VOCE INDENNITÀ DI CESSAZIONE DEFINITIVA DALLE FUNZIONI- REGOLAMENTO (EURATOM, CECA, CEE) N. 2530/ 72

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "VOCE 1252- INDENNITÀ DI CESSAZIONE DEFINITIVA DALLE FUNZIONI- REGOLAMENTO (EURATOM, CECA, CEE) N. 2530/ 72"

Transcript

1 B/ 44 Progetto preliminare di bilancio generale In funzione del numero reale dei funzionari interessati alla data del 31 dicembre 1982 ( 40) e in considerazione della spesa reale del mese di marzo 1982 ( BFR) lo stanziamento è stato adeguato, tenuto conto anche dell'incidenza dell'applicazione dei parametri 1982 relativi all'adeguamento delle retribuzioni. Gli stanziamenti necessari amontano a: arrotondati a: ,51 ECU ,- ECU L'incidenza degli adeguamenti che il Consiglio deciderà nel 1983 è iscritta all'articolo 129. VOCE INDENNITÀ DI CESSAZIONE DEFINITIVA DALLE FUNZIONI- REGOLAMENTO (EURATOM, CECA, CEE) N. 2530/ stanziamenti autorizzati Variazione "(in %) ,93 Articolo 3 del regolamento (Euratom, CECA, CEE) n. 2530/ 72 del Consiglio, del 4 dicembre 1972 che istituisce provvedimenti speciali e temporanei per l'assunzione di funzionari delle Comunità europee in conseguenza dell'adesione di nuovi Stati membri nonché per la cessazione definitiva dal servizio di taluni funzionari di queste Comunità (GU L 272 del , pag. l). Stanziamento destinato a coprire le indennità da versare ai funzionari colpiti da provvedimenti che hanno portato alla loro cessazione definitiva dalle funzioni nell'interesse del servizio per tener conto delle necessità derivanti dall'adesione alle Comunità europee di nuovi Stati membri. Il numero di beneficiari è decrescente e sarà di 74 al 31 dicembre 1982 per passare a 39 al 31 dicembre Per calcolare gli stanziamenti necessari ci si è basati su un numero medio di 57 beneficiari. Oltre che del livello delle indennità attualmente autorizzate si è tenuto conto dell'incidenza dell'applicazione dei parametri 1982 relativi all'adeguamento delle retribuzioni. Gli stanziamenti necessari ammontano pertanto a: arrotondati a: ,07 ECU ,00 ECU l L'incidenza degli adeguamenti che il Consiglio deciderà nel 1983 è iscritta all'articolo 129. VOCE INDENNITÀ DI CESSAZIONE DEFINITIVA DALLE FUNZIONI- REGOLAMENTO (CECA, CEE, EURATOM) n. 1543/73 Variazione (in %) l l ,92 Articolo 3 del regolamento (CECA, CEE, Euratom) n. 1543/ 73 del Consiglio del4 giugno 1973, che istituisce misure particolari applicabili temporaneamente ai funzionari delle Comunità europee retribuiti sugli stanziamenti per la ricerca e gli investimenti (GU L 155 dell'l l , pag. 1).

2 Progetto preliminare di bilancio generale 1983 B/ 45 Stanziamento destinato a coprire le indennità da versare ai funzionari colpiti da un provvedimento di cessazione definitiva dal servizio per tener conto delle necessità eccezionali derivanti dall'adozione di programmi di ricerca comportanti una riduzione del numero dei posti compresi nelle tabelle dell'organico retribuitq in base agli stanziamenti per la ricerca e l'investimento della Comunità europea dell'energia atomica, nonché delle necessità derivanti dall'adesione di nuovi Stati membri alle Comunità europee. Il numero dei beneficiari è decrescente e sarà di 45 al31 dicembre 1982 per passare a 15 al31 dicembre Gli stanziamenti necessari sono stati calcolati sulla base di un numero medio di 30 beneficiari. Oltre che del livello delle indennità attualmente autorizzate, si è tenuto conto anche dell'incidenza dell'applicazione dei parametri 1982 relativi all'adeguamento delle retribuzioni. Gli stanziamenti necessari ammontano dunque a: arrotondati a: l ,10 ECU l ,00 ECU L'incidenza degli adeguamenti che il Consiglio deciderà nel 1983 è iscritta all'articolo 129. VOCE INDENNITÀ PER CESSAZIONE DEFINITIVA DAL SERVIZIO (... )N..../ : stanziamenti proposti Variazione (in o/o) REGOI..:AMENTO p.m Articolo 2 del regolamento(... ) n..../82 del che istituisce delle misure particolari, applicabili temporaneamente, relative alla cessazione definitiva dalle funzioni di funzionari delle Comunità europee a seguito dell'adesione della Grecia (GU L... del , pag... ). 2~ Natura della spesa Stanziamento destinato a coprire le indennità da versare ai funzionari della Comissione colpiti da un provvedimento di cessazione definitiva dalle funzioni nell'interesse del servizio e in funzione delle necessità derivanti dall'adesione della Grecia alle Comunità europee. Il numero dei funzionari interessati in servizio presso la Commissione è stato fissato a 15. Poichè tuttavia al momento del calcolo degli stanziamenti necessari non erano ancora stati determinati i beneficiari, i dati adottati per il calcolo dell'importo delle indennità sono pure stime e vale a dire: grado: A/ 3 scatto: 6 (valore a concorrenza del 70 %), coniugato, due figli a carico, diritto all'indennità di dislocazione Si è inoltre tenuto conto dell'incidenza dell'applicazione dei parametri 1982 relativi all'adeguamento delle retribuzioni. L'incidenza degli adeguamenti che il Consiglio deciderà nell983 è iscritta all'articolo 129.

3 B/ 46 Progetto preliminare di bilancio generale ARTICOLO 129- STANZIAMENTI ACCANTONATI PER EVENTUALI ADEGUAMENTI DELLE RETRIBUZIONI E INDENNITÀ VARIE DI FUNZIONARI E ALTRI AGENTI t'982 - stanziamenti autorizzati Variazione (in o/o) ,99 Articolo 65 dello statuto dei funzionari delle Comunità europee. Decisione del Consiglio del 15 dicembre 1981 concernente il metodo di adeguamento delle retribuzioni dei funzionari ed altri agenti delle Comunità (81 l l 061 / Euratom, CECA, CEE). Nessuna spesa sarà imputata a questo articolo. Lo stanziamento ha carattere di accantonamento e può essere utilizzato solo dopo essere stato trasferito mediante storno ad altri articoli o voci secondo la procedura prevista a tal fine dal regolamento finanziario. Esso è destinato a coprire gli eventuali adeguamenti delle retribuzioni e delle indennità che il Consiglio deciderà nel corso dell'esercizio. In funzione del «metodo riveduto» di adeguamento delle retribuzioni dei funzionari e altri agenti delle Comunità citato al punto l che precede, sono state formulate delle previsioni sull'evoluzione degli indici comuni del costo della vita e dell'indicatore specifico (evoluzione del potere d'acquisto delle retribuzioni dei funzionari nazionali). Questi parametri sono stati applicati agli stanziamenti delle linee di bilancio 1221, 124, 1250, 1253 e 1254 nella misura in cui il Consiglio è tenuto a procedere agli adeguamenti delle retribuzioni secondo il metodo nel corso dell'esercizio 1982, cosa che fa decorrere l'effetto di dette decisioni solo dall'inizio dell'esercizio Quanto invece alle incidenze che potrebbero risultare per gli stanziamenti delle linee di bilancio summenzionate delle decisioni che il Consiglio prenderà nel corso dell'esercizio 1983, esse sono iscritte all'articolo 129. Solo dopo che il Consiglio avrà preso le decisioni specifiche in materia di retribuzioni, il trasferimento degli stanziamenti supplementari necessari interverrà sotto forma di storno a partire da un prelievo sul presente articolo. La variazione delio stanziamento è dovuta da un lato alla modifica intervenuta nel valore del!ranco belga rispetto all'ecu a çausa della svalutazione del franco belga del21 febbraio 1982, e dall'altro ai valori adottati per i parametri, che differiscono da quelli dell'esercizio precedente.

4 Progetto preliminare di bilancio generale 1983 B/ 47 CAPITOLO 13- SPESE PER MISSIONI E TRASFERTE. RIEPILOGO Variazione Art./ Stanziamenti Stanziamenti in o/o voce Denominazione autorizzati proposti 2 : l l Spese per missioni, trasferte e altre spese accessorie 1300 Spese di missione dei membri dell'istituzione , Spese di missione del personale lo lo , Spese di missione conesse con la partecipazione a riunioni nelle altre sedi delle istituzioni comunitarie ed in particolare a Lussemburgo e Strasburgo Totale ,32

5 B/ 48 Progetto preliminare di bilancio generale 1983 l VOCE SPESE DI MISSIONE DEI MEMBRI DELL'ISTITUZIONE Variazione (in %) ,94 Articolo 6 del regolamento concernente il trattamento economico dei membri della Commissione. Possono dare luogo a rimborso o a pagamento: - le spese di trasporto, compreso eventualmente il prezzo di prenotazione dei posti e di trasporto del bagaglio necessario, nonché i supplementi rapido e per vagone letto; - il conto dell'albergo (prezzo della camera, servizio e tasse) nonché un'indennità forfettaria per i pasti; -. le spese accessorie sostenute per motivi di servizio (telegrafo, telefono, spese straordinarie per l'esecuzione di una missione). La riduzione dello stanziamento è solo apparente ed è imputabile alla creazione della nuova voce Nell'importo totale di questa voce è infatti incorporata la differenza tra gli stanziamenti 1982 e quelli Conseguentemente, l'insieme degli stanziamenti destinati a coprire le spese di missione dei membri della Commissione per il 1983 resta allo stesso livello del VOCE SPESE DI MISSIONE DEL PERSONALE Variazione (in %) Articoli 11, 12 e 13 dell'allegato VII dello statuto dei funzionari delle Comunità europee. Possono dar luogo a rimborso o a pagamento: IO IO le spese di trasporto, comprensive, se del caso, del prezzo di prenotazione dei posti e di trasporto dei bagagli necessari, nonché i supplementi rapido e per vagone letto; -per i funzionari di grado A/ 1-A/ 3 (LA/ 3), il conto dell'albergo (prezzo della camera, servizio e tasse) e un 'indennità forfettaria per i pasti; - per i funzionari e gli altri agenti di grado A/ 4 (LA/ 4)-D/ 4 un'indennità destinata a coprire le spese d'al- ' bergo e i pasti; - le spese accessorie sostenute per motivi di servizio (telegrafo, telefono, spese straordinarie per l'esecuzione di una missione). La riduzione dello stanziamento è solo apparente ed è da ascriversi alla creazione della nuova voce Nell'importo totale di questa nuova voce è infatti incorporata una parte degli stanziamenti precedentemente iscritti alla voce / -7,63

6 Progetto preliminare di bilancio generale 1983 B/ 49 Dalla ripartizione che segue emerge il quadro degli stanziamenti e l'entità della variazione: Spese di missione del personale a) Tutte le destinazioni, ad eccezione di Lussemburgo e Strasburgo b) Esclusivamente Lussemburgo e Strasburgo Voce 1301 Voce l l o l Proposta Stanziamento 1982 l O Aumento l ( + 9,96 %) Tale aumento è necessario per tener conto: - dell'evoluzione dei compiti di certi servizi a seguito dell'avvio o dell'estensione delle azioni di cui sono responsabili; - dell'aumento del costo dei trasporti; - dell'aumento del costo della vita che incide sui prezzi dei ristoranti e degli alberghi. Per quanto riguarda l'evoluzione dei compiti di certi servizi e l'ampliamento di azioni già in corso si ricorda in particolare: - la conclusione di nuovi accordi (tessili, acciaio, paesi terzi, India, Patto andino), - gli sforzi intesi a risolvere determinati problemi con i nostri principali partner (Stati Uniti, Giappone, ecc.), - l'aumento delle riunioni dei gruppi di lavoro del comitato monetario, - i numerosi controlli da effettuare nel campo delle intese e posizioni dominanti, - l'aumento dei controlli sui prelievi CECA, - il moltiplicarsi delle missioni dovuto all'ampliamento del settore degli aiuti di Stato, - la messa a punto di accordi di riconversione CECA, - la messa in opera di programmi d'azione a favore delle donne e dei minorati, - la messa a punto di un programma relativo al passaggio dei giovani dalla scuola alla vita attiva, - i negoziati da prevedere con l'austria e la Iugoslavia, - le missioni connesse con il rinnovo della convenzione di Lomé II, - la creazione o apertura di nuovi uffici stampa e delegazioni (Belgrado, Brasilia, Canberra, Nuova Delhi) nonché delle nuove antenne in Italia e in Germania, - la gestione degli accordi con i PVS, - lo sviluppo dei prestiti di riconversione, - l'accelerazione nel ritmo dei prestiti NIC, - le emissioni di prestiti a Tokio e a New York, - l'intensificazione dei controlli FEAOG, risorse proprie, Fondo sociale e FESR, - le nuove missioni relative alla cooperazione e all'assistenza tecnica, soprattutto nei paesi dell'africa.

7 B/ 50 Progetto preliminare di bilancio generale Nuova voce VOCE SPESE DI MISSIONE CONNESSE CON LA PARTECIPAZIONE A RIUNIONI NELLE ALTRE SEDI DELLE ISTITUZIONI COMUNITARIE ED IN PARTICOLARE A LUS SEMBURGO E STRASBURGO stanziamenti autorizzati Variazione (in o/o) Articolo 6 del regolamento concernente il trattamento economico dei membri della Commissione. Articoli Il, 12 e 13 dell'allegato VII dello statuto dei funzionari delle Comunità europee. Lo stanzi amento è destinato a scopi identici a quelli indicati per l~ voci 1300 e 130 l Per indicare sia pur in modo approssin;j.ativo il costo delle missioni determinate dalla molteplicità delle sedi delle istituzioni si è creata questa voce specifica. Dalle indicazioni fornite al punto 3 delle voci 1300 e 1301 risulta che lo stanziamento della voce 1302 non costituisce una richiesta distanziamenti supplementari dato che l'importo iscritto è dedotto dagli stanziamenti - della voce 1300 nella misura di ECU - della voce 130 l nella misura di ECU In totale ECU

8 Progetto preliminare di bilancio generale 1983 B/ 51 CAPITOLO 14- INFRASTRUTTURE DI CARATTERE MEDICO-SOCIALE R IEPILOGO Articolo/ Voce Stanziamenti Stanzia menti Denominazione autorizzati proposti - l 2 Spese di funzionamento corrente di ristoranti, mense e bar Spese di trasformazione e di rinnovo degli impianti di ristoranti, mense e bar Servizio medico Controllo medico nel quadro della protezione sanitaria degli agenti esposti a radiazioni Totale Variazione in % 2 ; l 3 + 7,07-74,58 + 8, , ,49

9 B/ 52 Progetto preliminare di bilancio generale VOCE Variazione (in %) SPESE DI FUNZIONAMENTO CORRENTE DI RISTORANTI, MENSE E BAR ,07 Lo stanziamento rientra nella sfera dell'autonomia di gestione della Commissione.! Sono imputate sullo stanziamento di questa voce le spese di funzionamento dei ristoranti, mense e bar, la manutenzione degli impianti, il rinnovo del materiale e l'acquisto di nuove attrezzature. 3. Metodo di ca'lcolo e motivazione della variazione Le spese di funzionamento sono coperte, in linea di principio, dalle entrate del servizio stesso. Il bilancio comunitario prende a proprio carico le spese d'infrastruttura e soltanto un terzo delle spese per il personale. Le derrate ;;tlimentari e i due terzi delle spese per il personale vengono pagati da chi fruisce dei servizi. Le spese si suddiv~dono come segue: Bruxelles Lussemburgo L'aumento dello stanziamento è motivato: ECU ECU - dal prevedi bile rialzo delle spese di funzionamento e del costo della manutenzione: - dalla necessità di sostituire gradualmente talune attrezzature ormai vecchie, il cui acquisto risale a più di 7 anni fa, ECU ECU - da acquisti destinati al centro di conferenze Albert Borschette di Bruxelles, per il quale è previsto un importo di ECU. VOCE l Variazione (in o/o) SPESE DI TRASFORMAZIONE E DI RINNOVO DEGLI IMPIAl'{TI DI RISTORANTI, MENSE E BAR Lo stanziamento rientra nell'autonomia di gestione della Commissione ,58 Sono imputate sullo stanziamento di questa voce le spese eccezionali che non possono essere incluse nelle spese çorrenti. Lo stanziamento proposto è destinato a coprire le spese di rinnovo necessarie per gli impianti dei servizi di Bruxelles.

10 Progetto preliminare di bilancio generale 1983 B/ 53 ARTICOLO Variazione (in %) SERVIZIO MEDICO ,24 Articolo 59 dello statuto: - paragrafo l, secondo comma, relativo al controllo medico delle assenze per malattia, - paragrafo 4, relativo all'obbligo dei funzionari di sottoporsi ogni anno ad una visita medica preventiva. Articolo 8 dell'allegato II dello statuto, relativo alle spese della commissione d'invalidità. Oltre agli onorari dei medici, retribuiti a vacazione, lo stanziamento copre le spese per le visite preventive, esami speciali, analisi, ecc., per il materiale di uso corrente (materiale per medicazioni, prodotti farmaceutici, piccolo materiale e forniture per laboratori), materiale e mobili speciali, nonché le spese per il funzionamento della commissione d'invalidità. Gli stanziamenti sono calcolati in funzione del fabbisogno prevedibile e tenendo conto del possibile reimpiego valutato a ± ECU. L'aumento dello stanziamento è dovuto al prevedibile au.mento del costo della vita e all'aumento del numero di posti autorizzati. Gli stanziamenti si suddividono fra le sedi di servizio come segue: Bruxelles e altre sedi Lussemburgo (Ispra) La ripartizione delle previsioni di spese per natura è la seguente: Bruxelles Fuori Bruxelles Medici retribuiti a vacazione Visite annuali Forniture, spese di funzionamento Materiale e attrezzature Totale Lussemburgo ECU ECU ECU Ispra IO ECU ECU ECU Totale

11 B/ 54 Progetto preliminare di bilancio generale ARTICOLO 142- CONTROLLO MEDICO NEL QUADRO DELLA PROTEZIONE SANITARIA DEGLI AGENTI ESPOSTI A RADIAZIONI Variazione (in %). - Trattato CEEA (cap. III - artt. 31 e 33); - lt::ggi nazionali relative alle «norme di base». l ,15 Tutte le persone che nell'esercizio della loro professione sono esposte a radiazioni devono essere protette dai pericoli ad esse connes~e. Ciò vale soprattutto, in modo generale, per coloro che lavorano negli impianti nucleari nonché per gli ispettori della Commissione che effettuano il controllo di sicurezza in conformità alle disposizioni dell'articolo 77 del trattato CEEA. La Commissione deve adempiere ai suoi obblighi nei confronti del personale esposto al rischio di radiazioni nel quadro della sorveglianza fisica della protezione. Lo stanziamento è destinato a coprire le spese derivanti dagli esami medici cui sono sottoposti gli ispetttori della Commissione. Questi compiti di sorveglianza fisica degli ispettori del controllo di sicurezza si riassumono come segue: - coordinare la sorveglianza fisica della protezione del personale della Direzione del controllo di sicurezza; - verificare l'esecuzione dei controlli dosimetrici necessari per il personale della Commissione esposto al rischio di radiazioni; - aggiornare la documentazione relativa al controllo fisico della protezione di tali persone; - provvedere alla dosimetria individuale per i raggi gamma, neutrorii rapidi, beta, criticità, dosi alle estremità con dosimetri a termoluminescenza; - valutare la contaminazione dell'aria respirata sui campioni prelevati con gli aspiratori individuali; - calibrare e provvedere alla manutenzione periodica degli strumenti di protezione; - fare eseguire determinati esami tossicologici e delle misure «body-counter». Lo stanziamento deve inoltre coprire l'acquisto di apparecchi necessari per il controllo della dosimetria e il rilievo della contaminazione. N el calcolo dello stanziamento si è tenuto conto - del numero di ispettori; - del costo delle prestazioni eccezionali in caso di contaminazione; - del materiale necessario; - delle eventuali spese amministrative. L'aumento dello stanziamento tiene conto di un andamento normale dei costi in questione e soprattutto del maggior numero degli ispettori. Si ricorda che dal 1979 sono stati destinati al servizio in questione circa 60 posti supplementari. Dopo l'assunzione e l'istruzione i nuovi ispettori sono divenuti operativi.

12 Progetto preliminare di bilancio generale 1983 B/ 55 CAPITOLO 15- ORGANIZZAZIONE DI TIROCINI E PERFEZIONAMENTO PROFESSIONALE DEL PERSONALE RIEPILOGO Art./ Stanziamenti Stanziamenti Voce Denominazione autorizzati proposti 150 Spese per l'organizzazione di tirocini nei servizi d eli 'istituzione l l Corsi di lingue, aggiornamento e perfezionamento professionale, informazione del personale l Funzionari nazionali e agenti del settore privato temporaneamente assegnati ai servizi dell'istitazione Funzionari dell'istituzione temporaneamente assegnati ai servizi nazionali Totale Variazione in o/o 2 : l 3 + 3,85 + 5, , ,0 + 30,29

13 B/ 56 Progetto preliminare di bilancio generale ARTICOLO 150- SPESE PER L'ORGANIZZAZIONE DI TIROCINI PRESSO I SERVIZI DELL'ISTI TUZIONE l l Variazione (in %) + 3,85 Decisione della Commissione del 16 marzo 1976 concernente le disposizioni per l'organizzazione di tirocini presso i suoi servizi. Tirocini amministrativi, di durata da 3 a 5 mesi, sono accessibili ad universitari di età inferiore a 30 anni. Tirocini per interpreti e traduttori, intesi ad agevolarne l'assunzione, sono organizzati a favore di titolari dei diplomi richiesti. Infine, tirocini d'informazione di breve d,urata sono accessibili ai funzionari degli Stati membri. Lo stanziamento consente di concedere un'indennità ai tirocinanti e di coprirne i rischi d'infortunio e di malattia durante il tirocinio. Inoltre, lo stanziamento copre le spese di viaggio all'inizio e alla fine del tirocinio e le spese relative alle trasferte effettuate nell'ambito del programma d'informazione dei tirocinanti. L'importo dell'indennità mensile varia attualmente tra e BFR secondo lo stato civile del tirocinante. Per quanto riguarda i tirocini a carattere informativo di breve durata organizzati per i funzionari degli Stati membri, la Commissione prende a carico - nei casi in cui non sia l'amministrazione nazionale a sopportare la spesa - un'indennità giornali~ra. Lo stanziamento necessario è stato determinato tenendo conto: - di 410 tirocini (numero invariato rispetto al 1982) - di 620 tirocini a carattere informativo (aumento di 420 rispetto al 1982). Su tale base, lo stanziamento può essere ripartito nel modo seguente: - tirocini amministrativi e tirocini per traduttori - tirocini per interpreti - tirocini a carattere informativo di breve durata per funzionari nazionali (± 350) (± 60) (± 620) ECU ECU ECU L'evoluzione effettiva nell982 e nell983 delle spese di viaggio determinerà in pratica la possibilità di raggiungere o meno il numero di tirocini previsti.

14 Progetto preliminare di bilancio generale 1983 B/ 57 ARTICOLO Ì51- CORSI DI LINGUE, AGGIORNAMENTO E PERFEZIONAMENTO PROFESSIO NALE, INFORMAZIONE DEL PERSONALE Variazione (in o/o) l ,53 - Articolo 24, terzo comma, dello statuto - Decisione della Commissione del 5 ottobre a) Per assicurare il perfezionamento professionale e l'aggiornamento del personale, nonché i mezzi per provvedere alla sua informazione, segnatamente sulla vita delle istituzioni comunitarie e degli Stati membri, la Commissione organizza - corsi di lingue; - riunioni di informazione al momento dell'entrata in servizio; - corsi per il miglioramento delle conoscenze professionali; - corsi d'informazione sull'utilizzazione dei metodi moderni; - seminari; - corsi di formazione nel settore dell'informatica. Lo stanziamento proposto deve coprire le spese implicate da tali azioni, ivi compreso l'acquisto del materiale 'e della documentazione necessaria. b) Per garantire l'impiego ottimale del personale di cui dispone, la Commissione ha costituito un gruppo incaricato di esaminare il funzionamento e le strutture dei suoi serviz;i. Questo gruppo procede sistematicamente ad analisi concernenti in particolare l'organizzazione e i metodi impiegati nonché le possibilità di ricorrere in modo più sistematico all'informatica. I risultati di queste analisi dovranno risolversi nell'adozione di metodi di gestione più razionali, abbinata a un'adeguata formazione del personale interessato. Questi compiti possono però essere eseguiti adeguatamente soltanto da ditte altamente specializzate nel settore. Lo stanziamento proposto deve pertanto consentire di ricorrere agli specialisti suddetti. Lo stanziamento aumenta solo del 5,53 o/o. Considerata la modifica del valore del franco belga rispetto all'ecu, a seguito della svalutazione del 21 febbraio 1982, esso permetterà di compensare l'aumento del costo della vita nel quadro di una riconferma delle azioni del VOCE FUNZIONARI NAZIONALI E AGENTI DEL SETTORE PRIVATO TEMPORANEA MENTE ASSEGNATI AI SERVIZI DELL'ISTITUZIONE Variazione (in o/o) OQO + 200,0 Decisioni della Commissione dell4luglio 1976 e del7 settembre 1977 concernenti le modalità di esecuzione degli scambi di funzionari tra i servizi della Commissione e le amministrazioni nazionali.

15 B/ 58 Progetto preliminare di bilancio generale Definendo le modalità di cui sopra, la Commissione 'ha creato le condizioni per rispondere all'interesse manifestato dagli Stati membri per l'organizzazione di soggiorni di lunga durata per funzionari nazionali presso i servizi della Commissione e per funzionari della Commissione presso le amministrazioni nazionali. Questi scambi sono stati estesi ai settori privati degli Stati membri. Lo stanziamento è destinato a consentire la corresponsione di un'indennità giornaliera ai partecipanti degli Stati membri ed a coprir~ le loro spese di viaggio. Il sistema di scambi di funzionari è attualmente ancora in fase piuttosto sperimentale. Gli stanziamenti del 1982 con~entono il pagamento di 20 funzionari distaccati dagli Stati membri presso la Commissione. Per dare a questo sistema un valore più rappresentativo, è necessario aumentare sostanziosamente lo stanziamento, in modo da poter accrescere in ugual misura il numero di funzionari nazionali e di agenti del settore privato da distaccare. VOCE FUNZIONARI DELL'ISTITUZIONE TEMPORANEAMENTE ASSEGNATI AI SERVIZI NAZIONALI Variazione (in o/o) ,0 Decisioni della Commissione del 14luglio 1976 e del 7 settembre 1977 concernenti le modalità pratiche per lo scambio di funzionari tra i servizi della Commissione e le amministrazioni nazionali. Definendo le modalità di cui sopra, la Commissione ha creato le condizioni per rispondere all'interesse manifestato dagli Stati membri per l'organizzazione di soggiorni di lunga durata per funzionari nazi9nali presso i servizi della Commissione e per funzionari della Commissione presso le amministrazioni nazionali. Questi scambi sono stati estesi anche ai settori privati degli Stati membri. Lo stanziamento è destinato a coprire le spese supplementari dei funzionari della Commissione qualora non siano coperte dall'amministrazione nazionale presso cui ha luogo l'assegnazione temporanea. Il sistema di scambi di funzionari è attualmente ancora in fase piuttosto sperimentale. Gli stanziamenti del 1982 consentono il pagamento di 5 funzionari distaccati dalla Commissione presso gli Stati membri. Per dare a questo sistema un valore più rappresentativo, è necessario aumentare sostanziosamente lo stanziamento, in modo da poter accrescere in ugual misura il numero di funzionari della Commissione da distaccare.

16 Progetto preliminare di bilancio generale 1983 B/ 59 CAPITOLO 16- SPESE PER IL SERVIZIO SOCIALE RIEPILOGO Articolo Denominazione 1982 Stanziamenti autorizzati 1983 Stanziamenti proposti Variazione iri o/o 2 : l l Sussidi straordinari Relazioni sociali tra i membri del personale Altri interventi di carattere sociale Totale , ,31' + 10, ,67

17 B/ 60 Progetto preliminare di bilancio generale ARTICOLO Variazione (in o/o) SUSSIDI STRAORDINARI ,67 Articolo 76 dello statuto.. Il funzionario, l'ex funzionario o gli aventi diritto di un funzionario deceduto, che si trovano in una situazione particolarmente difficile, possono fruire di sussidi in denaro. Tenuto conto del carattere straordinario di queste spese, l'importo proposto non si basa su un calcolo matematico. Lo stanziamento non verrà nemmeno ripartito tra le diverse sedi di servizio del personale. La gestione resta centralizzata a Bruxelles.

18 Progetto preliminare di bilancio generale / 61 ARTICOLO 161- RELAZIONI SOCIALI TRA I MEMBRI DEL PERSONALE Variazione (in o/o) ,31 Lo stanziamento rientra nella sfera dell'autonomia di gestione della Commissione. Lo stanziamento copre i sussidi concessi ai circoli sportivi e culturali del personale, la manutenzione, la gestione e l'attrezzatura degli impianti sportivi, le spese di animazione del foyer, le azioni di animazione culturale e le spese connesse ad iniziative per la promozione delle relazioni tra agenti delle varie nazionalità. A Lussemburgo la Commissione partecipa al fondo comune gestito dal comitato delle attività sociali di tutte le istituzioni (CCE, PE, Corte di giustizia, Corte dei conti, BEI e Ufficio delle pubblicazioni). Lo stanziamento è suddiviso nel modo seguente: Bruxelles Lussemburgo Delegazioni e uffici all'estero La suddivisione per sede di servizio è la seguente: 1982 Bruxelles Attività di animazione Sovvenzione circoli Sovvenzione Europa Club Overijse Attrezzature complementari Europa Club Totale parziale Lussemburgo Circoli culturali e sportivi Partecipazione fino al 33% di di BFR alle azioni intraprese in comune dal complesso delle istituzioni con sede a Lussemburgo Affitto di un campo di calcio ( BFR) - Gestione del Fitness Centre - Totale parziale Delegazioni e uffici all'estero l ECU ECU IO 000 ECU Il ECU ECU ECU Variazione (in%) + 40,0 + 33, ,28-43, ,50-20,0 Totale ,31

19 B/ 62 Progetto preliminare di bilancio generale Per quanto riguarda il Fitness Centre di Lussemburgo, lo stanziamento di ECU comprende: - le spese di funzionamento (manutenzione, pulizia, acqua, gas ed elettricità) ECU - lo stipendio di un agente locale ECU ECU. L'aumento dello stanziamento necessario, causato dall'assunzione a carico del pagamento dello stipendio dell'agente locale, è compensato da una riduzione di ECU degli stanziamenti del capitolo 11 - Personale (voce Agenti locali), accompagn~ta dalla riduzione di un'unità del numero di agenti locali.

20 Progetto preliminare di bilancio generale 1983 B/ 63 ARTICOLO 162- ALTRI INTERVENTI DI CARATTERE SOCIALE l Q83 - stanziamenti proposti Variazione (in o/o) ,93 Lo stanziamento rientra nella sfera dell'autonomia di gestione della Commissiohe. Gli stanziamenti coprono i sussidi ai nidi d'infanzia, ai doposcuola, alle colonie di vacanze, ai culti e ai movimenti giovanili. Sono inoltre coperti alcuni interventi concernenti l'assistenza al personale, particolarmente in materia di aiuti familiari, consigli legali, ecc., nonché le spese per la consegna di medaglie ai numerosi funzionari che nell983 compiranno venti anni di servizio. Si sottolinea che gli interventi della Commissione in questi settori non coprono la totalità delle spese necessarie. Costituiscono sussidi a complemento degli interventi finanziari dei beneficiari. Oltre a questi sussidi, la Commissione sostiene alcune spese d'infrastruttura e di manutenzione e una parte delle spese per il personale necessario. Le previsioni per Bruxelles si presentano come segue: Variazione (in o/o) Nidi d 'infanzia/ doposcuola p.m. p.m. Colonie di vacanze ,38 Partecipazione per i figli degli insegnanti delle scuole europee ,0 Aiuti familiari lo ,0 Assistenza legale lo IO, O Spese d'accoglienza ,5 Medaglie «20 anni» ,0 Riserva e spese minute , 14 Totale parziale ,48 Sussidi culti (compreso Lussemburgo) e scouts p.m Totale ,14

HAEU. Regolamentazione concernente gli interpreti di conferenza indipendenti (freelance), adottata dalla Commissi()ne 1'8 ottobre 1974.

HAEU. Regolamentazione concernente gli interpreti di conferenza indipendenti (freelance), adottata dalla Commissi()ne 1'8 ottobre 1974. B/ 34 Progetto preliminare di bilancio generale 1985 15. 6. 84 Detto accordo prevede: l. un aumento straordinario del 13,5% al l o genn~io 1984; 2. l'espressione della retribuzione degli interpreti indipendenti

Dettagli

DOCUMENTI. PROGETTO DI bilancio generale dell Unione europea per l esercizio finanziario 2016 VOLUME 9 COMMISSIONE EUROPEA COM(2015) 300 IT 24.6.

DOCUMENTI. PROGETTO DI bilancio generale dell Unione europea per l esercizio finanziario 2016 VOLUME 9 COMMISSIONE EUROPEA COM(2015) 300 IT 24.6. COMMISSIONE EUROPEA DOCUMENTI PROGETTO DI bilancio generale dell Unione europea per l esercizio finanziario 2016 VOLUME 9 SEZIONE IX IT COM(2015) 300 IT 24.6.2015 Gli importi del presente documento di

Dettagli

BILANCIO RETTIFICATIVO 1/2014

BILANCIO RETTIFICATIVO 1/2014 Consiglio di amministrazione BILANCIO RETTIFICATIVO 1/ CT/CA-026/IT INDICE I. INTRODUZIONE A. Introduzione generale B. Tariffe C. Entrate D. Spese II. STATO DELLE ENTRATE E DELLE SPESE RIEPILOGO III. STATO

Dettagli

UFFICIO PER L ARMONIZZAZIONE NEL MERCATO INTERNO (MARCHI, DISEGNI E MODELLI)

UFFICIO PER L ARMONIZZAZIONE NEL MERCATO INTERNO (MARCHI, DISEGNI E MODELLI) UFFICIO PER L ARMONIZZAZIONE NEL MERCATO INTERNO (MARCHI, DISEGNI E MODELLI) Il Presidente DECISIONE ADM-12-34 concernente la delega di poteri dell ordinatore Il Presidente dell Ufficio per l Armonizzazione

Dettagli

Legge per l'integrazione sociale e professionale di persone disabili (legge sull'integrazione dei disabili; LIDis)

Legge per l'integrazione sociale e professionale di persone disabili (legge sull'integrazione dei disabili; LIDis) Legge per l'integrazione sociale e professionale di persone disabili (legge sull'integrazione dei disabili; LIDis) del... Il Gran Consiglio del Cantone dei Grigioni, visto l'art. e l'art. 86 della Costituzione

Dettagli

REGOLAMENTO DELEGATO (UE) N. /.. DELLA COMMISSIONE. del 4.3.2014

REGOLAMENTO DELEGATO (UE) N. /.. DELLA COMMISSIONE. del 4.3.2014 COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 4.3.2014 C(2014) 1229 final REGOLAMENTO DELEGATO (UE) N. /.. DELLA COMMISSIONE del 4.3.2014 che integra il regolamento (UE) n. 1299/2013 del Parlamento europeo e del Consiglio

Dettagli

PARLAMENTO EUROPEO. Commissione per i bilanci COMUNICAZIONE AI MEMBRI. Oggetto: Esecuzione del bilancio del Parlamento europeo per l'esercizio 2005

PARLAMENTO EUROPEO. Commissione per i bilanci COMUNICAZIONE AI MEMBRI. Oggetto: Esecuzione del bilancio del Parlamento europeo per l'esercizio 2005 PARLAMENTO EUROPEO 2004 ««««««««««««Commissione per i bilanci 2009 COMUNICAZIONE AI MEMBRI Oggetto: Esecuzione del bilancio del Parlamento europeo per l'esercizio 2005 Si trasmette in allegato la proposta

Dettagli

BORSA MARIE CURIE INTRAEUROPEA PER LO SVILUPPO DELLA CARRIERA

BORSA MARIE CURIE INTRAEUROPEA PER LO SVILUPPO DELLA CARRIERA ALLEGATO III DISPOSIZIONI SPECIFICHE BORSA MARIE CURIE INTRAEUROPEA PER LO SVILUPPO DELLA CARRIERA III. 1 Definizioni Oltre alle definizioni di cui all'articolo II.1, alla presente convenzione di sovvenzione

Dettagli

REGOLAMENTO DELEGATO (UE) N. 481/2014 DELLA COMMISSIONE

REGOLAMENTO DELEGATO (UE) N. 481/2014 DELLA COMMISSIONE 13.5.2014 L 138/45 REGOLAMENTO DELEGATO (UE) N. 481/2014 DELLA COMMISSIONE del 4 marzo 2014 che integra il regolamento (UE) n. 1299/2013 del Parlamento europeo e del Consiglio per quanto concerne le norme

Dettagli

PARTENARIATI E PERCORSI INDUSTRIA-UNIVERSITÀ MARIE CURIE

PARTENARIATI E PERCORSI INDUSTRIA-UNIVERSITÀ MARIE CURIE ALLEGATO III DISPOSIZIONI SPECIFICHE PARTENARIATI E PERCORSI INDUSTRIA-UNIVERSITÀ MARIE CURIE [PIÙ BENEFICIARI] III. 1 Definizioni Oltre alle definizioni di cui all articolo II.1, alla presente convenzione

Dettagli

BORSE INTERNAZIONALI MARIE CURIE DI ACCOGLIENZA

BORSE INTERNAZIONALI MARIE CURIE DI ACCOGLIENZA ALLEGATO III DISPOSIZIONI SPECIFICHE BORSE INTERNAZIONALI MARIE CURIE DI ACCOGLIENZA FASE DI ACCOGLIENZA III. 1 Definizioni Oltre alle definizioni di cui all'articolo II.1, alla presente convenzione di

Dettagli

BORSE MARIE CURIE INTRAEUROPEE

BORSE MARIE CURIE INTRAEUROPEE ALLEGATO III DISPOSIZIONI SPECIFICHE BORSE MARIE CURIE INTRAEUROPEE [CONTRAENTE UNICO] III. 1 Definizioni Oltre alle definizioni di cui all'articolo II.1, al presente contratto si applicano le seguenti

Dettagli

RETE MARIE CURIE DI FORMAZIONE INIZIALE

RETE MARIE CURIE DI FORMAZIONE INIZIALE ALLEGATO III DISPOSIZIONI SPECIFICHE RETE MARIE CURIE DI FORMAZIONE INIZIALE [BENEFICIARIO UNICO] III. 1 Definizioni Oltre alle definizioni di cui all articolo II.1, alla presente convenzione di sovvenzione

Dettagli

DOCUMENTI. PROGETTO DI bilancio generale dell Unione europea per l esercizio finanziario 2016 VOLUME 5 COMMISSIONE EUROPEA COM(2015) 300 IT 24.6.

DOCUMENTI. PROGETTO DI bilancio generale dell Unione europea per l esercizio finanziario 2016 VOLUME 5 COMMISSIONE EUROPEA COM(2015) 300 IT 24.6. COMMISSIONE EUROPEA DOCUMENTI PROGETTO DI bilancio generale dell Unione europea per l esercizio finanziario 2016 VOLUME 5 SEZIONE V IT COM(2015) 300 IT 24.6.2015 Gli importi del presente documento di bilancio

Dettagli

RETE MARIE CURIE DI FORMAZIONE INIZIALE

RETE MARIE CURIE DI FORMAZIONE INIZIALE ALLEGATO III DISPOSIZIONI SPECIFICHE RETE MARIE CURIE DI FORMAZIONE INIZIALE [BENEFICIARIO UNICO] III. 1 Definizioni Oltre alle definizioni di cui all'articolo II.1, alla presente convenzione di sovvenzione

Dettagli

1985 - stanziamenti proposti 11 500 000. Lo stanziamento rientra nella sfera dell'autonomia di gestione della Commissione.

1985 - stanziamenti proposti 11 500 000. Lo stanziamento rientra nella sfera dell'autonomia di gestione della Commissione. B/ 86 Progetto prelimina,re di bilancio generale 1985 15. 6. 84 ARTICOLO 207 - COSTRUZIONE DI IMMOBILI 1984 stanziamenti autorizzati nel bilancio ordinario 10 000 000 (l) stanziamenti modificati mediante

Dettagli

COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE DECISIONE DELLA COMMISSIONE. del 27 febbraio 2004

COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE DECISIONE DELLA COMMISSIONE. del 27 febbraio 2004 IT IT IT COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE Bruxelles, 27 febbraio 2004 C(2004) 577 DECISIONE DELLA COMMISSIONE del 27 febbraio 2004 recante modifica della decisione C(2002) 1559 del 30 aprile 2002, modificata

Dettagli

RETE MARIE CURIE DI FORMAZIONE INIZIALE

RETE MARIE CURIE DI FORMAZIONE INIZIALE ALLEGATO III DISPOSIZIONI SPECIFICHE RETE MARIE CURIE DI FORMAZIONE INIZIALE [PIÙ BENEFICIARI] III. 1 Definizioni Oltre alle definizioni di cui all articolo II.1, alla presente convenzione di sovvenzione

Dettagli

Gazzetta ufficiale delle Comunità europee. REGOLAMENTO (CE) N. 2040/2000 DEL CONSIGLIO del 26 settembre 2000 riguardante la disciplina di bilancio

Gazzetta ufficiale delle Comunità europee. REGOLAMENTO (CE) N. 2040/2000 DEL CONSIGLIO del 26 settembre 2000 riguardante la disciplina di bilancio 29.9.2000 IT Gazzetta ufficiale delle Comunità europee L 244/27 REGOLAMENTO (CE) N. 2040/2000 DEL CONSIGLIO del 26 settembre 2000 riguardante la disciplina di bilancio IL CONSIGLIO DELL'UNIONE EUROPEA,

Dettagli

COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE COMUNICAZIONE DELLA COMMISSIONE AL CONSIGLIO E AL PARLAMENTO EUROPEO

COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE COMUNICAZIONE DELLA COMMISSIONE AL CONSIGLIO E AL PARLAMENTO EUROPEO IT IT IT COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE Bruxelles, 12.11.2008 COM(2008) 692 definitivo COMUNICAZIONE DELLA COMMISSIONE AL CONSIGLIO E AL PARLAMENTO EUROPEO I conti bancari fuori bilancio dell ex Economat

Dettagli

DECISIONE N. 1926/2006/CE DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO

DECISIONE N. 1926/2006/CE DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO 30.12.2006 L 404/39 DECISIONE N. 1926/2006/CE DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO del 18 dicembre 2006 che istituisce un programma d'azione comunitaria in materia di politica dei consumatori (2007-2013)

Dettagli

Variazione delle rimanenze del prodotti In corso di lavorazione, e finiti (Euro 2.956.15)

Variazione delle rimanenze del prodotti In corso di lavorazione, e finiti (Euro 2.956.15) Senato della Repubblica - 545 - Camera dei deputati Variazione delle rimanenze del prodotti In corso di lavorazione, e finiti (Euro 2.956.15) semilavorati L'importo si riferisce per la sua totalità alla

Dettagli

PARTENARIATI E PERCORSI INDUSTRIA - UNIVERSITÀ MARIE CURIE

PARTENARIATI E PERCORSI INDUSTRIA - UNIVERSITÀ MARIE CURIE ALLEGATO III DISPOSIZIONI SPECIFICHE PARTENARIATI E PERCORSI INDUSTRIA - UNIVERSITÀ MARIE CURIE [PIÙ BENEFICIARI] III. 1 Definizioni Oltre alle definizioni di cui all articolo II.1, alla presente convenzione

Dettagli

HAEU AHUE HAEU AHUE. B/684 Progetto preliminar~ di bilancio generale 1985 15. 6. 84

HAEU AHUE HAEU AHUE. B/684 Progetto preliminar~ di bilancio generale 1985 15. 6. 84 B/684 Progetto preliminar~ di bilancio generale 1985 15. 6. 84 Lo scadenzario prevedibile dei pagamenti in rapporto agli impegni è il seguente : - 1984 1985 1986 1987 Esercizi successivi contratti prima

Dettagli

TABELLA N. 4 MINISTERO DEL LAVORO E DELLE POLITICHE SOCIALI

TABELLA N. 4 MINISTERO DEL LAVORO E DELLE POLITICHE SOCIALI TABELLA N. 4 MINISTERO DEL LAVORO E DELLE POLITICHE SOCIALI 353 foglio 1 di 2 MINISTERO DEL LAVORO E DELLE POLITICHE SOCIALI (Tabella 04) 040/678 Indice analitico capitoli Capitolo UdV Foglio Capitolo

Dettagli

COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE. Proposta di DECISIONE DEL CONSIGLIO

COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE. Proposta di DECISIONE DEL CONSIGLIO COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE Proposta di Bruxelles, 09.03.2001 COM(2001) 128 definitivo 2001/0071 (ACC) VOLUME VIII DECISIONE DEL CONSIGLIO relativa alla posizione della Comunità in seno al Consiglio

Dettagli

Gazzetta ufficiale dell'unione europea. (Atti per i quali la pubblicazione è una condizione di applicabilità)

Gazzetta ufficiale dell'unione europea. (Atti per i quali la pubblicazione è una condizione di applicabilità) 9.1.2004 L 5/1 I (Atti per i quali la pubblicazione è una condizione di applicabilità) DECISIONE N. 20/2004/CE DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO dell'8 dicembre 2003 che stabilisce un quadro generale

Dettagli

Direzione generale della comunicazione

Direzione generale della comunicazione Direzione generale della Comunicazione ADMINISTR Direzione generale della comunicazione Accordi quadro di partenariato con organizzazioni paneuropee, nazionali, regionali e locali attive nei settori delle

Dettagli

Marco Mazzocchi-Alemanni contro Commissione delle Comunità europee

Marco Mazzocchi-Alemanni contro Commissione delle Comunità europee SENTENZA DEL TRIBUNALE (Terza Sezione) 5 novembre 1996 Cause riunite T-21/95 e T-186/95 Marco Mazzocchi-Alemanni contro Commissione delle Comunità europee «Dipendenti - Assicurazione malattia complementare

Dettagli

Decreto Legislativo 11 novembre 2003, n. 333

Decreto Legislativo 11 novembre 2003, n. 333 Decreto Legislativo 11 novembre 2003, n. 333 "Attuazione della direttiva 2000/52/CE, che modifica la direttiva 80/723/CEE relativa alla trasparenza delle relazioni finanziarie tra gli Stati membri e le

Dettagli

indice SPESE Titolo 1 - SPESE CORRENTI Unità previsionale 1: Funzionamento Categoria 1: Uscite per gli organi dell Ente

indice SPESE Titolo 1 - SPESE CORRENTI Unità previsionale 1: Funzionamento Categoria 1: Uscite per gli organi dell Ente 1 SPESE indice Titolo 1 - SPESE CORRENTI Unità previsionale 1: Funzionamento Categoria 1: Uscite per gli organi dell Ente capitolo 110110 Compensi, indennità e rimborsi a Presidente, G.E. e C.D.... 1 capitolo

Dettagli

Regolamento 1083/2006 (Disposizioni generali)

Regolamento 1083/2006 (Disposizioni generali) Regolamento 1083/2006 (Disposizioni generali) Ingegneria finanziaria Articolo 44 Strumenti di ingegneria finanziaria Nell'ambito di un programma operativo, i Fondi strutturali possono finanziare spese

Dettagli

AMMINISTRAZIONE DEI MONOPOLI DI STATO

AMMINISTRAZIONE DEI MONOPOLI DI STATO ENTRATA 021 /540 Indice analitico capitoli Foglio 1 di 1 Cap/Art UdV Foglio Cap/Art UdV Foglio Cap/Art UdV Foglio 114 (1.1) 1 di 3 2001 (1.1) 3 di 3 115 (1.1) 1 di 3 2002 (1.1) 3 di 3 131 (1.1) 1 di 3

Dettagli

BILANCIO DI PREVISIONE 2016 ENTRATE

BILANCIO DI PREVISIONE 2016 ENTRATE BILANCIO DI PREISIONE ENTRATE BILANCIO A.N.AC. - PIANO DEI - PREISIONE PREISIONE DEFINITIA LIELLI OCE PIANO DEI PREISIONE DI PREISIONE DI CASSA Entrate correnti I Entrate correnti di natura tributaria,

Dettagli

COMMISSIONE EUROPEA GRANDI PROGETTI DEI FONDI STRUTTURALI RICHIESTA DI CONFERMA DEL TASSO DI FINANZIAMENTO. Investimenti Infrastrutturali

COMMISSIONE EUROPEA GRANDI PROGETTI DEI FONDI STRUTTURALI RICHIESTA DI CONFERMA DEL TASSO DI FINANZIAMENTO. Investimenti Infrastrutturali RIF. N. :... COMMISSIONE EUROPEA GRANDI PROGETTI DEI FONDI STRUTTURALI RICHIESTA DI CONFERMA DEL TASSO DI FINANZIAMENTO Investimenti Infrastrutturali REGOLAMENTO (CE) N. 1260/99 DEL CONSIGLIO del 21/06/1999

Dettagli

Regolamento per la gestione delle spese in economia e del fondo economale

Regolamento per la gestione delle spese in economia e del fondo economale Regolamento per la gestione delle spese in economia e del fondo economale TITOLO I GESTIONE ACQUISTI IN ECONOMIA... 2 Articolo 1 - Oggetto... 2 Articolo 2 - Limiti... 2 Articolo 3 - Amministrazione diretta...

Dettagli

CONTRATTO TIPO. Misure di accompagnamento. "Convenzione di finanziamento"

CONTRATTO TIPO. Misure di accompagnamento. Convenzione di finanziamento CONTRATTO TIPO Misure di accompagnamento "Convenzione di finanziamento" 1 CONVENZIONE DI FINANZIAMENTO fra La Comunità europea ("la Comunità"), rappresentata dalla Commissione delle Comunità europee ("la

Dettagli

Risoluzione del Parlamento europeo sullo stato di previsione delle entrate e delle spese del Parlamento europeo per l'esercizio 2007

Risoluzione del Parlamento europeo sullo stato di previsione delle entrate e delle spese del Parlamento europeo per l'esercizio 2007 Risoluzione del Parlamento europeo sullo stato di previsione delle entrate e delle spese del Parlamento europeo per l'esercizio 2007 Il Parlamento europeo, visto l'articolo 272, paragrafo 2, del trattato

Dettagli

REGOLAMENTO DI AMMINISTRAZIONE E CONTABILITÀ

REGOLAMENTO DI AMMINISTRAZIONE E CONTABILITÀ REGOLAMENTO DI AMMINISTRAZIONE E CONTABILITÀ (adottato ai sensi dell articolo 16, comma 4, della legge 24 dicembre 2012, n. 243, Disposizioni per l attuazione del principio del pareggio di bilancio ai

Dettagli

Ministero dell Economia e delle Finanze

Ministero dell Economia e delle Finanze Ministero dell Economia e delle Finanze Dipartimento dell Amministrazione Generale, del Personale e dei Servizi Dipartimento della Ragioneria Generale dello Stato Alle Amministrazioni centrali e periferiche

Dettagli

Gazzetta ufficiale C 92 A. dell Unione europea. Comunicazioni e informazioni. Avvisi. 58 o anno. Edizione in lingua italiana. 19 marzo 2015.

Gazzetta ufficiale C 92 A. dell Unione europea. Comunicazioni e informazioni. Avvisi. 58 o anno. Edizione in lingua italiana. 19 marzo 2015. Gazzetta ufficiale dell Unione europea C 92 A Edizione in lingua italiana Comunicazioni e informazioni 58 o anno 19 marzo 2015 Sommario V Avvisi PROCEDIMENTI AMMINISTRATIVI Ufficio europeo di selezione

Dettagli

COMUNE di MORLUPO Provincia di Roma Via Domenico Benedetti 1, 00067 Tel 901951 - Fax 90195353

COMUNE di MORLUPO Provincia di Roma Via Domenico Benedetti 1, 00067 Tel 901951 - Fax 90195353 COMUNE di MORLUPO Provincia di Roma Via Domenico Benedetti 1, 00067 Tel 901951 - Fax 90195353 Dipartimento Tecnico Ambientale Servizio Lavori Pubblici Sicurezza sul lavoro - Attività Produttive Sportello

Dettagli

X LEGISLATURA 15 A Seduta Lunedì 28 dicembre 2015

X LEGISLATURA 15 A Seduta Lunedì 28 dicembre 2015 X LEGISLATURA 15 A Seduta Lunedì 28 dicembre 2015 Deliberazione n. 82 (Estratto del processo verbale) OGGETTO: Legge regionale - Bilancio di previsione finanziario della Regione Calabria per gli anni 2016-2018.

Dettagli

Risoluzione del Parlamento europeo sul futuro finanziamento delle Scuole europee (2002/2083 (INI))

Risoluzione del Parlamento europeo sul futuro finanziamento delle Scuole europee (2002/2083 (INI)) P5_TA-PROV(2002)0605 Finanziamento futuro delle scuole europee Risoluzione del Parlamento europeo sul futuro finanziamento delle Scuole europee (2002/2083 (INI)) Il Parlamento europeo, visto l articolo

Dettagli

CODICE SIOPE VECCHIO CODICE CODICE ECONOMICO E PATRIMONIALE CODIC E CODICE INFN DESCRIZIONE

CODICE SIOPE VECCHIO CODICE CODICE ECONOMICO E PATRIMONIALE CODIC E CODICE INFN DESCRIZIONE SIOP VCCHIO 102060 Missioni Italia 1214 10 B14d 102070 Missioni estero 1214 20 B14d Come precedente Spese soggiorno 102061 1214 30 B14d Come precedente ospiti ricercatori 102110 102140 Buoni pasto e mensa

Dettagli

Gazzetta ufficiale delle Comunità europee. (Atti per i quali la pubblicazione è una condizione di applicabilità)

Gazzetta ufficiale delle Comunità europee. (Atti per i quali la pubblicazione è una condizione di applicabilità) L 83/1 I (Atti per i quali la pubblicazione è una condizione di applicabilità) REGOLAMENTO (CE) N. 659/1999 DEL CONSIGLIO del 22 marzo 1999 recante modalità di applicazione dell articolo 93 del trattato

Dettagli

Comune Castel San Giovanni

Comune Castel San Giovanni Comune Castel San Giovanni Approvato deliberazione Consiglio comunale n. 44 del 29.11.2013 1 I N D I C E Articolo 1 - Scopo del Regolamento pag. 1 Articolo 2 - Affidamento del servizio economato pag. 1

Dettagli

Direttive comunitarie che coordinano le seguenti procedure di aggiudicazione degli appalti pubblici:

Direttive comunitarie che coordinano le seguenti procedure di aggiudicazione degli appalti pubblici: Versione finale del 29/11/2007 COCOF 07/0037/03-IT COMMISSIONE EUROPEA ORIENTAMENTI PER LA DETERMINAZIONE DELLE RETTIFICHE FINANZIARIE DA APPLICARE ALLE SPESE COFINANZIATE DAI FONDI STRUTTURALI E DAL FONDO

Dettagli

Trasparenza e integrità

Trasparenza e integrità Trasparenza e integrità In base al D.Lgs.33/2013 Riordino della disciplina riguardante gli obblighi di pubblicità, trasparenza e diffusione di informazioni da parte della pubbliche amministrazioni e alle

Dettagli

SANITÀ PUBBLICA DOMANDA DI FINANZIAMENTO

SANITÀ PUBBLICA DOMANDA DI FINANZIAMENTO COMMISSIONE EUROPEA DIREZIONE GENERALE SALUTE E TUTELA DEI CONSUMATORI IT Direzione F - Sanità pubblica SANITÀ PUBBLICA DOMANDA DI FINANZIAMENTO Commissione europea Direzione Sanità pubblica L - 2920 LUSSEMBURGO

Dettagli

REGOLAMENTAZIONE COMUNE. relativa alla copertura dei rischi di malattia dei funzionari delle Comunità europee

REGOLAMENTAZIONE COMUNE. relativa alla copertura dei rischi di malattia dei funzionari delle Comunità europee REGOLAMENTAZIONE COMUNE relativa alla copertura dei rischi di malattia dei funzionari delle Comunità europee L'ISTUZIONE, visto lo statuto dei funzionari delle Comunità europee nonché il regime applicabile

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE TRASFERTE E DEL RIMBORSO SPESE SOSTENUTE DAI DIPENDENTI

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE TRASFERTE E DEL RIMBORSO SPESE SOSTENUTE DAI DIPENDENTI I REGOLAMENTI PROVINCIALI: N. 59 PROVINCIA DI PADOVA REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE TRASFERTE E DEL RIMBORSO SPESE SOSTENUTE DAI DIPENDENTI Approvato con D.G.P. in data 10.03.2003 n. 72 reg. e modificato

Dettagli

DECRETO 16 gennaio 2014. (GU n.24 del 30-1-2014) *** ATTO COMPLETO *** http://www.gazzettaufficiale.it/atto/stampa/serie_generale/originario

DECRETO 16 gennaio 2014. (GU n.24 del 30-1-2014) *** ATTO COMPLETO *** http://www.gazzettaufficiale.it/atto/stampa/serie_generale/originario 1 di 5 05/02/2014 08:22 DECRETO 16 gennaio 2014 Classificazione della spesa delle universita' per missioni e programmi. (Decreto n. 21). (14A00436) (GU n.24 del 30-1-2014) IL MINISTRO DELL'ISTRUZIONE,

Dettagli

CORTE DI GIUSTIZIA UE

CORTE DI GIUSTIZIA UE CORTE DI GIUSTIZIA UE SENTENZA 27 ottobre 2011 nel procedimento 530-09 IVA Direttiva 2006/112/CE Artt. 52, lett. a), e 56, n. 1, lett. b) e g) Luogo delle operazioni imponibili Collegamento fiscale Progettazione,

Dettagli

PARLAMENTO EUROPEO I QUESTORI PROCESSO VERBALE. della riunione del 15 marzo 2006 alle 15.00 Sala S3.4 - Edificio Louise Weiss (LOW) STRASBURGO INDICE

PARLAMENTO EUROPEO I QUESTORI PROCESSO VERBALE. della riunione del 15 marzo 2006 alle 15.00 Sala S3.4 - Edificio Louise Weiss (LOW) STRASBURGO INDICE PE-6/QUEST/PV/2006-4 PARLAMENTO EUROPEO P PV 4/2006 I QUESTORI PROCESSO VERBALE della riunione del 15 marzo 2006 alle 15.00 Sala S3.4 - Edificio Louise Weiss (LOW) STRASBURGO INDICE Page 1. Approvazione

Dettagli

Legge della Regione Toscana 1 marzo 2010, n. 26 (1) Istituzione del Garante per l'infanzia e l'adolescenza. Il Consiglio regionale ha approvato

Legge della Regione Toscana 1 marzo 2010, n. 26 (1) Istituzione del Garante per l'infanzia e l'adolescenza. Il Consiglio regionale ha approvato Legge della Regione Toscana 1 marzo 2010, n. 26 (1) Istituzione del Garante per l'infanzia e l'adolescenza (1) Pubblicata nel B.U. Toscana 9 marzo 2010, n. 14, parte prima. Il Consiglio regionale ha approvato

Dettagli

COMMISSIONE EUROPEA. Oggetto: Aiuto di Stato n. N 402/02 Italia (Regione Sardegna) prestiti partecipativi alle PMI

COMMISSIONE EUROPEA. Oggetto: Aiuto di Stato n. N 402/02 Italia (Regione Sardegna) prestiti partecipativi alle PMI COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, il 23-06-2003 C (2003) 2015 Oggetto: Aiuto di Stato n. N 402/02 Italia (Regione Sardegna) prestiti partecipativi alle PMI Signor Ministro, I. Procedimento 1. Con lettere

Dettagli

Regione Basilicata AGENZIA DI PROMOZIONE TERRITORIALE APT BASILICATA Allegato 3 REGOLAMENTO PER L ACQUISTO IN ECONOMIA DI BENI E SERVIZI

Regione Basilicata AGENZIA DI PROMOZIONE TERRITORIALE APT BASILICATA Allegato 3 REGOLAMENTO PER L ACQUISTO IN ECONOMIA DI BENI E SERVIZI Regione Basilicata AGENZIA DI PROMOZIONE TERRITORIALE APT BASILICATA Allegato 3 REGOLAMENTO PER L ACQUISTO IN ECONOMIA DI BENI E SERVIZI Delibera del D. G. n 165 del 16/09/2010 Delibera del D. G. n 142

Dettagli

Università degli Studi Roma Tre

Università degli Studi Roma Tre Università degli Studi Roma Tre Relazione annuale Consip Ai sensi dell art. 26, comma 4, della L. 488/1999 Anno Finanziario 2012 Quadro normativo di riferimento L art. 26 della Legge 488 del 23 dicembre

Dettagli

5.2.1.1.6. Regolamento sui corsi interaziendali

5.2.1.1.6. Regolamento sui corsi interaziendali 5.2.1.1.6 Campo d applicazione Responsabilità Composizione delle Commissioni Regolamento sui corsi interaziendali (del 7 settembre 2010) IL CONSIGLIO DI STATO DELLA REPUBBLICA E CANTONE TICINO richiamati:

Dettagli

Statistica del valore aggiunto 2014

Statistica del valore aggiunto 2014 Indagine online: www.esurvey.admin.ch/ews Utente: Password: OID NOGA SAB FB REF Indicare il numero OID in tutti i contatti con il nostro ufficio. Statistica monetaria sulle imprese (MON) Espace de l Europe

Dettagli

Testo unico delle norme regionali in materia di promozione di servizi a favore delle persone anziane ed inabili.

Testo unico delle norme regionali in materia di promozione di servizi a favore delle persone anziane ed inabili. 4.4.58 - Legge regionale 15 dicembre 1982, n. 93. Testo unico delle norme regionali in materia di promozione di servizi a favore delle persone anziane ed inabili. (B.U. 24 dicembre 1982, n. 19). Art. 1

Dettagli

Aiuti di Stato/ Italia (Piemonte) Aiuto N 145/2002 Aiuto a favore dell'istituto per il marketing. Disegno di legge n. 376 /02

Aiuti di Stato/ Italia (Piemonte) Aiuto N 145/2002 Aiuto a favore dell'istituto per il marketing. Disegno di legge n. 376 /02 COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 06-12-2002 C(2002) 4851 Oggetto: Aiuti di Stato/ Italia (Piemonte) Aiuto N 145/2002 Aiuto a favore dell'istituto per il marketing. Disegno di legge n. 376 /02 Signor Ministro,

Dettagli

COMUNE DI GRECCIO Provincia di Rieti

COMUNE DI GRECCIO Provincia di Rieti COMUNE DI GRECCIO Provincia di Rieti FR Betlemme S.Donato Val di Comino - Città D Arte Luogo del Primo Presepio del Mondo - 1223 Guardea -TR Ai dipendenti del Comune di Greccio e p.c. al Sindaco OGGETTO:

Dettagli

D I R E Z I O N E G E N E R A L E S e r v i z i o S t u d i. Regolamento per l acquisizione in economia di lavori, beni e servizi

D I R E Z I O N E G E N E R A L E S e r v i z i o S t u d i. Regolamento per l acquisizione in economia di lavori, beni e servizi D I R E Z I O N E G E N E R A L E S e r v i z i o S t u d i Regolamento per l acquisizione in economia di lavori, beni e servizi Dicembre 2014 pag. 2 SOMMARIO Titolo I - OGGETTO E PRINCIPI... 3 Articolo

Dettagli

CITTA DI MONSELICE PROVINCIA DI PADOVA

CITTA DI MONSELICE PROVINCIA DI PADOVA CITTA DI MONSELICE PROVINCIA DI PADOVA REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL ESERCIZIO DELLE FUNZIONI DEGLI AGENTI CONTABILI INTERNI DEL COMUNE Art. 1 Attribuzione delle funzioni. 1. Le funzioni di agente

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE SPESE ECONOMALI, DI PRONTA CASSA E DELL UTILIZZO DELLE CARTE DI CREDITO

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE SPESE ECONOMALI, DI PRONTA CASSA E DELL UTILIZZO DELLE CARTE DI CREDITO REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE SPESE ECONOMALI, DI PRONTA CASSA E DELL UTILIZZO DELLE CARTE DI CREDITO Indice TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI Art.1 Ambito di applicazione Art. 2 Definizioni TITOLO

Dettagli

Si informa con la presente che la Commissione non solleva obiezioni ai sensi degli articoli 87 e 88 del trattato CE in merito alla misura in oggetto.

Si informa con la presente che la Commissione non solleva obiezioni ai sensi degli articoli 87 e 88 del trattato CE in merito alla misura in oggetto. COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 23-09-2002 C(2002) 3431 Oggetto: Aiuti di Stato/Italia (Friuli-Venezia Giulia) Aiuto n. N 55/02 Promozione di vini tipici locali Signor Ministro, Si informa con la presente

Dettagli

COMUNE DI SICIGNANO. Provincia di Salerno

COMUNE DI SICIGNANO. Provincia di Salerno COMUNE DI SICIGNANO DEGLI ALBURNI Provincia di Salerno REGOLAMENTO COMUNALE RECANTE NORME E CRITERI PER LA RIPARTIZIONE DELL'INCENTIVO DI CUI ALL'ARTICOLO 93, COMMA 7 BIS E SS., DEL DECRETO LEGISLATIVO

Dettagli

CAPO I. Interventi regionali per il diritto allo studio. Art. 1

CAPO I. Interventi regionali per il diritto allo studio. Art. 1 Legge regionale 26 maggio 1980, n. 10 Norme regionali in materia di diritto allo studio. 1 Quando le disposizioni della presente legge menzionano un Assessorato, la menzione si intende riferita alla Direzione

Dettagli

Art. 1. Art. 2. Art. 3

Art. 1. Art. 2. Art. 3 1 ATTO DI ORGANIZZAZIONE RELATIVO ALLA SCUOLA REGIONALE DI POLIZIA LOCALE ED ALL OSSERVATORIO REGIONALE DI POLIZIA LOCALE DI CUI ALLA L.R. 2 AGOSTO 1997, N. 83 (Approvato con DGR n. 883 del 10.10.2001

Dettagli

Regolamento della legge sull integrazione sociale e professionale degli invalidi

Regolamento della legge sull integrazione sociale e professionale degli invalidi 1 Regolamento della legge sull integrazione sociale e professionale degli invalidi (del 19 giugno 2012) IL CONSIGLIO DI STATO DELLA REPUBBLICA E CANTONE TICINO Dipartimento della sanità e della socialità

Dettagli

CONSIGLIO REGIONALE DELLA BASILICATA Allegato 10

CONSIGLIO REGIONALE DELLA BASILICATA Allegato 10 RELAZIONE TECNICA DI ACCOMPAGNAMENTO ALL ASSESTAMENTO DEL BILANCIO ANNUALE DI PREVISIONE PER L ESERCIZIO FINANZIARIO 2012 E PLURIENNALE PER GLI ESERCIZI FINANZIARI 2012-2014. Con l Assestamento del Bilancio

Dettagli

Quotidiano d'informazione giuridica - n.1869 del 26.08.2007 - Direttore Alessandro Buralli - Note legali - Pubblicità - Aiuto

Quotidiano d'informazione giuridica - n.1869 del 26.08.2007 - Direttore Alessandro Buralli - Note legali - Pubblicità - Aiuto Pagina 1 di 7 Quotidiano d'informazione giuridica - n.1869 del 26.08.2007 - Direttore Alessandro Buralli - Note legali - Pubblicità - Aiuto Testo unico in materia di spese di giustizia D.P.R., testo coordinato,

Dettagli

Programma Triennale per la trasparenza e l integrità del Comune di Allumiere 2015-2017 SEGRETERIA GENERALE

Programma Triennale per la trasparenza e l integrità del Comune di Allumiere 2015-2017 SEGRETERIA GENERALE Programma Triennale per la trasparenza e l integrità del Comune di Allumiere 2015-2017 SEGRETERIA GENERALE ALLEGATO N. 2 AL PIANO DI PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE DEL COMUNE DI ALLUMIERE Marzo 2015 1 1)

Dettagli

Università degli Studi Roma Tre

Università degli Studi Roma Tre Università degli Studi Roma Tre Relazione annuale Consip Ai sensi dell art. 26, comma 4, della L. 488/1999 Esercizio 2013 Quadro normativo di riferimento L art. 26 della Legge 488 del 23 dicembre 1999,

Dettagli

Interventi per la promozione e lo sviluppo della pratica sportiva e delle attività motorio-ricreative. Art. 1

Interventi per la promozione e lo sviluppo della pratica sportiva e delle attività motorio-ricreative. Art. 1 L.R. 1 agosto 1997, n. 47 ( 1). Interventi per la promozione e lo sviluppo della pratica sportiva e delle attività motorio-ricreative. Art. 1 Finalità e programmazione degli interventi. 1. La Regione,

Dettagli

DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA 3 ottobre 2008, n. 196

DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA 3 ottobre 2008, n. 196 DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA 3 ottobre 2008, n. 196 Regolamento di esecuzione del regolamento (CE) n. 1083/2006 recante disposizioni generali sul fondo europeo di sviluppo regionale, sul fondo

Dettagli

5. Gestione delle Spese

5. Gestione delle Spese 5. Gestione delle Spese La spesa è ordinata gradualmente in titoli, funzioni, servizi e interventi, in relazione, rispettivamente, ai principali aggregati economici, alle funzioni degli enti, ai singoli

Dettagli

RETI MARIE CURIE DI FORMAZIONE MEDIANTE LA RICERCA

RETI MARIE CURIE DI FORMAZIONE MEDIANTE LA RICERCA ALLEGATO III DISPOSIZIONI SPECIFICHE RETI MARIE CURIE DI FORMAZIONE MEDIANTE LA RICERCA [PIÙ CONTRAENTI] III. 1 Definizioni Oltre alle definizioni di cui all'articolo II.1, al presente contratto si applicano

Dettagli

Gazzetta ufficiale delle Comunità europee COMMISSIONE

Gazzetta ufficiale delle Comunità europee COMMISSIONE L 69/25 COMMISSIONE RACCOMANDAZIONE DELLA COMMISSIONE del 1 o marzo 2001 sull'informativa precontrattuale fornita ai consumatori dagli istituti di credito che offrono mutui per la casa d'abitazione [notificata

Dettagli

COMMISSIONE EUROPEA. Bruxelles, 28-VII-2004 C(2004) 2972

COMMISSIONE EUROPEA. Bruxelles, 28-VII-2004 C(2004) 2972 COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 28-VII-2004 C(2004) 2972 Oggetto: Aiuti di Stato/Italia (Lazio) Aiuto n. N 36/2002 Aiuti per il pagamento di premi assicurativi per perdite causate da avverse condizioni

Dettagli

DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE

DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE ai sensi dell'art. 2 e dell'art. 6 delle disposizioni AIM Italia in tema di Parti Correlate del maggio 2012, nonché

Dettagli

COMUNE DI FLORIDIA. Provincia di Siracusa REGOLAMENTO PER L ACQUISIZIONE IN ECONOMIA (ART.125 D. LGS N.163/2006) DI BENI E SERVIZI

COMUNE DI FLORIDIA. Provincia di Siracusa REGOLAMENTO PER L ACQUISIZIONE IN ECONOMIA (ART.125 D. LGS N.163/2006) DI BENI E SERVIZI COMUNE DI FLORIDIA Provincia di Siracusa REGOLAMENTO PER L ACQUISIZIONE IN ECONOMIA DI BENI E SERVIZI (ART.125 D. LGS N.163/2006) APPROVATO CON DELIBERA DEL CONSIGLIO COMUNALE NELLA SEDUTA DEL 09/11/2009

Dettagli

Gazzetta ufficiale dell'unione europea

Gazzetta ufficiale dell'unione europea 4.5.2005 L 117/13 REGOLAMENTO (CE) N. 648/2005 DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO del 13 aprile 2005 che modifica il regolamento (CEE) n. 2913/92 del Consiglio che istituisce un codice doganale comunitario

Dettagli

DIRETTIVA DEL CONSIGLIO

DIRETTIVA DEL CONSIGLIO DIRETTIVA DEL CONSIGLIO del 25 luglio 1985 relativa al ravvicinamento delle disposizioni legislative, regolamentari ed amministrative degli stati membri in materia di responsabilità per danno da prodotti

Dettagli

(Atti per i quali la pubblicazione è una condizione di applicabilità)

(Atti per i quali la pubblicazione è una condizione di applicabilità) L 181/6 I (Atti per i quali la pubblicazione è una condizione di applicabilità) REGOLAMENTO (CE) N. 1338/2001 DEL CONSIGLIO del 28 giugno 2001 che definisce talune misure necessarie alla protezione dell'euro

Dettagli

Commenti e chiarimenti

Commenti e chiarimenti 1 Comunicazione alla Commissione del Sig. BARNIER, di concerto con la Sig.ra SCHREYER, la Sig.ra DIAMANTOPOULOU e il Sig. FISCHLER Applicazione della norma "n+2" ai sensi dell'articolo 31, paragrafo 2,

Dettagli

SERVIZIO CONSIGLIO Servizio Consiglio

SERVIZIO CONSIGLIO Servizio Consiglio REGOLAMENTO PER L'UTILIZZO DELLE RISORSE STRUMENTALI, UMANE E FINANZIARIE, DEL CONSIGLIO E DEI GRUPPI CONSILIARI E LA DISCIPLINA DELLE MISSIONI E DEI RIMBORSI SPESE DEI CONSIGLIERI Approvato con Deliberazione

Dettagli

Aiuto di Stato N 83/2004 - Italia Finanziamento di infrastrutture per il calcolo e la gestione di banche dati

Aiuto di Stato N 83/2004 - Italia Finanziamento di infrastrutture per il calcolo e la gestione di banche dati COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 14.09.2004 C(2004) 3525 Oggetto: Aiuto di Stato N 83/2004 - Italia Finanziamento di infrastrutture per il calcolo e la gestione di banche dati Signor Ministro, 1. PROCEDIMENTO

Dettagli

CIRCOLARE N. 332 D. del 25 Maggio1998

CIRCOLARE N. 332 D. del 25 Maggio1998 CIRCOLARE N. 332 D. del 25 Maggio1998 OGGETTO: contratti di assicurazione sulla vita e di capitalizzazione con prestazioni direttamente collegate a fondi di investimento o ad indici azionari o altri valori

Dettagli

COMUNE DI SESTU. Affari Generali - Personale SETTORE : Licheri Sandra. Responsabile: DETERMINAZIONE N. 17/02/2015. in data

COMUNE DI SESTU. Affari Generali - Personale SETTORE : Licheri Sandra. Responsabile: DETERMINAZIONE N. 17/02/2015. in data COMUNE DI SESTU SETTORE : Responsabile: Affari Generali - Personale Licheri Sandra DETERMINAZIONE N. in data 208 17/02/2015 OGGETTO: Adesione alla convenzione stipulata tra la CONSIP SPA e la ditta DAY

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACQUISIZIONE DI BENI E SERVIZI IN ECONOMIA. Approvato dall AU - il 13/06/14

REGOLAMENTO PER L ACQUISIZIONE DI BENI E SERVIZI IN ECONOMIA. Approvato dall AU - il 13/06/14 REGOLAMENTO PER L ACQUISIZIONE DI BENI E SERVIZI IN ECONOMIA Approvato dall AU - il 13/06/14 ACQUISIZIONE DI BENI E SERVIZI IN ECONOMIA Art. 1 Oggetto 1. Il presente regolamento, tenuto conto delle specifiche

Dettagli

REGOLAMENTO PER L'AMMINISTRAZIONE LA FINANZA E LA CONTABILITA' GENERALE

REGOLAMENTO PER L'AMMINISTRAZIONE LA FINANZA E LA CONTABILITA' GENERALE REGOLAMENTO PER L'AMMINISTRAZIONE LA FINANZA E LA CONTABILITA' GENERALE Approvato dal Consiglio dell Ordine nella seduta del 9 luglio 2015 Pagina 1 di 11 TITOLO I (NORME GENERALI) Articolo 1 (Finalità

Dettagli

PROSPETTO GENERALE DEI LIMITI DI DELEGA Allegato 2 DELEGATI CAPITOLI

PROSPETTO GENERALE DEI LIMITI DI DELEGA Allegato 2 DELEGATI CAPITOLI Cap. 110 - Compensi al Presidente ed ai Nei limiti previsti dalla legge. Membri dell'autorità Cap. 111 - Oneri previdenziali ed assistenziali a carico dell'autorità Cap. 112 - Rimborso spese di missione

Dettagli

enti erogatori d acqua e di energia, degli enti che forniscono servizi di trasporto e servizi postali e sostituisce la direttiva 1993/38/CEE; la

enti erogatori d acqua e di energia, degli enti che forniscono servizi di trasporto e servizi postali e sostituisce la direttiva 1993/38/CEE; la NOVITA INTRODOTTE DALLA DIRETTIVA 2004/18/CE CONCERNENTE GLI APPALTI NEI SETTORI CLASSICI NONCHE DALLA DIRETTIVA 2004/17/CE DEL 31 MARZO 2004 RIGUARDANTE GLI APPALTI NEI SETTORI SPECIALI Sommario: 1. Premessa.

Dettagli

TRATTATO DI LISBONA (ESTRATTI) Articolo 4

TRATTATO DI LISBONA (ESTRATTI) Articolo 4 TRATTATO DI LISBONA (ESTRATTI) Articolo 4 1. L'Unione ha competenza concorrente con quella degli Stati membri quando i trattati le attribuiscono una competenza che non rientra nei settori di cui agli articoli

Dettagli

TIVOLI FORMA S.r.l. Unipersonale

TIVOLI FORMA S.r.l. Unipersonale VERSIONE DEFINITIVA TIVOLI FORMA S.r.l. Unipersonale Società partecipata dal Comune di Tivoli C.F.P. A. Rosmini Sede legale: 00019 Tivoli Viale Mannelli n. 9 Capitale Sociale 10.000,00 i.v. R.E.A. n. 1238379

Dettagli

A.C. 2576. Ratifica dell'accordo tra Italia e Giappone sulla previdenza sociale

A.C. 2576. Ratifica dell'accordo tra Italia e Giappone sulla previdenza sociale A.C. 2576 Ratifica dell'accordo tra Italia e Giappone sulla previdenza sociale N. 166 11 dicembre 2014 Camera dei deputati XVII LEGISLATURA Verifica delle quantificazioni A.C. 2576 Ratifica dell'accordo

Dettagli

Ipoteche. Finanziamenti su misura

Ipoteche. Finanziamenti su misura Ipoteche Finanziamenti su misura Verso l acquisto di una casa di proprietà? Il sogno di una casa tutta propria ha inizio con la ricerca di un immobile adeguato. Un analisi accurata delle vostre esigenze

Dettagli