Emergenza viados sui viali SIFRA RESTAURI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Emergenza viados sui viali SIFRA RESTAURI"

Transcript

1 AGENZIA IMMOBILIARE Via Terruggia 2 (ang. via Ornato) Mutui senza provvigioni di mediazione SETTEMBRE 2007 Anno 14 - n. 146 Zona Nove è su ONA NOVE copie distribuite GIORNALE DI NIGUARDA - CA GRANDA - BICOCCA Redazione: via Lanfranco della Pila 61 (Mi), tel./fax 02/ Autorizzazione del Tribunale di Milano N. 648 del febbraio Editore: Associazione Amici di Zona Nove, via Lanfranco della Pila 61, Milano - Stampa: Il Guado, via Picasso, Corbetta (MI). (Chiuso alla domenica alle 12) Via G. della Porta, 1 Tel Cell Direttore: Luigi Allori. Redazione: Giovanni Beduschi (vignettista), Andrea Bina, Roberto Braghiroli, Ortensia Bugliaro, Valeria Casarotti, Diego Attilio Cherri, Teresa Garofalo, Sergio Ghittoni, Antonella Loconsolo, Lorenzo Meyer, Grazia Morelli, Sandra Saita, Maria Volpari. Collaboratori: Laura Albani, Sasha Bani, Silvia Benna Rolandi, Don Giuseppe Buraglio, Arturo Calaminici, Enrico Ceriani, Roberta Coccoli, Augusto Cominazzini, Ivan Crippa, Celestino De Brasi, Simona Fais, Luigi Ghezzi, Lorenzo Gomiero, Anna Maria Indino, Monica Landro, Angelo Longhi, Luigi Luce, Sergio Maestri, Valeria Malvicini, Giorgio Meliesi, Loretta Menegatti, Sabrina Orrico, Antonio Pizzinato, Laura Quattrini, Mira Redaelli, Mauro Raimondi, Margherita Rampoldi Meyer, Maria Giuseppina Rigoni, Diana Roca, Cristina Rozzi, Caterina Sinisi, Andrea Tramelli, Gero Urso, Luigi Venturini, Renato Vercesi, Roberto Vettorello, Norman Zoia. Amministrazione: Lino Di Franco. Pubblicità: Franco Tironi (tel/fax 02/ ). Impaginazione: Roberto Sala (tel ). Il fioretto di orro Chi tassa chi ai come ora quanto succede Ma Milano si ripercuote sulla vita della nostra zona. Per capirlo basta mettere in fila alcuni fatti, avvenuti d agosto, quando l attenzione dei cittadini è meno vigile: Milano è la città più tassata d Italia, non tanto dal Governo, che invece aumenta le pensioni minime, quanto da Comune, Provincia e Regione, quest ultima già distintasi per i ticket sanitari più salati: ogni milanese versa agli enti locali 2082,23 euro contro una media nazionale di 1434,13. Ma non basta. Sono previsti nuovi rincari: 160 euro in più per il riscaldamento, l introduzione del ticket per le auto nella cerchia dei navigli, aumenti per i parcheggi a pagamento, perfino la bolletta dell acqua crescerà di 0,8-1 euro. Nel frattempo, seguendo l esempio della Moratti, Formigoni aumenta di 1,2 milioni di euro le spese per la comunicazione, in pratica per farsi propagando, non bastandogli l uso quasi in esclusiva del tg regionale del servizio pubblico. In compenso riduce di 3,730 milioni di euro le spese contro l inquinamento. Si riaprono le scuole, ma il Comune diminuisce gli investimenti. Ergo i cantieri per la ristrutturazione e la manutenzione degli edifici sono tutti in ritardo (per esempio quello della scuola di via Pianell ha un ritardo di un anno). Così, causa l inagibilità di molte scuole, 3000 bambini sono costretti a trasferirsi in altri edifici. Vanno invece spediti i lavori della Gronda, un opera nefasta per la vita delle periferie, da Quarto Oggiaro alla zona 9, già condannata dall Europa. Ma in questo caso i finanziamenti non mancano. E non ci si ferma neanche davanti agli alberi. Li si sega per far posto all asfalto (vedi a pag. 6). (disegno di Gero Urso) Emergenza viados sui viali SIFRA RESTAURI IMPRESA GENERALE LAVORI EDILI COSTRUZIONI RESTAURI CONSERVATIVI - RIFACIMENTO FACCIATE RISTRUTTURAZIONI APPARTAMENTI I nostri tecnici vi seguiranno dalla progettazione alla esecuzione dei lavori Uff. Tecnico - Via Val d Ossola 19 - Tel Fax Cell (pag. 3) METRÒ È partita pag. 3 la linea 5 SICUREZZA Le proposte pag. 4 dell Unione LUTTI È scomparsa pag. 15 Pina Re Il termometro della criminalità a cura di Grazia Morelli in collaborazione con i Carabinieri di Greco viale F. Testi tel. 02/ (Non sono compresi i reati denunciati alla Ps) RAPINE LUGLIO 07 3 LUGLIO 06 3 FURTI LUGLIO LUGLIO SCIPPI LUGLIO 07 1 LUGLIO 06 1 SA.NI. Sanitaria Niguarda I NOSTRI PRODOTTI Plantari su misura Calzature portaplantare Calzature per diabetici Busti - Corsetti Reggiseni (anche su misura) Modifiche - Riparazioni Prodotti ortopedici Ausili per disabili Vendita e noleggio I NOSTRI SERVIZI Esame computerizzato del piede Baropodometria in statica (dinamica-posturale) Indagini stabilometriche e posturali Trattamento di pedicure (estetico-curativo completo anche a domicilio) Riflessologia plantare Tecnico ortopedico in sede Convenzionato A.S.L. Consegna a domicilio. Via Val di Ledro Milano Tel Fax

2 Giovanni Beduschi Caro Giovannino, con la testa al disegno chino, per fare una striscia ci vuole un giornale, per fare un giornale ci vuole la carta, per fare la carta ci vuole un albero... e da qui, caro Giovannone che disegni col cannone, puoi ricominciare il tuo tormentone. Cambierei solo una cosa nella filastrocca: per fare un fiore ci vuole la metropolitana, per fare la metropolitana non ci vuole la Gronda Nord, per fare la Gronda Nord ci vuole la Moratti... (Zorro Nove) CRONACA di Giorgio NERA Meliesi CRONACA di Giorgio BIANCA Meliesi OOM IN 0NA di Ortensia Bugliaro - foto Giansanti Bresso: sventata rapina in banca T re rapinatori sono finiti a San Vittore per il mancato colpo all Unicredit di via Volta, a Bresso: erano camuffati con parrucche e avevano uno storditore elettrico come arma. Gli agenti della squadra mobile li tenevano d occhio da giorni. Comunque i tre hanno dovuto desistere dal furto perché la cassaforte temporizzata non si è sbloccata. (13 luglio) Danneggiato l elicottero del 118 A lcuni vandali sono entrati nell hangar dell elioporto al Parco Nord e hanno danneggiato due mezzi: uno usato per lezioni di volo e l altro per il pronto intervento medico. I vandali hanno sommerso entrambi gli elicotteri con polvere antincendio, rendendo impossibile il volo. Inoltre hanno tentato di forzare la serratura del mezzo del 118 e hanno danneggiato il muso e le apparecchiature per il volo. (28 luglio) Val Maira: anziana truffata in casa P rima hanno truffato una donna di 87 anni (Maria Luisa G.) in via Mauro Macchi, poi una 83enne (Maddalena P.) in via Val Maira. Si sono presentati uno come tecnico del gas e l altro come poliziotto e, inventandosi un controllo da fare, hanno rubato alla signora 83enne 1200 euro. Per aiutare gli anziani a difendersi da questi malfattori pubblichiamo qui sotto i più comuni trucchi e travestimenti di cui si servono. (1 settembre) Testi: accordo per Cinecittà in zona 9 irmato l accordo tra Comune di Milano, Monopoli Fdi Stato, Fintecna e Pirelli Real Estate per trasformare l ex Manifattura Tabacchi di viale Fulvio Testi nella Cinecittà ambrosiana. Sugli 83 mila metri quadrati nasceranno un Centro sperimentale, le Scuole civiche del cinema e un polo cine-audio-visuale della Regione Lombardia, oltre a case e alberghi, centro anziani, residenze per studenti. L investimento è di 250 milioni. (7 agosto) Università: trasporti non inquinanti D a questo settembre sarà disponibile gratuitamente un ecobus (reso ecologico grazie all alimentazione elettrico-diesel) che percorrerà un percorso interno al campus esteso fino al confine del territorio di Sesto San Giovanni. Saranno disponibili anche 70 biciclette, possibilità di car sharing per i professori che così potranno effettuare i propri spostamenti professionali all interno della città. Sarà aperta anche una ciclofficina. È questo il contributo dell Università Bicocca per cercare di incentivare i mezzi non inquinanti al servizio degli studenti e dei professori. L ateneo ha istituito un ufficio di mobility manager, spiega la professoressa e consigliere comunale Francesca Zajczyk, per favorire gli spostamenti facendo attenzione all ambiente e per lanciare un messaggio educativo. Buche e tombini mobili I trucchi e i travestimenti dei truffatori d anziani Il tecnico: elettricista o ispettore del gas, ma i suoi controlli sono sempre un pretesto per rubare i risparmi. Il vigile o il poliziotto: spesso agisce in coppia col tecnico, il quale gli lascia socchiuso l uscio. Egli quindi entra di nascosto in casa dell anziano, sottrae un oggetto e poi, durante una seconda visita, dice di averlo recuperato da un ladro. Così, entrato nella fiducia dell anziano, può rubare senza problemi. Il postino: citofona dicendo che c è una raccomandata così da farsi aprire, sale e ruba quello che trova dopo aver distratto l anziano con una firma da fare per la raccomandata. L infermiera: affabile, cordiale, aggancia la vittima ricordando un suo (più che probabile) ricovero nel passato con lei che l avrebbe curata. Quando l anziano le prepara un caffé distraendosi, ecco l occasione per il furto. Il venditore: ha venduto un computer o una macchina fotografica al figlio o al nipote e sollecita l anziano a tirar fuori i soldi per saldare il debito. La vicina: dice di aver comprato l appartamento al piano di sotto, ma che c è una macchia d umido sul soffitto. Avuto il permesso di controllare se c è qualche perdita d acqua, ne approfitta per rubare rmai quasi tutte le strade di Niguarda sono piene di Obuche, particolarmente pericolose per ciclisti e motociclisti, e di tombini mobili, il cui rumore quando vi passano sopra le automobili di notte non fa dormire. La redazione, in Lanfranco della Pila 61, è aperta ogni giovedì pomeriggio dalle alle 18 per ricevere coloro che desiderano segnalare problemi, annunciare o proporre iniziative, articoli o servizi per il giornale. Si può anche telefonare allo C è qualcosa di nuovo, anzi di usato Arcobaleno compra - vendita usato Milano - Via Reguzzoni 4 Tel orario: 9,30-12,30 15,00-19,00 da martedì a sabato compreso Esposizione gratuita dei vostri oggetti la cantina di manuela enoteca con cucina In un caratteristico angolo della vecchia Milano trova spazio la cantina di manuela una enoteca con cucina dall atmosfera calda e accogliente. A pranzo a partire dalle la cantina di manuela propone, oltre alla carta, un menù a prezzo fisso 15 che prevede due piatti a scelta, acqua e caffè. La sera dalle la cena alla carta con una cantina di pregio di Via Moncalieri 5 Milano che comprende oltre 500 etichette. la cantina di manuela, da qualche anno inserita nel BIB GOURMAND della guida Michelin insieme ad altri 6 ristoranti di Milano (categoria selezionata che offre una cucina di qualità ad un prezzo adeguato) la troviamo anche in via Poerio 3 a Milano e in via Frua 12 a Saronno. Per maggiori informazioni: oppure la cantina di manuela enoteca con cucina di via Moncalieri 5 Milano - tel 02/ ONA NOVE 2 Anziani, attenti ai truffatori! Non fate entrare sconosciuti in casa vostra.

3 SICUREZZA/1 La denuncia in una lettera all Edificatrice di Pratocentenaro La difficile convivenza coi viados lungo i viali della nostra zona Un appello al Comune, al Consiglio di zona e alle Forze dell Ordine affinché intervengano con determinazione contro il dilagare della prostituzione sotto casa. di Altamore F. OFFERTA VALIDA SOLO SULL ACQUISTO DI CLIMATIZZATORI Via Marmolada, Milano Tel % SCONTO LE TUE FOTOGRAFIE in v.le Fulvio Testi 62 - Milano Da pellicola Da supporto digitale Elaborazioni al computer Ritratti Fototessere Servizi cerimonie Riversamenti films Tel. 02/ ivere in modo tranquillo e decoroso. VE soprattutto in sicurezza. Questo è ciò che chiedono i condomini di viale Fulvio Testi 210 in una lettera inviata alla Cooperativa edificatrice di Pratocentenaro, lo scorso luglio, nella quale denunciano il dilagare della prostituzione lungo tutta la strada che percorre lo stabile. Naturalmente la Cooperativa è solo l'interlocutore amministrativo dei condomini. Sono infatti Comune, Consiglio di Zona e soprattutto le forze dell'ordine che devono dare delle risposte precise a questi cittadini esasperati ormai da troppo tempo. È vero che in Italia la prostituzione diventa reato solo quando ne venga accertato lo sfruttamento, ma in questo caso siamo di fronte ad un vero e proprio problema di ordine pubblico e di decenza. Negli ultimi anni vi è stata una vera e propria escalation del fenomeno con l'arrivo di numerosi viados e di relativi Corrado Balderini clienti che hanno creato una situazione ormai insostenibile. Come denunciato nella lettera tutto ciò ha comportato fermate brusche di veicoli accolte da irritanti colpi di clacson delle macchine che seguono; colorite espressioni da parte di ragazzotti, sempre in auto, con relative risposte da parte dei viados; dialoghi ad alta voce tra colleghi, in attesa del cliente successivo; litigi verbali, pesanti, con prostitute che occasionalmente si fermano sullo stesso marciapiede a rivendicazione del proprio suolo pubblico ; pasti fugaci e fazzoletti di carta utilizzati per veloci abluzioni nel confinante distributore Esso e poi gettati nel giardino dello stabile. Tutto questo dalle 22 alle 4 di mattina e le poche volte che passa un auto della polizia i viados si nascondono o tra le auto in sosta o sdraiandosi lungo il marciapiede. Forse sarebbe il caso che le forze dell'ordine controllassero in altro modo la zona così da poter cogliere la situazione nella sua realtà. Qualche tempo fa un residente che passeggiava sul marciapiede ha rischiato di essere colpito da una bottiglia lanciata da una macchina in corsa. Non siamo quindi di fronte solo al disturbo del riposo dei residenti ma anche ad un rischio sicurezza. Un indecenza che riguarda anche il lato di fronte di v.le F. Testi e la zona San Glicerio - Sarca - La Farina i cui abitanti, come i cittadini di Fulvio Testi 210, ritornando a casa in serata, magari accompagnati da bambini e ragazzi, sono anche costretti a vedere queste persone che definire vestite è un eufemismo. Crediamo quindi sia venuto il momento che istituzioni e forze dell'ordine si mobilitino concretamente per difendere il diritto di questi cittadini alla sicurezza e alla tranquillità. Sono partiti i lavori del metrò in zona Testi e Zara chiusi al traffico? M5 Domodossola Tre Torri Portello Lotto Segesta Esquilino San Siro Luigi Luce In progetto In corso d opera Milano, dopo 20 anni dei vari AFormentini e Albertini, si torna a scavare una nuova linea di metropolitana sotterranea. E lo si fa in zona 9 con la linea 5: in tutto 5,6 km che con 9 stazioni da via Bignami, dove c è il Cto, seguendo viale Zara arriverà a Porta Garibaldi (in seguito verrà realizzata una seconda tratta da Garibaldi a San Siro). Finalmente, nel 2011 quando il metrò sarà terminato, l ospedale più importante della Lombardia, la seconda università di Milano e il Parco Nord, uno dei pochi polmoni verdi della città, saranno collegati alla città. Era ora. Il tutto verrà a costare 557 milioni di euro, dei quali ben 257 provenienti dal governo di quella Roma di cui alcuni a Milano parlano tanto male, 231 da un consorzio di privati (Astaldi, Ansaldo, Alstom, Atm e Torno) che hanno fiutato l affare (gestiranno il metrò per 31 anni) e 69 dal Comune: detto per inciso, forse dall amministrazione che fa pagare le tasse comunali più salate d Italia ci si poteva aspettare un po di più. I lavori sono cominciati nella seconda metà di luglio in viale M3 Monumentale Cenisio Gerusalemme M2 M5 Bignami Ponale Bicocca Ca Granda Istria Marche Zara Isola Garibaldi Zara e in viale Fulvio Testi con un restringimento della carreggiata per poter lavorare allo spostamento di tutte le reti di servizio. I veri e propri scavi delle gallerie di 18 metri di profondità arriveranno dopo. Per cui, se oggi in questo finire d estate già in Fulvio Testi si formano lunghe code, figuriamoci quando, come dice il sindaco di Sesto San Giovanni, saranno chiusi i viali Zara e Testi. Se è necessario faremo di pazienza virtù. Il metrò è troppo importante e vale dei sacrifici. Ma possibile che dobbiamo sapere dai sindaci altrui quello che ci aspetta? Il nostro sindaco non ha niente da dire sui tempi e i modi dei lavori, in modo che i cittadini possano sapere che cosa li aspetta e organizzarsi di conseguenza per i propri spostamenti? Se qualcuno a Palazzo Marino ne vuol approfittare, Zona Nove è disponibile con le sue 24 mila copie diffuse in 45 mila famiglie a fare da interlocutore su questo problema fra l Amministrazione e la Cittadinanza. Gratis. VENDITA/PENSIONE: Roditori Pesci Uccelli Conigli nani Milano Via Paolo Rotta, 4 (ang. Via Ornato) Zona Niguarda Tel./Fax E.mail: TOELETTATURA ATTREZZATURE PER ANIMALI AMBIENTE CLIMATIZZATO Orario continuato: 9/19.30 Chiuso il lunedì L abito che cerchi lo trovi da Vanna Abbigliamento per uomo e donna Sconti per Zona Nove Viale Sarca 81 (sotto i portici) - Telefono GROPPI ONORANZE FUNEBRI FIORISTA SEMPRE A DISPOSIZIONE CON SERVIZI ACCURATI Milano - Via Ornato 46 - Tel Abit Fax CORSI DI YOGA Yoga integrale Yoga per la gravidanza Yoga per la terza età V.le Rodi 85 (zona Università Bicocca) Informazioni lunedì: ore 9-10 martedì: ore Tel PIZZERIA - RISTORANTE - TAVOLA CALDA Pizze al trancio da asportare e da gustare sul posto dal 1975 Birre alla spina ARIA CONDIZIONATA chiuso il lunedì Milano - via Val Maira,11 tel COOP LOMBARDIA - COOP LOMBARDIA - COOP LOMBARDIA ONA NOVE 3

4 SICUREZZA/2 Intervista esclusiva alla capogruppo dell Ulivo in Comune Marilena Adamo sfida Letizia Moratti Chi è davvero contro la criminalità? Chi ha candidato il prefetto Bruno Ferrante a sindaco di Milano? Quale governo ha aumentato il numero degli agenti in Milano? Chi ha chiuso in città i presidi di vigilanza urbana? Chi ha fatto fallire il progetto dei vigili di quartiere? Chi ha portato al degrado le case popolari? he fare per garantire ai cittadini la Csicurezza contro la criminalità? Abbiamo sentito il parere di Marilena Adamo, capogruppo dell Ulivo in Comune. Adamo, che è stata una giovanissima presidente di CdZ negli anni 70 quando su Milano si è abbattuta come una bufera la piaga dell eroina, ricorda come in quegli anni la strategia vincente alla fine fu quella di coordinare le forze della società civile con le forze dell ordine, un po sulla falsariga di quanto sta cercando di fare il nostro CdZ per combattere la microcriminalità nei nostri quartieri. Cerchiamo di inquadrare il problema della sicurezza: come giudica la posizione di Moratti su questi temi? L atteggiamento del centro destra su questo problema è molto ambiguo. Specie quello di Moratti, che è un sindaco con cui è impossibile confrontarsi: non c è mai, non viene in Consiglio e non ha nessun interesse ad ascoltare il parere dell'opposizione. Noi siamo stati criticati per aver aderito alla seconda manifestazione del 26 di marzo, quella organizzata dai comitati e dalla Catena Umana, in risposta a quella di Moratti con Berlusconi. Una manifestazione indetta da chi da anni si batte per la sicurezza e contro il degrado: il Sunia, i comitati storici, le altre organizzazioni. Nelle polemiche che ne sono seguite mi è capitato spesso di sottolineare come la sicurezza sia davvero una questione bi-partizan. È la precondizione della libertà dei cittadini e quindi se la Moratti non avesse voluto farne una battaglia strumentale del centro destra contro il governo, ma avesse voluto veramente affrontare il problema, ci avrebbe chiamato. Invece la stessa presenza di Berlusconi sul palco ha indicato chiaramente il carattere politico dell'evento e la volontà di Moratti di darsi una forte visibilità a livello anche nazionale. Un sindaco preoccupato per la sicurezza dei suoi concittadini chiama tutti: maggioranza, opposizione, rappresentanti di tutte le categorie, non solo i commercianti, ma anche i sindacati, le organizzazioni degli inquilini ecc., cercando di costruire un progetto condiviso per la città. Cosa che non ha fatto prima e nemmeno dopo: evidentemente questo metodo di lavoro non è nel suo orizzonte. Molti dicono che solo ora la sinistra si accorge del problema della sicurezza, che invece è sempre stata un cavallo di battaglia della destra. Beh, no. Voglio ricordare che noi abbiamo candidato Bruno Ferrante come sindaco di Milano: una persona che dal quel punto di vista è sicuramente la più qualificata possibile. Poi guardiamo il nostro programma: la sicurezza è un argomento centrale. Per non parlare poi delle battaglie che, per esempio, Cofferati combatte a Bologna ormai da tre anni, spesso contro pezzi della sua stessa maggioranza, per dare alla città una prospettiva contro la criminalità. Di sicuro è più efficace Cofferati a Bologna che Moratti a Milano... Invece Moratti ha disatteso persino le promesse fatte in campagna elettorale: ai comitati per esempio di Figino - Quinto Romano aveva promesso, oltre che a una maggiore presenza di forze dell ordine, anche una lotta al degrado, di competenza comunale. Invece non c è traccia di niente, i comitati non sono stati coinvolti, mentre Moratti cerca di passare per l unica che si preoccupa di certe cose. La prova che si tratti di una manovra demagogica sta nel fatto che si mette tutto nello stesso calderone: l usura e il piccolo spaccio, la pedofilia e gli zingari, la violenza sulle donne e la Sergio Ghittoni microcriminalità di strada. Alla fine hai fatto un mischione, buono per la propaganda, ma che non ti permette di affrontare nessuno di questi problemi in modo efficace. C è la sensazione che la destra voglia cavalcare la paura per spostare l attenzione su responsabilità che non si sa di chi siano, invece di affrontare i problemi della quotidianità: un compito che spetta al sindaco. Naturalmente poi sono necessarie anche le forze dell ordine, e a questo proposito va ricordato che è stato questo governo ad aumentare il numero degli agenti a Milano, mentre per 5 anni il governo Berlusconi se ne è guardato bene. Ma non è solo con l aumento delle forze dell ordine che affronti il problema. Va ricordato che Moratti, mentre esigeva dal governo più agenti, non si vergognava di disporre la chiusura dei presidi di vigilanza urbana, che sono fondamentali non per le stesse ragioni per cui sono fondamentali la Polizia ed i Carabinieri, ma per quel controllo capillare del territorio che ha una funzione soprattutto preventiva, dissuasiva. Il vigile è sempre stato amico del cittadino, prima che venisse impiegato soprattutto per le multe. E qui veniamo a parlare del fallimento del progetto del vigile di quartiere. Io mi sono fatta l idea che due siano le cause del fallimento. La prima è che i vigili venivano impiegati spesso per tappare i buchi. Si rompeva un semaforo, c era da presidiare un mercato, da sostituire un collega? Si ricorreva al vigile di quartiere, che quindi non garantiva più una presenza continuativa e non riusciva a diventare riconoscibile. L altra ragione è che essi dipendevano dal comando centrale, in piazza Beccaria. È chiaro che se un anziano denunciava una situazione anomala in un giardino del quartiere, che ne so... mettiamo schiamazzi o cani aggressivi di grossa taglia, la segnalazione andava in piazza Beccaria, si doveva istituire una pratica, comunicare all ufficio competente del Comune... Ci si può ben immaginare che potevano passare anche sei mesi prima che qualcuno facesse qualcosa, e quell anziano che aveva fatto la denuncia la volta successiva si sarebbe fatto gli affari suoi invece di perdere tempo. Nella destra invece si è fatta strada l idea di dotare i vigili di armi e manganelli, di farli diventare un altro corpo di polizia. Questo secondo me è un errore: abbiamo già ben due corpi di polizia con funzioni repressive, non occorre un terzo. Quindi qual è la posizione del centro sinistra su questi temi? L Unione ha emesso un documento, i Dieci Pilastri della Sicurezza, nel quale cerchiamo di non fare del benaltrismo (l atteggiamento di chi invece che affrontare i problemi che si presentano di volta in volta sostiene che ben altri sono i problemi..., n.d.r.), ma di entrare nel merito. Per esempio, se abbiamo un quartiere di case popolari in cui non si fa la manutenzione, in cui le cantine sono in uno stato di abbandono, il suo mancato risanamento è causa diretta di criminalità. Tollerare un quartiere popolare con il 15% di abusivi che occupano gli appartamenti è sbagliato. Senz altro la metà di loro saranno solo persone in condizioni di disperazione, ma ce ne sarà un altra metà di delinquenti. Se il Comune non si preoccupa di risanare i quartieri che sono sotto la sua responsabilità, a che titolo si permette di dare lezioni di correttezza agli altri? Lo stesso con gli stranieri. Ricordo che nel programma di Moratti c era l impegno a costituire la Consulta per gli Stranieri. Era una cosa importante su cui eravamo d'accordo e che stiamo rilanciando. Perché importante? Perché ci vuole un luogo nel quale ci si incontri con i rappresentanti delle diverse comunità e si possa discutere di diritti, doveri, regole e modelli di comportamento. Ricordo l'esempio di Torino. A Torino avevano il problema dei Peruviani ed Ecuadoriani che nei fine settimana andavano nei parchi a banchettare, accendere la griglia e cucinare. Loro sono stupefatti che noi non lo si faccia e non ci vedono nulla di male. Invece i Torinesi si lamentavano per la sporcizia abbandonata ed i comportamenti poco ortodossi soprattutto quando le birre diventavano numerose. Il modello di mediazione sperimentato è stato invece un successo: si sono permessi i pic-nic solo in alcune aree, proibendo la vendita di alcolici e obbligando i partecipanti a fare pulizia. Alla fine sono tutti contenti: gli stranieri che possono continuare con le loro attività e i cittadini che hanno il fenomeno sotto controllo. La nostra Amministrazione invece sbaglia se pensa che si possa risolvere tutto con la repressione o con lo spostare i problemi da un altra parte. Non che non ci voglia la repressione, e qui sta forse l equivoco. Noi siamo sempre stati accusati di essere i difensori degli stranieri, ma invece non è vero: per noi la delinquenza va combattuta e punita, sia degli italiani che degli stranieri. Ma c è un altra serie di problemi che riguardano la convivenza e la diversità delle culture, che non hanno a che fare con la delinquenza e che richiedono invece un grande sforzo di mediazione e di confronto e che invece non c è. Dal punto di vista degli stranieri, poi, l'unico volto che vedono delle istituzioni è quello della repressione, che a guardar bene è una delle cause che li spinge nelle braccia delle mafie delle loro comunità. Se le istituzioni non sanno essere ferme, ma anche amichevoli, visto che la gente deve sopravvivere, si trova altri riferimenti, spesso anche fuori della legalità. Basta guardare la storia dell emigrazione italiana dei primi del Novecento: laddove non ci sono state politiche di integrazione, dove hanno incontrato ostilità e ghettizzazione, alla fine i nostri emigranti si sono organizzati tra di loro. E non è stata una bella organizzazione... Parliamo dunque della grande criminalità organizzata a Milano. L ultima iniziativa che abbiamo assunto è stata proprio quella di chiedere una commissione d inchiesta sull infiltrazione della grande criminalità organizzata a Milano. Ci sono state varie inchieste soprattutto di Repubblica e dell Espresso che hanno puntato il dito su certe operazioni immobiliari in tutto il Nord, ma in particolare a Milano, in odore di camorra e n drangheta. Ci sono stati diversi episodi all Ortomercato e in altri mercati all ingrosso, compresi i grossisti cinesi. Senza contare poi le grandi organizzazioni criminali che si nascondono dietro a fenomeni come la prostituzione di strada e l'accattonaggio. Sono queste le manifestazioni di criminalità che prima di tutto dobbiamo stroncare. È solo debellando queste organizzazioni che poi diventa più facile anche eliminare o ridurre la microcriminalità, ma non ci si può illudere che catturando un piccolo spacciatore questi non venga rimpiazzato immediatamente, se non si sconfigge l organizzazione. E qui c è se vogliamo un richiamo alle nostre istituzioni, perché guardino un po più in profondità senza fermarsi alla superficie delle cose. Si tratta di impedire che questi fenomeni si consolidino, non di fare della facile demagogia. La climatizzazione al vostro servizio Tel Fax Cell Via Val di Ledro Milano di Paolo Cremonese La climatizzazione al vostro servizio Fornitura climatizzatori: Mitsubishi sconto del 30% Daikin sconto del 35% Specializzata in modifiche di armadi e cucine Mobili su misura - Riparazioni in genere MILANO - In fondo a via Pallanza - Arcata 2 Tel. ab. 02/ Cell. lab. 335/ / Tram RIPARAZIONI BICICLETTE VENDITA BICI USATE E ACCESSORI di Nino Bixio Viale Fulvio Testi 64 Telefono AUTONIGUARDA AUTOVENDITA e ASSISTENZA di V. e L. Paternò Vasto parco vetture usate garantite Si eseguono revisioni auto Aperti anche il sabato mattina Via P. Rotta, Milano - Tel. (02) Loris Vittori e C. impianti elettrici civili e industriali Citofoni Manutenzioni e Riparazioni Antenne Tv Impianti antenne satellitari singoli e centralizzati INSTALLATORE AUTORIZZATO Milano - via Ornato 7 Telefono Cell Quadrifoglio Pizzeria con forno a legna anche da asportare Via Ornato 47 Tel al mercoledì riposiamo Dal lunedì al venerdì dalle alle Sabato siamo in v.le Monza Tel ONA NOVE 4 Anziani, attenti ai truffatori! Non fate entrare sconosciuti in casa vostra.

5 Un Unione più forte per il Consiglio di Zona Mattia Mirko Stanzani (Capogruppo de L Ulivo) l Centro-Sinistra sta governando il IConsiglio di Zona 9 da un anno in seguito al risultato elettorale che ha assegnato alla coalizione dell'unione, guidata da Beatrice Uguccioni, la maggioranza dei consiglieri. Siamo convinti di aver raggiunto rilevanti obiettivi sui quali abbiamo ottenuto il consenso dei cittadini. In primo luogo abbiamo promosso una serie di iniziative di confronto sull'area Garibaldi-Repubblica per migliorare sensibilmente il progetto che interesserà una parte significativa di residenti della zona e non solo. Abbiamo recepito le criticità emerse nelle assemblee con i cittadini (a tal proposito abbiamo tenuto una riunione di Consiglio fuori dalle mura di via Guerzoni, all Isola, e ci siamo presi l impegno di farlo in ogni quartiere). L Ulivo, con l'impegno determinante di Luca Simi e del consigliere comunale Marco Granelli, ha inoltre limitato gli impatti negativi del progetto Affori-FNM, puntando alla riqualificazione della zona di cui sopra, ottenendo maggiori finanziamenti per Villa Litta. Il Consiglio di Zona ha aperto un osservatorio permanente nei confronti dei mutamenti del tessuto socio-sanitario del territorio che impone un lavoro di riqualificazione della maggiore struttura sanitaria di Milano, l azienda ospedaliera di Niguarda. A partire da Niguarda-Bicocca-Pratocentenaro si sono intessute significative e proficue nuove relazioni con i soggetti attivi sul territorio: le università (Bicocca e Bovisa), le scuole, i teatri, i sindacati, il mondo della cooperazione, in primis quella di abitazione, le associazioni e i comitati dei cittadini. Sul versante della sicurezza, siamo l unica zona di Milano ad aver costituito un tavolo permanente, accogliendo le segnalazioni e le sollecitazioni dei cittadini e facendoci da tramite con le forze di polizia. Tutto ciò è stato possibile perche l Unione è rimasta tale, nonostante una opposizione ostile, prevenuta, ostruzionista in CdZ, nonché con la giunta Moratti, contraria al decentramento, e nell assoluto isolamento da parte delle altre zone governate dalla Cdl. Per poter proseguire in questa esperienza e migliorarla, è necessaria una maggiore condivisione degli obiettivi, con una comune assunzione di responsabilità. Il Gruppo Ulivo, convinto di ciò, propone da giugno una verifica di maggioranza a tutte le forze dell'unione, che contiamo di realizzare nelle prossime settimane in un clima sereno e propositivo. A nome di tutto il Gruppo ribadisco che l attuale è l'unica maggioranza possibile in cui siamo disposti ancora a investire, anche se talvolta eccessivi personalismi e ricerca di visibilità hanno indebolito, a danno della cittadinanza, la forza riformatrice e progressista della coalizione nell attuazione del programma. SAGITTARIO 3, QUALITÀ NON SOLO NELL INTIMO PARCHEGGIO INTERNO Riceviamo e volentieri pubblichiamo La qualità del prodotto innanzitutto. Al Sagittario 3 in arrivo le nuove collezioni di tendenza 2007, intimo e abbigliamento per uomo e donna declinati in una vasta scelta di lingerie di produzione propria, così come delle migliori firme, a prezzi vantaggiosi. Da sottolineare anche l ampio ventaglio di articoli dedicati alle curve più generose, con reggiseni con coppe differenziate C-D-E-F-G e intimo per taglie forti, bustini e guepiere della linea Joly. È già in arrivo la nuova collezione con ampia scelta di taglie e coppe differenziate C-D-E-F-G, tute da casa e non, in morbida ciniglia con bordi in maculato a prezzi interessanti. I nostri marchi di grande attualità quali Sariana, Bernè, Belcor, Triumph per la linea mare che potrete trovare tutto l anno! Per la linea intima abbiamo un bellissimo stock di Lou e Barbara con sconti che arrivano fino al 50%, e inoltre Triumph, Peréle e Allumette. Per l uomo intimo classico della linea Cagi e inoltre pigiami in jersey a prezzo scontato! Ulivo e Rifondazione in Zona 9 ei mesi di giugno e luglio scorsi, sui periodici di Zona sono Napparse notizie, in merito all attività del Consiglio, che riteniamo opportuno chiarire ai lettori e ai cittadini della Zona 9. A fronte di un atteggiamento ondivago, poco chiaro e da risultare a volte fumoso, con attacchi reiterati ed immotivati nei confronti del Vicepresidente del CdZ, da parte dell Ulivo in Zona 9, mi trovo costretto ad intervenire, per fare chiarezza verso i cittadini in merito alle accuse mosseci, con articoli apparsi sulle pagine dei giornali di Zona: ABC, Zona Nove e Milanosette. Siamo rimasti sorpresi e addolorati rispetto a questa scelta fratricida per le dichiarazioni fatte dai Ds e dalla Margherita, in merito alla caduta del numero legale durante la seduta del 18 e 25 giugno! Purtroppo dobbiamo rilevare che a volte vi è la tendenza a predicare bene e razzolare male. Quante volte il partito di maggioranza relativa (l Ulivo) della coalizione ha fatto mancare il numero legale? Noi come Prc crediamo fermamente negli accordi presi prima del voto che ha determinato l unica maggioranza di centro-sinistra sul territorio urbano e vogliamo andare avanti seguendo le direttive programmatiche. Se qualche forza politica ha dimenticato il progetto iniziale, o peggio vuole stravolgerlo, ne risponderà politicamente davanti alla cittadinanza. Noi pensiamo che sia necessario creare le condizioni perché l Unione riesca a completare il programma senza tentennamenti, ammiccamenti, o altre ipotesi di maggioranze più o meno variabili. Andate (rivolto a l Ulivo) a chiedere ai cittadini che ci hanno votato che cosa ne pensano di questi tentativi di trasformismo politico di piccolo cabotaggio. Dopo averlo chiesto per quattro volte nel chiuso dell Ufficio di presidenza, chiediamo pubblicamente di fronte ai cittadini elettori, una verifica di maggioranza, per cementare ulteriormente la coalizione (dell Unione), sgombrando il campo in questo modo da incomprensioni che possono indebolire l Unione, avviandola altrimenti in un vicolo cieco, visto che si preferisce guardare la pagliuzza che c è nell occhio del vicino piuttosto che cercare di togliere la trave presente nel proprio occhio. Come Rifondazione Comunista non accettiamo attacchi tendenti ad offuscare il nostro Partito raccontando bugie, e sperando che nessuno risponda. A questo punto, vogliamo chiarire e togliere i dubbi in merito a quanto divulgato dalla stampa locale di Zona in alcuni bollettini, da dove traspare la disinformazione praticata da esponenti dei vari partiti locali, che ci costringe a dare una risposta chiarificatrice. Per capire le problematiche di questa maggioranza, bisogna partire da prima del 18 giugno ultimo scorso: 1) Da parte dell Ulivo, più volte è stato chiesto di non presentare mozioni o interrogazioni, malgrado i due partiti di maggioranza (Ds e Margherita) della coalizione ne abbiano presentate almeno tredici, tra interrogazioni e mozioni, a differenza dei partiti minori che si sono limitati a presentare interrogazioni e mozioni, richieste avanzate dai cittadini vedi il problema Vigili, i parcheggi interrati e via di seguito. 2) Rifondazione Comunista, nel mese di novembre (2006) ha presentato una mozione contro i parcheggi interrati per residenti in Pianell angolo Via Pollini chiedendo di conseguenza, vista la nutrita presenza di cittadini interessati al problema, l inversione dell ordine del giorno come è consuetudine in questi casi: ciò ha determinato per i cittadini presenti una spasmodica attesa protrattasi fino all una di notte, grazie alla mancata attenzione determinata purtroppo da infelici scelte operate da l Ulivo. 3) Sempre nel mese di novembre, parte della maggioranza converge su una mozione riguardante il progetto Garibaldi Repubblica, in contrasto con quella presentata dai Comunisti Italiani e lista Dario Fo. Anche in questo caso l Ulivo, ha fatto venir meno l accordo che prevedeva il voto contrario dei ventitre consiglieri di maggioranza tranne i consiglieri Capelli e Miozzi, all insaputa di tutte le forze politiche della maggioranza, il capogruppo dell Ulivo (il Ds Stanzani), per opportunismo politico si è astenuto assieme al suo vice (il margheritino Busacca), guarda caso, determinando così ripercussioni e scontri nella maggioranza. Signori, litigando, concetto già espresso precedentemente, non si Gianfranco Tucci (per conto del gruppo di Rifondazione Comunista) Corsi di lingua inglese corsi personalizzati flessibilità di livelli e di orari per studenti, lavoratori, bambini. Consegna il coupon: vale una prova , va da nessuna parte! O vogliamo arrivare al punto di sperimentare nuove maggioranze? Vi ricordo che il mandato elettorale espresso dagli elettori parla chiaro e chiediamo pertanto, risolutamente, l applicazione del programma elettorale! 4) Nel dicembre 2006, in Consiglio, abbiamo portato a conoscenza la problematica inerente la chiusura del comando dei Vigili di via Passerini, dove si chiedeva di fare un Consiglio di Zona aperto da tenersi nel quartiere di Niguarda o Pratocentenaro, come previsto dal programma dell Unione. A fronte di lunghi e per noi inspiegabili silenzi, abbiamo presentato il 5 marzo u.s. una mozione, la quale viene discussa un mese dopo: in quella occasione, il Prc, con una operazione degna di un colpo di teatro, viene purtroppo accusata, pubblicamente, sia dall opposizione che dall Ulivo (cosa per noi del tutto incomprensibile!), di voler strumentalizzare il problema. Annotiamo per coloro i quali abbiano la memoria corta che vi erano centinaia di firme contrarie alla chiusura dello stesso comando. Risultato?: il 2 aprile scorso, al momento del voto, il consigliere Capelli (PdCI) abbandona l aula, determinando la mancanza del numero legale, La stessa mozione viene riportata in votazione il 16 aprile u.s. e a questo punto viene bocciata coi voti contrari dell opposizione, grazie all astensione divenuta determinante dell Ulivo. A tutt oggi il comando di via Passerini è ancora chiuso e non eroga più servizi alla cittadinanza. Che servizio è quello di lasciare sul posto una persona che ha il solo compito di indirizzare i cittadini in via Livigno per tutte le pratiche che sono di competenza della Vigilanza Urbana? 5) Anche su quanto è accaduto in Consiglio, a riguardo della mozione riguardante il PII Affori, presentata l 11 giugno scorso da un consigliere dell Ulivo senza che nessuno ne fosse a conoscenza, è opportuno fare ulteriore chiarezza. Una settimana dopo esattamente il 18 giugno, l Ulivo ha voluto far ricadere la responsabilità sui due consiglieri Rifondazione Comunista che hanno abbandonato l aula, ma la caduta del numero legale è stata determinata da un altra forza politica della maggioranza, l Idv (Italia dei valori, lista Di Pietro). Nella seduta successiva, la stessa mozione viene ripresentata e non può essere votata data la mancanza del numero legale (assenti Ulivo, Prc, Idv e Lista Ferrante), e la colpa su chi ricade? Ormai il lettore avrà capito che siamo diventati noi il bersaglio dei capricci e dei problemi che agitano il nascente Partito Democratico. Non vorremmo che il clima ostile che è stato creato ad arte nei confronti del Prc - e la disistima nei confronti della figura del Vicepresidente del CdZ - fossero le prove tecniche per nuove alleanze centriste. Nel caso questa evenienza si rivelasse vera noi lo denunceremmo subito ai cittadini elettori che trarrebbero le dovute conseguenze. 6) In conclusione ritengo opportuno dire due cose anche su quanto è apparso nella newsletter dei Ds in merito alla verifica di maggioranza di metà luglio, verifica decisa unilateralmente da Ds e Margherita. Anche qui l Ulivo addossa la responsabilità a Rifondazione Comunista e al Vicepresidente del CdZ in quanto la verifica è andata buca. L ipocrisia e la bassezza politica dell Ulivo non ha precedenti; comunque è giusto che i cittadini sappiano come sono andate le cose: 1) i 4 circoli di Rifondazione Comunista in Zona 9, non hanno avuto un invito ufficiale come non l ha avuto il Vicepresidente del CdZ 9. In conclusione, faccio notare che tra i partiti assenti a quella verifica, mancavano oltre al Prc, La Rosa nel Pugno, la Lista Dario Fo e il PdCI (della serie le verifiche si concordano e non si impongono). Signori dell Ulivo, non è ora di pensare ai cittadini della zona e al rispetto del programma, a contrastare le politiche della giunta Moratti, invece di buttare le proprie responsabilità addosso ad altri? Potremmo continuare ancora, ma non è nostra intenzione lavare i panni sporchi altrui, in quanto siamo stati eletti per governare dando risposte alle esigenze dei cittadini tutti senza che vi siano quelli di serie A e di serie B; ci auguriamo che in futuro ci sia la possibilità di confrontarci sulla corretta applicazione del programma oltre che alle tematiche che interessano la cittadinanza. VILLA ARREDAMENTI Cerchiamo ragazza/o da inserire nei nostri negozi. Si richiedono studi attinenti il settore arredamento o conoscenze di disegno tecnico e artistico. Inviare curriculum in via Palanzone Milano PRODUZIONE E VENDITA MAGLIERIE IN CASHMERE Sconti fine stagione 30% Laboratorio: via Comune Antico 52 show-room: via Comune Antico 53 Tel COOP LOMBARDIA - COOP LOMBARDIA - COOP LOMBARDIA ONA NOVE 5

6 AMBIENTE Intervista a Pierluigi Angiuoni, consigliere provinciale La Provincia continua a lavorare contro le esondazioni del Seveso Realizzati alcuni importanti interventi che hanno migliorato la capacità di contenimento e smaltimento delle acque: il rifacimento del ponte sul Lambro (400 mila euro) e la realizzazione di una vasca di laminazione del torrente Guisa (800 mila euro). SANITÀ Andrea Bina nche se da molti mesi, e non di- a voce troppo alta, il no- Aciamolo stro fiume se ne sta buono buono nel suo alveo, la messa in sicurezza del Seveso resta una delle priorità per i nostri quartieri. Per capire se anche in Provincia la pensano così e aggiornarci sullo stato di avanzamento dei progetti abbiamo intervistato Pierluigi Angiuoni, consigliere provinciale, che segue la questione Seveso sin dai tempi in cui ha ricoperto la carica di Presidente del CdZ 9. Da più di un anno non si parla dell amato/odiato Seveso perché non ha più creato sconquassi nei nostri quartieri. Ma la Provincia in questi mesi ha proseguito i lavori per la messa in sicurezza di Niguarda? Anche se dall ultimo articolo apparso su Zona Nove, dove abbiamo trattato il problema del fiume Seveso, è trascorso un po di tempo non vuol dire che in Provincia ce ne siamo scordati. Infatti durante questo periodo si sono avviati alcuni importanti interventi che hanno migliorato la capacità di contenimento e smaltimento delle acque: il rifacimento del ponte stradale sul fiume Lambro meridionale, nei comuni di Pieve Emanuele e Locate Trivulzio(MI) per un importo euro 400 mila; e la realizzazione di una vasca di laminazione del torrente Guisa, nel comune di Cesate (MI) per un importo di euro 800 mila. Il primo lotto di lavori per il raddoppio dello scolmatore sono terminati da circa un anno. Ma il secondo lotto, che permetterà di completare l opera, a che punto è? Per quanto riguarda il completamento del raddoppio del canale scolmatore, valutati i tempi eccessivamente lunghi per la sua realizzazione e gli ingenti costi dell opera, la Regione Lombardia ha emanato un decreto che individua, tra gli interventi per l adeguamento del sistema idraulico del Csno (Canale scolmatore di nord ovest ndr), la realizzazione di opere prioritarie per un importo pari a euro La Provincia di Milano, sulla base di questo decreto regionale, ha pertanto la possibilità, quale Ente coordinatore e attuatore, sia di collaborare con l Aipo (Agenzia interregionale per il fiume Po ndr) alle fasi progettuali per l adeguamento del sistema idraulico del Csno per mitigare le piene del fiume Seveso, sia di espletare le procedure di gara per l affidamento dei lavori di esecuzione delle opere. A tal fine è stato stipulato un SANITARI - ARREDO BAGNO - CONDIZIONAMENTO RISCALDAMENTO - REVISIONE SCALDABAGNI Via Val di Ledro Milano Tel r.a. - Fax Accordo Operativo tra Aipo e Provincia di Milano per fissare le fasi progettuali e successivamente espletare le procedure di gara. Quante risorse ha messo in campo la Provincia per risolvere il problema delle esondazioni? Le risorse ammontano complessivamente a 10 milioni di euro, già inseriti nel bilancio previsionale della Provincia, oltre le spese correnti per la conduzione e gestione degli impianti idraulici e di monitoraggio. Al termine di questi lavori l incubo Seveso sarà solo un brutto ricordo o le mutate condizioni climatiche non ci metteranno completamente al riparo da future esondazioni? Per rispondere a quest ultimo quesito, potrei essere più preciso entro fine anno perché sono stato informato in questi giorni che la Provincia ha avviato la gara per predisporre lo studio di fattibilità per individuare gli interventi più idonei e coerenti con gli impegni programmatici della Giunta Penati. Obiettivo: accrescere la portata del canale, operazione tanto più necessaria oggi che sono tendenzialmente aumentate le probabilità di un clima piovoso. In tutta Milano mancano ancora settemila addetti L Ospedale di Niguarda all avanguardia con i corsi di laurea per infermieri Chi frequenta la scuola al termine viene assunto a tempo indeterminato. Giorgio Meliesi Dopo la tratta di Niguarda la Gronda anche a Quarto Oggiaro V ia Concilio Vaticano II, Quarto Oggiaro.Altra periferia ma stesso trattamento. Pur di andare avanti con la realizzazione della Gronda che l Europa ha vietato al Comune di Milano perché ha un impatto ambientale insopportabile, da noi ne hanno realizzato un pezzo spacciandolo per la strada che porta al pronto soccorso dell ospedale di Niguarda. Là, similmente, stanno preparando il terreno a un altra tratta della Gronda, eliminando circa 200 (duecento) alberi ad alto fusto, con la scusa che il terreno in cui sono finora cresciuti sarebbe inquinato dagli anni sessanta quando era una discarica e quindi si renderebbe necessaria una sua bonifica. Evidentemente gli alberi non votano: anche in viale Zara, per festeggiare il cantiere del metrò, per prima cosa ne sono stati abbattuti un bel po. I cittadini di Quarto Oggiaro hanno protestato contro lo scempio. E il Comune ha promesso nuovi alberi e un giardinetto per i bambini per il Chissà che bello giocare accanto alla Gronda nord! egli ospedali milanesi lavorano N52 mila addetti parasanitari, tra infermieri, ostetriche, fisioterapisti, tecnici di laboratorio, tecnici di radiologia, igienisti ed educatori. Sembrano tanti, ma ne mancano ancora almeno settemila per coprire il fabbisogno degli ospedali della città e migliorare le pesanti condizioni di lavoro: all Ospedale di Niguarda, dove già lavorano 1600 infermieri, ne occorrono ancora circa 200. Per questo una serie di ospedali organizza corsi di laurea per infermieri. In particolare Niguarda, sede formativa dell università statale dal 1939, quest anno ha iscritto ai nuovi corsi 75 aspiranti infermieri, il massimo consentito dagli standard universitari, ne ha altri 90 che frequentano il secondo e il terzo anno, mentre altri 125 hanno partecipato e vinto il concorso indetto dall ospedale e da questo settembre entreranno ufficialmente in servizio con un contratto a tempo indeterminato e una retribuzione base di euro. Chi si laurea dopo aver frequentato da noi il corso di laurea, spiega la dottoressa Giovanni Bollini, responsabile della direzione infermieristica dell Ospedale di Niguarda, viene assunto nel cento per cento dei casi. Questa per noi è la soluzione migliore perché così garantiamo una continuità fra gli anni di studio e il futuro lavorativo. Gli studenti che si iscrivono ai corsi sono sempre più preparati e motivati. Ormai questo mestiere ha alti contenuti professionali e non è più, come qualcuno forse ancora pensa, un impiego dequalificato, continua Bollini. Servono la laurea e l iscrizione all albo professionale. L assistenza richiesta all infermiere, oltre che relazionale ed educativa, è anche tecnica. Si lavora in collaborazione col personale sanitario e sociale, bisogna saper garantire le procedure diagnostiche e terapeutiche. Per la vostra PUBBLICITÀ su questo giornale TELEFONATE a Franco Tironi tel/fax 02/ Cell. 347/ di Mazzone Pasqua ABBIGLIAMENTO Uomo - Donna MILANO - Via Pianell 47 Telefono Porte blindate Tapparelle di ogni tipo Serramenti in alluminio e all/legno Porte per interni Zanzariere Opere da fabbro Cancelli in ferro Produzione propria - Show-Room Telefono Show-Room - Via Val Furva 3 Laboratorio via Ampère 2 - Paderno Dugnano AMMINISTRAZIONE E GESTIONE DI BENI IMMOBILI rag. Rodolfo di Bisceglie Via Teano 10/ Milano Tel Fax webpage = iscrizione A.N.A.C.I. - MI - N 1036/711 LABORATORIO PROTESI DENTALI RIPARAZIONI E LAVORI URGENTI RITIRO E CONSEGNA A DOMICILIO VIA VAL MAIRA N MI CELL. 338/ TEL. 02/ Via Comune Antico, 62 zona Bicocca Milano tel. e fax RESTAURANT AND COCKTAIL BAR Si organizzano feste private, di Compleanno, laurea, Battesimi, Comunioni, Cresime sia con ricchi Buffet personalizzati che con pranzi o cene a menù fisso. Aperto dal Martedi alla Domenica ONA NOVE 6 Anziani, attenti ai truffatori! Non fate entrare sconosciuti in casa vostra.

7 REPORTER DI ONA a cura di Bic Ticket antiquinamento: sì, no, forse, chissà Sindaci e traffico: ho il dente avvelenato a cura di Lella Ricordi 26 settembre 1887: muore Gaetano Pini aetano Pini, fondatore del Pio Istituto dei GRachitici (poi riconvertito nell'istituto Ortopedico che porta il suo nome), muore a soli 41 anni. Nato a Livorno l 1 aprile 1846, studia medicina dell Università di Pisa, nel 1866 interrompe gli studi per arruolarsi nel 2 Reggimento Granatieri prendendo parte alla battaglia di Custoza e nel 1867 segue Garibaldi nell avventura che si conclude con la sconfitta di Mentana. Terminata l esperienza risorgimentale Pini si trasferisce a Napoli dove si laurea in medicina e chirurgia nel Nel 1870 l editore Vallardi gli offre di dirigere l Enciclopedia ella l amministrazione Moratti. La sua li- potrebbe essere sintetizzata nella Bnea massima Poche idee ma confuse. Infatti già da oltre un anno non si fa più niente per il traffico, aspettando la panacea per tutti i mali, il famoso ticket, la pollution charge se proprio volemo fa fine, che risolverà tutti i problemi di circolazione della nostra incasinata città. Peccato che anche su questo provvedimento, sul quale per altro ci sarebbe molto da dire (se sei ricco puoi inquinare, se sei povero no, questo è) non ci sia accordo. E perciò tra un sì, un no e un forse, per finire con un di sicuro ma non si sa quando, la città continua ad essere lasciata allo sbando. Non ci è bastato Albertini, che si beccava ogni mese tanti bei soldini in quanto commissario straordinario per il traffico, e che di straordinario ci ha lasciato solo il casino che regna nella nostra metropoli. Medica Italiana e Pini si trasferisce a Milano dove si dedica a realizzare quella che venne definita la sua triplice missione: l Istituto dei Rachitici, la Società d Igiene e la Società per la cremazione. Nel 1872 il conte Ernesto Ricardi di Netro istituiva a Torino un piccolo asilo per bambini rachitici. Pini sensibilizza l opinione pubblica milanese su questa grave piaga sociale: l 1 gennaio 1875 nasce l Istituto dei Rachitici. Organizzato inizialmente come scuola-asilo, situata in una vecchia casa di via S. Andrea, l Istituto si trasformò nel giro di breve tempo in ospedale per fronteggiare la crescente richiesta. 15 settembre 1867: inaugurata la Galleria, il salotto di Milano e Vittorio Emanuele II inaugura la Galle- uno dei primi edifici in Europa costruiti Rria, in vetro e ferro. Il salotto di Milano ospita caffè, ristoranti come lo storico "Savini", boutiques di moda e librerie. Costruita sulla pianta di una croce latina con un centro ottagonale - il famoso "Ottagono" considerato da ogni milanese come il cuore della città - è dominata da una cupola centrale che si espande in quattro rami, uno dei quali si affaccia su piazza Duomo. 25 settembre 1967: la strage della banda Cavallero na banda di rapinatori, guidata da Pietro UCavallero, spara sulla folla a Milano dopo la rapina al Banco di Napoli, nei pressi della Fiera. Il bilancio della sparatoria è di 4 morti e 20 feriti. Un componente della banda, Adriano Rovoletto, ferito dalla polizia, è arrestato, mentre Cavallero e Notarnicola fuggono. Saranno catturati e condannati all'ergastolo. Sulla vicenda Carlo Lizzani girò "Banditi a Milano", con Gian Maria Volontè nel ruolo di Cavallero. 24 settembre 2002: muore il pittore e scrittore Emilio Tadini ato a Milano nel 1927, esordisce in lette- nel 1947 con "La Passione secon- Nratura do Matteo". Nella pittura subisce il fascino della Pop Art inglese. Di questo periodo è il "Ciclo della Vita di Voltaire", in cui il surrealismo sovrappone oggetti quotidiani svincolandoli da una logica apparente. Altro esempio del suo tragitto poetico è "L'Occhio della Pittura", un racconto illustrato in 20 mq di rappresentazione. 18 settembre 2006: tragedia in via Lomellina palazzina di tre piani crolla, in via ULomellina, a seguito di un'esplosione probabilmente generata da una fuga di gas. Il bilancio è di 4 morti, tra cui un bimbo di 7 anni, e numerosi feriti. Le conseguenze dell'incidente avrebbero potuto essere di più grave portata se ACCADDE A MILANO cusate l insistenza, ma sul traffico ho il Sdente avvelenato. Sarà perché abito sul viale Fulvio Testi, che è sempre intasato ma adesso, grazie ai lavori contemporanei di metropolitana e metrotranvia, è ai limiti del delirio. Io penso che un sindaco come la Moratti, che abita a due passi da Palazzo Marino, di traffico non ne possa capire nulla. Proporrei una legge: il sindaco deve abitare in periferia, in una zona non servita dalla metropolitana, ogni amministrazione che cambia, cambia anche il quartiere. E deve rigorosamente servirsi dei mezzi pubblici per andare a lavoro la mattina e per tornare la sera, pena la destituzione. Non sono populista, l auto blu glie la concedo da Palazzo Marino per i successivi spostamenti. Ve la immaginate la Letizia in via Ornato che saracca perché ha un appuntamento e del 4 non v è traccia? Il suo successore potrebbe andare al Gratosoglio, seguito da un sindaco domiciliato a Quarto Oggiaro e via discorrendo. Sono certo che, anche solo ascoltando i discorsi sul tram, acquisirebbero una competenza e una conoscenza della realtà che adesso nemmeno si sognano. È un costo l affitto di un appartamento sempre diverso? Ma che, basta dar via quello che la Moratti ha affittato a Roma I bambini che rubano e chiedono l elemosina erdonatemi il tema così triste, che non con- i toni leggeri e ironici che di solito ca- Psente ratterizzano la mia rubrica. È tutta l estate che sento parlare di bimbi usati dal racket per rubare e chiedere l elemosina e ascolto affermazioni del tipo: non ci si può fare nulla, non sono penalmente perseguibili e via discorrendo. E ogni volta mi arrabbio sempre di più per questi atteggiamenti alla Ponzio Pilato delle autorità. Diciamolo sinceramente, le soluzioni ci sono: i l'esplosione si fosse verificata mezz'ora prima, quando gli esercizi commerciali della zona erano ancora aperti. Da un paio d'anni all'interno della palazzina si avvertiva un deciso odore di gas. Ma gli inquirenti ipotizzano che il crollo sia dovuto al suicidio con il gas di un'inquilina. 19 settembre 2006: muore l architetto Vico Magistretti minori in Italia, se non sono trattati adeguatamente, dovrebbero essere allontanati dalla famiglia e affidati a chi se ne deve occupare. Solo che tutto questo costa, costa alle casse comunali, in primo luogo. E questa è la vera ragione per cui il vigile si volta dall altro lato, si guarda bene dal verificare le condizioni di vita del bimbo al semaforo, in metrò, davanti alla Stazione centrale. In Italia i minori sono tutti uguali, ma qualcuno è più (o meno) minore degli altri. uno dei padri del design italiano: oltre Èai numerosi edifici costruiti a Milano, infatti, era noto come progettista di famosi oggetti come la lampada Eclisse per la ditta Artemide (1967) e la sedia Carimate per Cassina (1960). Nato a Milano il 6 ottobre 1920, nel corso della sua carriera attraversa diverse fasi: dalla formazione razionalista alle tendenze neoliberty, agli esperimenti condotti sotto l influsso del grande architetto Frank Lloyd Wright, fino all astrattismo. PNEUMATICI E MECCANICA OFFERTA PNEUMATICI NUOVI GARANTITI 135/80 R 13 71T TL.. 30,00 155/70 R 13 75T TL.. 38,00 165/70 R 13 79T TL... 40,00 165/70 R 14 81T TL.. 46,00 155/65 R 13 73T TL... 42,00 175/65 R 14 82T TL... 49,00 185/65 R 15 88T TL... 55,00 185/65 R 15 88H TL... 65,00 195/65 R 15 91H TL... 68,00 185/60 R 14 82H TL... 55,00 195/60 R 15 88H TL... 66,00 195/60 R 15 88V TL... 76,00 205/60 R 15 91H TL... 72,00 185/55 R 14 80H TL... 65,00 195/55 R 15 85V TL... 79,00 205/55 R 16 91V TL... 89,00 195/50 R 15 82V TL... 65,00 205/50 R 16 87V TL... 89,00 MONTAGGIO EQUILIBRATURA E IVA COMPRESI DISPONIAMO DI TUTTE LE MARCHE NAZIONALI ED ESTERE A PREZZI PARTICOLARI - FRENI - DISCHI - AMMORTIZZATORI - AZOTO - CERCHI - TAGLIANDI - ACCESSORI ASSETTI - MARMITTE - CATENE DA NEVE - BATTERIE - TRASFORMAZIONI CONVENZIONATI CON LE MAGGIORI SOCIETÀ DI LEASING FLOTTE AZIENDALI - SOCI ACI - TOURING CLUB ITALIANO - ATM - AMSA VIA E. DE MARTINO 1 - NIGUARDA - TEL/FAX 02/ La tradizionale cortesia e un vasto assortimento di valigeria e pelletteria delle migliori marche Cappelli uomo-donna Pellicceria e Abbigliamento Moda e in Pelle CUSTODIA - PULITURE - PERMUTE RIMESSE A MODELLO PELLICCE RIPARAZIONI IN GENERE Possibilità di finanziamenti a tasso zero* *tan 0 taeg 0 dal 1954 COOP LOMBARDIA - COOP LOMBARDIA - COOP LOMBARDIA ONA NOVE 7

8 COMMERCIO n bel negozio, a misura di peri- a pochi anni dall apertura Uferia, chiude per lasciare il posto ad un Discount Dico. Penalizzato dalla concorrenza sempre più aggressiva ed anche dall apertura del Centro Sarca, dove i soci Coop possono contare su un offerta più ampia e su servizi più completi, sacrificato da una viabilità che non consente una comunicazione diretta con la rete viaria principale, come invece era previsto al momento della progettazione, il negozio di via Arezzo non ha mai raggiunto la redditività prevista. Ora si pensa a un rilancio con una nuova formula, quella del Discount, Piccola rivoluzione nella distribuzione commerciale in zona Rilancio del supermercato di via Ornato In via Arezzo un discount Dico I soci prestatori del punto di vendita della Bicocca potranno spostare i loro libretti alla Coop di via Ornato oppure all Ipercoop del Centro Sarca, avendo consentita l accessibilità alla spesa quotidiana. Valeria Malvicini un discount però che unisca ad prezzo accattivante anche la qualità che le Cooperative di Consumo garantiscono: Dico infatti è il Discount del Movimento Cooperativo. Questa soluzione si propone il rilancio della struttura, che rimane una bella struttura di vendita, con un ampio parcheggio, mantenendo anche un presidio alimentare per la popolazione del quartiere e soprattutto per le persone più anziane che hanno difficoltà a raggiungere il Centro Sarca, consentendo loro l accessibilità della spesa quotidiana. Rimane il problema della gestione del prestito sociale. I soci prestatori potranno spostare il loro libretto alla Coop di via Ornato (che ricordiamo sarà oggetto di una importante ristrutturazione), oppure al Centro Sarca, ma si sta studiando anche la possibilità di mantenere il servizio in negozio un paio di volte a settimana, per agevolare nei prelievi e nei versamenti i soci con minori possibilità di spostamento. Il giorno 6 settembre, presso il Teatro parrocchiale di Piazza S. Giuseppe, i dirigenti di Coop Lombardia hanno incontrato i soci prestatori della Coop di via Arezzo al fine di illustrare loro la nuova situazione. TURCHETTI s.r.l. L esperienza nel settore dal 1964 IMPIANTI RISCALDAMENTO IDRO-SANITARI MANUTENZIONI - RIPARAZIONI REVISIONE SCALDABAGNI IMPIANTI CONDIZIONAMENTO CERTIFICAZIONE LEGGE 46/90 RISTRUTTURAZIONI TOTALI BAGNI E CUCINE MILANO - Via Val di Ledro, 23 Tel. 02/ Fax Bus Ti invita a metterti in forma con le sue fantastiche iniziative! Ginnastica dolce martedì e venerdì Stretching allungamento e flessibilità del corpo martedì e venerdì Ginnastica a corpo libero lunedì giovedì C.A.S. Centro C.O.N.I. di avviamento allo sport per bambini e ragazzi Via Pianell, 22 (ang. viale Sarca) Milano Telefono Nelle foto di questa pagina alcuni dei moderni ambienti previsti dal progetto del nuovo supermercato di via Ornato. Perché cambia la rete di vendita Coop in zona? Intervista esclusiva a Maurizio Cavazzan Andrea Bina (Produzione propria) Gelateria - Torte famose Specialità torta greca e panna e frutta P.zza S. Giuseppe 3 - Tel Milano oop Lombardia riorganizza la rete di vendita Cnella nostra zona. Per capire meglio cosa cambia per i clienti e per i soci abbiamo intervistato Maurizio Cavazzan, responsabile Affari Generali di Coop Lombardia nonché niguardese doc. A settembre due novità: la ristrutturazione del punto vendita di via Ornato e la chiusura di quello di via Arezzo. Partiamo dalla prima notizia. In che cosa consiste la ristrutturazione del supermercato di via Ornato? La Coop di Via Ornato è un supermercato storico per Coop Lombardia e per la nostra zona. La prossima ristrutturazione darà a Niguarda una struttura completamente rinnovata nello stile e nella proposta di vendita. La novità principale sarà il maggiore spazio dedicato ai prodotti freschi e all ortofrutta ciò che ci viene chiesto oggi dai consumatori - oltre al rinnovo delle attrezzature interne. Credo che le innovazioni, unitamente alla consueta convenienza, troveranno l apprezzamento sia dei nostri clienti tradizionali sia dei nuovi abitanti del quartiere. I lavori termineranno entro dicembre e non ci saranno interruzioni di attività. Malumore invece per la chiusura del supermercato di via Arezzo. Come state gestendo questo evento e cosa troveranno al suo posto i vostri clienti/soci/prestatori? Il supermercato di Via Arezzo cambia insegna e diventerà un Dico, catena di discount del Movimento Cooperativo e terzo operatore italiano del settore. Questa scelta è dettata dalla volontà di razionalizzare la presenza di Coop in questa parte di Milano. Alla Bicocca sarà comunque garantita la presenza di un punto vendita alimentare. I nostri soci prestatori, che sono già stati informati personalmente alla fine di luglio e all assemblea del 6 settembre, avranno la possibilità di spostare il proprio libretto di deposito presso un altro punto vendita Coop o Ipercoop. Cosa non ha funzionato in via Arezzo? Possiamo tranquillizzare i soci che Coop Lombardia non ha nessuna intenzione di abbandonare la nostra zona? Credo che basti dare un occhiata all Ipercoop Centro Sarca o visitare prossimamente la nuova Coop di Via Ornato per toccare con mano il grande investimento di Coop Lombardia su questa zona. Il punto vendita di Via Arezzo è un negozio cresciuto con il quartiere ma oggi, sia per le trasformazioni anagrafiche degli abitanti sia per l arrivo di nuova concorrenza, è purtroppo sovradimensionato rispetto al proprio bacino d utenza. Questa operazione risponde al principio di una gestione aziendale rigorosa, che è la principale garanzia per i nostri soci prestatori. LA PIÙ GRANDE ESPOSIZIONE DI FALSI D AUTORE E NON SOLO Van Gogh Monet - Klint Caravaggio Bruegel - Renoir Fiamminghi Ritratti e dipinti su commissione INGRESSO LIBERO APERTO TUTTI I GIORNI COMPRESO SABATO DOMENICA E FESTIVI Orari: dalle 10 alle 13 dalle 14,30 alle 20 Galleria Maria Sidoli Via Trescore 3 (P.le Istria) MM 3 - Milano - Tel. 330/ Attenzione Avete in casa dei PARALUMI ingialliti o sciupati dal tempo e dallo smog? Io provvederei a ritirarveli e a rimetterli a nuovo; di qualsiasi modello, stile o volume siano, utilizzando ancora le vecchie intelaiature, se ancora in buono stato. Garantisco lavorazione molto accurata e prezzi modici. Grazie Tel ONA NOVE 8 Anziani, attenti ai truffatori! Non fate entrare sconosciuti in casa vostra.

9 ONA NOVE VITA E CULTURA Il proverbio del mese secondo Giovanni Beduschi: A settember l è mej sudà che tremà (a settembre è meglio sudare che tremare) GLI APPUNTAMENTI DEL MESE a cura di Grazia Morelli Chi intenda far pubblicare proprie iniziative in questa rubrica dovrà farne pervenire notizia entro il 20 del mese precedente. SABATO 15 SETTEMBRE Triennale Bovisa Via Lambruschini 31 Casa di Alex Via Moncalieri 5 DOMENICA 16 SETTEMBRE Casa di Alex Via Moncalieri 5 LUNEDÌ 17 SETTEMBRE Teatro degli Arcimboldi Via dell Innovazione 1 Funakoshi club Piazzale Nizza 5 Tel MARTEDÌ 18 SETTEMBRE Blue Note Via Borsieri 37 Tel MERCOLEDÌ 19 SETTEMBRE Funakoshi club Piazzale Nizza 5 Tel GIOVEDÌ 20 SETTEMBRE Teatro degli Arcimboldi Via dell Innovazione 1 Funakoshi club Piazzale Nizza 5 Tel Ass. Sammartinesi in Lombardia Viale Monza 255/A Casa di Alex Via Moncalieri 5 VENERDÌ 21 SETTEMBRE Hangar Bicocca Via Chiese Biblioteca Affori Viale Affori 17 Tel SABATO 22 SETTEMBRE Teatro degli Arcimboldi Via dell Innovazione 1 Villa Clerici Via Terruggia 14 Che Guevara Rivoluzionario e Icona. The Legacy of Korda s Portrait (h 11-24, chiuso il lunedi). Fino al 16/9. Alle 17,30, presentazione attività. Seguirà aperitivo. Alle 20.30, Serata Boogie del Club Honky Tonk. Alle 15, nell ambito del MiTo film Ludwig di L. Visconti; alle 21, musiche di Wagner e Brukner con la Bayerisches Staatsorchester. Alle 20.30, conferenza sull alimentazione con M. Halsey: I segnali del corpo, fai la tua diagnosi. Alle 22, nell ambito del MiTo Concerto Jazz con McCoy Tyner. Alle 20, lezione di presentazione di Danza mediorientale. Alle 21, nell ambito del MiTo Concerto di R. Cacciapaglia e F. Battiato con l Orchestra da camera Milano Classica. Alle 18-19, lezione di presentazione di Tai Chi. Alle 21, incontro coi dottori A. Canino, M. Gambacorta dell Ospedale di Niguarda su Hpv (papilloma virus umano), donna e vaccinazione. Alle 21, Serata danzante. Alle 23, nell ambito del MiTo, Armoniche visive. Alle 12, inaugurazione della mostra Le vie dei marmi, a cura del Liceo Artistico Statale di Brera. Visite guidate dalle 9 alle 16. Fino al 29/9. Alle 21, nell ambito del MiTo Concerto di V. Capossela, M. Brunello, P. Pandolfo, C. Urbanetz, S. Alvares. Alle 21, nell ambito del MiTo, Concerto delle MiTo Jazz Band e Civica Banda Jazz. Cascina Anna Via S.Arnaldo 17 Tel DOMENICA 23 SETTEMBRE Teatro Ventaglio Smeraldo Piazza XXV aprile 10 Tel Casa di Alex Via Moncalieri 5 LUNEDÌ 24 SETTEMBRE Teatro degli Arcimboldi Via dell Innovazione 1 Funakoshi club Piazzale Nizza 5 Tel MARTEDÌ 25 SETTEMBRE Funakoshi club Piazzale Nizza 5 Tel CdZ 9 Tel MERCOLEDÌ 26 SETTEMBRE Parrocchia S. Angela Alle 21, incontro coi dottori A. Merici Canino, M. Gambacorta dell Ospedale di Niguarda su Hpv (papilloma Via Cagliero 26 virus umano), donna e vaccinazione. Casa di Alex Via Moncalieri 5 GIOVEDÌ 27 SETTEMBRE Casa di Alex Via Moncalieri 5 Alcatraz Via Valtellina 25 VENERDÌ 28 SETTEMBRE Casa di Alex Via Moncalieri 5 SABATO 29 SETTEMBRE Funakoshi club Piazzale Nizza 5 Tel Casa di Alex Via Moncalieri 5 DOMENICA 30 SETTEMBRE Casa di Alex Via Moncalieri 5 LUNEDÌ 1 OTTOBRE Cascina Anna Via S.Arnaldo 17 Tel Concorso di lettura Superelle per bambini da 6 a 10 anni. Le iscrizioni si ricevono fino al 31/12. Alle 17 e alle 21, nell ambito del MiTo Teatro Ventaglio Smeraldo, S. Bollani & I Visionari in concerto. Alle 20.30, Serata Boogie del Club Honky Tonk. Registrazione dello spettacolo Zelig Circus. Anche il 25/9, l 1 e 2/10. Alle 20, lezione di presentazione di Qi Gong. Alle 20.30, conferenza con il medico ayurvedico prof. Arya. Alle 20, lezione di presentazione di Kundalini Yoga. Visita al Museo della Scienza e della Tecnologia per over 65. Anche il 2 e 9/10. Alle 21, spettacolo teatrale dell Associazione culturale Italia-Nicaragua Il cammino alla laguna secca. Alle 21, Serata danzante. Alle 22, nell ambito del MiTo, Concerto di Caetano Veloso. Alle 21, Serata danzante. Seminario Psicologia in Ayurveda. Anche il 30/9. Alle 21.20, Concerto rock. Alle 20.30, Serata Boogie del Club Honky Tonk. Alle 18, Corso di decoupage per tutti. Anche il 5 e l 8/10. La mobilità sostenibile in bicicletta Simona Fais Ufficio del Mobility Manager dell Università degli studi di Milano Bicocca, in collaborazione con il Parco L Nord Milano e Ciclofficine di Niguarda, organizza anche questo settembre, per il quarto anno, la settimana dedicata alla bici ed alla mobilità sostenibile. Come per le precedenti edizioni, l evento è inserito all interno della programmazione della manifestazione Lombardiainbici 2007 che vede impegnati molti Comuni della regione e che va dal 15 al 23 settembre. Il primo appuntamento è dunque fissato per il 15 settembre alle ore 15 presso la Cascina Centro Parco, dove si inizierà con un corso gratuito sulla riparazione delle biciclette tenuto dall Associazione +bc e, poi, tutti in sella per la Biciclettata d autunno tra i viali del Parco con sosta finale al velodromo per assistere ad esibizioni e gare mozzafiato sulle due ruote. La data successiva da tenere a mente è quella del 19 settembre dove all Università di Milano Bicocca (Aula Pagani U7) alle ore 14 si terrà il seminario Mobilità, disabilità e utenza debole della strada dove l Ufficio Mobility Manager e l Associazione Paraplegici Lombardia, intendono dare risalto alle problematiche che le persone con difficoltà motorie sono costrette ad affrontare per le strade della nostra città dove il traffico veicolare la fa da padrone e i trasporti pubblici non offrono accessi adeguati alle loro necessità. Sempre all Università Milano Bicocca in Piazza Ateneo dalle ore 8 del 20 settembre verrà offerta la colazione per i ciclisti con banchetti informativi su ambiente, associazioni e ciclistica, con una nuova opportunità di seguire il corso di Ciclofficina dell Associazione +bc che vi aspetta anche il 23 settembre alle 15 presso la loro sede in Via Graziano Operatore. Per concludere vi proponiamo anche la mostra fotografica di Pierluigi D Ambrosio dal titolo Biciclette metropolitane: Delhi, Shangai, New York che sarà esposta dal 9 al 16 settembre alla Cascina Centro Parco, dal 17 al 22 all Università Milano Bicocca U7 3 piano e il 23 presso la Ciclofficine Nord Niguarda. La scuola di chitarra di Alex Schiavi Giorgio Meliesi romossa dal concertista maestro Alex Schiavi, nasce Pin piazza San Giuseppe 12 (presso la onlus Fabbrica dell Esperienza - telefono ) la scuola di musica per insegnare a suonare la chitarra. I corsi, che si terranno tutti i lunedì, saranno dedicati alla Chitarra acustica, alla Chitarra elettrica ed agli effetti musicali applicati alla chitarra stessa. Il corso di chitarra (lezioni pratiche ed anche teoria musicale) è finalizzato a far apprendere a tutti a suonare questo meraviglioso strumento. Vengono insegnati: giri armonici e stili musicali vari (rock, blues, folk). C è anche un corso particolare per chi vuole imparare a suonare la chitarra elettrica. Gli strumenti a disposizione degli allievi si trovano in sede. I corsi sono aperti a tutti: bambini dai sette anni, giovani ed adulti. Il maestro Alex Schiavi sta inoltre promovendo corsi musicali anche in altre strutture e sodalizi cittadini. Le iscrizioni si raccolgono tutte le sere, direttamente in piazza San Giuseppe, dalle ore 18 alle ore 19 (sabato ecluso). GITA SUL BERNINA EXPRESS da TIRANO a ST. MORITZ Partenza Sabato 15 Settembre di buon mattino in bus da Milano - Arrivo a Tirano e sistemazione sul Treno del Bernina nei posti riservati: attraversando le valli svizzere, si sale fino al passo per poi scendere fino a St. Moritz. Tempo libero per pranzo e attività individuali. Ritrovo alle h. 17,00 circa per il rientro a Milano in pullman. Quota di partecipazione 35,00 Per informazioni e prenotazioni rivolgersi all Associazione Amici di Zona Nove (Tel. Mira / o Tironi ) COOP LOMBARDIA - COOP LOMBARDIA - COOP LOMBARDIA ONA NOVE 9

10 Quante volte al giorno fai ginnastica? I tuoi occhi meritano attenzione Fissa un appuntamento OTTICA GIORGETTI Via S. Pianell, 63 - Milano Tel (Pratocentenaro) Presso OTTICA LUCA P.zza Belloveso, 2 - Milano Tel (P.za della Chiesa - Niguarda) ONA NOVE 10 COOP LOMBARDIA - COOP LOMBARDIA - COOP LOMBARDIA

11 COOP LOMBARDIA - COOP LOMBARDIA - COOP LOMBARDIA ONA NOVE 11

12 INIZIATIVE CULTURALI a cura di Valeria Casarotti - Teresa Garofalo Tutti invitati a salvare la luna A Villa Ghirlanda di Cinisello il 23 settembre la festa finale dell opera d arte pubblica di Jochen Gerz. Ben persone, uomini e donne, giovani e meno giovani, dal mese di settembre 2006 al marzo 2007 si sono recati per farsi fare un ritratto presso i set fotografici allestiti nel Museo di Fotografia Contemporanea di Villa Ghirlanda a Cinisello e in molti altri angoli della città di Milano. Le stesse persone sono state poi viste vagare una sera, per un ora, da soli o a gruppi, ognuna con il proprio maxi-ritratto montato su una lunga asta, attraverso le vie e le piazze di Cinisello Balsamo illuminate dalla luna, in una curiosa manifestazione che si è protratta dal 12 maggio al 3 giugno scorso. I protagonisti di questa originale manifestazione sono uomini e donne diversi per età, cultura, livello economico e sociale, colore della pelle, di Cinisello ma anche di altre città dell hinterland milanese che hanno voluto aderire all opera d arte collettiva creata da Jochen Gerz, uno degli artisti più importanti a livello internazionale nell ambito della public art. Il progetto ha un titolo suggestivo, Salviamo la luna, e la sua originalità consiste nella partecipazione dei cittadini, fruitori ma nello stesso tempo anche autori dell evento. È tempo di sanare la frattura che esiste fra artista e spettatore, tra chi esibisce le sue opere e chi si trova ristretto nel ruolo passivo dello spettatore. Ricordatelo - afferma Jochen Gerz - artisti siete tutti voi. È nata così, sulla base di tali premesse, Salviamo la luna, la coraggiosa e articolata operazione artistica della durata di due anni che l artista tedesco in collaborazione con la Provincia di (disegno di Gero Urso) Milano e il Museo di Fotografia Contemporanea di Villa Ghirlanda ha ideato appositamente per la città di Cinisello. Perché proprio Cinisello? Tantissimi anni fa - narra una leggenda - la luna distratta cadde sulla terra e allora gli abitanti di Cinisello, improvvisandosi pescaluna, accorsero in massa con ami e lenze nel tentativo di salvare l astro che stava per annegare nell acqua della pozzanghera in cui era precipitato. È stato forse il fascino di questa leggenda a spingere Jochen Gerz ad offrire proprio ai discendenti degli antichi pescaluna la possibilità di salvare ancora una volta l astro misterioso che da sempre affascina l uomo? Non possiamo dirlo con certezza. Certo è invece che gli abitanti di Cinisello - come afferma il sindaco della città Aniello Zaninello - hanno accolto con entusiasmo l invito rendendosi così protagonisti di un importante opera d arte collettiva a conferma della grande tradizione di partecipazione e impegno sociale che ha caratterizzato la storia della città nel tempo. Dal 23 giugno Salviamo la luna è una mostra che raccoglie le fotografie realizzate e la documentazione di due anni di lavoro nella città. Ad accogliere i ritratti sono gli spazi del Museo di Fotografia e le bellissime sale al piano terreno, al primo piano, lo scalone e i loggiati della seicentesca Villa Ghirlanda: una maxigalleria di ritratti di persone dallo sguardo sorridente, severo, pensoso, schivo o timido. Domenica 23 settembre a Villa Ghirlanda ci sarà una grande festa pubblica durante la quale i ritratti saranno affidati a coloro che hanno partecipato al progetto per essere portati nelle case ed esposti. Nessuno riceverà il proprio ritratto ma quello di un altra persona e questo creerà una rete di relazioni virtuali tra i protagonisti. Si costituirà così un museo diffuso, una collezione permanente del Museo, custodita nelle case dei cittadini che conserveranno ciascuno un tassello di un opera più grande. Un progetto innovativo che ha aperto il Museo al territorio dando a molti la possibilità di vivere l arte da protagonisti, condividere un esperienza, sentirsi più vicini alla città. Salviamo la luna ha aiutato soprattutto a portare alla luce ciò che di poetico, di infantile e forse di irrazionale c è in ognuno di noi, desideri, sogni, segreti che spesso sentiamo di poter confidare solo alla silente luna. Per informazioni: tel Sabato 6 ottobre alle ore 15 presso l Università degli Studi della Bicocca Edificio U6 - aula 4, in piazza dell Ateneo Nuovo/ingresso da via Pirelli a edizione del Premio internazionale di poesia su tema Streghetta Bruno e Mery 13,00 17,00 10,00 10,00 10,00 12,00 11,00 22,00 25,00 25,00 30,00 V.le Fulvio Testi Milano - Tel AVVOCATO GAIA FRANCESCA CALDARINI Offre consulenza ed assistenza in materia di: FAMIGLIA, RECUPERO CREDITI, CONDOMINIALE, LAVORO. Fornisce PARERI CIVILI e PENALI celeri e comprensibili. V.le Fulvio Testi, 89 Milano Cell Fax 02/ Per la vostra PUBBLICITÀ su questo giornale TELEFONATE a Franco Tironi tel/fax 02/ Cell. 347/ ONA NOVE 12 COOP LOMBARDIA - COOP LOMBARDIA - COOP LOMBARDIA

13 ONA NOVE 13

14 na mostra singolare e originalissima Uquella esposta dal 24 giugno all 8 luglio nei locali della prestigiosa Sala Cerimonie del Ricetto di Candelo, uno dei borghi medievali più suggestivi d Italia situato in provincia di Biella. Una mostra preziosa per la magia dell antico palazzo che l ha accolta tra le sue storiche pareti di pietra, per l eleganza e la magnificenza degli abiti indossati da manichini, per il fascino e la sensualità dei ritratti che riflettono, come in un gioco di specchi, un profilo enigmatico e affascinante di donna. Ogni abito è identico a quello dipinto nel quadro che gli è posto accanto. E questa è la novità che meraviglia e incuriosisce il visitatore. La stella di questo eccentrico e fantasioso evento, Il Vestiario Incantato è Anna, musa e compagna di vita del pittore Gero Urso, direttrice dell Associazione culturale Art Action di Bresso e collaboratrice del nostro giornale. Di lei questa mostra svela la bellezza, il gusto, la personalità. Quadri di un grande artista e abiti di alta moda: come nasce questo connubio, Anna? Gli abiti sono quelli da me indossati alle inaugurazioni delle tante mostre tenute da Gero in Italia e in vari paesi europei dagli anni 80 ad oggi. Un abito per ogni vernissage. La particolarità è che all inaugurazione di ogni mostra, lontano dagli altri quadri, su un cavalletto c era un ritratto che mi rappresentava vestita proprio con l abito creato per quella sera. Era un rito scaramantico, un gioco portafortuna? In realtà l idea è nata quasi per caso. Nei primi anni 80 eravamo a Malta, ospiti del governo per il quale Gero doveva realizzare un murale. Sono stati giorni intensi, fra serate di gala e concerti a cui abbiamo partecipato insieme a eminenti personalità del mondo culturale, ma anche religioso e politico dell isola, come monsignor Charles Vella, il presidente Censu Tabone, il primo ministro Eddie Feneck Adami, il ministro dell ambiente Louis Galea e quello della INIZIATIVE CULTURALI a cura di Valeria Casarotti - Teresa Garofalo Il Vestiario Incantato : passione, arte ed eleganza Una mostra dei nostri Anna Maria Indino e Gero Urso alla Sala delle cerimonie del Ricetto di Candelo. ne, paillettes. Poi, insieme alla sarta, studiavo il modello ispirandomi ai grandi stilisti come Valentino, Chanel, Ungaro, Pierre Cardin, Givenchy e altri. Del disegno e della foggia dei cappelli, invece, si è sempre occupato esclusivamente Gero che, come me, ha una vera passione per questo capo d abbigliamento. Sono abiti esclusivi, molto importanti, che ho indossato una sola volta. L abito doveva essere pronto almeno un mese prima del vernissage in modo che Gero avesse la possibilità di trarre ispirazione per il ritratto vedendomelo indosso. Solo in alcuni casi l abito e anche l ambientazione del quadro si ispiravano al tema della mostra. Ciò è avvenuto ad esempio per Gero Urso for Africa, Arabian night, La rosa del deserto, L ammiraglia, ma in genere preferivamo sentirci liberi, senza vincoli che frenassero la nostra creatività e il nostro estro inventivo. Tra tutti questi splendidi abiti ce n è qualcuno a cui sei particolarmente legata? Dietro ogni abito ci sono tanti ricordi perciò li amo tutti ma dolci, uno particolarmente romantico a forma di cuore, tanti bellissimi fiori ma soprattutto tanto calore e affetto. Donammo i fiori a una chiesa dove il sacerdote li accolse con entusiasmo. È il buon Dio che vi manda. Oggi celebro due matrimoni e in chiesa non c era neanche un fiore! Certo per la tua mostra così ricca di storia, la Sala del Ricetto è stato proprio lo scenario ideale Ne sono convinta anch io e non è stato semplice trovarlo perché a mio parere Il Vestiario Incantato esigeva una cornice molto speciale. La mostra racchiude tanti ricordi, tanti frammenti di vita perciò volevo uno spazio accogliente, vivo e carico di storia. Quando lo scorso anno ho scoperto il Ricetto medievale di Candelo e, in particolare, la sua splendida Sala delle Cerimonie, ho pensato subito che la mia ricerca fosse terminata. Così, anche grazie alla disponibilità del sindaco di Candelo, dottoressa Mariella Biollino che ha creduto nel progetto e lo ha fortemente appoggiato, sono finalmente riuscita a realizzare questo sogno che cullavo da molto tempo. È stato necessario un anno di impegno perché dietro a qualsiasi mostra c è un lavoro lungo che non appare, ma in questo mi ha aiutato la lunga esperienza acquisita nel campo lavorativo. Come responsabile delle pubbliche relazioni di Milano Centrale per le Ferrovie dello Stato, infatti, per anni ho pianificato e programmato eventi culturali, concerti, mostre d arte, concorsi, collaborando con personaggi autorevoli della cultura milanese, quali ad esempio l assessore alla cultura del Comune Philippe Daverio e i fotografi Gianni Berengo Gardin e Maria Mulas. Anche di tutte le mostre di Gero la parte organizzativa spettava e spetta ancora a me. La realizzazione di questa mostra tutta tua, però, deve essere stata per te particolarmente gratificante. Sì, anche perché, come dicevo, è un sogno che da anni tenevo riposto nel cassetto. Sistemati i manichini e i quadri e cultura Richard Muscat. In quei giorni Tonio Ganado, nostro grande amico, personaggio di rilievo nella società maltese e appassionato collezionista, inaugurava una galleria d arte. Cosa portargli in dono? In pochi giorni Gero mi ha dipinto in un ritratto, vestita con l abito che avrei indossato alla festa. Il quadro, impacchettato e infiocchettato, la sera dell inaugurazione è stato consegnato al nostro ospite che, entusiasta, gli ha subito assegnato un posto d onore. Il dipinto, infatti, è stato posto su un cavalletto, in bella evidenza. Tra gli invitati ricordo una signora alla quale sono stata presentata, che insisteva nell affermare di avermi già incontrato prima, ma dove? Solo più tardi, stupita, ha collegato la mia persona alla modella del quadro. Da quel giorno l idea di esporre ad ogni nuova mostra di Gero un quadro che mi ritraesse vestita con lo stesso abito che avrei indossato al vernissage è divenuta nel tempo una consuetudine, un gioco divertente per me e Gero. Sono abiti davvero bellissimi, come splendidi sono i cappelli e gli accessori. Mi è sempre piaciuto dare un tocco personale al mio abbigliamento, scegliere stoffa e modelli. Per le occasioni importanti si trattava di stoffe pregiate, seta, organza, crepe de chine, chiffon, che impreziosivo con ricami di strass, perliad alcuni sono particolarmente legata, come ad esempio a quello che indosso ne La signora dei pony, un elegante abito nero in georgette di seta ricamata con stelline d argento su una parte del corpetto, su una delle maniche e una splendida spilla gioiello sul cappello. Amo molto anche l abito de La dama col certosino, un modello Valentino nero completato da un giacchettino sontuosamente decorato in oro. Ricordi tenerissimi evoca in me il prezioso abito creato per Olomouc. È anch esso un modello Valentino nero, splendente di pailleittes e perline d oro con un delizioso cappello laminato e operato, ornato da una delicata piuma di pavone di un azzurro-viola evanescente. L ho indossato alla mostra presentata da Gero nel 1998 ad Olomouc, nella Repubblica Ceca, una mostra che si inseriva nell ambito delle manifestazioni promosse dalla città per la settimana della cultura italiana. Ospiti del governo abbiamo avuto la possibilità, con l ausilio di guide messe a nostra disposizione, di ammirare le bellezze artistiche e naturali dei luoghi. La sera dell inaugurazione ci sentivamo particolarmente felici ed euforici e, poiché il giorno successivo sarebbe ricorso l anniversario del nostro matrimonio, invitammo i presenti a unirsi a noi la sera seguente per un brindisi in un locale. Arrivarono in tanti a festeggiarci. Ricevemmo regali, completato l allestimento delle due bellissime sale del Ricetto, mi sono guardata intorno, ho dato un occhiata generale all insieme e ho provato una profonda commozione. È st ato quasi rivedere, come in una sequenza di flashback, tanti momenti salienti della mia vita. Ai miei occhi quegli abiti non erano solo creazioni raffinate e i quadri non erano solo dei ritratti di donna. Dietro gli abiti, dietro quel volto c ero io, c era la mia anima che Gero riesce sempre a cogliere e magicamente a trasferire sulla tela. Ogni quadro e ogni abito finivano con il caricarsi di forti significati simbolici, noti solo a noi due, a me e a Gero: passioni, aspettative, inquietudini, speranze, gioie, evocazione di tanti momenti importanti della nostra esistenza e della nostra vita di coppia, unita anche dall amore per la bellezza e per l arte. Una mostra intrigante e ricca di suggestioni che verrà la pena di visitare o di rivedere quando, visto il successo di pubblico e di critica, diventerà itinerante. In alto, la Sala delle cerimonie con la mostra di Gero Urso; sopra a sinistra, L appuntamento con l imperatore (2006) con abito di Pierre Cardin; sopra a destra, Olomouc (1998) con abito di Valentino. ONA NOVE 14 Anziani, attenti ai truffatori! Non fate entrare sconosciuti in casa vostra.

15 In suo ricordo Debora Migliucci* difficile condensare in poche righe la vita di colei che è Èstata la "Compagna Re" per i militanti del Pci e della Cgil, la "Zia Pina" per i nipoti, "L'onorevole Re" per i cittadini italiani che rappresentava in Parlamento e anche semplicemente "Lapinarè", come veniva affettuosamente chiamata dagli amici. La storia di Giuseppina Re si intreccia con quella di Milano, e della nostra zona in particolare, le cui vie fanno da sfondo alla sua esistenza: la drogheria di piazzale Lagosta, per lei luogo di lavoro durante la guerra e teatro della lotta contro il nazifascismo, la sezione "Bietolini" in una delle villette di viale Stelvio, trampolino di lancio della sua carriera politica; le fabbriche della Biccoca e i comizi in via Asturie, mete preferite per le campagne elettorali; il Centro Donna Bicocca e il Parco Nord, che furono sue creazioni. Ma Lapinare è molto di più, è un pezzo della storia nazionale, è un simbolo dell'emancipazione femminile, fu una delle prime donne elette al Parlamento italiano. Era "quella delle cause perse", come l'aveva apostrofata un giorno il ministro della giustizia Oronzo Reale, per quel suo modo di condurre intensamente, pienamente, senza risparmiarsi neppure un po', le battaglie in cui credeva. Per la verità Pina Re in maggioranza furono cause vinte: la legge sul divieto di licenziamento per matrimonio, che pose fine ad una vergognosa discriminazione ai danni delle lavoratrici; il processo di riforma del diritto di famiglia, che modificò per sempre i rapporti tra i coniugi, cancellando, almeno nelle leggi, la famiglia patriarcale; l'istituzione degli asili nido; la lotta per l'equo canone e la creazione del sindacato degli inquilini; la nascita su un cumulo 14 marzo agosto 2007 di macerie di un parco, il Parco Nord, dove genitori e nonni potevano portare i bambini sottraendoli al cemento e all'asfalto che già ossessionava Milano. Per tracciare un profilo di Pina Re, bisogna affidarsi, poi, ai Cara Zia Pina racconti di coloro che la conobbero, ai giudizi che trapelano dalle carte della Federazione Milanese del Pci e della Cgil, e soprattutto al suo modo di rappresentarsi, dove il noi prendeva La nipote Ivana il sopravvento sul pronome io. Ne emerge la figura di una ara Zia Pina, la tua è stata una lunga vita. Negli ultimi anni donna priva di presunzione, e perciò esente da pericoli di autocelebrazione, ma determinata, ferma e dotata di grande forza che abbiamo fatto attorno al tavolo in cucina. Le storie della tua Cl'abbiamo ripercorsa tante volte nelle lunghe chiacchierate e tenacia. infanzia a Pieve, il socialismo del nonno e della nonna, la fuga in Per Giuseppina Re la politica non era soltanto saper fare un Abruzzo, con tutti i cambiamenti che comportò. Il ritorno al nord bel discorso, pur essendone capace, ma cercare, avvertire i bisogni del momento e trovare delle risposte. Tratto caratteristi- Italiano nel quale c'erano tante persone come te che sapevano e con i primi gesti consapevoli nel grande Partito Comunista co del suo agire era la concretezza con cui affrontava i problemi, e il modo spontaneo con il quale cercava le soluzioni. Il conrosa ricordare le fatiche fatte per sentirti all'altezza del compito volevano contare. Quante volte ho sentito la tua voce forte e vigotinuo tentativo di coinvolgere la società civile nelle battaglie. I che la storia ti aveva dato. Non posso certo qui raccontare tutte le legami con il territorio milanese e con le persone percorrono cose che tu hai raccontato a me anche perché molte le conosciamo interamente la sua attività pubblica e servono a spiegare il in tanti, però io so anche quel pochino di rimpianto che ogni tanto perchè di quel noi, che sempre utilizzava nel raccontarsi. ti coglieva per aver dato molto alla politica, quella vera, quella Proprio in questo agire condiviso risiedeva per Pina Re la forza della politica, era la condizione essenziale perchè "se questo tenenza. Parlo di un po di rimpianto per qualcosa che non eri che richiedeva rigore e fatica e dava in cambio passione e appar- [coinvolgimento] non accade" - ripeteva - "sono guai e nella società passano tutte le idee più balzane ed egoistiche". La stesre di più con la zia Rosetta che ti rimproverava con il suo silenzio riuscita a fare, per esempio venire al mio matrimonio, oppure stasa capacità di coinvolgere la gente in un legame di fiducia le le tante assenze. Un po di rimpianto per non essere stata più zia aveva consentito di essere eletta nel 1948 e successivamente Pina e meno Onorevole Pina Re. Ma la tua vita è stata così lunga per tre legislature consecutive, unica donna del collegio Milano che ci ha permesso di recuperare anche il tempo dei rapporti personali. Siamo state tanto insieme in questi ultimi 15 anni, abbia- Pavia ad essere per vent anni candidata ininterrottamente. Nello stesso modo così delicato e senza clamore, che ha caratterizzato la tua esistenza, te ne sei andata, Pina, alla vigilia di di amici e di compagni, di querce e di ulivi, di affetti lontani nel mo parlato di tutto e di tutti, di nipoti vecchi e di nipotini nuovi, Ferragosto in una Milano deserta, con i tanti che ti avevano tempo ma vicini nel cuore e nella mente. Riusciremo a continuare conosciuta e ti avrebbero volentieri ricordata, lontani per le ferie estive. E a me, che ti ho conosciuta solo attraverso quegli se da dire. le nostre chiacchiere nell'al di là dei comunisti e ne avremo di co- appunti e quei documenti che con tanto orgoglio hai conservato negli anni, rimane il rimpianto di non averti mai stretto la state vicine e in particolare Aurika che ha permesso di arginare le Io credo che come me tu desideri ringraziare le persone che ti sono mano, ma l'orgoglio di poter contribuire, pur in piccola parte, al sofferenze fisiche degli ultimi tempi con la sua presenza capace e tuo ricordo. affettuosissima. Ciao Zia. Dalle memorie di Pina: Sotto il fascismo abitavo all Isola io padre si decise a malincuore ad accettare la proposta Mdi un gruppo di imprenditori che intendevano creare un grosso impianto per la lavorazione del faggio in Abruzzo, affidandogliene la direzione. La destinazione: Isola del Gran Sasso. in provincia di Teramo. Lo spostamento ci privò di tante comodità, costrinse i fratelli minori ad interrompere gli studi, per i più piccoli ci fu poi la scoperta della scuola che non andava oltre la terza elementare. Per mia mamma e le donne adulte il disperato sforzo di sistemare al meglio in una piccola casa il grande numero di conviventi. Ci adattammo con buona volontà. La scomparsa dell'incubo fascista e la buona accoglienza della popolazione che vedeva i milanesi come portatori di lavoro, rese meno acuta la nostalgia di Pieve. Troppo lungo sarebbe il racconto di quella travagliata emigrazione che, nel corso di una decina d'anni, trasformò profondamente la mia famiglia e peggiorò le nostre condizioni. Dirò soltanto che intorno agli anni trenta, quando l'attività economica non bastò più a soddisfare i bisogni di tutti, una parte di noi decise di risalire al nord, non pensammo a Pieve ma a Milano. L impatto con la città fu molto triste. Il nostro complesso di naufraghi si trasformò in angoscia quando, all'arrivo, ci informarono che il fratello che più aveva fatto per preparare il nostro rientro, era affetto da un male incurabile. I bravi medici dell'ospedale di Pavia. che l'ebbero in cura. sarebbero poi riusciti a contrastare il male per ancora due anni: il tempo che gli servì per aiutarci, col suo lavoro di tassista, ad avviare la nostra sistemazione. Fu in seguito a quel fatto doloroso che la responsabilità della famiglia passò sulle mie spalle. Avevo vent'anni, un lavoro fisso e sicuro, a differenza delle due sorelle, purtroppo la salute della mamma era cagionevole e il papà dopo i tentativi di riprendere la sua attività di mediatore, sopportava il suo fallimento con rassegnazione e sfiducia, trascinando la sua condizione di pensionato. Mi tenni ben stretto il lavoro di commessa, mi adattai al tirocinio del passaggio da un mercato rionale all altro, secondo la richiesta del mio padrone e, sempre con la qualifica di aiuto commessa, terminai la mia lunga fatica in un negozio di drogheria in Piazzale Lagosta. Abbandonai quasi subito il sogno di frequentare una scuola serale: per gli orari di lavoro e la lontananza delle diverse abitazioni (nonostante i tre traslochi). E poi venne la guerra. La mia vita non fu diversa dai milanesi che la vissero, in quasi tutta in città, sotto i bombardamenti. Solo la mamma venne accolta per brevi periodi dai parenti, in un abitazione più sicura, poi presso la famiglia della sorella maggiore, in Piazza della Repubblica e poté, dopo la morte di mio padre, resistere per qualche anno ancora. Per tornare a me aggiungo solo una nota di nflessione sui sedici anni di lavoro, in tanti punti della città, sull'esperienza umana che, pure nella sua faticosità, mi ha permesso di conoscere e di ritrovare, attraverso la sua gente, soprattutto negli anni della guerra e delle crisi economiche, I'anima della città. Un'anima che ho faticato a scoprire nei primi anni, che avevo sentito cupa e ostile per lungo tempo. Il quartiere dell'lsola, dove sono stata più a lungo, mi ha lasciato una sensazione toccante. I sentimenti popolari di fronte agli avvenimenti sempre più drammatici avevano un riscontro specie nelle fabbriche vicine, dove si manifestava con forme di resistenza e di rigetto delle misure di restrizioni alimentari e della violenza fascista e tedesca. È stato questo, dopo gli avvenimenti vissuti da bambina a Pieve, il mio secondo battesimo politico. La mia partecipazione alla Resistenza sarebbe stata certamente più attiva e partecipe se, dopo un ennesimo bombardamento, non avessimo deciso, noi tre sorelle, di raggiungere la famiglia rimasta in Abruzzo, della quale ci mancavano da tempo notizie. La nostra assenza da Milano, che doveva durare due settimane, si protrasse invece per qualche mese. Un tempo, quello, vissuto tra rastrellamenti e razzie, con l'arresto del fratello minore, accusato di attentato. Rientrammo alla fine del 44 e trovammo la casa di Piazza della Repubblica (nostro sicuro rifugio) occupata dai tedeschi. Ormai eravamo alla fase finale, tant'è che in quella casa disertata dai proprietari, incontrai, sotto gli occhi degli occupanti sospettosi, un vecchio amico comunista, che mi iscrisse al Partito. Ero rientrata al lavoro e vi rimasi per tutto l'inverno, fino alla primavera del 45, convinta di dovervi rimanere per tanti anni ancora. Non fu così. I fatti della primavera, a liberazione avvenuta, trasformarono anche la mia vita: le mie apparizioni al lavoro divennero sempre più saltuarie. Trascinata com ero dall'entusiasmo, mi immersi in una attività politica frenetica. Una donna forte e dolce Franco Mirabelli (Segretario provinciale Ds) alutare Pina Re, ringraziarla, è per me un dovere Se una responsabilità. Da segretario del suo partito devo ricordare, voglio ricordare, un dirigente politico e una donna, che, quando le donne erano ancora meno di oggi nei luoghi di rappresentanza, si è sempre battuta in Parlamento e nel Paese con passione, dedizione e spirito di servizio per i bisogni dei più deboli e i diritti delle donne. Pina è stata una dirigente capace come pochi di interpretare l anima popolare che deve qualificare una grande forza di sinistra, come fu il Pci e come vogliamo sia anche oggi la sinistra riformista. Negli ultimi anni aveva stretto un rapporto speciale con il territorio: con il suo quartiere e con le donne della Bicocca. Facendosi protagonista di tante battaglie, sostenitrice e promotrice dell Associazione degli amici del parco Nord, attenta e interessata a tutto ciò che cambiava nel quartiere e pronta a battersi contro ciò che poteva danneggiare in Bicocca ambiente e convivenza. Pina è stata per me anche un esempio. Era una donna fantastica, sempre disponibile, mite, capace di affrontare con serenità ogni discussione, ogni passaggio, anche il più difficile e lacerante. Pina sapeva ascoltare, non aveva paura di cambiare, sapeva essere positiva, sempre. Ma soprattutto era una donna forte che sapeva essere molto dolce. Quando negli ultimi anni noi compagni di partito ex giovani la incontravamo, era sempre prodiga d affetto, voleva sapere e non si lamentava mai. E in questi tempi di politica urlata, dibattiti astratti e scontri violenti, di divisioni che fanno dimenticare la stessa funzione della politica, è più importante che mai ricordare il suo esempio. Ricordare la sua dolcezza, la sua radicalità, la sua vicinanza alle persone, la sua capacità di mettersi al servizio degli altri. Grazie Pina. A colloquio con lei Sandra Saita gosto milanese, caldo umido e appiccicoso, il quar- mi appare triste, quasi tutti i negozi sono Atiere chiusi. C è silenzio - ed è in una giornata così che la cara Pina Re ci ha lasciato per sempre. Ho avuto la fortuna, la gioia di conoscerla. Era il settembre del Da tempo l amico Luigi Ghezzi mi diceva: Vai a conoscere la Pina Re, racconta la sua storia. Quel nome non mi era sconosciuto: ho sentito definirla una donna nella storia. Quando vado a trovarla non nego di avere un po di timore ma anche un po di curiosità: la Pina Re è stata la prima donna eletta alla Camera dei deputati. Mi stava aspettando ai giardinetti della Bicocca. Seduta su una panchina stava conversando con altri anziani. Lentamente ci incamminammo verso casa sua, in uno dei tanti palazzi del quartiere. Viveva in compagnia di una badante straniera molto premurosa. La Pina mi guardò, mi rivolse alcune domande per conoscermi, poi iniziò a parlare. Era gentile quando mi disse: Non prendere appunti: ti lascio questo libretto dove troverai tutto quello che sto dicendo. Mi raccomando però: è l unico che mi è rimasto, rendimelo. È stata mia premura farne una copia la sera stessa. Ho letto e riletto la sua storia, tanto da risentirne la voce quando mi raccontava. Quale attimo avrei dovuto riassumere se tutto meritava di essere portato al caro lettore? Potevo togliere i ricordi d infanzia? L esempio del padre? La malattia e le lotte sociali e politiche? La cara Pina ha raggiunto il traguardo dei 90 anni, una lunga vita vissuta giorno dopo giorno in un caleidoscopico mosaico che in qualsiasi posizione lo metti ti porta luce. Cari lettori di Zona Franca, da questo numero cominciamo a pubblicare la straordinaria vita di Pina Re, una donna nella storia d Italia, le cui memorie si intitolano Tempi della vita. Ci diceva Pina: Il quartiere dell Isola, dove ho operato da antifascista durante la guerra, mi ha lasciato un ricordo toccante. I sentimenti popolari nei confronti degli avvenimenti più drammatici avevano una reazione immediata specie nelle fabbriche, dove si manifestava con forme di resistenza e di rigetto delle misure di restrizioni alimentari e della violenza fascista e tedesca (per maggiori particolari vedi qui a sinistra ndr). Pina vive quegli anni tra rastrellamenti e razzie e, con l arresto del fratello minore, accusato di attentato. E poi, dopo la vittoria, Pina viene eletta deputato nelle liste del Partito Comunista Italiano. Mi sembra oggi, dopo tre anni, di sentire la sua voce mentre mi diceva: Non mi sono sposata. Tutta la vita l ho dedicata, e ancora oggi io la vivo, per la giustizia, per la libertà e i diritti dei bambini, per le donne nella famiglia e nel lavoro. Grazie, Pina Re. * Debora Migliucci è laureata in Storia all'università degli Studi di Milano e dottoranda all'università "L'Orientale" di Napoli. Da alcuni anni sta scrivendo la biografia di Giuseppina Re di prossima pubblicazione. Attualmente collabora con l'associazione Archivio del Lavoro di Sesto San Giovanni, a cui Giuseppina Re ha donato le sue carte. COOP LOMBARDIA - COOP LOMBARDIA - COOP LOMBARDIA ONA NOVE 15

16 TURISTIN ONA L Università della Bicocca che dal quartiere non vediamo Antonella Loconsolo ono nata alla Bicocca, quando Bicocca Svoleva dire Pirelli e Breda, quando gli orari erano scanditi dalle sirene e le strade pullulavano di tute bianche e blu. Ho assistito ai cambiamenti di questi ultimi anni, come molti nel quartiere, in modo un po passivo. Diciamolo, non esiste un muro di cinta intorno al nuovo ateneo che ha preso il posto di stabilimenti e magazzini, però è come se ci fosse. Noi abitanti della Bicocca vecchia ne siamo fuori. Complice anche l aspetto un po freddo ed asettico dei nuovi edifici, che ricordano gli ospedali dei telefilm americani. Ma l Università Bicocca è una specie di riccio, che nasconde dentro di sé alcuni piccoli tesori. Per scoprirlo ho dovuto fare una visita guidata destinata alla stampa. Mi ha colpito in modo particolare il grande piazzale con le fontane antistante il nuovissimo edificio U12, la residenza universitaria. In uno stile che ricorda, per ampiezza degli spazi e pulizia delle linee, il quartiere La Defence di Parigi, il piazzale potrebbe diventare un punto d incontro e di respiro per il quartiere. La residenza universitaria, poi, è un vero gioiello. Destinata agli studenti fuori sede, soprattutto stranieri, è un edificio di 13 piani con 210 posti letto, una mensa che può erogare fino a 1000 pasti al giorno, L Officina dei Giovani di via Guerzoni Un progetto contro il disagio sociale associazione Amico Charly si aggiudica un bando comunale per il recupero delle vecchie Officine Guerzoni. L Quando abbiamo saputo del progetto l Officina dei Giovani e del bando pubblico di concorso per la trasformazione delle dismesse Officine Guerzoni, abbiamo voluto approfondire con la Presidente dell associazione Amico Charly che si è aggiudicata la gara. Mariagrazia Zanaboni, questo il nome della Presidente dell associazione, si è sempre occupata di giovani come insegnante e dal 2001 anche con l impegno nell associazione che porta il nome di Charly Colombo, suo nipote, che si è tolto la vita a sedici anni. Da allora la professoressa Zanaboni si è dedicata con grande passione e dedizione a realizzare un progetto che dia spazio e ascolto ai giovani, spesso lasciati soli e dimenticati. L'obiettivo di tanta dedizione all Amico Charly è quello di offrire un luogo ai ragazzi di Milano in cui condividere con persone competenti i momenti di crisi che inevitabilmente accompagnano la crescita. Come nasce questa idea dell Officina dei Giovani? L'area delle ex Officine Guerzoni si trova in via Guerzoni 23 (accanto al Consiglio di Zona). Un tempo centro di laboriosità e creatività milanese, l area torna a nuova vita e si trasforma nell Officina dei Giovani. L Officina dei Giovani si connota come un vero e proprio laboratorio, luogo dell ascolto, del parlare, del comunicare, del progettare, ma anche e soprattutto del saper fare. Il tutto in stretta relazione con le esigenze del territorio dalla sua dimensione più vicina (il Consiglio di Zona) alla dimensione più vasta della metropoli: luogo spazio laboratorio aperto al confronto, rete per la condivisione dei bisogni e delle esperienze di cui i giovani sono protagonisti. Una grande scommessa per la vita e per il nostro futuro che la Milano europea non può perdere. Altre informazioni su questo progetto si possono trovare al sito Che cos è e che cosa fa l Officina dei Giovani? L Officina dei Giovani è prima di tutto uno spazio aperto, soprattutto alla vita, permeabile alle diverse culture e ai differenti valori; è lo spazio in cui i giovani possono esprimere la creatività individuale, manifestare le loro inclinazioni in laboratori di varia natura (dall educazione alla multimedialità, ai Giorgio Meliesi una biblioteca mediateca e 4 sale studio. La residenza è dotata di un auditorium di 276 posti completo di sala regia. Al pianterreno una palestra fornita delle macchine più moderne, gestita dal Cus Milano, il cui uso è gratuito per gli studenti che vivono nella residenza, ma usufruibile, a un prezzo veramente simbolico, anche da tutti gli altri studenti e lavoratori dell Università. Ma la Bicocca offre anche altre sorprese. Dai locali studio e ritrovo dove ci si può collegare con internet in Wireless e consultare le raccolte di riviste scientifiche on-line cui l Università è abbonata ai terrazzini coperti da deliziosi pergolati dove studiare o chiacchierare nella bella stagione. I sotterranei nascondono invece il cuore tecnologico dell Università, come il PlasmaPrometeo, centro di eccellenza per la ricerca e il trasferimento tecnologico nel campo dei plasmi. Qui si studiano tecniche innovative che possono essere utilizzate dall industria per cambiare le caratteristiche di diversi materiali, dalla carta al tessuto, dalla pelle al legno rendendoli ad esempio ignifughi o impermeabili con procedimenti estremamente semplici, poco costosi e non inquinanti. Tutti gli edifici sono collegati tra loro da un bus navetta ecologico, ma a disposizione di studenti, insegnanti e personale ci sono anche delle biciclette in uso gratuito. E per le biciclette degli studenti si sta pensando di approntare una ciclofficina per provvedere alla manutenzione ordinaria e alle piccole riparazioni. L Università Bicocca sta inoltre svolgendo un pregevole lavoro di recupero di alcuni edifici storici del quartiere, che spezzano l uniforme modernità della cittadella universitaria. Discorrendo piacevolmente col mio cicerone, la professoressa Francesca Zajczyk, docente di sociologia urbana e consigliere comunale di Milano, è nata l idea di provare, di concerto con il consiglio di zona 9, ad aprire l Università agli anziani del quartiere. Gli spazi, l accessibilità (l Università è infatti stata costruita in modo da consentire ai portatori di handicap la massima libertà di movimento) e le dotazioni ne farebbero un luogo perfetto per attività destinate alla terza età, soprattutto in quelle fasce orarie di minor affluenza da parte degli studenti e nei mesi estivi. Sarebbe veramente bello se questa idea potesse trovare una concreta realizzazione. Nel frattempo consiglio a tutti due passi tra gli edifici universitari. Ve lo garantisco, vi sentirete turisti di una città nuova e sconosciuta. laboratori musicale e teatrale, al laboratorio fotovideo), guidati da esperti e da formatori che agevolino anche la relazione interpersonale nella fase difficile della crescita per imparare a pensare e vivere globalmente, sempre con spirito critico. Qui i giovani, mentre sono impegnati a fare, diventano protagonisti della propria esistenza, maturano consapevolezza per la vita, imparano ad amarla, anche quando è difficile e dolorosa. Responsabilità ed entusiasmo sono le parole chiave su cui si plasma la vita dell Associazione, le due dimensioni esistenziali che permeano le attività quotidiane e animano l azione del personale adulto. Con il recupero funzionale e architettonico delle Officine Guerzoni e la riorganizzazione del vasto parco (un tempo vivaio del Comune di Dergano), l Officina dei Giovani diventa con i suoi ampi spazi all aperto scenario per attività ludico-sportive con un campo da calcetto e un campo polivalente per basket e pallavolo, insieme ad aree attrezzate per momenti di grande aggregazione. Un intero capannone, La Bottega del fare, sarà lo spazio privilegiato perché i giovani possano misurarsi con forme artistiche tradizionali e non (pittura, scultura, aerosol art, installazioni, ecc.) e per mostre di giovani artisti underground da offrire all intera città. L Officina dei Giovani, con tutto il suo personale, diventa così un luogo attrezzato da un lato per catalizzare e potenziare l energia creativa dei giovani, dall altro per realizzare il cammino educativo, nella dimensione personale e comunitaria. Come può fare un giovane a partecipare a questo progetto? l'associazione riserverà, in accordo con il Consiglio di zona, con i cittadini e le associazioni, spazi e tempi per utilizzi diversi quali assemblee, corsi per anziani, ecc. Invece non è prevista la partecipazione di giovani al progetto di ritrutturazione della sede. Per frequentare il centro, anche attualmente presso lo spazio di via Marco Polo 4, basta presentarsi agli educatori, sia che si voglia iscriversi a qualche laboratorio specifico o al sostegno scolastico studio, sia che si voglia trovare uno spazio in cui stare con gli amici o trovare qualcuno pronto ad ascoltare. I riferimenti dell'associazione sono tel / fax / / Le periferie si organizzano Walter Cherubini (portavoce della Consulta delle Periferie) unedì 17 settembre si terrà la convenzione cit- delle Periferie di Milano. La Periferia è Ltadina ricca non solo di centri culturali, ma anche di numerose altre risorse: dai numerosi servizi comunali, al variegato mondo dell associazionismo sociale, ricreativo, sportivo, ecc. Purtroppo, però, è una presenza frammentata, con il risultato di essere molto meno efficace di quanto potrebbe. È proprio per cercare di superare questa situazione, che è indirizzata l iniziativa della Consulta Periferie Milano, focalizzando l impegno particolarmente su due ambiti: L Amministrazione delle Periferie Si tratta di dare una lettura della situazione delle Periferie e della relativa inefficacia dell attuale organizzazione centralistica dell Amministrazione comunale. Ci vuole un Amministrazione vicina : i CdZ vanno resi operativi. Le Periferie si ritrovano e si esprimono La risposta ai problemi delle Periferie non può venire esclusivamente dal centro (che peraltro deve fare la sua parte). Per questo è importante che le Periferie comincino a ritrovarsi e ad esprimersi coralmente, superando la condizione di costante frammentazione in cui si trovano. La Convenzione cittadina delle Periferie di Milano che si terrà alle 21 al Centro Rosetum, via Pisanello 1, sarà un occasione di incontro tra tutti coloro che operano fattivamente nelle Periferie milanesi per fare il punto dell azione fin qui condotta ed individuare il percorso futuro. Problemi d igiene alla scuola di via Cesari n merito alla pulizia e l igiene della scuola di via Cesari, Ila Asl ha inviato una lettera alla mamma che ha denunciato la situazione (vedi i numeri di aprile e di giugno). Vi è scritto fra l altro: i servizi igienici necessitano di interventi di manutenzione nei servizi igienici maschili al primo piano era avvertibile cattivo odore causato da spargimento di urina sul pavimento e mancato risciacquo del vaso i servizi igienici vengono lavati tre volte al giorno durante le operazioni di pulizia vengono chiusi a rotazione per evitare il rischio di scivolare. Ciò non significa che il personale della scuola non esegua i propri compiti, ma risulta chiaro che ci sono motivi fondati di lamentela. Il disagio è causato sia da carenze strutturali (che il Comune dovrebbe risolvere con urgenza!), sia da problemi organizzativi che dovrebbero trovare soluzioni concordate tra la Dirigenza scolastica e i lavoratori della scuola. Perciò, senza voler dare la croce addosso a nessuno, riteniamo che il problema sia serio e vada affrontato con attenzione, ciascuno per la propria competenza. È storia vecchia, e non accade solo in Cesari, che i bagni vengano puliti e chiusi prima della campanella di fine scuola, perché in seguito ci sono le aule da riordinare e non si fa a tempo a fare tutto, con orari risicati e personale scarso. Ma forse, riflettendo bene, si possono trovare soluzioni meno disagevoli e utilizzare al meglio le risorse disponibili. Dal canto loro insegnanti e famiglie dovrebbero insistere sull educazione al rispetto per gli spazi comuni e per il lavoro altrui. Non pensiamo che il comportamento riportato sopra (fare pipì a terra e non far scendre l acqua) descriva dei piccoli cittadini di un paese civile. (Antonella Loconsolo) ONA NOVE 16 Anziani, attenti ai truffatori! Non fate entrare sconosciuti in casa vostra.

17 I NOSTRI QUARTIERI a cura di Lorenzo Meyer Noi pigmei del Borgo Pirelli di fronte al gigante Tecnocity Intervista all ingegnere in pensione Giusto Buroni sui problemi e le prospettive della Bicocca Nuova. ome molti lettori avranno notato Giusto Buroni è uno dei Cmaggiori protagonisti del nostro Tazebao. Ingegnere ormai in pensione, Buroni nelle sue lettere si è dimostrato lucido osservatore delle problematiche relative alla Bicocca e in particolare del quartiere del Borgo Pirelli nel quale vive da sempre. Proprio sulla situazione attuale del Borgo Pirelli, anche a seguito degli insediamenti della nuova Bicocca, abbiamo voluto sentire il suo pensiero. Signor Buroni, quali sono le condizioni attuali del Borgo Pirelli anche in relazione all insediamento, tutt ora in corso, delle strutture della nuova Bicocca? La sua domanda è la stessa che già nel 2005 Elisabetta Soglio del Corriere della Sera mi aveva posto per prendere "spunti" per impostare un proprio servizio sulle condizioni del Borgo Pirelli dopo l'insediamento dei nuovi abitanti delle case di Pirelli Re e dopo l'inaugurazione in pompa magna del Teatro degli Arcimboldi, con tanto di tram Sirio sulla linea 7. Il servizio ad oggi non è mai stato pubblicato e rileggendo il mio testo consegnato alla Soglio ho scoperto che in due anni non è cambiato quasi niente (in meglio); e pensare che qualche tempo prima il giornalista del Corriere Carlo Lovati mi aveva intervistato e nel successivo articolo aveva commentato il mio pessimismo di allora come l'opinione di un vecchio pensionato ignorante, dedito ormai al giardinaggio, che non sa apprezzare l'urbanistica e la cultura moderna, al contrario di un giovane professore dell'università Bicocca, divenuto abitante delle suddette case e assolutamente fiducioso in un futuro finalmente prospero, colto e brillante (oltre che ambientalmente gradevole) per la nuova Bicocca. Voglio precisare però che sia allora che oggi riporto impressioni personali, di uno che vive tutto l'anno nel quartiere, ma non è al corrente di questioni amministrative, burocratiche, economico-finanziarie. Per esempio io so solo che noi inquilini del Borgo Pirelli paghiamo l'affitto e un sacco di altre cose all'aler, ma che la proprietà del quartiere resta di Pirelli Re e non conosco il rapporto commerciale che intercorre tra Aler e Pirelli Re (né ci è mai stato concesso di conoscerlo attraverso i contratti stipulati con Aler e annualmente aggiornati, specialmente dal punto di vista del costante aumento degli affitti: in questi casi entrano in ballo certe leggi regionali a cui l'aler sostiene di attenersi rigorosamente). Quali sono le principali problematiche del quartiere? Partiamo dal marciapiede lato sud di via Emanueli che come ognuno può verificare è coperto da uno strato di cemento fino alla fermata dell'autobus 40 all altezza del bar ex Preto, ma poi è un sentiero di sassi e sterpaglie, che termina in una specie di foresta alla fine della via Tassoni. L'interrogazione presentata nel 2005 da Nadia Branca, capogruppo Ds in CdZ, non ha avuto alcun seguito. Linea 7: da qualche mese, cioè da quando la cosiddetta metrotranvia è stata leggermente prolungata, eliminando così il bus di collegamento con la metropolitana 1, sono ricomparsi alcuni eurotram che, soprattutto nel contorto attraversamento di viale Sarca, risultano estremamente più rumorosi delle vecchie piccole vetture, che continuano ad essere altrettanto vuote, nonché attive dalle 5 di mattina alle 2.30 di notte. L'unico vantaggio degli eurotram è l'aria condizionata. L afflusso dei molti studenti e lavoratori in sé non sarebbe un problema se non fosse che alcuni di loro hanno il vizio di camminare in mezzo alla strada e buttare cartacce e bottiglie dovunque (anche nei giardini privati). Continuano invece i lavori alla Collina dei Ciliegi È vero, peccato che i lavori di trasporto delle macerie della ex- Pirelli hanno diffuso nell area delle villette del Borgo Pirelli dei topi più grandi dei pur pasciuti gatti. Obbiettivamente è questa la parte della nuova Bicocca su cui si vede lavorare maggiormente, tanto che crescono piante ed erba ed è stata costruita una lunga scalinata che la fa somigliare al Machu Pichu, ma che parte praticamente dal cancello di casa di una delle antiche famiglie del Borgo, che così sarà esposta alla vista dei turisti per tutto il tempo in cui questi discenderanno la scala, dopo essersi avventurati sulla vetta seguendo le due lunghe rampe asfaltate laterali. Dell inaugurazione si continua a dire, dal 2005, che sia prossima. Con l arrivo dell università e dei nuovi uffici uno dei problemi del Borgo Pirelli era il parcheggio abusivo nelle strade del quartiere. È stato risolto? L'inconveniente del parcheggio abusivo, è stato brillantemente risolto, bloccando i due ingressi da viale Sarca alle vie Sacchetti e Tassoni con due sbarre telecomandate e con comando a tastiera, pagati salatamente da quasi tutti gli abitanti (con parziale contributo dell Aler), ma con gran disappunto degli esercenti del quartiere (pizzeria, copisteria e bar), che così rivelano a fornitori e clienti i numeri segreti per l apertura delle sbarre. Viceversa, se arrivano un ambulanza o un medico di notte, pur essendo a conoscenza del famoso numero, non riescono a vedere le minuscole tastiere non illuminate e il malato corre il rischio di morire (come è successo a me personalmente). Inconvenienti simili si hanno per i mezzi dell Amsa e altri servizi pubblici, tanto più che è stata abolita anche l utilissima fermata del Radiobus all angolo di via Tassoni con via Fortiguerra. Allora non c è proprio niente che va bene? Certo, l Università in periferia è comoda per molti, salvo quando devono parcheggiare la macchina, se sono costretti a usarla per inadeguatezza dei mezzi pubblici. E in due anni, essendo restati invariati i mezzi pubblici e forse anche abolito il pullmino ecologico che doveva usare idrogeno, sono stati solo costruiti moltissimi parcheggi a pagamento per gli studenti. Per me e mia sorella è stato bellissimo andare al Teatro degli Arcimboldi una cinquantina di volte (rigorosamente in seconda galleria!) da quando è stato aperto, ma poiché non si trova un volonteroso che se lo prenda in carico da quando la Scala è ritornata nella sede ristrutturata del Piermarini, ho paura che venga abbandonato! Grazie alle sbarre di accesso, essendo effettivamente più difficile entrare e uscire con automezzi non autorizzati, si sta risolvendo il problema dei furti negli appartamenti e il traffico di droga è apparentemente diminuito, così come quello della prostituzione. Infine è stato finalmente sostituito l ufficio postale da campo all interno dell Università, con un vero Ufficio Postale. A che punto siamo invece con la costruzione dell impianto per la distribuzione dell idrogeno? L'amico direttore della fabbrica attendeva per lo scorso mese di aprile (2007) la sospirata autorizzazione a procedere per la costruzione del distributore; avendomi in precedenza invitato ad assistere all'inaugurazione, gli avevo chiesto di avvertirmi immediatamente, ma a tutt oggi non ho avuto sue notizie, né le ho lette sui giornali. Del resto il polo dell'idrogeno, che a un certo punto era stato promesso anche ai cassintegrati di Arese, sembra non essere più di moda, dopo la presa di potere sia di Formigoni sia della Moratti. Naturalmente la struttura della Bicocca resta in piedi e chi vi lavora, persone altissimamente qualificate, continuano ad essere pagate nell'improduttiva attesa che si sblocchi una situazione a cui ormai credono poco anche gli altri fanatici dell'idrogeno nel mondo. La più recente tendenza scientifica è che si continuino a studiare e progettare le infrastrutture (per esempio anche serbatoi per alloggiare l idrogeno sugli automezzi), prima ancora e indipendentemente dal fatto che qualcuno scopra la cosa più difficile (e per me impossibile), ossia fabbricare l'idrogeno usando energia sporca in quantità inferiore a quella che l idrogeno farebbe risparmiare, il che, come tutti gli studenti di seconda liceo scientifico sanno, ma subito dimenticano, è contrario all'incontestabile secondo principio della termodinamica : insomma, fra quattro o cinque anni sarà tutto pronto per utilizzare l'idrogeno su scala mondiale, ma l'idrogeno non ci sarà!. Per finire, come procede la realizzazione della nuova Bicocca? Aumenta il numero di cinema multisala e si attendono altri centri commerciali; ma ancora non c è, per esempio, un Pronto Soccorso, o un Ambulatorio Multimedico, ma nemmeno una Biblioteca (o un Internet Bar, se proprio si vuole essere moderni!) e tantomeno una chiesa (o moschea o sinagoga), e nemmeno un edicola di giornali; come pure mancano meccanici (magari di biciclette), elettrauto, gommisti. C'è un rumoroso Piano Bar o Discoteca, che fornisce già clienti alla Collina dei Ciliegi, dove gli operai (che sarebbero gli unici ancora autorizzati ad entrare) trovano già siringhe e tracce di scorribande notturne. Quanto a tecnologia, nonostante le Facoltà ambientali dell Università stessa, ci sono le colonnine dei parchimetri a celle solari, ma con le celle orientate a nord o all ombra degli alberi, però è vero che c è il teleriscaldamento e che in estate gli ambienti si rinfrescano attraverso il medesimo impianto. Della fabbrica di idrogeno fantasma si è già parlato, di impianti solari pilota (termici o fotovoltaici) non c'è traccia (mentre si sono stanziati milioni per costruirli sui tetti degli Istituti Superiori di Milano, a disposizione di studenti e professori che non sanno nemmeno i principi fondamentali su cui tali impianti si basano). A giudicare dal numero di frequentatori di bar e pizzerie e dal numero di camioncini volanti con vendita di panini, credo che il problema delle mense interne dell università e delle grosse ditte non sia stato ancora risolto. Il problema del parcheggio dei Ciliegi, 400 posti macchina sottratti ai dipendenti della Siemens, e di altre ditte insediatesi nel frattempo, dal settembre 2004 a causa di una bega tra Siemens e Pirelli Re, invece è stato risolto e gli impiegati possono finalmente usufruire del parcheggio, a pagamento, ma a prezzo agevolato. Per certi lungimiranti speculatori, che hanno comprato appartamenti della Pirelli Re, gli studenti che pagano anche 1000 euro (al mese) in tre per una stanza in affitto sono una miniera d'oro. Altri, che invece hanno comprato per abitarvi, si affrettano a rivendere e a traslocare: sembra che gli appartamenti nuovi, addirittura poco più a nord nella medesima zona, costino abbastanza meno da far realizzare grossi guadagni a chi aveva acquistato quelli di cinque o sei anni fa (ricordo un articolo di Carlo Lovati del 2003 che invece presentava questi nuovi inquilini come pionieri che si trasferivano in un nuovo mondo felice)! Nelle foto di questa pagina villette e casoni del vecchio borgo Pirelli quando attorno, assieme alla fabbrica, c era solo la campagna. COOP LOMBARDIA - COOP LOMBARDIA - COOP LOMBARDIA ONA NOVE 17

18 FIATO ALLE TROMBE a cura di Sergio Maestri Avril Lavigne, meglio di Hilary? urante o dopo le vacanze molti lettori ci scrivono Ddelle cartoline, ma a volte anche delle lettere. Ne ho scelta una per stimolare tanti lettori della mia rubrica che, quando mi incontrano per strada, promettono di scrivere e mandarmi le loro impressioni su un gruppo o cantante, ma poi non ricevo nulla. Questa lettera, invece, è arrivata ad agosto e io la pubblico immediatamente, sperando di stimolare altri lettori. Greta di 13 anni scrive: Carissimo Sergio, abito a Milano nella tua zona; io e mia sorella Noemi leggiamo il giornale Zona Nove e sopratutto la tua rubrica. Avrei piacere vedere pubblicata questa lettera che ti sto scrivendo dalla villeggiatura, tra un esercizio di matematica e un bagno in mare. Così quando tornerò in città leggerò della mia cantante preferita: Avril Lavigne, l irruente 23enne canadese che è stata ospite della nuova edizione del Festivalbar e si è esibita a Fiesta, sul palco del RomaRock Festival. È stata una grande occasione per tutti i fans vedere dal vivo la mitica Avril, anche se mi è dispiaciuto non esserci stata di persona, però mi sento fortunata perché l ho potuta sentire anche sul palco del Festivalbar in una delle poche date italiane. Dopo la tappa in Italia, Avril Lavigne proseguirà il tour che la porterà fino a Tokio dove, ovviamente con mio disappunto, non la potrò seguire! Da artista del pop-rockpunk made in Usa a donna sposata, Avril suona, canta, recita e ha persino creato un fumetto di cui è protagonista. Insomma si è trasformata nella donna dalle mille qualità, ma speriamo che non segua la strada di Hilary, perché già dall anno scorso si è trasformata da bad girl a casalinga perfetta. I Bicocca Linea 7 al Teatro di Piazza San Giuseppe Anche quest anno la programmazione del Teatro di Piazza San Giuseppe ha come pezzo forte la rassegna di spettacoli in dialetto milanese El Bicocchin d or, giunta alla 16 a edizione, che presenta quest anno 10 spettacoli, tutti strettamente in vernacolo milanese, qualche volta stretto, altre un po più arioso, a seconda della provenienza della compagnia: sette spettacoli di prosa, uno di prosa con rivista, uno di cabaret, infine il 27 ottobre un concerto-spettacolo di canzoni in dialetto milanese presentato da I Bicocca Linea 7, gruppo formato da poco tempo ma già alla ribalta e composto da Luca Rovelli, Danilo Sarteanetti, Giordano Briscini, Emilio Galeotta, Sergio Maestri e Roberto Ghioni. Altro classico della programmazione di questo teatro sono gli spettacoli in lingua italiana del Gruppo Albatro, che presenterà nel mese di maggio una nuova commedia. È diventata ormai tradizione anche la presenza di Paola e Giuliano con due spettacoli in cui presentano artisti dilettanti, Musica l età e Ragashow, il primo con adulti da 18 a 100 anni, il secondo riservato a ragazzi da 0 a 17 anni, che ha preso il posto della fortunata rassegna Il Bicocchino d argento, che per 13 anni ha visto protagonisti i ragazzi dell oratorio della Parrocchia Gesù Divin Lavoratore. Tra le novità di quest anno ci sarà anche un musical poco prima di Natale. Nella prima settimana di ottobre sarà distribuito il programma della nuova stagione teatrale. Lo troverete nelle caselle della posta delle Vostre case, chi non lo ricevesse potrà ritirarlo direttamente in teatro. Per informazioni: Orazio Batelli - telefono e.mail - TeatroPzaSanGiuseppe Per inviare le vostre impressioni oppure per far sapere quale cantante o gruppo vi piace di più, scrivete alla rubrica Fiato alle Trombe - Ciao e buona musica! A dare fiato alle trombe oggi gli Esuli, ieri gli Stanziali Negli anni cinquanta a Niguarda l entrata ai locali in cui si suonava e si ballava era gratuita o quasi. Al Circolo Primavera andava per la maggiore il liscio. Gli orchestrali erano tutti di Niguarda. L orchestra era pomposamente chiamata Orchestra Hoffmann ed era costutuita da John Allievi (parente di Luisin Allievi, il famoso sindaco di Niguarda) che ne era la voce calda alla Rabagliati, dal batterista Arturo Azzoni, dal pianista Mario Lentati e da un fisarmonicista non niguardese di cui nessuno ricorda il nome. ONA NOVE 18 Anziani, attenti ai truffatori! Non fate entrare sconosciuti in casa vostra.

19 La Camera di Commercio di Milano premia due niguardesi doc VALERIA MALVICINI Il lavoro di Pandora Monica Landro el corso dell estate abbiamo avuto modo di parlare e compli- con la dottoressa Valeria Malvicini, la nostra con- Nmentarci zonina imprenditrice di Pandora Coop. Per chi si ricorda, sul numero di luglio del giornale, Malvicini era stata citata per via del Premio Mercanti che la Camera del Commercio di Milano aveva dato a 7 imprenditori di Milano: tra questi la nostra conzonina, che ha preso il premio imprenditoriale nel ramo No profit. Malvicini è infatti Presidente della Cooperativa Pandora, sita in Viale Suzzani 273. La cooperativa Pandora è stata fondata nel 1996 da un gruppo di animatori di diverse nazionalità che, dopo aver fatto esperienza per anni nelle attività di educazione al consumo organizzate da Coop Lombardia in centinaia di scuole della Regione, ha deciso di mettere in comune l'esperienza acquisita. Pandora ha saputo diventare punto di riferimento per numerosi enti locali, associazioni, aziende per percorsi e iniziative sui temi dell'interculturalità, dell'educazione ambientale, dei consumi, della mondialità. La Cooperativa si propone infatti di favorire la reciproca comunicazione e collaborazione tra persone provenienti da diversi paesi e quindi culture; di valorizzare le diversità; di promuovere iniziative che favoriscano uno scambio più equo tra nord e sud del mondo. Pandora interviene da anni nelle scuole, in diverse manifestazioni ed eventi culturali attraverso laboratori per lo sviluppo delle abilità manuali e creative con particolare riguardo al tema del riutilizzo e del riciclo degli imballaggi, attraverso animazioni che prevedono precisi percorsi didattici, basati sull'ascolto, e attraverso progetti educativi rivolti a bambini/e e ragazzi/e dalla scuola materna agli istituti superiori. I percorsi per le scuole sono davvero interessanti e potrebbero dare un grande valore aggiunto al bagaglio culturale che già di per sé la scuola fornisce ai nostri ragazzi, ma anche ai bambini delle scuole materne. La metodologia usata è interattiva; infatti si basa su esperienze da condividere e non risposte prefabbricate, sperimentando numerosi giochi di ruolo che consentano di calarsi in modo più diretto nelle diverse situazioni proposte. La cooperativa svolge inoltre corsi di formazione per insegnanti, operatori sociali, genitori, soci di cooperative e adulti sui temi indicati. Per chi fosse interessato, ma anche solo per curiosità, vi diamo le indicazioni del sito Vale la pena navigarvi per rendersi conto della poliedricità, dell impegno, dell organizzazione e dell umanità che traspare dalla Cooperativa. Nella sezione delle aree tematiche c è l elenco dei percorsi previsti per ogni area da loro proposta e naturalmente tutti i riferimenti per eventuali contatti. La redazione di Zona Nove fa i migliori auguri a questa imprenditrice che nell anno delle pari opportunità è riuscita a rendere merito alla categoria delle donne e mamme lavoratrici attraverso le sue capacità professionali e umane. Domenica 17 giugno si è tenuta, al Teatro alla Scala, un importante manifestazione organizzata dalla Camera di Commercio di Milano, con la partecipazione del Ministro delle Pari Opportunità Barbara Pollastrini, il Presidente del Tribunale di Milano Livia Pomodoro, l Assessore comunale Tiziana Maiolo. Sono stati assegnati due premi. Il Premio Piazza Mercanti, destinato a 7 imprenditori di Milano e provincia che si sono distinti per internazionalizzazione, innovazione, no-profit, mecenatismo e sviluppo del territorio, imprenditoria femminile e tutela dell ambiente. Tra i premiati la nostra conzonina Valeria Malvicini di Pandora Coop e collaboratrice di Zona Nove. Tra i premiati del Premio Milano Produttiva, destinato alle aziende milanesi, c è invece stato Antonio Cella, il fornaio di Niguarda. Da parte nostra, oltre a congratularsi con i due vincitori, volentieri li abbiamo intervistati. ANTONIO CELLA Il re del pane buono Diana Roca n alimento, il pane, che nell arco dei secoli ha dato vita a Umolte storie: quelle di Gesù (con la moltiplicazione del pane e dei pesci e l Ultima cena, quando divise con gli apostoli il pane non lievitato), di Marcellino pane e vino e di Pane amore e fantasia (film con la Lollo e De Sica), per citarne alcune. Saltando la storia della nobile arte della panificazione, vengo ai nostri giorni per parlarvi di un panettiere di Niguarda, che ha trascorso la sua vita facendo il pane con le proprie mani e la propria intuizione. Dal 64 Antonio Cella sforna pane nella sua bottega in via De Calboli. Lasciò il suo paese con la moglie e il mestiere di panettiere che il padre gli aveva insegnato e si trasferì a Milano nella nostra zona, dove fece rinascere alla grande una vecchia bottega fallita. Era il tempo in cui i negozi erano piccole drogherie, dove si vendeva di tutto, dal pane al detersivo, al giornale, ecc. Così Antonio, grazie all onestà, all umiltà, alla serietà, e con l aiuto della sua dolce consorte (che sorridendo diceva: Mi hai sposato perché avevi bisogno della commessa! ), cominciò il suo cammino di panificatore niguardese. Per la serietà dell azienda e la qualità del prodotto il 17 giugno Cella ha ricevuto questo riconoscimento dalla Camera di Commercio. Gli domando: Che sensazione si prova signor Antonio a ricevere un premio così importante? Non le nascondo, risponde orgoglioso, che non sono riuscito a trattenere le lacrime per la commozione. Un premio meritato, visti la bellezza del negozio e il ben di dio che lo riempie. Oltre naturalmente alla pulizia che pochi sanno cosa sia, aggiungo facendo scorrere gli occhi su tutto il negozio. Le Camere di Commercio sono enti pubblici che svolgono funzioni di interesse generale per il sistema delle imprese, curandone lo sviluppo nell ambito delle economie locali. Riceverne pertanto onori e meriti è una soddisfazione senza eguali, che molti aspirano ad avere. La panetteria di Antonio non ha solo pane, ma un assortimento di prodotti che prende la gola e fa dimenticare tutte le diete. Il banco è abbellito, oltre che dal pane di tutte le forme e qualità, anche da pizzette, pizze, focacce, salatini, torte salate, ecc. E in vetrina spiccano dolci di vario genere: alcuni (come le crostatine alla frutta) paiono decorazioni natalizie. Questi dolci, signor Antonio, li fate voi o li acquistate altrove? Sorridendo risponde: La pasticceria è di nostra produzione. Le dirò di più, prima di cominciare a lavorare in questo locale, ho lavorato alla Motta per specializzarmi nella pasta lievitata di panettoni e colombe. Pertanto a Natale e Pasqua potrà trovare anche questi dolci tipici di Milano. In parole povere lei, caro signor Antonio, vizia i suoi clienti!. Sì, risponde ridendo. Ho clienti che il sabato vengono da Brescia, Cormano, Monza solo per il mio pane. La sua bottega, in altre parole, è un circolo familiare. Qualche cliente affezionato, parlo di persone di età avanzata, entra in negozio con le buste della spesa dicendo: Vede? Arrivo dal supermercato, ma il pane vengo a prenderlo qui. È una bella soddisfazione, vero signor Antonio? Sono cose che fanno piacere e danno una carica in più per andare avanti, soprattutto alla mia età, perché, come anche lei sa, i centri commerciali e i supermercati hanno tolto molto ai negozi. Credo, signor Antonio, che il premio sia ben meritato. La Regione e il Comune dovrebbero tener conto delle persone come lei e del lavoro che sta dietro al panino che mettiamo in bocca senza conoscerne la storia. Concludo porgendo la mano come segno di saluto e ringraziamento. Che naturalmente viene ricambiato con orgoglio e soddisfazione. La farina: che meraviglia!. 9 in rete Un laboratorio di progetti Andrea Bina Intervista a Massimo Minelli, presidente del Consorzio Farsi Prossimo. opo la firma della Carta d Intenti, le diverse realtà che Dcompongono la Zona 9 hanno acquisito ancora maggiore consapevolezza del proprio ruolo e ora guardano al futuro decise più che mai a far sentire la loro voce sulle scelte che contano. La pubblicazione sul numero di luglio del resoconto del convegno, tenutosi presso l Università della Bicocca, ha suscitato grande interesse. Pertanto vogliamo ripercorrere le tappe fondamentali di questo percorso e le sue prossime sfide con Massimo Minelli, presidente del Consorzio Farsi Prossimo, una delle punte di diamante del mondo cooperativo milanese che attraverso il Laboratorio territoriale Milano di Agenzia di Cittadinanza, è stato uno dei più attivi promotori dell iniziativa. Zona Nove ha dato ampio spazio al convegno che avete organizzato. Come nasce l Agenzia di Cittadinanza e con quali obiettivi? Nasce nel maggio 2001 allo scopo di mettere in rete un numero significativo di realtà sensibili al tema dei diritti di cittadinanza e interessate a promuovere insieme iniziative di studio, progetti sperimentali, attività in genere finalizzate alla tutela dei principali diritti di cittadinanza: casa, lavoro, salute, socialità. A partire da questa esperienza e da queste motivazioni è nato il progetto Agenzia di Cittadinanza. Gli obiettivi sono: messa a punto di progetti, sperimentazione e validazione di modelli innovativi di servizi di cura e assistenza alla persona e dell inserimento lavorativo di fasce deboli di cittadini/e; mappatura e diffusione delle buone prassi progettate e sperimentate a livello locale, nazionale e comunitario; sviluppo e valorizzazione dei rapporti tra profit e non profit; confronto tra i sistemi di welfare comunitari. L Agenzia opera per laboratori territoriali, che operano con compiti di animazione, supporto e consolidamento della rete integrata dei soggetti, sia enti locali che imprese sociali, studio di forme giuridiche innovative per la gestione dei servizi sociali territoriali. Vi sono sei laboratori, diffusi in varie aree della provincia di Milano, e nel caso di Niguarda-Bicocca, è stato il Laboratorio Territoriale Milano a svolgere il ruolo di promotore. 9 in rete è stato realizzato in collaborazione con lo straordinario tessuto cooperativo presente nei quartieri di Niguarda, Bicocca e Pratocentenaro. Ripercorriamo le tappe che hanno portato alla nascita del progetto. Questa zona ha storicamente avuto una forte identità, in gran parte legata alla sua storia operaia. Ciò ha permesso che, anche dopo la chiusura degli insediamenti produttivi, rimanessero vivi molti elementi di questo patrimonio identitario e sociale, fatto di associazioni, cooperative, reti di vicinato solidali. Su questo scenario, si sono incontrate l esigenze di radicarsi con più forza nel territorio da parte del Laboratorio Territoriale di Milano, che ha sede presso il Consorzio Farsi Prossimo, in via Ponale, e del circolo Acli- Bicocca. Il Laboratorio Territoriale di Milano ha incontrato più di 40 realtà della zona, dai servizi sociali alle cooperative, dai vigili urbani alle parrocchie, dagli organi accademici dell università alle associazioni studentesche. Si è poi svolta una serie di incontri con molti di questi soggetti sotto la forma dei focus group e in queste occasioni sono nate conoscenze tra le persone, si sono condivise esigenze e si sono sviluppate idee e progetti sui nostri quartieri. Da qui siamo giunti alla formazione di 9 in rete, del convegno pubblico, della newsletter e dell interlocuzione con le istituzioni e i soggetti imprenditoriali della zona. Quali saranno le prossime iniziative? Trovare alcuni progetti comuni e di darci un coordinamento anche sotto il profilo dell interlocuzione con le amministrazioni pubbliche. Una delle possibilità è per esempio quella di lavorare per partecipare alla progettazione dei nuovi spazi sociali che verranno aperti nella ex- Manifattura Tabacchi. Senza l apporto del terzo settore, delle imprese no profit, del mondo cooperativo e dei volontari molte idee e progetti rimarrebbero sulla carta. Si tratta senz altro di una delle caratteristiche della nostra rete. Siamo una realtà fatta di risorse professionali, di competenze, ma anche di socialità e di relazioni informali, cioè di quelle risorse che sono il principale fattore e allo stesso il principale frutto della vivibilità delle nostre città. Mamma Sara, papà Gianluca, i nonni Lina e Umberto, Teresa e Gabriele annunciano la nascita di Edoardo Maria Mamma Sara e papà Alessandro assieme ai nonni Luisa e Luigi annunciano la nascita di Giacomo La redazione si felicita Mamma Debora, papà Carlo e il fratellino Federico annunciano la nascita di Camilla Per la vostra pubblicità su questo giornale telefonate a Franco Tironi tel/fax 02/ Cell. 347/ COOP LOMBARDIA - COOP LOMBARDIA - COOP LOMBARDIA ONA NOVE 19

20 ONA 9 DERBY a cura di Lorenzo Meyer e Mauro Raimondi Si ricomincia. Ma il calcio sta veramente cambiando? SPORTIN ONA a cura di Roberto Braghiroli La stagione della Società Sportiva Niguarda Calcio i nastri di partenza la nuova stagione sportiva Adell Asd Niguarda Calcio. La nuova (e ambiziosa) società nata dalla fusione tra Frassati Cep e Azzurri Niguardese si presenta al via, come anticipato nei mesi scorsi, con ben 18 squadre. Le prime due si sono radunate martedì 28 agosto e disputeranno il torneo regionale: sono gli Allievi 92 e i Giovanissimi 94. Fischio d inizio previsto per domenica 16 settembre. Dopo sarà la volta delle altre squadre, dal settore agonistico fino a quello giovanile scolastico. Un sabato pomeriggio di settembre passiamo dal campo di via Arezzo: è stata l occasione per fare due chiacchiere con Maurizio Di Pietro, il direttore sportivo, colui che di fatto, insieme agli altri dirigenti, tra giugno e luglio ha costruito la nuova società. Suazo Pato Allora Maurizio, quali sono le prime impressioni? Direi positive, c è molto entusiasmo e possiamo contare su uno staff che ha voglia di crescere e di costruire un bel gruppo. In estate abbiamo lavorato tanto, scegliendo l allenatore giusto per ogni squadra e ora siamo pronti per partire. Ci può dire qualcosa in più sulle squadre? Due squadre disputeranno i campionati regionali, ma abbiamo grandi aspettative anche per le altre formazioni del settore agonistico: l Under 18, gli Allievi 91 e i Giovanissimi 93. La politica della nuova società, per quanto riguarda il settore agonistico, infatti, è puntare ai risultati; per questo motivo siamo stati costretti a rinunciare a qualche ragazzo, data l ampiezza delle rose a disposizione degli allenatori. Ovviamente solo per uesta è l'annata migliore di sempre!! QCosì promette Marcello Lippi in una pubblicità nella quale Sky cerca di vendere il campionato italiano dalle sue frequenze. Il calcio italiano cerca di rifarsi un immagine dopo calciopoli anche grazie al ritorno di piazze importanti come Genova, Napoli e naturalmente la Torino bianconera. Ma siamo veramente all'anno zero? Il calcio italiano sta veramente cambiando? In queste prime 2 giornate abbiamo assistito ad incontri spettacolari con molti gol e conosciuto giocatori nuovi come Lavezzi e Gargano del Napoli che potrebbero essere le vere sorprese di quest'annata. I giovani arbitri guidati da Collina ci sono piaciuti anche se la poca esperienza li ha portati, in alcuni casi, ad alcune valutazioni non corrette. Una nuova classe arbitrale che per crescere crediamo debba aver anche la possibilità di sbagliare con tranquillità senza ricevere eccessive pressioni da società e stampa. E comunque, permetteteci la cattiveria, noi rossoneroazzurri abbiamo notato subito che si respira aria nuova. Contro la Juve a Cagliari sono stati concessi addirittura 2 rigori mentre a Cordoba, a Empoli, non è stato fischiato un fallo in area ai danni di Saudati. Un evento che fino a due anni fa sarebbe stato impensabile. Si prepara quindi una serena annata calcistica? I segnali fuori dal rettangolo di gioco non sembrano incoraggianti. L'allenatore del Catania Baldini deve aver travisato il concetto di nuovo calcio quando ha avuto la brillante idea di tirare una pedata al suo collega del Parma. Patetico poi il balletto delle scuse di Baldini che solo in un secondo momento ha chiesto scusa a Di Carlo. Da oscar della coerenza poi il commento di Fabio Capello che, alla Domenica Sportiva, ha sollevato il problema di immagine del nostro calcio, dato che quell episodio sarebbe stato visto in tutto il mondo. Lui che neanche sei mesi fa ha mostrato il dito medio a tutto il Bernabeu che lo contestava. Per questo motivo crediamo che la visione del campionato debba limitarsi ai novanta minuti di gioco evitando la maggior parte delle trasmissioni sportive dove viene detto tutto e il contrario di tutto. Agli interisti in particolare consigliamo di non farsi il sangue amaro seguendo i vari Controcampo e Tgcom dove i giornalisti (?) confezionano sempre delle trasmissioni nelle quali si trova sempre e comunque un caso contro l Inter. Del resto ce ne siamo accorti l anno scorso quando con la Roma a 20 e il Milan non pervenuto la trasmissione apriva con il caso Adriano o con Mancini che non aveva ancora firmato il rinnovo del contratto. Possiamo solo immaginare il trattamento che riceverà quest anno la società di Moratti qualora le difficoltà d inizio stagione si trasformassero in una crisi più seria. In effetti l'inter sembra aver iniziato al rallentatore. Squadra poco brillante con dei problemi a centrocampo e in difesa, probabilmente dovuti anche alla scarsa forma dei sudamericani reduci dalla Coppa America e naturalmente al grave infortunio di Materazzi. Se fosse così si tratterebbe solo di avere un po di pazienza per rivedere la squadra dell'anno scorso. Più grave sarebbe se questa scarsa forma fosse dovuta ad un problema di concentrazione che risulterebbe incomprensibile dato che una società come l'inter non può certo sentirsi appagata dopo la vittoria di uno scudetto. Il Milan, invece, ha iniziato la stagione ufficiale con la conquista della diciassettesima coppa internazionale che ha proiettato i rossoneri al primo posto al mondo (e scusate se non ci celebriamo ). Una vittoria che ha pure avuto il potere taumaturgico di far dimenticare l ennesima campagna acquisti da stamegne. Dopo il trionfo con il Liverpool e il conseguente incasso (50 milioni di euro, si diceva), tutti si aspettavano tre grandi acquisti, uno per reparto. Buffon, Zambrotta, Sheva, Ronaldinho, Eto o e Drogba: i nomi illustri sono circolati in abbondanza, ed è un vero peccato - detto da casciavittche alla fine la montagna abbia partorito solo il topolino Pato. Forse un investimento per il futuro, di certo non quell acquisto che ci voleva per rafforzare un reparto che vede un ammirevole Inzaghi sempre arzillo ma a rischio-età, un Ronaldo costantemente fermo (riuscirà a disputare tre partite di fila?) ed un Gilardino sul quale comincia a gravare la patente di promessa fallita. Per fortuna, in extremis, è arrivato un Emerson speriamo sano. Ma la domanda è d obbligo: basterà? Interrogativo lecito, soprattutto di fronte all organico dell Inter. Probabilmente, non per lo Scudetto. Una scelta, del resto, che nonostante le affermazioni ufficiali, pare voluta. Il campionato, ormai, per la multinazionale Milan è troppo lungo (e poco redditizio), e la società sembra aver deciso di puntare innanzitutto sull Intercontinentale, per motivi di prestigio e di rientro economico. E poi, di nuovo, sulla Champions, che con le sue partite secche può coprire una rosa forse non all altezza per tutte le competizioni a causa di sopraggiunti limiti di età. E dopo le due favorite d obbligo, solo un gradino più sotto, ecco la Juve che ha ricominciato con la solita grinta e deve solo vincere lo strano scetticismo dei suoi tifosi. Dall esterno, a noi avversari storici pare una squadra buona (e innegabilmente più simpatica), con il considerevole vantaggio, inoltre, di non dovere disputare quelle faticose competizioni internazionali che sicuramente distrarranno le due milanesi (che le hanno poste come priorità). E di poter crescere molto, sotto la guida di un tecnico serio e di esperienza esattamente come la Roma, che ha rimpolpato l organico e può vantare un modulo efficace e collaudato. Se Totti dovesse mantenere l ispirazione dell altro anno, potrebbero essere guai per tutti. E se quattro pretendenti al titolo vi sembran pochi, aggiungiamoci pure, come mina vagante, la Fiorentina che ha già costretto al pari un Milan che - guarda caso - ha pagato la Supercoppa. Insomma, speriamo di vederne delle belle e che non si ripeta più la solitaria calvalcata dello scorso anno, emozionante solo per gli amici/nemici interisti. Ancora qualche giornata, e ne sapremo di più. Per ora, buon campionato a tutti. quanto riguarda le squadre del settore agonistico. Obiettivi per il prossimo futuro? Abbiamo buoni giocatori e tecnici validi, l obiettivo è sicuramente ben figurare e iniziare a farsi conoscere. Claudio Ciceri, vicepresidente, preferisce non parlare: Tanto ho già detto tutto nei mesi scorsi, sostiene. Così il finale spetta a Roberto Clerici, l altro vicepresidente: L emozione è passata e il lavoro da fare è ancora tanto. Siamo molto soddisfatti delle tante richieste di ragazzi che vogliono giocare con noi. I ragazzi non confermati? Abbiamo raggiunto un accordo con altre società nelle quali possono andare. Non saranno in mezzo a una strada. Nei primi giorni di settembre è online il nuovo sito del club, importante strumento di comunicazione esterna e interna. ONA NOVE 20 Anziani, attenti ai truffatori! Non fate entrare sconosciuti in casa vostra.

5 modi. Boeri. per cambiare città restando a Milano. I Milanesi si riprendono la città. Scopri come. www.stefanoboeri.it. Stefano

5 modi. Boeri. per cambiare città restando a Milano. I Milanesi si riprendono la città. Scopri come. www.stefanoboeri.it. Stefano www.stefanoboeri.it 5 modi per cambiare città restando a Milano. I Milanesi si riprendono la città. Scopri come. Stefano Boeri Cambiamo città. Restiamo a Milano. 5 PROPOSTE. Un altra Milano comincia da

Dettagli

Maschere a Venezia CAP I

Maschere a Venezia CAP I Maschere a Venezia 7 CAP I In un pomeriggio di fine marzo Altiero Ranelli, un giovane giornalista de Il Gazzettino di Venezia, entra nell ufficio del direttore. - Ho una grande notizia. - grida contento.

Dettagli

Riporta un recente comportamento della tua famiglia rappresentativo della sua irresponsabilità sociale.

Riporta un recente comportamento della tua famiglia rappresentativo della sua irresponsabilità sociale. VC Ginnasio Riporta un tuo recente comportamento individuale, rappresentativo della tua responsabilità sociale. - Rispettare la raccolta differenziata a scuola e in famiglia. Muovermi a piedi. - Attraversare

Dettagli

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Giugno 2013 Livello: A2

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Giugno 2013 Livello: A2 per Stranieri di Siena Centro CILS : Ascolto - Prova n. 1 Ascolta i testi. Sono brevi dialoghi o annunci. Poi completa le frasi. Scegli una delle tre proposte di completamento. Alla fine del test di ascolto,

Dettagli

Mediterranea INTRODUZIONE

Mediterranea INTRODUZIONE 7 INTRODUZIONE guerrieri Palermo, anno 1076. Dopo che - per più di duecento anni - gli arabi erano stati i padroni della Sicilia, a quel tempo nell isola governavano i normanni, popolo d i guerrieri venuti

Dettagli

Racconti visioni e libri per rospi da baciare

Racconti visioni e libri per rospi da baciare febbraio 2008 Cari bambini e ragazzi che verrete al festival chiamato AIUTO, STO CAMBIANDO! Racconti visioni e libri per rospi da baciare a Cagliari dall 8 all 11 ottobre 2009 NOTA: questa la lettera originale,

Dettagli

Livello CILS A1. Test di ascolto

Livello CILS A1. Test di ascolto Livello CILS A1 GIUGNO 2012 Test di ascolto numero delle prove 2 Ascolto Prova n. 1 Ascolta i testi. Poi completa le frasi. Scegli una delle tre proposte di completamento. Alla fine del test di ascolto,

Dettagli

Volontariato Brescia ONLUS I SERVIZI. partecipazione alle spese per i danni subiti

Volontariato Brescia ONLUS I SERVIZI. partecipazione alle spese per i danni subiti Associazione di volontariato ASSOARMA Croce Rossa Italiana Comitato locale di Brescia Volontariato Brescia ONLUS Associazione Nazionale Terza Età Attiva per la Solidarietà Comune di Brescia SETTORE SICUREZZA

Dettagli

Sono nato in Marocco. Ho un esperienza di lavoro di 14 anni nel mio paese. Ho fatto anche ruolo di sindacato anche nel mio paese. Sono venuto qua in

Sono nato in Marocco. Ho un esperienza di lavoro di 14 anni nel mio paese. Ho fatto anche ruolo di sindacato anche nel mio paese. Sono venuto qua in Sono nato in Marocco. Ho un esperienza di lavoro di 14 anni nel mio paese. Ho fatto anche ruolo di sindacato anche nel mio paese. Sono venuto qua in Italia non solo per motivi di lavoro, ma per motivi

Dettagli

Il PD vuole aprire le porte ai nuovi italiani

Il PD vuole aprire le porte ai nuovi italiani Il PD vuole aprire le porte ai nuovi italiani Autore: Alban Trungu Categoria : Mondo Migrante Data : 15 febbraio 2011 Intervista con Khalid Chaouki, responsabile immigrazione e seconde generazioni dei

Dettagli

5CHIACCIERE5. Quartiere, dove è?

5CHIACCIERE5. Quartiere, dove è? 5CHIACCIERE5 Anno 2014 2015 Quartiere, dove è? Non è sparito, c è e lavora, anche se avrebbe bisogno di più persone che diano il loro contributo. Partiamo da qua per affermare che spesso confondiamo un

Dettagli

EL NOST MILAN la nostra milano OUR MILAN

EL NOST MILAN la nostra milano OUR MILAN Progetto e realizzazione a cura di: Direzione Comunicazione - Comune di Milano Per maggiori informazioni www.comune.milano.it Infoline 02.02.02 Stampato su carta riciclata EL NOST MILAN la nostra milano

Dettagli

Livello CILS A2. Test di ascolto

Livello CILS A2. Test di ascolto Livello CILS A2 GIUGNO 2012 Test di ascolto numero delle prove 2 Ascolto Prova n. 1 Ascolta i testi. Poi completa le frasi. Scegli una delle tre proposte di completamento. Alla fine del test di ascolto,

Dettagli

Livello CILS A2 modulo per l integrazione in Italia. Test di ascolto GIUGNO 2012. numero delle prove 2

Livello CILS A2 modulo per l integrazione in Italia. Test di ascolto GIUGNO 2012. numero delle prove 2 Livello CILS A2 modulo per l integrazione in Italia GIUGNO 2012 Test di ascolto numero delle prove 2 1 Ascolto - Prova n.1 Ascolta i testi. Poi completa le frasi. Scegli una delle tre proposte di completamento.

Dettagli

SCUOLA ITALIANA PIETRO DELLA VALLE TEHERAN

SCUOLA ITALIANA PIETRO DELLA VALLE TEHERAN 1 SCUOLA ITALIANA PIETRO DELLA VALLE TEHERAN Aprile 2013 ESAME FINALE LIVELLO 3 Nome: Cognome: E-mail & numero di telefono: Numero tessera: 1 2 1. Perché Maria ha bisogno di un lavoro? PROVA DI ASCOLTO

Dettagli

Giovanna Quadri ROCCONTI

Giovanna Quadri ROCCONTI Racconti Giovanna Quadri ROCCONTI Paura e coraggio. Queste donne con il loro coraggio, il loro amore, nella società e nel farsi prossimo, hanno vinto il male con il bene. La giustizia a trionfato. però

Dettagli

Lezione 10. Tema: La comunicazione interculturale. Parte II.

Lezione 10. Tema: La comunicazione interculturale. Parte II. Lezione 10 Intervista con la professoressa Elisabetta Pavan, docente di lingua inglese, traduzione e comunicazione interculturale dell Università Ca Foscari Venezia e dell Università di Padova. Tema: La

Dettagli

Sono presenti i ragazzi della Scuola Primaria, della Scuola Secondaria di 1 grado e del Collegio S. Antonio di Busnago.

Sono presenti i ragazzi della Scuola Primaria, della Scuola Secondaria di 1 grado e del Collegio S. Antonio di Busnago. 31 gennaio 2009 Consiglio comunale ragazzi Verbale Consiglio Comunale dei di sabato 31 gennaio 2009 La riunione si apre alle ore 11.05 con il seguente Ordine del Giorno: 1. Elezione del Sindaco 2. Varie

Dettagli

Test di ascolto Numero delle prove 3

Test di ascolto Numero delle prove 3 Test di ascolto Numero delle prove 3 Ascolto Prova n. 1 Ascolta il testo. Completa il testo e scrivi le parole che mancano. Alla fine del test di ascolto, DEVI SCRIVERE LE RISPOSTE NEL FOGLIO DELLE RISPOSTE.

Dettagli

ELEZIONI AMMINISTRATIVE 31 MAGGIO 2015 PROGRAMMA AMMINISTRATIVO DEL CANDIDATO LORENZA OREFICE

ELEZIONI AMMINISTRATIVE 31 MAGGIO 2015 PROGRAMMA AMMINISTRATIVO DEL CANDIDATO LORENZA OREFICE ELEZIONI AMMINISTRATIVE 31 MAGGIO 2015 PROGRAMMA AMMINISTRATIVO DEL CANDIDATO LORENZA OREFICE PREMESSA La nostra città ha bisogno di normalità. Dopo tanti anni di proclami e di promesse credo che sia giunto

Dettagli

AUTORI: ALUNNI DELLE CLASSI QUINTE

AUTORI: ALUNNI DELLE CLASSI QUINTE FEBBRAIO 2014 ANNO III N. 7 SCUOLA PRIMARIA STATALE DI GRANTORTO AUTORI: ALUNNI DELLE CLASSI QUINTE Questo numero parla di un argomento un po scottante : IL BULLISMO! I PROTAGONISTI LA VITTIMA Nel mese

Dettagli

Livello CILS A1 Modulo per l integrazione in Italia

Livello CILS A1 Modulo per l integrazione in Italia Livello CILS A1 Modulo per l integrazione in Italia GIUGNO 2012 Test di ascolto numero delle prove 3 Ascolto - Prova n.1 Ascolta i testi. Poi completa le frasi. Scegli una delle tre proposte di completamento.

Dettagli

1 maggio, festa del lavoro sfruttato a Carrefour. Intervista a una lavoratrice.

1 maggio, festa del lavoro sfruttato a Carrefour. Intervista a una lavoratrice. Primo maggio, festa dei lavoratori, il Carrefour di Lucca rimane aperto. Abbiamo colto l occasione per intervistare una lavoratrice del supermercato e approfondire altri argomenti, tra cui la recente decisione

Dettagli

Programmi elettorali per le elezioni del Consiglio Comunale dei Ragazzi e delle Ragazze novembre 2006 SCUOLA PRIMARIA MANZONI

Programmi elettorali per le elezioni del Consiglio Comunale dei Ragazzi e delle Ragazze novembre 2006 SCUOLA PRIMARIA MANZONI Programmi elettorali per le elezioni del Consiglio Comunale dei Ragazzi e delle Ragazze CITTÀ verde Più natura in città La città di Paderno Dugnano me la immagino con nuovi parchi, con molti alberi e molto

Dettagli

Reati, vittime, percezione della sicurezza Anni 2008-2009. Sintesi per la stampa

Reati, vittime, percezione della sicurezza Anni 2008-2009. Sintesi per la stampa 22 novembre 2010 Reati, vittime, percezione della sicurezza Anni 2008-2009 Sintesi per la stampa La diffusione dei reati: al Sud più rapine, scippi, minacce, furti di veicoli, al Centro-Nord più furti

Dettagli

Sintesi degli incontri di ascolto pubblici. Terzo incontro di ascolto in Zona 2. Casa delle Associazioni, via Miramare 9.

Sintesi degli incontri di ascolto pubblici. Terzo incontro di ascolto in Zona 2. Casa delle Associazioni, via Miramare 9. Sintesi degli incontri di ascolto pubblici Terzo incontro di ascolto in Zona 2 Casa delle Associazioni, via Miramare 9 16 Settembre 2015 Il terzo incontro di ascolto con i cittadini della zona 2 ha avuto

Dettagli

Ecco come (non) lavorano i dipendenti municipali della Polizia Locale ed all' AMIU di Taranto...

Ecco come (non) lavorano i dipendenti municipali della Polizia Locale ed all' AMIU di Taranto... Ecco come (non) lavorano i dipendenti municipali della Polizia Locale ed all' AMIU di Taranto... Continuano ad arrivarci in redazione fotografie, documenti, storie di ordinaria follia nella vita (in)civile

Dettagli

DA DOVE COMINCIARE? Quando la sicurezza cresce giorno per giorno

DA DOVE COMINCIARE? Quando la sicurezza cresce giorno per giorno DA DOVE COMINCIARE? Quando la sicurezza cresce giorno per giorno Il cantiere cresce giorno dopo giorno Numerose irregolarità indicano che il cantiere è abbandonato a sé stesso, frutto di improvvisazione,

Dettagli

Test di ascolto Numero delle prove 2

Test di ascolto Numero delle prove 2 Test di ascolto Numero delle prove 2 Ascolto Prova n. 1 Ascolta i testi: sono brevi dialoghi e messaggi. In quale luogo puoi ascoltare i testi? Scegli una delle tre proposte che ti diamo. Alla fine del

Dettagli

Test di ascolto Numero delle prove 3

Test di ascolto Numero delle prove 3 Test di ascolto Numero delle prove 3 Ascolto Prova n. 1 Ascolta il testo. Completa il testo e scrivi le parole che mancano. Alla fine del test di ascolto, DEVI SCRIVERE LE RISPOSTE NEL FOGLIO DELLE RISPOSTE.

Dettagli

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1 Università per Stranieri di Siena Centro CILS Sessione: Dicembre 2012 Test di ascolto Numero delle prove 2 Ascolto - Prova n. 1 Ascolta i testi: sono brevi dialoghi e annunci. Poi completa le frasi.

Dettagli

STEFANIA SACCARDI (Assessore al Welfare del Comune di Firenze)

STEFANIA SACCARDI (Assessore al Welfare del Comune di Firenze) STEFANIA SACCARDI (Assessore al Welfare del Comune di Firenze) È un piacere per il Comune di Firenze ospitare questo bellissimo incontro ricco di contenuti. Ho partecipato anche ai lavori di stamani. È

Dettagli

COMUNITA LA CRISALIDE

COMUNITA LA CRISALIDE COMUNITA LA CRISALIDE Via Aquila 144 80143 Napoli Tel. Fax. 081 269834 cell: 335235916 e-mail: ass.margherita@fastwebnet.it sito: www.casafamiglialacrisalide.it LA FALSA DOMANDA Quante volte abbiamo detto,

Dettagli

In questa foto si vede l antica chiesa di Creola che si trovava nel vecchio borgo del paese. La strada non è asfaltata e ci sono delle persone che vi

In questa foto si vede l antica chiesa di Creola che si trovava nel vecchio borgo del paese. La strada non è asfaltata e ci sono delle persone che vi In questa foto si vede l antica chiesa di Creola che si trovava nel vecchio borgo del paese. La strada non è asfaltata e ci sono delle persone che vi camminano in mezzo. A destra si nota una macchina d

Dettagli

Obbiettivo: accompagnare i bambini verso la comprensione del senso del peccato.

Obbiettivo: accompagnare i bambini verso la comprensione del senso del peccato. Traccia Obbiettivo: accompagnare i bambini verso la comprensione del senso del peccato. Per la preghiera: impariamo il canto per la celebrazione del perdono recitiamo insieme il Confesso e l Atto di dolore

Dettagli

TEST DI CONOSCENZA DELLA LINGUA ITALIANA PER IL RILASCIO DEL. (D. M. 4 Giugno 2010) Quaderno d esame del candidato

TEST DI CONOSCENZA DELLA LINGUA ITALIANA PER IL RILASCIO DEL. (D. M. 4 Giugno 2010) Quaderno d esame del candidato MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO ISTITUTO COMPRENSIVO G. GARIBALDI- VIA TODINI SCUOLA MATERNA ELEMENTARE E MEDIA XIII CENTRO TERRITORIALE

Dettagli

per anziani e non solo a cura di Gabriella Starnotti Dott.sse C. Laria & G. Starnotti STUDIO DI PSICOLOGIA E COUNSELING A TORINO

per anziani e non solo a cura di Gabriella Starnotti Dott.sse C. Laria & G. Starnotti STUDIO DI PSICOLOGIA E COUNSELING A TORINO Pagina1 STUDIO DI PSICOLOGIA E COUNSELING A TORINO Dott.sse C. Laria & G. Starnotti http:/// VADEMECUM CONTRO TRUFFE E RAGGIRI per anziani e non solo a cura di Gabriella Starnotti Pagina2 INTRODUZIONE

Dettagli

apre lavora parti parla chiude prende torno vive

apre lavora parti parla chiude prende torno vive 1. Completa con la desinenza della 1 a (io) e della 2 a (tu) persona singolare dei verbi. 1. - Cosa guard...? - Guardo un film di Fellini. 2. - Dove abiti? - Abit... a Milano. 3. - Cosa ascolt...? - Ascolto

Dettagli

RELAZIONE CONGRESSO DI CIRCOLO DELL 11 OTTOBRE 2014 CANDIDATO SEGRETARIO: LOCCI ROSALINA CONDIVISIONE - RESPONSABILITA - COMPETENZE

RELAZIONE CONGRESSO DI CIRCOLO DELL 11 OTTOBRE 2014 CANDIDATO SEGRETARIO: LOCCI ROSALINA CONDIVISIONE - RESPONSABILITA - COMPETENZE RELAZIONE CONGRESSO DI CIRCOLO DELL 11 OTTOBRE 2014 CANDIDATO SEGRETARIO: LOCCI ROSALINA CONDIVISIONE - RESPONSABILITA - COMPETENZE Saluto tutti i presenti: iscritti, simpatizzanti rappresentanti dei partiti..

Dettagli

Bambini e Lutto Farra, 24 febbraio 2013

Bambini e Lutto Farra, 24 febbraio 2013 Bambini e Lutto Farra, 24 febbraio 2013 Obiettivi: - informare su quelle che sono le reazioni più tipiche dei bambini alla morte di una persona cara - dare alcune indicazioni pratiche - suggerire alcuni

Dettagli

HIGHER SCHOOL CERTIFICATE EXAMINATION. Italian Beginners. (Section I Listening) Transcript

HIGHER SCHOOL CERTIFICATE EXAMINATION. Italian Beginners. (Section I Listening) Transcript 2014 HIGHER SCHOOL CERTIFICATE EXAMINATION Italian Beginners (Section I Listening) Transcript Familiarisation Text MALE: FEMALE: MALE: FEMALE: Ciao Roberta! Da quanto tempo che non ci vediamo Dove vai?

Dettagli

Alfredo Bertelli. Sottosegretario alla Presidenza della Giunta Regione Emilia-Romagna

Alfredo Bertelli. Sottosegretario alla Presidenza della Giunta Regione Emilia-Romagna Alfredo Bertelli Sottosegretario alla Presidenza della Giunta Regione Emilia-Romagna Il convegno organizzato oggi dalla Prefettura di Bologna rappresenta un occasione importante di confronto. Proprio per

Dettagli

COSA FARE PER NON CADERE IN QUESTA TRUFFA? Non fidarti degli sconosciuti che ti fermano per strada e non dare mai loro denaro, per nessun motivo.

COSA FARE PER NON CADERE IN QUESTA TRUFFA? Non fidarti degli sconosciuti che ti fermano per strada e non dare mai loro denaro, per nessun motivo. ATTENTO ALLA TRUFFA! Sei appena stata in Banca a ritirare denaro o in Posta per prendere la pensione. All uscita ti si avvicinano una o più persone sconosciute che ti mostrano un tesserino e ti dicono:

Dettagli

RETE DI TREVISO INTEGRAZIONE ALUNNI STRANIERI. a.s. 2006/07. Proposta di lavoro stratificata

RETE DI TREVISO INTEGRAZIONE ALUNNI STRANIERI. a.s. 2006/07. Proposta di lavoro stratificata RETE DI TREVISO INTEGRAZIONE ALUNNI STRANIERI 1 a.s. 2006/07 Attività prodotta da: Silvia Fantina- Silvia Larese- Mara Dalle Fratte. Proposta di lavoro stratificata Materiali: test ITALIANO COME LINGUA

Dettagli

C.R.A. V.le B. Maria 37, Milano / Tel. 76.04.51 - Fax 78.22.66

C.R.A. V.le B. Maria 37, Milano / Tel. 76.04.51 - Fax 78.22.66 C.R.A. V.le B. Maria 37, Milano / Tel. 76.04.51 - Fax 78.22.66 Job 5825 - SICUREZZA URBANA NELLA PROVINCIA DI RIMINI Il questionario Il campione per quote proporzionali si compone di 2000 interviste. Stratificato

Dettagli

Come va? I N O C C H I P E L L E C O P A N C I A R P O D E N T I R E S O R E C C H I E A T E S T A N P I E D I O

Come va? I N O C C H I P E L L E C O P A N C I A R P O D E N T I R E S O R E C C H I E A T E S T A N P I E D I O Come va? 1 Trova nello schema le parti del corpo scritte di seguito e in orizzontale a cui si riferiscono le seguenti frasi. Le lettere rimaste completano l espressione indicata sotto. 1. Proteggila col

Dettagli

GINETTA COLOMBO CENTRO POLIFUNZIONALE PER ANZIANI. Accoglienza temporanea di sollievo Alloggi protetti per anziani Centro Diurno Integrato

GINETTA COLOMBO CENTRO POLIFUNZIONALE PER ANZIANI. Accoglienza temporanea di sollievo Alloggi protetti per anziani Centro Diurno Integrato GINETTA COLOMBO CENTRO POLIFUNZIONALE PER ANZIANI Comune di Cerro Maggiore Accoglienza temporanea di sollievo Alloggi protetti per anziani Centro Diurno Integrato Piazza Concordia 1 - Cerro Maggiore Un

Dettagli

Mettere l articolo determinativo e l articolo indeterminativo.

Mettere l articolo determinativo e l articolo indeterminativo. Mettere l articolo determinativo e l articolo indeterminativo. 1. stadio 2. ristorante 3. cinema 4. stazione 5. biblioteca 6. monumento 7. palazzo 8. fiume 9. _ catena di montagne 10. isola 11. casa 12.

Dettagli

QUESTIONARIO DI OFFER PER ADOLESCENTI SULLA IMMAGINE DI SE

QUESTIONARIO DI OFFER PER ADOLESCENTI SULLA IMMAGINE DI SE QUESTIONARIO DI OFFER PER ADOLESCENTI SULLA IMMAGINE DI SE INTRODUZIONE AL QUESTIONARIO Questo questionario viene usato per scopi scientifici. Non ci sono risposte giuste o sbagliate. Dopo aver letto attentamente

Dettagli

Sindaco BERGAGNA Stefano Passiamo al successivo punto all ordine del. giorno. Cedo un attimo la presidenza al Vice Sindaco perché devo un

Sindaco BERGAGNA Stefano Passiamo al successivo punto all ordine del. giorno. Cedo un attimo la presidenza al Vice Sindaco perché devo un 1 Sindaco BERGAGNA Stefano Passiamo al successivo punto all ordine del giorno. Cedo un attimo la presidenza al Vice Sindaco perché devo un attimo assentarmi, ma è una questione di cinque minuti. Devo uscire,

Dettagli

CONSIGLIO COMUNALE DEL 27.03.2015 Interventi Sigg. consiglieri Mozione in ordine alla istituzione di un registro dei tumori nel nostro territorio.

CONSIGLIO COMUNALE DEL 27.03.2015 Interventi Sigg. consiglieri Mozione in ordine alla istituzione di un registro dei tumori nel nostro territorio. CONSIGLIO COMUNALE DEL 27.03.2015 Interventi Sigg. consiglieri Mozione in ordine alla istituzione di un registro dei tumori nel nostro territorio. Ultimo punto: Mozione in ordine alla istituzione dei tumori

Dettagli

Il Difensore civico della Regione Emilia-Romagna. Istruzioni ad uso dei cittadini

Il Difensore civico della Regione Emilia-Romagna. Istruzioni ad uso dei cittadini Il Difensore civico della Regione Emilia-Romagna Istruzioni ad uso dei cittadini Il Difensore Civico tutela i tuoi diritti. Ha il compito di proteggere i tuoi diritti nei confronti di un Amministrazione

Dettagli

Convegno Indicam Contraffazione, abusivismo e amministrazioni locali Milano, 31 gennaio 2001

Convegno Indicam Contraffazione, abusivismo e amministrazioni locali Milano, 31 gennaio 2001 Convegno Indicam Contraffazione, abusivismo e amministrazioni locali Milano, 31 gennaio 2001 Quali strade per il futuro? Il ruolo della regione nell ottica della devolution (*) Guido Della Frera Assessore

Dettagli

Ladri OGNI CENTO SECONDI SFONDANO UNA PORTA

Ladri OGNI CENTO SECONDI SFONDANO UNA PORTA INCHIESTA CASE SVALIGIATE: NUMERI DA BRIVIDO E DIFENDERSI È QUASI IMPOSSIBILE SONO ORGANIZZATI COME MILITARI: NESSUN ANTIFURTO LI FERMA. CONTRO DI LORO LA POLIZIA HA MESSO IN CAMPO SUPER TECNOLOGIE, MA

Dettagli

- 1 reference coded [1,02% Coverage]

<Documents\bo_min_2_M_17_ita_stu> - 1 reference coded [1,02% Coverage] - 1 reference coded [1,02% Coverage] Reference 1-1,02% Coverage Sì, adesso puoi fare i filmati, quindi alla fine se non hai niente da fare passi anche un ora al cellulare

Dettagli

Perché festeggiamo gli alberi?

Perché festeggiamo gli alberi? Perché festeggiamo gli alberi? La Festa dell Albero di Legambiente compie 18 anni! Anche quest anno, il 21 novembre, vogliamo celebrare l importanza del verde urbano, degli alberi per la vita dell uomo

Dettagli

Il debutto pubblico del Comitato di Coordinamento del Volontariato lombardo

Il debutto pubblico del Comitato di Coordinamento del Volontariato lombardo Il debutto pubblico del Comitato di Coordinamento del Volontariato lombardo REGIONE LOMBARDIA 38 Con la nascita del CCV-Lombardia, il volontariato PC della Regione compie un importante salto di qualità,

Dettagli

MARONI TOGLIE IL BOLLO AI MOTORINI La proposta della Lega Nord ora è realtà

MARONI TOGLIE IL BOLLO AI MOTORINI La proposta della Lega Nord ora è realtà Lombardia Libera Bollettino a cura del Gruppo Lega Nord in Regione Lombardia (Fonti utilizzate: agenzia di stampa Lombardia Notizie e siti web Regione Lombardia) MARONI TOGLIE IL BOLLO AI MOTORINI La proposta

Dettagli

TEST LIVELLO B1 QCE COMPRENSIONE ORALE DETTATO ASCOLTA IL DIALOGO E POI SCEGLI LA RISPOSTA.

TEST LIVELLO B1 QCE COMPRENSIONE ORALE DETTATO ASCOLTA IL DIALOGO E POI SCEGLI LA RISPOSTA. TEST LIVELLO B1 QCE NOME COGNOME. CLASSE.. DATA.. COMPRENSIONE ORALE DETTATO. ASCOLTA IL DIALOGO E POI SCEGLI LA RISPOSTA. 1.. Fabio e Barbara si incontrano A) alla stazione di Pisa. B) all aeroporto di

Dettagli

Il parco che c è il parco che sarà. Nello Cisa racconta una storia che non è finita. A cura di

Il parco che c è il parco che sarà. Nello Cisa racconta una storia che non è finita. A cura di Il parco che c è il parco che sarà Nello Cisa racconta una storia che non è finita A cura di Il comune di Pisa è il primo tra i capoluoghi italiani per verde nel suo territorio (7199 mq/ha - da Rapporto

Dettagli

A tutti i soci iscritti alla Unione Italiana Ciechi ed Ipovedenti - Sezione Provinciale di Firenze LORO SEDI

A tutti i soci iscritti alla Unione Italiana Ciechi ed Ipovedenti - Sezione Provinciale di Firenze LORO SEDI A tutti i soci iscritti alla Unione Italiana Ciechi ed Ipovedenti - Sezione Provinciale di Firenze LORO SEDI Oggetto: convocazione Assemblea ordinaria dei soci Cara consocia, caro consocio, come vuole

Dettagli

cercare casa unità 8: una casa nuova lezione 15: 2. Lavora con un compagno. Secondo voi, quale casa va bene per i Carli? Perché?

cercare casa unità 8: una casa nuova lezione 15: 2. Lavora con un compagno. Secondo voi, quale casa va bene per i Carli? Perché? unità 8: una casa nuova lezione 15: cercare casa 2. Lavora con un compagno. Secondo voi, quale casa va bene per i Carli? Perché? palazzo attico 1. Guarda la fotografia e leggi la descrizione. Questa è

Dettagli

Questo documento che Cittadinanzattiva Calabria consegna a lei quale Commissario alla sanità della regione Calabria rappresenta un primo tentativo di

Questo documento che Cittadinanzattiva Calabria consegna a lei quale Commissario alla sanità della regione Calabria rappresenta un primo tentativo di Questo documento che Cittadinanzattiva Calabria consegna a lei quale Commissario alla sanità della regione Calabria rappresenta un primo tentativo di aprire un percorso istituzionale attraverso il quale

Dettagli

Istituto Comprensivo De Amicis- Laterza A.S 2012-2013. Classe II D. Prof.ssa Daniela Simone

Istituto Comprensivo De Amicis- Laterza A.S 2012-2013. Classe II D. Prof.ssa Daniela Simone Istituto Comprensivo De Amicis- Laterza A.S 2012-2013 Classe II D Prof.ssa Daniela Simone PRESENTAZIONE DEL PROGETTO Radio Kreattiva, web radio scolastica per la diffusione della cultura della legalità,

Dettagli

Test di ascolto Numero delle prove 2

Test di ascolto Numero delle prove 2 Test di ascolto Numero delle prove 2 Ascolto Prova n. 1 Ascolta i testi: sono brevi dialoghi. In quale luogo puoi ascoltare i dialoghi? Scegli una delle tre proposte che ti diamo. DEVI SCRIVERE LE TUE

Dettagli

INTERVISTA a Simona Ciobanu di TERRA MIA 17/12/2007. 1. Da quale insieme di esperienze e di motivazioni nasce la vostra associazione?

INTERVISTA a Simona Ciobanu di TERRA MIA 17/12/2007. 1. Da quale insieme di esperienze e di motivazioni nasce la vostra associazione? INTERVISTA a Simona Ciobanu di TERRA MIA 17/12/2007 1. Da quale insieme di esperienze e di motivazioni nasce la vostra associazione? Nasce nel 1997 per volontà di cittadini stranieri e italiani, come associazione

Dettagli

Sindaco BERGAGNA Stefano Punto n. 6 all O.d.G.: Interpellanza, a. firma dei Consiglieri comunali di minoranza, su seggi elettorali a

Sindaco BERGAGNA Stefano Punto n. 6 all O.d.G.: Interpellanza, a. firma dei Consiglieri comunali di minoranza, su seggi elettorali a 1 Sindaco BERGAGNA Stefano Punto n. 6 all O.d.G.: Interpellanza, a firma dei Consiglieri comunali di minoranza, su seggi elettorali a Buja. Prego. Cons. FASIOLO Rudi (senza microfono) Un altra interrogazione

Dettagli

MACARIOPOLI POLLUTION CITY? Racconto con immagini realizzato dagli studenti della Classe I B della Scuola Secondaria di I Grado di San Macario

MACARIOPOLI POLLUTION CITY? Racconto con immagini realizzato dagli studenti della Classe I B della Scuola Secondaria di I Grado di San Macario MACARIOPOLI O POLLUTION CITY? Racconto con immagini realizzato dagli studenti della Classe I B della Scuola Secondaria di I Grado di San Macario La Terra sembra essere divisa in due parti Una di queste

Dettagli

consiglio Regionale della Campania

consiglio Regionale della Campania consiglio Regionale della Campania IV Commissione Consiiare Permanente (Trasporti, Urbanistica, Lavori Pubblici) RESOCONTO INTEGRALE N. 62 SEDUTA IV COMMISSIONE CONSILIARE PERMANENTE DEL 21 DICEMBRE 2011

Dettagli

Newsletter N. 6/2014

Newsletter N. 6/2014 Consiglio Regionale Lazio Newsletter N. 6/2014 Cari amici, siamo giunti alla fine del primo semestre, arrivano le vacanze e con esse la stagione ideale per rilassarci: al mare, in montagna, in campagna

Dettagli

Amore in Paradiso. Capitolo I

Amore in Paradiso. Capitolo I 4 Amore in Paradiso Capitolo I Paradiso. Ufficio dei desideri. Tanti angeli vanno e vengono nella stanza. Arriva un fax. Lo ha mandato qualcuno dalla Terra, un uomo. Quando gli uomini vogliono qualcosa,

Dettagli

aiutare impegno pensare gesti vivere associazione La solidarietà non è una cosa difficile e non richiede molto tempo. Può essere fatta di piccoli

aiutare impegno pensare gesti vivere associazione La solidarietà non è una cosa difficile e non richiede molto tempo. Può essere fatta di piccoli UNITÀ 2 Collegate la definizione alla parola corrispondente. Persone con handicap. 2 Persone senza genitori. 3 Persone che stanno in carcere. 4 Persone che hanno bisogno di aiuto. Persone che hanno dovuto

Dettagli

Cittadini e Amministrazione insieme per progettare il nuovo volto del Centro Storico. Sala della Giostra 19/09/2015

Cittadini e Amministrazione insieme per progettare il nuovo volto del Centro Storico. Sala della Giostra 19/09/2015 Cittadini e Amministrazione insieme per progettare il nuovo volto del Centro Storico Sala della Giostra 19/09/2015 Presentazione Risultati - Il programma Accoglienza partecipanti e caffè di benvenuto Presentazione

Dettagli

LA NEWSLETTER DEI RAGAZZI DELL ODA

LA NEWSLETTER DEI RAGAZZI DELL ODA LA NEWSLETTER DEI RAGAZZI DELL ODA Edizione Nr. 3 uscita di giugno 2014 All interno trovi Curiosità Racconti personali Tante fotografie Le nostre attività Informazioni ed eventi E tanto altro Via Casentinese,73/f

Dettagli

INNOCENTI EVASIONI Il lavoro minorile

INNOCENTI EVASIONI Il lavoro minorile INNOCENTI EVASIONI Il lavoro minorile Novembre 2011 Nel primo incontro di questo giornalino ognuno di noi ha proposto la sua definizione di lavoro minorile e ha raccontato la sua esperienza. personale.

Dettagli

Io a casa faccio la raccolta differenziata però non la faccio io ma la fanno mia mamma e mia sorella. Tutte le mattine del sabato e della domenica

Io a casa faccio la raccolta differenziata però non la faccio io ma la fanno mia mamma e mia sorella. Tutte le mattine del sabato e della domenica Io a casa faccio la raccolta differenziata però non la faccio io ma la fanno mia mamma e mia sorella. Tutte le mattine del sabato e della domenica guardano cosa c è dentro al bidone poi prendono le bottiglie

Dettagli

Giuseppe Iosa. Documento programmatico per la candidatura alla segreteria del Circolo Moro-Berlinguer di Peschiera Borromeo

Giuseppe Iosa. Documento programmatico per la candidatura alla segreteria del Circolo Moro-Berlinguer di Peschiera Borromeo Giuseppe Iosa Documento programmatico per la candidatura alla segreteria del Circolo Moro-Berlinguer di Peschiera Borromeo Domenica, 19 aprile 2015 Premessa Il Partito Democratico di Peschiera Borromeo,

Dettagli

Corso di italiano per principianti. Professor Nicola Dell Aversano. Lezione 4

Corso di italiano per principianti. Professor Nicola Dell Aversano. Lezione 4 Corso di italiano per principianti Professor Nicola Dell Aversano Lezione 4 Senta scusi! a. Siete a Roma e avete solo una mattina libera. Quale di questi musei visitate? b. Che museo nella vostra città

Dettagli

1 Consiglio. Esercizi 1 1

1 Consiglio. Esercizi 1 1 1 Consiglio Prima di andare a dormire scrivi cinque parole italiane che ti interessano. La mattina dopo, prima di alzarti, cerca di ricordarti le parole scritte la sera prima. 1 Animali Fai il cruciverba.

Dettagli

C O M U N E D I C A S T E L V E R D E

C O M U N E D I C A S T E L V E R D E C O M U N E D I C A S T E L V E R D E Provincia di Cremona ORIGINALE VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE DELIBERAZIONE N. 28 ADUNANZA DEL 21/07/2014 OGGETTO: PRESENTAZIONE DELLE LINEE PROGRAMMATICHE

Dettagli

E ora inventiamo una vita.

E ora inventiamo una vita. E ora inventiamo una vita. - Venga Cristina, facciamo due chiacchiere. Il ragioniere dell'ufficio personale si accomoda e con un respiro inizia il suo discorso. Lei sa vero che ha maturato l'età per il

Dettagli

Luisa e Marco Un incontro a Vienna

Luisa e Marco Un incontro a Vienna ascoltate! Luisa e Marco Un incontro a Vienna 7 Due ragazzi italiani fanno conoscenza. Combinate le parti (1-7) con le parti (A-I) e scrivete la lettera corrispondente nello spazio previsto. Ci sono due

Dettagli

Un breve resoconto con un po di indicazioni che spero possano essere utili!

Un breve resoconto con un po di indicazioni che spero possano essere utili! Napoli e dintorni 1 5 gennaio 2015 Equipaggio Lorenzo, Giovanna e Andrea (3 anni) su McLouis Lagan211 Un breve resoconto con un po di indicazioni che spero possano essere utili! Itinerario Giovedì 1 gennaio

Dettagli

Gruppo consiliare Partito della Rifondazione Comunista di Scandicci. Interrogazione

Gruppo consiliare Partito della Rifondazione Comunista di Scandicci. Interrogazione Gruppo consiliare Partito della Rifondazione Comunista di Scandicci Interrogazione Oggetto: amianto negli edifici pubblici In relazione alla mia interrogazione sull amianto e alla sua risposta, dove mi

Dettagli

Università degli Studi di Verona Centro Docimologico Giurisprudenza

Università degli Studi di Verona Centro Docimologico Giurisprudenza Dopo aver letto attentamente il seguente articolo giornalistico, Il delitto Custra e la fuga a Rio. Il latitante Mancini ora è libero, il candidato risponda ai seguenti quesiti tenento conto che la risposta

Dettagli

LINEA DIRETTA CON IL PRESIDENTE

LINEA DIRETTA CON IL PRESIDENTE periodico di idee, informazione, cultura a cura dell Associazione Infermieristica Sammarinese LINEA DIRETTA CON IL PRESIDENTE Mi accingo a presiedere l AIS nel suo secondo triennio di vita. Mi ritengo

Dettagli

COMUNE DI SAN GIOVANNI IN PERSICETO Giovedì, 16 giugno 2016

COMUNE DI SAN GIOVANNI IN PERSICETO Giovedì, 16 giugno 2016 COMUNE DI SAN GIOVANNI IN PERSICETO Giovedì, 16 giugno 2016 COMUNE DI SAN GIOVANNI IN PERSICETO Giovedì, 16 giugno 2016 16/06/2016 Pagina 21 PIER LUIGI TROMBETTA Dipendente in prova denuncia il titolare:

Dettagli

Arrivano le donne. Foto di gruppo delle neoassunte, 1975, Collezione privata Merigo

Arrivano le donne. Foto di gruppo delle neoassunte, 1975, Collezione privata Merigo Arrivano le donne Il 13 aprile 1974 esce un bando di concorso per 47 posti di vigile urbano in cui per la prima volta sono ammesse anche le donne. Unico limite è quello dell altezza fissata in m. 1.60,

Dettagli

L EMENDAMENTO Di Giorgio Mottola

L EMENDAMENTO Di Giorgio Mottola L EMENDAMENTO Di Giorgio Mottola MILENA GABANELLI IN STUDIO Buonasera, l inchiesta di oggi è dedicata al centro unico di spesa di tutti gli uffici pubblici: se invece di comprare una sedia ne compro mille

Dettagli

Cose da sapere IL BOLLINO BLU

Cose da sapere IL BOLLINO BLU Cose da sapere IL BOLLINO BLU Il Bollino Blu è un certificato che dimostra l avvenuto controllo dei gas di scarico di un automobile, per i Comuni e le aree a traffico limitato delle città in cui questo

Dettagli

Un sondaggio rivela che il 70% delle donne detesta questa ricorrenza Marte & Venere a confronto il 14 Febbraio

Un sondaggio rivela che il 70% delle donne detesta questa ricorrenza Marte & Venere a confronto il 14 Febbraio Un sondaggio rivela che il 70% delle donne detesta questa ricorrenza Marte & Venere a confronto il 14 Febbraio Sapevate che sia le donne single che quelle in coppia hanno gli incubi pensando alla Festa

Dettagli

Primo Incontro di ascolto in Zona 2

Primo Incontro di ascolto in Zona 2 Sintesi degli incontri di ascolto pubblici Primo Incontro di ascolto in Zona 2 Cascina Cattabrega,via Trasimeno 49 20 luglio 2015 All incontro hanno preso parte 36 persone. I partecipanti sono stati 25

Dettagli

Varie. Suggerimenti forniti di competenza del Corpo dei Vigili Urbani

Varie. Suggerimenti forniti di competenza del Corpo dei Vigili Urbani Nella seguente tabella sono inoltre trascritti i suggerimenti/indicazioni più significative in quanto utili sia per l individuazione di punti di debolezza nei processi in esame, sia quale feedback per

Dettagli

occhi aperti! Vanzago è più sicuro con la collaborazione di tutti

occhi aperti! Vanzago è più sicuro con la collaborazione di tutti occhi aperti! Vivere sereni e tranquilli in una comunità è un diritto di tutti 2 L Amministrazione Comunale in collaborazione con la Polizia Locale ha pensato di raccogliere in questo opuscolo alcuni piccoli

Dettagli

ANNO SCOLASTICO 2013/14

ANNO SCOLASTICO 2013/14 ANNO SCOLASTICO 2013/14 LA LETTERA AL SINDACO L INVITO DEL SINDACO Palermo, 6 Novembre 2013 Caro Sindaco, siamo gli alunni della classe 4^ C della scuola Francesco Orestano che si trova a Brancaccio, in

Dettagli

Comune di Priolo Gargallo Corpo di Polizia Municipale

Comune di Priolo Gargallo Corpo di Polizia Municipale Alcune regole per evitare incidenti con i cani Calendario Storico 2015 L a ricorrenza dell ormai tradizionale calendario storico della Polizia Municipale è occasione preziosa per riflessioni meditate ed

Dettagli

I CONSIGLI ANTITRUFFA

I CONSIGLI ANTITRUFFA Città di Polizia di Stato Cologno Monzese Questura di Milano I CONSIGLI ANTITRUFFA a tutela dei nostri ANZIANI Presentazione Cologno Monzese ha da sempre a cuore e ben presenti le esigenze della Terza

Dettagli

professionisti e non, e familiari con un totale di 67 beneficiari, tra cui la maggioranza erano pazienti psichiatrici, anziani e disabili.

professionisti e non, e familiari con un totale di 67 beneficiari, tra cui la maggioranza erano pazienti psichiatrici, anziani e disabili. Testimonianza presentata al Convegno Amministrazione di sostegno e Volontariato svoltosi a Bologna il 14 ottobre 2011 Avvocato Carla Baiesi, Amministratore di Sostegno Mi è stato chiesto di dare al mio

Dettagli

abitare in via Campari Arch. Mario Botta

abitare in via Campari Arch. Mario Botta abitare in via Campari Arch. Mario Botta Dalla ricerca di una centralità decentrata alla cultura dell abitare. una scelta del bello come valore della vita e investimento senza tempo. La rinascita di

Dettagli

ASSOCIAZIONE dei GENITORI degli STUDENTI dell ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE G. SOLARI Via Crespi, 4 24021 Albino (BG)

ASSOCIAZIONE dei GENITORI degli STUDENTI dell ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE G. SOLARI Via Crespi, 4 24021 Albino (BG) ASSOCIAZIONE dei GENITORI degli STUDENTI dell ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE G. SOLARI Via Crespi, 4 24021 Albino (BG) info.associazione@genitorialbino.it Tel 349/3398333 dal lunedì al venerdì dalle 20 alle

Dettagli