Appunti di viaggio DIECI LIMONI MILLE LIRE. di Ambrogio Crespi

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Appunti di viaggio DIECI LIMONI MILLE LIRE. di Ambrogio Crespi"

Transcript

1

2

3 Appunti di viaggio DIECI LIMONI MILLE LIRE di Ambrogio Crespi

4

5 Indice Prologo La mia famiglia L amore si affaccia alla mia vita La mamma compie il suo calvario La vita continua Una nuova svolta La prima volta con Berlusconi I cambiamenti

6

7 Nota dell Autore Le pagine di questo libro contengono la vera storia dei miei primi trent anni, una storia che mi sono raccontato con l intento di deporre un fardello, quasi un ingombro indefinito che era in me e di cui sentivo l urgenza di liberarmi. Forse perché avevo vissuto questi anni intensamente, come una corsa sfrenata che richiedeva una sosta, una pausa di riflessione necessaria alla mia crescita, al mio processo di consapevolezza, alla conquista della mia identità. Avevo bisogno di visualizzare e trasferire eventi, sentimenti, angosce e ricordi per fare mia la frase dai diamanti non nasce niente, dal letame nascono i fior (Fabrizio De André). 7

8

9 Prologo Era il mese di aprile del 1995 quando un caro amico di famiglia, a me particolarmente legato, in un momento in cui ero pervaso da un grande sconforto esistenziale, mi disse che non dovevo avvilirmi perché ero un ragazzo che aveva dei grandi valori umani e morali e che, crescendo e attingendo a quelle basi fondamentali, sarei diventato un uomo e anche di successo sia nella vita che nella professione. Attraversavo una fase della vita nella quale ero confuso ed insicuro, non avevo un panorama nitido di chi fossi e dove andassi. Avendo tuttavia fiducia in questo amico, pur non capendo fino in fondo il significato delle sue parole e soprattutto non sapendo come facesse ad essere così sicuro di quello che affermava, decisi di credergli e pensai solamente ad impegnarmi al massimo nel mio lavoro e nel mio mondo affettivo. 9

10 Ambrogio Crespi Dopo circa cinque anni, quella stessa persona in una giornata nella quale ero impegnatissimo mi chiamò in disparte e con fare discreto mi disse che mi doveva parlare, anche solo per pochi istanti. Pur con una lieve preoccupazione lo raggiunsi. È successo qualcosa di grave? chiesi con un incalzare determinato da un evidente apprensione. Subito si aprì in un sorriso e mi rispose che voleva solamente farmi sapere di essere orgoglioso di me perché ero diventato l uomo che immaginava, ero cresciuto moltissimo professionalmente, era accaduto ciò che lui aveva previsto cinque anni prima. «Vedi con quei valori morali ed umani tu non potevi fallire, hai sofferto tanto nella vita, non ti sei mai fermato da quando avevi 13 anni, tu e la tua famiglia con grande fatica avete sempre cercato di costruire un futuro che oggi è diventato presente ed è una esaltante realtà». Quelle parole mi colpirono moltissimo. Ero cresciuto sia come uomo che come professionista ma non mi ero mai guardato allo specchio, non avevo avuto il tempo di riflettere su quello straordinario viaggio che è la vita. Il mio amico aveva ragione: e così, immedesimandomi nelle appassionanti avventure di certi romanzi dell 800, ho deciso, come un grande esploratore, di iniziare a scrivere degli Appunti di Viaggio, 10

11 DIECI LIMONI MILLE LIRE il diario di questo straordinario percorso che è la vita. Consultai il mio amico chiedendogli se non fosse da megalomani scrivere queste pagine, ma lui, con un sorriso rassicurante, mi rispose che il romanzo più bello e più importante per me era certamente questo e che quindi, sovrani, capi di stato, grandi imprenditori, premi Nobel non avrebbero potuto essere che comprimari nel racconto della mia vita di cui io solo ero l unico vero interprete. Gli rinnovai la fiducia e, senza la minima velleità o pretesa, ho deciso di fissare sul mio diario i miei primi trentuno anni. 11

12

13 LA MIA FAMIGLIA

14

15 DIECI LIMONI MILLE LIRE Sono nato in una famiglia piena di contraddizioni dove tutti erano sempre in prima linea. Da piccolo soffrivo di incubi, ho sempre dovuto vivere la vita come una sfida, sono cresciuto con due persone importanti, due persone che hanno illuminato la mia strada come una lanterna nella notte, che mi hanno sorretto quando cadevo, incitato quando ero stanco, consolato quando ero avvilito, ripreso quando sbagliavo, questi pilastri della mia crescita sono stati mia madre e mio fratello. Definire e descrivere i sentimenti verso la propria madre è sempre impresa difficilissima. Dirò soltanto che è stata ed è tuttora il mio angelo custode. Un angelo custode particolare privo di arpa e campanellini ma con la vera grinta di una Madre. Mia mamma ha sofferto tanto a causa di una salute cagionevole che l ha tormentata per buona parte della sua esistenza, però il suo coraggio, la sua forza e il suo amore erano talmente grandi che ha saputo affrontare ogni avversità con fiera e instancabile determinazione, lasciando in eredità a me e a mio fratello quella forza che è alla base della nostra vita e del rapporto che intercorre fra di noi. Mio fratello è una pietra miliare della mia esistenza, molto più di un fratello, un amico, una 15

16 Ambrogio Crespi guida, un esempio. Gli sono profondamente, visceralmente legato, come un anima in due corpi. Mi ha sempre preso per mano e ancora oggi mi illumina con sapienza. A volte con complicità, a volte con dolcezza, altre con ironia e simpatia, ha sempre trovato il modo, nel periodo della mia crescita, di tenermi su una strada ben precisa. Mio padre all epoca della mia infanzia era un uomo immaturo, entrava e usciva dalla galera, era spesso manesco; l ho sempre giustificato perché intuivo che il suo comportamento era certamente la conseguenza di un passato molto infelice. Al di là di una scorza da uomo duro, credo che siano stati determinanti, nella sua formazione, le sofferenze che dovette subire per la morte precoce di mio nonno, morto in guerra, e quindi per la mancanza della guida e dell amore di un padre. Ma se poteva apparire duro e inflessibile, sono fermamente convinto che sia stato molto meno impermeabile e corazzato di quanto egli stesso ancora oggi vuole fare credere. La sua aggressività si è sviluppata dopo che sua madre si è risposata con un individuo che tutti hanno definito come un vero bastardo, un uomo cattivo e senza scrupoli che costrinse mio padre a reagire con violenza ad una vita che gli era diventata intollerabile. 16

17 DIECI LIMONI MILLE LIRE Purtroppo chi semina vento raccoglie tempesta; quell uomo violento e malvagio costrinse mio padre a difendersi per non essere disintegrato, formandosi quindi nell odio e nel culto della forza fisica quali unici strumenti per sopravvivere, tanto che, all età di tredici anni, scappò dal collegio nel quale era stato buttato, saltando su un treno e trovandosi da solo in Sicilia dove, prima di essere accolto da una famiglia presso la quale si fermò per tre mesi, si arrangiò anche dormendo, un paio di notti, su un albero. Per me è tuttavia estremamente difficile dimenticare tutte le lacrime che ha fatto versare a mia madre che gli è rimasta sempre legata e, ancor oggi, penso che tante di quelle lacrime avrebbe potuto e dovuto evitargliele. Al tempo della mia infanzia non avevamo una lira ma eravamo uniti e soprattutto c era la cosa più importante, il grande amore ispirato da mia madre. Andavo all asilo vicino alla casa dei miei nonni e mia mamma lavorava con mio nonno in una cooperativa, la Trascommercialcoop, nella quale era vice capo ufficio mentre mio nonno era capo ufficio. Mia nonna veniva a prendermi all asilo e mi portava a casa sua, mio fratello andava a scuola e 17

18 Ambrogio Crespi mio padre era ospite delle patrie galere, così mia madre lavorava fino a tardi, dal momento che il frutto del suo lavoro era l unico sostentamento della famiglia. Ricordo che la mia colonna sonora di quel periodo era una canzonetta che cantavo spesso, specialmente quando percorrevo con mia nonna il tragitto dall asilo a casa (da via Rucellai a via Pericle, a Milano): la canzone di Renato Pozzetto dal titolo: La vita l è bela. A quei tempi però la vita non era tanto bella, noi abitavamo in viale Padova, la casa era vecchia, brutta e molto piccola. Dopo circa un paio d anni ci siamo spostati in via Celentano, una traversa di viale Padova. Anche questa casa era vecchia e brutta ma un po più grande dell altra. Mia madre era malata di cuore e, benché avessi solo sei anni, ricordo perfettamente, in ogni minimo particolare, il giorno in cui ha subito il suo primo intervento al cuore. Pur piccolo avevo intuito che era un giorno importante e, anche se ovviamente non avevo chiaro il concetto della morte, respirai profondamente le violente sensazioni e l angoscia che la nera 18

19 DIECI LIMONI MILLE LIRE signora dona a piene mani a chi sta per perdere una persona molto cara. Mio padre era in prigione e l unico punto di riferimento erano i miei grandi nonni oltre che, naturalmente, mio fratello. Se oggi penso a quanto seppe rassicurarmi e proteggermi in quel giorno di angoscia mi sembra impossibile che avesse solo quattordici anni. L intervento chirurgico andò bene e, col tempo, mia madre migliorò. La vita riprese il suo corso normale: io andavo a scuola e mio fratello frequentava la sezione del Partito Comunista di viale Padova. Quando mio fratello andava a fare servizio d ordine alla festa dell Unità, io, mia madre e la sua amica Adele lo raggiungevamo. Quelle serate a me piacevano tantissimo: c era tanta gente, confusione, luci, bancarelle ho però sempre pensato che mia madre più che per divertirsi partecipasse a quelle serate per proteggere e stare vicino al suo bambino grande. Poi mio fratello ha avuto dei problemi abbastanza grossi nel partito. Non so esattamente la natura di questi problemi né con chi li abbia avuti; so che, fin da giovanissimo, è stato sempre incline ai conflitti 19

20 Ambrogio Crespi ideologici e anche a scontri di natura intellettuale, ma il suo interlocutore, nel caso specifico, non si limitò ad argomentazioni di natura politica ma sostenne le sue ragioni arrivando a mettere a casa nostra una piccola bomba. Grazie alla sua forza, all amore di mia madre e alla saggezza di mio nonno, anche questo periodo di grande tormento per mio fratello finì, le acque si calmarono, e lui, sempre attento alle vicende politiche, si impegnò anche moltissimo in modo diretto e personale nel sociale. In particolare lo ricordo attivo in modo totale e instancabile nell aiutare i tossicodipendenti a uscire dal tunnel della droga. Lo faceva con dedizione totale e con il piglio di chi doveva compiere la missione di salvarne quanti più possibile. Ognuno di loro è una persona che ha una vita, una storia e per aiutarli devi conoscerli e capirli questo era il suo motto che lo spingeva a dedicarsi a loro anima e corpo. Durante lunghi periodi della mia infanzia, per le ripetute assenze di mio padre, la mia famiglia era composta solo da tre membri. Mi era stato detto che mio padre lavorava in Germania, in realtà era a San Vittore (il carcere di Milano). Spesso mia madre mi portava davanti alla fermata 20

21 DIECI LIMONI MILLE LIRE dei tram di Piazza Filangeri e mio padre bruciava la carta fuori dalla finestra della sua cella, mi salutava con grandi gesti e io ricambiavo felice i suoi saluti. Ovviamente non sapevo che quel signore fosse mio padre, mia madre infatti mi aveva detto che era un militare ed io ci avevo creduto tanto che, quando a scuola litigavo con i compagni e mi dicevano che avrebbero chiamato chi il padre, chi il fratello, chi lo zio, io rispondevo invece che avrei chiamato il mio amico militare. Un giorno mia madre mi annunciò che presto mio padre sarebbe tornato dall estero; da quel momento aspettai con trepidazione quello che nella mia fantasia di bambino sarebbe stato il giorno più bello della mia vita. Il grande giorno arrivò, abitavamo in via Celentano, ero sul pianerottolo del terzo piano, lui entrò dal portone e salì a piedi le scale ed io gli andai di corsa incontro, felice di abbracciarlo stretto e di sentire il suo odore. Quando ero piccolo e lui non c era, andavo alla ricerca dei suoi vestiti per sentire il suo odore e cercare così di colmare la sua mancanza. Con il suo ritorno pensavo che finalmente tutti i guai per la nostra famiglia sarebbero terminati ma non fu così. 21

22 Ambrogio Crespi Purtroppo mio padre e mia madre non andavano d accordo a causa della gelosia, e poco tempo dopo si separarono. Ero molto geloso di mia madre e, per quanto piccolo, avevo nei suoi confronti un istinto protettivo. Lei continuò ad essere attiva con tutta la sua forza e anche al di là di essa. Spesso si portava il lavoro a casa, china sulle carte sino a tarda notte, non era raro che la trovassi, distrutta dalla stanchezza, addormentata con la testa appoggiata sul tavolo. All inizio degli anni ottanta ci siamo messi in lista di attesa per le case popolari e dopo qualche tempo ce ne assegnarono una di due locali, nel quartiere Baggio. La casa era piccola ma nuova e noi eravamo felicissimi. Nel frattempo mio padre si era rimesso nei guai ed era ospite delle prigioni svizzere. Il suo posto, in famiglia, fu nuovamente occupato dal nonno materno che ci fu di grande sostegno in ogni circostanza, l indiscusso punto di riferimento, sempre attento e sempre presente. Fu grazie al suo aiuto che sistemammo l appartamento rendendolo molto carino. Addirittura il nonno ci regalò una macchina: era una FIAT 131 di colore azzurro; mai nessun altra 22

23 Murales DIECI LIMONI MILLE LIRE

24 Ambrogio Crespi macchina mi ha dato le stesse emozioni perché quella per me non era solo un mezzo di trasporto, ma aveva un significato particolare, era un segno tangibile del raggiungimento di una normalità familiare che non avevamo mai avuto se non per brevi periodi. Mia nonna era dolce, una donna che seminava amore a piene mani, da noi sempre ampiamente ricambiato. Nella nuova casa all inizio era tutto bello: ci sentivamo in paradiso, tanto verde intorno, cortili per giocare, ma poi la qualità della vita del quartiere cominciò a deteriorarsi. Nel quartiere noi eravamo tra i pochi del nord; la maggior parte degli abitanti era costituita da napoletani, calabresi, pugliesi, siciliani e sardi, persone che vivevano grandi disagi perché sradicate dal loro ambiente. C erano frequenti risse spesso originate da motivi futili. L unica legge che imperava era quella del più forte, si viveva in un clima allucinante. Mio fratello ha vissuto certamente in modo meno drammatico questo clima perché era già grande quando ci trasferimmo a Baggio, un quartiere della periferia milanese, ed in più aveva la propria cerchia di amicizie fuori dalla zona. Io invece sono 24

25 DIECI LIMONI MILLE LIRE cresciuto a Baggio, con quei codici di vita di cui ora sono fiero, e quella è stata la mia vera palestra di vita. Non mi piaceva andare a scuola e quindi spesso scappavo, litigavo con tutti, volevo essere rispettato ma erano tutti prepotenti e quindi, per difendermi, ho usato i loro stessi mezzi. Talvolta con i violenti diventavo peggiore di loro, ma sono felice di poter affermare che ho sempre cercato di tutelare i più deboli agendo secondo la mia coscienza. Oltre alla mamma, lavorava anche mio fratello, in un impresa di pulizie; puliva i vetri nei palazzi, mentre io andavo ancora a scuola. In casa c era una certa serenità finché mio padre non tornò dalla Svizzera. Purtroppo aveva una relazione stabile con una donna che ricordo particolarmente sgradevole, una certa Mariella, causa di molti dispiaceri per mia madre, che è sempre stata innamoratissima di lui tanto che, quando dopo la separazione i miei genitori si rividero, piano piano, inevitabilmente, si rimisero insieme, nonostante il fatto che, per un certo periodo, quella donna sfacciata, intrigante e priva di dignità, assillasse mio padre cercando 25

26 Ambrogio Crespi in tutti i modi di tenerlo legato a sé. Mio padre è sempre stato un inguaribile donnaiolo e mia madre era molto gelosa e spesso, la notte, a bordo della nostra Fiat 128, l accompagnavo a cercarlo. Mio padre, il giorno del suo ritorno dalla Svizzera, mi portò un regalo bellissimo, un cane, un pastore bernese che chiamammo Lola, e divenne la mia inseparabile compagna di avventura. Per otto anni siamo cresciuti insieme, era un cane dolcissimo, una vera sorella alla quale mancava solo la parola, anche se riusciva a farsi capire con lo sguardo. Mio padre faceva il demolitore di auto e mio fratello gli dava una mano mentre mia madre continuava a lavorare in ufficio. Secondo mio padre, l attività della demolizione non era il massimo e, se si voleva cambiare radicalmente la nostra vita, bisognava modificare il genere di lavoro. Pur di migliorare la condizione e il rapporto familiare, si decise di chiudere l attività di sfasciacarrozze per comprare una licenza commerciale per la vendita di frutta e verdura. Il prezzo di questa licenza era altissimo e mia madre, pur di raggiungere lo scopo, si dovette licenziare per prendere la liquidazione. 26

27 DIECI LIMONI MILLE LIRE Tra mille sforzi quella benedetta licenza venne comprata. All epoca avevo tredici anni e i primi mesi di questa nuova attività furono abbastanza positivi; poi cambiammo licenza, andammo in viale Papiniano dove c è il mercato rionale più grande di Milano. Ricordo che mio fratello veniva chiamato Dallas, perché portava il cappello da cow-boy e gridava sempre con un gran vocione per attirare le signore al nostro banco. Io, che ero il più piccolo, avevo un compito specifico quello di evidenziare un prodotto civetta; infatti per catalizzare l attenzione sulla convenienza del nostro banco, applicavamo ai limoni un prezzo particolarmente conveniente, per questo io vendevo i limoni, gridando a perdifiato: 10 limoni 1000 lire. Mio padre si occupava di andare a comprare la frutta all ingrosso, mia madre serviva i clienti, mio fratello ed io cominciavamo a lavorare a mezzanotte perchè c era da scaricare il camion e preparare il banco e al sabato finivamo di lavorare alle Purtroppo, malgrado l impegno, i sacrifici e tutti gli sforzi, invece di guadagnare, nel giro di un anno abbiamo perso circa 100 milioni che, soprattutto per chi non li ha, sono una cifra enorme. 27

28 Ambrogio Crespi Abbiamo fatto i salti mortali e mio padre in questa circostanza si è dimostrato grande. Il problema era evitare l onta del protesto perchè dovevamo pagare delle cambiali e, pur avendo fatto mille peripezie, eravamo riusciti a procurare solo una piccola parte della cifra che ci serviva. Una mattina indimenticabile, pochi giorni prima della scadenza di quei titoli arrivò mio padre con un sorriso smagliante e l aria trionfante: aveva infatti trovato tutti i soldi. Pieno di ammirazione, non gli ho mai chiesto, e perciò non ho mai saputo, come avesse fatto, da dove li avesse tirati fuori quei quattrini, la cosa era per me di scarso interesse: la realtà importante era che li aveva procurati e tanto bastava. Dopo quell episodio di grande gioia ha però avuto inizio uno dei periodi più bui che io ricordi, non avevamo lavoro e a poco a poco abbiamo dovuto vendere tutto, compresa la tanto agognata licenza e il camion. Sono stati giorni veramente duri, non avevamo neanche i soldi per fare la spesa, andavamo con mio fratello al supermercato con la calcolatrice perché i soldi erano realmente contati e il più delle volte eravamo costretti a comperare ali di tacchino perché costavano poco. Ma i ricordi più tristi per me non sono tanto 28

29 DIECI LIMONI MILLE LIRE costituiti da quei periodi di dieta forzata, ma dall indimenticabile desolata tristezza che leggevo negli occhi di mia madre e dalle calde lacrime che versava per l impotenza di fronte al frigorifero vuoto. Vivevamo con i proventi di lavori saltuari ed occasionali; con mio fratello aspettavamo ansiosamente che nevicasse per andare a spalare la neve perché pagavano bene. All epoca ero ancora minorenne e dopo alcuni ingaggi, non ho mai saputo se per una nuova legge o perché in precedenza la legge non era mai stata applicata, mi comunicarono che per spalare neve accettavano solo i maggiorenni. Momentaneamente persi questo lavoro ma fortunatamente un giorno a mio fratello fu affidato un altro incarico. Non volendo perdere la nuova opportunità ci era venuta un idea: andavo io a suo nome e, ogni mattina alle 6,30 durante l appello puntualmente rispondevo io. Sono stati periodi veramente duri ma la speranza non ci ha mai abbandonati, anzi, ci ha sempre sorretto la convinzione che ci aspettava una vita migliore, che le vacche magre stavano per finire. Mio fratello, date le sue capacità, non poteva certamente essere soddisfatto di quei lavori. 29

30 Ambrogio Crespi Avendo notevolissime doti dialettiche ed una non comune capacità di persuasione, un bel giorno decise di diventare assicuratore, lavorando con il padre di Natascia, colei che un giorno sarebbe diventata sua moglie. Di giorno in giorno otteneva risultati sempre più convincenti e brillanti, lo si vedeva arrivare a casa sempre contento con la sua valigetta ventiquattrore. Io e mia madre eravamo orgogliosi di lui, mentre mio padre, spaventato dalla novità rivoluzionaria di questo lavoro, si mostrava perplesso. Sia io sia mia madre invece eravamo felici di vederlo rientrare a casa trafelato, sempre con il tempo contato perché doveva anche andare ad allenarsi avendo iniziato a giocare a football americano, sua grande passione. Lavorava e giocava e più passava il tempo e più aveva successo in entrambi i campi. In poco tempo infatti nel suo lavoro era diventato abile facendo un numero impressionante di contratti, mentre nel football con la sua squadra (Rhinos Milano) era diventata campione d Italia. Anche io ho provato a giocare nella squadra giovanile e me la cavavo benino; purtroppo, però, dopo poco tempo nel corso di una visita medica richiesta dalla federazione mi venne diagnosticato un serio problema a un occhio, dovuto ad un 30

31 DIECI LIMONI MILLE LIRE trauma procuratomi nel corso di una rissa. Ci fu un responso senza appello: non potevo più giocare pena la perdita della vista da un occhio. Fu un colpo durissimo, mi andavo convincendo che la sorte mi fosse avversa e il mio destino fosse segnato da rinunce e dispiaceri. Reagii grazie al mio carattere ottimista che mi permise di trasformarmi da giocatore ad assiduo spettatore seguendo mio fratello nelle partite, anche quelle in trasferta. Grazie al forte senso della famiglia che ci ha sempre animato e anima, questo gioco divenne strumento per tenerci uniti: lui giocava, la sua ragazza, mia attuale adorata cognata, era addetta alle statistiche, mentre io, mia madre, mio padre e il nostro cane Lola, facevamo i supporter tifando la sua squadra in tutte le partite. Qualche anno dopo, trovai un nuovo sport al quale dedicarmi: preparai nella cantina di casa una piccola palestra. Facevo un po di tutto, pesi, boxe, kick boxing tutto fai da te. Un giorno incontrai un caro amico, Angelo Valente, campione del mondo di kick boxing, che nella sua cantina aveva costruito un piccolo ring e prendemmo l abitudine di ritrovarci lì la sera o durante i fine settimana insieme ad altri amici. Era anche un modo, per me, di scaricare l aggressività che accumulavo nella vita quotidiana di quartiere e ringrazio Angelo che mi ha 31

32 Ambrogio Crespi inserito in questo mondo aiutandomi a canalizzare la forza e la rabbia nella giusta direzione. Il tempo trascorse riservando alla nostra famiglia alti e bassi senza troppi squilibri finché mio fratello nel 1987 comprò una piccolissima società, Datamedia, che si occupava di ricerche sui mezzi di comunicazione. La sede era in via Sabaudia, un ufficio di 70 metri quadri condiviso con altre due società. Oltre a mio fratello e mia cognata, vi lavoravano una segretaria e una decina di intervistatori che rilevavano gli ascolti delle tv e delle radio locali, le ricerche erano le storiche Tvbank e Radiobank. Assecondando la loro natura generosa e volitiva, mio fratello e mia cognata si buttarono a capofitto nella nuova attività lavorando instancabilmente giorno e notte tanto che spesso andavo con mia madre a portar loro cibo e caffè caldo. Sempre nelle ore notturne mio fratello ed io facevamo gli immancabili lavori di manutenzione dell ufficio. Si lavorava spesso la notte perchè mio fratello aveva tenuto anche il lavoro di assicuratore e durante il giorno si dedicava a quello. Era veramente instancabile: non finiva mai di parlare con la gente che studiava attentamente, riuscendo a cogliere sempre il meglio di tutti e a superare ogni difficoltà. Era molto giovane per le 32

33 DIECI LIMONI MILLE LIRE responsabilità che si era assunto, e in più aveva un viso che dimostrava molto meno della sua età, che cercava di aumentare portando la barba e indossando vestiti molto seri che gli conferivano credibilità presso i suoi interlocutori, generalmente molto più grandi di lui. In quel periodo lavoravo con mio padre che aveva un magazzino che veniva utilizzato come deposito per tutto quello che si raccoglieva durante gli sgomberi delle case e delle cantine, inoltre facevamo dei piccoli traslochi. In questa attività avevamo modo di recuperare vecchi mobili e vari complementi d arredo che pomposamente definivamo pezzi d antiquariato e andavamo a rivendere con buon profitto al mercato delle pulci della Barona la domenica mattina. Per la famiglia questo sarebbe stato un momento abbastanza buono se mia madre non avesse ricominciato il suo doloroso calvario con la salute. Aveva gravi problemi di cuore e soffriva moltissimo con costanti crisi di dolori al petto e senso di soffocamento. Non riusciva a respirare, le mancava l aria, stava spesso davanti alla finestra per cercare di respirare quanta più aria fresca possibile. Io le stavo sempre vicino e tanto partecipavo alle sue pene che spesso avevo l impressione che anche 33

34 Ambrogio Crespi a me mancasse il fiato. Durante queste crisi la mia partecipazione era totale così che, ancora oggi, in certe circostanze di particolare tensione o stress, somatizzo e mi sento soffocare. Fortunatamente questi disturbi sono andati scomparendo grazie alle rassicurazioni dei medici, ma soprattutto alla mia crescita interiore. Purtroppo per mia madre era arrivato il giorno del secondo inevitabile intervento, una circostanza molto difficile, di rara tristezza e molto sofferta da tutti noi. Abbiamo passato lunghe, interminabili ore nella sala d attesa dell Ospedale Niguarda, reparto De Gasperi, avendo quale unica compagnia l angoscia che ha trovato sollievo solo quando il medico ci ha rassicurati sull esito positivo dell operazione. Naturalmente fu subito portata in sala rianimazione e quindi non ci poteva essere data la possibilità di vederla. Ma la nostra gioia di saperla viva era pari solamente all irrefrenabile voglia di abbracciarla. Eravamo io, mio fratello e mio padre, e tutti e tre non ci volevamo rassegnare all idea di non vederla fosse solo per un attimo. Probabilmente tanta era stata la paura che lei ci lasciasse che non credevamo completamente alle parole del medico, così decidemmo di andare in giardino e fare il giro dell edificio controllando dalle finestre quale 34

35 DIECI LIMONI MILLE LIRE fosse la sala rianimazione. Dopo peripezie di tutti i generi con un po di fortuna e molta tenacia, individuammo la finestra giusta, quella dalla quale potevamo intravedere mia madre. A questo punto si rese necessario un vero e proprio numero di acrobazia, immaginate tre uomini il più piccolo dei quali pesava più di 100 chili salire uno sulle spalle dell altro e scambiare per tre volte posizione in modo che tutti potessero lanciare uno sguardo dentro a quella dannata finestra. L immagine che vedemmo fu terribile: mia madre giaceva in una sala immacolata, completamente inerme, bianchissima. Il viso era segnato, incavato, quasi scolpito nel marmo e lei era assolutamente immobile. Il suo corpo era violentato da mille tubi e tubicini che la tenevano in vita. Siamo tornati a casa felici perché lei era viva ma tormentati dall idea delle sofferenze che era costretta a subire. Dopo tre interminabili giorni lei cominciò a stare meglio e uscì dalla sala rianimazione. Questo semplice evento ci rese molto contenti perché potevamo passare del tempo con lei, toccarla e starle accanto, ma non era nulla al confronto della felicità che provammo tre settimane dopo quando venne dimessa dall ospedale e finalmente tornò a 35

36 Ambrogio Crespi casa. Sinceramente dopo tanta angoscia e tanto dolore, quando la rividi a casa, mi ero fermamente convinto che tutto fosse finito. Sbagliavo, purtroppo non era così. Il mio compito era quello di curare mia madre, uno di noi infatti doveva essere sempre presente per accudirla, perciò lavoravo poco e solo di notte scaricando i camion della Coeco, mentre di giorno mi capitava di lavorare con mio padre che non poteva certamente crearmi dei problemi. Mio fratello invece aveva l ufficio da mandare avanti e non poteva essere sostituito da nessuno. Il mio non era un compito facile perché dovevo stare attentissimo a seguire le prescrizioni dei medici. Ogni giorno dovevo dare a mia mamma gli anticoagulanti, il Cumadin, un farmaco che i medici definivano il guardiano del sangue; non dovevo e non potevo sbagliare perché mi era stato detto a chiare lettere che ogni errore poteva essere fatale e avrebbe potuto determinare un embolia. È facile capire quindi come fossi tesissimo e attentissimo anche perché c erano altre medicine da somministrarle, in tutto 12 pastiglie al giorno. Un brutto giorno la mamma tornò a stare male, perse completamente i sensi ed io, benché dentro avessi una tempesta di paura e di pena, riuscii a ragionare e a portarla in ospedale, al San Carlo. 36

37 DIECI LIMONI MILLE LIRE Il responso fu terribile: si trattava di una grave embolia. Ero da solo in sala d attesa con mille ricordi di mamma che mi facevano scoppiare la testa, ero disperato. Uscì dalla sala operatoria un medico, con un tono di voce deciso e forte, si sincerò che fossi un congiunto della signora Farano. Io mi qualificai come figlio e in modo secco e con una voce quasi irreale mi disse in modo brutalmente diretto: Devo darti una brutta notizia, tua madre ha avuto un embolia e non so se supererà la notte. Una fucilata al petto mi avrebbe fatto certamente meno male; mi sono sentito crollare il mondo addosso, inebetito guardavo la finestra e piangevo, pensavo che tutto fosse perduto. Dopo un po arrivò mio padre, vide il mio viso completamente bagnato dalle lacrime e in una frazione di secondo capì; ci siamo abbracciati stringendoci forte, ed io con un filo di voce gli ho detto Abbiamo perso la mamma e siamo scoppiati a piangere tutti e due. Poco dopo ci ha raggiunti anche mio fratello che si è unito al nostro abbraccio. Dopo circa altri venti minuti dalla sala operatoria uscì una dottoressa che cercava i familiari della signora Farano. Sconvolto e pronto al peggio gridai 37

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime Indice Introduzione 7 La storia delle rose: quando la mamma parte 9 Il bruco e la lumaca: quando i genitori si separano 23 La campana grande e quella piccola: quando nasce il fratellino 41 La favola del

Dettagli

Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7.

Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7. 2 Dov è Piero Ferrari e perché non arriva E P I S O D I O 25 Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7. 1 Leggi più volte il testo e segna le risposte corrette. 1. Piero abita in un appartamento

Dettagli

LA TEORIA DEL CUCCHIAIO

LA TEORIA DEL CUCCHIAIO 90 ICARO MAGGIO 2011 LA TEORIA DEL CUCCHIAIO di Christine Miserandino Per tutti/e quelli/e che hanno la vita "condizionata" da qualcosa che non è stato voluto. La mia migliore amica ed io eravamo nella

Dettagli

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Informazioni e consigli per chi vive accanto ad una persona con problemi di alcol L alcolismo è una malattia che colpisce anche il contesto famigliare

Dettagli

TELEFONO AZZURRO. dedicato ai bambini COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO?

TELEFONO AZZURRO. dedicato ai bambini COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO? COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO? 1 Ehi, ti e mai capitato di assistere o essere coinvolto in situazioni di prepotenza?... lo sai cos e il bullismo? Prova a leggere queste pagine. Ti potranno essere utili.

Dettagli

COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE?

COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE? COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE? Storia narrata da Teresa Carbé Da oltre 10 anni, con mio marito e i miei figli, abbiamo deciso di aprirci all affidamento familiare, e ciò ci ha permesso di

Dettagli

Dal lato della strada

Dal lato della strada Dal lato della strada Quando ero piccolo, e andavo a scuola insieme a mio fratello, mia madre mi diceva di tenerlo per mano, e questo mi sembrava giusto e anche responsabile. Quello che non capivo è perché

Dettagli

Il desiderio di essere come tutti

Il desiderio di essere come tutti Francesco Piccolo Il desiderio di essere come tutti Einaudi INT_00_I-IV_Piccolo_Desiderio.indd 3 30/08/13 11.44 Sono nato in un giorno di inizio estate del 1973, a nove anni. Fino a quel momento la mia

Dettagli

Un abbraccio a tutti voi Ornella e Enrico

Un abbraccio a tutti voi Ornella e Enrico SASHA La nostra storia é molto molto recente ed é stata fin da subito un piccolo "miracolo" perche' quando abbiamo contattato l' Associazione nel mese di Novembre ci é stato detto che ormai era troppo

Dettagli

Routine per l Ora della Nanna

Routine per l Ora della Nanna SCHEDA Routine per l Ora della Nanna Non voglio andare a letto! Ho sete! Devo andare al bagno! Ho paura del buio! Se hai mai sentito il tuo bambino ripetere queste frasi notte dopo notte, con ogni probabilità

Dettagli

domenica 24 febbraio 13 Farra, 24 febbraio 2013

domenica 24 febbraio 13 Farra, 24 febbraio 2013 Farra, 24 febbraio 2013 informare su quelle che sono le reazioni più tipiche dei bambini alla morte di una persona cara dare alcune indicazioni pratiche suggerire alcuni percorsi Quali sono le reazioni

Dettagli

Gioco d Azzardo Patologico (GAP): anche la famiglia e gli amici sono coinvolti

Gioco d Azzardo Patologico (GAP): anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Gioco d Azzardo Patologico (GAP): anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Informazioni e consigli per chi vive accanto ad una persona con problemi di gioco d azzardo patologico Testo redatto sulla

Dettagli

Il colore dei miei pensieri. Pierluigi De Rosa

Il colore dei miei pensieri. Pierluigi De Rosa Il colore dei miei pensieri Pierluigi De Rosa Il colore dei miei pensieri Pierluigi De Rosa 2007 Scrivere.info Tutti i diritti di riproduzione, con qualsiasi mezzo, sono riservati. In copertina: Yacht

Dettagli

Ci relazioniamo dunque siamo

Ci relazioniamo dunque siamo 7_CECCHI.N 17-03-2008 10:12 Pagina 57 CONNESSIONI Ci relazioniamo dunque siamo Curiosità e trappole dell osservatore... siete voi gli insegnanti, mi insegnate voi, come fate in questa catastrofe, con il

Dettagli

Ogni riferimento a fatti realmente accaduti e/o a persone realmente esistenti è da ritenersi puramente casuale.

Ogni riferimento a fatti realmente accaduti e/o a persone realmente esistenti è da ritenersi puramente casuale. Vite a mezz aria Ogni riferimento a fatti realmente accaduti e/o a persone realmente esistenti è da ritenersi puramente casuale. Giuseppe Marco VITE A MEZZ ARIA Romanzo www.booksprintedizioni.it Copyright

Dettagli

33. Dora perdona il suo pessimo padre

33. Dora perdona il suo pessimo padre 33. Dora perdona il suo pessimo padre Central do Brasil (1998) di Walter Salles Il film racconta la storia di una donna cinica e spietata che grazie all affetto di un bambino ritrova la capacità di amare

Dettagli

Concorso "La Fiorentina che vorrei". Chiara Portone (2^D) partecipa con questo bellissimo testo.

Concorso La Fiorentina che vorrei. Chiara Portone (2^D) partecipa con questo bellissimo testo. Concorso "La Fiorentina che vorrei". Chiara Portone (2^D) partecipa con questo bellissimo testo. Mi chiamo Chiara abito a Sesto Fiorentino e per iniziare voglio fare una premessa. Io di calcio ci capisco

Dettagli

rancore Vita libera, abbastanza libera, e quindi restituita, nostra unica occasione finalmente afferrata. Una vita libera dal rancore.

rancore Vita libera, abbastanza libera, e quindi restituita, nostra unica occasione finalmente afferrata. Una vita libera dal rancore. Commozione Si commuove il corpo. A sorpresa, prima che l opportunità, la ragionevolezza, la buona educazione, la paura, la fretta, il decoro, la dignità, l egoismo possano alzare il muro. Si commuove a

Dettagli

Una notte incredibile

Una notte incredibile Una notte incredibile di Franz Hohler nina aveva dieci anni, perciò anche mezzo addormentata riusciva ad arrivare in bagno dalla sua camera. La porta della sua camera era generalmente accostata e la lampada

Dettagli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli Siamo abituati a pensare al Natale come una festa statica, di pace, tranquillità, davanti

Dettagli

DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico. L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento.

DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico. L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento. DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento Anno 2014 (B) E nato per tutti; è nato per avvolgere il mondo in un abbraccio

Dettagli

Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna...

Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna molto probabilmente avrei un comportamento diverso. Il mio andamento scolastico non è dei migliori forse a causa dei miei interessi (calcio,videogiochi, wrestling ) e forse mi applicherei

Dettagli

Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro

Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro Il romanzo Tra donne sole è stato scritto da Pavese quindici mesi prima della sua morte, nel 1949. La protagonista, Clelia, è una

Dettagli

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a Ci situiamo Probabilmente alla tua età inizi ad avere chiaro chi sono i tuoi amici, non sempre è facile da discernere. Però una volta chiaro,

Dettagli

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE AzioneCattolicaItaliana ACR dell ArcidiocesidiBologna duegiornidispiritualitàinavvento CONMARIA PREPARIAMOCIADACCOGLIEREILSIGNORE Tutta l Azione Cattolica ha come tema dell anno l accoglienza. Anche la

Dettagli

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso LIBERI PENSIERI PER LIBERI SENTIMENTI La riflessione circa In viaggio verso l incontro come ci è stato proposto, nasce attorno alla lettura del romanzo : C è nessuno?

Dettagli

Proposta per un Nuovo Stile di Vita.

Proposta per un Nuovo Stile di Vita. UNA BUONA NOTIZIA. I L M O N D O S I P U ò C A M B I A R E Proposta per un Nuovo Stile di Vita. Noi giovani abbiamo tra le mani le potenzialità per cambiare questo mondo oppresso da ingiustizie, abusi,

Dettagli

Meno male che c è Lucky!!! La missione del W.F.P. in Madagascar. Classe IV. Maestre: Cristina Iorio M. Emanuela Coscia

Meno male che c è Lucky!!! La missione del W.F.P. in Madagascar. Classe IV. Maestre: Cristina Iorio M. Emanuela Coscia Scuola Primaria Istituto Casa San Giuseppe Suore Vocazioniste Meno male che c è Lucky!!! La missione del W.F.P. in Madagascar Classe IV Maestre: Cristina Iorio M. Emanuela Coscia È il 19 febbraio 2011

Dettagli

LA RICERCA DI DIO. Il vero aspirante cerca la conoscenza diretta delle realtà spirituali

LA RICERCA DI DIO. Il vero aspirante cerca la conoscenza diretta delle realtà spirituali LA RICERCA DI DIO Gradi della fede in Dio La maggior parte delle persone non sospetta nemmeno la reale esistenza di Dio, e naturalmente non s interessa molto a Dio. Ce ne sono altre che, sotto l influsso

Dettagli

Pasta per due. Capitolo 1. Una mattina, Libero si sveglia e accende il computer C È POSTA PER TE! e trova un nuovo messaggio della sua amica:

Pasta per due. Capitolo 1. Una mattina, Libero si sveglia e accende il computer C È POSTA PER TE! e trova un nuovo messaggio della sua amica: Pasta per due 5 Capitolo 1 Libero Belmondo è un uomo di 35 anni. Vive a Roma. Da qualche mese Libero accende il computer tutti i giorni e controlla le e-mail. Minni è una ragazza di 28 anni. Vive a Bangkok.

Dettagli

PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda

PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda Rilevazione degli apprendimenti PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda Anno Scolastico 2011 2012 PROVA DI ITALIANO Scuola Primaria Classe Seconda Spazio per l etichetta autoadesiva ISTRUZIONI

Dettagli

Flame of Hope maggio 2015

Flame of Hope maggio 2015 Flame of Hope maggio 2015 Cari amici, Quand è che si apprezza maggiormente la vita e si è consapevoli di essere vivi e ne siamo grati? Quando quel dono prezioso è minacciato e poi si apprezza la vita il

Dettagli

storia dell umanità sarebbe veramente molto triste.

storia dell umanità sarebbe veramente molto triste. FIGLI DI DIO Cosa significa essere un figlio di Dio? E importante essere figli di Dio? Se sono figlio di Dio che differenza fa nella mia vita quotidiana? Queste sono questioni importanti ed è fondamentale

Dettagli

Regole per un buon Animatore

Regole per un buon Animatore Regole per un buon Animatore ORATORIO - GROSOTTO Libretto Animatori Oratorio - Grosotto Pag. 1 1. Convinzione personale: fare l animatore è una scelta di generoso servizio ai ragazzi per aiutarli a crescere.

Dettagli

Favole per bambini grandi.

Favole per bambini grandi. Favole per bambini grandi. d. & d' Davide Del Vecchio Daria Gatti Questa opera e distribuita sotto licenza Creative Commons Attribuzione Non commerciale 2.5 Italia http://creativecommons.org/licenses/by-nc/2.5/it/

Dettagli

Bambini oppositivi e provocatori 9 regole per sopravvivere!

Bambini oppositivi e provocatori 9 regole per sopravvivere! Anna La Prova Bambini oppositivi e provocatori 9 regole per sopravvivere! Chi sono i bambini Oppositivi e Provocatori? Sono bambini o ragazzi che sfidano l autorità, che sembrano provare piacere nel far

Dettagli

LING RACCONTA IL SUO VIAGGIO

LING RACCONTA IL SUO VIAGGIO LING RACCONTA IL SUO VIAGGIO Sono arrivata in Italia in estate perché i miei genitori lavoravano già qui. Quando ero in Cina, io e mia sorella Yang abitavamo con i nonni, perciò mamma e papà erano tranquilli.

Dettagli

La Sua Salute e il Suo Benessere

La Sua Salute e il Suo Benessere La Sua Salute e il Suo Benessere ISTRUZIONI: Questo questionario intende valutare cosa Lei pensa della Sua salute. Le informazioni raccolte permetteranno di essere sempre aggiornati su come si sente e

Dettagli

Viaggiare all estero in emodialisi con noi si può!

Viaggiare all estero in emodialisi con noi si può! Pag. 1/3 Viaggiare all estero in emodialisi con noi si può! (Articolo tratto da ALCER n 153 edizione 2010) Conoscere posti nuovi, nuove culture e relazionarsi con persone di altri paesi, di altre città

Dettagli

SETTE MOSSE PER LIBERARSI DALL ANSIA

SETTE MOSSE PER LIBERARSI DALL ANSIA LIBRO IN ASSAGGIO SETTE MOSSE PER LIBERARSI DALL ANSIA DI ROBERT L. LEAHY INTRODUZIONE Le sette regole delle persone molto inquiete Arrovellarvi in continuazione, pensando e ripensando al peggio, è la

Dettagli

unità 01 un intervista Attività di pre-ascolto Abbinate le parti della colonna A a quelle della colonna B.

unità 01 un intervista Attività di pre-ascolto Abbinate le parti della colonna A a quelle della colonna B. A. Ignone - M. Pichiassi unità 01 un intervista Attività di pre-ascolto Abbinate le parti della colonna A a quelle della colonna B. A B 1. È un sogno a) vuol dire fare da grande quello che hai sempre sognato

Dettagli

Trasformazione attivo-passivo

Trasformazione attivo-passivo Trasformazione attivo-passivo E possibile trasformare una frase attiva in passiva quando: 1. il verbo è transitivo 2. il verbo è seguito dal complemento oggetto. Si procede in questo modo: 1. il soggetto

Dettagli

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti,

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, si è conclusa con una lezione aperta per i genitori.

Dettagli

Livello CILS A2. Test di ascolto

Livello CILS A2. Test di ascolto Livello CILS A2 GIUGNO 2012 Test di ascolto numero delle prove 2 Ascolto Prova n. 1 Ascolta i testi. Poi completa le frasi. Scegli una delle tre proposte di completamento. Alla fine del test di ascolto,

Dettagli

Adorazione Eucaristica. Dio ci ama

Adorazione Eucaristica. Dio ci ama Adorazione Eucaristica a cura di Don Luigi Marino Guida: C è un esperienza che rivela il potere unificante e trasformante dell amore, ed è l innamoramento, descritto in modo splendido nel Cantico dei Cantici.

Dettagli

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco Sul far della sera la famiglia si riunisce in casa per la preghiera. Ove fosse possibile si suggerisce di

Dettagli

BIANCOENERO EDIZIONI

BIANCOENERO EDIZIONI RACCONTAMI BIANCOENERO EDIZIONI Titolo originale: The Strange Case of Dr. Jekyll and Mr. Hyde, 1886 Ringraziamo Giulio Scarpati che ha prestato la sua voce per questo progetto. Consulenza scientifica al

Dettagli

Civilewww.edurisk.it. Care bambine, cari bambini,

Civilewww.edurisk.it. Care bambine, cari bambini, Cari bambini, Civile questo libretto che vi viene oggi proposto vi aiuterà a conoscere i rischi e ad imparare come difendervi, in particolare dai rischi legati al terremoto. Questo come tutti sapete è

Dettagli

Una storia vera. 1 Nome fittizio.

Una storia vera. 1 Nome fittizio. Una storia vera Naida 1 era nata nel 2000, un anno importante, porterà fortuna si diceva. Era una ragazzina come tante, allegra, vivace e che odiava andare a scuola. Era nata a Columna Pasco, uno dei tanti

Dettagli

7ª tappa È il Signore che apre i cuori

7ª tappa È il Signore che apre i cuori Centro Missionario Diocesano Como 7 incontro di formazione per commissioni, gruppi e associazioni missionarie 3 anno Aprile 2009 Paolo: la Parola di Dio non è incatenata 7ª tappa È il Signore che apre

Dettagli

Racconto inviato da Monica Chiesura email di riferimento: mcshogun62@gmail.com QUANDO SI DICE IL DESTINO! La nostra storia inizia così:

Racconto inviato da Monica Chiesura email di riferimento: mcshogun62@gmail.com QUANDO SI DICE IL DESTINO! La nostra storia inizia così: Racconto inviato da Monica Chiesura email di riferimento: mcshogun62@gmail.com QUANDO SI DICE IL DESTINO! La nostra storia inizia così: in una bella giornata di ottobre, quando la mia migliore amica Sabrina

Dettagli

IL LUNEDÌ SCOMPARSO. Dai 5 anni

IL LUNEDÌ SCOMPARSO. Dai 5 anni PIANO DI L ETTURA IL LUNEDÌ SCOMPARSO Silvia Roncaglia Dai 5 anni Illustrazioni di Simone Frasca Serie Arcobaleno n 5 Pagine: 34 (+ 5 di giochi) Codice: 978-88-384-7624-1 Anno di pubblicazione: 2006 L

Dettagli

1. In generale, direbbe che la sua salute è: (Indichi un numero) Eccellente... 1 Molto buona... 2 Buona..3 Passabile... 4 Scadente...

1. In generale, direbbe che la sua salute è: (Indichi un numero) Eccellente... 1 Molto buona... 2 Buona..3 Passabile... 4 Scadente... ISTRUZIONI: Il questionario intende valutare cosa lei pensa della sua salute. Le informazioni raccolte permetteranno di essere aggiornati su come si sente e su come riesce a svolgere le sue attività' consuete.

Dettagli

pag. 1 Quand'ero piccolo mi ammalai: mi sentivo sempre stanco, volevo sempre bere e fare pipì

pag. 1 Quand'ero piccolo mi ammalai: mi sentivo sempre stanco, volevo sempre bere e fare pipì pag. 1 Quand'ero piccolo mi ammalai: mi sentivo sempre stanco, volevo sempre bere e fare pipì pag. 2 La mamma diceva che ero dimagrito e così mi portò dal medico. Il dottore guardò le urine, trovò dello

Dettagli

Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto.

Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto. Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto. Gentili congiunti, Questa piccola guida è stata creata per voi con l obiettivo di aiutarvi

Dettagli

Francesco Villa Liceo Scientifico Statale Vittorio Veneto

Francesco Villa Liceo Scientifico Statale Vittorio Veneto Francesco Villa Liceo Scientifico Statale Vittorio Veneto La Milano che (non) vorrei... 13 aprile 2014 Anche per oggi suona la campanella che annuncia la fine delle lezioni! Insieme ai miei compagni di

Dettagli

IL RAPPORTO CON SE STESSO E CON GLI ALTRI NEL BAMBINO CON ADHD

IL RAPPORTO CON SE STESSO E CON GLI ALTRI NEL BAMBINO CON ADHD IL RAPPORTO CON SE STESSO E CON GLI ALTRI NEL BAMBINO CON ADHD CHIARA DE CANDIA chiaradecandia@libero.it 1 IL CONCETTO DI SE È la rappresentazione delle proprie caratteristiche e capacità in relazione

Dettagli

5ª tappa L annuncio ai Giudei

5ª tappa L annuncio ai Giudei Centro Missionario Diocesano Como 5 incontro di formazione per commissioni, gruppi e associazioni missionarie 3 anno Febbraio 09 Paolo: la Parola di Dio non è incatenata 5ª tappa L annuncio ai Giudei Pagina

Dettagli

Progetto Baseball per tutti Crescere insieme in modo sano

Progetto Baseball per tutti Crescere insieme in modo sano Progetto Baseball per tutti Crescere insieme in modo sano Il baseball, uno sport. Il baseball, uno sport di squadra. Il baseball, uno sport che non ha età. Il baseball, molto di più di uno sport, un MODO

Dettagli

2 e3 anno I GIORNI DELLA TARTARUGA. ROMANZO A SFONDO SOCIALE Una storia di bullismo e disagio giovanile, appassionante e coivolgente.

2 e3 anno I GIORNI DELLA TARTARUGA. ROMANZO A SFONDO SOCIALE Una storia di bullismo e disagio giovanile, appassionante e coivolgente. 2 e3 anno narrativa CONTEMPORAN scuola second. di I grado EA I GIORNI DELLA TARTARUGA ROMANZO A SFONDO SOCIALE Una storia di bullismo e disagio giovanile, appassionante e coivolgente. AUTORE: C. Elliott

Dettagli

1) Il bambino in Ospedale

1) Il bambino in Ospedale Dal giorno in cui qualcuno ha avuto il coraggio di entrare in un reparto di terapia terminale con un naso rosso e uno stetoscopio trasformato in telefono, il mondo è diventato un posto migliore. Jacopo

Dettagli

Frisch. unità 1. 1 Leggi il testo

Frisch. unità 1. 1 Leggi il testo unità 1 1 Leggi il testo Frisch Frisch era un abitudinario, come lo sono del resto quasi tutte le persone della sua età. Ogni mattina nei tre giorni che passava alla villa si alzava puntualmente alle sette

Dettagli

SE IO FOSSI UN ALBERO E INVENTASSI UNA STORIA DAL MIO DISEGNO...TI RACCONTEREI CHE...

SE IO FOSSI UN ALBERO E INVENTASSI UNA STORIA DAL MIO DISEGNO...TI RACCONTEREI CHE... SE IO FOSSI UN ALBERO E INVENTASSI UNA STORIA DAL MIO DISEGNO...TI RACCONTEREI CHE... Una volta si fece la festa degli alberi nel bosco e io e una bimba, che non lo sapevo chi era, giocavamo con gli alberi

Dettagli

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI (Gv 3, 17b) Ufficio Liturgico Diocesano proposta di Celebrazione Penitenziale comunitaria nel tempo della Quaresima 12 1 2 11 nella lode perenne del tuo nome

Dettagli

Lo sai, sono la tua anima gemella perchè...

Lo sai, sono la tua anima gemella perchè... Clémence e Laura Lo sai, sono la tua anima gemella perchè... Se fossi un paio di scarpe sarei i tuoi lacci Se fossi il tuo piede sarei il tuo mignolo Se fossi la tua gola sarei la tua glottide Se fossi

Dettagli

Il successo sin dai primi passi. Consigli per il vostro colloquio di presentazione. Adecco Career

Il successo sin dai primi passi. Consigli per il vostro colloquio di presentazione. Adecco Career Il successo sin dai primi passi Consigli per il vostro colloquio di presentazione Adecco Career Adecco: al vostro fianco per la vostra carriera. Da oltre 50 anni Adecco opera nei servizi del personale

Dettagli

PRUEBA COMÚN PRUEBA 201

PRUEBA COMÚN PRUEBA 201 PRUEBA DE ACCESO A LA UNIVERSIDAD MAYORES DE 25 Y 45 AÑOS PRUEBA COMÚN PRUEBA 201 PRUEBA 2013ko MAIATZA MAYO 2013 L incontro con Guido Dorso Conobbi Dorso quando ero quasi un ragazzo. Ricordo che un amico

Dettagli

Sac. Don Giuseppe Pignataro. L oratorio: centro del suo cuore

Sac. Don Giuseppe Pignataro. L oratorio: centro del suo cuore Sac. Don Giuseppe Pignataro L oratorio: centro del suo cuore L'anima del suo apostolato di sacerdote fu l'oratorio: soprattutto negli anni di Resina, a Villa Favorita per circa un decennio, dal 1957 al

Dettagli

libro primo 7 grazie, farò del mio meglio per non arrecarti altro disturbo. E appena ho provato a reagire, mi hai bloccata, sei passato a discorsi

libro primo 7 grazie, farò del mio meglio per non arrecarti altro disturbo. E appena ho provato a reagire, mi hai bloccata, sei passato a discorsi Capitolo primo 1. Se tu te ne sei scordato, egregio signore, te lo ricordo io: sono tua moglie. Lo so che questo una volta ti piaceva e adesso, all improvviso, ti dà fastidio. Lo so che fai finta che non

Dettagli

DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI. Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013

DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI. Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013 DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013 Cari catechisti, buonasera! Mi piace che nell Anno della fede ci

Dettagli

LA STORIA DEL VECCHIO F di Patrizia Toia

LA STORIA DEL VECCHIO F di Patrizia Toia Patrizia Toia Patrizia Toia (born on 17 March 1950 in Pogliano Milanese) is an Italian politician and Member of the European Parliament for North-West with the Margherita Party, part of the Alliance of

Dettagli

DAL MEDICO UNITÁ 9. pagina 94

DAL MEDICO UNITÁ 9. pagina 94 DAL MEDICO A: Buongiorno, dottore. B: Buongiorno. A: Sono il signor El Assani. Lei è il dottor Cannavale? B: Si, piacere. Sono il dottor Cannavale. A: Dottore, da qualche giorno non mi sento bene. B: Che

Dettagli

Esser Genitori dei Bambini Indaco e Cristallo: Crescerli col Cuore

Esser Genitori dei Bambini Indaco e Cristallo: Crescerli col Cuore Esser Genitori dei Bambini Indaco e Cristallo: Crescerli col Cuore Crescere un bambino Indaco o Cristallo è un privilegio speciale in questo momento di turbolenze e cambiamenti. Come genitori, state contribuendo

Dettagli

UNA CONFESSIONE E LA PISTA SEGUITA

UNA CONFESSIONE E LA PISTA SEGUITA UNA CONFESSIONE E LA PISTA SEGUITA Confesso tutta la mia difficoltà a presentarvi questo brano che ho pregato tante volte. La paura è quella di essere troppo scontata oppure di dare troppe cose per sapute.

Dettagli

[Pagina 1] [Pagina 2]

[Pagina 1] [Pagina 2] [Pagina 1] Gradisca. 2.10.44 Rina amatissima, non so se ti rivedrò prima di morire - in perfetta salute - ; lo desidererei molto; l'andarmene di là con la tua visione negli occhi sarebbe per me un grande

Dettagli

Un amore che desidera. (di Giacomo Mambriani, 44 anni, Parma)

Un amore che desidera. (di Giacomo Mambriani, 44 anni, Parma) Un amore che desidera (di Giacomo Mambriani, 44 anni, Parma) Lei: A che cosa stai pensando? Io: Lei: Oh, dico a te Io: Eh? Lei: A che cosa stai pensando? Io: Mmmh a niente Lei: Ah a niente Io: Sì, a niente

Dettagli

Discorso diretto e indiretto

Discorso diretto e indiretto PERCORSI DIDATTICI di: Mavale Discorso diretto e indiretto scuola: Cremona area tematica: Lingua italiana pensato per: 8-11 anni scheda n : 1 OBIETTIVO DIDATTICO: Saper riconoscere ed usare il discorso

Dettagli

Per ulteriori informazioni visita il nostro Sito Web: www.a-light-against-human-trafficking.info

Per ulteriori informazioni visita il nostro Sito Web: www.a-light-against-human-trafficking.info Per ulteriori informazioni visita il nostro Sito Web: www.a-light-against-human-trafficking.info Ogni essere umano uomo, donna, bambino, bambina è immagine di Dio; quindi ogni essere umano è una persona

Dettagli

(da I Malavoglia, cap. XV)

(da I Malavoglia, cap. XV) 4. GIOVANNI VERGA (ANALISI DEL TESTO) L addio di Ntoni Una sera, tardi, il cane si mise ad abbaiare dietro l uscio del cortile, e lo stesso Alessi, che andò ad aprire, non riconobbe Ntoni il quale tornava

Dettagli

2- Quando entrambi hanno una vita di coppia soddisfacente per cui si vive l amicizia in modo genuino e disinteressato

2- Quando entrambi hanno una vita di coppia soddisfacente per cui si vive l amicizia in modo genuino e disinteressato L amicizia tra uomo e donna. Questo tipo di relazione può esistere? Che rischi comporta?quali sono invece i lati positivi? L amicizia tra uomini e donne è possibile solo in età giovanile o anche dopo?

Dettagli

Vivere accanto a una persona con problemi di dipendenze:

Vivere accanto a una persona con problemi di dipendenze: Vivere accanto a una persona con problemi di dipendenze: che fare? Alcol, droghe illegali, medicinali, gioco d azzardo Una persona a voi cara soffre di dipendenze. Vi sentite sopraffatti? Impotenti? Avete

Dettagli

Porto di mare senz'acqua

Porto di mare senz'acqua Settembre 2014 Porto di mare senz'acqua Nella comunità di Piquiá passa un onda di ospiti lunga alcuni mesi Qualcuno se ne è già andato. Altri restano a tempo indeterminato D a qualche tempo a questa parte,

Dettagli

Per un Expo che getti un seme contro la fame nel mondo

Per un Expo che getti un seme contro la fame nel mondo Per un Expo che getti un seme contro la fame nel mondo Il primo maggio 2015 si inaugura a Milano l EXPO, un contenitore di tematiche grandi come l universo: "Nutrire il pianeta. Energia per la vita. Una

Dettagli

IO CI SARÒ. dai 9 anni LIA LEVI. Illustrazioni di Donata Pizzato Serie Arancio n 145 Pagine: 192 Codice: 566-3210-1 Anno di pubblicazione: 2013

IO CI SARÒ. dai 9 anni LIA LEVI. Illustrazioni di Donata Pizzato Serie Arancio n 145 Pagine: 192 Codice: 566-3210-1 Anno di pubblicazione: 2013 PIANO DI IO CI SARÒ LIA LEVI LETTURA dai 9 anni Illustrazioni di Donata Pizzato Serie Arancio n 145 Pagine: 192 Codice: 566-3210-1 Anno di pubblicazione: 2013 L AUTRICE Lia Levi è oggi una delle più affermate

Dettagli

Presentazione Tutti quelli che troverete, chiamateli

Presentazione Tutti quelli che troverete, chiamateli Presentazione Tutti quelli che troverete, chiamateli Presentazione Decisamente stimolanti le provocazioni del brano di Matteo (22,1-14) che ci accompagnerà nel corso dell anno associativo 2013-2014: terzo

Dettagli

Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di

Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di 1 Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di N. e N. 2 Celebrare un anniversario non significa rievocare in modo nostalgico una avvenimento del passato, ma celebrare nella lode e nel rendimento

Dettagli

4.Che cosa... di bello da vedere nella tua città? (A) c'è (B) è (C) ci sono (D) e

4.Che cosa... di bello da vedere nella tua città? (A) c'è (B) è (C) ci sono (D) e DIAGNOSTIC TEST - ITALIAN General Courses Level 1-6 This is a purely diagnostic test. Please only answer the questions that you are sure about. Since this is not an exam, please do not guess. Please stop

Dettagli

LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI

LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI Che cos è la depressione? Tutti noi ci possiamo sentire tristi a volte, tuttavia la depressione è una cosa seria. La malattia della depressione a volte denominata Depressione

Dettagli

Una Pulce sull Albero di Babbo Natale?

Una Pulce sull Albero di Babbo Natale? Una Pulce sull Albero di Babbo Natale? Copione natalizio in rima per i bambini della Scuola dell Infanzia. Autore: Silvia Di Castro (Bisia) UNA PULCE SULL ALBERO DI BABBO NATALE? 1 Copione natalizio in

Dettagli

Giro, ghirotondo e altre storie ortografiche

Giro, ghirotondo e altre storie ortografiche Giro, ghirotondo e altre storie ortografiche Strumenti per la didattica, l educazione, la riabilitazione, il recupero e il sostegno Collana diretta da Dario Ianes Rossana Colli e Cosetta Zanotti Giro,

Dettagli

ENCICLOPEDIA DELLA FAVOLA. Fiabe di tutto il mondo per 365 giorni. Raccolte da Vladislav Stanovsky e Jan Vladislav

ENCICLOPEDIA DELLA FAVOLA. Fiabe di tutto il mondo per 365 giorni. Raccolte da Vladislav Stanovsky e Jan Vladislav Matite italiane ENCICLOPEDIA DELLA FAVOLA Fiabe di tutto il mondo per 365 giorni Raccolte da Vladislav Stanovsky e Jan Vladislav Edizione italiana a cura di Gianni Rodari Editori Riuniti I edizione in

Dettagli

DA CHE PARTE STARE. dagli 11 anni ALBERTO MELIS

DA CHE PARTE STARE. dagli 11 anni ALBERTO MELIS PIANO DI LETTURA dagli 11 anni DA CHE PARTE STARE ALBERTO MELIS Illustrazioni di Paolo D Altan Serie Rossa n 78 Pagine: 144 Codice: 566-3117-3 Anno di pubblicazione: 2013 L AUTORE Alberto Melis, insegnante,

Dettagli

Una libera pensatrice.

Una libera pensatrice. Passato prossimo/imperfetto 1 Leggi il testo e scegli il verbo corretto. Una libera pensatrice. In primavera, quando l aria si riscaldava/si è riscaldata e è diventata/diventava piacevole, noi bambini

Dettagli

"In ogni cosa rendete grazie, perché questa è la volontà di Dio in Cristo Gesù verso di voi" (I Tessalonicesi 5:18)

In ogni cosa rendete grazie, perché questa è la volontà di Dio in Cristo Gesù verso di voi (I Tessalonicesi 5:18) "In ogni cosa rendete grazie, perché questa è la volontà di Dio in Cristo Gesù verso di voi" (I Tessalonicesi 5:18) Rendere grazie a Dio, sempre, in ogni circostanza, in qualsiasi momento, in qualunque

Dettagli

GLI ITALIANI, IL DISAGIO EMOTIVO E LA SOLITUDINE

GLI ITALIANI, IL DISAGIO EMOTIVO E LA SOLITUDINE GLI ITALIANI, IL DISAGIO EMOTIVO E LA SOLITUDINE un indagine demoscopica svolta da Astra Ricerche per Telefono Amico Italia con il contributo di Nokia Qui di seguito vengono presentati i principali risultati

Dettagli

Dalla lettura di una poesia del libro di testo. Un ponte tra i cuori

Dalla lettura di una poesia del libro di testo. Un ponte tra i cuori 1 Dalla lettura di una poesia del libro di testo Un ponte tra i cuori Manca un ponte tra i cuori, fra i cuori degli uomini lontani, fra i cuori vicini, fra i cuori delle genti, che vivono sui monti e sui

Dettagli

TEORIA DEL SÉ E CICLO DEL CONTATTO

TEORIA DEL SÉ E CICLO DEL CONTATTO TEORIA DEL SÉ E CICLO DEL CONTATTO di Sergio Mazzei Direttore dell Istituto Gestalt e Body Work TEORIA DEL SÉ Per organismo nella psicoterapia della Gestalt si intende l individuo che è in relazione con

Dettagli

El valor de ser padre y de ser madre -----

El valor de ser padre y de ser madre ----- El valor de ser padre y de ser madre ----- San Luis, 27 de Octubre 2012 Vengo da un continente dove esiste una vera crisi della paternità. La figura del padre non è molto precisa, la sua autorità naturale

Dettagli

MESSAGGI DI LUCE. Carta Michele Cell:346-5788900 E-mail;michele-carta@hotmail.it

MESSAGGI DI LUCE. Carta Michele Cell:346-5788900 E-mail;michele-carta@hotmail.it MESSAGGI DI LUCE Carta Michele Cell:346-5788900 E-mail;michele-carta@hotmail.it Tengo a precisare che Messaggi di Luce e un progetto che nasce su Facebook a oggi e visitato da piu' di 9000 persone E un

Dettagli

VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI. Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM

VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI. Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM XXVIII TEMPO ORDINARIO 11 ottobre 2009 VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM Mc 10, 17-30 [In quel tempo], mentre Gesù andava per la strada, un tale gli corse incontro

Dettagli