RELAZIONE PREVISIONALE E PROGRAMMATICA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "RELAZIONE PREVISIONALE E PROGRAMMATICA"

Transcript

1 COMUNE DI BONDENO Provincia di Ferrara RELAZIONE PREVISIONALE E PROGRAMMATICA TRIENNIO 2011/2013 Delibera di Giunta Municipale n.174 del 11/11/2010 Avente ad oggetto: APPROVAZIONE RELAZIONE PREVISIONALE E PROGRAMMATICA BOZZA DI BILANCIO DI PREVISIONE 2011 E BILANCIO PLURIENNALE

2

3 COMUNE DI BONDENO Provincia di Ferrara RELAZIONE PREVISIONALE E PROGRAMMATICA PERIODO I N D I C E CARATTERISTICHE GENERALI DELLA POPOLAZIONE, DEL TERRITORIO, DELL ECONOMIA INSEDIATA E DEI SERVIZI DELL ENTE Pag. 7 ANALISI DELLE RISORSE Pag. 23 PROGRAMMA TRIENNALE LAVORI PUBBLICI E INVESTIMENTO Pag. 29 PROGRAMMA VENDITE Pag. 37 SPESA NUOVI MUTUI IN AMMORTAMENTO Pag. 41 PREVISIONE TRIENNALE SPESE DI PERSONALE Pag. 47 BILANCIO PLURIENNALE Pag. 59 ELENCO CAPITOLI PARTE CORRENTE VINCOLATI ALL ENTRATA Pag. 81 PROGRAMMI E PROGETTI Pag ORGANI ISTITUZIONALI, AFFARI GENERALI, RELAZIONI CON IL PUBBLICO, BIBLIOTECA, POLITICHE GIOVANILI; TARIFFE DIRITTI SEGRETERIA, RIMBORSO SPESE E DIRITTI VISURA. Pag. 99 Pag. 87 RISORSE CORRENTI ED IN CONTO CAPITALE E SPESA PREVISTA PER LA REALIZZAZIONE DEL PROGRAMMA Pag GESTIONE ECONOMICO FINANZIARIA, PROGRAMMAZIONE E ORGANIZZAZIONE, CONTROLLO DI GESTIONE, TRIBUTI, ECONOMATO, INFORMATICA, PERSONALE, ATTIVITA PRODUTTIVE; ALIQUOTE TRIBUTI COMUNALI Pag. 139 Pag. 109 RISORSE CORRENTI ED IN CONTO CAPITALE E SPESA PREVISTA PER LA REALIZZAZIONE DEL PROGRAMMA Pag. 146

4 COMUNE DI BONDENO Provincia di Ferrara RELAZIONE PREVISIONALE E PROGRAMMATICA PERIODO I N D I C E 3. INTERVENTI STRAORDINARI SULLA VIABILITA E RIQUALIFICAZIONE STRADE COMUNALI RISORSE CORRENTI ED IN CONTO CAPITALE E SPESA PREVISTA PER LA REALIZZAZIONE DEL PROGRAMMA.. Pag. 155 Pag URBANISTICA E GESTIONE DEL TERRITORIO TARIFFE PERMESSI DI COSTRUZIONE.. Pag. 169 RISORSE CORRENTI ED IN CONTO CAPITALE E SPESA PREVISTA PER LA REALIZZAZIONE DEL PROGRAMMA... Pag. 178 Pag POLIZIA LOCALE, COMMERCIALE, AMMINISTRATIVA, PROTEZIONE CIVILE E RELATIVE GESTIONI ASSOCIATE TARIFFA PER RINUNCIA A PROPRIETA DI CANE...Pag. 195 ELENCO SPESE FINANZIATE CON I PROVENTI DELLE SANZIONI DEL CODICE DELLA STRADA. Pag. 198 CORPO INTERCOMUNALE POLIZIA MUNICIPALE ALTO FERRARESE BILNACIO DI PREVISIONE 2011 Pag. 199 RISORSE CORRENTI ED I N CONTO CAPITALE E SPESA PREVISTA PER LA REALIZZAZIONE DEL PROGRAMMA.Pag. 213 Pag SCUOLA, ASSISTENZA SCOLASTICA TARIFFE SERVIZI SCOLASTICI Pag. 233 RISORSE CORRENTI ED I N CONTO CAPITALE E SPESA PREVISTA PER LA REALIZZAZIONE DEL PROGRAMMA Pag. 244 Pag PROMOZIONE DEL TERRITORIO E BENI CULTURALI PREZZI VENDITA PUBBLICAZIONI.. Pag. 261 RISORSE CORRENTI ED I N CONTO CAPITALE E SPESA PREVISTA PER LA REALIZZAZIONE DEL PROGRAMMA.. Pag. 264 Pag SERVIZI SOCIALI TARIFFE SERVIZI SOCIALI... Pag. 287 RISORSE CORRENTI ED I N CONTO CAPITALE E SPESA PREVISTA PER LA REALIZZAZIONE DEL PROGRAMMA. Pag. 290 Pag SPORT TARIFFE UTILIZZO IMPIANTI SPORTIVI Pag. 297 RISORSE CORRENTI ED I N CONTO CAPITALE E SPESA PREVISTA PER LA REALIZZAZIONE DEL PROGRAMMA.. Pag. 300 Pag. 291

5 COMUNE DI BONDENO Provincia di Ferrara RELAZIONE PREVISIONALE E PROGRAMMATICA PERIODO I N D I C E 11. GESTIONE E MANUTENZIONE CORRENTE STRADE E FABBRICATI TARIFFE SERVIZI CIMITERIALI....Pag. 311 ALIQUOTE N.CIVICI, TABELLE DIVIETI DI SOSTA E FORNITURA ACQUA. Pag. 315 RISORSE CORRENTI ED I N CONTO CAPITALE E SPESA PREVISTA PER LA REALIZZAZIONE DEL PROGRAMMA.. Pag. 318 Pag. 301 QUADRO GENERALE DEGLI IMPIEGHI PER PROGRAMMA Pag. 319 ELENCO DELLE OPERE PUBBLICHE LAVORI IN CORSO DI ESECUZIONE; STATO ATTUAZIONE ED EVOLUZIONE DELLE OPERE PUBBLICHE AL 30/9/2010 Pag. 323 RILEVAZIONE PER IL CONSOLIDAMENTO DEI CONTI PUBBLICI Pag. 327 CONSIDERAZIONI FINALI DELLA PROGRAMMAZIONE Pag. 335

6 6

7 CARATTERISTICHE GENERALI DELLA POPOLAZIONE, DEL TERRITORIO, DELL ECONOMIA E DEI SERVIZI DELL ENTE 7

8 8

9 POPOLAZIONE Popolazione legale al censimento (2001) n Popolazione residente 31/12/2009 n di cui maschi n Femmine n nuclei familiari n comunità/convivenze n 8 Popolazione all'1 gennaio 2009 n Nati nell'anno 2009 n 110 Deceduti nell'anno 2009 n 219 saldo naturale n -109 Immigrati nell'anno 2009 n 429 Emigrati nell'anno 2009 n 344 saldo migratorio n +85 Popolazione al 31 dicembre 2009 n di cui: In età prescolare (0/6 anni) n 777 In età scuola obbligo (7/14 anni) n 831 In forza lavoro prima occupazione (15/29 anni) n In età adulta (30/65 anni) n In età senile (oltre 65 anni) n Tasso di natalità ultimo quinquennio Anno Tasso ,74% ,61% ,76% ,67% ,71% Tasso di mortalità ultimo quinquennio Anno Tasso ,32% ,40% ,46% ,29% ,42% Bilancio demografico anno 2009 e popolazione residente al 31 Dicembre Comune: Bondeno Maschi Femmine Totale Popolazione al 1 Gennaio Nati Morti Saldo Naturale Iscritti da altri comuni Iscritti dall'estero Altri iscritti Cancellati per altri comuni Cancellati per l'estero Altri cancellati Saldo Migratorio e per altri motivi

10 Maschi Femmine Totale Popolazione residente in famiglia Popolazione residente in convivenza Unit in pi /meno dovute a variazioni territoriali Popolazione al 31 Dicembre Numero di Famiglie 6739 Numero di Convivenze 8 Numero medio di componenti per famiglia 2.28 Cittadini Stranieri. Bilancio demografico anno 2009 e popolazione residente al 31 Dicembre - Tutti i paesi di cittadinanza Comune: Bondeno Maschi Femmine Totale Popolazione straniera residente al 1º Gennaio Iscritti per nascita Iscritti da altri comuni Iscritti dall'estero Altri iscritti Totale iscritti Cancellati per morte Cancellati per altri comuni Cancellati per l'estero Acquisizioni di cittadinanza italiana Altri cancellati Totale cancellati Popolazione straniera residente al 31 Dicembre Minorenni Nati in Italia Famiglie con almeno uno straniero 528 Famiglie con capofamiglia straniero

11 Cittadini Stranieri. Popolazione residente per sesso e cittadinanza al 31 Dicembre 2009 Comune: Bondeno - Tutti i Paesi Maschi Femmine Totale Marocco Romania Cina Rep. Popolare Albania Moldova Tunisia India Polonia Ucraina Macedonia Turchia Bosnia-Erzegovina Bielorussia Spagna Algeria Pakistan Slovacchia Senegal Ungheria Russia Federazione Ghana Filippine Brasile Lituania Somalia Rep. Ceca Croazia Colombia Francia Germania Egitto Nigeria Afghanistan Austria Lettonia Kenya Stati Uniti Cuba Rep. Dominicana Cile TOTALE ZONA

12 TERRITORIO Superficie in Kmq 175,17 RISORSE IDRICHE * Laghi n. 0 *Fiumi e torrenti n 2 STRADE * Statali Km. *Provinciali Km.57,80 *Comunali Km.173,214 *Vicinali Km.28,430 *Autostrade Km. // PIANI E STRUMENTI URBANISTICI VIGENTI Piano regolatore adottato Piano regolatore approvato Programma di fabbricazione Piano edilizia economica e popolare PIANO INSEDIAMENTI PRODUTTIVI Industriali Artigianali Commerciali Altri strumenti (specificare) SI SI SI SI SI SI SI SI x NO NO NO NO NO NO NO Se si data ed estremi del provvedimento di attuazione D.G.R del 4/4/1995 Con deliberazione di Consiglio Comunale n. 38 del 29/06/2010 è stato adottato il Piano Strutturale Comunale in forma associata fra i Comuni di Bondeno, Cento, Mirabello, Poggio Renatico, Sant Agostino e Vigarano ai sensi L. R. 20 Art. 32. E stato depositato dal 13/10/2010 per 60 giorni consecutivi, entro i quali possono essere presentate le osservazioni. A decorrere dalla data di adozione di tutti gli strumenti di pianificazione territoriale e urbanistica disciplinati dalla presente legge e delle relative varianti, le amministrazioni pubbliche sospendono ogni determinazione in merito: a) all'autorizzazione di interventi di trasformazione del territorio che siano in contrasto con le prescrizioni dei piani adottati o tali da comprometterne o renderne più gravosa l'attuazione; b) all'approvazione di strumenti sottordinati di pianificazione territoriale e urbanistica che siano in contrasto con le previsioni del piano adottato. 2. Salvo diversa previsione di legge, la sospensione di cui al comma 1 opera fino alla data di entrata in vigore del piano e comunque per non oltre tre anni dalla data di adozione ovvero cinque anni se lo strumento, entro un anno dall'adozione, è trasmesso ai fini della formulazione delle riserve o delle osservazioni: a) alla Provincia, nel caso di piani comunali; b) alla Regione, nel caso di piani provinciali. Esistenza della coerenza delle previsioni annuali e pluriennali con gli strumenti urbastici vigenti (art. 170, comma 7, D.L.vo 267/2000) SI NO 12

13 SERVIZI PERSONALE Q.F. Previsti in pianta organica In servizio Q.F. Previsti in pianta organica In servizio A1 1 1 D B D3 8 8 B DIR. 5 4 C comando Totale personale al 31 dicembre 2009 Di ruolo n comando Fuori ruolo n 5 Posti totali in dotazione organica n 112 Q.F. A1 B1 B3 QUALIFICA PROF.LE Cantoniere manovale Esecutore operaio specializzato Collaboratore professionale AREA TECNICA N. PREV. P.O. N. IN SERVIZIO Q.F. 0 0 B3 AREA ECONOMICA-FINANZIARIA QUALIFICA PROF.LE Collaboratore Professionale N. PREV. P.O. 1 (p.t.30/36) 2 2 C1 Istruttore contabile (di cui 1 p.t.12/36) D1 Istruttore direttivo 5 N. IN SERVIZIO comando (di cui 1 p.t.30/36) 5 (di cui 1 p.t.30/36) C1 Istruttore tecnico 7 7 D3 Funzionario 2 2 D1 D3 Istruttore direttivo Funzionario amministrativo 4 3 Dir Dirigente B1 Dir. Dirigente 1 1 Esecutore att.ausiliarie 2 2 (di cui 1 p.t. a 22 ore) Q.F. AREA DI VIGILANZA QUALIFICA PROF.LE N. PREV. P.O. N. IN SERVIZIO Q.F. C1 Vigile urbano 10 9 B3 D1 Specialisti di vigilanza DIR Dirigente 1 D3 B1 B1 B1 Comandante VV.UU Esecutore servizi amm.vi Messo notificatore Esecutore attività ausiliarie 2 2 C1 0 (art.110, 267/00) AREA DEMOGRAFICA-STATISTICA QUALIFICA PROF.LE Collaboratore Professionale Istruttore demografico N. PREV. P.O. 3 N. IN SERVIZIO 3 (di cui 1 p.t.30/36) D3 Istruttore direttivo DIR Dirigente (p.t.30/36) 1 0 A1 Esecutore D1 Istruttore Direttivo 6 5 B1 Esecutore amm.vo (p.t.20/36) 1 13

14 STRUTTURE TIPOLOGIA ESERCIZIO IN CORSO PROGRAMMAZIONE PLURIENNALE Anno 2010 Anno 2011 Anno 2012 Anno 2013 Asili nido n. 1 Posti n. 48 Posti n. 48 Posti n. 48 Posti n. 48 Scuole materne n. 2 Posti n. 135 Posti n. 135 Posti n. 135 Posti n. 135 Scuole n. 5 Posti n. 470 Posti n. 470 Posti n. 470 Posti n. 470 elementari Scuole medie n. 1 Posti n. 249 Posti n. 249 Posti n. 249 Posti n. 249 Strutture n. 1 Posti n. 42 Posti n. 42 Posti n. 42 Posti n. 42 residenziali per anziani Rete fognaria in Km. 83,35 83,35 83,35 83,35 Esistenza depuratore SI NO SI NO SI NO SI NO Rete acquedotto in Km. 228,65 228,65 228, Attuazione servizio idrico integrato Aree verdi parchi e giardini in mq. SI NO SI NO SI NO SI NO , , , ,00 Punti luce illuminazione n n n n pubblica Rete gas in Km. 140, , , ,346 Raccolta rifiuti in quintali: Civile Industriale Racc.ta differenziata SI NO SI NO SI NO SI NO Esistenza discarica SI NO SI NO SI NO SI NO Mezzi operativi n. 5 n. 5 n. 5 n. 5 Veicoli n. 39 n. 42 n. 42 n. 42 Centro elborazioni dati Personal computer SI NO SI NO SI NO SI NO n. 95 n. 95 n. 95 n

15 ORGANISMI GESTIONALI CONSORZI E AGENZIE Quota nel Consorzio Ferrara Ricerche ( 1.549,37) pari al 3,86%, capitale sociale Quota nella società consortile mista Nuova Quasco scarl specializzata nell offrire consulenze relative agli appalti pubblici ,00 (0,305% del capitale). Quota nella s.c.a r.l. Parco Scientifico Tecno agro-industriale per 1.000,00 per incentivare studi e ricerche nel settore dell agricoltura pari allo 0,9346 del capitale sociale di Quota Agenzia Mobilità Impianti 3.060,00 pari allo 0,054 del capitale sociale. Quota in ATO6 Ferrara del 3,82% PARTECIPAZIONI IN SOCIETA Il Comune di Bondeno attualmente possiede n azioni Hera S.p.A. pari allo 0,06% del Capitale Sociale pari a ,00 Sono sottoposte a sindacato di blocco fino al 31/12/2011 n (n sono libere). Il Comune di Bondeno possiede inoltre attualmente il 5,20% di Acosea Impianti SRL pari ad un valore nominale di ,20, il capitale sociale della società è pari a E socio di CMV S.r.l. servizi con una quota attuale pari al 1,087% pari ad un valore nominale di ,27 Il Comune possiede una partecipazione in LEPIDA SPA, che sviluppa servizi informatici per la Pubblica Amministrazione, di cui socio di maggioranza è la Regione Emilia Romagna. La quota attuale è pari allo 0,05% del capitale sociale di ALTRE PARTECIPAZIONI IN SOCIETA : Matilde di Canossa Spa Quota associativa 5.732,64, corrispondente al 0,22% del Capitale Sociale (il capitale versato dal Comune di ,71 è stato ridotto) Sipro S.p.A. 250 azioni valore nominale di 51,65 euro totale ,50, che corrisponde 0,22663% del capitale sociale Scuola di Polizia Locale trasformata in fondazione a partire dal 18/10/07 - ( 1.500,00) MPS Merchant Bank ( 54,00) Ente Fiera S.r.l. 52,63% ( ,00) FUNZIONI E SERVIZI DELEGATI Edilizia residenziale pubblica Gestione degli edifici dei bandi e assegnazioni per edilizia residenziale pubblica ad ACER affidato con DCC n. 6 del 9/3/2010 quadriennio FUNZIONI E SERVIZI IN ASSOCIAZIONE ASSOCIAZIONE INTERCOMUNALE ALTO FERRARESE SOTTOSCRITTA IN DATA 26/11/2001 Gestione associata paghe e personale quinquennio (rinnovata con DCC n. 123 del 20/12/2005) verrà rinnovata entro fine anno Dal 1 gennaio 2001 gestione associata del servizio paghe e giuridico del personale con i Comuni di Vigarano Mainarda, Sant Agostino, Mirabello per la gestione del personale- Dall anno 2002 è entrato a far parte del suddetto servizio anche il Comune di Poggio Renatico. Il Comune di Bondeno per la gestione economica e giuridica del personale è comune capofila. 15

16 E stata costituita l associazione intercomunale alto ferrarese che comprende i Comuni di Cento Bondeno, Vigarano Mainarda, Poggio Renatico, Sant Agostino, Mirabello. Gestione associata ufficio di piano quinquennio (DCC n. 25 del 17/3/2008) Dal 1/4/2003 è attivo l ufficio di piano per l edilizia sempre fra i suddetti Comuni. Nel 2008 è stata rinnovata per un ulteriore quinquennio fino al 31/12/2012. Corpo Unico di Polizia Municipale (DCC 13 del 17/3/2008) e protezione civile (DCC 77 del 30/9/2008) Al 1/1/2005 è stato potenziato il progetto Polizia Locale Alto Ferrarese relativo alla gestione associata delle attrezzature e dei verbali di Polizia Municipale di cui il Comune di Bondeno svolge la funzione di coordinamento. Il Comune di Bondeno è inoltre capofila per la protezione civile e per il Corpo Unico di Polizia Municipale si rimanda alle relative convenzioni per i contenuti Gestione associata dei sistemi informativi Con delibera di consiglio comunale n. 76 del 24/10/2006 è stata approvata la convenzione di cui il Comune di Cento è capofila durata della convenzione dal 1/1/ /12/2011 Gestione associata ufficio Difensore Civico periodo (DCC 76 del 30/9/2008) Il Comune di Cento è il comune capofila Polo Catastale Alto Ferrarese (DCC 78 del 30/9/2008) Il Comune di Sant Agostino è il comune capofila ACCORDI DI PROGRAMMA Programma d Area Alto Ferrarese - Sistema viario in relazione alla Cispadana - Area artigianale sovracomunale - Integrazione di servizi Programma speciale d area Cispadano 27/11/2003 (RER, Comuni) - Fondi regionali per la rete di Piste ciclabili denominata dal Po al Reno DocupOb. 2 Asse 2, Progr. Negoziata per lo sviluppo locale Attuazione primo triennio (Rer, Comuni, Sipro, Parco del Delta) DocupOb. 2 Asse 2, Progr. Negoziata per lo sviluppo locale Attuazione secondo triennio (Rer, Comuni, Sipro, Parco del Delta, Università di Ferrara, Delta 2000, Ciras) Patto territoriale per Ferrara (Rer, Comuni, Associazioni categoria, Sindacati, Istituti di Credito). Accordo territoriale per la redazione Piano Strutturale Comunale Associato zona occidentale DCC n. 79 del 6/9/2005 (Comuni Cento, Vigarano, Mirabello, Sant Agostino, Bondeno, Poggio Renatico, Provincia di Ferrara) Concertazione interventi sistema scolastico provinciale, Comuni). (Autonomie Scolastiche, Ufficio scolastico Integrazione degli alunni disabili nelle scuole provincia di Ferrara (Autonomie scolastiche, Ufficio scolastico provinciale, Comuni, A.U.S.L.) Piani di zona (Comuni, A.U.S.L, Provincia ) Intesa piano immigrazione (Comuni, A.U.S.L, Provincia ) 16

17 Accordo per la riconversione produttiva dell ex stabilimento saccarifero di Bondeno Regione Emilia-Romagna, provincia di Ferrara, CCIAA, Università di Ferrara, SIPRO, Italia Zuccheri e Comune di Bondeno. Accordo di programma di cui all art. 9 della L.R. 19/1998 realizzazione del contratto di quartiere 2 nel Comune di Bondeno Regione Emilia Romagna, ACER Comune di Bondeno Servizi in concessione e in appalto: SERVIZIO DI IGIENE AMBIENTALE E RELATIVA GESTIONE DELLA TARIFFA (raccolta e smaltimento rifiuti): a CMV di Cento Società partecipata dal Comune dal 1/1/2004. L approvazione della tariffa avviene a livello provinciale in sede ATO con atto della Conferenza dei Sindaci GAS Localita Zerbinate, Ponti Spagna e Pilastri alla Metanodotti Padani Spa (servizio in concessione) Frazioni di Settepolesini e Salvatonica all HERA SPA (ex AGEA SPA) - (servizio in appalto) Restante territorio del Comune di Bondeno all HERA SPA (ex AGEA SPA) -(servizio in concessione) SERVIZIO IDRICO INTEGRATO Hera spa GESTIONE CASA PROTETTA E ASSISTENZA DOMICILIARE In Cammino SCRL Faenza e Coop Serena Ferrara SCRL rinnovata fino al 30/12/2012 GESTIONE CIMITERIALE La gestione dei cimiteri comunali è stata affidata a Consorzio Baias fino al 31/7/2011 GESTIONE E CONDUZIONE IMPIANTI DI PUBBLICA ILLUMINAZIONE La gestione è stata affidata ad ENEL SOLE fino a 30/9/2027 con DCC n. 64 del luglio 2007 MANUTENZIONE E CONDUZIONE IMPIANTI TERMICI Affidamento a C.&C. Idrotermic fino al 31/8/2013 PULIZIE LOCALI COMUNALI Affidamento a Consorzio Nazionale Servizi fino al 31/12/2010 TRASPORTO ALUNNI Affidamento ATI di cui la mandataria è la Soc. Cornacchini Egidio e Mario snc Fino al 30/6/2011 FORNITURA PASTI E DERRATE Affidamento a CIR fino al 30/06/2015 SOSTEGNO SCOLASTICO Affidamento ATI CIDAS CAMELOT E LE PAGINE fino al 30/6/2015 APPALTO DEL SERVIZIO BUONI PASTO Affidamento a Accor Service Italia SrL fino al 1/2/

18 ECONOMIA INSEDIATA L economia del Comune di Bondeno è caratterizzata da una limitata presenza di attività industriali e da una consistente presenza di piccole imprese, in buona parte artigiane. Al 31/12/2009 risulta la seguente consistenza e movimentazione delle sedi d impresa: TOTALE Registrate Attive Iscriz. Cessazioni IMPRESE INDIVIDUALI 70,3% Registrate Attive Iscriz. Cessazioni SOCIETA DI PERSONE 19,5% Registrate Attive Iscriz. Cessazioni SOCIETA DI CAPITALE 8,4% Registrate Attive Iscriz. Cessazioni ALTRE NATURE GIURIDICHE 1,8% Registrate Attive Iscriz. Cessazioni Le unità locali per attività economica risultano essere la seguente: ATTIVITA ECONOMICA ANNO 2007 ANNO 2008 ANNO 2009 Agricoltura caccia foreste Pesca Estrazione di minerali Attività manifatturiere Produzione e distribuzione di energia Costruzioni Commercio

19 Alberghi e ristoranti Trasporti magazzini e comunicazioni Intermediari monetari e finanziari Attività immobiliari noleggio e ricerca Pubblica amministrazione Istruzione Sanità Altri servizi sociali pubblici, domestici Senza codice Totale Le aziende agricole, le attività manifatturiere, il commercio e le costruzioni, risultano sicuramente le più importanti sia per il numero di aziende, che per il numero di addetti. Accanto alla meccanica agricola e industriale, all interessante comparto delle materie plastiche e relativa attività manifatturiera, la classe di attività più rappresentativa è costituita da aziende impiantistiche. In questo ramo operano aziende con una solida tradizione, che hanno saputo creare con la committenza un ottimo rapporto tanto da diventarne fornitori abituali e spesso collaboratori insostituibili. Continue innovazioni di un processo unitamente a certificazione di qualità per gli impianti, impongono investimenti costanti nell ambiente di lavoro, nella formazione professionale delle maestranze e nelle tecnologie utilizzate. Il territorio del Comune di Bondeno mantiene tuttavia una spiccata vocazione agricola; si assiste peraltro ad un progressivo invecchiamento degli agricoltori, confermato dal calo anche a livello provinciale di imprese agricole. Gli orientamenti della politica agricola in ambito nazionale ed europeo promuovono in misura crescente l applicazione di nuove tecnologie e di prassi intese alla protezione ed al miglioramento dell ambiente, nonché alla conservazione dello spazio naturale. Bondeno, per il comparto agricolo, rappresenta un territorio con buone possibilità di rilancio, ha una superficie agricola di ha e 797 aziende agricole con una SAU (superficie agricola utilizzata) di ha e quindi una media aziendale di 15,15 ha. Dopo aver creato le premesse per incentivare l insediamento delle attività produttive anche con la realizzazione dello scalo merci a Bondeno, con la redazione del Piano Strutturale Comunale, si vuole creare un nuovo assetto territoriale, che accanto alle attività produttive, definisca le linee di sviluppo basate anche sulla qualità della vita e della residenza. Attualmente sono stati avviati o realizzati alcuni importanti progetti di insediamento nel territorio comunale: 1) Realizzazione di nuovo allevamento suinicolo (circa capi) e realizzazione l impianto biogas in Burana Via Piretta Rovere 19

20 2) Nuovo stabilimento industriale per impianti refrattari nell area in via per Zerbinate: già in funzione da settembre 2007; 3) Impianto ecologico funzionante con trinciato di mais, per la produzione di energia elettrica nell area in via per Zerbinate Società Energy Renew già autorizzato 4) Centro commerciale Girasole nel quartiere zona Ovest: la parte alimentare già funzionante, la parte non alimentare ancora da realizzare. 5) Nuova Galleria Commerciale e Supermercato Lidl in centro storico; nella galleria si stanno autorizzando un ristorante-pizzeria e uno studio professionale medico. 6) Nella frazione di Stellata sono in corso di realizzazione due nuove strutture ricettive all aperto. 7) E in previsione l ampliamento della ex Maref ora Linco Baxo per mq ,00 di superficie produttiva su ,00 mq di area. 8) Per le nuove attività permane la riduzione dell I.C.I. al 2 per mille, la riduzione della TARSU (ora tariffa rifiuti) al 50%. Lo Sportello Unico delle Imprese, è uno strumento amministrativo che facilita ed agevola le procedure di insediamento delle aziende. Sicuramente sull economia insediata ha inciso profondamente la chiusura dello Zuccherificio, ma sull area interessata l Amministrazione comunale in concertazione con gli altri enti ha già avviato una fase di programmazione che prevede la riconversione della stessa. 20

21 Le misure del Comune di BONDENO Codice ISTAT: Provincia: FERRARA (FE) Regione: EMILIA ROMAGNA (Nuova ricerca) POPOLAZIONE Indicatore Anno Unità di misura Comune Provincia Regione Italia Fonte Confronti Superficie territoriale 2004 Kmq Istat Popolazione residente 2005 N Istat Densità demografica 2005 Ab./Kmq Elaboraz. Variazione pop. anno prec. Saldo movimento naturale Saldo movimento migratorio 2005 % Elaboraz 2005 N Istat 2005 N Istat Famiglie 2005 N Istat Componenti per famiglia 2005 N Elaboraz. Popolazione attiva 2001 N Istat Popolaz. attiva/ pop. totale 2001 % Istat Indice di vecchiaia 2004 N Elaboraz. ABITAZIONI CENSITE Indicatore Occupate dai residenti Occupate dai non residenti Anno Unità di misura Comune Provincia Regione Italia Fonte Confronti 2001 N Istat 2001 N Istat Vuote 2001 N Istat Totale 2001 N Istat STRUTTURA PRODUTTIVA CENSITA Indicatore Anno Unità di misura Comune Provincia Regione Italia Fonte Confronti Aziende agricole 2000 N Istat Superficie agricola 2000 Ha Istat Superficie/aziende 2000 Ha Istat Unità locali totali 2001 N Istat Unità locali/abitanti 2001 % Istat Addetti totali 2001 N Istat Addetti/unità locali 2001 N Istat Addetti/abitanti 2001 % Istat 21

22 INDICATORI SOCIO ECONOMICI Indicatore Anno Unità di misura Comune Provincia Regione Italia Fonte Confronti Abbonati televisione 2002 N Rai-Tv Abbonati televisione/famiglie 2002 % Elaboraz. Autovetture immatricolate 2005 N Aci Autovetture circolanti 2004 N Aci Autovett. circol./abitanti 2004 % Elaboraz. Sportelli bancari 2004 N N Depositi bancari/sportelli 2004 Migl. Euro Banca d'italia Impieghi bancari/sportelli 2004 Migl. Euro Banca d'italia Posti letto alberghieri 2004 N Istat Posti letto extralberghieri 2004 N Istat INDICATORI MONETARI Indicatore Anno Unità di misura Comune Provincia Regione Italia Fonte Confronti Valore medio pensioni INPS 2004 Euro Min. finanze Imponibile IRPEF/contribuenti 2002 Euro Elaboraz. Imposta IRPEF 2002 Migl. Euro Min. finanze Aliquota IRPEF 2002 % Elaboraz. Reddito disponibile / abitanti 2002 Euro Sist FINANZA LOCALE Indicatore Anno Unità di misura Comune Provincia Regione Italia Fonte Confronti Entrate correnti 2003 Min. Interno Migl. Euro Entrate conto capitale 2003 Min. Interno Migl. Euro Entrate da prestiti 2003 Min. Interno Migl. Euro Totale entrate 2003 Min. Interno Migl. Euro Spese correnti 2003 Min. Interno Migl. Euro Spese conto capitale 2003 Min. Interno Migl. Euro Spese per rimborso di prestiti 2003 Min. Interno Migl. Euro Totale spese 2003 Min. Interno Migl. Euro Autonomia finanziaria 2003 Elaboraz % Rigidità strutturale 2003 Elaboraz % 22

23 ANALISI DELLE RISORSE 23

24 24

25 FONTI DI FINANZIAMENTO DATI IN UNITA' DI EURO QUADRO RIASSUNTIVO TREND STORICO Assestato programmazione annuale % scostamento PROGRAMMAZIONE PLURIENNALE ENTRATE Tributarie ,05% Contributi e trasferimenti correnti ,71% Extratributarie ,63% TOTALE TITOLO I-II-III - ENTRATE CORRENTI ,51% Proventi oneri di urbanizzazione destinati a manutenzione ordinaria del patrimonio ,00% Avanzo amministrazione applicato per spese correnti e una tantum Avanzo applicato al fondo svalutazione crediti Avanzo di competenza proveniente da assestamento Alienazioni applicate alla parte corrente Proventi cava destinati alla parte corrente Concessioni cimiteriali applicate alla parte corrente AVANZO DI COMPETENZA DERIVANTE DA RINEGOZIAZIONE MUTUI TOTALE ENTRATE UTILIZZATE PER SPESE CORRENTI E RIMBORSO PRESTITI Acc. Previsti Alienazioni, trasferimenti capitale e riscossione di crediti Proventi oneri di urbanizzazione destinati a investimenti Accensione mutui passivi e devoluzione mutui Altri accensioni di prestiti 0 0 Avanzo di amm.ne applicato per: 0 0 fondo ammortamento finanziamento investimenti Avanzo di competenza applicato per investimenti TOTALE ENTRATE C/CAPITALE DESTINATE A INVESTIMENTI Riscossione di crediti Anticipazioni di cassa TOTALE GENERALE ENTRATE ANALISI DELLE RISORSE PIU' SIGNIFICATIVE % scostamento PROGRAMMAZIONE PLURIENNALE I.C.I (competenza e recuperi) ,89% I.C.I.A.P (competenza e recuperi) TASSA RIFIUTI (competenza e recuperi) TOSAP (permanente e temporanea) ora COSAP ,00% INVIM ,00% ADDIZ. CONSUMO ENERGIA ELETTRICA ,00% IMPOSTA SULLA PUBBLICITA' - CANONE PUBBLICITA' ,00% ADDIZIONALE ERARIALE SULLA TASSA RIFIUTI ADDIZIONALE COMUNALE IRPEF ,10% COMPARTECIPAZIONE IRPEF ,00% TARIFFA RIFIUTI RECUPERO EVASIONE IRPEF 25

CONTO DEL BILANCIO 2013

CONTO DEL BILANCIO 2013 CONTO DEL BILANCIO 03 IMPEGNI PER SPESE CORRENTI I N T E R V E N T I C O R R E N T I Personale Acquisto di beni di Consumo e/o di Materie Prime Prestazioni di servizi Utilizzo di Beni di terzi Trasferimenti

Dettagli

RIEPILOGO GENERALE DELLE SPESE 2012

RIEPILOGO GENERALE DELLE SPESE 2012 RIEPILOGO GENERALE DELLE SPESE 0 9 0 3 Funzion 0 Funzioni generali di amministrazione, di gestione e di con-trollo Servizio 0. 0 Organi istituzionali, partecipazione e decentramento 38.83,47.000,00 75.86,00

Dettagli

RIEPILOGO GENERALE DELLE SPESE 2014

RIEPILOGO GENERALE DELLE SPESE 2014 RIEPILOGO GENERALE DELLE SPESE 04 9 0 3 Funzion 0 Funzioni generali di amministrazione, di gestione e di con-trollo Servizio 0. 0 Organi istituzionali, partecipazione e decentramento 0,00 980,00 9.007,00

Dettagli

RIEPILOGO GENERALE DELLE SPESE 2009

RIEPILOGO GENERALE DELLE SPESE 2009 RIEPILOGO GENERALE DELLE SPESE 009 9 0 3 Funzion 0 Funzioni generali di amministrazione, di gestione e di con-trollo Servizio 0. 0 Organi istituzionali, partecipazione e decentramento 6.40,57.44,00 38.640,43

Dettagli

RIEPILOGO GENERALE DELLE SPESE 2009

RIEPILOGO GENERALE DELLE SPESE 2009 RIEPILOGO GENERALE DELLE SPESE 009 Funzion 9 0 3 Servizio. Funzion 0 Funzioni generali di amministrazione, di gestione e di controllo 0 Organi istituzionali, partecipazione e decentramento 0 Segreteria

Dettagli

CONTO DEL BILANCIO 2012

CONTO DEL BILANCIO 2012 CONTO DEL BILANCIO 0 9 0 3 Funzion 0 Funzioni generali di amministrazione, di gestione e di controllo Servizio 0. 0 Organi istituzionali, partecipazione e decentramento 7.640,44 750,00 8.66,48 5.343,90

Dettagli

RIEPILOGO GENERALE DELLE SPESE 2013

RIEPILOGO GENERALE DELLE SPESE 2013 RIEPILOGO GENERALE DELLE SPESE 203 Funzion Servizi. Funzion 0 Funzioni generali di amministrazione, di gestione e di controllo Servizi 0. 02 Segreteria generale,personale e organizzazione Servizi 0. 03

Dettagli

RIEPILOGO GENERALE DELLE SPESE 2007

RIEPILOGO GENERALE DELLE SPESE 2007 RIEPILOGO GENERALE DELLE SPESE 007 Funzion 0 Funzioni generali di amministrazione, di gestione e di con-trollo Servizio 0. 0 Organi istituzionali, partecipazione e decentramento 9 0 3 5.00 7.00.00 Servizio

Dettagli

- Altri servizi generali. QUADRO A Elementi specifici. Gestione Associata in Unione di comuni

- Altri servizi generali. QUADRO A Elementi specifici. Gestione Associata in Unione di comuni generali di amministrazione, di gestione e di controllo - Organi istituzionali, partecipazione e decentramento - Segreteria generale, Personale e Organizzazione - Gestione economica, Finanziaria, Programmazione,

Dettagli

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014 DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014 SETTORE SEGRETARIO GENERALE SERVIZIO ELABORAZIONE DATI OGGETTO: 97.404,80 I.C. SERVIZIO DI ASSISTENZA TECNICA INTEGRALE E FORNITURA DI MATERIALE CONSUMABILE

Dettagli

8.2 Imposta sul reddito delle persone fisiche (IRPEF)

8.2 Imposta sul reddito delle persone fisiche (IRPEF) I TRIBUTI 89 APPROFONDIMENTI IL CODICE TRIBUTO Ogni pagamento effettuato con i modelli F23 o F24 deve essere identificato in modo preciso, abbinando a ogni versamento un codice di tributo. Nella tabella

Dettagli

COMUNE DI FOGGIA I.U.C. Imposta Unica Comunale 2015 L AMMINISTRAZIONE COMUNALE

COMUNE DI FOGGIA I.U.C. Imposta Unica Comunale 2015 L AMMINISTRAZIONE COMUNALE COMUNE DI FOGGIA I.U.C. Imposta Unica Comunale 2015 L AMMINISTRAZIONE COMUNALE VISTO l art. 1, comma 639 della Legge 27 dicembre 2013, n. 147, che ha istituito, a decorrere dal 1 gennaio 2014, l imposta

Dettagli

Gli oneri concessori

Gli oneri concessori Laboratorio di di Progettazione Esecutiva dell Architettura 2 Modulo di Estimo Integrazione al costo di produzione: gli oneri concessori Proff. Coll. Renato Da Re Federica Di Piazza Gli oneri concessori

Dettagli

Comune di Grado Provincia di Gorizia

Comune di Grado Provincia di Gorizia Comune di Grado Provincia di Gorizia REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEGLI INCENTIVI PER LA PROGETTAZIONE E LA REALIZZAZIONE DI LAVORI PUBBLICI, AI SENSI DELL ART.11 DELLA LEGGE REGIONALE 31 MAGGIO 2002,

Dettagli

AUTOCALCOLO ONERI RELATIVI ALLA PRATICA DI:

AUTOCALCOLO ONERI RELATIVI ALLA PRATICA DI: COMUNE DI FINALE EMILIA (Provincia di Modena) P.zza Verdi, 1 41034 Finale Emilia (Mo) Tel. 0535-788111 fa 0535-788130 Sito Internet: www.comunefinale.net SERVIZIO URBANISTICA E EDILIZIA PRIVATA AUTOCALCOLO

Dettagli

Opere di urbanizzazione

Opere di urbanizzazione Opere di urbanizzazione di Catia Carosi Con il termine opere di urbanizzazione si indica l insieme delle attrezzature necessarie a rendere una porzione di territorio idonea all uso insediativo previsto

Dettagli

Regolamento per la disciplina del tributo per i servizi indivisibili. TASI

Regolamento per la disciplina del tributo per i servizi indivisibili. TASI Comune di Cerignola Provincia di Foggia Regolamento per la disciplina del tributo per i servizi indivisibili. TASI INDICE Art. 1 - Art. 2 - Art. 3 - Art. 4 - Art. 5 - Art. 6 - Art. 7 - Art. 8 - Art. 9

Dettagli

3. Determinazione dei servizi a domanda individuale e relativi costi di gestione

3. Determinazione dei servizi a domanda individuale e relativi costi di gestione 1. Approvazione addendum al contratto di concessione della progettazione, realizzazione e gestione di impianti fotovoltaici asserviti ad immobili di proprietà del Comune di Casapinta 2. Verifica quantità

Dettagli

I.U.C. Imposta Unica Comunale

I.U.C. Imposta Unica Comunale COMUNE DI MARCON I.U.C. Imposta Unica Comunale Con la Legge n. 147/2013 (Legge di stabilità 2014) è stata istituita a decorrere dal 01/01/2014 l Imposta Unica Comunale (IUC). L imposta unica comunale (IUC)

Dettagli

ART. 19 - G - SERVIZI GENERALI (vigenti)

ART. 19 - G - SERVIZI GENERALI (vigenti) ART. 19 - G - SERVIZI GENERALI (vigenti) La zona è destinata ad accogliere attrezzature e servizi pubblici o ad uso pubblico di interesse generale su scala territoriale: uffici pubblici o privati di interesse

Dettagli

OGGETTO: APPROVAZIONE ALIQUOTE TASI

OGGETTO: APPROVAZIONE ALIQUOTE TASI Provincia di Bologna COPIA n. 28 del 30.04.2014 OGGETTO: APPROVAZIONE ALIQUOTE TASI Il giorno 30 aprile 2014 alle ore 20.30 nella sala consiliare del Municipio, previa l'osservanza di tutte le formalità

Dettagli

Comune di OZIERI BILANCIO PREVISIONE PLURIENNALE USCITE ANNO 2013 Pag. 1/6

Comune di OZIERI BILANCIO PREVISIONE PLURIENNALE USCITE ANNO 2013 Pag. 1/6 Comune di OZIERI BILANCIO PREVISIONE PLURIENNALE USCITE ANNO 2013 Pag. 1/6 1010203 240/21 SPESE MANUTENZIONE IMMOBILI ED 17.424,61 17.424,61 17.424,61 IMPIANTI UFFICI COMUNALI 1010203 400/10 SPESE PER

Dettagli

Decreto di attribuzione di posizioni organizzative ai responsabili di settore IL SINDACO

Decreto di attribuzione di posizioni organizzative ai responsabili di settore IL SINDACO Taviano Città dei Fiori (Lecce Italy) Decreto sindacale 02 lì 22 gennaio 2014 Decreto di attribuzione di posizioni organizzative ai responsabili di settore IL SINDACO VISTA la legge 191/98, recante modifiche

Dettagli

Data Tipo Codice bilancio Capitolo-Articolo Note Previsione 2011- Accer. Impegnato al 08-08-2011 E 1011060 E 75-0

Data Tipo Codice bilancio Capitolo-Articolo Note Previsione 2011- Accer. Impegnato al 08-08-2011 E 1011060 E 75-0 Numer o Data Tipo Codice bilancio Capitolo-Articolo Note Previsione 2011- Accer. Impegnato al 08-08-2011 Previsione 2012 Previsione 2013 1 16/08/2011 E 1011060 E 75-0 1011060: ADDIZIONALE COMUNALE ALL'IRPEF

Dettagli

RELAZIONE AL RENDICONTO DELLA GESTIONE 2012

RELAZIONE AL RENDICONTO DELLA GESTIONE 2012 Comune di Villafranca Padovana Provincia di Padova RELAZIONE AL RENDICONTO DELLA GESTIONE 2012 a cura della Giunta Comunale art. 151, comma 6 e art. 231 D.Lgs.267/2000 Pag. 1 1. IL CONTESTO PREMESSA Il

Dettagli

RIDUZIONE CONTRIBUTO ORDINARIO A SEGUITO DEL PRESUNTO MAGGIOR GETTITO ICI FABBRICATI EX-RURALI, CAT. E, B

RIDUZIONE CONTRIBUTO ORDINARIO A SEGUITO DEL PRESUNTO MAGGIOR GETTITO ICI FABBRICATI EX-RURALI, CAT. E, B RIDUZIONE CONTRIBUTO ORDINARIO A SEGUITO DEL PRESUNTO MAGGIOR GETTITO ICI FABBRICATI EX-RURALI, CAT. E, B L articolo 2 commi da 39 a 46 del D.L. 262/2006 conv. L. 286/2006 aveva previsto per gli enti locali

Dettagli

IMU Come si applica l imposta municipale propria per l anno 2012

IMU Come si applica l imposta municipale propria per l anno 2012 IMU Come si applica l imposta municipale propria per l anno 2012 OGGETTO DELL IMU L IMU sostituisce l ICI e, per la componente immobiliare, l IRPEF e le relative addizionali regionali e comunali, dovute

Dettagli

CLASSIFICAZIONE DEI SERVIZI PUBBLICI

CLASSIFICAZIONE DEI SERVIZI PUBBLICI CLASSIFICAZIONE DEI SERVIZI PUBBLICI Il presente documento contiene la classificazione dei servizi pubblici adottata per l iniziativa Mettiamoci la faccia. Si tratta di una classificazione e non di una

Dettagli

TUTTO QUELLO CHE SI DEVE SAPERE SULL IMU. Guida a cura della UIL Servizio Politiche Territoriali LE ALIQUOTE

TUTTO QUELLO CHE SI DEVE SAPERE SULL IMU. Guida a cura della UIL Servizio Politiche Territoriali LE ALIQUOTE TUTTO QUELLO CHE SI DEVE SAPERE SULL IMU Guida a cura della UIL Servizio Politiche Territoriali Aliquota ordinaria rurali LE ALIQUOTE Aliquota ordinaria I casa Aliquota ordinaria altri 2 per mille 4 per

Dettagli

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome Degl Innocenti Alessandro Data di nascita 4/10/1951 Qualifica Dirigente Amministrazione Comune di Pontassieve Incarico attuale Dirigente Area Governo del Territorio

Dettagli

8 - LE OPERE DI URBANIZZAZIONE. Prof. Pier Luigi Carci

8 - LE OPERE DI URBANIZZAZIONE. Prof. Pier Luigi Carci 8 - LE OPERE DI URBANIZZAZIONE Prof. Pier Luigi Carci Introduzione Introduzione Le opere di urbanizzazione costituiscono tutte le strutture e i servizi necessari per rendere un nuovo insediamento adatto

Dettagli

CIRCOLARE N. 37/E. Roma, 29 dicembre 2006

CIRCOLARE N. 37/E. Roma, 29 dicembre 2006 CIRCOLARE N. 37/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 29 dicembre 2006 OGGETTO: IVA Applicazione del sistema del reverse-charge nel settore dell edilizia. Articolo 1, comma 44, della legge

Dettagli

C O M U N E DI O P E R A

C O M U N E DI O P E R A copia Codice Ente 11047 OGGETTO: APPROVAZIONE ALIQUOTE IMU ANNO 2014 VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE Adunanza Ordinaria di Prima convocazione - seduta Pubblica. L'anno duemilaquattordici

Dettagli

TARSU poi TARES ed ora TARI e TASI

TARSU poi TARES ed ora TARI e TASI TARSU poi TARES ed ora TARI e TASI di Luigi Cenicola 1. Premessa. A decorrere dall anno 2014, per il servizio di raccolta dei rifiuti solidi urbani e per i servizi indivisibili comunali, si pagheranno

Dettagli

SEMINARIO DI AGGIORNAMENTO ORGANIZZATO DA ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI ROMA INCONTRO - 16 SETTEMBRE 2013 ARCH. VITO ROCCO PANETTA

SEMINARIO DI AGGIORNAMENTO ORGANIZZATO DA ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI ROMA INCONTRO - 16 SETTEMBRE 2013 ARCH. VITO ROCCO PANETTA SEMINARIO DI AGGIORNAMENTO ORGANIZZATO DA ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI ROMA INCONTRO - 16 SETTEMBRE 2013 ARCH. VITO ROCCO PANETTA ARGOMENTI DA TRATTARE: DETERMINAZIONE DEL CONTRIBUTO DI COSTRUZIONE

Dettagli

Tassi di Assenza e di Maggior presenza del personale in servizio presso COMUNE DI SALERNO dal 01 03 2015 al 31 03 2015 GG. LAVORATIVI TOTALE PERSONALE

Tassi di Assenza e di Maggior presenza del personale in servizio presso COMUNE DI SALERNO dal 01 03 2015 al 31 03 2015 GG. LAVORATIVI TOTALE PERSONALE GRECO GIUSEPPE Dirigente DIREZIONE/SEGRETERIA (INGGRECO), EDILIZIA SCOLASTICA, MAN.PATRIMONIO ABITATIVO, MANUTENZIONE IMPIANTI ELETTRICI, PUBBLICA ILLUMINAZIONE UOPI ASSENZA ASSENZA/ PRESENZA PRESENZA/

Dettagli

AL COMUNE DI PIAZZA ARMERINA Settore Attività Produttive 94015 - PIAZZA ARMERINA

AL COMUNE DI PIAZZA ARMERINA Settore Attività Produttive 94015 - PIAZZA ARMERINA AL COMUNE DI PIAZZA ARMERINA Settore Attività Produttive 94015 - PIAZZA ARMERINA ESERCIZIO DI SOMMINISTRAZIONE AL PUBBLICO DI ALIMENTI E BEVANDE TIPOLOGIA C " art. 3 c. 6 SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO

Dettagli

TRASFERIMENTI FINANZIARI AI COMUNI «IERI, OGGI E DOMANI»

TRASFERIMENTI FINANZIARI AI COMUNI «IERI, OGGI E DOMANI» TRASFERIMENTI FINANZIARI AI COMUNI «IERI, OGGI E DOMANI» Prefettura Ufficio Territoriale del Governo di Avellino a cura del dr. Pasquale Trocchia Dirigente del Ministero dell Interno Responsabile delle

Dettagli

REGIONE SARDEGNA - DECRETO DELL ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA 20 DICEMBRE 1983, N. 2266/U.

REGIONE SARDEGNA - DECRETO DELL ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA 20 DICEMBRE 1983, N. 2266/U. REGIONE SARDEGNA - DECRETO DELL ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA 20 DICEMBRE 1983, N. 2266/U. DISCIPLINA DEI LIMITI E DEI RAPPORTI RELATIVI ALLA FORMAZIONE DI NUOVI STRUMENTI URBANISTICI

Dettagli

Comune di Bagnacavallo

Comune di Bagnacavallo CdC CDR009 RESP. SEGRETERIA GENERALE PROGETTO RPP: SETTORE SEGRETERIA RESPONSABILE: GRATTONI ANGELA 100 Miglioramento e razionalizzazione delle attività ordinarie Settore Segreteria 1 SETTORE SEGRETERIA

Dettagli

Comune di Sant'Agata sul Santerno

Comune di Sant'Agata sul Santerno CdC CDR009 RESP. SEGRETERIA GENERALE PROGETTO RPP: AREA SERVIZI GENERALI RESPONSABILE: RAMBELLI STEFANO 100 Miglioramento e razionalizzazione attività ordinarie Area Servizi Generali 1 UFFICIO SEGRETERIA

Dettagli

COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD -

COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD - COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD - REGOLAMENTO DI CONTABILITÀ SOMMARIO: Capo I - Le competenze del servizio economico-finanziario Capo II - La programmazione

Dettagli

Comune di Cotignola ATTIVITA' ORDINARIE 2013 - PROGETTO RPP: RESPONSABILE: UFFICIO URP - SPORTELLO POLIFUNZIONALE BARBERINI GIOVANNI

Comune di Cotignola ATTIVITA' ORDINARIE 2013 - PROGETTO RPP: RESPONSABILE: UFFICIO URP - SPORTELLO POLIFUNZIONALE BARBERINI GIOVANNI CdC ATTIVITA' ORDINARIE 2013 - CDR005 PROGETTO RPP: RESPONSABILE: RESP. COMUNICAZIONE UFFICIO URP - SPORTELLO POLIFUNZIONALE BARBERINI GIOVANNI 100 Miglioramento e razionalizzazione attività ordinarie

Dettagli

B I L A NC I O DI PR E V I SI ONE 2008

B I L A NC I O DI PR E V I SI ONE 2008 T itolo 1 Spese correnti 01 Funzioni generali di amministrazione, di gestione e di con-trollo 01. 04 Gestione delle entrate tributarie e servizi fiscali 01. 01. 04. 01 Personale 01. 01. 04. 03 Prestazioni

Dettagli

MOVIMENTI DELLA POPOLAZIONE RESIDENTE - ANNO 2013 Totale residenti

MOVIMENTI DELLA POPOLAZIONE RESIDENTE - ANNO 2013 Totale residenti COMUNE DI FAENZA SETTORE SVILUPPO ECONOMICO E POLITICHE EUROPEE Servizio Aziende comunali, Servizi pubblici e Statistica Popolazione residente a Faenza anno 2013 Edizione 1/ST/st/03.01.2014 Supera: nessuno

Dettagli

Comune di MERCATELLO SUL METAURO Provincia di Pesaro e Urbino CONTRATTO COLLETTIVO DECENTRATO INTEGRATIVO ANNO 2010

Comune di MERCATELLO SUL METAURO Provincia di Pesaro e Urbino CONTRATTO COLLETTIVO DECENTRATO INTEGRATIVO ANNO 2010 Comune di MERCATELLO SUL METAURO Provincia di Pesaro e Urbino CONTRATTO COLLETTIVO DECENTRATO INTEGRATIVO ANNO 2010 Sottoscritto definitivamente in data 20 dicembre 2010 Comune di MERCATELLO SUL METAURO

Dettagli

GUIDA ALL APPLICAZIONE DELL IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA (I.M.U.) ANNO 2013

GUIDA ALL APPLICAZIONE DELL IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA (I.M.U.) ANNO 2013 COMUNE DI VIGONZA UNITA OPERATIVA TRIBUTI GUIDA ALL APPLICAZIONE DELL IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA (I.M.U.) ANNO 2013 Il decreto legge 21 maggio 2013 n 54 ha sospeso il versamento dell'acconto IMU per alcuni

Dettagli

ALLEGATO 4 ALTRI ENTI IN CONTABILITA' FINANZIARIA

ALLEGATO 4 ALTRI ENTI IN CONTABILITA' FINANZIARIA Prospetto di cui all'art. 8, comma 1,D.L. 66/2014 (enti in contabilità finanziaria) Bilancio di Previsione 2015 E I Entrate correnti di natura tributaria, contributiva e perequativa 0 0 E II Tributi 0

Dettagli

Comune di Bagnara di Romagna

Comune di Bagnara di Romagna CdC ATTIVITA' ORDINARIE 2013 - CDR009 PROGETTO RPP: RESPONSABILE: RESP. SEGRETERIA GENERALE AREA AMMINISTRATIVA (URP E SERVIZI DEMOGRAFICI - UFFICIO SEGRETERIA) CANTAGALLI PAOLO 100 Miglioramento e razionalizzazione

Dettagli

BILANCIO DI PREVISIONE PROSPETTO DELLE ENTRATE DI BILANCIO PER TITOLI, TIPOLOGIE E CATEGORIE PREVISIONI DI COMPETENZA

BILANCIO DI PREVISIONE PROSPETTO DELLE ENTRATE DI BILANCIO PER TITOLI, TIPOLOGIE E CATEGORIE PREVISIONI DI COMPETENZA Pag.1 ENTRATE CORRENTI DI NATURA TRIBUTARIA CONTRIBUTIVA PEREQU 1010100 Tipologia 101: Imposte, tasse e proventi assimilati 1010106 Imposta municipale propria 2.019.505,00 2.019.505,00 2.019.505,00 1010108

Dettagli

Per San Lazzaro. Insieme per i prossimi 5 anni PROGRAMMA. MODALITA DI ATTUAZIONE (in ottemperanza alla normativa vigente)

Per San Lazzaro. Insieme per i prossimi 5 anni PROGRAMMA. MODALITA DI ATTUAZIONE (in ottemperanza alla normativa vigente) TU Per San Lazzaro Insieme per i prossimi 5 anni PROGRAMMA MODALITA DI ATTUAZIONE (in ottemperanza alla normativa vigente) Territorio: Urbanistica: Cosa: Agevolazioni per la riqualificazione dell esistente:

Dettagli

Comune di Fusignano ATTIVITA' ORDINARIE 2013 - 100 Miglioramento e razionalizzazione delle attività ordinarie Area Amministrativa. Sottoreport Comune

Comune di Fusignano ATTIVITA' ORDINARIE 2013 - 100 Miglioramento e razionalizzazione delle attività ordinarie Area Amministrativa. Sottoreport Comune CdC CDR009 RESP. SEGRETERIA GENERALE PROGETTO RPP: AREA AMMINISTRATIVA RESPONSABILE: GIANGRANDI TIZIANA 100 Miglioramento e razionalizzazione delle attività ordinarie Area Amministrativa 1 UFFICIO SEGRETERIA

Dettagli

VIA S. BOAGNO 11 17015 - CELLE LIGURE Tel. 019/99801 Fax 019/993599 info@comune.celle.sv.it www.comune.celle.sv.it

VIA S. BOAGNO 11 17015 - CELLE LIGURE Tel. 019/99801 Fax 019/993599 info@comune.celle.sv.it www.comune.celle.sv.it COMUNE DI CELLE LIGURE PROVINCIA DI SAVONA VIA S. BOAGNO 11 17015 - CELLE LIGURE Tel. 019/99801 Fax 019/993599 info@comune.celle.sv.it www.comune.celle.sv.it Ufficio Entrate Tributarie e Tariffarie A decorrere

Dettagli

2. L iscrizione nel Registro delle Imprese

2. L iscrizione nel Registro delle Imprese 2. L iscrizione nel Registro delle Imprese 2.1 Gli effetti dell iscrizione nel Registro delle Imprese L art. 2 del d.lgs. 18 maggio 2001, n. 228 (in materia di orientamento e modernizzazione del settore

Dettagli

Fattura elettronica: esenzioni

Fattura elettronica: esenzioni Fattura elettronica: esenzioni Con l entrata in vigore del sistema della fatturazione elettronica, istituita dall articolo 1, commi da 209 a 213 della legge 24 dicembre 2007, n. 244 e regolamentata dal

Dettagli

IL PIANO CASA PER LA TRANSIZIONE E L AVVIO DELLA RICOSTRUZIONE GUIDA PER IL CITTADINO

IL PIANO CASA PER LA TRANSIZIONE E L AVVIO DELLA RICOSTRUZIONE GUIDA PER IL CITTADINO dopo il TERREMOTO IL PIANO CASA PER LA TRANSIZIONE E L AVVIO DELLA RICOSTRUZIONE GUIDA PER IL CITTADINO Assicurare la ricostruzione di case e imprese secondo tempi certi e procedure snelle, garantendo

Dettagli

Comune di Massa Lombarda

Comune di Massa Lombarda CdC CDR009 RESP. SEGRETERIA GENERALE PROGETTO RPP: AREA AFFARI GENERALI RESPONSABILE: CANTAGALLI PAOLO 100 Miglioramento e razionalizzazione delle attività ordinarie Area Affari Generali 1 UFFICIO SEGRETERIA

Dettagli

IMU - che cos'è. Se possiedi questi immobili, hai tempo fino al 16 giugno 2014 per pagare l acconto. Cos è l IMU Imposta municipale propria

IMU - che cos'è. Se possiedi questi immobili, hai tempo fino al 16 giugno 2014 per pagare l acconto. Cos è l IMU Imposta municipale propria IMU - che cos'è L IMU si continua a pagare sulle case di lusso (categorie A/1, A/8 e A/9), sulle seconde case e su tutti gli altri immobili (ad esempio laboratori, negozi, capannoni, box non di pertinenza

Dettagli

Premesso che: - con decreto del Direttore regionale delle foreste e dei parchi, ora Direzione centrale risorse rurali, agroalimentari e forestali, n.

Premesso che: - con decreto del Direttore regionale delle foreste e dei parchi, ora Direzione centrale risorse rurali, agroalimentari e forestali, n. Premesso che: - con decreto del Direttore regionale delle foreste e dei parchi, ora Direzione centrale risorse rurali, agroalimentari e forestali, n. 613 di data 12 novembre 1992 è stata affidata in concessione

Dettagli

SEZIONE I LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11

SEZIONE I LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11 SEZIONE I 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11 LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI LEGGE REGIONALE 3 aprile 2006, n. 12 Norme in materia di polizia comunale. IL CONSIGLIO REGIONALE

Dettagli

COMUNE DI DONORI Provincia di Cagliari

COMUNE DI DONORI Provincia di Cagliari COMUNE DI DONORI Provincia di Cagliari - 2 COPIA- VERBALE DI ADUNANZA DEL CONSIGLIO COMUNALE Sessione Ordinaria Seduta Pubblica N. 2 Del 21.01.2010 OGGETTO: DETERMINAZIONE QUANTITA E QUALITA DELLE AREE

Dettagli

COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI

COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI Allegato 1 COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI REGOLAMENTO PER LA DOTAZIONE FINANZIARIA COMUNALE PER INTERVENTI DI MANUTENZIONE ORDINARIA E DI FUNZIONAMENTO IN FAVORE DEGLI ISTITUTI DI ISTRUZIONE PRIMARIA

Dettagli

COMUNE DI COLLESANO. Provincia di Palermo AREA TECNICO - MANUTENTIVA

COMUNE DI COLLESANO. Provincia di Palermo AREA TECNICO - MANUTENTIVA COMUNE DI COLLESANO Provincia di Palermo AREA TECNICO - MANUTENTIVA DETERMINAZIONE N. _791_ DEL _16.12.2013 (n int. _299_ del _16.12.2013_) OGGETTO: Lavori di Riqualificazione Quartiere Bagherino-Stazzone

Dettagli

REGOLAMENTO Autorizzazione al funzionamento e Accreditamento delle strutture, Accreditamento Soggetti erogatori Servizi Sociali

REGOLAMENTO Autorizzazione al funzionamento e Accreditamento delle strutture, Accreditamento Soggetti erogatori Servizi Sociali AMBITO TERRITORIALE DI AGNONE AGNONE BELMONTE DEL SANNIO CAPRACOTTA CAROVILLI CASTEL DEL GIUDICE CASTELVERRINO PESCOPENNATARO PIETRABBONDANTE POGGIO SANNITA SAN PIETRO AVELLANA SANT ANGELO DEL PESCO VASTOGIRARDI

Dettagli

COMUNICAZIONE DI APERTURA FILIALI, SUCCURSALI E ALTRI PUNTI VENDITA DI AGENZIE DI VIAGGIO E TURISMO (Ai sensi della L.R. 30/03/1988 n. 15 e s.m.i.

COMUNICAZIONE DI APERTURA FILIALI, SUCCURSALI E ALTRI PUNTI VENDITA DI AGENZIE DI VIAGGIO E TURISMO (Ai sensi della L.R. 30/03/1988 n. 15 e s.m.i. CODICE PRATICA *CODICE FISCALE* GGMMAAAA HH:MM Mod. Comunale (Modello 1088 Versione 001 2015) Allo Sportello Unico delle Attività Produttive Comune / Comunità / Unione Identificativo SUAP: COMUNICAZIONE

Dettagli

Processo verbale delle deliberazioni del Consiglio Comunale

Processo verbale delle deliberazioni del Consiglio Comunale COMUNE DI CESENA Processo verbale delle deliberazioni del Consiglio Comunale Seduta del 31/07/2014 - delibera n. 57 OGGETTO: TRIBUTO PER I SERVIZI INDIVISIBILI (IUC-TASI) - ALIQUOTE E ALTRE MISURE APPLICATIVE

Dettagli

Comune di MERCATELLO SUL METAURO Provincia di Pesaro e Urbino CONTRATTO COLLETTIVO DECENTRATO INTEGRATIVO ANNO 2011

Comune di MERCATELLO SUL METAURO Provincia di Pesaro e Urbino CONTRATTO COLLETTIVO DECENTRATO INTEGRATIVO ANNO 2011 Comune di MERCATELLO SUL METAURO Provincia di Pesaro e Urbino CONTRATTO COLLETTIVO DECENTRATO INTEGRATIVO ANNO 2011 Sottoscritto definitivamente in data 5 settembre 2012 Comune di MERCATELLO SUL METAURO

Dettagli

COMUNE DI MACCAGNO con PINO e VEDDASCA

COMUNE DI MACCAGNO con PINO e VEDDASCA VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE DELIBERAZIONE N 26 del 30/09/2014 OGGETTO: APPROVAZIONE ALIQUOTE E DETRAZIONI DELL'IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA (I.M.U.) - ANNO 2014 L'anno 2014, addì trenta

Dettagli

(Omissis) Art. 1. (Campo di applicazione).

(Omissis) Art. 1. (Campo di applicazione). DECRETO MINISTERIALE 2 aprile 1968, n. 1444 (pubblicato nella g. u. 16 aprile 1968, n. 97). Limiti inderogabili di densità edilizia, di altezza, di distanza fra i fabbricati e rapporti massimi tra spazi

Dettagli

L.R. 15/2014, art. 9, c. 29 B.U.R. 4/3/2015, n. 9 L.R. 13/2014, art. 26. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 18 febbraio 2015, n. 036/Pres.

L.R. 15/2014, art. 9, c. 29 B.U.R. 4/3/2015, n. 9 L.R. 13/2014, art. 26. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 18 febbraio 2015, n. 036/Pres. L.R. 15/2014, art. 9, c. 29 B.U.R. 4/3/2015, n. 9 L.R. 13/2014, art. 26 DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 18 febbraio 2015, n. 036/Pres. Regolamento attuativo dell articolo 9, commi da 26 a 34 della

Dettagli

Redditi diversi Prof. Maurizio Sebastiano Messina. Redditi diversi

Redditi diversi Prof. Maurizio Sebastiano Messina. Redditi diversi Redditi diversi Redditi diversi - art. 67 Sono redditi diversi se non costituiscono redditi di capitale, ovvero se non sono conseguiti nell esercizio di arti e professioni o di imprese commerciali, o da

Dettagli

La riforma dell ISEE. Maggiore equità ed efficacia nella valutazione della condizione economica della famiglia

La riforma dell ISEE. Maggiore equità ed efficacia nella valutazione della condizione economica della famiglia Maggiore equità ed efficacia nella valutazione della condizione economica della famiglia 2 La riforma dell ISEE (Indicatore della situazione economica equivalente) rappresenta un passo fondamentale per

Dettagli

ORGANO UFFICIALE DELLA FEDERAZIONE ITALIANA DELLE ASSOCIAZIONI SINDACALI NOTARILI. Consigli

ORGANO UFFICIALE DELLA FEDERAZIONE ITALIANA DELLE ASSOCIAZIONI SINDACALI NOTARILI. Consigli ORGANO UFFICIALE DELLA FEDERAZIONE ITALIANA DELLE ASSOCIAZIONI SINDACALI NOTARILI In collaborazione con Assessorato Aree Cittadine e Consigli di Zona Consigli Quanto costa comprar casa CASA: LE TASSE DA

Dettagli

RISOLUZIONE N. 69/E. Quesito

RISOLUZIONE N. 69/E. Quesito RISOLUZIONE N. 69/E Roma, 16 ottobre 2013 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Consulenza giuridica Art. 2, comma 5, d.l. 25 giugno 2008, n. 112 IVA - Aliquota agevolata - Opere di urbanizzazione primaria

Dettagli

Partecipanza Agraria di Cento

Partecipanza Agraria di Cento Prot. Num. Fasc. Delibera della Magistratura N. 46 del 14/04/2014 Oggetto: LIQUIDAZIONE SPESE VARIE. L, addì 14 del mese di aprile alle ore 19:15 a seguito di invito Prot. Num. 896 Fasc. 11 del 12/04/2014

Dettagli

Articoli 6 e 8 dello Statuto; articoli 2, 3 e 4 del Regolamento per gli istituti di partecipazione

Articoli 6 e 8 dello Statuto; articoli 2, 3 e 4 del Regolamento per gli istituti di partecipazione Proposta di iniziativa popolare concernente il programma di recupero urbano laurentino e l'inserimento del Fosso della Cecchignola nella componente primaria della rete ecologica e destinazione dell'intera

Dettagli

VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE OGGETTO: IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA. DETERMINAZIONE ALIQUOTE ANNO 2014

VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE OGGETTO: IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA. DETERMINAZIONE ALIQUOTE ANNO 2014 COMUNE DI TAINO Provincia di Varese Prot. N. 3207 VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE Copia N. 6 del 28/04/2014 OGGETTO: IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA. DETERMINAZIONE ALIQUOTE ANNO 2014 L'anno

Dettagli

L'ATTESTAZIONE DELLA CONFORMITA' DELL'OPERA AL PROGETTO PRESENTATO E SUA AGIBILITA' ( Ai sensi dell'art.10 del D.P.R. 07/09/2010 n.

L'ATTESTAZIONE DELLA CONFORMITA' DELL'OPERA AL PROGETTO PRESENTATO E SUA AGIBILITA' ( Ai sensi dell'art.10 del D.P.R. 07/09/2010 n. Spazio riservato al Servizio Urbanistica AGIBILITA' n del L'ATTESTAZIONE DELLA CONFORMITA' DELL'OPERA AL PROGETTO PRESENTATO E SUA AGIBILITA' ( Ai sensi dell'art.10 del D.P.R. 07/09/2010 n.160 ) l sottoscritt...

Dettagli

PROVINCIA DI BRINDISI ----------ooooo----------

PROVINCIA DI BRINDISI ----------ooooo---------- PROVINCIA DI BRINDISI ----------ooooo---------- ESTRATTO DELLE DELIBERAZIONI DEL COMMISSARIO STRAORDINARIO CON POTERI DELLA GIUNTA Atto con dichiarazione di immediata eseguibilità: art. 134, comma 4, D.Lgs.267/2000

Dettagli

BENEFICI A FAVORE DI DIPENDENTI, AMMINISTRATORI

BENEFICI A FAVORE DI DIPENDENTI, AMMINISTRATORI BENEFICI A FAVORE DI DIPENDENTI, AMMINISTRATORI Si esamina il trattamento dei benefici concessi a dipendenti, collaboratori e amministratori - collaboratori. I fringe benefits costituiscono la parte della

Dettagli

Autorizzazione per l'anno 2015 all'emissione della bollettazione in acconto per il primo semestre da parte del soggetto gestore AMA

Autorizzazione per l'anno 2015 all'emissione della bollettazione in acconto per il primo semestre da parte del soggetto gestore AMA Protocollo RC n. 4480/15 ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI DELLA GIUNTA CAPITOLINA (SEDUTA DEL 20 FEBBRAIO 2015) L anno duemilaquindici, il giorno di venerdì venti del mese di febbraio, alle ore

Dettagli

DICHIARAZIONE DEI REDDITI 730/2015 Campagna Fiscale dal 15/04 al 05/07

DICHIARAZIONE DEI REDDITI 730/2015 Campagna Fiscale dal 15/04 al 05/07 DICHIARAZIONE DEI REDDITI 730/2015 Campagna Fiscale dal 15/04 al 05/07 Bonus IRPEF 80 euro Nel nuovo modello 730/2015 trova spazio il bonus IRPEF 80 euro ricevuto nel 2014, essendo previsto l obbligo di

Dettagli

CIRCOLARE N. 2/DF. Ai Comuni

CIRCOLARE N. 2/DF. Ai Comuni CIRCOLARE N. 2/DF MINISTERO DELL ECONOMIA E DELLE FINANZE DIPARTIMENTO DELLE FINANZE Roma, 11 maggio 2010 DIREZIONE FEDERALISMO FISCALE PROT. 10968/2010 Ai Comuni Alle Regioni Friuli-Venezia Giulia e Valle

Dettagli

INTRODUZIONE AL RAPPORTO TRA PEG E PDO

INTRODUZIONE AL RAPPORTO TRA PEG E PDO INTRODUZIONE AL RAPPORTO TRA PEG E PDO Generalmente il piano dettagliato degli obiettivi (art. 108 e 197 del Tuel) coincide con la c.d. parte descrittiva del Peg, cioè quella parte che individua gli obiettivi

Dettagli

I RAPPORTI DI LAVORO IN AMBITO SPORTIVO DILETTANTISTICO

I RAPPORTI DI LAVORO IN AMBITO SPORTIVO DILETTANTISTICO SERVIZIO DECENTRAMENTO E ASSISTENZA AMMINISTRATIVA AI PICCOLI COMUNI SERVIZIO PROGRAMMAZIONE E GESTIONE ATTIVITA TURISTICHE E SPORTIVE www.provincia.torino.gov.it FORUM IN MATERIA DI ENTI SPORTIVI DILETTANTISTICI

Dettagli

REGIME FORFETARIO 2015

REGIME FORFETARIO 2015 OGGETTO: Circolare 4.2015 Seregno, 19 gennaio 2015 REGIME FORFETARIO 2015 La Legge di Stabilità 2015, L. 190/2014 articolo 1 commi da 54 a 89, ha introdotto a partire dal 2015 un nuovo regime forfetario

Dettagli

Verbale di deliberazione n. 47 della Giunta Comunale

Verbale di deliberazione n. 47 della Giunta Comunale COMUNE DI DIMARO Provincia di Trento Verbale di deliberazione n. 47 della Giunta Comunale OGGETTO: A pprovazione disciplinare per il trasferimento volontario delle attività propedeutiche alla riscossione

Dettagli

VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 48 DEL 24.10.2013

VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 48 DEL 24.10.2013 VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 48 DEL 24.10.2013 OGGETTO: Recepimento verbale commissione trattante aziendale del 15.10.2013. L anno Duemilatredici, il giorno ventiquatto del mese di

Dettagli

GUIDA AL VERSAMENTO DELLA TASSA RIFIUTI SOLIDI URBANI

GUIDA AL VERSAMENTO DELLA TASSA RIFIUTI SOLIDI URBANI GUIDA AL VERSAMENTO DELLA TASSA RIFIUTI SOLIDI URBANI Chi deve pagare la Tassa Smaltimento Rifiuti Solidi Urbani? Tutti coloro che occupano,utilizzano o dispongono di locali e di aree scoperte a qualsiasi

Dettagli

COMUNE DI ALSENO Provincia di Piacenza

COMUNE DI ALSENO Provincia di Piacenza COMUNE DI ALSENO Provincia di Piacenza REGOLAMENTO SULL ORDINAMENTO DEGLI UFFICI E DEI SERVIZI Approvato con deliberazione di G.C. n. 232 in data 30.09.1998 Modificato con deliberazione di G.C. n. 102

Dettagli

Patrimonio della PA. Rapporto sulle partecipazioni detenute dalle Amministrazioni Pubbliche al 31 dicembre 2011

Patrimonio della PA. Rapporto sulle partecipazioni detenute dalle Amministrazioni Pubbliche al 31 dicembre 2011 Patrimonio della PA Rapporto sulle partecipazioni detenute dalle Amministrazioni Pubbliche al 31 dicembre 2011 Dicembre 2013 INDICE 1 Premessa e sintesi 3 2 La rilevazione delle partecipazioni detenute

Dettagli

Il regime fiscale degli interessi sui Titoli di Stato

Il regime fiscale degli interessi sui Titoli di Stato Il regime fiscale degli interessi sui Titoli di Stato Fonti normative Il principale testo normativo che disciplina il regime fiscale degli interessi sui Titoli di Stato è il decreto legislativo 1 aprile

Dettagli

1.4 LA PROVINCIA: IL RUOLO E LE COMPETENZE ISTITUZIONALI

1.4 LA PROVINCIA: IL RUOLO E LE COMPETENZE ISTITUZIONALI 1.4 LA PROVINCIA: IL RUOLO E LE COMPETENZE ISTITUZIONALI La Provincia è un istituzione pubblica territoriale; gli organi di governo sono eletti dalla popolazione residente nel territorio e hanno il compito

Dettagli

Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione

Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione Gruppo di Lavoro ITACA Regioni/Presidenza del Consiglio dei Ministri Aggiornamento 14 novembre 2011 Dipartimento

Dettagli

Anagrafe, Stato Civile, Elettorale. n. 5 monitor n. 3 stampanti laser di rete n. 3 stampanti ad aghi n. 1 calcolatrice n. 3 apparecchi telefonici

Anagrafe, Stato Civile, Elettorale. n. 5 monitor n. 3 stampanti laser di rete n. 3 stampanti ad aghi n. 1 calcolatrice n. 3 apparecchi telefonici Indicazione delle dotazioni strumentali, anche informatiche, che corredano le stazioni di lavoro nell automazione dell ufficio Segreteria SS.DD. - Affari Generali Anagrafe, Stato Civile, Elettorale Segreteria,

Dettagli

MODELLO 730/2014 redditi 2013 dichiarazione semplificata dei contribuenti che si avvalgono dell'assistenza fiscale

MODELLO 730/2014 redditi 2013 dichiarazione semplificata dei contribuenti che si avvalgono dell'assistenza fiscale MODELLO 730/204 redditi 203 dichiarazione semplificata dei contribuenti che si avvalgono dell'assistenza fiscale Mod. N. Gli importi devono essere indicati in unità di Euro CONFORME AL PROVVEDIMENTO AGENZIA

Dettagli

CORSO DI DIRITTO SPORTIVO I RAPPORTI DI LAVORO ALL INTERNO DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE AVV. MARIA ELENA PORQUEDDU

CORSO DI DIRITTO SPORTIVO I RAPPORTI DI LAVORO ALL INTERNO DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE AVV. MARIA ELENA PORQUEDDU CORSO DI DIRITTO SPORTIVO I RAPPORTI DI LAVORO ALL INTERNO DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE AVV. MARIA ELENA PORQUEDDU INTRODUZIONE ALLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE IN QUALSIASI FORMA COSTITUITE

Dettagli

Rapporto sull Immigrazione 2014

Rapporto sull Immigrazione 2014 Rapporto sull Immigrazione 2014 Presentazione dei dati principali dell Osservatorio sull Immigrazione, Gruppo di Lavoro presso la Prefettura di Macerata anno 2013 Sergio Pollutri Istat ERM sede per le

Dettagli

Repertorio n. CONVENZIONE PER LA CESSIONE IN PROPRIETA DI AREA P.E.E.P. GIA CONCESSA IN DIRITTO DI SUPERFICIE REPUBBLICA ITALIANA COMUNE DI ROCCASTRADA (Provincia di Grosseto) L anno duemila il giorno

Dettagli

COMUNE DI MAGLIANO IN TOSCANA PROVINCIA DI GROSSETO

COMUNE DI MAGLIANO IN TOSCANA PROVINCIA DI GROSSETO VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE ADUNANZA STRAORDINARIA DI 1 CONVOCAZIONE SEDUTA PUBBLICA N 25 DEL 14/08/2014 COPIA Oggetto: Tributo per i Servizi Indivisibili (TASI) - Aliquote per l'anno

Dettagli