LA DERIVATA DI UNA FUNZIONE

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "LA DERIVATA DI UNA FUNZIONE"

Transcript

1 LA DERIVATA DI UNA FUNZIONE OBIETTIVO: Defiire lo strumeto matematico ce cosete di studiare la cresceza e la decresceza di ua fuzioe Si comicia col defiire cosa vuol dire ce ua fuzioe è crescete. Defiizioe: ua fuzioe Y = f(), cotiua i 0, si dice crescete el puto 0 se si può trovare u itoro di 0 tale ce per tutti i suoi puti si a ce:. se < 0 allora f() < f( 0 ) 2. se > 0 allora f() > f( 0 ) f(x) Graficamete f( 0 ) Aalogamete per la decresceza co le disuguagliaze ivertite fig. f(x) ( ) 0 x 0 x Da questa defiizioe e segue ce la caratteristica di ua fuzioe crescete i 0 è ce (i liguaggio aturale), preso u puto di ascissa più grade ma sufficietemete vicio a 0, il valore della fuzioe deve risultare più grade del valore i 0 U puto poco più grade di 0 si può trovare aggiugedo u piccolo valore (icremeto) all ascissa 0, icremeto idicato di solito co ; la relazioe 2 ci assicura ce, passado dall ascissa 0 all ascissa 0 +, si a f( 0 +) f( 0 ) > 0 (vedi fig. 2) f( 0 +) B f( +) f( ) f( 0 ) A Ripetedo lo stesso icremeto el puto si vede ce vale acora la positività fig. 2 f( +) f( ) > 0 (la fuzioe è crescete ace i ) ma la differeza dei valori della fuzioe è seza dubbio miore ce el caso precedete. Appare evidete ce se si attribuisce u icremeto molto più grade a ace la differeza delle f() risulta più grade. Duque, rapportado tale differeza all icremeto dato otteiamo u umero ce, se positivo, ci dice ce la fuzioe cresce (se egativo la fuzioe decresce) e, più è grade più è veloce la cresceza della fuzioe! Defiizioe: Il rapporto Δf() f( 0 +) f( 0 ) f( 0 +) f( 0 ) = = Δ ( 0 +) 0 è ciamato rapporto icremetale. Purtroppo, le coclusioi appea trovate soo state dedotte dai valori della fuzioe ei puti A e B o curadosi di quello ce può accadere el mezzo! Ifatti, tra A e B la fuzioe a tutte le possibilità di crescere, decrescere e poi crescere di uovo seza ce vega evideziato dal valore del rapporto icremetale. Questo è u grave errore al quale si può però rimediare: è sufficiete pesare di predere l icremeto molto piccolo per ridurre la possibilità ce la fuzioe faccia saliscedi tra A e B, ma quado avremo la certezza ce le coclusioi trovate per il rapporto icremetale soo corrette? Solo quado è piccolo a piacere, ossia tede a zero!

2 Defiizioe: La derivata di ua fuzioe Y = f() i u suo puto 0 (cotiua i 0 ) è il limite del rapporto icremetale (se esiste fiito) f ( 0 ) = Lim f( 0 +) f( 0 ) Da quello ce abbiamo osservato sul rapporto icremetale, ora possiamo affermare ce la derivata della fuzioe i u puto ci dice se, i quel puto, la fuzioe cresce o decresce; più esattamete, Se f ( 0 ) > 0 allora la fuzioe è crescete i 0 Se f ( 0 ) < 0 allora la fuzioe è decrescete i 0 e ioltre Se f ( 0 ) i valore assoluto è grade allora la fuzioe cresce velocemete i 0 Se f ( 0 ) i valore assoluto è piccolo allora la fuzioe cresce letamete i 0 t Defiiremo meglio questi termii approfodedo s il sigificato grafico della derivata i u puto. Y B Il rapporto icremetale defiito prima altro o è ce il rapporto Y Y 0 Y 0 B A 0 ossia, il coefficiete agolare della retta s secate il grafico ei due puti A e B cosiderati 0 0 Ora, se facciamo tedere a zero l icremeto, il valore tede a 0, cioè il puto B tede a coicidere col puto A e la retta AB diveta la retta tagete al grafico el puto 0, per cui La derivata della fuzioe el suo puto 0 è il coefficiete agolare della retta tagete al grafico i quel puto! Si svela pertato il percé la derivata è u ottimo idicatore della cresceza o decresceza di ua fuzioe; o solo, le ultime due affermazioi si possoo precisare meglio ricordado ce il coefficiete agolare della retta bisettrice è Se f ( 0 ) > allora la fuzioe cresce i 0 più velocemete della bisettrice Se f ( 0 ) < allora la fuzioe cresce i 0 più letamete della bisettrice B Esempio: Data la fuzioe Y = 2 determiare la derivata el suo puto di ascissa 2 0 = 2 f( 0 ) = 4 2 = = 2+ f( 0 +) = (2+) 2 (2+) = = f( 0 +) f( 0 ) ( ) ( + 3) f (2) = Lim = Lim = Lim = Lim = 3 Duque, la fuzioe el puto (2 ; 2) cresce (percé la derivata è positiva) velocemete (percé il suo valore assoluto è maggiore di ) Co u calcolo perfettamete aalogo si vede ce f (0) = per cui la fuzioe el puto (0 ; 0) è decrescete (la derivata è egativa) proprio come la bisettrice (percé il suo valore assoluto è )

3 I coclusioe, data la fuzioe Y = f() si può studiare la cresceza (o decresceza) i u suo puto 0 purcé sia cotiua i quel puto: basta applicare la defiizioe e calcolare il limite. Ora, poicé ci iteressa studiare la cresceza della fuzioe i tutti i suoi puti (ove è cotiua), ivece di calcolare ua sequeza (ifiita!) di limiti tutti simili tra loro, coviee eseguire il calcolo i u puto geerico 0, così si può dedurre la derivata ovuque piaccia! Esempio: Prededo la fuzioe Y = 2 dell esempio precedete 0 f( 0 ) = f( 0 +) = ( 0 +) 2 ( 0 +) = f( 0 +) f( 0 ) ( ) ( ) f ( 0 ) = Lim = Lim = (2 0 + ) = Lim = Lim = 2 0 Tralasciado lo zero i pedice, ce è servito solo per redere meo ambigui i calcoli, il risultato della derivazioe o è u umero, ma ua fuzioe: la fuzioe derivata. Essa viee idicata geericamete co vari simboli. df I più usati soo Y = 2 ; f () = 2 ; = 2 dx Ua volta calcolata, la fuzioe derivata ci permette di studiare la cresceza (o decresceza) della fuzioe i tutti i suoi puti. Nell esempio precedete f (2) = 2 2 = 3 (come calcolato direttamete) f (0) = 2 0 = f ( ) = 2 ( ) = 3 e così via Notare ce i e 2 la derivata a lo stesso valore assoluto per cui la fuzioe a le rette tageti co la stessa icliazioe (ua decrescete e l altra crescete) Purtroppo, basta cambiare ace di poco l equazioe della fuzioe (ad esempio Y = 2 ) ce bisoga rifare tutto daccapo! Come si può calcolare la fuzioe derivata per ua fuzioe qualsiasi evitado di rifare i cotiuazioe i calcoli? Si esegue il calcolo del limite del rapporto icremetale per le fuzioi elemetari coosciute Si studiao alcui teoremi ce ci permettoo di calcolare la derivata di ua fuzioe qualuque combiado le derivate delle fuzioi elemetari

4 LE DERIVATE DELLE FUNZIONI ELEMENTARI STUDIATE ) fuzioe costate y = k y = 0 2) fuzioe lieare semplice y = x y = 3) fuzioe quadratica semplice y = x 2 y = 2x 4) fuzioe cubica semplice y = x 3 y = 3x 2 ) fuzioe poteza Y = Y = - 6) fuzioe radice quadrata y = x y = /2 x 7) fuzioe radice -sima y = x y = / x - 8) fuzioe iperbolica y = /x y = - /x 2 9) fuzioe espoeziale y = a x y = a x log e a 0) fuzioe espoeziale y = e x y = e x ) fuzioe logaritmo y = log a x y = /x log a e 2) fuzioe logaritmo aturale y = log e x y = /x Nota Bee: le derivate 2, 3, 4, 6, 7, 8 si possoo ricavare tutte dalla regola. esprimedo opportuamete le fuzioi sotto forma di poteza Dimostrazioe della REGOLA. Data la fuzioe Y =, come ell esempio precedete, usiamo la defiizioe di derivata el puto geerico f( 0 ) = 0 f( 0 +) = ( 0 +) = a a a a a Ricordado ce ello sviluppo della poteza di u biomio il primo e l ultimo coefficiete soo sempre metre il secodo ed il peultimo soo sempre uguali a (Triagolo di Tartaglia) f( 0 +) f( 0 ) a a a a a 0 f ( 0 ) = Lim = Lim a = Lim ( a ) - = Lim = 0 raccogliedo Duque Y = -

5 I PRINCIPALI TEOREMI SULLE OPERAZIONI DI DERIVAZIONE Date due fuzioi y = f(x) e y = g(x) derivabili ed ua costate reale K si ao le segueti proprietà (teoremi di derivazioe): I. Prodotto di ua fuzioe per ua costate y = K f(x) II. Somma (o differeza) di due fuzioi y = f(x) ± g(x) y = K f (x) y = f (x) ± g (x) III. Prodotto di due fuzioi y = f(x) g(x) y = f (x) g(x) + f(x) g (x) IV. Quoziete di due fuzioi f(x) f (x) g(x) + f(x) g (x) y = y = g(x) [ g(x) ] 2 V. Fuzioe di fuzioe y = f (g(x)) y = f (g(x)) g (x) ESEMPI ED OSSERVAZIONI: Y = 3 Y = 3 2 Teor. I Y = 4 3 Y = Teor. II Combiado i primi due teoremi si può derivare u qualuque poliomio: la fuzioe derivata è acora u poliomio di grado iferiore di Y = Y = Y = Co la regola si possoo derivare ace K Y ce scritta come Y K a derivata K 2 Y ' K ossia Y ' 2 K Y ce scritta come Y K a derivata K ( ) Y ' K ossia Y ' Y ce scritta come Y a derivata Y ' ossia 7 Y ce scritta come 7 7 Y a derivata Y ' ossia 6 Y ' 7 Y ' 6 La derivata di ua fuzioe composta si può applicare ace co più aidameti Es. Y log 2 a derivata (Teor. V) Y ' 2 (3 2) derivata del logaritmo derivata della radice derivata del poliomio

Sistemi LTI descrivibile mediante SDE (Equazioni alle Differenze Standard)

Sistemi LTI descrivibile mediante SDE (Equazioni alle Differenze Standard) Sistemi LTI descrivibile mediate SDE (Equazioi alle Differeze Stadard) Nella classe dei sistemi LTI ua sottoclasse è quella dei sistemi defiiti da Equazioi Stadard alle Differeze Fiite (SDE), dette così

Dettagli

1. MODELLO DINAMICO AD UN GRADO DI LIBERTÀ. 1 Alcune definizioni preliminari

1. MODELLO DINAMICO AD UN GRADO DI LIBERTÀ. 1 Alcune definizioni preliminari . MODELLO DINAMICO AD UN GRADO DI LIBERTÀ Alcue defiizioi prelimiari I sistemi vibrati possoo essere lieari o o lieari: el primo caso vale il pricipio di sovrapposizioe degli effetti el secodo o. I geerale

Dettagli

8) Sia Dato un mazzo di 40 carte. Supponiamo che esso sia mescolato in modo

8) Sia Dato un mazzo di 40 carte. Supponiamo che esso sia mescolato in modo ESERCIZI DI CALCOLO DELLE PROBABILITÁ ) Qual e la probabilita che laciado dadi a facce o esca essu? Studiare il comportameto asitotico di tale probabilita per grade. ) I u sacchetto vi soo 0 pallie biache;

Dettagli

Soluzione La media aritmetica dei due numeri positivi a e b è data da M

Soluzione La media aritmetica dei due numeri positivi a e b è data da M Matematica per la uova maturità scietifica A. Berardo M. Pedoe 6 Questioario Quesito Se a e b soo umeri positivi assegati quale è la loro media aritmetica? Quale la media geometrica? Quale delle due è

Dettagli

INTRODUZIONE ALLE SUCCESSIONI E SERIE: ALCUNI ESEMPI NOTEVOLI

INTRODUZIONE ALLE SUCCESSIONI E SERIE: ALCUNI ESEMPI NOTEVOLI INTRODUZIONE ALLE SUCCESSIONI E SERIE: ALCUNI ESEMPI NOTEVOLI Mirta Debbia LS A. F. Formiggii di Sassuolo (MO) - debbia.m@libero.it Maria Cecilia Zoboli - LS A. F. Formiggii di Sassuolo (MO) - cherubii8@libero.it

Dettagli

8. Quale pesa di più?

8. Quale pesa di più? 8. Quale pesa di più? Negli ultimi ai hao suscitato particolare iteresse alcui problemi sulla pesatura di moete o di pallie. Il primo problema di questo tipo sembra proposto da Tartaglia el 1556. Da allora

Dettagli

FONDAMENTI DI MECCANICA APPLICATA ALLE MACCHINE

FONDAMENTI DI MECCANICA APPLICATA ALLE MACCHINE DISPENSE DI: FONDAMENTI DI MECCANICA APPLICATA ALLE MACCHINE Testo di riferieto E. Fuaioli ed altri Meccaica applicata alle acchie vol. e - Ed. Patro BOZZA Idice. INTRODUZIONE ALLA MECCANICA APPLICATA

Dettagli

24 : 3 = 8 con resto 0 26 : 4 = 6 con resto 2

24 : 3 = 8 con resto 0 26 : 4 = 6 con resto 2 Dati due numeri naturali a e b, diremo che a è divisibile per b se la divisione a : b è esatta, cioè con resto 0. In questo caso diremo anche che b è un divisore di a. 24 : 3 = 8 con resto 0 26 : 4 = 6

Dettagli

PENSIONI INPDAP COME SI CALCOLANO

PENSIONI INPDAP COME SI CALCOLANO Mii biblioteca de Il Giorale Ipdap per rederci coto e sapere di piu Mii biblioteca de Il Giorale Ipdap per rederci coto e sapere di piu PENSIONI INPDAP COME SI CALCOLANO I tre sistemi I cique pilastri

Dettagli

Test non parametrici. sono uguali a quelle teoriche. (probabilità attesa), si calcola la. , cioè che le frequenze empiriche

Test non parametrici. sono uguali a quelle teoriche. (probabilità attesa), si calcola la. , cioè che le frequenze empiriche est o parametrici Il test di Studet per uo o per due campioi, il test F di Fisher per l'aalisi della variaza, la correlazioe, la regressioe, isieme ad altri test di statistica multivariata soo parte dei

Dettagli

1. Intorni di un punto. Punti di accumulazione.

1. Intorni di un punto. Punti di accumulazione. 1. Intorni di un punto. Punti di accumulazione. 1.1. Intorni circolari. Assumiamo come distanza di due numeri reali x e y il numero non negativo x y (che, come sappiamo, esprime la distanza tra i punti

Dettagli

Analisi dei segnali nel dominio del tempo

Analisi dei segnali nel dominio del tempo Appui di Teoria dei Segali a.a. / Aalisi dei segali el domiio del empo L.Verdoliva I quesa prima pare del corso sudieremo come rappreseare i segali empo coiuo e discreo el domiio del empo e defiiremo le

Dettagli

Funzioni in più variabili

Funzioni in più variabili Funzioni in più variabili Corso di Analisi 1 di Andrea Centomo 27 gennaio 2011 Indichiamo con R n, n 1, l insieme delle n-uple ordinate di numeri reali R n4{(x 1, x 2,,x n ), x i R, i =1,,n}. Dato X R

Dettagli

Sulla monotonia delle funzioni reali di una variabile reale

Sulla monotonia delle funzioni reali di una variabile reale Liceo G. B. Vico - Napoli Sulla monotonia delle funzioni reali di una variabile reale Prof. Giuseppe Caputo Premetto due teoremi come prerequisiti necessari per la comprensione di quanto verrà esposto

Dettagli

EQUAZIONI non LINEARI

EQUAZIONI non LINEARI EQUAZIONI non LINEARI Francesca Pelosi Dipartimento di Matematica, Università di Roma Tor Vergata CALCOLO NUMERICO e PROGRAMMAZIONE http://www.mat.uniroma2.it/ pelosi/ EQUAZIONI non LINEARI p.1/44 EQUAZIONI

Dettagli

Misure di base su una carta. Calcoli di distanze

Misure di base su una carta. Calcoli di distanze Misure di base su una carta Calcoli di distanze Per calcolare la distanza tra due punti su una carta disegnata si opera nel modo seguente: 1. Occorre identificare la scala della carta o ricorrendo alle

Dettagli

La f(x) dovrà rimanere all interno di questo intorno quando la x è all interno di un intorno di x 0, cioè I(x 0 ), cioè:

La f(x) dovrà rimanere all interno di questo intorno quando la x è all interno di un intorno di x 0, cioè I(x 0 ), cioè: 1 Limiti Roberto Petroni, 2011 Possiamo introdurre intuitivamente il concetto di limite dicendo che quanto più la x si avvicina ad un dato valore x 0 tanto più la f(x) si avvicina ad un valore l detto

Dettagli

Funzioni di più variabili. Ottimizzazione libera e vincolata

Funzioni di più variabili. Ottimizzazione libera e vincolata libera e vincolata Generalità. Limiti e continuità per funzioni di 2 o Piano tangente. Derivate successive Formula di Taylor libera vincolata Lo ordinario è in corrispondenza biunivoca con i vettori di

Dettagli

Sbagliando si impara...ma studiando si impara di più

Sbagliando si impara...ma studiando si impara di più Marco Bramanti Sbagliando si impara......ma studiando si impara di più "L'errore è una verità impazzita" G. K. Chesterton Questi appunti sono idealmente un complemento al libro: M. Bramanti: Esercitazioni

Dettagli

F U N Z I O N I. E LORO RAPPRESENTAZIONE GRAFICA di Carmine De Fusco 1 (ANCHE CON IL PROGRAMMA PER PC "DERIVE")

F U N Z I O N I. E LORO RAPPRESENTAZIONE GRAFICA di Carmine De Fusco 1 (ANCHE CON IL PROGRAMMA PER PC DERIVE) F U N Z I O N I E LORO RAPPRESENTAZIONE GRAFICA di Carmine De Fusco 1 (ANCHE CON IL PROGRAMMA PER PC "DERIVE") I N D I C E Funzioni...pag. 2 Funzioni del tipo = Kx... 4 Funzioni crescenti e decrescenti...10

Dettagli

ESAME DI STATO 2002 SECONDA PROVA SCRITTA PER IL LICEO SCIENTIFICO DI ORDINAMENTO

ESAME DI STATO 2002 SECONDA PROVA SCRITTA PER IL LICEO SCIENTIFICO DI ORDINAMENTO ARCHIMEDE 4/ 97 ESAME DI STATO SECONDA PROVA SCRITTA PER IL LICEO SCIENTIFICO DI ORDINAMENTO Il candidato risolva uno dei due problemi e 5 dei quesiti in cui si articola il questionario. PROBLEMA In un

Dettagli

CAPITOLO PRIMO IL CONCETTO DI ALGORITMO 1

CAPITOLO PRIMO IL CONCETTO DI ALGORITMO 1 1.1 Che cos è un algoritmo CAPITOLO PRIMO IL CONCETTO DI ALGORITMO 1 Gli algoritmi sono metodi per la soluzione di problemi. Possiamo caratterizzare un problema mediante i dati di cui si dispone all inizio

Dettagli

1 Alcuni criteri di convergenza per serie a termini non negativi

1 Alcuni criteri di convergenza per serie a termini non negativi Alcuni criteri di convergenza per serie a termini non negativi (Criterio del rapporto.) Consideriamo la serie a (.) a termini positivi (ossia a > 0, =, 2,...). Supponiamo che esista il seguente ite a +

Dettagli

2. Limite infinito di una funzione in un punto

2. Limite infinito di una funzione in un punto . Limite infinito di una funzione in un punto Consideriamo la funzione: fx ( ) = ( x ) definita in R {}, e quindi il valore di non è calcolabile in x=, che è comunque un punto di accumulazione per il dominio

Dettagli

Risposta: L area del triangolo è dove sono le misure di due lati e è l ampiezza dell angolo tra essi compreso ;

Risposta: L area del triangolo è dove sono le misure di due lati e è l ampiezza dell angolo tra essi compreso ; 1. Un triangolo ha area 3 e due lati che misurano 2 e 3. Qual è la misura del terzo lato? : L area del triangolo è dove sono le misure di due lati e è l ampiezza dell angolo tra essi compreso ; nel nostro

Dettagli

Da una a più variabili: derivate

Da una a più variabili: derivate Da una a più variabili: derivate ( ) 5 gennaio 2011 Scopo di questo articolo è di evidenziare le analogie e le differenze, relativamente al calcolo differenziale, fra le funzioni di una variabile reale

Dettagli

Logica fuzzy e calcolo delle probabilità: due facce della stessa medaglia?

Logica fuzzy e calcolo delle probabilità: due facce della stessa medaglia? Logica fuzzy e calcolo delle probabilità: due facce della stessa medaglia? Danilo Pelusi 1 Gianpiero Centorame 2 Sunto: Il seguente articolo illustra le possibili analogie e differenze tra il calcolo delle

Dettagli

Matematica B - a.a 2006/07 p. 1

Matematica B - a.a 2006/07 p. 1 Matematica B - a.a 2006/07 p. 1 Definizione 1. Un sistema lineare di m equazioni in n incognite, in forma normale, è del tipo a 11 x 1 + + a 1n x n = b 1 a 21 x 1 + + a 2n x n = b 2 (1) = a m1 x 1 + +

Dettagli

ALGEBRA I: NUMERI INTERI, DIVISIBILITÀ E IL TEOREMA FONDAMENTALE DELL ARITMETICA

ALGEBRA I: NUMERI INTERI, DIVISIBILITÀ E IL TEOREMA FONDAMENTALE DELL ARITMETICA ALGEBRA I: NUMERI INTERI, DIVISIBILITÀ E IL TEOREMA FONDAMENTALE DELL ARITMETICA 1. RICHIAMI SULLE PROPRIETÀ DEI NUMERI NATURALI Ho mostrato in un altra dispensa come ricavare a partire dagli assiomi di

Dettagli

1 Definizione: lunghezza di una curva.

1 Definizione: lunghezza di una curva. Abstract Qui viene affrontato lo studio delle curve nel piano e nello spazio, con particolare interesse verso due invarianti: la curvatura e la torsione Il primo ci dice quanto la curva si allontana dall

Dettagli