L aquila no l è un ocello 3 maggio L Aquila no l è un occèllo! di Dario Fo

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "L aquila no l è un ocello 3 maggio 2010. L Aquila no l è un occèllo! di Dario Fo"

Transcript

1 L Aquila no l è un occèllo! di Dario Fo

2 (Nel mezzo della scena, un fabulatore sale su una specie di pulpito costruito con tavole e praticabili di varia misura. Intorno a lui si dispongono sagome raffiguranti uomini e donne che fanno da pubblico.) FABULATORE: Popolo tutto di esta città: oggi è lo ventuno de gennaio milletrecentoesette dello Signore Nostro. E cchillo jórno dedecato a Sant Agnese, la festa che all Aquila è detta delli mal dicénti, per la ragione che ogni cantore de fabulae e historie de scherno, che tanto indignano i segnori de esta città e anco li prelati, in esso jórno tegne lu diritto sacrosanto de vegnìrve a contà quello che je pare, anco se so preferùti, sovra ogne cosa, lli fatti nasconnuti che proprio perché non se debbino conoscere so dette maledicénze. Per issi segnori chillo che vene contato contro issi mesmi el l è mala dicenza, imperocché se descòprono le sóe enfamità e a illi no piace punto che ciò se fazza en publicaménte.

3 Tant è che, co l appozzo dellu vescovo e dellu gran siniscalco regio, ce hanno empósto una lézze che ordina de battere co mazze e bastoni su lu groppone de ognuno de nùi ciarletàni che fa sberlèffo contro i maggiori e le fèmmine lore. Ma in esto jorno, che l è appunto de Santa Agnese protettora nostra e anco delle fèmmine mal maritate (come a di le putte de piacére) no se pòle: el l è duramente pruobivìto fa violènza de cóntra jaguladores obloquentes come so ijo, pena la scomuneca all immediata. Ed esta regula a nostra protezione fue dechiarata e sacrata dallu Santo Pietro de Morrone, ditto Papa Celestino V. Attent a vvui, maggiori mei! Alzate na mano contra de noartri in esta jurnàta e ve becca no fulime che ve brucia tutto. A comenzà da lo culo! Ma ijo ve chiedo a vvui, popolo tutto, savete la raggione perché sta Santa Protettora Agnese la romana, tanto vennerata accà ad Aquila, pija la putenzia de tanta auturità de fare sbereleffo alli patroni? Nun lu savete? Popolo gnorante! E per la raggione che l è na vérzine martere de lli primi cristiani. La vicenna càpita allu tèmpo che all Urbe c era ancora l emperatore Diocleziano. E chisto cesare tegniva sì caro, come fosse nu sóo fijiòlo, Eliplinio, nu jóvene prefetto de Roma. Esto Eliplinio encontra Agnese, na fijiòla nòbbile e de beltà granne assaj che cume ce posa l occhi ce prenne nu coccolòne de na innamoratùra da schiatta.

4 Fijòla dólza e bella assaj, je dice, ijo te vorrebbe pe facce l ammore. Che dice? L ammore? Pe piacè, tòijete da lu capo sto desìo ensano che ijo so già pruoméssa sposa a Deo! Lo jóvine Eliplinio deventa smòrto de colore sulla fàzza. El l è desasperàto e no je riésse de pronunza parola. Casca a terra fulmenàto, muòrto d ammore. Zongheno le guardie dell Emperadore e pijano pe le brazza la vérzene crestiana Agnese e la carecano su nu carru de justizia. Quanno Diocleziano Empradore se vede desténne anzi a lli pedi sói, lo jóvine sóo protetto muòrto, dimanda desperàto: E che dee? Che j è capitato a sto fijòlo méo? E je dicono: Fue na jóvine, forse pure vérzene, bella assaj che j ha responnuto no alla sóa dimanna de facce l ammore ed illu all estante è sbianchìto e sanza proferi na parola, de schianto s è morùto. En do sta la fijòla enfame? En preggióne. E lo judice, l ha judicata? Sì e ha già prononzàto la sentènzia. E sarebbe? El l è che, come per lézze, femmena che pruòvoca muòrte a uno prefetto, non emporta de che mezzo s è annata a servìsse, vegna

5 menàta en un lupanare o postribbolo e là séa posseduta co violenza da lli clienti dello lupanare. E accussì soccede che pe jórni e pe jórni a st Agnese sventurata je tocca de sobi abbrazzi e sporcarie dall infoiati. Fino a che lo Emperadore, sempre co lacrime all uocchi, ordena che la jovine venga tolta dallo lupanare e menàta ignuda pe la città pecché sìe svergognata. De po menata sullo patibbolo vene occisa co sofferenza. El l è per esta raggione, popolo d Acquila, che la verzéne Sant Agnese, el l è divegnuta protettora de tutte le fémmine che fa mercato dello corpo sóo pe da piacere alli scellerati. Fémmine, che l abitatori de esta città chiammeno male fémmine o mignotte, pecché se danno pe dinaro. Ma quanto ce guadàgeno ste svergognate per ogne adescata? Lo prezzo è conosciuto, el l è stipulato in tre carlini pe un ora de spasso; e pe tutta na jurnata o pe la notte sana, cinco carlini. Che sarebbe come se s accattassero guadagno de na brocca de latte e na pagnotta de pane... e più dóo ove, se l è piacuta. El l è no prezzo esaggerato, bisogneresse darce almanco lu resto all avventori pe reguolà lo troppo dinaro sperperato! Io ce darei a sti zozzoni almanco dieci legnate a testa! E che ogne domeneca fusse repetuta sta festa della mal dicénza! In dove ognuno venisse a dicere lo sóo sberleffo.

6 Forza donne! Fémmene d ogne condizione, abbite coraggio! No se tratta en vero de venìcce a raccontà istorie enventate contra gente, specie boni ommeni, che ve abbiano mancato de rispetto o ingannato, ma verità, che niscuno annerebbe a svellà nemanco al llu votro prete confessore Non ve la sentite de montare quassù e sputare lu rospo? Tenete paura che quelli che qui sputtanate, appresso ripendano vendetta contro de vui? Coraggio, chi ve dice de spifferàcce lu nome dellu zozzone: voi raccontate la storia enfame e ognuno capirà di chi annate parlanno... E non ce avverete manco lu pericolo de mostracce a tutti quanti lo vostro viso reale. Emperocché nui abbeamo degià pripparato nu bono nummero de mascare. Sì, codeste! (va mostrando dei calchi di facce tutte uguali) Guardate quando so belli, sti visi... de regina so! Allora, donne! Nisciuna tene coraggio de montà quassù? Eppure, ijo saccio bene che quanno ve trovate fra ll amici vostri, magari a bevese na tazza de vino all osteria, fate ben srollottare le vostre lengue nelle conte. Ijo mesmo v ho udite spiattellare le storie vostre, col particolare de cosa succede nella casa o palazzo dove state a far servizio da serve.

7 Siete nu branco de cagasótto! No ve se pole chiamà proprio che serve. Perfino ora state tutte lì sulle panche do nessuno se la sente. Ancora temete di venir riconosciute? A sto punto vi propongo che sta festa della mal dicénza ce debba esse scanzellata! (Leva il braccio in alto uno strano personaggio) FRA ZAZZERA Un momento! Pijo la parola in defensa di queste povere fémmene che avete posto allo sberleffo de ognuno... FABULTORE Chi sei tu che parli? Dìcce come te chiami, e lo tóo mesteére, se non te fa despètto. FRA ZAZZERA La zente tutta me chiamma Fra Zazzera per via de lli mei cavelli che tegno nu poco in disordine UNA DONNA No ce dà retta, tene na bellissima chioma (je dice un anziana fémmina), ed è la parte meno arruffata e puzzolente che tiene addosso! FRA ZAZZERA Se ve sbrallùssega le chiappe covriteme pure d improperi, come ve piace! FABULATORE Ehi come parli forbito frate zozzaria! FRA ZAZZERA Io non m offenno! (repija lo frate) Ma torniamo alle donne che avete tacciato de ignavia A me me piacerebbe che vui ve ponesse nelli panni lori. Ma ve sete g mai dimannate chi so ste fémmene contra che sberluzziate de desprezzo? So fìje e mugliere e sòre de pastori che se retròveno a campa na situazione desasperata. Tutti lu savite che su lli sbricchi de monte ce sta l

8 crollo del mercato della lana, pe via de la muria de agnelli, pecure e cavre che c è capitata n gròppa l anno passato; la tessitura s è arrestùta, e loro, ste fijòle, de bòtto se so truovate custritte a scennere de la Maiella a nuj e pijàsse quarunque mestére, financo il servire come sguattere in le magioni e n lli palazzi de lli segnori! (fra la gente si fa un brusio) Seguro, so scennute dalla Maiella pe servì in le cucine e a lavà panni e strofinà pajòli... ma anche pe facce a lli padroni artri servizi magari fra le lenzola de lu letto... (Il pubblico risponde in coro): Sì, sì bene ha ditto FRA ZAZZERA No l è na malignità, è risaputo che ste fémmene, se vòjono garantisse nu mestére je tócca dimostrasse ben despóste de strofenà l aggeggi rigogliosi de lli patroni lori! Annanno ennanze co sto passo vui vedarete che lo emporranno anche nello cuntratto d asservamento: Le serventi so tegnute a conzéderese cun cortesia secónno lli desideri de lli datori d ingaggio, de sóvra, de sotto e ad ogne sbattuta de sottana. E che pritennete che ste serve se montassero quassù en onore de llu lazzo e de llu sberléffo a fàcce sganassà a lu racconto de tutto le smanàte e sfróllerie de sgavàzzo che je tócca de sopportà tanto pe campà?! Ma vuj vulite lo scandalo, la cónta enfioràta de lli particulari cchiù enverecondi, lli fatti cchiù zozzi prodotti co pìcciole comédie mimate in modo che dalla pantomima co l azzonta de miagulate e

9 suspiri ve sia cchiù che facile indovinare lli personaggi de sta ballata! Tanto che ve ne empòrta a vùje mica siete voi a ppagà, ma le svergognate de sta ndecienza (Si leva all impiedi un personaggio austero) UOMO AUSTERO No, pe carità, nuj no se fa pretensióne che ste segnóre testemònie sieno identificate e subischeno la vennétta e lu castigo inferto dai malnàti signori. FRA ZAZZERA Ah no? E come pensate de pruotéggelle? Vuj envero siite convenzi che sia sùfficit presentasse co n su la fazza no straccio di màscara e magari na palandrana bianca pe no fasse reconossere? Io no saccio se vuj che sustennete sta securtà d encolumetà de servànti, grazie a na sola màscara, siite de chiamà rentrunati o allòcchi! UOMO AUSTERO Ehi! Annamoce piano co l offese FRA ZAZZERA Avite raggione, avria dovuto di : cojóni! IL PUBBLICO Eh no, eh! FRA ZAZZERA Ve lo demostro. Facimm l emmaginàta che una de fijòle servanti in quistione monta su sto trabicculo de palco ben màscarata e, trascenata da nu vento de follia, se lanza a contacce le moïne messe in campo da llu fratello de la sóa patrona.

10 Na prima carezza rispettosa nu bicchiere de vin santo, nu dolcétto e poi na canzone amorosa accumpagnata co lo liuto. (Accennando un canto). Tu si come lu vento de la luna Me scioglie l anima e lu respiro Vorrebbe fra le brazza tòe morire O, se prefèrs i, desvegnì d ammóre Finito lo strambotto la jóvinè el l è condita de languore. Lo cantore s abbrazza al lo liuto e singhiozza desasperàto e chiagnénno confida che la di lui pruoméssa sposa lo fa becco co n sóo fratello capitano de ventura. E accussì la fijòla servante se lassa annà e, pe consolarlo je sténne lu capo sullo petto sójo ed illo le bagna de lacrime le zinne prosperose. Entra en scena la sorella patróna, che s appogia a nu bastone pecché è da poco cascata da na gradinata de palazzo, e tutta s è acciaccata. La segnora vocianno azzanna a serva e la insulta: Oh, tu maledetta c ha irretito lo frate mio candido! E levanno in alto lo bastone menaccia de colpilla. Il giovane fa scudo: Chetate Antonia! No te permetto de battere sta criatura, issa è innozente e onesta fémmena! La zoppa se n va e la servante ben accetta de lassasse annà riconoscente fra le brazza de llo musicante che cume se tegnisse

11 fra le mane lo liuto tutta va sonando la fijòla en ogne sóa corda che manda soni e melodie da fa schiattà ogne amatore. E dopo na soffiata accussì fruttata de particulari, vojo sapé chi è sto retardato de mente che ancora no ha endovinato en quale palazzo s è maturata sta sceneggiata de sesso, liuto e de qualc altro strumento da sonare... Annàmo: tegnete lu retratto de lu jóvine mùseco struzzafèmmene; chillu de la sòra zoppa; de lu capitano... e che te manca pe azzeccà la casata de tutta sta orchestra de nobbili? (Una donna prende la parola) DONNA Savéte che ve dico? Ijo en sta città non me reconosco cchiù. E penzà che l è nasciuta in tutt altra manéra, sojaménte cinquant anni fa, tutta defferente de mò. So stati lli padri e le matre nostri a rezzarla accussì come sta, petra su petra, mattone pe mattone: el l erano stufi de avere intorno e addosso baroni e signori che s approfittaveno con angherie e imponeveno sopprusi e violenzia ad ogne fiato. Vuj stateve nelli vostri castelli, co torri e mura, e noartri se pone en piedi na cittae de zente libbera. E accussì Li nostri vecchi se retroveno a darse na gran mossa. Fanno regule che dicheno: Primo: derentro a ste nove mura tutti debbeno respettare li mesmi diritti pe ognuno; secundo: prepotenzie non si debbeno accettare, terzo: de no importa che sia; ognuno c ha lo diritto de partecipà alle derezione de la città e del comune; quarto: derentro

12 ogne quartiere no se poteno issà torri ché ce basta la sola torre de lo podestà; quinto: L acqua è de tutti e no se pole scavà canali de proprietà, accussì comme le fogne so pubbliche e chi azzozza l acque, gittando derentro lo fiume o li canali la féccia velenosa de la tintoria pe colorà li panni tessuti, vene cacciato de la città sesto: Nisciuno puote tenersi bravi o guardie in proprio, ce posseno sta soiamente l armati del comune; ottavo: se debbe respettà la femmina de ognuno, che sea madonna nobile o lavandara; nono: l acqua è possessione de ognuno, e per ogne controversia su l uso che se pote fanne ce sta un giudice o maestro delle acque. E vuij mo, fate mente che razza de bordello è gnuto sto comune, le regule s aggiusteno co la viulenza, ogne uno letiga con lo so vicino. Li processi dureno che per reussire a cat vederne concluso almanco uno, se doverebbe campà tre vite. Mò st avvocati so peggio delle tigne, tireno longo lla durata de lli processi comme strozzini! Entra in campo di nuovo il fabulatore. FABULATORE...E non litegheno soiamente la gente de li quartieri, ma pe(zz)ggio se manefesteno chilli che doverebbero dacce l esempio de pace e comprensione! UNA VOCE De chi stai a parlà?!

13 FABULATORE De lu nostro vescovo de Aquila, santa persona che se sta a litigà come nu turco col vescovo di Rieti e chillo de Solmona per lu pusseso de le parrocchie de li monti. UNA VOCE Eh... beh... pe quacche parrocchia de campagna... FABULATORE Ma non so poca roba! Se tratta de na quantità. Lu vescovo de Rieti ce piglia possesso d una diocesi arrobannolo a chillo de Sulmona, lu nostro ce va de preputenzia cu l armati e li fanti, ce sbatte fora le croci de li doi contindenti e ce piazza sovra l ambone la nostra croze. UNA VOCE Na guerra de croci! na croce a me na croce a te! na croce a tutti e tre! E Gesù Cristo inchiovato lassù ce sta come nu re! FABULATORE Comme diceva Cizzo de Barullo l endovino, che spesso c azzeccava, quanno ce sta nellu vento odore de uno cataclisma l animali feroci se litigheno fino a scannasse. Po lu terreno se arrivolta e ognuno resta interrato come fusse derentro nu campo santo. UNA VOCE Me ce tocco li cojioni! Che vai a menà gramo co sto tremmamoto! FABULATORE Non so io che sentenzio ste sciagure! È sempre lo enduvino Cizzo de Barullo UNA VOCE Io no ce voglio sentì parola de chillu, che se vaga a farse fotte co le so privisioni!

14 DONNA A me invece enteressa d ascoltarle! Meglio savè che serrarre gl uocchi come gattulli cechi appena nasciuti! FABULATORE ecchile qua! così dicendo il fabulatore mostra un gran foglio con disegni e scritte disce che nun nè lu solo a fa ste privisioni, ce so ommeni de scienza che vanno da tiempo a dà st avvisata! DONNA E che sarebbe? FABULATORE Dicheno sti savienti che dello ultimo cataclismo c ha strompegnato tutta la Maiella nosta, c è passato nu tiempo esagerato sanza che ce fusse nu sojo smottamento, refazendose a li moti periodici d ogni scossa a desastro, ce se renne conto che li cicli del retorno se troveno en gran retardo respecto alla norma! DONNA E che vole dì? FABULATORE Vo dicere che chiù passa lu tempo della quiete chiù teremendo sarà lu resfeglio de lu cataclismo! Nu desastro cume fusse l Apocalisse. DONNA E che dè st Apocalisse? UN ALTRA VOCE Creo che s ibbia quarche fatto che a che vedè co lo ijudizio oniversale! ZAZZERA Beh chiù o meno! Ad ogni manera vene da Santo Jovanni ditta appunto dell Apocalisse che prevede attraverso nu sogno una chiusa fenale de lo monno, co mostri che sbattono l ali pe lu celo co cavalli scheletruti e cavallieri rossi de foco che menano

15 desastro. Tutta na sceneggiata che anco li pittori in sto tiempo vanno frescando su li muri de le cattedrali! ALTRA VOCE E che vo dicere! ZAZZERA è nu segnale anco questo, pecchè l artisti so veggenti, ce viene naturale di fa previsioni pintando su li muri chillo che je viene come n avvissata da lu cielo! DONNA ANZIANA Vero è chillo che va a dicere lu frate Zazzera, io ce so ijuta en loco dove è nasciuto lu santo Franzesco, ad Assisi, là c è na Basileca, e ce l ho veduta quella pittura de Cimabue. C è prisentata una città, chilla de Babelonia, che scossata de lu tremmamoto frana tutta abbascio co gran frastuono! VOCE Se sente lo frastuono!? E nche dè? na pittura co li rumori! DONNA ANZIANA Eh... quasi... quanno uno è bono pittore te fa ascoltare li pestoni, li botti, le crida, e pure la voce de Deo che biastemmia nello cielo! VOCE Sì, ma non se pole vive con sto turmiento in la capa a ogni respiro! Attenti a vuij! Sta pe vegnì lu spaccamonno! Priparatevi a na schiacciata teremenda, come fusse lapidati! Vivere a chiappe stritte comme galline, giorno a giorno, ponere lu terrore alla gente en tal maniera de farla sta allo monno carica de timore cossì che ad ogni tremmito de lu terreno co franata de roccia ognuno s è caca addosso e se piscia pure su le ginocchi. ZAZZERA E allora che preferze? Sentitte dì come già fanno li consuli e li savienti de sta tranquilli, che pericolo non ce stà, che li

16 strellamenti so solo brivvidi naturali dello tutto ennoculi. e UOOOHHHH... sinte li cani che fanno l ululata come ditte Fugge! Fugge! ma no statte tranquilli, l è che chilli masculi cagnazzi stanno en amore e ce fanno la serrenata alle femmine loro strifullanno alla luna! E po la misma notte... SPARAGNCK... TRICCHETRACCHE...TRARATATAM...BLURIGAN... e sei fottuto, ce hai giusto lo fiato de dire: Strunz... perchè non c hai avvisati! Pe no facce timore?! Bene hai fatto! Meglio muorto che spaventato! NARRATORE Nello stesso anno, cioè a dire nel 1307, otto anni prima che l Aquila fosse aggredita da un disastroso terremoto la cui scossa giunse fino a Roma dove causò numerosi crolli, sempre a Roma accadde un fatto egualmente tragico che provocò enorme scalpore e forte dramma nel mondo cristiano tutto. Ce ne danno notizia alcuni cronisti del tempo fra cui il fabulatore aquilano Buccio di Ranallo. Servendoci delle sue testimonianze, abbiamo composto un dialogo fra gli abitanti della sua città che ci procura notizie dell evento in questione. In scena immaginiamo il capitano del popolo e il console del comune intenti a parlare fra loro, quando irrompe il vescovo della curia che si rivolge ai due con tono disperato:

17 VESCOVO Dio! Dio! Ma avite inteso de sto fatto tremendo che è accaduto! CAPITANO fatto de che?... e dove è accaduto? VESCOVO A Roma! CONSOLE A Roma? E...che capitato dè tanto grave!? VESCOVO Lo vaticano tutto è sorto fora delle mura! CAPITANO Sorto pe andassene dove? VESCOVO Pe andarsene ad Avvignone! CONSOLE En Franza? Con anco lo papa? VESCOVO No, chillo, Clemente V, è già ito prima, na settimana avante, ad Avvignone! CONSOLE Ma a facce che? CAPITANO Beh non me pare stu granne fatto de stacce accussì desperati! Comme le ito en Franza ce vene de seguro a returnà! VESCOVO No, che non returna, c è annato pe restacce! CAPITANO Restacce ad Avvignone!? E a facce che? CONSOLE A montacce na sede nova de n artro vatecano! CAPITANO De nartra religione? VESCOVO No, sempre cattolica apostolica romana, ma però franzosa! CAPITANO ho capito, se so accattati spaviento per via de la scossa de tremmamoto che je ha abbattuto li palazzi quarche giorno avante

18 VESCOVO nu penzo proprio sia pe quello, piuttosto che lu nostro papie a roma no se sente chiù allo securo CAPITANO pe via de che? VESCOVO Ma n dove campate vuij? No v è gionta manco na voce de tanto fracasso a scanno che da tiempo assaje se vive nella città santa? CAPITANO No, pecchè che accade? VESCOVO Nobili possessores e anco vescovi de alto casato che se battono a sangue, se bruciano le castella e li palazzi e ce tirano de miezzo anco lo popolo tutto a fasse guerra, allo punto che Clemente ha cridato: Pur quell resòn je me duà restè don sat an faire a me fer tüè com un ràt? CAPITANO E che? Biastemmia in franzoso? VESCOVO Eh sì: ell è franzoso lu nostro papie! CONSOLE Io me credevo che lu papieparlasse sojamente en latino! CAPITANO Lassa annà co ste strunzat! Scusate Padre! (Rivolto al vescovo) Diceteme chiuttosto... sta fugghiuta dalla città Santa vo dicere che a Roma s è svuotata del manera che no conta chiù nu cazz...! Rescusi Padre! VESCOVO creo proprio che a parte lo linguaggio nu poco triviale, vuij c avite proprio azzeccato de netto. Me ce hanno raccuntato de la caruana de vescovi e d alti prelati che co cavalli e carrozze e muli e anco cavre e pecure se so sortiti de Roma!

19 CONSOLE E perchè capre e pecure pure? CAPITANO Ma è logico, la pecura è lu segno della Santa Chiesa! Cu lu pastore che po saresse lu papa! VESCOVO Ma che ci entra? CAPITANO Beh... no se dice vuij fedele site le pecure smarrite de Dio! VESCOVO Ma chella è n alleguria! CAPITANO n allegoria in però se le so portate appresso ste pecure! CONSOLE Sì, ma pe scannarle pe magnà! Mica pe facce lo sacrificio a Dio! NARRATORE Otto anni dopo il santo trasloco della sede papale da Roma ad Avignone, in Provenza, all Aquila e in tutto l appennino abruzzese esplode un terremoto di terribile intensità. Ce lo testimonia lo stesso Buccio di Ranallo nella sua Cronaca: (entra in scena l attore che interpreta Buccio di Ranallo) Lu teredece de desembre mercule die delle quattro tempora furno odite di tremmamuoti. Parea che fussero sentuti nu granne branco di bovi e tori impazzuti che annaveno a traversà derentro la cittae a sfonnare ogni muro e arcata de palazio. Come pijato da tremore s è veduo lu campanile majiore sbatterse come per danza e quindi scarruccarse rotto allu suolo e po crida de gente sortita de zervello che si gittaveno fora dalli piani majiori. Attribuì ciascuno a peccati

20 di cittadini quel gastigo di Dio, e pijati de paura granne fecero di molti voti. Nomerosi furono li morti e li sparuti. Altri se diedero a cavar ogni maceria ponendose subitamente a pontellare co pali e stanghe li muri smembrati delle case soe per majior securtà delle loro vite e se posero a fabbrecà magioni chiù secure con tavole d albero dentro cui se posero ad abitarce en specie di notte. Grande desordene si truovava nelle curie in quello momento, a comenzare dalle sedi vacanti per manco di vescovi e de ministri di fede in ogni loco, così accadde che a l Aquila, nello ijorno mismo enchè avvenne il tremmamoto, mancassero gli ammenestratori curiali e lo vescovo mismo. Costui di nome Filippo Delci, se truovava n altra sede fora d Abruzzo: che avesse avuto na soffiata particulare da Dio? NARRATORE A questo punto, qui vi proponiamo un dialogo che si svolge proprio nel vescovado della città squassata dal cataclisma. La grande stanza è puntellata da numerosi pali intersecati che reggono soffitti e archi sberciati. In scena, seduti attorno ad un tavolo stanno due personaggi indecifrabili, occupati a riportare da un registro all altro i nomi dei sopravvissui e quelli dei morti. PRIMO ASSISTENTE (riportando su un registro) Muzio Cagna... SECONDO ASSISTENTE Nullo se sape. PRIMO Laura Vencini.

21 SECONDO Muorta sta..., PRIMO Felippo Tortora... SECONDO Sta de molto acciaccato, ma vivo... (Si spalanca il portone di fondo e s affaccia un vescovo malconcio.) VESCOVO (indossa abiti logori e impolverati) Mi è permesso? ASSISTENTE I Dipende se state vivo o muorto! Ma mi sembri vivo! Fatte avanti! VESCOVO Chi sete vuji, i responsabili della curia? ASSISTENTE II No, semmai semo l irrespunsabili della curia. VESCOVO Che significa l irrespunsabili?! ASSISTENTE I Significa che compiti nu ce l ha assignato nisciuno! VESCOVO Ve siete nominati da vuji? ASSISTENTE II chiù o meno. È chiaro, bon omo, che state arrivando solo ora qui in città. VESCOVO Ci avete indovinato. E ci ho truovato nu bello squasso. Ma non ci sta nisciuno prelato co vuji nella curia? ASSISTENTE I Ve vo dicere che a causa del fugge-fugge pe lu gran sussulto di quattro giorni fa ogni offizio o loco s è svuotato. Don Germino è rimasto schiacciato nel transetto mentre diceva messa in San Francesco e con lui di molti soi parrocchiani. Il reverendo Anselmo sta ancora sotto le macerie del battistero... ASSISTENTE II Povero Anselmo! E dì che era il più accanito a darce l assicurata che non ce steva nessun pericolo di

22 tremmamuoto! ogni tanto lo si sente gridare, ma non lo si riesce a cavare di lì chè mancano brazza e gli strumenti per trarlo fora. ASSISTENTE I Altri in servizio alla curia so fuggiti ai loro borghi di venuta o nelle caverne dei romiti sulle montagne, dove ognuno si truova più sicuro. ASSISTENTE II Di qui è la ragione che semo rimasti soli. VESCOVO Oltre che far lu conto de li morti e li sopravvissuti, qual è la vostra mansione prenzipale? ASSISTENTE I Nessuna, o meglio tutte: semo campanaro ma non tegnimmo campane da far sbattere, chè la torre è cascata giù a squasso. ASSISTENTE II ce capita di servir messa con il curato, ma chillo prevete lo giorno mismo della scossa è fogghiuto de botto allo so borgo coi cavelli tutti irti e imbianchiti. ASSISTENTE I Ce se occupa delle lemosine, ma mo ogni cosa s è rivoltata, giacchè invece di raccoglierle mo ce tocca spangerle alli disperati e non c è rimasto manco no soldo matto. Il vescovo lo aspettiamo da mesi, ma non si fa vivo. Ben per lui che s è salvato di godersi sto scassamura a cataclisma. VESCOVO Ebbene, adesso sto qua. ASSISTENTE I e II (in due assistenti in coro)vuji site lu viscovo? VESCOVO Sì, padre Filippo Delci in persona. ASSISTENTE I Perdonatece Emminenza, ma no ce se immaginava pe niente che vuij lu fusse.

23 ASSISTENTE II Nemanco dall abito: scusate, ma siete tutto un po concio. VESCOVO Già, lu terremoto m ha pigliato all improvvisa, che per fortuna stevo pe li campi sulla strada che monta ca all Aquila! De botto s è levato uno polverone che ha oscurato lo cielo tutto. So gnuto a savè de poi che me truovavo nello punto a centro della catastrufe. Lu cavallo che stevo a montà s è sluzzato giù per uno gran baratro spalancatose all estante e io mismo co l anemale me so truovato nellu funnu. Tegnevo paura che lo squarcio se arrechiudesse all estante. Li frati mei de viaggio me c hanno calato abbascio le fune così da risalire, ma il cavallo è rimasto giù prigione che criava nella voragine. Non vi dico poi la fatica a ritrovar la strada, sempre immersi in quella nube di polvere che ci accecava e aggolava il respiro: tosse, vomito, sete e non ci riusciva di scorgere un uomo anco se te lo trovavi addosso. ASSISTENTE I Già, ce semo derentro in sta nube tosseca che da giorni sembra stia per diradare e de botto ecco un altro scossone che scassa macerie e le sbatte tanto da far che il polverame rimonta da affogarti. VESCOVO Se può sapere all ingrosso quanti sono li morti? ASSISTENTE Sì Emminenza, da mille a duemila forse tre!

24 VESCOVO Ammazza che precisione di dati avete raccolto! Ad ogni modo questo vo dicere che so remasti occisi almanco dal 10% al 20% degli abitanti. ASSISTENTE Già, più o meno. VESCOVO E i feriti? ASSISTENTE Ancora all incirca lo stesso numero. VESCOVO E I dispersi? ASSISTENTE Scusi non ho capito Emminenza VESCOVO Dispersi, come a dire desparuti, nel senso di mancanti all appello ASSISTENTE Purtroppo non abbiamo fatto ancora alcun appello! VESCOVO Ma avrete almeno chiesto alle famiglie (mimando di rivolgersi ad altri) Scusate chi vi manca dei vostri? ASSISTENTE Ah sì, abbiamo chiesto, ma vanno e vengono! VESCOVO Come vanno e vengono! ASSISTENTE Sì nel senso che prima non ci stanno, poi se fanno vivi, poi riscompaiono. VESCOVO Riscompaiono? I morti o i loro spiriti? ASSISTENTE Spiriti? VESCOVO Intendo gli spettri, i fantasmi dei morti! ASSISTENTE Non so, c è troppa polvere intorno e no se capisce se so spettri o anime vive Fatto è che sempre spariscono credo che, anco se so sani e salvi, o so aneme benedette, chilli se ne fugghion in altro loco, per lo spavento che se so pijati, per me

25 non tornano cchiù capirete desperati accussì è difficile contarli! VESCOVO Va bene animali? ASSISTENTE Scusate, a che ve referite? VESCOVO Intendo che ognuno qui in città tiene di sicuro animali: cavalli, asini, capre, bestie da cortile. ASSISTENTE Sì ho capito per fortuna, specie cavalli e porci, hanno entuito il giungere del cataclisma con un certo anticipo rispetto a noi cristiani: infatti le bestie che stavano libere, magari all aperto, se la sono data a gambe; quelle chiuse nelle stalle, invece dove la casa è crollata, han fatto la fine dei padroni: travolti, schiacciati. VESCOVO Anche gli asini? ASSISTENTE No, di asini se ne so sarvati assaj. VESCOVO Come mai? ASSISTENTE Si sono ficcati nei sotto scala e sotto le arcate! Gli unici punti in cui non ci sono stati crolli. VESCOVO e insistono a chiamare i ciucci stupidi! ASSISTENTE Il fatto è che quegli asini provengono quasi tutti dalla Sardegna e la ragione, Emminenza, è che quella razza è abituata ai terremoti più di noi, c hanno esperienza, la memoria se la passano di padre in figlio! Come i topi del resto! VESCOVO I topi si passano la memoria?

26 ASSISTENTE Sì, Emminenza: ancora prima che si senta la scossa, li vedi saltar fuori da tutti i buchi e via che se ne vanno dalle case, molti abitanti si sono salvati grazie all allarme dato dai ratti e dale pantegane quelle non sbagliano mai! Sentono i fremiti del terreno in anticipo! Magari anche di un giorno intiero! Capisce!? I ratti scappano e i gatti gli vanno appresso! Ma non per mangiarseli stavolta! Si salvi chi pòle! Gira e rigira gli sono stati utili! Saranno animali zozzi, ma quanti in città devono loro la vita! VESCOVO Va bene faremo un monumento alle pantegane: salvatori della città! Piuttosto passando tra il polverone ho intravisto nelle zone più colpite, gente che scava e sposta pietre nella speranza di ritrovare qualcuno ancora vivo. ASSISTENTE Beh più di uno sono riusciti a tirarne fuori, ma loro scavano soprattutto per ritrovare animali ancora in vita! VESCOVO Ancora in vita?! ASSISTENTE No, anche morti! Ci sono cavalli, vitelli, maiali, capre Il terremoto è avvenuto da pochi di giorni quindi sotto le macerie ci stanno tutte bestie accoppate di fresco! Carne appena frollata, pronta da cucinare! Ce n è di che farci un festino per tutta la città, per settimane! A proposito, ho appena cucinato qui pezzi di cavallo con le rape arrosto. (Afferra una padella ricolma

Mediterranea INTRODUZIONE

Mediterranea INTRODUZIONE 7 INTRODUZIONE guerrieri Palermo, anno 1076. Dopo che - per più di duecento anni - gli arabi erano stati i padroni della Sicilia, a quel tempo nell isola governavano i normanni, popolo d i guerrieri venuti

Dettagli

GESU E UN DONO PER TUTTI

GESU E UN DONO PER TUTTI GESU E UN DONO PER TUTTI OGGI VIENE ANCHE DA TE LA CREAZIONE IN PRINCIPIO TUTTO ERA VUOTO E BUIO NON VI ERANO NE UOMINI NE ALBERI NE ANIMALI E NEMMENO CASE VI ERA SOLTANTO DIO NON SI VEDEVA NIENTE PERCHE

Dettagli

L OSTE SI ACCOSTÒ A RENZO PER CONVINCERLO AD ANDARE A DORMIRE. IL GIOVANE PROVÒ AD ALZARSI E DOPO SORRETTO DALL UOMO CHE LO PORTÒ

L OSTE SI ACCOSTÒ A RENZO PER CONVINCERLO AD ANDARE A DORMIRE. IL GIOVANE PROVÒ AD ALZARSI E DOPO SORRETTO DALL UOMO CHE LO PORTÒ CAPITOLO XV L OSTE SI ACCOSTÒ A RENZO PER CONVINCERLO AD ANDARE A DORMIRE. IL GIOVANE PROVÒ AD ALZARSI E DOPO IL TERZO TENTATIVO SI SOLLEVÒ, SORRETTO DALL UOMO CHE LO PORTÒ NELLA CAMERA. VEDENDO IL LETTO,

Dettagli

Adotto un animale CD1 2

Adotto un animale CD1 2 Adotto un anima CD 2 Ascolta e indica chi parla. Oggi vado al canile a lavare i miei cani.. Ma tu non hai cani. Lo so. Per questo vado a lavare quelli del canile. Perché non ne prendi uno? La mia mamma

Dettagli

Maschere a Venezia CAP I

Maschere a Venezia CAP I Maschere a Venezia 7 CAP I In un pomeriggio di fine marzo Altiero Ranelli, un giovane giornalista de Il Gazzettino di Venezia, entra nell ufficio del direttore. - Ho una grande notizia. - grida contento.

Dettagli

Il Gatto con gli stivali. Un mugnaio venuto a morte Lasciò ai figliuoli una triste sorte

Il Gatto con gli stivali. Un mugnaio venuto a morte Lasciò ai figliuoli una triste sorte Il Gatto con gli stivali Un mugnaio venuto a morte Lasciò ai figliuoli una triste sorte Ogni suo bene aveva disfatto Tranne un mulino, un asino e un gatto Le divisioni furon presto fatte Senza bisticci

Dettagli

Canti per i funerali. Ciclostilato in proprio Parrocchia di Castiglione Torinese

Canti per i funerali. Ciclostilato in proprio Parrocchia di Castiglione Torinese Canti per i funerali Ciclostilato in proprio Parrocchia di Castiglione Torinese SYMBOLUM 77 (84) 1. Tu sei la mia vita, altro io non ho Tu sei la mia strada, la mia verità Nella tua parola io camminerò

Dettagli

Ci relazioniamo dunque siamo

Ci relazioniamo dunque siamo 7_CECCHI.N 17-03-2008 10:12 Pagina 57 CONNESSIONI Ci relazioniamo dunque siamo Curiosità e trappole dell osservatore... siete voi gli insegnanti, mi insegnate voi, come fate in questa catastrofe, con il

Dettagli

http://www.veronicaetony.com/download/accordivet.pdf http://www.veronicaetony.com/download/ascoltamp3.zip

http://www.veronicaetony.com/download/accordivet.pdf http://www.veronicaetony.com/download/ascoltamp3.zip Scarica questo libretto Ascolta le canzoni in MP3 http://www.veronicaetony.com/download/accordivet.pdf http://www.veronicaetony.com/download/ascoltamp3.zip Canti con accordi 1 Lo spirito e la sposa z do

Dettagli

Gaia. Il viaggio continua

Gaia. Il viaggio continua Gaia Il viaggio continua Laura Virgini GAIA Il viaggio continua Romanzo www.booksprintedizioni.it Copyright 2014 Laura Virgini Tutti i diritti riservati A Te che Hai reso possibile l impossibile. A Te

Dettagli

(Messa vigiliare del sabato: la voce guida prima che l organo introduca con solennità l ingresso della processione.)

(Messa vigiliare del sabato: la voce guida prima che l organo introduca con solennità l ingresso della processione.) 23 febbraio 2014 penultima dopo l Epifania h. 18.00-11.30 (Messa vigiliare del sabato: la voce guida prima che l organo introduca con solennità l ingresso della processione.) Celebriamo la Messa vigiliare

Dettagli

UN LIBRO CHE ANNUNCIA.. LA GIOIA DEL NATALE ... VANGELO NASCITA NATALE GESU GIOIA FESTA. Parole chiave. Novembre-dicembre

UN LIBRO CHE ANNUNCIA.. LA GIOIA DEL NATALE ... VANGELO NASCITA NATALE GESU GIOIA FESTA. Parole chiave. Novembre-dicembre UN LIBRO Novembre-dicembre CHE ANNUNCIA..... LA GIOIA DEL NATALE VANGELO NASCITA NATALE GESU GIOIA FESTA Parole chiave SEGNI E SIMBOLI DELLA FESTA DI NATALE nella borsina ci sono due scatole che contengono

Dettagli

Modifiche da apportare al testo Per l Infanzia SI Adattare Elementare SI I, II, III Nessuna: adatto come scritto PERSONAGGI

Modifiche da apportare al testo Per l Infanzia SI Adattare Elementare SI I, II, III Nessuna: adatto come scritto PERSONAGGI TITOLO UN FIORE + UNA FARFALLA = PACE Argomento Fiaba sulla pace Il testo è adatto alle seguenti classi: Scuola Adatto Classi di riferimento Modifiche da apportare al testo Per l Infanzia SI Adattare Elementare

Dettagli

Obbiettivo: accompagnare i bambini verso la comprensione del senso del peccato.

Obbiettivo: accompagnare i bambini verso la comprensione del senso del peccato. Traccia Obbiettivo: accompagnare i bambini verso la comprensione del senso del peccato. Per la preghiera: impariamo il canto per la celebrazione del perdono recitiamo insieme il Confesso e l Atto di dolore

Dettagli

MENTRE I TRE SI AVVICINAVANO ALLA ANDAVANO NELLA STESSA DIREZIONE: «NEI PERICOLI È MEGLIO ESSERE IN «E SE CI TROVIAMO IN UNA BATTAGLIA?

MENTRE I TRE SI AVVICINAVANO ALLA ANDAVANO NELLA STESSA DIREZIONE: «NEI PERICOLI È MEGLIO ESSERE IN «E SE CI TROVIAMO IN UNA BATTAGLIA? CAPITOLO XXX MENTRE I TRE SI AVVICINAVANO ALLA VALLE, TROVARONO COMPAGNI CHE ANDAVANO NELLA STESSA DIREZIONE: «TANTA GENTE ATTIRA I SOLDATI. POVERO ME!» BORBOTTAVA DON ABBONDIO. «NEI PERICOLI È MEGLIO

Dettagli

Sono stato crocifisso!

Sono stato crocifisso! 12 febbraio 2012 penultima dopo l epifania ore 11.30 con i fidanzati Sono stato crocifisso! Sia lodato Gesù Cristo! Paolo, Paolo apostolo nelle sue lettere racconta la sua storia, la storia delle sue comunità

Dettagli

INNAM0RARSI DELLA PAR0LA LA PAR0LA SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZ0 A N0I. Cammino di Avvento 2013. per Bambini dai 7 ai 10 anni

INNAM0RARSI DELLA PAR0LA LA PAR0LA SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZ0 A N0I. Cammino di Avvento 2013. per Bambini dai 7 ai 10 anni INNAM0RARSI DELLA PAR0LA LA PAR0LA SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZ0 A N0I. Cammino di Avvento 2013 per Bambini dai 7 ai 10 anni DIOCESI DI FOSSANO Commissione Diocesana Pastorale Ragazzi Ehi!!

Dettagli

FIABE GIAPPONESI. La principessa del bambù. La fanciulla del melone. Le due Fortune. Luna e Stella. Le Creature delle fiabe giapponesi.

FIABE GIAPPONESI. La principessa del bambù. La fanciulla del melone. Le due Fortune. Luna e Stella. Le Creature delle fiabe giapponesi. http://web.tiscali.it La principessa del bambù. La fanciulla del melone. Le due Fortune. Luna e Stella. FIABE GIAPPONESI Le Creature delle fiabe giapponesi. LA PRINCIPESSA DEL BAMBÙ. C'erano una volta

Dettagli

Quando eravamo scimmie

Quando eravamo scimmie Quando eravamo scimmie Zio, è vero che tu insegni antro... non mi ricordo più come si chiama. Antropologia, sì è vero Chiara. Mi spieghi cos è? Che non è mica tanto chiaro. Sedetevi qui, anche tu, Elena.

Dettagli

dalla Messa alla vita

dalla Messa alla vita dalla Messa alla vita 12 RITI DI INTRODUZIONE 8 IL SIGNORE CI INVITA ALLA SUA MENSA. Dio non si stanca mai di invitarci a far festa con Lui, e gli ospiti non si fanno aspettare, arrivano puntuali. Entriamo,

Dettagli

Evangelici.net Kids Corner. Abramo

Evangelici.net Kids Corner. Abramo Evangelici.net Kids Corner Abramo Abramo lascia la sua casa! Questa storia biblica è stata preparata per te con tanto amore da un gruppo di sei volontari di Internet. Paolo mise le sue costruzioni nella

Dettagli

Illustrazioni, ideazione grafica e impaginazione realizzate da MoaiStudio di Canovi Christian e Roggerone Maurizio www.moaistudio.

Illustrazioni, ideazione grafica e impaginazione realizzate da MoaiStudio di Canovi Christian e Roggerone Maurizio www.moaistudio. Illustrazioni, ideazione grafica e impaginazione realizzate da MoaiStudio di Canovi Christian e Roggerone Maurizio www.moaistudio.com Storia di Milena Lanzetta SE C È UN GIORNO DELLA SETTIMANA CHE FILIPPO

Dettagli

La vita di Madre Teresa Gabrieli

La vita di Madre Teresa Gabrieli La vita di Madre Teresa Gabrieli 2 Centro Studi Suore delle Poverelle Testo di Romina Guercio 2007 La vita di Madre Teresa Gabrieli Note per l animatrice Teresa Gabrieli è nata a Bergamo il 13 settembre

Dettagli

Tre minuti per Dio SHALOM

Tre minuti per Dio SHALOM Tre minuti per Dio SHALOM Tre minuti per Dio SHALOM Editrice Shalom - 22.05.2005 Santissima Trinità Libreria Editrice Vaticana (testi Sommi Pontefici), per gentile concessione Fondazione di Religione Santi

Dettagli

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime Indice Introduzione 7 La storia delle rose: quando la mamma parte 9 Il bruco e la lumaca: quando i genitori si separano 23 La campana grande e quella piccola: quando nasce il fratellino 41 La favola del

Dettagli

Apparizione della Madonna (non c è data)

Apparizione della Madonna (non c è data) Apparizione della Madonna (non c è data) Si tratta di un messaggio preoccupante. Le tenebre di Satana stanno oscurando il mondo e la Chiesa. C è un riferimento a quanto la Madonna disse a Fatima. L Italia

Dettagli

Paola Dell Orto presidentessa di Agedo (L Associazione di genitori di omosessuali)

Paola Dell Orto presidentessa di Agedo (L Associazione di genitori di omosessuali) Paola Dell Orto presidentessa di Agedo (L Associazione di genitori di omosessuali) Al mare, verso gli undici anni, avevo fatto amicizia con un bagnino. Una cosa innocentissima, ma mia madre mi chiedeva

Dettagli

RITORNO ALLA CAVA. LA SI (per 3 volte) LA2 SIb7 LA2

RITORNO ALLA CAVA. LA SI (per 3 volte) LA2 SIb7 LA2 Volto che sfugge, nebbia di idee, 9 tu sei solo una grossa bugia! SIb7+ Ti dicono tutti che hai dei talenti, LA9 in fondo ci speri che così sia! RITORNO ALLA CAVA RAP Questo è il mio mondo, qui sono il

Dettagli

XXI Ciclo di incontri 2007-2008

XXI Ciclo di incontri 2007-2008 XXI Ciclo di incontri 2007-2008 LA PERSONA UMANA CUORE DELLA PACE X INCONTRO - DOMENICA 9-3-2008 ORE 15,00 Educazione: rispondere al bisogno di crescere.educare è possibile e si deve Relatore: Prof. Don

Dettagli

(da La miniera, Fazi, 1997)

(da La miniera, Fazi, 1997) Che bello che questo tempo è come tutti gli altri tempi, che io scrivo poesie come sempre sono state scritte, che questa gatta davanti a me si sta lavando e scorre il suo tempo, nonostante sia sola, quasi

Dettagli

Carissimi bambini, siamo ormai vicinissimi alle vacanze estive e questo numero lo vogliamo dedicare a Gesù e al suo dolcissimo Cuore.

Carissimi bambini, siamo ormai vicinissimi alle vacanze estive e questo numero lo vogliamo dedicare a Gesù e al suo dolcissimo Cuore. ... stanno arrivando... cosa????... le vacanze!!! Inserto N. 2 2008 Carissimi bambini, siamo ormai vicinissimi alle vacanze estive e questo numero lo vogliamo dedicare a Gesù e al suo dolcissimo Cuore.

Dettagli

Luigi Broggini. In fondo al Corso. poesie. Le Lettere

Luigi Broggini. In fondo al Corso. poesie. Le Lettere Luigi Broggini In fondo al Corso poesie Le Lettere Paesaggio romano con leone di pietra, 1932. Se qualcuno chiede di me digli che abito sul Corso dove i giorni sono ugualmente felici e le ragazze più belle.

Dettagli

Io..., papà di... ricordo, mi emoziono, racconto! giugno 2015

Io..., papà di... ricordo, mi emoziono, racconto! giugno 2015 Io..., papà di...... ricordo, mi emoziono, racconto! giugno 2015 Lettura albo, strumento utilizzato in un Percorso di Sostegno alla Genitorialità biologica EMAMeF - Loredana Plotegher, educatore professionale

Dettagli

Lo Spirito sospinse Gesù nel deserto e nel deserto rimase quaranta giorni tentato da Satana. (Mc 1,12-13)

Lo Spirito sospinse Gesù nel deserto e nel deserto rimase quaranta giorni tentato da Satana. (Mc 1,12-13) Il deserto di Tamanrasset in Algeria Lo Spirito sospinse Gesù nel deserto e nel deserto rimase quaranta giorni tentato da Satana. (Mc 1,12-13) «Rabbì è bello per noi essere qui. Facciamo tre capanne».

Dettagli

La vita dei numeri ultimi

La vita dei numeri ultimi La vita dei numeri ultimi Orazio La Boccetta LA VITA DEI NUMERI ULTIMI racconto Dedicato a tutta la mia famiglia e i miei migliori amici a Pietro soprattutto ed in particolare a mio padre Andrea e mia

Dettagli

La locandiera. PERSONAGGI: Cavaliere di Ripafratta Marchese di Forlipopoli Conte d Albafiorita Mirandolina, locandiera Fabrizio, cameriere di locanda

La locandiera. PERSONAGGI: Cavaliere di Ripafratta Marchese di Forlipopoli Conte d Albafiorita Mirandolina, locandiera Fabrizio, cameriere di locanda La locandiera PERSONAGGI: Cavaliere di Ripafratta Marchese di Forlipopoli Conte d Albafiorita Mirandolina, locandiera Fabrizio, cameriere di locanda 5 10 Atto I La scena si rappresenta a Firenze, nella

Dettagli

Lei ama vero? Certo che ama, si vede. Si vede come è seduta, come affronta questa serata. Lei ama ama!

Lei ama vero? Certo che ama, si vede. Si vede come è seduta, come affronta questa serata. Lei ama ama! Lei ama vero? Certo che ama, si vede. Si vede come è seduta, come affronta questa serata. Lei ama ama! Si vede subito quando una donna ama. E più disponibile ad accettare uno come me. L amore vero, di

Dettagli

VENERDì 5 GIUGNO 2009 ALLE ORE 17 - PRESSO LA SCUOLA DELL INFANZIA

VENERDì 5 GIUGNO 2009 ALLE ORE 17 - PRESSO LA SCUOLA DELL INFANZIA ISTITUTO COMPRENSIVO E. TOTI - Scuola statale dell Infanzia di Musile di Piave - A.S..2008-09 VENERDì 5 GIUGNO 2009 ALLE ORE 17 - PRESSO LA SCUOLA DELL INFANZIA Siete invitati alla nostra festa che si

Dettagli

LE NOSTRE CANZONI DI NATALE

LE NOSTRE CANZONI DI NATALE CANZONE: LE NOSTRE CANZONI DI NATALE VIENI BAMBINO TRA I BAMBINI Quando la notte è buia E buio è anche il giorno, non credi che il domani potrà mai fare ritorno. Quando la notte è fredda C è il gelo nel

Dettagli

«Vado e tornerò da voi.»

«Vado e tornerò da voi.» sito internet: www.chiesasanbenedetto.it e-mail: info@chiesasanbenedetto.it 5 maggio 2013 Liturgia delle ore della Seconda Settimana Sesta Domenica di Pasqua/c Giornata di sensibilizzazione per l 8xmille

Dettagli

I Classici facili raccontati da Carlo Scataglini. Pinocchio

I Classici facili raccontati da Carlo Scataglini. Pinocchio I Classici facili raccontati da Carlo Scataglini Pinocchio Indice illustrato CAPITOLO 1 Tutto comincia con un pezzo di legno............. 7 CAPITOLO 2 Quando un burattino ha fame.... 17 CAPITOLO 3 Il Gran

Dettagli

Comunità Pastorale Maria Regina della Famiglia. Festa del Perdono. CELEBRAZIONE della PRIMA CONFESSIONE. 21 novembre 2015

Comunità Pastorale Maria Regina della Famiglia. Festa del Perdono. CELEBRAZIONE della PRIMA CONFESSIONE. 21 novembre 2015 Comunità Pastorale Maria Regina della Famiglia Festa del Perdono CELEBRAZIONE della PRIMA CONFESSIONE 21 novembre 2015 Parrocchia di Madonna in campagna e Santi Nazaro e Celso di Arnate in Gallarate (VA)

Dettagli

Storia di Equilibristi e difficili equilibri

Storia di Equilibristi e difficili equilibri Storia di Equilibristi e difficili equilibri Autore Patrizia Belluzzo Un attore girovaga tra il pubblico, cantando una canzoncina e salterellando. Si dirige verso il palco. Io, la mia mamma, il mio papà

Dettagli

BEATI VOI MI FA#-7 LA MI LA MI FA#-7 LA6 MI LA Beati voi, beati voi, beati voi, beati voi. BEATI VOI

BEATI VOI MI FA#-7 LA MI LA MI FA#-7 LA6 MI LA Beati voi, beati voi, beati voi, beati voi. BEATI VOI BEATI VOI MI FA#-7 LA MI LA MI FA#-7 LA6 MI LA MI FA#-7 Se sarete poveri nel cuore, beati voi: LA6 MI sarà vostro il Regno di Dio Padre. MI FA#-7 Se sarete voi che piangerete, beati voi, LA6 MI perché

Dettagli

PROFEZIE SU BENEDETTO XVI E SUL PROSSIMO PAPA

PROFEZIE SU BENEDETTO XVI E SUL PROSSIMO PAPA PROFEZIE SU BENEDETTO XVI E SUL PROSSIMO PAPA Cari figli, la strada sarà breve per colui che verrà con il desiderio di fare un lungo cammino. Sappiate, voi tutti, che il fuoco si diffonderà in varie nazioni,

Dettagli

L idea dunque di ritrovarsi dei tutori, per di più sconosciuti, anche in vacanza, non era il massimo. Carlo però ci aveva subito tranquillizzati, ci

L idea dunque di ritrovarsi dei tutori, per di più sconosciuti, anche in vacanza, non era il massimo. Carlo però ci aveva subito tranquillizzati, ci CAPITOLO 1 La donna della mia vita Oggi a un matrimonio ho conosciuto una donna fantastica, speciale. Vive a Palermo, ma appena se ne sente la cadenza, adora gli animali, cani e cavalli soprattutto, ma

Dettagli

"UN NATALE MAGICO" Farsa in Musica per Bambini di Oreste De Santis

UN NATALE MAGICO Farsa in Musica per Bambini di Oreste De Santis "UN NATALE MAGICO" Farsa in Musica per Bambini di Oreste De Santis *** Attenzione è possibile acquistare il cd musicale ( 20 ) con le canzoni con voce e le basi musicali direttamente dall autore scrivi

Dettagli

Elenco dei Vincitori del concorso di poesia Liberart 2008. astrazione. donne d india

Elenco dei Vincitori del concorso di poesia Liberart 2008. astrazione. donne d india Elenco dei Vincitori del concorso di poesia Liberart 2008 LUCACCINI MENTANA DODÒ SANGIORGI DOMENICA NOFERI FEDERIGO PALOMBA MARIA ROSARIA Primo classificato astrazione Secondo classificato donne d india

Dettagli

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Commento al Vangelo Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione fra Luca Minuto Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Dal Vangelo secondo Matteo In quel tempo, gli undici discepoli andarono in Galilea, sul monte

Dettagli

5ª tappa L annuncio ai Giudei

5ª tappa L annuncio ai Giudei Centro Missionario Diocesano Como 5 incontro di formazione per commissioni, gruppi e associazioni missionarie 3 anno Febbraio 09 Paolo: la Parola di Dio non è incatenata 5ª tappa L annuncio ai Giudei Pagina

Dettagli

Parrocchia San Paolo Apostolo Crotone

Parrocchia San Paolo Apostolo Crotone Parrocchia San Paolo Apostolo Crotone 1 ANNO CATECHISMO 2014-2015 Alla Scoperta di Gesù SUSSIDIO SCHEDE RISCOPERTA DEL BATTESIMO 1 NOME COGNOME Le mie catechiste NOME COGNOME Telefono NOME COGNOME Telefono

Dettagli

OMELIA MESSA DEL GIORNO DI NATALE 2006

OMELIA MESSA DEL GIORNO DI NATALE 2006 OMELIA MESSA DEL GIORNO DI NATALE 2006 I. Vieni Signore Gesù!. Così la chiesa ha ripetuto spesso nella preghiera di Avvento. Così la chiesa, le nostre comunità, ciascuno di noi ha predisposto il cuore

Dettagli

============================================ II DOMENICA DOPO NATALE (ANNO C) ======================================================================

============================================ II DOMENICA DOPO NATALE (ANNO C) ====================================================================== -------------------------------------------------- LA LITURGIA DEL GIORNO 03.01.2016 Grado della Celebrazione: DOMENICA Colore liturgico: Bianco ============================================ II DOMENICA

Dettagli

BASILICA PAPALE DI SAN PIETRO

BASILICA PAPALE DI SAN PIETRO BASILICA PAPALE DI SAN PIETRO 20 ANNIVERSARIO EVANGELIUM VITAE 25 MARZO 2015... 1) Oggi ricordiamo il Sì di Maria alla vita, quella vita che prodigiosamente sbocciò nel suo grembo immacolato. Mentre ricordiamo

Dettagli

Nonno Toni sentì un urlo di rabbia

Nonno Toni sentì un urlo di rabbia Operazione Oh no! Nonno Toni sentì un urlo di rabbia provenire dalla cameretta di Tino. Salì le scale di corsa, spalancò la porta e si imbatté in un bambino con gli occhi pieni di lacrime. Tino aveva in

Dettagli

1. RIVELATO IN GESU CRISTO

1. RIVELATO IN GESU CRISTO SCHEDA 4 (per operatori) 1. RIVELATO IN GESU CRISTO Nota introduttiva L incontro sulla figura di Gesù ha lo stesso stile narrativo del precedente. Se Dio è origine del bisogno d amore e della capacità

Dettagli

Logopedia in musica e. canzoni

Logopedia in musica e. canzoni Logopedia in musica e canzoni Un Lavoro di Gruppo, Giugno 2013 INTRODUZIONE Siamo un gruppo di persone, chi ricoverato in Degenza e chi in Day Hospital, del Presidio Ausiliatrice-don Gnocchi di Torino

Dettagli

- 1 reference coded [0,86% Coverage]

<Documents\bo_min_9_M_18_ita_stu> - 1 reference coded [0,86% Coverage] - 1 reference coded [0,86% Coverage] Reference 1-0,86% Coverage E le altre funzioni, le fotografie, o, non so le altre cose che può offrire il cellulare sono cose che

Dettagli

Gesù è sempre con noi, non ci abbandonerà mai e porterà sempre gioia a tutti. Racconta come un personaggio del presepe presenterebbe il nostro lavoro

Gesù è sempre con noi, non ci abbandonerà mai e porterà sempre gioia a tutti. Racconta come un personaggio del presepe presenterebbe il nostro lavoro PRESEPE Racconta come un personaggio del presepe presenterebbe il nostro lavoro Buongiorno, io sono il fiume Giordano, un fiume molto importante perché nelle mie acque è stato battezzato Gesù. Vi racconterò

Dettagli

Schede operative per fanciulli dai 3 ai 6 anni Libricino di.

Schede operative per fanciulli dai 3 ai 6 anni Libricino di. Schede operative per fanciulli dai 3 ai 6 anni Libricino di. Le schede sono divise in due sezioni: La prima riporta la frase del Vangelo propria della domenica, il disegno da colorare relativo all opera

Dettagli

PREGHIERE per la Corona del Discepolo a 33 grani

PREGHIERE per la Corona del Discepolo a 33 grani PREGHIERE per la Corona del Discepolo a 33 grani PREGHIERE PER LA CORONA DEL DISCEPOLO A 33 GRANI Editrice Shalom 31.05.2015 Santissima Trinità Libreria Editrice Vaticana (testi Sommi Pontefici), per gentile

Dettagli

San Giovanni Battista Cesano Boscone Sacra Famiglia C 2007-01-27

San Giovanni Battista Cesano Boscone Sacra Famiglia C 2007-01-27 MESSA VIGILIARE 18.00 In questa festa della Sacra Famiglia vorrei soffermarmi su un aspetto del brano di vangelo che abbiamo appena ascoltato. Maria e Giuseppe, insieme, cercano angosciati Gesù. Cosa può

Dettagli

Ombra di Lupo Chiaro di Luna SCHEDE 1/5

Ombra di Lupo Chiaro di Luna SCHEDE 1/5 Ombra di Lupo Chiaro di Luna Tratto da Lupus in Fabula di Raffaele Sargenti Narrazione e Regia Claudio Milani Adattamento Musicale e Pianoforte Federica Falasconi Soprano Beatrice Palombo Testo Francesca

Dettagli

BENEDIZIONE DELLE MAMME E DEI PAPÀ IN ATTESA

BENEDIZIONE DELLE MAMME E DEI PAPÀ IN ATTESA I A6 BENEDIZIONE DELLE MAMME E DEI PAPÀ IN ATTESA Parrocchia Domenica CANTO D INIZIO NEL TUO SILENZIO Nel tuo silenzio accolgo il mistero venuto a vivere dentro di me, sei tu che vieni, o forse è più vero

Dettagli

BELLA LUNA (Marco Calliari / Marco Calliari, Lysandre Champagne, Carlos Araya, Luzio Altobelli, Alexis Dumais)

BELLA LUNA (Marco Calliari / Marco Calliari, Lysandre Champagne, Carlos Araya, Luzio Altobelli, Alexis Dumais) BELLA LUNA (Marco Calliari / Marco Calliari, Lysandre Champagne, Carlos Araya, Luzio Altobelli, Alexis Dumais) Quando la notte scende giu devo mi fidare Mi fidare su sta luce se ci sei E se ci sei tu in

Dettagli

Mandato agli Operatori pastorali parrocchiali

Mandato agli Operatori pastorali parrocchiali Parrocchia Sacro Cuore Capua Mandato agli Operatori pastorali parrocchiali 29 Settembre 2013 Monizione In questa Eucaristia, il nostro parroco consegnerà il mandato a svolgere il servizio nella pastorale

Dettagli

VI INCONTRO IL CRISTIANO ADULTO E LA COSCIENZA. chi ha raggiunto il completo sviluppo fisico e psichico (def.dizionario)

VI INCONTRO IL CRISTIANO ADULTO E LA COSCIENZA. chi ha raggiunto il completo sviluppo fisico e psichico (def.dizionario) VI INCONTRO IL CRISTIANO ADULTO E LA COSCIENZA Cerchiamo il significato delle due parole: ADULTO CRISTIANO chi ha raggiunto il completo sviluppo fisico e psichico (def.dizionario) colui che ha deciso di:

Dettagli

IPNOTICA DOMENICA un racconto horror-splatter-sentimentale di marco montanaro ***

IPNOTICA DOMENICA un racconto horror-splatter-sentimentale di marco montanaro *** IPNOTICA DOMENICA un racconto horror-splatter-sentimentale di marco montanaro *** Dormi. Lo ricordavo bene il tuo sonno: fragile e immobile di notte, inquieto e sfuggente al mattino. Ho messo su il disco

Dettagli

stelle, perle e mistero

stelle, perle e mistero C A P I T O L O 01 In questo capitolo si parla di un piccolo paese sul mare. Elenca una serie di parole che hanno relazione con il mare. Elencate una serie di parole che hanno relazione con il mare. Poi,

Dettagli

ERAVAMO SOLO BAMBINI UN RACCONTO PER NON DIMENTICARE

ERAVAMO SOLO BAMBINI UN RACCONTO PER NON DIMENTICARE ERAVAMO SOLO BAMBINI UN RACCONTO PER NON DIMENTICARE CATERINA ROMANO 27/01/2012 Nonna, posso sedermi vicino a te? Ho paura. In televisione ci sono dei brutti film. Fanno vedere tante persone malate e dicono

Dettagli

8 Febbraio 2013 Festa di S. Giuseppina Bakhita: Incontro di Preghiera per eliminare la Tratta di Esseri Umani

8 Febbraio 2013 Festa di S. Giuseppina Bakhita: Incontro di Preghiera per eliminare la Tratta di Esseri Umani 8 Febbraio 2013 Festa di S. Giuseppina Bakhita: Incontro di Preghiera per eliminare la Tratta di Esseri Umani Introduzione: Oggi, nella festa di Santa Giuseppina Bakhita, ci uniamo in solidarietà con tutte

Dettagli

I bambini si soffermano su fiori e piante, osservando con la lente di ingrandimento. Proviamo a chiamare per nome le piante e i fiori conosciuti:

I bambini si soffermano su fiori e piante, osservando con la lente di ingrandimento. Proviamo a chiamare per nome le piante e i fiori conosciuti: Cari bambini, l altro giorno ho sentito le vostre voci in cortile, quanto sono stato felice. Vorrei tanto che mi raccontaste dei vostri giochi, dei posti che conoscete e che andrete a conoscere, di quello

Dettagli

WWW.COPIONI.CORRIERESPETTACOLO.IT

WWW.COPIONI.CORRIERESPETTACOLO.IT Aldo, Giovanni e Giacomo Sketch del controllore (da 'Tel chi el telun) Aldo: Non c è bisogno che tira perché non è che scappo. Giovanni: Intanto ha allungato il passo. Aldo: Ho allungato il passo perché

Dettagli

AUTORI: ALUNNI DELLE CLASSI QUINTE

AUTORI: ALUNNI DELLE CLASSI QUINTE FEBBRAIO 2014 ANNO III N. 7 SCUOLA PRIMARIA STATALE DI GRANTORTO AUTORI: ALUNNI DELLE CLASSI QUINTE Questo numero parla di un argomento un po scottante : IL BULLISMO! I PROTAGONISTI LA VITTIMA Nel mese

Dettagli

22 febbraio 2013. Nel periodo della purificazione si assume un maggiordomo, che ha il compito di sorvegliare la casa.

22 febbraio 2013. Nel periodo della purificazione si assume un maggiordomo, che ha il compito di sorvegliare la casa. 1 22 febbraio 2013 Sesto incontro Introduzione Nella Teologia Spirituale troviamo tre tappe per la crescita dello spirito. Nella Religione Cattolica le tre dimensioni sono: la purificazione, l illuminazione,

Dettagli

QUESTIONARIO DI OFFER PER ADOLESCENTI SULLA IMMAGINE DI SE

QUESTIONARIO DI OFFER PER ADOLESCENTI SULLA IMMAGINE DI SE QUESTIONARIO DI OFFER PER ADOLESCENTI SULLA IMMAGINE DI SE INTRODUZIONE AL QUESTIONARIO Questo questionario viene usato per scopi scientifici. Non ci sono risposte giuste o sbagliate. Dopo aver letto attentamente

Dettagli

Si ricorda cosa le hanno detto, come l ha saputo?

Si ricorda cosa le hanno detto, come l ha saputo? Intervista rilasciata su videocassetta dalla Sig.ra Miranda Cavaglion il 17 giugno 2003 presso la propria abitazione in Cascine Vica, Rivoli. Intervistatrice: Prof.ssa Marina Bellò. Addetto alla registrazione:

Dettagli

I PROMESSI SPOSI (Unità didattiche per gli studenti stranieri di recente immigrazione dell ITIS J. TORRIANI di Cremona)

I PROMESSI SPOSI (Unità didattiche per gli studenti stranieri di recente immigrazione dell ITIS J. TORRIANI di Cremona) I PROMESSI SPOSI (Unità didattiche per gli studenti stranieri di recente immigrazione dell ITIS J. TORRIANI di Cremona) Unità 1 In prima e in seconda ITIS noi studiamo I PROMESSI SPOSI. Che cosa è? I Promessi

Dettagli

IN CARCERE MA LIBERI!

IN CARCERE MA LIBERI! PATRIZIO ASTORRI GENNARO CAROTENUTO TULLIO MENGON SILVANO SPAGNUOLO LORENZO ZOCCA IN CARCERE MA LIBERI! Terza edizione Chirico INDICE Presentazione del Cardinale Michele Giordano XI Lettera del cappellano

Dettagli

Orazioni in suffragio

Orazioni in suffragio Orazioni in suffragio delle anime del purgatorio SHALOM Orazioni in suffragio delle anime del purgatorio «Pietà di me, o Dio, secondo la tua misericordia: nel tuo grande amore cancella il mio peccato».

Dettagli

APPARIZIONI DI NOSTRA SIGNORA DI ANGUERA (BRASILE), 1987-

APPARIZIONI DI NOSTRA SIGNORA DI ANGUERA (BRASILE), 1987- APPARIZIONI DI NOSTRA SIGNORA DI ANGUERA (BRASILE), 1987- Anguera, 05 giugno 2010 Ciò che vi ho rivelato qui non l ho mai rivelato prima in nessuna delle mie apparizioni nel mondo. Solo in questa terra

Dettagli

Corso di laurea in Lingue e culture straniere

Corso di laurea in Lingue e culture straniere Prova di ammissione al Corso di laurea in Lingue e culture straniere per i candidati di paesi non appartenenti alla UE. Verifica delle conoscenze linguistiche dell italiano, livello B1. PROVA 2 A. Comprensione

Dettagli

Domenica, 19 aprile 2009. Il Signore è con te

Domenica, 19 aprile 2009. Il Signore è con te Domenica, 19 aprile 2009 Il Signore è con te Marco 16:15-20- E disse loro: Andate per tutto il mondo, predicate il vangelo a ogni creatura. Chi avrà creduto e sarà stato battezzato sarà salvato; ma chi

Dettagli

Adorazione Eucaristica

Adorazione Eucaristica Adorazione Eucaristica Pregare come i Santi I santi sono coloro che hanno creduto e vissuto con amore il mistero di Cristo. Essi hanno saputo vivere nel difficile nascondimento la preghiera, sottratta

Dettagli

Accoglienza: storie La storia del piccolo Arco Baleno

Accoglienza: storie La storia del piccolo Arco Baleno Accoglienza: storie La storia del piccolo Arco Baleno Il piccolo Arco Baleno viveva tutto solo sopra una nuvola. La sua nuvoletta aveva tutte le comodità: un letto con una grande coperta colorata, tantissimi

Dettagli

Monastero S. Maria del Monte Carmelo Concenedo di Barzio (LC)

Monastero S. Maria del Monte Carmelo Concenedo di Barzio (LC) Un colpo di frusta produce lividure, ma un colpo di lingua rompe le ossa. Tutto si può dire del libro del Siracide, tranne che non sia chiaro ed efficace nelle sue immagini: questa è forte. E non solo

Dettagli

Parrocchie di Villadossola

Parrocchie di Villadossola I funerali nelle nostre comunità Parrocchie di Villadossola Ai familiari dei fedeli defunti Cari familiari, sono don Massimo, il parroco di Villadossola. Vi raggiungo a nome delle comunità cristiane di

Dettagli

862 FINALE DI PARTITA di Dario Fo

862 FINALE DI PARTITA di Dario Fo 862 FINALE DI PARTITA di Dario Fo Che sono quegli scatoloni che stanno nell atrio? Un regalo. Un regalo per me? Per te, per me, per tutta la famiglia. Che sarebbe a dire? Quando l avrò montato lo scoprirai.

Dettagli

Obbiettivo dell incontro: accompagnare i bambini verso la comprensione che per credere in Gesù dobbiamo amarlo e non dubitare mai del suo Amore

Obbiettivo dell incontro: accompagnare i bambini verso la comprensione che per credere in Gesù dobbiamo amarlo e non dubitare mai del suo Amore Traccia: Obbiettivo dell incontro: accompagnare i bambini verso la comprensione che per credere in Gesù dobbiamo amarlo e non dubitare mai del suo Amore Per la preghiera: vedi in allegato. Sviluppo dell

Dettagli

belotti1.indd 1 10/06/11 15:35

belotti1.indd 1 10/06/11 15:35 belotti1.indd 1 10/06/11 15:35 CLAUDIO BELOTTI LA VITA COME TU LA VUOI La belotti1.indd vita come tu 2 la vuoi_testo intero.indd 3 23/05/11 10/06/11 14.02 15:35 la vita come tu la vuoi Proprietà Letteraria

Dettagli

Racconti di me. Un regalo

Racconti di me. Un regalo 1 Racconti di me di Cetta De Luca Un regalo Io non regalo oggetti. Magari un sogno, un emozione qualcosa che rimanga nella vita di valore. A volte solo un ricordo, a volte me stessa. 2 Apparenza Tu che

Dettagli

PADRE MAESTRO E AMICO

PADRE MAESTRO E AMICO PADRE MAESTRO E AMICO Padre, di molte genti padre, il nostro grido ascolta: è il canto della vita. Quella perenne giovinezza che tu portavi in cuore, perché non doni a noi? Padre, maestro ed amico noi

Dettagli

Oleggio, 11/5/2014 OMELIA. Lode! Lode! Lode! Amen! Alleluia! Gloria al Signore, sempre!

Oleggio, 11/5/2014 OMELIA. Lode! Lode! Lode! Amen! Alleluia! Gloria al Signore, sempre! 1 Oleggio, 11/5/2014 IV DOMENICA DI PASQUA - ANNO A Letture: Atti 2, 14.36-41 Salmo 23 (22) 1 Pietro 2, 20-25 Vangelo: Giovanni 10, 1-10 Il Pastore Bello NEL NOME DEL PADRE, DEL FIGLIO E DELLO SPIRITO

Dettagli

le #piccolecose che amo di te

le #piccolecose che amo di te Cleo Toms le #piccolecose che amo di te Romanzo Proprietà letteraria riservata 2016 RCS Libri S.p.A., Milano ISBN 978-88-17-08605-9 Prima edizione: febbraio 2016 Illustrazioni: Damiano Groppi Questo libro

Dettagli

Bambini vecchiette signori e signore venite a giocare con tutti i colori (2 volte)

Bambini vecchiette signori e signore venite a giocare con tutti i colori (2 volte) La canzone dei colori Rosso rosso il cane che salta il fosso giallo giallo il gallo che va a cavallo blu blu la barca che va su e giù blu blu la barca che va su e giù Arancio arancio il grosso cappello

Dettagli

La Santa Sede VISITA ALLA PARROCCHIA ROMANA «SANTA MARIA MADRE DEL REDENTORE A TOR BELLA MONACA» PAROLE DEL SANTO PADRE FRANCESCO

La Santa Sede VISITA ALLA PARROCCHIA ROMANA «SANTA MARIA MADRE DEL REDENTORE A TOR BELLA MONACA» PAROLE DEL SANTO PADRE FRANCESCO La Santa Sede VISITA ALLA PARROCCHIA ROMANA «SANTA MARIA MADRE DEL REDENTORE A TOR BELLA MONACA» PAROLE DEL SANTO PADRE FRANCESCO III Domenica di Quaresima, 8 marzo 2015 [Multimedia] CHIESA DI SANTA GIOVANNA

Dettagli

L ALBERO CHE NON SAPEVA DI ESSERE UN ALBERO

L ALBERO CHE NON SAPEVA DI ESSERE UN ALBERO L ALBERO CHE NON SAPEVA DI ESSERE UN ALBERO di Giovannella Massari Sopra un prato verde chiaro l alberello se ne stava e guardandosi un po in giro, tristemente sospirava. Nessun albero lì intorno, su quel

Dettagli

Lasciatevi incantare

Lasciatevi incantare Lasciatevi incantare Rita Pecorari LASCIATEVI INCANTARE favole www.booksprintedizioni.it Copyright 2013 Rita Pecorari Tutti i diritti riservati Tanto tempo fa, io ero ancora una bambina, c era una persona

Dettagli

C eraunavoltaunalbumdifotoscolorite

C eraunavoltaunalbumdifotoscolorite C eraunavoltaunalbumdifotoscolorite C era una volta un album di foto scolorite. Un vecchio album di nome Sansone. Sansone era stato acquistato nel 1973 in un mercatino di Parigi da una certa signora Loudville.

Dettagli

TOPO FELICE, I GIOCHI E LA FATA

TOPO FELICE, I GIOCHI E LA FATA TOPO FELICE, I GIOCHI E LA FATA (Buio, musica, voce narrante inizia a raccontare) VOCE NARRANTE Questa è la storia di Felice, un topolino che vive in un parco meraviglioso. FELICE IL TOPOLINO VIVE IN QUESTO

Dettagli