Direzione Centrale Entrate Direzione Centrale Sistemi Informativi e Tecnologici. Roma, 25/06/2014

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Direzione Centrale Entrate Direzione Centrale Sistemi Informativi e Tecnologici. Roma, 25/06/2014"

Transcript

1 Direzione Centrale Entrate Direzione Centrale Sistemi Informativi e Tecnologici Roma, 25/06/2014 Circolare n. 80 Ai Dirigenti centrali e periferici Ai Responsabili delle Agenzie Ai Coordinatori generali, centrali e periferici dei Rami professionali Al Coordinatore generale Medico legale e Dirigenti Medici e, per conoscenza, Al Commissario Straordinario Al Presidente e ai Componenti del Consiglio di Indirizzo e Vigilanza Al Presidente e ai Componenti del Collegio dei Sindaci Al Magistrato della Corte dei Conti delegato all'esercizio del controllo Ai Presidenti dei Comitati amministratori di fondi, gestioni e casse Al Presidente della Commissione centrale per l'accertamento e la riscossione dei contributi agricoli unificati Ai Presidenti dei Comitati regionali Ai Presidenti dei Comitati provinciali Allegati n.2 OGGETTO: Manuale di classificazione dei datori di lavoro aggiornato alla codifica Ateco Procedura automatizzata degli inquadramenti dei datori di lavoro. Chiarimenti sull inquadramento di particolari attività. Obbligatorietà dell unicità della posizione contributiva aziendale. SOMMARIO: 1. Procedura automatizzata di inquadramento dei datori di lavoro 2. Adozione della codifica Ateco Codici Ateco da utilizzare 4. Struttura del manuale di classificazione 5. Chiarimenti sull inquadramento di particolari attività: 5.1 Casse Edili 5.2 Sale di scommesse 6. Obbligo dell unicità della posizione contributiva aziendale 1. Procedura automatizzata di inquadramento dei datori di lavoro L evoluzione tecnologica e normativa, cui è seguita la messa a disposizione dell Istituto di diverse banche dati inerenti il mondo del lavoro e delle imprese, consente di semplificare la procedura di inquadramento dei datori di lavoro mediante un nuovo sistema automatizzato in grado di attribuire, in tempo reale, la matricola, il codice statistico contributivo (CSC) e gli eventuali codici di autorizzazione che potrebbero avere effetto su tipologia e misura dei contributi dovuti. Il nuovo sistema è coerente con l impianto normativo definito dall art. 49 della legge n. 88/89, che assegna all Istituto il potere di attribuire l inquadramento previdenziale dei datori di lavoro. La procedura automatizzata di inquadramento non modifica le regole finora seguite, che prevedono l attribuzione ai datori di lavoro di una classificazione nel settore di riferimento in relazione all attività effettivamente esercitata con i dipendenti assunti. In caso di svolgimento di attività multiple, non connotate dai caratteri dell autonomia funzionale ed organizzativa, ai fini dell inquadramento, l oggetto dell azienda deve essere valutato unitariamente sulla base della natura dell attività prevalente, con l individuazione di quella primaria; da ciò deriva che l inquadramento è di regola unico ed è determinato appunto dall attività prevalente; le altre attività sono considerate accessoriealla principale e, di conseguenza, assimilate all attività principale, della quale dovranno seguire il regime giuridico e contributivo. Ciò non impedisce, nel caso in cui vengano svolte attività multiple, l apertura di una posizione per l attività secondaria, diversa da quella principale, qualora l attività secondaria rientri in un diverso settore e presenti i caratteri di autonomia funzionale ed organizzativa, che legittimino l attribuzione di distinti inquadramenti previdenziali. La nuova procedura di iscrizione dei datori di lavoro prevede che, nella generalità dei casi, l inquadramento dei datori di lavoro avvenga automaticamente al momento di presentazione della domanda. Tuttavia, alcune attività non saranno suscettibili di inquadramento automatizzato sia per la specificità delle stesse, sia per necessità di maggiori approfondimenti sulle modalità di svolgimento dell attività con dipendenti; in questi casi, l inquadramento sarà effettuato dalla sede INPS di competenza. Si precisa che non sarà possibile ottenere l inquadramento automatizzato per una nuova iscrizione inviata oltre 45 giorni dalla data di inizio dell attività con dipendenti. In tal caso l inquadramento sarà effettuato dalla sede competente, previa verifica amministrativa, ovvero ispettiva qualora se ne ravvisi l opportunità. La nuova procedura automatizzata di inquadramento è strutturata per attribuire ai datori di lavoro l inquadramento previdenziale sulla base dell autocertificazione dell attività dichiarata e, qualora sia necessario, sulla base dell autocertificazione dell attività attraverso la compilazione di un questionario, personalizzato in base all attività indicata. L innovazione in argomento, quindi, attiene anche ai rapporti tra l Istituto e i datori di lavoro e i loro intermediari che, in tal modo, diventano soggetti che partecipano in maniera diretta alla formazione del provvedimento di inquadramento. Il nuovo sistema, nella maggioranza dei casi, consente l immediata classificazione previdenziale dei datori di lavoro, rendendo quindi possibile il tempestivo assolvimento degli obblighi contributivi.

2 Resta immutato il potere/dovere dell Inps di effettuare i controlli delle autocertificazioni. Tutte le iscrizioni effettuate mediante il sistema automatizzato di inquadramento saranno, quindi, sottoposte a verifica automatizzata per il riscontro di quanto dichiarato. In caso di esito positivo, l inquadramento automatizzato attribuito sarà consolidato. Qualora, invece, l esito dei controlli evidenziasse difformità rispetto a quanto dichiarato, la sede competente per la gestione della matricola aziendale contatterà direttamente il datore di lavoro/intermediario per evidenziare le anomalie riscontrate. Nel caso in cui l inquadramento sia stato attribuito sulla base di un autocertificazione che non abbia trovato riscontro, la sede modificherà l inquadramento sulla base delle risultanze dell istruttoria con decorrenza retroattiva. In questo caso, infatti, l inquadramento è stato attribuito sulla scorta di dati forniti che non sono risultati veritieri e non a seguito di cambio di orientamento dell Istituto sulla classificazione di quella determinata attività. 2. Adozione della codifica Ateco 2007 Con il Regolamento (CE) n. 1893/2006 del 20 dicembre 2006, successivamente modificato dal Regolamento (CE) n. 295/2008 dell 11 marzo 2008 è stata adottata, a livello europeo, una nomenclatura unica delle attività economiche finalizzata ad assolvere all esigenza di pervenire a una classificazione di riferimento unica a livello mondiale, definita come tale anche in ambito ONU. A livello nazionale, detta nuova nomenclatura viene rappresentata dalla tabella ATECO 2007, utilizzata dalla Pubblica Amministrazione quale sistema comune di classificazione delle attività economiche. Sulla base di queste premesse, anche l Istituto - cui l articolo 49 della legge 9 marzo 1989, n. 88 attribuisce la titolarità della classificazione dei datori di lavoro a tutti i fini previdenziali ed assistenziali - per consentire una lettura uniforme del tessuto produttivo da parte di tutti gli operatori economici pubblici e privati, è stato chiamato ad adeguare i propri standard e ha adottato l ATECO 2007 quale criterio di catalogazione delle attività economiche su cui basare l inquadramento dei datori di lavoro. Conseguentemente, i datori di lavoro che inviano una domanda di iscrizione all INPS hanno l obbligo di comunicare il codice dell attività economica esercitata in relazione alla posizione aziendale aperta per i dipendenti, desunto dalla tabella ATECO 2007 e riportata nel manuale (allegato n.1). Laddove il codice ATECO 2007 riguardante l attività economica esercitata e/o la descrizione di quest ultima - da indicare all atto della richiesta dell apertura di una posizione aziendale per i dipendenti - non coincidesse con il corrispondente Ateco2007 presente nella Camera di Commercio, si precisa che l inquadramento previdenziale dovrà comunque essere attribuito in relazione all attività economica dichiarata e/o al codice ATECO 2007 indicato nella domanda d iscrizione all Istituto. Come sopra specificato, qualora il datore di lavoro eserciti attività plurime con una diversa classificazione ATECO 2007 e tali attività non siano connotate dai caratteri dell autonomia funzionale ed organizzativa, dovrà essere indicato il codice relativo all attività prevalente svolta con i lavoratori dipendenti, ritenendosi le altre attività sussidiarie o ausiliarie di quella principale. In ogni caso, si chiarisce che l adozione della classificazione ATECO 2007 lascia impregiudicato il potere dell Istituto di inquadrare i datori di lavoro in uno dei settori normativamente previsti in funzione dell attività svolta, indipendentemente dal raggruppamento delle attività effettuato dall Istat. 3. Codici Ateco da utilizzare Per l individuazione delle attività, la classificazione ATECO 2007 prevede la possibilità di utilizzare fino a 6 cifre di dettaglio; qualora tale maggior livello di dettaglio non sia necessario, la classificazione può limitarsi ad utilizzare 3, 4 oppure 5 cifre. Le regole stabilite dall ISTAT prevedono che nel caso in cui il codice ATECO sia di 3, 4 o 5 cifre, lo stesso può essere esteso a sei cifre aggiungendo alla fine degli zeri. Per individuare correttamente il settore di inquadramento aziendale, nei rapporti con l INPS deve essere sempre indicato un codice a 6 cifre, contenente cioè il maggior dettaglio possibile, al fine di individuare correttamente il settore di inquadramento del datore di lavoro. La codifica a 6 cifre accettata dall INPS è esclusivamente quella contenuta nel manuale allegato e utilizzata nella procedura on line di iscrizione dei datori di lavoro. La classificazione ATECO 2007, ai fini Inps, talvolta non è esaustiva per le necessità di inquadramento previdenziale in quanto esistono attività che non sono censite dall ISTAT (es. i proprietari di fabbricato, gli assistenti parlamentari assunti direttamente dal parlamentare, i cantieri di lavoro delle Pubbliche Amministrazioni, ecc ). In tal caso, nel manuale allegato, la classificazione ufficiale ATECO 2007 è stata integrata con codici di classificazione delle attività ad uso esclusivo dell INPS (Sezione Attività dei datori di lavoro non censite dall ISTAT ). 4. Struttura del Manuale di classificazione L inquadramento attribuito dall Inps, effettuato ai sensi dell art. 49 della legge 88/89, è codificato con il codice statistico contributivo (CSC) composto da cinque cifre, dove: la prima cifra identifica il settore di attività; la seconda e terza cifra identificano la classe di attività nella quale opera il datore di lavoro (es: tessile, edilizia, metalmeccanica, ecc.); la quarta e la quinta cifra identificano la categoria, ossia la famiglia delle attività di dettaglio esercitate nell ambito della classe. Per ogni attività catalogata dall ISTAT, nel manuale è stato riportato il/i codice/i statistico contributivo (CSC) attribuito. Qualora, in relazione a specificità di interesse contributivo, sia necessario distinguere, all interno di un CSC, alcune situazioni particolari, la posizione contributiva viene contraddistinta anche da un codice di autorizzazione (CA). Se, quindi, all interno del manuale, in corrispondenza di un attività economica viene riportato oltre al CSC anche un codice di autorizzazione, ciò significa che, ai fini di un corretto inquadramento, devono essere attribuiti entrambi. Per facilitare l utilizzo del manuale di classificazione dei datori di lavoro e per mantenere la correlazione con la classificazione ATECO 2007, si è scelto di non raggruppare gli inquadramenti sulla base dei settori di attività nei quali l Inps opera la classificazione (da 1XXXX a 7XXXX), ma di adottare la medesima struttura descrittiva della classificazione delle attività economiche utilizzata dall ISTAT. All interno del manuale è riportato anche il dettaglio delle descrizioni delle attività predisposto dall ISTAT, come ausilio nella corretta classificazione dei datori di lavoro ai fini previdenziali. Qualora l attività oggetto di classificazione preveda delle particolarità, all interno di riquadri denominati ( Particolari criteri di inquadramento ) sono state aggiunte delle note contenenti il riferimento a circolari e/o messaggi emanati dall Istituto con riguardo all attività per cui viene richiesto l inquadramento. Ciò al fine di pervenire ad approfondimenti di maggior dettaglio che favoriscano l adozione di un corretto provvedimento di classificazione contributiva. 5. Chiarimenti sull inquadramento previdenziale di particolari attività: 5.1 Casse Edili

3 Con il messaggio n del 12 gennaio 1990, è stato disposto che le Casse Edili quali organismi costituiti da rappresentanti delle imprese edili e dei lavoratori dell edilizia - dovevano essere classificate fra le attività ausiliarie dell edilizia con il c.s.c , a decorrere dalla data di entrata in vigore dell art.49 della Legge 88/89, sempre che non fossero già inquadrate in tale settore. In seguito ad approfondimenti circa la natura dell attività svolta dalle Casse Edili, nonché nell ottica di una rivisitazione e di un aggiornamento della classificazione dei datori di lavoro in base all attività esercitata, si ritiene che non sia più possibile mantenere l attuale inquadramento delle Casse Edili come sopra esposto. Infatti, l attività esercitata dai suddetti organismi (i quali svolgono, in generale, un ruolo di rilievo nell assicurare ai lavoratori sia una parte importante del trattamento economico derivante dal contratto di lavoro, sia significative prestazioni integrative sul piano previdenziale e assistenziale) deve essere ricondotta nel settore terziario con il c.s.c , non potendo più essere considerata una vera e propria attività ausiliaria delle imprese edili nel senso proprio del termine, né assumendo alcuna rilevanza, ai fini classificatori, la circostanza che al personale dipendente delle Casse Edili venga applicato il contratto collettivo nazionale di lavoro del settore edile. In conseguenza, si rende necessario variare l inquadramento delle Casse Edili dal settore industria attività ausiliaria dell edilizia - al settore terziario con efficacia dal periodo di paga in corso alla data di emanazione della presente circolare, in considerazione del fatto che si tratta di una variazione disposta a seguito di un mutato indirizzo in materia da parte dell Istituto. Le sedi provvederanno, quindi, ad effettuare la variazione di inquadramento e a notificare il provvedimento alle Casse edili. 5.2 Sale di scommesse In relazione ai quesiti pervenuti circa il corretto inquadramento delle aziende che svolgono attività di case da gioco e sale di scommesse, si evidenzia che con la circolare n.66/2010, che ha recepito gli interpelli n.21/2007 e n.59/2009, è stato precisato che i lavoratori dipendenti delle case da gioco, sale scommesse e sale giochi devono essere iscritti alla Gestione ex Enpals, sempre che le attività di che trattasi siano esercitate in modo esclusivo dal datore di lavoro. Nel caso in cui, invece, l'attività abbia carattere promiscuo (essendo spesso le case da gioco e le sale giochi all'interno o annesse ai pubblici esercizi) e non rivesta carattere di autonomia, i lavoratori occupati continueranno a essere assicurati presso l INPS anche ai fini previdenziali. Le imprese che svolgono le attività descritte dovranno essere inquadrate nel settore terziario, sia ai fini del versamento delle sole contribuzioni minori (con obblighi contributivi pensionistici alla gestione ex Enpals), sia nell ipotesi di completo regime previdenziale INPS. Tenendo fermo quanto sopra, in seguito agli approfondimenti effettuati e in considerazione dell attuale fase di generale rivisitazione delle attività e della classificazione dei datori di lavoro in base alla codifica Ateco 2007, si precisa quanto segue. Nell ipotesi in cui il versamento della contribuzione pensionistica debba essere effettuato alla gestione ex Enpals, la sala di scommesse o la casa da gioco dovrà essere inquadrata con il c.s.c Laddove, invece, l attività delle sale di scommesse o delle case da gioco abbia caratteristiche per cui i lavoratori soggiacciono al completo regime previdenziale INPS, l inquadramento dovrà essere attribuito nel settore terziario con il c.s.c Obbligo dell unicità della posizione contributiva aziendale Con la circolare n. 172 del 31/12/2010 è stato introdotto il principio dell unicità della posizione contributiva. Nel corso di questi anni sono sorti dubbi circa la portata di tale innovazione, in particolare, con riferimento al dettato dei punti 2 e 3 della suddetta circolare. Al riguardo, in considerazione delle disposizioni che regolano l apertura di distinte posizioni aziendali in ragione delle quali, a norma dell articolo 49 della legge 9 marzo 1989, n. 88, sono previsti obblighi contributivi differenziati in capo al medesimo datore di lavoro e dalle quali possono discendere anche diversità di classificazione ai fini previdenziali e assistenziali, si evidenzia che il principio dell unicità della posizione contributiva aziendale non può considerarsi discrezionale ma deve intendersi come obbligatorio. Per consentire, tuttavia, un graduale adeguamento di tutti gli attori del sistema alle regole dell unicità della posizione contributiva, viene previsto un periodo transitorio, fino al , entro il quale, datori di lavoro e/o intermediari dovranno registrare nella procedura Iscrizioni e Variazioni le Unità operative alle quali abbinare i lavoratori che attualmente fanno capo a matricole aziendali diverse e chiedere la chiusura delle posizioni contributive (matricole) secondarie. In caso di mancato adempimento, le Sedi - dopo aver attivato le opportune sinergie - cesseranno d ufficio le posizioni contributive secondarie aventi il medesimo inquadramento previdenziale della posizione primaria. Si fa presente, ad ogni modo, che non potranno più essere riattivate le posizioni contributive secondarie che siano sospese durante il periodo transitorio. Le procedure informatiche saranno aggiornate al fine di recepire il contenuto delle disposizioni di cui al presente paragrafo. Si allega il manuale tecnico della procedura di Iscrizione e variazione aziende su web Internet (allegato n.2). Il Direttore Generale Nori

4 Sono presenti i seguenti allegati: Allegato N.1 Allegato N.2 Cliccare sull'icona "ALLEGATI" per visualizzarli.

5 Giugno 2014

6 ISTITUTO NAZIONALE PREVIDENZA SOCIALE DIREZIONE CENTRALE ENTRATE Manuale di classificazione dei datori di lavoro ai fini previdenziali ed assistenziali in base all'articolo 49 della legge 88/1989 Aggiornato alla codifica delle attività economiche ATECO 2007 Responsabile del progetto: Alessandro Pulcini, Direttore Vicario Direzione Centrale Entrate Progetto del manuale: Beniamino Gallo, Direzione metropolitana di Torino In collaborazione con: Santo Salvatore Girlando, Direzione Centrale Entrate Vittorio Levantino, Direzione metropolitana di Milano Elena Martina, Direzione metropolitana di Torino Giovanni Mele, Direzione Regionale Lombardia Leonardo Pascarella, Direzione provinciale di Salerno Maria Pipino, Direzione Centrale Entrate Aggiornamento: 25 giugno

7 INTRODUZIONE Adozione della classificazione delle attività ATECO 2007 Con il Regolamento (CE) n. 1893/2006 del 20 dicembre 2006, successivamente modificato dal Regolamento (CE) n. 295/2008 dell 11 marzo 2008 è stata adottata, a livello europeo, una nomenclatura unica delle attività economiche finalizzata ad assolvere all esigenza di pervenire a una classificazione di riferimento unica a livello mondiale, definita come tale anche in ambito ONU. A livello nazionale, detta nuova nomenclatura viene rappresentata dalla tabella ATECO 2007, utilizzata dalla Pubblica Amministrazione quale sistema comune di classificazione delle attività economiche. Sulla base di queste premesse, anche l Istituto cui l articolo 49 della legge 9 marzo 1989, n. 88 attribuisce la titolarità della classificazione dei datori di lavoro a tutti i fini previdenziali ed assistenziali per consentire una lettura uniforme del tessuto produttivo da parte di tutti gli operatori economici pubblici e privati, è stato chiamato ad adeguare i propri standard e ha adottato l ATECO 2007 quale criterio di catalogazione delle attività economiche su cui basare l inquadramento dei datori di lavoro. Conseguentemente, i datori di lavoro che inviano una domanda di iscrizione all INPS hanno l obbligo di comunicare il codice dell attività economica esercitata in relazione alla posizione aziendale aperta per i dipendenti, desunto dalla tabella ATECO 2007 e riportata nel presente manuale. Qualora il datore di lavoro eserciti attività plurime con una diversa classificazione ATECO 2007 e tali attività non siano connotate dai caratteri dell autonomia funzionale ed organizzativa, dovrà essere indicato il codice relativo all attività prevalente svolta con i lavoratori dipendenti, ritenendosi le altre attività sussidiarie o ausiliarie di quella principale. In ogni caso, si chiarisce che l adozione della classificazione ATECO 2007, lascia impregiudicato il potere dell Istituto di inquadrare i datori di lavoro in uno dei settori normativamente previsti in funzione dell attività svolta, indipendentemente dal raggruppamento delle attività effettuato dall Istat. Codici ATECO da utilizzare Per l individuazione delle attività, la classificazione ATECO 2007 prevede la possibilità di utilizzare fino a 6 cifre di dettaglio; qualora tale maggior livello di dettaglio non sia necessario, la classificazione può limitarsi ad utilizzare 3, 4 oppure 5 cifre. Le regole stabilite dall ISTAT prevedono che nel caso in cui il codice ATECO sia di 3, 4 o 5 cifre, lo stesso può essere espanso a sei cifre aggiungendo alla fine degli zeri. Per individuare correttamente il settore di inquadramento aziendale, nei rapporti con l INPS deve essere sempre indicato un codice a 6 cifre, contenente cioè il maggior dettaglio possibile, al fine di individuare correttamente il settore di inquadramento del datore di lavoro. La codifica a 6 cifre accettata dall INPS è esclusivamente quella contenuta nel presente manuale e utilizzata nella procedura on line di iscrizione dei datori di lavoro. La classificazione ATECO 2007, ai fini Inps, talvolta non è esaustiva per le necessità di inquadramento previdenziale in quanto esistono attività che non sono censite dall ISTAT (es. i proprietari di fabbricato, gli assistenti parlamentari assunti direttamente dal parlamentare, i cantieri di lavoro delle Pubbliche Amministrazioni, ecc ). In tal caso, nel presente manuale, la classificazione ufficiale ATECO 2007 è stata integrata con codici di classificazione delle attività ad uso esclusivo dell INPS (Sezione Attività dei datori di lavoro non censite dall ISTAT ). Struttura del manuale L inquadramento attribuito dall Inps, effettuato ai sensi dell art. 49 della legge 88/89, è codificato con il codice statistico contributivo (CSC) composto da cinque cifre, dove: la prima cifra identifica il settore di attività; la seconda e terza cifra identificano la classe di attività nella quale opera il datore di lavoro (es: tessile, edilizia, metalmeccanica, ecc.); la quarta e la quinta cifra identificano la categoria, ossia la famiglia delle attività di dettaglio esercitate nell ambito della classe. Per ogni attività catalogata dall ISTAT, nel manuale è stato riportato il/i codice statistico contributivo (CSC) attribuito. Qualora, in relazione a specificità di interesse contributivo, sia necessario distinguere, all interno di un CSC, alcune situazioni particolari, la posizione contributiva viene contraddistinta anche da un codice di autorizzazione (CA). Se, quindi, all interno del manuale, in corrispondenza di un attività economica viene riportato oltre al CSC anche un codice di autorizzazione, ciò significa che, ai fini di un corretto inquadramento, devono essere attribuiti entrambi. Per facilitare l utilizzo del manuale di classificazione dei datori di lavoro e per mantenere la correlazione con la classificazione ATECO 2007, si è scelto di non raggruppare gli inquadramenti sulla base dei settori di attività nei quali l Inps opera la classificazione (da 1XXXX a 7XXXX), ma di adottare la medesima struttura descrittiva della classificazione delle attività economiche utilizzata dall ISTAT. All interno del manuale è riportato anche il dettaglio delle descrizioni delle attività predisposto dall ISTAT, come ausilio nella corretta classificazione dei datori di lavoro ai fini previdenziali. Qualora l attività oggetto di classificazione preveda delle particolarità, all interno di riquadri denominati ( Particolari criteri di inquadramento ) sono state aggiunte delle note contenenti il riferimento a circolari e/o messaggi emanati dall Istituto con riguardo 3

8 all attività per cui viene richiesto l inquadramento. Ciò al fine di pervenire ad approfondimenti di maggior dettaglio che favoriscano l adozione di un corretto provvedimento di classificazione contributiva. Procedura di inquadramento automatizzato La procedura di iscrizione dei datori di lavoro prevede che, nella generalità dei casi, l inquadramento dei datori di lavoro avvenga automaticamente al momento di presentazione della domanda. Tuttavia, alcune attività non saranno suscettibili di inquadramento automatizzato sia per la specificità delle stesse, sia per necessità di maggiori approfondimenti sulle modalità di svolgimento dell attività con dipendenti; in questi casi, l inquadramento sarà effettuato dalla sede INPS di competenza. Si precisa che non sarà possibile ottenere l inquadramento automatizzato per una nuova iscrizione inviata oltre 45 giorni dalla data di inizio dell attività con dipendenti. In tal caso l inquadramento sarà effettuato dalla sede competente, previa verifica amministrativa, ovvero ispettiva qualora se ne ravvisi l opportunità. La procedura di inquadramento automatizzato è strutturata per attribuire ai datori di lavoro l inquadramento previdenziale sulla base dell autocertificazione dell attività dichiarata e, qualora sia necessario, sulla base dell autocertificazione dell attività attraverso la compilazione di un questionario, personalizzato in base all attività indicata. Resta immutato il potere/dovere dell Inps di effettuare i controlli delle autocertificazioni. Tutte le iscrizioni effettuate mediante il sistema di inquadramento automatizzato saranno, quindi, sottoposte a verifica automatizzata per il riscontro di quanto dichiarato. In caso di esito positivo, l inquadramento automatizzato attribuito sarà consolidato. Qualora, invece, l esito dei controlli evidenziasse difformità rispetto a quanto dichiarato, la sede competente per la gestione della matricola aziendale contatterà direttamente il datore di lavoro/intermediario per evidenziare le anomalie riscontrate. Nel caso in cui l inquadramento automatizzato sia stato attribuito su autocertificazione che non abbia trovato riscontro, la sede modificherà l inquadramento sulla base delle risultanze dell istruttoria con decorrenza retroattiva. In questo caso, infatti, l inquadramento è stato attribuito sulla scorta di dati forniti che non sono risultati veritieri e non a seguito di cambio di orientamento dell Istituto sulla classificazione di quella determinata attività. 4

9 SETTORI E CLASSI DI ATTIVITÀ SETTORE 1 INDUSTRIA Classe Descrizione 01 Attività connesse con l'agricoltura 02 Estrazione di minerali metalliferi e non metalliferi 03 Legno, carpenteria navale e arredamenti in legno 04 Alimentari ed affini 05 Produzione e prima trasformazione dei metalli (metallurgia) 06 Lavorazione e trasformazione dei metalli. meccanica di precisione 07 Tessile 08 Vestiario, abbigliamento, arredamento e affini 09 Chimica, petrolchimica, gomma e materie plastiche 10 Pelli, cuoio, calzature 11 Lavorazione dei minerali non metalliferi 12 Carta e cartotecnica; stampa ed editoria; fotografia e cinematografia 13 Edilizia. installazione impianti per l'edilizia 14 Produzione e distribuzione di energia, gas, vapore e acqua 15 Trasporti e comunicazioni 16 Servizi e attività varie 17 Industria del tabacco 18 Attività varie (igiene, nettezza urbana, spettacolo) 19 Piccola pesca 20 Pesca 21 Piccola pesca per personale non socio di cooperativa SETTORE 2 ENTI PUBBLICI 01 Enti pubblici SETTORE 3 AMMINISTRAZIONI STATALI 01 Amministrazioni statali SETTORE 4 ARTIGIANATO 01 Attività connesse con l'agricoltura 02 Estrazione di minerali metalliferi e non metalliferi 03 Legno, carpenteria navale e arredamenti in legno 04 Alimentari ed affini 05 Produzione e prima trasformazione dei metalli (metallurgia) 06 Lavorazione e trasformazione dei metalli. meccanica di precisione 07 Tessile 08 Vestiario, abbigliamento, arredamento e affini 09 Chimica, petrolchimica, gomma e materie plastiche 10 Pelli, cuoio, calzature 11 Lavorazione dei minerali non metalliferi 12 Carta e cartotecnica; stampa ed editoria; fotografia e cinematografia 13 Edilizia. installazione impianti per l'edilizia 14 Produzione e distribuzione di vapore, acqua calda, ecc. 15 Trasporti e comunicazioni 16 Servizi e attività varie 17 Industria del tabacco 18 Attività varie (igiene, nettezza urbana, spettacolo) SETTORE 5 AGRICOLTURA 01 Coltivazione, zootecnia, forestazione, attività connesse SETTORE 6 CREDITO, ASSICURAZIONE E TRIBUTI 01 Credito 02 Assicurazione 03 Servizi tributari appaltati SETTORE 7 TERZIARIO (COMMERCIO, SERVIZI, PROFESSIONI E ARTI) 01 Commercio all'ingrosso 02 Commercio al dettaglio 03 Commercio ambulante 04 Intermediari (immobiliari, agenzie di viaggio, logistica, ecc.) 05 Alberghi, pubblici esercizi e attività similari 06 Proprietari di fabbricato, chiese 07 Attività varie 5

10 SOMMARIO INTRODUZIONE... 3 SETTORI E CLASSI DI ATTIVITÀ... 5 A AGRICOLTURA, SILVICOLTURA E PESCA Particolari criteri di inquadramento COLTIVAZIONI AGRICOLE E PRODUZIONE DI PRODOTTI ANIMALI, CACCIA E SERVIZI CONNESSI COLTIVAZIONE DI COLTURE AGRICOLE NON PERMANENTI Coltivazione di cereali (escluso il riso), legumi da granella e semi oleosi Coltivazione di riso Coltivazione di ortaggi e meloni, radici e tuberi Coltivazione di canna da zucchero Coltivazione di tabacco Coltivazione di piante tessili Floricoltura e coltivazione di altre colture non permanenti COLTIVAZIONE DI COLTURE PERMANENTI Coltivazione di uva Coltivazione di frutta di origine tropicale e subtropicale Coltivazione di agrumi Coltivazione di pomacee e frutta a nocciolo Coltivazione di altri alberi da frutta, frutti di bosco e in guscio Coltivazione di frutti oleosi Coltivazione di piante per la produzione di bevande Coltivazione di spezie, piante aromatiche e farmaceutiche Coltivazione di altre colture permanenti (inclusi alberi di Natale) RIPRODUZIONE DELLE PIANTE Riproduzione delle piante ALLEVAMENTO DI ANIMALI Particolari criteri di inquadramento Allevamento di bovini da latte Allevamento di altri bovini e di bufalini Allevamento di cavalli e altri equini Allevamento di cammelli e camelidi Allevamento di ovini e caprini Allevamento di suini Allevamento di pollame Particolari criteri di inquadramento Allevamento di altri animali Particolari criteri di inquadramento COLTIVAZIONI AGRICOLE ASSOCIATE ALL ALLEVAMENTO DI ANIMALI: ATTIVITÀ MISTA Coltivazioni agricole associate all allevamento di animali: attività mista ATTIVITÀ DI SUPPORTO ALL AGRICOLTURA E ATTIVITÀ SUCCESSIVE ALLA RACCOLTA Attività di supporto alla produzione vegetale Particolari criteri di inquadramento Attività di supporto alla produzione animale Particolari criteri di inquadramento Attività successive alla raccolta Lavorazione delle sementi per la semina CACCIA, CATTURA DI ANIMALI E SERVIZI CONNESSI Caccia, cattura di animali e servizi connessi SILVICOLTURA ED UTILIZZO DI AREE FORESTALI SILVICOLTURA ED ALTRE ATTIVITÀ FORESTALI Silvicoltura ed altre attività forestali UTILIZZO DI AREE FORESTALI Utilizzo di aree forestali RACCOLTA DI PRODOTTI SELVATICI NON LEGNOSI

11 02.30 Raccolta di prodotti selvatici non legnosi SERVIZI DI SUPPORTO PER LA SILVICOLTURA Servizi di supporto per la silvicoltura PESCA E ACQUACOLTURA PESCA Pesca marina Pesca in acque dolci ACQUACOLTURA Particolari criteri di inquadramento Acquacoltura marina Acquacoltura in acque dolci B ESTRAZIONE DI MINERALI DA CAVE E MINIERE ESTRAZIONE DI CARBONE (ESCLUSA TORBA) ESTRAZIONE DI ANTRACITE Estrazione di antracite ESTRAZIONE DI LIGNITE Estrazione di lignite ESTRAZIONE DI PETROLIO GREGGIO E DI GAS NATURALE ESTRAZIONE DI PETROLIO GREGGIO Estrazione di petrolio greggio ESTRAZIONE DI GAS NATURALE Estrazione di gas naturale ESTRAZIONE DI MINERALI METALLIFERI ESTRAZIONE DI MINERALI METALLIFERI FERROSI Estrazione di minerali metalliferi ferrosi ESTRAZIONE DI MINERALI METALLIFERI NON FERROSI Estrazione di minerali di uranio e di torio Estrazione di altri minerali metalliferi non ferrosi ALTRE ATTIVITÀ DI ESTRAZIONE DI MINERALI DA CAVE E MINIERE Particolari criteri di inquadramento ESTRAZIONE DI PIETRA, SABBIA E ARGILLA Estrazione di pietre ornamentali e da costruzione, calcare, pietra da gesso, creta e ardesia Estrazione di ghiaia e sabbia; estrazione di argille e caolino ESTRAZIONE DI MINERALI DA CAVE E MINIERE N.C.A Estrazione di minerali per l industria chimica e per la produzione di fertilizzanti Estrazione di torba Estrazione di sale Estrazione di altri minerali da cave e miniere n.c.a ATTIVITÀ DEI SERVIZI DI SUPPORTO ALL ESTRAZIONE ATTIVITÀ DI SUPPORTO ALL ESTRAZIONE DI PETROLIO E DI GAS NATURALE Attività di supporto all estrazione di petrolio e di gas naturale ATTIVITÀ DI SUPPORTO PER L ESTRAZIONE DA CAVE E MINIERE DI ALTRI MINERALI Attività di supporto per l estrazione da cave e miniere di altri minerali C ATTIVITÀ MANIFATTURIERE INDUSTRIE ALIMENTARI Particolari criteri di inquadramento LAVORAZIONE E CONSERVAZIONE DI CARNE E PRODUZIONE DI PRODOTTI A BASE DI CARNE Lavorazione e conservazione di carne (escluso volatili) Lavorazione e conservazione di carne di volatili Produzione di prodotti a base di carne (inclusa la carne di volatili) LAVORAZIONE E CONSERVAZIONE DI PESCE, CROSTACEI E MOLLUSCHI Lavorazione e conservazione di pesce, crostacei e molluschi

12 10.3 LAVORAZIONE E CONSERVAZIONE DI FRUTTA E ORTAGGI Lavorazione e conservazione delle patate Produzione di succhi di frutta e di ortaggi Altra Lavorazione e conservazione di frutta e di ortaggi PRODUZIONE DI OLI E GRASSI VEGETALI E ANIMALI Produzione di oli e grassi Produzione di margarina e di grassi commestibili simili INDUSTRIA LATTIERO CASEARIA Industria lattiero casearia, trattamento igienico, conservazione del latte Produzione di gelati LAVORAZIONE DELLE GRANAGLIE, PRODUZIONE DI AMIDI E DI PRODOTTI AMIDACEI Lavorazione delle granaglie Produzione di amidi e di prodotti amidacei PRODUZIONE DI PRODOTTI DA FORNO E FARINACEI Produzione di pane; prodotti di pasticceria freschi Produzione di fette biscottate e di biscotti; produzione di prodotti di pasticceria conservati Produzione di paste alimentari, di cuscus e di prodotti farinacei simili PRODUZIONE DI ALTRI PRODOTTI ALIMENTARI Produzione di zucchero Produzione di cacao, cioccolato, caramelle e confetterie Lavorazione del tè e del caffè Particolari criteri di inquadramento Produzione di condimenti e spezie Produzione di pasti e piatti preparati Produzione di preparati omogeneizzati e di alimenti dietetici Produzione di prodotti alimentari n.c.a PRODUZIONE DI PRODOTTI PER L ALIMENTAZIONE DEGLI ANIMALI Produzione di mangimi per l'alimentazione degli animali da allevamento Produzione di prodotti per l alimentazione degli animali da compagnia INDUSTRIA DELLE BEVANDE INDUSTRIA DELLE BEVANDE Distillazione, rettifica e miscelatura degli alcolici Produzione di vini da uve Produzione di sidro e di altri vini a base di frutta Produzione di altre bevande fermentate non distillate Produzione di birra Produzione di malto Industria delle bibite analcoliche, delle acque minerali e di altre acque in bottiglia INDUSTRIA DEL TABACCO INDUSTRIA DEL TABACCO Industria del tabacco INDUSTRIE TESSILI PREPARAZIONE E FILATURA DI FIBRE TESSILI Preparazione e filatura di fibre tessili TESSITURA Tessitura FINISSAGGIO DEI TESSILI Finissaggio dei tessili ALTRE INDUSTRIE TESSILI Fabbricazione di tessuti a maglia Confezionamento di articoli tessili (esclusi gli articoli di abbigliamento) Fabbricazione di tappeti e moquette Fabbricazione di spago, corde, funi e reti Fabbricazione di tessuti non tessuti e di articoli in tali materie (esclusi gli articoli di abbigliamento) Fabbricazione di articoli tessili tecnici ed industriali Fabbricazione di altri prodotti tessili n.c.a CONFEZIONE DI ARTICOLI DI ABBIGLIAMENTO; CONFEZIONE DI ARTICOLI IN PELLE E PELLICCIA

13 14.1 CONFEZIONE DI ARTICOLI DI ABBIGLIAMENTO (ESCLUSO ABBIGLIAMENTO IN PELLICCIA) Confezione di abbigliamento in pelle Confezione di indumenti da lavoro Confezione di altro abbigliamento esterno Confezione di biancheria intima Confezione di altri articoli di abbigliamento ed accessori CONFEZIONE DI ARTICOLI IN PELLICCIA Confezione di articoli in pelliccia FABBRICAZIONE DI ARTICOLI DI MAGLIERIA Fabbricazione di articoli di calzetteria in maglia Fabbricazione di altri articoli di maglieria FABBRICAZIONE DI ARTICOLI IN PELLE E SIMILI PREPARAZIONE E CONCIA DEL CUOIO; FABBRICAZIONE DI ARTICOLI DA VIAGGIO, BORSE, PELLETTERIA E SELLERIA; PREPARAZIONE E TINTURA DI PELLICCE Preparazione e concia del cuoio; preparazione e tintura di pellicce Fabbricazione di articoli da viaggio, borse e simili, pelletteria e selleria FABBRICAZIONE DI CALZATURE Fabbricazione di calzature INDUSTRIA DEL LEGNO E DEI PRODOTTI IN LEGNO E SUGHERO (ESCLUSI I MOBILI); FABBRICAZIONE DI ARTICOLI IN PAGLIA E MATERIALI DA INTRECCIO TAGLIO E PIALLATURA DEL LEGNO Taglio e piallatura del legno FABBRICAZIONE DI PRODOTTI IN LEGNO, SUGHERO, PAGLIA E MATERIALI DA INTRECCIO Fabbricazione di fogli da impiallacciatura e di pannelli a base di legno Fabbricazione di pavimenti in parquet assemblato Fabbricazione di altri prodotti di carpenteria in legno e falegnameria per l'edilizia Fabbricazione di imballaggi in legno Fabbricazione di altri prodotti in legno, sughero, paglia e materiali da intreccio FABBRICAZIONE DI CARTA E DI PRODOTTI DI CARTA FABBRICAZIONE DI PASTA CARTA, CARTA E CARTONE Fabbricazione di pasta carta Fabbricazione di carta e cartone FABBRICAZIONE DI ARTICOLI DI CARTA E CARTONE Fabbricazione di carta e cartone ondulato e di imballaggi di carta e cartone Fabbricazione di prodotti igienico sanitari e per uso domestico in carta e ovatta di cellulosa Fabbricazione di prodotti cartotecnici Fabbricazione di carta da parati Fabbricazione di altri articoli di carta e cartone STAMPA E RIPRODUZIONE DI SUPPORTI REGISTRATI STAMPA E SERVIZI CONNESSI ALLA STAMPA Stampa di giornali Altra stampa Lavorazioni preliminari alla stampa e ai media Legatoria e servizi connessi RIPRODUZIONE DI SUPPORTI REGISTRATI Riproduzione di supporti registrati FABBRICAZIONE DI COKE E PRODOTTI DERIVANTI DALLA RAFFINAZIONE DEL PETROLIO FABBRICAZIONE DI PRODOTTI DI COKERIA Fabbricazione di prodotti di cokeria FABBRICAZIONE DI PRODOTTI DERIVANTI DALLA RAFFINAZIONE DEL PETROLIO Fabbricazione di prodotti derivanti dalla raffinazione del petrolio FABBRICAZIONE DI PRODOTTI CHIMICI FABBRICAZIONE DI PRODOTTI CHIMICI DI BASE, DI FERTILIZZANTI E COMPOSTI AZOTATI, DI MATERIE PLASTICHE E GOMMA SINTETICA IN FORME PRIMARIE Fabbricazione di gas industriali Fabbricazione di coloranti e pigmenti

14 20.13 Fabbricazione di altri prodotti chimici di base inorganici Fabbricazione di altri prodotti chimici di base organici Fabbricazione di fertilizzanti e composti azotati Fabbricazione di materie plastiche in forme primarie Fabbricazione di gomma sintetica in forme primarie FABBRICAZIONE DI AGROFARMACI E DI ALTRI PRODOTTI CHIMICI PER L AGRICOLTURA Fabbricazione di agrofarmaci e di altri prodotti chimici per l agricoltura FABBRICAZIONE DI PITTURE, VERNICI E SMALTI, INCHIOSTRI DA STAMPA E ADESIVI SINTETICI (MASTICI) Fabbricazione di pitture, vernici e smalti, inchiostri da stampa e adesivi sintetici (mastici) FABBRICAZIONE DI SAPONI E DETERGENTI, DI PRODOTTI PER LA PULIZIA E LA LUCIDATURA, DI PROFUMI E COSMETICI Fabbricazione di saponi e detergenti, di prodotti per la pulizia e la lucidatura Fabbricazione di profumi e cosmetici FABBRICAZIONE DI ALTRI PRODOTTI CHIMICI Fabbricazione di esplosivi Fabbricazione di colle Fabbricazione di oli essenziali Fabbricazione di prodotti chimici n.c.a FABBRICAZIONE DI FIBRE SINTETICHE E ARTIFICIALI Fabbricazione di fibre sintetiche e artificiali FABBRICAZIONE DI PRODOTTI FARMACEUTICI DI BASE E DI PREPARATI FARMACEUTICI FABBRICAZIONE DI PRODOTTI FARMACEUTICI DI BASE Fabbricazione di prodotti farmaceutici di base FABBRICAZIONE DI MEDICINALI E PREPARATI FARMACEUTICI Fabbricazione di medicinali e preparati farmaceutici FABBRICAZIONE DI ARTICOLI IN GOMMA E MATERIE PLASTICHE FABBRICAZIONE DI ARTICOLI IN GOMMA Fabbricazione di pneumatici e camere d aria; rigenerazione e ricostruzione di pneumatici Fabbricazione di altri prodotti in gomma FABBRICAZIONE DI ARTICOLI IN MATERIE PLASTICHE Fabbricazione di lastre, fogli, tubi e profilati in materie plastiche Fabbricazione di imballaggi in materie plastiche Fabbricazione di articoli in plastica per l edilizia Fabbricazione di altri articoli in materie plastiche FABBRICAZIONE DI ALTRI PRODOTTI DELLA LAVORAZIONE DI MINERALI NON METALLIFERI FABBRICAZIONE DI VETRO E DI PRODOTTI IN VETRO Fabbricazione di vetro piano Lavorazione e trasformazione del vetro piano Fabbricazione di vetro cavo Fabbricazione di fibre di vetro Fabbricazione e lavorazione di altro vetro (incluso vetro per usi tecnici), lavorazione di vetro cavo FABBRICAZIONE DI PRODOTTI REFRATTARI Fabbricazione di prodotti refrattari FABBRICAZIONE DI MATERIALI DA COSTRUZIONE IN TERRACOTTA Fabbricazione di piastrelle in ceramica per pavimenti e rivestimenti Fabbricazione di mattoni, tegole ed altri prodotti per l edilizia in terracotta FABBRICAZIONE DI ALTRI PRODOTTI IN PORCELLANA E IN CERAMICA Fabbricazione di prodotti in ceramica per usi domestici e ornamentali Fabbricazione di articoli sanitari in ceramica Fabbricazione di isolatori e di pezzi isolanti in ceramica Fabbricazione di altri prodotti in ceramica per uso tecnico e industriale Fabbricazione di altri prodotti in ceramica PRODUZIONE DI CEMENTO, CALCE E GESSO Produzione di cemento Produzione di calce e gesso FABBRICAZIONE DI PRODOTTI IN CALCESTRUZZO, CEMENTO E GESSO

15 23.61 Fabbricazione di prodotti in calcestruzzo per l edilizia Fabbricazione di prodotti in gesso per l edilizia Produzione di calcestruzzo pronto per l uso Produzione di malta Fabbricazione di prodotti in fibrocemento Fabbricazione di altri prodotti in calcestruzzo, gesso e cemento TAGLIO, MODELLATURA E FINITURA DI PIETRE Particolari criteri di inquadramento Taglio, modellatura e finitura di pietre FABBRICAZIONE DI PRODOTTI ABRASIVI E DI PRODOTTI IN MINERALI NON METALLIFERI N.C.A Produzione di prodotti abrasivi Fabbricazione di altri prodotti in minerali non metalliferi n.c.a METALLURGIA SIDERURGIA Siderurgia FABBRICAZIONE DI TUBI, CONDOTTI, PROFILATI CAVI E RELATIVI ACCESSORI IN ACCIAIO (ESCLUSI QUELLI IN ACCIAIO COLATO) Fabbricazione di tubi, condotti, profilati cavi e relativi accessori in acciaio (esclusi quelli in acciaio colato) FABBRICAZIONE DI ALTRI PRODOTTI DELLA PRIMA TRASFORMAZIONE DELL ACCIAIO Stiratura a freddo di barre Laminazione a freddo di nastri Profilatura mediante formatura o piegatura a freddo; fabbricazione di pannelli stratificati in acciaio Trafilatura a freddo PRODUZIONE DI METALLI DI BASE PREZIOSI E ALTRI METALLI NON FERROSI, TRATTAMENTO DEI COMBUSTIBILI NUCLEARI Produzione di metalli preziosi Produzione di alluminio Produzione di piombo, zinco e stagno e semilavorati Produzione di rame Produzione di altri metalli non ferrosi Trattamento dei combustibili nucleari FONDERIE Fusione di ghisa Fusione di acciaio Fusione di metalli leggeri Fusione di altri metalli non ferrosi FABBRICAZIONE DI PRODOTTI IN METALLO (ESCLUSI MACCHINARI E ATTREZZATURE) FABBRICAZIONE DI ELEMENTI DA COSTRUZIONE IN METALLO Fabbricazione di strutture metalliche e di parti di strutture Fabbricazione di porte e finestre in metallo FABBRICAZIONE DI CISTERNE, SERBATOI, RADIATORI E CONTENITORI IN METALLO Fabbricazione di radiatori e contenitori in metallo per caldaie per il riscaldamento centrale Fabbricazione di altre cisterne, serbatoi e contenitori in metallo FABBRICAZIONE DI GENERATORI DI VAPORE (ESCLUSI I CONTENITORI IN METALLO PER CALDAIE PER IL RISCALDAMENTO CENTRALE AD ACQUA CALDA) Fabbricazione di generatori di vapore (esclusi i contenitori in metallo per caldaie per il riscaldamento centrale ad acqua calda) FABBRICAZIONE DI ARMI E MUNIZIONI Fabbricazione di armi e munizioni FUCINATURA, IMBUTITURA, STAMPAGGIO E PROFILATURA DEI METALLI; METALLURGIA DELLE POLVERI Fucinatura, imbutitura, stampaggio e profilatura dei metalli; metallurgia delle polveri TRATTAMENTO E RIVESTIMENTO DEI METALLI; LAVORI DI MECCANICA GENERALE Trattamento e rivestimento dei metalli Lavori di meccanica generale FABBRICAZIONE DI ARTICOLI DI COLTELLERIA, UTENSILI E OGGETTI DI FERRAMENTA Fabbricazione di articoli di coltelleria e posateria

16 25.72 Fabbricazione di serrature e cerniere Fabbricazione di utensileria FABBRICAZIONE DI ALTRI PRODOTTI IN METALLO Fabbricazione di bidoni in acciaio e di contenitori analoghi Fabbricazione di imballaggi leggeri in metallo Fabbricazione di prodotti fabbricati con fili metallici, catene e molle Fabbricazione di articoli di bulloneria Fabbricazione di altri prodotti in metallo n.c.a FABBRICAZIONE DI COMPUTER E PRODOTTI DI ELETTRONICA E OTTICA; APPARECCHI ELETTROMEDICALI, APPARECCHI DI MISURAZIONE E DI OROLOGI FABBRICAZIONE DI COMPONENTI ELETTRONICI E SCHEDE ELETTRONICHE Fabbricazione di componenti elettronici Fabbricazione di schede elettroniche assemblate FABBRICAZIONE DI COMPUTER E UNITÀ PERIFERICHE Fabbricazione di computer e unità periferiche FABBRICAZIONE DI APPARECCHIATURE PER LE TELECOMUNICAZIONI Fabbricazione di apparecchiature per le telecomunicazioni FABBRICAZIONE DI PRODOTTI DI ELETTRONICA DI CONSUMO AUDIO E VIDEO Fabbricazione di prodotti di elettronica di consumo audio e video FABBRICAZIONE DI STRUMENTI E APPARECCHI DI MISURAZIONE, PROVA E NAVIGAZIONE; OROLOGI Fabbricazione di strumenti e apparecchi di misurazione, prova e navigazione (esclusi quelli ottici) Fabbricazione di orologi FABBRICAZIONE DI STRUMENTI PER IRRADIAZIONE, APPARECCHIATURE ELETTROMEDICALI ED ELETTROTERAPEUTICHE Fabbricazione di strumenti per irradiazione, apparecchiature elettromedicali ed elettroterapeutiche FABBRICAZIONE DI STRUMENTI OTTICI E ATTREZZATURE FOTOGRAFICHE Fabbricazione di strumenti ottici e attrezzature fotografiche FABBRICAZIONE DI SUPPORTI MAGNETICI ED OTTICI Fabbricazione di supporti magnetici ed ottici FABBRICAZIONE DI APPARECCHIATURE ELETTRICHE ED APPARECCHIATURE PER USO DOMESTICO NON ELETTRICHE FABBRICAZIONE DI MOTORI, GENERATORI E TRASFORMATORI ELETTRICI E DI APPARECCHIATURE PER LA DISTRIBUZIONE E IL CONTROLLO DELL ELETTRICITÀ Fabbricazione di motori, generatori e trasformatori elettrici Fabbricazione di apparecchiature per le reti di distribuzione e il controllo dell elettricità FABBRICAZIONE DI BATTERIE DI PILE ED ACCUMULATORI ELETTRICI Fabbricazione di batterie di pile ed accumulatori elettrici FABBRICAZIONE DI CABLAGGI E APPARECCHIATURE DI CABLAGGIO Fabbricazione di cavi a fibra ottica Fabbricazione di altri fili e cavi elettrici ed elettronici Fabbricazione di attrezzature per cablaggio FABBRICAZIONE DI APPARECCHIATURE PER ILLUMINAZIONE Fabbricazione di apparecchiature per illuminazione FABBRICAZIONE DI APPARECCHI PER USO DOMESTICO Fabbricazione di elettrodomestici Fabbricazione di apparecchi per uso domestico non elettrici FABBRICAZIONE DI ALTRE APPARECCHIATURE ELETTRICHE Fabbricazione di altre apparecchiature elettriche FABBRICAZIONE DI MACCHINARI ED APPARECCHIATURE N.C.A FABBRICAZIONE DI MACCHINE DI IMPIEGO GENERALE Fabbricazione di motori e turbine (esclusi i motori per aeromobili, veicoli e motocicli) Fabbricazione di apparecchiature fluidodinamiche Fabbricazione di altre pompe e compressori Fabbricazione di altri rubinetti e valvole Fabbricazione di cuscinetti, ingranaggi e organi di trasmissione (esclusi quelli idraulici)

17 28.2 FABBRICAZIONE DI ALTRE MACCHINE DI IMPIEGO GENERALE Fabbricazione di forni, bruciatori e sistemi di riscaldamento Fabbricazione di macchine e apparecchi di sollevamento e movimentazione Fabbricazione di macchine ed attrezzature per ufficio (esclusi computer e unità periferiche) Fabbricazione di utensili portatili a motore Fabbricazione di attrezzature di uso non domestico per la refrigerazione e la ventilazione Fabbricazione di altre macchine di impiego generale n.c.a FABBRICAZIONE DI MACCHINE PER L AGRICOLTURA E LA SILVICOLTURA Fabbricazione di macchine per l agricoltura e la silvicoltura FABBRICAZIONE DI MACCHINE PER LA FORMATURA DEI METALLI E DI ALTRE MACCHINE UTENSILI Fabbricazione di macchine utensili per la formatura dei metalli Fabbricazione di altre macchine utensili FABBRICAZIONE DI ALTRE MACCHINE PER IMPIEGHI SPECIALI Fabbricazione di macchine per la metallurgia Fabbricazione di macchine da miniera, cava e cantiere Fabbricazione di macchine per l industria alimentare, delle bevande e del tabacco Fabbricazione di macchine per le industrie tessili, dell abbigliamento e del cuoio (incluse parti e accessori) Fabbricazione di macchine per l industria della carta e del cartone (incluse parti e accessori) Fabbricazione di macchine per l industria delle materie plastiche e della gomma (incluse parti e accessori) Fabbricazione di macchine per impieghi speciali n.c.a. (incluse parti e accessori) FABBRICAZIONE DI AUTOVEICOLI, RIMORCHI E SEMIRIMORCHI FABBRICAZIONE DI AUTOVEICOLI Fabbricazione di autoveicoli FABBRICAZIONE DI CARROZZERIE PER AUTOVEICOLI, RIMORCHI E SEMIRIMORCHI Fabbricazione di carrozzerie per autoveicoli, rimorchi e semirimorchi FABBRICAZIONE DI PARTI ED ACCESSORI PER AUTOVEICOLI E LORO MOTORI Fabbricazione di apparecchiature elettriche ed elettroniche per autoveicoli e loro motori Fabbricazione di altre parti ed accessori per autoveicoli FABBRICAZIONE DI ALTRI MEZZI DI TRASPORTO COSTRUZIONE DI NAVI E IMBARCAZIONI Costruzione di navi e di strutture galleggianti Costruzione di imbarcazioni da diporto e sportive COSTRUZIONE DI LOCOMOTIVE E DI MATERIALE ROTABILE FERRO TRANVIARIO Costruzione di locomotive e di materiale rotabile ferro tranviario FABBRICAZIONE DI AEROMOBILI, DI VEICOLI SPAZIALI E DEI RELATIVI DISPOSITIVI Fabbricazione di aeromobili, di veicoli spaziali e dei relativi dispositivi FABBRICAZIONE DI VEICOLI MILITARI DA COMBATTIMENTO Fabbricazione di veicoli militari da combattimento FABBRICAZIONE DI MEZZI DI TRASPORTO N.C.A Fabbricazione di motocicli (inclusi i motori) Fabbricazione di biciclette e veicoli per invalidi Fabbricazione di altri mezzi di trasporto n.c.a FABBRICAZIONE DI MOBILI FABBRICAZIONE DI MOBILI Fabbricazione di mobili per ufficio e negozi Fabbricazione di mobili per cucina Fabbricazione di materassi Fabbricazione di altri mobili ALTRE INDUSTRIE MANIFATTURIERE FABBRICAZIONE DI GIOIELLERIA, BIGIOTTERIA E ARTICOLI CONNESSI; LAVORAZIONE DELLE PIETRE PREZIOSE Coniazione di monete Fabbricazione di oggetti di gioielleria e oreficeria e articoli connessi Fabbricazione di bigiotteria e articoli simili FABBRICAZIONE DI STRUMENTI MUSICALI Fabbricazione di strumenti musicali

18 32.3 FABBRICAZIONE DI ARTICOLI SPORTIVI Fabbricazione di articoli sportivi FABBRICAZIONE DI GIOCHI E GIOCATTOLI Fabbricazione di giochi e giocattoli FABBRICAZIONE DI STRUMENTI E FORNITURE MEDICHE E DENTISTICHE Fabbricazione di strumenti e forniture mediche e dentistiche INDUSTRIE MANIFATTURIERE N.C.A Fabbricazione di scope e spazzole Altre industrie manifatturiere n.c.a RIPARAZIONE, MANUTENZIONE ED INSTALLAZIONE DI MACCHINE ED APPARECCHIATURE RIPARAZIONE E MANUTENZIONE DI PRODOTTI IN METALLO, MACCHINE ED APPARECCHIATURE Riparazione e manutenzione di prodotti in metallo Riparazione e manutenzione di macchinari Riparazione e manutenzione di apparecchiature elettroniche ed ottiche Riparazione e manutenzione di apparecchiature elettriche Riparazione e manutenzione di navi e imbarcazioni (esclusi i loro motori) Riparazione e manutenzione di aeromobili e di veicoli spaziali Riparazione e manutenzione di locomotive e di materiale rotabile ferro tranviario (esclusi i loro motori) Riparazione di altre apparecchiature INSTALLAZIONE DI MACCHINE ED APPARECCHIATURE INDUSTRIALI Installazione di macchine ed apparecchiature industriali D FORNITURA DI ENERGIA ELETTRICA, GAS, VAPORE E ARIA CONDIZIONATA FORNITURA DI ENERGIA ELETTRICA, GAS, VAPORE E ARIA CONDIZIONATA PRODUZIONE, TRASMISSIONE E DISTRIBUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA Produzione di energia elettrica Trasmissione di energia elettrica Distribuzione di energia elettrica Commercio di energia elettrica PRODUZIONE DI GAS; DISTRIBUZIONE DI COMBUSTIBILI GASSOSI MEDIANTE CONDOTTE Produzione di gas Distribuzione di combustibili gassosi mediante condotte Commercio di gas distribuito mediante condotte FORNITURA DI VAPORE E ARIA CONDIZIONATA Fornitura di vapore e aria condizionata E FORNITURA DI ACQUA; RETI FOGNARIE, ATTIVITÀ DI GESTIONE DEI RIFIUTI E RISANAMENTO RACCOLTA, TRATTAMENTO E FORNITURA DI ACQUA RACCOLTA, TRATTAMENTO E FORNITURA DI ACQUA Raccolta, trattamento e fornitura di acqua GESTIONE DELLE RETI FOGNARIE GESTIONE DELLE RETI FOGNARIE Gestione delle reti fognarie ATTIVITÀ DI RACCOLTA, TRATTAMENTO E SMALTIMENTO DEI RIFIUTI; RECUPERO DEI MATERIALI RACCOLTA DEI RIFIUTI Raccolta di rifiuti non pericolosi Raccolta di rifiuti pericolosi TRATTAMENTO E SMALTIMENTO DEI RIFIUTI Trattamento e smaltimento di rifiuti non pericolosi Trattamento e smaltimento di rifiuti pericolosi RECUPERO DEI MATERIALI Demolizione di carcasse e cantieri di demolizione navali Recupero e cernita di materiali ATTIVITÀ DI RISANAMENTO E ALTRI SERVIZI DI GESTIONE DEI RIFIUTI ATTIVITÀ DI RISANAMENTO E ALTRI SERVIZI DI GESTIONE DEI RIFIUTI

19 39.00 Attività di risanamento e altri servizi di gestione dei rifiuti F COSTRUZIONI COSTRUZIONE DI EDIFICI SVILUPPO DI PROGETTI IMMOBILIARI Sviluppo di progetti immobiliari COSTRUZIONE DI EDIFICI RESIDENZIALI E NON RESIDENZIALI Costruzione di edifici residenziali e non residenziali INGEGNERIA CIVILE COSTRUZIONE DI STRADE E FERROVIE Costruzione di strade e autostrade Costruzione di linee ferroviarie e metropolitane Costruzione di ponti e gallerie COSTRUZIONE DI OPERE DI PUBBLICA UTILITÀ Costruzione di opere di pubblica utilità per il trasporto di fluidi Costruzione di opere di pubblica utilità per l energia elettrica e le telecomunicazioni COSTRUZIONE DI ALTRE OPERE DI INGEGNERIA CIVILE Costruzione di opere idrauliche Costruzione di altre opere di ingegneria civile n.c.a LAVORI DI COSTRUZIONE SPECIALIZZATI DEMOLIZIONE E PREPARAZIONE DEL CANTIERE EDILE Demolizione Preparazione del cantiere edile Trivellazioni e perforazioni INSTALLAZIONE DI IMPIANTI ELETTRICI, IDRAULICI ED ALTRI LAVORI DI COSTRUZIONE E INSTALLAZIONE Installazione di impianti elettrici Installazione di impianti idraulici, di riscaldamento e di condizionamento dell aria Altri lavori di costruzione e installazione COMPLETAMENTO E FINITURA DI EDIFICI Intonacatura Posa in opera di infissi Rivestimento di pavimenti e di muri Tinteggiatura e posa in opera di vetri Altri lavori di completamento e di finitura degli edifici ALTRI LAVORI SPECIALIZZATI DI COSTRUZIONE Realizzazione di coperture Altri lavori specializzati di costruzione n.c.a Particolari criteri di inquadramento G COMMERCIO ALL INGROSSO E AL DETTAGLIO; RIPARAZIONE DI AUTOVEICOLI E MOTOCICLI COMMERCIO ALL INGROSSO E AL DETTAGLIO E RIPARAZIONE DI AUTOVEICOLI E MOTOCICLI COMMERCIO DI AUTOVEICOLI Commercio di autovetture e di autoveicoli leggeri Commercio di altri autoveicoli MANUTENZIONE E RIPARAZIONE DI AUTOVEICOLI Manutenzione e riparazione di autoveicoli COMMERCIO DI PARTI E ACCESSORI DI AUTOVEICOLI Commercio all ingrosso ed intermediazione di parti e accessori di autoveicoli Commercio al dettaglio di parti e accessori di autoveicoli COMMERCIO, MANUTENZIONE E RIPARAZIONE DI MOTOCICLI E RELATIVE PARTI ED ACCESSORI Commercio, manutenzione e riparazione di motocicli e relative parti ed accessori COMMERCIO ALL INGROSSO (ESCLUSO QUELLO DI AUTOVEICOLI E DI MOTOCICLI) INTERMEDIARI DEL COMMERCIO Intermediari del commercio di materie prime agricole, di animali vivi, di materie prime tessili e di semilavorati Intermediari del commercio di combustibili, minerali, metalli e prodotti chimici

20 46.13 Intermediari del commercio di legname e materiali da costruzione Intermediari del commercio di macchinari, impianti industriali, navi e aeromobili Intermediari del commercio di mobili, articoli per la casa e ferramenta Intermediari del commercio di prodotti tessili, abbigliamento, pellicce, calzature e articoli in pelle Intermediari del commercio di prodotti alimentari, bevande e tabacco Intermediari del commercio specializzato in altri prodotti Intermediari del commercio di vari prodotti senza prevalenza di alcuno COMMERCIO ALL INGROSSO DI MATERIE PRIME AGRICOLE E DI ANIMALI VIVI Commercio all ingrosso di cereali, tabacco grezzo, sementi e alimenti per il bestiame (mangimi) Commercio all ingrosso di fiori e piante Commercio all ingrosso di animali vivi Commercio all ingrosso di pelli e cuoio COMMERCIO ALL INGROSSO DI PRODOTTI ALIMENTARI, BEVANDE E PRODOTTI DEL TABACCO Commercio all ingrosso di frutta e ortaggi freschi o conservati Commercio all'ingrosso di carne e di prodotti a base di carne Commercio all ingrosso di prodotti lattiero caseari, uova, oli e grassi commestibili Commercio all ingrosso di bevande Commercio all ingrosso di prodotti del tabacco Commercio all ingrosso di zucchero, cioccolato, dolciumi e prodotti da forno Commercio all ingrosso di caffè, tè, cacao e spezie Commercio all ingrosso di altri prodotti alimentari, inclusi pesci, crostacei e molluschi Commercio all ingrosso non specializzato di prodotti alimentari, bevande e tabacco COMMERCIO ALL INGROSSO DI BENI DI CONSUMO FINALE Commercio all ingrosso di prodotti tessili Commercio all ingrosso di abbigliamento e di calzature Commercio all ingrosso di elettrodomestici, elettronica di consumo audio e video; articoli per fotografia, cinematografia e ottica Commercio all ingrosso di articoli di porcellana, di vetro e di prodotti per la pulizia Commercio all ingrosso di profumi e cosmetici Commercio all ingrosso di prodotti farmaceutici Commercio all ingrosso di mobili, tappeti e articoli per l illuminazione Commercio all ingrosso di orologi e di gioielleria Commercio all'ingrosso di altri beni di consumo COMMERCIO ALL INGROSSO DI APPARECCHIATURE ICT Commercio all ingrosso di computer, apparecchiature informatiche periferiche e di software Commercio all ingrosso di apparecchiature elettroniche per telecomunicazioni e componenti elettronici COMMERCIO ALL'INGROSSO DI ALTRI MACCHINARI, ATTREZZATURE E FORNITURE Commercio all ingrosso di macchinari, attrezzature e forniture agricole Commercio all ingrosso di macchine utensili Commercio all ingrosso di macchinari per l estrazione, l edilizia e l ingegneria civile Commercio all ingrosso di macchinari per l industria tessile, di macchine per cucire e per maglieria Commercio all'ingrosso di mobili per ufficio e negozi Commercio all'ingrosso di altre macchine e attrezzature per ufficio Commercio all ingrosso di altri macchinari e attrezzature COMMERCIO ALL INGROSSO SPECIALIZZATO DI ALTRI PRODOTTI Commercio all'ingrosso di combustibili solidi, liquidi, gassosi e di prodotti derivati Commercio all'ingrosso di metalli e di minerali metalliferi Commercio all'ingrosso di legname e di materiali da costruzione, apparecchi igienico sanitari, vetro piano, vernici e colori Commercio all ingrosso di ferramenta, di apparecchi e accessori per impianti idraulici e di riscaldamento Commercio all ingrosso di prodotti chimici Commercio all ingrosso di altri prodotti intermedi Commercio all ingrosso di rottami e cascami COMMERCIO ALL INGROSSO NON SPECIALIZZATO Commercio all ingrosso non specializzato COMMERCIO AL DETTAGLIO (ESCLUSO QUELLO DI AUTOVEICOLI E DI MOTOCICLI) COMMERCIO AL DETTAGLIO IN ESERCIZI NON SPECIALIZZATI Commercio al dettaglio in esercizi non specializzati con prevalenza di prodotti alimentari e bevande Commercio al dettaglio in altri esercizi non specializzati COMMERCIO AL DETTAGLIO DI PRODOTTI ALIMENTARI, BEVANDE E TABACCO IN ESERCIZI SPECIALIZZATI

Direzione Centrale Entrate Direzione Centrale Sistemi Informativi e Tecnologici

Direzione Centrale Entrate Direzione Centrale Sistemi Informativi e Tecnologici Direzione Centrale Entrate Direzione Centrale Sistemi Informativi e Tecnologici Roma, 25/06/2014 Circolare n. 80 Ai Dirigenti centrali e periferici Ai Responsabili delle Agenzie Ai Coordinatori generali,

Dettagli

Report Statistico Settoriale: analisi economica congiunturale dei settori industriali

Report Statistico Settoriale: analisi economica congiunturale dei settori industriali Dipartimento per l'impresa e l'internazionalizazione Direzione generale per la politica industriale e la competitività STATISTICHEIMPRESA Report Statistico Settoriale: analisi economica congiunturale dei

Dettagli

Database Settori: scheda personalizzabile su congiuntura e struttura dei settori industriali

Database Settori: scheda personalizzabile su congiuntura e struttura dei settori industriali Dipartimento per l'impresa e l'internazionalizzazione Direzione generale per la politica industriale e la competitività STATINDUSTRIA Database Settori: scheda personalizzabile su congiuntura e struttura

Dettagli

Report Statistico Settoriale: analisi economica strutturale e congiunturale dei settori industriali

Report Statistico Settoriale: analisi economica strutturale e congiunturale dei settori industriali Dipartimento per l'impresa e l'internazionalizzazione Direzione generale per la politica industriale e la competitività STATINDUSTRIA Report Statistico Settoriale: analisi economica strutturale e congiunturale

Dettagli

Allegato C Dgr n. 4215 del 30.12.2008 pag. 1 /16

Allegato C Dgr n. 4215 del 30.12.2008 pag. 1 /16 Allegato C Dgr n. 4215 del 30.12.2008 pag. 1 /16 (L.R. n. 3/1997 - Bando 2008) Elenco delle attività ammissibili (codici attività ISTAT ATECO 2007) Con esclusione dei prodotti di cui all'allegato 1 del

Dettagli

ALLEGATO 2 SETTORI CHE AFFERISCONO AI CLUSTER DEL DISTRETTO TECNOLOGICO DELL UMBRIA (DTU)

ALLEGATO 2 SETTORI CHE AFFERISCONO AI CLUSTER DEL DISTRETTO TECNOLOGICO DELL UMBRIA (DTU) ALLEGATO 2 SETTORI CHE AFFERISCONO AI CLUSTER DEL DISTRETTO TECNOLOGICO DELL UMBRIA (DTU) 1. MATERIALI SPECIALI METALLURGICI 2. MICRO E NANOTECNOLOGIE 3. MECCANICA AVANZATA 4. MECCATRONICA Le tabelle seguenti

Dettagli

SETTORI CHE AFFERISCONO AI CLUSTER DEL DISTRETTO TECNOLOGICO DELL UMBRIA (DTU)

SETTORI CHE AFFERISCONO AI CLUSTER DEL DISTRETTO TECNOLOGICO DELL UMBRIA (DTU) 164 Supplemento ordinario n. 3 al «Bollettino Ufficiale» - serie generale - n. 43 del 24 settembre 08 SETTORI CHE AFFERISCONO AI CLUSTER DEL DISTRETTO TECNOLOGICO DELL UMBRIA (DTU) Allegato 2 1. MATERIALI

Dettagli

COMUNE DI SASSARI Settore Organizzazione e Gestione Risorse Umane

COMUNE DI SASSARI Settore Organizzazione e Gestione Risorse Umane COMUNE DI SASSARI Settore Organizzazione e Gestione Risorse Umane ALLEGATO A Elenco delle classi di appartenenza ammissibili, estratto dalla classificazione delle attività economiche ATECO 2007. N.B.:

Dettagli

RISCHIO ALTO - RISCHIO MEDIO - RISCHIO BASSO

RISCHIO ALTO - RISCHIO MEDIO - RISCHIO BASSO RISCHIO ALTO - RISCHIO MEDIO - RISCHIO BASSO RISCHIO CORSO PER ADDETTI CORSO PER ADDETTI AL FORMAZIONE CORSO R.S.P.P. AGGIORNAMENTO AL PRIMO PRIMO SOCCORSO OBBLIGATORIA BASE INTERO QUINQUENNALE SOCCORSO

Dettagli

Sezione di attività economica:=agricoltura, Silvicoltura e Pesca

Sezione di attività economica:=agricoltura, Silvicoltura e Pesca Sezione di attività economica:=agricoltura, Silvicoltura e Pesca Coltivazioni Agricole e Produzione di Prodotti Animali, Caccia e Servizi Connessi Coltivazione di Colture Agricole non Permanenti 70 Coltivazione

Dettagli

Classificazione delle attività economiche ATECO 2007

Classificazione delle attività economiche ATECO 2007 Classificazione delle attività economiche ATECO 2007 A AGRICOLTURA, SILVICOLTURA E PESCA 01 COLTIVAZIONI AGRICOLE E PRODUZIONE DI PRODOTTI ANIMALI, CACCIA E SERVIZI CONNESSI 01.1 COLTIVAZIONE DI COLTURE

Dettagli

ATECO ATECO DIZIONE ATECO 2007 2007 2002 Tavola di raccordo tra Ateco 2007 e Ateco 2002 (*)

ATECO ATECO DIZIONE ATECO 2007 2007 2002 Tavola di raccordo tra Ateco 2007 e Ateco 2002 (*) TAVOLA DI RACCORDO TRA ATECO 2007 E ATECO 2002 Tavola di raccordo tra Ateco 2007 e Ateco 2002 (*) A AGRICOLTURA, SILVICOLTURA E PESCA 01 COLTIVAZIONI AGRICOLE E PRODUZIONE DI PRODOTTI ANIMALI, CACCIA E

Dettagli

Codici ATECO AGRICOLTURA - SILVICOLTURA - PESCA COLTIVAZIONI AGRICOLE - PRODUZIONE DI PRODOTTI ANIMALI CACCIA E SERVIZI CONNESSI

Codici ATECO AGRICOLTURA - SILVICOLTURA - PESCA COLTIVAZIONI AGRICOLE - PRODUZIONE DI PRODOTTI ANIMALI CACCIA E SERVIZI CONNESSI Codici ATECO AGRICOLTURA - SILVICOLTURA - PESCA COLTIVAZIONI AGRICOLE - PRODUZIONE DI PRODOTTI ANIMALI CACCIA E SERVIZI CONNESSI Tipo D.I.A. 01. 11. 10 Coltivazione di cereali (escluso il riso) 01. 11.

Dettagli

- Settori ammissibili per Linea di Intervento

- Settori ammissibili per Linea di Intervento Allegato C - Settori ammissibili per Linea di Intervento Settori ammissibili (CODICI ATECO 2007) Linee di intervento Codice Sezione C: ATTIVITA MANIFATTURIERE Limitatamente ai seguenti codici: Classe 10.52:

Dettagli

CODICI ATECO PER RSPP

CODICI ATECO PER RSPP CLASSIFICAZIONE MACROSETTORI DI ATTIVITA' SETTORI ATECO 1 Agricoltura A 2 Pesca B Estrazione minerali CA 3 Altre industrie estrattive CB Costruzioni F Industrie alimentari ecc DA Tessili, abbigliamento

Dettagli

Manuale di classificazione dei datori di lavoro ai fini previdenziali ed assistenziali in base all'articolo 49 della legge 88/1989

Manuale di classificazione dei datori di lavoro ai fini previdenziali ed assistenziali in base all'articolo 49 della legge 88/1989 Giugno 2014 ISTITUTO NAZIONALE PREVIDENZA SOCIALE DIREZIONE CENTRALE ENTRATE Manuale di classificazione dei datori di lavoro ai fini previdenziali ed assistenziali in base all'articolo 49 della legge 88/1989

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico Dipartimento per la Competitività - Direzione Generale per la Politica Industriale Ufficio E1 - Armi Chimiche - Legge 496/95 Classificazione delle Attività Economiche

Dettagli

da 3 a 5 014Servizi connessi con agric e zootec da 3 a 4 ESERCIZIO E NOLEGGIO DI MEZZI E DI MACCHINE AGRICOLE PER CONTO TERZI, 01411CON PERSONALE

da 3 a 5 014Servizi connessi con agric e zootec da 3 a 4 ESERCIZIO E NOLEGGIO DI MEZZI E DI MACCHINE AGRICOLE PER CONTO TERZI, 01411CON PERSONALE CLASSIFICAZIONE DELLE ATTIVITA' ECONOMICHE Classificazione riassuntiva per sezioni, sottosezioni e divisioni DESCRIZIONE A - Agricoltura, caccia e silvicoltura Proposta PESO 01 Agricoltura, caccia e relativi

Dettagli

ALLEGATOC alla Dgr n. 3501 del 30 dicembre 2010 ALLEGATOC alla Dgr n. 3501 del 30 dicembre 2010

ALLEGATOC alla Dgr n. 3501 del 30 dicembre 2010 ALLEGATOC alla Dgr n. 3501 del 30 dicembre 2010 Allegato C Dgr n. del pag. 1 /13 ALLEGATOC alla Dgr n. 3501 del 30 dicembre 2010 ALLEGATOC alla Dgr n. 3501 del 30 dicembre 2010 BANDO PUBBLICO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PER SERVIZI DI CONSULENZA

Dettagli

GUIDA ALLA CLASSIFICAZIONE DELLE ATTIVITA ECONOMICHE

GUIDA ALLA CLASSIFICAZIONE DELLE ATTIVITA ECONOMICHE GUIDA ALLA CLASSIFICAZIONE DELLE ATTIVITA ECONOMICHE (Sezione, sottosezione, divisione e gruppo) A AGRICOLTURA, CACCIA E SILVICOLTURA 01 AGRICOLTURA, CACCIA E RELATIVI SERVIZI 01.1 Coltivazioni agricole;

Dettagli

UNIONE EUROPEA REGIONE CALABRIA REPUBBLICA ITALIANA POR FESR CALABRIA 2007-2013 ASSE VII SISTEMI PRODUTTIVI

UNIONE EUROPEA REGIONE CALABRIA REPUBBLICA ITALIANA POR FESR CALABRIA 2007-2013 ASSE VII SISTEMI PRODUTTIVI UNIONE EUROPEA REGIONE CALABRIA REPUBBLICA ITALIANA POR FESR CALABRIA 2007-2013 ASSE VII SISTEMI PRODUTTIVI Linea di Intervento 7.1.4.3 Promozione dell imprenditoria giovanile AVVISO PUBBLICO per la selezione

Dettagli

Allegato 8) Codici Ateco 2007

Allegato 8) Codici Ateco 2007 10 INDUSTRIE ALIMENTARI 10.1 LAVORAZIONE E CONSERVAZIONE DI CARNE E PRODUZIONE DI PRODOTTI A BASE DI CARNE 10.11 Lavorazione e conservazione di carne (escluso volatili) 10.11.0 Produzione di carne non

Dettagli

Struttura Ateco 2007. Codice Ateco 2007. Descrizione

Struttura Ateco 2007. Codice Ateco 2007. Descrizione Codice Ateco 2007 Struttura Ateco 2007 Descrizione C ATTIVITÀ MANIFATTURIERE 10 INDUSTRIE ALIMENTARI 10.1 LAVORAZIONE E CONSERVAZIONE DI CARNE E PRODUZIONE DI PRODOTTI A BASE DI CARNE 10.11 Lavorazione

Dettagli

SETTORI DI INVESTIMENTO AMMISSIBILI Allegato B

SETTORI DI INVESTIMENTO AMMISSIBILI Allegato B SETTORI DI INVESTIMENTO AMMISSIBILI Allegato B B Codice Ateco 2007 SETTORI DI INVESTIMENTO AMMISSIBILI Descrizione ESTRAZIONE DI MINERALI DA CAVE E MINIERE 08 ALTRE ATTIVITÀ DI ESTRAZIONE DI MINERALI DA

Dettagli

Classificazione di Attività (NACE) Bollettino d informazione CLASSIFICAZIONE DI ATTIVITÀ (NACE)

Classificazione di Attività (NACE) Bollettino d informazione CLASSIFICAZIONE DI ATTIVITÀ (NACE) CLASSIFICAZIONE DI ATTIVITÀ (NACE) ATTIVITÀ DI PRODUZIONE, TRASFORMAZIONE, MANIPOLAZIONE E DISTRIBUZIONE ALL INGROSSO DI MERCI: PESCA, PISCICOLTURA E SERVIZI CONNESSI. NACE B. 1. Pesca (05.01) 2. Piscicoltura

Dettagli

BANDO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI ALLE IMPRESE COMMERCIALI (L.R. 13/00, art. 4, comma 3-ter)

BANDO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI ALLE IMPRESE COMMERCIALI (L.R. 13/00, art. 4, comma 3-ter) G BANDO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI ALLE IMPRESE COMMERCIALI ALLEGATO B CODICI ATECO AMMISSIBILI PER IL BANDO 2008 COMMERCIO ALL INGROSSO E AL DETTAGLIO; RIPARAZIONE DI AUTOVEICOLI, MOTOCICLI E DI

Dettagli

Allegato L 6 COMMERCIO AL DETTAGLIO DI OGGETTI D'ARTE, DI CULTO E DI DECORAZIONE, CHINCAGLIERIA E BIGIOTTERIA

Allegato L 6 COMMERCIO AL DETTAGLIO DI OGGETTI D'ARTE, DI CULTO E DI DECORAZIONE, CHINCAGLIERIA E BIGIOTTERIA Settori del commercio (Sezione G), secondo la classificazione delle attività ATECO 2002, ammessi alle agevolazioni ai sensi della normativa comunitaria. G 50 10 G 50 30 G 50 50 G 51 12 0 COMMERCIO DI AUTOVEICOLI

Dettagli

NOGA Nomenclatura generale delle attività economiche Titoli

NOGA Nomenclatura generale delle attività economiche Titoli NOGA Nomenclatura generale delle attività economiche Titoli Berna, 2002 Informazioni: Realizzazione: Diffusione: Esther Nagy, BFS Tel. ++41 32 713 66 72 / E-Mail: esther.nagy@bfs.admin.ch Jean Wiser, BFS

Dettagli

CODICE Sezione. Allegato a)

CODICE Sezione. Allegato a) CODICE Sezione Tavola codici Ateco 2007 per il Registro Imprese DECLARATORIE B ESTRAZIONE DI MINERALI DA CAVE E MINIERE 05 B ESTRAZIONE DI CARBONE (ESCLUSA TORBA) 06 B ESTRAZIONE DI PETROLIO GREGGIO E

Dettagli

CATALOGO REGIONALE (DIZIONARIO) ENDOPROCEDIMENTI TIPO 2 AVVIO DI ATTIVITA

CATALOGO REGIONALE (DIZIONARIO) ENDOPROCEDIMENTI TIPO 2 AVVIO DI ATTIVITA CATALOGO REGIONALE (DIZIONARIO) ENDOPROCEDIMENTI TIPO 2 AVVIO DI ATTIVITA DA INTEGRARE in sede di caricamento su RETE DEI SUAP AL CODICE ISTAT AGGIUNGERE LA SIGLA A DI FRONTE AL CODICE AL NOME DELL ATTIVITA

Dettagli

Allegato 2 - Individuazione macrocategorie di rischio e corrispondenze ATECO 2002_2007

Allegato 2 - Individuazione macrocategorie di rischio e corrispondenze ATECO 2002_2007 Allegato 2 - Individuazione macrocategorie di rischio e corrispondenze ATECO 2002_2007 Rischio BASSO (Datore di lavoro R.S.P.P. 16 ore - Formazione per i Dipendenti 4 ore modulo generale + 4 ore modulo

Dettagli

CLASSIFICAZIONE PER SEZIONI E DIVISIONI

CLASSIFICAZIONE PER SEZIONI E DIVISIONI CLASSIFICAZIONE PER SEZIONI E DIVISIONI CLASSIFICAZIONE PER SEZIONI E DIVISIONI 51 A AGRICOLTURA, SILVICOLTURA E PESCA 01 COLTIVAZIONI AGRICOLE E PRODUZIONE DI PRODOTTI ANIMALI, CACCIA E SERVIZI CONNESSI

Dettagli

Studi di settore UD20U e UD32U Fabbricazione e lavorazione di prodotti in metallo; Fabbricazione macchine e apparecchi meccanici.

Studi di settore UD20U e UD32U Fabbricazione e lavorazione di prodotti in metallo; Fabbricazione macchine e apparecchi meccanici. Studi di settore UD20U e UD32U Fabbricazione e lavorazione di prodotti in metallo; Fabbricazione macchine e apparecchi meccanici. 2007: Le attività interessate sono quelle relative ai seguenti codici ATECO

Dettagli

La Legge 949/52 LE SPESE AMMISSIBILI. Investimenti agevolabili in conto interessi

La Legge 949/52 LE SPESE AMMISSIBILI. Investimenti agevolabili in conto interessi La Legge 949/52 La Legge 949/52 è rivolta alle imprese artigiane (anche in forma cooperativa e consortile) ed alle c.d. microimprese, ovvero secondo la definizione del MAP per come recepita dal Regolamento

Dettagli

AGRICOLTURA, SILVICOLTURA E PESCA

AGRICOLTURA, SILVICOLTURA E PESCA Allegato 3 Codice Istat/Ateco 2007 (Tabella dei titoli a quattro cifre della classificazione delle attività economiche Ateco 2007, in vigore dal 1 Gennaio 2008) CODICE DESCRIZIONE A AGRICOLTURA, SILVICOLTURA

Dettagli

DIPARTIMENTO PER L IMPRESA E L INTERNAZIONALIZZAZIONE. FILIERE PRODUTTIVE E TERRITORI Prime Analisi

DIPARTIMENTO PER L IMPRESA E L INTERNAZIONALIZZAZIONE. FILIERE PRODUTTIVE E TERRITORI Prime Analisi DIPARTIMENTO PER L IMPRESA E L INTERNAZIONALIZZAZIONE FILIERE PRODUTTIVE E TERRITORI Prime Analisi Giugno 2012 1 FILIERE PRODUTTIVE E TERRITORI Prime Analisi Il principale scopo di questo lavoro è fornire

Dettagli

Tavola codici Ateco 2007 ammissibili

Tavola codici Ateco 2007 ammissibili Allegato 4 Tavola codici Ateco 2007 ammissibili CODIC Sezion DECLARATORIE E e 10 C INDUSTRIE ALIMENTARI (Sono escluse dalle agevolazioni le attività di trasformazione dei prodotti agricoli di cui all Allegato

Dettagli

La demografia delle imprese

La demografia delle imprese La demografia delle imprese Imprese registrate e attive per divisioni di attività economica (ATECO 2007) alla fine dei trimestri 2011. Iscrizioni e cessazioni trimestrali nel 2011 SEZIONE E DIVISIONE DI

Dettagli

30.12.2006 IT Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 393/7

30.12.2006 IT Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 393/7 30.12.2006 IT Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 393/7 ALLEGATO I NACE REV. 2 A SEZIONE A AGRICOLTURA, SILVICOLTURA E PESCA 01 Produzioni vegetali e animali, caccia e servizi connessi 01.1 Coltivazione

Dettagli

ISTRUZIONI PER INDIVIDUARE LA DURATA DEL CORSO A CUI ISCRIVERE I LAVORATORI, DIRIGENTI, PREPOSTI E DATORI DI LAVORO CHE SVOLGONO IL RUOLO DI RSPP

ISTRUZIONI PER INDIVIDUARE LA DURATA DEL CORSO A CUI ISCRIVERE I LAVORATORI, DIRIGENTI, PREPOSTI E DATORI DI LAVORO CHE SVOLGONO IL RUOLO DI RSPP G.QUATTRO SERVIZI S.R.L. via San Rocco, 7 35028 Piove di Sacco (PD) C.F e P.IVA 0348078 02 81 N R.E.A. PD 315121 www.gquattroservizi.it Tel. 049970 127 3 Fax 049 97 117 28 E-mail: info@gquattroservizi.it

Dettagli

Proposta di Polizza Assicurazione Crediti

Proposta di Polizza Assicurazione Crediti Proposta di Polizza Assicurazione Crediti Le informazioni contenute in questo modulo sono ad uso esclusivo di Euler Hermes SIAC e verranno trattate con la massima riservatezza, la sua sottoscrizione non

Dettagli

C28 Fabbricazione di macchinari ed apparecchiature nca 302 258-6 302 258 2 3

C28 Fabbricazione di macchinari ed apparecchiature nca 302 258-6 302 258 2 3 Tav 1.1 Imprese registrate e attive per divisioni di attività economica (ATECO 2007) I e II trimestre 2012. Iscrizioni e cessazioni trimestrali Provincia di CREMONA Fonte: Infocamere, Stockview, 2012 SEZIONE

Dettagli

Al Dipartimento di Prevenzione della ASL.. per il tramite del Comune di.. Allegato

Al Dipartimento di Prevenzione della ASL.. per il tramite del Comune di.. Allegato Modulo per la notifica all Autorità competente delle attività in campo alimentare soggette a registrazione ai sensi dell articolo 6 del Regolamento (CE) n. 852/2004 Allegato Al Dipartimento di Prevenzione

Dettagli

L economia reale dal punto di osservazione della Camera di commercio. - Allegato statistico - A cura dell Ufficio Studi e Statistica

L economia reale dal punto di osservazione della Camera di commercio. - Allegato statistico - A cura dell Ufficio Studi e Statistica RAPPORTO 2010 L economia reale dal punto di osservazione della Camera di commercio - Allegato statistico - A cura dell Ufficio Studi e Statistica La demografia delle imprese Imprese registrate e attive

Dettagli

CONFINDUSTRIA COMO. 4 dicembre 2009 Paolo Torri

CONFINDUSTRIA COMO. 4 dicembre 2009 Paolo Torri CONFINDUSTRIA COMO ESENZIONE ACCISE ENERGETICHE 4 dicembre 2009 Paolo Torri Incontro del 1. Energia Elettrica 2. Gas naturale 3. Normativa 4. Soggetti coinvolti 5. Modalità Operative 6. Considerazioni

Dettagli

Tabella Attività economiche (ATECO)

Tabella Attività economiche (ATECO) Tabella Attività economiche (ATECO) AGRICOLTURA, SILVICOLTURA E PESCA COLTIVAZIONI AGRICOLE E PRODUZIONE DI PRODOTTI ANIMALI, CACCIA E SERVIZI CONNESSI Coltivazione di cereali (escluso il riso), legumi

Dettagli

COMUNICATO OPERATORE ECONOMICO AUTORIZZATO (AEO): ELENCO CODICI ATTIVITA PER PRESENTAZIONE ISTANZA

COMUNICATO OPERATORE ECONOMICO AUTORIZZATO (AEO): ELENCO CODICI ATTIVITA PER PRESENTAZIONE ISTANZA Prot. 66938 Roma, 12 maggio 2009 COMUNICATO OPERATORE ECONOMICO AUTORIZZATO (AEO): ELENCO CODICI ATTIVITA PER PRESENTAZIONE ISTANZA L Agenzia delle Dogane comunica che a seguito delle modifiche apportate

Dettagli

PROGETTO ULISSE CLASSIFICAZIONE PRODOTTI

PROGETTO ULISSE CLASSIFICAZIONE PRODOTTI PROGETTO ULISSE CLASSIFICAZIONE PRODOTTI STUDIABO Srl via Santo Stefano 57, 40125 Bologna tel: +39 051 5870353 P.IVA e C.F. 03087661207 www.studiabo.it Dicembre 2011 2 Indice Presentazione...3 Comparti...4

Dettagli

Il sottoscritto... nato a (prov.. ) il (gg/mm/aa)... residente in.. (prov...) via/piazza.. n... c.a.p... codice fiscale... Tel... Fax e.mail..

Il sottoscritto... nato a (prov.. ) il (gg/mm/aa)... residente in.. (prov...) via/piazza.. n... c.a.p... codice fiscale... Tel... Fax e.mail.. Modulo per la notifica all Autorità competente delle attività in campo alimentare soggette a registrazione ai sensi dell articolo 6 del Regolamento (CE) n. 852/853/854 2004 S.C.I.A. di notifica Igienico

Dettagli

Classificazione delle attività economiche ammesse Riduzione Accisa da Legge 24 novembre 2006, n. 286

Classificazione delle attività economiche ammesse Riduzione Accisa da Legge 24 novembre 2006, n. 286 Classificazione delle attività economiche ammesse Riduzione Accisa da Legge 24 novembre 2006, n. 286 G - COMMERCIO ALL'INGROSSO E AL DETTAGLIO; RIPARAZIONE DI AUTOVEICOLI, MOTOCICLI E DI BENI PERSONALI

Dettagli

Note metodologiche AVVIAMENTI DOMANDA/OFFERTA LAVORO FORME GIURIDICHE

Note metodologiche AVVIAMENTI DOMANDA/OFFERTA LAVORO FORME GIURIDICHE Note metodologiche AVVIAMENTI Avviamenti stabili e temporanei Avviamenti stabili: avviamenti avvenuti con contratti a tempo indeterminato oppure a tempo determinato con durata uguale o superiore all anno.

Dettagli

ISTAT Classificazione delle attività economiche ATECO 2002 (Dicembre 2002) A AGRICOLTURA, CACCIA E SILVICOLTURA 01 AGRICOLTURA, CACCIA E RELATIVI

ISTAT Classificazione delle attività economiche ATECO 2002 (Dicembre 2002) A AGRICOLTURA, CACCIA E SILVICOLTURA 01 AGRICOLTURA, CACCIA E RELATIVI ISTAT Classificazione delle attività economiche ATECO 2002 (Dicembre 2002) A AGRICOLTURA, CACCIA E SILVICOLTURA 01 AGRICOLTURA, CACCIA E RELATIVI SERVIZI 01.1 COLTIVAZIONI AGRICOLE, ORTICOLTURA, FLORICOLTURA

Dettagli

Tabella di raccordo codici ATECO 2007/ATECOFIN 2004

Tabella di raccordo codici ATECO 2007/ATECOFIN 2004 Tabella di raccordo codici / 2004 TABELLA DI RACCORDO TRA 2004 E (6 CIFRE) Descrizione Ateco 2007 01.11.1p 01.11.10 Coltivazione di cereali (escluso il riso) 01.11.1p 01.12.00 Coltivazione di riso 01.11.2

Dettagli

ISTAT Classificazione delle attività economiche ATECO 2002 (Dicembre 2002)

ISTAT Classificazione delle attività economiche ATECO 2002 (Dicembre 2002) ISTAT Classificazione delle attività economiche ATECO 2002 (Dicembre 2002) A AGRICOLTURA, CACCIA E SILVICOLTURA 01 AGRICOLTURA, CACCIA E RELATIVI SERVIZI 01.1 COLTIVAZIONI AGRICOLE, ORTICOLTURA, FLORICOLTURA

Dettagli

Classificazione delle attività economiche TECOFIN. derivata dalla classificazione delle attività economiche ATECO 2002

Classificazione delle attività economiche TECOFIN. derivata dalla classificazione delle attività economiche ATECO 2002 Classificazione delle attività economiche A TECOFIN 2004 derivata dalla classificazione delle attività economiche ATECO 2002 I N D I C E PARTE PRIMA CLASSIFICAZIONE PER SEZIONI, SOTTOSEZIONI, DIVISIONI,

Dettagli

CONTI ECONOMICI DELLE IMPRESE

CONTI ECONOMICI DELLE IMPRESE 19 CONTI ECONOMICI DELLE IMPRESE INDAGINE ANNUALE SUL SISTEMA DEI CONTI DELLE IMPRESE L indagine sul Sistema dei Conti delle Imprese (SCI) condotta dall ISTAT, già indagine sul prodotto lordo, fornisce

Dettagli

Classificazione delle attività economiche ATECO 2002

Classificazione delle attività economiche ATECO 2002 Classificazione delle attività economiche ATECO 2002 A AGRICOLTURA, CACCIA E SILVICOLTURA 01 AGRICOLTURA, CACCIA E RELATIVI SERVIZI 011 COLTIVAZIONI AGRICOLE, ORTICOLTURA, FLORICOLTURA 0111 Coltivazioni

Dettagli

Struttura Ateco 2007

Struttura Ateco 2007 Struttura 10.7 PRODUZIONE DI PRODOTTI DA FORNO E FARINACEI 10.71 Produzione di pane; prodotti di pasticceria freschi 10.71.1 Produzione di prodotti di panetteria freschi 10.71.10 Produzione di prodotti

Dettagli

Paniere dell'indice dei prezzi al consumo per l'intera collettività nazionale - Anno 2008 coefficienti di ponderazione - base dicembre 2007 = 100

Paniere dell'indice dei prezzi al consumo per l'intera collettività nazionale - Anno 2008 coefficienti di ponderazione - base dicembre 2007 = 100 Riso 1.064 Pane 13.504 Pasta 5.808 Cereali e farine 590 Pasticceria 4.905 Biscotti dolci 2.742 Biscotti salati 1.709 Alimenti dietetici 374 Altri cereali e piatti pronti 2.505 Carne bovina fresca 18.572

Dettagli

Tabella di raccordo codici ATECO 2007/ATECOFIN 2004 aggiornata con le modifiche decorrenti dal 1 gennaio 2009

Tabella di raccordo codici ATECO 2007/ATECOFIN 2004 aggiornata con le modifiche decorrenti dal 1 gennaio 2009 Tabella di raccordo codici / 2004 aggiornata con le modifiche decorrenti dal 1 gennaio 2009 TABELLA DI RACCORDO TRA 2004 E a sei cifre, decorrenza 1 gennaio 2009 01.11.1p 01.11.10 Coltivazione di cereali

Dettagli

Agevolazioni per le imprese industriali e di servizi

Agevolazioni per le imprese industriali e di servizi Agevolazioni per le imprese industriali e di servizi A chi si rivolge? Possono presentare istanza le micro, piccole o medie imprese, indicate nell allegato A riportato in calce, già iscritte nel registro

Dettagli

Investimenti fissi lordi per branca proprietaria, stock di capitale e ammortamenti Anni 1970-2005

Investimenti fissi lordi per branca proprietaria, stock di capitale e ammortamenti Anni 1970-2005 25 Ottobre 2006 Investimenti fissi lordi per branca proprietaria, stock di capitale e ammortamenti Anni 1970-2005 L Istat rende disponibili le serie storiche degli investimenti per branca proprietaria

Dettagli

ISTAT. Classificazione delle attività economiche

ISTAT. Classificazione delle attività economiche ISTAT Classificazione delle attività economiche ATECO 2002 ISTAT Classificazione delle attività economiche ammesse alle agevolazioni previste dalla legge 488/92 - Artigianato ATECO 2002 Le agevolazioni

Dettagli

Tabelle regionali con cadenza mensile. Provincia autonoma di Bolzano. Analisi della numerosità degli infortuni

Tabelle regionali con cadenza mensile. Provincia autonoma di Bolzano. Analisi della numerosità degli infortuni Tabelle regionali con cadenza mensile Provincia autonoma di Bolzano Analisi della numerosità degli infortuni Dati rilevati al 30 settembre 2015 Nota metodologica Nelle tabelle mensili le totalizzazioni

Dettagli

Tabelle regionali con cadenza mensile. Regione Piemonte. Analisi della numerosità degli infortuni

Tabelle regionali con cadenza mensile. Regione Piemonte. Analisi della numerosità degli infortuni Tabelle regionali con cadenza mensile Regione Piemonte Analisi della numerosità degli infortuni Dati rilevati al 30 settembre 2015 Nota metodologica Nelle tabelle mensili le totalizzazioni delle denunce

Dettagli

Tabelle regionali con cadenza mensile. Regione Lombardia. Analisi della numerosità degli infortuni

Tabelle regionali con cadenza mensile. Regione Lombardia. Analisi della numerosità degli infortuni Tabelle regionali con cadenza mensile Regione Lombardia Analisi della numerosità degli infortuni Dati rilevati al 31 gennaio 2015 Nota metodologica Nelle tabelle mensili le totalizzazioni delle denunce

Dettagli

TABELLA DEI CODICI ATECO AI SENSI DELL ARTICOLO 2.5.1 DEL CONTRATTO DI FINANZIAMENTO QUADRO ALLEGATO ALLA CONVENZIONE CDP-ABI DEL 5 AGOSTO 2014

TABELLA DEI CODICI ATECO AI SENSI DELL ARTICOLO 2.5.1 DEL CONTRATTO DI FINANZIAMENTO QUADRO ALLEGATO ALLA CONVENZIONE CDP-ABI DEL 5 AGOSTO 2014 TABELLA DEI CODICI ATECO AI SENSI DELL ARTICOLO 2.5.1 DEL CONTRATTO DI FINANZIAMENTO QUADRO ALLEGATO ALLA CONVENZIONE CDP-ABI DEL 5 AGOSTO 2014 Ove i Finanziamenti concessi alla Parte Finanziata a valere

Dettagli

ACCORDO DI PARTENARIATO ICE SANPAOLO BANCO DI NAPOLI SPA MODULO DI ACQUISTO CARTA SERVIZI

ACCORDO DI PARTENARIATO ICE SANPAOLO BANCO DI NAPOLI SPA MODULO DI ACQUISTO CARTA SERVIZI ACCORDO DI PARTENARIATO ICE SANPAOLO BANCO DI NAPOLI SPA MODULO DI ACQUISTO CARTA SERVIZI CARTA SERVIZI: DURATA: COSTO: NUMERO DELLA CARTA ICE SANPAOLO BANCO DI NAPOLI SPA 12 Mesi 180,00 Euro + I.V.A.

Dettagli

! "! # $%# &'() *'' +

! ! # $%# &'() *'' + ,! "! # $%# &'() *'',!" #$! $% & ' ( )) * )))),)))!! $,) ) ) ( -! '() $!./$" ). )0)!"%$ 1!))&) 11.%2 *"#$'( &'$ $ ( ) ) )(&3)(.1 (.$) 21 ))4)*#.%2' 5 0 11 ( 2,*"#$'('*#$ )(, )'*, $ %1)6$*7 -! & & , "!

Dettagli

AGRICOLTURA, SILVICOLTURA, PESCA E RELATIVI SERVIZI

AGRICOLTURA, SILVICOLTURA, PESCA E RELATIVI SERVIZI ESTRATTO TABELLA CPA 2008 PER L A CODIFICA DEI SERVIZI RESI O RICEVUTI IN AMBITO INTRACOMUNIATARIO I CODICI DA INDICARE NELLA DICHIARAZIONE INTRA DEVONO ESSERE DI SEI CARATTERI AGRICOLTURA, SILVICOLTURA,

Dettagli

ALLEGATO I SERIE DI DATI

ALLEGATO I SERIE DI DATI ALLEGATO I SERIE DI DATI 1. SETTORE DEI SERVIZI Tabella riepilogativa Codice delle serie 1A 1B 1C 1D 1E 1P Denominazione Statistiche annuali sulle imprese Settore dei servizi Statistiche annuali sulle

Dettagli

I CODICI DA INDICARE NELLA DICHIARAZIONE INTRA DEVONO ESSERE DI SEI CARATTERI

I CODICI DA INDICARE NELLA DICHIARAZIONE INTRA DEVONO ESSERE DI SEI CARATTERI ESTRATTO TABELLA CPA 2008 PER L A CODIFICA DEI SERVIZI RESI O RICEVUTI IN AMBITO INTRACOMUNIATARIO I CODICI DA INDICARE NELLA DICHIARAZIONE INTRA DEVONO ESSERE DI SEI CARATTERI A AGRICOLTURA, SILVICOLTURA,

Dettagli

Classificazione delle attività economiche TECOFIN. derivata dalla classificazione delle attività economiche ATECO 2002

Classificazione delle attività economiche TECOFIN. derivata dalla classificazione delle attività economiche ATECO 2002 Classificazione delle attività economiche A TECOFIN 2004 derivata dalla classificazione delle attività economiche ATECO 2002 Il presente volume è conforme a quello realizzato dall Istat Classificazione

Dettagli

a) Soggetti Beneficiari sulla base della Delibera di Giunta regionale 986/2013

a) Soggetti Beneficiari sulla base della Delibera di Giunta regionale 986/2013 SOGGETTI BENEFICIARI I codici ATECO 2007 che verranno considerati sono quelli di attività primaria risultanti dalla visura camerale al momento della presentazione della domanda. a) Soggetti Beneficiari

Dettagli

DELIBERA GIUNTALE APPROVAZIONE PIANO SITUAZIONE DI DIFFICOTÀ OCCUPAZIONALE AMBITO TERRITORIALE CODICI ATECO 2002 CODICI ATECO 2007 24 METALLURGIA

DELIBERA GIUNTALE APPROVAZIONE PIANO SITUAZIONE DI DIFFICOTÀ OCCUPAZIONALE AMBITO TERRITORIALE CODICI ATECO 2002 CODICI ATECO 2007 24 METALLURGIA SITUAZIONE DI DIFFICOTÀ OCCUPAZIONALE DELIBERA GIUNTALE APPROVAZIONE PIANO AMBITO TERRITORIALE CODICI ATECO 2002 CODICI ATECO 2007 24 METALLURGIA 24.1 Siderurgia 24.2 Fabbricazione di tubi, condotti, profilati

Dettagli

Incontro informativo. Fiscalità energetica: esenzione delle accise per alcuni processi produttivi. Milano, 12 aprile 2011

Incontro informativo. Fiscalità energetica: esenzione delle accise per alcuni processi produttivi. Milano, 12 aprile 2011 Incontro informativo Fiscalità energetica: esenzione delle accise per alcuni processi produttivi Milano, 12 aprile 2011 Esenzione e fuori campo per i processi produttivi Criteri di applicazione e requisiti

Dettagli

BREVE ANALISI DEL NUOVO ACCORDO SULLA FORMAZIONE DEI LAVORATORI, DEI PREPOSTI DEI DIRIGENTI E DEI DATORI DI LAVORO CHE ASSUMONO IL RUOLO DI RSPP

BREVE ANALISI DEL NUOVO ACCORDO SULLA FORMAZIONE DEI LAVORATORI, DEI PREPOSTI DEI DIRIGENTI E DEI DATORI DI LAVORO CHE ASSUMONO IL RUOLO DI RSPP BREVE ANALISI DEL NUOVO ACCORDO SULLA DEI LAVORATORI, DEI PREPOSTI DEI DIRIGENTI E DEI DATORI DI LAVORO CHE ASSUMONO IL RUOLO DI RSPP Nella seduta del 21 dicembre 2011 la Conferenza permanente per i rapporti

Dettagli

REPERTORIO DELLE QUALIFICAZIONI PROFESSIONALI DELLA REGIONE CAMPANIA

REPERTORIO DELLE QUALIFICAZIONI PROFESSIONALI DELLA REGIONE CAMPANIA REPERTORIO DELLE QUALIFICAZIONI PROFESSIONALI DELLA REGIONE CAMPANIA SETTORE ECONOMICO PROFESSIONALE 1 SETTORE MECCANICA; PRODUZIONE E MANUTENZIONE DI MACCHINE; IMPIANTISTICA Processo Lavorazioni Meccaniche

Dettagli

Allegato I. La Formazione via e-learning sulla sicurezza e salute sul lavoro. Premessa

Allegato I. La Formazione via e-learning sulla sicurezza e salute sul lavoro. Premessa Allegato I La Formazione via e-learning sulla sicurezza e salute sul lavoro Premessa La formazione alla sicurezza svolta in aula ha rappresentato tradizionalmente il modello di formazione in grado di garantire

Dettagli

SOSTEGNO ALLO START UP DI MICROIMPRESE DI NUOVA COSTITUZIONE REALIZZATE DA SOGGETTI SVANTAGGIATI

SOSTEGNO ALLO START UP DI MICROIMPRESE DI NUOVA COSTITUZIONE REALIZZATE DA SOGGETTI SVANTAGGIATI SOSTEGNO ALLO START UP DI MICROIMPRESE DI NUOVA COSTITUZIONE REALIZZATE DA SOGGETTI SVANTAGGIATI AVVISO AI SENSI DEL ROGOLAMENTO REGIONALE N. 25 DEL 21.11.2008 PUBBLICATO SUL B.U.R.P. N. 182 DEL 25.11.2008

Dettagli

Veneto. Interscambio commerciale con il Kazakhstan

Veneto. Interscambio commerciale con il Kazakhstan Veneto. Interscambio commerciale con il Kazakhstan Gian Angelo Bellati Segretario Generale Unioncamere Veneto Inaugurazione Consolato Onorario della Repubblica del Kazakhstan 29 gennaio 2013 Venezia www.unioncamereveneto.it

Dettagli

Intermediari del commercio di autovetture e di autoveicoli leggeri (incluse le agenzie di compravendita) 45.1 COMMERCIO DI AUTOVEICOLI

Intermediari del commercio di autovetture e di autoveicoli leggeri (incluse le agenzie di compravendita) 45.1 COMMERCIO DI AUTOVEICOLI Codici attività per i quali si può usufruire dell aliquota ridotta in seguito all entrata in vigore dell art. 7 del D.L. 262 del 2006, con riferimento alla classificazione Ateco 2007 G COMMERCIO ALL INGROSSO

Dettagli

FINANZIAMENTI PER L'ACQUISTO DI NUOVI MACCHINARI, IMPIANTI E ATTREZZATURE DA PARTE DI PICCOLE E MEDIE IMPRESE D.M.

FINANZIAMENTI PER L'ACQUISTO DI NUOVI MACCHINARI, IMPIANTI E ATTREZZATURE DA PARTE DI PICCOLE E MEDIE IMPRESE D.M. BENEFICIARI Piccole e medie imprese. FINANZIAMENTI PER L'ACQUISTO DI NUOVI MACCHINARI, IMPIANTI E ATTREZZATURE DA PARTE DI PICCOLE E MEDIE IMPRESE D.M. 27 novembre 2013 INTERVENTI AMMESSI Gli investimenti

Dettagli

CONVERSIONE DEL DECRETO CRESCITA NELLA L. 116/2014. PARTE PRIMA

CONVERSIONE DEL DECRETO CRESCITA NELLA L. 116/2014. PARTE PRIMA STUDIO DI CONSULENZA FISCALE E SOCIETARIA Commercialisti Revisori dei conti FABIO BETTONI LAURA LOCATELLI RACHELE DENEGRI Circolare n.20 del 03 settembre 2014 CONVERSIONE DEL DECRETO CRESCITA NELLA L.

Dettagli

ALL. A - Elenco Codici ATECO per le attività di commercio e servizi

ALL. A - Elenco Codici ATECO per le attività di commercio e servizi ALL. A - Elenco Codici ATECO per le attività di commercio e servizi Codice Ateco 2007 Descrizione G COMMERCIO ALL'INGROSSO E AL DETTAGLIO; RIPARAZIONE DI AUTOVEICOLI E MOTOCICLI 45 COMMERCIO ALL'INGROSSO

Dettagli

Gazzetta ufficiale delle Comunità europee

Gazzetta ufficiale delle Comunità europee 10.1.2002 IT Gazzetta ufficiale delle Comunità europee L 6/3 REGOLAMENTO (CE) N. 29/2002 DELLA COMMISSIONE del 19 dicembre 2001 che modifica il regolamento (CEE) n. 3037/90 del Consiglio relativo alla

Dettagli

Finanziamenti agevolati

Finanziamenti agevolati BENEFICIARI E SETTORI D INTERVENTO Beneficiari 1. microimprese inattive al momento della presentazione della domanda di concessione; Regolamento n. 25 del 21 novembre 2008 art. 3: Microimpresa: imprese

Dettagli

2. I modelli di internazionalizzazione delle imprese italiane

2. I modelli di internazionalizzazione delle imprese italiane Internazionalizzazione delle imprese e performance 19 2. I modelli di internazionalizzazione delle imprese italiane Una nuova base dati integrata realizzata dall Istat permette la costruzione di una tassonomia

Dettagli

C.E.R. DESCRIZIONE NOTE

C.E.R. DESCRIZIONE NOTE Bollettino Ufficiale n. 3/I-II del 15/01/2013 / Amtsblatt Nr. 3/I-II vom 15/01/2013 133 Allegato parte integrante ELENCO DEI RIFIUTI NON PERICOLOSI ELENCO DEI RIFIUTI NON PERICOLOSI PROVENIENTI DA LOCALI

Dettagli

NOGA 2008 Nomenclatura generale delle attività economiche. Struttura

NOGA 2008 Nomenclatura generale delle attività economiche. Struttura NOGA 2008 Nomenclatura generale delle attività economiche Struttura Neuchâtel, 2008 La serie «Statistica della Svizzera» pubblicata dall Ufficio federale di statistica (UST) comprende i settori seguenti:

Dettagli

DECRETO LEGGE 24 GIUGNO 2014, N. 90 ART. 18 CREDITO DI IMPOSTA PER BENI STRUMENTALI NUOVI

DECRETO LEGGE 24 GIUGNO 2014, N. 90 ART. 18 CREDITO DI IMPOSTA PER BENI STRUMENTALI NUOVI DECRETO LEGGE 24 GIUGNO 2014, N. 90 ART. 18 CREDITO DI IMPOSTA PER BENI STRUMENTALI NUOVI Requisiti soggetto proponente Possono beneficiare dell agevolazione tutte le imprese attive, anche se con attività

Dettagli

Capitolo 24. Risultati economici delle imprese

Capitolo 24. Risultati economici delle imprese Capitolo 24 Risultati economici delle imprese 24. Risultati economici delle imprese Per saperne di più... Eurostat. http://europa. eu.int/comm/eurostat. Imf. World economic outlook. Washington: 2012.

Dettagli

Via Usciana n 132 Castelfranco di Sotto (PI) Tel 0571/1962649 Fax 0571/1962651 e-mail: info@professionistisicurezza.com INFORMATIVA OTTOBRE 2012

Via Usciana n 132 Castelfranco di Sotto (PI) Tel 0571/1962649 Fax 0571/1962651 e-mail: info@professionistisicurezza.com INFORMATIVA OTTOBRE 2012 INFORMATIVA OTTOBRE 2012 1) NUOVO SITO PROFESSIONISTISICUREZZA Vi invitiamo a visitare il nuovo sito di PROFESSIONISTISICUREZZA Studio di Consulenza & Formazione : www.professionistisicurezza.com dove

Dettagli

Tavola codici Ateco 2007 per il Registro Imprese

Tavola codici Ateco 2007 per il Registro Imprese Tavola codici Ateco 2007 per il Registro Imprese CODICE Sezione DECLARATORIE 10 C INDUSTRIE ALIMENTARI 101 C LAVORAZIONE E CONSERVAZIONE DI CARNE E PRODUZIONE DI PRODOTTI A BASE DI CARNE 1011 C Produzione

Dettagli