OSSERVATORIO PER IL BUON USO DEL FARMACO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "OSSERVATORIO PER IL BUON USO DEL FARMACO"

Transcript

1 01 Statine:Layout 1 16/07/10 18:25 Pagina 1 OSSERVATORIO PER IL BUON USO DEL FARMACO 19 luglio 2010 Delibera n settembre 2009: Istituzione Osservatorio Permanente per l informazione sull uso appropriato e sicuro del farmaco, Istituzione della Commissione aziendale e delle Commissioni zonali. Abbiamo deciso di seguire tre linee parallele di Comunicazione per sostenere l uso più consapevole e responsabile da parte di noi tutti sull utilizzo dei dipositivi e dei medicinali, contribuendo alla riduzione della spesa farmaceutica nel territorio della nostra azienda sanitaria. Potrete pertanto contare oltre che su questa News anche sulla pagina del sito e sulle schede riepilogative che riceverete in un comodo formato pocket da tenere sul tavolo. Indicazioni per l uso appropriato degli Inibitori di pompa protonica (Ppi) Indicazioni per l uso appropriato delle Eparine a basso peso molecolare (Ebpm) Indicazioni per l appropriatezza terapeutica nel Diabete Mellito Le scelte dell'azienda Usl8 in termini di Appropriatezza L Azienda Usl 8, a fronte di un elevato utilizzo di alcune classi di farmaci, della diagnostica e di altri servizi come i presidi, i trasporti ecc., ha intrapreso un percorso di verifica dell appropriatezza nel loro utilizzo. In quest ottica è stata istituita la Commissione Aziendale per l Appropriatezza, affiancata e supportata dall Osservatorio sui farmaci. La Commissione, nella quale sono rappresentati ed operano vari professionisti sanitari dell Azienda ed in particolare i Medici di medicina generale e Medici specialisti ha stabilito di operare producendo inizialmente delle raccomandazioni per il buon uso di alcune classi di farmaci o per la appropriatezza della terapia di patologie croniche a largo impatto sulla popolazione, che partendo da indiscusse evidenze tenessero conto anche del rapporto costo-beneficio e non trascurassero l aumento di segnalazioni di reazioni avverse. La Commissione inoltre si occuperà dell appropriatezza nell utilizzo di specifiche metodiche diagnostiche in particolari quadri clinici, del corretto utilizzo degli ausili e dei presidi e di altri aspetti dei servizi che vengono forniti ai cittadini. La Commissione Aziendale ha per ora prodotto le Raccomandazioni relative al corretto impiego delle Statine che vi vengono trasmesse in allegato, dei Ppi (Inibitori di pompa protonica) e delle Eparine anche alla luce delle indicazioni delle note Aifa. Data la necessità di garantire che le risorse disponibili siano utilizzate in modo appropriato ed efficace chiedo a tutti di applicare nel loro lavoro quotidiano le indicazioni e raccomandazioni contenute in questi due documenti, parimenti a quelle che saranno contenute negli ulteriori documenti attualmente in fase di elaborazione che vi verranno trasmessi non appena approvati dalla Commissione Aziendale. Certa di poter contare sul vostro senso di responsabilità, ringraziandovi per la collaborazione che vorrete offrire vi saluto cordialmente. Branka Vujovic Aimi Mario, Arnetoli Mario, Fraticelli Aureliano, Belotti Giancarlo, Davella Rosella, Domenichelli Anna, Droandi Lorenzo, Ghiselli Piercarlo, Grisillo Dario, Ientile Pino, Migliacci Rino, Montaini Carlo, Nasorri Roberto, Pancani Ugo, Pedace Claudio, Petrucci Giandomenico, Ralli Luciano, Tacconi Danilo, Venturini Maria Carla. Coordinamento Branka Vujovic. Dario Grisillo, Claudio Pedace, Marzia Sandroni Vi preghiamo di inviarci l indirizzo mail a cui volete ricevere la News a: Indicazioni per l uso appropriato delle Statine L andamento della prescrizione di farmaci della classe delle Statine nella Azienda Usl8 mostra un trend in continuo aumento. I dati di prescrizione del 2009 mostrano un notevole incremento anche rispetto alla media prescrittiva regionale. Il fenomeno è multifattoriale ed in larga misura ascrivibile al non rispetto da parte dei medici prescrittori, sia convenzionati che dipendenti, delle note regolatorie Aifa che interessano questa categoria di farmaci ed in paticolare la nota 13. In particolare le problematiche di maggior evidenza relative all attuale atteggiamento prescrittivo sono: - ridotta prescrizione di generici rispetto agli standard - eccesso di prescrizione di atorvastatina e rosuvastatina (sia specialisti che Mmg) - inappropriata prescrizione nei soggetti in prevenzione primaria, in particolare diagnosi inappropriate di dislipidemie familiari - scarsa valutazione degli effetti indesiderati e mancata segnalazione degli stessi secondo l attuale normativa. Obiettivo del presente documento è quello di fornire indicazioni per il corretto ed appropriato uso delle Statine sia relativamente al rispetto delle norme contenute nella nota Aifa 13, sia alla luce di alcune evidenze di recente comparse nella letteratura internazionale.

2 01 Statine:Layout 1 16/07/10 18:25 Pagina 2

3 01 Statine:Layout 1 16/07/10 18:25 Pagina 3 OSSERVATORIO PER IL BUON USO 1 DEL FARMACO Indicazioni per l uso appropriato delle Statine Riferimenti e indicazioni operative Nota 13 Aifa Ipolipemizzanti Fibrati: bezafibrato fenofibrato gemfibrozil Statine atorvastatina fluvastatina lovastatina pravastatina rosuvastatina simvastatina simvastatina + ezetimibe Altri omega 3 etilesteri La prescrizione a carico del SSN è limitata ai pazienti affetti da: Dislipidemie familiari bezafibrato, fenofibrato, gemfibrozil, atorvastatina, fluvastatina, lovastatina, pravastatina, rosuvastatina, simvastatina, simvastatina + ezetimibe, omega 3 etilesteri Ipercolesterolemia non corretta dalla sola dieta: in soggetti a rischio elevato di un primo evento cardiovascolare maggiore - rischio a 10 anni > 20% in base alle Carte di Rischio del Progetto Cuore dell Istituto Superiore di Sanità. (prevenzione primaria) in soggetti con coronaropatia documentata o pregresso ictus o arteriopatia obliterante periferica o pregresso infarto o diabete. (prevenzione secondaria) atorvastatina, fluvastatina, lovastatina, pravastatina, rosuvastatina, simvastatina, simvastatina + ezetimibe in soggetti con pregresso infarto del miocardio. (prevenzione secondaria) omega 3 etilesteri Iperlipidemie non corrette dalla sola dieta: indotte da farmaci (immunosoppressori, antiretrovirali e inibitori della aromatasi) in pazienti con insufficienza renale cronica atorvastatina, fluvastatina, lovastatina, pravastatina, rosuvastatina, simvastatina, simvastatina + ezetimibe, bezafibrato, fenofibrato, gemfibrozil, omega 3 etilesteri. Sintesi e commenti delle indicazioni contenute nella nota 13 il testo integrale è consultabile sul sito Aifa Dieta Solo dopo tre mesi di dieta adeguatamente proposta al paziente ed eseguita in modo corretto si può valutare il Rischio Cardiovascolare Globale Assoluto (RCGA) e, se superiore al 20% a 10 anni, iniziare una terapia ipolipemizzante. Dislipidemie familiari Le dislipidemie familiari sono malattie su base genetica a carattere autosomico (recessivo, dominante o co-dominante a seconda della malattia) caratterizzate da elevati livelli di alcune frazioni lipidiche del sangue e da una grave e precoce insorgenza di malattia coronarica. Tra le forme familiari quelle ammesse alla rimborsabilità dei farmaci sono: Ipercolesterolemia familiare monogenica (prevalenza 1:500) Colesterolemia LDL superiore a 200 mg/dl in più Trasmissione verticale della malattia, documentata dalla presenza di tale alterazione biochimica neifamiliari del probando In assenza di informazioni sul profilo lipidico dei familiari il sospetto è molto forte se insieme alla colesterolemia LDL superiore a 200 mg/dl ci sono: Presenza di xantomatosi tendinea nel probando oppure un anamnesi positiva nei familiari di I grado per cardio-

4 01 Statine:Layout 1 16/07/10 18:25 Pagina 4 patia ischemica precoce (prima dei 55 anni negli uomini, prima dei 60 nelle donne) o anche se presente grave ipercolesterolemia in bambini prepuberi Iperlipidemia combinata familiare (prevalenza 1:100) Colesterolemia LDL superiore a 160 mg/dl e/o trigliceridemia superiore a 200 mg/dl in più Documentazione nella stessa famiglia (I grado) di più casi di ipercolesterolemia e/o ipertrigliceridemia (fenotipi multipli) Oppure in assenza di documentazione sui familiari, la dislipidemia è fortemente sospetta in presenza anamnestica o clinica o strumentale di arteriosclerosi precoce. È indispensabile per la validità della diagnosi di iperlipidemia combinata familiare: - Escludere le famiglie in cui siano presenti unicamente ipercolesterolemia o ipertrigliceridemia - Escludere tutte le forme di iperlipidemie secondarie (da malattie endocrine, epato-biliari, renali, da farmaci) Disbetalipoproteinemia familiare Patologia molto rara che si manifesta nei soggetti portatori dell isoforma apoe2 in modo omozigote <1: I criteri diagnostici includono: Valori di colesterolemia e trigliceridemia intorno ai 400 mg/dl per entrambi in più Presenza di banda larga (broad b alla elettroforesi) La presenza di uno di questi fattori aumenta la validità della diagnosi: xantomi tuberosi, xantomi striati palmari (strie giallastre nelle pieghe interdigitali o sulla superficie palmare delle mani, da considerare molto specifici). ndr: data la prevalenza di queste forme l attesa è di soggetti affetti su assistiti Ipercolesterolemia non corretta dalla sola dieta (prevenzione primaria) La nuova nota 13 stabilisce per il trattamento ipocolesterolemizzante non un valore soglia verticale ma un valore decisionale basato sul Rischio cardiovascolare globale Assoluto (RCGA). Per convenzione internazionale è considerato a rischio elevato un paziente con rischio 20% a 10 anni. Le carte del Progetto Cuore non consentono la valutazione del rischio cardiovascolare per la popolazione con età superiore a 70 anni. Ciò anche in assenza di una serie di studi specificatamente dedicati a questa fascia di età. Insufficienza renale cronica (IRC) Per pazienti adulti con IRC in stadio 5 (GRF<15ml/min o trattamento sostitutivo della funzione renale) il trattamento farmacologico delle dislipidemie è indicato, nel caso di insuccesso di dieta e cambiamento di abitudini di vita, per livelli di trigliceridi 500 mg/dl con fibrati, per livelli di LDL-C 130 mg/dl con Statine a basse dosi e per livelli di LDLC<100 mg/dl, trigliceridi 200 mg/dl e colesterolo non HDL (tot C meno HDL-C) 130 mg/dl. Nei pazienti con infezione da HIV, a seguito dell introduzione della HAART (terapia antiretrovirale di combinazione ad alta efficacia), è frequente l insorgenza di dislipidemia indotta dai farmaci antiretrovirali che, nel tempo, può contribuire ad un aumento dell incidenza di eventi cardio-vascolari, sviluppabili anche in giovane età. Particolari avvertenze L uso dei farmaci ipolipemizzanti deve essere continuativo e non occasionale. Lo stesso, comunque, va inserito in un contesto più generale di controllo degli stili di vita (alimentazione, fumo, attività fisica, etc.). La strategia terapeutica (incluso l impiego delle Statine) va definita, in prevenzione primaria, in base alla valutazione del rischio cardiovascolare globale e non di ogni singolo fattore di rischio, facendo riferimento alle Carte di Rischio Cardiovascolare elaborate dall Istituto Superiore di Sanità all interno del Progetto Cuore (www.cuore.iss.it). ndr: in prevenzione secondaria, le condizioni che autorizzano una terapia con Statine a carico del S.S.N. sono: - infarto miocardico pregresso o coronaropatia documentata - pregresso ictus - arteriopatia obliterante periferica (AOP) - diabete Non sono previste nella nota Aifa la patologia aterosclerotica carotidea asintomatica, gli attacchi ischemici transitori, la sintomatologia anginosa in assenza di coronaropatia documentata (coronarografia positiva, test ergometrico positivo, ECG acutamente alterato in corso di angina). Evidenze e Linee Guida elaborate da società medico-scientifiche Tra le varie linee guida europee che trattano la gestione delle dislipidemie e l impiego delle Statine, quelle sulla prevenzione cardiovascolare propongono una flow-chart che evidenzia da un lato (parte superiore) il concetto di gruppi di pazienti a rischio, dall altro i valori di colesterolo, differenziati, da raggiungere ( target ). (Fig. 1) Indicazioni al trattamento (chi trattare) Le Statine sono indicate nella prevenzione primaria e secondaria delle malattie cardiovascolari. Svariati studi ne hanno documentato l efficacia in tal senso. L approccio preventivo deve essere multifattoriale, di tipo farmacologico e non farmacologico: il paziente deve essere comunque educato ed incoraggiato ad abitudine dietetiche ed igieniche (dieta, cessazione del fumo, attività fisica aerobica) finalizzate alla riduzione del rischio cardiovascolare globale. In passato l indicazione al trattamento era abitualmente posta in relazione alla presenza di valori di colesterolo elevati, rispetto ad un limite di normalità. L intensità del trattamento era abitualmente calibrata alla normalizzazione dei valori. Allo stato attuale appare superato il concetto di valori normali di colesterolo (tradizionalmente, colesterolo totale normale < mg/dl). Appare inoltre superato il concetto di normalizzazione con terapia (farmacologica e non) dei valori di colesterolo. Secondo le attuali linee guida, salvo ipercolesterolemie gravi (colesterolo tot > 320 mg/dl, LDL > 240 mg/dl) l indicazione al trattamento con Statine si pone non tanto in presenza di valori sopra la norma del colesterolo, quanto in presenza di un rischio cardiovascolare globale significativamente aumentato.

5 01 Statine:Layout 1 16/07/10 18:25 Pagina 5 Fig. 1 Flowchart per il trattamento della dislipidemia, tradotto e adattato da linee guida europee sulla prevenzione cardiovascolare Abbreviazioni: CV: cardiovascolare; col.tot. = colesterolo totale; LDL = colesterolo LDL. Valori di lipidi espressi in mg/dl. Gestione del rischio CV globale lipidi In ogni caso ricercare e trattare tutti i fattori di rischio CV. Individui con patologia CV accertata, diabete tipo 2 o tipo 1 con microalbuminuria, o con dislipidemia severa sono già ad elevato rischio. Per gli altri impiegare le carte del rischio per una stima del rischio CV globale. Patologia CV certa Diabete (vedi sopra) Dislipidemia grave Rischio Progetto Cuore >=20% Rischio Progetto Cuore <20% - priorità a consigli dietetici e sull attività fisica con attenzione a tutti i fattori di rischio; - tentativo di riduzione del col.tot. <175 (se possibile <155) LDL <100 (se possibile <80) - alcuni raccomandano l impegno di statine in tutti i pazienti con patologia CV e nella maggior parte dei diabetici indipendentemente dai livelli basali di lipidi Rischio ancora >=20% modifiche stile di vita per 3 mesi; rivalutazione lipidi a digiuno Rischio <20% e LDL <115 modifiche stile di vita per ridurre col. tot (<190) ed LDL (<115) follow-up Non vengono definiti target di trattamento per colesterolo HDL e trigliceridi, ma valori di HDL > 40 negli uomini e 45 nelle donne, e valori di trigliceridi > 150 sono indicatori di aumento rischio CV. In relazione a questo: 1 Il rischio è considerato elevato per pazienti: - con patologia cardiovascolare documentata (coronaropatia, ictus, arteriopatia obliterante periferica); - che siano affetti da diabete mellito tipo 2 o tipo 1, quest ultimo associato a nefropatia anche iniziale (microalbuminuria). La condizioni di diabetico è assimilabile alle precedenti in quanto a rischio di sviluppare patologia cardiovascolare clinicamente rilevante. Per queste categorie il trattamento del rischio è da considerarsi prioritario. 2 Per pazienti tra i 35 e 69 anni che non appartengono a queste categorie, sono state elaborate a livello europeo (progetto SCORE) e italiano (Progetto Cuore) tabelle finalizzate al calcolo del rischio. Nel Progetto Cuore, preso a riferimento dalle Note Aifa, il rischio è considerato elevato convenzionalmente per valori > 20% (eventi cardiovascolari fatali e non fatali). 3 Nell età avanzata il beneficio profilattico dell impiego di Statine risulta ridotto in ragione di cause competitive di mortalità non cardiovascolare, per cui vi può essere l opzione di non intraprendere o sospendere il trattamente con Statine in questa fascia di età, specie in presenza di polifarmacologia e dubbi sulla tollerabilità. Una recente metanalisi ha dimostrato che il beneficio conferito dalle Statine in profilassi primaria rimane significativo anche nell età avanzata, anche se l entità del beneficio risulta ridotto per tutti gli end-points valutati. Tipicamente, i trials escludono o arruolano in misura marginale grandi anziani specie se interessati da comorbidità importante. Pertanto non esistono nel grande anziano evidenze definitive a supporto della profilassi primaria con Statine. Target per il trattamento Rispetto al concetto, superato, di normalizzazione dei valori di colesterolo con la terapia, le attuali linee guida propongono dei target, valori di colesterolo da raggiungere, differenziati rispetto al rischio cardiovascolare (più bassi in presenza di rischio più elevato). Tab. 1 valori in mg/dl. target rischio medio a alto b alto b (target desiderabile ) colesterolo tot. < 190 < 155 < 135 colesterolo LDL < 115 < 100 < 80 a: orientativamente, rischio di eventi cardiovascolari a 10 anni pari al % secondo tabelle del Progetto Cuore. b: patologia cardiovascolare accertata; diabete mellito; valori marcatamente elevati di colesterolo come nell ipercolesterolemia familiare; ovvero: orientativamente, rischio di eventi cardiovascolari a 10 anni > 20 % secondo tabelle del Progetto Cuore.

6 01 Statine:Layout 1 16/07/10 18:25 Pagina 6 Le linee guida affermano che: 1 in presenza di rischio alto, l impiego di Statine è abitualmente necessario per raggiungere i valori target (specie quelli desiderabili); 2 che alcuni invocano il trattamento con Statine in tutti i pazienti con patologia cardiovascolare accertata e nei diabetici, indipendentemente dai valori basali di colesterolo ; 3 la riduzione del rischio cardiovascolare assoluto si riduce nei pazienti con valori relativamente bassi di colesterolo basale (pure sopra i target); 4 l indicazione all impiego di Statine è forte per i pazienti con diabete mellito tipo 2, secondo le linee guida europee sul diabete, specie se coesiste patologia cardiovascolare, con target LDL ulteriormente ridotti: (Indicazione I Livello di evidenza B: In tutti i pazienti con patologia cardiovascolare affetti da diabete tipo 2, indipendentemente dalla coesistenza di ipercolesterolemia ed altri fattori di rischio, [target colesterolo LDL < mg/d]); 5 in prevenzione primaria, in presenza di rischio iniziale alto, se dopo tre mesi di modifiche dello stile di vita il rischio si riduce a medio-basso ed il colesterolo si riduce a totale < 190 e LDL < 115, non è necessaria terapia farmacologica; 6 non viene previsto il caso in cui il rischio globale si riduca, persistendo valori subottimali di colesterolo totale ed LDL; non vi sono in questa fascia di pazienti raccomandazioni esplicite circa l impiego o il non impiego di Statine. In ossequio al concetto che la priorità di trattamento è rappresentata dal rischio cardiovascolare piuttosto che dai livelli lipemici, può essere ragionevole considerare l opzione dell impiego di Statine laddove persistano valori superiori (totale > 190 ed LDL > 115 mg/dl) in pazienti a rischio moderato (10-19% del Progetto Cuore), specialmente se coesistano ulteriori noti fattori di rischio (familiarità cardiovascolare, documentate lesioni aterosclerotiche subcliniche, sedentarietà, bassi valori di colesterolo HDL) non incorporati nelle tabelle. (In questo caso però i farmaci non sono prescrivibili a carico del SSN a norma di nota Aifa ma sono a carico del paziente); 7 per rischio basso (< 10%) non esistono evidenze di indicazione al trattamento con Statine. Scelta della molecola Fig. 2 Statine commercialmente disponibili Farmaco Dose Range standard/iniziale* (mg) terapeutico (mg) Rosuvastatina Atorvastatina Simvastatina Pravastatina Fluvastatina Lovastatina 10-20** * La dose standard riduce i livelli di colesterolo-ldl del 35-40% Rispetto alla dose standard, il raddoppio della dose di statina diminuisce del 6% i livelli di colesterolo-ldl ** La dose di Lovastatina indicata come standard riduce in media del 20-30% i livelli di colesterolo-ldl La scelta della molecola e del dosaggio della statina dipende dal target terapeutico da raggiungere nel singolo soggetto, variabile in funzione del suo rischio globale e da condizioni cliniche particolari Le linee guida non esprimono raccomandazioni in relazione a specifiche molecole della famiglia delle Statine. In effetti scarseggiano trials randomizzati di confronto testa a testa tra Statine che abbiano considerato end-points clinicamente pesanti (mortalità totale, mortalità cardiovascolare, infarto del miocardio, ictus). In linea di principio il raggiungimento dei livelli target prevale sulla scelta della molecola. Su questa base, anche per considerazioni di farmaco economia, in assenza di valori basali particolarmente elevati, come molecole di prima scelta possono essere considerate sinvastatina e pravastatina, oltre che lovastatina e fluvastatina. Appare giustificato l impiego di atorvastatina e di rosuvastatina in presenza di livelli basali molto elevati di colesterolo totale o LDL, che rendano ab inizio remota la possibilità di adeguato controllo con molecole meno potenti, e nei casi in cui altre Statine non abbiano consentito il raggiungimento dei target. Un alternativa alla monoterapia può essere l associazione statina/ezetimibe, che da una recente metanalisi è risultata oltre che efficace anche sicura in merito ad epato-tossicità, rabdomiolisi ed effetti gastrointestinali Nella coronaropatia aterosclerotica una serie di studi indicano la superiorità di una strategia aggressiva di abbassamento dei livelli di colesterolo (Studi PROVE-IT IDEAL ). Le successive linee guida, tra cui quelle sull infarto miocardico, pur non esprimendosi specificamente sulla superiorità di una singola molecola, conferiscono una indicazione di classe I ad un target di colesterolo LDL < 100 mg/dl e di classe IIa (comunque forte) per un target più ambizioso < 80 mg/dl, livello di evidenza A, indicando i benefici di una strategia di trattamento intensivo antidislipidemico. Per conseguire tali obiettivi, un trattamento iniziale con atorvastatina ad alta dose (80 mg) può ritenersi giustificato. Per la rosuvastatina non sono disponibili trials con end point di mortalità e morbidità in questo contesto, tuttavia un recente studio ne ha dimostrato, alla dose di 10 mg, la superiorità rispetto alla sinvastatina 40 mg nel post-infarto in termini di conseguimento di target stringenti di colesterolo totale ed LDL. Sono in corso trials che testano l associazione di Statine con ezetimibe su eventi clinicamente rilevanti nel contesto del post-infarto.da citare lo studio TNT che ha documentato i benefici clinici di un trattamento a lungo termine con atorvastatina 80 mg vs 10 mg in una popolazione con coronaropatia aterosclerotica stabile, confermando il concetto di superiorità di una strategia intensiva ipolipemizzante nei coronaropatici. Dopo ictus o attacco ischemico transitorio (TIA), un trattamento intensivo (sempre atorvastatina 80 mg vs placebo) ha conseguito risultati positivi è con una riduzione dell end-point primario di ictus oltre che di eventi coronarici maggiori. Dal punto di vista farmaco-economico la scadenza del brevetto di alcune Statine di vecchia generazione ha

7 01 Statine:Layout 1 16/07/10 18:25 Pagina 7 creato una consistente opportunità di risparmio. Recentemente sono state avviate in realtà anglosassoni anche molto prestigiose dei programmi di cambio di Statine ( statin switch programs ) che in pazienti selezionati, e con il consenso dei medici curanti, hanno sostituito molecole di ultima generazione con molecole a brevetto scaduto ( off-patent ). Allo stato attuale questa strategia non contrasta con le linee guida, a condizione di un adeguata sorveglianza specie in relazione alla tollerabilità, alla compliance e al mantenimento dei livelli target di colesterolo con il modificato regime terapeutico. Precauzioni d impiego La terapia con Statine è gravata da frequenti effetti collaterali a carico di fegato e muscoli Prima dell'inizio e dopo 1-2 mesi dall avvio di una terapia con Statine o in caso di incremento di dose, è utile controllare ALT/AST e CK. Ricontrollare ALT e/o AST ogni anno: le Statine vanno sospese per aumento di AST/ALT > 3 volte il limite superiore di riferimento Dosare CK in presenza di mialgie o di sintomi muscolari (le Statine vanno sospese per aumento di CK > 4 volte il limite superiore di riferimento, o in caso di mialgie non altrimenti spegate). Il rischio di miopatia è aumentato in caso di: - basso BMI(Body Mass Index) - età avanzata - insufficienza renale - associazione di Statine con fibrati, macrolidi, ciclosporina, antifungini - interventi chirurgici - ipotiroidismo Comportamento prescrittivo in osservanza della normativa È possibile prescrivere Statine a carico del SSN: Nelle ipercolesterolemie familiari: solo se sono presenti le condizioni (riportate nella nota) di diagnosi certa o verosimile e tenendo presente una prevalenza media di casi su assistiti. Nelle ipercolesterolemie non corrette dalla sola dieta (NB non vengono specificati valori di normalità ne valori target ): in prevenzione primaria, in presenza di rischio di eventi cardiovascolari a 10 anni > 20% secondo le tabelle del rischio Progetto Cuore dell Istituto Superiore di Sanità o valore calcolato con apposito programma applicativo (www.cuore.iss.it) in prevenzione secondaria, in presenza di - infarto miocardico, - coronaropatia accertata - ictus - arteriopatia periferica obliterante - diabete mellito in pazienti con insufficienza renale cronica grave e moderata; in presenza di ipercolesterolemia indotta da farmaci (immunosoppressori, antiretrovirali e inibitori della aromatasi) Non è prevista la prescrivibilità di Statine a carico del SSN: in prevenzione primaria (salvo ipercolesterolemie familiari), per età inferiore a 70 anni, se il rischio cardiovascolare a 10 anni è < 20% e non è presente diabete mellito; in prevenzione secondaria per le condizioni di attacco ischemico cerebrale transitorio (TIA), stenosi carotidea e aneurisma aortico, in assenza di altri criteri (diabete mellito, rischio CV > 20%, ecc.) Va giudicata la prescrivibilità caso a caso: in prevenzione primaria, può essere considerato l inizio della terapia con Statine in pazienti ultrasettantenni con adeguate aspettative di vita, in cui le tabelle non forniscono una stima del rischio, ma che in base al giudizio clinico hanno un elevato rischio di eventi cardiovascolari; in questi casi selezionati è possibile la prescrizione a carico del SSN. Raccomandazioni Quando usare le Statine: 1 nelle condizioni previste dalla nota 13, quando i valori non siano corretti dalla sola dieta, intendendo per correzione il conseguimento dei livelli target definiti dalle linee guida (tabella 1) 2 considerarne l impiego in prevenzione primaria nei soggetti a rischio moderato (10-19% Progetto Cuore), nonostante modifiche dello stile di vita, con valori subottimali di colesterolo totale (> 190 mg/dl) ed LDL (> 115 mg/dl) specie per valori alti e per concomitanti fattori di rischio non previsti nelle tabelle (ad es. sedentarietà, familiarità cardiovascolare significativa). NB: in questo caso non è possibile la prescrizione a carico del SSN. 3 dopo TIA; il TIA non viene citato della nota 13 come criterio per l impiego di Statine in prevenzione secondaria; nel TIA non è quindi possibile la prescrizione a carico del SNN (salvo rischio cardiovascolare > 20% o concomitanti situazioni previste dalla nota 13). Quando non usare le Statine: 1 in prevenzione primaria, nonostante valori anormali di colesterolo, se il rischio cardiovascolare stimato è basso (< 10%); 2 anche in presenza di patologia cardiovascolare accertata, se i valori basali di colesterolo totale ed LDL sono molto bassi (ad es. colesterolo tot < 135 mg/dl); 3 nel diabete mellito tipo 1, prima dei 40 anni, senza altri fattori di rischio e senza segni di nefropatia (microalbuminuria); 4 in pazienti molto anziani o con aspettative di vita ridotte da comorbidità, specie in profilassi primaria. Data la mancanza di studi specificatamente dedicati alla fascia di età over 70 si ritiene che in questi casi la valutazione del rischio e della opportunità di intraprendere una terapia con Statine debba essere lasciata alla valutazione del singolo medico che terrà conto delle comorbidità e della frequente incidenza di effetti collaterali noti nocivi. Salvo età biologica chiaramente inferiore o assenza di

8 01 Statine:Layout 1 16/07/10 18:25 Pagina 8 significativa comorbidità, l impiego di Statine in profilassi primaria è in linea di principio da evitare nella nona decade. Scelta della molecola: di regola è adeguata una Statina che consenta il raggiungimento dei target di colesterolo totale ed LDL, definiti in base al rischio cardiovascolare (vedi tabella 1). Preferire per la prescrizione di Statine, a parità di evidenze il farmaco equivalente: la diversa potenza delle singole molecole nel ridurre il colesterolo totale ed LDL è sancito dalla letteratura per cui la molecola può essere scelta in funzione dell entità di riduzione desiderata; in prevenzione primaria, in prima battuta, anche in base a considerazioni farmaco-economiche, se i valori di colesterolo non risultano particolarmente elevati possono essere testate sinvastatina, pravastatina, lovastatina e fluvastatina. Qualora queste molecole non risultino idonee per i target fissati, specie nelle ipercolesterolemie gravi, risulta giustificato il ricorso ad atorvastatina e rosuvastatina e all associazione Statine/ezetimibe; nella patologia coronarica aterosclerotica stabile e dopo sindrome coronarica acuta una strategia precoce di trattamento intensivo (Statine di ultima generazione ad alte dosi, o di trattamenti ipocolesterolemizzanti di associazione, con un target di colesterolo LDL < 80 mg/dl) appare superiore rispetto ad un trattamento convenzionale (Statine di vecchia generazione a dosi medio-basse); se i valori target risultano adeguatamente raggiunti, specie in prevenzione primaria è possibile considerare la sostituzione della statina con altra di vecchia generazione, verificando il mantenimento dei target e la compliance; nel singolo caso considerazioni di tollerabilità individuale, patologia associata e interazioni con farmaci concomitanti possono giustificare scelte diverse rispetto allo schema proposto; la terapia con Statine è gravata da frequenti effetti collaterali a carico di fegato e muscoli ed il rischio di miopatia è aumentato in alcune condizioni e patologie. L inizio di una terapia con Statine va sempre attentamente valutata e all inizio e durante la terapia vanno monitorati AST, ALT e CPK. Indicazione sulle modalità di prescrizione della statina ( a carico SSN o a pagamento ) Fermo restando il diritto di ogni medico di prescrivere secondo scienza e coscienza si sottolinea l importanza di specificare esplicitamente se la prescrizione di statina è a carico del SSN o a pagamento. A questo scopo: se si usa il ricettario regionale: utilizzando lo spazio riservato alla nota; sulla dimissione ospedaliera o referto di visita: apponendo la dicitura a carico del SSN, nota 13, citando la condizione prevista dalla nota che ne consente la prescrivibilità, oppure non concedibile a carico del SSN.

Appropriatezza Prescrittiva Statine. revisione delle linee guida

Appropriatezza Prescrittiva Statine. revisione delle linee guida Appropriatezza Prescrittiva Statine revisione delle linee guida perchè altre linee guida sulle statine per coniugare nella nostra realtà appropriatezza clinica sostenibilità economica perchè le statine

Dettagli

Le modalità prescrittive nelle diverse situazioni cliniche

Le modalità prescrittive nelle diverse situazioni cliniche L INFORMAZIONE INDIPENDENTE SUL FARMACO: OBIETTIVO STATINE Le modalità prescrittive nelle diverse situazioni cliniche Sassari 26 Gennaio 2008 Dott.ssa Chiara Musio NOTA 13 AIFA La prescrizione a carico

Dettagli

DISLIPIDEMIE. Dr. Alessandro Bernardini DISLIPIDEMIA

DISLIPIDEMIE. Dr. Alessandro Bernardini DISLIPIDEMIA HOME DISLIPIDEMIE DISLIPIDEMIE Dr. Alessandro Bernardini DISLIPIDEMIA Rispetto al termine iperlipidemia, è più appropriato utilizzare dislipidemia,, che comprende sia livelli anormalmente elevati di lipoproteine

Dettagli

STORIA NOTA 13 14/11/2012 26/03/2013 04/01/2007 19/06/2014 23/02/2007 06/06/2012 O DETERMINA 29/10/2004

STORIA NOTA 13 14/11/2012 26/03/2013 04/01/2007 19/06/2014 23/02/2007 06/06/2012 O DETERMINA 29/10/2004 STORIA NOTA 13 O DETERMINA 29/10/2004 O DETERMINA 04/01/2007 O DETERMINA 23/02/2007 O DETERMINA 06/06/2012 O DETERMINA 14/11/2012 O DETERMINA 26/03/2013 O DETERMINA 19/06/2014 il target per la terapia

Dettagli

RACCOMANDAZIONI DELL ASL CN1 2010

RACCOMANDAZIONI DELL ASL CN1 2010 Appropriatezza prescrittiva nella terapia dell ipercolesterolemia RACCOMANDAZIONI DELL ASL CN1 2010 PREMESSE L'ipercolesterolemia è uno dei maggiori fattori di rischio cardiovascolare e la sua riduzione

Dettagli

Informazioni dal Servizio Farmaceutico Territoriale

Informazioni dal Servizio Farmaceutico Territoriale Informazioni dal Servizio Farmaceutico Territoriale Periodico di informazione per Medici & Farmacisti Anno XIII, N 2 Aprile 2013 A cura del DIP IP.. INTERAZIENDALEI ASSISTENZA FARMACEUTICA Via Berchet,

Dettagli

Riflessioni sulle Statine Verso la personalizzazione della terapia?

Riflessioni sulle Statine Verso la personalizzazione della terapia? Dialoghi in Farmacologia Medica Brescia, 13 Novembre 2007 Riflessioni sulle Statine Verso la personalizzazione della terapia? Dr.ssa Annamaria Indelicato Direttore Sanitario ASL di BRESCIA Euro Andamento

Dettagli

BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE CAMPANIA - N. 53 DEL 22 DICEMBRE 2008

BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE CAMPANIA - N. 53 DEL 22 DICEMBRE 2008 REGIONE CAMPANIA - Giunta Regionale - Seduta del 26 novembre 2008 - Deliberazione N. 1883 - Area Generale di Coordinamento N. 20 - Assistenza Sanitaria Piano di contenimento della spesa farmaceutica- Promozione

Dettagli

Jama, 2001, 285(19):2486-2496

Jama, 2001, 285(19):2486-2496 Sommariio esecutiivo delllle lliinee-guiida ATP-III per lla prevenziione delllle mallattiie coronariiche Jama, 2001, 285(19):2486-2496 FASE 1. DETERMINARE IL PROFILO LIPIDICO-LIPOPROTEICO NEL SOGGETTO

Dettagli

OSSERVATORIO PER IL BUON USO DEL FARMACO

OSSERVATORIO PER IL BUON USO DEL FARMACO OSSERVATORIO PER IL BUON USO DEL FARMACO 13 luglio 2010 Delibera n. 297-7 settembre 2009: Istituzione Osservatorio Permanente per l informazione sull uso appropriato e sicuro del farmaco, Istituzione della

Dettagli

DECRETO n. 133 del 10.10.2012 rif. lettera g)

DECRETO n. 133 del 10.10.2012 rif. lettera g) DECRETO n. 133 del 10.10.2012 rif. lettera g) Oggetto: - Piano di contenimento della spesa farmaceutica- Determinazione AIFA 06.06.2011 Modifica Nota 13 Promozione dell'appropriatezza diagnostica e terapeutica

Dettagli

Farmaci e Sostenibilita Economica alla luce della L.O.E. Dott. G. Monaco Direttore Responsabile ASLNA1 Centro DSB 29

Farmaci e Sostenibilita Economica alla luce della L.O.E. Dott. G. Monaco Direttore Responsabile ASLNA1 Centro DSB 29 Farmaci e Sostenibilita Economica alla luce della L.O.E. Dott. G. Monaco Direttore Responsabile ASLNA1 Centro DSB 29 Rapporto Osmed (pubbl. 05.07.2012) 26.3 miliardi di Mercato farmaceutico complessivo

Dettagli

NOTE AIFA 2006-2007 per l'uso appropriato dei farmaci (CON AGGIORNAMENTI MAGGIO 2015) NOTA 1

NOTE AIFA 2006-2007 per l'uso appropriato dei farmaci (CON AGGIORNAMENTI MAGGIO 2015) NOTA 1 NOTE AIFA 2006-2007 per l'uso appropriato dei farmaci (CON AGGIORNAMENTI MAGGIO 2015) NOTA 1 Gastroprotettori: -Misoprostolo -esomeprazolo -lansoprazolo -omeprazolo -pantoprazolo -misoprostolo + diclofenac

Dettagli

Presentazione del corso

Presentazione del corso Presentazione del corso Struttura del corso MODULO 1 La gestione del trattamento ipolipemizzante nel paziente a rischio CV tra linee guida e Nota 13 G.M. De Ferrari, A. Giaccari, R. Pontremoli, E. Manzato

Dettagli

Valutazione epidemiologica dell impatto delle Linee di indirizzo regionali sull uso dei farmaci. Marina Davoli

Valutazione epidemiologica dell impatto delle Linee di indirizzo regionali sull uso dei farmaci. Marina Davoli Valutazione epidemiologica dell impatto delle Linee di indirizzo regionali sull uso dei farmaci Marina Davoli SNLG - Antibioticoprofilassi perioperatoria nell adulto - 1 Raccomandazione I/A La profilassi

Dettagli

VobisNewSMagazinE Anno V - Febbraio 2015

VobisNewSMagazinE Anno V - Febbraio 2015 VobisNewSMagazinE Anno V - Febbraio 2015 Linee Guida NICE 2014: denso affollamento in area RCV (ESC/EAS, AHA/ACC, Nota 13 ) A cura di: Luigi Santoiemma MMG Modugno (BA) Lora Accettura Corso di Formazione

Dettagli

Gli aspetti terapeutici delle dislipidemie

Gli aspetti terapeutici delle dislipidemie 21 Gli aspetti terapeutici delle dislipidemie 1. la dietoterapia e l attività FIsIca Premesse 1. L intervento sullo stile di vita costituisce la base del trattamento delle dislipidemie e della prevenzione

Dettagli

LIPOSAN FORTE SALUGEA: STUDIO CLINICO Preview Risultati di uno Studio Funzionale

LIPOSAN FORTE SALUGEA: STUDIO CLINICO Preview Risultati di uno Studio Funzionale LIPOSAN FORTE SALUGEA: STUDIO CLINICO Preview Risultati di uno Studio Funzionale LIPOSAN FORTE SALUGEA Integratore alimentare 100% Naturale, a base di estratti vegetali. LIPOSAN FORTE attua una innovativa

Dettagli

La nuova nota 13 AIFA

La nuova nota 13 AIFA La nuova nota 13 AIFA Ovvero: visto che ci tocca usiamola al meglio E stata recentemente pubblicata l ennesima nota 13 AIFA. E ben noto che SIMG non condivide la necessità di una nota, qualsiasi essa sia,

Dettagli

Le CAPD nel Lazio: quale ruolo oggi, quale ruolo futuro? I punti di vista dei diversi attori del sistema

Le CAPD nel Lazio: quale ruolo oggi, quale ruolo futuro? I punti di vista dei diversi attori del sistema Le CAPD nel Lazio: quale ruolo oggi, quale ruolo futuro? I punti di vista dei diversi attori del sistema Dott. Fulvio Ferrante Coordinatore Area Farmaceutica Dipartimentale AUSL Frosinone 12 settembre

Dettagli

ADOTTATO DALLA DIVISIONE DI CARDIOLOGIA DELL UNIVERSITA MAGNA GRAECIA

ADOTTATO DALLA DIVISIONE DI CARDIOLOGIA DELL UNIVERSITA MAGNA GRAECIA IL COLESTEROLO BENVENUTI NEL PROGRAMMA DI RIDUZIONE DEL COLESTEROLO The Low Down Cholesterol DELL American Heart Association ADOTTATO DALLA DIVISIONE DI CARDIOLOGIA DELL UNIVERSITA MAGNA GRAECIA www.unicz.it/cardio

Dettagli

I FARMACI IPOLIPEMIZZANTI Indicazioni, posologie, note AIFA e normativa regionale.

I FARMACI IPOLIPEMIZZANTI Indicazioni, posologie, note AIFA e normativa regionale. Sede legale: Via G. Cusmano, 24 90141 PALERMO C.F. e P. I.V.A.: 05841760829 Indicazioni, posologie, note AIFA e normativa regionale. Via Pindemonte 88 90128 PALERMO dipfarmaco@asppalermo.org I FARMACI

Dettagli

Appunti di appropriatezza prescrittiva

Appunti di appropriatezza prescrittiva S.C. Farmaceutica Territoriale Appunti di appropriatezza prescrittiva Focus sui: Farmaci e colesterolo Le dislipidemie rappresentano le principali cause dell aterosclerosi e delle condizioni ad essa associate,

Dettagli

IL PRESIDENTE In Qualità di Commissario ad Àcta

IL PRESIDENTE In Qualità di Commissario ad Àcta Lazio Decreto Commissario ad Acta n. 45/2009 Promozione dell appropriatezza diagnostica e terapeutica nelle dislipidemie e dei farmaci equivalenti nelle classi C10AA e C10BA degli inibitori del HGM-CoA

Dettagli

REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA Assessorato dell Igiene Sanità e dell Assistenza Sociale

REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA Assessorato dell Igiene Sanità e dell Assistenza Sociale Prot. N. 3762 / 5 Cagliari, 2 febbraio 2005 Risposta al foglio n. del Allegati N. 6 OGGETTO : Chiarimenti sulla Determinazione AIFA 29/10/2004 concernente note AIFA 2004(Revisione delle note CUF). Aggiornamento

Dettagli

Premessa. Tratto da American Heart Journal 2004; 147: 705-712

Premessa. Tratto da American Heart Journal 2004; 147: 705-712 Effetti del cambiamento di terapia con statine sul raggiungimento delle concentrazioni lipidiche ottimali: lo studio Measuring Effective Reductions in Cholesterol Using Rosuvastatin Therapy (MERCURY I)

Dettagli

Le malattie cardiovascolari (MCV) sono la principale causa di morte nelle donne, responsabili del 54% dei decessi femminili in Europa

Le malattie cardiovascolari (MCV) sono la principale causa di morte nelle donne, responsabili del 54% dei decessi femminili in Europa Red Alert for Women s Heart Compendio DONNE E RICERCA CARDIOVASCOLARE Le malattie cardiovascolari (MCV) sono la principale causa di morte nelle donne, responsabili del 54% dei decessi femminili in Europa

Dettagli

BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE CAMPANIA - N. 51 DEL 24 SETTEMBRE 2007

BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE CAMPANIA - N. 51 DEL 24 SETTEMBRE 2007 REGIONE CAMPANIA - Giunta Regionale - Seduta del 3 agosto 2007 - Deliberazione N. 1476 - Area Generale di Coordinamento N. 20 - Assistenza Sanitaria - Determinazione AIFA 04.01.200 7 nota AIFA 13. Definizione

Dettagli

C A R D I O P A T I A I S C H E M I C A : R I D U R R E I L R I S C H I O. Riassunto

C A R D I O P A T I A I S C H E M I C A : R I D U R R E I L R I S C H I O. Riassunto Riassunto 1 Introduzione 1.1 Premessa 1.2 Spesa sanitaria e cardiopatia ischemica 1.3 Fattori di rischio coronarico come causa di cardiopatia ischemica 1.3.1 Prospettive future 1.3.2 Nutrizione e malattie

Dettagli

Nuova nota 13 link ufficiale.

Nuova nota 13 link ufficiale. La nuova NOTA 13 Nuova nota 13 link ufficiale http://www.agenziafarmaco.gov.it/it/content/nota-13 Testo esplicativo La tabella uso statine Carta rischio caratteristiche della nuova nota 13 rispetto alla

Dettagli

IL PUNTO DI VISTA DEL MEDICO DI FAMIGLIA NELLA GESTIONE DELL OSTEOPOROSI ( PREVENZIONE E TRATTAMENTO) E NELLA PREVENZIONE DELLE FRATTURE

IL PUNTO DI VISTA DEL MEDICO DI FAMIGLIA NELLA GESTIONE DELL OSTEOPOROSI ( PREVENZIONE E TRATTAMENTO) E NELLA PREVENZIONE DELLE FRATTURE IL PUNTO DI NELLA GESTIONE DELL OSTEOPOROSI ( PREVENZIONE E TRATTAMENTO) E NELLA PREVENZIONE DELLE FRATTURE PISTOIA 6 GIUGNO OSTEOPOROSI: DIFETTO SISTEMICO A CARICO DELLO SCHELETRO CARATTERIZZATO DA UNA

Dettagli

FARMACEUTICA.1 TRIESTINA COMPLESSA ASSISTENZA

FARMACEUTICA.1 TRIESTINA COMPLESSA ASSISTENZA A CURA DELLA STRUTTURA COMPLESSA ASSISTENZA FARMACEUTICA.1 TRIESTINA A.S.S. N.1 T DIRETTOREIRETTORE FF: DOTT. ABA PETTINELLI NUMERO 24 MAGGIO 2012 All interno: pag.2 La nuova nota AIFA 13 pag.5 Rapporto

Dettagli

Le note AIFA 2007 approfondimenti nota 13

Le note AIFA 2007 approfondimenti nota 13 Le note AIFA 2007 approfondimenti nota 13 Note AIFA e appropriatezza prescrittiva Como, 30/06/2007 Dott. Giovanni Veronesi Università degli Studi dell Insubria - Varese AIFA Nota 13 Revisione novembre

Dettagli

COMPLESSA ASSISTENZA FARMACEUTICA.1 TRIESTINA

COMPLESSA ASSISTENZA FARMACEUTICA.1 TRIESTINA A CURA DELLA STRUTTURA COMPLESSA ASSISTENZA FARMACEUTICA.1 TRIESTINA A.S.S. N.1 T RESPONSABILE F.F.: DOTT. ABA PETTINELLI PUBBLICAZIONE: DOTT.. STEFANOS PALCIC REFERENTE PREDISPOSIZIONE E PUBBLICAZIONE

Dettagli

Un analisi in dettaglio dei dati OsMed: nuovi e vecchi problemi

Un analisi in dettaglio dei dati OsMed: nuovi e vecchi problemi Un analisi in dettaglio dei dati OsMed: nuovi e vecchi problemi Anna Maria Marata Lucia Magnano Roma 5 luglio 2012 Composizione % della spesa farmaceutica M 663 3.157 432 1.978 1.249 554 2.722 1.378 541

Dettagli

Soggetto con LDL> 160 (CT 250-500*) e TG 200-750 mg\dl, eventuale HDL basso (fenotipo variabile)

Soggetto con LDL> 160 (CT 250-500*) e TG 200-750 mg\dl, eventuale HDL basso (fenotipo variabile) Esercitazioni Caso 1: Viene nel vostro studio F.G. maschio di 58 anni, alto 1,75 m., pesa 97 kg, fumatore di 10 sig./di, riportando il risultato degli esami eseguiti qualche giorno prima. Gli unici risultati

Dettagli

LA PREVENZIONE CARDIOVASCOLARE. dott. Zoran Olivari

LA PREVENZIONE CARDIOVASCOLARE. dott. Zoran Olivari 18 NOVEMBRE 2014 LA PREVENZIONE CARDIOVASCOLARE dott. Zoran Olivari 89 anni 89 anni 80 anni 87 anni 86 anni 88 anni 84 anni 103 anni 91 anni ULTRACENTENARI Si vive di più!! (nel ns mondo occidentale)

Dettagli

STATINE FARMACOUTILIZZAZIONE E FARMACOVIGILANZA ITALIA E SICILIA ANNO 2009

STATINE FARMACOUTILIZZAZIONE E FARMACOVIGILANZA ITALIA E SICILIA ANNO 2009 REGIONE SICILIA ASSESSORATO DELLA SALUTE DIPARTIMENTO REGIONALE PER LA PIANIFICAZIONE STRATEGICA SERVIZIO 7 FARMACEUTICA STATINE FARMACOUTILIZZAZIONE E FARMACOVIGILANZA ITALIA E SICILIA ANNO 2009 REGIONE

Dettagli

L ipertensione arteriosa. Vittorio Caimi Medico di Medicina Generale, Monza

L ipertensione arteriosa. Vittorio Caimi Medico di Medicina Generale, Monza L ipertensione arteriosa Vittorio Caimi Medico di Medicina Generale, Monza Che cosa faremo 1. Brainstorming: che cosa sapete sull ipertensione arteriosa? 2. Presentazione: prove disponibili ( che cosa

Dettagli

VALUTAZIONE E STRATIFICAZIONE DEL PROFILO DI RISCHIO DEL DEL MEDICO DI FAMIGLIA

VALUTAZIONE E STRATIFICAZIONE DEL PROFILO DI RISCHIO DEL DEL MEDICO DI FAMIGLIA VALUTAZIONE E STRATIFICAZIONE DEL PROFILO DI RISCHIO DEL PAZIENTE IPERTESO NELLO STUDIO DEL MEDICO DI FAMIGLIA Traduzione Pratica Ho idea del livello di rischio cardiovascolare del paziente iperteso che

Dettagli

Attività fisica_raccomandazioni progetto cuore

Attività fisica_raccomandazioni progetto cuore Attività fisica_raccomandazioni progetto cuore Attività fisica_raccomandazioni progetto cuore Attività fisica_raccomandazioni progetto cuore Attività fisica_esercizio aerobico Aiuta mantenere peso ideale

Dettagli

uno dei maggiori problemi clinici del nostro secolo. "essenziale" "secondaria".

uno dei maggiori problemi clinici del nostro secolo. essenziale secondaria. L ipertensione arteriosa, una tra le malattie più diffuse nei paesi industrializzati, si riscontra nel 20 percento della popolazione adulta ed è considerata uno dei maggiori problemi clinici del nostro

Dettagli

Il diabete nell anziano e il rischio di. Claudio Marengo Marco Comoglio

Il diabete nell anziano e il rischio di. Claudio Marengo Marco Comoglio Il diabete nell anziano e il rischio di disabilità Claudio Marengo Marco Comoglio SEEd srl C.so Vigevano, 35-10152 Torino Tel. 011.566.02.58 - Fax 011.518.68.92 www.edizioniseed.it info@edizioniseed.it

Dettagli

La diagnosi delle dislipidemie familiari e secondarie. Gerardo Medea

La diagnosi delle dislipidemie familiari e secondarie. Gerardo Medea La diagnosi delle dislipidemie familiari e secondarie Gerardo Medea GLOSSARIO ESSENZIALE Dislipidemie: alterazioni nei livelli e/o nella composizione e/o nel metabolismo dei lipidi e delle lipoproteine

Dettagli

Lo Studio QUADRI. Target metabolici non ben controllati. Prevalenza delle complicanze

Lo Studio QUADRI. Target metabolici non ben controllati. Prevalenza delle complicanze Lo Studio QUADRI Target metabolici non ben controllati Insufficiente controllo dei target metabolici, della PA e dell assetto lipidico Mancato raggiungimento del target BMI Prevalenza delle complicanze

Dettagli

Sicurezza nella sospensione delle statine: meccanismi biomolecolari e clinici.

Sicurezza nella sospensione delle statine: meccanismi biomolecolari e clinici. Sicurezza nella sospensione delle statine: meccanismi biomolecolari e clinici. Abstract L utilizzo vantaggioso delle statine nella prevenzione primaria e secondaria dei disturbi cardiovascolari e nei soggetti

Dettagli

in commercio rilasciata dal Ministero della Sanità.

in commercio rilasciata dal Ministero della Sanità. 3614 quantità o la giacenza di magazzino oltre la quale si rende necessario ordinare le voci di interesse. La definizione di entrambi i parametri dovrà essere curata da farmacisti che integreranno nelle

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato MISURACA

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato MISURACA Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 572 PROPOSTA DI LEGGE d iniziativa del deputato MISURACA Modifiche alla legge 16 marzo 1987, n. 115, recante disposizioni per la prevenzione

Dettagli

Informazioni dal Servizio Farmaceutico Territoriale

Informazioni dal Servizio Farmaceutico Territoriale Informazioni dal Servizio Farmaceutico Territoriale Periodico di informazione per Medici & Farmacisti Anno XII, N 3 Novembre 2012 A cura del DIP IP.. INTERAZIENDALEI ASSISTENZA FARMACEUTICA Via Berchet,

Dettagli

L OBESITA : FATTO DI ESTETICA O MALATTIA?

L OBESITA : FATTO DI ESTETICA O MALATTIA? Cernusco Lombardone 11-05-2013 L OBESITA : FATTO DI ESTETICA O MALATTIA? Dott Ivano Baragetti Divisione di Nefrologia e Dialisi Ospedale Bassini, Cinisello Balsamo Azienda Ospedaliera ICP Milano IN UN

Dettagli

Giunta Regionale Direzione Generale Sanità e Politiche Sociali

Giunta Regionale Direzione Generale Sanità e Politiche Sociali Giunta Regionale Direzione Generale Sanità e Politiche Sociali Servizio Politica del Farmaco Il Dirigente Responsabile del Servizio Cristina Malvi TIPO ANNO NUMERO Reg. PG 2006 1073387 del 19/12/2006 ES

Dettagli

COLESTEROLO. l insidioso killer del cuore. A cura della Dott.ssa Anna Maria Marcellini Direttore Tecnico del Laboratorio Gruppo Ippocrate

COLESTEROLO. l insidioso killer del cuore. A cura della Dott.ssa Anna Maria Marcellini Direttore Tecnico del Laboratorio Gruppo Ippocrate COLESTEROLO l insidioso killer del cuore A cura della Dott.ssa Anna Maria Marcellini Direttore Tecnico del Laboratorio Gruppo Ippocrate Cos è il COLESTEROLO Il Colesterolo è una sostanza che appartiene

Dettagli

FARMACEUTICA.1 TRIESTINA COMPLESSA ASSISTENZA

FARMACEUTICA.1 TRIESTINA COMPLESSA ASSISTENZA A CURA DELLA STRUTTURA COMPLESSA ASSISTENZA FARMACEUTICA.1 TRIESTINA A.S.S. N.1 T DIRETTORE FF: DOTT. ABA PETTINELLI NUMERO 23 GIUGNO 2011 All interno: pag.2 Linee guida eu- ropee pag.3 Terapia con sta-

Dettagli

Dr. Enzo Bertamini Medico di Medicina Generale Coordinatore del Progetto Diabete di Bolzano

Dr. Enzo Bertamini Medico di Medicina Generale Coordinatore del Progetto Diabete di Bolzano Dr. Enzo Bertamini Medico di Medicina Generale Coordinatore del Progetto Diabete di Bolzano GRUPPO DI LAVORO Fattor B. Servizio Diabetologico CS Bolzano De Blasi G. Servizio Diabetologico CS Bressanone

Dettagli

Prevenire mortalità e morbosità cardiovascolare mediante la valutazione del rischio individuale

Prevenire mortalità e morbosità cardiovascolare mediante la valutazione del rischio individuale ASSESSORATO DELL'IGIENE E SANITA' E DELL'ASSISTENZA SOCIALE PIANO OPERATIVO DEL PRP REGIONE SARDEGNA 200-202 ) Regione: Regione Autonoma della Sardegna Allegato 2 2) Titolo del progetto o del programma:

Dettagli

La prevenzione dell ictus nel paziente con fibrillazione atriale

La prevenzione dell ictus nel paziente con fibrillazione atriale http://www.aslromaa.it/auslrma/ farmaanotizie Periodico mensile di informazione della ASL ROMA A su argomenti di farmacoepidemiologia/farmacoeconomia/farmacovigilanza Marzo 2012 anno 3 n 3 La prevenzione

Dettagli

La (nuova) nota 13 AIFA e i suoi effetti professionali, clinici ed economici

La (nuova) nota 13 AIFA e i suoi effetti professionali, clinici ed economici Serie Editoriale Società Italiana di Medicina Generale La (nuova) nota 13 AIFA e i suoi effetti professionali, clinici ed economici V. Atella, A. Battaggia, F. Belotti, O. Brignoli, C. Cricelli, A. Filippi,

Dettagli

Rischio relativo di CHD. FIGURA 3 HDL ed IHD in funzione dell età

Rischio relativo di CHD. FIGURA 3 HDL ed IHD in funzione dell età Uomini Donne Riduzione relativa del rischio (%) Rischio relativo di CHD HDL-C quintili: FIGURA 1 - Rischio residuo negli studi con statine Età FIGURA 2 - HDL e CHD in uomini e donne nello studio ARIC FIGURA

Dettagli

STATINE E RISCHIO CARDIOVASCOLARE NELLA POPOLAZIONE DIABETICA DELLA REALTA VENETA

STATINE E RISCHIO CARDIOVASCOLARE NELLA POPOLAZIONE DIABETICA DELLA REALTA VENETA OS S ERVATORIO ARNO DIAB ETE 10 ANNI DI PRESCRIZIONI DI FARMACI ANTIDIABETICI STATINE E RISCHIO CARDIOVASCOLARE NELLA POPOLAZIONE DIABETICA DELLA REALTA VENETA Annalisa Ferrarese Azienda ULSS 18 Rovigo

Dettagli

RELAZIONE ILLUSTRATIVA SINTETICA OBIETTIVI ECONOMICI DGRV N. 2525/2014

RELAZIONE ILLUSTRATIVA SINTETICA OBIETTIVI ECONOMICI DGRV N. 2525/2014 ALLEGATO N. 2 RELAZIONE ILLUSTRATIVA SINTETICA OBIETTIVI ECONOMICI DGRV N. 2525/2014 PREVENTIVO 2015 Azienda sanitaria: AULSS 21 - Legnago AZIENDA ULSS 21 49 10/04/2015 OBIETTIVI D.1 DGR 2525 DEL 23/12/2014

Dettagli

Il ruolo del medico di medicina generale nell applicazione del PDTA sulle patologie bronco-ostruttive

Il ruolo del medico di medicina generale nell applicazione del PDTA sulle patologie bronco-ostruttive Medico di medicina generale, Bisceglie (BA) Il ruolo del medico di medicina generale nell applicazione del PDTA sulle patologie bronco-ostruttive Il recente documento della regione Puglia relativo ai percorsi

Dettagli

sembra una Anche qui sembra questione di sesso: Aspirina e donne

sembra una Anche qui sembra questione di sesso: Aspirina e donne sembra una Anche qui sembra questione di sesso: Aspirina e donne The Women s Health Study Razionale per l uso di bassi dosaggi di aspirina nella prevenzione primaria Nella prevenzione secondaria delle

Dettagli

Allegato I. Conclusioni scientifiche e motivi della variazione dei termini delle autorizzazioni all immissione in commercio

Allegato I. Conclusioni scientifiche e motivi della variazione dei termini delle autorizzazioni all immissione in commercio Allegato I Conclusioni scientifiche e motivi della variazione dei termini delle autorizzazioni all immissione in commercio Conclusioni scientifiche Vista la relazione di valutazione del comitato di valutazione

Dettagli

1. Iperlipidemie. 2.2. Fabbisogno di lipidi

1. Iperlipidemie. 2.2. Fabbisogno di lipidi ,3(5/,3,'(0,( 1. Iperlipidemie Le iperlipidemie, ed in particolar modo l ipercolesterolemia, rappresentano sicuramente il più riconosciuto ed importante fattore di rischio per l insorgenza dell aterosclerosi

Dettagli

Complicanze macroangiopatiche nel diabete

Complicanze macroangiopatiche nel diabete Complicanze macroangiopatiche nel diabete Diabete mellito e mortalità cardiovascolare Framingham Study: 20 anni di follow-up 18 Mortalità cardiaca ogni 1000 persone 16 14 12 10 8 6 4 2 17 8 17 4 DM No-DM

Dettagli

IL MEDICO DI MEDICINA GENERALE E LA NEFROPATIA DIABETICA: studio sui comportamenti prescrittivi diagnosticoterapeutici di un gruppo di medici genovesi

IL MEDICO DI MEDICINA GENERALE E LA NEFROPATIA DIABETICA: studio sui comportamenti prescrittivi diagnosticoterapeutici di un gruppo di medici genovesi Università degli Studi di Genova Facoltà di Medicina e Chirurgia IL MEDICO DI MEDICINA GENERALE E LA NEFROPATIA DIABETICA: studio sui comportamenti prescrittivi diagnosticoterapeutici di un gruppo di medici

Dettagli

DATASET (cosa registra il MMG partecipante a CGDM):

DATASET (cosa registra il MMG partecipante a CGDM): DATASET (cosa registra il MMG partecipante a CGDM): diagnosi di diabete mellito (codificata ICD9): Diabete mellito (non altrimenti specificato): cod. 250.0 Diabete mellito di tipo 1: cod. 250.01 (non considerato

Dettagli

IL RISCHIO CARDIOVASCOLARE GLOBALE: IL CRUSCOTTO DEL CUORE

IL RISCHIO CARDIOVASCOLARE GLOBALE: IL CRUSCOTTO DEL CUORE Lega Friulana per il Cuore IL RISCHIO CARDIOVASCOLARE GLOBALE: IL CRUSCOTTO DEL CUORE Materiale predisposto dal dott. Diego Vanuzzo, Centro di Prevenzione Cardiovascolare, Udine a nome del Comitato Tecnico-Scientifico

Dettagli

IL DIRETTORE GENERALE

IL DIRETTORE GENERALE malattia intestinale signi cativa o cronica nota, come malattia intestinale in ammatoria o malassorbimento; uso concomitante di inibitori forti o moderati del citocromo P450 (CYP) 3A4 (ad es. azoli antimicotici

Dettagli

Università degli studi di Genova

Università degli studi di Genova Università degli studi di Genova Facoltà di Medicina e Chirurgia Corso di laurea specialistica in Medicina e Chirurgia Rischio Cardiovascolare: i dati dei medici di medicina generale su 80.000 pazienti

Dettagli

Allegato 3: Tabella esami baseline per valutazione rischio e danno d organo e follow-up

Allegato 3: Tabella esami baseline per valutazione rischio e danno d organo e follow-up Allegato 3: Tabella esami baseline per valutazione rischio e danno d organo e follow-up Esami Routine Valori o risultato al Intervento baseline ECG Routine Neg per IVS Programmare Eco in 3-4 mesi (se compatibile

Dettagli

DESCRIZIONE DELLE LIPOPROTEINE E LORO METABOLISMO

DESCRIZIONE DELLE LIPOPROTEINE E LORO METABOLISMO DESCRIZIONE DELLE LIPOPROTEINE E LORO METABOLISMO Lipoproteine: complessi macromolecolari che trasportano i lipidi a livello plasmatico Apolipoproteine: famiglia di proteine che copre la superficie delle

Dettagli

E facilmente intuibile come, da quel che si è esposto, questo sottogruppo di obesi, trattati con metformina, abbia conseguito i migliori risultati.

E facilmente intuibile come, da quel che si è esposto, questo sottogruppo di obesi, trattati con metformina, abbia conseguito i migliori risultati. Dia 1 E necessario sottolineare la profonda differenza nella patogenesi delle complicanze microvascolari, quali la retinopatia, la nefropatia e la neuropatia, e quelle macrovascolari, quali la cardiopatia

Dettagli

LE 5 CATEGORIE DI FARMACI PIÙ PRESCRITTE NEL 2012

LE 5 CATEGORIE DI FARMACI PIÙ PRESCRITTE NEL 2012 LE 5 CATEGORIE DI FARMACI PIÙ PRESCRITTE NEL 2012 I farmaci per il sistema cardiovascolare al primo posto per consumo e spesa pubblica, le statine rimangono la categoria a maggior spesa, mentre gli ACE-inibitori

Dettagli

e di aderenza al trattamento Aas4 Friuli centrale

e di aderenza al trattamento Aas4 Friuli centrale L USO DEI FARMACI IN ITALIA (OSMED 2014) Rapporto Nazionale, Anno 2014 Profili di utilizzazione dei medicinali e di aderenza al trattamento Aas4 Friuli centrale Lucrezia Marcuzzo: Soc assistenza farmaceutica

Dettagli

APPROPRIATEZZA IN ECOCARDIOGRAFIA. MARIA CUONZO Cardiologia UTIC AUSL BA Terlizzi

APPROPRIATEZZA IN ECOCARDIOGRAFIA. MARIA CUONZO Cardiologia UTIC AUSL BA Terlizzi APPROPRIATEZZA IN ECOCARDIOGRAFIA MARIA CUONZO Cardiologia UTIC AUSL BA Terlizzi SOGGETTO CON CMD NOTA IN COMPENSO PREGRESSO DOLORE TORACICO Quale esame stato richiesto con appropriatezza? SOGGETTO CON

Dettagli

Rischio Cardiovascolare Globale: Stili di vita,appropriatezza Prescrittiva Statine

Rischio Cardiovascolare Globale: Stili di vita,appropriatezza Prescrittiva Statine REGIONE CALABRIA Premessa Rischio Cardiovascolare Globale: Stili di vita,appropriatezza Prescrittiva Statine Secondo i dati dell Organizzazione Mondiale della Sanità la spesa sanitaria è oggi condizionata

Dettagli

COSA FARE DOPO IL RISCONTRO DI ATEROSCLEROSI ASINTOMATICA DELLE CAROTIDI

COSA FARE DOPO IL RISCONTRO DI ATEROSCLEROSI ASINTOMATICA DELLE CAROTIDI Lega Friulana per il Cuore COSA FARE DOPO IL RISCONTRO DI ATEROSCLEROSI ASINTOMATICA DELLE CAROTIDI Materiale predisposto dal dott. Diego Vanuzzo, Centro di Prevenzione Cardiovascolare, Udine a nome del

Dettagli

USO CONCOMITANTE DI INIBITORI DI POMPA E TERAPIE ANTITROMBOTICHE

USO CONCOMITANTE DI INIBITORI DI POMPA E TERAPIE ANTITROMBOTICHE Italian Council of Cardiology Practice Varese, 20-21-22 giugno 2014 «CUORE E OLTRE NUOVE PROPOSTE DI DIAGNOSI E TERAPIA» Congresso Regionale e Nazionale Collegio Federativo di Cardiologia USO CONCOMITANTE

Dettagli

prevenzione secondaria prevenzione primaria

prevenzione secondaria prevenzione primaria Dia 1 La popolazione diabetica è caratterizzata da una elevata prevalenza di soggetti con dislipidemia, in tutte le sue forme: aumento della colesterolemia totale e LDL, diminuzione della colesterolemia

Dettagli

Morte improvvisa in Italia: studio caso-controllo in Medicina Generale. Istruzioni per il ricercatore

Morte improvvisa in Italia: studio caso-controllo in Medicina Generale. Istruzioni per il ricercatore Morte improvvisa in Italia: studio caso-controllo in Medicina Generale Istruzioni per il ricercatore 1. Decidi la partecipazione prima di controllare se hai casi di morte improvvisa. questo aspetto è molto

Dettagli

Nuove Linee Guida per la Prevenzione Cardiovascolare

Nuove Linee Guida per la Prevenzione Cardiovascolare Nuove Linee Guida per la Prevenzione Cardiovascolare 3 Congresso di Medicina Interna dell'area Vasta Fermana Fermo, 10-11 Ottobre 2014 Dr. Andrea Belletti Medico di Medicina Generale Specificità della

Dettagli

Farmaci generici e qualità della cura Dati di una Provincia della Regione. Dr.ssa Olivia Leoni

Farmaci generici e qualità della cura Dati di una Provincia della Regione. Dr.ssa Olivia Leoni Farmaci generici e qualità della cura Dati di una Provincia della Regione Dr.ssa Olivia Leoni Medico Resp UOSVD Farmacoeconomia, appropriatezza prescrittiva, percorsi di cura (Dipartimento PAC, ASL Varese)

Dettagli

Tu sei nel cuore di Fondo Est!

Tu sei nel cuore di Fondo Est! Tu sei nel cuore di Fondo Est! Prevenzione della Sindrome Metabolica 1 Fondo EST in collaborazione con Unisalute ti invita a partecipare alla campagna TU SEI NEL CUORE DI FONDO EST. Si tratta di uno screening

Dettagli

I consigli per invecchiare bene: la dieta mediterranea, l attività fisica, la cura del nostro cuore, l esercizio della nostra mente

I consigli per invecchiare bene: la dieta mediterranea, l attività fisica, la cura del nostro cuore, l esercizio della nostra mente I consigli per invecchiare bene: la dieta mediterranea, l attività fisica, la cura del nostro cuore, l esercizio della nostra mente Dott.ssa Silvia Navarin Scuola di Specializzazione Medicina d Emergenza-Urgenza

Dettagli

BELLI DI DENTRO Stili di vita e stili alimentari per mantenere giovani cuore e cervello. Drssa Grazia Foti

BELLI DI DENTRO Stili di vita e stili alimentari per mantenere giovani cuore e cervello. Drssa Grazia Foti BELLI DI DENTRO Stili di vita e stili alimentari per mantenere giovani cuore e cervello Drssa Grazia Foti MALATTIE CARDIOVASCOLARI Più importante causa di morte nel mondo, (17.3 milioni di morti ogni anno)

Dettagli

POLITERAPIE NEL PAZIENTE ANZIANO. Dipartimento Farmaceutico Azienda USL di Reggio Emilia

POLITERAPIE NEL PAZIENTE ANZIANO. Dipartimento Farmaceutico Azienda USL di Reggio Emilia POLITERAPIE NEL PAZIENTE ANZIANO Dipartimento Farmaceutico Azienda USL di Reggio Emilia PAZIENTI ANZIANI Maggiori utilizzatori di farmaci per la presenza di polipatologie spesso croniche Ridotte funzionalità

Dettagli

Maria Antonietta Lepore LIPIDI E LIPOPROTEINE

Maria Antonietta Lepore LIPIDI E LIPOPROTEINE A06 108 Maria Antonietta Lepore LIPIDI E LIPOPROTEINE Correlazione con patologie cardiovascolari Copyright MMIX ARACNE editrice S.r.l. www.aracneeditrice.it info@aracneeditrice.it via Raffaele Garofalo,

Dettagli

Proposta di protocollo di gestione dei pazienti diabetici

Proposta di protocollo di gestione dei pazienti diabetici Proposta di protocollo di gestione dei pazienti diabetici Premesse Nella ipotetica piramide a tre livelli( fig 1) il primo livello preventivo ( familiarità IFG ecc ma comunque glicemia inferiore a 126)

Dettagli

LINEE DI RICERCA SOSTENUTE DAL 5xMILLE 2013

LINEE DI RICERCA SOSTENUTE DAL 5xMILLE 2013 LINEE DI RICERCA SOSTENUTE DAL 5xMILLE 2013 I Ricercatori del Centro di Genomica e Bioinformatica Traslazionale stanno lavorando a linee di ricerca legate a 1. Sclerosi Multipla 2. Tumore della Prostata

Dettagli

Aferesi terapeutica. DALI Adsorbimento diretto delle lipoproteine

Aferesi terapeutica. DALI Adsorbimento diretto delle lipoproteine Aferesi terapeutica DALI Adsorbimento diretto delle lipoproteine Ipercolesterolemia I rischi legati al colesterolo LDL Cause di morte nelle regioni dell Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS), 2002

Dettagli

Integrazione Ospedale-Territorio:

Integrazione Ospedale-Territorio: Integrazione Ospedale-Territorio: malattie rare ed assistenza integrativa Relatore Dott.ssa Francesca Canepa S.C. Assistenza Farmaceutica Convenzionata LEA I Livelli essenziali di assistenza (LEA) sono

Dettagli

La valutazione degli indicatori di processo e di outcome Francesco Dotta

La valutazione degli indicatori di processo e di outcome Francesco Dotta La valutazione degli indicatori di processo e di outcome Francesco Dotta U.O. Diabetologia, Policlinico Le Scotte Università di Siena GLI INDICATORI: DEFINIZIONE L indicatore è un informazione, quantitativa

Dettagli

1 Accesso. 2 Accesso. Note 1-2. Nota 3. (dopo 15-30 giorni) STOP. Nota 4

1 Accesso. 2 Accesso. Note 1-2. Nota 3. (dopo 15-30 giorni) STOP. Nota 4 1 Accesso Note 1-2 1. Individua i pazienti affetti da Sindrome Metabolica utilizzando l algoritmo per la diagnosi secondo l ATP III fra tutti i pazienti con BMI > 27 o affetti da uno dei disordini che

Dettagli

Cristina Della Rosa Dipartimento Cure Primarie ASL Como ASSISTENZA PROTESICA ED INTEGRATIVA Nell ambito dell assistenza al paziente cronico l assistenza protesica ed integrativa rappresentano un aspetto

Dettagli

Indicatori di qualità dell assistenza ospedaliera per la popolazione anziana residente nel Lazio

Indicatori di qualità dell assistenza ospedaliera per la popolazione anziana residente nel Lazio LAZIOSANITÀ AGENZIA DI SANITÀ PUBBLICA Indicatori di qualità dell assistenza ospedaliera per la popolazione anziana residente nel Lazio Anno 2005 Regione Lazio Indicatori di qualità dell assistenza ospedaliera

Dettagli

EDUCAZIONE SANITARIA...

EDUCAZIONE SANITARIA... EDUCAZIONE SANITARIA... Satta Hai Anna Siamo negli anni 20, l inizio dell era insulinica: prende forma l idea che il diabetico debba essere adeguatamente istruito e motivato (cioè educato). Questa nuova

Dettagli

Dalla indagine demografica alla definizione del bisogno socio-sanitario

Dalla indagine demografica alla definizione del bisogno socio-sanitario Dalla indagine demografica alla definizione del bisogno socio-sanitario L analisi del contesto demografico è l introduzione ideale alla sezione della salute. Il bisogno del cittadino residente sul territorio

Dettagli

ULSS 2 INCONTRA I mercoledì della Salute

ULSS 2 INCONTRA I mercoledì della Salute ULSS 2 INCONTRA I mercoledì della Salute Titolo: Il Diabete nell'età adulta Relatore: Dr. Ferruccio D'Incau Data: 19 marzo 2014 Sede: Aula Piccolotto Ospedale di Feltre Il Diabete mellito è una patologia

Dettagli