ALMA MATER STUDIORUM UNIVERSITA DI BOLOGNA

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "ALMA MATER STUDIORUM UNIVERSITA DI BOLOGNA"

Transcript

1 ALMA MATER STUDIORUM UNIVERSITA DI BOLOGNA Facoltà di Economia Corso di Laurea in Economia e Commercio La Family Card: come conciliare interventi sociali, Costituzione e attività economiche Laureando Paolo CAMPOLI Bologna, 14 dicembre 2007 Anno Accademico 2006/2007

2 INTRODUZIONE

3 Si è voluta considerare, pur se impropriamente, la famiglia come una entità economica o azienda. Diverse sono infatti le similitudini che accomunano l organizzazione famiglia con l organizzazione azienda. Infatti, entrambe nascono con un atto costitutivo (che può anche non essere presente e, in questo caso, avremo una famiglia di fatto o società di fatto ) e possono assumere forme diverse. Così come abbiamo aziende di dimensioni diverse, abbiamo, infatti, famiglie formate da sole due persone e famiglie con uno o più figli e anche famiglie ove, oltre ai figli, risiedono anche i nonni o altri parenti. In ogni caso, sia nelle famiglie che nelle aziende, ognuno ha il proprio ruolo che deve svolgere con prudenza, perizia e diligenza (qualità che deve riassumere in sé la figura paradigmatica del cosiddetto pater familias secondo il Codice Civile) per consentire il corretto funzionamento dell organizzazione. Comunque, entrambe, necessitano di una attivitá strategica di reperimento di risorse finanziarie volta a garantire nel tempo la sostenibilitá dell organizzazione stessa e a promuovere il suo sviluppo costante affermando la propria "identità" sociale verso una molteplicità di interlocutori. Pertanto, in ogni famiglia, come in ogni azienda, vi sarà chi si occuperà di reperire (nel caso più classico attraverso il proprio lavoro e, quindi, la remunerazione della propria attività lavorativa) le risorse finanziarie necessarie affinché la propria organizzazione famiglia possa proseguire nel tempo la propria finalità (mantenere la struttura abitativa per i propri componenti; consentire l istruzione dei figli, la loro formazione sociale, atletica, culturale, ecc.; il mantenimento dello stato di salute ottimale dei componenti la famiglia, ecc.). Dunque, anche in una famiglia, proprio come in una azienda (anche se con strategie e modalità necessariamente diverse) ci sarà chi si occuperà di effettuare una puntuale azione di fundraising. Pertanto, chi avrà la responsabilità della gestione dell azienda famiglia (padre, madre, tutore, ecc.), così come ogni diligente manager aziendale, si adopererà al fine sia di incrementare che di ottimizzare l utilizzo delle risorse finanziarie disponibili. In questo secondo contesto si inserisce il progetto family card laddove, come vedremo più innanzi, assolvendo peraltro anche ad altre funzioni, consentirà alle famiglie utilizzatrici una sensibile contrazione delle spese connesse al funzionamento della famiglia stessa.

4 L Europa e l Italia a crescita zero

5 Come noto in Europa sono in atto cambiamenti demografici di portata e gravità senza precedenti. Praticamente tutti gli Stati membri registrano negli ultimi anni un drammatico calo demografico. Solo l apporto dell immigrazione è stato capace di mitigare la desolazione delle culle vuote che imperversa in Europa; grazie a questo apporto, la popolazione dell UE dovrebbe crescere debolmente fino al 2025 per poi iniziare nuovamente a diminuire: 458 milioni di abitanti nel 2005, 469,5 milioni nel 2025 (+ 2%) e 468,7 milioni nel Cinquantacinque delle duecentoundici Regioni dell UE15 hanno già registrato un calo della popolazione nella seconda metà degli anni novanta; è quanto è accaduto anche nella maggior parte delle regioni dei nuovi Stati membri (35 regioni su 55). Il declino risulta ancor più rapido e profondo se si considera che tra il 2005 e il 2030 il totale della popolazione in età lavorativa (15-64 anni) dovrebbe diminuire di 20,8 milioni di lavoratori. Meno lavoratori attivi, meno produzione, meno consumo, meno servizi, meno PIL. Anche l imprenditorialità e lo spirito d iniziativa della nostra società ne saranno irrimediabilmente compromessi. Più anziani, più costi, più servizi e meno consumi, meno PIL. Una spirale che porterà l Europa alla miseria e i suoi cittadini alla disperazione. Non si tratta di Cassandre : il tasso di fecondità è decisamente inferiore alla soglia del ricambio generazionale (circa 2,1 figli per donna) e in numerosi Stati membri è persino inferiore a 1,5 figli per donna, in 4

6 particolar modo in Italia, dove siamo ormai giunti a 1,29 figli per donna, un dato assolutamente drammatico. In Italia le proiezioni ISTAT parlano di 59 milioni di italiani nel 2025, solo 56 milioni nel E, quel che è peggio, nel 2025 il 25% della popolazione avrà più di 65 anni, un esercito di anziani non supportato da nuove leve. L indice di vecchiaia attuale, cioè il rapporto tra over 65 e under 15, oggi è di 138 su 100 (cioè ogni cento ragazzini sotto i 15 anni ci sono 138 anziani oltre i 65 anni). Occorrerà in pochissimo tempo non solo raggiungere, ma persino superare l obiettivo di Lisbona (un tasso d occupazione del 70%) per compensare il previsto calo della popolazione in età lavorativa: la partecipazione all attività lavorativa dovrà aumentare e l età pensionabile andrà ulteriormente innalzata, innescando un conflitto sociale durissimo del quale possiamo solo intravedere le prime avvisaglie. 5

7 6

8 Questo grafico indica una sola cosa: che l Europa è malata, è gravemente malata. In esso viene dimostrato l anno in cui da una parte il totale della popolazione e dall altra il totale dei lavoratori smetteranno di crescere e inizieranno a declinare. L Italia è drammaticamente nelle ultimissime posizioni: domani, è già tardi per intervenire. Verrebbe da dire che l Italia non è solo malata, è addirittura in sala di rianimazione. Occorre intervenire d urgenza, sapendo che una inversione di tendenza la potremo vedere solo tra decenni. Occorre che l Europa capovolga immediatamente la tendenza al declino 7

9 demografico, offrendo alle famiglie maggiori incentivi con politiche pubbliche che consentano alle donne e agli uomini di conciliare vita familiare e professionale. La bassa natalità è indice di un malessere diffuso che ha molteplici cause, talmente gravi da impedire alle coppie di generare i figli che desiderano. Togliere quelle cause, significherebbe ridare slancio al desiderio di paternità e maternità responsabili, rinvigorendo e ringiovanendo così tutta l Europa, Italia in testa. Tutte le statistiche e gli studi di settore affermano infatti, inequivocabilmente, che le coppie vorrebbero avere più figli ma questo desiderio viene, tra l altro, anche frustrato da limitazioni oggettive esterne che debbono subire. Si tratta di limitazioni legate alle difficoltà di accesso all abitazione, all accesso tardivo o precario all attività lavorativa, all ingiusta e iniqua imposizione fiscale e tributaria frequentemente in Europa mettere al mondo un figlio equivale ad una punizione da parte dello Stato attraverso dazi, imposte, gabelle ai limiti culturali dovuti ad un sentire che agevola e favorisce altre forme di convivenza rispetto alla famiglia e investe particolarmente a favore di quelle situazioni che, oggettivamente, non guardano al futuro tramite la generazione ma al carpe diem del quotidiano amore fine a se stesso. Eppure è proprio della famiglia generare, è proprio della famiglia svolgere un ruolo significativo nella solidarietà tra generazioni, è proprio della famiglia crescere ed educare il domani dell Europa, è proprio della famiglia produrre, servire, consumare. Senza famiglia, senza figli, non c è alcun futuro. Nel contesto di una nuova agenda sociale dell UE è necessario approfondire in via prioritaria questo dibattito, rispettando le competenze dei diversi livelli amministrativi: numerose questioni connesse ai cambiamenti demografici rientrano infatti nella competenza esclusiva degli Stati membri, o in quella delle autorità regionali oppure delle parti sociali. 8

10 Sono comunque questioni d interesse comune, alle quali tutti gli Stati membri devono fornire una risposta, divenuta oggi ineludibile. Questa è la sfida che devono raccogliere le autorità politiche dell Europa. Non si era mai verificata nella storia una crescita senza culle. Ma sappiamo che le coppie europee vogliono raccogliere questa sfida, vogliono tornare a riempire le culle. Questo significa che disponendo di strutture adeguate in grado di consentire alle coppie di avere il numero di figli desiderato, e sradicando i vincoli che gravano sulle scelte private sopra descritti (assenti o insignificanti sostegni al reddito come assegni familiari e congedi parentali, abitazioni accessibili, lavoro sicuro, possibilità sia materiali che economiche di accedere ad asili nido), possiamo avere un effetto positivo sulla natalità. Occorre dunque che l Europa, di fronte ai drammatici cambiamenti demografici, persegua senza indugi l obiettivo dell aumento della fecondità e ritrovi la strada della crescita demografica. Occorre porsi due semplici interrogativi: quale priorità attribuiamo ai figli? E intendiamo dare alle famiglie il posto che meritano nella società europea? Per rispondere a questi interrogativi, l Associazione nazionale Famiglie numerose vuole farsi carico, col determinante sostegno del Governo italiano, di aprire il dibattito e collaborare affinché i Ministri competenti in materia degli Stati membri dell UE possano confrontarsi in un franco dibattimento di fronte a migliaia di cittadini europei, affinché si possa collocare una pietra miliare nella storia del nostro Continente: da quel dibattito auspichiamo nasca un progetto condiviso che sappia investire in ciò di cui più siamo carenti oggi. Non di armamenti, non di petrolio, non di attività industriali o commerciali: siamo carenti di BAMBINI! Se è vero che la media nazionale italiana è di 1,29 figli per donna, è altrettanto vero, però che esistono famiglie in controtendenza ove tale media è notevolmente più alta. Ci riferiamo 9

11 alle famiglie numerose e cioè a quelle famiglie in cui la coppia ha quattro o più figli, almeno secondo il concetto dell Associazione nazionale Famiglie Numerose. La quantità di famiglie numerose, in Italia, però, ha subìto nel tempo un significativo ridimensionamento. Infatti, se si prendono in considerazione i dati forniti dall Istat relativi ai censimenti della popolazione italiana, risulta che le famiglie con almeno cinque componenti (e quindi almeno tre figli) erano nel 1971; nel 1981; nel 1991 per scendere a sole nel 2001 con un trend negativo, in soli 30 anni, del 53%! Se, poi, si prendono in considerazione le famiglie con almeno quattro figli, esse sono rimaste solamente nuclei! Erano solo cinque anni fa, tre milioni solo quaranta anni fa. Gente in via d estinzione, di una estinzione incentivata, da sessant anni, dallo Stato, nonostante l art. 31 della nostra Costituzione imponesse particolare riguardo per le famiglie numerose. Come già anticipato, infatti, l Italia, come del resto tutta l Europa, sta entrando in un inverno demografico che, se non affrontato per tempo, comporterà delle pesanti conseguenze economiche, sociali e previdenziali: a metà del secolo è previsto che la popolazione italiana calerà di 5,5 mln, malgrado l apporto dei flussi migratori. Se oggi abbiamo un pensionato ogni 4 lavoratori attivi, nel 2050 ne avremo 1 ogni 2. Se oggi abbiamo un debito pubblico pari al 120% del PIL, nel in assenza di interventi su pensioni e sanità e per effetto dell andamento demografico - avremo un debito pubblico pari al 365% del PIL. Ma avremo soprattutto meno giovani che producono, che inventano e che consumano i nostri prodotti. Ora, se le cause della denatalità nel nostro Paese (e, di conseguenza, della riduzione del numero di famiglie numerose) sono riconducibili, oltre a quelli già citati, a molteplici fattori (emancipazione femminile, maggiore diffusione e cognizione dei metodi contraccettivi, diversa percezione del ruolo culturale e sociale della famiglia, aumento dell età media di nuzialità con conseguente diminuzione della fecondità biologica, aumento dell instabilità 10

12 matrimoniale, ecc.), è anche innegabile che l attuale legislazione e sistema tariffario di determinati servizi di prima necessità sono strutturati in maniera che sembra quasi voler punire l esistenza stessa della famiglia con numerosi figli. In proposito, giova rilevare, peraltro, come l ultima legge dello Stato che prende in considerazione le famiglie numerose in quanto tali per introdurre agevolazioni in loro favore risale a più di 45 anni fa (Legge nr. 551 del 27 giugno 1961)! In occasione della giornata mondiale della povertà, tenutasi il 17 ottobre u.s., la Caritas Italiana e la Fondazione Zancan di Padova hanno presentato a Roma il VII Rapporto sulla povertà e l esclusione sociale in Italia, dal titolo Rassegnarsi alle povertà?. L'ultimo Rapporto dell'istat sulla povertà nel nostro Paese indica che sono in stato di povertà famiglie, corrispondenti a persone, cioè il 12,9% della popolazione, di cui i due terzi vivono al Sud. Un dato che è rimasto sostanzialmente stabile negli ultimi cinque anni. Quale è il motivo di questa stabilità? È davvero sempre uguale il volto della povertà in Italia o qualcosa è cambiato? Quali sono le famiglie a rischio povertà?. Si può fare qualcosa? Il VII Rapporto su povertà ed esclusione sociale in Italia si intitola: Rassegnarsi alla povertà?. È la domanda che nasce proprio di fronte a questa situazione di stallo, di incapacità di affrontare il problema, di stabilizzazione e per certi aspetti di allargamento dell'esclusione sociale. LE FAMIGLIE A RISCHIO POVERTÀ L'elemento di novità emerso dalle diverse inchieste sulla povertà degli ultimi anni è l'aumento numerico non di famiglie povere, ma di famiglie non computabili come povere solo perché le loro risorse finanziarie sono appena sopra la linea della povertà, ossia la superano per una somma esigua che va da 10 a 50 euro al mese. L'Istat calcola che queste famiglie a rischio di povertà siano oltre 900 mila. Esse arrivano con difficoltà alla fine del mese, e sono costrette a indebitarsi e a ricorrere ai centri assistenziali, nonostante abbiano un lavoro e un reddito. 11

13 L'impiego di una linea standard per stimare chi è povero e chi non lo è semplifica molto i confronti, ma non evidenzia i confini mobili del fenomeno. Come emerge dal Rapporto Caritas-Zancan, un approccio multidimensionale al problema povertà, che non tenga conto solo dell'aspetto monetario, evidenzia che se la povertà non è aumentata, è cresciuta l'insicurezza delle famiglie italiane per la preoccupazione di non essere in grado di far fronte a eventi negativi come per esempio l'improvvisa malattia, associata a non autosufficienza, di un familiare, o l'instabilità del rapporto di lavoro, o gli oneri finanziari sempre maggiori (ad esempio, mutui a tasso variabile). Quali sono i fattori di rischio? L'elevato numero di componenti (le famiglie con cinque o più componenti presentano livelli di povertà più elevati); la presenza di figli, soprattutto minori; la presenza di anziani; il basso livello di istruzione; la ridotta partecipazione al mercato del lavoro. Qualsiasi fattore si consideri, nel Mezzogiorno le probabilità di essere poveri sono sempre più alte. A comportare un maggiore rischio di povertà è anzitutto l'allargamento familiare: avere tre figli da crescere significa un rischio di povertà pari al 27,8%, e nel Sud questo valore sale al 42,7%. Il passaggio da 3 a 4 componenti espone 4 famiglie su 10 alla possibilità di essere povere. Appartenere a una famiglia composta da 5 o più componenti aumenta il rischio di essere poveri del 135%, rispetto al valore medio dell'italia. Ogni nuovo figlio, dunque, costituisce per la famiglia, oltre che una speranza di vita, una crescita del rischio di impoverimento. L'Italia, coscientemente o meno, incoraggia le famiglie a non fare figli. I risultati di una tale politica si vedono: l'italia occupa uno degli ultimi posti al mondo per indice di natalità. Andando a sviscerare i dati sulla povertà di fine 2005, si vede che se il 14,7% delle famiglie arrivava a fine mese con molte difficoltà, queste difficoltà erano maggiori per: le famiglie con cinque o più componenti (22,5%) e per quelle unipersonali (16,0%); le famiglie monoreddito (18,7%); le coppie con 3 o più figli (23,5%); le famiglie monogenitoriali (19,4%). L'incapacità di sostenere una spesa necessaria ma imprevista riguardava il 28,9% 12

14 delle famiglie italiane e in particolare: le famiglie unipersonali (35,6%), anziani sopratutto, e quelle con cinque e più componenti (33,5%); le famiglie monoreddito (37,8%); le famiglie con 2 minori (32,9%); quelle con un anziano (33,3%). Anche la presenza di un solo anziano nella famiglia, dunque, aumenta il rischio di povertà. Un disagio che si osserva in tutte le ripartizioni territoriali, ma la differenza rispetto alle altre caratteristiche familiari è particolarmente evidente nelle regioni del centro e del nord, che si caratterizzano anche per la maggior presenza di anziani tra la popolazione residente. Da un'incidenza media della povertà del 4,5% nel nord e del 6% nel centro, si sale rispettivamente al 6,3% e all'8% se nella famiglia è presente almeno un anziano. LA SPESA SOCIALE Se i dati sulla povertà rimangono stabili, viene da chiedersi come è gestita la spesa sociale del nostro Paese. In Italia la spesa destinata all'assistenza sociale è di 44 miliardi e 540 milioni di euro, circa 750 euro pro capite. Utilizziamo circa un quarto del Pil per la protezione sociale: si tratta di un impegno non indifferente, in armonia con altri Paesi (Grecia 26,0%, Regno Unito 26,3%, Finlandia 26,7%), ma significativamente inferiore ad Austria (29,1%), Belgio (29,3%), Germania (29,5%), Danimarca (30,7%), Francia (31,2%) e Svezia (32,9%). Tuttavia, il nostro profilo di welfare si basa su squilibri interni evidenti: più della metà della spesa sociale (56,1%) è destinata alla voce «Pensioni in senso stretto e Tfr». Il resto è ripartito tra le voci «Assicurazioni del mercato del lavoro» (6,6%), «Assistenza sociale» (11,9%), «Sanità» (25,4%). Gran parte delle risorse vanno all'ultima fase della vita, e molto meno alla prima e al sostegno delle responsabilità familiari. In dieci anni sono aumentate le voci «Pensioni in senso stretto e Tfr» (dal 55,7 al 56,1%) e «Sanità» (dal 20,8 al 25,4%). Sono diminuite le 13

15 voci «Assicurazioni del mercato del lavoro» (dal 9,0 al 6,6%) e «Assistenza sociale» (dal 14,6 all'11,9%), che ha subìto la contrazione maggiore. Ma chi gestisce concretamente questa spesa? O, meglio ancora, quanto di questa spesa è gestito direttamente dallo Stato e quanto dagli enti locali? La spesa dei Comuni per assistenza sociale al netto della multiutenza è di 5 miliardi e 11 milioni di euro, con un pro capite medio di 86,15 euro. Di conseguenza, dei 750 euro sopra indicati, i Comuni gestiscono solo 86 euro pro capite, mentre la parte restante, pari a circa 664 euro, è gestita dallo Stato o da amministrazioni da esso controllate. «In attuazione della riforma costituzionale come affermato da Tiziano Vecchiato, direttore della Fondazione Zancan vanno fatte scelte politiche coraggiose per trasferire progressivamente questi fondi a livello regionale e locale, vincolando la loro gestione ad azioni prioritarie di contrasto alla povertà. Attuando così non più politiche basate solo sul sostegno economico e i trasferimenti di reddito, ma su piani di inserimento lavorativo e sociale con sostegno al reddito». Tornando, ora, alle anomalie che presenta la legislazione italiana e le iniquità tariffarie più innanzi citate - che sicuramente non incoraggiano la natalità nel nostro Paese - passiamo, nel capitolo seguente, al loro attento esame. 14

16 Le iniquità socio-economico-fiscali che gravano sulle famiglie numerose

17 Prima Iniquità: dell ingiustizia delle tariffe Al fine di comprendere concretamente la stoltezza delle tariffe applicate alle famiglie numerose, iniziamo facendo riferimento ad un caso concreto di fornitura d acqua tramite l analisi sulla tariffazione attuale del Servizio Idrico Integrato delle utenze domestiche (fornito dalla locale azienda VESTA S.p.A.) stabilita con delibera dall Autorità di Ambito Territoriale Ottimale (AATO) del bacino della Laguna di Venezia. Nella relazione tecnica sotto riportata, sono elencati i motivi e quali leggi vengono violate dalla corrente struttura tariffaria. In particolare, si dimostra come le tariffe siano incostituzionali e non comprendano, peraltro, alcuni dettami della Legge 36/1994 (legge Galli ). Inoltre, va rilevato come, con la raccomandazione n. 01/2001 e con la Relazione tecnica riguardante la Raccomandazione n. 1/2001, il Comitato per la vigilanza sull uso delle risorse idriche aveva indicato una politica tariffaria differenziata per fasce di reddito, non ancora recepito da molte AATO in Italia. Ciò comporta, da anni, il pagamento maggiorato del consumo da parte delle famiglie numerose che dunque, di fatto, pagano l ingiusto anche per chi non paga il giusto. RELAZIONE TECNICA OGGETTO La presente relazione ha per oggetto le tariffe del Servizio Idrico Integrato applicate dalla società VESTA SpA alle utenze Domestiche (TD), e deliberate dall AATO della Laguna di Venezia. Termini, Definizioni e Riferimenti Autorità di AMBITO TERRITORIALE OTTIMALE Laguna di Venezia (AATO) Ente locale tra le cui competenze sono compresi la definizione dei servizi di erogazione dell acqua potabile e le relative tariffazioni. L ente ha sede legale a Venezia Cà Corner S. Marco, 2662 La sede operativa si trova a Mestre in Via G. Pepe, 102. Sito internet 16

18 Il presidente in carica è il Sig. Davide Zoggia, che è anche presidente della Provincia di Venezia. Il presidente delegato del comitato istituzionale è il Sig. Ezio Da Villa, che è anche l Assessore all Ambiente della Provincia di Venezia. VESTA SpA Società Venezia Servizi Territoriali Ambientali con sede a S.Croce Venezia, e che gestisce i servizi di acqua potabile e fognature nel territorio del comune di Venezia. Utenze Domestiche Utenti che usufruiscono del Servizio Idrico Integrato in abitazioni di residenza, costituito dai servizi di Acqua Potabile e di Depurazione Fognature. Leggi di Riferimento Si tengono in considerazione nella presente relazione in particolare : - Legge nr. 36 del 5 Gennaio 1994 (Legge Galli) Disposizioni in materia di risorse idriche - Raccomandazione n. 01/2001 e Relazione tecnica riguardante la Raccomandazione n. 1/2001 Precisazione. In particolare, nella citata Legge Galli, all art. 13, viene enunciato: 7. Nella modulazione della tariffa sono assicurate agevolazioni per i consumi domestici essenziali nonché per i consumi di determinate categorie secondo prefissati scaglioni di reddito. [...]. Nelle Note tecniche sulla Raccomandazione 01/2001 viene indicato, al capitolo 2, paragrafo 3: Con riferimento alla fascia di utenza domestica, consiste nella adozione di tariffe differenziate in dipendenza del reddito degli utenti (ad esempio, l adozione di una tariffa agevolata per gli utenti che dimostrano di avere un reddito inferiore ad una determinata soglia). 17

19 TARIFFE ATTUALI Le attuali tariffe per il servizio idrico integrato applicate dalla società Vesta alle utenze domestiche sono strutturate a scaglioni di consumo con un prezzo al metro cubo che aumenta progressivamente all aumentare del consumo. In particolare, le tariffe hanno gli scaglioni così suddivisi : Tariffa Agevolata (fino ad 80 mc/anno,variabile) Tariffa Base (tra 80 e 180 mc/anno) Tariffa 1a. Eccedenza (oltre i 180 mc/anno) Gli scaglioni sono applicati alle utenze prendendo in considerazione solo il consumo, senza tener conto di altri parametri e, quindi, senza alcun riguardo alla composizione del nucleo familiare. Le attuali tariffe per il servizio di Acqua Potabile e di Depurazione Fognatura comportano i seguenti costi (arrotondati al centesimo di Euro, maggio 2005, IVA 10% esclusa): Tariffa Agevolata Tariffa Base 0,45 / mc 0,79 / mc Tariffa 1a. Eccedenza 1,38 / mc MANCANZE L attuale sistema di fornitura del servizio idrico integrato utilizza la tariffazione scaglionata, con lo scopo di favorire le utenze deboli e scoraggiare lo spreco dell acqua In realtà, la tariffazione scaglionata con aumento progressivo delle tariffe, che avrebbe dovuto scoraggiare lo spreco di questa preziosa risorsa, favorisce solamente il nucleo familiare composto da poche persone, che può permettersi di utilizzare l acqua anche per usi non strettamente legati alle persone, senza esaurire la propria fascia agevolata. Inoltre, la tariffazione così come enucleata, non prende in alcuna considerazione il reddito; per tale motivo un percipiente un reddito molto alto residente in un super attico paga per il bene acqua lo stesso prezzo che paga un indigente che abita in una casa popolare. Sono previste, 18

20 infine, agevolazioni per società private, enti pubblici, banche, assicurazioni, ristoranti, negozi e bar, che possono quasi permettersi di utilizzare senza moderazione quantità elevate d acqua, senza alcun aggravio economico. I nuclei familiari numerosi, che, per esempio, usano virtuosamente l acqua anche utilizzando gli elettrodomestici sempre a pieno carico e che solitamente fanno della sobrietà e del risparmio un vero e proprio stile di vita, risultano invece fortemente penalizzati, nonostante il consumo pro capite risulti notevolmente inferiore agli utenti sopra indicati. Per dimostrare quanto sopra affermato, è sufficiente verificare presso una qualunque società gerente la distribuzione di acqua, quanti metri cubi pro-capite vengono consumati da single o coppie e quanti da una famiglia numerosa suddividendola, poi, per i membri che la compongono. Questa verifica, su casi concreti, è stata fatta a cura dell ANFN. Eccone alcuni esempi. Caso A Utente Singolo Questo utente consuma circa 57 metri cubi all anno. Gli importi sono IVA esclusa. Tariffa Agevolata 57 mc * 0,45 = 25,65 Caso B Famiglia di 3 Persone Questa utenza, ben più virtuosa pro-capite (circa 47 mc.), consuma 141 metri cubi all anno. Tariffa Agevolata 80 mc * 0,45 = 36,00 Tariffa Base 61 mc * 0,79 = 48,19 Totale annuo = = 84,19 Costo al mc per persona = 28,06 Caso c Famiglia di 7 Persone Questa utenza, virtuosissima pro-capite (39 mc.) consuma circa 275 metri cubi all anno. Tariffa Agevolata 80 mc * 0,45 = 36,00 Tariffa Base 100 mc * 0,79 = 79,00 Tariffa Eccedenza 95 mc * 1,38 = 131,10 Totale annuo spesa (IVA Esclusa) = 246,10 Costo al mc per persona 35,15 Salta agli occhi come la virtuosa famiglia numerosa (che pro-capite consuma solo 39 mc. contro i 57 mc. del single), sopporta un esborso economico maggiorato del 40% rispetto all utente singolo. E evidente che, se al posto di un solo contatore, la famiglia numerosa ne avesse installati sette, pagherebbe l acqua tutta a tariffa agevolata, come il single. Possiamo concludere, dunque, che le tariffe per il servizio idrico integrato deliberate dalla AATO per la Laguna di Venezia sono inique ed incostituzionali poiché in base a queste osservazioni, come sopra evidenziato, la famiglia numerosa dovrebbe essere premiata in quanto 19

21 produce un uso sapiente del bene acqua e riesce ad avere un consumo pro capite virtuoso, come auspicato dalla stessa legge istitutiva degli AATO. Di fatto, se si continuano a penalizzare i consumi che, come abbiamo visto, sono virtuosi, si perpetua l iniquità fiscale producendo cittadini di serie A (single o al massimo coppia che rimangono dentro i canoni cosiddetti sociali e cioè un consumo di poco meno di trecento litri al giorno innaffiando anche il giardino) e cittadini di serie B che, pur essendo sobri nei consumi, vengono penalizzati pesantemente da tariffe che non tengono in nessun conto il numero dei familiari a carico ( producendo in tal modo, in concausa, le utenze deboli che si dovranno poi sostenere). Appare curiosa ed a carattere morbosamente persecutorio quella pazienza certosina nel calcolare gli scaglioni in base al consumo (peraltro principio valido), quando poi tali scaglioni si applicano indipendentemente dal reddito di chi li raggiunge, assegnando così la tariffa sociale anche a chi forse non ne avrebbe bisogno. In particolare, dato che l acqua è un elemento indispensabile per la vita dell uomo, le tariffe dovrebbero tenere conto che : 1. I cittadini sono tutti eguali (Costituzione, art. 2) ed hanno diritto, quantomeno, di pagare l acqua tutti allo stesso modo; 2. il consumo previsto per la tariffa agevolata sia pro-capite; 3. lo Stato tutela le famiglie, con particolare riguardo alle famiglie numerose (Costituzione, art. 31) 4. la Legge 36 impone l ausilio alle utenze disagiate, tenendo conto degli scaglioni di reddito. Si ritiene necessaria l attuazione immediata di politiche di prezzo e di riclassificazione delle utenze sociali, non basate sul singolo contatore ma sulle reali dimensioni del nucleo familiare; che vengano istituite fasce tariffarie agevolate in funzione del reddito per aiutare i nuclei familiari più bisognosi, come sottolineato più volte dalle leggi in vigore e dalle raccomandazioni dei vari studi che si sono succeduti negli anni. 20

22 Si sottolinea, infine, come tutto ciò sia facilmente realizzabile, senza sconvolgere il sistema di fatturazione considerato che già esiste un moltiplicatore della fascia agevolata, utilizzato nei contatori per utenze multiple (condomini) e che, quindi, l impatto sulla organizzazione delle società di distribuzione sarebbe minimo, risolvibile con un semplice aggiornamento dei dati anagrafici dell utente, previa presentazione di uno stato di famiglia attestante le dimensioni del nucleo. TARIFFE CONSUMI ELETTRICI La situazione delle struttura tariffaria per quanto riguarda i consumi elettrici ricalca lo stesso sistema di iniquità e anticostituzionalità già presentato per l acqua. I consumi delle famiglie vengono suddivisi in 7 fasce di prezzo, da F1 a F7, con una modulazione tariffaria che penalizza esattamente la fascia intermedia dei consumi. La tabella scaricata dal sito ufficiale del gestore nazionale, riporta queste tariffe che vengono di volta in volta corrette, in funzione di parametri economici, dal Garante per l Energia. Tabella di riferimento delle tariffe luce. Quota fissa /cliente anno 1,92 Corrispettivo di potenza impegnata /kw anno 6,24 Prezzo dell'energia (1) - I prezzi vengono applicati secondo i seguenti scaglioni di consumo annuo: Per primi 900 kwh Cent. /kwh 7,73 Per la parte di consumo 901 kwh fino a 1800 kwh Cent. /kwh 9,67 Per la parte di consumo da 1801 kwh fino a 2640 kwh Cent. /kwh 14,62 Per la parte di consumo da 2640 kwh fino a 3540 kwh Cent. /kwh 23,68 Per la parte di consumo da 3541 kwh fino a 4440 kwh Cent. /kwh 21,81 Per la parte di consumo oltre 4440 kwh Cent. /kwh 14,62 È evidente come le famiglie numerose risultino penalizzate, a causa dell elevato consumo elettrico direttamente legato al numero di persone ed alle dimensioni dell abitazione (grande per necessità, non certo per sfizio). Il consumo maggiore è legato all utilizzo degli elettrodomestici come lavatrice, lavastoviglie, aspirapolvere, ferro da stiro, phon e, in misura minore, televisore, frigorifero e congelatore nonché il computer (il cui uso aumenta man mano crescono i figli); la penalizzazione tariffaria dei consumi non sociali fa si che la 21

AZIONI DI CONTRASTO ALLA POVERTA ANNO 2011

AZIONI DI CONTRASTO ALLA POVERTA ANNO 2011 ALLEGATO N. 2 ALLA DELIBERAZIONE N. DEL AZIONI DI CONTRASTO ALLA POVERTA ANNO 2011 PREMESSA Con il presente programma, parte essenziale del più complessivo programma di interventi a favore delle politiche

Dettagli

Servizi pubblici locali e utenze domestiche: un salasso da 5.349 a famiglia, negli ultimi 4 anni + 314

Servizi pubblici locali e utenze domestiche: un salasso da 5.349 a famiglia, negli ultimi 4 anni + 314 Servizi pubblici locali e utenze domestiche: un salasso da 5.349 a famiglia, negli ultimi 4 anni + 314 5.349 ogni anno. A tanto ammonta la spesa per una famiglia tipo per acqua, luce, gas, rifiuti, bus

Dettagli

ASSOELETTRICA. La riforma delle tariffe elettriche domestiche. Incontro con la stampa Roma, 17 febbraio 2015

ASSOELETTRICA. La riforma delle tariffe elettriche domestiche. Incontro con la stampa Roma, 17 febbraio 2015 ASSOELETTRICA La riforma delle tariffe elettriche domestiche Incontro con la stampa Roma, 17 febbraio 2015 1 Cos è il mercato tutelato? Dal 1 luglio 2007 il mercato dell energia elettrica è completamente

Dettagli

AZIONI DI CONTRASTO ALLA POVERTA ANNO 2012

AZIONI DI CONTRASTO ALLA POVERTA ANNO 2012 Allegato n. 2 alla Delib.G.R. n. 19/4 del 8.5.2012 AZIONI DI CONTRASTO ALLA POVERTA ANNO 2012 PREMESSA Con il presente programma, parte essenziale del più complessivo programma di interventi a favore delle

Dettagli

Le tariffe dell energia elettrica

Le tariffe dell energia elettrica Consumatori in cifre Le tariffe dell energia elettrica Michele Cavuoti Oggetto della presente analisi sono le tariffe dell energia elettrica destinate ai consumatori ovvero le tariffe ancora oggi in regime

Dettagli

Afi - Associazione delle Famiglie Confederazione Italiana - ONLUS

Afi - Associazione delle Famiglie Confederazione Italiana - ONLUS Verona, 20 febbraio 2007 Spett. Autorità per l energia elettrica e il gas Direzione tariffe Piazza Cavour, 5 20121 Milano Oggetto: Osservazioni al documento per la consultazione REVISIONE DEL SISTEMA TARIFFARIO

Dettagli

FEDERCONSUMATORI FEDERAZIONE NAZIONALE CONSUMATORI E UTENTI

FEDERCONSUMATORI FEDERAZIONE NAZIONALE CONSUMATORI E UTENTI 17 Novembre 2014 V Rapporto sui costi degli Atenei italiani II parte: lo studente fuori sede Introduzione Gli studenti universitari in Italia sono circa 1.663.800 1. Questo significa che ci sono altrettante

Dettagli

Autorità per l energia elettrica e il gas

Autorità per l energia elettrica e il gas Autorità per l energia elettrica e il gas COMUNICATO Per caro petrolio, elettricità + 3,8 % e gas + 3,4% nel 1 trimestre 2008 Scatta ulteriore riduzione tariffe trasporto e distribuzione- In arrivo le

Dettagli

LIBERI DI INNOVARE, LIBERI DI SCEGLIERE. Manifesto per l energia del futuro

LIBERI DI INNOVARE, LIBERI DI SCEGLIERE. Manifesto per l energia del futuro LIBERI DI INNOVARE, LIBERI DI SCEGLIERE Manifesto per l energia del futuro È in discussione in Parlamento il disegno di legge sulla concorrenza, che contiene misure che permetteranno il completamento del

Dettagli

Liberalizzazione del mercato elettrico: chi tutelerà famiglie e consumatori

Liberalizzazione del mercato elettrico: chi tutelerà famiglie e consumatori Liberalizzazione del mercato elettrico: chi tutelerà 23 Aprile 2015 Ennio Fano 1 Nelle recenti settimane sul tema dell energia elettrica si sono succedute: A) la proposta dell Autorità sulla riforma delle

Dettagli

CONSIGLIO REGIONALE DEL VENETO

CONSIGLIO REGIONALE DEL VENETO CONSIGLIO REGIONALE DEL VENETO NONA LEGISLATURA PROGETTO DI LEGGE N. 116 PROPOSTA DI LEGGE d'iniziativa dei Consiglieri Lazzarini, Finco, Cenci, Cappon, Caner, Baggio, Corazzari, Furlanetto, Bozza, Possamai,

Dettagli

Il comportamento economico delle famiglie straniere

Il comportamento economico delle famiglie straniere STUDI E RICERCHE SULL ECONOMIA DELL IMMIGRAZIONE Il comportamento economico delle straniere Redditi, consumi, risparmi e povertà delle straniere in Italia nel 2010 Elaborazioni su dati Banca d Italia Perché

Dettagli

L EQUITA DELLA RIFORMA FISCALE IN ITALIA

L EQUITA DELLA RIFORMA FISCALE IN ITALIA 1 L EQUITA DELLA RIFORMA FISCALE IN ITALIA di Luigi Campiglio e Tatiana Oneta Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano Dicembre 2002 La riforma fiscale proposta dalla finanziaria 2002 riduce il livello

Dettagli

COMMENTO DEL SERVIZIO POLITICHE FISCALI E PREVIDENZIALI DELLA UIL AL LIBRO BIANCO SUL FUTURO DEL MODELLO SOCIALE

COMMENTO DEL SERVIZIO POLITICHE FISCALI E PREVIDENZIALI DELLA UIL AL LIBRO BIANCO SUL FUTURO DEL MODELLO SOCIALE COMMENTO DEL SERVIZIO POLITICHE FISCALI E PREVIDENZIALI DELLA UIL AL LIBRO BIANCO SUL FUTURO DEL MODELLO SOCIALE Il Libro Bianco sul Welfare presentato dal Ministro del Lavoro si muove su uno scenario

Dettagli

Dossier 4 L accesso alla casa d abitazione in Italia: proprietà, mutui, affitti e spesa delle famiglie

Dossier 4 L accesso alla casa d abitazione in Italia: proprietà, mutui, affitti e spesa delle famiglie Dossier 4 L accesso alla casa d abitazione in Italia: proprietà, mutui, affitti e spesa delle famiglie Audizione del Presidente dell Istituto nazionale di statistica, Luigi Biggeri presso le Commissioni

Dettagli

* Evoluzione della. previdenza complementare nel mutato scenario previdenziale obbligatorio

* Evoluzione della. previdenza complementare nel mutato scenario previdenziale obbligatorio * Evoluzione della previdenza complementare nel mutato scenario previdenziale obbligatorio * La pensione pubblica *La previdenza complementare *I numeri della previdenza complementare in Italia *Le questioni

Dettagli

Famiglia e politiche familiari. Situazione attuale e previsioni di sviluppo. 1) Cambiamento sociale-familriare e crisi dei regimi di welfare

Famiglia e politiche familiari. Situazione attuale e previsioni di sviluppo. 1) Cambiamento sociale-familriare e crisi dei regimi di welfare Famiglia e politiche familiari. Situazione attuale e previsioni di sviluppo. Prof. Gianpiero Dalla Zuanna Professore Straordinario facoltà di Scienze Statistiche Università di Padova 1) Cambiamento sociale-familriare

Dettagli

Politiche per la famiglia e Fattore famiglia

Politiche per la famiglia e Fattore famiglia Politiche per la famiglia e Fattore famiglia Maria Cecilia Guerra Modena, 3 novembre 21 OBIETTIVI DELLE POLTICHE PER LE FAMIGLIE Sostegno alle responsabilità familiari natalità partecipazione femminile

Dettagli

40 - PREVIDENZA COMPLEMENTARE E INTEGRATIVA

40 - PREVIDENZA COMPLEMENTARE E INTEGRATIVA 40 - PREVIDENZA COMPLEMENTARE E INTEGRATIVA 40.1 NOZIONI GENERALI I numerosi interventi legislativi in materia di previdenza e le varie fusioni aziendali, hanno reso necessaria una continua contrattazione

Dettagli

LA PREVIDENZA COMPLEMENTARE

LA PREVIDENZA COMPLEMENTARE LA PREVIDENZA COMPLEMENTARE INDICE INTRODUZIONE IL TFR LA PREVVIDENZA COMPLEMENTARE IL FINANZIAMENTO DELLE FORME PENSIONISTICHE FORME DI ADESIONE AGEVOLAZIONI FISCALI TASSAZIONE DELLE PRESTAZIONI TRASFERIMENTO

Dettagli

LA POVERTÀ IN ITALIA, 1980-2000 (valori percentuali)

LA POVERTÀ IN ITALIA, 1980-2000 (valori percentuali) LA POVERTÀ IN ITALIA, 198-2 (valori percentuali) 3 3 25 25 2 Mezzogiorno 2 15 Italia 15 1 5 Nord Centro 1 5 198 1982 1984 1986 1988 199 1992 1994 1996 1998 2 vecchia serie nuova serie Fonte: Commissione

Dettagli

Le richieste pervenute dopo tale data non consentiranno di beneficiare del bonus retroattivamente per il 2008.

Le richieste pervenute dopo tale data non consentiranno di beneficiare del bonus retroattivamente per il 2008. Bonus sociale Che cos è il bonus sociale? Il cosiddetto bonus sociale (ovvero il regime di compensazione della spesa sostenuta dai clienti domestici per la fornitura di energia elettrica ) è uno strumento

Dettagli

DOCUMENTO PER IL SOTTOSEGRETARIO AL LAVORO ON.LE JOLE SANTELLI

DOCUMENTO PER IL SOTTOSEGRETARIO AL LAVORO ON.LE JOLE SANTELLI DOCUMENTO PER IL SOTTOSEGRETARIO AL LAVORO ON.LE JOLE SANTELLI Premessa I Trattamenti Pensionistici In Italia, come anche in tutti i paesi maggiormente industrializzati, alla precarietà del mercato del

Dettagli

SCHEDA SU RIFORMA DELLE PENSIONI MONTI-FORNERO Nodi critici sintetici

SCHEDA SU RIFORMA DELLE PENSIONI MONTI-FORNERO Nodi critici sintetici SCHEDA SU RIFORMA DELLE PENSIONI MONTI-FORNERO Nodi critici sintetici Articolo 24 Dl 6.12.2011 1. Si tratta di una riforma non concertata, ma imposta, cosa che peraltro accade dal 2007, quando fu firmato

Dettagli

Come leggere la bolletta del Servizio Idrico Integrato

Come leggere la bolletta del Servizio Idrico Integrato Come leggere la bolletta del Servizio Idrico Integrato La tariffa dell acqua Il D.L. n.201/2011, convertito nella Legge n. 214/2011, ha disposto il passaggio delle competenze relative alla regolazione

Dettagli

La riforma delle pensioni. Obiettivi e strumenti Nuove regole Misure temporanee

La riforma delle pensioni. Obiettivi e strumenti Nuove regole Misure temporanee La riforma delle pensioni Obiettivi e strumenti Nuove regole Misure temporanee Obiettivi Strumenti 2 Obiettivi e strumenti della riforma sostenibilità I REQUISITI DI PENSIONAMENTO SONO LEGATI ALLA LONGEVITA'

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE TINAGLI, CAPUA, ANTIMO CESARO, GALGANO, MAZZIOTTI DI CELSO, QUINTARELLI, SOTTANELLI, VECCHIO

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE TINAGLI, CAPUA, ANTIMO CESARO, GALGANO, MAZZIOTTI DI CELSO, QUINTARELLI, SOTTANELLI, VECCHIO Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 2330 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEI DEPUTATI TINAGLI, CAPUA, ANTIMO CESARO, GALGANO, MAZZIOTTI DI CELSO, QUINTARELLI, SOTTANELLI, VECCHIO

Dettagli

ESERCIZI IMPOSTE E IRPEF ECONOMIA PUBBLICA 2015

ESERCIZI IMPOSTE E IRPEF ECONOMIA PUBBLICA 2015 ESERCIZI IMPOSTE E IRPEF ECONOMIA PUBBLICA 2015 Esercizio 1 Si consideri un imposta sul reddito personale con aliquota marginale t costante del 20% e detrazione, f, pari a 1.000 dall imposta dovuta. Nel

Dettagli

Osservatorio SosTariffe.it Energia Elettrica Ottobre 2012

Osservatorio SosTariffe.it Energia Elettrica Ottobre 2012 Osservatorio SosTariffe.it Energia Elettrica Ottobre 2012 FORNITURA ENERGIA ELETTRICA: CON QUALI TARIFFE RISPARMIO SE UTILIZZO UNA POTENZA CONTRATTUALMENTE IMPEGNATA MAGGIORE? INDICE p. 1 1. Introduzione

Dettagli

NORME PER LA TUTELA DEGLI UTENTI DEI PUBBLICI SERVIZI E PER LA RIDUZIONE DELLE TARIFFE DELL ENERGIA ELETTRICA E DELLA TELEFONIA

NORME PER LA TUTELA DEGLI UTENTI DEI PUBBLICI SERVIZI E PER LA RIDUZIONE DELLE TARIFFE DELL ENERGIA ELETTRICA E DELLA TELEFONIA PROPOSTA DI LEGGE AL PARLAMENTO Ai sensi dell art.121 della costituzione Di iniziativa dei Consiglieri Pieraldo Ciucchi e Giancarlo Tei (Gruppo ) NORME PER LA TUTELA DEGLI UTENTI DEI PUBBLICI SERVIZI E

Dettagli

DISAGIO ECONOMICO DELLE FAMIGLIE STRANIERE

DISAGIO ECONOMICO DELLE FAMIGLIE STRANIERE DISAGIO ECONOMICO DELLE FAMIGLIE STRANIERE Analisi e mappatura del disagio economico delle famiglie in Italia suddivise tra famiglie straniere, miste e italiane GENNAIO 2011 FINALITA DELLO STUDIO Lo studio

Dettagli

Prima sezione: Le imprese italiane e il loro rapporto con la Cultura

Prima sezione: Le imprese italiane e il loro rapporto con la Cultura Prima sezione: Le imprese italiane e il loro rapporto con la Cultura Le imprese comunicano e lo fanno utilizzando alcuni strumenti specifici. La comunicazione si distribuisce in maniera diversa tra imprese

Dettagli

U N I O N E C O M U N I D O G L I A S T R A ( O G )

U N I O N E C O M U N I D O G L I A S T R A ( O G ) U N I O N E C O M U N I D O G L I A S T R A ( O G ) COMUNE DI ELINI COMUNE DI ARZANA COMUNE DI LANUSEI COMUNE DI LOCERI COMUNE DI BARI SARDO COMUNE DI ILBONO PROGETTO SPERIMENTALE CONTRO LE POVERTÀ ESTREME

Dettagli

Quoziente familiare. 1 Legge 19 maggio 1975 n 151 2 Legge 1975 n 576 3 Sentenza della Corte Costituzionale del 15 luglio 1976 n 179

Quoziente familiare. 1 Legge 19 maggio 1975 n 151 2 Legge 1975 n 576 3 Sentenza della Corte Costituzionale del 15 luglio 1976 n 179 Quoziente familiare Nel corso dei dibattiti si sente molto spesso parlare di quoziente familiare, ma di cosa si tratta? Con questo termine ci si riferisce a una particolare modalità di tassazione del reddito

Dettagli

Edizioni L Informatore Agrario

Edizioni L Informatore Agrario www.vitaincampagna.it Edizioni L Informatore Agrario Tutti i diritti riservati, a norma della Legge sul Diritto d Autore e le sue sucessive modificazioni. Ogni utilizzo di quest opera per usi diversi da

Dettagli

Afi - Associazione delle Famiglie Confederazione Italiana - ONLUS

Afi - Associazione delle Famiglie Confederazione Italiana - ONLUS Sede legale: Piazza San Zeno, 2-37123Verona Sede operativa: p.za Angelini, 1-37014 Castelnuovo del Garda - VR Fax: 045 74431137 Codice fiscale: 93044990237 C. C. postale: 15743370 e-mail: afi@afifamiglia.it

Dettagli

I trasferimenti monetari alle famiglie. Sociologia della famiglia - Corso di laurea in Educatori di nido e comunità infantili

I trasferimenti monetari alle famiglie. Sociologia della famiglia - Corso di laurea in Educatori di nido e comunità infantili I trasferimenti monetari alle famiglie Trasferimenti economici alle famiglie Trasferimenti monetari diretti indiretti Assegni per il nucleo familiare Assegno di maternità A3F Detrazioni fiscali Storia

Dettagli

Reddito e condizioni di vita in Lombardia e nella macroregione del Nord - Anno 2011

Reddito e condizioni di vita in Lombardia e nella macroregione del Nord - Anno 2011 Lombardia Statistiche Report N 0 / 17 febbraio 2014 Reddito e condizioni di vita in Lombardia e nella macroregione del Nord - Anno 2011 Sintesi Nel 2010 le famiglie residenti in Lombardia hanno percepito

Dettagli

COMUNE DI CARMIGNANO P.za Giacomo Matteotti, 1 59015 CARMIGNANO (PO)

COMUNE DI CARMIGNANO P.za Giacomo Matteotti, 1 59015 CARMIGNANO (PO) COMUNE DI CARMIGNANO P.za Giacomo Matteotti, 1 59015 CARMIGNANO (PO) Tel. 055 875011 Fax 055 8750301 P.I. 00255160970 C.F. 01342090485 www.comune.carmignano.po.it REGOLAMENTO SULLE MODALITA DI COMPARTECIPAZIONE

Dettagli

Penalizzati per legge. Un piano pensione pubblico molto più oneroso di uno privato

Penalizzati per legge. Un piano pensione pubblico molto più oneroso di uno privato La Gestione Separata INPS Penalizzati per legge. Un piano pensione pubblico molto più oneroso di uno privato Silvestro De Falco Roma aprile 2011 www.actainrete.it Che cos è la Gestione Separata La gestione

Dettagli

COMUNE DI CASTELFRANCO VENETO

COMUNE DI CASTELFRANCO VENETO COMUNE DI CASTELFRANCO VENETO ********** Allegato sub A alla deliberazione C.C. n. 70 del 26 maggio 2003 REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DEGLI INTERVENTI ECONOMICI NEL CAMPO DEI SERVIZI SOCIALI Premessa

Dettagli

Osservatorio SosTariffe.it:

Osservatorio SosTariffe.it: 1 Osservatorio SosTariffe.it: Cambiare gestore diventa ancora più conveniente grazie alle nuove promozioni di quest anno: aumenta l'entità del risparmio in bolletta fino al 45,5% in più rispetto al 2012

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE POLIDORI, VIGNALI

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE POLIDORI, VIGNALI Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 999 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEI DEPUTATI POLIDORI, VIGNALI Disposizioni per la razionalizzazione della gestione delle acque e istituzione

Dettagli

CRITERI PER LA REALIZZAZIONE DEGLI INTERVENTI DI CONTRASTO DELLE POVERTA

CRITERI PER LA REALIZZAZIONE DEGLI INTERVENTI DI CONTRASTO DELLE POVERTA COMUNE DI MOGORO Provincia di Oristano CRITERI PER LA REALIZZAZIONE DEGLI INTERVENTI DI CONTRASTO DELLE POVERTA Finanziamento anno 2014 1 Art. 1 Oggetto Il presente documento stabilisce i criteri per la

Dettagli

GLOSSARIO BOLLETTE GAS QUADRO SINTETICO

GLOSSARIO BOLLETTE GAS QUADRO SINTETICO GLOSSARIO BOLLETTE GAS Il Glossario è uno strumento rivolto ai clienti finali di gas (con consumi annui fino a 200.000 Smc) che intende rendere più comprensibili i termini utilizzati nelle bollette di

Dettagli

Fiscal Flash N. 308. Il nuovo Isee. La notizia in breve 04.12.2013. Premessa. Categoria: Previdenza e lavoro Sottocategoria: Prestazioni sociali

Fiscal Flash N. 308. Il nuovo Isee. La notizia in breve 04.12.2013. Premessa. Categoria: Previdenza e lavoro Sottocategoria: Prestazioni sociali Fiscal Flash La notizia in breve N. 308 04.12.2013 Il nuovo Isee Categoria: Previdenza e lavoro Sottocategoria: Prestazioni sociali Nel Consiglio dei Ministri di ieri 3 dicembre il governo ha approvato

Dettagli

GILDA NAZIONALE DEGLI INSEGNANTI #LABUONASCUOLA, DOCENTI PIÙ POVERI CON NUOVO SISTEMA STIPENDI E SCATTI

GILDA NAZIONALE DEGLI INSEGNANTI #LABUONASCUOLA, DOCENTI PIÙ POVERI CON NUOVO SISTEMA STIPENDI E SCATTI GILDA NAZIONALE DEGLI INSEGNANTI #LABUONASCUOLA, DOCENTI PIÙ POVERI CON NUOVO SISTEMA STIPENDI E SCATTI Gilda Nazionale Degli Insegnanti Via Salaria, 44 00138 Roma Tel. 068845005 095 fax. 0684082071 www.gildains.it

Dettagli

SCHEDA DATI STATISTICO-ECONOMICI NOVEMBRE 2013. La crisi economica colpisce soprattutto i lavoratori.

SCHEDA DATI STATISTICO-ECONOMICI NOVEMBRE 2013. La crisi economica colpisce soprattutto i lavoratori. SCHEDA DATI STATISTICO-ECONOMICI NOVEMBRE 2013 1 La crisi economica colpisce soprattutto i lavoratori. A luglio 2013 gli occupati sono il 55,9% ossia 22 milioni 509 mila, mentre i disoccupati sono 3 milioni

Dettagli

Gas Quadro sintetico Informazioni relative al cliente finale, al punto di prelievo e alla tipologia contrattuale Dal 1 gennaio 2003, i clienti

Gas Quadro sintetico Informazioni relative al cliente finale, al punto di prelievo e alla tipologia contrattuale Dal 1 gennaio 2003, i clienti Gas Quadro sintetico Informazioni relative al cliente finale, al punto di prelievo e alla tipologia contrattuale Mercato libero Dal 1 gennaio 2003, i clienti possono liberamente scegliere da quale fornitore

Dettagli

Il costo dei figli Quale welfare per le famiglie?

Il costo dei figli Quale welfare per le famiglie? Il costo dei figli Quale welfare per le famiglie? Rapporto famiglia Cisf 2009 A cura di Pierpaolo Donati Con questo volume inizia la nuova serie del Rapporto Cisf sulla famiglia in Italia che presenta

Dettagli

S.O.S. famiglia. ISEE (Indicatore della Situazione Economica Equivalente)

S.O.S. famiglia. ISEE (Indicatore della Situazione Economica Equivalente) S.O.S. famiglia Città di Avigliana - Assessorato Politiche Sociali ISEE (Indicatore della Situazione Economica Equivalente) Manuale riservato ai cittadini di Avigliana per usufruire di esenzioni e sconti

Dettagli

Esame dei documenti di bilancio per il triennio 2015-2017. Dossier 2 Le madri e le difficoltà di conciliazione tra lavoro e famiglia

Esame dei documenti di bilancio per il triennio 2015-2017. Dossier 2 Le madri e le difficoltà di conciliazione tra lavoro e famiglia Esame dei documenti di bilancio per il triennio 2015-2017 Dossier 2 Le madri e le difficoltà di conciliazione tra lavoro e famiglia Audizione del Presidente dell Istituto nazionale di statistica, Giorgio

Dettagli

RAPIDE. Nel 2001 la spesa media mensile. La povertà in Italia nel 2001 POVERTÀ NEL TEMPO E SUL TERRITORIO. 17 luglio 2002

RAPIDE. Nel 2001 la spesa media mensile. La povertà in Italia nel 2001 POVERTÀ NEL TEMPO E SUL TERRITORIO. 17 luglio 2002 SOTTO LA SOGLIA DI POVERTÀ IL 12% DELLE FAMIGLIE La povertà in Italia nel 2001 di povertà viene calcolata sulla base del numero di L incidenza famiglie (e relativi componenti) che presentano spese per

Dettagli

Come leggere la bolletta dell acqua

Come leggere la bolletta dell acqua LE GUIDE DI IREN ACQUA GAS Come leggere la bolletta dell acqua Guida alla bolletta dell acqua a contatore per uso domestico LE GUIDE DI IREN ACQUA GAS La tariffa dell acqua per uso domestico Da quando

Dettagli

Report finale sportello Ricomincio da qui

Report finale sportello Ricomincio da qui Report finale sportello Ricomincio da qui Contesto generale del progetto Ricomincio da qui Lo sportello Ricomincio da qui offre supporto e sostegno a tutti coloro che sono residenti a Spinea e cercano

Dettagli

LAVORO IL MERCATO DEL LAVORO IN SICILIA E LE FORZE DI LAVORO POTENZIALI

LAVORO IL MERCATO DEL LAVORO IN SICILIA E LE FORZE DI LAVORO POTENZIALI LAVORO NOTIZIARIO DI STATISTICHE REGIONALI A CURA DEL SERVIZIO STATISTICA DELLA REGIONE SICILIANA IN COLLABORAZIONE CON ISTAT ANNO 6 N.1/2014 In questo notiziario torniamo ad occuparci di mercato del nella

Dettagli

Artigiano che lavora da solo (reddito annuo di 35.000 euro)

Artigiano che lavora da solo (reddito annuo di 35.000 euro) TASSE RECORD: PER LE MICRO-IMPRESE PRESSIONE FISCALE FINO AL 63% Per le aziende con meno di 10 addetti, nel le tasse sono aumentate: colpito il 95% del totale delle imprese ===============================================================

Dettagli

OGGETTO: Il nuovo Isee

OGGETTO: Il nuovo Isee Informativa per la clientela di studio del 04.12.2013 Ai gentili Clienti Loro sedi OGGETTO: Il nuovo Isee Gentile Cliente, con la stesura del presente documento informativo intendiamo metterla a conoscenza

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. La seconda distorsione era relativa alle c.d. imprese familiari.

COMUNICATO STAMPA. La seconda distorsione era relativa alle c.d. imprese familiari. COMUNICATO STAMPA Il Dipartimento delle Finanze pubblica le statistiche sulle dichiarazioni delle persone fisiche (IRPEF) relative all'anno d'imposta 2009, a soli cinque mesi dal termine di presentazione

Dettagli

Il nuovo ISEE tassa la casa

Il nuovo ISEE tassa la casa Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 341 21.11.2014 Il nuovo tassa la casa L abbattimento di 1/3 non compensa l abolizione della franchigia Categoria: Contribuenti Sottocategoria:

Dettagli

Legge di stabilità 2014 (L. 27.12.2013 n. 147) - Principali novità in materia di lavoro e previdenza

Legge di stabilità 2014 (L. 27.12.2013 n. 147) - Principali novità in materia di lavoro e previdenza Informativa - ONB Legge di stabilità 2014 (L. 27.12.2013 n. 147) - Principali novità in materia di lavoro e previdenza INDICE 1 Premessa... 2 2 Sintesi delle principali novità in materia di lavoro e previdenza...

Dettagli

Provincia autonoma di Trento. ICEF strumento per le politiche equitative ed il governo del welfare

Provincia autonoma di Trento. ICEF strumento per le politiche equitative ed il governo del welfare Provincia autonoma di Trento ICEF strumento per le politiche equitative ed il governo del welfare Seminario CGIL - SPI Lombardia Milano 16 marzo 2011 Paolo Weber 1 Il contesto Il debito pubblico e la riduzione

Dettagli

FEDERCONSUMATORI LINEE GUIDA PER LA CONSULENZA NELLA SCELTA DELLE TARIFFE ELETTRICHE BIORARIE. Resp. Settore Energia

FEDERCONSUMATORI LINEE GUIDA PER LA CONSULENZA NELLA SCELTA DELLE TARIFFE ELETTRICHE BIORARIE. Resp. Settore Energia FEDERCONSUMATORI LINEE GUIDA PER LA CONSULENZA NELLA SCELTA DELLE TARIFFE ELETTRICHE BIORARIE Roma, 21.02.2006 A cura di Giuseppe Colella Resp. Settore Energia L assistenza della Federconsumatori per la

Dettagli

Il calcolo della pensione INPS e il Sistema Previdenziale in Italia

Il calcolo della pensione INPS e il Sistema Previdenziale in Italia La Previdenza Sociale in Italia Il calcolo della pensione INPS e il Sistema Previdenziale in Italia BBF&Partners, Servizi per la Gestione delle Risorse Umane 1 2 L Assicurazione Previdenziale Obbligatoria

Dettagli

Sistema paese e sicurezza economica. Maurizio Franzini Sapienza, Università di Roma

Sistema paese e sicurezza economica. Maurizio Franzini Sapienza, Università di Roma Sistema paese e sicurezza economica Maurizio Franzini Sapienza, Università di Roma I nostri temi Invece di un sistema-paese, un paese diviso e gravato da varie forme di insicurezza economica In che senso

Dettagli

Terza Commissione. Relatore: NAZZARENO SALERNO

Terza Commissione. Relatore: NAZZARENO SALERNO PROPOSTA Di legge n. 341/9^Di Iniziativa dei consiglieri REGIONALI bruni, dattolo, gallo, recante: Norme per il sostegno del coniuge separato o divorziato in situazione di difficoltà. Relatore: NAZZARENO

Dettagli

IV.3 Politiche per l equità

IV.3 Politiche per l equità IV.3 Politiche per l equità L indice di povertà relativa, misurato con la metodologia comunitaria, è nel nostro paese del 19 per cento (quota della popolazione che vive sotto la linea di povertà relativa),

Dettagli

DFF Documentazione. Nuova impostazione della deduzione per coniugi con doppio reddito per attenuare la penalizzazione del matrimonio

DFF Documentazione. Nuova impostazione della deduzione per coniugi con doppio reddito per attenuare la penalizzazione del matrimonio 23 settembre 2005 Nuova impostazione della deduzione per coniugi con doppio reddito per attenuare la penalizzazione del matrimonio La disparità di trattamento esistente nella legge federale sull imposta

Dettagli

Gli interventi di contrasto delle povertà in Sardegna

Gli interventi di contrasto delle povertà in Sardegna Gli interventi di contrasto delle povertà in Sardegna Premessa La Regione Sardegna approva il 1 programma di contrasto delle povertà, in forma sperimentale, nell anno 2007 prevedendo 2 linee d intervento

Dettagli

OSSERVATORIO NAZIONALE SULLA FAMIGLIA

OSSERVATORIO NAZIONALE SULLA FAMIGLIA Ministero del Lavoro e delle Politiche sociali Comune di Bologna OSSERVATORIO NAZIONALE SULLA FAMIGLIA SINTESI DELLA RICERCA SU: Il sostegno pubblico alle famiglie con figli: ragioni teoriche e nuova evidenza

Dettagli

L AUMENTO DELLA POVERTÀ

L AUMENTO DELLA POVERTÀ L AUMENTO DELLA POVERTÀ A inizio anno la Banca d Italia ha reso disponibili i dati sui bilanci delle famiglie italiane relativi al 24, frutto dell unica indagine sui redditi disponibile in Italia in grado

Dettagli

Osservatorio SosTariffe.it:

Osservatorio SosTariffe.it: 1 Osservatorio SosTariffe.it: Cambiare gestore diventa ancora più conveniente grazie alle nuove promozioni : aumenta l'entità del risparmio in bolletta fino al 45,5% in più rispetto al 2012 Introduzione:

Dettagli

NOTA METODOLOGICA PER LA DEFINIZIONE DEL CONTRIBUTO DA RICONOSCERE AI COMUNI PER L ATTIVAZIONE DI NUOVI SERVIZI PER L INFANZIA

NOTA METODOLOGICA PER LA DEFINIZIONE DEL CONTRIBUTO DA RICONOSCERE AI COMUNI PER L ATTIVAZIONE DI NUOVI SERVIZI PER L INFANZIA ALLEGATO A NOTA METODOLOGICA PER LA DEFINIZIONE DEL CONTRIBUTO DA RICONOSCERE AI COMUNI PER L ATTIVAZIONE DI NUOVI SERVIZI PER L INFANZIA Premesso che la Regione Lazio è attualmente caratterizzata da tre

Dettagli

ASSISTENZA WELFARE DOMANI

ASSISTENZA WELFARE DOMANI ASSISTENZA OGGI WELFARE DOMANI In attuazione del principio costituzionale di sicurezza sociale, la Cassa, oltre ai trattamenti previdenziali, tutela gli iscritti mediante erogazione di trattamenti assistenziali,

Dettagli

LA RIFORMA DELLA PREVIDENZA FORENSE. Comitato dei Delegati 19 settembre 2008

LA RIFORMA DELLA PREVIDENZA FORENSE. Comitato dei Delegati 19 settembre 2008 LA RIFORMA DELLA PREVIDENZA FORENSE Comitato dei Delegati 19 settembre 2008 LA CASSA FORENSE La Cassa di Previdenza Forense è stata trasformata in ente con personalità giuridica di diritto privato con

Dettagli

Lo SCAMBIO SUL POSTO (SSP): cos è, come funziona, quanto rende economicamente. Prima di spiegare cosa sono e quanto valgono, servono due premesse:

Lo SCAMBIO SUL POSTO (SSP): cos è, come funziona, quanto rende economicamente. Prima di spiegare cosa sono e quanto valgono, servono due premesse: INFORMA Lo SCAMBIO SUL POSTO (SSP): cos è, come funziona, quanto rende economicamente Premessa Attualmente il contributo di scambio sul posto e il pagamento dell eccedenza (oltre le detrazioni di costi

Dettagli

[GLI INCENTIVI PER IL RIENTRO DEGLI ITALIANI DALL ESTERO IL PROGETTO CONTROESODO]

[GLI INCENTIVI PER IL RIENTRO DEGLI ITALIANI DALL ESTERO IL PROGETTO CONTROESODO] PROFESSIONISTINETWORK Pierluigi MAZZOLENA Davide INTEGLIA [GLI INCENTIVI PER IL RIENTRO DEGLI ITALIANI DALL ESTERO IL PROGETTO CONTROESODO] [Un commento alla strategia per l attrazione in Italia dei giovani

Dettagli

Dalle detrazioni alle deduzioni. Come.

Dalle detrazioni alle deduzioni. Come. Sede legale: largo S.Nazaro, 1-37129 Verona Sede operativa: p.za Angelini, 1-37014 Castelnuovo del Garda - VR Fax: 045 74431137 Codice fiscale: 93044990237 C. C. postale: 15743370 e-mail: afi@afifamiglia.it

Dettagli

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2011. 17 luglio 2012. INCIDENZA DI POVERTÀ RELATIVA PER RIPARTIZIONE GEOGRAFICA. Anni 2008-2011, valori percentuali

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2011. 17 luglio 2012. INCIDENZA DI POVERTÀ RELATIVA PER RIPARTIZIONE GEOGRAFICA. Anni 2008-2011, valori percentuali 17 luglio 2012 Anno 2011 LA POVERTÀ IN ITALIA Nel 2011, l 11,1% delle famiglie è in condizione di povertà relativa (per un totale di 8.173 mila persone) e il 5,2% lo è in termini assoluti (3.415 mila).

Dettagli

Le regole per ottenere gli sconti fiscali

Le regole per ottenere gli sconti fiscali Periodico informativo n. 40/2011 Le regole per ottenere gli sconti fiscali Gentile cliente, è nostra cura metterla al corrente, con il presente documento informativo, che con Provvedimento dell Agenzia

Dettagli

UNIONE ITALIANA DEL LAVORO SEDE NAZIONALE SEDE EUROPEA SEGRETERIA CONFEDERALE 00187 ROMA VIA LUCULLO 6 R. DU GOVERNEMENT PROVISOIRE 34

UNIONE ITALIANA DEL LAVORO SEDE NAZIONALE SEDE EUROPEA SEGRETERIA CONFEDERALE 00187 ROMA VIA LUCULLO 6 R. DU GOVERNEMENT PROVISOIRE 34 UNIONE ITALIANA DEL LAVORO SEDE NAZIONALE SEDE EUROPEA SEGRETERIA CONFEDERALE 00187 ROMA VIA LUCULLO 6 R. DU GOVERNEMENT PROVISOIRE 34 TELEFONO 47531 1000 BRUXELLES TELEX 622425 TELEFONO 00322 / 2178838

Dettagli

COMUNITA PASTORALE Beati Giovanni Mazzucconi e Luigi Monza San Giovanni - Rancio - Laorca FONDO SOLIDALE DELLA COMUNITA

COMUNITA PASTORALE Beati Giovanni Mazzucconi e Luigi Monza San Giovanni - Rancio - Laorca FONDO SOLIDALE DELLA COMUNITA COMUNITA PASTORALE Beati Giovanni Mazzucconi e Luigi Monza San Giovanni - Rancio - Laorca FONDO SOLIDALE DELLA COMUNITA R E G O L A M E N T O Premessa Facendo proprie le considerazioni dell arcivescovo

Dettagli

Termotecnica Pompe di Industriale

Termotecnica Pompe di Industriale Termotecnica Pompe di Industriale Calore QUARTA CONFERENZA SULL EFFICIENZA ENERGETICA Milano, 24/05/2012 Il ruolo delle pompe di calore alla luce degli obiettivi al 2020 e dell attuale situazione economica

Dettagli

I vantaggi fiscali della Previdenza Complementare

I vantaggi fiscali della Previdenza Complementare C O N V E G N O Fondo territoriale di previdenza complementare del Friuli Venezia Giulia: un occasione per lavoratori e residenti della Regione di integrare la pensione pubblica con quella complementare

Dettagli

L OSSERVATORIO. 22 Luglio 2013 CATEGORIA: SOCIETA L INCIDENZA DEI PROBLEMI PSICOLOGICI E PSICOSOMATICI EVIDENZE PSICOLOGICHE 23% 42% 29%

L OSSERVATORIO. 22 Luglio 2013 CATEGORIA: SOCIETA L INCIDENZA DEI PROBLEMI PSICOLOGICI E PSICOSOMATICI EVIDENZE PSICOLOGICHE 23% 42% 29% L OSSERVATORIO L INCIDENZA DEI PROBLEMI PSICOLOGICI E PSICOSOMATICI EVIDENZE PSICOLOGICHE Problemi di condotta Tra le vittime di episodi di bullismo 42% Tra chi ha compiuto atti di bullismo Non coinvolti

Dettagli

Conferenza Stampa su:

Conferenza Stampa su: Conferenza Stampa su: «LE NUOVE TARIFFE IDRICHE PROPOSTE DALL AUTORITÀ D AMBITO». LE VALUTAZIONI DELLA CISL SARDA Cagliari 02 ottobre 2006, ore 11,00 1 TARIFFE DEL SERVIZIO IDRICO REGIONALE L Autorità

Dettagli

RAPIDE. La povertà in Italia nel 2000 POVERTÀ RELATIVA SUL TERRITORIO. 31 luglio 2001 SOTTO LA SOGLIA DI POVERTÀ RELATIVA IL 12,3% DELLE FAMIGLIE

RAPIDE. La povertà in Italia nel 2000 POVERTÀ RELATIVA SUL TERRITORIO. 31 luglio 2001 SOTTO LA SOGLIA DI POVERTÀ RELATIVA IL 12,3% DELLE FAMIGLIE SOTTO LA SOGLIA RELATIVA IL % DELLE FAMIGLIE La povertà in Italia nel della povertà viene calcolata sulla base del numero di L incidenza famiglie (e relativi componenti) che presentano spese per consumi

Dettagli

I processi decisionali all interno delle coppie

I processi decisionali all interno delle coppie 9 aprile 2003 I processi decisionali all interno delle coppie Nel 2001 l indagine Panel europeo sulle famiglie ha dedicato una particolare attenzione agli aspetti legati ai processi decisionali all interno

Dettagli

TFR E PREVIDENZA COMPLEMENTARE

TFR E PREVIDENZA COMPLEMENTARE TFR E PREVIDENZA COMPLEMENTARE E il momento di scegliere A cura della Struttura di Comparto Scuola non statale DESTINARE IL TFR COS E IL TFR? Il trattamento di fine rapporto (anche conosciuto come liquidazione

Dettagli

NON E MAI TROPPO TARDI

NON E MAI TROPPO TARDI 1 NON E MAI TROPPO TARDI Fabriano, 4 aprile 2013 Cari colleghi e care colleghe, questa settimana parliamo di Detrazioni Fiscali per familiari a carico. Abbiamo riscontrato che diversi colleghi non beneficiano

Dettagli

La riforma dell ISEE. Il nuovo ISEE:

La riforma dell ISEE. Il nuovo ISEE: Cos è l ISEE? L ISEE è un indicatore che valuta la situazione economica delle famiglie ed è utilizzato come base per: fissare soglie oltre le quali non è ammesso l accesso alle prestazioni sociali e sociosanitarie

Dettagli

IL NUOVO SISTEMA PENSIONISTICO

IL NUOVO SISTEMA PENSIONISTICO IL NUOVO SISTEMA PENSIONISTICO PENSIONI: DAL 1 GENNAIO 2012 è CAMBIAto TUTTO Una nuova riforma pensionistica L evoluzione demografica ha determinato un aumento esponenziale del numero dei pensionati rispetto

Dettagli

Ma l incidenza delle componenti fiscali al 60% limita fortemente i benefici

Ma l incidenza delle componenti fiscali al 60% limita fortemente i benefici DIREZIONE COMUNICAZIONE E IMMAGINE UFFICIO STAMPA 59/16 Roma, 26.4.2016 Ma l incidenza delle componenti fiscali al 60% limita fortemente i benefici INDICE COSTO ENERGIA CONFCOMMERCIO: PER IMPRESE TERZIARIO

Dettagli

Bonus energia: meccanismi del bonus sociale e risultati

Bonus energia: meccanismi del bonus sociale e risultati Bonus energia: meccanismi del bonus sociale e risultati Antonella Bertazzi Direzione Consumatori, Conciliazioni e Arbitrati Autorità per l energia elettrica il gas e il sistema idrico Questa presentazione

Dettagli

Invecchiare con cura: tutelare la libertà di scelta dell anziano e dei familiari

Invecchiare con cura: tutelare la libertà di scelta dell anziano e dei familiari Nono Seminario regionale della Rete europea dei difensori civici Cardiff 22 24 giugno Seconda sessione: Promuovere i diritti di una popolazione che invecchia Invecchiare con cura: tutelare la libertà di

Dettagli

CITTA DI BASSANO DEL GRAPPA Medaglia d Oro al Valor Militare. Area 1^ -Amministrativa - Economico finanziaria Risorse Umane

CITTA DI BASSANO DEL GRAPPA Medaglia d Oro al Valor Militare. Area 1^ -Amministrativa - Economico finanziaria Risorse Umane CITTA DI BASSANO DEL GRAPPA Medaglia d Oro al Valor Militare Area 1^ -Amministrativa - Economico finanziaria Risorse Umane L EVOLUZIONE DEL MODELLO FAMILIARE A BASSANO DEL GRAPPA Traccia di lettura dei

Dettagli

Liberalizzazione dei mercati dell energia: prime misure per tutelare e accompagnare gli utenti verso la totale apertura del mercato elettrico

Liberalizzazione dei mercati dell energia: prime misure per tutelare e accompagnare gli utenti verso la totale apertura del mercato elettrico Liberalizzazione dei mercati dell energia: prime misure per tutelare e accompagnare gli utenti verso la totale apertura del mercato elettrico La Direttiva 2003/54/CE prevede che gli Stati membri mettano

Dettagli

LA RIFORMA DELLA PREVIDENZA COMPLEMENTARE E LE NUOVE NORME SUL TFR

LA RIFORMA DELLA PREVIDENZA COMPLEMENTARE E LE NUOVE NORME SUL TFR Federazione Lavoratori della Conoscenza LA RIFORMA DELLA PREVIDENZA COMPLEMENTARE E LE NUOVE NORME SUL TFR Schede informative A partire dal 1 gennaio 2007, per 16 milioni di lavoratori dipendenti del settore

Dettagli

Piramide società. Rapporto attivi/non attivi

Piramide società. Rapporto attivi/non attivi C era una volta. Le pensioni ieri ed oggi Dalla riforma Amato a Monti. I fondamentali della previdenza Piramide società Spesa Protezione sociale Speranza di vita Rapporto attivi/non attivi L invecchiamento

Dettagli