Crisi come opportunità Flessibilità come condizione Verso un osservatorio permanente delle tendenze nel settore dell abitare.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Crisi come opportunità Flessibilità come condizione Verso un osservatorio permanente delle tendenze nel settore dell abitare."

Transcript

1 Crisi come opportunità Flessibilità come condizione Verso un osservatorio permanente delle tendenze nel settore dell abitare Settembre 2009

2 Crisi come opportunità Flessibilità come condizione Verso un osservatorio permanente delle tendenze nel settore dell abitare Sommario Introduzione, modello di ricerca e obiettivi Parte prima: I Grandi Cambiamenti strutturali (..di quale Italia stiamo parlando) 1. Il sistema economico di fronte alla crisi 2. Il territorio e le reti dello sviluppo 2.1 Il Mezzogiorno 3. Ricerca e processi formativi Parte seconda Le Grandi tendenze generali (.. di quali italiani stiamo parlando) 4. Il sistema dei consumi di fronte alla crisi 5. Immigrazione e nuovi italiani 6. Il quadro demografico 6.1 Il crescente ruolo della donna 7. Casa e abitazione 8. Comunicazione e media Parte terza Vendere oggi (le dinamiche della flessibilità) 9. Flessibilità e cambiamento 10. Il marketing oltre il marketing: Branding, Retailing, Designing 11. Integrazioni e nuove aggregazioni: i modelli dinamici della flessibilità 12. Il Negozio flessibile Cosa significa metter su casa Vendere tutto l anno Ridare dignità alla convenienza Conclusioni - le dinamiche della fiducia Allegati a. Ricerca etimologica:il concetto del metter su casa b. Ipertesto demoskopico: l albero dei consumatori c. L estetica degli affetti: Verso una nuova antropologia dei consumi

3 Introduzione, modello di ricerca e obiettivi La tesi che intendiamo sostenere in questa ricerca è che di fronte alla crisi in atto possiamo (e forse dobbiamo) porci nelle condizioni degli antichi navigatori che non si facevano intimorire dall hic sunt leones delle carte geografiche esistenti, ma forti di coraggio e di curiosità provavano ad andare oltre, costruendo nuove e più consone mappe. Operando in questo modo, cercheremo di individuare tutte le possibili opportunità in gioco. Si tratta cioè di utilizzare un modello di ricerca che abbia la capacità non solo di analizzare il settore in sé, bensì di collocarlo all interno di un sistema più vasto, andando a ricercare tutte quelle tendenze che, se ben osservate e ponderate, possono alimentare percorsi di differenziazione e di sviluppo. Uscire dal settore per conoscerlo meglio, potrebbe essere uno dei titoli del nostro lavoro. Il nostro settore infatti appare come l intero universo per tutti noi che lo viviamo dall interno, ma cos è nella realtà economica generale? Cosa rappresenta in termini numerici e antropologici? Come si collega e perché ad altri più importanti settori? II settore indagato in questa ricerca non è tra i più importanti e rappresentativi per l economia del nostro Paese, ma rientra nel più ampio capitolo di spesa degli italiani e ad esso è intimamente collegato. Stiamo parlando infatti di un settore che, in termini di consumo vale meno dell 1% del totale (ca milioni di euro nel 2008, su un totale di ca milioni di euro), ma che rientra nel capitolo di spesa relativo all ABITAZIONE che è il più importante in assoluto rispetto ai consumi totali (28.6%, con milioni di euro nel 2008). Siamo partiti da questo dato perché rappresenta, nella sua sintesi brutale, tutta l articolata dinamica e di appartenenza, in modo da consentire una visione puntuale rispetto a tutti gli elementi che interagiscono sia dall alto (i valori macroeconimici) sia dal basso (i valori antropologici). Inoltre, operando in questa maniera, riusciremo a dare un senso tangibile (e quindi direttamente utilizzabile) a tutte le interconnessioni esistenti rispetto alla filiera, fino ad indicare scenari propositivi che permettano di guardare alla crisi non solo come ad una contingenza negativa assoluta, ma anche come opportunità per nuove prospettive di cambiamento. I fattori di crisi, come ci riferisce il Censis, nel suo spesso inascoltato rapporto annuale, sono sostanzialmente tre: la fragilità della nostra struttura socio-culturale; la paura; l implosione finanziaria internazionale. Rispetto a questi fattori, stiamo reagendo in due modi:

4 attraverso una tendenza alla rimozione, posizionando la crisi economica all interno del catalogo delle tante altre paure con le quali stiamo dando ad intendere di riuscire a convivere nell indifferenza attraverso una tendenza alla derubricazione, posizionando la crisi all interno di un fondamentale percepito dell attività economica che è rappresentato dalla visione per bolle (dopo quella della new economy, quella della finanza immobiliare, quella del petrolio e quella delle materie prime, ora abbiamo quella finanziaria; sono passate le altre, passerà anche questa) A giustificazione di questo modo di vedere abbiamo portato (e lo stiamo ancora portando) una serie di rassicurazioni delle quali ci stiamo compiacendo, rivalutando uno strano spirito nazionale finora mai molto coltivato. Cosa diciamo in sostanza? Diciamo che il nostro sistema economico può resistere alla crisi perché è basato sui primati: dell economia reale dell attività manifatturiera della piccola e media impresa (in Italia sono più di 5 milioni gli imprenditori) del familismo economico dei distretti produttivi delle banche locali Ma forse, anche quando alziamo i toni per affermare questi primati, si intravede sottotraccia una sorta di speriamo che io me la cavo basato su altri elementi e su altre convinzioni che di economico possiedono pochissimo. La domanda che ci dobbiamo fare, soprattutto in un ambito di ricerca come il nostro, è però un altra: e se questi primati non bastassero, a quali rischi andremmo incontro? Non è saggio quindi lasciar cadere la sfida che la crisi ci sta proponendo, non è saggio e forse nemmeno utile perché stiamo entrando in una metamorfosi profonda. Stanno mutando tante cose in Italia (lo vedremo nei primi due capitoli dedicati ai Grandi cambiamenti strutturali e alle Grandi tendenze generali ) e sarebbe sciocco non conoscerle perché questi mutamenti comportano diverse antropologie che, a loro volta, generano stili e comportamenti di acquisto differenti. Nel nostro specifico caso poi, affrontando un tema così sensibile come è quello dell abitazione, ci troveremo subito a confronto con il cambiamento in atto. Si tratta di un cambiamento strutturale che viene da lontano e che la crisi di oggi sta solo accelerando. Un cambiamento che andrà affrontato più per

5 via INNOVATIVA che per via ADATTATIVA (come cercheremo di dimostrare) e rispetto alle quali si impone un modello di FLESSIBILITA. Ciò che ci sentiamo di dire già in sede di introduzione è che: sarà molto difficile pensare di utilizzare gli strumenti operativi del passato (su tutti, quelli del marketing, per esempio), ma occorrerà un salto qualitativo (innovativo) molto forte nella direzione di nuovi strumenti orientati alla capacità di misurare in modo dinamico la realtà (commerciale, distributiva, produttiva). Questo salto di qualità riguarderà principalmente il superamento dei tradizionali punti di vista perché non è osservando ad ogni minuto il filo d erba che cresce, che riusciremo a cogliere la sua crescita. Superare i punti di vista tradizionali è il principale obiettivo della ricerca. Per realizzarlo forniremo dati e riflessioni, motivazioni e argomentazioni secondo un modello che tendenzialmente ci metterà sempre nella posizione: dalla parte dei consumatori, perché riteniamo che solo operando in questo modo riusciremo ad offrire un immagine della crisi più aderente alla realtà, che è certamente ancora in movimento, ma che sta configurando una vera e propria METAMORFOSI strutturale. Mettersi dalla parte dei consumatori significherà analizzare la filiera del nostro settore in modo da mettere in evidenza tutti i legami esistenti tra l ampio capitolo di spesa per l ABITAZIONE e i comportamenti di consumo relativi. Operando in questo modo saremo in grado di segnalare, oltre alle dinamiche che stanno alimentando i cambiamenti strutturali, anche gli scenari innovativi possibili all interno delle domande, con ricadute molto interessanti sul piano distributivo. Le fonti che abbiamo utilizzato sono diverse: ISTAT e Rapporto Censis; Ufficio Studi Confcommercio; Ufficio Studi Fondazione Fiera Milano, oltre naturalmente al nostro archivio di ricerca e CASASTILE-IL SOLE24 ORE per il retail nel mondo. Il lavoro è strutturato in tre parti: I II I grandi cambiamenti strutturali In questa parte cercheremo di fornire un quadro generale di riferimento, che potremmo definire: di quale Italia stiamo parlando. Le grandi tendenze generali

6 In questa parte analizzeremo le dinamiche dei consumi e tutti gli elementi relativi al settore di indagine, che potremmo definire: di quali italiani stiamo parlando. III Vendere oggi In questa terza parte proveremo ad illustrare alcuni scenari di prospettiva fornendo possibili soluzioni innovative, che potremmo definire: le dinamiche della flessibilità. // L indagine fornirà elementi di riflessione e indicazioni strategiche ed operative a tutta la filiera, ma avrà soprattutto il merito di aver fornito una puntuale declinazione del concetto di FLESSIBILITA, non più e non solo fotografata nella sua dimensione valoriale ( essere flessibili giova ), ma anche nella sua dimensione dinamica ed operativa ( essere flessibili si può ). In questo lungo e insidioso lavoro di indagine abbiamo potuto fornire indicazioni concrete soprattutto nei confronti della distribuzione, grazie al contributo importante di aziende e associazioni che, comprendendo l alto valore della posta in gioco hanno saputo mettere in campo capacità e servizi innovativi. Ringraziamenti I nostri ringraziamenti vanno a Fondazione Fiera Milano, Fiera Milano, Macef, Art-Arti della Tavola e del Regalo, Federfiori, Assintel, Chic Charming Italian Chef e alle aziende Oikos, Io Inventing New Directions, Casastile - Il Sole 24 Ore Business Media, Webmobili, Esprinet, Agos, Eurostands, Matrimoni d Autore, A.Bennati & C., perché grazie al loro contributo è stato possibile allestire una mostra, nella quale abbiamo provato a mettere in scena il NEGOZIO FLESSIBILE, un modo per passare ai fatti e per attraversare il mare che divide il dire dal fare. Un mare attraversato utilizzando nuove mappe di navigazione, coerenti con il modello di flessibilità e portatrici di innovazione e di opportunità.

7 Parte Prima I GRANDI CAMBIAMENTI STRUTTURALI ( di quale Italia stiamo parlando)

8 1. Il sistema economico di fronte alla crisi Secondo molti osservatori e in particolare il Censis la crisi finanziaria rimette inesorabilmente alla prova la struttura economica e produttiva italiana, dando spazio a percorsi originali di crescita in cui difficoltà e debolezze strutturali possono diventare elementi di difesa dal grande crack finanziario. In altre parole, il nostro Paese reggerà più di altre economie industriali del mondo proprio per effetto della sua caratteristica principale che è l aciclicità. Quattro sono gli elementi che emergono: 1. Il primo è che l industria manifatturiera si mantiene su livelli elevati e l industria tradizionale tecnologicamente più avanzata non si è fermata. Insieme rappresentano un solido pilastro dell economia nazionale. Alcuni dati: il settore rappresenta il 21% del valore aggiunto complessivo contro ad esempio il 16.6% nel Regno Unito e il 14.1% in Francia l Italia registra 8.8 imprese manifatturiere per abitanti e questo risulta essere il tasso più elevato di tutta l area EURO (il doppio rispetto alla Francia e il quadruplo rispetto al Regno Unito) fino al 2008 il settore ha dimostrato tassi di crescita all export 2. Il secondo è che a fronte di un ciclo economico meno intenso del passato si è assistito ad un forte lavoro di riposizionamento e di rimescolamento, attestato sia dall apertura di nuove attività all Estero (6.000 aziende italiane) sia dall allargamento della gamma produttiva e dei servizi. 3. Il terzo è la riconferma di un modello di crescita che si può definire a CERCHI CONCENTRICI ovvero un modello spinto in avanti da un nucleo ristretto di aziende di media (o addirittura piccola) dimensione capace di trainare una molteplicità di microstrutture. In pratica, si tratta della versione più moderna del concetto di distretto territoriale, ma con una vocazione prevalente verso la ricerca di nuove aree di mercato. 4. Infine, il quarto elemento è il rapporto col sistema bancario che, con tutte le sue turbolenze, rimane molto più stabile in Italia rispetto ai principali paesi competitor. Il quadro complessivo, soprattutto se proiettato al futuro prossimo, ci sta dicendo che ci aspetta un periodo di forte tensione e di bassa crescita, ma

9 con caratteristiche positive tutte italiane che potranno aiutare non solo ad uscire dalla crisi senza troppi danni, ma addirittura a disegnare un nuovo assetto economico. Il nostro patrimonio di imprese, di reti e di saper fare consente di immaginare un ritorno al territorio, attraverso un intensa e rinnovata azione di accompagnamento dell impresa da parte del sistema bancario, soprattutto teso a valorizzare le produzioni e le specificità di eccellenze. Sarebbe solo un primo passo, ma molto significativo perché consentirebbe di guardare al futuro con maggiore ottimismo. Ma procediamo con ordine, e incominciamo col dire che i cambiamenti e le riorganizzazioni del settore economico non sono iniziati a partire dalla crisi, ma erano già in atto e la crisi non fa che accelerarli. Tra il 2000 e il 2006 abbiamo registrato cambiamenti significativi sia nel segno dell innovazione, sia in quello dell internazionalizzazione. Cambiamenti che hanno riguardato global player, ma anche (a cascata) medie e piccole imprese, con operazioni di acquisizione e di fusione sul mercato nazionale e su quello internazionale. Nello stesso periodo sono emerse imprese manifatturiere che sono cresciute piuttosto velocemente grazie ad azioni miste di posizionamento, innovazione e rafforzamento del servizio. Si consideri comunque che nonostante i segnali di crisi, il fatturato dell industria nel 2008 (pur in flessione) ha messo a segno un risultato positivo (+2.6% sul 2007). Più in generale, si rileva che il profilo innovativo non riguarda più solo la tecnologia impiegata e la cura nei confronti del prodotto, ma tende a comprendere: NUOVE MODALITA FORME DI CONTAMINAZIONE FORME RINNOVATE DI ASCOLTO che fanno intravedere nuove di organizzazione (dei consumatori e filiere di mercato del servizio e del delle loro nuove post vendita esigenze) Sempre in termini generali, negli ultimi due anni, ha seguito due direzioni strategiche di riposizionamento a livello globale: a- un export molto accentuato verso l oriente e il sud del mondo b- un estensione del tradizionale Made in Italy verso settori diversi (secondo una logica che include l Italian Style) Alcuni dati significativi confermano la bontà delle due scelte realizzate. Ad esempio la Federazione Russa ha aumentato la richiesta di prodotti italiani doc del +48.2%, l India del +61.6% e con valori non dissimili lo stesso si è riscontrato in Cina, in Brasile,

10

11 2. Il territorio e le reti dello sviluppo Impostando la fase , l Unione Europea allargata, ha chiesto a tutti i paesi membri di stilare un Quadro Strategico Nazionale (QSN) nel tentativo di rafforzare la logica strategica della programmazione. Il documento è fondamentale ai fini di una manovra di promozione e di incentivo, ma soprattutto per rendere più efficaci gli eventuali interventi a sostegno. I temi caldi sono CRESCITA e OCCUPAZIONE e l Unione Europea indica alcune aree strategiche prioritarie: ricerca e sviluppo tecnologico innovazione imprenditorialità informazione energia e fonti rinnovabili protezione ambientale Parallelamente, e sempre all interno di questo grande piano strategico, la Commissione Europea ha più volte ribadito la fondamentale importanza dello sviluppo delle città e delle aree metropolitane, tant è vero che nel nuovo ciclo di programmazione la dimensione urbana sarà integrata nei programmi operativi proposti dagli Stati Membri. E l Italia? La sensazione generale è che i temi territoriali in Italia siano rimasti a margine presentati quasi come un capitolo a parte. Il motivo è forse da ricercarsi nel fatto che il nostro territorio non appare compatto, bensì eterogeneo. Secondo il Censis, il territorio italiano è infatti suddivisibile in Cinque Cluster Analysis molto diversi tra loro e caratterizzati dalle province. La mappa che ne deriva permette di suddividere così le province italiane: 1. province della DENSITA AFFLUENTE DEL CENTRO NORD 2. province della SOLIDITA INDUSTRIALE 3. province dell ITALIA MEDIANA 4. province del MEZZOGIORNO IN TRANSIZIONE 5. province della RAREFAZIONE e della DIPENDENZA

12 I principali elementi utilizzati per definire i Cluster sono stati due: la vitalità socio-economico l autonomia finanziaria

13 i quali insieme disegnano il seguente posizionamento Ma vediamo ora sinteticamente le caratteristiche delle cinque aree identificate. 1. Province della DENSITA AFFLUENTE del Centro Nord Sono 17 e ci vivono ca. 17 milioni di italiani (28.3% della popolazione). L area è caratterizzata dalla presenza di comuni di rango metropolitano che riescono ad attivare una serie di comportamenti capaci di generare più possibilità in molti campi. Le province di quest area sono geograficamente contenute nelle punte settentrionali dell Italia, più Firenze, Pisa, Livorno, Roma e Pescara. L area si colloca nel quadrante in alto a destra caratterizzato da un alto tasso di vitalità, da un valore medio di autonomia, ecc.. E dotato di una forte densità abitativa, da più persone scolarizzate, più laureati, da livelli elevati nei consumi culturali e turistici, da una popolazione ricca ma più anziana e da maggiore criminalità. 2. Province della SOLIDITA INDUSTRIALE Sono 19 e ci vivono ca. 11 milioni di italiani (19.5% della popolazione). E il gruppo che rappresenta il cuore produttivo del paese e si estende nella fascia pedemontana lombarda (Varese, Como, Bergamo, Brescia, Cremona, Mantova), fino alle province venete, con prolungamenti in

14 Emilia Romagna e con l aggiunta delle province industriali di Prato, Ancona e Teramo. E caratterizzata dalla rilevante presenza del settore manifatturiero (meno nel settore commercio e servizi) e da vivacità socio-economica caratterizzata, a sua volta, da un alta densità, grande ricambio demografico, incremento dei residenti, forte presenza di stranieri, bassi indici di vecchiaia e di dipendenza. 3. Province dell ITALIA MEDIANA Sono 30 e ci vivono ca. 9 milioni di persone (15.5% della popolazione). Il gruppo è denominato mediano perché al suo interno sono collocate province caratterizzate da bilanci e da performance economiche sempre o poco superiori o poco inferiori rispetto alle medie nazionali. Stiamo parlando delle province piemontesi (escluso Torino), le province dell arco alpino (Sondrio, Belluno, Pordenone, Gorizia, Udine) e di tutta l Italia Centrale (Toscana, Umbria, Lazio, gran parte delle province marchigiane e abruzzesi). Sono caratterizzate da discreta vivacità e dinamica socio-economica, livelli bassi di densità, forte processo di invecchiamento (anche se grazie agli immigrati si sta tornando in controtendenza), discreta dotazione di servizi, di fruizione del prodotto culturale e del tempo libero, basso sviluppo imprenditoriale (anche se il tasso di occupazione si mantiene alto). 4. Province del MEZZOGIORNO IN TRANSIZIONE Sono 18, con 15,4 milioni di abitanti (26.2% della popolazione). Tranne Frosinone e Latina, sono tutte al Sud e comprendono la Campania, la Puglia, Cosenza e tutta la Sardegna (escluso Oristano). L area è caratterizzata da sviluppo socio-economico basso, densità abitativa forte, bassa scolarizzazione, elevato tasso di disoccupazione (specie giovanile), basso valore aggiunto pro-capite, elevata quota giovanile, basso indice di vecchiaia, sviluppo imprenditoriale molto elevato. E la parte più dinamica di tutto il Mezzogiorno d Italia. 5. Province della RAREFAZIONE e della DIPENDENZA Sono 16, con ca. 5 milioni di abitanti (8.6% della popolazione). E il Sud del Sud Italia e comprende le province del Molise, Benevento, Avellino, le province della Basilicata, tutta la Calabria, buona parte della Sicilia e la provincia di Oristano. L area è caratterizzata da un basso livello di sviluppo socio-economico, finanza locale dipendente da Regione e Stato Centrale, basso tasso di attività, elevato tasso di disoccupazione, basso livello di scolarizzazione, ridotta ricchezza, agricoltura, valore basso delle esportazioni, staticità del mercato immobiliare, bassi servizi, ridotti consumi culturali, scarsa crescita demografica, ridotto ricambio generazionale e rigidità strutturale.

15 Le cinque aree individuate dal Censis confermano un trend iniziato molti anni fa, una sostanziale differenza tra un area e l altra (come se passassimo da un paese ad un altro e non da una zona all altra dello stesso paese) e una struttura socio-economico molto più articolata rispetto alle tradizionali suddivisioni demoskopiche. Vedremo più avanti le ricadute possibili in termini di modelli commerciali operativi, mentre ora desideriamo offrire ulteriori dati che riteniamo di grande interesse proprio per il settore ABITAZIONE (e di conseguenza per il nostro specifico settore). Si parla moltissimo di immigrazione dai paesi extracomunitari e pochissimo della migrazione interna che ha letteralmente modificato il layout del nostro territorio, come le immagini satellitari dimostrano senza ombra di dubbio. Negli ultimi 15 anni c è stata una vera e propria migrazione interna che ha comportato: - una diminuzione pari al 4.2% della popolazione residente in città - un incremento pari al 10.0% nella prima cintura - un incremento pari al 14.0% nella seconda cintura Questa migrazione interna interessa molti aspetti della vita economica italiana, ma anche (e forse di più) gli aspetti della realtà antropologica perché si sta disegnando non solo un nuovo profilo geografico di marketing, ma vere e proprie diverse tipologie di consumo. In Italia dunque si stanno strutturando grandi NOVITA TERRITORIALI con ricadute forti sul piano sociale, sul piano distributivo e su quello economico propriamente detti. Attraverso meccanismi di saldatura sul territorio nazionale accanto ad alcune aree metropolitane si alternano lunghe dorsali più o meno

16 urbanizzate e grandi agglomerati che coprono vaste superfici che finiscono per inglobare centri di media dimensione dotati di un loro autonomo sistema territoriale. Si tratta di un fenomeno che riguarda: il 17% della superficie italiana il 61% della popolazione il 63% delle attività produttive e del territorio il 71% del terziario avanzato e dunque di un fenomeno molto importante. Questa situazione non proviene ovviamente dalla crisi in atto, ma da molto più lontano, e configura un bisogno decisamente sottovalutato: il bisogno dell adeguamento dei modelli operativi sia in sede di previsione, sia in sede di controllo. Per capire l importanza di questo bisogno basti pensare che molte aziende italiane manifatturiere continuano a presidiare il territorio attraverso reti che fanno riferimento alle province e a definire la loro attività di marketing facendo riferimento ai dati demoskopici tradizionali, quando tutto è profondamente mutato. 2.1 Il mezzogiorno Merita un focus particolare il nostro Mezzogiorno perché continua ad essere un problema irrisolto. L Italia è infatti gravata dal peso di marcate differenze tra Nord e Sud. Non è la sola nazione ad avere una situazione simile, anche la Germania e la Spagna per certi aspetti soffrono dello stesso problema, ma da noi non si riesce a fare sistema.

17 I dati delle tavole seguenti sono chiarissimi e non necessitano di ulteriori commenti. Resta da dire che la realizzazione del federalismo fiscale potrebbe essere lo strumento più adatto per provare a realizzare un significativo cambiamento.

18

19 3. Ricerca e processi formativi Un capitolo ancora dolente è quello relativo alla RICERCA sia in ambito pubblico che privato. Il nostro Paese è privo di una rete in grado di nutrire, mantenere e sostenere la ricerca. Non lo fa, né seguendo il modello americano (in base al quale le aziende private stesse fanno ricerca per lo sviluppo), né seguendo i modelli di Finlandia e Germania (dove le piccole imprese chiedono ricerca e la realizzano attraverso consorzi e progetti di collaborazione). Tra le 500 imprese europee che investono di più in ricerca: 149 sono nel Regno Unito 100 sono in Germania 66 sono in Francia 44 sono in Svezia e solo 17 in Italia E pensare che l Italia è al 7 posto al mondo per numero di pubblicazioni scientifiche ed è anche al 7 posto al mondo per numero di citazioni delle stesse pubblicazioni da parte dei ricercatori. La mancanza in ricerca è molto più grave se pensiamo all innovazione come elemento portante dell uscita dalla crisi per un nuovo sviluppo: come si può fare innovazione senza ricerca? Una delle cause di tale mancanza risiede nell arretratezza del sistema industriale, ma certamente anche l incapacità di creare politiche di sostegno ha una sua grande responsabilità. Non è quindi per caso che solo 1/3 delle imprese italiane stiano innovando in modo sostanziale e visibile. La lettura delle trasformazioni del tessuto produttivo ci dice che: solo una minoranza ha attivato percorsi di innovazione articolati forse, proprio per questo, occorre ripensare agli strumenti di incentivazione delle attività di ricerca e sviluppo Ma su questo tema l Italia continua a far registrare un cronico ritardo: la spesa nelle attività di sperimentazione ammonta allo 0.5% del PIL (peggio di noi solo Portogallo e Grecia) gli addetti interni e dedicati sono pari allo 0.38% di tutti gli occupati (contro una media europea dello 0.62%) Questi pochi dati ci fanno comprendere come l approccio alla innovazione sia ancora poco incisivo e dunque poco adatto ad affrontare le sfide che le imprese italiane si stanno trovando di fronte.

20 In generale possiamo affermare che l Italia è pervasa da energie vitali molto valide, molto capaci (a volte addirittura di eccellenza), ma anche molto isolate, non sostenute e spesso costrette ad emigrare in altri paesi. // Strettamente connesso alla ricerca, è il sistema scolastico e della formazione. La situazione generale è caratterizzata da una ormai conclamata crisi di sistema, alla quale certo non può far bene la politica di rigore e di taglio della spesa (i dati pongono di fatto l Italia all ultimo posto nella graduatoria europea) che, in assenza di un progetto educativo, rischia di aggravare ulteriormente. L Università è talmente tanto parcellizzata da non riuscire ad avere un respiro strategico e si avvia ad una vitale implosione : cresce la proliferazione dei corsi manca un sistema di valutazione certo e valido per tutti mancano i cosiddetti poli di eccellenza Il quadro è allarmante perché anche tutto il resto della filiera educativa (scuola secondaria e formazione) sembra in affanno, soprattutto alla luce delle linee adottate in sede europea che pongono la conoscenza e l apprendimento per tutti i cittadini come base per trasformare l economia europea in modo più competitivo e dinamico. Eppure sono più di le strutture che offrono servizi di orientamento, ma non esiste una sufficiente conoscenza da parte dei cittadini e così, come molto spesso ci accade, il tutto rimane nel libro delle buone intenzioni.

21 Significativi sono i dati della seguente tabella circa lo scenario della scuola tra 10 anni, secondo l atteggiamento prevalente tra i dirigenti scolastici. Sono sostanzialmente due i dati negativi che emergono: 1- la preoccupazione da parte della maggioranza dei Presidi degli atenei riguardo all organizzazione didattica (v. rischio di licealizzazione da parte degli studenti); 2- l immobilità degli studenti. Ossia, la maggior parte degli iscritti ad una università risiede nella stessa provincia nella quale ha sede la stessa università;

22 Interessante è anche quanto sta cambiando in termini di professionalità. Il concetto di professionalità sta sempre più andando verso quello di competenza (intesa come sommatoria di attributi di contenuto). Oggi la professionalità è un impegno di costruzione e di invenzione (che i singoli soggetti vivono come un elemento proprio e appartenente alla propria sfera personale). La professionalità tende quindi ad essere vissuta come investimento personale. i laureati del 2004 sono stati con % rispetto all anno precedente; il numero dei corsi universitari è cresciuto, con una crescita speciale anche per corsi particolari come: cucina, fotografia, cultura popolare, giardinaggio, sport estremo, enologia, manualità creativa i master universitari valgono 101 milioni di euro, in ambito scuola pubblica, e 87 milioni di euro, in ambito privato, con un costo medio per ogni studente che oscilla tra e euro; sono cresciute anche le iscrizioni all Università (dai 22 anni in su) anche con la motivazione di cercare un consolidamento del proprio sapere. All interno della questione studi e professionalità si segnala in forte aumento ciò che viene definito il talento femminile. Le donne studiano di più, con meno difficoltà e con risultati migliori dei loro coetanei maschi, tanto da costituire oggi una fetta preponderante, ancora non pienamente valorizzata, del nostro capitale intellettuale. Alcuni dati: le donne sono la maggioranza dei laureati (56.8% contro il 43.2%); provengono da studi liceali (74.6% contro il 61.1%); conseguono ottimi voti; hanno performance universitarie migliori: il 20.4% si laurea in corso (contro il 16.7%); il 33.6% consegue la massima votazione (contro il 23.2%); il 23% consegue la laurea con lode (contro il 16.5%) Ciò nonostante le donne sono più insoddisfatte a livello occupazionale, trovano maggiori difficoltà nella ricerca di un impiego, rimangono più spesso disoccupate (anche se si considera un campione basato su lauree forti come ingegneria, giurisprudenza ed economia). Nel mondo del lavoro (sempre facendo riferimento all universo laureate) le donne : hanno meno propensione al lavoro autonomo e a sviluppare forme imprenditoriali (gli imprenditori laureati sono il 9.3% mentre le imprenditrici sono il 3.9%); sono maggiormente presenti come dipendenti; sono maggiormente allocate attraverso contratti a progetto. Nel 2007, nonostante il profilo professionale alto, le donne laureate con il massimo dei voti costituiva il 32.9% del totale delle donne disoccupate. Rispetto all area università e formazione nonostante il contenitore sia stato rinnovato, permangono al suo interno forti asimmetrie tra l auspicato e il

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2012. 17 luglio 2013

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2012. 17 luglio 2013 17 luglio 2013 Anno 2012 LA POVERTÀ IN ITALIA Nel 2012, il 12,7% delle famiglie è relativamente povero (per un totale di 3 milioni 232 mila) e il 6,8% lo è in termini assoluti (1 milione 725 mila). Le

Dettagli

La povertà in Italia nel 2009

La povertà in Italia nel 2009 15 luglio 2010 Anno 2009 La povertà in Italia nel 2009 L'Istituto nazionale di statistica comunica i dati relativi alla povertà relativa e assoluta delle famiglie residenti in Italia, sulla base delle

Dettagli

OSSERVATORIO SUL CREDITO AL DETTAGLIO

OSSERVATORIO SUL CREDITO AL DETTAGLIO OSSERVATORIO SUL CREDITO AL DETTAGLIO NUMERO G I U G N O 2003 QUATTORDICI INDICE PREMESSA pag.5 TEMI DEL RAPPORTO 7 CAPITOLO 1 LO SCENARIO MACROECONOMICO 11 CAPITOLO 2 L ANALISI DEL MERCATO DEL CREDITO

Dettagli

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2011. 17 luglio 2012. INCIDENZA DI POVERTÀ RELATIVA PER RIPARTIZIONE GEOGRAFICA. Anni 2008-2011, valori percentuali

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2011. 17 luglio 2012. INCIDENZA DI POVERTÀ RELATIVA PER RIPARTIZIONE GEOGRAFICA. Anni 2008-2011, valori percentuali 17 luglio 2012 Anno 2011 LA POVERTÀ IN ITALIA Nel 2011, l 11,1% delle famiglie è in condizione di povertà relativa (per un totale di 8.173 mila persone) e il 5,2% lo è in termini assoluti (3.415 mila).

Dettagli

Osservatorio sulla Finanza per i Piccoli Operatori Economici ABSTRACT

Osservatorio sulla Finanza per i Piccoli Operatori Economici ABSTRACT Osservatorio sulla Finanza per i Piccoli Operatori Economici ABSTRACT Volume 6 DICEMBRE 2005 CRIF DECISION SOLUTIONS - NOMISMA OVERVIEW CAPITOLO 1 FATTI E TENDENZE INDICE 1.1 L economia internazionale

Dettagli

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2013. 14 luglio 2014

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2013. 14 luglio 2014 14 luglio 2014 Anno 2013 LA POVERTÀ IN ITALIA Nel 2013, il 12,6% delle famiglie è in condizione di povertà relativa (per un totale di 3 milioni 230 mila) e il 7,9% lo è in termini assoluti (2 milioni 28

Dettagli

LA POVERTÀ IN ITALIA

LA POVERTÀ IN ITALIA 15 luglio 2011 Anno 2010 LA POVERTÀ IN ITALIA La povertà risulta sostanzialmente stabile rispetto al 2009: l 11,0% delle famiglie è relativamente povero e il 4,6% lo è in termini assoluti. La soglia di

Dettagli

Anno 2012 L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA

Anno 2012 L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA 27 ottobre 2014 Anno L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA Nel, in Italia, il 53,1% delle persone di 18-74 anni (23 milioni 351mila individui) parla in prevalenza in famiglia.

Dettagli

Produzione. MANIFATTURA e MERCATI. Le PMI dopo sette anni di crisi

Produzione. MANIFATTURA e MERCATI. Le PMI dopo sette anni di crisi Produzione MANIFATTURA e MERCATI Le PMI dopo sette anni di crisi Produzione MANIFATTURA e MERCATI Le PMI dopo sette anni di crisi Realizzata da CNA Produzione In collaborazione con Centro Studi CNA MANIFATTURA

Dettagli

INDAGINE SUL TURISMO ORGANIZZATO INTERNAZIONALE

INDAGINE SUL TURISMO ORGANIZZATO INTERNAZIONALE Osservatorio turistico della provincia di Pavia INDAGINE SUL TURISMO ORGANIZZATO INTERNAZIONALE Rapporto annuale Settembre 2009 A cura di Storia del documento Copyright: IS.NA.R.T. Scpa Committente: CCIAA

Dettagli

L internazionalizzazione leggera in Sicilia. Il IV Rapporto della Fondazione RES

L internazionalizzazione leggera in Sicilia. Il IV Rapporto della Fondazione RES L internazionalizzazione leggera in Sicilia. Il IV Rapporto della Fondazione RES Pier Francesco Asso ECONOMIA SICILIANA Si illustrano alcuni risultati del IV rapporto di ricerca della Fondazione RES dedicato

Dettagli

Ricerca e innovazione

Ricerca e innovazione CAPITOLO 11 Ricerca e innovazione Alla base del progresso Ricerca e innovazione costituiscono una determinante indiretta del benessere. Sono alla base del progresso sociale ed economico e danno un contributo

Dettagli

Istruttoria legislativa sulla proposta di legge su incentivi fiscali per il rientro dei lavoratori in Italia (C.2079)

Istruttoria legislativa sulla proposta di legge su incentivi fiscali per il rientro dei lavoratori in Italia (C.2079) Istruttoria legislativa sulla proposta di legge su incentivi fiscali per il rientro dei lavoratori in Italia (C.2079) AUDIZIONE DELLA SVIMEZ c/o Camera dei Deputati Commissione VIª: Finanze INDICE DELL

Dettagli

Fragilità, povertà e diritto alla salute nelle età della vita

Fragilità, povertà e diritto alla salute nelle età della vita Fragilità, povertà e diritto alla salute nelle età della vita Povertà e diritto alla salute La salute diseguale: aspetti sociali della tutela della salute Concetta M. Vaccaro Responsabile welfare e salute

Dettagli

RAPPORTO RIFIUTI 2011 Sintesi dei dati

RAPPORTO RIFIUTI 2011 Sintesi dei dati RAPPORTO RIFIUTI 2011 Sintesi dei dati Produzione rifiuti: valori nazionali Nel 2009 cala la produzione dei rifiuti urbani in tutte le macroaree geografiche italiane: -1,6% al Centro, -1,4% al Nord e -0,4%

Dettagli

OBIETTIVO CRESCITA. Le sfide delle PMI nel contesto macroeconomico

OBIETTIVO CRESCITA. Le sfide delle PMI nel contesto macroeconomico OBIETTIVO CRESCITA Impresa, banca, territorio Le sfide delle PMI nel contesto macroeconomico I principali temi Crescita dimensionale Reti d impresa e altre forme di alleanza Innovazione e ricerca Capitale

Dettagli

La maggiore partecipazione alla vita sociale ed economica delle donne determina un aumento della quota del tempo delle donne fuori dalla famiglia.

La maggiore partecipazione alla vita sociale ed economica delle donne determina un aumento della quota del tempo delle donne fuori dalla famiglia. Meno matrimoni In Italia ha sempre ricoperto un ruolo decisivo nel sistema di protezione sociale la rete di welfare familiare. Anche nell ambito della famiglia registriamo dinamiche demografiche, sociali

Dettagli

-5,2% di lavoratori domestici stranieri dal 2010 al 2011. L 80% dei lavoratori in questo settore rimane comunque non italiano.

-5,2% di lavoratori domestici stranieri dal 2010 al 2011. L 80% dei lavoratori in questo settore rimane comunque non italiano. -5,2% di lavoratori domestici stranieri dal 2010 al 2011. L 80% dei lavoratori in questo settore rimane comunque non italiano., 43 anni, 27 ore di lavoro a settimana per un totale di 35 dichiarate con

Dettagli

OSSERVATORIO SUI PROTESTI E I PAGAMENTI DELLE IMPRESE

OSSERVATORIO SUI PROTESTI E I PAGAMENTI DELLE IMPRESE 1/2 3,6k 1k 1,5k OSSERVATORIO SUI PROTESTI E I PAGAMENTI DELLE IMPRESE DICEMBRE #17 (2 a+2b) 12,5% 75,5% 1.41421356237 2 RITARDI AI MINIMI E PROTESTI IN FORTE CALO NEL TERZO TRIMESTRE SINTESI DEI RISULTATI

Dettagli

OSSERVATORIO NAZIONALE SULLA FAMIGLIA

OSSERVATORIO NAZIONALE SULLA FAMIGLIA Ministero del Lavoro e delle Politiche sociali Comune di Bologna OSSERVATORIO NAZIONALE SULLA FAMIGLIA SINTESI DELLA RICERCA SU: Le famiglie povere nelle regioni italiane. Aspetti oggettivi e soggettivi

Dettagli

- 2 trimestre 2014 -

- 2 trimestre 2014 - INDAGINE TRIMESTRALE SULLA CONGIUNTURA IN PROVINCIA DI TRENTO - 2 trimestre 2014 - Sommario Riepilogo dei principali risultati... 2 Giudizio sintetico sul trimestre... 3 1. Il quadro generale... 4 1.1

Dettagli

La lingua italiana, i dialetti e le lingue straniere

La lingua italiana, i dialetti e le lingue straniere 20 aprile 2007 La italiana, i dialetti e le lingue straniere Anno 2006 Le indagini Multiscopo condotte dall Istat rilevano i comportamenti e gli aspetti più importanti della vita quotidiana delle famiglie.

Dettagli

Claudio GAGLIARDI. Rapporto PIQ 2011. Una nuova misura dell economia per leggere l Italia e affrontare la crisi. Segretario Generale Unioncamere

Claudio GAGLIARDI. Rapporto PIQ 2011. Una nuova misura dell economia per leggere l Italia e affrontare la crisi. Segretario Generale Unioncamere Claudio GAGLIARDI Segretario Generale Unioncamere Rapporto PIQ 2011 Una nuova misura dell economia per leggere l Italia e affrontare la crisi Roma, 10 dicembre 2012 Perché puntare l obiettivo sulla qualità?

Dettagli

Quanto donano le imprese. Dati e proiezioni

Quanto donano le imprese. Dati e proiezioni Istituto per la Ricerca Sociale Quanto donano le imprese. Dati e proiezioni La ricerca presentata oggi è stata realizzata dall Istituto per la Ricerca Sociale per conto del Summit della Solidarietà, nell

Dettagli

2.1 DATI NAZIONALI E TERRITORIALI (AREE E Regioni)

2.1 DATI NAZIONALI E TERRITORIALI (AREE E Regioni) ANALISI TERRITORIALE DEL VALORE DEL PATRIMONIO ABITATIVO Gli immobili in Italia - 2015 ANALISI TERRITORIALE DEL VALORE DEL PATRIMONIO ABITATIVO Nel presente capitolo è analizzata la distribuzione territoriale

Dettagli

Oltre il Pil 2013: la geografia del benessere nelle regioni italiane e nelle città metropolitane

Oltre il Pil 2013: la geografia del benessere nelle regioni italiane e nelle città metropolitane Venezia, 13 dicembre 2013 Oltre il Pil 2013: la geografia del benessere nelle regioni italiane e nelle città metropolitane Presentazione Rapporto Oltre il Pil 2013 Serafino Pitingaro Responsabile Area

Dettagli

La ricchezza (vera) delle regioni

La ricchezza (vera) delle regioni La ricchezza (vera) delle regioni La ricchezza (vera) delle regioni Anna Villa Nell'ottava edizione del Rapporto Quars, la classifica del benessere sostenibile. In testa il Trentino Alto Adige, scendono

Dettagli

L IMPRENDITORIA GIOVANILE NEL 2013

L IMPRENDITORIA GIOVANILE NEL 2013 L IMPRENDITORIA GIOVANILE NEL Confronto con il 2012 ed il 2008 e focus su amministratori e titolari d azienda febbraio 2014 P.tta Gasparotto, 8-35131 Padova Tel. 049 8046411 Fax 049 8046444 www.datagiovani.it

Dettagli

Education at the Glance 2005 edition Una summary in italiano dei principali risultati di Roberto Fini

Education at the Glance 2005 edition Una summary in italiano dei principali risultati di Roberto Fini Education at the Glance 2005 edition Una summary in italiano dei principali risultati di Roberto Fini L educazione e l apprendimento lungo tutto l arco della vita svolgono un ruolo capitale nello sviluppo

Dettagli

su Finanza e Terzo Settore Indagine sui fabbisogni finanziari della cooperazione sociale in Italia Executive Summary Fare banca per bene.

su Finanza e Terzo Settore Indagine sui fabbisogni finanziari della cooperazione sociale in Italia Executive Summary Fare banca per bene. EDIZIONE osservatorio UBI Banca su Finanza e Terzo Settore Indagine sui fabbisogni finanziari della cooperazione sociale in Italia Executive Summary Gennaio 2012 con il contributo scientifico di Fare banca

Dettagli

Diventare padri in Italia

Diventare padri in Italia 20 ottobre 2005 Diventare padri in Italia Fecondità e figli secondo un approccio di genere L ampia letteratura scientifica su fecondità e figli è quasi esclusivamente basata su dati riferiti alla sola

Dettagli

Il mercato IT nelle regioni italiane

Il mercato IT nelle regioni italiane RAPPORTO NAZIONALE 2004 Contributi esterni nelle regioni italiane a cura di Assinform Premessa e obiettivi del contributo Il presente contributo contiene la seconda edizione del Rapporto sull IT nelle

Dettagli

I REDDITI E IL MERCATO DEL LAVORO NEL FRIULI VENEZIA GIULIA

I REDDITI E IL MERCATO DEL LAVORO NEL FRIULI VENEZIA GIULIA I REDDITI E IL MERCATO DEL LAVORO NEL FRIULI VENEZIA GIULIA Contributo di Laura Chies Esperta dell Agenzia e Dises - Università di Trieste e di Chiara Donati e Ilaria Silvestri Servizio statistica e affari

Dettagli

Note Brevi LE COOPERATIVE NELL AMBITO DELLA STRUTTURA PRODUTTIVA ITALIANA NEL PERIODO 2007-2008. a cura di Francesco Linguiti

Note Brevi LE COOPERATIVE NELL AMBITO DELLA STRUTTURA PRODUTTIVA ITALIANA NEL PERIODO 2007-2008. a cura di Francesco Linguiti Note Brevi LE COOPERATIVE NELL AMBITO DELLA STRUTTURA PRODUTTIVA ITALIANA NEL PERIODO 2007-2008 a cura di Francesco Linguiti Luglio 2011 Premessa* In questa nota vengono analizzati i dati sulla struttura

Dettagli

Executive summary. Indagine sui fabbisogni finanziari della cooperazione sociale in Italia. Febbraio 2013

Executive summary. Indagine sui fabbisogni finanziari della cooperazione sociale in Italia. Febbraio 2013 Indagine sui fabbisogni finanziari della cooperazione sociale in Italia Executive summary Febbraio 2013 1 Finalità dell Osservatorio 3 Contenuto e metodologia dell indagine 3 Composizione del campione

Dettagli

La competitività dei territori italiani nel mercato globale

La competitività dei territori italiani nel mercato globale La competitività dei territori italiani nel mercato globale Zeno Rotondi, Responsabile Ufficio Studi Italia Bologna, aprile 2011 Indice Quadro congiunturale La competitività dei territori e il ritorno

Dettagli

QUADERNO DI LAVORO: GLI SCENARI ECONOMICI (gennaio 2007)

QUADERNO DI LAVORO: GLI SCENARI ECONOMICI (gennaio 2007) QUADERNO DI LAVORO: GLI SCENARI ECONOMICI (gennaio 2007) CRS PO-MDL 1 GLI SCENARI ECONOMICI Prima di affrontare una qualsiasi analisi del mercato del lavoro giovanile, è opportuno soffermarsi sulle caratteristiche

Dettagli

Servizio Assistenza tecnica e supporto al funzionamento Osservatorio Regionale per la Formazione Continua Rif.to contratto rep. n. 1236 del 24.09.

Servizio Assistenza tecnica e supporto al funzionamento Osservatorio Regionale per la Formazione Continua Rif.to contratto rep. n. 1236 del 24.09. Servizio Assistenza tecnica e supporto al funzionamento Osservatorio Regionale per la Formazione Continua Rif.to contratto rep. n. 1236 del 24.09.2013 FASE 1.a ) Stabilizzazione delle articolazioni territoriali

Dettagli

Seminario «Imprese, mercati, nuove tecnologie e nuovi settori: come cambia l organizzazione aziendale nello scenario competitivo»

Seminario «Imprese, mercati, nuove tecnologie e nuovi settori: come cambia l organizzazione aziendale nello scenario competitivo» Seminario «Imprese, mercati, nuove tecnologie e nuovi settori: come cambia l organizzazione aziendale nello scenario competitivo» Torino, 28-30 Novembre 2011 Luca Pignatelli Demografia (2010-2011) Popolazione

Dettagli

Percorsi e storie d impresa a Roma

Percorsi e storie d impresa a Roma Percorsi e storie d impresa a Roma Esperienze, valutazioni e prospettive degli imprenditori stranieri Sintesi dei principali risultati Indagine realizzata attraverso la somministrazione telefonica o diretta

Dettagli

ARTIGIANATO E PICCOLA IMPRESA NEL VENETO

ARTIGIANATO E PICCOLA IMPRESA NEL VENETO Ufficio Comunicazione&Studi Confartigianato del Veneto ARTIGIANATO E PICCOLA IMPRESA NEL VENETO INDAGINE CONGIUNTURALE ANDAMENTO 2 SEMESTRE 2010 PREVISIONE 1 SEMESTRE 2011 In collaborazione con INDAGINE

Dettagli

L OSSERVATORIO. 29 Luglio 2013 CATEGORIA: ECONOMIA L INCIDENZA DEI PROBLEMI PSICOLOGICI E PSICOSOMATICI EVIDENZE PSICOLOGICHE 29% 23% 42%

L OSSERVATORIO. 29 Luglio 2013 CATEGORIA: ECONOMIA L INCIDENZA DEI PROBLEMI PSICOLOGICI E PSICOSOMATICI EVIDENZE PSICOLOGICHE 29% 23% 42% L OSSERVATORIO L INCIDENZA DEI PROBLEMI PSICOLOGICI E PSICOSOMATICI EVIDENZE PSICOLOGICHE Problemi di condotta Iperattivita' 42% 31% Problemi con i propri POVERI pari 24% CHE LAVORANO 17% Difficolta' diffuse

Dettagli

Osservatorio sulla Finanza. per i Piccoli Operatori Economici ABSTRACT

Osservatorio sulla Finanza. per i Piccoli Operatori Economici ABSTRACT Osservatorio sulla Finanza per i Piccoli Operatori Economici ABSTRACT Volume 14 DICEMBRE 2009 INDICE 1. Overview...6 1.1 La propensione all investimento dei POE...6 1.2 Analisi territoriale...13 1.3 Analisi

Dettagli

Il Sistema Sanitario Italiano esiste ancora?

Il Sistema Sanitario Italiano esiste ancora? Il Sistema Sanitario Italiano esiste ancora? Salute e Sud Regioni italiane: offerta sanitaria e condizioni di salute Report n. 7/2010 REGIONI ITALIANE: OFFERTA SANITARIA E CONDIZIONI DI D SALUTE Per il

Dettagli

GLI IMMOBILI IN ITALIA 2012

GLI IMMOBILI IN ITALIA 2012 2012 4. GLI IMMOBILI IN ITALIA 2012 4. FLUSSI DEI REDDITI DERIVANTI DALLE LOCAZIONI DEI FABBRICATI E FLUSSI INTERTERRITORIALI 4.1 ASPETTI GENERALI In questo capitolo si presentano i dati sui canoni di

Dettagli

UN LAVORATORE AUTONOMO SU QUATTRO A RISCHIO POVERTA

UN LAVORATORE AUTONOMO SU QUATTRO A RISCHIO POVERTA UN LAVORATORE AUTONOMO SU QUATTRO A RISCHIO POVERTA Le famiglie con un reddito principale da lavoro autonomo presentano un rischio povertà quasi doppio rispetto a quello delle famiglie di lavoratori dipendenti.

Dettagli

LA LETTURA DI LIBRI IN ITALIA

LA LETTURA DI LIBRI IN ITALIA 11 maggio 2011 Anno 2010 LA LETTURA DI LIBRI IN ITALIA Nel 2010 il 46,8% della popolazione di 6 anni e più (26 milioni e 448 mila persone) dichiara di aver letto, per motivi non strettamente scolastici

Dettagli

Il settore dell edilizia tra forte crisi e deboli segnali di ripresa

Il settore dell edilizia tra forte crisi e deboli segnali di ripresa Confartigianato Imprese Mantova CONVEGNO RILANCIO DELL EDILIZIA COME USCIRE DAL TUNNEL Proposte per cittadini e imprese Il settore dell edilizia tra forte crisi e deboli segnali di ripresa A cura di Licia

Dettagli

Italia: la spesa sociale e la spesa per disabilità

Italia: la spesa sociale e la spesa per disabilità Italia: la spesa sociale e la spesa per disabilità La spesa sociale dei Comuni Nel 2012 (ultimo dato disponibile) i Comuni italiani, singoli o associati, hanno speso per interventi e servizi sociali sui

Dettagli

POLITICHE DELLO SPORT E DIVARIO NELLA WELLNESS

POLITICHE DELLO SPORT E DIVARIO NELLA WELLNESS Capitolo III POLITICHE DELLO SPORT E DIVARIO NELLA WELLNESS PREMESSA Questo capitolo affronta il tema delle politiche pubbliche per la wellness e lo sport che mette in evidenza ancora un annoso e ancora

Dettagli

Rapporto sul mondo del lavoro 2014

Rapporto sul mondo del lavoro 2014 Rapporto sul mondo del lavoro 2014 L occupazione al centro dello sviluppo Sintesi del rapporto ORGANIZZAZIONE INTERNAZIONALE DEL LAVORO DIPARTIMENTO DELLA RICERCA I paesi in via di sviluppo colmano il

Dettagli

Fiducia nel credito Esperienze di microcredito per l impresa ed il sociale. Alessandro Rinaldi Dirigente Area Studi CamCom Universitas Mercatorum

Fiducia nel credito Esperienze di microcredito per l impresa ed il sociale. Alessandro Rinaldi Dirigente Area Studi CamCom Universitas Mercatorum Fiducia nel credito Esperienze di microcredito per l impresa ed il sociale Alessandro Rinaldi Dirigente Area Studi CamCom Universitas Mercatorum IL REDDITO DISPONIBILE DELLE FAMIGLIE: LIVELLI, DIFFERENZIALI

Dettagli

Tavola rotonda I nuovi esclusi dal mercato del lavoro

Tavola rotonda I nuovi esclusi dal mercato del lavoro Conferenza Regionale del Lavoro Avanti c è posto. Di lavoro Tavola rotonda I nuovi esclusi dal mercato del lavoro Introduzione al tema Giovanna Altieri Roma, 26 gennaio 2010 Presentazione N.01/2010 1 Il

Dettagli

MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE VOLUME 1 CAPITOLO 11

MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE VOLUME 1 CAPITOLO 11 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE ITALIA POPOLAZIONE Cose da sapere VOLUME 1 CAPITOLO 11 A. Le idee importanti l L Italia è uno Stato con 20 regioni e 103 province l In Italia ci sono molte città. Le

Dettagli

Giovani generazioni nel mercato del lavoro in Italia

Giovani generazioni nel mercato del lavoro in Italia Giovani generazioni nel mercato del lavoro in Italia Il contesto italiano Il processo di invecchiamento della popolazione interessa il nostro paese ormai da decenni. Oggi in Italia si contano più di 151,4

Dettagli

Cultura e Tempo Libero

Cultura e Tempo Libero Cultura e Tempo Libero Corso in Statistica Sociale Anno Accademico 2012-13 Anna Freni Sterrantino Sommario Definizione e introduzione Le indagini multiscopo Spesa in attività culturali Confronti con i

Dettagli

6. STRUTTURA DELLA POPOLAZIONE E COMPOSIZIONE DELLE FAMIGLIE. Maria Letizia Pruna SPS/09 Sociologia dei processi economici e del lavoro

6. STRUTTURA DELLA POPOLAZIONE E COMPOSIZIONE DELLE FAMIGLIE. Maria Letizia Pruna SPS/09 Sociologia dei processi economici e del lavoro A.A. 2013-2014 Corso di Laurea Magistrale in Scienze dell Amministrazione Sistemi di welfare 6. STRUTTURA DELLA POPOLAZIONE E COMPOSIZIONE DELLE FAMIGLIE Maria Letizia Pruna SPS/09 Sociologia dei processi

Dettagli

Il quadro preoccupante dei dati economici. Consumi. Reddito disponibile e patrimonio

Il quadro preoccupante dei dati economici. Consumi. Reddito disponibile e patrimonio Il quadro preoccupante dei dati economici Consumi Nel complesso, la situazione economica e sociale della Calabria appare piuttosto critica: per il biennio 2011-2012, la dinamica del valore aggiunto regionale

Dettagli

Analisi del mercato delle auto

Analisi del mercato delle auto Analisi del mercato delle auto Le immatricolazioni ripartono grazie alla necessità di sostituire il vecchio parco di auto non catalizzate. La scomparsa imminente della benzina super fa crescere le vendite,

Dettagli

Analisi condotta sulle regioni e sui settori del Made in Italy a cura di Euler Hermes Italia

Analisi condotta sulle regioni e sui settori del Made in Italy a cura di Euler Hermes Italia Euler Hermes Italia Analisi condotta sulle regioni e sui settori del Made in Italy a cura di Euler Hermes Italia Aggiornamento 3 Trimestre 2013 Il Report si basa sul monitoraggio giornaliero dei pagamenti

Dettagli

Il credit crunch nell economia italiana e per le piccole imprese

Il credit crunch nell economia italiana e per le piccole imprese 17 giugno 2013 Il credit crunch nell economia italiana e per le piccole imprese I dati desk sul credito alle imprese Dall avvento della crisi (dal 2008 in poi) l andamento dei prestiti alle imprese italiane

Dettagli

CONGIUNTURA. Approfondimenti. Il commercio al dettaglio di articoli di cartoleria, cancelleria e materiali per l ufficio: un profilo statistico

CONGIUNTURA. Approfondimenti. Il commercio al dettaglio di articoli di cartoleria, cancelleria e materiali per l ufficio: un profilo statistico CONGIUNTURA Centro Studi Approfondimenti Il commercio al dettaglio di articoli di cartoleria, cancelleria e materiali per l ufficio: un profilo statistico Premessa Il commercio al dettaglio di articoli

Dettagli

Parentela e reti di solidarietà

Parentela e reti di solidarietà 10 ottobre 2006 Parentela e reti di solidarietà Il volume Parentela e reti di solidarietà presenta alcuni risultati dell indagine Famiglia e soggetti sociali svolta dall Istat nel novembre 2003 su un campione

Dettagli

2.3 Le rimesse degli immigrati all estero

2.3 Le rimesse degli immigrati all estero 2.3 Le rimesse degli immigrati all estero L importanza crescente che il fenomeno migratorio sta assumendo comporta la necessità di considerare la funzione economica svolta dai cittadini stranieri inseriti

Dettagli

Figura 1. Povertà relativa, 2002-2009. Fonte: Istat (vari anni), la povertà in Italia

Figura 1. Povertà relativa, 2002-2009. Fonte: Istat (vari anni), la povertà in Italia I dati della statistica ufficiale confermano che il contesto locale della provincia di Napoli e dell intera regione Campania si trovano ad affrontare in questi anni una crisi economica e sociale ancora

Dettagli

È un sistema composto di interessi generali e di interessi di parte e di tanto altro ancora.

È un sistema composto di interessi generali e di interessi di parte e di tanto altro ancora. Dieci anni di sanità in Puglia 19 maggio 2011 Brindisi di Emilio Gianicolo È arduo il compito di mostrare in poche righe punti di forza e punti di debolezza di un sistema sanitario in confronto ai sistemi

Dettagli

Oltre il Pil 2014: la geografia del benessere nelle regioni italiane e nelle città metropolitane

Oltre il Pil 2014: la geografia del benessere nelle regioni italiane e nelle città metropolitane Oltre il Pil 2014: la geografia del benessere nelle regioni italiane e nelle città metropolitane Venezia, 27 gennaio 2015 Serafino Pitingaro Responsabile Area Studi e Ricerche Unioncamere Veneto 1 Senza

Dettagli

22 settembre 2015 Imola

22 settembre 2015 Imola 22 settembre 2015 Imola ASSOLUTAMENTE POVERI Dati riferiti al Nord Italia RELATIVAMENTE POVERI Dati riferiti al Nord Italia LINEA STANDARD DI POVERTA Valore di spesa per consumi al di sotto della quale

Dettagli

CAMPANIA, 6 CENSIMENTO GENERALE DELL AGRICOLTURA RISULTATI DEFINITIVI

CAMPANIA, 6 CENSIMENTO GENERALE DELL AGRICOLTURA RISULTATI DEFINITIVI CAMPANIA, 6 CENSIMENTO GENERALE DELL AGRICOLTURA RISULTATI DEFINITIVI Un decennio di profonde trasformazioni: l agricoltura Campana ha affrontato un periodo di grandi cambiamenti nello scenario socio-economico

Dettagli

INDICATORI DEMOGRAFICI

INDICATORI DEMOGRAFICI 27 gennaio 2012 INDICATORI DEMOGRAFICI Stime per l anno 2011 Sono 556 mila i bambini nati nel 2011, seimila in meno rispetto al 2010. Il numero di persone morte nell anno è pari a 592 mila, quattromila

Dettagli

Lavoro, flessibilità e precarietà:valutazioni ed esperienze dei giovani

Lavoro, flessibilità e precarietà:valutazioni ed esperienze dei giovani 1 Lavoro, flessibilità e precarietà:valutazioni ed esperienze dei giovani La situazione dei giovani lavoratori italiani risulta a noi particolarmente svantaggiata. La società di oggi richiede ai giovani

Dettagli

CONFINDUSTRIA-CRM: CHECK-UP MEZZOGIORNO, LA CADUTA SI ARRESTA, PROVE DI RIPARTENZA.

CONFINDUSTRIA-CRM: CHECK-UP MEZZOGIORNO, LA CADUTA SI ARRESTA, PROVE DI RIPARTENZA. CONFINDUSTRIA-CRM: CHECK-UP MEZZOGIORNO, LA CADUTA SI ARRESTA, PROVE DI RIPARTENZA. Segnali positivi, ma ancora insufficienti a recuperare i valori pre-crisi. Il Mezzogiorno non può attendere il 2025.

Dettagli

i consumi e le nuove scelte e forme di indebitamento

i consumi e le nuove scelte e forme di indebitamento roma 23 giugno 2009 i consumi e le nuove scelte e forme di indebitamento Chiara Fornasari riservatezza Questo documento è la base per una presentazione orale, senza la quale ha quindi limitata significatività

Dettagli

STUDIO DELLA DIFFUSIONE DI INTERNET IN ITALIA ATTRAVERSO

STUDIO DELLA DIFFUSIONE DI INTERNET IN ITALIA ATTRAVERSO STUDIO DELLA DIFFUSIONE DI INTERNET IN ITALIA ATTRAVERSO L USO DEI NOMI A DOMINIO di Maurizio Martinelli Responsabile dell Unità sistemi del Registro del cctld.it e Michela Serrecchia assegnista di ricerca

Dettagli

Automotive. Clima di fiducia e intenzioni di acquisto degli italiani. Indagine marzo 2013. con approfondimenti e confronti ISTAT

Automotive. Clima di fiducia e intenzioni di acquisto degli italiani. Indagine marzo 2013. con approfondimenti e confronti ISTAT Automotive con approfondimenti e confronti ISTAT Clima di fiducia e intenzioni di acquisto degli italiani Indagine marzo 2013 Dati rilevati nel mese di febbraio 2013 Pubblicazione mensile A cura della

Dettagli

CONTI ECONOMICI REGIONALI

CONTI ECONOMICI REGIONALI 23 novembre 2012 Anni 1995-2011 CONTI ECONOMICI REGIONALI In occasione della diffusione delle stime provvisorie per l anno 2011, l Istat pubblica le serie dei Conti economici regionali nella nuova classificazione

Dettagli

La governance. dei sistemi di welfare regionali

La governance. dei sistemi di welfare regionali Università Ca Foscari Venezia Università Cattolica Milano La governance I punti focali dell analisi sulla governance delle regioni aderenti al: dei sistemi di welfare regionali Progetto sperimentale di

Dettagli

LA ROTTURA DEL VINCOLO MATRIMONIALE: DIVORZIO DA MATRIMONIO CIVILE OPPURE RELIGIOSO.

LA ROTTURA DEL VINCOLO MATRIMONIALE: DIVORZIO DA MATRIMONIO CIVILE OPPURE RELIGIOSO. A000234, 1 A000234 FONDAZIONE INSIEME onlus. dati Istat e rielaborazione di Gianfranco Barrago

Dettagli

CREDITO E SULLA RICCHEZZA FINANZIARIA DELLE IMPRESE ARTIGIANE

CREDITO E SULLA RICCHEZZA FINANZIARIA DELLE IMPRESE ARTIGIANE CREDITO E SULLA RICCHEZZA FINANZIARIA DELLE IMPRESE ARTIGIANE Edizione 2002 in collaborazione con RAPPORTO SUL CREDITO E SULLA RICCHEZZA FINANZIARIA DELLE IMPRESE ARTIGIANE - Edizione 2002 RAPPORTO SUL

Dettagli

Sicurezza e cittadinanza

Sicurezza e cittadinanza Sicurezza e cittadinanza (pp. 529 568 del volume) La numerazione di tabelle, tavole e figure riproduce quella del testo integrale La criminalità oltre l emotività Negli ultimi tre anni la criminalità in

Dettagli

LA SOSTENIBILITA DEL SISTEMA SANITARIO ITALIANO

LA SOSTENIBILITA DEL SISTEMA SANITARIO ITALIANO LA SOSTENIBILITA DEL SISTEMA SANITARIO ITALIANO Intervento del Direttore Generale Marcella Panucci SPESA PUBBLICA, PRIVATA E FINANZIAMENTO DEL SSN (Ministero della Salute e Istat, 2011) Valori assoluti

Dettagli

I diplomati e lo studio Anno 2007

I diplomati e lo studio Anno 2007 12 novembre 2009 I diplomati e lo studio Anno 2007 Direzione centrale comunicazione ed editoria Tel. + 39 06 4673 2243-2244 Centro di informazione statistica Tel. + 39 06 4673 3106 Informazioni e chiarimenti

Dettagli

Rapporto Assofranchising Italia 2013 Sintesi per la stampa

Rapporto Assofranchising Italia 2013 Sintesi per la stampa Rapporto Assofranchising Italia 2013 Sintesi per la stampa In un mercato con i principali parametri della crescita bloccati, o addirittura con segno negativo, il franchising ha saputo sostanzialmente tenere

Dettagli

NEWS OLTRE IL PIL n. 3/2012 Anno II

NEWS OLTRE IL PIL n. 3/2012 Anno II NEWS OLTRE IL PIL n. 3/2012 Anno II Benessere e qualità della vita: dalla misurazione statistica alla percezione dei cittadini Introduzione Oggi la percezione della realtà è un elemento importante di cui

Dettagli

PERCENTUALE DI OCCUPATI NELL INDUSTRIA

PERCENTUALE DI OCCUPATI NELL INDUSTRIA PERCENTUALE DI OCCUPATI NELL INDUSTRIA La percentuale di occupati nell industria in Italia, in base al 14 Censimento della popolazione e delle abitazioni (2001), è pari al 33,48%. Quote particolarmente

Dettagli

La paura della criminalità in Italia

La paura della criminalità in Italia La paura della criminalità in Italia Linda Laura Sabbadini DIRETTORE CENTRALE ISTAT Maria Giuseppina Muratore ISTAT Istituto Nazionale di Statistica 1. Paura personale, senso di insicurezza è la sensazione

Dettagli

CONVEGNO NAZIONALE NIMBY FORUM - terza edizione ANDARE OLTRE IL GIARDINO INFRASTRUTTURE E CONSENSO PER UNO SVILUPPO DURATURO

CONVEGNO NAZIONALE NIMBY FORUM - terza edizione ANDARE OLTRE IL GIARDINO INFRASTRUTTURE E CONSENSO PER UNO SVILUPPO DURATURO CONVEGNO NAZIONALE NIMBY FORUM - terza edizione ANDARE OLTRE IL GIARDINO INFRASTRUTTURE E CONSENSO PER UNO SVILUPPO DURATURO SINTESI OSSERVATORIO MEDIA NIMBY FORUM - III EDIZIONE Dall analisi dell Osservatorio

Dettagli

OSSERVATORIO SUL CREDITO AL DETTAGLIO

OSSERVATORIO SUL CREDITO AL DETTAGLIO ASSOFIN - CRIF - PROMETEIA OSSERVATORIO SUL CREDITO AL DETTAGLIO DICEMBRE 2002 NUMERO TREDICI CON DATI AGGIORNATI AL 30 GIUGNO 2002 Il presente Rapporto nasce da una collaborazione ASSOFIN - CRIF - PROMETEIA

Dettagli

OSSERVATORIO FINANZIARIO

OSSERVATORIO FINANZIARIO OSSERVATORIO FINANZIARIO SULLE SOCIETÀ VINICOLE ITALIANE Analisi dei profili reddituali e finanziari di un campione rappresentativo delle diverse tipologie di società vinicole italiane 2 edizione, 2006

Dettagli

I PRESIDI RESIDENZIALI SOCIO-ASSISTENZIALI E SOCIO-SANITARI

I PRESIDI RESIDENZIALI SOCIO-ASSISTENZIALI E SOCIO-SANITARI 14 dicembre 2012 Al 31 dicembre 2010 I PRESIDI RESIDENZIALI SOCIO-ASSISTENZIALI E SOCIO-SANITARI In Italia i presidi residenziali socio-assistenziali e socio-sanitari attivi il 31 dicembre 2010 sono 12.808

Dettagli

La competitività del sistema imprenditoriale italiano: un analisi su base regionale

La competitività del sistema imprenditoriale italiano: un analisi su base regionale VI Workshop UniCredit RegiosS Le regioni italiane: ciclo economico e dati strutturali. I fattori di competitività territoriale La competitività del sistema imprenditoriale italiano: un analisi su base

Dettagli

La divisione dei ruoli nelle coppie

La divisione dei ruoli nelle coppie 10 novembre 2010 La divisione dei ruoli nelle coppie Anno 2008-2009 Dal 1 febbraio 2008 al 31 gennaio 2009 l Istat ha condotto la terza edizione dell Indagine multiscopo sull Uso del tempo, intervistando

Dettagli

Focus Il passaggio dalla scuola secondaria di secondo grado all Università (Aprile 2013)

Focus Il passaggio dalla scuola secondaria di secondo grado all Università (Aprile 2013) Focus Il passaggio dalla scuola secondaria di secondo grado all Università Diplomati Anno Scolastico 2011/2012 Immatricolati Anno Accademico 2012/2013 (Aprile 2013) La presente pubblicazione fa riferimento

Dettagli

L ITALIA VISTA DALL EUROPA Verso i traguardi di Lisbona: i risultati dell Italia 4a edizione - Marzo 2007

L ITALIA VISTA DALL EUROPA Verso i traguardi di Lisbona: i risultati dell Italia 4a edizione - Marzo 2007 L ITALIA VISTA DALL EUROPA Verso i traguardi di Lisbona: i risultati dell 4a edizione - Marzo 2007 SINTESI Confindustria pubblica per la quarta volta L vista dall Europa, documento annuale che fa il punto

Dettagli

La popolazione ucraina in Italia. Caratteristiche demografiche, occupazionali ed economiche.

La popolazione ucraina in Italia. Caratteristiche demografiche, occupazionali ed economiche. La popolazione ucraina in Italia. Caratteristiche demografiche, occupazionali ed economiche. L Italia è il primo Paese europeo per presenza di cittadini e negli ultimi anni ha visto un aumento del 62%.

Dettagli

Il matrimonio in Italia: un istituzione in mutamento

Il matrimonio in Italia: un istituzione in mutamento 12 febbraio 2007 Il matrimonio in Italia: un istituzione in mutamento Anni 2004-2005 All indirizzo web demo.istat.it l Istat rende disponibili i principali risultati delle rilevazioni sui Matrimoni celebrati

Dettagli

EUROPA 2020. Una strategia per una crescita Intelligente Sostenibile Inclusiva. Eurosportello-Unioncamere. del Veneto

EUROPA 2020. Una strategia per una crescita Intelligente Sostenibile Inclusiva. Eurosportello-Unioncamere. del Veneto EUROPA 2020 Una strategia per una crescita Intelligente Sostenibile Inclusiva Eurosportello-Unioncamere del Veneto Cos è è? Una comunicazione della Commissione Europea (Com. 2020 del 3 marzo 2010), adottata

Dettagli

Pensionati e pensioni nelle regioni italiane

Pensionati e pensioni nelle regioni italiane Pensionati e pensioni nelle regioni italiane Adam Asmundo POLITICHE PUBBLICHE Attraverso confronti interregionali si presenta una analisi sulle diverse tipologie di trattamenti pensionistici e sul possibile

Dettagli