VOCE INDENNITÀ DI CESSAZIONE DEFINITIVA DALLE FUNZIONI- REGOLAMENTO (EURATOM, CECA, CEE) N. 2530/ 72

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "VOCE 1252- INDENNITÀ DI CESSAZIONE DEFINITIVA DALLE FUNZIONI- REGOLAMENTO (EURATOM, CECA, CEE) N. 2530/ 72"

Transcript

1 B/ 44 Progetto preliminare di bilancio generale In funzione del numero reale dei funzionari interessati alla data del 31 dicembre 1982 ( 40) e in considerazione della spesa reale del mese di marzo 1982 ( BFR) lo stanziamento è stato adeguato, tenuto conto anche dell'incidenza dell'applicazione dei parametri 1982 relativi all'adeguamento delle retribuzioni. Gli stanziamenti necessari amontano a: arrotondati a: ,51 ECU ,- ECU L'incidenza degli adeguamenti che il Consiglio deciderà nel 1983 è iscritta all'articolo 129. VOCE INDENNITÀ DI CESSAZIONE DEFINITIVA DALLE FUNZIONI- REGOLAMENTO (EURATOM, CECA, CEE) N. 2530/ stanziamenti autorizzati Variazione "(in %) ,93 Articolo 3 del regolamento (Euratom, CECA, CEE) n. 2530/ 72 del Consiglio, del 4 dicembre 1972 che istituisce provvedimenti speciali e temporanei per l'assunzione di funzionari delle Comunità europee in conseguenza dell'adesione di nuovi Stati membri nonché per la cessazione definitiva dal servizio di taluni funzionari di queste Comunità (GU L 272 del , pag. l). Stanziamento destinato a coprire le indennità da versare ai funzionari colpiti da provvedimenti che hanno portato alla loro cessazione definitiva dalle funzioni nell'interesse del servizio per tener conto delle necessità derivanti dall'adesione alle Comunità europee di nuovi Stati membri. Il numero di beneficiari è decrescente e sarà di 74 al 31 dicembre 1982 per passare a 39 al 31 dicembre Per calcolare gli stanziamenti necessari ci si è basati su un numero medio di 57 beneficiari. Oltre che del livello delle indennità attualmente autorizzate si è tenuto conto dell'incidenza dell'applicazione dei parametri 1982 relativi all'adeguamento delle retribuzioni. Gli stanziamenti necessari ammontano pertanto a: arrotondati a: ,07 ECU ,00 ECU l L'incidenza degli adeguamenti che il Consiglio deciderà nel 1983 è iscritta all'articolo 129. VOCE INDENNITÀ DI CESSAZIONE DEFINITIVA DALLE FUNZIONI- REGOLAMENTO (CECA, CEE, EURATOM) n. 1543/73 Variazione (in %) l l ,92 Articolo 3 del regolamento (CECA, CEE, Euratom) n. 1543/ 73 del Consiglio del4 giugno 1973, che istituisce misure particolari applicabili temporaneamente ai funzionari delle Comunità europee retribuiti sugli stanziamenti per la ricerca e gli investimenti (GU L 155 dell'l l , pag. 1).

2 Progetto preliminare di bilancio generale 1983 B/ 45 Stanziamento destinato a coprire le indennità da versare ai funzionari colpiti da un provvedimento di cessazione definitiva dal servizio per tener conto delle necessità eccezionali derivanti dall'adozione di programmi di ricerca comportanti una riduzione del numero dei posti compresi nelle tabelle dell'organico retribuitq in base agli stanziamenti per la ricerca e l'investimento della Comunità europea dell'energia atomica, nonché delle necessità derivanti dall'adesione di nuovi Stati membri alle Comunità europee. Il numero dei beneficiari è decrescente e sarà di 45 al31 dicembre 1982 per passare a 15 al31 dicembre Gli stanziamenti necessari sono stati calcolati sulla base di un numero medio di 30 beneficiari. Oltre che del livello delle indennità attualmente autorizzate, si è tenuto conto anche dell'incidenza dell'applicazione dei parametri 1982 relativi all'adeguamento delle retribuzioni. Gli stanziamenti necessari ammontano dunque a: arrotondati a: l ,10 ECU l ,00 ECU L'incidenza degli adeguamenti che il Consiglio deciderà nel 1983 è iscritta all'articolo 129. VOCE INDENNITÀ PER CESSAZIONE DEFINITIVA DAL SERVIZIO (... )N..../ : stanziamenti proposti Variazione (in o/o) REGOI..:AMENTO p.m Articolo 2 del regolamento(... ) n..../82 del che istituisce delle misure particolari, applicabili temporaneamente, relative alla cessazione definitiva dalle funzioni di funzionari delle Comunità europee a seguito dell'adesione della Grecia (GU L... del , pag... ). 2~ Natura della spesa Stanziamento destinato a coprire le indennità da versare ai funzionari della Comissione colpiti da un provvedimento di cessazione definitiva dalle funzioni nell'interesse del servizio e in funzione delle necessità derivanti dall'adesione della Grecia alle Comunità europee. Il numero dei funzionari interessati in servizio presso la Commissione è stato fissato a 15. Poichè tuttavia al momento del calcolo degli stanziamenti necessari non erano ancora stati determinati i beneficiari, i dati adottati per il calcolo dell'importo delle indennità sono pure stime e vale a dire: grado: A/ 3 scatto: 6 (valore a concorrenza del 70 %), coniugato, due figli a carico, diritto all'indennità di dislocazione Si è inoltre tenuto conto dell'incidenza dell'applicazione dei parametri 1982 relativi all'adeguamento delle retribuzioni. L'incidenza degli adeguamenti che il Consiglio deciderà nell983 è iscritta all'articolo 129.

3 B/ 46 Progetto preliminare di bilancio generale ARTICOLO 129- STANZIAMENTI ACCANTONATI PER EVENTUALI ADEGUAMENTI DELLE RETRIBUZIONI E INDENNITÀ VARIE DI FUNZIONARI E ALTRI AGENTI t'982 - stanziamenti autorizzati Variazione (in o/o) ,99 Articolo 65 dello statuto dei funzionari delle Comunità europee. Decisione del Consiglio del 15 dicembre 1981 concernente il metodo di adeguamento delle retribuzioni dei funzionari ed altri agenti delle Comunità (81 l l 061 / Euratom, CECA, CEE). Nessuna spesa sarà imputata a questo articolo. Lo stanziamento ha carattere di accantonamento e può essere utilizzato solo dopo essere stato trasferito mediante storno ad altri articoli o voci secondo la procedura prevista a tal fine dal regolamento finanziario. Esso è destinato a coprire gli eventuali adeguamenti delle retribuzioni e delle indennità che il Consiglio deciderà nel corso dell'esercizio. In funzione del «metodo riveduto» di adeguamento delle retribuzioni dei funzionari e altri agenti delle Comunità citato al punto l che precede, sono state formulate delle previsioni sull'evoluzione degli indici comuni del costo della vita e dell'indicatore specifico (evoluzione del potere d'acquisto delle retribuzioni dei funzionari nazionali). Questi parametri sono stati applicati agli stanziamenti delle linee di bilancio 1221, 124, 1250, 1253 e 1254 nella misura in cui il Consiglio è tenuto a procedere agli adeguamenti delle retribuzioni secondo il metodo nel corso dell'esercizio 1982, cosa che fa decorrere l'effetto di dette decisioni solo dall'inizio dell'esercizio Quanto invece alle incidenze che potrebbero risultare per gli stanziamenti delle linee di bilancio summenzionate delle decisioni che il Consiglio prenderà nel corso dell'esercizio 1983, esse sono iscritte all'articolo 129. Solo dopo che il Consiglio avrà preso le decisioni specifiche in materia di retribuzioni, il trasferimento degli stanziamenti supplementari necessari interverrà sotto forma di storno a partire da un prelievo sul presente articolo. La variazione delio stanziamento è dovuta da un lato alla modifica intervenuta nel valore del!ranco belga rispetto all'ecu a çausa della svalutazione del franco belga del21 febbraio 1982, e dall'altro ai valori adottati per i parametri, che differiscono da quelli dell'esercizio precedente.

4 Progetto preliminare di bilancio generale 1983 B/ 47 CAPITOLO 13- SPESE PER MISSIONI E TRASFERTE. RIEPILOGO Variazione Art./ Stanziamenti Stanziamenti in o/o voce Denominazione autorizzati proposti 2 : l l Spese per missioni, trasferte e altre spese accessorie 1300 Spese di missione dei membri dell'istituzione , Spese di missione del personale lo lo , Spese di missione conesse con la partecipazione a riunioni nelle altre sedi delle istituzioni comunitarie ed in particolare a Lussemburgo e Strasburgo Totale ,32

5 B/ 48 Progetto preliminare di bilancio generale 1983 l VOCE SPESE DI MISSIONE DEI MEMBRI DELL'ISTITUZIONE Variazione (in %) ,94 Articolo 6 del regolamento concernente il trattamento economico dei membri della Commissione. Possono dare luogo a rimborso o a pagamento: - le spese di trasporto, compreso eventualmente il prezzo di prenotazione dei posti e di trasporto del bagaglio necessario, nonché i supplementi rapido e per vagone letto; - il conto dell'albergo (prezzo della camera, servizio e tasse) nonché un'indennità forfettaria per i pasti; -. le spese accessorie sostenute per motivi di servizio (telegrafo, telefono, spese straordinarie per l'esecuzione di una missione). La riduzione dello stanziamento è solo apparente ed è imputabile alla creazione della nuova voce Nell'importo totale di questa voce è infatti incorporata la differenza tra gli stanziamenti 1982 e quelli Conseguentemente, l'insieme degli stanziamenti destinati a coprire le spese di missione dei membri della Commissione per il 1983 resta allo stesso livello del VOCE SPESE DI MISSIONE DEL PERSONALE Variazione (in %) Articoli 11, 12 e 13 dell'allegato VII dello statuto dei funzionari delle Comunità europee. Possono dar luogo a rimborso o a pagamento: IO IO le spese di trasporto, comprensive, se del caso, del prezzo di prenotazione dei posti e di trasporto dei bagagli necessari, nonché i supplementi rapido e per vagone letto; -per i funzionari di grado A/ 1-A/ 3 (LA/ 3), il conto dell'albergo (prezzo della camera, servizio e tasse) e un 'indennità forfettaria per i pasti; - per i funzionari e gli altri agenti di grado A/ 4 (LA/ 4)-D/ 4 un'indennità destinata a coprire le spese d'al- ' bergo e i pasti; - le spese accessorie sostenute per motivi di servizio (telegrafo, telefono, spese straordinarie per l'esecuzione di una missione). La riduzione dello stanziamento è solo apparente ed è da ascriversi alla creazione della nuova voce Nell'importo totale di questa nuova voce è infatti incorporata una parte degli stanziamenti precedentemente iscritti alla voce / -7,63

6 Progetto preliminare di bilancio generale 1983 B/ 49 Dalla ripartizione che segue emerge il quadro degli stanziamenti e l'entità della variazione: Spese di missione del personale a) Tutte le destinazioni, ad eccezione di Lussemburgo e Strasburgo b) Esclusivamente Lussemburgo e Strasburgo Voce 1301 Voce l l o l Proposta Stanziamento 1982 l O Aumento l ( + 9,96 %) Tale aumento è necessario per tener conto: - dell'evoluzione dei compiti di certi servizi a seguito dell'avvio o dell'estensione delle azioni di cui sono responsabili; - dell'aumento del costo dei trasporti; - dell'aumento del costo della vita che incide sui prezzi dei ristoranti e degli alberghi. Per quanto riguarda l'evoluzione dei compiti di certi servizi e l'ampliamento di azioni già in corso si ricorda in particolare: - la conclusione di nuovi accordi (tessili, acciaio, paesi terzi, India, Patto andino), - gli sforzi intesi a risolvere determinati problemi con i nostri principali partner (Stati Uniti, Giappone, ecc.), - l'aumento delle riunioni dei gruppi di lavoro del comitato monetario, - i numerosi controlli da effettuare nel campo delle intese e posizioni dominanti, - l'aumento dei controlli sui prelievi CECA, - il moltiplicarsi delle missioni dovuto all'ampliamento del settore degli aiuti di Stato, - la messa a punto di accordi di riconversione CECA, - la messa in opera di programmi d'azione a favore delle donne e dei minorati, - la messa a punto di un programma relativo al passaggio dei giovani dalla scuola alla vita attiva, - i negoziati da prevedere con l'austria e la Iugoslavia, - le missioni connesse con il rinnovo della convenzione di Lomé II, - la creazione o apertura di nuovi uffici stampa e delegazioni (Belgrado, Brasilia, Canberra, Nuova Delhi) nonché delle nuove antenne in Italia e in Germania, - la gestione degli accordi con i PVS, - lo sviluppo dei prestiti di riconversione, - l'accelerazione nel ritmo dei prestiti NIC, - le emissioni di prestiti a Tokio e a New York, - l'intensificazione dei controlli FEAOG, risorse proprie, Fondo sociale e FESR, - le nuove missioni relative alla cooperazione e all'assistenza tecnica, soprattutto nei paesi dell'africa.

7 B/ 50 Progetto preliminare di bilancio generale Nuova voce VOCE SPESE DI MISSIONE CONNESSE CON LA PARTECIPAZIONE A RIUNIONI NELLE ALTRE SEDI DELLE ISTITUZIONI COMUNITARIE ED IN PARTICOLARE A LUS SEMBURGO E STRASBURGO stanziamenti autorizzati Variazione (in o/o) Articolo 6 del regolamento concernente il trattamento economico dei membri della Commissione. Articoli Il, 12 e 13 dell'allegato VII dello statuto dei funzionari delle Comunità europee. Lo stanzi amento è destinato a scopi identici a quelli indicati per l~ voci 1300 e 130 l Per indicare sia pur in modo approssin;j.ativo il costo delle missioni determinate dalla molteplicità delle sedi delle istituzioni si è creata questa voce specifica. Dalle indicazioni fornite al punto 3 delle voci 1300 e 1301 risulta che lo stanziamento della voce 1302 non costituisce una richiesta distanziamenti supplementari dato che l'importo iscritto è dedotto dagli stanziamenti - della voce 1300 nella misura di ECU - della voce 130 l nella misura di ECU In totale ECU

8 Progetto preliminare di bilancio generale 1983 B/ 51 CAPITOLO 14- INFRASTRUTTURE DI CARATTERE MEDICO-SOCIALE R IEPILOGO Articolo/ Voce Stanziamenti Stanzia menti Denominazione autorizzati proposti - l 2 Spese di funzionamento corrente di ristoranti, mense e bar Spese di trasformazione e di rinnovo degli impianti di ristoranti, mense e bar Servizio medico Controllo medico nel quadro della protezione sanitaria degli agenti esposti a radiazioni Totale Variazione in % 2 ; l 3 + 7,07-74,58 + 8, , ,49

9 B/ 52 Progetto preliminare di bilancio generale VOCE Variazione (in %) SPESE DI FUNZIONAMENTO CORRENTE DI RISTORANTI, MENSE E BAR ,07 Lo stanziamento rientra nella sfera dell'autonomia di gestione della Commissione.! Sono imputate sullo stanziamento di questa voce le spese di funzionamento dei ristoranti, mense e bar, la manutenzione degli impianti, il rinnovo del materiale e l'acquisto di nuove attrezzature. 3. Metodo di ca'lcolo e motivazione della variazione Le spese di funzionamento sono coperte, in linea di principio, dalle entrate del servizio stesso. Il bilancio comunitario prende a proprio carico le spese d'infrastruttura e soltanto un terzo delle spese per il personale. Le derrate ;;tlimentari e i due terzi delle spese per il personale vengono pagati da chi fruisce dei servizi. Le spese si suddiv~dono come segue: Bruxelles Lussemburgo L'aumento dello stanziamento è motivato: ECU ECU - dal prevedi bile rialzo delle spese di funzionamento e del costo della manutenzione: - dalla necessità di sostituire gradualmente talune attrezzature ormai vecchie, il cui acquisto risale a più di 7 anni fa, ECU ECU - da acquisti destinati al centro di conferenze Albert Borschette di Bruxelles, per il quale è previsto un importo di ECU. VOCE l Variazione (in o/o) SPESE DI TRASFORMAZIONE E DI RINNOVO DEGLI IMPIAl'{TI DI RISTORANTI, MENSE E BAR Lo stanziamento rientra nell'autonomia di gestione della Commissione ,58 Sono imputate sullo stanziamento di questa voce le spese eccezionali che non possono essere incluse nelle spese çorrenti. Lo stanziamento proposto è destinato a coprire le spese di rinnovo necessarie per gli impianti dei servizi di Bruxelles.

10 Progetto preliminare di bilancio generale 1983 B/ 53 ARTICOLO Variazione (in %) SERVIZIO MEDICO ,24 Articolo 59 dello statuto: - paragrafo l, secondo comma, relativo al controllo medico delle assenze per malattia, - paragrafo 4, relativo all'obbligo dei funzionari di sottoporsi ogni anno ad una visita medica preventiva. Articolo 8 dell'allegato II dello statuto, relativo alle spese della commissione d'invalidità. Oltre agli onorari dei medici, retribuiti a vacazione, lo stanziamento copre le spese per le visite preventive, esami speciali, analisi, ecc., per il materiale di uso corrente (materiale per medicazioni, prodotti farmaceutici, piccolo materiale e forniture per laboratori), materiale e mobili speciali, nonché le spese per il funzionamento della commissione d'invalidità. Gli stanziamenti sono calcolati in funzione del fabbisogno prevedibile e tenendo conto del possibile reimpiego valutato a ± ECU. L'aumento dello stanziamento è dovuto al prevedibile au.mento del costo della vita e all'aumento del numero di posti autorizzati. Gli stanziamenti si suddividono fra le sedi di servizio come segue: Bruxelles e altre sedi Lussemburgo (Ispra) La ripartizione delle previsioni di spese per natura è la seguente: Bruxelles Fuori Bruxelles Medici retribuiti a vacazione Visite annuali Forniture, spese di funzionamento Materiale e attrezzature Totale Lussemburgo ECU ECU ECU Ispra IO ECU ECU ECU Totale

11 B/ 54 Progetto preliminare di bilancio generale ARTICOLO 142- CONTROLLO MEDICO NEL QUADRO DELLA PROTEZIONE SANITARIA DEGLI AGENTI ESPOSTI A RADIAZIONI Variazione (in %). - Trattato CEEA (cap. III - artt. 31 e 33); - lt::ggi nazionali relative alle «norme di base». l ,15 Tutte le persone che nell'esercizio della loro professione sono esposte a radiazioni devono essere protette dai pericoli ad esse connes~e. Ciò vale soprattutto, in modo generale, per coloro che lavorano negli impianti nucleari nonché per gli ispettori della Commissione che effettuano il controllo di sicurezza in conformità alle disposizioni dell'articolo 77 del trattato CEEA. La Commissione deve adempiere ai suoi obblighi nei confronti del personale esposto al rischio di radiazioni nel quadro della sorveglianza fisica della protezione. Lo stanziamento è destinato a coprire le spese derivanti dagli esami medici cui sono sottoposti gli ispetttori della Commissione. Questi compiti di sorveglianza fisica degli ispettori del controllo di sicurezza si riassumono come segue: - coordinare la sorveglianza fisica della protezione del personale della Direzione del controllo di sicurezza; - verificare l'esecuzione dei controlli dosimetrici necessari per il personale della Commissione esposto al rischio di radiazioni; - aggiornare la documentazione relativa al controllo fisico della protezione di tali persone; - provvedere alla dosimetria individuale per i raggi gamma, neutrorii rapidi, beta, criticità, dosi alle estremità con dosimetri a termoluminescenza; - valutare la contaminazione dell'aria respirata sui campioni prelevati con gli aspiratori individuali; - calibrare e provvedere alla manutenzione periodica degli strumenti di protezione; - fare eseguire determinati esami tossicologici e delle misure «body-counter». Lo stanziamento deve inoltre coprire l'acquisto di apparecchi necessari per il controllo della dosimetria e il rilievo della contaminazione. N el calcolo dello stanziamento si è tenuto conto - del numero di ispettori; - del costo delle prestazioni eccezionali in caso di contaminazione; - del materiale necessario; - delle eventuali spese amministrative. L'aumento dello stanziamento tiene conto di un andamento normale dei costi in questione e soprattutto del maggior numero degli ispettori. Si ricorda che dal 1979 sono stati destinati al servizio in questione circa 60 posti supplementari. Dopo l'assunzione e l'istruzione i nuovi ispettori sono divenuti operativi.

12 Progetto preliminare di bilancio generale 1983 B/ 55 CAPITOLO 15- ORGANIZZAZIONE DI TIROCINI E PERFEZIONAMENTO PROFESSIONALE DEL PERSONALE RIEPILOGO Art./ Stanziamenti Stanziamenti Voce Denominazione autorizzati proposti 150 Spese per l'organizzazione di tirocini nei servizi d eli 'istituzione l l Corsi di lingue, aggiornamento e perfezionamento professionale, informazione del personale l Funzionari nazionali e agenti del settore privato temporaneamente assegnati ai servizi dell'istitazione Funzionari dell'istituzione temporaneamente assegnati ai servizi nazionali Totale Variazione in o/o 2 : l 3 + 3,85 + 5, , ,0 + 30,29

13 B/ 56 Progetto preliminare di bilancio generale ARTICOLO 150- SPESE PER L'ORGANIZZAZIONE DI TIROCINI PRESSO I SERVIZI DELL'ISTI TUZIONE l l Variazione (in %) + 3,85 Decisione della Commissione del 16 marzo 1976 concernente le disposizioni per l'organizzazione di tirocini presso i suoi servizi. Tirocini amministrativi, di durata da 3 a 5 mesi, sono accessibili ad universitari di età inferiore a 30 anni. Tirocini per interpreti e traduttori, intesi ad agevolarne l'assunzione, sono organizzati a favore di titolari dei diplomi richiesti. Infine, tirocini d'informazione di breve d,urata sono accessibili ai funzionari degli Stati membri. Lo stanziamento consente di concedere un'indennità ai tirocinanti e di coprirne i rischi d'infortunio e di malattia durante il tirocinio. Inoltre, lo stanziamento copre le spese di viaggio all'inizio e alla fine del tirocinio e le spese relative alle trasferte effettuate nell'ambito del programma d'informazione dei tirocinanti. L'importo dell'indennità mensile varia attualmente tra e BFR secondo lo stato civile del tirocinante. Per quanto riguarda i tirocini a carattere informativo di breve durata organizzati per i funzionari degli Stati membri, la Commissione prende a carico - nei casi in cui non sia l'amministrazione nazionale a sopportare la spesa - un'indennità giornali~ra. Lo stanziamento necessario è stato determinato tenendo conto: - di 410 tirocini (numero invariato rispetto al 1982) - di 620 tirocini a carattere informativo (aumento di 420 rispetto al 1982). Su tale base, lo stanziamento può essere ripartito nel modo seguente: - tirocini amministrativi e tirocini per traduttori - tirocini per interpreti - tirocini a carattere informativo di breve durata per funzionari nazionali (± 350) (± 60) (± 620) ECU ECU ECU L'evoluzione effettiva nell982 e nell983 delle spese di viaggio determinerà in pratica la possibilità di raggiungere o meno il numero di tirocini previsti.

14 Progetto preliminare di bilancio generale 1983 B/ 57 ARTICOLO Ì51- CORSI DI LINGUE, AGGIORNAMENTO E PERFEZIONAMENTO PROFESSIO NALE, INFORMAZIONE DEL PERSONALE Variazione (in o/o) l ,53 - Articolo 24, terzo comma, dello statuto - Decisione della Commissione del 5 ottobre a) Per assicurare il perfezionamento professionale e l'aggiornamento del personale, nonché i mezzi per provvedere alla sua informazione, segnatamente sulla vita delle istituzioni comunitarie e degli Stati membri, la Commissione organizza - corsi di lingue; - riunioni di informazione al momento dell'entrata in servizio; - corsi per il miglioramento delle conoscenze professionali; - corsi d'informazione sull'utilizzazione dei metodi moderni; - seminari; - corsi di formazione nel settore dell'informatica. Lo stanziamento proposto deve coprire le spese implicate da tali azioni, ivi compreso l'acquisto del materiale 'e della documentazione necessaria. b) Per garantire l'impiego ottimale del personale di cui dispone, la Commissione ha costituito un gruppo incaricato di esaminare il funzionamento e le strutture dei suoi serviz;i. Questo gruppo procede sistematicamente ad analisi concernenti in particolare l'organizzazione e i metodi impiegati nonché le possibilità di ricorrere in modo più sistematico all'informatica. I risultati di queste analisi dovranno risolversi nell'adozione di metodi di gestione più razionali, abbinata a un'adeguata formazione del personale interessato. Questi compiti possono però essere eseguiti adeguatamente soltanto da ditte altamente specializzate nel settore. Lo stanziamento proposto deve pertanto consentire di ricorrere agli specialisti suddetti. Lo stanziamento aumenta solo del 5,53 o/o. Considerata la modifica del valore del franco belga rispetto all'ecu, a seguito della svalutazione del 21 febbraio 1982, esso permetterà di compensare l'aumento del costo della vita nel quadro di una riconferma delle azioni del VOCE FUNZIONARI NAZIONALI E AGENTI DEL SETTORE PRIVATO TEMPORANEA MENTE ASSEGNATI AI SERVIZI DELL'ISTITUZIONE Variazione (in o/o) OQO + 200,0 Decisioni della Commissione dell4luglio 1976 e del7 settembre 1977 concernenti le modalità di esecuzione degli scambi di funzionari tra i servizi della Commissione e le amministrazioni nazionali.

15 B/ 58 Progetto preliminare di bilancio generale Definendo le modalità di cui sopra, la Commissione 'ha creato le condizioni per rispondere all'interesse manifestato dagli Stati membri per l'organizzazione di soggiorni di lunga durata per funzionari nazionali presso i servizi della Commissione e per funzionari della Commissione presso le amministrazioni nazionali. Questi scambi sono stati estesi ai settori privati degli Stati membri. Lo stanziamento è destinato a consentire la corresponsione di un'indennità giornaliera ai partecipanti degli Stati membri ed a coprir~ le loro spese di viaggio. Il sistema di scambi di funzionari è attualmente ancora in fase piuttosto sperimentale. Gli stanziamenti del 1982 con~entono il pagamento di 20 funzionari distaccati dagli Stati membri presso la Commissione. Per dare a questo sistema un valore più rappresentativo, è necessario aumentare sostanziosamente lo stanziamento, in modo da poter accrescere in ugual misura il numero di funzionari nazionali e di agenti del settore privato da distaccare. VOCE FUNZIONARI DELL'ISTITUZIONE TEMPORANEAMENTE ASSEGNATI AI SERVIZI NAZIONALI Variazione (in o/o) ,0 Decisioni della Commissione del 14luglio 1976 e del 7 settembre 1977 concernenti le modalità pratiche per lo scambio di funzionari tra i servizi della Commissione e le amministrazioni nazionali. Definendo le modalità di cui sopra, la Commissione ha creato le condizioni per rispondere all'interesse manifestato dagli Stati membri per l'organizzazione di soggiorni di lunga durata per funzionari nazi9nali presso i servizi della Commissione e per funzionari della Commissione presso le amministrazioni nazionali. Questi scambi sono stati estesi anche ai settori privati degli Stati membri. Lo stanziamento è destinato a coprire le spese supplementari dei funzionari della Commissione qualora non siano coperte dall'amministrazione nazionale presso cui ha luogo l'assegnazione temporanea. Il sistema di scambi di funzionari è attualmente ancora in fase piuttosto sperimentale. Gli stanziamenti del 1982 consentono il pagamento di 5 funzionari distaccati dalla Commissione presso gli Stati membri. Per dare a questo sistema un valore più rappresentativo, è necessario aumentare sostanziosamente lo stanziamento, in modo da poter accrescere in ugual misura il numero di funzionari della Commissione da distaccare.

16 Progetto preliminare di bilancio generale 1983 B/ 59 CAPITOLO 16- SPESE PER IL SERVIZIO SOCIALE RIEPILOGO Articolo Denominazione 1982 Stanziamenti autorizzati 1983 Stanziamenti proposti Variazione iri o/o 2 : l l Sussidi straordinari Relazioni sociali tra i membri del personale Altri interventi di carattere sociale Totale , ,31' + 10, ,67

17 B/ 60 Progetto preliminare di bilancio generale ARTICOLO Variazione (in o/o) SUSSIDI STRAORDINARI ,67 Articolo 76 dello statuto.. Il funzionario, l'ex funzionario o gli aventi diritto di un funzionario deceduto, che si trovano in una situazione particolarmente difficile, possono fruire di sussidi in denaro. Tenuto conto del carattere straordinario di queste spese, l'importo proposto non si basa su un calcolo matematico. Lo stanziamento non verrà nemmeno ripartito tra le diverse sedi di servizio del personale. La gestione resta centralizzata a Bruxelles.

18 Progetto preliminare di bilancio generale / 61 ARTICOLO 161- RELAZIONI SOCIALI TRA I MEMBRI DEL PERSONALE Variazione (in o/o) ,31 Lo stanziamento rientra nella sfera dell'autonomia di gestione della Commissione. Lo stanziamento copre i sussidi concessi ai circoli sportivi e culturali del personale, la manutenzione, la gestione e l'attrezzatura degli impianti sportivi, le spese di animazione del foyer, le azioni di animazione culturale e le spese connesse ad iniziative per la promozione delle relazioni tra agenti delle varie nazionalità. A Lussemburgo la Commissione partecipa al fondo comune gestito dal comitato delle attività sociali di tutte le istituzioni (CCE, PE, Corte di giustizia, Corte dei conti, BEI e Ufficio delle pubblicazioni). Lo stanziamento è suddiviso nel modo seguente: Bruxelles Lussemburgo Delegazioni e uffici all'estero La suddivisione per sede di servizio è la seguente: 1982 Bruxelles Attività di animazione Sovvenzione circoli Sovvenzione Europa Club Overijse Attrezzature complementari Europa Club Totale parziale Lussemburgo Circoli culturali e sportivi Partecipazione fino al 33% di di BFR alle azioni intraprese in comune dal complesso delle istituzioni con sede a Lussemburgo Affitto di un campo di calcio ( BFR) - Gestione del Fitness Centre - Totale parziale Delegazioni e uffici all'estero l ECU ECU IO 000 ECU Il ECU ECU ECU Variazione (in%) + 40,0 + 33, ,28-43, ,50-20,0 Totale ,31

19 B/ 62 Progetto preliminare di bilancio generale Per quanto riguarda il Fitness Centre di Lussemburgo, lo stanziamento di ECU comprende: - le spese di funzionamento (manutenzione, pulizia, acqua, gas ed elettricità) ECU - lo stipendio di un agente locale ECU ECU. L'aumento dello stanziamento necessario, causato dall'assunzione a carico del pagamento dello stipendio dell'agente locale, è compensato da una riduzione di ECU degli stanziamenti del capitolo 11 - Personale (voce Agenti locali), accompagn~ta dalla riduzione di un'unità del numero di agenti locali.

20 Progetto preliminare di bilancio generale 1983 B/ 63 ARTICOLO 162- ALTRI INTERVENTI DI CARATTERE SOCIALE l Q83 - stanziamenti proposti Variazione (in o/o) ,93 Lo stanziamento rientra nella sfera dell'autonomia di gestione della Commissiohe. Gli stanziamenti coprono i sussidi ai nidi d'infanzia, ai doposcuola, alle colonie di vacanze, ai culti e ai movimenti giovanili. Sono inoltre coperti alcuni interventi concernenti l'assistenza al personale, particolarmente in materia di aiuti familiari, consigli legali, ecc., nonché le spese per la consegna di medaglie ai numerosi funzionari che nell983 compiranno venti anni di servizio. Si sottolinea che gli interventi della Commissione in questi settori non coprono la totalità delle spese necessarie. Costituiscono sussidi a complemento degli interventi finanziari dei beneficiari. Oltre a questi sussidi, la Commissione sostiene alcune spese d'infrastruttura e di manutenzione e una parte delle spese per il personale necessario. Le previsioni per Bruxelles si presentano come segue: Variazione (in o/o) Nidi d 'infanzia/ doposcuola p.m. p.m. Colonie di vacanze ,38 Partecipazione per i figli degli insegnanti delle scuole europee ,0 Aiuti familiari lo ,0 Assistenza legale lo IO, O Spese d'accoglienza ,5 Medaglie «20 anni» ,0 Riserva e spese minute , 14 Totale parziale ,48 Sussidi culti (compreso Lussemburgo) e scouts p.m Totale ,14

NORME INTERNE RELATIVE AI TIROCINI E ALLE VISITE DI STUDIO PRESSO IL SEGRETARIATO GENERALE DEL PARLAMENTO EUROPEO

NORME INTERNE RELATIVE AI TIROCINI E ALLE VISITE DI STUDIO PRESSO IL SEGRETARIATO GENERALE DEL PARLAMENTO EUROPEO NORME INTERNE RELATIVE AI TIROCINI E ALLE VISITE DI STUDIO PRESSO IL SEGRETARIATO GENERALE DEL PARLAMENTO EUROPEO 1 PARTE I: TIROCINI Capitolo 1 Disposizioni generali Articolo 1 Vari tipi di tirocini presso

Dettagli

Direttive comunitarie che coordinano le seguenti procedure di aggiudicazione degli appalti pubblici:

Direttive comunitarie che coordinano le seguenti procedure di aggiudicazione degli appalti pubblici: Versione finale del 29/11/2007 COCOF 07/0037/03-IT COMMISSIONE EUROPEA ORIENTAMENTI PER LA DETERMINAZIONE DELLE RETTIFICHE FINANZIARIE DA APPLICARE ALLE SPESE COFINANZIATE DAI FONDI STRUTTURALI E DAL FONDO

Dettagli

BENEFICI A FAVORE DI DIPENDENTI, AMMINISTRATORI

BENEFICI A FAVORE DI DIPENDENTI, AMMINISTRATORI BENEFICI A FAVORE DI DIPENDENTI, AMMINISTRATORI Si esamina il trattamento dei benefici concessi a dipendenti, collaboratori e amministratori - collaboratori. I fringe benefits costituiscono la parte della

Dettagli

Aggiunte e modifiche al Regolamento per le prestazioni e gli onorari per l architettura SIA 102 (2003)

Aggiunte e modifiche al Regolamento per le prestazioni e gli onorari per l architettura SIA 102 (2003) Sezione della logistica Repubblica e Cantone Ticino Via del Carmagnola 7 Dipartimento delle finanze e dell'economia 6501 Bellinzona Divisione delle risorse Aggiunte e modifiche al Regolamento per le prestazioni

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEI RIMBORSI DELLE SPESE SOSTENUTE DAL PERSONALE DIPENDENTE INVIATO IN MISSIONE

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEI RIMBORSI DELLE SPESE SOSTENUTE DAL PERSONALE DIPENDENTE INVIATO IN MISSIONE I REGOLAMENTI PROVINCIALI: N. 59 PROVINCIA DI PADOVA REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEI RIMBORSI DELLE SPESE SOSTENUTE DAL PERSONALE DIPENDENTE INVIATO IN MISSIONE Approvato con D.G.P. in data 19.4.2012

Dettagli

Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione

Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione Gruppo di Lavoro ITACA Regioni/Presidenza del Consiglio dei Ministri Aggiornamento 14 novembre 2011 Dipartimento

Dettagli

(Testo rilevante ai fini del SEE)

(Testo rilevante ai fini del SEE) 25.6.2015 L 159/27 REGOLAMENTO DI ESECUZIONE (UE) 2015/983 DELLA COMMISSIONE del 24 giugno 2015 sulla procedura di rilascio della tessera professionale europea e sull'applicazione del meccanismo di allerta

Dettagli

COMUNE DI DIGNANO REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO

COMUNE DI DIGNANO REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO COMUNE DI DIGNANO Provincia di UDINE REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO *** Testo coordinato Allegato alla deliberazione C.C. n 10 del 21-02-2011 SOMMARIO Art. 1 - Istituzione del servizio Art. 2

Dettagli

REGOLAMENTO (CE) N. 1998/2006 DELLA COMMISSIONE

REGOLAMENTO (CE) N. 1998/2006 DELLA COMMISSIONE 28.12.2006 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 379/5 REGOLAMENTO (CE) N. 1998/2006 DELLA COMMISSIONE del 15 dicembre 2006 relativo all applicazione degli articoli 87 e 88 del trattato agli aiuti d

Dettagli

DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE

DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE ai sensi dell'art. 2 e dell'art. 6 delle disposizioni AIM Italia in tema di Parti Correlate del maggio 2012, nonché

Dettagli

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI 24.12.2013 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 352/1 II (Atti non legislativi) REGOLAMENTI REGOLAMENTO (UE) N. 1407/2013 DELLA COMMISSIONE del 18 dicembre 2013 relativo all applicazione degli articoli

Dettagli

Avviso di aggiudicazione di appalti Settori speciali. Sezione I: Ente aggiudicatore. I.1) Denominazione, indirizzi e punti di contatto

Avviso di aggiudicazione di appalti Settori speciali. Sezione I: Ente aggiudicatore. I.1) Denominazione, indirizzi e punti di contatto 1/ 14 ENOTICES_alessiamag 14/11/2011- ID:2011-157556 Formulario standard 6 - IT Unione europea Pubblicazione del Supplemento alla Gazzetta ufficiale dell'unione europea 2, rue Mercier, L-2985 Luxembourg

Dettagli

Diritti di cui all art. 7 del D.lgs.196 del 30 giugno 2003. Informativa resa ai sensi dell art 13 del D.Lgs. 196/2003

Diritti di cui all art. 7 del D.lgs.196 del 30 giugno 2003. Informativa resa ai sensi dell art 13 del D.Lgs. 196/2003 Diritti di cui all art. 7 del D.lgs.196 del 30 giugno 2003 Informativa resa ai sensi dell art 13 del D.Lgs. 196/2003 Vi informiamo che l art. 7 del d.lgs.196/03 conferisce agli interessati l esercizio

Dettagli

AVVISO PUBBLICO PER L ISCRIZIONE ALL ALBO FORNITORI

AVVISO PUBBLICO PER L ISCRIZIONE ALL ALBO FORNITORI AVVISO PUBBLICO PER L ISCRIZIONE ALL ALBO FORNITORI In base alla Deliberazione del Direttore Generale n. 312 del 18 ottobre 2012 si è provveduto all istituzione e disciplina dell Albo dei Fornitori dell

Dettagli

PROVINCIA DI ROMA. Regolamento Servizio di Economato

PROVINCIA DI ROMA. Regolamento Servizio di Economato PROVINCIA DI ROMA Regolamento Servizio di Economato Adottato con delibera del Consiglio Provinciale: n. 1111 dell 1 marzo 1995 Aggiornato con delibera del Consiglio Provinciale n. 34 del 12 luglio 2010

Dettagli

3.01 Prestazioni dell AVS Rendite di vecchiaia e assegni per grandi invalidi dell'avs

3.01 Prestazioni dell AVS Rendite di vecchiaia e assegni per grandi invalidi dell'avs 3.01 Prestazioni dell AVS Rendite di vecchiaia e assegni per grandi invalidi dell'avs Stato al 1 gennaio 2015 1 In breve Hanno diritto a una rendita di vecchiaia le persone che hanno raggiunto l'età ordinaria

Dettagli

- Altri servizi generali. QUADRO A Elementi specifici. Gestione Associata in Unione di comuni

- Altri servizi generali. QUADRO A Elementi specifici. Gestione Associata in Unione di comuni generali di amministrazione, di gestione e di controllo - Organi istituzionali, partecipazione e decentramento - Segreteria generale, Personale e Organizzazione - Gestione economica, Finanziaria, Programmazione,

Dettagli

CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2

CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2 CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2 La valutazione delle IMMOBILIZZAZIONI MATERIALI Prima lezione di Alberto Bertoni 1 IMMOBILIZZAZIONI Definizione Cod. Civ. art. 2424-bis, 1 c. Le immobilizzazioni sono

Dettagli

REGOLAMENTO DELEGATO (UE) N. /.. DELLA COMMISSIONE. del 7.1.2014

REGOLAMENTO DELEGATO (UE) N. /.. DELLA COMMISSIONE. del 7.1.2014 COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 7.1.2014 C(2013) 9651 final REGOLAMENTO DELEGATO (UE) N. /.. DELLA COMMISSIONE del 7.1.2014 recante un codice europeo di condotta sul partenariato nell'ambito dei fondi strutturali

Dettagli

------------------- CONVENZIONE DELL'AIA SULLA LEGGE APPLICABILE AD ALCUNI DIRITTI SU STRUMENTI FINANZIARI DETENUTI PRESSO UN INTERMEDIARIO

------------------- CONVENZIONE DELL'AIA SULLA LEGGE APPLICABILE AD ALCUNI DIRITTI SU STRUMENTI FINANZIARI DETENUTI PRESSO UN INTERMEDIARIO ------------------- CONVENZIONE DELL'AIA SULLA LEGGE APPLICABILE AD ALCUNI DIRITTI SU STRUMENTI FINANZIARI DETENUTI PRESSO UN INTERMEDIARIO Gli Stati firmatari della presente convenzione, coscienti della

Dettagli

VERSIONE CONSOLIDATA DEL TRATTATO SULL UNIONE EUROPEA E DEL TRATTATO SUL FUNZIONAMENTO DELL UNIONE EUROPEA

VERSIONE CONSOLIDATA DEL TRATTATO SULL UNIONE EUROPEA E DEL TRATTATO SUL FUNZIONAMENTO DELL UNIONE EUROPEA VERSIONE CONSOLIDATA DEL TRATTATO SULL UNIONE EUROPEA E DEL TRATTATO SUL FUNZIONAMENTO DELL UNIONE EUROPEA TITOLO VII NORME COMUNI SULLA CONCORRENZA, SULLA FISCALITÀ E SUL RAVVICINAMENTO DELLE LEGISLAZIONI

Dettagli

Tale comma 6-bis dell art. 92 del codice è stato abrogato in sede di conversione (cfr. infra). www.linobellagamba.it

Tale comma 6-bis dell art. 92 del codice è stato abrogato in sede di conversione (cfr. infra). www.linobellagamba.it Il nuovo incentivo per la progettazione Aggiornamento e tavolo aperto di discussione Lino BELLAGAMBA Prima stesura 4 ottobre 2014 Cfr. D.L. 24 giugno 2014, n. 90, art. 13, comma 1, nella formulazione anteriore

Dettagli

CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO. Ai sensi dell art. 1, comma 2, lett. A) della legge 9 dicembre 1998 n 431

CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO. Ai sensi dell art. 1, comma 2, lett. A) della legge 9 dicembre 1998 n 431 CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO Ai sensi dell art. 1, comma 2, lett. A) della legge 9 dicembre 1998 n 431 e degli artt. 1571 e seguenti del codice civile. CON LA PRESENTE SCRITTURA PRIVATA la CAMERA

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELL ELENCO DEGLI OPERATORI ECONOMICI DI FIDUCIA DELL UNIVERSITÀ TELEMATICA UNIVERSITAS MERCATORUM - EX ART.

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELL ELENCO DEGLI OPERATORI ECONOMICI DI FIDUCIA DELL UNIVERSITÀ TELEMATICA UNIVERSITAS MERCATORUM - EX ART. Universita Telematica UNIVERSITAS MERCATORUM REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELL ELENCO DEGLI OPERATORI ECONOMICI DI FIDUCIA DELL UNIVERSITÀ TELEMATICA UNIVERSITAS MERCATORUM - EX ART. 125, COMMA 12 DEL D.L.VO

Dettagli

D.P.R. 30 maggio 1955, n. 797. Testo unico delle norme concernenti gli assegni familiari (G.U. 7-9-1955, n. 206 - S.O.) STRALCIO

D.P.R. 30 maggio 1955, n. 797. Testo unico delle norme concernenti gli assegni familiari (G.U. 7-9-1955, n. 206 - S.O.) STRALCIO D.P.R. 30 maggio 1955, n. 797. Testo unico delle norme concernenti gli assegni familiari (G.U. 7-9-1955, n. 206 - S.O.) STRALCIO TITOLO I DISCIPLINA GENERALE DELLE PRESTAZIONI E DEI CONTRIBUTI CAPO I -

Dettagli

Decreto del Ministro degli affari esteri 30 dicembre 1978, n.4668 bis, Regolamento per il rilascio dei passaporti diplomatici e di servizio.

Decreto del Ministro degli affari esteri 30 dicembre 1978, n.4668 bis, Regolamento per il rilascio dei passaporti diplomatici e di servizio. Decreto del Ministro degli affari esteri 30 dicembre 1978, n.4668 bis, Regolamento per il rilascio dei passaporti diplomatici e di servizio. 1. I passaporti diplomatici e di servizio, di cui all'articolo

Dettagli

4.04 Prestazioni dell AI Rendite d invalidità dell AI

4.04 Prestazioni dell AI Rendite d invalidità dell AI 4.04 Prestazioni dell AI Rendite d invalidità dell AI Stato al 1 gennaio 2015 1 In breve Hanno diritto a prestazioni dell assicurazione invalidità (AI) gli assicurati cui un danno alla salute di lunga

Dettagli

CODICE DI COMPORTAMENTO DEI DIPENDENTI DELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI. Art. 1 (Disposizioni di carattere generale)

CODICE DI COMPORTAMENTO DEI DIPENDENTI DELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI. Art. 1 (Disposizioni di carattere generale) CODICE DI COMPORTAMENTO DEI DIPENDENTI DELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI Art. 1 (Disposizioni di carattere generale) 1. I princìpi e i contenuti del presente codice costituiscono specificazioni esemplificative

Dettagli

I Statuto dei funzionari delle Comunità europee

I Statuto dei funzionari delle Comunità europee STATUTO I Statuto dei funzionari delle Comunità europee Indice delle materie Articolo Pagina Titolo I Disposizioni Generali...1-10 bis... I - 4 Titolo II Doveri e diritti del funzionario... 11-26... I

Dettagli

IFRS 2 Pagamenti basati su azioni

IFRS 2 Pagamenti basati su azioni Pagamenti basati su azioni International Financial Reporting Standard 2 Pagamenti basati su azioni FINALITÀ 1 Il presente IRFS ha lo scopo di definire la rappresentazione in bilancio di una entità che

Dettagli

COMUNE DI CALCIANO Provincia di Matera

COMUNE DI CALCIANO Provincia di Matera COMUNE DI CALCIANO Provincia di Matera Cap. 75010 Via Sandro Pertini, 11 Tel. 0835672016 Fax 0835672039 Cod. fiscale 80001220773 REGOLAMENTO COMUNALE RECANTE NORME PER LA RIPARTIZIONE DELL INCENTIVO DI

Dettagli

Ministero del Lavoro e della Previdenza Sociale. Direzione generale per l'attività Ispettiva

Ministero del Lavoro e della Previdenza Sociale. Direzione generale per l'attività Ispettiva Ministero del Lavoro e della Previdenza Sociale Direzione generale per l'attività Ispettiva Direzione generale della Tutela delle Condizioni di Lavoro Roma, 14 Giugno 2006 Circolare n. 17/2006 Prot. N.

Dettagli

LA TERRITORALITÀ IVA DEI SERVIZI RIFERITI AGLI IMMOBILI

LA TERRITORALITÀ IVA DEI SERVIZI RIFERITI AGLI IMMOBILI INFORMATIVA N. 204 14 SETTEMBRE 2011 IVA LA TERRITORALITÀ IVA DEI SERVIZI RIFERITI AGLI IMMOBILI Artt. 7-ter, 7-quater e 7-sexies, DPR n. 633/72 Regolamento UE 15.3.2011, n. 282 Circolare Agenzia Entrate

Dettagli

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA. Visto l'articolo 20 della legge 15 marzo 1997, n. 59, allegato 1, numeri 94, 97 e 98, e successive modificazioni;

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA. Visto l'articolo 20 della legge 15 marzo 1997, n. 59, allegato 1, numeri 94, 97 e 98, e successive modificazioni; D.P.R. 14-12-1999 n. 558 Regolamento recante norme per la semplificazione della disciplina in materia di registro delle imprese, nonché per la semplificazione dei procedimenti relativi alla denuncia di

Dettagli

(Lombardia, BUR 18 novembre 2014, n. 47) LA GIUNTA REGIONALE

(Lombardia, BUR 18 novembre 2014, n. 47) LA GIUNTA REGIONALE Deliberazione Giunta Regionale 14 novembre 2014 n. 10/2637 Determinazioni in ordine a: "Promozione e coordinamento dell'utilizzo del patrimonio mobiliare dismesso dalle strutture sanitarie e sociosanitarie

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO COMUNE DI CISTERNA DI LATINA Medaglia d argento al Valor Civile REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO Approvato con Deliberazione di Consiglio Comunale n. 52 del 11.05.2009 a cura di : Dott. Bruno Lorello

Dettagli

L INFORTUNIO SUL LAVORO, IN ITINERE, LA MALATTIA PROFESSIONALE E L ASSISTENZA

L INFORTUNIO SUL LAVORO, IN ITINERE, LA MALATTIA PROFESSIONALE E L ASSISTENZA L INFORTUNIO SUL LAVORO, IN ITINERE, LA MALATTIA PROFESSIONALE E L ASSISTENZA L INAIL, IL DATORE DI LAVORO, IL LAVORATORE, COSA DEVONO FARE COSA DEVE SAPERE IL LAVORATORE QUANDO SUBISCE UN INFORTUNIO O

Dettagli

COMMISSIONE EUROPEA. Bruxelles, 15.01.2010 C (2010) 7

COMMISSIONE EUROPEA. Bruxelles, 15.01.2010 C (2010) 7 COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 15.01.2010 C (2010) 7 Oggetto: Aiuto di Stato N 540/2009 - Francia Proroga dell aiuto NN 155/2003 Realizzazione di un servizio sperimentale di autostrada ferroviaria e Aiuto

Dettagli

COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI

COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI Allegato 1 COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI REGOLAMENTO PER LA DOTAZIONE FINANZIARIA COMUNALE PER INTERVENTI DI MANUTENZIONE ORDINARIA E DI FUNZIONAMENTO IN FAVORE DEGLI ISTITUTI DI ISTRUZIONE PRIMARIA

Dettagli

** * ** Acquisito il parere delle competenti commissioni parlamentari previsto dal citato articolo 24;

** * ** Acquisito il parere delle competenti commissioni parlamentari previsto dal citato articolo 24; D.Lgs. 6-9-1989 n. 322 1 Norme sul Sistema statistico nazionale e sulla riorganizzazione dell'istituto nazionale di statistica, ai sensi dell'art. 24 della L. 23 agosto 1988, n. 400. Pubblicato nella Gazz.

Dettagli

Linee guida per la predisposizione del rendiconto circa la destinazione delle quote del 5 per mille dell Irpef

Linee guida per la predisposizione del rendiconto circa la destinazione delle quote del 5 per mille dell Irpef Direzione Generale per il terzo settore e le formazioni sociali Linee guida per la predisposizione del rendiconto circa la destinazione delle quote del 5 per mille dell Irpef PREMESSA Fonti normative dell

Dettagli

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA DECRETO-LEGGE 20 giugno 2012, n. 79 Misure urgenti per garantire la sicurezza dei cittadini, per assicurare la funzionalita' del Corpo nazionale dei vigili del fuoco e di altre strutture dell'amministrazione

Dettagli

COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE

COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE Art. 1 - ISTITUZIONE E istituito presso il Comune di Golfo Aranci, un Centro di Aggregazione

Dettagli

Aiuto alla compilazione del modulo Caratteristiche dell edificio

Aiuto alla compilazione del modulo Caratteristiche dell edificio Aiuto alla compilazione del modulo Caratteristiche dell edificio Edificio Ai sensi dell art. 3 del ordinanza sul Registro federale degli edifici e delle abitazioni, l edificio è definito come segue: per

Dettagli

Gas-acqua - Rinnovo del c.c.n.l.

Gas-acqua - Rinnovo del c.c.n.l. Gas-acqua - Rinnovo del c.c.n.l. Con l'ipotesi di accordo 14 gennaio 2014 le Parti stipulanti (Anfida, Anigas, Assogas, Confindustria Energia, Federestrattiva, Federutility con Filctem-Cgil, Femca-Cisl,

Dettagli

3. Operazioni di compravendita effettuate dai manager (Internal dealing) Direttiva livello 1 Direttiva livello 2 TUF Regolamento Proposto

3. Operazioni di compravendita effettuate dai manager (Internal dealing) Direttiva livello 1 Direttiva livello 2 TUF Regolamento Proposto Direttiva livello 1 Direttiva livello 2 TUF Regolamento Proposto Regolamento emittenti TITOLO II CAPO II SEZIONE IV Art. 87 (Comunicazioni dei capigruppo Comunicazioni delle operazioni di compravendita

Dettagli

DECRETO 28 maggio 2001, n.295. Regolamento recante criteri e modalità di concessione degli incentivi a favore dell autoimpiego

DECRETO 28 maggio 2001, n.295. Regolamento recante criteri e modalità di concessione degli incentivi a favore dell autoimpiego DECRETO 28 maggio 2001, n.295 Regolamento recante criteri e modalità di concessione degli incentivi a favore dell autoimpiego Capo I Art. 1 Definizioni 1. Nel presente regolamento l'espressione: a)

Dettagli

PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO - SERVIZIO APPALTI, CONTRATTI E GESTIONI GENERALI - UFFICIO APPALTI. Città: TRENTO Codice postale: 38100

PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO - SERVIZIO APPALTI, CONTRATTI E GESTIONI GENERALI - UFFICIO APPALTI. Città: TRENTO Codice postale: 38100 Automa di TrentoUNIONE EUROPEA Pubblicazione del Supplemento alla Gazzetta ufficiale dell'unione europea 2, rue Mercier, L-2985 Lussemburgo Fax (352) 29 29-42670 E-mail: ojs@publications.europa.eu Info

Dettagli

Regio Decreto 12 febbraio 1940, n. 740, Testo unico delle norme legislative sulle scuole italiane all'estero.

Regio Decreto 12 febbraio 1940, n. 740, Testo unico delle norme legislative sulle scuole italiane all'estero. Regio Decreto 12 febbraio 1940, n. 740, Testo unico delle norme legislative sulle scuole italiane all'estero. E' approvato il testo unico delle norme legislative sulle scuole italiane all'estero annesso

Dettagli

GARANZIA LEGALE DEL VENDITORE

GARANZIA LEGALE DEL VENDITORE GARANZIA LEGALE DEL VENDITORE Tutti i prodotti che compri da Apple, anche quelli non a marchio Apple, sono coperti dalla garanzia legale di due anni del venditore prevista dal Codice del Consumo (Decreto

Dettagli

LOCAZIONE ABITATIVA PER STUDENTI UNIVERSITARI TIPO DI CONTRATTO (Legge 9 dicembre 1998, n. 431, articolo 5, comma 2)

LOCAZIONE ABITATIVA PER STUDENTI UNIVERSITARI TIPO DI CONTRATTO (Legge 9 dicembre 1998, n. 431, articolo 5, comma 2) LOCAZIONE ABITATIVA PER STUDENTI UNIVERSITARI TIPO DI CONTRATTO (Legge 9 dicembre 1998, n. 431, articolo 5, comma 2) Il/La sig./soc. (1) di seguito denominato/a locatore (assistito/a da (2) in persona

Dettagli

TARIFFA PROFESSIONALE CONSULENTI DEL LAVORO MINISTERO DI GRAZIA E GIUSTIZIA. DECRETO 15 LUGLIO 1992, n. 430 (G.U. n. 265 10/11/92)

TARIFFA PROFESSIONALE CONSULENTI DEL LAVORO MINISTERO DI GRAZIA E GIUSTIZIA. DECRETO 15 LUGLIO 1992, n. 430 (G.U. n. 265 10/11/92) TARIFFA PROFESSIONALE CONSULENTI DEL LAVORO MINISTERO DI GRAZIA E GIUSTIZIA DECRETO 15 LUGLIO 1992, n. 430 (G.U. n. 265 10/11/92) REGOLAMENTO RECANTE APPROVAZIONE DELLE DELIBERAZIONI IN DATA 16 MAGGIO

Dettagli

Direzione scolastica congiunta per gli istituti scolastici di Medio Malcantone, Croglio Monteggio, Ponte Tresa, Pura e Sessa

Direzione scolastica congiunta per gli istituti scolastici di Medio Malcantone, Croglio Monteggio, Ponte Tresa, Pura e Sessa Concorso per l assunzione di un/a direttore/direttrice scolastico/a con un grado di occupazione al 100% per le scuole elementari e dell infanzia dall anno scolastico 2015-2016 Il Municipio di Novaggio

Dettagli

Ministero degli Affari Esteri

Ministero degli Affari Esteri Ministero degli Affari Esteri ORDINAMENTO DELL'AMMINISTRAZIONE DEGLI AFFARI ESTERI D.P.R. 5 Gennaio 1967, n. 18 e successive modificazioni e integrazioni ORDINAMENTO DELL'AMMINISTRAZIONE DEGLI AFFARI ESTERI

Dettagli

DIREZIONE DIDATTICA Albert Sabin C.so Vercelli,157 10153 tel. 011\2426534 fax 011\ 2462435 Codice Fiscale 80093750018 e-mail TOEEO5600D@ istruzione.

DIREZIONE DIDATTICA Albert Sabin C.so Vercelli,157 10153 tel. 011\2426534 fax 011\ 2462435 Codice Fiscale 80093750018 e-mail TOEEO5600D@ istruzione. RELAZIONE DEL DIRIGENTE SCOLASTICO AL CONTO CONSUNTIVO 2013 La presente relazione illustra l andamento della gestione dell istituzione scolastica e i risultati conseguiti in relazione agli obiettivi programmati

Dettagli

L'EVOLUZIONE DEL PART-TIME NEL CONTRATTO DEL COMPARTO NAZIONALE DELLA SANITA' PUBBLICA

L'EVOLUZIONE DEL PART-TIME NEL CONTRATTO DEL COMPARTO NAZIONALE DELLA SANITA' PUBBLICA L'EVOLUZIONE DEL PART-TIME NEL CONTRATTO DEL COMPARTO NAZIONALE DELLA SANITA' PUBBLICA a cura del Nucleo Promozione e Sviluppo Responsabile: Cesare Hoffer Il presente documento non ha la pretesa di essere

Dettagli

Capo 1. Art.1 - (Definizione dell istituto dell indennità di posizione della categoria EP)

Capo 1. Art.1 - (Definizione dell istituto dell indennità di posizione della categoria EP) REGOLAMENTO DISCIPLINANTE L APPLICAZIONE DEGLI ARTT.75 CONFERIMENTO E REVOCA DI INCARICHI AL PERSONALE DELLA CATEGORIA EP E 76 RETRIBUZIONE DI POSIZIONE E RETRIBUZIONE DI RISULTATO DEL CCNL 16.10.2008

Dettagli

TESTO AGGIORNATO DEL DECRETO-LEGGE 20 marzo 2014, n. 34

TESTO AGGIORNATO DEL DECRETO-LEGGE 20 marzo 2014, n. 34 Pagina 1 di 7 TESTO AGGIORNATO DEL DECRETO-LEGGE 20 marzo 2014, n. 34 Testo del decreto-legge 20 marzo 2014, n. 34 (in Gazzetta Ufficiale - serie generale - n. 66 del 20 marzo 2014), coordinato con la

Dettagli

Decreto Part-time. Decreto legislativo varato il 28-1-2000 dal Consiglio dei ministri in base alla direttiva 97/81/Ce sul lavoro part-time

Decreto Part-time. Decreto legislativo varato il 28-1-2000 dal Consiglio dei ministri in base alla direttiva 97/81/Ce sul lavoro part-time Decreto Part-time Decreto legislativo varato il 28-1-2000 dal Consiglio dei ministri in base alla direttiva 97/81/Ce sul lavoro part-time ARTICOLO 1 Definizioni 1.Nel rapporto di lavoro subordinato l assunzione

Dettagli

AFFIDAMENTO DEI SERVIZI DI RECEPTION, CENTRALINO E FATTORINAGGIO ESTERNO PER GLI UFFICI DELLA SOGESID S.P.A. VIA CALABRIA, 35 E VIA CALABRIA 56 ROMA.

AFFIDAMENTO DEI SERVIZI DI RECEPTION, CENTRALINO E FATTORINAGGIO ESTERNO PER GLI UFFICI DELLA SOGESID S.P.A. VIA CALABRIA, 35 E VIA CALABRIA 56 ROMA. AFFIDAMENTO DEI SERVIZI DI RECEPTION, CENTRALINO E FATTORINAGGIO ESTERNO PER GLI UFFICI DELLA SOGESID S.P.A. VIA CALABRIA, 35 E VIA CALABRIA 56 ROMA. CIG: 5066492974 Quesito 1 Domanda: Nel Capitolato Tecnico

Dettagli

COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto)

COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) REGOLAMENTO DI ISTITUZIONE DELLE POSIZIONI ORGANIZZATIVE Art. 1 - Area delle posizione organizzative 1. Nel rispetto dei criteri generali contenuti nelle disposizioni

Dettagli

DIRETTIVE COMUNITARIE INTERESSATE DAL REGOLAMENTO

DIRETTIVE COMUNITARIE INTERESSATE DAL REGOLAMENTO DIRETTIVE COMUNITARIE INTERESSATE DAL REGOLAMENTO 1. Direttiva 66/401/CEE: commercializzazione sementi di piante foraggere 2. Direttiva 66/402/CEE: commercializzazione di sementi di cereali 3. Direttiva

Dettagli

CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO (CANALE CONCERTATO) Tra i signori, nato a, il, residente in., alla Via, C.F. (di seguito locatore) (assistito

CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO (CANALE CONCERTATO) Tra i signori, nato a, il, residente in., alla Via, C.F. (di seguito locatore) (assistito CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO (CANALE CONCERTATO) Tra i signori, nato a, il, residente in, alla Via, C.F. (di seguito locatore) (assistito da in persona di ), e, nato a, il, residente in, alla

Dettagli

Dir.P.C.M. 27 gennaio 1994 Princìpi sull erogazione dei servizi pubblici

Dir.P.C.M. 27 gennaio 1994 Princìpi sull erogazione dei servizi pubblici Dir.P.C.M. 27 gennaio 1994 Princìpi sull erogazione dei servizi pubblici IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI Visto l art. 5, comma 2, lettere b), e) ed f), della legge 23 agosto 1988, n. 400; Ritenuta

Dettagli

Invalido dal 33% al 73%

Invalido dal 33% al 73% Invalido dal 33% al 73% Definizione presente nel verbale: "Invalido con riduzione permanente della capacità lavorativa in misura superiore ad 1/3 (art. 2, L. 118/1971)". Nel certificato può essere precisata

Dettagli

I "social protection floors" per la giustizia sociale e una globalizzazione equa

I social protection floors per la giustizia sociale e una globalizzazione equa Conferenza Internazionale del Lavoro 101^ Sessione 2012 IV Rapporto (2B) I "social protection floors" per la giustizia sociale e una globalizzazione equa Quarto punto dell'agenda Ufficio Internazionale

Dettagli

FUNZIONI FONDAMENTALI DEI COMUNI E MODALITA DI ESERCIZIO ASSOCIATO DI FUNZIONI E SERVIZI COMUNALI ( ART. 19 DL 95/2012)

FUNZIONI FONDAMENTALI DEI COMUNI E MODALITA DI ESERCIZIO ASSOCIATO DI FUNZIONI E SERVIZI COMUNALI ( ART. 19 DL 95/2012) FUNZIONI FONDAMENTALI DEI COMUNI E MODALITA DI ESERCIZIO ASSOCIATO DI FUNZIONI E SERVIZI COMUNALI ( ART. 19 DL 95/2012) L art.19 del DL 95/2012 convertito, con modificazioni, dalla legge 7 agosto 2012,

Dettagli

COMUNE DI ALBIATE SOMMARIO. Provincia di Monza e della Brianza. 1. Oggetto del regolamento. 2. Ambito oggettivo di applicazione

COMUNE DI ALBIATE SOMMARIO. Provincia di Monza e della Brianza. 1. Oggetto del regolamento. 2. Ambito oggettivo di applicazione COMUNE DI ALBIATE Provincia di Monza e della Brianza REGOLAMENTO COMUNALE PER LA RIPARTIZIONE TRA IL RESPONSABILE DEL PROCEDIMENTO E GLI INCARICATI DELLA REDAZIONE DEL PROGETTO, DEL COORDINAMENTO PER LA

Dettagli

Le parti si impegnano a ridurre le loro emissioni di gas ad effetto serra di almeno il 5% rispetto ai livelli del 1990 nel periodo 2008-2012.

Le parti si impegnano a ridurre le loro emissioni di gas ad effetto serra di almeno il 5% rispetto ai livelli del 1990 nel periodo 2008-2012. Il testo del protocollo di Kyoto (Protocollo Nazioni Unite in vigore dal 16.2.2005) Il protocollo di Kyoto è stato ratificato dall'italia con la legge 120 del 2002. Il protocollo entra in vigore il 16

Dettagli

Comune di Grado Provincia di Gorizia

Comune di Grado Provincia di Gorizia Comune di Grado Provincia di Gorizia REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEGLI INCENTIVI PER LA PROGETTAZIONE E LA REALIZZAZIONE DI LAVORI PUBBLICI, AI SENSI DELL ART.11 DELLA LEGGE REGIONALE 31 MAGGIO 2002,

Dettagli

CONTRATTO DI LOCAZIONE DI IMMOBILE DESTINATO AD USO DIVERSO DALL'ABITAZIONE TRA:

CONTRATTO DI LOCAZIONE DI IMMOBILE DESTINATO AD USO DIVERSO DALL'ABITAZIONE TRA: CONTRATTO DI LOCAZIONE DI IMMOBILE DESTINATO AD USO DIVERSO DALL'ABITAZIONE TRA: il Sig. nato a il residente a, codice fiscale, di seguito denominato parte locatrice E: il Sig. nato a il residente a, codice

Dettagli

Istruzioni per la compilazione del Piano economico rendicontativo

Istruzioni per la compilazione del Piano economico rendicontativo I MATERIALI FORMATIVI costituiscono un supporto pratico alla rendicontazione dei progetti; la loro funzione principale è quella di mostrare l applicazione delle regole a casi concreti con l ausilio degli

Dettagli

PER AZIENDE AVENTI ALLE PROPRIE DIPENDENZE SOLO IMPIEGATI (VERSIONE AGGIORNATA AL 23 GENNAIO 2015)

PER AZIENDE AVENTI ALLE PROPRIE DIPENDENZE SOLO IMPIEGATI (VERSIONE AGGIORNATA AL 23 GENNAIO 2015) Procedura relativa alla gestione delle adesioni contrattuali e delle contribuzioni contrattuali a Prevedi ex art. 97 del CCNL edili-industria del 1 luglio 2014 e ex art. 92 del CCNL edili-artigianato del

Dettagli

http://www.gazzettaufficiale.it/atto/stampa/serie_generale/originario

http://www.gazzettaufficiale.it/atto/stampa/serie_generale/originario Pagina 1 di 6 DECRETO LEGISLATIVO 4 marzo 2015, n. 23 Disposizioni in materia di contratto di lavoro a tempo indeterminato a tutele crescenti, in attuazione della legge 10 dicembre 2014, n. 183. (15G00037)

Dettagli

Legge 15 luglio 1966 n. 604 Norme sui licenziamenti individuali. pubblicata nella G.U. n. 195 del 6 agosto 1966. con le modifiche della

Legge 15 luglio 1966 n. 604 Norme sui licenziamenti individuali. pubblicata nella G.U. n. 195 del 6 agosto 1966. con le modifiche della Legge 15 luglio 1966 n. 604 Norme sui licenziamenti individuali pubblicata nella G.U. n. 195 del 6 agosto 1966 con le modifiche della legge 4 novembre 2010, n. 183 (c.d. Collegato Lavoro) Legge 28 giugno

Dettagli

Capire il certificato di previdenza

Capire il certificato di previdenza Previdenza professionale Capire il certificato di previdenza Questo foglio informativo illustra la struttura del certificato di previdenza. Fornisce spiegazioni e contiene informazioni utili su temi importanti.

Dettagli

DICHIARAZIONE DEI REDDITI 730/2015 Campagna Fiscale dal 15/04 al 05/07

DICHIARAZIONE DEI REDDITI 730/2015 Campagna Fiscale dal 15/04 al 05/07 DICHIARAZIONE DEI REDDITI 730/2015 Campagna Fiscale dal 15/04 al 05/07 Bonus IRPEF 80 euro Nel nuovo modello 730/2015 trova spazio il bonus IRPEF 80 euro ricevuto nel 2014, essendo previsto l obbligo di

Dettagli

Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale

Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale Art. 1 Personale avente diritto I rapporti di lavoro a tempo parziale possono essere attivati nei confronti dei dipendenti comunali a tempo

Dettagli

REGOLAMENTO SUL PART TIME PER IL PERSONALE DEL COMPARTO DEL S.S.N.

REGOLAMENTO SUL PART TIME PER IL PERSONALE DEL COMPARTO DEL S.S.N. REGOLAMENTO SUL PART TIME PER IL PERSONALE DEL COMPARTO DEL S.S.N. ART.1 Finalità L Azienda U.L.S.S. 20, alla luce delle nuove disposizioni legislative e contrattuali, con il presente regolamento supera

Dettagli

LA DISCIPLINA DEGLI APPALTI PUBBLICI NELL'UNIONE EUROPEA E IL GREEN PROCUREMENT

LA DISCIPLINA DEGLI APPALTI PUBBLICI NELL'UNIONE EUROPEA E IL GREEN PROCUREMENT LA DISCIPLINA DEGLI APPALTI PUBBLICI NELL'UNIONE EUROPEA E IL GREEN PROCUREMENT Perché l'ue disciplina gli appalti pubblici? La disciplina degli appalti fa parte degli obiettivi del mercato interno. Si

Dettagli

Deliberazione n.57/pareri/2008

Deliberazione n.57/pareri/2008 Deliberazione n.57/pareri/2008 REPUBBLICA ITALIANA CORTE DEI CONTI SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA composta dai magistrati: dott. Nicola Mastropasqua Presidente dott. Giorgio Cancellieri

Dettagli

Art. 1: Modalità di distribuzione dei compiti che danno diritto all incentivo 4. Art. 2: Ripartizione Generale dell incentivo fra le attività 4

Art. 1: Modalità di distribuzione dei compiti che danno diritto all incentivo 4. Art. 2: Ripartizione Generale dell incentivo fra le attività 4 Regolamento per la ripartizione e l erogazione dell incentivo ex art. 92 D. lgs. 163/06 e s.m.i. 1 INDICE TITOLO I :PREMESSA 3 Art. 1: Modalità di distribuzione dei compiti che danno diritto all incentivo

Dettagli

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA. VISTI gli articoli 76, 87, quinto comma, e 117, terzo comma, della Costituzione;

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA. VISTI gli articoli 76, 87, quinto comma, e 117, terzo comma, della Costituzione; SCHEMA DI DECRETO LEGISLATIVO RECANTE DISPOSIZIONI PER IL RIORDINO DELLA NORMATIVA IN MATERIA DI AMMORTIZZATORI SOCIALI IN CASO DI DISOCCUPAZIONE INVOLONTARIA E DI RICOLLOCAZIONE DEI LAVORATORI DISOCCUPATI,

Dettagli

Facility management. per gli immobili adibiti prevalentemente ad uso ufficio, in uso a qualsiasi titolo alle Pubbliche Amministrazioni

Facility management. per gli immobili adibiti prevalentemente ad uso ufficio, in uso a qualsiasi titolo alle Pubbliche Amministrazioni Ope Facility management per gli immobili adibiti prevalentemente ad uso ufficio, in uso a qualsiasi titolo alle Pubbliche Amministrazioni Ingegneria dell efficienza aziendale Società per i Servizi Integrati

Dettagli

21.6.2005 IT Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 157/29 PROTOCOLLO

21.6.2005 IT Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 157/29 PROTOCOLLO 21.6.2005 IT Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 157/29 PROTOCOLLO Relativo alle condizioni e modalità d'ammissione della Repubblica di Bulgaria e della Romania all'unione europea LE ALTE PARTI CONTRAENTI,

Dettagli

Organici scuola personale ATA A.S. 2013-2014 Scheda di approfondimento

Organici scuola personale ATA A.S. 2013-2014 Scheda di approfondimento Organici scuola personale ATA A.S. 2013-2014 Scheda di approfondimento Indice (cliccabile) Premessa Terziarizzazione Regole per la definizione degli organici di ciascun profilo o DSGA o Assistenti Tecnici

Dettagli

Preambolo LA CAMERA DEI DEPUTATI ED IL SENATO DELLA REPUBBLICA HANNO APPROVATO; IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA PROMULGA LA SEGUENTE LEGGE:

Preambolo LA CAMERA DEI DEPUTATI ED IL SENATO DELLA REPUBBLICA HANNO APPROVATO; IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA PROMULGA LA SEGUENTE LEGGE: LEGGE 12 MARZO 1968, n. 442 (GU n. 103 del 22/04/1968) ISTITUZIONE DI UNA UNIVERSITÀ STATALE IN CALABRIA. (PUBBLICATA NELLA GAZZETTA UFFICIALE N.103 DEL 22 APRILE 1968) URN: urn:nir:stato:legge:1968-03-12;442

Dettagli

DECRETO LEGISLATIVO 15 giugno 2015, n. 80. (GU n.144 del 24-6-2015 - Suppl. Ordinario n. 34)

DECRETO LEGISLATIVO 15 giugno 2015, n. 80. (GU n.144 del 24-6-2015 - Suppl. Ordinario n. 34) 1 di 10 24/06/2015 21:30 DECRETO LEGISLATIVO 15 giugno 2015, n. 80 Misure per la conciliazione delle esigenze di cura, di vita e di lavoro, in attuazione dell'articolo 1, commi 8 e 9, della legge 10 dicembre

Dettagli

Statuto dei lavoratori indipendenti nelle assicurazioni sociali svizzere

Statuto dei lavoratori indipendenti nelle assicurazioni sociali svizzere 2.09 Contributi Statuto dei lavoratori indipendenti nelle assicurazioni sociali svizzere Stato al 1 gennaio 2015 1 In breve Questo promemoria fornisce informazioni sui contributi che i lavoratori indipendenti

Dettagli

INPDAP - Mod. PP (Piccolo Prestito) Protocollo distinta: anno... n... All' INPDAP Direzione Centrale Credito e Welfare

INPDAP - Mod. PP (Piccolo Prestito) Protocollo distinta: anno... n... All' INPDAP Direzione Centrale Credito e Welfare INPDAP - Mod. PP (Piccolo Prestito) Protocollo distinta: anno...... n... All' INPDAP Direzione Centrale Credito e Welfare Ufficio ex Enam Area Piccolo Credito Lista: settore.. n.... Largo Josemaria Escriva

Dettagli

Italia-Roma: Servizi di pulizia stradale 2013/S 154-268701. Bando di gara. Servizi

Italia-Roma: Servizi di pulizia stradale 2013/S 154-268701. Bando di gara. Servizi 1/6 Avviso nel sito web TED: http://ted.europa.eu/udl?uri=ted:notice:268701-2013:text:it:html Italia-Roma: Servizi di pulizia stradale 2013/S 154-268701 Bando di gara Servizi Direttiva 2004/18/CE Sezione

Dettagli

Costi della Qualità. La Qualità costa! Ma quanto costa la non Qualità? La Qualità fa risparmiare denaro. La non Qualità fa perdere denaro.

Costi della Qualità. La Qualità costa! Ma quanto costa la non Qualità? La Qualità fa risparmiare denaro. La non Qualità fa perdere denaro. Costi della Qualità La Qualità costa! Ma quanto costa la non Qualità? La Qualità fa risparmiare denaro. La non Qualità fa perdere denaro. Per anni le aziende, in particolare quelle di produzione, hanno

Dettagli

ORARIO DI LAVORO NEL SETTORE DEL COMMERCIO E DELLA DISTRIBUZIONE

ORARIO DI LAVORO NEL SETTORE DEL COMMERCIO E DELLA DISTRIBUZIONE SCHEDA INFORMATIVA ORARIO DI LAVORO NEL SETTORE DEL COMMERCIO E DELLA DISTRIBUZIONE EUROPEAN TRADE UNION CONFEDERATION (ETUC) SCHEDA INFORMATIVA ORARIO DI LAVORO NEL SETTORE DEL COMMERCIO E DELLA DISTRIBUZIONE

Dettagli

L'associarsi di due o più professionisti in un' "Associazione Professionale" è una facoltà espressamente consentita dalla legge 1815 del 1939.

L'associarsi di due o più professionisti in un' Associazione Professionale è una facoltà espressamente consentita dalla legge 1815 del 1939. ASSOCIAZIONE TRA PROFESSIONISTI L'associarsi di due o più professionisti in un' "Associazione Professionale" è una facoltà espressamente consentita dalla legge 1815 del 1939. Con tale associazione,non

Dettagli

GUIDA di ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI e ALLA TRASPARENZA (Allegata al modulo di richiesta di accesso agli atti amministrativi)

GUIDA di ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI e ALLA TRASPARENZA (Allegata al modulo di richiesta di accesso agli atti amministrativi) GUIDA di ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI e ALLA TRASPARENZA (Allegata al modulo di richiesta di accesso agli atti amministrativi) Principali norme di riferimento 1) Legge n. 241/1990 - Nuove norme in

Dettagli

Art. 71 Nomina e funzioni dei magistrati onorari della procura della Repubblica presso il tribunale ordinario.

Art. 71 Nomina e funzioni dei magistrati onorari della procura della Repubblica presso il tribunale ordinario. REGIO DECRETO 30 gennaio 1941 n. 12 ( indice ) (modificato e aggiornato dalle seguenti leggi: R.D.L. n. 734/43, L. n. 72/46, L. n. 478/46, R.D.Lgs. n. 511/46, L. n. 1370/47, L. n. 1794/52, L. n. 1441/56,L.

Dettagli

1.2015 Generalità Cambiamenti a partire dal 1 gennaio 2015

1.2015 Generalità Cambiamenti a partire dal 1 gennaio 2015 1.2015 Generalità Cambiamenti a partire dal 1 gennaio 2015 Stato al 1 gennaio 2015 1 In breve Il presente promemoria informa su quanto cambia in merito a contributi e prestazioni a partire dal 1 gennaio

Dettagli

Il principio del corrispettivo pattuito ha alcune eccezioni come ad esempio:

Il principio del corrispettivo pattuito ha alcune eccezioni come ad esempio: FATTURAZIONE In linea generale l Iva deve essere applicata sull ammontare complessivo di tutto ciò che è dovuto al cedente o al prestatore, quale controprestazione della cessione del bene o della prestazione

Dettagli

Capitolato Tecnico. Pagina 1

Capitolato Tecnico. Pagina 1 Gara a procedura aperta per l affidamento dei servizi di facchinaggio della sede di SACE sita in Roma Piazza Poli 37/42 - CIG 5778360584 Pagina 1 1 PREMESSA 3 2 Oggetto dell Appalto 3 3 Durata dell Appalto

Dettagli