Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download ""

Transcript

1

2

3

4

5

6

7

8

9

10

11

12

13

14

15

16

17

18

19

20

21

22

23

24

25

26

27

28

29

30

31

32

33

34

35 (Obiettivo di sviluppo) RIORDINO NORMATIVO E PROCEDIMENTALE Felice Strocchia SEGRETERIA GENERALE RIORDINO NORMATIVO E PROCEDIMENTALE Segreteria Generale Il progetto persegue la realizzazione di una compiuta attività di analisi, rivisitazione e riorganizzazione dei processi tramite diverse linee d'azione, strettamente connesse e funzionali l'una all'altra e quindi inserite in un unico progetto. 1. RIORDINO DEI PROCEDIMENTI AMMINISTRATIVI. E' dettato dall'esigenza di assicurare l'aggiornamento alle recenti riforme legislative delle discipline di carattere generale, di interesse comune al complessivo apparato amministrativo ed organizzativo dell'ente, relativamente ai procedimenti amministrativi. Il programma di revisione costituisce obiettivo prioritario ed urgente per l'amministrazione, da realizzarsi assicurando il necessario coordinamento normativo e la massima coerenza d'insieme, soprattutto con riguardo agli ambiti normativi caratterizzati da profili interdisciplinari. Prevede attività di collaborazione agli uffici in relazione alle esigenze di adeguamento dei procedimenti al contenuto dei nuovi regolamenti ed alla innovazione normativa. 2. RASSEGNA DI GIURISPRUDENZA. La redazione mensile della rassegna è tesa a divulgare le massime delle sentenze ritenute più utili agli uffici, concretizzando forma di aggiornamento professionale a costo zero, per un'attività in linea con orientamenti aggiornati e consolidati della giurisprudenza. Verrà effettuata tramite apposito software creato dal CED che sarà visionabile tramite link sul web. 3. ADEGUAMENTO ALLA NORMATIVA IN MATERIA DI PRIVACY. Con atto presidenziale n. 33 del il Segretario Generale è stato incaricato del Coordinamento dei dirigenti ai fini del pieno adeguamento dell'ente alle disposizioni in materia di privacy. Nell'ambito di tale competenza dovrà essere effettuata una complessiva rimeditazione degli obblighi di legge, cui seguirà l'attività di coordinamento ed impulso nei confronti dei dirigenti, per il pieno adeguamento dell'ente, in ottemperanza alla normativa in esame. Fase Data Fine 1 Esame dei procedimenti amministrativi in relazione alla loro compatibilità coi nuovi regolamenti ed in adeguamento alle recenti innovazioni normative, in collaborazione con i responsabili per materia e valutazione delle modifiche necessarie. Felice Strocchia 31/12/ Predisposizione mensile della rassegna stampa Felice Strocchia 31/12/ Rivisitazione della normativa in materia di privacy, approfondimento delle tematiche e coordinamento, anche tramite direttive, dei Dirigenti, ai fini dell'adeguamento degli atti dell'ente alla normativa Felice Strocchia 31/12/ Attivita Rispetto dei tempi previsti nelle fasi 100,00 44 Attivita Termini procedurali e legislativi 100,00 risorse informatiche in dotazione agli uffici che fanno capo alla Segreteria Generale Stampato il 15/04/2008 alle ore Dati Aggiornati il 15/04/2008 alle

36 Dipendente Livello C Tempo Indeterminato 1 20,00 Dipendente Livello D Tempo Indeterminato 1 40,00 Dirigente Tempo Determinato 1 10,00 Stampato il 15/04/2008 alle ore Dati Aggiornati il 15/04/2008 alle

37 (Obiettivo di mantenimento) A01 ATTIVITA' ORDINARIA DELLA SEGRETERIA GENERALE Felice Strocchia SEGRETERIA GENERALE ATTIVITA' ORDINARIA SEGRETERIA GENERALE Segreteria Generale Il progetto si articola sulle attività svolte dagli uffici Segreteria Generale, Atti e Giunta, Posta e Messi, Ufficio Archivio e Protocollo. Si tratta di funzioni di supporto svolte a favore delle altre strutture dell'ente, sia dal punto di vista della consulenza che dal punto di vista del sostegno operativo alle finalità istituzionali. Nel caso dell'ufficio Archivio e Protocollo, l'attività principale riguarda la gestione delle operazioni di registrazione su protocollo informatico del flusso della corrispondenza dell'intero Ente, ad eccezione degli uffici del lavoro e della polizia provinciale. Vi è collegata anche la tenuta dell'archivio corrente, tramite raccolta e fascicolazione della posta cartacea in uscita. Nel 2008 è prevista la prosecuzione dell'attività di collaborazione col progetto di riordino degli archivi e col progetto per l'implementazione della posta certificata, nonché per l'interoperatività del protocollo, in particolare con Regione Toscana. Per quanto attiene l'ufficio Segreteria Generale e Atti e Giunta, le funzioni svolte si concretizzano nel supporto tecnico-giuridico ed operativo agli organi istituzionali (elaborazione degli ordini del giorno, formalizzazione delle deliberazioni, stesura dei verbali, raccolta delle deliberazioni, accesso alle medesime, pubblicazione all'albo pretorio on line di tutti gli atti dell'ente), ed al Segretario Generale. L'ufficio Messi corrisponde alle esigenze di notificazione e pubblicazione anche all'albo pretorio cartaceo per l'intero Ente. L'ufficio Posta espleta mansioni tipiche, anch'esse per tutto l'ente ad eccezione degli uffici del lavoro. Ad essa inerisce la gestione del contratto per la macchina affrancatrice e del conto di credito per le Comunicazioni di Avvenuto Deposito degli atti giudiziari. L'attività di consegna e ritiro della posta viene svolta, tramite contratto di pick-up, da Poste Italiane. Fase Data Fine 1 L'attività ordinaria della Segreteria Generale presenta la caratteristica della continuità e della quotidianità, nonché, in virtù della propria trasversalità, dell'aderenza alle emergenti esigenze degli Organi ed Uffici dell'ente. Felice Strocchia 31/12/ Attivita deliberazioni adottate dalla Giunta Provinciale 378, Attivita atti di indirizzo adottati dalla Giunta Provinciale 31, Attivita ordini del giorno e verbali Giunta Provinciale 82, Attivita numero atti protocollati in entrata , Attivita numero atti protocollati in uscita ,00 Ri/In Cap Ar Oggetto Capitolo Uscita SPESE PER ACQUISTO ABBONAMENTI PUBBLICAZIONE ECC. SPESE POSTALI E TELEGRAFICHE, SPESE INERENTI LA GESTIONE DELL'UFFICIO POSTA STROCCHIA FELICE 2.500,00 NALDONI CAMILLA ,00 Totale: ,00 Risorse informatiche in dotazione agli uffici che fanno capo alla Segreteria Generale Stampato il 15/04/2008 alle ore Dati Aggiornati il 15/04/2008 alle

38 Dipendente Livello B Tempo Determinato 2 100,00 Dipendente Livello B Tempo Indeterminato 8 100,00 Dipendente Livello C Tempo Indeterminato 3 90,00 Dipendente Livello D Tempo Indeterminato 1 60,00 Dirigente Tempo Determinato 1 90,00 Stampato il 15/04/2008 alle ore Dati Aggiornati il 15/04/2008 alle

39 (Obiettivo di mantenimento) A02 GESTIONE DEL CONTENZIOSO, ATTIVITA' CONSULTIVA E STRAGIUDIZIALE, APPROFONDIMENTO PROFESSIONALE, GESTIONE DELLE SPESE LEGALI Francesca De Santis AVVOCATURA GESTIONE DEL CONTENZIOSO, ATTIVITA' CONSULTIVA E STRAGIUDIZIALE Direzione Avvocatura 1) Gestione del contenzioso. All'interno di tale attività si persegue l'obiettivo di ridurre la spesa svolgendo tutta l'attività contenziosa all'interno dell'avvocatura e affidando all'esterno incarichi legali solo in casi eccezionali. Con riferimento invece agli incarichi di domiciliazione, si è concordato come nel 2005 e 2006 un importo predeterminato e congruo. Parimenti per gli incarichi peritali, per i quali si cerca in alcuni casi di avvalersi anche di tenici interni all'ente. 2) L'attività consultiva viene prestata quotidianamente agli uffici tramite consulenza verbale e scritta, la quale controlla la legittimità dei provvedimenti amministrativi e nel tempo consegue una riduzione del contenzioso. 3) L'attività stragiudiziale si riferisce al recupero di somme dovute all'ente in virtù di sentenza, ivi compresi gli onorari liquidati con sentenza favorevole agli avvocati della Provincia. 4) L'aggiornamento professionale risulta indispensabile per il tipo di attività sopradescritte, e viene raggiunto tramite acquisto di libri e riviste e partecipazione a corsi e convegni. 5) Gestione delle spese legali in entrata ed in uscita della Provincia relativamente a sentenze depositate, con aumento di attività amministrativa. Parimenti per i patrocini legali ai dipendenti imputati in processi penali 1040 Attivita numero cause passive subite 180, Attivita numero cause attive introdotte 20, Attivita numero pareri scritti rilasciati 30,00 Ri/In Cap Ar Oggetto Capitolo Entrata Uscita SPESE LEGALI A SEGUITO SENTENZE SPESE COMPENSATE ANNO 2007 FONDI PROVINCIALI ONORARI AGLI AVVOCATI INTERNI A SEGUITO DI SENTENZE LIQUIDATE ANNO 2008 CAP. E ACQUISTI VARI PER AVVOCATURA NUOVI INCARICHI LEGALI - AVVOCATURA SPESE PER BOLLI E NOTIFICHE NUOVI INCARICHI PERITALI CTP -AVVOCATURA INCARICHI DI DOMICILIAZIONE E SOSTITUZIONI PROCESSUALI -AVVOCATURA SPESE PER PRATICANTI -AVVOCATURA SPESE PER CTU -AVVOCATURA Stampato il 15/04/2008 alle ore Dati Aggiornati il 15/04/2008 alle DE SANTIS FRANCESCA DE SANTIS FRANCESCA DE SANTIS FRANCESCA DE SANTIS FRANCESCA DE SANTIS FRANCESCA DE SANTIS FRANCESCA DE SANTIS FRANCESCA DE SANTIS FRANCESCA DE SANTIS FRANCESCA , , , , , , , , ,00

40 Ri/In Cap Ar Oggetto Capitolo Entrata Uscita PATROCINIO LEGALE DEI DIPENDENTI IMPUTATI -AVVOCATURA SPESE DI LITE AD AVVOCATI A SEGUITO DI SENTENZE SFAVOREVOLI (ART. 194 LETT. A) INCARICHI LEGALI PER GIURISDIZIONI SUPERIORI SPESE PER INCARICHI LEGALI ESTERNI PREGRESSI (ART. 194 LETT. E) DE SANTIS FRANCESCA DE SANTIS FRANCESCA DE SANTIS FRANCESCA DE SANTIS FRANCESCA , , , , RIMBORSO DANNI DA ATTIVITÀ STRAGIUDIZIALE RIMBORSO DANNI DA CONTENZIOSO ONORARI AD AVVOCATI INTERNI DELL'ENTE A SEGUITO SENTENZE LIQUIDATE NEL 2008 CAP. U DE SANTIS FRANCESCA DE SANTIS FRANCESCA DE SANTIS FRANCESCA 5.000, , ,00 Totale: , ,55 Libri, riviste on-line e cartacee, p.c., agenda legale elettronica, stampanti e fotocopiatrici Dipendente Livello B Tempo Indeterminato 2 100,00 Dipendente Livello C Tempo Indeterminato 1 100,00 Dipendente Livello D Tempo Determinato 1 100,00 Dipendente Livello D Tempo Indeterminato 4 100,00 Dirigente Tempo Determinato 1 100,00 Stampato il 15/04/2008 alle ore Dati Aggiornati il 15/04/2008 alle

41 (Obiettivo di mantenimento) A02 RAPPORTI ISTITUZIONALI DELL'AMMINISTRAZIONE PROVINCIALE E ATTIVITA' CORRELATE Giovanni Palumbo LA PROVINCIA DI FIRENZE: UN PONTE FRA REALTA' ISTITUZIONALI E RAPPORTI INTERNAZIONALI RAPPORTI ESTERNI E INTERNI Ufficio di Gabinetto Con il nuovo assetto organizzativo della Provincia, l'ufficio di Gabinetto ha assunto un ruolo sempre più centrale con funzioni di raccordo e di organizzazione finalizzate alla valorizzazione e all'accrescimento del ruolo rappresentativo dell'ente. Il ruolo dell'ufficio di Gabinetto si concretizza, inoltre, nella funzione di raccordo tra l'organo di direzione politica, il Collegio di Direzione generale, e la struttura amministrativa della Provincia. L'Ufficio di Gabinetto svolge, per le intrinseche competenze, una capillare attività di cerimoniale, di rappresentanza istituzionale e pubbliche relazioni per la Presidenza e per gli organi politici oltre a svolgere un lavoro di supporto alle varie direzioni dell'ente per la realizzazione di manifestazioni ed eventi. In tale ottica nell'anno 2007 la Giunta Provinciale ha approvato il Disciplinare delle attività di rappresentanza istituzionale della Provincia con lo scopo di regolamentare tutta l'attività di rappresentanza che si sostanzia in: concessione di patrocini dell'ente, partecipazione a Comitati d'onore, utilizzo del Gonfalone in particolari cerimonie, concessione di contributi e benefici economici a soggetti pubblici e privati, nonché l' attività di rappresentanza specifica sia del Presidente che della Giunta stessa. Nella stessa ottica l'ufficio di Gabinetto garantisce l'organizzazione diretta, le forniture ed i servizi necessari alla realizzazione, all'interno delle Sale di rappresentanza di Palazzo Medici Riccardi, di eventi e manifestazioni di grande rilevanza sociale e culturale di cui la Provincia è fra gli enti promotori o diretta organizzatrice. L'Ufficio di Gabinetto cura anche le attività internazionali ed i gemellaggi Attivita Numero gemellaggi 5, Efficacia numero eventi organizzati 4,00 Ri/In Cap Ar Oggetto Capitolo Entrata Uscita INDENNITA' DI GONFALONE PALUMBO GIOVANNI , COMPENSI COLLABORATORI COORDINATI E CONTINUATIVI UFF. GABINETTO, STAFF PRESIDENTE E PORTAVOCE SPESE DI RAPPRESENTANZA - ACQUISTO DI BENI DI CONSUMO ACQUISTO BENI DI CONSUMO E DI FUNZIONAMENTO PER DIREZIONE UFFICIO DI GABINETTO CERIMONIALE, ATTIVITA' ISTITUZIONALE, EVENTI ED INIZIATIVE SUL TERRITORIO BARTOLI LUCIA ,60 PALUMBO GIOVANNI ,00 PALUMBO GIOVANNI ,00 PALUMBO GIOVANNI , SPESE DI RAPPRESENTANZA - PRESTAZIONI DI SERVIZI PALUMBO GIOVANNI , PRESTAZIONI PER INIZIATIVE RELATIVE AI GEMELLAGGI E AD ATTIVITA' INTERNAZIONALI PALUMBO GIOVANNI , CORSI PER AMMINISTRATORI PALUMBO GIOVANNI 5.000,00 Stampato il 15/04/2008 alle ore Dati Aggiornati il 15/04/2008 alle

42 Ri/In Cap Ar Oggetto Capitolo Entrata Uscita SPESE PER ATTIVITA' DI SUPPORTO STRUMENTALE E LOGISTICO PER MEMBRI GIUNTA INCARICHI PROFESSIONALI PER DIREZIONE UFFICIO DI GABINETTO PALUMBO GIOVANNI ,00 PALUMBO GIOVANNI , QUOTE ASSOCIATIVE E PARTECIPAZIONE AD ENTI PALUMBO GIOVANNI , PARTECIPAZIONE DELLA PROVINCIA ALLA ISTITUZIONE DELLA "FONDAZIONE SCIENZA E TECNICA" QUOTA ASSOCIATIVA CENTRO DI FIRENZE PER LA MODA ITALIANA CONTRIBUTI A ENTI ASSOCIAZIONI ISTITUZIONI OPERANTI A LIVELLO LOCALE PALUMBO GIOVANNI ,00 PALUMBO GIOVANNI ,00 PALUMBO GIOVANNI , QUOTA ASSOCIATIVA POLIMODA - FONDI PROVINCIALI PALUMBO GIOVANNI , PROTOCOLLO D'INTESA CON ASSOCIAZIONE EUNOMIA PALUMBO GIOVANNI , PROTOCOLLO D'INTESA CON ISTITUTO DI SCIENZE UMANE - ALTA FORMAZIONE PROTOCOLLO D'INTESA CON FONDAZIONE DON LORENZO MILANI PROTOCOLLO D'INTESA CON COMITATO PREMIO LETTERARIO GIOVANNI BOCCACCIO PROTOCOLLO D'INTESA CON ACCADEMIA SCHERMISTICA FIORENTINA INTROITI DERIVANTI DALLA CONCESSIONE IN USO A TERZI DELLA SALA EST-OVEST DI PALAZZO MEDICI RICCARDI PALUMBO GIOVANNI ,00 PALUMBO GIOVANNI ,00 PALUMBO GIOVANNI 5.000,00 PALUMBO GIOVANNI 5.000,00 PALUMBO GIOVANNI 1.500,00 Totale: 1.500, ,60 Stampato il 15/04/2008 alle ore Dati Aggiornati il 15/04/2008 alle

43 Ri/In Cap Ar Dettaglio Attività Uscita Liquidazione di indennità del personale addetto al servizio di gonfalone PALUMBO GIOVANNI ,00 Totale Capitolo , Collaborazioni per lo Staff Presidente e per il Portavoce del Presidente della Provincia PALUMBO GIOVANNI ,60 Totale Capitolo , Acquisto di beni inerenti l'attività di rappresentanza (coppe, medaglie, targhe produzioni artistiche, pubblicazioni di prestigio, materiale espositivo) PALUMBO GIOVANNI ,00 Totale Capitolo , Acquisto di materiali di consumo, cancelleria, apparecchiature tecniche e di software, acquisto di materiali ed attrezzature necessari per l'allestimento di convegni e manifestazioni varie, sussidi informatici, riproduzioni di stampe e cartografie, acquisto di materiale vario necessario per il funzionamento dell'ufficio e delle strutture di supporto agli Organi di Direzione Politica PALUMBO GIOVANNI ,00 Totale Capitolo , Attività di cui al "Disciplinare delle attività di rappresentanza istituzionale della Provincia di Firenze", approvato con D.G.P. n 48 del : concessione di patrocini dell'ente, partecipazione a Comitati d'onore, utilizzo del Gonfalone, concessione di contributi e benefici economici a soggetti pubblici e privati; attività di rappresentanza istituzionale specifica sia del Presidente che della Giunta stessa. Organizzazione diretta, forniture e servizi necessari per la realizzazione, all'interno delle sale di rappresentanza di Palazzo Medici Riccardi, di eventi e manifestazioni di grande rilevanza sociale e culturale di cui la Provincia è fra gli enti promotori o diretta organizzatrice, eventi finalizzati a rafforzare il ruolo sinergico dell'ente con le Istituzioni pubbliche e private del proprio territorio PALUMBO GIOVANNI ,00 Totale Capitolo , Proseguimento del servizio di manutenzione zone verdi locate nelle varie sedi dell'amministrazione Provinciale, in riferimento alla Determina N 619 del 03/05/07 PALUMBO GIOVANNI ,00 Totale Capitolo , Spese relative ad incontri, missioni, ed attività di carattere internazionale: iniziative, progetti e missioni inerenti i rapporti di gemellaggio PALUMBO GIOVANNI ,00 Totale Capitolo , Proseguimento ed avvio di corsi di formazione ed aggiornamento culturale per gli amministratori PALUMBO GIOVANNI 5.000,00 Totale Capitolo 5.000, Spese inerenti i servizi necessari per i membri della giunta Provinciale PALUMBO GIOVANNI ,00 Totale Capitolo , Attività di supporto tecnico-giuridico mediante alte professionalità di livello universitario PALUMBO GIOVANNI ,00 Totale Capitolo , Quote fisse di partecipazione dell'ente PALUMBO GIOVANNI ,00 Totale Capitolo , Quota associativa alla Fondazione Scienza e Tecnica PALUMBO GIOVANNI ,00 Totale Capitolo , Quota associativa al Centro di Firenze per la Moda Italiana PALUMBO GIOVANNI , Contributi erogati annualmente ad associazioni, fondazioni, comitati vari organizzazioni pubbliche e private operanti sul territorio ed individuati nel corso dell'anno Totale Capitolo ,00 PALUMBO GIOVANNI ,00 Totale Capitolo , Sinergia e collaborazione della Provincia con l'associazione Eunomia per la realizzazione di Seminari di studio di alta formazione politica istituzionale, di cui alla D.G.P. n 5/2008 PALUMBO GIOVANNI ,00 Stampato il 15/04/2008 alle ore Dati Aggiornati il 15/04/2008 alle

44 Ri/In Cap Ar Dettaglio Attività Uscita Totale Capitolo , Sinergia e collaborazione con l'istituto di Scienze Umane volta alla realizzazione di corsi di formazione e ricerca post dottorale in ambito delle scienze sociali, di cui alla D.G.P. n 46/2006 PALUMBO GIOVANNI ,00 Totale Capitolo , Sinergia e collaborazione con la Fondazione don Milani per dare maggior impulso alle attività didattico formative svolte dalla Fondazione stessa, recepita con D.P.G. n 354 del PALUMBO GIOVANNI ,00 Totale Capitolo , Sinergia e collaborazione con il Comitato "Premio Letterario G. Boccaccio" per la realizzazione della manifestazione internazionale del Premio Letterario che si svolge annualmente nella cittadina di Certaldo PALUMBO GIOVANNI 5.000,00 Totale Capitolo 5.000, Sinergia e collaborazione con l'accademia Schermistica allo scopo di promuovere la pratica della scherma fra gli studenti del territorio provinciale e realizzare iniziative sportive a favore delle categorie socialmente più svantaggiate PALUMBO GIOVANNI 5.000,00 Totale Capitolo 5.000,00 Totale Scheda ,60 Tutte le attrezzature tecniche ed informatiche, beni patrimoniali ed acquisti in dotazione dell'ufficio di Gabinetto Dipendente Livello B Tempo Indeterminato 2 100,00 Dipendente Livello C Tempo Indeterminato 2 100,00 Dipendente Livello D Tempo Determinato 1 100,00 Dipendente Livello D Tempo Indeterminato 1 50,00 Dirigente Tempo Determinato 1 50,00 Stampato il 15/04/2008 alle ore Dati Aggiornati il 15/04/2008 alle

45 (Obiettivo di mantenimento) A01 SVILUPPO DELLA SOCIETA' DELL'INFORMAZIONE E DELLA CONOSCENZA: LA SFIDA DELLE NUOVE TECNOLOGIE O ATTIVITA' DI COMUNICAZIONE NELL'ERA DELLA MULTIMEDIALITA' Palumbo Giovanni LA PROVINCIA DI FIRENZE: UN PONTE FRA REALTA' ISTITUZIONALI E RAPPORTI INTERNAZIONALI ATTIVITA' DI COMUNICAZIONE NELL'ERA DELLA MULTIMEDIALITA' Ufficio di Gabinetto La Provincia di Firenze intende avviare una serie di progetti innovativi volti a sviluppare le attività di informazione e comunicazione sul territorio provinciale per permettere a cittadini e imprese di relazionarsi in maniera più diretta con l'ente anche attraverso l'utilizzo in chiave strategica di nuove tecnologie capaci di accrescere la partecipazione democratica alla vita dell'amministrazione Provinciale. Per il perseguimento di tali obiettivi la Provincia di Firenze intende rafforzare la sinergia con la Società Florence Multimedia s.r.l. In tale ottica, sulla base della delibera del C.P. n 100 del 11/07/2005 costitutiva della società medesima e del nuovo Statuto sociale approvato con delibera C.P. n 127 del 23/07/2007, saranno proseguiti i progetti avviati e implementati nuovi interventi per meglio sviluppare e valorizzare una ampia e partecipativa società dell'informazione e della comunicazione. Sviluppo strategico di progetti di informazione e comunicazione inerenti i diversi settori di competenza dell'amministrazione provinciale attraverso la sinergia operativa con la Società Florence Multimedia s.r.l. Attuazione protocollo di Intesa con Regione Toscana per lo sviluppo della società dell'informazione e della conoscenza e e.government. Sinergia, collaborazione e supporto a Fondazione Sistema Toscana per Sviluppo società dell'informazione e della Conoscenza 1056 Attivita deliberazioni adottate dalla Giunta Provinciale 2,00 Ri/In Cap Ar Oggetto Capitolo Entrata Uscita INIZIATIVE DI COMUNICAZIONE IN MATERIA DI AGRICOLTURA, SPORT E TURISMO PALUMBO GIOVANNI , COMUNICAZIONE AMBIENTE E GESTIONE RIFIUTI PALUMBO GIOVANNI , ATTIVITA' DI COMUNICAZIONE,GESTIONE FLORENCE TV, CONTENUTI MULTIMEDIALI-CONTRATTO DI SERVIZIO CON FLORENCE MULTIMEDIA PROTOCOLLO CON REGIONE TOSCANA PER SVILUPPO SOCIETA' INFORMAZIONE E CONOSCENZA E E-GOV CAP. E 322 COMUNICAZIONE STRATEGICA PER SINERGIA OPERATIVA CON FONDAZIONE SISTEMA TOSCANA TRASFERIMENTI DALLA R.T. PER INTERVENTI STRAORDINARI IN ATTUAZIONE DI E- TOSCANA CAP.U 8977 PALUMBO GIOVANNI ,00 PALUMBO GIOVANNI ,00 PALUMBO GIOVANNI ,00 PALUMBO GIOVANNI ,00 Totale: , ,00 Stampato il 15/04/2008 alle ore Dati Aggiornati il 15/04/2008 alle

46 Ri/In Cap Ar Dettaglio Attività Uscita Iniziative di comunicazione in materia di agricoltura,sport e turismo. Affidamento attività alla Società Florence Multimedia s.r.l. PALUMBO GIOVANNI ,00 Totale Capitolo , Iniziative di comunicazione in materia di ambiente e gestione rifiuti. Affidamento attività alla Società Florence Multimedia s.r.l. PALUMBO GIOVANNI ,00 Totale Capitolo , Contratto di servizio anno 2008 per attività di informazione e comunicazione, gestione web TV con la società Florence Multimedia s.r.l. PALUMBO GIOVANNI , Totale Capitolo ,00 Attuazione protocollo con Regione toscana per la realizzazione di interventi intesi a valorizzare lo sviluppo della Società dell'informazione e conoscenza e e.government. (Trasferimenti dalla Reg. Toscana cap. E 322) Affidamento delle attività alla società Florence Multimedia s.r.l. per l'attuazione progetti innovativi e implementazione interventi in materia di Società dell'informazione PALUMBO GIOVANNI ,00 Totale Capitolo , Comunicazione Strategica attraverso sinergia operativa e collaborazione con Fondazione Sistema Toscana con supporto alle finalità istituzionali perseguite dalla Fondazione PALUMBO GIOVANNI ,00 Totale Capitolo ,00 Totale Scheda ,00 Strumenti fisici e informatici assegnati alla direzione Ufficio di Gabinetto Dipendente Livello C Tempo Indeterminato 1 50,00 Dipendente Livello D Tempo Indeterminato 2 30,00 Dirigente Tempo Determinato 1 25,00 Stampato il 15/04/2008 alle ore Dati Aggiornati il 15/04/2008 alle

47 (Obiettivo di mantenimento) A01 ATTIVITA' DI INFORMAZIONE Palumbo Giovanni LA PROVINCIA DI FIRENZE: UN PONTE FRA REALTA' ISTITUZIONALI E RAPPORTI INTERNAZIONALI ATTIVITA' DI INFORMAZIONE Ufficio di Gabinetto Le attività di informazione mirano a consolidare e sviluppare la qualità dei contenuti offerti per incrementare in maniera significativa la conoscenza delle attività e dei servizi espletate dalla Provincia di Firenze da parte di cittadini e imprese. Attività di informazione attraverso quotidiani e periodici (collaborazioni con agenzie di stampa e redazioni giornalistiche, servizi di informazione, rassegna stampa on line e creazione archivio digitale delle notizie, servizi di fotogiornalismo e rafforzamento archivio fotografico). Acquisizione di spazi pubblicitari su quotidiani e altri mezzi di comunicazione di massa e avvio campagne di comunicazione per rendere pubbliche attività istituzionale e promuovere attività e eventi organizzati dell'amministrazione provinciale. Informazione sulle attività e servizi dell'amministrazione provinciale tramite i mass media. Attuazione della Deliberazione della Giunta provinciale n 16 del 16 gennaio 2008 relativa all'affidamento "in house providing" alla società Florence Multimedia s.r.l. delle attività di informazione e ufficio stampa della Giunta provinciale Attivita numero comunicati stampa emessi 500,00 Ri/In Cap Ar Oggetto Capitolo Uscita SPESE PER ATTIVITA' DI INFORMAZIONE PALUMBO GIOVANNI ,00 Totale: ,00 Ri/In Cap Ar Dettaglio Attività Uscita Attività di informazione e ufficio stampa della Giunta provinciale: affidamento "in house providing" alla società Florence Multimedia s.r.l. in attuazione della Deliberazione della Giunta provinciale n 16 del 16 gennaio Inserzioni a contenuto informativo e pubblicitario (inserzione sugli elenchi telefonici alfabetici, pubblicazione estratti bilancio e conto consuntivo, campagne pubblicitarie e di comunicazione su quotidiani e periodici) Procedimento di cui all'articolo 41 del D.L.vo 177/2005 (raccolta dati spese pubblicitarie, comunicazione al Garante, adempimenti richiesta dal Garante) PALUMBO GIOVANNI ,00 PALUMBO GIOVANNI ,00 PALUMBO GIOVANNI 7.000,00 Servizi di informazione Agenzie di Stampa PALUMBO GIOVANNI ,00 Servizi di rassegna stampa on line - archivio digitale delle notizie riguardanti l'amministrazione provinciale PALUMBO GIOVANNI ,00 Servizi fotogiornalistici PALUMBO GIOVANNI ,00 Totale Capitolo ,00 Totale Scheda ,00 Stampato il 15/04/2008 alle ore Dati Aggiornati il 15/04/2008 alle

48 Strumenti fisici e informatici assegnati alla Direzione Ufficio di Gabinetto Dipendente Livello C Tempo Indeterminato 1 50,00 Dipendente Livello D Tempo Indeterminato 2 30,00 Dirigente Tempo Determinato 1 10,00 Stampato il 15/04/2008 alle ore Dati Aggiornati il 15/04/2008 alle

49 (Obiettivo di mantenimento) A01 PROGETTO MODA 2008 Palumbo Giovanni LA PROVINCIA DI FIRENZE: UN PONTE FRA REALTA' ISTITUZIONALI E RAPPORTI INTERNAZIONALI PROGETTO MODA Ufficio di Gabinetto Il Moda è stato avviato nell'anno 2007 con l'obiettivo di individuare e sviluppare un concetto moda capace di andare oltre i settori classici d'appartenenza quali l'abbigliamento, le calzature e gli accessori. Conseguentemente, nell'anno 2008, si intende proseguire con tutte le attività avviate nel 2007 e legate a processi di studio, ricerca e progettazione di strategie innovative d'impresa. Saranno inoltre organizzati nuovi eventi e nuove iniziative, sempre nell'ottica di promuovere i prodotti moda e di design interamente "italiani", veicolando il Made in Italy non solo attraverso le grandi maisons, ma anche grazie al saper fare fiorentino e a nuove forme di creatività giovanile, puntando, quindi, sulla tracciabilità del prodotto, sulla competitività e sull'innovazione. Proseguirà anche per il 2008 la scelta strategica effettuata nel 2007 di individuare sul territorio urbano locations di prestigio, allo scopo di favorire la riscoperta e conoscenza di importanti luoghi storici della città, posizionando Firenze nel mondo come città del lusso e città della moda 1099 Efficacia numero eventi organizzati 4,00 Ri/In Cap Ar Oggetto Capitolo Uscita PRESTAZIONI DI SERVIZI PER PROGETTO MODA PALUMBO GIOVANNI 1.200, REALIZZAZIONE DI EVENTI PER LA VALORIZZAZIONE DELLE IMPRESE LOCALI OPERANTI NELLA MODA E NEL DESIGN PALUMBO GIOVANNI , CONTRIBUTI PER PROGETTO MODA PALUMBO GIOVANNI 5.000,00 Totale: ,00 Stampato il 15/04/2008 alle ore Dati Aggiornati il 15/04/2008 alle

50 Ri/In Cap Ar Dettaglio Attività Uscita Realizzazione di iniziative nel settore della moda e del design a livello internazionale per esportare il sistema produttivo italiano nel mondo e diffondere la cultura del Made in Italy, avviando fasi di analisi e confronto tra i vari saperi manifatturieri presenti negli altri mercati puntando sull'innovazione tecnologica, sull'utilizzo di materie prime e su nuove strategie nel sistema produttivo ed economico, proponendo l'esclusività del prodotto italiano per la sua tracciabilità e competitività. Organizzazione di convegni e seminari. Partecipazione a mostre, saloni e fiere. Servizi di allestimento e catering. Produzione di materiale informativo e conoscitivo sia cartaceo che digitale. Servizi correlati PALUMBO GIOVANNI 1.200, Realizzazione di eventi di creatività urbana volti alla promozione e valorizzazione dei prodotti moda e di design proposti da giovani creativi fiorentini. Realizzazione di eventi spot e mediatici in locations di particolare prestigio, volti alla promozione, attraverso eventi fashion, del patrimonio storico, culturale ed artistico della provincia di Firenze. Organizzazione e allestimento di eventi e servizi di catering. Produzione di materiale informativo e conoscitivo sia cartaceo che digitale. Servizi correlati Contributi ad enti e soggetti organizzativi appartenenti al terzo settore, impegnati sul territorio in attività di ricerca e di studio applicate alle produzioni manifatturiere proprie dei settori moda e design Totale Capitolo 1.200,00 PALUMBO GIOVANNI ,00 Totale Capitolo ,00 PALUMBO GIOVANNI 5.000,00 Totale Capitolo 5.000,00 Totale Scheda ,00 Tutte le attrezzature informatiche e beni patrimoniali in dotazione all'ufficio di Gabinetto Dipendente Co. Co. Co ,00 Dipendente Livello C Tempo Indeterminato 1 100,00 Dipendente Livello D Tempo Indeterminato 1 30,00 Dirigente Tempo Determinato 1 15,00 Stampato il 15/04/2008 alle ore Dati Aggiornati il 15/04/2008 alle

- Altri servizi generali. QUADRO A Elementi specifici. Gestione Associata in Unione di comuni

- Altri servizi generali. QUADRO A Elementi specifici. Gestione Associata in Unione di comuni generali di amministrazione, di gestione e di controllo - Organi istituzionali, partecipazione e decentramento - Segreteria generale, Personale e Organizzazione - Gestione economica, Finanziaria, Programmazione,

Dettagli

TABELLA N. 4 MINISTERO DEL LAVORO E DELLE POLITICHE SOCIALI

TABELLA N. 4 MINISTERO DEL LAVORO E DELLE POLITICHE SOCIALI TABELLA N. 4 MINISTERO DEL LAVORO E DELLE POLITICHE SOCIALI 353 foglio 1 di 2 MINISTERO DEL LAVORO E DELLE POLITICHE SOCIALI (Tabella 04) 040/678 Indice analitico capitoli Capitolo UdV Foglio Capitolo

Dettagli

SERVIZIO CONSIGLIO Servizio Consiglio

SERVIZIO CONSIGLIO Servizio Consiglio REGOLAMENTO PER L'UTILIZZO DELLE RISORSE STRUMENTALI, UMANE E FINANZIARIE, DEL CONSIGLIO E DEI GRUPPI CONSILIARI E LA DISCIPLINA DELLE MISSIONI E DEI RIMBORSI SPESE DEI CONSIGLIERI Approvato con Deliberazione

Dettagli

Istituto Regionale di Studi Giuridici del Lazio Arturo Carlo Jemolo

Istituto Regionale di Studi Giuridici del Lazio Arturo Carlo Jemolo DI AFFIDARE al dott. Lorenzo Silipigni la responsabilità dei seguenti procedimenti amministrativi: (Affari istituzionali e amministrazione - Informazione e comunicazione) AFFARI ISTITUZIONALI E AMMINISTRAZIONE

Dettagli

Oggetto DISAVANZO DI AMMINISTRAZIONE SPESE PER INDENNITA' DI CARICA AI COMPONENTI DEL CONSIGLIO REGIONALE ( L.R. 29.10.2002 N. 38 E S.M.I. - ART.

Oggetto DISAVANZO DI AMMINISTRAZIONE SPESE PER INDENNITA' DI CARICA AI COMPONENTI DEL CONSIGLIO REGIONALE ( L.R. 29.10.2002 N. 38 E S.M.I. - ART. Macro Oggetto Residui Passivi al..21 Di Competenza Previsioni Definitive Di Cassa DISAVANZO DI AMMINISTRAZIONE 1 2 3 1 SPESE CORRENTI DI ISTITUZIONALE FUNZIONAME NTO ATTIVITA' ASSEMBLEA LEGISLATIVA FUNZIONAMENT

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA ANNI 2014-2015-2016 INDICE

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA ANNI 2014-2015-2016 INDICE PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA ANNI 2014-2015-2016 INDICE PREMESSA 1. Organizzazione e funzioni dell amministrazione 2. Obiettivi strategici in materia di trasparenza e integrità

Dettagli

Aree funzionali. Presidente. Segretario/Direttore Generale. Gabinetto della Presidenza. Polizia Provinciale. Rapporti Internazionali.

Aree funzionali. Presidente. Segretario/Direttore Generale. Gabinetto della Presidenza. Polizia Provinciale. Rapporti Internazionali. Aree funzionali Presidente Gabinetto della Presidenza Polizia Provinciale Rapporti Internazionali Segretario/Direttore Generale Avvocatura Area I Amministrativa Area II Finanziaria Area III Servizi alla

Dettagli

CONSIGLIO REGIONALE DELLA BASILICATA Allegato 10

CONSIGLIO REGIONALE DELLA BASILICATA Allegato 10 RELAZIONE TECNICA DI ACCOMPAGNAMENTO ALL ASSESTAMENTO DEL BILANCIO ANNUALE DI PREVISIONE PER L ESERCIZIO FINANZIARIO 2012 E PLURIENNALE PER GLI ESERCIZI FINANZIARI 2012-2014. Con l Assestamento del Bilancio

Dettagli

Programmi di Attività 2012

Programmi di Attività 2012 Programmi di Attività 2012 Gabinetto di Presidenza Servizio Informazione e comunicazione istituzionale Assemblea Legislativa 1 GABINETTO DI PRESIDENZA... 4 ATTIVITÀ DI RACCORDO FRA GIUNTA E ASSEMBLEA LEGISLATIVA

Dettagli

STATUTO DELL ISTITUTO SUPERIORE PER LE INDUSTRIE ARTISTICHE DI FIRENZE

STATUTO DELL ISTITUTO SUPERIORE PER LE INDUSTRIE ARTISTICHE DI FIRENZE STATUTO DELL ISTITUTO SUPERIORE PER LE INDUSTRIE ARTISTICHE DI FIRENZE Art. 1 Istituzione 1. L Istituto Superiore per le Industrie Artistiche (d ora in poi ISIA) di Firenze e stato istituito in forma sperimentale

Dettagli

REGOLAMENTO DEL CIVICO MUSEO ARCHEOLOGICO DI CAMAIORE

REGOLAMENTO DEL CIVICO MUSEO ARCHEOLOGICO DI CAMAIORE Comune di Camaiore 12 REGOLAMENTO DEL CIVICO MUSEO ARCHEOLOGICO DI CAMAIORE Approvato con deliberazione del C.C. n 50 del 26.07.2005 Ripubblicato il Regolamento dal 26/08/2005 al 09/09/2005 REGOLAMENTO

Dettagli

ART A. Agenzia Regionale Toscana Erogazioni Agricoltura (L.R. 19 novembre 1999, n. 60) DIREZIONE

ART A. Agenzia Regionale Toscana Erogazioni Agricoltura (L.R. 19 novembre 1999, n. 60) DIREZIONE Unità direttiva Segreteria di Direzione ART A Agenzia Regionale Toscana Erogazioni Agricoltura (L.R. 19 novembre 1999, n. 60) DIREZIONE a) assistenza agli organi dell Agenzia b) istruttoria preliminare

Dettagli

AUTORITA' PORTUALE DI PALERMO PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA 2014-2016 AGGIORNAMENTO 2015

AUTORITA' PORTUALE DI PALERMO PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA 2014-2016 AGGIORNAMENTO 2015 AUTORITA' PORTUALE DI PALERMO PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA 2014-2016 AGGIORNAMENTO 2015 Indice: 1. Premessa 1.1. Oggetto e principi generali 1.2. Fonti normative 2. Introduzione: Organizzazione

Dettagli

Comune di Marigliano Provincia di Napoli

Comune di Marigliano Provincia di Napoli Comune di Marigliano Provincia di Napoli REGOLAMENTO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE (Approvato con Delibera del Commissario Straordinario n. 15 del 01/02/2002) Art. 1 Istituzione del Servizio E istituito

Dettagli

Allegato 3 - Raccordo vecchi-nuovi progetti per missione e programma di bilancio

Allegato 3 - Raccordo vecchi-nuovi progetti per missione e programma di bilancio Etichette di riga nuovo progetto vecchio progetto ESPROVV FPV Totale Missione-programma 101 1172 Spese per il personale del programma Organi istituzionali 1172 121.330,02 121.330,02 1372 Spese per il personale

Dettagli

Modello di statuto per i musei di ente locale e di interesse locale

Modello di statuto per i musei di ente locale e di interesse locale REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA ASSESSORATO DELLA PUBBLICA ISTRUZIONE, BENI CULTURALI, INFORMAZIONE, SPETTACOLO E SPORT Modello di statuto per i musei di ente locale e di interesse locale Articolo 1 Istituzione...

Dettagli

L.R. 7/1988 B.U.R. 19/5/2010, n. 20 L.R. 18/1996 L.R. 8/2000. DELIBERA DELL UFFICIO DI PRESIDENZA DEL CONSIGLIO REGIONALE 27 aprile 2010, n.

L.R. 7/1988 B.U.R. 19/5/2010, n. 20 L.R. 18/1996 L.R. 8/2000. DELIBERA DELL UFFICIO DI PRESIDENZA DEL CONSIGLIO REGIONALE 27 aprile 2010, n. L.R. 7/1988 B.U.R. 19/5/2010, n. 20 L.R. 18/1996 L.R. 8/2000 DELIBERA DELL UFFICIO DI PRESIDENZA DEL CONSIGLIO REGIONALE 27 aprile 2010, n. 215 Unità organizzative di livello direzionale della Segreteria

Dettagli

COMUNE DI CRESPELLANO PROVINCIA DI BOLOGNA CONTO DEL BILANCIO - ELENCO RESIDUI ATTIVI E PASSIVI PER L'ANNO 2012

COMUNE DI CRESPELLANO PROVINCIA DI BOLOGNA CONTO DEL BILANCIO - ELENCO RESIDUI ATTIVI E PASSIVI PER L'ANNO 2012 PARTE ENTRATA E 00160 000 2012 IMPOSTA COMUNALE SULLA PUBBLICITA' 7.603,02 E 00191 000 2008 IMPOSTA COMUNALE SUGLI IMMOBILI ANNI PRECEDENTI 53.301,95 E 00191 000 2009 IMPOSTA COMUNALE SUGLI IMMOBILI ANNI

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA CONFERENZA CITTADINA DELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE AUTONOME STATALI E PARITARIE DELL INFANZIA E DEL PRIMO CICLO DI ISTRUZIONE

REGOLAMENTO DELLA CONFERENZA CITTADINA DELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE AUTONOME STATALI E PARITARIE DELL INFANZIA E DEL PRIMO CICLO DI ISTRUZIONE REGOLAMENTO DELLA CONFERENZA CITTADINA DELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE AUTONOME STATALI E PARITARIE DELL INFANZIA E DEL PRIMO CICLO DI ISTRUZIONE TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI Articolo 1 Finalità 1.1 Il

Dettagli

DELIBERA DELL UFFICIO DI PRESIDENZA DEL CONSIGLIO REGIONALE 30 ottobre 2013, n. 69

DELIBERA DELL UFFICIO DI PRESIDENZA DEL CONSIGLIO REGIONALE 30 ottobre 2013, n. 69 L.R. 52/1980 DELIBERA DELL UFFICIO DI PRESIDENZA DEL CONSIGLIO REGIONALE 30 ottobre 2013, n. 69 Regolamento di attuazione della legge regionale 28 ottobre 1980, n. 52 come modificata dalla legge regionale

Dettagli

SERVIZI DEMOGRAFICI E RELAZIONI CON IL PUBBLICO

SERVIZI DEMOGRAFICI E RELAZIONI CON IL PUBBLICO COMUNE di MARTELLAGO SCHEDE DI BUDGET 2012 SETTORE SERVIZI DEMOGRAFICI E RELAZIONI CON IL PUBBLICO SERVIZI Urp, Protocollo, Centralino e Messi (19) Dott.ssa Sonia Pattaro Responsabile Bilancio di previsione

Dettagli

STATO AVANZAMENTO PEG Competenza

STATO AVANZAMENTO PEG Competenza COMUNE DI BARLETTA PARTE II - SPESA Esercizio: Titolo 1 SPESE CORRENTI Funzion 01 FUNZIONI GENERALI DI AMMINISTRAZIONE, DI GESTIONE E DI Servizio 01. 01 0101 ORGANI ISTITUZIONALI, PARTECIPAZIONE E DECENTRAMENTO

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACQUISIZIONE DI BENI E SERVIZI IN ECONOMIA. Approvato dall AU - il 13/06/14

REGOLAMENTO PER L ACQUISIZIONE DI BENI E SERVIZI IN ECONOMIA. Approvato dall AU - il 13/06/14 REGOLAMENTO PER L ACQUISIZIONE DI BENI E SERVIZI IN ECONOMIA Approvato dall AU - il 13/06/14 ACQUISIZIONE DI BENI E SERVIZI IN ECONOMIA Art. 1 Oggetto 1. Il presente regolamento, tenuto conto delle specifiche

Dettagli

SICUREZZA DEI CITTADINI

SICUREZZA DEI CITTADINI 3.4 PROGRAMMA N 2 N. EVENTUALI PROGETTI NEL PROGRAMMA RESPONSABILE DR. PAOLO GIROTTI. 3.4.1 Descrizione programma L anno 2012 è stato caratterizzato dalla stabilizzazione della organizzazione del Corpo

Dettagli

DIREZIONE RISORSE FINANZIARIE

DIREZIONE RISORSE FINANZIARIE DIREZIONE RISORSE FINANZIARIE SERVIZIO ECONOMICO FINANZIARIO P.O. PROGRAMMAZIONE E BILANCIO E responsabile della formazione del bilancio di previsione annuale e pluriennale e della predisposizione relativi

Dettagli

Istituto per l'innovazione e trasparenza degli appalti e la compatibilità ambientale REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO INTERNO

Istituto per l'innovazione e trasparenza degli appalti e la compatibilità ambientale REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO INTERNO Istituto per l'innovazione e trasparenza degli appalti e la compatibilità ambientale REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO INTERNO Approvato dal CONSIGLIO DIRETTIVO nella seduta del 3 marzo 2009,

Dettagli

OGGETTO: RISPOSTA ALL INTERROGAZIONE N

OGGETTO: RISPOSTA ALL INTERROGAZIONE N Comune di Cinisello Balsamo Settore Gestione Risorse Servizio Entrate Cinisello Balsamo, 04 novembre 2014 Seg. Gen. n. 233/2014 Alla SEGRETERIA GENERALE Supporto Organi Collegiali SEDE OGGETTO: RISPOSTA

Dettagli

L.R. 23 gennaio 1998, n. 7

L.R. 23 gennaio 1998, n. 7 L.R. 23 gennaio 1998, n. 7 Istituzione del servizio volontario di vigilanza ambientale. Art. 01 - Istituzione e finalità del Servizio Volontario di Vigilanza Ambientale 1. La Regione Toscana riconosce,

Dettagli

BILANCIO CONSUNTIVO ESERCIZIO 2010

BILANCIO CONSUNTIVO ESERCIZIO 2010 ALLEGATO _ BILANCIO CONSUNTIVO ESERCIZIO 2010 DATI SIOPE DATI SIOPE Ai sensi dell articolo 2 del Decreto le Ministero dell Economia e delle Finanze n. 38666 del 23/12/2009 gli Enti Locali allegano al rendiconto

Dettagli

PROSPETTI DATI CONSUNTIVI SIOPE

PROSPETTI DATI CONSUNTIVI SIOPE P R O V I N C I A D I Settore Risorse Finanziarie S A S S A R I Allegato alla deliberazione del Consiglio Provinciale n. 15 del 30.04.2014 PROSPETTI DATI CONSUNTIVI SIOPE ESERCIZIO FINANZIARIO 2013 (ART.

Dettagli

Principi di funzionamento, di indirizzo e regolamentazione dell'albo pretorio e della notificazione e del deposito degli atti

Principi di funzionamento, di indirizzo e regolamentazione dell'albo pretorio e della notificazione e del deposito degli atti Principi di funzionamento, di indirizzo e regolamentazione dell'albo pretorio e della notificazione e del deposito degli atti Titolo I - Albo Pretorio Informatico 1. Albo Pretorio L Albo Pretorio on line

Dettagli

01 Funzioni generali di amministrazione, di gestione e di controllo 01 Organi istituzionali, partecipazione e decentramento

01 Funzioni generali di amministrazione, di gestione e di controllo 01 Organi istituzionali, partecipazione e decentramento 01 Funzioni generali di amministrazione, di gestione e di controllo 01 Organi istituzionali, partecipazione e decentramento importo di spesa 319.832,27 Competenze fisse per il personale a tempo indeterminato

Dettagli

COMUNE DI AGEROLA Provincia di Napoli. REGOLAMENTO COMUNALE del SERVIZIO di PROTEZIONE CIVILE

COMUNE DI AGEROLA Provincia di Napoli. REGOLAMENTO COMUNALE del SERVIZIO di PROTEZIONE CIVILE COMUNE DI AGEROLA Provincia di Napoli REGOLAMENTO COMUNALE del SERVIZIO di PROTEZIONE CIVILE 1 LEGENDA ABBREVIAZIONI Le dizioni per esteso saranno sintetizzate secondo le seguenti sigle: - Servizio Comunale

Dettagli

REGOLAMENTO DI PROTEZIONE CIVILE

REGOLAMENTO DI PROTEZIONE CIVILE N. 313 REGOLAMENTO DI PROTEZIONE CIVILE (Approvato con deliberazione G.C. n. mecc. 2006 00591/028 del 31 gennaio 2006) INDICE TITOLO I - DISPOSIZIONI GENERALI Articolo 1 - Ambito di applicazione Articolo

Dettagli

COMUNE BORGO SAN LORENZO FUNZIONIGRAMMA GESTIONALE

COMUNE BORGO SAN LORENZO FUNZIONIGRAMMA GESTIONALE COMUNE BORGO SAN LORENZO FUNZIONIGRAMMA GESTIONALE Allegato 2) Staff Segreteria ed Organi governo MACRO FUNZIONI 1. Segreteria Sindaco-Assessori 2. Comunicazione istituzionale 3. Ufficio relazioni con

Dettagli

REGOLAMENTO DI CONTABILITA

REGOLAMENTO DI CONTABILITA REGOLAMENTO DI CONTABILITA Approvato con deliberazione dell Ufficio di Presidenza n. 200 del 10/6/1996. Modificato con deliberazioni dell U.P. n. 270 del 18/7/1997, n. 74 del 20/10/1999, n. 204 dell 11/12/2001,

Dettagli

REGOLAMENTO SPESE DI RAPPRESENTANZA CONCESSIONE PATROCINI ADESIONE A COMITATI D ONORE

REGOLAMENTO SPESE DI RAPPRESENTANZA CONCESSIONE PATROCINI ADESIONE A COMITATI D ONORE Comune di Spilamberto REGOLAMENTO SPESE DI RAPPRESENTANZA CONCESSIONE PATROCINI ADESIONE A COMITATI D ONORE Approvato con deliberazione di Consiglio Comunale n. 45 del 28.05.2012, divenuta esecutiva ai

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI SOVVENZIONI, CONTRIBUTI, SUSSIDI ED AUSILI FINANZIARI, NONCHÉ PER L ATTRIBUZIONE DI VANTAGGI ECONOMICI DI QUALUNQUE

REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI SOVVENZIONI, CONTRIBUTI, SUSSIDI ED AUSILI FINANZIARI, NONCHÉ PER L ATTRIBUZIONE DI VANTAGGI ECONOMICI DI QUALUNQUE REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI SOVVENZIONI, CONTRIBUTI, SUSSIDI ED AUSILI FINANZIARI, NONCHÉ PER L ATTRIBUZIONE DI VANTAGGI ECONOMICI DI QUALUNQUE GENERE A FAVORE DI SOGGETTI PUBBLICI E PRIVATI Approvato

Dettagli

Unione Regionale delle Camere di Commercio, Industria, Artigianato, Agricoltura delle Marche STATUTO. (Anno 2011)

Unione Regionale delle Camere di Commercio, Industria, Artigianato, Agricoltura delle Marche STATUTO. (Anno 2011) Unione Regionale delle Camere di Commercio, Industria, Artigianato, Agricoltura delle Marche STATUTO (Anno 2011) INDICE: Art. 1 Costituzione, natura e sede Art. 2 Competenze e funzioni Art. 3 Rapporti

Dettagli

DISCIPLINARE RELATIVO ALLE DOTAZIONI STRUMENTALI, LOGISTICHE E DI SERVIZI PER I GRUPPI CONSILIARI E PER I MEMBRI DELL'ASSEMBLEA LEGISLATIVA

DISCIPLINARE RELATIVO ALLE DOTAZIONI STRUMENTALI, LOGISTICHE E DI SERVIZI PER I GRUPPI CONSILIARI E PER I MEMBRI DELL'ASSEMBLEA LEGISLATIVA DISCIPLINARE RELATIVO ALLE DOTAZIONI STRUMENTALI, LOGISTICHE E DI SERVIZI PER I GRUPPI CONSILIARI E PER I MEMBRI DELL'ASSEMBLEA LEGISLATIVA ASSEGNAZIONE LOCALI Ai gruppi consiliari, in riferimento alla

Dettagli

DIPARTIMENTO DI MEDICINA TRASLAZIONALE VIA SOLAROLI, 17 - NO BILANCIO DI PREVISIONE 2012

DIPARTIMENTO DI MEDICINA TRASLAZIONALE VIA SOLAROLI, 17 - NO BILANCIO DI PREVISIONE 2012 PARTE SPESE Codice Denominazione Previsioni definitive anno 2011 Dipartimento Medicina VARIAZIONI IN AUMENTO VARIAZIONI IN DIMINUZIONE previsione anno 2012 01 RISORSE UMANE 145.005,26 15.175,01 129.830,25

Dettagli

FUNZIONIGRAMMA DEL FONDO PENSIONI SICILIA

FUNZIONIGRAMMA DEL FONDO PENSIONI SICILIA FUNZIONIGRAMMA DEL FONDO PENSIONI SICILIA Allegato alla Delibera del Consiglio di Amministrazione n. 8 del 15 settembre 2010 AREA AFFARI GENERALI Compiti di segreteria del Direttore Attività di segreteria

Dettagli

REGOLAMENTO CONTABILE DEI CORPI DEI VIGILI DEL FUOCO VOLONTARI DELLA PROVINCIA DI TRENTO

REGOLAMENTO CONTABILE DEI CORPI DEI VIGILI DEL FUOCO VOLONTARI DELLA PROVINCIA DI TRENTO REGOLAMENTO CONTABILE DEI CORPI DEI VIGILI DEL FUOCO VOLONTARI DELLA PROVINCIA DI TRENTO (approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 34 del 12.09.2013) Art. 1 Esercizio finanziario 1. L esercizio

Dettagli

ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI ADOTTATE DAL COMMISSARIO STRAORDINARIO CON I POTERI DEL CONSIGLIO COMUNALE. Deliberazione n.

ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI ADOTTATE DAL COMMISSARIO STRAORDINARIO CON I POTERI DEL CONSIGLIO COMUNALE. Deliberazione n. Protocollo RC n. 31149/07 ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI ADOTTATE DAL COMMISSARIO STRAORDINARIO CON I POTERI DEL CONSIGLIO COMUNALE L anno duemilaotto, il giorno di lunedì dieci del mese di marzo,

Dettagli

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. Nome. CORAZZA STEFANO Data di nascita 11/06/1960 Qualifica. Dirigente II Fascia Amministrazione

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. Nome. CORAZZA STEFANO Data di nascita 11/06/1960 Qualifica. Dirigente II Fascia Amministrazione CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome CORAZZA STEFANO Data di nascita 11/06/1960 Qualifica Dirigente II Fascia Amministrazione UNIVERSITA DEGLI STUDI DI BOLOGNA Incarico attuale Dirigente - UNITA'

Dettagli

COMUNE DI PIANEZZA REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO

COMUNE DI PIANEZZA REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO COMUNE DI PIANEZZA REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO Allegato alla deliberazione del consiglio comunale 52 del 24 luglio 2003 1 ARTICOLO 1 Oggetto del regolamento 1. Il presente regolamento stabilisce

Dettagli

REGOLAMENTO SUGLI INTERVENTI DI VOLONTARIATO

REGOLAMENTO SUGLI INTERVENTI DI VOLONTARIATO REGOLAMENTO SUGLI INTERVENTI DI VOLONTARIATO Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 126 del 22.11.1999 www.comune.genova.it Regolamento sugli interventi di volontariato ART. 1 Finalità In

Dettagli

COMUNE DI CRESPELLANO PROVINCIA DI BOLOGNA CONTO DEL BILANCIO - ELENCO RESIDUI ATTIVI E PASSIVI PER L'ANNO 2010

COMUNE DI CRESPELLANO PROVINCIA DI BOLOGNA CONTO DEL BILANCIO - ELENCO RESIDUI ATTIVI E PASSIVI PER L'ANNO 2010 PARTE ENTRATA E 00190 000 2010 IMPOSTA COMUNALE IMMOBILI 1.336.000,00 E 00191 000 2007 IMPOSTA COMUNALE SUGLI IMMOBILI ANNI PRECEDENTI 37.420,44 E 00191 000 2008 IMPOSTA COMUNALE SUGLI IMMOBILI ANNI PRECEDENTI

Dettagli

Regione Lazio. Atti della Giunta Regionale e degli Assessori. 14/10/2014 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE LAZIO - N. 82 - Supplemento n.

Regione Lazio. Atti della Giunta Regionale e degli Assessori. 14/10/2014 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE LAZIO - N. 82 - Supplemento n. Regione Lazio Atti della Giunta Regionale e degli Assessori Deliberazione 7 ottobre 2014, n. 647 Istituzione dell'osservatorio regionale per l'attuazione della legge 7 aprile 2014, n. 56 «Disposizioni

Dettagli

PROSPETTO GENERALE DEI LIMITI DI DELEGA Allegato 2 DELEGATI CAPITOLI

PROSPETTO GENERALE DEI LIMITI DI DELEGA Allegato 2 DELEGATI CAPITOLI Cap. 110 - Compensi al Presidente ed ai Nei limiti previsti dalla legge. Membri dell'autorità Cap. 111 - Oneri previdenziali ed assistenziali a carico dell'autorità Cap. 112 - Rimborso spese di missione

Dettagli

SETTORE AFFARI GENERALI

SETTORE AFFARI GENERALI SETTORE AFFARI GENERALI SERVIZI: SEGRETERIA, LEGALE E AFFARI ISTITUZIONALI CONTRATTI E APPALTI SEGRETERIA SINDACO RELAZIONI ESTERNE U.R.P. CENTRO DI RESPONSABILITA : COD.02 FUNZIONI DEI SERVIZI SERVIZIO

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI FINANZIAMENTI E BENEFICI ECONOMICI AD ENTI PUBBLICI E SOGGETTI PRIVATI (art. 7 L.R. 31 LUGLIO 1993 n.

REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI FINANZIAMENTI E BENEFICI ECONOMICI AD ENTI PUBBLICI E SOGGETTI PRIVATI (art. 7 L.R. 31 LUGLIO 1993 n. REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI FINANZIAMENTI E BENEFICI ECONOMICI AD ENTI PUBBLICI E SOGGETTI PRIVATI (art. 7 L.R. 31 LUGLIO 1993 n. 13) APPROVATO CON DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N. 08 DI DATA

Dettagli

Funzioni generali di amministrazione, di gestione e di controllo

Funzioni generali di amministrazione, di gestione e di controllo QUESTIONARIO FP01U - amministrazione, di gestione e di controllo amministrazione, di gestione e di controllo QUADRO A Elementi specifici dell'ente e del territorio A01 A02 A03 Elementi specifici di competenza

Dettagli

VERIFICA DI META ANNO

VERIFICA DI META ANNO : dott. MASSIMILIANO GALLONI Centri di costo: 1... Servizio Intercomunale di Protezione Civile. VERIFICA DI META ANNO CORPO DI POLIZIA MUNICIPALE RENO GALLIERA : Massimiliano Galloni OBIETTIVI PERMANENTI

Dettagli

UNIONE COLLINE MATILDICHE (Provincia di Reggio nell'emilia)

UNIONE COLLINE MATILDICHE (Provincia di Reggio nell'emilia) UNIONE COLLINE MATILDICHE (Provincia di Reggio nell'emilia) BILANCIO DI 2015 - UNIONE COLLINE MATILDICHE - bilancio di previsione 2015 - ENTRATE Codice Cen. Descrizione bilancio Cst 2015 2016 0 100 9000

Dettagli

REGOLAMENTO SULL ORGANIZZAZIONE DELL UFFICIO RELAZIONI CON IL PUBBLICO DELLA PROVINCIA DI FORLI -CESENA. Ai sensi della legge 150/2000

REGOLAMENTO SULL ORGANIZZAZIONE DELL UFFICIO RELAZIONI CON IL PUBBLICO DELLA PROVINCIA DI FORLI -CESENA. Ai sensi della legge 150/2000 REGOLAMENTO SULL ORGANIZZAZIONE DELL UFFICIO RELAZIONI CON IL PUBBLICO DELLA PROVINCIA DI FORLI -CESENA Ai sensi della legge 150/2000 Art 1. Principi generali La Provincia di Forlì - Cesena, attraverso

Dettagli

PROGRAMMA OPERATIVO PER L ANNO 2015

PROGRAMMA OPERATIVO PER L ANNO 2015 CONSIGLIO REGIONALE DEL VENETO PROGRAMMA OPERATIVO PER L ANNO 2015 SERVIZIO ATTIVITA E RAPPORTI ISTITUZIONALI 47 Scheda Progetto 28.1 PROSECUZIONE INIZIATIVE ED EVENTI DI PRESTIGIO E DI QUALITA' CULTURALE

Dettagli

COMUNE DI CARLINO PROVINCIA DI UDINE REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI E DEL PATROCINIO ALLE ASSOCIAZIONI E AD ENTI PUBBLICI E PRIVATI

COMUNE DI CARLINO PROVINCIA DI UDINE REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI E DEL PATROCINIO ALLE ASSOCIAZIONI E AD ENTI PUBBLICI E PRIVATI COMUNE DI CARLINO PROVINCIA DI UDINE REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI E DEL PATROCINIO ALLE ASSOCIAZIONI E AD ENTI PUBBLICI E PRIVATI APPROVATO con deliberazione del C.C. n. 30 del 29/09/2009

Dettagli

COMUNE DI CARPINETI Provincia di Reggio Emilia REGOLAMENTO GENERALE PER L'ARCHIVIO COMUNALE

COMUNE DI CARPINETI Provincia di Reggio Emilia REGOLAMENTO GENERALE PER L'ARCHIVIO COMUNALE COMUNE DI CARPINETI Provincia di Reggio Emilia REGOLAMENTO GENERALE PER L'ARCHIVIO COMUNALE TITOLO I Principi fondamentali Art. 1 FUNZIONE DELL'ARCHIVIO 1. Ai sensi del D. Lgs.22 gennaio 2004, n. 42 (Codice

Dettagli

REGOLAMENTO DI ECONOMATO

REGOLAMENTO DI ECONOMATO C O M U N E D I N E R V I A N O Città Metropolitana di Milano REGOLAMENTO DI ECONOMATO Approvato con deliberazione n. 48/C.C. del 26.9.2013 e modificato con deliberazioni n. 6/C.C. del 26.2.2015 e n. 40/C.C.

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 2013-2015

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 2013-2015 PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 2013-2015 Indice 1.PREMESSA 1.1 I contenuti del Programma triennale della trasparenza e l integrità 2.ORGANIZZAZIONE E SOGGETTI RESPONSABILI DELLA PUBBLICAZIONE

Dettagli

COMUNE DI BARIANO Provincia di Bergamo REGOLAMENTO COMUNALE PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO

COMUNE DI BARIANO Provincia di Bergamo REGOLAMENTO COMUNALE PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO COMUNE DI BARIANO Provincia di Bergamo REGOLAMENTO COMUNALE PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO Approvato con delibera C.C. n. 2 del 04.04.2012 Sommario: Titolo I - Economato Art. 1 - Il servizio di economato

Dettagli

COMUNE DI RIO SALICETO Provincia di Reggio Emilia

COMUNE DI RIO SALICETO Provincia di Reggio Emilia Allegato A Del. di Giunta comunale n. 69 del 30 luglio 2014 COMUNE DI RIO SALICETO Provincia di Reggio Emilia PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ 2014 2016 (art. 10 del D. Lgs. 14 marzo

Dettagli

REGOLAMENTO SULL ORDINAMENTO GENERALE DEGLI UFFICI E DEI SERVIZI

REGOLAMENTO SULL ORDINAMENTO GENERALE DEGLI UFFICI E DEI SERVIZI 88 REGOLAMENTO SULL ORDINAMENTO GENERALE DEGLI UFFICI E DEI SERVIZI L AVVOCATURA COMUNALE APPROVATO DALLA GIUNTA COMUNALE CON DELIBERAZIONE N. 424 reg./456 Prop.Del. NELLA SEDUTA DEL 04/12/2014 Art. 1

Dettagli

ALBO REGIONALE DEI PERITI, DEGLI ISTRUTTORI E DEI DELEGATI TECNICI

ALBO REGIONALE DEI PERITI, DEGLI ISTRUTTORI E DEI DELEGATI TECNICI L.R. 08 Gennaio 1986, n. 8 Istituzione dell' albo regionale dei periti, degli istruttori e dei delegati tecnici per il conferimento di incarichi connessi ad operazioni in materia di usi civici (1) TITOLO

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA TRIENNIO 2015-2017. (ai sensi dell art.10 del D.Lgs. 33/2013)

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA TRIENNIO 2015-2017. (ai sensi dell art.10 del D.Lgs. 33/2013) Allegato 1) COMUNE DI PAVIA PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA TRIENNIO 2015-2017 (ai sensi dell art.10 del D.Lgs. 33/2013) PREMESSA Il tema della trasparenza quale principio fondamentale

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL COORDINAMENTO DELLE GUARDIE VENATORIE VOLONTARIE DELLA PROVINCIA DI AREZZO

REGOLAMENTO PER IL COORDINAMENTO DELLE GUARDIE VENATORIE VOLONTARIE DELLA PROVINCIA DI AREZZO REGOLAMENTO PER IL COORDINAMENTO DELLE GUARDIE VENATORIE VOLONTARIE DELLA PROVINCIA DI AREZZO Approvato con delibera C.P. n. 51 del 07/05/1998 Art.1 Servizio di vigilanza volontaria La Provincia di Arezzo

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E INTEGRITÀ ANNI 2012-13-14

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E INTEGRITÀ ANNI 2012-13-14 PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E INTEGRITÀ ANNI 2012-13-14 Le modifiche normative intervenute, nell ambito dell ampio programma di riforma della Pubblica Amministrazione, impongono agli Enti Locali

Dettagli

STATUTO DELLA. "Associazione MODA E MODI. per una cultura della moda e per una moda di cultura" --==oo0oo==-- TITOLO I. Art. 1. Denominazione e sede

STATUTO DELLA. Associazione MODA E MODI. per una cultura della moda e per una moda di cultura --==oo0oo==-- TITOLO I. Art. 1. Denominazione e sede Allegato "A" al n. STATUTO DELLA "Associazione MODA E MODI per una cultura della moda e per una moda di cultura" o più brevemente: "Associazione MODA E MODI" --==oo0oo==-- TITOLO I Art. 1 Denominazione

Dettagli

A relazione dell'assessore Ferrari:

A relazione dell'assessore Ferrari: REGIONE PIEMONTE BU48 03/12/2015 Deliberazione della Giunta Regionale 9 novembre 2015, n. 21-2388 Approvazione Protocollo di Intesa fra la Caritas Diocesana di Vercelli, il Comune di Vercelli, la Provincia

Dettagli

Interventi regionali per agevolare l accesso al credito alle imprese artigiane

Interventi regionali per agevolare l accesso al credito alle imprese artigiane LEGGE REGIONALE 16 dicembre 1996, N. 34 Interventi regionali per agevolare l accesso al credito alle imprese artigiane (BURL n. 51, 1º suppl. ord. del 19 Dicembre 1996 ) urn:nir:regione.lombardia:legge:1996-12-16;34

Dettagli

COMUNE DI PALAGIANO. Provincia di Taranto. Regolamento DEL MUSEO CIVICO NARRACENTRO

COMUNE DI PALAGIANO. Provincia di Taranto. Regolamento DEL MUSEO CIVICO NARRACENTRO COMUNE DI PALAGIANO Provincia di Taranto Regolamento DEL MUSEO CIVICO NARRACENTRO Approvato con Delibera di C.C. n. 12 del 19 marzo 2012 ART. 1 Denominazione e sede Il Museo Civico di Palagiano denominato

Dettagli

Amministrazione Missione Categoria CE2 Codice Gestionale Erario Tesoreria Esterno Pagato Totale 001 - COMPETENZE FISSE 143 - ASSEMBLEE LEGISLATIVE

Amministrazione Missione Categoria CE2 Codice Gestionale Erario Tesoreria Esterno Pagato Totale 001 - COMPETENZE FISSE 143 - ASSEMBLEE LEGISLATIVE 02 - MINISTERO DELL'ECONOMIA E DELLE FINANZE 01 - Organi costituzionali, a rilevanza costituzionale e Presidenza del Consiglio dei ministri 04 - TRASFERIMENTI CORRENTI AD AMMINISTRAZIONI PUBBLICHE 01-

Dettagli

All. A1 alla delibera di Giunta n. 78 del 13 marzo 2009

All. A1 alla delibera di Giunta n. 78 del 13 marzo 2009 L.R. 75/97 Presentazione progetto anno 2009 DENOMINAZIONE SOGGETTO RICHIEDENTE indirizzo città c.a.p. prov. telefoni fax e-mail cod. fisc. sito web part. IVA Forma giuridica del richiedente (ente locale,

Dettagli

Deliberazione del Consiglio di Amministrazione

Deliberazione del Consiglio di Amministrazione . Prot. N. ORIGINALE ESTRATTO DI Deliberazione del Consiglio REGISTRO DELLE DELIBERAZIONI DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE ISTITUTO SUPERIORE REGIONALE ETNOGRAFICO NUORO Deliberazione del Consiglio di

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI IN CONTO INTERESSI PER ATTIVITA AGRICOLE

REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI IN CONTO INTERESSI PER ATTIVITA AGRICOLE 1 C O M U N E D I S C I A R A P R O V I N C I A D I P A L E R M O REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI IN CONTO INTERESSI PER ATTIVITA AGRICOLE IV SETTORE : CORPO POLIZIA MUNICIPALE ED ATTIVITÀ

Dettagli

Ministero per i Beni e le Attività Culturali DIREZIONE GENERALE PER GLI AFFARI GENERALI, IL BILANCIO, LE RISORSE UMANE E LA FORMAZIONE

Ministero per i Beni e le Attività Culturali DIREZIONE GENERALE PER GLI AFFARI GENERALI, IL BILANCIO, LE RISORSE UMANE E LA FORMAZIONE IL DIRETTORE GENERALE VISTO il decreto legislativo 20 ottobre 1998, n. 368, e successive modificazioni; VISTO il decreto legislativo 8 gennaio 2004, n. 3; VISTO il decreto legislativo 22 gennaio 2004,

Dettagli

COMUNE DI VILLAGRANDE STRISAILI

COMUNE DI VILLAGRANDE STRISAILI COMUNE DI VILLAGRANDE STRISAILI Provincia dell Ogliastra REGOLAMENTO PER LA GESTIONE, L AGGIORNAMENTO E LA TENUTA DEL SITO WEB ISTITUZIONALE Approvato con deliberazione di Consiglio Comunale n. 6 del 9/4/2014

Dettagli

Parco Naturale Regionale delle Serre REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELLE SPONSORIZZAZIONI

Parco Naturale Regionale delle Serre REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELLE SPONSORIZZAZIONI Parco Naturale Regionale delle Serre REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELLE SPONSORIZZAZIONI Approvato con Deliberazione del Commissario straordinario n. 25 del 27/06/2011 1 ART. 1 Premesse 1. Il presente Regolamento

Dettagli

COMUNE DI BRESCELLO REGOLAMENTO GENERALE PER GLI ARCHIVI COMUNALI

COMUNE DI BRESCELLO REGOLAMENTO GENERALE PER GLI ARCHIVI COMUNALI COMUNE DI BRESCELLO REGOLAMENTO GENERALE PER GLI ARCHIVI COMUNALI Approvato con delibera di Consiglio Comunale n. 67 del 29.12.2005 In vigore dal 26.02.2006 TITOLO I Principi fondamentali Art. 1 FUNZIONE

Dettagli

Programma triennale per la trasparenza e integrità

Programma triennale per la trasparenza e integrità Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Istituto Comprensivo Statale Don Lorenzo Milani via Trieste 21 20029 Turbigo Tel 0331 899 168 Fax 0331 897 861 e-mail uffici istituto@comprensivoturbigo.gov.it

Dettagli

Giovanni Fernando Massa

Giovanni Fernando Massa F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Giovanni Fernando Massa Indirizzo Telefono uff. 0971/417409 Cell.uff. Fax E-mail VIALE DELLE MEDAGLIE OLIMPICHE,10-85100

Dettagli

C I T T À D I S P I N E A ARTICOLAZIONE DEGLI UFFICI DI MASSIMA DIMENSIONE (MACROSTRUTTURA) E RELATIVE MACRO COMPETENZE

C I T T À D I S P I N E A ARTICOLAZIONE DEGLI UFFICI DI MASSIMA DIMENSIONE (MACROSTRUTTURA) E RELATIVE MACRO COMPETENZE Allegato A C I T T À D I S P I N E A ARTICOLAZIONE DEGLI UFFICI DI MASSIMA DIMENSIONE (MACROSTRUTTURA) E RELATIVE MACRO COMPETENZE Settore PROGRAMMAZIONE E FINANZA SUPPORTO ALLA DIREZIONE GENERALE - Programmazione

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ ANNI 2014-2015-2016

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ ANNI 2014-2015-2016 17 luglio 2014 Allegato E PIANO TRIENNALE PER LA PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE E DELLA ILLEGALITA PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ ANNI 2014-2015-2016 PREMESSA II presente documento

Dettagli

COMUNE DI COSTA VOLPINO Piazza Caduti di Nassiriya n.3 - c.a.p. 24062 - Prov. di BG Cod. Fisc. e P.IVA: 00 572 300 168

COMUNE DI COSTA VOLPINO Piazza Caduti di Nassiriya n.3 - c.a.p. 24062 - Prov. di BG Cod. Fisc. e P.IVA: 00 572 300 168 AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI RISTORAZIONE SCOLASTICA NELLE SCUOLE PER L INFANZIA E PRIMARIE STATALI DEL TERRITORIO COMUNALE DI COSTA VOLPINO - AA. SS. 2014/2015 2015/2016 2016/2017- RELAZIONE AI SENSI DELL

Dettagli

PROVINCIA DI FROSINONE

PROVINCIA DI FROSINONE PROVINCIA DI FROSINONE DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA PROVINCIA N. 171 del 05/11/2015 OGGETTO: DECRETO PRESIDENZIALE N. 53 DEL 23.12.2014 E SS. MM.. INTEGRAZIONI L anno 2015 addì 05 del mese di Novembre

Dettagli

Regolamento per la Valorizzazione dell attività scientifica ed il Trasferimento dei risultati

Regolamento per la Valorizzazione dell attività scientifica ed il Trasferimento dei risultati Regolamento per la Valorizzazione dell attività scientifica ed il Trasferimento dei risultati Premessa L Ateneo svolge attività di diffusione e promozione della ricerca scientifica sostenendo la partecipazione

Dettagli

PROVINCIA DI VICENZA

PROVINCIA DI VICENZA PROVINCIA DI VICENZA Contrà Gazzolle n. 1 36100 VICENZA C. Fisc. P. IVA 00496080243 DELIBERAZIONE DEL COMMISSARIO STRAORDINARIO nell'esercizio dei poteri della Giunta Provinciale N. 125 DEL 07/07/2014

Dettagli

REGOLAMENTO DELL'ARCHIVIO COMUNALE TITOLO I. Principi fondamentali

REGOLAMENTO DELL'ARCHIVIO COMUNALE TITOLO I. Principi fondamentali REGOLAMENTO DELL'ARCHIVIO COMUNALE TITOLO I Art. 1 FUNZIONE DELL'ARCHIVIO Principi fondamentali 1. Ai sensi del D.Lgs. 22 gennaio 2004 n. 42 e del D.P.R. 28 dicembre 2000 n. 445, l'amministrazione Comunale

Dettagli

INCASSI PER CODICI GESTIONALI SIOPE Pagina 1

INCASSI PER CODICI GESTIONALI SIOPE Pagina 1 INCASSI PER CODICI GESTIONALI SIOPE Pagina 1 Ente Codice 025616978 Ente Descrizione AMMINISTRAZIONE PROVINCIALE DI MONZA E DELLA BRIANZA Categoria Province - Comuni - Citta' metropolitane - Unioni di Comuni

Dettagli

REGOLAMENTO 9 gennaio 2014, n. 1. PROCEDURE PER LA NOMINA E L IMPIEGO DELLE GUARDIE ZOOFILE" (legge regionale n. 16 del 2001) LA GIUNTA REGIONALE

REGOLAMENTO 9 gennaio 2014, n. 1. PROCEDURE PER LA NOMINA E L IMPIEGO DELLE GUARDIE ZOOFILE (legge regionale n. 16 del 2001) LA GIUNTA REGIONALE REGOLAMENTO 9 gennaio 2014, n. 1 PROCEDURE PER LA NOMINA E L IMPIEGO DELLE GUARDIE ZOOFILE" (legge regionale n. 16 del 2001) LA GIUNTA REGIONALE ha deliberato IL PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE visto

Dettagli

ISTITUZIONI RIUNITE DI IMOLA. Approvato con deliberazione n. 26 del 27/06/2013

ISTITUZIONI RIUNITE DI IMOLA. Approvato con deliberazione n. 26 del 27/06/2013 ISTITUZIONI RIUNITE DI IMOLA REGOLAMENTO PER L ACQUISIZIONE IN ECONOMIA DI BENI E SERVIZI Approvato con deliberazione n. 26 del 27/06/2013 OGGETTO DEL REGOLAMENTO Il presente regolamento disciplina la

Dettagli

a) curricula dei titolari di posizioni Pubblicato Aggiornamento

a) curricula dei titolari di posizioni Pubblicato Aggiornamento COMUNE DI TERNO D ISOLA Provincia di Bergamo PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA (P.T.T.I.) 2014/2016 1. INTRODUZIONE: ORGANIZZAZIONE E FUNZIONI DELL ENTE Il Comune di Terno d Isola è

Dettagli

Deliberazione della Giunta Comunitaria

Deliberazione della Giunta Comunitaria Deliberazione della Giunta Comunitaria N 48 Reg. Data 17/09/2012 OGGETTO: SERVIZIO PUBBLICO DI CONSULTAZIONE TELEMATICA CATASTALE PRESSO LO SPORTELLO CATASTALE DECENTRATO DI QUESTA COMUNITA MONTANA.APPROVAZIONE

Dettagli

Bilancio di previsione 2015 - Per funzioni

Bilancio di previsione 2015 - Per funzioni DATA DI CREAZIONE: 19 gennaio Bilancio di previsione - Per funzioni Adempimento ai sensi dell art. 29 del d.lgs 33/2013 ENTRATE PER PROVENIENZA A Trasferimenti pubblici A.1 Contributo statale annuale 8.471.000,00

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA 2014-2016

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA 2014-2016 PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA 2014-2016 Approvato dal Consiglio di Amministrazione in data 22 dicembre 2014 INDICE Premessa I contenuti del Programma triennale della trasparenza pag.3 pag.4 Misure

Dettagli

CONSIGLIO DELL ORDINE DEGLI AVVOCATI DI FROSINONE REGOLAMENTO INTERNO DEL COA DI FROSINONE

CONSIGLIO DELL ORDINE DEGLI AVVOCATI DI FROSINONE REGOLAMENTO INTERNO DEL COA DI FROSINONE REGOLAMENTO INTERNO DEL COA DI FROSINONE PREAMBOLO Il presente Regolamento disciplina l attività del Consiglio dell Ordine Forense di Frosinone nell osservanza delle disposizioni legislative in materia

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE ACQUISIZIONI DI BENI E SERVIZI IN ECONOMIA

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE ACQUISIZIONI DI BENI E SERVIZI IN ECONOMIA Approvato con deliberazione di C.C. n. 14 del 10.03.2006 Modificato con deliberazione di C.C. n. 29 del 25.05.2007 e n. 5 del 24.01.2012 REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE ACQUISIZIONI DI BENI E SERVIZI

Dettagli

PROVINCIA DI CARBONIA IGLESIAS

PROVINCIA DI CARBONIA IGLESIAS PROVINCIA DI CARBONIA IGLESIAS GIUNTA PROVINCIALE Delibera n 178 Data: 01.08.2011 Approvazione parametri per la definizione del fondo di funzionamento a favore degli Istituti Scolastici di 2 grado della

Dettagli

Direttore DIREZIONE. Direttore

Direttore DIREZIONE. Direttore DIREZIONE Rapporti istituzionali relativi ai Comuni del Parco e dei SIC di competenza, all Area Marina Protetta, alla rete dei Parchi, Conferenza tecnica, rete CEA e INFEA Segreteria Presidente e Rapporti

Dettagli