Il traffico di documenti è la chiave d accesso delle organizzazioni criminali nell Unione Europea.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Il traffico di documenti è la chiave d accesso delle organizzazioni criminali nell Unione Europea."

Transcript

1 Il traffico di documenti è la chiave d accesso delle organizzazioni criminali nell Unione Europea. I traffici di visti commessi tra il 1995 e il 1997 all Ambasciata del Belgio a Sofia, dei quali la Procura di Bruxelles è stata informata dieci anni fa, arrivano al processo questo 1 dicembre 2008, h 8:30, Tribunale Penale di Bruxelles, Place Poelaert 1, 51esima Kamer. Myrianne Coen, PhD alla Sorbona (Francia), Cultore della materia presso la Facoltà di Relazioni Internazionali dell Università di Firenze (Italia) e attualmente Consigliere d Ambasciata (Belgio), nel 1995 Primo Segretario d Ambasciata, è nominata come Prima Aggiunta dell Ambasciatore all Ambasciata del Belgio a Sofia. Appena arrivata a Sofia nota malversazioni, specialmente traffici di visti commessi nella suddetta Ambasciata, che segnala immediatamente alle gerarchie del Ministero belga degli Affari Esteri e successivamente alla Procura di Bruxelles. Da quel momento viene sottoposta a mobbing amministrativo da parte del Ministero. È stata cambiata di ruolo sette volte in sei anni 1 e inoltre dal 2001 non le viene permesso di ricoprire le funzioni diplomatiche che secondo lo Statuto le spetterebbero. Tali sconvolgimenti hanno come conseguenza un certificato medico di protezione contro il mobbing. I danni finanziari diretti di più di dieci anni di maltrattamento, i costi della perdita di stipendio, di vantaggi di carriera e di promozioni ammontano attualmente a più di mezzo milione di euro. Nell introdurre la costituzione di parte civile a Bruxelles nel 1996, Myrianne Coen aveva come obiettivo richiedere protezione contro intimidazioni criminali commesse a suo danno e proteggere i cittadini belgi e europei contro i soprusi di potenti associazioni criminali transnazionali. Il rifiuto del Ministero belga degli Affari Esteri di collaborare alle inchieste giudiziarie e le manipolazioni effettuate da più magistrati e poliziotti durante le inchieste hanno oggi come conseguenze un omertà profonda nel Paese. Flussi incontrollati di immigrazione illegale, una criminalità straniera crescente e lo sviluppo di nuovi movimenti di estrema destra sono il prezzo che paga l Unione Europea per questa protezione istituzionale dalla criminalità organizzata. 1 Sofia (1995) BXL (1997) Oslo/Conseiller d ambassade, sur ordre de la Cour d appel de BXL (1998) Rome/NDC/deux fonctions différentes (2001) Rome/CEMISS (2003) BXL(2004).

2 Successione dei fatti 1995/2008 Per le organizzazioni criminali il traffico di documenti è strumento indispensabile per circolare liberamente attraverso le frontiere degli Stati europei membri dell accordo Schengen. Il rapporto annuale 2003 del Comitato Permanente di Controllo dei Servizi di Informazione (Comitato R) e alcuni rapporti del Parlamento (tra quali il rapporto della sottocommissione sulla tratta degli esseri umani, gennaio 2003, e il rapporto delle commissioni di monitoraggio del Comitato R, giugno 2004) confermano l esistenza di traffici di documenti a Sofia e in altre ambasciate belghe. Per i cittadini europei questi traffici hanno come conseguenza l insediamento di potenti organizzazioni criminali che operano in tutta Europa. Per esempio, la mafia bulgara ha il completo controllo sul settore della tratta degli esseri umani e nel settore della prostituzione. La tattica utilizzata da un gruppo di funzionari del Ministero belga degli Affari Esteri per proteggere da più di dieci anni i responsabili di questi traffici criminali è stata costruita sulla base di una successione di atteggiamenti: A) Nel Myrianne Coen, allora Primo Segretario Aggiunto dell Ambasciata belga a Sofia, informa le autorità giudiziarie dell esistenza di traffici di visti e di altri crimini commessi da funzionari della suddetta ambasciata. Domanda alle sue gerarchie un inchiesta interna e protezione contro le intimidazioni criminali alle quali è sottoposta. Per screditarla l Ambasciatore mette in dubbio per iscritto, con quelle stesse autorità, il suo equilibrio mentale. I funzionari del Ministero belga degli Affari Esteri sono informati dal Magistrato Nazionale 2 sulla situazione criminale a Sofia. Tuttavia non rispondono ad alcuna delle lettere della diplomatica e, su questa base, omettono di indagare come in un tale contesto s imporrebbe. Iniziano così la strategia di accecamento volontario 3 dietro alla quale, da allora, nascondono le 2 Ce dernier fait limiter les détournements de fonds en cours à Sofia sur base de manipulation des cours de change (1995); des réunions ont lieu, et des rapports sur base des informations communiquées par la diplomate à Sofia sont établis (notamment par l Office des Etrangers, communiqué au Ministère des Affaires Etrangères, 1996) concernant les trafics de visas dans cette Ambassade. 3 Nel diritto penale canadese, l accecamento volontario, disposizione particolarmente utile in materie di indagine contro membri di organizzazioni criminali infiltrati nelle imprese o nelle istituzioni, determina che la persona che è responsabile di un settore e ha fatto la scelta di non informarsi sugli indizi di crimini commessi nel campo delle sue competenze, assume una responsabilità dei fatti criminosi commessi con una gravità quasi equivalente a quella dell autore materiale dei fatti.

3 loro responsabilità. B) Nel marzo 1997 Myrianne Coen viene rinvenuta senza conoscenza nell Ambasciata del Belgio a Sofia. Senza un minimo di inchiesta sui fatti e sulle circostanze, funzionari del Ministero degli Affari Esteri danno ordine immediato di rimpatriarla. Questa manovra sortisce un duplice effetto: impedire alla diplomatica l accesso alle prove dei crimini commessi nell Ambasciata e permettere ai responsabili dei delitti, ancora sul posto, di manipolare o far sparire i documenti compromettenti. C) Funzionari qualificano tentato suicidio questi fatti sui quali non hanno in alcun modo indagato e, sulla base di questa interpretazione organizzata, utilizzano le conoscenze dell Ambasciatore (responsabile dell Ambasciata e dunque dei traffici criminali ivi commessi) per far dichiarare la diplomatica folle tramite decreto ministeriale (sic!). Questa interpretazione organizzata sul preteso stato di follia ha come principale obiettivo screditare le dichiarazioni della diplomatica così maltrattata notamment di fronte alle autorità giudiziarie. Una decisione della Corte d Appello di Bruxelles (aprile 1998) respinge questa versione dei fatti. Ciò nonostante e nonostante le pesanti testimonianze emerse da allora contro di loro i funzionari continuano il depistaggio, con costante determinazione fino ad oggi. Interrogata dalla polizia nel 2000, l ex segretaria dell Ambasciatore dichiara: «Aprendo la porta mentre andavo verso gli uffici dell Ambasciatore, della Prima Segretaria e verso il mio, vidi la signora Coen giacere sul pavimento. Accanto alla fotocopiatrice. Vidi che aveva perso conoscenza e che la sua bocca era insanguinata Nel suo ufficio ho visto tracce di sangue sul telefono e sui documenti. Direttamente di fronte all ufficio della signora Coen si trovava l ufficio del signor ambasciatore KR. La porta di fatto era chiusa. Ma quando l ho aperta ho visto che due lampade a stelo erano accese e che un vaso da fiori era stato rovesciato. Ho anche visto di là una sedia rovesciata e un bicchiere del quale un pezzo era stato morso. Questo mi è sembrata una messa in scena di suicidio. Ho immediatamente provato a rianimarla, senza risultato. Ho sentito il suo polso e ho constatato che era estremamente basso. Ho anche constatato che nessun altro faceva una qualsiasi cosa... Stranamente tutti erano riuniti ad una certa distanza nella sala d attesa Nessuno desiderava un contatto con la signora Coen perché rischiavano altrettanti e più problemi con l ambasciatore KR». Le inchieste giudiziarie hanno anche sistematicamente evitato di indagare questi elementi che portano a leggere una incitazione al suicidio (equivalente a tentato omicidio preterintenzionale) seguito da violenza fisica su persona in stato in incoscienza, che non poteva avere un altro scopo dall assassinio

4 della diplomatica. Per impedirle di parlare. D) Nel giugno 1997 dopo un articolo di stampa del Soir Illustré, funzionari dell ispettorato interno delle ambasciate sono mandati d urgenza all Ambasciata del Belgio a Sofia. Essi non esaminano i crimini segnalati dalla diplomatica testimone e nascondono al Consiglio di Direzione del Ministero questa nuova manipolazione. Ciò permette loro di non mettere in causa alcuno dei responsabili dei traffici. A partire da questo momento un medesimo accecamento coprirà i funzionari che hanno prodotto i falsi rapporti e quelli che ne hanno fatto uso, i quali attualmente sono tutti ambasciatori all estero avviati in carriere prestigiose. E) Dal dicembre 1996 denunce penali sono state presentate a proposito di questi ed altri fatti che sono accaduti fino ad oggi. Il Ministero belga degli Affari Esteri non trasmetterà alcun documento al fine di facilitare l inchiesta delle autorità giudiziarie. Al contrario, quando una commissione rogatoria andrà finalmente a Sofia nel 2000 (quattro anni dopo i fatti ) si constaterà che numerosi documenti sono spariti dai dossier dell Ambasciata. È sulla base di questa strategia concertata che, da più di dieci anni, si è costruita e si mantiene la protezione di funzionari belgi degli Affari Esteri responsabili dei traffici illegali volti soprattutto a beneficio di organizzazioni criminali. Nel 2004 il Parlamento belga arriverà alla conclusione che: «Emerge chiaramente dall inchiesta del Comitato R che ci sono problemi di frode, di corruzione e di eventuali connessioni di agenti degli Affari Esteri con il crimine organizzato. È altrettanto chiaro che nessun servizio pubblico competente ha preso misure adeguate per lottare contro questi problemi... gli elementi che permettono il proseguimento di queste pratiche non sono stati estirpati... le amministrazioni non é è garantita la loro integrità. Queste pratiche esistono da più di dieci anni e la frode di documenti può continuare a svilupparsi. Questa constatazione è inaccettabile.» 4 Di fatto, il 4 giugno 2004, il più alto funzionario del Ministero belga degli Affari Esteri (Presidente del Consiglio di Direzione), sordo alle constatazioni del Parlamento, minaccia di nuovo la diplomatica: «Formulo da oggi le più grandi riserve a proposito delle decisioni che il Dipartimento potrebbe di nuovo riservare alle vostre accuse che sono il proseguimento di quelle che lei muove senza le minime 4 Extrait du Rapport des Commissions parlementaires de suivi di Comité R, n (Sénat) et DOC /001 (Chambre), 16 juillet 2004, pp. 29, 31, 32

5 prove da molti anni». Un tale comportamento permetteva all ex Ambasciatore a Sofia, nella primavera 2006, di scrivere alla radiotelevisione francofona 5 del Belgio che mai era stato coinvolto nell affare delle frodi e che neanche ne era informato. Questa tattica seguita da funzionari non avrebbe potuto funzionare senza una collaborazione delle autorità giudiziarie belghe. Di fatto, da più di dieci anni, tutte le denunce penali a questo proposito vengono sistematicamente manipolate e ostacolate (ritardi, perdite di documenti, errori di procedure, non investigazione sui fatti segnalati, ecc.) 6. Quanto al Consiglio Superiore della Giustizia interpellato anch esso si dimostra paralizzato 7. Un tale ostinato immobilismo è di fatto indispensabile per occultare questa doppia strategia di protezione dei responsabili dei crimini e di intimidazione dei testimoni e per garantire, a lungo termine, un clima di omertà in tutta la funzione pubblica. Il Procuratore ha ottenuto dalla Camera del Consiglio l imputazione: A) della segretaria dell Ambasciatore per falso e tratta di esseri umani, giacché una segretaria non ha nessun potere per rilasciare visti; come membro (solitario!) di un associazione a delinquere, dal momento che né i responsabili gerarchici dell Ambasciata che hanno rilasciato (il Console) e dato istruzione di rilasciare (l Ambasciatore) questi visti, né gli imprenditori che domandavano alla segretaria di trasmettere le loro richieste di visti ai servizi competenti dell Ambasciata, né i beneficiari bulgari di questi visti sono perseguiti dalla Procura. B) di un operatore di un agenzia di viaggio con sede all estero, per le stesse imputazioni, imputato assente 4 perché la Procura non ha mai dato ordine di cercarlo. Da notare che quest imputato, già condannato nel 1996, aveva allora evitato la prigione grazie ad un passaporto rilasciato dal suo amico l Ambasciatore del Belgio a Sofia. Questi sono gli unici risultati dichiarati dalla Procura Federale in quest inchiesta di Bruxelles. 5 Voir reportage de José DESSART «Visas, la filière des ambassades», Radio Télévision Belge Francophone (RTBF), Voir communiqué de presse concernant le procès devant le Tribunal de Première Instance de Bruxelles, 1 octobre Le Conseil Supérieur de la Justice s est notamment démontré incapable de constater que la loi réserve à la Cour de Cassation le droit de dessaisir un juge d instruction en cour d enquête (et autres violations de procédures similaires qui ont entravé les enquêtes), et déclare qu un procès concernant des faits dénoncés douze ans auparavant est chose parfaitement normale.

6 Strategie di intimidazione Riassumendo, sono noti e assodati: i fatti di traffici di visti, notamment tramite falso (art. 195 e 196 c.p.) e uso (art. 197 c.p.) e avendo come obiettivo la tratta degli esseri umani, commessi in banda organizzata (art. 322 c.p.), con una durata (almeno 1994/1997) 8 e modalità concordate da almeno uno dei membri dell ambasciata del Belgio che avevano il potere di firmare i visti (Ambasciatore e/o Cancelliere); i collaboratori all Ambasciata che hanno agito di loro propria volontà (art. 260 c.p.) e/o che ne hanno tratto beneficio abusivo; le imprese e/o i cittadini belgi e bulgari che ordinavano i visti e cittadini bulgari beneficiari di questi (ad eccezione delle vittime della tratta degli esseri umani). Al contrario durante l inchiesta i membri dei diversi rami dell associazione a delinquere non sono stati né identificati né, per la maggior parte, ricercati. La strategia di intimidazione destinata a ridurre il testimone di testimone al silenzio e a imporre l omertà nell amministrazione pubblica è caratterizzata dai seguenti elementi: A) Modificare con molta frequenza le funzioni della diplomatica al duplice fine di impedirle di espletarle con continuità e quindi di essere conosciuta e riconosciuta in un particolare ruolo e di avere un pretesto per accusarla di indisciplina e di disponibilità ridotta di fronte agli Affari Esteri nel momento in cui ella rifiuta un tale trattamento; avviare contro di lei una procedura disciplinare, rifiutarle promozioni, nomine, ecc. B) Debilitare fisicamente (traslochi,...), moralmente (mobbing amministrativo,...) e economicamente (perdita di stipendio, di vantaggi di carriera,...) con lo scopo di ridurre al minimo le capacità di reazione contro la rete criminale autrice dei traffici. C) Diffondere la notizia di tali maltrattamenti nelle amministrazioni pubbliche, tra le quali il Ministero belga degli Affari Esteri, allo scopo di intimidire e quindi dissuadere i colleghi dal denunciare gli atti criminali dei quali hanno conoscenza nell esercizio delle loro funzioni (obbligatorio in virtù dell art. 29 del Codice di Istruzione Criminale) e dal rifiutare di partecipare ai crimini nei quali si cerca di coinvolgerli. D) Ostacolare, tramite manipolazioni giudiziarie e poliziesche, tutte le possibilità di inchieste leali e complete, con lo scopo di sopprimere tutte le possibilità di protezione contro i maltrattamenti subiti e di risarcimenti danni futuri. 8 Les «invitations» datées de 1998 ont été communiquées au dossier par des complices des trafiquants (curieusement non poursuivis dans ce procès, alors que le parquet poursuit ces fonctions pour ce qui concerne les trafics de documents à l ambassade de Belgique à Bucarest/ procès fin octobre 2008), et leur authenticité n a pas été examinée.

7 Di fronte a un processo ineluttabile, nuove tattiche di intimidazione Secondo i magistrati e i poliziotti americani constatazioni illustrate dai fatti di cui sopra nei casi di intimidazione ambientale (qui le amministrazioni belghe), l intimidazione comincia quando la vittima o il testimone prende coscienza del fatto che il crimine è commesso in un contesto di criminalità organizzata. Quando gli autori dei crimini constatano che l intimidazione permette loro di sfuggire alle inchieste essa ha la tendenza ad aumentare e a diventare più violenta. Al contrario un intervento deciso delle autorità giudiziarie è il modo più efficace per evitare l intimidazione delle vittime e dei testimoni. Il periodo più pericoloso per vittime e testimoni e quello precedente al processo e contestuale ad esso 9. In seguito a pressioni del Parlamento belga, che vede accumularsi i motivi di inchieste giudiziarie a proposito di traffici di documenti al Ministero belga degli Affari Esteri e di negligenze giudiziarie in generale 10, il Sostituto del Procuratore del Re di Bruxelles, incaricato dal 1998 di questo caso, promosso dall allora Primo Sostituto del Procuratore Federale, non ha potuto impedire l apertura di questo processo. L ha dunque programmato cinque anni dopo aver ricevuto le carte dal Giudice Istruttore (maggio 2003), questo 1 dicembre 2008, a 15 giorni dalla prescrizione 11. Questa tattica impedisce di fatto alle parti di richiedere rinvii o complementi d inchiesta. Il processo stesso è dunque, a sua volta, trasformato in arma di intimidazione. Di fatto, per continuare a assicurare la protezione di questo gruppo di funzionari del Ministero belga degli Affari Esteri responsabile dei crimini commessi e a imporre l omertà a quelli che vorrebbero ancora resistere contro pratiche criminali nell amministrazione, il procuratore ha organizzato la sua requisitoria in modo da screditare i testimoni e imputare i complici che con la loro testimonianza integra si sono dissociati dai crimini ai quali erano stati obbligati a partecipare. Questa strategia si basa sui fatti di seguito elencati: Dal momento che i traffici di visti all Ambasciata del Belgio a Sofia sono assodati e di dominio 9 HEALEY K.M., Victim and Witness intimidation, New Developments and Emerging Responses, in Research in Action, National Institute of Justice, US Department, octobre La presse belge titrait récemment que 800 instructions clôturées, pour la plupart financières, n avaient à Bruxelles jamais été portées jusqu au procès 11 Pour justifier ce délais, le parquet fédéral a organisé le dessaisissement illégal d un autre juge d instruction (J.M.Connerotte, Neufchâteau), dont l enquête a ainsi été bloquée ce qui a permis de faire avorter le volet intimidations de ce dossier.

8 pubblico 12, diventa indispensabile trovare un capro espiatorio 13 : la Camera del Consiglio ha dunque avallato senza motivazione ma con un fine preciso la requisitoria del Procuratore che rinvia l ex segretaria dell ex Ambasciatore a Sofia davanti al Tribunale Penale. In realtà non esiste alcuna prova certa a carico di questa segretaria e il dubbio approfitta all imputato 14 : essa non aveva alcun potere per rilasciare visti (e non c è un falso materiale provato) e comunque, anche fosse complice, obbediva agli ordini dell Ambasciatore, cosa che dovrebbe avere come conseguenza il far risalire la responsabilità penale verso i suoi superiori. Diventa anche necessario gettare discredito sulla costituzione di parte civile del Centre pour l Egalité des Chances e la Lutte contre le Racisme: la requisitoria dunque viene organizzata in tal senso (la scelta delle prove, ), per sminuire la tratta di esseri umani 15. Infine, da una parte facendo ricadere la colpevolezza su un funzionario subalterno e dall altra riducendo la gravità dei fatti tra dequalificazione della tratta degli esseri umani, il Procuratore getta simultaneamente discredito sulla costituzione di parte civile della diplomatica, che non ha potuto essere minacciata dai piccoli traffici di una segretaria. 12 Rapports du Parlement belge, Comité R, CECLR,, cf. supra. 13 Les preuves (celles qui sont sélectionnées, et celles qui sont occultées ) concernant le second inculpé sont «organisées» par le procureur pour «démontrer» la «bonne foi» de l ambassadeur. NB. Caractéristiques des organisations criminelles actives dans le trafic des êtres humains (selon la présentation d un expert turc lors d un séminaire OTAN, Sofia, novembre 2007), telles qui présentes (mais occultées par le réquisitoire du parquet) dans le dossier Ambabel Sofia: «Human smuggling organizations cheat the people being smuggled by promising jobs in the destination country. They have link to other organized crime groups. They are supporting each other at national or international level. They use known routes and connections. Their activities are often disguised as international transport companies, travel agencies and hotels. They use stolen passports, provide false passports or issue also false identity or travel cheques. They rely upon corruption, particularly bribing public officials». 14 Le juge d instruction n a pas inculpé la secrétaire. Le nom de cette secrétaire n apparaît qu en caractères imprimés et pourrait dès lors être mis là par des complices ( qui ont communiqué ces documents aux instances judiciaires) des auteurs réels de l infraction ; aucune analyse graphologique n a été faite des annotations manuscrites sur les documents utilisés par le parquet pour fonder son réquisitoire. 15 Il apparaît en effet que les documents produits par le procureur dans son réquisitoire ont été sciemment sélectionnés, parmi d autres par ailleurs probants, pour permettre de disqualifier cette prévention à un juge du fond qui le suivrait sans autre vérification (comme le fit la chambre du Conseil après que le procureur ait déclaré en audience : «vous connaissez mon sérieux, Monsieur le juge» ce qui fut suffisant pour déclencher un total acquiescement de ce dernier dans son ordonnance de renvoi, par ailleurs dépourvue de motivation).

9 Contrariamente a quello che succede in Italia 16, le autorità giudiziarie belghe non perseguono né gli autori dei falsi documenti né i loro complici, né i mandanti, né i loro beneficiari. Va dunque da sé che dal 1997 gli scandali dei traffici di documenti si succedono nelle ambasciate belghe (Kiev, Bucarest, Casablanca, Kinshasa, per citare i più noti). Come conseguenza, in Belgio e in tutta la zona Schengen, l immigrazione illegale è esplosa negli ultimi dieci anni come pure le bande criminali organizzate che circolano su questi territori, le quali si appoggiano su questa rete criminale introdottasi da noi negli anni Novanta. Un esempio 17 di quello che avrebbe dovuto essere fatto in Belgio, mentre da più di dodici anni la polizia belga e la Procura di Bruxelles in particolare sono informate delle attività di queste organizzazioni criminali: «False assunzioni per ottenere permessi di soggiorno: 9 arresti L organizzazione favoriva l immigrazione clandestina in cambio di ingenti somme: 100 stranieri denunciati, 21 espulsioni Permessi di soggiorno a go go. Bastava pagare, fino a 5000 euro e con molta probabilità si riusciva ad ottenere un permesso e anche il semplice rinnovo. Era quello che ha promesso a decine di stranieri un egiziano di 50 anni arrestato, dopo un indagine durata due anni, dagli agenti del commissariato San Paolo. Un giro di soldi di oltre un milione di euro. Mawy El Daka, alla Magliana, s era fatto ormai una fama consolidata: se si era stranieri non in regola bastava andare da lui e pagare per ottenere l agognato lascia passare per restare in Italia anche se si era irregolari. E l uomo sempre secondo gli investigatori, non agiva solo ma con la complicità di cinque complici, tutti stranieri tranne una donna. Lui è finito in galera mentre per le altre cinque persone è scattata una denuncia a piede libero. Comunque devono tutti rispondere di associazione a delinquere finalizzata allo sfruttamento dell immigrazione clandestina e alla truffa. In pratica il gruppo, così come ricostruito dalla polizia, aveva creato un carteggio (carte bollate, permessi, autorizzazioni) per il quale risultava che ciascuno di loro era titolare di ditte per le pulizie o piccole imprese edili. Non solo a Roma, ma le ditte erano anche a Milano e in Sicilia. Peccato che non era vero nulla come ha accertato poi la polizia. I truffatori, quindi, fingendosi falsi imprenditori si offrivano come datori di lavoro per immigrati che dovevano ottenere il rinnovo del permesso di soggiorno. E così partiva la pratica che da un punto di vista formale era regolare e per questo in qualche occasione è andata a buon fine. Gli agenti del commissariato San Paolo si sono insospettiti quando hanno visto troppe domande di rinnovo di permesso di soggiorno ruotare intorno alle stesse piccole ditte. Così sono partiti gli accertamenti e gli investigatori hanno scoperto che dietro le carte (alcune abilmente falsificate) non c era nulla: né azienda, né lavoro ma solo una mega truffa. I poliziotti finora (ma il giro è destinato ad allargarsi) hanno accertato che più di 16 Voir l opération GIRASOLE I et II instruite à Pérouse (mafias italiennes et organisations criminelles ukrainiennes, bulgares, ect), et article illustratif, en encadré. 17 Marco De Risi, Il Messaggero, 07/08/08, p. 34.

10 cento immigrati si sono rivolti, nel giro di due anni, alla banda di Mawy El Daka. Ovviamente dopo le indagini degli agenti decine di rilasci di permessi di soggiorno sono stati annullati. Sono finiti in carcere otto stranieri in quanto irregolari in Italia. Denunciati anche il centinaio di stranieri che si sono rivolti alla banda pagando dai 300 ai 5000 euro. C era un trucco per fare ottenere non solo il rinnovo ma addirittura il rilascio del permesso di soggiorno. Infatti la legge prevede un eccezione: in qualunque momento lo straniero che svolge attività particolari (ingegnere, architetto, musicista, calciatore) può ottenere il rilascio del permesso. I poliziotti si sono accorti che operai e imbianchini avrebbero voluto, pagando l egiziano, ottenere il permesso spacciandosi per personale altamente specializzato. Il truffatore è stato arrestato in un appartamento al Trullo.»

ULTIMI SVILUPPI NELLA LOTTA CONTRO LA MAFIA E CORRELATE ATTIVITA DELLA D.I.A.

ULTIMI SVILUPPI NELLA LOTTA CONTRO LA MAFIA E CORRELATE ATTIVITA DELLA D.I.A. INTERVENTO DEL CAPO CENTRO OPERATIVO D.I.A. DI PALERMO COL. GIUSEPPE D AGATA PRESSO LA COMMISSIONE SPECIALE SULLA CRIMINALITA ORGANIZZATA, LA CORRUZIONE E IL RICICLAGGIO DI DENARO - (CRIM) DEL PARLAMENTO

Dettagli

Traduzione dal romeno

Traduzione dal romeno Traduzione dal romeno Ziua pag. 3 Il Presidente della Commissione per Problemi d Immigrazione del Parlamento italiano, Sandro Gozi, ammonisce che, se la situazione continua, l Italia adottera misure dure

Dettagli

2. Lei dice che la mafia oggi sia più discreta che nel passato. Secondo Lei: La Mafia e più potente o meno potente che diciamo dieci anni fa?

2. Lei dice che la mafia oggi sia più discreta che nel passato. Secondo Lei: La Mafia e più potente o meno potente che diciamo dieci anni fa? 1. In Germania c'è l'impressione che in Italia il periodo degli grandi assassini della mafia sia passato: Non si vede più grandi attentati come quellineglianninovanta.comemai?egiustoquestaimpressione?

Dettagli

QUADERNI. del Consiglio Superiore della Magistratura PER UNA FORMAZIONE EUROPEA DEI MAGISTRATI.

QUADERNI. del Consiglio Superiore della Magistratura PER UNA FORMAZIONE EUROPEA DEI MAGISTRATI. QUADERNI del Consiglio Superiore della Magistratura PER UNA FORMAZIONE EUROPEA DEI MAGISTRATI. Atti degli incontri di studio a carattere internazionale realizzati dal Consiglio Superiore della Magistratura

Dettagli

ATTIVITA DI POLIZIA GIUDIZIARIA. ATTIVITA DI INIZIATIVA, DIRETTA O DISPOSTA, DELEGATA, ESECUTIVA. ATTIVITA DI INFORMAZIONE.

ATTIVITA DI POLIZIA GIUDIZIARIA. ATTIVITA DI INIZIATIVA, DIRETTA O DISPOSTA, DELEGATA, ESECUTIVA. ATTIVITA DI INFORMAZIONE. ATTIVITA DI POLIZIA GIUDIZIARIA. ATTIVITA DI INIZIATIVA, DIRETTA O DISPOSTA, DELEGATA, ESECUTIVA. ATTIVITA DI INFORMAZIONE. AUTORE: MAGG. GIOVANNI PARIS POLIZIA GIUDIZIARIA E AUTORITA GIUDIZIARIA PER TRATTARE

Dettagli

LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20

LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20 LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20 Norme sui procedimenti e giudizi di accusa (Gazzetta Ufficiale 13 febbraio 1962, n. 39) Artt. 1-16 1 1 Articoli abrogati dall art. 9 della legge 10 maggio 1978, n. 170. Si

Dettagli

Luca Masera. Lampedusa: politiche di detenzione e rimpatrio

Luca Masera. Lampedusa: politiche di detenzione e rimpatrio Luca Masera Lampedusa: politiche di detenzione e rimpatrio 1. Per comprendere davvero quello che è successo e sta succedendo a Lampedusa, credo sia utile cercare di inserire tale vicenda all interno del

Dettagli

Sopaf, chiusa indagine. Contestata anche la corruzione al presidente Inpgi, il giornalista Andrea Camporese

Sopaf, chiusa indagine. Contestata anche la corruzione al presidente Inpgi, il giornalista Andrea Camporese Sopaf, chiusa indagine. Contestata anche la corruzione al presidente Inpgi, il giornalista Andrea Camporese A quella di truffa è arrivata anche quella per corruzione a carico del presidente dell INPGI,

Dettagli

Meda Pharma SpA Modello di Organizzazione Gestione e Controllo - Allegato A Documento di mappatura dei processi sensibili

Meda Pharma SpA Modello di Organizzazione Gestione e Controllo - Allegato A Documento di mappatura dei processi sensibili Meda Pharma SpA - Allegato A al Modello Organizzativo Reato non rilevante Reato rilevante Articolo D.Lgs Fattispecie iilecito amministrativo Anno introduzione Reato Articolo 23 D. Lgs. Inosservanza delle

Dettagli

LEGISLAZIONE NEGLI STATI MEMBRI DEL CONSIGLIO D EUROPA IN MATERIA DI VIOLENZA CONTRO LE DONNE. Esempi di buone prassi LUSSEMBURGO

LEGISLAZIONE NEGLI STATI MEMBRI DEL CONSIGLIO D EUROPA IN MATERIA DI VIOLENZA CONTRO LE DONNE. Esempi di buone prassi LUSSEMBURGO LEGISLAZIONE NEGLI STATI MEMBRI DEL CONSIGLIO D EUROPA IN MATERIA DI VIOLENZA CONTRO LE DONNE Esempi di buone prassi LUSSEMBURGO Le informazioni sono state fornite dal Ministero della Promozione Femminile

Dettagli

CONSIGLIO D EUROPA COMITATO DEI MINISTRI

CONSIGLIO D EUROPA COMITATO DEI MINISTRI CONSIGLIO D EUROPA COMITATO DEI MINISTRI Raccomandazione R (2001)16 sulla protezione dei bambini contro lo sfruttamento sessuale (Adottata dal Comitato dei Ministri il 31 Ottobre 2001 alla 771 a riunione

Dettagli

DOCUMENTAZIONE AMMINISTRATIVA.

DOCUMENTAZIONE AMMINISTRATIVA. ISTANZA E RELATIVE DICHIARAZIONI PER LA PARTECIPAZIONE ALLA PROCEDURA APERTA PER L AFFIDAMENTO DEI SERVIZI DI COPERTURA ASSICURATIVA DELLA SOCIETA STRUTTURA VALLE D AOSTA S.R.L. PERIODO 01/10/2014 01/10/2017

Dettagli

La procedura per il riconoscimento della protezione internazionale

La procedura per il riconoscimento della protezione internazionale TELEFONO MONDO 800513340 Un servizio di Progetto Integrazione Cooperativa sociale - ONLUS. Ricerche, formazione, mediazione interculturale,interventi sulle problematiche dell'immigrazione. www.telefonomondo.it

Dettagli

IL CONTRASTO AL CRIMINE ORGANIZZATO ATTRAVERSO LA UTILIZZAZIONE DEI MASS MEDIA

IL CONTRASTO AL CRIMINE ORGANIZZATO ATTRAVERSO LA UTILIZZAZIONE DEI MASS MEDIA IL CONTRASTO AL CRIMINE ORGANIZZATO ATTRAVERSO LA UTILIZZAZIONE DEI MASS MEDIA *********** 1. Premessa sulla sociologia dei media. Si dice comunemente che viviamo in una società della informazione. Una

Dettagli

BUILDING A SAFE AND RESILIENT CANADA. Vittime di atti criminali Tenersi informati

BUILDING A SAFE AND RESILIENT CANADA. Vittime di atti criminali Tenersi informati BUILDING A SAFE AND RESILIENT CANADA Vittime di atti criminali Tenersi informati The information in this booklet is presented in Italian. This publication is also available in other languages through the

Dettagli

ORDINANZA DELLA CORTE (Terza Sezione)

ORDINANZA DELLA CORTE (Terza Sezione) ORDINANZA DELLA CORTE (Terza Sezione) 21 marzo 2013 (*) «Articolo 99 del regolamento di procedura Spazio di libertà, sicurezza e giustizia Direttiva 2008/115/CE Norme e procedure comuni in materia di rimpatrio

Dettagli

RISPOSTA ORALE ALL INTERPELLANZA DEI CONSIGLIERI LONFERNINI E MENICUCCI, DEPOSITATA IL 27.02.2012

RISPOSTA ORALE ALL INTERPELLANZA DEI CONSIGLIERI LONFERNINI E MENICUCCI, DEPOSITATA IL 27.02.2012 RISPOSTA ORALE ALL INTERPELLANZA DEI CONSIGLIERI LONFERNINI E MENICUCCI, DEPOSITATA IL 27.02.2012 Interpelliamo il Governo per conoscere dettagliatamente 1) le modalità del trattamento riservato a un giovane

Dettagli

L attività della Guardia di Finanza di Palermo nel contrasto alla criminalità organizzata, alla corruzione ed al riciclaggio.

L attività della Guardia di Finanza di Palermo nel contrasto alla criminalità organizzata, alla corruzione ed al riciclaggio. L attività della Guardia di Finanza di Palermo nel contrasto alla criminalità organizzata, alla corruzione ed al riciclaggio. Gen. B. Stefano Screpanti Nel porgere un sentito saluto agli illustri Deputati

Dettagli

Terzo ciclo di valutazione. Rapporto intermedio di conformità sulla Svizzera

Terzo ciclo di valutazione. Rapporto intermedio di conformità sulla Svizzera Adozione: 20 giugno 2014 Pubblico Pubblicazione: 4 luglio 2014 Greco RC-III (2014) 14 Terzo ciclo di valutazione Rapporto intermedio di conformità sulla Svizzera «Incriminazioni (STE n. 173 e 191, PDC

Dettagli

S T U D I O L E G A L E A S S O C I A T O T O S E L L O & P A R T N E R S

S T U D I O L E G A L E A S S O C I A T O T O S E L L O & P A R T N E R S S T U D I O L E G A L E A S S O C I A T O T O S E L L O & P A R T N E R S 35131 PADOVA - Piazzale Stazione n. 6 - tel. 049.8759866-049.654879 - fax 049.8753348 C.F./P.IVA 04351050283 avvocati@studiolegaletosello.it

Dettagli

IL RICONGIUNGIMENTO FAMILIARE DEI TITOLARI DI PROTEZIONE INTERNAZIONALE IN EUROPA LE SCHEDE DI ASILO IN EUROPA BELGIO

IL RICONGIUNGIMENTO FAMILIARE DEI TITOLARI DI PROTEZIONE INTERNAZIONALE IN EUROPA LE SCHEDE DI ASILO IN EUROPA BELGIO IL RICONGIUNGIMENTO FAMILIARE DEI TITOLARI DI PROTEZIONE INTERNAZIONALE IN EUROPA LE SCHEDE DI ASILO IN EUROPA BELGIO Base legale del diritto al ricongiungimento familiare dei titolare di protezione internazionale

Dettagli

Dichiarazione per la partecipazione in merito al possesso dei requisiti e delle capacità (da completare e restituire firmato)

Dichiarazione per la partecipazione in merito al possesso dei requisiti e delle capacità (da completare e restituire firmato) Oggetto: Gara a procedura aperta, da esperire ai sensi dell art.124 del D.L.vo 163/06 e s.m.i., per l Affidamento triennale del servizio di dosimetria personale ed ambientale, controllo dosimetrico con

Dettagli

La Camera dei deputati ed il Senato della Repubblica hanno approvato: IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA Promulga la seguente legge:

La Camera dei deputati ed il Senato della Repubblica hanno approvato: IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA Promulga la seguente legge: LEGGE 19 luglio 2013, n. 87: Istituzione di una Commissione parlamentare di inchiesta sul fenomeno delle mafie e sulle altre associazioni criminali, anche straniere. (13G00130) (Gazzetta Ufficiale n. 175

Dettagli

SINDACATI SVEDESI IL POSTO DELLE FAVOLE

SINDACATI SVEDESI IL POSTO DELLE FAVOLE SINDACATI SVEDESI IL POSTO DELLE FAVOLE Di Alberto Nerazzini MILENA GABANELLI IN STUDIO Di solito quando si è in difficoltà è sempre propositivo andare a vedere come sono organizzati gli altri, non necessariamente

Dettagli

I GENERALI SOTTO ACCUSA

I GENERALI SOTTO ACCUSA Mondo in fiamme Algeria Il conflitto algerino Habib Souaïdia, l ex ufficiale autore del libro La Sale Guerre, torna ad attaccare i vertici militari algerini. Per questa intervista la procura di Algeri

Dettagli

Le divisioni giudiziarie 23 settembre 2015 RAVENNA

Le divisioni giudiziarie 23 settembre 2015 RAVENNA Le divisioni giudiziarie 23 settembre 2015 RAVENNA A titolo introduttivo,localizziamo il tribunale di LAVAL : e l unico tribunale nel dipartimento della Mayenne (il dipartimento in Francia corrisponde

Dettagli

La premessa. Ischia, 23 settembre 2002

La premessa. Ischia, 23 settembre 2002 Ischia, 23 settembre 2002 Oggetto: parere sull ammissibilità del rimborso delle spese legali sostenute da ex amministratori comunali in procedimenti penali definiti con formula assolutoria. Viene chiesto

Dettagli

Si elencano di seguito i reati attualmente ricompresi nell ambito di applicazione del D.Lgs. 231/2001:

Si elencano di seguito i reati attualmente ricompresi nell ambito di applicazione del D.Lgs. 231/2001: MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO AI SENSI DEL D.LGS. 231/2001 ADECCO ITALIA S.P.A. - ELENCO DEI REATI 231 - Si elencano di seguito i reati attualmente ricompresi nell ambito di applicazione

Dettagli

ORDINANZA N. 378 ANNO 2006 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE COSTITUZIONALE composta dai signori: - Franco BILE Presidente -

ORDINANZA N. 378 ANNO 2006 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE COSTITUZIONALE composta dai signori: - Franco BILE Presidente - ORDINANZA N. 378 ANNO 2006 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE COSTITUZIONALE composta dai signori: - Franco BILE Presidente - Giovanni Maria FLICK Giudice - Francesco AMIRANTE " -

Dettagli

REATI NEI RAPPORTI CON LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE

REATI NEI RAPPORTI CON LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE ALLEGATO 2 REATI NEI RAPPORTI CON LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE 1) CORRUZIONE La corruzione consiste in un accordo tra un privato ed un pubblico ufficiale o un incaricato di pubblico servizio mediante il

Dettagli

ALTRO CHE ATTACCO ALLA MAGISTRATURA

ALTRO CHE ATTACCO ALLA MAGISTRATURA a cura del Gruppo Parlamentare della Camera dei Deputati Il Popolo della Libertà Berlusconi Presidente 87 ALTRO CHE ATTACCO ALLA MAGISTRATURA Stralcio del discorso del Presidente Silvio Berlusconi sulla

Dettagli

Il monitoraggio della rete web per i reati a sfondo sessuale e pedo-pornografico

Il monitoraggio della rete web per i reati a sfondo sessuale e pedo-pornografico Il monitoraggio della rete web per i reati a sfondo sessuale e pedo-pornografico Uno degli strumenti innovativi introdotti dalla legge n. 269/98 riguarda l attività di investigazione rivolta alla prevenzione

Dettagli

Relazione Osservatorio sulla prostituzione e sui fenomeni delittuosi ad essa connessi. Sintesi e Conclusioni

Relazione Osservatorio sulla prostituzione e sui fenomeni delittuosi ad essa connessi. Sintesi e Conclusioni Relazione Osservatorio sulla prostituzione e sui fenomeni delittuosi ad essa connessi Sintesi e Conclusioni Due le questioni emergenti su cui l Osservatorio si è soffermato: la condizione di sfruttamento

Dettagli

Segnalazioni obbligatorie all Autorità Giudiziaria

Segnalazioni obbligatorie all Autorità Giudiziaria Segnalazioni obbligatorie all Autorità Giudiziaria 1. Referto 2. Denuncia di reato REFERTO IL REFERTO E L ATTO SCRITTO CON IL QUALE L ESERCENTE UNA PROFESSIONE SANITARIA RIFERISCE ALL AUTORITA GIUDIZIARIA

Dettagli

importo (in milioni di euro) area 2007 2008 2009 2007 2008 2009 Agricoltura 1.548 1.133 1.621 155 102 125 3.832 4.007 4.931 828 585 1.

importo (in milioni di euro) area 2007 2008 2009 2007 2008 2009 Agricoltura 1.548 1.133 1.621 155 102 125 3.832 4.007 4.931 828 585 1. Il quadro di situazione delle frodi finanziarie all Unione Europea Il corretto, tempestivo e completo utilizzo delle risorse finanziarie dell Unione Europea costituisce un impegno preciso per tutti, allo

Dettagli

Dichiarazione 1 DICHIARAZIONE IN MATERIA DI DIRITTO AL LAVORO DEI DISABILI

Dichiarazione 1 DICHIARAZIONE IN MATERIA DI DIRITTO AL LAVORO DEI DISABILI Dichiarazione 1 DICHIARAZIONE IN MATERIA DI DIRITTO AL LAVORO DEI DISABILI Il sottoscritto nato il a in qualità di legale rappresentante dello studio associato ovvero di titolare dello studio professionale/ditta

Dettagli

Test d entrée en Sconde Section Internationale Italien. Mercredi 13 mai 2009. Una situazione imbarazzante

Test d entrée en Sconde Section Internationale Italien. Mercredi 13 mai 2009. Una situazione imbarazzante Test d entrée en Sconde Section Internationale Italien Mercredi 13 mai 2009 1. Lire attentivement le texte suivant et répondre aux questions sur les feuilles 3 à 6 Una situazione imbarazzante Una mattina,

Dettagli

Allegato A 2. Alla S.A.S.I. SpA c.a. Coordinamento Operativo Via Zona Industriale n 5 66034 LANCIANO (CH)

Allegato A 2. Alla S.A.S.I. SpA c.a. Coordinamento Operativo Via Zona Industriale n 5 66034 LANCIANO (CH) Allegato A 2 DOMANDA DICHIARAZIONE PER L ISCRIZIONE NELL ALBO IMPRESE DI FIDUCIA PER L AFFIDAMENTO DI LAVORI MEDIANTE PROCEDURA NEGOZIATA OVVERO IN ECONOMIA - CLASSE DI IMPORTO: inferiore a 150.000,00

Dettagli

RECLAMO. che presenta la spettabile Lega Svizzera Contro la Vivisezione, CP 148, 1226 Thônex (patrocinata dall avv. Stefano Fornara, Lugano) * * * *

RECLAMO. che presenta la spettabile Lega Svizzera Contro la Vivisezione, CP 148, 1226 Thônex (patrocinata dall avv. Stefano Fornara, Lugano) * * * * c.p. telefono fax c.p. telefono e-mail internet Avv. Renzo Respini, notaio Avv. Maja Wetterwald Respini Avv. Luca Beretta Piccoli, notaio Avv. Massimo Respini, notaio Avv. Giovanni Jelmini, notaio Avv.

Dettagli

ATTIVITA DI CONTRASTO ALLA CRIMINALITA DELLA QUESTURA DI SALERNO E DEI COMMISSARIATI DI P.S.

ATTIVITA DI CONTRASTO ALLA CRIMINALITA DELLA QUESTURA DI SALERNO E DEI COMMISSARIATI DI P.S. ATTIVITA DI CONTRASTO ALLA CRIMINALITA DELLA QUESTURA DI SALERNO E DEI COMMISSARIATI DI P.S. Tipo di attività dal 01/05/2012 al 30/04/2013 Persone controllate 52.598 Persone sottoposte ad obblighi 19.349

Dettagli

Le lingue di lavoro nell ambito della cooperazione sono l italiano e il tedesco, o, in alternativa, l inglese (articolo 32).

Le lingue di lavoro nell ambito della cooperazione sono l italiano e il tedesco, o, in alternativa, l inglese (articolo 32). DISEGNO DI LEGGE RECANTE RATIFICA ED ESECUZIONE DELL ACCORDO TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA E IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA D AUSTRIA IN MATERIA IN MATERIA DI COOPERAZIONE DI POLIZIA, FATTO A VIENNA

Dettagli

Ministero della Giustizia UFFICIO LEGISLATIVO SCHEMA DI DISEGNO DI LEGGE CONCERNENTE SQUADRE INVESTIGATIVE COMUNI RELAZIONE ILLUSTRATIVA

Ministero della Giustizia UFFICIO LEGISLATIVO SCHEMA DI DISEGNO DI LEGGE CONCERNENTE SQUADRE INVESTIGATIVE COMUNI RELAZIONE ILLUSTRATIVA Ministero della Giustizia UFFICIO LEGISLATIVO Prot. n. 9/4-150 AD SCHEMA DI DISEGNO DI LEGGE CONCERNENTE SQUADRE INVESTIGATIVE COMUNI RELAZIONE ILLUSTRATIVA Premessa Il disegno di legge è diretto a disciplinare

Dettagli

Distr.: General 19 June 2008

Distr.: General 19 June 2008 United Nations S/RES/1820 (2008) Security Council Distr.: General 19 June 2008 Risoluzione del Consiglio di Sicurezza 1820 (2008) La risoluzione è stata adottata dal Consiglio di Sicurezza alla sua 5916esima

Dettagli

MODELLO A DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DI ATTO DI NOTORIETÀ (articolo 47 D.P.R. n. 445 del 28 dicembre 2000) Fac - Simile. Spett.le

MODELLO A DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DI ATTO DI NOTORIETÀ (articolo 47 D.P.R. n. 445 del 28 dicembre 2000) Fac - Simile. Spett.le MODELLO A DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DI ATTO DI NOTORIETÀ (articolo 47 D.P.R. n. 445 del 28 dicembre 2000) Fac - Simile Allegato 2 Spett.le EQUITALIA ESATRI S.p.A. c/o EQUITALIA ETR S.p.A. Direzione Organizzazione,

Dettagli

Università degli Studi di Verona Centro Docimologico Giurisprudenza

Università degli Studi di Verona Centro Docimologico Giurisprudenza Dopo aver letto attentamente il seguente articolo giornalistico, Il delitto Custra e la fuga a Rio. Il latitante Mancini ora è libero, il candidato risponda ai seguenti quesiti tenento conto che la risposta

Dettagli

con espresso riferimento al soggetto partecipante alla gara che il medesimo rappresenta CHIEDE

con espresso riferimento al soggetto partecipante alla gara che il medesimo rappresenta CHIEDE DOMANDA DI PARTECIPAZIONE AL COMUNE DI VIBO VALENTIA PIAZZA MARTIRI D'UNGHERIA 89900 VIBO VALENTIA (VV) OGGETTO: Indizione procedura aperta per l'appalto del servizio di trasporto scolastico, mediante

Dettagli

PROPOSTA DI INCHIESTA PARLAMENTARE

PROPOSTA DI INCHIESTA PARLAMENTARE SENATO DELLA REPUBBLICA XVII LEGISLATURA Doc. XXII n. 16 PROPOSTA DI INCHIESTA PARLAMENTARE d iniziativa della senatrice RICCHIUTI COMUNICATO ALLA PRESIDENZA IL 4 GIUGNO 2014 Istituzione di una Commissione

Dettagli

REATO DI RICICLAGGIO E FATTISPECIE CRIMINOSE DI CARATTERE TRANSNAZIONALE

REATO DI RICICLAGGIO E FATTISPECIE CRIMINOSE DI CARATTERE TRANSNAZIONALE FAMIGLIA DI REATI REATO DI RICICLAGGIO E FATTISPECIE CRIMINOSE DI CARATTERE TRANSNAZIONALE NORMATIVA CHE LI HA INTRODOTTI L art. 10 della Legge 16 marzo 2006, n. 146 - "ratifica ed esecuzione della Convenzione

Dettagli

Mini Guida. Lotta alle frodi nella RC Auto

Mini Guida. Lotta alle frodi nella RC Auto Mini Guida Lotta alle frodi nella RC Auto Guida realizzata da Con il patrocinio ed il contributo finanziario del LOTTA ALLE FRODI NELLA RC AUTO Le frodi rappresentano un problema grave per il settore della

Dettagli

08.036 Contro il maltrattamento e per una migliore protezione giuridica degli animali (iniziativa sull'avvocato degli animali). Iniziativa popolare

08.036 Contro il maltrattamento e per una migliore protezione giuridica degli animali (iniziativa sull'avvocato degli animali). Iniziativa popolare 08.036 Contro il maltrattamento e per una migliore protezione giuridica degli animali (iniziativa sull'avvocato degli animali). Iniziativa popolare ARGUMENTI PRO ARGOMENTI PRO L AVVOCATO DEGLI ANIMALI

Dettagli

Parte Speciale G : I reati transnazionali e di ricettazione, riciclaggio ed impiego di denaro, beni o utilità di provenienza illecita

Parte Speciale G : I reati transnazionali e di ricettazione, riciclaggio ed impiego di denaro, beni o utilità di provenienza illecita Parte Speciale G : I reati transnazionali e di ricettazione, riciclaggio ed impiego di denaro, beni o utilità di provenienza illecita MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO ADOTTATO DA COMAG s.r.l.

Dettagli

Riunione della COCOBU del 16-17 giugno 2003: Domande riguardanti Eurostat poste dai gruppi politici ai Commissari Kinnock, Schreyer e Solbes

Riunione della COCOBU del 16-17 giugno 2003: Domande riguardanti Eurostat poste dai gruppi politici ai Commissari Kinnock, Schreyer e Solbes Riunione della COCOBU del 16-17 giugno 2003: Domande riguardanti Eurostat poste dai gruppi politici ai Commissari Kinnock, Schreyer e Solbes Questionario della on. Gabriele Stauner a nome del gruppo del

Dettagli

COME SI ENTRA COME SI ENTRA NELL AREA SCHENGEN COME SI ENTRA IN ITALIA IL VISTO CASO PER CASO LA DOMANDA DEL VISTO LA FRONTIERA

COME SI ENTRA COME SI ENTRA NELL AREA SCHENGEN COME SI ENTRA IN ITALIA IL VISTO CASO PER CASO LA DOMANDA DEL VISTO LA FRONTIERA COME SI ENTRA 1. COME SI ENTRA NELL AREA SCHENGEN 2. COME SI ENTRA IN ITALIA 3. IL VISTO 4. CASO PER CASO LA DOMANDA DEL VISTO 5. LA FRONTIERA COME SI ENTRA (1) Gli accordi puntano a realizzare uno spazio

Dettagli

Codice penale Sezione I DEI DELITTI CONTRO LA PERSONALITÀ INDIVIDUALE

Codice penale Sezione I DEI DELITTI CONTRO LA PERSONALITÀ INDIVIDUALE Codice penale Sezione I DEI DELITTI CONTRO LA PERSONALITÀ INDIVIDUALE Art. 600 Riduzione in schiavitù Chiunque riduce una persona in schiavitù, o in una condizione analoga alla schiavitù, è punito con

Dettagli

http://www.ti.ch/can/argomenti/legislaz/rleggi/rl/dati_rl/f/s/16.htm

http://www.ti.ch/can/argomenti/legislaz/rleggi/rl/dati_rl/f/s/16.htm Pagina 1 di 5 Legge sulle attività private di investigazione e di sorveglianza (dell 8 novembre 1976) 1.4.3.1 IL GRAN CONSIGLIO DELLA REPUBBLICA E CANTONE TICINO visto il messaggio 10 aprile 1974 n. 1958

Dettagli

IL D.LGS. 231/2001 STUDIO QUAGLIA & ASSOCIATI

IL D.LGS. 231/2001 STUDIO QUAGLIA & ASSOCIATI IL D.LGS. 231/2001 INTRODUZIONE Su delega legislativa il Governo italiano ha emanato il D.lgs. 231/2001 intitolato Disciplina della responsabilità amministrativa delle persone giuridiche, delle società

Dettagli

Attacchi informatici: gli strumenti di tutela

Attacchi informatici: gli strumenti di tutela SOMMARIO Ipotesi di attacco informatico La procedibilità su querela o d ufficio La querela: contenuto e modalità di presentazione Cosa è la denuncia Brevi cenni sull esposto Le ipotesi di attacco informatico

Dettagli

C U R R I C U L U M V I T A E

C U R R I C U L U M V I T A E C U R R I C U L U M V I T A E Dati anagrafici: CALARESU Antonio, nato a Roma il 13.9.57, Sostituto Procuratore della Repubblica di Roma ( antonio.calaresu@giustizia.it; cellulare 366 6588781, 0638703664

Dettagli

MODULO STATI UNITI INFORMAZIONI PERSONALI 1. COGNOME (come sul passaporto) NOME (come sul passaporto) NOME COMPLETO IN ALFABETO NATIVO

MODULO STATI UNITI INFORMAZIONI PERSONALI 1. COGNOME (come sul passaporto) NOME (come sul passaporto) NOME COMPLETO IN ALFABETO NATIVO MODULO STATI UNITI INFORMAZIONI PERSONALI 1 COGME (come sul passaporto) ME (come sul passaporto) ME COMPLETO IN ALFABETO NATIVO HAI MAI USATO ALTRI MI (es: da nubile, religioso, professionale, alias etc

Dettagli

F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE

F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome Qualifica Gemma TUCCILLO Magistrato ordinario 7 valutazione di professionalità - delibera CSM 6/2/2013 Nazionalità Luogo di nascita

Dettagli

Contabilità e Bilancio Il Danno Erariale

Contabilità e Bilancio Il Danno Erariale Contabilità e Bilancio Il Danno Erariale 29 agosto 2008 Vito Meloni - Dottore Commercialista e Revisore 1 Scaletta intervento: La responsabilità del Revisore; I presupposti di danno erariale; Fattispecie

Dettagli

SOLO BOZZA Documento preparato dal Sig. Giudice Fulford Proposta Introduzione e sviluppi passati

SOLO BOZZA Documento preparato dal Sig. Giudice Fulford Proposta Introduzione e sviluppi passati SOLO BOZZA Documento preparato dal Sig. Giudice Fulford Proposta 1. Avendo ormai esaminato questo settore con una certa attenzione, non sono convinto che sarebbe utile inviare un questionario sull argomento.

Dettagli

399ª Seduta Pubblica

399ª Seduta Pubblica SENATO DELLA REPUBBLICA XIV LEGISLATURA Martedì 20 maggio 2003 alle ore 9,30 399ª Seduta Pubblica ORDINE DEL GIORNO Discussione della mozione 1-00115 sulla vicenda della società Viola Basket di Reggio

Dettagli

Dott.ssa Rossella Salvati Sostituto Procuratore presso il Tribunale per i minorenni Venezia

Dott.ssa Rossella Salvati Sostituto Procuratore presso il Tribunale per i minorenni Venezia Padova, 18 dicembre 2010 Il ruolo del pubblico ministero per i minorenni: le iniziative giuridiche a tutela dei minori abusati e la necessità di un efficace coordinamento tra istituzioni. Dott.ssa Rossella

Dettagli

2.7. Concetto di responsabilità, rapporto diritti-doveri

2.7. Concetto di responsabilità, rapporto diritti-doveri 2.7. Concetto di responsabilità, rapporto diritti-doveri Il tema dei diritti trova da sempre un punto di congiunzione con quello dei doveri. La Dichiarazione Universale dei diritti dell uomo, all art.29

Dettagli

MODELLO B AUTOCERTIFICAZIONE DEL POSSESSO DEI REQUISITI DI PARTECIPAZIONE

MODELLO B AUTOCERTIFICAZIONE DEL POSSESSO DEI REQUISITI DI PARTECIPAZIONE MODELLO B AUTOCERTIFICAZIONE DEL POSSESSO DEI REQUISITI DI PARTECIPAZIONE Al Comune di Vittorio Veneto Piazza del Popolo, n. 14 31029 VITTORIO VENETO (TV) Oggetto: Procedura aperta per l affidamento della

Dettagli

COMUNE DI S. STEFANO DI CAMASTRA PROVINCIA DI MESSINA

COMUNE DI S. STEFANO DI CAMASTRA PROVINCIA DI MESSINA COMUNE DI S. STEFANO DI CAMASTRA PROVINCIA DI MESSINA REGOLAMENTO PER INTERVENTI DI SOLIDARIETÀ E MISURE DI SOSTEGNO A FAVORE DELLE VITTIME DEI REATI ESTORSIONE E DI USURA. (Approvato con deliberazione

Dettagli

LA GIUNTA REGIONALE. Visto il Decreto del Presidente della Repubblica 10 settembre 1990, n. 285: Approvazione del regolamento di polizia mortuaria ;

LA GIUNTA REGIONALE. Visto il Decreto del Presidente della Repubblica 10 settembre 1990, n. 285: Approvazione del regolamento di polizia mortuaria ; Regione Toscana Deliberazione Giunta Regionale 10 giugno 2002 n. 599 Regolamento Polizia Mortuaria. Autorizzazioni comunali - Direttive ex art. 5, comma 1, Legge regionale 25 febbraio 2000. Correzioni

Dettagli

Se chiedo aiuto mi porteranno via i bambini?

Se chiedo aiuto mi porteranno via i bambini? Lettera alle Mamme_Layout 1 11/09/2015 17:10 Pagina 1 Tribunale per i Minorenni dell Emilia Romagna Se chiedo aiuto mi porteranno via i bambini? Dialogo con le mamme che subiscono violenza in famiglia

Dettagli

Se chiedo aiuto mi porteranno via i bambini?

Se chiedo aiuto mi porteranno via i bambini? Priority mom Tribunale per i Minorenni dell Emilia Romagna Cosa posso fare per interrompere subito la violenza? rivolgiti alle Forze dell Ordine o al Servizio Sociale più vicino chiedi aiuto al Centro

Dettagli

Se chiedo aiuto mi porteranno via i bambini?

Se chiedo aiuto mi porteranno via i bambini? Tribunale per i Minorenni dell Emilia Romagna Se chiedo aiuto mi porteranno via i bambini? Dialogo con le mamme che subiscono violenza in famiglia per conoscere l intervento della giustizia minorile Indice:

Dettagli

MOLESTIE, MOLESTIE SESSUALI NEL MONDO DEL LAVORO

MOLESTIE, MOLESTIE SESSUALI NEL MONDO DEL LAVORO MOLESTIE, MOLESTIE SESSUALI NEL MONDO DEL LAVORO Corso Universitario CORSO UNIVERSITARIO DONNE, POLITICA, ISTITUZIONI III EDIZIONE (2012) Avv. Rita Mazzanti Ferrara, 24 novembre 2012 VIOLENZA SULLE PERSONE

Dettagli

Art. 18 D.lgs 286/98 (Testo Unico delle disposizioni concernenti la disciplina dell immigrazione e norme sulla condizione dello straniero)

Art. 18 D.lgs 286/98 (Testo Unico delle disposizioni concernenti la disciplina dell immigrazione e norme sulla condizione dello straniero) Art. 18 D.lgs 286/98 (Testo Unico delle disposizioni concernenti la disciplina dell immigrazione e norme sulla condizione dello straniero) Dati e riflessioni sui progetti di protezione sociale ex art.

Dettagli

Il sottoscritto Legale Rappresentante / Procuratore del concorrente sede legale in: Via Comune C.A.P. Codice Fiscale n. Partita I.V.A. n.

Il sottoscritto Legale Rappresentante / Procuratore del concorrente sede legale in: Via Comune C.A.P. Codice Fiscale n. Partita I.V.A. n. MOD. AVV DICHIARAZIONE DI AVVALIMENTO DEL CONCORRENTE ALLA CORTE D APPELLO DI FIRENZE VIA CAVOUR, 57 50129 FIRENZE La presente dichiarazione, resa ai sensi del D.P.R. n. 445/00, deve essere corredata da

Dettagli

Matrimoni forzati: potete dire NO!

Matrimoni forzati: potete dire NO! Matrimoni forzati: potete dire NO! Commissione regionale per le Pari Opportunità Donna-Uomo della Toscana Via de Pucci, 4-50122 Firenze tel. 055.238.7817-7890 - fax 055.291.179 e-mail: commissione.p.o@consiglio.regione.toscana.it

Dettagli

Alcune norme a tutela dei cittadini stranieri. Fonti: rivista Diritto e Pratica del Lavoro, Altalex, Di Elle, www.ipsoa.it, www.parlamento.

Alcune norme a tutela dei cittadini stranieri. Fonti: rivista Diritto e Pratica del Lavoro, Altalex, Di Elle, www.ipsoa.it, www.parlamento. Alcune norme a tutela dei cittadini stranieri Fonti: rivista Diritto e Pratica del Lavoro, Altalex, Di Elle, www.ipsoa.it, www.parlamento.it 1 Soggiorno per motivi di protezione sociale. (Legge 6 marzo

Dettagli

Inizio a lavorare come consulente a questo progetto per tutto il 1997 senza nessuna copertura di contratto.

Inizio a lavorare come consulente a questo progetto per tutto il 1997 senza nessuna copertura di contratto. SINTESI VICENDA GRAPPOLINI FRIGO Fase iniziale. Frigo insieme alla figlia con il marito ed un italiano come interprete vengono in visita presso l azienda alla fine del 1996. Dopo l incontro-intervista

Dettagli

MAPPATURA DELLE AREE DI RISCHIO EX D. LGS. 231/01

MAPPATURA DELLE AREE DI RISCHIO EX D. LGS. 231/01 LAURO CANTIERI VALSESIA S.P.A. MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO MAPPATURA DELLE AREE DI RISCHIO EX D. LGS. 231/01 Premessa Ai fini dell efficace predisposizione di un Modello Organizzativo,

Dettagli

MILENA GABANELLI FUORI CAMPO

MILENA GABANELLI FUORI CAMPO Ammazza che mafia di Paolo Mondani MILENA GABANELLI FUORI CAMPO La storia che adesso vedremo avrebbe potuto, almeno in parte, essere raccontata 10 anni fa. Siamo a Roma dove una vera e propria federazione

Dettagli

Associazione Italiana Traduttori e Interpreti Membro della Fédération Internationale des Traducteurs (F.I.T.), aderente all'unesco

Associazione Italiana Traduttori e Interpreti Membro della Fédération Internationale des Traducteurs (F.I.T.), aderente all'unesco COSA OCCORRE FARE PER PRESENTARE LA RICHIESTA DI ISCRIZIONE ALL'ALBO DEI CONSULENTI TECNICI D UFFICIO E PERITI DEL TRIBUNALE (per traduttori e/o interpreti giudiziari) (aggiornato al 05/09/2014) Per lavorare

Dettagli

Discorso del Ministro per le Pari Opportunità, Mara Carfagna

Discorso del Ministro per le Pari Opportunità, Mara Carfagna Discorso del Ministro per le Pari Opportunità, Mara Carfagna Rivolgo a voi tutti un caloroso benvenuto, a nome del Governo italiano e mio personale. E per me un onore aprire ufficialmente i lavori di presentazione

Dettagli

PRESENTAZIONE DEL BILANCIO OPERATIVO ANNUALE 2014 DELLA GUARDIA DI FINANZA DI CROTONE.

PRESENTAZIONE DEL BILANCIO OPERATIVO ANNUALE 2014 DELLA GUARDIA DI FINANZA DI CROTONE. COMUNICATO STAMPA Crotone, 14 aprile 2015 PRESENTAZIONE DEL BILANCIO OPERATIVO ANNUALE 2014 DELLA GUARDIA DI FINANZA DI CROTONE. 1. Contrasto alle frodi fiscali e all economia sommersa. Il contrasto alle

Dettagli

RICHIESTA ACCERTAMENTI FOTODATTILOSCOPICI

RICHIESTA ACCERTAMENTI FOTODATTILOSCOPICI ACCOMPAGNAMENTO IN UFFICIO PER IDENTIFICAZIONE DI CITTADINO ITALIANO MAGGIORENNE INDAGATO 10068 10037 10035 10001/10006 PIETRO CUSTODI-VERBALE DI ACCOMPAGNAMENTO IN UFFICIO PER IDENTIFICAZIONE se fotosegnalato

Dettagli

Domande d'entrata in vista del ricongiungimento familiare: profilo del DNA e esame degli atti dello stato civile

Domande d'entrata in vista del ricongiungimento familiare: profilo del DNA e esame degli atti dello stato civile Dipartimento federale di giustizia e polizia DFGP Ufficio federale della migrazione UFM Ambito direzionale Immigrazione e integrazione Divisione Entrata N. di riferimento: Istruzione A : Rappresentanze

Dettagli

Designazione per la Medal of Meritorious Achievement dell FBI Dr. Giovanni Gianni De Gennaro, Capo della Polizia italiana

Designazione per la Medal of Meritorious Achievement dell FBI Dr. Giovanni Gianni De Gennaro, Capo della Polizia italiana Designazione per la Medal of Meritorious Achievement dell FBI Dr. Giovanni Gianni De Gennaro, Capo della Polizia italiana E con grande onore che designiamo il Dr. Gianni De Gennaro, Capo della Polizia

Dettagli

COMUNE DI CREVALCORE Provincia di Bologna Area Tecnica - Servizio Lavori Pubblici Manutenzioni

COMUNE DI CREVALCORE Provincia di Bologna Area Tecnica - Servizio Lavori Pubblici Manutenzioni MOD. A bis Modulo Dichiarazioni relative al possesso dei requisiti di ordine generale da compilarsi da parte di ciascuna impresa consorziata individuata dal Consorzio quale esecutrice di lavori/servizi/forniture

Dettagli

Gara, con procedura aperta, servizio di gestione Elisuperficie S.Maria Goretti di Latina CIG 5811731822

Gara, con procedura aperta, servizio di gestione Elisuperficie S.Maria Goretti di Latina CIG 5811731822 SCHEMA di DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA Gara, con procedura aperta, servizio di gestione Elisuperficie S.Maria Goretti di Latina CIG 5811731822 Il sottoscritto nato il a... in qualità di. (eventualmente giusta

Dettagli

ALLEGATO 1 AL DISCIPLINARE DI GARA

ALLEGATO 1 AL DISCIPLINARE DI GARA ALLA REGIONE AUTONOMA FRIULI VENEZIA GIULIA Direzione centrale funzione pubblica, autonomie locali e coordinamento delle riforme Servizio provveditorato e servizi generali Via Sabbadini, 31 33100 - UDINE

Dettagli

INDICE SOMMARIO. Presentazione...

INDICE SOMMARIO. Presentazione... INDICE SOMMARIO Presentazione...................................... VII CAPITOLO I LA TESTIMONIANZA IN GENERALE 1.1. Introduzione................................... 2 1.2. La prova testimoniale nella Costituzione

Dettagli

* I Paesi Bassi si sono astenuti

* I Paesi Bassi si sono astenuti RACCOMANDAZIONE DEL CONSIGLIO OCSE CONCERNENTE LE LINEE GUIDA SULLA TUTELA DEI CONSUMATORI CONTRO LE PRATICHE COMMERCIALI TRANSFRONTALIERE FRAUDOLENTE E INGANNEVOLI Il CONSIGLIO* Vista la Convenzione concernente

Dettagli

www.altrodiritto.unifi.it Antonio Vallini Reati di sfruttamento lavorativo

www.altrodiritto.unifi.it Antonio Vallini Reati di sfruttamento lavorativo Antonio Vallini Reati di sfruttamento lavorativo La norma incriminatrice che principalmente trova applicazione in caso di utilizzo di lavoratori stranieri irregolari è l art.22, comma 12, testo unico immigrazione,

Dettagli

Domande frequenti sulla trasmissione dei dati dei passeggeri di voli tra l Unione Europea e gli Stati Uniti d America alle autorità statunitensi

Domande frequenti sulla trasmissione dei dati dei passeggeri di voli tra l Unione Europea e gli Stati Uniti d America alle autorità statunitensi ALLEGATO 2 Domande frequenti sulla trasmissione dei dati dei passeggeri di voli tra l Unione Europea e gli Stati Uniti d America alle autorità statunitensi 1. Quali informazioni sui passeggeri vengono

Dettagli

IITALIAN PENAL CODE. Per il solo fatto di partecipare all'associazione [c.p. 115], la pena è della reclusione da uno a cinque anni [c.p. 29, 32] (3).

IITALIAN PENAL CODE. Per il solo fatto di partecipare all'associazione [c.p. 115], la pena è della reclusione da uno a cinque anni [c.p. 29, 32] (3). IITALIAN PENAL CODE Art. 416 Codice Penale. Associazione per delinquere. 416. Associazione per delinquere (1). Quando tre o più persone si associano allo scopo di commettere più delitti [c.p. 576, n. 4],

Dettagli

PARTE SPECIALE Sezione III

PARTE SPECIALE Sezione III PARTE SPECIALE Sezione III -Reati di criminalità organizzata -Reati di ricettazione, riciclaggio e impiego di denaro, beni o utilità di provenienza illecita -Induzione a rendere dichiarazioni mendaci all

Dettagli

Iniziativa parlamentare Diritto del lavoro. Aumento del valore litigioso per le procedure gratuite (Thanei)

Iniziativa parlamentare Diritto del lavoro. Aumento del valore litigioso per le procedure gratuite (Thanei) 97.417 Iniziativa parlamentare Diritto del lavoro. Aumento del valore litigioso per le procedure gratuite (Thanei) Rapporto della Commissione degli affari giuridici del Consiglio nazionale dell 8 maggio

Dettagli

Concluso il 10 settembre 1998 Approvato dall Assemblea federale il 20 aprile 1999 1 Entrato in vigore mediante scambio di note il 1 maggio 2000

Concluso il 10 settembre 1998 Approvato dall Assemblea federale il 20 aprile 1999 1 Entrato in vigore mediante scambio di note il 1 maggio 2000 Testo originale 0.360.454.1 Accordo tra la Confederazione Svizzera e la Repubblica italiana relativo alla cooperazione tra le autorità di polizia e doganali Concluso il 10 settembre 1998 Approvato dall

Dettagli

PARTE SPECIALE I DELITTI DI CRIMINALITA ORGANIZZATA

PARTE SPECIALE I DELITTI DI CRIMINALITA ORGANIZZATA PARTE SPECIALE I DELITTI DI CRIMINALITA ORGANIZZATA Energeko Gas Italia S.r.l. Versione 01 - Aggiornamento 01/2013 1 Sommario PARTE SPECIALE I DELITTI DI CRIMINALITA ORGANIZZATA... 1 1. I DELITTI DI CRIMINALITA

Dettagli

GLI INVESTIMENTI DELLE ORGANIZZAZIONI MAFIOSE NELL ECONOMIA LEGALE. Reggio Calabria, 5 aprile 2013

GLI INVESTIMENTI DELLE ORGANIZZAZIONI MAFIOSE NELL ECONOMIA LEGALE. Reggio Calabria, 5 aprile 2013 GLI INVESTIMENTI DELLE ORGANIZZAZIONI MAFIOSE NELL ECONOMIA LEGALE Reggio Calabria, 5 aprile 2013 Introduzione L obiettivo della lezione odierna è individuare: i motivi per cui le mafie investono nell

Dettagli