Business Intelligence: dell impresa

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Business Intelligence: dell impresa"

Transcript

1 Architetture Business Intelligence: dell impresa Silvana Bortolin Come organizzare la complessità e porla al servizio dell impresa attraverso i sistemi di Business Intelligence, per creare processi organizzativi ed informativi che migliorino le capacità di modellazione, simulazione visione. INTRODUZIONE ALLA BUSINESS INTELLIGENCE Negli ultimi anni dello scorso decennio, manager d azienda e studiosi di diversa estrazione hanno manifestato un rinnovato interesse verso l impiego dell informatica nella produzione d informazioni per il governo dell impresa. Esaurita alla fine degli anni 80 la prima fase di entusiasmo, con i grandi progetti di EIS (Execute Information System) statunitensi di cui molto si era discusso nell ambito aziendale e della ricerca, nei primi anni 90 sembrava di essere entrati in una fase di disillusione: l attenzione dedicata ai sistemi informativi direzionali andava attenuandosi. Un effetto positivo di questa prima fase di riflusso è stato sicuramente quello di incominciare a modificare convinzioni di fondo ed approcci alla progettazione e realizzazione dei sistemi di produzione delle informazioni manageriali complementari ai sistemi di gestione delle transazioni operative dell azienda. I concetti di EIS e DSS (Decision Support System) assumono, nella seconda metà degli anni 90, una configurazione più precisa rispetto al passato: i potenziali destinatari diventano tutti coloro che necessitano di informazioni nel proprio lavoro (Knowledge Information Workers) ed il focus di questi sistemi si accentua verso il top management che, fino a quel momento, soprattutto in Italia, non aveva conosciuto una forte propensione all utilizzo degli strumenti informatici. Verso la fine del decennio scorso diventa sempre più evidente l attenzione verso i sistemi di Misurazione delle Performance e di gestione delle Balance Scorecards, fino ad arrivare, con i nuovi sistemi di Business Intelligence, all apertura ed estensione ad Internet del processo di raccolta e di analisi delle informazioni. GLI OBIETTIVI DELLA BUSINESS INTELLIGENCE È ormai comunemente accettata l idea che un impresa possa essere assimilata ad un sistema aperto e dinamico. La sua continua interazione con l ambiente esterno determina sia il suo stato di esistenza attuale, sia la sua evoluzione nel tempo e nello spazio, non lasciando possibilità a momenti di torpore. L impresa deve dunque rimanere sempre vigile ed attenta ed il suo sistema informativo, come il sistema nervoso umano, deve essere pronto a cogliere e a segnalare minacce ed opportunità che si generano all interno dell azienda medesima, o nel contesto socio economico in cui quest ultima opera. Ne discende che l attenzione di chi opera all interno dell azienda è costantemente rivolta a ricercare metodi per

2 Le informazioni e i dati raccolti, filtrati, tradotti ed ottimizzati dalla Business Intelligence contribuiscono ad incrementare e a valorizzare il Capitale Intellettuale dell azienda: la gestione intelligente di questi sistemi permette l individuazione di nuove variabili strategiche ed il dischiudersi di nuove ed inedite potenzialità di business. la complessità al servizio controllare la variabilità, eliminare l incertezza, incrementare la capacità dell impresa di reagire ai cambiamenti esterni, e consentire l impiego ottimale delle risorse (capitali, persone, mezzi) in uno scenario inevitabilmente caratterizzato dalla competizione globale. In tale contesto, l esigenza delle imprese di poter disporre di informazioni in grado di favorire ed agevolare, ad ogni livello, l attività decisionale, si fa sempre più frequente e pressante. La ricerca e la gestione razionale, strutturata ed intelligente di questi dati e la loro analisi viene indicata con il nome di Business Intelligence, termine con il quale, fino a poco tempo prima, si sarebbe potuto indicare il fiuto di un uomo d affari e la sua solerzia nel tradurlo in azione. Si tratta, effettivamente, di un termine generico, non strettamente attinente alla tecnologia, che indica l abilità nell apprendere, comprendere, conoscere e gestire situazioni del business attraverso le informazioni. Nell accezione attuale, la locuzione Business Intelligence fu coniata nel 1989 dall analista Howard Dresner di Gartner Group per indicare l insieme di concetti, tecniche e metodologie che potevano aiutare il miglioramento del processo decisionale attraverso un adeguata comprensione dei fenomeni d interesse del management. Gli esempi rilevabili dalla realtà sono innumerevoli: ad esempio, l analisi della clientela ossia l identificazione di quali classi di clienti hanno acquistato una certa tipologia di prodotto al fine di pilotare correttamente le attività di marketing (pubblicità, promozioni, etc.), o la definizione di effetti di correlazione tra la vendita di due prodotti. Sempre più spesso, però, la curiosità manageriale riguarda il contesto extra aziendale: come mai in una certa area aziendale geografica un prodotto non ha successo, oppure quale sia il prezzo medio di prodotti equivalenti a quelli prodotti dall azienda in altri mercati. Collegare e rendere coerenti questi dati trasformandoli in informazioni e trasformare le informazioni in conoscenza sono gli obiettivi imprescindibili della Business Intelligence, attività che rende disponibili strumenti e metodologie in funzione dei livelli d analisi che l azienda vuole conseguire. L EVOLUZIONE DELLA RICERCA DELLE INFORMAZIONI: STRUMENTI E SOLUZIONI DI BUSINESS INTELLIGENCE Nel passato, quando i manager non riuscivano ad ottenere le informazioni necessarie, era

3 Architettura Business Intelligence: la complessità al servizio dell impresa consuetudine ricevere dagli specialisti dei sistemi informativi spiegazioni che rimandavano a errori o carenze nell impostazione iniziale del sistema informativo aziendale. Il motivo per cui il manager non riusciva a definire la correlazione tra la situazione socioeconomica dei clienti e le caratteristiche dei prodotti che essi acquistavano, era dovuto al fatto che, inizialmente, non erano state previste nei database le relazioni tra i dati necessarie ad ottenere tali informazioni. Il suggerimento degli specialisti, di fronte alle rimostranze manageriali, è stato per lungo tempo quello di procedere a ridisegnare ex novo, in maniera razionale e completa, l organizzazione di tutti i dati aziendali. Questa attività risultava, evidentemente, impegnativa, onerosa e spesso velleitaria. Lo studio di un nuovo modello di dati richiedeva spesso più di un anno di lavoro e, quando arrivava a conclusione, gli specialisti si rendevano conto che l azienda era mutata rispetto a quando il progetto aveva avuto inizio. Per usare un linguaggio figurato, la dinamicità dell impresa non consentiva che la fotografia fosse scattata con un tempo di esposizione così lungo. Partendo dall osservazione che spesso il problema della carenza d informativa coinvolgeva solo i livelli decisionali, mentre quelli operativi disponevano di applicazioni giudicate, dagli utilizzatori finali, efficaci ed efficienti, andava affermandosi un approccio differente, più pragmatico e meno ambizioso. Non era quindi necessario ripartire da capo azzerando le procedure operative ritenute valide, ma risultava sicuramente più conveniente operare in altro modo, partendo dalla situazione esistente a livello operativo e impostando, mediante l utilizzo dei dati da essa generati, nuovi sistemi informativi di supporto alle decisioni. La letteratura anglosassone coniò, negli anni 80, il termine datawarehouse per indicare il processo di raccolta e di analisi dei dati, avente come obiettivo la costruzione di un magazzino di dati a supporto delle decisionali aziendali. Due furono, e lo sono tuttora, i ruoli forti assegnati al datawarehouse nell ambito di progetti di Business Intelligence: integrare, tramite operazioni di estrazione, omogeneizzazione, trasformazione e rimodellazione, le molteplici fonti di dati operativi provenienti sia dai sistemi transazionali gestionali, sia da altri sistemi, ad esempio di interazione con i clienti (call center) o da fonti di dati storici; disaccoppiare l ambiente operativo dell azienda da quello di analisi e di decisione sui fatti aziendali più rilevanti, al fine di garantire velocità, ritmi, prestazioni e contenuti informativi molto diversi tra loro: il primo prevalentemente rivolto all ottimizzazione dei processi operativi e delle tecnologie informatiche di base, il secondo rivolto a produrre in maniera standardizzata ed estemporanea informazioni per il controllo, l analisi e le decisioni d azienda. Nella fase successiva della ricerca d informazioni all interno dell azienda, l attenzione degli addetti ai lavori e del management si è spostata sulle soluzioni applicative riconoscendo il fatto che siano le applicazioni a permettere di sfruttare appieno il potenziale informativo residente in un datawarehouse impostato e progettato per documentare i fatti aziendali. Le tipologie di applicazioni che possono essere utilizzate a supporto del processo di Business Intelligence sono, in sintesi, le seguenti: STRUMENTI DI QUERY AD HOC Tali strumenti consentono all utente di formulare domande al database. L utilizzo di query ad hoc, oltre a garantire tempi di risposta sostanzialmente immediati, permette agli utenti di pensare e di agire autonomamente, senza la necessità di avere conoscenze informatiche di tipo specialistico. L immediatezza delle risposte, fornite da questi

4 Mercato Mercato strumenti di query ad hoc ai quesiti, si rivelano particolarmente vantaggiose nel caso in cui l utilizzatore necessiti di ricevere dal sistema informazioni in tempo reale per assumere decisioni o, più semplicemente, per fornire feedback ai propri clienti e/o fornitori. STRUMENTI DI ANALISI MULTIDIMENSIONALI L analisi multidimensionale rappresenta, nella confrontare le informazioni. Per conseguire tali obiettivi, l analisi multidimensionale offre differenti prospettive, dimensioni o punti di vista attraverso le quali osservare i dati: periodo di tempo, luogo, prodotto, cliente sono esempi di dimensioni comunemente utilizzate. Le dimensioni possono essere rappresentate tramite gli n-lati di una struttura ipercubica, Analisi Multidimensionale Il Responsabile di produzione analizza l andamento delle vendite di un prodotto su tutti i mercati rispetto alla dimensione temporale. Tempo Prodotto Mercato Prodotto X Tempo Il Responsabile finanziario analizza l andamento delle vendite di tutti i prodotti su tutti i mercati in un determinato arco temporale. Tempo Prodotto Mercato Tempo X Prodotto scala delle tipologie di analisi, il gradino successivo alle query ad hoc. Mentre alcuni utenti si limitano ad effettuare semplici query standard, altri in particolare tutti coloro che devono effettuare ricerche più approfondite nell ambito di dati specifici necessitano di tecnologie di analisi più potenti che permettano di studiare e la cui intersezione individua una o più misure corrispondenti, quali i volumi di vendita, i ricavi realizzati, i costi sostenuti, etc. MODELLAZIONE E SEGMENTAZIONE Un modello è semplicemente una raccolta di costanti proprie di una determinata caratteristica che, come tale, può essere

5 Architettura Business Intelligence: la complessità al servizio dell impresa Strumenti e soluzioni di B.I. Numero di utenti Query ad hoc Reporting & Document Management Analisi multidimensionale Modellazione e segmentazione Complessità dell analisi rappresentata graficamente o mediante una serie di regole o notazioni. Sebbene molti algoritmi di modellazione o di tecniche di analisi logiche esistano ormai da svariati decenni, solo con l avvento dei sistemi di supporto alle decisioni essi hanno potuto sfruttare la ricchezza di dettaglio e di informazioni storica che viene centralizzata nell ambito del datawarehouse. Anche la segmentazione non è un invenzione recente. In effetti, questa disciplina del marketing viene utilizzata fin dall introduzione degli studi demografici degli anni Sessanta e Settanta. La segmentazione suddivide i clienti, o altre aree di dati, in determinati gruppi o segmenti le cui caratteristiche comuni possono definirne il comportamento e quindi determinare strategie di vendita e di marketing appropriate. La segmentazione della clientela rende possibile l analisi dei segmenti ricorrendo a strumenti di analisi multidimensionale. DATA MINING Il data mining è rappresentato da algoritmi che ricercano particolari elementi nell ambito di database di grandi dimensioni. Questi elementi, a differenza della modellazione, non vengono specificati anticipatamente. Ricerca di nuovi fenomemi Per questo motivo il data mining viene utilizzato in tutti quei casi in cui l utente stia cercando risposte a domande che non è in grado di formulare: è quindi il sistema ad avere la conoscenza necessaria per indicare all impresa dove si trovano gli elementi, i punti caldi e le relazioni più interessanti. Al fine di indirizzare la ricerca verso le informazioni Data Mining d interesse per l utente, che spesso si trovano all esterno dell impresa, la tecnologia del data mining utilizza motori di ricerca, tecniche d intelligenza artificiale ed algoritmi che apprendono. Un esempio d informazioni esterne all impresa è fornito dai server connessi ad Internet, irrinunciabile sedimento di dati: tra queste, le informazioni sulle aziende, sui prodotti, sui mercati, i rapporti di ricerca, le monografie tecnico scientifiche, le informazioni bibliografiche e le informazioni pubblicate o raccolte in giornali on-line. Da questa breve rassegna sulle caratteristiche offerte dagli attuali strumenti di Business Intelligence si può facilmente evincere che, sfruttandone opportunamente le potenzialità, è davvero possibile superare i limiti tradizionalmente riscontrati, quali la scarsa flessibilità e l assenza di funzionalità idonee a scoprire nuove correlazioni o nuovi fenomeni dei sistemi di reporting tradizionale. Per contro, i sistemi di Business Intelligence permettono di creare processi organizzativi ed informativi che, arricchendo ed articolando l informazione attraverso modelli di analisi e reporting multidimensionale, migliorano le capacità di modellazione, simulazione e previsione della gestione. Quando le informazioni vengono assemblate, filtrate, tradotte, sincronizzate e ottimizzate,

6 quando i dati, in origine spesso frammentati e indecifrabili, vengono analizzati, modellati e trasformati dalla Business Intelligence, essi possono assumere connotazioni di capitale intellettuale dell azienda, ossia di un valore che, adeguatamente investito, può rivelare nuovi trend e nel contempo generare nuove opportunità: basti pensare al fatto che la disponibilità in tempo reale di informazioni relative ai consumi e al mercato ed il loro confronto con serie storiche di dati, rende sicuramente più agevole la previsione della domanda e, di conseguenza, la gestione delle successive fasi di pianificazione. Analogamente, l ampia disponibilità d informazioni su tutta la filiera (fornitori, partner, andamenti del mercato) consente di ottimizzare la supply-chain reagendo tempestivamente ai mutamenti negli scenari. Queste possibilità risultano particolarmente interessanti se applicate, oltre che ai contesti tradizionali, anche ai nuovi scenari della Web Economy. In tali contesti, ai sistemi di Business Intelligence viene richiesto, in virtù dei ritmi rapidi di cambiamento richiesti dalla competizione, di velocizzare il ciclo di analisi, come quello di formulazione delle decisioni e di attuazione degli interventi. In Internet, la Business Intelligence diventa e- intelligence, differenziandosi dalle altre forme di Business Intelligence per il suo esistere in tempo reale, condizione questa che richiede la sua integrazione, istante per istante, con i processi di business dell organizzazione. I SISTEMI DI E-INTELLIGENCE I concetti e le tecnologie sottostanti al tema della e- intelligence sono del tutto nuovi. Nuovi sono sicuramente i dati e le fonti che si sedimentano nei web-server aziendali collegati alle intranet, alle extranet e a Internet, ma nuove sono anche le esigenze e le domande che le aziende operanti sul web si stanno ponendo: Come è possibile richiamare i clienti potenziali al sito dell impresa trasformandoli in clienti fedeli? Processo di utilizzo Misurazione Tracciabilità Analisi Controllo Modellazione Attuazione decisione Decisione Simulazione

7 Architettura Business Intelligence: la complessità al servizio dell impresa Quanto sono efficaci le strategie di marketing e quelle pubblicitarie? Quali sono i fattori che governano il comportamento di chi acquista on-line? Quanto è efficace la struttura del sito web? Chi sono i clienti principali? Le aziende, al fine di rispondere a queste domande ed acquisire una migliore conoscenza del comportamento e delle attese dei potenziali clienti on-line, necessitano di strumenti in grado di dare un volto alla figura di un cliente anonimo celato dietro ad un browser. Per raccogliere informazioni sull andamento della struttura di e-business, e meglio comprendere i clienti on-line, l azienda deve essere in grado di rispondere alle domande relative agli interessi e al comportamento di coloro che visitano il sito web, accedere alle informazioni inerenti i clienti da fonti diverse, integrarle e quindi valutarle nel contesto di una logica di e-business specifica. Le soluzioni di e-business intelligence permettono il conseguimento di tali obiettivi, attraverso l applicazione di nuove architetture informatiche le cui caratteristiche si possono riassumere nei seguenti punti: integrazione delle fonti dati dei sistemi di e- business con le fonti dati dei sistemi tradizionali. Tale integrazione consente di ottenere una visione completa di tutte le attività aziendali, di tutti i canali di interazione con il mercato e di tutte le relazioni interorganizzative; produzione d informazioni per il supporto alle decisioni di marketing, di approvvigionamento e di ottimizzazione della catena del valore e, più in generale, della strategia di e-business, verificandone obiettivi stabiliti e risultati conseguiti; produzione d informazioni che consentano di conoscere il profilo dell utente registrato o del cliente attivo. Questa attività consente di personalizzare pagine, messaggi e contenuti web rispetto ai suoi bisogni, alle sue percezioni o alle sue inclinazioni (marketing one-to-one per segmenti di clientela); estensione dell ambiente di intelligence anche ai trading partner, al fine di condividere le informazioni necessarie per l integrazione della supply-chain rispetto alla domanda del mercato, e di contenere i costi di stock, di logistica e di trasporto; estensione dell ambiente di intelligence ai clienti, al fine di offrire un portafoglio di servizi informativi, via extranet o Internet, che consenta loro di visualizzare situazioni storiche di account, condizioni contrattuali, disponibilità medie e rotazione dei magazzini, indicatori di servizi e di avanzamento ordini, e così via. Da una prima analisi dell elenco sopra riportato, si evince chiaramente la complessità implicita in una soluzione di e-business intelligence, complessità che peraltro è comunque un elemento caratterizzante anche dei sistemi di Business Intelligence tradizionali. IL PROCESSO DI UTILIZZO DEI SISTEMI DI BUSINESS INTELLIGENCE Per gestire tale complessità è necessario che la Business Intelligence non sia considerata uno sterile utilizzo di tecnologie informatiche, ma sia intesa come un processo le cui fasi possono essere così sintetizzate: controllo e tracciabilità dei fenomeni aziendali, tramite indicatori, misure qualitative e quantitative, ed evidenza di eventuali problemi o di situazioni fuori norma che possono essere rilevate tramite l interrogazione dei dati raccolti nel sistema di Business Intelligence. A titolo di esempio, un fenomeno da valutare può essere rappresentato dall aumento dei costi del personale rispetto al budget; analisi delle cause di cambiamento di un fenomeno, analisi che può essere di tipo multidimensionale o relazionale. Nel primo caso, il fenomeno sopra descritto, ossia l aumento dei costi del personale viene studiato lungo le varie dimensioni, quali ad

8 esempio la funzione aziendale, il livello contrattuale, l anzianità, l appartenenza alle diverse divisioni; nel secondo caso, invece, si correla il fenomeno in oggetto con altri fenomeni che si ritiene interessante valutare congiuntamente: nell esempio citato potrebbero essere analizzati gli indicatori di turnover del personale oppure i costi d investimento del personale neo-assunto; costruzione di un modello di simulazione dei possibili interventi correttivi e migliorativi per testare e valutare le conseguenze; formulazione delle decisioni e attuazione delle soluzioni. In questo caso, le decisioni potrebbero essere rappresentate dalla riprogrammazione delle assunzioni o dalla revisione delle condizioni contrattuali, accompagnate da eventuali imputazioni di nuovi parametri e dati anche nei sistemi informativi operativi di gestione delle risorse umane. COME SCEGLIERE UNA SOLUZIONE DI BUSINESS INTELLIGENCE Per consentire l attuazione delle fasi di cui sopra e per fornire tutte le risposte nella forma in cui sono necessarie, una soluzione di Business Intelligence deve consentire di accedere ed integrare i dati provenienti da fonti diverse, analizzarli in maniera interattiva e quindi applicare delle metriche di business personalizzate che consentano il controllo e la valutazione dei progressi verso il raggiungimento degli obiettivi aziendali. I dati raccolti e correlati devono poter essere presentati sotto varie forme e in base a vari livelli di analisi ai responsabili dell azienda, che dovranno assumere decisioni tattiche o strategiche. Una soluzione di Business Intelligence dovrebbe pertanto disporre di un architettura di report a più livelli, in grado di soddisfare le varie esigenze degli utenti, dai semplici consumatori d informazioni (coloro che devono poter accedere in tempi brevi ai report più aggiornati o elaborare prontamente report predefiniti), ai fornitori d informazioni (analisti di business che interagiscono con i dati investigandoli, attraverso una serie di interrogazioni ad hoc, creando report di business specifici personalizzati). Gli scenari descritti nei paragrafi precedenti indicano che ogni soluzione di Business Intelligence deve soddisfare anche i requisiti di dinamicità, deve essere cioè in grado di apprendere e conseguentemente di uniformarsi rapidamente, e più velocemente di quanto possa fare il concorrente dell azienda, al mondo reale e ai mutamenti del mercato (che talvolta possono essere anche diametralmente opposti rispetto a quelli preventivati in fase di analisi). La Business Intelligence non è però solo un prodotto dell Information Technology, ma è anche competenza di business e la semplice progettazione di un sistema di Business Intelligence non offre, da sola, la soluzione. Affinché la Business Intelligence consenta il conseguimento di risultati positivi, è necessario che sia gestita con intelligenza. Se è vero che le macchine non pensano e non possono operare come opera un uomo, è altrettanto vero che l uomo deve pensare per esse, avendo piena coscienza delle potenzialità e dei limiti degli strumenti che sta utilizzando. Per ottenere vantaggi competitivi, la Business Intelligence deve essere gestita da un team di progetto che sappia applicare conoscenze tecniche, commerciali e manageriali, pianificando opportunamente le varie fasi del progetto e gestendo in modo ottimale i feedback generati dal sistema. Dopo aver raccolto i dati da organizzare, definito gli obiettivi e le metriche per indirizzare ed implementare lo sviluppo e l affinamento continuo delle strategie di business, e dopo aver consolidato l infrastruttura analitica che raccoglie e combina tra loro i dati, la costruzione della Business Intelligence richiede abilità nell apprendere, comprendere, conoscere e gestire situazioni nuove del business, anche attraverso l integrazione delle applicazioni aziendali con quelle dei propri clienti e fornitori.

MARKETING INTELLIGENCE SUL WEB:

MARKETING INTELLIGENCE SUL WEB: Via Durini, 23-20122 Milano (MI) Tel.+39.02.77.88.931 Fax +39.02.76.31.33.84 Piazza Marconi,15-00144 Roma Tel.+39.06.32.80.37.33 Fax +39.06.32.80.36.00 www.valuelab.it valuelab@valuelab.it MARKETING INTELLIGENCE

Dettagli

Relazione sul data warehouse e sul data mining

Relazione sul data warehouse e sul data mining Relazione sul data warehouse e sul data mining INTRODUZIONE Inquadrando il sistema informativo aziendale automatizzato come costituito dall insieme delle risorse messe a disposizione della tecnologia,

Dettagli

Data Mining a.a. 2010-2011

Data Mining a.a. 2010-2011 Data Mining a.a. 2010-2011 Docente: mario.guarracino@cnr.it tel. 081 6139519 http://www.na.icar.cnr.it/~mariog Informazioni logistiche Orario delle lezioni A partire dall 19.10.2010, Martedì h: 09.50 16.00

Dettagli

Sistemi Informativi Aziendali I

Sistemi Informativi Aziendali I Modulo 6 Sistemi Informativi Aziendali I 1 Corso Sistemi Informativi Aziendali I - Modulo 6 Modulo 6 Integrare verso l alto e supportare Managers e Dirigenti nell Impresa: Decisioni più informate; Decisioni

Dettagli

Docente di Impianti di Elaborazione presso il Politecnico di Milano e ricercatore di Politecnico Innovazione

Docente di Impianti di Elaborazione presso il Politecnico di Milano e ricercatore di Politecnico Innovazione I sistemi gestionali e le Piccole Medie Imprese A cura di Fabrizio Amarilli Docente di Impianti di Elaborazione presso il Politecnico di Milano e ricercatore di Politecnico Innovazione Articoli Sono noti

Dettagli

Introduzione alla Business Intelligence. E-mail: infobusiness@zucchetti.it

Introduzione alla Business Intelligence. E-mail: infobusiness@zucchetti.it Introduzione alla Business Intelligence E-mail: infobusiness@zucchetti.it Introduzione alla Business Intelligence Introduzione Definizione di Business Intelligence: insieme di processi per raccogliere

Dettagli

SISTEMI INFORMATIVI. Definizione, classificazioni

SISTEMI INFORMATIVI. Definizione, classificazioni SISTEMI INFORMATIVI Definizione, classificazioni IL SISTEMA INFORMATIVO AZIENDALE A cosa serve una definizione? a identificare i confini del SI a identificarne le componenti a chiarire le variabili progettuali

Dettagli

Business Intelligence Revorg. Roadmap. Revorg Business Intelligence. trasforma i dati operativi quotidiani in informazioni strategiche.

Business Intelligence Revorg. Roadmap. Revorg Business Intelligence. trasforma i dati operativi quotidiani in informazioni strategiche. soluzioni di business intelligence Revorg Business Intelligence Utilizza al meglio i dati aziendali per le tue decisioni di business Business Intelligence Revorg Roadmap Definizione degli obiettivi di

Dettagli

WebBi S.r.l offre consulenza e soluzioni per le seguenti aree: Data Warehousing. Business Intelligence. Disegno di architetture integrate

WebBi S.r.l offre consulenza e soluzioni per le seguenti aree: Data Warehousing. Business Intelligence. Disegno di architetture integrate Migliorare l organizzazione per migliorare la qualità delle decisioni. Migliorare la qualità dei collaboratori per migliorare il servizio alla clientela. WebBi S.r.l offre consulenza e soluzioni per le

Dettagli

CAPITOLO CAPIT Tecnologie dell ecnologie dell info inf rmazione e controllo

CAPITOLO CAPIT Tecnologie dell ecnologie dell info inf rmazione e controllo CAPITOLO 8 Tecnologie dell informazione e controllo Agenda Evoluzione dell IT IT, processo decisionale e controllo Sistemi di supporto al processo decisionale Sistemi di controllo a feedback IT e coordinamento

Dettagli

La conoscenza del Cliente come fonte di profitto

La conoscenza del Cliente come fonte di profitto La conoscenza del Cliente come fonte di profitto Giorgio Redemagni Responsabile CRM Convegno ABI CRM 2003 Roma, 11-12 dicembre SOMMARIO Il CRM in UniCredit Banca: la Vision Le componenti del CRM: processi,

Dettagli

Microsoft Dynamics NAV 2009 REALIZZARE GLI OBIETTIVI

Microsoft Dynamics NAV 2009 REALIZZARE GLI OBIETTIVI Microsoft Dynamics NAV 2009 REALIZZARE GLI OBIETTIVI Una soluzione ERP integrata CONNETTERE Microsoft Dynamics NAV 2009 SEMPLIFICARE ANALIZZARE Microsoft Dynamics NAV 2009 è un ERP innovativo, flessibile

Dettagli

La guida CRM per eliminare le incertezze: prendete il controllo del vostro business

La guida CRM per eliminare le incertezze: prendete il controllo del vostro business 2 La guida CRM per eliminare le incertezze: prendete il controllo del vostro business (2 - migliorate la vostra credibilità: i 5 passi per dimostrare l efficacia del Marketing) Pagina 1 di 9 SOMMARIO PREMESSA...

Dettagli

Microsoft Dynamics NAV 2009 REALIZZARE GLI OBIETTIVI

Microsoft Dynamics NAV 2009 REALIZZARE GLI OBIETTIVI Microsoft Dynamics NAV 2009 REALIZZARE GLI OBIETTIVI Una soluzione ERP ALL AVANGUARDIA CONNETTERE Microsoft Dynamics NAV 2009 SEMPLIFICARE ANALIZZARE Microsoft Dynamics NAV 2009 è una soluzione di gestione

Dettagli

Customer Relationship Management. Eleonora Ploncher 3 aprile 2006

Customer Relationship Management. Eleonora Ploncher 3 aprile 2006 Customer Relationship Management Eleonora Ploncher 3 aprile 2006 1. Gli obiettivi Gli obiettivi della presentazione sono volti a definire: 1. gli elementi fondamentali e strutturali di una strategia di

Dettagli

Il caso Brix distribuzione: monitorare le. supermercati attraverso un sistema di Business Intelligence

Il caso Brix distribuzione: monitorare le. supermercati attraverso un sistema di Business Intelligence I casi di successo dell Osservatorio Smau e School of Management del Politecnico di Milano * Il caso Brix distribuzione: monitorare le performance economicofinanziarie di una rete di supermercati attraverso

Dettagli

B usiness I ntelligence: L a scintilla che accende. un investimento che si fa apprezzare giorno dopo giorno. la conoscenza.

B usiness I ntelligence: L a scintilla che accende. un investimento che si fa apprezzare giorno dopo giorno. la conoscenza. B usiness I ntelligence: un investimento che si fa apprezzare giorno dopo giorno.... abbiamo constatato ad esempio come le aziende che hanno investito significativamente in BI (Business Intelligence) abbiano

Dettagli

DSCube. L analisi dei dati come strumento per i processi decisionali

DSCube. L analisi dei dati come strumento per i processi decisionali DSCube L analisi dei dati come strumento per i processi decisionali Analisi multi-dimensionale dei dati e reportistica per l azienda: DSCube Introduzione alla suite di programmi Analyzer Query Builder

Dettagli

25/11/14 ORGANIZZAZIONE AZIENDALE. Tecnologie dell informazione e controllo

25/11/14 ORGANIZZAZIONE AZIENDALE. Tecnologie dell informazione e controllo ORGANIZZAZIONE AZIENDALE 1 Tecnologie dell informazione e controllo 2 Evoluzione dell IT IT, processo decisionale e controllo Sistemi di supporto al processo decisionale IT e coordinamento esterno IT e

Dettagli

Supporto alle decisioni e strategie commerciali/mercati/prodotti/forza vendita;

Supporto alle decisioni e strategie commerciali/mercati/prodotti/forza vendita; .netbin. è un potentissimo strumento SVILUPPATO DA GIEMME INFORMATICA di analisi dei dati con esposizione dei dati in forma numerica e grafica con un interfaccia visuale di facile utilizzo, organizzata

Dettagli

LA SUITE ARCHIMEDE PER LA GESTIONE E L IMPIEGO

LA SUITE ARCHIMEDE PER LA GESTIONE E L IMPIEGO LA SUITE ARCHIMEDE PER LA GESTIONE E L IMPIEGO DEL PERSONALE IN TURNAZIONE Di cosa si tratta? La Suite Archimede è uno strumento scalabile, pratico ed efficiente, per la pianificazione e la gestione strategica

Dettagli

Come utilizzare la conoscenza del cliente per incrementare la profittabilità dei servizi finanziari: le esperienze di UniCredito Italiano

Come utilizzare la conoscenza del cliente per incrementare la profittabilità dei servizi finanziari: le esperienze di UniCredito Italiano Come utilizzare la conoscenza del cliente per incrementare la profittabilità dei servizi finanziari: le esperienze di UniCredito Italiano Maurizio Perego Responsabile Comunicazione e Marketing Relazionale

Dettagli

REALIZZARE UN MODELLO DI IMPRESA

REALIZZARE UN MODELLO DI IMPRESA REALIZZARE UN MODELLO DI IMPRESA - organizzare e gestire l insieme delle attività, utilizzando una piattaforma per la gestione aziendale: integrata, completa, flessibile, coerente e con un grado di complessità

Dettagli

L E I N F O R M A Z I O N I P E R F A R E

L E I N F O R M A Z I O N I P E R F A R E L E I N F O R M A Z I O N I P E R F A R E C E N T R O Con InfoBusiness avrai Vuoi DATI CERTI per prendere giuste DECISIONI? Cerchi CONFERME per le tue INTUIZIONI? Vuoi RISPOSTE IMMEDIATE? SPRECHI TEMPO

Dettagli

LEZIONE 3 CUSTOMER RELATIONSHIP ICT GOVERNANCE. ECONOMIA dell ICT ECONOMIA DELL ICT 1. Facoltà di Ingegneria Università di Roma Tor Vergata

LEZIONE 3 CUSTOMER RELATIONSHIP ICT GOVERNANCE. ECONOMIA dell ICT ECONOMIA DELL ICT 1. Facoltà di Ingegneria Università di Roma Tor Vergata LEZIONE 3 CUSTOMER RELATIONSHIP MANAGEMENT (CRM) ICT GOVERNANCE ECONOMIA dell ICT ECONOMIA DELL ICT 1 Sviluppo storico del CRM 50 60 Avvento dei brand items e delle agenzie di pubblicità 70 Avvento del

Dettagli

CRM E GESTIONE DEL CLIENTE

CRM E GESTIONE DEL CLIENTE CRM E GESTIONE DEL CLIENTE La concorrenza è così forte che la sola fonte di vantaggio competitivo risiede nella creazione di un valore superiore per i clienti, attraverso un investimento elevato di risorse

Dettagli

CUSTOMER RELATIONSHIP MANAGEMENT

CUSTOMER RELATIONSHIP MANAGEMENT V I N F I N I T Y P R O J E C T CUSTOMER RELATIONSHIP MANAGEMENT Infinity CRM Il Cliente a 360 CRM COMMUNICATION CMS E COMMERCE B2B AD HOC E COMMERCE B2C ACQUISIZIONE PROTOCOLLAZIONE CLASSIFICAZIONE VERSIONING

Dettagli

Introduzione alla Business Intelligence

Introduzione alla Business Intelligence SOMMARIO 1. DEFINIZIONE DI BUSINESS INTELLIGENCE...3 2. FINALITA DELLA BUSINESS INTELLIGENCE...4 3. DESTINATARI DELLA BUSINESS INTELLIGENCE...5 4. GLOSSARIO...7 BIM 3.1 Introduzione alla Pag. 2/ 9 1.DEFINIZIONE

Dettagli

Le attività generatrici di valore nelle e-company: dalla catena alla rete del valore nelle relazioni intersistemiche

Le attività generatrici di valore nelle e-company: dalla catena alla rete del valore nelle relazioni intersistemiche Le attività generatrici di valore nelle e-company: dalla catena alla rete del valore nelle relazioni intersistemiche 1. La e-company: definizione e caratteristiche 2. Le tre direttrici di sviluppo del

Dettagli

Modelli matematici avanzati per l azienda a.a. 2010-2011

Modelli matematici avanzati per l azienda a.a. 2010-2011 Modelli matematici avanzati per l azienda a.a. 2010-2011 Docente: Pasquale L. De Angelis deangelis@uniparthenope.it tel. 081 5474557 http://www.economia.uniparthenope.it/siti_docenti P.L.DeAngelis Modelli

Dettagli

SoftwareSirio Modelli di Board

SoftwareSirio Modelli di Board SoftwareSirio Modelli di Board Business Intelligence e Performance Management vendite logistica e acquisti commesse scadenziari riclassificazione di bilancio Sirio informatica e sistemi SpA Sirio informatica

Dettagli

Scheda. Il CRM per la Gestione del Marketing. Accesso in tempo reale alle Informazioni di rilievo

Scheda. Il CRM per la Gestione del Marketing. Accesso in tempo reale alle Informazioni di rilievo Scheda Il CRM per la Gestione del Marketing Nelle aziende l attività di Marketing è considerata sempre più importante poiché il mercato diventa sempre più competitivo e le aziende necessitano di ottimizzare

Dettagli

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina Cosa è il DSS L elevato sviluppo dei personal computer, delle reti di calcolatori, dei sistemi database di grandi dimensioni, e la forte espansione di modelli basati sui calcolatori rappresentano gli sviluppi

Dettagli

IBM Cognos Insight. Caratteristiche

IBM Cognos Insight. Caratteristiche IBM Cognos Insight Esplorare, visualizzare, modellare e condividere conoscenza in modo indipendente, senza necessità di assistenza da parte delle funzioni IT Caratteristiche Esplorazione, analisi, visualizzazione

Dettagli

SISTEMI INFORMATIVI AZIENDALI

SISTEMI INFORMATIVI AZIENDALI SISTEMI INFORMATIVI AZIENDALI Prof. Andrea Borghesan venus.unive.it/borg borg@unive.it Ricevimento: Alla fine di ogni lezione Modalità esame: scritto 1 Sistemi informazionali La crescente diffusione dei

Dettagli

PrintVis LA SOLUZIONE PER IL SETTORE DELL'INDUSTRIA GRAFICA. PrintVis è una soluzione integrata ERP/MIS per l industria grafica.

PrintVis LA SOLUZIONE PER IL SETTORE DELL'INDUSTRIA GRAFICA. PrintVis è una soluzione integrata ERP/MIS per l industria grafica. LA SOLUZIONE PER IL SETTORE DELL'INDUSTRIA GRAFICA PrintVis PrintVis è una soluzione integrata ERP/MIS per l industria grafica. PrintVis è integrato con Microsoft Dynamics NAV e, in qualità di prodotto

Dettagli

SOFTWARE GESTIONALE PER AZIENDE COMPETITIVE NEL MONDO

SOFTWARE GESTIONALE PER AZIENDE COMPETITIVE NEL MONDO SOFTWARE GESTIONALE PER AZIENDE COMPETITIVE NEL MONDO il software gestionale ERP completo, potente e facile dedicato alle aziende competitive nel mondo In un mercato globale, caratterizzato da crescenti

Dettagli

Il controllo di gestione nelle aziende che operano su commessa e l informativa di bilancio sui lavori in corso

Il controllo di gestione nelle aziende che operano su commessa e l informativa di bilancio sui lavori in corso Dipartimento Impresa Ambiente & Management Mirella Zito Il controllo di gestione nelle aziende che operano su commessa e l informativa di bilancio sui lavori in corso Copyright MMIX ARACNE editrice S.r.l.

Dettagli

ACCOUNT MANAGEMENT nell ICT

ACCOUNT MANAGEMENT nell ICT ACCOUNT MANAGEMENT nell ICT Maturità di molte applicazioni su cliente, interlocutori sempre più tecnicamente preparati e esigenti, banalizzazione di know how e di processo nelle diverse offerte spingono

Dettagli

E-Mail. Scheduling. Modalità d invio. E-Mail

E-Mail. Scheduling. Modalità d invio. E-Mail BI BI Terranova, azienda leader in Italia per le soluzioni Software rivolte al mercato delle Utilities, propone la soluzione Software di Business Intelligence RETIBI, sviluppata per offrire un maggiore

Dettagli

SIMULWARE. Datawarehouse e sistemi di BI Dati in qualità, decisioni rapide ed efficaci

SIMULWARE. Datawarehouse e sistemi di BI Dati in qualità, decisioni rapide ed efficaci SIMULWARE Datawarehouse e sistemi di BI Dati in qualità, decisioni rapide ed efficaci Introduzione Il mercato di riferimento per la Business Intelligence è estremamente eterogeneo: dalla piccola azienda

Dettagli

ALLINEARE LA GESTIONE OPERATIVA ALLA STRATEGIA AZIENDALE

ALLINEARE LA GESTIONE OPERATIVA ALLA STRATEGIA AZIENDALE http://www.sinedi.com ARTICOLO 9 FEBBRAIO 2007 ALLINEARE LA GESTIONE OPERATIVA ALLA STRATEGIA AZIENDALE La formulazione della strategia aziendale rappresenta un momento estremamente importante per tutte

Dettagli

I SISTEMI DI PERFORMANCE MANAGEMENT

I SISTEMI DI PERFORMANCE MANAGEMENT http://www.sinedi.com ARTICOLO 8 GENNAIO 2007 I SISTEMI DI PERFORMANCE MANAGEMENT In uno scenario caratterizzato da una crescente competitività internazionale si avverte sempre di più la necessità di una

Dettagli

Claudio Lattanzi. More Controllo Performance: i dati. unico progetto di modellazione

Claudio Lattanzi. More Controllo Performance: i dati. unico progetto di modellazione Claudio Lattanzi More Controllo Performance: i dati transazionali ed aggregati in un unico progetto di modellazione Le informazioni sono in continua crescita ma non sempre questo patrimonio aziendale viene

Dettagli

Premessa... 1. Indagine sul processo di pianificazione del business plan... 3. Verifica dell accuratezza storica di budget e piani di sviluppo...

Premessa... 1. Indagine sul processo di pianificazione del business plan... 3. Verifica dell accuratezza storica di budget e piani di sviluppo... Esame e analisi critica di un business plan Premessa... 1 Indagine sul processo di pianificazione del business plan... 3 Verifica dell accuratezza storica di budget e piani di sviluppo... 3 Analisi di

Dettagli

ALTA GAMMA. business intelligence. il software per pilotare la tua Azienda con successo

ALTA GAMMA. business intelligence. il software per pilotare la tua Azienda con successo ALTA GAMMA business intelligence il software per pilotare la tua Azienda con successo Chi è TeamSystem Da venticinque anni presente sul mercato del SW gestionale italiano. Oltre 44 milioni di EURO di fatturato

Dettagli

Estratto dell'agenda dell'innovazione e del Trade Bologna 2011. Speciale: I casi. Introduzione dell'area tematica IL CASO DI SUCCESSO

Estratto dell'agenda dell'innovazione e del Trade Bologna 2011. Speciale: I casi. Introduzione dell'area tematica IL CASO DI SUCCESSO Estratto dell'agenda dell'innovazione e del Trade Bologna 2011 Speciale: I casi Introduzione dell'area tematica IL CASO DI SUCCESSO Innovare e competere con le ICT: casi di successo - PARTE I Cap.7 Cloud

Dettagli

Guida al CRM. White Paper FrontRange Solutions. SysAround S.r.l. Pagina 1 di 18. Via Cappuccini, 4 20122 Milano

Guida al CRM. White Paper FrontRange Solutions. SysAround S.r.l. Pagina 1 di 18. Via Cappuccini, 4 20122 Milano Guida al CRM White Paper FrontRange Solutions Pagina 1 di 18 SOMMARIO 1. Il CRM: come può migliorare il business aziendale... 3 1.1 Il CRM... 3 1.2 Quali sono i vantaggi di avere una strategia CRM?...

Dettagli

MICROSOFT DYNAMICS: SOLUZIONI GESTIONALI PER L AZIENDA

MICROSOFT DYNAMICS: SOLUZIONI GESTIONALI PER L AZIENDA MICROSOFT DYNAMICS: SOLUZIONI GESTIONALI PER L AZIENDA Microsoft Dynamics: soluzioni gestionali per l azienda Le soluzioni software per il business cercano, sempre più, di offrire funzionalità avanzate

Dettagli

Gestione dell Informazione Aziendale prof. Stefano Pedrini. Sistemi integrati ERP Addendum 2 Giorgio Cocci, Alberto Gelmi, Stefano Martinelli

Gestione dell Informazione Aziendale prof. Stefano Pedrini. Sistemi integrati ERP Addendum 2 Giorgio Cocci, Alberto Gelmi, Stefano Martinelli UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO Gestione dell Informazione Aziendale prof. Stefano Pedrini Sistemi integrati ERP Addendum 2 Giorgio Cocci, Alberto Gelmi, Stefano Martinelli I sistemi informativi Il processo

Dettagli

www.bistrategy.it In un momento di crisi perché scegliere di investire sulla Business Intelligence?

www.bistrategy.it In un momento di crisi perché scegliere di investire sulla Business Intelligence? In un momento di crisi perché scegliere di investire sulla Business Intelligence? Cos è? Per definizione, la Business Intelligence è: la trasformazione dei dati in INFORMAZIONI messe a supporto delle decisioni

Dettagli

SAP BUSINESS ONE LA SOLUZIONE GESTIONALE PER LE IMPRESE IN CRESCITA

SAP BUSINESS ONE LA SOLUZIONE GESTIONALE PER LE IMPRESE IN CRESCITA SAP Solution Brief SAP BUSINESS ONE LA SOLUZIONE GESTIONALE PER LE IMPRESE IN CRESCITA SAP Business One è una soluzione semplice ed efficace, che soddisfa le esigenze specifiche delle piccole e medie imprese.

Dettagli

CONSIP SpA. Gara per l affidamento dei servizi di supporto strategico a Consip nel campo dell Information & Communication Technology (ICT)

CONSIP SpA. Gara per l affidamento dei servizi di supporto strategico a Consip nel campo dell Information & Communication Technology (ICT) CONSIP S.p.A. Allegato 6 Capitolato tecnico Capitolato relativo all affidamento dei servizi di supporto strategico a Consip nel campo dell Information & Communication Technology (ICT) Capitolato Tecnico

Dettagli

La gestione delle informazioni eccellente

La gestione delle informazioni eccellente La gestione delle informazioni eccellente Le fasi del processo decisionale, gli orizzonti di pianificazione, la verifica del budget nell organizzazione interna e nel rapporto con i fornitori La gestione

Dettagli

ERP Commercio e Servizi

ERP Commercio e Servizi ERP Commercio e Servizi Sistema informativo: una scelta strategica In questi ultimi anni hanno avuto grande affermazione nel mercato mondiale i cosiddetti sistemi software ERP. Tali sistemi sono in grado

Dettagli

Il CRM operativo. Daniela Buoli. 2 maggio 2006

Il CRM operativo. Daniela Buoli. 2 maggio 2006 Il CRM operativo 2 maggio 2006 1. Il marketing relazionale Il marketing relazionale si fonda su due principi fondamentali che è bene ricordare sempre quando si ha l opportunità di operare a diretto contatto

Dettagli

CRM (Customer RelationShip Management) Suite

CRM (Customer RelationShip Management) Suite CRM (Customer RelationShip Management) Suite Tuttora in molte Aziende italiane, gli strumenti informatici a supporto del processo di vendita si limitano quasi esclusivamente a curare gli aspetti amministrativi,

Dettagli

Sviluppo Applicazione di BI/DWH. con tecnologia Microsoft. per il supporto della catena logistica

Sviluppo Applicazione di BI/DWH. con tecnologia Microsoft. per il supporto della catena logistica UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA Dipartimento di Ingegneria Enzo Ferrari di Modena Corso di Laurea Magistrale in Ingegneria Informatica (270/04) Sviluppo Applicazione di BI/DWH con tecnologia

Dettagli

Capitolo 8 TECNOLOGIE DELL INFORMAZIONE E CONTROLLO

Capitolo 8 TECNOLOGIE DELL INFORMAZIONE E CONTROLLO Capitolo 8 TECNOLOGIE DELL INFORMAZIONE E CONTROLLO L utilizzo di Internet è un aspetto fondamentale del business, in quanto ha fornito nuove opportunità per lo svolgimento di attività commerciali, nuovi

Dettagli

MARKETING (3 DI 3) R i v i s t a in t e r n a z i o n a l e d e l G r u p p o B a i n RESULTS. ANNO VIII NUMERO 2 (3 A parte ) Dicembre 2002

MARKETING (3 DI 3) R i v i s t a in t e r n a z i o n a l e d e l G r u p p o B a i n RESULTS. ANNO VIII NUMERO 2 (3 A parte ) Dicembre 2002 R i v i s t a in t e r n a z i o n a l e d e l G r u p p o B a i n RESULTS MARKETING (3 DI 3) ANNO VIII NUMERO 2 (3 A parte ) Dicembre 2002 Bain & Company RESULTS Dopo la prima e la seconda parte di questo

Dettagli

Create su misura per le tue esigenze

Create su misura per le tue esigenze SAP Solution Overview Soluzioni SAP per le piccole e medie imprese Soluzioni SAP per le piccole e medie imprese Create su misura per le tue esigenze Progettate per favorire la crescita Garantisci successo

Dettagli

Self-Service Business Intelligence

Self-Service Business Intelligence Self-Service Business Intelligence VISUALIZZA DATI, SCOPRI LE TENDENZE, CONDIVIDI I RISULTATI Analysis offre a tutti gli utenti aziendali strumenti flessibili per creare e condividere le informazioni significative

Dettagli

La Business Intelligence per competere e governare il cambiamento Vittorio Arighi Practice Leader Netconsulting

La Business Intelligence per competere e governare il cambiamento Vittorio Arighi Practice Leader Netconsulting La Business Intelligence per competere e governare il cambiamento Vittorio Arighi Practice Leader Netconsulting 9 ottobre 2014 L andamento del PIL a livello mondiale: l Italia continua ad arretrare Mondo

Dettagli

Business Intelligence

Business Intelligence il tuo cruscotto commerciale Business Intelligence OUTSOURCED CHE COSA È? NE HAI BISOGNO? TI FA VENDERE DI PIù? SVILUPPO DELLE VENDITE A+ elabora soluzioni marketing tese allo sviluppo delle vendite. Sappiamo

Dettagli

*oltre ad essere un acronimo, MESA ha molti significati: una montagna, un tavolo per questo abbiamo scelto il nome MESA, perché per i nostri clienti

*oltre ad essere un acronimo, MESA ha molti significati: una montagna, un tavolo per questo abbiamo scelto il nome MESA, perché per i nostri clienti *oltre ad essere un acronimo, MESA ha molti significati: una montagna, un tavolo per questo abbiamo scelto il nome MESA, perché per i nostri clienti significa soprattutto un supporto professionale concreto!

Dettagli

PIANIFICAZIONE ED ORGANIZZAZIONE PIANIFICAZIONE ED ORGANIZZAZIONE

PIANIFICAZIONE ED ORGANIZZAZIONE PIANIFICAZIONE ED ORGANIZZAZIONE PIANIFICAZIONE ED ORGANIZZAZIONE un team di professionisti al servizio della tua banca La definizione degli obiettivi strategici e di sviluppo è da sempre un esigenza connaturata nella realtà di Cassa

Dettagli

La tua Software House in Canton Ticino. La piattaforma per garantire l efficienza energetica

La tua Software House in Canton Ticino. La piattaforma per garantire l efficienza energetica La tua Software House in Canton Ticino La piattaforma per garantire l efficienza energetica Il CRM: controllo e performance Il CRM, customer relationship management, è una strategia competitiva basata

Dettagli

servizi di consulenza: Marketing strategico individuazione delle aree di criticità aziendale; studio di strategie alternative per lo sviluppo;

servizi di consulenza: Marketing strategico individuazione delle aree di criticità aziendale; studio di strategie alternative per lo sviluppo; Le grandi scoperte si fanno nei laboratori scientifici, ma i grandi prodotti sono creati nel servizio marketing William Davidow AREA MARKETING Tutti i cambiamenti che stanno rivoluzionando i mercati e

Dettagli

La soluzione Oracle per il Piano Esecutivo di Gestione degli Enti locali. White Paper Oracle Gennaio 2004

La soluzione Oracle per il Piano Esecutivo di Gestione degli Enti locali. White Paper Oracle Gennaio 2004 La soluzione Oracle per il Piano Esecutivo di Gestione degli Enti locali White Paper Oracle Gennaio 2004 La soluzione Oracle per il Piano Esecutivo di Gestione degli Enti locali INTRODUZIONE Oracle Italia,

Dettagli

OSSERVATORIO CRM. Milano, Circolo della Stampa

OSSERVATORIO CRM. Milano, Circolo della Stampa OSSERVATORIO CRM Milano, Circolo della Stampa E la parola di pietra è caduta Sul mio petto ancora vivo. Non è nulla, ecco, ero preparata. In qualche modo la supererò. Ho molto lavoro oggi: occorre uccidere

Dettagli

CATALOGO FORMATIVO KNOWITA

CATALOGO FORMATIVO KNOWITA Il Catalogo Formativo 2015 di Knowità è composto da incontri pensati per soddisfare le esigenze di figure di responsabilità che necessitano di risposte concrete alle principali e più attuali priorità aziendali.

Dettagli

www.coregaincrm.it Il cuore del tuo business è conquistare il cuore del tuo cliente. CoregainCRM è prodotto e distribuito da Vecomp. www.vecomp.

www.coregaincrm.it Il cuore del tuo business è conquistare il cuore del tuo cliente. CoregainCRM è prodotto e distribuito da Vecomp. www.vecomp. www.coregaincrm.it Il cuore del tuo business è conquistare il cuore del tuo cliente. CoregainCRM è prodotto e distribuito da Vecomp. www.vecomp.it coregain time to market Il CRM che fa pulsare il tuo business.

Dettagli

Value Manager. Soluzione integrata per la pianificazione e il controllo di gestione

Value Manager. Soluzione integrata per la pianificazione e il controllo di gestione Value Manager Soluzione integrata per la pianificazione e il controllo di gestione Value Manager Soluzione integrata per la pianificazione e il controllo di gestione Value Manager è una soluzione completa

Dettagli

Tecnologie dell informatica per l azienda SISTEMA INFORMATIVO E SISTEMA INFORMATICO NEI PROCESSI AZIENDALI

Tecnologie dell informatica per l azienda SISTEMA INFORMATIVO E SISTEMA INFORMATICO NEI PROCESSI AZIENDALI Tecnologie dell informatica per l azienda SISTEMA INFORMATIVO E SISTEMA INFORMATICO NEI PROCESSI AZIENDALI IL SISTEMA INFORMATIVO AZIENDALE Un azienda è caratterizzata da: 1. Persone legate tra loro da

Dettagli

Sistemi informativi aziendali

Sistemi informativi aziendali Sistemi informativi aziendali Lezione 12 prof. Monica Palmirani Sistemi informativi e informatici Sistemi informativi = informazioni+processi+comunicazione+persone Sistemi informatici = informazioni+hardware+software

Dettagli

Koinè Consulting. Profilo aziendale

Koinè Consulting. Profilo aziendale Koinè Consulting Profilo aziendale Koinè Consulting è una società cooperativa a responsabilità limitata che svolge attività di consulenza e servizi alle imprese, avvalendosi di competenze interne in materia

Dettagli

Microsoft Project 2010 si basa sulle fondamenta di Microsoft Project 2007 per offrire soluzioni di gestione del lavoro flessibili e strumenti di

Microsoft Project 2010 si basa sulle fondamenta di Microsoft Project 2007 per offrire soluzioni di gestione del lavoro flessibili e strumenti di Microsoft Project 2010 si basa sulle fondamenta di Microsoft Project 2007 per offrire soluzioni di gestione del lavoro flessibili e strumenti di collaborazione adatti ai project manager professionisti

Dettagli

Le soluzioni gestionali Microsoft Dynamics

Le soluzioni gestionali Microsoft Dynamics Le soluzioni gestionali Microsoft Dynamics Le soluzioni gestionali Microsoft Dynamics La suite Microsoft Dynamics comprende soluzioni integrate, flessibili e semplici da utilizzare per automatizzare i

Dettagli

IL CONTROLLO DI GESTIONE CORSO AVANZATO. A cura di dottor Alessandro Tullio

IL CONTROLLO DI GESTIONE CORSO AVANZATO. A cura di dottor Alessandro Tullio IL CONTROLLO DI GESTIONE CORSO AVANZATO A cura di dottor Alessandro Tullio Studio di Consulenza dottor Alessandro Tullio Docente: dottor Alessandro Tullio Corso Canalgrande 90 41100 Modena Tel. 059.4279344

Dettagli

www.pitagora.it www.pitagora.it La terza dimensione del controllo di gestione www.pitagora.it

www.pitagora.it www.pitagora.it La terza dimensione del controllo di gestione www.pitagora.it www.pitagora.it www.pitagora.it www.pitagora.it Via Fiume Giallo, 3-00144 Roma tel 06.52244040 - fax 06.52244427 - info@alfagroup.it La filosofia di Pitagora Fornire gli strumenti che permettono di misurare

Dettagli

PDF created with pdffactory trial version www.pdffactory.com. Il processo di KDD

PDF created with pdffactory trial version www.pdffactory.com. Il processo di KDD Il processo di KDD Introduzione Crescita notevole degli strumenti e delle tecniche per generare e raccogliere dati (introduzione codici a barre, transazioni economiche tramite carta di credito, dati da

Dettagli

TECNICO SUPERIORE DELLA LOGISTICA INTEGRATA

TECNICO SUPERIORE DELLA LOGISTICA INTEGRATA ISTRUZIONE E FORMAZIONE TECNICA SUPERIORE SETTORE TRASPORTI TECNICO SUPERIORE DELLA LOGISTICA INTEGRATA STANDARD MINIMI DELLE COMPETENZE TECNICO PROFESSIONALI TECNICO SUPERIORE DELLA LOGISTICA INTEGRATA

Dettagli

I riflessi sugli assetti gestionali e organizzativi

I riflessi sugli assetti gestionali e organizzativi I riflessi sugli assetti gestionali e organizzativi III 1 La sostenibilità del piano strategico e i riflessi sul finanziamento dell Istituto Come sottolineato nella Premessa, la capacità della Consob di

Dettagli

Dal CRM Strategy al CRM Technology: la soluzione di Banca Popolare di Bari. Convegno ABI CRM 2004-13 dicembre 2004

Dal CRM Strategy al CRM Technology: la soluzione di Banca Popolare di Bari. Convegno ABI CRM 2004-13 dicembre 2004 Dal CRM Strategy al CRM Technology: la soluzione di Banca Popolare di Bari Giovanni Ciccone Stefania De Maria 080 5274824 Marketing Strategico Sistemi Informativi Convegno ABI CRM 2004-13 dicembre 2004

Dettagli

TECNICO SUPERIORE DEI TRASPORTI E DELL INTERMODALITÀ

TECNICO SUPERIORE DEI TRASPORTI E DELL INTERMODALITÀ ISTRUZIONE E FORMAZIONE TECNICA SUPERIORE SETTORE TRASPORTI TECNICO SUPERIORE DEI TRASPORTI E DELL INTERMODALITÀ STANDARD MINIMI DELLE COMPETENZE TECNICO PROFESSIONALI TECNICO SUPERIORE DEI TRASPORTI E

Dettagli

IL FASHION AUTOMATICO

IL FASHION AUTOMATICO IL FASHION AUTOMATICO LE VARIABILI CHE CONCORRONO A RENDERE LE SCELTE DEI MANAGER DEL FASHION EFFICACI SONO INNUMEREVOLI E NONOSTANTE LA MODA SEMBRI ESPRIMERSI SOLO ATTRAVERSO CREATIVITÀ E SREGOLATEZZA,

Dettagli

IPO: Il vantaggio competitivo dei Sistemi Informativi per il Controllo di Gestione

IPO: Il vantaggio competitivo dei Sistemi Informativi per il Controllo di Gestione 27 Gennaio, 2009 IPO: Il vantaggio competitivo dei Sistemi Informativi per il Controllo di Gestione Fabrizio Alberton Partner di Reply Consulting La quotidianità 2003/51/CE Modernizzazione 2004/109/CE

Dettagli

KNOWLEDGE MANAGEMENT. Knowledge Management. Knowledge: : cos è. Dispense del corso di Gestione della Conoscenza d Impresa

KNOWLEDGE MANAGEMENT. Knowledge Management. Knowledge: : cos è. Dispense del corso di Gestione della Conoscenza d Impresa KNOWLEDGE MANAGEMENT Pasquale Lops Giovanni Semeraro Dispense del corso di Gestione della Conoscenza d Impresa 1/23 Knowledge Management La complessità crescente della società, l esubero di informazioni

Dettagli

Per organizzazioni di medie dimensioni. Oracle Product Brief Oracle Business Intelligence Standard Edition One

Per organizzazioni di medie dimensioni. Oracle Product Brief Oracle Business Intelligence Standard Edition One Per organizzazioni di medie dimensioni Oracle Product Brief Edition One PERCHÈ LA VOSTRA ORGANIZZAZIONE NECESSITA DI UNA SOLUZIONE BI (BUSINESS INTELLIGENCE)? Quando gestire un elevato numero di dati diventa

Dettagli

ICT: le leve nella creazione del valore

ICT: le leve nella creazione del valore ICT: le leve nella creazione del valore di Alessio Piccioni Consulente Mondaini Partners Srl Le soluzioni ICT rappresentano un investimento sempre più di rilevanza strategica, che incide profondamente

Dettagli

CORSO LA GESTIONE DEL MARKETING AZIENDALE AI TEMPI DEL WEB 3.0 12 ore

CORSO LA GESTIONE DEL MARKETING AZIENDALE AI TEMPI DEL WEB 3.0 12 ore CORSO LA GESTIONE DEL MARKETING AZIENDALE AI TEMPI DEL WEB 3.0 12 ore OBIETTIVI DEL CORSO: Il corso consente al partecipante di venire a conoscenza delle opportunità che la gestione del web marketing moderno

Dettagli

Via S. Leonardo, 120 - loc. Migliaro - 84100 Salerno 089 330254 tel - 089 330443 fax info@jobiz.com - www.jobiz.com

Via S. Leonardo, 120 - loc. Migliaro - 84100 Salerno 089 330254 tel - 089 330443 fax info@jobiz.com - www.jobiz.com Via S. Leonardo, 120 - loc. Migliaro - 84100 Salerno 089 330254 tel - 089 330443 fax @jobiz.com - www.jobiz.com uno strumento dinamico per fare e-business che cos'è e.cube ECMS le quattro aree configurazione

Dettagli

STOCK CUTTER. Previsioni. della domanda. Pianificazione delle scorte. Programmazione ordini a fornitori LOGISTIC C O N S U L T I N G

STOCK CUTTER. Previsioni. della domanda. Pianificazione delle scorte. Programmazione ordini a fornitori LOGISTIC C O N S U L T I N G Previsioni della domanda Pianificazione delle scorte Programmazione ordini a fornitori LOGISTIC C O N S U L T I N G Lo scenario nel quale le aziende si trovano oggi ad operare è spesso caratterizzato da

Dettagli

Business Intelligence

Business Intelligence aggregazione dati Business Intelligence analytic applications query d a t a w a r e h o u s e aggregazione budget sales inquiry data mining Decision Support Systems MIS ERP data management Data Modeling

Dettagli

INDICE CONROLLO DI GESTIONE E SISTEMI INFORMATIVI AZIENDALI IL CONTROLLO DI GESTIONE E GLI ALTRI MECCANISMI OPERATIVI

INDICE CONROLLO DI GESTIONE E SISTEMI INFORMATIVI AZIENDALI IL CONTROLLO DI GESTIONE E GLI ALTRI MECCANISMI OPERATIVI INDICE PREMESSA...1 PARTE PRIMA CONROLLO DI GESTIONE E SISTEMI INFORMATIVI AZIENDALI CAPITOLO PRIMO IL CONTROLLO DI GESTIONE E GLI ALTRI MECCANISMI OPERATIVI 1. I concetti di pianificazione strategica

Dettagli

1 BI Business Intelligence

1 BI Business Intelligence K Venture Corporate Finance Srl Via Papa Giovanni XXIII, 40F - 56025 Pontedera (PI) Tel/Fax 0587 482164 - Mail: info@kventure.it www.kventure.it 1 BI Business Intelligence Il futuro che vuoi. Sotto controllo!

Dettagli

Il catalogo MANAGEMENT Si rivolge a: Imprenditori con responsabilità diretta. Quadri sulla gestione

Il catalogo MANAGEMENT Si rivolge a: Imprenditori con responsabilità diretta. Quadri sulla gestione 6 Il catalogo MANAGEMENT Si rivolge a: Imprenditori con responsabilità diretta Quadri sulla gestione Impiegati con responsabilità direttive Dirigenti di imprese private e organizzazioni pubbliche, interessati

Dettagli