Integrali doppi - Esercizi svolti

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Integrali doppi - Esercizi svolti"

Transcript

1 Integrali doppi - Esercizi svolti Integrali doppi senza cambiamento di variabili Si disegni il dominio e quindi si calcolino gli integrali multipli seguenti:... xy dx dy, con (x, y R x, y x x }; x + y dx, con (x, y R x /, x y x}; x cos y dx dy, (x, y R x, y x };. Ridurre ad un integrale semplice il seguente integrale doppio: x dx dy, dove è il trapezio di vertici (,, (,, (,, (, ; + y 5. e y dx dy, ove è il triangolo di vertici (,, (,, (,. Integrali doppi con e senza cambiamenti di variabili Si calcolino gli integrali doppi seguenti sia in coordinate cartesiane sia passando a coordinate polari xy dx dy, ove è il semicerchio di centro (,, raggio ed y > ; x dx dy ove è il semicerchio di centro (,, raggio ed x > ; x y dx dy, ove y x dx dy, con xy sin x cos y dx dy, con (x, y R y, } y y x y ; } (x, y R x, x y ; x dx dy, con (x, y R x + y }. (x, y R } π y π x, x π.

2 Interali multipli ed integrali iterati; scambio di ordine d integrazione Rappresentare gli integrali iterati seguenti come integrali doppi e quindi scambiare l ordine di integrazione. Il calcolo del valore dell integrale non è richiesto [ +x x π/ [ x sin x [ x x [ y [ e x x [ /x e x [ y y [ ( sin log(x y dy dx; ( sin log(x y dy dx; f(x, y dy f(x, y dx dy; f(x, y dy f(x, y dy f(x, y dx dx; dx; dx [?; dy; (sgn y y / f(x, y dy Coordinate polari dx [?. Passando a coordinate polari, si calcolino i seguenti integrali:.. [ x [ x. I r x x e x +y dy (x + y dy dx; dx; e x y dx dy, (x, y x + y < r }. Calcolare quindi I lim r + I r. Notare che e x y e x e y ed usare i risultati precedenti per mostrare che π/; + e x dx. x dx dy ove è la corona circolare di centro (, e raggi e ;

3 x + y dx dy ove è la corona circolare di centro (, e raggi e ; x + y dx dy ove è il settore di cerchio di centro (,, raggio e contenuto nel primo quadrante; (x + y dx dy ove è il cerchio individuato da x + y x; (x y dx dy, (x, y R x + y <, y }; Altri cambiamenti di coordinate Per il calcolo degli integrali seguenti, si usino i cambiamenti di coordinate indicati: 8. x aρ cos θ, y bρ sin θ, per il calcolo dell integrale essendo l ellisse (x/a + (y/b ; (x/a (y/b dx dy, 9. x ρ cos θ, y ρ sin θ, per il calcolo dell integrale (y/ ;. u x+y, v y/x per l integrale (y/x b}, con a e b parametri positivi. Applicazioni. Si calcolino i centri di massa delle figure seguenti xy dx dy, essendo l ellisse (x/ + xy dx dy, (x, y R (/a x+y a, (/b (a Una piastra piana omogenea, delimitata da y x, x y, x. (b Una piastra piana omogenea, delimitata da y x, x + y. (c Il disco x + y x la cui densità in ogni punto è uguale alla distanza del punto dall origine.. Calcolare i momenti di inerzia dei corpi seguenti, supposti omogenei, con densità. L asse di rotazione (rispetto a cui i momenti di inerzia vanno calcolati è ortogonale al piano della figura e passa per il punto P indicato. (a Un disco (P giace sulla circonferenza;

4 (b un ellisse (P è il centro; (c un quadrato di lato l (P è un vertice; (d un rettangolo (P è il punto di intersezione delle diagonali; (e un triangolo isoscele (P è il vertice opposto alla base; (f un disco, ruotante intorno ad una sua retta tangente. Ulteriori integrali doppi Si calcolino gli integrali seguenti:. cosh(y x dx dy ove è l insieme (x, y y x, y + x }; I 7. K x y dx dy ove è l insieme (x, y x + y, x + y }; f(x, y dx dy ove A } f(x, y min x + y,, (x, y x, y, x + y }. (y + e x dx dy, con A (x, y x y x }. xy x + y dx dy, con K (x, y R x y } x, xy.

5 SOLUZIONI Integrali doppi senza cambiamento di variabili. xy dx dy, (x, y R x, y x x }. Si può fare sia riducendo rispetto all asse x che rispetto all asse y, ma la difficoltà del calcolo non è la medesima nei due casi. Primo metodo. Proiettando l insieme sull asse x si trova l intervallo [, e per ogni x la sezione S x è (x, y y x x }. S x x unque [ [ x x [ x x xy dx dy xy dy dx xy dy dx x y dy dx S x } x x x y dx x(x x dx x(x + x x dx (x + x 5 x dx x + 6 x6 } 5 x } Secondo metodo. Riducendo rispetto all asse y, la proiezione di sull asse y è l intervallo [,. Fissato y, S y (x, y y x + y}. y S y

6 unque [ [ + y xy dx dy y S y x dx dy y x + } y y dy y y [ + ( y + y [ + ( y } y dy y y dy y y dy. La sostituzione y s dà il seguente calcolo della primitiva y y dy ( s ss ds (s s ds s } 5 s5 + c. unque e y y dy ( y + 5 ( y 5 + c y y dy ( y + 5 ( y x + y dx dy, (x, y R x, x y x} y x y x / / Riducendo rispetto all asse delle ascisse [ x x + y dy dx Ora, x x log( + y x x } dx x log( + x dx log( + x dx x log( + x ( x log( + x x x + + dx x + x log( + x log( + x (x + dx x log( + x log( + x x + x + c. } x log( + x log( + x dx. x + x dx

7 Inoltre x log( + x dx log( + x dx x log( + x x x dx + x x log( + x x + x dx ( x log( + x x x + x dx x log( + x x + log( + x + c e quindi l integrale da calcolare è x log( + x x log( + x } dx [ x log( + x log( + x x + x x log( + x + x log( + x ( log log log log 5 8 log 5 8 log log 5 8 log Riducendo rispetto all asse y, la proiezione di è il segmento y S y (y, x y x y} se y S y (y, x y < x < } se y. Vanno calcolati separatamente due integrali e quindi sommati [ y [ x y + y dx y dy x dx dy + y y + y y y } dy ( y + dy + y [ [ y + y log( + y + log log 5. } (, y y e per ogni y + y [x y dy Si calcola quindi [ x + y dx dy y + y dy ( 8 [ + y } + log 8 + log log + 8 log 5. y 8 8 (x y dy + y y + 8 [ + y y dy dy 8 [ y + y log( + y [ 5 8 log + log 5 Sommando si trova log + log 5 ( log 5 8 log

8 Riducendo rispetto all asse x, [ x [ x x cos y dy dx x cos y dy dx x sin( x dx sin( x d( x sin sin }. Lo stesso risultato si può dedurre dal fatto che la funzione da integrare f(x, y x cos y è dispari in x e l insieme di integrazione è simmetrico rispetto all asse y.. x dx dy. + y y x Riducendo rispetto all asse x [ x x + y dx [ arctan y x x dy dx [ x x + ( y x x π dx π log. ( y d dx x

9 Invece, proiettando sull asse y si ha [ x + y dx dy + ( x ( d y + x y ( y arctan x y dy + [ ( arctan y y arctan y y arctan y dx y x + y dx dy ( dy + x ( d dy y y + x y ( y arctan x y dy y dy + (arctan y y arctan dy arctan y dy π log. I due integrali si calcolano per sostituzione e per parti. In particolare abbiamo arctan y dy y s ( (arctan s d s s arctan s s + s ds e y arctan y dy y s (arctan s ( s d s (arctan s ds s arctan s + s + s ds. Avendo ridotto gli integrali ad integrali di funzioni razionali, si sa che il calcolo è possibile ma, in questi casi, piuttosto laborioso. 5. e y dx dy. y x [ Proiettando sull asse x si ha e y dy x si esprimono mediante funzioni elementari. Invece, proiettando sull asse y e y dx dy [ y dx. Tuttavia si sa che le primitive di e y non [ y e y dx dy e y dx dy ye y dy [e y e.

10 Integrali doppi con e senza cambiamento di variabili 6. xy dx dy y x x Riducendo rispetto all asse x, [ x x [ x x xy dy dx x y dy dx x [y x x dx x(x x dx [ x } x In coordinate polari l equazione della semicirconferenza y x x è r cos θ, con θ π. r θ unque il cambio di coordinate è x r cos θ y r sin θ θ π r cos θ xy dx dy π π [ cos θ (r cos θ (r sin θr dr dθ [cos θ sin θ( cos θ dθ 6 π π ( cos 5 θ d cos θ 6 [ cos θ (cos θ sin θ r dr dθ [ cos 6 π. 7. x dx dy.

11 y x Si vede che x dx dy x dx dy per simmetria. Verifichiamolo esplicitamente [ x x dy dx ( x }. In coordinate polari risulta [ π x x dx x d( x ( π (ρ cos θρ dθ dρ ρ dρ cos θ dθ [sin π sin. 8. A x y dx dy, A (x, y R y y x y} x y dx dy A x y dx dy + A x y dx dy A dove A (x, y R y, y y x } A (x, y R y, x y}.

12 Abbiamo quindi x y dx dy A [ x dy ( xy dx + y y [ x x y y dy (x y dx x x y dy + x y y x (x y dx x ( + y y y y y dy + [ ( y + y ( y dy + 8 y y y dy ( y + y y dy y y dy concludiamo osservando che il primo integrale è elementare, mentre nel secondo effettuiamo la sostituzione y t +, ottenendo A [ x y dx dy + (y y y t dt y [ + t t + arcsin t 5 6 π. 9. Osserviamo che y x y x se y x x y se x > y. Pertanto conviene scomporre T in due regioni come in figura. Si ottiene x y y x dx dy dx (x y dy + dy T x (y x dx y [ x x [ (x x dx + y + y (y y dy

13 π. Ragionando come nell esercizio precedente conviene scrivere C C C, dove C (x, y R x π, y π x } C (x, y R x π, π y } C C π Quindi I xy sin x cos y dx dy + xy sin x cos y dx dy C C π π dx x sin x x π y cos y dy dx x sin x π sin x cos x dx π y cos y dy. Calcoliamo prima l integrale mediante riduzione ad integrali semplici. y + x y x Proiettando sull asse x [ x x dy dx x [ x x x dy dx x x dx

14 ora conviene sostituire x sin s x x dx ( sin s( cos s( cos s ds 6 cos s sin s ds ds s sin s + c arcsin x sin arcsin x + c [sin s cos s ds da cui [ x [ arcsin x sin arcsin x x dy dx x [arcsin sin arcsin arcsin( sin arcsin( 8(arcsin sin arcsin, perché sin sin x che arcsin x sono funzioni dispari. Ora e l integrale richiesto vale π. arcsin π, sin arcsin sin π Calcoliamo ora quest integrale passando a coordinate polari. x dx dy (x, y R x + y } x ρ cos θ, y ρ sin θ, ρ θ π π ( π π [ρ cos θρ dρ dθ ( π ( π cos θ dθ ρ dρ 6 + cos θ dθ

15 Integrali multipli ed integrali iterati; scambio di ordine di integrazione Si procede in questo modo: dato un integrale b [ a f(x, y dy dx S x si identifica l insieme (x, y y S x, a x b} si interpreta quindi l integrale iterato come integrale ottenuto riducendo l integrale doppio f(x, y dx dy rispetto all asse x. Quindi si riduce quest integrale doppio rispetto all asse y.. y x y x [ x x dy dx [ dx dy (x, y R x y x, x } y, y dx dy, g(y. y, y <. g(y a cui [ x x dy dx dx dy [ dx y [ dy + dx dy y

16 . π [ x sin x dy dx dx dy, dove (x, y R sin x y x, x π }. π y x y sin x π La proiezione di sull asse y è [, π e quindi dx dy π [ S y dx dy, S y (x, y y x arcsin y y (x, y y x π y π da cui dx dy [ arcsin y y [ π π dx dy + y dx dy.. Possiamo scrivere x, x }. [ x x dy dx dx dy, dove (x, y R x y x y Quindi [ x x dy dx [ y y dx dy + [ y y dx dy.

17 5. Possiamo scrivere }. [ y dx dy dx dy, dove (x, y R y x, x x y Quindi [ y dx dy [ x dy dx. 6. Possiamo scrivere x }. [ e x x dy dx dx dy, dove (x, y R x y e x, e e x y x Quindi [ e x x dy dx [ y dx dy + [ e [ dx dy + dx dy. log y 7. [? 8. ( y y y }. f(x, y dx dy f(x, y dx dy, dove (x, y R y x y,

18 Quindi ( y f(x, y dx dy y ( x f(x, y dy dx + ( x f(x, y dy dx. 9. [?

19 Coordinate polari. Utilizzando le coordinate polari x ρ cos θ y ρ sin θ il dominio T (x, y R x, y x } si trasforma nel rettangolo R (ρ, θ R < ρ, θ π} θ y π T x + y R x ρ ed il determinante della matrice jacobiana della trasformazione è ρ. unque T e x +y dx dy π e ρ ρ dρ dθ R [ e ρ π e. π ( e ρ ρ dρ dθ. x x x (x + y dx dy. x + y Se indichiamo con e i domini rappresentati qui di seguito

20 possiamo scrivere x (x + y dx dy (x + y dx dy (x + y dx dy (x + y dx dy. x x Passando a coordinate polari centrate nell origine (x + y dx dy π ( ρ dρ dθ π π 8 mentre da cui (x + y dx dy ( π cos θ ρ dρ dθ π cos θ dθ π ( + cos θ dθ π, π ( + cos θ + cos θ dθ π ( cos θ + + cos θ dθ [ θ + π 8 sin θ + sin θ (x + y dx dy π 8 6 π 5 6 π.. Il dominio di integrazione è il cerchio di raggio r centrato nell origine. Passando a coordinate polari otteniamo I r r ( π e ρ ρ dθ dρ π e ρ r ( π e r. Quindi I ( lim I r lim π e r π. r + r +

21 . x dx dy Passando a coordinate polari x dx dy π [ ( π ρ(ρ cos θ dρ dθ cos θ dθ ρ dρ 8.. x + y dx dy Passando a coordinate polari π [ x + y ρ ρ dρ dθ π ρ ρ dρ π ρ(ρ dρ π (ρ d(ρ π (ρ π 8 π.

22 5. x + y dx dy π x + y dx dy ρ ρ dρ dθ π dθ ρ dρ π π (x + y dx dy ρ θ Sostituendo le coordinate polari x ρ cos θ, y ρ sin θ nell equazione della circonferenza x +y x ricaviamo che ρ varia tra e cos θ. Quindi [ π (x + y cos θ dx dy ρ ρ dρ dθ π ρ cos θ dθ π π π π π π π π cos θ dθ cos θ dθ π π π π + cos θ dθ π π π π + π. π (cos θ ( sin θ dθ ( cos θ sin θ dθ π π ( cos θ dθ π π cos θ dθ sin θ dθ

23 7. I (x y dx dy (x, y R x + y <, y }. π [ I ρ(ρ cos θ ρ sin θ dρ dθ [ π (cos θ sin θ dθ ρ dρ 8 π (cos θ sin θ dθ 8 [sin θ + cos θπ 6.

24 Altri cambiamenti di coordinate 8. I ( x a ( y dx dy, con b (x, y R ( x a + ( y } b. b a a b Il cambiamento di coordinate x aρ cos θ y bρ sin θ ha abρ come valore assoluto del determinante della matrice jacobiana. Quindi I π [ abρ ρ dρ dθ πab ρ ρ dρ πab ( ρ( ρ dρ πab ( ρ [ πab [ πab xy dx dy, con (x, y R ( x + ( y }, ovvero i punti interni all ellisse di semiassi e rispettivamente.

25 Passiamo a coordinate polari ellittiche x ρ cos θ y ρ sin θ ed otteniamo che lo jacobiano della trasformazione è 8ρ. Quindi xy dx dy 6 π [ π [ 6 sin θ (8ρ (ρ cos θ (ρ sin θ dρ ρ dρ π. cos θ sin θ dθ 6 π dθ sin θ d(sin θ. Va calcolato lo jacobiano della trasformazione x x(u, v, y y(u, v ossia Lo jcobiano è v + v v + x u v +, y u (v + u (v + uv v + xy u v (v +. u (v + + uv (v + u (v +.

26 } Inoltre si ha che (x, y a x + y a, b y x b corrisponde all insieme Ω (u, v a u a, b v b } e quindi xy Ω dx dy u (v + (v + u du dv du dv ( v Ω uv ( a b u du v dv log a log b log a log b. a b

27 Applicazioni. Ricordiamo che se µ(x, y è la densità di una lastra, le coordinate x B ed y B del baricentro si calcolano nel modo seguente x B M xµ(x, y dx dy y B M yµ(x, y dx dy dove la massa M è data da M µ(x, y dx dy. In particolare, se la lastra è omogenea di densità costante µ, M µ e le formule diventano dx dy M Area( x B Area( x dx dy y B Area( y dx dy. (a Calcoliamo l area di Area( dx dy ( y (y y dy y [ y dx y dy 6.

28 Quindi ( y x B x dx dy 6 x dx dy Area( y [ x y 6 (y y dy y [ y ( y , y B Area( y dx dy 6 ( y y dx dy y 6 y(y y dy 6 (y y dy [ y ( y 6. (b (x, y R x y x, x }. Area( ( x [ 9. x dy x x x dx ( x x dx + ( 8

29 Quindi x B [ 9 y B ( x x x x x ( x x x dy dx 9 ( 9 9 y dy dx 9 (x x x dx, [( x x dx [ ( x + x x + dx 9 [ 5 + ( x5 5 + x x + x (c Possiamo scrivere x + y x (x + y e dunque è il disco con centro in (, e raggio ; Per simmetria il centro di massa si trova sull asse x. Inoltre sappiamo che la sua ascissa è data da dove la massa M è data da M x M x µ(x, y dx dy µ(x, y dx dy, x + y dx dy. Passiamo a coordinate polari x r cos θ y r sin θ dove π θ π, mentre r varia tra e l estremo r, che si ottiene sostituendo

30 nell equazione x + y x. Avremo dunque r r cos θ, ovvero r cos θ e M π π ( cos θ r r dr dθ π cos θ dθ 6 π [ sin θ π sin θ π π π 6 π π [ r cos θ dθ ( sin θ cos θ dθ [ ( + Quindi x 9 π π π π π π π ( cos θ r cos θ r r dr dθ [ r cos θ cos θ dθ cos 5 θ dθ 9 π π ( sin θ cos θ dθ 9 ( + sin θ sin θ cos θ dθ π 9 [ sin 5 θ π sin θ + sin θ 5 π 9 [ ( Ricordiamo che il momento di inerzia di una lastra, di densità µ(x, y, rispetto ad un asse passante per P è dato dalla formula I M µ(x, yd(x, y dx dy, dove M è la massa totale e d(x, y è la distanza del punto (x, y dal punto fissato P. particolare, se la densità µ(x, y è costante, la formula si semplifica nel modo seguente In I d(x, y dx dy. (a Possiamo supporre che il punto P abbia coordinate ( R,. Quindi il punto (x, y dista dall asse di rotazione (x + R + y.

31 (x, y P unque il momento d inerzia è π R } I [(x + R + y dx dy ρ[(ρ cos θ + R + ρ sin θ dρ dθ [ π R (ρ + ρ R cos θ + ρr dρ dθ π ( R + R cos θ + R dθ R π πr. (b Sia x a + y b l ellisse. (x, y P La distanza di (x, y dall asse di rotazione è x + y e quindi il momento d inerzia è I (x + y dx dy, essendo l ellisse. Passando a coordinate polari ellittiche x aρ cos θ y bρ sin θ

32 si trova I π [ π ρ(a ρ cos θ + b ρ sin θ dρ dθ ab (a cos θ + b sin θ dθ π ( ab + cos θ + sin θ a + b dθ 8 ab(a + b π ab(a + b π. (c Sia il quadrato con due lati sugli assi, un vertice nell origine ed uno in (l, l. l (x, y P l Il momento d inerzia è I (x + y dx dy l + l l. [ l l (x + y dx dy ( l l + ly dy (d Sia il rettangolo di vertici (±a, ±b. b (x, y a P a b I ( (x + y dx dy ( a a bx + b b a + b a [ a b a dx b [ (x + y dy b x + b x ab(a + b. a a dx [ a a x y + y b b dx

33 (e Se rappresentiamo il triangolo T nel modo seguente b P h b avremo I T [ h h5 a (x + y dx dy x h a x + ( + h a. h [ h a x ( h a x h a x (x + y dy dy dx h a h + ( h a h (f L asse di rotazione sia x R. (x, y R asse

34 Il punto (x, y dista x + R dall asse e quindi I (x + R dx dy [ π R ( π R R π πr + πr 5πR. [ π R ρ(ρ cos θ + R dρ (ρ cos θ + R ρ + Rρ cos θ dρ dθ cos θ + R R R + R cos θ dθ + cos θ dθ + R π + dθ

35 Ulteriori integrali doppi. cosh(y x dx dy, K (x, y R y x, y + x }. K y x + y x y x + y x Pongo ξ y x η y + x x (ξ η y (ξ + η da cui ottengo che la matrice jacobiana della trasformazione è Quindi det J e dunque ( J. dx dy det J dξ dη dξ dη, inoltre il dominio di integrazione corrisponde a K (ξ, η R ξ, η }. Quindi l integrale si trasforma in cosh(y x dx dy cosh ξ dξ dη K K ( cosh ξ dξ dη dη cosh ξ dξ [η [sinh ξ [sinh sinh( sinh.

36 . I x y dx dy, (x, y R x + y, x + y } Quindi possiamo scrivere I xy dx dy + ( xy dx dy dove x }, x < }. Passando a coordinate polari, I (ρ cos θ (ρ sin θ ρ dρ dθ + E ( ρ cos θ (ρ sin θ ρ dρ dθ E ρ sin θ cos θ dρ dθ E ρ sin θ cos θ dρ dθ, E dove E (ρ, θ < ρ, π θ π }, E (ρ, θ < ρ, π θ π }, da cui ( π I ρ sin θ cos θ dθ π [ ρ [ π θ sin dρ π 8 [sin π ( sin π [ 8 8 ( ( π ρ π [ ρ [ π θ sin π sin π sin π ( sin θ cos θ dθ dρ

37 5. La funzione integranda si può scrivere come f(x, y min x + y, } x + y se x + y se x + y e quindi con I f(x, y dx dy x + y dx dy + dx dy (x, y x, y, x + y }, (x, y x, y, < x + y }. Passando a coordinate polari I ( π ρ dρ [ ρ ρ dθ π dρ + dθ + ( π [ ρ π + π [ π + ( 5 π. ρ dρ ρ dθ π dθ dρ 6. I A (y + e x dx dy, A (x, y x y x }

38 quindi I [ x (y + e x dy x [ x y + e y x dx dx [ x ( x + e x ( x (x e x (x e x ( x dx e x dx x e x dx. dx Il primo integrale è elementare, mentre il secondo lo risolviamo per parti nel modo seguente x e x dx x e x e sostituendo nell espressione precedente ( xe x dx x e x xe x e x dx e x (x x + I [e x e x (x x + [e x ( x + x e ( + e ( 8e. 7. I K xy x + y dx dy, K (x, y R x y } x, xy. π π 6 Passando a coordinate polari ρ cos θ ρ sin θ I K ρ ρ dρ dθ, con K (ρ, θ ρ π cos θ sin θ, 6 θ π } } (ρ, θ sin θ cos θ ρ π sin θ cos θ, 6 θ π.

39 Quindi I π π 6 π π 6 π π 6 ( sin θ cos θ sin θ cos θ [ ρ sin θ cos θ dθ π 6 π. ρ sin θ cos θ dρ sin θ cos θ dθ sin θ cos θ dθ

Capitolo 16 Esercizi sugli integrali doppi

Capitolo 16 Esercizi sugli integrali doppi Capitolo 6 sercizi sugli integrali doppi Brevi richiami di teoria Sia f : [a, b] [c, d] B IR una funzione limitata e non negativa, definita sul rettangolo R = [a, b] [c, d]. Dividiamo l intervallo [a,

Dettagli

Appunti sul corso di Complementi di Matematica- modulo Analisi Prof. B.Bacchelli

Appunti sul corso di Complementi di Matematica- modulo Analisi Prof. B.Bacchelli Appunti sul corso di Complementi di Matematica- modulo Analisi Prof. B.Bacchelli 09- Integrale doppio: Riferimenti: R.Adams, Calcolo ifferenziale 2. Capitoli 5.1, 5.2, 5.4. Esercizi 5.3, 5.4 Integrale

Dettagli

Calcolo integrale in più variabili

Calcolo integrale in più variabili ppunti di nalisi II Calcolo integrale in più variabili Integrali doppi Nel caso di una funzione di una variabile f : a, b] R, supponendo f continua e fx) a, b], la quantità b a fx)dx indica l area fra

Dettagli

Tutorato di Analisi 2 - AA 2014/15

Tutorato di Analisi 2 - AA 2014/15 Tutorato di Analisi - AA /5 Emanuele Fabbiani 5 marzo 5 Integrali doppi. La soluzione più semplice... Come per gli integrali in una sola variabile, riconoscere eventuali simmetrie evita di sprecare tempo

Dettagli

Capitolo 1. Integrali multipli. 1.1 Integrali doppi su domini normali. Definizione 1.1.1 Si definisce dominio normale rispetto all asse

Capitolo 1. Integrali multipli. 1.1 Integrali doppi su domini normali. Definizione 1.1.1 Si definisce dominio normale rispetto all asse Contenuti 1 Integrali multipli 2 1.1 Integralidoppisudomininormali... 2 1.2 Cambiamento di variabili in un integrale doppio. 6 1.3 Formula di Gauss-Green nel piano e conseguenze. 7 1.4 Integralitripli...

Dettagli

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO 2004

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO 2004 ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO 004 Il candidato risolva uno dei due problemi e 5 dei 10 quesiti in cui si articola il questionario. PROBLEMA 1 Sia f la funzione definita da: f

Dettagli

Cambiamento di variabili negli integrali doppi: La trasformazione in coordinate polari. esiste (evidentemente) una sola coppia ( ρ, θ) R [ 0,2π[

Cambiamento di variabili negli integrali doppi: La trasformazione in coordinate polari. esiste (evidentemente) una sola coppia ( ρ, θ) R [ 0,2π[ Cambiamento di variabili negli integrali doppi: La trasformazione in coordinate polari Osservazione: Se ( x, ) \{(0,0)} esiste (evidentemente) una sola coppia ( ρ, θ) [ 0,[ tale che x. imane in tal modo

Dettagli

I appello - 24 Marzo 2006

I appello - 24 Marzo 2006 Facoltà di Ingegneria - Corso di Laurea in Ing. Energetica e Gestionale A.A.2005/2006 I appello - 24 Marzo 2006 Risolvere gli esercizi motivando tutte le risposte. I.) Studiare la convergenza puntuale,

Dettagli

Durata della prova: 3h. 2 +y 4. tan y sin y lim = 1. (x 4 +y 2 )y 3

Durata della prova: 3h. 2 +y 4. tan y sin y lim = 1. (x 4 +y 2 )y 3 Università degli Studi di Napoli Federico II Corso di Laurea in Matematica Analisi Matematica II (Gruppo ), A.A. 22/3 Prova scritta del 28 gennaio 23 Durata della prova: 3h. sercizio (8 punti). Si consideri

Dettagli

Teoria dei Fenomeni Aleatori 1

Teoria dei Fenomeni Aleatori 1 Integrale Doppio Sia g( x,y ) una funzione continua nel piano ( x,y ) o D è un dominio sul piano ( x,y ) o P è una sua partizione che ricopre il dominio D: ( ) P D D... D... = 1,1 1,2 i,j, con Di,j = ΔxiΔ

Dettagli

2 Argomenti introduttivi e generali

2 Argomenti introduttivi e generali 1 Note Oltre agli esercizi di questa lista si consiglia di svolgere quelli segnalati o assegnati sul registro e genericamente quelli presentati dal libro come esercizio o come esempio sugli argomenti svolti

Dettagli

Esercizi svolti e assegnati su integrali doppi e tripli

Esercizi svolti e assegnati su integrali doppi e tripli Esercizi svolti e assegnati su integrali doppi e tripli Esercizio. ove R R xy x + y + x + y dxdy } x, y R : x, y, x x + y x Svolgimento. Passo : per disegnare R, studiamo C : x + y x, C : x + y x Completando

Dettagli

Federico Lastaria. Analisi e Geometria 2. Integrali multipli. Cambi di variabili. 1/21

Federico Lastaria. Analisi e Geometria 2. Integrali multipli. Cambi di variabili. 1/21 Contenuto Integrali doppi. Teorema di Fubini Cambio di variabili: coordinate polari. Cambio di variabili: caso generale. Coordinate sferiche. Federico Lastaria. Analisi e Geometria 2. Integrali multipli.

Dettagli

CONI, CILINDRI, SUPERFICI DI ROTAZIONE

CONI, CILINDRI, SUPERFICI DI ROTAZIONE CONI, CILINDRI, SUPERFICI DI ROTAZIONE. Esercizi x + z = Esercizio. Data la curva x, calcolare l equazione del cilindro avente γ y = 0 come direttrice e con generatrici parallele al vettore v = (, 0, ).

Dettagli

Esercizi di riepilogo Matematica II Corso di Laurea in Ottica ed Optometria

Esercizi di riepilogo Matematica II Corso di Laurea in Ottica ed Optometria Esercizi di riepilogo Matematica II Corso di Laurea in Ottica ed Optometria Esercizio 1 Testo Sia F F 1 x,y),f x,y)) ) x 1 x y + 1 x, y 1 x y + 1 y un campo vettoriale. 1. Si determini il dominio in cui

Dettagli

DOMINIO E LIMITI. Esercizio 3 Studiare gli insiemi di livello della funzione f, nei seguenti casi: 1) f(x,y) = y2 x 2 + y 2.

DOMINIO E LIMITI. Esercizio 3 Studiare gli insiemi di livello della funzione f, nei seguenti casi: 1) f(x,y) = y2 x 2 + y 2. FUNZIONI DI DUE VARIABILI 1 DOMINIO E LIMITI Domini e disequazioni in due variabili. Insiemi di livello. Elementi di topologia (insiemi aperti, chiusi, limitati, convessi, connessi per archi; punti di

Dettagli

Integrali di superficie: esercizi svolti

Integrali di superficie: esercizi svolti Integrali di superficie: esercizi svolti Gli esercizi contrassegnati con il simbolo * presentano un grado di difficoltà maggiore. Esercizio. Calcolare i seguenti integrali superficiali sulle superfici

Dettagli

Analisi Mat. 1 - Ing. Inform. - Soluzioni del compito del 23-3-06

Analisi Mat. 1 - Ing. Inform. - Soluzioni del compito del 23-3-06 Analisi Mat. - Ing. Inform. - Soluzioni del compito del 3-3-6 Sia p il polinomio di quarto grado definito da pz = z 4. Sia S il settore circolare formato dai numeri complessi che hanno modulo minore o

Dettagli

Proposta di soluzione della prova di matematica Liceo scientifico di Ordinamento - 2014

Proposta di soluzione della prova di matematica Liceo scientifico di Ordinamento - 2014 Proposta di soluzione della prova di matematica Liceo scientifico di Ordinamento - 14 Problema 1 Punto a) Osserviamo che g (x) = f(x) e pertanto g () = f() = in quanto Γ è tangente all asse delle ascisse,

Dettagli

GEOMETRIA DELLE MASSE

GEOMETRIA DELLE MASSE 1 DISPENSA N 2 GEOMETRIA DELLE MASSE Si prende in considerazione un sistema piano, ossia giacente nel pian x-y. Un insieme di masse posizionato nel piano X-Y, rappresentato da punti individuati dalle loro

Dettagli

6) f(x, y) = xy 1 log(5 2x 2y) x + y. 2x x 2 y 2 z 2 x 2 + y 2 + z 2 x Esercizio 2. Studiare gli insiemi di livello delle seguenti funzioni:

6) f(x, y) = xy 1 log(5 2x 2y) x + y. 2x x 2 y 2 z 2 x 2 + y 2 + z 2 x Esercizio 2. Studiare gli insiemi di livello delle seguenti funzioni: FUNZIONI IN PIÙ VARIABILI 1. Esercizi Esercizio 1. Determinare il dominio delle seguenti funzioni, specificando se si tratta di un insieme aperto o chiuso: 1) f(x, ) = log(x x ) ) f(x, ) = x + 3) f(x,

Dettagli

DERIVATE DELLE FUNZIONI. esercizi proposti dal Prof. Gianluigi Trivia

DERIVATE DELLE FUNZIONI. esercizi proposti dal Prof. Gianluigi Trivia DERIVATE DELLE FUNZIONI esercizi proposti dal Prof. Gianluigi Trivia Incremento della variabile indipendente e della funzione. Se, sono due valori della variabile indipendente, y f ) e y f ) le corrispondenti

Dettagli

a) Osserviamo innanzi tutto che dev essere x > 0. Pertanto il dominio è ]0, + [. b) Poniamo t = log x. Innanzi tutto si ha:

a) Osserviamo innanzi tutto che dev essere x > 0. Pertanto il dominio è ]0, + [. b) Poniamo t = log x. Innanzi tutto si ha: ESERCIZIO - Data la funzione f (x) = (log x) 6 7(log x) 5 + 2(log x) 4, si chiede di: a) calcolare il dominio di f ; ( punto) b) studiare la positività e le intersezioni con gli assi; (3 punti) c) stabilire

Dettagli

MOMENTI DI INERZIA. m i. i=1

MOMENTI DI INERZIA. m i. i=1 MOMENTI DI INEZIA Massa Ad ogni punto materiale si associa uno scalare positivo m che rappresenta la quantità di materia di cui è costituito il punto. m, la massa, è costante nel tempo. Dato un sistema

Dettagli

SOLUZIONE DEL PROBLEMA 2 CORSO DI ORDINAMENTO 2013. 8 4 + x 2, con dominio R (infatti x2 + 4 0 per ogni. 8 4 + ( x) = 8. 4 + x 2

SOLUZIONE DEL PROBLEMA 2 CORSO DI ORDINAMENTO 2013. 8 4 + x 2, con dominio R (infatti x2 + 4 0 per ogni. 8 4 + ( x) = 8. 4 + x 2 SOLUZIONE DEL PROBLEMA CORSO DI ORDINAMENTO. Studiamo la funzione f(x) = x R). Notiamo che f( x) = 4 + x, con dominio R (infatti x + 4 per ogni 4 + ( x) = 4 + x = f(x), cioè la funzione è pari e il grafico

Dettagli

Determinare estremo superiore ed estremo inferiore dell insieme ( 1) n A = n + 1 : n IN

Determinare estremo superiore ed estremo inferiore dell insieme ( 1) n A = n + 1 : n IN Prima prova di verifica in itinere di ANALISI MATEMATICA Gennaio 00 Determinare estremo superiore ed estremo inferiore dell insieme { } ( ) n A = n + : n IN specificando se si tratta rispettivamente di

Dettagli

Esercizi svolti. 1. Si consideri la funzione f(x) = 4 x 2. a) Verificare che la funzione F(x) = x 2 4 x2 + 2 arcsin x è una primitiva di

Esercizi svolti. 1. Si consideri la funzione f(x) = 4 x 2. a) Verificare che la funzione F(x) = x 2 4 x2 + 2 arcsin x è una primitiva di Esercizi svolti. Si consideri la funzione f() 4. a) Verificare che la funzione F() 4 + arcsin è una primitiva di f() sull intervallo (, ). b) Verificare che la funzione G() 4 + arcsin π è la primitiva

Dettagli

CONTINUITÀ E DERIVABILITÀ Esercizi proposti. 1. Determinare lim M(sinx) (M(t) denota la mantissa di t)

CONTINUITÀ E DERIVABILITÀ Esercizi proposti. 1. Determinare lim M(sinx) (M(t) denota la mantissa di t) CONTINUITÀ E DERIVABILITÀ Esercizi proposti 1. Determinare lim M(sin) (M(t) denota la mantissa di t) kπ/ al variare di k in Z. Ove tale limite non esista, discutere l esistenza dei limiti laterali. Identificare

Dettagli

Nicola De Rosa, Liceo scientifico di ordinamento sessione suppletiva 2011, matematicamente.it

Nicola De Rosa, Liceo scientifico di ordinamento sessione suppletiva 2011, matematicamente.it Nicola De Rosa, Liceo scientifico di ordinamento sessione suppletiva, matematicamente.it PROBLEMA Data una semicirconferenza di diametro AB =, si prenda su di essa un punto P e sia M la proiezione di P

Dettagli

b) Il luogo degli estremanti in forma cartesiana è:

b) Il luogo degli estremanti in forma cartesiana è: Soluzione della simulazione di prova del 9/5/ PROBLEMA È data la funzione di equazione: k f( ). a) Determinare i valori di k per cui la funzione ammette punti di massimo e minimo relativi. b) Scrivere

Dettagli

RETTE, PIANI, SFERE, CIRCONFERENZE

RETTE, PIANI, SFERE, CIRCONFERENZE RETTE, PIANI, SFERE, CIRCONFERENZE 1. Esercizi Esercizio 1. Dati i punti A(1, 0, 1) e B(, 1, 1) trovare (1) la loro distanza; () il punto medio del segmento AB; (3) la retta AB sia in forma parametrica,

Dettagli

Corso di Matematica per CTF Appello 15/12/2010

Corso di Matematica per CTF Appello 15/12/2010 Appello 15/12/2010 Svolgere i seguenti esercizi: 1) Calcolare entrambi i limiti: a) lim(1 x) 1 e x 1 ; x 0 x log 2 x b) lim x 1 1 cos(x 1). 2) Data la funzione: f(x) = x log x determinarne dominio, eventuali

Dettagli

Esercizio 2 Si consideri la funzione f definita dalle seguenti condizioni: e x. per x 1 f(x) = α x + e 1 per 1 < x

Esercizio 2 Si consideri la funzione f definita dalle seguenti condizioni: e x. per x 1 f(x) = α x + e 1 per 1 < x FUNZIONI Esercizio 1 Studiare la funzione f(x) = ln ( ) x e disegnarne il grafico. x 1 Esercizio 2 Si consideri la funzione f definita dalle seguenti condizioni: { e x per x 1 f(x) = α x + e 1 per 1

Dettagli

Matematica e Statistica

Matematica e Statistica Matematica e Statistica Prova d esame (0/07/03) Università di Verona - Laurea in Biotecnologie - A.A. 0/3 Matematica e Statistica Prova di MATEMATICA (0/07/03) Università di Verona - Laurea in Biotecnologie

Dettagli

Analisi Matematica 2 per Matematica Esempi di compiti, primo semestre 2011/2012

Analisi Matematica 2 per Matematica Esempi di compiti, primo semestre 2011/2012 Analisi Matematica 2 per Matematica Esempi di compiti, primo semestre 211/212 Ricordare: una funzione lipschitziana tra spazi metrici manda insiemi limitati in insiemi limitati; se il dominio di una funzione

Dettagli

Calcolo integrale per funzioni di più variabili reali

Calcolo integrale per funzioni di più variabili reali CAPITOLO 4 Calcolo integrale per funzioni di più variabili reali La definizione di integrale definito per funzioni di una variabile reale è motivato dal problema del calcolo delle aree: si desidera calcolare

Dettagli

PROBLEMI TRADIZIONALI SIMULAZIONE DELLA PROVA DI MATEMATICA

PROBLEMI TRADIZIONALI SIMULAZIONE DELLA PROVA DI MATEMATICA Simulazione 01/15 ANNO SCOLASTICO 01/15 PROBLEMI TRADIZIONALI SIMULAZIONE DELLA PROVA DI MATEMATICA DELL ESAME DI STATO PER IL LICEO SCIENTIFICO Il candidato risolva uno dei due problemi Problema 1 Nella

Dettagli

Massimi e minimi vincolati di funzioni in due variabili

Massimi e minimi vincolati di funzioni in due variabili Massimi e minimi vincolati di funzioni in due variabili I risultati principali della teoria dell ottimizzazione, il Teorema di Fermat in due variabili e il Test dell hessiana, si applicano esclusivamente

Dettagli

EQUAZIONI DIFFERENZIALI Esercizi svolti. y = xy. y(2) = 1.

EQUAZIONI DIFFERENZIALI Esercizi svolti. y = xy. y(2) = 1. EQUAZIONI DIFFERENZIALI Esercizi svolti 1. Determinare la soluzione dell equazione differenziale (x 2 + 1)y + y 2 =. y + x tan y = 2. Risolvere il problema di Cauchy y() = 1 2 π. 3. Risolvere il problema

Dettagli

x 2 + y2 4 = 1 x = cos(t), y = 2 sin(t), t [0, 2π] Al crescere di t l ellisse viene percorsa in senso antiorario.

x 2 + y2 4 = 1 x = cos(t), y = 2 sin(t), t [0, 2π] Al crescere di t l ellisse viene percorsa in senso antiorario. Le soluzioni del foglio 2. Esercizio Calcolare il lavoro compiuto dal campo vettoriale F = (y + 3x, 2y x) per far compiere ad una particella un giro dell ellisse 4x 2 + y 2 = 4 in senso orario... Soluzione.

Dettagli

Esercizi di Analisi Matematica

Esercizi di Analisi Matematica Esercizi di Analisi Matematica CAPITOLO 1 LE FUNZIONI Exercise 1.0.1. Risolvere le seguenti disuguaglianze: (1) x 1 < 3 () x + 1 > (3) x + 1 < 1 (4) x 1 < x + 1 x 1 < 3 x + 1 < 3 x < 4 Caso: (a): x 1

Dettagli

Analisi Matematica II (Prof. Paolo Marcellini) 1 Esercizi tratti da temi d esame di anni precedenti

Analisi Matematica II (Prof. Paolo Marcellini) 1 Esercizi tratti da temi d esame di anni precedenti Analisi Matematica II (Prof. Paolo Marcellini) Università degli Studi di Firenze Corso di laurea in Matematica Esercitazione del 8// Michela Eleuteri eleuteri@math.unifi.it web.math.unifi.it/users/eleuteri

Dettagli

Sono definite in sottoinsiemi di R n (n N), a valori in R Ci si limiterà al caso di R 2 o di R 3

Sono definite in sottoinsiemi di R n (n N), a valori in R Ci si limiterà al caso di R 2 o di R 3 1 FUNZIONI DI PIÙ VARIABILI 1 1 Funzioni di più variabili Sono definite in sottoinsiemi di R n (n N), a valori in R Ci si limiterà al caso di R 2 o di R 3 Definizione 1.1 Dati D R 2 e f : D R, l insieme

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO STATALE G.GALILEI CATANIA A.S. 2006/2007 SIMULAZIONE DI II PROVA - A

LICEO SCIENTIFICO STATALE G.GALILEI CATANIA A.S. 2006/2007 SIMULAZIONE DI II PROVA - A LICEO SCIENTIFICO STATALE G.GALILEI CATANIA A.S. 6/7 SIMULAZIONE DI II PROVA - A Tempo a disposizione: cinque ore E consentito l uso della calcolatrice non programmabile. Non è consentito uscire dall aula

Dettagli

1 Integrali curvilinei

1 Integrali curvilinei Integrali curvilinei Richiamo: + x dx x + x + x log ) + + x. Exercise Verificare la formula precedente. Exercise Calcolare a + b x dx, con a, b qualsiasi. Exercise 3 Calcolare la lunghezza dell arco di

Dettagli

ed é dato, per P (t) una qualsiasi parametrizzazione di cui sopra, da

ed é dato, per P (t) una qualsiasi parametrizzazione di cui sopra, da 1 Integrali su una curva regolare Sia C R N una curva regolare, ossia: (1) C é l immagine di una funzione P (t) definita in un intervallo [a, b] (qui preso chiuso e limitato), tipicamente chiuso e limitato,

Dettagli

FUNZIONE REALE DI UNA VARIABILE

FUNZIONE REALE DI UNA VARIABILE FUNZIONE REALE DI UNA VARIABILE Funzione: legge che ad ogni elemento di un insieme D (Dominio) tale che D R, fa corrispondere un elemento y R ( R = Codominio ). f : D R : f () = y ; La funzione f(): A

Dettagli

Soluzione del tema d esame di matematica, A.S. 2005/2006

Soluzione del tema d esame di matematica, A.S. 2005/2006 Soluzione del tema d esame di matematica, A.S. 2005/2006 Niccolò Desenzani Sun-ra J.N. Mosconi 22 giugno 2006 Problema. Indicando con A e B i lati del rettangolo, il perimetro è 2A + 2B = λ mentre l area

Dettagli

1. Calcolare, giustificandone l esistenza, il seguente integrale: y (1 + x) 2 dxdy, ydxdy. x 2 dxdy,

1. Calcolare, giustificandone l esistenza, il seguente integrale: y (1 + x) 2 dxdy, ydxdy. x 2 dxdy, . Calcolare, giustificandone l esistenza, il seguente integrale: ( + x dxd, = {(x, R :, x }.. isegnare il dominio = {(x, R : x, + x } e calcolare dxd. 3. Calcolare x dxd, è il triangolo di vertici ( 3,,

Dettagli

Corso di ordinamento Sessione straordinaria - a.s. 2009-2010 ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO SESSIONE STRAORDINARIA

Corso di ordinamento Sessione straordinaria - a.s. 2009-2010 ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO SESSIONE STRAORDINARIA Sessione straordinaria - a.s. 9- ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO SESSIONE STRAORDINARIA Tema di: MATEMATICA a.s. 9- Svolgimento a cura di Nicola De Rosa Il candidato risolva uno

Dettagli

CONTINUITÀ E DERIVABILITÀ Esercizi risolti

CONTINUITÀ E DERIVABILITÀ Esercizi risolti CONTINUITÀ E DERIVABILITÀ Esercizi risolti. Determinare kπ/ [cos] al variare di k in Z. Ove tale ite non esista, discutere l esistenza dei iti laterali. Identificare i punti di discontinuità della funzione

Dettagli

3. Sia g(x) = 4. Si calcoli l area del triangolo mistilineo ROS, ove l arco RS appartiene al grafico di f(x) o, indifferentemente, di g(x).

3. Sia g(x) = 4. Si calcoli l area del triangolo mistilineo ROS, ove l arco RS appartiene al grafico di f(x) o, indifferentemente, di g(x). Esame liceo Scientifico : ordinamento Il candidato risolva uno dei due problemi e risponda a 5 quesiti del questionario. PROBLEMI Problema. Sia ABCD un quadrato di lato, P un punto di AB e γ la circonferenza

Dettagli

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO 2001 Sessione suppletiva

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO 2001 Sessione suppletiva ESME DI STT DI LICE SCIENTIFIC CRS DI RDINMENT 1 Sessione suppletiva Il candidato risolva uno dei due problemi e dei 1 quesiti in cui si articola il questionario. PRBLEM 1 Si consideri la funzione reale

Dettagli

EQUAZIONI DIFFERENZIALI. 1. Trovare tutte le soluzioni delle equazioni differenziali: (a) x = x 2 log t (d) x = e t x log x (e) y = y2 5y+6

EQUAZIONI DIFFERENZIALI. 1. Trovare tutte le soluzioni delle equazioni differenziali: (a) x = x 2 log t (d) x = e t x log x (e) y = y2 5y+6 EQUAZIONI DIFFERENZIALI.. Trovare tutte le soluzioni delle equazioni differenziali: (a) x = x log t (d) x = e t x log x (e) y = y 5y+6 (f) y = ty +t t +y (g) y = y (h) xy = y (i) y y y = 0 (j) x = x (k)

Dettagli

Definisci il Campo di Esistenza ( Dominio) di una funzione reale di variabile reale e, quindi, determinalo per la funzione:

Definisci il Campo di Esistenza ( Dominio) di una funzione reale di variabile reale e, quindi, determinalo per la funzione: Verso l'esame di Stato Definisci il Campo di Esistenza ( Dominio) di una funzione reale di variabile reale e, quindi, determinalo per la funzione: y ln 5 6 7 8 9 0 Rappresenta il campo di esistenza determinato

Dettagli

VERIFICA DI MATEMATICA. CLASSI TERZE (3AS, 3BS, 3CS, 3DS, 3ES) 2 settembre 2013 COGNOME E NOME.. CLASSE.

VERIFICA DI MATEMATICA. CLASSI TERZE (3AS, 3BS, 3CS, 3DS, 3ES) 2 settembre 2013 COGNOME E NOME.. CLASSE. VERIFIC DI MTEMTIC CLSSI TERZE (S, BS, CS, DS, ES) settembre COGNOME E NOME.. CLSSE. Esercizio In un piano cartesiano ortogonale determinare: a) l equazione della parabola con asse parallelo all asse,

Dettagli

LE FUNZIONI MATEMATICHE

LE FUNZIONI MATEMATICHE ALGEBRA LE FUNZIONI MATEMATICHE E IL PIANO CARTESIANO PREREQUISITI l l l l l conoscere il concetto di insieme conoscere il concetto di relazione disporre i dati in una tabella rappresentare i dati mediante

Dettagli

Analisi 2. Argomenti. Raffaele D. Facendola

Analisi 2. Argomenti. Raffaele D. Facendola Analisi 2 Argomenti Successioni di funzioni Definizione Convergenza puntuale Proprietà della convergenza puntuale Convergenza uniforme Continuità e limitatezza Teorema della continuità del limite Teorema

Dettagli

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO SPERIMENTALE P.N.I. 2004 Sessione straordinaria

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO SPERIMENTALE P.N.I. 2004 Sessione straordinaria ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO SPERIMENTALE P.N.I. 004 Sessione straordinaria Il candidato risolva uno dei due problemi e 5 dei 0 quesiti in cui si articola il questionario. PROBLEMA In un piano

Dettagli

LE FUNZIONI A DUE VARIABILI

LE FUNZIONI A DUE VARIABILI Capitolo I LE FUNZIONI A DUE VARIABILI In questo primo capitolo introduciamo alcune definizioni di base delle funzioni reali a due variabili reali. Nel seguito R denoterà l insieme dei numeri reali mentre

Dettagli

quando il limite delle somme di Riemann esiste. In tal caso diciamo che la funzione è integrabile sul rettangolo.

quando il limite delle somme di Riemann esiste. In tal caso diciamo che la funzione è integrabile sul rettangolo. Integrali multipli Consideriamo, inizialmente il caso degli integrali doppi. Il concetto di integrale doppio è l estensione della definizione di integrale per una funzione reale di una variabile reale

Dettagli

Analisi Matematica II (Fisica e Astronomia) Esercizi di ricapitolazione n. 1

Analisi Matematica II (Fisica e Astronomia) Esercizi di ricapitolazione n. 1 Analisi Matematica II (Fisica e Astronomia) Esercizi di ricapitolazione n. Università di Padova - Lauree in Fisica ed Astronomia - A.A. 8/9 venerdì 8 maggio 9 Questi esercizi sono proposti come preparazione

Dettagli

Integrali doppi / Esercizi svolti

Integrali doppi / Esercizi svolti M.Guida, S.Rolando, 4 Integrali doppi / Esercizi svolti L asterisco contrassegna gli esercizi più dicili. ESERCIZIO. Sia (x, y) R : x + y, x y

Dettagli

Risposta La curva r è regolare a tratti per via di quanto succede della sua rappresentazione parametrica nel punto t = 1: pur riuscendo

Risposta La curva r è regolare a tratti per via di quanto succede della sua rappresentazione parametrica nel punto t = 1: pur riuscendo ANALISI VETTORIALE OMPITO PER LE VAANZE DI FINE D ANNO Esercizio Sia r(t) la curva regolare a tratti x = t, y = t, t [, ] e x = t, y = t, t [, ]. alcolare la lunghezza di r, calcolare, dove esistono, i

Dettagli

Capitolo Sedicesimo CENNO SULLE SUPERFICI

Capitolo Sedicesimo CENNO SULLE SUPERFICI Capitolo Sedicesimo CENNO SULLE SUPERFICI 1. L A N O Z I O N E D I S U P E R F I C I E In tutto il Capitolo, chiameremo dominio un sottoinsieme di  2 che sia la chiusura di un aperto connesso. Sono tali,

Dettagli

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO SPERIMENTALE P.N.I. 2002 Sessione suppletiva

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO SPERIMENTALE P.N.I. 2002 Sessione suppletiva ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO SPERIMENTALE P.N.I. Sessione suppletiva Il candidato risolva uno dei due problemi e dei quesiti in cui si articola il questionario. PROBLEMA Nel piano riferito

Dettagli

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO 2002 Sessione suppletiva

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO 2002 Sessione suppletiva ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO 00 Sessione suppletiva Il candidato risolva uno dei due problemi e 5 dei 0 quesiti in cui si articola il questionario. PROBLEMA Se il polinomio

Dettagli

4. Calcolare il baricentro delle seguenti regioni del piano dotate di densità unitaria:

4. Calcolare il baricentro delle seguenti regioni del piano dotate di densità unitaria: INTEGRLI OPPI e TRIPLI Esercii risolti. Calcolare i seguenti integrali doppi: a b c d e f g h i j k y d dy,, y :, y }; d dy,, y :, y }; + y + y d dy,, y :, y }; y d dy,, y :, y }; y d dy,, y :, y + };

Dettagli

FUNZIONI ELEMENTARI Esercizi risolti

FUNZIONI ELEMENTARI Esercizi risolti FUNZIONI ELEMENTARI Esercizi risolti 1 Discutendo graficamente la disequazione x > 3+x, verificare che l insieme delle soluzioni è un intervallo e trovarne gli estremi Rappresentare nel piano x, y) l insieme

Dettagli

I appello - 26 Gennaio 2007

I appello - 26 Gennaio 2007 Facoltà di Ingegneria - Corso di Laurea in Ing. Informatica e delle Telecom. A.A.006/007 I appello - 6 Gennaio 007 Risolvere gli esercizi motivando tutte le risposte. (N.B. il quesito teorico è obbligatorio)

Dettagli

6. Calcolare le derivate parziali prime e seconde, verificando la validità del teorema di Schwarz:

6. Calcolare le derivate parziali prime e seconde, verificando la validità del teorema di Schwarz: FUNZIONI DI PIU VARIABILI Esercizi svolti. Determinare il dominio delle seguenti funzioni e rappresentarlo graficamente : (a) f log( x y ) (b) f log(x + y ) (c) f y x 4 (d) f sin(x + y ) (e) f log(xy +

Dettagli

QUADERNI DI DIDATTICA

QUADERNI DI DIDATTICA Department of Applied Mathematics, University of Venice QUADERNI DI DIDATTICA Tatiana Bassetto, Marco Corazza, Riccardo Gusso, Martina Nardon Esercizi sulle funzioni di più variabili reali con applicazioni

Dettagli

SOLUZIONE DEL PROBLEMA 1 CORSO SPERIMENTALE P.N.I. 2014

SOLUZIONE DEL PROBLEMA 1 CORSO SPERIMENTALE P.N.I. 2014 SOLUZIONE DEL PROBLEMA 1 CORSO SPERIMENTALE P.N.I. 01 1. Determiniamo l espressione analitica di g() dividendo il suo dominio in intervalli. La circonferenza di diametro AO ha equazione (+) + = + + = 0

Dettagli

SIMULAZIONE DI PROVA D ESAME CORSO DI ORDINAMENTO

SIMULAZIONE DI PROVA D ESAME CORSO DI ORDINAMENTO SIMULAZINE DI PRVA D ESAME CRS DI RDINAMENT Risolvi uno dei due problemi e 5 dei quesiti del questionario. PRBLEMA Considera la famiglia di funzioni k ln f k () se k se e la funzione g() ln se. se. Determina

Dettagli

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO SPERIMENTALE P.N.I. 2008

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO SPERIMENTALE P.N.I. 2008 PRVA SPERIMENTALE P.N.I. 8 ESAME DI STAT DI LICE SCIENTIFIC CRS SPERIMENTALE P.N.I. 8 Il candidato risolva uno dei due problemi e 5 dei quesiti in cui si articola il questionario. PRBLEMA Nel piano riferito

Dettagli

Esercizio 1. Sia f(x) = sin x, g(x) = log x. La funzione g(f 2 (x)) è. A log(sin 2 x); B log sin x ; C log(sin x 2 ); D sin log x 2.

Esercizio 1. Sia f(x) = sin x, g(x) = log x. La funzione g(f 2 (x)) è. A log(sin 2 x); B log sin x ; C log(sin x 2 ); D sin log x 2. 1 Esercizio 1. Sia f(x) = sin x, g(x) = log x. La funzione g(f 2 (x)) è A log(sin 2 x); B log sin x ; C log(sin x 2 ); D sin log x 2. Esercizio 2. Sia f(x) = sin(log x ). Questa funzione è Esercizio 3.

Dettagli

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO SPERIMENTALE P.N.I. 2004

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO SPERIMENTALE P.N.I. 2004 ESAME DI STAT DI LICE SCIENTIFIC CRS SPERIMENTALE P.N.I. 004 Il candidato risolva uno dei due problemi e 5 dei 0 quesiti in cui si articola il questionario. PRBLEMA Sia la curva d equazione: ke ove k e

Dettagli

Funzioni in più variabili

Funzioni in più variabili Funzioni in più variabili Corso di Analisi 1 di Andrea Centomo 27 gennaio 2011 Indichiamo con R n, n 1, l insieme delle n-uple ordinate di numeri reali R n4{(x 1, x 2,,x n ), x i R, i =1,,n}. Dato X R

Dettagli

ESAME DI STATO 2002 SECONDA PROVA SCRITTA PER IL LICEO SCIENTIFICO DI ORDINAMENTO

ESAME DI STATO 2002 SECONDA PROVA SCRITTA PER IL LICEO SCIENTIFICO DI ORDINAMENTO ARCHIMEDE 4/ 97 ESAME DI STATO SECONDA PROVA SCRITTA PER IL LICEO SCIENTIFICO DI ORDINAMENTO Il candidato risolva uno dei due problemi e 5 dei quesiti in cui si articola il questionario. PROBLEMA In un

Dettagli

15 febbraio 2010 - Soluzione esame di geometria - 12 crediti Ingegneria gestionale - a.a. 2009-2010 COGNOME... NOME... N. MATRICOLA...

15 febbraio 2010 - Soluzione esame di geometria - 12 crediti Ingegneria gestionale - a.a. 2009-2010 COGNOME... NOME... N. MATRICOLA... 15 febbraio 010 - Soluzione esame di geometria - 1 crediti Ingegneria gestionale - a.a. 009-010 COGNOME.......................... NOME.......................... N. MATRICOLA............. La prova dura

Dettagli

1 Definizione: lunghezza di una curva.

1 Definizione: lunghezza di una curva. Abstract Qui viene affrontato lo studio delle curve nel piano e nello spazio, con particolare interesse verso due invarianti: la curvatura e la torsione Il primo ci dice quanto la curva si allontana dall

Dettagli

DOMINIO di FUNZIONI. PREREQUISITI: Grafici delle funzioni elementari. Calcolo di EQUAZIONI e DISEQUAZIONI, intere e fratte.

DOMINIO di FUNZIONI. PREREQUISITI: Grafici delle funzioni elementari. Calcolo di EQUAZIONI e DISEQUAZIONI, intere e fratte. DOMINIO di FUNZIONI PREREQUISITI: Grafici delle funzioni elementari. Calcolo di EQUAZIONI e DISEQUAZIONI, intere e fratte. Tutorial di Barberis Paola - 2009 Definizioni: FUNZIONE e DOMINIO LA FUNZIONE

Dettagli

Risposta: L area del triangolo è dove sono le misure di due lati e è l ampiezza dell angolo tra essi compreso ;

Risposta: L area del triangolo è dove sono le misure di due lati e è l ampiezza dell angolo tra essi compreso ; 1. Un triangolo ha area 3 e due lati che misurano 2 e 3. Qual è la misura del terzo lato? : L area del triangolo è dove sono le misure di due lati e è l ampiezza dell angolo tra essi compreso ; nel nostro

Dettagli

LE TRASFORMAZIONI GEOMETRICHE NEL PIANO

LE TRASFORMAZIONI GEOMETRICHE NEL PIANO LE TRASFORMAZIONI GEOMETRICHE NEL PIANO Una trasformazione geometrica è una funzione che fa corrispondere a ogni punto del piano un altro punto del piano stesso Si può pensare come MOVIMENTO di punti e

Dettagli

Maturità Scientifica PNI, sessione ordinaria 2000-2001

Maturità Scientifica PNI, sessione ordinaria 2000-2001 Matematica per la nuova maturità scientifica A. Bernardo M. Pedone Maturità Scientifica PNI, sessione ordinaria 000-00 Problema Sia AB un segmento di lunghezza a e il suo punto medio. Fissato un conveniente

Dettagli

Raccolta degli Scritti d Esame di ANALISI MATEMATICA U.D. 1 assegnati nei Corsi di Laurea di Fisica, Fisica Applicata, Matematica

Raccolta degli Scritti d Esame di ANALISI MATEMATICA U.D. 1 assegnati nei Corsi di Laurea di Fisica, Fisica Applicata, Matematica DIPARTIMENTO DI MATEMATICA Università degli Studi di Trento Via Sommarive - Povo (TRENTO) Raccolta degli Scritti d Esame di ANALISI MATEMATICA U.D. 1 assegnati nei Corsi di Laurea di Fisica, Fisica Applicata,

Dettagli

Lezione 6 (16/10/2014)

Lezione 6 (16/10/2014) Lezione 6 (16/10/2014) Esercizi svolti a lezione Esercizio 1. La funzione f : R R data da f(x) = 10x 5 x è crescente? Perché? Soluzione Se f fosse crescente avrebbe derivata prima (strettamente) positiva.

Dettagli

IL CALCOLO VETTORIALE (SUPPLEMENTO AL LIBRO)

IL CALCOLO VETTORIALE (SUPPLEMENTO AL LIBRO) IL CALCOLO VETTORIALE SUPPLEMENTO AL LIBRO CLAUDIO BONANNO Contents. Campi di vettori e operatori 2. Il lavoro di un campo di vettori 5 2.. Lavoro e campi conservativi 6 2.2. Lavoro e campi irrotazionali:

Dettagli

Generalità sulle funzioni

Generalità sulle funzioni Capitolo Concetto di funzione Generalità sulle funzioni Definizione di funzione Definizione Dato un sottoinsieme non vuoto D di R, si chiama funzione reale di variabile reale, una relazione che ad ogni

Dettagli

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ODINAMENTO 2011. Il candidato risolva uno dei due problemi e 5 dei 10 quesiti scelti nel questionario 1.

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ODINAMENTO 2011. Il candidato risolva uno dei due problemi e 5 dei 10 quesiti scelti nel questionario 1. ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ODINAMENTO 11 Il candidato risolva uno dei due problemi e 5 dei 1 quesiti scelti nel questionario 1. PROBLEMA 1 Si considerino le funzioni f e g definite, per

Dettagli

Università degli studi di Brescia Facoltà di Medicina e Chirurgia Corso di Laurea in Infermieristica. Corso propedeutico di Matematica e Informatica

Università degli studi di Brescia Facoltà di Medicina e Chirurgia Corso di Laurea in Infermieristica. Corso propedeutico di Matematica e Informatica Università degli studi di Brescia Facoltà di Medicina e Chirurgia Corso di Laurea in Infermieristica a.a. 2006/2007 Docente Ing. Andrea Ghedi Lezione 2 IL PIANO CARTESIANO 1 Il piano cartesiano In un piano

Dettagli

Studio di funzioni ( )

Studio di funzioni ( ) Studio di funzioni Effettuare uno studio qualitativo e tracciare un grafico approssimativo delle seguenti funzioni. Si studi in particolare anche la concavità delle funzioni e si indichino esplicitamente

Dettagli

Liceo Scientifico F. Lussana Bergamo Programma di MATEMATICA A.S. 2014/2015 Classe 3 A C Prof. Matteo Bonetti. Equazioni e Disequazioni

Liceo Scientifico F. Lussana Bergamo Programma di MATEMATICA A.S. 2014/2015 Classe 3 A C Prof. Matteo Bonetti. Equazioni e Disequazioni Liceo Scientifico F. Lussana Bergamo Programma di MATEMATICA A.S. 2014/2015 Classe 3 A C Prof. Matteo Bonetti Equazioni e Disequazioni Ripasso generale relativo alla risoluzione di equazioni, disequazioni,

Dettagli

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO 2011

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO 2011 ESAME DI STAT DI LICE SCIENTIFIC CRS DI RDINAMENT Il candidato risolva uno dei due problemi e 5 dei quesiti in cui si articola il questionario. PRBLEMA Si considerino le funzioni f e g definite, per tutti

Dettagli

Indicando con x i minuti di conversazione effettuati in un mese, con la spesa totale nel mese e con il costo medio al minuto:

Indicando con x i minuti di conversazione effettuati in un mese, con la spesa totale nel mese e con il costo medio al minuto: PROBLEMA 1. Il piano tariffario proposto da un operatore telefonico prevede, per le telefonate all estero, un canone fisso di 10 euro al mese, più 10 centesimi per ogni minuto di conversazione. Indicando

Dettagli

Prove scritte dell esame di Analisi Matematica II a.a. 2011/2012

Prove scritte dell esame di Analisi Matematica II a.a. 2011/2012 Prove scritte dell esame di Analisi Matematica II a.a. / C.d.L. in Ingegneria Informatica ed Elettronica - Università degli Studi di Perugia Prova scritta del 7 giugno. ( punti) Disegnare l insieme E (x,

Dettagli

Le trasformazioni geometriche

Le trasformazioni geometriche Le trasformazioni geometriche Le trasformazioni geometriche Le trasformazioni affini del piano o affinità Le similitudini Le isometrie Le traslazioni Le rotazioni Le simmetrie assiale e centrale Le omotetie

Dettagli

09 - Funzioni reali di due variabili reali

09 - Funzioni reali di due variabili reali Università degli Studi di Palermo Facoltà di Economia CdS Sviluppo Economico e Cooperazione Internazionale Appunti del corso di Matematica 09 - Funzioni reali di due variabili reali Anno Accademico 2013/2014

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI UDINE. Corsi di Laurea in Ingegneria. Luciano BATTAIA, Pier Carlo CRAIGHERO MATEMATICA DI BASE

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI UDINE. Corsi di Laurea in Ingegneria. Luciano BATTAIA, Pier Carlo CRAIGHERO MATEMATICA DI BASE UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI UDINE Corsi di Laurea in Ingegneria Luciano BATTAIA, Pier Carlo CRAIGHERO MATEMATICA DI BASE Testi dei temi d esame ed esercizi proposti con soluzione breve Versione del 1 settembre

Dettagli

1.5. ISTOGRAMMA 17. Figura 1.3: Istogramma ottenuto mediante campionamento da VA Gaussiana (η x =0, σ 2 X =1).

1.5. ISTOGRAMMA 17. Figura 1.3: Istogramma ottenuto mediante campionamento da VA Gaussiana (η x =0, σ 2 X =1). .5. ISTOGRAMMA 7.5 Istogramma A partire dalle considerazioni svolte nel paragrafo precedente, posto x m = min(x,,x N e x M = max(x,,x N, possiamo ottenere una stima della densità di probabilità p (x suddividendo

Dettagli