L influenza del suolo sulla performance viticola: DALL APPARATO RADICALE ALLA QUALITÀ DEL VINO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "L influenza del suolo sulla performance viticola: DALL APPARATO RADICALE ALLA QUALITÀ DEL VINO"

Transcript

1 L influenza del suolo sulla performance viticola: DALL APPARATO RADICALE ALLA QUALITÀ DEL VINO Fabrizio Battista, Federica Gaiotti, Davide Mosetti, Gilberto Bragato, Diego Tomasi CRA-VIT CENTRO DI RICERCA PER LA VITICOLTURA CRA-RPS CENTRO DI RICERCA PER LO STUDIO DELLE RELAZIONI TRA PIANTA A SUOLO

2 Il suolo Profondità del suolo Stratigrafia Tessitura Fonti di variabilità della produzione vitivinicola

3 Il sistema suolo - pianta radici EFFETTI Sviluppo vegetativo vigore Produzione Caratteristiche delle uve (zuccheri, acidità, antociani, aromi) Qualità del vino L apparato radicale è l interfaccia tra il suolo e la pianta

4 Scopo Approfondire le conoscenze sui meccanismi di risposta della pianta nei diversi suoli attraverso l indagine degli apparati radicali Capire la relazione tra la distribuzione radicale e la qualità dell uva e dei vini

5 Metodo Scavo di una trincea profonda 1 m a 40 cm dal ceppo

6 Metodo Conta delle radici suddividendole in 3 categorie < 1 mm 1-2 mm > 2 mm

7 Scavi Colluvi Corno Pinot Grigio Colluvi Buttrio Rosazzo Ipplis Buttrio Tocai Friulano Rosazzo Ipplis Monte S. Caterina

8 Pinot Grigio zone colluviali Colluvi Corno Superficie pianeggiante, pietrosità superficiale assente, suoli molto profondi Tessitura franco limoso argilloso Colluvi Buttrio 60 cm ARGILLA

9 Pinot Grigio Colluvi Corno 0 cm 38 radici/mq 100 radici/mq Colluvi Buttrio ARGILLA

10 Pinot Grigio Vini molto simili, la maggior disponibilità idrica nei colluvi di Corno consente produzioni leggermente superiori Zuccheri Brix Acidità totale Colluvi Corno Colluvi Buttrio Peso grappolo (g) Prod. Cepo (kg) Legno di potatura (kg) Ravaz Colluvi Corno Colluvi Buttrio

11 Rosazzo Suolo con tessitura franco argillosa e a scheletro abbondante nell orizzonte sottosuperficiale. A 55/60 cm substrato roccioso. SUOLO POCO PROFONDO Disponibilità idrica leggermente inferiore alla media

12 Rosazzo Pinot Grigio 17 % di radici di grosse dimensioni (< 2 mm) roccia 58 radici/mq Stesso portainnesto: SO4 Tocai Friulano 81 % di peli radicali (< 1 mm) roccia 93 radici/mq

13 Ipplis Suolo profondo con tessitura franco argillosa limosa, debolmente alcalino. Buoni contenuti idrici che negli orizzonti più profondi sono sopra alla media

14 Effetti di uno sbancamento - Ipplis NON SBANCATO SBANCATO Eseguito uno sbancamento al momento dell impianto del vigneto: Alterazione della normale stratigrafia Formazione di una suola a 60 cm di profondità

15 Effetti di uno sbancamento - Ipplis NON SBANCATO Pinot Grigio 130 radici/mq Tocai Friulano SBANCATO 50 radici/mq

16 Buttrio Tocai Friulano 40 cm Suolo sottile con tessitura franco argillosa, con pietrosità superficiale frequente (5-15%) e scheletro abbondante nell orizzonte sottosuperficiale. A 40 cm substrato roccioso 53 radici/mq roccia

17 Monte Santa Caterina Tocai Friulano Suolo profondo con tessitura franco argillosa, più sabbioso in profondità, neutro Nessuna limitazione dal punto di vista fisico Distribuzione radicale in profondità e con scarso investimento Buona disponibilità idrica 45 radici/mq

18 Tocai Friulano Zuccheri Brix Acidità totale ph Ipplis Buttrio Rosazzo Monte S. Caterina Peso grappolo (g) Prod. Cepo (kg) Legno di potatura (kg) Ravaz Ipplis Buttrio Rosazzo Monte S. Caterina IPPLIS: L impedimento alla diffusione radicale (sbancamento) e la scarsità idrica ha comportato una severa limitazione allo sviluppo della pianta data dalla competizione con la produzione MONTE S. CATERINA: L elevata disponibilità idrica durante tutto il ciclo vegetativo, e la più elevata profondità esplorabile dalle radici determina un eccessiva vigoria ROSAZZO: Il buon sviluppo dell apparato radicale (93 radici/mq) per sopperire alla scarsità idrica ha consentito una buona produzione ma un contenimento della fase vegetativa con valori zuccherini elevati BUTTRIO: L impedimento alla diffusione radicale (roccia) ha comportato una bassa produzione per ceppo a favore degli zuccheri, situazione intermedia

19 Tocai Friulano Nonostante la bassa produzione per ceppo di Buttrio i suoi vini sono meno equilibrati e meno piacevoli (sbilanciamento verso la fase vegetativa, produce molto legno per ceppo)

20 Considerazioni finali Minore disponibilità idriche = maggiore densità radicale Contenimento dell apparato aereo maggiore qualità Buona/eccessiva disponibilità idrica = minore sviluppo radicale. esuberi vegetativi e produttivi decadimento qualità Disponibilità idrica intermedia, associata ad una profondità limitata del suolo, concorre all instaurarsi di un miglior equilibrio vegeto-produttivo garante di buone produzioni Varietà poco vigorose (Pinot Grigio) investono maggiormente sull apparato radicale

21 Il sistema suolo - radici - pianta Disponibilità idrica Profondità esplorabile Tessitura e struttura del suolo Densità e distribuzione degli apparati radicali Rese e qualità delle produzioni

Densità di impianto: distanza tra le piante sul filare e tra i filari (da Fregoni 1984 e Calò 1987)

Densità di impianto: distanza tra le piante sul filare e tra i filari (da Fregoni 1984 e Calò 1987) Densità di impianto: distanza tra le piante sul filare e tra i filari (da Fregoni 1984 e Calò 1987) Prima regola: oltre un certo carico produttivo per ceppo la qualità diminuisce ( ) Fittezza in relazione

Dettagli

MANTENIMENTO DEI CARATTERI ORIGINALI DEL SUOLO E QUALITA DELL UVA E DEL VINO

MANTENIMENTO DEI CARATTERI ORIGINALI DEL SUOLO E QUALITA DELL UVA E DEL VINO MANTENIMENTO DEI CARATTERI ORIGINALI DEL SUOLO E QUALITA DELL UVA E DEL VINO D. Tomasi 1, F. Gaiotti 1, P. Marcuzzo 1 1 CRA-VIT Centro di Ricerca per la Viticoltura, Viale 28 Aprile, 26, 31015 Conegliano

Dettagli

ODALENGO limoso-fine, fase tipica ODA1

ODALENGO limoso-fine, fase tipica ODA1 ODALENGO limoso-fine, fase tipica ODA1 Distribuzione geografica e pedoambiente Aree poste all'interno di fondivalle collinari nelle immediate vicinanze dei rii o piccoli torrenti che li solcano. Si tratta

Dettagli

IL PROFILO DEL SUOLO

IL PROFILO DEL SUOLO Cognome... Nome... IL PROFILO DEL SUOLO Se scaviamo una buca abbastanza profonda in un terreno, osserviamo che la parete tagliata presenta una successione di strati, di diverso colore e struttura, che

Dettagli

ACQUA, ARIA E TERRENO

ACQUA, ARIA E TERRENO ACQUA, ARIA E TERRENO PREMESSA Gli impianti d irrigazione a goccia svolgono un ruolo fondamentale negli apporti irrigui alle colture. Se utilizzato correttamente permette un sano sviluppo della pianta

Dettagli

DOTT. PASQUALE FRANCABANDIERA TIMAC AGRO SPA

DOTT. PASQUALE FRANCABANDIERA TIMAC AGRO SPA Workshop Innovation DTT. PASQUALE FRANCABANDIERA TIMAC AGR SPA La nutrizione speciale in viticoltura: interazione suolo-pianta Milano, 5 novembre 2015 Dott. Pasquale FRANCABANDIERA Business Developer TIMAC

Dettagli

La Signora Ines Tondini & Uva del Tundé. Azienda Agrituristica L Azdora. Via Vangaticcio 14 (RA); 0544/497669 335/6683087

La Signora Ines Tondini & Uva del Tundé. Azienda Agrituristica L Azdora. Via Vangaticcio 14 (RA); 0544/497669 335/6683087 La Signora Ines Tondini & Uva del Tundé Azienda Agrituristica L Azdora Via Vangaticcio 14 (RA); 0544/497669 335/6683087 Vitigno Uva del Tundè Genere/specie: vite da uva rossa per vinificazione, appartenente

Dettagli

Origine e diffusione. Campi sperimentali e suoli

Origine e diffusione. Campi sperimentali e suoli Lagrein: influenza del sito di coltivazione, del terreno e delle modalità di coltivazione sulla qualità dell uva e del vino Günther Pertoll, Ulrich Pedri, Centro di Sperimentazione Agraria di Laimburg,

Dettagli

Le indagini e i servizi di ARPA Veneto per la razionalizzazione della fertilizzazione

Le indagini e i servizi di ARPA Veneto per la razionalizzazione della fertilizzazione Le indagini e i servizi di ARPA Veneto per la razionalizzazione della fertilizzazione Paolo Giandon ARPAV - Servizio Suoli Riferimenti normativi Relazione fra pratiche agricole, in particolare fertilizzazione,

Dettagli

SCELTA DELL AMBIENTE DI COLTIVAZIONE E VOCAZIONALITÀ

SCELTA DELL AMBIENTE DI COLTIVAZIONE E VOCAZIONALITÀ CILIEGIO Le indicazioni contenute nelle Norme Generali devono essere considerate preliminarmente alla lettura delle presenti Norme Tecniche di Coltura. SCELTA DELL AMBIENTE DI COLTIVAZIONE E VOCAZIONALITÀ

Dettagli

GUIDA ALL INTERPRETAZIONE AGRONOMICA DELL ANALISI CHIMICA DEL SUOLO

GUIDA ALL INTERPRETAZIONE AGRONOMICA DELL ANALISI CHIMICA DEL SUOLO DIPARTIMENTO AGRICOLTURA, PROTEZIONE CIVILE E TURISMO Settore Servizi alle Imprese Agricole GUIDA ALL INTERPRETAZIONE AGRONOMICA DELL ANALISI CHIMICA DEL SUOLO Laboratorio Regionale Analisi Terreni e Produzioni

Dettagli

BAROLO Denominazione di Origine Controllata e Garantita

BAROLO Denominazione di Origine Controllata e Garantita BAROLO Denominazione di Origine Controllata e Garantita VITIGNO: RESA ETTARO: Nebbiolo, suddiviso fra le tre diverse tipologie: Michet, Lampia e Rosè. Ubicati nel comune di Barolo, più precisamente nella

Dettagli

CAMPAGNA FINANZIATA AI SENSI DEL REGOLAMENTO CE N. 1234/07

CAMPAGNA FINANZIATA AI SENSI DEL REGOLAMENTO CE N. 1234/07 CAMPAGNA FINANZIATA AI SENSI DEL REGOLAMENTO CE N. 1234/07 IL PROGETTO Il progetto SiciliaDOC continente del vino nasce da un idea della Cooperativa Agricola Valdibella. Lo scopo è quello di promuovere

Dettagli

Documento di lavoro FVG-TN-VENETO. bozza

Documento di lavoro FVG-TN-VENETO. bozza proposta Denominazione di origine controllata dei vini delle Venezie. disciplinare di produzione Art. 1 Denominazione e vini. La denominazione di origine controllata "delle Venezie" è riservata ai vini

Dettagli

Previsioni vendemmia 2015, il 12 agosto tutti i dati

Previsioni vendemmia 2015, il 12 agosto tutti i dati Previsioni vendemmia 2015, il 12 agosto tutti i dati 11/07/2015 La sede centrale di Veneto Agricoltura (Viale dell Università 14 a Legnaro-PD) ospiterà il prossimo 12 agosto (ore 10,00) il tradizionale

Dettagli

perché Indice Perché la DOC Colli Berici LA DOC Zona di produzione e fattori naturali Consorzio Colli Berici Vicenza

perché Indice Perché la DOC Colli Berici LA DOC Zona di produzione e fattori naturali Consorzio Colli Berici Vicenza perché LA DOC Perché la DOC Colli Berici Zona di produzione e fattori naturali Estrema propaggine delle Prealpi, i Colli Berici, conosciuti anche come Monti Berici, costituiscono la caratteristica paesaggistica

Dettagli

CASE HISTORY DRENAGGIO VIGNETI- IDROSAC-MONTALCINO (SIENA)

CASE HISTORY DRENAGGIO VIGNETI- IDROSAC-MONTALCINO (SIENA) CASE HISTORY DRENAGGIO VIGNETI- IDROSAC-MONTALCINO (SIENA) 1 - Descrizione dell intervento a difesa del suolo1 Lo scopo dell intervento è quello di realizzare un drenaggio a bassa profondità in trincea

Dettagli

DISCIPLINARE DI PRODUZIONE DELLA DENOMINAZIONE DI ORIGINE CONTROLLATA DEL VINO ROSSO DI MONTALCINO

DISCIPLINARE DI PRODUZIONE DELLA DENOMINAZIONE DI ORIGINE CONTROLLATA DEL VINO ROSSO DI MONTALCINO DISCIPLINARE DI PRODUZIONE DELLA DENOMINAZIONE DI ORIGINE CONTROLLATA DEL VINO ROSSO DI MONTALCINO Approvato con DPR 25.11.83 G.U. 158-09.06.84 Modificato con DPCM 04.11.91 G.U. 82-07.04.92 Modificato

Dettagli

CONSORZIO TUTELA DOC TULLUM

CONSORZIO TUTELA DOC TULLUM CONSORZIO TUTELA DOC TULLUM il nuovo modo di bere Abruzzo Abruzzo DOP Tullum Tullum è il riconoscimento ai produttori di Tollo, cittadina in provincia di Chieti, che vedono premiata la vocazione di un

Dettagli

La viticoltura di precisione

La viticoltura di precisione Capitolo I La viticoltura di precisione L. Genesio *, T. De Filippis *, F. Di Gennaro *, E. Fiorillo *, A. Matese *, J. Primicerio *, L. Rocchi *, F.P. Vaccari * 1. La viticoltura di precisione nel Consorzio

Dettagli

Congresso sulle Biotecnologie Roma 27/06/2015 Palazzo delle Esposizioni.

Congresso sulle Biotecnologie Roma 27/06/2015 Palazzo delle Esposizioni. Congresso sulle Biotecnologie Roma 27/06/2015 Palazzo delle Esposizioni. Relatore Prof. Roberto Matutini - Capo Divisione Ricerche CNREUROPE. Un ammendante particolare, una risposta immediata per fare

Dettagli

L'AZIENDA AGRICOLA SCOPONE

L'AZIENDA AGRICOLA SCOPONE L'AZIENDA AGRICOLA SCOPONE Ubicazione L'Azienda Agricola Scopone è situata a Montalcino, strada per Castelnuovo dell'abate - Sant'Antimo, al Km. sulla sinistra dopo il borgo "La Croce". Elementi geologici

Dettagli

DISCIPLINARE DI PRODUZIONE DEI VINI A DENOMINAZIONE DI ORIGINE CONTROLLATA VENEZIA

DISCIPLINARE DI PRODUZIONE DEI VINI A DENOMINAZIONE DI ORIGINE CONTROLLATA VENEZIA DISCIPLINARE DI PRODUZIONE DEI VINI A DENOMINAZIONE DI ORIGINE CONTROLLATA VENEZIA Approvato con DM 22 dicembre 2010 G.U. 4-07.01.2011 (S. O. n. 6) Modificato con DM 30.11.2011 Pubblicato sul sito ufficiale

Dettagli

A cura di: Prof. Felice Pipitone

A cura di: Prof. Felice Pipitone Meccanizzazione per le colture specializzate del Mediterraneo. Metodologie ed orientamenti della ricerca e sperimentazione finalizzata all innovazione tecnologica e tipologica A cura di: Prof. Felice Pipitone

Dettagli

GLERA E PINOT GRIGIO: NUOVE PREOCCUPAZIONI SANITARIE?

GLERA E PINOT GRIGIO: NUOVE PREOCCUPAZIONI SANITARIE? GLERA E PINOT GRIGIO: NUOVE PREOCCUPAZIONI SANITARIE? Elisa Angelini elisa.angelini@entecra.it C.R.A. Centro di Ricerca per la Viticoltura Conegliano (TV) Foto P. Marcuzzo Foto G. Rama UN PO DI

Dettagli

DISCIPLINARE DI PRODUZIONE DELLA DENOMINAZIONE DI ORIGINE CONTROLLATA E GARANTITA ELBA ALEATICO PASSITO O ALEATICO PASSITO DELL ELBA

DISCIPLINARE DI PRODUZIONE DELLA DENOMINAZIONE DI ORIGINE CONTROLLATA E GARANTITA ELBA ALEATICO PASSITO O ALEATICO PASSITO DELL ELBA DISCIPLINARE DI PRODUZIONE DELLA DENOMINAZIONE DI ORIGINE CONTROLLATA E GARANTITA ELBA ALEATICO PASSITO O ALEATICO PASSITO DELL ELBA Approvato a DOC DPR 09.07.1967 G.U. 200-10.08.1967 Approvato DOCG con

Dettagli

Metodi di campionamento per l'analisi del terreno già investito a vigneto

Metodi di campionamento per l'analisi del terreno già investito a vigneto LA CONCIMAZIONE DI PRODUZIONE Per quanto riguarda i vigneti che sono già impiantati, è importante che il viticoltore proceda ad una razionalizzazione degli interventi fertilizzanti. Di norma, infatti,

Dettagli

Perché è importante l analisi del terreno?

Perché è importante l analisi del terreno? Perché è importante l analisi del terreno? Indice 1. Terreno e piante, uniti per la vita 2. Le proprietà fisiche del terreno 3. La composizione chimica del terreno 4. L analisi del terreno 1. Terreno e

Dettagli

Piante certificate: necessità e vantaggi

Piante certificate: necessità e vantaggi Département fédéral de l'économie DFE Station de recherche Agroscope Changins-Wädenswil ACW Piante certificate: necessità e vantaggi 30 novembre 2012 Certificazione Basi legali 1. Ordinanza federale (RS

Dettagli

Bollettino Agrometeorologico Viticoltura

Bollettino Agrometeorologico Viticoltura Viale Bornata 11 25123 Brescia tel 3.362285-3677 assistenzatecnica@centrovitivinicoloprovinciale.it Bollettini e schede del Manuale di Viticoltura del CVP su: www.centrovitivinicoloprovinciale.it - BOLLETTINO

Dettagli

IPLA spa - Settore Suolo 2 Sistema Informativo Pedologico

IPLA spa - Settore Suolo 2 Sistema Informativo Pedologico ARGENTERA franco-fine, fase tipica ARG1 Distribuzione geografica e pedoambiente I suoli Argentera si rinvengono su un vasto areale che spazia,da San Ponzo Canavese a San Benigno(tra Malone e Orco);tra

Dettagli

E lo strato detritico superficiale della crosta terrestre capace di ospitare la vita delle piante, costituito da sostanze minerali ed organiche, sede

E lo strato detritico superficiale della crosta terrestre capace di ospitare la vita delle piante, costituito da sostanze minerali ed organiche, sede E lo strato detritico superficiale della crosta terrestre capace di ospitare la vita delle piante, costituito da sostanze minerali ed organiche, sede di attività biologiche e di processi fisici e chimici

Dettagli

4. Le tipologie di humus in siti a vegetazione spontanea

4. Le tipologie di humus in siti a vegetazione spontanea 121 4. Le tipologie di humus in siti a vegetazione spontanea Le esigenze di studio unitario della sostanza organica nel suolo sono state perseguite attraverso l introduzione del concetto di forma di humus

Dettagli

La scelta del portinnesto è fondamentale per la

La scelta del portinnesto è fondamentale per la SPECIALE a cura del CENTRO RICERCHE PRODUZIONI VEGETALI I portinnesti dei Lambruschi Salamino e di Sorbara La scelta del portinnesto è fondamentale per la realizzazione di un nuovo impianto di vigneto,

Dettagli

Schede tecniche LA SOURCE

Schede tecniche LA SOURCE Schede tecniche LA SOURCE s.a.s di Celi Stefano & C. Società Agricola - C.F. e P. IVA 01054500077 Loc. Bussan Dessous, 1-11010 Saint-Pierre (AO) - Cell: 335.6613179 - info@lasource.it Documento scaricato

Dettagli

Produzione Titolo alcolometrico volumico Vino uva t/ettaro naturale minimo % vol.

Produzione Titolo alcolometrico volumico Vino uva t/ettaro naturale minimo % vol. Riconoscimento della denominazione di origine controllata dei vini Moscato di Pantelleria, Passito di Pantelleria e Pantelleria - D.P.R. 11 agosto 1971 1,2 Art. 1. Denominazione e vini. La denominazione

Dettagli

DISCIPLINARE DI PRODUZIONE DEI VINI A DENOMINAZIONE DI ORIGINE CONTROLLATA NEGROAMARO DI TERRA D OTRANTO

DISCIPLINARE DI PRODUZIONE DEI VINI A DENOMINAZIONE DI ORIGINE CONTROLLATA NEGROAMARO DI TERRA D OTRANTO DISCIPLINARE DI PRODUZIONE DEI VINI A DENOMINAZIONE DI ORIGINE CONTROLLATA NEGROAMARO DI TERRA D OTRANTO Approvato con DM 04.10.2011 GU n. 245-20.10.2011 Modificato con DM 30.11.2011 GU n. 295-20.12.2011

Dettagli

REGIONE CAMPANIA. Guida alla Disciplina tecnica per l utilizzazione agronomica delle acque di vegetazione e delle sanse umide dei frantoi oleari

REGIONE CAMPANIA. Guida alla Disciplina tecnica per l utilizzazione agronomica delle acque di vegetazione e delle sanse umide dei frantoi oleari REGIONE CAMPANIA AGC Sviluppo Attività Settore Primario Settore SIRCA AGC Ecologia, Tutela dell Ambiente, Ciclo Integrato delle Acque, Protezione Civile Settore Tutela dell Ambiente Guida alla Disciplina

Dettagli

L INTERPRETAZIONE DELLE ANALISI DEL TERRENO PER MIGLIORARE LA CONCIMAZIONE

L INTERPRETAZIONE DELLE ANALISI DEL TERRENO PER MIGLIORARE LA CONCIMAZIONE L INTERPRETAZIONE DELLE ANALISI DEL TERRENO PER MIGLIORARE LA CONCIMAZIONE Dr.Agr. Paolo Bortolami ARPAV Settore per la Prevenzione e la Comunicazione Ambientale Servizio valutazioni ambientali e degli

Dettagli

autocertificazione e prezzo sorgente il vino

autocertificazione e prezzo sorgente il vino autocertificazione e prezzo sorgente il vino IL PRODUTTORE Nome produttore/azienda e ragione sociale: Azienda agricola La Melosella Indirizzo : Susana Martinkova, Via di Villa Sacchetti 00197 ROMA Azienda:

Dettagli

Ricerche sulla Viticoltura Biodinamica Oristano - 21 Maggio 2010 1. INTRODUZIONE

Ricerche sulla Viticoltura Biodinamica Oristano - 21 Maggio 2010 1. INTRODUZIONE Ricerche sulla Viticoltura Biodinamica Oristano - 21 Maggio 2010 1. INTRODUZIONE INDICE 2. RICERCHE IN AGRICOLTURA BIODINAMICA 3. RICERCHE IN VITICOLTURA BIODINAMICA Adamo Domenico Rombolà adamo.rombola@unibo.it

Dettagli

FRUTTICOLTURA: La scelta dei portainnesti.

FRUTTICOLTURA: La scelta dei portainnesti. FRUTTICOLTURA: La scelta dei portainnesti. I portainnesti hanno una importanza fondamentale sullo sviluppo e la produttività delle piante. Devono essere scelti con criteri di adattamento all ambiente,

Dettagli

CAMPIONAMENTO DEL SUOLO

CAMPIONAMENTO DEL SUOLO CAMPINAMENT DEL SUL Metodo Nei tre anni di durata del progetto è stato effettuato un solo campionamento del suolo da tutte le 6 AdS di Livello IIA-B, esattamente tra la fine di Maggio e Giugno 1996. Il

Dettagli

Denominazioni di vini esistenti Fascicolo tecnico

Denominazioni di vini esistenti Fascicolo tecnico FASCICOLO TECNICO 1 /10 Numero di fascicolo: PGI-IT-A0693 Denominazioni di vini esistenti Fascicolo tecnico I. NOME/I DA REGISTRARE Osco (it) Terre degli Osci (it) II. ESTREMI DEL RICHIEDENTE Nome e titolo

Dettagli

Confronto gestione del vigneto convenzionale, biologica e biodinamica: alcuni risultati dopo 3 anni di prove

Confronto gestione del vigneto convenzionale, biologica e biodinamica: alcuni risultati dopo 3 anni di prove Confronto gestione del vigneto convenzionale, biologica e biodinamica: alcuni risultati dopo 3 anni di prove Mescalchin Enzo Unità Agricoltura Biologica Fondazione Edmund Mach S. Michele all Adige Parcelle

Dettagli

ERSAT: prova dimostrativa di subirrigazione a goccia su vigneto di nuovo impianto

ERSAT: prova dimostrativa di subirrigazione a goccia su vigneto di nuovo impianto ERSAT: prova dimostrativa di subirrigazione a goccia su vigneto di nuovo impianto a cura di Giuseppe Pia, Renzo Peretto, Luigi Petillo. Cos è la subirrigazione a goccia. La subirrigazione a goccia, altrimenti

Dettagli

Le caratteristiche dei suoli delle tartufaie naturali oggetto di sperimentazione nel progetto MAGNATUM

Le caratteristiche dei suoli delle tartufaie naturali oggetto di sperimentazione nel progetto MAGNATUM Sei in: http://dipsa.unibo.it/umiweb/magnatum/home.htm >Risultati > Analisi pedologiche > Emilia Romagna e Toscana Introduzione Le caratteristiche dei suoli delle tartufaie naturali oggetto di sperimentazione

Dettagli

La Potatura della vite

La Potatura della vite La Potatura della vite Lezione 2/3 Relatore: Dott. Agronomo Marco Tonni Si ringraziano per i materiali didattici e per la collaborazione i Dott. Agr. Luigi Reghenzi, Fabio Sorgiacomo, Pierluigi Donna 19/12/2012

Dettagli

RISOLUZIONE VITI-OENO 1/2005

RISOLUZIONE VITI-OENO 1/2005 CODICE DI BUONE PRATICHE VITIVINICOLE PER LIMITARE AL MASSIMO LA PRESENZA DI OCRATOSSINA A NEI PRODOTTI DERIVATI DALLA VITE Considerando la Risoluzione CST 1/2002 che fissa il tasso limite di ocratossina

Dettagli

Il biochar per la valorizzazione agronomica dei residui di potatura

Il biochar per la valorizzazione agronomica dei residui di potatura "FRUITGAS" L'ENERGIA DAL FRUTTETO: ESEMPIO DI FILIERA PER LA PRODUZIONE DI ENERGIA RINNOVABILE DA RESIDUI DI POTATURA DEI FRUTTETI Il biochar per la valorizzazione agronomica dei residui di potatura Carlo

Dettagli

POTATURA DELLA VITE QUANTE GEMME LASCIARE NEL 2014

POTATURA DELLA VITE QUANTE GEMME LASCIARE NEL 2014 C.E.C.A.T. Castelfranco V.to COMUNICATO TECNICO n 1/2014 (9-01-2014) PROGETTO VITE POTATURA DELLA VITE QUANTE GEMME LASCIARE NEL 2014 Per ottenere dal vigneto il risultato migliore intermini di qualità

Dettagli

Chardonnay Vigne dalla Rocca DOC Friuli Colli Orientali

Chardonnay Vigne dalla Rocca DOC Friuli Colli Orientali Chardonnay DOC Friuli Colli Orientali Zona geologica Flysch di Cormons Tipo di suolo marne ed arenarie Chardonnay Anno d impianto 1992 Ceppi per ettaro 5000 Forma di allevamento cordone speronato Pressatura

Dettagli

TIPO DI VINO: NOME / ETICHETTA: CLASSIFICAZIONE: COMUNE DI PROVENIENZA:

TIPO DI VINO: NOME / ETICHETTA: CLASSIFICAZIONE: COMUNE DI PROVENIENZA: Verdè TIPO DI VINO: Bianco frizzante NOME / ETICHETTA: Verdè CLASSIFICAZIONE: IGT Collina del Milanese COMUNE DI PROVENIENZA: San Colombano, Miradolo Terme, Graffignana Valbissera, Marzano, Trianon, Livelloni

Dettagli

NUOVI CLONI DI VITE ISMA - AVIT

NUOVI CLONI DI VITE ISMA - AVIT NUOVI CLONI DI VITE ISMA - AVIT 2 NUOVI CLONI DI VITE ISMA - AVIT NUOVI CLONI DI VITE ISMA - AVIT di Umberto Malossini Le schede ISMA - AVIT 3001 da Goldtraminer, B. ISMA - AVIT 513 da Pinot grigio, G.

Dettagli

UNIFORMITA - Parte I

UNIFORMITA - Parte I 1 UNIFORMITA - Parte I Per un vino d eccellenza : basso vigore = causa bassa produzione = effetto. Il bravo viticoltore deve trasformare una pianta rampicante in una pianta da accumulo. In questo modo

Dettagli

Denominazioni di vini esistenti Fascicolo tecnico

Denominazioni di vini esistenti Fascicolo tecnico FASCICOLO TECNICO 1 /8 Numero di fascicolo: PDO-IT-A0478 Denominazioni di vini esistenti Fascicolo tecnico I. NOME/I DA REGISTRARE Vigneti della Serenissima (it) Serenissima (it) II. ESTREMI DEL RICHIEDENTE

Dettagli

Tai Bianco. Vino Bianco. Denominazione d origine controllata

Tai Bianco. Vino Bianco. Denominazione d origine controllata Cenni storici Mancano notizie attendibili sulla esatta denominazione del vitigno denominato Tocai di Barbarano. Si sa, da quanto si racconta sul posto, che sarebbe stato importato un centinaio d anni fa,

Dettagli

RISOLUZIONE ECO 3/2004 LIVELLO DI BASE RICHIESTO PER IL CONFERIMENTO DI DIPLOMA AI PROFESSIONISTI COINVOLTI NELLE PRATICHE ENOLOGICHE

RISOLUZIONE ECO 3/2004 LIVELLO DI BASE RICHIESTO PER IL CONFERIMENTO DI DIPLOMA AI PROFESSIONISTI COINVOLTI NELLE PRATICHE ENOLOGICHE LIVELLO DI BASE RICHIESTO PER IL CONFERIMENTO DI DIPLOMA AI PROFESSIONISTI COINVOLTI NELLE PRATICHE ENOLOGICHE L ASSEMBLEA GENERALE, su proposta della Commissione III «Economia», sulla base dei lavori

Dettagli

ELIGIO MAGRI Torre de Roveri - (Bergamo) - Italia info@eligiomagri.it www.eligiomagri.it

ELIGIO MAGRI Torre de Roveri - (Bergamo) - Italia info@eligiomagri.it www.eligiomagri.it Az. Vitivinicola ELIGIO MAGRI Torre de Roveri - (Bergamo) - Italia info@eligiomagri.it www.eligiomagri.it L azienda vitivinicola Eligio Magri nasce negli anni ottanta grazie all impegno e alla tenacia

Dettagli

IDRAULICA APPLICATA - A. A. 2004-05 TABELLE. TAB. 1.1 - VALORI DELLA SCABREZZA SIGNIFICATIVA k s (mm) DA [HENDERSON, 1966]

IDRAULICA APPLICATA - A. A. 2004-05 TABELLE. TAB. 1.1 - VALORI DELLA SCABREZZA SIGNIFICATIVA k s (mm) DA [HENDERSON, 1966] TAB. 1.1 - VALORI DELLA SCABREZZA SIGNIFICATIVA k s (mm) DA [HENDERSON, 1966] TIPO DI SUPERFICIE NORMALE MASSIMO CALCESTRUZZO GETTATO IN OPERA SENZA IRREGOLARITÀ 0.15 RIVESTIMENTO CEMENTIZIO FINITO A MANO

Dettagli

Ammendante Compostato Misto

Ammendante Compostato Misto Ammendante Compostato Misto Cos è il Compost? Il Compost deriva da rifiuti, come buona parte dei fertilizzanti, dal letame alla farina di carne, dal cuoio idrolizzato al solfato ammonico. Il Compost non

Dettagli

Banca Dati delle Indagini Geognostiche

Banca Dati delle Indagini Geognostiche Banca Dati delle Indagini Geognostiche tipologia di dati informazioni relative alla localizzazione del punto di indagine metadati informazione sull origine del dato descrizione della stratigrafia tipologia

Dettagli

ELENCO DEI PREZZI RELATIVI ALLA RISTRUTTURAZIONE E RICONVERSIONE DI UN VIGNETO DA UVA DA VINO NELLA REGIONE LAZIO

ELENCO DEI PREZZI RELATIVI ALLA RISTRUTTURAZIONE E RICONVERSIONE DI UN VIGNETO DA UVA DA VINO NELLA REGIONE LAZIO ALLEGATO B ELENCO DEI PREZZI RELATIVI ALLA RISTRUTTURAZIONE E RICONVERSIONE DI UN VIGNETO DA UVA DA VINO NELLA REGIONE LAZIO Codice Operazione Unità di misura Prezzo unitario A A.1 LAVORI ESTIRPAZIONE

Dettagli

DISCIPLINARE DI PRODUZIONE DEI VINI A INDICAZIONE GEOGRAFICA TIPICA ALLERONA

DISCIPLINARE DI PRODUZIONE DEI VINI A INDICAZIONE GEOGRAFICA TIPICA ALLERONA DISCIPLINARE DI PRODUZIONE DEI VINI A INDICAZIONE GEOGRAFICA TIPICA ALLERONA Approvato con DM 18.11.1995 G.U. 284-05.12.1995 Modificato con DM 13.08.1997 G.U. 210-09.09.1997 Modificato con DM 26.02.1998

Dettagli

Edizioni L Informatore Agrario

Edizioni L Informatore Agrario www.informatoreagrario.it Edizioni L Informatore Agrario Tutti i diritti riservati, a norma della Legge sul Diritto d Autore e le sue successive modificazioni. Ogni utilizzo di quest opera per usi diversi

Dettagli

Nero d avola. I vitigni. Suber: vino dal carattere siciliano. Frappato. Alicante NERO D AVOLA FRAPPATO ALICANTE: TRE VITIGNI PER TRE CARATTERISTIHCE

Nero d avola. I vitigni. Suber: vino dal carattere siciliano. Frappato. Alicante NERO D AVOLA FRAPPATO ALICANTE: TRE VITIGNI PER TRE CARATTERISTIHCE Suber: vino dal carattere siciliano Nel cuore della Sicilia, tra la piana di Gela e la piana di Catania, sorge la città di Caltagirone. Ed è in queste terre che nasce, da vitigni autoctoni coltivati secondo

Dettagli

RAINOLDI CHIURO SONDRIO

RAINOLDI CHIURO SONDRIO GRUMELLO D.O.C.G. Vino proveniente dalla sottozona della Valtellina Superiore che prende il nome dall omonimo castello risalente al XI secolo. Rosso di alta personalità con buone caratteristiche di corpo

Dettagli

( Da Marcuzzo, modificata )

( Da Marcuzzo, modificata ) ( Da Marcuzzo, modificata ) Curva cumulata N P K ( foglie, grappoli e germogli ) Macroeleme nti (Da Porro) Elemento N P K Ca Mg Funzioni fisiologiche per la Vite ( da Fregoni, rielaborata) Elemento che

Dettagli

Il diradamento meccanico dei germogli

Il diradamento meccanico dei germogli VIGNETO GESTIONE DELLA CHIOMA Il diradamento meccanico dei germogli I contributo. Viti potate a macchina Il vigneto di Sangiovese allevato a Cordone Libero in cui sono state effettuate le prove. L habitus

Dettagli

Recupero conservazione e valorizzazione del germoplasma viticolo veronese

Recupero conservazione e valorizzazione del germoplasma viticolo veronese Recupero conservazione e valorizzazione del germoplasma viticolo veronese Introduzione La conservazione, lo studio e la valorizzazione della biodiversità nella Provincia di Verona non sono un attività

Dettagli

Analisi del suolo, quando farle e come interpretarle

Analisi del suolo, quando farle e come interpretarle AGRONOMIA INDICAZIONI PRATICHE E GUIDA ALLA CONSULTAZIONE DEI REFERTI Analisi del suolo, quando farle e come interpretarle Il suolo agrario è il primo fattore di produzione e conoscerne il livello di fertilità

Dettagli

Un po di Storia Denis Montanar proviene da una famiglia di agricoltori da quattro generazioni. Il suo impegno in questo settore inizia nel 1989, quando comincia ad occuparsi dell azienda del nonno prendendo

Dettagli

PROGETTO VIN ALP SINTESI DEI RISULTATI DI PROVE CONDOTTE SUI VITIGNI AVANÀ, CHATUS, NEBBIOLO E MALVASIA MOSCATA MEDIANTE APPASSIMENTO DELLE UVE

PROGETTO VIN ALP SINTESI DEI RISULTATI DI PROVE CONDOTTE SUI VITIGNI AVANÀ, CHATUS, NEBBIOLO E MALVASIA MOSCATA MEDIANTE APPASSIMENTO DELLE UVE PROGETTO VIN ALP SINTESI DEI RISULTATI DI PROVE CONDOTTE SUI VITIGNI AVANÀ, CHATUS, NEBBIOLO E MALVASIA MOSCATA MEDIANTE APPASSIMENTO DELLE UVE Ricerca realizzata a cura di Luca Rolle, Fabrizio Torchio,

Dettagli

Corso di potatura base

Corso di potatura base Corso di potatura base Fattoria La Quercia 16 gennaio 2016 Punto Uva Cenni storici 9.000 a.c : addomesticamento di Vitis vinifera silvestris in Asia centrale 3.000 a.c. : in un testo sumerico si parla

Dettagli

DISCPLINARE DI PRODUZIONE DELLA DENOMINAZIONE DI ORIGINE CONTROLLATA DEI VINI «PROSECCO»

DISCPLINARE DI PRODUZIONE DELLA DENOMINAZIONE DI ORIGINE CONTROLLATA DEI VINI «PROSECCO» DISCPLINARE DI PRODUZIONE DELLA DENOMINAZIONE DI ORIGINE CONTROLLATA DEI VINI «PROSECCO» Approvato con DM 17.07. 2009 GU 173-28.07.2009 Modificato con DM 20.09.2010 G.U. 226-27.09.2010 Modificato con DM

Dettagli

VINI & VITIGNI: DEGUSTAZIONE VERTICALE DI BRAMATERRA AZIENDA LA PALAZZINA DI ROASIO

VINI & VITIGNI: DEGUSTAZIONE VERTICALE DI BRAMATERRA AZIENDA LA PALAZZINA DI ROASIO VINI & VITIGNI Il Bramaterra è vino di territorio collinare, prodotto da uve di vigneti circondati dai boschi, su rocce di quarzo e porfido, in terreni acidi e poveri, che possono bene esaltare le caratteristiche

Dettagli

Progetto definitivo esecutivo Interventi di manutenzione straordinaria della strada agrosilvopastorale Sorgente Glera-Volfo-Piei-Valle Cantiere

Progetto definitivo esecutivo Interventi di manutenzione straordinaria della strada agrosilvopastorale Sorgente Glera-Volfo-Piei-Valle Cantiere Comune di Adrara San Rocco Via G. Marconi n. 1 24060 Adrara San Rocco (Bs) Progetto definitivo esecutivo Interventi di manutenzione straordinaria della strada agrosilvopastorale Sorgente Glera-Volfo-Piei-Valle

Dettagli

FISIOLOGIA VEGETALE. Il suolo e la nutrizione minerale

FISIOLOGIA VEGETALE. Il suolo e la nutrizione minerale FISIOLOGIA VEGETALE Il suolo e la nutrizione minerale Il suolo è costituito da una frazione inorganica e da una frazione organica frazione inorganica è preponderante e deriva dalla frammentazione della

Dettagli

NUOVE TECNICHE DI INDAGINE MULTISCALA PER LA VALUTAZIONE DELLA QUALITÀ IN VIGNETO

NUOVE TECNICHE DI INDAGINE MULTISCALA PER LA VALUTAZIONE DELLA QUALITÀ IN VIGNETO DI BLASI ET AL., NUOVE TECNICHE DI INDAGINE MULTISCALA PER LA VALUTAZIONE DELLA QUALITÀ IN VIGNETO, PAG.1 NUOVE TECNICHE DI INDAGINE MULTISCALA PER LA VALUTAZIONE DELLA QUALITÀ IN VIGNETO DI BLASI S. a,

Dettagli

DISCIPLINARE DI PRODUZIONE DELLA INDICAZIONE GEOGRAFICA TIPICA DEI VINI UMBRIA

DISCIPLINARE DI PRODUZIONE DELLA INDICAZIONE GEOGRAFICA TIPICA DEI VINI UMBRIA DISCIPLINARE DI PRODUZIONE DELLA INDICAZIONE GEOGRAFICA TIPICA DEI VINI UMBRIA Approvato con DM 18.11.1995 G.U. 284-05.12.1995 Modificato con DM 13.08.1997 G.U. 210-09.09.1997 Modificato con DM 30.06.1998

Dettagli

Flavescenza dorata (FD) Diffusione epidemica Vettore: cicalina Scaphoideus

Flavescenza dorata (FD) Diffusione epidemica Vettore: cicalina Scaphoideus L AVANZAMENTO DELLA RICERCA SULLA RESISTENZA ALLA FLAVESCENZA DORATA Elisa Angelini CRA-VIT Centro di Ricerca per la Viticoltura, Conegliano (TV) DUE GIALLUMI IMPORTANTI IN EUROPA ED ITALIA Flavescenza

Dettagli

Raccolta e trasformazione dei sarmenti di vite in cippato: disponibilità potenziale e tecnica in provincia di Treviso

Raccolta e trasformazione dei sarmenti di vite in cippato: disponibilità potenziale e tecnica in provincia di Treviso Raccolta e trasformazione dei sarmenti di vite in cippato: disponibilità potenziale e tecnica in provincia di Treviso GRUPPO GESTIONE OPERAZIONI FORESTALI Dipartimento Territorio e Sistemi Agro-forestali

Dettagli

VARIETA DI VITE RESISTENTI ALLE MALATTIE DOTT. ERMANNO MURARI

VARIETA DI VITE RESISTENTI ALLE MALATTIE DOTT. ERMANNO MURARI VARIETA DI VITE RESISTENTI ALLE MALATTIE DOTT. ERMANNO MURARI non facciamo confusione Sensibilita Resistenza Tolleranza Le malattie della vite e l ambiente In agricoltura attualmente si distribuiscono

Dettagli

Piano Sementiero Nazionale per l Agricoltura Biologica

Piano Sementiero Nazionale per l Agricoltura Biologica Piano Sementiero Nazionale per l Agricoltura Biologica Presentazione dei risultati del secondo biennio di attività Linee guida e disciplinari per la produzione di sementi biologiche D.ssa Alessandra Sommovigo

Dettagli

SISTEMI DI ANCORAGGIO A TERRA PER VIGNETI, FRUTTETI, LUPPOLETI, COLTIVAZIONI DI ORTAGGI E FRUTTI DI BOSCO E SISTEMI DI PROTEZIONE DEI RACCOLTI

SISTEMI DI ANCORAGGIO A TERRA PER VIGNETI, FRUTTETI, LUPPOLETI, COLTIVAZIONI DI ORTAGGI E FRUTTI DI BOSCO E SISTEMI DI PROTEZIONE DEI RACCOLTI DI KIT TERMINALI SISTEMI DI ANCORAGGIO A TERRA PER VIGNETI, FRUTTETI, LUPPOLETI, COLTIVAZIONI DI ORTAGGI E FRUTTI DI BOSCO E SISTEMI DI PROTEZIONE DEI RACCOLTI PROTEZIONE DEI RACCOLTIINOX E GAMMA SISTEMA

Dettagli

DISCIPLINARE DI PRODUZIONE DEI VINI A INDICAZIONE GEOGRAFICA TIPICA "QUISTELLO"

DISCIPLINARE DI PRODUZIONE DEI VINI A INDICAZIONE GEOGRAFICA TIPICA QUISTELLO DISCIPLINARE DI PRODUZIONE DEI VINI A INDICAZIONE GEOGRAFICA TIPICA "QUISTELLO" Approvato con D.M. 18.11.1995 G.U. 285 6.12.1995 Modificato con D.M. 08.06.1998 G.U. 148 27.06.1998 Modificato con D.M. 13.04.2010

Dettagli

Lotta biologica agli insetti, e calcitazioni del terreno

Lotta biologica agli insetti, e calcitazioni del terreno Lotta biologica agli insetti, e calcitazioni del terreno Per volontà dell autore il presente testo non è stato sottoposto a revisione. L editore, per preservarne integralmente il pensiero, ha scelto di

Dettagli

Concimazione post-raccolta di frutteto e vigneto: un investimento per la qualità dei frutti e dei vini

Concimazione post-raccolta di frutteto e vigneto: un investimento per la qualità dei frutti e dei vini Concimazione post-raccolta di frutteto e vigneto: un investimento per la qualità dei frutti e dei vini Scegliere concimi di elevata qualità ed efficienza La concimazione del vigneto e del frutteto riveste

Dettagli

QUANDO E QUANTO IRRIGARE

QUANDO E QUANTO IRRIGARE QUANDO E QUANTO IRRIGARE Il bilancio idrico della coltura - ossia il calcolo, continuamente aggiornato, della quantità d acqua presente nello strato di terreno occupato dalle radici - costituisce un ottima

Dettagli

Alto Adige Chardonnay DOC

Alto Adige Chardonnay DOC Alto Adige Chardonnay DOC Questa varietà si distingue per il suo aroma tipico ricordante i frutti esotici. Vino fresco al palato e di corpo equilibrato ha trovato il suo "habitat" ottimale sulle colline

Dettagli

1. DESCRIZIONE DELLE OPERE E DEGLI INTERVENTI

1. DESCRIZIONE DELLE OPERE E DEGLI INTERVENTI 1. DESCRIZIONE DELLE OPERE E DEGLI INTERVENTI Le opere oggetto della presente relazione si riferiscono alla realizzazione di un edificio per n. 4 alloggi, da realizzarsi a Copertino (LE), in Via Pirro

Dettagli

PROGRAMMA DEGUSTAZIONI Vino-Nocciole

PROGRAMMA DEGUSTAZIONI Vino-Nocciole SOCIETA CONSORTILE A R.L. PROGRAMMA DEGUSTAZIONI Vino-Nocciole Presso lo stand del MIPAAF al Vinitaly 2013 di Verona Piano terra - PALAEXPO Domenica 7 aprile 2013 h. 13,00 - PIEMONTE Nocciola varietà Tonda

Dettagli

DISCIPLINARE DI PRODUZIONE DEI VINI AD INDICAZIONE GEOGRAFICA TIPICA «CALABRIA»

DISCIPLINARE DI PRODUZIONE DEI VINI AD INDICAZIONE GEOGRAFICA TIPICA «CALABRIA» DISCIPLINARE DI PRODUZIONE DEI VINI AD INDICAZIONE GEOGRAFICA TIPICA «CALABRIA» Approvato con DM 27.10.1995 G.U. 266-14.11.1995 Modificato con DM 31.07.1996 G.U. 190-14.08.1996 Modificato con DM 23.06.2011

Dettagli

Il vino è la poesia della terra. Mario Soldati

Il vino è la poesia della terra. Mario Soldati IT Il vino è la poesia della terra Mario Soldati UN VIAGGIO DAL PASSATO al FUTUro CON UNA SIGNIFICatiVA TAPPA NEL PRESENTE Produrre vino è come raccontare una parte della propria storia. Occorre tuttavia

Dettagli

DISCIPLINARE DI PRODUZIONE DEI VINI A INDICAZIONE GEOGRAFICA TIPICA <>

DISCIPLINARE DI PRODUZIONE DEI VINI A INDICAZIONE GEOGRAFICA TIPICA <<MONTENETTO DI BRESCIA>> DISCIPLINARE DI PRODUZIONE DEI VINI A INDICAZIONE GEOGRAFICA TIPICA Approvato con DM 18.11.1995 G.U. 285-06.12.1995 Modificato con DM 24.07.2009 G.U. 184-10.08.2009 Modificato

Dettagli

Viola Enoteca LA CANTINA DEL MESE

Viola Enoteca LA CANTINA DEL MESE Viola Enoteca LA CANTINA DEL MESE Ogni mese VIOLA, presenterà una cantina, della sua selezione, al suo pubblico di appassionati per farne apprezzare e condividere le qualità. Ci piace l idea di coinvolgere

Dettagli

Sylvain Martinand. Chef de cave - oenologue - Bailly Lapierre Saint Bris le Vineaux

Sylvain Martinand. Chef de cave - oenologue - Bailly Lapierre Saint Bris le Vineaux Sylvain Martinand Chef de cave - oenologue - Bailly Lapierre Saint Bris le Vineaux LES CRÉMANTS DE FRANCE Metodi di produzione Una unità Delle diversità Approfondimento sui Crémants de Bourgogne Crémant

Dettagli

Haifa Chemicals Ltd. Pioneering the Future. Dalla Barbatella al Bicchiere: la Viticoltura Sostenibile per Haifa.

Haifa Chemicals Ltd. Pioneering the Future. Dalla Barbatella al Bicchiere: la Viticoltura Sostenibile per Haifa. Haifa Chemicals Ltd. Pioneering the Future Dalla Barbatella al Bicchiere: la Viticoltura Sostenibile per Haifa. La Sostenibilità in Viticoltura La Sostenibilità, declinata nelle sue dimensioni etico-sociale,

Dettagli

La sostanza organica

La sostanza organica La sostanza organica La frazione solida di un suolo comprende anche la componente organica. Il contenuto di sostanza organica in un suolo è molto variabile, in genere nell intervallo 0.5-10 %, (5% in media).

Dettagli

DISCIPLINARE DI PRODUZIONE DELLA DENOMINAZIONE DI ORIGINE CONTROLLATA DEI VINI TERRE DEL COLLEONI O COLLEONI

DISCIPLINARE DI PRODUZIONE DELLA DENOMINAZIONE DI ORIGINE CONTROLLATA DEI VINI TERRE DEL COLLEONI O COLLEONI DISCIPLINARE DI PRODUZIONE DELLA DENOMINAZIONE DI ORIGINE CONTROLLATA DEI VINI TERRE DEL COLLEONI O COLLEONI Articolo 1 (Denominazione) La denominazione di origine controllata è riservata ai vini che rispondono

Dettagli