Il modello relazionale. Il Modello Relazionale. Il modello relazionale. Relazione. Dominio. Esempio

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Il modello relazionale. Il Modello Relazionale. Il modello relazionale. Relazione. Dominio. Esempio"

Transcript

1 Il Moello elzionle Proposto E. F. o nel 1970 per vorire l inipenenz ei ti e reso isponiile ome moello logio in DM reli nel 1981 si s sul onetto mtemtio i relzione, questo ornise l moello un se teori he permette i imostrre ormlmente proprietà i ti e operzioni le relzioni hnno un rppresentzione nturle per mezzo i telle 1 2 elzione, seene non si stto il moello usto nei primi DM, è ivenuto lentmente il moello più importnte l punto he è oggi omunemente usto in qusi tutti i DM isponiili livello ommerile l rgione priniple ell popolrità i questo moello è he ornise linguggi semplii e i tipo ihirtivo, m l tempo stesso potenti, on ui esprimere le operzioni per l' essoe l mnipolzione ei ti D 1, D 2,, D n (n insiemi nhe non istinti) il prootto rtesino D 1 D 2 D n, è l insieme i tutte le tuple orinte ( 1, 2,, n ) tli he 1 D 1, 2 D 2,, n D n un relzione su D 1, D 2,, D n è un sottoinsieme el prootto rtesino D 1 D 2 D n D 1, D 2,, D n sono i omini ell relzione un relzione su n omini h gro n il numero i tuple è l rinlità ell relzione nelle pplizioni reli, l rinlità è sempre init 3 4 Dominio Esempio Un ominio è un insieme (nhe ininito) i vlori: Esempi: l' insieme ei numeri interi l' insieme elle stringhe i rtteri ilunghezz 20 l' insieme{0,1} D 1 ={,} D 2 ={x,y,z} prootto rtesino D 1 D 2 un relzione r D 1 D 2 x y z x y z x z y z 5 6 1

2 elzione mtemti, proprietà Notzioni In se lle einizione, un relzione mtemti è un insieme i tuple orinte: ( 1, 2,, n ) tli he 1 D 1, 2 D 2,, n D n un relzione è un insieme, quini: non è einito lun orinmento r le tuple le tuple i un relzione sono istinte l un ll ltr un tupl è l proprio interno orint: l i-esimo vlore i isun proviene ll i -esimo ominio; è ioè einito un orinmento r i omini i r un relzione i gro k: si t un tupl i r si i un intero pprtenente ll' insieme{1,...,k} t[i] enot l i-esim omponente i t i r={(0,), (0,),(1,)} i t=(0,) un tupl i r t[2] = t[1] = Moello relzionle Moello relzionle Un relzione può essere vist, lterntivmente, ome un tell, in ui ogni rig è un tupl e ogni olonn orrispone un omponente lle olonne sono ssoiti ei nomi, etti nomi i ttriuto l oppi (nome i ttriuto, ominio) è ett ttriuto l insieme egli ttriuti i un relzione ne ostituise lo shem e un relzione h nome e ttriuti i nomi rispettivmente 1, 2,..., k, lo shem è spesso inito on ( 1, 2,..., k ) inoltre U = { 1, 2,..., k } viene usto per enotre l' insieme i tuttii nomi i ttriuto ell relzione 9 10 Esempio Moello relzionle Ino_ittà ittà egione Popolzione om Lzio Milno Lomri Genov Liguri Pis Tosn hem: Ino_ittà(ittà,egione,Popolzione) In quest einizione el moello relzionle, le omponenti elle tuple sono enotte trmite i nomi i ttriuti (notzione per nome in ontrsto on l notzione per posizione) to uno shem i relzione ( 1, 2,..., k ), un tupl t su tle shem può essere rppresentt trmite l notzione [ 1 :v 1, 2 :v 2,..., k :v k ] ove v i (i=1,...,k) è un vlore pprtenente l ominio i i (inito on om( i )) inoltre t[ i ] enot il vlore ell' ttriuto i ell tupl t

3 Esempio Vlori nulli t=[ittà: om, egione: Lzio, Popolzione: ] è un tupl einit sullo shem Ino_ittà t[ittà] = om Il vlore ell ttriuto ittà per l tupl t è om Non sempre sono isponiili inormzioni sulle entità el ominio pplitivo rppresentto nell se i ti: lune tuple possono non vere un vlore per un qulhe ttriuto si introue un vlore speile (vlore nullo) he enot l mnnz i vlore (spesso enotto on '? ) Il onetto i hive Esempio 15 Dt un relzione, l hive ell relzione è un insieme i ttriuti he istingue tr loro le tuple ell relzione più preismente, un insieme X i ttriuti i un relzione, è hive i se verii entrme le seguenti proprietà: 1 qulsisi si lo stto i, non esistono ue tuple istinte i he ino lo stesso vlore per tutti gli ttriuti in X 2 nessun sottoinsieme proprio i X verii l proprietà (1) 16 Nell' esempio preeente: hive(ino_ittà) = (ittà) se non esistono ittà on lo stesso nome in regioni iverse hive(ino_ittà) = (ittà,egione) se esistono ittà on lo stesso nome in regioni iverse Il onetto i hive hivi nite Un hive non può vere vlori nulli un relzione può vere più i un insieme X he verii le proprietà viste in luni si, può essere neessrio segliere un hive se il sistem usto non support più hivi in tl so, il termine hivi nite viene usto per inire le possiili hivi il termine hive primri viene usto per inire l hive seleziont Un riterio nell selt ell hive primri onsiste nello segliere tr le hivi nite quell più requentemente ust nelle interrogzioni un ltro riterio è segliere l hive he ontiene il minor numero i ttriuti

4 Il onetto i hive estern Il onetto i hive estern Dte ue relzioni e ' tli he: i un insieme i ttriuti X ' i ome hive un insieme Y i ttriuti Y è hive estern i su ' se Y è un sottoinsieme i X in ltre prole, se un relzione h tr i suoi ttriuti un insieme i ttriuti he ostituise l hive i un relzione, llor tle insieme i ttriuti è un hive estern i su ' ' è ett relzione rierit Le hivi esterne permettono i ollegre tr loro tuple i relzioni iverse e ostituisono un menismo, etto per vlore, per moellre le ssoizioni tr entità un tupl he eve rierire un' ltr tupl inlue tr i suoi ttriuti uno o più ttriuti il ui vlore è il vlore ell hive ell seon tupl Esempio Impiegti 21 Deinimo ue relzioni he ontengono inormzioni rigurnti i ipenenti i un' ziene i iprtimenti in ui l' zienè orgnizzt Le relzioni sono einite ome segue: Impiegti (Imp#, Nome, Mnsione, Dt_,tipenio, Premio_P,Dip#) hive(impiegti) = Imp# hive_estern(impiegti) = Dip# (relzione rierit: Diprtimenti) Diprtimenti(Dip#, Nome_Dip,Uiio#, Divisione#, Dirigente) hive(diprtimenti) = Dip# 22 Diprtimenti Integrità reerenzile L' integrità reerenzile rppresent un importnte vinolo i integrità semnti se un tupl t rierise ome vlori i un hive estern i vlori v 1,...,v n llor eve esistere nell relzione rierit un tupl t' on vlori i hive v 1,...,v n le relzioni Impiegti e Diprtimenti veriino l' integrità reerenzile si onsieri l seguente tupl e si ssum he si inserit nell relzione Impiegti: [Imp#: 7899, Nome: mith, Mnsione: tenio, Dt_:03-Di-81, tipenio:2000, Premio_P: 100, Dip#: 50] tle tupl viol l' integrità reerenzile in qunto non esiste un iprtimento (nell relzione Diprtimenti) he i numero

5 Integrità reerenzile lger elzionle I linguggi per si i ti (QL) permettono ll' utente i speiireper quli relzioni e quli ttriuti è neessrio mntenere l' integrità reerenzile (e le zioni eseguire in so i violzione) Operzioni nel Moello elzionle lger elzionle Le operzioni sulle relzioni possono essere espresse in ue ormlismi i se: lger relzionle: le interrogzioni (query) sono espresse pplino opertori speilizzti lle relzioni lolo relzionle: le interrogzioni (query) sono espresse per mezzo i ormule logihe he evono essere veriite lle tuple ottenute ome rispost ll' interrogzione i ue ormlismi (sotto opportune ipotesi) sono equivlenti Esistono inque operzioni i se: Unione Dierenz Prootto rtesino Proiezione elezione queste operzioni einisono ompletmente l lger relzionle lger elzionle lger elzionle Ogni operzione restituise ome risultto un relzione: è pertnto possiile pplire un operzione l risultto i un' ltr operzione (proprietà i hiusur) esistono operzioni izionli, he possono essere espresse in termini elle inque operzioni i se Tli operzioni non ggiungono potere espressivo ll' insieme elle operzioni i se, m sono utili ome revizioni; i queste l più importnte è l' operzione i join rispetto ll notzione per nome el moello relzionle, può essere utile introurre un ulteriore operzione i renming he permette i moiire i nomi egli ttriuti

6 lger elzionle - Unione lger elzionle - Unione 31 L unione i ue relzioni,, init on è l insieme elle tuple in, o in entrme l unione i ue relzione può essere tt solo se hnno lo stesso gro; inoltre il primo ttriuto i eve vere ominio omptiile on il primo ttriuto i, il seono ttriuto i eve vere ominio omptiile on il seono ttriuto i, e osì vi le tuple uplite vengono eliminte il gro ell relzione risultto è ugule l gro elle relzioni operni 32 D E g F g lger elzionle - Dierenz lger elzionle - Dierenz L ierenz i ue relzioni e, init on - è l insieme elle tuple he sono in m non in l ierenz (ome l unione) può essere eseguit solo se le relzioni hnno lo stesso gro e gli ttriuti hnno omini omptiili il gro ell relzione risultto è ugule l gro elle relzioni operni D E g - F lger elzionle Prootto rtesino lger elzionle Prootto rtesino Il prootto rtesino i ue relzioni e, i gro k 1, k 2, inito on: X è un relzione i gro k 1 +k 2 le ui tuple sono tutte le tuple he hnno: ome prime k 1 omponenti le tuple i ome seone k 2 omponenti le tuple i Nell relzione risultto i nomi ei primi k 1 ttriuti sono i nomi egli ttriuti ell relzione e i nomi egli ultimi k 2 ttriuti sono i nomi egli ttriuti ell relzione se le ue relzioni hnno ttriuti on lo stesso nome, è neessrio rienominre gli ttriuti in un elle ue relzioni

7 lger elzionle Prootto rtesino lger elzionle - Proiezione 37 D E F g X D E g g g F 38 L proiezione i un relzione su un insieme i ttriuti ={ 1, m }, U, init on: Π è un relzione i gro m le ui tuple hnno ome ttriuti solo quelli speiiti in pertnto l proiezione gener un insieme T i m-tuple tli he se t=[ 1 :v 1, m :v m ] è in T llor esiste un tupl t in tle he per ogni i in, t[ i ]=t [ i ] nell relzione risultto gli ttriuti hnno l orine speiito in 1,, m ( ) lger elzionle - Proiezione lger elzionle - Preiti 39 Π, ( ) ( ) Π ( ) Π, 40 Un preito F su un relzione h un elle seguenti orme: preito semplie ominzione oolen i preiti semplii (tli ominzioni sono ottenute on i onnettivi ND, O e NOT) lger elzionle - Preiti lger elzionle Esempi i preiti Un preito semplie h un elle seguenti orme: op ostnte op e sono ttriuti i, op è un opertore relzionle i onronto >,<,>=,<=,=, e., ostnte è un ostnte omptiile on il ominio i = preito semplie orm 1) = preito semplie orm 2) = O = ominzione oolen = ND = ominzione oolen NOT = ominzione oolen

8 lger elzionle - elezione lger elzionle - elezione L selezione su un relzione, to un preito F, init on: σ F ( ) è un relzione he ontiene tutte e sole le tuple he veriino il preito F il gro ell relzione risultto è ugule l gro ell relzione operno; i nomi egli ttriuti ell relzione risultto sono gli stessi ell relzione operno se nessun tupl i verii il preito F, llor il risultto è un relzione vuot e k è il gro i, l selezione gener un insieme T i k-tuple si t=[ 1 :v 1, k :v k ] un k-tupl in T t è tle he: F( 1 /t[ 1 ],, k /t[ k ]) è ver, ove l notzione i /t[ i ] ini l sostituzione in F el nome i ttriuto i (se tle nome ompre in F) on il vlore t[ i ] ell ttriuto i nome i in t lger elzionle - elezione lger elzionle - ienominzione 45 = O= σ ( ) ( ) = σ NOT= σ ( ) σ ( ) = ND= 46 L rienominzione i un relzione rispetto un list i oppie i nomi i ttriuti ( 1, 1 ),, ( m, m ) tle he i è un nome i ttriuto i, enott on: ρ 1, m 1,, m rienomin l ttriuto i nome i on il nome i l rienominzione è orrett se il nuovo shem ell relzione h ttriuti on nomi tutti istinti ( ) lger elzionle - ienominzione lger elzionle Esempi 47 L rienominzione: ρ,,,, mi lo shem (,,) in (,,) ( ) 48 Q1: selezionre i nomi egli impiegti he hnno uno stipenio mggiore i 2000 Π ( σ ( Impiegti ) Nome tipenio > 2000 Nome osi lhi Neri Dre Veri 8

9 lger elzionle - Esempi lger relzionle - Operzioni i se Π Q2: selezionre i nomi e i numeri i iprtimento egli impiegti he hnno uno stipenio mggiore i 2000 e hnno mnsione i ingegnere ( σ ( Impiegti ) Nome, Dip# tipenio > 2000 ND Mnsione = 'ingegnere' i = ( 1,..., k ) uno shem i relzione inihimo on () l' insieme i tutte le relzioni su tle shem _ _ : () () () r1 r2 = {t t r1 t r2} 49 Nome Neri Dre Dip# _ \ _ : () () () r1 \ r2 = {t t r1, t r2} lger relzionle - Operzioni i se lger elzionle - Join 51 _ _ : (1) (2) (1 2) on 1 2 = r1 r2 = {t1 t2 t1 r1, t2 r2} _ π ' _ : () (') on ' π ' (r) = {t['] t r} σ F _ : () () σ F (r) = {t t r, F(t)} 52 Il join i ue relzioni e sugli ttriuti i e i, inito on θ' è einito ome σ θ' ( ) il join è quini un prootto rtesino seguito un selezione il preito θ è etto preito i join lger elzionle - Join lger elzionle - Join 53 Il gro ell relzione risultto è ugule ll somm ei gri elle relzioni operni spesso il join è inito on le seguenti notzioni:.θ. oppure [θ ] il join prene il nome i equijoin quno l opertore θ nel preito i join è l opertore i uguglinz D = E E 1 2 D 3 E < D D E

10 lger elzionle Join nturle lger elzionle Join nturle L operzione i join nturle è un sempliizione el join si onsieri l interrogzione ritrovre tutti gli impiegti e gli uii ove lvorno. e usimo il join, tle interrogzione è espress ome: Π Nome, Uiio Impiegto Impiegto.Dip# = Diprtimento.Dip# Diprtimento ( ) notre he questo join impone l uguglinz egli ttriuti he ppiono in entrme le relzioni E un tipo i join molto requente l operzione i join nturle ini un tipo i join sto sull eguglinz egli ttriuti omuni ue relzioni h senso solo nell notzione on nome, ierenz elle ltre operzioni lger elzionle Join nturle lger elzionle Join nturle, relzioni, { 1,, k }=U U insieme egli ttriuti presenti si nello shem i he nello shem i, {I 1,,I m }= U U insieme egli ttriuti nello shem i o nello shem i l espressione he einise il join nturle è Π I1,...,Im ( σ ( ( ρ ( ) 1,...,k.1,...,.k Nell ormul preeente ini l ormul 1=.1 ND 2 =.2 ND ND k =.k il join nturle esegue pertnto un join uguglino gli ttriuti on lo stesso nome elle ue relzioni e poi elimin gli ttriuti upliti il join nturle si ini on lger elzionle Join nturle lger relzionle - Divisione 59 D e D e e 60 si suppong he gli impiegti ell se i ti i esempio sino ssegnti ei orsi i ggiornmento; ogni impiegto in genere prteip più orsi e vievers ogni orso è seguito più impiegti; vengono inoltre rppresentte le inormzioni reltivmente i orsi si suppong, pertnto, he sino einite le seguenti relzioni egue (Imp#, orso#) orsi (orso#, rgomento, Durt) 10

11 lger relzionle - Divisione lger relzionle - Divisione un possiile ontenuto elle ue relzioni è il seguente: egue orsi Imp# orso# orso# rgomento Durt D si i ti si i ti istemi oper. 4 onsierimo l seguente interrogzione: "trovre il numero i impiegto egli impiegti he seguono tutti i orsi il ui rgomento è si i ti il numero i orso ei orsi il ui rgomento è si i ti è ottenuto ome segue: 1 = Π orso# (σ rgomento = ' si i ti' (orsi)) il risultto ell' espressione 1 è il seguente insieme i numeri i orso {10,30} lger relzionle - Divisione lger relzionle - Divisione il risultto ell interrogzione è to, pertnto, tutti quegli impiegti he ppiono nell relzione egue on ognuno ei numeri i orso eterminti 1 il risultto ell nostr interrogzione è pertnto solo l' impiegto il ui numero è 7369 l' operzione he permette i eseguire l' interrogzione preeente è l' operzione i ivisione Dte ue relzioni e on insiemi i ttriuti U e U, rispettivmente, e tli he U U, l' operzione i ivisione i per è enott e è espress ome segue: Π (U - U) () - Π (U - U) ((Π (U - U) () x ) - ) l' espressione estr el - etermin tutte letuple i he non sono ssoite lmeno un tupl i lger relzionle - Divisione lger relzionle - Divisione 65 l' interrogzione ell' esempio preeente è espress ome segue = egue egue Π orso# (σ rgomento = ' si i ti' (orsi)) = Π orso# (σ rgomento = ' si i ti' (orsi)) = {10, 30} U U = {Imp#, orso#} = {orso#} 66 1) Π (U - U) () = Π Imp# () = Imp# ) Π (U - U) () x = Π Imp# () x = Imp# orso# Imp# orso# X =

12 lger relzionle - Divisione lger relzionle - Divisione 3) (Π (U - U) () x ) - = (Π Imp# () x ) - = 4) Π (U - U) ((Π (U - U) () x ) - ) = Π Imp# ((Π Imp# () x ) - ) = Imp# Imp# orso# Imp# orso# Imp# orso# - = ) Π (U - U) () - lolto l psso (1) Π (U - U) ((Π (U - U) () x ) - ) lolto l psso (4) Imp# Imp# Imp# - = lger relzionle - Intersezione lger relzionle - Intersezione L intersezione i ue relzioni,, init on è l insieme elle tuple ontenute in e in l intersezione i ue relzione può essere tt solo se hnno lo stesso gro; inoltre il primo ttriuto i eve vere ominio omptiile on il primo ttriuto i, il seono ttriuto i eve vere ominio omptiile on il seono ttriuto i, e osì vi il gro ell relzione risultto è ugule l gro elle relzioni operni L intersezione è un operzione erivt può intti essere einit ome segue: = - ( - ) ioè: si eterminno le tuple he stnno in m non in (-) si tolgono tutte le tuple he non stnno in ( - ( - )) le tuple risultnti stnno si in he in lger relzionle - Intersezione lger relzionle - Intersezione Esempio D E g F - - (-)

13 lger relzionle - Operzioni erivte lger relzionle - Operzioni erivte 73 i = ( 1,..., k ) uno shem i relzione inihimo on () l' insieme i tutte le relzioni su tle shem _ _ : () () () r1 r2 = r1 \ (r1 \ r2) = {t t r1, t r2} _ x F _ : (1) (2) (1 2) on 1 2 = r1 x F r2 = σ F (r1 r2) = {t1 t2 t1 r1, t2 r2, F(t1,t2)} 74 _ x _ : (1) (2) (1 2) r1 x r2 = {t t[1] r1, t[2] r2} - se 1 2 = r1 x r2 = r1 r2 - se 1 = 2 r1 x r2 = r1 r2 _ _ : (1) (2) (1 \ 2) on 1 2 r1 r2 = {t t2 r2 t1 r1 t.. t1[1\2] = t, t1[2] = t2} lolo elzionle lger vs. lolo L lger relzionle è un linguggio proeurle: nello speiire un espressione lgeri, oimo inire le operzioni neessrie per lolre il risultto ell query, insieme ll orine in ui queste operzioni evono essere svolte nel lolo relzionle viene t un esrizione ormle el risultto, senz speiire ome ottenerlo lolo relzionle - Vrinti lolo relzionle Due vrinti el lolo relzionle: Tuple reltionl lulus (T) le vriili rppresentno tuple Domin reltionl lulus (D) le vriili rppresentno vlori i omini veremo solo T In T un query è un espressione ell orm {t:u P(t)} ossi è einit ome l insieme i tutte le tuple einite su un insieme i ttriuti U tli he il preito P è vero per t notzione: t. ini il vlore ell tupl t per l ttriuto, t ini he t è nell relzione esempio: eterminre tutti gli impiegti il ui stipenio è mggiore i 2000 {t: U Impiegti t Impiegti t.tipenio>2000}

14 lolo relzionle - Esempi lolo relzionle - Esempi Trovre il nome egli impiegti il ui stipenio è mggiore i 2000 {t:{nome} s(s Impiegti s.tipenio>2000 s.nome=t.nome)} t è un vriile he ini tuple pprtenenti un relzione he h ome shem {Nome} l notzione t(q(t)) ini he esiste un tupl t tle he Q(t) è ver Trovre i nomi e gli uii egli impiegti he hnno uno stipenio mggiore i 2000 {t:{nome,uiio} s(s Impiegti s.tipenio>2000 s.nome=t.nome u(u Diprtimenti s.dip#=u.dip# u.uiio=t.uiio))} lolo relzionle - Esempi lolo relzionle - intssi Trovre i nomi egli impiegti he hnno uno stipenio mggiore i 2000 oppure lvorno in un iprtimento ell ivisione D1 {t:{nome} s(s Impiegti s.nome=t.nome s.tipenio>2000 u(u Diprtimenti s.dip#=u.dip# u.divisione= D1 )))} tomi gli tomi sono: s ( è un nome i relzione e s è un vriile) l tupl s pprtiene ll relzione s.θu. (s e u sono vriili, θ è un opertore relzionle i onronto, e sono nomi i ttriuti) il vlore i nell tupl s è in relzione θ on il vlore i nell tupl u s. θ (s è un vriile, θ è un opertore relzionle i onronto, è un nome i ttriuto, è un ostnte) il vlore i nell tupl s è in relzione θ on il vlore lolo relzionle - sintssi lolo relzionle - intssi 83 Formule ogni tomo è un ormul, tutte le oorrenze elle vriili ell tomo sono liere se φ1 e φ2 sono ormule, llor φ1 φ2, φ1 φ2, φ1 sono ormule, le oorrenze elle vriili sono liere o legte seon i ome sono in φ1 e φ2 se φ è un ormul llor s(φ), s(φ) sono ormule tutte le oorrenze i s in φ sono legte l quntiitore (oppure ) se φ è un ormul llor (φ) è un ormul 84 Vriili liere e legte t un ormul F e un vriile x, x è lier in F se e solo se x non è quntiit x (quntiizione universle) x (quntiizione esistenzile) 14

15 lolo relzionle - Esempi lolo relzionle - intssi s(s Impiegti s.tipenio>2000) è un ormul legle, tutte le oorrenze i s sono legte s(s Impiegti x.tipenio>2000 x.dip#= y.dip#) è un ormul legle, tutte le oorrenze i s sono legte mente quelle i x e y sono liere Espressioni el lolo Un espressione (o query) el lolo su tuple h l orm {x:u (x)} ove U è un insieme i ttriuti, è un ormul legle el lolo, x è lier in (x) e è l uni vriile lier in (x) lolo relzionle - Esempi lolo relzionle Esprimere l lger on il T L espressione {y:{dip#} x(x Impiegti x.tipenio>2000 x.dip#=y.dip#)} è un espressione orrett i T he è soistt tutti i numeri ei iprtimenti he hnno lmeno un impiegto he gugn più i 2000 L espressione {y:u Impiegti y(y Impiegti y.mnsione= ingegnere )} non è un espressione orrett i T, in qunto y non è lier Unione: {t:u t t } Dierenz: - {t: U t t } Prootto rtesino: x sino U ={ 1,, n } e U ={ 1,, m } gli insiemi egli ttriuti i e {t: U U x( y(x y x. 1 =t. 1 x. n =t. n y. 1 =t. 1 y. m =t. m ))} lolo relzionle Esprimere l lger on il T lolo relzionle Potere espressivo Proiezione: Π 1, k () {t:{ 1,, k } x(x x. 1 =t. 1 x. k =t. k } elezione: σf() {t:u t F } ove F è l ormul F on ogni ttriuto sostituito t. L lger relzionle e il lolo relzionle hnno lo stesso potere espressivo? ioè: tutto le operzioni esprimiili meinte espressioni ell lger relzionle possono essere espresse meinte espressioni el lolo relzionle e vievers?

16 lolo relzionle Potere espressivo lolo relzionle Potere espressivo L semnti i un interrogzione (in lger o in lolo) è un unzione he trsorm un se i ti relzionle (insieme i relzioni) in un nuov se i ti relzionle lger e lolo hnno lo stesso potere espressivo se per ogni interrogzione Q1 in uno ei ue ormlismi esiste un interrogzione Q2 nell ltro l ui semnti è l stess unzione Non tutte le espressioni el lolo possono essere trotte in equivlenti espressioni ell lger esempio: l espressione {t:u t } seene sintttimente orrett, se lmeno uno ei omini egli ttriuti i è un insieme ininito, quest espressione è soistt un numero ininito i tuple il risultto non sree un relzione! lolo relzionle Potere espressivo lolo relzionle - Potere espressivo 93 Nozione i ormul inipenente l ominio un ormul è inipenente l ominio se l su vlutzione gener sempre lo stesso risultto nhe supponeno i estenere i omini ssoiti gli ttriuti presenti nell se i ti on nuovi vlori, non presenti nell se i ti i prtenz si introue un onizione sinttti (sety) per grntire quest proprietà (non l veimo) Ie: mi restringo interrogzioni il ui risultto ipene solo vlori ontenuti nell se i ti i prtenz 94 l nozione i inipenenz l ominio è però ineiiile i introue quini un onizione sinttti (sety) suiiente grntire l inipenenz l ominio non veimo quest onizione lolo relzionle Potere espressivo Perhé ue linguggi? 95 L espressione {t:u t } non è se il lolo relzionle se e l lger relzionle hnno lo stesso potere espressivo l truzione un ormlismo ll ltro può essere eettut in tempo polinomile nell imensione ell espressione 96 lger relzionle linguggio proeurle utile per il sistem lolo relzionle linguggio ihirtivo utile per l utente i linguggi i interrogzione nei sistemi reli si sno sul lolo l lger relzionle viene utilizzt ome linguggio interno l interrogzione utente viene ompilt in un espressione ell lger relzionle il sistem utilizz le proprietà ell lger per stilire qule espressione permette i risolvere l interrogzione inizile nel moo più eiiente 16

17 Esempio Determinre i nomi egli impiegti he lvorno nell ivisione D1 lolo {t:{nome} s(s Impiegti s.nome=t.nome u(u Diprtimenti s.dip#=u.dip# u.divisione= D1 )))} lger ( ( () Π Nome σ Divisione= D1 Impiegti Diprtimenti ) Esempio (ontinu) Poihé l ttriuto Divisione U Diprtimenti, è possiile ntiipre l selezione () Π Nome Impiegti σ Divisione= D1( Diprtimenti) upponimo he: Impiegti onteng n 1 tuple ( ) Diprtimenti onteng n 2 tuple (rgionevolmente n 2 <= n 1) i iprtimenti ell ivisione D1 sono n 3 (n 3 <= n 2 ) osti (): join:n 1 n 2,selezione: n 1, proiezione: n 1, totle: n 1 n 2 +2n 1 (): selezione: n 2, join: n 1 n 3, proiezione: n 1, totle: n 1 n 3 +n 1 +n2 osto() > osto() il sistem seglie l espressione () 17

La rappresentazione per elencazione consiste nell elencare tutte le coppie ordinate che verificano la relazione

La rappresentazione per elencazione consiste nell elencare tutte le coppie ordinate che verificano la relazione RELAZIONI E FUNZIONI Relzioni inrie Dti ue insiemi non vuoti e (he possono eventulmente oiniere), si ie relzione tr e un qulsisi legge he ssoi elementi elementi. L insieme A è etto insieme i prtenz. L

Dettagli

13. EQUAZIONI ALGEBRICHE

13. EQUAZIONI ALGEBRICHE G. Smmito, A. Bernrdo, Formulrio di mtemti Equzioni lgerihe F. Cimolin, L. Brlett, L. Lussrdi. EQUAZIONI ALGEBRICHE. Prinipi di equivlenz Si die identità un'uguglinz tr due espressioni ontenenti un o più

Dettagli

Numeri razionali COGNOME... NOME... Classe... Data...

Numeri razionali COGNOME... NOME... Classe... Data... I numeri rzionli Cpitolo Numeri rzionli Verifi per l lsse prim COGNOME............................... NOME............................. Clsse.................................... Dt...............................

Dettagli

3. Funzioni iniettive, suriettive e biiettive (Ref p.14)

3. Funzioni iniettive, suriettive e biiettive (Ref p.14) . Funzioni iniettive, suriettive e iiettive (Ref p.4) Dll definizione di funzione si ricv che, not un funzione y f( ), comunque preso un vlore di pprtenente l dominio di f( ) esiste un solo vlore di y

Dettagli

VERSO L ESAME DI STATO LA DERIVATA DI UNA FUNZIONE

VERSO L ESAME DI STATO LA DERIVATA DI UNA FUNZIONE VERSO L ESAME DI STATO LA DERIVATA DI UNA FUNZIONE Soluzioni di quesiti e prolemi trtti dl Corso Bse Blu di Mtemti volume 5 [] (Es. n. 8 pg. 9 V) Dell prol f ( ) si hnno le seguenti informzioni, tutte

Dettagli

VERIFICA DI UN CIRCUITO RESISTIVO CONTENENTE PIÙ GENERATORI CON UN TERMINALE COMUNE E SENZA TERMINALE COMUNE.

VERIFICA DI UN CIRCUITO RESISTIVO CONTENENTE PIÙ GENERATORI CON UN TERMINALE COMUNE E SENZA TERMINALE COMUNE. FCA D UN CCUTO SSTO CONTNNT PÙ GNATO CON UN TMNAL COMUN SNZA TMNAL COMUN. Si verifino quttro iruiti on due genertori: genertori on polrità onorde e un terminle omune genertori on polrità disorde e un terminle

Dettagli

Ing. Alessandro Pochì

Ing. Alessandro Pochì Dispense di Mtemtic clsse quint -Gli integrli Quest oper è distriuit con: Licenz Cretive Commons Attriuzione - Non commercile - Non opere derivte. Itli Ing. Alessndro Pochì Appunti di lezione svolti ll

Dettagli

Integrali de niti. Il problema del calcolo di aree ci porterà alla de nizione di integrale de nito.

Integrali de niti. Il problema del calcolo di aree ci porterà alla de nizione di integrale de nito. Integrli de niti. Il problem di clcolre l re di un regione pin delimitt d gr ci di funzioni si può risolvere usndo l integrle de nito. L integrle de nito st l problem del clcolo di ree come l equzione

Dettagli

Esercizi della 8 lezione sulla Geomeria Linere ESERCIZI SULLA CIRCONFERENZA ESERCIZI SULLA PARABOLA ESERCIZI SULL' ELLISSE ERCIZI SULL' IPERBOLE

Esercizi della 8 lezione sulla Geomeria Linere ESERCIZI SULLA CIRCONFERENZA ESERCIZI SULLA PARABOLA ESERCIZI SULL' ELLISSE ERCIZI SULL' IPERBOLE Eserizi dell lezione sull Geomeri Linere ESERCIZI SULLA CIRCONFERENZA ESERCIZI SULLA PARABOLA ESERCIZI SULL' ELLISSE ES ERCIZI SULL' IPERBOLE ESERCIZI SULLA CIRCONFERENZA. Determinre l equzione dell ironferenz

Dettagli

Momento di una forza rispettto ad un punto

Momento di una forza rispettto ad un punto Momento di un fo ispettto d un punto Rihimimo lune delle definiioni e popietà sui vettoi già disusse ll iniio del oso Podotto vettoile: ϑ ϑ sin sin θ Il vettoe è dietto lungo l pependiole l pino individuto

Dettagli

AUTOVALORI ED AUTOVETTORI. Sia V uno spazio vettoriale di dimensione finita n.

AUTOVALORI ED AUTOVETTORI. Sia V uno spazio vettoriale di dimensione finita n. AUTOVALORI ED AUTOVETTORI Si V uno spzio vettorile di dimensione finit n. Dicesi endomorfismo di V ogni ppliczione linere f : V V dello spzio vettorile in sé. Se f è un endomorfismo di V in V, considert

Dettagli

Vietata la pubblicazione, la riproduzione e la divulgazione a scopo di lucro.

Vietata la pubblicazione, la riproduzione e la divulgazione a scopo di lucro. Viett l pubbliczione, l riprouzione e l ivulgzione scopo i lucro. GA00001 Qul è l mpiezz ell ngolo che si ottiene ) 95 b) 275 c) 265 ) 5 b sottreno 85 un ngolo giro? GA00002 Due ngoli ll circonferenz che

Dettagli

TEORIA DELLA PROBABILITÀ II

TEORIA DELLA PROBABILITÀ II TEORIA DELLA PROBABILITÀ II Diprtimento di Mtemti ITIS V.Volterr Sn Donà di Pive Versione [14-15] Indie 1 Clolo omintorio 1 1.1 Introduzione............................................ 1 1.2 Permutzioni...........................................

Dettagli

Definizioni fondamentali

Definizioni fondamentali Definizioni fondmentli Sistem scisse su un rett 1 Un rett si ce orientt qundo su ess è fissto un verso percorrenz Dti due punti qulsisi A e B un rett orientt r, il segmento AB che può essere percorso d

Dettagli

si definisce Funzione Integrale; si chiama funzione integrale in quanto il suo * x

si definisce Funzione Integrale; si chiama funzione integrale in quanto il suo * x Appunti elorti dll prof.ss Biondin Gldi Funzione integrle Si y = f() un funzione continu in un intervllo [; ] e si 0 [; ]; l integrle 0 f()d si definisce Funzione Integrle; si chim funzione integrle in

Dettagli

CONOSCIAMO LE NORME SULLA SICUREZZA E SUL DIRITTO D AUTORE

CONOSCIAMO LE NORME SULLA SICUREZZA E SUL DIRITTO D AUTORE Conosimo le norme sull siurezz e sul iritto utore Unità 7 UNITÀ DIDATTICA 7 CONOSCIAMO LE NORME SULLA SICUREZZA E SUL DIRITTO D AUTORE IN QUESTA UNITÀ IMPAREREMO... onosere le norme he regolno il iritto

Dettagli

ANALISI REALE E COMPLESSA a.a. 2007-2008

ANALISI REALE E COMPLESSA a.a. 2007-2008 ANALISI REALE E COMPLESSA.. 2007-2008 1 Successioni e serie di funzioni 1.1 Introduzione In questo cpitolo studimo l convergenz di successioni del tipo n f n, dove le f n sono tutte funzioni vlori reli

Dettagli

+ t v. v 3. x = p + tv, t R. + t. 3 2 e passante per il punto p =

+ t v. v 3. x = p + tv, t R. + t. 3 2 e passante per il punto p = 5. Rette e piani in R 3 ; sfere. In questo paragrafo studiamo le rette, i piani e le sfere in R 3. Ci sono due modi per desrivere piani e rette in R 3 : mediante equazioni artesiane oppure mediante equazioni

Dettagli

Il volume del cilindro è dato dal prodotto della superficie di base per l altezza, quindi

Il volume del cilindro è dato dal prodotto della superficie di base per l altezza, quindi Mtemtic per l nuov mturità scientific A. Bernrdo M. Pedone 3 Questionrio Quesito 1 Provre che un sfer è equivlente i /3 del cilindro circoscritto. r 4 3 Il volume dell sfer è 3 r Il volume del cilindro

Dettagli

Figura 2.1. A sottoinsieme di B

Figura 2.1. A sottoinsieme di B G Sammito, ernardo, Formulario di matematia Insiemi F Cimolin, L arletta, L Lussardi Insiemi Generalità Un insieme è una ollezione distinguibile di oggetti, detti elementi dell'insieme Quando un elemento

Dettagli

INTEGRALI IMPROPRI. f(x) dx. e la funzione f(x) si dice integrabile in senso improprio su (a, b]. Se tale limite esiste ma

INTEGRALI IMPROPRI. f(x) dx. e la funzione f(x) si dice integrabile in senso improprio su (a, b]. Se tale limite esiste ma INTEGRALI IMPROPRI. Integrli impropri su intervlli itti Dt un funzione f() continu in [, b), ponimo ε f() = f() ε + qundo il ite esiste. Se tle ite esiste finito, l integrle improprio si dice convergente

Dettagli

Macchine elettriche in corrente continua

Macchine elettriche in corrente continua cchine elettriche in corrente continu Generlità Può essere definit mcchin un dispositivo che convert energi d un form un ltr. Le mcchine elettriche in prticolre convertono energi elettric in energi meccnic

Dettagli

4. Qual è il requisito principale per la saldatura di acciai a basso contenuto di carbonio (acciai dolci)?

4. Qual è il requisito principale per la saldatura di acciai a basso contenuto di carbonio (acciai dolci)? 1. Qule ei metoi ell eleno è ppliile ll ossizione ell iio? Menio Iniezione Chimio A sintill 2. Qule elle seguenti frsi rigur l punzontur? È un lvorzione lo he non inue grne eformzione el pezzo È un lvorzione

Dettagli

Corso di Analisi Matematica Calcolo integrale per funzioni di una variabile

Corso di Analisi Matematica Calcolo integrale per funzioni di una variabile Corso di Anlisi Mtemtic Clcolo integrle per funzioni di un vribile Lure in Informtic e Comuniczione Digitle A.A. 2013/2014 Università di Bri ICD (Bri) Anlisi Mtemtic 1 / 40 1 L integrle come limite di

Dettagli

www.scuolainweb.altervista.org Problemi di Fisica La Dinamica

www.scuolainweb.altervista.org Problemi di Fisica La Dinamica www.suolinweb.ltevist.og L Dinmi Poblemi di isi L Dinmi PROBLEA N. Un opo di mss m 4 kg viene spostto on un foz ostnte 3 N su un supefiie piv di ttito pe un ttto s,3 m. Supponendo he il opo inizilmente

Dettagli

Problemi di massimo e minimo in Geometria Solida Problemi su poliedri. Indice dei problemi risolti

Problemi di massimo e minimo in Geometria Solida Problemi su poliedri. Indice dei problemi risolti Problemi di mssimo e minimo in Geometri olid Problemi su poliedri Indice dei problemi risolti In generle, un problem si riferisce un figur con crtteristice specifice (p.es., il numero dei lti dell bse)

Dettagli

Titolazione Acido Debole Base Forte. La reazione che avviene nella titolazione di un acido debole HA con una base forte NaOH è:

Titolazione Acido Debole Base Forte. La reazione che avviene nella titolazione di un acido debole HA con una base forte NaOH è: Titolzione Acido Debole Bse Forte L rezione che vviene nell titolzione di un cido debole HA con un bse forte NOH è: HA(q) NOH(q) N (q) A (q) HO Per quest rezione l costnte di equilibrio è: 1 = = >>1 w

Dettagli

1 b a. f(x) dx. Osservazione 1.2. Se indichiamo con µ il valore medio di f su [a, b], abbiamo che. f(x) dx = µ(b a) =

1 b a. f(x) dx. Osservazione 1.2. Se indichiamo con µ il valore medio di f su [a, b], abbiamo che. f(x) dx = µ(b a) = Note ed esercizi di Anlisi Mtemtic - (Fosci) Ingegneri dell Informzione - 28-29. Lezione del 7 novembre 28. Questi esercizi sono reperibili dll pgin web del corso ttp://utenti.unife.it/dmino.fosci/didttic/mii89.tml

Dettagli

La scelta di equilibrio del consumatore. Integrazione del Cap. 21 del testo di Mankiw 1

La scelta di equilibrio del consumatore. Integrazione del Cap. 21 del testo di Mankiw 1 M.Blconi e R.Fontn, Disense di conomi: 3) quilirio del consumtore L scelt di equilirio del consumtore ntegrzione del C. 21 del testo di Mnkiw 1 Prte 1 l vincolo di ilncio Suonimo che il reddito di un consumtore

Dettagli

Appunti di Analisi matematica 1. Paolo Acquistapace

Appunti di Analisi matematica 1. Paolo Acquistapace Appunti di Anlisi mtemtic Polo Acquistpce 23 febbrio 205 Indice Numeri 4. Alfbeto greco................................. 4.2 Insiemi..................................... 4.3 Funzioni....................................

Dettagli

Codici bifissi ed insiemi Sturmiani

Codici bifissi ed insiemi Sturmiani Università degli Studi di Plermo Fcoltà di Scienze MM. FF. NN. Corso di Lure Specilistic in Mtemtic Codici ifissi ed insiemi Sturmini Studente Frncesco Dolce Reltore Prof. Antonio Restivo Anno Accdemico

Dettagli

Soluzioni Esercitazione VIII. p(t)dt = R

Soluzioni Esercitazione VIII. p(t)dt = R S. a Si ha Soluioni Esercitaione VIII PT > + ptt ptt perché pt per t u + perché

Dettagli

1. L'INSIEME DEI NUMERI REALI

1. L'INSIEME DEI NUMERI REALI . L'INSIEME DEI NUMERI REALI. I pricipli isiemi di umeri Ripredimo i pricipli isiemi umerici N, l'isieme dei umeri turli 0; ; ; ; ;... L'ide ituitiv di umero turle è ssocit l prolem di cotre e ordire gli

Dettagli

I vettori. a b. 180 α B A. Un segmento orientato è un segmento su cui è stato fissato un verso. di percorrenza, da verso oppure da verso.

I vettori. a b. 180 α B A. Un segmento orientato è un segmento su cui è stato fissato un verso. di percorrenza, da verso oppure da verso. I vettor B Un segmento orentto è un segmento su cu è stto fssto un verso B d percorrenz, d verso oppure d verso. A A Il segmento orentto d verso è ndcto con l smolo. Due segment orentt che hnno l stess

Dettagli

APPROFONDIMENTI SUI NUMERI

APPROFONDIMENTI SUI NUMERI APPROFONDIMENTI SUI NUMERI. Il sistem di umerzioe deimle Be presto, ll operzioe turle del otre, si è ggiut l esigez di «rppresetre» i umeri. I sistemi di umerzioe possiili soo molti; per or i limitimo

Dettagli

DICHIARAZIONE DI INIZIO ATTIVITÀ, VARIAZIONE DATI O CESSAZIONE ATTIVITÀ AI FINI IVA

DICHIARAZIONE DI INIZIO ATTIVITÀ, VARIAZIONE DATI O CESSAZIONE ATTIVITÀ AI FINI IVA Modello 9/11 DIHIRZIONE DI INIZIO TTIVITÀ, VRIZIONE DTI O ESSZIONE TTIVITÀ I FINI IV (IMPRESE INDIVIDULI E LVORTORI UTONOMI) Informativa sul dei dati personali ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. n. 196 del

Dettagli

Le spese di ricerca e sviluppo: gestione contabile ed iscrizione in bilancio *

Le spese di ricerca e sviluppo: gestione contabile ed iscrizione in bilancio * www.solmp.it Le : gestione contbile ed iscrizione in bilncio * Piero Pisoni, Fbrizio Bv, Dontell Busso e Alin Devlle ** 1. Premess Le sono esminte nei seguenti spetti: Il presente elborto è trtto d: definizione

Dettagli

Fatturiamo. Versione 5. Manuale per l utente. Active Software Corso Italia 149-34170 Gorizia email info@activeweb.it

Fatturiamo. Versione 5. Manuale per l utente. Active Software Corso Italia 149-34170 Gorizia email info@activeweb.it Ftturimo Versione 5 Mnule per l utente Active Softwre Corso Itli 149-34170 Gorizi emil info@ctiveweb.it Se questo documento ppre nell finestr del vostro browser Internet di defult, richimte il comndo Registr

Dettagli

Esempio Data la matrice E estraiamo due minori di ordine 3 differenti:

Esempio Data la matrice E estraiamo due minori di ordine 3 differenti: Minori di un mtrice Si A K m,n, si definisce minore di ordine p con p N, p

Dettagli

Variazioni di sviluppo del lobo frontale nell'uomo

Variazioni di sviluppo del lobo frontale nell'uomo Istituto di Antropologi dell Regi Università di Rom Vrizioni di sviluppo del lobo frontle nell'uomo pel Dott. SERGIO SERGI Libero docente ed iuto ll cttedr di Antropologi. Il problem dei rpporti di sviluppo

Dettagli

Corso di ordinamento - Sessione suppletiva - a.s. 2009-2010

Corso di ordinamento - Sessione suppletiva - a.s. 2009-2010 Corso di ordinmnto - Sssion suppltiv -.s. 9- PROBLEMA ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO SESSIONE SUPPLETIA Tm di: MATEMATICA. s. 9- Dt un circonrnz di cntro O rggio unitrio, si prndno

Dettagli

Algebra Relazionale. algebra relazionale

Algebra Relazionale. algebra relazionale Algebra Relazionale algebra relazionale Linguaggi di Interrogazione linguaggi formali Algebra relazionale Calcolo relazionale Programmazione logica linguaggi programmativi SQL: Structured Query Language

Dettagli

AcidSoft. Le nostre soluzioni. Innovazione

AcidSoft. Le nostre soluzioni. Innovazione AiSoft AiSoft ase alla passioe per l'iformatio teology e si oretizza i ua realtà impreitoriale, ua perfetta reazioe imia tra ooseza teia e reatività per realizzare progetti i grae iovazioe. Le ostre soluzioi

Dettagli

1 2-6 7-74 Commento * Continuazione riga! Viene ignorato tutto quello che viene scritto dopo questo carattere [etichett a]

1 2-6 7-74 Commento * Continuazione riga! Viene ignorato tutto quello che viene scritto dopo questo carattere [etichett a] La programmazione è l'arte di far ompiere al omputer una suessione di operazioni atte ad ottenere il risultato voluto. Srivere un programma è un po' ome dialogare ol omputer, dobbiamo fornirgli delle informazioni

Dettagli

Le operazioni fondamentali in N Basic Arithmetic Operations in N

Le operazioni fondamentali in N Basic Arithmetic Operations in N Operzioi fodetli i - 1 Le operzioi fodetli i Bsic Arithetic Opertios i I geerle u operzioe è u procedieto che due o più ueri, dti i u certo ordie e detti terii dell'operzioe, e ssoci u ltro, detto risultto

Dettagli

1501 QUAL È L'UNITÀ DI MISURA PER MISURARE LA CAPIENZA DELL'HARD DISK? a) Bit b) Kbyte c) Gigabyte. Risposta corretta: 1502 CHE COS'È UN BYTE?

1501 QUAL È L'UNITÀ DI MISURA PER MISURARE LA CAPIENZA DELL'HARD DISK? a) Bit b) Kbyte c) Gigabyte. Risposta corretta: 1502 CHE COS'È UN BYTE? 1501 QUL È L'UNITÀ DI MISUR PER MISURRE L PIENZ DELL'HRD DISK? a) it b) Kbyte c) Gigabyte 1502 HE OS'È UN YTE? a) Un insieme di 256 bit b) Un gruppo di 8 bit c) Un carattere che può assumere solo i valori

Dettagli

x = AP = AC PC = R (θ sen θ) y = PB = PQ + BQ = R (1 cos θ).

x = AP = AC PC = R (θ sen θ) y = PB = PQ + BQ = R (1 cos θ). L iloide L urv no oggi ome iloide fu onsider per primo d Glileo, he in un primo momeno ongeurò he l re dell figur rhius fosse re vole quell del erhio he l gener Più rdi, forse us di qulhe esperimeno ml

Dettagli

Il linguaggio Pascal. Piero Gallo Fabio Salerno

Il linguaggio Pascal. Piero Gallo Fabio Salerno Il linguaggio Pasal Piero Gallo Fabio Salerno Introduzione alla programmazione in Pasal In ogni momento della nostra vita siamo hiamati a risolvere dei problemi. A volte operiamo senza riflettere, spinti

Dettagli

Cuscinetti ad una corona di sfere a contatto obliquo

Cuscinetti ad una corona di sfere a contatto obliquo Cuscinetti d un coron di sfere conttto obliquo Cuscinetti d un coron di sfere conttto obliquo 232 Definizione ed ttitudini 232 Serie 233 Vrinti 233 Tollernze e giochi 234 Elementi di clcolo 236 Crtteristiche

Dettagli

Comparazione delle performance di 6 cloni di Gamay ad altitudine elevata

Comparazione delle performance di 6 cloni di Gamay ad altitudine elevata Comprzione delle performnce di 6 cloni di Gmy d ltitudine elevt 1 / 46 Motivzioni Selezione clonle IAR-4 Lo IAR-4 è stto selezionto in mbiente montno d un prticolre popolzione di mterile stndrd, dll qule

Dettagli

LE INTERSEZIONI Dispense didattiche di TOPOGRAFIA

LE INTERSEZIONI Dispense didattiche di TOPOGRAFIA lsse qurt Docente: In. Ntt MODULO I: IL RILIEVO TOOGRFIO UD I: L INQUDRMENTO ON LE RETI - INTERSEZIONI LE INTERSEZIONI Dispense didttiche di TOOGRFI r M unto di ollins O s θ 00 O d O d 00 θ θ ω ' ω θ c'

Dettagli

YOGURT. Dosi per. 150 più secondo il. fermenti. eccezionalee. il nostroo lavorare. intestino. forma. Alla fine

YOGURT. Dosi per. 150 più secondo il. fermenti. eccezionalee. il nostroo lavorare. intestino. forma. Alla fine YOGURT FATTO IN CASAA CON YOGURTIERA Lo yogurt ftto in cs è senz ltro un modoo sno per crere un limento eccezionlee per l nostr slute. Ricco di ltticii iut intestino fermenti il nostroo lvorre meglioo

Dettagli

07 GUIDA ALLA PROGETTAZIONE. Guida alla progettazione

07 GUIDA ALLA PROGETTAZIONE. Guida alla progettazione 07 Guid ll progettzione Scelt tubzioni e giunti 2 tubi di misur [mm] Dimetro tubzioni unità esterne (A) Giunti 12Hp 1Hp 1Hp Selezionre il dimetro delle unità esterne dll seguente tbell Giunto Y tr unità

Dettagli

Esercizi sulle serie di Fourier

Esercizi sulle serie di Fourier Esercizi sulle serie di Fourier Corso di Fisic Mtemtic,.. 3- Diprtimento di Mtemtic, Università di Milno Novembre 3 Sviluppo in serie di Fourier (esponenzile) In questi esercizi, si richiede di sviluppre

Dettagli

STUD FOTOVOLTAICO 16 LED 1.2W CW

STUD FOTOVOLTAICO 16 LED 1.2W CW Cod. 1879.185M STUD FOTOVOLTAICO 16 LED 1.2W CW Crtteristiche tecniche Corpo in lluminio pressofuso Portello di chiusur vno cblggio/btterie in termoindurente Riflettore in lluminio vernicito binco Diffusore

Dettagli

EQUILIBRI IN SOLUZIONE ACQUOSA

EQUILIBRI IN SOLUZIONE ACQUOSA Dispense CHIMICA GENERALE E ORGANICA (STAL) 010/11 Prof. P. Crloni EQUILIBRI IN SOLUZIONE ACQUOSA Qundo si prl di rezioni di equilirio dei composti inorgnici, un considerzione prticolre viene rivolt lle

Dettagli

Metodi d integrazione di Montecarlo

Metodi d integrazione di Montecarlo Metodi d itegrzioe di Motecrlo Simulzioe l termie simulzioe ell su ccezioe scietific h u sigificto diverso dll ccezioe correte. Nell uso ordirio è sioimo si fizioe; ell uso scietifico è sioimo di imitzioe,

Dettagli

Catalogo isoweld Il sistema di fissaggio ad induzione. Nuovo

Catalogo isoweld Il sistema di fissaggio ad induzione. Nuovo Catalogo isowel Il sistema i fissaggio a inuzione Nuovo isowel l innovativo sistema i fissaggio a inuzione i SFS intec Il nuovo sistema isowel TM i SFS intec è un sistema i fissaggio a inuzione innovativo

Dettagli

ELETTROMAGNETI IBK Elettromagneti per l automazione flessibile

ELETTROMAGNETI IBK Elettromagneti per l automazione flessibile INDUCTIVE COMPONENTS I 0 I 0 IBK ELETTROMAGNETI IBK Elettomneti e l utomzione flessibile Ctloo eli elettomneti IBK e l zionmento ei sistemi oscillnti Eizione Mio 2004 www.eoitli.it/ootti/feee.tml Elettomneti

Dettagli

METODO VOLTAMPEROMETRICO

METODO VOLTAMPEROMETRICO METODO OLTAMPEOMETCO Tle etodo consente di isrre indirettente n resistenz elettric ed ipieg l definizione stess di resistenz : doe rppresent l tensione i cpi dell resistenz e l corrente che l ttrers coe

Dettagli

ESERCITAZIONI. I. 1)Una coppia ha già due figlie. Se pianificassero di avere 6 figli, con quale probabilità avranno una famiglia di tutte figlie?

ESERCITAZIONI. I. 1)Una coppia ha già due figlie. Se pianificassero di avere 6 figli, con quale probabilità avranno una famiglia di tutte figlie? ESERCITZIONI. I 1)Un coppi h già due figlie. Se pinificssero di vere 6 figli, con qule probbilità vrnno un fmigli di tutte figlie? ) 1/4 b)1/8 c)1/16 d)1/32 e)1/64 2)In un fmigli con 3 bmbini, qul e l

Dettagli

INTERCONNESSIONE CONNETTIVITÀ

INTERCONNESSIONE CONNETTIVITÀ EMC VMA AX 10K EMC VMAX 10K fornisce e un'rchitettu ur scle-out multi-controlller Tier 1 rele e che nsolidmento ed efficienz. EMC VMAX 10 0K utilizz l stess s grntisce lle ziende con stemi VMAX 20 0K e

Dettagli

Domanda n. del Pensione n. cat. abitante a Prov. CAP. via n. DICHIARA, sotto la propria responsabilità, che per gli anni:

Domanda n. del Pensione n. cat. abitante a Prov. CAP. via n. DICHIARA, sotto la propria responsabilità, che per gli anni: Mod. RED Sede di Domnd n. del Pensione n. ct. nto il stto civile bitnte Prov. CAP vi n. DICHIARA, sotto l propri responsbilità, che per gli nni: A B (brrre l csell reltiv ll propri situzione) NON POSSIEDE

Dettagli

I radicali 1. Claudio CANCELLI (www.claudiocancelli.it)

I radicali 1. Claudio CANCELLI (www.claudiocancelli.it) I rdicli Cludio CANCELLI (www.cludioccelli.it) Ed..0 www.cludioccelli.it Dec. 0 I rdicli INDICE DEI CONTENUTI. I RADICALI... INDICE DI RADICE PARI...4 INDICE DI RADICE DISPARI...5 RADICALI SIMILI...6 PROPRIETA

Dettagli

Ing. Alessandro Pochì

Ing. Alessandro Pochì Lo studio di unzione Ing. Alessandro Pochì Appunti di analisi Matematica per la Classe VD (a.s. 011/01) Schema generale per lo studio di una unzione Premessa Per Studio unzione si intende, generalmente,

Dettagli

Studio di funzione. Pertanto nello studio di tali funzioni si esamino:

Studio di funzione. Pertanto nello studio di tali funzioni si esamino: Prof. Emnul ANDRISANI Studio di funzion Funzioni rzionli intr n n o... n n Crttristich: sono funzioni continu drivbili in tutto il cmpo rl D R quindi non sistono sintoti vrticli D R quindi non sistono

Dettagli

Capitolo 8 - Introduzione alla probabilità

Capitolo 8 - Introduzione alla probabilità Appunti di Teoria dei Segnali Capitolo 8 - Introduzione alla probabilità Concetti preliminari di probabilità... Introduzione alla probabilità... Deinizione di spazio degli eventi... Deinizione di evento...

Dettagli

BOZZA. Lezione n. 20. Stati limite nel cemento armato Stato limite ultimo per tensioni normali

BOZZA. Lezione n. 20. Stati limite nel cemento armato Stato limite ultimo per tensioni normali Lezione n. Stati limite nel cemento armato Stato limite ultimo per tenioni normali Determinazione elle configurazioni i rottura per la ezione Una volta introotti i legami cotitutivi, è poibile eterminare

Dettagli

Analisi funzionale. Riccarda Rossi Lezione 9

Analisi funzionale. Riccarda Rossi Lezione 9 Riarda Rossi Lezione 9 Caratterizzazione della onvergenza debole in L p (Ω) Siano 1 < p < e {f n}, f L p (Ω): allora f n f in L p (Ω) Teorema di ompattezza debole in L p (Ω) Teorema Siano 1 < p < e {f

Dettagli

v999999999 Italià (més grans de 25 anys) Aferrau una etiqueta identificativa Convocatòri a 2015 de codi de barres Model 1

v999999999 Italià (més grans de 25 anys) Aferrau una etiqueta identificativa Convocatòri a 2015 de codi de barres Model 1 Aferru un etiquet identifictiv v999999999 de codi de brres Itlià (més grns de 25 nys) Model 1 Not 1ª Not 2ª Aferru l cpçler d exmen un cop cbt l exercici Puntució: preguntes vertder/fls: 1 punt; preguntes

Dettagli

MACCHINE ELETTRICHE. Stefano Pastore. Macchine in Corrente Continua

MACCHINE ELETTRICHE. Stefano Pastore. Macchine in Corrente Continua MACCHINE ELETTRICHE Mahine in Corrente Continua Stefano Pastore Dipartiento di Ingegneria e Arhitettura Corso di Elettrotenia (IN 043) a.a. 2012-13 Statore Sistea induttore (Statore): anello in ghisa o

Dettagli

Metering box MODULO DI CONTABILIZZAZIONE E DISTRIBUZIONE DELL ENERGIA TERMICA, UNITA' MB2

Metering box MODULO DI CONTABILIZZAZIONE E DISTRIBUZIONE DELL ENERGIA TERMICA, UNITA' MB2 Metering ox MODULO DI CONTABILIZZAZIONE E DISTRIBUZIONE DELL ENERGIA TERMICA, UNITA' MB2 ISTRUZIONI PER L'INSTALLAZIONE, LA MESSA IN SERVIZIO E IL FUNZIONAMENTO Sommrio Fig. 1. Unità llo stto ell onsegn

Dettagli

Controllo di Gestione (CdG)

Controllo di Gestione (CdG) Controllo di Gestione (CdG) Controllo di gestione (CdG) Controllo dei risultati a. Condizioni di fattiilità ed effiaia. Elementi. Grado di rigidità d. Potenzialità e. Svantaggi f. Profili istituzionali

Dettagli

Swisscodes 2003 Corso di postformazione SUP

Swisscodes 2003 Corso di postformazione SUP Swisscoes 2003 Corso i postformazione SUP SIA 267 Geotecnica Basi e concetto i imensionamento 23/01/2014 Corso i applicazione ella norma SIA 267 - Geotecnica 1 Basi e concetti i imensionamento 1. Introuzione,

Dettagli

a) Sta di fatto, che la gran maggioranza di quel che ci è giunto dalle civiltà del passato viene dalle tombe.

a) Sta di fatto, che la gran maggioranza di quel che ci è giunto dalle civiltà del passato viene dalle tombe. Viett l pulizione, l riprouzione e l ivulgzione sopo i luro. RA00001 Iniviure l frse in ui l punteggitur NON è orrett. RA00002 Qule elle seguenti frsi ontiene un termine sritto in moo sorretto? RA00003

Dettagli

RISORSE ENERGETICHE DISTRIBUITE e SMART GRID problematiche e opportunità

RISORSE ENERGETICHE DISTRIBUITE e SMART GRID problematiche e opportunità 25 Gennaio 2012, Roncegno Terme Workshop: la micro-cogenerazione con celle a combustibile SOF e i progetti in corso in Italia RISORSE ENERGETIHE DISTRIBUITE e SMART GRID problematiche e opportunità Omar

Dettagli

Fondamenti di Teoria delle Basi di Dati

Fondamenti di Teoria delle Basi di Dati Fondamenti di Teoria delle Basi di Dati Riccardo Torlone Parte 6: Potenza espressiva del calcolo Calcolo su domini, discussione Pregi: dichiaratività Difetti: "verbosità": tante variabili! espressioni

Dettagli

Stefano Falorsi. di seconda e quinta elementare rispettivamente di numerosità e N. I test somministrati alle

Stefano Falorsi. di seconda e quinta elementare rispettivamente di numerosità e N. I test somministrati alle Nota metooogica sua strategia i campionamento e sistema nazionae i vautazione ee competenze per e cassi secona e quinta e primo cico ea scuoa primaria Stefano Faorsi. Obiettivi I Sistema Nazionae i Vautazione

Dettagli

I NUMERI DECIMALI A. Osserva il bruco: è formato da 10 parti. Colora l intero bruco, 1 bruco.

I NUMERI DECIMALI A. Osserva il bruco: è formato da 10 parti. Colora l intero bruco, 1 bruco. I NUMERI DECIMALI A.Osserva il brco: è formato a parti. Colora l intero brco, 1 brco. Hai colorato s parti el brco, ieci ecimi el brco, cioè 1 brco. Ne poi colorare meno i no? Prova! B.Colora 2/ el brco.

Dettagli

Ottica. 1 p + 1 q = 2 R

Ottica. 1 p + 1 q = 2 R - - I amosi specchi ustori usati da rchimede per bruciare le navi nemiche erano specchi serici. Sapendo che la distanza delle alture, dove erano posti gli specchi, dal mare era di 00 m, dite uale doveva

Dettagli

MATRICI SIMILI E MATRICI DIAGONALIZZABILI

MATRICI SIMILI E MATRICI DIAGONALIZZABILI MATRICI SIMILI E MATRICI DIAGONALIZZABILI DEFINIZIONE: Due mtici qudte A e B, dello stesso odine n, si dicono simili se esiste un mtice non singole S, tle che isulti: B S A S L mtice S si chim nche mtice

Dettagli

a Crediamo nel concetto di cucina a chilometro zero e nei prodotti di stagione, crediamo nel rispetto dell ambiente e delle tradizioni.

a Crediamo nel concetto di cucina a chilometro zero e nei prodotti di stagione, crediamo nel rispetto dell ambiente e delle tradizioni. Credimo nel concetto di cucin chilometro zero e nei prodotti di stgione, credimo nel rispetto dell mbiente e delle trdizioni. L nostr propost enogstronomic è bst sull riscopert delle ricette più semplici

Dettagli

IL DIRIGENTE SCOLASTICO IN EUROPA

IL DIRIGENTE SCOLASTICO IN EUROPA n u m e r o m o n o g r f i c o IL DIRIGENTE SCOLASTICO IN EUROPA PREMESSA Nell Comuniczione dell Commissione Europe del 3 luglio 2008, intitolt Migliorre le competenze per il 21 secolo: un ordine del

Dettagli

Procedure di modellazione di capannoni industriali prefabbricati esistenti

Procedure di modellazione di capannoni industriali prefabbricati esistenti Procedure di modellazione di capannoni industriali prefabbricati esistenti Flavio Tartero, Libero Professionista Davide Bellotti, EUCENTRE Roberto Nascimbene, EUCENTRE SOMMARIO Nel presente lavoro vengono

Dettagli

Travature reticolari piane : esercizi svolti De Domenico D., Fuschi P., Pisano A., Sofi A.

Travature reticolari piane : esercizi svolti De Domenico D., Fuschi P., Pisano A., Sofi A. Travature reticolari piane : esercizi svolti e omenico., Fuschi., isano., Sofi. SRZO n. ata la travatura reticolare piana triangolata semplice illustrata in Figura, determinare gli sforzi normali nelle

Dettagli

11. Attività svolta dall Agenzia, risorse e aspetti organizzativi

11. Attività svolta dall Agenzia, risorse e aspetti organizzativi 11. Attività svolt dll Agenzi, risorse e spetti orgnizztivi 11.1 Attività istituzionle svolt i sensi dell Deliberzione istitutiv In un vlutzione complessiv delle ttività svolte dll Agenzi i sensi dell

Dettagli

GUIDA DELL UTENTE CARATTERISTICHE PRINCIPALI

GUIDA DELL UTENTE CARATTERISTICHE PRINCIPALI DORO Analisi e verifia di sezioni in.a., preompresso/post-teso e miste aiaio-alestruzzo v. 3.01.29 del 17 marzo 2015 dott. ing. FERRARI Alberto www.ferrarialberto.it GUIDA DELL UTENTE CARATTERISTICHE PRINCIPALI

Dettagli

(anno accademico 2008-09)

(anno accademico 2008-09) Calcolo relazionale Prof Alberto Belussi Prof. Alberto Belussi (anno accademico 2008-09) Calcolo relazionale E un linguaggio di interrogazione o e dichiarativo: at specifica le proprietà del risultato

Dettagli

Domanda di pagamento dei ratei di pensione maturati e non riscossi - 1/7

Domanda di pagamento dei ratei di pensione maturati e non riscossi - 1/7 Istituto Nazionale Previdenza Sociale PR O TOC OL L O COD. P23 maturati e non riscossi - 1/7 Questi moduli vanno utilizzati da tutti gli eredi di un pensionato, in assenza del coniuge. Se esistono più

Dettagli

LE IRRESISTIBILI DOLCI TENTAZIONI DEL MOMENTO, SCEGLI LA TUA BASE SCATENA LA TUA FANTASIA CONQUISTA TANTI NUOVI CLIENTI!

LE IRRESISTIBILI DOLCI TENTAZIONI DEL MOMENTO, SCEGLI LA TUA BASE SCATENA LA TUA FANTASIA CONQUISTA TANTI NUOVI CLIENTI! Le ALL ITALIANA CREA LA TUA ALL ITALIANA Decidi di essere oriin le, cre tivo e diverso d i tuoi concorrenti : Cre le tue person lissime cup c kes ll it li n, LE IRRESISTIBILI DOLCI TENTAZIONI DEL MOMENTO,

Dettagli

L ELLISSOIDE TERRESTRE

L ELLISSOIDE TERRESTRE L ELLISSOIDE TERRESTRE Fin dll scond mtà dl XVII scolo (su propost di Nwton) l suprfici più dtt ssr ssunt com suprfici di rifrimnto pr l Trr è stt individut in un ELLISSOIDE DI ROTAZIONE. E l suprfici

Dettagli

10 Progetto con modelli tirante-puntone

10 Progetto con modelli tirante-puntone 0 Progetto con modelli tirnte-puntone 0. Introduzione I modelli tirnte-puntone (S&T Strut nd Tie) sono utilizzti per l progettzione delle membrture in c.. che non possono essere schemtizzte come solidi

Dettagli

Funzioni in più variabili

Funzioni in più variabili Funzioni in più variabili Corso di Analisi 1 di Andrea Centomo 27 gennaio 2011 Indichiamo con R n, n 1, l insieme delle n-uple ordinate di numeri reali R n4{(x 1, x 2,,x n ), x i R, i =1,,n}. Dato X R

Dettagli

Manuale di riferimento

Manuale di riferimento Manuale di riferimento Copyright 2011 2014 JetLab S.r.l. Tutti i diritti riservati è un marhio di JetLab S.r.l. Mirosoft, Windows, Windows NT, Windows XP, Windows Vista, Windows 7 e il logo di Windows

Dettagli

NOME BUBBICO ROCCO LUIGI CODICE FISCALE

NOME BUBBICO ROCCO LUIGI CODICE FISCALE Riservto ll Poste itline Sp N. Protocollo t di presentzione UNI CONORME AL PROVVEIMENTO AGENZIA ELLE ENTRATE EL 000 E SUCCESSIVI PROVVEIMENTI Periodo d'impost 0 COGNOME COICE ISCALE Informtiv sul trttmento

Dettagli

Capitolo Dodicesimo CALCOLO DIFFERENZIALE PER FUNZIONI DI PIÙ VARIABILI

Capitolo Dodicesimo CALCOLO DIFFERENZIALE PER FUNZIONI DI PIÙ VARIABILI Capitolo Dodicesimo CALCOLO DIFFERENZIALE PER FUNZIONI DI PIÙ VARIABILI CAMPI SCALARI Sono dati: un insieme aperto A Â n, un punto x = (x, x 2,, x n )T A e una funzione f : A Â Si pone allora il PROBLEMA

Dettagli

Dal modello concettuale al modello logico

Dal modello concettuale al modello logico Dal modello concettuale al modello logico Traduzione dal modello Entita - Associazione al modello Relazionale Ciclo di sviluppo di una base di dati (da parte dell utente) Analisi dello scenario Modello

Dettagli

Rango: Rouchè-Capelli, dimensione e basi di spazi vettoriali.

Rango: Rouchè-Capelli, dimensione e basi di spazi vettoriali. CAPITOLO 7 Rango: Rouchè-Capelli, dimensione e basi di spazi vettoriali. Esercizio 7.1. Determinare il rango delle seguenti matrici al variare del parametro t R. 1 4 2 1 4 2 A 1 = 0 t+1 1 A 2 = 0 t+1 1

Dettagli

Rette e piani con le matrici e i determinanti

Rette e piani con le matrici e i determinanti CAPITOLO Rette e piani con le matrici e i determinanti Esercizio.. Stabilire se i punti A(, ), B(, ) e C(, ) sono allineati. Esercizio.. Stabilire se i punti A(,,), B(,,), C(,, ) e D(4,,0) sono complanari.

Dettagli

T12 Oneri per Competenze Stipendiali

T12 Oneri per Competenze Stipendiali T12 Oneri per Competenze Stipendiali Qualifica MENSLT' STPENO..S. R.../ PROGR. ECONOMC NZNT' TRECESM MENSLT' RRETRT NNO CORRENTE RRETRT PER NN PRECEDENT RECUPER PER RTR SSENZE ECC. mporto Totale N Mesi

Dettagli