Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download ""

Transcript

1

2

3

4

5

6

7

8

9

10

11

12

13

14

15

16

17

18

19

20

21

22

23

24

25

26

27

28

29

30

31

32

33

34

35 (Obiettivo di sviluppo) RIORDINO NORMATIVO E PROCEDIMENTALE Felice Strocchia SEGRETERIA GENERALE RIORDINO NORMATIVO E PROCEDIMENTALE Segreteria Generale Il progetto persegue la realizzazione di una compiuta attività di analisi, rivisitazione e riorganizzazione dei processi tramite diverse linee d'azione, strettamente connesse e funzionali l'una all'altra e quindi inserite in un unico progetto. 1. RIORDINO DEI PROCEDIMENTI AMMINISTRATIVI. E' dettato dall'esigenza di assicurare l'aggiornamento alle recenti riforme legislative delle discipline di carattere generale, di interesse comune al complessivo apparato amministrativo ed organizzativo dell'ente, relativamente ai procedimenti amministrativi. Il programma di revisione costituisce obiettivo prioritario ed urgente per l'amministrazione, da realizzarsi assicurando il necessario coordinamento normativo e la massima coerenza d'insieme, soprattutto con riguardo agli ambiti normativi caratterizzati da profili interdisciplinari. Prevede attività di collaborazione agli uffici in relazione alle esigenze di adeguamento dei procedimenti al contenuto dei nuovi regolamenti ed alla innovazione normativa. 2. RASSEGNA DI GIURISPRUDENZA. La redazione mensile della rassegna è tesa a divulgare le massime delle sentenze ritenute più utili agli uffici, concretizzando forma di aggiornamento professionale a costo zero, per un'attività in linea con orientamenti aggiornati e consolidati della giurisprudenza. Verrà effettuata tramite apposito software creato dal CED che sarà visionabile tramite link sul web. 3. ADEGUAMENTO ALLA NORMATIVA IN MATERIA DI PRIVACY. Con atto presidenziale n. 33 del il Segretario Generale è stato incaricato del Coordinamento dei dirigenti ai fini del pieno adeguamento dell'ente alle disposizioni in materia di privacy. Nell'ambito di tale competenza dovrà essere effettuata una complessiva rimeditazione degli obblighi di legge, cui seguirà l'attività di coordinamento ed impulso nei confronti dei dirigenti, per il pieno adeguamento dell'ente, in ottemperanza alla normativa in esame. Fase Data Fine 1 Esame dei procedimenti amministrativi in relazione alla loro compatibilità coi nuovi regolamenti ed in adeguamento alle recenti innovazioni normative, in collaborazione con i responsabili per materia e valutazione delle modifiche necessarie. Felice Strocchia 31/12/ Predisposizione mensile della rassegna stampa Felice Strocchia 31/12/ Rivisitazione della normativa in materia di privacy, approfondimento delle tematiche e coordinamento, anche tramite direttive, dei Dirigenti, ai fini dell'adeguamento degli atti dell'ente alla normativa Felice Strocchia 31/12/ Attivita Rispetto dei tempi previsti nelle fasi 100,00 44 Attivita Termini procedurali e legislativi 100,00 risorse informatiche in dotazione agli uffici che fanno capo alla Segreteria Generale Stampato il 15/04/2008 alle ore Dati Aggiornati il 15/04/2008 alle

36 Dipendente Livello C Tempo Indeterminato 1 20,00 Dipendente Livello D Tempo Indeterminato 1 40,00 Dirigente Tempo Determinato 1 10,00 Stampato il 15/04/2008 alle ore Dati Aggiornati il 15/04/2008 alle

37 (Obiettivo di mantenimento) A01 ATTIVITA' ORDINARIA DELLA SEGRETERIA GENERALE Felice Strocchia SEGRETERIA GENERALE ATTIVITA' ORDINARIA SEGRETERIA GENERALE Segreteria Generale Il progetto si articola sulle attività svolte dagli uffici Segreteria Generale, Atti e Giunta, Posta e Messi, Ufficio Archivio e Protocollo. Si tratta di funzioni di supporto svolte a favore delle altre strutture dell'ente, sia dal punto di vista della consulenza che dal punto di vista del sostegno operativo alle finalità istituzionali. Nel caso dell'ufficio Archivio e Protocollo, l'attività principale riguarda la gestione delle operazioni di registrazione su protocollo informatico del flusso della corrispondenza dell'intero Ente, ad eccezione degli uffici del lavoro e della polizia provinciale. Vi è collegata anche la tenuta dell'archivio corrente, tramite raccolta e fascicolazione della posta cartacea in uscita. Nel 2008 è prevista la prosecuzione dell'attività di collaborazione col progetto di riordino degli archivi e col progetto per l'implementazione della posta certificata, nonché per l'interoperatività del protocollo, in particolare con Regione Toscana. Per quanto attiene l'ufficio Segreteria Generale e Atti e Giunta, le funzioni svolte si concretizzano nel supporto tecnico-giuridico ed operativo agli organi istituzionali (elaborazione degli ordini del giorno, formalizzazione delle deliberazioni, stesura dei verbali, raccolta delle deliberazioni, accesso alle medesime, pubblicazione all'albo pretorio on line di tutti gli atti dell'ente), ed al Segretario Generale. L'ufficio Messi corrisponde alle esigenze di notificazione e pubblicazione anche all'albo pretorio cartaceo per l'intero Ente. L'ufficio Posta espleta mansioni tipiche, anch'esse per tutto l'ente ad eccezione degli uffici del lavoro. Ad essa inerisce la gestione del contratto per la macchina affrancatrice e del conto di credito per le Comunicazioni di Avvenuto Deposito degli atti giudiziari. L'attività di consegna e ritiro della posta viene svolta, tramite contratto di pick-up, da Poste Italiane. Fase Data Fine 1 L'attività ordinaria della Segreteria Generale presenta la caratteristica della continuità e della quotidianità, nonché, in virtù della propria trasversalità, dell'aderenza alle emergenti esigenze degli Organi ed Uffici dell'ente. Felice Strocchia 31/12/ Attivita deliberazioni adottate dalla Giunta Provinciale 378, Attivita atti di indirizzo adottati dalla Giunta Provinciale 31, Attivita ordini del giorno e verbali Giunta Provinciale 82, Attivita numero atti protocollati in entrata , Attivita numero atti protocollati in uscita ,00 Ri/In Cap Ar Oggetto Capitolo Uscita SPESE PER ACQUISTO ABBONAMENTI PUBBLICAZIONE ECC. SPESE POSTALI E TELEGRAFICHE, SPESE INERENTI LA GESTIONE DELL'UFFICIO POSTA STROCCHIA FELICE 2.500,00 NALDONI CAMILLA ,00 Totale: ,00 Risorse informatiche in dotazione agli uffici che fanno capo alla Segreteria Generale Stampato il 15/04/2008 alle ore Dati Aggiornati il 15/04/2008 alle

38 Dipendente Livello B Tempo Determinato 2 100,00 Dipendente Livello B Tempo Indeterminato 8 100,00 Dipendente Livello C Tempo Indeterminato 3 90,00 Dipendente Livello D Tempo Indeterminato 1 60,00 Dirigente Tempo Determinato 1 90,00 Stampato il 15/04/2008 alle ore Dati Aggiornati il 15/04/2008 alle

39 (Obiettivo di mantenimento) A02 GESTIONE DEL CONTENZIOSO, ATTIVITA' CONSULTIVA E STRAGIUDIZIALE, APPROFONDIMENTO PROFESSIONALE, GESTIONE DELLE SPESE LEGALI Francesca De Santis AVVOCATURA GESTIONE DEL CONTENZIOSO, ATTIVITA' CONSULTIVA E STRAGIUDIZIALE Direzione Avvocatura 1) Gestione del contenzioso. All'interno di tale attività si persegue l'obiettivo di ridurre la spesa svolgendo tutta l'attività contenziosa all'interno dell'avvocatura e affidando all'esterno incarichi legali solo in casi eccezionali. Con riferimento invece agli incarichi di domiciliazione, si è concordato come nel 2005 e 2006 un importo predeterminato e congruo. Parimenti per gli incarichi peritali, per i quali si cerca in alcuni casi di avvalersi anche di tenici interni all'ente. 2) L'attività consultiva viene prestata quotidianamente agli uffici tramite consulenza verbale e scritta, la quale controlla la legittimità dei provvedimenti amministrativi e nel tempo consegue una riduzione del contenzioso. 3) L'attività stragiudiziale si riferisce al recupero di somme dovute all'ente in virtù di sentenza, ivi compresi gli onorari liquidati con sentenza favorevole agli avvocati della Provincia. 4) L'aggiornamento professionale risulta indispensabile per il tipo di attività sopradescritte, e viene raggiunto tramite acquisto di libri e riviste e partecipazione a corsi e convegni. 5) Gestione delle spese legali in entrata ed in uscita della Provincia relativamente a sentenze depositate, con aumento di attività amministrativa. Parimenti per i patrocini legali ai dipendenti imputati in processi penali 1040 Attivita numero cause passive subite 180, Attivita numero cause attive introdotte 20, Attivita numero pareri scritti rilasciati 30,00 Ri/In Cap Ar Oggetto Capitolo Entrata Uscita SPESE LEGALI A SEGUITO SENTENZE SPESE COMPENSATE ANNO 2007 FONDI PROVINCIALI ONORARI AGLI AVVOCATI INTERNI A SEGUITO DI SENTENZE LIQUIDATE ANNO 2008 CAP. E ACQUISTI VARI PER AVVOCATURA NUOVI INCARICHI LEGALI - AVVOCATURA SPESE PER BOLLI E NOTIFICHE NUOVI INCARICHI PERITALI CTP -AVVOCATURA INCARICHI DI DOMICILIAZIONE E SOSTITUZIONI PROCESSUALI -AVVOCATURA SPESE PER PRATICANTI -AVVOCATURA SPESE PER CTU -AVVOCATURA Stampato il 15/04/2008 alle ore Dati Aggiornati il 15/04/2008 alle DE SANTIS FRANCESCA DE SANTIS FRANCESCA DE SANTIS FRANCESCA DE SANTIS FRANCESCA DE SANTIS FRANCESCA DE SANTIS FRANCESCA DE SANTIS FRANCESCA DE SANTIS FRANCESCA DE SANTIS FRANCESCA , , , , , , , , ,00

40 Ri/In Cap Ar Oggetto Capitolo Entrata Uscita PATROCINIO LEGALE DEI DIPENDENTI IMPUTATI -AVVOCATURA SPESE DI LITE AD AVVOCATI A SEGUITO DI SENTENZE SFAVOREVOLI (ART. 194 LETT. A) INCARICHI LEGALI PER GIURISDIZIONI SUPERIORI SPESE PER INCARICHI LEGALI ESTERNI PREGRESSI (ART. 194 LETT. E) DE SANTIS FRANCESCA DE SANTIS FRANCESCA DE SANTIS FRANCESCA DE SANTIS FRANCESCA , , , , RIMBORSO DANNI DA ATTIVITÀ STRAGIUDIZIALE RIMBORSO DANNI DA CONTENZIOSO ONORARI AD AVVOCATI INTERNI DELL'ENTE A SEGUITO SENTENZE LIQUIDATE NEL 2008 CAP. U DE SANTIS FRANCESCA DE SANTIS FRANCESCA DE SANTIS FRANCESCA 5.000, , ,00 Totale: , ,55 Libri, riviste on-line e cartacee, p.c., agenda legale elettronica, stampanti e fotocopiatrici Dipendente Livello B Tempo Indeterminato 2 100,00 Dipendente Livello C Tempo Indeterminato 1 100,00 Dipendente Livello D Tempo Determinato 1 100,00 Dipendente Livello D Tempo Indeterminato 4 100,00 Dirigente Tempo Determinato 1 100,00 Stampato il 15/04/2008 alle ore Dati Aggiornati il 15/04/2008 alle

41 (Obiettivo di mantenimento) A02 RAPPORTI ISTITUZIONALI DELL'AMMINISTRAZIONE PROVINCIALE E ATTIVITA' CORRELATE Giovanni Palumbo LA PROVINCIA DI FIRENZE: UN PONTE FRA REALTA' ISTITUZIONALI E RAPPORTI INTERNAZIONALI RAPPORTI ESTERNI E INTERNI Ufficio di Gabinetto Con il nuovo assetto organizzativo della Provincia, l'ufficio di Gabinetto ha assunto un ruolo sempre più centrale con funzioni di raccordo e di organizzazione finalizzate alla valorizzazione e all'accrescimento del ruolo rappresentativo dell'ente. Il ruolo dell'ufficio di Gabinetto si concretizza, inoltre, nella funzione di raccordo tra l'organo di direzione politica, il Collegio di Direzione generale, e la struttura amministrativa della Provincia. L'Ufficio di Gabinetto svolge, per le intrinseche competenze, una capillare attività di cerimoniale, di rappresentanza istituzionale e pubbliche relazioni per la Presidenza e per gli organi politici oltre a svolgere un lavoro di supporto alle varie direzioni dell'ente per la realizzazione di manifestazioni ed eventi. In tale ottica nell'anno 2007 la Giunta Provinciale ha approvato il Disciplinare delle attività di rappresentanza istituzionale della Provincia con lo scopo di regolamentare tutta l'attività di rappresentanza che si sostanzia in: concessione di patrocini dell'ente, partecipazione a Comitati d'onore, utilizzo del Gonfalone in particolari cerimonie, concessione di contributi e benefici economici a soggetti pubblici e privati, nonché l' attività di rappresentanza specifica sia del Presidente che della Giunta stessa. Nella stessa ottica l'ufficio di Gabinetto garantisce l'organizzazione diretta, le forniture ed i servizi necessari alla realizzazione, all'interno delle Sale di rappresentanza di Palazzo Medici Riccardi, di eventi e manifestazioni di grande rilevanza sociale e culturale di cui la Provincia è fra gli enti promotori o diretta organizzatrice. L'Ufficio di Gabinetto cura anche le attività internazionali ed i gemellaggi Attivita Numero gemellaggi 5, Efficacia numero eventi organizzati 4,00 Ri/In Cap Ar Oggetto Capitolo Entrata Uscita INDENNITA' DI GONFALONE PALUMBO GIOVANNI , COMPENSI COLLABORATORI COORDINATI E CONTINUATIVI UFF. GABINETTO, STAFF PRESIDENTE E PORTAVOCE SPESE DI RAPPRESENTANZA - ACQUISTO DI BENI DI CONSUMO ACQUISTO BENI DI CONSUMO E DI FUNZIONAMENTO PER DIREZIONE UFFICIO DI GABINETTO CERIMONIALE, ATTIVITA' ISTITUZIONALE, EVENTI ED INIZIATIVE SUL TERRITORIO BARTOLI LUCIA ,60 PALUMBO GIOVANNI ,00 PALUMBO GIOVANNI ,00 PALUMBO GIOVANNI , SPESE DI RAPPRESENTANZA - PRESTAZIONI DI SERVIZI PALUMBO GIOVANNI , PRESTAZIONI PER INIZIATIVE RELATIVE AI GEMELLAGGI E AD ATTIVITA' INTERNAZIONALI PALUMBO GIOVANNI , CORSI PER AMMINISTRATORI PALUMBO GIOVANNI 5.000,00 Stampato il 15/04/2008 alle ore Dati Aggiornati il 15/04/2008 alle

42 Ri/In Cap Ar Oggetto Capitolo Entrata Uscita SPESE PER ATTIVITA' DI SUPPORTO STRUMENTALE E LOGISTICO PER MEMBRI GIUNTA INCARICHI PROFESSIONALI PER DIREZIONE UFFICIO DI GABINETTO PALUMBO GIOVANNI ,00 PALUMBO GIOVANNI , QUOTE ASSOCIATIVE E PARTECIPAZIONE AD ENTI PALUMBO GIOVANNI , PARTECIPAZIONE DELLA PROVINCIA ALLA ISTITUZIONE DELLA "FONDAZIONE SCIENZA E TECNICA" QUOTA ASSOCIATIVA CENTRO DI FIRENZE PER LA MODA ITALIANA CONTRIBUTI A ENTI ASSOCIAZIONI ISTITUZIONI OPERANTI A LIVELLO LOCALE PALUMBO GIOVANNI ,00 PALUMBO GIOVANNI ,00 PALUMBO GIOVANNI , QUOTA ASSOCIATIVA POLIMODA - FONDI PROVINCIALI PALUMBO GIOVANNI , PROTOCOLLO D'INTESA CON ASSOCIAZIONE EUNOMIA PALUMBO GIOVANNI , PROTOCOLLO D'INTESA CON ISTITUTO DI SCIENZE UMANE - ALTA FORMAZIONE PROTOCOLLO D'INTESA CON FONDAZIONE DON LORENZO MILANI PROTOCOLLO D'INTESA CON COMITATO PREMIO LETTERARIO GIOVANNI BOCCACCIO PROTOCOLLO D'INTESA CON ACCADEMIA SCHERMISTICA FIORENTINA INTROITI DERIVANTI DALLA CONCESSIONE IN USO A TERZI DELLA SALA EST-OVEST DI PALAZZO MEDICI RICCARDI PALUMBO GIOVANNI ,00 PALUMBO GIOVANNI ,00 PALUMBO GIOVANNI 5.000,00 PALUMBO GIOVANNI 5.000,00 PALUMBO GIOVANNI 1.500,00 Totale: 1.500, ,60 Stampato il 15/04/2008 alle ore Dati Aggiornati il 15/04/2008 alle

43 Ri/In Cap Ar Dettaglio Attività Uscita Liquidazione di indennità del personale addetto al servizio di gonfalone PALUMBO GIOVANNI ,00 Totale Capitolo , Collaborazioni per lo Staff Presidente e per il Portavoce del Presidente della Provincia PALUMBO GIOVANNI ,60 Totale Capitolo , Acquisto di beni inerenti l'attività di rappresentanza (coppe, medaglie, targhe produzioni artistiche, pubblicazioni di prestigio, materiale espositivo) PALUMBO GIOVANNI ,00 Totale Capitolo , Acquisto di materiali di consumo, cancelleria, apparecchiature tecniche e di software, acquisto di materiali ed attrezzature necessari per l'allestimento di convegni e manifestazioni varie, sussidi informatici, riproduzioni di stampe e cartografie, acquisto di materiale vario necessario per il funzionamento dell'ufficio e delle strutture di supporto agli Organi di Direzione Politica PALUMBO GIOVANNI ,00 Totale Capitolo , Attività di cui al "Disciplinare delle attività di rappresentanza istituzionale della Provincia di Firenze", approvato con D.G.P. n 48 del : concessione di patrocini dell'ente, partecipazione a Comitati d'onore, utilizzo del Gonfalone, concessione di contributi e benefici economici a soggetti pubblici e privati; attività di rappresentanza istituzionale specifica sia del Presidente che della Giunta stessa. Organizzazione diretta, forniture e servizi necessari per la realizzazione, all'interno delle sale di rappresentanza di Palazzo Medici Riccardi, di eventi e manifestazioni di grande rilevanza sociale e culturale di cui la Provincia è fra gli enti promotori o diretta organizzatrice, eventi finalizzati a rafforzare il ruolo sinergico dell'ente con le Istituzioni pubbliche e private del proprio territorio PALUMBO GIOVANNI ,00 Totale Capitolo , Proseguimento del servizio di manutenzione zone verdi locate nelle varie sedi dell'amministrazione Provinciale, in riferimento alla Determina N 619 del 03/05/07 PALUMBO GIOVANNI ,00 Totale Capitolo , Spese relative ad incontri, missioni, ed attività di carattere internazionale: iniziative, progetti e missioni inerenti i rapporti di gemellaggio PALUMBO GIOVANNI ,00 Totale Capitolo , Proseguimento ed avvio di corsi di formazione ed aggiornamento culturale per gli amministratori PALUMBO GIOVANNI 5.000,00 Totale Capitolo 5.000, Spese inerenti i servizi necessari per i membri della giunta Provinciale PALUMBO GIOVANNI ,00 Totale Capitolo , Attività di supporto tecnico-giuridico mediante alte professionalità di livello universitario PALUMBO GIOVANNI ,00 Totale Capitolo , Quote fisse di partecipazione dell'ente PALUMBO GIOVANNI ,00 Totale Capitolo , Quota associativa alla Fondazione Scienza e Tecnica PALUMBO GIOVANNI ,00 Totale Capitolo , Quota associativa al Centro di Firenze per la Moda Italiana PALUMBO GIOVANNI , Contributi erogati annualmente ad associazioni, fondazioni, comitati vari organizzazioni pubbliche e private operanti sul territorio ed individuati nel corso dell'anno Totale Capitolo ,00 PALUMBO GIOVANNI ,00 Totale Capitolo , Sinergia e collaborazione della Provincia con l'associazione Eunomia per la realizzazione di Seminari di studio di alta formazione politica istituzionale, di cui alla D.G.P. n 5/2008 PALUMBO GIOVANNI ,00 Stampato il 15/04/2008 alle ore Dati Aggiornati il 15/04/2008 alle

44 Ri/In Cap Ar Dettaglio Attività Uscita Totale Capitolo , Sinergia e collaborazione con l'istituto di Scienze Umane volta alla realizzazione di corsi di formazione e ricerca post dottorale in ambito delle scienze sociali, di cui alla D.G.P. n 46/2006 PALUMBO GIOVANNI ,00 Totale Capitolo , Sinergia e collaborazione con la Fondazione don Milani per dare maggior impulso alle attività didattico formative svolte dalla Fondazione stessa, recepita con D.P.G. n 354 del PALUMBO GIOVANNI ,00 Totale Capitolo , Sinergia e collaborazione con il Comitato "Premio Letterario G. Boccaccio" per la realizzazione della manifestazione internazionale del Premio Letterario che si svolge annualmente nella cittadina di Certaldo PALUMBO GIOVANNI 5.000,00 Totale Capitolo 5.000, Sinergia e collaborazione con l'accademia Schermistica allo scopo di promuovere la pratica della scherma fra gli studenti del territorio provinciale e realizzare iniziative sportive a favore delle categorie socialmente più svantaggiate PALUMBO GIOVANNI 5.000,00 Totale Capitolo 5.000,00 Totale Scheda ,60 Tutte le attrezzature tecniche ed informatiche, beni patrimoniali ed acquisti in dotazione dell'ufficio di Gabinetto Dipendente Livello B Tempo Indeterminato 2 100,00 Dipendente Livello C Tempo Indeterminato 2 100,00 Dipendente Livello D Tempo Determinato 1 100,00 Dipendente Livello D Tempo Indeterminato 1 50,00 Dirigente Tempo Determinato 1 50,00 Stampato il 15/04/2008 alle ore Dati Aggiornati il 15/04/2008 alle

45 (Obiettivo di mantenimento) A01 SVILUPPO DELLA SOCIETA' DELL'INFORMAZIONE E DELLA CONOSCENZA: LA SFIDA DELLE NUOVE TECNOLOGIE O ATTIVITA' DI COMUNICAZIONE NELL'ERA DELLA MULTIMEDIALITA' Palumbo Giovanni LA PROVINCIA DI FIRENZE: UN PONTE FRA REALTA' ISTITUZIONALI E RAPPORTI INTERNAZIONALI ATTIVITA' DI COMUNICAZIONE NELL'ERA DELLA MULTIMEDIALITA' Ufficio di Gabinetto La Provincia di Firenze intende avviare una serie di progetti innovativi volti a sviluppare le attività di informazione e comunicazione sul territorio provinciale per permettere a cittadini e imprese di relazionarsi in maniera più diretta con l'ente anche attraverso l'utilizzo in chiave strategica di nuove tecnologie capaci di accrescere la partecipazione democratica alla vita dell'amministrazione Provinciale. Per il perseguimento di tali obiettivi la Provincia di Firenze intende rafforzare la sinergia con la Società Florence Multimedia s.r.l. In tale ottica, sulla base della delibera del C.P. n 100 del 11/07/2005 costitutiva della società medesima e del nuovo Statuto sociale approvato con delibera C.P. n 127 del 23/07/2007, saranno proseguiti i progetti avviati e implementati nuovi interventi per meglio sviluppare e valorizzare una ampia e partecipativa società dell'informazione e della comunicazione. Sviluppo strategico di progetti di informazione e comunicazione inerenti i diversi settori di competenza dell'amministrazione provinciale attraverso la sinergia operativa con la Società Florence Multimedia s.r.l. Attuazione protocollo di Intesa con Regione Toscana per lo sviluppo della società dell'informazione e della conoscenza e e.government. Sinergia, collaborazione e supporto a Fondazione Sistema Toscana per Sviluppo società dell'informazione e della Conoscenza 1056 Attivita deliberazioni adottate dalla Giunta Provinciale 2,00 Ri/In Cap Ar Oggetto Capitolo Entrata Uscita INIZIATIVE DI COMUNICAZIONE IN MATERIA DI AGRICOLTURA, SPORT E TURISMO PALUMBO GIOVANNI , COMUNICAZIONE AMBIENTE E GESTIONE RIFIUTI PALUMBO GIOVANNI , ATTIVITA' DI COMUNICAZIONE,GESTIONE FLORENCE TV, CONTENUTI MULTIMEDIALI-CONTRATTO DI SERVIZIO CON FLORENCE MULTIMEDIA PROTOCOLLO CON REGIONE TOSCANA PER SVILUPPO SOCIETA' INFORMAZIONE E CONOSCENZA E E-GOV CAP. E 322 COMUNICAZIONE STRATEGICA PER SINERGIA OPERATIVA CON FONDAZIONE SISTEMA TOSCANA TRASFERIMENTI DALLA R.T. PER INTERVENTI STRAORDINARI IN ATTUAZIONE DI E- TOSCANA CAP.U 8977 PALUMBO GIOVANNI ,00 PALUMBO GIOVANNI ,00 PALUMBO GIOVANNI ,00 PALUMBO GIOVANNI ,00 Totale: , ,00 Stampato il 15/04/2008 alle ore Dati Aggiornati il 15/04/2008 alle

46 Ri/In Cap Ar Dettaglio Attività Uscita Iniziative di comunicazione in materia di agricoltura,sport e turismo. Affidamento attività alla Società Florence Multimedia s.r.l. PALUMBO GIOVANNI ,00 Totale Capitolo , Iniziative di comunicazione in materia di ambiente e gestione rifiuti. Affidamento attività alla Società Florence Multimedia s.r.l. PALUMBO GIOVANNI ,00 Totale Capitolo , Contratto di servizio anno 2008 per attività di informazione e comunicazione, gestione web TV con la società Florence Multimedia s.r.l. PALUMBO GIOVANNI , Totale Capitolo ,00 Attuazione protocollo con Regione toscana per la realizzazione di interventi intesi a valorizzare lo sviluppo della Società dell'informazione e conoscenza e e.government. (Trasferimenti dalla Reg. Toscana cap. E 322) Affidamento delle attività alla società Florence Multimedia s.r.l. per l'attuazione progetti innovativi e implementazione interventi in materia di Società dell'informazione PALUMBO GIOVANNI ,00 Totale Capitolo , Comunicazione Strategica attraverso sinergia operativa e collaborazione con Fondazione Sistema Toscana con supporto alle finalità istituzionali perseguite dalla Fondazione PALUMBO GIOVANNI ,00 Totale Capitolo ,00 Totale Scheda ,00 Strumenti fisici e informatici assegnati alla direzione Ufficio di Gabinetto Dipendente Livello C Tempo Indeterminato 1 50,00 Dipendente Livello D Tempo Indeterminato 2 30,00 Dirigente Tempo Determinato 1 25,00 Stampato il 15/04/2008 alle ore Dati Aggiornati il 15/04/2008 alle

47 (Obiettivo di mantenimento) A01 ATTIVITA' DI INFORMAZIONE Palumbo Giovanni LA PROVINCIA DI FIRENZE: UN PONTE FRA REALTA' ISTITUZIONALI E RAPPORTI INTERNAZIONALI ATTIVITA' DI INFORMAZIONE Ufficio di Gabinetto Le attività di informazione mirano a consolidare e sviluppare la qualità dei contenuti offerti per incrementare in maniera significativa la conoscenza delle attività e dei servizi espletate dalla Provincia di Firenze da parte di cittadini e imprese. Attività di informazione attraverso quotidiani e periodici (collaborazioni con agenzie di stampa e redazioni giornalistiche, servizi di informazione, rassegna stampa on line e creazione archivio digitale delle notizie, servizi di fotogiornalismo e rafforzamento archivio fotografico). Acquisizione di spazi pubblicitari su quotidiani e altri mezzi di comunicazione di massa e avvio campagne di comunicazione per rendere pubbliche attività istituzionale e promuovere attività e eventi organizzati dell'amministrazione provinciale. Informazione sulle attività e servizi dell'amministrazione provinciale tramite i mass media. Attuazione della Deliberazione della Giunta provinciale n 16 del 16 gennaio 2008 relativa all'affidamento "in house providing" alla società Florence Multimedia s.r.l. delle attività di informazione e ufficio stampa della Giunta provinciale Attivita numero comunicati stampa emessi 500,00 Ri/In Cap Ar Oggetto Capitolo Uscita SPESE PER ATTIVITA' DI INFORMAZIONE PALUMBO GIOVANNI ,00 Totale: ,00 Ri/In Cap Ar Dettaglio Attività Uscita Attività di informazione e ufficio stampa della Giunta provinciale: affidamento "in house providing" alla società Florence Multimedia s.r.l. in attuazione della Deliberazione della Giunta provinciale n 16 del 16 gennaio Inserzioni a contenuto informativo e pubblicitario (inserzione sugli elenchi telefonici alfabetici, pubblicazione estratti bilancio e conto consuntivo, campagne pubblicitarie e di comunicazione su quotidiani e periodici) Procedimento di cui all'articolo 41 del D.L.vo 177/2005 (raccolta dati spese pubblicitarie, comunicazione al Garante, adempimenti richiesta dal Garante) PALUMBO GIOVANNI ,00 PALUMBO GIOVANNI ,00 PALUMBO GIOVANNI 7.000,00 Servizi di informazione Agenzie di Stampa PALUMBO GIOVANNI ,00 Servizi di rassegna stampa on line - archivio digitale delle notizie riguardanti l'amministrazione provinciale PALUMBO GIOVANNI ,00 Servizi fotogiornalistici PALUMBO GIOVANNI ,00 Totale Capitolo ,00 Totale Scheda ,00 Stampato il 15/04/2008 alle ore Dati Aggiornati il 15/04/2008 alle

48 Strumenti fisici e informatici assegnati alla Direzione Ufficio di Gabinetto Dipendente Livello C Tempo Indeterminato 1 50,00 Dipendente Livello D Tempo Indeterminato 2 30,00 Dirigente Tempo Determinato 1 10,00 Stampato il 15/04/2008 alle ore Dati Aggiornati il 15/04/2008 alle

49 (Obiettivo di mantenimento) A01 PROGETTO MODA 2008 Palumbo Giovanni LA PROVINCIA DI FIRENZE: UN PONTE FRA REALTA' ISTITUZIONALI E RAPPORTI INTERNAZIONALI PROGETTO MODA Ufficio di Gabinetto Il Moda è stato avviato nell'anno 2007 con l'obiettivo di individuare e sviluppare un concetto moda capace di andare oltre i settori classici d'appartenenza quali l'abbigliamento, le calzature e gli accessori. Conseguentemente, nell'anno 2008, si intende proseguire con tutte le attività avviate nel 2007 e legate a processi di studio, ricerca e progettazione di strategie innovative d'impresa. Saranno inoltre organizzati nuovi eventi e nuove iniziative, sempre nell'ottica di promuovere i prodotti moda e di design interamente "italiani", veicolando il Made in Italy non solo attraverso le grandi maisons, ma anche grazie al saper fare fiorentino e a nuove forme di creatività giovanile, puntando, quindi, sulla tracciabilità del prodotto, sulla competitività e sull'innovazione. Proseguirà anche per il 2008 la scelta strategica effettuata nel 2007 di individuare sul territorio urbano locations di prestigio, allo scopo di favorire la riscoperta e conoscenza di importanti luoghi storici della città, posizionando Firenze nel mondo come città del lusso e città della moda 1099 Efficacia numero eventi organizzati 4,00 Ri/In Cap Ar Oggetto Capitolo Uscita PRESTAZIONI DI SERVIZI PER PROGETTO MODA PALUMBO GIOVANNI 1.200, REALIZZAZIONE DI EVENTI PER LA VALORIZZAZIONE DELLE IMPRESE LOCALI OPERANTI NELLA MODA E NEL DESIGN PALUMBO GIOVANNI , CONTRIBUTI PER PROGETTO MODA PALUMBO GIOVANNI 5.000,00 Totale: ,00 Stampato il 15/04/2008 alle ore Dati Aggiornati il 15/04/2008 alle

50 Ri/In Cap Ar Dettaglio Attività Uscita Realizzazione di iniziative nel settore della moda e del design a livello internazionale per esportare il sistema produttivo italiano nel mondo e diffondere la cultura del Made in Italy, avviando fasi di analisi e confronto tra i vari saperi manifatturieri presenti negli altri mercati puntando sull'innovazione tecnologica, sull'utilizzo di materie prime e su nuove strategie nel sistema produttivo ed economico, proponendo l'esclusività del prodotto italiano per la sua tracciabilità e competitività. Organizzazione di convegni e seminari. Partecipazione a mostre, saloni e fiere. Servizi di allestimento e catering. Produzione di materiale informativo e conoscitivo sia cartaceo che digitale. Servizi correlati PALUMBO GIOVANNI 1.200, Realizzazione di eventi di creatività urbana volti alla promozione e valorizzazione dei prodotti moda e di design proposti da giovani creativi fiorentini. Realizzazione di eventi spot e mediatici in locations di particolare prestigio, volti alla promozione, attraverso eventi fashion, del patrimonio storico, culturale ed artistico della provincia di Firenze. Organizzazione e allestimento di eventi e servizi di catering. Produzione di materiale informativo e conoscitivo sia cartaceo che digitale. Servizi correlati Contributi ad enti e soggetti organizzativi appartenenti al terzo settore, impegnati sul territorio in attività di ricerca e di studio applicate alle produzioni manifatturiere proprie dei settori moda e design Totale Capitolo 1.200,00 PALUMBO GIOVANNI ,00 Totale Capitolo ,00 PALUMBO GIOVANNI 5.000,00 Totale Capitolo 5.000,00 Totale Scheda ,00 Tutte le attrezzature informatiche e beni patrimoniali in dotazione all'ufficio di Gabinetto Dipendente Co. Co. Co ,00 Dipendente Livello C Tempo Indeterminato 1 100,00 Dipendente Livello D Tempo Indeterminato 1 30,00 Dirigente Tempo Determinato 1 15,00 Stampato il 15/04/2008 alle ore Dati Aggiornati il 15/04/2008 alle

- Altri servizi generali. QUADRO A Elementi specifici. Gestione Associata in Unione di comuni

- Altri servizi generali. QUADRO A Elementi specifici. Gestione Associata in Unione di comuni generali di amministrazione, di gestione e di controllo - Organi istituzionali, partecipazione e decentramento - Segreteria generale, Personale e Organizzazione - Gestione economica, Finanziaria, Programmazione,

Dettagli

SEZIONE I LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11

SEZIONE I LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11 SEZIONE I 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11 LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI LEGGE REGIONALE 3 aprile 2006, n. 12 Norme in materia di polizia comunale. IL CONSIGLIO REGIONALE

Dettagli

COMUNE DI DIGNANO REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO

COMUNE DI DIGNANO REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO COMUNE DI DIGNANO Provincia di UDINE REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO *** Testo coordinato Allegato alla deliberazione C.C. n 10 del 21-02-2011 SOMMARIO Art. 1 - Istituzione del servizio Art. 2

Dettagli

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014 DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014 SETTORE SEGRETARIO GENERALE SERVIZIO ELABORAZIONE DATI OGGETTO: 97.404,80 I.C. SERVIZIO DI ASSISTENZA TECNICA INTEGRALE E FORNITURA DI MATERIALE CONSUMABILE

Dettagli

Delibera della Giunta Regionale n. 623 del 15/12/2014

Delibera della Giunta Regionale n. 623 del 15/12/2014 Delibera della Giunta Regionale n. 623 del 15/12/2014 Dipartimento 52 - Dipartimento della Salute e delle Risorse Naturali Direzione Generale 4 - Direzione Generale Tutela salute e coor.to del Sistema

Dettagli

AVVISO DI SELEZIONE PUBBLICA

AVVISO DI SELEZIONE PUBBLICA Viabilità Via Frà Guittone, 10 52100 Arezzo Telefono +39 0575 3354272 Fax +39 0575 3354289 E-Mail rbuffoni@provincia.arezzo.it Sito web www.provincia.arezzo.it C.F. 80000610511 P.IVA 00850580515 AVVISO

Dettagli

PROVINCIA DI BRINDISI ----------ooooo----------

PROVINCIA DI BRINDISI ----------ooooo---------- PROVINCIA DI BRINDISI ----------ooooo---------- ESTRATTO DELLE DELIBERAZIONI DEL COMMISSARIO STRAORDINARIO CON POTERI DELLA GIUNTA Atto con dichiarazione di immediata eseguibilità: art. 134, comma 4, D.Lgs.267/2000

Dettagli

Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione

Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione Gruppo di Lavoro ITACA Regioni/Presidenza del Consiglio dei Ministri Aggiornamento 14 novembre 2011 Dipartimento

Dettagli

COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD -

COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD - COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD - REGOLAMENTO DI CONTABILITÀ SOMMARIO: Capo I - Le competenze del servizio economico-finanziario Capo II - La programmazione

Dettagli

28.02.2012 08.03.2012 08.07.2014, 25.09.2014, 11.11.2014, 10.12.2014, 22.12.2014, 14.01.2015 10.02.2015) 12.11.2014, 02.12.2014 23.12.

28.02.2012 08.03.2012 08.07.2014, 25.09.2014, 11.11.2014, 10.12.2014, 22.12.2014, 14.01.2015 10.02.2015) 12.11.2014, 02.12.2014 23.12. Disposizioni regolamentari relative agli Organi Ausiliari approvate dal Senato Accademico in data 28.02.2012 e dal Consiglio di Amministrazione in data 08.03.2012 e successivamente modificate dal Senato

Dettagli

EX PROVINCIA DI CARBONIA IGLESIAS

EX PROVINCIA DI CARBONIA IGLESIAS EX PROVINCIA DI CARBONIA IGLESIAS Legge Regionale 28 giugno 2013 n. 15 - Disposizioni transitorie in materia di riordino delle province Legge Regionale 12 marzo 2015 n. 7 - Disposizioni urgenti in materia

Dettagli

Disciplinare per la concessione e l uso del Marchio La Sardegna Compra Verde

Disciplinare per la concessione e l uso del Marchio La Sardegna Compra Verde Disciplinare per la concessione e l uso del Marchio La Sardegna Compra Verde Articolo 1 Oggetto 1. Il presente disciplinare regolamenta la concessione e l utilizzo del Marchio La Sardegna Compra Verde.

Dettagli

CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida

CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida ALL. 5 CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida ***** Regolamento sul funzionamento dell Organismo Indipendente di valutazione \ Approvato con deliberazione

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELL ELENCO DEGLI OPERATORI ECONOMICI DI FIDUCIA DELL UNIVERSITÀ TELEMATICA UNIVERSITAS MERCATORUM - EX ART.

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELL ELENCO DEGLI OPERATORI ECONOMICI DI FIDUCIA DELL UNIVERSITÀ TELEMATICA UNIVERSITAS MERCATORUM - EX ART. Universita Telematica UNIVERSITAS MERCATORUM REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELL ELENCO DEGLI OPERATORI ECONOMICI DI FIDUCIA DELL UNIVERSITÀ TELEMATICA UNIVERSITAS MERCATORUM - EX ART. 125, COMMA 12 DEL D.L.VO

Dettagli

Statuto dell Istituto Nazionale di Astrofisica (INAF)

Statuto dell Istituto Nazionale di Astrofisica (INAF) Statuto dell Istituto Nazionale di Astrofisica (INAF) INDICE Articolo 1 - Finalità e natura dell Ente 2 Articolo 2 - Attività dell INAF 3 Articolo 3 - Principi di organizzazione 5 Articolo 4 - Organi 6

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DELLO SPORTELLO UNICO PER L'EDILIZIA

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DELLO SPORTELLO UNICO PER L'EDILIZIA REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DELLO SPORTELLO UNICO PER L'EDILIZIA INDICE Art. 1 (Oggetto) Art. 2 (Definizioni) Art. 3 (Ambito di applicazione) Art. 4 (Istituzione dello Sportello Unico

Dettagli

PARTE SPESA. Comune di Fano Esercizio: 2011 PEG PER VOCE E SERVIZIO ASSEGNATARIO Data: 13-04-2011 Pag. 1

PARTE SPESA. Comune di Fano Esercizio: 2011 PEG PER VOCE E SERVIZIO ASSEGNATARIO Data: 13-04-2011 Pag. 1 Comune di Fano Esercizio: 2011 PEG PER VOCE E SERVIZIO ASSEGNATARIO Data: 13-04-2011 Pag. 1 ASSEGNATARIO 15 50 10 00 U.O. GABINETTO DEL SINDACO Dott. Giuseppe De Leo 1010102 1011.203.01 SPESE PER IL FUNZIONAMENTO

Dettagli

L'anno duemiladieci, addì 30 del mese di aprile con la presente scrittura privata, da valere ad ogni effetto di legge, TRA

L'anno duemiladieci, addì 30 del mese di aprile con la presente scrittura privata, da valere ad ogni effetto di legge, TRA Repertorio Unione Terre di Pianura n. 7 del 30/04/2010 CONVENZIONE TRA I COMUNI DI BARICELLA, BUDRIO, GRANAROLO DELL EMILIA, MINERBIO E L UNIONE DI COMUNI TERRE DI PIANURA PER IL CONFERIMENTO DELLE FUNZIONI

Dettagli

CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO

CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO 1. Il presente Codice di Comportamento integrativo definisce, in applicazione dell'art. 54 del DLgs. n. 165/2001 come riformulato dall'art.1, comma

Dettagli

(Lombardia, BUR 18 novembre 2014, n. 47) LA GIUNTA REGIONALE

(Lombardia, BUR 18 novembre 2014, n. 47) LA GIUNTA REGIONALE Deliberazione Giunta Regionale 14 novembre 2014 n. 10/2637 Determinazioni in ordine a: "Promozione e coordinamento dell'utilizzo del patrimonio mobiliare dismesso dalle strutture sanitarie e sociosanitarie

Dettagli

Comune di Fusignano ATTIVITA' ORDINARIE 2013 - 100 Miglioramento e razionalizzazione delle attività ordinarie Area Amministrativa. Sottoreport Comune

Comune di Fusignano ATTIVITA' ORDINARIE 2013 - 100 Miglioramento e razionalizzazione delle attività ordinarie Area Amministrativa. Sottoreport Comune CdC CDR009 RESP. SEGRETERIA GENERALE PROGETTO RPP: AREA AMMINISTRATIVA RESPONSABILE: GIANGRANDI TIZIANA 100 Miglioramento e razionalizzazione delle attività ordinarie Area Amministrativa 1 UFFICIO SEGRETERIA

Dettagli

Decreto di attribuzione di posizioni organizzative ai responsabili di settore IL SINDACO

Decreto di attribuzione di posizioni organizzative ai responsabili di settore IL SINDACO Taviano Città dei Fiori (Lecce Italy) Decreto sindacale 02 lì 22 gennaio 2014 Decreto di attribuzione di posizioni organizzative ai responsabili di settore IL SINDACO VISTA la legge 191/98, recante modifiche

Dettagli

SULL ORDINAMENTO DEGLI UFFICI E DEI SERVIZI. Ultimo aggiornamento 13 gennaio 2015

SULL ORDINAMENTO DEGLI UFFICI E DEI SERVIZI. Ultimo aggiornamento 13 gennaio 2015 COMUNE DI VICENZA REGOLAMENTO SULL ORDINAMENTO DEGLI UFFICI E DEI SERVIZI Ultimo aggiornamento 13 gennaio 2015 Comune di Vicenza - a cura del Settore Risorse Umane, Segreteria 1 Generale e Organizzazione

Dettagli

Testo non ufficiale. La sola stampa del bollettino ufficiale ha carattere legale

Testo non ufficiale. La sola stampa del bollettino ufficiale ha carattere legale 1 1 LEGGE REGIONALE 24 giugno 2002, n. 12 #LR-ER-2002-12# INTERVENTI REGIONALI PER LA COOPERAZIONE CON I PAESI IN VIA DI SVILUPPO E I PAESI IN VIA DI TRANSIZIONE, LA SOLIDARIETÀ INTERNAZIONALE E LA PROMOZIONE

Dettagli

Articolo 55 D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267 Elettorato passivo

Articolo 55 D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267 Elettorato passivo ALL. 1) Articolo 55 D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267 Elettorato passivo 1. Sono eleggibili a sindaco, presidente della provincia, consigliere comunale, provinciale e circoscrizionale gli elettori di un qualsiasi

Dettagli

REGOLAMENTO UFFICIO RELAZIONI CON IL PUBBLICO

REGOLAMENTO UFFICIO RELAZIONI CON IL PUBBLICO 1 ' UFFICIO GENERALE DELLE RISORSE, ORGANIZZAZIONE E BILANCIO Ufficio X ex DGPOB Ufficio relazioni con il pubblico e Centro di documentazione REGOLAMENTO UFFICIO RELAZIONI CON IL PUBBLICO SOMMARIO CAPO

Dettagli

Regolamento per l'accesso agli atti amministrativi

Regolamento per l'accesso agli atti amministrativi MINISTERO DELLA PUBBLICA ISTRUZIONE UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO LICEO GINNASIO STATALE "M. T. CICERONE" RMPC29000G Via Fontana Vecchia, 2 00044 FRASCATI tel. 06.9416530 fax 06.9417120 Cod.

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL PART-TIME, DELLE INCOMPATIBILITA' E DEI SERVIZI ISPETTIVI

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL PART-TIME, DELLE INCOMPATIBILITA' E DEI SERVIZI ISPETTIVI REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL PART-TIME, DELLE INCOMPATIBILITA' E DEI SERVIZI ISPETTIVI Approvato con D.G. N.40 DEL 10.04.2000 Modificato con D.G. N.79 DEL 04.11.2002 Modificato con D.G. N.70 DEL 13.11.2006

Dettagli

AVVISO PUBBLICO PER L ISCRIZIONE ALL ALBO FORNITORI

AVVISO PUBBLICO PER L ISCRIZIONE ALL ALBO FORNITORI AVVISO PUBBLICO PER L ISCRIZIONE ALL ALBO FORNITORI In base alla Deliberazione del Direttore Generale n. 312 del 18 ottobre 2012 si è provveduto all istituzione e disciplina dell Albo dei Fornitori dell

Dettagli

GIUGNO 2009 A TUTT OGGI Consorzio Regionale Parco Valle Lambro, Via Vittorio Veneto, 19 20050 TRIUGGIO

GIUGNO 2009 A TUTT OGGI Consorzio Regionale Parco Valle Lambro, Via Vittorio Veneto, 19 20050 TRIUGGIO F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo Nazionalità 23, VIA GIOVANNI PAOLO II, 23861, CESANA BRIANZA, LC ITALIANA Data di nascita 09/02/1979

Dettagli

COMUNE DI ALSENO Provincia di Piacenza

COMUNE DI ALSENO Provincia di Piacenza COMUNE DI ALSENO Provincia di Piacenza REGOLAMENTO SULL ORDINAMENTO DEGLI UFFICI E DEI SERVIZI Approvato con deliberazione di G.C. n. 232 in data 30.09.1998 Modificato con deliberazione di G.C. n. 102

Dettagli

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA Premessa La struttura dipartimentale rappresenta il modello ordinario di gestione operativa delle

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO COMUNE DI CISTERNA DI LATINA Medaglia d argento al Valor Civile REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO Approvato con Deliberazione di Consiglio Comunale n. 52 del 11.05.2009 a cura di : Dott. Bruno Lorello

Dettagli

Art.1 (Oggetto) Art.2 (Definizioni)

Art.1 (Oggetto) Art.2 (Definizioni) REGOLAMENTO SULLA TUTELA DELLE PERSONE E DI ALTRI SOGGETTI RISPETTO AL TRATTAMENTO DEI DATI PERSONALI emanato con decreto direttoriale n.220 dell'8 giugno 2000 pubblicato all'albo Ufficiale della Scuola

Dettagli

Art. 2 (Procedimento di approvazione e variazione) PARTE PRIMA

Art. 2 (Procedimento di approvazione e variazione) PARTE PRIMA 4 Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 162 suppl. del 15-10-2009 PARTE PRIMA Corte Costituzionale LEGGE REGIONALE 7 ottobre 2009, n. 20 Norme per la pianificazione paesaggistica. La seguente

Dettagli

SCHEDA INFORMATIVA SU ARPAT

SCHEDA INFORMATIVA SU ARPAT SCHEDA INFORMATIVA SU ARPAT ARPAT: cos è ARPAT, l Agenzia regionale per la protezione ambientale della Toscana, è attiva dal 1996. Attraverso una rete di Dipartimenti provinciali presenti sul territorio

Dettagli

LEGGE REGIONALE N. 15 DEL 30 OTTOBRE 2013

LEGGE REGIONALE N. 15 DEL 30 OTTOBRE 2013 LEGGE REGIONALE N. 15 DEL 30 OTTOBRE 2013 DISPOSIZIONI IN MATERIA DI RAZIONALIZZAZIONE DELLE SOCIETA PARTECIPATE DALLA REGIONE CAMPANIA DEL POLO SVILUPPO, RICERCA E I.C.T. IL CONSIGLIO REGIONALE ha approvato

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALEPER LA TRASPARENZA E INTEGRITÀ 2013 / 2014 / 2015

PROGRAMMA TRIENNALEPER LA TRASPARENZA E INTEGRITÀ 2013 / 2014 / 2015 Istituto Comprensivo Statale Scuola dell Infanzia, Primaria e Secondaria di I Grado Piazzale della Civiltà Tel. 0828/941197 fax. 0828/941197 84069 ROCCADASPIDE (Salerno) C.M. SAIC8AH00L Email-dirdirocca@tiscali.it

Dettagli

Comune di Grado Provincia di Gorizia

Comune di Grado Provincia di Gorizia Comune di Grado Provincia di Gorizia REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEGLI INCENTIVI PER LA PROGETTAZIONE E LA REALIZZAZIONE DI LAVORI PUBBLICI, AI SENSI DELL ART.11 DELLA LEGGE REGIONALE 31 MAGGIO 2002,

Dettagli

COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI

COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI Allegato 1 COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI REGOLAMENTO PER LA DOTAZIONE FINANZIARIA COMUNALE PER INTERVENTI DI MANUTENZIONE ORDINARIA E DI FUNZIONAMENTO IN FAVORE DEGLI ISTITUTI DI ISTRUZIONE PRIMARIA

Dettagli

** * ** Acquisito il parere delle competenti commissioni parlamentari previsto dal citato articolo 24;

** * ** Acquisito il parere delle competenti commissioni parlamentari previsto dal citato articolo 24; D.Lgs. 6-9-1989 n. 322 1 Norme sul Sistema statistico nazionale e sulla riorganizzazione dell'istituto nazionale di statistica, ai sensi dell'art. 24 della L. 23 agosto 1988, n. 400. Pubblicato nella Gazz.

Dettagli

COMUNE DI NAPOLI. Testo Coordinato del regolamento per l accesso agli atti e ai documenti del Comune di Napoli

COMUNE DI NAPOLI. Testo Coordinato del regolamento per l accesso agli atti e ai documenti del Comune di Napoli COMUNE DI NAPOLI Testo Coordinato del regolamento per l accesso agli atti e ai documenti del Comune di Napoli (approvato con delibera di Consiglio comunale n. 238 del 10.7.02) TITOLO I Art. 1 - Oggetto

Dettagli

AZIENDA SANITARIA PROVINCIALE SIRACUSA

AZIENDA SANITARIA PROVINCIALE SIRACUSA REGIONE SICILIANA AZIENDA SANITARIA PROVINCIALE SIRACUSA REGOLAMENTO PER L AUTORIZZAZIONE E LA DISCIPLINA DEGLI INCARICHI ESTERNI OCCASIONALi, NON COMPRESI NEI COMPITI E DOVERI D UFFICIO, CONFERITI AL

Dettagli

PROVINCIA DI ROMA. Regolamento Servizio di Economato

PROVINCIA DI ROMA. Regolamento Servizio di Economato PROVINCIA DI ROMA Regolamento Servizio di Economato Adottato con delibera del Consiglio Provinciale: n. 1111 dell 1 marzo 1995 Aggiornato con delibera del Consiglio Provinciale n. 34 del 12 luglio 2010

Dettagli

PROVINCIA DI PESARO E URBINO

PROVINCIA DI PESARO E URBINO PROVINCIA DI PESARO E URBINO Regolamento interno della Stazione Unica Appaltante Provincia di Pesaro e Urbino SUA Provincia di Pesaro e Urbino Approvato con Deliberazione di Giunta Provinciale n 116 del

Dettagli

CONSIGLIO NAZIONALE FORENSE PRESSO IL MINISTERO DELLA GIUSTIZIA

CONSIGLIO NAZIONALE FORENSE PRESSO IL MINISTERO DELLA GIUSTIZIA REGOLAMENTO 16 luglio 2014, n. 6 Regolamento per la formazione continua IL CONSIGLIO NAZIONALE FORENSE nella seduta del 16 luglio 2014 visto l art. 11 della legge 31 dicembre 2012, n. 247, rubricato Formazione

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E DI FUNZIONAMENTO DELLO SPORTELLO UNICO PER L EDILIZIA S U E Settore URBANISTICA ED EDILIZIA PRIVATA Febbraio 2013 TITOLO I PRINCIPI GENERALI... 3 Art. 1 Definizioni... 3

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO di ZOLA PREDOSA

ISTITUTO COMPRENSIVO di ZOLA PREDOSA ISTITUTO COMPRENSIVO di ZOLA PREDOSA Via Albergati 30 40069 Zola Predosa (BO) Tel. 051/755355 755455 - Fax 051/753754 E-mail: BOIC86400N@istruzione.it - C.F. 80072450374 Pec : boic86400n@pec.istruzione.it

Dettagli

AREA STRATEGICA 2 - ORGANIZZAZIONE DELLE ATTIVITA' AMMINISTRATIVE E DI GESTIONE

AREA STRATEGICA 2 - ORGANIZZAZIONE DELLE ATTIVITA' AMMINISTRATIVE E DI GESTIONE OBIETTIVO OPERATIVO DESCRIZIONE ATTIVITA' SOGGETTI RESPONSABILI INDICATORI TARGET 2.1.1 2.1.2 Ottimizzazione della Struttura Organizzativa Adozione di un nuovo Organigramma e Funzionigramma della Direzione

Dettagli

COMUNE DI MULAZZO PROVINCIA DI MASSA CARRARA

COMUNE DI MULAZZO PROVINCIA DI MASSA CARRARA COMUNE DI MULAZZO PROVINCIA DI MASSA CARRARA REGOLAMENTO COMUNALE per la disciplina della concessione di sovvenzioni, contributi, sussidi ed ausili finanziari e l attribuzione di vantaggi economici 1 CAPO

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DEL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI. (approvato con delibera commissariale n 21 del 07/06/2011)

REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DEL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI. (approvato con delibera commissariale n 21 del 07/06/2011) REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DEL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI (approvato con delibera commissariale n 21 del 07/06/2011) Art. 1 Fonti 1. Il presente regolamento, adottato in attuazione dello Statuto, disciplina

Dettagli

Ministero degli Affari Esteri

Ministero degli Affari Esteri Ministero degli Affari Esteri ORDINAMENTO DELL'AMMINISTRAZIONE DEGLI AFFARI ESTERI D.P.R. 5 Gennaio 1967, n. 18 e successive modificazioni e integrazioni ORDINAMENTO DELL'AMMINISTRAZIONE DEGLI AFFARI ESTERI

Dettagli

REGOLAMENTO INTERNO DELL UFFICIO SEGRETERIA

REGOLAMENTO INTERNO DELL UFFICIO SEGRETERIA REGOLAMENTO INTERNO DELL UFFICIO SEGRETERIA PREMESSA Le attività dell Ordine dei Medici Chirurghi e degli Odontoiatri di Ravenna sono regolate dal DLCPS 233/1946, dal DPR 221/1950 e dalla legge 409/1985

Dettagli

1.4 LA PROVINCIA: IL RUOLO E LE COMPETENZE ISTITUZIONALI

1.4 LA PROVINCIA: IL RUOLO E LE COMPETENZE ISTITUZIONALI 1.4 LA PROVINCIA: IL RUOLO E LE COMPETENZE ISTITUZIONALI La Provincia è un istituzione pubblica territoriale; gli organi di governo sono eletti dalla popolazione residente nel territorio e hanno il compito

Dettagli

COMUNE DI BRIGNANO GERA D ADDA (Provincia di Bergamo) Regolamento recante la disciplina dei Controlli interni

COMUNE DI BRIGNANO GERA D ADDA (Provincia di Bergamo) Regolamento recante la disciplina dei Controlli interni COMUNE DI BRIGNANO GERA D'ADDA (c_b178) - Codice AOO: AOOBRIGNANOADDA - Reg. nr.0001628/2013 del 18/02/2013 ALLEGATO A alla deliberazione del Consiglio comunale n. 2 del 04.02.2013 COMUNE DI BRIGNANO GERA

Dettagli

- PARTE SPECIALE G- I REATI IN MATERIA DI SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO

- PARTE SPECIALE G- I REATI IN MATERIA DI SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO - PARTE SPECIALE G- I REATI IN MATERIA DI SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO G.1. I reati di cui all art. 25 septies del D.Lgs. n. 231/2001 La Legge 3 agosto 2007, n. 123, ha introdotto l art. 25 septies del

Dettagli

COMUNE DI GALLIATE Provincia di Novara REGOLAMENTO DI ACCESSO AGLI ARCHIVI COMUNALI

COMUNE DI GALLIATE Provincia di Novara REGOLAMENTO DI ACCESSO AGLI ARCHIVI COMUNALI COMUNE DI GALLIATE Provincia di Novara REGOLAMENTO DI ACCESSO AGLI ARCHIVI COMUNALI Approvato con deliberazione G.C. n. 45 del 27/11/2008 esecutiva il 10/01/2009 Depositato in Segreteria Generale con avviso

Dettagli

LINEE DI INDIRIZZO PERSONALE COMPARTO RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE. ART. 1 ( Definizione)

LINEE DI INDIRIZZO PERSONALE COMPARTO RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE. ART. 1 ( Definizione) 1 REPUBBLICA ITALIANA Regione Siciliana Assessorato Regionale della Sanità Dipartimento regionale per la pianificazione strategica ********** Servizio 1 Personale dipendente S.S.R. LINEE DI INDIRIZZO PERSONALE

Dettagli

Legge 15 luglio 1966 n. 604 Norme sui licenziamenti individuali. pubblicata nella G.U. n. 195 del 6 agosto 1966. con le modifiche della

Legge 15 luglio 1966 n. 604 Norme sui licenziamenti individuali. pubblicata nella G.U. n. 195 del 6 agosto 1966. con le modifiche della Legge 15 luglio 1966 n. 604 Norme sui licenziamenti individuali pubblicata nella G.U. n. 195 del 6 agosto 1966 con le modifiche della legge 4 novembre 2010, n. 183 (c.d. Collegato Lavoro) Legge 28 giugno

Dettagli

PESATURA CUMULATIVA in fase previsionale OBIETTIVI di PEG 2014

PESATURA CUMULATIVA in fase previsionale OBIETTIVI di PEG 2014 PESATURA CUMULATIVA in fase previsionale di PEG 2014 AI SENSI DEL SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE APPROVATO CON DGP N. 25 DEL 1/02/2011 DIRIGENTE BALOCCO PAOLO Contribuire a migliorare

Dettagli

MINISTERO DELLA SALUTE

MINISTERO DELLA SALUTE b) unica prova orale su due materie, il cui svolgimento è subordinato al superamento della prova scritta: una prova su deontologia e ordinamento professionale; una prova su una tra le seguenti materie

Dettagli

PROVINCIA DI REGGIO EMILIA

PROVINCIA DI REGGIO EMILIA PROVINCIA DI REGGIO EMILIA REGOLAMENTO PER IL CONSEGUIMENTO DELL IDONEITA PROFESSIONALE PER L ESERCIZIO DELL ATTIVITA DI CONSULENZA PER LA CIRCOLAZIONE DEI MEZZI DI TRASPORTO - Approvato con deliberazione

Dettagli

AREA INNOVAZIONE E TERRITORIO SETTORE ASSETTO TERRITORIALE, PARCHI E VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIENTALE

AREA INNOVAZIONE E TERRITORIO SETTORE ASSETTO TERRITORIALE, PARCHI E VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIENTALE AREA INNOVAZIONE E TERRITORIO SETTORE ASSETTO TERRITORIALE, PARCHI E VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIENTALE AVVISO PUBBLICO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE COORDINATA E CONTINUATIVA PER ATTIVITA

Dettagli

6.3.2015 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 10. 2014, n. 1 Abrogazioni

6.3.2015 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 10. 2014, n. 1 Abrogazioni 9 Lastri, De Robertis, Rossetti, Ruggeri, Remaschi, Boretti, Venturi, Bambagioni, Saccardi Proposta di legge della Giunta regionale 20 ottobre Art. 20 2014, n. 1 Abrogazioni divenuta Proposta di legge

Dettagli

RELAZIONE SULL ATTIVITA SVOLTA 2012-2013

RELAZIONE SULL ATTIVITA SVOLTA 2012-2013 Direzione Generale per il Terzo Settore e le Formazioni Sociali RELAZIONE SULL ATTIVITA SVOLTA 2012-2013 A seguito della soppressione dell Agenzia per il Terzo Settore (ex Agenzia per le Onlus), le relative

Dettagli

COMUNE DI CAPOTERRA Provincia di Cagliari

COMUNE DI CAPOTERRA Provincia di Cagliari COMUNE DI CAPOTERRA Provincia di Cagliari UFFICIO DEL SEGRETARIO GENERALE Responsabile Settore Affari del Personale-Anticorruzione-Trasparenza CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO Il

Dettagli

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIO- NALE 3 giugno 2010, n. 1309

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIO- NALE 3 giugno 2010, n. 1309 18120 Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 104 del 16-06-2010 vista la dichiarazione posta in calce al presente provvedimento da parte dei Dirigenti responsabili per competenza in materia che

Dettagli

C O M U N E DI M O L I T E R N O

C O M U N E DI M O L I T E R N O C O M U N E DI M O L I T E R N O (Provincia di Potenza) REGOLAMENTO SUI CONTROLLI INTERNI Approvato con delibera consiliare n.05 del 6/02/2013 modificato con delibera consiliare n. 54 del 30/11/2013 Indice

Dettagli

COMUNITA' DELLA VALLE DI CEMBRA

COMUNITA' DELLA VALLE DI CEMBRA COMUNITA' DELLA VALLE DI CEMBRA REGOLAMENTO PER LA EROGAZIONE DI CONTRIBUTI, SOVVENZIONI ED ALTRE AGEVOLAZIONI ART. 1 FINALITA 1. Con il presente Regolamento la Comunità della Valle di Cembra, nell esercizio

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006)

REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006) REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006) Articolo 1 - Ente gestore, denominazione, natura e sede della scuola 1. L Ente Ispettoria Salesiana Lombardo Emiliana, Ente Ecclesiastico

Dettagli

l_debellis@libero.it PUBBLICA AMMINSTRAZIONE - REGIONE MARCHE

l_debellis@libero.it PUBBLICA AMMINSTRAZIONE - REGIONE MARCHE CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome PASQUALE DE BELLIS Indirizzo Via Piave, nr. 20-60027 Osimo Stazione (AN) ITALIA Telefono 347 8228478 071 7819651 Fax E-mail pasquale.de.bellis@regione.marche.it

Dettagli

F.A.Q. SUL SISTEMA DI ACCREDITAMENTO PER I SERVIZI AL LAVORO REGIONE PIEMONTE

F.A.Q. SUL SISTEMA DI ACCREDITAMENTO PER I SERVIZI AL LAVORO REGIONE PIEMONTE F.A.Q. SUL SISTEMA DI ACCREDITAMENTO PER I SERVIZI AL LAVORO REGIONE PIEMONTE PRESENTAZIONE DELLA DOMANDA 1. Quale è l indirizzo web per la presentazione della domanda di accreditamento? L indirizzo della

Dettagli

BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ

BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ Tra le modifiche introdotte nell agosto 2010 all art. 186, C.d.S., vi è anche l inserimento del nuovo comma 9 bis, che prevede l applicazione del lavoro

Dettagli

II - COMPETENZE DELLA REGIONE E DEGLI ENTI LOCALI IN MATERIA DI TUTELA DELL'AMBIENTE DALL'INQUINAMENTO ACUSTICO

II - COMPETENZE DELLA REGIONE E DEGLI ENTI LOCALI IN MATERIA DI TUTELA DELL'AMBIENTE DALL'INQUINAMENTO ACUSTICO Legge Regionale n 12 del 20/03/1998 Disposizioni in materia di inquinamento acustico emanata da: Regione Liguria e pubblicata su: Bollettino. Uff. Regione n 6 del 15/04/1998

Dettagli

A.R.C.E.A. Agenzia della Regione Calabria per. le Erogazioni in Agricoltura

A.R.C.E.A. Agenzia della Regione Calabria per. le Erogazioni in Agricoltura A.R.C.E.A. Agenzia della Regione Calabria per le Erogazioni in Agricoltura Regolamento per l istituzione di un elenco di operatori economici di fiducia ai sensi dell art. 125, comma 12 del D.lgs. n. 163

Dettagli

Comune di Pistoia REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PATROCINI O ALTRE UTILITA' ECONOMICHE A SOGGETTI RICHIEDENTI

Comune di Pistoia REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PATROCINI O ALTRE UTILITA' ECONOMICHE A SOGGETTI RICHIEDENTI Comune di Pistoia REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PATROCINI O ALTRE UTILITA' ECONOMICHE A SOGGETTI RICHIEDENTI Approvato con Deliberazione consiliare n 94 del 21 giugno 2004 INDICE Articolo

Dettagli

PICCOLI TRATTENIMENTI MUSICALI O DIFFUSIONE SONORA NEI DEHORS E NELLE AREE DI PERTINENZA PRIVATE ANNESSE AI LOCALI DI SOMMINISTRAZIONE AL PUBBLICO

PICCOLI TRATTENIMENTI MUSICALI O DIFFUSIONE SONORA NEI DEHORS E NELLE AREE DI PERTINENZA PRIVATE ANNESSE AI LOCALI DI SOMMINISTRAZIONE AL PUBBLICO Dipartimento Economia e Promozione della Città Settore Attività Produttive e Commercio U.O. Somministrazione, manifestazioni, artigianato e ricettive 40129 Bologna Piazza Liber Paradisus, 10, Torre A -

Dettagli

Comune di Massa Lombarda

Comune di Massa Lombarda CdC CDR009 RESP. SEGRETERIA GENERALE PROGETTO RPP: AREA AFFARI GENERALI RESPONSABILE: CANTAGALLI PAOLO 100 Miglioramento e razionalizzazione delle attività ordinarie Area Affari Generali 1 UFFICIO SEGRETERIA

Dettagli

LEGGI - REGOLAMENTI - DECRETI - ATTI DELLA REGIONE

LEGGI - REGOLAMENTI - DECRETI - ATTI DELLA REGIONE 6 PARTE PRIMA LEGGI - REGOLAMENTI - DECRETI - ATTI DELLA REGIONE Sezione I LEGGI REGIONALI LEGGE REGIONALE 17 settembre 2013, n. 16. Norme in materia di prevenzione delle cadute dall alto. Il Consiglio

Dettagli

AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II.

AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II. AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II. In esecuzione della deliberazione del Direttore generale n. 765 del 30.04.2013,

Dettagli

Art. 71 Nomina e funzioni dei magistrati onorari della procura della Repubblica presso il tribunale ordinario.

Art. 71 Nomina e funzioni dei magistrati onorari della procura della Repubblica presso il tribunale ordinario. REGIO DECRETO 30 gennaio 1941 n. 12 ( indice ) (modificato e aggiornato dalle seguenti leggi: R.D.L. n. 734/43, L. n. 72/46, L. n. 478/46, R.D.Lgs. n. 511/46, L. n. 1370/47, L. n. 1794/52, L. n. 1441/56,L.

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER IL DIRITTO DI ACCESSO AI DOCUMENTI AMMINISTRATIVI

REGOLAMENTO COMUNALE PER IL DIRITTO DI ACCESSO AI DOCUMENTI AMMINISTRATIVI REGOLAMENTO COMUNALE PER IL DIRITTO DI ACCESSO AI DOCUMENTI AMMINISTRATIVI Approvato con deliberazione consiliare n. 45 del 27.9.2010 INDICE CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI - ARTICOLO 1 FINALITA ED AMBITO

Dettagli

F O R M A T O E U R O P E O

F O R M A T O E U R O P E O F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo Sergio dal Maso Viale C.Colombo, 165 Foggia Telefono 328/2775122 Fax 0881/720007 E-mail Nazionalità

Dettagli

Comune di Bagnara di Romagna

Comune di Bagnara di Romagna CdC ATTIVITA' ORDINARIE 2013 - CDR009 PROGETTO RPP: RESPONSABILE: RESP. SEGRETERIA GENERALE AREA AMMINISTRATIVA (URP E SERVIZI DEMOGRAFICI - UFFICIO SEGRETERIA) CANTAGALLI PAOLO 100 Miglioramento e razionalizzazione

Dettagli

PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE Diritto all apprendimento permanente

PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE Diritto all apprendimento permanente PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE Diritto all apprendimento permanente Articolo 1 (Principi generali) 1. Ogni persona ha diritto all apprendimento permanente. 2. Per apprendimento permanente si

Dettagli

IL RESPONSABILE RENDE NOTO. Art. 1 Oggetto dell'avviso

IL RESPONSABILE RENDE NOTO. Art. 1 Oggetto dell'avviso AVVISO PUBBLICO PER LA FORMAZIONE DI UN ELENCO DI PROFESSIONISTI DA UTILIZZARE PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI LEGALI ESTERNI DI PATROCINIO E DIFESA DEL COMUNE DI BACOLI IL RESPONSABILE Vista la deliberazione

Dettagli

TARIFFA PROFESSIONALE CONSULENTI DEL LAVORO MINISTERO DI GRAZIA E GIUSTIZIA. DECRETO 15 LUGLIO 1992, n. 430 (G.U. n. 265 10/11/92)

TARIFFA PROFESSIONALE CONSULENTI DEL LAVORO MINISTERO DI GRAZIA E GIUSTIZIA. DECRETO 15 LUGLIO 1992, n. 430 (G.U. n. 265 10/11/92) TARIFFA PROFESSIONALE CONSULENTI DEL LAVORO MINISTERO DI GRAZIA E GIUSTIZIA DECRETO 15 LUGLIO 1992, n. 430 (G.U. n. 265 10/11/92) REGOLAMENTO RECANTE APPROVAZIONE DELLE DELIBERAZIONI IN DATA 16 MAGGIO

Dettagli

GUIDA di ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI e ALLA TRASPARENZA (Allegata al modulo di richiesta di accesso agli atti amministrativi)

GUIDA di ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI e ALLA TRASPARENZA (Allegata al modulo di richiesta di accesso agli atti amministrativi) GUIDA di ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI e ALLA TRASPARENZA (Allegata al modulo di richiesta di accesso agli atti amministrativi) Principali norme di riferimento 1) Legge n. 241/1990 - Nuove norme in

Dettagli

Norme varie relative al Nucleo di Valutazione e alle sue funzioni

Norme varie relative al Nucleo di Valutazione e alle sue funzioni Norme varie relative al Nucleo di Valutazione e alle sue funzioni! Statuto del Politecnico di Torino TITOLO 2 - ORGANI DI GOVERNO DEL POLITECNICO Art. 2.3 - Senato Accademico 1. Il Senato Accademico è

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA LOCAZIONE E CONCESSIONE IN USO DI LOCALI ED IMMOBILI COMUNALI DEL PATRIMONIO DISPONIBILE

REGOLAMENTO PER LA LOCAZIONE E CONCESSIONE IN USO DI LOCALI ED IMMOBILI COMUNALI DEL PATRIMONIO DISPONIBILE REGOLAMENTO PER LA LOCAZIONE E CONCESSIONE IN USO DI LOCALI ED IMMOBILI COMUNALI DEL PATRIMONIO DISPONIBILE Approvato dal Consiglio Comunale nella seduta del 13 maggio 2013 - Delibera n. 35 INDICE: Articolo

Dettagli

Commissione indipendente per la Valutazione, la Trasparenza e l Integrità delle amministrazioni pubbliche Autorità Nazionale Anticorruzione

Commissione indipendente per la Valutazione, la Trasparenza e l Integrità delle amministrazioni pubbliche Autorità Nazionale Anticorruzione Commissione indipendente per la Valutazione, la Trasparenza e l Integrità delle amministrazioni pubbliche Autorità Nazionale Anticorruzione Delibera n.12/2013: Requisiti e procedimento per la nomina dei

Dettagli

LABORATORI DAL BASSO L iniziativa di Arti e Bollenti Spiriti per imparare a fare impresa sostenibile

LABORATORI DAL BASSO L iniziativa di Arti e Bollenti Spiriti per imparare a fare impresa sostenibile LABORATORI DAL BASSO L iniziativa di Arti e Bollenti Spiriti per imparare a fare impresa sostenibile INVITO A PRESENTARE MANIFESTAZIONI DI INTERESSE 1. COSA SONO I LABORATORI DAL BASSO I Laboratori dal

Dettagli

DIREZIONE DIDATTICA Albert Sabin C.so Vercelli,157 10153 tel. 011\2426534 fax 011\ 2462435 Codice Fiscale 80093750018 e-mail TOEEO5600D@ istruzione.

DIREZIONE DIDATTICA Albert Sabin C.so Vercelli,157 10153 tel. 011\2426534 fax 011\ 2462435 Codice Fiscale 80093750018 e-mail TOEEO5600D@ istruzione. RELAZIONE DEL DIRIGENTE SCOLASTICO AL CONTO CONSUNTIVO 2013 La presente relazione illustra l andamento della gestione dell istituzione scolastica e i risultati conseguiti in relazione agli obiettivi programmati

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEI RIMBORSI DELLE SPESE SOSTENUTE DAL PERSONALE DIPENDENTE INVIATO IN MISSIONE

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEI RIMBORSI DELLE SPESE SOSTENUTE DAL PERSONALE DIPENDENTE INVIATO IN MISSIONE I REGOLAMENTI PROVINCIALI: N. 59 PROVINCIA DI PADOVA REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEI RIMBORSI DELLE SPESE SOSTENUTE DAL PERSONALE DIPENDENTE INVIATO IN MISSIONE Approvato con D.G.P. in data 19.4.2012

Dettagli

Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili

Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili TITOLO I - PRINCIPI GENERALI Art. 1 Oggetto e ambito di applicazione Art. 2 Principi normativi Art. 3 Finalità Art. 4 Destinatari degli interventi

Dettagli

Linee guida per la predisposizione del rendiconto circa la destinazione delle quote del 5 per mille dell Irpef

Linee guida per la predisposizione del rendiconto circa la destinazione delle quote del 5 per mille dell Irpef Direzione Generale per il terzo settore e le formazioni sociali Linee guida per la predisposizione del rendiconto circa la destinazione delle quote del 5 per mille dell Irpef PREMESSA Fonti normative dell

Dettagli

COMUNE DI INVERUNO Provincia di Milano

COMUNE DI INVERUNO Provincia di Milano COMUNE DI INVERUNO Provincia di Milano REGOLAMENTO PER IL DIRITTO ALL INFORMAZIONE E ALL ACCESSO AGLI ATTI E DOCUMENTI AMMINISTRATIVI Approvato dal Consiglio Comunale con atto n. 8 in data 9/2/1995 Annullato

Dettagli

L'anno duemilaquattordici, il giorno ventidue del mese di agosto, nel proprio ufficio, IL RESPONSABILE DEL SERVIZIO

L'anno duemilaquattordici, il giorno ventidue del mese di agosto, nel proprio ufficio, IL RESPONSABILE DEL SERVIZIO C O M U N E D I A L A N N O (PROVINCIA DI PESCARA) DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE DEL SERVIZIO AREA AFFARI GENERALI - UFFICIO PERSONALE N. 162 del Reg. Oggetto: PROCEDURA DI MOBILITA, PER TITOLI E COLLOQUIO

Dettagli

FUNZIONI FONDAMENTALI DEI COMUNI E MODALITA DI ESERCIZIO ASSOCIATO DI FUNZIONI E SERVIZI COMUNALI ( ART. 19 DL 95/2012)

FUNZIONI FONDAMENTALI DEI COMUNI E MODALITA DI ESERCIZIO ASSOCIATO DI FUNZIONI E SERVIZI COMUNALI ( ART. 19 DL 95/2012) FUNZIONI FONDAMENTALI DEI COMUNI E MODALITA DI ESERCIZIO ASSOCIATO DI FUNZIONI E SERVIZI COMUNALI ( ART. 19 DL 95/2012) L art.19 del DL 95/2012 convertito, con modificazioni, dalla legge 7 agosto 2012,

Dettagli

Nel procedimento per la sospensione dell esecuzione del provvedimento impugnato (art. 5, L. 742/1969).

Nel procedimento per la sospensione dell esecuzione del provvedimento impugnato (art. 5, L. 742/1969). Il commento 1. Premessa La sospensione feriale dei termini è prevista dall art. 1, co. 1, della L. 07/10/1969, n. 742 1, il quale dispone che: Il decorso dei termini processuali relativi alle giurisdizioni

Dettagli