COMUNE DI POLIGNANO A MARE

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "COMUNE DI POLIGNANO A MARE"

Transcript

1 COMUNE DI POLIGNANO A MARE REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE DELLA FIGURA DELL ISPETTORE AMBIENTALE VOLONTARIO COMUNALE PER IL SERVIZIO DI DIFESA AMBIENTALE E CONTROLLO, DEPOSITO, GESTIONE, RACCOLTA E SMALTIMENTO DEI RIFIUTI Approvato con Deliberazione di Consiglio Comunale N 5 del 12 febbraio 2014

2 INDICE Art 1. OGGETTO E FINALITÀ Art 2. DEFINIZIONI Art. 3. VOLONTARIETÀ DEL SERVIZIO Art 4. FIGURE COSTITUENTI IL SERVIZIO DI VOLONTARIATO Art 5. DEFINIZIONE DI ISPETTORE AMBIENTALE COMUNALE Art. 6 COMPETENZE DELL ISPETTORE AMBIENTALE Art 7. NOMINA AD ISPETTORE AMBIENTALE VOLONTARIO COMUNALE Art. 8. REQUISITI PER LA NOMINA Art 9. INCARICO DI ISPETTORE AMBIENTALE VOLONTARIO COMUNALE Art 10. DOVERI DELL ISPETTORE AMBIENTALE Art 11. SOSPENSIONE E REVOCA DELL INCARICO Art 12. COMPITI DEL COMUNE Art. 13 PROCEDURA AMMINISTRATIVA E CONTENZIOSO Art.14 RISERVATEZZA E PRIVACY NELL ATTIVITÀ DELL ISPETTORE AMBIENTALE Art 15. ENTRATA IN VIGORE 2

3 Art 1. OGGETTO E FINALITÀ 1. Il presente Regolamento disciplina l istituzione e l attività di vigilanza svolta da soggetti di seguito denominati Ispettori ambientali a cui conferire compiti di tutela dell ambiente contro ogni forma di inquinamento, del decoro della città e del territorio. 2. La suddetta attività viene svolta in particolare attraverso azioni concrete volte, da un lato, a limitare le forme di inquinamento, l abbandono improprio di rifiuti sul territorio, o il conferimento in violazione alle norme contenute nel Regolamento comunale per la disciplina dei R.S.U. di cui all art. 198 comma 2 del D. Lgs. n. 152 del 3 aprile 2006, alle Ordinanze comunali in materia e a quanto previsto dalle normative vigenti limitatamente a ciò che rientra, anche in via residuale rispetto ad altri Enti sovraordinati, nella competenza dei Comuni; dall altro lato, a rafforzare la cultura del rispetto dell ambiente anche attraverso attività di informazione e collaborazione con i cittadini ed esercenti di attività commerciali, in merito alla raccolta differenziata, del recupero dei rifiuti e della qualità dei servizi ambientali. 3. Il presente Regolamento viene predisposto ai sensi dell art. 198 comma 2 del D. Lgs. n. 152 del 3 aprile 2006 e potrà essere modificato alla luce dei necessari aggiornamenti che potranno essere imposti dalla normativa. 4. L attività di vigilanza, di cui al comma 1, viene istituita al fine di concorrere alla difesa del suolo, del paesaggio ed alla tutela dell ambiente nel territorio comunale Il presente Regolamento ha altresì lo scopo di disciplinare i compiti e le funzioni degli Ispettori ambientali, i loro doveri, i requisiti soggettivi necessari, la formazione professionale del personale incaricato e, in generale, tutto ciò che riguarda il corretto svolgimento dell attività di vigilanza e di controllo a cui sono preposti al fine di constatare e riferire agli organi competenti le violazioni previste dagli atti e dalle disposizioni suddette. ART. 2 DEFINIZIONI Ai fini dell applicazione del presente Regolamento si applicano le definizioni: PROPRIETA DEL RIFIUTO: il rifiuto uscito dall abitazione del cittadino è di proprietà del Comune, indipendentemente che sia stato conferito nel cassonetto o abbandonato per strada; ABBANDONO DEI RIFIUTI: si configura ogni qualvolta i rifiuti vengono lasciati lontani dai cassonetti o dai bidoni, sia nelle strade pubbliche che su quelle private, secondo quanto previsto dalle Leggi vigenti e dalla casistica giurisprudenziale; UTENZE DOMESTICHE: locali ed aree utilizzati o destinati esclusivamente a civile abitazione; UTENZE NON DOMESTICHE: luoghi utilizzati o destinati alla produzione e/o alla vendita di beni e/o servizi e luoghi diversi da quelli di cui alle sopra descritte utenze domestiche; RACCOLTA: le operazioni di prelievo dei rifiuti ai fini del trasporto e del conferimento negli impianti di destinazione; tra le operazioni di raccolta sono da considerare le operazioni di spazzamento, le operazioni di trasbordo, le operazioni di cernita e di eventuale raggruppamento dei rifiuti, a condizione che siano effettuate in apposite stazioni di conferimento; 3

4 RACCOLTA DIFFERENZIATA: le operazioni di prelievo, raggruppamento e cernita di frazioni separate dei rifiuti; CONFERIMENTO: le modalità secondo le quali i rifiuti vengono consegnati al servizio di raccolta da parte del produttore o del detentore; ISOLA ECOLOGICA STRADALE: raggruppamento di contenitori per la raccolta stradale di materiali diversi, che vengono differenziati ricorrendo a seconda della tipologia di rifiuto da conferire a colori diversi per facilitare gli utenti. STAZIONE ECOLOGICA: centro di raccolta comunale costituito da un area presidiata ed allestita ove si svolge unicamente attività di raccolta, mediante raggruppamento per frazioni omogenee per il trasporto agli impianti di recupero, trattamento e, per le frazioni non recuperabili, di smaltimento, dei rifiuti urbani e assimilati, conferiti in maniera differenziata rispettivamente dalle utenze domestiche e non domestiche, nonché dagli altri soggetti tenuti in base alle vigenti normative settoriali al ritiro di specifiche tipologie di rifiuti dalle utenze domestiche. Art 3. VOLONTARIETÀ DEL SERVIZIO Il Servizio di Vigilanza Volontario Comunale in materia ambientale ed in particolare in materia di abbandono e di deposito incontrollato di rifiuti nonché di mancata raccolta di deiezioni canine costituisce un servizio volontario non retribuito che non dà luogo ad alcun rapporto di lavoro. E supportato da un lavoro di rete tra i settori di Polizia Municipale, Cultura, Servizi Sociali e scuole. L organizzazione del Servizio è disciplinata dal Comune quale Ente che rappresenta la propria Comunità e ne cura gli interessi. Art 4. FIGURE COSTITUENTI IL SERVIZIO DI VOLONTARIATO Ferma restando la competenza degli ufficiali e degli agenti di polizia giudiziaria, alle attività connesse con l accertamento e la contestazione delle violazioni, la vigilanza e la conseguente segnalazione agli organi competenti Polizia Municipale Carabinieri Polizia di Stato Guardia di Finanza - Corpo Forestale dello Stato Polizia Provinciale, ecc., di cui all art. 1, è affidata, altresì, agli Ispettori Ambientali Volontari Comunali che ne abbiano facoltà ai sensi della vigente legislazione. I soggetti di cui al comma 1 dovranno essere muniti di un apposito documento di riconoscimento che attesti l abilitazione all esercizio delle funzioni loro attribuite. Resta ferma la competenza di altri soggetti espressamente abilitati da leggi speciali. Art 5. DEFINIZIONE DI ISPETTORE AMBIENTALE COMUNALE L Ispettore Ambientale Volontario Comunale, si identifica, ai sensi del presente Regolamento, nella figura del volontario, che svolge attività informative ed educative ai cittadini sulle modalità e sul corretto conferimento dei rifiuti provenienti dalla raccolta differenziata. Inoltre deve vigilare sulla osservanza delle norme previste dai Regolamenti comunali vigenti per la disciplina dei R.S.U di cui all art. 198, comma 2 del D. Lgs. n. 152 del 3 aprile 2006, nonché dalle Ordinanze comunali in materia e da quanto previsto dalle normative nazionali limitatamente a ciò che rientra, anche in via residuale rispetto ad altri Enti sovraordinati, nella 4

5 competenza dei Comuni. Tale soggetto, infatti, espleta anche un servizio di vigilanza e controllo delle modalità di conferimento dei rifiuti volto a constatare e riferire agli organi competenti le violazioni relative alle disposizioni degli atti suddetti. Le medesime attività vengono svolte altresì, relativamente al deposito, alla gestione, alla raccolta e allo smaltimento dei rifiuti al fine di concorrere alla difesa del suolo, del paesaggio e alla tutela dell ambiente. Svolge opera di prevenzione nei confronti di quegli utenti che, con comportamenti irrispettosi del vivere civile, arrecano danno all ambiente, all immagine e al decoro della città. Svolge le funzioni di vigilanza, di controllo e di segnalazione circa il rispetto dei regolamenti comunali e delle ordinanze sindacali relative al deposito, gestione, raccolta e smaltimento dei rifiuti al fine di concorrere alla difesa del suolo, del paesaggio ed alla tutela dell ambiente. Il servizio di vigilanza è esteso esclusivamente all intero territorio comunale. ART. 6 COMPETENZE DELL ISPETTORE AMBIENTALE 1. L attività dell Ispettore ambientale è volta a garantire l igiene ambientale e a monitorare nell ambito della gestione integrata dei rifiuti, in uno specifico quadro di presidio territoriale, il rispetto da parte di tutti i soggetti coinvolti delle disposizioni previste dai Regolamenti comunali per la disciplina dei R.S.U. di cui all art. 198, comma 2 del D. Lgs. n. 152 del 3 aprile 2006, delle Ordinanze comunali in materia e di quanto previsto dalle normative vigenti limitatamente a ciò che rientra, anche in via residuale rispetto ad altri Enti sovraordinati, nella competenza dei Comuni. 2. Le competenze dell Ispettore ambientale possono ricondursi alle seguenti mansioni: a. Vigilanza e controllo del regolare conferimento dei rifiuti urbani ed assimilati nei punti e nei vari contenitori dedicati alla raccolta a livello domiciliare e stradale, in conformità alle disposizioni degli atti di cui al comma 1 ed all organizzazione del servizio di raccolta rifiuti definito dal Comune e offerto dal Gestore del servizio; b. Constatazione e riferimento agli organi competenti delle eventuali violazioni delle disposizioni degli atti di cui al comma 1; c. Controllo dello stato dell igiene ambientale per quanto concerne i rifiuti a livello territoriale; d. Vigilanza e controllo sulla tutela del patrimonio dei beni strumentali alla gestione dei servizi ambientali (cassonetti, contenitori per la raccolta differenziata, isole ecologiche); e. Rilevazioni statistiche sulla percezione di soddisfazione del cittadino relativamente ai livelli di servizio svolti dal Gestore; f. Controllo di eventuali concentrazioni di rifiuti che richiedano tempestivi interventi supplementari da parte del Gestore; 3. A seguito dell emanazione del provvedimento del Sindaco del Comune interessato che ne determinerà l attribuzione di incaricato di pubblico servizio ai sensi dell art. 358 del Codice Penale, gli Ispettori Ambientali agiranno con poteri di constatazione e segnalazione delle violazioni alle disposizioni normative di cui all art. 1 comma 2 del presente Regolamento. Art 7. NOMINA AD ISPETTORE AMBIENTALE COMUNALE Il Sindaco, quale rappresentante dell Ente organizzatore del servizio e nel pieno rispetto delle autonomie locali, nomina gli ispettori ambientali volontari comunali, con proprio 5

6 provvedimento amministrativo, tra i candidati reputati idonei. Tale provvedimento dovrà essere rinnovato annualmente. Al fine di ottenere la nomina sindacale per lo svolgimento di tale attività di volontariato i soggetti interessati, singoli ed associati, dovranno superare un esame finale innanzi ad una apposita commissione composta da un Presidente e da due componenti esperti ed essere inseriti in una apposita graduatoria di merito. L'esame finale consisterà in un prova scritta a risposte multiple (almeno 20 domande). L'esame finale è subordinato alla partecipazione ad un apposito corso di formazione di durata non inferiore a 10 ore. Il corso di formazione viene offerto in forma gratuita dal Comune, che metterà a disposizione materiale logistico e tecnico per tutta la durata del corso. Il corso di formazione sarà tenuto da personale esperto e qualificato, anche se appartenente ad altro Ente. La figura apicale del Corpo di P.L. è responsabile dell'intero procedimento compresa la indizione del bando di selezione, l'organizzazione, la docenza per il corso di formazione e la presidenza della commissione di valutazione finale. Il corso di formazione si articolerà in lezioni pomeridiane di circa tre ore sulle seguenti materie: la figura ed i compiti dell'ispettore Volontario Ambientale; esame della normativa in materia ambientale, Regionale e Statale in particolare il vigente T.U.A. ; gli illeciti amministrativi ed i reati in materia ambientale. Sarà tollerato un periodo di assenza non superiore al 20 % del totale delle ore di corso. Si intende superata la prova scritta qualora il candidato abbia risposto in modo positivo ad almeno 12 domande su 20. A parità di punteggio precede il più giovane di età. Art. 8. REQUISITI PER LA NOMINA Coloro che vogliono ottenere la nomina di Ispettore Volontario Ambientale devono possedere i seguenti requisiti: avere raggiunto la maggiore età e non superato gli anni 65; essere in possesso del titolo di studio di scuola media superiore; non aver subito condanna anche non definitiva a pena detentiva per delitto colposo e non essere stato sottoposto a misura di prevenzione; non aver subito condanna penale, anche non definita, a sanzioni amministrative per violazioni della normativa con finalità di salvaguardia del patrimonio storico, culturale, ambientale e naturalistico e relative all'attività faunistica-venatoria ed ittica; essere in possesso dell'idoneità allo svolgimento della attività di volontario ambientale accertata dal medico del distretto dell'asl competente. Non avere rapporti lavorativi con l azienda di igiene urbana operante sul territorio comunale. 6

7 Art 9. INCARICO DI ISPETTORE AMBIENTALE VOLONTARIO COMUNALE L incarico di Ispettore Ambientale Volontario Comunale è attribuito con provvedimento amministrativo del Sindaco con le modalità descritte nel precedente art. 7. Il Sindaco emanerà il provvedimento di nomina di Ispettore Volontario successivamente alla formulazione di una graduatoria di merito. E' considerato titolo preferenziale nella formulazione della graduatoria l appartenenza attuale o pregressa alle forze dell ordine. Nel decreto Sindacale sono indicati i contenuti della sfera operativa nell ambito territoriale di competenza. Il decreto ha durata annuale e può essere rinnovato, sospeso e revocato. All'Ispettore Ambientale Volontario comunale viene rilasciato apposito tesserino di riconoscimento che attesti l abilitazione all esercizio delle funzioni attribuite. L Ispettore Ambientale Volontario comunale nell espletamento del servizio è tenuto a portare con sé il tesserino di riconoscimento di cui al comma precedente e potrà indossare apposito indumento (pettorine fornite dal Comune) riportante l indicazione del Comune e la qualifica ricoperta. L espletamento del servizio è a carattere volontario e gratuito, senza che ciò dia in alcun modo luogo a costituzione di rapporto di lavoro o faccia sorgere diritti di qualsiasi natura ai sensi della L n Art 10. DOVERI DELL ISPETTORE AMBIENTALE L ispettore ambientale volontario comunale nell espletamento delle funzioni, deve: assicurare il servizio così come stabilito dal Comune tramite il responsabile; svolgere le proprie funzioni nei modi, orari e località di cui all eventuale ordine di servizio predisposto dal responsabile; operare con prudenza, diligenza e perizia; durante il servizio di vigilanza indossare, se in dotazione, la divisa assegnata; qualificarsi sempre, sia verbalmente, sia mediante presentazione del tesserino di riconoscimento; compilare in modo chiaro e completo i rapporti di servizio e di segnalazione secondo quanto disposto dalla vigente normativa facendoli pervenire con la massima tempestività al responsabile del servizio presso il Comune e comunque non oltre 24 ore dalla compilazione; usare con cura e diligenza, mezzi ed attrezzature eventualmente assegnati in dotazione; osservare il segreto d ufficio. Nell'arco della stessa giornata l' attività di volontario ambientale è incompatibile con altre attività di vigilanza volontaria; Se un volontario ha notizia di un reato nell'esercizio o a causa dell'attività di cui è incaricato è obbligato a darne immediatamente notizia al Comando di Polizia Locale o alla locale stazione CC. 7

8 E' fatto assoluto divieto all ispettore ambientale volontario comunale di espletare le sue funzioni in maniera indipendente da programmi di lavoro o in difformità dagli ordini di servizio predisposti dal Comune. Art 11. SOSPENSIONE E REVOCA DELL INCARICO Gli organi istituzionalmente preposti (Polizia Municipale Carabinieri Polizia di Stato Guardia di Finanza - Corpo Forestale dello Stato Polizia Provinciale, ecc.), possono segnalare al Sindaco le irregolarità riscontrate nello svolgimento dei compiti assegnati all Ispettore ambientale volontario comunale; di tali segnalazioni si terrà conto ai fini dell adozione di eventuali provvedimenti di sospensione o di revoca dall incarico. La eventuale segnalazione di violazioni dei doveri di istituto, effettuati i dovuti accertamenti dal responsabile gestionale e sentito l'interessato, comportano una sospensione dell'elettività per un periodo non superiore a mesi sei. In caso di reiterate violazioni dei doveri che abbiano già comportato la sospensione della attività, effettuati i dovuti accertamenti, il Responsabile proporrà al sindaco la revoca della Nomina. La revoca della Nomina può essere proposta per gravi motivi o anche per accertata inattività non dovuta a giustificati motivi. La revoca è d'ufficio al venir meno dei requisiti di cui all'art. 8 del presente disciplinare. Il Sindaco dispone la sospensione e la revoca dall incarico con decreto monocratico. Art 12. COMPITI DEL COMUNE Il Comune quale Ente organizzatore del servizio provvede con propri mezzi finanziari e anche con i mezzi finanziari eventualmente assegnati dalla Regione o da altri Enti, al corretto funzionamento del servizio. Le modalità di intervento e gestione delle procedure della vigilanza volontaria (dislocazione territoriale, orari di attività e di turno, programmi di attività e relative modalità, nonché le priorità operative e ricezione rapporti e accertamenti) sono individuate in capo al II Settore e devono essere svolte in sintonia con l'attività del Corpo di polizia Locale. Il Comandante del Corpo di P.L. esercita il controllo sul rispetto delle procedure in materia di Sanzioni Amministrative di cui alla legge 689/81. Il Comune stipulerà idonee coperture assicurative per infortuni, responsabilità civile verso terzi e assistenza legale connessa con l'attività di servizio di volontariato. ART. 13 PROCEDURA AMMINISTRATIVA E CONTENZIOSO 1. Il procedimento amministrativo derivante dall accertamento delle violazioni conseguente all attività degli Ispettori ambientali e che verrà svolto dagli organi competenti è regolato dalla L. n. 689 del 24 novembre La gestione dell intera fase amministrativa, di quella giurisdizionale e di quella dell eventuale recupero coattivo delle sanzioni amministrative non riscosse derivanti dall accertamento dell illecito amministrativo conseguente all attività di constatazione e di 8

9 riferimento delle violazioni dell Ispettore ambientale sono di competenza del Comune e sono attribuite al Corpo di Polizia Locale. 3. Le somme derivanti dall irrogazione delle sanzioni di cui all art. 261, comma 3, del D. Lgs. n. 152 del 3 aprile 2006 in materia d imballaggi e quelle delle sanzioni previste dal regolamento comunale vigente per la disciplina dei R.S.U. di cui all art. 198, comma 2 del D. Lgs. n. 152 del 3 aprile 2006 e dalle Ordinanze comunali in materia sono di competenza del Comune. ART. 14 RISERVATEZZA E PRIVACY NELL ATTIVITÀ DELL ISPETTORE AMBIENTALE 1. Gli Ispettori ambientali Volontari sono tenuti a svolgere la loro attività, che potrà riguardare anche operazioni di scambio informatico di dati nei confronti delle utenze e dei Comuni nel pieno rispetto di quanto previsto dalla L. 193 del 6 aprile 2006 e a mantenere riservati, pertanto, tutti i dati di qualsiasi natura di cui verranno a conoscenza, ferma restando la loro utilizzabilità limitatamente allo svolgimento delle funzioni a cui sono preposti. 2. Gli Ispettori ambientali si impegnano, inoltre, a mantenere riservati i dati economici, statistici, amministrativi e di qualunque altro tipo relativi al Comune sul cui territorio opereranno e dei quali verranno a conoscenza in relazione all effettuazione della loro attività. Art 15. ENTRATA IN VIGORE Il presente Regolamento solo a seguito dell approvazione da parte del Consiglio Comunale con propria deliberazione verrà pubblicato per 15 giorni all Albo Pretorio on line del Comune ed entrerà in vigore il giorno successivo all ultimo di tale pubblicazione. 9

C O M U N E D I M O D U G N O PROVINCIA DI BARI ******

C O M U N E D I M O D U G N O PROVINCIA DI BARI ****** C O M U N E D I M O D U G N O PROVINCIA DI BARI ****** REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE DELLA FIGURA DELL ISPETTORE AMBIENTALE VOLONTARIO COMUNALE PER IL SERVIZIO DI DIFESA AMBIENTALE E CONTROLLO, DEPOSITO,

Dettagli

Regolamento comunale **** REGOLAMENTO ISTITUZIONE ISPETTORE AMBIENTALE VOLONTARIO ****

Regolamento comunale **** REGOLAMENTO ISTITUZIONE ISPETTORE AMBIENTALE VOLONTARIO **** Regolamento comunale **** **** REGOLAMENTO ISTITUZIONE ISPETTORE AMBIENTALE VOLONTARIO DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE Numero 105 del 23-12-2014 C O M U N E D I SAN CATALDO (Provincia di Caltanissetta)

Dettagli

PROPOSTA DELIBERAZIONE DI GIUNTA

PROPOSTA DELIBERAZIONE DI GIUNTA PROPOSTA DELIBERAZIONE DI GIUNTA REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE DELLA FIGURA DELL ISPETTORE AMBIENTALE VOLONTARIO COMUNALE PER IL SERVIZIO DI DIFESA AMBIENTALE E CONTROLLO, DEPOSITO, GESTIONE, RACCOLTA

Dettagli

Regolamento per il Servizio di Volontariato di Difesa Ambientale e controllo, deposito, gestione, raccolta e smaltimento dei rifiuti

Regolamento per il Servizio di Volontariato di Difesa Ambientale e controllo, deposito, gestione, raccolta e smaltimento dei rifiuti Comune di Monteforte Irpino PROVINCIA DI AVELLINO Settore Ambiente Regolamento per il Servizio di Volontariato di Difesa Ambientale e controllo, deposito, gestione, raccolta e smaltimento dei rifiuti ^^^^

Dettagli

Provincia di Napoli. Regolamento per il Servizio di Volontariato di Difesa Ambientale ed Ispettore Volontario Ambientale

Provincia di Napoli. Regolamento per il Servizio di Volontariato di Difesa Ambientale ed Ispettore Volontario Ambientale Città di Giugliano incampania Provincia di Napoli Regolamento per il Servizio di Volontariato di Difesa Ambientale ed Ispettore Volontario Ambientale Approvato con Delibera del Commissario Straordinario

Dettagli

C O M U N E D I R A G A L N A PROVINCIA DI CATANIA ******

C O M U N E D I R A G A L N A PROVINCIA DI CATANIA ****** C O M U N E D I R A G A L N A PROVINCIA DI CATANIA ****** REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE DELLA FIGURA DELL ISPETTORE AMBIENTALE VOLONTARIO COMUNALE PER IL SERVIZIO DI VIGILANZA VOLONTARIA AMBIENTALE, DECORO

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI VOLONTARIATO DI DIFESA COMUNALE AMBIENTALE (Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 26 del 09 settembre

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI VOLONTARIATO DI DIFESA COMUNALE AMBIENTALE (Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 26 del 09 settembre REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI VOLONTARIATO DI DIFESA COMUNALE AMBIENTALE (Approvato con deliberazione ) 1 1. FINALITÀ Il Comune di Giffoni Valle Piana, istituisce e coordina il Servizio di Volontariato

Dettagli

Comune di San Giuliano Milanese

Comune di San Giuliano Milanese Comune di San Giuliano Milanese REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI GUARDIA ECOLOGICA VOLONTARIA COMUNALE E DELLA FIGURA DI ISPETTORE AMBIENTALE COMUNALE (Allegato alla deliberazione di Consiglio Comunale n. 40

Dettagli

COMUNE DI ALBANELLA (Provincia di Salerno) REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI VOLONTARIATO DI DIFESA AMBIENTALE

COMUNE DI ALBANELLA (Provincia di Salerno) REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI VOLONTARIATO DI DIFESA AMBIENTALE COMUNE DI ALBANELLA (Provincia di Salerno) REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI VOLONTARIATO DI DIFESA AMBIENTALE Approvato con delibera del Consiglio Comunale n. 11 del 30.04.2010 ART. 1 FINALITA Il COMUNE

Dettagli

Comune di Nola Provincia di Napoli

Comune di Nola Provincia di Napoli Comune di Nola Provincia di Napoli Approvato con Deliberazione Consiglio Comunale n. del INDICE Art. 1. Finalità 1. Il Comune di Nola, in virtù proprie competenze statuarie ed al fine di concorrere alla

Dettagli

CITTÀ DI AFRAGOLA Regolamento per l istituzione della figura di Ispettore Ambientale Comunale volontario

CITTÀ DI AFRAGOLA Regolamento per l istituzione della figura di Ispettore Ambientale Comunale volontario Regolamento per l istituzione della figura di Ispettore Ambientale Comunale volontario (approvato con Delibera di Consiglio Comunale n [ ] del [ ]) Art. 1. Finalità 1. Il Comune di Afragola, in virtù proprie

Dettagli

Regolamento per il Servizio di Ispettore Ambientale Volontario

Regolamento per il Servizio di Ispettore Ambientale Volontario Regolamento per il Servizio di Ispettore Ambientale Volontario I n d i c e Articolo 1 Finalità ed Istituzione pagina 3 Articolo 2 Definizione Ispettore Ambientale Volontario pagina 3 Articolo 3 Volontarietà

Dettagli

COMUNE DI MASCALUCIA

COMUNE DI MASCALUCIA COMUNE DI MASCALUCIA PROVINCIA DI CATANIA 1 CORSO DI FORMAZIONE PER ASPIRANTE ISPETTORE AMBIENTALE VOLONTARIO COMUNALE di cui alla delibera di Consiglio Comunale N. 79 del 25/10/2011 Dispensa N.1 REGOLAMENTO

Dettagli

COMUNE DI MERLINO PROVINCIA DI LODI REGOLAMENTO DEL SERVIZIO COMUNALE DI DIFESA AMBIENTALE

COMUNE DI MERLINO PROVINCIA DI LODI REGOLAMENTO DEL SERVIZIO COMUNALE DI DIFESA AMBIENTALE COMUNE DI MERLINO PROVINCIA DI LODI REGOLAMENTO DEL SERVIZIO COMUNALE DI DIFESA AMBIENTALE Approvato con Delibera Consiglio comunale n 24 del 25-06-2013 INDICE Art. 1 Art. 2 Art. 3 Art. 4 Art. 5 Art. 6

Dettagli

CONVENZIONE PER L ATTIVITA DI VIGILANZA DEGLI ISPETTORI AMBIENTALI DEL CIR33 NEL TERRITORIO DEL COMUNE DI JESI TRA PREMESSO CHE

CONVENZIONE PER L ATTIVITA DI VIGILANZA DEGLI ISPETTORI AMBIENTALI DEL CIR33 NEL TERRITORIO DEL COMUNE DI JESI TRA PREMESSO CHE CONVENZIONE PER L ATTIVITA DI VIGILANZA DEGLI ISPETTORI AMBIENTALI DEL CIR33 NEL TERRITORIO DEL COMUNE DI JESI TRA il CONSORZIO INTERCOMUNALE VALLESINA MISA (di seguito denominato CIR33) con sede a Jesi

Dettagli

Regolamento per il coordinamento delle attivita di vigilanza volontaria venatoria, ittica ed ecologica

Regolamento per il coordinamento delle attivita di vigilanza volontaria venatoria, ittica ed ecologica Regolamento per il coordinamento delle attivita di vigilanza volontaria venatoria, ittica ed ecologica Approvato dal Consiglio Provinciale con delibera n. 88 del 24.10.2005 In vigore dal 22/11/2005 ART.1

Dettagli

PROPOSTA DI DELIBERAZIONE

PROPOSTA DI DELIBERAZIONE COPIA SETTORE II C i t t à d i B a c o l i (Prov. di Napoli) DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 198 del 01.7.2014 OGGETTO: Proposta al Consiglio Comunale - Approvazione REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE

Dettagli

C O M U N E D I C O M U N E D I

C O M U N E D I C O M U N E D I C O M U N E D I C O M U N E D I CASTEL VOLTURNO MONDRAGONE PROVINCIA DI CASERTA BANDO DI SELEZIONE PUBBLICA PER LA PARTECIPAZIONE AL CORSO FINALIZZATO ALLA FORMAZIONE DI N. 80 SENTINELLE TERRITORIALI VOLONTARIE

Dettagli

C I T T A D I E R I C E AVVISO PUBBLICO (CONFORME ALLA DELIBERAZIONE DI GIUNTA COMUNALE N.53 DEL 18 MARZO 2015)

C I T T A D I E R I C E AVVISO PUBBLICO (CONFORME ALLA DELIBERAZIONE DI GIUNTA COMUNALE N.53 DEL 18 MARZO 2015) C I T T A D I E R I C E Città di Pace e per la Scienza -------------------------- SERVIZIO DI ISPETTORE VOLONTARIO AMBIENTALE COMUNALE -------- AVVISO PUBBLICO (CONFORME ALLA DELIBERAZIONE DI GIUNTA COMUNALE

Dettagli

REGOLAMENTO DELLE GUARDIE GIURATE VOLONTARIE

REGOLAMENTO DELLE GUARDIE GIURATE VOLONTARIE REGOLAMENTO DELLE GUARDIE GIURATE VOLONTARIE Approvato con delibera di C.P. n. 27 del 20.04.2009 ART. 1 PRINCIPI GENERALI 1. La Provincia riconosce l attività delle Guardie giurate volontarie; promuove

Dettagli

LEGGE REGIONALE N. 23 DEL 29-08-2006 REGIONE MOLISE ISTITUZIONE DEL SERVIZIO REGIONALE DI VIGILANZA AMBIENTALE VOLONTARIA.

LEGGE REGIONALE N. 23 DEL 29-08-2006 REGIONE MOLISE ISTITUZIONE DEL SERVIZIO REGIONALE DI VIGILANZA AMBIENTALE VOLONTARIA. LEGGE REGIONALE N. 23 DEL 29-08-2006 REGIONE MOLISE ISTITUZIONE DEL SERVIZIO REGIONALE DI VIGILANZA AMBIENTALE VOLONTARIA. Fonte: BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE MOLISE N. 25 del 1 settembre 2006 IL

Dettagli

L.R. 23 gennaio 1998, n. 7

L.R. 23 gennaio 1998, n. 7 L.R. 23 gennaio 1998, n. 7 Istituzione del servizio volontario di vigilanza ambientale. Art. 01 - Istituzione e finalità del Servizio Volontario di Vigilanza Ambientale 1. La Regione Toscana riconosce,

Dettagli

C I T T À DI SURBO Provincia di Lecce ~~~~~~o~~~~~~

C I T T À DI SURBO Provincia di Lecce ~~~~~~o~~~~~~ C I T T À DI SURBO Provincia di Lecce ~~~~~~o~~~~~~ REGOLAMENTO COMUNALE DEL SERVIZIO AUSILIARIO VOLONTARIO - Approvato con deliberazione C.C. n. 7 del 01.03.2013 - Modificato con deliberazione C.C. n.

Dettagli

BANDO PER LA PARTECIPAZIONE AD UN CORSO DI FORMAZIONE PER GUARDIE ECOLOGICHE VOLONTARIE NELL'AMBITO DEL PARCO DEL MONTE CUCCO

BANDO PER LA PARTECIPAZIONE AD UN CORSO DI FORMAZIONE PER GUARDIE ECOLOGICHE VOLONTARIE NELL'AMBITO DEL PARCO DEL MONTE CUCCO COMUNITA MONTANA ALTA UMBRIA BANDO PER LA PARTECIPAZIONE AD UN CORSO DI FORMAZIONE PER GUARDIE ECOLOGICHE VOLONTARIE NELL'AMBITO DEL PARCO DEL MONTE CUCCO (Legge Regionale 22 febbraio 1994, n. 4 Istituzione

Dettagli

COMUNE DI SANT ANGELO D ALIFE Provincia di Caserta

COMUNE DI SANT ANGELO D ALIFE Provincia di Caserta COMUNE DI SANT ANGELO D ALIFE Provincia di Caserta REGOLAMENTO COMUNALE PER L ISTITUZIONE DEL SERVIZIO VOLONTARIO NONNO VIGILE Approvato con deliberazione di Consiglio Comunale n. 7 del 28/04/2014 Pagina

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DEGLI AUSILIARI DEL TRAFFICO

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DEGLI AUSILIARI DEL TRAFFICO REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DEGLI AUSILIARI DEL TRAFFICO Articolo 1 Servizio degli Ausiliari del traffico 1. Il servizio degli Ausiliari del Traffico è disciplinato dal presente regolamento nel rispetto

Dettagli

Comune di Fermignano DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE

Comune di Fermignano DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE Comune di Fermignano Provincia di Pesaro e Urbino *** COPIA *** DELIBERAZIONE N 58 del 30/10/2014 Codice Comune 41014 DELIBERAZIONE DEL CONIGLIO COMUNALE Adunanza Ordinaria in 1 Convocazione OGGETTO: APPROVAZIONE

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA TUTELA IGIENICO-SANITARIA DEL SERVIZIO PER LO SMALTIMENTO DEI RIFIUTI 2 ART. 1 - OGGETTO DEL REGOLAMENTO 2 ART.

REGOLAMENTO PER LA TUTELA IGIENICO-SANITARIA DEL SERVIZIO PER LO SMALTIMENTO DEI RIFIUTI 2 ART. 1 - OGGETTO DEL REGOLAMENTO 2 ART. REGOLAMENTO PER LA TUTELA IGIENICO-SANITARIA DEL SERVIZIO PER LO SMALTIMENTO DEI RIFIUTI 2 ART. 1 - OGGETTO DEL REGOLAMENTO 2 ART. 2 - TUTELA SANITARIA DEL PERSONALE ADDETTO AL SERVIZIO 2 ART. 3 - DISINFEZIONE

Dettagli

REGOLAMENTO TUTELA IGIENICO-SANITARIA SERVIZIO SMALTIMENTO RIFIUTI

REGOLAMENTO TUTELA IGIENICO-SANITARIA SERVIZIO SMALTIMENTO RIFIUTI REGOLAMENTO TUTELA IGIENICO-SANITARIA SERVIZIO SMALTIMENTO RIFIUTI Approvato con delibera di C.C. n.28 del 12/09/1983 Art.1 OGGETTO DEL REGOLAMENTO Il presente regolamento ha per oggetto la tutela igienico-sanitaria

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL COORDINAMENTO DELLE GUARDIE VENATORIE VOLONTARIE DELLA PROVINCIA DI AREZZO

REGOLAMENTO PER IL COORDINAMENTO DELLE GUARDIE VENATORIE VOLONTARIE DELLA PROVINCIA DI AREZZO REGOLAMENTO PER IL COORDINAMENTO DELLE GUARDIE VENATORIE VOLONTARIE DELLA PROVINCIA DI AREZZO Approvato con delibera C.P. n. 51 del 07/05/1998 Art.1 Servizio di vigilanza volontaria La Provincia di Arezzo

Dettagli

Istituzione della figura di Agente Ambientale.

Istituzione della figura di Agente Ambientale. Estratto del verbale della seduta della Giunta Comunale NUMERO DI REGISTRO SEDUTA DEL 7 21 gennaio 2015 Oggetto : Istituzione della figura di Agente Ambientale. Il giorno 21 gennaio 2015 in Cremona, con

Dettagli

Comune di Marigliano Provincia di Napoli

Comune di Marigliano Provincia di Napoli Comune di Marigliano Provincia di Napoli DETERMINAZIONE del V SETTORE: RESPONSABILE DEL SETTORE: arch. Elisabetta Bellonato Registro Generale n. 1226 del 25/11/15 Registro Settore n. 185 del 24.11.2015

Dettagli

PROVINCIA DI RAVENNA. REGOLAMENTO per la disciplina del coordinamento DELLA VIGILANZA VOLONTARIA FAUNISTICO-VENATORIA, ITTICA

PROVINCIA DI RAVENNA. REGOLAMENTO per la disciplina del coordinamento DELLA VIGILANZA VOLONTARIA FAUNISTICO-VENATORIA, ITTICA PROVINCIA DI RAVENNA REGOLAMENTO per la disciplina del coordinamento DELLA VIGILANZA VOLONTARIA FAUNISTICO-VENATORIA, ITTICA Art.1 Principi generali 1. La Provincia di Ravenna, allo scopo di realizzare

Dettagli

Comune di Falconara Marittima (Provincia di Ancona)

Comune di Falconara Marittima (Provincia di Ancona) CONSIGLIO COMUNALE Seduta del Comune di OGGETTO N 0: MODIFICA DEL REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELLA RACCOLTA, DEL TRASPORTO E DELLO SMALTIMENTO DEI RIFIUTI URBANI ED ASSIMILATI AGLI URBANI:

Dettagli

(Città Metropolitana di Napoli) SETTORE V

(Città Metropolitana di Napoli) SETTORE V Prot. n.22168 del 24.11.2015 C i t t à d i M a r i g l i a n o (Città Metropolitana di Napoli) SETTORE V Avviso pubblico per l'acquisizione di manifestazione di interesse da parte delle Associazioni di

Dettagli

SERVIZI AI CITTADINI E ALLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI AVVISO PUBBLICO SELEZIONE PUBBLICA PER TITOLI, COLLOQUIO E PROVA PRATICA

SERVIZI AI CITTADINI E ALLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI AVVISO PUBBLICO SELEZIONE PUBBLICA PER TITOLI, COLLOQUIO E PROVA PRATICA AVVISO PUBBLICO SELEZIONE PUBBLICA PER TITOLI, COLLOQUIO E PROVA PRATICA FINALIZZATA ALL ASSUNZIONE DI PERSONALE DIPENDENTE CON CONTRATTO A TEMPO DETERMINATO E A TEMPO PARZIALE La S.T.S. Società Tuscolana

Dettagli

Allegato alla delibera di Giunta Comunale del 24.06.2015 n. 126. SCHEMA DI CONVENZIONE Comune di Pontecagnano Faiano E L'Associazione ANPANA - OEPA

Allegato alla delibera di Giunta Comunale del 24.06.2015 n. 126. SCHEMA DI CONVENZIONE Comune di Pontecagnano Faiano E L'Associazione ANPANA - OEPA Allegato alla delibera di Giunta Comunale del 24.06.2015 n. 126 SCHEMA DI CONVENZIONE Comune di Pontecagnano Faiano E L'Associazione ANPANA - OEPA L'anno addi il giorno del mese di Pontecagnano Paiano

Dettagli

COMUNE DI CAPANNOLI PROVINCIA DI PISA

COMUNE DI CAPANNOLI PROVINCIA DI PISA COMUNE DI CAPANNOLI PROVINCIA DI PISA Regolamento per l'istituzione e la gestione del Servizio di Volontariato Civico Art. 1 - Principi Generali 1. Il Presente regolamento istituisce e disciplina lo svolgimento

Dettagli

REGOLAMENTO 9 gennaio 2014, n. 1. PROCEDURE PER LA NOMINA E L IMPIEGO DELLE GUARDIE ZOOFILE" (legge regionale n. 16 del 2001) LA GIUNTA REGIONALE

REGOLAMENTO 9 gennaio 2014, n. 1. PROCEDURE PER LA NOMINA E L IMPIEGO DELLE GUARDIE ZOOFILE (legge regionale n. 16 del 2001) LA GIUNTA REGIONALE REGOLAMENTO 9 gennaio 2014, n. 1 PROCEDURE PER LA NOMINA E L IMPIEGO DELLE GUARDIE ZOOFILE" (legge regionale n. 16 del 2001) LA GIUNTA REGIONALE ha deliberato IL PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE visto

Dettagli

SETTORE ANTIBRACCONAGGIO

SETTORE ANTIBRACCONAGGIO SETTORE ANTIBRACCONAGGIO SERVIZIO NAZIONALE VIGILANZA AMBIENTALE ITTICO VENATORIA REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DELLE GUARDIE PARTICOLARI GIURATE VOLONTARIE DELLA L.I.P.U. Art. 1 L attività delle guardie

Dettagli

GUARDIE ECOLOGICHE VOLONTARIE REGOLAMENTO DI SERVIZIO. Sommario

GUARDIE ECOLOGICHE VOLONTARIE REGOLAMENTO DI SERVIZIO. Sommario GUARDIE ECOLOGICHE VOLONTARIE REGOLAMENTO DI SERVIZIO Sommario Art. 1 - Organizzazione del Servizio Art. 2 - Disposizioni Generali Art. 3 - Finalità del Servizio Art. 4 - Modalità di Accesso Art. 5 - Funzioni

Dettagli

COMUNE DI NONE Provincia di Torino

COMUNE DI NONE Provincia di Torino COMUNE DI NONE Provincia di Torino REGOLAMENTO PER L INSTALLAZIONE E L UTILIZZO D IMPIANTI DI VIDEOSORVEGLIANZA 1 INDICE Articolo 1 Articolo 2 Articolo 3 Articolo 4 Articolo 5 Articolo 6 Articolo 7 Articolo

Dettagli

Comune di Eboli SETTORE AMBIENTE E MANUTENZIONE. Il Responsabile REGISTRO GENERALE. N 1086 del 01/07/2014 DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE

Comune di Eboli SETTORE AMBIENTE E MANUTENZIONE. Il Responsabile REGISTRO GENERALE. N 1086 del 01/07/2014 DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE REGISTRO GENERALE N 1086 del 01/07/2014 SETTORE AMBIENTE E MANUTENZIONE DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE REGISTRO SETTORE N 248 DEL 01/07/2014 CORSO TEORICO-PRATICO FINALIZZATO ALLA FORMAZIONE DI ISPETTORI

Dettagli

PROVINCIA DI SONDRIO Polizia Provinciale REGOLAMENTO PER IL COORDINAMENTO DELL ATTIVITA DI VIGILANZA VOLONTARIA ITTICO-VENATORIA E FAUNISTICA

PROVINCIA DI SONDRIO Polizia Provinciale REGOLAMENTO PER IL COORDINAMENTO DELL ATTIVITA DI VIGILANZA VOLONTARIA ITTICO-VENATORIA E FAUNISTICA PROVINCIA DI SONDRIO Polizia Provinciale REGOLAMENTO PER IL COORDINAMENTO DELL ATTIVITA DI VIGILANZA VOLONTARIA ITTICO-VENATORIA E FAUNISTICA ART. 1 FINALITA L attività di vigilanza ittico-venatoria e

Dettagli

CITTA DI SAN DONATO MILANESE

CITTA DI SAN DONATO MILANESE CITTA DI SAN DONATO MILANESE PROVINCIA DI MILANO REGOLAMENTO PER L INSTALLAZIONE E L UTILIZZO DELL IMPIANTO DI VIDEOSORVEGLIANZA DEL TERRITORIO Approvato con deliberazione di Consiglio Comunale n. 22 del

Dettagli

PROVINCIA DI TRIESTE REGOLAMENTO DI VIGILANZA VOLONTARIA

PROVINCIA DI TRIESTE REGOLAMENTO DI VIGILANZA VOLONTARIA PROVINCIA DI TRIESTE REGOLAMENTO DI VIGILANZA VOLONTARIA ART. 1 Disposizioni generali La Provincia di Trieste, valorizza e favorisce lo sviluppo della funzione del volontariato allo scopo di promuovere

Dettagli

Doc: REGGVV_006/QTXTSRCOLD/CAF pag. 1

Doc: REGGVV_006/QTXTSRCOLD/CAF pag. 1 REGOLAMENTO DI SERVIZIO DELLE GUARDIE GIURATE VOLONTARIE FAUNISTICO-VENATORIE ED ITTICHE DELLA PROVINCIA DI TREVISO ART. 1 COSTITUZIONE 1. E' istituito il Coordinamento Provinciale delle Guardie Volontarie,

Dettagli

COMUNE DI SAN MARTINO SICCOMARIO PROVINCIA DI PAVIA REGOLAMENTO COMUNALE GRUPPO VOLONTARI CIVICI

COMUNE DI SAN MARTINO SICCOMARIO PROVINCIA DI PAVIA REGOLAMENTO COMUNALE GRUPPO VOLONTARI CIVICI COMUNE DI SAN MARTINO SICCOMARIO PROVINCIA DI PAVIA REGOLAMENTO COMUNALE GRUPPO VOLONTARI CIVICI APPROVATO CON DELIBERAZIONE DI CONSIGLIO COMUNALE N. 10 DEL 29.04.2013 I N D I C E Art. 1 - OGGETTO DEL

Dettagli

Comune di Bosisio Parini Provincia di Lecco

Comune di Bosisio Parini Provincia di Lecco Comune di Bosisio Parini Provincia di Lecco 15 CENSIMENTO GENERALE DELLA POPOLAZIONE E DELLE ABITAZIONI (ottobre 2011 febbraio 2012) AVVISO DI SELEZIONE PUBBLICA PER SOLI TITOLI FINALIZZATA ALLA FORMAZIONE

Dettagli

COMUNE DI VIGODARZERE

COMUNE DI VIGODARZERE COMUNE DI VIGODARZERE Provincia di Padova CONVENZIONE TRA IL COMUNE DI VIGODARZERE E L ASSOCIAZIONE GADIT GUARDIE AMBIENTALI D ITALIA COMANDO DI PADOVA. L anno 2013, addì del mese di in Vigodarzere, nei

Dettagli

2. Requisiti per l ammissione alla selezione Per l ammissione alla selezione è richiesto il possesso dei seguenti requisiti:

2. Requisiti per l ammissione alla selezione Per l ammissione alla selezione è richiesto il possesso dei seguenti requisiti: SELEZIONE PER TITOLI ED ESAMI PER LA FORMAZIONE DI UNA GRADUATORIA PER L ASSUNZIONE A TEMPO DETERMINATO O INDETERMINATO CON CONTRATTO DI LAVORO PART-TIME O FULL TIME DI PERSONALE CON QUALIFICA DI IMPIEGATO

Dettagli

vt.it integrazioni, DM

vt.it integrazioni, DM Comune di Marta Provincia di Viterbo Piazza Umberto I n.1 01010 Marta (VT) Tel. 0769187381 Fax 0761873828 Sito web www.comune.marta. vt.it Regolamento sulla gestione dell ecocentro comunale per la raccolta

Dettagli

COMUNE DI CERNUSCO SUL NAVIGLIO

COMUNE DI CERNUSCO SUL NAVIGLIO 1 COMUNE DI REGOLAMENTO PER L ASSEGNAZIONE DEGLI SPAZI PRESSO LA CASA DELLE ASSOCIAZIONI Via Buonarroti APPROVATO CON DELIBERAZIONE DI CONSIGLIO COMUNALE N. 95 DEL 18/12/2014 1 2 Indice TITOLO I Principi

Dettagli

REGOLAMENTO PER LE GUARDIE ITTICHE VOLONTARIE (GIV) DEL CONSORZIO REGIONALE PER LA TUTELA, L INCREMENTO E L ESERCIZIO DELLA PESCA VALLE D AOSTA.

REGOLAMENTO PER LE GUARDIE ITTICHE VOLONTARIE (GIV) DEL CONSORZIO REGIONALE PER LA TUTELA, L INCREMENTO E L ESERCIZIO DELLA PESCA VALLE D AOSTA. CONSORZIO REGIONALE PER LA TUTELA, L INCREMENTO E L ESERCIZIO DELLA PESCA -VALLE D AOSTA COMITÉ RÉGIONAL POUR LA PROTECTION, L EXPANSION ET LA PRATIQUE DE LA PÊCHE -VALLÉE D AOSTE REGOLAMENTO PER LE GUARDIE

Dettagli

Legge Regionale Sardegna 22/8/2007 n. 9 (B.U.R 31/8/2007 n. 28) Norme in materia di polizia locale e politiche regionali per la sicurezza

Legge Regionale Sardegna 22/8/2007 n. 9 (B.U.R 31/8/2007 n. 28) Norme in materia di polizia locale e politiche regionali per la sicurezza Legge Regionale Sardegna 22/8/2007 n. 9 (B.U.R 31/8/2007 n. 28) Norme in materia di polizia locale e politiche regionali per la sicurezza Articolo 1 - Oggetto e finalità Oggetto e finalità 1. La presente

Dettagli

COMPETENZE DELLE GUARDIE ECOLOGICHE VOLONTARIE ex art. 37 l.r. 32/1982 (Norme per la conservazione del patrimonio naturale e dell'assetto ambientale)

COMPETENZE DELLE GUARDIE ECOLOGICHE VOLONTARIE ex art. 37 l.r. 32/1982 (Norme per la conservazione del patrimonio naturale e dell'assetto ambientale) Direzione Ambiente Settore Sostenibilità, Salvaguardia ed Educazione Ambientale COMPETENZE DELLE GUARDIE ECOLOGICHE VOLONTARIE ex art. 37 l.r. 32/1982 (Norme per la conservazione del patrimonio naturale

Dettagli

DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE DEL SERVIZIO CACCIA E PESCA. N. 1000 /28 Reg. Deter. Data: 02/04/2007

DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE DEL SERVIZIO CACCIA E PESCA. N. 1000 /28 Reg. Deter. Data: 02/04/2007 Provincia di Foggia DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE DEL SERVIZIO CACCIA E PESCA N. 1000 /28 Reg. Deter. Data: 02/04/2007 Oggetto: Riconoscimento nomina delle guardie venatorie volontarie (L. 157/92 art.

Dettagli

COMUNE DI FONTANELLA - Provincia di Bergamo -

COMUNE DI FONTANELLA - Provincia di Bergamo - Allegato alla deliberazione Consiglio comunale n. 4 dell 11.02.2012 Il Segretario Comunale COMUNE DI FONTANELLA - Provincia di Bergamo - REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE E LA DISCIPLINA DEL SERVIZIO DI VOLONTARIATO

Dettagli

Deliberazione della Giunta Regionale 14 febbraio 2005 n. 279. Direttiva in applicazione dell art. 8 della L.R. 24/2003: Utilizzazione del volontariato

Deliberazione della Giunta Regionale 14 febbraio 2005 n. 279. Direttiva in applicazione dell art. 8 della L.R. 24/2003: Utilizzazione del volontariato Deliberazione della Giunta Regionale 14 febbraio 2005 n. 279 Direttiva in applicazione dell art. 8 della L.R. 24/2003: Utilizzazione del volontariato Prot. n. (SPS/05/3013) LA GIUNTA DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA

Dettagli

Regolamento per il reclutamento del personale. (approvato dal Consiglio di Amministrazione con delibera n. 2 del verbale n. 93 del 10.05.

Regolamento per il reclutamento del personale. (approvato dal Consiglio di Amministrazione con delibera n. 2 del verbale n. 93 del 10.05. Regolamento per il reclutamento del personale (approvato dal Consiglio di Amministrazione con delibera n. 2 del verbale n. 93 del 10.05.2011) 1. PREMESSE In attuazione delle disposizioni di cui all'art.

Dettagli

E.N.D.A.S. Taranto Socialpoint Sava

E.N.D.A.S. Taranto Socialpoint Sava E.N.D.A.S. Taranto Socialpoint Sava La Guardia Ecologica Volontaria La L.R. n. 10/2003 Istituzione del servizio volontario di vigilanza ecologica riconosce la funzione del volontariato ambientale e ne

Dettagli

COMUNE DI VALENZA Provincia di Alessandria. REGOLAMENTO di MOBILITA ESTERNA

COMUNE DI VALENZA Provincia di Alessandria. REGOLAMENTO di MOBILITA ESTERNA COMUNE DI VALENZA Provincia di Alessandria REGOLAMENTO di MOBILITA ESTERNA TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI Articolo 1 Oggetto del regolamento TITOLO II MOBILITA ESTERNA Articolo 2 Le assunzioni tramite

Dettagli

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DEL CENTRO DI RACCOLTA DEI COMUNI DI ZOLA PREDOSA E CASALECCHIO DI RENO E PER L ATTRIBUZIONE DI PREMI PER LA RACCOLTA

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DEL CENTRO DI RACCOLTA DEI COMUNI DI ZOLA PREDOSA E CASALECCHIO DI RENO E PER L ATTRIBUZIONE DI PREMI PER LA RACCOLTA REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DEL CENTRO DI RACCOLTA DEI COMUNI DI ZOLA PREDOSA E CASALECCHIO DI RENO E PER L ATTRIBUZIONE DI PREMI PER LA RACCOLTA DIFFERENZIATA DEI RIFIUTI URBANI E ASSIMILATI. Approvato

Dettagli

COMUNE DI FANO PROVINCIA DI PESARO URBINO. Regolamento comunale per la disciplina della videosorveglianza

COMUNE DI FANO PROVINCIA DI PESARO URBINO. Regolamento comunale per la disciplina della videosorveglianza COMUNE DI FANO PROVINCIA DI PESARO URBINO Regolamento comunale per la disciplina della videosorveglianza Indice generale Art. 1 Oggetto e norme di riferimento...2 Art. 2 Definizioni...2 Art. 3 Finalità,

Dettagli

BANDO PER L ISTITUZIONE DEL CORSO DI FORMAZIONE E AGGIORNAMENTO PER GUARDIE ECOLOGICHE VOLONTARIE ai sensi della L.R. del 28 febbraio 2005 n.

BANDO PER L ISTITUZIONE DEL CORSO DI FORMAZIONE E AGGIORNAMENTO PER GUARDIE ECOLOGICHE VOLONTARIE ai sensi della L.R. del 28 febbraio 2005 n. BANDO PER L ISTITUZIONE DEL CORSO DI FORMAZIONE E AGGIORNAMENTO PER GUARDIE ECOLOGICHE VOLONTARIE ai sensi della L.R. del 28 febbraio 2005 n.9 modificata e integrata dalla L.R. n.14 del 06 maggio 2008

Dettagli

Comune di Centallo REGOLAMENTO PER L INSTALLAZIONE E L UTILIZZO D IMPIANTI DI VIDEOSORVEGLIANZA

Comune di Centallo REGOLAMENTO PER L INSTALLAZIONE E L UTILIZZO D IMPIANTI DI VIDEOSORVEGLIANZA Comune di Centallo REGOLAMENTO PER L INSTALLAZIONE E L UTILIZZO D IMPIANTI DI VIDEOSORVEGLIANZA APPROVATO CON DELIBERAZIONE DI CONSIGLIO COMUNALE N. 33 DEL 26.07.2006 1 Comune di Centallo REGOLAMENTO PER

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE GRIMOLDI, MATTEO BRAGANTINI

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE GRIMOLDI, MATTEO BRAGANTINI Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 1079 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEI DEPUTATI GRIMOLDI, MATTEO BRAGANTINI Istituzione del Registro nazionale delle guardie particolari

Dettagli

Comune di Greve in Chianti Provincia di Firenze

Comune di Greve in Chianti Provincia di Firenze SETTORE N. 1 SERVIZI AL CITTADINO E AFFARI GENERALI DETERMINAZIONE N. 35 DEL 7 LUGLIO 2011 Prot. Gen. 246 OGGETTO: 15 Censimento generale della popolazione e delle abitazioni. Bando di selezione per rilevatori

Dettagli

I corso di formazione. Guardie Ecologiche Volontarie

I corso di formazione. Guardie Ecologiche Volontarie I corso di formazione per aspiranti Guardie Ecologiche Volontarie Il Consorzio Parco del Rio Vallone organizza il primo corso di formazione per aspiranti Guardie Ecologiche Volontarie, come previsto dalla

Dettagli

REGOLAMENTO RECANTE DISPOSIZIONI SULLE MODALITÀ DI ACCESSO DALL ESTERNO AI POSTI DI PERSONALE TECNICO E AMMINISTRATIVO 22 2007, 1027) INDICE

REGOLAMENTO RECANTE DISPOSIZIONI SULLE MODALITÀ DI ACCESSO DALL ESTERNO AI POSTI DI PERSONALE TECNICO E AMMINISTRATIVO 22 2007, 1027) INDICE REGOLAMENTO RECANTE DISPOSIZIONI SULLE MODALITÀ DI ACCESSO DALL ESTERNO AI POSTI DI PERSONALE TECNICO E AMMINISTRATIVO (modificato con decreto rettorale 22 ottobre 2007, n. 1027) INDICE Articolo 1 (Criteri

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE DI DISCIPLINA DELL ATTIVITA DEL GRUPPO VOLONTARI CIVICI DEL COMUNE DI TRIUGGIO

REGOLAMENTO COMUNALE DI DISCIPLINA DELL ATTIVITA DEL GRUPPO VOLONTARI CIVICI DEL COMUNE DI TRIUGGIO REGOLAMENTO COMUNALE DI DISCIPLINA DELL ATTIVITA DEL GRUPPO VOLONTARI CIVICI DEL COMUNE DI TRIUGGIO Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 11 del 26/03/2015 1 ARTICOLO 1 Oggetto 1. Il presente

Dettagli

PROGETTO NONNI VIGILI AVVISO PUBBLICO PER CONFERIMENTO INCARICO AD ANZIANI VOLONTARI PER LA VIGILANZA NEI PRESSI DELLE SCUOLE.

PROGETTO NONNI VIGILI AVVISO PUBBLICO PER CONFERIMENTO INCARICO AD ANZIANI VOLONTARI PER LA VIGILANZA NEI PRESSI DELLE SCUOLE. Città di Martano Prov. di Lecce Хώρα Μαρτάνα Ελλάς τόυ ερεντόυ Via G. Marconi n.21-73025 telefax 0836-575288 http://comune.martano.le.it/ mailto:poliziamunicipale@comune.martano.le.it COMANDO POLIZIA MUNICIPALE

Dettagli

COMUNE DI SAN POLO DEI CAVALIERI

COMUNE DI SAN POLO DEI CAVALIERI COMUNE DI SAN POLO DEI CAVALIERI (Provincia di Roma) REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE E LA GESTIONE DEL SERVIZIO DEL VOLONTARIATO CIVICO COMUNALE Approvato con Deliberazione del Consiglio Comunale n.35 del

Dettagli

OGGETTO REQUISITI DI PARTECIPAZIONE EVENTUALI TITOLI PREFERENZIALI

OGGETTO REQUISITI DI PARTECIPAZIONE EVENTUALI TITOLI PREFERENZIALI AVVISO PUBBLICO PER LA STIPULA DI CONVENZIONI CON LE ASSOCIAZIONI DI VOLONTARIATO Per la collaborazione con la Polizia Municipale (giusta delibera di Giunta Comunale n 131 del 29/07/2014), nell ambito

Dettagli

Comune di San Bassano

Comune di San Bassano Comune di San Bassano Provincia di Cremona Piazza Comune n. 5 26020 San Bassano (CR) C.F. e P.IVA 00298350190 (TEL. 0374/373566 int..3 FAX 0374/373234) AVVISO DI SELEZIONE PER RECLUTAMENTO DI PERSONALE

Dettagli

AVVISO PUBBLICO PER LA DESIGNAZIONE DEL COLLEGIO SINDACALE DELLA SOCIETA CAPITALE LAVORO S.P.A. LA CITTA METROPOLITANA DI ROMA CAPITALE

AVVISO PUBBLICO PER LA DESIGNAZIONE DEL COLLEGIO SINDACALE DELLA SOCIETA CAPITALE LAVORO S.P.A. LA CITTA METROPOLITANA DI ROMA CAPITALE AVVISO PUBBLICO PER LA DESIGNAZIONE DEL COLLEGIO SINDACALE DELLA SOCIETA CAPITALE LAVORO S.P.A. LA CITTA METROPOLITANA DI ROMA CAPITALE VISTI - l art. 50, comma 8, del D.Lgs. 267/2000 Testo Unico delle

Dettagli

Approvato con delibera di C.C. n. 9 del 09.04.2014

Approvato con delibera di C.C. n. 9 del 09.04.2014 Approvato con delibera di C.C. n. 9 del 09.04.2014 COMUNE DI MORGANO PROVINCIA DI TREVISO Sede Municipale BADOERE Piazza Indipendenza, 2 CAP 31050 CF 80006320263 tel. 0422.8378 fax 0422.739573 P.IVA 00755130267

Dettagli

REGOLAMENTO DELL ALBO COMUNALE DEL VOLONTARIATO (Approvato con Delibera di Consiglio Comunale n 64 del 26/11/2012)

REGOLAMENTO DELL ALBO COMUNALE DEL VOLONTARIATO (Approvato con Delibera di Consiglio Comunale n 64 del 26/11/2012) REGOLAMENTO DELL ALBO COMUNALE DEL VOLONTARIATO (Approvato con Delibera di Consiglio Comunale n 64 del 26/11/2012) b) promuove il contributo del volontariato al conseguimento dei fini istituzionali dei

Dettagli

CITTA DI MEDE COMANDO POLIZIA LOCALE REGOLAMENTO DEL GRUPPO DEI VOLONTARI CIVICI PER LA SICUREZZA - CITTA DI MEDE -

CITTA DI MEDE COMANDO POLIZIA LOCALE REGOLAMENTO DEL GRUPPO DEI VOLONTARI CIVICI PER LA SICUREZZA - CITTA DI MEDE - CITTA DI MEDE COMANDO POLIZIA LOCALE ***************************************************** REGOLAMENTO DEL GRUPPO DEI VOLONTARI CIVICI PER LA SICUREZZA - CITTA DI MEDE - *****************************************************

Dettagli

REGOLAMENTO SAN PANCRAZIO SALENTINO

REGOLAMENTO SAN PANCRAZIO SALENTINO REGOLAMENTO SULLA MOBILITA INTERNA DEL C O M U N E DI SAN PANCRAZIO SALENTINO (Approvato con deliberazione della Giunta Comunale n. 95 del 26 luglio 2007) 1 INDICE SISTEMATICO Art. 1 Individuazione e definizione

Dettagli

I L RESPONSABILE DELL UFFICIO COMUNALE DI CENSIMENTO

I L RESPONSABILE DELL UFFICIO COMUNALE DI CENSIMENTO ---- Avviso interno per la selezione di rilevatori per il 15 Censimento Generale della Popolazione e delle Abitazioni I L RESPONSABILE DELL UFFICIO COMUNALE DI CENSIMENTO Visto l art. 50 del D.L. 31 maggio

Dettagli

G.E.Z.A GUARDIE AMBIENTALI DEL MEDITERRANEO www.associazionegeza.altervista.org

G.E.Z.A GUARDIE AMBIENTALI DEL MEDITERRANEO www.associazionegeza.altervista.org G.E.Z.A GUARDIE AMBIENTALI DEL MEDITERRANEO www.associazionegeza.altervista.org presidenzageza@gmail.com REGOLAMENTO INTERNO ART. 1 Direzione Nazionale E costituita la Direzione Nazionale delle (GEZA)

Dettagli

REGOLAMENTO DEL GRUPPO COMUNALE VOLONTARI DI PROTEZIONE CIVILE

REGOLAMENTO DEL GRUPPO COMUNALE VOLONTARI DI PROTEZIONE CIVILE REGOLAMENTO DEL GRUPPO COMUNALE VOLONTARI DI PROTEZIONE CIVILE Art. 1 - COSTITUZIONE GRUPPO E' costituito il Gruppo Comunale di Volontariato di Protezione Civile del Comune di Castelleone denominato CASTRUM

Dettagli

COMUNE DI VERTEMATE CON MINOPRIO REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELL'ATTIVITA' DEL GRUPPO VOLONTARI CIVICI

COMUNE DI VERTEMATE CON MINOPRIO REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELL'ATTIVITA' DEL GRUPPO VOLONTARI CIVICI COMUNE DI VERTEMATE CON MINOPRIO REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELL'ATTIVITA' DEL GRUPPO VOLONTARI CIVICI Approvato dal Consiglio Comunale con la deliberazione n. 32 del30/10/2014 Art. 1 - Valorizzazione

Dettagli

COMUNE di CICAGNA. Registro Generale n. 1 ORDINANZA DEL SINDACO N. 1 DEL 22-01-2016

COMUNE di CICAGNA. Registro Generale n. 1 ORDINANZA DEL SINDACO N. 1 DEL 22-01-2016 COMUNE di CICAGNA PROVINCIA di GENOVA Viale Italia, 25 16044 CICAGNA C.F. 00945110104 P.I. 00174060996 Tel. 0185 92103/92130/971154 Telefax 0185 929954 e-mail SINDACO: sindaco@comune.cicagna.ge.it PEC

Dettagli

COMUNE DI GIOIA DEL COLLE (Provincia di Bari)

COMUNE DI GIOIA DEL COLLE (Provincia di Bari) COMUNE DI GIOIA DEL COLLE (Provincia di Bari) REGOLAMENTO COMUNALE DEL SERVIZIO VOLONTARIO DEL NONNO VIGILE (Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 50 del 5.7.2011) ART. 1 Premessa Con l

Dettagli

Via Roma n. 101 59100 Prato Tel. 0574-1836425 Fax 0574-1836424 sociale@comune.prato.it Posta certificata: comune.prato@postacert.toscana.

Via Roma n. 101 59100 Prato Tel. 0574-1836425 Fax 0574-1836424 sociale@comune.prato.it Posta certificata: comune.prato@postacert.toscana. SERVIZIO SOCIALE E SANITA Via Roma n. 101 59100 Prato Tel. 0574-1836425 Fax 0574-1836424 sociale@comune.prato.it Posta certificata: comune.prato@postacert.toscana.it SELEZIONE PUBBLICA PER FORMAZIONE GRADUATORIA

Dettagli

REGIONE MARCHE 1 CONSIGLIO REGIONALE VIII LEGISLATURA DOCUMENTI PROPOSTE DI LEGGE E DI ATTO AMMINISTRATIVO RELAZIONI. (Seduta del 16 novembre 2005)

REGIONE MARCHE 1 CONSIGLIO REGIONALE VIII LEGISLATURA DOCUMENTI PROPOSTE DI LEGGE E DI ATTO AMMINISTRATIVO RELAZIONI. (Seduta del 16 novembre 2005) REGIONE MARCHE 1 CONSIGLIO REGIONALE Relazione della IV Commissione permanente ASSETTO TERRITORIALE ED AMBIENTALE; URBANISTICA; ECOLOGIA; ACQUEDOTTI; LAVORI PUBBLICI; VIABILITA E TRASPORTI; CAVE E TORBIERE

Dettagli

Regolamento per il coordinamento della vigilanza volontaria

Regolamento per il coordinamento della vigilanza volontaria Regolamento per il coordinamento della vigilanza volontaria Testo approvato con delibera Consiliare n. 81 del 12.5.03 Art. 1 SERVIZIO DI VIGILANZA VOLONTARIA 1. L'Amministrazione Provinciale di Firenze

Dettagli

CITTA MANFREDONIA Provincia di Foggia

CITTA MANFREDONIA Provincia di Foggia CITTA MANFREDONIA Provincia di Foggia 2 SETTORE ATTUAZIONE POLITICHE PER LO SVILUPPO ECONOMICO E L OCCUPAZIONE 2 SERVIZIO Risorse Umane e Servizio Civile BANDO PER LA SELEZIONE DI N.10 VOLONTARI PER IL

Dettagli

REGOLAMENTO GRUPPO COMUNALE VOLONTARI CIVICI CENTALLO EVENTI

REGOLAMENTO GRUPPO COMUNALE VOLONTARI CIVICI CENTALLO EVENTI CONSIGLIO COMUNALE DELIBERAZIONE N. 39 DEL 27.05.2011 AD OGGETTO: ADOZIONE REGOLAMENTO GRUPPO COMUNALE VOLONTARI CIVICI CENTALLO EVENTI. REGOLAMENTO GRUPPO COMUNALE VOLONTARI CIVICI CENTALLO EVENTI Art.

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DI BORSE DI STUDIO

REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DI BORSE DI STUDIO REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DI BORSE DI STUDIO 1 INDICE Art.1 Art.2 PREMESSA ISTITUZIONE ART.3 MODALITA DI ASSEGNAZIONE DELLE BORSE DI STUDIO ART.4 DISPOSIZIONI GENERALI DEL BANDO ART.5 OBBLIGHI DEL

Dettagli

ISTITUTO NAZIONALE DI PREVIDENZA PER I DIPENDENTI DELL AMMINISTRAZIONE PUBBLICA

ISTITUTO NAZIONALE DI PREVIDENZA PER I DIPENDENTI DELL AMMINISTRAZIONE PUBBLICA ISTITUTO NAZIONALE DI PREVIDENZA PER I DIPENDENTI DELL AMMINISTRAZIONE PUBBLICA BANDO DI SELEZIONE PER IL PASSAGGIO DALLA POSIZIONE ECONOMICA C1 ALLA POSIZIONE ECONOMICA C2 profilo Socio Educativo decorrenza

Dettagli

COMUNE DI CAPALBIO (Provincia di Grosseto) REGOLAMENTO DISCIPLINANTE I CRITERI E LE MODALITA DI GESTIONE DELLA MOBILITA NEL COMUNE DI CAPALBIO

COMUNE DI CAPALBIO (Provincia di Grosseto) REGOLAMENTO DISCIPLINANTE I CRITERI E LE MODALITA DI GESTIONE DELLA MOBILITA NEL COMUNE DI CAPALBIO REGOLAMENTO DISCIPLINANTE I CRITERI E LE MODALITA DI GESTIONE DELLA MOBILITA NEL COMUNE DI CAPALBIO Approvato con deliberazione G.C. n. 174 del 14/10/2010 Art. 1 Principi generali Il presente regolamento

Dettagli

CODICE DI COMPORTAMENTO RESPONSABILE DELLE GUARDIE VOLONTARIE

CODICE DI COMPORTAMENTO RESPONSABILE DELLE GUARDIE VOLONTARIE ARCI PESCA FISA FEDERAZIONE ITALIANA SPORT ED AMBIENTE FEDERATA ARCI CODICE DI COMPORTAMENTO RESPONSABILE DELLE GUARDIE VOLONTARIE APPROVATO DAL CONSIGLIO NAZIONALE ARCI PESCA FISA IN DATA 16/17 GIUGNO

Dettagli

COMUNE DI RENATE Provincia di Monza e Brianza

COMUNE DI RENATE Provincia di Monza e Brianza REGOLAMENTO COMUNALE PER L INSTALLAZIONE E LA TENUTA DEGLI IMPIANTI DI VIDEOSORVEGLIANZA Approvato dal Consiglio Comunale con delibera n. 50 del 25/11/2009 versione 3 03/11/2009 REGOLAMENTO PER L INSTALLAZIONE

Dettagli

AVVISO RELATIVO ALLA LOCAZIONE DEI LOCALI DA ADIBIRE A COMMERCIALE SITI IN CALTANISSETTA

AVVISO RELATIVO ALLA LOCAZIONE DEI LOCALI DA ADIBIRE A COMMERCIALE SITI IN CALTANISSETTA AVVISO RELATIVO ALLA LOCAZIONE DEI LOCALI DA ADIBIRE A COMMERCIALE SITI IN CALTANISSETTA QUESTO ISTITUTO COMUNICA CHE AI SENSI DEL VIGENTE REGOLAMENTO RELATIVO AI LOCALI AD USO DIVERSO D ABITAZIONE, I

Dettagli

COMUNE DI MELEGNANO (Provincia di Milano) REGOLAMENTO DEL VOLONTARIATO PER SCOPI DI PUBBLICA UTILITA

COMUNE DI MELEGNANO (Provincia di Milano) REGOLAMENTO DEL VOLONTARIATO PER SCOPI DI PUBBLICA UTILITA COMUNE DI MELEGNANO (Provincia di Milano) REGOLAMENTO DEL VOLONTARIATO PER SCOPI DI PUBBLICA UTILITA Art. 1 - Oggetto e finalità del regolamento. Principi generali 1. Il Comune di Melegnano riconosce e

Dettagli

PER LO SVOLGIMENTO DEL LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ

PER LO SVOLGIMENTO DEL LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ CONVENZIONE PER LO SVOLGIMENTO DEL LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ (Ai sensi degli artt. 54 del D.Lgs 28 agosto 2000 n. 274 e 2 del D.M. 26 marzo 2001) Premesso che, a norma dell art. 54 del D. L.vo 274 del

Dettagli

SERVIZIO EDILIZIA PRIVATA E AMBIENTE

SERVIZIO EDILIZIA PRIVATA E AMBIENTE Ordinanza n. 755 del 12 novembre 2013 Oggetto: DIVIETO DI ABBANDONO RIFIUTI E MATERIALI IL SINDACO VISTO D.Lgs 03/04/06 n. 152 e s.m.i. Norme in materia ambientale ed in particolare: - l articolo 178 ove

Dettagli