MALATTIE E TECNICHE DI CONTENIMENTO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "MALATTIE E TECNICHE DI CONTENIMENTO"

Transcript

1 Le prospettive del vivaismo viticolo europeo MALATTIE E TECNICHE DI CONTENIMENTO Elisa Angelini CRA VIT Centro di Ricerca per la Viticoltura Conegliano (TV)

2 1. Giallumi (Flavescenza dorata e Legno nero): generalità, lotta, legislazione, infezioni su barbatelle e impianti giovani 2. Tumore da agrobatterio: generalità, lotta, legislazione, novità della ricerca 3. Virus: GPNV, nuovo virus della vite in Italia

3 GIALLUMI DELLA VITE

4 Foglie: varietà a bacca rossa e bianca

5 Colorazione settoriale

6 Pustole sui tralci

7 Sintomi precoci: danni sui grappoli (Merlot)

8 Sintomi dopo la fioritura: danni sui grappoli

9 Sintomi tardivi: danni sui grappoli

10

11 Sintomi precoci (Manzoni bianco)

12 DUE GIALLUMI IN EUROPA ED ITALIA Flavescenza dorata (FD) Diffusione epidemica - Malattia di quarantena in Europa Vettore: cicalina Scaphoideus titanus, di origine americana Legno nero (LN) Diffusione non epidemica = endemico Vettore: cicalina Hyalesthes obsoletus, di origine europea

13 Ciclo infettivo S. titanus - vite FD FD

14 Clematide Dyctiophara europaea - vite - S. titanus ftoplasma FD fitoplasma FD fitoplasma FD

15 LOTTA A FD Direttiva comunitaria (2000/29/CE del Consiglio dell 8/05/2000) e Decreto nazionale (D.M del 31/05/2000): Trattamenti insetticidi secondo le indicazioni dei SFR (3 di solito) per assicurare l assenza di S. titanus nei vigneti di PM e nei barbatellai. Nei campi di PM dove c è FD è obbligatorio: eliminazione delle piante infette Sospensione del prelievo del materiale di propagazione fino a quando il SFR ne accerta l assenza per 2 anni consecutivi. Nonostante ciò, nelle zone infette da FD o infestate da vettore, i trattamenti non sono sempre sufficienti a evitare la migrazione di vettori infetti da altri appezzamenti e la deposizione delle uova dopo i trattamenti.

16 LOTTA A FD Suggerimenti ulteriori per impipanti di PM e vivai: garantire le condizioni colturali atte a favorire gli interventi insetticidi controllo visuale delle piante ogni anno ridurre la presenza di piante ospiti di FD (clematide, ailanto)

17 LOTTA A FD Presenza di uova di S. titanus: il legno preferito dall insetto per deporre le uova è quello di 2 anni o più il legno di 1 anno ed anche le barbatelle possono comunque contenere sporadicamente qualche uovo di S. titanus (in condizioni di assenza di trattamento insetticida e vigneto molto infestato: 1 insetto ogni 150 talee di legno di 1 anno, contro 500 insetti su legno di 2 anni) In ogni caso: Le uova di S. titanus non sono infette da FD L uovo quindi può contribuire solamente a diffondere l insetto in altre aree geografiche

18 Ciclo infettivo H. obsoletus convolvolo/ortica - LN - vite LN LN

19 LOTTA A LN H. obsoletus vive soprattutto sul prato e sulle siepi in estate, sverna come uovo/larva nelle radici delle piante ospiti in inverno I trattamenti insetticidi diretti non sono né proponibili né efficienti Unica possibilità: eliminazione delle piante ospiti del vettore e della malattia, principalmente ortica e convolvolo va eseguita nel periodo autunnale o invernale mai in primavera-estate, altrimenti si ottiene l effetto contrario, perché la cicalina, non trovando più le piante ospiti preferite, si trasferirà sulle viti, infettandole.

20 BI IN ITALIA RE RN Prime segnalazioni di giallumi in Italia: anni 70 Prima segnalazione certa di FD: inizio anni 90 LEGENDA SITUAZIONE ATTUALE KR FD LN

21 INFEZIONI DI GIALLUMI SU BARBATELLE E IMPIANTI GIOVANI Spesso i viticoltori lamentano la presenza di FD o LN fin dai primi anni di impianto, chiamando in causa i vivaisti. Quale è il ruolo del vivaismo nella diffusione dei giallumi?

22 METODOLOGIA Rilievi fitosanitari su: barbatellai vigneti al 1 anno d impianto vigneti di 2 anni dal 2006 al 2010 Veneto, Friuli Venezia Giulia e Piemonte saggi di laboratorio con PCR

23 Sintomi in vivaio

24 VITI OSSERVATE Tot Barbatellai Viti 1 anno Viti 2 anni Tot

25 L incidenza delle piante infette aumenta con il passare degli anni: ruolo predominante del territorio, della vicinanza ad altri vigneti contaminati, dei vettori N. viti infette su barbatelle viti al 1 anno viti 2 anni

26 Confronto impianti 1 1 anno TRIVENETO - PIEMONTE Triveneto 2006 Piemonte N. viti osservate Infette 4/ ,5/ / / L incidenza di GY negli impianti al 1 anno in Piemonte era circa 20 volte maggiore rispetto al Triveneto.

27 PIEMONTE 2007: confronto impianti 1 1 anno termotrattati NON termotrattati Termotrattate NON termotrattate N. viti controllate % viti infette 0,12% 0,04% L incidenza di GY negli impianti con viti sottoposte a termoterapia non è significativamente diversa dall incidenza su viti NON termotrattate. Necessitano ulteriori osservazioni.

28 TERMOTERAPIA Utile in aree molto infette per limitare la diffusione di FD e LN tramite i materiali di moltiplicazione Non tutte le uova di S. titanus vengono distrutte Richiede il rispetto di un preciso protocollo di trattamento Non garantisce che le barbatelle non si ammalino in vigneto

29 RESPONSABILITA DEL VIVAISTA PER INFEZIONI SU IMPIANTI GIOVANI Sintomi su impianti di 1 anno: se si palesano entro inizio agosto: l infezione viene dal vivaio se si palesano più tardi: può venire sia dall ambiente che dal vivaio Primi sintomi su impianti di 2 anni: La responsabilità del vivaista può essere trascurata

30 FITOPLASMI: TRACCIABILITA d Esistono diversi ceppi di FD (ma i anche di LN) C è la possibilità di distinguerli a livello molecolare Utile per la tracciabilità dell origine delle epidemie su nuovi vigneti e in nuove aree geografiche. p i F D i n E u r o p a FD-D FD-C FDLomb/Piem FD-CS FD2000 FD-70 FD-CI

31 AGROBACTERIUM VITIS TUMORE BATTERICO

32 TUMORE BATTERICO Il tumore batterico della vite è una proliferazione anomala dei tessuti, causata da Agrobacterium vitis, batterio molto simile alla specie A. tumefaciens, ma che si sviluppa solo su vite. Problematiche attuali: Latenza dei sintomi, che impedisce di distinguere le piante sane da quelle infette su base visiva Mancanza di strategie per eliminare il patogeno dalla pianta o dall ambiente

33 Tumori al punto d innestod

34 Tumore batterico su tralcio

35 Tumori su barba telle

36 GESTIONE DELLA MALATTIA Fattore che maggiormente influenza la diffusione della malattia: le ferite Sono da evitare: pratiche colturali che provocano ferite alla vite terreni pesanti, umidi, esposizioni fredde crescite vigorose a fine stagione, in modo da rendere le piante più resistenti al freddo sbilanci produttivi Effettuare potature bilanciate Concimazione potassica piuttosto che azotata, per aumentare la resistenza al freddo Termoterapia: può diminuire la concentrazione del patogeno, ma non lo elimina

37 GESTIONE DELLA MALATTIA Su impianti di PM è necessario: Estirpare le piante sintomatiche Eliminare accuratamente tutti i residui radicali Arieggiare la buca per l intero anno, con eventuale distribuzione di calce viva Su barbatelle: Controllare alla cernita eventuale presenza di tumori e ingrossamenti anomali e scartare le barbatelle sintomatiche (in ottemperanza ai DM 7 luglio 2006 e 8 febbraio 2005, norme relative alla commercializzazione dei materiali di moltiplicazione vegetativa della vite ) NB: i tumori in disfacimento contribuiscono alla diffusione del patogeno, rappresentando un importante aspetto dal punto di vista epidemiologico.

38 NOSTRI STUDI RECENTI SUL TUMORE BATTERICO Monitoraggio del territorio, dei vigneti e delle barbatelle per definire la diffusione del batterio (Veneto, Friuli) Monitoraggio delle diverse fasi della filiera produttiva vivaistica, per individuare eventuali punti critici (collaborazione con VITIVER) Prove di risanamento/disinfezione con acqua acida (collaborazione con MIVA) Caratterizzazione molecolare del patogeno per tracciabilità delle fonti di infezione

39 ANALISI DEI TERRENI Analisi terreni da vivaio: Vivaio 2012: 18 negativi, 0 positivi Vivaio 2013: 30 negativi, 0 positivi Terreni dove c è stata vite negli ultimi 50 anni: 20 negativi, 1 positivo Terreno vicino a vigneto sintomatico: 3 campioni positivi, 3 negativi

40 PMP e PMM per innesti Analisi PMM E PMP non sintomatiche: talee di 110 Richter (sensibile) e 140 Ruggeri (tollerante) 8 tralci di Corvina ISV48 Tutti negativi

41 Analisi in vitro di tralci da vigneti con viti sintomatiche (tumore evidente alla base): 40 campioni di Corvina ISV48, da 8 piante sintomatiche PMP e PMM per innesti tutti negativi!! Probabilmente il patogeno è poco presente sui tralci e a bassissime concentrazioni

42 BARBATELLE Dipende molto da cv e provenienza geografica Sintomatiche: c è sempre agrobatterio tumorigeno Asintomatiche: in media il 30% sono infette da agrobatterio tumorigeno

43 % infezione ANALISI PER ANALISI PER AGROBATTERIO Infezione aumenta con le lavorazioni marze/talee da PM innestatrici avanzi di taglio innestitalea germogli barbatelle preimpianto Pre-lavorazioni fase di innesto forzatura dopo forzatura

44 TRATTAMENTO CON ACQUA ACIDA Acqua acida: acqua in cui ioni positivi e negativi vengono separati, ph < 3 Trattamento: barbatelle sintomatiche, dopo avere tolto il tumore, immerse per 3 e 6 ore in acqua acida, poi piantate Risultati: diminuzione della percentuale di barbatelle con tumori in corso le analisi per verificare presenza o assenza del batterio nelle barbatelle asintomatiche

45 CARATTERIZZAZIONE MOLECOLARE E TRACCIABILITA SCOPO: Individuare un metodo molecolare per distinguere ceppi di agrobatterio provenienti da diverse regioni geografiche del mondo In questo modo, per esempio, posso determinare l origine dell agrobatterio ritrovato in un lotto di barbatelle vendute all estero: vivaista o viticoltore? ATTIVITA : Individuati 5 geni potenzialmente variabili geneticamente Scelto uno di questi con variabilità genetica del 13% Per ora sono stati evidenziati caratteri tipici che distinguono i ceppi analizzati: italiani, ungheresi, bulgari o australiani Stiamo estendendo ad altri paesi del mondo

46 VIRUS DELLA VITE

47 NUOVO VIRUS: GPGV (virus del Pinot grigio) Piante infette identificate per la prima volta in Trentino nel 2003 su Pinot grigio, da qui il nome del virus. È presente comunque anche in altre varietà. Sintomi: più evidenti ad inizio stagione, simili a danni da tripidi o acari e da erbicidi, con deformazioni fogliari, scolorimenti nervali e punteggiature delle foglie, necrosi degli apici e ritardo nella germogliamento. Nei casi più gravi, c è perdita di vigoria e morte della pianta. Danni alla produzione: di tipo quantitativo, con riduzione della produzione di circa il 50% (meno grappoli, più piccoli). Si trasmette in campo, ma il vettore non è ancora conosciuto. Viene però anche trasmesso con i materiali di moltiplicazione. Trovato finora in Italia in Trentino, Friuli, Veneto (VR, TV, Lison), e poi in Korea.

48

49

50

51 GRAZIE PER L'ATTENZION E!

Il progetto AGRO.FREE: la tutela della filiera vivaistica da agrobatterio Elisa Angelini

Il progetto AGRO.FREE: la tutela della filiera vivaistica da agrobatterio Elisa Angelini Il progetto AGRO.FREE: la tutela della filiera vivaistica da agrobatterio Elisa Angelini CRA-VIT Centro di Ricerca per la Viticoltura, Conegliano (TV) Progetto di ricerca finanziato dalla Regione Veneto

Dettagli

GLERA E PINOT GRIGIO: NUOVE PREOCCUPAZIONI SANITARIE?

GLERA E PINOT GRIGIO: NUOVE PREOCCUPAZIONI SANITARIE? GLERA E PINOT GRIGIO: NUOVE PREOCCUPAZIONI SANITARIE? Elisa Angelini elisa.angelini@entecra.it C.R.A. Centro di Ricerca per la Viticoltura Conegliano (TV) Foto P. Marcuzzo Foto G. Rama UN PO DI

Dettagli

Flavescenza dorata (FD) Diffusione epidemica Vettore: cicalina Scaphoideus

Flavescenza dorata (FD) Diffusione epidemica Vettore: cicalina Scaphoideus L AVANZAMENTO DELLA RICERCA SULLA RESISTENZA ALLA FLAVESCENZA DORATA Elisa Angelini CRA-VIT Centro di Ricerca per la Viticoltura, Conegliano (TV) DUE GIALLUMI IMPORTANTI IN EUROPA ED ITALIA Flavescenza

Dettagli

Il legno nero una malattia in espansione nei vigneti dell Alto Adige

Il legno nero una malattia in espansione nei vigneti dell Alto Adige Il legno nero una malattia in espansione nei vigneti dell Alto Adige Negli ultimi anni in numerosi vigneti della Bassa Atesina e della Val d Isarco sono state ripetutamente osservate viti con vistosi accartocciamenti

Dettagli

GIALLUMI DELLA VITE: aggiornamenti tecnici

GIALLUMI DELLA VITE: aggiornamenti tecnici FEASR Programma di Sviluppo Rurale 2007-2013 Misura 111B Informazione e diffusione della conoscenza GIALLUMI DELLA VITE: aggiornamenti tecnici Piero Attilio Bianco DI.S.A.A - C.I.R.I.V.E. CENTRO INTERDIPARTIMENTALE

Dettagli

Piante certificate: necessità e vantaggi

Piante certificate: necessità e vantaggi Département fédéral de l'économie DFE Station de recherche Agroscope Changins-Wädenswil ACW Piante certificate: necessità e vantaggi 30 novembre 2012 Certificazione Basi legali 1. Ordinanza federale (RS

Dettagli

/03/2015 /2015 SEGRETERIA TELEFONICA 0364/324077 : 1 MELO 2 VITE 4 PICCOLI FRUTTI

/03/2015 /2015 SEGRETERIA TELEFONICA 0364/324077 : 1 MELO 2 VITE 4 PICCOLI FRUTTI BOLLETTINO AGROMETEOR OROLOGICO OLOGICO N 10 del 10/0 /03/2015 /2015 www.saporidivallecamonica.it uff.agricoltura@cmvallecamonica.bs.it SEGRETERIA TELEFONICA 0364/324077 : 1 MELO 2 VITE 4 PICCOLI FRUTTI

Dettagli

Rinnovo del patentino Modulo agronomico

Rinnovo del patentino Modulo agronomico nforma.fito. Strumenti di supporto per la diffusione delle informazioni sull uso sostenibile dei prodotti fitosanitari Rinnovo del patentino Modulo agronomico Lotte obbligatorie Pier Paolo Bortolotti Roberta

Dettagli

LA PRODUZIONE INTEGRATA IN VITICOLTURA ALLA LUCE DELL APPLICAZIONE DELLA DIRETTIVA 128CE

LA PRODUZIONE INTEGRATA IN VITICOLTURA ALLA LUCE DELL APPLICAZIONE DELLA DIRETTIVA 128CE LA PRODUZIONE INTEGRATA IN VITICOLTURA ALLA LUCE DELL APPLICAZIONE DELLA DIRETTIVA 128CE Esperienze innovative e strategie di difesa proposte nel TriVeneto. Il monitoraggio delle avversità: strumenti e

Dettagli

FLAVESCENZA DORATA E SCAPHOIDEUS TITANUS IN TOSCANA. difesa della vite

FLAVESCENZA DORATA E SCAPHOIDEUS TITANUS IN TOSCANA. difesa della vite FLAVESCENZA DORATA E SCAPHOIDEUS TITANUS IN TOSCANA ISV Regione Toscana, Direzione Generale dello Sviluppo Economico, Settore Produzioni Agricole via di Novoli, 26-50127 Firenze tel. 055 4382111 - fax

Dettagli

Le principali cicaline nei vigneti della Valle d Aosta

Le principali cicaline nei vigneti della Valle d Aosta Le principali cicaline nei vigneti della Valle d Aosta Perché le cicaline? Nel vigneto sono comunemente presenti diverse specie di cicaline (ordine Emitteri, sottordine Auchenorrinchi). Si tratta di insetti

Dettagli

OROLOGICO 04/0 /08/2015 /2015 SEGRETERIA TELEFONICA 0364/324077 : 1 MELO 2 VITE 4 PICCOLI FRUTTI

OROLOGICO 04/0 /08/2015 /2015 SEGRETERIA TELEFONICA 0364/324077 : 1 MELO 2 VITE 4 PICCOLI FRUTTI BOLLETTINO AGROMETEOR OROLOGICO OLOGICO N 31 del 04/0 /08/2015 /2015 www.saporidivallecamonica.it uff.agricoltura@cmvallecamonica.bs.it SEGRETERIA TELEFONICA 0364/324077 : 1 MELO 2 VITE 4 PICCOLI FRUTTI

Dettagli

V I T I C O L T U R A I N V A L C A M O N I C A

V I T I C O L T U R A I N V A L C A M O N I C A Bollettini e schede del Manuale di Viticoltura del CVP su: www.centrovitivinicoloprovinciale.it - BOLLETTINO N 02 del 18/04/2013 DIVISIONE DELLE MACROZONE: ZONA 1: DA ARTOGNE A BRENO IN DESTRA OROGRAFICA

Dettagli

VIROSI DEL PEPERONE E DEL POMODORO

VIROSI DEL PEPERONE E DEL POMODORO VIROSI DEL PEPERONE E DEL POMODORO I virus che più comunemente colpiscono queste colture, e che negli ultimi anni hanno causato gravi perdite di prodotto commerciale, sono il virus del mosaico del cetriolo

Dettagli

REGIONE LAZIO DIREZIONE REGIONALE AGRICOLTURA SERVIZIO FITOSANITARIO REGIONALE VAIOLATURA DELLE DRUPACEE O SHARKA

REGIONE LAZIO DIREZIONE REGIONALE AGRICOLTURA SERVIZIO FITOSANITARIO REGIONALE VAIOLATURA DELLE DRUPACEE O SHARKA REGIONE LAZIO DIREZIONE REGIONALE AGRICOLTURA SERVIZIO FITOSANITARIO REGIONALE VAIOLATURA DELLE DRUPACEE O SHARKA La sharka o vaiolatura delle drupacee è una grave malattia provocata da un virus, Plum

Dettagli

NOTIZIARIO SULLA PROTEZIONE DELLE PIANTE

NOTIZIARIO SULLA PROTEZIONE DELLE PIANTE NOTIZIARIO SULLA PROTEZIONE DELLE PIANTE Organo dell Associazione Italiana per la Protezione delle Piante A.I.P.P. N. 20 (Nuova Serie) Convegno Nazionale IL VIVAISMO VITICOLO aspetti normativi e fitopatologici

Dettagli

Marina Barba Centro di ricerca per la Patologia Vegetale - Roma F. Campanile, B. Giuliano, F. Miracolo, A. Pentangelo, M.

Marina Barba Centro di ricerca per la Patologia Vegetale - Roma F. Campanile, B. Giuliano, F. Miracolo, A. Pentangelo, M. Campagna 2014: Problematiche fitosanitarie del pomodoro Marina Barba Centro di ricerca per la Patologia Vegetale - Roma F. Campanile, B. Giuliano, F. Miracolo, A. Pentangelo, M. Tridentino Il 2014 è stato

Dettagli

Bollettino di Difesa Integrata obbligatoria

Bollettino di Difesa Integrata obbligatoria del 24-06-2015 Provincia di BOLOGNA Bollettino di Integrata obbligatoria PREVISIONI DEL TEMPO (24/06/15) Un vasto promontorio anticiclonico, in espansione sull europa occidentale manterrà sulla nostra

Dettagli

Dopo un anomalo andamento climatico che ha caratterizzato l estate italiana, in questi giorni sta iniziando la vendemmia anche in Valtellina.

Dopo un anomalo andamento climatico che ha caratterizzato l estate italiana, in questi giorni sta iniziando la vendemmia anche in Valtellina. OPERAZIONI DI VENDEMMIA Dopo un anomalo andamento climatico che ha caratterizzato l estate italiana, in questi giorni sta iniziando la vendemmia anche in Valtellina. Il 2014 è stata un annata problematica

Dettagli

S MAP Notizie SINTOMI DEGLI SCOPAZZI DEL MELO. Scopazzi del melo - Apple proliferation. Anno 1 Numero 2 Octobre 2006

S MAP Notizie SINTOMI DEGLI SCOPAZZI DEL MELO. Scopazzi del melo - Apple proliferation. Anno 1 Numero 2 Octobre 2006 S MAP Notizie Scopazzi del melo - Apple proliferation Anno 1 Numero 2 Octobre 2006 Sommario Istituto Agrario di San Michele Centro Sperimentale Via E. Mach 1 38010 San Michele all Adige (TN) SINTOMI DEGLI

Dettagli

LA FLAVESCENZA DORATA DELLA VITE IN LOMBARDIA

LA FLAVESCENZA DORATA DELLA VITE IN LOMBARDIA Coperta_flavescenza 5-04-2002 18:26 Pagina 2 Regione Lombardia Agricoltura UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO Facoltà di Agraria Istituto di Patologia Vegetale Giuseppe Belli, Piero Attilio Bianco, Paola

Dettagli

LA SELEZIONE CLONALE DELLA VITE IN ITALIA

LA SELEZIONE CLONALE DELLA VITE IN ITALIA LA SELEZIONE CLONALE DELLA VITE IN ITALIA Mannini Franco - Istituto Virologia Vegetale, Unità Staccata Viticoltura, CNR, Grugliasco (TO) 1. Introduzione Negli ultimi decenni in tutti i Paesi in cui il

Dettagli

La Potatura della vite

La Potatura della vite La Potatura della vite Lezione 2/3 Relatore: Dott. Agronomo Marco Tonni Si ringraziano per i materiali didattici e per la collaborazione i Dott. Agr. Luigi Reghenzi, Fabio Sorgiacomo, Pierluigi Donna 19/12/2012

Dettagli

Alcune malattie fungine dell olivo

Alcune malattie fungine dell olivo Alcune malattie fungine dell olivo Massimo Pilotti CRA- Centro di Ricerca per la Patologia Vegetale ROMA Malattia fungina nota già nel dopoguerra nelle zone di coltivazione meridionali. Segnalazioni del

Dettagli

Progetto INTERACT. Responsabile: Massimo Pilotti Collaboratori: Nicoletta Pucci, Angela Gallelli, Angela Brunetti, Stefania Loreti

Progetto INTERACT. Responsabile: Massimo Pilotti Collaboratori: Nicoletta Pucci, Angela Gallelli, Angela Brunetti, Stefania Loreti Interventi di coordinamento ed implementazione alle azioni di ricerca, lotta e difesa al cancro batterico dell Actinidia (INTERACT) Titolo della ricerca (WP) Biologia del patosistema kiwi-psa: diagnosi

Dettagli

Studi sui fattori che favoriscono le epidemie di flavescenza dorata in Piemonte e loro superamento FLADO 2010-2013

Studi sui fattori che favoriscono le epidemie di flavescenza dorata in Piemonte e loro superamento FLADO 2010-2013 Studi sui fattori che favoriscono le epidemie di flavescenza dorata in Piemonte e loro superamento FLADO 2010-2013 Partecipanti: Settore Fitosanitario regionale (S.F.R.): Paola Gotta, Chiara Morone, Giovanni

Dettagli

Dott. M. Stella Grando, Christian Cainelli, Claudia Bisognin Redazione Dott. Wolfgang Jarausch Dott. Claudio Ioriatti. Foto: Mauro Varner

Dott. M. Stella Grando, Christian Cainelli, Claudia Bisognin Redazione Dott. Wolfgang Jarausch Dott. Claudio Ioriatti. Foto: Mauro Varner S MAP Notizie Scopazzi del melo - Apple proliferation Anno 2 Numero 1 Gennaio 2007 Sommario Istituto Agrario di San Michele Centro Sperimentale Via E. Mach 1 38010 San Michele all Adige (TN) Applicazioni

Dettagli

Risultati della Ricerca

Risultati della Ricerca Risultati della Ricerca Titolo Protocollo diagnostico per il viroide Potato spindle tuber viroid (PSTVd) agente dell'affusolamento del tubero di patata Descrizione estesa del risultato Il viroide del tubero

Dettagli

Centro Studi Malattie degli Alberi

Centro Studi Malattie degli Alberi In questo numero: Patologia vegetale: le malattie della radice in vaso Chimica agraria: i terricci e la concimazione Periodico scientifico del settore florovivaistico a cura della redazione tecnica di

Dettagli

PIANO D'AZIONE REGIONALE PER LA PREVENZIONE E IL CONTROLLO DEL CANCRO BATTERICO DELL ACTINIDIA (PSA)

PIANO D'AZIONE REGIONALE PER LA PREVENZIONE E IL CONTROLLO DEL CANCRO BATTERICO DELL ACTINIDIA (PSA) PIANO D'AZIONE REGIONALE PER LA PREVENZIONE E IL CONTROLLO DEL CANCRO BATTERICO DELL ACTINIDIA (PSA) 1.Premessa Come è noto il batterio Pseudomonas syringae pv actinidiae Takikawa, Serizawa, Ichikawa,

Dettagli

Coordinatore Scientifico: Prof. VITO N. SAVINO Dip. Biologia e Chimica Agroforestale ed Ambientale Università di Bari

Coordinatore Scientifico: Prof. VITO N. SAVINO Dip. Biologia e Chimica Agroforestale ed Ambientale Università di Bari Angelantonio Minafra e Stefania Pollastro Istituto di Virologia Vegetale del CNR, Bari e Dipartimento Biologia e Chimica Agroforestale ed Ambientale Università di Bari Rete regionale di laboratori per

Dettagli

COS E LA PRODUZIONE INTEGRATA?

COS E LA PRODUZIONE INTEGRATA? Cos è la Produzione Integrata (PI). Con questo scritto desidero fare una cronistoria sulla produzione integrata, un sistema di lotta iniziato negli anni 80, dove un ticinese nella persona del Dott. Mario

Dettagli

Vivaio Biologico Carlo Lonsi. Cenaia (PI) 2012

Vivaio Biologico Carlo Lonsi. Cenaia (PI) 2012 Effetti sull innesto di vite europea su americana in rapporto ai diversi impulsi planetari e lunari: 4 diversi giorni Vivaio Biologico Carlo Lonsi. Cenaia (PI) 2012 Il vivaio Biologico di Carlo Lonsi -

Dettagli

Recupero conservazione e valorizzazione del germoplasma viticolo veronese

Recupero conservazione e valorizzazione del germoplasma viticolo veronese Recupero conservazione e valorizzazione del germoplasma viticolo veronese Introduzione La conservazione, lo studio e la valorizzazione della biodiversità nella Provincia di Verona non sono un attività

Dettagli

Problemi entomologici del vigneto

Problemi entomologici del vigneto Emanuele Mazzoni Istituto di Entomologia e Patologia vegetale Via Emilia parmense, 84 29122 Piacenza emanuele.mazzoni@unicatt.it Problemi entomologici del vigneto BronI (PV) 13.02.2014 Flavescenza dorata:

Dettagli

Prove di contenimento di Pseudomonas syringae pv. actinidiae. Prove su Zespri Gold nel Lazio Primo biennio di studio

Prove di contenimento di Pseudomonas syringae pv. actinidiae. Prove su Zespri Gold nel Lazio Primo biennio di studio Prove di contenimento di Pseudomonas syringae pv. actinidiae. Prove su Zespri Gold nel Lazio Primo biennio di studio Apofruit stabilimento di Aprilia Fabio Marocchi, Marco Mastroleo, Stefano Simeoni C.R.A.

Dettagli

Le malattie virali economicamente rilevanti per la qualità dell orticoltura protetta della Sicilia

Le malattie virali economicamente rilevanti per la qualità dell orticoltura protetta della Sicilia Convegno: Strategie per il Miglioramento dell Orticoltura Protetta in Sicilia - Vittoria (RG), 25-26 Novembre 2005 Le malattie virali economicamente rilevanti per la qualità dell orticoltura protetta della

Dettagli

L influenza. stagionale

L influenza. stagionale Questo opuscolo vuole fornire alcune informazioni pratiche per avere una visione corretta ed equilibrata di un fenomeno, quello dell influenza aviaria, che al momento attuale sta determinando un inutile

Dettagli

L influenza del suolo sulla performance viticola: DALL APPARATO RADICALE ALLA QUALITÀ DEL VINO

L influenza del suolo sulla performance viticola: DALL APPARATO RADICALE ALLA QUALITÀ DEL VINO L influenza del suolo sulla performance viticola: DALL APPARATO RADICALE ALLA QUALITÀ DEL VINO Fabrizio Battista, Federica Gaiotti, Davide Mosetti, Gilberto Bragato, Diego Tomasi CRA-VIT CENTRO DI RICERCA

Dettagli

Il mal dell esca aggredisce anche le viti giovani

Il mal dell esca aggredisce anche le viti giovani 54 Terra e Vita [ SPECIALE DIFESA VITE ] n. 14/2008 Il mal dell esca aggredisce anche le viti giovani [ DI GIUSEPPE FRANCESCO SPORTELLI ] Ritenuta per lungo tempo un esclusiva dei vigneti vecchi, il mal

Dettagli

INTRODUZIONE OBIETTIVI DEL PROGETTO. i) controllare la diffusione del virus nelle coltivazioni piemontesi

INTRODUZIONE OBIETTIVI DEL PROGETTO. i) controllare la diffusione del virus nelle coltivazioni piemontesi Prosecuzione ed ampliamento studio epidemiologico per la caratterizzazione dello stato sanitario delle colture di Mirtillo del Piemonte, con particolare attenzione alla presenza del Carlavirus Blueberry

Dettagli

NEBBIOLO GENOMICS: genomica strutturale-funzionale su aspetti patologici e qualitativi

NEBBIOLO GENOMICS: genomica strutturale-funzionale su aspetti patologici e qualitativi NEBBIOLO GENOMICS: genomica strutturale-funzionale su aspetti patologici e qualitativi Il gruppo di ricerca è costituto da 2 enti pubblici ed un partner operativo: Istituto di Virologia Vegetale del Consiglio

Dettagli

La Septoriosi del frumento

La Septoriosi del frumento La Septoriosi del frumento Angelo Sarti, ASTRA Innovazione e Sviluppo U.O. Mario Neri Imola (BO) angelo.sarti@astrainnovazione.it La Septoriosi del frumento è una malattia comunemente presente nei nostri

Dettagli

Servizio fitosanitario regionale

Servizio fitosanitario regionale Regione Toscana Servizio fitosanitario regionale Il laboratorio di diagnostica fitopatologica e biologia molecolare Direzione generale Competitività del sistema regionale e sviluppo delle competenze Sviluppo

Dettagli

FITOPATOLOGIA METODI DI DIFESA DELLE PRODUZIONI AGRARIE

FITOPATOLOGIA METODI DI DIFESA DELLE PRODUZIONI AGRARIE FITOPATOLOGIA METODI DI DIFESA DELLE PRODUZIONI AGRARIE PRINCIPI DI FITOPATOLOGIA DEFINIZIONE MALATTIA: insorgenza nelle pianta di processi fisiologici anormali di tipo persistente o semipersistente che

Dettagli

Laboratorio Fitopatologico Regione Campania. Organizzazione

Laboratorio Fitopatologico Regione Campania. Organizzazione Laboratorio Fitopatologico Regione Campania Organizzazione Presentazione del personale Responsabile del Laboratorio: : Paola Spigno Sezione di batteriologia: Agronomo Daniela Benchi Sezione di entomologiae

Dettagli

Relatore: Caven Elger

Relatore: Caven Elger Relatore: Caven Elger 1. Parametri basali: temperatura, luce, concime ed acqua 2. Cura dopo la fioritura 3. Fioritura ripetuta 4. Danni da parassiti 5. Danni non da parassiti 6. Caduta dei boccioli 7.

Dettagli

si comporta come perenne grazie alla sua propagazione attraverso i tuberi

si comporta come perenne grazie alla sua propagazione attraverso i tuberi LA PATATA Famiglia delle solanacee Genere solanum Pianta erbacea coltivata come annuale ma che in natura si comporta come perenne grazie alla sua propagazione attraverso i tuberi I fiori sono riuniti a

Dettagli

Agrital Ricerche Stefano Carrano marzo 2006

Agrital Ricerche Stefano Carrano marzo 2006 Impianto e cure colturali di Lampone e Rovo Agrital Ricerche Stefano Carrano marzo 2006 Propagazione Introduzione - lampone Questo lavoro è nato da una precedente raccolta di diapositive destinata ad un

Dettagli

I funghi hanno la funzione di decomporre le sostanze morte e così consentono alla sostanza organica di mettersi in circolo nel terreno.

I funghi hanno la funzione di decomporre le sostanze morte e così consentono alla sostanza organica di mettersi in circolo nel terreno. I funghi hanno la funzione di decomporre le sostanze morte e così consentono alla sostanza organica di mettersi in circolo nel terreno. L eccesso di piogge (forze lunari) in presenza di calore, aumenta

Dettagli

Le malattie del legno

Le malattie del legno Le malattie del legno della vite di origine fungina A cura di: Salvatorica Serra Dipartimento di Protezione delle Piante - Università di Sassari Renzo Peretto Dipartimento Produzioni Vegetali - Agenzia

Dettagli

Tecniche apistiche: il controllo della sciamatura

Tecniche apistiche: il controllo della sciamatura Tecniche apistiche: il controllo della sciamatura Obiettivi: - evitare o ridurre il fenomeno della sciamatura - conservare le api nell alveare o nell apiario (sciamatura temporanea) I metodi sono diversi

Dettagli

SERVIZIO DI ASSISTENZA TECNICA PER LA VITICOLTURA DELL OLTREPO PAVESE

SERVIZIO DI ASSISTENZA TECNICA PER LA VITICOLTURA DELL OLTREPO PAVESE PROVINCIA DI PAVIA CO.PRO.VI. SERVIZIO DI ASSISTENZA TECNICA PER LA VITICOLTURA DELL OLTREPO PAVESE COMUNICATO N. 4 DEL 15/04/2014 ANDAMENTO CLIMATICO E FENOLOGICO Nel corso della settimana le temperature

Dettagli

Nuove emergenze fitosanitarie a carico di latifoglie arboree in ambiente urbano

Nuove emergenze fitosanitarie a carico di latifoglie arboree in ambiente urbano Università di Padova Nuove emergenze fitosanitarie a carico di latifoglie arboree in ambiente urbano Massimo Faccoli Dipartimento DAFNAE Le latifoglie arboree in ambiente urbano presentano spesso stati

Dettagli

La catena Epidemiologica

La catena Epidemiologica La catena Epidemiologica STORIA NATURALE DELLE MALATTIE esposizione al/ai fattori di rischio insorgenza della malattia esito guarigione cronicizzazione decesso Principali differenze tra malattie infettive

Dettagli

PROGETTO INTERREGIONALE SEMENTIERO E MANGIME OGM- FREE. De Pauli Piera Servizio Fitosanitario,, Chimico Agrario, analisi e certificazione

PROGETTO INTERREGIONALE SEMENTIERO E MANGIME OGM- FREE. De Pauli Piera Servizio Fitosanitario,, Chimico Agrario, analisi e certificazione PROGETTO INTERREGIONALE SEMENTIERO E MANGIME OGM- FREE Villa Chiozza, Scodovacca di Cervignano,, 9 giugno 2008 De Pauli Piera Servizio Fitosanitario,, Chimico Agrario, analisi e certificazione Servizio

Dettagli

NOCE. Macchie nere del noce (Xanthomonas campestris pv. juglandis)

NOCE. Macchie nere del noce (Xanthomonas campestris pv. juglandis) Regione Campania -Se.S.I.R.C.A.- 1. MALATTIE BATTERICHE: Macchie nere del noce (Xanthomonas campestris pv. juglandis) CAMPIONAMENTO e SOGLIA DI PRINCIPI ATTIVI, caduta foglie apertura delle gemme - controllare

Dettagli

Insetti e acari. Linea di protezione Syngenta

Insetti e acari. Linea di protezione Syngenta Insetti e acari Linea di protezione Syngenta Le soluzioni Syngenta per la protezione dagli insetti della vite Syngenta è in grado di offrire all agricoltore una linea di insetticidi per la protezione del

Dettagli

PREVISIONI METEOROLOGICHE (LE PREVISIONI METEO SONO A CURA DELL ARPA LOMBARDIA;

PREVISIONI METEOROLOGICHE (LE PREVISIONI METEO SONO A CURA DELL ARPA LOMBARDIA; Bollettini e schede del Manuale di Viticoltura del CVP su: www.centrovitivinicoloprovinciale.it - BOLLETTINO N 09 del 23/04/2008 PREVISIONI METEOROLOGICHE (LE PREVISIONI METEO SONO A CURA DELL ARPA LOMBARDIA;

Dettagli

VARIETA DI VITE RESISTENTI ALLE MALATTIE DOTT. ERMANNO MURARI

VARIETA DI VITE RESISTENTI ALLE MALATTIE DOTT. ERMANNO MURARI VARIETA DI VITE RESISTENTI ALLE MALATTIE DOTT. ERMANNO MURARI non facciamo confusione Sensibilita Resistenza Tolleranza Le malattie della vite e l ambiente In agricoltura attualmente si distribuiscono

Dettagli

Il Dirigente Responsabile/ Il Responsabile di P.O. delegato: Riccardo Russu. Decreto N 2662 del 01 Luglio 2011

Il Dirigente Responsabile/ Il Responsabile di P.O. delegato: Riccardo Russu. Decreto N 2662 del 01 Luglio 2011 REGIONE TOSCANA-GIUNTA REGIONALE DIREZIONE GENERALE COMPETITIVITA' DEL SISTEMA REGIONALE E SVILUPPO DELLE COMPETENZE AREA DI COORDINAMENTO SVILUPPO RURALE SETTORE SERVIZIO FITOSANITARIO REGIONALE, SERVIZI

Dettagli

Giunta Regionale della Campania 326 09/09/2013 11 1 - -

Giunta Regionale della Campania 326 09/09/2013 11 1 - - Giunta Regionale della Campania DECRETO DIRIGENZIALE AREA GENERALE DI COORDINAMENTO A.G.C. 11 Sviluppo Attività Settore Primario COORDINATORE DIRIGENTE SETTORE Dr. Massaro Francesco D.ssa Passari Maria

Dettagli

Sharka sul pesco SINTOMI

Sharka sul pesco SINTOMI Sharka sul pesco La malattia comunemente nota con il nome di sharka risulta estremamente dannosa su pesco soprattutto in presenza del ceppo M, particolarmente virulento su questa drupacea. Se, a seguito

Dettagli

Corso integrato di: ISTITUZIONI DI PATOLOGIA VEGETALE E ENTOMOLOGIA AGRARIA (6c)

Corso integrato di: ISTITUZIONI DI PATOLOGIA VEGETALE E ENTOMOLOGIA AGRARIA (6c) Corso integrato di: ISTITUZIONI DI PATOLOGIA VEGETALE E ENTOMOLOGIA AGRARIA (6c) Corso di Laurea in GESTIONE TECNICA DEL TERRITORIO AGRO-FORESTALE E SVILUPPO RURALE Ordinamento triennale Anno Accademico

Dettagli

OROLOGICO 10/2015 SEGRETERIA TELEFONICA 0364/324077 : 1 MELO 2 VITE 4 PICCOLI FRUTTI

OROLOGICO 10/2015 SEGRETERIA TELEFONICA 0364/324077 : 1 MELO 2 VITE 4 PICCOLI FRUTTI BOLLETTINO AGROMETEOR OROLOGICO OLOGICO N 39 del 09/10 10/2015 www.saporidivallecamonica.it uff.agricoltura@cmvallecamonica.bs.it SEGRETERIA TELEFONICA 0364/324077 : 1 MELO 2 VITE 4 PICCOLI FRUTTI DIVISIONE

Dettagli

Dal vivaio al vigneto Oristano 7 dicembre 2005

Dal vivaio al vigneto Oristano 7 dicembre 2005 Dal vivaio al vigneto Oristano 7 dicembre 2005 I portainnesti della vite e utilizzazione negli areali della Sardegna Dott. Agr. Enol. Onofrio Graviano Consorzio Interprovinciale per la Frutticoltura di

Dettagli

Strategie per la riduzione e possibili alternative all utilizzo del rame in agricoltura biologica (ALT.RAMEinBIO) Viticoltura

Strategie per la riduzione e possibili alternative all utilizzo del rame in agricoltura biologica (ALT.RAMEinBIO) Viticoltura Strategie per la riduzione e possibili alternative all utilizzo del rame in agricoltura biologica (ALT.RAMEinBIO) Viticoltura Presentazione Il rame, utilizzato come fungicida e battericida, svolge un ruolo

Dettagli

DI COMO - LECCO - SONDRIO. Ufficio Tecnico

DI COMO - LECCO - SONDRIO. Ufficio Tecnico Consigli per ridurre la presenza di micotossine nella granella di mais (Presentato da A.I.R.E.S Associazione Raccoglitori Essiccatori Stoccatori di cereali e semi oleosi) Le ricerche sperimentali condotte

Dettagli

FRUTTICOLTURA: La scelta dei portainnesti.

FRUTTICOLTURA: La scelta dei portainnesti. FRUTTICOLTURA: La scelta dei portainnesti. I portainnesti hanno una importanza fondamentale sullo sviluppo e la produttività delle piante. Devono essere scelti con criteri di adattamento all ambiente,

Dettagli

MIGLIORAMENTO E RAZIONALIZZAZIONE DELLE TECNICHE DI DIFESA FITOPATOLOGICA IN VIVAIO DI VITE

MIGLIORAMENTO E RAZIONALIZZAZIONE DELLE TECNICHE DI DIFESA FITOPATOLOGICA IN VIVAIO DI VITE MIGLIORAMENTO E RAZIONALIZZAZIONE DELLE TECNICHE DI DIFESA FITOPATOLOGICA IN VIVAIO DI VITE Pierluigi Donna *, Marco Tonni *, Enzo Mescalchin ** * Studio Agronomico SATA (pierluigi.donna@agronomisata.it,

Dettagli

Aggiornamenti sulla carie dell actinidia. Di Marco S., Osti F. & Neri L.

Aggiornamenti sulla carie dell actinidia. Di Marco S., Osti F. & Neri L. Aggiornamenti sulla carie dell actinidia Di Marco S., Osti F. & Neri L. CNR IBIMET - Via Gobetti 101, Bologna Segnalazioni della malattia Prima segnalazione: anni 90 in impianti della Romagna ITALIA GRECIA

Dettagli

Le avversità delle piante ornamentali

Le avversità delle piante ornamentali Seminario Grottammare (AP) Le avversità delle piante ornamentali La gestione delle avversità in ambito urbano Luigi Delloste Per avversità ambientale si intende qualsiasi evento, sia di origine climatica

Dettagli

Diffusione della malattia.

Diffusione della malattia. IL VIRUS DEL MOSAICO COMUNE DEL FRUMENTO Angelo Sarti, ASTRA Innovazione e Sviluppo U.O. Mario Neri Imola (BO) angelo.sarti@astrainnovazione.it Coception Rubies-Autonnell, Dista Area di Patologia Vegetale

Dettagli

SERRA SUD AFRICA: NOTE DI COLTIVAZIONE

SERRA SUD AFRICA: NOTE DI COLTIVAZIONE SERRA SUD AFRICA: NOTE DI COLTIVAZIONE La Serra Nuova dedicata ad alcuni ambienti del Sud Africa rappresenta una delle sfide più ardue per chi lavora nell Orto Botanico di Torino. Su una superficie di

Dettagli

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIO- NALE 29 ottobre 2013, n. 2023

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIO- NALE 29 ottobre 2013, n. 2023 DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIO- NALE 29 ottobre 2013, n. 2023 Misure di emergenza per la prevenzione, il controllo e la eradicazione del batterio da quarantena Xylella fastidiosa associato al Complesso

Dettagli

ALLARME FLAVESCENZA DORATA

ALLARME FLAVESCENZA DORATA ALLARME FLAVESCENZA DORATA Pur essendo da alcuni anni sotto osservazione e oggetto di una lotta obbligatoria sul territorio regionale, la malattia non si è fermata e si sta lentamente spostando dalle province

Dettagli

Diffusione Xylella fastidiosa: EVITARE INUTILI ALLARMISMI!!!

Diffusione Xylella fastidiosa: EVITARE INUTILI ALLARMISMI!!! Diffusione Xylella fastidiosa: EVITARE INUTILI ALLARMISMI!!! Stiamo purtroppo assistendo al diffondersi di un inutile quanto infondato ed incauto allarmismo, dovuto all ipotetica presenza nel comprensorio

Dettagli

IASMA Notizie OIDIO DELLA VITE VITICOLTURA

IASMA Notizie OIDIO DELLA VITE VITICOLTURA IASMA Notizie VITICOLTURA Notiziario tecnico del Centro per l Assistenza Tecnica della Fondazione Edmund Mach - Istituto Agrario di S. Michele all Adige 5 maggio 2008 n. 4 IASMA Notizie - n. 2 - Anno VII

Dettagli

OROLOGICO MERCOLEDI 11 FEBBRAIO GIOVEDI 12 FEBBRAIO VENERDI 13 FEBBRAIO

OROLOGICO MERCOLEDI 11 FEBBRAIO GIOVEDI 12 FEBBRAIO VENERDI 13 FEBBRAIO BOLLETTINO AGROMETEOR OROLOGICO OLOGICO N 6 del 10/0 /02/2015 www.saporidivallecamonica.it uff.agricoltura@cmvallecamonica.bs.it SEGRETERIA TELEFONICA 0364/324077 : 1 MELO 2 VITE 4 PICCOLI FRUTTI DIVISIONE

Dettagli

Xylella fastidiosa. Agente del Complesso del disseccamento rapido dell olivo (CoDiRO) Regione Toscana

Xylella fastidiosa. Agente del Complesso del disseccamento rapido dell olivo (CoDiRO) Regione Toscana Regione Toscana Xylella fastidiosa Agente del Complesso del disseccamento rapido dell olivo (CoDiRO) Direzione generale Competitività del sistema regionale e sviluppo delle competenze Sviluppo rurale -

Dettagli

Bollettino Agrometeorologico Viticoltura

Bollettino Agrometeorologico Viticoltura Bollettini e schede del Manuale di Viticoltura del CVP su: www.centrovitivinicoloprovinciale.it - BOLLETTINO N 29 del 1/9/ Per la Valcamonica consultare l apposito Bollettino. Prossima emissione: Giovedì

Dettagli

SCELTA DELL AMBIENTE DI COLTIVAZIONE E VOCAZIONALITÀ

SCELTA DELL AMBIENTE DI COLTIVAZIONE E VOCAZIONALITÀ CILIEGIO Le indicazioni contenute nelle Norme Generali devono essere considerate preliminarmente alla lettura delle presenti Norme Tecniche di Coltura. SCELTA DELL AMBIENTE DI COLTIVAZIONE E VOCAZIONALITÀ

Dettagli

L impiego del calore istantaneo per ridurre i rischi da PSA nell actinidieto

L impiego del calore istantaneo per ridurre i rischi da PSA nell actinidieto L impiego del calore istantaneo per ridurre i rischi da PSA nell actinidieto Luciano Trentini Marco Mingozzi Piemonte Ha 5.000 20% Veneto Ha 3.700-14% Emilia-Romagna 4.000 Ha - 15% Lazio Ha 7.350 30% Il

Dettagli

-www.cpt-ti.ch/fito-

-www.cpt-ti.ch/fito- Occuparsi delle piante non è così facile come sembra, è infatti necessario avere delle conoscenze abbastanza approfondite per quel che riguarda la cura, le malattie più o meno comuni, le conseguenze in

Dettagli

EMERGENZA FITOSANITARIA XYLELLA FASTIDIOSA NEL SALENTO

EMERGENZA FITOSANITARIA XYLELLA FASTIDIOSA NEL SALENTO EMERGENZA FITOSANITARIA XYLELLA FASTIDIOSA NEL SALENTO Antonio GUARIO - Anna PERCOCO Servizio Fitosanitario Regione Puglia VENETO AGRICOLTURA FORUM FITOIATRICO 25 GIUGNO 2014 XYLELLA FASTIDIOSA BATTERIO

Dettagli

Avversità delle piante coltivate

Avversità delle piante coltivate Avversità delle piante coltivate Le colture agrarie, in tutte le fasi del loro ciclo, possono essere soggette ad avversità di vario genere e si calcola che, ogni anno, circa il 30% della produzione mondiale

Dettagli

MODULO DIFESA Programma dettagliato (8 CFU)

MODULO DIFESA Programma dettagliato (8 CFU) MODULO DIFESA Programma dettagliato (8 CFU) Titolo: Prodotti fitosanitari utilizzabili in Agricoltura biologica Docente: Renato Capasso Finalità. L'uso dei prodotti fitosanitari di origine naturale si

Dettagli

Il cancro batterico del pomodoro

Il cancro batterico del pomodoro Il cancro batterico del pomodoro Clavibacter michiganensis subsp. Michiganensis C. Gilli, Stazione di ricerca Agroscope Changins-Wädenswil ACW, Centro le Fougères, 1964 Conthey W. Heller, Stazione di ricerca

Dettagli

Edizioni L Informatore Agrario

Edizioni L Informatore Agrario www.vitaincampagna.it Edizioni L Informatore Agrario Tutti i diritti riservati, a norma della Legge sul Diritto d Autore e le sue sucessive modificazioni. Ogni utilizzo di quest opera per usi diversi da

Dettagli

IL CINIPIDE GALLIGENO DEL CASTAGNO

IL CINIPIDE GALLIGENO DEL CASTAGNO IL CINIPIDE GALLIGENO DEL CASTAGNO difesa delle foreste Dryocosmus kuriphilus Yatsumatsu Hymenoptera Cynipidae Cos è il Cinipide galligeno del Castagno? L imenottero cinipide Dryocosmus kuriphilus Yatsumatsu

Dettagli

Superficie complessiva: ha 07.16.81, di cui in coltura pura 04.15.39 ha e in coltura consociata ha 03.01.42

Superficie complessiva: ha 07.16.81, di cui in coltura pura 04.15.39 ha e in coltura consociata ha 03.01.42 Scheda operativa n.5 LE COLTIVAZIONE DELLE PIANTE OFFICINALI Superficie complessiva: ha 07.16.81, di cui in coltura pura 04.15.39 ha e in coltura consociata ha 03.01.42 Premessa Le piante officinali rappresentano

Dettagli

Cinquant anni di ricerca

Cinquant anni di ricerca SERVIZIO AGRICOLTURA Cinquant anni di ricerca ISTITUTO SPERIMENTALE DI FRUTTICOLTURA La creazione dell'istituto sperimentale di frutticoltura fu decisa dalla Amministrazione Provinciale di Verona con Deliberazione

Dettagli

TRASFERIMENTO GENICO IN CELLULE VEGETALI: PIANTE TRANSGENICHE

TRASFERIMENTO GENICO IN CELLULE VEGETALI: PIANTE TRANSGENICHE TRASFERIMENTO GENICO IN CELLULE VEGETALI: PIANTE TRANSGENICHE Perché manipolare geneticamente le cellule vegetali Per studiare la funzione di geni e proteine tipici degli organismi vegetali Per produrre

Dettagli

IL CINIPIDE GALLIGENO DEL CASTAGNO

IL CINIPIDE GALLIGENO DEL CASTAGNO IL CINIPIDE GALLIGENO DEL CASTAGNO ifesa delle oreste Dryocosmus kuriphilus Yat su matsu Hymenoptera Cynipidae Cos è il Cinipide galligeno del castagno? L imenottero cinipide Dryocosmus kuriphilus Yatsumatsu

Dettagli

Piano Sementiero Nazionale per l Agricoltura Biologica

Piano Sementiero Nazionale per l Agricoltura Biologica Piano Sementiero Nazionale per l Agricoltura Biologica Presentazione dei risultati del secondo biennio di attività Linee guida e disciplinari per la produzione di sementi biologiche D.ssa Alessandra Sommovigo

Dettagli

Gestione del rischio micotossine nella filiera produttiva del mais

Gestione del rischio micotossine nella filiera produttiva del mais Gestione del rischio micotossine nella filiera produttiva del mais Giuliano Mosca, Dipartimento Agronomia ambientale e Produzioni vegetali Università degli Studi di Padova 2.1 Introduzione Il frutto del

Dettagli

La città di Mendrisio promuove l azione di informazione e di sensibilizzazione in collaborazione con il Servizio fitosanitario del cantone Ticino.

La città di Mendrisio promuove l azione di informazione e di sensibilizzazione in collaborazione con il Servizio fitosanitario del cantone Ticino. CON TAGLIANDO DI RICHIESTA! 2015 lotta contro Flavescenza AMBROSIA ZANZARA TIGRE La città di Mendrisio promuove l azione di informazione e di sensibilizzazione in collaborazione con il Servizio fitosanitario

Dettagli

Quarto programma annuale dei Poli di Innovazione

Quarto programma annuale dei Poli di Innovazione FONDO EUROPEO DI SVILUPPO REGIONALE P.O.R. 2007 2013 Asse 1 : Innovazione e transizione produttiva PAR FSC 2007-2013 Linea di azione Competitività industria e artigianato Sistema produttivo Piemontese

Dettagli