F.P.G.G. Fondo Pensione dei dipendenti delle società del Gruppo Generali

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "F.P.G.G. Fondo Pensione dei dipendenti delle società del Gruppo Generali"

Transcript

1 F.P.G.G. Fondo Pensione dei dipendenti delle società del Gruppo Generali NOTA INFORMATIVA (Aggiornamento maggio 2015) SCHEDA SINTETICA pag. 1 CARATTERISTICHE DELLA FORMA PENSIONISTICA COMPLEMENTARE pag. 3 INFORMAZIONI SULL ANDAMENTO DELLE GESTIONI pag. 7 CONDIZIONI SPECIFICHE PER ASSOCIATI CESSATI pag.16 La presente Nota informativa, redatta secondo lo schema predisposto dalla Covip, non è soggetta a preventiva approvazione da parte dell Istituto di Controllo. F.P.G.G. si assume la responsabilità della completezza e veridicità dei dati e delle notizie contenuti nella presente Nota informativa. SCHEDA SINTETICA Questa Scheda è parte integrante della Nota Informativa ed è redatta per facilitare il confronto tra le principali caratteristiche di F.P.G.G. e le altre forme pensionistiche complementari. Prima di aderire prendere visione dell intera Nota Informativa e dello Statuto. PRESENTAZIONE di F.P.G.G. Elementi di identificazione F.P.G.G. (Fondo Pensione dei dipendenti delle società del Gruppo Generali) è costituito a Trieste con atto del 28 giugno 1988 ed è iscritto all Albo tenuto dalla COVIP con il n Destinatari Sono associabili i dipendenti non dirigenti delle Società del Gruppo Assicurazioni Generali in applicazione dei Contratti Collettivi Nazionali di Lavoro e/o dei vigenti Accordi e/o Regolamenti aziendali (di seguito denominati Fonti Istitutive). Tipologia, natura giuridica e regime previdenziale F.P.G.G. è un Fondo Pensione preesistente in quanto già costituito alla data di entrata in vigore della legge 23/10/1992, n 421. E costituito in forma di associazione non riconosciuta ed è operante in regime di contribuzione definita (l entità della prestazione pensionistica è determinata in funzione della contribuzione effettuata e dei rendimenti conseguiti). La partecipazione a F.P.G.G. L adesione è libera e volontaria. La partecipazione alle forme pensionistiche complementari è disciplinata dal D.Lgs. 5/12/2005, n 252. Documentazione a disposizione dell iscritto La Nota Informativa e lo Statuto, come la modulistica ed ogni altra informazione utile all iscritto, sono disponibili nel sito internet (http://www.fp-gg.it) e presso la sede amministrativa del Fondo. Può essere richiesta al Fondo la spedizione dei suddetti documenti. N.B.: Le principali disposizioni che disciplinano il funzionamento del Fondo e il rapporto tra il Fondo e l iscritto sono contenute nello Statuto. SEDI E RECAPITI UTILI Sede Amministrativa: c/o Generali Italia SpA, Amm. Personale di Gruppo, via Marocchesa Mogliano Veneto (TV) Sede Legale: Piazza Duca degli Abruzzi 2, Trieste Sito Internet del Fondo: Indirizzo di posta elettronica: Indirizzo PEC: Telefono: 041/ Fax: 041/

2 Contribuzione Le modalità e le misure della contribuzione (della Società, del dipendente e da conferimento di TFR sono definiti dalle Fonti Istitutive alle quali si rimanda la lettura). Investimento La previdenza complementare viene attuata per i soci/dipendenti delle varie Società Aderenti a F.P.G.G. esclusivamente mediante contratti di assicurazione con Generali Italia, Alleanza Assicurazioni e GenertelLife, secondo modalità definite dalle Fonti Istitutive. Si tratta di comparto garantito, cioè investimenti che garantiscono la restituzione dei contributi versati ed un rendimento minimo. La gestione è volta a realizzare, con elevata probabilità, rendimenti che siano almeno pari a quelli del TFR, in un orizzonte di tempo pluriennale. La presenza di una garanzia di risultato consente di soddisfare le previsioni della normativa in vigore in caso di conferimento tacito del TFR. Il Documento sulla Politica di Investimento, redatto secondo le indicazioni stabilite dalla COVIP con la Deliberazione del 16/03/2012, descrive la politica di investimento mediante la quale F.P.G.G. persegue per i propri iscritti combinazioni di rischio-rendimento efficienti nell arco temporale coerente con i bisogni previdenziali degli aderenti e con le prestazioni da erogare. Il Documento sulla politica degli investimenti è a disposizione degli aderenti nel sito del Fondo Pensione sezione Documentazione. Rendimenti lordi conseguiti negli ultimi anni dai fondi d investimento dei gestori assicurativi Evoluzione dei rendimenti annui di F.P.G.G. Assicuratori Gestione separata Alleanza Assicurazioni S. Giorgio 4,29% 4,36% 4,22% 4,14% 4,11% 4,01% 3,90% 3,86% Generali Italia Rispav 5,06% 4,61% 4,57% 4,44% 4,35% 4,30% 4,32% 4,32% Generali Italia Auris 4,53% 4,60% 4,34% 4,37% 4,30% 4,28% 4,17% 4,20% Generali Italia GESAV 5,23% 4,63% 4,54% 4,10% 4,31% 4,13% 4,21% 3,88% Generali Italia Nuova Moneta Forte* 5,23% 4,26% 3,22% 2,68% 3,01% 2,69% 2,82% 2,44% Generali Italia Euro Forte* 4,92% 4,57% 3,57% 3,80% 3,87% 3,71% 3,75% 3,76% GenertelLife Rialto 4,64% 4,05% 4,32% 4,27% 4,39% 4,45% 4,40% 4,01% GenertelLife Investimento attivo ex FataInvest ** 4,57% 4,79% 4,48% 4,60% 4,60% 4,30% 4,52% 4,07% Nota All associato viene riconosciuta una parte (detta retrocessione ) del rendimento conseguito dalla gestione assicurativa, secondo modalità e misure definita nelle Fonti Istitutive. * Nel corso del 2014 Generali Italia, a seguito di uno specifico iter autorizzativo approvato da Ivass, ha operato una fusione per incorporazione in Gesav di Nuova Moneta Forte e Euro Forte con effetto 1 novembre ** nel mese di giugno 2014 Fata Assicurazioni Danni è stata ceduta dal Gruppo Generali ad altro Gruppo assicurativo. 2

3 CARATTERISTICHE DELLA FORMA PENSIONISTICA COMPLEMENTARE INFORMAZIONI GENERALI Lo scopo di F.P.G.G. F.P.G.G. ha lo scopo di permettere di costruire una pensione complementare, che si aggiunge alle prestazioni del sistema pensionistico obbligatorio. A tal fine, il Fondo investe i contributi in strumenti finanziari, ricorrendo a gestori assicurativi. Come si costruisce la pensione complementare Fin dal primo versamento viene costituita la posizione individuale, che si accrescerà in base ai versamenti effettuati ed ai rendimenti conseguiti. Durante tutta la fase di accumulo (il periodo tra il primo versamento e la data di quiescenza), la posizione individuale è quindi la somma tempo per tempo accumulata. Al momento del pensionamento, la posizione individuale sarà base di calcolo della pensione complementare ed inizierà la fase di erogazione. E possibile optare per la prestazione in forma di capitale (in soluzione unica), nella misura massima del 50% della posizione individuale maturata (in casi particolari di modeste posizioni individuali e per i vecchi iscritti è possibile avere il 100% in forma di capitale). Le modalità di determinazione della posizione individuale sono indicate nello Statuto - Parte III Contribuzione e Prestazioni La struttura di governo del fondo I Soci di F.P.G.G. eleggono i Delegati che partecipano alle Assemblee e che a loro volta eleggono metà dei componenti del Consiglio d Amministrazione e del Collegio dei Sindaci: tali Organi sono costituiti pariteticamente tra gli eletti degli Associati e i nominati delle Società del Gruppo Aderenti al Fondo. Le regole di composizione, nomina e funzionamento degli Organi e le competenze loro attribuite sono contenute nella Parte IV dello Statuto Profili Organizzativi Vedi anche la Sezione Soggetti coinvolti nell attività della forma pensionistica complementare. QUANTO E COME SI VERSA Contribuzione La contribuzione è costituita dalla quota a carico Azienda, dall eventuale versamento dell Associato e dal conferimento del TFR maturando, nelle misure e modalità previste dalle Fonti Istitutive. Per ulteriori informazioni sulla contribuzione vedasi Statuto - Parte III - Contribuzione e prestazioni. Il Conferimento del TFR Il TFR viene accantonato nel corso del rapporto di lavoro e viene erogato al momento della cessazione del rapporto stesso. L accantonamento è pari ad un tredicesimo e mezzo della retribuzione ricorrente. E facoltà del dipendente conferire al Fondo Pensione tutto o parte del TFR maturando, secondo norme di legge. La decisione di conferire il TFR è irreversibile fino al venir meno del diritto di partecipazione al Fondo (es. cessazione del rapporto di lavoro presso Società del Gruppo Associate). La possibilità di ottenere anticipazioni è possibile anche in caso di conferimento al Fondo (ampliata come quantità e motivazioni rispetto al caso di mantenimento del TFR in Azienda). L INVESTIMENTO Dove si investe Per gli Associati Ordinari i contributi, al netto di quelli relativi alle spese d amministrazione, sono investiti senza possibilità di operare una scelta diversa in una polizza assicurativa, secondo quanto previsto tempo per tempo dalle Fonti Istitutive (Contratti Collettivi Nazionali di Lavoro). Tale investimento produce nel tempo un rendimento che è funzione degli andamenti di mercato e delle scelte di gestione. Per gli Associati Cessati, invece, l investimento è attuato mediante una convenzione assicurativa (di durata quinquennale e successivamente rinnovabile) tra il Fondo stesso e Generali Italia, dove è consentito all Associato Cessato di continuare ad effettuare versamenti di premio (v. scheda di sintesi specifica in ultima pagina). 3

4 Comparto Garantito Finalità della gestione: realizzare con elevata probabilità rendimenti almeno pari a quelli del TFR, in un orizzonte pluriennale. La presenza di garanzia di risultato consente di soddisfare le previsioni di legge al fine di recepire anche i flussi di TFR conferiti tacitamente. Garanzia: è previsto che al momento dell esercizio del diritto al pensionamento, la posizione individuale non possa essere inferiore al totale dei contributi versati, rivalutati col tasso annuo di rendimento minimo garantito (al netto di eventuali anticipazioni non reintegrate). La medesima garanzia opera anche, prima del pensionamento, nel caso di riscatto della posizione individuale per decesso, invalidità permanente che comporti la riduzione della capacità lavorativa a meno di un terzo o inoccupazione per un periodo di tempo superiore a 48 mesi. N.B.: Qualora alla scadenza della convenzione con l assicuratore, in base alle disposizioni delle Fonti Istitutive, vengano modificate una o più condizioni (fermo restando il livello minimo di garanzia richiesto dalla normativa), F.P.G.G. provvederà a darne comunicazione a tutti gli associati, evidenziando gli effetti conseguenti. Le polizze di assicurazione, conformi ai dettati delle Fonti Istitutive, sono a disposizione presso la sede di F.P.G.G.. Con riferimento alla tabella Rendimenti lordi conseguiti dalle gestioni assicurative, dove sono riportati i risultati conseguiti negli ultimi anni, si fa presente che gli stessi, essendo variabili, non sono necessariamente indicativi di quelli futuri. LE PRESTAZIONI PENSIONISTICHE Le prestazioni pensionistiche possono essere erogate da quando si maturano i requisiti di pensionamento del regime obbligatorio previsti dalla normativa vigente, a condizione che l Associato abbia partecipato a forme pensionistiche complementari per almeno cinque anni. Maturare i requisiti per il pensionamento ed essere collocati in quiescenza non comporta l obbligo di percepire subito la prestazione della Pensione Complementare. L associato può mantenere la sua posizione presso il Fondo, godendo dei rendimenti, con facoltà di effettuare ulteriori versamenti di contributi personali, fino a quando lo desideri. In casi particolari è consentito anticipare l accesso alle prestazioni pensionistiche rispetto alla maturazione dei requisiti nel regime obbligatorio d appartenenza. I requisiti di accesso alle prestazioni sono indicati nello Statuto - Parte III Contribuzione e prestazioni. La pensione complementare Dal momento del pensionamento e per tutta la durata della vita verrà erogata una pensione complementare ( rendita ), determinata in base al capitale accumulato ed all età raggiunta, utilizzando dei coefficienti di conversione che tengono conto dell andamento demografico della popolazione italiana secondo età e sesso. L erogazione della pensione F.P.G.G. viene attuata a cura dell Assicuratore che ha in carico la posizione individuale. E possibile scegliere che la pensione sia reversibile in tutto o in parte a persona designata (in tale caso la pensione sarà più bassa, in relazione all età e il sesso del designato). La prestazione in capitale Al momento del pensionamento, si può scegliere di percepire un capitale non superiore alla metà della posizione individuale maturata. Nel caso di soggetti vecchi iscritti, già associati a forme pensionistiche complementari al 29/04/1993, o che abbiano maturato una posizione individuale particolarmente contenuta è possibile percepire l intero ammontare in forma di capitale (nel caso dei vecchi iscritti, trova applicazione sull intera prestazione il regime tributario vigente fino al 2006 con la applicazione di una maggior tassazione). Condizioni e limiti di accesso alla prestazione in capitale sono indicati nello Statuto - Parte III. Cosa succede in caso di decesso In caso di decesso prima del pensionamento, la posizione individuale accumulata in F.P.G.G. sarà liquidata agli eredi legittimi o testamentari (salvo diversa esplicita indicazione in possesso del Fondo); in mancanza di eredi e/o di indicazione, resterà definitivamente acquisita dal Fondo. In caso di morte dopo il pensionamento, qualora sia in corso il pagamento di una rendita reversibile, la pensione sarà attribuita, nella misura a suo tempo prescelta, alla persona designata, se ancora in vita. 4

5 IN QUALI CASI SI PUO DISPORRE DEL CAPITALE PRIMA DEL PENSIONAMENTO Le anticipazioni Possono essere richieste anticipazioni della posizione individuale laddove ricorrano le situazioni previste per Legge (fino al 75% per spese sanitarie straordinarie, acquisto della prima casa di abitazione, ristrutturazione e fino al 30% per ulteriori esigenze). Le anticipazioni riducono la posizione individuale e, conseguentemente, le prestazioni che potranno essere erogate successivamente. E tuttavia possibile reintegrare in qualsiasi momento, con apposito versamento aggiuntivo, le somme già anticipate a titolo di anticipazione, maturando un credito di imposta pari alla ritenuta stessa applicata al momento della fruizione dell anticipazione, Per maggiori informazioni si rimanda allo Statuto Parte III nonché al documento sul regime fiscale. Il riscatto della posizione maturata In presenza di situazioni di particolare rilevanza attinenti alla vita lavorativa, è possibile riscattare in tutto o in parte, la posizione maturata, indipendentemente dagli anni che ancora mancano al raggiungimento della pensione. Le condizioni per poter riscattare la posizione individuale sono indicate nella Parte III dello Statuto. In caso di riscatto totale della posizione verrà meno ogni rapporto con F.P.G.G. E inoltre prevista la possibilità di riscattare parzialmente la posizione individuale per la perdita dei requisiti di partecipazione, anche su istanza di Società che vantino dei diritti nei riguardi degli iscritti; all uopo si rinvia all art.12 co.2 lettera d dello Statuto. Alcune forme di riscatto sono sottoposte ad un trattamento fiscale di minor favore rispetto a quello proprio delle prestazioni pensionistiche complementari. Il trasferimento ad altra forma pensionistica complementare In caso di adesione a diversa forma di previdenza complementare, è possibile trasferire la posizione individuale maturata in F.P.G.G., a condizione che siano trascorsi almeno due anni dall adesione a F.P.G.G.; prima di questo termine, il trasferimento è possibile soltanto in caso di vicende che interessino la propria situazione lavorativa. Il trasferimento, che non comporta tassazione, consente di proseguire il piano previdenziale presso altra forma pensionistica complementare senza soluzione di continuità. Le condizioni del trasferimento sono indicate nella Parte III dello Statuto. I costi connessi alla partecipazione I costi Tutte le spese amministrative sostenute per il funzionamento del Fondo, per gli Associati Ordinari sono sostenute dalle Società Aderenti mediante un contributo aggiuntivo come previsto dalle Fonti Istitutive. Per gli Associati Onorari e Cessati i versamenti volontari aggiuntivi al Fondo sono assoggettati ad una spesa fissa di 30. Ogni anno le spese sono fissate nel bilancio preventivo. In base a tale previsione e in relazione al numero degli associati, viene determinato l ammontare di un contributo individuale aggiuntivo a carico Azienda, come definito nelle Fonti Istitutive. Il regime fiscale La contribuzione I contributi a carico azienda e personali, cumulativamente, non costituiscono reddito fino al valore annuo di 5.164,57 euro (salvo casi particolari). In questo limite non rientrano in contributi da conferimento TFR, che non vengono assoggettati, a prescindere dal loro ammontare. In caso di inizio di attività lavorativa successivamente al 1 gennaio 2007 e limitatamente ai primi cinque anni di partecipazione alla forma pensionistica, il limite di deducibilità di 5.164,57 euro può essere aumentato a decorrere dal sesto anno di partecipazione nel caso in cui i contributi versati nei primi cinque anni di partecipazione risultino inferiori al suddetto limite su base annua. 5

6 Le prestazioni (sintesi) Le prestazioni, per la quota parte relativa ai contributi, sono soggette a tassazione separata per il capitale e ordinaria per il trattamento di pensione. Relativamente alle contribuzioni maturate dopo il 2006 la tassazione è unificata e particolarmente agevolata (al massimo il 15% su capitale o pensione, 23% su gran parte delle anticipazioni). Sono esenti da imposta le prestazioni derivanti da contributi eccedenti il limite di esenzione dal reddito. I trasferimenti ad altra forma pensionistica complementare non sono soggetti a tassazione (l imposta sarà applicata solo al momento della prestazione, a cura del Fondo ricevente). I rendimenti I risultati derivanti dall investimento dei contributi sono tassati annualmente con una aliquota determinata tra il 12,50% e il 20%, in funzione della tipologia degli investimenti che hanno prodotto il rendimento. Per maggiori dettagli si rinvia allo specifico Documento sul regime fiscale. Altre informazioni Adesione L adesione può avvenire in forma tacita (per la sola parte relativa al conferimento del TFR) o esplicita, secondo le modalità di legge e utilizzando gli strumenti informatizzati a disposizione. Il conferimento del TFR (tacito o esplicito) non attiva automaticamente la contribuzione aziendale e/c del dipendente, per le quali è necessaria specifica adesione. Per maggiori informazioni si rinvia allo Statuto Parte V Rapporti con gli associati. Reclami e modalità di risoluzione delle controversie Le modalità di risoluzione delle controversie sono inoltre indicate nella Parte V dello Statuto - Rapporti con gli associati. L Associato o un terzo, per qualsiasi motivo legato alla gestione del Fondo, può ritenere di dover mettere per iscritto dubbi, lamentele o osservazioni. A tal fine è possibile presentare un formale reclamo, che sarà gestito dal Fondo secondo le modalità fissate dall organismo di controllo dell operato dei fondi pensione (Covip). Si rinvia all apposito documento Gestione dei Reclami. Gli organi di F.P.G.G. Il Fondo è organizzato con i seguenti organi: Assemblea dei Delegati, Consiglio di Amministrazione (con Presidente e Vice Presidente), Collegio dei Sindaci, Responsabile del Fondo. I Delegati sono eletti dagli associati. Il Consiglio di Amministrazione è composto da dodici membri, di cui sei eletti dai Delegati, e sei designati dalle Società del Gruppo. Il Consiglio di Amministrazione nomina un Presidente e Vicepresidente, alternatamente tra canditure di espressione dei membri di nomina Aziendale e degli Associati. Il Consiglio di Amministrazione nomina il Responsabile del Fondo. Il Collegio dei Sindaci: è composto da quattro membri, di cui due eletti dai Delegati e due designati dalle Società del Gruppo Generali. La gestione amministrativa F.P.G.G. si avvale di soggetti terzi, con appositi contratti di servizio, per il suo funzionamento. Le attività organizzative, segretariali e i rapporti con gli Associati sono affidati a GBS S.C.p.A., con sede legale in Trieste, via Machiavelli 4, con uffici a Mogliano Veneto (TV), via Marocchesa 14. Le attività di amministrative, contabili e fiscali sono affidate a Previnet S.p.A., con sede a Preganziol (TV), via Forlanini 24. I gestori delle risorse di F.P.G.G. La gestione delle risorse è affidata ai seguenti soggetti sulla base di apposite convenzioni di assicurazione definite dalle Fonti Istitutive (Contratti Nazionali o Aziendali di Lavoro e/o Accordi/Regolamenti): per gli associati dipendenti di tutte le società del Gruppo eccetto Alleanza Assicurazioni: Generali Italia SpA, con sede in via Marocchesa 14, Mogliano Veneto TV e GenertelLife SpA, con sede in via Ferretto 1, Mogliano Veneto (TV). per gli associati dipendenti di Alleanza Assicurazioni: Alleanza Assicurazioni S.p.A. con sede in Piazza Fidia 1, Milano. Inoltre, per contribuzione precedenti e definite da specifici Accordi di confluenza : GenertelLife SpA, con sede in via Ferretto 1, Mogliano Veneto (TV). 6

7 INFORMAZIONI SULL ANDAMENTO DELLE GESTIONI al Documentazione fornita dai Gestori Assicurativi: GENERALI ITALIA S.p.A. ALLEANZA ASSICURAZIONI S.p.A. GENERTELLIFE S.p.A. 7

8 GENERALI ITALIA S.P.A: GESAV Il Fondo investe i contributi raccolti nella gestione separata GESAV, tramite apposita Convenzione stipulata con Generali Italia S.p.A. Il Fondo GESAV investe una quota consistente delle risorse in titoli di Stato e obbligazioni, privilegiando emissioni ad elevato standard creditizio quotate in euro. La sua gestione è condotta sulla base di linee guida che mirano a minimizzare il rischio derivante dal disallineamento tra gli impegni assunti dalla Compagnia nei confronti degli Assicurati e le caratteristiche degli attivi, considerando al contempo le volatilità e gli andamenti dei mercati finanziari. Inoltre l allocazione degli investimenti è effettuata in massima parte in strumenti obbligazionari selezionati in modo da ridurre al minimo il rischio di credito presente in portafoglio. Date le caratteristiche del portafoglio gestito, la selezione dei titoli azionari privilegia emittenti in grado di remunerare l'investitore con alti livelli di dividendi distribuiti. Generali Italia S.p.A., ai fini della rivalutazione delle prestazioni, retrocede quanto contrattualmente previsto del rendimento ottenuto nella gestione del Fondo GESAV. Sono in ogni caso salvaguardate le eventuali misure di rivalutazione annua minima, in aggiunta al tasso tecnico, previste dalle tariffe assicurative applicate nel corso dei rinnovi della Convenzione. Il criterio di determinazione del rendimento della Gestione GESAV è basato sulla valutazione delle attività al costo storico (prezzo medio d acquisto) ed è dato dal rapporto tra i redditi netti realizzati al lordo delle ritenute fiscali, costituiti da cedole, ratei, interessi, redditi da realizzo di investimenti, dividendi, ecc, realizzati nei 12 mesi precedenti e la consistenza media degli investimenti dello stesso periodo. Tale criterio ha il pregio di stabilizzare nel tempo i rendimenti della gestione, attenuando fortemente gli effetti dovuti alle oscillazioni proprie dei mercati finanziari. Durante il 2013, a livello di portafoglio complessivo e ai valori di mercato, l allocazione azionaria è diminuita marginalmente da 5.55% a 5.28%, l allocazione obbligazionaria è aumentata da 81.8% a 85.3% a vantaggio soprattutto di emittenti societari e la quota in fondi è passata da 8.17% a 8.41%. La duration di portafoglio, quindi il rischio finanziario della componente obbligazionaria, è passata da 9.62 a 9.5 anni. La tabella sottostante riporta la misura lorda dei rendimenti della Gestione GESAV dell ultimo anno e le medie relative agli ultimi 3, 5 e 10 anni in confronto con la rivalutazione del TFR. Il rendimento della gestione ottenuto nel 2014 (3.88%), conferma le buone performance e la stabilità di risultato realizzati nel corso degli scorsi anni. I rendimenti della Gestione indicati sono al lordo della misura di rendimento trattenuta dalla Compagnia; il confronto con il TFR viene effettuato al lordo degli oneri fiscali. Rendimenti medi annui Gestione separata GESAV anni ( ) 5 anni ( ) 10 anni ( ) GESAV 3.88% 4.07% 4.13% 4.50% TFR AVVERTENZA: Si ricorda che i rendimenti passati non sono necessariamente indicativi di quelli futuri. 8

9 GENERALI ITALIA S.P.A.: NUOVA MONETA FORTE INA Assitalia S.p.A. ha costituito nel luglio 1997 la gestione patrimoniale denominata NUOVA MONETA FORTE separata dalle altre attività della Società. La gestione si svolge in conformità alle norme emanate dall ISVAP. Il rendiconto annuale della gestione NUOVA MONETA FORTE è sottoposto a verifica da parte di una Società di revisione iscritta all albo di cui all art. 161 del d.lgs n.58 del Le politica di gestione adottata mira alla conservazione del capitale investito e alla massimizzazione del rendimento del medio lungo termine, in relazione alla garanzia di un rendimento minimo offerta. Tali obiettivi impongono la scelta di strumenti finanziari che non presentino un elevata volatilità dei prezzi e siano in grado di garantire un rendimento annuo adeguato alle condizioni correnti di mercato per ottimizzare il profilo di rischio-rendimento del portafoglio. Le scelte gestionali sono quindi principalmente rivolte all investimento in obbligazioni governative o comunque con rating investment grade, effettuando la selezione in base all analisi delle principali variabili macroeconomiche ed alle previsioni sull evoluzione dei tassi di interesse, posizionandosi opportunamente sulla curva dei tassi e sfruttando i differenziali di rendimenti offerti dai titoli corporate. E prevista inoltre la possibilità di investire in misura contenuta in titoli azionari basandosi sia sull analisi di dati macroeconomici sia sullo studio dei fondamentali delle singole società, quali dati reddituali, i piani di sviluppo e le quote di mercato. Per ciò che riguarda la qualità degli emittenti, si fa presente che la quasi totalità del patrimonio investito in titoli obbligazionari ha un rating compreso tra A e BBB, corrispondente quest ultimo al rischio Italia. La percentuale sul totale portafoglio dei titoli a reddito fisso è pari all 78% di cui poco più di un terzo in Titoli di Stato Italiani. I titoli azionari sono invece diversificati per Paesi privilegiando quelli appartenenti all area EURO. La performance Storicamente gli investimenti effettuati hanno permesso di ottenere un buon rendimento annuo lordo, rendendo la gestione meno volatile e più stabile nel tempo rispetto all andamento dei mercati degli ultimi anni. 9

10 GENERALI ITALIA S.P.A.: EURO FORTE La gestione del portafoglio EUROFORTE, nel corso del 2014, relativamente al periodo 1/1/ /10/2014 è stata caratterizzata da un incremento della componente corporate bonds detenuti direttamente (+ 1%) e da un marginale incremento della quota azionaria (+0.2%) con corrispondente decremento della quota investita in OICR (-0.8%) e in titoli di Stato (-0.3%). I titoli azionari rappresentano ai valori di carico l 8.6% del portafoglio e sono diversificati per Paesi privilegiando quelli appartenenti all area EURO. La duration media del portafoglio a fine periodo si attesta in un intorno di 7 anni. La performance L asset allocation, associata alla durata finanziaria media, caratterizza la gestione EURO FORTE come strumento di protezione contro la volatilità dei mercati finanziari. Il rendimento ottenuto nel 2014 confrontato con la rivalutazione applicata per legge al TFR, conferma la gestione EURO FORTE adatta a conseguire le finalità perseguite dalla previdenza complementare. 10

11 GENERALI ITALIA S.P.A : RISPAV Il Fondo investe i contributi raccolti nella gestione separata RISPAV, tramite apposita Convenzione stipulata con Generali Italia S.p.A. Il Fondo RISPAV investe una quota consistente delle risorse in titoli di Stato e obbligazioni, privilegiando emissioni ad elevato standard creditizio quotate in euro. La sua gestione è condotta sulla base di linee guida che mirano a minimizzare il rischio derivante dal disallineamento tra gli impegni assunti dalla Compagnia nei confronti degli Assicurati e le caratteristiche degli attivi, considerando al contempo le volatilità e gli andamenti dei mercati finanziari. Inoltre l allocazione degli investimenti è effettuata in massima parte in strumenti obbligazionari selezionati in modo da ridurre al minimo il rischio di credito presente in portafoglio. Date le caratteristiche del portafoglio gestito, la selezione dei titoli azionari privilegia emittenti in grado di remunerare l'investitore con alti livelli di dividendi distribuiti. Generali Italia S.p.A., ai fini della rivalutazione delle prestazioni, retrocede quanto contrattualmente previsto del rendimento ottenuto nella gestione del Fondo RISPAV. Sono in ogni caso salvaguardate le eventuali misure di rivalutazione annua minima, in aggiunta al tasso tecnico, previste dalle tariffe assicurative applicate nel corso dei rinnovi della Convenzione. Il criterio di determinazione del rendimento della Gestione RISPAV è basato sulla valutazione delle attività al costo storico (prezzo medio d acquisto) ed è dato dal rapporto tra i redditi netti realizzati al lordo delle ritenute fiscali, costituiti da cedole, ratei, interessi, redditi da realizzo di investimenti, dividendi, ecc, realizzati nei 12 mesi precedenti e la consistenza media degli investimenti dello stesso periodo. Tale criterio ha il pregio di stabilizzare nel tempo i rendimenti della gestione, attenuando fortemente gli effetti dovuti alle oscillazioni proprie dei mercati finanziari. Durante il 2014, a livello di portafoglio complessivo e ai valori di mercato, l allocazione azionaria è diminuita marginalmente da 3.81% a 3.70%, l allocazione obbligazionaria è parimenti diminuita marginalmente da 86.54% a 86.10% a vantaggio soprattutto di emittenti governativi mentre la quota in fondi è passata da 8.52% a 8.33%. La duration di portafoglio, quindi il rischio finanziario della componente obbligazionaria, è passata da 6.90 a 7.17 anni. La tabella sottostante riporta la misura lorda dei rendimenti della Gestione RISPAV dell ultimo anno e le medie relative agli ultimi 3, 5 e 10 anni in confronto con la rivalutazione del TFR. Il rendimento della gestione ottenuto nel 2014 (4.23%), conferma le buone performance e la stabilità di risultato realizzati nel corso degli scorsi anni. I rendimenti della Gestione indicati sono al lordo della misura di rendimento trattenuta dalla Compagnia; il confronto con il TFR viene effettuato al lordo degli oneri fiscali. Rendimenti medi annui Gestione separata RISPAV anni ( ) 5 anni ( ) 10 anni ( ) RISPAV 4.23% 4.28% 4.33% 4.48% TFR AVVERTENZA: Si ricorda che i rendimenti passati non sono necessariamente indicativi di quelli futuri. 11

12 GENERALI ITALIA S.P.A : AURIS Il Fondo investe i contributi raccolti nella gestione separata AURIS, tramite apposita Convenzione stipulata con Generali Italia S.p.A. Il Fondo AURIS investe una quota consistente delle risorse in titoli di Stato e obbligazioni, privilegiando emissioni ad elevato standard creditizio quotate in euro. La sua gestione è condotta sulla base di linee guida che mirano a minimizzare il rischio derivante dal disallineamento tra gli impegni assunti dalla Compagnia nei confronti degli Assicurati e le caratteristiche degli attivi, considerando al contempo le volatilità e gli andamenti dei mercati finanziari. Inoltre l allocazione degli investimenti è effettuata in massima parte in strumenti obbligazionari selezionati in modo da ridurre al minimo il rischio di credito presente in portafoglio. Date le caratteristiche del portafoglio gestito, la selezione dei titoli azionari privilegia emittenti in grado di remunerare l'investitore con alti livelli di dividendi distribuiti. Generali Italia S.p.A., ai fini della rivalutazione delle prestazioni, retrocede quanto contrattualmente previsto del rendimento ottenuto nella gestione del Fondo AURIS. Sono in ogni caso salvaguardate le eventuali misure di rivalutazione annua minima, in aggiunta al tasso tecnico, previste dalle tariffe assicurative applicate nel corso dei rinnovi della Convenzione. Il criterio di determinazione del rendimento della Gestione AURIS è basato sulla valutazione delle attività al costo storico (prezzo medio d acquisto) ed è dato dal rapporto tra i redditi netti realizzati al lordo delle ritenute fiscali, costituiti da cedole, ratei, interessi, redditi da realizzo di investimenti, dividendi, ecc, realizzati nei 12 mesi precedenti e la consistenza media degli investimenti dello stesso periodo. Tale criterio ha il pregio di stabilizzare nel tempo i rendimenti della gestione, attenuando fortemente gli effetti dovuti alle oscillazioni proprie dei mercati finanziari. Durante il 2014, a livello di portafoglio complessivo e ai valori di mercato, l allocazione azionaria è diminuita da 2.88% a 2.50%, mentre l allocazione obbligazionaria è stata mantenuta stabile a 87.25%. Nell ambito di quest ultima, le emissioni societarie sono aumentate da 20.42% a 23.62%. Infine, la quota in fondi è passata da 7.59% a 8.32%. La duration di portafoglio, quindi il rischio finanziario della componente obbligazionaria, è stata mantenuta stabile, intorno a 6.7 anni. La tabella sottostante riporta la misura lorda dei rendimenti della Gestione AURIS dell ultimo anno e le medie relative agli ultimi 3, 5 e 10 anni in confronto con la rivalutazione del TFR. Il rendimento della gestione ottenuto nel 2014 (4.19%), conferma le buone performance e la stabilità di risultato realizzati nel corso degli scorsi anni. I rendimenti della Gestione indicati sono al lordo della misura di rendimento trattenuta dalla Compagnia; il confronto con il TFR viene effettuato al lordo degli oneri fiscali. Rendimenti medi annui Gestione separata AURIS anni ( ) 5 anni ( ) 10 anni ( ) AURIS 4.19% 4.25% 4.29% 4.41% TFR AVVERTENZA: Si ricorda che i rendimenti passati non sono necessariamente indicativi di quelli futuri. 12

13 ALLEANZA ASSICURAZIONI S.P.A.: SAN GIORGIO Il Fondo investe i contributi raccolti nella gestione separata EURO SAN GIORGIO, tramite apposita Convenzione stipulata con Alleanza Assicurazioni S.p.A. Il Fondo EURO SAN GIORGIO investe una quota consistente delle risorse in titoli di Stato e obbligazioni, privilegiando emissioni ad elevato standard creditizio quotate in euro. La sua gestione è condotta sulla base di linee guida che mirano a minimizzare il rischio derivante dal disallineamento tra gli impegni assunti dalla Compagnia nei confronti degli Assicurati e le caratteristiche degli attivi, considerando al contempo le volatilità e gli andamenti dei mercati finanziari. Inoltre l allocazione degli investimenti è effettuata in massima parte in strumenti obbligazionari selezionati in modo da ridurre al minimo il rischio di credito presente in portafoglio. Date le caratteristiche del portafoglio gestito, la selezione dei titoli azionari privilegia emittenti in grado di remunerare l'investitore con alti livelli di dividendi distribuiti. Alleanza Assicurazioni S.p.A., ai fini della rivalutazione delle prestazioni, retrocede quanto contrattualmente previsto del rendimento ottenuto nella gestione del Fondo EURO SAN GIORGIO. Sono in ogni caso salvaguardate le eventuali misure di rivalutazione annua minima, in aggiunta al tasso tecnico, previste dalle tariffe assicurative applicate nel corso dei rinnovi della Convenzione. Il criterio di determinazione del rendimento della Gestione EURO SAN GIORGIO è basato sulla valutazione delle attività al costo storico (prezzo medio d acquisto) ed è dato dal rapporto tra i redditi netti realizzati al lordo delle ritenute fiscali, costituiti da cedole, ratei, interessi, redditi da realizzo di investimenti, dividendi, ecc, realizzati nei 12 mesi precedenti e la consistenza media degli investimenti dello stesso periodo. Tale criterio ha il pregio di stabilizzare nel tempo i rendimenti della gestione, attenuando fortemente gli effetti dovuti alle oscillazioni proprie dei mercati finanziari. Durante il 2014, a livello di portafoglio complessivo e ai valori di mercato, l allocazione azionaria è stata ridotta da 3.11% a 2.34% mentre quella obbligazionaria è stata aumentata da 78.37% a 80.36% a vantaggio soprattutto di emittenti societari (da 12.71% a 16.40%). La quota in fondi è rimasta infine stabile poco al di sotto del 17%. La duration di portafoglio, quindi il rischio finanziario della componente obbligazionaria, è passata da 8.48 a 8.54 anni. La tabella sottostante riporta la misura lorda dei rendimenti della Gestione EURO SAN GIORGIO dell ultimo anno e le medie relative agli ultimi 3, 5 e 10 anni in confronto con la rivalutazione del TFR. Il rendimento della gestione ottenuto nel 2014 (4.01%), conferma le buone performance e la stabilità di risultato realizzati nel corso degli scorsi anni. I rendimenti della Gestione indicati sono al lordo della misura di rendimento trattenuta dalla Compagnia; il confronto con il TFR viene effettuato al lordo degli oneri fiscali. Rendimenti medi annui Gestione separata EURO SAN GIORGIO anni ( anni ( anni ( ) EURO SAN GIORGIO 4.01% 4.15% 4.23% 4.61% TFR AVVERTENZA: Si ricorda che i rendimenti passati non sono necessariamente indicativi di quelli futuri. 13

14 GENERTELLIFE: RIALTO Il Fondo investe i contributi raccolti nella gestione separata RIALTO, tramite apposita Convenzione stipulata con Genertellife S.p.A. Il Fondo RIALTO investe una quota consistente delle risorse in titoli di Stato e obbligazioni, privilegiando emissioni ad elevato standard creditizio quotate in euro. La sua gestione è condotta sulla base di linee guida che mirano a minimizzare il rischio derivante dal disallineamento tra gli impegni assunti dalla Compagnia nei confronti degli Assicurati e le caratteristiche degli attivi, considerando al contempo le volatilità e gli andamenti dei mercati finanziari. Inoltre l allocazione degli investimenti è effettuata in massima parte in strumenti obbligazionari selezionati in modo da ridurre al minimo il rischio di credito presente in portafoglio. Date le caratteristiche del portafoglio gestito, la selezione dei titoli azionari privilegia emittenti in grado di remunerare l'investitore con alti livelli di dividendi distribuiti. Genertellife S.p.A., ai fini della rivalutazione delle prestazioni, retrocede quanto contrattualmente previsto del rendimento ottenuto nella gestione del Fondo RIALTO. Sono in ogni caso salvaguardate le eventuali misure di rivalutazione annua minima, in aggiunta al tasso tecnico, previste dalle tariffe assicurative applicate nel corso dei rinnovi della Convenzione. Il criterio di determinazione del rendimento della Gestione RIALTO è basato sulla valutazione delle attività al costo storico (prezzo medio d acquisto) ed è dato dal rapporto tra i redditi netti realizzati al lordo delle ritenute fiscali, costituiti da cedole, ratei, interessi, redditi da realizzo di investimenti, dividendi, ecc, realizzati nei 12 mesi precedenti e la consistenza media degli investimenti dello stesso periodo. Tale criterio ha il pregio di stabilizzare nel tempo i rendimenti della gestione, attenuando fortemente gli effetti dovuti alle oscillazioni proprie dei mercati finanziari. Durante il 2014, a livello di portafoglio complessivo e ai valori di mercato, l allocazione azionaria è diminuita da 6.49% a 5.16%, mentre l allocazione obbligazionaria è variata da 77.40% a 78.33%. Nell ambito di quest ultima, le emissioni societarie sono aumentate da 16.06% a 21.93%. Infine, la quota in fondi è passata da 5.87% a 13.55%. La duration di portafoglio, quindi il rischio finanziario della componente obbligazionaria, è passata da 7.48 a 7.33 anni. La tabella sottostante riporta la misura lorda dei rendimenti della Gestione RIALTO dell ultimo anno e le medie relative agli ultimi 3, 5 e 10 anni in confronto con la rivalutazione del TFR. Il rendimento della gestione ottenuto nel 2014 (4.41%), conferma le\ buone performance e la stabilità di risultato realizzati nel corso degli scorsi anni. I rendimenti della Gestione indicati sono al lordo della misura di rendimento trattenuta dalla Compagnia; il confronto con il TFR viene effettuato al lordo degli oneri fiscali. Rendimenti medi annui Gestione separata RIALTO anni ( ) 5 anni ( ) 10 anni ( ) RIALTO 4.41% 4.29% 4.27% 4.41% TFR AVVERTENZA: Si ricorda che i rendimenti passati non sono necessariamente indicativi di quelli futuri. 14

15 GENERTELLIFE: INVESTIMENTO ATTIVO Il Fondo investe i contributi raccolti nella gestione separata INVESTIMENTO ATTIVO, tramite apposita Convenzione stipulata con Genertellife S.p.A. Il Fondo INVESTIMENTO ATTIVO investe una quota consistente delle risorse in titoli di Stato e obbligazioni, privilegiando emissioni ad elevato standard creditizio quotate in euro. La sua gestione è condotta sulla base di linee guida che mirano a minimizzare il rischio derivante dal disallineamento tra gli impegni assunti dalla Compagnia nei confronti degli Assicurati e le caratteristiche degli attivi, considerando al contempo le volatilità e gli andamenti dei mercati finanziari. Inoltre l allocazione degli investimenti è effettuata in massima parte in strumenti obbligazionari selezionati in modo da ridurre al minimo il rischio di credito presente in portafoglio. Date le caratteristiche del portafoglio gestito, la selezione dei titoli azionari privilegia emittenti in grado di remunerare l'investitore con alti livelli di dividendi distribuiti. Genertellife S.p.A., ai fini della rivalutazione delle prestazioni, retrocede quanto contrattualmente previsto del rendimento ottenuto nella gestione del Fondo INVESTIMENTO ATTIVO. Sono in ogni caso salvaguardate le eventuali misure di rivalutazione annua minima, in aggiunta al tasso tecnico, previste dalle tariffe assicurative applicate nel corso dei rinnovi della Convenzione. Il criterio di determinazione del rendimento della Gestione INVESTIMENTO ATTIVO è basato sulla valutazione delle attività al costo storico (prezzo medio d acquisto) ed è dato dal rapporto tra i redditi netti realizzati al lordo delle ritenute fiscali, costituiti da cedole, ratei, interessi, redditi da realizzo di investimenti, dividendi, ecc, realizzati nei 12 mesi precedenti e la consistenza media degli investimenti dello stesso periodo. Tale criterio ha il pregio di stabilizzare nel tempo i rendimenti della gestione, attenuando fortemente gli effetti dovuti alle oscillazioni proprie dei mercati finanziari. Durante il 2014, a livello di portafoglio complessivo e ai valori di mercato, l allocazione azionaria è aumentata da 0.19% a 0.75%, mentre l allocazione obbligazionaria è variata da 90.07% a 90.16%. Nell ambito di quest ultima, le emissioni societarie sono aumentate da 21.58% a 28.85%. Infine, la quota in fondi è passata da 7.65% a 6.18%. La duration di portafoglio, quindi il rischio finanziario della componente obbligazionaria, è passata da 7.20 a 7.13 anni. La tabella sottostante riporta la misura lorda dei rendimenti della Gestione INVESTIMENTO ATTIVO dell ultimo anno e le medie relative agli ultimi 3, 5 e 10 anni in confronto con la rivalutazione del TFR. Il rendimento della gestione ottenuto nel 2014 (4.47%), conferma le buone performance e la stabilità di risultato realizzati nel corso degli scorsi anni. I rendimenti della Gestione indicati sono al lordo della misura di rendimento trattenuta dalla Compagnia; il confronto con il TFR viene effettuato al lordo degli oneri fiscali. Rendimenti medi annui INVESTIMENTO ATTIVO anni ( ) 5 anni ( ) 10 anni ( ) INV.ATTIVO 4.47% 4.30% 4.34% 4.47% TFR AVVERTENZA: Si ricorda che i rendimenti passati non sono necessariamente indicativi di quelli futuri. 15

16 SINTESI DELLE CONDIZIONI SPECIFICHE PER GLI ASSOCIATI CESSATI Per gli associati cessati, in relazione alla non applicabilità delle Fonti Istitutive (Contratti Collettivi Nazionali di Lavoro e/o Contratti e Regolamenti Aziendali), sono definite da Statuto ed applicate le specifiche condizioni in sostituzione, di seguito sintetizzate: convenzione per una assicurazione con Generali Italia SpA (convenzione N di durata quinquennale rinnovabile), con tariffa 13 Coll, mista rivalutabile a premi unici successivi. La posizione è investita nella gestione separata GESAV; per ciascun eventuale versamento di contributo a carico dell associato, ammesso soltanto una volta per ciascun anno solare, viene trattenuta una cifra fissa pari a euro 30 per spese a favore del Fondo, Inoltre l assicuratore applica un caricamento (trattenuta per spese) pari allo 0,10 % del contributo destinato alla prestazione; il capitale viene rivalutato al 1 gennaio di ogni anno in base al rendimento del Fondo GESAV, diminuito della quota dell 1% trattenuta dall assicuratore. La rivalutazione applicata non potrà in ogni caso essere negativa; la rivalutazione annua, al netto dell imposta sostitutiva di legge, viene consolidata e la somma rivalutata annualmente diventa il nuovo valore di partenza per la rivalutazione successiva, senza che la prestazione assicurata possa successivamente diminuire per effetto di future minori rivalutazioni; al momento della prestazione (liquidazione, riscatto, anticipo, conversione in rendita) viene trattenuta una commissione per spese pari al 2% della somma erogata o convertita. 16

GenFonDir Fondo Pensione dei Dirigenti delle società del Gruppo Generali

GenFonDir Fondo Pensione dei Dirigenti delle società del Gruppo Generali GenFonDir Fondo Pensione dei Dirigenti delle società del Gruppo Generali NOTA INFORMATIVA (maggio 2015) SCHEDA SINTETICA pag. 1 CARATTERISTICHE DELLA FORMA PENSIONISTICA COMPLEMENTARE pag. 4 SOGGETTI COINVOLTI

Dettagli

I Piani individuali pensionistici di tipo assicurativo

I Piani individuali pensionistici di tipo assicurativo I Piani individuali pensionistici di tipo assicurativo (PIP) I Piani individuali pensionistici di tipo assicurativo (PIP) sono forme pensionistiche complementari esclusivamente individuali rivolte a tutti

Dettagli

FONDO PENSIONE DEI DIPENDENTI AMMINISTRATIVI DELLE AGENZIE GENERALI INA-ASSITALIA (Iscritto all Albo COVIP n. 1362) NOTA INFORMATIVA

FONDO PENSIONE DEI DIPENDENTI AMMINISTRATIVI DELLE AGENZIE GENERALI INA-ASSITALIA (Iscritto all Albo COVIP n. 1362) NOTA INFORMATIVA FONDO PENSIONE DEI DIPENDENTI AMMINISTRATIVI DELLE AGENZIE GENERALI INA-ASSITALIA (Iscritto all Albo COVIP n. 1362) NOTA INFORMATIVA INDICE 1. SCHEDA SINTETICA 2 A) PRESENTAZIONE DEL FONDO 2 A1. Elementi

Dettagli

Nota informativa per i potenziali aderenti

Nota informativa per i potenziali aderenti Iscritto all Albo tenuto dalla Covip con il n. 1241 Nota informativa per i potenziali aderenti La presente Nota informativa si compone delle seguenti quattro sezioni: Scheda sintetica Caratteristiche della

Dettagli

Il tuo Fondo per la tua pensione complementare

Il tuo Fondo per la tua pensione complementare Il tuo Fondo per la tua pensione complementare PRINCIPALI CARATTERISTICHE Fondo Nazionale Pensione Complementare per i lavoratori dell industria metalmeccanica, dell installazione di impianti e dei settori

Dettagli

I Piani individuali pensionistici di tipo assicurativo (PIP)

I Piani individuali pensionistici di tipo assicurativo (PIP) I Piani individuali pensionistici di tipo assicurativo (PIP) I Piani individuali pensionistici di tipo assicurativo (PIP) sono forme pensionistiche complementari esclusivamente individuali rivolte a tutti

Dettagli

SCHEDA SINTETICA CARATTERISTICHE DELLA FORMA PENSIONISTICA COMPLEMENTARE

SCHEDA SINTETICA CARATTERISTICHE DELLA FORMA PENSIONISTICA COMPLEMENTARE CARATTERISTICHE DELLA FORMA PENSIONISTICA COMPLEMENTARE Informazioni generali Lo scopo La costruzione della pensione complementare Il modello di governance La contribuzione Il TFR La quota a carico dell

Dettagli

La previdenza complementare. I lavoratori interessati. La scelta della destinazione del trattamento di fine rapporto (Tfr o liquidazione)

La previdenza complementare. I lavoratori interessati. La scelta della destinazione del trattamento di fine rapporto (Tfr o liquidazione) La previdenza complementare La previdenza complementare ha lo scopo di pagare pensioni che si aggiungono a quelle del sistema obbligatorio, in modo da assicurare migliori condizioni di vita ai pensionati.

Dettagli

FONDO MARIO NEGRI GUIDA AL TFR. Le risposte alle domande più frequenti

FONDO MARIO NEGRI GUIDA AL TFR. Le risposte alle domande più frequenti FONDO MARIO NEGRI GUIDA AL TFR Le risposte alle domande più frequenti Scelta sulla 1. destinazione del Tfr Linee di investimento 2. dedicate al Tfr 3. Prestazioni Regime fiscale delle 4. prestazioni previdenziali

Dettagli

Esempio basato sullo schema di Scheda sintetica. SCHEDA SINTETICA Informazioni chiave per gli aderenti (in vigore dal ******)

Esempio basato sullo schema di Scheda sintetica. SCHEDA SINTETICA Informazioni chiave per gli aderenti (in vigore dal ******) Esempio basato sullo schema di Scheda sintetica OMEGA FONDO P E N S I O N E N E G O Z I A L E P E R I L A V O R A T O R I D E L S E T T O R E ALFA ( O M E G A ) iscritto all Albo tenuto dalla COVIP con

Dettagli

ZED OMNIFUND fondo pensione aperto

ZED OMNIFUND fondo pensione aperto Zurich Life Insurance Italia S.p.A. ZED OMNIFUND fondo pensione aperto SCHEDA SINTETICA La presente Scheda Sintetica costituisce parte integrante della Nota Informativa. Essa è redatta al fine di facilitare

Dettagli

FONDO PENSIONE COMPLEMENTARE A CAPITALIZZAZIONE PER I LAVORATORI ADDETTI AI SERVIZI DI TRASPORTO PUBBLICO E PER I LAVORATORI DEI SETTORI AFFINI

FONDO PENSIONE COMPLEMENTARE A CAPITALIZZAZIONE PER I LAVORATORI ADDETTI AI SERVIZI DI TRASPORTO PUBBLICO E PER I LAVORATORI DEI SETTORI AFFINI PRIAMO FONDO PENSIONE COMPLEMENTARE A CAPITALIZZAZIONE PER I LAVORATORI ADDETTI AI SERVIZI DI TRASPORTO PUBBLICO E PER I LAVORATORI DEI SETTORI AFFINI Iscritto all Albo tenuto dalla Covip con il n. 139

Dettagli

I Fondi pensione aperti

I Fondi pensione aperti 50 I Fondi pensione aperti sono forme pensionistiche complementari alle quali, come suggerisce il termine aperti, possono iscriversi tutti coloro che, indipendentemente dalla situazione lavorativa (lavoratore

Dettagli

SCHEMA DI SINTESI SULLA NORMATIVA DELLA PREVIDENZA COMPLEMENTARE *

SCHEMA DI SINTESI SULLA NORMATIVA DELLA PREVIDENZA COMPLEMENTARE * SCHEMA DI SINTESI SULLA NORMATIVA DELLA PREVIDENZA COMPLEMENTARE * Chi è interessato dalla Riforma Sono interessati alla riforma della previdenza complementare attuata con il decreto legislativo n. 252/2005

Dettagli

I Fondi pensione negoziali

I Fondi pensione negoziali I Fondi pensione negoziali 45 I Fondi pensione negoziali sono forme pensionistiche complementari la cui origine, come suggerisce il termine negoziali, è di natura contrattuale. Essi sono destinati a specifiche

Dettagli

FONDINPS - Fondo pensione complementare INPS Iscritto n. 500 all Albo Covip

FONDINPS - Fondo pensione complementare INPS Iscritto n. 500 all Albo Covip DOCUMENTO SUL REGIIME FIISCALE Il sistema previdenziale italiano, da oltre un decennio, è stato oggetto di numerose riforme volte, da un lato, a riorganizzare ed armonizzare i trattamenti previdenziali

Dettagli

I Fondi pensione aperti

I Fondi pensione aperti I Fondi pensione aperti I scheda Fondi pensione aperti sono forme pensionistiche complementari alle quali, come suggerisce il termine aperti, possono iscriversi tutti coloro che, indipendentemente dalla

Dettagli

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE. Documento aggiornato il 28 maggio 2015

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE. Documento aggiornato il 28 maggio 2015 DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE Documento aggiornato il 28 maggio 2015 DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE Decreto Legislativo 5 dicembre 2005, n. 252 Documento aggiornato 28 maggio 2015 Via Savoia, 82-00198 Roma,

Dettagli

Documento sulla politica di investimento. Redatto ai sensi della Deliberazione COVIP del 16 marzo 2012

Documento sulla politica di investimento. Redatto ai sensi della Deliberazione COVIP del 16 marzo 2012 Documento sulla politica di investimento Redatto ai sensi della Deliberazione COVIP del 16 marzo 2012 Approvato dal Consiglio di Amministrazione in data 28 Marzo 2013 Sommario 1 PREMESSA...3 2 OBIETTIVI

Dettagli

CASSA DI PREVIDENZA INTEGRATIVA PER I DIPENDENTI DELLE AZIENDE CONVENZIONATE

CASSA DI PREVIDENZA INTEGRATIVA PER I DIPENDENTI DELLE AZIENDE CONVENZIONATE CASSA DI PREVIDENZA INTEGRATIVA PER I DIPENDENTI DELLE AZIENDE CONVENZIONATE Chiarimenti sulla disciplina fiscale del d. lgs. n. 252/2005 (c.d. Testo Unico della previdenza complementare) Circolare dell

Dettagli

Il tuo Fondo per la tua pensione complementare

Il tuo Fondo per la tua pensione complementare Il tuo Fondo per la tua pensione complementare PRINCIPALI CARATTERISTICHE Fondo Nazionale Pensione Complementare per i lavoratori dell industria metalmeccanica, dell installazione di impianti e dei settori

Dettagli

Glossario Dei Termini Previdenziali: La Previdenza Complementare

Glossario Dei Termini Previdenziali: La Previdenza Complementare Glossario Dei Termini Previdenziali: La Previdenza Complementare www.logicaprevidenziale.it A Albo (delle forme pensionistiche complementari): Elenco ufficiale tenuto dalla COVIP cui le forme pensionistiche

Dettagli

FONDO PENSIONE INTEGRATIVO (FIP)

FONDO PENSIONE INTEGRATIVO (FIP) FONDO PENSIONE INTEGRATIVO (FIP) LO SCOPO Il FIP qui descritto è una forma pensionistica complementare individuale di tipo assicurativo, ché ha lo scopo di consentire all aderente di attivare un piano

Dettagli

Riforma della Previdenza Complementare e nuove regole Fondo COMETA

Riforma della Previdenza Complementare e nuove regole Fondo COMETA Riforma della Previdenza Complementare e nuove regole Fondo COMETA * " &$ #+ ( " ', & $ - "$. /$!& /$!& /$!& /$!& + $$!&$ #,!& '!! " #$ %& $ ' ( )( & &$ )($$&! " )( $ )( gennaio 2007 2 Normativa di riferimento:

Dettagli

FONDO PENSIONE COMPLEMENTARE PER IL PERSONALE DELLA CASSA DI RISPARMIO DI ASTI S.P.A.

FONDO PENSIONE COMPLEMENTARE PER IL PERSONALE DELLA CASSA DI RISPARMIO DI ASTI S.P.A. FONDO PENSIONE COMPLEMENTARE PER IL PERSONALE DELLA CASSA DI RISPARMIO DI ASTI S.P.A. ISCRITTO ALL'ALBO DEI FONDI PENSIONE - I SEZIONE SPECIALE - FONDI PENSIONE PREESISTENTI CON SOGGETTIVITA' GIURIDICA

Dettagli

postaprevidenza valore

postaprevidenza valore postaprevidenza valore Fondo Pensione Piano Individuale Pensionistico di tipo assicurativo (PIP) Documento sul Regime Fiscale postaprevidenza valore Il presente documento annulla e sostituisce integralmente

Dettagli

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE FONDAV Fondo Pensione Complementare Personale Navigante di Cabina Sede Legale: Viale A. Marchetti, 111 00148 Roma Uffici: Piazza Fernando de Lucia, 37 00139 Roma Telefono: 06/88291308 Telefax: 06/8803298

Dettagli

postaprevidenza valore

postaprevidenza valore postaprevidenza valore Fondo Pensione Piano Individuale Pensionistico di tipo assicurativo (PIP) Documento sul Regime Fiscale postaprevidenza valore Per informazioni: 800.316.181 infoclienti@postevita.it

Dettagli

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE (A) Regime fiscale applicabile agli iscritti a partire dal 1 gennaio 2007ed ai contributi versati dal 1 gennaio 2007dai lavoratori già iscritti 1. I Contributi 1.1 Il regime

Dettagli

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE Il sistema previdenziale italiano, da oltre un decennio, è stato oggetto di numerose riforme volte, da un lato, a riorganizzare ed armonizzare i trattamenti previdenziali assicurati

Dettagli

Previcooper, il fondo pensione della distribuzione cooperativa

Previcooper, il fondo pensione della distribuzione cooperativa Fondo Pensione per i lavoratori dipendenti dalle imprese della distribuzione cooperativa Iscritto all Albo dei Fondi Pensione con il numero d ordine 102 Previcooper, il fondo pensione della distribuzione

Dettagli

postaprevidenza valore

postaprevidenza valore postaprevidenza valore Fondo Pensione Piano Individuale Pensionistico di tipo assicurativo (PIP) Documento sul Regime Fiscale postaprevidenza valore Il presente documento annulla e sostituisce integralmente

Dettagli

LA PREVIDENZA COMPLEMENTARE

LA PREVIDENZA COMPLEMENTARE LA PREVIDENZA COMPLEMENTARE INDICE INTRODUZIONE IL TFR LA PREVVIDENZA COMPLEMENTARE IL FINANZIAMENTO DELLE FORME PENSIONISTICHE FORME DI ADESIONE AGEVOLAZIONI FISCALI TASSAZIONE DELLE PRESTAZIONI TRASFERIMENTO

Dettagli

postaprevidenza valore

postaprevidenza valore postaprevidenza valore Fondo Pensione Piano Individuale Pensionistico di tipo assicurativo (PIP) Documento sul Regime Fiscale postaprevidenza valore Per informazioni: 800.316.181 infoclienti@postevita.it

Dettagli

Premessa: perché la previdenza complementare? 2. La destinazione del TFR entro il 30 giugno 2007 2. I fondi pensione 4

Premessa: perché la previdenza complementare? 2. La destinazione del TFR entro il 30 giugno 2007 2. I fondi pensione 4 GUIDA ALLA PREVIDENZA COMPLEMENTARE Premessa: perché la previdenza complementare? 2 La destinazione del TFR entro il 30 giugno 2007 2 I fondi pensione 4 Il funzionamento dei fondi pensione 5 Come si finanziano

Dettagli

DOCUMENTO SULLE RENDITE FONDO PENSIONE FONDENERGIA

DOCUMENTO SULLE RENDITE FONDO PENSIONE FONDENERGIA DOCUMENTO SULLE RENDITE FONDO PENSIONE FONDENERGIA Redatto in conformità allo schema di Nota Informativa deliberato dalla Covip in data 31.10.06 Allegato Nota Informativa depositata presso la Covip in

Dettagli

aggiornato al 31 luglio 2014

aggiornato al 31 luglio 2014 aggiornato al 31 luglio 2014 Regime fiscale applicabile ai lavoratori iscritti a una forma pensionistica complementare dopo il 31 dicembre 2006 e ai contributi versati, a partire dal 1 gennaio 2007, dai

Dettagli

LA PREVIDENZA COMPLEMENTARE: UTILIZZO E FINALITA

LA PREVIDENZA COMPLEMENTARE: UTILIZZO E FINALITA LA PREVIDENZA COMPLEMENTARE: UTILIZZO E FINALITA Il decreto legislativo n. 252 del 5 dicembre 2005 ha rinviato al 1 gennaio 2007 esclusivamente l obbligo della destinazione del TFR maturando alla previdenza

Dettagli

SCHEDA SINTETICA (dati aggiornati al 30/04/2014)

SCHEDA SINTETICA (dati aggiornati al 30/04/2014) FONDO PENSIONE COMPLEMENTARE DEI GIORNALISTI ITALIANI FONDO PENSIONE COMPLEMENTARE A CAPITALIZZAZIONE PER I LAVORATORI DEL SETTORE DEI GIORNALISTI PROFESSIONISTI,PUBBLICISTI E PRATICANTI SCHEDA SINTETICA

Dettagli

riamo News Rendimenti dei compari di Priamo nel primo semestre del 2014 5,57% 2,00% 0,85% BILANCIO PRUDENTE

riamo News Rendimenti dei compari di Priamo nel primo semestre del 2014 5,57% 2,00% 0,85% BILANCIO PRUDENTE Mi è convenuto aderire a Priamo? Guardando ai rendimenti che Priamo ha ottenuto negli ultimi anni, la risposta è sicuramente sì. I risultati dei rendimenti conseguiti nel 2013 dai gestori finanziari selezionati

Dettagli

Previgest Fund Mediolanum

Previgest Fund Mediolanum Fondo Pensione aperto Previgest Fund Mediolanum Regolamento Società di Gestione Collocatore Unico Retro di copertina 2 INDICE PARTE I IDENTIFICAZIONE E SCOPO DEL FONDO...................................

Dettagli

FONDO PENSIONE APERTO SOLUZIONE PREVIDENTE DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE

FONDO PENSIONE APERTO SOLUZIONE PREVIDENTE DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE FONDO PENSIONE APERTO SOLUZIONE PREVIDENTE DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE Il Fondo Pensione Aperto Soluzione Previdente è iscritto all Albo tenuto dalla Covip con il n. 155. Helvetia Vita S.p.A. Compagnia

Dettagli

Fondo Nazionale Pensione Complementare per i Lavoratori delle Piccole e Medie Imprese. 23 domande 23 risposte

Fondo Nazionale Pensione Complementare per i Lavoratori delle Piccole e Medie Imprese. 23 domande 23 risposte Fondo Nazionale Pensione Complementare per i Lavoratori delle Piccole e Medie Imprese 23 domande 23 risposte Oggi un progetto per il futuro Avvertenza: Il presente opuscolo ha carattere divulgativo e non

Dettagli

FONTEMP il Fondo di previdenza per i lavoratori in somministrazione

FONTEMP il Fondo di previdenza per i lavoratori in somministrazione FONTEMP il Fondo di previdenza per i lavoratori in somministrazione 1 L ADESIONE L adesione alle forme pensionistiche complementari è libera e volontaria 2 L ADESIONE SI PUO ADERIRE A FONTEMP: IN MANIERA

Dettagli

FONDO INTEGRATIVO DI PREVIDENZA DIRIGENTI AZIENDE FIAT FIPDAF FONDO PENSIONE

FONDO INTEGRATIVO DI PREVIDENZA DIRIGENTI AZIENDE FIAT FIPDAF FONDO PENSIONE FONDO INTEGRATIVO DI PREVIDENZA DIRIGENTI AZIENDE FIAT FIPDAF FONDO PENSIONE CARATTERISTICHE DELLA FORMA PENSIONISTICA COMPLEMENTARE A. INFORMAZIONI GENERALI A.1 Lo scopo Scopo del Fondo è garantire agli

Dettagli

Fondo Pensione ESPERO. La pensione pubblica. Il secondo pilastro e la pensione pubblica. Fondo Pensione: schema di funzionamento CCNL INPDAP

Fondo Pensione ESPERO. La pensione pubblica. Il secondo pilastro e la pensione pubblica. Fondo Pensione: schema di funzionamento CCNL INPDAP Fondo Pensione ESPERO La pensione pubblica 1 - Perché i Fondi Pensione 2 - Come funzionano i Fondi Pensione 3 - Il Fondo Pensione ESPERO 4 - I destinatari 5 - Gli organi 6 - Adesione ad Espero ed effetti

Dettagli

Legge n. 296/2006 art. 1, comma 749

Legge n. 296/2006 art. 1, comma 749 Legge n. 296/2006 art. 1, comma 749 A decorrere dal 1 gennaio 2007 il lavoratore dipendente è tenuto ad operare una scelta circa la destinazione del proprio tfr maturando: se destinarlo a una previdenza

Dettagli

Arti & Mestieri - Fondo pensione aperto

Arti & Mestieri - Fondo pensione aperto Arti & Mestieri - Fondo pensione aperto Nota Informativa per i potenziali aderenti depositata presso la COVIP il 31 marzo 2015 n Comparto Crescita 25+ n Comparto Rivalutazione 10+ n Comparto Equilibrio

Dettagli

Indice. Arca SGR S.p.A. Il Fondo Pensione Aperto Arca Previdenza L adesione Le Prestazioni

Indice. Arca SGR S.p.A. Il Fondo Pensione Aperto Arca Previdenza L adesione Le Prestazioni Verbania, 19 aprile 2012 Indice Arca SGR S.p.A. Il Fondo Pensione Aperto Arca Previdenza L adesione Le Prestazioni 2 Chi è Arca SGR S.p.A. Società di Asset Management Fondata nel 1983 da 12 Banche Popolari

Dettagli

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE Fondo Pensione complementare a capitalizzazione per gli operai agricoli e florovivaisti a DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE Regime fiscale dei contributi (applicabile anche ai soggetti iscritti alla data del

Dettagli

Note sulla gestione del fondo.

Note sulla gestione del fondo. FONDO PENSIONE DIPENDENTI GIOCHI AMERICANI Sede in Saint Vincent Via Italo Mus - presso Casino de la Vallée Codice fiscale n. 90006620075 RELAZIONE DEGLI AMMINISTRATORI IN ACCOMPAGNAMENTO AL BILANCIO DELL'ESERCIZIO

Dettagli

Progetto 105x210 19-02-2007 15:07 Pagina 2 TFR. Scegliere oggi pensando al domani

Progetto 105x210 19-02-2007 15:07 Pagina 2 TFR. Scegliere oggi pensando al domani Progetto 105x210 19-02-2007 15:07 Pagina 2 TFR Scegliere oggi pensando al domani Progetto 105x210 19-02-2007 15:07 Pagina 4 Cara lavoratrice, caro lavoratore come certamente saprai, dal primo gennaio è

Dettagli

La Cisl Informa: il TFR e la previdenza complementare

La Cisl Informa: il TFR e la previdenza complementare La Cisl Informa: il TFR e la previdenza complementare Le riforme del sistema previdenziale attuate negli anni 90 hanno apportato una serie di interventi restrittivi alle pensioni erogate dal sistema pubblico,

Dettagli

SCHEDA SINTETICA (dati aggiornati al 30-4-2015)

SCHEDA SINTETICA (dati aggiornati al 30-4-2015) FONDO PENSIONE COMPLEMENTARE DEI GIORNALISTI ITALIANI FONDO PENSIONE COMPLEMENTARE A CAPITALIZZAZIONE PER I LAVORATORI DEL SETTORE DEI GIORNALISTI PROFESSIONISTI,PUBBLICISTI E PRATICANTI SCHEDA SINTETICA

Dettagli

La nuova Previdenza: riforma e offerta. Direzione commerciale - Sviluppo previdenza e convenzioni

La nuova Previdenza: riforma e offerta. Direzione commerciale - Sviluppo previdenza e convenzioni La nuova Previdenza: riforma e offerta Direzione commerciale - Sviluppo previdenza e convenzioni Previdenza: situazione attuale 140 Alcuni fattori rilevanti: 120 100 80 22 2015 pensionamento persone nate

Dettagli

Forme pensionistiche complementari Introduzione Le forme pensionistiche complementari sono forme di previdenza finalizzate alla costituzione di una

Forme pensionistiche complementari Introduzione Le forme pensionistiche complementari sono forme di previdenza finalizzate alla costituzione di una Forme pensionistiche complementari Introduzione Le forme pensionistiche complementari sono forme di previdenza finalizzate alla costituzione di una prestazione pensionistica integrativa, autorizzate e

Dettagli

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE Iscritto all Albo dei Fondi Pensione 1^ Sez. Speciale - Fondi Pensione Preesistenti - numero 1146 DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE - Documento approvato dal Consiglio di amministrazione del 1 aprile 2015 -

Dettagli

La nuova previdenza complementare

La nuova previdenza complementare Concreto Fondo Pensione Complementare Nazionale La nuova previdenza complementare La nuova previdenza complementare 1 Agenda Adesione esplicita e tacita Fonti di finanziamento e regole per la deducibilità

Dettagli

FONDO PENSIONE DEI DIPENDENTI DEL GRUPPO REALE MUTUA

FONDO PENSIONE DEI DIPENDENTI DEL GRUPPO REALE MUTUA FONDO PENSIONE DEI DIPENDENTI DEL GRUPPO REALE MUTUA Iscritto all Albo dei Fondi Pensione I Sezione Speciale in data 4 agosto 1999, al n. 1447 Nota Informativa edizione 18 giugno 2015 pag 1 di 32 Nota

Dettagli

TFR E PREVIDENZA COMPLEMENTARE

TFR E PREVIDENZA COMPLEMENTARE TFR E PREVIDENZA COMPLEMENTARE E il momento di scegliere A cura della Struttura di Comparto Scuola non statale DESTINARE IL TFR COS E IL TFR? Il trattamento di fine rapporto (anche conosciuto come liquidazione

Dettagli

AXA MPS PREVIDENZA PER TE - FONDO PENSIONE APERTO DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE

AXA MPS PREVIDENZA PER TE - FONDO PENSIONE APERTO DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE AXA MPS PREVIDENZA PER TE - FONDO PENSIONE APERTO DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE Il presente documento integra il contenuto della Nota Informativa relativa al fondo pensione aperto a contribuzione definita

Dettagli

I Fondi pensione preesistenti

I Fondi pensione preesistenti I Fondi pensione preesistenti I scheda Fondi pensione preesistenti sono forme pensionistiche complementari che, come suggerisce il termine preesistenti, operavano antecedentemente all emanazione della

Dettagli

Gli Organismi di Previdenza Complementare

Gli Organismi di Previdenza Complementare Gli Organismi di Previdenza Complementare Gli organismi di previdenza complementare, o fondi pensione, sono stati introdotti nell ordinamento italiano attraverso le disposizioni del Decreto legislativo

Dettagli

MULTIFOND CASSA INTERAZIENDALE DI PREVIDENZA PER PRESTATORI DI LAVORO SUBORDINATO FONDO PENSIONE

MULTIFOND CASSA INTERAZIENDALE DI PREVIDENZA PER PRESTATORI DI LAVORO SUBORDINATO FONDO PENSIONE MULTIFOND CASSA INTERAZIENDALE DI PREVIDENZA PER PRESTATORI DI LAVORO SUBORDINATO FONDO PENSIONE (forma pensionistica complementare iscritta al n. 1366 del 13/7/99 all Albo Covip Fondi Pensione I Sezione

Dettagli

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE DI HELVETIA DOMANI - FONDO PENSIONE APERTO Helvetia Domani Fondo pensione Aperto è iscritto all Albo tenuto dalla COVIP

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE DI HELVETIA DOMANI - FONDO PENSIONE APERTO Helvetia Domani Fondo pensione Aperto è iscritto all Albo tenuto dalla COVIP DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE DI HELVETIA DOMANI - FONDO PENSIONE APERTO Helvetia Domani Fondo pensione Aperto è iscritto all Albo tenuto dalla COVIP con il n. 91 Il presente documento integra il contenuto

Dettagli

Più opportunità dal tuo fondo pensione

Più opportunità dal tuo fondo pensione fondo pensione per il personale del gruppo helvetia e del gruppo nationale suisse Più opportunità dal tuo fondo pensione Più adesioni con i fiscalmente a carico, più contribuzione da parte del datore di

Dettagli

PrevAer Fondo Pensione

PrevAer Fondo Pensione Pagina 1 di 5 Documento sul Regime Fiscale aggiornato al 27 marzo 2015 Regime fiscale applicabile ai lavoratori iscritti a una forma pensionistica complementare dopo il 31 dicembre 2006 e ai contributi

Dettagli

TFR IN AZIENDA O NEL FONDO PENSIONE: COSA MI CONVIENE?

TFR IN AZIENDA O NEL FONDO PENSIONE: COSA MI CONVIENE? TFR IN AZIENDA O NEL FONDO PENSIONE: COSA MI CONVIENE? QUESITI E SOLUZIONI SULLA PREVIDENZA INTEGRATIVA. SPECIALE LAVORATORI DIPENDENTI LA PREVIDENZA? È CAMBIATA Le modifiche introdotte dalla Riforma Dini

Dettagli

DOCUMENTO SULLE RENDITE Aggiornato al 23/06/2015

DOCUMENTO SULLE RENDITE Aggiornato al 23/06/2015 DOCUMENTO SULLE RENDITE Aggiornato al 23/06/2015 Per l erogazione della rendita COMETA ha stipulato, al termine della selezione prevista dalla normativa, una convenzione assicurativa, in vigore fino al

Dettagli

Per saperne di più su alcune parole della previdenza

Per saperne di più su alcune parole della previdenza Adesione individuale: Forma di adesione al fondo pensione aperto, che si perfeziona mediante un contratto stipulato direttamente tra il singolo aderente ed il fondo. Adesione Volontaria: Forma di adesione

Dettagli

Pur aumentando le aliquote contributive e l età pensionabile, la previdenza obbligatoria, tutta, avrà una enorme diminuzione dei rendimenti.

Pur aumentando le aliquote contributive e l età pensionabile, la previdenza obbligatoria, tutta, avrà una enorme diminuzione dei rendimenti. Pur aumentando le aliquote contributive e l età pensionabile, la previdenza obbligatoria, tutta, avrà una enorme diminuzione dei rendimenti. Per quanto necessari, anche i riscatti, in particolare per i

Dettagli

OBIETTIVO PENSIONE REGOLAMENTO. Piano Individuale Pensionistico di tipo assicurativo - fondo pensione

OBIETTIVO PENSIONE REGOLAMENTO. Piano Individuale Pensionistico di tipo assicurativo - fondo pensione OBIETTIVO PENSIONE Piano Individuale Pensionistico di tipo assicurativo - fondo pensione Iscritto all Albo dei fondi pensione tenuto dalla COVIP con il n 5035 REGOLAMENTO 1 INDICE Parte I) Identificazione

Dettagli

% ovvero,00 (indicare in alternativa l importo del prelievo)

% ovvero,00 (indicare in alternativa l importo del prelievo) MODULO C ADESIONE GIORNALISTA DIPENDENTE Compilare il modulo in stampatello ed in ogni sua parte Corso Vittorio Emanuele II, 349 00186 Roma Tel. 066893545 Fax 066865919 www.fondogiornalisti.it mail: segrefnsi2@tin.it

Dettagli

Documento sulla politica di investimento

Documento sulla politica di investimento DEI DIPENDENTI DELLE IMPRESE DEL GRUPPO UNIPOL Iscrizione all Albo dei Fondi Pensione n 1292 Documento sulla politica di investimento Redatto ai sensi della Deliberazione COVIP del 16 marzo 2012 approvato

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA GESTIONE SEPARATA Crédit Agricole Vita

REGOLAMENTO DELLA GESTIONE SEPARATA Crédit Agricole Vita REGOLAMENTO DELLA GESTIONE SEPARATA Crédit Agricole Vita 1. Denominazione Viene attuata una speciale forma di gestione degli investimenti, distinta dagli altri attivi detenuti dall impresa di assicurazione,

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA GESTIONE SEPARATA 4CAVITA

REGOLAMENTO DELLA GESTIONE SEPARATA 4CAVITA REGOLAMENTO DELLA GESTIONE SEPARATA 4CAVITA 1. Denominazione Viene attuata una speciale forma di gestione degli investimenti, distinta dagli altri attivi detenuti dall impresa di assicurazione, denominata

Dettagli

I Fondi di Previdenza Complementare contrattuali Novità introdotte dal 1 gennaio 2007 e destinazione del TFR

I Fondi di Previdenza Complementare contrattuali Novità introdotte dal 1 gennaio 2007 e destinazione del TFR I Fondi di Previdenza Complementare contrattuali Novità introdotte dal 1 gennaio 2007 e destinazione del TFR Slide n.1 La pensione in rapporto all ultima retribuzione Ipotesi: Lavoratore con 35 anni di

Dettagli

Fondi Complementari FondoSanità

Fondi Complementari FondoSanità Salviamo la pensione ENPAM: istruzioni per l'uso Fondi Complementari FondoSanità Dott. Ugo Tamborini Segretario Provinciale SNAMI-Milano La previdenza in Italia Il sistema previdenziale italiano si basa

Dettagli

RELAZIONE E BILANCIO AL 31 DICEMBRE 2013

RELAZIONE E BILANCIO AL 31 DICEMBRE 2013 F.P.G.G. Fondo Pensione dei dipendenti delle società del Gruppo Generali Piazza Duca degli Abruzzi, 2-34132 Trieste RELAZIONE E BILANCIO AL 31 DICEMBRE 2013 CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE Presidente VicePresidente

Dettagli

COMETA - FONDO NAZIONALE PENSIONE COMPLEMENTARE PER I LAVORATORI DELL'INDUSTRIA METALMECCANICA, DELLA INSTALLAZIONE DI IMPIANTI E DEI SETTORI AFFINI

COMETA - FONDO NAZIONALE PENSIONE COMPLEMENTARE PER I LAVORATORI DELL'INDUSTRIA METALMECCANICA, DELLA INSTALLAZIONE DI IMPIANTI E DEI SETTORI AFFINI 11 ddi i 66 SSCHEDA SSIINTETIICA COMETA - FONDO NAZIONALE PENSIONE COMPLEMENTARE PER I LAVORATORI DELL'INDUSTRIA METALMECCANICA, DELLA INSTALLAZIONE DI IMPIANTI E DEI SETTORI AFFINI SCHEDA SINTETICA (dati

Dettagli

Il futuro della bilateralità. Relatrice: Giovanna Petrasso La Spezia, 19 novembre 2014

Il futuro della bilateralità. Relatrice: Giovanna Petrasso La Spezia, 19 novembre 2014 Il futuro della bilateralità Relatrice: Giovanna Petrasso La Spezia, 19 novembre 2014 Bilateralità come sottosistema del sistema delle relazioni industriali. Sede stabile e specializzata di confronto tra

Dettagli

FONDO PENSIONE APERTO AURORA PREVIDENZA. 1. Regime fiscale della forma pensionistica complementare (fondo pensione)

FONDO PENSIONE APERTO AURORA PREVIDENZA. 1. Regime fiscale della forma pensionistica complementare (fondo pensione) Allegato alla Nota Informativa FONDO PENSIONE APERTO AURORA PREVIDENZA DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE 1. Regime fiscale della forma pensionistica complementare (fondo pensione) I fondi pensione, istituiti

Dettagli

FONDO PENSIONE APERTO UBI PREVIDENZA

FONDO PENSIONE APERTO UBI PREVIDENZA FONDO PENSIONE APERTO UBI PREVIDENZA FONDO PENSIONE ISTITUITO IN FORMA DI PATRIMONIO SEPARATO DA AVIVA ASSICURAZIONI VITA S.P.A. (ART. 12 DEL DECRETO LEGISLATIVO 5 DICEMBRE 2005, N. 252) DOCUMENTO SUL

Dettagli

Previsuisse Fondo pensione aperto. Previdenza complementare. Per la famiglia. Iscritto all Albo tenuto dalla COVIP con il n. 109

Previsuisse Fondo pensione aperto. Previdenza complementare. Per la famiglia. Iscritto all Albo tenuto dalla COVIP con il n. 109 Previdenza complementare Per la famiglia Previsuisse Fondo pensione aperto Iscritto all Albo tenuto dalla COVIP con il n. 109 Nota Informativa per i potenziali aderenti (depositata presso la COVIP il 03.08.2015)

Dettagli

I Fondi pensione nel pubblico impiego

I Fondi pensione nel pubblico impiego 38 I Fondi pensione destinati ai lavoratori dipendenti delle pubbliche amministrazioni dello Stato, il cui rapporto di lavoro è disciplinato tramite contrattazione collettiva, possono essere istituiti

Dettagli

IL METODO DI CALCOLO introdotto dalla riforma DINI

IL METODO DI CALCOLO introdotto dalla riforma DINI IL METODO DI CALCOLO introdotto dalla riforma DINI RETRIBUTIVO (riguarda chi al 31.12.1995 aveva almeno 18 anni di contributi) La pensione viene calcolata in base all ultimo stipendio, per gli anni di

Dettagli

Orizzonte Previdenza Piano individuale pensionistico di tipo assicurativo Fondo Pensione. Regolamento

Orizzonte Previdenza Piano individuale pensionistico di tipo assicurativo Fondo Pensione. Regolamento Orizzonte Previdenza Piano individuale pensionistico di tipo assicurativo Fondo Pensione Regolamento RV 8048 Regolamento 04/2014 INDICE Parte I) Identificazione e scopo del PIP Art.1 - Denominazione Art.2

Dettagli

I Fondi pensione nel pubblico impiego

I Fondi pensione nel pubblico impiego I Fondi pensione nel pubblico impiego I scheda Fondi pensione destinati ai lavoratori dipendenti delle pubbliche amministrazioni dello Stato, il cui rapporto di lavoro è disciplinato tramite contrattazione

Dettagli

DOCUMENTO SUL MULTICOMPARTO

DOCUMENTO SUL MULTICOMPARTO DOCUMENTO SUL MULTICOMPARTO Aggiornamento: giugno 2013 1 Dalla sua origine nel 1987 e fino al 31 dicembre 2008 il Fondo ha adottato un modello di gestione basato su una convenzione assicurativa, gestita

Dettagli

FATA Futuro Attivo. Piano individuale pensionistico attuato mediante contratto di assicurazione sulla vita Fondo Pensione

FATA Futuro Attivo. Piano individuale pensionistico attuato mediante contratto di assicurazione sulla vita Fondo Pensione Piano individuale pensionistico attuato mediante contratto di assicurazione sulla vita Fondo Pensione (art. 13 del decreto legislativo n. 252 del 5 dicembre 2005) REGOLAMENTO Regolamento Pagina 1 di 18

Dettagli

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE FONDO DI PREVIDENZA MARIO NEGRI FONDO PENSIONE COMPLEMENTARE A CAPITALIZZAZIONE PER I DIRIGENTI DI AZIENDE DEL TERZIARIO, DI SPEDIZIONE E TRASPORTO DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE 1. Regime fiscale della

Dettagli

GENERALI GLOBAL Fondo Pensione Aperto a contribuzione definita

GENERALI GLOBAL Fondo Pensione Aperto a contribuzione definita Generali Italia S.p.A. GENERALI GLOBAL Fondo Pensione Aperto a contribuzione definita Iscritto all Albo tenuto dalla Covip con il n. 8 (art. 12 del decreto legislativo n. 252 del 5 dicembre 2005) Nota

Dettagli

Il tuo Fondo per la tua pensione complementare

Il tuo Fondo per la tua pensione complementare Il tuo Fondo per la tua pensione complementare PRINCIPALI CARATTERISTICHE Fondo Nazionale Pensione Complementare per i lavoratori dell industria metalmeccanica, dell installazione di impianti e dei settori

Dettagli

FONDO PENSIONE PRIAMO

FONDO PENSIONE PRIAMO I VANTAGGI DELL ADESIONE AL FONDO PENSIONE PRIAMO INTEGRAZIONE E PROTEZIONE FALITÀ REDDITIVITÀ FLESSIBILITÀ ECONOMICITÀ DIVERSIFICAZIONE L adesione a Priamo comporta, per l aderente, una serie di VANTAGGI

Dettagli

NOME PRODOTTO Popolare Vita Previdenza - Piano Individuale Pensionistico di tipo assicurativo - Fondo Pensione 5075 11/09/2008

NOME PRODOTTO Popolare Vita Previdenza - Piano Individuale Pensionistico di tipo assicurativo - Fondo Pensione 5075 11/09/2008 POPOLARE VITA PREVIDENZA - PIANO INDIVIDUALE PENSIONISTICO DI TIPO ASSICURATIVO - FONDO PENSIONE PIANO INDIVIDUALE PENSIONISTICO A PREMI RICORRENTI E PREMI INTEGRATIVI CON PRESTAZIONI LEGATE AL RENDIMENTO

Dettagli

Ogni dipendente pubblico decide volontariamente la propria adesione al fondo..

Ogni dipendente pubblico decide volontariamente la propria adesione al fondo.. Il fondo Espero ESPERO è il Fondo nazionale pensione complementare per i lavoratori della scuola. Il Fondo Pensione è nato a seguito dell accordo istitutivo del 14/03/2001 fra le Organizzazioni Sindacali

Dettagli

POPOLARE VITA PREVIDENZA

POPOLARE VITA PREVIDENZA POPOLARE VITA PREVIDENZA INFORMAZIONI GENERALI NOME PRODOTTO Popolare Vita Previdenza - Piano Individuale Pensionistico di tipo assicurativo - Fondo Pensione N DI ISCRIZIONE ALL ALBO DATA ISCRIZIONE TIPOLOGIA

Dettagli

Fondoposte: il fondo pensione per il Personale del gruppo Poste Italiane S.p.A.

Fondoposte: il fondo pensione per il Personale del gruppo Poste Italiane S.p.A. Fondoposte: il fondo pensione per il Personale del gruppo Poste Italiane S.p.A. Cos è Fondoposte Fondoposte è il Fondo Nazionale di Pensione Complementare per il Personale di Poste Italiane S.p.A. e delle

Dettagli

Nota Informativa per i potenziali aderenti (depositata presso la COVIP il 14.06.2011)

Nota Informativa per i potenziali aderenti (depositata presso la COVIP il 14.06.2011) Previdenza complementare Per la famiglia Previsuisse Fondo pensione aperto Iscritto all Albo tenuto dalla COVIP con il n. 109 Nota Informativa per i potenziali aderenti (depositata presso la COVIP il 14.06.2011)

Dettagli

CARATTERISTICHE DELLA FORMA PENSIONISTICA COMPLEMENTARE

CARATTERISTICHE DELLA FORMA PENSIONISTICA COMPLEMENTARE CARATTERISTICHE DELLA FORMA PENSIONISTICA COMPLEMENTARE Informazioni generali Perché una pensione complementare Dotandosi di un piano di previdenza complementare il lavoratore ha oggi l opportunità di

Dettagli