NOTIZIARIO N GIUGNO 2012

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "NOTIZIARIO N. 11 15 GIUGNO 2012"

Transcript

1 NOTIZIARIO N GIUGNO 2012 AFFARI GENERALI CCIAA Ravenna Piano per l occupazione ed azioni anticrisi : apertura bandi per le assunzioni/stabilizzazioni e per la creazione d impresa. pag. 3 Siglato il 17 maggio 2012 il nuovo Patto per lo sviluppo della Provincia di Ravenna. pag. 31 Siglato il 17 maggio 2012 il nuovo Patto per il Welfare e la salute della Provincia di Ravenna. pag. 47 Decreto Legge 6 giugno 2012, n. 74 a favore delle popolazioni colpite dagli eventi sismici misure riguardanti imprese e lavoratori. pag. 60 ESTERO Regolamento (UE) n. 388/2012 del 19 aprile 2012: regime comunitario di controllo delle esportazioni, del trasferimento, dell intermediazione e del transito di prodotti a duplice uso. pag. 89 SACE pubblicata la nuova mappa per la classificazione dei rischi pag. 90 FISCALE Donazioni a favore delle popolazioni terremotate: possibili detrazioni e deduzioni fiscali. pag. 92 FORMAZIONE Corso formazione: Lean & Green. pag. 94 SINDACALE E PREVIDENZIALE Incentivi per i datori di lavoro che nel 2011 hanno assunto lavoratori beneficiari dell indennità di disoccupazione istruzioni INPS per la loro fruizione. pag. 96 Corresponsione dell assegno per il nucleo familiare: nuovi livelli reddituali per il periodo 1 luglio giugno pag. 101 Contratti di secondo livello: varato il decreto per la decontribuzione degli importi erogati nell anno pag. 102 Tassazione agevolata sulle somme collegate all incremento della produttività del lavoro («detassazione») pubblicato il decreto che rende operativa nel 2012 l applicazione dell imposta sostitutiva. pag. 108 Permessi ai lavoratori volontari della protezione civile. pag. 111 Indice di Rivalutazione TFR mese di maggio pag. 114

2 AFFARI GENERALI OGGETTO: CCIAA RAVENNA PIANO PER L OCCUPAZIONE ED AZIONI ANTICRISI APERTURA BANDI PER LE ASSUNZIONI/STABILIZZAZIONI E PER LA CREAZIONE D IMPRESA La Camera di Commercio di Ravenna, nell ambito delle iniziative promozionali volte a favorire lo sviluppo del sistema economico locale, intende incentivare la valorizzazione del capitale umano nelle imprese ravennati e sostenere la nascita di nuove imprese. Per il raggiungimento di tale obiettivo sono stati elaborati due bandi: Per la concessione di contributi alle imprese che effettuano nuove assunzioni, stabilizzazione di lavoratori già presenti in azienda, o investimenti in formazione manageriale e ricerca; Per la concessione di contributi ad aspiranti e neo imprenditori. In entrambi i bandi, in sede di formulazione delle graduatorie, vengono applicati criteri di priorità che vanno a privilegiare i giovani e le donne. BANDO PER LA VALORIZZAZIONE DEL CAPITALE UMANO E SOSTEGNO DELL OCCUPAZIONE IN PARTICOLARE GIOVANILE E FEMMINILE BENEFICIARI Possono presentare richiesta per ottenere i contributi le imprese: con sede e/o unità operativa nella provincia di Ravenna; che non abbiano disposto licenziamenti o avviato procedure di C.I.G.S. che abbiano interessato lavoratori adibiti alle stesse mansioni nel semestre immediatamente precedente la data di apertura del bando (20/06/2012); che si impegnano a non effettuare licenziamenti nei 12 mesi successivi alla concessione del contributo che interessino lavoratori adibiti alle stesse mansioni (fatto salvo il recesso per giusta causa, giustificato motivo o per impossibilità sopravvenuta della prestazione così come contemplati dal codice civile). NON HANNO DIRITTO AL CONTRIBUTO le imprese inattive; le imprese sottoposte a procedure concorsuali o coattive; le imprese che negli ultimi due anni hanno avuto protesti; le imprese non in regola con le iscrizioni al Registro Imprese ed altri albi o ruoli e registri camerali; le imprese non in regola con il pagamento del diritto annuale alla C.C.I.A.A.; le imprese non in regola con il pagamento dei contributi e delle previdenze del personale dipendente; le imprese che per le stesse voci di spesa hanno già beneficiato di contributi pubblici; le imprese che hanno beneficiato del contributo camerale per l assunzione di giovani previsto dal bando di cui alla delibera di Consiglio n. 29/2011. AZIONI FINANZIABILI 3

3 AFFARI GENERALI A) Sostegno all assunzione di personale già presente in azienda: trasformazione del contratto di lavoro da tempo determinato a tempo indeterminato; trasformazione o stabilizzazione con contratto di lavoro a tempo indeterminato di lavoratori presenti in azienda con contratti di somministrazione, collaborazione a progetto e apprendisti. N.B.: I contratti di lavoro risultanti dalla stabilizzazione di precedenti forme contrattuali stipulati non dovranno contenere il cosiddetto patto di prova, in virtù del fatto che, trattandosi di rapporti di lavoro già in essere, per essi non è necessaria la verifica delle capacità del dipendente. B) Sostegno dell assunzione di personale inserito ex novo in azienda: assunzione con contratto a tempo indeterminato a seguito del superamento di un patto di prova della durata massima di 6 mesi. N.B.: I contratti di lavoro a tempo indeterminato, sia a tempo pieno o a tempo parziale, dovranno contenere una specifica clausola di stabilità intesa a garantire una durata minima del rapporto di lavoro impegnando le parti a non recedere dal contratto per un periodo minimo di 12 mesi (fatto salvo il recesso per giusta causa ai sensi dell art codice civile o per impossibilità sopravvenuta della prestazione ai sensi degli articoli 1463 e 1464 codice civile). C) Sostegno alla valorizzazione del capitale umano: attivazione di contratti di lavoro che prevedano l inserimento in azienda di diplomati di Master per un periodo di almeno 6 mesi; assunzione con contratto a tempo indeterminato, o determinato di almeno 1 anno, di lavoratori adibiti a progetti di ricerca; assunzione con contratto di lavoro subordinato di una figura manageriale (Temporary Manager) per almeno 6 mesi, con l obiettivo di assistere l impresa nello sviluppo economico; frequenza, da parte di dipendenti, di un Master universitario dedicato a figure dirigenziali per sviluppare competenze professionali altamente specializzate. AZIONI FINANZIABILI E TERMINI DI PRESENTAZIONE Il presente bando di rivolge ad azioni intraprese nel periodo compreso tra il 20 giugno 2012 ed il 31 dicembre 2012 per le azioni di cui ai punti A) e B) e tra il 1 gennaio 2011 ed il 31 dicembre 2012 per le azioni di cui al punto C). Ciascuna impresa potrà beneficiare fino ad un massimo di due contributi con riferimento alle azioni liberamente scelte nell ambito delle misure previste dal bando. Le domande di contributo possono essere presentate a partire dal 20 giugno 2012 fino al 31 dicembre Fra tutte le istanze ammissibili verrà redatta una graduatoria sulla base dei seguenti criteri: 1) assunzioni di giovani (non più di 35 anni al 31/12/2012); 2) ordine cronologico d invio delle domande. AMMONTARE DEI CONTRIBUTI Per le azioni di cui ai punti: A) Sostegno all assunzione di personale già presente in azienda 4

4 AFFARI GENERALI B) Sostegno dell assunzione di personale inserito ex novo in azienda. Il contributo per ogni singola azione realizzata è riconosciuto nella misura di (4.000 se donna), in caso di assunzioni a tempo parziale il contributo sarà proporzionalmente ridotto. Per le azioni di cui al punto: C) Sostegno alla valorizzazione del capitale umano Il contributo per ogni singola azione realizzata è riconosciuto nelle seguenti misure: c1) attivazione di contratti di lavoro che prevedano l inserimento in azienda di diplomati in Master 1.000; c2) assunzione di lavoratori adibiti a progetti di ricerca italiani o stranieri a tempo indeterminato ed a tempo determinato; c3) assunzione con contratto di lavoro subordinato di una figura manageriale (Temporary Manager) per almeno 6 mesi 2.000; c4) frequenza da parte di dipendenti di un Master Universitario a titolo di copertura parziale delle spese sostenute per iscrizione a Master. BANDO PER LA CREAZIONE ED IL SOSTEGNO ALLE NUOVE IMPRESE, IN PARTICOLARE GIOVANILI E FEMMINILI BENEFICIARI aspiranti imprenditori, che siano intenzionati ad avviare un impresa localizzata nella provincia di Ravenna entro il 31 dicembre 2012; nuove imprese con sede e/o unità operativa in provincia di Ravenna, costituite da non più di 3 mesi dalla data d invio della domanda di contributo. N.B.: le imprese beneficiarie si impegnano a iniziare l attività entro il 31/12/2012, mantenere la sede e/o unità operativa realizzata con il sostegno della Camera di Commercio in provincia di Ravenna per almeno 5 anni dalla data di erogazione del contributo e a non cessare l attività nei 3 anni dalla data di erogazione del contributo. AZIONI FINANZIABILI E SPESE AMMSSIBILI Spese sostenute fra il 1 gennaio 2012 ed il 31/12/2012 riconducibili ad attività di avvio di nuove imprese per: acquisto di beni strumentali, macchinari, attrezzature, arredi, strutture non in muratura e rimovibili necessari all attività; impianti generali per un importo massimo del 30% del totale dell investimento complessivamente ammesso; quote iniziali del contratto di franchising, nel limite del 30% del totale dell investimento complessivamente ammesso; acquisto e sviluppo di software gestionale, professionale e altre applicazioni aziendali inerenti l attività dell impresa; registrazione e sviluppo di marchi e brevetti e relative spese per consulenze specialistiche; spese pluriennali per il piano di comunicazione; ricerche di mercato relative all analisi di settore e ai segmenti di mercato potenziali; consulenza e servizi specialistici, anche di mentoring a supporto dell imprenditore; parcelle notarili e spese di costituzione. AMMONTARE DEL CONTRIBUTO 5

5 AFFARI GENERALI Il contributo riconoscibile è pari al 50% (60% nel caso d impresa femminile) dell importo complessivo delle spese sostenute (al netto di IVA e di altre imposte e tasse), sino ad un massimo di euro (5.000 se femminile). Costo minimo (spese ammesse) almeno pari o superiore a euro. ESAME DELLE DOMANDE L ufficio competente, avvalendosi della consulenza del Comitato tecnico, composto da tre membri di cui due rappresentanti della CCIAA ed uno dell Ordine dei Ragionieri e Dottori Commercialisti della provincia di Ravenna, in merito all ammissibilità e valutazione dei progetti, alla scadenza del bando, analizzerà le domande e provvederà a redigere la graduatoria sulla base dell ordine di priorità e, nell ambito di ciascuna priorità, del punteggio ottenuto. PER INFORMAZIONI E possibile rivolgersi all ufficio Sportello Nuove imprese e Incentivi della Camera di Commercio di Ravenna: tel.: 0544/ Roberta Drei tel.: 0544/ Nadia Minghetti 6

6 Allegato B) alla delibera n. 80 del verbale di Giunta del 25/05/2012 Bando per la valorizzazione del capitale umano ed il sostegno all'occupazione, in particolare giovanile e femminile Art. 1 Beneficiari Nell ambito delle iniziative promozionali volte a favorire lo sviluppo del sistema economico locale, la Camera di Commercio intende incentivare la valorizzazione del capitale umano giovanile e femminile nelle imprese ravennati e contrastare la dispersione di questa risorsa, strategica per le aziende. Possono presentare richiesta per ottenere i contributi le imprese: - con sede e/o unità operativa nella provincia di Ravenna; - che non abbiano disposto licenziamenti o avviato procedure di C.I.G.S. che abbiano interessato lavoratori adibiti alle stesse mansioni nel semestre immediatamente precedente la data di apertura del bando ( 20/06/2012); - che si impegnano a non effettuare licenziamenti nei 12 mesi successivi alla concessione del contributo che interessino lavoratori adibiti alle stesse mansioni (fatto salvo il recesso per giusta causa, giustificato motivo o per impossibilità sopravvenuta della prestazione così come contemplati dal codice civile); - che instaurino una delle azioni indicate nel successivo articolo 4. I soggetti per i quali si richiede il beneficio non devono essere: coniuge, fratello/sorella, discendente o ascendente in linea diretta fino al secondo grado del titolare, dei soci o amministratori dell'impresa. Tutte le azioni previste dal presente bando debbono essere riferite a persone che prestino la loro opera esclusivamente nel territorio della provincia di Ravenna. Art. 2 Normativa comunitaria in materia di aiuti di stato: regimi di erogazione dei contributi L agevolazione è concessa con le modalità, i criteri, i limiti e le esclusioni degli aiuti de minimis di cui al Regolamento della Commissione Europea n. 1998/2006, relativo all applicazione degli articoli 87 e 88 del Trattato CE agli aiuti d importanza minore ( de minimis ), pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale dell Unione Europea, serie L n. 379, del 15 dicembre Il regime di aiuti de minimis consente all impresa di ottenere aiuti a qualsiasi titolo, riconducibili alla categoria de minimis, complessivamente non superiori a euro ,00 nell arco di tre esercizi finanziari. L importo complessivo degli aiuti de minimis concessi ad un impresa attiva nel settore del trasporto su strada non deve superare ,00 euro su un periodo di tre esercizi finanziari. Si specifica che il nuovo regolamento de minimis non si applica ai seguenti aiuti (cfr. art. 1 Reg. CE 1998/2006): 1) aiuti nel settore della pesca, dell acquacoltura e della produzione primaria dei 1 7

7 prodotti agricoli di cui all allegato I del Trattato; 2) aiuti ad attività connesse all esportazione verso paesi terzi o Stati membri, ossia aiuti direttamente collegati ai quantitativi esportati, alla costituzione e gestione di una rete di distribuzione o altre spese correnti connesse all attività di esportazione; 3) aiuti destinati all acquisto di veicoli per il trasporto di merci su strada; 4) aiuti concessi ad imprese in difficoltà. Al riguardo dovrà essere presentata esplicita attestazione sugli eventuali aiuti ricevuti rientranti nel regime de minimis. Art. 3 Non hanno diritto al contributo: le imprese inattive; le imprese sottoposte a procedure concorsuali o coattive; le imprese che abbiano avuto protesti nel corso degli ultimi due anni (il titolare nelle ditte individuali oppure i singoli soci nel caso di società di persone); le imprese che non risultino in regola con le iscrizioni al Registro delle imprese e/o REA ed altri Albi, Ruoli e Registri camerali obbligatori per le relative attività; le imprese che non risultino in regola con il versamento dei contributi e delle previdenze del personale dipendente; le imprese non in regola con il pagamento del diritto annuale alla Camera di Commercio; le imprese che per le stesse voci di spesa, beneficino di altri finanziamenti o contributi pubblici; le imprese che hanno già beneficiato del contributo camerale per l'assunzione di giovani previsto dal Bando di cui alla Delibera di Consiglio n.29 del 2/05/2011. Art. 4 Tipologia delle azioni finanziabili A) Sostegno all'assunzione di personale già presente in azienda: 1. trasformazione del contratto di lavoro da tempo determinato a tempo indeterminato; 2. trasformazione o stabilizzazione con contratto di lavoro a tempo indeterminato di lavoratori presenti in azienda con contratti di somministrazione, collaborazione a progetto e apprendisti; I contratti di lavoro risultanti dalla stabilizzazione di precedenti forme contrattuali stipulati non dovranno contenere il cosiddetto patto di prova, in virtù del fatto che, trattandosi di rapporti di lavoro già in essere, per essi non è necessaria la verifica delle capacità del dipendente. I conseguenti contratti di lavoro a tempo indeterminato, siano essi a tempo pieno o a tempo parziale, dovranno contenere una specifica clausola di stabilità intesa a garantire una durata minima del rapporto di lavoro impegnando le parti a non recedere dal contratto per un periodo minimo di 12 mesi (fatto salvo il recesso per giusta causa ai sensi dell'art codice civile o per impossibilità sopravvenuta della prestazione ai sensi degli articoli 1463 e 1464 codice civile). B) Sostegno dell'assunzione di personale inserito ex novo in azienda: 1. assunzione con contratto a tempo indeterminato a seguito del superamento di un patto di prova della durata massima di 6 mesi; 2 8

8 I conseguenti contratti di lavoro a tempo indeterminato, siano essi a tempo pieno o a tempo parziale, dovranno contenere una specifica clausola di stabilità intesa a garantire una durata minima del rapporto di lavoro impegnando le parti a non recedere dal contratto per un periodo minimo di 12 mesi (fatto salvo il recesso per giusta causa ai sensi dell'art codice civile o per impossibilità sopravvenuta della prestazione ai sensi degli articoli 1463 e 1464 codice civile). Le azioni di cui ai punti A) e B) devono essere intraprese a partire dal 20/06/2012 al 31/12/2012. C) Sostegno alla valorizzazione del capitale umano: 1. attivazione di contratti di lavoro che prevedano l'inserimento in azienda di diplomati di Master per un periodo di almeno 6 mesi; 2. assunzione con contratto a tempo indeterminato o determinato, di almeno un anno di lavoratori italiani e stranieri adibiti a progetti di ricerca; 3. assunzione con contratto di lavoro subordinato di una figura manageriale (Temporary Manager) per almeno 6 mesi, con l'obiettivo di assistere l'impresa nello sviluppo economico; 4. frequenza, da parte di dipendenti, di un Master universitario dedicato a figure dirigenziali per sviluppare competenze professionali altamente specializzate e finalizzate ad una più efficace gestione aziendale. Le azioni di cui al punto C) possono essere intraprese a partire dal 01/01/2012. Ciascuna impresa potrà beneficiare fino ad un massimo di due contributi con riferimento alle azioni liberamente scelte nell'ambito delle misure previste dal bando. Art. 5 Ammontare del contributo A) Sostegno all'assunzione di personale già presente in azienda Il contributo per ogni singola azione realizzata è riconosciuto nelle seguenti misure: a1) Trasformazione del contratto di lavoro da tempo determinato a tempo indeterminato 3.000; a2) Assunzione a tempo indeterminato di lavoratori con contratto di somministrazione e collaborazione a progetto 3.000; In caso di assunzioni a tempo parziale il contributo sarà proporzionalmente ridotto. In caso di assunzioni di personale femminile il contributo verrà aumentato di B) Sostegno dell'assunzione di personale inserito ex novo in azienda: Il contributo per ogni singola azione realizzata è riconosciuto nelle seguenti misure: b1) Assunzione con contratto a tempo indeterminato a seguito del superamento di un patto di prova della durata massima di 6 mesi 3.000; In caso di assunzioni a tempo parziale il contributo sarà proporzionalmente ridotto. In caso di assunzioni di personale femminile il contributo sarà aumentato di C) Sostegno alla valorizzazione del capitale umano: Il contributo per ogni singola azione realizzata è riconosciuto nelle seguenti misure: c1) Attivazione di contratti di lavoro che prevedano l'inserimento in azienda di diplomati in Master 2.000; requisiti: diploma Master c2) Assunzione di lavoratori adibiti a progetti di ricerca italiani o stranieri 3000 a tempo indeterminato ed a tempo determinato; 3 9

9 requisiti: diploma dottorato di ricerca c3) Assunzione con contratto di lavoro subordinato di una figura manageriale (Temporary Manager) per almeno 6 mesi 2.000; requisiti: Laurea e almeno 3 anni di esperienza c4) Frequenza da parte di dipendenti di un Master Universitario a titolo di copertura parziale delle spese sostenute per iscrizione a Master; requisiti: frequenza Master presso l'università In caso di personale femminile i contributi, di cui ai punti c1,c2,c3, e c4, saranno aumentati di Art. 6 Presentazione delle domande di contributo Modalità di compilazione La domanda di contributo, da redigere su apposito modulo scaricabile dal sito dovrà essere sottoscritta, con firma digitale, dal legale rappresentante del soggetto richiedente, Trasmissione delle domande Le domande dovranno essere inviate esclusivamente: - per posta elettronica certificata (PEC) a: E esclusa qualsiasi altra modalità d invio, pena l inammissibilità della domanda. Si terranno in considerazione le domande inviate entro la scadenza del bando. Le domande incomplete in una qualsiasi parte, o che non dovessero indicare uno degli elementi o dei dati richiesti, nonché quelle prive della documentazione necessaria, saranno dichiarate inammissibili. La Camera di Commercio si riserva la facoltà di richiedere all impresa ulteriore documentazione e/o chiarimenti ad integrazione della domanda. Il mancato invio della stessa, entro il termine perentorio di 15 giorni dalla data di ricevimento della richiesta, comporterà l automatica inammissibilità della domanda. Termini di presentazione Le domande di contributo possono essere presentate a partire dal 20 giugno 2012 al 31 dicembre Art. 7 Esame delle domande Entro 60 giorni dalla chiusura del bando, le domande pervenute verranno esaminate da una Commissione tecnica composta da un rappresentante della CCIAA di Ravenna e da un rappresentante del Centro per l'impiego della Provincia di Ravenna, previa verifica del possesso dei requisiti di ammissibilità dei soggetti beneficiari (art. 1, e 3) e della completezza della documentazione presentata, si provvederà a redigere la graduatoria sulla base dei seguenti criteri: 1) priorità alle assunzioni di giovani (persona che non abbia compiuto il 36 anno di età alla data di scadenza del bando (31/12/2012). 2) ordine cronologico di invio delle domande di contributo. Tra tutte le domande aventi la stessa data di spedizione sarà operato un riparto proporzionale delle risorse che risulteranno ancora disponibili dopo aver soddisfatto tutte le richieste di contributo ammesse con data precedente. 4 10

10 Nel corso dell'istruttoria, sarà facoltà dell'ufficio competente richiedere integrazioni o chiarimenti in merito alla documentazione presentata, assegnando all'impresa un termine perentorio, di norma fissato in 10 gg. lavorativi dalla comunicazione, per la risposta. Decorso inutilmente tale termine, la domanda si intenderà definitivamente non ammessa al contributo. Nel caso di rinuncia da parte di altri beneficiari o riduzione di importo in sede di esame delle rendicontazioni finali, la Camera di Commercio, tenuto conto dell'entità delle risorse disponibili e del numero di domande inizialmente escluse per esaurimento dei fondi, si riserva la possibilità di procedere all'istruttoria delle istanze giacenti secondo l'ordine cronologico di presentazione. Il responsabile del procedimento amministrativo riferito al presente bando è il Dirigente dell'area di riferimento. Art. 8 Ammissione al contributo Completata l'istruttoria, il dirigente di settore adotta il provvedimento amministrativo conseguente. L'ammissione a contributo e qualsiasi altra comunicazione inerente il procedimento, viene notificata all'impresa beneficiaria, a cura dell'ufficio responsabile del procedimento, a mezzo PEC ad un indirizzo PEC, che dovrà essere, obbligatoriamente indicato del richiedente nella domanda di contributo. Art. 9 Rendicontazione A) Sostegno all'assunzione di personale già presente in azienda Le rendicontazioni finali dovranno essere inviate a CCIAA di Ravenna - Ufficio Nuove Imprese ed Incentivi, Viale L.C. Farini n. 14, utilizzando l'apposito modulo, entro 60 giorni dallo scadere dei 12 mesi di lavoro continuativo dalla data della trasformazione del contratto oggetto del beneficio. Al momento della presentazione delle rendicontazioni finali dovrà essere allegata al modulo di cui sopra la seguente documentazione: copia dell'attestazione della denuncia contributiva (modello UNIEMENS) riferita al periodo lavorativo nel nuovo regime a tempo indeterminato, presentata dall'impresa e rilasciata dall'inps; B) Sostegno dell'assunzione di personale inserito ex novo in azienda: Le rendicontazioni finali dovranno essere inviate utilizzando l'apposito modulo scaricabile dal sito camerale entro 60 giorni dallo scadere dei 12 mesi di lavoro continuativo dalla data dell'assunzione oggetto del beneficio Al momento della presentazione delle rendicontazioni finali dovrà essere allegata al modulo di cui sopra la seguente documentazione: copia dell'attestazione della denuncia contributiva (modello UNIEMENS) riferita al periodo lavorativo nel nuovo regime a tempo indeterminato, presentata dall'impresa e rilasciata dall'inps; C) Sostegno alla valorizzazione del capitale umano: Le rendicontazioni finali dovranno essere inviate utilizzando l'apposito modulo, entro 60 giorni dalla fine del periodo minimo di durata del contratto o conclusione del Master, allegando copia della seguente documentazione: Fattura di pagamento con quietanza in originale della quota di partecipazione al Master ed attestato di partecipazione al corso. 5 11

11 Per tutte e tre le tipologie di azioni (A, B e C) andrà allegata copia del documento d'identità delle persone per le cui assunzioni/stage si richiede il contributo. Art.10 Liquidazione del contributo La liquidazione del contributo avverrà con provvedimento del Dirigente di settore una volta che le imprese beneficiarie avranno adempiuto a quanto stabilito all'art.9 Art. 11 Revoca del Contributo L'eventuale contributo assegnato sarà revocato, comportando la restituzione delle somme eventualmente già versate, nei seguenti casi: cancellazione dell'impresa richiedente dal Registro delle Imprese nei 24 mesi successivi alla concessione del contributo; mancato rispetto delle condizioni di ammissibilità previste dagli art. 1 e 4; sopravvenuto accertamento o verificarsi di uno dei casi di esclusione di cui al precedente art. 3; mancata trasmissione della documentazione e/o degli idonei giustificativi delle spese complessive sostenute entro i termini e con le modalità di cui al precedente art. 9; rinuncia da parte del beneficiario. Art. 12 Controlli La Camera di Commercio di Ravenna si riserva, inoltre, la possibilità di mettere in atto misure di controllo e verifica, anche a campione, per accertare l effettiva attuazione degli interventi per i quali viene erogato il contributo. Qualora dal controllo emerga la non veridicità del contenuto delle dichiarazioni, il dichiarante decadrà dai benefici conseguenti alla dichiarazione mendace, ferme restando le eventuali responsabilità penali. 6 12

12 !! #!! # #% & ( % %& (& ) )!+ &(,) ),& ). /!! 0 1!)2!, &!1,,1& 3 ) # # #) #) #% ( #% & 4+!& 5 &. &! ) )2!) // ) ) ) )!!6&,/ ) ),& 7& ) ( % # ( #&! # #% )+, & #(! ) 13

13 ) ) & // ) ) 7 %& & ) &! ) ) +& 8 &8) &,) &! &! ( 3 %() & )!),) 9 ) &! &,)!). :::1 1,,1& ; &(& 5 /, 7&!&; & + &; & + & & ; & + & &(! &!!) &,/ ) );/ 2& +/ 7& )1 < (. (# # # & & + &!!) &,/ ) ) /)! (! &77 7& ) )! /&!) +, ) &! )2 )!! +/ 7& ) & / &! ) 2& ( &!) ) 8),,& &!) ( (. ( & / ( 0)/0) / 3 =!# & # ( # # ( %# # ),/ ) ),& ),/ & ) ),& #1 #& #& #) # #&# & # # ( 1# & # ( 1# 2 #1 #& #) #& # #&# & # # ( 1# & # ( 1# 2 8, 7& ) &!&77 7& ) # # # ( %# # & # ( & # ( %# # ( # # ( #&& # 3 #.# # #1 # ( #1 #& #) #& # #&# & # # ( 1# & # ( 1# 2 #1 #& #) #& # #&# & # # ( 1# & # ( 1# 2 14

14 3 > 3 # # # # ),/ & ) ),& )2+& )! +/),) & +?/ & / ( )!! +, &, &,) & #1 #& #& #) # #&# & # # ( 1# & # ( 1# 2 #1 #& #) #& # #&# & # # ( 1# & # ( 1# % # ( # ( %# # 4 % ( # 5 & # ( ( &/!, & & ) /) + /) & &!,),) & #1 #& #& #) # #&# & # # ( 1# & # ( 1# 2 #1 #& #) #& # #&# & # # ( 1# & # ( 1# 2 3 # # # # & # ( & # # ( & # ( & # #3 ( %# # &!& & &) & (. #1 ( & ) #1 #& #& #) # #&# & # # ( 1# & # ( 1# 2 #1 #& #) #& # #&# & # # ( 1# & # ( 1# 2! 15

15 Α3 # # # # ( %# #.# ( # ( + 8&2+, 2) &!) % ),/ Β 2) 3 & # 6 & 3 # 5#. %# ( 5 & # % # # #& # #1 #& #) #& # #&# & # # ( 1# & # ( 1# 2 #1 #& #) #& # #&# & # # ( 1# & # ( 1# 2! 7 ( ( ( ( ( ) + &() & & ( ( #! 1 ( 1 % #& #! # &! ( 8!! 1 # ( #1 #& #) #& # #&# & # # ( 1# & # ( 1# 2 #1 #& #) #& # #&# & # # ( 1# & # ( 1# 2! 3 # # #3 ( ( + 0 ( ) ) ///3 # %# ( #. : ; ( # # # ( ( 4 # & ( # (. # (! # # ( # # ( % : % ( 96 ( + 0) ///! ( < && # ( #. #= < ( # # ( 1# & # &. 7 4 ( 5 1 %# # > 4 # (.! # # # # # 1 3! #) # 3 ( ( # ( (! # # (# 1 (# ( # 3 ( # # && # ( 5 & % (. (# > 5 &? 1# # % & # ( #. ( % ( ( # ( ( > ( % 1 ( ( # # % = %& & )!, &! ) &! & ) &) 5 & & &77 )2!& +88& &,/) ) & )! &(,) )!!+ 2 () Χ ) )!)2!)! &)

16 # %& ( ) # %& ( ) + + & ( 1# & # 1 # ( & & ( #&& # ( % > 4 # # # ( ( % #3 ( ( ( # # # % ( < / ( 11 /0 Α &! % &#(! 4 > ( # %. # # # # ( & ( % ( 3 # # ( # : ( # 1 & ( > 4 < & #? # # # # ( # # # 7 ( # # #% # ( (!! # : ( #& # ( #&& # # // ) )/ > ( % # % # ( <!# & % % Β ( < ( 1 Α6) // ( #. < ( # :::1 1,,1& ( # & ( #&& # ( % & #3 4 #& #3 ( (!#! : & #! # # ( ( & ( # ( (#& ( ( % #1 # ( #. #11 # (. (#> ( 1# # 1 & # ( ( # ( #. 3 # (# % 1 # & > ( # %.! # ( #. # & 5 # ( 1 #% % # (. (# ( (. ( # 1 # Α ( / )/0) / > ( # % ( # # & # %% # # ( ( 4.. # # %# # # & # & && ( & ( ( ( (. (# %! ; ;! ; ; 3 ( # %# ( ( %# ( #. # % ( 5 (. (#> 4 # ( #. # # # # # ( 7 4 (. (# 1# # #1 ( # 4 ( # #1# # # ( #. # > ( # # (! # 4 1 %# # (. (# # # # (# ( # # % ( 1 & Χ( & & (. (# > ( # % # # 1 %# #.. 4 % ( #11 # 1 % > ( # % & % # 3 % & 3 # &.# # # ( # # # #. # # % ( # 4 # ( #& 1 # #&. ( #&& # # (# # 7 ( # ( 1 Ε 6. 3 #&& 3 11!.. # //03 #& &#(! # ( 5 3 #&& ( 11 9 ( &. //63 Α6 > ( # &#& # #.. 1 # # ( ( ( # 4 # ( #& 1 # #&. ( #&& # # > ( # %.! #3 1 &! 3 ( 1 %# # (!#.. #1 1 & ( ( & & 1# & # ΑΑ ) //6 % ( #. (# 4 3 #&& #. #3 # < & # # ( // /// Φ // /// Φ # ( & % # ( # # ( = 17,

17 4 # 4! # ( #. # 1 & ( & & 3.. #? +!! 3 ) &7& ) )!6 2)(! 7& ) & )2&,) ),& &,& ) ) 2 ) ) & ),/ & )+!)! % 3 ( 5 9 (. (#3 # ( 1 # %# % ( # ( # )#!# & # 4 ( ( & ( #&& #> #!! & & % # # ( #. # 4 # %# # (. & #! # %# # Χ1 3 1! # &# %# # Χ & #. : # %% ( # # Γ #& # & ( #( % > & (# & # ( 5 Α & ( # #. # # # ( # 4 3 #& % # ( 5 (. (#3 & ( #&& # ( % % 3 # 3 #. : ( & # & ( # # # %! 3 4 & # 3 5!! % # ( 1 % 7 % #1 # #. # Η # ( # # # & 1 # % ( : ( # # ( ( 4 # 3 ( 4 ( ( : (.! # 1 ( 4 # & ( 3! & (# % #. : )8) ) ) /)!6&,/ ). #& # ( #! & #1# (! & # 11. # # # # ( 1 (# & #! & # ( 1 & # : & # #& 1 # 1 ( #!! ( # # = /!! 0 1!)2!, &!1,,1& 1 4 # &&. )!+ &(, ) (#& ( % ( ( # #!,) )& & /)!& 4! (!# & #3 ( 5 ( 1 /)/6) // Α63 4 ( # # # 3 # # < # ( &!# & 3 ( ( #11 #! # (# & ( 3 < &. # ( # ( & # && %# % # # ( # ( # & % % 1 4 #! & # ( (? #.. 1 # #! ( < ( %# # ( & # && %# 4 7 % # #& & # &#( : % ( # & % % 1 & # ( & # ( (? & ( #&& #3 ( 3 1 # 1 # ( % (#%? #. %# 1 < % # ( ( % ( 1 Α6) // 18

18 Allegato A) alla delibera n. 80 del verbale di Giunta del 25/05/2012 Bando per la creazione ed il sostegno alle nuove imprese, in particolare giovanili e femminili Art. 1 Beneficiari Nell ambito delle iniziative promozionali volte a favorire lo sviluppo del sistema economico locale, la Camera di Commercio intende favorire la creazione di nuove imprese, in particolare a conduzione o a prevalente partecipazione giovanile e femminile 1. Possono presentare richiesta per ottenere il contributo: Aspiranti imprenditori - Persone che siano intenzionate ad avviare una nuova impresa 2 localizzata nella provincia di Ravenna entro il 31/12/2012. Nuove imprese - Nuove imprese con sede e/o unità operativa nella provincia di Ravenna, costituite da non più di tre mesi dalla data di spedizione della domanda di contributo (farà fede la data d'iscrizione al registro imprese della C.C.I.A.A). I beneficiari si impegnano a: iniziare l'attività entro il 31/12/2012; (verifica da visura camerale Registro Imprese); mantenere la sede e/o unità operativa, realizzata con il sostegno della Camera di Commercio, in provincia di Ravenna e a non cedere l'attività, per almeno 5 anni dalla data di erogazione del contributo; non cessare l'attività entro 3 anni dalla data di erogazione del contributo; La violazione di tali impegni comporterà la revoca totale dell'agevolazione con l'obbligo di restituzione delle risorse ricevute dalla Camera di Commercio. Art. 2 Normativa comunitaria in materia di aiuti di stato: regimi di erogazione dei contributi L agevolazione è concessa con le modalità, i criteri, i limiti e le esclusioni degli aiuti de minimis di cui al Regolamento della Commissione Europea n. 1998/2006, relativo all applicazione degli articoli 87 e 88 del Trattato CE agli aiuti d importanza minore ( de minimis ), pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale dell Unione Europea, serie L n. 379, del 15 dicembre Il regime di aiuti de minimis consente all impresa di ottenere aiuti a qualsiasi titolo, riconducibili alla categoria de minimis, complessivamente non superiori 1 le società cooperative e le società di persone, costituite in misura non inferiore al 60% da donne o giovani, le società di capitali le cui quote di partecipazione spettino in misura non inferiore ai due terzi a donne o giovani e i cui organi di amministrazione siano costituiti per almeno i due terzi da donne o giovani, noncheʹ le imprese individuali gestite da donne o giovani. Per giovani si intende di età non superiore ai Deve trattarsi di nuova impresa, non sono ammissibili subentri o acquisizioni d'impresa. 1 19

19 a euro ,00 nell arco di tre esercizi finanziari. L importo complessivo degli aiuti de minimis concessi ad un impresa attiva nel settore del trasporto su strada non deve superare ,00 euro su un periodo di tre esercizi finanziari. Si specifica che il nuovo regolamento de minimis non si applica ai seguenti aiuti (cfr. art. 1 Reg. CE 1998/2006): 1) aiuti nel settore della pesca, dell acquacoltura e della produzione primaria dei prodotti agricoli di cui all allegato I del Trattato; 2) aiuti ad attività connesse all esportazione verso paesi terzi o Stati membri, ossia aiuti direttamente collegati ai quantitativi esportati, alla costituzione e gestione di una rete di distribuzione o altre spese correnti connesse all attività di esportazione; 3) aiuti destinati all acquisto di veicoli per il trasporto di merci su strada; 4) aiuti concessi ad imprese in difficoltà. Al riguardo dovrà essere presentata esplicita attestazione sugli eventuali aiuti ricevuti rientranti nel regime de minimis. Art. 3 Non hanno diritto al contributo: le imprese inattive alla data di chiusura del bando; le imprese sottoposte a procedure concorsuali o coattive e si trovino in stato di difficoltà (ai sensi della Comunicazione della Commissione Europea 2004/C244/02); le imprese che abbiano avuto protesti nel corso degli ultimi due anni (il titolare nelle ditte individuali oppure i singoli soci nel caso di società di persone); le imprese che non risultino in regola con le iscrizioni al Registro delle imprese e/o REA ed altri Albi, Ruoli e Registri camerali obbligatori per le relative attività; le imprese non in regola con il pagamento del diritto annuale alla Camera di Commercio; le imprese che per le stesse voci di spesa, beneficino di altri finanziamenti o contributi pubblici. Art.4 Spese ammissibili Sono finanziabili (al netto di IVA e di altre imposte e tasse) le seguenti spese, sostenute nel periodo compreso tra il 01/01/2012 e il 31/12/2012 (farà fede la data del documento di spesa) riconducibili agli interventi previsti dal bando: parcelle notarili e costi relativi alla costituzione; acquisto di beni strumentali, macchinari, attrezzature, arredi, strutture non in muratura e rimovibili necessari all'attività; impianti generali per un importo massimo del 30% del totale dell'investimento complessivamente ammesso; quote iniziali del contratto di franchising, nel limite del 30% del totale dell'investimento complessivamente ammesso; acquisto e sviluppo di software gestionale, professionale e altre applicazioni aziendali inerenti l'attività dell'impresa; registrazione e sviluppo di marchi e brevetti e relative spese per consulenze specialistiche; spese pluriennali per il piano di comunicazione; ricerche di mercato relative all'analisi di settore e ai segmenti di mercato potenziali; consulenza e servizi specialistici nelle aree; marketing; logistica; produzione; 2 20

20 personale, organizzazione e sistemi informativi; economico-finanziaria; contrattualistica; acquisizione di servizi di mentoring aventi lo scopo di supportare l'imprenditore nella gestione nei primi 3 anni di attività per una durata compresa tra un minimo di 20 ed un massimo di 35 ore per ogni impresa. Il costo orario di ciascuna consulenza sarà riconosciuto nella misura massima di 120 euro. Non sono ammissibili le seguenti categorie di spese: le spese per le quali si sono ottenuti altri contributi pubblici le spese non riconducibili all'elenco precedente; le spese di gestione ordinaria, ripetitive e riconducibili al normale funzionamento dell'impresa; le spese relative all'acquisto dei beni usati; l'avviamento e l'acquisto di licenze autorizzative per lo svolgimento dell'attività; le spese regolate attraverso cessione di beni o compensazione di qualsiasi genere tra il beneficiario ed il fornitore; le spese effettuate e/o fatturate all'impresa beneficiaria dal legale rappresentante, e da qualunque altro soggetto facente parte degli organi societari, e dal coniuge o parenti entro il terzo grado dei soggetti richiamati, ad esclusione delle prestazioni lavorative rese da soci con contratto di lavoro dipendente e senza cariche sociali; le spese effettuate e/o fatturate all'impresa beneficiaria da società con rapporti di controllo o collegamento così come definito ai sensi dell'art del codice civile o che abbiano in comune soci, amministratori o procuratori con poteri di rappresentanza. Art. 5 Ammontare del contributo Il contributo riconoscibile è pari al 50% dell'importo complessivo delle spese sostenute (al netto di IVA e di altre imposte e tasse), sino ad un massimo di euro. Nel caso d'imprese a conduzione o a prevalente partecipazione femminile il contributo riconoscibile è pari al 60% dell'importo complessivo delle spese sostenute (al netto di IVA e altre imposte e tasse) sino ad un massimo di euro. Potranno comunque beneficiare del contributo camerale solo gli interventi il cui costo minimo (spese ammesse) sia pari o superiore a euro. Il contributo non è cumulabile con altri contributi pubblici per la medesima tipologia di spesa. Art. 6 Valutazione delle domande L'ammissione al contributo avverrà, sino ad esaurimento dei fondi disponibili, sulla base della graduatoria delle domande, previa verifica di ammissibilità e ad insindacabile giudizio di un Comitato tecnico composto da due rappresentanti della Camera di Commercio e da un rappresentante dell'ordine dei Ragionieri e Dottori commercialisti della provincia di Ravenna. L'ufficio competente, avvalendosi della consulenza del Comitato tecnico in merito all'ammissibilità dei progetti, previa esperimento dell'istruttoria provvederà a redigere la graduatoria della quale sarà data pubblicità tramite pubblicazione sul sito Ad ogni progetto sarà assegnato un punteggio sulla base dei seguenti criteri e parametri tenendo conto che potranno essere totalizzati al massimo 80 punti: 3 21

BANDO PER LA CREAZIONE DI NUOVE IMPRESE GIOVANILI - ANNO 2014. Disposizioni generali

BANDO PER LA CREAZIONE DI NUOVE IMPRESE GIOVANILI - ANNO 2014. Disposizioni generali BANDO PER LA CREAZIONE DI NUOVE IMPRESE GIOVANILI - ANNO 2014 Disposizioni generali Art. 1 Finalità e destinatari Nell ambito delle iniziative promozionali volte a favorire lo sviluppo del sistema economico

Dettagli

Contributi alle imprese della provincia di Siena per l analisi dei costi sostenuti per l acquisto di energia elettrica

Contributi alle imprese della provincia di Siena per l analisi dei costi sostenuti per l acquisto di energia elettrica Contributi alle imprese della provincia di Siena per l analisi dei costi sostenuti per l acquisto di energia elettrica 1. PREMESSA Nell ambito delle iniziative promozionali volte a favorire lo sviluppo

Dettagli

BANDO PER CONTRIBUTI ALLE IMPRESE DANNEGGIATE DAL SISMA. Disposizioni generali

BANDO PER CONTRIBUTI ALLE IMPRESE DANNEGGIATE DAL SISMA. Disposizioni generali BANDO PER CONTRIBUTI ALLE IMPRESE DANNEGGIATE DAL SISMA Disposizioni generali Art. 1 Finalità e destinatari A seguito degli eccezionali eventi sismici che hanno colpito, nel mese di maggio 2012, alcune

Dettagli

Bando per la creazione ed il sostegno alle nuove imprese Bando aperto dal 17 settembre 2014 al 28 novembre 2014

Bando per la creazione ed il sostegno alle nuove imprese Bando aperto dal 17 settembre 2014 al 28 novembre 2014 Bando per la creazione ed il sostegno alle nuove imprese Bando aperto dal 17 settembre 2014 al 28 novembre 2014 Art. 1 - Finalità La Camera di Commercio di Rimini, nell ambito delle iniziative promozionali

Dettagli

Bando per il sostegno alle nuove imprese, in particolare femminili e/o giovanili

Bando per il sostegno alle nuove imprese, in particolare femminili e/o giovanili Allegato A) alla delibera di Giunta n. 128 del 12/09/2014 Bando per il sostegno alle nuove imprese, in particolare femminili e/o giovanili Art. 1 Beneficiari Nell ambito delle iniziative promozionali volte

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PER L AVVIO DI NUOVE ATTIVITA IMPRENDITORIALI

REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PER L AVVIO DI NUOVE ATTIVITA IMPRENDITORIALI REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PER L AVVIO DI NUOVE ATTIVITA IMPRENDITORIALI (Approvato dalla Giunta camerale con atto n. 38 del 24/02/2014) Art. 1 Finalità Nel quadro delle proprie iniziative

Dettagli

Bando per il sostegno alle nuove imprese

Bando per il sostegno alle nuove imprese Allegato A) alla delibera di Giunta n. 47 del 13.04.2015 Bando per il sostegno alle nuove imprese Art. 1 Beneficiari Nell ambito delle iniziative promozionali volte a favorire lo sviluppo del sistema economico

Dettagli

AVVISO PUBBLICO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PER IL SOSTEGNO E LA CREAZIONE DI NUOVE IMPRESE NELLA PROVINCIA DI TRAPANI

AVVISO PUBBLICO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PER IL SOSTEGNO E LA CREAZIONE DI NUOVE IMPRESE NELLA PROVINCIA DI TRAPANI AVVISO PUBBLICO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PER IL SOSTEGNO E LA CREAZIONE DI NUOVE IMPRESE NELLA PROVINCIA DI TRAPANI ARTICOLO 1 - Finalità La Camera di Commercio di Trapani, nell ambito del progetto

Dettagli

C.C.I.CA.A.DI VARESE - AGEVOLAZIONI A FAVORE DI PMI

C.C.I.CA.A.DI VARESE - AGEVOLAZIONI A FAVORE DI PMI C.C.I.CA.A.DI VARESE - AGEVOLAZIONI A FAVORE DI PMI INTERVENTI DI CREDITO AGEVOLATO PER I SETTORI ARTIGIANATO, COMMERCIO, INDUSTRIA Anno 2005 (di cui alla deliberazione della Giunta Camerale n. 14 del

Dettagli

PRESENTAZIONE DELLE DOMANDE DALLE ORE 9,00 DEL 4 MAGGIO 2015 ALLE ORE 12,00 DEL 15 GENNAIO 2016. residente a prov. via/piazza n.

PRESENTAZIONE DELLE DOMANDE DALLE ORE 9,00 DEL 4 MAGGIO 2015 ALLE ORE 12,00 DEL 15 GENNAIO 2016. residente a prov. via/piazza n. BANDO PER IL SOSTEGNO ALLE NUOVE IMPRESE - ANNO 2015 Approvato con delibera di Giunta n. 47 del 13/04/2015 MODELLO DI DOMANDA da inviare esclusivamente tramite PEC a: promozione.incentivi@ra.legalmail.camcom.it

Dettagli

Consorzio UNI.T.I. Modalita attuative FONDO START UP

Consorzio UNI.T.I. Modalita attuative FONDO START UP Consorzio UNI.T.I. Modalita attuative FONDO START UP luglio 2013 1 1. PREMESSA Il Consorzio UNI.T.I. ha come obiettivo la realizzazione di un programma dell Università degli Studi di Genova per il supporto

Dettagli

BANDO PREMIO IDEA INNOVATIVA, LA NUOVA IMPRENDITORIALITA AL FEMMINILE QUARTA EDIZIONE ART. 1 FINALITA DELL INIZIATIVA

BANDO PREMIO IDEA INNOVATIVA, LA NUOVA IMPRENDITORIALITA AL FEMMINILE QUARTA EDIZIONE ART. 1 FINALITA DELL INIZIATIVA BANDO PREMIO IDEA INNOVATIVA, LA NUOVA IMPRENDITORIALITA AL FEMMINILE QUARTA EDIZIONE ART. 1 FINALITA DELL INIZIATIVA La Camera di Commercio, Industria, Artigianato e Agricoltura di Roma, in collaborazione

Dettagli

Allegato alla Delibera di Giunta camerale n. 25 del 17 febbraio 2014

Allegato alla Delibera di Giunta camerale n. 25 del 17 febbraio 2014 Allegato alla Delibera di Giunta camerale n. 25 del 17 febbraio 2014 Bando per il sostegno ai processi di brevettazione delle imprese della provincia di Piacenza Premessa La Camera di commercio di Piacenza

Dettagli

BANDO PER LA CREAZIONE DI NUOVE IMPRESE - ANNO 2015

BANDO PER LA CREAZIONE DI NUOVE IMPRESE - ANNO 2015 BANDO PER LA CREAZIONE DI NUOVE IMPRESE - ANNO 2015 Art. 1 Finalità Nell ambito delle iniziative promozionali volte a favorire lo sviluppo del sistema economico locale la Camera di commercio, industria,

Dettagli

3. SOGGETTI BENEFICIARI

3. SOGGETTI BENEFICIARI - Contributi per la creazione di start-up nel campo delle biotecnologie e delle scienze per la vita in provincia di Varese. Approvato con determinazione n.314 del 16/07/2014 1. PREMESSA Camera di Commercio

Dettagli

Allegato 1 alla D.C. n. 15 del 22 dicembre 2008 REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI, SOVVENZIONI, SUSSIDI ED AUSILI FINANZIARI

Allegato 1 alla D.C. n. 15 del 22 dicembre 2008 REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI, SOVVENZIONI, SUSSIDI ED AUSILI FINANZIARI Allegato 1 alla D.C. n. 15 del 22 dicembre 2008 REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI, SOVVENZIONI, SUSSIDI ED AUSILI FINANZIARI TITOLO I CRITERI GENERALI ART. 1 PRINCIPI 1. Il presente regolamento

Dettagli

Premessa. Art. 1 Oggetto, importo e spese ammissibili al contributo camerale

Premessa. Art. 1 Oggetto, importo e spese ammissibili al contributo camerale Bando per la concessione di contributi alle imprese per interventi relativi alla progettazione in materia di efficienza energetica con elevati standard di qualità (es. CasaClima, Leed e simili) superiori

Dettagli

CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA RAGUSA

CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA RAGUSA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA RAGUSA PROGETTO MISE/UNIONCAMERE N.105/2011 REALIZZAZIONE DI SERVIZI INTEGRATI PER FAVORIRE LA NASCITA DI NUOVE IMPRESE GIOVANILI E PER IL SOSTEGNO

Dettagli

Regolamento Comunale per l istituzione e la gestione del Fondo Speciale destinato alla creazione di nuove imprese e di nuova occupazione.

Regolamento Comunale per l istituzione e la gestione del Fondo Speciale destinato alla creazione di nuove imprese e di nuova occupazione. CITTA DI OMEGNA PROVINCIA DEL VERBANO-CUSIO-OSSOLA Regolamento Comunale per l istituzione e la gestione del Fondo Speciale destinato alla creazione di nuove imprese e di nuova occupazione. (approvato con

Dettagli

BANDO CONTRIBUTI PER SOSTEGNO A PROGRAMMI DI RICERCA E INNOVAZIONE, ASSISTENZA E CONSULENZA TECNOLOGICA ANNO 2012. Disposizioni generali

BANDO CONTRIBUTI PER SOSTEGNO A PROGRAMMI DI RICERCA E INNOVAZIONE, ASSISTENZA E CONSULENZA TECNOLOGICA ANNO 2012. Disposizioni generali BANDO CONTRIBUTI PER SOSTEGNO A PROGRAMMI DI RICERCA E INNOVAZIONE, ASSISTENZA E CONSULENZA TECNOLOGICA ANNO 2012 Disposizioni generali Art. 1 Finalità e destinatari Nell ambito delle iniziative promozionali

Dettagli

BANDO VOUCHER PER L INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE MICRO, PICCOLE E MEDIE IMPRESE DELLA PROVINCIA DI CATANZARO

BANDO VOUCHER PER L INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE MICRO, PICCOLE E MEDIE IMPRESE DELLA PROVINCIA DI CATANZARO BANDO VOUCHER PER L INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE MICRO, PICCOLE E MEDIE IMPRESE DELLA PROVINCIA DI CATANZARO 1. FINALITA La Camera di Commercio di Catanzaro - per il tramite della sua Azienda Speciale

Dettagli

CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO AGRICOLTURA DI CUNEO

CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO AGRICOLTURA DI CUNEO PAG. 1 1404 Allegato alla determinazione dirigenziale n. 131/PM del 18/02/2014 CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO AGRICOLTURA DI CUNEO BANDO PER LA CORRESPONSIONE DI CONTRIBUTI PER L'INNOVAZIONE

Dettagli

COMUNE DI NULE PROVINCIA DI SASSARI

COMUNE DI NULE PROVINCIA DI SASSARI COMUNE DI NULE PROVINCIA DI SASSARI LR 37/98 ART. 19 INIZIATIVE PER LO SVILUPPO E L OCCUPAZIONE ANNUALITA 2006 OGGETTO CONCESSIONE CONTRIBUTI, NELLA FORMA DEL DE MINIMIS, PER LA COSTITUZIONE DI NUOVE IMPRESE.

Dettagli

CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA C.so Cavour, 2 70100 BARI tel. 080/2174211 Sito web: http//www.ba.camcom.

CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA C.so Cavour, 2 70100 BARI tel. 080/2174211 Sito web: http//www.ba.camcom. CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA C.so Cavour, 2 70100 BARI tel. 080/2174211 Sito web: http//www.ba.camcom.it INSTALLAZIONE DI IMPIANTI DI SICUREZZA ANTICRIMINE BANDO DI CONCORSO

Dettagli

Art. 1 Oggetto, importo e spese ammissibili al contributo camerale

Art. 1 Oggetto, importo e spese ammissibili al contributo camerale Bando per la concessione di contributi alle imprese per la realizzazione o integrazione di siti web con sistemi di gestione completa della transazione e pagamento elettronico (e-commerce) 1. La Camera

Dettagli

CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA DI CAGLIARI INSTALLAZIONE DI IMPIANTI DI VIDEOSORVEGLIANZA

CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA DI CAGLIARI INSTALLAZIONE DI IMPIANTI DI VIDEOSORVEGLIANZA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA DI CAGLIARI Largo C. Felice, 72 09124 Cagliari tel. 070/605121 - sito web: http//www.ca.camcom.it INSTALLAZIONE DI IMPIANTI DI VIDEOSORVEGLIANZA

Dettagli

Art. 1. Beneficiari. Art. 2. Tipologia degli interventi

Art. 1. Beneficiari. Art. 2. Tipologia degli interventi BANDO PER LA SELEZIONE DI SOGGETTI A CUI CONCEDERE DEI CONTRIBUTI A SOSTEGNO DELLE ATTIVITA COMMERCIALI E ARTIGIANALI DI CAREGGINE Art. 1 Beneficiari Nell ambito delle iniziative promosse dall Amministrazione

Dettagli

Ad delibera n. 52 dd. 14.04.14 BANDO BANDA LARGA CONTRIBUTO PER L ATTIVAZIONE DI UN SERVIZIO DI CONNETTIVITÀ A BANDA LARGA ANNO 2014

Ad delibera n. 52 dd. 14.04.14 BANDO BANDA LARGA CONTRIBUTO PER L ATTIVAZIONE DI UN SERVIZIO DI CONNETTIVITÀ A BANDA LARGA ANNO 2014 Ad delibera n. 52 dd. 14.04.14 BANDO BANDA LARGA CONTRIBUTO PER L ATTIVAZIONE DI UN SERVIZIO DI CONNETTIVITÀ A BANDA LARGA ANNO 2014 Disposizioni generali Art. 1 Finalità Nell ambito delle iniziative promozionali

Dettagli

Bando per il sostegno alla brevettazione europea ed internazionale da parte di PMI della provincia di Mantova

Bando per il sostegno alla brevettazione europea ed internazionale da parte di PMI della provincia di Mantova Provincia di Mantova Bando per il sostegno alla brevettazione europea ed internazionale da parte di PMI della provincia di Mantova ART.1 FINALITA La Provincia di Mantova e la Camera di Commercio di Mantova

Dettagli

FONDO GARANZIA PER LE PMI DELLA CAMERA DI COMMERCIO DI CAGLIARI

FONDO GARANZIA PER LE PMI DELLA CAMERA DI COMMERCIO DI CAGLIARI FONDO GARANZIA PER LE PMI DELLA CAMERA DI COMMERCIO DI CAGLIARI Il Fondo di Garanzia è stato istituito dalla Camera di Commercio con apposito Regolamento, approvato con deliberazione del Consiglio camerale

Dettagli

REGOLAMENTO PER L'EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ALLE PICCOLE IMPRESE

REGOLAMENTO PER L'EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ALLE PICCOLE IMPRESE REGOLAMENTO PER L'EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ALLE PICCOLE IMPRESE INDICE Art. 1 - Oggetto e finalità del regolamento Art. 2 - Requisiti di ammissibilità al contributo Art. 3 - Tipologie di spese ammissibili

Dettagli

REGOLAMENTO PER LE INIZIATIVE DI CREDITO AGEVOLATO PROMOSSE DALL ENTE CAMERALE A FAVORE DELLE IMPRESE AGRICOLE

REGOLAMENTO PER LE INIZIATIVE DI CREDITO AGEVOLATO PROMOSSE DALL ENTE CAMERALE A FAVORE DELLE IMPRESE AGRICOLE REGOLAMENTO PER LE INIZIATIVE DI CREDITO AGEVOLATO PROMOSSE DALL ENTE CAMERALE A FAVORE DELLE IMPRESE AGRICOLE ART. 1 Oggetto La Camera di Commercio di Mantova, nel quadro delle proprie iniziative istituzionali,

Dettagli

BANDO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI IN CONTO INTERESSI SU MICROFINANZIAMENTI CONCESSI DA BANCHE

BANDO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI IN CONTO INTERESSI SU MICROFINANZIAMENTI CONCESSI DA BANCHE BANDO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI IN CONTO INTERESSI SU MICROFINANZIAMENTI CONCESSI DA BANCHE 1 BANDO DI CONCORSO Art. 1- Premessa la Camera di Commercio I.A.A. di Cosenza, nell ambito delle iniziative

Dettagli

MANUALE DI RENDICONTAZIONE Criteri di ammissibilità dei costi e modalità di rendicontazione

MANUALE DI RENDICONTAZIONE Criteri di ammissibilità dei costi e modalità di rendicontazione BANDO "DAI DISTRETTI PRODUTTIVI AI DISTRETTI TECNOLOGICI -2" Distretto 9.2 - Elettronica e Meccanica di Precisione MANUALE DI RENDICONTAZIONE Criteri di ammissibilità dei costi e modalità di rendicontazione

Dettagli

Provincia di Isernia

Provincia di Isernia Provincia di Isernia BANDO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI IN CONTO INTERESSI IN FAVORE DELLE MICRO E PICCOLE IMPRESE, DELLA PROVINCIA DI ISERNIA, SUI FINANZIAMENTI CONCESSI DALLE BANCHE Art. 1 : Scopi

Dettagli

Bando Start. Diffusione della cultura imprenditoriale e supporto allo start up d impresa. www.start.lombardia.it

Bando Start. Diffusione della cultura imprenditoriale e supporto allo start up d impresa. www.start.lombardia.it Bando Start Diffusione della cultura imprenditoriale e supporto allo start up d impresa www.start.lombardia.it Finalità dell intervento Promuovere e sostenere la diffusione di cultura imprenditoriale per

Dettagli

MODULO DI RENDICONTAZIONE Dichiarazione sostitutiva di atto di notorietà (artt. 47 e 48 D.P.R. 28 dicembre 2000, n. 445)

MODULO DI RENDICONTAZIONE Dichiarazione sostitutiva di atto di notorietà (artt. 47 e 48 D.P.R. 28 dicembre 2000, n. 445) MODULO DI RENDICONTAZIONE Dichiarazione sostitutiva di atto di notorietà (artt. 47 e 48 D.P.R. 28 dicembre 2000, n. 445) A pena di revoca la rendicontazione dovrà essere formulata conformemente al presente

Dettagli

D I S C I P L I N A R E

D I S C I P L I N A R E D I S C I P L I N A R E per la concessione di contributi in abbattimento del tasso di interesse, a fondo perduto e in abbattimento dei costi di commissione alle piccole/medie imprese, operanti in provincia

Dettagli

Scheda di sintesi Bando regionale Ricerca industriale delle imprese

Scheda di sintesi Bando regionale Ricerca industriale delle imprese Scheda di sintesi Bando regionale Ricerca industriale delle imprese 1. Oggetto dell intervento Sono finanziabili progetti che prevedono le seguenti attività: Ricerca industriale e Sviluppo sperimentale.

Dettagli

COMUNE DI FLORIDIA. Provincia di Siracusa

COMUNE DI FLORIDIA. Provincia di Siracusa COMUNE DI FLORIDIA Provincia di Siracusa REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE AI GIOVANI DI AGEVOLAZIONI IN CONTO INTERESSI PER L APERTURA DI NUOVE ATTIVITA NEL TERRITORIO DI FLORIDIA DELIBERATO DAL CONSIGLIO

Dettagli

BANDO CONTRIBUTI PER LA COSTITUZIONE DI NUOVE IMPRESE

BANDO CONTRIBUTI PER LA COSTITUZIONE DI NUOVE IMPRESE Approvato con Determinazione Dirigenziale n 757 del 24/06/2015 BANDO CONTRIBUTI PER LA COSTITUZIONE DI NUOVE IMPRESE IL DIRIGENTE DEL SERVIZIO SERVIZI ISTITUZIONALI E ALLE IMPRESE Premesso che : al fine

Dettagli

BANDO CONTRIBUTI PER L ATTIVAZIONE DI UN SERVIZIO DI CONNETTIVITÀ A BANDA LARGA.

BANDO CONTRIBUTI PER L ATTIVAZIONE DI UN SERVIZIO DI CONNETTIVITÀ A BANDA LARGA. BANDO CONTRIBUTI PER L ATTIVAZIONE DI UN SERVIZIO DI CONNETTIVITÀ A BANDA LARGA. Art. 1 Finalità Nell ambito delle iniziative promozionali volte a favorire lo sviluppo del sistema economico locale, la

Dettagli

AMMINISTRAZIONE PROVINCIALE DI LIVORNO. Bando Provinciale a sostegno Imprenditoria Giovanile

AMMINISTRAZIONE PROVINCIALE DI LIVORNO. Bando Provinciale a sostegno Imprenditoria Giovanile PROVINCIA DI LIVORNO AMMINISTRAZIONE PROVINCIALE DI LIVORNO Bando Provinciale a sostegno Imprenditoria Giovanile Premessa La Provincia promuove e finanzia interventi volti allo sviluppo di imprese giovanili

Dettagli

1. PREMESSA. La somma stanziata per l erogazione dei contributi ammonta a 150.000,00 euro ed è così ripartita:

1. PREMESSA. La somma stanziata per l erogazione dei contributi ammonta a 150.000,00 euro ed è così ripartita: Contributi alle MPMI della provincia di Varese per l banda larga (allegato alla determinazione n. 304 del 9 luglio 2014) 1. PREMESSA Nell ambito dell Accordo di Programma tra il Ministero dello Sviluppo

Dettagli

Legge Regionale 18/2005, art. 31

Legge Regionale 18/2005, art. 31 Legge Regionale 18/2005, art. 31 AVVIO NUOVE IMPRESE D.P.REG. 114/PRES del 28.05.2010 entrato in vigore il 10.06.2010 (www.provincia.pordenone.it - modulistica settori amm.vi pol. del lavoro) REGIMI DI

Dettagli

Ai fini dell ammissibilità al contributo, le spese rendicontate dovranno: a) essere pagate a mezzo di bonifico bancario;

Ai fini dell ammissibilità al contributo, le spese rendicontate dovranno: a) essere pagate a mezzo di bonifico bancario; BANDO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PER LA PREVENZIONE ANTISISMICA, LA SICUREZZA E LA TUTELA DELLA SALUTE NEGLI AMBIENTI DI LAVORO. Periodo di apertura per la presentazione delle domande telematiche:

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI FINALIZZATI A FAVORIRE L ACCESSO AL CREDITO DELLE IMPRESE DELLA PROVINCIA di PARMA ANNUALITA 2015

LINEE GUIDA PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI FINALIZZATI A FAVORIRE L ACCESSO AL CREDITO DELLE IMPRESE DELLA PROVINCIA di PARMA ANNUALITA 2015 LINEE GUIDA PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI FINALIZZATI A FAVORIRE L ACCESSO AL CREDITO DELLE IMPRESE DELLA PROVINCIA di PARMA ANNUALITA 2015 ART. 1 - FINALITA E DESTINATARI La Camera di commercio di

Dettagli

Art. 1 Finalità. Art. 2 Requisiti di ammissibilità al contributo

Art. 1 Finalità. Art. 2 Requisiti di ammissibilità al contributo Il presente bando vige in regime de minimis (ex Reg.CE 1998/2006, Reg. CE 15353/2007 ereg. CE 75/2007 ) 1 Art. 1 Finalità 1. La Camera di Commercio di Pistoia, anche al fine di sostenere il mantenimento

Dettagli

1. PREMESSA 2. FONDI MESSI A DISPOSIZIONE PER L EROGAZIONE DEI CONTRIBUTI

1. PREMESSA 2. FONDI MESSI A DISPOSIZIONE PER L EROGAZIONE DEI CONTRIBUTI - Innovazione per progetti di comunicazione delle MPMI della provincia di Varese, anche in vista di Expo 2015. Anno 2013 Approvato con deliberazione di giunta camerale n.90 del 07/11/2013 1. PREMESSA Nell

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PER LA REALIZZAZIONE DI IMPIANTI VOLTI ALLA PRODUZIONE DI ENERGIA RINNOVABILE

REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PER LA REALIZZAZIONE DI IMPIANTI VOLTI ALLA PRODUZIONE DI ENERGIA RINNOVABILE REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PER LA REALIZZAZIONE DI IMPIANTI VOLTI ALLA PRODUZIONE DI ENERGIA RINNOVABILE (Deliberazione della Giunta della Camera di Commercio di Roma n. 59 del 21/04/2008)

Dettagli

Veneto: L. R. 5/2001 Fondo di Rotazione per i finanziamenti agevolati alle piccole e medie imprese (PMI) Sezione A, Sezione B

Veneto: L. R. 5/2001 Fondo di Rotazione per i finanziamenti agevolati alle piccole e medie imprese (PMI) Sezione A, Sezione B Veneto: L. R. 5/2001 Fondo di Rotazione per i finanziamenti agevolati alle piccole e medie imprese (PMI) Sezione A, Sezione B Scadenze Fino ad esaurimento fondi. In breve La SEZIONE A del Fondo di rotazione

Dettagli

BANDO IMPRENDITORIA INNOVATIVA 2014

BANDO IMPRENDITORIA INNOVATIVA 2014 BANDO IMPRENDITORIA INNOVATIVA 2014 PREMESSE MagVenezia e Consorzio Finanza Solidale realizzano da oltre 20 anni sul territorio del veneziano un attività finanziaria a sostegno dello sviluppo dell imprenditoria

Dettagli

COMUNE DI MONZA ASSESSORATO ATTIVITA PRODUTTIVE

COMUNE DI MONZA ASSESSORATO ATTIVITA PRODUTTIVE COMUNE DI MONZA ASSESSORATO ATTIVITA PRODUTTIVE Direzione Sviluppo Economico e Valorizzazione Asset Patrimoniali e Territoriali Servizio SUAP e Polizia Amministrativa INTERVENTI PER ATTIVITA COMMERCIALI

Dettagli

BANDO DI CONTRIBUTI PER INTERVENTI INNOVATIVI SULLE TEMATICHE SICUREZZA SUL LAVORO, ENERGIA ED AMBIENTE

BANDO DI CONTRIBUTI PER INTERVENTI INNOVATIVI SULLE TEMATICHE SICUREZZA SUL LAVORO, ENERGIA ED AMBIENTE BANDO DI CONTRIBUTI PER INTERVENTI INNOVATIVI SULLE TEMATICHE SICUREZZA SUL LAVORO, ENERGIA ED AMBIENTE Art. 1- DESCRIZIONE E FINALITA DELL INIZIATIVA La Camera di Commercio di Avellino con il presente

Dettagli

Allegato n. 1. Manuale di Gestione della misura Autoimpiego destinata ai beneficiari del Reddito di cittadinanza

Allegato n. 1. Manuale di Gestione della misura Autoimpiego destinata ai beneficiari del Reddito di cittadinanza Allegato n. 1 Manuale di Gestione della misura Autoimpiego destinata ai beneficiari del Reddito di cittadinanza Paragrafo. 1 Definizioni Nel presente Documento, l espressione: a) «Autoimpiego» indica lo

Dettagli

1 agricoltura e prima trasformazione e commercializzazione dei prodotti agricoli (quando l importo dell aiuto è fissato in base al

1 agricoltura e prima trasformazione e commercializzazione dei prodotti agricoli (quando l importo dell aiuto è fissato in base al BANDO PER L ASSEGNAZIONE DI CONTRIBUTI A SOSTEGNO DI PROGRAMMI DI INVESTIMENTO MEDIANTE ABBATTIMENTO DEGLI INTERESSI MATURATI SUI FINANZIAMENTI ACCESI DALLE IMPRESE DELLA PROVINCIA DI PESARO E URBINO CON

Dettagli

BANDO PER IL SOSTEGNO DELLA PICCOLA IMPRENDITORIA INNOVATIVA

BANDO PER IL SOSTEGNO DELLA PICCOLA IMPRENDITORIA INNOVATIVA BANDO PER IL SOSTEGNO DELLA PICCOLA IMPRENDITORIA INNOVATIVA PREMESSE MagVenezia e Consorzio Finanza Solidale realizzano da 20 anni sul territorio del veneziano un attività finanziaria a sostegno dello

Dettagli

COMUNE DI VALLEDORIA Provincia di Sassari

COMUNE DI VALLEDORIA Provincia di Sassari COMUNE DI VALLEDORIA Provincia di Sassari REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELLE AGEVOLAZIONI ALLE IMPRESE OPERANTI NEL COMUNE DI VALLEDORIA (POIC) Fondo PISL POIC FSE. (approvato con deliberazione

Dettagli

Bando pubblico contenente modalità e criteri per l assegnazione di contributi a progetti d investimento delle imprese cooperative.

Bando pubblico contenente modalità e criteri per l assegnazione di contributi a progetti d investimento delle imprese cooperative. Allegato A Bando pubblico contenente modalità e criteri per l assegnazione di contributi a progetti d investimento delle imprese cooperative. 1. Soggetti beneficiari Sono beneficiarie di contributi di

Dettagli

ENERGIE ALTERNATIVE PER UN TURISMO ED UNA AGRICOLTURA DI QUALITA

ENERGIE ALTERNATIVE PER UN TURISMO ED UNA AGRICOLTURA DI QUALITA ENERGIE ALTERNATIVE PER UN TURISMO ED UNA AGRICOLTURA DI QUALITA Erogazione di contributi in conto capitale alle P.M.I. del settore turistico e del settore agricolo localizzati nel territorio provinciale

Dettagli

Manital e Compagnia di San Paolo FONDO RISORSA CANAVESE BANDO GIOVANI PER IL CANAVESE

Manital e Compagnia di San Paolo FONDO RISORSA CANAVESE BANDO GIOVANI PER IL CANAVESE Manital e Compagnia di San Paolo FONDO RISORSA CANAVESE BANDO GIOVANI PER IL CANAVESE 1. PREMESSA Manital, con la collaborazione della Compagnia di San Paolo ha istituito il Fondo Risorsa Canavese, con

Dettagli

Avviso pubblico. importo finanziabile minimo 5.000,00 massimo 20.000,00 pari a IRS 5y + 3,10 punti

Avviso pubblico. importo finanziabile minimo 5.000,00 massimo 20.000,00 pari a IRS 5y + 3,10 punti Avviso pubblico Finanziamenti a favore delle imprese commerciali, artigianali ed agricole con sede nel Comune di Vignola (Determinazione dirigenziale n. 174 del 18.4.2011) 1. Premessa Il Comune di Vignola,

Dettagli

CONTRIBUTO IN CONTO INTERESSI SU PRESTITO BANCARIO BANDO PER L ANNO IN CORSO

CONTRIBUTO IN CONTO INTERESSI SU PRESTITO BANCARIO BANDO PER L ANNO IN CORSO CONTRIBUTO IN CONTO INTERESSI SU PRESTITO BANCARIO BANDO PER L ANNO IN CORSO Art. 1 PREMESSE L Ente Nazionale di Previdenza ed Assistenza per i Biologi, in ottemperanza alle finalità di cui all art. 3,

Dettagli

Bando per la concessione di contributi destinati alle cooperative sociali di tipo A e B, di cui all art. 13 della L.R. 39/1993.

Bando per la concessione di contributi destinati alle cooperative sociali di tipo A e B, di cui all art. 13 della L.R. 39/1993. Allegato A Bando per la concessione di contributi destinati alle cooperative sociali di tipo A e B, di cui all art. 13 della L.R. 39/1993. Anno 2014 A. Finalità La Regione Basilicata nell ambito delle

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI FINALIZZATI A FAVORIRE L'ACCESSO AL CREDITO DELLE IMPRESE DELLA PROVINCIA DI MODENA

REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI FINALIZZATI A FAVORIRE L'ACCESSO AL CREDITO DELLE IMPRESE DELLA PROVINCIA DI MODENA REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI FINALIZZATI A FAVORIRE L'ACCESSO AL CREDITO DELLE IMPRESE DELLA PROVINCIA DI MODENA ART. 1 - FINALITA' DELL INTERVENTO E REQUISITI DI ACCESSO DEI CONFIDI AI

Dettagli

La Responsabile dell Area

La Responsabile dell Area BANDO PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ECONOMICI STRAORDINARI A SOSTEGNO DELL AFFITTO IN FAVORE DI NUCLEI FAMILIARI CON LAVORATORI COLPITI DALLA CRISI ECONOMICA La Responsabile dell Area In applicazione

Dettagli

CAMERA DI COMMERCIO DI ANCONA

CAMERA DI COMMERCIO DI ANCONA CAMERA DI COMMERCIO DI ANCONA Regolamento per la concessione di contributi alle PMI per l'adozione di sistemi di gestione ambientale, della responsabilità sociale, della salute e sicurezza sui luoghi di

Dettagli

OCCUPARSI IN VALDELSA

OCCUPARSI IN VALDELSA PROGETTO OCCUPARSI IN VALDELSA Azioni per il sostegno all occupazione e al lavoro nel Comune di Castelfiorentino AZIONE 2 Creazione di impresa OBIETTIVI: Promuovere la creazione di nuove imprese nel territorio

Dettagli

CREDITO AL MERITO AVVISO PUBBLICO DI BANDO PER L EROGAZIONE DI CREDITI LEGATI AD ATTIVITA FORMATIVE

CREDITO AL MERITO AVVISO PUBBLICO DI BANDO PER L EROGAZIONE DI CREDITI LEGATI AD ATTIVITA FORMATIVE che Giovanili e pari opportunità CREDITO AL MERITO AVVISO PUBBLICO DI BANDO PER L EROGAZIONE DI CREDITI LEGATI AD ATTIVITA FORMATIVE Scadenza bando: 1 fase 30.06.2012 2 fase 30.10.2012 3 fase 28.02.2013

Dettagli

Bando Sostegno di progetti innovativi rivolti a nuclei familiari, famiglie a rischio di fragilità e famiglie gravate da responsabilità di cura 1

Bando Sostegno di progetti innovativi rivolti a nuclei familiari, famiglie a rischio di fragilità e famiglie gravate da responsabilità di cura 1 Bando Sostegno di progetti innovativi rivolti a nuclei familiari, famiglie a rischio di fragilità e famiglie gravate da responsabilità di cura 1 Art. 1 FINALITÀ E OGGETTO La Provincia di Milano intende

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI IN CONTO INTERESSI PER ATTIVITA AGRICOLE

REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI IN CONTO INTERESSI PER ATTIVITA AGRICOLE 1 C O M U N E D I S C I A R A P R O V I N C I A D I P A L E R M O REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI IN CONTO INTERESSI PER ATTIVITA AGRICOLE IV SETTORE : CORPO POLIZIA MUNICIPALE ED ATTIVITÀ

Dettagli

Giovani Opportunità per Attività Lavorative

Giovani Opportunità per Attività Lavorative Fondazione per la Promozione della Cultura Professionale e dello Sviluppo Economico REGIONE ABRUZZO Direzione Politiche Attive del Lavoro, Formazione ed Istruzione, Politiche Sociali Giovani Opportunità

Dettagli

BANDO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PER LO START UP

BANDO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PER LO START UP METTERSI IN PROPRIO A CREMONA BANDO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PER LO START UP Approvato con deliberazione n. 137 del 18/09/2014 Pubblicato in data 7 Ottobre 2014 1 Obiettivi, finalità e ambiti di

Dettagli

BANDO PER L'EROGAZIONE DI CONTRIBUTI PER INVESTIMENTI RELATIVI ALLA REALIZZAZIONE DI SISTEMI DI SICUREZZA ANNO 2011. Art. 1 - Oggetto e finalità

BANDO PER L'EROGAZIONE DI CONTRIBUTI PER INVESTIMENTI RELATIVI ALLA REALIZZAZIONE DI SISTEMI DI SICUREZZA ANNO 2011. Art. 1 - Oggetto e finalità BANDO PER L'EROGAZIONE DI CONTRIBUTI PER INVESTIMENTI RELATIVI ALLA REALIZZAZIONE DI SISTEMI DI SICUREZZA ANNO 2011 Art. 1 - Oggetto e finalità La Camera di Commercio Industria, Artigianato e Agricoltura

Dettagli

FONDARE IMPRESA BANDO PER L ASSEGNAZIONE DI CONTRIBUTI PER N. 10 PROGETTI DI IMPRESA

FONDARE IMPRESA BANDO PER L ASSEGNAZIONE DI CONTRIBUTI PER N. 10 PROGETTI DI IMPRESA FONDARE IMPRESA BANDO PER L ASSEGNAZIONE DI CONTRIBUTI PER N. 10 PROGETTI DI IMPRESA A. Obiettivo La Fondazione Cassa di Risparmio di Fano individua come obiettivo specifico per l anno 2012 la partecipazione

Dettagli

BANDO PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ALLE IMPRESE AGRICOLE PER LA SENSIBILIZZAZIONE ALLE FORME DI SICUREZZA IN AZIENDA

BANDO PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ALLE IMPRESE AGRICOLE PER LA SENSIBILIZZAZIONE ALLE FORME DI SICUREZZA IN AZIENDA BANDO PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ALLE IMPRESE AGRICOLE PER LA SENSIBILIZZAZIONE ALLE FORME DI SICUREZZA IN AZIENDA Art. 1 Finalità e risorse Nell ambito delle proprie iniziative promozionali, la Camera

Dettagli

REGIONE CALABRIA DIPARTIMENTO "LAVORO, POLITICHE DELLA FAMIGLIA, FORMAZIONE PROFESSIONALE, COOPERAZIONE E VOLONTARIATO"

REGIONE CALABRIA DIPARTIMENTO LAVORO, POLITICHE DELLA FAMIGLIA, FORMAZIONE PROFESSIONALE, COOPERAZIONE E VOLONTARIATO Regione Calabria REGIONE CALABRIA DIPARTIMENTO "LAVORO, POLITICHE DELLA FAMIGLIA, FORMAZIONE PROFESSIONALE, COOPERAZIONE E VOLONTARIATO" REGIONE CALABRIA GIUNTA REGIONALE DIPARTIMENTO POLITICHE DEL LAVORO,

Dettagli

Norme per la concessione di contributi in conto interesse su finanziamenti concessi alle imprese della provincia di Campobasso

Norme per la concessione di contributi in conto interesse su finanziamenti concessi alle imprese della provincia di Campobasso Norme per la concessione di contributi in conto interesse su finanziamenti concessi alle imprese della provincia di Campobasso Art. 1 Finalità e risorse La Camera di Commercio Industria Artigianato e Agricoltura

Dettagli

Bando START-UP. venture

Bando START-UP. venture Bando START-UP venture INDICE interattivo 1. FINALITÀ DELL INTERVENTO 2. DOTAZIONE FINANZIARIA 3. AMBITI DI INTERVENTO 4. SOGGETTI BENEFICIARI 5. PRIMA FASE 5.1 AZIONE A - corso di formazione per la pianificazione

Dettagli

PREMESSO ART. 1 SOGGETTI BENEFICIARI

PREMESSO ART. 1 SOGGETTI BENEFICIARI Prot. n. Budrio, BANDO PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI, A FRONTE DI SPESE SOSTENUTE, AD IMPRESE ARTIGIANE CON SEDE LEGALE E/O OPERATIVA IN BUDRIO E COMUNQUE OPERANTI SUL TERRITORIO COMUNALE- ANNO 2010.

Dettagli

PROVINCIA DI BARI SERVIZIO ATTIVITA' PRODUTTIVE E POLITICHE COMUNITARIE

PROVINCIA DI BARI SERVIZIO ATTIVITA' PRODUTTIVE E POLITICHE COMUNITARIE p_ba AOO PROVINCIA DI BARI Attività produttive e Politiche Comunitarie Allegato n.1 al PG 0104119 del 11/06/2013 Flusso: Interno PROVINCIA DI BARI SERVIZIO ATTIVITA' PRODUTTIVE E POLITICHE COMUNITARIE

Dettagli

Comune di Castel Maggiore Provincia di Bologna

Comune di Castel Maggiore Provincia di Bologna Comune di Castel Maggiore Provincia di Bologna ALLEGATO ALLA DELIBERA DI GIUNTA COMUNALE N.37/2007 Repertorio CONVENZIONE TRA IL COMUNE DI CASTEL MAGGIORE E LE ASSOCIAZIONI ASCOM E CONFESERCENTI PER L

Dettagli

Provincia Regionale di Ragusa Assessorato Sviluppo Economico e Sociale BANDO

Provincia Regionale di Ragusa Assessorato Sviluppo Economico e Sociale BANDO Provincia Regionale di Ragusa Assessorato Sviluppo Economico e Sociale BANDO per l assegnazione di contributi alle piccole imprese del commercio in sede fissa operanti in provincia di Ragusa che provvedono

Dettagli

BANDO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI IN CONTO INTERESSI SU MICRO FINANZIAMENTI CONCESSI DA BANCHE CONVENZIONATE 2015. Art.

BANDO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI IN CONTO INTERESSI SU MICRO FINANZIAMENTI CONCESSI DA BANCHE CONVENZIONATE 2015. Art. BANDO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI IN CONTO INTERESSI SU MICRO FINANZIAMENTI CONCESSI DA BANCHE CONVENZIONATE 2015 Bando aperto dal 2/3/2015 Disponibilità di bilancio: 45.000 Art. 1 Finalità La Camera

Dettagli

PROVINCIA DI VICENZA

PROVINCIA DI VICENZA PROVINCIA DI VICENZA PATTO SOCIALE PER IL LAVORO VICENTINO AVVISO PUBBLICO PER LA CONCESSIONE, IN VIA SPERIMENTALE, DI CONTRIBUTI PER IL SOSTEGNO ALLA CREAZIONE DI NUOVA IMPRESA. 1. OGGETTO DEL BANDO Nell'ambito

Dettagli

2 SOGGETTI BENEFICIARI

2 SOGGETTI BENEFICIARI Allegato a) BANDO PUBBLICO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI A FONDO PERDUTO FINALIZZATI ALLA RIQUALIFICAZIONE E AL RILANCIO DI IMPRESE COMMERCIALI ESISTENTI NEL CENTRO STORICO DI REGGIOLO Art. 1 OGGETTO

Dettagli

AVVISO 411/E. L incentivo di cui sopra è concesso nel rispetto della regola comunitaria in regime di de minimis.

AVVISO 411/E. L incentivo di cui sopra è concesso nel rispetto della regola comunitaria in regime di de minimis. AVVISO 411/E Allegato A) INCENTIVI ALLE IMPRESE PER L ASSUNZIONE DEGLI EX DETENUTI E DEI DETENUTI CON PERMESSO AI SENSI DELL ART. 21 LEGGE N.354/75 E DEL DECRETO-LEGGE N. 78/2013 1. Obiettivi e principi

Dettagli

BANDO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI ALLE IMPRESE PER L ADOZIONE DI SISTEMI DI GESTIONE CERTIFICATI - EDIZIONE 2014

BANDO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI ALLE IMPRESE PER L ADOZIONE DI SISTEMI DI GESTIONE CERTIFICATI - EDIZIONE 2014 BANDO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI ALLE IMPRESE PER L ADOZIONE DI SISTEMI DI GESTIONE CERTIFICATI - EDIZIONE 2014 Bando aperto dal 18/02/2014 Stanziamento: 144.000,00 TITOLO I CARATTERISTICHE DEL CONTRIBUTO

Dettagli

DGR N. 1789 del 29/09/2014 BANDO PER IL FINANZIAMENTO DI PROGETTI DI AGGREGAZIONE DI IMPRESE

DGR N. 1789 del 29/09/2014 BANDO PER IL FINANZIAMENTO DI PROGETTI DI AGGREGAZIONE DI IMPRESE Obiettivo DGR N. 1789 del 29/09/2014 BANDO PER IL FINANZIAMENTO DI PROGETTI DI AGGREGAZIONE DI IMPRESE Il Bando in attuazione della Legge Regionale 30 maggio 2014, n. 13 Disciplina dei distretti industriali,

Dettagli

Bando per la creazione ed il sostegno alle nuove imprese Bando aperto dal 1 ottobre 2015 al 30 novembre 2015

Bando per la creazione ed il sostegno alle nuove imprese Bando aperto dal 1 ottobre 2015 al 30 novembre 2015 Bando per la creazione ed il sostegno alle nuove imprese Bando aperto dal 1 ottobre 2015 al 30 novembre 2015 Art. 1 - Finalità La Camera di Commercio di Rimini, nell ambito delle iniziative promozionali

Dettagli

CRITERI PER LA REALIZZAZIONE DEGLI INTERVENTI DI CONTRASTO DELLE POVERTA

CRITERI PER LA REALIZZAZIONE DEGLI INTERVENTI DI CONTRASTO DELLE POVERTA COMUNE DI MOGORO Provincia di Oristano CRITERI PER LA REALIZZAZIONE DEGLI INTERVENTI DI CONTRASTO DELLE POVERTA Finanziamento anno 2014 1 Art. 1 Oggetto Il presente documento stabilisce i criteri per la

Dettagli

LINEE GUIDA ALLA RENDICONTAZIONE DEI PROGETTI

LINEE GUIDA ALLA RENDICONTAZIONE DEI PROGETTI FONDO ROTATIVO DI FINANZA AGEVOLATA DENOMINATO FONDO ENERGIA INTERVENTO CO-FINANZIATO DAL P.O.R. FESR 2007-2013 REGIONE EMILIA ROMAGNA, ASSE 3- QUALIFICAZIONE ENERGETICO AMBIENTALE E SVILUPPO SOSTENIBILE

Dettagli

DOMANDA PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI IN CONTO INTERESSI SU MICRO FINANZIAMENTI CONCESSI DA BANCHE CONVENZIONATE

DOMANDA PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI IN CONTO INTERESSI SU MICRO FINANZIAMENTI CONCESSI DA BANCHE CONVENZIONATE ALLA CAMERA DI COMMERCIO DI CROTONE VIA A. DE CURTIS, 2 88900 CROTONE Il/la sottoscritto/a (cognome) (nome) codice Fiscale in qualità di titolare/legale rappresentante della ditta/società con sede in via/piazza

Dettagli

LINEE GUIDA ALLA RENDICONTAZIONE DEI PROGETTI

LINEE GUIDA ALLA RENDICONTAZIONE DEI PROGETTI FONDO ROTATIVO DI FINANZA AGEVOLATA DENOMINATO FONDO ENERGIA INTERVENTO CO-FINANZIATO DAL P.O.R. FESR 2007-2013 REGIONE EMILIA ROMAGNA, ASSE 3- QUALIFICAZIONE ENERGETICO AMBIENTALE E SVILUPPO SOSTENIBILE

Dettagli

AVVISO OTTOBRE 2012 DISTRETTO URBANO DEL COMMERCIO DI SEGRATE RIAPERTURA TERMINI

AVVISO OTTOBRE 2012 DISTRETTO URBANO DEL COMMERCIO DI SEGRATE RIAPERTURA TERMINI AVVISO OTTOBRE 2012 DISTRETTO URBANO DEL COMMERCIO DI SEGRATE CRITERI E MODALITA PER IL RICONOSCIMENTO DI CONTRIBUTI ALLE PMI DEL COMMERCIO, TURISMO E SERVIZI RIAPERTURA TERMINI 1. SOGGETTI BENEFICIARI

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTO FONDO STRAORDINARIO A SOSTEGNO DELLE FAMIGLIE PER CONTRASTARE LA CRISI ECONOMICA SUL TERRITORIO COMUNALE

REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTO FONDO STRAORDINARIO A SOSTEGNO DELLE FAMIGLIE PER CONTRASTARE LA CRISI ECONOMICA SUL TERRITORIO COMUNALE REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTO FONDO STRAORDINARIO A SOSTEGNO DELLE FAMIGLIE PER CONTRASTARE LA CRISI ECONOMICA SUL TERRITORIO COMUNALE Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale

Dettagli

Città di Campi Salentina

Città di Campi Salentina Città di Campi Salentina PROVINCIA DI LECCE ORIGINALE DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE DEL SETTORE Settore 4. Tecnico e Sviluppo Locale N. 226 del Reg. Data 29/07/2011 N. 790 del Reg. Generale OGGETTO AVVISO

Dettagli

REGIONE SICILIANA P.O.R. 2000-2006

REGIONE SICILIANA P.O.R. 2000-2006 REGIONE SICILIANA ASSESSORATO REGIONALE DELLA COOPERAZIONE, DEL COMMERCIO, DELL'ARTIGIANATO E DELLA PESCA DIPARTIMENTO COOPERAZIONE COMMERCIO ARTIGIANATO P.O.R. 2000-2006 ASSE 4 - SISTEMI LOCALI DI SVILUPPO

Dettagli

Articolo 1 (Finalità ed ambito di applicazione)

Articolo 1 (Finalità ed ambito di applicazione) Regolamento relativo alle modalità di finanziamento da parte della Provincia dei programmi di attività elaborati dagli organismi associativi tra apicoltori per promuovere la produzione di prodotti apistici

Dettagli

ART. 1 OGGETTO ART. 2 DEFINIZIONE E TIPOLOGIA

ART. 1 OGGETTO ART. 2 DEFINIZIONE E TIPOLOGIA Regolamento per la concessione di contributi a sostegno dei Centri vacanza per minori ai sensi del Regolamento Regionale approvato con DPReg n. 0190/PRES del 22.05.2001 e dei Centri socio-educativi per

Dettagli