VOCE INDENNITÀ DI CESSAZIONE DEFINITIVA DALLE FUNZIONI- REGOLAMENTO (EURATOM, CECA, CEE) N. 2530/ 72

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "VOCE 1252- INDENNITÀ DI CESSAZIONE DEFINITIVA DALLE FUNZIONI- REGOLAMENTO (EURATOM, CECA, CEE) N. 2530/ 72"

Transcript

1 B/ 44 Progetto preliminare di bilancio generale In funzione del numero reale dei funzionari interessati alla data del 31 dicembre 1982 ( 40) e in considerazione della spesa reale del mese di marzo 1982 ( BFR) lo stanziamento è stato adeguato, tenuto conto anche dell'incidenza dell'applicazione dei parametri 1982 relativi all'adeguamento delle retribuzioni. Gli stanziamenti necessari amontano a: arrotondati a: ,51 ECU ,- ECU L'incidenza degli adeguamenti che il Consiglio deciderà nel 1983 è iscritta all'articolo 129. VOCE INDENNITÀ DI CESSAZIONE DEFINITIVA DALLE FUNZIONI- REGOLAMENTO (EURATOM, CECA, CEE) N. 2530/ stanziamenti autorizzati Variazione "(in %) ,93 Articolo 3 del regolamento (Euratom, CECA, CEE) n. 2530/ 72 del Consiglio, del 4 dicembre 1972 che istituisce provvedimenti speciali e temporanei per l'assunzione di funzionari delle Comunità europee in conseguenza dell'adesione di nuovi Stati membri nonché per la cessazione definitiva dal servizio di taluni funzionari di queste Comunità (GU L 272 del , pag. l). Stanziamento destinato a coprire le indennità da versare ai funzionari colpiti da provvedimenti che hanno portato alla loro cessazione definitiva dalle funzioni nell'interesse del servizio per tener conto delle necessità derivanti dall'adesione alle Comunità europee di nuovi Stati membri. Il numero di beneficiari è decrescente e sarà di 74 al 31 dicembre 1982 per passare a 39 al 31 dicembre Per calcolare gli stanziamenti necessari ci si è basati su un numero medio di 57 beneficiari. Oltre che del livello delle indennità attualmente autorizzate si è tenuto conto dell'incidenza dell'applicazione dei parametri 1982 relativi all'adeguamento delle retribuzioni. Gli stanziamenti necessari ammontano pertanto a: arrotondati a: ,07 ECU ,00 ECU l L'incidenza degli adeguamenti che il Consiglio deciderà nel 1983 è iscritta all'articolo 129. VOCE INDENNITÀ DI CESSAZIONE DEFINITIVA DALLE FUNZIONI- REGOLAMENTO (CECA, CEE, EURATOM) n. 1543/73 Variazione (in %) l l ,92 Articolo 3 del regolamento (CECA, CEE, Euratom) n. 1543/ 73 del Consiglio del4 giugno 1973, che istituisce misure particolari applicabili temporaneamente ai funzionari delle Comunità europee retribuiti sugli stanziamenti per la ricerca e gli investimenti (GU L 155 dell'l l , pag. 1).

2 Progetto preliminare di bilancio generale 1983 B/ 45 Stanziamento destinato a coprire le indennità da versare ai funzionari colpiti da un provvedimento di cessazione definitiva dal servizio per tener conto delle necessità eccezionali derivanti dall'adozione di programmi di ricerca comportanti una riduzione del numero dei posti compresi nelle tabelle dell'organico retribuitq in base agli stanziamenti per la ricerca e l'investimento della Comunità europea dell'energia atomica, nonché delle necessità derivanti dall'adesione di nuovi Stati membri alle Comunità europee. Il numero dei beneficiari è decrescente e sarà di 45 al31 dicembre 1982 per passare a 15 al31 dicembre Gli stanziamenti necessari sono stati calcolati sulla base di un numero medio di 30 beneficiari. Oltre che del livello delle indennità attualmente autorizzate, si è tenuto conto anche dell'incidenza dell'applicazione dei parametri 1982 relativi all'adeguamento delle retribuzioni. Gli stanziamenti necessari ammontano dunque a: arrotondati a: l ,10 ECU l ,00 ECU L'incidenza degli adeguamenti che il Consiglio deciderà nel 1983 è iscritta all'articolo 129. VOCE INDENNITÀ PER CESSAZIONE DEFINITIVA DAL SERVIZIO (... )N..../ : stanziamenti proposti Variazione (in o/o) REGOI..:AMENTO p.m Articolo 2 del regolamento(... ) n..../82 del che istituisce delle misure particolari, applicabili temporaneamente, relative alla cessazione definitiva dalle funzioni di funzionari delle Comunità europee a seguito dell'adesione della Grecia (GU L... del , pag... ). 2~ Natura della spesa Stanziamento destinato a coprire le indennità da versare ai funzionari della Comissione colpiti da un provvedimento di cessazione definitiva dalle funzioni nell'interesse del servizio e in funzione delle necessità derivanti dall'adesione della Grecia alle Comunità europee. Il numero dei funzionari interessati in servizio presso la Commissione è stato fissato a 15. Poichè tuttavia al momento del calcolo degli stanziamenti necessari non erano ancora stati determinati i beneficiari, i dati adottati per il calcolo dell'importo delle indennità sono pure stime e vale a dire: grado: A/ 3 scatto: 6 (valore a concorrenza del 70 %), coniugato, due figli a carico, diritto all'indennità di dislocazione Si è inoltre tenuto conto dell'incidenza dell'applicazione dei parametri 1982 relativi all'adeguamento delle retribuzioni. L'incidenza degli adeguamenti che il Consiglio deciderà nell983 è iscritta all'articolo 129.

3 B/ 46 Progetto preliminare di bilancio generale ARTICOLO 129- STANZIAMENTI ACCANTONATI PER EVENTUALI ADEGUAMENTI DELLE RETRIBUZIONI E INDENNITÀ VARIE DI FUNZIONARI E ALTRI AGENTI t'982 - stanziamenti autorizzati Variazione (in o/o) ,99 Articolo 65 dello statuto dei funzionari delle Comunità europee. Decisione del Consiglio del 15 dicembre 1981 concernente il metodo di adeguamento delle retribuzioni dei funzionari ed altri agenti delle Comunità (81 l l 061 / Euratom, CECA, CEE). Nessuna spesa sarà imputata a questo articolo. Lo stanziamento ha carattere di accantonamento e può essere utilizzato solo dopo essere stato trasferito mediante storno ad altri articoli o voci secondo la procedura prevista a tal fine dal regolamento finanziario. Esso è destinato a coprire gli eventuali adeguamenti delle retribuzioni e delle indennità che il Consiglio deciderà nel corso dell'esercizio. In funzione del «metodo riveduto» di adeguamento delle retribuzioni dei funzionari e altri agenti delle Comunità citato al punto l che precede, sono state formulate delle previsioni sull'evoluzione degli indici comuni del costo della vita e dell'indicatore specifico (evoluzione del potere d'acquisto delle retribuzioni dei funzionari nazionali). Questi parametri sono stati applicati agli stanziamenti delle linee di bilancio 1221, 124, 1250, 1253 e 1254 nella misura in cui il Consiglio è tenuto a procedere agli adeguamenti delle retribuzioni secondo il metodo nel corso dell'esercizio 1982, cosa che fa decorrere l'effetto di dette decisioni solo dall'inizio dell'esercizio Quanto invece alle incidenze che potrebbero risultare per gli stanziamenti delle linee di bilancio summenzionate delle decisioni che il Consiglio prenderà nel corso dell'esercizio 1983, esse sono iscritte all'articolo 129. Solo dopo che il Consiglio avrà preso le decisioni specifiche in materia di retribuzioni, il trasferimento degli stanziamenti supplementari necessari interverrà sotto forma di storno a partire da un prelievo sul presente articolo. La variazione delio stanziamento è dovuta da un lato alla modifica intervenuta nel valore del!ranco belga rispetto all'ecu a çausa della svalutazione del franco belga del21 febbraio 1982, e dall'altro ai valori adottati per i parametri, che differiscono da quelli dell'esercizio precedente.

4 Progetto preliminare di bilancio generale 1983 B/ 47 CAPITOLO 13- SPESE PER MISSIONI E TRASFERTE. RIEPILOGO Variazione Art./ Stanziamenti Stanziamenti in o/o voce Denominazione autorizzati proposti 2 : l l Spese per missioni, trasferte e altre spese accessorie 1300 Spese di missione dei membri dell'istituzione , Spese di missione del personale lo lo , Spese di missione conesse con la partecipazione a riunioni nelle altre sedi delle istituzioni comunitarie ed in particolare a Lussemburgo e Strasburgo Totale ,32

5 B/ 48 Progetto preliminare di bilancio generale 1983 l VOCE SPESE DI MISSIONE DEI MEMBRI DELL'ISTITUZIONE Variazione (in %) ,94 Articolo 6 del regolamento concernente il trattamento economico dei membri della Commissione. Possono dare luogo a rimborso o a pagamento: - le spese di trasporto, compreso eventualmente il prezzo di prenotazione dei posti e di trasporto del bagaglio necessario, nonché i supplementi rapido e per vagone letto; - il conto dell'albergo (prezzo della camera, servizio e tasse) nonché un'indennità forfettaria per i pasti; -. le spese accessorie sostenute per motivi di servizio (telegrafo, telefono, spese straordinarie per l'esecuzione di una missione). La riduzione dello stanziamento è solo apparente ed è imputabile alla creazione della nuova voce Nell'importo totale di questa voce è infatti incorporata la differenza tra gli stanziamenti 1982 e quelli Conseguentemente, l'insieme degli stanziamenti destinati a coprire le spese di missione dei membri della Commissione per il 1983 resta allo stesso livello del VOCE SPESE DI MISSIONE DEL PERSONALE Variazione (in %) Articoli 11, 12 e 13 dell'allegato VII dello statuto dei funzionari delle Comunità europee. Possono dar luogo a rimborso o a pagamento: IO IO le spese di trasporto, comprensive, se del caso, del prezzo di prenotazione dei posti e di trasporto dei bagagli necessari, nonché i supplementi rapido e per vagone letto; -per i funzionari di grado A/ 1-A/ 3 (LA/ 3), il conto dell'albergo (prezzo della camera, servizio e tasse) e un 'indennità forfettaria per i pasti; - per i funzionari e gli altri agenti di grado A/ 4 (LA/ 4)-D/ 4 un'indennità destinata a coprire le spese d'al- ' bergo e i pasti; - le spese accessorie sostenute per motivi di servizio (telegrafo, telefono, spese straordinarie per l'esecuzione di una missione). La riduzione dello stanziamento è solo apparente ed è da ascriversi alla creazione della nuova voce Nell'importo totale di questa nuova voce è infatti incorporata una parte degli stanziamenti precedentemente iscritti alla voce / -7,63

6 Progetto preliminare di bilancio generale 1983 B/ 49 Dalla ripartizione che segue emerge il quadro degli stanziamenti e l'entità della variazione: Spese di missione del personale a) Tutte le destinazioni, ad eccezione di Lussemburgo e Strasburgo b) Esclusivamente Lussemburgo e Strasburgo Voce 1301 Voce l l o l Proposta Stanziamento 1982 l O Aumento l ( + 9,96 %) Tale aumento è necessario per tener conto: - dell'evoluzione dei compiti di certi servizi a seguito dell'avvio o dell'estensione delle azioni di cui sono responsabili; - dell'aumento del costo dei trasporti; - dell'aumento del costo della vita che incide sui prezzi dei ristoranti e degli alberghi. Per quanto riguarda l'evoluzione dei compiti di certi servizi e l'ampliamento di azioni già in corso si ricorda in particolare: - la conclusione di nuovi accordi (tessili, acciaio, paesi terzi, India, Patto andino), - gli sforzi intesi a risolvere determinati problemi con i nostri principali partner (Stati Uniti, Giappone, ecc.), - l'aumento delle riunioni dei gruppi di lavoro del comitato monetario, - i numerosi controlli da effettuare nel campo delle intese e posizioni dominanti, - l'aumento dei controlli sui prelievi CECA, - il moltiplicarsi delle missioni dovuto all'ampliamento del settore degli aiuti di Stato, - la messa a punto di accordi di riconversione CECA, - la messa in opera di programmi d'azione a favore delle donne e dei minorati, - la messa a punto di un programma relativo al passaggio dei giovani dalla scuola alla vita attiva, - i negoziati da prevedere con l'austria e la Iugoslavia, - le missioni connesse con il rinnovo della convenzione di Lomé II, - la creazione o apertura di nuovi uffici stampa e delegazioni (Belgrado, Brasilia, Canberra, Nuova Delhi) nonché delle nuove antenne in Italia e in Germania, - la gestione degli accordi con i PVS, - lo sviluppo dei prestiti di riconversione, - l'accelerazione nel ritmo dei prestiti NIC, - le emissioni di prestiti a Tokio e a New York, - l'intensificazione dei controlli FEAOG, risorse proprie, Fondo sociale e FESR, - le nuove missioni relative alla cooperazione e all'assistenza tecnica, soprattutto nei paesi dell'africa.

7 B/ 50 Progetto preliminare di bilancio generale Nuova voce VOCE SPESE DI MISSIONE CONNESSE CON LA PARTECIPAZIONE A RIUNIONI NELLE ALTRE SEDI DELLE ISTITUZIONI COMUNITARIE ED IN PARTICOLARE A LUS SEMBURGO E STRASBURGO stanziamenti autorizzati Variazione (in o/o) Articolo 6 del regolamento concernente il trattamento economico dei membri della Commissione. Articoli Il, 12 e 13 dell'allegato VII dello statuto dei funzionari delle Comunità europee. Lo stanzi amento è destinato a scopi identici a quelli indicati per l~ voci 1300 e 130 l Per indicare sia pur in modo approssin;j.ativo il costo delle missioni determinate dalla molteplicità delle sedi delle istituzioni si è creata questa voce specifica. Dalle indicazioni fornite al punto 3 delle voci 1300 e 1301 risulta che lo stanziamento della voce 1302 non costituisce una richiesta distanziamenti supplementari dato che l'importo iscritto è dedotto dagli stanziamenti - della voce 1300 nella misura di ECU - della voce 130 l nella misura di ECU In totale ECU

8 Progetto preliminare di bilancio generale 1983 B/ 51 CAPITOLO 14- INFRASTRUTTURE DI CARATTERE MEDICO-SOCIALE R IEPILOGO Articolo/ Voce Stanziamenti Stanzia menti Denominazione autorizzati proposti - l 2 Spese di funzionamento corrente di ristoranti, mense e bar Spese di trasformazione e di rinnovo degli impianti di ristoranti, mense e bar Servizio medico Controllo medico nel quadro della protezione sanitaria degli agenti esposti a radiazioni Totale Variazione in % 2 ; l 3 + 7,07-74,58 + 8, , ,49

9 B/ 52 Progetto preliminare di bilancio generale VOCE Variazione (in %) SPESE DI FUNZIONAMENTO CORRENTE DI RISTORANTI, MENSE E BAR ,07 Lo stanziamento rientra nella sfera dell'autonomia di gestione della Commissione.! Sono imputate sullo stanziamento di questa voce le spese di funzionamento dei ristoranti, mense e bar, la manutenzione degli impianti, il rinnovo del materiale e l'acquisto di nuove attrezzature. 3. Metodo di ca'lcolo e motivazione della variazione Le spese di funzionamento sono coperte, in linea di principio, dalle entrate del servizio stesso. Il bilancio comunitario prende a proprio carico le spese d'infrastruttura e soltanto un terzo delle spese per il personale. Le derrate ;;tlimentari e i due terzi delle spese per il personale vengono pagati da chi fruisce dei servizi. Le spese si suddiv~dono come segue: Bruxelles Lussemburgo L'aumento dello stanziamento è motivato: ECU ECU - dal prevedi bile rialzo delle spese di funzionamento e del costo della manutenzione: - dalla necessità di sostituire gradualmente talune attrezzature ormai vecchie, il cui acquisto risale a più di 7 anni fa, ECU ECU - da acquisti destinati al centro di conferenze Albert Borschette di Bruxelles, per il quale è previsto un importo di ECU. VOCE l Variazione (in o/o) SPESE DI TRASFORMAZIONE E DI RINNOVO DEGLI IMPIAl'{TI DI RISTORANTI, MENSE E BAR Lo stanziamento rientra nell'autonomia di gestione della Commissione ,58 Sono imputate sullo stanziamento di questa voce le spese eccezionali che non possono essere incluse nelle spese çorrenti. Lo stanziamento proposto è destinato a coprire le spese di rinnovo necessarie per gli impianti dei servizi di Bruxelles.

10 Progetto preliminare di bilancio generale 1983 B/ 53 ARTICOLO Variazione (in %) SERVIZIO MEDICO ,24 Articolo 59 dello statuto: - paragrafo l, secondo comma, relativo al controllo medico delle assenze per malattia, - paragrafo 4, relativo all'obbligo dei funzionari di sottoporsi ogni anno ad una visita medica preventiva. Articolo 8 dell'allegato II dello statuto, relativo alle spese della commissione d'invalidità. Oltre agli onorari dei medici, retribuiti a vacazione, lo stanziamento copre le spese per le visite preventive, esami speciali, analisi, ecc., per il materiale di uso corrente (materiale per medicazioni, prodotti farmaceutici, piccolo materiale e forniture per laboratori), materiale e mobili speciali, nonché le spese per il funzionamento della commissione d'invalidità. Gli stanziamenti sono calcolati in funzione del fabbisogno prevedibile e tenendo conto del possibile reimpiego valutato a ± ECU. L'aumento dello stanziamento è dovuto al prevedibile au.mento del costo della vita e all'aumento del numero di posti autorizzati. Gli stanziamenti si suddividono fra le sedi di servizio come segue: Bruxelles e altre sedi Lussemburgo (Ispra) La ripartizione delle previsioni di spese per natura è la seguente: Bruxelles Fuori Bruxelles Medici retribuiti a vacazione Visite annuali Forniture, spese di funzionamento Materiale e attrezzature Totale Lussemburgo ECU ECU ECU Ispra IO ECU ECU ECU Totale

11 B/ 54 Progetto preliminare di bilancio generale ARTICOLO 142- CONTROLLO MEDICO NEL QUADRO DELLA PROTEZIONE SANITARIA DEGLI AGENTI ESPOSTI A RADIAZIONI Variazione (in %). - Trattato CEEA (cap. III - artt. 31 e 33); - lt::ggi nazionali relative alle «norme di base». l ,15 Tutte le persone che nell'esercizio della loro professione sono esposte a radiazioni devono essere protette dai pericoli ad esse connes~e. Ciò vale soprattutto, in modo generale, per coloro che lavorano negli impianti nucleari nonché per gli ispettori della Commissione che effettuano il controllo di sicurezza in conformità alle disposizioni dell'articolo 77 del trattato CEEA. La Commissione deve adempiere ai suoi obblighi nei confronti del personale esposto al rischio di radiazioni nel quadro della sorveglianza fisica della protezione. Lo stanziamento è destinato a coprire le spese derivanti dagli esami medici cui sono sottoposti gli ispetttori della Commissione. Questi compiti di sorveglianza fisica degli ispettori del controllo di sicurezza si riassumono come segue: - coordinare la sorveglianza fisica della protezione del personale della Direzione del controllo di sicurezza; - verificare l'esecuzione dei controlli dosimetrici necessari per il personale della Commissione esposto al rischio di radiazioni; - aggiornare la documentazione relativa al controllo fisico della protezione di tali persone; - provvedere alla dosimetria individuale per i raggi gamma, neutrorii rapidi, beta, criticità, dosi alle estremità con dosimetri a termoluminescenza; - valutare la contaminazione dell'aria respirata sui campioni prelevati con gli aspiratori individuali; - calibrare e provvedere alla manutenzione periodica degli strumenti di protezione; - fare eseguire determinati esami tossicologici e delle misure «body-counter». Lo stanziamento deve inoltre coprire l'acquisto di apparecchi necessari per il controllo della dosimetria e il rilievo della contaminazione. N el calcolo dello stanziamento si è tenuto conto - del numero di ispettori; - del costo delle prestazioni eccezionali in caso di contaminazione; - del materiale necessario; - delle eventuali spese amministrative. L'aumento dello stanziamento tiene conto di un andamento normale dei costi in questione e soprattutto del maggior numero degli ispettori. Si ricorda che dal 1979 sono stati destinati al servizio in questione circa 60 posti supplementari. Dopo l'assunzione e l'istruzione i nuovi ispettori sono divenuti operativi.

12 Progetto preliminare di bilancio generale 1983 B/ 55 CAPITOLO 15- ORGANIZZAZIONE DI TIROCINI E PERFEZIONAMENTO PROFESSIONALE DEL PERSONALE RIEPILOGO Art./ Stanziamenti Stanziamenti Voce Denominazione autorizzati proposti 150 Spese per l'organizzazione di tirocini nei servizi d eli 'istituzione l l Corsi di lingue, aggiornamento e perfezionamento professionale, informazione del personale l Funzionari nazionali e agenti del settore privato temporaneamente assegnati ai servizi dell'istitazione Funzionari dell'istituzione temporaneamente assegnati ai servizi nazionali Totale Variazione in o/o 2 : l 3 + 3,85 + 5, , ,0 + 30,29

13 B/ 56 Progetto preliminare di bilancio generale ARTICOLO 150- SPESE PER L'ORGANIZZAZIONE DI TIROCINI PRESSO I SERVIZI DELL'ISTI TUZIONE l l Variazione (in %) + 3,85 Decisione della Commissione del 16 marzo 1976 concernente le disposizioni per l'organizzazione di tirocini presso i suoi servizi. Tirocini amministrativi, di durata da 3 a 5 mesi, sono accessibili ad universitari di età inferiore a 30 anni. Tirocini per interpreti e traduttori, intesi ad agevolarne l'assunzione, sono organizzati a favore di titolari dei diplomi richiesti. Infine, tirocini d'informazione di breve d,urata sono accessibili ai funzionari degli Stati membri. Lo stanziamento consente di concedere un'indennità ai tirocinanti e di coprirne i rischi d'infortunio e di malattia durante il tirocinio. Inoltre, lo stanziamento copre le spese di viaggio all'inizio e alla fine del tirocinio e le spese relative alle trasferte effettuate nell'ambito del programma d'informazione dei tirocinanti. L'importo dell'indennità mensile varia attualmente tra e BFR secondo lo stato civile del tirocinante. Per quanto riguarda i tirocini a carattere informativo di breve durata organizzati per i funzionari degli Stati membri, la Commissione prende a carico - nei casi in cui non sia l'amministrazione nazionale a sopportare la spesa - un'indennità giornali~ra. Lo stanziamento necessario è stato determinato tenendo conto: - di 410 tirocini (numero invariato rispetto al 1982) - di 620 tirocini a carattere informativo (aumento di 420 rispetto al 1982). Su tale base, lo stanziamento può essere ripartito nel modo seguente: - tirocini amministrativi e tirocini per traduttori - tirocini per interpreti - tirocini a carattere informativo di breve durata per funzionari nazionali (± 350) (± 60) (± 620) ECU ECU ECU L'evoluzione effettiva nell982 e nell983 delle spese di viaggio determinerà in pratica la possibilità di raggiungere o meno il numero di tirocini previsti.

14 Progetto preliminare di bilancio generale 1983 B/ 57 ARTICOLO Ì51- CORSI DI LINGUE, AGGIORNAMENTO E PERFEZIONAMENTO PROFESSIO NALE, INFORMAZIONE DEL PERSONALE Variazione (in o/o) l ,53 - Articolo 24, terzo comma, dello statuto - Decisione della Commissione del 5 ottobre a) Per assicurare il perfezionamento professionale e l'aggiornamento del personale, nonché i mezzi per provvedere alla sua informazione, segnatamente sulla vita delle istituzioni comunitarie e degli Stati membri, la Commissione organizza - corsi di lingue; - riunioni di informazione al momento dell'entrata in servizio; - corsi per il miglioramento delle conoscenze professionali; - corsi d'informazione sull'utilizzazione dei metodi moderni; - seminari; - corsi di formazione nel settore dell'informatica. Lo stanziamento proposto deve coprire le spese implicate da tali azioni, ivi compreso l'acquisto del materiale 'e della documentazione necessaria. b) Per garantire l'impiego ottimale del personale di cui dispone, la Commissione ha costituito un gruppo incaricato di esaminare il funzionamento e le strutture dei suoi serviz;i. Questo gruppo procede sistematicamente ad analisi concernenti in particolare l'organizzazione e i metodi impiegati nonché le possibilità di ricorrere in modo più sistematico all'informatica. I risultati di queste analisi dovranno risolversi nell'adozione di metodi di gestione più razionali, abbinata a un'adeguata formazione del personale interessato. Questi compiti possono però essere eseguiti adeguatamente soltanto da ditte altamente specializzate nel settore. Lo stanziamento proposto deve pertanto consentire di ricorrere agli specialisti suddetti. Lo stanziamento aumenta solo del 5,53 o/o. Considerata la modifica del valore del franco belga rispetto all'ecu, a seguito della svalutazione del 21 febbraio 1982, esso permetterà di compensare l'aumento del costo della vita nel quadro di una riconferma delle azioni del VOCE FUNZIONARI NAZIONALI E AGENTI DEL SETTORE PRIVATO TEMPORANEA MENTE ASSEGNATI AI SERVIZI DELL'ISTITUZIONE Variazione (in o/o) OQO + 200,0 Decisioni della Commissione dell4luglio 1976 e del7 settembre 1977 concernenti le modalità di esecuzione degli scambi di funzionari tra i servizi della Commissione e le amministrazioni nazionali.

15 B/ 58 Progetto preliminare di bilancio generale Definendo le modalità di cui sopra, la Commissione 'ha creato le condizioni per rispondere all'interesse manifestato dagli Stati membri per l'organizzazione di soggiorni di lunga durata per funzionari nazionali presso i servizi della Commissione e per funzionari della Commissione presso le amministrazioni nazionali. Questi scambi sono stati estesi ai settori privati degli Stati membri. Lo stanziamento è destinato a consentire la corresponsione di un'indennità giornaliera ai partecipanti degli Stati membri ed a coprir~ le loro spese di viaggio. Il sistema di scambi di funzionari è attualmente ancora in fase piuttosto sperimentale. Gli stanziamenti del 1982 con~entono il pagamento di 20 funzionari distaccati dagli Stati membri presso la Commissione. Per dare a questo sistema un valore più rappresentativo, è necessario aumentare sostanziosamente lo stanziamento, in modo da poter accrescere in ugual misura il numero di funzionari nazionali e di agenti del settore privato da distaccare. VOCE FUNZIONARI DELL'ISTITUZIONE TEMPORANEAMENTE ASSEGNATI AI SERVIZI NAZIONALI Variazione (in o/o) ,0 Decisioni della Commissione del 14luglio 1976 e del 7 settembre 1977 concernenti le modalità pratiche per lo scambio di funzionari tra i servizi della Commissione e le amministrazioni nazionali. Definendo le modalità di cui sopra, la Commissione ha creato le condizioni per rispondere all'interesse manifestato dagli Stati membri per l'organizzazione di soggiorni di lunga durata per funzionari nazi9nali presso i servizi della Commissione e per funzionari della Commissione presso le amministrazioni nazionali. Questi scambi sono stati estesi anche ai settori privati degli Stati membri. Lo stanziamento è destinato a coprire le spese supplementari dei funzionari della Commissione qualora non siano coperte dall'amministrazione nazionale presso cui ha luogo l'assegnazione temporanea. Il sistema di scambi di funzionari è attualmente ancora in fase piuttosto sperimentale. Gli stanziamenti del 1982 consentono il pagamento di 5 funzionari distaccati dalla Commissione presso gli Stati membri. Per dare a questo sistema un valore più rappresentativo, è necessario aumentare sostanziosamente lo stanziamento, in modo da poter accrescere in ugual misura il numero di funzionari della Commissione da distaccare.

16 Progetto preliminare di bilancio generale 1983 B/ 59 CAPITOLO 16- SPESE PER IL SERVIZIO SOCIALE RIEPILOGO Articolo Denominazione 1982 Stanziamenti autorizzati 1983 Stanziamenti proposti Variazione iri o/o 2 : l l Sussidi straordinari Relazioni sociali tra i membri del personale Altri interventi di carattere sociale Totale , ,31' + 10, ,67

17 B/ 60 Progetto preliminare di bilancio generale ARTICOLO Variazione (in o/o) SUSSIDI STRAORDINARI ,67 Articolo 76 dello statuto.. Il funzionario, l'ex funzionario o gli aventi diritto di un funzionario deceduto, che si trovano in una situazione particolarmente difficile, possono fruire di sussidi in denaro. Tenuto conto del carattere straordinario di queste spese, l'importo proposto non si basa su un calcolo matematico. Lo stanziamento non verrà nemmeno ripartito tra le diverse sedi di servizio del personale. La gestione resta centralizzata a Bruxelles.

18 Progetto preliminare di bilancio generale / 61 ARTICOLO 161- RELAZIONI SOCIALI TRA I MEMBRI DEL PERSONALE Variazione (in o/o) ,31 Lo stanziamento rientra nella sfera dell'autonomia di gestione della Commissione. Lo stanziamento copre i sussidi concessi ai circoli sportivi e culturali del personale, la manutenzione, la gestione e l'attrezzatura degli impianti sportivi, le spese di animazione del foyer, le azioni di animazione culturale e le spese connesse ad iniziative per la promozione delle relazioni tra agenti delle varie nazionalità. A Lussemburgo la Commissione partecipa al fondo comune gestito dal comitato delle attività sociali di tutte le istituzioni (CCE, PE, Corte di giustizia, Corte dei conti, BEI e Ufficio delle pubblicazioni). Lo stanziamento è suddiviso nel modo seguente: Bruxelles Lussemburgo Delegazioni e uffici all'estero La suddivisione per sede di servizio è la seguente: 1982 Bruxelles Attività di animazione Sovvenzione circoli Sovvenzione Europa Club Overijse Attrezzature complementari Europa Club Totale parziale Lussemburgo Circoli culturali e sportivi Partecipazione fino al 33% di di BFR alle azioni intraprese in comune dal complesso delle istituzioni con sede a Lussemburgo Affitto di un campo di calcio ( BFR) - Gestione del Fitness Centre - Totale parziale Delegazioni e uffici all'estero l ECU ECU IO 000 ECU Il ECU ECU ECU Variazione (in%) + 40,0 + 33, ,28-43, ,50-20,0 Totale ,31

19 B/ 62 Progetto preliminare di bilancio generale Per quanto riguarda il Fitness Centre di Lussemburgo, lo stanziamento di ECU comprende: - le spese di funzionamento (manutenzione, pulizia, acqua, gas ed elettricità) ECU - lo stipendio di un agente locale ECU ECU. L'aumento dello stanziamento necessario, causato dall'assunzione a carico del pagamento dello stipendio dell'agente locale, è compensato da una riduzione di ECU degli stanziamenti del capitolo 11 - Personale (voce Agenti locali), accompagn~ta dalla riduzione di un'unità del numero di agenti locali.

20 Progetto preliminare di bilancio generale 1983 B/ 63 ARTICOLO 162- ALTRI INTERVENTI DI CARATTERE SOCIALE l Q83 - stanziamenti proposti Variazione (in o/o) ,93 Lo stanziamento rientra nella sfera dell'autonomia di gestione della Commissiohe. Gli stanziamenti coprono i sussidi ai nidi d'infanzia, ai doposcuola, alle colonie di vacanze, ai culti e ai movimenti giovanili. Sono inoltre coperti alcuni interventi concernenti l'assistenza al personale, particolarmente in materia di aiuti familiari, consigli legali, ecc., nonché le spese per la consegna di medaglie ai numerosi funzionari che nell983 compiranno venti anni di servizio. Si sottolinea che gli interventi della Commissione in questi settori non coprono la totalità delle spese necessarie. Costituiscono sussidi a complemento degli interventi finanziari dei beneficiari. Oltre a questi sussidi, la Commissione sostiene alcune spese d'infrastruttura e di manutenzione e una parte delle spese per il personale necessario. Le previsioni per Bruxelles si presentano come segue: Variazione (in o/o) Nidi d 'infanzia/ doposcuola p.m. p.m. Colonie di vacanze ,38 Partecipazione per i figli degli insegnanti delle scuole europee ,0 Aiuti familiari lo ,0 Assistenza legale lo IO, O Spese d'accoglienza ,5 Medaglie «20 anni» ,0 Riserva e spese minute , 14 Totale parziale ,48 Sussidi culti (compreso Lussemburgo) e scouts p.m Totale ,14

HAEU. Regolamentazione concernente gli interpreti di conferenza indipendenti (freelance), adottata dalla Commissi()ne 1'8 ottobre 1974.

HAEU. Regolamentazione concernente gli interpreti di conferenza indipendenti (freelance), adottata dalla Commissi()ne 1'8 ottobre 1974. B/ 34 Progetto preliminare di bilancio generale 1985 15. 6. 84 Detto accordo prevede: l. un aumento straordinario del 13,5% al l o genn~io 1984; 2. l'espressione della retribuzione degli interpreti indipendenti

Dettagli

DOCUMENTI. PROGETTO DI bilancio generale dell Unione europea per l esercizio finanziario 2016 VOLUME 9 COMMISSIONE EUROPEA COM(2015) 300 IT 24.6.

DOCUMENTI. PROGETTO DI bilancio generale dell Unione europea per l esercizio finanziario 2016 VOLUME 9 COMMISSIONE EUROPEA COM(2015) 300 IT 24.6. COMMISSIONE EUROPEA DOCUMENTI PROGETTO DI bilancio generale dell Unione europea per l esercizio finanziario 2016 VOLUME 9 SEZIONE IX IT COM(2015) 300 IT 24.6.2015 Gli importi del presente documento di

Dettagli

UFFICIO PER L ARMONIZZAZIONE NEL MERCATO INTERNO (MARCHI, DISEGNI E MODELLI)

UFFICIO PER L ARMONIZZAZIONE NEL MERCATO INTERNO (MARCHI, DISEGNI E MODELLI) UFFICIO PER L ARMONIZZAZIONE NEL MERCATO INTERNO (MARCHI, DISEGNI E MODELLI) Il Presidente DECISIONE ADM-12-34 concernente la delega di poteri dell ordinatore Il Presidente dell Ufficio per l Armonizzazione

Dettagli

BILANCIO RETTIFICATIVO 1/2014

BILANCIO RETTIFICATIVO 1/2014 Consiglio di amministrazione BILANCIO RETTIFICATIVO 1/ CT/CA-026/IT INDICE I. INTRODUZIONE A. Introduzione generale B. Tariffe C. Entrate D. Spese II. STATO DELLE ENTRATE E DELLE SPESE RIEPILOGO III. STATO

Dettagli

REGOLAMENTO DELEGATO (UE) N. 481/2014 DELLA COMMISSIONE

REGOLAMENTO DELEGATO (UE) N. 481/2014 DELLA COMMISSIONE 13.5.2014 L 138/45 REGOLAMENTO DELEGATO (UE) N. 481/2014 DELLA COMMISSIONE del 4 marzo 2014 che integra il regolamento (UE) n. 1299/2013 del Parlamento europeo e del Consiglio per quanto concerne le norme

Dettagli

PARLAMENTO EUROPEO. Commissione per i bilanci COMUNICAZIONE AI MEMBRI. Oggetto: Esecuzione del bilancio del Parlamento europeo per l'esercizio 2005

PARLAMENTO EUROPEO. Commissione per i bilanci COMUNICAZIONE AI MEMBRI. Oggetto: Esecuzione del bilancio del Parlamento europeo per l'esercizio 2005 PARLAMENTO EUROPEO 2004 ««««««««««««Commissione per i bilanci 2009 COMUNICAZIONE AI MEMBRI Oggetto: Esecuzione del bilancio del Parlamento europeo per l'esercizio 2005 Si trasmette in allegato la proposta

Dettagli

Legge per l'integrazione sociale e professionale di persone disabili (legge sull'integrazione dei disabili; LIDis)

Legge per l'integrazione sociale e professionale di persone disabili (legge sull'integrazione dei disabili; LIDis) Legge per l'integrazione sociale e professionale di persone disabili (legge sull'integrazione dei disabili; LIDis) del... Il Gran Consiglio del Cantone dei Grigioni, visto l'art. e l'art. 86 della Costituzione

Dettagli

REGOLAMENTO DELEGATO (UE) N. /.. DELLA COMMISSIONE. del 4.3.2014

REGOLAMENTO DELEGATO (UE) N. /.. DELLA COMMISSIONE. del 4.3.2014 COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 4.3.2014 C(2014) 1229 final REGOLAMENTO DELEGATO (UE) N. /.. DELLA COMMISSIONE del 4.3.2014 che integra il regolamento (UE) n. 1299/2013 del Parlamento europeo e del Consiglio

Dettagli

Ministero dell Economia e delle Finanze

Ministero dell Economia e delle Finanze Ministero dell Economia e delle Finanze Dipartimento dell Amministrazione Generale, del Personale e dei Servizi Dipartimento della Ragioneria Generale dello Stato Alle Amministrazioni centrali e periferiche

Dettagli

TABELLA N. 4 MINISTERO DEL LAVORO E DELLE POLITICHE SOCIALI

TABELLA N. 4 MINISTERO DEL LAVORO E DELLE POLITICHE SOCIALI TABELLA N. 4 MINISTERO DEL LAVORO E DELLE POLITICHE SOCIALI 353 foglio 1 di 2 MINISTERO DEL LAVORO E DELLE POLITICHE SOCIALI (Tabella 04) 040/678 Indice analitico capitoli Capitolo UdV Foglio Capitolo

Dettagli

BORSE MARIE CURIE INTRAEUROPEE

BORSE MARIE CURIE INTRAEUROPEE ALLEGATO III DISPOSIZIONI SPECIFICHE BORSE MARIE CURIE INTRAEUROPEE [CONTRAENTE UNICO] III. 1 Definizioni Oltre alle definizioni di cui all'articolo II.1, al presente contratto si applicano le seguenti

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE SPESE ECONOMALI, DI PRONTA CASSA E DELL UTILIZZO DELLE CARTE DI CREDITO

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE SPESE ECONOMALI, DI PRONTA CASSA E DELL UTILIZZO DELLE CARTE DI CREDITO REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE SPESE ECONOMALI, DI PRONTA CASSA E DELL UTILIZZO DELLE CARTE DI CREDITO Indice TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI Art.1 Ambito di applicazione Art. 2 Definizioni TITOLO

Dettagli

BORSE INTERNAZIONALI MARIE CURIE DI ACCOGLIENZA

BORSE INTERNAZIONALI MARIE CURIE DI ACCOGLIENZA ALLEGATO III DISPOSIZIONI SPECIFICHE BORSE INTERNAZIONALI MARIE CURIE DI ACCOGLIENZA FASE DI ACCOGLIENZA III. 1 Definizioni Oltre alle definizioni di cui all'articolo II.1, alla presente convenzione di

Dettagli

Variazione delle rimanenze del prodotti In corso di lavorazione, e finiti (Euro 2.956.15)

Variazione delle rimanenze del prodotti In corso di lavorazione, e finiti (Euro 2.956.15) Senato della Repubblica - 545 - Camera dei deputati Variazione delle rimanenze del prodotti In corso di lavorazione, e finiti (Euro 2.956.15) semilavorati L'importo si riferisce per la sua totalità alla

Dettagli

Università degli Studi Roma Tre

Università degli Studi Roma Tre Università degli Studi Roma Tre Relazione annuale Consip Ai sensi dell art. 26, comma 4, della L. 488/1999 Anno Finanziario 2012 Quadro normativo di riferimento L art. 26 della Legge 488 del 23 dicembre

Dettagli

CODICE SIOPE VECCHIO CODICE CODICE ECONOMICO E PATRIMONIALE CODIC E CODICE INFN DESCRIZIONE

CODICE SIOPE VECCHIO CODICE CODICE ECONOMICO E PATRIMONIALE CODIC E CODICE INFN DESCRIZIONE SIOP VCCHIO 102060 Missioni Italia 1214 10 B14d 102070 Missioni estero 1214 20 B14d Come precedente Spese soggiorno 102061 1214 30 B14d Come precedente ospiti ricercatori 102110 102140 Buoni pasto e mensa

Dettagli

BILANCIO DI PREVISIONE 2016 ENTRATE

BILANCIO DI PREVISIONE 2016 ENTRATE BILANCIO DI PREISIONE ENTRATE BILANCIO A.N.AC. - PIANO DEI - PREISIONE PREISIONE DEFINITIA LIELLI OCE PIANO DEI PREISIONE DI PREISIONE DI CASSA Entrate correnti I Entrate correnti di natura tributaria,

Dettagli

BORSA MARIE CURIE INTRAEUROPEA PER LO SVILUPPO DELLA CARRIERA

BORSA MARIE CURIE INTRAEUROPEA PER LO SVILUPPO DELLA CARRIERA ALLEGATO III DISPOSIZIONI SPECIFICHE BORSA MARIE CURIE INTRAEUROPEA PER LO SVILUPPO DELLA CARRIERA III. 1 Definizioni Oltre alle definizioni di cui all'articolo II.1, alla presente convenzione di sovvenzione

Dettagli

Risoluzione del Parlamento europeo sul futuro finanziamento delle Scuole europee (2002/2083 (INI))

Risoluzione del Parlamento europeo sul futuro finanziamento delle Scuole europee (2002/2083 (INI)) P5_TA-PROV(2002)0605 Finanziamento futuro delle scuole europee Risoluzione del Parlamento europeo sul futuro finanziamento delle Scuole europee (2002/2083 (INI)) Il Parlamento europeo, visto l articolo

Dettagli

Roma, 26 novembre 2012

Roma, 26 novembre 2012 CIRCOLARE N. 45/E Roma, 26 novembre 2012 Direzione Centrale Servizi ai contribuenti OGGETTO: Sisma maggio 2012 Finanziamento per il pagamento di tributi, contributi previdenziali e premi assicurativi obbligatori

Dettagli

Marco Mazzocchi-Alemanni contro Commissione delle Comunità europee

Marco Mazzocchi-Alemanni contro Commissione delle Comunità europee SENTENZA DEL TRIBUNALE (Terza Sezione) 5 novembre 1996 Cause riunite T-21/95 e T-186/95 Marco Mazzocchi-Alemanni contro Commissione delle Comunità europee «Dipendenti - Assicurazione malattia complementare

Dettagli

DECISIONE DELLA COMMISSIONE

DECISIONE DELLA COMMISSIONE 16.1.2010 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 11/7 IV (Atti adottati prima del 1 o dicembre 2009, in applicazione del trattato CE, del trattato UE e del trattato Euratom) DECISIONE DELLA COMMISSIONE

Dettagli

Aiuto di Stato N 742/2001 Italia (Toscana). Risparmio energetico e sviluppo delle fonti rinnovabili.

Aiuto di Stato N 742/2001 Italia (Toscana). Risparmio energetico e sviluppo delle fonti rinnovabili. COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 24.01.2003 C(2003) 80 Oggetto: Aiuto di Stato N 742/2001 Italia (Toscana). Risparmio energetico e sviluppo delle fonti rinnovabili. Signor Ministro, 1. PROCEDIMENTO 1. Con

Dettagli

(Atti adottati a norma dei trattati CE/Euratom la cui pubblicazione è obbligatoria) REGOLAMENTI

(Atti adottati a norma dei trattati CE/Euratom la cui pubblicazione è obbligatoria) REGOLAMENTI 5.2.2009 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 36/1 I (Atti adottati a norma dei trattati CE/Euratom la cui pubblicazione è obbligatoria) REGOLAMENTI REGOLAMENTO (CE, EURATOM) N. 105/2009 DEL CONSIGLIO

Dettagli

DIRETTIVA DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 23 dicembre 2010

DIRETTIVA DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 23 dicembre 2010 DIRETTIVA DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 23 dicembre 2010 Modalita' di applicazione della comunicazione della Commissione europea «Quadro temporaneo dell'unione per le misure di aiuto di Stato

Dettagli

PARTENARIATI E PERCORSI INDUSTRIA - UNIVERSITÀ MARIE CURIE

PARTENARIATI E PERCORSI INDUSTRIA - UNIVERSITÀ MARIE CURIE ALLEGATO III DISPOSIZIONI SPECIFICHE PARTENARIATI E PERCORSI INDUSTRIA - UNIVERSITÀ MARIE CURIE [PIÙ BENEFICIARI] III. 1 Definizioni Oltre alle definizioni di cui all articolo II.1, alla presente convenzione

Dettagli

DECISIONE N. 1926/2006/CE DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO

DECISIONE N. 1926/2006/CE DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO 30.12.2006 L 404/39 DECISIONE N. 1926/2006/CE DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO del 18 dicembre 2006 che istituisce un programma d'azione comunitaria in materia di politica dei consumatori (2007-2013)

Dettagli

CAPO I. Interventi regionali per il diritto allo studio. Art. 1

CAPO I. Interventi regionali per il diritto allo studio. Art. 1 Legge regionale 26 maggio 1980, n. 10 Norme regionali in materia di diritto allo studio. 1 Quando le disposizioni della presente legge menzionano un Assessorato, la menzione si intende riferita alla Direzione

Dettagli

Università degli Studi Roma Tre

Università degli Studi Roma Tre Università degli Studi Roma Tre Relazione annuale Consip Ai sensi dell art. 26, comma 4, della L. 488/1999 Esercizio 2013 Quadro normativo di riferimento L art. 26 della Legge 488 del 23 dicembre 1999,

Dettagli

Oggetto: Novità introdotte dalla Legge di stabilità 2016 e Milleproroghe in materia di appalti di lavori, servizi e forniture

Oggetto: Novità introdotte dalla Legge di stabilità 2016 e Milleproroghe in materia di appalti di lavori, servizi e forniture USG 246 UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI GENOVA AREA APPROVVIGIONAMENTI E PATRIMONIO Servizio negoziale Settore supporto e consulenza all'attività dei RUP Via Balbi, 5-16126 Genova tel. 010/20951631 e-mail: supportorup@unige.it

Dettagli

enti erogatori d acqua e di energia, degli enti che forniscono servizi di trasporto e servizi postali e sostituisce la direttiva 1993/38/CEE; la

enti erogatori d acqua e di energia, degli enti che forniscono servizi di trasporto e servizi postali e sostituisce la direttiva 1993/38/CEE; la NOVITA INTRODOTTE DALLA DIRETTIVA 2004/18/CE CONCERNENTE GLI APPALTI NEI SETTORI CLASSICI NONCHE DALLA DIRETTIVA 2004/17/CE DEL 31 MARZO 2004 RIGUARDANTE GLI APPALTI NEI SETTORI SPECIALI Sommario: 1. Premessa.

Dettagli

27.12.2002 IT Gazzetta ufficiale delle Comunità europee C 326/79

27.12.2002 IT Gazzetta ufficiale delle Comunità europee C 326/79 27.12.2002 IT Gazzetta ufficiale delle Comunità europee C 326/79 RELAZIONE sul rendiconto finanziario dell Ufficio comunitario delle varietà vegetali relativo all esercizio 2001, corredata delle risposte

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL FINANZIAMENTO DELLE ATTIVITA IN FAVORE DEGLI STUDENTI EX LEGE N. 390/91 POLITECNICO DI BARI

REGOLAMENTO PER IL FINANZIAMENTO DELLE ATTIVITA IN FAVORE DEGLI STUDENTI EX LEGE N. 390/91 POLITECNICO DI BARI REGOLAMENTO PER IL FINANZIAMENTO DELLE ATTIVITA IN FAVORE DEGLI STUDENTI EX LEGE N. 390/91 POLITECNICO DI BARI Decreto emanazione D.R. 74 DEL 03/04/1998 Decreto aggiornamento D.R. n. 63 del 17/02/1999

Dettagli

COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE

COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE SEC( 2004 ) 716 DEFINITIVO BRUXELLES, 15.06.2004 BILANCIO GENERALE - ESERCIZIO 2004 SEZIONE III - COMMISSIONE TITOLO 01 STORNO DI STANZIAMENTI N. DEC34/2004 SPESE OBBLIGATORIE

Dettagli

Capo I Definizioni e principi generali. Articolo 1. Definizioni. Articolo 2. Oggetto del regolamento

Capo I Definizioni e principi generali. Articolo 1. Definizioni. Articolo 2. Oggetto del regolamento Regolamento sugli obblighi di pubblicità, trasparenza e diffusione di informazione da parte della Commissione di garanzia dell attuazione della legge sullo sciopero nei servizi pubblici essenziali, ai

Dettagli

DECRETO 16 gennaio 2014. (GU n.24 del 30-1-2014) *** ATTO COMPLETO *** http://www.gazzettaufficiale.it/atto/stampa/serie_generale/originario

DECRETO 16 gennaio 2014. (GU n.24 del 30-1-2014) *** ATTO COMPLETO *** http://www.gazzettaufficiale.it/atto/stampa/serie_generale/originario 1 di 5 05/02/2014 08:22 DECRETO 16 gennaio 2014 Classificazione della spesa delle universita' per missioni e programmi. (Decreto n. 21). (14A00436) (GU n.24 del 30-1-2014) IL MINISTRO DELL'ISTRUZIONE,

Dettagli

1985 - stanziamenti proposti 11 500 000. Lo stanziamento rientra nella sfera dell'autonomia di gestione della Commissione.

1985 - stanziamenti proposti 11 500 000. Lo stanziamento rientra nella sfera dell'autonomia di gestione della Commissione. B/ 86 Progetto prelimina,re di bilancio generale 1985 15. 6. 84 ARTICOLO 207 - COSTRUZIONE DI IMMOBILI 1984 stanziamenti autorizzati nel bilancio ordinario 10 000 000 (l) stanziamenti modificati mediante

Dettagli

DOCUMENTI. PROGETTO DI bilancio generale dell Unione europea per l esercizio finanziario 2016 VOLUME 5 COMMISSIONE EUROPEA COM(2015) 300 IT 24.6.

DOCUMENTI. PROGETTO DI bilancio generale dell Unione europea per l esercizio finanziario 2016 VOLUME 5 COMMISSIONE EUROPEA COM(2015) 300 IT 24.6. COMMISSIONE EUROPEA DOCUMENTI PROGETTO DI bilancio generale dell Unione europea per l esercizio finanziario 2016 VOLUME 5 SEZIONE V IT COM(2015) 300 IT 24.6.2015 Gli importi del presente documento di bilancio

Dettagli

REGOLAMENTO DI AMMINISTRAZIONE E CONTABILITÀ

REGOLAMENTO DI AMMINISTRAZIONE E CONTABILITÀ REGOLAMENTO DI AMMINISTRAZIONE E CONTABILITÀ (adottato ai sensi dell articolo 16, comma 4, della legge 24 dicembre 2012, n. 243, Disposizioni per l attuazione del principio del pareggio di bilancio ai

Dettagli

COMUNE DI PONTERANICA Provincia di Bergamo

COMUNE DI PONTERANICA Provincia di Bergamo COMUNE DI PONTERANICA Provincia di Bergamo REGOLAMENTO COMUNALE PER L ACQUISTO DI BENI E SERVIZI IN ECONOMIA Pagina 1 di 6 INDICE Art. 1 Art. 2 Art. 3 Art. 4 Art. 5 Art. 6 Art. 7 Art. 8 Art. 9 Art. 10

Dettagli

SPESA CAMERA - CONTI DEFINITIVI 2012

SPESA CAMERA - CONTI DEFINITIVI 2012 SPESA CAMERA - CONTI DEFINITIVI 2012 Quota avanzo di amministrazione da assegnare agli esercizi successivi titolo 1 spese correnti Categoria I. Deputati. RENZI = CHITI 176 289 430.49 176289430.49 Cap.

Dettagli

Ordinanza sull assicurazione diretta diversa dall assicurazione sulla vita

Ordinanza sull assicurazione diretta diversa dall assicurazione sulla vita Ordinanza sull assicurazione diretta diversa dall assicurazione sulla vita (Ordinanza sull assicurazione contro i danni, OADa) Modifica del 26 novembre 2003 Il Consiglio federale svizzero ordina: I L ordinanza

Dettagli

COMUNE DI LAGONEGRO BOZZA DI REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE D'USO DEL PALAZZO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE

COMUNE DI LAGONEGRO BOZZA DI REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE D'USO DEL PALAZZO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE COMUNE DI LAGONEGRO BOZZA DI REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE D'USO DEL PALAZZO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE ART. 1 FINALITÀ ART. 2 DEFINIZIONE DEGLI AMBIENTI ART. 3 DESTINATARI DEI LOCALI ART. 4 COMODATO

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 2014-2016

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 2014-2016 PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 2014-2016 INDICE 1. Introduzione... pag. 2 1.1 Trasparenza... pag. 2 1.2 Integrità... pag. 2 1.3 Obiettivi... pag. 2 2. Individuazione dei dati da pubblicare...

Dettagli

LEGGE REGIONALE 13 DICEMBRE 2012, N. 8

LEGGE REGIONALE 13 DICEMBRE 2012, N. 8 LEGGE REGIONALE 13 DICEMBRE 2012, N. 8 Disposizioni per la formazione del bilancio annuale 2013 e pluriennale 2013-2015 della Regione autonoma Trentino- Alto Adige (Legge finanziaria) 1 Art. 1 (Sviluppo

Dettagli

COMUNE DI PONTOGLIO. Provincia di Brescia REGOLAMENTO COMUNALE PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO

COMUNE DI PONTOGLIO. Provincia di Brescia REGOLAMENTO COMUNALE PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO COMUNE DI PONTOGLIO Provincia di Brescia REGOLAMENTO COMUNALE PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO Indice Art. 1 Servizio di Economato Art. 2 Economo Comunale Art. 3 Funzioni del Servizio di Economato Art. 4 Indennità

Dettagli

Relazione sullo schema di bilancio annuale di previsione per l esercizio finanziario 2015 e pluriennale 2015-2017

Relazione sullo schema di bilancio annuale di previsione per l esercizio finanziario 2015 e pluriennale 2015-2017 Relazione sullo schema di bilancio annuale di previsione per l esercizio finanziario 2015 e pluriennale 2015-2017 Lo schema di bilancio annuale di previsione per l esercizio 2015 è stato predisposto ai

Dettagli

PARTENARIATI E PERCORSI INDUSTRIA-UNIVERSITÀ MARIE CURIE

PARTENARIATI E PERCORSI INDUSTRIA-UNIVERSITÀ MARIE CURIE ALLEGATO III DISPOSIZIONI SPECIFICHE PARTENARIATI E PERCORSI INDUSTRIA-UNIVERSITÀ MARIE CURIE [PIÙ BENEFICIARI] III. 1 Definizioni Oltre alle definizioni di cui all articolo II.1, alla presente convenzione

Dettagli

PARLAMENTO EUROPEO. Il Segretario generale. ATENE - proposta per la riparazione e la ristrutturazione dell'edificio dell'ufficio di informazione

PARLAMENTO EUROPEO. Il Segretario generale. ATENE - proposta per la riparazione e la ristrutturazione dell'edificio dell'ufficio di informazione PARLAMENTO EUROPEO Il Segretario generale Bruxelles, 19/10/2004 Rèf.Adonis:2004/D/23891 NOTA ALL'ATTENZIONE DELL'UFFICIO DI PRESIDENZA -----------------------------------------------------------------------------------

Dettagli

Quotidiano d'informazione giuridica - n.1869 del 26.08.2007 - Direttore Alessandro Buralli - Note legali - Pubblicità - Aiuto

Quotidiano d'informazione giuridica - n.1869 del 26.08.2007 - Direttore Alessandro Buralli - Note legali - Pubblicità - Aiuto Pagina 1 di 7 Quotidiano d'informazione giuridica - n.1869 del 26.08.2007 - Direttore Alessandro Buralli - Note legali - Pubblicità - Aiuto Testo unico in materia di spese di giustizia D.P.R., testo coordinato,

Dettagli

CONSIGLIO REGIONALE DELLA BASILICATA Allegato 10

CONSIGLIO REGIONALE DELLA BASILICATA Allegato 10 RELAZIONE TECNICA DI ACCOMPAGNAMENTO ALL ASSESTAMENTO DEL BILANCIO ANNUALE DI PREVISIONE PER L ESERCIZIO FINANZIARIO 2012 E PLURIENNALE PER GLI ESERCIZI FINANZIARI 2012-2014. Con l Assestamento del Bilancio

Dettagli

Regolamento interno di contabilità e tesoreria del Consiglio dell Ordine degli Avvocati di Pisa

Regolamento interno di contabilità e tesoreria del Consiglio dell Ordine degli Avvocati di Pisa Regolamento interno di contabilità e tesoreria del Consiglio dell Ordine degli Avvocati di Pisa PREMESSA Il Consiglio dell Ordine degli Avvocati di Pisa, visto l art. 24, comma 3, L. 247/2012, che prevede

Dettagli

IL DIRIGENTE. VISTO il decreto legislativo 1 agosto 2003, n. 259, recante il Codice delle comunicazioni elettroniche, e in particolare l art.

IL DIRIGENTE. VISTO il decreto legislativo 1 agosto 2003, n. 259, recante il Codice delle comunicazioni elettroniche, e in particolare l art. Determinazione n. 4/2012 Oggetto: definizione della controversia XXX/Sky Italia XXX IL DIRIGENTE VISTA la legge 31 luglio 1997, n. 249 Istituzione dell Autorità per le garanzie nelle comunicazioni e norme

Dettagli

COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE DECISIONE DELLA COMMISSIONE. del 27 febbraio 2004

COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE DECISIONE DELLA COMMISSIONE. del 27 febbraio 2004 IT IT IT COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE Bruxelles, 27 febbraio 2004 C(2004) 577 DECISIONE DELLA COMMISSIONE del 27 febbraio 2004 recante modifica della decisione C(2002) 1559 del 30 aprile 2002, modificata

Dettagli

I.N.A.F. PREVENTIVO FINANZIARIO GESTIONALE - Esercizio 2014

I.N.A.F. PREVENTIVO FINANZIARIO GESTIONALE - Esercizio 2014 PREVENTIVO FINANZIARIO GESTIONALE - Esercizio PARTE I - ENTRATA Residui attivi corso ( iniziali ) Avanzo di cassa presunto 65.431.595,69 Avanzo di amministrazione presunto 75.451.723,09.. TOTALE TOTALE

Dettagli

Prot. n. 754/2010 Schio, 08 marzo 2010

Prot. n. 754/2010 Schio, 08 marzo 2010 Prot. n. 754/2010 Schio, 08 marzo 2010 FORMAZIONE ELENCO OPERATORI ECONOMICI CONSULTABILI NELL AMBITO DI PROCEDURE IN ECONOMIA PER IL TRIENNIO 2010-2012 (art. 7 del regolamento per l acquisizione in economia

Dettagli

Legge 23 aprile 2003, n. 109

Legge 23 aprile 2003, n. 109 Legge 23 aprile 2003, n. 109 "Modifiche ed integrazioni al decreto del Presidente della Repubblica 5 gennaio 1967, n. 18, recante ordinamento del Ministero degli affari esteri " (pubblicata nella Gazzetta

Dettagli

I.N.A.F. PREVENTIVO FINANZIARIO GESTIONALE - Esercizio 2013

I.N.A.F. PREVENTIVO FINANZIARIO GESTIONALE - Esercizio 2013 PREVENTIVO FINANZIARIO GESTIONALE - Esercizio PARTE I - ENTRATA Residui attivi corso ( iniziali ) Avanzo di cassa presunto 81.184.204,08 Avanzo di amministrazione presunto 76.359.883,83.. TOTALE TOTALE

Dettagli

COMUNE DI PRIGNANO CILENTO PROVINCIA DI SALERNO REGOLAMENTO PER LE FORNITURE E SERVIZI IN ECONOMIA

COMUNE DI PRIGNANO CILENTO PROVINCIA DI SALERNO REGOLAMENTO PER LE FORNITURE E SERVIZI IN ECONOMIA COMUNE DI PRIGNANO CILENTO PROVINCIA DI SALERNO REGOLAMENTO PER LE FORNITURE E SERVIZI IN ECONOMIA REGOLAMENTO PER LE FORNITURE E SERVIZI IN ECONOMIA Art. 1 - Oggetto del Regolamento 1. Il presente regolamento

Dettagli

La traduzione alla Commissione: il punto della situazione due anni dopo l allargamento

La traduzione alla Commissione: il punto della situazione due anni dopo l allargamento MEMO/06/173 Bruxelles, 27 aprile 2006 La traduzione alla Commissione: il punto della situazione due anni dopo l allargamento Sono già passati due anni da quando l Unione europea lavora con 25 Stati membri

Dettagli

Legge 09-01-1989, n. 13 Disposizioni per favorire il superamento e l'eliminazione delle barriere architettoniche negli edifici privati

Legge 09-01-1989, n. 13 Disposizioni per favorire il superamento e l'eliminazione delle barriere architettoniche negli edifici privati Legge 09-01-1989, n. 13 Disposizioni per favorire il superamento e l'eliminazione delle barriere architettoniche negli edifici privati DISPOSIZIONI GENERALI Art. 1 - Finalità 1. La regione del Veneto promuove

Dettagli

IT 1 IT COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE BUDG/A7/2008/D/58409 BRUXELLES, 16/10/2008

IT 1 IT COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE BUDG/A7/2008/D/58409 BRUXELLES, 16/10/2008 COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE BUDG/A7/2008/D/58409 BRUXELLES, 16/10/2008 BILANCIO GENERALE - ESERCIZIO 2008 SEZIONE III - COMMISSIONE TITOLO 26 STORNO DI STANZIAMENTI N. DEC 32/2008 SPESE NON OBBLIGATORIE

Dettagli

3. Con lettera del 22 giugno 2004, nuovi complementi di informazione sono stati chiesti alle autorità italiane.

3. Con lettera del 22 giugno 2004, nuovi complementi di informazione sono stati chiesti alle autorità italiane. COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 26-VII-2006 C(2006) 3451 Oggetto: Aiuti di Stato/Italia (Friuli - Venezia Giulia) Aiuto n. N 625/03 Alienazione della Centrale ortofrutticola in Comune di Udine dall Agenzia

Dettagli

Legge Regionale 30 dicembre 2010 n.34

Legge Regionale 30 dicembre 2010 n.34 CONSIGLIO REGIONALE DELLA BASILICATA Legge Regionale 30 dicembre 2010 n.34 Bilancio di Previsione per l Esercizio Finanziario 2011 e Bilancio Pluriennale per il Triennio 2011 2013. * * * * * * * * * *

Dettagli

Seminario di informazione sulla gestione dei partenariati. Comenius Regio. Firenze 10 dicembre 2012 Sala Auditorium di Sant'Apollonia Firenze

Seminario di informazione sulla gestione dei partenariati. Comenius Regio. Firenze 10 dicembre 2012 Sala Auditorium di Sant'Apollonia Firenze Seminario di informazione sulla gestione dei partenariati Comenius Regio Firenze 10 dicembre 2012 Sala Auditorium di Sant'Apollonia Firenze COMENIUS REGIO LA STRUTTURA DEL BUDGET Stefania De Lellis Ufficio

Dettagli

Consuntivo 2005. Consuntivo 2006

Consuntivo 2005. Consuntivo 2006 SPESA TITOLO I SPESE CORRENTI CATEGORIA I. DEPUTATI. Cap. 1 - Indennità dei deputati 95.523.899,95 90.650.158,39 94.580.000,00 Indennità parlamentare 91.889.624,80 87.670.941,66 90.850.000,00 Indennità

Dettagli

COMMISSIONE EUROPEA. Bruxelles, 28-VII-2004 C(2004) 2972

COMMISSIONE EUROPEA. Bruxelles, 28-VII-2004 C(2004) 2972 COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 28-VII-2004 C(2004) 2972 Oggetto: Aiuti di Stato/Italia (Lazio) Aiuto n. N 36/2002 Aiuti per il pagamento di premi assicurativi per perdite causate da avverse condizioni

Dettagli

PARLAMENTO EUROPEO I QUESTORI PROCESSO VERBALE. della riunione del 15 marzo 2006 alle 15.00 Sala S3.4 - Edificio Louise Weiss (LOW) STRASBURGO INDICE

PARLAMENTO EUROPEO I QUESTORI PROCESSO VERBALE. della riunione del 15 marzo 2006 alle 15.00 Sala S3.4 - Edificio Louise Weiss (LOW) STRASBURGO INDICE PE-6/QUEST/PV/2006-4 PARLAMENTO EUROPEO P PV 4/2006 I QUESTORI PROCESSO VERBALE della riunione del 15 marzo 2006 alle 15.00 Sala S3.4 - Edificio Louise Weiss (LOW) STRASBURGO INDICE Page 1. Approvazione

Dettagli

Decreto Legislativo 11 novembre 2003, n. 333

Decreto Legislativo 11 novembre 2003, n. 333 Decreto Legislativo 11 novembre 2003, n. 333 "Attuazione della direttiva 2000/52/CE, che modifica la direttiva 80/723/CEE relativa alla trasparenza delle relazioni finanziarie tra gli Stati membri e le

Dettagli

BILANCIO PREVENTIVO E CONSUNTIVO

BILANCIO PREVENTIVO E CONSUNTIVO BILANCIO PREVENTIVO E CONSUNTIVO (Documento di sintesi del bilancio di previsione del Consiglio regionale per l'esercizio 2014 e bilancio pluriennale per il triennio 2014 2016 approvato con delibera Consiliare

Dettagli

REGOLAMENTO CONTABILE DEI CORPI DEI VIGILI DEL FUOCO VOLONTARI DELLA PROVINCIA DI TRENTO

REGOLAMENTO CONTABILE DEI CORPI DEI VIGILI DEL FUOCO VOLONTARI DELLA PROVINCIA DI TRENTO REGOLAMENTO CONTABILE DEI CORPI DEI VIGILI DEL FUOCO VOLONTARI DELLA PROVINCIA DI TRENTO (approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 34 del 12.09.2013) Art. 1 Esercizio finanziario 1. L esercizio

Dettagli

30.12.2010 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 346/5

30.12.2010 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 346/5 30.12.2010 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 346/5 REGOLAMENTO (UE) N. 1233/2010 DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO del 15 dicembre 2010 che modifica il regolamento (CE) n. 663/2009 che istituisce

Dettagli

PROSPETTO GENERALE DEI LIMITI DI DELEGA Allegato 2 DELEGATI CAPITOLI

PROSPETTO GENERALE DEI LIMITI DI DELEGA Allegato 2 DELEGATI CAPITOLI Cap. 110 - Compensi al Presidente ed ai Nei limiti previsti dalla legge. Membri dell'autorità Cap. 111 - Oneri previdenziali ed assistenziali a carico dell'autorità Cap. 112 - Rimborso spese di missione

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA

SENATO DELLA REPUBBLICA SENATO DELLA REPUBBLICA Vili LEGISLATURA (N. 1432) DISEGNO DI LEGGE presentato dal Presidente del Consiglio dei Ministri (FORLANI) e dal Ministro della Sanità (ANIASI) COMUNICATO ALLA PRESIDENZA IL 14

Dettagli

Comune di Bassano del Grappa

Comune di Bassano del Grappa Comune di Bassano del Grappa DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE Registro Unico 1247 / 2014 Area Staff OGGETTO: ACQUISIZIONE SERVIZIO AGGIORNAMENTO TECNOLOGICO DEL SOFTWARE APPLICATIVO PER LA GESTIONE ECONOMICA

Dettagli

VISTI i piani di erogazione e degli interventi predisposti dalle singole regioni allegati al presente decreto;

VISTI i piani di erogazione e degli interventi predisposti dalle singole regioni allegati al presente decreto; VISTO il decreto-legge 12 settembre 2013, n. 104, convertito, con modificazioni, dalla legge 8 novembre 2013, n. 128, recante misure urgenti in materia di istruzione, università e ricerca (di seguito,

Dettagli

DISPOSIZIONI SULL UTILIZZAZIONE DI SPAZI UNIVERSITARI

DISPOSIZIONI SULL UTILIZZAZIONE DI SPAZI UNIVERSITARI Testo modificato con delibera del Consiglio di Amministrazione n. 6/2003/10.5 in data 10/10/2003 e modificato successivamente con delibere n. 7/2004/8.1 in data 08/10/2004 e n. 9/2007/5.4 in data 21/12/2007.

Dettagli

ORDINE ASSISTENTI SOCIALI DELLA REGIONE LOMBARDIA RELAZIONE DI ACCOMPAGNAMENTO AL BILANCIO PREVISIONALE 2004

ORDINE ASSISTENTI SOCIALI DELLA REGIONE LOMBARDIA RELAZIONE DI ACCOMPAGNAMENTO AL BILANCIO PREVISIONALE 2004 ORDINE ASSISTENTI SOCIALI DELLA REGIONE LOMBARDIA RELAZIONE DI ACCOMPAGNAMENTO AL BILANCIO PREVISIONALE 2004 Delineando una previsione di bilancio per l anno 2004 è doveroso effettuare alcune considerazioni

Dettagli

Unione europea Pubblicazione del Supplemento alla Gazzetta ufficiale dell'unione europea. Avviso di preinformazione (Direttiva 2004/18/CE)

Unione europea Pubblicazione del Supplemento alla Gazzetta ufficiale dell'unione europea. Avviso di preinformazione (Direttiva 2004/18/CE) Unione europea Pubblicazione del Supplemento alla Gazzetta ufficiale dell'unione europea 2, rue Mercier, 2985 Luxembourg, Lussemburgo Fax: +352 29 29 42 670 Posta elettronica: ojs@publications.europa.eu

Dettagli

RETE MARIE CURIE DI FORMAZIONE INIZIALE

RETE MARIE CURIE DI FORMAZIONE INIZIALE ALLEGATO III DISPOSIZIONI SPECIFICHE RETE MARIE CURIE DI FORMAZIONE INIZIALE [BENEFICIARIO UNICO] III. 1 Definizioni Oltre alle definizioni di cui all articolo II.1, alla presente convenzione di sovvenzione

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA COMMISSIONE (CE) n.../.. recante applicazione del regolamento (CE) n. 659/1999 del Consiglio LA COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE,

REGOLAMENTO DELLA COMMISSIONE (CE) n.../.. recante applicazione del regolamento (CE) n. 659/1999 del Consiglio LA COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE, IT REGOLAMENTO DELLA COMMISSIONE (CE) n..../.. recante applicazione del regolamento (CE) n. 659/1999 del Consiglio LA COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE, visto il trattato che istituisce la Comunità europea,

Dettagli

(Atti adottati a norma dei trattati CE/Euratom la cui pubblicazione è obbligatoria) REGOLAMENTI

(Atti adottati a norma dei trattati CE/Euratom la cui pubblicazione è obbligatoria) REGOLAMENTI 5.1.2008 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 3/1 I (Atti adottati a norma dei trattati CE/Euratom la cui pubblicazione è obbligatoria) REGOLAMENTI REGOLAMENTO (CE) N. 3/2008 DEL CONSIGLIO del 17 dicembre

Dettagli

Il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca di concerto con il Ministro dell Economia e delle Finanze Classificazione della spesa delle università per missioni e programmi VISTI gli articoli

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA FORMAZIONE, L AGGIORNAMENTO ED I CREDITI FORMATIVI DEL PERSONALE TECNICO-AMMINISTRATIVO

REGOLAMENTO PER LA FORMAZIONE, L AGGIORNAMENTO ED I CREDITI FORMATIVI DEL PERSONALE TECNICO-AMMINISTRATIVO REGOLAMENTO PER LA FORMAZIONE, L AGGIORNAMENTO ED I CREDITI FORMATIVI DEL PERSONALE TECNICO-AMMINISTRATIVO Premessa L Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia considera la formazione e l aggiornamento

Dettagli

PROGETTO ART. 15 COMMA 5 DEL C.C.N.L 01.04.1999 per CED PERSONALE - SEGRETERIA. PREMESSA PROGETTO (Norma di riferimento)

PROGETTO ART. 15 COMMA 5 DEL C.C.N.L 01.04.1999 per CED PERSONALE - SEGRETERIA. PREMESSA PROGETTO (Norma di riferimento) PROGETTO ART. 15 COMMA 5 DEL C.C.N.L 01.04.1999 per CED PERSONALE - SEGRETERIA PREMESSA PROGETTO (Norma di riferimento) D.Lgs. n. 33 del 14.03.2013 Riordino della disciplina riguardante gli obblighi di

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACQUISIZIONE DI BENI E SERVIZI IN ECONOMIA. Approvato dall AU - il 13/06/14

REGOLAMENTO PER L ACQUISIZIONE DI BENI E SERVIZI IN ECONOMIA. Approvato dall AU - il 13/06/14 REGOLAMENTO PER L ACQUISIZIONE DI BENI E SERVIZI IN ECONOMIA Approvato dall AU - il 13/06/14 ACQUISIZIONE DI BENI E SERVIZI IN ECONOMIA Art. 1 Oggetto 1. Il presente regolamento, tenuto conto delle specifiche

Dettagli

RETE MARIE CURIE DI FORMAZIONE INIZIALE

RETE MARIE CURIE DI FORMAZIONE INIZIALE ALLEGATO III DISPOSIZIONI SPECIFICHE RETE MARIE CURIE DI FORMAZIONE INIZIALE [BENEFICIARIO UNICO] III. 1 Definizioni Oltre alle definizioni di cui all'articolo II.1, alla presente convenzione di sovvenzione

Dettagli

Regolamento per il servizio di Cassa Economale

Regolamento per il servizio di Cassa Economale Azienda di Servizi alla Persona Regolamento per il servizio di Cassa Economale Approvato con Delibera di CdA n. 4 del 27/02/2014 Sede Legale: Via Di Mezzo n. 1 47900 RIMINI Sede Amministrativa: Via Massimo

Dettagli

CODICE DEI CONTRATTI PUBBLICI E SOCIETA A PARTECIPAZIONE PUBBLICA acquisto di beni e servizi assunzione personale consulenze ABSTRACT Il quadro di

CODICE DEI CONTRATTI PUBBLICI E SOCIETA A PARTECIPAZIONE PUBBLICA acquisto di beni e servizi assunzione personale consulenze ABSTRACT Il quadro di CODICE DEI CONTRATTI PUBBLICI E SOCIETA A PARTECIPAZIONE PUBBLICA acquisto di beni e servizi assunzione personale consulenze ABSTRACT Il quadro di riferimento normativo In questi ultimi anni gli acquisti

Dettagli

IL DIRIGENTE DEL SETTORE AMMINISTRATIVO CONTABILE Servizio CED

IL DIRIGENTE DEL SETTORE AMMINISTRATIVO CONTABILE Servizio CED DETERMINAZIONE N 252 del 25/03/2016 OGGETTO: Centralino e terminali telefonici della Sede municipale, della Delegazione di Bibione e della sede dell Istituto Comprensivo: canone di assistenza e manutenzione

Dettagli

MINISTERO DEL TESORO, DEL BILANCIO E DELLA PROGRAMMAZIONE ECONOMICA

MINISTERO DEL TESORO, DEL BILANCIO E DELLA PROGRAMMAZIONE ECONOMICA MINISTERO DEL TESORO, DEL BILANCIO E DELLA PROGRAMMAZIONE ECONOMICA CIRCOLARE 23 giugno 2000 n. 1 Convenzioni di cui all'art. 26, legge 23 dicembre 1999, n. 488, ed attività affidate alla Consip S.p.a.

Dettagli

Ordinanza sulle concessioni e sul finanziamento dell infrastruttura ferroviaria

Ordinanza sulle concessioni e sul finanziamento dell infrastruttura ferroviaria Ordinanza sulle concessioni e sul finanziamento dell infrastruttura ferroviaria (OCFIF) 742.120 del 4 novembre 2009 (Stato 1 gennaio 2010) Il Consiglio federale svizzero, visti gli articoli 1 capoverso

Dettagli

Regolamento sulla formazione continua dei docenti

Regolamento sulla formazione continua dei docenti 27/2015 Bollettino ufficiale delle leggi e degli atti esecutivi 12 giugno 297 Regolamento sulla formazione continua dei docenti (del 9 giugno 2015) Dipartimento competente Organizzazione e finanziamento

Dettagli

RELAZIONE AL PREVENTIVO FINANZIARIO GESTIONALE PER L ESERCIZIO 2015

RELAZIONE AL PREVENTIVO FINANZIARIO GESTIONALE PER L ESERCIZIO 2015 COLLEGIO GEOMETRI E GEOMETRI LAUREATI DELLA PROVINCIA DI MODENA RELAZIONE AL PREVENTIVO FINANZIARIO GESTIONALE PER L ESERCIZIO 2015 Il bilancio di previsione relativo all esercizio 2015, documento fondamentale

Dettagli

Gazzetta ufficiale C 92 A. dell Unione europea. Comunicazioni e informazioni. Avvisi. 58 o anno. Edizione in lingua italiana. 19 marzo 2015.

Gazzetta ufficiale C 92 A. dell Unione europea. Comunicazioni e informazioni. Avvisi. 58 o anno. Edizione in lingua italiana. 19 marzo 2015. Gazzetta ufficiale dell Unione europea C 92 A Edizione in lingua italiana Comunicazioni e informazioni 58 o anno 19 marzo 2015 Sommario V Avvisi PROCEDIMENTI AMMINISTRATIVI Ufficio europeo di selezione

Dettagli

REGOLAMENTO DEL PERSONALE CONSORTILE

REGOLAMENTO DEL PERSONALE CONSORTILE REGOLAMENTO DEL PERSONALE CONSORTILE Approvato con delibera del Consiglio di Amministrazione n. 15 del 28 marzo 2011 1 Art. 1 - Oggetto del Regolamento 1. Il presente regolamento, in attuazione dello Statuto

Dettagli

Adelante Dolmen società cooperativa sociale. Sede legale in Milano - Via Boltraffio, 21. Registro delle Imprese di Milano

Adelante Dolmen società cooperativa sociale. Sede legale in Milano - Via Boltraffio, 21. Registro delle Imprese di Milano Adelante Dolmen società cooperativa sociale Sede legale in Milano - Via Boltraffio, 21 Registro delle Imprese di Milano Codice fiscale e numero di iscrizione 12237260158 Numero di iscrizione all Albo delle

Dettagli

Legge 6 febbraio 1985, n.15, Disciplina delle spese da effettuarsi all'estero dal Ministero degli affari esteri.

Legge 6 febbraio 1985, n.15, Disciplina delle spese da effettuarsi all'estero dal Ministero degli affari esteri. Legge 6 febbraio 1985, n.15, Disciplina delle spese da effettuarsi all'estero dal Ministero degli affari esteri. TITOLO I Finanziamento delle spese da effettuarsi all'estero Capo I - Procedure per il finanziamento

Dettagli

Proposta di REGOLAMENTO DEL CONSIGLIO

Proposta di REGOLAMENTO DEL CONSIGLIO IT IT IT COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 18.11.2010 COM(2010) 679 definitivo 2010/0330 (NLE) Proposta di REGOLAMENTO DEL CONSIGLIO che adegua, a decorrere dal 1 luglio 2010, l'aliquota del contributo al

Dettagli

RETE MARIE CURIE DI FORMAZIONE INIZIALE

RETE MARIE CURIE DI FORMAZIONE INIZIALE ALLEGATO III DISPOSIZIONI SPECIFICHE RETE MARIE CURIE DI FORMAZIONE INIZIALE [PIÙ BENEFICIARI] III. 1 Definizioni Oltre alle definizioni di cui all articolo II.1, alla presente convenzione di sovvenzione

Dettagli