Appunti di viaggio DIECI LIMONI MILLE LIRE. di Ambrogio Crespi

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Appunti di viaggio DIECI LIMONI MILLE LIRE. di Ambrogio Crespi"

Transcript

1

2

3 Appunti di viaggio DIECI LIMONI MILLE LIRE di Ambrogio Crespi

4

5 Indice Prologo La mia famiglia L amore si affaccia alla mia vita La mamma compie il suo calvario La vita continua Una nuova svolta La prima volta con Berlusconi I cambiamenti

6

7 Nota dell Autore Le pagine di questo libro contengono la vera storia dei miei primi trent anni, una storia che mi sono raccontato con l intento di deporre un fardello, quasi un ingombro indefinito che era in me e di cui sentivo l urgenza di liberarmi. Forse perché avevo vissuto questi anni intensamente, come una corsa sfrenata che richiedeva una sosta, una pausa di riflessione necessaria alla mia crescita, al mio processo di consapevolezza, alla conquista della mia identità. Avevo bisogno di visualizzare e trasferire eventi, sentimenti, angosce e ricordi per fare mia la frase dai diamanti non nasce niente, dal letame nascono i fior (Fabrizio De André). 7

8

9 Prologo Era il mese di aprile del 1995 quando un caro amico di famiglia, a me particolarmente legato, in un momento in cui ero pervaso da un grande sconforto esistenziale, mi disse che non dovevo avvilirmi perché ero un ragazzo che aveva dei grandi valori umani e morali e che, crescendo e attingendo a quelle basi fondamentali, sarei diventato un uomo e anche di successo sia nella vita che nella professione. Attraversavo una fase della vita nella quale ero confuso ed insicuro, non avevo un panorama nitido di chi fossi e dove andassi. Avendo tuttavia fiducia in questo amico, pur non capendo fino in fondo il significato delle sue parole e soprattutto non sapendo come facesse ad essere così sicuro di quello che affermava, decisi di credergli e pensai solamente ad impegnarmi al massimo nel mio lavoro e nel mio mondo affettivo. 9

10 Ambrogio Crespi Dopo circa cinque anni, quella stessa persona in una giornata nella quale ero impegnatissimo mi chiamò in disparte e con fare discreto mi disse che mi doveva parlare, anche solo per pochi istanti. Pur con una lieve preoccupazione lo raggiunsi. È successo qualcosa di grave? chiesi con un incalzare determinato da un evidente apprensione. Subito si aprì in un sorriso e mi rispose che voleva solamente farmi sapere di essere orgoglioso di me perché ero diventato l uomo che immaginava, ero cresciuto moltissimo professionalmente, era accaduto ciò che lui aveva previsto cinque anni prima. «Vedi con quei valori morali ed umani tu non potevi fallire, hai sofferto tanto nella vita, non ti sei mai fermato da quando avevi 13 anni, tu e la tua famiglia con grande fatica avete sempre cercato di costruire un futuro che oggi è diventato presente ed è una esaltante realtà». Quelle parole mi colpirono moltissimo. Ero cresciuto sia come uomo che come professionista ma non mi ero mai guardato allo specchio, non avevo avuto il tempo di riflettere su quello straordinario viaggio che è la vita. Il mio amico aveva ragione: e così, immedesimandomi nelle appassionanti avventure di certi romanzi dell 800, ho deciso, come un grande esploratore, di iniziare a scrivere degli Appunti di Viaggio, 10

11 DIECI LIMONI MILLE LIRE il diario di questo straordinario percorso che è la vita. Consultai il mio amico chiedendogli se non fosse da megalomani scrivere queste pagine, ma lui, con un sorriso rassicurante, mi rispose che il romanzo più bello e più importante per me era certamente questo e che quindi, sovrani, capi di stato, grandi imprenditori, premi Nobel non avrebbero potuto essere che comprimari nel racconto della mia vita di cui io solo ero l unico vero interprete. Gli rinnovai la fiducia e, senza la minima velleità o pretesa, ho deciso di fissare sul mio diario i miei primi trentuno anni. 11

12

13 LA MIA FAMIGLIA

14

15 DIECI LIMONI MILLE LIRE Sono nato in una famiglia piena di contraddizioni dove tutti erano sempre in prima linea. Da piccolo soffrivo di incubi, ho sempre dovuto vivere la vita come una sfida, sono cresciuto con due persone importanti, due persone che hanno illuminato la mia strada come una lanterna nella notte, che mi hanno sorretto quando cadevo, incitato quando ero stanco, consolato quando ero avvilito, ripreso quando sbagliavo, questi pilastri della mia crescita sono stati mia madre e mio fratello. Definire e descrivere i sentimenti verso la propria madre è sempre impresa difficilissima. Dirò soltanto che è stata ed è tuttora il mio angelo custode. Un angelo custode particolare privo di arpa e campanellini ma con la vera grinta di una Madre. Mia mamma ha sofferto tanto a causa di una salute cagionevole che l ha tormentata per buona parte della sua esistenza, però il suo coraggio, la sua forza e il suo amore erano talmente grandi che ha saputo affrontare ogni avversità con fiera e instancabile determinazione, lasciando in eredità a me e a mio fratello quella forza che è alla base della nostra vita e del rapporto che intercorre fra di noi. Mio fratello è una pietra miliare della mia esistenza, molto più di un fratello, un amico, una 15

16 Ambrogio Crespi guida, un esempio. Gli sono profondamente, visceralmente legato, come un anima in due corpi. Mi ha sempre preso per mano e ancora oggi mi illumina con sapienza. A volte con complicità, a volte con dolcezza, altre con ironia e simpatia, ha sempre trovato il modo, nel periodo della mia crescita, di tenermi su una strada ben precisa. Mio padre all epoca della mia infanzia era un uomo immaturo, entrava e usciva dalla galera, era spesso manesco; l ho sempre giustificato perché intuivo che il suo comportamento era certamente la conseguenza di un passato molto infelice. Al di là di una scorza da uomo duro, credo che siano stati determinanti, nella sua formazione, le sofferenze che dovette subire per la morte precoce di mio nonno, morto in guerra, e quindi per la mancanza della guida e dell amore di un padre. Ma se poteva apparire duro e inflessibile, sono fermamente convinto che sia stato molto meno impermeabile e corazzato di quanto egli stesso ancora oggi vuole fare credere. La sua aggressività si è sviluppata dopo che sua madre si è risposata con un individuo che tutti hanno definito come un vero bastardo, un uomo cattivo e senza scrupoli che costrinse mio padre a reagire con violenza ad una vita che gli era diventata intollerabile. 16

17 DIECI LIMONI MILLE LIRE Purtroppo chi semina vento raccoglie tempesta; quell uomo violento e malvagio costrinse mio padre a difendersi per non essere disintegrato, formandosi quindi nell odio e nel culto della forza fisica quali unici strumenti per sopravvivere, tanto che, all età di tredici anni, scappò dal collegio nel quale era stato buttato, saltando su un treno e trovandosi da solo in Sicilia dove, prima di essere accolto da una famiglia presso la quale si fermò per tre mesi, si arrangiò anche dormendo, un paio di notti, su un albero. Per me è tuttavia estremamente difficile dimenticare tutte le lacrime che ha fatto versare a mia madre che gli è rimasta sempre legata e, ancor oggi, penso che tante di quelle lacrime avrebbe potuto e dovuto evitargliele. Al tempo della mia infanzia non avevamo una lira ma eravamo uniti e soprattutto c era la cosa più importante, il grande amore ispirato da mia madre. Andavo all asilo vicino alla casa dei miei nonni e mia mamma lavorava con mio nonno in una cooperativa, la Trascommercialcoop, nella quale era vice capo ufficio mentre mio nonno era capo ufficio. Mia nonna veniva a prendermi all asilo e mi portava a casa sua, mio fratello andava a scuola e 17

18 Ambrogio Crespi mio padre era ospite delle patrie galere, così mia madre lavorava fino a tardi, dal momento che il frutto del suo lavoro era l unico sostentamento della famiglia. Ricordo che la mia colonna sonora di quel periodo era una canzonetta che cantavo spesso, specialmente quando percorrevo con mia nonna il tragitto dall asilo a casa (da via Rucellai a via Pericle, a Milano): la canzone di Renato Pozzetto dal titolo: La vita l è bela. A quei tempi però la vita non era tanto bella, noi abitavamo in viale Padova, la casa era vecchia, brutta e molto piccola. Dopo circa un paio d anni ci siamo spostati in via Celentano, una traversa di viale Padova. Anche questa casa era vecchia e brutta ma un po più grande dell altra. Mia madre era malata di cuore e, benché avessi solo sei anni, ricordo perfettamente, in ogni minimo particolare, il giorno in cui ha subito il suo primo intervento al cuore. Pur piccolo avevo intuito che era un giorno importante e, anche se ovviamente non avevo chiaro il concetto della morte, respirai profondamente le violente sensazioni e l angoscia che la nera 18

19 DIECI LIMONI MILLE LIRE signora dona a piene mani a chi sta per perdere una persona molto cara. Mio padre era in prigione e l unico punto di riferimento erano i miei grandi nonni oltre che, naturalmente, mio fratello. Se oggi penso a quanto seppe rassicurarmi e proteggermi in quel giorno di angoscia mi sembra impossibile che avesse solo quattordici anni. L intervento chirurgico andò bene e, col tempo, mia madre migliorò. La vita riprese il suo corso normale: io andavo a scuola e mio fratello frequentava la sezione del Partito Comunista di viale Padova. Quando mio fratello andava a fare servizio d ordine alla festa dell Unità, io, mia madre e la sua amica Adele lo raggiungevamo. Quelle serate a me piacevano tantissimo: c era tanta gente, confusione, luci, bancarelle ho però sempre pensato che mia madre più che per divertirsi partecipasse a quelle serate per proteggere e stare vicino al suo bambino grande. Poi mio fratello ha avuto dei problemi abbastanza grossi nel partito. Non so esattamente la natura di questi problemi né con chi li abbia avuti; so che, fin da giovanissimo, è stato sempre incline ai conflitti 19

20 Ambrogio Crespi ideologici e anche a scontri di natura intellettuale, ma il suo interlocutore, nel caso specifico, non si limitò ad argomentazioni di natura politica ma sostenne le sue ragioni arrivando a mettere a casa nostra una piccola bomba. Grazie alla sua forza, all amore di mia madre e alla saggezza di mio nonno, anche questo periodo di grande tormento per mio fratello finì, le acque si calmarono, e lui, sempre attento alle vicende politiche, si impegnò anche moltissimo in modo diretto e personale nel sociale. In particolare lo ricordo attivo in modo totale e instancabile nell aiutare i tossicodipendenti a uscire dal tunnel della droga. Lo faceva con dedizione totale e con il piglio di chi doveva compiere la missione di salvarne quanti più possibile. Ognuno di loro è una persona che ha una vita, una storia e per aiutarli devi conoscerli e capirli questo era il suo motto che lo spingeva a dedicarsi a loro anima e corpo. Durante lunghi periodi della mia infanzia, per le ripetute assenze di mio padre, la mia famiglia era composta solo da tre membri. Mi era stato detto che mio padre lavorava in Germania, in realtà era a San Vittore (il carcere di Milano). Spesso mia madre mi portava davanti alla fermata 20

21 DIECI LIMONI MILLE LIRE dei tram di Piazza Filangeri e mio padre bruciava la carta fuori dalla finestra della sua cella, mi salutava con grandi gesti e io ricambiavo felice i suoi saluti. Ovviamente non sapevo che quel signore fosse mio padre, mia madre infatti mi aveva detto che era un militare ed io ci avevo creduto tanto che, quando a scuola litigavo con i compagni e mi dicevano che avrebbero chiamato chi il padre, chi il fratello, chi lo zio, io rispondevo invece che avrei chiamato il mio amico militare. Un giorno mia madre mi annunciò che presto mio padre sarebbe tornato dall estero; da quel momento aspettai con trepidazione quello che nella mia fantasia di bambino sarebbe stato il giorno più bello della mia vita. Il grande giorno arrivò, abitavamo in via Celentano, ero sul pianerottolo del terzo piano, lui entrò dal portone e salì a piedi le scale ed io gli andai di corsa incontro, felice di abbracciarlo stretto e di sentire il suo odore. Quando ero piccolo e lui non c era, andavo alla ricerca dei suoi vestiti per sentire il suo odore e cercare così di colmare la sua mancanza. Con il suo ritorno pensavo che finalmente tutti i guai per la nostra famiglia sarebbero terminati ma non fu così. 21

22 Ambrogio Crespi Purtroppo mio padre e mia madre non andavano d accordo a causa della gelosia, e poco tempo dopo si separarono. Ero molto geloso di mia madre e, per quanto piccolo, avevo nei suoi confronti un istinto protettivo. Lei continuò ad essere attiva con tutta la sua forza e anche al di là di essa. Spesso si portava il lavoro a casa, china sulle carte sino a tarda notte, non era raro che la trovassi, distrutta dalla stanchezza, addormentata con la testa appoggiata sul tavolo. All inizio degli anni ottanta ci siamo messi in lista di attesa per le case popolari e dopo qualche tempo ce ne assegnarono una di due locali, nel quartiere Baggio. La casa era piccola ma nuova e noi eravamo felicissimi. Nel frattempo mio padre si era rimesso nei guai ed era ospite delle prigioni svizzere. Il suo posto, in famiglia, fu nuovamente occupato dal nonno materno che ci fu di grande sostegno in ogni circostanza, l indiscusso punto di riferimento, sempre attento e sempre presente. Fu grazie al suo aiuto che sistemammo l appartamento rendendolo molto carino. Addirittura il nonno ci regalò una macchina: era una FIAT 131 di colore azzurro; mai nessun altra 22

23 Murales DIECI LIMONI MILLE LIRE

24 Ambrogio Crespi macchina mi ha dato le stesse emozioni perché quella per me non era solo un mezzo di trasporto, ma aveva un significato particolare, era un segno tangibile del raggiungimento di una normalità familiare che non avevamo mai avuto se non per brevi periodi. Mia nonna era dolce, una donna che seminava amore a piene mani, da noi sempre ampiamente ricambiato. Nella nuova casa all inizio era tutto bello: ci sentivamo in paradiso, tanto verde intorno, cortili per giocare, ma poi la qualità della vita del quartiere cominciò a deteriorarsi. Nel quartiere noi eravamo tra i pochi del nord; la maggior parte degli abitanti era costituita da napoletani, calabresi, pugliesi, siciliani e sardi, persone che vivevano grandi disagi perché sradicate dal loro ambiente. C erano frequenti risse spesso originate da motivi futili. L unica legge che imperava era quella del più forte, si viveva in un clima allucinante. Mio fratello ha vissuto certamente in modo meno drammatico questo clima perché era già grande quando ci trasferimmo a Baggio, un quartiere della periferia milanese, ed in più aveva la propria cerchia di amicizie fuori dalla zona. Io invece sono 24

25 DIECI LIMONI MILLE LIRE cresciuto a Baggio, con quei codici di vita di cui ora sono fiero, e quella è stata la mia vera palestra di vita. Non mi piaceva andare a scuola e quindi spesso scappavo, litigavo con tutti, volevo essere rispettato ma erano tutti prepotenti e quindi, per difendermi, ho usato i loro stessi mezzi. Talvolta con i violenti diventavo peggiore di loro, ma sono felice di poter affermare che ho sempre cercato di tutelare i più deboli agendo secondo la mia coscienza. Oltre alla mamma, lavorava anche mio fratello, in un impresa di pulizie; puliva i vetri nei palazzi, mentre io andavo ancora a scuola. In casa c era una certa serenità finché mio padre non tornò dalla Svizzera. Purtroppo aveva una relazione stabile con una donna che ricordo particolarmente sgradevole, una certa Mariella, causa di molti dispiaceri per mia madre, che è sempre stata innamoratissima di lui tanto che, quando dopo la separazione i miei genitori si rividero, piano piano, inevitabilmente, si rimisero insieme, nonostante il fatto che, per un certo periodo, quella donna sfacciata, intrigante e priva di dignità, assillasse mio padre cercando 25

26 Ambrogio Crespi in tutti i modi di tenerlo legato a sé. Mio padre è sempre stato un inguaribile donnaiolo e mia madre era molto gelosa e spesso, la notte, a bordo della nostra Fiat 128, l accompagnavo a cercarlo. Mio padre, il giorno del suo ritorno dalla Svizzera, mi portò un regalo bellissimo, un cane, un pastore bernese che chiamammo Lola, e divenne la mia inseparabile compagna di avventura. Per otto anni siamo cresciuti insieme, era un cane dolcissimo, una vera sorella alla quale mancava solo la parola, anche se riusciva a farsi capire con lo sguardo. Mio padre faceva il demolitore di auto e mio fratello gli dava una mano mentre mia madre continuava a lavorare in ufficio. Secondo mio padre, l attività della demolizione non era il massimo e, se si voleva cambiare radicalmente la nostra vita, bisognava modificare il genere di lavoro. Pur di migliorare la condizione e il rapporto familiare, si decise di chiudere l attività di sfasciacarrozze per comprare una licenza commerciale per la vendita di frutta e verdura. Il prezzo di questa licenza era altissimo e mia madre, pur di raggiungere lo scopo, si dovette licenziare per prendere la liquidazione. 26

27 DIECI LIMONI MILLE LIRE Tra mille sforzi quella benedetta licenza venne comprata. All epoca avevo tredici anni e i primi mesi di questa nuova attività furono abbastanza positivi; poi cambiammo licenza, andammo in viale Papiniano dove c è il mercato rionale più grande di Milano. Ricordo che mio fratello veniva chiamato Dallas, perché portava il cappello da cow-boy e gridava sempre con un gran vocione per attirare le signore al nostro banco. Io, che ero il più piccolo, avevo un compito specifico quello di evidenziare un prodotto civetta; infatti per catalizzare l attenzione sulla convenienza del nostro banco, applicavamo ai limoni un prezzo particolarmente conveniente, per questo io vendevo i limoni, gridando a perdifiato: 10 limoni 1000 lire. Mio padre si occupava di andare a comprare la frutta all ingrosso, mia madre serviva i clienti, mio fratello ed io cominciavamo a lavorare a mezzanotte perchè c era da scaricare il camion e preparare il banco e al sabato finivamo di lavorare alle Purtroppo, malgrado l impegno, i sacrifici e tutti gli sforzi, invece di guadagnare, nel giro di un anno abbiamo perso circa 100 milioni che, soprattutto per chi non li ha, sono una cifra enorme. 27

28 Ambrogio Crespi Abbiamo fatto i salti mortali e mio padre in questa circostanza si è dimostrato grande. Il problema era evitare l onta del protesto perchè dovevamo pagare delle cambiali e, pur avendo fatto mille peripezie, eravamo riusciti a procurare solo una piccola parte della cifra che ci serviva. Una mattina indimenticabile, pochi giorni prima della scadenza di quei titoli arrivò mio padre con un sorriso smagliante e l aria trionfante: aveva infatti trovato tutti i soldi. Pieno di ammirazione, non gli ho mai chiesto, e perciò non ho mai saputo, come avesse fatto, da dove li avesse tirati fuori quei quattrini, la cosa era per me di scarso interesse: la realtà importante era che li aveva procurati e tanto bastava. Dopo quell episodio di grande gioia ha però avuto inizio uno dei periodi più bui che io ricordi, non avevamo lavoro e a poco a poco abbiamo dovuto vendere tutto, compresa la tanto agognata licenza e il camion. Sono stati giorni veramente duri, non avevamo neanche i soldi per fare la spesa, andavamo con mio fratello al supermercato con la calcolatrice perché i soldi erano realmente contati e il più delle volte eravamo costretti a comperare ali di tacchino perché costavano poco. Ma i ricordi più tristi per me non sono tanto 28

29 DIECI LIMONI MILLE LIRE costituiti da quei periodi di dieta forzata, ma dall indimenticabile desolata tristezza che leggevo negli occhi di mia madre e dalle calde lacrime che versava per l impotenza di fronte al frigorifero vuoto. Vivevamo con i proventi di lavori saltuari ed occasionali; con mio fratello aspettavamo ansiosamente che nevicasse per andare a spalare la neve perché pagavano bene. All epoca ero ancora minorenne e dopo alcuni ingaggi, non ho mai saputo se per una nuova legge o perché in precedenza la legge non era mai stata applicata, mi comunicarono che per spalare neve accettavano solo i maggiorenni. Momentaneamente persi questo lavoro ma fortunatamente un giorno a mio fratello fu affidato un altro incarico. Non volendo perdere la nuova opportunità ci era venuta un idea: andavo io a suo nome e, ogni mattina alle 6,30 durante l appello puntualmente rispondevo io. Sono stati periodi veramente duri ma la speranza non ci ha mai abbandonati, anzi, ci ha sempre sorretto la convinzione che ci aspettava una vita migliore, che le vacche magre stavano per finire. Mio fratello, date le sue capacità, non poteva certamente essere soddisfatto di quei lavori. 29

30 Ambrogio Crespi Avendo notevolissime doti dialettiche ed una non comune capacità di persuasione, un bel giorno decise di diventare assicuratore, lavorando con il padre di Natascia, colei che un giorno sarebbe diventata sua moglie. Di giorno in giorno otteneva risultati sempre più convincenti e brillanti, lo si vedeva arrivare a casa sempre contento con la sua valigetta ventiquattrore. Io e mia madre eravamo orgogliosi di lui, mentre mio padre, spaventato dalla novità rivoluzionaria di questo lavoro, si mostrava perplesso. Sia io sia mia madre invece eravamo felici di vederlo rientrare a casa trafelato, sempre con il tempo contato perché doveva anche andare ad allenarsi avendo iniziato a giocare a football americano, sua grande passione. Lavorava e giocava e più passava il tempo e più aveva successo in entrambi i campi. In poco tempo infatti nel suo lavoro era diventato abile facendo un numero impressionante di contratti, mentre nel football con la sua squadra (Rhinos Milano) era diventata campione d Italia. Anche io ho provato a giocare nella squadra giovanile e me la cavavo benino; purtroppo, però, dopo poco tempo nel corso di una visita medica richiesta dalla federazione mi venne diagnosticato un serio problema a un occhio, dovuto ad un 30

31 DIECI LIMONI MILLE LIRE trauma procuratomi nel corso di una rissa. Ci fu un responso senza appello: non potevo più giocare pena la perdita della vista da un occhio. Fu un colpo durissimo, mi andavo convincendo che la sorte mi fosse avversa e il mio destino fosse segnato da rinunce e dispiaceri. Reagii grazie al mio carattere ottimista che mi permise di trasformarmi da giocatore ad assiduo spettatore seguendo mio fratello nelle partite, anche quelle in trasferta. Grazie al forte senso della famiglia che ci ha sempre animato e anima, questo gioco divenne strumento per tenerci uniti: lui giocava, la sua ragazza, mia attuale adorata cognata, era addetta alle statistiche, mentre io, mia madre, mio padre e il nostro cane Lola, facevamo i supporter tifando la sua squadra in tutte le partite. Qualche anno dopo, trovai un nuovo sport al quale dedicarmi: preparai nella cantina di casa una piccola palestra. Facevo un po di tutto, pesi, boxe, kick boxing tutto fai da te. Un giorno incontrai un caro amico, Angelo Valente, campione del mondo di kick boxing, che nella sua cantina aveva costruito un piccolo ring e prendemmo l abitudine di ritrovarci lì la sera o durante i fine settimana insieme ad altri amici. Era anche un modo, per me, di scaricare l aggressività che accumulavo nella vita quotidiana di quartiere e ringrazio Angelo che mi ha 31

32 Ambrogio Crespi inserito in questo mondo aiutandomi a canalizzare la forza e la rabbia nella giusta direzione. Il tempo trascorse riservando alla nostra famiglia alti e bassi senza troppi squilibri finché mio fratello nel 1987 comprò una piccolissima società, Datamedia, che si occupava di ricerche sui mezzi di comunicazione. La sede era in via Sabaudia, un ufficio di 70 metri quadri condiviso con altre due società. Oltre a mio fratello e mia cognata, vi lavoravano una segretaria e una decina di intervistatori che rilevavano gli ascolti delle tv e delle radio locali, le ricerche erano le storiche Tvbank e Radiobank. Assecondando la loro natura generosa e volitiva, mio fratello e mia cognata si buttarono a capofitto nella nuova attività lavorando instancabilmente giorno e notte tanto che spesso andavo con mia madre a portar loro cibo e caffè caldo. Sempre nelle ore notturne mio fratello ed io facevamo gli immancabili lavori di manutenzione dell ufficio. Si lavorava spesso la notte perchè mio fratello aveva tenuto anche il lavoro di assicuratore e durante il giorno si dedicava a quello. Era veramente instancabile: non finiva mai di parlare con la gente che studiava attentamente, riuscendo a cogliere sempre il meglio di tutti e a superare ogni difficoltà. Era molto giovane per le 32

33 DIECI LIMONI MILLE LIRE responsabilità che si era assunto, e in più aveva un viso che dimostrava molto meno della sua età, che cercava di aumentare portando la barba e indossando vestiti molto seri che gli conferivano credibilità presso i suoi interlocutori, generalmente molto più grandi di lui. In quel periodo lavoravo con mio padre che aveva un magazzino che veniva utilizzato come deposito per tutto quello che si raccoglieva durante gli sgomberi delle case e delle cantine, inoltre facevamo dei piccoli traslochi. In questa attività avevamo modo di recuperare vecchi mobili e vari complementi d arredo che pomposamente definivamo pezzi d antiquariato e andavamo a rivendere con buon profitto al mercato delle pulci della Barona la domenica mattina. Per la famiglia questo sarebbe stato un momento abbastanza buono se mia madre non avesse ricominciato il suo doloroso calvario con la salute. Aveva gravi problemi di cuore e soffriva moltissimo con costanti crisi di dolori al petto e senso di soffocamento. Non riusciva a respirare, le mancava l aria, stava spesso davanti alla finestra per cercare di respirare quanta più aria fresca possibile. Io le stavo sempre vicino e tanto partecipavo alle sue pene che spesso avevo l impressione che anche 33

34 Ambrogio Crespi a me mancasse il fiato. Durante queste crisi la mia partecipazione era totale così che, ancora oggi, in certe circostanze di particolare tensione o stress, somatizzo e mi sento soffocare. Fortunatamente questi disturbi sono andati scomparendo grazie alle rassicurazioni dei medici, ma soprattutto alla mia crescita interiore. Purtroppo per mia madre era arrivato il giorno del secondo inevitabile intervento, una circostanza molto difficile, di rara tristezza e molto sofferta da tutti noi. Abbiamo passato lunghe, interminabili ore nella sala d attesa dell Ospedale Niguarda, reparto De Gasperi, avendo quale unica compagnia l angoscia che ha trovato sollievo solo quando il medico ci ha rassicurati sull esito positivo dell operazione. Naturalmente fu subito portata in sala rianimazione e quindi non ci poteva essere data la possibilità di vederla. Ma la nostra gioia di saperla viva era pari solamente all irrefrenabile voglia di abbracciarla. Eravamo io, mio fratello e mio padre, e tutti e tre non ci volevamo rassegnare all idea di non vederla fosse solo per un attimo. Probabilmente tanta era stata la paura che lei ci lasciasse che non credevamo completamente alle parole del medico, così decidemmo di andare in giardino e fare il giro dell edificio controllando dalle finestre quale 34

35 DIECI LIMONI MILLE LIRE fosse la sala rianimazione. Dopo peripezie di tutti i generi con un po di fortuna e molta tenacia, individuammo la finestra giusta, quella dalla quale potevamo intravedere mia madre. A questo punto si rese necessario un vero e proprio numero di acrobazia, immaginate tre uomini il più piccolo dei quali pesava più di 100 chili salire uno sulle spalle dell altro e scambiare per tre volte posizione in modo che tutti potessero lanciare uno sguardo dentro a quella dannata finestra. L immagine che vedemmo fu terribile: mia madre giaceva in una sala immacolata, completamente inerme, bianchissima. Il viso era segnato, incavato, quasi scolpito nel marmo e lei era assolutamente immobile. Il suo corpo era violentato da mille tubi e tubicini che la tenevano in vita. Siamo tornati a casa felici perché lei era viva ma tormentati dall idea delle sofferenze che era costretta a subire. Dopo tre interminabili giorni lei cominciò a stare meglio e uscì dalla sala rianimazione. Questo semplice evento ci rese molto contenti perché potevamo passare del tempo con lei, toccarla e starle accanto, ma non era nulla al confronto della felicità che provammo tre settimane dopo quando venne dimessa dall ospedale e finalmente tornò a 35

36 Ambrogio Crespi casa. Sinceramente dopo tanta angoscia e tanto dolore, quando la rividi a casa, mi ero fermamente convinto che tutto fosse finito. Sbagliavo, purtroppo non era così. Il mio compito era quello di curare mia madre, uno di noi infatti doveva essere sempre presente per accudirla, perciò lavoravo poco e solo di notte scaricando i camion della Coeco, mentre di giorno mi capitava di lavorare con mio padre che non poteva certamente crearmi dei problemi. Mio fratello invece aveva l ufficio da mandare avanti e non poteva essere sostituito da nessuno. Il mio non era un compito facile perché dovevo stare attentissimo a seguire le prescrizioni dei medici. Ogni giorno dovevo dare a mia mamma gli anticoagulanti, il Cumadin, un farmaco che i medici definivano il guardiano del sangue; non dovevo e non potevo sbagliare perché mi era stato detto a chiare lettere che ogni errore poteva essere fatale e avrebbe potuto determinare un embolia. È facile capire quindi come fossi tesissimo e attentissimo anche perché c erano altre medicine da somministrarle, in tutto 12 pastiglie al giorno. Un brutto giorno la mamma tornò a stare male, perse completamente i sensi ed io, benché dentro avessi una tempesta di paura e di pena, riuscii a ragionare e a portarla in ospedale, al San Carlo. 36

37 DIECI LIMONI MILLE LIRE Il responso fu terribile: si trattava di una grave embolia. Ero da solo in sala d attesa con mille ricordi di mamma che mi facevano scoppiare la testa, ero disperato. Uscì dalla sala operatoria un medico, con un tono di voce deciso e forte, si sincerò che fossi un congiunto della signora Farano. Io mi qualificai come figlio e in modo secco e con una voce quasi irreale mi disse in modo brutalmente diretto: Devo darti una brutta notizia, tua madre ha avuto un embolia e non so se supererà la notte. Una fucilata al petto mi avrebbe fatto certamente meno male; mi sono sentito crollare il mondo addosso, inebetito guardavo la finestra e piangevo, pensavo che tutto fosse perduto. Dopo un po arrivò mio padre, vide il mio viso completamente bagnato dalle lacrime e in una frazione di secondo capì; ci siamo abbracciati stringendoci forte, ed io con un filo di voce gli ho detto Abbiamo perso la mamma e siamo scoppiati a piangere tutti e due. Poco dopo ci ha raggiunti anche mio fratello che si è unito al nostro abbraccio. Dopo circa altri venti minuti dalla sala operatoria uscì una dottoressa che cercava i familiari della signora Farano. Sconvolto e pronto al peggio gridai 37

Australia. Il sogno infranto di un giovane emigrante italiano

Australia. Il sogno infranto di un giovane emigrante italiano Australia Il sogno infranto di un giovane emigrante italiano Ogni riferimento a fatti realmente accaduti o luoghi e/o a persone realmente esistenti è da ritenersi puramente casuale. Antonino Santamaria

Dettagli

Mediterranea INTRODUZIONE

Mediterranea INTRODUZIONE 7 INTRODUZIONE guerrieri Palermo, anno 1076. Dopo che - per più di duecento anni - gli arabi erano stati i padroni della Sicilia, a quel tempo nell isola governavano i normanni, popolo d i guerrieri venuti

Dettagli

QUESTIONARIO DI OFFER PER ADOLESCENTI SULLA IMMAGINE DI SE

QUESTIONARIO DI OFFER PER ADOLESCENTI SULLA IMMAGINE DI SE QUESTIONARIO DI OFFER PER ADOLESCENTI SULLA IMMAGINE DI SE INTRODUZIONE AL QUESTIONARIO Questo questionario viene usato per scopi scientifici. Non ci sono risposte giuste o sbagliate. Dopo aver letto attentamente

Dettagli

Scuola Secondaria di I grado di Lavagno Istituto Comprensivo don Lorenzo Milani LAVAGNO - VR

Scuola Secondaria di I grado di Lavagno Istituto Comprensivo don Lorenzo Milani LAVAGNO - VR Scuola Secondaria di I grado di Lavagno Istituto Comprensivo don Lorenzo Milani LAVAGNO - VR PERSONE DA AIUTARE Ci sono persone che piangono dal dolore, li potremmo aiutare, donando pace e amore. Immagina

Dettagli

LA#SCOPERTA## Giardino#dei#Gius5# # # #Associazione#Gariwo#

LA#SCOPERTA## Giardino#dei#Gius5# # # #Associazione#Gariwo# LA#SCOPERTA##!!!!!!Giardino#dei#Gius5# #####Associazione#Gariwo# CHI#SONO#I#GIUSTI#,#PROF?## LA#NOSTRA#SCELTA## Un#nome#fra#tuC#con5nuava#a# tornare#con#insistenza## !!!!!!!!!!!!!!!!!!!!Educare#al#coraggio#civile#!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!Svetlana#Broz#

Dettagli

RACCONTO TRATTO DAL LIBRO. DONNE CHE RACCONTANO IL LAVORO a cura di

RACCONTO TRATTO DAL LIBRO. DONNE CHE RACCONTANO IL LAVORO a cura di RACCONTO TRATTO DAL LIBRO DONNE CHE RACCONTANO IL LAVORO a cura di Roberta Griffini, Francesca Matichecchia, Debora Roversi, Marzia Tanzini Disegno di Pat Carra Filcams Cgil Milano Margherita impiegata

Dettagli

Maschere a Venezia CAP I

Maschere a Venezia CAP I Maschere a Venezia 7 CAP I In un pomeriggio di fine marzo Altiero Ranelli, un giovane giornalista de Il Gazzettino di Venezia, entra nell ufficio del direttore. - Ho una grande notizia. - grida contento.

Dettagli

C eraunavoltaunalbumdifotoscolorite

C eraunavoltaunalbumdifotoscolorite C eraunavoltaunalbumdifotoscolorite C era una volta un album di foto scolorite. Un vecchio album di nome Sansone. Sansone era stato acquistato nel 1973 in un mercatino di Parigi da una certa signora Loudville.

Dettagli

L idea dunque di ritrovarsi dei tutori, per di più sconosciuti, anche in vacanza, non era il massimo. Carlo però ci aveva subito tranquillizzati, ci

L idea dunque di ritrovarsi dei tutori, per di più sconosciuti, anche in vacanza, non era il massimo. Carlo però ci aveva subito tranquillizzati, ci CAPITOLO 1 La donna della mia vita Oggi a un matrimonio ho conosciuto una donna fantastica, speciale. Vive a Palermo, ma appena se ne sente la cadenza, adora gli animali, cani e cavalli soprattutto, ma

Dettagli

Questa è la nostra vita un figlio a tutti i costi.

Questa è la nostra vita un figlio a tutti i costi. Questa è la nostra vita un figlio a tutti i costi. Una sera, dopo aver messo a letto mio figlio, stanca dopo una giornata molto impegnata, ho deciso di andare a letto presto, ma non riuscivo ad addormentarmi,

Dettagli

La ritirata di Russia. Dal fiume Don a Varsavia (1942-43)

La ritirata di Russia. Dal fiume Don a Varsavia (1942-43) La ritirata di Russia. Dal fiume Don a Varsavia (1942-43) Riccardo Di Raimondo LA RITIRATA DI RUSSIA. DAL FIUME DON A VARSAVIA (1942-43) Memorie di un soldato italiano www.booksprintedizioni.it Copyright

Dettagli

Nonno Toni sentì un urlo di rabbia

Nonno Toni sentì un urlo di rabbia Operazione Oh no! Nonno Toni sentì un urlo di rabbia provenire dalla cameretta di Tino. Salì le scale di corsa, spalancò la porta e si imbatté in un bambino con gli occhi pieni di lacrime. Tino aveva in

Dettagli

Copertina: Gabriele Simili, Phasar, Firenze Immagine di copertina: Rita Altarocca Stampa: Global Print, Gorgonzola (Mi)

Copertina: Gabriele Simili, Phasar, Firenze Immagine di copertina: Rita Altarocca Stampa: Global Print, Gorgonzola (Mi) Elena Ana Boata Il viaggio di Anna Proprietà letteraria riservata. 2007 Elena Ana Boata 2007 Phasar Edizioni, Firenze. www.phasar.net I diritti di riproduzione e traduzione sono riservati. Nessuna parte

Dettagli

IL MIO CARO AMICO ROBERTO

IL MIO CARO AMICO ROBERTO IL MIO CARO AMICO ROBERTO Roberto è un mio caro amico, lo conosco da circa 16 anni, è un ragazzo sempre allegro, vive la vita alla giornata e anche ora che ha 25 anni il suo carattere non tende a cambiare,

Dettagli

UN CLARINETTO NEL LAGER ALDO VALERIO CACCO

UN CLARINETTO NEL LAGER ALDO VALERIO CACCO UN INCONTRO CON LA STORIA UN CLARINETTO NEL LAGER ALDO VALERIO CACCO 5 FEBBRAIO 2015 Villafranca Padovana Classe terza A del plesso Dante Alighieri Insegnante: professoressa Barbara Bettini Il valore della

Dettagli

La vita dei numeri ultimi

La vita dei numeri ultimi La vita dei numeri ultimi Orazio La Boccetta LA VITA DEI NUMERI ULTIMI racconto Dedicato a tutta la mia famiglia e i miei migliori amici a Pietro soprattutto ed in particolare a mio padre Andrea e mia

Dettagli

1 Consiglio. Esercizi 1 1

1 Consiglio. Esercizi 1 1 1 Consiglio Prima di andare a dormire scrivi cinque parole italiane che ti interessano. La mattina dopo, prima di alzarti, cerca di ricordarti le parole scritte la sera prima. 1 Animali Fai il cruciverba.

Dettagli

Italian Continuers (Section I Listening and Responding) Transcript

Italian Continuers (Section I Listening and Responding) Transcript 2013 H I G H E R S C H O O L C E R T I F I C A T E E X A M I N A T I O N Italian Continuers (Section I Listening and Responding) Transcript Familiarisation Text SILVIO: FLAVIA: SILVIO: FLAVIA: SILVIO:

Dettagli

Giovanna Quadri ROCCONTI

Giovanna Quadri ROCCONTI Racconti Giovanna Quadri ROCCONTI Paura e coraggio. Queste donne con il loro coraggio, il loro amore, nella società e nel farsi prossimo, hanno vinto il male con il bene. La giustizia a trionfato. però

Dettagli

Intervista con Elsa Moccetti

Intervista con Elsa Moccetti Intervista con Elsa Moccetti [L intervista è condotta da Sonja Gilg di Creafactory SA. Intervengono altre due persone di cui un ospite: Antonietta Santschi] Dicevo, che è stata una mia scelta di venire

Dettagli

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime Indice Introduzione 7 La storia delle rose: quando la mamma parte 9 Il bruco e la lumaca: quando i genitori si separano 23 La campana grande e quella piccola: quando nasce il fratellino 41 La favola del

Dettagli

RICOMINCIARE UNA NUOVA VITA IN AUSTRALIA? - UN SIMPATICO TEST -

RICOMINCIARE UNA NUOVA VITA IN AUSTRALIA? - UN SIMPATICO TEST - RICOMINCIARE UNA NUOVA VITA IN AUSTRALIA? - UN SIMPATICO TEST - INIZIO Ricominciare una nuova vita da zero mi spaventa peró so che tante persone ce la fanno, posso farcela anch io! preferirei continuare

Dettagli

ECCO LA MIA ESPERIENZA COME HO VISSUTO LO SPORT DA DISABILE

ECCO LA MIA ESPERIENZA COME HO VISSUTO LO SPORT DA DISABILE ECCO LA MIA ESPERIENZA COME HO VISSUTO LO SPORT DA DISABILE Ciao a tutti, io sono Andrea referente locale Ferrara-Bologna per Aismac. Sono affetto da una Siringomielia traumatica dorsale e da una amputazione

Dettagli

NATALINA INSERRA FABIO, UNA VITA SPEZZATA quando l errore medico cambia l esistenza Bonfirraro Editore 3

NATALINA INSERRA FABIO, UNA VITA SPEZZATA quando l errore medico cambia l esistenza Bonfirraro Editore 3 Zeta 1 1 2 NATALINA INSERRA FABIO, UNA VITA SPEZZATA quando l errore medico cambia l esistenza Bonfirraro Editore 3 2010 by Bonfirraro Editore Viale Ritrovato, 5-94012 Barrafranca - Enna Tel. 0934.464646-0934.519716

Dettagli

Bambini e Lutto Farra, 24 febbraio 2013

Bambini e Lutto Farra, 24 febbraio 2013 Bambini e Lutto Farra, 24 febbraio 2013 Obiettivi: - informare su quelle che sono le reazioni più tipiche dei bambini alla morte di una persona cara - dare alcune indicazioni pratiche - suggerire alcuni

Dettagli

-------------------------------------------------------------------------------------------------------

------------------------------------------------------------------------------------------------------- pelle su pelle Testo tratto dalle interviste realizzate in occasione della festa del volontariato - Casalecchio di Reno 22 aprile 2013 a cura dell associazione di promozione sociale Gruppo Elettrogeno

Dettagli

*** SASHA per SEMPRE ***

*** SASHA per SEMPRE *** *** SASHA per SEMPRE *** Siamo una coppia di portoghesi che abita in Italia da più di 10 anni. Abbiamo un figlio piccolo e nel 2010 abbiamo deciso di avventurarci in un progetto di solidarietà e di Amore:

Dettagli

LA BIBLIOTECA PER I PAZIENTI. La Biblioteca per i Pazienti. Impressioni dei Volontari

LA BIBLIOTECA PER I PAZIENTI. La Biblioteca per i Pazienti. Impressioni dei Volontari LA BIBLIOTECA PER I PAZIENTI SERVIZIO CIVILE VOLONTARIO Anno 2005/2006 La Biblioteca per i Pazienti Impressioni dei Volontari Gloria Lombardo, Valeria Bonini, Simone Cocchi, Francesca Caffarri, Riccardo

Dettagli

L amore è un granello di sabbia

L amore è un granello di sabbia L amore è un granello di sabbia Erika Zappoli L AMORE È UN GRANELLO DI SABBIA romanzo www.booksprintedizioni.it Copyright 2013 Erika Zappoli Tutti i diritti riservati A Serena e Samuel con la sola vostra

Dettagli

NEMO (NEuroMuscular Omnicentre)

NEMO (NEuroMuscular Omnicentre) NEMO (NEuroMuscular Omnicentre) A MULTI-SPECIALTY CLINICAL CENTRE FOR NEUROMUSCULAR DISEASES Dott.ssa Gabriella Rossi Psicologa Milano, 28/10/2011 Fortemente voluto da UILDM e AISLA, per contrastare il

Dettagli

CONCORSO : REGOLIAMOCI

CONCORSO : REGOLIAMOCI CONCORSO : REGOLIAMOCI Per studenti tra gli 8 e i 13 anni. Sceneggiatura film : IL SOLE I.C. Marino S. Rosa Napoli Classe II E IL SOLE Nella reception di una clinica molto famosa Christian che ha subito

Dettagli

PROGETTO ACCOGLIENZA: All asilo con Gigi

PROGETTO ACCOGLIENZA: All asilo con Gigi PROGETTO ACCOGLIENZA: All asilo con Gigi Motivazione del gruppo Comincia l anno educativo per i bambini del nido. Alcuni bimbi entrano per la prima volta al nido e devono attraversare il periodo delicato

Dettagli

AUGURI MAMME! FESTA DELLA MAMMA 2011 CLASSE 4C DE FILIPPO. La mia mamma

AUGURI MAMME! FESTA DELLA MAMMA 2011 CLASSE 4C DE FILIPPO. La mia mamma AUGURI MAMME! FESTA DELLA MAMMA 2011 CLASSE 4C DE FILIPPO La mia mamma La mia mamma con la giacca in mano, sempre pronta a portarmi ovunque sia, con gli occhioni color terra. Io la guardo e penso a tante

Dettagli

Secondo incontro: La mia esperienza d amore

Secondo incontro: La mia esperienza d amore Secondo incontro: La mia esperienza d amore Prima di addentrarci nel tema dell incontro sondiamo la motivazione dei ragazzi. Propongo loro un diagramma G/T. Tutti i ragazzi pensavano ad un esercizio di

Dettagli

Racconti di me. Un regalo

Racconti di me. Un regalo 1 Racconti di me di Cetta De Luca Un regalo Io non regalo oggetti. Magari un sogno, un emozione qualcosa che rimanga nella vita di valore. A volte solo un ricordo, a volte me stessa. 2 Apparenza Tu che

Dettagli

Ogni fatto e personaggio è puramente casuale, nomi e cognomi sono puramente di fantasia e quindi non riconducibili alla realtà, anche il racconto è

Ogni fatto e personaggio è puramente casuale, nomi e cognomi sono puramente di fantasia e quindi non riconducibili alla realtà, anche il racconto è I fogli bianchi Ogni fatto e personaggio è puramente casuale, nomi e cognomi sono puramente di fantasia e quindi non riconducibili alla realtà, anche il racconto è frutto di immaginazione e non ha nessuna

Dettagli

Sin da quando sono molto piccoli, i bambini sperimentano il mondo attraverso le

Sin da quando sono molto piccoli, i bambini sperimentano il mondo attraverso le Indice Introduzione 7 Miagolina si presenta 11 Quella volta che Miagolina è caduta nel buco della vasca 24 Quando è nato Spigolo 44 Miagolina e le parole storte 56 Spigolo va all asilo 75 Miagolina si

Dettagli

FIABE GIAPPONESI. La principessa del bambù. La fanciulla del melone. Le due Fortune. Luna e Stella. Le Creature delle fiabe giapponesi.

FIABE GIAPPONESI. La principessa del bambù. La fanciulla del melone. Le due Fortune. Luna e Stella. Le Creature delle fiabe giapponesi. http://web.tiscali.it La principessa del bambù. La fanciulla del melone. Le due Fortune. Luna e Stella. FIABE GIAPPONESI Le Creature delle fiabe giapponesi. LA PRINCIPESSA DEL BAMBÙ. C'erano una volta

Dettagli

Poesie, filastrocche e favole per bambini

Poesie, filastrocche e favole per bambini Poesie, filastrocche e favole per bambini Jacky Espinosa de Cadelago Poesie, filastrocche e favole per bambini Ai miei grandi tesori; Elio, Eugenia ed Alejandro, coloro che ogni giorno mi fanno crescere

Dettagli

Da Marocco e Sudan, due storie diverse e lo stesso (difficile) sogno: rifarsi un vita

Da Marocco e Sudan, due storie diverse e lo stesso (difficile) sogno: rifarsi un vita Da Marocco e Sudan, due storie diverse e lo stesso (difficile) sogno: rifarsi un vita 17 ottobre 2009 Aicha e Achol sono due donne molto diverse, come diversa è la loro storia, che si intreccia solo pochi

Dettagli

Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7.

Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7. 2 Dov è Piero Ferrari e perché non arriva E P I S O D I O 25 Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7. 1 Leggi più volte il testo e segna le risposte corrette. 1. Piero abita in un appartamento

Dettagli

Aiutato da due suoi amici della stessa età, Junior e Christian, Benjamin si procurò degli occhiali a raggi x in grado di vedere dentro le case e

Aiutato da due suoi amici della stessa età, Junior e Christian, Benjamin si procurò degli occhiali a raggi x in grado di vedere dentro le case e Natale a Sonabilandia Era la mattina di Natale e a Sonabilandia, un paesino dove tutti sono sempre felici, non c'era buon umore e in giro non si vedeva neanche un sorriso; questo perché in tutte le case

Dettagli

musica e si univano miracolosamente. caffè. Il caffè era per Paolo, si era addormentato sere- occupava della madre mi aveva detto che avrei dovuto

musica e si univano miracolosamente. caffè. Il caffè era per Paolo, si era addormentato sere- occupava della madre mi aveva detto che avrei dovuto 330 ELENA ARMILLEI musica e si univano miracolosamente. - - caffè. Il caffè era per Paolo, si era addormentato sere- - occupava della madre mi aveva detto che avrei dovuto - informare sullo stato di tua

Dettagli

E ora inventiamo una vita.

E ora inventiamo una vita. E ora inventiamo una vita. - Venga Cristina, facciamo due chiacchiere. Il ragioniere dell'ufficio personale si accomoda e con un respiro inizia il suo discorso. Lei sa vero che ha maturato l'età per il

Dettagli

Copyright 2010 Tiziana Cazziero

Copyright 2010 Tiziana Cazziero Voltare Pagina Copyright 2010 Tiziana Cazziero Tiziana Cazziero VOLTARE PAGINA Romanzo Al mio compagno, la persona che mi sopporta nei miei momenti bui. PRIMA PARTE Buongiorno mamma. Buongiorno a te

Dettagli

Palomba Chiara 2D. Alice si è ora svegliata

Palomba Chiara 2D. Alice si è ora svegliata ISIS F.S. NITTI Palomba Chiara 2D Alice si è ora svegliata La mia storia ha inizio sei anni fa,quando ho conosciuto quello che pensavo fosse l amore della mia vita. All inizio era tutto perfetto: c era

Dettagli

Scegliere cosa fare dopo la terza media era quindi per lui una questione un po complicata, anche se non troppo preoccupante.

Scegliere cosa fare dopo la terza media era quindi per lui una questione un po complicata, anche se non troppo preoccupante. I RAGAZZI E LE RAGAZZE RACCONTANO Daniele Quando aveva 13 anni Daniele viveva vicino a Milano con la sua famiglia: mamma, papà e Emanuele, il fratello maggiore, con cui andava molto d accordo; anzi, possiamo

Dettagli

Una Tecnica semplice ed efficace per ritrovare l equilibrio interiore ed eliminare tensioni e stress quotidiani...

Una Tecnica semplice ed efficace per ritrovare l equilibrio interiore ed eliminare tensioni e stress quotidiani... Una Tecnica semplice ed efficace per ritrovare l equilibrio interiore ed eliminare tensioni e stress quotidiani... Incontro Introduttivo con Sergio Peterlini insegnante di Meditazione da 38 anni per Studenti,

Dettagli

tutto tranne l amore giuseppe di costanzo ad est dell equatore

tutto tranne l amore giuseppe di costanzo ad est dell equatore tutto tranne l amore giuseppe di costanzo ad est dell equatore 2013 ad est dell equatore vico orto, 2 80040 pollena trocchia (na) www.adestdellequatore.com info@adestdellequatore.com [uno] Milano. Un ufficio

Dettagli

Dimmi che è solo un sogno!

Dimmi che è solo un sogno! Mariuccia FADDA Istituto Tecnico Commerciale G. Dessì, classe 4 a E Dimmi che è solo un sogno! Tutto è iniziato con uno stupido intervento alla gamba, in quello stupido ospedale, con quello stupido errore

Dettagli

INNAM0RARSI DELLA PAR0LA LA PAR0LA SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZ0 A N0I. Cammino di Avvento 2013. per Bambini dai 7 ai 10 anni

INNAM0RARSI DELLA PAR0LA LA PAR0LA SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZ0 A N0I. Cammino di Avvento 2013. per Bambini dai 7 ai 10 anni INNAM0RARSI DELLA PAR0LA LA PAR0LA SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZ0 A N0I. Cammino di Avvento 2013 per Bambini dai 7 ai 10 anni DIOCESI DI FOSSANO Commissione Diocesana Pastorale Ragazzi Ehi!!

Dettagli

Io..., papà di... ricordo, mi emoziono, racconto! giugno 2015

Io..., papà di... ricordo, mi emoziono, racconto! giugno 2015 Io..., papà di...... ricordo, mi emoziono, racconto! giugno 2015 Lettura albo, strumento utilizzato in un Percorso di Sostegno alla Genitorialità biologica EMAMeF - Loredana Plotegher, educatore professionale

Dettagli

Logopedia in musica e. canzoni

Logopedia in musica e. canzoni Logopedia in musica e canzoni Un Lavoro di Gruppo, Giugno 2013 INTRODUZIONE Siamo un gruppo di persone, chi ricoverato in Degenza e chi in Day Hospital, del Presidio Ausiliatrice-don Gnocchi di Torino

Dettagli

Paola Dell Orto presidentessa di Agedo (L Associazione di genitori di omosessuali)

Paola Dell Orto presidentessa di Agedo (L Associazione di genitori di omosessuali) Paola Dell Orto presidentessa di Agedo (L Associazione di genitori di omosessuali) Al mare, verso gli undici anni, avevo fatto amicizia con un bagnino. Una cosa innocentissima, ma mia madre mi chiedeva

Dettagli

ULTIMO SABATO DI NOVEMBRE

ULTIMO SABATO DI NOVEMBRE Dicembre 2009 ULTIMO SABATO DI NOVEMBRE Sabato 28 novembre si è svolta la tredicesima edizione della Giornata Nazionale della Colletta Alimentare. Anche nella nostra provincia la mobilitazione è stata

Dettagli

POESIE DAL CUORE. Concorso "Don Bosco 2012. Prendimi per mano... Don Bosco

POESIE DAL CUORE. Concorso Don Bosco 2012. Prendimi per mano... Don Bosco POESIE DAL CUORE Concorso "Don Bosco 2012 Prendimi per mano... Don Bosco di Matteo Melis, 3 a A (primo classificato) Proprio tu sei l amico più importante PeR ragazzi come me PiEno di ideali, desideri

Dettagli

Maurizio Albanese DONARE È AMARE!

Maurizio Albanese DONARE È AMARE! Donare è amare! Maurizio Albanese DONARE È AMARE! raccolta di poesie www.booksprintedizioni.it Copyright 2013 Maurizio Albanese Tutti i diritti riservati Ai miei genitori Santo e Maria L associazione Angeli

Dettagli

1. FUMO PERCHÉ È PIACEVOLE

1. FUMO PERCHÉ È PIACEVOLE 1. FUMO PERCHÉ È PIACEVOLE Si dicono un sacco di cose brutte sulle sigarette, ma la verità è che si fuma perché è piacevole. È piacevole aspirare il fumo con calma, è piacevole sentirlo impossessarsi dei

Dettagli

L OSTE SI ACCOSTÒ A RENZO PER CONVINCERLO AD ANDARE A DORMIRE. IL GIOVANE PROVÒ AD ALZARSI E DOPO SORRETTO DALL UOMO CHE LO PORTÒ

L OSTE SI ACCOSTÒ A RENZO PER CONVINCERLO AD ANDARE A DORMIRE. IL GIOVANE PROVÒ AD ALZARSI E DOPO SORRETTO DALL UOMO CHE LO PORTÒ CAPITOLO XV L OSTE SI ACCOSTÒ A RENZO PER CONVINCERLO AD ANDARE A DORMIRE. IL GIOVANE PROVÒ AD ALZARSI E DOPO IL TERZO TENTATIVO SI SOLLEVÒ, SORRETTO DALL UOMO CHE LO PORTÒ NELLA CAMERA. VEDENDO IL LETTO,

Dettagli

UN SORRISO PER GUARIRE

UN SORRISO PER GUARIRE UN SORRISO PER GUARIRE Mi chiamo Giulia, ho 24 anni e questa è la mia storia. Fino ai 14 anni la mia vita è stata serena, sono sempre stata una bambina vivace, piena di vita, tutti mi definivano un vulcano

Dettagli

QUAL E IL LUOGO DI RESIDENZA?

QUAL E IL LUOGO DI RESIDENZA? QUAL E IL LUOGO DI RESIDENZA? Base: 65 caregiver RESIDENZA PAZIENTE 80% 10% 9% 2% Abita con care givers Abita da solo Abita con altri familiari Altro 20 QUAL E IL GRADO DI VICINANZA TRA CG E MALATO? L

Dettagli

ANGELA RAINONE POESIE

ANGELA RAINONE POESIE 1 ANGELA RAINONE POESIE EDIZIONE GAZZETTA DIE MORRESI EMIGRATI Famiglia Rainone Angela Lugano Svizzera 2 3 PREFAZIONE Tra i giovani che hanno sporadicamente inviato delle poesie per pubblicarle sulla Gazzetta

Dettagli

La poesia per mia madre

La poesia per mia madre La poesia per mia madre Oggi scrivo una poesia per la mamma mia. Lei ha gli occhi scintillanti come dei diamanti i capelli un po chiari e un po scuri il corpo robusto come quello di un fusto le gambe snelle

Dettagli

Evangelici.net Kids Corner. Abramo

Evangelici.net Kids Corner. Abramo Evangelici.net Kids Corner Abramo Abramo lascia la sua casa! Questa storia biblica è stata preparata per te con tanto amore da un gruppo di sei volontari di Internet. Paolo mise le sue costruzioni nella

Dettagli

UN FIORE APPENA SBOCCIATO

UN FIORE APPENA SBOCCIATO UN FIORE APPENA SBOCCIATO "Dio ha tanto amato il mondo che ha dato il suo unigenito Figlio, affinché chiunque creda in Lui non perisca, ma abbia vita eterna" (Giovanni 3:16). uesto verso racchiude tutto

Dettagli

1. Completa le frasi con l imperfetto e il passato prossimo dei verbi tra parentesi.

1. Completa le frasi con l imperfetto e il passato prossimo dei verbi tra parentesi. Nome studente Data TEST DI AMMISSIONE AL LIVELLO B1.1 (Medio 1) 1. Completa le frasi con l imperfetto e il passato prossimo dei verbi tra parentesi. Es. Ieri sera non ti (noi-chiamare) abbiamo chiamato

Dettagli

San Giovanni Battista Cesano Boscone Sacra Famiglia C 2007-01-27

San Giovanni Battista Cesano Boscone Sacra Famiglia C 2007-01-27 MESSA VIGILIARE 18.00 In questa festa della Sacra Famiglia vorrei soffermarmi su un aspetto del brano di vangelo che abbiamo appena ascoltato. Maria e Giuseppe, insieme, cercano angosciati Gesù. Cosa può

Dettagli

Maria Antonietta Bafile URLO D AMORE

Maria Antonietta Bafile URLO D AMORE Urlo d amore Maria Antonietta Bafile URLO D AMORE racconti brevi www.booksprintedizioni.it Copyright 2014 Maria Antonietta Bafile Tutti i diritti riservati A tutti gli innamorati... A tutti gli amori assurdi

Dettagli

Attimi d amore. Scende come la pioggia un petalo di rose e quando ti vedo perdo la testa per te mia cara ragazza

Attimi d amore. Scende come la pioggia un petalo di rose e quando ti vedo perdo la testa per te mia cara ragazza Attimi d amore Scende come la pioggia un petalo di rose e quando ti vedo perdo la testa per te mia cara ragazza Distesa davanti alla collina Occhi verdi come il prato distesa e non pensi a nulla. Ricordo

Dettagli

Si ricorda cosa le hanno detto, come l ha saputo?

Si ricorda cosa le hanno detto, come l ha saputo? Intervista rilasciata su videocassetta dalla Sig.ra Miranda Cavaglion il 17 giugno 2003 presso la propria abitazione in Cascine Vica, Rivoli. Intervistatrice: Prof.ssa Marina Bellò. Addetto alla registrazione:

Dettagli

stelle, perle e mistero

stelle, perle e mistero C A P I T O L O 01 In questo capitolo si parla di un piccolo paese sul mare. Elenca una serie di parole che hanno relazione con il mare. Elencate una serie di parole che hanno relazione con il mare. Poi,

Dettagli

IO, OTTAVIO E IL BIDELLO (per non parlar della collega)

IO, OTTAVIO E IL BIDELLO (per non parlar della collega) Quando suona la campanella rivista online. http://www.quandosuonalacampanella.it/ IO, OTTAVIO E IL BIDELLO (per non parlar della collega) di Enrico Roversi E il 1996. Io Sono un giovane precario della

Dettagli

Impariamo a volare...

Impariamo a volare... Impariamo a volare... Francesca Maccione IMPARIAMO A VOLARE... www.booksprintedizioni.it Copyright 2012 Francesca Maccione Tutti i diritti riservati L amore è longanime, è benigno, l amore non ha invidia,

Dettagli

Questo libro è scritto da me su dettatura di Gesù Cristo. Voglio raccontare la malattia di mio marito e lo voglio fare con l aiuto di Dio.

Questo libro è scritto da me su dettatura di Gesù Cristo. Voglio raccontare la malattia di mio marito e lo voglio fare con l aiuto di Dio. Questo libro è scritto da me su dettatura di Gesù Cristo. Voglio raccontare la malattia di mio marito e lo voglio fare con l aiuto di Dio. Siccome il cancro è una malattia incurabile, Gesù vuole spiegare

Dettagli

FACELESS VOICEOVER (Manu Luksch & Mukul Patel 2007) (Un Nuovo Tempo la Nuova Macchina tra cui continua un sogno singolare.)

FACELESS VOICEOVER (Manu Luksch & Mukul Patel 2007) (Un Nuovo Tempo la Nuova Macchina tra cui continua un sogno singolare.) FACELESS VOICEOVER (Manu Luksch & Mukul Patel 2007) (Un Nuovo Tempo la Nuova Macchina tra cui continua un sogno singolare.) Questa è la storia di una donna perseguitata da un eco di una memoria, un sogno

Dettagli

La Sagrada Famiglia 2015

La Sagrada Famiglia 2015 La Sagrada Famiglia 2015 La forza che ti danno i figli è senza limite e per fortuna loro non sanno mai fino in fondo quanto sono gli artefici di tutto questo. Sono tiranni per il loro ruolo di bambini,

Dettagli

Eventuali riferimenti a nomi, cose, fatti o persone, sono puramente

Eventuali riferimenti a nomi, cose, fatti o persone, sono puramente Notte di Capodanno Eventuali riferimenti a nomi, cose, fatti o persone, sono puramente casuali Nicola Gargano NOTTE DI CAPODANNO racconto A mia moglie Amore, una piccola parola che racchiude un universo

Dettagli

INTRODUZIONE "La mia storia 2015",

INTRODUZIONE La mia storia 2015, INTRODUZIONE Questa raccolta scaturisce dalla selezione finale delle opere che hanno partecipato al Premio letterario "La mia storia 2015", alla sua seconda edizione. Ancora una volta, il tema è stato

Dettagli

Antonella Bomboi UN AMORE NASCOSTO

Antonella Bomboi UN AMORE NASCOSTO Un amore nascosto Antonella Bomboi UN AMORE NASCOSTO racconto A Mario, per ringraziarlo di avermi fatto scoprire cos'è l'amore. s ei e trenta in punto: lo squillo della sveglia non poteva essere che

Dettagli

L'orologio. di Nello Filippetti

L'orologio. di Nello Filippetti L'orologio di Nello Filippetti E il bimbo sognava l orologio che camminava giorno e notte, il cuore di smalto fiorito che nel fiore della vita la mamma dette al babbo in segno di lei, perché traducesse

Dettagli

Diario di ventun giorni

Diario di ventun giorni Diario di ventun giorni Tutti i giorni Al mattino appena ti svegli: Ringrazia per essere vivo/a e per la nuova giornata positiva che stai per vivere. Immagina la giornata e i vari impegni. Alzati e, mentre

Dettagli

Paolo DÊAmbrosio. La finestra sul mare. una storia del Sud

Paolo DÊAmbrosio. La finestra sul mare. una storia del Sud Paolo DÊAmbrosio La finestra sul mare una storia del Sud Paolo D Ambrosio La finestra sul mare Proprietà letteraria riservata 2011 Paolo D Ambrosio Kion Editrice, Terni Prima edizione luglio 2011 ISBN

Dettagli

Pinguini nel deserto Concorso a tema per le scuole di ogni ordine e grado sul tema della disabilità intellettiva: I Edizione 2009

Pinguini nel deserto Concorso a tema per le scuole di ogni ordine e grado sul tema della disabilità intellettiva: I Edizione 2009 Concorso a tema per le scuole di ogni ordine e grado sul tema della disabilità intellettiva: I Edizione 2009 Iscritto per: Scuola Secondaria Primo Grado Motto di iscrizione: Raccontami e dimenticherò-mostrami

Dettagli

GIOVANI E FELICITA Bisogna farcela, si deve guardare avanti

GIOVANI E FELICITA Bisogna farcela, si deve guardare avanti GIOVANI E FELICITA Bisogna farcela, si deve guardare avanti (riflessione di un giovane) Considerazioni in merito agli incontri con giovani di una Scuola Media della Lombardia PRIMA DELL INCONTRO Secondo

Dettagli

TAVOLA ROTONDA Programmazione della gravidanza e diabete: i diversi punti di vista. PENSO ALLA GRAVIDANZA ed ho il diabete

TAVOLA ROTONDA Programmazione della gravidanza e diabete: i diversi punti di vista. PENSO ALLA GRAVIDANZA ed ho il diabete TAVOLA ROTONDA Programmazione della gravidanza e diabete: i diversi punti di vista PENSO ALLA GRAVIDANZA ed ho il diabete Una cosa sola è certa del mio futuro... VOGLIO avere dei figli! il diabete non

Dettagli

C eraunavoltaunpaiodicalzini

C eraunavoltaunpaiodicalzini C eraunavoltaunpaiodicalzini C era una volta un paio di calzini. Marta e Paolo erano i nomi di questi due calzini. Si erano conosciuti, innamorati e litigati per anni. Ora abitavano in via Cassetto n.

Dettagli

Maria Ponticello MA VIE

Maria Ponticello MA VIE Ma vie Maria Ponticello MA VIE racconti odierni www.booksprintedizioni.it Copyright 2012 Maria Ponticello Tutti i diritti riservati Dedicato a Romano Battaglia, che con i suoi libri ha intrattenuto la

Dettagli

Claudio Bencivenga IL PINGUINO

Claudio Bencivenga IL PINGUINO Claudio Bencivenga IL PINGUINO 1 by Claudio Bencivenga tutti i diritti riservati 2 a mia Madre che mi raccontò la storia del pignuino Nino a Barbara che mi aiuta sempre in tutto 3 4 1. IL PINGUINO C era

Dettagli

Laura Virgini IL VIAGGIO

Laura Virgini IL VIAGGIO Il Viaggio Laura Virgini IL VIAGGIO romanzo www.booksprintedizioni.it Copyright 2012 Laura Virgini Tutti i diritti riservati A mia madre, senza la quale non sarei qui, ora, e non sarei quella che sono.

Dettagli

ANYWAY - IN NESSUN MODO

ANYWAY - IN NESSUN MODO ANYWAY - IN NESSUN MODO Non voglio sapere che devo morire Non avrò bisogno di sapere che devo provare Non imparerò mai come muovermi a tempo Non riesco a sentirlo in nessun modo Non terrò gli occhi aperti

Dettagli

Test di ascolto Numero delle prove 3

Test di ascolto Numero delle prove 3 Test di ascolto Numero delle prove 3 Ascolto Prova n. 1 Ascolta il testo. Completa il testo e scrivi le parole che mancano. Alla fine del test di ascolto, DEVI SCRIVERE LE RISPOSTE NEL FOGLIO DELLE RISPOSTE.

Dettagli

Annabel Blasi CHOOSE YOUR DESTINY

Annabel Blasi CHOOSE YOUR DESTINY Choose your destiny Annabel Blasi CHOOSE YOUR DESTINY racconto www.booksprintedizioni.it Copyright 2012 Annabel Blasi Tutti i diritti riservati Alla mia famiglia Prima parte 1 Freddo. Sentivo un freddo

Dettagli

La cenerentola di casa

La cenerentola di casa La cenerentola di casa Audrina Assamoi LA CENERENTOLA DI CASA CABLAN romanzo www.booksprintedizioni.it Copyright 2012 Audrina Assamoi Tutti i diritti riservati Questa storia è dedicata a tutti quelli che

Dettagli

Paola, Diario dal Cameroon

Paola, Diario dal Cameroon Paola, Diario dal Cameroon Ciao, sono Paola, una ragazza di 21 anni che ha trascorso uno dei mesi più belli della sua vita in Camerun. Un mese di volontariato in un paese straniero può spaventare tanto,

Dettagli

A mio figlio, John Edward Clements

A mio figlio, John Edward Clements A mio figlio, John Edward Clements Titolo originale: The report card Traduzione di Elisa Puricelli Guerra 2004 Andrew Clements 2005 RCS Libri S.p.A., Milano Prima edizione Bur ragazzi giugno 2014 ISBN

Dettagli

Dal lato della strada

Dal lato della strada NOME... COGNOME... CLASSE... DATA... Dal lato della strada 5 10 15 20 25 30 35 40 Quando ero piccolo, e andavo a scuola insieme a mio fratello, mia madre mi diceva di tenerlo per mano, e questo mi sembrava

Dettagli

Gaia. Il viaggio continua

Gaia. Il viaggio continua Gaia Il viaggio continua Laura Virgini GAIA Il viaggio continua Romanzo www.booksprintedizioni.it Copyright 2014 Laura Virgini Tutti i diritti riservati A Te che Hai reso possibile l impossibile. A Te

Dettagli

INNOCENTI EVASIONI Il lavoro minorile

INNOCENTI EVASIONI Il lavoro minorile INNOCENTI EVASIONI Il lavoro minorile Novembre 2011 Nel primo incontro di questo giornalino ognuno di noi ha proposto la sua definizione di lavoro minorile e ha raccontato la sua esperienza. personale.

Dettagli

Perché non ho provato

Perché non ho provato Elena Colella Perché non ho provato Sin dai primi giorni, l arrivo di Esther mise sottosopra l intero quartiere. Esther, 30 anni circa. Jeans aderenti e stivali neri in pelle. Maglie scure aderenti. Carnagione

Dettagli

<< La mia vita si consuma nel dolore; dammi forza secondo la tua Parola.>>

<< La mia vita si consuma nel dolore; dammi forza secondo la tua Parola.>> Salmo 119:28 > Cari fratelli e care sorelle in Cristo, Il grido di sofferenza del Salmista giunge fino a noi! Il grido di sofferenza

Dettagli