Progetto Calore Pulito Linee guida per l informatizzazione

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Progetto Calore Pulito 2010 - Linee guida per l informatizzazione"

Transcript

1 Progetto Calore Pulito Linee guida per l informatizzazione Premessa Ad oggi le procedure di informatizzazione, con inserimento manuale dei dati di controllo degli impianti termici, regolate attraverso bandi provinciali, vengono gestite attraverso il software dato in uso dalla Regione Emilia Romagna con l implementazione di una elementare banca dati, con funzionalità di inserimento/cancellazione/modifica dati riguardanti gli impianti. Le problematiche evidenziate attraverso l applicazione della suddetta procedura riguardano: - l inserimento manuale del dato relativo all impianto/manutenzione con possibilità di errore nell accoppiamento del dato anagrafico con il dato tecnico; - Il costo a carico dell ente per l emanazione dei bandi di incarico per l esecuzione dell inserimento manuale; - i limiti rilevanti nel software regionale per la redazione dei report; - l impossibilità di definire competenze specifiche sulla materia per la ditta individuata con il bando; - la tempistica di aggiornamento della banca dati condizionata dalle procedure dei bandi. Gli obiettivi della proposta di informatizzazione degli impianti termici sono: - la riduzione drastica del dato cartaceo, causa principale di errore sui dati; - la realizzazione di una banca dati aggiornata pressoché in tempo reale; - la possibilità di effettuare interrogazioni ed estrazione di informazioni dalla banca dati con creazione autonoma di report; - l unicità della procedura di identificazione degli impianti termici; - la gestione informatizzata delle procedure di verifica dell AUSL; - la georeferenziazione degli impianti termici, con possibilità di definizione puntuale degli areali di emissione dei fumi in ambito provinciale. Le procedure di targatura, già adottate con successo in altre realtà territoriali, garantiranno un notevole risparmio di risorse pubbliche consentendo la creazione, in quattro anni di un catasto impianti aggiornato. 1

2 Fasi del progetto 2.1 Fase 1 Modalità di targatura degli impianti Ad ogni impianto termico esistente o di nuova installazione sarà applicata direttamente dagli installatori/manutentori, una targa stampata su supporto adesivo in doppia copia in polipropilene, materiale resistente alle intemperie e con caratteristiche tali da non consentirne il distacco una volta apposta. La targa consentirà l identificazione univoca dell impianto termico per l intero il ciclo di vita indipendentemente dal comune di installazione. Il software di gestione del catasto impianti termici consentirà di attribuire a ciascun impianto targato l ambito territoriale di competenza (Provincia di Ravenna, Comune di Ravenna, Comune di Faenza) in base all indirizzo che verrà digitato al momento di applicazione della targa (che dovrà essere riportato anche nel libretto di impianto o di centrale e sul modello di cui all Allegato 10 e/o 11 della Deliberazione dell Assemblea Legislativa E.R. n 156 del 4 marzo 2008 e s.m.i. [ex Allegato F o G del D.P.R. 26 agosto 1993, n. 412, così come modificato dall Allegato 2 del D.M. 17 marzo 2003]). L applicazione sarà effettuata in modo progressivo in occasione delle operazioni di controllo e manutenzione degli impianti o all atto di installazione di un nuovo impianto apponendo la targa sia sull impianto che sul libretto di impianto. Le targhe saranno disponibili agli installatori/manutentori presso l URP della Provincia di Ravenna. Questa procedura consentirà ai Comuni di Ravenna e Faenza, che hanno condiviso la fase di progettazione, di aderire al progetto successivamente all avvio della fase di sperimentazione condotta dalla Provincia di Ravenna sugli impianti presenti sul territorio dei 16 comuni di propria competenza. Fino a quando il Comune di Ravenna e di Faenza e la Provincia di Ravenna non avranno adottato lo stesso sistema, l installatore/manutentore dovrà confrontarsi con le diverse modalità in atto presso i suddetti Comuni. Il costo stimato per la stampa di targhe in formato 3 x 5 cm è pari a , con sistema anticontraffazione, corrispondente ad un costo unitario di 0,0425 (iva esclusa). Per l avvio della fase sperimentale del progetto verranno stampate approssimativamente targhe per un costo unitario di 0,32 (iva esclusa) cadauna, con un costo stimato di 614. La stampa delle targhe sarà centralizzata e a carico della Provincia di Ravenna. Gli oneri potranno in futuro con l eventuale adesione dei Comuni di Ravenna e Faenza essere suddivisi tra i tre Enti in base al numero di targhe assegnate. La targa riporterà le seguenti informazioni: 2

3 LOGO CAMPAGNA CALORE PULITO ANNO DI STAMPA DELLA TARGA ED ALTRE INFO CODICE A BARRE RELATIVO AL NUMERO DI TARGA NUMERO DI TARGA IN CHIARO 2.2 Fase 2 Installazione nuovo software catasto impianti Contestualmente alla stampa delle targhe, sarà compito della Provincia e della ditta Vanzotech (titolare del software di gestione del catasto regionale impianti termici) installare una nuova versione del software Catasto Impianti, accessibile via web, contenente tutti gli aggiornamenti: - il software attualmente in uso non sarà disinstallato, questo per consentire una continuità di interrogazione delle informazioni inserite ed il mantenimento dell implementazione dei dati degli Allegati F e/o G che perverranno alla Provincia durante l intervallo temporale della messa a regime del nuovo catasto; - le informazioni contenute nel catasto attualmente in uso non verranno trasferite al nuovo in quanto la mancanza di un dato univoco, quale la targa, non consente l associazione univoca e corretta delle informazioni; - il nuovo data base verrà implementato con i soli dati degli impianti identificati dalle targhe. - l installazione di una nuova versione del software non determinerà l obbligatorietà di acquisto di un nuovo hardware. Saranno a carico della Provincia: il costo di installazione, il canone di manutenzione che consente di accedere ad aggiornamenti e bug-fix, fino ad oggi in carico alla Regione, e che, a partire dal 2010, graverà su gli Enti fruitori. Il software verrà installato sul server della Provincia, con accessi separati per gli Enti che aderiranno al sistema. La gestione del data base del catasto impianti attraverso un software unico consente una semplificazione del sistema in quanto: 3

4 - agli installatori/manutentori spetta l unico onere del caricamento dei dati dei modelli di cui all Allegato 10 e/o 11 della Deliberazione dell Assemblea Legislativa E.R. n 156 del 4 marzo 2008 e s.m.i. senza che intercorra la necessità di verificarne l ubicazione territoriale; - l esecuzione di interrogazioni statistiche potrà avvenire in tempo reale in quanto la banca dati, conterrà le informazioni degli impianti presenti sull intero territorio provinciale, comprensivo dei comuni di Ravenna e Faenza. Attualmente i dati sono scorporati nelle tre diverse realtà e con accessi distinti; - la manutenzione semplice del software in quanto configurato come un unico sistema; - i verificatori AUSL potranno accedere ad un unico sistema indifferentemente all ubicazione dell impianto termico. 2.3 Fase 3 Formazione Verranno programmati inizialmente tre corsi di formazione orientati alle diverse tipologie di utenza che aderiranno al progetto: - un corso rivolto a tutti gli installatori/manutentori, per apprendere i concetti del catasto impianti e l interfaccia del software (un taglio diverso in base a come l installatore/manutentore decida di automatizzare il percorso di immissione delle informazioni); - un corso rivolto a tutti i verificatori, per apprendere i concetti del catasto impianti e l interfaccia del software; - un corso per gli addetti dello Sportello Energia: per apprendere la gestione delle targhe, dei bollini e degli impianti. Il costo della formazione è quantificabile in 800 a giornata; per tre giorni di formazione consecutivi, il costo è quantificato in 2100 ai quali devono aggiungersi gli oneri di affitto di una sala riunioni. Tali corsi di formazione potranno essere riprogrammati a seconda delle esigenze dell utenza. 2.4 Fase 4- Consegna delle credenziali di accesso, delle targhe e dei bollini Ai soli installatori/manutentori che avranno partecipato ai corsi di formazione saranno rilasciate, recandosi presso lo Sportello Energia in Piazza dei Caduti per la Libertà 2/4, Ravenna, le credenziali di accesso al software del catasto degli impianti previa registrazione ed assegnazione di una username e password con le quali accedere al software e procedere alla sua configurazione. A queste ditte verranno consegnate le targhe, con registrazione del numero e dei codici. Non è prevista la possibilità di cessione a terzi delle targhe assegnate. Contestualmente agli installatori/manutentori accreditati sarà effettuata la consegna dei bollini della Campagna Calore Pulito, registrando nel software i numeri dei bollini che in tal modo verranno collegati in maniera univoca al nominativo della ditta di installazione/manutenzione consentendo la possibilità all installatore/ manutentore di accedere al nuovo catasto impianti anche attraverso il numero di bollino. Tale modalità non 4

5 consentirà la visualizzazione, attraverso il software, degli impianti il cui bollino o targa sia stato apposta da un altro installatore/manutentore. Per l acquisto dei bollini è previsto uno sconto nel caso l installatore/manutentore scelga l opzione dell inserimento autonomo dei dati dei modelli di cui all Allegato 10 e/o 11 della Deliberazione dell Assemblea Legislativa E.R. n 156 del 4 marzo 2008 e s.m.i. nel software del catasto impianti. L entità dello sconto, stabilita con Determina del Dirigente del Settore Ambiente, è fissata in un massimo di 0.50 centesimi di euro, in sede di prima applicazione. 2.5 Fase 5 Manutenzione degli impianti Installazione nuovo impianto L installatore/manutentore in occasione dell installazione di un nuovo impianto applica la targa in polipropilene sull impianto e sul libretto di impianto Manutenzione di un impianto L installatore/manutentore, recandosi presso l utente, verifica se l impianto è targato. In caso negativo applica la targa in polipropilene sull impianto e sul libretto di impianto/centrale compilando contestualmente al termine delle operazioni di manutenzione il modello di cui all Allegato 10 e/o 11 della Deliberazione dell Assemblea Legislativa E.R. n 156 del 4 marzo 2008 e s.m.i. riportando in evidenza la targa della caldaia Dismissione di un impianto In questo caso, verrà compilato un modello apposito di dismissione impianto che dovrà essere consegnato alla Provincia che provvederà quindi a rottamare la targa dell impianto dismesso. Tale targa non potrà più essere utilizzata Cambio di installatore/ manutentore Nel caso in cui un utente decida di cambiare installatore/manutentore, sarà cura dell installatore/manutentore subentrante dare avviso allo Sportello Energia della Provincia dell avvenuto subentro inviando una copia del modello cartaceo (appositamente predisposto dalla Provincia e distribuito agli installatori/manutentori), debitamente compilato e firmato dall utente sul quale verranno indicati la targa dell impianto e la ragione sociale del nuovo installatore/manutentore. La registrazione dell avvenuta modifica, a cura dello Sportello Energia della Provincia, dovrà avvenire entro 30 gg dal ricevimento della copia del suddetto modulo. Solo ad avvenuta associazione della targa dell impianto al nominativo dell installatore/manutentore subentrante sarà reso accessibile l inserimento dei dati dei modello di cui all Allegato 10 e/o 11 della Deliberazione dell Assemblea Legislativa E.R. n 156 del 4 marzo 2008 e s.m.i Fase 6 Modalità di inserimento dati da parte degli installatori/ manutentori L inserimento delle informazioni relative ai modelli di cui all Allegato 10 e/o 11 della Deliberazione dell Assemblea Legislativa E.R. n 156 del 4 marzo 2008 e s.m.i. nel software del 5

6 catasto impianti sarà a carico degli installatori/manutentori, analogamente le informazioni relative alle verifiche attualmente compiute dall AUSL verranno inserite nel software direttamente dai verificatori. I modelli cartacei continueranno a pervenire agli enti competenti (Provincia di Ravenna, Comune di Faenza, Comune di Ravenna), senza l onere dell inserimento. In funzione dei diversi gradi di informatizzazione degli installatori/manutentori si avranno i seguenti casi: Nessuna informatizzazione L installatore/manutentore ha solamente i modelli cartacei e non possiede nessun computer. In questo caso, le operazioni che può effettuare sono le seguenti: - targatura dell impianto; - invio del cartaceo dei modelli di cui all Allegato 10 e/o 11 della Deliberazione dell Assemblea Legislativa E.R. n 156 del 4 marzo 2008 e s.m.i. alla Provincia o all Associazione di Categoria che provvederà a sua volta all inserimento dei dati Informatizzazione di base L installatore/manutentore ha in dotazione almeno un pc collegato ad internet. Può quindi effettuare le seguenti operazioni: - targatura; - inserimento tramite il pc dei dati dei modelli di cui all Allegato 10 e/o 11 della Deliberazione dell Assemblea Legislativa E.R. n 156 del 4 marzo 2008 e s.m.i. collegandosi al software di catasto impianti o trasmissione della documentazione alle Associazioni di Categoria Informatizzazione buona L installatore/manutentore ha in dotazione un proprio software per la gestione delle manutenzioni nel quale memorizza tutte le informazioni necessarie (anche quelle dei modelli di cui all Allegato 10 e/o 11 della Deliberazione dell Assemblea Legislativa E.R. n 156 del 4 marzo 2008 e s.m.i.).verrà creata una interfaccia al software con quello del catasto impianti in modo tale da poter importare i dati in formato CSV compatibile. Questa procedura esclude l implementazione manuale del dato. In alternativa l installatore/manutentore potrà trasmettere la documentazione alle Associazioni di Categoria per il caricamento delle informazioni sul software, e alla quale sarà riconosciuto lo sconto fissato in un massimo di 0.50 centesimi di euro, in sede di prima applicazione. 6

7 Le modifiche da apportare al software dell installatore/manutentore per l implementazione dei dati dovranno consentire: - la memorizzazione delle informazioni del numero di targa univoco dell impianto; - la possibilità di esportare le informazioni in un file CSV Informatizzazione avanzata L installatore/manutentore ha in dotazione un proprio software per la gestione delle informazioni e dei palmari che gli permettono di memorizzare direttamente le informazioni presso l utente e di riversarle direttamente nel software di gestione interna della Ditta. In questo caso nulla cambia rispetto al punto Le modifiche da apportare al software dell installatore/manutentore per l implementazione dei dati dovranno consentire: - la memorizzazione delle informazioni del numero di targa univoco dell impianto; - possibilità di esportare le informazioni in un file CSV. Se i palmari in dotazione all installatore/manutentore sono dotati di lettore di codice a barre, sarà possibile acquisire direttamente il numero della targa Informatizzazione mista L installatore/manutentore è dotato di personal computer, ma compila presso l utente i modelli di cui all Allegato 10 e/o 11 della Deliberazione dell Assemblea Legislativa E.R. n 156 del 4 marzo 2008 e s.m.i. cartacei prestampati in formato adatto a lettura ottica. Una volta completato il contenuto informativo del modello così predisposto potrà essere inviato alla Provincia alla quale resterà in carico l effettuazione del caricamento delle informazioni contenute (questo inserimento non è fattibile direttamente dalla Provincia, ma deve essere appaltato esternamente, in quanto le attrezzature per effettuare una buona lettura ottica sono troppo onerose per un acquisto una tantum). In alternativa l installatore/manutentore può trasmettere la documentazione alle Associazioni di Categoria che si impegneranno al caricamento dei dati sul software. In questo caso, non sarà possibile effettuare lo sconto sul bollino blu per l installatore/manutentore, in quanto non viene effettuato l inserimento nel software di catasto impianti direttamente dall installatore/manutentore ma è previsto il riconoscimento dello stesso ammontare, fissato in un massimo di 0.50 centesimi di euro, all Associazione di Categoria. 2.7 Fase 7 Gestione delle verifiche I dati delle verifiche dovranno essere inseriti nel software del catasto impianti dall ente incaricato AUSL) con contestuale invio del rapporto cartaceo. Ciò comporta una ridefinizione della convenzione con l ente incaricato (AUSL) per ricomprendere anche l attività di inserimento dei dati risultanti dalle verifiche sugli impianti termici. La procedura prevederà le seguenti fasi: 7

8 8

9 2.8 Fase 8 Gestione delle utenze del gas L applicazione delle targhe agli impianti termici permetterà, quando il sistema adottato sarà a regime, di interagire con il sistema cartografico SIT della Provincia fornendo la possibilità di interrogazioni georeferenziate per l individuazione delle utenze, in raffronto al catasto delle utenze del gas, che non hanno mai ottemperato agli obblighi di esercizio e manutenzione di cui al D.P.R. n. 412/93 e alla Deliberazione dell Assemblea Legislativa E.R. n.156 del 4 marzo 2008 e s.m.i Fase 9 Verifica del processo Le verifiche del processo avranno, nella fase di sperimentazione, cadenza mensile allo scopo di monitorare e analizzare i problemi eventualmente sorti Fase 10 Inserimento nel progetto del Comune di Ravenna e del Comune di Faenza Alla stipula di una convenzione con il Comune di Ravenna e il Comune di Faenza, la Provincia consegnerà le targhe da assegnare agli installatori/manutentori che avranno frequentato i corsi di formazione. A seguito dell adesione al progetto del nuovo catasto impianti dei Comuni di Ravenna e Faenza, verranno creati gli accessi al software al fine di dare alle entità stesse il potere di assegnare accessi agli installatori/manutentori, targhe e bollini, con le medesime modalità seguite dalla Provincia di Ravenna Fase 11 - Valutazione circa la creazione di un ufficio comune come futuro sviluppo del progetto All avvio di questa fase verrà valutata la definizione di un unico ufficio per la Provincia di Ravenna, Comune di Faenza e Comune di Ravenna per la gestione del sistema, individuando strategie comuni e risparmi. In attesa che tutte le Amministrazioni prendano una decisione in tal senso, la Provincia intende sviluppare l esperienza con l avvio di un progetto pilota. 9

10 Step di progetto Il progetto si compone di tre fasi: 1) Partenza progetto pilota (solo Provincia di Ravenna) - Individuazione di un gruppo di installatori/manutentori appartenenti alle diverse Associazioni di Categoria presenti sul territorio provinciale e rappresentativo delle casistiche illustrate al paragrafo 2.6, per l avvio della fase sperimentale del progetto di targatura impianti termici. 2) Partenza progetto completo (solo Provincia di Ravenna) - A seguito dei risultati della fase sperimentale, coinvolgimento degli installatori/manutentori e verificatori operanti sul territorio provinciale. 3) Estensione ed adozione del sistema al Comune di Ravenna e al Comune di Faenza - Unificazione del sistema identificativo e delle procedure previste dal progetto nelle tre realtà territoriali; - creazione di una sede di gestione unica. Analisi delle eventuali problematiche emerse durante le diverse fasi del progetto. 3.2 Progetto pilota (solo Provincia di Ravenna) Provincia di Ravenna In questo caso, il Comune di Ravenna e il Comune di Faenza non entrano nel sistema e continueranno quindi con il vecchio catasto. La Provincia provvederà alla: - consegna agli installatori/manutentori coinvolti nella fase sperimentale chiavi di accesso, targhe e bollini con le modalità previste al paragrafo 2.4; - affidamento ad una Ditta esterna l inserimento dei modelli di cui all Allegato 10 e/o 11 della Deliberazione dell Assemblea Legislativa E.R. n 156 del 4 marzo 2008 e s.m.i. che continueranno a pervenire dagli installatori/manutentori non coinvolti nel progetto pilota. Tale Ditta dovrà essere in grado di gestire la lettura ottica dei modelli di cui all Allegato 10 e/o 11 della Deliberazione dell Assemblea Legislativa E.R. n 156 del 4 marzo 2008 e s.m.i.; - estrazione dal software dei nominativi da sottoporre alle verifiche campione che saranno notificati all ente verificatore attraverso il software. 10

11 3.2.2 Installatori/Manutentori coinvolti nel progetto pilota Gli installatori/manutentori individuati per l avvio della fase di sperimentazione dovranno partecipare al corso di formazione per l utilizzo del software del catasto impianti. Le attività a loro carico saranno: - la targatura degli impianti; - aggiornamento della modulistica con l inserimento della targa dell impianto; - dotarsi dei nuovi moduli per gli impianti di nuova installazione dismissione impianto e passaggio di manutenzione impianto; - inserimento nel software del catasto impianti dei dati dei modelli di cui all Allegato 10 e/o 11 della Deliberazione dell Assemblea Legislativa E.R. n 156 del 4 marzo 2008 e s.m.i.. (con le modalità descritte nel paragrafo 2.6). In alternativa l installatore/manutentore può trasmettere la documentazione alle Associazioni di Categoria che si impegneranno al caricamento sul software; - Invio copia della modulistica cartacea alla Provincia Installatori/Manutentori non coinvolti nel progetto pilota Il loro metodo di lavoro non cambia Verificatori coinvolti nel progetto pilota Le attività che svolgeranno sono le seguenti: - ricezione dei campioni da verificare tramite il software di catasto impianti; - inserimento dei dati delle verifiche direttamente nel software di catasto impianti; - invio del modello cartaceo alla Provincia Verificatori non coinvolti nel progetto pilota Il loro metodo di lavoro non cambia. 3.3 Completamento progetto Provincia di Ravenna Provincia di Ravenna In questo caso, il Comune di Ravenna e il Comune di Faenza non entrano nel sistema e continueranno quindi con il vecchio catasto. La Provincia dovrà: 11

12 - consegnare a tutti gli installatori/manutentori chiavi di accesso, targhe e bollini con le modalità previste al paragrafo 2.4; - affidare ad una Ditta esterna o alle Associazioni di Categoria l inserimento dei modelli di cui all Allegato 10 e/o 11 della Deliberazione dell Assemblea Legislativa E.R. n 156 del 4 marzo 2008 e s.m.i. che arriveranno dagli installatori/manutentori che non hanno aderito al progetto. Tale Ditta dovrà anche essere in grado di gestire la lettura ottica dei modelli di cui all Allegato 10 e/o 11 della Deliberazione dell Assemblea Legislativa E.R. n 156 del 4 marzo 2008 e s.m.i.; - estrarre i campioni per le verifiche e lasciare che sia il software a notificarlo ai verificatori Installatori/Manutentori Verificatori Tutti gli installatori/manutentori dovranno partecipare al corso di formazione per l utilizzo del software del catasto impianti. Il loro metodo di lavoro cambia poiché dovranno targare gli impianti (se non sono già targati). Inizialmente si targheranno solo gli impianti della Provincia di Ravenna e non quelli presenti nei Comuni di Faenza e nel Comune di Ravenna. Le loro attività sono: - targare gli impianti se non sono targati; - riportare su tutta la modulistica la targa dell impianto; - avere in dotazione alcuni moduli aggiuntivi quale installazione impianto, dismissione impianto e passaggio di manutenzione impianto; - inserire nel software del catasto impianti i dati dei modelli di cui all Allegato 10 e/o 11 della Deliberazione dell Assemblea Legislativa E.R. n 156 del 4 marzo 2008 e s.m.i. (con le modalità previste nel paragrafo 2.6.). In alternativa l installatore/manutentore potrà trasmettere la documentazione alle Associazioni di Categoria che si impegneranno al caricamento dei dati sul software; - invio la modulistica cartacea alla Provincia. Le attività che svolgeranno sono le seguenti: - ricezione dei campioni da verificare tramite il software di catasto impianti; - inserimento dei dati delle verifiche direttamente nel software di catasto impianti; - invio della modulistica cartacea alla Provincia. 12

13 3.4 Coinvolgimento anche dei Comuni di Ravenna e Faenza Provincia di Ravenna, Comuni di Ravenna e Faenza La Provincia di Ravenna dovrà consegnare ai Comuni di Ravenna e Faenza le targhe, in quanto queste ultime saranno stampate esclusivamente dalla Provincia di Ravenna per garantire l uniformità. Le attività dei tre Enti territoriali saranno: - consegnare a tutti gli installatori/manutentori chiavi di accesso, targhe e bollini con le modalità previste al paragrafo 2.4; - affidamento ad una Ditta esterna l inserimento dei modelli di cui all Allegato 10 e/o 11 della Deliberazione dell Assemblea Legislativa E.R. n 156 del 4 marzo 2008 e s.m.i. che arriveranno dagli installatori/manutentori che non hanno aderito al progetto. Tale Ditta dovrà anche essere in grado di utilizzare la lettura ottica dei modelli di cui all Allegato 10 e/o 11 della Deliberazione dell Assemblea Legislativa E.R. n 156 del 4 marzo 2008 e s.m.i.; - estrazione i campioni per le verifiche e lasciare che sia il software a notificarlo ai verificatori Installatori/ Manutentori Tutti gli installatori/manutentori dovranno partecipare al corso di formazione per l utilizzo del software del catasto impianti. Il loro metodo di lavoro cambia poiché dovranno targare gli impianti (se non sono già targati). Il loro lavoro viene semplificato perché non devono più sapere in quale comune effettuano la manutenzione. Le loro attività sono: - targare gli impianti se non sono targati; - riportare su tutta la modulistica la targa dell impianto; - avere in dotazione alcuni moduli aggiuntivi quale installazione impianto, dismissione impianto e passaggio di manutenzione impianto; - inserire nel software del catasto impianti i dati dei modelli di cui all Allegato 10 e/o 11 della Deliberazione dell Assemblea Legislativa E.R. n 156 del 4 marzo 2008 e s.m.i. (con le modalità previste nel paragrafo 2.6). In alternativa l installatore/manutentore può trasmettere la documentazione alle Associazioni di Categoria che si impegneranno al caricamento dei dati sul software; - invio la modulistica cartacea all Ente territorialmente competente. 13

14 3.4.3 Verificatori Le attività che svolgeranno sono le seguenti: - ricezione dei campioni da verificare tramite il software di catasto impianti; - inserimento dei dati delle verifiche direttamente nel software di catasto impianti; - invio della modulistica cartacea alla Provincia. 14

15 1. Schema riepilogativo per la manutenzione degli impianti 15

16 2. Riepilogo dei costi a carico della Provincia I costi sono riepilogati nella seguente tabella: Descrizione Costo totale (IVA esclusa) Costo totale (IVA inclusa) Note Installazione software catasto impianti termici e configurazione iniziale Spesa complessiva per le tre entità territoriali Eventuali personalizzazioni del software di catasto Costo manutenzione annua software catasto impianti Costo formazione iniziale progetto pilota Con eventuale adesione dei Comuni di Ravenna e Faenza per entità giorni di formazione consecutivi Costo stampa targhe impianti ,80 Costo per targhe; stampa su polipropilene resistente all esterno anticontraffazione, monocolore, doppia copia. Costo per 1000 targhe per avvio fase sperimentale progetto Costo formazione successiva per tutti gli installatori/manutentori e verificatori Costi vari (noleggio sala per formazione, stampa modulistica Calore pulito per promozione, materiale vario) giorni di formazione consecutivi Preventivo costi totali ,8 16

17 6. Diagramma di Gantt Dettaglio delle tempistiche di attuazione del progetto: 1) Delibera di approvazione del Progetto Calore Pulito Linee Guida per l informatizzazione 2) Eventuale stesura di un accordo tra Provincia, Comune di Faenza e Comune di Ravenna per indicare l intenzione di lavorare insieme sul progetto Calore pulito ed eventualmente dare vita ad un ufficio comune. 3) Stampa delle targhe da applicare alle caldaie; 4) Installazione di una nuova istanza del software di catasto impianti, unico per tutta la Provincia. In questo modo la banca dati sarà unica, con possibilità per Provincia e Comuni di accedere solamente alle proprie informazioni. Questo permetterà di avere informazioni su tutta la Provincia di Ravenna e soprattutto permetterebbe di partire con una soluzione pulita, che verrà alimentata solamente da dati di caldaie targate. 5) Formazione circa l uso del software di catasto impianti rivolto a installatori/manutentori, verificatori e Sportello Energia. 6) Ridefinizione del contratto con l AUSL al fine di inserire nel software i dati delle verifiche 7) Implementazione delle integrazioni necessarie per trasferire i dati dai software in possesso ai installatori/manutentori direttamente nel software di catasto impianti. 8) Implementazione di un progetto pilota che coinvolga un limitato numero di installatori/manutentori: inizio distribuzione targhe e credenziali di accesso 9) Individuazione di una ditta che possa inserire i modelli cartacei che non vengono inseriti automaticamente dagli installatori/manutentori e che possa inserire anche i moduli a lettura ottica 10) Collaudo del sistema ed introduzione di eventuali correzioni 11) Allargamento del progetto a tutti gli installatori/manutentori e verificatori 12) Allargamento del progetto ai Comuni di Ravenna e Faenza 17

18 18

DIVISIONE ENERGIA. Disposizioni e criteri per l esercizio, il controllo, la manutenzione e l ispezione degli impianti termici

DIVISIONE ENERGIA. Disposizioni e criteri per l esercizio, il controllo, la manutenzione e l ispezione degli impianti termici DIVISIONE ENERGIA Disposizioni e criteri per l esercizio, il controllo, la manutenzione e l ispezione degli impianti termici Disposizioni e criteri per l esercizio, il controllo, la manutenzione e l ispezione

Dettagli

INIZIATIVA BOLLINO VERDE GUIDA ALLE PROCEDURE PER IL TERRITORIO DELLA PROVINCIA DI ANCONA

INIZIATIVA BOLLINO VERDE GUIDA ALLE PROCEDURE PER IL TERRITORIO DELLA PROVINCIA DI ANCONA INIZIATIVA BOLLINO VERDE GUIDA ALLE PROCEDURE PER IL TERRITORIO DELLA PROVINCIA DI ANCONA Cos è l iniziativa bollino verde È il sistema di autocertificazione degli impianti termici sull osservanza delle

Dettagli

CAMPAGNA DI AUTODICHIARAZIONE DEGLI IMPIANTI TERMICI BIENNIO 2014-2015 INFORMATIVA AGLI UTENTI

CAMPAGNA DI AUTODICHIARAZIONE DEGLI IMPIANTI TERMICI BIENNIO 2014-2015 INFORMATIVA AGLI UTENTI PROVINCIA DI BRINDISI SERVIZIO 6 AMBIENTE ED ECOLOGIA UFFICIO IMPIANTI TERMICI Santa Teresa S.p.A. Società Multiservizi della Provincia di Brindisi SETTORE IMPIANTI TERMICI CAMPAGNA DI AUTODICHIARAZIONE

Dettagli

Il sistema di gestione delle agevolazioni delle tariffe elettriche (a cura di Ancitel)

Il sistema di gestione delle agevolazioni delle tariffe elettriche (a cura di Ancitel) Palazzo delle Stelline Milano 26 novembre ore 10.00 13.00 ATTI DEL SEMINARIO Il sistema di gestione delle agevolazioni delle tariffe elettriche (a cura di Ancitel) Con la liberalizzazione del mercato dell

Dettagli

VADEMECUM PER LA PRESENTAZIONE DELLE RICHIESTE DI ACCESSO AL FONDO DI GARANZIA PER IL CIRCOLANTE DELLE IMPRESE OPERATIVO DAL 22.08.

VADEMECUM PER LA PRESENTAZIONE DELLE RICHIESTE DI ACCESSO AL FONDO DI GARANZIA PER IL CIRCOLANTE DELLE IMPRESE OPERATIVO DAL 22.08. VADEMECUM PER LA PRESENTAZIONE DELLE RICHIESTE DI ACCESSO AL FONDO DI GARANZIA PER IL CIRCOLANTE DELLE IMPRESE OPERATIVO DAL 22.08.2011 INDICE 1. PREMESSA... 2 2. PROCEDURA PER LA PRESENTAZIONE DELLE RICHIESTE...

Dettagli

Gruppo Buffetti S.p.A. Via F. Antolisei 10-00173 Roma

Gruppo Buffetti S.p.A. Via F. Antolisei 10-00173 Roma SOMMARIO VERSIONI CONTENUTE NEL PRESENTE CD... 2 MODALITA DI AGGIORNAMENTO... 2 AVVERTENZE... 2 Adeguamento archivi... 2 INTERVENTI EFFETTUATI CON L UPD 004_2012 DI LINEA AZIENDA... 3 GESTIONE E-COMMERCE...

Dettagli

Prenotazione / Gestione on-line dei verbali d esame

Prenotazione / Gestione on-line dei verbali d esame Prenotazione / Gestione on-line dei verbali d esame PREMESSA Il documento ha lo scopo di definire e regolamentare le procedure connesse con la prenotazione degli esami on line in fase di prima applicazione.

Dettagli

GUIDA OPERATIVA PER LA PRIMA FORMAZIONE DEL REGISTRO

GUIDA OPERATIVA PER LA PRIMA FORMAZIONE DEL REGISTRO REGISTRO DEI REVISORI LEGALI DEI CONTI GUIDA OPERATIVA PER LA PRIMA FORMAZIONE DEL REGISTRO PER I REVISORI LEGALI E LE SOCIETA DI REVISIONE Versione 1.0 del 31 maggio 2013 Sommario PREMESSA... 4 LA PROCEDURA

Dettagli

Il controllo degli impianti termici dal DPR 74/2013 alla Delibera 1578/2014 Regione Emilia Romagna

Il controllo degli impianti termici dal DPR 74/2013 alla Delibera 1578/2014 Regione Emilia Romagna Il controllo degli impianti termici dal DPR 74/2013 alla Delibera 1578/2014 Regione Emilia Romagna Moreno Barbani, Responsabile Emilia Romagna DPR 74/2013 1 Ampliamento degli impianti assoggettati a procedure

Dettagli

Guida alla presentazione della domanda di contributo sul bando MODA DESIGN sostegno alle imprese del settore con particolare riferimento all

Guida alla presentazione della domanda di contributo sul bando MODA DESIGN sostegno alle imprese del settore con particolare riferimento all Guida alla presentazione della domanda di contributo sul bando MODA DESIGN sostegno alle imprese del settore con particolare riferimento all imprenditoria femminile Indice 1. Introduzione... 3 2. Accesso

Dettagli

PROCEDURA OPERATIVA PER LA REGISTRAZIONE AL CET

PROCEDURA OPERATIVA PER LA REGISTRAZIONE AL CET PROCEDURA OPERATIVA PER LA REGISTRAZIONE AL CET Revisioni Redatto Rev 01 del 28/02/2013 Gruppo di Lavoro Catasto Emissioni Territoriali Approvato 1/6 1. Premessa e obiettivi La Regione Puglia ha realizzato

Dettagli

Protocollo Informatico (D.p.r. 445/2000)

Protocollo Informatico (D.p.r. 445/2000) Protocollo Informatico (D.p.r. 445/2000) Ricerca veloce degli atti, archiviazione, fascicolazione ed inventario Inserimento semplice e funzionale Collegamento tra protocolli tramite la gestione dei fascicoli

Dettagli

Manuale Utente SIRECO

Manuale Utente SIRECO Corte Dei Conti Manuale Utente SIRECO Guida all accesso a SIRECO Indice dei contenuti 1. Obiettivo del documento... 3 1.1 Acronimi, abbreviazioni, e concetti di base... 3 2. Registrazione di un Responsabile...

Dettagli

aggiorna le disposizioni per gli accertamenti documentali sugli impianti di utenza NUOVI (di nuova installazione);

aggiorna le disposizioni per gli accertamenti documentali sugli impianti di utenza NUOVI (di nuova installazione); FEBBRAIO 2014 Il 6 febbraio 2014 l Autorità per l Energia Elettrica e il Gas (AEEG) ha emanato e pubblicato sul proprio sito la Delibera n. 40/2014/R/gas, Disposizioni in materia di accertamenti della

Dettagli

Pratiche edilizie on line PRATICHE EDILIZIE ON LINE MANUALE UTENTE VIRTUAL BACK-OFFICE FEBBRAIO 2005. PIM-MUT-RUPAR-2005-02-03.

Pratiche edilizie on line PRATICHE EDILIZIE ON LINE MANUALE UTENTE VIRTUAL BACK-OFFICE FEBBRAIO 2005. PIM-MUT-RUPAR-2005-02-03. PRATICHE EDILIZIE ON LINE MANUALE UTENTE VIRTUAL BACK-OFFICE FEBBRAIO 2005 PIM-MUT-RUPAR-2005-02-03.DOC Pagina 1 di 30 INDICE 1 INTRODUZIONE... 3 1.1 SCOPO DEL DOCUMENTO... 3 1.2 RIFERIMENTI NORMATIVI...

Dettagli

Architettura del sistema

Architettura del sistema 18/06/15 I N D I C E 1 INTRODUZIONE... 2 2 DEFINIZIONE DEGLI OBIETTIVI... 2 3 PROGETTO DI MASSIMA... 3 3.1 REQUISITI DELLA SOLUZIONE... 4 4 LA SOLUZIONE... 4 4.1 IL NUCLEO CENTRALE... 5 4.1.1 La gestione

Dettagli

Il NUOVO SISTEMA DI AUTOCERTIFICAZIONE DEGLI IMPIANTI IL BOLLINO VERDE

Il NUOVO SISTEMA DI AUTOCERTIFICAZIONE DEGLI IMPIANTI IL BOLLINO VERDE Il NUOVO SISTEMA DI AUTOCERTIFICAZIONE DEGLI IMPIANTI IL BOLLINO VERDE BOLLINO VERDE Che cosa è un sistema obbligatorio di autocertificazione di tutti gli impianti termici In vigore dal 15 ottobre 2009

Dettagli

SPECIFICA DI ASSICURAZIONE QUALITA

SPECIFICA DI ASSICURAZIONE QUALITA 1 di 8 1 PRESCRIZIONI PER LA GESTIONE DI SERVIZI DI PROGETTAZIONE SULLA BASE DI DOCUMENTI DI 2 Parte Titolo 3 PARTE I I.1 PREMESSA I.2 SCOPI I.3 PRESCRIZIONI RELATIVE ALL'ORGANIZZAZIONE AZIENDALE DELLA

Dettagli

ALLEGATO 4 STUDIO DI FATTIBILITA

ALLEGATO 4 STUDIO DI FATTIBILITA ALLEGATO 4 STUDIO DI FATTIBILITA Procedura aperta per la selezione di una Società di Gestione del Risparmio per l'istituzione e la gestione di un fondo di investimento, immobiliare, chiuso per il patrimonio

Dettagli

CARTA SCONTO METANO/GPL

CARTA SCONTO METANO/GPL ALLEGATO 1 alla dgr 19596 del 26 novembre 2004 CARTA SCONTO METANO/GPL Finalità La presente iniziativa si inquadra nell insieme dei provvedimenti adottati per il miglioramento della qualità dell aria,

Dettagli

PROVINCIA REGIONALE DI ENNA

PROVINCIA REGIONALE DI ENNA REGOLAMENTO PER IL CONTROLLO DI RENDIMENTO DI COMBUSTIONE E DELLO STATO DI ESERCIZIO E MANUTENZIONE DEGLI IMPIANTI TERMICI. (Del. C.P. n. 36/2009) Art. 1 - OGGETTO DEL REGOLAMENTO Il presente Regolamento

Dettagli

L anno 2011 il giorno.. del mese di., nelle sede dell Unione Pratiarcati ubicata ad Albignasego in Via Roma n. 224 TRA

L anno 2011 il giorno.. del mese di., nelle sede dell Unione Pratiarcati ubicata ad Albignasego in Via Roma n. 224 TRA CONVENZIONE PER LA GESTIONE IN FORMA ASSOCIATA DEL SERVIZIO DI GESTIONE GLOBALE DEL CICLO DELLE VIOLAZIONI AL CODICE DELLA STRADA IVI COMPRESA LA RISCOSSIONE DELLE STESSE. L anno 2011 il giorno.. del mese

Dettagli

Software Servizi Web UOGA

Software Servizi Web UOGA Manuale Operativo Utente Software Servizi Web UOGA S.p.A. Informatica e Servizi Interbancari Sammarinesi Strada Caiese, 3 47891 Dogana Tel. 0549 979611 Fax 0549 979699 e-mail: info@isis.sm Identificatore

Dettagli

Manuale d uso. Fatturazione elettronica attiva

Manuale d uso. Fatturazione elettronica attiva Manuale d uso Fatturazione elettronica attiva Prima FASE Data Versione Descrizione Autore 10/03/2015 Versione 2.0 Manuale Utente Patrizia Villani 28/05/2015 Versione 3.0 Revisione Manuale Utente Patrizia

Dettagli

PROCEDURA PR.07/03. Progettazione e sviluppo software STATO DI REVISIONE. Verificato da

PROCEDURA PR.07/03. Progettazione e sviluppo software STATO DI REVISIONE. Verificato da PROCEDURA PR.07/03 Progettazione e sviluppo software STATO DI REVISIONE NUMERO REVISIONE DATA Emesso da DT Fabio 0 15/07/03 Matteucci 1 22/12/03 Fabio Matteucci 2 Verificato da Rappresentante della Direzione

Dettagli

Soluzioni Software e Servizi Web per la Fattura Elettronica PA

Soluzioni Software e Servizi Web per la Fattura Elettronica PA Soluzioni Software e Servizi Web per la Fattura Elettronica PA TeamSystem ha rilasciato un nuovo modulo software e creato un servizio web per gestire in modo snello, guidato e sicuro l intero processo

Dettagli

Sistema Informativo Territoriale Edilizio

Sistema Informativo Territoriale Edilizio Sistema Informativo Territoriale Edilizio SPORTELLO UNICO PER L EDILIZIA Sistema Integrato Territoriale Edilizio Sportello unico per l edilizia - Ufficio tecnico La problematica riguardante la normativa

Dettagli

PIATTAFORMA PER LA CERTIFICAZIONE DEL CREDITO PCC - Estrazione dati

PIATTAFORMA PER LA CERTIFICAZIONE DEL CREDITO PCC - Estrazione dati PIATTAFORMA PER LA CERTIFICAZIONE DEL CREDITO PCC - Estrazione dati L art. 27 decreto legge 24 aprile 2014 n. 66, convertito con modificazioni dalla legge 23 giugno 2014, n. 89, introduce significative

Dettagli

LINEE GUIDA PER GLI ENTI DI FORMAZIONE PER L EROGAZIONE DELLA FORMAZIONE ESTERNA

LINEE GUIDA PER GLI ENTI DI FORMAZIONE PER L EROGAZIONE DELLA FORMAZIONE ESTERNA LINEE GUIDA PER GLI ENTI DI FORMAZIONE PER L EROGAZIONE DELLA FORMAZIONE ESTERNA Versione 01 25/09/2012 Il documento è da considerarsi in progress. Ogni aggiornamento verrà identificato con una nuova versione,

Dettagli

Istruzioni per la compilazione e l invio della richiesta di iscrizione all elenco dei Certificatori Energetici della Regione Emilia-Romagna.

Istruzioni per la compilazione e l invio della richiesta di iscrizione all elenco dei Certificatori Energetici della Regione Emilia-Romagna. Istruzioni per la compilazione e l invio della richiesta di iscrizione all elenco dei Certificatori Energetici della Regione Emilia-Romagna. Descrizione dell iter del procedimento Per poter essere inseriti

Dettagli

MODALITÀ ORGANIZZATIVE E PIANIFICAZIONE DELLE VERIFICHE SUGLI IMPIANTI

MODALITÀ ORGANIZZATIVE E PIANIFICAZIONE DELLE VERIFICHE SUGLI IMPIANTI Pagina:1 di 6 MODALITÀ ORGANIZZATIVE E PIANIFICAZIONE DELLE VERIFICHE SUGLI IMPIANTI INDICE 1. INTRODUZIONE...1 2. ATTIVITÀ PRELIMINARI ALL INIZIO DELLE VERIFICHE...2 3. PIANO OPERATIVO DELLE ATTIVITÀ...2

Dettagli

SOFTWARE A SUPPORTO DELLA GESTIONE AMMINISTRATIVA DELLO SPORTELLO UNICO SPECIFICA DEI REQUISITI UTENTE

SOFTWARE A SUPPORTO DELLA GESTIONE AMMINISTRATIVA DELLO SPORTELLO UNICO SPECIFICA DEI REQUISITI UTENTE Pag. 1 di 19 SOFTWARE A SUPPORTO DELLA (VERS. 2.4) Caricamento delle Pratiche Pregresse Specifica dei Requisiti Utente Codice Identificativo VERIFICHE ED APPROVAZIONI CONTROLLO APPROVAZIONE AUTORIZZAZIONE

Dettagli

Soluzioni Software e Servizi Web per la Fattura Elettronica PA

Soluzioni Software e Servizi Web per la Fattura Elettronica PA 23 febbraio 2015, Bologna Circ. N. 0023/02/2015 Soluzioni Software e Servizi Web per la Fattura Elettronica PA Gentile Cliente, abbiamo rilasciato un nuovo modulo software e creato un servizio web per

Dettagli

Procedura per il rilascio della Carta di Attivazione

Procedura per il rilascio della Carta di Attivazione Procedura per il rilascio della Carta di Attivazione Per il funzionamento di un sistema di emissione dei titoli di accesso e per la generazione del sigillo fiscale è necessario richiedere il rilascio all

Dettagli

DELLA DOCUMENTAZIONE CARTACEA AZIENDALE CAPITOLATO TECNICO

DELLA DOCUMENTAZIONE CARTACEA AZIENDALE CAPITOLATO TECNICO ALL. C AFFIDAMENTO AI SENSI DELL ART. 125 COMMI 10 E 11 DEL D.LGS. 163/2006 E S.M.I. DEL SERVIZIO DI CATALOGAZIONE, ARCHIVIAZIONE, GESTIONE E CONSULTAZIONE DELLA DOCUMENTAZIONE CARTACEA AZIENDALE CIG:

Dettagli

MODALITA di ACCESSO GUIDA AL SISTEMA FedERa GESTIONE IDENTITA DIGITALI

MODALITA di ACCESSO GUIDA AL SISTEMA FedERa GESTIONE IDENTITA DIGITALI COMUNE di TORRILE MODALITA di ACCESSO GUIDA AL SISTEMA FedERa GESTIONE IDENTITA DIGITALI COME ACCEDERE al SU@P ON-LINE Per accedere al SU@P On-Line, disponibile nel sito istituzionale del Comune di Torrile

Dettagli

Scheda Tecnica MyCDR

Scheda Tecnica MyCDR Scheda Tecnica MyCDR Scheda Tecnica MyCDR 1 di 6.10 M ycdr, software realizzato appositamente per la gestione dei Centri di Raccolta, è web based: realizzato con applicazioni open source e non prevede

Dettagli

VALUTAZIONE PRESTAZIONI del PERSONALE NEL SETTORE BANCARIO

VALUTAZIONE PRESTAZIONI del PERSONALE NEL SETTORE BANCARIO VALUTAZIONE PRESTAZIONI del PERSONALE NEL SETTORE BANCARIO Modelli e strumenti Il software H1 Hrms a supporto Valutazione Prestazioni del personale nel settore bancario dicembre 2010 gennaio 2011 pag.

Dettagli

Regolamento tecnico interno

Regolamento tecnico interno Regolamento tecnico interno CAPO I Strumenti informatici e ambito legale Articolo 1. (Strumenti) 1. Ai sensi dell articolo 2, comma 5 e dell articolo 6, comma 1, l associazione si dota di una piattaforma

Dettagli

Provincia dell Aquila Settore Ambiente e Provveditorato alla Ricostruzione

Provincia dell Aquila Settore Ambiente e Provveditorato alla Ricostruzione Provincia dell Aquila Settore Ambiente e Provveditorato alla Ricostruzione DISCIPLINARE TECNICO DI AUTORIZZAZIONE ALL ACQUISTO DEL BOLLINO VERDE DA PARTE DELLE IMPRESE DI INSTALLAZIONE E MANUTENZIONE DI

Dettagli

Protocollo Informatico (D.p.r. 445/2000)

Protocollo Informatico (D.p.r. 445/2000) Protocollo Informatico (D.p.r. 445/2000) Ricerca veloce degli atti, archiviazione, fascicolazione ed inventario semplice e funzionale Collegamento tra protocolli tramite la gestione dei fascicoli e visualizzazione

Dettagli

COMUNE DI TREZZO SULL ADDA

COMUNE DI TREZZO SULL ADDA COMUNE DI TREZZO SULL ADDA CAPITOLATO D APPALTO PER L AGGIORNAMENTO, LA MANUTENZIONE, L HOSTING, LA GESTIONE DELLE STATISTICHE E L INTRODUZIONE DI NUOVE FUNZIONALITA DEL SITO INTERNET DEL COMUNE DI TREZZO

Dettagli

Specifiche Tecniche CARATTERISTICHE TECNICHE GENERALI MINIME PER LA GESTIONE DEL SERVIZIO

Specifiche Tecniche CARATTERISTICHE TECNICHE GENERALI MINIME PER LA GESTIONE DEL SERVIZIO Specifiche Tecniche CARATTERISTICHE TECNICHE GENERALI MINIME PER LA GESTIONE DEL SERVIZIO 1. Caratteristiche Generali I buoni pasto sono di tipo elettronico e si devono utilizzare attraverso carte elettroniche

Dettagli

IL RAGIONIERE GENERALE DELLO STATO

IL RAGIONIERE GENERALE DELLO STATO Determina del Ragioniere generale dello Stato concernente le modalità di trasmissione e gestione di dati e comunicazioni ai Registri di cui al decreto legislativo 27 gennaio 2010, n. 39, concernente la

Dettagli

PIANO DI INFORMATIZZAZIONE

PIANO DI INFORMATIZZAZIONE Comune di Rocca San Giovanni PIANO DI INFORMATIZZAZIONE delle procedure per la presentazione e compilazione on-line da parte di cittadini ed imprese delle istanze, dichiarazioni e segnalazioni al comune

Dettagli

Software a supporto della Gestione amministrativa dello Sportello Unico Versione 2.1

Software a supporto della Gestione amministrativa dello Sportello Unico Versione 2.1 Pag. 1 di 9 Software a supporto della Gestione amministrativa dello Sportello Unico Versione 2.1 Interventi sul software RE V. REDAZIONE VERIFICHE ED APPROVAZIONI CONTROLLO APPROVAZIONE AUTORIZZAZIONE

Dettagli

Manuale Utente SIRECO

Manuale Utente SIRECO Corte Dei Conti Manuale Utente SIRECO Guida alle funzioni del modulo Redattore 1 di 157 Corte Dei Conti Indice dei contenuti 1. Obiettivo del documento... 5 1.1 Acronimi, abbreviazioni, e concetti di base...

Dettagli

Modifica bis del Regolamento dell Operazione a Premi Compass ti premia. Modifica del Regolamento dell Operazione a Premi Compass ti premia

Modifica bis del Regolamento dell Operazione a Premi Compass ti premia. Modifica del Regolamento dell Operazione a Premi Compass ti premia Modifica bis del Regolamento dell Operazione a Premi Compass ti premia Il Soggetto Promotore, ai sensi del D.P.R. n. 430/2001, comunica a tutti i Clienti Compass le seguenti ulteriori modifiche al regolamento

Dettagli

DENUNCE EDILCONNECT GUIDA COMPILAZIONE

DENUNCE EDILCONNECT GUIDA COMPILAZIONE Cassa Edile Como e Lecco DENUNCE EDILCONNECT GUIDA COMPILAZIONE COMPILAZIONE MANUALE DENUNCIA Guida per i consulenti e le imprese che compilano la denuncia senza utilizzare il file di esportazione dei

Dettagli

L UFFICIO WEB. Modulo online per la gestione del personale. Manuale di utilizzo. Versione 1.0.75.0. Pagina 1 di 33

L UFFICIO WEB. Modulo online per la gestione del personale. Manuale di utilizzo. Versione 1.0.75.0. Pagina 1 di 33 L UFFICIO WEB Modulo online per la gestione del personale Manuale di utilizzo Versione 1.0.75.0 Pagina 1 di 33 1. INTRODUZIONE L applicazione Ufficio Web permette una gestione semplificata e automatizzata

Dettagli

registroelettronico@otto.to.it

registroelettronico@otto.to.it registroelettronico@otto.to.it Registro Elettronico L adozione di un sistema di gestione computerizzata delle attività didattiche nel loro insieme, una questione oggi rimarcata anche a livello normativo,

Dettagli

Attività relative al primo anno

Attività relative al primo anno PIANO OPERATIVO L obiettivo delle attività oggetto di convenzione è il perfezionamento dei sistemi software, l allineamento dei dati pregressi e il costante aggiornamento dei report delle partecipazioni

Dettagli

Allegato 1 CAPITOLATO TECNICO

Allegato 1 CAPITOLATO TECNICO Allegato 1 CAPITOLATO TECNICO PROCEDURA APERTA Fornitura di gas e dei servizi connessi presso gli insediamenti della società Rete Ferroviaria Italiana S.p.A. (di seguito RFI S.p.A. ) Capitolato tecnico

Dettagli

DETERMINAZIONE DEL DIRIGENTE DEL SERVIZIO ENERGIA, RETI E INFRASRTUT- TURE MATERIALI PER LO SVILUPPO 16 aprile 2010, n. 68

DETERMINAZIONE DEL DIRIGENTE DEL SERVIZIO ENERGIA, RETI E INFRASRTUT- TURE MATERIALI PER LO SVILUPPO 16 aprile 2010, n. 68 11976 - a ripristinare i luoghi affinché risultino disponibili per le attività previste per essi all atto della dismissione dell impianto ai sensi del comma 4 dell art. 12 del D.Lgs. 387/2003 ai sensi

Dettagli

PROCEDURA WEB CATASTO IMPIANTI TERMICI E DI RAFFRESCAMENTO

PROCEDURA WEB CATASTO IMPIANTI TERMICI E DI RAFFRESCAMENTO PROCEDURA WEB CATASTO IMPIANTI TERMICI E DI RAFFRESCAMENTO 1 IL CATASTO IMPIANTI: la fase transitoria Nel 2015 verrà avviata una fase transitoria durante la quale verrà data la possibilità ai manutentori

Dettagli

COMUNE DI VEDUGGIO CON COLZANO Provincia di Milano Codice Ente 11123

COMUNE DI VEDUGGIO CON COLZANO Provincia di Milano Codice Ente 11123 COMUNE DI VEDUGGIO CON COLZANO Provincia di Milano Codice Ente 11123 N. 30 Reg. Delib. G.C. Seduta del 17/03/2006 OGGETTO: REVISIONE DEL DOCUMENTO PROGRAMMATICO SULLA SICUREZZA DEI DATI PERSONALI PER L

Dettagli

TRA. E le Associazioni dei Consumatori ADICONSUM, FEDERCONSUMATORI e ADOC nelle persone dei propri legali rappresentanti: sig. Alessandro Pavanello

TRA. E le Associazioni dei Consumatori ADICONSUM, FEDERCONSUMATORI e ADOC nelle persone dei propri legali rappresentanti: sig. Alessandro Pavanello CONVENZIONE TRA COMUNE DI ROVIGO, ASSOCIAZIONI ARTIGIANE ED ASSOCIAZIONI DEI CONSUMATORI PER L ATTUAZIONE DI CAMPAGNE DI MANUTENZIONE DEGLI IMPIANTI TERMICI DI POTENZA NOMINALE INFERIORE A 35 kw SUL TERRITORIO

Dettagli

Ulisse-SUAP sottosistema di firma Digitale Integrata

Ulisse-SUAP sottosistema di firma Digitale Integrata Pagina 1 di 15 Ulisse-SUAP sottosistema di firma Digitale Integrata Documento: Bozza Data: 27/8/2014 Numero pagine: 15 Pagina 2 di 15 INDICE GESTIONE DEL DOCUMENTO...3 GLOSSARIO...5 ACRONIMI...6 INTRODUZIONE...7

Dettagli

SUAP. Per gli operatori SUAP/amministratori. Per il richiedente

SUAP. Per gli operatori SUAP/amministratori. Per il richiedente Procedura guidata per l inserimento della domanda Consultazione diretta, da parte dell utente, dello stato delle sue richieste Ricezione PEC, protocollazione automatica in entrata e avviamento del procedimento

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA PRESENTAZIONE DI ISTANZE E DICHIARAZIONI PER VIA TELEMATICA

REGOLAMENTO PER LA PRESENTAZIONE DI ISTANZE E DICHIARAZIONI PER VIA TELEMATICA COMMUNE DE GRESSAN REGOLAMENTO PER LA PRESENTAZIONE DI ISTANZE E DICHIARAZIONI PER VIA TELEMATICA Approvazione deliberazione del Consiglio comunale n. 10 del 13/01/2012 del Consiglio comunale n. del Art.

Dettagli

istituto nazionale di previdenza per i dipendenti dell'amministrazione pubblica

istituto nazionale di previdenza per i dipendenti dell'amministrazione pubblica Roma, 13/11/2008 DIREZIONE CENTRALE ENTRATE E POSIZIONE ASSICURATIVA UFFICIO IV RISCOSSIONE E VIGILANZA Prot. n. 4476 Rif. del istituto nazionale di previdenza per i dipendenti dell'amministrazione pubblica

Dettagli

Presentazione della domanda di Voucher in modalità telematica

Presentazione della domanda di Voucher in modalità telematica BANDO VOUCHER PER L INTERNAZIONALIZZAZIONE E LA PROMOZIONE ALL ESTERO DELLE MICRO, PICCOLE E MEDIE IMPRESE LOMBARDE 2011 Accordo di Programma Competitività tra Regione Lombardia e le Camere di Commercio

Dettagli

Sistema Accordo Pagamenti

Sistema Accordo Pagamenti REGIONE LAZIO Dipartimento Economico ed Occupazionale Direzione Economia e Finanza Sistema Accordo Pagamenti - Aziende di Service - Procedura di Test e Validazione flussi xml Versione 1.0 Data : 04 Maggio

Dettagli

MISURE FINALIZZATE ALLA RAZIONALIZZAZIONE DELLE DOTAZIONI STRUMENTALI, DELLE AUTOVETTURE E DEI BENI IMMOBILI

MISURE FINALIZZATE ALLA RAZIONALIZZAZIONE DELLE DOTAZIONI STRUMENTALI, DELLE AUTOVETTURE E DEI BENI IMMOBILI MISURE FINALIZZATE ALLA RAZIONALIZZAZIONE DELLE DOTAZIONI STRUMENTALI, DELLE AUTOVETTURE E DEI BENI IMMOBILI Premessa Ai sensi dell art. 2 comma 594 e 598 della Legge n.244/2007 (Legge Finanziaria 2008),

Dettagli

Analisi dei Requisiti

Analisi dei Requisiti Analisi dei Requisiti Pagina 1 di 16 Analisi dei Requisiti Indice 1 - INTRODUZIONE... 4 1.1 - OBIETTIVO DEL DOCUMENTO...4 1.2 - STRUTTURA DEL DOCUMENTO...4 1.3 - RIFERIMENTI...4 1.4 - STORIA DEL DOCUMENTO...4

Dettagli

Progetto E-Inclusion. Integrazione scolastica attraverso l uso delle tecnologie. Disciplinare di rendicontazione

Progetto E-Inclusion. Integrazione scolastica attraverso l uso delle tecnologie. Disciplinare di rendicontazione Progetto E-Inclusion Integrazione scolastica attraverso l uso delle tecnologie Disciplinare di rendicontazione (Premessa) A seguito della pubblicazione dell Avviso per la presentazione di progetti e modalità

Dettagli

PMS WEB: GESTIONE CENTRALIZZATA DEI PROGETTI DEL FONDO DALLA PRESENTAZIONE, ALLA APPROVAZIONE, AL CONTROLLO DEI COSTI A REGIME

PMS WEB: GESTIONE CENTRALIZZATA DEI PROGETTI DEL FONDO DALLA PRESENTAZIONE, ALLA APPROVAZIONE, AL CONTROLLO DEI COSTI A REGIME PMS WEB: GESTIONE CENTRALIZZATA DEI PROGETTI DEL FONDO DALLA PRESENTAZIONE, ALLA APPROVAZIONE, AL CONTROLLO DEI COSTI A REGIME PMS WEB: GESTIONE CENTRALIZZATA DEI PROGETTI DEL FONDO DALLA PRESENTAZIONE,

Dettagli

ASSESSORATO DEL LAVORO, FORMAZIONE PROFESSIONALE, COOPERAZIONE E SICUREZZA SOCIALE

ASSESSORATO DEL LAVORO, FORMAZIONE PROFESSIONALE, COOPERAZIONE E SICUREZZA SOCIALE APPRENDISTATO PROFESSIONALIZZANTE D.G.R. n.36/6 del 5 settembre 2006 D. Dirett. n.407 del 12 dicembre 2005 A VVISO PUBBLICO per la presentazione delle domande di assegnazione di voucher formativi per apprendisti

Dettagli

Sistema per la Gestione della Rilevazione Presenze, Paghe e R.U.

Sistema per la Gestione della Rilevazione Presenze, Paghe e R.U. LEONARDO-ARCHIMEDE Sistema per la Gestione della Rilevazione Presenze, Paghe e R.U. HR-Portal Cartellino Web Bacheca Elettronica Gestione Anagrafica Direzione Generale e Uffici: 00178 ROMA Via Pomarico,

Dettagli

Programma Client MUT vers. 2.2.5. 28 Maggio 2014

Programma Client MUT vers. 2.2.5. 28 Maggio 2014 Programma Client MUT vers. 2.2.5 28 Maggio 2014 Principali modifiche rispetto alla versione precedente e Riepilogo funzionalità Nella nuova versione 2.2.5 del Client MUT sono state migliorate alcune funzioni

Dettagli

Provincia di Ravenna

Provincia di Ravenna Allegato A) Provincia di Ravenna PIANO TRIENNALE 2013-2015 DI RAZIONALIZZAZIONE E RIQUALIFICAZIONE DELLA SPESA, RIORDINO E RISTRUTTURAZIONE AMMINISTRATIVA, DI SEMPLIFICAZIONE E DIGITALIZZAZIONE, DI RIDUZIONE

Dettagli

REALIZZAZIONE E GESTIONE DEI PUNTI DI CONSEGNA E RICONSEGNA

REALIZZAZIONE E GESTIONE DEI PUNTI DI CONSEGNA E RICONSEGNA REALIZZAZIONE E GESTIONE DEI PUNTI DI CONSEGNA E RICONSEGNA 1) PROCEDURA PER LE RICHIESTE DI ALLACCIAMENTO DI NUOVI PUNTI DI CONSEGNA/RICONSEGNA...2 1.1) PREMESSA...2 1.1.1) La richiesta...2 1.1.2) La

Dettagli

Modello documento MU_ModelloManualeUtente_v01.0.dot

Modello documento MU_ModelloManualeUtente_v01.0.dot Regione del Veneto Direzione Sistemi Informativi 145 145-Catasto Impianti Termici Manuale Utente Versione 1.0 Modello documento MU_ModelloManualeUtente_v01.0.dot Data 30/12/2014 Pag.: 1/31 SOMMARIO 1 COPYRIGHT...

Dettagli

PROCEDURA GESTIONE QUALITA PGQ 4.2.3

PROCEDURA GESTIONE QUALITA PGQ 4.2.3 03-10-05 Pagina 1 di 9 Copia on line controllata Questo Documento è emesso con distribuzione riservata e non può essere riprodotto senza il benestare scritto dell I.P.S.S.C.T. P. Verri MODIFICHE AL DOCUMENTO

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA VERIFICA DEGLI IMPIANTI TERMICI NEL TERRITORIO DEL COMUNE DI MASSA (LEGGE n. 10/1991, DPR n. 412/1993, DPR n. 551/1999, D.LGS.

REGOLAMENTO PER LA VERIFICA DEGLI IMPIANTI TERMICI NEL TERRITORIO DEL COMUNE DI MASSA (LEGGE n. 10/1991, DPR n. 412/1993, DPR n. 551/1999, D.LGS. REGOLAMENTO PER LA VERIFICA DEGLI IMPIANTI TERMICI NEL TERRITORIO DEL COMUNE DI MASSA (LEGGE n. 10/1991, DPR n. 412/1993, DPR n. 551/1999, D.LGS. 192/05, D.LGS. 311/06) Approvato con delibera di C.C. n.

Dettagli

INAIL, Istituto Nazionale Assicurazione sul Lavoro

INAIL, Istituto Nazionale Assicurazione sul Lavoro Page 1 of 6 INAIL, Istituto Nazionale Assicurazione sul Lavoro Home Normativa e atti ufficiali INAIL Istruzioni Operative 9 dicembre 2008 9 dicembre 2008 Direzione Centrale Rischi Ufficio Tariffe Prot

Dettagli

REPAC I cantieri della Variante di Valico

REPAC I cantieri della Variante di Valico REPAC I cantieri della Variante di Valico Convegno Controllo accessi nei cantieri: investire in sicurezza conviene Misure premiali per chi adotta il REPAC (Registratore delle Presenze Autorizzate nei Cantieri)

Dettagli

Finanziamenti on line -

Finanziamenti on line - Finanziamenti on line - Manuale per la compilazione dei moduli di Gestione dei Progetti Finanziati del Sistema GEFO Rev. 02 Manuale GeFO Pagina 1 Indice 1. Introduzione... 4 1.1 Scopo e campo di applicazione...

Dettagli

Settore Ambiente. Il Comune di Carrara, con sede in Carrara, Piazza 2 Giugno (C.F. 00079450458), rappresentata

Settore Ambiente. Il Comune di Carrara, con sede in Carrara, Piazza 2 Giugno (C.F. 00079450458), rappresentata Settore Ambiente OGGETTO : Protocollo di intesa tra il Comune di Carrara e le Associazioni di categoria dei manutentori per l attività di manutenzione e di verifica degli impianti termici di competenza

Dettagli

DPR 74/2013 Manutenzione impianti Termici: Quali Modifiche? Qual è lo stato di avanzamento?

DPR 74/2013 Manutenzione impianti Termici: Quali Modifiche? Qual è lo stato di avanzamento? DPR 74/2013 Manutenzione impianti Termici: Quali Modifiche? Qual è lo stato di avanzamento? Software Bollino Virtuale Cosa è? Come iniziare ad utilizzarlo? SEVAS s.r.l. nell ambito del corso Aggiornamento

Dettagli

Un sistema semplice ed efficace Per la tracciabilità dei dispositivi medici sterilizzati in ospedale

Un sistema semplice ed efficace Per la tracciabilità dei dispositivi medici sterilizzati in ospedale Gestione informatizzata della distribuzione e della tracciabilità dei prodotti sterilizzati Un sistema semplice ed efficace Per la tracciabilità dei dispositivi medici sterilizzati in ospedale Il programma

Dettagli

CONVENZIONE DI SERVIZIO DELLA CONSERVAZIONE DEI DOCUMENTI INFORMATICI RELATIVI AI SERVIZI DI tra

CONVENZIONE DI SERVIZIO DELLA CONSERVAZIONE DEI DOCUMENTI INFORMATICI RELATIVI AI SERVIZI DI tra COMUNE DI CUNEO SETTORE ELABORAZIONE DATI ED ATTIVITA PRODUTTIVE Via Roma 28, 12100 CUNEO CONVENZIONE DI SERVIZIO DELLA CONSERVAZIONE DEI DOCUMENTI INFORMATICI RELATIVI AI SERVIZI DI tra Il Comune di Cuneo,

Dettagli

Bando Diffusione della CRS nelle scuole lombarde

Bando Diffusione della CRS nelle scuole lombarde Bando Diffusione della CRS nelle scuole lombarde 1. Premesse 1.1 Per incarico della Regione Lombardia, Lombardia Informatica S.p.A. cura la realizzazione della Carta Regionale dei Servizi (CRS) e la sua

Dettagli

Nuovi Flussi Informativi Cooperazione Applicativa Youth Guarantee

Nuovi Flussi Informativi Cooperazione Applicativa Youth Guarantee Nuovi Flussi Informativi Cooperazione Applicativa Youth Guarantee Sommario 1 Introduzione... 2 2 Garanzia Giovani... 2 3 La Cooperazione Applicativa... 2 3.1 Presa in carico del cittadino... 3 3.1.1 Adesione

Dettagli

NOTA TECNICA. Oggetto: Programma Rinegoziazione Enti Locali 2014.

NOTA TECNICA. Oggetto: Programma Rinegoziazione Enti Locali 2014. NOTA TECNICA Oggetto: Programma Rinegoziazione Enti Locali 2014. Cassa depositi e prestiti società per azioni (di seguito CDP ) rende nota con la presente comunicazione la propria disponibilità alla rinegoziazione

Dettagli

11 Azioni previste nel Programma di semplificazione 2011 1 Approvazione Agenda Normativa 2011 che prevede: Report di attuazione

11 Azioni previste nel Programma di semplificazione 2011 1 Approvazione Agenda Normativa 2011 che prevede: Report di attuazione 11 Azioni previste nel Programma di semplificazione 2011 1 Approvazione Agenda Normativa 2011 che prevede: Report di attuazione Approvata con delibera di Giunta regionale n. 744 del 28 Giugno 2011 Semplificazione

Dettagli

Servizio Fatt-PA PASSIVA

Servizio Fatt-PA PASSIVA Sei una Pubblica Amministrazione e sei obbligata a gestire la ricezione delle fatture elettroniche PA? Attivate il servizio di ricezione al resto ci pensiamo noi Servizio Fatt-PA PASSIVA di Namirial S.p.A.

Dettagli

Manuale Utente per la registrazione al Sistema di Tracciabilità del Farmaco

Manuale Utente per la registrazione al Sistema di Tracciabilità del Farmaco per la registrazione al Sistema di Tracciabilità del Farmaco Manuale per la registrazione al sistema Versione 1.0 20 11 2009 SISN_SSW.MSW_FARUM_TRA_MTR_REG.doc Pagina 1 di 22 Versione 1.0 Scheda informativa

Dettagli

Libro unico del lavoro: istruzioni Inail in materia di vidimazione Nevio Bianchi Consulente del lavoro in Roma

Libro unico del lavoro: istruzioni Inail in materia di vidimazione Nevio Bianchi Consulente del lavoro in Roma Articoli Libro unico del lavoro: istruzioni Inail in materia di vidimazione Nevio Bianchi Consulente del lavoro in Roma 32 Dopo la pubblicazione da parte del Ministero del lavoro del «Vademecum» 5 dicembre

Dettagli

Manuale informativo per l utilizzo del Servizio di Firma Elettronica Avanzata (FEA) e Servizio Dematerializzazione Documenti

Manuale informativo per l utilizzo del Servizio di Firma Elettronica Avanzata (FEA) e Servizio Dematerializzazione Documenti Manuale informativo per l utilizzo del Servizio di Firma Elettronica Avanzata (FEA) e Servizio Dematerializzazione Documenti Documento predisposto ai sensi dell art. 57 commi 1 e 3 del DPCM 22.2.2013 Regole

Dettagli

Progetto FALLCO - MANDATI ELETTRONICI

Progetto FALLCO - MANDATI ELETTRONICI Progetto FALLCO - MANDATI ELETTRONICI Dematerializzazione dell iter autorizzativo ed esecutivo relativo ai mandati di pagamento disposti nell ambito delle procedure concorsuali presso le sezioni fallimentari

Dettagli

Prot. n. 249/15 Venezia, 12/03/2015 Resp. Procedimento: Dott. Nicola Nardin Reg. interno n. 28 Resp. Istruttoria: Dott. Marco Tabacchi all. n.

Prot. n. 249/15 Venezia, 12/03/2015 Resp. Procedimento: Dott. Nicola Nardin Reg. interno n. 28 Resp. Istruttoria: Dott. Marco Tabacchi all. n. Prot. n. 249/15 Venezia, 12/03/2015 Resp. Procedimento: Dott. Nicola Nardin Reg. interno n. 28 Resp. Istruttoria: Dott. Marco Tabacchi all. n. 2 OGGETTO: Fornitura software Halley per la protocollazione.

Dettagli

Finanziamenti on line -

Finanziamenti on line - Finanziamenti on line - Manuale per la compilazione della Profilazione e della Domanda di Adesione al bando: Dote scuola 2015-2016 - Domanda Componente Disabilità Pagina 1 Indice 1. Introduzione... 4 1.1

Dettagli

Punto Vendita. OBS Open Business Solutions

Punto Vendita. OBS Open Business Solutions L area Punto Vendita, rivolta alle aziende commerciali al dettaglio, consente la gestione delle operazioni di vendita al banco e più precisamente l immissione, la manutenzione, la stampa, l archiviazione

Dettagli

M46 GDS documentazione Verticale R0

M46 GDS documentazione Verticale R0 1. Introduzione 2. Soluzione proposta 1. Inserimento e/o modifica dei contratti 2. Inserimento e/o modifica dati anagrafici degli articoli 3. Avanzamento flusso documentale ordine di acquisto 3. Personalizzazione

Dettagli

ARTeS iscrizione Albi e Registri Terzo Settore della Regione Lazio Guida alle procedure di iscrizione. Rev. 0 del 2 maggio 2012

ARTeS iscrizione Albi e Registri Terzo Settore della Regione Lazio Guida alle procedure di iscrizione. Rev. 0 del 2 maggio 2012 ARTeS iscrizione Albi e Registri Terzo Settore della Regione Lazio Guida alle procedure di iscrizione Rev. 0 del 2 maggio 2012 1 Il sistema informativo A.R.Te.S. È operativa dal 2 maggio la nuova procedura

Dettagli

OGGETTO: incarico di consulenza, assistenza tecnica informatica e manutenzione hardware/software CIG Z5A1248ED0

OGGETTO: incarico di consulenza, assistenza tecnica informatica e manutenzione hardware/software CIG Z5A1248ED0 Cod. Fiscale 92045820013 via Ciriè 54 10071 BORGARO (TO) Tel. 011 4702428/011 4703011 Fax 011 4510084 e-mail toic89100p@istruzione.it sito web: http://www.icborgaro.it Marchio SAPERI certificato n. 14

Dettagli

Regolamento Sito Web Istituzionale del Comune di Motta Visconti

Regolamento Sito Web Istituzionale del Comune di Motta Visconti Regolamento Sito Web Istituzionale del Comune di Motta Visconti INDICE Art. 1 - Sito web istituzionale Art. 2 - Oggetto del Regolamento Art. 3 - Soggetti competenti e gestione sito web Art. 4 - Contenuti

Dettagli

Il BOLLINO CALORE PULITO.

Il BOLLINO CALORE PULITO. ALLEGATO D SCADENZE TEMPORALI OPERAZIONI DI MANUTENZIONE D.Lgs. 192/05 e smi Allegato L Deliberazione Assemblea Legislativa Regione Emilia Romagna n 156/2008. Le operazioni di controllo ed eventuale manutenzione

Dettagli

Soluzioni Software e Servizi Web per la Fattura Elettronica PA

Soluzioni Software e Servizi Web per la Fattura Elettronica PA 15 Luglio 2014 Soluzioni Software e Servizi Web per la Fattura Elettronica PA Gentile Cliente, l art. 1, commi da 209 a 214, della legge 24 dicembre 2007 n. 244 (legge finanziaria 2008) ha introdotto l

Dettagli