REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA"

Transcript

1 Deliberazione n. 2/2005 REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA composta dai magistrati: Dott. Enrico Gustapane Presidente Dott. Mario Donno Consigliere (relatore) Dott. Donato Maria Fino Consigliere (relatore) Dott. Antonio Caruso Consigliere (relatore) Dott. Giorgio Cancellieri Dott. Lucia d Ambrosio Consigliere Referendario nell adunanza del 22 febbraio 2005 Visto il testo unico delle leggi sulla Corte dei conti, approvato con R. D. 12 luglio 1934, n. 1214; Vista la legge 21 marzo 1953, n.161, che modifica il testo unico; Vista la legge 14 gennaio 1994, n. 20; Vista la legge 5 giugno 2003, n. 131, in particolare, l articolo 7, commi 7, 8 e 9; Vista la deliberazione delle Sezioni Riunite della Corte dei conti n. 14/2000 del 16 giugno 2000 concernente l approvazione del Regolamento per l organizzazione delle funzioni di controllo della Corte dei conti, modificato con le 1

2 deliberazioni delle Sezioni riunite n. 2/2003 del 3 luglio 2003 e n. 1 del 17 dicembre 2004; Vista la deliberazione n. 43 del 30 ottobre 2003, con la quale le Sezioni Riunite della Corte dei conti hanno definito il quadro programmatico, i criteri e gli indirizzi di coordinamento del controllo successivo sulla gestione per il 2004; Vista la deliberazione di questa Sezione n. 9 del 19 novembre 2003 con la quale è stato approvato il programma del controllo successivo sulla gestione della Regione Lombardia per l anno 2004; Vista l ordinanza del Presidente della Sezione n. 9/2003 del 2 dicembre 2003, con la quale sono stati attribuiti ai magistrati gli incarichi per lo svolgimento dell attività di controllo per il 2004; Viste le seguenti relazioni dei magistrati istruttori, riguardanti la gestione della Regione Lombardia: 1. Consigliere Mario Donno: relazione sulla gestione del bilancio (esercizio finanziario 2003); 2. Consigliere Donato Maria Fino: relazione sulla gestione dell agricoltura; 3. Consigliere Antonio Caruso: relazione sulla gestione del servizio sanitario; 4. Consigliere Antonio Caruso: relazione sulla gestione dell Azienda sanitaria locale Milano 2 ; Viste le note, datate 21 dicembre 2004, con le quali i magistrati istruttori hanno inviato all amministrazione regionale lo schema delle relazioni per le eventuali deduzioni; 2

3 Vista l ordinanza n. 1/2005 del 31 gennaio 2005 con la quale il Presidente ha convocato la Sezione per l adunanza odierna, per l esame delle relazioni citate; Vista la memoria del Direttore generale dell Azienda sanitaria locale Milano 2 ricevuta l 11 gennaio 2005; Vista la memoria del Direttore generale della Sanità della Regione Lombardia ricevuta il 21 gennaio 2005; Vista la memoria del Direttore generale dell Agricoltura della Regione Lombardia ricevuta il 21 gennaio Uditi i relatori, consiglieri Mario Donno, Donato Maria Fino e Antonio Caruso. Sentito il Presidente della Regione Lombardia, Roberto Formigoni, DELIBERA sono approvate le seguenti relazioni riguardanti la gestione della Regione Lombardia: Gestione del bilancio (esercizio finanziario 2003); Gestione dell Agricoltura; Gestione del servizio sanitario; Gestione dell Azienda sanitaria locale Milano 2. Le relazioni saranno comunicate al Presidente del Consiglio regionale e saranno inviate al Presidente della Regione. 3

4 Il Presidente (Enrico Gustapane) I relatori: Mario Donno Donato Maria Fino Antonio Caruso Depositata in Segreteria il 23 febbraio

5 CORTE DEI CONTI SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA Relazione sulla gestione del bilancio della regione Lombardia Esercizio Finanziario 2003 Consigliere Mario Donno Relazione al Consiglio regionale (ai sensi dell art. 3 legge 14 gennaio 1994, n. 20 e dell art. 7 della legge 5 giugno 2003, n. 131) 5

6 Hanno collaborato all elaborazione della relazione: Dr.ssa Maria Grazia Mei Sig. ra Elisa Navisse Sig.ra Caterina Li Calsi 6

7 I N D I C E PREMESSA... 6 PRIMA PARTE GLI ASPETTI ISTITUZIONALI I - IL NUOVO RUOLO DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE Il processo di riforma degli ordinamenti amministrativi Le nuove attese del cittadino nei confronti della P.A

8 II - LA NUOVA STRUTTURAZIONE ORGANIZZATIVA E IL RUOLO CENTRALE DEL DIRIGENTE. MODALITA DI RECEPIMENTO DA PARTE DELLA REGIONE LOMBARDIA Un nuovo modello della P.A Recepimento del modello manageriale negli enti locali Recepimento del modello dirigenziale in Regione Lombardia La struttura organizzativa della Regione Lombardia Il Sistema Informativo di Organizzazione e Personale (SIOP)...44 III - LA NUOVA IMPOSTAZIONE FINANZIARIA Esigenze da cui derivano le nuove regole contabili I nuovi principi in materia di bilancio e contabilità delle Regioni L impostazione finanziaria della regione Lombardia...52 IV - IL FEDERALISMO FISCALE I principi costituzionali Evoluzione del sistema tributario degli enti territoriali Il vigente sistema tributario degli enti territoriali La perequazione...66 V ALTRI ASPETTI ISTITUZIONALI DI RILIEVO Attività svolta per la riscrittura dello Statuto L incidente aereo del 18 aprile Il quadro dell economia regionale...72 SECONDA PARTE GLI ASPETTI FUNZIONALI I GLI STRUMENTI DELLA PROGRAMMAZIONE E DEL CONTROLLO REGIONALE Posizione del tema Il programma regionale di sviluppo Il documento di programmazione economico-finanziaria regionale La legge finanziaria e le leggi collegate Il bilancio pluriennale Il bilancio annuale

9 7. Il documento tecnico Il bilancio di direzione Il rendiconto generale Il rapporto di gestione...97 II - IL RENDICONTO GENERALE DELLA GESTIONE FINANZIARIA RELATIVA AL Generalità Le previsioni definitive di bilancio La gestione delle entrate La gestione delle spese Il risultato di amministrazione Il conto del patrimonio Risultati generali della gestione patrimoniale L indebitamento complessivo Il servizio sanitario regionale: gli aspetti finanziari III IL RAPPORTO DI GESTIONE A) Aspetti generali B) Il primo Volume Le condizioni generali di contesto Le trasformazioni del contesto economico Il federalismo Le intese istituzionali Le scelte organizzative La situazione finanziaria L attuazione delle politiche C) Il secondo Volume Parte I Gli strumenti di Governo Le intese istituzionali e gli accordi di programmi quadro Gli indirizzi finanziari per il 2003: DPEFR, legge finanziaria e collegati Il partenariato La finanza locale La programmazione comunitaria La gestione degli Enti e delle Società regionali Parte II La gestione delle risorse finanziarie

10 1. Andamento e risultato della gestione finanziaria I costi di funzionamento Personale e relativo costo Beni di consumo Servizi Il Patto di stabilità interno La spesa sanitaria Gli strumenti finanziari integrati Parte III La gestione degli aspetti organizzativi: personale e risorse strumentali Il personale L E-Government e i sistemi informativi La comunicazione La gestione dei beni patrimoniali D) Il terzovolume IV - LE ENTRATE REGIONALI Le entrate proprie della Regione Lombardia A) Quota regionale dell accisa erariale sulla benzina per autotrazioni (l.r. 10/2003 D.lgs. 56/2000) B) Tributo speciale per il deposito in discarica dei rifiuti solidi (ll.rr. 13/ /2003 L.S. 549/1995) C) Addizionale all imposta di consumo sul gas metano(l.r. 10/2003 LL.SS. 102/ /1990) D) Tassa automobilistica regionale (ll.rr. 60/1973, 71/1982, 64/1990, 10/2003 D.lgs.504/1992 LL.SS. 281/1970, 158/1990, 444) E) Addizionale regionale all imposta sul reddito delle persone fisiche (l.r. 10/2003 DD.Lgs. 446/1997, 56/200) F) Imposta regionale sulle concessioni statali di beni del demanio e del patrimonio indisponibile ed addizionale regionale sui canoni demaniali (ll.rr. 2/1971, 50/1983, 14/1986, 10/2003 L.S. 281/1970)

11 G) Riscossione dei canoni di concessione delle utenze di acqua pubblica (l.r. 34/98) H) Tassa sulle concessioni regionali (ll.rr. 2/1971, 14/1974, 84/1985, 29/1987, 43/1987, 24/1989, 66/1990, 14/1998, 10/2003; D.lgs. 504/1992; LL.SS. 281/1970, 158/1990) I) Imposta regionale sulle attività produttive (l.r. 10/2003; DD.lgs. 446/97, 56/2000) L) Imposta regionale sulle emissioni sonore degli aeromobili (IRESA) La manovra fiscale decisa dalla Regione Lombardia per il Politica dei canoni per l uso del demanio idrico La politica degli sconti fiscali sulla vendita di benzine nelle zone di confine Attività di accertamento e recupero crediti A) Attività di recupero crediti relativa alle tasse di concessione regionali B) Attività di accertamento tassa automobilistica V - ANALISI FINANZIARIA DEI DATI DI CONSUNTIVO DELLA REGIONE LOMBARDIA Le entrate Le spese VI - L ATTIVITÀ CONTRATTUALE Riferimenti normativi VII - CONSIDERAZIONI E VALUTAZIONI CONCLUSIVE Allegati: 442 Legenda indicatori finanziari 443 Tabelle finanziarie

12 PREMESSA L analisi che questa Sezione ha svolto sulla gestione regionale relativa al 2003 si collega con le analoghe già effettuate per i precedenti esercizi e ne costituisce continuazione e sviluppo. La relazione sarà messa a disposizione del Consiglio regionale, mediante consegna al suo Presidente, come stabilisce la legge n. 20/1994. La relativa stesura è stata effettuata sulla base del programma approvato dalla Sezione con deliberazione n. 9 del Quest ultimo provvedimento è stato tempestivamente inviato al Presidente del Consiglio regionale, perché fosse data informazione all organo rappresentativo regionale delle materie oggetto di analisi. Analoga comunicazione è stata fatta al Presidente della Giunta regionale. I settori oggetto di rilevazione sono stati individuati negli equilibri di bilancio, nella gestione della sanità e dell agricoltura. Per quanto riguarda la fondamentale gestione del bilancio, ha ritenuto la Sezione di dover operare una ricognizione complessiva degli aspetti finanziari e organizzativi che costituiscono il riferimento obbligato per l esercizio di ogni competenza e attività dell amministrazione regionale. L attenzione è stata incentrata sia sulle regole, che sulla struttura operativa. Le prime, rappresentando il quadro di riferimento istituzionale, sono state passate in rassegna inserendo la normativa propria regionale in una più ampia riflessione sulle regole finanziarie e organizzative di tutto il settore pubblico, con la finalità di cogliere il significato oltre che per l effettività che esse possono esprimere, anche per l assonanza con l ordinamento generale. In tale intendimento sono stati proposti gli opportuni riferimenti concettuali che sono alla base degli impianti finanziari e organizzativi di tutto il settore pubblico, da quello statale a quello degli enti locali, per pervenire quindi alla rappresentazione dell impianto specifico regionale. Non vi è dubbio che già da tempo le pubbliche amministrazioni risultano investite da un bisogno di riforma che si è già tradotto in regole giuridiche nuove, 12

13 rispondenti ad una maggiore attenzione al cittadino e ad un più efficiente funzionamento della macchina amministrativa. Trattasi di processo di riforma che riguarda tutti gli ambiti della Pubblica Amministrazione e che influenza i singoli settori in cui la stessa si articola. La comprensione delle regole finanziarie e organizzative proprie della Regione si è pertanto arricchita della considerazione che tali regole hanno avuto in via generale nelle altre partizioni dell ordinamento. Per tale ragione le stesse sono state considerate nel significato complessivo che hanno assunto prima nell ordinamento generale e poi in quello specifico regionale. Alla rassegna delle regole generali è seguita l analisi della impostazione finanziaria e organizzativa propria della Regione, avviata con il richiamo della produzione normativa propria dell ente, cui è seguita la rappresentazione della concreta attività svolta in sede attuativa delle regole stesse. Allo scopo è stato utilizzato un rilevante complesso documentale, nel quale hanno avuto un ruolo di grande importanza la relazione al conto consuntivo e il rapporto di gestione. Da tale complesso è stato possibile ricavare una ricognizione della struttura finanziaria e organizzativa regionale che è apparso opportuno riportare nella relazione per allargare l orizzonte conoscitivo. La svolta illustrazione della logica accolta nella stesura del referto giustifica la divisione dello stesso in due parti, cui accede una terza riservata alle considerazioni della Sezione. La prima delle due parti è rivolta a rappresentare non solo la realtà ma anche i fermenti che sono alla base dell impianto strutturale dell amministrazione regionale, che con espressione sintetica è stata definita quale attinente agli aspetti istituzionali. La seconda è chiamata a descrivere il concreto funzionamento della macchina amministrativa regionale, con illustrazione degli strumenti utilizzati, nonché con la rappresentazione dei dati finanziari e organizzativi relativi all anno in esame, con valenza oltre che per sé stessi, anche in un quadro comparativo con gli esercizi pregressi. La strutturazione della relazione avrà pertanto il seguente sviluppo. 13

14 Nell ambito della prima parte viene proposta una riflessione sulle ragioni storiche e giuridiche che sono alla base del processo di riforma degli ordinamenti amministrativi, con l emergere di un nuovo ruolo della Pubblica Amministrazione. Poiché tale processo ha determinato la necessità di una nuova strutturazione organizzativa dell Amministrazione, viene rappresentato l innovativo modello che emerge dalla legislazione e le linee configurative che lo caratterizzano. In particolare, viene dato risalto sia alla figura centrale del processo innovativo, costituita dal pubblico dirigente, che all acquisizione nell ambito strutturale delle Pubbliche Amministrazioni delle regole del diritto privato e della logica imprenditoriale. La rappresentazione del nuovo modello è finalizzata alla verifica del grado di acquisizione dello stesso nella struttura organizzativa e funzionale propria della Regione. Avendo il processo di riforma comportato la necessità che le regole relative alla conformazione organizzativa trovino completamento nella impostazione finanziaria, la relazione passa in rassegna il processo generale di evoluzione della normativa relativa alla gestione finanziaria, con puntualizzazione della nuova impostazione del bilancio, strutturato su base programmatica e funzionale alle verifiche di risultato. Anche su tale tema il punto centrale è costituito dalla ricognizione delle regole riguardanti la contabilità regionale e del modo con cui le stesse realizzano l innovazione. Conclude la prima parte una riflessione sul federalismo. Nel precedente referto è stato proposto tale tema nell ambito dei nuovi principi accolti dalla legge di riforma del titolo V, parte II, della Costituzione e nell ambito del tema dei rapporti tra i soggetti pubblici dell ordinamento. E stato evidenziato che la novella costituzionale ridisegna non solo le competenze dei soggetti di autonomia territoriale, ma definisce altresì una nuova impostazione dei rapporti tra questi e lo Stato, con introduzione del principio di equiordinazione politica e giuridica di tutti i soggetti dell ordinamento, nonché di quello di sussidiarietà. La presente relazione intende completare la rassegna del tema del federalismo sviluppandolo anche sul versante dell autonomia finanziaria e delle risorse su cui basarla. 14

15 Il tema del federalismo fiscale è stato affrontato quale passaggio da una finanza alimentata in prevalenza da trasferimenti ad un altra indirizzata a ricavare le risorse necessarie da un imposizione riferita al territorio, sia quale finanza propria, che quale finanza compartecipata. Dalla finanza accentrata dei primi anni settanta si perviene attraverso un complesso sviluppo legislativo al D.Lgs.vo n. 56/2000, considerato il punto di partenza di un processo di finanza autonoma degli enti territoriali. La seconda parte della relazione si propone di analizzare le regole e le modalità operative degli aspetti funzionali propri dell amministrazione regionale, che allo scopo utilizza risorse finanziarie e patrimoniali e si avvale per lo svolgimento dell attività di una complessa struttura organizzativa. Vengono in prima considerazione gli strumenti della programmazione e del controllo, i quali costituiscono la base e la guida della concreta attività amministrativa svolta dalla Regione. La rappresentazione investe tutti gli strumenti dei quali vengono passati in rassegna i riferimenti normativi e i contenuti. Particolare attenzione è stata data alla Relazione al rendiconto generale e al Rapporto di gestione, documenti dai quali sono state ricavate le informazioni di base sulle quali è stata operata la descrizione degli aspetti finanziari e gestionali dell amministrazione regionale. Ha ritenuto la Sezione di soffermarsi particolarmente sul rapporto di gestione in quanto esso costituisce il principale strumento attraverso il quale è stato possibile acquisire la conoscenza dell attività gestionale svolta dalla dirigenza amministrativa regionale. Conclude la relazione una parte dedicata alle valutazioni che la Sezione ha ritenuto di poter ricavare dalle svolte analisi. 15

16 PRIMA PARTE GLI ASPETTI ISTITUZIONALI 16

17 I - IL NUOVO RUOLO DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE 1. Il processo di riforma degli ordinamenti amministrativi Negli anni 90 il legislatore nazionale ha raccolto la spinta proveniente dalla società rivolta alla riforma del sistema pubblico. Particolare attenzione è stata rivolta dal legislatore all Amministrazione pubblica per realizzare il bisogno di una sua riforma, con la formulazione di importanti testi normativi attinenti: a) ad una maggiore attenzione nei confronti del cittadino, con l introduzione di nuove regole di trasparenza dei pubblici poteri e di responsabilità a carico dei pubblici operatori (normativa sul procedimento e sulle responsabilità); b) ad uno spostamento di larghe fasce di competenze dell amministrazione statale centrale a favore di quella autonoma periferica, con semplificazione delle procedure (normativa sul decentramento e sulla semplificazione); c) ad un ridisegno dei modelli organizzativi e gestionali propri delle funzioni di governo, allo scopo di realizzare maggiore efficienza degli apparati e più precisa individuazione delle responsabilità (nuova normativa sulla struttura organizzativa e sulle regole finanziarie, con ridisegno della dirigenza pubblica); d) ad un ripensamento dell attività di controllo funzionale alle nuove regole organizzative, finanziarie e gestionali (normativa sui controlli). In proposito, costituisce ormai dato acquisito quello secondo cui l evoluzione delle concezioni relative allo svolgimento delle funzioni pubbliche amministrative ruota essenzialmente intorno allo slittamento progressivo dall obiettivo tradizionale e quasi esclusivo di garantire regolarità e legittimità all azione dei pubblici poteri a quello, in aggiunta al primo, di assicurare e misurare l efficienza e l efficacia del modo in cui le strutture amministrative attuano le rispettive politiche. Non è, pertanto, ritenuta sufficiente la sola legalità sostanziale, cioè la conformità a legge dei comportamenti amministrativi, essendo necessaria altresì la realizzazione dei risultati prefissati. Trattasi di una profonda evoluzione della concezione della P.A. chiamata non più soltanto ad esercitare i poteri connessi alle competenze riconosciutele, bensì a proporsi obiettivi e dimostrarne la realizzazione. 17

18 Conseguentemente anche l antico controllo di legittimità si evolve nel controllo gestionale, distinto in relazione ai tempi di esercizio e ai soggetti che lo esplicano in controllo di gestione e controllo sulla gestione. Il progetto complessivo di riforma si connota, oltre che con un ripensamento generale delle regole organizzative e finanziarie della funzione amministrativa, anche con la progressiva e consistente acquisizione nella P.A. di istituti e regole proprie del diritto privato, particolarmente di quelli legati alla logica imprenditoriale privata. In tal modo si tende a realizzare, oltre che con la revisione delle procedure amministrative e con la loro semplificazione, una accelerazione delle risposte dell Amministrazione alle domande del cittadino utente anche mediante l utilizzo di regole estranee al settore pubblico e ricavate dal diritto privato, regole queste ultime idonee a realizzare un immediato contatto con la realtà economica con la quale il pubblico operatore è chiamato a confrontarsi ed in grado di fornire soluzioni alle esigenze di adattamento alla stessa realtà economica. 18

19 2. Le nuove attese del cittadino nei confronti della P.A. La legge 241 del 1990 ha introdotto un nuovo modello procedimentale fondato su una concezione di alternatività tra burocrazia e partecipazione, secondo il quale la P.A. si trasforma da mera esecutrice di volontà legislative a vera e propria struttura di governo. L attenzione si sposta dall atto, quale momento centrale del rapporto coll utente, all organizzazione. Tale trasformazione ha determinato conseguenze rilevanti sia sul procedimento amministrativo, che sulle responsabilità degli operatori interni all Amministrazione. Il primo, il procedimento, oltre ad essere la forma giuridica di manifestazione intersoggettiva del pubblico potere, è il luogo ove gli interessi di singoli o di gruppi estranei all apparato burocratico vengono acquisiti e soggettivizzati in una trama essenzialmente organizzativa nell ambito della quale, mediante la partecipazione e il confronto di tutti gli interessi, viene realizzata la legalità e la giustizia del provvedere. Esigenze organizzative che obbligano l Amministrazione di dotarsi dei necessari strumenti di lavoro, ossia ottimizzare le risorse per essere in grado di individuare e selezionare gli interessi coinvolti nel procedimento. In ordine al secondo aspetto, quello relativo alle responsabilità, emerge l importanza che all interno della struttura vengano specificati i compiti e i doveri di coloro che sono chiamati a curare gli interessi dei cittadini e a dare risposte concrete alle loro domande. Con la nuova legge sul procedimento e sulla partecipazione si determina la necessità del riorientamento delle funzioni e dell organizzazione amministrativa, vicenda nella quale trovano un ruolo fondamentale i dirigenti pubblici. Espressione di tale necessità è il D.Lgs.vo 3 febbraio 1993 n. 29, che conferisce alla dirigenza amministrativa compiti diversi e più ampi rispetto alla precedente normativa, a cui fa riscontro l assunzione di responsabilità connesse al raggiungimento di risultati certi e verificabili. Il nuovo provvedimento, con i suoi successivi emendamenti migliorativi, recepisce il modello aziendale ripartendo in modo netto le competenze tra organi d indirizzo (politici) e organi di gestione (dirigenti), riconoscendo tuttavia che per ottenere una gestione aziendalistica è necessario il concorso di altre condizioni: 19

20 a) la connessione tra obiettivi e risorse di bilancio, nel senso che queste ultime devono essere ripartite ogni anno, a cura del titolare del potere d indirizzo, tra le grandi articolazioni dell amministrazione, intese come centri di costo, in relazione agli indirizzi ed agli obiettivi che ogni struttura è chiamata a realizzare; b) funzionale a tale connessione è una nuova impostazione della struttura di base della gestione finanziaria, tale da evidenziare anche la ripartizione delle risorse finanziarie tra i responsabili della gestione; c) l introduzione presso ogni singola amministrazione di forme di controllo sui risultati complessivi della gestione, da svolgere per mezzo di appositi uffici di controllo interno (o di nuclei di valutazione) con riferimento sia al rapporto costi/rendimento, sia all attuazione degli indirizzi ricevuti; d) la necessità che venga introdotto un sistema di valutazione della responsabilità dei dirigenti per i risultati complessivi di gestione, con accoglimento normativo di criteri specificamente orientati a tale finalità. Nel momento del varo delle riforme i dirigenti pubblici si sono trovati a fronteggiare fenomeni complessi, senza avere a disposizione mezzi sufficienti per fronteggiarli. Infatti il metodo programmatorio e la fissazione degli obiettivi si sono scontrati con le situazioni d incertezza esistenti nell ambiente in cui la P.A. era chiamata ad operare, con la necessità di inventare giorno per giorno metodi di dialogo con la collettività e con i titolari dell indirizzo politico. Col passare del tempo il D.Lgs.vo 29/1993 ha acquistato il valore di punto di partenza di un più ampio processo di riforma globale della P.A. e con la selezione di settori di intervento assai articolati: la procedimentalizzazione della funzione amministrativa, il lavoro dirigenziale basato su obiettivi e valutato per risultati, la trasformazione del bilancio dello Stato da bilancio per oggetti di spesa in bilancio per programmi e progetti. La visione complessiva di tale mosaico legislativo consente di leggere il modello culturale di fondo, inteso a realizzare la creazione di un contesto nuovo e favorevole all effettivo equilibrio tra efficienza e garanzia; nonché la necessaria connessione tra riforma della struttura dei bilanci pubblici e attribuzione alla dirigenza amministrativa dell autonomia nella gestione della spesa commisurata agli obiettivi da raggiungere, con una revisione del sistema dei controlli idoneo a verificarne la realizzazione. 20

21 In tale quadro normativo i dirigenti sono chiamati a costituire un collegamento tra società e politici, tra consenso e scelte fondamentali, ponendosi pertanto tra due forze sociali che devono trovare in loro una mediazione per indurre il consenso e le scelte a questo legate in una capacità operativa. Trova pertanto giustificazione in tale compito di collegamento il passaggio dalla vecchia dirigenza al management, funzione che applica, pur con forme di esercizio assai diverse, principi comuni per la P.A. e l impresa, corrispondenti ai valori dell efficienza, dell efficacia, dell economicità e dell organizzazione della complessità per il raggiungimento degli obiettivi proposti. I due diversi modelli di management, quello privato e quello pubblico, si differenziano profondamente in relazione al diverso contesto istituzionale in cui sono collocati ed alla natura dei processi da governare. In comune hanno il compito di rispondere alle domande di governo espresse nel settore privato dalla proprietà e nel settore pubblico dai politici. Per rimanere nell ambito pubblico, nell attuale contesto di gestione dell innovazione e del cambiamento il management amministrativo ha due missioni essenziali da svolgere: a) proporsi in termini di alta professionalità allo scopo di evitare appiattimenti amorfi e passivi su posizioni tradizionali; b) dominare la complessità organizzativa creando un alto valore aggiunto nel trasformare la disponibilità di risorse in risultati, cioè produrre ricchezza da destinare al soddisfacimento di bisogni collettivi. Le riflessioni esposte inducono a considerare che gli aspetti di fondo del processo di riforma, ai quali si annodano tutti gli altri aspetti del processo stesso, siano essenzialmente due: a) una nuova strutturazione organizzativa propria della funzione amministrativa che esalti la figura del dirigente, quale responsabile della realizzazione degli obiettivi propri dell amministrazione; b) una ridisegnata impostazione finanziaria funzionale alle esigenze proprie del nuovo modello organizzativo. Il prosieguo della presente esposizione intende affrontare tali temi, con la esclusiva finalità di predisporre la base concettuale necessaria per comprendere in quali modi la Regione Lombardia ha dato attuazione a tale processo di riforma. 21

22 II - LA NUOVA STRUTTURAZIONE ORGANIZZATIVA E IL RUOLO CENTRALE DEL DIRIGENTE. MODALITA DI RECEPIMENTO DA PARTE DELLA REGIONE LOMBARDIA 1. Un nuovo modello della P.A. Le analisi che verranno sviluppate muovono dalla constatazione che sin dall ultimo decennio del secolo scorso è stato avviato un processo di riforma complessiva della P.A. Hanno avuto un ruolo decisivo da un lato i problemi di finanza pubblica, con la necessità di un superamento degli stessi ai fini della divisata convergenza nei parametri fissati ai fini della partecipazione al sistema Euro; dall altro l insufficiente funzionamento dei servizi pubblici resi al cittadino. Nel volgere di pochi lustri si è passati da un modello della P.A. fermo al rispetto delle norme e, quindi, caratterizzato dal formalismo giuridico, verso una nuova impostazione del sistema amministrativo orientato al servizio del cittadino ed ispirato ai principi di matrice aziendale privata di efficienza, efficacia ed economicità. L obiettivo di superare la tradizionale logica organizzativa, basata su un modello piramidale che individua al vertice il referente politico, mediante un nuovo modello ispirato all impresa privata, con un ruolo decisivo del manager pubblico, ha determinato non solo un cambiamento sotto il profilo strutturale, cioè quello della ripartizione dei poteri e delle responsabilità, ma anche con riguardo a quello proprio funzionale, con esaltazione del criterio del risultato rispetto a quello dell adempimento. Il dibattito ha consentito comunque di evidenziare che le caratteristiche dell attività della P.A. non consentono una gestione di tipo totalmente aziendalistico, svolgendosi la stessa nel solco dei principi costituzionali di legalità, imparzialità, buon andamento ed eguaglianza nell esercizio delle funzioni pubbliche. E stato invece acquisito il concetto secondo cui la riforma deve significare che la P.A:., in sede di attuazione dei suoi compiti, possa utilmente giovarsi di un consistente utilizzo di regole proprie dell attività privata e, quindi, in determinati settori possa essere gestita alla stregua di un azienda privata. Per converso, è emerso in modo significativo che tale acquisizione concettuale non comporta che 22

Il modello di organizzazione pubblica, con particolare riferimento agli enti locali: principi, criteri e strumenti

Il modello di organizzazione pubblica, con particolare riferimento agli enti locali: principi, criteri e strumenti Master in gestione e innovazione nelle amministrazioni pubbliche Il modello di organizzazione pubblica, con particolare riferimento agli enti locali: principi, criteri e strumenti Giuseppe Panassidi 1

Dettagli

Regolamento di organizzazione delle strutture amministrative dell Università degli Studi di Teramo

Regolamento di organizzazione delle strutture amministrative dell Università degli Studi di Teramo Regolamento di organizzazione delle strutture amministrative dell Università degli Studi di Teramo Articolo 1 Finalità ed obiettivi 1. Il presente regolamento definisce le linee fondamentali di organizzazione

Dettagli

SCHEMA DI FUNZIONAMENTO DEL PROCESSO E DEGLI STRUMENTI DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE NEL COMUNE DI VEDUGGIO CON COLZANO

SCHEMA DI FUNZIONAMENTO DEL PROCESSO E DEGLI STRUMENTI DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE NEL COMUNE DI VEDUGGIO CON COLZANO Allegato SCHEMA DI FUNZIONAMENTO DEL PROCESSO E DEGLI STRUMENTI DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE NEL COMUNE DI VEDUGGIO CON COLZANO a) Ciclo della performance Il sistema di misurazione e

Dettagli

COMUNE DI RIVANAZZANO TERME PROVINCIA DI PAVIA

COMUNE DI RIVANAZZANO TERME PROVINCIA DI PAVIA COMUNE DI RIVANAZZANO TERME PROVINCIA DI PAVIA CRITERI DI MISURAZIONE, VALUTAZIONE E TRASPARENZA DELLA PERFORMANCE ESTRATTO DAL REGOLAMENTO SULL ORDINAMENTO DEGLI UFFICI E DEI SERVIZI APPROVATO CON ATTO

Dettagli

AGENZIA PER LE EROGAZIONI IN AGRICOLTURA PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 2011-2013

AGENZIA PER LE EROGAZIONI IN AGRICOLTURA PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 2011-2013 AGENZIA PER LE EROGAZIONI IN AGRICOLTURA PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 2011-2013 (Articolo 11 del decreto legislativo n. 150/2009) INDICE 1. Introduzione pag. 3 2. Selezione dei

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO MOBILIARE

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO MOBILIARE REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO MOBILIARE INDICE Art. 1 - Ambito di applicazione Ambito di applicazione 1 TITOLO I PRINCIPI GENERALI Art. 2 - Finalità del processo di gestione del patrimonio

Dettagli

E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE

E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE Provincia di Palermo Sede legale: Prizzi Corso Umberto I Tel 091 8344507 Fax 091 8344507 Codice fiscale 97178810822 REGOLAMENTO RELATIVO AL SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE Art. 1

Dettagli

ORGANISMO INDIPENDENTE DI VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE

ORGANISMO INDIPENDENTE DI VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali ORGANISMO INDIPENDENTE DI VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE

Dettagli

Il Ministro dei beni e delle attività culturali e del turismo

Il Ministro dei beni e delle attività culturali e del turismo VISTA la legge 7 agosto 1990, n. 241 e successive modificazioni; VISTO il decreto legislativo 20 ottobre 1998, n. 368 e successive modificazioni; VISTO il decreto legislativo 30 luglio 1999, n. 300 e successive

Dettagli

A Il D.Lgs. 77/1995 e il D.Lgs. 267/2000

A Il D.Lgs. 77/1995 e il D.Lgs. 267/2000 Finanza, contabilità e revisione economico-finanziaria Sommario 1 L ordinamento contabile: fonti normative. 2 Il regolamento di contabilità. 3 Gli strumenti della programmazione finanziaria. 4 Il rendiconto

Dettagli

REGOLAMENTO RECANTE LA DISCIPLINA DELLA MISURAZIONE, DELLA VALUTAZIONE, DELLA RENDICONTAZIONE E DELLA TRASPARENZA DELLA PERFORMANCE

REGOLAMENTO RECANTE LA DISCIPLINA DELLA MISURAZIONE, DELLA VALUTAZIONE, DELLA RENDICONTAZIONE E DELLA TRASPARENZA DELLA PERFORMANCE COMUNE DI PATU Provincia di Lecce - Regolamento Comunale - REGOLAMENTO RECANTE LA DISCIPLINA DELLA MISURAZIONE, DELLA VALUTAZIONE, DELLA RENDICONTAZIONE E DELLA TRASPARENZA DELLA PERFORMANCE Approvato

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO DELLA FONDAZIONE CASSA DI RISPARMIO IN BOLOGNA

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO DELLA FONDAZIONE CASSA DI RISPARMIO IN BOLOGNA REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO DELLA FONDAZIONE CASSA DI RISPARMIO IN BOLOGNA Approvato dal Collegio di Indirizzo In data 21 dicembre 2015 AMBITO DI APPLICAZIONE TITOLO I PRINCIPI GENERALI

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO INDICE Art. 1 Ambito di applicazione TITOLO I PRINCIPI GENERALI Art. 2 Finalità del processo di gestione del patrimonio Art. 3 Fondo stabilizzazione erogazioni

Dettagli

SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE TRIENNIO 2015-2017

SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE TRIENNIO 2015-2017 SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE TRIENNIO 2015-2017 Il Ciclo di gestione della valutazione dei risultati: le fasi. pag. 2 a) definizione e assegnazione degli obiettivi che si intendono

Dettagli

Regolamento del sistema di controlli interni (art.147 e ss. del T.U.E.L.)

Regolamento del sistema di controlli interni (art.147 e ss. del T.U.E.L.) COMUNE DI PORTO SAN GIORGIO (PROVINCIA DI FERMO) Alleg.B Regolamento del sistema di controlli interni (art.147 e ss. del T.U.E.L.) Approvato con deliberazione del Consiglio comunale n. 5, in data 28.01.2016

Dettagli

COMUNE DI CORCIANO PROVINCIA DI PERUGIA REGOLAMENTO SUL SISTEMA DEI CONTROLLI INTERNI

COMUNE DI CORCIANO PROVINCIA DI PERUGIA REGOLAMENTO SUL SISTEMA DEI CONTROLLI INTERNI COMUNE DI CORCIANO PROVINCIA DI PERUGIA REGOLAMENTO SUL SISTEMA DEI CONTROLLI INTERNI ALLEGATO ALLA DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N. 10 DEL 19 MARZO 2015 CAPO I PRINCIPI GENERALI Art. 1 Oggetto

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ D.Lgs. 33/2013 art.10 1 PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ D.Lgs. 33/2013, art. 10 Il D.Lgs. n. 33/2013, nel modificare, in parte,

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO DELLA FONDAZIONE PESCARABRUZZO

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO DELLA FONDAZIONE PESCARABRUZZO REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO DELLA FONDAZIONE PESCARABRUZZO Approvato dal Comitato di Indirizzo nella seduta del 20 marzo 2015 Sommario TITOLO I - PREMESSE... 3 1. Ambito di applicazione...

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO Approvato dal Consiglio di Indirizzo nella seduta del 14 febbraio 2014 1 SOMMARIO AMBITO DI APPLICAZIONE Pag. 3 1. PRINCIPI GENERALI Pag. 3 1.1. Finalità del

Dettagli

Sistema di Valutazione della Performance del Segretario Comunale

Sistema di Valutazione della Performance del Segretario Comunale Sistema di Valutazione della Performance del Segretario Comunale In applicazione dell art. 7 del D. Lgs. 150/2009 recante Attuazione della legge 4 marzo 2009, n. 15, in materia di ottimizzazione della

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE SUI CONTROLLI INTERNI

REGOLAMENTO COMUNALE SUI CONTROLLI INTERNI REGOLAMENTO COMUNALE SUI CONTROLLI INTERNI Articolo 1 OGGETTO 1. Il presente regolamento ha ad oggetto il sistema dei controlli interni come previsti dagli articoli 147 e seguenti del decreto legislativo

Dettagli

Intervento del Signor Ragioniere Generale dello Stato dott. Mario Canzio

Intervento del Signor Ragioniere Generale dello Stato dott. Mario Canzio Intervento del Signor Ragioniere Generale dello Stato dott. Mario Canzio Convegno su Processi di decentramento e rilancio dello sviluppo. Investimenti pubblici, infrastrutture e competitività Banca Intesa

Dettagli

METODOLOGIA DI PESATURA DELLE POSIZIONI ORGANIZZATIVE PER L ASSEGNAZIONE DELLA RETRIBUZIONE DI POSIZIONE

METODOLOGIA DI PESATURA DELLE POSIZIONI ORGANIZZATIVE PER L ASSEGNAZIONE DELLA RETRIBUZIONE DI POSIZIONE Allegato alla D.G.C. n. 63 del 07/09/2011 COMUNE DI CALCATA Provincia di Viterbo METODOLOGIA DI PESATURA DELLE POSIZIONI ORGANIZZATIVE PER L ASSEGNAZIONE DELLA RETRIBUZIONE DI POSIZIONE Considerazioni

Dettagli

IL Ministro per la pubblica amministrazione e l innovazione, Le Regioni, le Province e i Comuni, le Organizzazioni sindacali, concordano quanto segue.

IL Ministro per la pubblica amministrazione e l innovazione, Le Regioni, le Province e i Comuni, le Organizzazioni sindacali, concordano quanto segue. IL Ministro per la pubblica amministrazione e l innovazione, Le Regioni, le Province e i Comuni, le Organizzazioni sindacali, concordano quanto segue. La pubblica amministrazione è stata oggetto negli

Dettagli

L Assessore degli Affari Generali, Personale e Riforma della Regione riferisce quanto segue.

L Assessore degli Affari Generali, Personale e Riforma della Regione riferisce quanto segue. Oggetto: Definizione dell assetto organizzativo della Direzione generale della Protezione Civile e modifica dell assetto organizzativo della Direzione generale del Corpo Forestale e di Vigilanza Ambientale.

Dettagli

COMUNE DI CUNEO Regolamento sui controlli interni

COMUNE DI CUNEO Regolamento sui controlli interni COMUNE DI CUNEO Regolamento sui controlli interni (art. 147 del TUELL 267/2000, modificato dal D.L. 174/2012 convertito nella legge 213/2012) INDICE Parte 1^ Premesse generali Art. 1 Finalità e ambito

Dettagli

Legge Regionale n. 33 Norme sugli interventi regionali per il diritto allo studio universitario IL PRESIDENTE DELLA GIUNTA.

Legge Regionale n. 33 Norme sugli interventi regionali per il diritto allo studio universitario IL PRESIDENTE DELLA GIUNTA. Legge Regionale n. 33 Norme sugli interventi regionali per il diritto allo studio universitario Il Consiglio regionale ha approvato La seguente legge Art. 1 (Oggetto) IL PRESIDENTE DELLA GIUNTA Promulga

Dettagli

COMUNE DI CASTELVETRANO Provincia di Trapani REGOLAMENTO PER LA GESTIONE, MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE

COMUNE DI CASTELVETRANO Provincia di Trapani REGOLAMENTO PER LA GESTIONE, MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE COMUNE DI CASTELVETRANO Provincia di Trapani REGOLAMENTO PER LA GESTIONE, MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE Città di Castelvetrano Regolamento per la gestione, misurazione e valutazione della

Dettagli

DISCIPLINA DELL ASSETTO ISTITUZIONALE, ORGANIZZATIVO E GESTIONALE DEGLI IRCCS BURLO GAROFOLO DI TRIESTE E C.R.O. DI AVIANO

DISCIPLINA DELL ASSETTO ISTITUZIONALE, ORGANIZZATIVO E GESTIONALE DEGLI IRCCS BURLO GAROFOLO DI TRIESTE E C.R.O. DI AVIANO DISCIPLINA DELL ASSETTO ISTITUZIONALE, ORGANIZZATIVO E GESTIONALE DEGLI IRCCS BURLO GAROFOLO DI TRIESTE E C.R.O. DI AVIANO TITOLO I - DISPOSIZIONI GENERALI Art.1 (Oggetto) 1. La presente legge riordina

Dettagli

Provincia di Frosinone REGOLAMENTO DEL NUCLEO DI VALUTAZIONE

Provincia di Frosinone REGOLAMENTO DEL NUCLEO DI VALUTAZIONE Provincia di Frosinone REGOLAMENTO DEL NUCLEO DI VALUTAZIONE Approvato con deliberazione di G. P. n. 448 del 20.11.2002 ART 1 Oggetto del Regolamento 1. Il presente Regolamento, nell ambito della normativa

Dettagli

PROVINCIA DI ROMA. Regolamento per il Controllo di Gestione

PROVINCIA DI ROMA. Regolamento per il Controllo di Gestione PROVINCIA DI ROMA Regolamento per il Controllo di Gestione Adottato con delibera della Giunta Provinciale n. 498/23 del 09/04/2003 1 TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI Art.1 Ambito di applicazione 1. Il presente

Dettagli

PARTE TERZA MISURAZIONE VALUTAZIONE E TRASPARENZA DELLE PERFORMANCE INVIDUALI E COLLETTIVE. VALUTAZIONE AREE POSIZIONI ORGANIZZATIVE

PARTE TERZA MISURAZIONE VALUTAZIONE E TRASPARENZA DELLE PERFORMANCE INVIDUALI E COLLETTIVE. VALUTAZIONE AREE POSIZIONI ORGANIZZATIVE ALLEGATO A PARTE TERZA MISURAZIONE VALUTAZIONE E TRASPARENZA DELLE PERFORMANCE INVIDUALI E COLLETTIVE. VALUTAZIONE AREE POSIZIONI ORGANIZZATIVE CAPO I NUCLEO DI VALUTAZIONE ART. 92 - NUCLEO DI VALUTAZIONE

Dettagli

A relazione dell'assessore Ferraris:

A relazione dell'assessore Ferraris: REGIONE PIEMONTE BU9S1 05/03/2015 Deliberazione della Giunta Regionale 2 marzo 2015, n. 25-1122 Attuazione dell'art. 2 del D.L. n. 101 del 31.8.2013, convertito con modificazioni in L. n. 125 del 30.10.2013.

Dettagli

Deliberazione n. 1/pareri/2005

Deliberazione n. 1/pareri/2005 Deliberazione n. 1/pareri/2005 REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA composta dai magistrati: dott. Enrico Gustapane (relatore) dott. Mario Donno dott.

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL SISTEMA DI GESTIONE DELLA PERFORMANCE

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL SISTEMA DI GESTIONE DELLA PERFORMANCE REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL SISTEMA DI GESTIONE DELLA PERFORMANCE (Approvato con deliberazione di G.C. 140/02.12.2010) 1 TITOLO I - SISTEMA DI GESTIONE DELLA PERFORMANCE Capo I - Aspetti generali

Dettagli

Oggetto: criteri generali per l articolazione organizzativa interna delle Direzione regionali del lavoro e delle Direzioni territoriali del lavoro.

Oggetto: criteri generali per l articolazione organizzativa interna delle Direzione regionali del lavoro e delle Direzioni territoriali del lavoro. DIREZIONE GENERALE PER LE POLITICHE DEL PERSONALE L INNOVAZIONE ORGANIZZATIVA, IL BILANCIO UPD Div.II Ai Direttori interregionali del lavoro Ai Direttori territoriali del lavoro LORO SEDI E, p.c. Al Capo

Dettagli

Comune di Grumento Nova Sistema per la misurazione e la valutazione della performance. Finalità e principi

Comune di Grumento Nova Sistema per la misurazione e la valutazione della performance. Finalità e principi Comune di Grumento Nova Sistema per la misurazione e la valutazione della performance Finalità e principi Art. 1 - Finalità Il presente regolamento disciplina il sistema di misurazione e valutazione della

Dettagli

PROVINCIA di ROVIGO SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE ORGANIZZATIVA ED INDIVIDUALE

PROVINCIA di ROVIGO SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE ORGANIZZATIVA ED INDIVIDUALE PROVINCIA di ROVIGO SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE ORGANIZZATIVA ED INDIVIDUALE Allegato alla deliberazione di Giunta Comunale n. 289 del 28.12.2011 1 INDICE SEZIONE I - CONTESTO

Dettagli

Il sistema di misurazione e valutazione della performance dell ATER di Matera

Il sistema di misurazione e valutazione della performance dell ATER di Matera Il sistema di misurazione e valutazione della performance dell ATER di Matera 1. Premessa: le norme, le indicazioni CIVIT, i requisiti necessari Il Sistema di misurazione e valutazione della performance

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL CONTROLLO DI GESTIONE (Deliberazione Giunta Comunale n._364/05 ) TITOLO I RIFERIMENTI NORMATIVI E OGGETTO DEL REGOLAMENTO

REGOLAMENTO PER IL CONTROLLO DI GESTIONE (Deliberazione Giunta Comunale n._364/05 ) TITOLO I RIFERIMENTI NORMATIVI E OGGETTO DEL REGOLAMENTO REGOLAMENTO PER IL CONTROLLO DI GESTIONE (Deliberazione Giunta Comunale n._364/05 ) TITOLO I RIFERIMENTI NORMATIVI E OGGETTO DEL REGOLAMENTO Articolo 1 Riferimenti normativi e oggetto Il presente regolamento

Dettagli

1.0. PREMESSA 2.0. LA VALUTAZIONE

1.0. PREMESSA 2.0. LA VALUTAZIONE Azienda Ospedaliero Universitaria di Pisa Regolamento concernente il processo di valutazione permanente e per la gestione delle progressioni di carriera per la dirigenza 1.0. PREMESSA Il Dgls. 229/99 prima,

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO Approvato dal Consiglio Generale nella seduta del 9 giugno 2014 e modificato dal Consiglio Generale nelle sedute del 13 luglio e del 28 settembre 2015 Regolamento

Dettagli

Le novità normative in tema di rapporto di lavoro pubblico: il D.Lgs. 150/2009

Le novità normative in tema di rapporto di lavoro pubblico: il D.Lgs. 150/2009 Le novità normative in tema di rapporto di lavoro pubblico: il D.Lgs. 150/2009 Parma, Sala aurea C.C.I.A.A., Via Verdi 2 Gaetano Palombelli La riforma del lavoro pubblico nel contesto della riforma istituzionale

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO DELLA FONDAZIONE CASSA DI RISPARMIO DI VERCELLI

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO DELLA FONDAZIONE CASSA DI RISPARMIO DI VERCELLI REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO DELLA FONDAZIONE CASSA DI RISPARMIO DI VERCELLI Approvato dall Organo di indirizzo in data 17 dicembre 2015 2 SOMMARIO TITOLO I - PREMESSE Art. 1 (Ambito di applicazione)

Dettagli

AMMINISTRAZIONE PROVINCIALE DI IMPERIA

AMMINISTRAZIONE PROVINCIALE DI IMPERIA AMMINISTRAZIONE PROVINCIALE DI IMPERIA Regolamento provinciale per la disciplina degli strumenti e delle metodologie per i controlli interni, ai sensi dell art. 3, comma 2, del d.l. 174/2012, convertito

Dettagli

COMUNE DI ROBASSOMERO PROVINCIA DI TORINO tel. 011 9234400 - Fax 011 9234422 E-mail: comune@comune.robassomero.to.it - www.comune.robassomero.to.

COMUNE DI ROBASSOMERO PROVINCIA DI TORINO tel. 011 9234400 - Fax 011 9234422 E-mail: comune@comune.robassomero.to.it - www.comune.robassomero.to. COMUNE DI ROBASSOMERO PROVINCIA DI TORINO tel. 011 9234400 - Fax 011 9234422 E-mail: comune@comune.robassomero.to.it - www.comune.robassomero.to.it Approvato con deliberazione G.C. n. 103/29.12.2010 INDICE

Dettagli

SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE

SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE CONSORZIO DI POLIZIA LOCALE DELLA VALLE SABBIA SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE Art 7 Decreto Legislativo 150/2009 Revisione del 2 novembre 2011 INDICE INDICE... 2 PREMESSA... 3 I

Dettagli

Regolamento del Personale del Consiglio Nazionale delle Ricerche (Decreto del Presidente del CNR del 4 maggio 2005 prot. n.

Regolamento del Personale del Consiglio Nazionale delle Ricerche (Decreto del Presidente del CNR del 4 maggio 2005 prot. n. Regolamento del Personale del Consiglio Nazionale delle Ricerche (Decreto del Presidente del CNR del 4 maggio 2005 prot. n. 0025035) SOMMARIO TITOLO I PRINCIPI GENERALI Art.1 - Finalità e ambito di applicazione

Dettagli

COMUNE DI TERNO D ISOLA PROVINCIA DI BERGAMO

COMUNE DI TERNO D ISOLA PROVINCIA DI BERGAMO COMUNE DI TERNO D ISOLA PROVINCIA DI BERGAMO COPIA VERBALE N. 7 DEL 04.03.2011 VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE Adunanza di prima convocazione - seduta pubblica OGGETTO: CRITERI GENERALI

Dettagli

Azienda Territoriale per l Edilizia Residenziale Pubblica del Comune di Roma

Azienda Territoriale per l Edilizia Residenziale Pubblica del Comune di Roma Azienda Territoriale per l Edilizia Residenziale Pubblica del Comune di Roma REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E DI FUNZIONAMENTO DELL ATTIVITA AMMINISTRATIVA, DELLA DIRIGENZA E DELLE STRUTTURE OPERATIVE (Delibera

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE ASSOCIATA TRA I COMUNI DELL UNIONE DEI NEBRODI DELLE FUNZIONI RELATIVE AL NUCLEO DI VALUTAZIONE

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE ASSOCIATA TRA I COMUNI DELL UNIONE DEI NEBRODI DELLE FUNZIONI RELATIVE AL NUCLEO DI VALUTAZIONE REGOLAMENTO PER LA GESTIONE ASSOCIATA TRA I COMUNI DELL UNIONE DEI NEBRODI DELLE FUNZIONI RELATIVE AL NUCLEO DI VALUTAZIONE Art. 1 OGGETTO DEL REGOLAMENTO Il presente regolamento ha per oggetto la gestione

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA CORTE DEI CONTI SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA

REPUBBLICA ITALIANA CORTE DEI CONTI SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA LOMBARDIA/730/2009/REG REPUBBLICA ITALIANA CORTE DEI CONTI SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA composta dai magistrati: dott. Antonio Caruso dott. Giuliano Sala dott. Giancarlo Penco dott.

Dettagli

L.R. 28 luglio 2008, n. 23. (Capo IV La dirigenza)

L.R. 28 luglio 2008, n. 23. (Capo IV La dirigenza) Normativa comparata L.R. 28 luglio 2008, n. 23. (Capo IV La dirigenza) Disciplina dell'organizzazione degli uffici regionali e disposizioni concernenti la dirigenza ed il personale. Pubblicata nel B.U.

Dettagli

Deliberazione n.75/pareri/2008

Deliberazione n.75/pareri/2008 Deliberazione n.75/pareri/2008 REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA composta dai magistrati: dott. Nicola Mastropasqua dott. Antonio Caruso dott. Giorgio

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA CORTE DEI CONTI SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA

REPUBBLICA ITALIANA CORTE DEI CONTI SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA Lombardia/189/2015/PAR REPUBBLICA ITALIANA CORTE DEI CONTI SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA composta dai magistrati: dott. Gianluca Braghò dott.ssa Laura De Rentiis dott. Donato Centrone

Dettagli

Regolamento del sistema di controlli interni (art. 147 e ss. del T.U.E.L.)

Regolamento del sistema di controlli interni (art. 147 e ss. del T.U.E.L.) Regolamento del sistema di controlli interni (art. 147 e ss. del T.U.E.L.) I N D I C E TITOLO I PRINCIPI GENERALI Art. 1 Sistema dei controlli interni. Art. 2 controllo delle sezioni regionali della Corte

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 2014-2016

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 2014-2016 PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 2014-2016 INDICE 1. Introduzione... pag. 2 1.1 Trasparenza... pag. 2 1.2 Integrità... pag. 2 1.3 Obiettivi... pag. 2 2. Individuazione dei dati da pubblicare...

Dettagli

PROCEDURE PER L APPROVAZIONE DELLA POLITICA DI REMUNERAZIONE

PROCEDURE PER L APPROVAZIONE DELLA POLITICA DI REMUNERAZIONE 31 della dicembre politica 2008 di PROCEDURE PER L APPROVAZIONE DELLA POLITICA DI REMUNERAZIONE 1. Premessa Il presente documento ("Procedure per l approvazione della politica di, per brevità, le Procedure

Dettagli

Comune di Signa Provincia di Firenze REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE PER LA GESTIONE IN FORMA ASSOCIATA DELL UFFICIO PENSIONI

Comune di Signa Provincia di Firenze REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE PER LA GESTIONE IN FORMA ASSOCIATA DELL UFFICIO PENSIONI Comune di Signa Provincia di Firenze REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE PER LA GESTIONE IN FORMA ASSOCIATA DELL UFFICIO PENSIONI Approvato con delibera di Giunta Comunale n. 116 del 29/07/2002 modificato con

Dettagli

COMUNE DI CASTIGLIONE TINELLA Provincia di Cuneo

COMUNE DI CASTIGLIONE TINELLA Provincia di Cuneo COMUNE DI CASTIGLIONE TINELLA Provincia di Cuneo REGOLAMENTO COMUNALE SULLA METODOLOGIA E I CRITERI PER LA MISURAZIONE E LA VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE DEL PERSONALE E SUL NUCLEO DI VALUTAZIONE Art.1

Dettagli

Lombardia/406/2010/PRSE

Lombardia/406/2010/PRSE Lombardia/406/2010/PRSE REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA composta dai magistrati: Dott. Nicola Mastropasqua Presidente Dott. Antonio Caruso Dott. Giuliano

Dettagli

Sistema di individuazione, pesatura, conferimento incarico e valutazione posizioni organizzative

Sistema di individuazione, pesatura, conferimento incarico e valutazione posizioni organizzative ALLEGATO 1 Reg. Performance Sistema di individuazione, pesatura, conferimento incarico e valutazione posizioni organizzative I. CRITERI DI INDIVIDUAZIONE DELLE POSIZIONI ORGANIZZATIVE Riferimenti: Artt.

Dettagli

LA RELAZIONE SULLA PERFORMANCE ESERCIZIO 2014

LA RELAZIONE SULLA PERFORMANCE ESERCIZIO 2014 LA RELAZIONE SULLA PERFORMANCE ESERCIZIO 2014 La Relazione sulla performance prevista dall art. 10, comma 1, lettera b), del decreto legislativo n. 150 del 2009 costituisce lo strumento mediante il quale

Dettagli

CITTÀ DI AVIGLIANO. (Provincia di Potenza) METODOLOGIA PERMANENTE DI VALUTAZIONE DEL PERSONALE. (art. 6 C.C.N.L. 31/3/1999) SEZIONE I

CITTÀ DI AVIGLIANO. (Provincia di Potenza) METODOLOGIA PERMANENTE DI VALUTAZIONE DEL PERSONALE. (art. 6 C.C.N.L. 31/3/1999) SEZIONE I CITTÀ DI AVIGLIANO (Provincia di Potenza) METODOLOGIA PERMANENTE DI DEL PERSONALE (art. 6 C.C.N.L. 31/3/1999) SEZIONE I PRINCIPI GENERALI 1. Generalità Il Comune di Avigliano valuta il proprio personale

Dettagli

Deliberazione n. 11/pareri/2007

Deliberazione n. 11/pareri/2007 Deliberazione n. 11/pareri/2007 REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA composta dai magistrati: dott. Nicola Mastropasqua Presidente dott. Donato Maria

Dettagli

REGOLAMENTO PROVINCIALE SUI CONTROLLI INTERNI IN ATTUAZIONE DELL ART. 3 DEL DECRETO LEGGE 10 OTTOBRE 2012, N. 174, CONVERTITO IN LEGGE 7 DICEMBRE

REGOLAMENTO PROVINCIALE SUI CONTROLLI INTERNI IN ATTUAZIONE DELL ART. 3 DEL DECRETO LEGGE 10 OTTOBRE 2012, N. 174, CONVERTITO IN LEGGE 7 DICEMBRE REGOLAMENTO PROVINCIALE SUI CONTROLLI INTERNI IN ATTUAZIONE DELL ART. 3 DEL DECRETO LEGGE 10 OTTOBRE 2012, N. 174, CONVERTITO IN LEGGE 7 DICEMBRE 2012, N. 213 TITOLO I PRINCIPI GENERALI Articolo 1 Oggetto

Dettagli

Consiglio regionale Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia

Consiglio regionale Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia Consiglio regionale Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia IX LEGISLATURA - ATTI CONSILIARI - PROGETTI DI LEGGE E RELAZIONI PROPOSTA DI LEGGE N. 12 Presentata dai Consiglieri Ritossa, Di Natale Presentata

Dettagli

Ministero delle infrastrutture e dei trasporti

Ministero delle infrastrutture e dei trasporti Ministero delle infrastrutture e dei trasporti Piano Nazionale di edilizia abitativa Visto il decreto legge 25 giugno 2008, n 112 convertito con modificazioni dalla legge 6 agosto 2008, n 133, recante

Dettagli

LA VALUTAZIONE DEL PERSONALE NEGLI ENTI LOCALI

LA VALUTAZIONE DEL PERSONALE NEGLI ENTI LOCALI LA VALUTAZIONE DEL PERSONALE NEGLI ENTI LOCALI Premesse e riferimenti normativi La valutazione del personale, che costituisce un processo centrale nell ambito del management pubblico, ha registrato negli

Dettagli

PIANO TRIENNALE 2015 2017 DI PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE E DELL ILLEGALITA

PIANO TRIENNALE 2015 2017 DI PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE E DELL ILLEGALITA PIANO TRIENNALE 2015 2017 DI PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE E DELL ILLEGALITA E PROGRAMMA TRIENNALE 2015 2017 PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA PARTE PRIMA PIANO TRIENNALE 2015-2017 DI PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE

Dettagli

Focus di approfondimento a seguito delle domande del webinar 8.05.14

Focus di approfondimento a seguito delle domande del webinar 8.05.14 Focus di approfondimento a seguito delle domande del webinar 8.05.14 Il ciclo di gestione delle performances: applicazione del d.lgs. n. 150/09 nel comparto Regioni ed autonomie locali Ruolo degli OIV

Dettagli

Estratto dalla Relazione al bilancio consuntivo per l esercizio finanziario 2012 (aggiunti alcuni schemi di sintesi).

Estratto dalla Relazione al bilancio consuntivo per l esercizio finanziario 2012 (aggiunti alcuni schemi di sintesi). Estratto dalla Relazione al bilancio consuntivo per l esercizio finanziario 2012 (aggiunti alcuni schemi di sintesi). 1 Il bilancio consuntivo per l esercizio 2012 è stato approvato con Delibera del Cda

Dettagli

Art. 1 (Campo di applicazione)

Art. 1 (Campo di applicazione) Allegato C) alla deliberazione n. 29 del 31.10.2014 Regolamento per la definizione dei criteri per l individuazione, il conferimento, la valutazione e la revoca degli incarichi delle posizioni organizzative

Dettagli

CAPO 2. Principi e Strumenti di. Organizzazione e Gestione

CAPO 2. Principi e Strumenti di. Organizzazione e Gestione CAPO 2 Principi e Strumenti di Organizzazione e Gestione 27 capo 2 Principi e Strumenti di Organizzazione e Gestione 28 I Principi di Organizzazione titolo IV I Principi di Organizzazione Art. 18 - Principi

Dettagli

Articolo 7. (Patrimonio dello Stato S.p.a.) Articolo 8. (Società per il finanziamento delle infrastrutture)

Articolo 7. (Patrimonio dello Stato S.p.a.) Articolo 8. (Società per il finanziamento delle infrastrutture) SENATO DELLA REPUBBLICA XIV LEGISLATURA N. 1425 DISEGNO DI LEGGE presentato dal Presidente del Consiglio dei ministri (BERLUSCONI) e dal Ministro dell economia e delle finanze (TREMONTI) di concerto col

Dettagli

REGOLAMENTO SUL SISTEMA DEI CONTROLLI INTERNI

REGOLAMENTO SUL SISTEMA DEI CONTROLLI INTERNI UNIONE MONTANA ALTA VAL DI CECINA PROVINCIA DI PISA REGOLAMENTO SUL SISTEMA DEI CONTROLLI INTERNI Approvato con delibera del Consiglio n. 1 del 07.01.2013 1 CAPO I PRINCIPI GENERALI INDICE Art. 1 Oggetto

Dettagli

CORTE DEI CONTI. La Sezione Regionale di Controllo per il Piemonte, nella camera di consiglio del 25

CORTE DEI CONTI. La Sezione Regionale di Controllo per il Piemonte, nella camera di consiglio del 25 CORTE DEI CONTI SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER IL PIEMONTE Delibera n. 303/2012/SRCPIE/PAR La Sezione Regionale di Controllo per il Piemonte, nella camera di consiglio del 25 settembre 2012, composta

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ PREMESSA Le recenti e numerose modifiche normative nell ambito del vasto progetto di riforma della Pubblica Amministrazione impongono agli Enti Locali

Dettagli

REGOLAMENTO SU STRUMENTI E PROCESSI D INDIRIZZO, PROGRAMMAZIONE E CONTROLLO SULLE SOCIETÀ CONTROLLATE A CAPITALE PUBBLICO

REGOLAMENTO SU STRUMENTI E PROCESSI D INDIRIZZO, PROGRAMMAZIONE E CONTROLLO SULLE SOCIETÀ CONTROLLATE A CAPITALE PUBBLICO PROVINCIA DI LIVORNO REGOLAMENTO SU STRUMENTI E PROCESSI D INDIRIZZO, PROGRAMMAZIONE E CONTROLLO SULLE SOCIETÀ CONTROLLATE A CAPITALE PUBBLICO Approvato con deliberazione del Consiglio Provinciale n. 34/29.03.2011

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA VALUTAZIONE INDIVIDUALE DEL PERSONALE DELLA DIRIGENZA MEDICA.

LINEE GUIDA PER LA VALUTAZIONE INDIVIDUALE DEL PERSONALE DELLA DIRIGENZA MEDICA. ALLEGATO N. 3 LINEE GUIDA PER LA VALUTAZIONE INDIVIDUALE DEL PERSONALE DELLA DIRIGENZA MEDICA. 1. PREMESSA Ai sensi dell art. 25, comma 1, del CCNL della dirigenza del 3 novembre 2005, la valutazione dei

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA TRA DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA E CONFINDUSTRIA

PROTOCOLLO D INTESA TRA DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA E CONFINDUSTRIA PROTOCOLLO D INTESA TRA DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA E CONFINDUSTRIA Premesso che il programma di Governo ha previsto una legislatura caratterizzata da profonde riforme istituzionali; che tale

Dettagli

PROVINCIA REGIONALE DI CALTANISSETTA SEGRETARIO GENERALE RELAZIONE ATTIVITA ANNO 2013. Dal 01.01.2013 al 31.10.2013

PROVINCIA REGIONALE DI CALTANISSETTA SEGRETARIO GENERALE RELAZIONE ATTIVITA ANNO 2013. Dal 01.01.2013 al 31.10.2013 PROVINCIA REGIONALE DI CALTANISSETTA SEGRETARIO GENERALE RELAZIONE ATTIVITA ANNO 2013 Dal 01.01.2013 al 31.10.2013 Segretario Generale Dott. Antonina Liotta Caltanissetta, 30 Gennaio 2014 1 Provincia Regionale

Dettagli

Su proposta dell Assessore alle Politiche per la Salute; A voti unanimi e palesi D E L I B E R A

Su proposta dell Assessore alle Politiche per la Salute; A voti unanimi e palesi D E L I B E R A Prot. n. (PRC/05/30252) Visti: LA GIUNTA DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA - il Decreto Legislativo 17 marzo 1995, n. 230 e successive modificazioni e integrazioni, recante Attuazione delle direttive 89/618/EURATOM,

Dettagli

Corte dei conti. VISTO il Testo Unico delle leggi sulla Corte dei conti, approvato con R.D.

Corte dei conti. VISTO il Testo Unico delle leggi sulla Corte dei conti, approvato con R.D. Deliberazione n. SCCLEG/5/2015/PREV REPUBBLICA ITALIANA la Corte dei conti Sezione Centrale del controllo di legittimità sugli atti del Governo e delle Amministrazioni dello Stato formata dai Magistrati:

Dettagli

Presiede la seduta il sig. Dott. Donato GENTILE nella sua qualità di Sindaco e sono presenti i seguenti sigg.ri:

Presiede la seduta il sig. Dott. Donato GENTILE nella sua qualità di Sindaco e sono presenti i seguenti sigg.ri: C I T T À DI B I E L L A ORIGINALE DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 392 DEL 30.09.2013 OGGETTO: PERSONALE COSTITUZIONE FONDO RETRIBUZIONE DI POSIZIONE E DI RISULTATO PERSONALE DIRIGENTE ANNO 2013

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE, MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE, MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE COMUNE DI CASLINO D ERBA Provincia di Como REGOLAMENTO PER LA GESTIONE, MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE (approvato con delibera della Giunta Comunale n. 21 del 08.03.2013) INDICE CAPO I - PRINCIPI

Dettagli

CORTE DEI CONTI. La Sezione Regionale di Controllo per il Piemonte, nella Camera di consiglio

CORTE DEI CONTI. La Sezione Regionale di Controllo per il Piemonte, nella Camera di consiglio CORTE DEI CONTI SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER IL PIEMONTE Delibera n. 4/2011/SRCPIE/PAR La Sezione Regionale di Controllo per il Piemonte, nella Camera di consiglio del 26 gennaio 2011, composta dai

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA CORTE DEI CONTI SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LIGURIA

REPUBBLICA ITALIANA CORTE DEI CONTI SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LIGURIA Delibera n. 10/2009 REPUBBLICA ITALIANA CORTE DEI CONTI SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LIGURIA composta dai seguenti magistrati: dott. Andrea RUSSO dott. Antonio SCUDIERI dott. Giuliano GALLANTI

Dettagli

INTERVENTI PER LA PROMOZIONE E LO SVILUPPO DELLA COOPERAZIONE (BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE LIGURIA n. 16 del 9 dicembre 2010)

INTERVENTI PER LA PROMOZIONE E LO SVILUPPO DELLA COOPERAZIONE (BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE LIGURIA n. 16 del 9 dicembre 2010) REGIONE LIGURIA LEGGE REGIONALE 7 DICEMBRE 2010 N. 19 INTERVENTI PER LA PROMOZIONE E LO SVILUPPO DELLA COOPERAZIONE (BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE LIGURIA n. 16 del 9 dicembre 2010) Il Consiglio regionale

Dettagli

( Decreto Legislativo 150/09 Decreto Brunetta) TITOLO I: Principi generali ( articoli 11 e 28 del d.lgs. 150/09)

( Decreto Legislativo 150/09 Decreto Brunetta) TITOLO I: Principi generali ( articoli 11 e 28 del d.lgs. 150/09) Regolamento di disciplina della misurazione, valutazione e trasparenza della performance ( Decreto Legislativo 150/09 Decreto Brunetta) Il presente Regolamento è assunto ai sensi degli artt. 16 e 31 del

Dettagli

L ISVAP (Istituto per la vigilanza sulle assicurazioni private e di interesse collettivo)

L ISVAP (Istituto per la vigilanza sulle assicurazioni private e di interesse collettivo) REGOLAMENTO N. 39 DEL 9 GIUGNO 2011 REGOLAMENTO RELATIVO ALLE POLITICHE DI REMUNERAZIONE NELLE IMPRESE DI ASSICURAZIONE L ISVAP (Istituto per la vigilanza sulle assicurazioni private e di interesse collettivo)

Dettagli

CORTE DEI CONTI SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER IL PIEMONTE

CORTE DEI CONTI SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER IL PIEMONTE CORTE DEI CONTI SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER IL PIEMONTE Delibera n. 248/2011/SRCPIE/PRSE La Sezione Regionale di Controllo per il Piemonte, composta dai Magistrati: Dott. ssa Enrica LATERZA Presidente

Dettagli

PROVINCIA DI BARLETTA-ANDRIA-TRANI REGOLAMENTO SUL SISTEMA DEI CONTROLLI INTERNI

PROVINCIA DI BARLETTA-ANDRIA-TRANI REGOLAMENTO SUL SISTEMA DEI CONTROLLI INTERNI PROVINCIA DI BARLETTA-ANDRIA-TRANI REGOLAMENTO SUL SISTEMA DEI CONTROLLI INTERNI Approvato con delibera del Consiglio Comunale n. 3 del 11 Marzo 2013 Sommario TITOLO I PRINCIPI E FINALITÀ...1 ART. 1 (Finalità)...1

Dettagli

COMUNE DI MONTICHIARI Provincia di Brescia

COMUNE DI MONTICHIARI Provincia di Brescia COMUNE DI MONTICHIARI Provincia di Brescia Programma triennale per la trasparenza e l integrità (Decreto Legislativo n. 33 del 14 marzo 2013) Approvato con deliberazione di Giunta Comunale n. del PREMESSA

Dettagli

DISEGNO DI LEGGE: Delega al Governo per la riforma della disciplina della cooperazione dell'italia con i Paesi in via di sviluppo.

DISEGNO DI LEGGE: Delega al Governo per la riforma della disciplina della cooperazione dell'italia con i Paesi in via di sviluppo. DISEGNO DI LEGGE: Delega al Governo per la riforma della disciplina della cooperazione dell'italia con i Paesi in via di sviluppo. Consiglio dei Ministri: 05/04/2007 Proponenti: Esteri ART. 1 (Finalità

Dettagli

Interventi regionali per agevolare l accesso al credito alle imprese artigiane

Interventi regionali per agevolare l accesso al credito alle imprese artigiane LEGGE REGIONALE 16 dicembre 1996, N. 34 Interventi regionali per agevolare l accesso al credito alle imprese artigiane (BURL n. 51, 1º suppl. ord. del 19 Dicembre 1996 ) urn:nir:regione.lombardia:legge:1996-12-16;34

Dettagli

ALLEGATO ALLA DELIBERA DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE N. 12/2015 DEL 25 MARZO 2015

ALLEGATO ALLA DELIBERA DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE N. 12/2015 DEL 25 MARZO 2015 ALLEGATO ALLA DELIBERA DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE N. 12/2015 DEL 25 MARZO 2015 Articolo 5 Presidente 1) Il Presidente è responsabile delle attività dell ente e ne ha la rappresentanza legale, cura

Dettagli

COMUNE DI PIMENTEL PROVINCIA DI CAGLIARI

COMUNE DI PIMENTEL PROVINCIA DI CAGLIARI COMUNE DI PIMENTEL COPIA PROVINCIA DI CAGLIARI VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N 59 Del 25/08/2015 Oggetto: PERSONALE NON DIRIGENTE. FONDO RISORSE DECENTRATE PER L'ANNO 2015. AUTORIZZAZIONE

Dettagli

nella camera di consiglio del 27 gennaio 2015 Vista la richiesta di parere proveniente dal Comune di PIANEZZA (TO) con nota pervenuta,

nella camera di consiglio del 27 gennaio 2015 Vista la richiesta di parere proveniente dal Comune di PIANEZZA (TO) con nota pervenuta, CORTE DEI CONTI SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER IL PIEMONTE Delibera n. 18/2015/SRCPIE/PAR La Sezione Regionale di Controllo per il Piemonte, composta dai Magistrati: Dott. Mario PISCHEDDA Presidente

Dettagli

Deliberazione n. 15/pareri/2006

Deliberazione n. 15/pareri/2006 Deliberazione n. 15/pareri/2006 REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA composta dai magistrati: dott. Nicola Mastropasqua dott. Donato Maria Fino dott.

Dettagli