimborso delle spese sostenute per il trasporto del bagaglio delle persone di famiglia conviventi e a proprio carico con l osservanza dei medesimi limiti di peso correlati al grado del militare in trasferimento. In correlazione a quanto sopra, la L.316/70, art.1 comma 2 estende tale diritto al personale comandato in missione all estero non in regime di L.642/61, per un periodo non inferiore ai 15 mesi, semprechè il ricongiungimento familiare avvenga nei primi dieci mesi dalla data di inizio della missione. Il dipendente è tenuto a rilasciare apposita dichiarazione sostitutiva in atto notorio attestante le generalità complete (cognome, nome, data di nascita e relazione di parentela con il capo famiglia) dei familiari conviventi ed a carico nonché l avvenuto trasferimento, sia per l estero sia per il rientro in Patria, dei familiari stessi indicando espressamente la data del trasferimento nella località ed il domicilio sia estero che italiano. Tale dichiarazione, resa ai sensi degli artt. 38 e 47 del D.P.R. 445/2000, dovrà avere allegata la fotocopia del documento di identità del dichiarante. 4.5 Imballaggio, presa e resa a domicilio nonché scarico e carico lungo l itinerario del bagaglio. L art.9, 2 comma della Legge 642/61 riconosce una indennità fissa pari a 7,746 (Lire ), 5,164 (lire ) e 2,582 (lire 5.000), per le spese sostenute per le operazioni di imballaggio e disimballaggio, presa e resa a domicilio del bagaglio, rispettivamente, del personale militare ufficiale, sottufficiale e truppa semplice. 4.6 Rimborso delle spese sostenute per il trasporto di mobili e delle masserizie. Tabelle di tramutamento.

16 Come previsto all art. 19 della L. 836/73, al dipendente compete il rimborso, oltre il bagaglio personale e dei componenti il nucleo familiare e fiscalmente a carico, delle spese sostenute per la spedizione in piccole partite ordinarie di mobili e masserizie per non oltre 40 quintali secondo la tariffa d uso applicata. Il predetto prende in esame anche il caso in cui il dipendente effettui il trasporto dei soli effetti personali (ribadito dalla D.G.U.E. con nota n. 7/4/A.8/67 in data ) o il trasporto dei mobili e delle masserizie per via ordinaria, e stabilisce che, in tale ipotesi, 1 Amministrazione, ai fini della determinazione del rimborso spettante al dipendente per le spese in questione, è tenuta ad effettuare una mera operazione di moltiplicazione dei tre seguenti fattori: - quantitativo di peso dei mobili e delle masserizie trasportate entro i limiti massimi consentiti dalla legge; - distanza chilometrica - certificata dall A.C.I. o dalle Autorità preposte - esistente tra la località di partenza e quella di arrivo (nel rispetto del limite di tolleranza enunciato al paragrafo 2); - un indennità ( di importo pari a lire 127/ 0,0656 o lire 310/ 0,1600 a seconda che il percorso sia o non sia servito da ferrovia) fissa, tassativamente stabilita dalla legge, spettante per ciascun chilometro. A seguito delle varianti introdotte dall art. 8 del D.P.R. n 163 / 2002, il personale trasferito all estero può optare, altresì, per il trasporto dei mobili e delle masserizie in una qualsiasi località nazionale, ove intenda eleggere domicilio, in luogo della sede di servizio all estero. In tal modo la materia resta disciplinata dagli artt.19 e 20 della Legge 18/12/1973 n 836, significando che nel caso di trasporto sul territorio nazionale, l interessato potrà usufruire della Ditta eventualmente convenzionata con l A.D. o effettuare il trasporto a titolo oneroso. In quest ultimo caso le spese sostenute saranno rimborsate dall Ente amministrativo nazionale che gestisce il personale interessato. La legge (art. 19 della L.836/73 modificato e/o integrato dall art. 8 della L. 417/78), in relazione alla circostanza che il dipendente richieda ed ottenga dall Amministrazione l autorizzazione ad effettuare il trasporto per via ordinaria (pur in presenza di un collegamento ferroviario esistente tra le due località del trasferimento) oppure che il percorso oggettivamente non sia - totalmente e/o solo parzialmente - servito da ferrovia, determina l importo dell indennità chilometrica (quota fissa) in 0,0656 (Lire 127) ovvero 0,1600 (Lire 310) al quintale per chilometro - circolare n.7189/t.e.b. del della Direzione Generale per gli Ufficiali dell Esercito. Il Ministero dell Economia e delle Finanze Dipartimento della Ragioneria Generale dello Stato con nota del ha precisato che il caso in cui la società TreniItalia S.p.A. effettui il servizio trasporto mobili e masserizie solo a carro completo e non per piccole partite ordinarie non possa essere assimilato ad una carenza assoluta di collegamento ferroviario fra le località, con

17 conseguente diritto degli interessati a vedersi ristorare il servizio di trasporto per la maggiore indennità al q. per Kg. di 0,1600 (Lire 310) in luogo di 0,0656 (Lire 127). E stato ritenuto invece che il dipendente, possa nei casi di specie, legittimamente utilizzare, per il trasporto di mobili e masserizie, il carro completo con diritto al rimborso della spesa sostenuta, su presentazione dei documenti giustificativi oppure farsi autorizzare all uso del vettore privato con diritto al rimborso dell indennità di 0,0656 (Lire 127) al q. per Kg. Tale rimborso è previsto anche per il trasporto di mobili e masserizie dal continente al Regno Unito. La circolare n. BL/17429/A.9.10 in data dell Ufficio Centrale del Bilancio e degli Affari Finanziari, prendendo in esame i casi in cui il trasporto dei mobili e delle masserizie venga effettuato per via marittima, dispone che l Amministrazione rimborsi al dipendente le spese sostenute per il nolo mare nonchè per le sole operazioni portuali connesse necessariamente all imbarco/sbarco delle merci, sulla base di quanto indicato sulla polizza ordinaria di carico marittimo e specificato sulla relativa fiscal copy oppure, nel caso di una fatturazione del nolo assai elevata (vds. le polizze di carico dirette e/o combinate nel paragrafo del trasporto marittimo), effettui il rimborso delle spese relative alla tratta via mare, procedendo - alla stregua del trasporto per via ordinaria - mediante l applicazione dell indennità chilometrica alla distanza, espressa in miglia marittime ed in chilometri terrestri, intercorrente tra la località di consegna e quella di riconsegna del carico tra vettore marittimo e trasportatore terrestre. La Direzione Generale per il Personale Militare, con circolare n. DGPMJIV/l2 /049364/A.3 in data , ha precisato, sulla base della decisione emessa dal Consiglio di Stato in data , che nei trasporti marittimi intercontinentali non potendosi configurare il viaggio come trasferimento di due sedi collegate da più tratti di ferrovia separati da almeno un tratto di via ordinaria, spetta al dipendente il diritto al rimborso delle spese sostenute per il trasporto dei mobili e delle masserizie e del bagaglio previsto sui percorsi non serviti da ferrovia. Giova rammentare che la legge stessa, però, impone un limite alle suddette procedure di calcolo in quanto dispone tassativamente che il rimborso spettante al dipendente non potrà in nessun caso superare la spesa effettivamente sostenuta e documentata: ossia l Amministrazione procederà al rimborso dell importo della fattura, (comprensivo di I.V.A.). qualora il medesimo risultasse più economico rispetto al conteggio in precedenza descritto. La predetta circolare stabilisce, altresì, che sarà cura dell Ufficio liquidatore esprimere un giudizio di congruità sul prezzo indicato in fattura, utilizzando, in mancanza di altri più specifici, i parametri adottati per fattispecie analoghe e, conseguentemente, facendo un raffronto con quelli fissati dalla L. 838/73 relativa al trattamento economico degli Addetti Militari. Resta del tutto evidente che il Comando / Ente di appartenenza è tenuto, in ogni caso, a rilasciare la tabella di tramutamento ( o Mod. DP/6553) al dipendente trasferito.

18 4.6.a Il limite di peso ammesso a rimborso nel trasporto dei mobili e delle masserizie L art. 19, 1 comma della L. 836/73 dispone che al dipendente trasferito è dovuto il rimborso delle spese sostenute per la spedizione in piccole partite ordinarie di mobili e delle masserizie per non oltre 40 quintali e, testualmente recita sono salve le disposizioni che consentono il rimborso di spese per maggiori quantità di bagaglio eventualmente trasportato dal personale militare. In tale quantitativo di peso non è, quindi, da ritenersi compreso il quintalaggio degli effetti personali e/o bagaglio (vedasi paragrafi precedenti). Il Consiglio di Stato, con parere 115/2001 emesso in data dalla III Sezione, ha ritenuto non rimborsabile il trasporto di mobili e masserizie oltre il limite di 40 quintali, previsto dall art.7 del D.P.R: 255/1999, tenuto conto, in base alla gerarchia delle fonti, che un D.P.R. non possa delegare ad una norma di legge (L.836/73). 4.6.b. Accertamento del peso : pesa pubblica L art. 19, 7^ comma della L.836/73 stabilisce che nel caso in cui il trasporto di mobili e masserizie venga effettuato con mezzi diversi dalla ferrovia, il peso degli stessi deve essere accertato da una pesa pubblica riconosciuta (preferibilmente del luogo di arrivo) e documentato con regolare bolletta (non sostituibile da un atto sostitutivo di notorietà). All uopo si precisa che l Ufficio Centrale del Bilancio ed Affari Finanziari, con Circolare BL/3/10430/A del ha precisato che laddove tra le località interessate al trasferimento esista un collegamento per via ferroviaria, il dipendente è tenuto ad accertarsi, prima di effettuare il trasporto per via ordinaria, che sussista la possibilità di ottenere la prescritta bolletta della pesa pubblica, in assenza della quale nessun altro documento può essere ritenuto valido ai fini del rimborso e che la bolletta rilasciata da una Ditta privata può essere accettata dall A.D. solo nel caso in cui, non sussistendo un collegamento per linea ferroviaria, manchino del tutto pese pubbliche nel luogo di partenza, di arrivo e lungo l itinerario percorso. Nel caso ricorrano le ipotesi di impossibilità sopra descritti, il dipendente dovrà allegare l originale del talloncino, rilasciato dalla ditta privata, ed una dichiarazione, resa ai sensi dell art.485 del C.P., attestante l impossibilità di produrre la bolletta della pesa sopra descritta per mancanza di pese pubbliche o riconosciute come tali sia nella località di arrivo, sia nella località di partenza, sia nelle località intermedie al percorso; infine, dovrà attestare che il peso, risultante dal talloncino rilasciato dalla ditta privata, corrisponda al peso dei mobili e delle masserizie effettivamente trasferiti.

19 4.6.c Dichiarazione di distanza tra le sedi Nel trasporto per via ordinaria, tale dichiarazione viene rilasciata dall A.C.I. o, in alternativa, dall Autorità Consolare e contiene la distanza chilometrica tra il domicilio di partenza e quello di destino. Nel caso di trasporto marittimo deve indicare la distanza chilometrica tra il domicilio di partenza ed il porto di imbarco e tra il porto di sbarco ed il domicilio di arrivo, mentre la distanza tra il porto di imbarco e quello di sbarco, espressa in miglia marine o in chilometri, deve risultare dalla dichiarazione della Capitaneria di Porto (Nolo Mare). 4.6.d. Anticipazione L Ufficio liquidatore può concedere, su istanza dell interessato, un anticipazione pari al 50% di quanto spettante per la tratta fra la località di partenza e quello di destinazione e per il peso ipotizzato presuntivamente dal trasportatore. Il dipendente trasferito, si impegnerà formalmente ad inviare entro massimo tre/quattro mesi la documentazione probatoria per la liquidazione del trasporto mobili e masserizie, pena il recupero in un unica soluzione della somma anticipata. Ai fini del rilascio dell anticipazione, il dipendente dovrà riprodurre all ufficio liquidatore dell U.A.S. la tabella di tramutamento rilasciata dall Ente di appartenenza in territorio nazionale (per i movimenti per l Estero) o dalla Rappresentanza estera (per i movimenti di rientro definitivo in Patria), il dispaccio di trasferimento e/o ordine di missione, n.3 o più preventivi di spesa redatti su carta intestata da diverse ditte di trasloco sulla base dei quintali presuntivamente da trasportare ed infine eventuale autorizzazione al trasporto per via ordinaria rilasciata dal Comando/Ente di appartenenza, qualora i percorsi siano serviti da linea ferroviaria. L importo dell anticipo darà trascritto sul frontespizio della tabella di tramutamento (mod. DP/6553). 4.6.e Fatturazione L originale della fattura della Ditta di trasporto a cui il personale ha affidato il servizio di trasporto dei mobili e delle masserizie, debitamente quietanzata e firmata in maniera chiara e leggibile da soggetto abilitato ad impegnare la ditta nei rapporti contrattuali esterni, dovrà indicare: - le generalità dell interessato;

20 - la natura del trasporto internazionale; - l importo per il solo trasporto con esclusione di qualsiasi onere accessorio, dato che l Amministrazione corrisponde al dipendente un rimborso forfetario per le spese di imballaggio, presa e resa a domicilio o lungo l itinerario in base alla sola circostanza che abbia effettivamente trasportato i mobili e le masserizie. A tal proposito, si ritiene opportuno precisare che, nel caso di trasporti marittimi internazionali, la fattura dovrà indicare il costo del trasporto per via ordinaria dalla località di partenza a quella di imbarco, (o a quella in cui i mobili e le masserizie vengono consegnati al vettore marittimo), il costo effettivo del nolo mare, il costo del trasporto per via ordinaria dalla località di sbarco (o da quella in cui avviene la riconsegna dei mobili e delle masserizie da parte del vettore marittimo) fino alla località di destinazione; - il quintalaggio trasportato suddividendo quello relativo ai mobili e alle masserizie (40 quintali) da quello complessivamente spettante per il bagaglio personale e per i componenti del nucleo familiare conviventi ed a carico del capofamiglia; 4.6.f. Elenco dei documenti da produrre per aver diritto al rimborso spese relative al trasporto dei mobili e delle masserizie In relazione a tutto quanto precede, il dipendente che intenda ottenere il rimborso delle spese sostenute per il trasporto del mobili e delle masserizie da o per l estero dovrà, rispettivamente, inoltrare - tramite lettera di trasmissione del Comando/Ente di appartenenza all Ufficio Amministrazioni Speciali o all Ente/Comando di appartenenza la sottonotata documentazione, firmata per esteso a margine per presa conoscenza e corredata da un istanza di rimborso conforme al modello allegato n. 2: - dispaccio di trasferimento (L.642/6l) e/o ordine di missione (R.D. 941/26); - tabella di tramutamento (mod. DP/6553), rilasciata in caso di trasporto dei mobili e delle masserizie per l estero dall Ente/Comando di appartenenza in territorio nazionale o, in caso di rientro dall estero dall Organismo o Rappresentanza Estera; - autorizzazione al trasporto dei mobili e delle masserizie per via ordinaria, quando il percorso sia servito da ferrovia, rilasciata per o dall estero, rispettivamente, dagli stessi Comandi di cui al precedente alinea; - fattura originale della Ditta che ha effettuato il trasporto (contenente le indicazioni riportate al punto 9 della presente circolare). Qualora la fattura risultasse emessa in lingua straniera dovrà essere munita della relativa traduzione in lingua italiana;

" #! $%&'"!!($"'"%% )!* * +,! (!!*!*-!./ * &)!*!*! *!! &$!!!!*!*! &*! 0** &,. & &(2!!* 3*! & 4 )!* + 3 5 3 55 3 5 &! (( " "16!!

 #! $%&'!!($'%% )!* * +,! (!!*!*-!./ * &)!*!*! *!! &$!!!!*!*! &*! 0** &,. & &(2!!* 3*! & 4 )!* + 3 5 3 55 3 5 &! ((  16!! !! " #! $%&'"!!($"'"%% )!* * +,! (!!*!*-!./ * &)!*!*! *!! &$!!!!*!*! &*! 0** &,. & &1 &(2!!* 3*! & 4 )!* + 3 5 3 55 3 5 &! (( " "16!! "*3 "7 " " 8 & "(9!06 6 6!!* & "2 *!*(( " % 3 ( :! 6 " 4 ) ( 6 ) ;!

Dettagli

durata aventi diritto

durata aventi diritto IL TRATTAMENTO ECONOMICO DI TRASFERIMENTO SPETTANTE AL PERSONALE MILITARE E CIVILE DELLA DIFESA VINCOLATO DA RAPPORTO D IMPIEGO DIRITTO ALL INDENNITA Compete al personale trasferito d autorità da una ad

Dettagli

REGOLAMENTO DI ATENEO PER LE MISSIONI DEL PERSONALE IUAV (modificato con decreto rettorale 24 marzo 2006, n. 452) INDICE

REGOLAMENTO DI ATENEO PER LE MISSIONI DEL PERSONALE IUAV (modificato con decreto rettorale 24 marzo 2006, n. 452) INDICE REGOLAMENTO DI ATENEO PER LE MISSIONI DEL PERSONALE IUAV (modificato con decreto rettorale 24 marzo 2006, n. 452) INDICE Articolo 1 (Ambito di applicazione) Articolo 2 (Incarico della missione) Articolo

Dettagli

REGOLAMENTO MISSIONI E RIMBORSI SPESE IN ITALIA E ALL ESTERO

REGOLAMENTO MISSIONI E RIMBORSI SPESE IN ITALIA E ALL ESTERO REGOLAMENTO MISSIONI E RIMBORSI SPESE IN ITALIA E ALL ESTERO Personale dipendente Personale comandato (incluso il personale ex IRRE) Collaboratori con contratto di collaborazione coordinata e continuativa

Dettagli

CIRCOLARE N. 10. Dipartimenti regionali. Agli Uffici di Gabinetto degli On.li Assessori regionali

CIRCOLARE N. 10. Dipartimenti regionali. Agli Uffici di Gabinetto degli On.li Assessori regionali Repubblica Italiana Regione Siciliana Assessorato dell Economia Dipartimento Regionale Bilancio e Tesoro RAGIONERIA GENERALE DELLA REGIONE SERVIZIO VIGILANZA Via Notarbartolo, 17 90141 Palermo Telefono

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PERUGIA REGOLAMENTO DELLE MISSIONI

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PERUGIA REGOLAMENTO DELLE MISSIONI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PERUGIA REGOLAMENTO DELLE MISSIONI ART. 1 AMBITO DI APPLICAZIONE 1. Il presente regolamento disciplina lo svolgimento delle missioni da parte del personale dipendente dell Università

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MESSINA

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MESSINA UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MESSINA REGOLAMENTO PER LE MISSIONI DEL PERSONALE DOCENTE E TECNICO AMMINISTRATIVO (D.R. n.430 del 16 marzo 2004) Art. 1 OBIETTIVI E SCOPI 1. Lo svolgimento delle missioni da

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE TRASFERTE E RIMBORSO SPESE SOSTENUTE DAI DIPENDENTI

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE TRASFERTE E RIMBORSO SPESE SOSTENUTE DAI DIPENDENTI REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE TRASFERTE E RIMBORSO SPESE SOSTENUTE DAI DIPENDENTI Approvato con deliberazione della Giunta Provinciale n. 26 del 27.02.2008 N.B. Vedi anche : 1 - Deliberazione Giunta

Dettagli

Circolare F.L. 2/2013

Circolare F.L. 2/2013 Circolare F.L. 2/2013 AI SIGG. PREFETTI DELLA REPUBBLICA LORO SEDI AI SIGG. COMMISSARI DEL GOVERNO NELLE PROVINCE DI TRENTO E BOLZANO AL SIG. PRESIDENTE DELLA REGIONE AUTONOMA DELLA VALLE D'AOSTA SERVIZI

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DELL INSUBRIA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DELL INSUBRIA Art. 1 - Ambito di applicazione REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE MISSIONI DI SERVIZIO 1. Per missione si intende la prestazione di una attività nell interesse istituzionale dell Ateneo, fuori dall abituale

Dettagli

Rimborso spese di trasporto a mezzo ferrovia

Rimborso spese di trasporto a mezzo ferrovia IL TRATTAMENTO ECONOMICO DI MISSIONE SPETTANTE AL PERSONALE MILITARE DELLA DIFESA VINCOLATO DA RAPPORTO D IMPIEGO ALLA LUCE DEL D.P.R 16 APRILE 2009, N. 52. N.B. LA PRESENTE GUIDA ESCLUDE, IL PERSONALE

Dettagli

Università degli Studi di Torino

Università degli Studi di Torino Università degli Studi di Torino Direttore Amministrativo Vicario DECRETO RETTORALE N. 57 DEL 30/1/2004 OGGETTO: MODIFICA ART. 5 DEL REGOLAMENTO MISSIONI IL RETTORE Vista la legge 9 maggio 1989, n. 168,

Dettagli

Il Caso della settimana

Il Caso della settimana N. 15 del 20.04.2012 Il Caso della settimana A cura di Edoardo Martini I rimborsi spese a dipendenti ed amministratori per utilizzo auto personale La società ALFA s.r.l., per lo svolgimento della propria

Dettagli

Regolamento sul trattamento di missione del personale dipendente dell INFN sul territorio nazionale

Regolamento sul trattamento di missione del personale dipendente dell INFN sul territorio nazionale Regolamento sul trattamento di missione del personale dipendente dell INFN sul territorio nazionale Allegato alla delibera del Consiglio Direttivo n. 9941 del 20 dicembre 2006 Regolamento missioni sul

Dettagli

RIMBORSI E TRASFERTE

RIMBORSI E TRASFERTE Studio Associato Diana di Mauro Sottili e Angelo Pizzocri Consulenza del lavoro Crema, Giugno 2008 RIMBORSI E TRASFERTE DIPENDENTI - COLLABORATORI - AMMINISTRATORI Caratteristiche rimborsi e trasferte

Dettagli

Rev. 6 del 20.04.2012 - Reg. missioni. - Prete. REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE MISSIONI DEL PERSONALE DELLA PROVINCIA DI BRINDISI

Rev. 6 del 20.04.2012 - Reg. missioni. - Prete. REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE MISSIONI DEL PERSONALE DELLA PROVINCIA DI BRINDISI REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE MISSIONI DEL PERSONALE DELLA PROVINCIA DI BRINDISI Approvato con deliberazione di Giunta Provinciale n. 74 del 25/5/2012 1 INDICE Art.1 Oggetto del regolamento....3

Dettagli

Regolamento per la disciplina delle missioni e del rimborso delle spese sostenute dagli Amministratori comunali

Regolamento per la disciplina delle missioni e del rimborso delle spese sostenute dagli Amministratori comunali COMUNE DI OULX Regolamento per la disciplina delle missioni e del rimborso delle spese sostenute dagli Amministratori comunali approvato con deliberazione C.C. n. 15 del 11.05.2005 in vigore dal 12.06.2005

Dettagli

Università Ca Foscari Venezia REGOLAMENTO DI ATENEO PER LE MISSIONI

Università Ca Foscari Venezia REGOLAMENTO DI ATENEO PER LE MISSIONI Consiglio di Amministrazione del 24 settembre 2001 ALLEGATO al punto V - REGOLAMENTO DI ATENEO PER LE MISSIONI Università Ca Foscari Venezia REGOLAMENTO DI ATENEO PER LE MISSIONI ART. 1 OBIETTIVI E SCOPI

Dettagli

REGOLAMENTO DELLE MISSIONI E DEI RIMBORSI SPESE

REGOLAMENTO DELLE MISSIONI E DEI RIMBORSI SPESE REGOLAMENTO DELLE MISSIONI E DEI RIMBORSI SPESE (approvato nella seduta del Consiglio Direttivo del 27 novembre 2012) Indice 1) Oggetto e ambito di applicazione 2) Definizioni 3) Autorizzazione a svolgere

Dettagli

CIRCOLARE MONOGRAFICA N. 1563 22 LUGLIO 2009 RIMBORSI SPESE AGLI AMMINISTRATORI

CIRCOLARE MONOGRAFICA N. 1563 22 LUGLIO 2009 RIMBORSI SPESE AGLI AMMINISTRATORI CIRCOLARE MONOGRAFICA N. 1563 22 LUGLIO 2009 RIMBORSI SPESE AGLI AMMINISTRATORI Regime fiscale di Roberta Braga I rimborsi spese erogati agli amministratori sono sottoposti ad un regime differenziato a

Dettagli

RIMBORSI E TRASFERTE

RIMBORSI E TRASFERTE Studio Associato Diana di Mauro Sottili e Angelo Pizzocri Consulenza del lavoro Crema, Gennaio 2014 RIMBORSI E TRASFERTE DIPENDENTI - COLLABORATORI - AMMINISTRATORI Caratteristiche rimborsi e trasferte

Dettagli

Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali

Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali INTERPELLO N. 24/2010 Roma, 9 giugno 2010 Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali DIREZIONE GENERALE PER L ATTIVITÀ ISPETTIVA Alla CONFAPI Via della Colonna Antonina n. 52 00186 Roma Prot. 25/I/0010267

Dettagli

MINISTERO DELLA DIFESA

MINISTERO DELLA DIFESA Circolare Missioni Personale Civile. 2010 M_D GCIV prot. data 0070234 20/09/2010 Div.11 PARTENZA MINISTERO DELLA DIFESA DIREZIONE GENERALE PER IL PERSONALE CIVILE IV Reparto 11^ Divisione 2^ Sezione Dr.

Dettagli

CIRCOLARE N. 14/E. OGGETTO: Legge 30 dicembre 2010, n. 238 - Incentivi fiscali per il rientro dei lavoratori in Italia - Chiarimenti interpretativi

CIRCOLARE N. 14/E. OGGETTO: Legge 30 dicembre 2010, n. 238 - Incentivi fiscali per il rientro dei lavoratori in Italia - Chiarimenti interpretativi CIRCOLARE N. 14/E Direzione Centrale Normativa Settore Imposte sui Redditi e sulle Attività Produttive Ufficio Redditi Fondiari e di Lavoro Roma, 04 maggio 2012 Alle Direzioni regionali e provinciali Agli

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL TRATTAMENTO DI MISSIONE DEL PERSONALE DI ARPA PIEMONTE

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL TRATTAMENTO DI MISSIONE DEL PERSONALE DI ARPA PIEMONTE REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL TRATTAMENTO DI MISSIONE DEL PERSONALE DI ARPA PIEMONTE Art. 1 - Oggetto CAPO I PRINCIPI GENERALI 1. Il presente regolamento, nel rispetto dei principi stabiliti in materia

Dettagli

DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE 6 giugno 2011, n. 631. b. dell art. 35 CCNL delle Regioni e delle Autonomie

DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE 6 giugno 2011, n. 631. b. dell art. 35 CCNL delle Regioni e delle Autonomie 17792 Atti di Organi monocratici regionali DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE 6 giugno 2011, n. 631 Disciplina per il trattamento di trasferta co. 6, art. 11, della Legge regionale 4 gennaio

Dettagli

TRASFERTE, RIMBORSO SPESE, DEDUCIBILITA

TRASFERTE, RIMBORSO SPESE, DEDUCIBILITA TRASFERTE, RIMBORSO SPESE, DEDUCIBILITA I lavoratori che, recandosi fuori sede per ragioni di servizio, sostengono spese connesse con l esecuzione del loro lavoro hanno diritto di ricevere dall impresa

Dettagli

REGOLAMENTO DELLE MISSIONI IN ITALIA E ALL ESTERO

REGOLAMENTO DELLE MISSIONI IN ITALIA E ALL ESTERO REGOLAMENTO DELLE MISSIONI IN ITALIA E ALL ESTERO INDICE Articolo 1 Ambito di applicazione Articolo 2 Autorizzazione della missione Articolo 3 Provvedimento di autorizzazione Articolo 4 Durata della missione

Dettagli

MINISTERO DELLA DIFESA DIREZIONE GENERALE PER IL PERSONALE MILITARE Viale dell Esercito, 186 00143 ROMA

MINISTERO DELLA DIFESA DIREZIONE GENERALE PER IL PERSONALE MILITARE Viale dell Esercito, 186 00143 ROMA MINISTERO DELLA DIFESA DIREZIONE GENERALE PER IL PERSONALE MILITARE Viale dell Esercito, 186 00143 Prot. n. M D GMIL IV 15 0348596 Roma 3 agosto 2009 PDC: Col. Giovanni SANTORELLI tel.: 5.0440 (06517050440)

Dettagli

TRASFERTE NAZIONALI ED ESTERE DEL PERSONALE DI LIVELLO 1-7 E QUADRO (* )

TRASFERTE NAZIONALI ED ESTERE DEL PERSONALE DI LIVELLO 1-7 E QUADRO (* ) TRASFERTE NAZIONALI ED ESTERE DEL PERSONALE DI LIVELLO 1-7 E QUADRO (* ) NOZIONE DI TRASFERTA Si considerano in trasferta i dipendenti chiamati per motivi di servizio ad operare provvisoriamente fuori

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE TRASFERTE AL PERSONALE DIPENDENTE

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE TRASFERTE AL PERSONALE DIPENDENTE REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE TRASFERTE AL PERSONALE DIPENDENTE Art. 1 - Oggetto del regolamento 1. Il presente regolamento ha per oggetto la disciplina del trattamento di trasferta e dei rimborsi

Dettagli

REGOLAMENTO INTERNO DELLE MISSIONI DELL UNIVERSITÀ DELLA VALLE D AOSTA UNIVERSITÉ DE LA VALLÉE D AOSTE

REGOLAMENTO INTERNO DELLE MISSIONI DELL UNIVERSITÀ DELLA VALLE D AOSTA UNIVERSITÉ DE LA VALLÉE D AOSTE Emanato con Decreto Rettorale n. 50, prot. n. 2129/A13 del 16 giugno 2003 e s.m. e i. (D.R. n. 8, prot. n. 465/A3 del 21 gennaio 2010 e D.R. n. 88, prot. n. 6626/I3, del 24 luglio 2015). REGOLAMENTO INTERNO

Dettagli

TRATTAMENTO FISCALE DI MISSIONI E RIMBORSI SPESE

TRATTAMENTO FISCALE DI MISSIONI E RIMBORSI SPESE TRATTAMENTO FISCALE DI MISSIONI E RIMBORSI SPESE Si riporta di seguito una sintesi delle principali disposizioni normative riguardanti il trattamento di missione e i rimborsi spese. Per maggiori dettagli

Dettagli

VADEMECUM TRAFERIMENTO ALL ESTERO

VADEMECUM TRAFERIMENTO ALL ESTERO VADEMECUM TRAFERIMENTO ALL ESTERO Guida pratica al trasferimento (Cosa fare ed a quale Ufficio rivolgersi per il corretto e celere adempimento dell iter procedurale relativo al servizio all estero). Il

Dettagli

Regolamento sulla disciplina dei rimborsi spese e delle trasferte in Italia ed all'estero dei componenti degli Organi camerali

Regolamento sulla disciplina dei rimborsi spese e delle trasferte in Italia ed all'estero dei componenti degli Organi camerali Regolamento sulla disciplina dei rimborsi spese e delle trasferte in Italia ed all'estero dei componenti degli Organi camerali Approvato con delibera della Giunta camerale n. 58 dd. 16.04.2012 Pubblicato

Dettagli

ISTITUTO AUTONOMO PER LE CASE POPOLARI DELLA PROVINCIA DI FOGGIA

ISTITUTO AUTONOMO PER LE CASE POPOLARI DELLA PROVINCIA DI FOGGIA ALLEGATO A ISTITUTO AUTONOMO PER LE CASE POPOLARI DELLA PROVINCIA DI FOGGIA REGOLAMENTO TRATTAMENTO DI MISSIONE DELIBERA DEL COMMISSARIO STRAORDINARIO N. 13 DEL 25.1.2011 Premessa Il presente regolamento

Dettagli

Oggetto: trattamento tributario delle indennità e rimborsi spese erogati ai dipendenti e collaboratori

Oggetto: trattamento tributario delle indennità e rimborsi spese erogati ai dipendenti e collaboratori A tutti i nostri clienti Loro indirizzi Bolzano, 01 agosto 2012 Oggetto: trattamento tributario delle indennità e rimborsi spese erogati ai dipendenti e collaboratori Gentili clienti, con la presente circolare

Dettagli

INDENNITA DI TRASFERTA RIMBORSI SPESE - DIARIE. Cervignano - 13 novembre 2013 Dott. Giorgio Zerio

INDENNITA DI TRASFERTA RIMBORSI SPESE - DIARIE. Cervignano - 13 novembre 2013 Dott. Giorgio Zerio INDENNITA DI TRASFERTA RIMBORSI SPESE - DIARIE Cervignano - 13 novembre 2013 Dott. Giorgio Zerio Normativa e prassi Art.51 e 95 D.P.R. 22.12.1986 n. 917; Circ. Ag. Entrate 18.06.2011, n. 57; Circ. Ag.

Dettagli

8.1. Trasferte dei dipendenti

8.1. Trasferte dei dipendenti 8.1. Trasferte dei dipendenti Capitolo 8 TRASFERTE La disciplina normativa delle indennità e dei rimborsi spese che il datore di lavoro corrisponde al dipendente quando quest ultimo svolge la propria prestazione

Dettagli

COMUNE DI SANSEPOLCRO

COMUNE DI SANSEPOLCRO COMUNE DI SANSEPOLCRO REGOLAMENTO PER LE MISSIONI DEGLI AMMINISTRATORI COMUNALI Approvato con delibera del Consiglio comunale n. 231 del 23.12.1991 Modificato con delibera del Consiglio comunale n. 10

Dettagli

DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA CIVILE E AMBIENTALE

DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA CIVILE E AMBIENTALE DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA CIVILE E AMBIENTALE F.A.Q. MISSIONI DEFINIZIONE DI MISSIONE (art. 2.1 del Regolamento Missioni) 1. COSA SI INTENDE PER MISSIONE? Per missione si intende il trasferimento temporaneo

Dettagli

Università degli Studi di Palermo

Università degli Studi di Palermo REGOLAMENTO PER IL TRATTAMENTO DI MISSIONE Testo approvato dal C. d. A. nella seduta del 20 luglio 2010 Art. 1 OBIETTIVI E SCOPI 1. Il presente regolamento disciplina le modalità amministrative per l autorizzazione

Dettagli

Direzione Centrale Supporto alla Gestione delle Risorse Ufficio Monitoraggio Risorse e Ragioneria della S.A.C. Il Direttore

Direzione Centrale Supporto alla Gestione delle Risorse Ufficio Monitoraggio Risorse e Ragioneria della S.A.C. Il Direttore Allegato alla Circolare n. 24 /2011 Direzione Centrale Supporto alla Gestione delle Risorse Ufficio Monitoraggio Risorse e Ragioneria della S.A.C. Il Direttore n. Reg. Mo.R.Ra. 308/2011 Roma, 22 luglio

Dettagli

CIRCOLARE N. 51/E. Roma, 28 novembre 2011 OGGETTO :

CIRCOLARE N. 51/E. Roma, 28 novembre 2011 OGGETTO : CIRCOLARE N. 51/E Roma, 28 novembre 2011 Direzione Centrale Normativa Settore Fiscalità Internazionale e Agevolazioni Ufficio Agevolazioni Fiscali OGGETTO : Articolo 1 del decreto-legge 13 maggio 2011,

Dettagli

REGOLE PER IL PERSONALE IN MISSIONE

REGOLE PER IL PERSONALE IN MISSIONE REGOLE PER IL PERSONALE IN MISSIONE Normativa attinente ad aree sensibili relative al D.Lgs. 231/01 Area di rischio: Reati contro PA Protocolli: Gestione delle procedure acquisitive dei beni, servizi e

Dettagli

La normativa delle missioni in Italia e all estero

La normativa delle missioni in Italia e all estero La normativa delle missioni in Italia e all estero Trattamento di Missione in Italia Fondamentalmente il trattamento di missione è regolato dalla L. 836 del 18/12/1973 e successive modificazioni, nonché

Dettagli

CIRCOLARE N. 51/E. Prot.: 166468 / 2011 Alle Direzioni regionali e provinciali

CIRCOLARE N. 51/E. Prot.: 166468 / 2011 Alle Direzioni regionali e provinciali CIRCOLARE N. 51/E Roma, 28 novembre 2011 Direzione Centrale Normativa Settore Fiscalità Internazionale e Agevolazioni Ufficio Agevolazioni Fiscali Prot.: 166468 / 2011 Alle Direzioni regionali e provinciali

Dettagli

SPAZIANI & LONGO ASSOCIATI

SPAZIANI & LONGO ASSOCIATI Circolare 03/2006 del 13 febbraio 2006 Trasferte dei dipendenti ed Amministratori In relazione all argomento di cui in oggetto, considerando che la sua disciplina fiscale risulta di non facile lettura

Dettagli

Comune di Figino Serenza Provincia di Como REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE TRASFERTE E RIMBORSO SPESE VIAGGIO SOSTENUTE DAI DIPENDENTI

Comune di Figino Serenza Provincia di Como REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE TRASFERTE E RIMBORSO SPESE VIAGGIO SOSTENUTE DAI DIPENDENTI Comune di Figino Serenza Provincia di Como REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE TRASFERTE E RIMBORSO SPESE VIAGGIO SOSTENUTE DAI DIPENDENTI IN VIGORE DAL 01.06.2012 INDICE Premessa Art. 1 Oggetto del regolamento

Dettagli

Emittente: Direzione Centrale Personale

Emittente: Direzione Centrale Personale REGOLE PER IL PERSONALE IN MISSIONE Normativa attinente ad aree sensibili relative al D.Lgs. 231/01 Area di rischio: Reati contro PA Protocolli: Gestione delle procedure acquisitive dei beni, servizi e

Dettagli

TRATTAMENTO ECONOMICO PER LE MISSIONI ALL ESTERO

TRATTAMENTO ECONOMICO PER LE MISSIONI ALL ESTERO Area amministrazione e gestione delle risorse finanziarie Ufficio Controllo e Verifiche sulla gestione del bilancio delle istituzioni scolastiche Corso Ferrucci n. 3 10138 Torino TEL. 011/5163611 TRATTAMENTO

Dettagli

1. NUOVE MODALITA DI ACCERTAMENTO DEI PERIODI DI SOGGIORNO IN SEDE DEI FAMILIARI A CARICO DEL PERSONALE IN SERVIZIO ALL ESTERO

1. NUOVE MODALITA DI ACCERTAMENTO DEI PERIODI DI SOGGIORNO IN SEDE DEI FAMILIARI A CARICO DEL PERSONALE IN SERVIZIO ALL ESTERO C/X/63 DIREZIONE GENERALE PER GLI AFFARI AMMINISTRATIVI, DI BILANCIO E IL PATRIMONIO UFFICIO IV Roma, 27 dicembre 2004 Circolare n. 8 ================================ OGGETTO Maggiorazione per situazione

Dettagli

NOTA OPERATIVA N. 15/2015. OGGETTO: I rimborsi e le indennità di trasferta erogati dalle imprese ai dipendenti.

NOTA OPERATIVA N. 15/2015. OGGETTO: I rimborsi e le indennità di trasferta erogati dalle imprese ai dipendenti. NOTA OPERATIVA N. 15/2015 OGGETTO: I rimborsi e le indennità di trasferta erogati dalle imprese ai dipendenti. - Introduzione. È prassi comune quella di riconoscere rimborsi spese ai dipendenti che svolgono

Dettagli

VADEMECUM MISSIONI DEL PERSONALE STRUTTURATO AFFERENTE ALLE UADR DEL POLO (ESTRATTO DI NORMATIVE TECNICHE APPLICABILI)

VADEMECUM MISSIONI DEL PERSONALE STRUTTURATO AFFERENTE ALLE UADR DEL POLO (ESTRATTO DI NORMATIVE TECNICHE APPLICABILI) Pag. 1 di 11 VADEMECUM MISSIONI DEL PERSONALE STRUTTURATO AFFERENTE ALLE (ESTRATTO DI NORMATIVE TECNICHE APPLICABILI) Pag. 2 di 11 Indice 1. SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE 2. MODALITA OPERATIVE 2.1. DEFINIZIONI

Dettagli

TRATTAMENTI PENSIONISTICI DEL PERSONALE UNIVERSITARIO

TRATTAMENTI PENSIONISTICI DEL PERSONALE UNIVERSITARIO TRATTAMENTI PENSIONISTICI DEL PERSONALE UNIVERSITARIO Con circolare n.23 del 30.3.2004 l INPDAP ha diretto istruzioni alle Università aderenti alla sperimentazione liquidazione dei trattieni pensionistici.

Dettagli

AZIENDA SPECIALE TORINO INCONTRA Regolamento della gestione organizzativa e del personale

AZIENDA SPECIALE TORINO INCONTRA Regolamento della gestione organizzativa e del personale AZIENDA SPECIALE TORINO INCONTRA Regolamento della gestione organizzativa e del personale Articolo 1 Orario di lavoro 1. L orario normale di lavoro è di 40 ore settimanali corrispondenti a 8 ore al giorno

Dettagli

Comune di Legnaro Provincia di Padova

Comune di Legnaro Provincia di Padova Comune di Legnaro Provincia di Padova REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE TRASFERTE E RIMBORSO SPESE VIAGGIO SOSTENUTE DAI DIPENDENTI (Regolamento a latere del Regolamento sull Ordinamento Uffici e Servizi)

Dettagli

OGGETTO: Eventi sismici del 6 aprile 2009 - Ripresa degli adempimenti e dei versamenti

OGGETTO: Eventi sismici del 6 aprile 2009 - Ripresa degli adempimenti e dei versamenti CIRCOLARE N. 44/E Direzione Centrale Servizi ai contribuenti Roma, 13 agosto 2010 OGGETTO: Eventi sismici del 6 aprile 2009 - Ripresa degli adempimenti e dei versamenti 2 INDICE 1 Soggetti fuori cratere.

Dettagli

ISTITUTO TUMORI GIOVANNI PAOLO II

ISTITUTO TUMORI GIOVANNI PAOLO II ALLEGATO ALLA DELIBERAZIONE n. del REGOLAMENTO DELLA MISSIONE E DEL SERVIZIO FUORI SEDE Riferimenti normativi - Legge 18/12/1973 n. 836 e s.m.i. (trattamento economico di missione dei dipendenti dello

Dettagli

SINTESI NORMATIVA COMPENSI ED INDENNITA SPETTANTI AI COMPONENTI DEI COLLEGI REVISORILI

SINTESI NORMATIVA COMPENSI ED INDENNITA SPETTANTI AI COMPONENTI DEI COLLEGI REVISORILI Area amministrazione e gestione delle risorse finanziarie Ufficio Controllo e Verifica sulla Gestione del Bilancio delle Istituzioni Scolastiche Corso Ferrucci n. 3 10138 Torino ragioneria@scuole.piemonte.it

Dettagli

CIRCOLARE N. 9/E. Roma, 14 maggio 2014

CIRCOLARE N. 9/E. Roma, 14 maggio 2014 CIRCOLARE N. 9/E Direzione Centrale Normativa Direzione Centrale Servizi ai contribuenti Roma, 14 maggio 2014 OGGETTO: Art. 1 del decreto-legge 24 aprile 2014, n. 66 - Riduzione del cuneo fiscale per lavoratori

Dettagli

Lo scatto anticipato di Classe in caso di nascita di un figlio

Lo scatto anticipato di Classe in caso di nascita di un figlio Spunti sul trattamento economico e previdenziale del magistrato a partire dalla lettura della busta paga Abstract Nella prima parte di questo articolo si illustrano le varie voci della busta paga, dalle

Dettagli

COMUNE DI CAROVIGNO. Provincia di Brindisi. c.a.p. 72012 - Cod. Fisc. 81001790740 Tel. 0831.997249/997206/997240 - Fax 0831.995054

COMUNE DI CAROVIGNO. Provincia di Brindisi. c.a.p. 72012 - Cod. Fisc. 81001790740 Tel. 0831.997249/997206/997240 - Fax 0831.995054 COMUNE DI CAROVIGNO Provincia di Brindisi c.a.p. 72012 - Cod. Fisc. 81001790740 Tel. 0831.997249/997206/997240 - Fax 0831.995054 BANDO DI CONCORSO N. 3/2013 INDETTO AI SENSI DELLA LEGGE REGIONALE 20/12/1984,

Dettagli

Comune di Castelfiorentino

Comune di Castelfiorentino REGOLAMENTO PER LA DEFINIZIONE DELL INDICATORE DELLA SITUAZIONE ECONOMICA EQUIVALENTE (Approvato con Delibera del Consiglio Comunale n. 91 del 21.12.2001) ART. 1 OGGETTO DEL REGOLAMENTO 1 - Il presente

Dettagli

CIRCOLARE N. 17 Agli Enti di Patronato

CIRCOLARE N. 17 Agli Enti di Patronato ISTITUTO Roma lì, 23/05/2005 NAZIONALE DI PREVIDENZA PER I DIPENDENTI DELL'AMMINISTRAZIONE PUBBLICA Direzione Centrale Pensioni Ufficio I - Normativa e-mail: dctrattpensuff1@inpdap.it Ai Direttori delle

Dettagli

MINISTERO DELLA DIFESA DIREZIONE GENERALE PER IL PERSONALE CIVILE III Reparto 5^ Divisione 4^ Sezione

MINISTERO DELLA DIFESA DIREZIONE GENERALE PER IL PERSONALE CIVILE III Reparto 5^ Divisione 4^ Sezione Circolare Missioni Nazionali 2012. MINISTERO DELLA DIFESA DIREZIONE GENERALE PER IL PERSONALE CIVILE III Reparto 5^ Divisione 4^ Sezione Funz. Amm.vo Dr.ssa Luisa MUCCIACCIO tel. 06.4986.2557 fax 06.4986.2558

Dettagli

Paghe. La retribuzione delle ore di viaggio Fabio Pappalardo - Consulente del lavoro

Paghe. La retribuzione delle ore di viaggio Fabio Pappalardo - Consulente del lavoro La retribuzione delle ore di viaggio Fabio Pappalardo - Consulente del lavoro Il luogo della prestazione lavorativa è un elemento fondamentale del contratto di lavoro subordinato. Per quanto nella maggior

Dettagli

SPESE. Casi pratici e novità fiscali. Commissione Diritto Tributario

SPESE. Casi pratici e novità fiscali. Commissione Diritto Tributario TRASFERTE E RIMBORSI SPESE Sintesi della normativa Casi pratici e novità fiscali Sandro Botticelli Commissione Diritto Tributario Nazionale SOMMARIO Normativa e prassi di riferimento Le imprese e le varie

Dettagli

PREMESSE DESTINATARI DEI CONTRIBUTI

PREMESSE DESTINATARI DEI CONTRIBUTI Allegato alla Delib.G.R. n. 43/14 del 28.10.2014 Direttive per la presentazione dei programmi di attività, per la ripartizione delle risorse tra le organizzazioni professionali agricole regionali e per

Dettagli

Versione: 02 del 03/03/2006. Procedura Rimborso Spese Impiegati Quadri Dirigenti. Pag. 1 di 14

Versione: 02 del 03/03/2006. Procedura Rimborso Spese Impiegati Quadri Dirigenti. Pag. 1 di 14 RIMBORSO SPESE IMPIEGATI - QUADRI - DIRIGENTI Pag. 1 di 14 INDICE 1. GENERALITA... 3 2. RIMBORSO DELLE SPESE SOSTENUTE.... 3 2.1. Principi generali....3 2.2. Definizione della richiesta...3 2.3. Modalità

Dettagli

C CIRCOLARE N. 19/E. OGGETTO: Detrazione per gli abbonamenti ai mezzi di trasporto pubblici (art. 1, comma 309, legge n. 244 del 27 dicembre 2007).

C CIRCOLARE N. 19/E. OGGETTO: Detrazione per gli abbonamenti ai mezzi di trasporto pubblici (art. 1, comma 309, legge n. 244 del 27 dicembre 2007). C CIRCOLARE N. 19/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma,07 marzo 2008 OGGETTO: Detrazione per gli abbonamenti ai mezzi di trasporto pubblici (art. 1, comma 309, legge n. 244 del 27 dicembre

Dettagli

ART.2 NORMATIVA DI RIFERIMENTO

ART.2 NORMATIVA DI RIFERIMENTO AZIIENDA PER L ASSIISTENZA SANIITARIIA N.. 3 ALTO FRIIULII-COLLIINARE-MEDIIO FRIIULII REGOLAMENTO AZIENDALE DISCIPLINANTE IL TRATTAMENTO DI TRASFERTA INDICE ART.1 OGGETTO ART.2 NORMATIVA DI RIFERIMENTO

Dettagli

IL FISCO PER LA CRESCITA, MENO TASSE E ADEMPIMENTI, PIU «COMPLIANCE» in collaborazione con l Agenzia delle Entrate Direzione Regionale del Piemonte

IL FISCO PER LA CRESCITA, MENO TASSE E ADEMPIMENTI, PIU «COMPLIANCE» in collaborazione con l Agenzia delle Entrate Direzione Regionale del Piemonte 1 IL FISCO PER LA CRESCITA, MENO TASSE E ADEMPIMENTI, PIU «COMPLIANCE» in collaborazione con l Agenzia delle Entrate Direzione Regionale del Piemonte IL NUOVO REGIME AGEVOLATO PER I CONTRIBUENTI DI MINORI

Dettagli

REGOLAMENTO MISSIONI E RIMBORSO SPESE

REGOLAMENTO MISSIONI E RIMBORSO SPESE REGOLAMENTO MISSIONI E RIMBORSO SPESE 1. Ambito di applicazione e norme generali 1. Il presente Regolamento disciplina, compatibilmente con la legislazione vigente, presupposti, modalità di conferimento

Dettagli

Allegato A - ELENCO DOCUMENTAZIONE RICHIESTA PROGETTI DI RICERCA INDUSTRIALE E SVILUPPO PRECOMPETITIVO

Allegato A - ELENCO DOCUMENTAZIONE RICHIESTA PROGETTI DI RICERCA INDUSTRIALE E SVILUPPO PRECOMPETITIVO Allegato A - ELENCO DOCUMENTAZIONE RICHIESTA PROGETTI DI RICERCA INDUSTRIALE E SVILUPPO PRECOMPETITIVO 1) SPESE RENDICONTATE IN A) Personale Per le spese A.1 Personale dipendente i documenti richiesti

Dettagli

Il Trattamento di Fine Rapporto

Il Trattamento di Fine Rapporto Il Trattamento di Fine Rapporto Principi generali La Tassazione 1 Nozione di T.f.r. Riferimenti normativi Soggetti beneficiari Base imponibile Retribuzione Utile Periodi Utili Accantonamento Rivalutazione

Dettagli

Proventi distribuiti da un fondo comune d investimento mobiliare di diritto italiano ai sottoscrittori non residenti

Proventi distribuiti da un fondo comune d investimento mobiliare di diritto italiano ai sottoscrittori non residenti Proventi distribuiti da un fondo comune d investimento mobiliare di diritto italiano ai sottoscrittori non residenti di Mario Tommaso Buzzelli (*) Il regime di tassazione dei proventi erogati da fondi

Dettagli

RIMBORSI SPESE RIMBORSI SPESE A DIPENDENTI/COLLABORATORI

RIMBORSI SPESE RIMBORSI SPESE A DIPENDENTI/COLLABORATORI Spett.le DITTA/ SOCIETÀ CIRCOLARE n. CF 29/2009 Come comunicato con la circolare CC 02/2006, Vi rinnoviamo la segnalazione che nella nuova veste del nostro sito internet www.studiosinergie.it, sono costantemente

Dettagli

Dott. Massimiliano Teruggi. Studio Coda Zabetta, Mongiardini& Partners-Rag. Fabio Mongiardini, Dott. Massimiliano Teruggi

Dott. Massimiliano Teruggi. Studio Coda Zabetta, Mongiardini& Partners-Rag. Fabio Mongiardini, Dott. Massimiliano Teruggi RIMBORSI SPESE A DIPENDENTI/AMMINISTRATORI: TRATTAMENTO FISCALE E DOCUMENTAZIONE 1 Rimborso spese: Trasferta: Sededilavoro: Territorio comunale: Soggetti percettori: Definizioni somma di denaro corrisposta

Dettagli

CIRCOLARE N. 15/E. Roma, 14 aprile 2011

CIRCOLARE N. 15/E. Roma, 14 aprile 2011 CIRCOLARE N. 15/E Roma, 14 aprile 2011 Direzione Centrale Normativa Oggetto: Articolo 42, decreto-legge 31 maggio 2010, n. 78, convertito con modificazioni dalla legge 30 luglio 2010, n. 122 Reti di imprese

Dettagli

Linee guida ed esempi per il CTU

Linee guida ed esempi per il CTU SIMONETTI (approfondimento) 31-03-2008 14:18 Pagina 37 PROFESSIONI TECNICHE: L APPROFONDIMENTO Come determinare l onario, calcolare le spese, redigere la proposta di liquidazione Linee guida ed esempi

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DELL INSUBRIA Via Ravasi 2-21100 Varese

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DELL INSUBRIA Via Ravasi 2-21100 Varese REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE MISSIONI DI SERVIZIO Emanato con D.R. n. 6080 del 16.1.2004 Ultime modifiche apportate con D.R. Rep. n.1354/2013 dell 11/11/2013 In vigore dal 26/11/2013 REGOLAMENTO

Dettagli

LE AGEVOLAZIONI DEL RENT TO BUY DI ALLOGGI SOCIALI

LE AGEVOLAZIONI DEL RENT TO BUY DI ALLOGGI SOCIALI Fiscalità Edilizia LE AGEVOLAZIONI DEL RENT TO BUY DI ALLOGGI SOCIALI -DL 28 marzo 2014, n. 47, convertito con modifiche nella Legge 23 maggio 2014, n.80- Maggio 2015 1 Per sviluppare programmi di edilizia

Dettagli

Risoluzione n. 114/E

Risoluzione n. 114/E Risoluzione n. 114/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 23 maggio 2003 Oggetto: Istanza d interpello Articolo 11, legge 27 luglio 2000, n. 212. Fondo integrativo Sanitario Dirigenti delle

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEI RIMBORSI DELLE SPESE SOSTENUTE DAL PERSONALE DIPENDENTE INVIATO IN MISSIONE

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEI RIMBORSI DELLE SPESE SOSTENUTE DAL PERSONALE DIPENDENTE INVIATO IN MISSIONE I REGOLAMENTI PROVINCIALI: N. 59 PROVINCIA DI PADOVA REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEI RIMBORSI DELLE SPESE SOSTENUTE DAL PERSONALE DIPENDENTE INVIATO IN MISSIONE Approvato con D.G.P. in data 19.4.2012

Dettagli

FEDERAZIONE ITALIANA DI TIRO CON L'ARCO REGOLAMENTO, DISCIPLINA E TRATTAMENTO DELLE INDENNITA E RIMBORSI SPESE DI TRASFERTA

FEDERAZIONE ITALIANA DI TIRO CON L'ARCO REGOLAMENTO, DISCIPLINA E TRATTAMENTO DELLE INDENNITA E RIMBORSI SPESE DI TRASFERTA Premessa FEDERAZIONE ITALIANA DI TIRO CON L'ARCO DISCIPLINA INDENNITA E RIMBORSI FORFETTARI CORRISPOSTI NELL AMBITO DELL ESERCIZIO DIRETTO DELL ATTIVITA SPORTIVA DILETTANTISTICA La disciplina dei compensi

Dettagli

DETRAZIONI PER CANONI DI LOCAZIONE

DETRAZIONI PER CANONI DI LOCAZIONE capitolo DODICESIMO DETRAZIONI PER CANONI DI LOCAZIONE In questo capitolo si esamina e si approfondisce la detrazione spettante agli inquilini che hanno stipulato un contratto di locazione di un immobile

Dettagli

COMUNE DI GAETA (Provincia di Latina)

COMUNE DI GAETA (Provincia di Latina) COMUNE DI GAETA (Provincia di Latina) * * * * * REGOLAMENTO per il rimborso ai dipendenti delle spese sostenute in occasione di missioni fuori dal territorio comunale * * * * * (Approvato con deliberazione

Dettagli

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE Aggiornamento del 30 gennaio 2015 1. REGIME FISCALE DEI CONTRIBUTI I contributi versati al FOPEN dal 1^ gennaio 2007 sono deducibili dal reddito complessivo dell aderente per

Dettagli

BANDO PER IL FINANZIAMENTO DI PROGETTI FORMATIVI SPECIFICATAMENTE DEDICATI ALLE PICCOLE, MEDIE E MICRO IMPRESE

BANDO PER IL FINANZIAMENTO DI PROGETTI FORMATIVI SPECIFICATAMENTE DEDICATI ALLE PICCOLE, MEDIE E MICRO IMPRESE Allegato 9 BANDO PER IL FINANZIAMENTO DI PROGETTI FORMATIVI SPECIFICATAMENTE DEDICATI ALLE PICCOLE, MEDIE E MICRO IMPRESE in attuazione dell articolo 11, comma 1, lettera b) del d.lgs. 81/2008 e s.m.i.

Dettagli

TRATTAMENTO FISCALE DELLE TRASFERTE DEI DIPENDENTI E COLLABORATORI ED AMMINISTRATORI

TRATTAMENTO FISCALE DELLE TRASFERTE DEI DIPENDENTI E COLLABORATORI ED AMMINISTRATORI TRATTAMENTO FISCALE DELLE TRASFERTE DEI DIPENDENTI E COLLABORATORI ED AMMINISTRATORI Le trasferte per motivi di lavoro sono molto frequenti in quasi tutte le aziende a prescindere dalle loro dimensioni,

Dettagli

Roma, 03 dicembre 2008

Roma, 03 dicembre 2008 RISOLUZIONE N. 465/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 03 dicembre 2008 Oggetto: Determinazione della base imponibile per alcune imprese marittime (c.d. tonnage tax) Tassazione delle plusvalenze

Dettagli

INCARICHI DI LAVORO AUTONOMO A PERSONALE ESTERNO ALL ATENEO. a cura dell'ufficio Attività e Collaborazioni Esterne 1

INCARICHI DI LAVORO AUTONOMO A PERSONALE ESTERNO ALL ATENEO. a cura dell'ufficio Attività e Collaborazioni Esterne 1 INCARICHI DI LAVORO AUTONOMO A PERSONALE ESTERNO ALL ATENEO Collaborazioni Esterne 1 PROCEDURA DI ACCESSO L Università degli Studi di Milano- Bicocca, a seguito di procedura pubblica di selezione, può

Dettagli

Riferimenti normativi. Schema

Riferimenti normativi. Schema Tema n. 25 Il candidato esamini la disciplina dell imposta regionale sulle attività produttive (IRAP) e accenni ai dubbi di incompatibilità dell imposta con la normativa comunitaria Riferimenti normativi

Dettagli

INPDAP DIREZIONE CENTRALE PRESTAZIONI PREVIDENZIALI Via C. Colombo, 44-00147 ROMA

INPDAP DIREZIONE CENTRALE PRESTAZIONI PREVIDENZIALI Via C. Colombo, 44-00147 ROMA INPDAP DIREZIONE CENTRALE PRESTAZIONI PREVIDENZIALI Via C. Colombo, 44-00147 ROMA Roma. 17 febbraio 1997 UFFICIO IV Prot. 63486 ALLE SEDI PERIFERICHE I.N.P.D.A.P. A TUTTI GLI ENTI CON PERSONALE ISCRITTO

Dettagli

Allegato 1) alla deliberazione del Consiglio camerale n. 5 del 21 aprile 2015

Allegato 1) alla deliberazione del Consiglio camerale n. 5 del 21 aprile 2015 Allegato 1) alla deliberazione del Consiglio camerale n. 5 del 21 aprile 2015 Regolamento sulla disciplina delle trasferte in Italia ed all'estero dei componenti gli organi camerali e dei soggetti autorizzati

Dettagli

Le prestazioni per gli iscritti alla gestione separata dei lavoratori parasubordinati

Le prestazioni per gli iscritti alla gestione separata dei lavoratori parasubordinati Le prestazioni per gli iscritti alla gestione separata dei lavoratori parasubordinati Pensione di vecchiaia Con almeno 57 anni, sia uomini che donne possono conseguire la pensione di vecchiaia. Si prescinde

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE MISSIONI E DEI RIMBORSI DELLE SPESE DI VIAGGIO E SOGGIORNO SOSTENUTE DAGLI AMMINISTRATORI E DIPENDENTI COMUNALI

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE MISSIONI E DEI RIMBORSI DELLE SPESE DI VIAGGIO E SOGGIORNO SOSTENUTE DAGLI AMMINISTRATORI E DIPENDENTI COMUNALI REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE MISSIONI E DEI RIMBORSI DELLE SPESE DI VIAGGIO E SOGGIORNO SOSTENUTE DAGLI AMMINISTRATORI E DIPENDENTI COMUNALI Art.1 Oggetto del regolamento 1. Il presente regolamento

Dettagli

Ministero delle Finanze Circolare del 7 febbraio 1997, n. 29/E

Ministero delle Finanze Circolare del 7 febbraio 1997, n. 29/E Ministero delle Finanze Circolare del 7 febbraio 1997, n. 29/E T.U. DIRETTE - REDDITO DA LAVORO DIPENDENTE - COMPENSI IN NATURA - DETERMINAZIONE - FRINGE BENEFITS L'articolo 3, sesto comma, della Legge

Dettagli