1.2 Funzioni, dominio, codominio, invertibilità elementare, alcune identità trigonometriche

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "1.2 Funzioni, dominio, codominio, invertibilità elementare, alcune identità trigonometriche"

Transcript

1 . Funzioni, dominio, codominio, invertibilità elementare, alcune identità trigonometriche Per le definizioni e teoremi si fa riferimento ad uno qualsiasi dei libri M.Bertsch - R.Dal Passo Lezioni di Analisi Matematica, I edizione settembre 996, ARACNE EDITRICE, via Raffaele Garofalo, 33 A/B 0073 Roma tel /, M.Bertsch - R.Dal Passo Elementi di A- nalisi Matematica, I edizione ottobre 00, ARACNE EDITRICE.. Determinare: dominio, immagine, monotonia e disegnare un grafico approssimativo delle seguenti funzioni: f () = log 3 3, f () = arccos log 3 3, f 3 () = +.. Studiare la invertibilità delle seguenti funzioni nei rispettivi domini di definizione oppure, in subordine, in qualche sottoinsieme del dominio. Per f 3 trovare l inversa. f () = 3 +, f () = 3, f 3 () = + 3; 3.. Trovare per quali valori di sono vere le seguenti identità trigonometriche ) cos arctan =, sin arctan = ) arctan + arctan = π 3) arcsin + arccos = π, arccos = arcsin, arccos = arcsin, 4) arccos = arctan, arccos = arctan, 5) arctan = arc cot, arctan = arc cot π 6) arctan ± arctan y = arctan ±y ±y arctan ± arctan y = arctan arctan y = arctan ±y y π, 7) arctan + arctan = arctan 8) arcsin + arctan = π 4 y + π,, arctan + arctan = arctan + π, y, arctan ± 4.. Tracciare i grafici delle funzioni y = arccos(cos ), y = arcsin(sin ) e y = arctan(tan ) senza usare derivate 5.. Senza usare derivate dire se le funzioni y = tan arccos + e y = tan arcsin + sono invertibili. In caso affermativo trovare le inverse e tracciarne il grafico con l approssimazione massima possibile. Dimostrare che se una funzione è dispari ed è invertibile anche l inversa è dispari. 6..) Trovare le infinite funzioni inverse di: cos per [0, π], sin per [ π, π ], tan per [ π, π ], cot per [0, π, ] 7..) Sia data una funzione f: X Y dotata di inversa f. Si stabilisca se sono vere le seguenti affermazioni: f(a B) = f(a) f(b), f(a B) = f(a) f(b), (A e B sono sottoinsiemi di X), f (C D) = f (C) f (D), f (C D) = f (C) f (D), (C e D sono sottoinsiemi di Y ). Per le relazioni eventualmente non vere si dia un esempio concreto. 8..) Si trovi il dominio delle seguenti funzioni: ( ) ln 9..) Calcolare sin 9 + cos 9 0..) Si dimostri che la funzione + + è costante in un intervallo [a, b]. Si trovi l intervallo e il valore della costante. SOLUZIONI 5/dicembre/009; Esclusivamente per uso personale; è vietata qualsiasi forma di commercializzazione

2 ...) Dom(f ) = R +, Im(f ) = R, f è monotona decrescente. Dom(f ) = [3 /3, 3 /3 ], Im(f ) = [0, π], f è monotona crescente. Dom(f 3 ) = { R, } Im(f 3 ) = { R 0 < }. f 3 è pari ed è monotona crescente per mentre è monotona decrescente per...) f è invertibile. f ed f 3 no. 3..) ) e ): sono vere per ogni R, 3): è vera se R, la seconda per 0, la terza per 0, 4): la prima è vera per 0 mentre la seconda per 0 5): la prima per > 0 e la seconda per < 0, 6): se arctan ± arctan y [ π, π ] vale la prima, se arctan ± arctan y [ π, π ] vale la seconda, se arctan ± arctan y [ π, π] vale la terza, 7): se < vale la prima, se > la seconda, 8) è vera per ogni < 4..) arccos cos y= A A (π,π) B (π,0) y=π O B A ( π, π ), B ( π, π ), C (π,0), D ( π,0) arcsin(sin ) A D O y= y=π C y= π B A ( π, π ), B ( π, π ), C (π,0), D ( 3π,0) y=+π O arctan tan y= A C y= π D B 5..) Cominciamo dalla prima funzione. Dom(f) = R\{0}, Im(f) = R\{0}; la funzione è dispari, monotona decrescente ed ha un asintoto verticale per = 0. È invertibile su tutto il suo dominio e la sua inversa è data da y = Per la seconda funzione si ha Dom(f) = R e Im(f) = R. La funzione anche in questo caso è dispari e monotona crescente dunque invertibile con inversa data da y = 6..) Per la funzione cos, detta q n () la inversa nell intervallo [nπ, (n + )π], si ha q n () = 5/dicembre/009; Esclusivamente per uso personale; è vietata qualsiasi forma di commercializzazione

3 nπ + arccos se n è pari mentre q n () = (n + )π arccos se n è dispari Per la funzione sin, detta q n () la inversa nell intervallo [ (n )π, (n+)π ], si ha q n () = nπ + arcsin se n è pari mentre q n () = nπ arcsin se n è dispari Per la funzione tan, detta q n () la inversa nell intervallo [ (n )π, (n+)π ], si ha q n () = nπ + arctan per ogni n Per la funzione arccot(), detta q n () la inversa nell intervallo [nπ, (n + )π], si ha q n () = nπ + arccot per ogni n 7..) Sono tutte vere tranne f(a B) = f(a) f(b). Infatti { è vera f(a B) f(a) f(b); 0 si prenda ad esempio la funzione f: [0, ] [0, ], f() = e si prenda < A = [0, ] e B = (, ]. A B = mentre f(a) f(b) = [0, ]. 8..) Dom(f) = (, + ) { (0, ): = e p q <, q dispari, p e q primi fra di loro}. La proprietà p e q primi fra di loro si indica con (p, q) = 9..) ) l intervallo è [, ] e il valore è. Si calcoli f () RISOLUZIONE DEGLI ESERCIZI..) f : Essendo in presenza di una radice quadrata, il radicando deve essere positivo o nullo e dunque 3 0. = 0 va scartato poiché non si può dividere per lo zero e quindi il dominio della funzione è dato dalle > 0. Ora di tutto R + bisogna vedere quali valori, facenti parte del dominio della funzione f, si possono tenere. f è il risultato della composizione di quattro funzioni g g g 3 g 4 dove g 4 : R + R+ ; g 3 : R + 3 R + (..) ; g : R + R + ; g : R + log 3 R. Come ben noto, affinché ciascuna composizione abbia senso, è necessario che Im(g j ) Dom(g j+ ) e ciò e facilmente verificabile. Dunque il dominio della funzione f è R + e la sua immagine è R. Per quel che riguarda la. monotonia si può dire che g g g 3 = h è la composizione di tre funzioni monotone crescenti mentre g 4 è monotona decrescente. Ora la composizione di h g 4 f è monotona decrescente. Sia infatti <. Ne segue che g 4 () > g 4 ( ) data la decrescenza di g 4. Essendo h crescente si ha h(g 4 ()) > h(g 4 ( ) da cui la decrescenza di h g 4. Va detto che la funzione k: R\{0} R\{0}; è diversa da g 4: R + R+ ; in quanto si è cambiato il suo dominio. Una funzione infatti è costituita da un dominio e dall azione di una applicazione sul dominio. Cambiare il dominio lasciando inalterata l applicazione cambia di fatto la funzione. Lo stesso discorso può ripetersi per g 3. f = g o f con g o : [, ] [0, π] e quindi, per quel che riguarda il dominio bisogna vedere quali sono tali che f ossia g g 3 g 4 [3, 3] g 3 g 4 [9, 9] [3 3, 3 3 ]. Dunque abbiamo Dom(f ) = [3 3, 3 3 ]. Im(f ) = [0, π] e la funzione è monotona decrescente in quanto l arccos è monotona decrescente. f 3 P Q : + 0 per e quindi Dom(f 3) = { > }. Poiché P < Q per ogni nel dominio, risulta che Im(f 3 ) [0, ). Facciamo vedere ora che qualsiasi numero reale y [0, ) fa parte dell immagine della funzione. Bisogna risolvere la equazione + = y ossia (..) Si può notare che come dominio di g4 sia stato preso R +. Qualora fosse stato preso tutto R\{0} avremmo avuto Img 4 g 3 =R\{0} sarebbe stato in contrasto con la esistenza della radice ossia della funzione g. 5/dicembre/009; Esclusivamente per uso personale; è vietata qualsiasi forma di commercializzazione 3

4 ( y) = +y = +y y e quindi = ± scrivere f 3 = + ed osservare che + +y y. Per quel che riguarda la monotonia si può è monotona crescente per < 0 e decrescente per > 0. Dunque f 3 è monotona crescente per > 0 e decrescente per < 0 (fatto evidente dalla parità di f 3 )... f : È somma di due funzioni monotone crescenti e dunque è monotona crescente invertibile sul dominio che è tutto R. f : non vale lo stesso discorso per via del segno meno. Si può osservare che f () = f (0) e quindi la inversa non può esistere. Come conseguenza si ha che certamente la f non è monotona in quanto se lo fosse sarebbe invertibile ma abbiamo fatto appena vedere che non è possibile. Si badi bene che in casi analoghi, ossia la differenza di due funzioni monotone crescenti o decrescenti, può essere possibile stabilire la monotonia (non esiste però una regola generale ed ogni caso va trattato singolarmente). Ad esempio si consideri la seguente somma =. Come nel caso in questione si è in presenza della differenza di due funzioni monotone crescenti che però danno luogo ad una funzione crescente. f 3 : Riscriviamo f 3 () = ( + ) 4 e poniamo = t ottenendo f 3 ((t)) = f 3 (t) = t 4. È una funzione pari f 3 (t) = f 3 ( t) e quindi non può essere invertibile su tutto il suo dominio in quanto i punti t e t hanno la stessa ordinata. Quello che si può fare è invertire sui sottoinsiemi t 0 e t < 0. Si ottiene t = + y + 4 per t > 0 e t = y + 4 per t < ) cos arctan = sin arctan cos arctan = si ottiene osservando che tan arctan = cos arctan cos arctan =. Detto z =. cos arctan, l equazione diventa z = ossia z = ed essendo z sempre positivo (perché?) si ha z = cos arctan =. Ottenere sin arctan = è ora immediato. Basta fare = sin arctan sin arctan sin arctan > 0 per cui si ottiene il risultato. ) Si applica sin a sinistra ed a destra ottenendo + ossia sin arctan = + + Ora = + () = e dunque sin(arctan + arctan ) =. Essendo = sin π si ha arctan + arctan = π oppure arctan + arctan = π π ma per < 0 quella con la seconda è falsa essendo π π > π per < 0 mentre π π = π per > 0 3) La prima relazione è è definita per ed è equivalente a arccos + π = arcsin. Applicando sin ad ambedue i membri si ottiene = per ogni valore reale. La seconda relazione è definita ugualmente per ed applichiamo sin a sinistra ed a destra ottenendo sin(arccos ) =. La relazione fondamentale della trigonometria ci dice che sin(arccos ) = + cos(arccos ). Davanti alla radice vi è il segno più in quanto arccos [0, π] e quindi sin(arccos ) 0. Ciò vuol dire che delle due possibilità sin ξ = ± cos ξ va presa quella con il segno più. Dunque abbiamo = cos(arccos ) = ( ) = e quest ultima relazione è vera solo se 0. Se invece < 0 la stessa sequenza di passaggi conduce (ricordando che arcsin è una funzione dispari) a = che è vera per < 0. 4) Ambedue le relazioni sono definite per R. Per quanto riguarda la prima solo R + può eventualmente andar bene. Applicando il cos a sinistra ed a destra si ottiene = cos arctan = cos arctan sin arctan = (usando l esercizio )). Dunque la prima relazione è vera per ogni R +. Se < 0, arctan < 0 e quindi la relazione diventa 5/dicembre/009; Esclusivamente per uso personale; è vietata qualsiasi forma di commercializzazione 4

5 arccos = arctan = arctan( ) che conduce allo stesso risultato. 5) Le relazioni hanno senso per R\{0}. Per + si esclude la seconda in quanto arctan > 0. Applicando tan si ottiene =. Identico discorso vale per la seconda solo che bisogna ricordarsi della periodicità della tangente. 6) Chiaramente y. Se = sin(±y) y vale la ). Ovvia trigonometria dà tan( ± y) = cos(±y) = tan ±tan y tan tan y. Ora sia = + πk e y = y + πk y dove [ π, π ], y [ π, π ], k Z, k y Z; + y [ π, π]. Data la periodicità della tangente si ha tan( ± y) = tan( ± y ) = tan ±tan y tan tan y. Inoltre è possibile definire = arctan a e y = arctan b poiché (è essenziale) [ π, π ] e y [ π, π ]. Ora possono aversi tre possibilità. Se ± y [ π, π ] tan( ± y ) = tan( ± y + π) ± y + π = arctan( tan ±tan y tan tan y ) in quanto ± y + π [0, π ]. Sostituendo ora = arctan a e y = arctan b si ottiene arctan a ± arctan b + π = arctan( a±b ab ) Se ± y [ π, π a±b ] allora arctan a ± arctan b = arctan( ab ) mentre se ± y [ π, π] allora arctan a ± arctan b π = arctan( a±b ab ) 7) Si può applicare l esercizio precedente facendo le opportune corrispondenze fra i vari simboli. In questo caso si ha b = ed a =. Quindi si ha y = π 4 e dunque + y [ π 4, 3 4π]. Se + y [ π, 3 4 π] ossia [ π 4, π ] allora vuol dire che a > e quindi la seconda delle due relazioni è vera per a > (nell esercizio vi è ) ossia arctan + arctan = π + arctan. Se invece [ π, π 4 ] allora a < e quindi vale arctan + arctan = arctan. 8) Scrivendo la relazione come arcsin + π 4 = arctan ed applicando sin a sinistra ed a destra si ottiene il risultato dopo avere osservato che la quantità π arctan è definita per < ed appartiene a [ π, π ]. 4.. y = f() = arccos cos : Dom f = R; è chiaramente periodica di periodo π e continua essendo composizione di funzioni continue. Se 0 π la funzione vale in quanto si compongono una funzione e la sua inversa. Se invece π π allora si deve fare cos = cos(π ) dove stavolta 0 π π e dunque posso applicare di nuovo la funzione arccos. È chiaramente sbagliato pensare che il grafico della funzione sia y = (non è neppure periodica) in quanto la funzione arccos è quella funzione che inverte cos esclusivamente nell intervallo [0, π]. y = arctan tan è definita per ogni eccetto per = π + kπ ed inoltre è continua essendo composizione di due funzioni continue. Inoltre è periodica di periodo π Se π π y = e quindi il grafico è dato da una successione di segmenti tutti paralleli alla bisettrice del primo e terzo quadrante che intersecano l asse delle nei punti = kπ con k intero. 5.. Scriviamo la funzione come y = tan arccos +. = f f f 3 () = f o (chi sono le varie f i è ovvio). Prima di tutto troviamo il dominio. Si verifica che {ξ R : ξ = +, R} = (, ). La dimostrazione di questo fatto (semplice) è posposta. Poiché ξ (, ) si può applicare arccos ed osservare però che se = 0 allora il corrispondente valore di ξ vale π e la tangente non può essere ivi applicata. Quindi alla fine Dom(f o ) = R\{0}. Le seguenti osservazioni (dimostrate successivamente) consentono di restringersi a considerare f o R + ) f o è strettamente decrescente, ) f o è dispari, 3) l inversa (che esiste da )) è dispari pure essa Grazie ai punti ) 3) ci basta studiare la inversa per valori positivi di. 5/dicembre/009; Esclusivamente per uso personale; è vietata qualsiasi forma di commercializzazione 5

6 f 3 () è monotona crescente per 0 essendo f 3 () = + = + ed essendo + ; decrescente (quindi crescente con il segno - davanti). Essendo {y R y = f 3 () 0} = [0, ) (in altre parole l immagine di f 3 per 0 è l intervallo [0, )). f è decrescente ed inoltre ci interessa tutta e solo la parte compresa fra 0 e π. f f 3 è monotona decrescente ed anche in questo caso il grafico di f f 3 assume tutti i valori compresi fra il sup e l inf dell immagine ossia {y R y = f f 3 (), 0} = (0, π ]. Fra 0 e π f 3 è monotona crescente e quindi f o è monotona decrescente; Im(f 3 ) è l insieme R +. Dunque si può invertire la funzione e indichiamola con g: (0, + ) (0, + ). È da notare come l immagine di g non coincida esattamente con il dominio di f o e quindi g f o = f o g() vale solo per (0, + ). Usando la formula 3.. ), si arriva alla formula dell inversa data da y = Infatti da y = f f f 3 () si ottiene f (y) = arctan y = f f 3 () da cui deriva f f (y) = cos arctan y = = f 3() e da ultimo f o +y = f3 f f (y) = g(y) g(y). Si verifichi che tan arccos +y +g (y) = y. Veniamo ora alle dimostrazioni delle proprietà preannunciate prima. {ξ R ξ = + R} = (, ). Essendo + una funzione dispari ci basta mostrare che {ξ R ξ = + 0} = [0, ) ossia bisogna dimostrare che è possibile risolvere la equazione = a + a a per ogni a [0, ). Infatti la soluzione è = a che è accettabile essendo il radicando positivo. Il secondo punto da dimostrare è che f o è dispari. Infatti f 3 è chiaramente dispari. Dunque si ha f f 3 ( ) = f ( f 3 ()). Ora il grafico della funzione arccos ci dice che arccos() = π arccos( ) ossia arccos( ) = π arccos(). Dunque f (f ( f 3 ())) = f (π f (f 3 ())) = f ( f (f 3 ())) = f (f (f 3 ())) e quindi si ha (f f f 3 )( ) = (f f f 3 )(). Si verifichi l applicazione del fatto che f è periodica di periodo π e del fatto che è dispari. La terza ed ultima dimostrazione da dare è costituita dalla affermazione secondo cui se una funzione invertibile è dispari allora anche l inversa è dispari. Dunque supponiamo di avere una funzione f invertibile in un certo sottoinsieme del suo dominio e tale da verificare la proprietà f() = f( ). Sia g l inversa; (g f)() = (f g)() =. = (g f)( ) = (g ( f))()). Del resto = ( g f)() e quindi si ha (g ( f))()) = ( g f)() ossia il risultato. Per avere la inversa in (, 0) si può usare la disparità di f o. Infatti dalla disparità di f o si arriva alla disparità della sua inversa. Dunque si ha g( ) = g() e dunque per < 0 l inversa è y =. La notazione unificata consente di dire che l inversa della funzione +y in R + R è y =. Alternativamente si può dire che per < 0 f ( π, π) e quindi bisogna invertire tan con π < < π. Quando si applica f (y) si ottiene arctan y + π = f f 3 () e quando si inverte f si ha cos arctan y = < 0 per cui l inversa di f +y 3 dà. +y 6..) È ben noto che arccos : [, ] [0, π], per definizione, inverte la funzione cos solamente nell intervallo [0, π]. È però evidente che la stessa funzione cos è invertibile in ogni intervallo della forma [nπ, (n + )π] con n Z solo che la funzione inversa è diversa in ognuno di questi intervalli. Se ad esempio [π, π] e quindi n = indichiamo con q () la funzione inversa in questione che sappiamo esistere. Sappiamo inoltre che cos = cos(π ) =. p solo che π [0, π]. Ciò vuol dire che q (p) = = π arccos p e quindi q (p) = π arccos(p). Va notato che l uguaglianza q (p) = è conseguenza della definizione di q mentre la seconda uguaglianza deriva dal fatto che arccos(cos(π )) = per [π, π]. Se invece [π, 3π] e quindi n = sia q () la funzione inversa della funzione coseno. Abbiamo 5/dicembre/009; Esclusivamente per uso personale; è vietata qualsiasi forma di commercializzazione 6

7 cos = cos( π) = p e π [0, π]. Quindi q (p) = = π + arccos(p). Se [3π, 4π] e quindi n = 3 sia q 3 () la funzione inversa della funzione coseno. Abbiamo cos = cos(4π ) = p e 4π [0, π]. Quindi q 3 (p) = = 4π arccos(p). Proseguendo in questo modo otteniamo che se n è pari la funzione inversa è data da q n () = nπ arccos mentre se n è dispari si ha q n () = (n + )π + arccos Per quanto riguarda la funzione sin si divide l asse reale in intervalli del tipo [ π + nπ,, π (n )π + nπ] = [, (n+)π ] ed indichiamo con q n () l inversa in ciascuno di tali sottointervalli (chiaramente q 0 () = arcsin ). Se [ π, 3 π] allora n = ed inoltre sin = sin(π ) dove stavolta π [ π, π ] per cui q (p) = = π arcsin(p). Se n = e [ 3 π,, 5 π] allora sin = sin( π + ) = p e quindi q (p) = π + arcsin(p). Alla fine il risultato è quello dato ossia se n è dispari q n () = nπ arcsin mentre se n è pari q n () = nπ + arcsin. Per quanto riguarda la funzione tan si divide l asse reale così come per il seno ed il risultato è che per ogni n q n () = nπ + arctan Nel caso della funzione arccot() si divide l asse come per la funzione coseno e q n () = nπ + arccot() per ogni n. 7..) Cominciamo da f(a B) = f(a) f(b). Dobbiamo far vedere che f(a B) f(a) f(b) e che f(a B) f(a) f(b). : f(a B). = {y Y y = f() A B} e quindi la sta in A oppure in B od in tutti e due se la loro intersezione è non nulla. Se A allora f() f(a) e quindi f() f(a) f(b), Se B allora f() f(b) ed analogamente f() f(a) f(b). Se A B e A B allora A (oppure B) e quindi f() f(a). : Sia y f(a) f(b) ossia y {y Y y = f() A} {y Y y = f() B}. Essendo appartenente tanto ad A che a B ne segue che appartiene alla loro intersezione e quindi A B da cui il risultato. Vediamo ora f(a B) f(a) f(b). f(a B) = {y Y y = f() A B} e quindi A da cui f() f(a). Del resto B ugualmente per cui f() f(b) e quindi f() deve stare anche in f(a) f(b). Ora dimostriamo che f (C D) = f (C) f (D). Dobbiamo far vedere che f (C D) f (C) f (D) e che f (C D) f (C) f (D). : f (C D) = { X f() C D} e quindi f() C f() D. Di conseguenza f (C) f (D) ossia f (C) f (D). : f (C) f (D) = { X f() C} X f() D}; ciascuno dei due insiemi { X f() C} e { X f() D} è sottoinsieme di { X f() C D} per cui f (C) f (D) f (C D) Da ultimo è rimasto f (C D) = f (C) f (D). Dobbiamo far vedere che f (C D) f (C) f (D) e che f (C D) f (C) f (D). : f (C D) = { X f() C D} e quindi f (C D) f (C) e f (C D) f (D) e quindi della loro intersezione da cui la tesi : f (C) f (D) = { X f() C} { X f() D} e quindi f() C D da cui la tesi. 8..) Una funzione del tipo (P ()) ln(q()) è certamente definita quando P () > 0 e Q() > 0. Dunque si deve avere: > 0 a causa del logaritmo, > 0 ossia < >. L intersezione dei due insiemi dà >. = va scartato poiché darebbe 0 0. D altro canto se ln = p q con q dispari e (p, q) = allora la base può essere negativa. Da ciò segue il risultato. 5/dicembre/009; Esclusivamente per uso personale; è vietata qualsiasi forma di commercializzazione 7

Corso di Analisi Matematica. Funzioni reali di variabile reale

Corso di Analisi Matematica. Funzioni reali di variabile reale a.a. 2011/12 Laurea triennale in Informatica Corso di Analisi Matematica Funzioni reali di variabile reale Avvertenza Questi sono appunti informali delle lezioni, che vengono resi disponibili per comodità

Dettagli

Funzioni. Capitolo 6. 6.1 Concetto di funzione e definizioni preliminari

Funzioni. Capitolo 6. 6.1 Concetto di funzione e definizioni preliminari Capitolo 6 Funzioni 6. Concetto di funzione e definizioni preliminari Definizione 6. Dati due insiemi non vuoti D e C, si dice applicazione o funzione una qualsiasi legge (relazione) che associa ad ogni

Dettagli

Raccolta degli Scritti d Esame di ANALISI MATEMATICA U.D. 1 assegnati nei Corsi di Laurea di Fisica, Fisica Applicata, Matematica

Raccolta degli Scritti d Esame di ANALISI MATEMATICA U.D. 1 assegnati nei Corsi di Laurea di Fisica, Fisica Applicata, Matematica DIPARTIMENTO DI MATEMATICA Università degli Studi di Trento Via Sommarive - Povo (TRENTO) Raccolta degli Scritti d Esame di ANALISI MATEMATICA U.D. 1 assegnati nei Corsi di Laurea di Fisica, Fisica Applicata,

Dettagli

FUNZIONE REALE DI UNA VARIABILE

FUNZIONE REALE DI UNA VARIABILE FUNZIONE REALE DI UNA VARIABILE Funzione: legge che ad ogni elemento di un insieme D (Dominio) tale che D R, fa corrispondere un elemento y R ( R = Codominio ). f : D R : f () = y ; La funzione f(): A

Dettagli

Corso di Analisi Matematica. Funzioni continue

Corso di Analisi Matematica. Funzioni continue a.a. 203/204 Laurea triennale in Informatica Corso di Analisi Matematica Funzioni continue Avvertenza Questi sono appunti informali delle lezioni, che vengono resi disponibili per comodità degli studenti.

Dettagli

ESERCITAZIONI DI ANALISI 1 FOGLIO 1 FOGLIO 2 FOGLIO 3 FOGLIO 4 FOGLIO 5 FOGLIO 6 FOGLIO 7 SVOLTI. Marco Pezzulla

ESERCITAZIONI DI ANALISI 1 FOGLIO 1 FOGLIO 2 FOGLIO 3 FOGLIO 4 FOGLIO 5 FOGLIO 6 FOGLIO 7 SVOLTI. Marco Pezzulla ESERCITAZIONI DI ANALISI FOGLIO FOGLIO FOGLIO 3 FOGLIO 4 FOGLIO 5 FOGLIO 6 FOGLIO 7 SVOLTI Marco Pezzulla gennaio 05 FOGLIO. Determinare il dominio e il segno della funzione ( ) f(x) arccos x x + π/3.

Dettagli

SULLE FUNZIONI REALI DI VARIABILE REALE E LORO GRAFICI

SULLE FUNZIONI REALI DI VARIABILE REALE E LORO GRAFICI SULLE FUNZIONI REALI DI VARIABILE REALE E LORO GRAFICI.Definizioni e insieme di definizione. Una funzione o applicazione f è una legge che ad ogni elemento di un insieme D ( dominio )fa corrispondere un

Dettagli

Funzioni. Parte prima. Daniele Serra

Funzioni. Parte prima. Daniele Serra Funzioni Parte prima Daniele Serra Nota: questi appunti non sostituiscono in alcun modo le lezioni del prof. Favilli, né alcun libro di testo. Sono piuttosto da intendersi a integrazione di entrambi. 1

Dettagli

Esercizi di Analisi Matematica I

Esercizi di Analisi Matematica I Esercizi di Analisi Matematica I Andrea Corli e Alessia Ascanelli gennaio 9 Indice Introduzione iii Nozioni preliminari. Fattoriali e binomiali..................................... Progressioni..........................................

Dettagli

Una ricetta per il calcolo dell asintoto obliquo. Se f(x) è asintotica a mx+q allora abbiamo f(x) mx q = o(1), da cui (dividendo per x) + o(1), m =

Una ricetta per il calcolo dell asintoto obliquo. Se f(x) è asintotica a mx+q allora abbiamo f(x) mx q = o(1), da cui (dividendo per x) + o(1), m = Una ricetta per il calcolo dell asintoto obliquo Se f() è asintotica a m+q allora abbiamo f() m q = o(1), da cui (dividendo per ) m = f() q + 1 f() o(1) = + o(1), mentre q = f() m = o(1). Dunque si ha

Dettagli

Guida pratica per la prova scritta di matematica della maturità scientifica

Guida pratica per la prova scritta di matematica della maturità scientifica Giulio Donato Broccoli Guida pratica per la prova scritta di matematica della maturità scientifica Comprende: Metodi matematici fondamentali per affrontare i temi assegnati Esercizi interamente svolti

Dettagli

FUNZIONI ELEMENTARI - ESERCIZI SVOLTI

FUNZIONI ELEMENTARI - ESERCIZI SVOLTI FUNZIONI ELEMENTARI - ESERCIZI SVOLTI 1) Determinare il dominio delle seguenti funzioni di variabile reale: (a) f(x) = x 4 (c) f(x) = 4 x x + (b) f(x) = log( x + x) (d) f(x) = 1 4 x 5 x + 6 ) Data la funzione

Dettagli

CONTINUITÀ E DERIVABILITÀ Esercizi risolti

CONTINUITÀ E DERIVABILITÀ Esercizi risolti CONTINUITÀ E DERIVABILITÀ Esercizi risolti. Determinare kπ/ [cos] al variare di k in Z. Ove tale ite non esista, discutere l esistenza dei iti laterali. Identificare i punti di discontinuità della funzione

Dettagli

Dispense di Matematica Analisi Matematica. Riccarda Rossi

Dispense di Matematica Analisi Matematica. Riccarda Rossi Dispense di Matematica Analisi Matematica Riccarda Rossi Corso di Laurea in Disegno Industriale Università degli Studi di Brescia Anno Accademico 2009/2010 2 Capitolo 1 Nozioni preliminari 4 Riccarda Rossi

Dettagli

FUNZIONI / ESERCIZI SVOLTI

FUNZIONI / ESERCIZI SVOLTI ANALISI MATEMATICA I - A.A. 0/0 FUNZIONI / ESERCIZI SVOLTI ESERCIZIO. Data la funzione f () = determinare l insieme f (( +)). Svolgimento. Poiché f (( +)) = { dom f : f () ( +)} = { dom f : f () > } si

Dettagli

Esercitazione del 16-11-11 Analisi I

Esercitazione del 16-11-11 Analisi I Esercitazione del 6-- Analisi I Dott.ssa Silvia Saoncella silvia.saoncella 3[at]studenti.univr.it a.a. 00-0 Esercizio. Determinare se la funzione f() è continua nel suo dominio sin se 0 f() = 0 se = 0

Dettagli

11. Le funzioni composte

11. Le funzioni composte . Le funzioni composte Definizione Date le due funzioni f A B e g D C, dove f[ A] D, si dice funzione composta di f e g la funzione h A C che ad ogni elemento a Afa corrispondere l elemento g(()) f a Ce

Dettagli

CONTINUITÀ E DERIVABILITÀ Esercizi proposti. 1. Determinare lim M(sinx) (M(t) denota la mantissa di t)

CONTINUITÀ E DERIVABILITÀ Esercizi proposti. 1. Determinare lim M(sinx) (M(t) denota la mantissa di t) CONTINUITÀ E DERIVABILITÀ Esercizi proposti 1. Determinare lim M(sin) (M(t) denota la mantissa di t) kπ/ al variare di k in Z. Ove tale limite non esista, discutere l esistenza dei limiti laterali. Identificare

Dettagli

FUNZIONI ELEMENTARI Esercizi risolti

FUNZIONI ELEMENTARI Esercizi risolti FUNZIONI ELEMENTARI Esercizi risolti 1 Discutendo graficamente la disequazione x > 3+x, verificare che l insieme delle soluzioni è un intervallo e trovarne gli estremi Rappresentare nel piano x, y) l insieme

Dettagli

In base alla definizione di limite, la definizione di continuità può essere data come segue:

In base alla definizione di limite, la definizione di continuità può essere data come segue: Def. Sia f una funzione a valori reali definita in un intervallo I (itato o ilitato) e sia un punto interno all intervallo I. Si dice che f è continua nel punto se: ( )= ( ) Una funzione f è continua in

Dettagli

Studio di funzioni ( )

Studio di funzioni ( ) Studio di funzioni Effettuare uno studio qualitativo e tracciare un grafico approssimativo delle seguenti funzioni. Si studi in particolare anche la concavità delle funzioni e si indichino esplicitamente

Dettagli

1 Limiti e continuità per funzioni di una variabile

1 Limiti e continuità per funzioni di una variabile 1 Limiti e continuità per funzioni di una variabile Considerazioni introduttive Consideriamo la funzione f() = sin il cui dominio naturale è

Dettagli

Esercizi svolti. 1. Si consideri la funzione f(x) = 4 x 2. a) Verificare che la funzione F(x) = x 2 4 x2 + 2 arcsin x è una primitiva di

Esercizi svolti. 1. Si consideri la funzione f(x) = 4 x 2. a) Verificare che la funzione F(x) = x 2 4 x2 + 2 arcsin x è una primitiva di Esercizi svolti. Si consideri la funzione f() 4. a) Verificare che la funzione F() 4 + arcsin è una primitiva di f() sull intervallo (, ). b) Verificare che la funzione G() 4 + arcsin π è la primitiva

Dettagli

LIMITI E CONFRONTO LOCALE Esercizi svolti. b) lim. d) lim. h) lim x x + 1 x. l) lim. b) lim x cos x. x 0 sin 2 3x cos x p) lim.

LIMITI E CONFRONTO LOCALE Esercizi svolti. b) lim. d) lim. h) lim x x + 1 x. l) lim. b) lim x cos x. x 0 sin 2 3x cos x p) lim. LIMITI E CONFRONTO LOCALE Esercizi svolti. Calcolare i seguenti iti: a + 4 + b + 4 + 4 c 5 e ± g i + + sin 4 m sin o π q sin π + 4 + 7 d + 4 + + 5 4 + f 4 4 + 5 4 + 4 h + + l + + cos n sin cos p π π +

Dettagli

Teoria in sintesi 10. Attività di sportello 1, 24 - Attività di sportello 2, 24 - Verifica conclusiva, 25. Teoria in sintesi 26

Teoria in sintesi 10. Attività di sportello 1, 24 - Attività di sportello 2, 24 - Verifica conclusiva, 25. Teoria in sintesi 26 Indice L attività di recupero 6 Funzioni Teoria in sintesi 0 Obiettivo Ricerca del dominio e del codominio di funzioni note Obiettivo Ricerca del dominio di funzioni algebriche; scrittura del dominio Obiettivo

Dettagli

Coordinate Cartesiane nel Piano

Coordinate Cartesiane nel Piano Coordinate Cartesiane nel Piano O = (0,0) origine degli assi ascissa, y ordinata sistemi monometrici: stessa unità di misura sui due assi, y sistemi dimetrici: unità di misura diverse sui due assi (spesso

Dettagli

Corso Integrato: Matematica e Statistica. Corso di Matematica (6 CFU)

Corso Integrato: Matematica e Statistica. Corso di Matematica (6 CFU) Corso di Laurea in Scienze e Tecnologie Agrarie Corso Integrato: Matematica e Statistica Modulo: Matematica (6 CFU) (4 CFU Lezioni +2 CFU Esercitazioni) Corso di Laurea in Tutela e Gestione del territorio

Dettagli

DERIVATE DELLE FUNZIONI. esercizi proposti dal Prof. Gianluigi Trivia

DERIVATE DELLE FUNZIONI. esercizi proposti dal Prof. Gianluigi Trivia DERIVATE DELLE FUNZIONI esercizi proposti dal Prof. Gianluigi Trivia Incremento della variabile indipendente e della funzione. Se, sono due valori della variabile indipendente, y f ) e y f ) le corrispondenti

Dettagli

Corrispondenze e funzioni

Corrispondenze e funzioni Corrispondenze e funzioni L attività fondamentale della mente umana consiste nello stabilire corrispondenze e relazioni tra oggetti; è anche per questo motivo che il concetto di corrispondenza è uno dei

Dettagli

Calcolo differenziale Test di autovalutazione

Calcolo differenziale Test di autovalutazione Test di autovalutazione 1. Sia f : R R iniettiva, derivabile e tale che f(1) = 3, f (1) = 2, f (3) = 5. Allora (a) (f 1 ) (3) = 1 5 (b) (f 1 ) (3) = 1 2 (c) (f 1 ) (1) = 1 2 (d) (f 1 ) (1) = 1 3 2. Sia

Dettagli

Funzioni e loro invertibilità

Funzioni e loro invertibilità Funzioni e loro invertibilità Una proposta didattica di Ettore Limoli Definizione di funzione Sono dati due insiemi non vuoti A (dominio) e B (codominio) Diremo che y=f(x) è una funzione, definita in A

Dettagli

DOMINIO E LIMITI. Esercizio 3 Studiare gli insiemi di livello della funzione f, nei seguenti casi: 1) f(x,y) = y2 x 2 + y 2.

DOMINIO E LIMITI. Esercizio 3 Studiare gli insiemi di livello della funzione f, nei seguenti casi: 1) f(x,y) = y2 x 2 + y 2. FUNZIONI DI DUE VARIABILI 1 DOMINIO E LIMITI Domini e disequazioni in due variabili. Insiemi di livello. Elementi di topologia (insiemi aperti, chiusi, limitati, convessi, connessi per archi; punti di

Dettagli

Generalità sulle funzioni

Generalità sulle funzioni Capitolo Concetto di funzione Generalità sulle funzioni Definizione di funzione Definizione Dato un sottoinsieme non vuoto D di R, si chiama funzione reale di variabile reale, una relazione che ad ogni

Dettagli

2 FUNZIONI REALI DI VARIABILE REALE

2 FUNZIONI REALI DI VARIABILE REALE 2 FUNZIONI REALI DI VARIABILE REALE 2.1 CONCETTO DI FUNZIONE Definizione 2.1 Siano A e B due insiemi. Una funzione (o applicazione) f con dominio A a valori in B è una legge che associa ad ogni elemento

Dettagli

1 Grafico di una funzione reale 1. 2 Funzioni elementari 2 2.1 Funzione potenza... 2 2.2 Funzione esponenziale... 3 2.3 Funzione logaritmica...

1 Grafico di una funzione reale 1. 2 Funzioni elementari 2 2.1 Funzione potenza... 2 2.2 Funzione esponenziale... 3 2.3 Funzione logaritmica... UNIVR Facoltà di Economia Sede di Vicenza Corso di Matematica Funzioni reali di variabile reale Indice Grafico di una funzione reale 2 Funzioni elementari 2 2. Funzione potenza................................................

Dettagli

Osservazione 2 L elemento di arrivo ( output) deve essere unico corrispondenza univoca da A e B. f : A B

Osservazione 2 L elemento di arrivo ( output) deve essere unico corrispondenza univoca da A e B. f : A B FUNZIONI Definizione 1 Dati due insiemi A e B, si chiama funzione da A a B una legge che ad ogni elemento di A associa un (solo) elemento di B. L insieme A si chiama dominio della funzione e l insieme

Dettagli

Note di matematica per microeconomia

Note di matematica per microeconomia Note di matematica per microeconomia Luigi Balletta Funzioni di una variabile (richiami) Una funzione di variabile reale ha come insieme di partenza un sottoinsieme di R e come insieme di arrivo un sottoinsieme

Dettagli

Anno 5 Funzioni inverse e funzioni composte

Anno 5 Funzioni inverse e funzioni composte Anno 5 Funzioni inverse e funzioni composte 1 Introduzione In questa lezione impareremo a definire e ricercare le funzioni inverse e le funzioni composte. Al termine di questa lezione sarai in grado di:

Dettagli

Funzioni inverse Simmetrie rispetto alla bisettrice dei quadranti dispari. Consideriamo la trasformazione descritta dalle equazioni : = y

Funzioni inverse Simmetrie rispetto alla bisettrice dei quadranti dispari. Consideriamo la trasformazione descritta dalle equazioni : = y Funzioni inverse Simmetrie rispetto alla bisettrice dei quadranti dispari. Consideriamo la trasformazione descritta dalle equazioni : ' = y y' = Consideriamo il punto P(,5) se eseguiamo tra trasformazione

Dettagli

Esercizi di Analisi Matematica

Esercizi di Analisi Matematica Esercizi di Analisi Matematica CAPITOLO 1 LE FUNZIONI Exercise 1.0.1. Risolvere le seguenti disuguaglianze: (1) x 1 < 3 () x + 1 > (3) x + 1 < 1 (4) x 1 < x + 1 x 1 < 3 x + 1 < 3 x < 4 Caso: (a): x 1

Dettagli

a) Osserviamo innanzi tutto che dev essere x > 0. Pertanto il dominio è ]0, + [. b) Poniamo t = log x. Innanzi tutto si ha:

a) Osserviamo innanzi tutto che dev essere x > 0. Pertanto il dominio è ]0, + [. b) Poniamo t = log x. Innanzi tutto si ha: ESERCIZIO - Data la funzione f (x) = (log x) 6 7(log x) 5 + 2(log x) 4, si chiede di: a) calcolare il dominio di f ; ( punto) b) studiare la positività e le intersezioni con gli assi; (3 punti) c) stabilire

Dettagli

Per studio di funzione intendiamo un insieme di procedure che hanno lo scopo di analizzare le proprietà di una funzione f ( x) R R

Per studio di funzione intendiamo un insieme di procedure che hanno lo scopo di analizzare le proprietà di una funzione f ( x) R R Studio di funzione Per studio di funzione intendiamo un insieme di procedure che hanno lo scopo di analizzare le proprietà di una funzione f ( x) R R : allo scopo di determinarne le caratteristiche principali.

Dettagli

G3. Asintoti e continuità

G3. Asintoti e continuità G3 Asintoti e continuità Un asintoto è una retta a cui la funzione si avvicina sempre di più senza mai toccarla Non è la definizione formale, ma sicuramente serve per capire il concetto di asintoto Nei

Dettagli

7 - Esercitazione sulle derivate

7 - Esercitazione sulle derivate 7 - Esercitazione sulle derivate Luigi Starace gennaio 0 Indice Dimostrare il teorema 5.5.3.a................................................b............................................... Dimostrazioni.a

Dettagli

SIMULAZIONE TEST ESAME - 1

SIMULAZIONE TEST ESAME - 1 SIMULAZIONE TEST ESAME - 1 1. Il dominio della funzione f(x) = log (x2 + 1)(4 x 2 ) (x 2 2x + 1) è: (a) ( 2, 2) (b) ( 2, 1) (1, 2) (c) (, 2) (2, + ) (d) [ 2, 1) (1, 2] (e) R \{1} 2. La funzione f : R R

Dettagli

Studio grafico-analitico delle funzioni reali a variabile reale

Studio grafico-analitico delle funzioni reali a variabile reale Studio grafico-analitico delle funzioni reali a variabile reale Sequenza dei passi Classificazione In pratica Classifica il tipo di funzione: Funzione razionale: intera / fratta Funzione irrazionale: intera

Dettagli

11) convenzioni sulla rappresentazione grafica delle soluzioni

11) convenzioni sulla rappresentazione grafica delle soluzioni 2 PARAGRAFI TRATTATI 1)La funzione esponenziale 2) grafici della funzione esponenziale 3) proprietá delle potenze 4) i logaritmi 5) grafici della funzione logaritmica 6) principali proprietá dei logaritmi

Dettagli

PROVA DI VERIFICA DEL 24/10/2001

PROVA DI VERIFICA DEL 24/10/2001 PROVA DI VERIFICA DEL 24/10/2001 [1] Il prodotto di due numeri non nulli è maggiore di zero se: a. il loro rapporto è maggiore di zero, b. il loro rapporto è minore di zero, c. il loro rapporto è uguale

Dettagli

LE FUNZIONI E LE LORO PROPRIETÀ

LE FUNZIONI E LE LORO PROPRIETÀ LE FUNZIONI E LE LORO PROPRIETÀ LE FUNZIONI REALI DI VARIABILE REALE COSA SONO LE FUNZIONI Dati due sottoinsiemi A e B non vuoti di R, una FUNZIONE da A a B è una relazione che associa ad ogni numero reale

Dettagli

FUNZIONI REALI DI VARIABILE REALE e CONTINUITA Roberto Argiolas

FUNZIONI REALI DI VARIABILE REALE e CONTINUITA Roberto Argiolas FUNZIONI REALI DI VARIABILE REALE e CONTINUITA Roberto Argiolas.8.6.. - -.5.5 -. In questa dispensa ricordiamo la classificazione delle funzioni elementari e il dominio di esistenza delle stesse. Inoltre

Dettagli

ALCUNE APPLICAZIONI DEL CALCOLO DIFFERENZIALE

ALCUNE APPLICAZIONI DEL CALCOLO DIFFERENZIALE ALCUNE APPLICAZIONI DEL CALCOLO DIFFERENZIALE Sia I un intervallo di R e siano a = inf(i) R { } e b = sup(i) R {+ }; i punti di I diversi dagli estremi a e b, ( e quindi appartenenti all intervallo aperto

Dettagli

STUDIO DI UNA FUNZIONE

STUDIO DI UNA FUNZIONE STUDIO DI UNA FUNZIONE OBIETTIVO: Data l equazione Y = f(x) di una funzione a variabili reali (X R e Y R), studiare l andamento del suo grafico. PROCEDIMENTO 1. STUDIO DEL DOMINIO (CAMPO DI ESISTENZA)

Dettagli

Politecnico di Milano. Facoltà di Ingegneria Industriale. Corso di Analisi e Geometria 2. Sezione D-G. (Docente: Federico Lastaria).

Politecnico di Milano. Facoltà di Ingegneria Industriale. Corso di Analisi e Geometria 2. Sezione D-G. (Docente: Federico Lastaria). Politecnico di Milano. Facoltà di Ingegneria Industriale. Corso di Analisi e Geometria 2. Sezione D-G. (Docente: Federico Lastaria). Aprile 20 Indice Serie numeriche. Serie convergenti, divergenti, indeterminate.....................

Dettagli

Sulla monotonia delle funzioni reali di una variabile reale

Sulla monotonia delle funzioni reali di una variabile reale Liceo G. B. Vico - Napoli Sulla monotonia delle funzioni reali di una variabile reale Prof. Giuseppe Caputo Premetto due teoremi come prerequisiti necessari per la comprensione di quanto verrà esposto

Dettagli

FUNZIONI ESPONENZIALE E LOGARITMICA

FUNZIONI ESPONENZIALE E LOGARITMICA FUNZIONI ESPONENZIALE E LOGARITMICA Le potenze con esponente reale La potenza a x di un numero reale a è definita se a>0 per ogni x R se a=0 per tutti e soli i numeri reali positivi ( x R + ) se a

Dettagli

Funzione Composta. Date due funzioni g : A B e f : B C si può definire la funzione composta: notazione funzionale y = f (g(x))

Funzione Composta. Date due funzioni g : A B e f : B C si può definire la funzione composta: notazione funzionale y = f (g(x)) Funzione Composta Date due funzioni g : A B e f : B C si può definire la funzione composta: f g : A C g() f (g()) notazione funzionale = f (g()) La composizione ha senso se il valore g() appartiene al

Dettagli

Funzione Una relazione fra due insiemi A e B è una funzione se a ogni elemento di A si associa uno e un solo elemento

Funzione Una relazione fra due insiemi A e B è una funzione se a ogni elemento di A si associa uno e un solo elemento TERIA CAPITL 9. ESPNENZIALI E LGARITMI. LE FUNZINI Non si ha una funzione se anche a un solo elemento di A non è associato un elemento di B, oppure ne sono associati più di uno. DEFINIZINE Funzione Una

Dettagli

Le derivate versione 4

Le derivate versione 4 Le derivate versione 4 Roberto Boggiani 2 luglio 2003 Riciami di geometria analitica Dalla geometria analitica sulla retta sappiamo ce dati due punti del piano A(x, y ) e B(x 2, y 2 ) con x x 2 la retta

Dettagli

LE FUNZIONI A DUE VARIABILI

LE FUNZIONI A DUE VARIABILI Capitolo I LE FUNZIONI A DUE VARIABILI In questo primo capitolo introduciamo alcune definizioni di base delle funzioni reali a due variabili reali. Nel seguito R denoterà l insieme dei numeri reali mentre

Dettagli

Applicazioni del calcolo differenziale allo studio delle funzioni

Applicazioni del calcolo differenziale allo studio delle funzioni Capitolo 9 9.1 Crescenza e decrescenza in piccolo; massimi e minimi relativi Sia y = f(x) una funzione definita nell intervallo A; su di essa non facciamo, per ora, alcuna particolare ipotesi (né di continuità,

Dettagli

Numeri reali. Funzioni e loro grafici

Numeri reali. Funzioni e loro grafici Argomento Numeri reali. Funzioni e loro grafici Parte B - Funzioni e loro grafici Funzioni reali di variabile reale Definizioni. Supponiamo che A sia un sottoinsieme di R e che esista una legge che ad

Dettagli

TEMATICA 1 - FUNZIONI ED EQUAZIONI

TEMATICA 1 - FUNZIONI ED EQUAZIONI Docente Materia Classe Cristina Frescura Matematica 4B Programmazione Preventiva Anno Scolastico 2012-2013 Data 28 novembre 2012 Obiettivi Cognitivi Nota bene: gli obiettivi minimi sono sottolineati U.D.

Dettagli

la funzione è definita la funzione non è definita Si osservi, infatti, che la radice di un numero negativo non esiste nel campo dei numeri reali.

la funzione è definita la funzione non è definita Si osservi, infatti, che la radice di un numero negativo non esiste nel campo dei numeri reali. 1 y 4 CAMPO DI ESISTENZA. Poiché data è una irrazionale con indice di radice pari, il cui radicando è un polinomio, essa risulta definita solo per i valori della per i quali il radicando è positivo, ovvero

Dettagli

Funzioni trascendenti

Funzioni trascendenti Funzioni trascendenti Lucia Perissinotto I.T.I.S. V.Volterra San Donà di Piave Beatrice Hitthaler I.T.I.S. V.Volterra San Donà di Piave 17 novembre 007 Sommario Esponiamo la teoria fondamentale delle funzioni

Dettagli

Elementi di topologia della retta

Elementi di topologia della retta Elementi di topologia della retta nome insieme definizione l insieme è un concetto primitivo che si accetta come intuitivamente noto secondo George Cantor, il padre della teoria degli insiemi: Per insieme

Dettagli

Grafico qualitativo di una funzione reale di variabile reale

Grafico qualitativo di una funzione reale di variabile reale Grafico qualitativo di una funzione reale di variabile reale Mauro Saita 1 Per commenti o segnalazioni di errori scrivere, per favore, a: maurosaita@tiscalinet.it Dicembre 2014 Indice 1 Qualè il grafico

Dettagli

+... + a n. a 0 x n + a 1 x n 1. b 0 x m + b 1 x m 1. +... + b m 0. Funzioni reali di variabile reale. Definizione classica. Funzioni razionali

+... + a n. a 0 x n + a 1 x n 1. b 0 x m + b 1 x m 1. +... + b m 0. Funzioni reali di variabile reale. Definizione classica. Funzioni razionali Funzioni reali di variabile reale Una reale di variabile reale è una funzione nella quale il dominio d è un sottoinsieme di r e il condominio c è anch esso un sottoinsieme di r. F:r r Definizione classica.

Dettagli

6) f(x, y) = xy 1 log(5 2x 2y) x + y. 2x x 2 y 2 z 2 x 2 + y 2 + z 2 x Esercizio 2. Studiare gli insiemi di livello delle seguenti funzioni:

6) f(x, y) = xy 1 log(5 2x 2y) x + y. 2x x 2 y 2 z 2 x 2 + y 2 + z 2 x Esercizio 2. Studiare gli insiemi di livello delle seguenti funzioni: FUNZIONI IN PIÙ VARIABILI 1. Esercizi Esercizio 1. Determinare il dominio delle seguenti funzioni, specificando se si tratta di un insieme aperto o chiuso: 1) f(x, ) = log(x x ) ) f(x, ) = x + 3) f(x,

Dettagli

4 FUNZIONE ESPONENZIALE E FUNZIONE LOGARITMO

4 FUNZIONE ESPONENZIALE E FUNZIONE LOGARITMO 4 FUNZIONE ESPONENZIALE E FUNZIONE LOGARITMO 4.0. Esponenziale. Nella prima sezione abbiamo definito le potenze con esponente reale. Vediamo ora in dettaglio le proprietà della funzione esponenziale a,

Dettagli

Proprietà delle funzioni. M.Simonetta Bernabei & Horst Thaler

Proprietà delle funzioni. M.Simonetta Bernabei & Horst Thaler Proprietà delle funzioni M.Simonetta Bernabei & Horst Thaler Funzioni crescenti e decrescenti Crescente Decrescente Crescente Estremi di una funzione f ( ) f ( c) per ogni in [a, b]. f ( ) f ( d) per ogni

Dettagli

Basi di matematica per il corso di micro

Basi di matematica per il corso di micro Basi di matematica per il corso di micro Microeconomia (anno accademico 2006-2007) Lezione del 21 Marzo 2007 Marianna Belloc 1 Le funzioni 1.1 Definizione Una funzione è una regola che descrive una relazione

Dettagli

Anno 4 Grafico di funzione

Anno 4 Grafico di funzione Anno 4 Grafico di funzione Introduzione In questa lezione impareremo a disegnare il grafico di una funzione reale. Per fare ciò è necessario studiare alcune caratteristiche salienti della funzione che

Dettagli

Studio di una funzione ad una variabile

Studio di una funzione ad una variabile Studio di una funzione ad una variabile Lo studio di una funzione ad una variabile ha come scopo ultimo quello di pervenire a un grafico della funzione assegnata. Questo grafico non dovrà essere preciso

Dettagli

3 GRAFICI DI FUNZIONI

3 GRAFICI DI FUNZIONI 3 GRAFICI DI FUNZIONI Particolari sottoinsiemi di R che noi studieremo sono i grafici di funzioni. Il grafico di una funzione f (se non è specificato il dominio di definizione) è dato da {(x, y) : x dom

Dettagli

LA FUNZIONE INTEGRALE

LA FUNZIONE INTEGRALE LA FUNZIONE INTEGRALE MAGLIOCURIOSO & CAMILLO magliocurioso@hotmail.it Sommario. In questa breve dispensa ho semplicementrascritto in L A TEX il contenuto di questa discussione: http://www.matematicamente.it/forum/

Dettagli

Ripasso delle matematiche elementari: esercizi svolti

Ripasso delle matematiche elementari: esercizi svolti Ripasso delle matematiche elementari: esercizi svolti I Equazioni e disequazioni algebriche 3 Esercizi su equazioni e polinomi di secondo grado.............. 3 Esercizi sulle equazioni di grado superiore

Dettagli

RDefinizione (Funzione) . y. . x CAPITOLO 2

RDefinizione (Funzione) . y. . x CAPITOLO 2 CAPITOLO 2 Funzioni reali di variabile reale Nel capitolo precedente è stata introdotta la nozione generale di funzione f : A B, con A e B insiemi arbitrari. Nel presente capitolo si analizzeranno più

Dettagli

Anno 5 4 Funzioni reali. elementari

Anno 5 4 Funzioni reali. elementari Anno 5 4 Funzioni reali elementari 1 Introduzione In questa lezione studieremo alcune funzioni molto comuni, dette per questo funzioni elementari. Al termine di questa lezione sarai in grado di definire

Dettagli

Continuità e derivabilità

Continuità e derivabilità Continuità e derivabilità Indicazioni operative Versione del 17 febbraio 2007 In questa nota propongo alcune indicazioni operative per controllare la continuità e derivabilità di funzioni elementari, o

Dettagli

Esponenziali e logaritmi

Esponenziali e logaritmi Capitolo 9 Esponenziali e logaritmi... Capitolo 0 Funzioni circolari 0. Descrizione di fenomeni periodici Tra le funzioni elementari ne esistono due atte a descrivere fenomeni che si ripetono periodicamente

Dettagli

Iniziamo con un esercizio sul massimo comun divisore: Esercizio 1. Sia d = G.C.D.(a, b), allora:

Iniziamo con un esercizio sul massimo comun divisore: Esercizio 1. Sia d = G.C.D.(a, b), allora: Iniziamo con un esercizio sul massimo comun divisore: Esercizio 1. Sia d = G.C.D.(a, b), allora: G.C.D.( a d, b d ) = 1 Sono state introdotte a lezione due definizioni importanti che ricordiamo: Definizione

Dettagli

Esami d Analisi Matematica 1. Filippo De Mari e Marina Venturino

Esami d Analisi Matematica 1. Filippo De Mari e Marina Venturino Esami d Analisi Matematica 1 Filippo De Mari e Marina Venturino Indice Parte 1. ANNO ACCADEMICO 1999-000 5 1. Corso di Studi in Ingegneria Meccanica 5 Parte. ANNO ACCADEMICO 001-00 15 1. Corso di Studi

Dettagli

Anno 5 4. Funzioni reali: il dominio

Anno 5 4. Funzioni reali: il dominio Anno 5 4 Funzioni reali: il dominio 1 Introduzione In questa lezione impareremo a definire cos è una funzione reale di variabile reale e a ricercarne il dominio. Al termine di questa lezione sarai in grado

Dettagli

Cos è una funzione? (x,y) Є f o y=f(x)

Cos è una funzione? (x,y) Є f o y=f(x) Cos è una funzione? Dati gli insiemi X e Y non vuoti, si chiama funzione da in una relazione f tale che per ogni x Є X esiste uno ed un solo elemento y Є Y tale che (x,y) Є f. Data la funzione f:x->r,

Dettagli

CAPITOLO 16 SUCCESSIONI E SERIE DI FUNZIONI

CAPITOLO 16 SUCCESSIONI E SERIE DI FUNZIONI CAPITOLO 16 SUCCESSIONI E SERIE DI FUNZIONI Abbiamo studiato successioni e serie numeriche, ora vogliamo studiare successioni e serie di funzioni. Dato un insieme A R, chiamiamo successione di funzioni

Dettagli

Ing. Alessandro Pochì

Ing. Alessandro Pochì Lo studio di unzione Ing. Alessandro Pochì Appunti di analisi Matematica per la Classe VD (a.s. 011/01) Schema generale per lo studio di una unzione Premessa Per Studio unzione si intende, generalmente,

Dettagli

Prove d'esame a.a. 20082009

Prove d'esame a.a. 20082009 Prove d'esame aa 008009 Andrea Corli settembre 0 Sono qui raccolti i testi delle prove d'esame assegnati nell'aa 00809, relativi al Corso di Analisi Matematica I (trimestrale, 6 crediti), Laurea in Ingegneria

Dettagli

Limiti e continuità di funzioni reali di una variabile

Limiti e continuità di funzioni reali di una variabile di funzioni reali di una variabile Corso di Analisi Matematica - capitolo VI Facoltà di Economia, UER Maria Caterina Bramati Université Libre de Bruxelles ECARES 22 Novembre 2006 Intuizione di ite di funzione

Dettagli

Nicola De Rosa, Liceo scientifico di ordinamento sessione suppletiva 2011, matematicamente.it

Nicola De Rosa, Liceo scientifico di ordinamento sessione suppletiva 2011, matematicamente.it Nicola De Rosa, Liceo scientifico di ordinamento sessione suppletiva, matematicamente.it PROBLEMA Data una semicirconferenza di diametro AB =, si prenda su di essa un punto P e sia M la proiezione di P

Dettagli

I tre concetti si possono descrivere in modo unitario dicendo che f e iniettiva, suriettiva, biiettiva se e solo se per ogni b B l equazione

I tre concetti si possono descrivere in modo unitario dicendo che f e iniettiva, suriettiva, biiettiva se e solo se per ogni b B l equazione Lezioni del 29 settembre e 1 ottobre. 1. Funzioni iniettive, suriettive, biiettive. Sia f : A B una funzione da un insieme A ad un insieme B. Sia a A e sia b = f (a) B l elemento che f associa ad a, allora

Dettagli

Studio di una funzione. Schema esemplificativo

Studio di una funzione. Schema esemplificativo Studio di una funzione Schema esemplificativo Generalità Studiare una funzione significa determinarne le proprietà ovvero Il dominio. Il segno. Gli intervalli in cui cresce o decresce. Minimi e massimi

Dettagli

Proprietà delle funzioni. M.Simonetta Bernabei & Horst Thaler

Proprietà delle funzioni. M.Simonetta Bernabei & Horst Thaler Proprietà delle funzioni M.Simonetta Bernabei & Horst Thaler Funzioni crescenti e decrescenti Una funzione f è crescente in (a, b) se f ( 1 ) f ( ) quando 1

Dettagli

SIMULAZIONE DI PROVA D ESAME CORSO DI ORDINAMENTO

SIMULAZIONE DI PROVA D ESAME CORSO DI ORDINAMENTO SIMULAZINE DI PRVA D ESAME CRS DI RDINAMENT Risolvi uno dei due problemi e 5 dei quesiti del questionario. PRBLEMA Considera la famiglia di funzioni k ln f k () se k se e la funzione g() ln se. se. Determina

Dettagli

b) Il luogo degli estremanti in forma cartesiana è:

b) Il luogo degli estremanti in forma cartesiana è: Soluzione della simulazione di prova del 9/5/ PROBLEMA È data la funzione di equazione: k f( ). a) Determinare i valori di k per cui la funzione ammette punti di massimo e minimo relativi. b) Scrivere

Dettagli

3. Quale affermazione è falsa?

3. Quale affermazione è falsa? 1. Quale affermazione è falsa? Se la funzione f) è continua e monotona crescente su R e se f) = 1 e f4) =, allora ha un unico zero nell intervallo, 4) f) non si annulla mai in R f ) > nell intervallo,

Dettagli

Matematica generale CTF

Matematica generale CTF Successioni numeriche 19 agosto 2015 Definizione di successione Monotonìa e limitatezza Forme indeterminate Successioni infinitesime Comportamento asintotico Criterio del rapporto per le successioni Definizione

Dettagli

Svolgimento di alcuni esercizi del libro Matematica di Angelo Guerraggio

Svolgimento di alcuni esercizi del libro Matematica di Angelo Guerraggio Svolgimento di alcuni esercizi del libro Matematica di Angelo Guerraggio. Funzioni e insiemi numerici.4 Verificare che (A B) (A B) = (A A ) B. ) Sia (a, b) (A B) (A B). Allora a (A A ) e b B, da cui (a,

Dettagli

Esercizi svolti sui numeri complessi

Esercizi svolti sui numeri complessi Francesco Daddi - ottobre 009 Esercizio 1 Risolvere l equazione z 1 + i = 1. Soluzione. Moltiplichiamo entrambi i membri per 1 + i in definitiva la soluzione è z 1 + i 1 + i = 1 1 + i z = 1 1 i. : z =

Dettagli

Le funzioni reali di variabile reale

Le funzioni reali di variabile reale Prof. Michele Giugliano (Gennaio 2002) Le funzioni reali di variabile reale ) Complementi di teoria degli insiemi. A) Estremi di un insieme numerico X. Dato un insieme X R, si chiama maggiorante di X un

Dettagli

Definisci il Campo di Esistenza ( Dominio) di una funzione reale di variabile reale e, quindi, determinalo per la funzione:

Definisci il Campo di Esistenza ( Dominio) di una funzione reale di variabile reale e, quindi, determinalo per la funzione: Verso l'esame di Stato Definisci il Campo di Esistenza ( Dominio) di una funzione reale di variabile reale e, quindi, determinalo per la funzione: y ln 5 6 7 8 9 0 Rappresenta il campo di esistenza determinato

Dettagli