Piano esecutivo di gestione PREVENTIVO Esercizio Deliberazione della Giunta Comunale n. del

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Piano esecutivo di gestione PREVENTIVO Esercizio 2013. Deliberazione della Giunta Comunale n. del"

Transcript

1 Piano esecutivo di gestione PREVENTIVO Esercizio 2013 Deliberazione della Giunta Comunale n. del

2 INDICE Indirizzi generali per il Peg Linee guida e criteri seguiti per la redazione del Peg Indirizzi generali per la gestione dell'ente Struttura del piano dei centri di costo e loro titolari AMMINISTRAZIONE GENERALE Progetto 11 - Segreteria del Sindaco CC 62 - ORGANI ISTITUZIONALI - GIUNTA Progetto 12 - Presidenza del Consiglio, Organi Istituzionali, Organizzazione e Protocollo CC 45 - COSTI TRANSITORI CC 63 - ORGANI ISTITUZIONALI - CONSIGLIO CC 64 - SEGRETERIA CC 65 - SERVIZI GENERALI Progetto 13 - Personale CC 3 - UFFICIO GESTIONE AMMINISTRATIVA DEL PERSONALE CC 45 - COSTI TRANSITORI Progetto 14 - Servizio Finanziario, delle Entrate e Controllo di Gestione CC 4 - SERVIZIO FINANZIARIO, DELLE ENTRATE E CONTROLLO DI GESTIONE CC 41 - INTERVENTI A SOSTEGNO DELLE ATTIVITA' ECONOMICHE CC 44 - FONDO DI RISERVA CC 45 - COSTI TRANSITORI CC 46 - SERVIZI PER LA GIUSTIZIA Pagina 2 di 459

3 CC 66 - ECONOMATO E PROVVEDITORATO Progetto 15 - Tutela legale, gare e contratti CC 49 - TUTELA LEGALE, GARE E CONTRATTI Progetto 16 - Patrimonio CC 45 - COSTI TRANSITORI CC 51 - PATRIMONIO NON ERP CC 9 - SPAZI PER LE ATTIVITA' DELL'ENTE Progetto 17 - Polizia locale e protezione civile CC 31 - PROTEZIONE CIVILE CC 6 - SERVIZIO VIGILANZA Progetto 18 - Sistemi informativi CC 45 - COSTI TRANSITORI CC 48 - SERVIZI INFORMATIVI SERVIZI AL CITTADINO E ATTIVITA' PRODUTTIVE Progetto 20 - Pubblica Istruzione, Cultura e Giovani CC 11 - SCUOLA MATERNA CC 12 - SCUOLA ELEMENTARE CC 13 - SCUOLA MEDIA CC 14 - MENSA SCOLASTICA CC 15 - TRASPORTO SCOLASTICO CC 16 - MANIFESTAZIONI CULTURALI ED INTERVENTI A SOSTEGNO DELLE TRADIZIONI CC 18 - BIBLIOTECA CC 45 - COSTI TRANSITORI CC 67 - SERVIZI PER MINORI Pagina 3 di 459

4 CC 68 - POLITICHE GIOVANILI Progetto 23 - Sport CC 19 - INTERVENTI VARI NEL CAMPO DELLO SPORT CC 20 - IMPIANTI SPORTIVI Progetto 24 - Infanzia CC 33 - ASILO NIDO CC 34 - SERVIZI PER L'INFANZIA Progetto 25 - Anziani e inabili CC 45 - COSTI TRANSITORI CC 54 - SERVIZI PER ANZIANI A DOMICILIO CC 55 - SERVIZI PER ANZIANI IN STRUTTURE CC 56 - SERVIZI PER ANZIANI AUTOSUFFICIENTI Progetto 26 - Interventi vari in campo sociale CC 39 - INTERVENTI VARI IN CAMPO SOCIALE CC 69 -PARI OPPORTUNITA' CC 70 - PIANI DI ZONA Progetto 27 - Servizi Demografici e sportello del cittadino CC 37 - CIMITERO COMUNALE CC 57 - SERVIZI DEMOGRAFICI CC 71 - AMICO IN COMUNE SPORTELLO PER LE IMPRESE E I CITTADINI Progetto 28 - Edilizia Residenziale Pubblica CC 50 - PATRIMONIO ERP Progetto 29 - Turismo, Commercio e Statistica CC 40 - TURISMO CC 47 - SPORTELLO UNICO ATTIVITA' PRODUTTIVE Pagina 4 di 459

5 CC 58 - COMMERCIO TERRITORIO, AMBIENTE ED INFRASTRUTTURE Progetto 31 - Urbanistica, Edilizia ed Espropri CC 32 - PIANIFICAZIONE TERRITORIALE CC 59 - ESPROPRI CC 7 - EDILIZIA PRIVATA CC 72 - UFFICIO ASSOCIATO DI TELERADIOCOMUNICAZIONI Progetto 32 - Ambiente CC 29 - RACCOLTA, TRASPORTO E SMALTIMENTO RIFIUTI CC 53 - QUALITA' E TUTELA DELL'AMBIENTE Progetto 33 - Servizio Idrico Integrato CC 25 - ACQUEDOTTO CC 26 - RETE FOGNARIA CC 27 - IMPIANTI DI DEPURAZIONE CC 28 - FONTANE E LAVATOI PUBBLICI CC 42 - AGRICOLTURA ED ALLEVAMENTO CC 45 - COSTI TRANSITORI Progetto 34 - Aosta Capoluogo, viabilita, parco auto, verde pubblico e lavori cimiteriali CC 21 - STRADE E SEGNALETICA CC 22 - SGOMBERO NEVE CC 24 - GIARDINI ED AREE VERDI CC 45 - COSTI TRANSITORI CC 60 - AOSTA CAPOLUOGO Progetto 35 - Stabili Comunali Pagina 5 di 459

6 CC 45 - COSTI TRANSITORI CC 61 - STABILI Progetto 36 - Illuminazione Pubblica CC 23 - ILLUMINAZIONE PUBBLICA Progetto 37 - Mobilita' CC 52 - MOBILITA' Pagina 6 di 459

7 Indirizzi generali di Peg Linee guida e criteri seguiti per la redazione del Peg Premesso che: - l'impegno a realizzare gli obiettivi gestionali assegnati in questo Piano esecutivo di gestione si affianca e non si sostituisce al dovere di tutto il personale dell'ente di svolgere con professionalità, impegno e regolarità ogni compito e funzione previsti dalla normativa, dai regolamenti, dalle altre disposizioni dell'ente e dalla buona prassi; - il responsabile e il personale di ogni CdC - nell'interesse generale dell'ente - sono tenuti a collaborare con i responsabili e con i dipendenti di tutti gli altri CdC per i quali tale collaborazione sia necessaria od opportuna per il buon svolgimento delle loro rispettive funzioni; Le linee guida dell'amministrazione nella redazione del presente Piano esecutivo di gestione sono le seguenti: - Sono attribuite all'autonomia gestionale del responsabile per la gestione di ogni CdC dell'ente la combinazione e l'organizzazione dei fattori produttivi assegnati (vedi parte II del PEG), per conseguire in modo ottimale gli obiettivi gestionali; - Ad ogni CDC sono stati assegnati Fattori Produttivi di primo livello (anche UDG) ciascuno dei quali è affidato ad un centro di responsabilità di spesa (CDRS) cui fa capo un dirigente; - Quando il responsabile del CDRS non coincide con il responsabile del CdC, le azioni necessarie affinché si realizzino i presupposti dell'attività del CdC dovranno essere richieste (o comunque avallate) dal responsabile del CdC stesso; - Il responsabile della gestione del FP1 può dettagliare contenuti e stanziamenti in articoli ("PEG Articolato") sia a scopo conoscitivo mantenendone la responsabilità, sia per affidarne parti a subgestori strumentali; il PEG Articolato è comunicato alla Giunta comunale ed approvato dal dirigente dei servizi finanziari di concerto con il segretario generale. La Ragioneria potrà procedere, in corso d'anno, ad adeguare il PEG articolato a seguito di variazioni di bilancio e/o di PEG, già impostate o comunque conosciute a tale livello dal dirigente operativo; - L'insieme degli obiettivi, delle attività e degli indirizzi del Peg, nella dialettica tra Amministratori e responsabili per la gestione dei CdC, potrà essere all'occorrenza ulteriormente dettagliato e specificato qualora si presentassero occasioni o circostanze non pianificabili ad inizio esercizio. - Ogni CdC è tenuto a collaborare per conseguire gli obiettivi di controllo finanziario indicati nella scheda di Peg del responsabile del CdC Servizio finanziario, delle entrate e controllo di gestione nei termini e con le modalità da egli indicate. Inoltre ogni ufficio è tenuto a trasmettere tempestivamente i dati di volta in volta richiesti dall'ufficio preposto al controllo di gestione. - Le tipologie di Centri di Costo previste per la redazione del PEG sono le seguenti: Transitori: centri di costo in cui si svolgono attività di supporto per altri CDC, ma le cui risorse non sono ribaltabili in modo univoco. Sono centri di costo facoltativi che ogni ente può decidere di istituire o meno. Servono a favorire il processo di accumulazione di fattori produttivi al fine di ripartire con uno o più criteri di ribaltamento i costi destinati a confluire in più CDC; Ausiliari: centri di costo in cui si svolgono attività di supporto per altri CDC. Essi sono obbligatori e presentano criteri di ribaltamento specifici, predefiniti e uguali per tutti; Generali: Pagina 7 di 459

8 centri di costo in cui si svolge un'attività prevalentemente a carattere istituzionale e che riguarda l'ente nella sua globalità, ma che non hanno un collegamento diretto in senso contabile ai fini del ribaltamento delle spese sui CDC finali; Finali: centri di costo in cui si erogano le prestazioni direttamente ai cittadini; Fondo di Riserva: si tratta di un CDC anomalo, previsto dall'art. 7 r.r. 1/99 per la quadratura con il bilancio finanziario. Il fondo di riserva non può essere superiore al 2% del totale delle spese correnti inizialmente previste in bilancio. - I Centri di costo particolari iscritti nel piano dei centri di costo del Comune di Aosta sono i seguenti: CDC 45 "COSTI TRANSITORI": è considerato come centro di accumulazione di fattori produttivi per i quali non è possibile, in fase preventiva, l'imputazione per destinazione al CdC di riferimento. Essendo solo un contenitore contabile tale CdC non avrà né obiettivi né un unico dirigente responsabile; CDC AUSILIARI (CDC 59 ESPROPRI, CDC 60 AOSTA CAPOLUOGO E LAVORI PUBBLICI, CDC 61 STABILI): in questi centri di costo sono descritte le attività svolte dai vari uffici e in essi trovano allocazione principalmente le spese di personale assegnato. La descrizione dell'attività dei singoli CDC fa riferimento prevalentemente alle spese in conto capitale che non trovano evidenza nel PEG, ma nella RPP. In alcuni casi l'attività di tali centri di costo ausiliari si riferisce a interventi di manutenzione ordinaria. Le risorse per il loro finanziamento trovano collocazione direttamente nei vari centri di costo finali mentre la descrizione dell'attività potrebbe essere descritta nei centri di costo ausiliari; - Per la determinazione del costo pieno dei centri di costo finali, le spese imputate ai centri di costo generali, ausiliari e transitori andranno ribaltate sui centri di costo finali. Per quanto riguarda l'ordine di ribaltamento le direttive seguite sono quelle suggerite dal Comitato per la Finanza e la contabilità degli EE.LL. della R.A.V.A. e sono le seguenti: 1. CDC TRANSITORI Cdc 48 "Servizi informativi" Cdc 71 "Amico in comune sportello per le imprese e i cittadini" 2. CDC AUSILIARI Cdc 9 "spazi per le attività dell'ente" Cdc 3 "ufficio gestione amministrativa del personale" Cdc 59 "espropri" Cdc 60 "Aosta Capoluogo e lavori pubblici" Cdc 61 "Stabili" 3. CDC GENERALI Cdc 49 "Tutela legale, gare e contratti" Cdc 4 "Servizio finanziario, delle entrate e controllo di gestione" Cdc 66 "Economato e provveditorato" Cdc 64 "Segreteria" Cdc 65 "Servizi generali" mentre per quanto concerne i criteri di ribaltamento, saranno in linea di massima i seguenti: Cdc transitori "servizi informativi":n. postazioni, n. telefoni e n.applicativi/utenti (in modo Pagina 8 di 459

9 ponderato) " Amico in comune sportello per le imprese e i cittadini": % di lavoro prestata per gli altri cdc (da calcolare sulla base del n. di pratiche gestite dell'ufficio per gli altri cdc) CdC ausiliari "Spazi per le attività dell'ente": metri quadri "Espropri" - "Aosta Capoluogo e lavori pubblici" - "Stabili" stima percentuale dell'impegno prestato (al termine dell'esercizio l'attività di ogni dipendente assegnato al CDC "Servizi tecnici" deve essere attribuita, secondo il criterio della prevalenza, ai centri di costo finali. E' pertanto importante monitorare l'attività svolta da ogni soggetto e il centro di costo finale verso la quale questa è rivolta) "Ufficio gestione amministrativa del personale" : numero dipendenti CdC Generali "Servizio finanziario, delle entrate e controllo di gestione": % di lavoro prestata per gli altri cdc "tutela legale, gare e contratti": % di lavoro prestata per gli altri cdc "Economato e provveditorato": % di lavoro prestata per gli altri cdc "Segreteria": % di lavoro prestata per gli altri cdc "Servizi generali": numero dipendenti (considerato che a questo cdc è attribuita la spesa sostenuta per l'irap) - Le spese per il personale, nella fase previsionale del PEG, non sono state allocate ai centri di costo in base al criterio dell'effettivo utilizzo. L'analisi e la conseguente puntuale attribuzione ai centri di costo di riferimento verrà fatta in corso di gestione. Le spese relative alle retribuzioni previste nel Fondo Unico Aziendale e i relativi contributi a carico dell'ente sono in un primo momento attribuiti al CdC 45 "Costi transitori" e successivamente attribuite sulla base del criterio sopraindicato. - Per quanto riguarda le risorse strumentali a disposizione di ogni centro di costo, anche ove non specificate dettagliatamente nelle schede, si deve far riferimento all'inventario dei beni comunali. - Per quanto concerne la sezione "obiettivi", ove non è stato indicato un obiettivo specifico, si intende che per quel centro di costo valgono gli indirizzi generali di PEG. Tipologia di atti che comportano variazioni: A. VARIAZIONI DI PEG ARTICOLATO ; Provvedimento dirigenziale Si effettuano per storni tra U.C.D. diverse, anche se appartenenti a diversi Fattori Produttivi (FP1), ma appartenenti allo stesso Centro di Costo (CC) B. VARIAZIONI DI PEG ; Provvedimento della Giunta Comunale Si effettuano per storni tra U.D.G. diverse appartenenti a Centri di Costo (CC) diversi, ma nell'ambito dello stesso Progetto.Storni fra interventi diversi C. VARIAZIONI DI BILANCIO ; Provvedimento del Consiglio Comunale Si effettuano per storni tra C.D.R.S. diversi o tra Progetti diversi. Nel caso di storni tra progetti diversi, ma nell'ambito dello stesso C.D.R.S., ai sensi dell'art. 14 c. 9 del Regolamento di Contabilità, in caso d'urgenza, la variazione potrà essere effettuata con provvedimento della Giunta Comunale, debitamente motivato. Sottoscrizione degli atti - Nel caso A) il provvedimento è predisposto dal Dirigente del C.D.R.S. senza la necessità del visto del responsabile del Centro di Costo coinvolto; Pagina 9 di 459

10 - Nel caso B) il provvedimento è predisposto dal Dirigente del C.D.R.S. con il visto dei responsabili dei Centri di Costo coinvolti; - Nel caso C) il provvedimento è predisposto dal Servizio Bilancio se la variazione coinvolge diversi C.D.R.S. NOTE PARTICOLARI: I responsabili dei C.D.R.S. trasversali sono individuati nei Dirigenti dei C.D.R.S. 3 "Servizio Finanziario - Economato", C.D.R.S. 17 "Stabili Comunali"; C.D.R.S. 13 "Avvocatura". Costoro possono allestire provvedimenti che impegnino somme su C.D.R.S. altrui, previa firma d'assenso dei rispettivi responsabili. Tale possibilità è ammessa anche tra altri C.D.R.S., in casi eccezionali e motivati. Predisposizione di determinazioni/deliberazioni di impegno: sono di norma sottoscritte/predisposte dal Dirigente del C.D.R.S. Le spese attribuite al CC 45 "Costi transitori" nell'ambito del C.D.R.S. 3 possono essere impegnate anche da altri responsabili di spesa. Per il pagamento delle utenze telefoniche e di energia elettrica, il responsabile del C.D.R.S. pagherà le relative fatture a seguito di apposita attestazione sulla regolarità dei consumi del responsabile del centro di costo al quale è attribuita la relativa utenza. Indirizzi generali per la gestione dell'ente Si riepilogano, di seguito, le principali attività sulle quali si concentrerà l'azione della Giunta: OBIETTIVO STRATEGICO Mantenimento del livello essenziale dei servizi erogati, incrementando la produttività del personale dipendente e riducendo la spesa di parte corrente. 2- Accelerazione degli incassi con particolare riferimento a quelli provenienti da alienazioni. Tale obiettivo discende dagli indirizzi che hanno ispirato gli organi di governo nella predisposizione del bilancio 2013 e che di seguito vengono ricordati Per quanto concerne la spesa corrente, rispetto alle ipotesi di riduzione avanzate dall'apparato dirigenziale che, correttamente, ha analizzato le poste di bilancio sotto il profilo squisitamente tecnico, indicando come disponibili tutte le voci non connesse al funzionamento dell'ente o a obblighi normativi e/o contrattuali, la politica ha scelto di mitigare tali soluzioni, preservando, da un lato, i fondi necessari a garantire al personale dipendente il giusto riconoscimento per l'attività prestata al servizio dell'ente (es. mensa, salario accessorio, straordinario, qualora preventivamente autorizzato e adeguatamente motivato) e assicurando, dall'altro, a ciascun assessore, e, quindi alla collettività, intesa come beneficiaria assoluta di tutti i servizi erogati dall'amministrazione, risorse finanziarie minime al fine di poter esplicare in modo quantomeno dignitoso la propria delega, che, diversamente, avrebbe perso il suo stesso valore. Tale operazione ha consentito di effettuare risparmi nell'ambito della spesa corrente "disponibile" del bilancio, rispetto agli stanziamenti riferiti all'anno 2012, pari a euro ,00. Gli ulteriori fondi necessari al rispetto del patto di stabilità sono stati reperiti agendo sulla parte entrate. Data la crisi di sistema in corso che ha colpito e continua a colpire i cittadini, e in particolar modo le fasce più deboli, si è ritenuto di contenere quanto più possibile ogni operazione che agisse - in aumento - sulla leva fiscale, operando esclusivamente un correttivo all'aliquota IMU sulle seconde case che, dall'attuale 7,6%, passerà, a decorrere dall'anno 2013, al 10,6 % e che Pagina 10 di 459

11 Dalle alienazioni di alcuni immobili del patrimonio comunale (colonia di Pinarella di Cervia e alcuni alloggi ERP), rispetto ai quali sono già state riscontrate propensioni all'acquisto sul mercato, saranno ricavate le ulteriori somme necessarie a raggiungere l'obiettivo individuale assegnato al nostro Ente ai fini del rispetto del patto di stabilità da parte del sistema Enti locali della Valle d'aosta. Gli ulteriori introiti derivanti dalle alienazioni potranno contribuire ad alleggerire, ai fini del rispetto del saldo finanziario anche in conto capitale, il "delta" tra pagamenti e incassi, di cui si è più sopra accennato. Va da sé che nell'anno 2013, oltre ad assicurare gli stanziamenti necessari per fare fronte alle manutenzioni ordinarie e straordinarie obbligatorie per legge, non si darà corso ad alcuna nuova opera in parte investimenti, che non risulti già finanziata con residui passivi o con i trasferimenti regionali ai sensi della legge regionale n. 27/2011 "Interventi per lo sviluppo di Aosta quale capitale dell'autonomia", nel cui ambito verrà data priorità assoluta al progetto relativo alla riqualificazione di Piazza Giovanni XXIII e Piazza Roncas. La significativa riduzione della capacità di spesa dell'ente, cui consegue inevitabilmente una rimodulazione dei carichi di lavoro in capo ai diversi servizi comunali, comporterà anche un cambiamento nell'organizzazione e nell'impiego del personale dipendente dell'amministrazione. Dovranno, infatti, essere potenziati i settori che, data la contrazione degli stanziamenti assegnati, nel corso dell'anno 2013 gestiranno in amministrazione diretta servizi fino ad oggi esternalizzati, e quelli considerati strategici ai fini del raggiungimento degli obiettivi di bilancio, con particolare riguardo alla parte entrate. In quest'ottica sono stati individuati i seguenti progetti, cui verranno dedicate, in via prioritaria, le risorse umane dell'ente e in ordine ai quali verranno valutate le performance individuali dell'apparato amministrativo. - coordinamento personale LUS e progetti di pubblica utilità - ufficio unico manifestazioni - unità operativa multisettoriale alienazioni Immobili - unità operativa per gestione entrate e recupero morosità - unità di progetto finalizzato alla revisione del sistema autorizzatorio per l'accesso nelle zone ZTL - unità di progetto finalizzata alla raccolta delle domande per l'erogazione del Bonus anticrisi e del Bon de Chauffage utilizzando la sede dello Sportello Unico, prolungando gli orari di apertura pomeridiana - coordinamento e gestione squadra unica operai da destinare anche alla manutenzione del verde pubblico e allo sgombero neve - gruppo di lavoro dedicato ai progetti finanziati ai sensi della L.R. 27/2011 "Interventi per lo sviluppo di Aosta quale capitale dell'autonomia" Dal quadro sopra delineato e dall'analisi dei documenti contabili, cui la presente relazione è allegata, emerge che, sebbene con molta fatica, anche per l'anno 2013 il Comune di Aosta, salvo ulteriori manovre restrittive del Governo centrale, cui dovrà necessariamente adeguarsi, è in grado di garantire ai propri cittadini l'erogazione di servizi di ottima qualità, a costi pressoché invariati, senza, peraltro, alterare in modo significativo la pressione fiscale. RIORGANIZZAZIONE Completamento della riforma della macchina amministrativa del Comune, ispirata al raggiungimento dell'ottimale utilizzo delle risorse umane in termini di produttività. L'ottica è quella di razionalizzare ed ottimizzare, attraverso un significativo percorso di professionalizzazione, il capitale lavorativo dell'ente nella convinzione che il valore aggiunto di un'amministrazione efficiente sta nella sua capacità di valorizzare le proprie risorse umane e con la consapevolezza che per essere al passo con i tempi occorre necessariamente attuare politiche di semplificazione e sburocratizzazione assicurando, nel contempo, l'erogazione di prestazioni e di servizi di alta qualità. CERTIFICAZIONE AMBIENTALE A vario titolo, i dirigenti dovranno contribuire alla introduzione di misure finalizzate alla salvaguardia dell'ambiente, quali, ad esempio: - alla formazione delle normative in materia ambientale -risparmio energetico (energia elettrica, combustibile per riscaldamento e per l'autotrazione); - utilizzo materiali riciclati (carta, cartone, ecc.), aumentando l'attuale percentuale di carta riciclata; Pagina 11 di 459

12 - condivisione fotocopiatrici al fine di una migliore ottimizzazione degli strumenti e per una eliminazione delle stampanti in dotazione ad ogni PC (sarebbe possibile la stampa fronte retro, l'utilizzo del toner per fotocopiatrice al posto delle cartucce a getto di inchiostro e dei ricambi per le stampanti laser); - sollecitazione raccolta differenziata presso gli uffici e presso le strutture erogatrici di servizi gestite dall'amministrazione comunale o affidate in appalto; - graduale sostituzione del parco auto con veicoli ad alimentazione ibrida (GPL/benzina); - applicazione di criteri ambientali negli appalti (di lavori, servizi, forniture; PIANO DELLA PERFORMANCE Aggiornamento del Piano della Performance con conseguente coinvolgimento di tutti i dirigenti per la valutazione della performance; in tale ambito ed al fine del miglioramento del ciclo programmazione/controllo (ciclo della performance) per centro di costo è indispensabile che tutti gli Uffici rilevino le informazioni e i dati richiesti nel presente documento e li elaborino con le scadenze previste per la rendicontazione del PEG. Inoltre un obiettivo comune assegnato a tutti i dirigenti consiste nel rivedere le attività descritte in ogni centro di costo e nel dettagliarle il più possibile in modo da indicare in modo esaustivo tutto quanto viene svolto dall'ente nel realizzare i propri servizi. CONTENIMENTO DELLA SPESA PER IL PERSONALE In applicazione della normativa regionale, l'amministrazione è tenuta al rispetto della seguente disciplina: Personale a tempo indeterminato - Divieto di incrementare la dotazione organica rispetto a quella vigente alla data del Sino alla completa definizione delle funzioni comunali da esercitare in forma associata e dei relativi fabbisogni di personale, e comunque per l'anno 2013, è fatto divieto agli enti locali di procedere ad assunzioni a tempo indeterminato, ad eccezione di quelle da effettuarsi nell'ambito dei servizi socio-assistenziali e socio-educativi necessarie ad assicurare il rispetto degli standard organizzativi minimi dei predetti servizi definiti dalla Giunta regionale. Personale a tempo determinato, collaborazioni coordinate e continuative ed altre forme di lavoro flessibile Per tali tipologie di spesa per il personale le disposizioni sul contenimento della spesa pubblica impongono il divieto di superare il 50 per cento della spesa sostenuta nell'anno Ai fini del rispetto delle richiamate disposizioni, la spesa sostenuta dal Comune di Aosta nell'esercizio finanziario 2009 ammonta complessivamente ad euro ,00 (di cui: ,00 euro per assunzioni a tempo determinato, ,00 euro per collaborazioni coordinate e continuative, ,00 euro per alte forme flessibili (lavoro interinale). ULTERIORI VINCOLI DI FINANZA PUBBLICA Per quanto concerne le ulteriori tipologie di spesa soggette a vincoli di finanza pubblica in osservanza delle vigenti disposizioni sul contenimento della spesa, vige la deliberazione di giunta comunale n. 20/2012. Struttura del piano dei centri di costo e loro titolari Pagina 12 di 459

13 Pagina 13 di 459

14 N. CDC RAVA Struttura del piano di centri di costo e loro titolari - collegamento tra cdc articolati e livello minimo cdc DESCRIZIONE CDC RAVA - LIVELLO MINIMO CODICI CDC DESCRIZIONE CDC - MAGGIORE ARTICOLAZIONE TIPOLOGIA CDC TITOLARE DELLA GESTIONE DEL CDC 01 Organi istituzionali 62 CC 62 - ORGANI ISTITUZIONALI - GIUNTA F Stefano FRANCO 63 CC 63 - ORGANI ISTITUZIONALI - CONSIGLIO F Stefano FRANCO 03 Segreteria e servizi generali 48 CC 48 - SERVIZI INFORMATIVI T Elisabetta COMIN 65 CC 65 - SERVIZI GENERALI G Stefano FRANCO 49 CC 49 - TUTELA LEGALE, GARE E CONTRATTI G Stefano FRANCO 64 CC 64 - SEGRETERIA G Stefano FRANCO 66 CC 66 - ECONOMATO E PROVVEDITORATO G Valeria ZARDO 04 Ufficio gestione amministrativa del CC 3 - UFFICIO GESTIONE AMMINISTRATIVA DEL 3 personale PERSONALE A Stefano FRANCO 05 Servizio finanziario, delle entrate e CC 4 - SERVIZIO FINANZIARIO, DELLE ENTRATE E 4 controllo di gestione CONTROLLO DI GESTIONE G Valeria ZARDO 06 Servizi demografici e commercio 57 CC 57 - SERVIZI DEMOGRAFICI F Stefano FRANCO 58 CC 58 - COMMERCIO F Anna Maria CARERI 07 Servizio vigilanza 6 CC 6 - SERVIZIO VIGILANZA F Fabio FIORE 08 Servizi per la giustizia 46 CC 46 - SERVIZI PER LA GIUSTIZIA F Valeria ZARDO 09 Edilizia privata 7 CC 7 - EDILIZIA PRIVATA F Graziella BENZONI 10 Servizi tecnici 59 CC 59 - ESPROPRI A Graziella BENZONI 60 CC 60 - AOSTA CAPOLUOGO A Silvano SALVADOR 61 CC 61 - STABILI A Mirko MURARO 11 Spazi per le attività dell'ente 9 CC 9 - SPAZI PER LE ATTIVITA' DELL'ENTE A Valeria ZARDO 12 Patrimonio 51 CC 51 - PATRIMONIO NON ERP F Valeria ZARDO 50 CC 50 - PATRIMONIO ERP F Valeria ZARDO 13 Scuola materna 11 CC 11 - SCUOLA MATERNA F Elisabetta COMIN 14 Scuola elementare 12 CC 12 - SCUOLA ELEMENTARE F Elisabetta COMIN 15 Scuola media 13 CC 13 - SCUOLA MEDIA F Elisabetta COMIN 16 Mensa scolastica 14 CC 14 - MENSA SCOLASTICA F Elisabetta COMIN 17 Trasporto scolastico 15 CC 15 - TRASPORTO SCOLASTICO F Elisabetta COMIN Manifestazioni culturali e interventi a CC 16 - MANIFESTAZIONI CULTURALI ED INTERVENTI F Elisabetta COMIN sostegno delle tradizioni A SOSTEGNO DELLE TRADIZIONI Pagina 14 di 459

15 N. CDC RAVA DESCRIZIONE CDC RAVA - LIVELLO MINIMO CODICI CDC DESCRIZIONE CDC - MAGGIORE ARTICOLAZIONE TIPOLOGIA CDC TITOLARE DELLA GESTIONE DEL CDC 20 Biblioteca 18 CC 18 - BIBLIOTECA F Elisabetta COMIN 21 Interventi vari nel campo dello sport 19 CC 19 - INTERVENTI VARI NEL CAMPO DELLO SPORT F Anna Maria CARERI 69 CC 69 - PARI OPPORTUNITA' F Anna Maria CARERI 22 Impianti sportivi 20 CC 20 - IMPIANTI SPORTIVI F Anna Maria CARERI 23 Strade e segnaletica 21 CC 21 - STRADE E SEGNALETICA F Silvano SALVADOR 52 CC 52 - MOBILITA' F Graziella BENZONI 24 Sgombero neve 22 CC 22 - SGOMBERO NEVE F Silvano SALVADOR 25 Illuminazione pubblica 23 CC 23 - ILLUMINAZIONE PUBBLICA F Silvano SALVADOR 26 Giardini ed aree verdi 24 CC 24 - GIARDINI ED AREE VERDI F Silvano SALVADOR 27 Acquedotto 25 CC 25 - ACQUEDOTTO F Marco FRAMARIN 28 Rete fognaria 26 CC 26 - RETE FOGNARIA F Marco FRAMARIN 29 Impianti di depurazione 27 CC 27 - IMPIANTI DI DEPURAZIONE F Marco FRAMARIN 30 Fontane e lavatoi pubblici 28 CC 28 - FONTANE E LAVATOI PUBBLICI F Marco FRAMARIN Raccolta, trasporto e smaltimento dei CC 29 - RACCOLTA, TRASPORTO E SMALTIMENTO F Marco FRAMARIN rifiuti RIFIUTI 33 Protezione civile 31 CC 31 - PROTEZIONE CIVILE F Fabio FIORE 34 Pianificazione territoriale 32 CC 32 - PIANIFICAZIONE TERRITORIALE F Graziella BENZONI 35 Qualità e tutela dell'ambiente 53 CC 53 - QUALITA' E TUTELA DELL'AMBIENTE F Marco FRAMARIN 36 Asilo nido 33 CC 33 - ASILO NIDO F Annamaria TAMBINI 37 Servizi per l'infanzia 34 CC 34 - SERVIZI PER L'INFANZIA F Annamaria TAMBINI 38 Servizi per minori e giovani 68 CC 68 - POLITICHE GIOVANILI F Elisabetta COMIN 67 CC 67 - SERVIZI PER MINORI F Elisabetta COMIN 39 Servizi assistenza anziani ed inabili 56 CC 56 - SERVIZI PER ANZIANI AUTOSUFFICIENTI F Annamaria TAMBINI 55 CC 55 - SERVIZI PER ANZIANI IN STRUTTURE F Annamaria TAMBINI 54 CC 54 - SERVIZI PER ANZIANI A DOMICILIO F Annamaria TAMBINI 40 Cimitero comunale 37 CC 37 - CIMITERO COMUNALE F Stefano FRANCO 42 Interventi vari in campo sociale 70 CC 70 - PIANI DI ZONA F Annamaria TAMBINI 39 CC 39 - INTERVENTI VARI IN CAMPO SOCIALE F Annamaria TAMBINI 43 Turismo 40 CC 40 - TURISMO F Anna Maria CARERI Pagina 15 di 459

16 N. CDC RAVA DESCRIZIONE CDC RAVA - LIVELLO MINIMO CODICI CDC DESCRIZIONE CDC - MAGGIORE ARTICOLAZIONE TIPOLOGIA CDC TITOLARE DELLA GESTIONE DEL CDC 44 Sportello unico per attività produttive 47 CC 47 - SPORTELLO UNICO ATTIVITA' PRODUTTIVE F Stefano FRANCO 45 Interventi a sostegno delle attività CC 41 - INTERVENTI A SOSTEGNO DELLE ATTIVITA' 41 economiche ECONOMICHE F Valeria ZARDO 46 Agricoltura e allevamento 42 CC 42 - AGRICOLTURA ED ALLEVAMENTO F Marco FRAMARIN 48 Ufficio associato di CC 72 - UFFICIO ASSOCIATO DI 72 teleradiocomunicazioni TELERADIOCOMUNICAZIONI F Graziella BENZONI 99 Transitorio CC 71 - AMICO IN COMUNE SPORTELLO PER LE 71 IMPRESE E I CITTADINI T Stefano FRANCO 45 CC 45 - COSTI TRANSITORI T nessun responsabile 999 (da definire) 1 CC 1 - ORGANI ISTITUZIONALI X Pagina 16 di 459

17 Struttura del piano di centri di costo e loro titolari - programma, progetto, centro di costo PRGM Programma PRGT Progetto Titolare Progetto AMMINISTRAZIONE GENERALE Progetto 11 - Segreteria del Sindaco Progetto 12 - Presidenza del Consiglio, Organi Istituzionali, Organizzazione e Protocollo Progetto 13 - Personale Progetto 14 - Servizio Finanziario, delle Entrate e Controllo di Gestione CdC Descrizione CdC Maggiore articolazione Tipologia Titolare della gestione del CdC Stefano FRANCO 62 CC 62 - ORGANI ISTITUZIONALI - GIUNTA Finale Stefano FRANCO Stefano FRANCO Stefano FRANCO Valeria ZARDO 45 CC 45 - COSTI TRANSITORI Transitorio nessun responsabile 63 CC 63 - ORGANI ISTITUZIONALI - CONSIGLIO Finale Stefano FRANCO 64 CC 64 - SEGRETERIA Generale Stefano FRANCO 65 CC 65 - SERVIZI GENERALI Generale Stefano FRANCO 3 CC 3 - UFFICIO GESTIONE AMMINISTRATIVA DEL PERSONALE Ausiliario Stefano FRANCO 45 CC 45 - COSTI TRANSITORI Transitorio nessun responsabile 4 41 CC 4 - SERVIZIO FINANZIARIO, DELLE ENTRATE E CONTROLLO DI GESTIONE CC 41 - INTERVENTI A SOSTEGNO DELLE ATTIVITA' ECONOMICHE 44 CC 44 - FONDO DI RISERVA Generale Finale (da definire) Valeria ZARDO Valeria ZARDO Valeria ZARDO 45 CC 45 - COSTI TRANSITORI Transitorio nessun responsabile 46 CC 46 - SERVIZI PER LA GIUSTIZIA Finale Valeria ZARDO Progetto 15 - Tutela legale, gare e contratti Progetto 16 - Patrimonio Progetto 17 - Polizia locale e protezione civile Progetto 18 - Sistemi informativi 66 CC 66 - ECONOMATO E PROVVEDITORATO Generale Valeria ZARDO Stefano FRANCO 49 CC 49 - TUTELA LEGALE, GARE E CONTRATTI Generale Stefano FRANCO 9 CC 9 - SPAZI PER LE ATTIVITA' DELL'ENTE Ausiliario Valeria ZARDO Valeria ZARDO 45 CC 45 - COSTI TRANSITORI Transitorio nessun responsabile 51 CC 51 - PATRIMONIO NON ERP Finale Valeria ZARDO 6 CC 6 - SERVIZIO VIGILANZA Finale Fabio FIORE Fabio FIORE 31 CC 31 - PROTEZIONE CIVILE Finale Fabio FIORE 45 CC 45 - COSTI TRANSITORI Transitorio nessun responsabile Elisabetta COMIN 48 CC 48 - SERVIZI INFORMATIVI Transitorio Elisabetta COMIN 11 CC 11 - SCUOLA MATERNA Finale Elisabetta COMIN SERVIZI AL CITTADINO E ATTIVITA' PRODUTTIVE 20 Progetto 20 - Pubblica Istruzione, Cultura e Giovani Elisabetta COMIN 12 CC 12 - SCUOLA ELEMENTARE Finale Elisabetta COMIN 13 CC 13 - SCUOLA MEDIA Finale Elisabetta COMIN 14 CC 14 - MENSA SCOLASTICA Finale Elisabetta COMIN Pagina 17 di 459

18 PRGM Programma PRGT Progetto Titolare Progetto CdC Descrizione CdC Maggiore articolazione Tipologia Titolare della gestione del CdC 15 CC 15 - TRASPORTO SCOLASTICO Finale Elisabetta COMIN 20 Progetto 20 - Pubblica Istruzione, Cultura e Giovani Elisabetta COMIN 16 CC 16 - MANIFESTAZIONI CULTURALI ED INTERVENTI A SOSTEGNO DELLE TRADIZIONI Finale Elisabetta COMIN 18 CC 18 - BIBLIOTECA Finale Elisabetta COMIN 45 CC 45 - COSTI TRANSITORI Transitorio nessun responsabile 67 CC 67 - SERVIZI PER MINORI Finale Elisabetta COMIN 23 Progetto 23 - Sport Anna Maria CARERI 68 CC 68 - POLITICHE GIOVANILI Finale Elisabetta COMIN 19 CC 19 - INTERVENTI VARI NEL CAMPO DELLO SPORT Finale Anna Maria CARERI 20 CC 20 - IMPIANTI SPORTIVI Finale Anna Maria CARERI 24 Progetto 24 - Infanzia Annamaria TAMBINI 33 CC 33 - ASILO NIDO Finale Annamaria TAMBINI 34 CC 34 - SERVIZI PER L'INFANZIA Finale Annamaria TAMBINI 45 CC 45 - COSTI TRANSITORI Transitorio nessun responsabile SERVIZI AL CITTADINO E ATTIVITA' PRODUTTIVE Progetto 25 - Anziani e inabili Progetto 26 - Interventi vari in campo sociale Annamaria TAMBINI Annamaria TAMBINI 54 CC 54 - SERVIZI PER ANZIANI A DOMICILIO Finale Annamaria TAMBINI 55 CC 55 - SERVIZI PER ANZIANI IN STRUTTURE Finale Annamaria TAMBINI 56 CC 56 - SERVIZI PER ANZIANI AUTOSUFFICIENTI Finale Annamaria TAMBINI 39 CC 39 - INTERVENTI VARI IN CAMPO SOCIALE Finale Annamaria TAMBINI 70 CC 70 - PIANI DI ZONA Finale Annamaria TAMBINI Progetto 27 - Servizi Demografici e sportello del cittadino Progetto 28 - Edilizia Residenziale Pubblica Progetto 29 - Turismo, Commercio e Statistica Stefano FRANCO 37 CC 37 - CIMITERO COMUNALE Finale Stefano FRANCO 57 CC 57 - SERVIZI DEMOGRAFICI Finale Stefano FRANCO 71 CC 71 - AMICO IN COMUNE SPORTELLO PER LE IMPRESE E I CITTADINI Transitorio Stefano FRANCO Valeria ZARDO 50 CC 50 - PATRIMONIO ERP Finale Valeria ZARDO Anna Maria CARERI 40 CC 40 - TURISMO Finale Anna Maria CARERI 47 CC 47 - SPORTELLO UNICO ATTIVITA' PRODUTTIVE Finale Stefano FRANCO 58 CC 58 - COMMERCIO Finale Anna Maria CARERI TERRITORIO, AMBIENTE ED INFRASTRUTTURE 31 Progetto 31 - Urbanistica, Edilizia ed Espropri Graziella BENZONI 7 CC 7 - EDILIZIA PRIVATA Finale Graziella BENZONI 32 CC 32 - PIANIFICAZIONE TERRITORIALE Finale Graziella BENZONI 59 CC 59 - ESPROPRI Ausiliario Graziella BENZONI Pagina 18 di 459

19 PRGM Programma PRGT Progetto Titolare Progetto 32 Progetto 32 - Ambiente Marco FRAMARIN CdC 29 Descrizione CdC Maggiore articolazione CC 29 - RACCOLTA, TRASPORTO E SMALTIMENTO RIFIUTI Tipologia Finale Titolare della gestione del CdC Marco FRAMARIN 53 CC 53 - QUALITA' E TUTELA DELL'AMBIENTE Finale Marco FRAMARIN 25 CC 25 - ACQUEDOTTO Finale Marco FRAMARIN 26 CC 26 - RETE FOGNARIA Finale Marco FRAMARIN 33 Progetto 33 - Servizio Idrico Integrato Marco FRAMARIN 27 CC 27 - IMPIANTI DI DEPURAZIONE Finale Marco FRAMARIN 28 CC 28 - FONTANE E LAVATOI PUBBLICI Finale Marco FRAMARIN 42 CC 42 - AGRICOLTURA ED ALLEVAMENTO Finale Marco FRAMARIN 45 CC 45 - COSTI TRANSITORI Transitorio nessun responsabile TERRITORIO, AMBIENTE ED INFRASTRUTTURE 34 Progetto 34 - Aosta Capoluogo, viabilita, parco auto, verde pubblico e lavori cimiteriali Domenico SALVADOR 21 CC 21 - STRADE E SEGNALETICA Finale Silvano SALVADOR 22 CC 22 - SGOMBERO NEVE Finale Silvano SALVADOR 24 CC 24 - GIARDINI ED AREE VERDI Finale Silvano SALVADOR 45 CC 45 - COSTI TRANSITORI Transitorio nessun responsabile 60 CC 60 - AOSTA CAPOLUOGO Ausiliario Silvano SALVADOR Progetto 35 - Stabili Comunali Progetto 36 - Illuminazione Pubblica Progetto 37 - Mobilita' 45 CC 45 - COSTI TRANSITORI Transitorio nessun responsabile Mirko MURARO 61 CC 61 - STABILI Ausiliario Mirko MURARO Domenico SALVADOR 23 CC 23 - ILLUMINAZIONE PUBBLICA Finale Silvano SALVADOR Graziella BENZONI 52 CC 52 - MOBILITA' Finale Graziella BENZONI Pagina 19 di 459

20 CC 3 - UFFICIO GESTIONE AMMINISTRATIVA DEL PERSONALE Tipologia CdC: Ausiliario CdC: 3 Responsabile per la direzione politica e il controllo: Sindaco Bruno GIORDANO Titolare della gestione del CdC: Stefano FRANCO Progetto Progetto 13 - Personale Titolare Stefano FRANCO Programma AMMINISTRAZIONE GENERALE Pagina 20 di 459

- Altri servizi generali. QUADRO A Elementi specifici. Gestione Associata in Unione di comuni

- Altri servizi generali. QUADRO A Elementi specifici. Gestione Associata in Unione di comuni generali di amministrazione, di gestione e di controllo - Organi istituzionali, partecipazione e decentramento - Segreteria generale, Personale e Organizzazione - Gestione economica, Finanziaria, Programmazione,

Dettagli

RIEPILOGO GENERALE DELLE SPESE 2009

RIEPILOGO GENERALE DELLE SPESE 2009 RIEPILOGO GENERALE DELLE SPESE 009 Funzion 9 0 3 Servizio. Funzion 0 Funzioni generali di amministrazione, di gestione e di controllo 0 Organi istituzionali, partecipazione e decentramento 0 Segreteria

Dettagli

LEZIONE 2 L ORDINAMENTO COMUNALE RIPORTATO NEL T.U.E.L. (D.LGS N. 267/2000 E SUCC. MODIFICHE)

LEZIONE 2 L ORDINAMENTO COMUNALE RIPORTATO NEL T.U.E.L. (D.LGS N. 267/2000 E SUCC. MODIFICHE) Scuola Superiore della Pubblica Amministrazione Locale LEZIONE 2 L ORDINAMENTO COMUNALE RIPORTATO NEL T.U.E.L. (D.LGS N. 267/2000 E SUCC. MODIFICHE) ELEMENTI DI CONTABILITA RIFERITI ALLA FASE DELLA SPESA

Dettagli

FUNZIONI FONDAMENTALI DEI COMUNI E MODALITA DI ESERCIZIO ASSOCIATO DI FUNZIONI E SERVIZI COMUNALI ( ART. 19 DL 95/2012)

FUNZIONI FONDAMENTALI DEI COMUNI E MODALITA DI ESERCIZIO ASSOCIATO DI FUNZIONI E SERVIZI COMUNALI ( ART. 19 DL 95/2012) FUNZIONI FONDAMENTALI DEI COMUNI E MODALITA DI ESERCIZIO ASSOCIATO DI FUNZIONI E SERVIZI COMUNALI ( ART. 19 DL 95/2012) L art.19 del DL 95/2012 convertito, con modificazioni, dalla legge 7 agosto 2012,

Dettagli

COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD -

COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD - COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD - REGOLAMENTO DI CONTABILITÀ SOMMARIO: Capo I - Le competenze del servizio economico-finanziario Capo II - La programmazione

Dettagli

L ORDINAMENTO FINANZIARIO E CONTABILE DEGLI ENTI LOCALI. Slides a cura del dott. Paolo Longoni

L ORDINAMENTO FINANZIARIO E CONTABILE DEGLI ENTI LOCALI. Slides a cura del dott. Paolo Longoni L ORDINAMENTO FINANZIARIO E CONTABILE DEGLI ENTI LOCALI 1 Slides a cura del dott. Paolo Longoni!1 PARLARE DI CONTABILITÀ NEGLI ENTI LOCALI.. Significa adottare un punto di vista diverso da quello in uso

Dettagli

CONTO DEL BILANCIO 2013

CONTO DEL BILANCIO 2013 CONTO DEL BILANCIO 03 IMPEGNI PER SPESE CORRENTI I N T E R V E N T I C O R R E N T I Personale Acquisto di beni di Consumo e/o di Materie Prime Prestazioni di servizi Utilizzo di Beni di terzi Trasferimenti

Dettagli

RIEPILOGO GENERALE DELLE SPESE 2013

RIEPILOGO GENERALE DELLE SPESE 2013 RIEPILOGO GENERALE DELLE SPESE 203 Funzion Servizi. Funzion 0 Funzioni generali di amministrazione, di gestione e di controllo Servizi 0. 02 Segreteria generale,personale e organizzazione Servizi 0. 03

Dettagli

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014 DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014 SETTORE SEGRETARIO GENERALE SERVIZIO ELABORAZIONE DATI OGGETTO: 97.404,80 I.C. SERVIZIO DI ASSISTENZA TECNICA INTEGRALE E FORNITURA DI MATERIALE CONSUMABILE

Dettagli

CONTO DEL BILANCIO 2012

CONTO DEL BILANCIO 2012 CONTO DEL BILANCIO 0 9 0 3 Funzion 0 Funzioni generali di amministrazione, di gestione e di controllo Servizio 0. 0 Organi istituzionali, partecipazione e decentramento 7.640,44 750,00 8.66,48 5.343,90

Dettagli

INTRODUZIONE AL RAPPORTO TRA PEG E PDO

INTRODUZIONE AL RAPPORTO TRA PEG E PDO INTRODUZIONE AL RAPPORTO TRA PEG E PDO Generalmente il piano dettagliato degli obiettivi (art. 108 e 197 del Tuel) coincide con la c.d. parte descrittiva del Peg, cioè quella parte che individua gli obiettivi

Dettagli

CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida

CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida ALL. 5 CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida ***** Regolamento sul funzionamento dell Organismo Indipendente di valutazione \ Approvato con deliberazione

Dettagli

Decreto di attribuzione di posizioni organizzative ai responsabili di settore IL SINDACO

Decreto di attribuzione di posizioni organizzative ai responsabili di settore IL SINDACO Taviano Città dei Fiori (Lecce Italy) Decreto sindacale 02 lì 22 gennaio 2014 Decreto di attribuzione di posizioni organizzative ai responsabili di settore IL SINDACO VISTA la legge 191/98, recante modifiche

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA RELATIVO ALLE MODALITA E TEMPI DI RIVERSAMENTO DEL TRIBUTO PER L ESERCIZIO DELLE FUNZIONI AMBIENTALI (TEFA) TRA

PROTOCOLLO D INTESA RELATIVO ALLE MODALITA E TEMPI DI RIVERSAMENTO DEL TRIBUTO PER L ESERCIZIO DELLE FUNZIONI AMBIENTALI (TEFA) TRA PROTOCOLLO D INTESA RELATIVO ALLE MODALITA E TEMPI DI RIVERSAMENTO DEL TRIBUTO PER L ESERCIZIO DELLE FUNZIONI AMBIENTALI (TEFA) TRA L Amministrazione Città metropolitana di Roma Capitale, con sede in Roma,

Dettagli

RIEPILOGO GENERALE DELLE SPESE 2012

RIEPILOGO GENERALE DELLE SPESE 2012 RIEPILOGO GENERALE DELLE SPESE 0 9 0 3 Funzion 0 Funzioni generali di amministrazione, di gestione e di con-trollo Servizio 0. 0 Organi istituzionali, partecipazione e decentramento 38.83,47.000,00 75.86,00

Dettagli

RIEPILOGO GENERALE DELLE SPESE 2014

RIEPILOGO GENERALE DELLE SPESE 2014 RIEPILOGO GENERALE DELLE SPESE 04 9 0 3 Funzion 0 Funzioni generali di amministrazione, di gestione e di con-trollo Servizio 0. 0 Organi istituzionali, partecipazione e decentramento 0,00 980,00 9.007,00

Dettagli

RIEPILOGO GENERALE DELLE SPESE 2009

RIEPILOGO GENERALE DELLE SPESE 2009 RIEPILOGO GENERALE DELLE SPESE 009 9 0 3 Funzion 0 Funzioni generali di amministrazione, di gestione e di con-trollo Servizio 0. 0 Organi istituzionali, partecipazione e decentramento 6.40,57.44,00 38.640,43

Dettagli

COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI

COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI Allegato 1 COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI REGOLAMENTO PER LA DOTAZIONE FINANZIARIA COMUNALE PER INTERVENTI DI MANUTENZIONE ORDINARIA E DI FUNZIONAMENTO IN FAVORE DEGLI ISTITUTI DI ISTRUZIONE PRIMARIA

Dettagli

REGOLAMENTO PER L AMMINISTRAZIONE E LA CONTABILITÀ DEGLI ENTI PUBBLICI DI CUI ALLA LEGGE 20 MARZO 1975, N. 70

REGOLAMENTO PER L AMMINISTRAZIONE E LA CONTABILITÀ DEGLI ENTI PUBBLICI DI CUI ALLA LEGGE 20 MARZO 1975, N. 70 REGOLAMENTO PER L AMMINISTRAZIONE E LA CONTABILITÀ DEGLI ENTI PUBBLICI DI CUI ALLA LEGGE 20 MARZO 1975, N. 70 INDICE TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI Art. 1 - Definizioni e denominazioni 3 Art. 2 - Ambito

Dettagli

COMUNE DI ALSENO Provincia di Piacenza

COMUNE DI ALSENO Provincia di Piacenza COMUNE DI ALSENO Provincia di Piacenza REGOLAMENTO SULL ORDINAMENTO DEGLI UFFICI E DEI SERVIZI Approvato con deliberazione di G.C. n. 232 in data 30.09.1998 Modificato con deliberazione di G.C. n. 102

Dettagli

COMUNE DI DIGNANO REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO

COMUNE DI DIGNANO REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO COMUNE DI DIGNANO Provincia di UDINE REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO *** Testo coordinato Allegato alla deliberazione C.C. n 10 del 21-02-2011 SOMMARIO Art. 1 - Istituzione del servizio Art. 2

Dettagli

Comune di MERCATELLO SUL METAURO Provincia di Pesaro e Urbino CONTRATTO COLLETTIVO DECENTRATO INTEGRATIVO ANNO 2010

Comune di MERCATELLO SUL METAURO Provincia di Pesaro e Urbino CONTRATTO COLLETTIVO DECENTRATO INTEGRATIVO ANNO 2010 Comune di MERCATELLO SUL METAURO Provincia di Pesaro e Urbino CONTRATTO COLLETTIVO DECENTRATO INTEGRATIVO ANNO 2010 Sottoscritto definitivamente in data 20 dicembre 2010 Comune di MERCATELLO SUL METAURO

Dettagli

Regolamento per la disciplina del tributo per i servizi indivisibili. TASI

Regolamento per la disciplina del tributo per i servizi indivisibili. TASI Comune di Cerignola Provincia di Foggia Regolamento per la disciplina del tributo per i servizi indivisibili. TASI INDICE Art. 1 - Art. 2 - Art. 3 - Art. 4 - Art. 5 - Art. 6 - Art. 7 - Art. 8 - Art. 9

Dettagli

Comune di Sant'Agata sul Santerno

Comune di Sant'Agata sul Santerno CdC CDR009 RESP. SEGRETERIA GENERALE PROGETTO RPP: AREA SERVIZI GENERALI RESPONSABILE: RAMBELLI STEFANO 100 Miglioramento e razionalizzazione attività ordinarie Area Servizi Generali 1 UFFICIO SEGRETERIA

Dettagli

dalla G.U. n. 199 del 28 agosto 2014 (s.o. n. 73) DECRETO LEGISLATIVO 10 agosto 2014, n. 126

dalla G.U. n. 199 del 28 agosto 2014 (s.o. n. 73) DECRETO LEGISLATIVO 10 agosto 2014, n. 126 dalla G.U. n. 199 del 28 agosto 2014 (s.o. n. 73) DECRETO LEGISLATIVO 10 agosto 2014, n. 126 Disposizioni integrative e correttive del decreto legislativo 23 giugno 2011, n. 118, recante disposizioni in

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA LOCAZIONE E CONCESSIONE IN USO DI LOCALI ED IMMOBILI COMUNALI DEL PATRIMONIO DISPONIBILE

REGOLAMENTO PER LA LOCAZIONE E CONCESSIONE IN USO DI LOCALI ED IMMOBILI COMUNALI DEL PATRIMONIO DISPONIBILE REGOLAMENTO PER LA LOCAZIONE E CONCESSIONE IN USO DI LOCALI ED IMMOBILI COMUNALI DEL PATRIMONIO DISPONIBILE Approvato dal Consiglio Comunale nella seduta del 13 maggio 2013 - Delibera n. 35 INDICE: Articolo

Dettagli

COMUNE DI BRIGNANO GERA D ADDA (Provincia di Bergamo) Regolamento recante la disciplina dei Controlli interni

COMUNE DI BRIGNANO GERA D ADDA (Provincia di Bergamo) Regolamento recante la disciplina dei Controlli interni COMUNE DI BRIGNANO GERA D'ADDA (c_b178) - Codice AOO: AOOBRIGNANOADDA - Reg. nr.0001628/2013 del 18/02/2013 ALLEGATO A alla deliberazione del Consiglio comunale n. 2 del 04.02.2013 COMUNE DI BRIGNANO GERA

Dettagli

CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO

CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO 1. Il presente Codice di Comportamento integrativo definisce, in applicazione dell'art. 54 del DLgs. n. 165/2001 come riformulato dall'art.1, comma

Dettagli

Comune di Fusignano ATTIVITA' ORDINARIE 2013 - 100 Miglioramento e razionalizzazione delle attività ordinarie Area Amministrativa. Sottoreport Comune

Comune di Fusignano ATTIVITA' ORDINARIE 2013 - 100 Miglioramento e razionalizzazione delle attività ordinarie Area Amministrativa. Sottoreport Comune CdC CDR009 RESP. SEGRETERIA GENERALE PROGETTO RPP: AREA AMMINISTRATIVA RESPONSABILE: GIANGRANDI TIZIANA 100 Miglioramento e razionalizzazione delle attività ordinarie Area Amministrativa 1 UFFICIO SEGRETERIA

Dettagli

COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto)

COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) REGOLAMENTO DI ISTITUZIONE DELLE POSIZIONI ORGANIZZATIVE Art. 1 - Area delle posizione organizzative 1. Nel rispetto dei criteri generali contenuti nelle disposizioni

Dettagli

Comune di MERCATELLO SUL METAURO Provincia di Pesaro e Urbino CONTRATTO COLLETTIVO DECENTRATO INTEGRATIVO ANNO 2011

Comune di MERCATELLO SUL METAURO Provincia di Pesaro e Urbino CONTRATTO COLLETTIVO DECENTRATO INTEGRATIVO ANNO 2011 Comune di MERCATELLO SUL METAURO Provincia di Pesaro e Urbino CONTRATTO COLLETTIVO DECENTRATO INTEGRATIVO ANNO 2011 Sottoscritto definitivamente in data 5 settembre 2012 Comune di MERCATELLO SUL METAURO

Dettagli

L ATTUAZIONE DELLA LEGGE 56/14: IL RIORDINO DELLE FUNZIONI DELLE PROVINCE E DELLE CITTA METROPOLITANE L ACCORDO IN CONFERENZA UNIFICATA

L ATTUAZIONE DELLA LEGGE 56/14: IL RIORDINO DELLE FUNZIONI DELLE PROVINCE E DELLE CITTA METROPOLITANE L ACCORDO IN CONFERENZA UNIFICATA L ATTUAZIONE DELLA LEGGE 56/14: IL RIORDINO DELLE FUNZIONI DELLE PROVINCE E DELLE CITTA METROPOLITANE E L ACCORDO IN CONFERENZA UNIFICATA Roma 3 luglio 2014 PREMESSA La legge 7 aprile 2014, n. 56, Disposizioni

Dettagli

COMUNE DI CALCIANO Provincia di Matera

COMUNE DI CALCIANO Provincia di Matera COMUNE DI CALCIANO Provincia di Matera Cap. 75010 Via Sandro Pertini, 11 Tel. 0835672016 Fax 0835672039 Cod. fiscale 80001220773 REGOLAMENTO COMUNALE RECANTE NORME PER LA RIPARTIZIONE DELL INCENTIVO DI

Dettagli

Tale comma 6-bis dell art. 92 del codice è stato abrogato in sede di conversione (cfr. infra). www.linobellagamba.it

Tale comma 6-bis dell art. 92 del codice è stato abrogato in sede di conversione (cfr. infra). www.linobellagamba.it Il nuovo incentivo per la progettazione Aggiornamento e tavolo aperto di discussione Lino BELLAGAMBA Prima stesura 4 ottobre 2014 Cfr. D.L. 24 giugno 2014, n. 90, art. 13, comma 1, nella formulazione anteriore

Dettagli

RIEPILOGO GENERALE DELLE SPESE 2007

RIEPILOGO GENERALE DELLE SPESE 2007 RIEPILOGO GENERALE DELLE SPESE 007 Funzion 0 Funzioni generali di amministrazione, di gestione e di con-trollo Servizio 0. 0 Organi istituzionali, partecipazione e decentramento 9 0 3 5.00 7.00.00 Servizio

Dettagli

COMUNE DI CAMINO (AL) REGOLAMENTO SUI CONTROLLI INTERNI. Approvato con Deliberazione di Consiglio Comunale n. 3 del 25/1/2013

COMUNE DI CAMINO (AL) REGOLAMENTO SUI CONTROLLI INTERNI. Approvato con Deliberazione di Consiglio Comunale n. 3 del 25/1/2013 COMUNE DI CAMINO (AL) REGOLAMENTO SUI CONTROLLI INTERNI Approvato con Deliberazione di Consiglio Comunale n. 3 del 25/1/2013 INDICE TITOLO I PRINCIPI GENERALI... 3 Articolo 1 Oggetto... 3 Articolo 2 Sistema

Dettagli

AVVISO DI SELEZIONE PUBBLICA

AVVISO DI SELEZIONE PUBBLICA Viabilità Via Frà Guittone, 10 52100 Arezzo Telefono +39 0575 3354272 Fax +39 0575 3354289 E-Mail rbuffoni@provincia.arezzo.it Sito web www.provincia.arezzo.it C.F. 80000610511 P.IVA 00850580515 AVVISO

Dettagli

SCHEDA PROGETTO CLIVIA (CONCILIAZIONE LAVORO VITA ARPA)

SCHEDA PROGETTO CLIVIA (CONCILIAZIONE LAVORO VITA ARPA) SCHEDA PROGETTO CLIVIA (CONCILIAZIONE LAVORO VITA ARPA) SOGGETTO ATTUATORE REFERENTE AZIONE DENOMINAZIONE ARPA PIEMONTE INDIRIZZO Via Pio VII n. 9 CAP - COMUNE 10125 Torino NOMINATIVO Bona Griselli N TELEFONICO

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO COMUNE DI CISTERNA DI LATINA Medaglia d argento al Valor Civile REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO Approvato con Deliberazione di Consiglio Comunale n. 52 del 11.05.2009 a cura di : Dott. Bruno Lorello

Dettagli

Tassi di Assenza e di Maggior presenza del personale in servizio presso COMUNE DI SALERNO dal 01 03 2015 al 31 03 2015 GG. LAVORATIVI TOTALE PERSONALE

Tassi di Assenza e di Maggior presenza del personale in servizio presso COMUNE DI SALERNO dal 01 03 2015 al 31 03 2015 GG. LAVORATIVI TOTALE PERSONALE GRECO GIUSEPPE Dirigente DIREZIONE/SEGRETERIA (INGGRECO), EDILIZIA SCOLASTICA, MAN.PATRIMONIO ABITATIVO, MANUTENZIONE IMPIANTI ELETTRICI, PUBBLICA ILLUMINAZIONE UOPI ASSENZA ASSENZA/ PRESENZA PRESENZA/

Dettagli

VERBALE DI RIUNIONE. si sono incontrate in ordine al rinnovo della Contrattazione Integrativa Aziendale ai sensi dell'art 21 del vigente CCNL.

VERBALE DI RIUNIONE. si sono incontrate in ordine al rinnovo della Contrattazione Integrativa Aziendale ai sensi dell'art 21 del vigente CCNL. VERBALE DI RIUNIONE II giorno 18 febbraio 2005 la Banca di Roma S.p.A. e la Rappresentanza Sindacale Aziendale UGL Credito dell'unità Produttiva Riscossione Tributi della Provincia di Frosinone si sono

Dettagli

COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE

COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE Art. 1 - ISTITUZIONE E istituito presso il Comune di Golfo Aranci, un Centro di Aggregazione

Dettagli

Anagrafe, Stato Civile, Elettorale. n. 5 monitor n. 3 stampanti laser di rete n. 3 stampanti ad aghi n. 1 calcolatrice n. 3 apparecchi telefonici

Anagrafe, Stato Civile, Elettorale. n. 5 monitor n. 3 stampanti laser di rete n. 3 stampanti ad aghi n. 1 calcolatrice n. 3 apparecchi telefonici Indicazione delle dotazioni strumentali, anche informatiche, che corredano le stazioni di lavoro nell automazione dell ufficio Segreteria SS.DD. - Affari Generali Anagrafe, Stato Civile, Elettorale Segreteria,

Dettagli

Comune di Grado Provincia di Gorizia

Comune di Grado Provincia di Gorizia Comune di Grado Provincia di Gorizia REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEGLI INCENTIVI PER LA PROGETTAZIONE E LA REALIZZAZIONE DI LAVORI PUBBLICI, AI SENSI DELL ART.11 DELLA LEGGE REGIONALE 31 MAGGIO 2002,

Dettagli

Autorizzazione per l'anno 2015 all'emissione della bollettazione in acconto per il primo semestre da parte del soggetto gestore AMA

Autorizzazione per l'anno 2015 all'emissione della bollettazione in acconto per il primo semestre da parte del soggetto gestore AMA Protocollo RC n. 4480/15 ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI DELLA GIUNTA CAPITOLINA (SEDUTA DEL 20 FEBBRAIO 2015) L anno duemilaquindici, il giorno di venerdì venti del mese di febbraio, alle ore

Dettagli

COMUNITA' DELLA VALLE DI CEMBRA

COMUNITA' DELLA VALLE DI CEMBRA COMUNITA' DELLA VALLE DI CEMBRA REGOLAMENTO PER LA EROGAZIONE DI CONTRIBUTI, SOVVENZIONI ED ALTRE AGEVOLAZIONI ART. 1 FINALITA 1. Con il presente Regolamento la Comunità della Valle di Cembra, nell esercizio

Dettagli

LINEE DI INDIRIZZO PERSONALE COMPARTO RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE. ART. 1 ( Definizione)

LINEE DI INDIRIZZO PERSONALE COMPARTO RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE. ART. 1 ( Definizione) 1 REPUBBLICA ITALIANA Regione Siciliana Assessorato Regionale della Sanità Dipartimento regionale per la pianificazione strategica ********** Servizio 1 Personale dipendente S.S.R. LINEE DI INDIRIZZO PERSONALE

Dettagli

Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione

Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione Gruppo di Lavoro ITACA Regioni/Presidenza del Consiglio dei Ministri Aggiornamento 14 novembre 2011 Dipartimento

Dettagli

Data Tipo Codice bilancio Capitolo-Articolo Note Previsione 2011- Accer. Impegnato al 08-08-2011 E 1011060 E 75-0

Data Tipo Codice bilancio Capitolo-Articolo Note Previsione 2011- Accer. Impegnato al 08-08-2011 E 1011060 E 75-0 Numer o Data Tipo Codice bilancio Capitolo-Articolo Note Previsione 2011- Accer. Impegnato al 08-08-2011 Previsione 2012 Previsione 2013 1 16/08/2011 E 1011060 E 75-0 1011060: ADDIZIONALE COMUNALE ALL'IRPEF

Dettagli

C O M U N E DI M O L I T E R N O

C O M U N E DI M O L I T E R N O C O M U N E DI M O L I T E R N O (Provincia di Potenza) REGOLAMENTO SUI CONTROLLI INTERNI Approvato con delibera consiliare n.05 del 6/02/2013 modificato con delibera consiliare n. 54 del 30/11/2013 Indice

Dettagli

IL PROCESSO DI ARMONIZZAZIONE CONTABILE DEGLI ENTI TERRITORIALI EX D.LGS. 118/2011. Elementi innovativi e principali impatti

IL PROCESSO DI ARMONIZZAZIONE CONTABILE DEGLI ENTI TERRITORIALI EX D.LGS. 118/2011. Elementi innovativi e principali impatti IL PROCESSO DI ARMONIZZAZIONE CONTABILE DEGLI ENTI TERRITORIALI EX D.LGS. 118/2011 Elementi innovativi e principali impatti Agenda 1. Il modello contabile previsto dal D.lgs 118/2011 Contesto normativo

Dettagli

Verbale di deliberazione n. 47 della Giunta Comunale

Verbale di deliberazione n. 47 della Giunta Comunale COMUNE DI DIMARO Provincia di Trento Verbale di deliberazione n. 47 della Giunta Comunale OGGETTO: A pprovazione disciplinare per il trasferimento volontario delle attività propedeutiche alla riscossione

Dettagli

I TRASFERIMENTI REGIONALI ALLE PROVINCE PIEMONTESI L ANALISI DEI DATI DELL ANNO 2009 IN RAPPORTO A QUELLI DEGLI ANNI PRECEDENTI

I TRASFERIMENTI REGIONALI ALLE PROVINCE PIEMONTESI L ANALISI DEI DATI DELL ANNO 2009 IN RAPPORTO A QUELLI DEGLI ANNI PRECEDENTI I TRASFERIMENTI REGIONALI ALLE PROVINCE PIEMONTESI L ANALISI DEI DATI DELL ANNO 2009 IN RAPPORTO A QUELLI DEGLI ANNI PRECEDENTI Dall anno 2003 l Unione Province Piemontesi raccoglie, con la collaborazione

Dettagli

TARSU poi TARES ed ora TARI e TASI

TARSU poi TARES ed ora TARI e TASI TARSU poi TARES ed ora TARI e TASI di Luigi Cenicola 1. Premessa. A decorrere dall anno 2014, per il servizio di raccolta dei rifiuti solidi urbani e per i servizi indivisibili comunali, si pagheranno

Dettagli

(Lombardia, BUR 18 novembre 2014, n. 47) LA GIUNTA REGIONALE

(Lombardia, BUR 18 novembre 2014, n. 47) LA GIUNTA REGIONALE Deliberazione Giunta Regionale 14 novembre 2014 n. 10/2637 Determinazioni in ordine a: "Promozione e coordinamento dell'utilizzo del patrimonio mobiliare dismesso dalle strutture sanitarie e sociosanitarie

Dettagli

SULL ORDINAMENTO DEGLI UFFICI E DEI SERVIZI. Ultimo aggiornamento 13 gennaio 2015

SULL ORDINAMENTO DEGLI UFFICI E DEI SERVIZI. Ultimo aggiornamento 13 gennaio 2015 COMUNE DI VICENZA REGOLAMENTO SULL ORDINAMENTO DEGLI UFFICI E DEI SERVIZI Ultimo aggiornamento 13 gennaio 2015 Comune di Vicenza - a cura del Settore Risorse Umane, Segreteria 1 Generale e Organizzazione

Dettagli

BENEFICI A FAVORE DI DIPENDENTI, AMMINISTRATORI

BENEFICI A FAVORE DI DIPENDENTI, AMMINISTRATORI BENEFICI A FAVORE DI DIPENDENTI, AMMINISTRATORI Si esamina il trattamento dei benefici concessi a dipendenti, collaboratori e amministratori - collaboratori. I fringe benefits costituiscono la parte della

Dettagli

CODICE DI COMPORTAMENTO DEI DIPENDENTI DELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI. Art. 1 (Disposizioni di carattere generale)

CODICE DI COMPORTAMENTO DEI DIPENDENTI DELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI. Art. 1 (Disposizioni di carattere generale) CODICE DI COMPORTAMENTO DEI DIPENDENTI DELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI Art. 1 (Disposizioni di carattere generale) 1. I princìpi e i contenuti del presente codice costituiscono specificazioni esemplificative

Dettagli

9) promozione della cultura e dell'arte ; 10) tutela dei diritti civili ; 11) ricerca scientifica di particolare interesse sociale svolta

9) promozione della cultura e dell'arte ; 10) tutela dei diritti civili ; 11) ricerca scientifica di particolare interesse sociale svolta Le ONLUS Secondo le previsioni dell'art. 10 del decreto 460/97 possono assumere la qualifica di Onlus le associazioni riconosciute e non, i comitati, le fondazioni, le società cooperative e tutti gli altri

Dettagli

Legge Regionale 23 Novembre 2006, n. 20. Istituzione del fondo regionale per la non autosufficienza. (BUR N. 34 del 9 dicembre 2006)

Legge Regionale 23 Novembre 2006, n. 20. Istituzione del fondo regionale per la non autosufficienza. (BUR N. 34 del 9 dicembre 2006) Legge Regionale 23 Novembre 2006, n. 20. Istituzione del fondo regionale per la non autosufficienza. (BUR N. 34 del 9 dicembre 2006) Art.1 (Oggetto e finalità) 1. La Regione con la presente legge, in armonia

Dettagli

Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE

Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE Direzione Generale per le Politiche Attive e Passive del Lavoro Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE Controlli interni e Ciclo della performance alla luce dell art.3 del D.L. 174/2012 Position Paper

Dettagli

PROVINCIA DI PESARO E URBINO

PROVINCIA DI PESARO E URBINO PROVINCIA DI PESARO E URBINO Regolamento interno della Stazione Unica Appaltante Provincia di Pesaro e Urbino SUA Provincia di Pesaro e Urbino Approvato con Deliberazione di Giunta Provinciale n 116 del

Dettagli

Per San Lazzaro. Insieme per i prossimi 5 anni PROGRAMMA. MODALITA DI ATTUAZIONE (in ottemperanza alla normativa vigente)

Per San Lazzaro. Insieme per i prossimi 5 anni PROGRAMMA. MODALITA DI ATTUAZIONE (in ottemperanza alla normativa vigente) TU Per San Lazzaro Insieme per i prossimi 5 anni PROGRAMMA MODALITA DI ATTUAZIONE (in ottemperanza alla normativa vigente) Territorio: Urbanistica: Cosa: Agevolazioni per la riqualificazione dell esistente:

Dettagli

Comune di Bagnara di Romagna

Comune di Bagnara di Romagna CdC ATTIVITA' ORDINARIE 2013 - CDR009 PROGETTO RPP: RESPONSABILE: RESP. SEGRETERIA GENERALE AREA AMMINISTRATIVA (URP E SERVIZI DEMOGRAFICI - UFFICIO SEGRETERIA) CANTAGALLI PAOLO 100 Miglioramento e razionalizzazione

Dettagli

Prot.n. 39056 Brescia, 16.9.2002 DETERMINAZIONE N. 273/SG : CRITERI GENERALI PER LA DISCIPLINA DEL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE.

Prot.n. 39056 Brescia, 16.9.2002 DETERMINAZIONE N. 273/SG : CRITERI GENERALI PER LA DISCIPLINA DEL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE. Prot.n. 39056 Brescia, 16.9.2002 DETERMINAZIONE N. 273/SG : CRITERI GENERALI PER LA DISCIPLINA DEL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE. IL SEGRETARIO GENERALE con la capacità e con i poteri del privato

Dettagli

PARTE SPESA. Comune di Fano Esercizio: 2011 PEG PER VOCE E SERVIZIO ASSEGNATARIO Data: 13-04-2011 Pag. 1

PARTE SPESA. Comune di Fano Esercizio: 2011 PEG PER VOCE E SERVIZIO ASSEGNATARIO Data: 13-04-2011 Pag. 1 Comune di Fano Esercizio: 2011 PEG PER VOCE E SERVIZIO ASSEGNATARIO Data: 13-04-2011 Pag. 1 ASSEGNATARIO 15 50 10 00 U.O. GABINETTO DEL SINDACO Dott. Giuseppe De Leo 1010102 1011.203.01 SPESE PER IL FUNZIONAMENTO

Dettagli

D.L. 30 dicembre 2013, n. 151

D.L. 30 dicembre 2013, n. 151 D.L. 30 dicembre 2013, n. 151 Disposizioni di carattere finanziario indifferibili, finalizzate a garantire la funzionalità di enti locali, la realizzazione di misure in tema di infrastrutture, trasporti

Dettagli

COMUNE DI FOGGIA I.U.C. Imposta Unica Comunale 2015 L AMMINISTRAZIONE COMUNALE

COMUNE DI FOGGIA I.U.C. Imposta Unica Comunale 2015 L AMMINISTRAZIONE COMUNALE COMUNE DI FOGGIA I.U.C. Imposta Unica Comunale 2015 L AMMINISTRAZIONE COMUNALE VISTO l art. 1, comma 639 della Legge 27 dicembre 2013, n. 147, che ha istituito, a decorrere dal 1 gennaio 2014, l imposta

Dettagli

ATTIVITA SPORTIVE DILETTANTISTICHE LE PRINCIPALI REGOLE FISCALI

ATTIVITA SPORTIVE DILETTANTISTICHE LE PRINCIPALI REGOLE FISCALI ATTIVITA SPORTIVE DILETTANTISTICHE LE PRINCIPALI REGOLE FISCALI 1. Aspetti fiscali generali Gli enti di tipo associativo, di cui fanno parte anche le associazioni sportive dilettantistiche, sono assoggettate

Dettagli

COMUNE DI MACCAGNO con PINO e VEDDASCA

COMUNE DI MACCAGNO con PINO e VEDDASCA VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE DELIBERAZIONE N 26 del 30/09/2014 OGGETTO: APPROVAZIONE ALIQUOTE E DETRAZIONI DELL'IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA (I.M.U.) - ANNO 2014 L'anno 2014, addì trenta

Dettagli

COMUNE DI MULAZZO PROVINCIA DI MASSA CARRARA

COMUNE DI MULAZZO PROVINCIA DI MASSA CARRARA COMUNE DI MULAZZO PROVINCIA DI MASSA CARRARA REGOLAMENTO COMUNALE per la disciplina della concessione di sovvenzioni, contributi, sussidi ed ausili finanziari e l attribuzione di vantaggi economici 1 CAPO

Dettagli

PROVINCIA DI BRINDISI ----------ooooo----------

PROVINCIA DI BRINDISI ----------ooooo---------- PROVINCIA DI BRINDISI ----------ooooo---------- ESTRATTO DELLE DELIBERAZIONI DEL COMMISSARIO STRAORDINARIO CON POTERI DELLA GIUNTA Atto con dichiarazione di immediata eseguibilità: art. 134, comma 4, D.Lgs.267/2000

Dettagli

Comune di Bagnacavallo

Comune di Bagnacavallo CdC CDR009 RESP. SEGRETERIA GENERALE PROGETTO RPP: SETTORE SEGRETERIA RESPONSABILE: GRATTONI ANGELA 100 Miglioramento e razionalizzazione delle attività ordinarie Settore Segreteria 1 SETTORE SEGRETERIA

Dettagli

6.3.2015 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 10. 2014, n. 1 Abrogazioni

6.3.2015 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 10. 2014, n. 1 Abrogazioni 9 Lastri, De Robertis, Rossetti, Ruggeri, Remaschi, Boretti, Venturi, Bambagioni, Saccardi Proposta di legge della Giunta regionale 20 ottobre Art. 20 2014, n. 1 Abrogazioni divenuta Proposta di legge

Dettagli

SCHEMA DI CONVENZIONE PER VERSAMENTO INCREMENTI TARIFFARI DI CUI ALLA DELIBERA CIPE 52/2001 UTENZE INDUSTRIALI DA POZZO AUTONOMO

SCHEMA DI CONVENZIONE PER VERSAMENTO INCREMENTI TARIFFARI DI CUI ALLA DELIBERA CIPE 52/2001 UTENZE INDUSTRIALI DA POZZO AUTONOMO Allegato n. 2 alla delibera n. 11 del 12.12.05 SCHEMA DI CONVENZIONE PER VERSAMENTO INCREMENTI TARIFFARI DI CUI ALLA DELIBERA CIPE 52/2001 UTENZE INDUSTRIALI DA POZZO AUTONOMO..., con sede in.., Codice

Dettagli

ACCORDO PER L'UTILIZZAZIONE DELLE RISORSE PREVISTE DAL FONDO UNICO PER L'EFFICIENZA DEI SERVIZI ISTITUZIONALI. ART. 1 (Risorse)

ACCORDO PER L'UTILIZZAZIONE DELLE RISORSE PREVISTE DAL FONDO UNICO PER L'EFFICIENZA DEI SERVIZI ISTITUZIONALI. ART. 1 (Risorse) ACCORDO PER L'UTILIZZAZIONE DELLE RISORSE PREVISTE DAL FONDO UNICO PER L'EFFICIENZA DEI SERVIZI ISTITUZIONALI ART. 1 (Risorse) 1) Al finanziamento del Fondo costituito ai sensi dell'art. 14 del DPR 16

Dettagli

MODELLO-BASE CONVENZIONE-CONTRATTO PER LA REALIZZAZIONE DELL INTERVENTO NUOVI PERCHORSI

MODELLO-BASE CONVENZIONE-CONTRATTO PER LA REALIZZAZIONE DELL INTERVENTO NUOVI PERCHORSI Assessorato alla f amiglia, all Educazione ed ai Giov ani Municipio Roma III U.O. Serv izi Sociali, Educativ i e Scolastici Allegato n. 3 al Bando d Istruttoria Pubblica per l intervento Nuovi PercHorsi

Dettagli

Ministero dell Interno

Ministero dell Interno Ministero dell Economia e delle Finanze DIPARTIMENTO DELLA RAGIONERIA GENERALE DELLO STATO di concerto con il Ministero dell Interno DIPARTIMENTO PER GLI AFFARI INTERNI E TERRITORIALI VISTO il decreto

Dettagli

COMUNE DI COLLESANO. Provincia di Palermo AREA TECNICO - MANUTENTIVA

COMUNE DI COLLESANO. Provincia di Palermo AREA TECNICO - MANUTENTIVA COMUNE DI COLLESANO Provincia di Palermo AREA TECNICO - MANUTENTIVA DETERMINAZIONE N. _791_ DEL _16.12.2013 (n int. _299_ del _16.12.2013_) OGGETTO: Lavori di Riqualificazione Quartiere Bagherino-Stazzone

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E DI FUNZIONAMENTO DELLO SPORTELLO UNICO PER L EDILIZIA S U E Settore URBANISTICA ED EDILIZIA PRIVATA Febbraio 2013 TITOLO I PRINCIPI GENERALI... 3 Art. 1 Definizioni... 3

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALEPER LA TRASPARENZA E INTEGRITÀ 2013 / 2014 / 2015

PROGRAMMA TRIENNALEPER LA TRASPARENZA E INTEGRITÀ 2013 / 2014 / 2015 Istituto Comprensivo Statale Scuola dell Infanzia, Primaria e Secondaria di I Grado Piazzale della Civiltà Tel. 0828/941197 fax. 0828/941197 84069 ROCCADASPIDE (Salerno) C.M. SAIC8AH00L Email-dirdirocca@tiscali.it

Dettagli

AVVISO PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI DI INFOMOBILITÀ - ATTIVITÀ IV.4 DEL POR CREO 2007-2013. Giunta Regionale

AVVISO PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI DI INFOMOBILITÀ - ATTIVITÀ IV.4 DEL POR CREO 2007-2013. Giunta Regionale Giunta Regionale Direzione Generale delle Politiche Territoriali, Ambientali e per la Mobilità Area di Coordinamento Mobilità e Infrastrutture Settore Pianificazione del Sistema Integrato della Mobilità

Dettagli

SETTORE AMMINISTRATIVO - ECONOMICO FINANZIARIO COPIA DI DETERMINA CONGIUNTA N. 15 ANNO 2011 DEL 08-07-2011

SETTORE AMMINISTRATIVO - ECONOMICO FINANZIARIO COPIA DI DETERMINA CONGIUNTA N. 15 ANNO 2011 DEL 08-07-2011 SETTORE AMMINISTRATIVO - ECONOMICO FINANZIARIO COPIA DI DETERMINA CONGIUNTA N. 15 ANNO 2011 DEL 08-07-2011 OGGETTO: TRAPANI IACP - DETERMINAZIONE FONDO DI POSIZIONE E DI RISULTATO DEI DIRIGENTI ANNO 2011.-

Dettagli

Comune di Cotignola ATTIVITA' ORDINARIE 2013 - PROGETTO RPP: RESPONSABILE: UFFICIO URP - SPORTELLO POLIFUNZIONALE BARBERINI GIOVANNI

Comune di Cotignola ATTIVITA' ORDINARIE 2013 - PROGETTO RPP: RESPONSABILE: UFFICIO URP - SPORTELLO POLIFUNZIONALE BARBERINI GIOVANNI CdC ATTIVITA' ORDINARIE 2013 - CDR005 PROGETTO RPP: RESPONSABILE: RESP. COMUNICAZIONE UFFICIO URP - SPORTELLO POLIFUNZIONALE BARBERINI GIOVANNI 100 Miglioramento e razionalizzazione attività ordinarie

Dettagli

Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA

Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA Prot. 2015/25992 Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate

Dettagli

L'anno duemiladieci, addì 30 del mese di aprile con la presente scrittura privata, da valere ad ogni effetto di legge, TRA

L'anno duemiladieci, addì 30 del mese di aprile con la presente scrittura privata, da valere ad ogni effetto di legge, TRA Repertorio Unione Terre di Pianura n. 7 del 30/04/2010 CONVENZIONE TRA I COMUNI DI BARICELLA, BUDRIO, GRANAROLO DELL EMILIA, MINERBIO E L UNIONE DI COMUNI TERRE DI PIANURA PER IL CONFERIMENTO DELLE FUNZIONI

Dettagli

2013-2018 ROMA CAPITALE

2013-2018 ROMA CAPITALE 2013-2018 ROMA CAPITALE Proposte per il governo della città Sintesi stampa IL VINCOLO DELLE RISORSE ECONOMICO-FINANZIARIE Il debito del Comune di Roma al 31/12/2011 ammonta a 12,1 miliardi di euro; di

Dettagli

REGOLAMENTO INTERNO DELL UFFICIO SEGRETERIA

REGOLAMENTO INTERNO DELL UFFICIO SEGRETERIA REGOLAMENTO INTERNO DELL UFFICIO SEGRETERIA PREMESSA Le attività dell Ordine dei Medici Chirurghi e degli Odontoiatri di Ravenna sono regolate dal DLCPS 233/1946, dal DPR 221/1950 e dalla legge 409/1985

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL PART-TIME, DELLE INCOMPATIBILITA' E DEI SERVIZI ISPETTIVI

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL PART-TIME, DELLE INCOMPATIBILITA' E DEI SERVIZI ISPETTIVI REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL PART-TIME, DELLE INCOMPATIBILITA' E DEI SERVIZI ISPETTIVI Approvato con D.G. N.40 DEL 10.04.2000 Modificato con D.G. N.79 DEL 04.11.2002 Modificato con D.G. N.70 DEL 13.11.2006

Dettagli

Commissione parlamentare di vigilanza sull'anagrafe tributaria. Roma, 18 marzo 2015

Commissione parlamentare di vigilanza sull'anagrafe tributaria. Roma, 18 marzo 2015 Commissione parlamentare di vigilanza sull'anagrafe tributaria Audizione del Direttore dell Agenzia del Demanio Roma, 18 marzo 2015 Indice Audizione presso la Commissione Parlamentare di Vigilanza sull

Dettagli

C O M U N E DI O P E R A

C O M U N E DI O P E R A copia Codice Ente 11047 OGGETTO: APPROVAZIONE ALIQUOTE IMU ANNO 2014 VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE Adunanza Ordinaria di Prima convocazione - seduta Pubblica. L'anno duemilaquattordici

Dettagli

Comune di Mentana Provincia di Roma

Comune di Mentana Provincia di Roma BANDO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI INTEGRATIVI A SOSTEGNO DEL PAGAMENTO DEI CANONI DI LOCAZIONE ANNUALITA FINANZIARIA 2013 IL RESPONSABILE DEL SETTORE SERVIZI ALLA PERSONA - VISTO l articolo 11 della

Dettagli

Roma, 11 marzo 2011. 1. Premessa

Roma, 11 marzo 2011. 1. Premessa CIRCOLARE N. 13/E Direzione Centrale Accertamento Roma, 11 marzo 2011 OGGETTO : Attività di controllo in relazione al divieto di compensazione, in presenza di ruoli scaduti, di cui all articolo 31, comma

Dettagli

La legge sul Volontariato della Regione Lazio

La legge sul Volontariato della Regione Lazio La legge sul Volontariato della Regione Lazio Legge 29 del 1993 Art. 2 Attività ed organizzazioni di volontariato 1. Ai sensi dell'art. 2 della legge n. 266 del 1991: a) l'attività di volontariato disciplinata

Dettagli

PROCEDURE DEL MODELLO ORGANIZZATIVO 231 PROCEDURE DI CONTROLLO INTERNO (PCI)

PROCEDURE DEL MODELLO ORGANIZZATIVO 231 PROCEDURE DI CONTROLLO INTERNO (PCI) Pag. 1 di 16 PROCEDURE DEL MODELLO Pag. 2 di 16 Indice PROCEDURE DEL MODELLO... 1 PCI 01 - VENDITA DI SERVIZI... 3 PCI 02 PROCEDIMENTI GIUDIZIALI ED ARBITRALI... 5 PCI 03 AUTORIZZAZIONI E RAPPORTI CON

Dettagli

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi Questo documento vuole essere una sintetica descrizione dei servizi e delle opportunità che i servizi sociali del Comune-tipo

Dettagli

** * ** Acquisito il parere delle competenti commissioni parlamentari previsto dal citato articolo 24;

** * ** Acquisito il parere delle competenti commissioni parlamentari previsto dal citato articolo 24; D.Lgs. 6-9-1989 n. 322 1 Norme sul Sistema statistico nazionale e sulla riorganizzazione dell'istituto nazionale di statistica, ai sensi dell'art. 24 della L. 23 agosto 1988, n. 400. Pubblicato nella Gazz.

Dettagli

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Enti locali per Kyoto Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Rodolfo Pasinetti Ambiente Italia srl Milano, 15 dicembre 2006 Contesto Politiche energetiche Nel passato

Dettagli

IL FUNZIONARIO RESPONSABILE

IL FUNZIONARIO RESPONSABILE IL FUNZIONARIO RESPONSABILE Vista la vigente normativa in materia, applicabile all'imposta Comunale sugli Immobili e richiamata nel presente atto, AVVISA il contribuente, Coce Fiscale, residente in - (

Dettagli