DOMINI DI CURVATURA DI SEZIONI IN C.A. IN PRESSOFLESSIONE DEVIATA. PARTE II: VALUTAZIONE SEMPLIFICATA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "DOMINI DI CURVATURA DI SEZIONI IN C.A. IN PRESSOFLESSIONE DEVIATA. PARTE II: VALUTAZIONE SEMPLIFICATA"

Transcript

1 Valutazioe e riduzioe della vulerailità sismia di ediii esisteti i.a. Roma, 9-0 maggio 00 DOMINI DI CURVATURA DI SEZIONI IN C.A. IN PRESSOFLESSIONE DEVIATA. PARTE II: VALUTAZIONE SEMPLIFICATA Di Ludovio M., Verderame G.M., Ioviella I., Coseza E. Dipartimeto di Igegeria Strutturale (DIST), Uiversità di Napoli Federio II, via Claudio, 0, Napoli. ABSTRACT La apaità deormativa di ua sezioe i emeto armato è sigiiativamete iluezata dal regime di solleitazioe ui essa è soggetta. I partiolare, il passaggio da azioi di presso lessioe retta a presso lessioe deviata idue ua perdita di apaità deormativa ovvero ua riduzioe di urvatura ultima della sezioe. Tale riduzioe può essere valutata attraverso la determiazioe dei domii di urvatura rappresetativi, al variare dello sorzo ormale agete e dell agolo di solleitazioe estera, delle urvature ultime della sezioe. Nella prima parte della presete memoria, o rierimeto a sezioi tipiamete risotraili egli ediii esisteti, si soo presetati e disussi gli adameti di tali domii, otteuti mediate l utilizzo di u programma a ire. Al ie di osetire ua rapida determiazioe degli stessi, seza dover riorrere ad aalisi a ire, si preseta, ella seoda parte della presete memoria, ua proedura sempliiata di alolo attraverso ui determiare, o u uo grado di approssimazioe, la urvatura ultima di sezioi quadrate i emeto armato soggette ad azioi di presso lessioe retta e deviata. Le espressioi sempliiate riavate possoo rappresetare, duque, u valido strumeto per la valutazioe prelimiare del omportameto sismio di elemeti i.a. soggetti ad azioi iassiali. PAROLE CHIAVE sezioi i.a., presso lessioe deviata, asse eutro, sorzo assiale, urvatura ultima. INTRODUZIONE La apaità resistete di sezioi i emeto armato (.a.) soggette a solleitazioi di presso lessioe deviata, è stata aalizzata, egli ultimi deei, da diversi autori. Uo dei primi metodi sempliiati di ui si ha otizia i letteratura è il osiddetto Load Cotour Method, (LC), (Bresler, 960) attraverso il quale, issato u determiato valore dello sorzo ormale agete, la superiie limite è approssimata mediate la seguete espressioe: α M M x y + = M M x0 y0 α () Topi: MND FC IRREG MIX TAMP SCALE NODI BIAX PREFAB

2 dove M x e M y rappresetao il mometo lettete rispetto agli assi x ed y i orrispodeza di u determiato valore dello sorzo ormale, N; M x0 e M y0 rappresetao i mometi ultimi i presso lessioe retta rispetto agli stessi assi i orrispodeza di N; ed α e α soo espoeti he variao i uzioe delle aratteristihe meaihe e geometrihe della sezioe ohé del valore di sorzo ormale assegato. A partire da tale ormulazioe diversi autori (Hsu, 9, Silva et al, 00, Sakiaakis, 00) hao proposto diverse modiihe al ie di perveire a semplii ormulazioi aalitihe he osetissero di determiare la apaità resistete di sezioi di orma qualsiasi i regime di presso lessioe deviata o u grado di approssimazioe via via deresete. I partiolare, Ghersi e Muratore, 00 hao messo a puto u metodo sempliiato per determiare il domiio di iterazioe di sezioi rettagolari i.a. Tale metodo si asa sulla deiizioe di semplii espressioi matematihe attraverso ui alolare i mometi ultimi della sezioe i regime di presso lessioe retta per poi utilizzare l espressioe () adottado u valore di α =α =,, idiato ome oservativo per i valori orretemete risotraili di sorzo ormale. Reetemete, Moti ed Alessadri, 006 hao proposto u metodo per tarare il oeiiete α i uzioe dello sorzo ormale e delle aratteristihe geometrihe e meaihe della sezioe. Lo stesso ultimo testo ormativo (D.M. /0/ 0) propoe di aalizzare il prolema della determiazioe della apaità resistete di sezioi soggette a presso lessioe deviata attraverso ua relazioe o ui tarare il oeiiete α da itrodurre ella equazioe (). A rote di umerosi studi atti a determiare i via sempliiata la apaità resistete di ua sezioe i.a., aora areti soo, ivee, gli studi relativi alla ilueza idotta da u regime di solleitazioe iassiale i termii di riduzioe di urvatura ultima. Oiettivo della presete memoria, pertato, è la messa a puto di ormulazioi sempliiate he osetao ua rapida valutazioe, seppur i via approssimata, dei domii di urvatura ultima di ua sezioe i.a. soggetta ad azioi di presso lessioe deviata, al pari di quato già esiste per i domii di resisteza. Tali ormulazioi soo state tarate e alirate su sezioi quadrate aratterizzate da dimesioi geometrihe e meaihe tipihe degli ediii esisteti, i ui domii di urvatura, determiati mediate l utilizzo di u programma a ire (Di Ludovio et al., 007), soo stati presetati ella prima parte della presete memoria. I questo modo è stato possiile valutare l auratezza delle ormulazioi proposte determiado l errore peretuale he si ommette utilizzado le stesse ivee di ua più rigorosa, ma ertamete più dispediosa da u puto di vista di alolo, aalisi a ire. FORMULAZIONI SEMPLIFICATE PER LA DETERMINAZIONE DEI DOMINI DI CURVATURA ULTIMA Dall aalisi umeria odotta sui domii di urvatura, presetata ella prima parte della presete memoria, è emerso he la urvatura ultima di ua sezioe simmetria i.a. può essere omputata qualora si oosao i primo luogo la urvatura ultima della sezioe per due partiolari valori dell agolo di solleitazioe estera, β=0 e β=. Noti tali valori è possiile, iatti, per ogi preissato valore dello sorzo ormale adimesioalizzato, ν, determiare ua urva iterpolate o adameto pseudo-paraolio i grado di orire il valore della urvatura ultima della sezioe i esame per qualsiasi agolo di solleitazioe estera, e, quidi, i qualsiasi aso di presso lessioe deviata. Nel prosieguo si presetao ua serie di ormulazioi sempliiate, speiiatamete messe a puto per sezioi quadrate armate simmetriamete, attraverso ui determiare i via approssimata: a) la urvatura ultima per β=0 al variare di ν; ) la urvatura ultima per β=

3 al variare di ν; ) la uzioe passate per i puti A=(β=0, φ 0 ult.) e B=(β=,φ ult.), i grado di approssimare al meglio il domiio φ ult. - β per u preissato valore di ν.. Curvatura Ultima al variare di ν: il aso β=0 I tale sezioe si preseta u metodo sempliiato attraverso ui perveire i via approssimata alla urvatura ultima di sezioi quadrate armate simmetriamete i orrispodeza di u agolo di solleitazioe estera β=0. Il metodo osiste el determiare, per ique preissate posizioi dell asse eutro, il valore di φ ult. e ν, i modo da otteere mediate iterpolazioe lieare per tratti, l itero diagramma urvatura ultima-sorzo ormale adimesioalizzato per β=0. Il metodo proposto si asa sull assuzioe di alue ipotesi sempliiative: - per iasua posizioe dell asse eutro si assume he le armature della sezioe siao sempre servate (ipotesi o sempre veriiata); - la valutazioe della risultate del ampo di tesioi di ompressioe del alestruzzo avviee mediate l adozioe del metodo dello stress-lok; - le arre di armatura soo tutte aratterizzate da uo stesso diametro. Fatte salve tali ipotesi, per iasua posizioe dell asse eutro, ovvero issato il valore di x, è possiile alolare lo sorzo ormale tramite l equazioe di seguito riportata: N ψ x + A A () = y t y dove si adotta ψ = 0., rappreseta il lato della sezioe quadrata, ed y rappresetao la tesioe di ompressioe del alestruzzo e di servameto dell aiaio, ed t idiao rispettivamete il umero di erri ompressi ed il umero di erri tesi preseti ella sezioe i orrispodeza della posizioe dell asse eutro x, ed A è l area di ua sigola arra di armatura. Idiato o il umero totale di arre preseti ella sezioe e posto N A y ν = e ω = dalla espressioe () si perviee, moltipliado e dividedo amo i memri per, alla seguete espressioe: ψ x t ν = + ω = k + qω () o k ψ x q = q qt =. t = e ε u Assegato x, duque, la urvatura ultima è orita dal rapporto (o ε u, deormazioe x ultima del alestruzzo ompresso) ed il orrispodete valore di ν è immediatamete determiaile attraverso la () ote le aratteristihe geometrihe e meaihe della sezioe i esame. Co rierimeto a sezioi quadrate simmetriamete armate o o erri, si predoo i osiderazioi valori della proodità dell asse eutro (vedi Figura ), orrispodeti rispettivamete a:

4 xi (a) () Figura. Posizioi di rierimeto dell asse eutro: sezioe o erri (a), sezioe o erri (). -: proodità dell asse eutro pari alla misura del oprierro, ; per tale posizioe dell asse eutro l armatura superiore risulta o reagete metre tutte le altre arre soo ertamete servate i trazioe ragio per ui i valori di ν alolati mediate la () o soo aetti da approssimazioi; -: proodità dell asse eutro pari a 0.; per tale posizioe dell asse eutro le arre i ompressioe e quelle tese disposte i posizioe - potreero (per i valori di ase della sezioe e oprierro tipiamete adottati elle strutture) o essere servate; -: proodità dell asse eutro pari a 0.0; tale posizioe dell asse eutro permette di alolare la risultate dello sorzo ormale omputado il solo otriuto delle tesioi di ompressioe del alestruzzo i quato la risultate di tutte le tesioi delle armature è omuque ulla. Ahe el aso i ui o sia veriiata l ipotesi di armature tutte servate, pertato, i valori di ν alolati attraverso l adozioe della () soo rigorosi; -: proodità dell asse eutro pari a 0.7; per tale posizioe dell asse eutro è possiile eettuare le stesse osiderazioi esposte per la posizioe - osiderado, però, he rispetto a tale aso le arre prima ompresse ora soo tese e vieversa; -: proodità dell asse eutro pari a (-) (altezza utile della sezioe) per tale posizioe dell asse eutro l armatura ieriore risulta o reagete metre tutte le altre arre soo ertamete servate i trazioe ragio per ui i valori di ν alolati mediate la () o soo aetti da approssimazioi. xi Taella. Valori di q,q t e ν per diverse posizioi dell asse eutro. FERRI FERRI Posizioe Asse Neutro x q q t ν q q t ν - 0 k ω 0 k ω - k ω - k k - k k + ω - 0 k + ω 0 k + ω

5 I Taella soo sitetizzati i valori he assumoo i oeiieti q e q t ohé dello sorzo ormale adimesioalizzato ν i orrispodeza di iasua posizioe aalizzata dell asse eutro per etrami le tipologie di sezioi armate rispettivamete o arre d agolo, o distriuite lugo il perimetro. I Figura (a) si riportao i puti del domiio φ ult. -ν otteuti mediate u aalisi a ire (o passo di alolo ν=0.) ed i puti otteuti appliado il proedimeto sopra esposto. Il oroto è eettuato a titolo di esempio o rierimeto ad ua sigola sezioe ed, i partiolare, alla stessa sezioe presa i esame ella prima parte della presete memoria (L=0m, = 0 MPa, y = 0 MPa, ρ = ). Dalla Figura (a) emerge l ottimo aordo tra i ique puti oriti dalle espressioi sempliiati e quelli proveieti dall aalisi a ire. I Figura (), ivee, o rierimeto all itera popolazioe di sezioi aalizzate, si riportao gli sarti peretuali tra il valore di urvatura ultima otteuto mediate l aalisi a ire ed i orrispodeti puti otteuti mediate l utilizzo delle espressioi sempliiate proposte. Si sottoliea he per otteere gli sarti peretuali i relazioe a iasu valore di ν el ampo i esame, 0<ν<.0, o passo di alolo ν=0., i valori proveieti dalle espressioi sempliiate soo stati otteuti per iterpolazioe lieare. Dal graio di Figura () emerge he gli sarti peretuali soo, per tutta la popolazioe di sezioi aalizzate, ieriori al 0%; el rage 0.<ν<0., rappresetativo della maggior parte dei asi di pilastri apparteeti a strutture esisteti tale sarto si ridue a valori ieriori al 0% φ ult. aalisi a ire L=0m; = 0MPa; y = 0MPa; ρ=0.% espressioi sempliiate 0. ν (a) sarto (%) erri erri -0 ν Figura. Coroto tra aalisi a ire e metodo sempliiato (a); sarto peretuale tra i due metodi ().. Curvatura Ultima al variare di ν: il aso β= Aalogamete a quato esposto el aso β=0, ahe el aso β= è possiile valutare, i via approssimata, la urvatura ultima di sezioi quadrate armate simmetriamete impoedo determiate posizioi dell asse eutro ed adottado le stesse ipotesi sempliiative eleate el paragrao preedete. Nel aso β=, osiderado la simmetria geometria e meaia della sezioe, si ha he iasua diagoale della stessa è u asse priipale, per ui l asse eutro risulta essere ortogoale all asse di solleitazioe. Sulla sorta di tale osiderazioe, il metodo proposto, osiste el determiare per ique preissate posizioi dell asse eutro iliato a (vedi Figura ), il valore di φ ult. e ν. ()

6 xi xi (a) Figura. Posizioi di rierimeto dell asse eutro: sezioe o erri (a), sezioe o erri (). Il valore di ν ahe i questo aso è determiaile, ota la posizioe dell asse eutro, attraverso u equazioe di equilirio alla traslazioe: () ( ψ x )( ψx ) N = + A y A t y () da ui moltipliado e dividedo amo i memri per si ottiee: ψx ν = + t ω = k ' + qω () o ' ψx k =. Si sottoliea he el aso i esame l area di alestruzzo ompressa o ha ase ostate e, pertato, il oeiiete ψ o può essere assuto ivariate o la posizioe dell asse eutro; tuttavia, dalla valutazioe itegrale eettuata ell itervallo di variazioe di x tra la posizioe - e - si assume u valore medio di ψ=0.. Assegato x, la urvatura ultima è ε orita dal rapporto u ed il orrispodete valore di ν è immediatamete determiaile x attraverso la (), ote le aratteristihe geometrihe e meaihe della sezioe i esame. Co rierimeto a sezioi quadrate simmetriamete armate o o erri, si predoo i osiderazioi valori della proodità dell asse eutro (vedi Figura ), orrispodeti rispettivamete a: -: proodità dell asse eutro pari a ; per tale posizioe dell asse eutro ua arra di armatura d agolo risulta o reagete metre tutte le altre arre soo servate i trazioe ragio per ui i valori di ν alolati mediate la () o soo aetti da approssimazioi; -: proodità dell asse eutro pari a + ; per tale posizioe dell asse eutro sia le arre i ompressioe he le arre i trazioe i posizioe - e - potreero o essere servate;

7 -: proodità dell asse eutro pari a ; tale posizioe dell asse eutro permette di alolare la risultate dello sorzo ormale omputado il solo otriuto delle tesioi di ompressioe del alestruzzo i quato la risultate di tutte le tesioi delle armature è omuque ulla. Ahe el aso i ui o sia veriiata l ipotesi di armature tutte servate, pertato, i valori di ν alolati attraverso l adozioe della () soo rigorosi; -: la proodità dell asse eutro è pari a ; per tale posizioe dell asse eutro è possiile eettuare le stesse osiderazioi esposte per la posizioe - osiderado, però, he rispetto a tale aso le arre prima ompresse ora soo tese e vieversa; -: la proodità dell asse eutro è pari a ( ) ; per tale posizioe dell asse eutro ua arra di armatura d agolo risulta o reagete metre tutte le altre arre soo servate i ompressioe ragio per ui i valori di ν alolati mediate la () o soo aetti da approssimazioi. I Taella soo sitetizzati i valori he assumoo i oeiieti q e q t ohé dello sorzo ormale adimesioalizzato ν i orrispodeza di iasua posizioe aalizzata dell asse eutro per etrami le tipologie di sezioi armate rispettivamete o arre d agolo, o distriuite lugo il perimetro. Taella. Valori di q,q t e ν per diverse posizioi dell asse eutro. FERRI FERRI Posizioe Asse Neutro x q q t ν q q t ν - 0 k ' ω k ω - + k ' ω k ω - - k ' k k ' + ω k + ω 0 k ' + ω k + ω - ( ) Aalogamete a quato eettuato el paragrao preedete, i Figura (a) si riportao i puti del domiio φ ult. -ν otteuti, o rierimeto ad ua sigola sezioe, sia mediate u aalisi a ire sia attraverso il proedimeto sopra esposto; la Figura (a) mostra u ottimo aordo tra i ique puti oriti dalle espressioi sempliiate e quelli proveieti dall aalisi a ire. I Figura (), ivee, o rierimeto all itera popolazioe di sezioi aalizzate, si riportao gli sarti peretuali tra i valori di urvatura ultima otteuti o i due metodi; ahe i questo aso gli sarti peretuali soo estremamete oteuti.

8 φ ult. aalisi a ire L=0m; = 0MPa; y = 0MPa; ρ=0.% espressioi sempliiate ν -0 ν (a) () Figura. Coroto tra aalisi a ire e metodo sempliiato (a); sarto peretuale tra i due metodi ().. Curvatura Ultima al variare di β sarto (%) La valutazioe sempliiata della urvatura ultima al variare di β, per iasu valore di ν, è eettuata i relazioe all adameto umerio aalizzato ella prima parte della presete memoria. E stato già sottolieato l adameto pseudo-paraolio di φ ult. o β deiito da ua oavità via via deresete all aumetare dello sorzo assiale. Tali aspetti iduoo ad assumere ua ormulazioe sempliiata asata su due diverse espressioi: - per valori di β ompresi ell itervallo 0 0 si adotta, per l apputo, u espressioe paraolia passate per i puti di urvatura ultima approssimata valutata per β=0 e β= ; - per valori di β ompresi ell itervallo 0, state la assa variailità he le urvature mostrao i tale itervallo, si adotta u espressioe lieare ostate pari al valore della urvatura ultima per β=. erri erri φ ult 0.00 puti ase modello approssimato aalisi a ire 0. ν=0.0 ν= ν= ν= β Figura. Coroto tra aalisi a ire e metodo sempliiato.

9 I partiolare, la uzioe paraolia deiita dall equazioe φ ult. = aβ +β+ è uivoamete determiata dalle segueti odizioi: - a) per β=0 si assume il valore di urvatura ultima determiato osì ome disusso el paragrao.; - ) per β=0 si assume quale valore di urvature ultima quella orrispodete a β=, riavato seodo la proedura desritta el paragrao.; - ) per β=0 si assume ua tagete ulla. I partiolare, o rierimeto alla sezioe di Figura (a) e Figura (a), i Figura è riportato, per diversi valori di ν, il oroto tra l adameto delle urvature ultime otteute mediate la proedura proposta ed i puti valutati dall aalisi o il modello a ire. E palese osservare dal graio he la selta della uzioe approssimate odue ad ua stima delle urvature ultime o grado di approssimazioe miore di quello he aratterizza i puti ase deiiti dagli agoli di solleitazioe β=0 e β=. CONCLUSIONI Nella presete memoria è stata proposta ua metodologia sempliiata di alolo ializzata alla determiazioe del domiio di urvatura ultima per solleitazioe di presso-lessioe deviata. L adameto della urvatura ultima o lo sorzo adimesioalizzato è otteuto o rierimeto alle risultaze prodotte da u apposito modello a ire da ui è emerso he la massima e la miima urvatura soo otteute, al variare di ν, per agoli di solleitazioe estera β=0 e β=. Per tal motivo si soo deiiti, dapprima, gli adameti sempliiati della urvature o lo sorzo assiale per i suddetti valori di β. Tale ie è stato perseguito, per ique partiolare posizioi dell asse eutro, mediate la valutazioe della urvatura e del relativo sorzo assiale otteuto attraverso u equazioe di equilirio alla traslazioe. I oroti tra le urvature osi otteute, mediate iterpolazioe lieare e quelli riavati attraverso l aalisi a ire, presi quale rierimeto, mostrao ua uoa approssimazioe ella misura massima del 0%. La valutazioe della urvatura ultima al variare dell agolo di solleitazioe estera β è stata eettuata mediate l utilizzo di ua ormulazioe quadratiaostate. I maiera aaloga la omparazioe umeria tra i due approi, sempliiato e a ire, odue ad u uo grado di approssimazioe. RINGRAZIAMENTI Gli autori desiderao rigraziare l ig. Valetia James per il lavoro svolto durate la sua tesi di laurea i relazioe all argometo i oggetto. Il presete lavoro è stato sviluppato ell amito delle attività di riera della Rete dei Laoratori Uiversitari di Igegeria Sismia ReLUIS iaziato dal Dipartimeto di Protezioe Civile Progetto Eseutivo BIBLIOGRAFIA Bresler, B. (960). Desig riteria or reiored olums uder axial load ad iaxial edig Joural o the Ameria Corete Istitute., 7(), Farmigto Hills, Mi., Novemer 960, -90. Hsu T. Aalysis ad Desig o Square ad Retagular Colums y Equatio o Failure Surae ACI Jour. Marh-April 9 pg 67-79

10 Silva M. A., Coly C. Swa, Jasir S. Arora, M. L. R. F Reyolado. Failure Criterio or RC Memers Uder BiaxialL Bedig ad Axial Load Joural o Strutural Egieerig, Ago 00, Sakiaakis M.G., Biaxial Bedig with axial ore o reiored, omposite ad orete setio o aritrary shape y ier modelad omputer graphis Repaired Advaed i Egieerig Sotware (00) 7-. Ghersi, A., Muratore, M., Veriia e progetto allo stato limite ultimo di pilastri i.a. a sezioe rettagolare: u metodo sempliiato, Igegeria Sismia, Ao XXI, N., settemre-diemre 00. Moti G., Alessadri S. (006) Assessmet o RC Colum Uder Comied Biaxial Bedig ad Axial Load. The Seod i Cogress. - Giugo 006, Naples, Italy. Miistero dei Lavori Pulii Supplemeto Ordiario alla Gazzetta Uiiale del /0/00 D.M. /0/00 Di Ludovio, M., Ligola, G. P., Prota, A., Coseza E. Aalisi o lieare di sezioi i.a. soggette a pressolessioe deviata Atti del XII Covego Igegeria Sismia i Italia ANIDIS 007,, PISA 0- giugo 007.

LEZIONI DI MATEMATICA PER I MERCATI FINANZIARI VALUTAZIONE DI TITOLI OBBLIGAZIONARI E STRUTTURA PER SCADENZA DEI TASSI DI INTERESSE

LEZIONI DI MATEMATICA PER I MERCATI FINANZIARI VALUTAZIONE DI TITOLI OBBLIGAZIONARI E STRUTTURA PER SCADENZA DEI TASSI DI INTERESSE LEZIONI DI MATEMATICA PER I MERCATI FINANZIARI Dipartimeto di Sieze Eoomihe Uiversità di Veroa VALUTAZIONE DI TITOLI OBBLIGAZIONARI E STRUTTURA PER SCADENZA DEI TASSI DI INTERESSE Lezioi di Matematia per

Dettagli

Dall atomo di Bohr alla costante di struttura fine

Dall atomo di Bohr alla costante di struttura fine Dall atomo di Bohr alla ostate di struttura fie. INFORMAZIONI SPETTROSCOPICHE SUGLI ATOMI E be oto he ogi sostaza opportuamete eitata emette radiazioi elettromagetihe. Co uo spettrosopio, o strumeti aaloghi,

Dettagli

8. Quale pesa di più?

8. Quale pesa di più? 8. Quale pesa di più? Negli ultimi ai hao suscitato particolare iteresse alcui problemi sulla pesatura di moete o di pallie. Il primo problema di questo tipo sembra proposto da Tartaglia el 1556. Da allora

Dettagli

Metodi statistici per l'analisi dei dati

Metodi statistici per l'analisi dei dati Metodi statistici per l aalisi dei dati due Motivazioi Obbiettivo: Cofrotare due diverse codizioi (ache defiiti ) per cui soo stati codotti gli esperimeti. Metodi tatistici per l Aalisi dei Dati due Esempio

Dettagli

DEFINIZIONE PROCESSO LOGICO E OPERATIVO MEDIANTE IL QUALE, SULLA BASE

DEFINIZIONE PROCESSO LOGICO E OPERATIVO MEDIANTE IL QUALE, SULLA BASE DEFINIZIONE PROCESSO LOGICO E OPERATIVO MEDIANTE IL QUALE, SULLA BASE DI UN GRUPPO DI OSSERVAZIONI O DI ESPERIMENTI, SI PERVIENE A CERTE CONCLUSIONI, LA CUI VALIDITA PER UN COLLETTIVO Più AMPIO E ESPRESSA

Dettagli

CONCETTI BASE DI STATISTICA

CONCETTI BASE DI STATISTICA CONCETTI BASE DI STATISTICA DEFINIZIONI Probabilità U umero reale compreso tra 0 e, associato a u eveto casuale. Esso può essere correlato co la frequeza relativa o col grado di credibilità co cui u eveto

Dettagli

Soluzione La media aritmetica dei due numeri positivi a e b è data da M

Soluzione La media aritmetica dei due numeri positivi a e b è data da M Matematica per la uova maturità scietifica A. Berardo M. Pedoe 6 Questioario Quesito Se a e b soo umeri positivi assegati quale è la loro media aritmetica? Quale la media geometrica? Quale delle due è

Dettagli

I numeri complessi. Pagine tratte da Elementi della teoria delle funzioni olomorfe di una variabile complessa

I numeri complessi. Pagine tratte da Elementi della teoria delle funzioni olomorfe di una variabile complessa I umeri complessi Pagie tratte da Elemeti della teoria delle fuzioi olomorfe di ua variabile complessa di G. Vergara Caffarelli, P. Loreti, L. Giacomelli Dipartimeto di Metodi e Modelli Matematici per

Dettagli

4. Metodo semiprobabilistico agli stati limite

4. Metodo semiprobabilistico agli stati limite 4. Metodo seiprobabilistico agli stati liite Tale etodo cosiste el verificare che le gradezze che ifluiscoo i seso positivo sulla, valutate i odo da avere ua piccolissia probabilità di o essere superate,

Dettagli

Sintassi dello studio di funzione

Sintassi dello studio di funzione Sitassi dello studio di fuzioe Lavoriamo a perfezioare quato sapete siora. D ora iazi pretederò che i risultati che otteete li SCRIVIATE i forma corretta dal puto di vista grammaticale. N( x) Data la fuzioe:

Dettagli

IL CALCOLO COMBINATORIO

IL CALCOLO COMBINATORIO IL CALCOLO COMBINATORIO Calcolo combiatorio è il termie che deota tradizioalmete la braca della matematica che studia i modi per raggruppare e/o ordiare secodo date regole gli elemeti di u isieme fiito

Dettagli

Capitolo 8 Le funzioni e le successioni

Capitolo 8 Le funzioni e le successioni Capitolo 8 Le fuzioi e le successioi Prof. A. Fasao Fuzioe, domiio e codomiio Defiizioe Si chiama fuzioe o applicazioe dall isieme A all isieme B ua relazioe che fa corrispodere ad ogi elemeto di A u solo

Dettagli

Motori maxon DC e maxon EC Le cose più importanti

Motori maxon DC e maxon EC Le cose più importanti Motori maxo DC e maxo EC Il motore come trasformatore di eergia Il motore elettrico trasforma la poteza elettrica P el (tesioe U e correte I) i poteza meccaica P mech (velocità e coppia M). Le perdite

Dettagli

LA DERIVATA DI UNA FUNZIONE

LA DERIVATA DI UNA FUNZIONE LA DERIVATA DI UNA FUNZIONE OBIETTIVO: Defiire lo strumeto matematico ce cosete di studiare la cresceza e la decresceza di ua fuzioe Si comicia col defiire cosa vuol dire ce ua fuzioe è crescete. Defiizioe:

Dettagli

ESERCIZI DI ANALISI I. Prof. Nicola Fusco 1. Determinare l insieme in cui sono definite le seguenti funzioni:

ESERCIZI DI ANALISI I. Prof. Nicola Fusco 1. Determinare l insieme in cui sono definite le seguenti funzioni: N. Fusco ESERCIZI DI ANALISI I Prof. Nicola Fusco Determiare l isieme i cui soo defiite le segueti fuzioi: ) log/ arctg π ) 4 ) log π 6 arcse ) ) tg log π + ) 4) 4 se se se tg 5) se cos tg 6) [ 6 + 8 π

Dettagli

Indagini sui coregoni del Lago Maggiore: Analisi sui pesci catturati nel 2010

Indagini sui coregoni del Lago Maggiore: Analisi sui pesci catturati nel 2010 Idagii sui coregoi del Lago Maggiore: Aalisi sui pesci catturati el 1 Rapporto commissioato dal Dipartimeto del territorio, Ufficio della caccia e della pesca, Via Stefao Frascii 17 51 Bellizoa Aprile

Dettagli

ALCUNI ELEMENTI DI TEORIA DELLA STIMA

ALCUNI ELEMENTI DI TEORIA DELLA STIMA ALCUNI ELEMENTI DI TEORIA DELLA STIMA Quado s vuole valutare u parametro θ ad esempo: meda, varaza, proporzoe, oeffete d regressoe leare, oeffete d orrelazoe leare, e) d ua popolazoe medate u ampoe asuale,

Dettagli

Il confronto tra DUE campioni indipendenti

Il confronto tra DUE campioni indipendenti Il cofroto tra DUE camioi idiedeti Il cofroto tra DUE camioi idiedeti Cofroto tra due medie I questi casi siamo iteressati a cofrotare il valore medio di due camioi i cui i le osservazioi i u camioe soo

Dettagli

Sistemi LTI descrivibile mediante SDE (Equazioni alle Differenze Standard)

Sistemi LTI descrivibile mediante SDE (Equazioni alle Differenze Standard) Sistemi LTI descrivibile mediate SDE (Equazioi alle Differeze Stadard) Nella classe dei sistemi LTI ua sottoclasse è quella dei sistemi defiiti da Equazioi Stadard alle Differeze Fiite (SDE), dette così

Dettagli

1. MODELLO DINAMICO AD UN GRADO DI LIBERTÀ. 1 Alcune definizioni preliminari

1. MODELLO DINAMICO AD UN GRADO DI LIBERTÀ. 1 Alcune definizioni preliminari . MODELLO DINAMICO AD UN GRADO DI LIBERTÀ Alcue defiizioi prelimiari I sistemi vibrati possoo essere lieari o o lieari: el primo caso vale il pricipio di sovrapposizioe degli effetti el secodo o. I geerale

Dettagli

EQUAZIONI ALLE RICORRENZE

EQUAZIONI ALLE RICORRENZE Esercizi di Fodameti di Iformatica 1 EQUAZIONI ALLE RICORRENZE 1.1. Metodo di ufoldig 1.1.1. Richiami di teoria Il metodo detto di ufoldig utilizza lo sviluppo dell equazioe alle ricorreze fio ad u certo

Dettagli

APPROFONDIMENTI SUI NUMERI

APPROFONDIMENTI SUI NUMERI APPROFONDIMENTI SUI NUMERI. Il sistem di umerzioe deimle Be presto, ll operzioe turle del otre, si è ggiut l esigez di «rppresetre» i umeri. I sistemi di umerzioe possiili soo molti; per or i limitimo

Dettagli

Capitolo Decimo SERIE DI FUNZIONI

Capitolo Decimo SERIE DI FUNZIONI Capitolo Decimo SERIE DI FUNZIONI SUCCESSIONI DI FUNZIONI I cocetti di successioe e di serie possoo essere estesi i modo molto aturale al caso delle fuzioi DEFINIZIONE Sia E u sottoisieme di  e, per ogi

Dettagli

1 Metodo della massima verosimiglianza

1 Metodo della massima verosimiglianza Metodo della massima verosimigliaza Estraedo u campioe costituito da variabili casuali X i i.i.d. da ua popolazioe X co fuzioe di probabilità/desità f(x, θ), si costruisce la fuzioe di verosimigliaza che

Dettagli

1. L'INSIEME DEI NUMERI REALI

1. L'INSIEME DEI NUMERI REALI . L'INSIEME DEI NUMERI REALI. I pricipli isiemi di umeri Ripredimo i pricipli isiemi umerici N, l'isieme dei umeri turli 0; ; ; ; ;... L'ide ituitiv di umero turle è ssocit l prolem di cotre e ordire gli

Dettagli

Esame di Matematica 2 Mod.A (laurea in Matematica) prova di accertamento del 4 novembre 2005

Esame di Matematica 2 Mod.A (laurea in Matematica) prova di accertamento del 4 novembre 2005 Esame di Matematica 2 ModA (laurea i Matematica prova di accertameto del 4 ovembre 25 ESERCIZIO Si poga a 3 5 + 9 e b 2 4 6 + 6 ( (a Si determii d MCD(a, b e gli iteri m, Z tali che d ma + b co m < b ed

Dettagli

Stim e puntuali. Vocabolario. Cambiando campione casuale, cambia l istogramma e cambiano gli indici

Stim e puntuali. Vocabolario. Cambiando campione casuale, cambia l istogramma e cambiano gli indici Stm e putual Probabltà e Statstca I - a.a. 04/05 - Stmator Vocabolaro Popolazoe: u seme d oggett sul quale s desdera avere Iformazo. Parametro: ua caratterstca umerca della popolazoe. E u Numero fssato,

Dettagli

8) Sia Dato un mazzo di 40 carte. Supponiamo che esso sia mescolato in modo

8) Sia Dato un mazzo di 40 carte. Supponiamo che esso sia mescolato in modo ESERCIZI DI CALCOLO DELLE PROBABILITÁ ) Qual e la probabilita che laciado dadi a facce o esca essu? Studiare il comportameto asitotico di tale probabilita per grade. ) I u sacchetto vi soo 0 pallie biache;

Dettagli

Curve caratteristiche meccaniche di motori elettrici C.C.

Curve caratteristiche meccaniche di motori elettrici C.C. Motoi 1 Idie ue aatteistihe meaihe di motoi elettii.. osideazioi geeali Motoi ad eitazioe idipedete 1 Opeazioi o oete d eitazioe ostate Opeazioi o oete d eitazioe aiabile e tesioe d amatua ostate Motoi

Dettagli

Verifica d Ipotesi. Se invece che chiederci quale è il valore di una media in una popolazione (stima. o falsa? o falsa?

Verifica d Ipotesi. Se invece che chiederci quale è il valore di una media in una popolazione (stima. o falsa? o falsa? Verifica d Iotesi Se ivece che chiederci quale è il valore ua mea i ua oolazioe (stima utuale Se ivece e itervallo che chiederci cofideza) quale è il avessimo valore u idea ua mea su quello i ua che oolazioe

Dettagli

SERIE NUMERICHE. (Cosimo De Mitri) 1. Definizione, esempi e primi risultati... pag. 1. 2. Criteri per serie a termini positivi... pag.

SERIE NUMERICHE. (Cosimo De Mitri) 1. Definizione, esempi e primi risultati... pag. 1. 2. Criteri per serie a termini positivi... pag. SERIE NUMERICHE (Cosimo De Mitri. Defiizioe, esempi e primi risultati... pag.. Criteri per serie a termii positivi... pag. 4 3. Covergeza assoluta e criteri per serie a termii di sego qualsiasi... pag.

Dettagli

GUIDA DELL UTENTE CARATTERISTICHE PRINCIPALI

GUIDA DELL UTENTE CARATTERISTICHE PRINCIPALI DORO Analisi e verifia di sezioni in.a., preompresso/post-teso e miste aiaio-alestruzzo v. 3.01.29 del 17 marzo 2015 dott. ing. FERRARI Alberto www.ferrarialberto.it GUIDA DELL UTENTE CARATTERISTICHE PRINCIPALI

Dettagli

La sicurezza sul lavoro: obblighi e responsabilità

La sicurezza sul lavoro: obblighi e responsabilità La sicurezza sul lavoro: obblighi e resposabilità Il Testo uico sulla sicurezza, Dlgs 81/08 è il pilastro della ormativa sulla sicurezza sul lavoro. I sostaza il Dlgs disciplia tutte le attività di tutti

Dettagli

Dimostrazione della Formula per la determinazione del numero di divisori-test di primalità, di Giorgio Lamberti

Dimostrazione della Formula per la determinazione del numero di divisori-test di primalità, di Giorgio Lamberti Gorgo Lambert Pag. Dmostrazoe della Formula per la determazoe del umero d dvsor-test d prmaltà, d Gorgo Lambert Eugeo Amtrao aveva proposto l'dea d ua formula per calcolare l umero d dvsor d u umero, da

Dettagli

AcidSoft. Le nostre soluzioni. Innovazione

AcidSoft. Le nostre soluzioni. Innovazione AiSoft AiSoft ase alla passioe per l'iformatio teology e si oretizza i ua realtà impreitoriale, ua perfetta reazioe imia tra ooseza teia e reatività per realizzare progetti i grae iovazioe. Le ostre soluzioi

Dettagli

L OFFERTA DI LAVORO 1

L OFFERTA DI LAVORO 1 L OFFERTA DI LAVORO 1 La famiglia come foritrice di risorse OFFERTA DI LAVORO Notazioe utile: T : dotazioe di tempo (ore totali) : ore dedicate al tempo libero l=t- : ore dedicate al lavoro : cosumo di

Dettagli

Test non parametrici. sono uguali a quelle teoriche. (probabilità attesa), si calcola la. , cioè che le frequenze empiriche

Test non parametrici. sono uguali a quelle teoriche. (probabilità attesa), si calcola la. , cioè che le frequenze empiriche est o parametrici Il test di Studet per uo o per due campioi, il test F di Fisher per l'aalisi della variaza, la correlazioe, la regressioe, isieme ad altri test di statistica multivariata soo parte dei

Dettagli

Comportamento delle strutture in C.A. in Zona Sismica

Comportamento delle strutture in C.A. in Zona Sismica Comportameto delle strutture i c.a. i zoa sismica Pagia i/161 Comportameto delle strutture i C.A. i Zoa Sismica Prof. Paolo Riva Dipartimeto di Progettazioe e ecologie Facoltà di Igegeria Uiversità di

Dettagli

ESERCITAZIONE L adsorbimento su carbone attivo

ESERCITAZIONE L adsorbimento su carbone attivo ESERCITAZIONE adsorbimeto su carboe attivo ezioi di riferimeto: Processi basati sul trasferimeto di materia Adsorbimeto su carboi attivi Testi di riferimeto: Water treatmet priciples ad desi, WH Pricipi

Dettagli

Analisi non lineare di sezioni in c.a. soggette a pressoflessione deviata

Analisi non lineare di sezioni in c.a. soggette a pressoflessione deviata Analisi non lineare di sezioni in c.a. soggette a pressoflessione deviata Marco Di Ludovico, Gian Piero Lignola, Andrea Prota, Edoardo Cosenza Dipartimento di Ingegneria Strutturale, Università degli Studi

Dettagli

MATEMATICA FINANZIARIA

MATEMATICA FINANZIARIA Capializzazioe semplice e composa MATEMATICA FINANZIARIA Immagiiamo di impiegare 4500 per ai i ua operazioe fiaziaria che frua u asso del, % auo. Quao avremo realizzao alla fie dell operazioe? I u coeso

Dettagli

3.4 Tecniche per valutare uno stimatore

3.4 Tecniche per valutare uno stimatore 3.4 Teciche per valutare uo stimatore 3.4. Il liguaggio delle decisioi statistiche, stimatori corretti e stimatori cosisteti La teoria delle decisioi forisce u liguaggio appropriato per discutere sulla

Dettagli

Valutazione delle prestazioni termiche di sistemi con solai termoattivi in regime non stazionario

Valutazione delle prestazioni termiche di sistemi con solai termoattivi in regime non stazionario Valutazioe delle prestazioi termiche di sistemi co solai termoattivi i regime o stazioario MICHELE DE CARLI, Ph.D., Ricercatore, Dipartimeto di Fisica Tecica, Uiversità degli Studi di Padova, Padova, Italia.

Dettagli

Sommario lezioni di Probabilità versione abbreviata

Sommario lezioni di Probabilità versione abbreviata Sommario lezioi di Probabilità versioe abbreviata C. Frachetti April 28, 2006 1 Lo spazio di probabilità. 1.1 Prime defiizioi I possibili risultati di u esperimeto costituiscoo lo spazio dei campioi o

Dettagli

INTRODUZIONE ALLE SUCCESSIONI E SERIE: ALCUNI ESEMPI NOTEVOLI

INTRODUZIONE ALLE SUCCESSIONI E SERIE: ALCUNI ESEMPI NOTEVOLI INTRODUZIONE ALLE SUCCESSIONI E SERIE: ALCUNI ESEMPI NOTEVOLI Mirta Debbia LS A. F. Formiggii di Sassuolo (MO) - debbia.m@libero.it Maria Cecilia Zoboli - LS A. F. Formiggii di Sassuolo (MO) - cherubii8@libero.it

Dettagli

Appunti di Statistica Matematica Inferenza Statistica Multivariata Anno Accademico 2014/15

Appunti di Statistica Matematica Inferenza Statistica Multivariata Anno Accademico 2014/15 Apputi di Statistica Matematica Ifereza Statistica Multivariata Ao Accademico 014/15 November 19, 014 1 Campioi e modelli statistici Siao Ω, A, P uo spazio di probabilità e X = X 1,..., X u vettore aleatorio

Dettagli

Supponiamo, ad esempio, di voler risolvere il seguente problema: in quanti modi quattro persone possono sedersi l una accanto all altra?

Supponiamo, ad esempio, di voler risolvere il seguente problema: in quanti modi quattro persone possono sedersi l una accanto all altra? CALCOLO COMBINATORIO 1.1 Necessità del calcolo combiatorio Accade spesso di dover risolvere problemi dall'appareza molto semplice, ma che richiedoo calcoli lughi e oiosi per riuscire a trovare delle coclusioi

Dettagli

PENSIONI INPDAP COME SI CALCOLANO

PENSIONI INPDAP COME SI CALCOLANO Mii biblioteca de Il Giorale Ipdap per rederci coto e sapere di piu Mii biblioteca de Il Giorale Ipdap per rederci coto e sapere di piu PENSIONI INPDAP COME SI CALCOLANO I tre sistemi I cique pilastri

Dettagli

l = 0, 1, 2, 3,,, n-1n m = 0, ±1,

l = 0, 1, 2, 3,,, n-1n m = 0, ±1, NUMERI QUANTICI Le autofuzioi soo caratterizzate da tre parametri chiamati NUMERI QUANTICI e soo completamete defiite dai loro valori: : umero quatico pricipale l : umero quatico secodario m : umero quatico

Dettagli

ATTIVATORE STABILIZZATO PER BOBINE DI SGANCIO A LANCIO DI CORRENTE.

ATTIVATORE STABILIZZATO PER BOBINE DI SGANCIO A LANCIO DI CORRENTE. Compatibilità totale con ogni apparato. Si usa con pulsanti normalmente chiusi. ella linea dei pulsanti c'è il 24Vcc. Insensibile alle interruzioni di rete. Insensibile agli sbalzi di tensione. Realizzazione

Dettagli

Metodi d integrazione di Montecarlo

Metodi d integrazione di Montecarlo Metodi d itegrzioe di Motecrlo Simulzioe l termie simulzioe ell su ccezioe scietific h u sigificto diverso dll ccezioe correte. Nell uso ordirio è sioimo si fizioe; ell uso scietifico è sioimo di imitzioe,

Dettagli

+ t v. v 3. x = p + tv, t R. + t. 3 2 e passante per il punto p =

+ t v. v 3. x = p + tv, t R. + t. 3 2 e passante per il punto p = 5. Rette e piani in R 3 ; sfere. In questo paragrafo studiamo le rette, i piani e le sfere in R 3. Ci sono due modi per desrivere piani e rette in R 3 : mediante equazioni artesiane oppure mediante equazioni

Dettagli

( ) ( ) ( ) ( ) ( ) CAPITOLO VII DERIVATE. (3) D ( x ) = 1 derivata di un monomio con a 0

( ) ( ) ( ) ( ) ( ) CAPITOLO VII DERIVATE. (3) D ( x ) = 1 derivata di un monomio con a 0 CAPITOLO VII DERIVATE. GENERALITÀ Defiizioe.) La derivata è u operatore che ad ua fuzioe f associa u altra fuzioe e che obbedisce alle segueti regole: () D a a a 0 0 0 derivata di u moomio D 6 D 0 D ()

Dettagli

Esercizi Le leggi dei gas. Lo stato gassoso

Esercizi Le leggi dei gas. Lo stato gassoso Esercizi Le lei dei as Lo stato assoso Ua certa quatità di as cloro, alla pressioe di,5 atm, occupa il volume di 0,58 litri. Calcola il volume occupato dal as se la pressioe viee portata a,0 atm e se la

Dettagli

ARGOMENTO: MISURA DELLA RESISTENZA ELETTRICA CON IL METODO VOLT-AMPEROMETRICO.

ARGOMENTO: MISURA DELLA RESISTENZA ELETTRICA CON IL METODO VOLT-AMPEROMETRICO. elazoe d laboratoro d Fsca corso M-Z Laboratoro d Fsca del Dpartmeto d Fsca e Astrooma dell Uverstà degl Stud d Cataa. Scala Stefaa. AGOMENTO: MSUA DELLA ESSTENZA ELETTCA CON L METODO OLT-AMPEOMETCO. NTODUZONE:

Dettagli

Carichi unitari. Dimensionamento delle sezioni e verifica di massima. Dimensionamento travi a spessore. Altri carichi unitari. Esempio.

Carichi unitari. Dimensionamento delle sezioni e verifica di massima. Dimensionamento travi a spessore. Altri carichi unitari. Esempio. Carichi unitari delle sezioni e verifica di massima Una volta definito lo spessore, si possono calcolare i carichi unitari (k/m ) Solaio del piano tipo Solaio di copertura Solaio torrino scala Sbalzo piano

Dettagli

GIRO DELLA MORTE PER UN CORPO CHE ROTOLA

GIRO DELLA MORTE PER UN CORPO CHE ROTOLA 0. IL OETO D IERZIA GIRO DELLA ORTE ER U CORO CHE ROTOLA ell approfondimento «Giro della morte per un corpo che scivola» si esamina il comportamento di un punto materiale che supera il giro della morte

Dettagli

FONDAMENTI DI MECCANICA APPLICATA ALLE MACCHINE

FONDAMENTI DI MECCANICA APPLICATA ALLE MACCHINE DISPENSE DI: FONDAMENTI DI MECCANICA APPLICATA ALLE MACCHINE Testo di riferieto E. Fuaioli ed altri Meccaica applicata alle acchie vol. e - Ed. Patro BOZZA Idice. INTRODUZIONE ALLA MECCANICA APPLICATA

Dettagli

USUFRUTTO. 5) Quali sono le spese a carico dell usufruttuario

USUFRUTTO. 5) Quali sono le spese a carico dell usufruttuario USUFRUTTO 1) Che cos è l sfrtto e come si pò costitire? L sfrtto è il diritto di godimeto ( ovvero di possesso) di bee altri a titolo gratito ; viee chiamato sfrttario chi esercita tale diritto, metre

Dettagli

Controllo di Gestione (CdG)

Controllo di Gestione (CdG) Controllo di Gestione (CdG) Controllo di gestione (CdG) Controllo dei risultati a. Condizioni di fattiilità ed effiaia. Elementi. Grado di rigidità d. Potenzialità e. Svantaggi f. Profili istituzionali

Dettagli

La necessità di trasmettere potenza tra organi in moto rotatorio è un problema frequentissimo e di grande importanza nell ingegneria.

La necessità di trasmettere potenza tra organi in moto rotatorio è un problema frequentissimo e di grande importanza nell ingegneria. La ecessità di tasmettee poteza ta ogai i moto otatoio è u poblema fequetissimo e di gade impotaza ell igegeia. Gli assi di otazioe ta i quali deve essee tasmesso il moto possoo essee paalleli I questo

Dettagli

Sussidi didattici per il corso di PROGETTAZIONE, COSTRUZIONI E IMPIANTI. Prof. Ing. Francesco Zanghì FONDAZIONI - II

Sussidi didattici per il corso di PROGETTAZIONE, COSTRUZIONI E IMPIANTI. Prof. Ing. Francesco Zanghì FONDAZIONI - II Sussidi didattici per il corso di PROGETTAZIONE, COSTRUZIONI E IMPIANTI Prof. Ing. Francesco Zanghì FONDAZIONI - II AGGIORNAMENTO 12/12/2014 Fondazioni dirette e indirette Le strutture di fondazione trasmettono

Dettagli

IL PIANETA TERRA. IL RETICOLATO TERRESTRE POLI: sono i punti di intersezione tra l asse terrestre e la superficie terrestre. s i pia i paralleli

IL PIANETA TERRA. IL RETICOLATO TERRESTRE POLI: sono i punti di intersezione tra l asse terrestre e la superficie terrestre. s i pia i paralleli IL PIANETA TERRA IL RETICOLATO TERRESTRE POLI: sono i punti di intersezione tra l asse terrestre e la superficie terrestre. s i pia i paralleli all a r e a su. EQUATORE: piano perpendic lare all i rotazione,

Dettagli

f : A A = f (A) In altre parole f è una funzione che associa a un punto del piano un altro punto del piano e che si può invertire.

f : A A = f (A) In altre parole f è una funzione che associa a un punto del piano un altro punto del piano e che si può invertire. Consideriamo l insieme P dei punti del piano e una f funzione biiettiva da P in P: f : { P P A A = f (A) In altre parole f è una funzione che associa a un punto del piano un altro punto del piano e che

Dettagli

Le operazioni fondamentali in N Basic Arithmetic Operations in N

Le operazioni fondamentali in N Basic Arithmetic Operations in N Operzioi fodetli i - 1 Le operzioi fodetli i Bsic Arithetic Opertios i I geerle u operzioe è u procedieto che due o più ueri, dti i u certo ordie e detti terii dell'operzioe, e ssoci u ltro, detto risultto

Dettagli

Numeri razionali COGNOME... NOME... Classe... Data...

Numeri razionali COGNOME... NOME... Classe... Data... I numeri rzionli Cpitolo Numeri rzionli Verifi per l lsse prim COGNOME............................... NOME............................. Clsse.................................... Dt...............................

Dettagli

I radicali 1. Claudio CANCELLI (www.claudiocancelli.it)

I radicali 1. Claudio CANCELLI (www.claudiocancelli.it) I rdicli Cludio CANCELLI (www.cludioccelli.it) Ed..0 www.cludioccelli.it Dec. 0 I rdicli INDICE DEI CONTENUTI. I RADICALI... INDICE DI RADICE PARI...4 INDICE DI RADICE DISPARI...5 RADICALI SIMILI...6 PROPRIETA

Dettagli

Capitolo 4 Protezione dai contatti indiretti.

Capitolo 4 Protezione dai contatti indiretti. Capitolo 4 Protezione dai contatti indiretti. La protezione contro i contatti indiretti consiste nel prendere le misure intese a proteggere le persone contro i pericoli risultanti dal contatto con parti

Dettagli

ISOLATORI ELASTOMERICI. ISOLATORI ELASTOMERICI serie SI S02

ISOLATORI ELASTOMERICI. ISOLATORI ELASTOMERICI serie SI S02 ISOLATORI ELASTOMERICI ISOLATORI ELASTOMERICI serie SI S02 INTRODUZIONE CERTIFICAZIONI Nel 1992 FIP Industriale ha ottenuto la certificazione CISQ-ICIM per il Sistema di Assicurazione Qualità in conformità

Dettagli

Indici di Posizione. Gli indici si posizione sono misure sintetiche ( valori caratteristici ) che descrivono la tendenza centrale di un fenomeno

Indici di Posizione. Gli indici si posizione sono misure sintetiche ( valori caratteristici ) che descrivono la tendenza centrale di un fenomeno Idc d Poszoe Gl dc s poszoe soo msure stetche ( valor caratterstc ) che descrvoo la tedeza cetrale d u feomeo La tedeza cetrale è, prma approssmazoe, la modaltà della varable verso la quale cas tedoo a

Dettagli

1 2-6 7-74 Commento * Continuazione riga! Viene ignorato tutto quello che viene scritto dopo questo carattere [etichett a]

1 2-6 7-74 Commento * Continuazione riga! Viene ignorato tutto quello che viene scritto dopo questo carattere [etichett a] La programmazione è l'arte di far ompiere al omputer una suessione di operazioni atte ad ottenere il risultato voluto. Srivere un programma è un po' ome dialogare ol omputer, dobbiamo fornirgli delle informazioni

Dettagli

ANALISI PUSHOVER Statica Lineare Dinamica Lineare Statica Non Lineare Dinamica Non Lineare PUSH-OVER

ANALISI PUSHOVER Statica Lineare Dinamica Lineare Statica Non Lineare Dinamica Non Lineare PUSH-OVER ANALISI PUSHOVER - Analisi sismica Statica Lineare - Analisi sismica Dinamica Lineare - Analisi sismica Statica Non Lineare - Analisi sismica Dinamica Non Lineare Con il nome di analisi PUSH-OVER si indica

Dettagli

4.1 COSTRUZIONI DI CALCESTRUZZO.. 7.4 COSTRUZIONI DI CALCESTRUZZO..

4.1 COSTRUZIONI DI CALCESTRUZZO.. 7.4 COSTRUZIONI DI CALCESTRUZZO.. E. Cosenza NORME TECNICHE Costruzioni di calcestruzzo Edoardo Cosenza Dipartimento di Ingegneria Strutturale Università di Napoli Federico II 4.1 COSTRUZIONI DI CALCESTRUZZO.. 7.4 COSTRUZIONI DI CALCESTRUZZO..

Dettagli

MACCHINE ELETTRICHE. Stefano Pastore. Macchine in Corrente Continua

MACCHINE ELETTRICHE. Stefano Pastore. Macchine in Corrente Continua MACCHINE ELETTRICHE Mahine in Corrente Continua Stefano Pastore Dipartiento di Ingegneria e Arhitettura Corso di Elettrotenia (IN 043) a.a. 2012-13 Statore Sistea induttore (Statore): anello in ghisa o

Dettagli

Figura 2.1. A sottoinsieme di B

Figura 2.1. A sottoinsieme di B G Sammito, ernardo, Formulario di matematia Insiemi F Cimolin, L arletta, L Lussardi Insiemi Generalità Un insieme è una ollezione distinguibile di oggetti, detti elementi dell'insieme Quando un elemento

Dettagli

Introduzione (1) Introduzione (2) Prodotti e servizi sono realizzati per mezzo di processi produttivi.

Introduzione (1) Introduzione (2) Prodotti e servizi sono realizzati per mezzo di processi produttivi. Iroduzioe () Ua defiizioe (geerale) del ermie qualià: qualià è l isieme delle caraerisiche di u eià (bee o servizio) che e deermiao la capacià di soddisfare le esigeze espresse ed implicie di chi la uilizza.

Dettagli

PROBABILITA, VALORE ATTESO E VARIANZA DELLE QUANTITÁ ALEATORIE E LORO RELAZIONE CON I DATI OSSERVATI

PROBABILITA, VALORE ATTESO E VARIANZA DELLE QUANTITÁ ALEATORIE E LORO RELAZIONE CON I DATI OSSERVATI statistica, Università Cattaneo-Liuc, AA 006-007, lezione del 08.05.07 IDICE (lezione 08.05.07 PROBABILITA, VALORE ATTESO E VARIAZA DELLE QUATITÁ ALEATORIE E LORO RELAZIOE CO I DATI OSSERVATI 3.1 Valore

Dettagli

Interpolazione. Davide Manca Calcoli di Processo dell Ingegneria Chimica Politecnico di Milano

Interpolazione. Davide Manca Calcoli di Processo dell Ingegneria Chimica Politecnico di Milano L4 Iterpolazioe L4 Prologo Co iterpolazioe si itede il processo di idividuare ua fuzioe, spesso u poliomio, che passi per u isieme dato di puti: (x,y). y x L4 2 Fii dell iterpolazioe 1. Sostituire u isieme

Dettagli

Vulnerabilità Sismica di Edifici in C.A. Irregolari in Pianta: Modellazione ed Analisi Statica Non Lineare

Vulnerabilità Sismica di Edifici in C.A. Irregolari in Pianta: Modellazione ed Analisi Statica Non Lineare Vulnerabilità Sismica di Edifici in C.A. Irregolari in Pianta: Modellazione ed Analisi Statica Non Lineare Fabio Mazza Dipartimento di Ingegneria Civile, Università della Calabria, 87036, Rende (Cosenza).

Dettagli

Modelli di dimensionamento

Modelli di dimensionamento Introduzione alla Norma SIA 266 Modelli di dimensionamento Franco Prada Studio d ing. Giani e Prada Lugano Testo di: Joseph Schwartz HTA Luzern Documentazione a pagina 19 Norma SIA 266 - Costruzioni di

Dettagli

10 CALCOLO AGLI STATI LIMITE DELLE STRUTTURE IN C.A.

10 CALCOLO AGLI STATI LIMITE DELLE STRUTTURE IN C.A. 10 CALCOLO AGLI STATI LIMITE DELLE STRUTTURE IN C.A. Il capitolo fa riferimento alla versione definitiva dell'eurocodice 2, parte 1.1, UNI EN 1992-1-1, recepito e reso applicabile in Italia dal DM del

Dettagli

La rappresentazione per elencazione consiste nell elencare tutte le coppie ordinate che verificano la relazione

La rappresentazione per elencazione consiste nell elencare tutte le coppie ordinate che verificano la relazione RELAZIONI E FUNZIONI Relzioni inrie Dti ue insiemi non vuoti e (he possono eventulmente oiniere), si ie relzione tr e un qulsisi legge he ssoi elementi elementi. L insieme A è etto insieme i prtenz. L

Dettagli

Analisi dei segnali nel dominio del tempo

Analisi dei segnali nel dominio del tempo Appui di Teoria dei Segali a.a. / Aalisi dei segali el domiio del empo L.Verdoliva I quesa prima pare del corso sudieremo come rappreseare i segali empo coiuo e discreo el domiio del empo e defiiremo le

Dettagli

Sommario. vengono riconosciuti. duttili. In. pareti, solai. applicazioni

Sommario. vengono riconosciuti. duttili. In. pareti, solai. applicazioni APPLICAZIONI INNOVATIVE CON MICROCA ALCESTRUZZI DUTTILI PER RINFORZII ED ADEGUAMENTI SISMICI Dario Rosignoli Stefano Maringoni Tecnochem Italiana S.p.A. Sommario Con gli acronimi HPFRC High Performancee

Dettagli

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO 2004

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO 2004 ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO 004 Il candidato risolva uno dei due problemi e 5 dei 10 quesiti in cui si articola il questionario. PROBLEMA 1 Sia f la funzione definita da: f

Dettagli

VERSO L ESAME DI STATO LA DERIVATA DI UNA FUNZIONE

VERSO L ESAME DI STATO LA DERIVATA DI UNA FUNZIONE VERSO L ESAME DI STATO LA DERIVATA DI UNA FUNZIONE Soluzioni di quesiti e prolemi trtti dl Corso Bse Blu di Mtemti volume 5 [] (Es. n. 8 pg. 9 V) Dell prol f ( ) si hnno le seguenti informzioni, tutte

Dettagli

Costruzioni in legno: nuove prospettive

Costruzioni in legno: nuove prospettive Costruzioni in legno: nuove prospettive STRUZION Il legno come materiale da costruzione: origini e declino Il legno, grazie alla sua diffusione e alle sue proprietà, ha rappresentato per millenni il materiale

Dettagli

LA CORRENTE ELETTRICA Prof. Erasmo Modica erasmo@galois.it

LA CORRENTE ELETTRICA Prof. Erasmo Modica erasmo@galois.it LA CORRENTE ELETTRICA Prof. Erasmo Modica erasmo@galois.it L INTENSITÀ DELLA CORRENTE ELETTRICA Consideriamo una lampadina inserita in un circuito elettrico costituito da fili metallici ed un interruttore.

Dettagli

PRESCRIZIONI ANTISISMICHE E CRITERI DI CALCOLO: Interazione tra strutture e tamponamenti

PRESCRIZIONI ANTISISMICHE E CRITERI DI CALCOLO: Interazione tra strutture e tamponamenti Convegno CRITICITÀ DELLA PROGETTAZIONE TERMICA E ACUSTICA DEGLI EDIFICI IN RAPPORTO ALLE PRESCRIZIONI STRUTTURALI ANTISISMICHE Saie 2009, Sala Topazio, Sabato 31 ottobre ore 9.00 PRESCRIZIONI ANTISISMICHE

Dettagli

MINIMI QUADRATI. REGRESSIONE LINEARE

MINIMI QUADRATI. REGRESSIONE LINEARE MINIMI QUADRATI. REGRESSIONE LINEARE Se il coefficiente di correlazione r è prossimo a 1 o a -1 e se il diagramma di dispersione suggerisce una relazione di tipo lineare, ha senso determinare l equazione

Dettagli

ALU STAFFE IN ALLUMINIO SENZA FORI

ALU STAFFE IN ALLUMINIO SENZA FORI ALU STAFFE IN ALLUMINIO SENZA FORI Giunzione a compara in lega di alluminio per utilizzo in ambienti interni ed eterni (cl. di erv. 2) Preforata con ditanze ottimizzate per giunzioni ia u legno (chiodi

Dettagli

aleatoria; se è nota la sua densità di probabilità ad essa si può associare una valore medio statistico. La grandezza così definita: (III.1.

aleatoria; se è nota la sua densità di probabilità ad essa si può associare una valore medio statistico. La grandezza così definita: (III.1. Caitolo III VALORI MEDI. SAZIONARIEÀ ED ERGODICIÀ III. - Mdi tatitich dl rimo ordi. Sia f( ) ua fuzio cotiua i aoci al gal alatorio (, t ζ ) la uatità dfiita dalla y f[(, t ζ )]. Ea idividua, a ua volta,

Dettagli

Premessa. 11100 Aosta (Ao) 2/A, via Promis telefono +39 0165272866 telefax +39 0165272840

Premessa. 11100 Aosta (Ao) 2/A, via Promis telefono +39 0165272866 telefax +39 0165272840 Assessorat des Ouvrages Publics de la protection des sols et du logement public Assessorato Opere Pubbliche, Difesa del Suolo e Edilizia Residenziale Pubblica Premessa Le fondamentali indicazioni riportate

Dettagli

FONDAMENTI TEORICI DEL MOTORE IN CORRENTE CONTINUA AD ECCITAZIONE INDIPENDENTE. a cura di G. SIMONELLI

FONDAMENTI TEORICI DEL MOTORE IN CORRENTE CONTINUA AD ECCITAZIONE INDIPENDENTE. a cura di G. SIMONELLI FONDAMENTI TEORICI DEL MOTORE IN CORRENTE CONTINUA AD ECCITAZIONE INDIPENDENTE a cura di G. SIMONELLI Nel motore a corrente continua si distinguono un sistema di eccitazione o sistema induttore che è fisicamente

Dettagli

4 CAPITOLO 4. STRUTTURA ESISTENTE A TELAIO IN CA

4 CAPITOLO 4. STRUTTURA ESISTENTE A TELAIO IN CA 123 4 CAPITOLO 4. STRUTTURA ESISTENTE A TELAIO IN CA Il presente esempio è finalizzato a guidare il progettista alla compilazione del SI-ERC per un edificio con struttura a telaio in CA per il quale è

Dettagli

LE TRASFORMAZIONI GEOMETRICHE NEL PIANO

LE TRASFORMAZIONI GEOMETRICHE NEL PIANO LE TRASFORMAZIONI GEOMETRICHE NEL PIANO Una trasformazione geometrica è una funzione che fa corrispondere a ogni punto del piano un altro punto del piano stesso Si può pensare come MOVIMENTO di punti e

Dettagli

Ridefiniamo l Integrazione Verticale

Ridefiniamo l Integrazione Verticale Certifiazioni Ridefiniamo l Integrazione Vertiale Siliio Cristallino Siliio di prima selta garantise la qualità superiore dei prodotti finiti Certifiazioni Internazionali per la Siurezza del Prodotto Oggi

Dettagli

Riferimenti Iconografici

Riferimenti Iconografici Corso di Aggiornamento per Geometri su Problematiche Strutturali Calcolo agli Stati Limite Aspetti Generali 18 novembre 005 Dr. Daniele Zonta Dipartimento di Ingegneria Meccanica e Strutturale Università

Dettagli

24 - Strutture simmetriche ed antisimmetriche

24 - Strutture simmetriche ed antisimmetriche 24 - Strutture simmetriche ed antisimmetriche ü [.a. 2011-2012 : ultima revisione 1 maggio 2012] In questo capitolo si studiano strutture piane che presentano proprieta' di simmetria ed antisimmetria sia

Dettagli

Verifica sismica di dighe a gravità in calcestruzzo

Verifica sismica di dighe a gravità in calcestruzzo Verifica sismica di dighe a gravità in calcestruzzo Keywords: dighe a gravità in calcestruzzo, verifica sismica, metodi semplificati, programmi di calcolo. Autore: L. Furgoni, Relatore: Prof. C. Nuti,

Dettagli