MATLAB Note Introduttive Matlab

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "MATLAB Note Introduttive Matlab"

Transcript

1 MATLAB Note Introduttive

2 Cos' e MATLAB ²MATLAB(MATrix LABoratory) µe un programmainterattivo per il calcolo numerico,incui l'elemento base µe la matrice ²Vieneoggilargamenteutilizzatosiaperladidatticacheperla ricercainsvariatisettori: {Calcolomatriciale {MatematicaApplicata {Analisidisegnali {Gra cabietri-dimensionale {Controlliautomatici {::: ²Esistono versioniper main-frame,pc,workstation ²Originariamente scrittoinfortran,orain C.

3 MATLAB in AuladiGra caavanzata (D4eD5) ²L'auladigra caavanzata e costituitada32macchine HP 9000/700, ciscunadotatadi32mbyte diramedundisco da 1Gbyte. Si raccomanda di non spegnere le macchine condisco. ²Unostudentedevepossedereunaccountperpoteraccederealle macchine. Gliaccount sonocreatinominalmente dalpersonale preposto allagestione dell'aula. µe necessario speci care per quale corsosi intende utilizzare le workstation.

4 MATLAB in AuladiGra caavanzata (D4eD5) ²Per utilizzare MATLAB occorre 1.entrarenelproprioaccountspeci candolalogin-nameela relativapassword Esempio: Login: Paperino Password: Nyquist 2.Aprire una nestra comandi cliccando sulsimbolo di terminale nella parte bassa dello schermo 3.dare ilcomandomatlab 4. µ Epossibileutilizzareunqualunqueeditorditestoperscrivere ipropri m- les da interpretare con MATLAB.

5 Generalit a ²MATLAB µe un interprete in grado di eseguire istruzioni native ocontenute in les su disco ²Un M- le µe un le ASCIIche rispetta la sintassi MATLAB. Unutente puµo aggiungere delle nuove istruzioniaggiungendo iproprim- les, come < nomef ile >.m. Essiverrannoeseguiti semplicememente digitando<nomefile >. Itoolboxes dimatlabsonodellecollezionidim- lescherisolvonoparticolariproblemi(adesempioilcontroltoolbox). ²ElementobasediMATLABµelamatrice,chepuo'esserecostituitadaelementirealiocomplessi. ²Notabene: Il puntoe virgola altermine di un'istruzione MAT- LAB impedisce lavisualizzazione del risultatodell'istruzione stessa. Il carattere %consente diintrodurre commenti. Due opiµupunti:::consentonodiestendereun'istruzioneallariga successiva. ² µ EdisponibileunHELPinlinea. Bastadigitarehelp<topic>.

6 Introduzione di matrici >> A= [1 2 3; 4 5 6] A = >> [1 2 3; 4 5 6] ans = >> [ ] ans = >> [ ] ans =

7 Ancorasullematrici ²Unamatrice puµo essere generata mediante funzionibuilt-indi MATLAB.Adesempiozeros(n,m),ones(n,m),eye(n,m)... >>eye(2,2) ans= ²Gli elementidi una matrice sonoindirizzabili mediante indice fraparentesitonde >>A(2,1) ans= 4 ²Unamatrice puµo essere costruita de nendole sue sottomatrici >>A=[123;456]; >>Y=[789]; >>B=[A;Y] B =

8 Variabili ed espressioni ²Le istruzioni MATLAB sono spesso nella forma variabile = espressione osemplicemente espressione ²Le espressionisonocostituite daoperatori, caratterispeciali, funzioni,variabilie numeri operatori: +*-/n^ ²funzioni: nomisimboliciconargomentifraparentesi: eye(2,2) ²numeri: reali,ad es. 5,e complessi,ad es. 5+ 2*io indi erentemente 5 +2*j

9 Fine della sedutadilavoro ²PerusciredaMATLABsipossonousarequitoexit.Uscendo da MATLAB tutte le variabili del workspace vengono perse. Perconservarlesipuµoeseguirel'istruzionesaveevienecreato un le MATLAB.MAT. Rientrandoin MATLAB si possono recuperarelevariabilimediantel'istruzioneload. saveeload possonoessereutilizzateanchespeci candoilnome del le in cuisivuolesalvarelevariabili.

10 Operazionisu matrici ²Trasposizione >>A=[123;456;789]; >>B=A' ans= ²>>[123]' ans= ²somma e sottrazione vengonofatte elemento per elemento >>[123;456]+[333;333] ans = ²>>[102]-5 ans =

11 Operazionisu matrici ²il prodotto µe de nito come il prodotto matriciale righe per colonne >>[12;34;56]*[44;55] ans = ²il prodotto scalare(elemento per elemento) viene indicatocon.* >>[123456].*[ ] ans= ²SeAµeunamatricequadrataepµeunoscalare A^p=A*A*A ²L'elevamentoapotenzascalare(elemento per elemento) si indicacon.^

12 Operazionisu matrici ²Ladivisionevienee ettuatamedianteduesimboli /e n Supponendoche Asiaunamatrice quadratanonsingolare X=B/A µesoluzionedix A=BoX=B inv(a) X=AnBµesoluzionediA X=BoX=inv(A) B conxchehalestessedimensionidib. ²La divisione scalare(elementoper elemento) viene indicatacon./ >>[123456]./[ ] ans=

13 Operazionisu matrici ²InMATLABleespressionideltipoexp(A),sqrt(A),log(A) sonoconsiderate array operations,ovvero de nite su ciascun elementodellamatrice A.Le corrispondentifunzioni trascendentimatricialisi ottengonoaggiungendounmal nale della funzione. Adesempio expm(a)equivaleae A = P 1 i=0 A i i! ² E possibile utilizzare convenientemente anche degli operatori relazionali, <minoredi>maggioredi >=maggioreuguale<=minoreuguale ==ugualea~=diversoda e operatori logici &and jor~not Ad esempio,mediante l'istruzione nd,si possono selezionare sottoinsiemidimatriciusandoglioperatorirelazionali >>A=[4180]; >> nd(a>2) ans=13 ²Sul manuale: Funzioni logiche e relazionali,funzioni trigonometriche,funzioni matematiche elementari

14 Operazionisu matrici ²Esistono varie funzioni per generare deivettori >>x=1:5 x = ²>>x=1:0.5:2 x = ²>>x=linspace(-1,1,5) x= >>x=logspace(-1,1,5) x = ²Esistonoinoltrevariefunzioneperlamanipolazionedimatrici, comeadesempiodiag(x), iplr,reshape,...

15 Operazionisu matrici ²A(x,y) individua lamatrice che siottiene utilizzando gli elementi del vettore x come indicidi riga e gli elementidel vettore ycomeindicidicolonna. >>A=[123;456]; >>A([12],[23]) ans = ²>>A(:,1) ans= 1 4 ²MATLABmetteadisposizioneanchealcunefunzionicolumnoriented,che agiscono sulle colonne delle matricie restituiscono unvettore riga. Adesempiolafunzione mean che esegue la mediapercolonne >>A=[123;456]; >>mean(a) ans=

16 Operazionisu matrici ²Autovalorie autovettori: datalamatrice quadrataadidimensionin nl'istruzione a=eig(a) restituisce ilvettore colonnaan 1costituitodagliautovalori dellamatrice A.L'istruzione [V,D]=eig(A) restituisce lamatrice Vn n degli autovettori normalizzati e lamatricediagonaledn n,chepresentasulladiagonalegli autovaloridellamatrice A. ²Altre funzioniconsentonodicalcolare il determinante(det(a)), l'inversa(inv(a)),ilrango(rank(a))ecos µ ivia.

17 Operazionisu matrici ²Fattorizzazione triangolare: data la matrice quadrataadi dimensionin nl'istruzione [L,U]=lu(A) restituisce ifattori della fattorizzazione A=LU,conLtriangolareinferioreeUtriangolaresuperiore. ²Singolarvaluedecomposition: datalamatriceadidimensioni n ml'istruzione [U,S,V]=svd(A) restituisce i fattori della fattorizzazione A = USV T, con U n nevm m,ortogonaliesdiagonalen mconivalori singolari diasulla diagonale principale.

18 Rappresentazione dei polinomi ²Unpolinomioµe rappresentatodaunvettore rigache contiene i coe cienti delpolinomio inordine decrescente delle potenze del polinomio. Adesempio p=[10-63] permettedirappresentarex 3 6x+3. ²r=roots(p)permetteditrovareleradicidip. ²p=poly(r) permette ditrovare icoe±cientidelpolinomiocon radici nel vettore r. >>p=[10-63]; >>r=roots(p) r= ²>>poly(r) ans=

19 Operazione sui polinomi ²Ilprodottodiduepolinomia(x)eb(x)siottienee ettuandola convoluzione dei loro coe±cienti(conv(a,b)). Ad esempio a(x)=x 2 +2x+3eb(x)=4x 2 +5x+6 a(x) b(x)=4x 4 +13x 3 +28x 2 +27x+18 siottienemediante >>a=[123];b=[456]; >>c=conv(a,b) c = ²ladivisionefraduepolinomic(x)ea(x)siottienee ettuando ladeconvoluzione dei loro coe±cienti mediante l'istruzione deconv(c,a) >>[qr]=deconv(c,a) q= 456%polinomioquoziente r= 00000%polinomioresto ²Ilpolinomiocaratteristicodellamatrice quadrata Asiottiene conl'istruzione poly(a).per valutare ilpolinomiopincorrispondenzadi un valore ksi usal'istruzione polyval(p,k).

20 Operazionisuipolinomi ²Sviluppoinfrattisemplici n(s) d(s) = r 1 s p 1 + r 2 s p 2 +:::+ r m s p m +k(s) con[r,p,k]=residue(n,d),dove Rµe il vettore dei residui,p quellodei poli e K contiene i coe±cienti del polinomiodiretto. s+1 ²Adesempio s 2 +5s+6 sirisolvecon >>n=[11];d=[156]; >>[RPK]=residue(n,d) R=2-1 P=-3-2 K=[] equindilosviluppoµe 2 s+3 1 s+2 ; ²MATLABconsenteanchedicalcolareilpolinomiointerpolante dati due vettori x e y di ordine m mediante il metodo dei minimiquadrati: p=poly t(x,y,n) restituisce ilpolinomio p di gradon che interpola ottimamente idatinelsensodeiminimiquadrati

21 Gra ci ²l'istruzione plot consente die ettuare gra ci bidimensionali. plot(x)conxvettore1 nproduceungra coconleascisse costituitedagliindici1:neconxinordinata plot(x,y)conxeyvettori1 nproduceungra coconxin ascissaeyinordinata plot(x,y,z,h)conx,y,zehvettori1 nproduceduegra ci, unoconxinascissaeyinordinatael'altroconzinascissae hinordinata plot(x,y,'--') produce un gra coconlineatratteggiata... ²l'istruzionesubplot(mnp)dovemensonogliinteri1e2e pµecompresofra1em*n,suddividelapaginagra cainm n nestreeselezionala nestrapseguendol'ordine ²l'istruzione grid visualizzaunagrigliasulloschermo;le istruzioni title('titolo'),xlabel('label')eylabel('label')consentono dimettereiltitoloedelle etichette sull'asse xey, rispettivamente. ²l'istruzione axis([xiniz xend yiniz yend]) consente di riscalare ilgra co nel settore speci cato.

22 amp Gra ci ²>>time=[0:0.1:20];omega=pi/2; >>y=sin(omega*time); >>plot(time,y),grid,title('seno'); >>xlabel('time'),ylabel('amplitude') 1 seno time

23 a m p l i a m p l i Gra cidiesempio a m p l i a m p l i ²>>y1=sin(omega*time);y2=sin(2*omega*time); >>y3=sin(3*omega*time);y4=sin(4*omega*time); >>subplot(2,2,1),plot(time,y1),grid,title('omega'), >>xlabel('time'),ylabel('amplitude') >>subplot(2,2,2),plot(time,y2,'--'),grid; >>title('omega*2') >>xlabel('time'),ylabel('amplitude') >>subplot(2,2,3),plot(time,y3,'-.'),grid; >>title('omega*3') >>xlabel('time'),ylabel('amplitude') >>subplot(2,2,4),plot(time,y4),grid,title('omega*4') >>xlabel('time'),ylabel('amplitude') 1 omega 1 omega* time time 1 omega*3 1 omega* time time

24 Gra citridimensionali ²l'istruzione mesh(a) crea unaprospettiva di un gra co atre dimensioni de nito dalle ordinate corrispondenti agli elementi dellamatrice A su un piano x-y lacui griglia rettangolare µe de nita dagli indici della matrice stessa. Per cambiare la griglia si usal'istruzione meshdom ²Ad esempio,volendo produrre ilgra co z=xe x2 +y 2 in 2 x2; 2 y 2 ²>>x=-2:0.1:2;y=-2:0.1:2;[x,y]=meshgrid(x,y); ²>>z=x.*exp(-x.^2-y.^2); ²>>mesh(z)

25 M- les ²I les che contengonoistruzioni esguibili da MATLAB sono detti m- les in quanto hannocome su±sso.m ²Se un m- le memorizzaunasequenza di istruzioniµe dettoscript- le. Se contiene una nuovafunzione viene dettofunction le. ²Unfunction le: functiony=linear(x,alfa,beta) y=alfa+beta*x; questo le restituisce unatrasformazione lineare delvettore x; >>x=[1459]; >>linear(1,4,x) ans = ²MATLAB possiede le usuali istruzioni di controllo che consentonodie ettuare programmazione. forcondizione...istruzioni... end whilecondizione...istruzioni... end ifcondizione...istruzioni... else... istruzioniend

26 M- les ²Laprimavoltache unafunzione viene utilizzataessaviene compilata e posta inmemoria. ²Quando l'interprete di MATLAB trova un nome, ad esempio prova,segue,nell'ordine,iseguentipassi: 1.cerca nel workspace lavariabile di nome prova 2.cerca una funzione built-indi nome prova 3.cerca un m- le dinome prova nelladirectory da cui si e lanciatomatlab 4.cercaunm- le dinome prova nelpathindicatoinunaspeciale variabile di sistema dettamatlabpath. La variabile MATLABPATH puµo essere aggiornatanel sistema operativounix de nendo la variabile di shell $MATLAB- PATH nel le dicon gurazione.cshrc,che sitrovainogni directory corrispondente ad unaccount.

27 M- les ²script- les: {echo-on abilita la riproduzione sullo schermo delle istruzioni inesecuzione. echo-o disabilitalariproduzione sulloschermodelle istruzioni inesecuzione. ²function- les: {echo nome-funzione on abilitalariproduzione sulloschermo delle istruzioni inesecuzione dallafunzione. echo nome-funzione o disabilitala riproduzione sulloschermo delle istruzioni inesecuzione. echo on all abilitala riproduzione sulloschermo delle istruzionidi tutte le funzioni echo o all disabilita lariproduzione sullo schermo delle istruzionidi tutte le funzioni ²pause sospende l'esecuzione no a che non viene premuto un tasto della tastiera. pause(n) sospende l'esecuzione per n secondi. ²input permette diacquisire datidatastiera

28 Utilit a ²Per rimuovere variabili o funzioni dalla memoria,si utilizza la funzioneclear. clearelimina tutte le variabili dalworkspace clearxelimina lavariabile(olafunzione) x dalworkspace clear functions eliminatutte le funzionidalworkspace clear all eliminatutte levariabili,lefunzioniedi leeseguibiliesterni(mex les)dalla memoria ²diary(on-o ) abilita e disabilita laregistrazione di tutta la sessione di lavoroinun le chiamato DIARY.

29 Utilit a ²L'istruzione direlencai les contenutinelladirectory corrente. ²L'istruzione typenome le listail contenuto di nome le. ²Per e ettuare delle istruzioni del sistema operativo(ad esempio listare i les delladirectory corrente in Unix),bisognafar precedere il comando dal punto esclamativo(adesempio!ls). ²Per sapere quali variabili sono state create e sonoresidenti in memoria,si usa l'istruzione who. Il comando whos elenca le variabili in uso con le dimensioni assegnate. ²il comando packcompatta le aree di memoria utilizzate registrando su disco le variabili in uso,pulendo la memoria e ricaricando dadiscole variabili registrate. ²Per sveltire l'esecuzioneµe preferibile assegnareinizialmente le dimensioni dei vettori che si useranno invece che incrementarle ognivolta. >>x=[];for i=1:10x(i)=i^2;end%none±ciente >>x=zeros(1,10); >>for i=1:10x(i)=i^2;end%e±ciente ²l'istruzione format impostail formato di visualizzazione(long, short,hex,...)

30 Stampa nell'aula di gra ca avanzata ²Per stampare i gra ci,bisognaeseguire il comando print<nome> Verrµacreatoun le postscript <nome >.ps. ²Le stampantidisponibili sono laser31 collegata agraphlb1 e laser32collegataa graphlb2. Tuttavialastampante abilitata perilpostscriptµesololalaser31 ²Per sapere quali sonole stampantiattive edaccessibilisi esegue ilcomandolpstat-p ²Perstamparesiesegueilcomandolp-dlaser31<nome>.ps

31 Lettura da le ²InMATLABµepossibileleggereun ledidatiformattatoutilizzandol'istruzione fscanf. 1.Inprimoluogobisognaaprire il le conl'istruzione d=fopen (nome le) (dove dµe un puntatore al le aperto,chedeveessereunnumeromaggioredi0). 2.Quindisiutilizzailcomando matrice=fscanf( d,'format',size), [matrice,count]=fscanf( d,'format',size), dovematricecontiene idatilettiecount (opzionale)contiene ilnumerodidatiletticonsuccesso. Iparametridifscanf sono d(ilpuntatore a le),ilformato, che puo'essere: %dnumerodecimale %e,%f,%gnumeroin oatingpoint %s stringadi caratteri edin neladimensionechepuµoessere: {nnumero di elementi (in questocaso matrice sarµa un vettore dinelementi) {inf noa ne le(inquestocasomatrice sarµaunvettore) {[n,m]numerodirigheecolonnedellamatrice(inquesto casomatricesarµaunamatricenperm)

32 Lettura da le: Esempio %apro il le,che contiene 20 colonne ed un certo numero(non notoapriori)didati %in oatingpoint d=fopen('testo'); %ilformatosara'quindi%f,inoltre %datochelaletturadel leavvieneperriga, %eilriempimentodellamatricepercolonne, %devotrasporre il le che hoottenuto per ricostruire %il lecomedaoriginale dati=fscanf( d,'%f',[20inf])';

33 Scritturasu le ²InMATLABµepossibilescrivereun ledidatiformattatoutilizzandol'istruzione fprintf. 1.Inprimoluogobisognaaprire il le conl'istruzione d=fopen (nome le,'opzioni')(dove dµeunpuntatoreal leaperto,chedeveessereunnumeromaggiore di 0,mentre opzioni possono essere,'r'(read),'w'(write) and 'a'(append). 2.Quindisiutilizzailcomandofprintf( d,'format',matrice), dove matrice contiene i dati dascrivere ed ilformato,che oltre alformatonumerico (vedi lettura da les) puµocontenere anche altricaratterispeciali,come nn (ilnewline). Esempio: x=0:.1:1; y=[x;exp(x)]; d=fopen('exp.txt','w'); fprintf( d,'%f%f nn',y); ose( d) Creaun lediduecolonneconlavariabileedilsuoesponenziale.

MATLAB. Note Introduttive. Matlab

MATLAB. Note Introduttive. Matlab MATLAB Note Introduttive Cos é MATLAB MATLAB (MATrix LABoratory) è un programma interattivo per il calcolo numerico, in cui l elemento base èlamatrice Viene oggi largamente utilizzato sia per la didattica

Dettagli

MATLAB (1) Introduzione e Operazioni con array

MATLAB (1) Introduzione e Operazioni con array Laboratorio di Informatica per Ingegneria elettrica A.A. 2010/2011 Prof. Sergio Scippacercola MATLAB (1) Introduzione e Operazioni con array N.B. le slide devono essere utilizzate solo come riferimento

Dettagli

Introduzione al MATLAB c Parte 2

Introduzione al MATLAB c Parte 2 Introduzione al MATLAB c Parte 2 Lucia Gastaldi Dipartimento di Matematica, http://dm.ing.unibs.it/gastaldi/ 18 gennaio 2008 Outline 1 M-file di tipo Script e Function Script Function 2 Costrutti di programmazione

Dettagli

if t>=0 x=1; else x=0; end fornisce, nella variabile x, il valore della funzione gradino a tempi continui, calcolata in t.

if t>=0 x=1; else x=0; end fornisce, nella variabile x, il valore della funzione gradino a tempi continui, calcolata in t. Il programma MATLAB In queste pagine si introduce in maniera molto breve il programma di simulazione MAT- LAB (una abbreviazione di MATrix LABoratory). Introduzione MATLAB è un programma interattivo di

Dettagli

Introduzione a Matlab

Introduzione a Matlab Introduzione a Matlab 1 Introduzione Matlab (MATrix LABoratory) è un software per il calcolo scientifico, particolarmente sviluppato per quanto riguarda la gestione ed elaborazione di vettori e matrici.

Dettagli

MATLAB. Caratteristiche. Dati. Esempio di programma MATLAB. a = [1 2 3; 4 5 6; 7 8 9]; b = [1 2 3] ; c = a*b; c

MATLAB. Caratteristiche. Dati. Esempio di programma MATLAB. a = [1 2 3; 4 5 6; 7 8 9]; b = [1 2 3] ; c = a*b; c Caratteristiche MATLAB Linguaggio di programmazione orientato all elaborazione di matrici (MATLAB=MATrix LABoratory) Le variabili sono matrici (una variabile scalare equivale ad una matrice di dimensione

Dettagli

Cenni sull'impiego di Matlab. Matrici

Cenni sull'impiego di Matlab. Matrici Cenni sull'impiego di Matlab Il Matlab è un potente valutatore di espressioni matriciali con valori complessi. Lavorando in questo modo il Matlab indica una risposta ad ogni comando od operazione impartitagli.

Dettagli

Introduzione a MATLAB

Introduzione a MATLAB UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PAVIA FACOLTA DI INGEGNERIA Corso di Fondamenti di Automatica (A.A. 2006/07) Prof.G.Ferrari Trecate Introduzione a MATLAB L. Magnani (lorenza.magnani@unipv.it) Dipartimento di

Dettagli

Laboratorio di Matematica Computazionale A.A. 2008-2009 Lab. 1 - Introduzione a Matlab

Laboratorio di Matematica Computazionale A.A. 2008-2009 Lab. 1 - Introduzione a Matlab Laboratorio di Matematica Computazionale A.A. 2008-2009 Lab. 1 - Introduzione a Matlab Alcune informazioni su Matlab Matlab è uno strumento per il calcolo scientifico utilizzabile a più livelli, dalla

Dettagli

Rapida Introduzione all uso del Matlab Ottobre 2002

Rapida Introduzione all uso del Matlab Ottobre 2002 Rapida Introduzione all uso del Matlab Ottobre 2002 Tutti i tipi di dato utilizzati dal Matlab sono in forma di array. I vettori sono array monodimensionali, e così possono essere viste le serie temporali,

Dettagli

CONTROLLI AUTOMATICI E AZIONAMENTI ELETTRICI Ingegneria Meccatronica

CONTROLLI AUTOMATICI E AZIONAMENTI ELETTRICI Ingegneria Meccatronica CONTROLLI AUTOMATICI E AZIONAMENTI ELETTRICI Ingegneria Meccatronica CONTROLLI AUTOMATICI e AZIONAMENTI ELETTRICI INTRODUZIONE A MATLAB Ing. Alberto Bellini Tel. 0522 522626 e-mail: alberto.bellini@unimore.it

Dettagli

Corso di Visione Artificiale. Matlab per Visione. Samuel Rota Bulò

Corso di Visione Artificiale. Matlab per Visione. Samuel Rota Bulò Corso di Visione Artificiale Matlab per Visione Samuel Rota Bulò Cos'è Matlab? MATLAB MATLAB - - MATrix MATrix LABoratory LABoratory Ambiente Ambiente di di sviluppo sviluppo ed ed esecuzione esecuzione

Dettagli

Lab. 1 - Introduzione a Matlab

Lab. 1 - Introduzione a Matlab Lab. 1 - Introduzione a Matlab Alcune informazioni su Matlab Matlab è uno strumento per il calcolo scientifico utilizzabile a più livelli, dalla calcolatrice tascabile, alla simulazione ed analisi di sistemi

Dettagli

Software di calcolo numerico, analisi, statistica e simulazione. Un esempio pratico: Octave

Software di calcolo numerico, analisi, statistica e simulazione. Un esempio pratico: Octave Software di calcolo numerico, analisi, statistica e simulazione Un esempio pratico: Octave Problemi tradizionali Risoluzione di funzioni matematiche complesse Esecuzione di calcoli matriciali Analisi

Dettagli

Il sistema operativo UNIX/Linux. Gli script di shell

Il sistema operativo UNIX/Linux. Gli script di shell Il sistema operativo UNIX/Linux Gli script di shell Introduzione Le shell permettono La gestione di comandi su linea di comando La shell comprende automaticamente quando il costrutto termina e lo esegue

Dettagli

INTRODUZIONE A MATLAB Matrix Laboratory

INTRODUZIONE A MATLAB Matrix Laboratory INTRODUZIONE A MATLAB Matrix Laboratory Introduzione Linguaggio di programmazione per applicazioni scientifiche e numeriche Vasto set di funzioni predefininte Interprete di comandi Possibilità di scrivere

Dettagli

Laboratorio Algoritmi 2014 Secondo Semestre

Laboratorio Algoritmi 2014 Secondo Semestre Laboratorio Algoritmi 2014 Secondo Semestre Lunedì 14:30 17:30 Aula 2. Ricevimento: inviare e-mail a frasca@di.unimi.it. 44 ore (9 CFU) Linguaggio di programmazione: MATLAB Esame : progetto e/o prova scritta

Dettagli

Finestre grafiche. >> figure >> figure(n)

Finestre grafiche. >> figure >> figure(n) Finestre grafiche MATLAB ha anche la possibilità di lavorare con delle finestre grafiche sulle quali si possono fare disegni bidimensionali o tridimensionali. Una finestra grafica viene aperta con il comando

Dettagli

Introduzione allo Scilab Parte 1: numeri, variabili ed operatori elementari

Introduzione allo Scilab Parte 1: numeri, variabili ed operatori elementari Introduzione allo Scilab Parte 1: numeri, variabili ed operatori elementari Felice Iavernaro Dipartimento di Matematica Università di Bari http://dm.uniba.it/ iavernaro 6 Giugno 2007 Felice Iavernaro (Univ.

Dettagli

Laboratorio per l Elaborazione MultiMediale Lezione 1 - Introduzione a Matlab R

Laboratorio per l Elaborazione MultiMediale Lezione 1 - Introduzione a Matlab R Laboratorio per l Elaborazione MultiMediale Lezione 1 - a Prof. Michele Scarpiniti Dipartimento di Ingegneria dell Informazione, Elettronica e Telecomunicazioni Sapienza Università di Roma http://ispac.ing.uniroma1.it/scarpiniti/index.htm

Dettagli

Introduzione a MATLAB INTRODUZIONE A MATLAB

Introduzione a MATLAB INTRODUZIONE A MATLAB INTRODUZIONE A MATLAB 1 Il programma MATLAB: indice Introduzione, help e files Punteggiatura e variabili Operatori Matrici Polinomi Istruzione IF-THEN-ELSE e Cicli Stringhe di testo, input ed output Grafici

Dettagli

Scilab: I Polinomi - Input/Output - I file Script

Scilab: I Polinomi - Input/Output - I file Script Scilab: I Polinomi - Input/Output - I file Script Corso di Informatica CdL: Chimica Claudia d'amato claudia.damato@di.uniba.it Polinomi: Definizione... Un polinomio è un oggetto nativo in Scilab Si crea,

Dettagli

LEZIONE DI MATLAB 2.0. Ing.Irene Tagliente E-mail: irene.tagliente@opbg.net

LEZIONE DI MATLAB 2.0. Ing.Irene Tagliente E-mail: irene.tagliente@opbg.net LEZIONE DI MATLAB 2.0 Ing.Irene Tagliente E-mail: irene.tagliente@opbg.net Cos è Matlab Il programma MATLAB si è imposto in ambiente ingegneristico come strumento per la simulazione e l'analisi dei sistemi

Dettagli

PDE Toolbox in Matlab

PDE Toolbox in Matlab PDE Toolbox in Matlab Lucia Gastaldi Dipartimento di Matematica, http://dm.ing.unibs.it/gastaldi/ Lezione 12 Indice 1 Uso di PDE Toolbox con interfaccia grafica Problema e definizioni 2 Esercizi 3 Comandi

Dettagli

Advanced level. Corso Matlab : Samuela Persia, Ing. PhD.

Advanced level. Corso Matlab : Samuela Persia, Ing. PhD. Advanced level Corso Matlab : Seconda lezione (Esercitazione, 27/09/13) Samuela Persia, Ing. PhD. Sommario Presentazione Programma delle Esercitazioni Ogni Esercitazione prevede: Richiami Teoria e Sintassi

Dettagli

L utility Unix awk [Aho-Weinberger-Kernighan]

L utility Unix awk [Aho-Weinberger-Kernighan] L utility Unix awk [Aho-Weinberger-Kernighan] L utility awk serve per processare file di testo secondo un programma specificato dall utente. L utility awk legge riga per riga i file ed esegue una o più

Dettagli

Comandi filtro: sed. Se non si specificano azioni, sed stampa sullo standard output le linee in input, lasciandole inalterate.

Comandi filtro: sed. Se non si specificano azioni, sed stampa sullo standard output le linee in input, lasciandole inalterate. Comandi filtro: sed Il nome del comando sed sta per Stream EDitor e la sua funzione è quella di permettere di editare il testo passato da un comando ad un altro in una pipeline. Ciò è molto utile perché

Dettagli

Interpolazione ed approssimazione di funzioni

Interpolazione ed approssimazione di funzioni Interpolazione ed approssimazione di funzioni Lucia Gastaldi Dipartimento di Matematica, http://dm.ing.unibs.it/gastaldi/ 9 novembre 2007 Outline 1 Polinomi Valutazione di un polinomio Algoritmo di Horner

Dettagli

SISTEMI DI CONTROLLO Ingegneria Meccanica e Ingegneria del Veicolo

SISTEMI DI CONTROLLO Ingegneria Meccanica e Ingegneria del Veicolo SISTEMI DI CONTROLLO Ingegneria Meccanica e Ingegneria del Veicolo http://www.dii.unimore.it/~lbiagiotti/sistemicontrollo.html it/~lbiagiotti/sistemicontrollo html INTRODUZIONE A MATLAB Ing. e-mail: luigi.biagiotti@unimore.it

Dettagli

Introduzione a MATLAB

Introduzione a MATLAB UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PAVIA FACOLTA DI INGEGNERIA Corso di Fondamenti di Automatica Prof. G. Ferrari Trecate e Dr. D. Raimondo Introduzione a MATLAB Slides realizzate in collaborazione con la Dr. Lorenza

Dettagli

Grafici tridimensionali

Grafici tridimensionali MatLab Lezione 3 Grafici tridimensionali Creazione di un Grafico 3D (1/4) Si supponga di voler tracciare il grafico della funzione nell intervallo x = [0,5]; y=[0,5] z = e -(x+y)/2 sin(3x) sin(3y) Si può

Dettagli

DIPARTIMENTO DI ELETTRONICA E INFORMAZIONE. Script. Marco D. Santambrogio marco.santambrogio@polimi.it Ver. aggiornata al 13 Agosto 2014

DIPARTIMENTO DI ELETTRONICA E INFORMAZIONE. Script. Marco D. Santambrogio marco.santambrogio@polimi.it Ver. aggiornata al 13 Agosto 2014 Script Marco D. Santambrogio marco.santambrogio@polimi.it Ver. aggiornata al 13 Agosto 2014 1 Obiettivi Script 2 Script (m-file) Uno script è un file di testo contenente una sequenza di comandi MATLAB

Dettagli

Comandi di Input/Output in Matlab

Comandi di Input/Output in Matlab Comandi di Input/Output in Matlab Il comando format controlla la configurazione numerica dei valori esposta da MAT- LAB; il comando regola solamente come i numeri sono visualizzati o stampati, non come

Dettagli

Lezioni su MATLAB. Ingegneria Civile/Meccanica

Lezioni su MATLAB. Ingegneria Civile/Meccanica Lezioni su ali in Ingegneria Civile/Meccanica Corso di laboratorio di informatica 06/07 Sommario ali in 1 2 3 4 ali 5 6 in ali in : MATrix LABoratory È un ambiente per l analisi e la simulazione dei sistemi

Dettagli

Laboratorio di Matlab

Laboratorio di Matlab Laboratorio di Matlab Rudy Manganelli Dipartimento di Ingegneria dell Informazione, Università di Siena manganelli@dii.unisi.it http://www.dii.unisi.it/ control/matlab/labmatlab.html Luglio 2008 DII -

Dettagli

Corso ForTIC C2 LEZIONE n. 8. Cos'è la shell Le variabili d'ambiente L'uso della shell per la realizzazione di semplici script

Corso ForTIC C2 LEZIONE n. 8. Cos'è la shell Le variabili d'ambiente L'uso della shell per la realizzazione di semplici script Corso ForTIC C2 LEZIONE n. 8 Cos'è la shell Le variabili d'ambiente L'uso della shell per la realizzazione di semplici script I contenuti di questo documento, salvo diversa indicazione, sono rilasciati

Dettagli

NOZIONI BASE SHELL E SCRIPT LINUX

NOZIONI BASE SHELL E SCRIPT LINUX NOZIONI BASE SHELL E SCRIPT LINUX Aggiornato al 11 gennaio 2006 Ermes ZANNONI (ermes@zannoni.to.it) (http://www.zannoni.to.it) Indice : 1. Introduzione 2. La Shell 2.1 Comandida Shell 2.1.1 File e directory

Dettagli

Prova Finale di Livello Base Compito n.21

Prova Finale di Livello Base Compito n.21 Prova Finale di Livello Base Compito n.21 COGNOME E NOME: MATRICOLA: Tempo a disposizione: 2 ore Esercizio n. 1 E necessario scrivere un programma in linguaggio C++ che gestisca i dati di una collezione

Dettagli

BOZZA Introduzione a MATLAB

BOZZA Introduzione a MATLAB BOZZA Introduzione a MATLAB BOZZA BOZZA Matlab sta per Matrix Laboratory ed è un ambiente interattivo e un linguaggio di calcolo tecnico di alto livello per lo sviluppo di algoritmi, la rappresentazione

Dettagli

MATLAB - Introduzione Enrico Nobile. MATLAB - Introduzione. E. Nobile - DINMA - Sezione di Fisica Tecnica, Università di Trieste

MATLAB - Introduzione Enrico Nobile. MATLAB - Introduzione. E. Nobile - DINMA - Sezione di Fisica Tecnica, Università di Trieste Enrico Nobile I a Parte 1 MATLAB (MATrix LABoratory); Versione 5.2; Basato sul concetto - ampio - di Matrici; Calcolo numerico, visualizzazione etc. Facile utilizzo di librerie per il calcolo numerico

Dettagli

Algoritmi, dati e programmi

Algoritmi, dati e programmi 1 Algoritmi, dati e programmi 2 Informatica Informatica: Scienza che studia l informazione e la sua elaborazione. informazione rappresentazione dell informazione (dati) dati elaborazione dei dati tramite

Dettagli

Introduzione al MATLAB c Parte 1

Introduzione al MATLAB c Parte 1 Introduzione al MATLAB c Parte 1 Lucia Gastaldi Dipartimento di Matematica, http://dm.ing.unibs.it/gastaldi/ Lezione 1-2 maggio 2007 Outline 1 Cos è il MATLAB Componenti principali di MATLAB 2 Avvio Avviare

Dettagli

Appunti di: MICROSOFT EXCEL

Appunti di: MICROSOFT EXCEL Appunti di: MICROSOFT EXCEL INDICE PARTE I: IL FOGLIO ELETTRONICO E I SUOI DATI Paragrafo 1.1: Introduzione. 3 Paragrafo 1.2: Inserimento dei Dati....4 Paragrafo 1.3: Ordinamenti e Filtri... 6 PARTE II:

Dettagli

Esame di Informatica CHE COS È UN FOGLIO ELETTRONICO CHE COS È UN FOGLIO ELETTRONICO CHE COS È UN FOGLIO ELETTRONICO. Facoltà di Scienze Motorie

Esame di Informatica CHE COS È UN FOGLIO ELETTRONICO CHE COS È UN FOGLIO ELETTRONICO CHE COS È UN FOGLIO ELETTRONICO. Facoltà di Scienze Motorie Facoltà di Scienze Motorie CHE COS È UN FOGLIO ELETTRONICO Una tabella che contiene parole e numeri che possono essere elaborati applicando formule matematiche e funzioni statistiche. Esame di Informatica

Dettagli

Funzioni definite dall utente: sintassi

Funzioni definite dall utente: sintassi Funzioni definite dall utente: sintassi Definizione di funzione: In un M-file, il cui nome è (bene che sia vedi diapo successive): funcion_name.m Variabili di uscita. Se è una sola variabile, le [, e ]

Dettagli

Dati importati/esportati

Dati importati/esportati Dati importati/esportati Dati importati Al workspace MATLAB script Dati esportati file 1 File di testo (.txt) Spreadsheet Database Altro Elaborazione dati Grafici File di testo Relazioni Codice Database

Dettagli

Facoltà di Ingegneria Industriale. Matlab/Octave - Esercitazione 3

Facoltà di Ingegneria Industriale. Matlab/Octave - Esercitazione 3 Facoltà di Ingegneria Industriale Laurea in Ingegneria Energetica, Meccanica e dei Trasporti Matlab/Octave - Esercitazione 3 funzioni definizione ed invocazione delle funzioni semantica dell invocazione

Dettagli

Capitolo 1. Il MATLAB. 1.1 Introduzione al MATLAB

Capitolo 1. Il MATLAB. 1.1 Introduzione al MATLAB Capitolo 1 Il MATLAB 1.1 Introduzione al MATLAB Il Matlab (acronimo delle parole inglesi MATrix LABoratory) è un software basato sulla manipolazione di matrici molto utilizzato nel campo della ricerca

Dettagli

Introduzione a Matlab

Introduzione a Matlab Introduzione a Matlab Ruggero Donida Labati Dipartimento di Tecnologie dell Informazione via Bramante 65, 26013 Crema (CR), Italy ruggero.donida@unimi.it Perché? MATLAB is a high-level technical computing

Dettagli

Introduzione allo Scilab Parte 3: funzioni; vettori.

Introduzione allo Scilab Parte 3: funzioni; vettori. Introduzione allo Scilab Parte 3: funzioni; vettori. Felice Iavernaro Dipartimento di Matematica Università di Bari http://dm.uniba.it/ iavernaro felix@dm.uniba.it 13 Giugno 2007 Felice Iavernaro (Univ.

Dettagli

EXCEL FINESTRA DI EXCEL BARRE PRINCIPALI CARTELLA DI LAVORO BARRE DI SPOSTAMENTO

EXCEL FINESTRA DI EXCEL BARRE PRINCIPALI CARTELLA DI LAVORO BARRE DI SPOSTAMENTO EXCEL FINESTRA DI EXCEL BARRE PRINCIPALI CARTELLA DI LAVORO BARRE DI SPOSTAMENTO BARRE PRINCIPALI GESTIONE FILE BARRA DEI MENU BARRA STANDARD Nuovo: si crea un nuovo foglio Apri: si carica un foglio da

Dettagli

Automatizzare i compiti ripetitivi. I file batch. File batch (1) File batch (2) Visualizzazione (2) Visualizzazione

Automatizzare i compiti ripetitivi. I file batch. File batch (1) File batch (2) Visualizzazione (2) Visualizzazione Automatizzare i compiti ripetitivi I file batch Anno accademico 2000-01 1 Spesso capita di dover eseguire ripetutatmente una data sequenza di comandi Introdurli uno a uno da tastiera è un processo lento

Dettagli

Struttura logica di un programma

Struttura logica di un programma Struttura logica di un programma Tutti i programmi per computer prevedono tre operazioni principali: l input di dati (cioè l inserimento delle informazioni da elaborare) il calcolo dei risultati cercati

Dettagli

UD6 - MATLAB. Gestione della grafica

UD6 - MATLAB. Gestione della grafica UD6 - MATLAB Gestione della grafica Grafici MatLab può produrre grafici 2D e 3D Disegnare un Grafico Il comando plot produce grafici in 2 dimensioni; plot(x,y)apre una finestra e disegna il punto (x,y);

Dettagli

FON DAMEN TI DI IN FORMATICA

FON DAMEN TI DI IN FORMATICA Università di Salerno Corso di FONDAMENTI DI INFORMATICA Corso di Laurea Ingegneria Meccanica & Ingegneria Gestionale Mat. Pari Docente : Ing. Secondulfo Giovanni Anno Accademico 29-21 UNITÀ IV A GRAFICA

Dettagli

Progetto Automi e Linguaggi Parser svliluppato con JLex e cup

Progetto Automi e Linguaggi Parser svliluppato con JLex e cup Progetto Automi e Linguaggi Parser svliluppato con JLex e cup Sviluppato da Santoro Carlo Maurizio Matricola:0108/528 Sviluppo terminato il: 18/06/06 TRACCIA DEL PROGETTO Si costruisca, utilizzando la

Dettagli

RETI DI TELECOMUNICAZIONE

RETI DI TELECOMUNICAZIONE RETI DI TELECOMUNICAZIONE NOZIONI ELEMENTARI DI MATLAB Cos è MATLAB Il nome MATLAB sta per MATrix LABoratory E un linguaggio ad alta prestazione per l elaborazione tecnica E un sistema interattivo il cui

Dettagli

Laboratorio di Informatica

Laboratorio di Informatica Laboratorio di Informatica Introduzione a Python Dottore Paolo Parisen Toldin - parisent@cs.unibo.it Argomenti trattati Che cosa è python Variabili Assegnazione Condizionale Iterazione in una lista di

Dettagli

Istruzioni per l uso del Catalogo di Ateneo (OPAC)

Istruzioni per l uso del Catalogo di Ateneo (OPAC) Istruzioni per l uso del Catalogo di Ateneo (OPAC) A cura della Biblioteca di Scienze del Linguaggio Introduzione al nuovo OPAC Il nuovo catalogo online delle Biblioteche di Ca Foscari fa ora parte del

Dettagli

Introduzione a MATLAB. Il Laboratorio. MATLAB Cos è? Oltre alle lezioni. Octave ( www.octave.org ) Scilab ( www.scilab.org )

Introduzione a MATLAB. Il Laboratorio. MATLAB Cos è? Oltre alle lezioni. Octave ( www.octave.org ) Scilab ( www.scilab.org ) Introduzione a MATLAB! Informazioni sul laboratorio! MATLAB! Operazioni di base! Variabili ed assegnamento! Comandi utili! Utilizzo dell Help! Formato dei numeri! Numeri complessi Il Laboratorio! Openlab

Dettagli

Foglio elettronico (StarOffice)

Foglio elettronico (StarOffice) Modulo Foglio elettronico (StarOffice) Modulo - Foglio elettronico, richiede che il candidato comprenda il concetto di foglio elettronico e dimostri di sapere usare il programma corrispondente. Deve comprendere

Dettagli

Fondamenti di Automatica

Fondamenti di Automatica Fondamenti di Automatica Cenni su Matlab (e toolbox Control Systems + Symbolic) Dott. Ingg. Marcello Bonfè e Silvio Simani Dipartimento di Ingegneria - Università di Ferrara Tel. +39 0532 974839 / 974844

Dettagli

NOZIONI BASE PER ESERCITAZIONI

NOZIONI BASE PER ESERCITAZIONI NOZIONI BASE PER ESERCITAZIONI Shahram Rahatlou Laboratorio di Calcolo, Anno Accademico 2015-16 http://www.roma1.infn.it/people/rahatlou/labcalc/ Sistema Operativo Hardware Software n Routine e programmi

Dettagli

MATLAB Elementi di grafica Costrutti di programmazione

MATLAB Elementi di grafica Costrutti di programmazione MATLAB Elementi di grafica Costrutti di programmazione Operazioni punto Le operazioni punto agiscono su array che abbiano le stesse dimensioni:.* prodotto elemento per elemento./ divisione elemento per

Dettagli

Metodi Stocastici per la Finanza

Metodi Stocastici per la Finanza Metodi Stocastici per la Finanza Tiziano Vargiolu vargiolu@math.unipd.it 1 1 Università degli Studi di Padova Anno Accademico 2011-2012 Lezione 6 Indice 1 Il metodo bootstrap 2 Esercitazione 3 Interpolazione

Dettagli

LAB LEZ. 1 STATISTICA DESCRITTIVA CON R

LAB LEZ. 1 STATISTICA DESCRITTIVA CON R LAB LEZ. 1 STATISTICA DESCRITTIVA CON R 1 2 L AMBIENTE DI SVILUPPO DI RStudio 1 3 4 2 1 FINESTRA PER GLI SCRIPT E PER VISUALIZZARE I DATI 2 CONSOLE DEI COMANDI 3 VARIABILI PRESENTI NELLA MEMORIA DEL PROGRAMMA

Dettagli

Self care Area Riservata Sistema Completo. La guida rapida per l utilizzo dell area riservata Sistema Completo

Self care Area Riservata Sistema Completo. La guida rapida per l utilizzo dell area riservata Sistema Completo Self care Area Riservata Sistema Completo La guida rapida per l utilizzo dell area riservata Sistema Completo Sistema Completo: l area riservata disponibile per tutti i clienti per il recapito dei pacchetti

Dettagli

MODULO 4: FOGLIO ELETTRONICO (EXCEL)

MODULO 4: FOGLIO ELETTRONICO (EXCEL) MODULO 4: FOGLIO ELETTRONICO (EXCEL) 1. Introduzione ai fogli elettronici I fogli elettronici sono delle applicazioni che permettono di sfruttare le potenzialità di calcolo dei Personal computer. Essi

Dettagli

Capitolo I Esercitazione n. 1: Uso del computer e gestione dei file

Capitolo I Esercitazione n. 1: Uso del computer e gestione dei file Capitolo I Esercitazione n. 1: Uso del computer e gestione dei file Scopo: Windows, creare cartelle, creare e modificare file di testo, usare il cestino, spostare e copiare file, creare collegamenti. A

Dettagli

EXCEL PER WINDOWS95. sfruttare le potenzialità di calcolo dei personal computer. Essi si basano su un area di lavoro, detta foglio di lavoro,

EXCEL PER WINDOWS95. sfruttare le potenzialità di calcolo dei personal computer. Essi si basano su un area di lavoro, detta foglio di lavoro, EXCEL PER WINDOWS95 1.Introduzione ai fogli elettronici I fogli elettronici sono delle applicazioni che permettono di sfruttare le potenzialità di calcolo dei personal computer. Essi si basano su un area

Dettagli

MATLAB - Programmazione - 2. Antonino Polimeno

MATLAB - Programmazione - 2. Antonino Polimeno MATLAB - Programmazione - 2 Antonino Polimeno antonino.polimeno@unipd.it Manipolazione di matrici - 1 Input di matrici Definizione manuale: A = [1, 2, 3; 7, 8, 9] Generazione da funzioni Lettura da file

Dettagli

Introduzione al MATLAB c

Introduzione al MATLAB c Introduzione al MATLAB c Lucia Gastaldi Dipartimento di Matematica, http://dm.ing.unibs.it/gastaldi/ Lezione 1-5 maggio 2009 Indice 1 Cos è il MATLAB Componenti principali di MATLAB Le finestre di MATLAB

Dettagli

SAP SRM 7 Manuale GARE ON LINE con cfolders FORNITORI INDICE

SAP SRM 7 Manuale GARE ON LINE con cfolders FORNITORI INDICE SAP SRM 7 Manuale GARE ON LINE con cfolders FORNITORI INDICE 0 - Introduzione Vai! 1 - Logon 2 - Ricerca gara elettronica 3 - Visualizzazione offerta 4 - Creazione offerta Vai! Vai! Vai! Vai! 5 - Elaborazione

Dettagli

Microsoft Excel Nozioni di base

Microsoft Excel Nozioni di base Sistemi di elaborazione delle informazioni Microsoft Excel Nozioni di base Luca Bortolussi SOMMARIO Introduzione Interfaccia Excel Celle Immissioni dati Formattazione Gestione fogli di lavoro Formattazione

Dettagli

Il foglio elettronico

Il foglio elettronico Il foglio elettronico Foglio di calcolo, Spreadsheet in inglese, Permette di elaborare DATI NUMERICI. E una TABELLA che contiene numeri che possono essere elaborati con FUNZIONI matematiche e statistiche.

Dettagli

Richiesta pagina PHP (es: index.php)

Richiesta pagina PHP (es: index.php) PHP PHP = personal home page SERVER Richiesta pagina PHP (es: index.php) Server Web (Apache) in ascolto sulla porta 80, si accorge che la pagina richiesta è una pagina PHP in base all'estensione o con

Dettagli

Lezione 4 Introduzione a Microsoft Excel Parte Prima

Lezione 4 Introduzione a Microsoft Excel Parte Prima Lezione 4 Introduzione a Microsoft Excel Parte Prima Cenni preliminari... 1 Elementi sullo schermo... 2 Creazione di una cartella di lavoro... 3 Utilizzo di celle e intervalli... 3 Gestione della cartella

Dettagli

Connessione ad internet

Connessione ad internet Introduzione al C++ Connessione ad internet Istruzioni per la connessione internet: - una volta connessi, aprire un browser (firefox) - in Modifica/preferenze/avanzate/rete/impostazioni - attivare la modalità

Dettagli

COMANDI MS-DOS. Per ulteriori informazioni su uno specifico comando, digitare HELP nome comando

COMANDI MS-DOS. Per ulteriori informazioni su uno specifico comando, digitare HELP nome comando COMANDI MS-DOS Per ulteriori informazioni su uno specifico comando, digitare HELP nome comando ASSOC Visualizza o modifica le applicazioni associate alle estensioni dei file. AT Pianifica l'esecuzione

Dettagli

LUdeS Informatica 2 EXCEL. Prima parte AA 2013/2014

LUdeS Informatica 2 EXCEL. Prima parte AA 2013/2014 LUdeS Informatica 2 EXCEL Prima parte AA 2013/2014 COS E EXCEL? Microsoft Excel è uno dei fogli elettronici più potenti e completi operanti nell'ambiente Windows. Un foglio elettronico è un programma che

Dettagli

Excel. Excel. Videata iniziale Fogli elettronici. Fogli elettronici. Come si inserisce un dato

Excel. Excel. Videata iniziale Fogli elettronici. Fogli elettronici. Come si inserisce un dato Excel Excel he cos è? È un programma che appartiene alla famiglia dei fogli elettronici. Dove si esegue? Excel gira in ambiente Windows. che cosa serve? Serve a realizzare tabelle numeriche. Videata iniziale

Dettagli

Documentazione esterna al software matematico sviluppato con MatLab

Documentazione esterna al software matematico sviluppato con MatLab Documentazione esterna al software matematico sviluppato con MatLab Algoritmi Metodo di Gauss-Seidel con sovrarilassamento Metodo delle Secanti Metodo di Newton Studente Amelio Francesco 556/00699 Anno

Dettagli

Gian Luca Marcialis studio degli algoritmi programma linguaggi LINGUAGGIO C

Gian Luca Marcialis studio degli algoritmi programma linguaggi LINGUAGGIO C Università degli Studi di Cagliari Corso di Laurea in Ingegneria Biomedica (Industriale), Chimica, Elettrica, e Meccanica FONDAMENTI DI INFORMATICA 1 http://www.diee.unica.it/~marcialis/fi1 A.A. 2010/2011

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PAVIA FACOLTÀ DI INGEGNERIA. Introduzione a Matlab

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PAVIA FACOLTÀ DI INGEGNERIA. Introduzione a Matlab UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PAVIA FACOLTÀ DI INGEGNERIA Introduzione a Matlab MATLAB MATLAB (abbreviazione di Matrix Laboratory) è un ambiente per il calcolo numerico e un linguaggio di programmazione (interpretato)

Dettagli

MATLAB c. Lucia Gastaldi Dipartimento di Matematica Lezione 4 (15 ottobre 2003)

MATLAB c. Lucia Gastaldi Dipartimento di Matematica  Lezione 4 (15 ottobre 2003) MATLAB c M-file. Lucia Gastaldi Dipartimento di Matematica http://dm.ing.unibs.it/gastaldi/ Lezione 4 (15 ottobre 2003) Esercizio Problema 3: la successione di funzioni f n (x) = (x 2 x) n per 0 x 1 è

Dettagli

Esercizio 1. Esercizi 5. Esercizio 3. Esercizio 2 CICLI

Esercizio 1. Esercizi 5. Esercizio 3. Esercizio 2 CICLI Esercizi 5 Esercizio 1 Realizzare una funzione che, chiesto all utente un numero intero pari a N, ricavi e stampi a video tutte le terne pitagoriche con i cateti minori o uguali ad N. CICLI Una terna pitagorica

Dettagli

MODULO 3. Microsoft Excel. TEST ED ESERCIZI SU: http://www.informarsi.net/ecdl/excel/index.php

MODULO 3. Microsoft Excel. TEST ED ESERCIZI SU: http://www.informarsi.net/ecdl/excel/index.php MODULO 3 Microsoft Excel TEST ED ESERCIZI SU: http:///ecdl/excel/index.php Foglio Elettronico - SpreadSheet Un foglio elettronico (in inglese spreadsheet) è un programma applicativo usato per memorizzare

Dettagli

ISTRUZIONI PER L UTILIZZO DEL SOFTWARE Moda.ROA. Raccolta Ordini Agenti

ISTRUZIONI PER L UTILIZZO DEL SOFTWARE Moda.ROA. Raccolta Ordini Agenti ISTRUZIONI PER L UTILIZZO DEL SOFTWARE Raccolta Ordini Agenti AVVIO PROGRAMMA Per avviare il programma fare click su Start>Tutti i programmi>modasystem>nomeazienda. Se il collegamento ad internet è attivo

Dettagli

MANUALE DI GESTIONE - AREA EXTRANET E PHOTOGALLERY SITO WEB

MANUALE DI GESTIONE - AREA EXTRANET E PHOTOGALLERY SITO WEB MANUALE DI GESTIONE - AREA EXTRANET E PHOTOGALLERY SITO WEB Collegarsi al proprio sito web ed entrare nella pagina dell area riservata. Cliccare sul pulsante in fondo alla pagina ed inserire in LOGIN NAME

Dettagli

Client alternativi per l'accesso VPN

Client alternativi per l'accesso VPN 1/7 Attenzione: per le modalità alternative non viene dato supporto ufficiale da parte della Divisione ISI. Linux con Network Manager (ad esempio Ubuntu, Debian) Connessione compatibile con la modalità AnyConnect

Dettagli

Programma di Informatica 2ªB. Anno scolastico 2013/2014

Programma di Informatica 2ªB. Anno scolastico 2013/2014 Istituto d Istruzione Liceo Scientifico G.Bruno Muravera (CA) Programma di Informatica 2ªB Anno scolastico 2013/2014 Docente Prof. ssa Barbara Leo Libri di Testo e Materiali didattici Il testo di informatica

Dettagli

Manuale d uso e configurazione

Manuale d uso e configurazione Manuale d uso e configurazione Versione 1.0 1 Introduzione Questa applicazione consente di gestire le principali funzioni delle centrali Xpanel, imx e Solo da un dispositivo mobile dotato di sistema operativo

Dettagli

Corso BusinessObjects SUPERVISOR

Corso BusinessObjects SUPERVISOR Corso BusinessObjects SUPERVISOR Il modulo SUPERVISOR permette di: impostare e gestire un ambiente protetto per prodotti Business Objects distribuire le informazioni che tutti gli utenti dovranno condividere

Dettagli

Microsoft Access - dispensa didattica ECDL Modulo 5 - a cura di Antonino Terranova PAG 1

Microsoft Access - dispensa didattica ECDL Modulo 5 - a cura di Antonino Terranova PAG 1 Microsoft Access - Determinare l input appropriato per il database...2 Determinare l output appropriato per il database...2 Creare un database usando l autocomposizione...2 Creare la struttura di una tabella...4

Dettagli

LINUX - *** KIT DI MINIMA SOPRAVVIVENZA *** - UNIX - v0.05 -

LINUX - *** KIT DI MINIMA SOPRAVVIVENZA *** - UNIX - v0.05 - LINUX - *** KIT DI MINIMA SOPRAVVIVENZA *** - UNIX - v0.05 - Created by GT, 28/10/2002 l.r. bycg, 14/11/2005 1 - INFORMAZIONE SUI FILES ls : lista i files presenti nel direttorio dove ci si trova, in ordine

Dettagli

La grafica. La built-in funzione grafica plot. x spezzata poligonale. discretizzato

La grafica. La built-in funzione grafica plot. x spezzata poligonale. discretizzato La grafica. Il Matlab possiede un ambiente grafico abbastanza potente paragonabile a software grafici operanti in altri contesti. In questo corso ci limiteremo ad illustrare solo una funzione grafica,

Dettagli

Excel. A cura di Luigi Labonia. e-mail: luigi.lab@libero.it

Excel. A cura di Luigi Labonia. e-mail: luigi.lab@libero.it Excel A cura di Luigi Labonia e-mail: luigi.lab@libero.it Introduzione Un foglio elettronico è un applicazione comunemente usata per bilanci, previsioni ed altri compiti tipici del campo amministrativo

Dettagli

Matlab. Ing. Francesco Licandro. Corso Fondamenti di Telecomunicazioni A.A. 2004-2005

Matlab. Ing. Francesco Licandro. Corso Fondamenti di Telecomunicazioni A.A. 2004-2005 Matlab Ing. Francesco Licandro Corso Fondamenti di Telecomunicazioni A.A. 2004-2005 1 MATLAB: MATrix LABoratory Matlab Ing. Francesco Licandro - 2005 2 Interfaccia Grafica Matlab Ing. Francesco Licandro

Dettagli

Esercitazione di tutoraggio 1

Esercitazione di tutoraggio 1 Esercitazione di tutoraggio 1 Orario delle esercitazioni: ingegneria civile: Giovedì 15-17 ingegneria ambientale: Martedì 17-19 Le nostre email: ambra.demontis@diee.unica.it tocco.simona@gmail.com Come

Dettagli

Introduzione. Esempio 1. Soluzione: SPOSTA_1.BAT

Introduzione. Esempio 1. Soluzione: SPOSTA_1.BAT Introduzione Un file batch è un file di testo di tipo ASCII che contiene una sequenza di comandi DOS. I file batch devono avere estensione.bat I comandi DOS all interno dei programmi batch sono eseguiti

Dettagli