RAPPORTI TRA BILANCIO E NORMATIVA FISCALE ELIMINAZIONE DEDUCIBILITA EXTRACONTABILI COSTANZA DEI COMPORTAMENTI CONTABILI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "RAPPORTI TRA BILANCIO E NORMATIVA FISCALE ELIMINAZIONE DEDUCIBILITA EXTRACONTABILI COSTANZA DEI COMPORTAMENTI CONTABILI"

Transcript

1 RAPPORTI TRA BILANCIO E NORMATIVA FISCALE ELIMINAZIONE DEDUCIBILITA EXTRACONTABILI COSTANZA DEI COMPORTAMENTI CONTABILI 10 marzo 2009 Dott. Rag. Vito Dulcamare

2 ELIMINAZIONE DEDUZIONE EXTRACONTABILI (QUADRO EC) ART. 1 CO 33 LETT. Q) LEGGE 244/2007 NELL OTTICA DELL AVVICINAMENTO DELLA DISCIPLINA FISCALE A QUELLA CIVILISTICA VIENE ABROGATA (ART. 109 COMMA 4 LETT. B = APPOSITO PROSPETTO) LA POSSIBILITA DI DEDURRE DAL REDDITO TALUNI COMPONENTI NEGATIVI NON TRANSITATI DAL CONTO ECONOMICO LA NUOVA NORMA SI APPLICA DAL PERIODO D IMPOSTA SUCCESSIVO A QUELLO IN CORSO AL 31 DICEMBRE 2007 = 2008

3 IN PRATICA VENGONO RIBADITI BILANCIO = MONOROTAIA E IL PRINCIPIO DI DERIVAZIONE DEL REDDITO IMPONIBILE DAL BILANCIO CIVILISTICO

4 PRINCIPIO DI DERIVAZIONE VIENE ULTERIORMENTE RAFFORZATO CON 1. NUOVO ART. 83 TUIR PER SOGGETTI IAS VALGONO I CRITERI DI QUALIFICAZIONE IMPUTAZIONE TEMPORALE CLASSIFICAZIONE IN BILANCIO PREVISTI DAI PRINCIPI CONTABILI ANCHE IN DEROGA ALLE NORME DEL TUIR

5 2. NUOVO ART. 96 TUIR AI FINI DELLA DEDUCIBILITA DEGLI INTERESSI PASSIVI NEL LIMITE DEL 30% DEL ROL VALGONO I DATI DEL CONTO ECONOMICO 3. ABROGAZIONE ART. 11 BIS IRAP SECONDO CUI LA BASE IMPONIBILE IRAP DOVEVA TENER CONTO DELLE VARIAZIONI FISCALI (LA NUOVA BASE IMPONIBILE IRAP VIENE INDIVIDUATA CON ESPRESSA INDICAZIONE AI COMPONENTI RILEVANTI COME RISULTANO DAL CONTO ECONOMICO)

6 IN DEFINITIVA DAL 2008 RISULTANO DEDUCIBILI SOLO I COMPONENTI NEGATIVI IMPUTATI A CONTO ECONOMICO (SALVO CASI ECCEZIONALI) IL QUADRO EC NON PUO PIU ESSERE INCREMENTATO RISULTA POSSIBILE AFFRANCARE I VALORI INDICATI NEL QUADRO EC (AFFRANCAMENTO COME DECREMENTO)

7

8 AFFRANCAMENTO VALORI EC NON INCIDE DIRETTAMENTE SUL REDDITO 2008 TRATTANDOSI DI VALORI SOGGETTI A SOSTITUTIVA MA SE SI DECIDE PER L AFFRANCAMENTO SI SVINCOLANO LE IMPOSTE DIFFERITE E MIGLIORA IL CONTO ECONOMICO DI PERIODO

9 ELIMINAZIONE DEDUZIONE EXTRACONTABILI (QUADRO EC) NORME TRANSITORIE AI FINI II.DD. ART. 1 LEGGE 244/2007 POSSIBILITA 1.PERMANENZA QUADRO EC 2.ELIMINAZIONE VINCOLO SULLE RISERVE (CO 34) (SI POTEVA FARE SOLO IN UNICO 2008) 3.RIALLINEAMENTO VALORI (CO 48) AI FINI IRAP ART. 1 CO 51 LEGGE 244/2007 OBBLIGO (SE NON SI PROCEDE AL RIALLINEAMENTO AI FINI DELLE DIRETTE) DI RIALLINEARE I VALORI AI FINI IRAP

10 1 POSSIBILITA UNICO 2009 PER 2008 PERMANENZA QUADRO EC SI CONTINUERA AD UTILIZZARE IL QUADRO EC FINO AL COMPLETO ASSORBIMENTO DELLE DIFFERENZE TEMPORANEE INDICATE NEL QUADRO AL 31/12/2007 IN QUESTO CASO SCATTA L OBBLIGO DI RIALLINEARE I VALORI AI FINI IRAP

11 2 POSSIBILITA UNICO 2009 PER 2008 RIALLINEAMENTO VALORI INDICATI IN EC ART. 1 CO 48 LEGGE 244/2007 I COMPONENTI NEGATIVI DEDOTTI AI SENSI DELL ART. 109 CO 4 LETT. B), POSSONO ESSERE RECUPERATI A TASSAZIONE NEL 2008 O ANCHE SUCCESSIVAMENTE IN TUTTO O IN PARTE (MA PER CLASSI OMOGENEE) MEDIANTE IL PAGAMENTO DI UN IMPOSTA SOSTITUTIVA IN QUESTO CASO NON SCATTA L OBBLIGO DI RIALLINEARE I VALORI AI FINI IRAP

12

13 RIALLINEAMENTO VALORI INDICATI IN EC ART. 1 CO 48 LEGGE 244/2007 IMPOSTA SOSTITUTIVA 12% 14% 16% SUI MAGGIORI VALORI FINO A 5 MILIONI DI EURO SUI MAGGIORI VALORI ECCEDENTI I 5 E FINO A 10 MILIONI DI EURO SUI MAGGIORI VALORI ECCEDENTI I 10 MILIONI DI EURO

14 RIALLINEAMENTO VALORI INDICATI IN EC MODALITA APPLICATIVE ART. 1 CO 48 LEGGE 244/2007 D.M. 03/03/2008 IL RIALLINEAMENTO PUO ESSERE EFFETTUATO ANCHE NEGLI ESERCIZI SUCCESSIVI L OPZIONE PUO ESSERE ESERCITATA ANCHE IN RELAZIONE A SINGOLE CLASSI DI BENI E ALTRI ELEMENTI CORRISPONDENTI AI RIGHI DI CIASCUNA SEZIONE DEL QUADRO EC IL RIALLINEAMENTO RIGUARDA L INTERO RIGO DEL QUADRO EC E POSSIBILE ESCLUDERE DAL RIALLINEAMENTO I SOLI VALORI REALIZZATI PRIMA DEL VERSAMENTO DELLA PRIMA RATA SE IL RIALLINEAMENTO E ESERCITATO IN PIU PERIODI DI IMPOSTA, AI FINI DELLA DETERMINAZIONE DELL ALIQUOTA APPLICABILE SI TIENE CONTO ANCHE DEI VALORI PRECEDEDENTEMENTE ASSOGGETTATI A SOSTITUTIVA

15 ATTIVITA MACCHINARI ESEMPIO STATO PATRIMONIALE PASSIVITA FONDO AMMORT F.DO IMPOSTE DIFFERITE IL FONDO IMPOSTE DIFFERITE SI RIFERISCE A AMMORTAMENTI ANTICIPATI PER INDICATI NEL QUADRO EC VALORE CIVILISTICO MACCHINARI VALORE FISCALE MACCHINARI IL SOGGETTO PUO PROCEDERE AL RIALLINEAMENTO PAGANDO IL 12% DI

16 ATTIVITA MACCHINARI IN TAL MODO STATO PATRIMONIALE PASSIVITA FONDO AMMORT DEBITI TRIBUTARI L ELIMINAZIONE DEL FONDO IMPOSTE DIFFERITE HA COMPORTATO UN UTILE DI NON TASSABILE VALORE CIVILISTICO MACCHINARI VALORE FISCALE MACCHINARI IL SOGGETTO PUO CONTINUARE NEL PROCESSO DI AMMORTAMENTO CIVILISTICO CHE HA VALORE ANCHE AI FINI FISCALI

17 IN DEFINITIVA IL SOGGETTO OTTIENE IL SEGUENTE RISPARMIO DI IMPOSTA RISPARMIO NEL PERIODO IN CUI HA CALCOLATO GLI AMMORTAMENTI ANTICIPATI ( X 33+4,25) DEBITO PER IMPOSTA SOSTITUTIVA DIFFERENZA RISPARMIO IMPOSTE SUI FUTURI AMMORTAMENTI ( X (27,5+3,9)) RISPARMIO COMPLESSIVO (RISPARMIO EFFETTIVO ) IMPOSTE

18 ESEMPIO DI RIALLINEAMENTO IN PIU PERIODI UNICO 2008: RIALLINEAMENTO PER ALIQUOTA APPLICABILE 12% = UNICO 2009: RIALLINEAMENTO PER ALIQUOTA APPLICABILE????? UNICO 2009 RIALLINEAMENTO GIA EFFETTUATO RIALLINEAMENTO IN CORSO TOTALE VALORI RIALLINEATI IMPOSTA 1 SCAGLIONE IMPOSTA 2 SCAGLIONE TOTALE IMPOSTA SOSTITUTIVA meno IMPOSTA GIA DOVUTA IMPOSTA DOVUTA A SALDO

19 RIALLINEAMENTO VALORI INDICATI IN EC VERSAMENTO DELL IMPOSTA SOSTITUTIVA DOVUTA SE EFFETTUATA IN UNICO RATA = 30% ENTRO TERMINE DI VERSAMENTO DEL SALDO RELATIVO AL RATA = 40% + INTERESSI 2,5% ANNUALI ENTRO TERMINE DI VERSAMENTO DEL SALDO RELATIVO AL RATA = 30% + INTERESSI 2,5% ANNUALI ENTRO TERMINE DI VERSAMENTO DEL SALDO RELATIVO AL 2010 RIS. 10/06/2008 N. 237/E = CODICI TRIBUTI PER LE OPZIONE OPERATE NEGLI ESERCIZI SUCCESSIVI SI OPERA DI CONSEGUENZA

20 RIALLINEAMENTO VALORI INDICATI IN EC EFFETTI DEL RIALLINEAMENTO IL RIALLINEAMENTO PRODUCE EFFETTI A PARTIRE DALL INIZIO DEL PERIODO D IMPOSTA IN CUI SI EFFETTUA L ESERCIZIO DELL OPZIONE CON IL VERSAMENTO DELLA PRIMA RATA A PARTIRE DALLA STESSA DATA OPERA L ELIMINAZIONE DEL VINCOLO DI INDISPONIBILITA GRAVANTE SULLE RISERVE IN SOSPENSIONE IL RIALLINEAMENTO AI FINI II.DD. ASSORBE QUELLO AI FINI IRAP

21 RIALLINEAMENTO VALORI INDICATI IN EC CESSIONE BENI MATERIALI E IMMATERIALI PRIMA DEL VERSAMENTO DELLA PRIMA RATA SI ESCLUDONO DAL RIALLINEAMENTO DOPO IL VERSAMENTO DELLA PRIMA RATA E PRIMA DELL INIZIO DEL QUARTO PERIODO SUCCESSIVO IL COSTO FISCALE DEI BENI CEDUTI E RIDOTTO DEL VALORE ASSOGGETTATO TASSAZIONE DELL EVENTUALE MAGGIOR AMMORTAMENTO DEDOTTO MENTRE LA SOSTITUTIVA RELATIVA COSTITUISCE ACCONTO DOPO L INIZIO DEL QUARTO PERIODO SUCCESSIVO NESSUN EFFETTO

22 ESEMPIO CESPITI FONDO AMMOR. 600 AMMORT. ANTICIPATO 200 RIALLINEAMENTO IN UNICO 2009 SU AMMORTAMENTO CESSIONE NEL 2010 AL PREZZO 400 SENZA RIALLINEAMENTO PREZZO CESSIONE 400 Meno VALORE NETTO CONTABILE 350 = PLUSVALENZA CONTABILE 50 + ELIMINAZIONE AMMOR. ANTICIPATI 200 = IMPONIBILE TASSABILE IRES 27,5 + IRAP 3,9 78,5

23 CON RIALLINEAMENTO COSTO FISCALE - COSTO STORICO AMMORTAMENTO AL 31/12/ AMMORT. ANTICIPATO 200 = VALORE FISCALE VALORE RIALLINEATO 200 = NUOVO VALORE FISCALE AMMORTAMENTO = RESIDUO COSTO DA AMMORTIZZ. 350 RIDETERMINAZIONE COSTO FISCALE - RESIDUO COSTO DA AMMORTIZZ. 350 Meno VALORE RIALLINEATO 200 Meno AMMORTAMENTO DEDOTTO 50 = COSTO FISCALE RIDETERMINATO PREZZO DI REALIZZO 400 = PLUSVALENZA TASSABILE IRES 27,5 + IRAP 3,9 94,2 Meno IMPOSTA SOSTITUTIVA PAGATA 24 = TASSAZIONE ULTERIORE 70,2

24 RIEPILOGO COSTO FISCALE SENZA RIALLINEAMENTO 78,5 CON RIALLINEAMENTO 94,2 DIFFERENZA 15,7 IL MAGGIOR ONERE DIPENDE DAL FATTO CHE IN ASSENZA DI CHIARIMENTI L AMMORTAMENTO 2009 PARI A 50 E STATO SOTTRATTO DAL COSTO FISCALE RIDETERMINATO PER RIALLINEAMENTO IN REALTA L AMMORTAMENTO DA SOTTRARRE DEVE ESSERE L EVENTUALE CHE SI SAREBBE CALCOLATO DOPO IL COMPLETAMENTO DELL ORIGINARIO PROCESSO DI AMMORTAMENTO FISCALE IN EFFETTI LA DIFFERENZA DI 15,7 CORRISPONDE PROPRIO ALLA TASSAZIONE SU 50 DI AMMORTAMENTO

25 RIALLINEAMENTO AI FINI IRAP ART. 1 CO 51 LEGGE 244/2007 POICHE DAL 2008 LA DETERMINAZIONE DELLA BASE IMPONIBILE IRAP SI EFFETTUA SOLO SULLA BASE DEL CONTO ECONOMICO (SENZA TENER CONTO DELLE VARIAZIONI FISCALI) E PREVISTO L OBBLIGO DI RECUPERARE A TASSAZIONE I COMPONENTI NEGATIVI DEDOTTI FINO AL 2007 MA NON ANCORA IN SOSPESO SE IL SOGGETTO PROCEDE AL RIALLINEAMENTO DEI VALORI INDICATI NEL QUADRO EC MEDIANTE PAGAMENTO DELL IMPOSTA SOSTITUTIVA NON DEVE PROCEDERE AL RECUPERO DELLA TASSAZIONE DEGLI STESSI VALORI AI FINI IRAP

26 RIALLINEAMENTO AI FINI IRAP ART. 1 CO 51 LEGGE 244/2007 RECUPERO TASSAZIONE VALORI QUADRO EC QUOTE RESIDUE DI COMPONENTI NEGATIVI QUOTE RESIDUE DI COMPONENTI POSITIVI IN SEI QUOTE COSTANTI ANNUALI A PARTIRE DAL PERIODO D IMPOSTA SUCCESSIVO = 2008 CONTINUANO AD APPLICARSI LE VECCHIE REGOLE CONTINUANO AD APPLICARSI LE VECCHIE REGOLE

27 RIALLINEAMENTO VALORI INDICATI IN EC EFFETTI DEL RIALLINEAMENTO II.DD. EFFETTUATO IN PERIODI SUCCESSIVI POICHE IL RIALLINEAMENTO AI FINI II.DD. ASSORBE QUELLO AI FINI IRAP QUANDO IL RIALLINEAMENTO AI FINI II.DD. VIENE EFFETTUATO IN PERIODI SUCCESSIVI A QUELLI DEL RIALLINEAMENTO IRAP DALL IMPOSTA SOSTITUTIVA DOVUTA IN SIMILE SITUAZIONE SI SOTTRAE L IMPORTO DELLE QUOTE DI IRAP PAGATA

28 ATTENZIONE SE NON SI PROCEDE ALL AFFRANCAMENTO AI FINI II.DD IN OGNI CASO NEL BILANCIO 2008 VA INDICATO IL DEBITO PER IRAP DOVUTA SUI RESIDUI SESTI CON ELIMINAZIONE IRAP DIFFERITA

29 INFINE PER EVITARE MANOVRE ELUSIVE NUOVA SANZIONE AI REVISORI NUOVA NORMA ANTIELUSIVA

30 SANZIONI A CARICO DEI REVISORI CONTABILI ART. 1 CO 92/94 LEGGE 244/2007 A DECORRERE DAL BILANCIO RELATIVO AL PERIODO SUCCESSIVO A QUELLO IN CORSO ALLA DATA DEL 31/12/2007 (= 2008) SONO PREVISTE LE SEGUENTI SANZIONI A CARICO DEI SOGGETTI TENUTI A SOTTOSCRIVERE LE DICHIARAZIONI DEI REDDITI/IRAP PER ATTIVITA DI REVISIONE MANCATA SOTTOSCRIZIONE SANZIONE AMMINISTRATIVA DA 258 A 2065 OMISSIONE DI GIUDIZI SUL BILANCIO DA CUI DERIVI INFEDELTA 30% DEL COMPENSO DI REVISIONE NEL LIMITE DELL IMPOSTA EFFETTIVAMENTE ACCERTATA

31 NORMA ANTIELUSIVA IN MATERIA DI DEDUCIBILITA DI COMPONENTI NEGATIVI ART. 1 CO 34 LEGGE 244/2007 Gli ammortamenti, gli accantonamenti e le altre rettifiche di valore imputati al conto economico a partire dall esercizio dal quale, in conseguenza della modifica recata dal comma 33, lettera q), numero 1, decorre l eliminazione delle deduzioni extracontabili, possono essere disconosciuti dall Amministrazione finanziaria se non coerenti con i comportamenti sistematicamente adottati nei precedenti esercizi, salva la possibilità per l impresa di dimostrare la giustificazione economica di detti componenti in base a corretti principi contabili.

32 IN DEFINITIVA I COSTI DIVENTANO FISCALMENTE DEDUCIBILI 1. SE SONO COERENTI CON I COMPORTAMENTI PRECEDENTI 2. SE SONO CORRETTI RISPETTO AI PRINCIPI CONTABILI

33 QUESTIONE L EVENTUALE CAMBIAMENTO DI STIMA EVIDENZIATO NELLA NOTA INTEGRATIVA E SUFFICIENTE A PROVARE LA CORRETTEZZA DEL COMPORTAMENTO? TELEFISCO 2008 /CIRC 19/02/2008 N. 12/E PAR. 7.1 LA COERENZA DEL COMPORTAMENTO POTRA ESSERE DIMOSTRATA IN QUALSIASI MODO (ANCHE CON LA NOTA INTEGRATIVA) L INDICAZIONE IN NOTA INTEGRATIVA NON PRECLUDE IL POTERE DI CONTROLLO DELL A.F.

34 AD ESEMPIO NON SARA PIU POSSIBILE INSERIRE NEL QUADRO EC DIFFERENZA IN EC DEDUCIBILITA DIFFERENZA FRA SOLO SE HANNO RILEVANZA AMMORTAMENTI CIVILISTICI E I CIVILISTICA MAGGIORI AMMORTAMENTI FISCALI AMMORTAMENTI ANTICIPATI NON PIU DEDUCIBILI DAL 2008 INSIEME AGLI AMMORTAMENTI ANTICIPATI DIFFERENZA RILEVAZIONE LEASING SECONDO IAS 17 E I CANONI DI COMPETENZA SVALUTAZIONE CREDITI 0,5% NON DOVREBBE ESSERE PIU DEDUCIBILE SOLO SE HANNO RILEVANZA CIVILISTICA

35 DAL 2008 AMMORTAMENTI, ACCANTONAMENTI E RETTIFICHE DI VALORE CON GIUSTIFICAZIONE CIVILISTICA NEI LIMITI DEI COEFFICIENTI FISCALI OLTRE I LIMITI DEI COEFFICIENTI FISCALI CON GIUSTIFICAZIONE SOLO FISCALE DEDUCIBILI L ECCEDENZA NON E DEDUCIBILE NON DEDUCIBILI

36 ESEMPIO 2007 AMMORTAMENTO CIVILISTICO 8% AMMORTAMENTO FISCALE IN QUADRO EC 2% 2008 AMMORTAMENTO CIVILISTICO 10% L UFFICIO PUO DISCONOSCERE IL MAGGIOR AMMORTAMENTO CIVILISTICO DEL 2% IN QUANTO NON COERENTE NON CORRETTO RISPETTO AI PRINCIPI CONTABILI

37 SALVO CHE NON SI GIUSTIFICHI IL MAGGIOR AMMORTAMENTO ALLA LUCE DEI PRINCIPI CONTABILI ESEMPIO VARIAZIONE PIANO DI AMMORTAMENTO PER PIU INTENSA UTILIZZAZIONE (DA 8 ORE A 10 ORE DI UTILIZZO) RIDUZIONE VITA UTILE (CON APPOSITA STIMA TECNICA) IN OGNI CASO L UFFICIO PUO DISCONOSCERE IL MAGGIOR AMMORTAMENTO SE RITENUTO NON CORRETTO

RELAZIONE TRA VALUTAZIONI CIVILISTICHE E FISCALI, LA FISCALITÀ DIFFERITA. Rif. dispensa

RELAZIONE TRA VALUTAZIONI CIVILISTICHE E FISCALI, LA FISCALITÀ DIFFERITA. Rif. dispensa RELAZIONE TRA VALUTAZIONI CIVILISTICHE E FISCALI, LA FISCALITÀ DIFFERITA Rif. dispensa 1. Le valutazioni di bilancio nel Codice Civile Sono prioritariamente individuati dall art 2426 del Codice Civile

Dettagli

NOVITA IN MATERIA DI IRAP. 10 marzo 2009 Dott. Rag. Vito Dulcamare

NOVITA IN MATERIA DI IRAP. 10 marzo 2009 Dott. Rag. Vito Dulcamare NOVITA IN MATERIA DI IRAP 10 marzo 2009 Dott. Rag. Vito Dulcamare RIDUZIONE ALIQUOTA IRAP ALIQUOTA RIDOTTA PER AGRICOLTURA RIPARAMETRAZIONE VALORI CORRELATI ALL ALIQUOTA IRAP RIPARAMETRAZIONE DEDUZIONI

Dettagli

Luisella Bergero Studio CTS Bolla Quaglia & Associati

Luisella Bergero Studio CTS Bolla Quaglia & Associati L eliminazione delle deduzioni extracontabili e l impatto sulla fiscalità corrente e differita; i rischi di contestazione in presenza di eventuali modifiche ai piani di ammortamento Luisella Bergero Studio

Dettagli

La determinazione del fondo imposte. Prof. Dott. Francesco ROSSI RAGAZZI

La determinazione del fondo imposte. Prof. Dott. Francesco ROSSI RAGAZZI La determinazione del fondo imposte Prof. Dott. Francesco ROSSI RAGAZZI Novità dei bilanci 2007 fra redazione e controllo RIDUZIONE DELL IRES E DELL IRAP La Finanziaria 2008 (Legge 24.12.2007 n. 244) ha

Dettagli

(i) l iscrizione di un provento, che nella voce 22 del conto economico quindi rettifica, in diminuzione, l ammontare delle imposte correnti;

(i) l iscrizione di un provento, che nella voce 22 del conto economico quindi rettifica, in diminuzione, l ammontare delle imposte correnti; Fiscalità differita ed anticipata: casi e soluzioni L iscrizione delle imposte differite attive e passive ad integrazione delle imposte correnti è necessaria al fine di rappresentare correttamente nel

Dettagli

La riapertura dei termini per la rivalutazione dei beni d impresa ed il riallineamento dei valori per i soggetti IAS

La riapertura dei termini per la rivalutazione dei beni d impresa ed il riallineamento dei valori per i soggetti IAS La riapertura dei termini per la rivalutazione dei beni d impresa ed il riallineamento dei valori per i soggetti IAS Enrico Macario Agenzia delle Entrate DR Liguria Rivalutazione immobili E finalizzata

Dettagli

La rilevazione delle imposte

La rilevazione delle imposte La rilevazione delle imposte Le imposte valutazione e fonti Per la valutazione delle imposte sul reddito si devono rispettare i criteri generali che sono alla base della determinazione di tutte le altre

Dettagli

OPERAZIONI STRAORDINARIE

OPERAZIONI STRAORDINARIE OPERAZIONI STRAORDINARIE Il Conferimento d azienda a cura del Dott. Pietro Buttitta Il Conferimento d azienda Gli aspetti civilistici Gli aspetti fiscali Gli aspetti contabili Il conferimento d azienda

Dettagli

L ABROGAZIONE DELLE DEDUZIONI EXTRACONTABILI

L ABROGAZIONE DELLE DEDUZIONI EXTRACONTABILI L ABROGAZIONE DELLE DEDUZIONI EXTRACONTABILI Tavole sinottiche a cura di Professore di diritto tributario alla Scuola Superiore dell Economia e delle Finanze di Roma Docente alla Scuola di Polizia Tributaria

Dettagli

L IRAP. Relatore: dott. Francesco Barone

L IRAP. Relatore: dott. Francesco Barone L IRAP Relatore: dott. Francesco Barone IRAP PER I SOGGETTI IRES La base imponibile è data dalla differenza tra il valore e i costi della produzione di cui alle lettere A) e B) dell art. 2425 c.c. con

Dettagli

Università degli Studi di Parma CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO. Le imposte. Le imposte valutazione e fonti

Università degli Studi di Parma CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO. Le imposte. Le imposte valutazione e fonti Università degli Studi di Parma CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO Le imposte Le imposte valutazione e fonti Per la valutazione delle imposte sul reddito si devono rispettare i criteri generali che sono alla

Dettagli

Strumenti e Materiali - Economia Aziendale

Strumenti e Materiali - Economia Aziendale Strumenti e Materiali - Economia Aziendale Esercitazioni in preparazione all Esame di Stato ESERCITAZIONE 5 reddito fiscale e calcolo dell Ires a cura di Daniela Lucarelli La Bergami s.p.a presenta il

Dettagli

DIFFERENZE TRA REDDITO CIVILISTICO E REDDITO FISCALE

DIFFERENZE TRA REDDITO CIVILISTICO E REDDITO FISCALE DIFFERENZE TRA REDDITO CIVILISTICO E REDDITO FISCALE DIFFERENZE PERMANENTI variazioni fiscali definitive che non verranno riassorbite in successivi esercizi (es. costi definitivamente non deducibili; ricavi

Dettagli

ESEMPI DI COMPILAZIONE QUADRO RF UNICO E CALCOLO IMPOSTE. dott. Carlo Cappelluti

ESEMPI DI COMPILAZIONE QUADRO RF UNICO E CALCOLO IMPOSTE. dott. Carlo Cappelluti ESEMPI DI COMPILAZIONE QUADRO RF UNICO E CALCOLO IMPOSTE dott. Carlo Cappelluti LA SOCIETA ALFA SRL RILEVA, AL 31 DICEMBRE 2014, UN RISULTATO PRE-IMPOSTE PARI AD EURO 52.400 SI PROVVEDA ALLA COMPILAZIONE

Dettagli

Temi speciali di bilancio

Temi speciali di bilancio Università degli Studi di Parma Temi speciali di bilancio Le imposte Riferimenti PRINCIPIO CONTABILE n. 25 (da fare tutto) DOCUMENTO INTERPRETATIVO AL P.C. 25 (N.2) (da fare: 1-15, 18-42) 2 Le imposte

Dettagli

Esercitazione: la determinazione della base imponibile e delle imposte corrente, anticipate e differite

Esercitazione: la determinazione della base imponibile e delle imposte corrente, anticipate e differite Esercitazione: la determinazione della base imponibile e delle imposte corrente, anticipate e differite Al 31/12/2008 la Alfa S.p.A., società che opera nel settore industriale, presenta, tra gli altri,

Dettagli

LA GESTIONE DEGLI AMMORTAMENTI DEI CESPITI a cura di Federica Furlani

LA GESTIONE DEGLI AMMORTAMENTI DEI CESPITI a cura di Federica Furlani LA GESTIONE DEGLI AMMORTAMENTI DEI CESPITI a cura di Federica Furlani I risultati non certo brillanti di molti dei bilanci del 2012 potrebbero indurre i redattori dei documenti a comprimere in modo non

Dettagli

Tiziano Sesana. LA FINANZIARIA 2008 E GLI AMMORTAMENTI ANTICIPATI Eliminata la possibilità di dedurli. Significative le conseguenze

Tiziano Sesana. LA FINANZIARIA 2008 E GLI AMMORTAMENTI ANTICIPATI Eliminata la possibilità di dedurli. Significative le conseguenze Tiziano Sesana LA FINANZIARIA 2008 E GLI AMMORTAMENTI ANTICIPATI Eliminata la possibilità di dedurli. Significative le conseguenze (in L Industria delle Carni, ASS.I.CA. - Confindustria, n. 2/Febbraio

Dettagli

OIC 25 IMPOSTE SUL REDDITO

OIC 25 IMPOSTE SUL REDDITO S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE OIC 25 IMPOSTE SUL REDDITO Francesco Grasso 20 marzo 2015 Modalità esposizione Analisi del principio contabile con particolare riferimento alle novità rispetto alla precedente

Dettagli

Le imposte sui redditi C O R S O D I R A G I O N E R I A G E N E R A L E E D A P P L I C A T A

Le imposte sui redditi C O R S O D I R A G I O N E R I A G E N E R A L E E D A P P L I C A T A Le imposte sui redditi C O R S O D I R A G I O N E R I A G E N E R A L E E D A P P L I C A T A A. A. 2 0 1 6-2017 D O T T. S S A L A U R A M U L A S Imposta sul reddito delle società (IRES) riferimenti

Dettagli

IMPOSTE CORRENTI E DIFFERITE

IMPOSTE CORRENTI E DIFFERITE Caso 5 IMPOSTE CORRENTI E DIFFERITE Oggetto ed obiettivi: oggetto del caso sono le imposte differite. Calcolarle è necessario per la corretta imputazione a Conto Economico delle imposte di competenza.

Dettagli

TOMO 1-11. L IMPOSIZIONE FISCALE IN AMBITO AZIENDALE Svolgimento a cura di Mariaersilia Lisi Ricatti

TOMO 1-11. L IMPOSIZIONE FISCALE IN AMBITO AZIENDALE Svolgimento a cura di Mariaersilia Lisi Ricatti TOMO 1-11. L IMPOSIZIONE FISCALE IN AMBITO AZIENDALE Svolgimento a cura di Mariaersilia Lisi Ricatti 11.1 svalutazione fiscale dei crediti ( ) Impresa A Il fondo rischi su crediti preesistente rappresenta

Dettagli

NOTA OPERATIVA N. 4/2012. OGGETTO: il trattamento contabile delle imposte anticipate e differite

NOTA OPERATIVA N. 4/2012. OGGETTO: il trattamento contabile delle imposte anticipate e differite NOTA OPERATIVA N. 4/2012 OGGETTO: il trattamento contabile delle imposte anticipate e differite - Definizione Al fine di procedere all esame delle imposte anticipate e differite da un punto di vista contabile

Dettagli

RISOLUZIONE N. 127/E denominato Imposta sostitutiva per i contribuenti minimi di cui all art. 1, commi da 96 a 117, L. n. 244/2007.

RISOLUZIONE N. 127/E denominato Imposta sostitutiva per i contribuenti minimi di cui all art. 1, commi da 96 a 117, L. n. 244/2007. Direzione Centrale Amministrazione Pianificazione e Controllo RISOLUZIONE N. 127/E OGGETTO: Istituzione del codice tributo per il versamento, tramite modello F24, dell imposta sostitutiva per i contribuenti

Dettagli

A S S O S I M. Milano, 23 giugno La eliminazione delle interferenze fiscali effetti del c.d. disinquinamento fiscale dei bilanci

A S S O S I M. Milano, 23 giugno La eliminazione delle interferenze fiscali effetti del c.d. disinquinamento fiscale dei bilanci A S S O S I M Milano, 23 giugno 20004 La eliminazione delle interferenze fiscali effetti del c.d. disinquinamento fiscale dei bilanci Relatore: Dott. Franco Fondi S T U D I O F O N D I ASSOCIAZIONE PROFESSIONALE

Dettagli

Effetti legati all applicazione degli Ias/Ifrs. Di Emanuela Fusa Studio di Finanza e Fiscalità

Effetti legati all applicazione degli Ias/Ifrs. Di Emanuela Fusa Studio di Finanza e Fiscalità Effetti legati all applicazione degli Ias/Ifrs Di Emanuela Fusa Studio di Finanza e Fiscalità 1 PROBLEMATICHE FISCALI CONNESSE ALL INTRODUZIONE DEGLI IAS Alcune problematiche specifiche che la normativa

Dettagli

L ABOLIZIONE DELLE DEDUZIONI EXTRACONTABILI

L ABOLIZIONE DELLE DEDUZIONI EXTRACONTABILI L ABOLIZIONE DELLE DEDUZIONI EXTRACONTABILI Direzione Regionale Emilia-Romagna Dott. Gianfilippo Giannetto Bologna 30 maggio 2008 1 Legge Finanziaria 2008 (legge n.244 del 24/12/2007). Abolizione delle

Dettagli

D.L. n. 185/ 08 Misure urgenti di sostegno in funzione anti-crisi

D.L. n. 185/ 08 Misure urgenti di sostegno in funzione anti-crisi LEGALE E TRIBUTARIO Circolare del 5 dicembre 2008 a cura dello Studio De Vito e Associati : D.L. n. 185/ 08 Misure urgenti di sostegno in funzione anti-crisi 00198 Roma 20122 Milano P.IVA Cod. Fisc. 04011511005

Dettagli

Bilancio 2011: adempimenti e principali novità

Bilancio 2011: adempimenti e principali novità Bilancio 2011: adempimenti e principali novità Trasformazione delle imposte differite attive in crediti d imposta Ancona Sede Confindustria, giovedì 15 marzo 2012 Relatore: Dott. Marco Ciavattini Art.

Dettagli

Le imposte sul reddito

Le imposte sul reddito Le imposte sul reddito 1 Le imposte sono un costo per la produzione del reddito Esse vanno imputate nell esercizio in sui sono stati iscritti i costi e i ricavi cui le stesse si riferiscono (principio

Dettagli

Dall utile di bilancio al reddito fiscale. Dott. Antonino Barbagallo

Dall utile di bilancio al reddito fiscale. Dott. Antonino Barbagallo Dall utile di bilancio al reddito fiscale Dott. Antonino Barbagallo 1 Le imposte Una società di capitali è soggetta a due tipi di imposte sul reddito: IRES (imposta sul reddito delle società) si determina

Dettagli

LA RIVALUTAZIONE VOLONTARIA DEI BENI IMMOBILI. Prof. Gianfranco FERRANTI

LA RIVALUTAZIONE VOLONTARIA DEI BENI IMMOBILI. Prof. Gianfranco FERRANTI LA RIVALUTAZIONE VOLONTARIA DEI BENI IMMOBILI Prof. Gianfranco FERRANTI Diretta 20 aprile 2009 OBIETTIVO DELLA NORMA: Consentire alle imprese di evidenziare la loro effettiva patrimonializzazione ai fini

Dettagli

Profili generali e indicazioni in dichiarazione. 1^ parte: Fiscal News n. 108 del Super ammortamento e UNICO 2016

Profili generali e indicazioni in dichiarazione. 1^ parte: Fiscal News n. 108 del Super ammortamento e UNICO 2016 Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 113 13.04.2016 Super ammortamento e UNICO 2016 2 Profili generali e indicazioni in dichiarazione Categoria: Dichiarazione Sottocategoria: Unico

Dettagli

Ragioneria Generale e Applicata. la determinazione della base imponibile e delle imposte correnti, anticipate e differite

Ragioneria Generale e Applicata. la determinazione della base imponibile e delle imposte correnti, anticipate e differite Esercitazione: la determinazione della base imponibile e delle imposte correnti, anticipate e differite 1 Al 31/12/2009 la Alfa S.p.A., società che opera nel settore industriale, presenta, tra gli altri,

Dettagli

Differenze permanenti e temporanee e relative imposte differite e anticipate

Differenze permanenti e temporanee e relative imposte differite e anticipate Differenze permanenti e temporanee e relative imposte differite e anticipate RISULTATO ANTE IMPOSTE (R.A.I.) REDDITO IMPONIBILE (R.I.) CONFRONTO VALORI UGUALI VALORI DIVERSI DIFFERENZE PERMANENTI DIFFERENZE

Dettagli

Modifiche al regime sui trasferimenti di partecipazione e di complessi aziendali. Luca Miele Dottore Commercialista

Modifiche al regime sui trasferimenti di partecipazione e di complessi aziendali. Luca Miele Dottore Commercialista Modifiche al regime sui trasferimenti di partecipazione e di complessi aziendali Luca Miele Dottore Commercialista TRASFERIMENTI DI AZIENDA Anni 2004-2007 2007 In caso di trasferimenti di azienda, la rilevanza

Dettagli

IMPOSTE SUL REDDITO E FISCALITÀ DIFFERITA

IMPOSTE SUL REDDITO E FISCALITÀ DIFFERITA IMPOSTE SUL REDDITO E FISCALITÀ DIFFERITA Genova, 17 maggio 2016 Dott. Roberto Pischedda 1 Imposte sul reddito e fiscalità differita Indice La determinazione delle imposte sul reddito; Le differenze temporanee

Dettagli

ESERCIZI RELATIVI AL CAP. 13 LA DIMENSIONE CONTABILE DELLE IMPOSTE SUL REDDITO.

ESERCIZI RELATIVI AL CAP. 13 LA DIMENSIONE CONTABILE DELLE IMPOSTE SUL REDDITO. ESERCIZI RELATIVI AL CAP. 13 LA DIMENSIONE CONTABILE DELLE IMPOSTE SUL REDDITO. di Maurizio Pini PRIMA PARTE - Esercizi relativi al par. 13.2 (Il Liability Method applicato secondo l approccio IS&L). 1

Dettagli

RISOLUZIONE N. 168/E

RISOLUZIONE N. 168/E RISOLUZIONE N. 168/E Roma, 25 novembre 2005 Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Oggetto: Istanza di interpello Artt. 106 e 109 del Testo unico delle imposte sui redditi Deduzione extracontabile

Dettagli

Studio Denti & Associati Via Aspromonte 55 Nuoro

Studio Denti & Associati Via Aspromonte 55 Nuoro Egr. Clienti Loro sedi Nuoro, 07 novembre 2016 OGGETTO: Acconti d imposta 2016. Entro il prossimo mercoledì 30 novembre 2016 andrà versata la seconda rata d acconto relativa alle imposte sui redditi ed

Dettagli

NOVITA FISCALI E FOCUS FINALE SU UNICO 2012

NOVITA FISCALI E FOCUS FINALE SU UNICO 2012 S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO NOVITA FISCALI E FOCUS FINALE SU UNICO 2012 GIANCARLO DELLO PREITE 26 SETTEMBRE SALA ORLANDO C.SO VENEZIA, 47 MILANO S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI

Dettagli

Università degli Studi di Parma CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO. Esercitazione n.7

Università degli Studi di Parma CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO. Esercitazione n.7 Università degli Studi di Parma CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO Esercitazione n.7 La Belvedere S.p.A. alla fine dell esercizio 2014 presenta il seguente conto economico: Conti Saldo dare ( ) Saldo avere

Dettagli

LA SCISSIONE ASPETTI FISCALI. Prof. Claudia Rossi 1

LA SCISSIONE ASPETTI FISCALI. Prof. Claudia Rossi 1 LA SCISSIONE ASPETTI FISCALI Prof. Claudia Rossi 1 DATA DI EFFETTO La scissione ha effetto dalla data dell ultima delle iscrizioni dell atto di scissione dell ufficio del registro delle imprese in cui

Dettagli

La nuova disciplina sull indeducibilit. indeducibilità degli interessi passivi e le modifiche al consolidato fiscale

La nuova disciplina sull indeducibilit. indeducibilità degli interessi passivi e le modifiche al consolidato fiscale La nuova disciplina sull indeducibilit indeducibilità degli interessi passivi e le modifiche al consolidato fiscale Andrea Manzitti STUDIO Bonelli Erede Pappalardo Milano Roma Genova Temi dell intervento

Dettagli

5. DETERMINAZIONE DEL REDDITO

5. DETERMINAZIONE DEL REDDITO 5. DETERMINAZIONE DEL REDDITO I soggetti di cui all articolo 54 determinano il reddito imponibile applicando all ammontare dei ricavi o dei compensi percepiti (principio di cassa) un coefficiente di redditività

Dettagli

Raniero Mazzucato dottore commercialista / revisore legale Dott. Raniero Mazzucato

Raniero Mazzucato dottore commercialista / revisore legale Dott. Raniero Mazzucato GESTIONE FISCALE DEI CREDITI INSOLUTI 1 Raniero Mazzucato dottore commercialista / revisore legale 2 Art 2423 Codice Civile Gli amministratori devono redigere il bilancio di esercizio, costituito dallo

Dettagli

Il reddito civilistico ed il reddito imponibile

Il reddito civilistico ed il reddito imponibile Il reddito civilistico ed il reddito imponibile Bilancio d esercizio Documento tecnico-contabile che è redatto annualmente per la rilevazione del risultato economico d esercizio e del patrimonio dell impresa,

Dettagli

REGIME DI CASSA PER LE IMPRESE MINORI, ACE, ASSEGNAZIONI E ALTRE NOVITA PER LE IMPRESE. Dott. Gianluca Odetto

REGIME DI CASSA PER LE IMPRESE MINORI, ACE, ASSEGNAZIONI E ALTRE NOVITA PER LE IMPRESE. Dott. Gianluca Odetto REGIME DI CASSA PER LE IMPRESE MINORI, ACE, ASSEGNAZIONI E ALTRE NOVITA PER LE IMPRESE Dott. Gianluca Odetto REGIME DI CASSA PER LE IMPRESE MINORI NUOVA TASSAZIONE DELLE IMPRESE MINORI Con apposite modifiche

Dettagli

Le novità fiscali per la chiusura del bilancio d esercizio

Le novità fiscali per la chiusura del bilancio d esercizio Le novità fiscali per la chiusura del bilancio d esercizio Roma 26 marzo 2012 Angelo Garcea angelo.garcea@assonime.it Le principali novità Le novità per tutte le imprese L ACE (d.l. 201 del 2011) La nuova

Dettagli

Determinazione del reddito fiscale e calcolo dell IRPEG e dell IRAP. Rilevazione delle imposte e compilazione del Conto economico

Determinazione del reddito fiscale e calcolo dell IRPEG e dell IRAP. Rilevazione delle imposte e compilazione del Conto economico 76 ESERCIZIO 8 INDIRIZZO Amministrativi Ragioneria Programmatori Ragioneria ed Economia aziendale Igea Mercurio Economia aziendale Professionali - Progetto 92 Economia aziendale Determinazione del reddito

Dettagli

Studio Tributario - Commerciale Fabrizio Masciotti

Studio Tributario - Commerciale Fabrizio Masciotti Roma, 28/02/2016 Spett.le Cliente Studio Tributario - Commerciale Fabrizio Masciotti Dottore Commercialista e Revisore Contabile Piazza Gaspare Ambrosini 25, Cap 00156 Roma Tel 06/41614250 fax 06/41614219

Dettagli

IMMOBILIZZAZIONI MATERIALI

IMMOBILIZZAZIONI MATERIALI IMMOBILIZZAZIONI MATERIALI Caratteri economico-aziendali Beni di uso durevole strumentali alla produzione del reddito Se soggetti a logorio tecnico-economico partecipano alla formazione del reddito attraverso

Dettagli

Operazioni straordinarie Quadri RQ e RV

Operazioni straordinarie Quadri RQ e RV Operazioni straordinarie Quadri RQ e RV a cura di Gianluca Cristofori Cristofori + Partners s.s.t.p. Milano Torino Verona Ammortamenti deducibili da parte della conferitaria Norma di comportamento ADC

Dettagli

I nuovi principi contabili nazionali: nuove regole per il bilancio 2014

I nuovi principi contabili nazionali: nuove regole per il bilancio 2014 I nuovi principi contabili nazionali: nuove regole per il bilancio 2014 TERZA SESSIONE parte seconda ORDINE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E DEGLI ESPERTI CONTABILI Modena, 17 marzo 2015 I nuovi principi contabili

Dettagli

Fisco & Contabilità La guida pratica contabile

Fisco & Contabilità La guida pratica contabile Fisco & Contabilità La guida pratica contabile N. 11 26.03.2014 Rivalutazione nel bilancio 2013 A cura di Devis Nucibella Categoria: Finanziaria Sottocategoria: 2014 La Legge di Stabilità 2014, art. 1,

Dettagli

Perdite su crediti Il prospetto di UNICO 2014

Perdite su crediti Il prospetto di UNICO 2014 Dott. Lelio Cacciapaglia (Pubblicista) Perdite su crediti Il prospetto di UNICO 2014 1 Nuove fattispecie deducibili (decorrenza 2012) TUIR - News comma 5, art. 101 La perdita su crediti si deduce se: Il

Dettagli

Principi contabili IAS/IFRS : IL BILANCIO DELLE BANCHE ESERCITAZIONE del 18/02/2011

Principi contabili IAS/IFRS : IL BILANCIO DELLE BANCHE ESERCITAZIONE del 18/02/2011 Principi contabili IAS/IFRS : IL BILANCIO DELLE BANCHE ESERCITAZIONE del 18/02/2011 Dott. PAOLO VITALI Università degli Studi di Bergamo Anno accademico 2010/2011 Bergamo, 18 febbraio 2011 Indice degli

Dettagli

SECONDO O UNICO ACCONTO IRES E IRAP. Settore Diritto d Impresa e Fisco Area Fiscale e Societaria

SECONDO O UNICO ACCONTO IRES E IRAP. Settore Diritto d Impresa e Fisco Area Fiscale e Societaria SECONDO O UNICO ACCONTO IRES E IRAP NORMATIVA Art. 4, D.L. 2 marzo 1989, n.69 Art. 17, comma 3, DPR 7 dicembre 2001, n. 435 Art. 30, comma 2, D. Lgs. 15 dicembre 1997, n. 446 Art. 1, commi 269 e 403, Legge

Dettagli

Indice. Base imponibile. Voci che concorrono in ogni caso a formare il valore della produzione netta

Indice. Base imponibile. Voci che concorrono in ogni caso a formare il valore della produzione netta Indice Capitolo 1- La determinazione della base imponibile Irap per i soggetti IRES: il principio di derivazione dal bilancio pag.9 Società di capitali Principio di inerenza Base imponibile Voci di corrispondenza

Dettagli

LE NOVITA FISCALI 2014: APPROFONDIMENTI E PRIME INDICAZIONI APPLICATIVE ANCHE ALLA LUCE DEI CHIARIMENTI DI TELEFISCO

LE NOVITA FISCALI 2014: APPROFONDIMENTI E PRIME INDICAZIONI APPLICATIVE ANCHE ALLA LUCE DEI CHIARIMENTI DI TELEFISCO www.commercialistideltriveneto.org LE NOVITA FISCALI 2014: APPROFONDIMENTI E PRIME INDICAZIONI APPLICATIVE ANCHE ALLA LUCE DEI CHIARIMENTI DI TELEFISCO Vicenza (VI) 14 Febbraio 2014 1 DEDUCIBILITÀ DEI

Dettagli

L impatto fiscale delle novità

L impatto fiscale delle novità Seminario Mercoledì 23 marzo 2016 ore 9:00 13:00 Presso Hotel President Via Perasso - Benevento Il bilancio d esercizio e i nuovi principi OIC L impatto fiscale delle novità a cura di Raffaele Marcello

Dettagli

MODIFICA DELL ALIQUOTA DI TASSAZIONE DEI REDDITI DI NATURA FINANZIARIA

MODIFICA DELL ALIQUOTA DI TASSAZIONE DEI REDDITI DI NATURA FINANZIARIA MODIFICA DELL ALIQUOTA DI TASSAZIONE DEI REDDITI DI NATURA FINANZIARIA Le novità normative e gli impatti sugli intermediari finanziari La nuova imposizione dei redditi di natura finanziaria dopo il D.L.

Dettagli

INDICE. 1.2 I principi generali pag Il contenuto del bilancio pag. 14

INDICE. 1.2 I principi generali pag Il contenuto del bilancio pag. 14 INDICE Capitolo 1 I principi generali di redazione del bilancio pag. 1 1.1 Premessa pag. 1 1.1.1 Quadro normativo pag. 1 1.2 I principi generali pag. 2 1.2.1 La clausola generale pag. 3 1.2.2 I principi

Dettagli

La determinazione della base imponibile IRAP

La determinazione della base imponibile IRAP Bergamo, 18 febbraio 2009 Convegno - Il bilancio 2008: novità civilistiche e fiscali La determinazione della base imponibile IRAP Prof. Maurizio Comoli Straordinario di Ragioneria Generale Applicata Recenti

Dettagli

Ragioneria Generale e Applicata. Relazione tra bilancio di esercizio e reddito imponibile: le imposte differite e anticipate

Ragioneria Generale e Applicata. Relazione tra bilancio di esercizio e reddito imponibile: le imposte differite e anticipate Relazione tra bilancio di esercizio e reddito imponibile: le imposte differite e anticipate 1 Risultato prima delle imposte [posta di conto economico] Reddito imponibile [quantità determinata nella dichiarazione

Dettagli

730, Unico 2014 e Studi di settore

730, Unico 2014 e Studi di settore 730, Unico 2014 e Studi di settore Pillole di aggiornamento N. 58 15.07.2014 Adeguamento agli studi di settore in Unico Categoria: Studi di settore Sottocategoria: Varie Al fine di evitare il rischio di

Dettagli

di Angelo Francioso Amministrazione e Finanza>> Fisco

di Angelo Francioso Amministrazione e Finanza>> Fisco IL RITORNO DEL DOPPIO BINARIO : LA NORMA 159 DELL ADC DI MILANO di Angelo Francioso Amministrazione e Finanza>> Fisco LE PREVISIONI DELLA NORMA DI COMPORTAMENTO La norma di comportamento n. 159 emanata

Dettagli

ORDINE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E DEGLI ESPERTI CONTABILI DI GENOVA - 13/10/2015 PROVA PRATICA PER PRATICANTI DOTTORI COMMERCIALISTI

ORDINE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E DEGLI ESPERTI CONTABILI DI GENOVA - 13/10/2015 PROVA PRATICA PER PRATICANTI DOTTORI COMMERCIALISTI ORDINE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E DEGLI ESPERTI CONTABILI DI GENOVA - 13/10/2015 PROVA PRATICA PER PRATICANTI DOTTORI COMMERCIALISTI ALFA S.P.A. - PERIODO DI IMPOSTA 2014 SVOLGIMENTO CALCOLI RELATIVI

Dettagli

L AMMORTAMENTO DEL FABBRICATO PERDE IL TERRENO

L AMMORTAMENTO DEL FABBRICATO PERDE IL TERRENO L AMMORTAMENTO DEL FABBRICATO PERDE IL TERRENO 1) E indeducibile la quota parte relativa al terreno incorporata nel costo complessivo del fabbricato strumentale. 2) Il costo del terreno è pari al maggiore

Dettagli

Il contributo di solidarietà: l Agenzia detta le regole e i tempi per il versamento

Il contributo di solidarietà: l Agenzia detta le regole e i tempi per il versamento Il contributo di solidarietà: l Agenzia detta le regole e i tempi per il versamento di Maria Benedetto Il contributo di solidarietà è un imposta straordinaria introdotta con quella che è stata definita

Dettagli

INDICE. Capitolo 1 I CRITERI DIRETTIVI DELLA RIFORMA SULLA TASSAZIONE SOCIETARIA. Capitolo 2 LA RIFORMA DELL IRES

INDICE. Capitolo 1 I CRITERI DIRETTIVI DELLA RIFORMA SULLA TASSAZIONE SOCIETARIA. Capitolo 2 LA RIFORMA DELL IRES INDICE Premessa... 1 Capitolo 1 I CRITERI DIRETTIVI DELLA RIFORMA SULLA TASSAZIONE SOCIETARIA 1.1. I criteri direttivi afferenti l IRES.... 5 1.2. Criteri direttivi riferiti all IRE... 16 Capitolo 2 LA

Dettagli

La rivalutazione dei beni d impresa

La rivalutazione dei beni d impresa Le novità della Legge di Stabilità per il 2016 La rivalutazione dei beni d impresa Slide a cura di Francesco Chiaravalle 1 Sommario Premessa Ambito soggettivo Ambito oggettivo Modalità contabili e limiti

Dettagli

IMPOSTE DIRETTE. Stefano Spina

IMPOSTE DIRETTE. Stefano Spina IMPOSTE DIRETTE Stefano Spina ASSEGNAZIONE: BASE IMPONIBILE VALORE NORMALE - COSTO = STORICO BASE IMPONIBILE BASE IMPONIBILE IMPOSTA SOSTITUTIVA IIDD/IRAP 8% 10,5% se società di comodo 2 VALORE DEGLI IMMOBILI

Dettagli

La valutazione delle partecipazioni immobilizzate al costo

La valutazione delle partecipazioni immobilizzate al costo La valutazione delle partecipazioni immobilizzate al costo Il 2 gennaio dell esercizio 2004, la società Alfa acquista per euro 1.580.000 la totalità delle azioni ordinarie costituenti il capitale sociale

Dettagli

- Il reddito d impresa- a) Norme generali, costi ricavi e valutazioni-determinazione del reddito d impresa; b) componenti positivi e

- Il reddito d impresa- a) Norme generali, costi ricavi e valutazioni-determinazione del reddito d impresa; b) componenti positivi e - Il reddito d impresa- a) Norme generali, costi ricavi e valutazioni-determinazione del reddito d impresa; b) componenti positivi e negativi-ammortamenti e accantonamenti-le valutazioni secondo le norme

Dettagli

La valutazione dei crediti e dei debiti in moneta estera: aspetti civilistici ed economici

La valutazione dei crediti e dei debiti in moneta estera: aspetti civilistici ed economici 15.13. La valutazione dei crediti e dei debiti in moneta estera: aspetti civilistici ed economici Le disposizioni del codice civile Quando un impresa opera nei mercati internazionali, può trovarsi in presenza

Dettagli

Le imposte - esercizio

Le imposte - esercizio Università degli Studi di Parma CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO Le imposte - esercizio Esempio di determinazione delle imposte correnti La Belvedere S.p.A. alla fine dell esercizio X presenta il seguente

Dettagli

La rivalutazione degli immobili. di Lelio Cacciapaglia

La rivalutazione degli immobili. di Lelio Cacciapaglia La rivalutazione degli immobili delle imprese di Lelio Cacciapaglia 1 La finalità della rivalutazione Relazione di accompagnamento al D.L. 185/2008 - Come per le precedenti disposizioni relative alla rivalutazione

Dettagli

R15 - QUADRO RQ - IMPOSTE ADDIZIONALI E SOSTITUTIVE ALL IRES E ALL IRAP

R15 - QUADRO RQ - IMPOSTE ADDIZIONALI E SOSTITUTIVE ALL IRES E ALL IRAP R15 - QUADRO RQ - IMPOSTE ADDIZIONALI E SOSTITUTIVE ALL IRES E ALL IRAP 15.1 Sezione I Conferimenti o cessioni di beni o di aziende in favore di CAF (art. 8 della L. n. 342/2000) 15.2 Sezione II Imposta

Dettagli

ESERCITAZIONE SULLE IMPOSTE. Contabilità e Bilancio Prof. Gianluigi Roberto A.A. 2012/2013

ESERCITAZIONE SULLE IMPOSTE. Contabilità e Bilancio Prof. Gianluigi Roberto A.A. 2012/2013 ESERCITAZIONE SULLE IMPOSTE Contabilità e Bilancio Prof. Gianluigi Roberto A.A. 2012/2013 Risultato prima delle imposte IRES IRAP Materie prime c/acquisti 574.000,00 574.000,00 Oneri bancari 287,50 287,50

Dettagli

LA RILEVAZIONE CONTABILE DELLE OPERAZIONI DI LEASING SECONDO IL CODICE CIVILE POST-RIFORMA E I PRINCIPI CONTABILI NAZIONALI

LA RILEVAZIONE CONTABILE DELLE OPERAZIONI DI LEASING SECONDO IL CODICE CIVILE POST-RIFORMA E I PRINCIPI CONTABILI NAZIONALI LA RILEVAZIONE CONTABILE DELLE OPERAZIONI DI LEASING SECONDO IL CODICE CIVILE POST-RIFORMA E I PRINCIPI CONTABILI NAZIONALI DISCIPLINA TRIBUTARIA DEL CONTRATTO DI LEASING La disciplina civilistica, nonostante

Dettagli

ESERCITAZIONE SULLE IMMOBILIZZAZIONI. Contabilità e Bilancio Prof. Gianluigi Roberto A.A. 2013/2014

ESERCITAZIONE SULLE IMMOBILIZZAZIONI. Contabilità e Bilancio Prof. Gianluigi Roberto A.A. 2013/2014 ESERCITAZIONE SULLE IMMOBILIZZAZIONI Contabilità e Bilancio Prof. Gianluigi Roberto A.A. 2013/2014 2 1.a) 01/01/13 STIPULA CONTRATTO DI LEASING Maxicanone 40.000 + 4 canoni semestrali 25.000 40.000 + (25.000

Dettagli

Correzione degli errori contabili: aspetti procedurali e fiscali

Correzione degli errori contabili: aspetti procedurali e fiscali S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO Correzione degli errori contabili: aspetti procedurali e fiscali Giancarlo Dello Preite 14 Maggio 2014 - Auditorium San Fedele S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE

Dettagli

CONFERIMENTO D AZIENDA

CONFERIMENTO D AZIENDA CONFERIMENTO D AZIENDA Relatore Dott. Giulio Salvi Università degli Studi di Bergamo 26 Novembre 2015 Agenda Definizione di conferimento d azienda o di ramo d azienda Regime di neutralità applicabile ai

Dettagli

La Rossi spa presenta il seguente conto economico redatto al 31/12 dopo le scritture di assestamento.

La Rossi spa presenta il seguente conto economico redatto al 31/12 dopo le scritture di assestamento. La Rossi spa presenta il seguente conto economico redatto al 31/12 dopo le scritture di assestamento. A) VALORE DELLA PRODUZIONE Ricavi delle vendite e delle prestazioni 64.000.000 Variazione rimanenze

Dettagli

OGGETTO: 129/F = Regolarizzazione costi e ricavi non contabilizzati.

OGGETTO: 129/F = Regolarizzazione costi e ricavi non contabilizzati. OGGETTO: 129/F = Regolarizzazione costi e ricavi non contabilizzati. Nella circolare n. 31/E del 24 settembre 2013, l Agenzia delle Entrate ha chiarito come, in presenza di una mancata contabilizzazione

Dettagli

QUESITI: PRENOTAZIONE INVIO VIA FAX

QUESITI: PRENOTAZIONE INVIO VIA FAX QUESITI: PRENOTAZIONE 0376.775130 INVIO VIA FAX 0376.770151 Argomenti SCORPORO TERRENO, VALORE NORMALE FABBRICATI E REVERSE CHARGE EDILIZIO Il punto sullo scorporo dei terreni sui fabbricati L accertamento

Dettagli

LA NOVITA APPORTATA DAL DL 16/2012 1

LA NOVITA APPORTATA DAL DL 16/2012 1 Prot. n. F89/RNS Bologna, 07 giugno 2012 Oggetto: DEDUCIBILITA DEI CANONI DI LEASING ELIMINAZIONE DEL VINCOLO DELLA DURATA MINIMA DEL CONTRATTO NUOVE REGOLE DI DEDUCIBILITA Modifica apportata, al comma

Dettagli

RIMINI TEATRO SPA. BILANCIO DI ESERCIZIO AL IN FORMA ABBREVIATA AI SENSI ART bis C.C. II) parte non richiamata

RIMINI TEATRO SPA. BILANCIO DI ESERCIZIO AL IN FORMA ABBREVIATA AI SENSI ART bis C.C. II) parte non richiamata RIMINI TEATRO SPA Sede legale: Rimini, via Sigismondo n.27 Capitale Sociale : 2.685.400,00 di cui versati : 842.804,94 Codice Fiscale / P. Iva : 02687130407 Registro Imprese di Rimini : N. 02687130407

Dettagli

B R B G D E 4 7 M 1 4 M K. 21 VENETO Dichiarazione BRBGDE47M14M048K BARBON EGIDIO VILLORBA TV M048 VIA GUIZZE N TIPO DI DICHIARAZIONE

B R B G D E 4 7 M 1 4 M K. 21 VENETO Dichiarazione BRBGDE47M14M048K BARBON EGIDIO VILLORBA TV M048 VIA GUIZZE N TIPO DI DICHIARAZIONE CODICE FISCALE B R B G D E M M 0 K TIPO DI DICHIARAZIONE CODICE REGIONE O PROVINCIA AUTONOMA Correttiva nei termini Dichiarazione integrativa a favore REGIONE O PROVINCIA AUTONOMA VENETO Dichiarazione

Dettagli

Operazioni straordinarie Parte fiscale - Cessione di azienda o di ramo d'azienda - parte pratica

Operazioni straordinarie Parte fiscale - Cessione di azienda o di ramo d'azienda - parte pratica Operazioni straordinarie Parte fiscale - Cessione di azienda o di ramo d'azienda - parte pratica L'operazione di cessione di azienda può determinare il sorgere, in capo al soggetto cedente, di una plusvalenza

Dettagli

DECRETO PER LA CRESCITA E L INTERNAZIONALIZZAZIONE. (D.Lgs. 14 Settembre 2015 n. 147) Pubblicato in G.U. 22 Settembre 2015 n. 220

DECRETO PER LA CRESCITA E L INTERNAZIONALIZZAZIONE. (D.Lgs. 14 Settembre 2015 n. 147) Pubblicato in G.U. 22 Settembre 2015 n. 220 Newsletter 03/2015 DECRETO PER LA CRESCITA E L INTERNAZIONALIZZAZIONE (D.Lgs. 14 Settembre 2015 n. 147) Pubblicato in G.U. 22 Settembre 2015 n. 220 Decreto per la crescita e l internazionalizzazione (D.lgs.

Dettagli

LA RIVALUTAZIONE DEI BENI D IMPRESA. A cura di Enrico Macario DR Liguria Ufficio Analisi e ricerca

LA RIVALUTAZIONE DEI BENI D IMPRESA. A cura di Enrico Macario DR Liguria Ufficio Analisi e ricerca LA RIVALUTAZIONE DEI BENI D IMPRESA A cura di Enrico Macario DR Liguria Ufficio Analisi e ricerca 1 LA NUOVA RIVALUTAZIONE DEI BENI D IMPRESA commi da 469 a 472 art. 1 legge 266/2005 Resta immutata la

Dettagli

Circolare N. 180 del 23 Settembre 2016

Circolare N. 180 del 23 Settembre 2016 Circolare N. 180 del 23 Settembre 2016 Contabilità semplificata: adeguamento alle novità dal 1 gennaio 2017 Gentile cliente, la informiamo che con la legge di Bilancio 2017 (legge n. 232 del 11.12.2016,

Dettagli

Vi ricordiamo le principali scadenze tributarie del mese di Giugno 2009.

Vi ricordiamo le principali scadenze tributarie del mese di Giugno 2009. Torino, 09/06/2009 SCADENZARIO TRIBUTARIO: GIUGNO 2009 Vi ricordiamo le principali scadenze tributarie del mese di Giugno 2009. 1 15 Lunedì IVA Fatturazione differita: Scade il termine per l emissione

Dettagli

Lettera per il Cliente 4 novembre 2016 RICALCOLO ACCONTI D IMPOSTA 2016

Lettera per il Cliente 4 novembre 2016 RICALCOLO ACCONTI D IMPOSTA 2016 Lettera per il Cliente 4 novembre 2016 RICALCOLO ACCONTI D IMPOSTA 2016 [Carta intestata dello Studio] Spett.le [Fare clic qui e digitare] [Fare clic qui e digitare la sede] [Fare clic qui e digitare luogo

Dettagli

730, Unico 2016 e Studi di settore

730, Unico 2016 e Studi di settore 730, Unico 2016 e Studi di settore Pillole di aggiornamento N. 103 28.09.2016 Quadro RT e controllo delle plusvalenze A cura di Devis Nucibella Categoria: Dichiarazione Sottocategoria: Unico Persone fisiche

Dettagli

Anno 2010 N. RF153. La Nuova Redazione Fiscale QUADRO RV LA RIVALUTAZIONE DEGLI IMMOBILI

Anno 2010 N. RF153. La Nuova Redazione Fiscale QUADRO RV LA RIVALUTAZIONE DEGLI IMMOBILI ODCEC VASTO Anno 2010 N. RF153 La Nuova Redazione Fiscale www.redazionefiscale.it Pag. 1 / 6 OGGETTO QUADRO RV LA RIVALUTAZIONE DEGLI IMMOBILI RIFERIMENTI ISTRUZIONI AL QUADRO RV DL 185/2008 DRE EMILIA

Dettagli

Il disinquinamento. fiscale. del Bilancio

Il disinquinamento. fiscale. del Bilancio Il disinquinamento fiscale del Bilancio A cura della Dott.ssa Laura Bianchi 1 Con l abrogazione del comma 2 dell articolo 2426 Codice Civile, conseguente alla riforma del diritto societario (D.LGS 17/01/2003

Dettagli

Fisco & Contabilità La guida pratica contabile

Fisco & Contabilità La guida pratica contabile Fisco & Contabilità La guida pratica contabile N. 20 28.05.2014 La rateizzazione delle plusvalenze Aspetti contabili e fiscali Categoria: Bilancio e contabilità Sottocategoria: Scritture contabili Le plusvalenze

Dettagli