Direzione Centrale Entrate Direzione Centrale Sistemi Informativi e Tecnologici. Roma, 25/06/2014

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Direzione Centrale Entrate Direzione Centrale Sistemi Informativi e Tecnologici. Roma, 25/06/2014"

Transcript

1 Direzione Centrale Entrate Direzione Centrale Sistemi Informativi e Tecnologici Roma, 25/06/2014 Circolare n. 80 Ai Dirigenti centrali e periferici Ai Responsabili delle Agenzie Ai Coordinatori generali, centrali e periferici dei Rami professionali Al Coordinatore generale Medico legale e Dirigenti Medici e, per conoscenza, Al Commissario Straordinario Al Presidente e ai Componenti del Consiglio di Indirizzo e Vigilanza Al Presidente e ai Componenti del Collegio dei Sindaci Al Magistrato della Corte dei Conti delegato all'esercizio del controllo Ai Presidenti dei Comitati amministratori di fondi, gestioni e casse Al Presidente della Commissione centrale per l'accertamento e la riscossione dei contributi agricoli unificati Ai Presidenti dei Comitati regionali Ai Presidenti dei Comitati provinciali Allegati n.2 OGGETTO: Manuale di classificazione dei datori di lavoro aggiornato alla codifica Ateco Procedura automatizzata degli inquadramenti dei datori di lavoro. Chiarimenti sull inquadramento di particolari attività. Obbligatorietà dell unicità della posizione contributiva aziendale. SOMMARIO: 1. Procedura automatizzata di inquadramento dei datori di lavoro 2. Adozione della codifica Ateco Codici Ateco da utilizzare 4. Struttura del manuale di classificazione 5. Chiarimenti sull inquadramento di particolari attività: 5.1 Casse Edili 5.2 Sale di scommesse 6. Obbligo dell unicità della posizione contributiva aziendale 1. Procedura automatizzata di inquadramento dei datori di lavoro L evoluzione tecnologica e normativa, cui è seguita la messa a disposizione dell Istituto di diverse banche dati inerenti il mondo del lavoro e delle imprese, consente di semplificare la procedura di inquadramento dei datori di lavoro mediante un nuovo sistema automatizzato in grado di attribuire, in tempo reale, la matricola, il codice statistico contributivo (CSC) e gli eventuali codici di autorizzazione che potrebbero avere effetto su tipologia e misura dei contributi dovuti. Il nuovo sistema è coerente con l impianto normativo definito dall art. 49 della legge n. 88/89, che assegna all Istituto il potere di attribuire l inquadramento previdenziale dei datori di lavoro. La procedura automatizzata di inquadramento non modifica le regole finora seguite, che prevedono l attribuzione ai datori di lavoro di una classificazione nel settore di riferimento in relazione all attività effettivamente esercitata con i dipendenti assunti. In caso di svolgimento di attività multiple, non connotate dai caratteri dell autonomia funzionale ed organizzativa, ai fini dell inquadramento, l oggetto dell azienda deve essere valutato unitariamente sulla base della natura dell attività prevalente, con l individuazione di quella primaria; da ciò deriva che l inquadramento è di regola unico ed è determinato appunto dall attività prevalente; le altre attività sono considerate accessoriealla principale e, di conseguenza, assimilate all attività principale, della quale dovranno seguire il regime giuridico e contributivo. Ciò non impedisce, nel caso in cui vengano svolte attività multiple, l apertura di una posizione per l attività secondaria, diversa da quella principale, qualora l attività secondaria rientri in un diverso settore e presenti i caratteri di autonomia funzionale ed organizzativa, che legittimino l attribuzione di distinti inquadramenti previdenziali. La nuova procedura di iscrizione dei datori di lavoro prevede che, nella generalità dei casi, l inquadramento dei datori di lavoro avvenga automaticamente al momento di presentazione della domanda. Tuttavia, alcune attività non saranno suscettibili di inquadramento automatizzato sia per la specificità delle stesse, sia per necessità di maggiori approfondimenti sulle modalità di svolgimento dell attività con dipendenti; in questi casi, l inquadramento sarà effettuato dalla sede INPS di competenza. Si precisa che non sarà possibile ottenere l inquadramento automatizzato per una nuova iscrizione inviata oltre 45 giorni dalla data di inizio dell attività con dipendenti. In tal caso l inquadramento sarà effettuato dalla sede competente, previa verifica amministrativa, ovvero ispettiva qualora se ne ravvisi l opportunità. La nuova procedura automatizzata di inquadramento è strutturata per attribuire ai datori di lavoro l inquadramento previdenziale sulla base dell autocertificazione dell attività dichiarata e, qualora sia necessario, sulla base dell autocertificazione dell attività attraverso la compilazione di un questionario, personalizzato in base all attività indicata. L innovazione in argomento, quindi, attiene anche ai rapporti tra l Istituto e i datori di lavoro e i loro intermediari che, in tal modo, diventano soggetti che partecipano in maniera diretta alla formazione del provvedimento di inquadramento. Il nuovo sistema, nella maggioranza dei casi, consente l immediata classificazione previdenziale dei datori di lavoro, rendendo quindi possibile il tempestivo assolvimento degli obblighi contributivi.

2 Resta immutato il potere/dovere dell Inps di effettuare i controlli delle autocertificazioni. Tutte le iscrizioni effettuate mediante il sistema automatizzato di inquadramento saranno, quindi, sottoposte a verifica automatizzata per il riscontro di quanto dichiarato. In caso di esito positivo, l inquadramento automatizzato attribuito sarà consolidato. Qualora, invece, l esito dei controlli evidenziasse difformità rispetto a quanto dichiarato, la sede competente per la gestione della matricola aziendale contatterà direttamente il datore di lavoro/intermediario per evidenziare le anomalie riscontrate. Nel caso in cui l inquadramento sia stato attribuito sulla base di un autocertificazione che non abbia trovato riscontro, la sede modificherà l inquadramento sulla base delle risultanze dell istruttoria con decorrenza retroattiva. In questo caso, infatti, l inquadramento è stato attribuito sulla scorta di dati forniti che non sono risultati veritieri e non a seguito di cambio di orientamento dell Istituto sulla classificazione di quella determinata attività. 2. Adozione della codifica Ateco 2007 Con il Regolamento (CE) n. 1893/2006 del 20 dicembre 2006, successivamente modificato dal Regolamento (CE) n. 295/2008 dell 11 marzo 2008 è stata adottata, a livello europeo, una nomenclatura unica delle attività economiche finalizzata ad assolvere all esigenza di pervenire a una classificazione di riferimento unica a livello mondiale, definita come tale anche in ambito ONU. A livello nazionale, detta nuova nomenclatura viene rappresentata dalla tabella ATECO 2007, utilizzata dalla Pubblica Amministrazione quale sistema comune di classificazione delle attività economiche. Sulla base di queste premesse, anche l Istituto - cui l articolo 49 della legge 9 marzo 1989, n. 88 attribuisce la titolarità della classificazione dei datori di lavoro a tutti i fini previdenziali ed assistenziali - per consentire una lettura uniforme del tessuto produttivo da parte di tutti gli operatori economici pubblici e privati, è stato chiamato ad adeguare i propri standard e ha adottato l ATECO 2007 quale criterio di catalogazione delle attività economiche su cui basare l inquadramento dei datori di lavoro. Conseguentemente, i datori di lavoro che inviano una domanda di iscrizione all INPS hanno l obbligo di comunicare il codice dell attività economica esercitata in relazione alla posizione aziendale aperta per i dipendenti, desunto dalla tabella ATECO 2007 e riportata nel manuale (allegato n.1). Laddove il codice ATECO 2007 riguardante l attività economica esercitata e/o la descrizione di quest ultima - da indicare all atto della richiesta dell apertura di una posizione aziendale per i dipendenti - non coincidesse con il corrispondente Ateco2007 presente nella Camera di Commercio, si precisa che l inquadramento previdenziale dovrà comunque essere attribuito in relazione all attività economica dichiarata e/o al codice ATECO 2007 indicato nella domanda d iscrizione all Istituto. Come sopra specificato, qualora il datore di lavoro eserciti attività plurime con una diversa classificazione ATECO 2007 e tali attività non siano connotate dai caratteri dell autonomia funzionale ed organizzativa, dovrà essere indicato il codice relativo all attività prevalente svolta con i lavoratori dipendenti, ritenendosi le altre attività sussidiarie o ausiliarie di quella principale. In ogni caso, si chiarisce che l adozione della classificazione ATECO 2007 lascia impregiudicato il potere dell Istituto di inquadrare i datori di lavoro in uno dei settori normativamente previsti in funzione dell attività svolta, indipendentemente dal raggruppamento delle attività effettuato dall Istat. 3. Codici Ateco da utilizzare Per l individuazione delle attività, la classificazione ATECO 2007 prevede la possibilità di utilizzare fino a 6 cifre di dettaglio; qualora tale maggior livello di dettaglio non sia necessario, la classificazione può limitarsi ad utilizzare 3, 4 oppure 5 cifre. Le regole stabilite dall ISTAT prevedono che nel caso in cui il codice ATECO sia di 3, 4 o 5 cifre, lo stesso può essere esteso a sei cifre aggiungendo alla fine degli zeri. Per individuare correttamente il settore di inquadramento aziendale, nei rapporti con l INPS deve essere sempre indicato un codice a 6 cifre, contenente cioè il maggior dettaglio possibile, al fine di individuare correttamente il settore di inquadramento del datore di lavoro. La codifica a 6 cifre accettata dall INPS è esclusivamente quella contenuta nel manuale allegato e utilizzata nella procedura on line di iscrizione dei datori di lavoro. La classificazione ATECO 2007, ai fini Inps, talvolta non è esaustiva per le necessità di inquadramento previdenziale in quanto esistono attività che non sono censite dall ISTAT (es. i proprietari di fabbricato, gli assistenti parlamentari assunti direttamente dal parlamentare, i cantieri di lavoro delle Pubbliche Amministrazioni, ecc ). In tal caso, nel manuale allegato, la classificazione ufficiale ATECO 2007 è stata integrata con codici di classificazione delle attività ad uso esclusivo dell INPS (Sezione Attività dei datori di lavoro non censite dall ISTAT ). 4. Struttura del Manuale di classificazione L inquadramento attribuito dall Inps, effettuato ai sensi dell art. 49 della legge 88/89, è codificato con il codice statistico contributivo (CSC) composto da cinque cifre, dove: la prima cifra identifica il settore di attività; la seconda e terza cifra identificano la classe di attività nella quale opera il datore di lavoro (es: tessile, edilizia, metalmeccanica, ecc.); la quarta e la quinta cifra identificano la categoria, ossia la famiglia delle attività di dettaglio esercitate nell ambito della classe. Per ogni attività catalogata dall ISTAT, nel manuale è stato riportato il/i codice/i statistico contributivo (CSC) attribuito. Qualora, in relazione a specificità di interesse contributivo, sia necessario distinguere, all interno di un CSC, alcune situazioni particolari, la posizione contributiva viene contraddistinta anche da un codice di autorizzazione (CA). Se, quindi, all interno del manuale, in corrispondenza di un attività economica viene riportato oltre al CSC anche un codice di autorizzazione, ciò significa che, ai fini di un corretto inquadramento, devono essere attribuiti entrambi. Per facilitare l utilizzo del manuale di classificazione dei datori di lavoro e per mantenere la correlazione con la classificazione ATECO 2007, si è scelto di non raggruppare gli inquadramenti sulla base dei settori di attività nei quali l Inps opera la classificazione (da 1XXXX a 7XXXX), ma di adottare la medesima struttura descrittiva della classificazione delle attività economiche utilizzata dall ISTAT. All interno del manuale è riportato anche il dettaglio delle descrizioni delle attività predisposto dall ISTAT, come ausilio nella corretta classificazione dei datori di lavoro ai fini previdenziali. Qualora l attività oggetto di classificazione preveda delle particolarità, all interno di riquadri denominati ( Particolari criteri di inquadramento ) sono state aggiunte delle note contenenti il riferimento a circolari e/o messaggi emanati dall Istituto con riguardo all attività per cui viene richiesto l inquadramento. Ciò al fine di pervenire ad approfondimenti di maggior dettaglio che favoriscano l adozione di un corretto provvedimento di classificazione contributiva. 5. Chiarimenti sull inquadramento previdenziale di particolari attività: 5.1 Casse Edili

3 Con il messaggio n del 12 gennaio 1990, è stato disposto che le Casse Edili quali organismi costituiti da rappresentanti delle imprese edili e dei lavoratori dell edilizia - dovevano essere classificate fra le attività ausiliarie dell edilizia con il c.s.c , a decorrere dalla data di entrata in vigore dell art.49 della Legge 88/89, sempre che non fossero già inquadrate in tale settore. In seguito ad approfondimenti circa la natura dell attività svolta dalle Casse Edili, nonché nell ottica di una rivisitazione e di un aggiornamento della classificazione dei datori di lavoro in base all attività esercitata, si ritiene che non sia più possibile mantenere l attuale inquadramento delle Casse Edili come sopra esposto. Infatti, l attività esercitata dai suddetti organismi (i quali svolgono, in generale, un ruolo di rilievo nell assicurare ai lavoratori sia una parte importante del trattamento economico derivante dal contratto di lavoro, sia significative prestazioni integrative sul piano previdenziale e assistenziale) deve essere ricondotta nel settore terziario con il c.s.c , non potendo più essere considerata una vera e propria attività ausiliaria delle imprese edili nel senso proprio del termine, né assumendo alcuna rilevanza, ai fini classificatori, la circostanza che al personale dipendente delle Casse Edili venga applicato il contratto collettivo nazionale di lavoro del settore edile. In conseguenza, si rende necessario variare l inquadramento delle Casse Edili dal settore industria attività ausiliaria dell edilizia - al settore terziario con efficacia dal periodo di paga in corso alla data di emanazione della presente circolare, in considerazione del fatto che si tratta di una variazione disposta a seguito di un mutato indirizzo in materia da parte dell Istituto. Le sedi provvederanno, quindi, ad effettuare la variazione di inquadramento e a notificare il provvedimento alle Casse edili. 5.2 Sale di scommesse In relazione ai quesiti pervenuti circa il corretto inquadramento delle aziende che svolgono attività di case da gioco e sale di scommesse, si evidenzia che con la circolare n.66/2010, che ha recepito gli interpelli n.21/2007 e n.59/2009, è stato precisato che i lavoratori dipendenti delle case da gioco, sale scommesse e sale giochi devono essere iscritti alla Gestione ex Enpals, sempre che le attività di che trattasi siano esercitate in modo esclusivo dal datore di lavoro. Nel caso in cui, invece, l'attività abbia carattere promiscuo (essendo spesso le case da gioco e le sale giochi all'interno o annesse ai pubblici esercizi) e non rivesta carattere di autonomia, i lavoratori occupati continueranno a essere assicurati presso l INPS anche ai fini previdenziali. Le imprese che svolgono le attività descritte dovranno essere inquadrate nel settore terziario, sia ai fini del versamento delle sole contribuzioni minori (con obblighi contributivi pensionistici alla gestione ex Enpals), sia nell ipotesi di completo regime previdenziale INPS. Tenendo fermo quanto sopra, in seguito agli approfondimenti effettuati e in considerazione dell attuale fase di generale rivisitazione delle attività e della classificazione dei datori di lavoro in base alla codifica Ateco 2007, si precisa quanto segue. Nell ipotesi in cui il versamento della contribuzione pensionistica debba essere effettuato alla gestione ex Enpals, la sala di scommesse o la casa da gioco dovrà essere inquadrata con il c.s.c Laddove, invece, l attività delle sale di scommesse o delle case da gioco abbia caratteristiche per cui i lavoratori soggiacciono al completo regime previdenziale INPS, l inquadramento dovrà essere attribuito nel settore terziario con il c.s.c Obbligo dell unicità della posizione contributiva aziendale Con la circolare n. 172 del 31/12/2010 è stato introdotto il principio dell unicità della posizione contributiva. Nel corso di questi anni sono sorti dubbi circa la portata di tale innovazione, in particolare, con riferimento al dettato dei punti 2 e 3 della suddetta circolare. Al riguardo, in considerazione delle disposizioni che regolano l apertura di distinte posizioni aziendali in ragione delle quali, a norma dell articolo 49 della legge 9 marzo 1989, n. 88, sono previsti obblighi contributivi differenziati in capo al medesimo datore di lavoro e dalle quali possono discendere anche diversità di classificazione ai fini previdenziali e assistenziali, si evidenzia che il principio dell unicità della posizione contributiva aziendale non può considerarsi discrezionale ma deve intendersi come obbligatorio. Per consentire, tuttavia, un graduale adeguamento di tutti gli attori del sistema alle regole dell unicità della posizione contributiva, viene previsto un periodo transitorio, fino al , entro il quale, datori di lavoro e/o intermediari dovranno registrare nella procedura Iscrizioni e Variazioni le Unità operative alle quali abbinare i lavoratori che attualmente fanno capo a matricole aziendali diverse e chiedere la chiusura delle posizioni contributive (matricole) secondarie. In caso di mancato adempimento, le Sedi - dopo aver attivato le opportune sinergie - cesseranno d ufficio le posizioni contributive secondarie aventi il medesimo inquadramento previdenziale della posizione primaria. Si fa presente, ad ogni modo, che non potranno più essere riattivate le posizioni contributive secondarie che siano sospese durante il periodo transitorio. Le procedure informatiche saranno aggiornate al fine di recepire il contenuto delle disposizioni di cui al presente paragrafo. Si allega il manuale tecnico della procedura di Iscrizione e variazione aziende su web Internet (allegato n.2). Il Direttore Generale Nori

4 Sono presenti i seguenti allegati: Allegato N.1 Allegato N.2 Cliccare sull'icona "ALLEGATI" per visualizzarli.

5 Giugno 2014

6 ISTITUTO NAZIONALE PREVIDENZA SOCIALE DIREZIONE CENTRALE ENTRATE Manuale di classificazione dei datori di lavoro ai fini previdenziali ed assistenziali in base all'articolo 49 della legge 88/1989 Aggiornato alla codifica delle attività economiche ATECO 2007 Responsabile del progetto: Alessandro Pulcini, Direttore Vicario Direzione Centrale Entrate Progetto del manuale: Beniamino Gallo, Direzione metropolitana di Torino In collaborazione con: Santo Salvatore Girlando, Direzione Centrale Entrate Vittorio Levantino, Direzione metropolitana di Milano Elena Martina, Direzione metropolitana di Torino Giovanni Mele, Direzione Regionale Lombardia Leonardo Pascarella, Direzione provinciale di Salerno Maria Pipino, Direzione Centrale Entrate Aggiornamento: 25 giugno

7 INTRODUZIONE Adozione della classificazione delle attività ATECO 2007 Con il Regolamento (CE) n. 1893/2006 del 20 dicembre 2006, successivamente modificato dal Regolamento (CE) n. 295/2008 dell 11 marzo 2008 è stata adottata, a livello europeo, una nomenclatura unica delle attività economiche finalizzata ad assolvere all esigenza di pervenire a una classificazione di riferimento unica a livello mondiale, definita come tale anche in ambito ONU. A livello nazionale, detta nuova nomenclatura viene rappresentata dalla tabella ATECO 2007, utilizzata dalla Pubblica Amministrazione quale sistema comune di classificazione delle attività economiche. Sulla base di queste premesse, anche l Istituto cui l articolo 49 della legge 9 marzo 1989, n. 88 attribuisce la titolarità della classificazione dei datori di lavoro a tutti i fini previdenziali ed assistenziali per consentire una lettura uniforme del tessuto produttivo da parte di tutti gli operatori economici pubblici e privati, è stato chiamato ad adeguare i propri standard e ha adottato l ATECO 2007 quale criterio di catalogazione delle attività economiche su cui basare l inquadramento dei datori di lavoro. Conseguentemente, i datori di lavoro che inviano una domanda di iscrizione all INPS hanno l obbligo di comunicare il codice dell attività economica esercitata in relazione alla posizione aziendale aperta per i dipendenti, desunto dalla tabella ATECO 2007 e riportata nel presente manuale. Qualora il datore di lavoro eserciti attività plurime con una diversa classificazione ATECO 2007 e tali attività non siano connotate dai caratteri dell autonomia funzionale ed organizzativa, dovrà essere indicato il codice relativo all attività prevalente svolta con i lavoratori dipendenti, ritenendosi le altre attività sussidiarie o ausiliarie di quella principale. In ogni caso, si chiarisce che l adozione della classificazione ATECO 2007, lascia impregiudicato il potere dell Istituto di inquadrare i datori di lavoro in uno dei settori normativamente previsti in funzione dell attività svolta, indipendentemente dal raggruppamento delle attività effettuato dall Istat. Codici ATECO da utilizzare Per l individuazione delle attività, la classificazione ATECO 2007 prevede la possibilità di utilizzare fino a 6 cifre di dettaglio; qualora tale maggior livello di dettaglio non sia necessario, la classificazione può limitarsi ad utilizzare 3, 4 oppure 5 cifre. Le regole stabilite dall ISTAT prevedono che nel caso in cui il codice ATECO sia di 3, 4 o 5 cifre, lo stesso può essere espanso a sei cifre aggiungendo alla fine degli zeri. Per individuare correttamente il settore di inquadramento aziendale, nei rapporti con l INPS deve essere sempre indicato un codice a 6 cifre, contenente cioè il maggior dettaglio possibile, al fine di individuare correttamente il settore di inquadramento del datore di lavoro. La codifica a 6 cifre accettata dall INPS è esclusivamente quella contenuta nel presente manuale e utilizzata nella procedura on line di iscrizione dei datori di lavoro. La classificazione ATECO 2007, ai fini Inps, talvolta non è esaustiva per le necessità di inquadramento previdenziale in quanto esistono attività che non sono censite dall ISTAT (es. i proprietari di fabbricato, gli assistenti parlamentari assunti direttamente dal parlamentare, i cantieri di lavoro delle Pubbliche Amministrazioni, ecc ). In tal caso, nel presente manuale, la classificazione ufficiale ATECO 2007 è stata integrata con codici di classificazione delle attività ad uso esclusivo dell INPS (Sezione Attività dei datori di lavoro non censite dall ISTAT ). Struttura del manuale L inquadramento attribuito dall Inps, effettuato ai sensi dell art. 49 della legge 88/89, è codificato con il codice statistico contributivo (CSC) composto da cinque cifre, dove: la prima cifra identifica il settore di attività; la seconda e terza cifra identificano la classe di attività nella quale opera il datore di lavoro (es: tessile, edilizia, metalmeccanica, ecc.); la quarta e la quinta cifra identificano la categoria, ossia la famiglia delle attività di dettaglio esercitate nell ambito della classe. Per ogni attività catalogata dall ISTAT, nel manuale è stato riportato il/i codice statistico contributivo (CSC) attribuito. Qualora, in relazione a specificità di interesse contributivo, sia necessario distinguere, all interno di un CSC, alcune situazioni particolari, la posizione contributiva viene contraddistinta anche da un codice di autorizzazione (CA). Se, quindi, all interno del manuale, in corrispondenza di un attività economica viene riportato oltre al CSC anche un codice di autorizzazione, ciò significa che, ai fini di un corretto inquadramento, devono essere attribuiti entrambi. Per facilitare l utilizzo del manuale di classificazione dei datori di lavoro e per mantenere la correlazione con la classificazione ATECO 2007, si è scelto di non raggruppare gli inquadramenti sulla base dei settori di attività nei quali l Inps opera la classificazione (da 1XXXX a 7XXXX), ma di adottare la medesima struttura descrittiva della classificazione delle attività economiche utilizzata dall ISTAT. All interno del manuale è riportato anche il dettaglio delle descrizioni delle attività predisposto dall ISTAT, come ausilio nella corretta classificazione dei datori di lavoro ai fini previdenziali. Qualora l attività oggetto di classificazione preveda delle particolarità, all interno di riquadri denominati ( Particolari criteri di inquadramento ) sono state aggiunte delle note contenenti il riferimento a circolari e/o messaggi emanati dall Istituto con riguardo 3

8 all attività per cui viene richiesto l inquadramento. Ciò al fine di pervenire ad approfondimenti di maggior dettaglio che favoriscano l adozione di un corretto provvedimento di classificazione contributiva. Procedura di inquadramento automatizzato La procedura di iscrizione dei datori di lavoro prevede che, nella generalità dei casi, l inquadramento dei datori di lavoro avvenga automaticamente al momento di presentazione della domanda. Tuttavia, alcune attività non saranno suscettibili di inquadramento automatizzato sia per la specificità delle stesse, sia per necessità di maggiori approfondimenti sulle modalità di svolgimento dell attività con dipendenti; in questi casi, l inquadramento sarà effettuato dalla sede INPS di competenza. Si precisa che non sarà possibile ottenere l inquadramento automatizzato per una nuova iscrizione inviata oltre 45 giorni dalla data di inizio dell attività con dipendenti. In tal caso l inquadramento sarà effettuato dalla sede competente, previa verifica amministrativa, ovvero ispettiva qualora se ne ravvisi l opportunità. La procedura di inquadramento automatizzato è strutturata per attribuire ai datori di lavoro l inquadramento previdenziale sulla base dell autocertificazione dell attività dichiarata e, qualora sia necessario, sulla base dell autocertificazione dell attività attraverso la compilazione di un questionario, personalizzato in base all attività indicata. Resta immutato il potere/dovere dell Inps di effettuare i controlli delle autocertificazioni. Tutte le iscrizioni effettuate mediante il sistema di inquadramento automatizzato saranno, quindi, sottoposte a verifica automatizzata per il riscontro di quanto dichiarato. In caso di esito positivo, l inquadramento automatizzato attribuito sarà consolidato. Qualora, invece, l esito dei controlli evidenziasse difformità rispetto a quanto dichiarato, la sede competente per la gestione della matricola aziendale contatterà direttamente il datore di lavoro/intermediario per evidenziare le anomalie riscontrate. Nel caso in cui l inquadramento automatizzato sia stato attribuito su autocertificazione che non abbia trovato riscontro, la sede modificherà l inquadramento sulla base delle risultanze dell istruttoria con decorrenza retroattiva. In questo caso, infatti, l inquadramento è stato attribuito sulla scorta di dati forniti che non sono risultati veritieri e non a seguito di cambio di orientamento dell Istituto sulla classificazione di quella determinata attività. 4

9 SETTORI E CLASSI DI ATTIVITÀ SETTORE 1 INDUSTRIA Classe Descrizione 01 Attività connesse con l'agricoltura 02 Estrazione di minerali metalliferi e non metalliferi 03 Legno, carpenteria navale e arredamenti in legno 04 Alimentari ed affini 05 Produzione e prima trasformazione dei metalli (metallurgia) 06 Lavorazione e trasformazione dei metalli. meccanica di precisione 07 Tessile 08 Vestiario, abbigliamento, arredamento e affini 09 Chimica, petrolchimica, gomma e materie plastiche 10 Pelli, cuoio, calzature 11 Lavorazione dei minerali non metalliferi 12 Carta e cartotecnica; stampa ed editoria; fotografia e cinematografia 13 Edilizia. installazione impianti per l'edilizia 14 Produzione e distribuzione di energia, gas, vapore e acqua 15 Trasporti e comunicazioni 16 Servizi e attività varie 17 Industria del tabacco 18 Attività varie (igiene, nettezza urbana, spettacolo) 19 Piccola pesca 20 Pesca 21 Piccola pesca per personale non socio di cooperativa SETTORE 2 ENTI PUBBLICI 01 Enti pubblici SETTORE 3 AMMINISTRAZIONI STATALI 01 Amministrazioni statali SETTORE 4 ARTIGIANATO 01 Attività connesse con l'agricoltura 02 Estrazione di minerali metalliferi e non metalliferi 03 Legno, carpenteria navale e arredamenti in legno 04 Alimentari ed affini 05 Produzione e prima trasformazione dei metalli (metallurgia) 06 Lavorazione e trasformazione dei metalli. meccanica di precisione 07 Tessile 08 Vestiario, abbigliamento, arredamento e affini 09 Chimica, petrolchimica, gomma e materie plastiche 10 Pelli, cuoio, calzature 11 Lavorazione dei minerali non metalliferi 12 Carta e cartotecnica; stampa ed editoria; fotografia e cinematografia 13 Edilizia. installazione impianti per l'edilizia 14 Produzione e distribuzione di vapore, acqua calda, ecc. 15 Trasporti e comunicazioni 16 Servizi e attività varie 17 Industria del tabacco 18 Attività varie (igiene, nettezza urbana, spettacolo) SETTORE 5 AGRICOLTURA 01 Coltivazione, zootecnia, forestazione, attività connesse SETTORE 6 CREDITO, ASSICURAZIONE E TRIBUTI 01 Credito 02 Assicurazione 03 Servizi tributari appaltati SETTORE 7 TERZIARIO (COMMERCIO, SERVIZI, PROFESSIONI E ARTI) 01 Commercio all'ingrosso 02 Commercio al dettaglio 03 Commercio ambulante 04 Intermediari (immobiliari, agenzie di viaggio, logistica, ecc.) 05 Alberghi, pubblici esercizi e attività similari 06 Proprietari di fabbricato, chiese 07 Attività varie 5

10 SOMMARIO INTRODUZIONE... 3 SETTORI E CLASSI DI ATTIVITÀ... 5 A AGRICOLTURA, SILVICOLTURA E PESCA Particolari criteri di inquadramento COLTIVAZIONI AGRICOLE E PRODUZIONE DI PRODOTTI ANIMALI, CACCIA E SERVIZI CONNESSI COLTIVAZIONE DI COLTURE AGRICOLE NON PERMANENTI Coltivazione di cereali (escluso il riso), legumi da granella e semi oleosi Coltivazione di riso Coltivazione di ortaggi e meloni, radici e tuberi Coltivazione di canna da zucchero Coltivazione di tabacco Coltivazione di piante tessili Floricoltura e coltivazione di altre colture non permanenti COLTIVAZIONE DI COLTURE PERMANENTI Coltivazione di uva Coltivazione di frutta di origine tropicale e subtropicale Coltivazione di agrumi Coltivazione di pomacee e frutta a nocciolo Coltivazione di altri alberi da frutta, frutti di bosco e in guscio Coltivazione di frutti oleosi Coltivazione di piante per la produzione di bevande Coltivazione di spezie, piante aromatiche e farmaceutiche Coltivazione di altre colture permanenti (inclusi alberi di Natale) RIPRODUZIONE DELLE PIANTE Riproduzione delle piante ALLEVAMENTO DI ANIMALI Particolari criteri di inquadramento Allevamento di bovini da latte Allevamento di altri bovini e di bufalini Allevamento di cavalli e altri equini Allevamento di cammelli e camelidi Allevamento di ovini e caprini Allevamento di suini Allevamento di pollame Particolari criteri di inquadramento Allevamento di altri animali Particolari criteri di inquadramento COLTIVAZIONI AGRICOLE ASSOCIATE ALL ALLEVAMENTO DI ANIMALI: ATTIVITÀ MISTA Coltivazioni agricole associate all allevamento di animali: attività mista ATTIVITÀ DI SUPPORTO ALL AGRICOLTURA E ATTIVITÀ SUCCESSIVE ALLA RACCOLTA Attività di supporto alla produzione vegetale Particolari criteri di inquadramento Attività di supporto alla produzione animale Particolari criteri di inquadramento Attività successive alla raccolta Lavorazione delle sementi per la semina CACCIA, CATTURA DI ANIMALI E SERVIZI CONNESSI Caccia, cattura di animali e servizi connessi SILVICOLTURA ED UTILIZZO DI AREE FORESTALI SILVICOLTURA ED ALTRE ATTIVITÀ FORESTALI Silvicoltura ed altre attività forestali UTILIZZO DI AREE FORESTALI Utilizzo di aree forestali RACCOLTA DI PRODOTTI SELVATICI NON LEGNOSI

11 02.30 Raccolta di prodotti selvatici non legnosi SERVIZI DI SUPPORTO PER LA SILVICOLTURA Servizi di supporto per la silvicoltura PESCA E ACQUACOLTURA PESCA Pesca marina Pesca in acque dolci ACQUACOLTURA Particolari criteri di inquadramento Acquacoltura marina Acquacoltura in acque dolci B ESTRAZIONE DI MINERALI DA CAVE E MINIERE ESTRAZIONE DI CARBONE (ESCLUSA TORBA) ESTRAZIONE DI ANTRACITE Estrazione di antracite ESTRAZIONE DI LIGNITE Estrazione di lignite ESTRAZIONE DI PETROLIO GREGGIO E DI GAS NATURALE ESTRAZIONE DI PETROLIO GREGGIO Estrazione di petrolio greggio ESTRAZIONE DI GAS NATURALE Estrazione di gas naturale ESTRAZIONE DI MINERALI METALLIFERI ESTRAZIONE DI MINERALI METALLIFERI FERROSI Estrazione di minerali metalliferi ferrosi ESTRAZIONE DI MINERALI METALLIFERI NON FERROSI Estrazione di minerali di uranio e di torio Estrazione di altri minerali metalliferi non ferrosi ALTRE ATTIVITÀ DI ESTRAZIONE DI MINERALI DA CAVE E MINIERE Particolari criteri di inquadramento ESTRAZIONE DI PIETRA, SABBIA E ARGILLA Estrazione di pietre ornamentali e da costruzione, calcare, pietra da gesso, creta e ardesia Estrazione di ghiaia e sabbia; estrazione di argille e caolino ESTRAZIONE DI MINERALI DA CAVE E MINIERE N.C.A Estrazione di minerali per l industria chimica e per la produzione di fertilizzanti Estrazione di torba Estrazione di sale Estrazione di altri minerali da cave e miniere n.c.a ATTIVITÀ DEI SERVIZI DI SUPPORTO ALL ESTRAZIONE ATTIVITÀ DI SUPPORTO ALL ESTRAZIONE DI PETROLIO E DI GAS NATURALE Attività di supporto all estrazione di petrolio e di gas naturale ATTIVITÀ DI SUPPORTO PER L ESTRAZIONE DA CAVE E MINIERE DI ALTRI MINERALI Attività di supporto per l estrazione da cave e miniere di altri minerali C ATTIVITÀ MANIFATTURIERE INDUSTRIE ALIMENTARI Particolari criteri di inquadramento LAVORAZIONE E CONSERVAZIONE DI CARNE E PRODUZIONE DI PRODOTTI A BASE DI CARNE Lavorazione e conservazione di carne (escluso volatili) Lavorazione e conservazione di carne di volatili Produzione di prodotti a base di carne (inclusa la carne di volatili) LAVORAZIONE E CONSERVAZIONE DI PESCE, CROSTACEI E MOLLUSCHI Lavorazione e conservazione di pesce, crostacei e molluschi

12 10.3 LAVORAZIONE E CONSERVAZIONE DI FRUTTA E ORTAGGI Lavorazione e conservazione delle patate Produzione di succhi di frutta e di ortaggi Altra Lavorazione e conservazione di frutta e di ortaggi PRODUZIONE DI OLI E GRASSI VEGETALI E ANIMALI Produzione di oli e grassi Produzione di margarina e di grassi commestibili simili INDUSTRIA LATTIERO CASEARIA Industria lattiero casearia, trattamento igienico, conservazione del latte Produzione di gelati LAVORAZIONE DELLE GRANAGLIE, PRODUZIONE DI AMIDI E DI PRODOTTI AMIDACEI Lavorazione delle granaglie Produzione di amidi e di prodotti amidacei PRODUZIONE DI PRODOTTI DA FORNO E FARINACEI Produzione di pane; prodotti di pasticceria freschi Produzione di fette biscottate e di biscotti; produzione di prodotti di pasticceria conservati Produzione di paste alimentari, di cuscus e di prodotti farinacei simili PRODUZIONE DI ALTRI PRODOTTI ALIMENTARI Produzione di zucchero Produzione di cacao, cioccolato, caramelle e confetterie Lavorazione del tè e del caffè Particolari criteri di inquadramento Produzione di condimenti e spezie Produzione di pasti e piatti preparati Produzione di preparati omogeneizzati e di alimenti dietetici Produzione di prodotti alimentari n.c.a PRODUZIONE DI PRODOTTI PER L ALIMENTAZIONE DEGLI ANIMALI Produzione di mangimi per l'alimentazione degli animali da allevamento Produzione di prodotti per l alimentazione degli animali da compagnia INDUSTRIA DELLE BEVANDE INDUSTRIA DELLE BEVANDE Distillazione, rettifica e miscelatura degli alcolici Produzione di vini da uve Produzione di sidro e di altri vini a base di frutta Produzione di altre bevande fermentate non distillate Produzione di birra Produzione di malto Industria delle bibite analcoliche, delle acque minerali e di altre acque in bottiglia INDUSTRIA DEL TABACCO INDUSTRIA DEL TABACCO Industria del tabacco INDUSTRIE TESSILI PREPARAZIONE E FILATURA DI FIBRE TESSILI Preparazione e filatura di fibre tessili TESSITURA Tessitura FINISSAGGIO DEI TESSILI Finissaggio dei tessili ALTRE INDUSTRIE TESSILI Fabbricazione di tessuti a maglia Confezionamento di articoli tessili (esclusi gli articoli di abbigliamento) Fabbricazione di tappeti e moquette Fabbricazione di spago, corde, funi e reti Fabbricazione di tessuti non tessuti e di articoli in tali materie (esclusi gli articoli di abbigliamento) Fabbricazione di articoli tessili tecnici ed industriali Fabbricazione di altri prodotti tessili n.c.a CONFEZIONE DI ARTICOLI DI ABBIGLIAMENTO; CONFEZIONE DI ARTICOLI IN PELLE E PELLICCIA

13 14.1 CONFEZIONE DI ARTICOLI DI ABBIGLIAMENTO (ESCLUSO ABBIGLIAMENTO IN PELLICCIA) Confezione di abbigliamento in pelle Confezione di indumenti da lavoro Confezione di altro abbigliamento esterno Confezione di biancheria intima Confezione di altri articoli di abbigliamento ed accessori CONFEZIONE DI ARTICOLI IN PELLICCIA Confezione di articoli in pelliccia FABBRICAZIONE DI ARTICOLI DI MAGLIERIA Fabbricazione di articoli di calzetteria in maglia Fabbricazione di altri articoli di maglieria FABBRICAZIONE DI ARTICOLI IN PELLE E SIMILI PREPARAZIONE E CONCIA DEL CUOIO; FABBRICAZIONE DI ARTICOLI DA VIAGGIO, BORSE, PELLETTERIA E SELLERIA; PREPARAZIONE E TINTURA DI PELLICCE Preparazione e concia del cuoio; preparazione e tintura di pellicce Fabbricazione di articoli da viaggio, borse e simili, pelletteria e selleria FABBRICAZIONE DI CALZATURE Fabbricazione di calzature INDUSTRIA DEL LEGNO E DEI PRODOTTI IN LEGNO E SUGHERO (ESCLUSI I MOBILI); FABBRICAZIONE DI ARTICOLI IN PAGLIA E MATERIALI DA INTRECCIO TAGLIO E PIALLATURA DEL LEGNO Taglio e piallatura del legno FABBRICAZIONE DI PRODOTTI IN LEGNO, SUGHERO, PAGLIA E MATERIALI DA INTRECCIO Fabbricazione di fogli da impiallacciatura e di pannelli a base di legno Fabbricazione di pavimenti in parquet assemblato Fabbricazione di altri prodotti di carpenteria in legno e falegnameria per l'edilizia Fabbricazione di imballaggi in legno Fabbricazione di altri prodotti in legno, sughero, paglia e materiali da intreccio FABBRICAZIONE DI CARTA E DI PRODOTTI DI CARTA FABBRICAZIONE DI PASTA CARTA, CARTA E CARTONE Fabbricazione di pasta carta Fabbricazione di carta e cartone FABBRICAZIONE DI ARTICOLI DI CARTA E CARTONE Fabbricazione di carta e cartone ondulato e di imballaggi di carta e cartone Fabbricazione di prodotti igienico sanitari e per uso domestico in carta e ovatta di cellulosa Fabbricazione di prodotti cartotecnici Fabbricazione di carta da parati Fabbricazione di altri articoli di carta e cartone STAMPA E RIPRODUZIONE DI SUPPORTI REGISTRATI STAMPA E SERVIZI CONNESSI ALLA STAMPA Stampa di giornali Altra stampa Lavorazioni preliminari alla stampa e ai media Legatoria e servizi connessi RIPRODUZIONE DI SUPPORTI REGISTRATI Riproduzione di supporti registrati FABBRICAZIONE DI COKE E PRODOTTI DERIVANTI DALLA RAFFINAZIONE DEL PETROLIO FABBRICAZIONE DI PRODOTTI DI COKERIA Fabbricazione di prodotti di cokeria FABBRICAZIONE DI PRODOTTI DERIVANTI DALLA RAFFINAZIONE DEL PETROLIO Fabbricazione di prodotti derivanti dalla raffinazione del petrolio FABBRICAZIONE DI PRODOTTI CHIMICI FABBRICAZIONE DI PRODOTTI CHIMICI DI BASE, DI FERTILIZZANTI E COMPOSTI AZOTATI, DI MATERIE PLASTICHE E GOMMA SINTETICA IN FORME PRIMARIE Fabbricazione di gas industriali Fabbricazione di coloranti e pigmenti

14 20.13 Fabbricazione di altri prodotti chimici di base inorganici Fabbricazione di altri prodotti chimici di base organici Fabbricazione di fertilizzanti e composti azotati Fabbricazione di materie plastiche in forme primarie Fabbricazione di gomma sintetica in forme primarie FABBRICAZIONE DI AGROFARMACI E DI ALTRI PRODOTTI CHIMICI PER L AGRICOLTURA Fabbricazione di agrofarmaci e di altri prodotti chimici per l agricoltura FABBRICAZIONE DI PITTURE, VERNICI E SMALTI, INCHIOSTRI DA STAMPA E ADESIVI SINTETICI (MASTICI) Fabbricazione di pitture, vernici e smalti, inchiostri da stampa e adesivi sintetici (mastici) FABBRICAZIONE DI SAPONI E DETERGENTI, DI PRODOTTI PER LA PULIZIA E LA LUCIDATURA, DI PROFUMI E COSMETICI Fabbricazione di saponi e detergenti, di prodotti per la pulizia e la lucidatura Fabbricazione di profumi e cosmetici FABBRICAZIONE DI ALTRI PRODOTTI CHIMICI Fabbricazione di esplosivi Fabbricazione di colle Fabbricazione di oli essenziali Fabbricazione di prodotti chimici n.c.a FABBRICAZIONE DI FIBRE SINTETICHE E ARTIFICIALI Fabbricazione di fibre sintetiche e artificiali FABBRICAZIONE DI PRODOTTI FARMACEUTICI DI BASE E DI PREPARATI FARMACEUTICI FABBRICAZIONE DI PRODOTTI FARMACEUTICI DI BASE Fabbricazione di prodotti farmaceutici di base FABBRICAZIONE DI MEDICINALI E PREPARATI FARMACEUTICI Fabbricazione di medicinali e preparati farmaceutici FABBRICAZIONE DI ARTICOLI IN GOMMA E MATERIE PLASTICHE FABBRICAZIONE DI ARTICOLI IN GOMMA Fabbricazione di pneumatici e camere d aria; rigenerazione e ricostruzione di pneumatici Fabbricazione di altri prodotti in gomma FABBRICAZIONE DI ARTICOLI IN MATERIE PLASTICHE Fabbricazione di lastre, fogli, tubi e profilati in materie plastiche Fabbricazione di imballaggi in materie plastiche Fabbricazione di articoli in plastica per l edilizia Fabbricazione di altri articoli in materie plastiche FABBRICAZIONE DI ALTRI PRODOTTI DELLA LAVORAZIONE DI MINERALI NON METALLIFERI FABBRICAZIONE DI VETRO E DI PRODOTTI IN VETRO Fabbricazione di vetro piano Lavorazione e trasformazione del vetro piano Fabbricazione di vetro cavo Fabbricazione di fibre di vetro Fabbricazione e lavorazione di altro vetro (incluso vetro per usi tecnici), lavorazione di vetro cavo FABBRICAZIONE DI PRODOTTI REFRATTARI Fabbricazione di prodotti refrattari FABBRICAZIONE DI MATERIALI DA COSTRUZIONE IN TERRACOTTA Fabbricazione di piastrelle in ceramica per pavimenti e rivestimenti Fabbricazione di mattoni, tegole ed altri prodotti per l edilizia in terracotta FABBRICAZIONE DI ALTRI PRODOTTI IN PORCELLANA E IN CERAMICA Fabbricazione di prodotti in ceramica per usi domestici e ornamentali Fabbricazione di articoli sanitari in ceramica Fabbricazione di isolatori e di pezzi isolanti in ceramica Fabbricazione di altri prodotti in ceramica per uso tecnico e industriale Fabbricazione di altri prodotti in ceramica PRODUZIONE DI CEMENTO, CALCE E GESSO Produzione di cemento Produzione di calce e gesso FABBRICAZIONE DI PRODOTTI IN CALCESTRUZZO, CEMENTO E GESSO

15 23.61 Fabbricazione di prodotti in calcestruzzo per l edilizia Fabbricazione di prodotti in gesso per l edilizia Produzione di calcestruzzo pronto per l uso Produzione di malta Fabbricazione di prodotti in fibrocemento Fabbricazione di altri prodotti in calcestruzzo, gesso e cemento TAGLIO, MODELLATURA E FINITURA DI PIETRE Particolari criteri di inquadramento Taglio, modellatura e finitura di pietre FABBRICAZIONE DI PRODOTTI ABRASIVI E DI PRODOTTI IN MINERALI NON METALLIFERI N.C.A Produzione di prodotti abrasivi Fabbricazione di altri prodotti in minerali non metalliferi n.c.a METALLURGIA SIDERURGIA Siderurgia FABBRICAZIONE DI TUBI, CONDOTTI, PROFILATI CAVI E RELATIVI ACCESSORI IN ACCIAIO (ESCLUSI QUELLI IN ACCIAIO COLATO) Fabbricazione di tubi, condotti, profilati cavi e relativi accessori in acciaio (esclusi quelli in acciaio colato) FABBRICAZIONE DI ALTRI PRODOTTI DELLA PRIMA TRASFORMAZIONE DELL ACCIAIO Stiratura a freddo di barre Laminazione a freddo di nastri Profilatura mediante formatura o piegatura a freddo; fabbricazione di pannelli stratificati in acciaio Trafilatura a freddo PRODUZIONE DI METALLI DI BASE PREZIOSI E ALTRI METALLI NON FERROSI, TRATTAMENTO DEI COMBUSTIBILI NUCLEARI Produzione di metalli preziosi Produzione di alluminio Produzione di piombo, zinco e stagno e semilavorati Produzione di rame Produzione di altri metalli non ferrosi Trattamento dei combustibili nucleari FONDERIE Fusione di ghisa Fusione di acciaio Fusione di metalli leggeri Fusione di altri metalli non ferrosi FABBRICAZIONE DI PRODOTTI IN METALLO (ESCLUSI MACCHINARI E ATTREZZATURE) FABBRICAZIONE DI ELEMENTI DA COSTRUZIONE IN METALLO Fabbricazione di strutture metalliche e di parti di strutture Fabbricazione di porte e finestre in metallo FABBRICAZIONE DI CISTERNE, SERBATOI, RADIATORI E CONTENITORI IN METALLO Fabbricazione di radiatori e contenitori in metallo per caldaie per il riscaldamento centrale Fabbricazione di altre cisterne, serbatoi e contenitori in metallo FABBRICAZIONE DI GENERATORI DI VAPORE (ESCLUSI I CONTENITORI IN METALLO PER CALDAIE PER IL RISCALDAMENTO CENTRALE AD ACQUA CALDA) Fabbricazione di generatori di vapore (esclusi i contenitori in metallo per caldaie per il riscaldamento centrale ad acqua calda) FABBRICAZIONE DI ARMI E MUNIZIONI Fabbricazione di armi e munizioni FUCINATURA, IMBUTITURA, STAMPAGGIO E PROFILATURA DEI METALLI; METALLURGIA DELLE POLVERI Fucinatura, imbutitura, stampaggio e profilatura dei metalli; metallurgia delle polveri TRATTAMENTO E RIVESTIMENTO DEI METALLI; LAVORI DI MECCANICA GENERALE Trattamento e rivestimento dei metalli Lavori di meccanica generale FABBRICAZIONE DI ARTICOLI DI COLTELLERIA, UTENSILI E OGGETTI DI FERRAMENTA Fabbricazione di articoli di coltelleria e posateria

16 25.72 Fabbricazione di serrature e cerniere Fabbricazione di utensileria FABBRICAZIONE DI ALTRI PRODOTTI IN METALLO Fabbricazione di bidoni in acciaio e di contenitori analoghi Fabbricazione di imballaggi leggeri in metallo Fabbricazione di prodotti fabbricati con fili metallici, catene e molle Fabbricazione di articoli di bulloneria Fabbricazione di altri prodotti in metallo n.c.a FABBRICAZIONE DI COMPUTER E PRODOTTI DI ELETTRONICA E OTTICA; APPARECCHI ELETTROMEDICALI, APPARECCHI DI MISURAZIONE E DI OROLOGI FABBRICAZIONE DI COMPONENTI ELETTRONICI E SCHEDE ELETTRONICHE Fabbricazione di componenti elettronici Fabbricazione di schede elettroniche assemblate FABBRICAZIONE DI COMPUTER E UNITÀ PERIFERICHE Fabbricazione di computer e unità periferiche FABBRICAZIONE DI APPARECCHIATURE PER LE TELECOMUNICAZIONI Fabbricazione di apparecchiature per le telecomunicazioni FABBRICAZIONE DI PRODOTTI DI ELETTRONICA DI CONSUMO AUDIO E VIDEO Fabbricazione di prodotti di elettronica di consumo audio e video FABBRICAZIONE DI STRUMENTI E APPARECCHI DI MISURAZIONE, PROVA E NAVIGAZIONE; OROLOGI Fabbricazione di strumenti e apparecchi di misurazione, prova e navigazione (esclusi quelli ottici) Fabbricazione di orologi FABBRICAZIONE DI STRUMENTI PER IRRADIAZIONE, APPARECCHIATURE ELETTROMEDICALI ED ELETTROTERAPEUTICHE Fabbricazione di strumenti per irradiazione, apparecchiature elettromedicali ed elettroterapeutiche FABBRICAZIONE DI STRUMENTI OTTICI E ATTREZZATURE FOTOGRAFICHE Fabbricazione di strumenti ottici e attrezzature fotografiche FABBRICAZIONE DI SUPPORTI MAGNETICI ED OTTICI Fabbricazione di supporti magnetici ed ottici FABBRICAZIONE DI APPARECCHIATURE ELETTRICHE ED APPARECCHIATURE PER USO DOMESTICO NON ELETTRICHE FABBRICAZIONE DI MOTORI, GENERATORI E TRASFORMATORI ELETTRICI E DI APPARECCHIATURE PER LA DISTRIBUZIONE E IL CONTROLLO DELL ELETTRICITÀ Fabbricazione di motori, generatori e trasformatori elettrici Fabbricazione di apparecchiature per le reti di distribuzione e il controllo dell elettricità FABBRICAZIONE DI BATTERIE DI PILE ED ACCUMULATORI ELETTRICI Fabbricazione di batterie di pile ed accumulatori elettrici FABBRICAZIONE DI CABLAGGI E APPARECCHIATURE DI CABLAGGIO Fabbricazione di cavi a fibra ottica Fabbricazione di altri fili e cavi elettrici ed elettronici Fabbricazione di attrezzature per cablaggio FABBRICAZIONE DI APPARECCHIATURE PER ILLUMINAZIONE Fabbricazione di apparecchiature per illuminazione FABBRICAZIONE DI APPARECCHI PER USO DOMESTICO Fabbricazione di elettrodomestici Fabbricazione di apparecchi per uso domestico non elettrici FABBRICAZIONE DI ALTRE APPARECCHIATURE ELETTRICHE Fabbricazione di altre apparecchiature elettriche FABBRICAZIONE DI MACCHINARI ED APPARECCHIATURE N.C.A FABBRICAZIONE DI MACCHINE DI IMPIEGO GENERALE Fabbricazione di motori e turbine (esclusi i motori per aeromobili, veicoli e motocicli) Fabbricazione di apparecchiature fluidodinamiche Fabbricazione di altre pompe e compressori Fabbricazione di altri rubinetti e valvole Fabbricazione di cuscinetti, ingranaggi e organi di trasmissione (esclusi quelli idraulici)

17 28.2 FABBRICAZIONE DI ALTRE MACCHINE DI IMPIEGO GENERALE Fabbricazione di forni, bruciatori e sistemi di riscaldamento Fabbricazione di macchine e apparecchi di sollevamento e movimentazione Fabbricazione di macchine ed attrezzature per ufficio (esclusi computer e unità periferiche) Fabbricazione di utensili portatili a motore Fabbricazione di attrezzature di uso non domestico per la refrigerazione e la ventilazione Fabbricazione di altre macchine di impiego generale n.c.a FABBRICAZIONE DI MACCHINE PER L AGRICOLTURA E LA SILVICOLTURA Fabbricazione di macchine per l agricoltura e la silvicoltura FABBRICAZIONE DI MACCHINE PER LA FORMATURA DEI METALLI E DI ALTRE MACCHINE UTENSILI Fabbricazione di macchine utensili per la formatura dei metalli Fabbricazione di altre macchine utensili FABBRICAZIONE DI ALTRE MACCHINE PER IMPIEGHI SPECIALI Fabbricazione di macchine per la metallurgia Fabbricazione di macchine da miniera, cava e cantiere Fabbricazione di macchine per l industria alimentare, delle bevande e del tabacco Fabbricazione di macchine per le industrie tessili, dell abbigliamento e del cuoio (incluse parti e accessori) Fabbricazione di macchine per l industria della carta e del cartone (incluse parti e accessori) Fabbricazione di macchine per l industria delle materie plastiche e della gomma (incluse parti e accessori) Fabbricazione di macchine per impieghi speciali n.c.a. (incluse parti e accessori) FABBRICAZIONE DI AUTOVEICOLI, RIMORCHI E SEMIRIMORCHI FABBRICAZIONE DI AUTOVEICOLI Fabbricazione di autoveicoli FABBRICAZIONE DI CARROZZERIE PER AUTOVEICOLI, RIMORCHI E SEMIRIMORCHI Fabbricazione di carrozzerie per autoveicoli, rimorchi e semirimorchi FABBRICAZIONE DI PARTI ED ACCESSORI PER AUTOVEICOLI E LORO MOTORI Fabbricazione di apparecchiature elettriche ed elettroniche per autoveicoli e loro motori Fabbricazione di altre parti ed accessori per autoveicoli FABBRICAZIONE DI ALTRI MEZZI DI TRASPORTO COSTRUZIONE DI NAVI E IMBARCAZIONI Costruzione di navi e di strutture galleggianti Costruzione di imbarcazioni da diporto e sportive COSTRUZIONE DI LOCOMOTIVE E DI MATERIALE ROTABILE FERRO TRANVIARIO Costruzione di locomotive e di materiale rotabile ferro tranviario FABBRICAZIONE DI AEROMOBILI, DI VEICOLI SPAZIALI E DEI RELATIVI DISPOSITIVI Fabbricazione di aeromobili, di veicoli spaziali e dei relativi dispositivi FABBRICAZIONE DI VEICOLI MILITARI DA COMBATTIMENTO Fabbricazione di veicoli militari da combattimento FABBRICAZIONE DI MEZZI DI TRASPORTO N.C.A Fabbricazione di motocicli (inclusi i motori) Fabbricazione di biciclette e veicoli per invalidi Fabbricazione di altri mezzi di trasporto n.c.a FABBRICAZIONE DI MOBILI FABBRICAZIONE DI MOBILI Fabbricazione di mobili per ufficio e negozi Fabbricazione di mobili per cucina Fabbricazione di materassi Fabbricazione di altri mobili ALTRE INDUSTRIE MANIFATTURIERE FABBRICAZIONE DI GIOIELLERIA, BIGIOTTERIA E ARTICOLI CONNESSI; LAVORAZIONE DELLE PIETRE PREZIOSE Coniazione di monete Fabbricazione di oggetti di gioielleria e oreficeria e articoli connessi Fabbricazione di bigiotteria e articoli simili FABBRICAZIONE DI STRUMENTI MUSICALI Fabbricazione di strumenti musicali

18 32.3 FABBRICAZIONE DI ARTICOLI SPORTIVI Fabbricazione di articoli sportivi FABBRICAZIONE DI GIOCHI E GIOCATTOLI Fabbricazione di giochi e giocattoli FABBRICAZIONE DI STRUMENTI E FORNITURE MEDICHE E DENTISTICHE Fabbricazione di strumenti e forniture mediche e dentistiche INDUSTRIE MANIFATTURIERE N.C.A Fabbricazione di scope e spazzole Altre industrie manifatturiere n.c.a RIPARAZIONE, MANUTENZIONE ED INSTALLAZIONE DI MACCHINE ED APPARECCHIATURE RIPARAZIONE E MANUTENZIONE DI PRODOTTI IN METALLO, MACCHINE ED APPARECCHIATURE Riparazione e manutenzione di prodotti in metallo Riparazione e manutenzione di macchinari Riparazione e manutenzione di apparecchiature elettroniche ed ottiche Riparazione e manutenzione di apparecchiature elettriche Riparazione e manutenzione di navi e imbarcazioni (esclusi i loro motori) Riparazione e manutenzione di aeromobili e di veicoli spaziali Riparazione e manutenzione di locomotive e di materiale rotabile ferro tranviario (esclusi i loro motori) Riparazione di altre apparecchiature INSTALLAZIONE DI MACCHINE ED APPARECCHIATURE INDUSTRIALI Installazione di macchine ed apparecchiature industriali D FORNITURA DI ENERGIA ELETTRICA, GAS, VAPORE E ARIA CONDIZIONATA FORNITURA DI ENERGIA ELETTRICA, GAS, VAPORE E ARIA CONDIZIONATA PRODUZIONE, TRASMISSIONE E DISTRIBUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA Produzione di energia elettrica Trasmissione di energia elettrica Distribuzione di energia elettrica Commercio di energia elettrica PRODUZIONE DI GAS; DISTRIBUZIONE DI COMBUSTIBILI GASSOSI MEDIANTE CONDOTTE Produzione di gas Distribuzione di combustibili gassosi mediante condotte Commercio di gas distribuito mediante condotte FORNITURA DI VAPORE E ARIA CONDIZIONATA Fornitura di vapore e aria condizionata E FORNITURA DI ACQUA; RETI FOGNARIE, ATTIVITÀ DI GESTIONE DEI RIFIUTI E RISANAMENTO RACCOLTA, TRATTAMENTO E FORNITURA DI ACQUA RACCOLTA, TRATTAMENTO E FORNITURA DI ACQUA Raccolta, trattamento e fornitura di acqua GESTIONE DELLE RETI FOGNARIE GESTIONE DELLE RETI FOGNARIE Gestione delle reti fognarie ATTIVITÀ DI RACCOLTA, TRATTAMENTO E SMALTIMENTO DEI RIFIUTI; RECUPERO DEI MATERIALI RACCOLTA DEI RIFIUTI Raccolta di rifiuti non pericolosi Raccolta di rifiuti pericolosi TRATTAMENTO E SMALTIMENTO DEI RIFIUTI Trattamento e smaltimento di rifiuti non pericolosi Trattamento e smaltimento di rifiuti pericolosi RECUPERO DEI MATERIALI Demolizione di carcasse e cantieri di demolizione navali Recupero e cernita di materiali ATTIVITÀ DI RISANAMENTO E ALTRI SERVIZI DI GESTIONE DEI RIFIUTI ATTIVITÀ DI RISANAMENTO E ALTRI SERVIZI DI GESTIONE DEI RIFIUTI

19 39.00 Attività di risanamento e altri servizi di gestione dei rifiuti F COSTRUZIONI COSTRUZIONE DI EDIFICI SVILUPPO DI PROGETTI IMMOBILIARI Sviluppo di progetti immobiliari COSTRUZIONE DI EDIFICI RESIDENZIALI E NON RESIDENZIALI Costruzione di edifici residenziali e non residenziali INGEGNERIA CIVILE COSTRUZIONE DI STRADE E FERROVIE Costruzione di strade e autostrade Costruzione di linee ferroviarie e metropolitane Costruzione di ponti e gallerie COSTRUZIONE DI OPERE DI PUBBLICA UTILITÀ Costruzione di opere di pubblica utilità per il trasporto di fluidi Costruzione di opere di pubblica utilità per l energia elettrica e le telecomunicazioni COSTRUZIONE DI ALTRE OPERE DI INGEGNERIA CIVILE Costruzione di opere idrauliche Costruzione di altre opere di ingegneria civile n.c.a LAVORI DI COSTRUZIONE SPECIALIZZATI DEMOLIZIONE E PREPARAZIONE DEL CANTIERE EDILE Demolizione Preparazione del cantiere edile Trivellazioni e perforazioni INSTALLAZIONE DI IMPIANTI ELETTRICI, IDRAULICI ED ALTRI LAVORI DI COSTRUZIONE E INSTALLAZIONE Installazione di impianti elettrici Installazione di impianti idraulici, di riscaldamento e di condizionamento dell aria Altri lavori di costruzione e installazione COMPLETAMENTO E FINITURA DI EDIFICI Intonacatura Posa in opera di infissi Rivestimento di pavimenti e di muri Tinteggiatura e posa in opera di vetri Altri lavori di completamento e di finitura degli edifici ALTRI LAVORI SPECIALIZZATI DI COSTRUZIONE Realizzazione di coperture Altri lavori specializzati di costruzione n.c.a Particolari criteri di inquadramento G COMMERCIO ALL INGROSSO E AL DETTAGLIO; RIPARAZIONE DI AUTOVEICOLI E MOTOCICLI COMMERCIO ALL INGROSSO E AL DETTAGLIO E RIPARAZIONE DI AUTOVEICOLI E MOTOCICLI COMMERCIO DI AUTOVEICOLI Commercio di autovetture e di autoveicoli leggeri Commercio di altri autoveicoli MANUTENZIONE E RIPARAZIONE DI AUTOVEICOLI Manutenzione e riparazione di autoveicoli COMMERCIO DI PARTI E ACCESSORI DI AUTOVEICOLI Commercio all ingrosso ed intermediazione di parti e accessori di autoveicoli Commercio al dettaglio di parti e accessori di autoveicoli COMMERCIO, MANUTENZIONE E RIPARAZIONE DI MOTOCICLI E RELATIVE PARTI ED ACCESSORI Commercio, manutenzione e riparazione di motocicli e relative parti ed accessori COMMERCIO ALL INGROSSO (ESCLUSO QUELLO DI AUTOVEICOLI E DI MOTOCICLI) INTERMEDIARI DEL COMMERCIO Intermediari del commercio di materie prime agricole, di animali vivi, di materie prime tessili e di semilavorati Intermediari del commercio di combustibili, minerali, metalli e prodotti chimici

20 46.13 Intermediari del commercio di legname e materiali da costruzione Intermediari del commercio di macchinari, impianti industriali, navi e aeromobili Intermediari del commercio di mobili, articoli per la casa e ferramenta Intermediari del commercio di prodotti tessili, abbigliamento, pellicce, calzature e articoli in pelle Intermediari del commercio di prodotti alimentari, bevande e tabacco Intermediari del commercio specializzato in altri prodotti Intermediari del commercio di vari prodotti senza prevalenza di alcuno COMMERCIO ALL INGROSSO DI MATERIE PRIME AGRICOLE E DI ANIMALI VIVI Commercio all ingrosso di cereali, tabacco grezzo, sementi e alimenti per il bestiame (mangimi) Commercio all ingrosso di fiori e piante Commercio all ingrosso di animali vivi Commercio all ingrosso di pelli e cuoio COMMERCIO ALL INGROSSO DI PRODOTTI ALIMENTARI, BEVANDE E PRODOTTI DEL TABACCO Commercio all ingrosso di frutta e ortaggi freschi o conservati Commercio all'ingrosso di carne e di prodotti a base di carne Commercio all ingrosso di prodotti lattiero caseari, uova, oli e grassi commestibili Commercio all ingrosso di bevande Commercio all ingrosso di prodotti del tabacco Commercio all ingrosso di zucchero, cioccolato, dolciumi e prodotti da forno Commercio all ingrosso di caffè, tè, cacao e spezie Commercio all ingrosso di altri prodotti alimentari, inclusi pesci, crostacei e molluschi Commercio all ingrosso non specializzato di prodotti alimentari, bevande e tabacco COMMERCIO ALL INGROSSO DI BENI DI CONSUMO FINALE Commercio all ingrosso di prodotti tessili Commercio all ingrosso di abbigliamento e di calzature Commercio all ingrosso di elettrodomestici, elettronica di consumo audio e video; articoli per fotografia, cinematografia e ottica Commercio all ingrosso di articoli di porcellana, di vetro e di prodotti per la pulizia Commercio all ingrosso di profumi e cosmetici Commercio all ingrosso di prodotti farmaceutici Commercio all ingrosso di mobili, tappeti e articoli per l illuminazione Commercio all ingrosso di orologi e di gioielleria Commercio all'ingrosso di altri beni di consumo COMMERCIO ALL INGROSSO DI APPARECCHIATURE ICT Commercio all ingrosso di computer, apparecchiature informatiche periferiche e di software Commercio all ingrosso di apparecchiature elettroniche per telecomunicazioni e componenti elettronici COMMERCIO ALL'INGROSSO DI ALTRI MACCHINARI, ATTREZZATURE E FORNITURE Commercio all ingrosso di macchinari, attrezzature e forniture agricole Commercio all ingrosso di macchine utensili Commercio all ingrosso di macchinari per l estrazione, l edilizia e l ingegneria civile Commercio all ingrosso di macchinari per l industria tessile, di macchine per cucire e per maglieria Commercio all'ingrosso di mobili per ufficio e negozi Commercio all'ingrosso di altre macchine e attrezzature per ufficio Commercio all ingrosso di altri macchinari e attrezzature COMMERCIO ALL INGROSSO SPECIALIZZATO DI ALTRI PRODOTTI Commercio all'ingrosso di combustibili solidi, liquidi, gassosi e di prodotti derivati Commercio all'ingrosso di metalli e di minerali metalliferi Commercio all'ingrosso di legname e di materiali da costruzione, apparecchi igienico sanitari, vetro piano, vernici e colori Commercio all ingrosso di ferramenta, di apparecchi e accessori per impianti idraulici e di riscaldamento Commercio all ingrosso di prodotti chimici Commercio all ingrosso di altri prodotti intermedi Commercio all ingrosso di rottami e cascami COMMERCIO ALL INGROSSO NON SPECIALIZZATO Commercio all ingrosso non specializzato COMMERCIO AL DETTAGLIO (ESCLUSO QUELLO DI AUTOVEICOLI E DI MOTOCICLI) COMMERCIO AL DETTAGLIO IN ESERCIZI NON SPECIALIZZATI Commercio al dettaglio in esercizi non specializzati con prevalenza di prodotti alimentari e bevande Commercio al dettaglio in altri esercizi non specializzati COMMERCIO AL DETTAGLIO DI PRODOTTI ALIMENTARI, BEVANDE E TABACCO IN ESERCIZI SPECIALIZZATI

Manuale di classificazione dei datori di lavoro ai fini previdenziali ed assistenziali in base all'articolo 49 della legge 88/1989

Manuale di classificazione dei datori di lavoro ai fini previdenziali ed assistenziali in base all'articolo 49 della legge 88/1989 Giugno 2014 ISTITUTO NAZIONALE PREVIDENZA SOCIALE DIREZIONE CENTRALE ENTRATE Manuale di classificazione dei datori di lavoro ai fini previdenziali ed assistenziali in base all'articolo 49 della legge 88/1989

Dettagli

Veneto. Interscambio commerciale con il Kazakhstan

Veneto. Interscambio commerciale con il Kazakhstan Veneto. Interscambio commerciale con il Kazakhstan Gian Angelo Bellati Segretario Generale Unioncamere Veneto Inaugurazione Consolato Onorario della Repubblica del Kazakhstan 29 gennaio 2013 Venezia www.unioncamereveneto.it

Dettagli

TABELLA DI RACCORDO TRA ATECOFIN 2004 E ATECO 2007 a sei cifre, decorrenza 1 gennaio 2009

TABELLA DI RACCORDO TRA ATECOFIN 2004 E ATECO 2007 a sei cifre, decorrenza 1 gennaio 2009 01.11.1p 01.11.10 Coltivazione di cereali (escluso il riso) 01.11.1p 01.12.00 Coltivazione di riso 01.11.2 01.11.20 Coltivazione di semi oleosi 01.11.3 01.13.30 Coltivazione di barbabietola da zucchero

Dettagli

Elenco aggiornato con decorrenza dal 18/09/13 (rif. nota integrativa del 13/09/2013)

Elenco aggiornato con decorrenza dal 18/09/13 (rif. nota integrativa del 13/09/2013) TABELLA 1 CODICI E DESCRIZIONI ATECO 2007 Elenco aggiornato con decorrenza dal 18/09/13 (rif. nota integrativa del 13/09/2013) Codice ATECO A 01.11.10 A 01.11.20 A 01.11.30 A 01.11.40 A 01.12.00 A 01.13.10

Dettagli

ISTRUZIONI PER INDIVIDUAZIONE DEL CORSO A CUI ISCRIVERE I LAVORATORI

ISTRUZIONI PER INDIVIDUAZIONE DEL CORSO A CUI ISCRIVERE I LAVORATORI ISTRUZIONI PER INDIVIDUAZIONE DEL CORSO A CUI ISCRIVERE I LAVORATORI Per individuare correttamente il tipo di corso a cui iscrivere i propri lavoratori occorre applicare quanto stabilito dall Accordo Stato

Dettagli

RAPPORTI ECONOMICI E COMMERCIALI

RAPPORTI ECONOMICI E COMMERCIALI RAPPORTI ECONOMICI E COMMERCIALI TRA L ITALIA E I PAESI DEL NORD AFRICA MAROCCO TUNISIA ALGERIA LIBIA EGITTO L Italia, grazie anche alla prossimità geografica ed a storici rapporti politici e culturali,

Dettagli

GLI INDICI DEI PREZZI ALL IMPORTAZIONE DEI PRODOTTI INDUSTRIALI

GLI INDICI DEI PREZZI ALL IMPORTAZIONE DEI PRODOTTI INDUSTRIALI 74/ 24 febbraio 2014 GLI INDICI DEI PREZZI ALL IMPORTAZIONE DEI PRODOTTI INDUSTRIALI L Istituto nazionale di statistica avvia la pubblicazione, con cadenza mensile, delle nuove serie degli indici dei prezzi

Dettagli

La Raccolta Differenziata Utenze non domestiche

La Raccolta Differenziata Utenze non domestiche La Raccolta Differenziata Utenze non domestiche istruzioni per l uso Raccolta Differenziata Una soluzione alla portata di tutti La produzione di rifiuti è in continuo aumento e deve essere gestita in modo

Dettagli

RISORSE ENERGETICHE AREA 9 FONTI DI ENERGIA DA DOVE PROVIENE L ENERGIA? 10/12/2013 COME SFRUTTIAMO L ENERGIA DEL SOLE?

RISORSE ENERGETICHE AREA 9 FONTI DI ENERGIA DA DOVE PROVIENE L ENERGIA? 10/12/2013 COME SFRUTTIAMO L ENERGIA DEL SOLE? RISORSE ENERGETICHE ENERGIA 2 AREA 9 FONTI DI ENERGIA E INDISPENSABILE ALLA VITA SULLA TERRA ELEMENTO INDISPENSABILE PER SVILUPPO SOCIALE ED ECONOMICO FINO AD ORA: CONTINUO INCREMENTO DI PRODUZIONE E CONSUMO

Dettagli

Leimportazioni italianedimaterieprime

Leimportazioni italianedimaterieprime Leimportazioni italianedimaterieprime Questo rapporto è stato redatto da un gruppo di lavoro dell Area Studi, Ricerche e Statistiche dell Ex - ICE Coordinamento Gianpaolo Bruno Redazione Francesco Livi

Dettagli

Allegato IV alla parte V del D.lgs. 152/06. (testo integrato con le modifiche apportata dal D.lgs. 29 giugno 2010, n. 128)

Allegato IV alla parte V del D.lgs. 152/06. (testo integrato con le modifiche apportata dal D.lgs. 29 giugno 2010, n. 128) Allegato IV alla parte V del D.lgs. 152/06 (testo integrato con le modifiche apportata dal D.lgs. 29 giugno 2010, n. 128) Impianti e attività in deroga. Parte I Impianti ed attività di cui all'articolo

Dettagli

ANALISI DELL IMPORT/EXPORT EXTRA UE DEI PRINCIPALI PORTI ITALIANI. Anni 2009-2011. Ufficio Centrale Antifrode - Ufficio Studi economico-fiscali 1

ANALISI DELL IMPORT/EXPORT EXTRA UE DEI PRINCIPALI PORTI ITALIANI. Anni 2009-2011. Ufficio Centrale Antifrode - Ufficio Studi economico-fiscali 1 Analisi statistiche Giugno 2012 ANALISI DELL IMPORT/EXPORT EXTRA UE DEI PRINCIPALI PORTI ITALIANI Anni 2009-2011 Ufficio Centrale Antifrode - Ufficio Studi economico-fiscali 1 ANALISI DELL IMPORT/EXPORT

Dettagli

2 Rapporto sulla competitività dei settori produttivi - Edizione 2014

2 Rapporto sulla competitività dei settori produttivi - Edizione 2014 Indice 1 2 Rapporto sulla competitività dei settori produttivi - Edizione 214 RAPPORTO SULLA COMPETITIVITÀ DEI SETTORI PRODUTTIVI EDIZIONE 214 ISBN 978-88-458-1784-7 214 Istituto nazionale di statistica

Dettagli

Forme speciali di vendita al dettaglio VENDITA PER CORRISPONDENZA, TELEVISIONE O ALTRI SISTEMI DI COMUNICAZIONE COMUNICAZIONE

Forme speciali di vendita al dettaglio VENDITA PER CORRISPONDENZA, TELEVISIONE O ALTRI SISTEMI DI COMUNICAZIONE COMUNICAZIONE MOD.COM. 6 copia per il Comune Forme speciali di vendita al dettaglio VENDITA PER CORRISPONDENZA, TELEVISIONE O ALTRI SISTEMI DI COMUNICAZIONE COMUNICAZIONE Al Comune di *... Ai sensi del D.L.vo 31/3/1998

Dettagli

La Raccolta differenziata: Ogni cosa al suo posto!

La Raccolta differenziata: Ogni cosa al suo posto! La Raccolta differenziata: Ogni cosa al suo posto! Umido Plastica e Lattine Carta e Cartone Secco non riciclabile Vetro (bianco e colorato) Farmaci scaduti Pile Legno Umido I rifiuti umidi vanno conferiti

Dettagli

I G17H03000130011 Sistema Monitoraggio Investimenti Pubblici

I G17H03000130011 Sistema Monitoraggio Investimenti Pubblici Dipartimento per la Programmazione e il Coordinamento della Politica Economica Il sistema di classificazione dei progetti nel CUP Classificazione CPV a parte M I P G17H03000130011 Sistema Monitoraggio

Dettagli

SCIA-SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA

SCIA-SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA MOD. COM 3 SCIA-SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA ESERCIZI DI COMMERCIO AL DETTAGLIO: MEDIE E GRANDI STRUTTURE DI VENDITA Al SUAP Ai sensi del D. L.vo 114/98, D. L.vo 59/10 e L. 122/10 Il sottoscritto

Dettagli

STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali

STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali Calo degli esercizi commerciali in sede fissa. Nell ultimo decennio l intero comparto della distribuzione commerciale ha

Dettagli

Nuova scadenza presentazione domande di contributo: martedì 30 giugno 2015, ore 12.00

Nuova scadenza presentazione domande di contributo: martedì 30 giugno 2015, ore 12.00 Bando per la concessione di contributi a fondo perduto alle imprese del commercio e del turismo del Distretto ValleLambro - Distretto dell attrattività territoriale integrata turistica e commerciale per

Dettagli

COME E FATTA E COME DEVE ESSERE APPOSTA

COME E FATTA E COME DEVE ESSERE APPOSTA COME E FATTA E COME DEVE ESSERE APPOSTA E composta dalla sigla CE e, nel caso un Organismo Notificato debba intervenire nella fase del controllo della produzione, contiene anche il numero d identificazione

Dettagli

CODICI CER NON PERICOLOSI

CODICI CER NON PERICOLOSI CODICI CER NON PERICOLOSI 01 RIFIUTI DERIVANTI DA PROSPEZIONE, ESTRAZIONE DA MINIERA O CAVA, NONCHÉ DAL TRATTAMENTO FISICO O CHIMICO DI MINERALI 01 01 rifiuti prodotti dall'estrazione di minerali 01 01

Dettagli

Tabelle delle aliquote contributive in vigore dal. 1 gennaio 2014

Tabelle delle aliquote contributive in vigore dal. 1 gennaio 2014 Istituto Nazionale Previdenza Sociale Direzione Centrale Entrate Tabelle delle aliquote contributive in vigore dal 1 gennaio 2014 A cura di Leonardo Pascarella Aggiornamento DICEMBRE 2014 Responsabile:

Dettagli

Capitolo 17. Commercio con l estero e internazionalizzazione

Capitolo 17. Commercio con l estero e internazionalizzazione Capitolo 17 Commercio con l estero e internazionalizzazione 17. Commercio con l estero e internazionalizzazione Le statistiche sul commercio con l estero e sulle attività internazionali delle imprese

Dettagli

F10101 Autovetture Compresi ricambi e materiali di consumo. F10201 Veicoli Commerciali Pesanti (autotelaio) Compresi ricambi e materiali di consumo

F10101 Autovetture Compresi ricambi e materiali di consumo. F10201 Veicoli Commerciali Pesanti (autotelaio) Compresi ricambi e materiali di consumo BARRARE CATEGORIA DI INTERESSE CATEGORIA ISCRIZIONE DESCRIZIONE NOTE VEICOLI F10101 Autovetture F10201 Veicoli Commerciali Pesanti (autotelaio) F10301 Veicoli Commerciali Leggeri (autotelaio) F10501 Macchine

Dettagli

SPORTELLO UNICO PREVIDENZIALE Modello per la richiesta telematica del Documento Unico di Regolarità Contributiva (DURC)

SPORTELLO UNICO PREVIDENZIALE Modello per la richiesta telematica del Documento Unico di Regolarità Contributiva (DURC) SPORTELLO UNICO PREVIDENZIALE Modello per la richiesta telematica del Documento Unico di Regolarità Contributiva (DURC) MODELLO UNIFICATO: 1) APPALTI DI LAVORI PUBBLICI Quadri da compilare : "A" + "B"

Dettagli

Patrimonio della PA. Rapporto sulle partecipazioni detenute dalle Amministrazioni Pubbliche al 31 dicembre 2011

Patrimonio della PA. Rapporto sulle partecipazioni detenute dalle Amministrazioni Pubbliche al 31 dicembre 2011 Patrimonio della PA Rapporto sulle partecipazioni detenute dalle Amministrazioni Pubbliche al 31 dicembre 2011 Dicembre 2013 INDICE 1 Premessa e sintesi 3 2 La rilevazione delle partecipazioni detenute

Dettagli

ALLEGATO 10. Materie tessili e loro manufatti della sezione XI

ALLEGATO 10. Materie tessili e loro manufatti della sezione XI ALLEGATO 10 ELENCO DELLE LAVORAZIONI O TRASFORMAZIONI ALLE QUALI DEVONO ESSERE SOTTO- POSTI I MATERIALI NON ORIGINARI AFFINCHÉ IL PRODOTTO FINITO POSSA AVERE IL CARATTERE DI PRODOTTO ORIGINARIO Materie

Dettagli

COMUNE DI RUFFANO. - Provincia di Lecce - REGOLAMENTO PER LA GESTIONE E L'UTILIZZO DEL CENTRO DI RACCOLTA COMUNALE

COMUNE DI RUFFANO. - Provincia di Lecce - REGOLAMENTO PER LA GESTIONE E L'UTILIZZO DEL CENTRO DI RACCOLTA COMUNALE COMUNE DI RUFFANO - Provincia di Lecce - REGOLAMENTO PER LA GESTIONE E L'UTILIZZO DEL CENTRO DI RACCOLTA COMUNALE approvato con Deliberazione del Commissario Straordinario con i poteri del Consiglio Comunale

Dettagli

ESERCIZI DI COMMERCIO AL DETTAGLIO MEDIE E GRANDI STRUTTURE DI VENDITA COMUNICAZIONE

ESERCIZI DI COMMERCIO AL DETTAGLIO MEDIE E GRANDI STRUTTURE DI VENDITA COMUNICAZIONE MOD.COM 3 Al Comune di * ESERCIZI DI COMMERCIO AL DETTAGLIO MEDIE E GRANDI STRUTTURE DI VENDITA copia per il Comune COMUNICAZIONE Ai sensi del D.L.vo 114/1998 (artt.10 comma 5 e 26 comma 5), il sottoscritto

Dettagli

GUIDA AL COMPOSTAGGIO DOMESTICO

GUIDA AL COMPOSTAGGIO DOMESTICO Comune di CORI (Lt) Assessorato all RACCOLTA DIFFERENZIATA PORTA A PORTA GUIDA AL COMPOSTAGGIO DOMESTICO pagina 1 SOMMARIO Premessa... 3 1 Principi generali: Cos è il Compostaggio... 4 2 Cosa mettere nella

Dettagli

COMUNICAZIONE. Al Comune di *

COMUNICAZIONE. Al Comune di * 7864 Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 82 del 30-6-2004 MOD.COM 3 Al Comune di * ESERCIZI DI COMMERCIO AL DETTAGLIO MEDIE E GRANDI STRUTTURE DI VENDITA COMUNICAZIONE Ai sensi della l.r. 11/03

Dettagli

BILANCIO ENERGETICO NAZIONALE 2012

BILANCIO ENERGETICO NAZIONALE 2012 DIPARTIMENTO PER L'ENERGIA Direzione generale per la sicurezza dell'approvvigionamento e le infrastrutture energetiche DIV. VII - Statistiche ed analisi energetiche e minerarie BILANCIO ENERGETICO NAZIONALE

Dettagli

LA SPESA PER CONSUMI DELLE FAMIGLIE

LA SPESA PER CONSUMI DELLE FAMIGLIE 8 luglio 2015 LA SPESA PER CONSUMI DELLE FAMIGLIE Anno 2014 Dopo due anni di calo, nel 2014 la spesa media mensile per famiglia in valori correnti risulta sostanzialmente stabile e pari a 2.488,50 euro

Dettagli

BOLLO ESERCIZI DI COMMERCIO AL DETTAGLIO - MEDIE E GRANDI STRUTTURE DI VENDITA DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE

BOLLO ESERCIZI DI COMMERCIO AL DETTAGLIO - MEDIE E GRANDI STRUTTURE DI VENDITA DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE MOD.COM 2 BOLLO copia per il Comune ESERCIZI DI COMMERCIO AL DETTAGLIO - MEDIE E GRANDI STRUTTURE DI VENDITA DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE Al Comune di * Ai sensi del D.L.vo 114/1998 (artt. 8,9,10, comma 5),

Dettagli

I dati Import-Export. 1 semestre 2014

I dati Import-Export. 1 semestre 2014 I dati Import-Export 1 semestre 2014 Import, Export e bilancia commerciale (valori in euro) Provincia di Mantova, Lombardia e Italia, 1 semestre 2014 (dati provvisori) import 2014 provvisorio export saldo

Dettagli

12/06/2014 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE LAZIO - N. 47. Regione Lazio DIREZIONE SALUTE E INTEGRAZIONE SOCIOSANITARIA

12/06/2014 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE LAZIO - N. 47. Regione Lazio DIREZIONE SALUTE E INTEGRAZIONE SOCIOSANITARIA Regione Lazio DIREZIONE SALUTE E INTEGRAZIONE SOCIOSANITARIA Atti dirigenziali di Gestione Determinazione 12 maggio 2014, n. G06917 "Deliberazione della Giunta Regionale del 14 gennaio 2011 n. 3". Procedura

Dettagli

vien... Alcune indicazioni pratiche per un alimentazione equilibrata Dipartimento di Prevenzione a cura di Tiziana Longo e Roberta Fedele

vien... Alcune indicazioni pratiche per un alimentazione equilibrata Dipartimento di Prevenzione a cura di Tiziana Longo e Roberta Fedele ERVIZIO ANITARIO REGIONALE A Azienda ervizi anitari N 1 triestina la vien... alute angiando M Alcune indicazioni pratiche per un alimentazione equilibrata a cura di Tiziana Longo e Roberta Fedele Dipartimento

Dettagli

PRODOTTI DA COSTRUZIONE CON L OBBLIGO DI DOP E MARCATURA CE (elenco aggiornato al 31 luglio 2014) ACCIAI e altri PRODOTTI DA COSTRUZIONE

PRODOTTI DA COSTRUZIONE CON L OBBLIGO DI DOP E MARCATURA CE (elenco aggiornato al 31 luglio 2014) ACCIAI e altri PRODOTTI DA COSTRUZIONE CON L OBBLIGO DI DOP E MARCATURA CE (elenco aggiornato al 31 luglio 2014) ACCIAI e altri Acciai per la realizzazione di strutture metalliche e di strutture composte (laminati, tubi senza saldatura, tubi

Dettagli

ESERCIZI DI COMMERCIO AL DETTAGLIO DI VICINATO COMUNICAZIONE. Ai sensi del D.L.vo 114/1998 (art 7, 10 comma 5 e 26 comma 5), il sottoscritto

ESERCIZI DI COMMERCIO AL DETTAGLIO DI VICINATO COMUNICAZIONE. Ai sensi del D.L.vo 114/1998 (art 7, 10 comma 5 e 26 comma 5), il sottoscritto MOD.COM 1, copia per il Comune ESERCIZI DI COMMERCIO AL DETTAGLIO DI VICINATO COMUNICAZIONE Al Comune di * Ai sensi del D.L.vo 114/1998 (art 7, 10 comma 5 e 26 comma 5), il sottoscritto Cognome Nome C.F.

Dettagli

Impianto di compostaggio e di produzione di energia rinnovabile

Impianto di compostaggio e di produzione di energia rinnovabile Impianto di compostaggio e di produzione di energia rinnovabile Come ottenere energia rinnovabile e compost dai rifiuti organici Un percorso di educazione ambientale alla scoperta dell impianto di compostaggio

Dettagli

NOTIFICA ATTIVITA' CON METODO BIOLOGICO ( * )

NOTIFICA ATTIVITA' CON METODO BIOLOGICO ( * ) REGIONE: Ministero per le Politiche Agricole e Forestali ( MiPAF) A cura dell'ufficio ricevente Prot. del NOTIFICA ATTIVITA' CON METODO BIOLOGICO ( * ) INFORMAZIONI RELATIVE ALLA POSIZIONE NEL SISTEMA

Dettagli

Premessa. Riferimenti normativi

Premessa. Riferimenti normativi Circolare esplicativa relativa alle attività con emissioni in atmosfera scarsamente rilevanti art. 272 c. 1 del d.lgs 152/06 come modificato dal d.lgs 128/2010. Premessa L entrata in vigore del d.lgs 128/2010

Dettagli

Direzione Centrale Pensioni. Roma, 20/03/2015

Direzione Centrale Pensioni. Roma, 20/03/2015 Direzione Centrale Pensioni Roma, 20/03/2015 Circolare n. 63 Ai Dirigenti centrali e periferici Ai Responsabili delle Agenzie Ai Coordinatori generali, centrali e periferici dei Rami professionali Al Coordinatore

Dettagli

«DOVE SI TROVANO I BATTERI?»

«DOVE SI TROVANO I BATTERI?» 1 a STRATEGIA EVITARE LA CONTAMINAZIONE conoscere «DOVE SI TROVANO I BATTERI?» I batteri si trovano ovunque nell ambiente (aria, acqua, suolo ed esseri viventi): Sono presenti sulle materie prime, ad es.

Dettagli

Imballaggio primario. Imballaggio secondario. Imballaggio terziario. Funzioni primarie dell imballaggio

Imballaggio primario. Imballaggio secondario. Imballaggio terziario. Funzioni primarie dell imballaggio ALTO BELICE AMBIENTE S.p.A. Cos'è l'imballaggio L uomo ha sempre fatto uso di contenitori e già 3500 anni fa le popolazioni egizie immagazzinavano e trasportavano unguenti, oli e vino in contenitori di

Dettagli

MODULO COMMERCIO SU AREE PUBBLICHE

MODULO COMMERCIO SU AREE PUBBLICHE Protocollo n. MODULO COMMERCIO SU AREE PUBBLICHE AL COMUNE DI SALA CONSILINA Servizio Commercio e Attività Produttive Dati del richiedente: Il/La sottoscritto/a cittadinanza SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI

Dettagli

FATTI FURBO... DIFFERENZIA

FATTI FURBO... DIFFERENZIA Per i comuni del Consorzio Canavesano Ambiente Guida alla raccolta differenziata... FATTI FURBO... DIFFERENZIA anche fatti tu furbo...!!!... e al rispetto dell ambiente DIFFERENZIA ANCHE TU!!! Bastano

Dettagli

Classi di concorso (D.M. 39/98) e abilitazioni

Classi di concorso (D.M. 39/98) e abilitazioni Classi di concorso (D.M. 39/98) e abilitazioni Classi di concorso tabella A 1/A Aerotecnica e costruzioni aeronautiche 2/A Anatomia, fisiopatologia oculare e laboratorio di misure oftalmiche 3/A Arte del

Dettagli

Direzione Centrale Entrate. Roma, 10/04/2015

Direzione Centrale Entrate. Roma, 10/04/2015 Direzione Centrale Entrate Roma, 10/04/2015 Circolare n. 72 Ai Dirigenti centrali e periferici Ai Responsabili delle Agenzie Ai Coordinatori generali, centrali e periferici dei Rami professionali Al Coordinatore

Dettagli

Prodotti di cui ti puoi fidare

Prodotti di cui ti puoi fidare Prodotti di cui ti puoi fidare Vogliamo offrirti alimenti di buona qualità a prezzi bassi, prodotti in modo responsabile. Stiamo lavorando in tutte le parti della catena alimentare, dalla fattoria al negozio

Dettagli

S T U D I O L E G A L E M I S U R A C A - A v v o c a t i, F i s c a l i s t i & A s s o c i a t i L a w F i r m i n I t a l y

S T U D I O L E G A L E M I S U R A C A - A v v o c a t i, F i s c a l i s t i & A s s o c i a t i L a w F i r m i n I t a l y QATAR DISCIPLINA IMPORT EXPORT IN QATAR di Avv. Francesco Misuraca Regole dell import-export in Qatar Licenza d importazione, iscrizione nel Registro Importatori, altre regole La legge doganale del Qatar,

Dettagli

Allegati alla parte IV del D. Lgs 152/2006

Allegati alla parte IV del D. Lgs 152/2006 Allegati alla parte IV del D. Lgs 152/2006 Categorie di rifiuti Allegato A Q1 Residui di produzione o di consumo in appresso non specificati Q2 Prodotti fuori norma Q3 Prodotti scaduti Q4 Sostanze accidentalmente

Dettagli

Classificazione delle attività economiche nelle categorie TARES sopra i 5000 abitanti

Classificazione delle attività economiche nelle categorie TARES sopra i 5000 abitanti Classificazione delle attività economiche nelle categorie TARES sopra i 5000 abitanti Classe 1 - Musei, biblioteche, scuole, associazioni, luoghi di culto Associazioni o istituzioni con fini assistenziali

Dettagli

La movimentazione dei materiali (material handling)

La movimentazione dei materiali (material handling) La movimentazione dei materiali (material handling) Movimentazione e stoccaggio 1 Obiettivo generale La movimentazione e stoccaggio dei materiali (material handling MH) ha lo scopo di rendere disponibile,

Dettagli

AVVISO PUBBLICO ISCRIZIONE ALL ALBO DELLE DITTE DA UTILIZZARE PER L'AFFIDAMENTO DI LAVORI, FORNITURE O SERVIZI A TRATTATIVA PRIVATA O IN ECONOMIA

AVVISO PUBBLICO ISCRIZIONE ALL ALBO DELLE DITTE DA UTILIZZARE PER L'AFFIDAMENTO DI LAVORI, FORNITURE O SERVIZI A TRATTATIVA PRIVATA O IN ECONOMIA AVVISO PUBBLICO ISCRIZIONE ALL ALBO DELLE DITTE DA UTILIZZARE PER L'AFFIDAMENTO DI LAVORI, FORNITURE O SERVIZI A TRATTATIVA PRIVATA O IN ECONOMIA L Istituto dell Addolorata di Foggia ha istituito un albo

Dettagli

Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 47 del 31-03-2011

Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 47 del 31-03-2011 9234 Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 47 del 31-03-2011 mod. Com 6 REGIONE PUGLIA Forme speciali di vendita al dettaglio - SPACCI INTERNI SEGNALAZIONE CERTIFICATA INIZIO ATTIVITA' COMPILARE

Dettagli

VENDITA PER CORRISPONDENZA, TELEVISIONE O ALTRI SISTEMI DI COMUNICAZIONE. Ai sensi della L.R. 11/03 e Regolamento Regionale n.3/2011 il sottoscritto

VENDITA PER CORRISPONDENZA, TELEVISIONE O ALTRI SISTEMI DI COMUNICAZIONE. Ai sensi della L.R. 11/03 e Regolamento Regionale n.3/2011 il sottoscritto mod. Com 8 REGIONE PUGLIA Forme speciali di vendita al dettaglio VENDITA PER CORRISPONDENZA, TELEVISIONE O ALTRI SISTEMI DI COMUNICAZIONE SEGNALAZIONE CERTIFICATA INIZIO ATTIVITA' COMPILARE A STAMPATELLO

Dettagli

I regimi di qualità riconosciuti a livello comunitario: D.O.P., I.G.P., S.T.G. e indicazioni facoltative di qualità TITOLO RELAZIONE

I regimi di qualità riconosciuti a livello comunitario: D.O.P., I.G.P., S.T.G. e indicazioni facoltative di qualità TITOLO RELAZIONE TITOLO RELAZIONE I regimi di qualità riconosciuti a livello comunitario: D.O.P., I.G.P., S.T.G. e indicazioni facoltative di qualità A partire dal 3 gennaio 2013 è entrato in vigore il regolamento (UE)

Dettagli

Le graniglie sono classificabili, secondo il materiale di cui sono composte, come segue :

Le graniglie sono classificabili, secondo il materiale di cui sono composte, come segue : Cos è la graniglia? L utensile della granigliatrice : la graniglia La graniglia è praticamente l utensile della granigliatrice: si presenta come una polvere costituita da un gran numero di particelle aventi

Dettagli

Osservatorio sull internazionalizzazione dell Umbria Centro Estero Umbria, Unioncamere, Università degli Studi di Perugia

Osservatorio sull internazionalizzazione dell Umbria Centro Estero Umbria, Unioncamere, Università degli Studi di Perugia Osservatorio sull internazionalizzazione dell Umbria Centro Estero Umbria, Unioncamere, Università degli Studi di Perugia Università degli Studi di Perugia, Facoltà di Economia Dipartimento di Discipline

Dettagli

QUESTIONARIO PER RACCOLTA DATI E INFORMAZIONI DI POTENZIALI IMPRESE APPALTATRICI PER LAVORI, SERVIZI ORDINARI E FORNITURE SERVIZI

QUESTIONARIO PER RACCOLTA DATI E INFORMAZIONI DI POTENZIALI IMPRESE APPALTATRICI PER LAVORI, SERVIZI ORDINARI E FORNITURE SERVIZI Pag. 1/6 SETTORI DI INTERESSE LAVORI SERVIZI Elettrici Impianti fotovoltaici Idraulici Edili Stradali Pulizie Tappezzerie Tinteggiatura e verniciatura Carpenteria metallica FORNITURE Cavi elettrici bt

Dettagli

AVVISO DEL 31 OTTOBRE 2013

AVVISO DEL 31 OTTOBRE 2013 AVVISO DEL 31 OTTOBRE 2013 FORMAZIONE DI UN ELENCO DI OPERATORI ECONOMICI DI LAVORI, SERVIZI E FORNITURE IN ECONOMIA (ART.125 D. LGS. 163/2006) Ai sensi dell art.125 del D. Lgs. 163/2006 e s.m.i, la Fondazione

Dettagli

Etichettatura degli alimenti

Etichettatura degli alimenti Ministero della Salute Direzione generale per l igiene e la sicurezza degli alimenti e la nutrizione Etichettatura degli alimenti Cosa dobbiamo sapere La scelta di alimenti e bevande condiziona la nostra

Dettagli

Oppure si lavorava l argilla con il tornio (figg. 4 5).

Oppure si lavorava l argilla con il tornio (figg. 4 5). Ceramica Nell antichità il vaso non era un semplice un semplice oggetto utile nella vita quotidiana, ma era anche merce di scambio. Il lavoro del vasaio, inizialmente era collegato alle stagioni e dunque

Dettagli

RELAZIONE MOSTRA: FOOD, LA SCIENZA DAI SEMI AL PIATTO

RELAZIONE MOSTRA: FOOD, LA SCIENZA DAI SEMI AL PIATTO RELAZIONE MOSTRA: FOOD, LA SCIENZA DAI SEMI AL PIATTO La mostra è allestita nelle sale del Museo di Storia Naturale di Milano dal 28 Novembre 2014 al 28 Giugno 2015. Affronta il complesso tema del cibo

Dettagli

CHECK UP 2012 La competitività dell agroalimentare italiano

CHECK UP 2012 La competitività dell agroalimentare italiano Rapporto annuale ISMEA Rapporto annuale 2012 5. La catena del valore IN SINTESI La catena del valore elaborata dall Ismea ha il fine di quantificare la suddivisione del valore dei beni prodotti dal settore

Dettagli

CIRCOLARE N. 37/E. Roma, 29 dicembre 2006

CIRCOLARE N. 37/E. Roma, 29 dicembre 2006 CIRCOLARE N. 37/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 29 dicembre 2006 OGGETTO: IVA Applicazione del sistema del reverse-charge nel settore dell edilizia. Articolo 1, comma 44, della legge

Dettagli

Determinazione del punto di infiammabi-lità mediante apparecchiatura Abel

Determinazione del punto di infiammabi-lità mediante apparecchiatura Abel Indice Numerico NOM 6-88 Vedi UNI 0009 NOM 9-71 Prova di stabilità degli oli isolanti NOM 15-71 Prova di distillazione dei prodotti petroliferi NOM 5-71 Determinazione dello zolfo nei prodotti petroliferi

Dettagli

"#$%&'()! "*$!$*#+#!,)!$-%#.# Guida ad un impiego sicuro dei solventi sul lavoro

#$%&'()! *$!$*#+#!,)!$-%#.# Guida ad un impiego sicuro dei solventi sul lavoro "#$%&'()! "*$!$*#+#!,)!$-%#.# Guida ad un impiego sicuro dei solventi sul lavoro "#$%&'()!"*$!$*#+#!,)!$-%#.# Cos é un solvente? Molte sostanze chimiche, usate per distruggere o diluire altre sostanze

Dettagli

Forme speciali di vendita al dettaglio - COMMERCIO ELETTRONICO. Ai sensi della L.R. 11/03 e Regolamento Regionale n.3/2011

Forme speciali di vendita al dettaglio - COMMERCIO ELETTRONICO. Ai sensi della L.R. 11/03 e Regolamento Regionale n.3/2011 mod. Com 9 REGIONE PUGLIA Forme speciali di vendita al dettaglio - COMMERCIO ELETTRONICO SEGNALAZIONE CERTIFICATA INIZIO ATTIVITA' COMPILARE A STAMPATELLO Al Comune di Ai sensi della L.R. 11/03 e Regolamento

Dettagli

Irradiatori Ceramici ad Infrarossi

Irradiatori Ceramici ad Infrarossi Irradiatori Ceramici ad Infrarossi Caratteristiche e Vantaggi Temperature superficiali fino a 750 C. La lunghezza d'onda degli infrarossi, a banda medio-ampia, fornisce un riscaldamento irradiato uniformemente

Dettagli

COMMERCIO AL DETTAGLIO ESERCIZIO DI VICINATO SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA' Al Comune di *

COMMERCIO AL DETTAGLIO ESERCIZIO DI VICINATO SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA' Al Comune di * Regione Campania Modello 1A copia per il Comune COMMERCIO AL DETTAGLIO ESERCIZIO DI VICINATO SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA' Al Comune di * Ai sensi della legge regionale della Campania 1/2014,

Dettagli

Potere calorifico al kg: materiali

Potere calorifico al kg: materiali Potere calorifico al kg: materiali INDICE MATERIALI PESO POTERE CALORIFICO kg/mc kcal/kg MJ/kg A Abiti 800 4998 21 A Abiti appesi (al metro lineare) - 121380 510 A Acetaldeide (gas) 1519 6197,52 26,04

Dettagli

Livello CILS A2. Test di ascolto

Livello CILS A2. Test di ascolto Livello CILS A2 GIUGNO 2012 Test di ascolto numero delle prove 2 Ascolto Prova n. 1 Ascolta i testi. Poi completa le frasi. Scegli una delle tre proposte di completamento. Alla fine del test di ascolto,

Dettagli

Termometro Infrarossi ad Alte Temperature con Puntatore Laser

Termometro Infrarossi ad Alte Temperature con Puntatore Laser Manuale d Istruzioni Termometro Infrarossi ad Alte Temperature con Puntatore Laser MODELLO 42545 Introduzione Congratulazioni per aver acquistato il Termometro IR Modello 42545. Il 42545 può effettuare

Dettagli

Slowfood. aprile 2010 ACQUA ALLE CORDE - PROFESSIONE HAPPYCOLTORE - DOVE OSANO LE VIGNE. Slowine. Acqua alle corde. Slowfood. Azioni sostenibili

Slowfood. aprile 2010 ACQUA ALLE CORDE - PROFESSIONE HAPPYCOLTORE - DOVE OSANO LE VIGNE. Slowine. Acqua alle corde. Slowfood. Azioni sostenibili 45 aprile 2010 ACQUA ALLE CORDE - PROFESSIONE HAPPYCOLTORE - DOVE OSANO LE VIGNE Slowfood aprile 2010 www.slowfood.it Acqua alle corde Azioni sostenibili Professione happycoltore La rete delle comunità

Dettagli

ELENCO INDICATIVO E NON ESAUSTIVO DEGLI OBBLIGHI DEL DATORE DI LAVORO AI SENSI DEL D.L

ELENCO INDICATIVO E NON ESAUSTIVO DEGLI OBBLIGHI DEL DATORE DI LAVORO AI SENSI DEL D.L ELENCO INDICATIVO E NON ESAUSTIVO DEGLI OBBLIGHI DEL DATORE DI LAVORO AI SENSI DEL D.L. 81/2008 (PER L ELENCO ESAUSTIVO CONSULTARE SEMPRE LA NORMATIVA) - Nomina Rspp Responsabile servizio prevenzione e

Dettagli

(OLL 2) (Disposizioni speciali per determinate categorie di aziende e di lavoratori)

(OLL 2) (Disposizioni speciali per determinate categorie di aziende e di lavoratori) Ordinanza 2 concernente la legge sul lavoro (OLL 2) (Disposizioni speciali per determinate categorie di aziende e di lavoratori) 822.112 del 10 maggio 2000 (Stato 1 aprile 2015) Il Consiglio federale svizzero,

Dettagli

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI 29.3.2014 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 95/1 II (Atti non legislativi) REGOLAMENTI REGOLAMENTO DI ESECUZIONE (UE) N. 322/2014 DELLA COMMISSIONE del 28 marzo 2014 che impone condizioni speciali

Dettagli

Direzione Centrale Pensioni. Roma, 10/04/2015

Direzione Centrale Pensioni. Roma, 10/04/2015 Direzione Centrale Pensioni Roma, 10/04/2015 Circolare n. 74 Ai Dirigenti centrali e periferici Ai Responsabili delle Agenzie Ai Coordinatori generali, centrali e periferici dei Rami professionali Al Coordinatore

Dettagli

Raccolta differenziata dei rifiuti nel Quartiere 1 Centro

Raccolta differenziata dei rifiuti nel Quartiere 1 Centro Comune di Padova Assessorato all Ambiente AcegasAps Raccolta differenziata dei rifiuti nel Quartiere 1 Centro Le 3 Zone di raccolta nel Quartiere 1 Centro Tipo di Rifiuto Cosa conferire Cosa non conferire

Dettagli

Criteri Ambientali Minimi (CAM) Gestione del verde pubblico

Criteri Ambientali Minimi (CAM) Gestione del verde pubblico Criteri Ambientali Minimi (CAM) Gestione del verde pubblico Marco Glisoni Maria Lisa Procopio Incontro formativo Progetto APE settembre 2014 Il Piano d Azione Nazionale per il GPP Piano d azione per la

Dettagli

I Leader nella Tecnologia dell'agitazione. Agitatori ad Entrata Laterale

I Leader nella Tecnologia dell'agitazione. Agitatori ad Entrata Laterale I Leader nella Tecnologia dell'agitazione Agitatori ad Entrata Laterale Soluzione completa per Agitatori Laterali Lightnin e' leader mondiale nel campo dell'agitazione. Plenty e' il leader di mercato per

Dettagli

NOTA INFORMATIVA PER I PIANI DI LAVORO PER LA RIMOZIONE DI MATERIALI EDILIZI IN CEMENTO-AMIANTO E IN VINIL-AMIANTO

NOTA INFORMATIVA PER I PIANI DI LAVORO PER LA RIMOZIONE DI MATERIALI EDILIZI IN CEMENTO-AMIANTO E IN VINIL-AMIANTO NOTA INFORMATIVA PER I PIANI DI LAVORO PER LA RIMOZIONE DI MATERIALI EDILIZI IN CEMENTO-AMIANTO E IN VINIL-AMIANTO In base all art. 256 del D. Lgs. 81/2008, così come modificato dal D. Lgs. 106/2009, i

Dettagli

Denuncia di Malattia Professionale telematica

Denuncia di Malattia Professionale telematica Denuncia di Malattia Professionale telematica Manuale utente Versione 1.5 COME ACCEDERE ALLA DENUNCIA DI MALATTIA PROFESSIONALE ONLINE... 3 SITO INAIL... 3 LOGIN... 4 UTILIZZA LE TUE APPLICAZIONI... 5

Dettagli

CLASSI MERCEOLOGICHE

CLASSI MERCEOLOGICHE ALLEGATO A CLASSI MERCEOLOGICHE 01 - FORNITURE 02 - SERVIZI Versione aggiornata il 25/07/2014 1 S O M M A R I O 01 FORNITURA BENI 01.01 - RICAMBI PER AUTOBUS 3 01.02 - RICAMBI PER MEZZI DI SERVIZIO 4 01.03

Dettagli

Soluzioni complete e innovative per l Habitat del futuro

Soluzioni complete e innovative per l Habitat del futuro Soluzioni complete e innovative per l Habitat del futuro Saint-Gobain, attraverso i suoi marchi, sviluppa e produce nuove generazioni di materiali con un approccio moderno e completo al mercato delle costruzioni:

Dettagli

Camera di combustione Struttura chiusa dentro cui un combustibile viene bruciato per riscaldare aria o altro.

Camera di combustione Struttura chiusa dentro cui un combustibile viene bruciato per riscaldare aria o altro. C Caldaia L'unità centrale scambiatore termico-bruciatore destinata a trasmettere all'acqua il calore prodotto dalla combustione. v. Camera di combustione, Centrali termiche, Efficienza di un impianto

Dettagli

SEGNALAZIONE CERTIFICATA INIZIO ATTIVITA'

SEGNALAZIONE CERTIFICATA INIZIO ATTIVITA' MOD. COM 1 REGIONE PUGLIA Esercizi di Commercio al dettaglio di vicinato SEGNALAZIONE CERTIFICATA INIZIO ATTIVITA' COMPILARE IN STAMPATELLO Al Comune di Ai sensi della L.R. 11/03 e Regolamento Regionale

Dettagli

PER SAPERNE DI PIÙ DAL CAMPO... AL MERCATO ALLA TAVOLA. Per saperne di più

PER SAPERNE DI PIÙ DAL CAMPO... AL MERCATO ALLA TAVOLA. Per saperne di più PER SAPERNE DI PIÙ DAL CAMPO... AGRICOLTURA BIOLOGICA LA FILIERA (dal campo alla tavola) AL MERCATO L ETICHETTA PRODOTTI A KM ZERO MERCATI CONTADINI, VENDITA DIRETTA, GAS ALLA TAVOLA LA PIRAMIDE ALIMENTARE

Dettagli

glazer union soluzioni per il rispetto delle norme HACCP nel settore alimentare

glazer union soluzioni per il rispetto delle norme HACCP nel settore alimentare CHE COS'È L'HACCP? Hazard Analysis and Critical Control Points è il sistema di analisi dei rischi e di controllo dei punti critici di contaminazione per le aziende alimentari. Al fine di garantire la completa

Dettagli

LA LEGGE SUL PESO NETTO

LA LEGGE SUL PESO NETTO La Legge sul Peso Netto 1 LA LEGGE SUL PESO NETTO Comando Polizia Municipale Via Bologna 74 - salone Ufficio Verbali Relatori: Pietro Corcione, Igor Gallo D.Lgs. 6 settembre 2005 n 206 (Codice del Consumo)

Dettagli

Le applicazioni della Dome Valve originale

Le applicazioni della Dome Valve originale Le applicazioni della Dome Valve originale Valvole d intercettazione per i sistemi di trasporto pneumatico e di trattamento dei prodotti solidi Il Gruppo Schenck Process Tuo partner nel mondo Il Gruppo

Dettagli

Comune di Ragusa. Regolamento assistenza domiciliare agli anziani

Comune di Ragusa. Regolamento assistenza domiciliare agli anziani Comune di Ragusa Regolamento assistenza domiciliare agli anziani REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE AGLI ANZIANI approvato con delib. C.C. n.9 del del 24/02/84 modificato con delib. C.C.

Dettagli

Eaton Macchine di processo. Affidati alla affidabilità per garantire continuità alla tua produzione.

Eaton Macchine di processo. Affidati alla affidabilità per garantire continuità alla tua produzione. Eaton Macchine di processo Affidati alla affidabilità per garantire continuità alla tua produzione. Il tempo di funzionamento non è tutto, è l unica cosa che conta. Ogni processo industriale deve soddisfare

Dettagli

REGIME FORFETARIO 2015

REGIME FORFETARIO 2015 OGGETTO: Circolare 4.2015 Seregno, 19 gennaio 2015 REGIME FORFETARIO 2015 La Legge di Stabilità 2015, L. 190/2014 articolo 1 commi da 54 a 89, ha introdotto a partire dal 2015 un nuovo regime forfetario

Dettagli

Servizio di Pulizia della sede del Comando di Roma Carabinieri per la tutela della Salute, viale dell Aeronautica n. 122

Servizio di Pulizia della sede del Comando di Roma Carabinieri per la tutela della Salute, viale dell Aeronautica n. 122 MINISTERO DELLA SALUTE UFFICIO GENERALE DELLE RISORSE DELL ORGANIZZAZIONE E DEL BILANCIO UFFICIO VIII EX DGPOB LOTTO 2. AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI PULIZIA DELLA SEDE DEL COMANDO CARABINIERI PER LA TUTELA

Dettagli

ALLEGATO N. 1 ELENCO CATEGORIE E CLASSI MERCEOLOGICHE DI LAVORI, BENI E SERVIZI

ALLEGATO N. 1 ELENCO CATEGORIE E CLASSI MERCEOLOGICHE DI LAVORI, BENI E SERVIZI ALLEGATO N. 1 (aggiornato G.U.R.I. N. 96 26/04/2014) ELENCO CATEGORIE E CLASSI MERCEOLOGICHE DI LAVORI, BENI E SERVIZI (Barrare la categoria di specializzazione SOA) Categorie opere generali (ex D.P.R.

Dettagli

S.C. Igiene degli alimenti di origine animale. Requisiti igienico-sanitari applicati al settore della pesca

S.C. Igiene degli alimenti di origine animale. Requisiti igienico-sanitari applicati al settore della pesca Requisiti igienico-sanitari applicati al settore della pesca La Spezia 20 ottobre 2009 Requisiti : Strutturali (Strutture ed attrezzature) Funzionali Requisiti strutturali : n Applicabili a tutte le imbarcazioni

Dettagli

ore in presenza C:\Users\Sabina01\Desktop\CONSIGLIO ACCADEMICO\CA 2014\Delibere 2014\Delibere CA del 17 Marzo 2014\piani di studio PAS all 1

ore in presenza C:\Users\Sabina01\Desktop\CONSIGLIO ACCADEMICO\CA 2014\Delibere 2014\Delibere CA del 17 Marzo 2014\piani di studio PAS all 1 1 GRUPPO 07/A Arte della fotografia e della grafica pubblicitaria 10/D ARTE DELLA FOTOGRAFIA E DELLA CINEMATOGRAFIA 65/A tecnica fotografica 13/D ARTE DELLA TIPOGRAFIA E DELLA GRAFICA PUBBLICITARIA Laboratori

Dettagli